SOMMARIO: Novità di 3DS MAX 2.5......................................................................................................7 Novità di 3DS MAX 2.5....................................................................................................

..7 Informazioni su MAXScript................................................................................................9 Informazioni su MAXScript................................................................................................9 BARRA DEI MENU..........................................................................................................10 BARRA DEI MENU..........................................................................................................10 Menu File.........................................................................................................................11 Menu File.........................................................................................................................11 Nuovo..............................................................................................................................11 Nuovo..............................................................................................................................11 Ripristina..........................................................................................................................11 Ripristina..........................................................................................................................11 Apri...................................................................................................................................12 Apri...................................................................................................................................12 Unisci...............................................................................................................................13 Unisci...............................................................................................................................13 Unione di effetti atmosferici ............................................................................................15 Unione di effetti atmosferici ............................................................................................15 Sostituisci.........................................................................................................................15 Sostituisci.........................................................................................................................15 Inserisci tracce.................................................................................................................17 Inserisci tracce.................................................................................................................17 Salva................................................................................................................................18 Salva................................................................................................................................18 Salva con nome...............................................................................................................19 Salva con nome...............................................................................................................19 Salva selezione................................................................................................................19 Salva selezione................................................................................................................19 Importa.............................................................................................................................19 Importa.............................................................................................................................19 Tabella importazione da AutoCAD a 3D Studio MAX.....................................................20 Tabella importazione da AutoCAD a 3D Studio MAX.....................................................20 Importazione ed esportazione di file 3DS........................................................................21 Importazione ed esportazione di file 3DS........................................................................21 Importazione file PRJ......................................................................................................23 Importazione file PRJ......................................................................................................23 Importazione di file Adobe Illustrator 8............................................................................23 Importazione di file Adobe Illustrator 8............................................................................23 Importazione file DWG AutoCAD....................................................................................23 Importazione file DWG AutoCAD....................................................................................23 Importazione file DXF......................................................................................................26 Importazione file DXF......................................................................................................26 Importazione di file SHP..................................................................................................27 Importazione di file SHP..................................................................................................27 Importazione file VRML...................................................................................................27 Importazione file VRML...................................................................................................27 Importazione file STL.......................................................................................................28 Importazione file STL.......................................................................................................28 1

Esporta.............................................................................................................................29 Esporta.............................................................................................................................29 Tabella esportazione da 3D Studio MAX a AutoCAD.....................................................30 Tabella esportazione da 3D Studio MAX a AutoCAD.....................................................30 Importazione ed esportazione di file 3DS........................................................................30 Importazione ed esportazione di file 3DS........................................................................30 Esportazione in ASCII.....................................................................................................32 Esportazione in ASCII.....................................................................................................32 Esportazione in DWG AutoCAD......................................................................................34 Esportazione in DWG AutoCAD......................................................................................34 Esportazione in DXF........................................................................................................35 Esportazione in DXF........................................................................................................35 Esportazione in STL........................................................................................................35 Esportazione in STL........................................................................................................35 Esportazione in VRML 1.0/VRBL....................................................................................36 Esportazione in VRML 1.0/VRBL....................................................................................36 Esportazione in VRML97.................................................................................................38 Esportazione in VRML97.................................................................................................38 Modificatore Controllo STL .............................................................................................41 Modificatore Controllo STL .............................................................................................41 Archivia............................................................................................................................42 Archivia............................................................................................................................42 Riepilogo informazioni.....................................................................................................43 Riepilogo informazioni.....................................................................................................43 Visualizza file...................................................................................................................43 Visualizza file...................................................................................................................43 Esci..................................................................................................................................45 Esci..................................................................................................................................45 Configura percorsi...........................................................................................................46 Configura percorsi...........................................................................................................46 Configurazione percorso generale..................................................................................46 Configurazione percorso generale..................................................................................46 Configurazione percorso bitmap.....................................................................................47 Configurazione percorso bitmap.....................................................................................47 Configurazione percorsi Plugin........................................................................................48 Configurazione percorsi Plugin........................................................................................48 Preferenze.......................................................................................................................49 Preferenze.......................................................................................................................49 Finestre............................................................................................................................49 Finestre............................................................................................................................49 Setup driver 3D Studio MAX............................................................................................52 Setup driver 3D Studio MAX............................................................................................52 Configura driver...............................................................................................................54 Configura driver...............................................................................................................54 Preferenze/Generale.......................................................................................................55 Preferenze/Generale.......................................................................................................55 Preferenze cinematica inversa........................................................................................58 Preferenze cinematica inversa........................................................................................58 Preferenze Tastiera.........................................................................................................59 2

Preferenze Tastiera.........................................................................................................59 Preferenze Gamma.........................................................................................................60 Preferenze Gamma.........................................................................................................60 Preferenze Animazione...................................................................................................61 Preferenze Animazione...................................................................................................61 Setup cursore temporale (barra del tempo) MIDI............................................................63 Setup cursore temporale (barra del tempo) MIDI............................................................63 Preferenze Rendering.....................................................................................................64 Preferenze Rendering.....................................................................................................64 Preferenze File................................................................................................................66 Preferenze File................................................................................................................66 Preferenze colore............................................................................................................67 Preferenze colore............................................................................................................67 Tratti.................................................................................................................................67 Tratti.................................................................................................................................67 Definizione dei tratti.........................................................................................................69 Definizione dei tratti.........................................................................................................69 Revisione e modifica dei tratti..........................................................................................71 Revisione e modifica dei tratti..........................................................................................71 Preferenze tratti...............................................................................................................72 Preferenze tratti...............................................................................................................72 Utilità Tratti (Menu)..........................................................................................................73 Utilità Tratti (Menu)..........................................................................................................73 Cronologia.......................................................................................................................73 Cronologia.......................................................................................................................73 Menu Modifica.................................................................................................................73 Menu Modifica.................................................................................................................73 Annulla/Ripeti...................................................................................................................74 Annulla/Ripeti...................................................................................................................74 Mantieni...........................................................................................................................74 Mantieni...........................................................................................................................74 Recupera.........................................................................................................................74 Recupera.........................................................................................................................74 Elimina.............................................................................................................................75 Elimina.............................................................................................................................75 Clona................................................................................................................................75 Clona................................................................................................................................75 Seleziona tutto.................................................................................................................76 Seleziona tutto.................................................................................................................76 Deseleziona tutto.............................................................................................................76 Deseleziona tutto.............................................................................................................76 Inverti selezione...............................................................................................................77 Inverti selezione...............................................................................................................77 Seleziona per...................................................................................................................77 Seleziona per...................................................................................................................77 Seleziona per colore........................................................................................................77 Seleziona per colore........................................................................................................77 Seleziona per nome.........................................................................................................77 Seleziona per nome.........................................................................................................77 3

...........................................................................78 Proprietà.................................86 Sfoglia materiale/mappa................................................................................................................................................................................85 Istantanea............................................................78 Modifica selezioni con nome................................................................................................................................................................................................................................................87 Menu Gruppi................................................................................................78 Modifica selezioni con nome........................................................86 Allinea...........................................................................................................................................87 Raggruppa.....................................................86 Editor materiali................89 Separa....85 Rifletti (Menu)...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................90 Stacca............................85 Serie.......................................................................85 Serie.................................................90 4 ................................................................................................................................................................................................86 Sfoglia materiale/mappa......................................................................................................................................................................89 Esplodi.................................................90 Congiungi.............................78 Seleziona area finestra...... mobile visualizzazione.......................................89 Stacca..........................86 Allinea normali.....................................................86 Allinea.................................................................................................................................................79 Proprietà................................. mobile selezione...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................Area..............88 Separa............................................................................................................................89 Esplodi................................................................................................................................................................83 Fin....................................................................................................................................................................................................................................86 Menu Gruppi............................................................................................82 Fin...............................................................................................................................................86 Editor materiali.............................................................................................................................................................................78 Seleziona area intersezione..........................................................83 Fin......................................86 Istantanea.....................................................................................................................85 Fin......................................................88 Apri................................. mobile visualizzazione..............................................................................................................................................................................................................................................................79 Menu Strumenti...88 Chiudi..............................................................................................................................................82 Valori trasformazione...86 Illumina..................................................86 Illumina......................................86 Allinea normali............................................................................................................................................................................................... mobile selezione....87 Apri.................................................................................................................................................................................................................................88 Chiudi.....................................................87 Raggruppa..............................................................77 Seleziona area finestra...............................................................78 Seleziona area intersezione............................................................................82 Valori trasformazione............................................................................................................................................................................................................................................................................77 Area............................................................................................................................................85 Rifletti (Menu)................82 Menu Strumenti....................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

......................................................97 Ignora snap.................................................................................................................................................................................................................................................................................................................94 Impostazioni griglia e snap....................................................................................................................................................107 Mostra numeri fotogrammi chiave.............................................................................................................................................................................101 Griglie....................................................................92 Impostazioni griglia e snap...............94 Snap..................................................................................108 Ombreggia selezione..........................................................................................................96 Ignora snap.........106 Ripristina trasformazione sfondo.................................................................................91 Salva vista attiva..............................................91 Annulla/Ripeti (Viste).....................................................................................91 Salva vista attiva......Congiungi..................................................................................................................................................................................92 Ripristina vista attiva.........................................................................................................................................................................................................................................................107 Mostra le sagome sequenziali............................................92 Setup unità.....................................................106 Mostra icona assi.........................................................................................................................102 Attiva oggetto griglia...........91 Ripristina vista attiva.............................................94 Opzioni snap.........................................................107 Ombreggia selezione.................101 Attiva griglia base..........................99 Griglie.........................................................................................................................................................................................................................................................................90 Annulla/Ripeti (Viste).............................................................101 Mostra griglia base...........92 Setup unità........................................................................................................................................................................................94 Snap........96 Opzioni snap..................................................................................................................................................................................................................................102 Allinea alla vista.......97 Impostazioni griglia base...........................................................................................................................................107 Mostra numeri fotogrammi chiave............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................102 Immagine sfondo.......................................................................................98 Impostazioni griglia base..................................................................................................................................................................................102 Attiva oggetto griglia......................................................................106 Aggiorna immagine sfondo..........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................90 Menu Viste..................................................................................................................................101 Mostra griglia base.........................106 Ripristina trasformazione sfondo.........................................................................................................................107 Mostra icona assi...................................................................103 Immagine sfondo.........102 Attiva griglia base...............90 Menu Viste........................................................................................98 Impostazioni griglia base..............................................................................................................................................................................................................................................93 Impostazioni griglia e snap.............................................................................................................................................................................................................107 Mostra le sagome sequenziali............................................................99 Impostazioni griglia base..........................................................93 Impostazioni griglia e snap......................................................................108 5 ......102 Allinea alla vista...........................103 Aggiorna immagine sfondo....................................................................................

.....................................119 Crea anteprima.................................113 Riquadri di sicurezza.....................................................................................................................................................................................................110 Configurazione finestra...........................................................................................................................................................................................122 Crea anteprima.................................................................................................................125 Nuovo Editor tracce (Menu).............................................................................................117 Mostra ultimo rendering........................................................................................................................................................................................................................................................................117 Rendering (Menu)......111 Metodo di rendering..............................................................................................................................124 Menu Editor tracce.........................................................119 Ambiente...................................108 Allinea cinepresa alla vista...............................................................................................................................109 Disattiva tutte le mappe...........................117 Menu Rendering..................................................111 Riquadri di sicurezza.............................................................................................................................................................................................126 Elenco Editor tracce memorizzati.........110 Modalità avanzata..............................................................................110 Metodo di rendering....................................................Mostra dipendenze.........................................................................115 Layout..........................114 Degradazione adattiva.............................................124 Rinomina anteprima...........................................................124 Menu Editor tracce..................................................122 Visualizza anteprima..............................................................116 Aree.................................................................125 Apri Editor tracce (Menu)..........116 Menu Rendering...................................................................................................................................................................................................125 Nuovo Editor tracce (Menu)..............................................................................................................................................................................................................................................................110 Aggiorna durante incrementi...............................115 Aree................................................................................................................................124 Apri Editor tracce (Menu)................................................................................................................................................................................................................................................................................................108 Mostra dipendenze.....................124 Rinomina anteprima...............108 Allinea cinepresa alla vista......................................................................................................................................................109 Ridisegna tutte le finestre........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................109 Disattiva tutte le mappe......................................................................113 Degradazione adattiva..................................................................................110 Configurazione finestra.....................................................................................................................................................................................................................114 Layout.................................117 Rendering (Menu)............................................................................................................................109 Aggiorna durante incrementi.........................................................................................................................................................................................................118 Video Post................................................110 Modalità avanzata..............................................................118 Video Post...108 Ridisegna tutte le finestre.........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................126 Elimina Editor tracce (Menu).118 Ambiente.................................125 Elimina Editor tracce (Menu)..........................................................................126 6 ...118 Mostra ultimo rendering...........................................................................................................124 Visualizza anteprima......................................................................................................

................. • Nuove funzioni NURBS Il set di funzioni NURBS di 3DS MAX 2......................... Importazione ed esportazione VRML 2......... Geometrie • Booleano 2 Gli oggetti di tipo Booleano sono stati sostituiti da un oggetto chiamato Booleano 2 che si avvale di un nuovo algoritmo.. È stato aggiunto il seguente tipo di sub-oggetto punto: Punto Intersezione Superficie-Curva 7 ..............126 Novità di 3DS MAX 2............................................5 Si riportano qui di seguito le funzioni modificate o aggiunte rispetto alla release 2...... L'interfaccia utente è stata migliorata per fornire un maggior riscontro visivo.......5 è stato ampliato in maniera consistente.. Grazie ad esso vengono prodotti risultati meno imprevedibili e geometrie meno complesse rispetto ai booleani di 3D Studio originali..............0 di 3DS MAX.......................0 • Ora è possibile importare file Virtual Reality Modeling Language e Virtual Reality Behavior Language (VRML/VRBL) ed esportare la versione 2..........................................................Elenco Editor tracce memorizzati................0 di VRML/VRBL (altrimenti conosciuta come VRML 97)................. ulteriori scelte rapide da tastiera e un'ottimizzazione della selezione sub-oggetto.. Sono presenti tipi di sub-oggetto curva aggiuntivi che consentono di tagliare le superfici in base alle curve e di creare superfici loft UV e di deviazione..126 Informazioni su 3D Studio MAX..126 Informazioni su 3D Studio MAX....

Sono stati inseriti i nuovi tipi di sub-oggetto curva riportati qui di seguito: Curva Intersezione Superficie-Superficie Curva proiezione normale Curva proiezione vettoriale Curva su superficie VC Curva su superficie Punto Curva Offset Superficie Sono stati aggiunti i seguenti tipi di sub-oggetto superficie: Superficie Loft UV Superficie Deviazione a 1 guida Superficie Deviazione a 2 guide Superficie Miscela a più lati Superficie Taglio Multicurva Quando si modificano i sub-oggetti dipendenti ora si ha l'opzione di sostituire i sub-oggetti principali del sub-oggetto dipendente. Modificatori • Modificatore Seziona Questo nuovo modificatore consente di creare un piano di ritaglio che seziona la mesh creando nuovi vertici. • Mesh modificabili Le mesh modificabili sono state aggiornate per supportare le operazioni di Taglia e seziona. I nuovi pulsanti Ricostruisci e Riparametrizza per le Curve VC e le Superfici VC consentono un maggior controllo sulla precisione e l'aspetto di tali sub-oggetti autonomi. Utilità • Utilità Tracker cinepresa 8 . luci proiettore e così via): Kodak Cineon SGI (RGB) QuickTime Editor materiali • Assegnazione tramite drag and drop per le facce di oggetto mesh modificabile È possibile trascinare e rilasciare (drag and drop) i materiali nelle sotto-selezioni di facce in una mesh modificabile. Formati di file immagine • Ora vengono supportati i formati di file immagine riportati qui di seguito in tutti gli ambiti in cui 3DS MAX utilizza file di immagine (mappe bitmap. Ciò consente di creare un materiale Multi/suboggetto all'istante. creando così un materiale Multi/sub-oggetto all'istante. Inoltre. sfondo della finestra di visualizzazione. Il piano di ritaglio è animabile e può cambiare posizione e rotazione sull'asse del tempo. ora è possibile utilizzare il metodo drag and drop per assegnare i materiali alle sotto-selezioni di facce. ambiente. bordi e facce sulla base della posizione del gizmo di piano sezione. I vertici possono perfezionare o dividere la mesh a seconda delle opzioni selezionate.

• Nuovi corsi interattivi Sono stati aggiunti dei nuovi corsi interattivi (molti dei quali erano stati precedentemente pubblicati sul Web). ad es.5. È quindi possibile avvalersi dell'utilità Tracker cinepresa per creare gizmi del tracker che associano i Punti cinepresa con gli elementi visivi dei fotogrammi di filmato. Oltre ad esso sono stati anche aggiornati i riferimenti MAXScript. Inoltre. Per visualizzare i corsi interattivi degli effetti obiettivo (Lens Effects). i materiali. • Incorporare script all'interno di tendine personalizzate del pannello Utilità o finestre non modali.5. Documentazione • Effetti obiettivo Gli argomenti relativi agli effetti obiettivo (lens effects) sono stati ampiamente corretti e aggiornati. selezionare Apprendimento di 3D Studio MAX dal menu Guida. Il linguaggio MAXScript è ideato per essere da complemento a 3D Studio MAX. È 9 . sono stati aggiornati i corsi interattivi riguardanti gli effetti in questione. • Correzioni e chiarificazioni Oltre alle descrizioni delle nuove funzioni di 3DS MAX 2. l'animazione.L'utilità Tracker cinepresa anima il movimento di una cinepresa all'interno di 3DS MAX per farlo corrispondere al filmato di sfondo. Realizzare strumenti di elaborazione batch. Per visualizzare i nuovi corsi interattivi. Per visualizzare i Riferimenti MAXScript. • Procedere alla scrittura di controller procedurali che possano accedere alla scena nella sua globalità. Le misurazioni di scena e gli elementi visivi vengono impiegati per posizionare gli oggetti strumento ausiliario Punto cinepresa nella scena di 3DS MAX. sono state aggiunte diverse correzioni e chiarificazioni ed è stato modificato il sommario dei riferimenti NURBS per una più facile accessibilità. selezionare Apprendimento di 3D Studio MAX dal menu Guida. • Impostare interfacce dinamiche per sistemi esterni tramite automazione OLE. Esso consente agli utenti di MAX di: • Tradurre in script tutti gli aspetti di MAX. L'inserimento del nuovo argomento Scelte rapide da tastiera di default fornisce all'utente una comoda tabella di consultazione. Informazioni su MAXScript MAXScript è il linguaggio di scripting incorporato di 3D Studio MAX. quali gli script di elaborazione batch. Per utilizzare il tracker occorre disporre delle misurazioni di scena del filmato originale e di elementi visivi all'interno di tale filmato di cui sia possibile eseguire il tracking. assegnando loro un'interfaccia utente MAX standard. il rendering e così via. MAXScript • MAXScript è stato aggiornato per supportare le nuove funzioni di 3DS MAX 2. la modellazione. • Costruire strumenti di importazione/esportazione personalizzati utilizzando il file di I/O incorporato. selezionare Riferimenti MAXScript dal menu Guida. • Controllare MAX in modo interattivo tramite la riga di comando di una finestra shell.

Per indicare lo stato delle voci di menu con funzione di interruttore di attivazione/disattivazione (on/off) viene utilizzato un segno di spunta. Procedimenti Per aprire il programma Riferimenti MAXScript • Selezionare Riferimenti MAXScript nel menu Guida. Sono disponibili i seguenti menu: Menu File Menu Modifica Menu Strumenti Menu Gruppi Menu Viste Menu Rendering Menu Editor tracce Menu Guida 10 . Appare la tendina corrispondente. La sintassi non è troppo complessa e può essere utilizzata da non programmatori.orientato agli oggetti. vedere i Riferimenti MAXScript in linea. Per i nuovi utenti che desiderano un'introduzione semplificata a MAXScript è consigliata la sezione "Apprendimento di MAXScript" dei corsi interattivi in linea "Apprendimento di 3D Studio MAX". Per accedere a MAXScript • Scegliere il pannello Utilità e fare clic sul pulsante MAXScript. Per maggiori informazioni. eseguire script o caricare utilità in forma di script. fatte salve alcune regole minime di punteggiatura e formattazione. e presenta diverse funzioni speciali e costrutti che riflettono i concetti di livello superiore dell'interfaccia utente di MAX. E quindi possibile aprire la finestra Listener MAXScript. scrivere nuovi script. BARRA DEI MENU 3D Studio MAX utilizza una barra dei menu Windows standard. come MAX. la modalità di animazione con keyframing automatico e l'accesso agli oggetti della scena tramite nomi di percorso gerarchici che corrispondono alla gerarchia di oggetti di MAX. ad esempio i contesti del sistema di coordinate.

rimuovendo però ogni chiave di animazione. rimuovendo però i legami tra essi ed ogni chiave di animazione. Specificare i tipi di oggetto da mantenere. ecc. Riferimento 11 . qui elencate. impostazioni di snap. Scegliere File > Nuovo o premere CTRL+N. Editor materiali. Ripristina Cancella tutti i dati e ripristina le impostazioni di sistema (configurazione finestra. impostazioni di snap. immagine sfondo. Riferimento Mantieni oggetti e gerarchia: Mantiene gli oggetti e i collegamenti gerarchici tra essi. Editor materiali. ecc. Mantieni oggetti: Mantiene gli oggetti nella scena. immagine sfondo.Menu File Contiene le funzioni per la gestione dei file. Procedimenti Per creare una nuova scena 1. Fare clic su OK. 3. 2.). Nuovo tutto (default): Cancella ogni elemento e comincia da zero.). Nuovo Cancella il contenuto della scena corrente senza modificare le impostazioni di sistema (configurazione finestra.

Quando Conversione automatica unità è attivato sulla pagina generale della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Ad esempio. oppure di modificare quest'ultima in modo da farla corrispondere a quella del file caricato. Quando si caricano dei file creati in 3D Studio MAX Release 1.x. gli oggetti vengono scalati in modo da risultare delle stesse dimensioni che avrebbero se fossero stati creati utilizzando la scala di unità di sistema corrente. Tali default sono memorizzati nel file maxstart. ma ogni oggetto della scena creato con quei plug-in viene sostituito da parallelepipedi. Procedimenti Per effettuare il risettaggio di 3DStudio MAX • Scegliere File > Ripristina e specificare se si desidera salvare eventuali modifiche non salvate. 3D Studio MAX accede ai propri default di avvio. Se Conversione automatica unità è disattivato. non viene effettuata alcuna conversione. i file caricati con una diversa scala di unità di sistema visualizzano una finestra di dialogo che consente di riscalare la scena caricata in base alla scala di unità di sistema corrente. Se la scala di unità di sistema corrente viene modificata in modo da corrispondere a quella del file caricato. una sfera di raggio pari a 100 unità creata in base ad un sistema 1 = 1 piede diventa una sfera da 100 pollici in base ad un sistema 1 = 1 pollice. Procedimenti 12 . Una finestra di dialogo di conferma richiede se si intende effettuare il ripristino (o risettaggio).max. la stessa sfera mantiene un raggio di 100 piedi e la scala di unità di sistema nella finestra di dialogo Preferenze viene ripristinata su 1 unità = 1 piede. il raggio di una sfera pari a 100 piedi diviene pari a 1200 pollici (se il visualizzatore di unità è impostato su unità generiche) oppure a 100 piedi. se la scala di unità di sistema corrente è impostata su 1 unità = 1 pollice e il file in entrata era stato impostato su 1 unità = 1 piede. Riferimento Se la scena che si sta caricando è stata creata utilizzando plug-in non installati. questi verranno elencati in un'apposita finestra di dialogo. È comunque possibile caricare il file. In caso di riscalatura di oggetti di file. L'operazione di ripristino valori di 3D Studio MAX ha lo stesso effetto di un'uscita dal programma e di un suo riavvio. L'operazione di ripristino (risettaggio) riporta 3D Studio MAX alla sua configurazione di default e rimuove ogni azione personalizzata eseguita durante la sessione corrente.La finestra di dialogo Ripristina richiede di salvare le modifiche apportate a partire dall'ultimo salvataggio. Quando si effettua il risettaggio.max). con raggio pari a 100 unità. Apri Carica un file scena di 3D Studio MAX (file .

Per lanciare 3D Studio MAX ed aprire un file specifico • Specificare il nome del file dopo il file di programma 3D Studio MAX. Ad esempio: C:\3DSMAX\3DSMAX. Tutti/Nessuno: Seleziona o deseleziona le caselle di controllo dei tipi di oggetto al momento di selezionare l'elenco. non viene effettuata alcuna conversione.EXE myproject. L'intervallo valido per il numero di file da visualizzare va da 0 a 9. Vedere anche Unione di effetti atmosferici Apri Sostituisci Inserisci tracce Riferimento Selezionare il file scena 3D Studio MAX da unire alla finestra di dialogo del selettore di file standard. sottoalbero: Visualizza gli oggetti dell'elenco in formato rientrato e abilita le opzioni Ordina e Seleziona sottoalbero.EXE -L Unisci Rende possibile l'unione di oggetti da altri file 3D Studio MAX. Deselezionare questa opzione per giustificare l'elenco a sinistra. Per riaprire un file aperto in precedenza • Scegliere il nome del file in fondo al menu File. una sfera di raggio pari a 100 unità creata in base ad un sistema 1 = 1 piede diventa una sfera da 100 pollici in base ad un sistema 1 = 1 pollice. selezionare il tipo di file Tutti i file. Per visualizzare più tipi di file alla volta. Vis. Dopo aver selezionato un file. 13 . gli oggetti aggiunti da un file con una diversa scala di unità di sistema vengono scalati per mantenere le dimensioni corrette nella nuova scena. Inverti: Inverte le selezioni di elenco correnti. Se Conversione automatica unità è disattivato. selezionare gli oggetti da unire nella finestra di dialogo Unisci.x. Se Conversione automatica unità è attivato nella pagina Generale della finestra di dialogo Impostazioni preferenze.Per visualizzare la finestra di dialogo Apri file • Scegliere File > Apri o premere CTRL+O.max Per lanciare 3D Studio MAX ed aprire l'ultimo file su cui si è lavorato • Digitare -L dopo il file di programma 3D Studio MAX: C:\3DSMAX\3DSMAX. Quando si uniscono file creati in 3D Studio MAX Release 1. con raggio pari a 100 unità. Impostare il numero di file scena elencati modificando il campo File recenti nel menu File nel pannello File della finestra di dialogo Impostazioni preferenze.

luci. Per tipo: Ordina l'elenco in base alla categoria. Per unire elementi 14 . queste opzioni sono disabilitate. Elenco tipi Determina quali componenti della scena vengono visualizzati nell'elenco a sinistra: figure geometriche (geometria). sottoalbero: Selezionando Vis. maiuscole: Distingue i nome degli elementi fra maiuscole e minuscole. selezionare il gruppo e tutti i suoi derivati. I gruppi sono indicati fra parentesi. la funzione Inverti visualizza gli elementi. Inverti: Inverte i criteri di visualizzazione della lista corrente. Se erano visualizzati gruppi. forme. Alfabetico: Ordina a partire dalla lettera A all'inizio fino alla lettera Z in fondo. si selezionano anche tutti gli elementi rientrati sotto a quello selezionato. • Fare clic su Tutti o Nessuno per selezionare o deselezionare l'intero elenco. Per unire un intero gruppo. • Fare clic e trascinare per selezionare gli elementi da unire tratti dall'elenco a sinistra. se erano visualizzati tutti gli elementi. Procedimenti Per specificare i tipi di oggetto da elencare effettuare una delle seguenti azioni: • Visualizzare o nascondere il sottoalbero. Ordina Consente di ordinare l'elenco a sinistra. la funzione Inverti li deseleziona.Sel. Distinz. sottoalbero è selezionata. utilizzando lo stesso ordine delle caselle di controllo nell'elenco Tipi. Disattivando la visualizzazione dei gruppi. è possibile ordinare gli elementi dell'elenco in ordine alfabetico oppure per tipo o per colore. I nomi degli oggetti che coincidono con i tipi di oggetto spuntati vengono visualizzati nella finestra di riepilogo. si ottiene la sola visualizzazione del nome del gruppo. Gruppi: Visualizza solo gruppi di oggetti. strumenti ausiliari e space warp. fra parentesi. Per colore: Stabilisce l'elenco sulla base del colore wireframe degli oggetti. • Spuntare i tipi di oggetto da visualizzare nella casella di riepilogo. • Premere MAIUSC e fare clic per selezionare tutti gli oggetti interposti fra quello selezionato in precedenza e quello corrente. • Premere CTRL e fare clic per aggiungere o rimuovere oggetti singoli dalla selezione. Se il sottoalbero è visualizzato. • Fare clic su Tutti o Nessuno per selezionare o eliminare tutti i tipi di oggetto. sottoalbero e questa opzione. Per selezionare gli oggetti da unire. eseguire una delle seguenti azioni: • Digitare il nome di un elemento oppure usare caratteri jolly per specificare elementi multipli i cui nomi condividono gruppi di caratteri. cineprese. Se la casella di controllo Vis. Tutti/Nessuno: Seleziona tutti gli elementi o di nessun elemento. • Fare clic per selezionare oggetti singoli.

compresi i modificatori. 2. la gerarchia o i materiali.1. un segnale di avviso propone le seguenti opzioni: Unisci: Unisce l'oggetto in entrata usando il nome che compare nel campo a destra. Se un oggetto dello stesso tipo e con lo stesso nome è già presente nella scena. Cancella: Cancella l'oggetto esistente prima di unire quello in entrata. Viene verificata l'esistenza di nomi duplicati solo per i nomi dei materiali di primo livello (non per i sottomateriali). appare una finestra di dialogo. questa opzione non è più disponibile. Selezionare uno o più effetti e fare clic su OK per unirli alla scena. • Eliminare l'oggetto esistente della scena selezionando il pulsante Elimina precedente. Sostituendo un oggetto della scena. Usare i materiali aggiunti tramite unione: Assegna le caratteristiche dei materiali in entrata ai materiali della scena con lo stesso nome. Applica a tutti i duplicati: Tratta sulla base dell'opzione specificata per l'oggetto corrente tutti i successivi oggetti in entrata con nome duplicato. Scegliere un gruppo o un elemento da unire. Per evitare due oggetti con lo stesso nome. Usare Sostituisci se si desidera impostare la scena e l'animazione sulla base di una geometria meno complessa. Scegliere File > Unisci. ottenendo due oggetti della scena con lo stesso nome. Per sostituire l'oggetto con tutte le sue caratteristiche. Sostituisci Consente di sostituire la geometria di uno o più oggetti di una scena unendo oggetti con nome duplicato. • Unire l'oggetto in entrata. se ne sostituisce la geometria.max. usare invece Unisci 15 . Se il lavoro corrente è stato rinominato. Appare la finestra di dialogo Unisci effetti atmosferici. e sostituire quindi prima del rendering con una geometria più dettagliata. Selezionare un file da cui trarre gli elementi da unire. • È possibile selezionare Applica a tutti i duplicati per eseguire la stessa operazione su tutti gli oggetti corrispondenti successivi. Nell'elenco di unione appaiono solo gli effetti atmosferici. In essa sono elencati gli effetti del file specificato. appare un avviso che propone le seguenti opzioni: • Rinominare l'oggetto in entrata (cambiandone il nome nel campo di modifica). ma non le trasformazioni. Annulla: Annulla l'intera operazione di unione. 3. un avviso propone le seguenti opzioni: Usa i materiali della scena: Assegna le caratteristiche dei materiali della scena ai materiali in entrata con lo stesso nome. Ignora: Non unisce l'oggetto in entrata. ma va ricordato vengono uniti anche i gizmi o le luci ad essi collegati. Unione di effetti atmosferici Il pulsante Unisci sul lato destro della finestra di dialogo Effetti consente di unire effetti da altri file di scena di 3DS MAX. Selezionare una scena. gli space warp. Quando uno o più oggetti in entrata hanno lo stesso nome di oggetti della scena. Se uno o più dei materiali assegnati ad oggetti in entrata hanno lo stesso nome di materiali presenti nella scena. digitare un nuovo nome prima di procedere. Non compariranno più avvisi. Quando si preme Unisci.

Tutti/Nessuno: Seleziona o deseleziona le caselle di controllo dei tipi di oggetto al momento di selezionare l'elenco. forme. Sel. Gruppi: Visualizza solo gruppi di oggetti. Dopo aver selezionato un file. sottoalbero: Visualizza gli oggetti dell'elenco in formato rientrato e abilita le opzioni Ordina e Seleziona sottoalbero. Elenco tipi Determina quali componenti della scena vengono visualizzati nell'elenco a sinistra: figure geometriche (geometria). la funzione Inverti visualizza gli elementi. si selezionano anche tutti gli elementi rientrati sotto a quello selezionato. cineprese. sottoalbero: Selezionando Vis. strumenti ausiliari e space warp. tutte le istanze verranno sostituite con il nuovo oggetto. Se nella scena sono presenti più oggetti che hanno lo stesso nome dell'oggetto in entrata.Se l'oggetto che si sta sostituendo fa parte di una scena con istanze. Tutti/Nessuno: Seleziona tutti gli elementi o di nessun elemento. Distinz. Per tipo: Ordina l'elenco in base alla categoria. Inverti: Inverte i criteri di visualizzazione della lista corrente. Vis. Tutti gli oggetti della scena aventi lo stesso nome dell'oggetto in entrata vengono sostituiti dal nuovo oggetto. sottoalbero è selezionata. Disattivando la visualizzazione dei gruppi. Se erano visualizzati gruppi. queste opzioni sono disabilitate. luci. fra parentesi. Inverti: Inverte le selezioni di elenco correnti. Per visualizzare più tipi di file alla volta. selezionare il gruppo e tutti i suoi derivati. Per unire un intero gruppo. se erano visualizzati tutti gli elementi. I gruppi sono indicati fra parentesi. Se la casella di controllo Vis. selezionare il tipo di file Tutti i file. Alfabetico: Ordina a partire dalla lettera A all'inizio fino alla lettera Z in fondo. maiuscole: Distingue i nome degli elementi fra maiuscole e minuscole. Deselezionare questa opzione per giustificare l'elenco a sinistra. si ottiene la sola visualizzazione del nome del gruppo. Vedere anche Unione di effetti atmosferici Unisci Inserisci tracce Riferimento Selezionare il file scena 3D Studio MAX contenente gli oggetti sostitutivi nella finestra di dialogo del selettore file standard. Per colore: Stabilisce l'elenco sulla base del colore wireframe degli oggetti. Ordina Consente di ordinare l'elenco a sinistra. Procedimenti 16 . sottoalbero e questa opzione. utilizzando lo stesso ordine delle caselle di controllo nell'elenco Tipi. selezionare gli oggetti sostitutivi nella finestra di dialogo Sostituisci. la funzione Inverti li deseleziona. ognuno di essi viene sostituito dall'oggetto in questione.

Le tracce dell'oggetto di sostituzione senza corrispondente vengono ignorate. L'oggetto di destinazione deve contenere lo stesso tipo di traccia (ad esempio posizione o curva) dell'oggetto di sostituzione. 3. È possibile inserire tracce in un oggetto. Inserisci tracce Consente di importare l'animazione di un'altra scena sostituendo le tracce del controller. esso viene illuminato. i materiali degli oggetti in entrata sostituiscono i materiali correnti. verrà sostituita soltanto la geometria mentre il materiale assegnato all'oggetto originale viene mantenuto. Scegliere un gruppo o un elemento di sostituzione. ma tutti gli elementi di cui si stanno sostituendo le tracce devono essere parte dello stesso ramo gerarchico. Oggetti Origine: Visualizza tutti gli oggetti presenti nella scena del file di origine selezionato. 2. • Fare clic su Tutti o Nessuno per selezionare o deselezionare l'intero elenco. Vedere anche Unisci Unione di effetti atmosferici Sostituisci Riferimento Selezionare il file scena 3D Studio MAX contenente le tracce che si desiderano nella finestra di dialogo del selettore di file standard e selezionare quindi gli oggetti da unire nella finestra di dialogo Unisci tracce. Questo oggetto riceverà le tracce inserite. Se la risposta è affermativa. Se un oggetto corrisponde al nome dell'oggetto di destinazione selezionato nella scena corrente. Scegliere File > Sostituisci. Deselezionare questa opzione per giustificare l'elenco a sinistra. Se la risposta è negativa. Metodo 17 . Selezionare un file da cui scegliere gli elementi sostitutivi. • Premere MAIUSC e fare clic per selezionare tutti gli oggetti interposti fra quello selezionato in precedenza e quello corrente. Un avviso chiede se si vogliono sostituire i materiali insieme con gli oggetti. • Premere CTRL e fare clic per aggiungere o rimuovere oggetti singoli dalla selezione. Per selezionare gli oggetti da sostituire eseguire una delle seguenti azioni: • Digitare il nome di un elemento oppure usare caratteri jolly per specificare elementi multipli i cui nomi condividono gruppi di caratteri. Destinazione: Visualizza il nome dell'oggetto di destinazione selezionato nella scena corrente. gruppo o gerarchia selezionati. Sottoalbero: Visualizza gli oggetti dell'elenco in formato rientrato.Per sostituire elementi 1. • Fare clic per selezionare oggetti singoli.

CTRL+clic seleziona più elementi non sequenziali. Nella finestra di dialogo Inserisci tracce. 2. Le opzioni Incremento su Salva e Backup su Salva si trovano nel pannello File della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Specificare il nome del file da cui importare le tracce del controller. Quando il file viene riaperto. Specificare il metodo in base al quale le tracce importate saranno inserite. livelli di vista e zoom. questo comando funziona come Salva con nome. 4. ecc. Fare clic su OK. Incolla tempo: Inserisce l'animazione da un intervallo di tempo specificato nel file di origine ad un punto di inserzione specificato nell'oggetto di destinazione. Assoluto: Inserisce l'intervallo di origine al suo valore assoluto. Scegliere File > Inserisci tracce. essa viene cancellata. Se in quel punto della traccia di destinazione è presente una chiave. 5. Dalla prima all'ultima chiave: Ripristina il tempo di inizio e di fine alla prima ed ultima chiave del file di origine. Relativo: Inserisce l'intervallo di origine relativo al valore del momento di inserimento. 3D Studio MAX consente di numerare i file salvati in modo incrementale e generare file di backup automatico a specifici intervalli di tempo. impostazioni di snap e griglia. Riferimento Quando si salva una scena. Effetto solo su Consente di specificare i tipi di traccia inseriti. Inserimento tempo: Specifica il fotogramma in cui si desidera inserire l'intervallo di animazione di origine. indipendentemente dal tempo di inserimento. vengono anche salvate le impostazioni di sistema. Procedimenti Per sostituire le tracce del controller della scena corrente con quelle di un'altra scena 1.Specifica il modo in cui verranno inserite le tracce. Con MAIUSC+clic è possibile selezionare un gruppo di elementi in sequenza. Inizio e Fine: Specifica l'intervallo da inserire. Sostituisci i controller: Sostituisce tutti i controller e l'animazione dell'oggetto di destinazione con quelli dell'oggetto di origine. selezionare le tracce da importare. la traccia viene saltata. Fare clic oppure fare clic e trascinare per selezionare gli elementi da usare. esso presenta la stessa configurazione in relazione alle impostazioni di finestra. Procedimenti 18 . 3. Se in precedenza non era stata salvata alcuna scena. Se i controller dell'origine e della destinazione non sono compatibili. Salva Aggiorna la scena 3D Studio MAX corrente sovrascrivendo l'ultimo salvataggio della scena in questione.

Le seguenti dipendenze vengono mantenute per un'operazione di Salva selezione: • Gli originari degli oggetti derivati selezionati vengono salvati tutti fino alle radici della gerarchia. Riferimento 3D Studio MAX consente di numerare i file salvati in modo incrementale e generare file di backup automatico a specifici intervalli di tempo. Vengono salvati anche gli oggetti collegati ad un oggetto selezionato.Per salvare su file • Scegliere File Salva o premere CTRL+S. • Gli space warp a cui gli oggetti selezionati sono vincolati vengono salvati. Salva con nome Salva la scena 3D Studio MAX corrente con un diverso nome di file. Procedimenti Per salvare l'oggetto selezionato in un nuovo file 1. Selezionare uno o più oggetti. Digitare un nome nel campo Nome file. Riferimento 19 .max). 3. Riferimento Bitmap identici con proprietà differenti vengono memorizzati come file diversi. • Fare clic sul pulsante Incrementa Salva selezione Salva le figure geometriche selezionate come file di scena 3D Studio MAX con un diverso nome di file. Eseguire una delle seguenti azioni: • Digitare un nome nel campo Nome file. Le opzioni Incremento su Salva e Backup su Salva si trovano nel pannello File della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. • Gli oggetti di controllo IK a cui gli oggetti selezionati sono vincolati vengono salvati. Scegliere File > Salva selezione. Scegliere File > Salva con nome. Procedimenti Per salvare un file con un nome diverso 1. 2. Importa Carica o unisce i file di geometrie di formato diverso rispetto al formato scena 3D Studio MAX (. 2.

Scegliere File > Importa. Scegliere un tipo di file da importare dall'elenco Tipo file nella finestra di dialogo del selettore file. selezionare il tipo di file Tutti i file. Gli oggetti AutoCAD non inseriti nell'elenco non vengono importati. 3D Studio Mesh (3DS) 3D Studio Project (progetto) (PRJ) Adobe Illustrator (AI) AutoCAD (DWG) AutoCAD (DXF) 3D Studio Shape (forma) (SHP) VRML (WRL. STL (stereolitografia) e SHP (3DS DOS shape). scegliere le opzioni di importazione desiderate. 3DS (3DS DOS). Per visualizzare più tipi di file alla volta. 2. WRZ) Stereolitografia (STL) 3. Se appare una seconda finestra di dialogo Importa. Tabella importazione da AutoCAD a 3D Studio MAX La tabella riportata qui di seguito comprende gli oggetti e le proprietà AutoCAD e i corrispondenti oggetti 3D Studio VIZ in cui vengono convertiti al momento dell'importazione. DWG e DXF (AutoCAD drawing e drawing interchange).È possibile importare file AI (Adobe Illustrator). Procedimenti Per importare un file 1. PRJ (3DS DOS project). Selezionare un file da importare. 4. Punto Strumento ausiliario Punto Linea Forma Spline Arco Forma Arco Cerchio Forma Cerchio Ellisse Forma Ellisse Solido Forma Spline chiusa Traccia Forma Spline chiusa Polilinea 2D Forma Spline Polilinea 3D Forma Spline Anello polilinea Forma Ciambella Spline Forma Spline Multilinea Spline Shape Testo (TTF o PFB) Forma Testo Faccia 3D Oggetto Mesh Mesh polilinea Oggetto Mesh Mesh poliedrica Oggetto Mesh Oggetto ACIS Oggetto Mesh Regione Forma Spline Blocchi Oggetti o Gruppo su opzione Definizione UCS Strumento ausiliario Griglia VistaD (prospettiva) Cinepresa con destinazione Luce puntiforme Luce Omnidirezionale 20 .

Nebbia. Importazione ed esportazione di file 3DS 3DS è il formato dei file mesh di 3D Studio Release 4.Spotlight Riflettore con destinazione Luce distante Luce Direzionale Proprietà Altezza Modificatore Estrudi Larghezza polilinea Contorno Spline Colore Colore oggetto su opzione Nota: AutoCAD utilizza un modello di illuminazione diverso rispetto a 3DS MAX. • • • • • • • Quando si importa un file 3DS file. Tutti i parametri di mappa. Impostazione delle impostazioni Ogni n fotogrammi e Dimensione mappa della mappa di riflessione automatica. Riflessione e Rotazione. Parametri di giunto IK 3DS/DOS. Quando si importa un file 3DS file. Nebbia stratificata e Distance Cue. 21 . RGB e Alfa operano in modo diverso in 3D Studio MAX. cubiche automatiche e riflessioni. Traslazione SXP per i materiali Marmo e Disturbo. vengono importate le seguenti informazioni: • • • • • • • Sfondi (solidi. Quando si importa un file 3DS. La trasparenza sottrattiva viene convertita in trasparenza "Filtro" 3D Studio MAX e il colore del filtro è impostato in modo da essere uguale al colore diffuso. Impostazioni di caduta di trasparenza. non vengono importate le seguenti informazioni: • Chiavi di morphing • Istanze Keyframer. Luminanza. Alcuni parametri di mappa quali Movimento. Mappe di riflessione. I canali mappa disabilitati nel file. Tutti i canali mappa sono abilitati. Quando si importano materiali con texture 1 e texture 2. si crea una texture composita che va ad aggiungersi al canale di diffusione dei materiali standard. per cui il valore di intensità di Luce di un disegno AutoCAD non è rispecchiato nella scena 3DS MAX. Dati patch 3DSurfer. Tali valori vengono convertiti in nuovi valori per produrre un effetto simile. 3DS non vengono importati in 3D Studio MAX. Se si sceglie di unire gli oggetti alla scena corrente. è possibile unire gli oggetti importati alla scena corrente oppure sostituire completamente la scena corrente. comprese le trasformazioni UV e le funzioni Negativo. È possibile importare ed esportare file 3DS da 3D Studio MAX. Livello luce circostante. il programma richiede se si intenda ripristinare la lunghezza dell'animazione della scena adeguandola alla lunghezza del file importato (nel caso il file importato contenga animazione). Le bitmap maschera vengono importate come mappe di composizione maschera 3D Studio MAX. gradienti e bitmap).

Se il controller è qualsiasi altro tipo di controller chiave. scalatura. • Le coordinate di mappatura UV. Problemi di 3D Studio relativi all'importazione di Salva selezione 22 . • Gli oggetti vengono esportati nella forma visualizzata sul fotogramma di 3D Studio MAX al momento dell'esportazione. • Le trasformazioni di oggetti raggruppati. I gruppi possono essere esportati nel Keyframer perché esso comprende le gerarchie. • Le istanze di 3D Studio MAX vengono salvate come istanze di Keyframer. vengono esportate le seguenti informazioni: • Animazioni di posizione. 3D Editor infatti non contempla l'esistenza di gerarchie di gruppi. vengono salvati anche i valori TCB.cub • Trasparenza decalcomanie con il colore RGB del pixel superiore sinistro della mappa Quando si importa un file PRJ si ottengono tutti gli elementi sopra menzionati oltre ai seguenti: • Forme Quando si esporta un file 3DS. • Mappe singole con il loro valore. • Mappe cubiche automatiche e riflessioni. • La maggior parte dei valori "statici" relativi alle cineprese e alle luci e le tracce di animazione relative a Rollio. • Nel fotogramma corrente l'animazione di modificatori e di morphing viene congelata. ecc. compressa ed esportata come mesh semplice. le chiavi vengono salvate ma le informazioni relative alla tangente vanno perdute. riflettori destinazione e luci omnidirezionali. Quando si esporta un file 3DS. • Parametri ombra globali. Caduta. Quando si esporta un file 3DS. Aggiustamento in entrata e Aggiustamento in uscita. rotazione e scalatura.• Canali mappa disattivati • Mappe cubiche personalizzate in formato . avviene quanto segue: • Tutte le geometrie non mesh quali le primitive e i patch procedurali vengono compressi in mesh prima di essere esportati. offset. Se il controller è di tipo TCB. • Cineprese destinazione. viene salvata soltanto la trasformazione dell'oggetto nel fotogramma 0. Se il controller non è un controller chiave. • Parametri e colore del materiale di base dal materiale Standard. Se si desidera emettere destinazioni di morphing. non vengono esportate le seguenti informazioni: • Le mappe composite e procedurali. • Le mesh vengono salvate con informazioni di visualizzazione bordi e gruppi di smusso. Spot e FOV. portarsi su ciascun fotogramma ed esportare la destinazione con un nome file diverso.

Oggetti multipli: Ogni poligono del file . utilizzare il comando AutoCAD 3D StudioOUT per esportare modelli meccanici in 3D Studio MAX.3D Studio MAX Release 1 presenta un inconveniente noto per cui i file 3DS creati da 3D Studio Release 4 per mezzo del metodo Salva selezione non vengono importati correttamente. Nel caso di AutoSurf o AutoCAD Designer. Importazione di file Adobe Illustrator 8 È possibile importare file Adobe Illustrator (AI88) in 3D Studio MAX. Quando si importa un file PRJ. Riferimento Il comando seguente appare nella finestra di dialogo Importa file PRJ. Riferimento Quando si importano file AI88. 3D Studio MAX converte un set secondario di oggetti AutoCAD negli oggetti corrispondenti di 3D Studio MAX. È inoltre possibile ottenere viste esplose dei modelli meccanici e quindi importare il file risultate. è possibile unire gli oggetti importati alla scena corrente oppure sostituire completamente la scena corrente. Importazione file DWG AutoCAD Quando si importa un file di disegno di AutoCAD. ricaricare il file creato in 3D Studio MAX per mezzo di Salva selezione e creare un nuovo file per mezzo del comando Salva. appare una finestra di dialogo che richiede se si intenda unire gli oggetti agli oggetti della scena di 3DS MAX. il programma richiede se si intenda ripristinare la lunghezza dell'animazione della scena adeguandola alla lunghezza del file importato (nel caso il file importato contenga animazione). ma alcuni dati non appariranno nel file di disegno AutoCAD.AI vengono convertiti in spline Bezier e posizionati all'interno di un singolo oggetto forma composito. 3D Studio MAX converte i poligoni dei file in oggetti Forma. oppure sostituire la scena con gli oggetti del disegno AutoCAD. Quindi importare questo file in 3D Studio MAX. Dopo aver selezionato un file DWG da importare.AI viene convertito in una spline Bezier e posizionato all'interno di un oggetto forma indipendente. Vedere anche Tabella importazione da AutoCAD a 3D Studio MAX Riferimento 23 . Per impostare il modo di creazione degli oggetti forma occorre scegliere una delle opzioni della finestra di dialogo Importazione forma: Oggetti singoli: Tutti i poligoni del file . Per aggirare il problema. Importazione file PRJ PRJ è il formato dei file di progetto di 3D Studio Release 4. Importa forme: Selezionare questa opzione se non si desidera importare forme da un file . Se si sceglie di unire gli oggetti alla scena corrente.PRJ. Viene richiesto anche se si desidera che 3D Studio MAX gestisca le forme del file in entrata: se renderle oggetti singoli o oggetti multipli.

Ignora tratteggio e punti: Esclude l'importazione di motivi a tratteggio e oggetti punto di AutoCAD. Più inserimenti del blocco AutoCAD vengono convertiti in istanze del gruppo di 3D Studio MAX. Ignora livelli disattivati e congelati: Esclude l'importazione di oggetti di AutoCAD in layer disattivati o congelati. I disegni AutoCAD possono contenere migliaia di entità.01]. Il nome del tipo di oggetto viene seguito da un numero per ciascun oggetto convertito.01. Opzioni generali Converti in oggetti singoli: Combina più oggetti AutoCAD in un singolo oggetto 3D Studio MAX. L'importazione di tutti gli oggetti in motivi a tratteggio può sovraccaricare la scena di 3D Studio MAX. Il numero del colore AutoCAD viene seguito da un numero per ciascun oggetto che utilizza quel colore di layer. Il nome del layer è seguito da un numero per ciascun oggetto di quel layer. Le forme senza estrusioni sull'asse Z vengono combinate. I motivi a tratteggio creati in AutCAD R14 vengono ignorati 24 . Se è selezionato Converti in oggetti singoli. in modo simile all'esplosione dei blocchi in AutoCAD. I motivi a tratteggio di AutoCAD sono composti di diversi segmenti di linea e punti. Se è selezionato Converti in oggetti singoli. un oggetto Linea AutoCAD diventa Linea. come avviene per le forme con lo stesso valore di estrusione sull'asse Z. Entità: Assegna un nome a ciascun oggetto di 3D Studio MAX in base al tipo di oggetto AutoCAD. Ad esempio. Converti blocchi in gruppo: Posiziona tutti gli oggetti di un blocco AutoCAD in un gruppo di 3D Studio MAX che utilizza il nome del blocco AutoCAD e il numero. AutoCAD ignora i colori assegnati per oggetto a favore dei colori assegnati per layer. L'opzione Ignora tratteggio e punti esclude ogni altro blocco anonimo presente nel file di disegno. Ad esempio. gli oggetti AutoCAD sullo stesso layer diventano un oggetto singolo di 3D Studio MAX. Ad esempio.01. Ad esempio. Alle forme con diversi valori di estrusione sull'asse Z viene assegnato un modificatore Estrudi e non vengono combinate. un secondo inserimento del blocco SEDIA diventa un'istanza di [SEDIA. un oggetto AutoCAD sul layer BASE diventa BASE. Nota: I motivi a tratteggio sonno memorizzati nei disegni AutoCAD come blocchi anonimi.01.Derivazione oggetti da Layer: Assegna un nome a ciascun oggetto di 3D Studio MAX in base al layer dell'oggetto AutoCAD. per cui la derivazione di oggetti per entità può creare innumerevoli oggetti 3D Studio MAX.01. Gli oggetti mesh espliciti vengono combinati. un oggetto rosso AutoCAD (numero colore 001) diventa COLOR001. le definizioni di blocco AutoCAD vengono ignorate e gli inserimenti di blocco sono trattati come oggetti separati. Colore: Assegna un nome a ciascun oggetto di 3D Studio MAX in base al colore di layer dell'oggetto AutoCAD.01] denominata [SEDIA. gli oggetti AutoCAD convertiti nello stesso tipo di oggetto 3D Studio MAX diventano un singolo oggetto 3D Studio MAX. Gli oggetti vengono combinati a seconda dell'impostazione di Derivazione oggetti da e dal tipo di oggetto 3D Studio MAX. gli oggetti AutoCAD a cui è assegnato lo stesso colore di layer diventano un oggetto singolo di 3D Studio MAX. Se è selezionato Converti in oggetti singoli. un blocco AutoCAD denominato CHAIR diventa un insieme di oggetti 3D Studio MAX all'interno di un gruppo denominato [CHAIR.02]. Se Converti blocchi in gruppi è selezionato. Ad esempio.

Unifica normali: Analizza le normali di faccia di ciascun oggetto e rovescia le normali all'occorrenza in modo da farle puntare tutte verso l'esterno dal centro di un oggetto. Opzioni geometria Salda: Imposta se i vertici coincidenti degli oggetti convertiti vengono saldati in base alle impostazioni di Soglia saldatura. Deselezionare Unifica normali quando si importano modelli solidi ACIS da AutoCAD. nel file DWG le normali vengono calcolate a seconda dell'ordine dei vertici di faccia. in base alla modalità di derivazione. Traccia e Solido. Le normali di faccia per i solidi ACIS AutoCAD sono già unificate. I gruppi di smusso determinano se le facce di un oggetto vengano visualizzate come superfici smussate o se mostrino una giunzione ai bordi creando così un'immagine sfaccettata. L'operazione di saldatura smussa le giunzioni e unifica le normali degli oggetti con vertici coincidenti. Opzioni ACIS Deviazione superficie: Specifica la distanza massima consentita dalla mesh di superficie di 3D Studio MAX alla superficie parametrica ACIS. I numeri più elevati producono superfici meno precise e meno facce. 25 .indipendentemente da questa impostazione. I valori inferiori consentono di ottenere superfici più accurate con un numero più elevato di facce. Se Occludi entità chiuse è deselezionato. Occludi entità chiuse: Applica un modificatore Estrudi a tutte le entità chiuse e seleziona le opzioni Occludi inizio e Occludi fine del modificatore. le normali potrebbero essere orientate nella direzione sbagliata. il gruppo includerebbe tutti gli oggetti di un layer comune. Angolo smusso: Controlla che l'operazione di smussatura abbia luogo tra due facce adiacenti. In altre parole. le facce vengono smussate. i vertici vengono saldati insieme. Se la distanza tra due vertici è inferiore a o uguale a quella indicata dal valore di soglia. Scegliere File > Importa. colore comune e così via. Raggruppa oggetti comuni: Inserisce gli oggetti importati in un gruppo comune. La procedura di occlusione delle entità chiuse con spessore rende tali entità piene mentre le entità chiuse senza spessore appaiono piatte. Per utilizzare l'opzione Salda. Soglia saldatura: Imposta la distanza che determina se i vertici sono coincidenti. Smusso automatico: Assegna gruppi di smusso in base al valore di Angolo smusso. Quando Unifica normali è deselezionato. Il valore Valore del modificatore Estrudi per un'entità chiusa senza spessore viene impostato sullo 0. Utilizzare i modificatori Modifica mesh e Normale per rovesciare le normali. Se la geometria importata non è saldata in modo corretto. vengono deselezionate le caselle Occludi inizio e Occludi fine del modificatore Estrudi per le entità chiuse con altezza. Non viene applicato alcun modificatore alle entità chiuse senza spessore eccetto per Cerchio. selezionare prima Converti in oggetti singoli. Procedimenti Per importare un file DWG 1. Se l'angolo tra le due normali di faccia è inferiore o uguale all'angolo di smusso. o se 3D Studio MAX non può determinare il centro dell'oggetto. dato che la saldatura ha luogo solo per i vertici che fanno parte dello stesso oggetto.

Ricordare quanto segue durante la creazione di geometria DXF e quando si deve decidere se convertire per layer. 26 . Le entità congelate o disattivate vengono ignorate.dxf debbano essere convertiti in oggetti. 2. • Per quanto riguarda AutoCAD Release 13. si possono utilizzare materiali a 2 lati oppure attivare l'opzione Forza 2 lati nella finestra di dialogo Rendering in scena. può presentarsi la necessità di suddividere gli oggetti di 3D Studio MAX risultanti dall'operazione in oggetti di dimensioni minori. Essa produce anche un ampio numero di oggetti da gestire 3D Studio MAX. servirsi del comando SOLMESH sui modelli AME prima di salvare il file . aumentare il valore della Soglia di saldatura nella finestra di dialogo Importazione file DXF. • Dopo aver importato un file DXF. Layer: Ogni layer con nome esclusivo viene convertito in un oggetto separato. Riferimento Il comando seguente appare nella finestra di dialogo Importazione file DXF. si può utilizzare il comando 3DSOUT per convertire un disegno AutoCAD in oggetti mesh. Si può verificare questa evenienza in 3D Studio MAX deselezionando Facce posteriori nel pannello di visualizzazione oppure renderizzando gli oggetti. Il successo dell'unificazione delle normali di faccia dipende dalla saldatura di vertici coincidenti.dxf. Derivazione oggetti da: Determina il modo in cui i componenti del file . colore o entità: • Per quanto riguarda AutoCAD Release 12. Scegliere AutoCAD (*. Se si sta caricando una scena di grandi dimensioni contenente migliaia di entità (come ad esempio facce 3D) e si è scelto di caricare un oggetto per entità. In questo caso. quindi eseguire la conversione per layer anziché per entità. congelare i layer contenenti i motivi a tratteggio.DWG) nell'elenco Tipo file. se si sta utilizzando l'estensione AutoCAD Advanced Modeling Extension (AME). questo comando crea un file di 3D Studio Release 4 che può essere importato su 3D Studio MAX. Importare il disegno in 3D Studio MAX accertandosi che sia selezionato Ignora livelli disattivati e congelati e deselezionato Ignora tratteggio e punti. Impostare le opzioni della finestra di dialogo di importazione. ma non i motivi a tratteggio 1. In certi casi alcuni di questi elementi possono presentare tutte le normali di faccia rovesciate in maniera errata. a seconda del livello di precisione del modello creato in AutoCAD. Talvolta. 4. Colore: Tutte le entità dello stesso colore vengono convertite in un'entità singola. In AutoCAD. impostare il file DXF in modo che queste entità vengano raggruppate per by layer. Utilizzare il modificatore Normale per correggere questo difetto. Per evitare ciò.2. la conversione può richiedere molto tempo. Se non si desidera rovesciare le normali. i vertici possono non essere abbastanza ravvicinati da essere considerati "coincidenti. 3.". Essi non verranno saldati e le facce non saranno correttamente unificate. Specificare un file da importare. Importazione file DXF I file DXF vengono utilizzati per importare e esportare oggetti verso e da AutoCAD (e altri programmi che supportano questo formato di file). Per importare oggetti punto AutoCAD. La conversione per stratificazione può dar luogo ad oggetti costituiti da molti elementi.

shp contiene poligoni creati con 2D Shaper di 3D Studio. Importazione di file SHP SHP è il formato file di forma di 3D Studio Release 4. si consiglia di lasciare questa casella selezionata. Varie Rimuovi doppie facce: Rimuove una delle facce di una coppia nei casi in cui due facce occupino la stessa posizione. Quando si importa un file SHP che contiene forme multiple. se sono collineari entro un paio di punti percentuali. al momento di eseguire il rendering della scena 3D Studio MAX. L'impostazione di default di 90 gradi è generalmente adeguata. 3D Studio MAX offre l'opzione di unirle tutte in un unico oggetto o di renderle oggetti multipli in entrata.dxf in vertici singoli della mesh di 3D Studio MAX. Riferimento Il file . le normali delle faccia puntano nella direzione sbagliata. convertita in oggetto mesh di 3D Studio MAX. Smusso automatico: Applica gruppi di smusso alla geometria in base all'angolo di smusso impostato dal relativo incrementatore. utilizzare il modificatore Normale per rovesciarle. essa verrà importata come forma spline. di un arco o di una pline (polilinea) non estrusa. Salda vertici: Salda i vertici coincidenti del file . una polilinea estrusa.Entità: Ciascuna entità viene convertita in un oggetto separato. I bordi tra le facce che presentano un angolo maggiore rispetto all'angolo di smusso specificato appariranno sfaccettati nell'immagine di rendering. Ad esempio. trasforma l'angolo in un Bezier smussato (altrimenti in un angolo Bezier). Per ottenere i migliori risultati. questa casella deve essere selezionata in quanto gli oggetti non saldati non possono essere unificati o smussati. Si può trattare. Questi file possono essere importati in 3D Studio MAX. le spline Bezier contengono le proprie curvature per cui non sono necessari altrettanti vertici. ad esempio. L'importatore di immagini controlla i vettori sulle spline in entrata e. Al contrario degli oggetti mesh. Se la polilinea 2D è aperta. Soglia saldatura: Determina la dimensione dell'area che i vertici devono occupare per essere saldati. I bordi tra le facce che si trovano al di sotto dell'angolo specificato vengono smussati Suddivisione arco Gradi poligono: Specifica il numero di gradi fra ciascun vertice di una curvatura importata. Occludi entità chiuse: Converte le polilinee 2D chiuse in oggetti mesh. Importazione file VRML 27 . Le polilinee 3D chiuse piane sono occluse. Nella maggioranza dei casi. Salda: Attiva la funzione di saldatura dei vertici. Se. Gradi spline: Specifica il numero di gradi tra vertici di una curvatura importata convertita in spline Bezier (una forma) in 3D Studio MAX. Unifica normali: Forza le normali di tutte le facce di ciascun oggetto a puntare nella stessa direzione (di norma verso l'esterno).

Importazione file STL I file STL vengono generalmente utilizzati per la realizzazione rapida di prototipi. Numerosi metodi supportano il formato STL per la costruzione di prototipi. I file STL possono essere importati ed esportati. Crea primitive: Converte. 3DS MAX consente di importare geometrie. come la posizione. la finestra di dialogo Importa VRML viene visualizzata con le seguenti opzioni. Gli URL Internet non sono supportati. I file VRML97 non indicano la durata di un'animazione. i nodi Parallelepipedo/Cubo. Deselezionando questa opzione. 3DS MAX inoltre importa animazioni di trasformazione di base. materiali (comprese mappe di composizione texture diffuse). Gli oggetti strumenti ausiliari non vengono creati durante l'importazione. Ad esempio. Oltre al formato STL binario esiste un formato ASCII STL. che si trova "sopra" in 3DS MAX.stl. Queste corrispondono alle animazioni di base esportate dagli esportatori VRML 1. Riferimento Quando si importa un file VRML. oppure se deve essere creata solo una parte dell'oggetto di VRML. Se l'oggetto di VRML presenta una mappa texture. VRBL e VRML 2. luci. I file STL hanno estensione . Se si importa un'animazione da un file VRML97. molte apparecchiature STL utilizzano un polimero liquido e lo solidificano in porzioni di dimensioni ridotte. Riferimento La finestra di dialogo Importazione file STL prevede le seguenti opzioni: Nome: Inserire un nome relativo all'oggetto 3D Studio creato dal file STL. Se si deseleziona questa opzione. Sono comprese inoltre animazioni di colori e luci. Y e Z di VRML vengono importate senza modifiche. 3DS MAX converte questi oggetti in oggetti mesh triangolari. Altre apparecchiature STL si servono di polvere metallica per creare modelli in acciaio. I file STL salvano dati oggetti in un formato usato per la stereolitografia. Quando si esporta una scena 3D Studio. i nodi MovieTexture e i nodi sensore.WRL. Passa alle coordinate 3DS: Ruota il world VRML importato partendo da Y. Se si deseleziona questa opzione.0 WWWInline funziona solo se l'URL fa riferimento ad un file locale residente nella stessa cartella del file.In 3DS MAX. è possibile scegliere quale formato creare. creando un modello solido in plastica. se possibile. Non vengono supportate forme di animazione e simulazione più elaborate. che si trova "sopra" in VRML. Default = 28 . verso Z. in alternativa verrà creato un oggetto mesh triangolare generico.0. Ripristina scena: Cancella ogni scena esistente con l'importazione. trasformazioni e nodi di raggruppamento creati da altri strumenti VRML. il world VRML importato viene unito alla scena di 3DS MAX. Altre apparecchiature utilizzano una cera speciale. la rotazione e la scalatura). cineprese prospettive e punti di vista.0/VRML 97. è possibile impostarne la lunghezza all'interno di MAX manualmente. Cono. tra cui i nodi Script. è possibile importare file VRML 1. Cilindro e Sfera di VRML in primitive corrispondenti di 3D Studio MAX. In 3DS MAX. Gli effetti luminosi sono in qualche modo semplificati dal modello di illuminazione VRML completo.0/VRBL e VRML97. è possibile modificare e animare questi oggetti. le coordinate X. L'opzione VRML 1.

selezionare il tipo di file Tutti i file. I bordi tra le facce che si trovano al di sotto dell'angolo specificato vengono smussati Rimuovi doppie facce: Rimuove una delle facce di una coppia nei casi in cui due facce occupino la stessa posizione. Se. utilizzare il modificatore Normale per rovesciarle. l'importazione STL si avvale di un algoritmo di saldatura ottimizzato per il formato STL. si consiglia di lasciare questa casella selezionata. 2. Opzione consigliata. La procedura risulta così trenta volte più veloce della saldatura standard di 3D Studio. al momento di eseguire il rendering della scena 3D Studio. l'importazione STL usa il metodo di saldatura standard di 3D Studio. e ASCII. Soglia saldatura: Determina la dimensione dell'area che i vertici devono occupare per essere saldati. in base all'angolo di smusso impostato dall'incrementatore di angolo smusso. Tale procedura può risultare molto lenta.0/VRBL (WRL) VRML97 (WRL) 29 . Per visualizzare più tipi di file alla volta. Nella maggioranza dei casi. 3D Studio (3DS) Esportazione scena ASCII (ASE) AutoCAD (DWG) AutoCAD (DXF) Stereolitografia (STL) VRML 1. Smusso automatico: Applica gruppi di smusso alla geometria. Per ottenere i migliori risultati. WRL (VRML 2.0). Salda: Attiva la funzione di saldatura dei vertici. le normali delle faccia puntano nella direzione sbagliata. Saldatura vertici Salda i vertici coincidenti del file STL in vertici singoli della mesh di 3D Studio.nome del file (senza estensione) oppure nome salvato all'interno del file STL. Riferimento Il campo Salva tipo di file fornisce conversioni di output nei tipi di file 3DS. >Scegliere File Esporta. questa casella deve essere selezionata in quanto gli oggetti non saldati non possono essere unificati o smussati. DXF. I vertici con distanze pari o inferiori al valore indicato vengono saldati in un singolo vertice. Unifica normali: Forza le normali di tutte le facce di ciascun oggetto a puntare nella stessa direzione (di norma verso l'esterno). Usa soglia: Se questa opzione è attiva. STL (Stereolitografia). Saldatura rapida: Se l'opzione è attivata. Scegliere un tipo di file da esportare dall'elenco di riepilogo Tipo file nella finestra del selettore file. Esporta Converte ed esporta le scene 3D Studio MAX in diversi formati. Procedimenti Per esportare un file 1. I bordi tra le facce che presentano un angolo maggiore rispetto all'angolo di smusso specificato appariranno sfaccettati nell'immagine di rendering. Il suo uso è quindi caldamente consigliato.

Le opzioni disponibili per l'esportazione dipendono dal tipo di file scelto. Nebbia. gradienti e bitmap). 4. è possibile unire gli oggetti importati alla scena corrente oppure sostituire completamente la scena corrente. il programma richiede se si intenda ripristinare la lunghezza dell'animazione della scena adeguandola alla lunghezza del file importato (nel caso il file importato contenga animazione). vengono importate le seguenti informazioni: • • • • Sfondi (solidi. 30 . scegliere le opzioni di esportazione desiderate. Quando si importa un file 3DS file. Tabella esportazione da 3D Studio MAX a AutoCAD La tabella riportata qui di seguito comprende gli oggetti e le proprietà 3D Studio VIZ e i corrispondenti oggetti AutoCAD in cui vengono convertiti al momento dell'esportazione. Se appare una seconda finestra di dialogo Esporta. Forma Cerchio Cerchio Forma Ciambella Anello polilinea Forma Ellisse Ellisse Forma Testo Testo (stile standard) Forma Spline (1 segmento diritto) Linea Forma Spline (segmenti lineari complanari) Polilinea 2D Forma Spline (non lineare o 3D) Spline Superfici 3D Mesh poliedrica Cineprese Vista con nome Luce Omnidirezionale Luce puntiforme Riflettori Spotlight Luce Direzionale Luce distante Strumento ausiliario Griglia UCS con nome Strumento ausiliario Punto Punto Importazione ed esportazione di file 3DS 3DS è il formato dei file mesh di 3D Studio Release 4. Gli oggetti 3DS MAX non elencati non vengono esportati. È possibile importare ed esportare file 3DS da 3D Studio MAX. Quando si importa un file 3DS. La trasparenza sottrattiva viene convertita in trasparenza "Filtro" 3D Studio MAX e il colore del filtro è impostato in modo da essere uguale al colore diffuso.3. Se si sceglie di unire gli oggetti alla scena corrente. Nebbia stratificata e Distance Cue. Digitare un nome nel campo Nome file. Livello luce circostante.

Luminanza.cub Trasparenza decalcomanie con il colore RGB del pixel superiore sinistro della mappa Quando si importa un file PRJ si ottengono tutti gli elementi sopra menzionati oltre ai seguenti: • Forme Quando si esporta un file 3DS. Caduta. Riflessione e Rotazione. • La maggior parte dei valori "statici" relativi alle cineprese e alle luci e le tracce di animazione relative a Rollio. Aggiustamento in entrata e Aggiustamento in uscita. Quando si esporta un file 3DS. • Parametri di giunto IK 3DS/DOS. Tali valori vengono convertiti in nuovi valori per produrre un effetto simile. RGB e Alfa operano in modo diverso in 3D Studio MAX. ecc. • Parametri e colore del materiale di base dal materiale Standard. • Dati patch 3DSurfer. I canali mappa disabilitati nel file. • Mappe singole con il loro valore. • Impostazione delle impostazioni Ogni n fotogrammi e Dimensione mappa della mappa di riflessione automatica. Canali mappa disattivati Mappe cubiche personalizzate in formato . • Cineprese destinazione. vengono esportate le seguenti informazioni: • Animazioni di posizione. • Mappe di riflessione. comprese le trasformazioni UV e le funzioni Negativo. • Mappe cubiche automatiche e riflessioni. vengono salvati anche i valori TCB. 3DS non vengono importati in 3D Studio MAX. • Tutti i canali mappa sono abilitati.• Impostazioni di caduta di trasparenza. cubiche automatiche e riflessioni. si crea una texture composita che va ad aggiungersi al canale di diffusione dei materiali standard. non vengono importate le seguenti informazioni: • • • • • Chiavi di morphing Istanze Keyframer. scalatura. non vengono esportate le seguenti informazioni: 31 . Se il controller è di tipo TCB. • Quando si importano materiali con texture 1 e texture 2. Se il controller non è un controller chiave. rotazione e scalatura. Quando si importa un file 3DS file. Se il controller è qualsiasi altro tipo di controller chiave. le chiavi vengono salvate ma le informazioni relative alla tangente vanno perdute. Alcuni parametri di mappa quali Movimento. • Traslazione SXP per i materiali Marmo e Disturbo. • Tutti i parametri di mappa. riflettori destinazione e luci omnidirezionali. viene salvata soltanto la trasformazione dell'oggetto nel fotogramma 0. Spot e FOV. • Le bitmap maschera vengono importate come mappe di composizione maschera 3D Studio MAX. offset.

in modo da produrre molto testo. • Parametri ombra globali. avviene quanto segue: • Tutte le geometrie non mesh quali le primitive e i patch procedurali vengono compressi in mesh prima di essere esportati. Se si desidera emettere destinazioni di morphing. Trasforma chiavi animazione: Include i dati di trasformazione animazione degli 32 . Problemi di 3D Studio relativi all'importazione di Salva selezione 3D Studio MAX Release 1 presenta un inconveniente noto per cui i file 3DS creati da 3D Studio Release 4 per mezzo del metodo Salva selezione non vengono importati correttamente. • Le mesh vengono salvate con informazioni di visualizzazione bordi e gruppi di smusso. Materiali: Include la descrizione dei materiali. comprese le informazioni sul vertice e la faccia relative ad oggetti geometrici. I gruppi possono essere esportati nel Keyframer perché esso comprende le gerarchie. Per aggirare il problema. Riferimento Quando si esporta su ASCII. Se un materiale non viene assegnato ad un oggetto.ASE). compressa ed esportata come mesh semplice. 3D Editor infatti non contempla l'esistenza di gerarchie di gruppi. ricaricare il file creato in 3D Studio MAX per mezzo di Salva selezione e creare un nuovo file per mezzo del comando Salva. • Nel fotogramma corrente l'animazione di modificatori e di morphing viene congelata. Vengono inclusi tutti i livelli di un albero materiali. • Gli oggetti vengono esportati nella forma visualizzata sul fotogramma di 3D Studio MAX al momento dell'esportazione. il file esportato è una rappresentazione ASCII della scena dell'utente. • Le trasformazioni di oggetti raggruppati. l'attivazione di questa opzione abilita gli oggetti dell'area Opzioni mesh descritti di seguito. • Le coordinate di mappatura UV. il suo colore di wireframe viene esportato. portarsi su ciascun fotogramma ed esportare la destinazione con un nome file diverso.• Le mappe composite e procedurali. Definizione mesh: Esporta la definizione di ciascuna mesh. Una finestra di dialogo consente di specificare quali componenti di scena vengono inclusi e come vengono realizzati. Esportazione in ASCII Quando si sceglie di salvare come tipo ASE (*. Inoltre. Quando si esporta un file 3DS. • Le istanze di 3D Studio MAX vengono salvate come istanze di Keyframer. Quindi importare questo file in 3D Studio MAX. la finestra di dialogo propone le seguenti opzioni: Opzioni di output Fornisce caselle di controllo per specificare quali opzioni generali vengono incluse nel file ASCII. Ciò risulta utile se si sta utilizzando un programma che richiede di analizzare il file ASCII.

ad es. Fotogrammi per campione Controller: Specifica la frequenza. Mesh animate: Esporta una definizione completa della mesh ogni n fotogrammi. Tipi oggetto Questi elementi consentono di specificare quale categoria di oggetti si desidera che venga inclusa nell'output. luci ed oggetti strumenti ausiliari. L'attivazione di questa opzione dar luogo ad un file molto grande. anche nel caso di scene ridotte. con cui campionare i valori del controller per l'esportazione. esso includerà i dati di animazione destinazione. Opzioni mesh Questi elementi sono abilitati solo quando Definizione mesh nell'area Opzioni output è spuntata.oggetti. È possibile includere oggetti geometrici. Normali mesh: Esporta le normali faccia e vertice. La normale della faccia è elencata per prima. di seguito. il colore. La selezione di questa opzione dà luogo ad un file molto più grande. Output controller Usa chiavi: Esporta valori chiave. indipendentemente dal fatto che si producano dati di animazione controller. La frequenza viene specificata dall'incrementatore del Controller di output descritto in seguito. Precisione Decimali: Consente di specificare il grado di precisione (il numero di cifre dopo i decimali) dei valori esportati sul file ASCII. Se il controller non utilizza chiavi viene adottato il metodo della forza campione. Colori vertice: Esporta i colori del vertice. Output statico N. l'opzione Usa chiavi funziona soltanto se tutti i controller di trasformazione sono Lineari/TCB o Bezier. seguita dalle normali dei tre vertici che supportano la faccia. Se una delle tracce di trasformazione usa un diverso tipo di controller. fotogr. cineprese. Nel caso di controller di trasformazione. Se un oggetto usa mappatura di faccia. Se l'oggetto è una cinepresa o un riflettore destinazione. Giunti cinematica inversa: Esporta le impostazioni dei giunti IK nel ramo Gerarchia. secondo le strutture di TVert e TVFace descritte in SDK (Software Developer's Kit) di 3DS MAX. la caduta. Forza campione: Campiona i valori del controller in base alla frequenza specificata nel Controller fotogrammi per campione. descritte in seguito. Ciascun blocco contiene le stesse informazioni specificate nell'area Opzioni mesh. 33 . Impostazione cinepresa/luce animate: Esporta i dati di animazione per le cineprese e le luci. ecc. viene adottato il metodo della Forza campione per tutte le tracce di trasformazione. viene esportato un elenco di mappe faccia contenente le coordinate UVW di ciascuna faccia. in fotogrammi. Coordinate di mappatura: Esporta un elenco di vertici e facce di mappatura. il bias mappa. l'intensità.: Consente di specificare quale fotogramma dell'animazione verrà per l'esportazione di tutti i dati statici. forme. come specificato dall'incrementatore Output controller. Produce un blocco ogni n fotogrammi.

Dato che AutoCAD non supporta le animazioni. è possibile convertire gli oggetti 3D Studio MAX in oggetti AutoCAD. Agli oggetti viene assegnato un colore Per oggetto. si ottengono tre layer AutoCAD chiamati Palla. Il nome del layer è MAXCOLOR# dove # è l'indicazione di AutoCAD Color Index che corrisponde al colore oggetto di 3D Studio MAX. Converti gruppi in Layer: Posiziona tutti gli oggetti all'interno di un gruppo nello stesso layer. I riferimenti sono sempre esportati come oggetti separati. Ogni blocco viene posizionato su un layer in base all'opzione Derivazione layer da. Palla01 e Palla02. Layer: Posiziona tutti gli oggetti di 3D Studio MAX sullo stesso layer. Il nome del layer corrisponde al nome file di 3D Studio MAX mentre il suo colore è 0. Esportazione in DWG AutoCAD Quando si esporta in un file di disegno AutoCAD Release 13 o R14. a seconda della selezione. se si esportano tre oggetti chiamati Palla. Ad esempio. in fotogrammi. Agli oggetti viene assegnato il colore Per oggetto.Oggetti animati: Specifica la frequenza. tutti gli oggetti rossi di 3D Studio MAX vengono posizionati nel layer MAXCOLOR1. Agli oggetti viene assegnato il colore Per layer. Converti istanze in blocchi: Converte le istanze in blocchi AutoCAD. Gli oggetti vengono posizionati sui layer in base all'opzione Derivazione layer da. La scelta di Converti gruppi in layer ignora l'opzione Derivazione layer da per gli oggetti di un gruppo. gli oggetti vengono esportati in modalità statica definita dal tempo corrente impostato dal cursore temporale. Quando due o più oggetti di 3D Studio MAX utilizzano lo stesso nome. Il nome del layer corrisponde al nome oggetto di 3D Studio MAX. con lo stesso nome del gruppo di 3D Studio MAX. ogni istanza viene convertita in un oggetto separato AutoCAD. Ad esempio. salva i file in formato file AutoCAD Release 13 anziché Release 14. Opzioni generali Salva in formato file R13: Se impostata. I gruppi AutoCAD sono simili ai set di selezione con nome di 3D Studio MAX. 34 . i layer vengono numerati in sequenza. Agli oggetti viene assegnato il colore Per layer. Vedere anche Tabella esportazione da 3D Studio MAX a AutoCAD Riferimento Derivazione layer da Ogni oggetto di 3D Studio MAX viene posizionato su un layer AutoCAD. La definizione dei blocchi utilizza lo stesso nome della prima istanza convertita. I layer e i colori oggetto AutoCAD utilizzano la corrispondenza colore AutoCAD più vicina al colore oggetto di 3D Studio MAX. con cui produrre impostazioni di animazione e definizioni mesh. Oggetto: Posiziona ogni oggetto di 3D Studio MAX sul layer appropriato. Gruppi: Posiziona tutti gli oggetti di un gruppo nello stesso gruppo AutoCAD. Colore: Posiziona ogni oggetto di 3D Studio MAX utilizzando lo stesso colore sullo stesso layer. Se la casella è deselezionata.

3. Numerosi metodi supportano il formato STL per la costruzione di prototipi.DWG) nell'elenco Tipo file. Un oggetto STL deve definire una superficie completa e chiusa. Procedimenti Per esportare un file DWG 1. creando un modello solido in plastica. I file STL hanno estensione . Per materiale: Ciascun oggetto con materiale esclusivo viene convertito in un layer distinto. 4. Altre apparecchiature utilizzano una cera speciale. Nota: DXF ha lo stesso formato per i disegni AutoCAD Release 13 e Release 14. esporta solo gli oggetti correntemente selezionati. l'esportazione riguarda tutta la geometria della scena.stl. Specificare il nome del file da esportare. 35 . Esporta solo oggetti selezionati: Se selezionato. Oltre al formato STL binario esiste un formato ASCII STL. Ignora occlusione di estrusione: Se selezionato. I file STL vengono generalmente utilizzati per la realizzazione rapida di prototipi. molte apparecchiature STL utilizzano un polimero liquido e lo solidificano in porzioni di dimensioni ridotte. Altre apparecchiature STL si servono di polvere metallica per creare modelli in acciaio. Scegliere File > Esporta. esporta le forme con i modificatori Estrudi come entità 2D AutoCAD con proprietà di altezza e ignora lo stato dei parametri Occludi inizio e Occludi fine. Se l'opzione è deselezionata. I file STL possono essere importati ed esportati. le forme con modificatori Estrudi per le quali sono selezionate le caselle Occludi inizio e Occludi fine vengono esportate come mesh 3D poliedriche. Se l'opzione è deselezionata. Esportazione in STL I file STL salvano dati oggetti in un formato usato per la stereolitografia. Esportazione in DXF I file DXF vengono utilizzati per importare e esportare oggetti verso e da AutoCAD (e altri programmi che supportano questo formato di file). Cerchi. Layer: Tutti gli oggetti vengono esportati come layer singolo. anelli e tracce AutoCAD con proprietà di altezza. gli oggetti nascosti non vengono esportati. È possibile verificare se la figura geometrica (geometria) desiderata soddisfa questo criterio avvalendosi del modificatore Controllo STL. Quando si esporta una scena 3D Studio. è possibile scegliere quale formato creare. Impostare le opzioni della finestra di dialogo Esporta. Ad esempio. Riferimento Le opzioni della finestra di dialogo Esportazione file DXF sono le seguenti: Salvataggio in layer Per oggetto: Ciascun oggetto con nome esclusivo viene convertito in un layer distinto. 2. Scegliere AutoCAD (*.Salta oggetti nascosti: Esporta gli oggetti nascosti. ciambelle e rettangoli estrusi vengono esportati come cerchi. Se la casella è deselezionata.

cioè linguaggio del comportamento della realtà virtuale. Binario/ASCII: Scegliere se l'output STL dovrà contenere dati binari o ASCII (carattere). Se non vi sono cineprese nella scena. per consentire a chi osserva la scena di passare da una cinepresa all'altra. in modo da consentire il controllo del rendering iniziale delle scene stesse. Se consentito dal browser VRML. Per default.Riferimento La finestra Esporta contiene le seguenti opzioni: Nome oggetto: Inserire il nome dell'oggetto da salvare in formato STL. È supportata la definizione di inneschi e animazioni aggiuntivi.) La finestra di dialogo di esportazione disattiva un'opzione (visualizzazione in grigio) se non disponibile per un tipo di VRML specifico. (La sigla VRBL significa Virtual Reality Behavior Language.0. essa viene visualizzata con un punto di vista di default (che a volte fornisce solo una vista parziale). può determinare un sovraccarico del sistema e rendere difficile la navigazione a causa dei fotogrammi tralasciati. Selezionare questa casella per visualizzare la corretta ombreggiatura nel caso di esportazione di geometrie che 36 . selezionare VRML 1. Normali: Genera normali reali per gli oggetti. Alcuni browser si avvalgono di normali per l'esecuzione di una smussatura appropriata. Mostra barra di progressione Consente di visualizzare una barra di progressione mentre la scena viene esportata. si aumentano le dimensioni del file VRML generato dal procedimento di esportazione. Questa operazione consente assegnare alla scena dei punti di vantaggio preimpostati ed evita di lasciare libero l'utente in un ambiente che. Alcuni browser animano anche gli spostamenti della cinepresa per consentire alle cineprese supplementari di visualizzare la scena in modo più piacevole. Solo selezione: Esporta solo oggetti selezionati nella scena 3D Studio. I file STL ASCII sono molto più grandi dei file STL binari.0/VRBL Le scene di 3DS MAX possono essere esportate in file di formato VRML 1. In caso contrario. la barra di progressione non viene visualizzata. Genera Selezionando una delle seguenti sei opzioni. La finestra di dialogo di esportazione di VRML contiene le seguenti opzioni: Linguaggio di output Selezionare VRBL se si sta eseguendo l'esportazione per Kinetix Hyperwire. Esportazione in VRML 1. Suggerimento: Tutte le scene devono contenere almeno una cinepresa. se molto grande. Esporta oggetti nascosti Consente di esportare oggetti nascosti. si consiglia di aggiungere più cineprese alla scena rispetto al numero comunemente utilizzato.0/VRBL. Vista iniziale Imposta la cinepresa iniziale della scena e controlla gli elementi che appaiono per primi nel browser. Per default gli oggetti nascosti non vengono esportati.

ai danni di file VRBL molto più grandi. Forme morphing per secondo Se è abilitata l'opzione per generare forme di morphing (solo VRBL). Tuttavia. Questa opzione è selezionata di default. Il valore consigliato è 3.wrl diventa molto più grande. il file . Se si esporta VRBL in particolare per il programma Kinetix Hyperwire. è possibile deselezionare questa casella. Questa opzione è selezionata di default.000 unità di distanza dal centro della scena. Fare attenzione al fatto che. se si desidera conoscere con maggiore precisione quanti poligoni sono presenti nella scena. deselezionare questa casella per esportare le primitive di 3DS MAX. Questa opzione non produce nessun effetto nella generazione di VRML 1. le dimensioni del file vengono ridotte. Questa opzione è deselezionata di default. questi pulsanti specificano come vengono determinati i colori di vertice esportati. Questa opzione è selezionata di default. Il valore di default di 4 decimali in genere è sufficiente. Valori maggiori determinano transizioni più regolari. Forme morphing: (solo VRBL) Esporta informazioni di morphing di VRBL. Cifre di precisione Imposta il numero di punti decimali utilizzati per il calcolo delle dimensioni. Campi: Supporta le estensioni a VRML nel codice sorgente. Calcola su esportazione: I colori di vertice vengono ricalcolati dal modello di base di illuminazione di 3D Studio MAX. È necessario impostare un numero maggiore di 4 solo se alcune porzioni del proprio world sono state create a 10. Se si imposta il valore su 3 decimali. generando normali. una sfera è descritta mediante il suo raggio). Rientro: Consente di far rientrare in modo visibile il codice sorgente VRML per facilitarne la lettura. questo incrementatore indica il numero di forme di morphing distinte che vengono esportate per ogni oggetto sottoposto a morphing. in quanto tali primitive sono descritte in maniera molto semplice (ad esempio. Questa opzione è selezionata di default. viene attivato l'incrementatore Forme morphing per secondo (descritto più avanti). Il valore consigliato è 3. Colore per vertice: Esporta i colori di vertice effettivi di ogni geometria che presenti colori per ogni vertice.0. Si applica agli oggetti geometrici con vertici individuali animati. Questa opzione è deselezionata di default. Se i colori sono stati stabiliti da un renderizzatore di radiosità. Il valore di default è 3 forme per secondo di animazione. Questa opzione è selezionata di default. Questa opzione è deselezionata di default. Questa operazione riduce la dimensione del file. Sorgente Colore vertice Se è abilitata l'opzione Colore per vertice. Primitive: Esporta le primitive di VRML. Valutare se il risultato ottenuto con questa impostazione corrisponde alle proprie aspettative. Se la casella è selezionata. le quali forniscono una faccia indicizzata per ogni oggetto. vengono attivati i pulsanti del gruppo sorgente Colore per vertice (descritti più avanti). Valutare se il risultato ottenuto con questa impostazione corrisponde alle proprie aspettative. utilizzare questa scelta.utilizzano gruppi di smusso di MAX. Usa Max: Vengono utilizzati i colori di vertice già in uso in 3D Studio MAX. Se la casella è selezionata. Prefisso URL bitmap Questa casella consente di specificare un prefisso URL per le bitmap assegnate agli 37 .

quando apre un file VRML a cui è stata assegnata una mappa di composizione. Per vedere quanti poligoni sono presenti nella scena. Usa prefisso: Attiva il meccanismo del prefisso. Per default questa opzione non è selezionata. Selezionare Esporta dal menu File e quindi VRML 1. in quanto tali primitive sono descritte in maniera molto semplice (ad esempio. • Colore per vertice: Esporta i colori di vertice della geometria. Se selezionata. 3. Occorre tenere tutte le bitmap di composizione nella stessa directory del file .0/VRBL (. una sfera è descritta mediante il suo raggio).0/VRBL. Il nome può essere un indirizzo URL completo (che inizia con HTTP). Se la casella è deselezionata le mappe di immagine devono trovarsi nella stessa ubicazione del file . Prefisso: Aggiunge il prefisso inserito in questo punto ai nomi di tutte le bitmap assegnate. Se si desidera utilizzare in più di una ubicazione le mappe memorizzate. oppure un percorso relativo (una sottodirectory dell'ubicazione del file VRML).wrl.wrl esportato e modificarne l'ubicazione. il browser ricercherà la sottodirectory "Maps". Ad esempio. Utilizzare barre oblique in avanti (non le barre inverse) per inserire percorsi di maggiore lunghezza. questa operazione riduce la dimensione del file. rotazione e 38 . è possibile specificare in questo punto l'altra ubicazione. deselezionare questa casella per esportare le primitive di 3D Studio MAX con una faccia indicizzata impostata per ogni oggetto. Selezionare questa casella per visualizzare la corretta ombreggiatura nel caso di esportazione di geometrie che utilizzano gruppi di smusso di 3D Studio MAX. 3DS MAX visualizza la finestra di dialogo di esportazione VRML 1. Se non si desidera tenerle nella stessa directory del file . Ad esempio. se si inserisce "Maps" come prefisso.wrl) come formato di file. Per default questa opzione è selezionata. Esportazione in VRML97 La finestra di dialogo di esportazione di VRML97 contiene le seguenti opzioni: Genera Selezionando una di queste opzioni si aumentano le dimensioni del file VRML97 generato dal procedimento di esportazione. Immettere un nome di file e fare clic su Salva. Normali: Genera normali reali per gli oggetti. • Rientro: Consente di far rientrare in modo visibile il codice sorgente VRML97 per facilitarne la lettura. Regolare l'impostazione a piacere e fare clic su OK. Maps" deve essere una directory posta direttamente al di sotto della directory in cui risiede il file VRML. si dovrà ricercarle manualmente nel file . "3dsmax/maps".wrl o in un'altra ubicazione.oggetti della scena.wrl. • Interpolatori coordinate: Consente di esportare non solo posizione. 2.0/VRBL 1. Per default questa opzione è selezionata. la sorgente Colore per vertice consente di scegliere la sorgente del colore di vertice. Alcuni browser si avvalgono di normali per l'esecuzione di una smussatura appropriata. Procedimenti Per esportare in VRML 1. Primitive: Esporta le primitive di VRML97.

il loro movimento non può essere esportato senza l'ausilio dell'opzione Interpolatori coordinate. tempi di inizio/fine e numero di fotogrammi. Per default gli oggetti nascosti non vengono esportati. • Flip-Book: Esporta la scena in file multipli. Tipo poligoni Determina il modo in cui le facce geometriche vengono scritte come nodi IndexedFaceSet VRML97. Qualsiasi animazione ottenuta mediante l'elenco modificatori o i parametri oggetto necessita di Interpolatori coordinate. quando la mesh che viene animata cambia dimensione tra un fotogramma e l'altro. Un esempio di movimento di animazione che richiede la funzione Interpolatori coordinate è una figura fissa composta di semplici parallelepipedi con segmenti di ossatura e modificatore Linked XForm di MAX come scheletro. Certi tipi di animazioni non sono possibili con Interpolatori coordinate. in quanto tale movimento non deriva da semplici trasformazioni. Questo consente di impostare la scena con punti di vantaggio preinstallati. Se non vi sono cineprese nella scena. in quanto il filtro esportatore deve calcolare la posizione di ciascun vertice per questo tipo di animazione. Piega e Torsione oltre agli space warp. se si sceglie un file per ogni fotogramma di animazione e se si hanno 5 fotogrammi. Tra gli esempi sono da annoverare i modificatori Rastrema. 3D Studio MAX avvisa l'utente se rileva un'esportazione di questo tipo di animazione. Questo include modificatori Xform animati. Un esempio è dato dall'animazione del numero dei segmenti di una sfera. 3D Studio MAX esegue l'esportazione di: Test. contenente informazioni generali.txt. Tutte le scene devono contenere almeno una cinepresa. Bordi visibili interrompe le facce nei bordi interni contrassegnati come visibili. Triangoli scrive solo facce triangolari. in modo da consentire il controllo del rendering iniziale delle scene stesse. ad esempio.wrl includa istantanee dell'animazione nei fotogrammi da 0 a 4.wrl. Poligoni scrive facce con il numero massimo di bordi. Il nome del file che viene specificato diventa la base per la sequenza di file. se il world è molto grande. Alcuni browser animano 39 .wrl. Anche se tali parallelepipedi si spostano nello spazio senza eseguire alcun morphing visibile. Se le animazioni non vengono esportate correttamente. Esporta oggetti nascosti: Consente di esportare gli oggetti nascosti. si può verificare un sovraccarico del sistema visivo di chi osserva a cui corrisponde una più difficile navigazione. Vista iniziale Imposta la cinepresa iniziale della scena e controlla gli elementi che appaiono per primi nel browser. In caso contrario. eseguire l'esportazione con questa opzione selezionata. si consiglia di aggiungere più cineprese alla scena rispetto al numero comunemente utilizzato. essa viene visualizzata con un punto di vista di default (che a volte fornisce solo una vista parziale). per consentire a chi osserva la scena di passare da una cinepresa all'altra. se il nome del file specificato è test. La velocità campione viene impostata nella sezione Flip-Book della finestra di dialogo Velocità campione animazione.scala. ma gli effetti di animazione che riguardano le modifiche effettive degli oggetti mesh. Test0. Quadrati scrive facce a quattro lati dove possibile (altrimenti a tre lati). nonostante test4. Se consentito dal browser VRML97. Ad esempio. Questa opzione può generare file molto grandi.

Se la casella è deselezionata le mappe di immagine devono trovarsi nella stessa ubicazione del file . le dimensioni del file vengono ridotte. Ad esempio.anche gli spostamenti della cinepresa per consentire alle cineprese supplementari di visualizzare la scene in modo più piacevole.wrl o in un'altra ubicazione che verrà specificata in questo punto. Il nome può essere un indirizzo URL completo (che inizia con HTTP) oppure un percorso relativo (una sottodirectory dell'ubicazione del file VRML97). se si inserisce "Maps" come prefisso. nonché le velocità di output Flip-Book. Se le mappe vengono memorizzate in un'altra ubicazione. Nebbia iniziale: Specifica l'oggetto strumento ausiliario Fog da utilizzare quando il world viene caricato nel browser. Info navigazione iniziale: Specifica l'oggetto strumento ausiliario NavigationInfo da utilizzare quando il world viene caricato nel browser. • Usa MAX: Esporta il colore di vertice corrente dell'oggetto definito nella scena. Velocità campione: Visualizza una finestra di dialogo che consente di specificare le velocità campione per animazioni basate su controller e con interpolazione delle coordinate. quando apre un file VRML97 a cui è stata assegnata una mappa di composizione. Non tutti i browser visualizzano i messaggi di errore nel caso in cui le mappe non vengano trovate sul server WWW. Ad esempio. si dovrà eseguire una ricerca manuale della mappa nel file . Occorre tenere tutte le bitmap di composizione nella stessa directory del file. Sfondo iniziale: Specifica l'oggetto strumento ausiliario Background da utilizzare quando il world viene caricato nel browser. "3DSMAX/maps". Origine colore vertice Permette di scegliere la sorgente del colore di vertice quando Colore per vertice è selezionato.wrl e cambiare la sua posizione. Cifre di precisione Imposta il numero di punti decimali utilizzati per il calcolo delle dimensioni.wrl. Maps" deve essere una directory posta direttamente al di sotto della directory in cui risiede il file VRML97. Se si imposta il valore su 3 decimali. Utilizzare barre oblique in avanti (non le barre inverse) per inserire percorsi di maggiore lunghezza. È necessario aumentare il numero di 4 decimali solo se alcune porzioni del proprio world sono state create a 100000 unità di distanza dal centro della scena. Il valore di default di 4 decimali in genere è sufficiente. • Usa prefisso: Attiva il meccanismo del prefisso. il browser ricercherà la sottodirectory "Maps". Mostra barra di progressione Consente di visualizzare una barra di progressione mentre la scena viene esportata. • Prefisso: Aggiunge il prefisso inserito in questo punto ai nomi di tutte le bitmap assegnate. • Calcola su esportazione: Calcola il colore diffuso ai vertici durante l'esportazione in base all'illuminazione corrente e ai materiali degli oggetti. Prefisso URL bitmap Questa casella consente di specificare un prefisso URL per le bitmap assegnate agli oggetti della scena. L'impostazione della velocità campione consente di ottenere un giusto equilibrio tra fedeltà di animazione e 40 .

controlla che l'oggetto di 3D Studio MAX sia corretto per l'esportazione in un file STL e per l'utilizzo del file STL ai fini della creazione di un modello reale. Bordo multiplo: Controlla la presenza di facce che condividono più di un bordo. Se vengono trovate facce Bordo multiplo. Seleziona bordi: Ad opzione attivata. Gli errori risultano così facilmente visibili nelle finestre di visualizzazione. Questa opzione è consigliata. il Controllo STL contrassegna le facce errate assegnando loro un ID di materiale esclusivo. Selezionare VRML97 (. Se l'opzione Seleziona bordi è disattivata. Grazie ai valori di default è possibile ottenere ottimi risultati nella maggioranza dei casi. Se ne vengono trovati. Per la massima precisione di animazione. 2. Controllo STL non seleziona nessun elemento degli oggetti trovati con errori. Utilizzando Controllo STL per provare la geometria prima di esportarla consente di risparmiare tempo e denaro quando si deve creare il modello fisico. 3. Avvalersi dell'incrementatore per scegliere il valore dell'ID di materiale utilizzato da Controllo STL. Riferimento La tendina Parametri contiene i seguenti comandi: Bordo aperto: Controlla se vi siano bordi aperti (fori) nell'oggetto. 4. Faccia doppia: Controlla la presenza di facce che condividono lo stesso spazio 3D. Nella finestra di dialogo di esportazione VRML97. Tutto: Controlla tutti gli elementi di cui sopra. disponibile nel pannello Modifica. versione e copyright. Scegliere File > Esporta. Punta: Controlla la presenza di punte nel modello. Cambia ID materiale: Se attivato (default). Le punte sono facce isolate che condividono un solo bordo con l'oggetto. Non selezionare: Ad opzione attivata.WRL) come formato di file. Se ne vengono trovate. Se ne vengono trovate. ad esempio. impostare le opzioni come sopra descritto.dimensioni del file. Controllo STL evidenzia i bordi delle facce in errore selezionandoli. Non ha effetto sull'aspetto visivo o sul comportamento del world. Controllo STL contrassegna le facce circostanti. Controllo STL le evidenzia. il file STL deve definire l'oggetto come superficie completa e chiusa. Info su World: Consente di inserire le informazioni relative al world. Seleziona facce: Ad opzione attivata. Controllo STL le evidenzia. i dati inseriti nel campo Titolo nella barra del titolo della finestra del browser stesso. Alcuni browser possono visualizzare. Controllo STL evidenzia le facce di un oggetto in errore selezionandole. Procedimenti 1. Immettere un nome di file e fare clic su Salva. Il campo Info può essere utilizzato per fornire informazioni su autore. Controllo STL le evidenzia. ma occorre ricordare che la ricerca di tutti gli errori potenziali STL può richiedere molto tempo. è possibile visualizzare le facce in errore applicando un modificatore 41 . Modificatore Controllo STL Questo modificatore. Per creare un modello reale (fisico). utilizzare un numero inferiore (una velocità campione superiore).

Controllo STL li evidenzia selezionando la parte della geometria in errore. Il file di archivio contiene la scena e tutte le bitmap usate per essa. 3. 2. assegnando ad essa un ID materiale esclusivo o entrambe le opzioni. Se non vengono rilevati errori. Per creare un file di archivio. Riferimento Per creare un file di testo. Scegliere File > Preferenze. può trascorrere un po' di tempo tra il momento in cui si seleziona Controllo e il momento in cui appare un messaggio nell'area Stato. 3D Studio MAX ritrova automaticamente i file della scena e crea il file di archivio nella cartella degli eseguibili di 3D Studio MAX. Digitare un nome nel campo Nome file. Per impostare il programma di archiviazione 1. 3D Studio MAX visualizza una finestra di registro. Procedimenti Per controllare la compatibilità STL di un oggetto 1. A seconda del numero di facce dell'oggetto. Attivare la casella di controllo Controllo. scegliere Archivio 3D Studio MAX nell'elenco Salva come tipo. Archivia Crea un archivio compresso di file o di file di testo con l'elenco delle bitmap di scena e dei loro nomi di accesso. Selezionare l'oggetto. Controllo: Selezionare la casella per applicare il modificatore Controllo STL. Il programma di archivio desiderato va specificato nel pannello File della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. I file di archivio compressi vengono creati utilizzando un programma esterno. Va inclusa anche l'estensione del file (per esempio .zip). 3. Per visualizzare gli errori è inoltre possibile assegnare all'oggetto un materiale Multi/sub-oggetto. Scegliere un tipo di file: Archivio 3D Studio MAX o Elenco di file. Se la casella Controllo è deselezionata. Se vengono rilevati degli errori. Scegliere File > Archivia. Stato: Area che visualizza il risultato dell'applicazione dell'algoritmo di Controllo STL. il messaggio visualizza il numero di facce errate. Applicare il modificatore Controllo STL. scegliere Elenco di file (*.Modifica mesh e operando la selezione per ID materiale al livello sub-oggetto Faccia. il messaggio riporta "Nessun errore". 42 . Se gli errori vengono rilevati. Durante il processo di archiviazione.txt) nell'elenco Salva come tipo. comprese le bitmap Video Post. L'area Stato indica se sono stati rilevati degli errori. 2. Il file che si ottiene è un elenco ASCII di file di scena. Procedimenti Per archiviare un file 1. il messaggio riporta "Controllo disattivato".

Riferimento Se si seleziona un file di animazione (AVI o FLC o QuickTime) 3D Studio MAX avvia il Lettore multimediale di Windows consentendo all'utente di riprodurre il file in questione. Il programma Lettore multimediale contiene il proprio sistema di Guida. Mostra dettagli: Mostra le informazioni su tutte le classi supportate da ciascun plug-in. Riepilogo informazioni Visualizza le statistiche riguardanti la scena corrente. Fare clic sulla scheda File per visualizzare il pannello omonimo. Un'immagine fissa appare in una finestra flottante contenente gli stessi comandi della finestra Output rendering (buffer di fotogramma virtuale). la visualizzazione indica il nome e una breve descrizione di ciascun plug-in. Mostra solo utilizzati: Restringe la visualizzazione ai soli plug-in utilizzati nella scena.2. Procedimenti Per visualizzare il Riepilogo informazioni per la scena • Scegliere File > Riepilogo informazioni. Visualizza file Consente di selezionare e visualizzare un'immagine fissa o un file di animazione. Informazioni plug-in: Visualizza una finestra di dialogo secondaria contenente i plug-in utilizzati nella scena. il nome di materiale assegnato. Nel campo Programma.ifl nella finestra di dialogo. il conteggio dei vertici e delle facce dell'oggetto.txt). Memoria utilizzata: Memoria fisica e virtuale utilizzata e disponibile. 3. ecc. Se si seleziona un file . Le mappe di Video Post non sono comprese. I bitmap utilizzati dai materiali sono elencati con i materiali. Riferimento Riepilogo informazioni comprende quanto segue: Totali scena: Numero di oggetti della scena elencati per tipo. il tasto Info visualizza il file ASCII IFL 43 . Descrizione: Consente di inserire appunti relativi alla scena. Rendering: Tempo utilizzato per effettuare il rendering dell'ultimo fotogramma. Per default. I pulsanti situati nella parte inferiore della finestra di dialogo corrispondono alle seguenti funzioni: Salva su file: Salva il contenuto della finestra di dialogo in un file di testo (. il nome del file eseguibile e le opzioni della riga di comando desiderate per il programma di archiviazione esterno. Le informazioni vengono ordinate per categoria e comprendono il nome dell'oggetto. I materiali vengono elencati in fondo all'elenco. animazione e video post. Le mappe ambientali e atmosferiche sono elencate a parte. e qualsiasi altra mappa assegnata da plug-in di terze parti. immettere l'intero percorso. quali Scosta mappe. il tipo di materiale. Riepilogo informazioni: Elenca i materiali presenti nella scena. La categoria Altre mappe elenca tutte le altre mappe utilizzate nella scena. Totali mesh: Numero totale dei vertici e delle facce nella scena.

questi pulsanti avviano il Lettore multimediale.): Il rapporto dimensioni del pixel. verde e blu in qualsiasi combinazione o in monocromia. in base alla stessa formula utilizzata dai canali di mappa dei materiali monocromatici come le mappe di rugosità e di opacità.nel Blocco note di Windows. È possibile lasciare la finestra di dialogo Selettore colore mentre si fa clic con il pulsante destro del mouse sopra l'immagine. Mantenere premuto il pulsante destro del mouse per visualizzare le informazioni relative al pixel sotto al puntatore del mouse. Blu: Il valore della componente di blu (0 e la percentuale di blu. Alfa: Il valore della componente alfa (0. Altezza: L'altezza dell'immagine in pixel.-255) Mono: Il valore monocromatico del pixel. fare clic destro con il mouse sull'immagine mentre è visualizzata la finestra di dialogo Visualizza file. si può utilizzare il suo terzo tasto/rotellina per attivare lo zoom ed eseguire panoramiche. Se si dispone di un Microsoft Intellimouse. Il riquadro colore memorizza il valore di colore dell'ultimo pixel su cui si è fatto clic. 24 bit (RGB). Ad esempio. oppure Immagine con tavolozza (256 colori). Visualizzare i canali rosso. o file IFL. Per i file di animazione quali AVI. Tipo: Il tipo di immagine in base alla profondità del colore. Mantenere premuto CTRL e fare clic sull'uno o sull'altro pulsante per passare direttamente al primo o all'ultimo fotogramma di scena della sequenza. Quando la finestra di dialogo Visualizza file visualizza un bitmap inferiore a 382x267 pixel. Verde: Il valore della componente di verde (0 e la percentuale di verde. Rosso: Il valore della componente di rosso (0 e la percentuale di rosso. lo sfondo pieno è grigio anziché nero. 44 . dim. Menu del pulsante destro del mouse Per leggere il valore colore/alfa e la posizione delle coordinate di qualsiasi pixel nell'immagine.rla). Gamma: Il valore gamma del file bitmap. Dati pixel opzionali Se l'immagine contiene informazioni supplementari. anche se si sta renderizzando una scena. I valori sono sempre negativi perché la cinepresa scorre verso il basso l'asse negativo del sistema di coordinate. Vengono visualizzate le seguenti informazioni: Larghezza: La larghezza del mouse in pixel. Canali alfa Specifica i canali RGB da visualizzare per l'immagine. Il valore è espresso in unità globali che rappresentano la distanza fra la cinepresa e il pixel dell'oggetto.jpg). Passi fotogramma (frecce) Per i file numerati in sequenza (quali ad esempio image0005.: Visualizza il numero di identificazione del materiale assegnato al pixel. vengono visualizzati il file successivo e il file precedente della sequenza. È possibile attivare lo zoom avanti e indietro ed eseguire una panoramica sull'immagine. Effetto mat. È possibile trascinare e rilasciare il riquadro colore su un altro riquadro colore di 3DS MAX oppure è possibile fare clic sul riquadro colore per visualizzare la finestra Selettore colore per ottenere maggiori dettagli. Aspetto (rapp. (come quelle salvate in un file .il menu relativo al pulsante destro del mouse visualizza anche i seguenti dati: Z: Visualizza la profondità Z.

In tal modo. Procedimenti Per uscire da 3D Studio MAX 45 . Copertura Z: Il valore della copertura Z. Rosso reale: Visualizza il valore di rosso "reale" dato dal Renderizzatore. Il Renderizzatore utilizza un intervallo a virgola mobile di 0-1 per rappresentare l'intervallo di ciascun canale di colore. Per utilizzare Microsoft Intellimouse per effettuare zoom e iche • Far scorrere la rotellina per effettuare zoom in avanti o indietro. Verde reale: Il valore di verde non codificato.rla impostato per renderizzare valori RGB non codificati. Esci Consente di uscire da 3D Studio MAX. Selezionare il file da visualizzare. Procedimenti Per visualizzare un file 1. viene richiesto se si intende salvarlo. • Premere la rotellina e trascinare il mouse per effettuare la panoramica (per effettuare la panoramica sull'immagine è possibile utilizzare qualsiasi dispositivo dotato del terzo pulsante). ma il renderizzatore li codifica come 1). e Z del vettore normale nello spazio della cinepresa. Per effettuare lo zoom in avanti sul buffer fotogramma virtuale • Premere CTRL e fare clic Per effettuare lo zoom indietro del buffer fotogramma virtuale • Premere CTRL e fare clic con il pulsante destro del mouse. renderizzare la scena in un file . 2. Scegliere un tipo di file dall'elenco Tipo file.0. Ciascun valore costituisce un valore di punto mobile compreso fra -1. UV: Visualizza le coordinate UV Normale: Visualizza le componenti X. Riferimento Se è presente del lavoro non salvato. o 255 (i valori di colore possono essere maggiori di 1. Per effettuare la panoramica del buffer fotogramma virtuale • Premere MAIUSC e trascinare. 3. 1 rappresenta il 100%. Blu reale: Il valore di blu non codificato. Scegliere File > Visualizza file. Y. Nota: Per effettuare panoramiche e zoom utilizzando il terzo pulsante è necessario che l'opzione Panoramica/Zoom sia stata selezionata nella pagina Finestra di visualizzazione della finestra di dialogo File > Preferenze. Per vedere i valori reali del colore.Oggetto: Visualizza il numero di identificazione oggetto assegnato all'oggetto.0 e 1.

Se si carica una libreria materiali dalla release 1. Procedimenti Per visualizzare la finestra di dialogo Configura percorsi • Scegliere File > Configura percorsi. Configura percorsi Consente di modificare nel file 3dsmax. oppure una directory non condivisa da altre macchine. Fonts: Caricamento dei file di font. Se si dispone di apparecchiature collegate in rete. ciascuna dotata di scheda di visualizzazione con driver HEIDI. e tipi di file Generali. specifica per ciascuna versione in esecuzione di 3D Studio MAX. MaxStart: Caricamento di maxstart. Riferimento Scegliere uno dei percorsi e fare doppio clic per entrare in una directory. Images: Salvataggio e visualizzazione di file di immagine.• Scegliere File > Esci o fare clic sul pulsante di chiusura (la X) nell'angolo superiore destro della finestra dell'applicazione. Import: Caricamento di file importati da altri programmi.ini i percorsi relativi alle cartelle 3D Studio MAX di default. Scegliere la cartella. tale libreria viene aggiornata e non è più disponibile per le versioni precedenti di 3D Studio MAX. Configurazione percorso generale Imposta i percorsi di molti tipi di file usati da 3D Studio MAX. Expressions: Caricamento e salvataggio di file di testo utilizzati dai controller di espressione. I file di libreria materiali creati o aggiornati in 3D Studio MAX release 2 non possono essere utilizzati con le versioni precedenti di 3D Studio MAX. servirsi della directory. • È possibile definire percorsi per Bitmap. Riferimento È possibile impostare i percorsi nei seguenti casi: Autoback: Percorso di default per i file di backup automatico.mat della libreria materiali. PlugCFG: Caricamento dei file di configurazione plug-in Previews: Salvataggio e visualizzazione dei file di animazione renderizzati con il 46 . Export: Salvataggio delle scene da esportare in altri formati di file. Help: Caricamento dei file di guida in linea. è possibile indirizzare tutte le macchine verso una singola directory.x in 3D Studio MAX release 2 e si fa clic sul pulsante Metti in libreria per salvare un materiale o si fa clic sul pulsante Salva nella finestra Sfoglia. Materials: File . Per visualizzare la finestra standard di ricerca dei file (sfoglia) è inoltre possibile fare clic su Modifica. HEIDI Drivers: Percorso per i driver HEIDI dell'utente.max che fornisce le impostazioni di scena iniziali di 3D Studio MAX. Ciò consente di aggiornare i propri driver in una singola directory per tutte le apparecchiature in rete. Se si utilizza la funzione Backup automatico. Plug In. La finestra di dialogo visualizza tutti i file contenuti nella directory specificata.

Per aggiungere un percorso bitmap 1. 3. Sounds: Caricamento dei file audio. Scegliere un percorso fra quelli indicati nel pannello Bitmap. • Usare i pulsanti di navigazione nelle directory per individuare un percorso. 3. cominciando dall'inizio della lista. • Usare i pulsanti di navigazione nelle directory per individuare un percorso. 47 . • I percorsi elencati nel pannello Bitmap. Per modificare un percorso di file: 1. Fare clic su Aggiungi nel pannello Bitmap. Fare clic su Modifica. Riferimento Le ubicazioni di default dei file di immagine vengono specificate aggiungendo indirizzi di percorso in questo pannello. Eseguire una delle seguenti azioni: • Immettere un percorso nella casella Percorso. • La directory della scena corrente. 2. Quando deve ricaricare l'immagine. Procedimenti Per configurare percorsi bitmap • Scegliere File > Configura Percorsi e fare clic sulla scheda Bitmap. 3D Studio MAX la ricerca secondo il seguente ordine: • Il percorso salvato con il file di immagine. quali i file a cui fanno riferimento i materiali mappati.renderizzatore di anteprima. Procedimenti Per impostare la configurazione generale del percorso • Scegliere File > Configura percorsi e fare clic sulla scheda Generale. Scegliere una voce di percorso. Utilizzare questo metodo per specificare le directory standard utilizzate dalla maggior parte delle scene. Fare clic su Modifica. Eseguire una delle seguenti azioni: • Immettere un percorso nella casella Percorso. Configurazione percorso bitmap Consente di modificare l'elenco delle directory nelle quali 3D Studio MAX ricerca i file bitmap in scena. Scenes: Apertura e salvataggio di file di scena 3D Studio MAX. Video Post: Apertura e salvataggio delle code di Video Post. 3D Studio MAX è inoltre in grado di leggere l'intero percorso di qualsiasi immagine caricata e lo salva come nome di file di immagine. 2. Per modificare un percorso di file 1.

Per spostare un percorso in alto o in basso nell'elenco 1. Per eliminare un percorso bitmap: 1. Eseguire una delle seguenti azioni: • Immettere un percorso nel campo Percorso. Scegliere un percorso fra quelli indicati nel pannello Plug in.ini i percorsi relativi alle cartelle plug-in di 3D Studio MAX. • Usare i pulsanti di navigazione nelle directory per individuare un percorso. Fare clic su Modifica. Configurazione percorsi Plugin Consente di aggiungere o modificare nel file plugin. 2. 2. Procedimenti Per configurare percorsi di plug-in • Scegliere File > Configura percorsi e fare clic sulla scheda Plug-in. Scegliere un percorso fra quelli indicati nel pannello Bitmap. Riferimento Aggiungendo inserimenti di percorso in questo pannello. Eseguire una delle seguenti azioni: • Fare clic su Sposta su per spostare la voce verso l'inizio dell'elenco. Fare clic su Elimina. 2. Eseguire una delle seguenti azioni: • Immettere un percorso nel campo Percorso. Per aggiungere un percorso: 1. Inserire una descrizione di percorso nel campo Etichetta. • Fare clic su Sposta giù per spostare la voce verso la fine dell'elenco. 2. Fare clic su Elimina. è possibile mantenere i propri plug-in in directory distinte e indicare a 3D Studio MAX dove reperirli. 2. • Usare i pulsanti di navigazione nelle directory per individuare un percorso. Scegliere una voce di percorso. Eseguire una delle seguenti azioni: • Immettere un percorso nella casella Percorso. 48 . Fare clic su Aggiungi nel pannello Plug-in. • Usare i pulsanti di navigazione nelle directory per individuare un percorso.2. 3. 3. Per modificare un percorso di file 1. Scegliere una voce di percorso. Per eliminare un percorso 1.

Rimuovere il segno di spunta per migliorare la velocità di ridisegno se si sta ruotando l'intera scena o spostando la cinepresa nella scena (situazioni in cui l'intera finestra di visualizzazione deve comunque essere ridisegnata). 2. queste impostazioni di default consentono di ottenere il ridisegno più veloce. Zoom attorno punt. Una volta selezionata questa casella. Vedere anche Tratti Setup driver 3D Studio MAX Configurare il driver Riferimento Il pannello Finestre comprende le seguenti opzioni: Parametri finestra Usa piani doppi: Utilizza il sistema a piani frontale/posteriore quando si tratta di ridisegnare la finestra. In condizioni normali. Eseguire una delle seguenti azioni: • Fare clic su Sposta su per spostare la voce verso l'inizio dell'elenco. questa opzione non è disponibile.Per spostare un percorso in alto o in basso nell'elenco 1. L'oggetto selezionato viene manipolato sul piano frontale e ridisegnato mentre gli altri oggetti rimangono sul piano posteriore e non vengono ridisegnati. Finestre Imposta le preferenze in materia di visualizzazione e dinamica delle finestre. Se il driver di visualizzazione assegnato non supporta i piani doppi. Preferenze La finestra di dialogo Impostazioni preferenze contiene le seguenti schede: Generale Rendering Cinematica inversa (IK) Animazione Tastiera File Gamma Finestre di visualizzazione Colori Procedimenti Per modificare le preferenze di programma • Scegliere File > Preferenze e fare clic sulla scheda appropriata. Scegliere una voce di percorso. • Fare clic su Sposta giù per spostare la voce verso la fine dell'elenco. la finestra viene ingrandita nel 49 . mouse: L'ingrandimento di default della finestra avviene attorno al centro della vista.

Una volta selezionata questa casella. l'area resta vuota. Filtro sfondi ambiente: Agisce sullo sfondo visualizzato nella finestra di visualizzazione solo quando la casella di controllo Usa sfondo ambiente nella finestra di dialogo Immagine di sfondo è selezionata. A meno che non si abbia necessità di uno sfondo ambiente precisamente 50 . Se non è selezionato. è consigliabile non selezionare questa opzione. Quando questa casella è selezionata. Comunque. Sfondo ambiente a bassa risoluzione: Riduce della metà le dimensioni della mappa di sfondo ambiente e quindi ingrandisce di nuovo fino alle dimensioni richieste per la finestra di visualizzazione. Maschera sfondo con finestra di sicurezza: L'area della finestra di visualizzazione fuori del riquadro di sicurezza più esterno visualizza di default i contenuti della finestra di visualizzazione. l'immagine sfondo non viene filtrata. è più semplice visualizzarle da tutti gli angoli se la selezione della faccia posteriore è disattivata. o FLC su ciascun fotogramma quando si fa clic sul pulsante di riproduzione. Attenua luci: Attiva o disattiva gli effetti di attenuazione nel renderizzatore di finestre interattivo. A meno che non si abbia realmente necessità di una visualizzazione non scalettata. dando luogo ad una immagine non scalettata (antialiasing). Disegna colleg. occorre avvalersi di questa funzionalità. le luci attenuate operano come se non vi fosse attenuazione. Questa operazione dà luogo ad un aspetto più grosso e punteggiato. Questa opzione è valida solo per le visualizzazioni della finestra Wireframe. se si sta effettuando una modellazione con superfici NURBS che consistono di piani con un solo lato. Il filtraggio rallenta del 30-40% l'operazione di ricalcolo dell'immagine di sfondo della finestra di visualizzazione. AVI. sarà opportuno spuntare questo elemento. Questa casella di controllo influisce soltanto sugli oggetti creati. ma quadruplica la velocità di renderizzazione nella finestra di visualizzazione (poiché l'ampiezza e l'altezza dell'immagine originale sono ridotte della metà). Nella maggior parte dei casi. disattivare l'interruttore on/off in tempo reale nella finestra di dialogo Configurazione tempo. Quando Filtro sfondi ambiente è selezionato. Questa opzione non influisce sull'immagine di sfondo renderizzata e non influisce sugli sfondi della finestra di visualizzazione se Usa sfondo ambiente non è attivato. Se questa casella è disattivata. e quindi attivarla di nuovo al termine dell'operazione. come linee: Visualizza i collegamenti gerarchici tra gli oggetti principali e derivati come linee piane anziché come forme. si vedono le facce posteriori attraverso il wireframe. dando luogo ad una immagine scalettata e punteggiata. Se si intende utilizzare questa funzione. Facce posteriori su creazione oggetto: Stabilisce se le facce con normali puntate in allontanamento rispetto alla vista vengono visualizzate. Questa funzionalità è necessaria se si desidera controllare la propria azione su uno sfondo 2D in rotoscopia. È possibile modificare globalmente la visualizzazione delle facce posteriori nelle finestre di visualizzazione spuntando Forza 2 lati nella pagina relativa al Metodo di rendering della finestra di dialogo Configurazione finestra. Se questa opzione è spuntata. viene aggiornato un file IFL. È possibile invertire l'effetto su ciascun oggetto modificando la casella di controllo Facce posteriori nella finestra di dialogo Proprietà oggetto relativa all'oggetto in questione. Aggiorna immagini di sfondo (durante la riproduzione): Attiva l'aggiornamento delle bitmap nello sfondo della finestra durante la riproduzione di un'animazione.punto in cui si fa clic con il mouse. lo sfondo ambiente viene filtrato nella finestra di visualizzazione. Si può disattivare Facce posteriori su creazione oggetto prima di creare la propria NURBS. persino se l'animazione è riprodotta a 1 fotogramma al secondo (fps).

Dimen. Trasformazioni Sposta/Ruota Regola il modo in cui gli oggetti selezionati possono essere spostati con il mouse in una vista non ortogonale (quale la vista Prospettiva). è possibile anche far scorrere la rotella centrale per eseguire zoom sulla finestra di visualizzazione. Se si dispone di un Microsoft Intellimouse. l'oggetto percorre grandi distanze. rappresenta la dimensione normale (default). ma quando ci si avvicina all'orizzonte. Sagoma prima del fotogr. Tuttavia può risultare molto difficile spostare gli oggetti quando il piano non è parallelo allo schermo. imposta il pulsante centrale in modo da eseguire panoramiche sulla finestra di visualizzazione. tanto maggiore sarà il movimento del mouse necessario alla rotazione degli oggetti. Quanto più basso è il valore specificato.: Specifica il numero di fotogrammi fra l'apparizione di ciascuna sagoma. il numero totale di sagome risulterà il doppio del valore specificato. Sensibilità prospettiva: Imposta le sensibilità del mouse per trasformazioni di proiezione. Distanza spinta griglia: Imposta la distanza di griglia per i tasti freccia utilizzabili per spingere in posizione gli oggetti selezionati. Quanto più basso è il valore specificato. le sagome appaiono come oggetti ombreggiati. È possibile aumentare la velocità del mouse mediante la 51 . Incremento rotazione: Specifica l'entità della rotazione generata spostando il mouse di 1 pixel. Per ottenere rotazioni angolari più ridotte. Nota: Per default. In questo modo le sagome tracciano l'oggetto.5 gradi. Sagoma dopo il fotogr. Intersezione: Dal puntatore del mouse parte un raggio sullo schermo. è consigliabile tenere questa opzione selezionata. Ciò assicura l'assenza di singolarità dall'orizzonte ed un movimento scorrevole e stabile. Pulsante centrale del mouse Panoramica/Zoom: Se si dispone di un mouse a tre pulsanti. Quando questa opzione non è selezionata. corrente: Visualizza soltanto le sagome che appaiono dopo il fotogramma corrente. Se si sceglie di visualizzare le sagome sia prima che dopo il fotogramma corrente. ma con gli stessi colori delle sagome di wireframe.definito nei dettagli. Sagome sequenziali Fotogrammi con sagome: Specifica il numero di sagome che appariranno prima e dopo il fotogramma corrente quando si sceglie Mostra sagome sequenziali dal menu Viste. corrente: Visualizza soltanto le sagome che appaiono prima del fotogramma corrente. Mostra numeri fotogrammi: Visualizza il numero di un fotogramma nell'angolo in alto a sinistra di ciascun fotogramma. Visualizza n fotogr. Ciò facilita lo spostamento di oggetti. scegliere un valore inferiore a quello di default di. Sagoma in wireframe: Visualizza le sagome in wireframe neri in finestre di visualizzazione ombreggiate. tanto più ravvicinate appariranno le sagome. luci e altri oggetti non scalabili. oggetto non scalabile: Imposta la dimensione di visualizzazione di cineprese. Sagoma prima e dopo: Visualizza sia le sagome che compaiono prima sia quelle che compaiono dopo il fotogramma corrente. Proiezione: Il movimento del mouse viene proiettato sul piano. l'Intellimouse rallenta la velocità del mouse quando si mantiene abbassata la rotella centrale.

Scegliere un driver di visualizzazione hardware HEIDI dall'elenco a comparsa. Tuttavia.finestra di dialogo Proprietà mouse nel Pannello di controllo. Esso è perfettamente integrato in Windows NT. il che può causare un sovraccarico di dati di comunicazione sul bus di sistema. Il driver OpenGL supporta sia accelerazione geometrica che accelerazione di rasterizzazione. l'opzione HEIDI/SZB può funzionare meglio su sistemi dotati di un'ordinaria scheda di visualizzazione 2D. due opzioni supplementari diventano disponibili: Software buffer Z: Selezionare questa opzione se si sta facendo uso di accelerazione software anziché hardware. 3D Studio MAX utilizza qualsiasi driver installato nel sistema operativo. Configura driver: Visualizza la finestra di dialogo Configura driver. Setup driver 3D Studio MAX Visualizzare la finestra di dialogo Setup driver 3D Studio MAX dalla pagina Finestre della finestra di dialogo Impostazioni preferenze nel menu File. Gli svantaggi di questo driver sono dati dal fatto che tutti i dati di scena potenzialmente visibili devono essere trasferiti al driver. e molte schede di visualizzazione 3D sono state progettate specificamente per accelerare le operazione di OpenGL. Dato che la modalità OpenGL è più efficace se eseguita su sistemi dotati di accelerazione di rasterizzazione. Tratto: Se si dispone di un mouse a tre pulsanti. Driver personalizzato: Selezionare questa opzione se si stanno utilizzando numerose visualizzazioni wireframe e nessuna visualizzazione ombreggiata e si sta facendo uso di accelerazione hardware. In particolare. consente di assegnare collegamenti a modelli di tratto applicati trascinando con il pulsante centrale del mouse. mediante la quale si possono modificare le opzioni per il driver correntemente selezionato. OpenGL Selezionare questa opzione se si sta utilizzando una forma di accelerazione hardware. 52 . HEIDI Selezionando HEIDI. questo fatto rallenta la visualizzazione di primitive singole (opposte al gruppi di polilinee quali le visualizzazioni wireframe). Scegli driver: Visualizza la finestra di dialogo Setup driver 3D Studio MAX. Scegliere la scheda Rotella. Utilizzare questa finestra per selezionare un diverso driver video o per commutare tra i driver se si è installato un acceleratore grafico hardware. fare clic sul pulsante Impostazioni nell'area del pulsante Impostazioni Rotella nell'area Pulsante rotella e portare il cursore su Veloce. Le implementazioni di OpenGL presentano tutti i dati di scena necessari all'ottimizzazione dell'intero processo di visualizzazione 3D. Procedimenti Per modificare le preferenze della finestra di dialogo • Scegliere File > Preferenze e fare clic sulla scheda Finestre. con una scheda 3D compatibile è possibile ottenere un'ottima accelerazione tramite il driver OpenGL. Driver visualizzazione Driver correntemente installato: Visualizza il nome del driver correntemente installato.

Selezionare questa opzione se si ha un driver personalizzato installato nel sistema. Lo stesso si verifica anche con gli sfondi in mappa di bit. anche se la scheda dovrebbe supportare l'aggiornamento di scena incrementale senza necessità di ridisegnare la scena quando la finestra diventa visibile. Personal. Glint. Il driver opera con visualizzazioni high-color. Le operazioni due piani sono lente (se disponibili). Tali driver personalizzati non utilizzano HEIDI. dovuto al modo in cui D3D alloca la memoria video. (Ciò è valido soprattutto nel caso di visualizzazioni con luci attenuate e applicazione di texture non allineata. e Dynamic Pictures. accelera la visualizzazione di texture (a seconda della scheda di visualizzazione specifica) ed effettua correzioni di prospettiva. OpenGL. • La scheda Intergraph Intense 3D presenta dei problemi nel mostrare texture mipmapped.) Direct 3D Selezionare questa opzione se si ha un driver Direct 3D installato nel sistema. l'opzione non è disponibile. tuttavia in D3D Version 5 (la sola versione attualmente supportata da 3D Studio MAX). 53 . Se questo driver non è installato. Gli aggiornamenti incrementali di visualizzazione funzionano in maniera efficace. supporta in modo efficace la selezione dei dati di scena. Poiché l'illuminazione e l'applicazione di texture sono limitate alla semantica specificata da OpenGL.Poiché OpenGL è stato progettato per supportare un'ampia gamma di sistemi di visualizzazione. Problemi noti I seguenti sono problemi di visualizzazione noti relativi ai driver per le schede Intergraph. Come per il driver HEIDI. Microsoft Direct3D API supporta sia la rasterizzazione che le chiamate di livello di scena 3D. o Direct3D. Anziché mostrare la texture richiesta. Se questo driver non è installato. allo stesso tempo. l'oggetto appare bianco. Gli svantaggi di questo driver consistono nel fatto che attualmente esso funziona soltanto sotto Windows 95 (pertanto non vi è supporto multi-processore) e che supporta soltanto visualizzazioni high-color. non vi è alcuna garanzia che i metodi di aggiornamento di scena incrementali (sezioni di finestra parziali o due piani) funzioneranno con una particolare implementazione di OpenGL. vengono supportate soltanto le chiamate API a livello di rasterizzazione. la cancellazione dei piani di buffer z presenta alcune anomalie. e può verificarsi un overhead aggiuntivo nella riduzione a icona o nell'ingrandimento delle finestre. possono verificarsi errori di corrispondenza fra l'illuminazione e le texture di scena MAX e quanto appare in una finestra di visualizzazione OpenGL. • Il driver Glint presenta un problema di troncamento delle linee che provoca la scomparsa delle linee della griglia quando esse oltrepassano il limite della finestra di visualizzazione. Inoltre. che rappresentano un ottimo compromesso fra la qualità di visualizzazione e overhead di memoria. Questo driver viene supportato da numerose schede di visualizzazione 3D poco costose e. l'opzione non è disponibile. le chiamate 3D non vengono accelerate da alcun hardware di visualizzazione di base.

Per ulteriori informazioni. In certi casi. Se si modifica la risoluzione della texture. ottenendo così un raddoppio della la velocità di visualizzazione di oltre il doppio. il tempo necessario ad eseguire la striatura della geometria può invece provocare un rallentamento. dando luogo ad un trascinamento più scorrevole dell'Editor materiali o delle finestre di dialogo Editor tracce. Quanto maggiori sono le dimensioni. deselezionare l'opzione. Ridisegna scena su finestra: Ridisegna l'intera scena quando viene spostata una finestra di dialogo sopra le finestre di visualizzazione. Le opzioni per i driver personalizzati dipendono dal produttore del driver. In questi casi. ad esempio. tanto migliore sarà la risoluzione ma la velocità diminuisce. Altrimenti.• La scheda Dynamic Pictures Oxygen 102 presenta problemi nel mostrare sfondi in mappa di bit. Se questa opzione non è selezionata. Se lo schermo è danneggiato. Configura OpenGL Ridisegna scena su finestra: Ridisegna l'intera scena quando viene spostata una finestra di dialogo sopra le finestre di visualizzazione. consultare la documentazione del produttore del driver. controllare questo elemento o forzare un ridisegno con la macro del tasto "1". Aggiornamenti di scena incrementali interattivi: Ridisegna soltanto gli oggetti di scena che hanno subito modifiche o che intersecano un'area modificata da un altro oggetto in movimento. Consenti supporto due piani: Utilizza due piani. Configura driver Visualizzare la finestra di dialogo Configura driver dalla pagina delle finestre di visualizzazione della finestra di dialogo Impostazioni preferenze nel menu File. lasciarla selezionata per la velocità. dando luogo ad un trascinamento più scorrevole dell'Editor materiali o delle finestre di dialogo Editor tracce. se questa opzione è presente nella 54 . l'hardware utilizza i valori di risoluzione precedenti fino a quando la texture non viene ricaricata mediante Medit. mentre una velocità ridotta dà luogo a mappe smussate. Questo può provocare l'arresto del sistema. controllare questo elemento o forzare un ridisegno con la macro del tasto "1". Se lo schermo è danneggiato. come ad esempio quando la topologia viene modificata costantemente. Essa contiene opzioni relative alla configurazione del drive specifico dell'utente. Una velocità elevata produce mappe scalettate. Le opzioni selezionate per il driver hanno effetto immediato e vengono mantenute tra una sessione e l'altra. Usa TriStrips: Esegue "striature" sulla geometria. Riferimento Le opzioni presenti nella finestra di dialogo variano a seconda del driver. Se lo schermo è danneggiato. controllare questo elemento o forzare un ridisegno con la macro del tasto "1". ad esempio. Scarica dimensione texture 64/128/256/512: Consente di specificare le dimensioni delle bitmap utilizzate per mappare le superfici nelle finestre di visualizzazione. Configurare HEIDI/Direct 3D Le opzioni sono le stesse dei driver HEIDI e Direct 3D. ma i dati scaricati sulla scheda grafica non vengono rigenerati. l'intera scena viene ridisegnata per ciascun nuovo fotogramma.

ma i texel producono visualizzazioni di qualità più elevata. Buffer di fotogramma virtuale Ottimizza per visualizzazione a 8 bit: Attiva l'ottimizzazione della tavolozza colori per il Buffer fotogramma virtuale. la risoluzione del bitmap di sfondo può andare perduta. Questo metodo è molto accurato e aiuta ad eliminare la scalettatura. Tuttavia. Usa TriStrips: Esegue la striatura di tutti i dati geometrici prima di inviarli al driver. non vengono mai utilizzati due piani indipendentemente da altre impostazioni. Scegliendo "il più vicino. ma in caso di hardware con mappatura texture non accelerata può richiedere molto tempo. Quando questo riquadro delimitazione è selezionato. Altrimenti. e specialmente se si sta eseguendo un'anteprima di oggetti wireframe. In questi casi. Migliorare la risoluzione se si sta utilizzando una finestra di visualizzazione ingrandita per digitalizzare. il Lettore multimediale non viene avviato. deselezionare l'opzione. Ricerca Mipmap: Specifica se utilizzare una versione della mappa di composizione ("nessuna") o se effettuare un'interpolazione fra una piramide di mappe progressivamente più piccole. Con entrambe le opzioni di ricerca Texel e Mipmap impostate su lineare. Scarica dimensione texture: Consente di scegliere la dimensione della mappa di composizione scaricata nel driver per oggetti di scena con mappa di composizione. viene utilizzato un valore trilineare effettivo ponderato di 8 valori texel per una visualizzazione ad un solo pixel. ma occupano più spazio nella scheda di visualizzazione. mentre scegliendo "lineare" i valori texel dai due livelli di mappa più vicini vengono interpolati. Mappe di dimensioni maggiori possono risultare di aspetto migliore. Se la casella non è selezionata. Questa opzione va utilizzata soprattutto per viste solo wireframe. Se l'opzione non è selezionata. Sfondo dimensione texture: Contrariamente al driver HEIDI che utilizza bitmap per visualizzare sfondi di finestre di visualizzazione. In certi casi. Preferenze/Generale Imposta le preferenze riguardanti l'interfaccia utente e l'interattività. Riferimento Il pannello Generale comprende le seguenti opzioni: Opzioni di anteprima Autoriproduzione file anteprima: Avvia automaticamente il Lettore multimediale al termine di un'operazione di Crea anteprima. le immagini vengono elaborate dopo la renderizzazione e visualizzate di nuovo utilizzando 55 . Ricerca Texel: Specifica se utilizzare il pixel più vicino o se interpolare linearmente il valore del pixel dai quattro texel più vicini. il tempo necessario ad eseguire la striatura della geometria può invece provocare un rallentamento. lasciarla selezionata per la velocità.pagina Finestre della finestra Impostazioni preferenze. come ad esempio quando la topologia viene modificata costantemente. il driver OpenGL usa un rettangolo di sfondo con mappa di composizione. L'utilizzo del pixel più vicino è più veloce. Linee antialiasing: Traccia linee lievemente più spesse e molto più regolari." la ricerca texel viene avviene al livello di mappa che più si avvicina a quello ideale. Ciò consente di effettuare operazioni di zoom più regolari e panoramiche in vista ortogonale e può occupare meno memoria del metodo diretto mediante bitmap.

Mantieni solo. sulle mappe 3D nei materiali e su varie altre impostazioni di ambiente scalabili e sensibili alle modifiche della scala di unità di sistema.log anziché generare finestre di notifica.log non viene mai cancellato. Kbyte: Ripristina il file a zero byte quando esso raggiunge le dimensioni specificate nel campo dell'incrementatore KByte.. La scalatura influisce sulla geometria. è possibile riscalare la scena caricata in base alla scala di unità di sistema corrente oppure modificare la scala di unità di sistema adattandola a quella del file caricato. I tipi di errore contemplati da queste quattro categorie comprendono mappe che non si riesce a trovare. directory di output mancanti.. Info: Scrive informazioni generali sul file Max. gli oggetti uniti da un file con diversa scala di unità di sistema vengono scalati al fine mantenere la dimensione corretta nella nuova scena. Usa incrementi snap: Attiva o disattiva gli incrementi di snap. il file max. Mantenimento file Log I seguenti comandi influiscono sul file max.log anziché generare finestre di notifica. Questo parametro è compreso tra 0 e 10 (dove allo 0 non corrisponde alcuna posizione decimale). Incrementi snap: Imposta i valori di incremento/decremento per singolo clic in tutte le caselle di inserimento valori di 3D Studio MAX. Quando Mai cancellare è selezionato. dischi pieni. Per i file caricati che hanno una diversa scala di unità di sistema. Modificando questo valore.. la riduzione in scala degli oggetti creati diventa incompatibile con gli oggetti della scena creati con l'unità di scalatura di default. Le notifiche interrompono il rendering di rete per uno o più server. oppure soltanto di selezionare oggetti.una tavolozza ottimizzata che migliora la qualità delle operazioni di rendering a 8 bit. Mantieni solo. Display UI Descrizioni comandi finestra: Visualizza una descrizione comandi quando il cursore 56 .log: Mai cancellare log: questa e le due opzioni successive determinano per quanto tempo mantenere il file log. ecc.). dischi a cui è negato l'accesso. Conversione automatica unità: Se selezionata. È consigliabile modificare questo valore solo se si sta lavorando con una scena talmente grande o talmente piccola da non consentire più a 3D Studio MAX di misurare le distanze secondo la scala di unità di default. L'utilità Riscala unità globali consente di modificare la scala delle unità globali in tutta la scena. Scala unità di sistema Modifica la scalatura dell'unità di 3D Studio MAX. ma non la scala effettiva della geometria.giorni: Ripristina il file a zero byte ad intervalli di tempo prestabiliti (come specificato nell'Incrementatore giorni). mesh invalide e file . Correzione errori: Scrive informazioni generali sul file Max. Errori: Scrive gli errori fatali sul file Max. coordinate UV mancanti.. La finestra di dialogo Setup viste/unità specifica la visualizzazione delle unità nell'interfaccia 3D Studio MAX (i campi incrementatori. . Incrementatori Precisione incrementatore: Imposta il numero di posizioni decimali visualizzate in un campo incrementatore valori.max obsoleti.dll mancanti.log anziché generare finestre di notifica.

Per default l'impostazione è attivata. Per maggiori informazioni sulla funzionalità vedere l'argomento Assegnazione materiale sub-oggetto tramite drag and drop. L'unità di sistema viene immediatamente cambiata. Selezionare la casella Usa incrementi snap. deselezionare questo elemento e l'avviso non comparirà più. Tempo di comparsa: Imposta l'intervallo fra il clic del mouse e la comparsa del menu a bandierina dal pulsante (in millisecondi). È possibile verificare l'operazione successiva che verrà annullata controllando la voce Annulla del menu Modifica (o del menu Viste). Alcuni pulsanti vengono rimossi. • Fare clic col pulsante destro del mouse sul pulsante Incrementi snap nella riga di stato. 3. Nel pannello Generale. Visualizza avviso scala NU: Visualizza una notifica di avviso quando si tenta di utilizzare Scala non uniforme o Schiaccia al livello dell'oggetto. Aumentare questo valore solo se si ha necessità di un ritardo prolungato. ma è comunque possibile utilizzare tutti gli strumenti dai menu. Se non si desidera ricevere la notifica. Barra strumenti corta: Visualizza una barra strumenti corta che viene adattata ad una risoluzione di 800x600. Eseguire una delle seguenti azioni: • Scegliere File > Preferenze e fare clic sulla scheda Generale nella finestra di dialogo Impostazioni preferenze.si ferma su un oggetto nella finestra di visualizzazione se non ci si trova in modalità sub-oggetto. 2. Pannello comandi a destra: Per default. Annulla scena Livelli di annulla: Imposta il numero di operazioni che è possibile annullare mediante Annulla (non la finestra Annulla). Si consiglia di non aumentarlo troppo per evitare l'impossibilità di esecuzione dei comandi dei pulsanti per una comparsa troppo rapida del menu a bandierina. 2. Quando si esce dalla finestra di dialogo il pulsante Incrementi snap viene 57 . Deselezionare questa casella di controllo per visualizzare il pannello comandi sulla sinistra. Assegnazione automatica sotto-materiale mesh modificabile Abilita: Consente il trascinamento e il rilascio (drag and drop) di materiali sui set di selezione sub-oggetto di facce di un oggetto mesh modificabile. Questa impostazione rimane in funzione fino a successiva modifica. Scegliere File > Preferenze per richiamare la finestra di dialogo Impostazioni preferenze. I due controlli per Incrementi snap si trovano nell'area Interazione di questo pannello. Impostare un valore nel campo Incrementi snap. regolare l'impostazione Scala unità sistema e fare clic su OK. Le descrizioni comandi mostrano i nomi degli oggetti. Per impostare e attivare Incrementi snap 1. Procedimenti Per cambiare l'unità di sistema 1. 3D Studio MAX visualizza il pannello comandi alla destra dello schermo. Entrambi i metodi richiamano il pannello Generale.

Tuttavia. Varie Usa soglia secondaria: Confronta la seconda derivata dell'oggetto del risultato finale con una soglia molto bassa. I due gruppi di impostazioni consentono di modulare individualmente il comportamento dell'IK interattiva e dell'IK applicata. L'IK interattiva fornisce una risposta rapida in tempo reale. qualsiasi vincolo impostato per l'oggetto radice verrà osservato. Essa influisce soltanto su un oggetto derivato diretto dell'origine e selezionato. Mentre si lavora. Pertanto le preferenze IK interattiva devono essere impostate per la velocità. Per impostare Livelli di annulla 1. 4. i suoi vincoli saranno ignorati. Fare clic sul pannello Generale.attivato. Rotazione: Definisce con quanta accuratezza l'oggetto dell'effetto finale deve adattarsi all'orientamento dell'oggetto di controllo per poter essere considerato una soluzione valida. Le preferenze IK applicata sono indicate per l'accuratezza. se la radice di una catena IK è una derivata dell'origine e si sta manipolando un oggetto alla fine della catena (l'oggetto radice non è selezionato). 3. Scegliere File > Preferenze. Valori ridotti aumentano l'accuratezza ma richiedono un tempo maggiore per risolverli. Se rientra nei limiti della soglia. Iterazioni: Definisce il numero massimo di ripetizioni dei calcoli IK da parte di 3D Studio MAX per reperire una soluzione valida. Riferimento Il pannello Preferenze cinematica inversa comprende le seguenti opzioni: IK applicata/IK interattiva Le impostazioni relative alla soglia e alle iterazioni rappresentano un compromesso fra accuratezza e velocità. Valori ridotti aumentano l'accuratezza ma richiedono un tempo maggiore per risolverli. Posizione: Definisce in che misura l'oggetto dell'effetto finale può essere ravvicinato all'oggetto di controllo o alla posizione del cursore per poter essere considerato una soluzione valida. Cambiare il campo Livelli di annulla nell'area Interazione. 2. Il valore rappresenta un angolo di rotazione in gradi. Ad esempio. Preferenze cinematica inversa Imposta le preferenze riguardanti la cinematica inversa. Il valore rappresenta una distanza in base al sistema di unità corrente. IK verrà terminata. se si seleziona l'oggetto radice e si cerca di spostarlo. Trasforma sempre derivati dell'origine: Questa opzione è valida quando IK è impostata sia in modalità di spostamento che di rotazione. Un elevato valore di iterazioni aumenta la possibilità che 3D Studio MAX possa calcolare una soluzione valida ma richiede un tempo di completamento più lungo. Procedimenti 58 . usare il pulsante Incrementi snap per attivare l'impostazione alternativa. L'IK applicata costituisce la soluzione IK per adattare gli oggetti di controllo in maniera molto accurata.

Il pannello Tastiera comprende le seguenti opzioni: Comando Scegliere il pulsante che rappresenta l'area per la quale si vogliono modificare i comandi di scelta rapida: IU principale. Selezionare il comando di 3D Studio MAX al quale si intende assegnare una scelta rapida. pertanto la cancellazione di Trasforma sempre derivati dell'origine impedirà di trasformare oggetti singoli in modalità IK. 2. Alcuni comandi di scelta rapida da tastiera fanno apparire una finestra secondaria di dialogo o collocano il fuoco in un campo modificabile. Editor tracce o Video Post. Quando ciò si verifica.Per cancellare l'impostazione di Trasforma sempre derivati dell'origine 1. Quando esso è attivato e quando il fuoco è sul plug-in. In questo file. modificare e gestire le scelte rapide da tastiera di 3D Studio MAX. Usa solo collegamenti IU principale: Disattiva tutti i comandi di scelta rapida fuorché quelli della interfaccia utente principale. Modificazione delle impostazioni Preferenze IK 1. 3. Preferenze Tastiera Fornisce le funzioni atte a impostare. i comandi di scelta rapida relativi a quel plug-in vengono utilizzati al posto di quelli di 3D Studio MAX. Scelta rapida 59 . mentre i comandi di scelta rapida relativi ad altre categorie vengono ignorati. Rimuovi: Rimuove l'assegnazione di una scelta rapida dal comando selezionato. Scegliere File > Preferenze. Fare clic sul pannello Cinematica inversa. I pulsanti di scelta sopra l'elenco non sono disponibili se questa opzione è selezionata. Se ai comandi selezionati sono già state assegnate delle scelte rapide. Riferimento L'Interruttore scelta rapida Plug-in consente di commutare mediante i comandi di scelta rapida di 3D Studio MAX e utilizzando i comandi di scelta rapida assegnati da plug-in di terze parti. Ripristina Categoria: Rimuove ogni scelta rapida assegnata e la fa ritornare al relativo default. Deselezionare l'opzione Trasforma sempre derivati dell'origine. i comandi di scelta rapida da tastiera vengono ignorati fino a quando il campo non viene abbandonato. 2. esse appaiono sotto all'elenco. I comandi di scelta rapida relativi alla categoria scelta diventano attivi. i comandi di scelta rapida sono elencati insieme con i titoli della categoria a cui appartengono e le relative funzioni. Editor materiali. Fare clic sul pannello Cinematica inversa. Salva elenco su file: Salva i comandi di scelta rapida relativi a tutte le categorie in un unico file di testo. Gli oggetti singoli e scollegati costituiscono gerarchie di uno. Le funzioni presenti nel pannello comandi sono considerate come plug-in di terze parti anche se vengono distribuite con 3D Studio MAX. Scegliere File > Preferenze. Un oggetto scollegato costituisce la radice di se stesso ed è anche una derivata dell'origine.

l'uso di Visualizzazione gamma aumenta la sicurezza che le immagini prodotte giungeranno correttamente a destinazione.kbd con nome contenenti delle scelte rapide personalizzate. Regolare il valore del quadrato centrale fino a che non si avvicini il più possibile al quadrato a scacchiera circostante. Deselezionare questa casella per disabilitare la correzione gamma. Preferenze Gamma Consente di regolare i valori Gamma per le immagini di input e output e per la visualizzazione monitor.Definisce la combinazione di tasti da utilizzare come scelta rapida. Assegna: Assegna la scelta rapida corrente al comando selezionato. Gamma: Regola la visualizzazione gamma di 3D Studio MAX. È possibile anche visualizzare queste impostazioni gamma anche con il pulsante Gamma della finestra di dialogo di ricerca (sfoglio) file (ad esempio.max non ha effetto sullo stato di Abilita correzione gamma. Se si stanno creando immagini da inviare ad altri.max ed è attivata questa opzione. Procedimenti Per impostare comandi di scelta rapida da tastiera • Scegliere File > Preferenze. Se l'opzione è disattivata. Prendere nota del valore di default prima di apportare modifiche così da poterlo ripristinare in caso di necessità. il selettore dei colori. Se si possiede un file maxstart. Riferimento Il pannello Gamma comprende le seguenti opzioni: Abilita correzione gamma: Applica qualsiasi regolazione gamma effettuata dall'utente. è possibile far corrispondere la correzione gamma all'impostazione del file corrente oppure lasciarla invariata. Set Visualizza un elenco di file . Visualizzazione La visualizzazione gamma viene utilizzata per le sfere dell'Editor materiali.max. Salva: Salva le assegnazioni da tastiera personalizzate in un file . Stato caricamento abilitato con file MAX: Carica lo stato della casella di controllo Abilita correzione gamma con ciascun file . quindi fare clic sulla scheda Tastiera.kbd specificato dall'utente.max. ALT e MAIUSC. Elimina: Elimina il file di scelte rapide selezionato. Bloc Num o Pausa) da utilizzare in combinazione con i tasti CTRL. il file maxstart. Quando è selezionato Stato caricamento abilitato e si carica un file . Premi tasto: Premere qualsiasi tasto (ad eccezione di Bloc Scorr.max il cui stati di Correzione gamma sia diverso dallo stato corrente. le nuove sessioni di 3D Studio MAX utilizzano lo stato Abilita correzione gamma nel file maxstart. le tavolozze colori e il buffer di fotogramma virtuale (Renderizzatore scanline). quando si effettua il 60 . L'incrementatore consente di aumentare/diminuire il valore (chiaro o scuro) del quadrato centrale.

il delimitatore appare quando ci si trova in un fotogramma contenente una di queste tre trasformazioni. Posizione/Rotazione/Scala: Specificano a quale tipo di trasformazione corrisponderà la visualizzazione di un delimitatore. quindi fare clic sulla scheda Gamma.tga si sostituirà alla gamma di input di sistema. 3D Studio MAX visualizza delle parentesi angolari bianche di delimitazione intorno agli oggetti contenenti chiavi di trasformazione a quel fotogramma. Tali delimitatori riferiti alle chiavi appaiono solo con la visualizzazione wireframe. Tutti gli oggetti/Oggetti selezionati/Nessuno: Specifica quali oggetti visualizzeranno le parentesi di delimitazione angolari. comprese cineprese e luci. mappe di composizione) così che una volta elaborate dal renderizzatore di immagini e riproposte per l'output. le parentesi di delimitazione appariranno solo sui fotogrammi contenenti chiavi di Rotazione. Usa trasformazione corrente: Visualizza i delimitatori soltanto su quei fotogrammi contenti un comando per il pulsante di trasformazione correntemente attivo nella barra strumenti (Sposta. In presenza di file Targa. File bitmap Gamma input: Si tratta del valore gamma di input utilizzato da 3D Studio MAX per elaborare le bitmap qualora il tipo di bitmap non lo sostituisca con il proprio valore gamma.rendering di una scena in un file di immagine). Preferenze Animazione Imposta le preferenze riguardanti le animazioni. Output Gamma: Si tratta del valore di gamma di output usato da 3D Studio MAX per elaborare le bitmap nel caso in cui il tipo di bitmap non lo sostituisca con il proprio valore gamma. Se non è attivo alcun pulsante di trasformazione. la gamma propria del file. Tali caselle di controllo si attivano quando viene deselezionata la casella Usa trasformazione corrente. impostare il proprio gamma di input sullo stesso valore della visualizzazione gamma per evitare un'eccessiva luminosità delle mappe create. esse non subiscono una doppia elaborazione gamma. Se si stanno caricando mappe di composizione mentre gamma è abilitato. Riferimento Il pannello Animazione comprende le seguenti opzioni: Visualizza parentesi chiavi Quando ci si sposta su un fotogramma. Animazione Centro locale durante l'animazione: Blocca il metodo di impostazione del centro sulla modalità locale (nelle animazioni si tratta infatti dell'unico centro possibile attorno a cui 61 . Procedimenti Per impostare le preferenze gamma • Scegliere File > Preferenze. Se è selezionato solo Rotazione. Ruota o Scala). Gamma input viene utilizzato per invertire la gamma delle bitmap che entrano in 3D Studio MAX (ad esempio.

Il default cambia e si attivano tutti i pulsanti del centro di trasformazione. 2. 2. Ripristina impostazioni produttore: Richiede di verificare se si intende ripristinare tutti i controller alle rispettive impostazioni di default. Appare una finestra di dialogo contenente le impostazioni di default supportate dal tipo di controller selezionato. Scegliere un tipo di controller dall'elenco dei controller disponibili e fare clic sul pulsante Imposta. Il pulsante Imposta si attiva quando si seleziona una classe di controller dall'elenco. ad esempio le tangenti interna ed esterna per un controller Bezier. Procedimenti Per modificare il centro di trasformazione di default 1.effettuare l'animazione stessa). Apportare modifiche alle impostazioni del controller. Specificazione delle impostazione del controller di default 1. Scegliere File > Preferenze. Cursore temporale MIDI Consente di utilizzare un dispositivo MIDI per controllare il cursore temporale. Plug-In suoni Assegna: Visualizza una finestra di dialogo con l'elenco di tutti i plug-in audio installati nel sistema. Deselezionare la casella Centro locale durante l'animazione. 3. Servirsi dei comandi presenti nell'area Visualizza parentesi chiavi per specificare la modalità di visualizzazione delle parentesi chiavi. Per effettuare un'animazione attorno a un centro non locale. Imposta default: Visualizza una finestra di dialogo che elenca tutti i controller per i quali vanno impostati valori di default. il centro delle coordinate o il perno locale. visualizzata per mezzo del pulsante Setup. Facendo clic su OK in questa finestra di dialogo. A questo punto è possibile animare la selezione. passare al pannello Animazione della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. utilizzare un oggetto fittizio. Default controller Imposta i valori di default relativi ai controller animazione in grado di supportare le impostazioni di default. ad esempio i controller TCB e Bezier. Fare clic su Imposta default nel pannello Animazione della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Selezionare On per utilizzare il dispositivo MIDI specificato nella finestra di dialogo Setup sbarra del tempo MIDI. i default vengono ripristinati per tutti i controller presenti al momento sul sistema. Si apre la finestra di dialogo Imposta default del controller. e fare clic sul pannello Animazione. 4. le impostazioni di default del 62 . Visualizzazione parentesi chiavi 1. Scegliere File > Preferenze. Premendo questo pulsante si ottiene una finestra di dialogo fornita dal controller plug-in dove è possibile impostare i valori di default. Selezionare un nuovo plug-in per sostituire quello corrente. 2. Sotto File > Preferenze. In caso di risposta affermativa.

Passo avanti: Passa al fotogramma successivo (pulsanti Avanzamento rapido e Opzioni di Media Control Station). Sensibilità: Il numero di tick di cui il cursore temporale procede in risposta ad una unità di movimento del controllo riproduzione.ini e divengono il default di tutti i nuovi controller assegnati e delle nuove scene. Setup cursore temporale (barra del tempo) MIDI Questa finestra di dialogo viene visualizzata dal riquadro di delimitazione Preferenze animazione. Le modifiche alle impostazioni di default del controller vengono trascritte nel file 3dsmax.controller vengono modificate. Controllo riproduzione: Controlla il cursore temporale mediante il controllo riproduzione. Riferimento La finestra di dialogo Cursore temporale MIDI contiene le seguenti opzioni: Preimpostazioni: Specifica il tipo di dispositivo MIDI utilizzato. Numero nota L'incrementatore in quest'area consente di specificare gli eventi di nota che innescano le varie funzione. È possibile utilizzare Personalizza anche per personalizzare i pulsanti utilizzati da Media Control Station. fare clic sul pulsante Ripristina impostazioni produttore nella finestra di dialogo Ripristino delle impostazioni di default originali di tutti i controller 1. Canale: Specifica il canale a cui assegnare il dispositivo MIDI. Fotogramma iniziale: Passa al fotogramma iniziale (il pulsante Avvolgi di Media Control Station). Scegliere File > Preferenze. Passo indietro: Si sposta di un fotogramma all'indietro (il pulsante di riavvolgimento e il pulsante Opzione di Media Control Station). mentre valori più elevati ne consentono un movimento più rapido. Essa consente di specificare e di impostare un dispositivo MIDI. Non è possibile cancellarle dalla finestra di dialogo Imposta default del Controller. si può muovere un tick alla volta con il controllo riproduzione. 2. Fare clic su Ripristina impostazioni produttore nel pannello Animazione della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Se si decide di ripristinare i default originali di 3D Studio MAX per tutti i controller. Stop: Arresta la riproduzione (pulsante quadrato). oppure si può scegliere Personalizzato che consente di specificare eventi di note nell'incrementatore. Riproduci: Riproduce l'animazione (pulsante con la freccia). Si può scegliere Media Control Station 2. Procedimenti 63 . Fotogramma finale: Passa al fotogramma finale (pulsante Avanzamento rapido di Media Control Station). un dispositivo MIDI contenente pulsanti di riproduzione di tipo VCR standard oltre ad un controllo di riproduzione. Valori più bassi forniscono un posizionamento più preciso del cursore temporale. Impostando la visualizzazione del tempo in modo da mostrare i tick e la sensibilità su 1.

Per utilizzare un dispositivo MIDI per controllare il cursore temporale di animazione.
1. 2. 3. 4. Scegliere File > Preferenze e fare clic sulla scheda Animazione. Nell'area Cursore temporale MIDI, selezionare On. Fare clic sul pulsante Setup. Impostare le opzioni del dispositivo MIDI e fare clic su OK.

Preferenze Rendering
Imposta le preferenze riguardanti il rendering.

Riferimento
Il pannello Rendering comprende le seguenti opzioni:

Verifica colore video
Alcuni colori di pixel oltrepassano la soglia di sicurezza NTSC o PAL. È quindi possibile utilizzare la modalità di segnalazione Flag o modificarli affinché si giunga a valori accettabili. Flag con nero: Segnala in nero tutti i pixel non ammessi per mostrare il grado di illegalità dell'immagine. Questa modalità è in grado di insegnare come realizzare colori corretti, anziché dover dipendere dalle opzioni di Scala. Le opzioni di scalatura comportano una discontinuità naturale nei valori dei colori. In alcuni casi, questa discontinuità può provocare una scalettatura molto evidente. Scala luminanza: Scala la luminanza per far rientrare il colore nell'intervallo previsto e mantiene la saturazione. Ciò normalmente rende le aree illegali più scure del dovuto. Scala saturazione: Scala la purezza cromatica per far rientrare il colore nell'intervallo previsto e mantiene la saturazione. Dato che mantiene la luminosità dei pixel equivalente a quella dei pixel non scalati, in linea generale si tratta del metodo di scalatura più utile tra i due possibili. NTSC/PAL: Determina lo standard da utilizzare per la verifica dei colori su video.

Dithering di output
Imposta il dithering di output per tutti i tipi di file. True Color: Attiva/disattiva il dithering per ogni dispositivo di output truecolor. Per le operazioni a 24 bit, va selezionata la casella Dithering True Color. Per le operazioni con la tavolozza, essa può essere disattivata. In tavolozza: Attiva/disattiva il dithering per ogni dispositivo con tavolozza a 8 bit.

Ordine campi
Dispari/Pari: Imposta quale gruppo di linee di scansione è soggetto a rendering al primo campo. Alcuni dispositivi richiedono tale parametro impostato su Pari. Alcuni dispositivi richiedono l'impostazione su un ordine dispari. Indicare l'impostazione corretta per il proprio sistema. Se si effettua un rendering su campi e si hanno problemi con immagini video intermittenti, provare a modificare questo parametro.

Nero assoluto
Soglia: Mantiene la soglia del nero assoluto al di sopra di un dato livello (principalmente per le chiavi di luminanza).

Spot/Caduta
64

Separazione angolo: Blocca lo spot del riflettore e i coni di caduta alla separazione di angolo definita nel campo di inserimento valori (gradi). Questa opzione vincola l'angolo di spot in modo da non farlo coincidere alla caduta di luce (causando difetti di aliasing).

Evita alias su sfondo
Assicura che i bordi della geometria renderizzata non siano sottoposti ad antialiasing sullo sfondo. L'interno della geometria resta non scalettato. Deselezionare questa opzione a meno che non si stiano creando comparse per lo sviluppo di giochi, o non siano necessarie speciali tecniche di composizione. In tali casi, la selezione di questa opzione contribuirà ad evitare la generazione di antialiasing alfa sui bordi della geometria.

Colore di default luce circostante
Fare clic sul campionario colori per modificare la luce circostante di default per le operazioni di rendering. Questo colore rappresenterà il colore più scuro delle ombre di rendering della scena.

Limite dimensione pixel
Consente di aumentare la Dimensione pixel di un valore dell'intervallo 1.5-2.0 per un antialiasing altamente smussato Ciò viene richiesto per i video ad alta risoluzione e l'animazione di filmati con scene che contengono molte linee lunghe quasi verticali o quasi verticali ad alto contrasto. In questi casi, l'impostazione del valore in questione fino a 2,0 smussa i bordi lunghi. Si consiglia di eseguire delle prove per evitare che questo metodo comporti dei difetti di visualizzazione, specialmente contro uno sfondo nero.

Sequenza file di output
Numerazione seriale n.: Specifica se i file fotogramma di output generati con un valore a passo fotogramma diverso da 1 vengano numerati in sequenza (casella selezionata) o secondo la numerazione effettiva dei fotogrammi (casella deselezionata).

Avviso termine rendering
Beep: Emette un segnale acustico per segnalare che il rendering è terminato. È possibile impostare i valori di frequenza e durata. Riproduci suono: Riproduce un file audio per segnalare che il rendering è terminato. Per selezionare un file suono, fare clic sul pulsante Scegli suono. È possibile testare i file audio grazie al pulsante Riproduci nella finestra di ricerca file. Premere Esc per disattivare il suono.

Renderizzatore corrente
Specifica i renderizzatori per il lato di produzione e il lato di bozza. Commutare fra i due renderizzatori utilizzando le opzioni Produzione e Bozza nella finestra di dialogo Rendering in scena. Assegna: Visualizza una finestra di dialogo che elenca tutti i programmi plug-in di renderizzatore installati nel sistema. Selezionare un nuovo plug-in per sostituire quello corrente.

Multi-threading
On: Fa in modo che 3D Studio MAX consideri l'operazione di rendering come thread separati. Questa opzione opera con sistemi multiprocessore. Quando questa casella è 65

deselezionata (off), 3D Studio MAX considera l'operazione di rendering come una singola elaborazione che non va divisa. Ciascun processore si occupa di un diverso thread, consentendo un impiego efficiente delle risorse di elaborazione disponibili e ottimizzando la velocità delle operazioni di rendering.

Preferenze File
Imposta le preferenze riguardanti la gestione file.

Riferimento
Il pannello File comprende le seguenti opzioni:

Gestione file
Backup su Salva: Crea un file di backup file in caso di esistenza di un file con lo stesso nome. Il file esistente viene rinominato "MaxBack.bak" e posizionato nella directory 3D Studio MAX prima che venga attuato il salvataggio. Incremento su Salva: Crea una nuova copia del file nella stessa directory al momento del salvataggio. Il nome del nuovo file viene incrementato di 1 (filename01.max, filename02.max e così via). File recenti nel menu File: Specifica il numero di file recentemente numerati da visualizzare in fondo al menu File. Salva miniatura fin. visualizzazione: Salva una miniatura a 64 pixel della finestra attiva ad ogni salvataggio di file .max. La miniatura è leggibile soltanto mediante l'utilità Gestore file grafici. Il salvataggio delle miniature aggiunge circa 9K a ciascun file .max.

Backup automatico
Il sistema di backup automatico crea i file AutobakN.mx (dove N è un numero intero da 1 a 9) sulla base di un intervallo temporale. Ad esempio, se si è effettuata un'impostazione di tre file Autobak a intervalli di un minuto (default), verrà creato Autobak1.mx, dopo un minuto verrà creato Autobak2.mx e quindi Autobak3.mx. Questa impostazione consente di perdere soltanto un minuto di lavoro e di minimizzare il consumo di spazio su disco. Abilita: Abilita il sistema di Backup automatico. Numero di file: Determina quanti file di backup scrivere prima di sovrascrivere il primo. I valori di questo campo vanno da 1 a 9. Intervallo di backup: Determina il numero di minuti tra i file di backup generati.

Sistema di archiviazione
Programma: Specifica il nome e l'ubicazione del programma da utilizzare per l'archiviazione. Deve trattarsi di un programma che l'utente ha installato indipendentemente sul proprio sistema. È possibile aggiungere argomenti di righe di comando al nome del file eseguibile. Ad esempio, per pkzip, gli argomenti possono essere: project1.zip c:proj0?.max -o

Procedimenti
Per impostare le preferenze relative al file
• Scegliere File > Preferenze, quindi fare clic sulla scheda Tastiera. 66

quali gizmi. Il grigio scuro diventa grigio chiaro e viceversa. Fare clic su Ripristina elemento per ripristinare l'elemento correntemente selezionato in quell'area. Il pannello Preferenze colori comprende le seguenti opzioni: IU principale Consente di specificare colori per l'interfaccia utente di 3D Studio MAX (elementi che non compaiono nelle finestre di visualizzazione). ma i tratti sono utili poiché possono selezionare un oggetto e farvi corrispondere un comando. Tratti I tratti rappresentano un modo per assegnare comandi di scelta rapida ai modelli di tratto del mouse (o la tavoletta grafica). Riferimento Scegliere un elemento dall'elenco. quindi fare clic sul riquadro colore per cambiarne il colore. I tratti richiedono un mouse a tre pulsanti. quindi fare clic sul riquadro colore per cambiarne il colore. Colore griglia: Imposta un valore di colore per la visualizzazione delle linee di griglia. Ripristina intensità griglia: Ripristina l'intensità della griglia al suo valore di default. Fare clic su Ripristina categoria per ripristinare tutti gli elementi della categoria corrente. Fare clic sul riquadro colori per visualizzare un selettore colore nel quale specificare il colore da attribuire alla griglia. Inverti: Inverte il valore della scala dei grigi per la visualizzazione delle linee di griglia. il 255 al bianco. Oggetti Consente di cambiare il colore degli oggetti della scena con colori specifici. Inverti intensità: Inverte il valore della scala dei grigi per la visualizzazione delle linee di griglia. o l'equivalente in una tavoletta grafica. 67 .Preferenze colore Personalizza i colori dell'interfaccia utente di 3D Studio MAX che non sono influenzati dai colori personalizzati standard di Windows NT. Il valore 0 corrisponde al nero. Gizmos & Apparati Consente di cambiare il colore dei componenti che compaiono nelle finestre di visualizzazione. Griglie Consente di specificare un'impostazione personalizzata di intensità di colore o di grigio per la griglia base. Se non si dispone di un mouse a tre pulsanti è comunque possibile utilizzare i tratti mediante l'utilità Tratti. Intensità di colore più chiare e più scure servono per le linee secondarie della griglie. Riferimento È possibile anche assegnare scelte rapide da tastiera ai comandi usati più frequentemente. Scegliere un elemento fra quelli dell'elenco. quali gli space warp. coni cinepresa ecc.

Selezionare Nascondi selezione dall'elenco. tenendo premuto MAIUSC durante l'esecuzione della stessa linea si ottiene un altro tipo. Fare clic su OK." Se appare un messaggio di avviso. è possibile che il tratto sia stato disegnato in maniera errata oppure che questo tratto sia già stato assegnato. Fare clic sul pulsante Disegna tratti se non è già diventato verde. L'esecuzione di una linea verticale è un tipo di tratto. Per assegnare Nascondi selezione ad un tratto 1. L'opzione abilitata è Oggetto singolo all'inizio del tratto. Nota: Le modifiche apportate al set di tratti vengono salvate in 3DS MAX e vengono mantenute da una sessione all'altra. Proseguire con le fasi successive per sostituire il tratto definito. All'esecuzione di questo tratto viene attivata la modalità Rotazione ad arco. Fare clic sul pulsante Disegna tratti. Tenere premuto CTRL. Nel messaggio di avviso che viene visualizzato. Prima di poter utilizzare i tratti occorre specificare l'opzione Tratto sotto Pulsante mediano del mouse nella pagina Finestre di visualizzazione> della finestra di dialogo File Preferenze. Lo stesso modello di tratto può realizzare quattro tratti distinti mantenendo premuti i tasti MAIUSC e/o ALT durante l'esecuzione del tratto. Si può assegnare un tratto circolare al comando Nascondi selezione. 7. 5. Trascinare in senso verticale verso il basso e poi di nuovo verso l'alto sopra un qualsiasi oggetto della scena per visualizzare la finestra di dialogo Proprietà dell'oggetto relativa all'oggetto selezionato. Tenere premuto CTRL e comporre una forma a L trascinando in senso verticale dall'alto verso il basso e proseguendo poi da sinistra a destra. 6. Il nome del tratto è "HKKH. Scegliere il comando Proprietà dall'elenco Comando da eseguire. poiché questa è l'opzione logica per il comando Proprietà dell'oggetto. 3. 68 . si può assegnare Rotazione ad arco ad un tratto discendente. In questo modo esso seleziona l'oggetto e allo stesso tempo nasconde tutti gli oggetti nell'area di delimitazione del modello di tratto. 4. fare clic su Sì per ridefinire il tratto e visualizzare la finestra di dialogo Definisci tratto.Ad esempio. Appare la finestra di dialogo Definisci tratto. 4. Vedere anche L'utilità Tratti Definizione dei tratti Revisione e modifica dei tratti Preferenze tratti Procedimenti Per assegnare le proprietà di un tratto 1. 2. 2. e trascinare direttamente dall'alto fino al fondo e poi in senso inverso fino al punto d'inizio. Il nome di questo tratto è GJEF. 3. tenendo premuto ALT durante la sua esecuzione si ottiene un terzo tipo e tenendo premuti contemporaneamente MAIUSC e ALT se ne ottiene un quarto.

5. Rotazione ad arco o Attiva oggetto griglia. si può assegnare un tratto a forma di U a Annulla. Ai segmenti interni della griglia vengono assegnate lettere uniche. Un X verde rappresenta l'inizio del tratto. la lettera associata a quel segmento viene aggiunta al nome del tratto. 7. Fare clic su OK. lasciare impostata l'opzione Oggetto singolo all'inizio del tratto o modificarla in Tutti gli oggetti del set di selezione. Appena completata la realizzazione di un tratto. sarebbe stato chiamato KH. Nei punti in cui il tratto interseca i segmenti etichettati nella griglia. Se invece il comando non si applica alle selezioni. ad es. Comporre una forma a L che attraversi e racchiuda alcuni oggetti della scena. Tratto da definire Visualizza il nome del tratto e mostra il tratto appena disegnato come una serie di piccole X bianche collegate fra loro da linee bianche. viene impostato Nessun oggetto . La griglia etichettata mostra come viene riconosciuto il tratto. Gli oggetti tratteggiati sono tutti nascosti. attorno al tratto stesso viene centrata e adattata alla sua estensione una griglia a nove riquadri. ma scoprire poi che talvolta si riesce a disegnare soltanto una forma a J nel tentativo di eseguire la U. In tal modo la direzione e la forma del tratto hanno importanza ma la dimensione del tratto non influisce. Assegnando entrambi i tratti U e J a Annulla. al nome del tratto viene aggiunta una lettera. mentre una X rossa ne rappresenta la fine. Se il comando si applica alle selezioni. Se si disegna un tratto in senso verticale dall'alto verso il basso.Eseguire il comando. quindi scegliere Intersezione. Si può vedere come vengono analizzati i tratti esaminando la griglia nell'area Definisci della finestra di dialogo Definisci tratti. Nel punto in cui il tratto interseca un segmento. Il gruppo di opzioni dell'area Comando operativo su è molto importante. Ad esempio. in quell'ordine. Selezionare un 69 . Caricare una scena contenente più oggetti. il tratto viene chiamato HK perché ha intersecato i segmenti indicati come H e K. Comando da eseguire La finestra elenca tutti i comandi ai quali è possibile assegnare un tratto. non ci si dovrà preoccupare di aver fallito il tratto. Il tratto è sempre centrato entro la griglia. Se il tratto fosse stato disegnato dal basso verso l'alto. 8. Scegliere Tutti gli oggetti in estensioni rettangolari. Suggerimento: È possibile definire più di un tratto per lo stesso comando. 6. Vedere anche L'utilità Tratti Revisione e modifica dei tratti Preferenze tratti Finestre Riferimento Nella finestra di dialogo Definisci tratto sono disponibili le seguenti opzioni. si visualizza la finestra di dialogo Definisci tratto nel punto a cui è stato assegnato il tratto. Definizione dei tratti Tenendo premuta la chiave CTRL (da sola o in combinazione con MAIUSC e/o ALT) mentre si disegna il tratto.

Correntemente assegnato al tratto: Visualizza il nome del tratto correntemente assegnato al comando selezionato.comando e fare clic su OK per assegnare al comando selezionato il tratto visualizzato nella griglia. Set tratti corrente: Visualizza il nome del tratto corrente e consente di rivedere i tratti definiti in quel set. un messaggio richiederà se si desidera sostituirlo. una linea orizzontale da sinistra a destra). Tutti gli oggetti in estensioni circolari: Seleziona tutti gli oggetti definiti dal circolo più ampio all'interno della delimitazione rettangolare del tratto. Non è possibile modificare i tratti in questo modo. vengono abilitate le seguenti funzioni: Oggetto singolo all'inizio del tratto: Fa sì che il comando agisca sull'oggetto sotto al punto del primo tratto nella finestra attiva. Nessun oggetto . modificare ed eliminare tratti. Per visualizzare. Tenere premuta la chiave CTRL mentre si disegna il tratto. Quando viene selezionato un comando applicabile agli oggetti selezionati.) Rivedi: Fare clic per visualizzare la finestra secondaria di dialogo Rivedi tratti. 2. Se il tratto è già esistente. queste due opzioni diventano disponibili. Vedere Preferenze tratti. diventano disponibili varie opzioni nell'area Comando operativo su. Comando operativo su Fornisce una serie di opzioni per specificare su quali oggetti (eventualmente) agisce il comando. Se le chiavi MAIUSC o ALT sono state premute durante l'esecuzione del tratto. in cui si può scegliere da un elenco di tratti definiti e quindi vedere il tratto stesso. (È possibile creare e salvare un certo numero di set tratti differenti. 3. Seleziona solo gli oggetti dentro l'area o che la intersecano. Oggetti multipli in base ai limiti del tratto La scelta di una delle opzioni di quest'area consente di utilizzare il tratto stesso per selezionare oggetti multipli e quindi applicare il comando. Ad esempio: "MAIUSC + HK" o "Alt + HK. esse vengono aggiunte al nome. La finestra seleziona soltanto quegli oggetti interamente compresi entro l'area rettangolare o circolare. disegnare il tratto corrispondente a Rivedi tratti (per default. Assegnare il tratto nella finestra di dialogo Definisci tratto visualizzata. Finestra/Intersezione: Quando viene scelta una delle due opzioni sopra menzionate. Tutti gli oggetti in estensioni rettangolari: Seleziona tutti gli oggetti definiti dalla delimitazione rettangolare del tratto. Tutti gli oggetti del set di selezione: Fa sì che il comando agisca su tutti gli oggetti che compongono il set di selezione corrente.eseguire il comando: Questo testo viene visualizzato quando si sceglie un comando non specifico per gli oggetti selezionati (ad esempio Rotazione ad arco). Procedimenti Per definire un tratto utilizzando la chiave CTRL 1. Queste opzioni vengono abilitate o disabilitate a seconda del tipo di comando selezionato nella finestra dell'elenco. sottostante. A seconda del comando selezionato da questo elenco. Per definire un tratto esemplificativo 70 . Fare clic su Sì.

Fare doppio clic con il mouse per modificare i vincoli relativi all'asse per la modalità di trasformazione corrente. Questi sono i comandi disponibili come Collegamenti I. disponibili attraverso Tratti: Rendi cinepresa attiva: Puntare verso una cinepresa singola (non di destinazione). Modalità di scalatura (imposta vincoli): Commuta sulla modalità Seleziona e scala. 2. oltre ai comandi seguenti. 3. Rivedi tratti: Visualizza la finestra di dialogo Rivedi tratti. tutte le luci vengono impostate su uno stato comune. Appare il selettore di colore che consente di modificare il colore delle luci selezionate. Disegnare un tratto che non esista già. e visualizza una piccola finestra di dialogo contenente i vincoli di asse disponibili. Imposta vincoli: Visualizza una piccola finestra di dialogo contenente i sei vincoli disponibili. o tutte attivate o tutte disattivate. Fare doppio clic con il mouse per modificare i vincoli relativi all'asse per la modalità di trasformazione corrente.U. disegnare il tratto e quella cinepresa diviene attiva nella finestra di visualizzazione in cui il tratto è stato disegnato. Preferenze tratti: visualizza la finestra di dialogo Preferenze tratti. Se si passa sopra a due o più luci. è possibile anche modificare o eliminare tratti definiti: • Fare clic sul pulsante Rivedi nella finestra di dialogo Definisci tratti per visualizzare i tratti ma non per modificarli o eliminarli. Fare doppio clic con il mouse per modificare i vincoli relativi all'asse per la modalità di trasformazione corrente. seconda del modo in cui questa finestra di dialogo viene visualizzata. Riferimento Tratti definiti Visualizza un elenco di comandi correntemente assegnati ad essi e il nome del set tratti corrente. una linea orizzontale da sinistra a destra) per visualizzare. È possibile ridefinire il tratto corrispondente a Rivedi tratti nella finestra di dialogo Rivedi tratti. e visualizza una piccola finestra di dialogo contenente i vincoli di asse disponibili. Mostra come Fornisce due opzioni che consentono di specificare come visualizzare i comandi 71 . Fare doppio clic con il mouse per modificare i vincoli relativi all'asse per la modalità di trasformazione corrente. principale nella finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Modalità sposta (imposta vincoli): Commuta su trasformazione Sposta e visualizza una piccola finestra di dialogo contenente i sei vincoli disponibili. modificare ed eliminare tratti. Revisione e modifica dei tratti È possibile visualizzare tratti definiti nella finestra di dialogo Rivedi tratti. Fare clic su Definisci. • Disegnare il tratto corrispondente a Rivedi tratti (per default. Interruttore on/off luce: Passare sopra una luce per attivarla/disattivarla.1. Apparirà il messaggio Tratto non trovato. Assegnare il tratto nella finestra di dialogo Definisci tratto visualizzata. Modalità rotazione (imposta vincoli): Commuta sulla modalità Seleziona e ruota. Cambio colore luce: Si può utilizzare questo comando per una o più luci.

Informazioni sul tratto selezionato Visualizza il tratto assegnato all'elemento selezionato nella finestra dell'elenco e il suo nome. HK). Elimina: Elimina i set visualizzati nell'elenco. 4. Nome tratto: Visualizza i tratti assegnati mediante il nome del tratto (ad esempio. 2.nell'elenco. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Definisci tratti per assegnare il tratto selezionato al comando correntemente evidenziato nella finestra di dialogo Rivedi tratti. e il comando non è più assegnato al tratto. Riferimento Set tratti corrente Visualizza il nome e il numero dei tratti nel set corrente. Selezionare un comando (o tratto) dall'elenco Fare clic su Cambia. Salva: Salva i set visualizzati nell'elenco. Rivedi ordine di default apparizione tratti Specifica se i comandi o tratti sono originariamente elencati nella finestra di dialogo Rivedi tratti. scegliere dall'elenco e fare clic su OK. digitare un nuovo nome nel campo apposito e fare clic su Salva. L'intervallo valido va da 0 a 2000. in senso verticale dall'alto verso il basso e da sinistra verso destra). Riproduci animazione). Selezionare il nuovo tratto da assegnare. Per selezionare un set diverso. Il valore di default è 300 (circa 1/3 di secondo). Impostare su 0 per nascondere la griglia. Per creare un nuovo set. Cambia: Assegna un tratto diverso al comando o viceversa. Preferenze tratti La finestra di dialogo Impostazioni preferenze tratti è disponibile soltanto disegnando il tratto relativo (per default. Mostra tempo griglia (ms) Il tempo in millisecondi in cui la griglia di analisi tratto resta visualizzata nelle finestre dopo il completamento di un tratto. 72 . a seconda che i comandi o tratti siano visualizzati nell'elenco. una forma a L invertita. La finestra di dialogo Preferenze tratto consente di salvare set di tratti e di impostare varie altre proprietà dei tratti. Nome comando: Visualizza i tratti assegnati mediante il nome del comando (ad esempio. 3. Procedimenti Per modificare il comando assegnato ad un tratto o viceversa 1. Appare la finestra di dialogo Definisci tratti. Elimina: Rimuove dall'elenco il comando (o tratto) selezionato. È possibile ridefinire il tratto corrispondente a Rivedi tratti nella finestra di dialogo Rivedi tratti.

3. in pixel. la lunghezza del tratto non ha importanza. Attivare una delle finestre di visualizzazione. L'intervallo valido va da 0 a 2000. L'impostazione di default è 4. Il valore di default è 300 (circa 1/3 di secondo). Mentre si trascina il mouse. Essa visualizza una finestra di dialogo non modale consistente in un unico pulsante Disegna tratti. fare clic su Continua e ripetere quindi le fasi 2 e 3. Cronologia Si tratta dell'area del menu File che appare dopo aver eseguito alcune operazioni con i file di 3D Studio MAX. I tratti che operano sul Primo punto visualizzano una piccola X. Utilità Tratti (Menu) L'utilità Tratti non richiede un mouse a tre pulsanti. In essa sono elencati i file di apertura più recente. I tratti che operano su elementi nel riquadro di delimitazione del tratto visualizzano il riquadro di delimitazione. delle X disegnate nelle finestre di visualizzazione che consentono di visualizzare la forma del tratto. Impostare su 0 per disabilitare questa funzione. Le selezioni intersecanti appaiono punteggiate.Mostra estensioni tempo (ms) Il tempo in millisecondi in cui le estensioni del tratto restano visualizzate nelle finestre. ma le opzioni relative al pulsante mediano del mouse in quella finestra di dialogo vengono ignorate. Dimensione punto tratto La dimensione. Appena si rilascia il mouse appare brevemente una griglia 3x3. Attivare l'opzione Tratti nella pagina della finestra di visualizzazione della finestra di dialogo File > Preferenze. A questo punto si è in modalità Rotazione ad arco. appaiono piccole X che visualizzano il tratto disegnato. Procedimenti Per attivare Rotazione ad arco servendosi dell'utilità Tratti 1. Riferimento Per utilizzare l'Utilità tratti occorre attivare Tratti nella finestra di dialogo Impostazioni preferenze. Alcuni tratti sono già definiti per l'utente. Menu Modifica 73 . Al contrario della direzione. I tratti che operano nelle aree circolari visualizzano un cerchio inscritto nel riquadro di delimitazione del tratto. 2. L'intervallo valido è compreso tra 3 e 20. Fare clic su questo pulsante e quindi trascinare con il pulsante sinistro del mouse per disegnare i tratti desiderati. Le selezioni della finestra appaiono continue. Tenere premuto il pulsante del mouse e trascinare il mouse direttamente dall'alto verso il basso. Se appare il messaggio Tratto non trovato.

Utilizzare il comando Mantieni prima di effettuare un'operazione che potrebbe non funzionare come previsto. Riferimento Mantieni salva la scena in un file temporaneo (maxhold. vedere il pulsante Ripeti. Mantieni Memorizza la scena corrente di 3D Studio MAX e le sue impostazioni in un buffer ripristinabile.max) sotto una directory specificata come Percorso scene nella finestra di dialogo configura percorso. Riferimento 74 . configurazioni di finestre e gruppi di selezione. come riportato qui sotto. Questi comandi consentono all'occorrenza di ritornare agevolmente a un punto specifico del programma. luci. Annulla/Ripeti Mantieni Recupera Elimina Clona Seleziona tutto Deseleziona tutto Inverti selezione Seleziona per Seleziona per colore Seleziona per nome Area Seleziona area finestra Seleziona area intersezione Modifica selezioni con nome Proprietà Annulla/Ripeti Annulla l'ultima azione effettuata.Comprende le funzioni di selezione e modifica degli oggetti nelle scene. Procedimenti Per memorizzare la scena corrente in un buffer ripristinabile • Scegliere Modifica > Mantieni Recupera Ripristina la scena di 3D Studio MAX e le impostazioni precedentemente memorizzate dal comando Mantieni. Il comando Recupera ripristina il contenuto del buffer Mantieni che comprende figure geometriche (geometrie). vedere il pulsante Annulla. cineprese. Per una descrizione completa della funzione Annulla. Per una descrizione completa della funzione Ripeti.

Istanza: Inserisce un'istanza dei controller di trasformazione dell'oggetto selezionato nella posizione specificata. Procedimenti Per eliminare la selezione corrente eseguire una delle seguenti azioni • Premere CANC. • Scegliere Modifica > Elimina. Riferimento: Inserisce un riferimento dell'oggetto selezionato nella posizione specificata. Numero di copie: Specifica il numero degli oggetti clonati. Clona Consente di creare una copia. Istanza: Inserisce un'istanza dell'oggetto selezionato nella posizione specificata.Il comando Mantieni memorizza la scena nel buffer di Mantieni. cineprese. la seconda copia risulterà scostata (offset) rispetto alla prima della stessa distanza intercorrente tra la prima copia e l'originale. un' istanza o un riferimento dell'oggetto o degli oggetti selezionati. Tra le informazioni memorizzate vi sono quelle riguardanti figure geometriche (geometrie). luci. Questi comandi consentono all'occorrenza di ritornare agevolmente a un punto specifico del programma. Utilizzare il comando Mantieni prima di effettuare un'operazione che potrebbe non funzionare come previsto. Elimina Elimina dalla scena la selezione corrente. configurazioni di finestre e gruppi di selezione. Oggetto Copia: Inserisce una copia dell'oggetto selezionato nella posizione specificata. L'opzione che segue appare solo quando a un oggetto si applica MAIUSC-Clona. 75 . Riferimento La finestra di dialogo Opzioni clonazione appare quando si sceglie Clona dal menu Modifica oppure quando si tiene premuto il tasto MAIUSC durante la trasformazione di un oggetto. Se ad un oggetto si applica MAIUSC-Sposta e si specificano due copie. Copia: Inserisce una copia dei controller di trasformazione dell'oggetto selezionato nella posizione specificata. Procedimenti Per ripristinare una scena dal buffer Mantieni • Scegliere Modifica > Recupera. Controller Produce copie o istanze dei controller di trasformazione degli oggetti originali Questa opzione è attiva soltanto quando la selezione che si sta copiando comprende due o più oggetti collegati gerarchicamente.

3. Procedimenti Per applicare Maiusc-Clona ad un oggetto 1. Per clonare un oggetto senza trasformarlo 1. 3. Selezionare uno qualsiasi di essi per nome.Con Ruotare. Fare clic sul pulsante Sposta. Scegliere Modifica > Clona dalla barra dei menu. Cambiare le impostazioni di questa finestra o accettare i default e fare clic su OK. È possibile selezionare un oggetto singolo. quindi fare clic su OK. la seconda copia è di dimensioni doppie (o dimezzate) rispetto alla prima copia. Procedimenti Per deselezionare tutti gli oggetti per il filtro di selezione corrente 76 . Tenere premuto il tasto MAIUSC e trascinare la selezione per applicare la trasformazione. Seleziona tutto Seleziona tutti gli oggetti nella scena del tipo di filtro di selezione corrente nella barra degli strumenti. appaiono due copie dell'oggetto scalato. 2. Con Scala. 2. Durante il trascinamento viene creato e selezionato un clone. Gli oggetti clonati occupano esattamente lo stesso spazio dell'originale. È possibile impostare un numero di clonazioni multiple. Appare la finestra di dialogo Opzioni di copia. Quando si rilascia il pulsante del mouse appare la finestra di dialogo Opzioni clonazione. vengono create due copie dell'oggetto ruotato. un gruppo o un suboggetto. per spostarli o modificarli. la seconda è ruotata del doppio rispetto alla prima. Cambiare le impostazioni o accettare i default. oggetti multipli. Deseleziona tutto Deseleziona tutti gli oggetti della scena del tipo indicato dal filtro di selezione corrente. Procedimenti Per selezionare tutti gli oggetti • Scegliere Modifica > Seleziona tutto. Ruota o Scala e selezionare l'oggetto o il set da clonare. L'oggetto originale non è più selezionato e non è interessato dalla trasformazione. si tratta dell'oggetto trasformato. Name Visualizza il nome dell'oggetto clonato. Selezionare l'oggetto o impostare quelli da clonare.

• Scegliere Modifica > Deseleziona tutto.

Inverti selezione
Inverte il set di selezione Vengono selezionati tutti gli oggetti che al momento non sono selezionati. Verranno deselezionati tutti gli oggetti correntemente selezionati.

Procedimenti
Per invertire la selezione corrente
• Scegliere Modifica > Inverti selezione.

Seleziona per
Fornisce le opzioni per la selezione degli oggetti nella scena per colore o per nome. Seleziona per colore Seleziona per nome

Seleziona per colore
Seleziona tutti gli oggetti di colore identico a quello dell'oggetto selezionato. Dopo aver scelto questo comando, fare clic su uno degli oggetti della scena per determinare il colore del set di selezione.

Procedimenti
Per selezionare per colore
1. Scegliere Modifica > Seleziona per > Colore. Appare il cursore di selezione del colore. 2. Selezionare un oggetto del colore desiderato. Vengono selezionati tutti gli oggetti dello stesso colore.

Seleziona per nome
Consente di selezionare oggetti scegliendoli da un elenco contenente tutti gli oggetti della scena. Per una descrizione completa della funzione Seleziona per nome, vedere il pulsante Seleziona per nome.

Procedimenti
Per selezionare per nome
• Scegliere Modifica > Seleziona per > Nome.

Area
Alterna tra la selezione degli oggetti che rientrano in, o sono intersecati da, una finestra rettangolare. Si tratta delle stesse funzioni fornite dal pulsante Finestra/Intersezione sulla barra di stato. Seleziona area finestra 77

Seleziona area intersezione

Seleziona area finestra
Consente di selezionare gli oggetti all'interno di un'area di selezione.

Riferimento
Dopo aver scelto questo comando, tracciare un rettangolo, cerchio o perimetro attorno ad ogni oggetto della scena. Vengono selezionati solo gli oggetti che rientrano totalmente all'interno dei limiti dell'area considerata.

Procedimenti
Per selezionare gli oggetti entro un'area di selezione eseguire una delle seguenti azioni
• Scegliere Modifica > Area > Finestra. • Fare clic sull'Interruttore finestra/intersezione per visualizzare l'icona della finestra.

Seleziona area intersezione
Consente di selezionare gli oggetti all'interno di, o intersecati da, un'area di selezione.

Riferimento
Dopo aver scelto questo comando, tracciare un rettangolo, cerchio o perimetro attorno agli della scena oppure in modo da intersecarli. Vengono selezionati solo gli oggetti che rientrano all'interno dei limiti dell'area considerata o che sono intersecati da essa.

Procedimenti
Per selezionare gli oggetti intersecati da un'area di selezione eseguire una delle seguenti azioni
• Scegliere Modifica > Area > Intersezione. • Fare clic sull'Interruttore finestra/intersezione per visualizzare l'icona di intersezione.

Modifica selezioni con nome
Consente di gestire set di selezioni con nome.

Riferimento
Nella finestra di dialogo Modifica selezioni con nome, la finestra sulla sinistra elenca tutte le selezioni correnti con nome. Quando si seleziona uno qualsiasi di questi elementi riportati nella finestra più a sinistra, questi oggetti sono elencati nella finestra sulla destra. I pulsanti sotto le finestre consentono di eliminare, unire, rinominare e modificare gli elementi elencati. Si può utilizzare Modifica selezioni con nome in modalità di modifica sub-oggetto, ma in questo caso viene visualizzata soltanto la metà sinistra della finestra di dialogo.

Selezioni con nome
78

Elenca tutti i set esistenti di selezioni con nome. Quando viene selezionato un elemento singolo, è possibile rinominarlo digitando un nuovo nome nel campo sotto l'elenco. Combina: Unisce tutti gli oggetti dai set evidenziati di selezione in un nuovo set singolo. Selezionare due o più set di selezione, quindi fare clic su Combina ed inserire un nuovo nome per il set. Utilizzare Elimina per eliminare i set originali. Elimina: Elimina tutti gli elementi selezionati nella finestra Selezioni con nome. Sottrai (A-B): Sottrae da un altro set gli oggetti contenuti in un set di selezione Selezionare un articolo nella finestra Selezioni con nome, quindi selezionarne un altro. L'elemento evidenziato in alto nella finestra è l'operatore A, e quello in basso l'operatore B (indipendentemente dal loro ordine nella selezione). Fare clic su Sottrai (A-B) per sottrarre gli oggetti nell'elemento in basso da quelli dell'elemento in alto. Fare clic su Sottrai (A-B) per sottrarre gli oggetti nell'elemento in basso da quelli dell'elemento in alto. Intersezione: Crea un set di selezione che consiste di oggetti in comune fra i set evidenziati di selezione. Selezionare due o più articoli dalla finestra Selezioni con nome e fare clic su Intersezione. Inserire un nuovo nome nella finestra di dialogo che appare e fare clic su OK.

Oggetti
Visualizza i nomi degli oggetti in comune fra le selezioni con nome evidenziate nella finestra più a sinistra. Ad esempio, se si selezionano due selezioni con nome entrambe contenenti un Toro ma tutti gli altri oggetti nel rispettivo set si escludono a vicenda, soltanto il toro appare nella finestra Oggetti. Aggiungi: Aggiunge oggetti al set (o ai set) di selezione evidenziati. Appare la finestra di dialogo Seleziona per nome, che elenca tutti gli oggetti della scena che non sono in comune fra i set di selezione evidenziati. Scegliere uno o più elementi dalla finestra di dialogo, quindi fare clic su Aggiungi. Per aggiungere un sub-oggetto ad una selezione con nome, selezionare le figure geometriche che si desidera aggiungere, attribuire loro un nome e combinare la geometria rinominata ad un nome già esistente nella finestra di dialogo Modifica. Rimuovi: Selezionare uno o più elementi dalla finestra Oggetti, quindi fare clic su Rimuovi per rimuovere quell'elemento dal set di selezione. Poiché la finestra Oggetti visualizza soltanto gli oggetti in comune a tutti i set di selezione evidenziati, si possono rimuovere oggetti da più di un set di selezione alla volta. Rimuovi è disponibile soltanto quando si selezionano uno o più elementi dalla finestra Oggetti. Per rimuovere figure geometriche da una selezione con nome per un sub-oggetto, selezionare e nominare la figura geometrica che si desidera rimuovere, quindi utilizzare Sottrai.

Procedimenti
Per modificare una selezione con nome
1. Fare clic sulla selezione con nome all'interno dell'elenco. Vengono selezionati gli oggetti definiti. 2. Scegliere Modifica > Modifica selezioni con nome

Proprietà
79

ad esempio Cilindro01. Come quelli fittizi. influendo così anche su tutte le istanze e i riferimenti di una forma. la forma non è renderizzabile indipendentemente dallo stato della sua casella di controllo Renderizzabile locale. ad es. Y. Le facce di una forma vengono generate soltanto al momento della renderizzazione (se impostate come renderizzabili). Tornio o Estrudi. derivati: Visualizza il numero dei derivati collegati gerarchicamente. e Z dell'oggetto. Vertici/Facce/Poligoni: Visualizza il conteggio vertice/faccia per le forme e il numero di poligoni in una forma. compreso quanto segue: Nome: È possibile digitare un nuovo nome per l'oggetto nel campo. Nome materiale: Visualizza il nome del materiale utilizzato o il nome della selezione.Consente di visualizzare e modificare le proprietà della selezione corrente. 4 entità ecc. Al contrario. L'opzione Renderizzabile nella finestra di dialogo Proprietà influisce sull'oggetto master. Appare Nessuno se l'oggetto non fa parte del gruppo. Gli oggetti forma prevedono per default l'attivazione dell'opzione Renderizzabile ma dispongono di una casella di controllo Renderizzabile supplementare nei relativi parametri di creazione nel pannello comandi. Riferimento Gli elementi della finestra di dialogo Proprietà oggetto dipendono dal tipo di oggetto selezionato. Dimensioni: Visualizza le dimensioni X. Colore: Fare clic sul riquadro colore per selezionare un colore diverso. Se viene applicato un modificatore che converte la forma in un oggetto mesh. Default=opzione attivata Ricevi ombre: Attiva/disattiva la capacità dell'entità di ricevere ombre. Se l'opzione Renderizzabile nella finestra di dialogo Proprietà è disattivata. Default=opzione attivata 80 . Poiché questi valori possono mutare col tempo. la forma è renderizzabile. Principale: (il nome della principale gerarchica. l'opzione Renderizzabile nel pannello comandi influisce soltanto sul Proietta ombre: Attiva/disattiva la capacità di proiezione ombre dell'oggetto. Quando entrambe le caselle di controllo sono attivate.) Num. 2 mesh. l'oggetto diventa automaticamente renderizzabile. essi sono validi soltanto per il fotogramma e la vista correnti.) Visualizza la "Radice" se l'oggetto non è collegato a nessun altro oggetto. gli oggetti non renderizzabili possono manipolare altri oggetti della scena. Comando Rendering Renderizzabile: Fa apparire o scomparire un oggetto dalla scena renderizzata. pertanto i numeri di vertice/faccia rappresentano quelli della spline renderizzata e sono influenzati principalmente dalle impostazioni di interpolazione della forma. Gli oggetti non renderizzabili non producono ombre e non influenzano la componente visuale della scena renderizzata. indipendentemente dallo stato della casella di controllo Renderizzabile. Proprietà generali Informazioni oggetto Visualizza informazioni relative all'oggetto selezionato. In Gruppo: Visualizza il nome del gruppo a cui l'oggetto appartiene.

Assegnare i colori vertice nella mesh modificabile a livello di sub-oggetto di vertice o faccia. Qualora si scelga una delle due forme di effetto movimento dalla finestra di dialogo Proprietà dell'oggetto. Se deselezionata. è necessario scegliere di applicare lo stesso tipo anche alla finestra di dialogo Rendering. Nella maggior parte dei casi Effetto movimento immagine procede più rapidamente. Colori vertice: Visualizza l'effetto dei colori vertice assegnati. Se questa opzione è impostata. 81 . i colori appaiono come qualsiasi altro colore assegnato nella finestra di visualizzazione. Solo bordi: alterna la visualizzazione dei bordi della faccia. Effetto movimento oggetto opera più rapidamente se applicato ad oggetti molto semplici. Facce posteriori: Attiva/disattiva la visualizzazione delle facce le cui normali sono puntate in allontanamento rispetto alla vista. La renderizzazione dell'evento Scena crea un canale buffer G se l'incrementatore del Canale oggetto ha una ID non corrispondente a zero. Se l'opzione è disattivata. Indicatori vertice: Visualizza i vertici come indicatori. si vedono le facce posteriori attraverso il wireframe. Se l'opzione è attivata. Ombreggiato: Determina se l'oggetto con i colori vertice assegnati appare ombreggiato nella finestra di visualizzazione. come riquadri di delimitazione. Se questa opzione è spuntata. compaiono solo le facce. compare tutta la geometria mesh. i colori non sono ombreggiati. La velocità di rendering di Effetto movimento oggetto dipende alla complessità della geometria a cui è assegnata. Immagine: Applica il movimento all'immagine dell'oggetto in base alla velocità di ciascun pixel. Valido soltanto per la visualizzazione finestre Wireframe. Traiettoria: Attiva/disattiva la visualizzazione di traiettoria per l'oggetto selezionato in modo da consentire la visualizzazione della sua traiettoria in 3D Studio MAX. mentre Effetto movimento immagine opera più lentamente se effettua il rendering su un oggetto che occupa molto spazio sullo schermo e si muove su tutta la sua superficie in un singolo fotogramma. Quando all'oggetto principale di un gruppo viene assegnata una traccia di visibilità.Eredita visibilità: Fa sì che l'oggetto erediti la visibilità del proprio principale (come determinata dalla Traccia visibilità del principale in Editor tracce). Buffer G Consente di selezionare un materiale come destinazione per effetti basati su Video Post nel canale relativo al buffer G. Valido soltanto per la visualizzazione finestre Wireframe. Dà luogo ad una complessità geometrica minima. mentre la velocità di Effetto movimento immagine dipende dalla quantità di spazio schermo renderizzato occupato dall'oggetto in movimento. Eredita visibilità viene automaticamente attivata per tutti i derivati del gruppo. sia oggetti 3D che forme 2D. Oggetto: Fornisce un effetto movimento a sezione temporale. Proprietà visualizzazione Riquadri di delimitazione: Alterna la visualizzazione degli oggetti selezionati. Effetto movimento Nessuna: Disattiva lo stato di effetto movimento relativo all'oggetto. I materiali trasparenti e gli oggetti nascosti non hanno effetto su questa funzione.

mobile selezione Rifletti Serie Istantanea Allinea Allinea normali Illumina Editor materiali (menu) Sfoglia materiale/mappa Valori trasformazione Consente di digitare valori precisi per le trasformazioni di spostamento. come elencato qui sotto. rappresenta la posizione globale assoluta del vertice. Menu Strumenti Contiene le funzioni per la sostituzione di oggetti. È possibile avvalersi di Valori trasformazione con qualsiasi elemento che può visualizzare un sistema a tre assi.Canale oggetto: L'impostazione di questo incrementatore su un valore diverso da zero significa che l'oggetto riceverà l'effetto post-elaborazione specificato per quel canale in Video Post. Se si sono selezionati vertici multipli. Se è attiva la trasformazione di scalatura. si otterranno gruppi multipli di tre assi. i valori di posizione assoluta rappresentano la posizione globale assoluta dei tre assi. In tal modo la posizione specificata dall'utente nella finestra di dialogo Valori di trasformazione imposta la posizione Se si sono selezionati vertici multipli in modalità Trasformazione locale. Se si è selezionato un vertice singolo. ecc.rla). 82 . Valori trasformazione Fin. mobile visualizzazione Fin. Procedimenti Per visualizzare le proprietà dell'oggetto per la selezione corrente eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Modifica > Proprietà. ad esempio. L'utilizzo della finestra di dialogo Valori trasformazione in modalità sub-oggetto mode. Proprietà definite dall'utente Fornisce un elenco di tutte le proprietà definite dall'utente. i tre assi sono posizionati al centro della selezione. comporta la trasformazione dei tre assi della selezione sub-oggetto. Il titolo della finestra di dialogo riporta la trasformazione correntemente selezionata. In questo caso è disponibile soltanto il controllo Offset. utilizzare il formato file RLA (. Così. il titolo della finestra riporta Scala. il titolo della finestra riporta Ruota mentre i suoi comandi hanno effetti sulla rotazione stessa. • Fare clic con il pulsante destro del mouse su un oggetto e scegliere Proprietà. rotazione e scalatura. Se è attiva la trasformazione di rotazione. Per salvare i dati relativi al canale insieme con la renderizzazione.

Y. È possibile eseguire rotazioni assolute attorno al punto di rotazione dell'oggetto. I valori di offset ritornano a zero al termine di ogni operazione. al centro della selezione o al centro delle coordinate di trasformazione. Tenendo premuto il tasto CTRL durante la selezione di un oggetto. Al tocco: Nasconde qualsiasi oggetto su cui si è fatto clic nella finestra di visualizzazione. e Z: Visualizzano e accettano l'inserimento di offset dei valori di posizione. mobile visualizzazione comprende due pannelli. e Z: Visualizzano e accettano l'inserimento di valori assoluti di posizione. premendo Esegui l'oggetto viene ruotato di 45 gradi rispetto alla posizione precedente.Poiché le tre assi non sono scalate. Nascondi non selezionato: Nasconde tutti gli oggetti visibili ad eccezione di quelli selezionati. quell'oggetto e tutti i suoi derivati vengono nascosti. rotazione e scala lungo tutti e tre gli assi. Nascondi/Congela Nascondi Selezionati: Nasconde l'oggetto o gli oggetti selezionati. Nascondi per nome: Consente di selezionare gli oggetti da nascondere per nome. Per disattivare la modalità Nascondi al tocco. Quando si utilizza la finestra di dialogo Valori trasformazioni per la Rotazione assoluta. fare clic con il pulsante destro del mouse. Riferimento La finestra di dialogo Fin. Nascondi/Congela e Livello oggetto. Y. Se si è digitato 45 gradi nel campo Offset. il campo Assoluto viene aumentato di 45 gradi e il campo Offset ritorna a zero. in modalità sub-oggetto il comando Scala assoluta non è disponibile. rotazione e scala lungo tutti e tre gli assi. lo stato della Comparsa del centro viene rispettato. Procedimenti Per visualizzare la finestra di dialogo Valori trasformazione • Scegliere Strumenti > Valori trasformazione. Riferimento Assoluto:Globale X. Offset:Schermo X. Fin. premere Uscita o 83 . È possibile lasciare aperta la finestra mobile di visualizzazione mentre si sta lavorando ad una scena. mobile visualizzazione Questa finestra di dialogo non modale contiene la maggior parte delle funzioni del pannello comandi Visualizzazione. Utilizzare questa funzione per nascondere tutti gli oggetti ad eccezione di quelli su cui si sta lavorando. facilitando in tal modo il cambio delle finestre di visualizzazione senza dover cambiare anche il pannello comandi corrente.

Utilizzare questa funzione per congelare rapidamente tutti gli oggetti ad eccezione di quelli su cui si sta lavorando. quell'oggetto e tutti i suoi derivati vengono scongelati. Scopri per nome: Visualizza una finestra di dialogo nella quale è possibile scoprire gli oggetti selezionati da un elenco. Al tocco: Congela ogni oggetto su cui si fa clic nella finestra di visualizzazione. cineprese. Se questa opzione è spuntata. Impostare la casella di controllo in modo da nascondere gli oggetti di quella categoria. Poiché i sistemi particellari esistono naturalmente nello spazio globale. Dà luogo ad una complessità geometrica minima. Facce posteriori: Attiva/disattiva la visualizzazione delle facce le cui normali sono puntate in allontanamento rispetto alla vista. premere Uscita o selezionare una funzione diversa. Nessuno e Inverti per modificare rapidamente le impostazioni delle caselle di controllo. Proprietà visualizzazione Fornisce comandi che modificano la visualizzazione degli oggetti selezionati. Riq.). ecc.selezionare una funzione diversa. Congela Selezionati: Congela l'oggetto o gli oggetti selezionati. fare clic con il pulsante destro del mouse. sotto forma di riquadri delimitazione. luci. delimitazione: Commuta la visualizzazione degli oggetti selezionati. Non selezionati: Congela tutti gli oggetti visibili ad eccezione di quelli selezionati. I sistemi particellari appaiono come riquadri di delimitazione quando la degradazione adattiva ha effetto. si vedono le 84 . Scongela Tutti: Scongela tutti gli oggetti congelati. quell'oggetto e tutti i suoi derivati vengono congelati. Per disattivare la modalità Congela al tocco. Tenendo premuto il tasto CTRL durante la selezione di un oggetto. Scopri Tutto: Scopre tutti gli oggetti nascosti. Congela per nome: Consente di selezionare gli oggetti da congelare per nome. Utilizzare i pulsanti Tutto. Tenendo premuto il tasto CTRL durante la selezione di un oggetto. Scongela per nome: Visualizza una finestra di dialogo nella quale è possibile scongelare gli oggetti selezionati in una lista. Questa modalità si disattiva automaticamente se vengono nascosti tutti gli oggetti della scena. il loro riquadro di delimitazione è sempre orientato in modo da risultare parallelo rispetto ai piani globali. forme 2D e sistemi particellari. Al tocco: Scongela ogni oggetto su cui si fa clic nella finestra di visualizzazione. Livello oggetto Nascondi per categoria Attiva o disattiva la visualizzazione di oggetti in base alla loro categoria (oggetti. I pulsanti Scopri sono disponibili soltanto quando si sono nascosti uno o più oggetti specifici. comprendenti oggetti 3D. Esso non scopre gli oggetti nascosti per categoria. Questa modalità si disattiva automaticamente se vengono congelati tutti gli oggetti della scena.

Se durante la selezione si utilizza il tasto H. compaiono solo le facce. i risultati possono essere verificati nelle finestre di visualizzazione. Le opzioni di selezione sono le stesse della finestra di dialogo Seleziona per nome. la casella di controllo contiene una X nera. Valido soltanto per la visualizzazione finestre Wireframe. la casella di controllo contiene una X grigia. Traiettoria: Attiva/disattiva la visualizzazione di traiettoria per l'oggetto selezionato in modo da consentire la visualizzazione della sua traiettoria in 3D Studio MAX. Procedimenti Per utilizzare la Finestra mobile di visualizzazione • Scegliere Strumenti > Fin. vedere il pulsante Seleziona per nome. Serie Crea oggetti in serie in base alla selezione corrente. Riferimento È possibile lasciare aperta questa finestra di dialogo mentre si sta lavorando ad una scena. Per una descrizione completa degli elementi selezionabili. Se la selezione corrente non presenta indicatori. Valido soltanto per la visualizzazione finestre Wireframe. mobile selezione: • Scegliere Strumenti > Fin. Se tutti i vertici della selezione corrente visualizzano degli indicatori. Se questa opzione è impostata. vedere il pulsante Serie. Se deselezionata. apparirà invece la finestra di dialogo modale Seleziona oggetti. Per una descrizione completa della funzione Rifletti. Solo bordi: Alterna la visualizzazione dei bordi della faccia.facce posteriori attraverso il wireframe. Riflette la selezione corrente attorno al centro del sistema di coordinate correnti. mobile Visualizza. Fin. È possibile visualizzare la finestra mobile di selezione soltanto dal menu Strumenti. Man mano che vengono regolate le diverse impostazioni della finestra di dialogo. 85 . Procedimenti Per usare Fin. Se alcuni dei vertici della selezione corrente visualizzano degli indicatori. compare tutta la geometria mesh. mobile selezione Questa finestra di dialogo non modale consente di selezionare gli oggetti della scena. Indicatori vertice: Visualizza i vertici della figura geometrica selezionata come indicatori. la casella di controllo è bianca. vedere il pulsante Rifletti. Rifletti (Menu) Sposta uno o più oggetti riflettendone l'orientamento. mobile Selezione. Per una descrizione completa della funzione Serie. facilitando la selezione degli oggetti.

86 . vedere il Pulsante Allinea normale. vedere il pulsante Istantanea. Per una descrizione completa di Illumina. Riferimento È possibile creare un singolo clone su ciascun fotogramma o cloni multipli nello spazio lungo la traiettoria di animazione (percorso movimento). vedere il pulsante Allinea. modificare ed unire materiali. facilitando così la modifica dei materiali. Per una descrizione completa di Istantanea. Allinea normali Allinea le normali di due oggetti. vedere il Pulsante Illumina.Istantanea Clona un oggetto animato sull'asse del tempo. la si può lasciare operativa mentre si sta lavorando ad una scena. Riferimento Una volta aperta questa finestra di dialogo. selezionare un oggetto al quale sia assegnata una traiettoria. È possibile trascinare materiali dagli elenchi Sfoglia materiale/mappa verso qualsiasi altro slot materiali o mappa nell'interfaccia utente di 3D Studio MAX. Questo comando può essere utilizzato per allineare le facce di un'impostazione geometrica (geometria). quando il browser visualizza la Libreria materiali. Editor materiali Sfoglia materiale/mappa Questa finestra di dialogo modale consente di sfogliare. Per ulteriori informazioni. Per una descrizione completa di Allinea normali. Per una descrizione completa di Allinea. È possibile anche trascinare materiali dallo slot campioni di Editor materiali nel browser. Per utilizzare la modalità di cattura istantanea. La spaziatura può risultare a temporizzazione uniforme o a distanza uniforme. La finestra di dialogo Allinea normali consente di regolare (o annullare) l'allineamento corrente. selezionare. È possibile allineare la posizione e/o l'orientamento del riquadro di delimitazione dell'oggetto di origine (sorgente) al riquadro di delimitazione di un oggetto destinazione. Allinea Allinea la selezione corrente ad una selezione di destinazione. Illumina Consente di allineare una luce (o un oggetto) a un altro oggetto in modo che l'illuminazione speculare evidenziata (o riflessione) possa essere posizionata in modo preciso. vedere l'argomento Browser materiale/mappa.

le anteprime dei materiali presentano i colori di default. Il gruppo può essere trasformato ed è possibile applicarvi modificatori come per un oggetto singolo. Vedere Progettazione dei materiali per una descrizione dell'uso dell'Editor materiali. La finestra di dialogo Editor materiali ha degli slot campione per visualizzare i materiali in anteprima. Raggruppa Apri Chiudi Separa Esplodi Stacca Congiungi Raggruppa Combina un set o gruppo di selezione oggetti in un unico gruppo. Comprende le funzioni di creazione e modifica di materiali e mappe. Riferimento Una volta raggruppati gli oggetti. è possibile gestirli come oggetti singoli della scena. I gruppi possono contenere altri gruppi senza limitazioni di livello. Alla prima apertura dell'Editor materiali. Slot campione Pulsanti strumenti dell'Editor materiali Sfoglia materiale/mappa Materiale standard Materiale Raytracing Materiale Matte/ombra Tipi di mappe Tipi di materiali composti Animazione dei materiali Assegnazione del materiale sub-oggetto tramite drag and drop Procedimenti Per visualizzare l'Editor materiali • Fare clic sul pulsante Editor materiali presente sulla barra degli strumenti di 3D Studio MAX. Menu Gruppi Comprende le funzioni per il raggruppamento e la separazione degli oggetti della scena. Si può far clic su qualsiasi oggetto del gruppo per selezionare l'oggetto gruppo.Procedimenti Per visualizzare la finestra Sfoglia materiale/mappa • Scegliere Strumenti > Sfoglia materiale > mappa. 87 .

Se un gruppo è annidato entro un altro gruppo. Nella finestra di dialogo Escludi/includi luce. i gruppi vengono considerati oggetti interi.I nomi dei gruppi sono simili ai nomi degli oggetti ad eccezione del fatto che si riferiscono all'oggetto gruppo. Per definire un gruppo annidato 1. Selezionare uno o più gruppi. Selezionare due o più gruppi o qualsiasi combinazione di oggetti e gruppi. Apri Consente di separare temporaneamente gli oggetti di un gruppo e di accedervi. solo quello "esterno" è disponibile nell'elenco. aprire il gruppo prima di visualizzare la finestra di dialogo Escludi/Includi. Immetterlo e fare clic su OK. Chiudi Raggruppa un gruppo aperto. Immettere il nome da assegnare al nuovo oggetto gruppo. Per escludere soltanto certi oggetti in un gruppo. 2. la chiusura del o oggetto più esterno chiude tutti i gruppi interni aperti. Procedimenti Per aprire un gruppo 1. 2. Scegliere Gruppi > Apri. Selezionare due o più oggetti. Selezionare il gruppo all'interno del gruppo aperto. tutti i membri di un gruppo ereditano la visibilità del principale. 2. i nomi di gruppo appaiono tra parentesi quadre. 3. Per i gruppi annidati. Scegliere Gruppi > Apri. Riferimento È possibile trasformare e modificare gli oggetti del gruppo singolarmente e quindi ripristinare il gruppo originale con il comando Chiudi. Per aprire gruppi annidati 1. 3. 88 . Appare una finestra di dialogo che richiede il nome del gruppo. Appare una finestra di dialogo che richiede il nome del gruppo. All'interno di elenchi come quelli della finestra di dialogo Seleziona per nome. Appare un oggetto fittizio rosa e gli oggetti del gruppo sono ora accessibili. Scegliere Gruppi > Raggruppa. 2. In questo modo è possibile escludere o includere) tutti gli oggetti del gruppo selezionando il gruppo nell'elenco. Scegliere Gruppi > Raggruppa. Ad esempio: [Mio gruppo]. Procedimenti Per definire un gruppo 1. Quando un controller di visibilità viene assegnato al principale.

a differenza di Separa che separa soltanto un livello. Selezionare quello rosa fittizio rappresentante il gruppo principale. Il gruppo fittizio viene eliminato. Riferimento Il comando Separa esegue la separazione dei gruppi di un livello. Scegliere Raggruppa > Chiudi. Scegliere Raggruppa > Separa. Tutti i componenti del gruppo rimangono selezionati. indipendentemente dal numero di gruppi annidati. Tutte le entità non raggruppate rimangono nel set di selezione corrente. tutte le entità esplose rimangono nel set di selezione corrente. tutte le entità esplose rimangono nel set di selezione corrente. Esplodi Separa tutti gli oggetti di un gruppo. ma mantengono l'animazione individuale. 2. Procedimenti Per separare un gruppo 1. ma non fanno più parte di esso. Selezionare un oggetto qualsiasi del gruppo annidato o il suo equivalente fittizio. 2.Riferimento Quando si collega un oggetto ad un gruppo chiuso. Procedimenti Per chiudere tutti i gruppi aperti annidati in un gruppo principale 1. Riferimento Come per il comando Separa. Attenzione: Separa e Esplodi rimuovono tutte le animazioni di trasformazione applicate al gruppo nel suo insieme. l'oggetto diventa un derivato dell'oggetto principale piuttosto che di qualsiasi altro membro del gruppo. Selezionare uno o più gruppi. Per chiudere un gruppo annidato 1. Separa Separa il gruppo corrente nei suoi oggetti o gruppi componenti. gli oggetti all'interno del gruppo stesso perdono tutte le trasformazioni di gruppo applicate in corrispondenza dei fotogrammi diversi da zero. mentre il comando Esplodi separa tutti i livelli dei gruppi annidati. Procedimenti 89 . 2. L'intero gruppo lampeggia per indicare l'avvenuto collegamento al gruppo. Come per il comando Separa. Quando si separa un gruppo. Scegliere Raggruppa > Chiudi.

che ora è selezionato. Attenzione: Separa e Esplodi rimuovono tutte le animazioni di trasformazione applicate al gruppo nel suo insieme. Riferimento Con un oggetto selezionato. Selezionare uno o più gruppi. Selezionare uno o più oggetti da staccare. Procedimenti Per staccare un oggetto da un gruppo 1. Tutti i gruppi annidati vengono esplosi. Riferimento Questo comando diventa attivo quando si apre il gruppo con il comando Apri del menu Gruppi. Congiungi Unisce l'oggetto selezionato ad un gruppo esistente. 3. Stacca Stacca l'oggetto selezionato dal suo gruppo. Gli oggetti selezionati divengono parte del gruppo. Tutti i gruppi fittizi nella selezione vengono cancellati. Procedimenti Per congiungere un oggetto ad un gruppo 1. Aprire il gruppo. Gli oggetti selezionati sono ora separati e indipendenti e non appartengono più al gruppo. 2.Per esplodere un gruppo 1. Selezionare uno o più oggetti da congiungere. Tutti gli oggetti dei gruppi rimangono selezionati ma non appartengono più ad essi. Fare clic su un membro di un gruppo. Scegliere Gruppi > Stacca. 2. Annulla/Ripeti (Viste) 90 . 3. Scegliere Raggruppa > Esplodi. Scegliere Raggruppa > Congiungi. Menu Viste Comprende le funzioni di impostazione ed controllo delle finestre di visualizzazione di 3D Studio MAX. scegliere questo comando e fare clic su un gruppo (chiuso) della scena. 2.

Il comando Annulla è molto utile quando si lavora con un'immagine di sfondo all'interno della finestra. Il comando Ripeti annulla l'ultimo comando Annulla applicato alla finestra corrente. Ripetere una modifica ad una finestra di visualizzazione • Scegliere Viste > Ripeti o premere MAIUSC+A. Procedimenti Per annullare una modifica ad una finestra di visualizzazione • Scegliere Viste > Annulla o premere MAIUSC+Z. Riferimento 91 . eccetto per il fatto di aver effetto solo sulle modifiche apportate alle finestre. ma produce effetti solo sulle modifiche apportate alle finestre di visualizzazione. Per regolare una figura geometrica (geometria) è possibile ingrandirla con lo zoom e quindi utilizzare Annulla visualizzazione Zoom per ripristinare l'allineamento originale tra figure geometriche e sfondo. Ripeti opera come il comando Ripeti del menu Modifica. Riferimento Annulla opera come il comando Annulla del menu Modifica. Salva vista attiva Salva la vista attiva su un buffer interno.Salva vista attiva Ripristina vista attiva Setup unità Impostazioni griglia e snap Griglie Immagine sfondo Aggiorna immagine sfondo Ripristina trasformazione sfondo Mostra icona assi Mostra le sagome sequenziali Mostra numeri fotogrammi chiave Ombreggia selezione Mostra dipendenze Allinea cinepresa alla vista Ridisegna tutte le finestre Disattiva tutte le mappe Aggiorna durante incrementi Modalità avanzata Configurazione finestra Annulla/Ripeti (Viste) Annulla l'ultima modifica apportata alla finestra corrente. Il nome della modifica da ripetere appare nel menu Viste a fianco del comando stesso. Il nome della modifica che viene annullata appare nel menu Viste a fianco del comando stesso.

2. Se non si è certi che una finestra abbia una vista salvata. Tuttavia. se si digita 1/2' o 6" il risultato è 0.152M. Se nei campi numerici si inseriscono frazioni. Setup unità Stabilisce le unità di misura di visualizzazione. digitando 37/45 premendo INVIO si avrà 0'9. Inferiore. Attivare la finestra in cui è stata salvata la vista.La finestra di visualizzazione ripristinata viene visualizzata nell'elemento di menu (ad esempio. Quest'opzione è disponibile solo in una finestra con una vista salvata. inserire 17/5'. Attivare la finestra con la vista da salvare. digitare 1/2 per ottenere il risultato 0. Procedimenti Per ripristinare una vista salvata 1. Utente. oppure 37/45'. "Salva vista prospettiva attiva"). Prospettiva). 2. Scegliere Viste > Ripristina vista attiva dalla barra dei menu. "Salva vista prospettiva attiva"). esse vengono convertite nel corretto valore di unità corrente. È possibile effettuare conversioni fra unità di misura inserendo qualsiasi valido specificatore di unità insieme con il numero. Il numero viene convertito nell'unità di misura corrente. controllare il menu Viste. Posteriore. Ripristina vista attiva Ripristina la vista precedentemente memorizzata con il comando Salva vista attiva. per trovare la somma di 6 7/8" + 6 1/4". Ad esempio. e quindi premendo INVIO. Sinistra. Ad esempio. Riferimento La finestra di visualizzazione ripristinata viene visualizzata nell'elemento di menu (ad esempio. inserire lo specificatore dopo il divisore. La finestra ritorna alla vista salvata. Personalizzato 92 . Nota: Per inserire una frazione e uno specificatore di unità. Destra. La finestra attiva viene ripristinata se la stessa vista e layout sono attivi. È possibile salvare e ripristinare fino a 8 viste diverse (Superiore. Scegliere Viste > Ripristina vista attiva dalla barra dei menu. se le unità vengono impostate in piedi con pollici decimali e Unità di default è impostato in piedi. Ad esempio. digitare 6 7/8 1'2 1/4 e premere INVIO.5M. Riferimento Fare clic su uno dei pulsanti di opzione (Sistema metrico. e non 17'/5. È possibile anche sommare frazioni. Standard US. La vista è così salvata. Frontale. Procedimenti Per salvare una vista attiva 1. Ripristina vista attiva è disabilitata se nella finestra attiva non vi è una vista salvata.867". se le unità sono impostate su Metri. Ad esempio.

cioè un pollice. Ad esempio. La cifra 5" seguita da INVIO dà luogo a 0'5". È consigliabile ripristinare l'unità di sistema solo se si sta lavorando con una scena talmente grande o talmente piccola da non consentire più a 3D Studio MAX di misurare le distanze secondo la scala di unità di default. Modificando questo valore. Le unità decimali non richiedono ulteriori specifiche. Procedimenti Per visualizzare la finestra di dialogo Setup unità • Scegliere Viste > Setup unità dalla barra dei menu. oppure facendo clic con il pulsante destro del mouse su uno dei pulsanti snap nella riga dei messaggi. Riferimento Visualizzare questa finestra di dialogo scegliendo Viste > Impostazioni griglia e snap. La finestra di dialogo comprende le schede relative ai seguenti elementi: Griglia base Snap 93 . Impostazioni griglia e snap Questa finestra di dialogo non modale stabilisce le impostazioni della griglia base e dello snap.o Generico) per attivarne le impostazioni. Personalizzato: Inserisce nei campi un'unità di misura personalizzata Generico: È l'opzione di default ed equivale all'unità di sistema utilizzata da 3D Studio MAX. la riduzione in scala degli oggetti creati diventa incompatibile con gli oggetti della scena creati con l'unità di scalatura di default. Se Pollici è l'impostazione di default. si attiva un elenco di riepilogo aggiuntivo dove selezionare il componente frazionario. la cifra seguita da INVIO dà luogo a 0'5". la cifra seguita da INVIO da luogo a 5 piedi. Se si sceglie un'unità frazionaria. se Piedi è l'impostazione di default. e premere INVIO senza includere uno specificatore di unità come ' per piedi o " per pollici. è possibile specificare quale unità adottare quando si inserisce un valore in un campo numerico. • Pollici frazionari • Pollici decimali • Piedi frazionari • Piedi decimali • Piedi senza pollici frazionari • Piedi con pollici decimali Per quanto riguarda gli ultimi due elementi. Sistema metrico: Fare clic sull'elenco di riepilogo e scegliere una delle seguenti unità di misura metrico-decimali: • Millimetri • Centimetri • Metri • Chilometri Standard US: Fare clic sull'elenco di riepilogo e scegliere una delle seguenti unità. La cifra 5' seguita da INVIO dà luogo a 5 piedi.

La finestra di dialogo comprende le schede relative ai seguenti elementi: Griglia base Snap Opzioni Procedimenti Per modificare le impostazioni griglia e snap • Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap e fare clic sulla scheda appropriata. È possibile selezionare qualsiasi combinazione per fornire punti snap multipli. i vincoli all'asse Z non si applicano alla griglia base o agli oggetti griglia. la creazione e le trasformazioni snap ai vertici di figure geometriche esistenti. gli snap avvengono sia in corrispondenza dei vertici che dei punti medi. Snap Gli Snap danno controllo quando si crea. Lo snap opera al livello del sub-oggetto. Riferimento Visualizzare questa finestra di dialogo scegliendo Viste > Impostazioni griglia e snap. Ad esempio. Ad esempio. Nota: La finestra di visualizzazione deve essere attiva per consentire il funzionamento degli snap. I comandi di questa finestra di dialogo consentono di impostare l'intensità e altre caratteristiche degli strumenti di snap.max. è necessario salvarli nel proprio file maxstart. se si è selezionato Vertice. Inoltre. se si desidera impostare una configurazione di avvio di tipi di snap. 94 . Riferimento L'elenco consente di modificare la categoria di tipi di snap. Se sono selezionati Vertice e Punto medio. oppure facendo clic con il pulsante destro del mouse su uno dei pulsanti snap nella riga dei messaggi. È possibile specificare la porzione di figura geometrica su cui si effettuerà lo snap. dato che le griglie non hanno un asse Z. Impostazioni griglia e snap Questa finestra di dialogo non modale stabilisce le impostazioni della griglia base e dello snap. sposta. Lo stato dei tipi di snap viene salvato con il file .max così. è possibile effettuare lo snap di un gizmo sull'oggetto sul quale si sta lavorando oppure su altri oggetti della scena. ruota e scala un oggetto.Opzioni Procedimenti Per modificare le impostazioni griglia e snap • Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap e fare clic sulla scheda appropriata. Il tipo di snap dei Punti Griglia è selezionato per default. perché consentono di effettuare snap su porzioni specifiche di figure geometriche esistenti durante la creazione e la trasformazione di oggetti o sub-oggetti.

Perno: Snap ai punti di rotazione degli oggetti. Tangente: Snap ad un punto tangente in una spline. Punto: Esegue lo snap ad un sub-oggetto punto del modello NURBS. esso sceglierà l'altro tipo di snap. Il centro di una superficie NURBS viene calcolato in modo parametrico e può essere diverso dal centro visibile della superficie stessa. Punti griglia: Snap alla griglia. Centro curva: Esegue lo snap al centro di una curva NURBS. Bordo curva: Esegue lo snap al bordo di una curva NURBS (l'oggetto corrente si sposta o viene creato e fatto poggiare sulla curva). Normale curva: Esegue lo snap ad un punto normale alla curva NURBS. Fine curva: Esegue lo snap alla fine della curva NURBS. Perpendicolare: Snap al punto perpendicolare su una spline relativamente al punto precedente. Le facce posteriori vengono escluse e non hanno alcun effetto. Si tratta di ausili per la creazione e la trasformazione degli oggetti. Questo tipo di snap è attivo per default. 3D Studio MAX non conserva la relazione tra l'oggetto NURBS e l'altro oggetto dopo la creazione o la trasformazione dell'altro oggetto. Riquadro di delimitazione: snap a uno degli otto angoli del riquadro di delimitazione di un oggetto. relativamente al punto precedente. Questo snap opera solo quando si crea un nuovo oggetto la cui creazione richiede due o più clic. assumono la priorità sugli snap Punti griglia e Linee griglia-se il mouse è equidistante fra un punto griglia e altri tipi di snap. se attivi.Standard Questi sono gli snap di griglia standard utilizzati per le griglie. le mesh e gli oggetti forma. Il centro di una superficie NURBS viene calcolato in modo parametrico e può essere diverso dal centro visibile della superficie stessa. Centro superficie: Esegue lo snap al centro di una superficie NURBS. Bordo: Snap ovunque lungo i bordi (visibili o invisibili). Vertice: Snap ai vertici degli oggetti mesh o di oggetti convertibili in mesh modificabili. Tangente curva: Esegue lo snap ad un punto tangente la curva NURBS. Questo snap opera solo quando si crea un nuovo oggetto. Tali opzioni non vanno considerate delle limitazioni. Punto medio: Snap al centro dei bordi. Linee griglia: Snap alle linee griglia. Faccia: snap ovunque sulla superficie di una faccia. VC: Esegue lo snap a un sub-oggetto VC di una curva NURBS o superficie NURBS. Snap NURBS Queste opzioni consentono di eseguire lo snap agli oggetti o sub-oggetti di un modello NURBS. Faccia centrale: Snap al centro delle facce triangolari. Altri tipi di snap. Normale superficie: Esegue lo snap ad un punto normale alla superficie NURBS. Questo snap opera solo quando si crea un nuovo oggetto la cui creazione richiede due o più clic. Estremità: Snap alle estremità dei bordi sulle mesh sulle spline. Bordo superficie: Esegue lo snap al bordo di una superficie NURBS. 95 .

Attivare il pulsante Interruttore snap 3D per avviare lo snapping. 3. Visualizza: Deselezionare questa opzione per disattivare la deselezione delle guide snap. 3. espresse in pixel. Per ulteriori informazioni vedere Ignora snap. Procedimenti Per visualizzare il pannello Impostazioni Snap.Ignora Questa stringa di testo cambia per visualizzare il tipo di snap temporaneo utilizzato per il sistema di priorità. Opzioni snap Questo pannello della finestra di dialogo Impostazioni griglia e snap consente di impostare le opzioni relative allo snapping. 4. Creare o trasformare un oggetto. • Fare clic col pulsante destro del mouse su uno dei pulsanti snap sulla riga di stato (tranne Incrementi snap). Visualizzare la finestra di dialogo Impostazioni griglia e snap. appare un'icona blu. Colore: Fare clic sul riquadro colore per visualizzare la finestra Selettore colore nella quale impostare il colore della visualizzazione snap. eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. 2. 2. Cancella tutto Deseleziona tutti gli snap. Nella pagina Snap. Attivare la finestra di visualizzazione Prospettiva e spostare il cursore sulla griglia. Riferimento Marcatore Fornisce impostazioni che influiscono sulla visualizzazione dei punti snap. Sulla geometria esistente appariranno i marcatori di snap e si potrà eseguire lo snap ai punti snap quadrati visualizzati. quindi fare clic sulla scheda Snap della finestra di dialogo Impostazioni griglia e snap. Dimensione: Imposta le dimensioni. Creare un parallelepipedo. 5. fare clic e trascinare il mouse per ruotare il parallelepipedo intorno al punto di griglia selezionato. selezionare uno o più tipi di snap che si desidera attivare. il punto di "aggancio" snap. Selezionare il parallelepipedo e scegliere Blocco selezione. Impostazioni griglia e snap 1. 4. Si tratta del piccolo riquadro che indica il punto snap sorgente o destinazione. Quando appare l'icona blu. Quando il cursore passa su un punto di griglia. Per utilizzare congiuntamente snap 3D e trasformazioni di rotazione 1. Lo snap funziona ancora ma senza visualizzazione. Attivare Snap 3D e fare clic su Ruota nella barra strumenti. 96 .

Traslazione Usa vincoli di asse: Rende possibile spostare l'oggetto selezionato soltanto lungo gli assi specificati dal pulsante vincoli di asse. Questo è possibile con Ignora snap. Ad esempio. è possibile eseguire una delle seguenti azioni: • Mantenere premuto il pulsante sinistro del mouse.) Quando si utilizza Ignora snap durante un'operazione di trascinamento. e quindi fare clic per completare l'operazione. consentendo di riselezionarlo agevolmente e di utilizzarlo di nuovo.) Nessuno: Disattiva tutti i tipi di snap per il prossimo movimento del mouse. (Questa opzione è disabilitata se in precedenza non era stato scelto alcun tipo di snap. Valori snap Angolo: Imposta l'incremento secondo il quale gli oggetti hanno ruotato intorno a un dato asse (espresso in gradi). i vincoli relativi all'asse di trasformazione nella barra degli strumenti vengono ignorati e gli oggetti sottoposti a snapping venire traslati in qualsiasi dimensione Procedimenti Per impostare le opzioni di snap 1.Generale Intensità snap: Imposta l'intensità dello snap. Ignora snap Consente di ignorare tutti i tipi di snap correntemente selezionati e di utilizzare temporaneamente soltanto un tipo selezionato. Impostare le opzioni desiderate. ma aver poi necessità di sottoporre uno dei suoi vertici a snapping nel punto medio di un oggetto. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. il menu a comparsa contiene le seguenti opzioni: Ultimo: Visualizza l'ultimo tipo di snap scelto. Riferimento Oltre ai tipi di snap disponibili. • Rilasciare il pulsante sinistro del mouse dopo la comparsa del menu. 3. spostare il mouse senza premerne i pulsanti (le figure geometriche resteranno bloccate al mouse). selezionare dal menu con il pulsante destro. Fare clic sulla scheda Opzioni. (Questa opzione è disabilitata se l'Interruttore snap è spento. Percentuale: Imposta l'incremento percentuale per le trasformazioni di scalatura. quindi proseguire l'operazione di trascinamento. Procedimenti Per utilizzare Ignora snap 97 . selezionare lo snap desiderato facendo clic con il pulsante sinistro. Quando questa opzione non è selezionata (default). si può creare nella una spline mentre si effettua lo snap ai Punti Griglia. e rappresenta l'"Area di ricerca" pixel attorno al cursore. 2.

se le unità sono impostate in centimetri. della scalatura e della distanza. Completata l'operazione del mouse. Lo zoom indietro non subisce effetti. Ad esempio. il livello successivo inferiore si suddivide in spazi millimetrici. è possibile usare un valore di 10 di modo che le divisioni principali della griglia rappresentino un decimetro. Le altre finestre si aggiornano quando si chiude la finestra di dialogo. Il minimo è 2.000 (un'unità. la griglia non è più visibile. viene nuovamente visualizzato Ignora OFF nella finestra di dialogo. Se si continua ad usare lo zoom.1. Una scelta ragionata delle impostazioni di griglia base può semplificare il procedimento di costruzione dato che la griglia base fornisce un riferimento visivo per gli oggetti creati nella scena. e così via. In 3D Studio MAX. Linee principali per n. Ad esempio. 2. le griglie servono essenzialmente per i seguenti fini: • Come ausilio di visualizzazione dello spazio. Utilizzare questo campo valori per regolare la spaziatura. suddiv. Durante le operazioni di zoom indietro. Se questa casella è deselezionata. Premere MAIUSC e fare clic col pulsante destro del mouse. l'etichetta Ignora OFF visualizza il tipo di snap selezionato. di facce. che è espressa in unità correnti. La visualizzazione della griglia si interrompe alle impostazioni di spazio della griglia. Impostazioni griglia base Questo pannello della finestra di dialogo Impostazioni griglia e snap consente di impostare la spaziatura e altre caratteristiche della griglia base. Con una spaziatura di griglia di un centimetro e una suddivisione in 10 linee principali. e tornano attivi i tipi di snap precedentemente attivi. • Come piano di costruzione su cui creare e allineare gli oggetti della scena • Come sistema di riferimento per l'uso dello snap. di facce La griglia base visualizza linee più marcate o "principali" per contrassegnare i gruppi di quadrati di griglia. se si usa una spaziatura di griglia di un centimetro. Si tratta dell'impostazione di default. è possibile usare lo zoom con "profondità" infinita in qualsiasi piano della griglia base. Selezionare uno dei tipi di snap dal menu per renderlo l'unico tipo attivo di snap. Se è visualizzata la finestra di dialogo Griglia e snap. Riferimento Spaziatura griglia La spaziatura della griglia è la dimensione del quadrato più piccolo della griglia stessa. Aggiornamento dinamico Per default. Utilizzare questo campo per regolarne il valore. la griglia continua ad espandersi all'infinito e a mantenere le divisioni principali. Disab. la finestra attiva si aggiorna man mano che si cambiano i valori di Spaziatura griglia e Linee principali per n. Scegliere Tutte le finestre per far sì che tutte le 98 . Ogni quadrato della griglia si suddivide nello stesso numero di spazi di griglia più piccoli. è possibile creare uno spazio di griglia pari a 1. griglia sotto spaziatura griglia Fa sì che 3D Studio MAX consideri la griglia come un set fisso di linee durante l'ingrandimento della griglia base. vale a dire il numero di quadrati di griglia tra le linee principali. o un centimetro in questo caso).

000 (un'unità. 3. 3. ovvero il numero di quadrati della griglia fra le linee principali. della scalatura e della distanza. • Come piano di costruzione su cui creare e allineare gli oggetti della scena • Come sistema di riferimento per l'uso dello snap. 3. La griglia base rimane invece immutata. regolare il valore. In 3D Studio MAX. Ad esempio. è possibile creare uno spazio di griglia pari a 1. 2. se le unità sono impostate in centimetri. è possibile usare un valore di 10 di modo che le divisioni principali della griglia rappresentino un decimetro. Deselezionare Disabilita suddivisione griglia sotto spaziatura griglia. se si usa una spaziatura di griglia di un centimetro. Fare clic sulla scheda Griglia base. Sotto Linee principali per n. Sotto Aggiornamento dinamico. Una scelta ragionata delle impostazioni di griglia base può semplificare il procedimento di costruzione dato che la griglia base fornisce un riferimento visivo per gli oggetti creati nella scena. le griglie servono essenzialmente per i seguenti fini: • Come ausilio di visualizzazione dello spazio. Fare clic sulla scheda Griglia base. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. Per impostare divisioni di griglia principali per i multipli dell'unità 1. di facce. Nelle finestre prospettiva. Il minimo è 2. Procedimenti Per impostare la spaziatura della griglia per l'unità di misura 1. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. Ogni quadrato della griglia si suddivide nello stesso numero di spazi di griglia più piccoli. 2. Se questa casella è deselezionata. Impostazioni griglia base Questo pannello della finestra di dialogo Impostazioni griglia e snap consente di impostare la spaziatura e altre caratteristiche della griglia base. le dimensioni visualizzate della griglia base si adattano alle divisioni principali della griglia. 2. scegliere Finestra attiva (default) o Tutte le finestre. 2. Per consentire la suddivisione al di sotto della spaziatura della griglia 1. Ad esempio.finestre vengano aggiornate al momento in cui si modificano i valori. Sotto Spaziatura griglia. regolare il valore nell'unità corrente. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. è possibile usare lo zoom con "profondità" infinita in qualsiasi piano della griglia base. Fare clic sulla scheda Griglia base. Per impostare le opzioni di aggiornamento vista 1. 3. Fare clic sulla scheda Griglia base. o un centimetro in questo caso). Riferimento Spaziatura griglia 99 .

è possibile usare lo zoom con "profondità" infinita in qualsiasi piano della griglia base. o un centimetro in questo caso). è possibile creare uno spazio di griglia pari a 1. Durante le operazioni di zoom indietro. Ogni quadrato della griglia si suddivide nello stesso numero di spazi di griglia più piccoli. di facce.000 (un'unità.000 (un'unità. Linee principali per n. è possibile usare un valore di 10 di modo che le divisioni principali della griglia rappresentino un decimetro.La spaziatura della griglia è la dimensione del quadrato più piccolo della griglia stessa. Fare clic sulla scheda Griglia base. Procedimenti Per impostare la spaziatura della griglia per l'unità di misura 1. e così via. la griglia non è più visibile. Ad esempio. Per impostare divisioni di griglia principali per i multipli dell'unità 1. Utilizzare questo campo per regolarne il valore. che è espressa in unità correnti. Aggiornamento dinamico Per default. se si usa una spaziatura di griglia di un centimetro. Il minimo è 2. la griglia continua ad espandersi all'infinito e a mantenere le divisioni principali. 2. di facce. Disab. se le unità sono impostate in centimetri. Sotto Spaziatura griglia. se si usa una spaziatura di griglia di un centimetro. Si tratta dell'impostazione di default. Lo zoom indietro non subisce effetti. Se si continua ad usare lo zoom. Con una spaziatura di griglia di un centimetro e una suddivisione in 10 linee principali. La visualizzazione della griglia si interrompe alle impostazioni di spazio della griglia. Utilizzare questo campo valori per regolare la spaziatura. Il minimo è 2. la finestra attiva si aggiorna man mano che si cambiano i valori di Spaziatura griglia e Linee principali per n. Nelle finestre prospettiva. è possibile usare un valore di 10 di modo che le divisioni principali della griglia rappresentino un decimetro. Scegliere Tutte le finestre per far sì che tutte le finestre vengano aggiornate al momento in cui si modificano i valori. suddiv. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. se le unità sono impostate in centimetri. Ad esempio. le dimensioni visualizzate della griglia base si adattano 100 . Fare clic sulla scheda Griglia base. vale a dire il numero di quadrati di griglia tra le linee principali. ovvero il numero di quadrati della griglia fra le linee principali. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. 3. di facce La griglia base visualizza linee più marcate o "principali" per contrassegnare i gruppi di quadrati di griglia. griglia sotto spaziatura griglia Fa sì che 3D Studio MAX consideri la griglia come un set fisso di linee durante l'ingrandimento della griglia base. regolare il valore nell'unità corrente. Se questa casella è deselezionata. o un centimetro in questo caso). Sotto Linee principali per n. Le altre finestre si aggiornano quando si chiude la finestra di dialogo. Ad esempio. Ad esempio. il livello successivo inferiore si suddivide in spazi millimetrici. è possibile creare uno spazio di griglia pari a 1. 3. 2. regolare il valore.

esse rappresentano i piani di costruzione per il fatto che gli oggetti creati sono costruiti sulla griglia attiva della finestra attiva. Fare clic sulla scheda Griglia base. Ogni quadrato della griglia si suddivide nello stesso numero di spazi di griglia più piccoli. Per default.alle divisioni principali della griglia. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. 3. 2. Scegliere Viste > Impostazioni griglia e snap dalla barra dei menu. Un oggetto griglia è uno strumento ausiliario che si può utilizzare al posto della griglia base. Sotto Aggiornamento dinamico. è possibile usare lo zoom con "profondità" infinita in qualsiasi piano della griglia base. La griglia base costituisce il sistema di riferimento base. un oggetto griglia è una griglia 2D libera di muoversi. Griglie Fornisce le funzioni che consentono di manipolare la griglia base e gli oggetti griglia. Consiste di tre piani di costruzione pronti all'uso che si intersecano all'origine con angoli retti. Riferimento Le griglie vengono utilizzate dal sistema di snap sia come riferimento visivo che come riferimento fisico di snap. 101 . è presente una griglia di costruzione di base o griglia base. 3. Deselezionare Disabilita suddivisione griglia sotto spaziatura griglia. Se questa casella è deselezionata. Per consentire la suddivisione al di sotto della spaziatura della griglia 1. Per impostare le opzioni di aggiornamento vista 1. consentendo la costruzione di oggetti in ogni angolo dello spazio globale. che è possibile posizionare e ruotare in qualsiasi punto. Procedimenti Per attivare/disattivare la visualizzazione della griglia base eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Viste > Griglie dalla barra dei menu e deselezionare Mostra griglia base. definito da tre piani fissi sugli assi delle coordinate globali. Inoltre. La griglia base rimane invece immutata. Il sottomenu Griglie nel menu Viste contiene le seguenti opzioni: Mostra griglia base Attiva griglia base Attiva oggetto griglia Allinea alla vista Mostra griglia base Attiva/disattiva la visualizzazione della griglia base nella finestra attiva. Fare clic sulla scheda Griglia base. Mentre la griglia base è costituita da tre piani intersecanti con orientamento fisso nello spazio globale. ciascuna finestra ortogonale è complanare (parallela) ad una delle facce della griglia. scegliere Finestra attiva (default) o Tutte le finestre. 2. Visualizzata la griglia base.

• Fare clic col pulsante destro sull'etichetta di una finestra e modificare Mostra griglia nel menu Proprietà finestra. • Premere MAIUSC + G.

Attiva griglia base
Attiva la griglia base come griglia di costruzione e disattiva l'oggetto griglia attiva.

Riferimento
Questo elemento di menu è disponibile solo quando è attivo un oggetto griglia.

Procedimenti
Per nascondere la griglia base, eseguire una delle seguenti azioni
• Scegliere Viste > Griglie > Attiva griglia base dalla barra dei menu. • Fare clic col pulsante destro del mouse sull'oggetto griglia selezionato e scegliere Attiva griglia base dal menu delle proprietà della finestra. L'oggetto griglia si disattiva e si ritorna alla griglia base in tutte le viste.

Attiva oggetto griglia
Attiva l'oggetto griglia selezionato come griglia di costruzione e disattiva la griglia base.

Riferimento
Questo elemento di menu è disponibile solo quando è attivo un oggetto griglia.

Procedimenti
Per attivare un oggetto griglia
1. Selezionare l'oggetto griglia desiderato. 2. Eseguire una delle seguenti azioni: • Scegliere Viste > Griglie > Attiva oggetto griglia dalla barra dei menu. • Fare clic col pulsante destro del mouse sull'oggetto griglia selezionato e scegliere Attiva griglia dal menu delle proprietà della finestra. L'oggetto griglia cambia per mostrare la struttura della sua griglia interna. La griglia base, tranne per i suoi assi principali, scompare da tutte le finestre.

Allinea alla vista
Allinea un oggetto griglia alla vista corrente.

Riferimento
L'oggetto griglia viene allineato in modo da essere complanare alla vista e orientato con la parte superiore della griglia nella parte superiore della finestra. Quest'opzione di menu è disponibile solo quando è attivo un oggetto griglia.

Procedimenti
102

Per allineare un oggetto griglia ad una finestra
1. Attivare l'oggetto griglia desiderato. 2. Scegliere una finestra con un semplice clic su di essa o facendo clic col pulsante destro del mouse al suo interno. 3. Scegliere Viste > Griglie > Allinea alla vista, dalla barra dei menu. L'oggetto griglia ruota per allinearsi alla vista selezionata. Diventa così planare, o parallelo alla finestra.

Immagine sfondo
Controlla la visualizzazione di un'immagine di sfondo della finestra attiva. È possibile assegnare diverse immagini di sfondo a diverse finestre di visualizzazione. Questa finestra di dialogo consente di controllare la visualizzazione di un'immagine o animazione nella finestra, in relazione ad allineamento, rotoscopia, ecc. Essa consente di selezionare l'immagine o animazione da visualizzare nella finestra attiva, di impostare la sincronizzazione del fotogramma fra il file immagine animato e 3D Studio MAX, e di attivare/disattivare l'immagine assegnata. Non ha alcun effetto sulla scena soggetta a rendering. Per inserire un'immagine sullo sfondo della scena di rendering, avvalersi della finestra di dialogo Ambiente (menu Rendering). Quando i riquadri di sicurezza vengono visualizzati in una finestra e le opzioni Rapporto dimensioni sono impostate su Corrispondenza finestra o su Corrisp. output di rendering, l'immagine di sfondo assegnata alla finestra viene confinata nell'Area attiva dei riquadri di sicurezza e corrisponderà con esattezza al bitmap di sfondo renderizzato.

Vedere anche
Aggiorna immagine sfondo

Riferimento
Sorgente dello sfondo
Consente di selezionare un'immagine di sfondo, sia da un file di immagine bitmap, un file video oppure da un dispositivo quale un videoregistratore. Usa sfondo ambiente: Consente di visualizzare nelle finestre la mappa assegnata come sfondo di ambiente. Se non era stata assegnata alcuna mappa di sfondo nella finestra di dialogo Ambiente oppure la casella di controllo Usa mappa in quella finestra di dialogo è inattiva, la casella di controllo Usa sfondo ambiente non è disponibile.

Sincronizzazione animazione
Consente di controllare il modo in cui le sequenze di immagini (ad esempio, provenienti dai file IFL, AVI o FLC) vengono sincronizzate nella finestra per la rotoscopia. Usa fotogramma: Il primo campo imposta il primo fotogramma della sequenza in entrata da utilizzare mentre l'ultimo campo ne imposta l'ultimo. Passo: Imposta l'intervallo tra i fotogrammi da utilizzare. Ad esempio, se il campo in questione viene impostato su 7, 3D Studio MAX utilizzerà un fotogramma ogni sette. Inizia a: Specifica il numero di fotogramma di 3D Studio MAX al quale far apparire il primo fotogramma di input. Ciò che accade nella finestra di visualizzazione prima del fotogramma iniziale dipende dall'opzione scelta nell'area "Inizio elaborazione" descritta qui sotto. Sincronizza inizio al fotogramma: Determina quale fotogramma della sequenza in 103

entrata visualizzare come fotogramma di "Inizio a". È possibile avere una sequenza .ifl di 30 fotogrammi che inizia nella scena al fotogramma 10, ma è possibile usare il quinto fotogramma .ifl come fotogramma 10 impostando "Sincronizza inizio" su 5.

Inizio elaborazione
Determina ciò che accade nello sfondo della finestra prima del fotogramma iniziale. Azzera prima di iniziare: Azzera lo sfondo della finestra prima del fotogramma iniziale. Mantieni prima di iniziare: Specifica che lo sfondo della finestra conterrà il fotogramma iniziale.

Fine elaborazione
Determina ciò che accade nello sfondo della finestra dopo l'ultimo fotogramma inserito. Azzera dopo il termine: Azzera lo sfondo della finestra dopo l'ultimo fotogramma inserito. Mantieni dopo il termine: Specifica che lo sfondo della finestra dovrà contenere l'ultimo fotogramma inserito nell'animazione di 3D Studio MAX. Ciclo chiuso dopo il termine: Lo sfondo della finestra attiverà il ciclo dall'ultimo fotogramma al primo, all'infinito.

Rapporto dimensioni:
Corrispondenza finestra: Il rapporto tra le dimensioni dell'immagine verrà modificato e fatto corrispondere al rapporto tra le dimensioni della finestra. Corrispondenza bitmap: Il rapporto tra le dimensioni dell'immagine verrà bloccato ai valori di rapporto tra le dimensioni nativo della bitmap. Corrispondenza output di rendering: Il rapporto tra le dimensioni dell'immagine verrà modificato e fatto corrispondere al rapporto tra le dimensioni del dispositivo di output di rendering correntemente prescelto. Quando è selezionata la seconda o la terza opzione, 3D Studio MAX centra l'immagine e annulla i bordi della finestra nel colore di sfondo.

Visualizza sfondo
Attiva la visualizzazione dell'immagine di sfondo o dell'animazione all'interno della finestra.

Blocco Zoom/Panoramica
Blocca lo sfondo alle figure geometriche durante operazioni di zoom e panoramiche nelle finestre ortogonali o dell'utente. Quando si effettuano operazioni di zoom o panoramiche sulla finestra di visualizzazione, lo stesso avviene per lo sfondo. Se l'opzione Blocca zoom/panoramica non è selezionata, lo sfondo resta dov'è e le figure geometriche si muovono indipendentemente da esso. Questa casella di controllo è disabilitata quando si è selezionato Corrispondenza finestra. Usa Corrispondenza bitmap o Corrispondenza output di rendering per abilitare Blocca zoom/panoramica. Avviso: Se si avvicina troppo lo zoom in avanti, si può eccedere il limite di memoria virtuale e ciò può far sì che NT arresti il sistema MAX. Quando si utilizza uno zoom che richiede più di 16 megabyte di memoria virtuale, un messaggio di avviso richiede se si intende visualizzare lo sfondo durante l'esecuzione dell'operazione di zoom. Scegliere No per effettuare lo zoom e disattivare lo sfondo. Scegliere Sì per effettuare lo zoom con l'immagine di sfondo. Questa operazione può determinare l'esaurimento della memoria. 104

Visualizzazione della mappa ambiente in una finestra 1. Lo sfondo visualizzato nella scena renderizzata dovrebbe corrispondere esattamente allo sfondo visualizzato nell'Area attiva dei riquadri di sicurezza. Attivare la finestra in cui si desidera visualizzare la mappa. Se si utilizzano immagini diverse per diverse finestre. Nella finestra di dialogo Ambiente. 4. Il nome delle finestre correntemente attive appare in un elenco a comparsa sulla sinistra dei pulsanti OK/Annulla. 4. Scegliere > Viste-Configurazione finestra > Riquadri sicurezza per attivare i riquadri di sicurezza nella finestra di visualizzazione nella quale si intende effettuare il rendering. Nell'Editor materiali. Procedimenti Per far corrispondere fra lo sfondo della finestra e lo sfondo renderizzato 1. 9. Selezionare Usa sfondo ambiente. Questa possibilità è utile per copiare impostazioni da una finestra all'altra. Scegliere Rendering > Ambiente. Scegliere Immagine sfondo dal menu Viste. Fare clic sul pulsante di Mappa ambiente e selezionare Editor materiali da Sfoglia materiali/mappa. vengono visualizzate le impostazioni della finestra attiva corrente. 3. Solo attive: Assegna l'immagine di sfondo soltanto alle finestre attive. a meno che non si stia effettuando il rendering allo stesso rapporto dimensioni. Fare clic su OK. creare una mappa contenente la bitmap relativa allo sfondo renderizzato. Mostra il fotogramma appropriato dell'elemento video di sfondo della scena di 3D Studio MAX. 5. Ogni volta che si visualizza la finestra di dialogo Sfondo della finestra. 5. Impostare le coordinate Ambiente/Schermo (selezionare Schermo dall'elenco Mappatura). Selezionare la mappa creata in Editor materiali. 8. Ciò consente di ricordare su quale finestra attiva si sta agendo e di cambiare finestra attiva selezionandone il nome dall'elenco a comparsa. 105 . 2. Assegnare la stessa bitmap come sorgente dello sfondo nella finestra di dialogo Sfondo della finestra. assegnare una mappa ambiente e selezionare la casella di controllo Usa mappa. Se si cambia finestra avvalendosi dell'elenco. 2. 7. Se si utilizza l'opzione Corrispondenza bitmap nella finestra di dialogo Sfondo della finestra. Renderizzare la finestra.Animazione sfondo Attiva l'animazione dello sfondo. Applica sorgente e display a Tutte le viste: Assegna l'immagine di sfondo a tutte le finestre di visualizzazione. le impostazioni di ciascuna finestra vengono memorizzate separatamente. le impostazioni restano le stesse. 3. Impostare le opzioni relative a Rapporto dimensioni su Corrispondenza finestra o Corrispondenza output di rendering e fare clic su OK. la bitmap torna al rapporto dimensioni originario e non corrisponde alla scena renderizzata. 6.

2. la finestra di dialogo Ambiente. o modifica dei parametri che influiscono sulla mappa attraverso Editor materiali. questo elemento non è disponibile. Riferimento Si può utilizzare Ripristina trasformazione sfondo quando Blocca zoom/panoramica è attivato e si desidera ripristinare lo sfondo nella nuova posizione della geometria. Le seguenti modifiche comportano l'aggiornamento automatico dell'immagine di sfondo della finestra: • Spostamento del cursore temporale quando si ha un'immagine di sfondo animata. Utilizzare questo comando per aggiornare lo sfondo alle modifiche non aggiornabili automaticamente.Poiché la renderizzazione della mappa nella finestra richiede del tempo. • Modifica della risoluzione di rendering e del rapporto dimensione. 106 . Riferimento Aggiorna immagine sfondo ha effetto soltanto sulla finestra attiva. Scegliere Viste > Aggiorna immagine sfondo. Attivare una finestra contenente un'immagine di sfondo. • Assegnazione di un diverso tipo di vista • Attivazione/disattivazione della visualizzazione dei Riquadri di sicurezza • Modifica dei parametri di rendering Procedimenti Per aggiornare l'immagine di sfondo visualizzata nelle finestre di visualizzazione 1. • Modifica in vista cinepresa • Annullamento della visualizzazione • Annulla. Aggiorna immagine sfondo Aggiorna l'immagine di sfondo visualizzata nelle finestre. Ripristina trasformazione sfondo Riscala e ricentra lo sfondo corrente per adattarlo alla finestra. o la finestra di dialogo Sfondo della finestra. Se si apportano modifiche alla mappa di sfondo quali la modifica del bitmap o l'assegnazione di uno nuovo. Procedimenti Per ripristinare lo sfondo e adattarlo alla finestra di visualizzazione • Scegliere Viste > Ripristina trasformazione sfondo. Se la finestra attiva non visualizza una immagine di sfondo. è possibile aggiornarne la visualizzazione nelle finestre selezionando Aggiorna immagine sfondo nel menu Viste. quali le seguenti: • Riassegnazione della mappa. l'aggiornamento non è automatico.

Riferimento Lo stato di Mostra icona assi viene salvato in 3dsmax. È possibile modificare questi colori mediante la pagina Colori della finestra di dialogo Impostazioni preferenze scegliendo Sagoma (prima) o Sagoma (dopo) dall'elenco IU principale. Mostra le sagome sequenziali Quello delle Sagome sequenziali è un metodo per visualizzare le copie sagoma del wireframe di un oggetto animato in corrispondenza di un certo numero di fotogrammi prima e dopo il fotogramma corrente. Procedimenti Per attivare/disattivare la visualizzazione dei tre assi XYZ • Scegliere Viste > Mostra icona assi. Riferimento Quando Mostra sagome sequenziali è selezionato. Mostra numeri fotogrammi chiave Quando Mostra numeri chiave è selezionato e viene visualizzata la traiettoria di un oggetto (inserendo il pannello Traiettorie nel pannello comandi Movimento oppure attivando Traiettorie nella tendina Proprietà visualizzazione del pannello Visualizza). Le sagome che appaiono prima del fotogramma corrente sono di colore diverso rispetto a quelle che appaiono dopo il fotogramma corrente.Mostra icona assi Attiva/disattiva la visualizzazione del sistema a tre assi XYZ in tutte le finestre quando vengono selezionati oggetti. Soltanto gli oggetti correntemente selezionati visualizzano le sagome. così da essere mantenuto fra scene e sessioni. i valori temporali vengono visualizzati nella finestra accanto a ciascun tasto nel percorso di traiettoria. le sagome sono visualizzate solo per gli oggetti selezionati nella scena. Procedimenti Per visualizzare delle copie sagoma in wireframe di un oggetto animato • Scegliere Viste > Mostra sagome sequenziali. La pagina Finestre della finestra di dialogo Impostazioni preferenze fornisce le impostazioni che influiscono sul numero di fotogrammi ridotti a sagoma prima e dopo il fotogramma corrente. Procedimenti Per alternare la visualizzazione dei valori temporali nella finestra 107 . Servirsi di questa funzione per analizzare e regolare l'animazione.ini.

Selezionare la geometria del sub-oggetto che si desidera animare e applicarvi un modificatore Linked XForm. Mostra dipendenze alterna l'illuminazione di oggetti in base alla selezione mentre si usa il pannello Modifica. 2. Procedimenti Per mostrare le dipendenze fra gli oggetti 1. Ombreggia selezione Ombreggia solo gli oggetti selezionati della scena. 3. 2. modificatori condivisi. Selezionare un oggetto per mezzo di un modificatore con istanze. Animazione per mezzo di Linked XForm 1. Riferimento Quando questa funzione e il pannello Modifica sono attivi. L'oggetto scelto è adesso collegato alla selezione del sub-oggetto come principale e il suo nome appare elencato nella tendina Parametri. Altri oggetti con istanze dello stesso modificatore appaiono in verde brillante. Fare clic su un oggetto che si desidera rendere l'oggetto di controllo. Sulla tendina dei Parametri fare clic su Seleziona oggetto di controllo. 3. Scegliere Viste > Mostra dipendenze dalla barra dei menu. Scegliere il modificatore con istanze dall'elenco apposito. Scegliere Viste > Mostra dipendenze dalla barra dei menu per rendere visibile il collegamento quando l'oggetto di controllo viene selezionato. riferimenti. 5. L'impostazione di default è off. ecc. Utilizzare qualsiasi trasformazione per animare l'oggetto di controllo. Allinea cinepresa alla vista 108 . La selezione è animata in parallelo con l'oggetto di controllo. 4.• Scegliere Viste > Mostra numeri chiave. Riferimento Questo comando consente di operare con una scena in wireframe e di ombreggiare solo gli oggetti selezionati quando si intende visualizzarli in modo più chiaro (senza il 'disturbo' ombreggiato di tutti gli altri oggetti). Procedimenti Per ombreggiare soltanto gli oggetti selezionati in una scena • Scegliere File > Ombreggia selezione. Ciò include istanze. Scegliere un oggetto fittizio se si desidera mantenere il controllo nascosto nel rendering finale. ogni oggetto dipendente dall'oggetto selezionato corrente appare di colore verde.

5. 2. l'unico modo per ripristinarli è trasferire ciascun materiale mappato in Editor materiali. (Questa può comprendere una finestra Prospettiva. Ciò rientra nella normalità.) 3. Se si adatta una cinepresa alla vista di un'altra cinepresa. Selezionare una cinepresa in qualsiasi finestra. Attivare una finestra prospettiva. • Premere la scelta rapida da tastiera 1. Procedimenti Per ridisegnare tutte le viste. Poiché questa operazione disattiva il flag di Mostra mappa nella finestra per tutti i materiali della scena. Riferimento Non è possibile annullare questa operazione.Sposta una cinepresa selezionata in modo da adattarne la vista a quella vista prospettiva attiva. è possibile che dopo qualche tempo le finestre visualizzino la scena con qualche irregolarità oppure con qualche oggetto o parte di esso mancante. Ridisegna tutte le finestre Ridisegna tutte le finestre di visualizzazione. Scegliere una finestra attiva e assegnarla alla cinepresa corrente. le due cineprese occupano la stessa posizione nella scena. eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Viste > Ridisegna tutte le viste. passare al livello della mappa originariamente visualizzata e attivare il pulsante Mostra mappa nella finestra. Utilizzare Ridisegna tutte le viste per una nuova visualizzazione della scena con tutte le linee e/o le ombreggiature ripristinate. 4. Riferimento Quando si trasforma o si manipola in altro modo un'impostazione geometrica (geometria). Riflettore o di altra cinepresa. La cinepresa selezionata e quella di destinazione vengono spostate in modo da allinearsi alla finestra attiva. 109 . Riferimento Questo menu è attivo soltanto quando la finestra corrente costituisce una forma di vista prospettiva e l'oggetto selezionato è una cinepresa. Disattiva tutte le mappe Disattiva l'opzione Mostra mappa nel flag di Mostra mappa nella finestra per tutti i materiali assegnati alla scena. Scegliere Viste > Allinea cinepresa alla vista. Procedimenti Per far corrispondere una cinepresa ad una finestra 1.

Configurazione finestra Imposta le opzioni per tutte le finestre. Procedimenti Per attivare e disattivare Aggiorna durante incrementi • Scegliere Viste > Aggiorna durante incrementi. l'effetto viene aggiornato dopo il trascinamento. aggiorna le finestre in tempo reale. Riferimento Quando questa opzione è selezionata. Quando Aggiorna durante incrementi è disattivato. al rilascio del mouse. la barra dei menu. il trascinamento di un incrementatore (ad esempio di raggio). Metodo di rendering Layout Riquadri di sicurezza Degradazione adattiva Aree Procedimenti Per impostare le opzioni di configurazione delle finestre eseguire una delle 110 . la riga di stato. Procedimenti Per attivare la Modalità avanzata • Scegliere Viste >Modalità avanzata Disattivazione di Modalità avanzata • Fare clic sul pulsante Annulla modalità avanzata posto sulla destra del cursore temporale per tornare alla visualizzazione piena. Utilizzare questa opzione quando si stanno regolando comandi di uso intensivo del processore. Aggiorna durante incrementi Quando Aggiorna durante incrementi è attivato. la barra degli strumenti. la riga dei messaggi e tutti i pulsanti di navigazione delle finestre vengono rimossi dal display. lasciando soltanto la barra del titolo. il cursore temporale e le finestre di 3D Studio MAX.Procedimenti Per disattivare tutte le mappe • Scegliere Viste > Disattiva tutte le mappe. Modalità avanzata Questa opzione crea finestre di visualizzazione più ampie per gli utenti di 3D Studio MAX abbastanza esperti da utilizzare i comandi rapidi da tastiera. i pannelli comandi.

mentre le superfici utilizzano i colori dei materiali (se assegnati). Disabilita vista: Disabilita la finestra attiva. Questa opzione è utile nella modifica delle mesh in visualizzazioni ombreggiate. quando si modifica la scena in un'altra finestra. Smussato e illuminato. Facce con bordi: Disponibile soltanto quando la finestra corrente è in modalità ombreggiata come Smusso. Una finestra disabilitata funziona come una finestra attiva fino a quando rimane attiva. Utilizzare questa funzione per velocizzare le operazioni di ridisegno su 111 . la vista della finestra disabilitata non cambia fino a quando non la si attiva di nuovo. Opzioni di rendering Queste caselle di controllo consentono di modificare le modalità di ombreggiatura o le modalità wireframe. Il riquadro di delimitazione è il riquadro più piccolo che racchiude completamente un oggetto. È possibile commutare fra questi nella tendina Visualizza colore nel ramo Visualizza. Wireframe illuminato: riproduce gli oggetti in wireframe con ombreggiatura piatta. Fanno riferimento al solo renderizzatore della finestra e non al renderizzatore scanline. • Fare clic su uno dei comandi della finestra di visualizzazione nell'angolo inferiore a destra dello schermo di 3D Studio MAX. Sfaccettato: Riproduce oggetti solo con ombreggiatura piatta. Ciò consente di creare colori di contrasto tra le superfici ombreggiate e i bordi wireframe. Tuttavia. a tutte le finestre o a tutte le finestre eccetto quella attiva.seguenti azioni • Scegliere Viste > Configurazione finestra. Wireframe: Disegna gli oggetti in wireframe senza ombreggiatura. Sfaccettato e illuminato: Riproduce gli oggetti con ombreggiatura piatta e visualizza le illuminazioni speculari. Riquadro delimitazione: Disegna gli oggetti come riquadro di delimitazione senza ombreggiatura. Applica a Applica le impostazioni correnti solo alla finestra attiva. Sfaccettato e illuminato o Sfaccettato. Smusso: Riproduce gli oggetti solo con ombreggiatura smussata. Riferimento Le impostazioni iniziali di questa finestra di dialogo riflettono quelle della finestra corrente. Livello di rendering Determina il modo nel quale 3D Studio MAX visualizza gli oggetti. Metodo di rendering Imposta il metodo di rendering per la finestra corrente o per tutte le finestre. Smussato e illuminato: Riproduce gli oggetti con ombreggiatura smussata e visualizza illuminazioni speculari. Quando Facce con bordi è attivato in una di queste modalità. i bordi di wireframe degli oggetti appaiono insieme con le superfici ombreggiate. I bordi vengono visualizzati mediante il colore wireframe dell'oggetto. • Fare clic su qualsiasi etichetta di finestra e scegliere Configura dal menu.

Si può decidere di attivarla nel caso in cui occorra vedere l'interno oltre che l'esterno degli oggetti oppure nel caso di geometrie complesse importate nelle quali le normali delle facce non risultino unificate in modo appropriato. A volte le luci create nella scena fanno sì che sia più difficile osservare gli oggetti nella finestra di visualizzazione.schermo se si lavora con geometrie complesse. Ciò consente di lavorare in wireframe nella 112 . Il buffer Z può essere visualizzato nel buffer di fotogramma virtuale quando si esegue il rendering su un file. Deselezionare la casella per visualizzare le mappe assegnate agli oggetti. Procedimenti Per impostare il metodo di rendering della finestra 1. Questo incrementatore non è disponibile quando qualsiasi altro tipo di finestra è disponibile. Il campo visivo (FOV) della cinepresa può essere modificato nel pannello Modifica. Tale comando è disponibile solo quando la finestra è in modalità ombreggiata ed è visualizzata almeno una mappa di oggetto. Ad esempio. Nel campo di inserimento valori Numero facce si imposta il numero di facce visualizzate una volta attivata la modalità Vista rapida. • L'opzione Solo finestra attiva applica il metodo di rendering alla finestra attiva. 4. Vista utente prospettiva FOV: Imposta l'angolo del campo visivo per la finestra Prospettiva. • L'opzione Esclusa attiva applica il metodo di rendering a tutte le finestre tranne quella attiva. Fare clic sulla scheda Metodo di rendering. Illuminazione di default: Imposta l'illuminazione di default. Forza 2 lati: Selezionare quest'opzione per eseguire il rendering su entrambi i lati delle facce. Questa è sempre la scelta di default. Deselezionare la casella per eseguire il rendering solo sulle facce aventi le normali in direzione dell'osservatore. • L'opzione Tutte le finestre applica il metodo di rendering a tutte le finestre configurate. 2. L'illuminazione di default visualizza gli oggetti in modo più regolare. 3. Scegliere Viste > Configurazione finestra. Vista rapida Selezionando la casella Visualizza vista rapida si può velocizzare il ridisegno su schermo visualizzando meno facce. e rimane in quel modo fino a che non si forza nuovamente la finestra a ridisegnare per qualsiasi motivo.rla. Disabilita mappe composizione: Selezionare questa opzione per disattivare la visualizzazione di mappe di composizione assegnate agli oggetti. Di norma. Correzione mappa di composizione: Ridisegna la finestra utilizzando interpolazione pixel (corretta in base alla prospettiva). Decidere come applicare il metodo di rendering. un'impostazione di 3 visualizza una faccia ogni tre. quest'opzione viene mantenuta disattivata per velocizzare il tempo di ridisegno. Fare clic sul livello di rendering desiderato e sulle opzioni per esso disponibili. Tale impostazione va disattivata per utilizzare le luci create nella scena. Reticolo buffer Z: Selezionare la casella per generare un canale di buffer Z per la finestra. Il metodo di rendering viene applicato a tutte le finestre anche se una di esse è ingrandita.

La casella di controllo Blocco consente di bloccare il rapporto tra le dimensioni del riquadro di sicurezza operazione. utilizzare l'incrementatore Entrambi per impostare la percentuale di area attiva intersecata entro il riquadro di sicurezza. Fare clic destro su Campo visivo per visualizzare la finestra di dialogo Configurazione finestra. Le impostazioni relative ai Riquadri di sicurezza vengono salvate con il file . 4.max. Sicurezza operazione: (in verde) Si tratta dell'area in cui è possibile inserire con sicurezza l'azione renderizzata. Default=20% dell'area attiva. Se si carica un vecchio file . Per specificare un valore FOV in una vista Prospettiva 1. Sicurezza titolo: (in ciano) Si tratta dell'area in cui è sicuro inserire titoli o altre informazioni. Se Blocco non è selezionato. l'immagine resta confinata nell'area attiva dei riquadri di sicurezza e corrisponderanno allo sfondo renderizzato purché lo stesso bitmap sia stato assegnato allo Sfondo ambiente utilizzando le coordinate Ambiente/Schermo.max. indipendentemente dalle dimensioni o dal rapporto tra le dimensioni della finestra. Se Blocco è selezionato. La casella di controllo Blocco consente di bloccare il rapporto tra le dimensioni del riquadro di sicurezza operazione. utilizzare l'incrementatore Entrambi per impostare la dimensione percentuale del fotogramma utente in relazione all'area operazione. Se Blocco non è selezionato. 3. Se Blocco non è selezionato. è un'area più piccola rispetto al riquadro di sicurezza operazione. Sicurezza utente: Visualizza un riquadro di sicurezza aggiuntivo utilizzabile per qualsiasi necessità personalizzata. è possibile utilizzare gli incrementatori Orizzontale e Verticale per impostare indipendentemente questi parametri. è possibile utilizzare gli incrementatori Orizzontale e Verticale per impostare indipendentemente questi parametri. Default=10%. Attivare una finestra con vista Prospettiva. utilizzare l'incrementatore Entrambi per impostare la dimensione percentuale del riquadro titolo relativo all'area operazione. è possibile utilizzare gli incrementatori Orizzontale e Verticale per 113 . Riferimento Setup La finestra Riquadri sicurezza contiene le impostazioni relative ai seguenti tipi di riquadro: Area attiva: (in verde) Si tratta dell'area di rendering effettivo. Se utilizzata correttamente. Riquadri di sicurezza Consente di attivare/disattivare lo stato dei riquadri di sicurezza video della finestra corrente e di regolarne i parametri. Fare clic sulla scheda Metodi di rendering. le impostazioni correnti del riquadro di sicurezza vengono conservate. Immettere un valore nel campo FOV. Quando Blocco è selezionato.finestra attiva e di vedere gli aggiornamenti nelle altre finestre in rendering. 2. Se Blocco è selezionato. La casella di controllo Blocco consente di bloccare il rapporto tra le dimensioni del riquadro di sicurezza operazione.

Quello della "griglia 12 campi" è un metodo utilizzato da registi video per fare riferimento ad aree specifiche dello schermo. il programma prova vari altri livelli di rendering per ottenere una qualità ottimale pur continuando a mantenere FPS. Mostra curs.: Visualizza un cursore per indicare quando il programma è 114 . La griglia 12 campi costituisce un riferimento per questo tipo di posizionamento. Applicazione Mostra riquadri sicurezza nella vista attiva: Questa casella di controllo consente di attivare/disattivare la visualizzazione dei riquadri nella finestra corrente. Griglia 12 campi: Visualizza una griglia di celle (o di campi) nella finestra. Le caselle di controllo dei tre tipi di riquadri sicurezza consentono di scegliere il tipo da visualizzare. Riferimento La finestra di dialogo comprende le seguenti opzioni: Degradazione generale/Degradazione attiva Selezionare le caselle in ogni colonna per indicare le modalità di rendering che il sistema deve seguire durante l'operazione necessaria di degradazione. Se non è selezionato. Le opzioni selezionate nella colonna Degradazione generale agiscono su tutte le finestre inattive. Se questa opzione è selezionata. Comando rapido di default=MAIUSC+F • Scegliere Viste > Configurazione finestra e utilizzare il pannello Riquadri sicurezza nella finestra di dialogo. eseguire una delle seguenti operazioni • Fare clic col pulsante destro del mouse su una etichetta di finestra e scegliere Mostra riquadro di sicurezza dal menu Finestra pulsante destro del mouse. Degradazione adattiva Regola i metodi adattivi di ridisegno della finestra. Default=20% dell'area attiva. Ripristina mouse su: Ripristina il livello di rendering al rilascio del mouse. In questo caso. il programma imposta automaticamente il livello di rendering sul minimo precedente. Questa opzione è ottenibile anche col comando Mostra riquadro sicurezza del menu che appare premendo il pulsante destro del mouse sul titolo di una qualsiasi finestra attiva.impostare indipendentemente questi parametri. ricostr. i "campi" sono celle nella griglia e non campi scanline. Procedimenti Per attivare la visualizzazione dei riquadri di sicurezza. mentre le opzioni della colonna Degradazione attiva hanno effetti solo sulla finestra attiva. Un regista potrebbe richiedere di spostare un oggetto di due campi a sinistra e di quattro in basso. Degrada parametri Mantieni FPS: Consente di impostare la cadenza di fotogrammi al secondo che il sistema di visualizzazione adattiva cercherà di mantenere. x 3/12 x 9: Consente di scegliere fra due matrici di 12 o 108 celle.

Le impostazioni per questa pagina della finestra di dialogo Configurazione finestra vengono salvate con il file . Ciò risulta comodo quando si regolano le luci e si desidera vederne l'effetto i tempo reale in una modalità ombreggiata. Per assegnare viste specifiche. • Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'etichetta di una finestra e scegliere Configura. Appare quindi un menu che elenca i vari tipi di finestra. per ignorare) per disattivare la degradazione adattiva e premere "o" di nuovo per riattivarla. Procedimenti Per visualizzare i comandi di Degradazione Adattiva 1. 115 . Se viene scelto il valore 0. sullo schermo non compare niente fino al completamento del rendering. eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Viste > Configurazione finestra dalla barra dei menu. Tempo interr. Nella parte superiore della pagina si trovano le icone che rappresentano i modi di suddivisione delle finestre. Un'area aggiuntiva fornisce due pulsanti di opzione indicati come Layout A e Layout B. Fare clic sulla scheda Degradazione adattiva.: Imposta l'intervallo fra le volte in cui il programma controlla lo stato del mouse durante il rendering della finestra. 2. quindi fare clic sulla scheda Layout. Layout Il pannello Layout della finestra di dialogo Configurazione finestra specifica il modo di suddivisione delle finestre ed assegna tipi specifici di viste a ciascuna finestra. Fare clic su un'icona per selezionare il modo di suddivisione prescelto che poi appare nell'area più ampia. Ad ogni intervallo viene tracciata sullo schermo una nuova sezione del rendering. Premere "o" (O minuscola. Procedimenti Per visualizzare il pannello Layout. attivare il pulsante Ignora degradazione nella riga dei messaggi. fare clic sulla finestra rappresentata sullo schermo. Riferimento La pagina Layout si dispone su tre aree. quindi fare clic sulla scheda Layout. Oppure.: Imposta l'intervallo fra gli aggiornamenti durante il rendering delle finestre. in modo da consentire il suo utilizzo in altri punti senza dover aspettare che "si riattivi". Essi memorizzano per default due layout completi.max dell'utente. Il layout A prevede quattro finestre mentre il layout B si avvale di tre finestre assegnando la finestra maggiore all'Editor tracce. Impostazioni interruzione Tempo aggiorn. I valori ridotti liberano il mouse più rapidamente. Per escludere il sistema di degradazione adattiva. quando si sta regolando la cinepresa e si ha bisogno di vedere la geometria complessa esattamente come è.occupato a ricalcolare il rendering della finestra. Scegliere Viste > Configurazione finestra.

Se si sta utilizzando Software buffer Z. Riferimento Nella finestra di dialogo si trovano i campi di inserimento valori per l'impostazione dei quattro angoli dell'area (in pixel) e le seguenti opzioni: Fin. È possibile modificare questi comandi rapidi mediante l'elenco riportato in Impostazioni preferenze/Tastiera. ma il suo scopo primario è di effettuare ingrandimenti sulle viste di cinepresa. È possibile utilizzare la Finestra di visualizzazione virtuale in qualsiasi tipi di finestra. l'etichetta della finestra potrebbe risultare nascosta alla visualizzazione. È possibile alternare fra viste entro la stessa finestra di visualizzazione virtuale mantenendo l'area di zoom virtuale. visualizzazione virtuale: Attiva e disattiva la finestra di visualizzazione virtuale Zoom avanti/indietro fin.Aree Specifica le dimensioni del rettangolo di selezione di default relative all'area e alla sottoarea Ingrandimento. Si può anche trascinare la finestra bianca in qualsiasi punto dell'immagine. visualizzazione virtuale Usa fin. creando una "finestra di visualizzazione virtuale" in cui effettuare tutte le normali operazioni di navigazione ma in Questa funzione è disponibile solo quando si utilizza un driver OpenGL. 2. Procedimenti Per utilizzare la finestra di visualizzazione virtuale 1. visualizzazione virtuale: Esegue funzioni di zoom nella finestra di visualizzazione virtuale. senza distorcere il rapporto fra la geometria e uno sfondo bitmap (vedere Blocca zoom/panoramica nella finestra di dialogo Immagine di sfondo per una funzionalità simile nelle viste ortogonali). visualizzazione virtuale: Effettua operazioni di panoramica nella Finestra di visualizzazione virtuale. Le opzioni relative alla Finestra visualizzazione virtuale consentono di ingrandire una sottoarea della finestra corrente. virtuale: Abilita la finestra di visualizzazione virtuale. questi comandi sono disabilitati. Nella finestra di dialogo appare un'immagine ridotta della finestra insieme con un piccolo rettangolo bianco di zoom che rappresenta la finestra della finestra di visualizzazione virtuale. e Offset Y: Regola la dimensione e la posizione della finestra virtuale. La dimensione dell'area può essere modificata trascinandone le maniglie. Poiché in effetti si sta effettuando un'operazione di zoom nella finestra dell'immagine stessa. ma è sempre possibile fare clic destro con il mouse nell'area della finestra per visualizzare il menu. Le finestre virtuali sono utili per ingrandire le viste di una cinepresa. Attivare la finestra da convertire in finestra di visualizzazione virtuale (di norma 116 . ad esempio tracing. Zoom. Sono disponibili i seguenti comandi rapidi da tastiera: Interruttore fin. L'area di selezione rettangolare appare quando si esegue il rendering con Ingrandimento o Area selezionati nell'elenco modificatori rendering. Accertarsi di utilizzare un driver OpenGL per la visualizzazione. visual. e i parametri per l'impostazione di una finestra virtuale. Scelte rapide panoramica fin. Ciò consente di effettuare operazioni di closeup. Offset X.

3. se non per il fatto che viene visualizzata soltanto la porzione di finestra su cui si è effettuato lo zoom. Offset X. Fare clic su Usa fin. visualizzazione virtuale. Tutti i metodi di navigazione nella finestra funzionano come al solito. Scegliere Viste > Configurazione finestra e fare clic sulla scheda Aree. Fare clic su OK. 5. Utilizzare gli incrementatori Zoom.una finestra di cinepresa che visualizza uno sfondo bitmap). Menu Rendering Contiene funzioni per renderizzare scene. La finestra cinepresa viene convertita in finestra di visualizzazione virtuale e visualizza l'area della finestra rappresentata dal rettangolo bianco. per impostare effetti ambientali e per comporre scene e immagini con Video Post. Nella finestra di dialogo appare un'immagine ridotta della finestra insieme con un piccolo rettangolo bianco di zoom che rappresenta la finestra della finestra di visualizzazione virtuale. 6. e Offset Y per regolare la dimensione e la posizione della finestra di visualizzazione virtuale o trascinare la finestra bianca in qualsiasi punto dell'immagine. 117 . Rendering (Menu) Video Post Mostra ultimo rendering Ambiente Crea anteprima Visualizza anteprima Rinomina anteprima Rendering (Menu) Visualizza la finestra di dialogo Rendering in scena nella quale è possibile impostare tutti i parametri di rendering. 4.

2. Procedimenti Per visualizzare l'ultima immagine renderizzata eseguire una delle seguenti azioni • Scegliere Rendering > Mostra ultimo rendering • Premere CTRL-I. Se non è ancora stata renderizzata alcuna scena. Scegliere Rendering/Video Post. Video Post Fornisce l'output renderizzato composito riguardante diversi tipi di eventi. oppure aprire un file Video Post esistente per modificarlo. Creare una nuova sequenza Video Post aggiungendo eventi alla coda. La relativa finestra di modifica mostra quando ciascun evento si verifica nell'output video finale. Comandi visualizzazione/barra di stato Video Post: Mostra informazioni relative ai comandi di Video Post attivi e consente di controllare la visualizzazione delle tracce nell'area delle tracce evento. In tal modo viene visualizzata la finestra di dialogo Video Post. incluse la scena corrente. le funzioni di elaborazione dell'immagine. 118 . Barra strumenti di Video Post: Contiene i comandi di Video Post. e così via. Ciascun evento è associato ad una traccia con una barra intervallo. Procedimenti Per usare la finestra di dialogo Video Post 1. Video Post è una finestra di dialogo non modale autonoma di aspetto simile a Editor tracce. le immagini bitmap. La finestra di dialogo Video Post contiene i seguenti elementi: Coda Video Post: Mostra la sequenza degli eventi di post-produzione. Mostra ultimo rendering Visualizza l'ultima immagine renderizzata. questa opzione è disabilitata.Procedimenti Per visualizzare la finestra di dialogo Rendering in scena • Scegliere Rendering > Video Post.

Fare clic sul riquadro colore e quindi selezionare il colore prescelto nella finestra di dialogo Selettore colore. Mappa ambiente: Il pulsante allungato Mappa ambiente visualizza il nome della mappa o Nessuno se non è stato assegnato alcun nome. Le funzioni di Ambiente possono essere utilizzate per i seguenti scopi: • Impostazione e animazione del colore di sfondo. • Utilizzo di un'immagine sullo sfondo della scena di rendering (ambiente schermo) o utilizzare le mappe di composizione come ambienti sferici. La mappa deve usare le coordinate di mappatura ambientali (ambienti sferici. materiali. È possibile animare l'effetto colore modificando il colore di sfondo in corrispondenza di un fotogramma diverso dal fotogramma zero mentre è attivato il pulsante Animazione. Una finestra di dialogo richiede se si desidera che la mappa ambiente sia una copia (indipendente) o un'istanza della mappa sorgente. Per assegnare una mappa ambiente è possibile trascinare una mappa da una finestra campione o da un pulsante mappa in Editor materiali (o da qualsiasi altro punto in 3D Studio MAX. combustione ecc. • Uso nella scena di plug-in atmosferici. Facendo clic su Mappa ambiente si visualizza Sfoglia materiale/mappa. in cui si può 119 .Ambiente Consente di impostare gli effetti atmosferici e quelli di sfondo. il file di animazione viene ricaricato una volta per fotogramma. ad esempio da un pulsante proiettore mappa) e rilasciarlo nel pulsante Mappa ambiente. cilindrici o di mappa ritirata. • Impostazione e animazione della luce ambiente. Nota: Se la scena include bitmap animate. mappa ritirata e schermo). o se le animazioni stesse corrispondono a file di grandi dimensioni. è possibile che le prestazioni di rendering risultino rallentate. quali la luce volumetrica. ambienti e così via. luci proiettore. Se la scena utilizza più animazioni. Combustione Nebbia Volume nebbia Volume luci Riferimento La finestra di dialogo Ambiente comprende le seguenti opzioni: Parametri comuni Sfondo Colore: Imposta il colore per lo sfondo della scena. cilindrici. Effetti atmosferici Gli effetti atmosferici sono componenti plug-in che creano effetti di luce quali nebbia.

nel caso in cui si abbiano diverse impostazioni personalizzate per diversi tipi di combustione. Atmosfera Effetti: Indica la coda di effetti che al momento del rendering vengono valutati in ordine lineare all'interno della scena. È possibile animare il colore tinta modificandolo in corrispondenza di un fotogramma diverso dal fotogramma zero mentre il pulsante Animazione è attivato. quindi trascinare il pulsante Mappa ambiente e rilasciarlo su una finestra campione inutilizzata. Questo parametro può essere animato. Default=1. Elimina: Elimina un effetto atmosferico selezionato dall'elenco. Fare clic sul riquadro colore e quindi selezionare il colore prescelto nella finestra di dialogo Selettore colore.0 mantiene le impostazioni di luce individuali originali. È possibile animare l'effetto luce modificando il colore di luce circostante in corrispondenza di un fotogramma diverso dal fotogramma zero mentre è attivato il pulsante Animazione. Per regolare i parametri della mappa ambiente. Illuminazione globale Tinta: Se si tratta di qualsiasi altro colore diverso dal bianco. L'elenco mostra soltanto i nomi degli effetti atmosferici. esso tinge tutte le luci nella scena (ad eccezione della luce ambiente). Ad esempio. Quando si preme Unisci. Circostante: Imposta il colore della luce circostante.0. Se uno degli oggetti da unire ha lo stesso nome di uno già presente nella scena. che si è scelto di chiamare Scintilla e Palla di fuoco. visualizzare Editor materiali. 120 . Selezionare una scena 3D Studio MAX e fare clic su Apri. Fare clic sul riquadro colore per visualizzare la finestra Selettore colore nella quale scegliere il colore tinta desiderato. Livello: Il livello è un moltiplicatore di tutte le luci della scena. Aggiungi: Visualizza la finestra di dialogo Aggiungi effetto atmosferico (tutti gli effetti atmosferici correntemente installati). Un livello pari a 1. un messaggio di avviso propone le seguenti scelte: • È possibile rinominare l'oggetto in entrata cambiandone il nome nel campo modificabile. Selezionare uno o più effetti e fare clic su OK per unirli alla scena. appare una finestra di dialogo. mentre una diminuzione del Livello determina la diminuzione dell'illuminazione globale. Appare la finestra di dialogo Unisci effetti atmosferici. Questa finestra di dialogo elenca gli effetti nella scena specificata. Attivo: Imposta lo stato attivato/disattivato di singoli effetti dell'elenco. Si tratta di un modo rapido di isolare gli effetti in un elenco di funzioni atmosferiche complesse. Ad un aumento del Livello corrisponde un'intensificazione dell'illuminazione su tutta la scena. Usa mappa: Lo sfondo è rappresentato da una mappa invece che dal colore di sfondo. Facendo clic o doppio clic con il mouse e scegliendo OK si assegna l'effetto all'elenco. Unisci: Consente l'unione di effetti che non siano file di scena 3D Studio MAX. ma al momento di unire un effetto vengono uniti anche le luci o gizmi vincolati a quell'effetto. Sposta su/Sposta giù: Sposta l'elemento selezionato dell'elenco in alto o in basso per modificare l'ordine con il quale vengono applicati gli effetti atmosferici. ad esempio assegnando un bitmap o modificando le impostazioni delle coordinate. Nome: Questo campo modificabile consente di assegnare un nome personalizzato agli effetti dell'elenco.scegliere un tipo di mappa dall'elenco.

Nella finestra di dialogo Ambiente. È anche possibile creare una mappa standalone nell'Editor materiali prima. 3. 2. ottenendo due oggetti della scena con lo stesso nome. dove è possibile regolarla modificandone i parametri. che effettua la stessa operazione su tutti gli oggetti allineati successivi. • Si può selezionare Applica a tutti i duplicati. • Fare clic sul pulsante Mappa ambiente.• Unire l'oggetto in entrata. Scegliere Rendering > Ambiente. Utilizzare il Selettore colore per modificare il colore dello sfondo. Scegliere un tipo di mappa dall'elenco. Per modificare il colore della luce circostante: 1. • Eliminare l'oggetto esistente della scena selezionando il pulsante Elimina precedente. Appare Sfoglia materiale/mappa. Fare clic sul riquadro colore denominato Circostante. o da qualsiasi pulsante mappa assegnato. A questo punto. e sceglierla quindi con il browser dopo aver fatto clic su Assegna. Procedimenti Per impostare il colore di sfondo 1. o in Editor materiali o da una luce di proiezione ecc. Appare la finestra di dialogo Selettore colore. Nell'area di sfondo della finestra di dialogo Ambiente. Il Renderizzatore utilizza adesso questo colore come sfondo. si può in seguito deselezionare Usa Mappa per effettuare un rendering di prova alla scena senza sfondo mappato. Appare la finestra di dialogo Selettore colore. Per scegliere una mappa ambiente 1. Visualizzare l'Editor materiali. La mappa si trova adesso nell'Editor materiali. 121 . Per inserire la mappa nell'Editor materiali • Trascinare il pulsante Mappa ambiente in una finestra campione inutilizzata. L'Editor materiali si trova dove vengono regolati i parametri di mappa. 2. Scegliere Rendering > Ambiente. è stata impostata la mappa ambiente. 2. Dopo l'impostazione della mappa. fare clic sul riquadro colore. Appare la finestra di dialogo Ambiente. Scegliere Rendering > Ambiente. Nell'area Sfondo. 3. eseguire una delle seguenti azioni: • Trascinare una mappa verso il pulsante Mappa ambiente. È possibile effettuare questa operazione da una mappa visualizzata in una delle finestre campione di Editor materiali. il nome del pulsante Mappa ambiente cambia per mostrare il tipo di mappa prescelto e Usa mappa viene attivato. ma per assegnare un bitmap o regolare i parametri di mappa è necessario utilizzare l'Editor materiali.

tanto inferiore il contrasto. Per la maggior parte delle operazioni di rendering. Completata l'animazione. Utilizzare il selettore di colore per impostare il colore della luce circostante. 4. Scegliere il tipo di atmosfera desiderato. Nell'area Atmosfera della finestra di dialogo Ambiente. 3. La luce circostante da sola non è sufficiente a mostrare la profondità. Cadenza fotogrammi 122 . Fare clic sul riquadro colore denominato Circostante. Eliminare la finestra di dialogo Ambiente. Appare la finestra di dialogo Selettore colore. Nota: 3D Studio MAX ha un'impostazione di default per la luce circostante. 3D Studio MAX avvia il programma Lettore multimediale con il file di anteprima scena. Aggiungere un'atmosfera 1. 2. avvalendosi del segmento tempo attivo o di un intervallo di fotogrammi personalizzato.3. Fare clic su Chiudi per abbandonare il Selettore colore. 3. Le finestre ombreggiate vengono aggiornate per mostrare le modifiche della luce circostante. Scegliere Rendering > Ambiente. Per modificare l'intensità della luce circostante 1. scegliere File > Preferenze > Generale e deselezionare la casella di controllo Autoriproduzione file anteprima). È possibile modificare l'impostazione di default per mezzo del pannello Rendering della finestra di dialogo Impostazioni preferenze. 4. il colore della luce circostante dovrebbe costituire il complemento del colore della principale sorgente di luce della scena. Le finestre ombreggiate vengono aggiornate per mostrare le modifiche intercorse nell'intensità della luce circostante. Il colore della luce circostante tinge la scena.avi pronto per la riproduzione (se si desidera evitare l'avvio del Lettore multimediale. fare clic su Aggiungi. Crea anteprima Crea un'anteprima di file avi dell'animazione nella finestra corrente. 2. L'intensità della luce circostante influisce sia sul contrasto che sull'illuminazione generale: quanto più intensa la luce circostante. pertanto l'angolo di incidenza è uguale per tutte le facce. Riferimento Intervallo anteprima Specifica i fotogrammi da includere nell'anteprima. Scegliere Rendering > Ambiente. Questo perché la luce circostante è completamente diffusa. quindi fare clic su OK. Appare la finestra di dialogo Aggiungi effetti atmosferici. 3D Studio MAX utilizza il nuovo colore della luce circostante anche durante il rendering della scena. Cambiare l'impostazione di Valore (la componente V della descrizione HSV relativa alla luce circostante) per aumentare o diminuire l'intensità. Appare la finestra di dialogo Ambiente.

l'anteprima viene prodotta come file AVI. Numeri fotogrammi stampa un numero di fotogramma nell'angolo superiore sinistro di ciascun fotogramma nel file AVI. quindi fare clic su OK. che sono variabili. Per ottenere la massima qualità visuale. Il pulsante sulla destra visualizza il nome del dispositivo correntemente assegnato.avi. La risoluzione di output viene impostata nella finestra di dialogo Rendering in scena. si può produrre l'anteprima come flic specificando un nome di file con estensione . un valore di 8 fa sì che nell'anteprima venga incluso solo un fotogramma ogni otto. 3D Studio MAX renderizza l'anteprima e la salva in un file chiamato _scene. Fare clic sopra questo pulsante per modificare le impostazioni del dispositivo o per assegnarne uno diverso. Specificando un formato ad immagine singola come ad esempio . la risoluzione di anteprima è di 320x240. l'anteprima viene prodotta come una serie di file sequenzialmente numerati. richiama il Lettore multimediale per questa animazione. Tipo di file personalizzato: Produce l'anteprima del tipo di file specificato. Usa dispositivo: Consente di trasmettere l'anteprima ad un dispositivo esterno. Dimensione immagine Imposta la risoluzione dell'anteprima come percentuale della risoluzione di output corrente. AVI: Se questa opzione è selezionata. Procedimenti Per creare un'anteprima: 1. 3. Appare la finestra di dialogo Crea anteprima. Scegliere Rendering > Crea anteprima. come ad esempio un registratore digitale. Farci clic sopra per regolare il codec assegnato o per scegliere un codec differente. Il pulsante sulla destra visualizza il codec AVI corrente. scegliere la massima qualità di compressione.Specifica la cadenza di riproduzione fotogrammi in fotogrammi al secondo. 2. facendo clic sul pulsante Crea. Visualizza in anteprima Specifica il tipo di oggetti da includere nell'anteprima. La qualità del file AVI di output dipende dal tipo di codec utilizzato e dalle sue impostazioni. Ad esempio. Visualizzare l'anteprima facendo clic sul pulsante Riproduci del Lettore 123 . Quanto più elevata è la qualità di compressione. Livello di rendering Specifica il tipo di visualizzazione di rendering dell'anteprima.tga. Sfondo comprende lo sfondo di finestra assegnato nell'anteprima. tanto inferiore risulterà la compressione e maggiori le dimensioni del file risultante. output è impostato su 50. Avvalersi di Ogni n fotogrammi per visualizzare in anteprima un esempio dell'animazione. Ad esempio. Quando questa opzione è selezionata. Ad esempio. appare un selettore di file dal quale è possibile sia nominare il file che specificare il tipo di file di output. Output Specifica il formato dell'anteprima di output.flc. Cambiare i parametri di anteprima o accettare i default. Subito dopo aver renderizzato l'anteprima. se la risoluzione dell'output di rendering è 640x480 e il campo Perc.

utilizzare Rendering/Rinomina anteprima. Riferimento Quando si utilizza Crea anteprima. il programma standard di Windows col quale è possibile visualizzare il file di anteprima corrente. Per fare ciò. Rinomina anteprima Rinomina il file di anteprima _scene.avi. Procedimenti Per rinominare il file di anteprima 1. Menu Editor tracce Fornisce l'accesso ai parametri di animazione (tempo) validi per la scena 3D. in modo da impedire che il file venga sovrascritto la volta successiva che si effettua un'anteprima. Il comando Visualizza anteprima procede quindi al caricamento di tale file. scegliere Rendering > Visualizza anteprima.avi.multimediale. Specificare una cartella e un nome per il file di anteprima. Se si intende conservare il file di anteprima.avi.avi. Riferimento Quando si utilizza Crea anteprima. Questa operazione richiama il Lettore multimediale con il file _scena. utilizzare Rinomina anteprima per salvarlo con un altro nome. Il comando Visualizza anteprima procede quindi al caricamento di tale file. È possibile salvare l'anteprima con un nome diverso. Se si chiude il Lettore multimediale ma si intende visualizzare di nuovo l'anteprima. Il programma Lettore multimediale contiene il proprio sistema di Guida. Visualizza anteprima Visualizza il Lettore multimediale. 2. altrimenti il file successivo di Crea anteprima sovrascriverà il file _scene. Procedimenti Per visualizzare un'anteprima • Scegliere Rendering > Visualizza anteprima. Se si intende conservare il file di anteprima.avi. per default 3D Studio MAX memorizza l'anteprima di output in un file chiamato _scene. Scegliere Rendering > Rinomina anteprima. 3. Fare clic su Salva.avi. altrimenti il file successivo di Crea anteprima sovrascriverà il file _scene. utilizzare Rinomina anteprima per salvarlo con un altro nome. Apri Editor tracce Nuovo Editor tracce Elimina Editor tracce 124 . per default 3D Studio MAX memorizza l'anteprima di output in un file chiamato _scene.

denominato "Senza titolo 1". Procedimenti Aprire l'Editor tracce che è stato chiuso per ultimo. • Fare clic su Editor tracce > Apri Editor tracce. Dopo aver aperto tutti gli Editor tracce memorizzati. Note L'uso del comando Ripristina chiude tutti gli Editor tracce aperti ed elimina tutti gli Editor tracce con nome. La funzionalità di questo comando cambia in base al numero di Editor tracce già creati o aperti. Riferimento Apri Editor tracce: Selezionare il comando per aprire un Editor tracce. viene creato un nuovo Editor tracce chiamato "Senza titolo 2".max.La sezione inferiore del menu Editor tracce elenca tutti gli editor tracce memorizzati. È possibile aprire tutti gli Editor tracce memorizzati selezionando ripetutamente Apri Editor tracce. 125 . Se esiste già un Editor tracce chiamato "Senza titolo 1". Il caricamento di un file . Le impostazioni dei filtri Editor tracce vengono salvate con il file . selezionarne il nome dall'elenco visualizzato. indipendentemente da quanti Editor tracce chiusi sono memorizzati nel buffer. Nuovo Editor tracce (Menu) Lancia un nuovo Editor tracce senza titolo. Se in precedenza non è stato creato e chiuso alcun Editor tracce. ma lo stato delle gerarchie Editor tracce viene perduto alla riapertura di un file . first out: l'ultimo inserito è il primo prelevato. Per aprire un editor tracce memorizzato. gli Editor tracce vengono aperti in base all'ordine last in. È possibile nominare un Editor tracce digitando un nome nel campo apposito all'estremità destra della barra strumenti Editor tracce. viene aperto un nuovo Editor tracce senza titolo. Tutti gli Editor tracce memorizzati vengono salvati con il file . Nel buffer dedicato possono essere memorizzati al massimo 13 Editor tracce. È possibile nominare un Editor tracce digitando un nome nel campo apposito all'estremità destra della barra strumenti Editor tracce. Riferimento Nuovo Editor tracce: Selezionare il comando per aprire un nuovo Editor tracce senza titolo. Le gerarchie degli Editor tracce vengono conservate per la durata della sessione di 3DS MAX.max. appare un nuovo Editor tracce. Apri Editor tracce (Menu) Questo comando ha la stessa funzione del pulsante Editor tracce della barra strumenti.max chiude tutti gli Editor tracce aperti della scena corrente. Viene così aperto l'Editor tracce che era stato chiuso per ultimo. Gli Editor tracce precedentemente aperti e poi chiusi vengono memorizzati in un buffer contenente fino a 13 editor tracce per scena MAX.max.

Procedimenti Per aprire un Editor tracce e posizionare l'oggetto selezionato in cima all'elenco gerarchico 1. Scegliere Editor tracce > Nuovo Editor tracce. Procedimenti Per eliminare un Editor tracce 1. 2. • Nella barra dei menu. Fare clic su OK per rimuovere dal buffer l'Editor tracce specificato. Si tratta di un modo rapido di individuare un oggetto selezionato nella gerarchia dell'Editor tracce. Elimina Editor tracce (Menu) Consente di eliminare uno o più Editor tracce memorizzati. Riferimento Elimina Editor tracce: Fare clic per visualizzare l'elenco di tutti gli Editor tracce memorizzati. Nel buffer dedicato possono essere memorizzati fino a 13 Editor tracce. Selezionare un oggetto in qualsiasi finestra. 126 . Fare clic sul pulsante Zoom oggetti selezionati della finestra Editor tracce. È possibile denominare singoli Editor tracce nel campo nome modificabile della barra dell'Editor tracce. Finestra di dialogo Elimina Editor tracce Selezionare il titolo dall'elenco e fare clic su OK per rimuovere dal buffer l'Editor tracce specificato. Selezionare un titolo dall'elenco. Elenco Editor tracce memorizzati Area che elenca tutti gli Editor tracce memorizzati con nome. Riferimento Aprire un Editor tracce memorizzato selezionandone il nome in questo punto. 3. Informazioni su 3D Studio MAX Visualizza le informazioni di copyright e licenza relative alla copia di 3D Studio MAX utilizzata. Procedimenti Visualizza un Editor tracce precedentemente memorizzato. 3. Scegliere Editor tracce > Elimina Editor tracce. 2. selezionare Editor tracce e quindi un Editor tracce memorizzato.

127 .Procedimenti Per visualizzare le informazioni di copyright e di licenza Scegliere Guida > Info su 3D Studio MAX.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful