5 GIUGNO 2010

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate

-Dott. Mag. in ecologia e biogeografia Martina Oddo -Dott. Mag. In scienze forestali e ambientali Emilio Badalamenti

Ragioni antropologiche della necessità di zone verdi
L'uomo è tra i vertebrati uno dei pochi che vede contemporaneamente rosso, blu e giallo. Questa abilità si è sviluppata per permettere ai nostri antenati di notare e riconoscere un frutto maturo tra i colori della foresta tropicale. Vi siete mai chiesti perché negli ospedali dipingono le pareti di verde?

2

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate

C'era una volta la Conca d'Oro
3

Palermo ieri
Agrumeto

Palermo oggi

Piazza Politeama, 1875-1877

Piazza Politeama, oggi

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate

Alberatura stradale
4

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate

Ville 5 Zisa Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate Villa Trabia .

Giardini 6 Giardino Inglese Villa Costa (in realtà è un giardino) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Principali funzioni del verde pubblico 7 Salute pubblica Miglioramento della qualità dell‟aria Miglioramento della qualità dell‟acqua Mitigazione dell‟inquinamento acustico Miglioramento del microclima Funzione sociale ed estetico-ricreativa Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

8 Salute Pubblica Meccanismo di insorgenza delle allergie Fattori predisponenti e fattori limitanti Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

9 Salute pubblica Studi fatti in Gran Bretagna da Mitchel Popham dimostrano che nelle zone ricche di parchi e aree verdi: È maggiore la sopravvivenza dei bambini prematuri L‟aggressività infantile è minore del 40% Il rischio di obesità è ridotto In Inghilterra è stato lanciato per questo il piano “Clean Accessible Natural Environment” come investimento per risparmiare sulla sanità. Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Notevole superficie di assorbimento disponibile (Area fogliare + superficie interna fogliare. camere sottostomatiche).10 Miglioramento qualità dell'aria Trattenimento polveri sottili (PM 10) e sostanze inquinanti in genere: Rallentamento dei flussi Azione meccanica Azione chimica d‟aria. Utilizzo dei licheni come bioindicatori (indice di biodiversità lichenica) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Più è maturo il suolo. e minori saranno gli inquinanti che arriveranno alla falda.11 Miglioramento qualità dell'acqua Il suolo e le radici delle piante trattengono e utilizzano parte degli inquinanti dell‟acqua che si infiltra verso la falda acquifera. Filtraggio delle acque che percolano in profondità Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . più è complessa la comunità vegetale.

diffratte ed assorbite. composito ed elastico per le onde acustiche.12 Mitigazione dell'inquinamento acustico Il fogliame costituisce un ostacolo scabro. diffrazione Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . che quindi vengono rifratte.

13 Miglioramento del microclima Temperatura (riflessione ed assorbimento) Umidità relativa (evapotraspirazione) CO2 (fotosintesi) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Funzione sociale ed estetico/ricreativa 14 Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Bisogno di stupirsi 15 Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

corridoi e stepping-stones per la flora e la fauna 16 Concetto di barriera alla dispersione Rete natura in grande e in piccolo: muretti a secco. chiarchiare. siepi… Deframmentazione dell‟habitat Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .Rifugi.

17 Esempi a Palermo Zamenis lineatus Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

18 Esempi a Palermo I rospi di villa Trabia e dell‟Orto Botanico Bufo viridis (rospo smeraldino) appena metamorfosato Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Scelta delle piante da usare 19 C h e c r e s c a n o b e n e C h e n o n r i c h i e d a n o t r o p p e c u r e C h e n o n a r r e c h i n o d a n n i a l l e p e r s o n e o a l l e c o s e C h e n o n c o s t i t u i s c a n o u n r i s c h i o e c o s i s t e m i c o Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

20 Problematiche di crescita in città Qualità dei suoli urbani Irrigazione Qualità dell‟aria Dimensione dei contenitori Manutenzione ordinaria e Legge di Liebig straordinaria La legge di Shelford recita: “Ogni organismo di fronte ai fattori ambientali ha un intervallo di tolleranza compreso tra un minimo e un massimo entro cui si colloca il suo optimum ecologico”. Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

.. ammendamenti. i metalli pesanti. concimazioni . Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate Alberatura pubblica = scelta piante adatte Giardini e parchi = trattamenti quali pacciamatura.Qualità dei suoli urbani 21 Problematiche: Possibili soluzioni: Spesso i suoli urbani hanno subito compattamento. impermeabilizzazione e sono contaminati da inquinanti quali le polveri sottili. l‟eccesso di nitrati derivanti dalle deiezioni degli animali. lavorazioni.

si indebolisce la pianta e peggiora la qualità del suolo alberatura pubblica = scelta piante adatte giardini e parchi = con l‟irrigazione differenziale si ha possibilità di utilizzare specie esigenti. salmastra o dura. ma bisogna scegliere il tipo di impianto adatto (a goccia è il migliore) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .Irrigazione 22 Problematiche Possibili soluzioni L‟ambiente urbano è più arido (come detto prima) Se si irriga con acqua contaminata.

Foro Italico Giardino Inglese Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate 23 .

Resistenza all‟inquinamento dell‟aria 24 Melia azedarach contro Gingko biloba Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

e può anche portare alla morte di un contendente. le radichette. con differenti intensità in base alle specie. una competizione radicale ad opera di feromoni. Quindi se non c‟è spazio a sufficienza per sviluppare nuove radichette. la pianta può morire. bisogna tenere in considerazione le dimensioni dell‟apparato radicale della pianta adulta. L‟effetto di questa “guerra chimica sotterranea “ è un rallentamento della crescita dell‟individuo. Nelle radici. distanza tra le piante Quando si progetta l‟impianto di specie legnose. possono assorbire l‟acqua.25 Dimensione dei contenitori. Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . Tra piante vicine si crea. solo la parte terminale.

la potatura avviene solo quando necessario. Nei parchi non si pota spesso e quindi si è più liberi di scegliere specie meno resistenti. Vengono quindi effettuate molto (manutenzione ordinaria) spesso e in maniera vigorosa. Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .26 Potature Nell‟alberatura stradale le potature vengono effettuate per evitare che i rami intralcino la viabilità.

Cercis siliquastrum.. Eucalyptus Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . Sterculia. Washingtonia Australia: Grevillea.Provenienza e origine del materiale vegetale 27 A partire dalla fine del „700. Ligustrum spp.. Melia America: Robinia. Sophora.. Magnolia. Poche sono le strade alberate con specie autoctone o di origine mediterranea (Celtis australis. sono state utilizzate quasi esclusivamente specie esotiche. Ulmus minor…) Asia: Ficus spp. Hibiscus spp.

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .28 Provenienza e origine del materiale vegetale Se non si applicano le buone norme fitosanitarie si rischia di introdurre parassiti o infezioni che possono stroncare intere popolazioni .

Il caso dell'Ailanto e del Penniseto: due specie simbolo del degrado ambientale 29 Ailanto Penniseto Ailanthus altissima Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate Pennisetum setaceum .

favorendo l‟ingresso di specie alloctone Andamento delle temperature a Palermo (Dati Oss.30 Una città tropicalizzata I cambiamenti climatici in corso hanno spostato verso l‟alto le fasce tropicali. Astronomico 1792-2003) 20 19 18 Tm (°C) 17 16 15 1792 1842 1892 Anni 1942 1992 Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

tipicamente ricche di endemismi Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . ma rappresenta una potenziale minaccia delle comunità vegetali delle rupi di bassa quota.31 Il caso di Ficus microcarpa che minaccia i muri antichi di Palermo Dopo l‟arrivo degli impollinatori mette a rischio le mura antiche della città.

32 Il caso del punteruolo rosso (che si è trovato bene come in africa) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

33 Altri problemi che possono insorgere Bisogna tenere in considerazione in base a chi fruisce l‟area: •Spine •Frutti che sporcano •Che possono avvelenare bambini e animali •Rami che si spezzano Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

La minima manutenzione necessaria 34 Interventi che si devono attuare per la manutenzione: Potature Falciature Irrigazione Concimazione e ammendamenti Eliminazione delle infestanti Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

Proposte per il futuro 35 SE SI PROGETTASSERO GLI IMPIANTI IN FUNZIONE DELL'AMBIENTE. SI POTREBBERO RIDURRE LE SPESE DI GESTIONE Obiettivo: Utilizzo delle specie autoctone per il recupero di aree degradate da destinare a verde urbano Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

compostarla dopo la rimozione è una scelta economica per restituire nutrienti al suolo. Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . facendone compost anche in loco .Tutto comincia dalla terra 36 Per la creazione del terreno vegetale si possono usare gli scarti di potatura e di sfalciamento. In particolare se si intende creare un giardino in una zona ricoperta da vegetazione infestante. mettendo una o più compostiere in zone riparate.

37 Esempi virtuosi Alcuni esempi dell‟utilizzo di specie autoctone in giardini pubblici Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

38 Il caso del prato al Foro Italico Specie alofile: adattate a crescere in zone ricche di Sali Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .

olmi e frassini Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . perastro. rosacee (melastro. alaterno. lentisco. oltre a valorizzare il territorio palermitano. prugnolo) e leguminose (ginestre). oleandro. alloro.Scorci caratteristici 39 Angoli con specie mediterranee. filliree. si possono usare anche: leccio e querce caducifoglie. sarebbero a basso costo di gestione (perché adatte al clima) Oltre agli esempi fatti prima. corbezzolo. olivastro. aceri. oleastro. carrubo. mirto.

Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .Sicilia. l'isola dei trifogli 40 Si potrebbero utilizzare le specie dei prati natura li (ricavando il germoplasma da sfalciature) per creare prati urbani resistenti al clima e calpestabili.

it/notizie.ecodallecitta.php?e=&c=5&s=39 San Francisco Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .Tetti verdi e orti urbani 41 http://www.

Il verde tecnico: nuove prospettive all‟uso di materiale vegetale 42 Nei campi sportivi (calcio. piste da sci…) Pensile Verticale Barriere frangivento e antipolvere Terrapieni verdi naturali o armati Terre verdi rinforzate Siepi a tetto e a muro antirumore Vasche di prima pioggia e di fitodepurazione Recupero di discariche Parcheggi e infrastrutture Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate . golf.

CARLI E.. American Journal of Botany 83 (2): 192-200. VIEGI L. 386-430. CELESTI-GRAPOW L... Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate ... ALESSANDRINI A. PRETTO F.. 2009 – 'Inventory of the non-native flora of Italy'. FASCETTI S. LA VALVA V. LUCCHESE F. PECCENINI S. Helix Media Editore: 1-160. BRUNDU G. 143:2. (Moraceae) e Cardiospermum grandiflorum Sw.. A comparison of the urban flora of different phytoclimatic regions in Italy..An International Journal Dealing with all Aspects of Plant Biology....... MARCHIORI S. HEISEY R. V. WILHALM T... R. & BLASI C... GUBELLINI L. Global Ecology and Biogeography Letters (1998) 7. La storia di Palermo in cento alberi illustri. IV.. CAGNOTTI M. CAMARDA I. CONTI F.. XXIII(1-2): 315-317. 1999 – Spontaneizzazione di Ficus microcarpa L. BANFI E. PINTAGRO M. GALASSO G.. 1996 – Identification of an allelopathic compound from Ailanthus altissima (Simaroubaceae) and characterization of its herbicidal activity. C.... M. (Sapindaceae) in Sicilia.. SCHICCHI R... ARRIGONI P. MAZZOLA P. Naturalista sicil. PROSSER F.... s.Per maggiori approfondimenti 43 CELESTI-GRAPOW L.. & BLASI C. BOVIO M. SINISCALCO C. 1999 – Arborea. VILLANI M. Plant Biosystems . BERNARDO L. POLDINI L. 367– 378.

NICCOLI T..net/verde. Atti del I Convegno del Forum Natura Mediterraneo Selva di Paliano (FR) .comune. BARBERIS R. Suolo. 16 Maggio 2008. 2009 – Il suolo nell'ambiente urbano.it/verdepubblico /patrimonioverde/verdeto/funzioni.it/pianificazio ne_territoriale/paesaggio_ambiente/pubblic azioni/quaderno_del_piano_n13...it/PDF/PDF%20Nat. & SINACORI A.. BARBERIS R. Entom.Per maggiori approfondimenti 44 http://www.bz.arpa.. World Soil Resources Reports No.2008. In: Atti del convegno “I suoli in ambiente urbano: la conoscenza.naturamediterraneo. 2008.provincia. Bari: 139143. M. PORCELLI F.. FABIETTI G. e GHIONI F.) e Odontofroggatia galili Wiebs (Hymenoptera: Chalcidoidea Agaonidae) in Sicilia. 2006: 597-599. & SPADARO V.sssn.. Il pedologo in ambito urbano.it/upload/dl/Rap porto_Stato_Ambiente/Rapporto_Stato_Am biente_2006/cap_16_Suolo.milano.. 703-729 PAOLANTI P.Siena. World reference base for soil resources 2006.asp http://www.htm http://www. 2006.. FAO. ALBERI F.. XXX (3-4).html http://www.paesaggio.shtml http://www.pdf http://www. Rome. l‟uso e la gestione per la realizzazione delle opere a verde pubblico” AIP & SIGEA ..it/agenziaambiente/acqua/gestione-sostenibileacque.25-43.com/primo convegnoNM/LorenzettiR. 2005.. 103. Naturalista sicil.20/21 marzo 2009 (URL: www. AJMONE MARSAN F..) LORENZETTI R.pdf http://www.ufl.asp http://hort. Arpa Piemonte 2005.In: In: Rapporto sullo stato dell‟ambiente in Piemonte.%2 01%202006/D%27Amico&Gianguzzi_5974. In: Rapporto sullo stato dell‟ambiente in Piemonte. RIZZO D. Nazionale Ital.pdf http://www. 223-241. 1991 – Presenza di Parapristina verticillata (Waterst.allasiaplant. GAINO M. Consumo di suolo e qualità dei suoli urbani.com/ingegneria_nat uralistica.Sic. IV.provinz.torino. Arpa Piemonte 2008. LO VERDE G.edu/trees/MELAZEA. S.pdf RAIMONDO F..naturamediterraneo.com) Aspetti naturalistici ed ecologici delle zone verdi nelle aree urbanizzate .piemonte. Atti XVI Congr. BIASIOLI M. 2006 – Casi di spontaneizzazione in Sicilia di specie esotiche ornamentali. (Inquinamento) IUSS WORKING GROUP WRB.