Terza conferenza internazionale sulla decrescita economica per la

sostenibilità ecologica e l’equità sociale - 2012
3rd International Conference on economic degrowth for ecological
sustainability and social equity - 2012

CANDIDATURA DI VENEZIA (ITALY) - VENICE APPLICATION

L’Associazione per la Decrescita italiana propone la candidatura della città di Venezia
per l’edizione del 2012 della Conferenza internazionale sulla decrescita economica per
la sostenibilità e l’equità sociale, sulla base del seguente progetto.
IL TITOLO
Al titolo generale della conferenza
4th International Conference on economic degrowth for ecological
sustainability and social equity
aggiungeremo una specifica tematica per l’edizione italiana:
LA GRANDE TRANSIZIONE. La decrescita come passaggio di civiltà
THE GREAT TRANSITION. Degrowth as a passage of civilization
0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000
00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000
0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204
54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000
0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600
00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006
80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000
0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400
012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000
00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000
00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000
00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000
00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000
0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000
0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0
1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100
6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50
23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180
000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000
01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000
000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c
0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000
00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000
0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0
216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102
022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000
040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000
000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000
00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040
0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000

il saccheggio delle risorse. Questioni quali la crisi climatica ed ecologica. e la ricostruzione di un patto di solidarietà tra generazioni. rifiuti. ma dalla vitalità delle reti associative locali attive sui temi della decrescita. energia.LE MOTIVAZIONI La decrescita rappresenta oggi non solo un invito ad abbandonare l’ossessione per la crescita e l’immaginario dello sviluppo illimitato. partecipazione e condivisione: dalle modalità del viaggio. a fronte di una dipendenza crescente dalle tecnologie e di una crisi del legame sociale ci ricordano la vastità della sfida che ci attende. la ricostruzione la ricostruzione su di una base di giustizia e interdipendenza delle relazioni “nord-sud”. reddito. consumi.un fattore climatico-ambientale: in autunno la città di Venezia è esposta al fenomeno dell’acqua alta che rende difficile i collegamenti. A Venezia inoltre possiamo contare sulla collaborazione dell’Amministrazione Comunale che tramite l’Assessore all’ambiente Gianfranco Bettin (un noto sociologo italiano) ha dichiarato il proprio interesse e il sostegno all’iniziativa. Questo percorso implica la re-significazione dell’idea stessa di benessere o di ben vivere. Si tratta di luoghi storici attualmente non più utilizzati che proponiamo – come avvenuto per altri eventi – di rivitalizzare e ridestinare ad attività culturali e sociali. alla condivisione del cibo. Intendiamo inoltre porre un’attenzione particolare verso le diverse dimensioni di presenza. con uno sguardo fortemente transdisciplinare capace di tenere insieme scienze naturali e sociali. La candidatura di Venezia nasce non solo dalla valenza storico culturale della città. alle trasversalità. alle interazioni. educazione. si è tenuta la settima edizione della Scuola estiva della decrescita. IL LUOGO La città che candidiamo per la quarta Conferenza internazionale è Venezia. ma anche lo sforzo più complessivo per misurarsi con la grande fase di discontinuità che la nostra civiltà ha di fronte a sé. dallo stare insieme alle diverse forme di scambio.lavoro. Venezia è inoltre sede di una storica Università che intendiamo coinvolgere attivamente nelle sue diverse componenti. cittadinanza – ma in verità inestricabilmente collegate. mobilità. è possibile dunque se si organizza il confronto e la discussione facendo attenzione alle connessioni. La determinazione di questo specifico periodo (differente dall’indicazione espressa nella Call) trova giustificazione in alcuni fattori cogenti: . dell’economia solidale. il picco del petrolio e la crisi energetica. Nello specifico i luoghi individuati per la conferenza e i workshop sono Forte Marghera e l’Arsenale. Proporre la decrescita al di fuori di ogni riduzionismo economico. Si tratta niente meno che di intraprendere un percorso di riconversione e trasformazione delle basi materiali e culturali delle società cosiddette “sviluppate”. Da ultimo. la fruizione di alcuni ambienti e . nell’agosto del 2010. IL PERIODO I giorni che prevediamo per la conferenza sono cinque e nello specifico 2-3-4-5-6 maggio 2012 (da mercoledì a domenica). tecnologia. le lotte per la giustizia sociale ed ambientale. Un cambiamento dunque che pone in agenda temi e problemi apparentemente molto differenti . ma anche ecologico o politico. in località Sant’Erasmo. dell’agricoltura urbana.

. Al tempo stesso intendiamo apportare un ulteriore contributo prestando particolare attenzione ai seguenti tre aspetti: la necessità di avvicinarsi il più possibile alle dimensioni della vita e dell’esperienza quotidiana della gente. rafforzare il contributo 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 .un fattore logistico: alcune delle strutture individuate essendo grandi ambienti monumentali non sono dotate di sistemi di riscaldamento e non possono essere utilizzate al di fuori del periodo più caldo.un fattore strategico organizzativo: i giorni individuato permetterebbero di sfruttare la concomitanza di altri due eventi.l’utilizzazione di spazi esterni. . il coinvolgimento dei soggetti locali. Cambiando periodo si perderebbe la sinergia offerta da questa sincronia di iniziative. .un fattore turistico-culturale: la città di Venezia da giugno a settembre è interessata da eventi internazionali quali le mostre biennali di arte e di architettura. Questo si traduce in un sovraccarico delle strutture ricettive e più in generale dei servizi cittadini. la valorizzazione della diversità e molteplicità dei punti di vista. e la mostra del cinema. RELAZIONI CON LE PRECEDENTI EDIZIONI Dalle edizioni precedenti della Conferenza internazionale intendiamo recuperare alcuni aspetti qualificanti quali l’interazione tra scienziati e attivisti. uno locale e uno nazionale: la Fiera dell’altraeconomia organizzata dalla Rete dell’Economia solidale della città di Venezia e la Conferenza annuale della rete nazionale dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) e dei Distretti di Economia Solidale (DES).

Di incontro. Times (i tempi). I luoghi. CONTENUTI Temi portanti Dal punto di vista tematico abbiamo individuato tre aree portanti a cui relazioni e interventi sono invitati a fare riferimento. Anche da un punto di vista contenutistico sarà nostra cura riprendere e sviluppare contenuti e problematiche emerse dalle precedenti edizioni della Conferenza Internazionale. gestione. il territorio. presente e futuro. La cura dell’infra. b) WORK Decrescita e transizione verso modelli equi e creativi di produzione. c) DEMOCRACY Decrescita e transizione delle istituzioni democratiche verso modelli partecipati. di invenzione e manutenzione.dei soggetti territoriali coinvolgendo anche i portatori di buone pratiche in una logica di circolarità tra pensiero ed esperienza. Le tre aree portanti sono le seguenti: a) COMMONS Decrescita e transizione verso modelli equi e sostenibili di proprietà. Si prevede dunque un apertura nel primo giorno che introduca e fornisca la cornice della discussione. per sé e in relazione agli altri. condivisione e fruizione dei beni e delle risorse. Nel caso si tenesse un’edizione della Conferenza nel 2011 potremmo non solo partecipare ai lavori. liberi e di lavoro. lavoro. A ogni relatore si chiederà concretamente nel trattare il proprio tema (commons. quelli da salvaguardare o da reinventare. decentrati e di responsabilità ecologica e intergenerazionale. quelli sacri. gli ecosistemi. quelli degradati. Individuando e assegnando ad ogni giornata un tema specifico si intende indirizzare l’esposizione e la discussione in modo da permettere un confronto coerente e non dispersivo. Gli spazi delle relazioni quotidiane. . la logica del precariato e la crisi del welfare. Tempi di vita. tutela. Di produzione e riproduzione. meditazione. Le cornici attraverso cui pensiamo la realtà. ma qualora ci fosse la disponibilità potremmo anche al termine di questa presentare (oralmente o tramite materiale stampato da distribuire) i caratteri e i temi di fondo dell’edizione 2012 in modo da permettere di orientare studiosi e attivisti ai temi e ai percorsi della successiva edizione. cura. democracy) di tener conto nei limiti del possibile della seguente griglia di analisi: Spaces (gli spazi). sicurezza sociale e previdenza oltre il post-fordismo. azione. dare spazio ad un’interrogazione sulle dimensioni politiche e istituzionali dei processi di cambiamento. Imagery (l’immaginario). Come rimettere in circolo passato. ascolto. Prospettive di analisi Abbiamo individuato inoltre alcune prospettive di analisi che vorremmo attraversassero orizzontalmente le diverse giornate. La signoria e la responsabilità sui propri tempi. quindi ciascun giorno dedicato a un tema. le relazioni tra posti diversi sulla terra. work. la società.

dall’ecologia della mente all’ecologia politica. Questa griglia di analisi può essere utile anche per formalizzare più chiaramente i risultati dei gruppi di lavoro in vista di una restituzione all’assemblea generale. Ma le radici si estendono molto più in largo e in profondità di quanto si potrebbe pensare: dalla nonviolenza all’economia ecologica. dalla critica postcoloniale a quella ecofemminista. temporali e di immaginario (o su una di queste). scenari e soggetti della decrescita. L’idea di povertà e ricchezza. l’idea di benessere e di ben vivere. per citarne solo alcuni. 1) Le fonti della decrescita Questa parte è pensata come spazio dedicato al confronto con percorsi biografici e con tradizioni di ricerca. proponiamo di dedicare una parte delle sessioni ad approfondimenti di diverso genere relativi a fonti.la bioeconomia di Georgescu-Roegen. La decrescita come cambiamento di frames. i suoi bisogni e i suoi desideri. dall’antropologia economica all’antiutilitarismo. l’ecologia sociale di Gorz). Per esempio un intervento sulla questione dell’acqua inserito nel tema dei “commons” può confrontarsi sulle dimensioni spaziali. Quali sono gli uomini e le donne che hanno ispirato il movimento della decrescita? Alcuni autori e filoni di analisi sono più noti e citati (la critica della società di mercato di Polanyi. la convivialità di Illich. in particolare quelle meno evidenti o esplicite e per 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 . La conferenza potrebbe essere l’occasione per presentare alcune di queste fonti.l’essere umano. i limiti dello sviluppo della Meadows. Focus Oltre ai temi portanti e alle prospettive che abbiamo individuato per una discussione analitica.

prospettive e focus incrociandosi insieme possano dar vita a una matrice di pensiero.. sociali e biofisici in una prospettiva di transizione. ARTICOLAZIONE PROGRAMMA . musicisti. Per riassumere: i temi sono ciascuno cardine di una giornata di interventi e dibattiti. I focus costituiscono spazi di discussione sui fonti. i “buoni” amministratori. inoltre spostando l’attenzione su persone in carne ed ossa può suscitare anche forme di conoscenza fondate sull’empatia e sul riconoscimento biografico ed esistenziale. risorse. attitudine) ma che dovrebbero trovare dei momenti di incontro e convergenza per potere orientare il proprio impegno.la sperimentazione (le buone pratiche. che normalmente lavorano in ambienti e modi differenti (per semplicità. La conferenza rappresenta da questo punto di vista un’occasione di incontro tra persone. avendo in mente la complessità dell’insieme. 2) I soggetti del cambiamento Quali sono i soggetti che oggi sono impegnati nel cambiamento? E su quali realtà si può contare per promuovere e ampliare la prospettiva della decrescita? La prima risposta viene dai partecipanti stessi alla conferenza. chiarendo innanzitutto quali sono i limiti della conoscenza in questo ambito (cosa si può dire e cosa non si può dire). film-maker. Il lavoro sulle fonti potrebbe aiutare chi si è avvicinato da poco ai temi della decrescita a comprendere prospetticamente la nascita di questa proposta attraverso la conoscenza di alcuni filoni di ricerca. contingenza. i gruppi di studio. Per quanto siamo ben consapevoli dell’impossibilità di effettuare “previsioni” secondo i canoni della scienza normale (date le condizioni di incertezza ed in generale la complessità e l’imprevedibilità delle interazioni tra i diversi agenti) tuttavia l’urgenza della crisi e i rischi di possibili involuzioni autoritarie sono tali da richiedere la massima attenzione alle dinamiche auto accrescitive in corso. Questo lavoro di “radicamento” potrebbe continuare anche nelle successive edizioni delle conferenze internazionali sulla decrescita.l’espressione artistica (attori. le Reti di economia solidale. artisti. La conferenza intende pertanto essere occasione di confronto per le ricerche internazionali in corso. poeti…) 3) Scenari di futuro Una terza dimensione alla quale si vorrebbe dedicare particolare attenzione è quella relativa ai diversi scenari di futuro. i permacultori.. ecc…) . le linee di ricerca) .) .la ricerca (le università. L’idea è che temi. Le prospettive articolano livelli di riflessione trasversale per orientare e stimolare l’approfondimento nelle diverse giornate. soggetti e prospettive da cui possono scaturire futuri percorsi di ricerca o di successive conferenze. scrittori. riflessione e dibattito più complessa e stimolante. Infine la riflessione sulle fonti può essere anche l’importante occasione per mettere a fuoco alcune parole chiave della discussione che aiutino a costruire un linguaggio il più possibile condiviso per la maturazione della discussione. ragionando sulle possibili biforcazioni nel tentativo di tematizzare le differenze tra scenari di decrescita condivisa (processi di transizione volontaria verso assetti sostenibili) e scenari di decrescita reale o imposta.ricordare o nominarne altre. In questa occasione si possono mettere in comune e confrontare diversi livelli di esperienza: .la comunicazione (attivisti. alle interazioni tra processi economici. giornalisti e media attivisti.

L’incontro pubblico del pomeriggio con la partecipazione di alcuni studiosi internazionali e di rappresentanti dei soggetti promotori (associazioni e amministrazioni) è aperto anche alla cittadinanza e non solo agli iscritti alla conferenza. dei lavori di gruppo e dei focus di approfondimento. I tre giorni centrali rappresentano il cuore della conferenza e sono articolati nei diversi momenti della plenaria tematica.Il programma della conferenza è articolato su cinque giorni da mercoledì a domenica. La sera dopocena si prevede un happening in città per segnare la presenza e rivolgersi verso la cittadinanza. La domenica si svolgerà un lavoro di connessione tra gli elementi prodotti dai diversi gruppi di lavoro e si dedicherà uno spazio alle proposte di lavoro e alle prospettive delle reti sulla decrescita e delle successive Conferenze internazionali. La sera del sabato si prevede una festa conviviale con spazi musicali e artistici aperta anche alla cittadinanza. Questo primo giorno è di apertura anche verso la città. Con il pranzo si chiuderà la conferenza. Si prevede un primo giorno di “apertura” dedicato all’arrivo e all’accoglienza dei partecipanti e all’introduzione ai lavori della conferenza. Si prevedono interventi musicali e artistici e gesti simbolici. Il pomeriggio vedrà la partenza dei partecipanti. Planning riassuntivo delle giornate 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 .

nello sforzo di avvicinare il più possibile le dimensioni della ricerca scientifica.00 - Dibattito e sintesi Focus Subjects Happening in the city Dibattito e sintesi Focus Scenarios Festa conviviale METODOLOGIA ED ELEMENTI QUALIFICANTI La conferenza darà ampio rilievo a metodi partecipativi di discussione e confronto a partire dal processo di costruzione e preparazione dell’evento fino alle forme di partecipazione alla conferenza. 1) Il processo verso l’evento Il progetto prevede la costruzione di una serie di attività che precedano la Conferenza internazionale coinvolgendo diversi soggetti del territorio. 3) La costruzione di sinergie attraverso eventi collaterali alla conferenza 4) La definizione di metodologie alternative di fund raising. dell’espressione artistica e della sperimentazione di buone pratiche.30 Pausa 13. In questo orizzonte si intende utilizzare il 2011 come promozione di una serie di incontri di confronto e discussione per allargare la base di condivisione tra le reti universitarie ed associative.00 Registrazione Workshop Workshop Workshop Pomeriggio 17. 2) Le modalità di intervento e partecipazione nella conferenza.00 Key-note speakers Arrivo e accoglienza Interventi Key-note speakers Interventi Key-note speakers Interventi settembre 2012 Ending Partenze Dibattito e sintesi Key-note speakers Pausa 19.00 Mattina 11. Il calendario metterebbe dunque in connessione un evento locale (la fiera dell’economia solidale) con uno nazionale (l’incontro nazionale dei GAS-DES) e infine con l’evento internazionale della conferenza sulla decrescita.settembre 2012 settembre 2012 settembre 2012 settembre 2012 COMMONS WORK DEMOCRAC Y Plenaria Plenaria Plenaria Report e sintesi Workshop Workshop Workshop Prospettive - Pranzo Pranzo Pranzo Pomeriggio 15.30 Sera 21.00 Incontro pubblico Focus Sources Plenaria Plenaria Plenaria Tempo libero Spare time Tempo libero Spare time - Opening Mattina 9. Distretti di Economia solidale) del 2012 a Venezia. In particolare prevediamo l’organizzazione di una fiera locale dell’economia solidale in collaborazione con la Città dell’Altraeconomia di Mestre e dell’incontro nazionale della rete dei GASDES (Gruppi di acquisto solidale. dell’impegno civico e politico. Da un punto di vista metodologico poniamo l’accento su quattro dimensioni: 1) Il processo di preparazione e costruzione dell’evento. Per quanto riguarda l’universo della ricerca si intende promuovere una rete interuniversitaria per lo studio sulla decrescita che promuova scambi e seminari di .

La durata degli interventi 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 . La durata degli interventi sarà attorno ai 20 minuti. i soggetti (dipartimenti. • Focus – Focus: prevedono la partecipazione di tutti gli iscritti. A tutte le realtà. Le relazioni sono selezionate attraverso la modalità delle call for paper.condivisione e approfondimento. • Plenarie – Plenary: prevedono la partecipazione di tutti gli iscritti e nel caso della plenaria di introduzione anche della cittadinanza. Il sito sarà anche il luogo in cui si darà avviso di tutte le iniziative preparatorie del Calendario ufficiale “Verso la Conferenza internazionale sulla decrescita per la sostenibilità ecologica e l’equità sociale”. cooperative) che vogliono collaborare sarà proposto di compartecipare alla definizione e articolazione di un calendario unico di eventi con il titolo comune “Verso la (quarta o terza) conferenza internazionale sulla decrescita per la sostenibilità ecologica e l’equità sociale”. In particolare si sono già avviati i contatti con l’Università di Venezia e alcune associazioni del territorio per un ciclo di seminari che coinvolgeranno membri del comitato scientifico e attivisti locali sui temi della conferenza. 2) Le modalità di intervento e partecipazione nella conferenza Per le modalità di intervento e partecipazione alla Conferenza prevediamo diverse possibilità. associazioni. I key-note speakers saranno definiti dal comitato organizzatore. Sarà allestito un sito web dell’evento (supportato dal sito dell’Associazione per la Decrescita e connesso a quello di Reseach & Degrowth e di tutti gli altri co-promotori e partner). reti.

le quote di partecipazione. ovvero una esposizione di produttori e operatori del circuito dell’economia solidale del territorio provinciale. ogni giorno. Work. sfruttando al meglio le risorse e le possibili sinergie sul piano umano. a garantire un dibattito plurale e a raccogliere i punti cruciali della discussione in vista della sintesi di domenica mattina. I workshop prevedono la partecipazione degli iscritti divisi per gruppi di max 30-35 persone. poetici (reading) e teatrali con le metodologie del “Teatro dell’oppresso”. 3) La costruzione di sinergie attraverso eventi collaterali alla conferenza La Rete dell’Economia solidale della città di Venezia ha espresso la propria disponibilità in quel periodo ad accompagnare l’evento della Conferenza organizzando negli stessi giorni la Fiera dell’altraeconomia. organizzativo. Infine la rete nazionale dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) e dei Distretti di Economia Solidale (DES) hanno dichiarato la disponibilità ad organizzare nello stesso periodo (facendolo coincidere con l’inizio o con la fine della Conferenza internazionale sulla decrescita) la loro Conferenza annuale nazionale dei Gas e dei Des. comunicativo e ottenendo il risultato di realizzare scambi. Democracy) con sottoarticolazioni tematiche. incroci e attraversamenti tra le esperienze alternative di produzione. Le relazioni sono selezionate attraverso la modalità delle call for paper. Le fonti principali saranno l’amministrazione pubblica di Venezia. Le risorse del fondo saranno raccolte attraverso un percorso di finanziamento dal basso organizzato con le iniziative pubbliche del calendario “Verso la (quarta o terza) conferenza internazionale sulla decrescita per la sostenibilità ecologica e l’equità sociale” in cui i relatori che fanno parte del comitato organizzatore o dell’Associazione per la decrescita devolveranno i pagamenti e i soldi raccolti al fondo per la Conferenza. La durata degli interventi di apertura sarà attorno ai 10 minuti. Si proseguirà con interventi liberi e discussione aperta. il numero dei gruppi varierà in base al numero dei partecipanti e sarà orientativamente tra i 15 e i 18. Attività espressive – Expressive activities: nel corso della conferenza si prevede l’organizzazione di momenti musicali (concerti). Ogni workshop avrà un coordinatore e un facilitatore che si impegneranno a stimolare e moderare il dibattito. 4) La definizione di metodologie alternative di fund raising Le fonti di finanziamento e le forma di raccolta fondi per la conferenza previste saranno in coerenza con lo spirito della decrescita. ASPETTI ORGANIZZATIVI . Per ogni workshop saranno selezionate non più di tre interventi introduttivi. uno nazionale e uno internazionale. Gruppi di lavoro – Workshop: sono dedicati ogni giorno a un tema diverso (Commons. commercializzazione e consumo e i percorsi di riflessioni emergenti dall’economia ecologica e dalla decrescita. In questo modo la città di Venezia ospiterebbe in un periodo di tempo di circa una settimana tre eventi coerenti e correlati: un evento locale.• • • sarà attorno ai 15 minuti. l’appoggio di organizzazioni co-promotrici e la costituzione di un “fondo” per la Conferenza. Poster – Poster: si prevede la possibilità di esporre e proporre i poster all’interno delle tre sezioni (e non in un momento separati).

lo spagnolo. I collegamenti/il viaggio È nostra intenzione promuovere dei collegamenti “simbolici” tra le diverse iniziative preparatorie (es. Lingue parlate e traduzioni Le lingue ammesse e tradotte in sede di conferenza saranno l’italiano. La cura della convivialità I momenti di arrivo. Nei testi e nelle comunicazioni organizzative si userà in linea di massima l’italiano e l’inglese. e contribuiscono a qualificare la proposta complessiva. etc. Si potrebbe pensare a una specie di “staffetta” da sud a nord (o almeno macro zone) o comunque in confluenza verso Venezia.. il passaggio della pasta madre impastata da tante mani. vie d’acqua. convivialità non sono intesi come 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 . incontro.. o il viaggio verso Venezia). per concludere con l’arrivo a Venezia su uno dei ponti della città. condivisione. lo scambio e la raccolta dei semi. dove ci si sposta solamente con mezzi “eco”: a piedi. In questa prospettiva vorremmo usare il viaggio come occasione di dialogo e convivialità. con treni di linee secondarie. il francese.Gli aspetti organizzativi non sono secondari ma fanno parte del processo di produzione di significati e di forme sociali. in bicicletta. l’inglese.. tra le tappe e iniziative principali.

verranno offerte delle attività guidate di rilassamento e contatto con il proprio corpo. Si possono inoltre scambiare semi per promuovere forme di orticultura famigliare. Chiederemo a tutti partecipanti di arrivare a Venezia con una forma di pane tipica della propria città da condividere e scambiare con gli altri nella prima serata. In alcuni casi la partnership si può concretizzare nell’invito e nel sostegno di ospiti internazionali che parteciperanno alla conferenza. Terre di Mezzo. La condivisione dei pani e dei semi. Ai co-promotori chiederemo di partecipare sul doppio versante degli interventi e del supporto economico. Tra le realtà che interpelleremo ci saranno in primo luogo l’Università di Venezia. Si verificherà la possibilità di contare su borse di studio per supportare le persone con maggiori difficoltà economiche. Quota di iscrizione Prevediamo delle quote differenziate sulla base delle condizioni lavorative o di studio (per autodichiarazioni). Disoccupati: € 60 RISORSE ORGANIZZATIVE Soggetti promotori • • • Associazione per la Decrescita Resarch & Degrowth Comune di Venezia – Assessorato Ambiente e città sostenibile Co-promozioni e Partnership Riteniamo di poter prevedere alcune partnership con realtà qualificate che possono diventare anche delle co-promozioni. • Attività col corpo: la mattina al risveglio . Banca Etica e la Fondazione Culturale Responsabilità Etica. l’Arci.per chi lo desidera . sparecchiare. lavare i piatti. Media Partnership Pensiamo di chiedere una media partnership a una o più riviste sensibili ai temi della decrescita. cui si potranno aggiungere altre soggetti istituzionali e associativi. Questi momenti saranno dunque frutto di una progettazione condivisa. • Attività di servizio: verrà richiesto a tutti i partecipanti di dare il proprio contributo ad alcune limitate attività di servizio con una modalità di turnazione: preparare le tavole. poetici (reading) e teatrali con le metodologie del “Teatro dell’oppresso”. dell’economia solidale o della finanza etica. . Precari: € 100. Fra le altre cose ipotizziamo un coinvolgimento dei musicisti del conservatorio di Venezia e un video-intervista al poeta italiano Andrea Zanzotto che a più riprese si è espresso a favore della Decrescita.collaterali ma come momenti fondanti della Conferenza. Valori. Le quote di iscrizione che abbiamo previsto sono le seguenti: Lavoratori: € 160. In particolare ipotizziamo una possibile collaborazione con le seguenti testate: Altraeconomia. pulizia degli ambienti. In particolare prevediamo: • Happening in the city: Si tratta di un evento pubblico in un campo di Venezia che vorremo intitolare Bread and seeds sharing. • Attività espressive: si prevedono momenti musicali (concerti). Studenti: € 90.

I soggetti collaboratori possono promuovere iniziative locali di dibattito. In via esplorativa abbiamo chiesto ed ottenuto la disponibilità di Serge Latouche a partecipare all’iniziativa. responsabile dell'associazione ENDA GRAF Sahel (Senegal) Mamadou Sissoko. architettura. Economista. mobilità sostenibile.Réseau des agriculteurs et de producteurs agricoles des organizations de l'Afrique de l'Ouest (Senegal) Blandine Sankara. Sociologo. democrazia ma anche temi più specifici quali: cibo. declinando volta per volta il tema della decrescita su diversi versanti (lavoro. Extra-Europei Arundhati Roy. raccolta fondi. Barrackpore. acqua.Collaborazioni Prevediamo di costruire una rete di collaborazioni in diversi territori con associazioni e realtà interessate a contribuire all’evento in diversi modi. Coordinatrice dell'Associazione Yelmani (Burkina Faso) 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 . scrittrice e saggista (India) Debal Deb. Ricercatore. Kolkata (India) Emmanuel N’Dione. ospitare voci e confronti su propri siti o riviste. posso produrre testi e materiali per contribuire alla discussione. Nella composizione dei possibili relatori si terrà conto per quanto possibile della pluralità geografica-culturale e di genere. Centre for Interdisciplinary Studies. economia solidale ecc…). approfondimento. Président d'Honoraire du ROPPA . Possibili relatori Il seguente elenco va intesi come una rosa possibile di nomi a cui attingere per i keynote speakers che complessivamente saranno approssimativamente tra i 15 e i 17. beni comuni.

co-fondatore di Transition Town Totnes e di Transition Network (Gran Bretagna) Italiani Mario Agostinelli. Institut d’Etudes Politiques del Lyon (Francia) Vincent Cheynet. University of North Carolina. Sociologo. Gund Institute for Ecological Economics. IUED . Professore emerito di economia all’Université d’Orsay (Francia) Francois Schneider. Università Cattolica di Lovanio. Helmholtz Centre for Environmental Research (Germania-USA) David Lane. (Colombia-USA) Leonardo Boff. UAB (Spagna-Italia) Maria Mies. IBASE . Giornalista e saggista. IUAV Venezia Davide Biolghini. Portavoce per il Contratto mondiale per l’energia e il clima Ugo Bardi. Centro de encuentros y dialogos interculturales (Messico) Enrique Leff. Research & Degrowth (Francia) Susan George. Filosofo ed economista. Accion ecologica (Equador) Salvatore Ceccarelli. Institut de Ciència i Tecnologia Ambientals. filosofo e scrittore (Brasile) Euclides Mance. Università di Torino . Directeur de Publication du journal La Décroissance (Francia) Hervé Kempf. collaboratore della Rete Brasiliana di Socioeconomia solidale (Brasile) Moema Miranda. Utah State University (USA) Jared Diamond. Asesor Movimientos Indígenas y Foro Crisis de Civilización Hegemónica y Paradigmas Alternativos (Perù) Esperanza Martinez. College of Natural Resources. Rettore dell'Università Ca' Foscari di Venezia Luciano Gallino. Associazione per la Decrescita Franco Cassano. Associazione per la Decrescita Paolo Cacciari. Claremont University (Francia-Iran) Paul Ariès. Senior Fellow at Worldwatch Institute (USA) Robert Costanza. Università di Parma Pier Francesco Ghetti. (Belgio) Joan Martinez Alier. President of the Board of Transnational Institute (Francia-Usa) Majid Rahnema. Kenan Distinguished Professor. Tavolo Res Raffaella Bolini.Instituto Brasileiro de Análises Sociais e Econômicas (Brasile) Gustavo Soto. UAB (Spagna) Giorgos Kallis. University of Modena and Reggio Emilia (Italia . Teologo. Coordinador del Programa de Naciones Unidas para el Medio Ambiente (PNUMA) Victor Toledo.Gran Bretagna) Rob Hopkins. Department of Social. Institut de Ciència i Tecnologia Ambientals. (Svizzera) Riccardo Petrella. Institut de Ciència i Tecnologia Ambientals. Università di Firenze. UNAM (Messico) Arturo Escobar. Giornalista di Le Monde diplomatique e professore associato all'Istituto di studi europei dell'Università di Paris VIII (Francia) Gilbert Rist. UAB (Spagna-Grecia) Mario Giampietro. University of Vermont (USA) Europei Serge Latouche. Post Carbon Institute (USA) Joseph Tainter. Cognitive and Quantitative Sciences. direttore del CEADESC . Sociali e Culturali (Bolivia) Roberto Espinoza. autore del libro Per salvare il pianeta dobbiamo farla finita con il capitalismo (Francia) Anne Cecile Robert. Indipendent National University of Mexico. ASPO Italia Virginio Bettini. Professore di Valutazione di Impatto Ambientale. Chew.Centro Studi Applicati ai Diritti Economici. Università di Bari Alberto Castagnola. Sociologo. ICARDA . University of California (USA) Erik Assadourian. Cologne University of Applied Sciences (Germania) Sing C. Economista Marco Deriu. Sociologo. Forum Cooperazione e Tecnologia.Gustavo Esteva.Institut Européen de Recherche sur la Politique de l’Eau.Institut Universitaire d'Etudes du Développement. presidente IERPE . Centre of Ecology.International Center for Agricultural Research in the Dry Areas (Siria-Italia) Richard Heinberg. ecologista industriale. responsabile del settore internazionale ARCI Mauro Bonaiuti.

Filosofa. Economista. Saggista 0100090000030202000002008a01000000008a01000026060f000a03574d464301000 00000000100c8eb0000000001000000e802000000000000e8020000010000006c0000 0000000000000000002c000000710000000000000000000000fe05000094020000204 54d4600000100e80200000e00000002000000000000000000000000000000a412000 0a81a0000ca0000002101000000000000000000000000000010150300e86804001600 00000c000000180000000a00000010000000000000000000000009000000100000006 80100009c000000250000000c0000000e000080120000000c00000001000000520000 0070010000010000009cffffff000000000000000000000000900100000000000004400 012540069006d006500730020004e0065007700200052006f006d0061006e00000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 00000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000 0000000000000000000000d935093000000000040000000000ae3016360930000000 0047169001000002020603050405020304877a0020000000800800000000000000ff0 1000000000000540069006d00650073002000000065007700200052006f006d006100 6e000000000000000734093050ebae3068341600010000000000000078fe110012b50 23078fe11004c6eaf3090fe11006476000800000000250000000c00000001000000180 000000c00000000000002540000005400000000000000000000002c00000071000000 01000000f37487408d858740000000005a000000010000004c0000000400000000000 000000000006b0100009c000000500000002000ee002d00000046000000280000001c 0000004744494302000000ffffffffffffffff690100009c0000000000000046000000140000 00080000004744494303000000250000000c0000000e0000800e00000014000000000 0000010000000140000000400000003010800050000000b0200000000050000000c0 216003d00040000002e0118001c000000fb020200010000000000bc02000000000102 022253797374656d0000000000000000000000000000000000000000000000000000 040000002d01000004000000020101001c000000fb02f2ff0000000000009001000000 000440001254696d6573204e657720526f6d616e00000000000000000000000000000 00000040000002d010100050000000902000000020d000000320a0d0000000100040 0000000003d00160020000800040000002d010000030000000000 . Biologo. Gianni Tamino.Luca Mercalli. Giornalista Giovanna Ricoveri. Zoologo. climatologo. Università di Verona Marinella Correggia. Università di Parma Tonino Perna. Università di Messina Marco Revelli. Università degli Studi del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro". Presidente della Società Meteorologica Italiana Claudio Modonesi. Università di Padova Chiara Zamboni.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful