Bruxelles, 02 gennaio 2007

The “Observatory for the defense of Sicily’s image” of “L’Altra Sicilia” answers to Financial Times
Esq. Financial Times,

Dear Mr. Kuper,

Financial Times is not a parochial newspaper and a column on it or on your website could not pass unobserved by the world.

It should not be unnecessary to begin our mail setting that in a liberal country where a liberal press does exist, everyone may write nearly whatever he wants. Notwithstanding this and just for this everyone may (and sometimes must) answer likewise. We hope then our answer will be published and evidenced on your respectful newspaper.

Your article is not empty of truth at all, but the evident racism against Sicily and Sicilians makes – at least in our opinion – you fall in misrepute.

It’s true that the success of island’s football has never been so strong; it’s true that now Sicily is making profit on Italian decline and scandals about football, but it’s true as well your ignorance about Sicily in general and specially about Sicilian football is enormous.

Perhaps you don’t remember that until Sicily had its own state (1816) no one in the world associated our island with mafia (the term was, as a matter of fact, invented just in 1862) and that the sad phenomenon exploded only after the adventurer Garibaldi “freed” Sicily and, with Sicily, freed a lot of criminals who he committed to Sicily in order they kept it quiet and submitted to Italy.

We have not become since few years irritable persons who do not want to be said “mafiosi”; we are only discovering the “true” history, the denied one, … we are discovering that there is nothing more Italian (for origin of course, not for external evidence) than mafia in the very long history of our country; “Italian”, not “Sicilian”, for you perhaps it’s the same, for us not. This is the true Renaissance of Sicily, the answer that Sicily is giving to the mafia since at least two decades, without the help of Italian state because, since Unification, mafia is in and from Italian state to oppress Sicily.

Coming to football, you don’t know that, notwithstanding all, Sicily has its own traditions and glories. Palermo football club is one of the oldest clubs of Italy. It was born in 1900 under the significant name of “Panormitan Football and Cricket Club”, to underline a friendship and parallelism between the two major islands of Europe now unfortunately forgotten, and, for decades, it played in a Southern League and conquered more than one time the Lipton Cup that, at those times, was the most important cup for Sicilian and Southern Italy football clubs. After, since fascist regime unified national championships, played several times in the first series. Between 1932 and 1973 it was 17 times at the A series. More or less in the same period Catania and Messina played respectively 8 times and 3 times in the same championship. Two times Palermo arrived to final competition for the Cup of Italy (1974 and 1979).

Of course all that is not in proportion to the size of the cities or of the whole island, but, for a colonized country is very much. After, in 80’s and 90’s we experimented the deepest decline of our football history, decline that was a mirror of the correspondent economic and politic one (but this item should deserve a too large discourse and we can just evocate it).

In a country where normal life has been denied, people supported “Italian” clubs and in the darkest days this tendency became stronger, but, at heart, all Sicilians look to the Renaissance of “their” clubs as to their renaissance, as a dream and they give away with no regrets all traditional support for Juventus or Inter.

You deny somewhat new is in the island. You don’t want to see the new. The new is Sicily is no more quiet and world can get ready to listen of an ever less quiet Sicily in the next future. In Observatory’s point of view, Sicily is getting up. And the “desperation” and poorness you can mention are only a consequence of the systematic deprivation of resources (oil, gas, natural and cultural beauties) by Continent. The ball, continuing your metaphor, does not want be kicked any more by the Italian boot. Isn’t it that anything new? The quality of life is not good; after two century of Italian colonization that should be impossible. But the quoted score of Il Sole 24 ore is simply ridiculous and exaggerates the reality, because, e.g., it is calculated for more than six tenth on economic welfare (and “for us” quality of life is not only being rich) and it

L'ALTRA SICILIA-Antudo Movimento politico dei Siciliani "al di qua e al di là del Faro" Bvd. de Dixmude 40 bte 5 (B) - 1000 Bruxelles Tel/Fax: 0032 02 2174831 Cell. 0032 475 810756 posta: laltrasicilia-antudo@skynet.be - SKYPE: laltrasiciliantudo

poses cities and towns of evident lesser quality of life of Southern Italy (saying that without racism) as Naples before Sicilian ones. Catania has a lot of problem, but the “last”, the “last” town for quality of life is only an absurd. Ask to catanese young people what they think of their town and of their life… Come in Sicily, open your eyes and see...

Another thing by this Observatory: your quotation about Sicilian supporters and their behaving does not mean anything. Said from Hooligans’ country means really nothing. All Europe, or perhaps the world, has this kind of problem; this is a global not a local question. Aside that, since Sicilian clubs are in the upper competitions, competitiveness among them is progressively diminishing together with the parochialism of their horizons, where they had been relegated in recent past dark decades.

All that is what is wrong, deeply wrong, on your article, but, besides the mistakes, on it there are the gratuitous offences to Sicilian people. On the whole you depict us as a land of mafia, barbarism and desperation; you say or give to understand that it is impossible for us, and perhaps even unfair, we win sporting competitions. But we will continue to win in envious persons’ teeth.

In the name of old friendship between England and Sicily, the two ancient Norman Kingdoms, we are then waiting for your apologies.

*****************************

L’“Osservatorio per la tutela dell’immagine della Sicilia” de “L’Altra Sicilia” risponde al Financial Times
Spett.le Financial Times

Egregio Signor Kuper

Il Financial Times non è un giornale provinciale ed un fondo su di esso o sul suo sito non può passare inosservato dal resto del mondo.

Non sembra inutile iniziare la nostra lettera dicendo che in un paese liberale in cui esiste una stampa liberale ciascuno può scrivere quasi quello che vuole. Nonostante ciò, e proprio per ciò, parimenti ciascuno ha la facoltà (e talvolta il dovere) di rispondere. Speriamo quindi che la nostra risposta sia pubblicata ed evidenziata sul vostro rispettabile giornale.

Il vostro articolo non è del tutto privo di verità ma l’evidente razzismo contro la Sicilia ed i Siciliani vi disonora, almeno secondo il nostro punto di vista.

E’ vero che il successo del calcio isolano non è mai stato così forte; è vero che la Sicilia sta sfruttando il declino e gli scandali italiani nel calcio, ma è altrettanto vero che la vostra ignoranza riguardo alla Sicilia in generale ed al calcio siciliano in particolare è enorme.

Forse non ricordate che finché la Sicilia aveva un proprio stato (1816) nessuno nel mondo la associava alla mafia (il cui termine, infatti, fu inventato solo nel 1862) e che il triste fenomeno esplose solo dopo che l’avventuriero Garibaldi “liberò” la Sicilia e, con la Sicilia, liberò un sacco di delinquenti ai quali consegnò la Sicilia perché la tenessero buona e sottomessa all’Italia.

Noi non siamo diventati da qualche anno gente irritabile che non vuole essere chiamata mafiosa; stiamo solo scoprendo la “vera” storia, quella negata,… stiamo scoprendo che non c’è niente di più italiano (per origine, naturalmente, non per evidenza esteriore) della mafia nella lunghissima storia del nostro paese; “italiano”, non “siciliano”, per voi forse è lo stesso, per noi no. Questa è la vera riscossa della Sicilia, la risposta che la Sicilia sta dando da almeno vent’anni alla mafia, senza l’aiuto dello Stato italiano perché, dall’Unità d’Italia, la mafia è dentro lo Stato e dallo Stato per opprimere la Sicilia.

Venendo al calcio, non sapete che, nonostante tutto, la Sicilia ha le sue tradizioni e le sue glorie. Il club di Palermo è uno dei più antichi d’Italia. È nato nel 1900 sotto il nome significativo di “Panormitan Footbal and Cricket Club”, a sottolineare un’amicizia ed un parallelismo tra le due maggiori isole d’Europa oggi purtroppo dimenticati, e, per decenni, giocò in una Lega Meridionale e conquistò più d’una volta la Lipton Cup che, a quei tempi, era uno dei più importanti trofei per le squadre siciliane e meridionali. Dopo, da quando il regime fascista unificò i

L'ALTRA SICILIA-Antudo Movimento politico dei Siciliani "al di qua e al di là del Faro" Bvd. de Dixmude 40 bte 5 (B) - 1000 Bruxelles Tel/Fax: 0032 02 2174831 Cell. 0032 475 810756 posta: laltrasicilia-antudo@skynet.be - SKYPE: laltrasiciliantudo

campionati nazionali, giocò diverse volte nella massima serie. Tra il 1932 ed il 1973 fu 17 volte in serie A. Più o meno nello stesso periodo il Catania ed il Messina giocarono rispettivamente 8 volte e 3 volte nello stesso campionato. Due volte il Palermo arrivò alla finale di Coppa Italia (1974 e 1979).

Ovviamente tutto ciò non è proporzionato alla dimensione delle città o dell’intera isola, ma, per un paese colonizzato, è moltissimo. Dopo, negli anni ’80 e ’90, abbiamo provato il più profondo declino della nostra storia calcistica, declino che era specchio di quello corrispondente su di un piano economico e politico (ma questo argomento meriterebbe un discorso troppo ampio e può essere solo evocato).

In un paese dove la vita normale è stata negata la gente ha tifato per le squadre “italiane” e nei giorni più bui questa tendenza divenne più robusta ma, di cuore, i Siciliani guardano alla riscossa delle loro squadre come alla loro riscossa, come ad un sogno, e buttano via senza rimpianti ogni tradizionale tifo per la Juventus o l’Inter.

Voi negate che qualcosa di nuovo ci sia nell’isola. Voi non volete vedere il nuovo. Il nuovo è che la Sicilia non è più quieta e il mondo si può preparare a sentire di una Sicilia sempre meno quieta nel prossimo futuro. Dal punto di vista dell’Osservatorio, la Sicilia si sta svegliando. E la “disperazione” e la povertà che potete citare sono solo una conseguenza della sistematica deprivazione di risorse (petrolio, gas, beni culturali ed ambientali) da parte del Continente. La palla, continuando la vostra metafora, non vuole essere più presa a calci dallo Stivale italiano. Non è ciò qualcosa di nuovo? La qualità della vita non è buona; dopo due secoli di colonizzazione italiana ciò sarebbe impossibile. Ma le classifiche citate del Sole 24 ore sono semplicemente ridicole ed esagerano la realtà perché, per esempio, sono calcolate per più di sei decimi sul benessere economico (e “per noi” la qualità della vita non consiste solo nella ricchezza) e colloca città e centri di evidente peggiore qualità della vita dell’Italia meridionale (sia detto senza razzismo) come Napoli prima di quelle siciliane. Catania ha molti problemi, ma “l’ultima”, “l’ultima” città per qualità della vita è soltanto un assurdo. Domandate ai giovani catanesi cosa pensano della loro città e della loro vita… Venite in Sicilia, aprite gli occhi e vedete…

Un’altra cosa da parte di questo Osservatorio: la vostra citazione circa i tifosi siciliani ed il loro comportamento non significa niente. Detto dal paese degli Hooligans non significa proprio niente. Tutta l’Europa, o forse il mondo, ha questo tipo di problemi; questo è un problema globale, non locale. A parte ciò, da quando le squadre siciliane sono nelle competizioni superiori, la competitività tra di loro sta progressivamente diminuendo insieme al provincialismo dei loro orizzonti, nei quali erano stati relegati nei recenti passati decenni bui.

Tutto ciò è quello che c’è di errato, profondamente errato, nel vostro articolo, ma, accanto agli errori, in esso ci sono le offese gratuite al Popolo Siciliano. Nel complesso ci dipingete come una terra di mafia, inciviltà e disperazione; dite o lasciate intendere che è impossibile per noi, e forse anche ingiusto, che vinciamo competizioni sportive. Ma noi continueremo a vincerle, alla faccia degli invidiosi.

E pertanto, nel nome dell’antica amicizia tra Inghilterra e Sicilia, i due antichi regni normanni, aspettiamo le vostre scuse.

*******************************

L’“Osservatoriu pi la tutela di l’immàgini di la Sicilia” di “L’Àutra Sicilia” arrispunni a lu Financial Times
Sp. Financial Times,

Egr. Sr. Kuper,

Financial Times ’un è un giurnali di paìsi e na nota supra d’idhu o ncapu ô situ ’un passa inosservata di lu munnu.

’Un è nùtili accuminciari ’a nostra littra dicennu ca ntôn paìsi libirali unni c’è na stampa lìbira, ognadunu po scrìviri quasi zoccu voli, ma nonostanti chistu, e propiu pi chistu, ognadunu po arrispùnniri (e certi voti p’idhu è un duviri) dâ stissa manera. Spiramu c’a nostra risposta ’a pubricati e l’evidenziati nnô vostru dignu giurnali.

’U vostru artìculu ’un è fàusu d’un tuttu, ma l’evidenti razzìsimu contra â Sicilia e contra ê Siciliani – pi nuàutri almenu – vi disonura.

L'ALTRA SICILIA-Antudo Movimento politico dei Siciliani "al di qua e al di là del Faro" Bvd. de Dixmude 40 bte 5 (B) - 1000 Bruxelles Tel/Fax: 0032 02 2174831 Cell. 0032 475 810756 posta: laltrasicilia-antudo@skynet.be - SKYPE: laltrasiciliantudo

È veru c’u successu nnô palluni sicilianu ’un a’ statu mai accussì forti; è veru ca ora ’a Sicilia si stà apprufittannu di li vai e di li scànnali taliani supra ô palluni, ma è veru videmma ca ’a vostra gnuranza supra â Sicilia ’n-ginirali e supra ô palluni sicilianu ’n-particulari è enormi.

Forsi ‘un v’arriurdati chi nzinu ca la Sicilia appi ‘u so statu (1816) nudhu ntô munnu ncucchiava ‘a nostra ìsula câ mafia (‘a palora, nfatti, fu mmintata sulu nnô 1862) e ca ssu finòminu disgraziatu scattau sulu doppu ca l’avventureri Garibaldi “libirau” ‘a Sicilia e, câ Sicilia, libirau ‘nsaccu di latruni a cui ci detti ‘a Sicilia pi tinilla cueta e suttumissa a l’Italia.

Nuàutri ‘un addivintamu, avi poch’anni, cristiani sautampizzu c’un vonnu dittu d’èssiri “mafiusi”; stamu sulu scuprennu ‘a storia “vera”, chidha niata,… stamu scuprennu c’un c’è nenti di chiù talianu (p’orìgini, certu, no p’evidenza stiriuri) dâ mafia nta tutta ‘a nostra storia veru longa; “taliana”, no “siciliana”, pi vuàutri forsi è ‘u stissu, pi nuàutri no. Chista è ‘a vera Rinàscita dâ Sicilia, ‘a risposta c’a Sicilia stà dannu â mafia avi almenu vint’anni, senza l’ajutu dû statu talianu pirchì, di l’Unificazioni, ‘a mafia è dintra a lu statu e veni di lu statu talianu p’accupari ‘a Sicilia.

Vinennu ô palluni, ‘un sapiti chi, nonostanti tuttu, ‘a Sicilia avi ‘i so tradizioni e ‘i so glori. ‘A squatra dû Palermu è una dî chiù antichi d’Italia. Nascìu nnô 1900 sutta ô nomu significativu di “Panormitan Football and Cricket Club”, pi ncarcari l’amicizia e ‘u parallelìsimu ntra li du’ chiù mpurtanti ìsuli di l’Europa oji purtroppu scurdata e, pi anni e anni, jucau nnâ Liga Miridiunali e cunquistau chiossai di na vota ‘a Lipton Cup chi, a dhi tempi, era ‘a chiù mpurtanti coppa pî squatri siciliani e di l’Italia miridiunali. Doppu, di quannu ‘u rigimi fascista unificau ‘i campiunati naziunali, jucau diversi voti ntâ màssima seri. Ntra ‘u 1932 e ‘u 1973, fu 17 voti nnâ seri A. A l’incirca nnô stissu pirìodu ‘u Catania e ‘u Missina jucàrunu rispittivamenti 8 voti e 3 voti nnô stissu campiunatu. Du’ voti ‘u Palermu arrivau a la finali di Coppa Italia (1974 e 1979).

Naturalmenti, tuttu chistu ‘un è ‘n-proporzioni a la dimenzioni dî citati o di l’intera ìsula, ma, pûn paìsi culunizzatu è assai pi daveru. Doppu, nna l’anni ’80 e ’90, tuccamu ‘u funnu dû diclinu di tutta ‘a nostra storia dû palluni, diclinu ca era specchiu di chidhu currispunnenti nna l’economìa e nna la pulìtica (ma stu discursu si miritassi na discursioni troppu longa e putemu sulu muntuallu).

Ntôn paìsi unni ‘a vita normali a’ statu niata, ‘a genti tifa pî squatri “taliani” e nnê jorna chiù scuri ssa tinnenza addivintava chiù forti, ma, di cori, tutti ‘i Siciliani talìanu â rinàscita dî “so” squatri comu a la so rinàscita, comu ân sonnu e jèttanu senza pinzàrici tuttu ‘u tifu tradizionali pâ Juventus o pi l’Inter.

Vuàutri niati chi quarchi cosa di novu c’è ‘n-Sicilia. Vuàutri nun vuliti vìdiri ‘u novu. ‘U novu è chi ‘a Sicilia ‘un è chiù cueta e ‘u munnu po stàrisi prontu a sèntiri dûna Sicilia sempri menu cueta nnô futuru pròssimu. Dû puntu di vista di l’Osservatoriu, ‘a Sicilia si stà arruspighiannu. E ‘a “dispirazioni” e puvirtati chi diciti sunnu sulu na cunziquenza dâ sistimàtica arrobbatina di risorsi (‘u pitroliu, ‘u gassi, ‘i bidhizzi culturali e ambientali) ca nni fa ‘u Cuntinenti. ‘A palla, pi cuntinuari ‘a vostra mitàfora, ‘un voli chiù càuci dâ stivala taliana. Chissa ddhocu ‘un vi pari na novità? ‘A qualità dâ vita ‘un è bona; doppu du’ sèculi di colonizzazioni taliana fussi mpossìbili. Ma ‘u punteggiu chi citati dû Sole 24 ore è sulamenti ‘i rìdiri ed esàggira ‘a rialtà, pirchì, pi esempiu, è carculatu pi chiossai di se’ dècimi câ ricchizza econòmica (e “pi nuàutri” ‘a qualitati dâ vita ‘un è sulu chidha d’èssiri ricchi) e metti citati e centri ca sunnu certamenti chiù peju ‘i nuàutri dû Sud Italia (dicennu chistu senza razzìsimu) comu Nàpuli prima di chidhi siciliani. Catania av’assai pobremi, ma “l’ùrtima”, “l’ùrtima” citati pi qualità dâ vita è sulu n’assurdità. Addumannati ê picciotti catanisi zoccu pènzanu dâ so citati e dâ so vita…Viniti ‘n-Sicilia, grapiti l’occhi e viditi…

Nàutra cosa chi veni di st’Osservatoriu: ‘a vostra citazioni dî tifusi siciliani e di comu s’ànnu cumpurtatu ‘un signìfica nenti. Dittu dû paìsi di li Hooligans ‘un signìfica propiu nenti. Tutta l’Europa, o forsi ‘u munnu, avi stu tipu ‘i pubremi; sta custioni è globali, no locali. Apparti chissu, di quannu ‘i squatri siciliani sunnu nnê cumpitizioni maggiuri, ‘a cumpititivitati ntra d’idhi stà a picca a picca scalannu nzèmmula cû pruvincialìsimu dî so orizonti, unni avìanu statu cunfinati.

Tuttu chissu è zoccu c’è di sbaghiatu, sbaghiatu pi daveru, nnô vostru artìculu, ma, apparti l’erruri ci sunnu puru l’offesi senza mutivu ô Pòpulu Sicilianu. Nnô cumplessu ni pittati comu na terra di mafia, vastasarìa e dispirazioni; diciti o sintiti diri chi è mpossìbili pi nuàutri, e forsi è macari ‘un tortu, ca vincemu cumpitizioni sportivi. Ma nuàutri jamu a cuntinuari a vìnciri, â facci dî mmidiusi.

Pi tuttu chistu, nna lu nomu di l’antica amicizia ntra l’Inghilterra e la Sicilia, li du’antichi regni nurmanni, aspittamu ‘i vostri scusanzi.

L'ALTRA SICILIA-Antudo Movimento politico dei Siciliani "al di qua e al di là del Faro" Bvd. de Dixmude 40 bte 5 (B) - 1000 Bruxelles Tel/Fax: 0032 02 2174831 Cell. 0032 475 810756 posta: laltrasicilia-antudo@skynet.be - SKYPE: laltrasiciliantudo