Capitolo 12

Appendici
12.1. Grandezze fondamentali
Grandezze Fisiche
Costante di Gravitazione
Costante di Boltzmann
Costante di Planck
Costante di Corpo Nero
Velocit`
a della luce
Costante di Stefan Boltzmann
Massa dell’elettrone
Energia a riposo dell’elettrone
Massa del protone
Energia a riposo del protone
Carica dell’ elettrone
Raggio classico dell’elettrone
Sezione d’urto Thomson
Volt-elettrone
Energia associata a 1 K
Temperatura associata ad 1 eV

G = 6.67 10−8
k = 1.38 10−16
h = 6.62 10−27
h = h/2π= 1.05 10−27
¯
a = 7.56 10−15
c = 3.00 1010
σ = ac/4 = 5.67 10−5
me = 9.11 10−28
me c2 = 0.511
mp = 1.67 10−24
mp c2 = 938.27
e = 4.80 10−10
re = e2 /me c2 = 2.82 10−13
(8π/3)re2 = 6.65 10−25
1 eV = 1.60 10−12
8.62 10−5
1.16 104

dyn cm2 g
erg K−1
erg sec
erg sec
erg cm−3 K−4
cm sec
dyn cm−2 K−4
gr
MeV
gr
MeV
ues
cm
cm2
erg
eV
K

M = 1.99 1033
L = 3.90 1033
R = 6.96 1010
V = -26.74
MV = +4.83
B-V = 0.62
1 A.U. = 1.49 1013
1 pc = 3.09 1018
1 ly = 9.46 1017

gr
erg sec−1
cm
mag
mag
mag
cm
cm
cm

Grandezze Astronomiche
Massa del Sole
Luminosit`
a del Sole
Raggio del Sole
Magnitudine Visuale del Sole
Magnitudine assoluta del Sole
Indice di colore del Sole
Unit`
a Astronomica
Parsec
Anno Luce

1

2

12.2. Funzioni di Fermi
Valori delle funzioni di Fermi

Z
Fn (α) =
0

xn dx
eα+x + 1

per vari valori di ”n” ed al variare del parametro di degenerazione ψ = −α da -4 (gas non
degenere) a +20 (completa degenerazione).
ψ
-4.0
-3.5
-3.0
-2.5
-2.0
-1.5
-1.0
-0.5
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
2.5
3.0
3.5
4.0
4.5
5.0
5.5
6.0
6.5
7.0
7.5
8.0
8.5
9.0
9.5
10.0
10.5
11.0
11.5
12.0
12.5
13.0
13.5
14.0
14.5
15.0
15.5
16.0
16.5
17.0
17.5
18.0
18.5
19.0
19.5
20.0

F1/2
0.016
0.026
0.043
0.070
0.114
0.183
0.290
0.449
0.678
0.990
1.396
1.900
2.502
3.196
3.976
4.837
5.770
6.772
7.837
8.962
1.014
1.137
1.266
1.399
1.538
1.680
1.827
1.979
2.134
2.293
2.457
2.624
2.795
2.969
3.147
3.329
3.514
3.702
3.894
4.089
4.287
4.488
4.692
4.900
5.110
5.323
5.540
5.759
5.981

F3/2
13
48
37
72
59
80
50
79
09
21
38
83
46
60
98
07
73
57
97
99
43
90
46
91
05
71
76
04
45
86
18
32
18
68
75
31
30
65
30
21
30
54
86
24
61
94
19
31
26

101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101

0.024
0.039
0.065
0.107
0.175
0.285
0.460
0.734
1.152
1.772
2.661
3.891
5.537
7.668
1.035
1.365
1.762
2.232
2.780
3.409
4.126
4.932
5.834
6.833
7.935
9.142
1.045
1.188
1.342
1.508
1.686
1.877
2.080
2.296
2.526
2.769
3.025
3.296
3.581
3.880
4.194
4.523
4.867
5.227
5.603
5.994
6.401
6.825
7.265

F−1/2
27
93
61
58
80
77
85
66
80
79
68
98
25
80
37
42
77
73
24
92
10
90
22
81
26
02
74
47
70
74
88
41
62
78
16
03
64
26
12
48
58
66
94
66
05
33
72
43
68

101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
101
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102
102

0.032
0.052
0.085
0.137
0.219
0.342
0.521
0.764
1.072
1.431
1.820
2.214
2.595
2.953
3.285
3.591
3.874
4.137
4.383
4.614
4.833
5.042
5.241
5.432
5.617
5.795
5.967
6.134
6.297
6.455
6.609
6.760
6.907
7.051
7.193
7.331
7.467
7.600
7.731
7.860
7.986
8.111
8.234
8.355
8.474
8.591
8.707
8.822
8.935

04
40
26
58
18
62
14
34
16
68
40
36
40
46
22
32
34
4
2
6
8
2
6
8
0
0
4
6
2
4
6
4
6
8
0
4
2
6
4
2
8
6
2
2
4
8
6
0
0

3

12.3. Sistemi fotometrici
A partire da circa la met`
a del secolo scorso, `e stato progressivamente introdotto un gran
numero di sistemi fotometrici, talch´e al presente il Database di Asiago ne lista pi`
u di 200.
Nella tabella ne riportiamo alcuni tra i pi usati. Per lungo tempo il sistema UBV di Johnson
e Morgan del 1953, con la rielaborazione ed estensione all’infrarosso di Johnson (1965),
hanno costituito uno standard quasi universalmente adottato. In tempi pi`
u recenti hanno
peraltro registrato una crescente applicazione i sistemi rossi e infrarossi SAAO e di Cousin.
Di particolare rilevanza il sistema di filtri adottato dall’Hubble Space Telescope (HST) di
cui riportiamo, a titolo di esempio, alcuni tra i numerosi filtri della Wide Field Planetary
Camera 1 (WFPC1): tre bande UV e i due filtri che pi`
u da vicino approssimano le bande B e
V di Johnson. In coda alla tabella riportiamo infine il sistema a banda stretta di Str¨omgren,
che dal 1956 continua a godere una buona popolarit`a per la particolare correlazione dei suoi
indici di colore con importanti caratteristiche delle strutture stellari, quali la metallicit`a.
Sistema

Anno

Banda

λc

WHM

Johnson and Morgan

1953

Johnson

1965

SAAO

1973

Cousins

1976

WFPC1

1989

Str¨
omgren and Crawford

1956

U
B
V
U
B
V
R
I
J
K
L’
M
J
H
K
L
M
R
I
122M
194W
336W
439W
455W
u
v
b
y

3580
4390
5450
3516
4407
5479
6846
8640
1.25 µ
2.20 µ
3.57 µ
5.00 µ
1.23 µ
1.65 µ
2.23 µ
3.46 µ
5.08 µ
6470
7865
1218
1887
3358
4330
5380
3449
4109
4672
5476
4857
4857

550
990
850
684
927
875
2090
2194
0.37
0.59
1.00
1.19
0.28
0.31
0.36
0.57
0.53
1515
1090
162
427
466
671
1587
377
199
180
235
30
140

La Tabella riporta nell’ordine la designazione del sistema fotometrico, l’anno di
definizione, le bande del sistema, la lunghezza d’onda centrale λc e la larghezza a mezza
altezza (WHM). Ove non altrimenti indicato le lunghezze d’onda λc sono in Angstrom, i
valori della WHM nella stessa unit`
a di λc .

4

12.4. Diagrammi HR teorici ed osservativi
La Fig. 12.1 riporta la relazione tra temperatura efficace ed indice di colore per una stella
di composizione chimica solare e gravit`
a superficiale log g = 3.5.

Fig. 12.1. Indice di colore B-V in funzione della temperatura efficace Te.

Come atteso, si evidenzia come l’indice B-V risulti ben correlato con le temperature
efficaci solo per Te minori di ∼ 10000 K. A temperature maggiori l’indice tende a ”saturare”,
tendendo asintoticamente ad un valore di poco inferiore a -0.2.
Nel contempo la correzione bolometrica ha un minimo per Te ∼ 6700 K, temperatura
alla quale `e massima l’emissione nella banda del visibile. La Fig. 12.2 pone in evidenza le
trasformazioni topologiche che ne seguono nel trasportare dati da un diagramma HR teorico
logL, logTe al corrispondente diagramma CM osservativo Mv, B-V.

Fig. 12.2. Collocazione nel diagramma CM dei rettangoli del corrispondente diagramma teorico.

Si pu`o in particolare notare la drastica deformazione dei dati teorici alle maggiori temperature, dovuta alla concomitante azione della compressione dei valori di B-V e al subitaneo
aumento della correzione bolometrica. Se ne trae l’evidenza che la distribuzione nel diagramma CM dei Rami Orizzontali degli ammassi globulari `e largamente il risultato di una
tale trasformazione. In tale contesto `e utile notare come la subitanea variazione di pendenza
che si verifica attorno ai 10 000 K (Turn Down) possa essere usato come un affidabile indicatore di temperatura, utile per ricavare una valutazione delle temperature indipendente
dal colore nel caso di ammassi molto arrossati.
Resta peraltro evidente che uno studio dettagliato delle strutture di stelle calde di Ramo
Orizzontale richiede l’utilizzo di opportune indici di colore in bande UV.

5

12.5. Potenziali di ionizzazione
La Tabella riporta per i vari elementi il valore in eV dell’energia necessaria per l’estrazione
dei primi dieci elettroni periferici cui corrispondono i primi dieci gradi di ionizzazione e
le conseguenti caratteristiche sequenze di righe spettrali (I= atome neutro, II = una volta
ionizzato etc).

Z

I

II

III

IV

1H
2 He
3 Li
4 Be
5B
6C
7N
8O
9F
10 Ne
11 Na
12 Mg
13 Al
14 Si
15 P
16 S
17 Cl
18 Ar
19 K
20 Ca
21 Se
22 Ti
23 V
24 Cr
25 Mn
26 Fe
27 Co
28 Ni
29 Cu
30 Zn
31 Ga
32 G
33 As
34 Se
35 Br
36 Kr
37 Rb
38 Sr
39 Y
40 Zr
41 Nb
42 Mo

13.598
24.587
5.392
9.322
8.298
11.260
14.534
13.618
17.422
21.564
5.139
7.646
5.986
8.151
10.486
10.360
12.967
15.759
4.341
6.113
6.54
6.82
6.74
6.766
7.435
7.870
7.86
7.635
7.726
9.394
5.999
7.899
9.81
9.752
11.814
13.999
4,177
5.695
6.38
6.84
6.88
7.099

54.416
75.638
18.211
25.154
24.383
29.601
35.116
34.970
40.962
47.286
15.035
18.828
16.345
19.725
23.33
23.81
27.629
31.625
11.871
12.80
13.58
14.65
16.50
15.640
16.18
17.06
18.168
20.292
17.964
20.51
15.934
18.633
21.19
21.8
24.359
27.28
11.030
12.24
13.13
14.32
16.15

122.451
153.893
37.930
47.887
47.448
54.934
62.707
63.45
71.64
80.143
28.447
33.492
30.18
34.83
39.61
40.74
45.72
50.908
24.76
27.491
29.310
30.96
33.667
30.651
33.50
35.17
36.83
39.722
30.71
34.22
28.351
30.820
36
36.95
40
43.6
20.52
22.99
25.04
27.16

217.713
259.368
64.492
77.472
77.412
87.138
97.11
98.91
109.24
119.99
45.141
51.37
47.30
53.46
59.81
60.91
67.10
73.47
43.266
46.707
49.1
51.2
54.8
51.3
54.9
55.2
59.4
64
45.71
50.13
42.944
47.3
52.5
52.6
57
61.8
34.34
38.3
46.4

V

VI

VII

VIII

IX

X

340.217
392.077
97.888
113.896
114.240
126.21
138.39
141.26
153.71
166.77
65.023
72.68
67.8
75.02
82.66
84.41
91.66
99.22
65.23
69.3
72.4
75.0
79.5
75.5
79.9
82.6

489.981
552.057
138.116
157.161
157.93
172.15
186.50
190.47
205.05
220.43
88.049
97.03
91.007
100.0
108.78
111.1
119.36
128.12
90.56
95
99
102
108
103
108

667.029
739.315
185,182
207.27
208.47
224.94
241.43
246.52
263.22
280.93
114.193
124.319
117.56
127.7
138.0
140.8
150.17
161.1
119.27
125
129
133
139
134

871.387
953.886
239.09
264.18
265.90
284.59
303.17
309.41
328.23
348.28
143.456
154.86
147.24
158.7
168.5
173.7
184.7
196.46
151.06
157
162
166
174

1103.09
1195.60
299.87
327.95
330.21
351.10
371.73
379.10
400.05
422.44
175.814
188.54
180.02
193.2
205.8
209.3
221.8
235.04
186.13
193
199
203

1362.16
1465.09
367.53
398.57
401.43
424.50
447.09
455.62
478.68
503.44
211.70
225.32
215.91
230.5
244.4
243.3
262.1
276
224.5
232
238

127.6
81.70
88.6
78.5
84.4
90.8
93.0

155.4
103.0
111.0
99.2
106
116

192.8
126
136
122.3
129

230.9
150
162
146.2

277.1
177
191

102.6
68

125
126.8

153

93.5
62.63
68.3
59.7
64.7
71.0
71.6
77.0
81.5
50.55
61.2

Come atteso, l’energia per estrarre l’ultimo elettrone, giungendo alla ionizzazione totale,
appare crescere con continuit`
a all’aumentare di Z. Per il Ca risulta, ad esempio, pari a
5470 V. Si noti come molti elementi posseggano potenziali di prima ionizzazione inferiori
a quello dell’idrogeno, richiedendo quindi minori temperature per una prima ionizzazione.
Caso differente `e invece quello dell’elio che, assieme al Neon, richiede temperature pi elevate:
le righe dell’HeII appariranno quindi solo ad alte temperature, alle quali l’idrogeno `e ormai
in larga parte completamente ionizzato. Per l’apparizione di righe dell’HeII nello spettro del
visibile si richiede anche che gli elettroni dell’atomo una volta ionizzato si portino a popolare
livelli eccitati le cui energie di transizione ricadano nella banda ottica. Transizioni dallo stato
fodamentale interessano infatti solo l’estremo UV.

6

12.6. I nuclei atomici
La Tabella riporta l’eccesso o difetto di massa di nuclei sino al Silicio, ogni nucleo restando
identificato dal numero di protoni (Z) e da quello di neutroni (N). Per maggior chiarezza, al
di sotto di ogni valore di Z viene anche indicato il simbolo del ripettivo elemento chimico.
L’eccesso di massa `e misurato per ogni nucleo come M-A (in MeV), dove A `e il numero di
nucleoni e si assume come unit`
a di massa 1/12 della massa del nucleo del Carbonio 12. La
sottolineatura segnala le configurazioni stabili.

Z

N
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18

1
H

2
He

3
Li

4
Be

5
B

6
C

7
N

8
O

9
F

10
Ne

11
Na

12
Mg

13
Al

14
Si

7.29
13.14
14.95
25.90
33.80
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

14.93
2.42
11.39
17.59
26.11
31.65
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

25.13
11.68
14.09
14.91
20.95
24.97
35.30
43.30
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

18.38
15.77
4.94
11.35
12.61
20.18
25.00
35.70
.
.
.
.
.
.
.
.
.

27.94
22.92
12.42
12.05
8.67
13.37
16.56
24.20
29.4
.
.
.
.
.
.
.
.

28.91
15.70
10.65
0.00
3.13
3.02
9.87
13.69
17.60
.
.
.
.
.
.
.

25.50
17.34
5.35
2.86
0.10
5.68
7.87
13.27
16.40
.
.
.
.
.
.

23.11
8.01
2.86
-4.74
-0.81
-0.78
3.33
3.80
10.70
.
.
.
.
.

17.70
10.69
1.95
0.87
-1.49
-0.02
-0.05
2.83
.
.
.
.
.

16.48
5.32
1.75
-7.04
-5.73
-8.03
-5.15
-5.95
.
.
.
.

12.98
6.84
-2.18
-5.18
-9.53
-8.42
-9.36
-7.51
-6.60
.
.

17.50
10.91
-0.38
-5.47
-13.93
-13.19
-16.21
-14.58
-15.02
.
.

18.00
6.77
-0.05
-8.91
-12.21
-17.20
-16.85
-18.21
-15.89
.

10.80
3.82
-7.15
-12.39
-21.49
-21.89
-24.43
-22.95
-24.09

Si noti l’assenza di isobari contigui e, in generale, come l’isotopo stabile rappresenti la
configurazione a massima energia di legame ( massa minima) tra tutti i suoi isobari.
Dai dati in tabella, `e immediato ricavare l’energia fornita per nucleone nelle successive
fusioni di H in He, He in C e cos`ı di seguito. Queste energie sono riportate nella successiva
tabella ove si `e fatto uso dell’ulteriore dato che fornisce per il Fe 56 un eccesso di massa pari
a -60.61 Mev

H→ 4 He
4
He→12 C
12
C→ 24 Mg
24
Mg→28 Si
28
Si→56 Fe

6.68
0.60
0.58
0.19
0.31

MeV
MeV
MeV
MeV
MeV

Se ne evince ancora una volta che la fusione dell’idrogeno in elio `e di gran lunga la
maggior sorgente di energia nucleare a disposizione delle strutture stellari e, di conseguenza,
che la stragrande maggioranza delle strutture stellari osservate devono essere in fase di
combustione di idrogeno.

Master your semester with Scribd & The New York Times

Special offer for students: Only $4.99/month.

Master your semester with Scribd & The New York Times

Cancel anytime.