Appunti del corso di

METODI MATEMATICI DELLA FISICA
Guido Cognola

anno accademico 2006-2007
Questi appunti sono essenzialmente la trascrizione, in maniera schematica e concisa, delle lezioni svolte
nel corso di Metodi Matematici della Fisica – Prima Unit` a – nell’anno accademico 2006-2007.
Il materiale `e preso dai libri di testo consigliati e non deve assolutamente diventare un sostituto degli
stessi.

e-mail:cognola@science.unitn.it
Indice
1 Numeri complessi 4
2 Funzioni di variabile complessa 4
2.1 Alcune funzioni importanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3 Funzioni analitiche 8
3.1 Condizioni di Cauchy-Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4 Integrazione nel campo complesso 9
4.1 Teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
4.2 Rappresentazione integrale di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
5 Sviluppi in serie di Taylor e Laurent 13
5.1 Singolarit`a isolate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.2 Singolarit`a all’infinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
6 Classificazione delle funzioni 17
7 Residui 17
7.1 Teorema dei residui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
7.2 Indicatore logaritmico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
7.3 Sviluppo di Mittag-Leffler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
8 Prolungamento analitico 21
8.1 Metodo di Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
8.2 Punti di diramazione e funzioni polidrome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
8.3 Funzioni con bordo naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
9 Funzioni speciali 24
9.1 Funzione Gamma di Eulero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
9.2 Funzione Zeta di Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
10 Complementi 27
10.1 Lemma di Jordan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
10.2 Somma di serie numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
10.3 Integrazione di funzioni trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
10.4 Valore principale di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
10.5 Trasformate di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
i
11 Applicazioni 32
11.1 Integrali di Fresnel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
11.2 Sviluppi di Mittag-Leffler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
11.3 Quantizzazione secondo Bohr-Sommerfeld . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
12 Spazio Euclideo (complesso) 39
12.1 Esempi di spazi euclidei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
12.2 Sistemi ortonormali chiusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
12.3 Teorema di Riesz-Fisher . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
12.4 Lo spazio L
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
12.5 Basi ortonormali in L
2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
12.5.1 Sistema trigonometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
12.6 Forma complessa della serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
13 Serie di Fourier 46
13.1 Convergenza della serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
13.1.1 Convergenza puntuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
14 Integrale di Fourier 48
14.1 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
14.2 Alcune importanti propriet` a della trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
14.3 Trasformata di Fourier in pi` u variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
14.4 Soluzione di equazioni differenziali mediante la trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . 50
14.5 Trasformata di Fourier in L
2
(−∞, ∞) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
14.6 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
15 Trasformata di Laplace 55
15.1 Propriet`a della trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
15.2 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
15.3 Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
ii
Testi consigliati
E.C. Titchmarsh, The Theory of Functions, second editions, Oxford U.P. (1968).
A.N. Kolmogorov and S.V. Fomin. Elementi di teoria delle funzioni e di analisi funzionale. Edizioni
MIR 1980.
M.R. Spiegel, Teoria ed Applicazioni delle Variabili Complesse, Collana Schaum, Etas Libri, Milano
(1985).
G.Arfken, H. Weber, Mathematical Methods for Physicists, Harcourt Academic Press (2001).
iii
PRIMA PARTE
Definizioni e richiami
• Un insieme si dice semplicemente connesso se ogni curva chiusa contenuta al suo interno `e con-
trattibile ad un punto. Di seguito, se non specificato diversamente, con D si indicher`a sempre un
insieme semplicemente connesso.
• IR e I C rappresentano i campi dei numeri reali e complessi rispettivamente. Se non specificato
altrimenti, x, y, ϑ saranno variabili reali, z = x + iy sar`a una variabile complessa, z

≡ ¯ z = x − iy
la sua variabile coniugata, |z| il modulo, x = Re z, y = Imz e ϑ = arg z la parte reale, la parte
immaginaria e l’argomento rispettivamente.
• Con γ, Γ si indicheranno curve generiche nel piano complesso e con C curve chiuse. Il verso di
percorrenza di una curva chiusa si dir` a positivo se lungo il cammino la regione interna rimane
sempre a sinistra della curva stessa. Di fatto, se la regione interna contiene solo punti al finito,
allora il verso di percorrenza positivo coincide con il verso antiorario, mentre coincide con il verso
orario se la regione interna contiene l’infinito.
• Di norma, con f(z) si indicher`a una funzione ad un solo valore definita in un dominio semplicemente
connesso D.
Sviluppi in serie
• serie esponenziale:
e
x
=

¸
n=0
x
n
n!
, (|x| < ∞) ;
• serie iperbolica:
cosh x =

¸
n=0
x
2n
(2n)!
, sinh x =

¸
n=0
x
2n+1
(2n + 1)!
, (|x| < ∞) ;
• serie trigonometrica:
cos x =

¸
n=0
(−1)
n
x
2n
(2n)!
, sin x =

¸
n=0
(−1)
n
x
2n+1
(2n + 1)!
, (|x| < ∞) ;
• serie logaritmica:
log(1 +x) = −

¸
n=1
(−1)
n
x
n
n
, (|x| < 1) ;
• serie geometrica:
1
1 −x
=

¸
n=0
x
n
, (|x| < 1) ;
1
1 −x
= −

¸
n=1
1
x
n
, (|x| > 1) ;
1
• derivata della serie geometrica:
1
(1 −x)
2
=

¸
n=0
(n + 1)x
n
, (|x| < 1) ;
1
1 −x
=

¸
n=2
n −1
x
n
, (|x| > 1) ;
• radice quadrata:

1 +x ∼ 1 +
x
2

x
2
8
+... ,
1

1 +x
∼ 1 −
x
2
+
3x
2
8
+... , (|x| < 1) ;
2
3
1 Numeri complessi
I numeri complessi emergono in modo naturale come soluzione delle equazioni algebriche di grado supe-
riore al primo
1
e si trovano nelle opere di alcuni matematici del XVI secolo come Girolamo Cardano e
Rafael Bombelli. Quest’ultimo in particolare studi` o le loro propriet` a. Il termine “immaginari”, dovuto a
Ren´e Descartes (1596-1650), viene introdotto per indicare delle soluzioni a quel tempo considerate fittizie
e irreali. Come conseguenza di questa terminologia, i numeri “non immaginari” vengono chiamati “reali”
nel IXX secolo.
Da un punto di vista formale, un numero complesso z `e definito come una coppia ordinata di numeri
reali z ≡ (x, y) e con tale notazione, l’unit` a reale e immaginaria sono rappresentate rispettivamente dalle
coppie 1 ≡ (1, 0) e

−1 ≡ i ≡ (0, 1).
Dal punto di vista del calcolo `e molto pi` u utile usare la notazione algebrica z = x +iy a cui corrisponde
un’intuitiva rappresentazione grafica (geometrica)
2
. In questa notazione x = Re z e y = Imz sono dette
rispettivamente parte reale e parte immaginaria del numero complesso z.
Dalla rappresentazione geometrica `e immediato ottenere la rappresentazione polare (o trigonometrica)
z = ρ(cos ϑ +i sin ϑ) , ρ = |z| , tan ϑ =
y
x
,
dove ρ =

x
2
+y
2
e ϑ = arg z sono detti rispettivamente modulo e argomento di z. La rappresentazione
polare pu` o essere scritta usando la formula di Eulero
3
e

= cos ϑ +i sin ϑ =⇒ e

= −1 ,
che si dimostra rapidamente confrontando gli sviluppi di Taylor delle funzioni trigonomatriche e dell’e-
sponenziale. In questo modo si ottiene
z = ρ(cos ϑ +i sin ϑ) = ρ e

e questa espressione permette di ricavare rapidamente le formule
z
1
z
2
= ρ
1
ρ
2
e
i(ϑ1+ϑ2)
, z
(n)
k
= e
2πik/n
, k = 0, 1, 2, ..., n −1 ,
dove z
(n)
k
sono le n radici n −esime dell’unit`a, ossia [z
(n)
k
]
n
= 1, mentre le radici di un numero qualsiasi
z = ρe

sono
z
(n)
k
=
n

ρ e
i(ϑ+2πk)/n
, [z
(n)
k
]
n
= z , k = 0, 1, ..., n −1 .
2 Funzioni di variabile complessa
L’estensione dei concetti di funzione, limite e continuit` a dal campo dei numeri reali a quello dei numeri
complessi non presenta particolari difficolt` a in quanto una funzione complessa f(z) si pu` o vedere come
somma di due funzioni reali (di due variabili), vale a dire
f(z) = u(x, y) +iv(x, y) , u(x, y) = Re f(z) , v(x, y) = Imf(z) .
1
Teorema fondamentale dell’algebra: ogni equazione algebrica di grado arbitrario ha almeno una radice nel campo
complesso, sia che i coefficienti siano reali o complessi (Carl Friedrich Gauss, 1799).
2
Questa rappresentazione era usata da Gauss nelle dimostrazioni, ma non compariva nelle pubblicazioni ufficiali in quanto
“non ortodossa”.
3
Leonhard Eulero (1707-1783).
4
z
x
y
0
θ
z
z
z z
z
z
2
1
3
4
5
0
Re z
Im z
Re z
Im z
0
Figura 1: rappresentazione geometrica (a sinistra) ——
6

1 (a destra)
Ad esempio f(z) si dir` a continua nel punto z
0
se fissato ε > 0 esiste δ > 0 per cui
|f(z) −f(z
0
)| < ε , ∀z tale che |z −z
0
| < δ .
Usando la disuguaglianza triangolare si verifica facilmente che f(z) `e continua in z
0
= x
0
+iy
0
se e solo
se u(x, y) e v(x, y), come funzioni di due variabili, sono continue nel punto P
0
≡ (x
0
, y
0
).
L’estensione del concetto di derivata `e pi` u “problematica” in quanto il rapporto incrementale in generale
ha un limite che dipende da come tendono a zero gli incrementi che lo definiscono. Per chiarire meglio
questo concetto si consideri la funzione complessa di variabile complessa
f(z) = z + 2¯ z = u(x, y) +iv(x, y) =⇒ u(x, y) = 3x, v(x, y) = −y
e il rapporto incrementale
∆f(z)
∆z

f(z) −f(z
0
)
z −z
0
=
∆u(x, y) +i∆v(x, y)
∆x +i∆y
=
3∆x −i∆y
∆x +i∆y
.
Nel limite in cui ∆z →0 questo dovrebbe definire la derivata della funzione in z
0
, ma si vede chiaramente
che questo limite non `e unico. Esistono infatti infiniti limiti corrispondenti agli infiniti modi di far tendere
∆z = z −z
0
→0. Ad esempio, facendo tendere a zero prima ∆x e successivamente ∆y si ottiene
lim
∆y→0
lim
∆x→0
¸
3∆x −i∆y
∆x +i∆y

= −1 .
Viceversa, scambiando l’ordine si ricava
lim
∆x→0
lim
∆y→0
¸
3∆x −i∆y
∆x +i∆y

= 3 .
Pi` u in generale si pu` o porre ∆y = α∆x e quindi
lim
∆x→0
¸
3∆x −i∆y
∆x +i∆y

= lim
∆x→0
¸
3∆x −iα∆x
∆x +iα∆x

= −1 +
4
1 +iα
,
da cui segue che il limite dipende dal rapporto α = ∆y/∆x.
5
La funzione f(z) si dir` a differenziabile in z
0
quando il limite del rapporto incrementale esiste ed `e unico
e pi` u precisamente, se e solo se esiste un numero λ ∈ I C e una funzione ω(z, z
0
) tali che
f(z) −f(z
0
) = λ(z −z
0
) +ω(z, z
0
) , lim
z→z0

ω(z, z
0
)
z −z
0

= 0 . (2.1)
In tal caso λ = df/dz|
z=z0
si dir` a derivata di f(z) in z
0
. Per quanto visto sopra, la derivabilit`a di u(x, y)
e v(x, y) non `e sufficiente a garantire la derivabilit`a di f(z). Una funzione f(z) differenziabile in z
0
e in
un suo intorno sar`a detta analitica in z
0
. (a volte viene usato anche il termine olomorfa). Una funzione
differenziabile in tutti i punti z ∈ D si dir` a analitica in D.
Teorema – Ogni serie di potenze in z definisce una funzione differenziabile nel dominio di convergenza
della serie.
Dimostrazione – Si consideri una serie di potenze con raggio di convergenza uguale a r. Allora
f(z) ≡
¸
n
a
n
z
n
< ∞ per ogni z tale che |z| < r = lim
n→∞
|a
n
|
|a
n+1
|
,
g(z) ≡
¸
n
na
n
z
n−1
< ∞ per ogni z tale che |z| < r .
Per dimostrare il teorema basta verificare che g(z) `e la derivata di f(z) secondo la definizione data sopra,
ossia che
lim
h→0

ω(z +h, z)
h

= 0 , ω(z +h, z) = f(z +h) −f(z) −hg(z) .
A tale scopo sia ρ < r, |z| < ρ e |z +h| ≤ |z| +|h| < ρ. Poich´e la serie converge deve esistere K tale che
|a
n
ρ
n
| ≤ K, ∀n. Ricordando lo sviluppo binomiale
(z +h)
n
=
n
¸
k=0
b
k
z
n−k
h
k
, b
0
= b
n
= 1 , b
1
= b
n−1
= n, ... b
k
(coefficienti binomiali),
si ottiene

(z +h)
n
−z
n
h
−nz
n−1

=

n
¸
k=2
b
k
z
n−k
h
k−1


n
¸
k=2
b
k
|z|
n−k
|h|
k−1
=
(|z| +|h|)
n
−|z|
n
h
−n|z|
n−1
.
Usando ora questa maggiorazione nella serie che definisce ω(z +h, z) e ricordando lo sviluppo della serie
geometrica e della sua derivata si ricava

ω(z +h, z)
h


¸
n
|a
n
|
¸
(|z| +|h|)
n
−|z|
n
|h|
−n|z|
n−1

≤ K
¸
n
1
ρ
n
¸
(|z| +|h|)
n
−|z|
n
|h|
−n|z|
n−1

=

|h|
¸
1
ρ −|z| −|h|

1
ρ −|z|

|h|
(ρ −|z|)
2

=
Kρ|h|
(ρ −|z| −|h|)(ρ −|z|)
2
,
6
che tende a zero per h →0 e quindi la serie `e differenziabile in ogni punto interno al raggio di convergenza.
Come si vedr`a in seguito, questo `e un caso particolare di un teorema generale sullo sviluppo in serie di
potenze delle funzioni analitiche.
2.1 Alcune funzioni importanti
La funzione esponenziale, le funzioni trigonometriche e le funzioni iperboliche si possono definire per ogni
valore dell’argomento usando gli sviluppi in serie, che hanno raggio di convergenza infinito. Quindi
e
z
=

¸
n=0
z
n
n!
,
cos z =

¸
n=0
(−1)
n
z
2n
(2n)!
, sin z =

¸
n=0
(−1)
n
z
2n+1
(2n + 1)!
.
cosh z =

¸
n=0
z
2n
(2n)!
, sinh z =

¸
n=0
z
2n+1
(2n + 1)!
.
Come nel campo reale, per ogni z ∈ I C valgono le formule di Eulero
e
iz
= cos z +i sin z , cos z =
e
iz
+e
−iz
2
, sin z =
e
iz
−e
−iz
2i
e inoltre
e
z
= cosh z + sinhz , cosh z =
e
z
+e
−z
2
, sinh z =
e
z
−e
−z
2
.
E’ chiaro che nel campo complesso la distinzione fra funzioni trigonometriche e funzioni iperboliche `e
puramente formale. Infatti valgono le relazioni
sin iz = i sinh z , cos iz = cosh z .
Le funzioni iperboliche hanno propriet` a simili a quelle trigonometriche ma non identiche, quindi si deve
fare un po’ di attenzione quando si usano. Valgono le propriet` a
cosh
2
z −sinh
2
z = 1 , cos
2
z + sin
2
z = 1 ,
d
dz
sinh z = cosh z ,
d
dz
cosh z = sinh z ,
d
dz
sin z = cos z ,
d
dz
cos z = −sin z .
Il logaritmo si pu` o definire come funzione inversa dell’esponenziale richiedendo che goda delle propriet` a
note. Usando la rappresentazione polare si ha
z = |z|e
i arg z
=⇒ log z = log |z| +i arg z .
Si vede subito che in questo caso si va incontro ad una situazione completamente nuova in quanto e
2πi
= 1.
Questo significa che il logaritmo `e una funzione polidroma ad infiniti valori, che dipendono da come si
sceglie l’argomento di z. A volte si trova la notazione
Log z = log z + 2πik = log |z| +i arg z + 2πik , 0 ≤ arg z ≤ 2π , k ∈ ZZ,
7
dove con Log z si intende la funzione completa ad infiniti valori e con log z solo la determinazione principale
in cui l’argomento di z `e compreso in [0, 2π] o [−π, π] e per la quale si ha log 1 = 0. Nei rami successivi
della funzione si ha invece Log 1 = 2πik.
3 Funzioni analitiche
Come gi` a detto sopra, una funzione derivabile in un punto z
0
e in un suo intorno si dice analitica.
3.1 Condizioni di Cauchy-Riemann
Una condizione necessaria (ma non sufficiente) per l’analiticit`a di f(z) = u(x, y) + iv(x, y) `e che le sue
componenti soddisfino le condizioni di Cauchy-Riemann
u

x

∂u(x, y)
∂x
=
∂v(x, y)
∂y
≡ v

y
, u

y

∂u(x, y)
∂y
= −
∂v(x, y)
∂x
≡ −v

x
.
Se queste condizioni non sono soddisfatte in un punto z
0
si pu` o immediatamente affermare che la funzione
f(z) non `e analitica in z
0
. In generale per` o le condizioni di Cauchy-Riemann da sole non sono sufficienti
per determinare l’analiticit`a di f. Affinch´e questo avvenga si deve richiedere anche la continuit` a di tutte
le derivate prime di u e v.
Per vedere che queste condizioni sono necessarie consideriamo una funzione f(z) analitica in z
0
. Poich´e
la funzione `e derivabile si ha
∆f(z)
∆z
=
∆f(z)
∆x
=
u

x
∆x +iv

x
∆x
∆x
= u

x
+iv

x
,
=
∆f(z)
i∆y
=
u

y
∆y +iv

y
∆y
i∆y
= v

y
−iu

y
,
da cui seguono le condizioni di Cauchy-Riemann e inoltre
f

(z) ≡
df(z)
dz
= u

x
+iv

x
= v

y
−iu

y
.
Come si vedr`a in seguito, la derivata di una funzione analitica `e ancora una funzione analitica e quindi
le funzioni analitiche ammettono derivate di qualunque ordine e in particolare la derivata seconda. Per
questa si ha
f
′′
(z) ≡
d
2
f(z)
dz
2
=

u
′′
xx
+iv
′′
xx
−u
′′
yy
−iv
′′
yy
=⇒ u
′′
xx
+u
′′
yy
= v
′′
xx
+v
′′
yy
= 0 .
La parte reale e la parte immaginaria di una funzione analitica sono entrambe funzioni armoniche, vale
a dire che soddisfano l’equazione di Laplace
∆u(x, y) =

2
u(x, y)
∂x
2
+

2
u(x, y)
∂y
2
= 0 , ∆v(x, y) =

2
v(x, y)
∂x
2
+

2
v(x, y)
∂y
2
= 0 .
Un’altra importante propriet` a delle funzioni analitiche consiste nel fatto che il piano (x, y) e il piano
(u, v) sono conformemente correlati. Una funzione f(z) connette il punto P ≡ (x, y) nel piano (x, y) al
punto
˜
P ≡ (u, v) nel piano (u, v) e al variare del punto stabilisce una corrispondenza fra una curva γ
(x,y)
nel piano (x, y) e una curva ˜ γ
(u,v)
nel piano (u, v). Pi` u in generale, siano date due curve γ
1
(x,y)
e γ
2
(x,y)
che si intersecano nel punto P ≡ (x, y) formando un angolo α e le curve corrispondenti ˜ γ
1
(u,v)
˜ γ
2
(u,v)
che
si intersecano nel punto
˜
P ≡ (u, v) formando un algolo ˜ α. Allora se la funzione f `e analitica α ≡ ˜ α e
questo significa che la trasformazione generata da f `e una trasformazione conforme (preserva gli angoli).
In particolare, le curve nel piano che corrrispondono a f = costante sono ortogonali fra loro.
8
4 Integrazione nel campo complesso
L’integrale di una funzione complessa f(z) lungo la curva orientata γ si pu` o ricondurre ad una coppia di
integrali reali osservando che
f(z) dz = (u +iv)(dx +idy) = (udx −v dy) +i(v dx +udy) .
Pertanto si definisce

γ
dz f(z) =

γ
[u(x, y) dx −v(x, y) dy] +i

γ
[v(x, y) dx +u(x, y) dy] .
Se la funzione f(z) `e limitata e la curva γ `e rettificabile si ha (teorema di Darboux)

γ
dz f(z)

≤ Kℓ
γ
, sup
z∈γ
|f(z)| ≤ K , ℓ
γ
=

γ
ds , (4.1)
dove ds =

dx
2
+dy
2
`e l’elemento di linea. La dimostrazione di questo teorema deriva direttamente
dalle propriet` a dell’integrale, infatti

γ
dz f(z)

γ
|dz| |f(z)| ≤ K

γ
ds = Kℓ
γ
.
4.1 Teorema di Cauchy
Andiamo ora a dimostrare uno dei teoremi pi` u importanti dell’analisi complessa.
Teorema di Cauchy – Sia f(z) una funzione (ad un valore) analitica definita in un insieme semplice-
mente connesso D e C una curva chiusa contenuta nel dominio D (o sulla frontiera). Allora

C
dz f(z) = 0 . (4.2)
Questa formulazione del teorema `e dovuta a Goursat. Nella versione originale di Cauchy si assumeva
anche la continuit` a della derivata prima di f.
Dimostrazione – Anche qui per semplicit` a assumiamo f(z) = u +iv analitica e con derivata continua.
Senza questa ipotesi (in effetti ridondante) la dimostrazione risulta assai complicata.
Si introduca il vettore dr ≡ (dx, dy) nel piano (x, y) e i due campi di vettori F ≡ (u, −v), G ≡ (v, u) nel
piano (u, v). Usando queste notazioni di ha

C
dz f(z) =

C
dr · F +i

C
dr · G.
L’ipotesi di continuit` a di f

(z), ossia di u

(x, y) e v

(x, y) permette di applicare il teorema di Stokes. In
tal modo si ottiene

C
dz f(z) =

Σ
dσ rot F · n +i

Σ
dσ rot G· n, (4.3)
dove Σ `e la superficie racchiusa dalla curva C e n `e il versore normale a tale superficie (`e un versore
costante perch´e la superficie `e piana). Usando le condizioni di Cauchy-Riemann si ha
rot F = u

y
+v

x
= 0 , rot G = v

y
−u

x
= 0
9
e questo implica che l’integrale (4.3) si annulla come dovevasi dimostrare.
Corollario – 1. Sia f(z) una funzione analitica in D e C una curva chiusa avente almeno un tratto
contenuto in D. Allora

C
dz f(z) =

˜
C
dz f(z) ,
dove
˜
C `e una curva ottenuta mediante un’arbitraria deformazione di C nella regione di analiticit`a D.
Se f `e interamente contenuta in D allora il risultato `e banale in quanto l’integrale `e nullo qualunque sia
la curva chiusa (in D). Il risultato diventa significativo quando solo un tratto di cammino γ `e contenuto
in D. In tal caso l’integrale non `e necessariamente nullo (non vale il teorema di Cauchy in quanto la
curva C non `e interamente in D). Il risultato precedente si ottiene osservando che la differenza fra i due
integrali sopra coincide con l’integrale di f fatto lungo la curva chiusa ottenuta dall’unione di γ con la
sua deformazione ˜ γ. Questa `e interamente contenuta in D e pertanto l’integrale di f su tale curva `e nullo
per il teorema di Cauchy.
Corollario – 2. Se f(z) `e una funzione analitica in D, allora l’integrale
F(z
0
, z
1
) =

z1
z0
dz f(z) , ∀z
0
, z
1
∈ D,
non dipende dal cammino.
Questo `e una diretta conseguenza del fatto che la differenza fra gli integrali di f fatti lungo due cammini
arbitrari (in D), che portano da z
0
a z1 coincide con l’integrale della funzione lungo la curva chiusa
ottenuta dall’unione dei due cammini e questo integrale `e nullo per il teorema di Cauchy.
Teorema fondamentale del calcolo – Sia f(z) una funzione analitica in un dominio semplicemente
connesso D e z
0
∈ D un punto arbitrario, allora la funzione
F(z) =

z
z0
dwf(w) , ∀z ∈ D
`e analitica in D e F

(z) = f(z).
Dimostrazione – Per il teorema di Cauchy l’integrale di f(z) non dipende dal cammino e quindi le
uno-forme dU = udx −v dy e dV = v dx +udy sono esatte in quanto

z
z0
dwf(w) =

z
z0
(udx −v dy) +i

z
z0
(v dx +udy) .
Si ha quindi
F(z) =

(x,y)
(x0,y0)
dU(x, y) +i

(y,y)
(x0,y0)
dV (x, y) = U(x, y) −U(x
0
, y
0
) +i[V (x, y) −V (x
0
, y
0
)] ,
da cui segue che F(z) `e una funzione analitica poich´e U e V soddisfano le condizioni di Cauchy-Riemann
e hanno derivate continue, infatti
∂U
∂x
= u =
∂V
∂y
,
∂V
∂x
= v = −
∂U
∂y
e inoltre
F

(z) = U

x
+iV

y
= V

y
−iU

y
= u +iv = f(z) .
10
4.2 Rappresentazione integrale di Cauchy
Un altro teorema fondamentale per l’analisi complessa dal quale derivano importanti conseguenze `e il
seguente.
Teorema (rappresentazione integrale di Cauchy) – Sia f(z) una funzione analitica in D, C una
qualunque curva chiusa contenuta in D (o sulla frontiera) e z un punto arbitrario contenuto (strettamente)
all’interno di C. Allora
f(z) =
1
2πi

C
dw
f(w)
w −z
.
Questo significa che il valore di una funzione analitica in un punto arbitrario `e determinato dai valori che
la funzione assume lungo una qualunque curva chiusa che racchiude il punto stesso.
Si osservi che la funzione integranda non `e analitica in quanto diverge per w = z e quindi non vale il
teorema di Cauchy (4.2), altrimenti l’integrale sarebbe nullo.
Dimostrazione – Si consideri un cammino chiuso C
ε
≡ Γ
ε

ε
(r) +γ
+


che non contiene z al suo
interno (vedi figura 2). Γ
ε
`e un cammino aperto che coincide con C a parte un piccolo tratto di lunghezza
(infinitesima) ε; γ
ε
(δ) `e un arco di circonferenza di raggio δ (infinitesimo) (percorso in senso orario) che
circonda il punto z, mentre γ
+
e γ

sono due tratti paralleli a distanza infinitesima ε, ma percorsi in
senso opposto.
La funzione integranda `e analitica all’intenrno di C
ε
per cui si ha
0 =


dw
f(w)
w −z
=

Γε
dw
f(w)
w −z
+

γε(δ)
dw
f(w)
w −z
+

γ+
dw
f(w)
w −z
+

γ−
dw
f(w)
w −z
.
Nel limite in cui ε →0 la curva aperta Γ
ε
diventa la curva chiusa C, l’arco di circonfrenza γ
ε
(δ) diventa
una circonferenza di raggio δ e i due tratti paralleli γ
±
diventano coincidenti. Tenendo conto che questi
due ultimi tratti sono percorsi in senso opposto si ottiene

C
dw
f(w)
w −z
= lim
ε→0

Γε
dw
f(w)
w −z
= − lim
ε→0

γε(r)
dw
f(w)
w −z
=

|w−z|=δ
dw
f(w)
w −z
.
L’ultimo integrale `e fatto su una circonferenza di raggio δ e si pu` o calcolare usando la rappresentazione
polare e l’analiticit`a di f(z). Si ha infatti
w −z = δ e

, dw = iδ e

dϑ, f(w) = f(z) +f(w) −f(z) ,
per cui

|w−z|=δ
dw
f(w)
w −z
= if(z)


0
dϑ +

|w−z|=δ
dw
f(w) −f(z)
w −z
= 2πif(z) +

|w−z|=δ
dw
f(w) −f(z)
w −z
.
Il risultato richiesto si ottiene prendendo il limite δ → 0. In questo caso infatti l’ultimo integrale si
annulla poich´e la funzione integranda `e derivabile in z (basta applicare il lemma di Darboux).
Corollario – Ogni funzione analitica in D `e infinitamente derivabile e la derivata n − esima `e una
funzione analitica in D data da
f
(n)
(z) =
n!
2πi

C
dw
f(w)
(w −z)
n+1
. (4.4)
11
ε
γ
ε
γ
+
γ
ε
δ
Γ
ε
_
_
γ + γ γ
+
+ + Γ C =
ε ε
Figura 2: Rappresentazione integrale di Cauchy (cammino usato)
Dimostrazione – Dal teorema precedente si ottiene
f(z +h) −f(z)
h
=
1
2πhi

C
dwf(w)
¸
1
w −z −h

1
w −z

=
1
2πi

C
dw
f(w)
(w −z)(w −z −h)
.
Nel limite h →0 si ottiene il risultato per n = 1. Per ottenere il risultato per n arbitrario si pu` o procedere
per induzione. Si dimostra che se la formula `e valida per n −1 allora vale anche per n. Si ha infatti
f
(n−1)
(z +h) −f
(n−1)
(z)
h
=
(n −1)!
2πhi

C
dwf(w)
¸
1
(w −z −h)
n

1
(w −z)
n

=
1
2πhi

C
dwf(w)
¸
nh(w −z)
n−1
+o(h
2
)
(w −z)
n
(w −z −h)
n

,
dove o(h
2
) sta per termini di ordine h
2
e superiore. Prendendo ora il limite h → 0 si ottiene il risultato
per n arbitrario (Nota: nell’ultimo integrale si `e fatto uso dello sviluppo binomiale).
Teorema di Morera – Sia f(z) una funzione continua in D e

C
dz f(z) = 0 per ogni curva chiusa in
D. Allora f(z) `e analitica. (`e “l’inverso” del teorema di Cauchy).
Dimostrazione – Basta dimostrare che F(z) =

z
z0
dwf(w) `e analitica e F

(z) = f(z). Allora per il
corollario al teorema precedente anche f(z) `e analitica. Per le ipotesi fatte, l’integrale che definisce F(z)
non dipende dal percorso. Ricordando la (2.1) e posto λ = f(z) si ha allora
ω(z +h, z) = F(z +h) −F(z) −hf(z) =

z+h
z
dw [f(w) −f(z)] .
Usando ora la disuguaglianza di Darboux e la continuit` a di f si ha
|ω(z +h, z)| ≤ |h| sup
|w−z|<|h|
|f(w) −f(z)| =⇒ lim
h→0
|ω(z +h, z)|
|h|
= 0 .
Teorema di Liouville – Una funzione analitica e limitata in tutto il piano complesso `e costante.
Dimostrazione – Per l’ipotesi di analiticit` a, la funzione f

(z) si pu` o rappresentare mediante un integrale
sulla circonferenza C
R
di raggio R centrata in z (vedi 4.4)), ossia
f

(z) =
1
2πi

CR
dw
f(w)
(w −z)
2
=
1
2πR


0
dϑe
−iϑ
f(z +Re

) .
Prendendo il modulo di quest’ultima equazione, maggiorando e usando il fatto che |f(z)| ≤ M (∀z ∈ I C)
si ottiene |f

(z)| ≤ M/R e poich´e R `e arbitrariamente grande la derivata di f si annulla in ogni punto e
quindi f `e costante.
12
Come corollario a questo teorema si ottiene il
Teorema fondamentale dell’algebra – Ogni polinomio complesso P(z), di ordine arbitrario, ha
almeno una radice complessa.
Dimostrazione – Si supponga per assurdo che P(z) non abbia radici, ossia P(z) = 0, ∀z ∈ I C. Allora
la funzione f(z) = 1/P(z) `e analitica e limitata e per il teorema precedente deve essere costante, da cui
l’assurdo.
5 Sviluppi in serie di Taylor e Laurent
Teorema – Sia f(z) una funzione analitica per |z −z
0
| ≤ R (cerchio di raggio R centrato in z
0
). Allora
vale lo sviluppo (serie di Taylor)
f(z) =

¸
n=0
f
(n)
(z
0
)
n!
(z −z
0
)
n
, |z −z
0
| < R. (5.1)
Nota: in precedenza si era dimostrato che ogni serie di potenze rappresenta una funzione analitica
all’interno del raggio di convergenza. Questo teorema ci dice che vale anche il viceversa.
Dimostrazione – Indichiamo con C
R
≡ {z : |z−z
0
| = R} il bordo del cerchio e con z un punto arbitrario
(strettamente) contenuto al suo interno. Osserviamo inoltre che, per ogni punto sul bordo w ∈ C
R
si ha
1
w −z
=
1
w −z
0
+z
0
−z
=
1
(w −z
0
)

1 −
z−z0
w−z0
=
1
w −z
0

¸
n=0

z −z
0
w −z
0

n
.
Dal teorema di rappresentazione integrale e dal suo corollario si ottiene allora
f(z) =
1
2πi

CR
dw
f(w)
w −z
=
1
2πi

¸
n=0
(z −z
0
)
n

CR
dw
f(w)
(w −z
0
)
n+1
=

¸
n=0
f
(n)
(z
0
)
n!
(z −z
0
)
n
.
Esiste una generalizzazione dello sviluppo in serie di Taylor valida in punti di non analiticit`a. Questa
risulta estremamente utile per studiare il comportamento di una funzione nell’intorno di punti singolari.
Teorema di Laurent – Sia f(z) una funzione analitica in una corona circolare C
r,R
centrata in z
0
(punto al finito), con raggi r < R. Allora, per ogni punto z interno a C
r,R
vale lo sviluppo (serie di
Laurent)
f(z) =

¸
n=0
a
n
(z −z
0
)
n
+

¸
n=1
b
n
(z −z
0
)
n
=

¸
n=−∞
c
n
(z −z
0
)
n
, (5.2)
dove
a
n
=
1
2πi

C
dw
f(w)
(w −z
0
)
n+1
, n = 0, 1, 2, ...
b
n
=
1
2πi

C
dw(w −z
0
)
n−1
f(w) , n = 1, 2, 3, ...
c
n
=
1
2πi

C
dw
f(w)
(w −z
0
)
n+1
, n = 0, ±1, ±2, ...
13
ε
γ
γ
γ_
ε
ε
Γ
+
C =
ε ε ε
r
r
r
R
2
1
z
z
0
γ + Γ + γ + γ_
+
Figura 3: Teorema di Laurent (cammino usato)
e C `e una qualunque curva chiusa percorsa in verso positivo (antiorario) contenente la singolarit`a al suo
interno e contenuta nella corona di analiticit` a. La serie
¸

n=1
b
n
(z −z
0
)
−n
`e detta parte principale di f.
Dimostrazione – Si consideri una curva chiusa C
ε
= γ
ε
+ Γ
ε
+ γ
+
+ γ

dove, per ε → 0, γ
ε
e Γ
ε
diventano due circonferenze concentriche di raggi r
1
e r
2
(r < r
1
< r
2
< R) centrate in z
0
, interne alla
corona di analiticit` a e connesse da due tratti paralleli γ
+
e γ

coincidenti ma percorsi in verso opposto
(vedi figura 3). La funzione f(z) `e analitica all’interno di C
ε
e per il teorema integrale di Cauchy si pu` o
scrivere nella forma
f(z) =
1
2πi


dw
f(w)
w −z
=
1
2πi

γε
dw
f(w)
w −z
+
1
2πi

Γε
dw
f(w)
w −z
+
1
2πi

γ+
dw
f(w)
w −z
+
1
2πi

γ−
dw
f(w)
w −z
,
che vale per ogni z ∈ C
r1,r2
. Nel limite ε →0, tenendo conto dei versi di percorrenza si ottiene
f(z) =
1
2πi

|z2−z|=r2
dz
2
f(z
2
)
z
2
−z

1
2πi

|z1−z|=r1
dz
1
f(z
1
)
z
1
−z
.
Tenendo conto che r
1
< |z − z
0
| < r
2
, nei due integrali precedenti possiamo usare gli sviluppi (serie
geometrica)
1
z
2
−z
=
1
(z
2
−z
0
)

1 −
z−z0
z2−z0
=

¸
n=0
(z −z
0
)
n
(z
2
−z
0
)
n+1
,

z −z
0
z
2
−z
0

< 1 ,
1
z
1
−z
= −
1
(z −z
0
)

1 −
z1−z0
z−z0
= −

¸
n=1
(z
1
−z
0
)
n−1
(z −z
0
)
n
,

z −z
0
z
1
−z
0

> 1 .
In tal modo si ottiene
f(z) =
1
2πi

¸
n=0
(z −z
0
)
n

|z2−z|=r2
dz
2
f(z
2
)
(z
2
−z
0
)
n+1
+
1
2πi

¸
n=1
1
(z −z
0
)
n

|z1−z|=r1
dz
1
f(z
1
)(z
1
−z
0
)
n−1
.
14
Il risultato finale si ottiene definendo i coefficienti a
n
e b
n
, tenendo conto che all’interno del dominio di
analiticit` a il contorno di integrazione pu` o essere deformato a piacere per cui le due circonferenze possono
essere sostituite mediante una curva chiusa arbitraria C (contenente z
0
).
Corollario – Se f(z) `e analitica nel cerchio |z −z
0
| ≥ R, allora vale lo sviluppo in serie di Taylor
f(z) =

¸
n=0
f
(n)
(z
0
)
n!
(z −z
0
)
n
, |z −z
0
| < R.
In questo caso infatti tutti i b
n
si annullano come conseguenza del teorema di Cauchy e lo sviluppo (5.2)
diventa lo sviluppo di Taylor (5.1). In questo caso e solo in questo caso il coefficiente a
n
coincide con
con la derivata f
(n)
(z
0
)/n!.
5.1 Singolarit`a isolate
Un punto del piano complesso in cui f(z) non `e definita si dice singolarit` a della funzione. In particolare, un
punto singolare z
0
si dice singolarit` a isolata se la funzione `e analitica in un intorno di z
0
e pi` u precisamente
se la funzione `e analitica in una corona circolare C
ε,R
, centrata in z
0
, con ε > 0 arbitrariamente piccolo.
• Se ε pu` o assumere anche il valore nullo, allora la funzione `e regolare in z
0
.
• Se ε non pu` o essere scelto piccolo a piacere allora la singolarit`a non `e isolata.
• Se R pu` o essere scelto grande a piacere, allora f non ha altre singolarit`a (al finito).
Sia z
0
una singolarit`a isolata per f(z). Allora in un intorno di z
0
vale lo sviluppo di Laurent
f(z) =

¸
k=0
a
k
(z −z
0
)
k
+

¸
k=1
b
k
(z −z
0
)
−k
, 0 < |z −z
0
| < R.
In generale si possono avere tre possibilit`a:
• tutti i coefficienti b
n
sono nulli; in tal caso il punto z
0
`e regolare oppure la singolarit`a `e rimovibile.
Il caso tipico `e quello di una discontinuit` a in z
0
. Se tutti i b
n
sono nulli la serie defnisce una
funzione analitica (quindi continua) con f(z
0
) = a
0
. Per rimuovere la singolarit`a basta allora porre
f(z
0
) = a
0
.
• soltanto un numero finito di coefficienti b
k
`e diverso da zero; in tal caso la singolarit`a z
0
si chiama
polo di ordine n, dove n corrisponde al pi` u alto coefficiente non nullo, vale a dire b
n
= 0, b
k
= 0 per
ogni k > n. I coefficienti con k < n possono essere anche tutti nulli. Quindi si avr`a un polo semplice
se solo b
1
= 0, un polo doppio se b
k
= 0 per ogni k > 2, etc... L’espansione assume la forma
f(z) =

¸
k=0
a
k
(z −z
0
)
k
+
n
¸
k=1
b
k
(z −z
0
)
−k
, b
n
= 0 .
In z
0
la funzione diverge mentre 1/f(z) ha in z
0
uno zero di ordine n.
• un numero infinito di coefficienti b
k
`e diverso da zero; in tal caso la singolarit`a z
0
si chiama essenziale.
Nell’intorno di una singolarit`a essenziale la funzione ha un comportamento sorprendente e inaspet-
tato in quanto pu` o avvicinarsi arbitrariamente ad un qualunque valore fissato. Pi` u precisamente si
ha
Teorema di Weierstrass – Fissato arbitrariamente un numero complesso w e due numeri reali
ρ e ε, nell’intorno di una singolarit`a essenziale esiste sempre un punto z per cui
|f(z) −w| < ε , |z −z
0
| < ρ .
15
Dimostrazione – Scelto arbitrariamente un numero positivo M si ha sempre |f(z)| > M per
qualche z con |z − z
0
| < ρ (questo perch´e z
0
`e un punto singolare). Infatti, sia per assurdo
|f(z)| ≤ M, allora si ha
|b
n
| =

1
2πi

|z−z0|=r
dz (z −z
0
)
n−1
f(z)

≤ Mr
n
, (n ≥ 1)
e poich´e per una singolarit`a isolata r pu` o essere piccolo a piacere, b
n
→ 0. Quindi tutti i b
n
sono
nulli e la funzione `e regolare in z
0
, da cui l’assurdo. Per dimostrare il teorema, ora consideriamo un
numero complesso qualunque w e la funzione f(z) −w. Se per qualche valore di z con |z −z
0
| < ρ
questa funzione si annulla, allora il teorema `e dimostrato. Altrimenti la funzione
φ(z) =
1
f(z) −w
, f(z) =
1
φ(z)
+w, |z −z
0
| < ρ ,
`e regolare a parte il punto z
0
che `e una singolarit`a essenziale anche per φ(z). Allora per φ(z) vale
quanto dimostrato precedentemente, ossia, scelto M = 1/ε, esiste z per cui
|φ(z)| =
1
|f(z) −w|
>
1
ε
=⇒ |f(z) −w| < ε , |z −z
0
| < ρ.
bf Nota: per la dimostrazione `e fondamentale che z
0
sia una singolarit`a essenziale per f. Se fosse un polo
allora solo φ sarebbe regolare in z
0
.
5.2 Singolarit`a all’infinito
Nel campo complesso l’infinito va considerato alla stregua di un qualsiasi punto al finito e il comporta-
mento di una funzione f(z) in un intorno dell’infinito si determina studiando la funzione g(w) = f(1/w)
in un intorno dell’origine. Si dir` a che z = ∞ `e un polo o una singolarit`a essenziale per f(z) se tale `e
w = 0 per la funzione g(w).
E’ interessante osservare che una funzione analitica ovunque (infinito compreso) `e necessariamente co-
stante (teorema di Liouville). Infatti, per ogni z < ∞ si ha
f(z) =

¸
n=0
a
n
z
n
=⇒ g(w) = f

1
w

=

¸
n=0
a
n
w
n
= a
0
+

¸
n=1
a
n
w
n
e poich´e f(z) `e regolare ovunque, g(w) deve essere definita anche per w = 0 e questo implica a
k
= 0 per
ogni k > 0.
Come conseguenza di questo fatto si ricava che una funzione le cui uniche singolarit`a (al finito e all’infinito)
siano poli `e necessariamente una funzione razionale (rapporto di due polinomi). Infatti, sia f(z) una
funzione con poli di ordine k
1
, k
2
, ..., k
n
in z
1
, z
2
, ...z
n
(il numero `e necessariamente finito altrimenti si
cotraddirebbero le ipotesi). Allora la funzione
g(z) = (z −z
1
)
k1
(z −z
2
)
k2
...(z −z
n
)
kn
f(z)
`e analitica ovunque a parte eventualmente z = ∞ dove pu` o avere un polo di ordine m ≥ 0 (se lo ha
f) e di conseguenza pu` o avere un polo di ordine m nell’origine la funzione g(1/w). Questo significa che
g(1/w) deve avere uno sviluppo della forma
g

1
w

= a
0
+
m
¸
k=1
b
k
w
k
=
m
¸
k=0
a
k
w
k
, a
k
= b
k
, (k ≥ 1) ,
16
questo perch´e in assenza del polo la funzione `e costante per il risultato precedente. Si vede dunque che
g(z) `e un polinomio di ordine m e
f(z) =
¸
m
k=0
a
k
z
k
(z −z
1
)
k1
(z −z
2
)
k2
...(z −z
n
)
kn
,
`e quindi una funzione razionale.
6 Classificazione delle funzioni
Per questa classificazione consideriamo funzioni ad un solo valore definite in tutto il campo complesso.
Questo significa che, se non sono funzioni costanti, devono avere necessariamente delle singolarit`a (vedi il
terorema di Liouville). In base al tipo di singolarit`a (al finito e all’infinito) distinguiamo i seguenti casi:
• funzioni razionali: le uniche singolarit`a sono poli. Si noti che in tal caso le singolarit` a non possono
essere in un numero infinito altrimenti ci sarebbe un punto di accumulazione e questo sarebbe una
singolarit`a essenziale. Queste funzioni si possono esprimere mediante il rapporto di due polinomi.
• funzioni intere: hanno soltanto una singolarit`a essenziale all’infinito. Queste funzioni hanno uno
sviluppo in serie di Taylor con raggio di convergenza infinito.
• funzioni meromorfe: hanno una singolarit`a essenziale all’infinito e un numero arbitrario (finito o
infinito) di poli.
Esistono anche funzioni con due o pi` u singolarit`a essenziali, ma si incontrano assai raramente e qui non
verranno considerate.
Usando lo sviluppo di Laurent (5.2) si pu` o vedere che una funzione meromorfa con N poli in z
j
di ordine
n
j
si pu` o sempre scrivere nella forma
f(z) = G(z) +
N
¸
j=1
ψ
j

1
z −z
j

, ψ
j

1
z −z
j

=
nj
¸
k=1
b
(j)
k
(z −z
j
)
k
,
dove G(z) `e una funzione intera. Infatti G(z) `e la funzione f a cui sono state sottratte tutte le parti
principali e quindi `e una funzione analitica in tutto il piano complesso, a parte l’eventuale singolarit`a
all’infinito. Se f non ha singolarit`a all’infinito, allora G = f(∞) `e una costante.
Nota: se il numero di poli `e infinito allora non `e sufficiente sostituire la somma con una serie, in quanto
questa potrebbe essere divergente. Vale tuttavia uno sviluppo simile che sar` a derivato nel prossimo
capitolo (vedi equazione (7.1)) nel caso particolare in cui gli infiniti poli siano semplici.
Come esempio particolare si consideri una funzione razionale R(z) con N poli semplici in z
j
e regolare
all’infinito. Allora si ha
R(z) = R(∞) +
N
¸
k=1
B
k
z −z
k
, B
k
= Res(R; z
k
) .
7 Residui
Sia z
0
una singolarit`a isolata per la funzione f(z). Dallo sviluppo di Laurent in un intorno della singolarit`a
si ha
b
1
=
1
2πi

C
dz f(z) ,
17
dove l’integrale `e fatto su un qualunque cammino chiuso che racchiude soltanto la singolarit`a z
0
. Il verso
di percorrenza `e quello antiorario sia per i punti al finito che per l’infinito.
Come si vede dall’equazione precedente, il primo coefficiente della parte principale di f riveste un ruolo
assai importante in quanto permette di calcolare l’integrale di f su un qualunque cammino chiuso che
racchiude la singolarit`a. Per le singolarit`a al finito, tale coefficiente viene chiamato residuo di f in z
0
e talvolta si indica con la notazione Res(f) ≡ Res(f; z
0
) = b
1
. Se la funzione `e regolare in z
0
allora il
residuo `e nullo, ma in generale non vale il viceversa; b
1
pu` o essere nullo ma non l’intera parte principale
di f. Per le singolarit`a all’infinito si pone invece Res(f; ∞) = −b
1
. In tal modo si ha sempre
Res(f) =

C
dz f(z) ,
dove la curva racchiude (soltanto) la singolarit`a ed `e percorsa in verso positivo, vale a dire in senso
antiorario, se la singolarit`a `e un punto al finito e in senso orario se il punto in esame `e l’infinito.
Il residuo di f si determina mediante lo sviluppo di Laurent
f(z) =

¸
k=0
a
k
(z −z
0
)
k
+

¸
k=1
b
k
(z −z
0
)
k
Res(f; z
0
) = b
1
, |z −z
0
| < r ,
f(z) =

¸
k=0
a
k
z
k
+

¸
k=1
b
k
z
k
Res(f; ∞) = −b
1
, |z| > R
e nel calcolo esplicito `e sufficiente isolare il termine che diverge come (z −z
0
)
−1
(z
−1
per l’infinito).
Nel caso in cui la singolarit`a al finito sia un polo di ordine n si pu` o usare la formula
Res(f; z
0
) ≡ b
1
= lim
z→z0
1
(n −1)!
d
n−1
dz
n−1
[(z −z
0
)
n
f(z)] , n = 1, 2, 3, ...
che deriva direttamente dallo sviluppo di Laurent. In particolare, per un polo semplice si ha banalmemte
Res(f; z
0
) = lim
z→z0
(z −z
0
)f(z) , polo semplice.
Se il punto in esame `e l’infinito e la funzione `e regolare all’infinito, quindi f(∞) esiste, allora vale la
formula
Res(f; ∞) ≡ −b
1
= − lim
z→∞
z[f(z) −f(∞)] .
Nota: il residuo in qualunque punto `e sempre legato al coefficiente b
1
dello sviluppo di Laurent attorno
al punto considerato. Questo significa che per i punti al finito il residuo `e nullo se la funzione `e regolare,
mentre per l’infinito il residuo pu` o essere diverso da zero anche se la funzione `e regolare, in quanto
l’infinito `e un punto singolare se almeno uno dei coefficienti a
k
(k ≥ 1) `e diverso da zero. Per capire la
natura della singolarit`a di f(z) all’infinito si studia la funzione g(w) = f(1/w) in un intorno dell’origine,
ma questo sviluppo permette solo di classificare la singolarit`a di f all’infinito. Per calcolare il residuo si
deve effettuare lo sviluppo di f(z) per |z| ≫1 e isolare il coefficiente di 1/z.
Esiste anche un metodo alternativo che deriva dal fatto che il residuo `e dato dall’integrale di f(z) su
un cammino che racchiude solo l’eventuale singolarit`a z = ∞. Mediante il cambiamento di variabile
z →1/w questo diventa l’integrale della funzione φ(w) = f(1/w)/w
2
su un cammino che racchiude solo
la singolarit`a di φ(w) in w = 0. Infatti si ha
−Res(f; ∞) =

|z|≫1
dz f(z) =

|w|≪1
dw
f(1/w)
w
2
=

|w|≪1
dwφ(w) = Res(φ; 0) ,
18
ε
C = Γ + Σ ( γ + γ + γ_)
ε ε ε +
Γ
γ_
γ_
γ
γ
γ
γ_
+
+
+
γ
γ
γ
ε
ε
ε
ε
z
z
1
2
z
3
ε
ε
Figura 4: Teorema dei residui (cammino usato)
dove gli integrali sono percorsi tutti in senso antiorario. Dall’uguaglianza precedente e dalla definizione
di residuo si ha
b
1
= −Res(f; ∞) = Res(φ; 0) =
˜
b
1
,
dove
f(z) =

¸
n=0
a
n
z
n
+

¸
n=1
b
n
z
n
, |z| ≫1 ,
φ(w) =

¸
n=0
˜ a
n
w
n
+

¸
n=1
˜
b
n
w
n
, |w| ≪1 .
7.1 Teorema dei residui
Questo teorema permette di calcolare integrali nel campo complesso conoscendo i residui della funzione
in tutte le singolarit`a.
Teorema dei residui – Sia f(z) una funzione analitica in D a meno di un numero finito di singolarit`a
isolate z
1
, z
2
, z
3
, ... e C una curva chiusa contenuta in D e non passante per alcuna singolarit`a di f. Allora
l’integrale di f lungo C `e dato da 2πi per la somma dei residui in tutte le singolarit`a interne a C; in
formule

C
dz f(z) = 2πi
¸
n
Res(f; z
n
) .
Dimostrazione – Per la dimostrazione si integra la funzione su un cammino chiuso che non contiene
singolarit`a dato da C
ε
= Γ
ε
+
¸
n

n
ε
+ γ
n
+
+ γ
n

), dove Γ
ε
`e un cammino aperto che coincide con C
per ε → 0, γ
n
ε
sono dei circoletti intorno alle singolarit`a e γ
n
±
sono dei tratti paralleli che connettono
questi circoletti con Γ
ε
(vedi figura 4). Usando il teorema di Cauchy (4.2) e la definizione di residuo si
trova direttamente il risultato cercato. Infatti, l’integrale di f su C
ε
`e nullo e nel limite ε → 0 diventa
l’integrale su C meno la somma degli integrali sui circoletti attorno alle singolarit`a.
Corollario – Sia f(z) una funzione analitica in I C a meno di un numero finito di singolarit`a isolate
z
1
, z
2
, z
3
, ..., z
N
. Allora la somma di tutti i residui (infinito compreso) `e nulla; in formule
N
¸
n=1
Res(f; z
n
) + Res(f; ∞) = 0 .
La dimostrazione `e una diretta conseguenza del teorema precedente. Basta infatti integrare la funzione
su una generica circonferenza |z| = R non passante per qualche singolarit`a. L’integrale percorso in senso
antiorario `e dato dalla somma dei residui nelle singolarit`a interne (|z
k
| < R), mentre l’integrale percorso
19
in senso orario `e dato dala somma dei residui nelle singolarit`a esterne (|z
k
| > R) e la somma dei due
integrali `e nulla. Si noti che il risultato precedente in generale non `e valido per un’infinit`a numerabile di
singolarit`a, per` o vale ancora se la serie
¸

n=1
Res(f; z
n
) `e convergente.
7.2 Indicatore logaritmico
Sia f(z) una funzione analitica in D a meno di un numero finito di poli. La derivata logaritmica della
funzione
L(z) =
d log f(z)
dz
=
f

(z)
f(z)
,
ha poli semplici dove f ha zeri o poli ed `e regolare altrimenti. Pi` u precisamente, se z
0
`e uno zero o un
polo di ordine n per f allora `e un polo semplice con residuo n o −n (rispettivamente) per L(z). Scrivendo
la funzione nella forma
f(z) = (z −z
0
)
α
g(z) , α = 0, ±n, g(z
0
) = 0 ,
g(z) analitica si ottiene
L(z) =
α(z −z
0
)
α−1
g(z) + (z −z
0
)
α
g

(z)
(z −z
0
)
α
g(z)
=
α
z −z
0
+
g

(z)
g(z)
,
da cui si vede che il polo (eventuale) `e semplice e il residuo `e uguale ad α = 0, ±n.
Integrando finalmente L(z) su una curva chiusa contenente al suo interno N zeri e P poli (zeri e poli di
ordine n sono contati n volte) si ricava
N −P =
1
2πi

C
dz
f

(z)
f(z)
=
1
2πi

C
dz
d log f(z)
dz
=
1

∆ arg f(z)|
C
,
dove ∆ argf(z) `e l’incremento dell’argomento di f lungo l’intera curva chiusa C. Questo `e chiaramente un
multiplo di 2π. L’integrale precedente `e detto indicatore logaritmico e come si vede fornisce la differenza
fra il numero di zeri e il numero di poli (contati con la loro molteplicit` a) interni al cammino di integrazione.
E’ interessante osservare che se una funzione `e analitica in tutto il piano complesso a meno di un numero
finito di poli, allora il numero totale di zeri `e uguale al numero totale di poli. Infatti, l’indicatore
logaritmico fatto lungo una circonferenza di raggio R fornisce sempre la differenza N −P fra gli zeri e i
poli interni alla curva. Questo significa che se l’integrale `e fatto in senso antiorario allora contano i poli e
gli zeri con |z| < R, mentre se l’integrale `e fatto in senso orario allora contano i poli e gli zeri con |z| > R
e la somma dei due integrali `e sempre nulla.
Una immediata conseguenza di questa fatto `e che un polinomio P
N
(z) di grado N ha sempre N radici
(teorema fondamentale dell’algebra) in quanto `e una funzione analitica in tutto I C a parte un polo di
ordine N all’infinito.
7.3 Sviluppo di Mittag-Leffler
E’ uno sviluppo in serie che permette di ricostruire l’intera funzione conoscendo il comportamento in
tutti i poli. Qui lo dimostreremo solo per il caso in cui la funzione in esame abbia solo poli semplici, per`o
esistono simili sviluppi anche per funzioni con poli di ordine arbitrario.
Teorema di Mittag-Leffler – Sia f(z) una funzione meromorfa con (infiniti) poli semplici nei punti
0 < |z
1
| < |z
2
| < ... con residui B
1
, B
2
, B
3
, ... e C
N
una circonferenza di raggio R
N
contenente i primi N
poli. Se vale la condizione
lim
N→∞
max
|z|=RN
|f(z)|
R
N
= 0 ,
20
allora vale lo sviluppo di Mittag-Leffler
f(z) = f(0) +

¸
n=1
B
n
z
z
n
(z −z
n
)
= f(0) +

¸
n=1
¸
B
n
z
n
+
B
n
(z −z
n
)

. (7.1)
Per la dimostrazione si immagina di ordinare i poli in ordine crescente (in modulo), ma `e evidente che
nelle applicazioni la sommatoria `e fatta su tutti i poli della funzione. Si faccia inoltre attenzione al fatto
che in generale non `e consentito separare le ultime due serie precedenti perch´e singolarmente potrebbero
non convergere.
Dimostrazione – Si consideri la funzione g(w) = f(w)/[w(w−z)] che ha un polo semplice nell’origine, un
polo semplice in z e infiniti poli semplici nei punti z
n
. I residui sono rispettivamente Res(g; 0) = −f(0)/z,
Res(g; z) = f(z)/z e Res(g; z
n
) = B
n
/[z
n
(z
n
− z)] (n = 1, 2, 3, ...). Integrando questa funzione con
|z| < R
N
su C
N
e usando il teorema dei residui si ottiene
F
N
(z) =
1
2πi

CN
dwg(w) =
1
2πi

|w|=RN
dw
f(w)
w(w −z)
= −
f(0)
z
+
f(z)
z
+
N
¸
n=1
B
n
z
n
(z
n
−z)
, |z| < R
N
.
Questo integrale pu` o essere maggiorato usando la disuguaglianza di Darboux (4.1). Si ha
|F
N
(z)| ≤ max
|w|=RN
|g(w)| R
N
= max
|w|=RN
|f(w)|
|w −z|

¸
1
R
N
−|z|

max
|w|=RN
|f(w)|
e per le ipotesi fatte questa espressione tende a 0 per N →∞, da cui il risultato (7.1).
E’ chiaro che il risultato vale anche se il numero di poli `e finito. In questo caso si ottiene l’espansione di
una funzione razionale in frazioni semplici.
8 Prolungamento analitico
Alla base del concetto di prolungamento analitico (o continuazione analitica) sta l’osservazione del fatto
che due funzioni f
1
(z) e f
2
(z) definite nei domini D
1
e D
2
possono coincidere in tutti i punti dell’interse-
zione D
1
¸
D
2
. Allora la funzione f
2
(z) si pu` o pensare come il prolungamento di f
1
(z) all’intero dominio
D = D
1
¸
D
2
e allo stesso tempo, la funzione f
1
(z) si pu` o vedere come il prolungamento di f
2
(z) a D.
A questo punto `e naturale pensare f
1
(z) e f
2
(z) come due rappresentazioni della stessa funzione f(z)
riferite a domini diversi. Quando si parla di una funzione complessa si intende sempre la sua massima
estensione analitica.
Si cosiderino dapprima le seguenti funzioni reali definite negli intervalli aperti I
1
, I
3
f
1
(x) =

¸
n=0
x
n
, I
1
≡ {x : |x| < 1} ,
f
3
(x) = −

¸
n=0
(−1)
n
(x −2)
n
, I
3
≡ {x : |x −2| < 1} .
Queste due funzioni sono definite in intervalli disgiunti e non c’`e modo di confrontarle fra loro. L’unico
modo per vedere che di fatto sono due sviluppi in serie della stessa funzione f(x) = 1/(1 − x) `e quello
di sommare le serie (in questo caso si sa fare). La funzione f(x) `e singolare in x = 1 e quindi non esiste
nessun sviluppo che valga in un intervallo I
2
con intersezioni non nulle con I
1
e I
3
. Nel campo reale il
punto x = 1 costituisce un “limite invalicabile” alla possibile estensione di f
1
.
21
Nel campo complesso la situazione `e completamente diversa in quanto il “confine” in cui vale lo sviluppo
in serie `e una circonferenza lungo la quale in generale ci sono dei tratti di analiticit`a attraverso i quali `e
possibile “passare”. Si considerino ad esempio le seguenti funzioni definite nei domini D
1
, D
2
, D
3
f
1
(z) =

¸
n=0
z
n
, D
1
≡ {z : |z| < 1} ,
f
2
(z) = i

¸
n=0
(i)
n
[z −(1 +i)]
n
, D
2
≡ {z : |z −(1 +i)| < 1} ,
f
3
(z) = −

¸
n=0
(−1)
n
(z −2)
n
, D
3
≡ {z : |z −2| < 1} .
Queste funzioni definite da serie convergenti in domini diversi coincidono nell’intersezione dei domini e
pertanto `e naturale considerarle come rappresentazioni di un’unica funzione f(z), che in questo caso `e
f(z) =
1
1 −z
, z = 1 ,
che `e una funzione razionale definita in tutto il piano complesso eccetto che nel punto z = 1 dove c’`e un
polo semplice. Questa costituisce la massima estensione di f
1
(z) , f
2
(z) , f
3
(z).
8.1 Metodo di Weierstrass
Esponiamo brevemente il metodo di continuazione analitica dovuto a Weierstrass e basato sullo sviluppo
in serie di Taylor. E’ noto infatti che se una funzione `e analitica in un certo dominio D allora pu` o essere
sviluppata in serie di Taylor attorno ad un punto qualunque interno al dominio e la serie converge in un
cerchio centrato nel punto considerato. Si immagini allora di avere una funzione f
1
definita mediante la
sua serie di Taylor nel cerchio D
1
≡ {z : |z − z
1
| < r
1
}. f
1
`e analitica nel cerchio D
1
e lo sviluppo di
Taylor si pu` o fare attorno ad un qualunque punto z
2
∈ D
1
. Effettuando effettivamente tale sviluppo si
ottiene una serie di potenze che converge ad una funzione f
2
(z) per ogni z ∈ D
2
≡ {z : |z −z
2
| < r
2
}. E’
chiaro per costruzione che f
1
(z) = f
2
(z) per tutti i punti che appartengono all’intersezione dei due cerchi
D
1
¸
D
2
. Se succede che il cerchio D
2
non `e interamente contenuto in D
1
, allora abbiamo ottenuto un
prolungamento di f
1
(z) al dominio D
1
¸
D
2
. Ora si pu` o continuare il processo sviluppando attorno al
punto z
3
∈ D
1
¸
D
2
e ottenendo una funzione f
3
(z) definita in D
3
≡ {z : |z −z
3
| < r
3
} che coincide con
f
1
(z) e/o f
2
(z) nell’intersezione D
1
¸
D
2
¸
D
3
. Se D
3
non `e interamente contenuto in D
1
¸
D
2
, allora
abbiamo ottenuto un prolungamento di f
1
e/o f
2
. In linea di principio con questo metodo `e possibile
ottenere la massima estensione di ogni funzione, ma nella pratica si usano metodi pi` u rapidi.
Con questo metodo `e anche possibile prolungare la funzione lungo un percorso chiuso e dopo un numero
n di passi tornare al punto di partenza. Sia f
1
(z) definita in D
1
la funzione di partenza e f
n
(z) definita in
D
n
la funzione di arrivo con D
1
¸
D
n
= φ. Se la funzione f(z) che rappresenta la massima estensione di
f
1
`e una funzione ad un solo valore allora si ha f
1
(z) = f
n
(z) per ogni z ∈ D
1
¸
D
n
, se per`o la funzione
`e a pi` u valori (polidroma) allora nell’intersezione dei domini si pu` o avere f
1
(z) = f
n
(z). Questo succede
ad esempio con la funzione log z. Questa `e infatti una funzione ad infiniti valori e ogni volta che si fa un
giro completo attorno all’origine la funzione aumenta di 2πi.
8.2 Punti di diramazione e funzioni polidrome
I punti di diramazione sono delle singolarit`a delle funzioni a molti valori e pertanto una funzione polidroma
non `e mai analitica. Tali singolarit`a non sono isolate e si presentano sempre a coppie.
A titolo di esempio si consideri l’equazione w
2
= z = |z|e

. Le soluzioni sono della forma
w
k
=

|z|e
i(ϑ+2πk)/2
, k ∈ ZZ.
22
La radice quadrata `e quindi un funzione polidroma a due valori poich´e w
2k
= −w
2k+1
= w
2k+2
. Come `e
ben noto le due radici differiscono per il segno (w
0
=

|z|e
iϑ/2
= −w
1
).
E’ chiaro che la funzione f(z) =

z non `e analitica in z = ∞, ma anche il punto z = 0 `e un punto di
non-analiticit` a in quanto f non `e derivabile nell’origine (f

(z) = 1/[2

z] diverge in 0). La funzione ha
due punti (0,∞) in cui non `e derivabile (singolarit` a). Queste “singolatit`a” sono di natura completamente
diversa rispetto alle singolarit`a isolate incontrate fino ad ora. Questo si vede gi` a dal fatto che f non `e
sviluppabile in serie di Laurent attorno all’origine.
Per capire meglio quanto succede, calcoliamo l’integrale della funzione lungo la circonferenza |z| = r. Si
ha

|z|=r
dz

|z| = ±ir
3/2


0
dϑe
3iϑ/2
= ∓
4r
3/2
3
.
Vediamo che l’integrale `e diverso da zero, ma questo non `e sorprendente in quanto sappiamo gi` a che la
funzione non `e analitica nell’origine. La cosa nuova sta invece nel fatto che l’integrale dipende da r e
questo significa che non esiste una corona circolare centrata nell’origine in cui f `e analitica. Se questo
fosse possibile, per il teorema di Laurent l’integrale di f su una qualunque circonferenza C
r
≡ {z : |z| = r}
contenuta nella corona circolare sarebbe uguale a b
1
, indipendentemente da r.
Queste singolarit`a sono quindi di tipo diverso rispetto a quelle classificate mediante lo sviluppo di Laurent
e sono dovute al fatto che la funzione `e a pi` u valori. Quando si fa un giro completo attorno alla singolarit`a
la funzione cambia segno. Queste singolarit`a sono dette punti di diramazione.
Il modo pi` u semplice per trattare le funzioni a pi` u valori `e quello di considerare un solo ramo (o rami-
ficazione o determinazione) della funzione, considerando un dominio D ⊂ I C nel quale non `e possibile
girare attorno ai punti di diramazione e quindi togliendo dal piano complesso le linee (detti tagli) che
congiungono le coppie di punti di diramazione. Nel caso della radice quadrata la coppia di punti di
diramazione `e (0, ∞) e pertanto se dal piano complesso si esclude una qualunque linea che congiunge
l’origine con l’infinito, la funzione risulta analitica. Poich´e in tale dominio non `e possibile fare un giro
completo attorno all’origine (o all’infinito), la funzione `e ad un solo valore corrispondente al ramo fissato.
Il ramo corrispondente alla scelta | arg z| < 2π `e detto determinazione principale. L’intervallo in cui
varia arg z dipende da dove si effettua il taglio e questo `e dettato dal problema specifico. Il taglio che
congiunge i due punti di diramazione in linea di principio `e abitrario, ma nei casi pi` u semplici e frequenti
questo coincide con il semiasse reale positivo (negativo) e questo corrisponde alla scelta 0 < arg z < 2π
(−π < arg z < π). Il valore della funzione “sopra” il taglio `e diverso rispetto a quello che la funzione
assume “sotto” il taglio (discontinuit` a). Nel caso della radice quadrata la funzione cambia segno, mentre
nel caso del logaritmo la funzione aumenta di 2πi.
Se analizziamo con maggior dettaglio l’integrale precedente, vediamo che il risultato non dipende dalla
curva di integrazione, come potrebbe sembrare a prima vista, ma dalla discontinuit` a della primitiva
attraverso il taglio. Questo risulta chiaro se integriamo la radice quadrata lungo un curva arbitraria
C ≡ {z : z = z(ϑ) = ρ(ϑ)e

} contenente l’origine. Poniamo
f(z) =

z =

ρ(ϑ)e
iϑ/2
≡ F

(z) , F(z) =
2z
3/2
3
=
2
3

ρ(ϑ)e

3/2
.
Con queste notazioni si ottiene

C
dz f(z) =

C
dz F

(z) =
2
3

ϑ0+2π
ϑ0

d

ρ(ϑ)e

3/2
= F(z
+
0
) −F(z

0
) = −

3/2
0
3
.
Con z
0
si `e indicato il punto (arbitrario) sulla curva chiusa dove “inizia” e “termina” l’integrazione. Pi` u
precisamente
z
+
0
= ρ
0
e
iϑ0
, z

0
= ρ
0
e
i(ϑ0+2π)
,
23
sono i due estremi di integrazione, uno sopra e uno sotto il taglio.
Un modo pi` u elaborato per trattare queste funzioni `e quello di considerare tante copie del piano complesso
quanti sono i rami della funzione, tagliarle lungo delle linee che congiungono i punti di diramazione e
saldarle fra loro ottenendo in tal modo quella che viene chiamata superficie di Riemann. Su tale superficie
la funzione `e ad un solo valore. Quando si fa un giro completo attorno al punto di diramazione si passa
sul piano complesso superiore (2πk ≤ arg z ≤ 2(k + 1)π). Se la funzione ha n ramificazioni (come z
1/n
)
allora la superficie di Riemann `e una torre con n piani e l’ultimo `e saldato con il primo. Nel caso del
logaritmo la torre `e infinita perch`e il logaritmo ha infinite ramificazioni. La topologia delle superfici di
Riemann `e non banale e diventa assai complicata per funzioni con molti punti di diramazione.
8.3 Funzioni con bordo naturale
Esistono delle funzioni che non possono essere prolungate analiticamente in quanto hanno un bordo
naturale in cui le singolarit`a (non isolate) formano un insieme denso.
Un classico esempio `e dato dalla funzione
f(z) =

¸
n=0
z
n!
, |z| < 1.
Questa funzione ha un insieme di singolarit`a che `e denso sulla circonferenza |z| = 1 (bordo naturale).
E’ evidente che per z = 1 la serie diverge e quindi z = 1 `e una sigolarit` a per f. Per la stessa ragione, tutti
i punti sulla circonferenza unitaria C
1
≡ {z : |z| = 1} della forma z
k
= e

k
costituiscono una singolarit`a
per f se
ϑ
k
n! = 2πk , (per n ≥ q ∈ IN) , k ∈ ZZ.
Infatti in tal caso si ha
f
N
(z
k
) =
N
¸
n=0
z
n!
k
=
q−1
¸
n=0
e

k
n!
+
N
¸
n=q
z

k
n!
=
q−1
¸
n=0
e

k
n!
+N ,
che diverge nel limite N →∞. Punti che soddisfano queste richieste ce sono infiniti. Tutti i punti della
forma
z
p,q
= e
2πip/q
, p, q ∈ IN,
soddisfano le propriet` a
|z
p,q
| = 1 ,
pn!
q
= k ∈ IN, ∀n ≥ q
e pertanto f ha infinite singolarit`a su C
1
. Ci` o che effettivamente impedisce il prolungamento analitico `e il
fatto che questi punti formano un insieme denso su C
1
. Questo significa che in ogni arco (arbitraramente
piccolo) di C
1
si trovano infinite singolarit`a della funzione e pertanto il bordo `e un limite invalicabile.
Nota: la densit`a deriva direttamente dal fatto che in un intorno arbitrariamente piccolo di ogni numero
reale ci sono infiniti numeri razionali.
9 Funzioni speciali
Come esempi di prolungamento analitico studiamo le propriet` a di alcune funzioni speciali che si incontrano
frequentemente nella fisica.
24
9.1 Funzione Gamma di Eulero
E’ definita mediante l’equazione (integrale di Eulero del II tipo)
Γ(z) =


0
dt t
z−1
e
−t
, Re z > 0 . (9.1)
Questo integrale definisce una funzione analitica nel semipiano Re z > 0. L’integrale diverge per z = 0 e
quindi la funzione deve avere una singolarit`a in tale punto. Per vedere il tipo di singolarit`a prolunghiamo
la funzione facendo una prima integrazione per parti, vale a dire


0
dt t
z−1
e
−t
=
1
z


0
dt t
z
e
−t
, Re z > 0 .
L’uguaglianza precedente vale per Re z > 0, per` o l’ultimo integrale `e definito per Re z > −1. Si vede
dunque che l’origine `e un polo semplice per la funzione Γ(z) e che si ha
Γ(z) =
1
z


0
dt t
z
e
−t
, Re z > −1 , z = 0 . (9.2)
In z = −1 c’`e un’altra singolarit`a. Ora si pu` o continuare ad integrare per parti isolando le singolarit`a
della funzione. Dopo n + 1 integrazioni si ottiene
Γ(z) =
1
z(z + 1)(z + 2)...(z +n)


0
dt t
z+n
e
−t
, Re z > −n, z = 0, −1, −2, ..., −n,
da cui si vede che la funzione Γ(z) `e una funzione meromorfa con poli semplici nei punti 0, −1, −2, ....
Il residuo nel generico polo si ottiene mediante la formula
Res(Γ; −n) = lim
z→−n
(z +n)Γ(z) =
(−1)
n
n!
, n ∈ IN.
Se z non `e un polo, si ha la relazione (vedi 9.2)
Γ(z + 1) = zΓ(z) =⇒ Γ(n + 1) = n! .
Quest’ultima relazione si potrebbe usare per prolungare la funzione dal dominio Re z > −n al dominio
Re z > −n −1.
Vogliamo ora ricavare una relazione che connette Γ(z) con Γ(1 −z). Per 0 < Re z < 1 si ha
Γ(z) =


0
dxx
z−1
e
−x
Γ(1 −z) =


0
dy y
−z
e
−y
=⇒ Γ(z)Γ(1 −z) =


0


0
dxdy x
z−1
y
−z
e
−(x+y)
.
Per calcolare l’integrale conviene prima effettuare il cambiamento di variabili (x, y) →(x
2
, y
2
) e passare
quindi a coordinate polari (x = r cos ϕ, y = r sin ϕ). In tal modo si ottiene
Γ(z)Γ(1 −z) = 4


0
dr re
−r
2

π/2
0
dϕ[cos ϕ]
2z−1
[sin ϕ]
1−2z
=

1
0
dt
t
z−1
(1 −t)
z
= B(z, z + 1) . (9.3)
La funzione beta B(x, y) (integrale di Eulero del I tipo) `e data da
B(x, y) =

1
0
dt
t
x−1
(1 −t)
y−1
=
Γ(x)Γ(y)
Γ(x +y) = B(y, x)
, Re x > 0 , Re y > 0 . (9.4)
25
L’ultimo integrale in (??) si calcola esattamente con il metodo dei residui considerando la funzione
f(w) = w
z−1
/(1 − w)
z
e integrandola su un contorno chiuso C che racchiude la coppia di punti di
diramazione w = 0 e w = 1. Se il cammpino `e percorso in senso orario (positivo rispetto all’infinito) si
ha
2πi Res(f; ∞) =

C
dwf(w) = (−1)
z
sin πz

1
0
dt f(t) .
Per calcolare il residuo all’inifinito conviene effettuare lo sviluppo di Laurent della funzione per |w| ≫1.
Si ha
(1 −w)
z
= (−w)
z

1 −
1
w

∼ (−w)
z

1 −
z
w

z(1 −z)
2w
2
+...

,
da cui segue
f(w) =
w
z−1
(1 −w)
z

w
z−1
(−w)
z
(1 −z/w +...)
∼ (−1)
z
¸
1
w
+
z
w
2
+...

=⇒ Res(f; ∞) = (−1)
z
.
Finalmente si ottiene il risultato cercato
Γ(z)Γ(1 −z) =
(−1)
z
π
sin πz
Res(f; ∞) =
π
sin πz
. (9.5)
9.2 Funzione Zeta di Riemann
Questa `e definita mediante la serie
ζ(z) =

¸
n=1
1
n
z
, Re z > 1 . (9.6)
Per ottenere il prolungamento analitico e studiare le singolarit`a conviene usare un’altra rappresentazione
di ζ(z). Si osserva dapprima che per Re z > 0


0
dt t
z−1
e
−nt
=
1
n
z


0
dt t
z−1
e
−t
=
Γ(z)
n
z
.
Allora, per Re z > 1 si pu` o scrivere
ζ(z) =
1
Γ(z)

¸
n=1


0
dt t
z−1
e
−nt
=
1
Γ(z)


0
dt
t
z−1
e
t
−1
.
Ricordando le propriet` a del logaritmo si ottiene anche


0
dt
t
z−1
e
t
−1
= −
1
2i sin πz

γ
dw
(−w)
z−1
e
w
−1
,
dove γ `e un cammino aperto da (∞, −iδ) a (∞, +iδ) che gira attorno all’asse reale positivo. Il cam-
mino non deve contenere i poli della funzione integranda w
k
= 2πik , k = ±1, ±2, .... Dall’espressione
precedente e usando la (9.5) si ha finalmente
ζ(z) = −
Γ(1 −z)
2πi

γ
dw
(−w)
z−1
e
w
−1
, z = 1, 2, 3, ... (9.7)
26
Questa rappresenta il prolungamento analitico per ogni valore di z = 1, 2, 3, .... In z = 1 la funzione ha
un polo semplice con residuo uguale a 1. Infatti
Res(ζ; 1) = lim
z→1
(z −1)ζ(z) = lim
z→1
Γ(2 −z)
2πi

γ
dw
1
e
w
−1
= 1 .
L’integrale `e stato calcolato con il metodo dei residui osservando che la funzione integranda ora `e ad un
solo valore e quindi il taglio pu` o essere rimosso. In tal modo il cammino di integrazione diventa una curva
chiusa attorno all’origine.
Per finire calcoliamo il valore di ζ(0) dove la funzione `e analitica. Per z = 0 la funzione integranda
f(w) = 1/w(e
w
−1) ha una singolarit`a essenziale nell’origine per cui si pu` o rimuovere il taglio e chiudere
il cammino di integrazione. Allora si ha
ζ(0) =
1
2πi

C
dwf(w) = Res(f; 0) .
Per calcolare il residuo nella singolarit`a essenziale w = 0 si deve effettuare lo sviluppo di Laurent per
|w| < 1. Si ha
f(w) =
1
w(e
w
−1)

1
w
2
[1 +w/2 +w
2
/6 +...

1
w
2
¸
1 −
w
2
+
w
2
12
+...


1
w
2

1
2w
+
1
12
+...
In conclusione ζ(0) = −1/2.
Si verifica anche facilmente che z(−2n) = 0 (n = 1, 2, 3, ...). A questo proposito basta osservare che la
funzione g(w) `e una funzione dispari, cio`e g(w) = −g(−w), dove
g(w) =
1
e
w
−1

1
w
+
1
2
e quindi la funzione g(w)/w
2n+1
`e pari e il suo sviluppo conterr`a solo potenze pari di w. Questo significa
che lo sviluppo di Laurent per |w| < 1 della funzione integranda
f(w) =
1
w
2n+1
(e
w
−1)
=
1
w
2n+1
¸
1
w

1
2
+g(w)

=
1
w
2(n+2)

1
2w
2n+1
+
g(w)
w
2n+1
,
non contiene il termina b
1
/w (per n > 1) e dunque il residuo nell’origine `e nullo.
Una rappresentazione integrale simile alla (9.7) si pu` o ricavare anche per la funzione Γ(z). Si pu` o verificare
direttamente che
Γ(z) = −
1
2i sin πz

γ
dw(−w)
z−1
e
−w
e questa vale per ogni valore di z = 0, −1, −2, .. dove la funzione ha poli semplici. Il cammino γ `e quello
precedente senza restrizioni in quanto qui la funzione integranda non ha poli.
10 Complementi
10.1 Lemma di Jordan
Sia f(z) una funzione che si annulla all’infinito nel semipiano superiore, vale a dire
lim
R→∞
f(Re

) = 0 , 0 ≤ ϑ ≤ π
27
e α un numero reale positivo (α > 0). Allora si ha
lim
R→∞

Γ
+
R
dz e
iαz
f(z) = 0 , α > 0 , Γ
+
R
≡ {z : |z| = R, 0 ≤ arg z ≤ π} .
Dimostrazione – Riscriviamo l’integrale precedente usando la rappresentazione polare, cio`e

Γ
+
R
dz e
iαz
f(z) = iR

π
0
dϑe

e
iαR(cos ϑ+i sin ϑ)
f(Re

) .
Per le ipotesi fatte, fissato arbitrariamente ε > 0, per R abbastanza grande si ha |f(Re

)| < ε, quindi

Γ
+
R
dz e
iαz
f(z)

≤ R

π
0
dϑe
−αRsin ϑ
|f(Re

)| ≤ εR

π
0
dϑe
−αRsin ϑ
= 2εR

π/2
0
dϑe
−αRsin ϑ
.
L’ultima espressione si `e ottenuta usando il fatto che sinϑ `e simmetrico rispetto all’asse ϑ = π/2. Per
maggiorare ulteriormente l’integrale si osserva che nell’intervallo che interessa (0 ≤ ϑ ≤ π/2) vale la
disuguaglianza
sin ϑ ≥

π
=⇒ e
−αRsin ϑ
≤ e
−2αRϑ/π
,
per cui

π/2
0
dϑe
−αRsin ϑ

π/2
0
dϑe
−2αRϑ/π
=
π(1 −e
−αR
)
2αR
.
Finalmente si ha
lim
R→∞

Γ
+
R
dz e
iαz
f(z)

≤ lim
R→∞
επ(1 −e
−αR
)

=
πε
α
e dall’arbitrariet` a di ε segue il risultato cercato.
In modo del tutto simile si pu` o dimostrare il lemma precedente con “tutti i segni scambiati” (ossia nel
semipiano inferiore). Pi` u precisamente si ottiene
lim
R→∞
|f(Re
±iϑ
)| = 0 =⇒ lim
R→∞

Γ
±
R
dz e
±i|α|z
f(z) = 0 , 0 ≤ ϑ ≤ π , (10.1)
dove Γ
±
R
≡ {z : |z| = R, 0 ≤ ϑ = arg z ≤ ±π}. Come si vedr`a in seguito, il lemma di Jordan risulta
particolarmente utile nel calcolo delle trasformate di Fourier di funzioni razionali.
10.2 Somma di serie numeriche
Il metodo dei residui permette di calcolare la somma di serie numeriche della forma

¸
n=−∞
f(n) ,

¸
n=−∞
(−1)
n
f(n) ,
28
quando il modulo della funzione f(z) tende a zero pi` u rapidamente di 1/|z| all’infinito.
Siano z
k
i poli di f(z) (z
k
/ ∈ ZZ, altrimenti la serie diverge) e |zf(z)| →0 per |z| →∞. Allora si ha

¸
n=−∞
f(n) = −π
¸
k
Res (f(z) cot πz; z
k
) ,

¸
n=−∞
(−1)
n
f(n) = −π
¸
k
Res

f(z)
sin πz
; z
k

,
dove la somma `e estesa a tutti i poli della funzione f(z).
Dimostrazione – Le funzioni cot πz e 1/ sin πz hanno poli semplici su tutti i numeri interi (w
n
= n,
n ∈ ZZ) e i rispettivi residui sono
Res(cot πz; n) =
1
π
, Res

1
sin πz
; n

=
(−1)
n
π
.
Si consideri allora una curva chiusa C
N
contenente (strettamente) al suo interno i poli w
n
con |n| ≤ N e
non passante per nessun polo di f(z). Integrando si ottiene

CN
dz f(z) cot πz = 2πi
¸
N
¸
n=−N
Res(f(z) cot πz; w
n
) +
¸
k
, Res(f(z) cot πz; z
k
¸
= 2πi
¸
N
¸
n=−N
f(n)
π
+
¸
k
, Res(f(z) cot πz; z
k
¸
,
dove la somma su k `e fatta su tutti i poli di f(z) interni a C
N
. Una equazione simile si ottiene considerando
l’inverso del seno in luogo della cotangente. Il risultato richiesto si ricava prendendo il limite per N →∞
se si dimostra che in tal caso l’integrale su C
N
si annulla. Questo `e garantito dal seguente
Lemma: le funzioni trigonometriche | cot πz| e |1/ sin πz| sono limitate su ogni quadrato Q
N
di lato
2(N + 1/2) centrato nell’origine.
Dimostrazione – Si consideri un punto z = x +iy ∈ Q
N
. Si hanno i seguenti casi:
• y > 1/2, x arbitrario
| cot πz| =

e
iπz
+e
−iπz
e
iπz
−e
−iπz

1 +e
−2πy
1 −e
−2πy


1 +e
−π
1 −e
−π
= coth
π
2
,
• y < −1/2, x arbitrario
| cot πz| =

e
iπz
+e
−iπz
e
iπz
−e
−iπz

1 +e
+2πy
1 −e
2πy


1 +e
−π
1 −e
−π
= coth
π
2
, ,
• −1/2 ≤ y ≤ 1/2, x = ±(N + 1/2)
| cot πz| =

cot π

N +
1
2
±iy

= |tan iπy| = | tanh πy| ≤ tanh
π
2
< coth
π
2
.
Di qui segue che per ogni z ∈ Q
N
, cot πz `e maggiorata da una costante indipendente da N, cio`e
| cot πz| ≤ coth
π
2
, z ∈ Q
N
.
29
Una simile maggiorazione vale anche per l’inverso del seno.
Questo significa che, data una qualunque funzione che si annulla pi` u rapidamente di 1/|z| all’infinito, per
il teorema di Darboux si ha
lim
N→∞

QN
dz f(z)T(z)

≤ lim
N→∞
8

N +
1
2

|f(z)||T(z)| = 0 ,
dove T(z) `e una delle funzioni trigonometriche precedenti (cotangente o cosecante). Il cammino di
integrazione pu` o essere deformato a piacere (basta non attraverare i poli) e quindi a Q
N
si pu` o sostiture
una qualsiasi curva chiusa C
N
.
E’ evidente che un risultato analogo vale anche per la tangente e la secante che sono le funzioni precedenti
traslate. Volendo effettuare una dimostrazione diretta anche per questi due casi si deve considerare un
quadrato Q
N
di lato 2N, in quanto i poli sono i numeri semi-interi).
Per concludere si ha
lim
N→∞

CN
dz f(z)T(z)

≤ 0 , (10.2)
dove T(z) `e la tangente, la cotangente, la secante o la cosecante e C
N
`e un cammino chiuso che non
interseca nessun polo.
E’ evidente che il metodo di somma appena esposto si pu` o applicare anche se la funzione f(z) non `e
razionale, ma in tal caso bisogna verificare esplicitamente la validit`a dell’equazione (10.2). A titolo di
esempio si consideri la serie trigonometrica
g(α) =

¸
n=1
(−1)
n
sin nα
n
3
,
che converge uniformemente ad una funzione (continua) dispari e periodica. E’ quindi sufficiente consi-
derare α ∈ [0, π]. In questo intervallo, procedendo come sopra per y > 1/2 e x arbitrario si ha

sin αz
sin πz

=

e
−iαz
(1 −e
2iαz
)
e
−iπz
(1 −e
2iπz
)

e
αy
(1 +e
−2αy
)
e
πy
(1 −e
−2πy

≤ [e
−(π−α)y
]

1 +e
−π
1 −e
−π

coth
π
2

.
In modo simile si ottengono le maggiorazioni sugli altri lati del quadrato e quindi la (10.2) `e verificata.
Ora integrando la funzione sinαz/(z
3
sin πz sul quadrato Q
N
e prendendo il limite N →∞ si ottiene
0 =

dz
sin αz
z
3
sin πz
= 2πi

¸
n=0
(−1)
n
sin nα
πn
3
+ Res

sin αz
z
3
sin πz
; 0

¸
¸
,
da cui segue
g(α) =
1
2
¸
n=0
(−1)
n
sin nα
n
3
= −
π
2
Res

sin αz
z
3
sin πz
; 0

.
Si osservi che il polo nell’origine deve essere trattato a parte in quanto il polo `e triplo. Dallo sviluppo di
Laurent attorno all’origine si ha
sin αz
z
3
sin πz

αz −α
3
z
3
/6 +...
z
3
(πz −π
3
z
3
/6) +...

α
πz
3

1 −
α
2
z
2
6

1 +
π
2
z
2
6

+... ∼
α(π
2
−α
2
)
6πz
+...
30
da cui
g(α) = −
α(π
2
−α
2
)
12
, −π ≤ α ≤ π .
(Si verifichi il risultato usando lo sviluppo di Fourier).
10.3 Integrazione di funzioni trigonometriche
L’integrale su un periodo di una funzione arbitraria di funzioni trigonometriche F(sin ϑ, cos ϑ) `e equiva-
lente all’integrale di una funzione f(z) sulla circonferenza |z| = 1. Mediante il cambiamento di variabile
z = e

e l’uso delle formule di Eulero si ricava infatti


0
dϑF(sin ϑ, cos ϑ) =

|z|=1
dz f(z) , f(z) =
1
iz
F

z
2
−1
2iz
,
z
2
+ 1
2z

.
10.4 Valore principale di Cauchy
E’ una regola che permette di dare un senso a integrali altrimenti divergenti. Si consideri una funzione
f(x) continua in [a, b] eccetto che nel punto x
0
e la funzione
I(ε) =

x0−ε
a
dxf(x) +

b
x0+ε
dxf(x) .
Il limite per ε → 0 di I(ε) pu` o esistere anche se la funzione non `e integrabile (negli integrali impropri
secondo Riemann si richiede l’esistenza del limite destro e sinistro separatamente). Se tale limite `e finito
si dice che l’integrale esiste come valore principale di Cauchy. Si scrive
vP

b
a
dxf(x) = lim
ε→0
¸

x0−ε
a
dxf(x) +

b
x0+ε
dxf(x)
¸
.
Se nell’intervallo di integrazione ci sono n punti singolari x
1
, x
2
, ..., x
n
, allora
vP

b
a
dxf(x) =
n
¸
k=1
lim
ε
k
→0
¸

x
k
−ε
k
a
dxf(x) +

b
x
k

k
dxf(x)
¸
.
In modo analogo si tratta l’eventuale singolarit`a all’infinito, cio`e
vP


−∞
dxf(x) = lim
R→∞

R
−R
dxf(x) .
10.5 Trasformate di Hilbert
Queste connettono fra loro la parte reale e la parte immaginaria di una funzione analitica. Sia f(z) una
funzione analitica nel semipiano superiore Imz ≥ 0 e tale che |f(z)| → 0 per z → ∞ (nel semipiano
superiore). Si chiamano trasformate di Hilbert gli integrali
Re f(x) =
1
π
vP


−∞
dt
Imf(t)
t −x
, Imf(x) =
1
πi
vP


−∞
dt
Re f(t)
t −x
.
Per verificare questo risultato basta integrare la funzione g(z) = f(z)/(z − x) lungo il cammino chiuso
C
R,ε
= γ
R
+ γ
ε
+ γ
+
+ γ

dove γ
R
`e la semicirconferenza |z| = R (nel semipiano superiore), γ
ε
`e la
31
semicirconferenza |z − x| = ε (nel semipiano superiore), γ
+
`e la semiretta [x + ε, ∞) e infine γ

`e la
semiretta (−∞, x − ε]. La funzione integranda g(z) ha un solo polo sull’asse reale, ma questo `e esterno
al cammino di integrazione e pertanto il suo integrale `e nullo. Pertanto

ΓR
dz g(z) +

γε
dz g(z) +

Γ+
dz g(+) +

Γ−
dz g(z) = 0 .
Nel limite R → ∞, il primo integrale si annulla per il teorenma di Darboux, mentre i due integrali
su γ
±
, nel limite ε → 0, danno il valore principale dell’integrale della funzione g(x) sull’asse reale. Il
secondo integrale si calcola direttamente usando la rappresentazione polare e osservando che, per l’ipotesi
di analiticit` a,
f(z) = f(x) +f

(x)(z −x) +o

[z −x]
2

.
In tal modo si ottiene

γε
dz g(z) = f(x)

γε
dz
z −x
+f

(x)

γε
dz +o(ε
2
) = −iπf(x) +o(ε) .
Nel limite R →∞, ε →0 si ha finalmente
f(x) =
1

vP


−∞
dt
f(t)
t −x
.
Prendendo la parte reale e la parte immaginaria dell’espressione precedente si ottiene il risultato richiesto.
E’ evidente che un risultato simile vale anche per unaa funzione f(z) analitica e tendente a zero nel
semipiano inferiore. In tal caso si ottengono le stesse trasformazioni per` o con il segno scambiato. Questo
non `e in contraddizione con le formule precedenti perch´e una funzione analitica ovunque e che si annulla
all’infinito `e identicamnte nulla.
11 Applicazioni
Consideriamo ora alcuni problemi classici che si risolvono mediante l’uso dell’analisi complessa.
11.1 Integrali di Fresnel
Si incontrano in ottica nello studio della rifrazione:


0
dx cos(αx
2
) ,


0
dx sin(αx
2
) , α ∈ IR.
Si consideri la funzione complessa f(z) = e
−αz
2
con α > 0 e la si integri sul cammino chiuso C formato
dal perimetro del settore circolare di raggio R e di ampiezza π/4. All’interno di tale settore, costituito
dai punti con |z| ≤ R; 0 ≤ arg z ≤ π/4, la funzione `e analitica. Allora si ha
0 =

C
dz f(z) =

R
0
dρ f(ρ) −e
iπ/4

R
0
dρ f(ρe
iπ/2
) +iR

π/4
0
dϑe

f(Re
2iϑ
) .
Ora osserviamo che
lim
R→∞

iR

π/4
0
dϑe

e
−αR
2
e
2iϑ

≤ lim
R→∞
R

π/4
0
dϑe
−αR
2
cos 2ϑ
≤ lim
R→∞
R
2

π/2
0
dϕe
−2αR
2
ϕ/π
= lim
R→∞
π
4αR

1 −e
−αR
2

= 0 .
32
Nell’ultimo integrale si `e effettuato il cambiamento di variabile 2ϑ = π/2 − ϕ e quindi si `e maggiorato
ulteriormente(vedi Lemma di Jordan).
Passando al limite nell’espressione sopra si ottiene quindi


0
dρ e
−iαρ
2
= e
−iπ/4


0
dρ e
−αρ
2
=
e
−iπ/4
2

π
α
=
1
2

2

π
α
(1 −i) , α > 0 .
Si osservi che questo risultato `e quello che si ottiene con la sostituzione α →iα se per la radice si prende
la determinazione principale.
Gli integrali di Fresnel corrispondono alla parte reale e immaginaria dell’espressione precedente, per cui


0
dx cos(αx
2
) =


0
dx sin(αx
2
) =
1
4


|α|
, α > 0 .
Nel caso del coseno, che `e una funzione pari, questo risultato vale anche per α < 0 mentre per il seno,
che `e una funzione dispari, il valore dell’integrale `e negativo se α < 0.
11.2 Sviluppi di Mittag-Leffler
Sviluppare le seguenti funzioni trigonometriche:
f
1
(z) =
1
cos z
, f
2
(z) = tan z , f
3
(z) =
1
sin z
, f
4
(z) = cot z .
La formula di Mittag-Leffler (7.1) vale se tutti i poli sono semplici e ovviamente non nell’origine. Inoltre
la funzione f(z) in esame deve soddisfare la condizione max |f(z)|/|z| →0 quando z →∞, con z ∈ C
N
;
C
N
`e una curva chiusa che non interseca nessun polo.
Le funzioni considerate sopra soddisfano tutte la condizione richiesta all’infinito in quanto si `e dimostrato
precedentemente che sono limitate su opportuni quadrati Q
N
e inoltre hanno tutte poli semplici. Le
funzioni f
1
(z) e f
2
(z) sono pure regolari nell’origine e quindi si possono sviluppare applicando la formula
(7.1), mentre le funzioni f
3
(z) e f
4
(z) hanno un polo nell’origine che si deve togliere prima di applicare
la (7.1) definendo le funzioni
g
3
(z) = f
3
(z) −
Res(f
3
; 0)
z
=
1
sin z

1
z
, g
4
(z) = f
4
(z) −
Res(f
4
; 0)
z
= cot z −
1
z
.
I residui nei poli delle funzioni f
k
sono (n ∈ ZZ)
Res(f
1
; [n + 1/2]π) = −(−1)
n
, Res(f
3
; nπ) = (−1)
n
,
Res(f
2
; [n + 1/2]π) = −1 , Res(f
4
; nπ) = 1 ,
Ora `e possibile applicare la (7.1). Si ottiene
f
1
(z) =
1
cos z
= 1 −

¸
n=−∞
(−1)
n
z
[z −(n + 1/2)π](n + 1/2)π
,
f
2
(z) = tan z = −

¸
n=−∞
z
[z −(n + 1/2)π](n + 1/2)π
,
f
3
(z) =
1
sin z
=
1
z
+ 2

¸
n=1
(−1)
n
z
z
2
−n
2
π
2
,
f
4
(z) = cot z =
1
z
+ 2

¸
n=1
z
z
2
−n
2
π
2
.
33
11.3 Quantizzazione secondo Bohr-Sommerfeld
E’ una ricetta di quantizzazione precedente alla meccanica quantistica.
Siano p
k
, q
k
le variabili coniugate di una particella (legata; moto classico periodico). La quantizzazione
di Bohr-Sommerfeld afferma che le “traiettorie” della particella nello spazio delle fasi non possono essere
qualsiasi ma devono soddisfare la regola di quantizzazione

dq
k
p
k
= n
k
h, n
k
∈ IN (numeri quantici),
che vale per grandi numeri quantici (n
k
≫1; quantizzazione semiclassica). Gli integrali sono fatti lungo
la traiettoria classica (chiusa) e devono essere dei multipli interi della costante di Planck h.
• Come primo esempio si consideri un oscillatore armonico unidimensionale di massa m e frequenza
angolare ω. L’hamiltoniana `e H = p
2
/2m + mω
2
q
2
/2 e classicamente non c’`e nessuna restrizione
sui possibili valori dell’energia. Ad ogni valore di E corrisponde una traiettoria (ellisse) nello spazio
delle fasi. Si ha infatti
E =
p
2
2m
+

2
q
2
2
=⇒ p
2
= m
2
ω
2

L
2
−q
2

, |q| ≤

2E

2
= L,
dove L `e la massima elongazione. Usando il metodo di quantizzazione descritto sopra si ottiene

dq p = 2mω

−L
L
dq

L
2
−q
2
= nh.
L’integrale precedente si calcola con il metodo dei residui integrando la funzione f(z) =

L
2
−z
2
su una curva chiusa C contenente il segmento [−L, L]. All’esterno della curva la funzione `e analitica,
quindi

C
dz f(z) = −2πi Res(f; ∞) = πL
2
.
La curva C `e arbitraria (basta soltanto che racchiuda il taglio) per cui si pu` o scegliere arbitraria-
mente vicina al segmento [−L, L]. In tal modo si ottiene

C
dz f(z) = 2

−L
L
dq

L
2
−q
2
e finalmente

dq p = mω

C
dz f(z) = mπωL
2
= nh =⇒ E
n
= n¯hω ,
che per n ≫1 coincide con il valore dato dalla meccanica quantistica E
n
= (n + 1/2)¯ hω.
• Come secondo esempio si consideri una particella di massa m in un potenziale centrale attrattivo
V (r) = −k/r (k > 0; atomo di idrogeno). La lagrangiana e l’hamiltoniana in coordinate polari
sferiche sono
L =
m
2

˙ r
2
+r
2
˙
ϑ
2
+r
2
sin
2
ϑ ˙ ϕ
2

−V (r) ,
H =
1
2m
¸
p
2
r
+
p
2
ϑ
r
2
+
p
2
ϕ
r
2
sin
2
ϑ
¸
+V (r) ,
dove p
r
, p
ϑ
, p
ϕ
sono gli impulsi coniugati alle coordinate polari r, ϑ, ϕ. Dalla regola di quantizzazione
si ha
J
r
=

dr p
r
= n
r
h, J
ϑ
=

dϑp
ϑ
= n
ϑ
h, J
ϕ
=

dϕp
ϕ
= n
ϕ
h.
34
Poich`e ϕ `e una variabile ciclica il suo impulso coniugato `e costante e quindi
J
ϕ
=

dϕp
ϕ
= 2πp
ϕ
= n
ϕ
h =⇒ p
ϕ
= n
ϕ
¯h,
che `e la regola di quantizzazione della proiezione lungo l’asse z del momento angolare L (p
ϕ
≡ L
z
).
n
ϕ
`e il numero quantico magnetico che usulamente si indica con m. Ricordando le equazioni di
Halmiton e la definizione di impulso coniugato
p
k
=
∂L
∂ ˙ q
k
, p
k
= −
∂H
∂q
k
,
si ricava direttamente
d
dt
¸
p
2
ϑ
+
p
2
ϕ
sin
2
ϑ
¸
= 0 , =⇒ p
2
ϑ
+
p
2
ϕ
sin
2
ϑ
= α
2
= costante ,
che `e la legge di conservazione del quadrato del momento angolare (α
2
= |L|
2
).
Per ricavare J
ϑ
conviene sfruttare il fatto che il momento angolare `e conservato. Questo significa
che la traiettoria `e contenuta in un piano e quindi conviene scegliere il sistema di riferimento in
modo che l’asse z sia ortogonale al piano del moto (o equivalentemente parallelo al vettore momento
angolare). Con questa scelta l’hamiltoniana assume la forma
H =
1
2m
¸
p
2
r
+
p
2
φ
r
2
¸
+V (r) ,
dove ora r, φ sono coordinate polari piane (cilindriche) e p
φ
= α `e il modulo del momento angolare
(costante).
Come `e noto, in generale l’energia cinetica `e data dall’espressione T = (1/2)
¸
k
p
k
˙ q
k
. Per il nostro
sistema, scrivendo questa espressione in coordinate sferiche e cilindriche si ottiene
2T = p
r
˙ r +p
ϑ
˙
ϑ +p
ϕ
˙ ϕ = p
r
˙ r +p
φ
˙
φ =⇒ p
ϑ
dϑ = p
φ
dφ −p
ϕ
dϕ.
Poich´e p
φ
e p
ϕ
sono entrambi costanti si ha banalmente
J
ϑ
=

dϑp
ϑ
=


0
dφp
φ


0
dϕp
ϕ
= 2π(p
φ
−p
ϕ
) .
Da quest’ultima equazione e da J
ϕ
si ricava finalmente
p
φ
=
J
ϑ
+J
ϕ

= (n
ϑ
+n
ϕ
)¯ h = α =⇒ E =
1
2m
¸
p
2
r
+
α
2
r
2

+V (r) ,
dove E `e l’energia della particella. Siamo ora in grado di ricavare anche J
r
e di conseguenza la
regola di quantizzazione dell’energia. Si ha
J
r
=

dr p
r
= 2

r2
r1
dr

2m[E −V (r)] −
α
2
r
2
,
dove r
1
, r
2
sono gli zeri della funzione sotto radice. L’integrale precedente si calcola con il metodo
dei residui. Posto
f(z) =

2mE +
2mk
z

α
2
z
2
=

2mE
z

z
2
+
kz
E

α
2
2mE
=

2mE
z

(z −r
1
)(z −r
2
) ,
35
r
1
+r
2
= −
k
E
, r
1
r
2
= −
α
2
2mE
,
si ottiene
J
r
= 2πi[Res(f(z); 0) + Res(f(z); ∞) = 2πi

2mE


r
1
r
2
+
r
1
+r
2
2

,
da cui segue
J
r

= k

m
2|E|
−α = n
r
¯h
e finalmente
E
n
= −
mk
2
2n
2
¯h
2
, n
2
= (n
r
+n
ϑ
+n
ϕ
)
2
,
che in questo caso coincide esattamente con la regola di quantizzazione della meccanica quantistica.
36
SECONDA PARTE
Definizioni
Alcuni dei concetti seguenti si possono definire in spazi pi` u generali, ma qui siamo interessati agli spazi
euclidei per i quali `e definito il concetto di “distanza” fra due punti arbitrari. Questo `e dato dalla norma
della differenza dei due punti, che per spazi reali diventa una vera distanza ρ(x, y) = ||x−y|| (vedi sotto).
• Discontinuit` a di prima specie. – Quando i limiti destro e sinistro esistono entrambi ma sono diversi
fra loro.
• Funzione a variazione limitata. – f definita in [a, b] si dice a variazione limitata se, per ogni
suddivisone dell’intervallo del tipo a = x
0
< x
2
< · · · < x
n
= b si ha
n
¸
k=1
|f(x
k
) −f(x
k−1
)| < costante .
• Funzione assolutamente continua. – f definita in [a, b] si dice assolutamente continua se, fissato
arbitrariamente ε > 0, esiste δ per cui
¸
k
|f(b
k
) −f(a
k
)| < ε ,
¸
k
(b
k
−a
k
) < δ ,
dove (a
k
, b
k
) `e una qualsiasi famiglia finita di intervalli disgiunti.
Ogni funzione assolutamente continua `e uniformemente continua e a variazione limitata.
In particolare, l’integrale indefinito di ogni funzione sommabile definisce una funzione assolutamente
continua.
• Convergenza quasi ovunque. – Si dice che la successione {f
n
} converge a f quasi ovunque se
f
n
(x) →f(x), a meno di un insieme di misura nulla, vale a dire, l’insieme dei punti in cui la funzione
non converge ha misura nulla.
• Sottoinsieme denso: un insieme M
1
`e denso in M se ogni punto di M `e circondato da punti di M
1
arbitrariamente vicini. In maniera precisa: per ogni x ∈ M e comunque scelto un numero ε > 0,
esiste un elemento x
1
∈ M
1
tale che ||x −x
1
|| < ε.
• Successione Fondamentale (o di Cauchy). – Una successione {x
k
} si dice fondamentale se soddisfa
il criterio di Cauchy, vale a dire se, comunque scelto un numero ε > 0, esiste un intero N
ε
tale
che ||x
n
−x
m
|| < ε, per ogni n, m > N
ε
. Ogni successione convergente ovviamente soddisfa questo
criterio. In generale per` o non vale il viceversa. Quindi il criterio di Cauchy `e una condizione
necessaria ma non sufficiente per la convergenza delle successioni.
• Completezza di uno spazio. – Uno spazio M si dice completo se ogni successione fondamentale `e
convergente. Questo significa che in uno spazio completo, la condizione di Cauchy `e necessaria e
sufficiente per la convergenza.
Esempio. L’insieme Q dei numeri razionali non `e completo. Esistono infatti successioni di numeri
razionali che convergono ad un numero reale, ma non razionale. L’insieme dei numeri reali IR `e
completo ed `e anche il completamento di Q. In IR ogni successione fondamentale converge ad un
numero reale.
• Spazio separabile. – Uno spazio M si dice separabile se contiene un insieme numerabile ovunque
denso in M (gli spazi che si incontrano comunemente lo sono).
Esempio. Un numero reale si pu` o approssimare con precisione assoluta mediante un numero razio-
nale. L’insieme dei numeri razionali Q `e quindi denso in IR; inoltre Q `e numerabile e dunque IR `e
separabile.
37
Teoremi classici
• Teorema di Lebesgue. – Se {f
n
} `e una successione di funzioni convergente a f e per ogni n vale
la relazione |f
n
(x)| ≤ φ(x), dove φ(x) `e una funzione integrabile, allora anche le funzioni f
n
sono
integrabili e il limite degli integrali di f
n
converge all’integrale di f (si pu` o scambiare il limite con
l’integrale). In particolare, se l’insieme di integrazione ha misura finita, allora il teorema vale per
ogni successione limitata.
• Teorema di Levi. – Se f
1
(x) ≤ f
2
(x) ≤ ... ≤ f
n
(x) ≤ ... `e una successione di funzioni integrabili
e tutti gli integrali sono maggiorati da un’unica costante, allora la successione converge a f quasi
ovunque e inoltre l’integrale di f `e il limite degli integrali.
• Teorema di Fatou. – Se {f
n
} `e una successione di funzioni non negative convergente a f e tutti gli
integrali di f
n
sono maggiorati da una costante comune, allora l’integrale di f esiste ed `e maggiorato
dalla stessa costante.
38
12 Spazio Euclideo (complesso)
• Se non specificato diversamente, in questa sezione x, y, z, ... sono arbitrari elementi (vettori) di uno
spazio lineare M, mentre α, β, ... sono numeri complessi arbitrari.
Si chiama spazio euclideo (complesso) uno spazio lineare complesso M in cui `e definito un prodotto scalare.
Questo `e una funzione (x, y) che ad ogni coppia di elementi x, y ∈ M associa un numero complesso e
gode delle seguenti propriet` a:
1) (x, x) ≥ 0 e inoltre (x, x) = 0 se e solo se x = 0;
2) (x, y) = (y, x) (la barra rappresenta la coniugazione complessa);
3) (x, αy) = α(x, y) , (αx, y) = ¯ α(x, y);
4) (x, y +z) = (x, y) + (x, z).
Ogni spazio euclideo `e anche normato e metrico. Infatti, mediante il prodotto scalare si pu` o definire la
norma ||x|| del generico elemento x ∈ M, vale a dire
||x|| =

(x, x) , (12.1)
che gode delle propriet` a:
1) ||x|| ≥ 0 e ||x|| = 0 se e solo se x = 0;
2) ||αx|| = |α| · ||x||;
3) ||x +y|| ≤ ||x|| +||y|| (disuguaglianza triangolare).
Le propriet` a 1) e 2) seguono direttamente dalle propriet` a del prodotto scalare, mentre la 3) segue dalla
disuguaglianza di Cauchy-Bounjakowskij
4
.
|(x, y)| ≤ ||x|| · ||y|| . (12.2)
Questa si dimostra facilmente considerando la disuguaglianza
0 ≤ (λx +y, λx +y) = |λ|
2
(x, x) +
¯
λ(x, y) +λ(y, x) + (y, y) = ||x||
2
|λ|
2
+ 2 Re [λ(y, x)] +||y||
2
.
Poich´e λ `e un un numero complesso arbitrario si pu` o scegliere
λ =
(x, y)
|(x, y)|
t , t ∈ IR =⇒ Re [λ(y, x)] = |(x, y)| t .
Con questa scelta si ricava la disequazione
||x||
2
t
2
+ 2|(x, y)|t +||y||
2
≥ 0 ,
che `e sempre verificata se il discriminante `e negativo o nullo. Imponendo tale condizione si ottiene
direttamente la disuguaglianza di Cauchy-Bounjakowskij.
Se lo spazio euclideo `e reale, allora mediante la norma si pu` o definire la distanza ρ(x, y) fra due punti
arbitrari x, y ∈ M. Questa `e data da
ρ(x, y) = ||x −y||
e gode delle propriet` a:
4
Si ricordi che il modulo del prodotto di due vettori reali `e uguale al prodotto dei moduli per il coseno del’angolo
compreso, che `e sempre minore di 1.
39
1) ρ(x, y) ≥ 0 e ρ(x, y) = 0 se e solo se x = y;
2) ρ(x, y) = ρ(y, x);
3) ρ(x, y) ≤ ρ(x, z) +ρ(y, z) (disuguaglianza triangolare).
In ogni spazio euclideo la somma, il prodotto per un numero e il prodotto scalare sono continui. Questo
significa che se {x
n
} e {y
n
} sono due successioni che convergono a x e y rispettivamente e α
n
`e una
successione numerica che converge ad α, allora si ha
x
n
+y
n
→x +y , α
n
x
x
→αx, (x
n
, y
n
) →(x, y) .
La convergenza nello spazio M va intesa rispetto alla norma, vale a dire:
x
n
→x significa che ||x
n
−x|| →0.
Qui dimostriamo la prima di queste relazioni. Le altre due si dimostrano in modo analogo usando le
propriet` a della norma e la disugualianza (12.2). Si ha
||(x
n
+y
n
) −(x +y)|| = ||(x
n
−x) + (y
n
−y)|| ≤ ||x
n
−x|| +||y
n
−y|| →0 .
In uno spazio euclideo reale, la norma rappresenta la “lunghezza del vettore” e il prodotto scalare permette
di definire l’angolo φ formato da due vettori x, y (non nulli) mediante la relazione
cos φ =
(x, y)
||x|| · ||y||
, | cos φ ≤ 1| , 0 ≤ φ ≤ π , (spazio reale). (12.3)
Se φ = π/2 i due vettori si dicono ortogonali.
Se lo spazio in questione `e complesso, la relazione (12.3) perde in generale di significato in quanto il
prodotto scalare pu` o essere complesso, tuttavia rimane significativo il concetto di ortogonalit`a fra vettori.
In uno spazio euclideo (complesso) un sistema di vettori non nulli {x
i
} si dice ortonormale se
(x
i
, x
j
) = δ
ij
, δ
ij
=

0 per i = j
1 per i = j
,
e semplicemente ortogonale se tutti i vettori in questione non hanno norma uguale a 1.
Si verifica facilmente che i vettori ortogonali sono fra loro linearmente indipendenti. Infatti si ha (basta
moltiplicare scalarmente per x
i
generico)
α
1
x
1

2
x
2
+... +α
n
x
n
= 0 =⇒ α
i
= 0 , i = 1, 2, ..., n.
Un sistema (ortogonale) si dice completo se il pi` u piccolo sottospazio (chiuso) di M che contiene lo
spazio generato dal sistema `e M stesso. In tal caso il sistema (ortogonale/ortonormale) forma una base
(ortogonale/ortonormale) e ogni elemento di M si pu` o scrivere (in un solo modo) come combinazione
lineare dei vettori di base.
Si dimostra che in uno spazio euclideo separabile, ogni sistema ortonormale `e numerabile (o finito) e si
dimostra inoltre che esiste sempre un sistema ortonormale completo.
Se non specificato altrimenti, nel seguito cosidereremo sempre sistemi ortonormali in quanto a partire da
un sistema di vettori linearmente indipendenti `e possibile costruire un sistema ortonormale mediante una
procedura di ortonormalizzazione.
12.1 Esempi di spazi euclidei
IR – La retta reale `e uno spazio euclideo (reale) di dimensione 1. Il prodotto scalare `e banalmente il
prodotto fra numeri reali e la norma coincide con il modulo. La distanza `e il modulo della differenza.
40
IR
n
– Le n-uple ordinate x ≡ (x
1
, x
2
, ..., x
n
) di numeri reali formano uno spazio euclideo (reale) di
dimensione n con il prodotto scalare dato da (x, y) = x
1
y
1
+x
2
y
2
+...+x
n
y
n
. Una base ortonormale
`e data dai versori
e
1
= (1, 0, 0, ..., 0) , e
2
= (0, 1, 0, ..., 0) , ... e
n
= (0, 0, 0, ..., 1) .

2
– Lo spazio i cui elementi sono della forma x ≡ (x
1
, x
2
, ..., x
n
, ...) (x
k
∈ I C) con la condizione
¸

k=1
|x
k
|
2
< ∞. Questo spazio, munito del prodotto scalare (x, y) =
¸

k=1
¯ x
k
y
k
, `e uno spazio
euclideo (complesso) infinito-dimensionale. Una base `e data dal sistema di infiniti vettori
e
1
= (1, 0, 0, ...) , e
2
= (0, 1, 0, ...) , e
3
= (0, 0, 1, ...) , ....
C
2
[a, b] – Lo spazio delle funzioni complesse, continue nell’intervallo [a, b] munito del prodotto scalare
(f, g) =

b
a
¯
f(t)g(t) dt `e uno spazio euclideo (complesso) infinito-dimensionale. Una base

n
, ψ
n
} per questo spazio `e data dalle funzioni trigonometriche
ϕ
0
= 1 , ϕ
n
= cos
2πnt
b −a
, ψ
n
= sin
2πnt
b −a
, n = 1, 2, 3, ...
L’ortogonalit` a di questo sistema si verifica direttamente, mentre la completezza `e una diretta con-
seguenza del teorema di Weierstrass (La completezza di un sistema in genere `e assai difficile da
dimostrare).
12.2 Sistemi ortonormali chiusi
Da ora in avanti si assumer`a che gli spazi in esame siano separabili.
Dato un vettore x in IR
n
e una base ortonormale {e
k
} si ha
x =
n
¸
k=1
c
k
x
k
, c
k
= (x
k
, x) ,
dove i coefficienti c
k
rappresentano le coordinate del vettore rispetto alla base data (se la base `e quella
dell’esempio precedente allora c
k
sono le coordinate cartesiane).
Il concetto di “coordinata” si pu` o generalizzare anche al caso in cui lo spazio sia infinito-dimensionale.
Sia infatti M uno spazio euclideo infinito-dimensionale e ϕ
n
un sistema ortonormale. Dato un arbitrario
elemento f ∈ M, che chiameremo ancora vettore, definiamo le sue “coordinate” c
k
, dette in questo caso
coefficienti di Fourier (in senso generalizzato-vedi sezione (12.5.1)), mediante la relazione
c
k
= (ϕ
k
, f) , ¯ c
k
= (ϕ
k
, f) = (f, ϕ
k
) , k = 1, 2, 3, ...
e consideriamo la serie formale

¸
k=1
c
k
ϕ
k
, (serie di Fourier). (12.4)
La serie precedente sar`a detta serie di Fourier (in senso generalizzato-vedi sezione (12.5.1)), del vettore
f rispetto al sistema {ϕ
k
}. E’ chiaro che tutto questo `e sensato se la serie `e convergente e se questa
converge al vettore f.
Per prima cosa dimostriamo che effettivamente la serie precedente `e convergente per qualunque f ∈ M.
Abbiamo
S
n
=
n
¸
k=1
c
k
ϕ
k
, ||f −S
n
|| ≥ 0 .
41
Usando le propriet` a della norma e la definizione di c
k
si ha
0 ≤ ||f −
n
¸
k=1
c
k
ϕ
k
||
2
=

¸
f −
n
¸
i=1
c
i
ϕ
i
, f −
n
¸
j=1
c
j
ϕ
j
¸

= ||f||
2

n
¸
k=1
¯ c
k

k
, f) −
n
¸
k=1
c
k
(f, ϕ
k
) +
n
¸
i=1
n
¸
j=1
¯ c
i
c
j

i
, ϕ
j
)
= ||f||
2

n
¸
k=1
c
2
k
.
Dalla disuguaglianza precedente segue
n
¸
k=1
|c
k
|
2
≤ ||f||
2
=⇒

¸
k=1
|c
k
|
2
≤ ||f||
2
, (disuguaglianza di Bessel)
e di conseguenza la serie di partenza `e convergente. Come si vede, la serie (12.4) converge al vettore f
(in norma) quando nell’ultima espressione vale l’uguaglianza.
E’ interessante osservare che fra tutti i possibili vettori g =
¸
n
k=1
α
k
ϕ
k
(n e α
k
sono arbitrari) costruiti
mediante combinazioni lineari delle {ϕ
k
}, quello che ha “distanza” minima da f si ha per α
k
= c
k
. Infatti,
procedendo come sopra si ottiene
||f −g||
2
= ||f −
n
¸
k=1
α
k
ϕ
k
||
2
= ||f||
2

n
¸
k=1
(¯ α
k
c
k

k
¯ c
k
) +
n
¸
k=1

k
|
2
= ||f||
2

n
¸
k=1
|c
k
|
2
+
n
¸
k=1

k
−c
k
|
2
.
Questa espressione `e chiaramente minima per α
k
= c
k
.
Come detto sopra, la serie (12.4) converge al vettore f quando la relazione di Bessel diventa un’ugua-
glianza, ossia quando il sistema ortonormale `e chiuso.
Definizione . – Il sistema ortonormale ϕ
k
si dice chiuso se vale la relazione di Parseval

¸
k=1
|c
k
|
2
= ||f||
2
, (uguaglianza di Parseval).
Si `e detto precedentemente che in ogni spazio euclideo separabile esiste sempre un sistema ortonormale
(numerabile) completo. Ora dimostriamo che ogni sistema ortonormale completo `e anche chiuso e quindi
completezza e chiusura diventano concetti “equivalenti”.
Teorema . – In ogni spazio euclideo separabile M, ogni sistema ortonormale completo {ϕ
k
} `e chiuso e
viceversa.
Dimostrazione – . – Sia {ϕ
k
} chiuso. Allora ogni elemento f ∈ M si pu` o sviluppare in serie di Fourier,
ossia si pu` o approssimare, con precisione a piacere, mediante una combinazione di vettori {ϕ
k
}. Questo
significa che lo spazio generato da {ϕ
k
} `e denso in M e quindi il sistema `e completo.
– Vicersa, sia {ϕ
k
} completo. Allora ogni elemento f ∈ M si pu` o approssimare, con precisione a piacere,
mediante una combinazione di vettori di base. Per quanto dimostrato sopra, fra tutte le possibili com-
binazioni che approssimano f, la somma parziale
¸
n
k=1
c
k
ϕ
k
`e la pi` u precisa. Quindi la serie di Fourier
converge a f e vale la relazione di Parseval.
Da questo teorema segue che ogni spazio euclideo infinito-dimensionale, separabile e completo `e isomorfo
a ℓ
2
(i coefficienti di Fourier {c
k
} di una funzione sono un elemento di ℓ
2
).
42
12.3 Teorema di Riesz-Fisher
Siano dati un sistema ortonormale (non necessariamente completo) e una successione di numeri c
1
, c
2
, c
3
....
Ci si pu` o chiedere sotto quali condizioni questi numeri sono i coefficienti di Fourier di qualche vettore
f ∈ M. Come segue dalla disuguaglianza di Bessel, una condizione necessaria `e che
¸

k=1
|c
k
|
2
< ∞. Se
lo spazio `e completo, questa condizione `e anche sufficiente.
Teorema (Riesz-Fisher). – Sia {ϕ
k
} un sistema ortonormale in uno spazio euclideo M separabile e
completo e {c
k
} una successione numerica tale che
¸

k=1
|c
k
|
2
< ∞. Allora esiste un elemento f ∈ M
per cui
c
k
= (ϕ
k
, f) ,

¸
k=1
|c
k
|
2
= ||f||
2
.
Dimostrazione – . Poniamo f
n
=
¸
n
k=1
c
k
ϕ
k
. Questa `e una successione fondamentale in quanto, per
n abbastanza grande si ha
||f
n+p
−f
n
||
2
= ||
n+p
¸
k=n+1
c
k
ϕ
k
||
2
=
n+p
¸
k=n+1
|c
k
|
2
< ε .
L’ultima espressione segue dall’ipotesi di convergenza. Inoltre, per l’ipotesi di completezza di M, deve
esistere un vettore f ∈ M tale che
f
n
→f , vale a dire ||f −f
n
|| →0 .
Ora osserviamo che, per n ≥ k si ha

k
, f) = (ϕ
k
, f
n
) + (ϕ
k
, f −f
n
) = c
k
+ (ϕ
k
, f −f
n
) .
Passando al limite per n → ∞ e usando la continuit` a del prodotto scalare si ottiene la prima tesi

k
, f) = c
k
.
Per ricavare la seconda basta sviluppare la norma
||f −f
n
||
2
=

¸
f −
n
¸
i=1
c
i
ϕ
i
, f −
n
¸
j=1
c
j
ϕ
j
¸

= ||f||
2

n
¸
k=1
|c
k
|
2
e passare al limite per n →∞.
Definizione . – Uno spazio euclideo completo infinito-dimensionale `e detto spazio di Hilbert.
Teorema . – Ogni spazio di Hilbert separabile `e isomorfo a ℓ
2
e quindi due qualsiasi spazi di Hilbert
separabili sono isomorfi fra loro.
12.4 Lo spazio L
2
Un esempio molto importante di spazio di Hilbert `e costituito dalle funzioni (complesse) a quadrato
sommabile (integrabile). Per i nostri scopi sar`a sufficiente considerare funzioni f : IR
n
→ I C, ma IR
n
pu` o
essere sostituito da qualunque spazio misurabile X.
Sia quindi
L
2
(X, µ) ≡

f : X → I C tali che

|f(x)|
2
dµ < ∞

,
43
dove x ∈ X e dµ `e la misura (di Lebesgue) di X e l’integrale `e fatto su tutto X (nelle applicazioni fisiche
X ≡ IR
n
(o un sottospazio) e dµ ≡ dx = dx
1
dx
2
· · · dx
n
). Si dimostra che lo spazio L
2
(X, µ) (brevemente
L
2
(X) o L
2
) con il prodotto scalare
(f, g) =

¯
f(x)g(x) dµ (12.5)
`e uno spazio euclideo infinito-dimensionale e completo (spazio di Hilbert). Nel seguito si considereranno
sempre spazi separabili.
Si dimostra facilmente che la definizione (12.5) verifica le propriet` a del prodotto scalare. A questo scopo
si deve osservare che, se f ∈ L
2
, g ∈ L
2
e α ∈ I C allora
fg ∈ L
2
; f +g ∈ L
2
; αf ∈ L
2
.
Queste propriet` a sono una diretta conseguenza di
|f(x) +g(x)|
2
= |f(x)|
2
+ 2|f(x)g(x)| +|g(x)|
2
;
|f(x)g(x)| ≤
1
2

|f(x)|
2
+|g(x)|
2

;
|αf(x)|
2
= |α|
2
|f(x)|
2
.
Una funzione f a quadrato sommabile in X non `e necessariamente integrabile, ma lo `e certamante se X
ha misura finita (conseguenza della prima disuguaglianza; basta porre g(x) = 1).
Dato il prodotto scalare si ha la norma
||f|| =
¸
|f(x)|
2
dx

1/2
e si dir` a che la successione di funzioni f
n
∈ L
2
converge in media (quadratica) a f ∈ L
2
se
||f
n
−f|| =
¸
|f
n
(x) −f(x)|
2
dx

1/2
→0 .
12.5 Basi ortonormali in L
2
Come segue dalle considerazioni di carattere generale, in L
2
(spazio euclideo infinito-dimensionale, sepa-
rabile e completo) esiste un sistema ortonormale completo ϕ
k
per cui ogni f ∈ L
2
si pu` o scrivere nella
forma f =
¸

k=1
c
k
ϕ
k
, dove i coefficienti di Fourier {c
k
} formano un elemento di ℓ
2
. Valgono le relazioni
||f||
2
= (f, f) =

|f(x)|
2
dx =

¸
k=1
|c
k
|
2
, c
k
= (ϕ
k
, f) .
12.5.1 Sistema trigonometrico
Si consideri lo spazio delle funzioni a quadrato sommabile nell’intervallo [−π, π]. E’ immediato verificare
che le funzioni trigonometriche
ϕ
0
=
1


, ϕ
n
(x) =
cos nx

π
, ψ
n
(x)
sin nx

π
, n = 1, 2, 3, ...
44
appartengono a L
2
([−π, π]) e sono fra loro ortonormali. Inoltre formano un sistema completo come
conseguenza di un teorema di Weierstrass. Ogni funzione f ∈ L
2
([−π, π]) avr`a quindi uno sviluppo della
forma
f = c
0
ϕ
0
+

¸
n=1
c
n
ϕ
n
+

¸
n=1
ˆ c
n
ψ
n
=
a
0
2
+

¸
n=1
a
n
cos nx +

¸
n=1
b
n
sin nx, (12.6)
dove i coefficienti di Fourier sono dati da
a
n
=
1
π

π
−π
f(x) cos nxdx, n = 0, 1, 2, ...
b
n
=
1
π

π
−π
f(x) sin nxdx, n = 1, 2, 3, ... (12.7)
Non si deve dimenticare che la convergenza `e in media quadratica. Questo significa che

π
−π

f(x) −
a
0
2
+

¸
n=1
a
n
cos nx +

¸
n=1
b
n
sin nx

2
dx →0 .
In generale non vale la convergenza puntuale (vedi sotto). La serie calcolata in un punto pu` o differire dal
valore della funzione calcolata nello stesso punto.
Anzich´e [−π, π] si pu` o considerare un intervallo arbitrario [−a, a] di lunghezza 2a. In tal caso per ogni
f ∈ L
2
([−a, a]) si ha (basta fare il cambio di variabile x →πx/a)
f =
a
0
2
+

¸
n=1
a
n
cos
nπx
a
+

¸
n=1
b
n
sin
nπx
a
,
a
n
=
1
a

a
−a
f(x) cos
nπx
a
dx, n = 0, 1, 2, ...
b
n
=
1
a

a
−a
f(x) sin
nπx
a
dx, n = 1, 2, 3, ...
12.6 Forma complessa della serie di Fourier
Si ottiene come conseguenza diretta delle formule di Eulero
cos x =
e
ix
+e
−ix
2
, sin x =
e
ix
−e
−ix
2i
.
Usando queste espressioni e ponendo
c
0
=
a
0
2
, c
±n
=
a
n
∓ib
n
2
, n = 1, 2, 3, ...
per ogni f ∈ L
2
([−π, π]) si ha
c
n
=
1

π
−π
f(x)e
−inx
dx, n = 0, ±1, ±2, ...
f =

¸
n=−∞
c
n
e
inx
(12.8)
45
13 Serie di Fourier
13.1 Convergenza della serie di Fourier
Come detto sopra, la serie (12.6) o l’analoga complessa (12.8) convergono a f in media quadratica.
Questo `e quanto effettivamente serve per quanto concerne la meccanica quantistica. Ci sono tuttavia
situazioni fisiche in cui `e necessario avere la convergenza puntuale. In questa sezione studieremo sotto
quali condizioni (sufficienti) questo effettivamente si verifica.
Dato che la serie di Fourier `e periodica, si possono considerare funzioni periodiche di periodo 2π definite
su tutta la retta (tipiche dei moti oscillatori). Notiamo inoltre che i coefficienti di Fourier (12.7) sono
definiti per ogni funzione f sommabile nell’intervallo [−π, π], questo perch`e le funzioni trigonometriche
sono limitate. E’ quindi sufficiente che f appartenga a L
1
([−π, π]) e non necessariamente a L
2
([−π, π])
(che `e un insieme contenuto nel precedente).
13.1.1 Convergenza puntuale
Poniamo
S
n
(x) =
a
0
2
+
n
¸
k=1
(a
k
cos kx +b
k
sin kx)
e a andiamo a vedere sotto quali condizioni questa successione numerica converge a f(x). Abbiamo il
seguente
Teorema . – La successione delle somme parziali S
n
(x) converge alla funzione periodica f(x) se
f ∈ L
1
([−π, π]) e soddisfa la condizione di Dini

ε
−ε
f(x +z) −f(x)
z
dz < ∞, ε > 0 .
Dimostrazione – . – Dalla definizione dei coefficienti si ha
S
n
(x) =
1
π

π
−π
¸
1
2
+
n
¸
k=1
(cos kt cos kx + sin kt sin kx)
¸
f(t) dt
=
1
π

π
−π
¸
1
2
+
n
¸
k=1
cos k(t −x)
¸
f(t) dt .
Ora osserviamo che

1
2
+
n
¸
k=1
cos ky

sin
y
2
=
1
2
sin
y
2
+
1
2
n
¸
k=1
¸
sin

k +
1
2

y −sin

k −
1
2

y

=
1
2
¸
sin
y
2
+ sin
3y
2
−sin
y
2
+... + sin

n +
1
2

y −sin

n −
1
2

y

=
1
2
sin

n +
1
2

y .
Quindi si ha la relazione
1
π
¸
1
2
+
n
¸
k=1
cos ky
¸
=
sin(n + 1/2)y
2π sin(y/2)
= D
n
(y) . (13.1)
46
La funzione D
n
(y) `e detta nucleo di Dirichlet. E’ immediato verificare che

π
−π
D
n
(z) dz = 1 , S
n
(x) =

π
−π
f(x +z)D
n
(z) dz .
Per ricavare l’ultima espressione si deve usare il fatto che f(x) `e una funzione periodica.
La convergenza della serie di Fourier a f `e quindi equivalente a dimostrare che
S
n
(x) −f(x) =

π
−π
[f(x +z) −f(x)] D
n
(z) dz →0 .
A questo proposito si usa il seguente
Lemma. – Se g ∈ L
1
([−π, π]) allora
lim
n→∞

π
−π
f(z) sin nz dz = 0 .
La dimostrazione `e banale (basta integrare per parti) se g ∈ C
1
([−π, π]) (funzioni continue, derivabili e
con derivata continua), ma sfruttando il fatto che tale spazio `e denso in L
1
si estende il risultato a tutto
L
1
.
Nel caso che ci interessa la funzione da considerare `e
g(z) =
f(x +z) −f(x)
2π sin(z/2)
=
f(x +z) −f(x)
z
z
2π sin(z/2)
,
nel punto considerato. Questa `e una funzione L
1
([−π, π]) come conseguenza della condizione di Dini.
Poich´e f ∈ L
1
([−π, π]), l’unico punto critico `e l’intorno di x. Di fatto `e sufficiente richiedere che valgano
due condizioni tipo Dini da (−ε, 0

) e da (0
+
, ε), questo perch´e f(x) potrebbe non essere definita in x).
Una condizione sufficiente per la convergenza in ogni punto `e data dal seguente
Teorema . – Sia f una funzione periodica, limitata, avente al pi` u discontinuit` a di prima specie e avente
in ogni punto la derivata sinistra e destra. Allora in ogni punto la serie di Fourier converge a
[f(x

) +f(x
+
)]/2.
La classe delle funzioni che hanno una serie di Fourier convergente puntualmente `e assai ampia. Per avere
la convergenza uniforme si deve restringere la classe. Vale il seguente
Teorema . – Sia f una funzione periodica, assolutamente continua e con derivata a quadrato sommabile.
Allora la serie di Fourier converge uniformemente a f in ogni punto.
Si deve osservare che la serie di Fourier di una funzione continua potrebbe divergere in qualche punto.
Quindi non basta la continut`a per avere la convergenza delle somme parziali S
n
. Esistono tuttavia altre
maniere di sommare la serie di Fourier in modo da avere la convergenza. A tale scopo poniamo
S
0
(x) =
a
0
2
, S
n
(x) =
n
¸
k=1
[a
k
cos kx +b
k
sin kx]
e consideramo la media aritmetica
σ
n
=
S
0
+S
1
+S
2
+... +S
n
n
.
Vale il seguente
Teorema (Fejer). Se f `e una funzione periodica e continua, allora la successione {σ
n
} delle somme di
Fejer converge uniformemente a f in ogni punto.
47
14 Integrale di Fourier
Si `e visto sopra che le funzioni periodiche (con ulteriori condizioni) sono la sovrapposizione di oscillazioni
armoniche di frequenze opportune (infinite frequenze numerabili). Qui vedremo che anche le funzioni non
periodiche si possono scrivere come sovrapposizione di funzioni armoniche, ma in questo caso lo spettro
delle frequenze `e continuo e quindi, in luogo della serie ci sar`a un integrale detto integrale di Fourier.
Il passaggio dalle funzioni periodiche a quelle non periodiche si pu` o effettuare in maniera formale facendo
tendere il periodo all’infinito. Consideriamo dunque una funzione f di periodo 2a e il suo sviluppo di
Fourier (vedi equazione (12.8))
˜ c
n
=

a
−a
f(x)
e
−inπx/a

2a
dx, n = 0, ±1, ±2, ...
f(x) =

¸
n=−∞
˜ c
n
e
inπx/a

2a
,
che si ottiene dall’espressione (12.8) con la sostituzione x →πx/a per tenere conto del periodo arbitrario.
Si `e usato inoltre il sistema ortonormale {e
inπx/a
/

2a} e la forma “simmetrica” definendo i coefficienti
˜ c
n
=

2ac
n
. Assumiamo a ≫π e poniamo ∆k = π/a ≪1 e k
n
= n∆k. Allora
¸√
a˜ c
n

π

=
1

a
−a
f(x)e
−iknx
dx ≡
˜
f(k
n
) ,
f(x) =
1



¸
n=−∞
¸√
a˜ c
n

π

e
iknx
∆k ≡
1



¸
n=−∞
˜
f(k
n
)e
iknx
∆k .
Passando al limite formale a →∞, k
n
diventa una variabile continua (k), la somma diventa un integrale
“tipo Riemann” e l’espressione fra parentesi quadre diventa una funzione continua di k che indicheremo
con
˜
f(k). In conclusione
˜
f(k) =
1


−∞
f(x)e
−ikx
dx, trasformata di Fourier di f, (14.1)
f(x) =
1


−∞
˜
f(k)e
ikx
dk , trasformata inversa di f. (14.2)
La prima espressione `e semplicemente la definizione dei “coefficienti dello sviluppo”
˜
f(k). L’integrale
(14.1) `e certamente convergente e quindi
˜
f(k) `e ben definito se f ∈ L
1
(−∞, ∞). Questa condizione non
assicura automaticamente l’esistenza del secondo integrale nel senso ordinario (esiste nel senso del valore
principale). Inoltre la sua convergenza (puntuale) a f(x) non `e garantita. Affinch´e questo avvenga si deve
restringere lo spazio delle funzioni, scegliendo ad esempio quelle di L
1
che inoltre soddisfano la condizione
di Dini (condizione sufficiente).
La coppia di integrali (14.1) e (14.2) costituisce la cosiddetta trasfomata di Fourier.
˜
f `e detta trasformata
di Fourier di f e f trasformata inversa o anti-trasformata di
˜
f.
14.1 Esempi
Calcolare le trasformate di Fourier delle seguenti funzioni:
• f(x) = e
−α|x|
, (α > 0).
˜
f(k) =
1


−∞
e
−α|x|
e
−ikx
dx =
1


0

e
−x(α+ik)
+e
−x(α−ik)

dx
=


2π (k
2

2
)
.
48
In questo caso la trasformata appartiene a L
1
e quindi l’integrale di Fourier esiste come integrale
ordinario.
• f(x) = 1 per −a < x < a e zero altrimenti.
˜
f(k) =
1

a
−a
e
−ikx
dx =
2 sin ka

2π k
.
La trasformata non appartiene a L
1
. L’anti-trasformata esiste in senso generalizzato.
• f(x) = e
−αx
2
/2
(α > 0).
˜
f(k) =
1


−∞
e

α
2
(x
2
+2ik/α)
dx =
e

k
2



−∞
e

α
2
(x+ik/α)
2
dx
=
e

k
2


α
.
Come si vede la trasformata di Fourier di una gaussiana `e ancora una gaussiana. In particolare se
α = 1 la funzione `e esattamente la stessa.
14.2 Alcune importanti propriet`a della trasformata di Fourier
• Esiste un semplice legame fra la trasformata delle derivate di una funzione e la trasformata della
funzione stessa (ovviamnete nell’ipotesi che le trasformate abbiano significato). Per cominciare, si
consideri una funzione f(x) e la sua derivata f

(x) e si assuma che entrambe stiano in L
1
, in modo
che esistano le trasformate. Si assuma inoltre che f(x) sia assolutamente continua in ogni intervallo,
in modo che si possa rappresentare come integrale indefinito di f

. Sotto queste ipotesi si ha
F
¸
df
dx

(k) =


−∞
f

(x)e
−ikx
dx =

f(x)e
−ikx


−∞
+ik


−∞
f(x)e
−ikx
dx
= ik F[f](k) .
In modo analogo, con f
(k)
(x) ∈ L
1
(k = 0, 1, ..., n) e f
(n−1)
assolutamente continua in ogni
intervallo, si ricava
F
¸
d
n
f
dx
n

(k) =


−∞
f
(n)
(x)e
−ikx
dx = (ik)
n
F[f](k) ,
d
dx
→ik . (14.3)
Si vede che l’operatore di derivazione (d/dx) nello spazio di partenza diventa un operatore di
moltiplicazione rispetto a ik nello spazio delle trasformate.
• Vale una propriet` a “complementare” a quella precedente. Vale a dire che l’operatore di moltiplica-
zione viene trasformato in un operatore di derivazione. Infatti, siano f(x) e x
k
f(x) (k = 1, 2, ..., n)
funzioni assolutamente integrabili. Allora la trasforata di f `e derivabile almeno n volte e vale la
relazione
d
dk
n
F[f](k) = F[(−ix)
n
f(x)](k) , −ix →
d
dk
.
• Una immediata conseguenza della (14.3) `e che la trasformata di Fourier di una funzione n volte
derivabile (con le ipotesi precedenti) decresce all’infinito pi` u rapidamente di 1/k
n
. Infatti si ha
|F[f](k)| =

F[f
(n)
](k)
k
n

→0.
49
• Convoluzione. Siano h e g due funzioni assolutamente integrabili su tutta la retta. La funzione
f(x) =


−∞
h(x −y) g(y) dy =


−∞
h(y) g(x −y) dy , f = h ∗ g ,
`e detta convoluzione (o prodotto di convoluzione) di h con g. Date le propriet` a delle funzioni
integrande, f `e integrabile. Si verifica che la trasformata di Fourier del prodotto di convoluzione `e
proporzionale al prodotto (di funzioni) delle due trasformate; in formule
F[f] = F[h ∗ g] =

2π F[h] · F[g] .
Si ha infatti (in modo formale)
˜
f(k) =
1


−∞
dxe
−kx
f(x) =
1


−∞
dxe
−kx


−∞
dy h(x −y)g(y)
=
1


−∞


−∞
dz dy e
−k(z+y)
h(z)g(y) =


˜
h(k) ˜ g(k) .
Osservazione: Nei testi matematici la trasformata di Fourier `e definita in modo asimmetrico (con un
fattore 1/2π nella trasformata e senza fattori nell’inversa) e in tal modo la trasformata del prodotto di
convoluzione `e esattamente il prodotto delle trasformate.
14.3 Trasformata di Fourier in pi` u variabili
L’estensione di quanto detto sopra da IR a IR
n
`e immediata. Infatti, sia f(x
1
, ..., x
n
) una funzione
integrabile in IR
n
. Allora si pu` o definire l’integrale
˜
f(k
1
, ..., k
n
) =
1
(2π)
n/2


−∞
· · ·


−∞
f(x
1
, ..., x
n
)e
−i(k1x1+...+knxn)
dx
1
· · · dx
n
=
1


−∞
¸
1


−∞
¸
· · ·
¸
1


−∞
f(x
1
, ..., x
n
)e
−ik1x1
dx
1

e
−ik2x2
dx
2

· · ·

e
−iknxn
dx
n
.
L’ultima espressione `e giustificata dal teorema di Fubini. Si vede che `e possibile ottenere la trasformata di
Fourier multipla mediante una successione di trasformate singole. Invertendo progressivamente l’ultima
espressione si ottiene
f(x
1
, ..., x
n
) =
=
1


−∞
¸
1


−∞
¸
· · ·
¸
1


−∞
˜
f(k
1
, ..., k
n
)e
ik1x1
dk
1

e
ik2x2
dk
2

· · ·

e
iknxn
dk
n
=
1
(2π)
n/2


−∞
· · ·


−∞
˜
f(k
1
, ..., k
n
)e
i(k1x1+...+knxn)
dk
1
· · · dk
n
.
Come nel caso unidimensionale, gli ultimi due integrali vanno intesi nel senso del valore principale. Inoltre
si devono imporre ulteriori restrizioni su f per avere corrispondenza con il valore dell’integrale.
14.4 Soluzione di equazioni differenziali mediante la trasformata di Fourier
La trasformata di Fourier pu` o risultare utile nella soluzione di equazioni differenziali. Questo `e dovuto al
fatto che l’operatore di derivazione viene trasformato in un operatore di moltiplicazione e di conseguenza
l’equazione differenziale viene trasformata in una equazione algebrica.
Si consideri in proposito l’equazione differenziale, lineare e a coefficienti costanti
a
0
f(x) +a
1
f

(x) +a
2
f
′′
(x) +· · · +a
n
f
(n)
(x) = g(x) .
50
Mediante una trasformazione di Fourier
F[a
0
f(x) +a
1
f

(x) +a
2
f
′′
(x) +· · · +a
n
f
(n)
(x)](k) = F[g(x)](k) .
si ottiene l’equazione algebrica

a
0
+a
1
(ik) +a
2
(ik)
2
+· · · +a
n
(ik)
n

˜
f(k) = ˜ g(k)
da cui segue
˜
f(k) =
˜ g(k)
a
0
+a
1
(ik) +a
2
(ik)
2
+· · · +a
n
(ik)
n
.
La soluzione f(x) si ottiene mediante la trasformata inversa f(x) = F
−1
[g](x). Per questo tipo di
equazioni non c’`e un grande vantaggio. Inoltre si deve assumere che la soluzione sia integrabile e ci`o non
vale in generale. Notevoli vantaggi si hanno invece nella soluzione di equazioni alle derivate parziali.
• Equazione del calore. Si consideri l’equazione

t
u(x, t) −α∂
2
x
u(x, t) = 0 , α > 0 , −∞< x < ∞, t ≥ 0 ,
con la condizione iniziale u(x, 0) = u
0
(x), dove u
0
(x) `e una funzione nota. Questa equazione descrive
la propagazione del calore attraverso un conduttore infinito.
Da considerazioni fisiche `e ragionevole assumere che la funzione nota (temperatura iniziale positiva)
assieme alle sue derivate prima e seconda sia in L
1
e cos`ı pure la soluzione u(x, t) per ogni t.
Assumiamo inoltre che ∂
t
u(x, t), per ogni t finito, sia maggiorata da una funzione integrabile di x,
vale a dire

∂u(x, t)
∂t

≤ f(x) ,


−∞
f(x) dx < ∞.
Queste condizioni ci permettono di trasformare l’equazione rispetto alla variabile x, considerando t
come un parametro fissato. In tal modo si ottiene
F[u(x, t)](k) = ˜ u(k, t) , F


2
x
u(x, t)

(k) = (ik)
2
˜ u(k, t) , F[u
0
(x)](k) = ˜ u
0
(k) ,
da cui segue

t
˜ u(k, t) = −αk
2
˜ u(k, t) , ˜ u(k, 0) = ˜ u
0
(k) .
La soluzione dell’equazione precedente `e
˜ u(k, t) = e
−αk
2
t
˜ u
0
(k) , (14.4)
vale a dire il prodotto di una gaussiana per la trasformata della condizione iniziale. Per ricavare la
soluzione si deve effettuare la trasformazione inversa. Ricordiamo che per trasformazioni di Fourier,
il prodotto di convoluzione diventa proporzionale al prodotto di funzioni. La soluzione sar`a quindi
proporzionale al prodotto di convoluzione della trasformata inversa della gaussiana per la funzione
iniziale. Si ha
F
−1

e
−αk
2
t

(x) =
1


−∞
e
−αk
2
t
e
ikx
dk =
1

2αt
e
−x
2
/4αt
e finalmente
u(x, t) =
1


u
0
(x) ∗
e
−x
2
/4αt

2αt
=
1

παt


−∞
e

(x−y)
2
4αt
u
0
(y) dy , (integrale di Poisson).
51
14.5 Trasformata di Fourier in L
2
(−∞, ∞)
L’ambiente “naturale” per definire le trasformate di Fourier `e lo spazio L
2
. Infatti in questo spazio la
trasformata di Fourier diventa un operatore lineare limitato F : L
2
→L
2
. Il prezzo da pagare `e la rinuncia
alla convergenza puntuale. In L
2
inoltre c’`e una notevole corrispondenza con le serie di Fourier (in senso
generalizzato) definite precedentemente. Per cominciare esiste un teorema che `e l’analogo (continuo)
dell’uguaglianza di Parseval. Si ha infatti
Teorema (Plancherel). – Si consideri una funzione f ∈ L
2
(−∞, ∞) e la successione di funzioni
˜
f
n
(k) =
1

n
−n
f(x)e
−ikx
dx.
Il teorema di Plancherel afferma che
a) ogni
˜
f
n
`e una funzione a quadrato sommabile sulla retta;
b) la successione di funzioni {
˜
f
n
} `e convergente in media quadratica ad una funzione
˜
f;
c) vale la relazione di Plancherel


−∞
|
˜
f(k)|
2
dk =


−∞
|f(x)|
2
dx.
Come corollario segue che, per ogni coppia f, g di funzioni a quadrato sommabile sulla retta vale la
relazione


−∞
f

(x)g(x) dx =


−∞
˜
f

(k)˜ g(k) dk , (relazione di Plancherel).
Usando la notazione degli spazi euclidei queste relazioni si possono scrivere in forma compatta
||f||
2
= ||
˜
f||
2
, (f, g) = (
˜
f, ˜ g) .
Il prodotto scalare `e invariante (si conserva) per trasformazioni di Fourier.
Osservazione: questo `e vero poich´e si `e definita la trasformata in forma simmetrica, altrimenti c’`e un
fattore 2π.
Dimostrazione – . – La dimostrazione del teorema di Plancherel `e relativamente facile se si lavora
nello spazio S

delle funzioni infinitamente derivabili e a decrescenza rapida. In tal caso ogni passaggio
formale pu` o essere rigorosamente giustificato. Siano allora f, g due funzioni in S

. Come conseguenza
del fatto che f `e infinitamente derivabile si ottiene che
˜
f
n
`e a decrescenza rapida e e quindi a quadrato
sommabile e come conseguenza del fatto che f `e a decrescenza rapida si ottiene che
˜
f
n
`e a decrescenza
rapida in n e quindi converge a
˜
f ≡
˜
f

. Si ha inoltre


−∞
f

(x)g(x) dx =


−∞
f

(x)
¸

−∞
˜ g(k)e
ikx
dk

dx
=


−∞
¸

−∞
f(x)e
−ikx
dx


˜ g(k) dk =


−∞
˜
f

(k)˜ g(k) dk .
Sfruttando ora il fatto che S

`e denso in L
2
si estende la dimostrazione a qualunque f ∈ L
2
(questa
seconda parte `e assai tecnica `e piuttosto laboriosa).
14.6 Esempi
• Si veda la trasformata di Fourier come un operatore lineare F : L
2
→ L
2
e si cerchino le funzioni
(autofunzioni) che rimangono invarianti (a meno di un fattore) per questo tipo di trasformazione.
52
Se ψ `e una funzione di L
2
invariante per trasformazioni di Fourier, allora
F[ψ(x)](k) =
˜
ψ(k) = λψ(k) , (14.5)
dove λ `e un numero complesso. Applicando tuttavia 4-volte di seguito la trasformata di Fourier si
deve ottenere la funzione di partenza, dunque
ψ = F
4
[ψ] = F
3
[λψ] = F2[λ
2
ψ] = F[λ
3
ψ] = λ
4
ψ =⇒ λ = ±1, ±i .
La trasformata di Fourier, vista come operatore F : L
2
→L
2
ha autovalori ±1, ±i.
Alcune autofunzioni si possono ricavare ricordando la propriet` a
F[(−ix)
n
f(x)](k) =
d
dk
n
F[f](k)
e il fatto che la gaussiana ψ
0
(x) = e

x
2
2
`e autofunzione. Infatti
F[ψ
0
](k) = e

k
2
2
= ψ
0
(k) =⇒ λ
0
= 1 .
Consideriamo ora la funzione ψ
1
(x) = −ixψ
0
(x). Per questa si ha
F[ψ
1
(x)](k) = F[−ixψ
0
(x)](k) = ψ

0
(k) = −iψ
1
(k) =⇒ λ
1
= −i .
Analogamente per ψ
2
(x) = [(−ix)
2
+ (1/2)]ψ
0
(x) si ha
F[ψ
2
(x)](k) = ψ
′′
0
(k) +
1
2
ψ
0
= −ψ
2
(k) =⇒ λ
2
= −1 .
Per procedere oltre osserviamo che, se ψ(x) `e autofunzione con autovalore λ, allora xψ(x) −ψ

(x)
`e autofunzione con autovalore −iλ. Infatti
F [xψ(x) −ψ

(x)] (k) = i
˜
ψ

(k) −ik
˜
ψ(k) = −iλψ(k) .
Per ottenere le autofunzioni di F basta quindi agire con l’operatore x −d/dx, partendo da ψ
0
. In
questo modo abbiamo
ψ
0
= e

x
2
2
, ψ
1
= 2xψ
0
, ψ
2
= (4x
2
−2)ψ
0
, ...
che a parte delle costanti moltiplicative coincidono con quelle calcolate precedentemete. Evidente-
mente esistono infinite autofunzioni, che sono tutte della forma
ψ
n
(x) = H
n
(x) e

x
2
2
, funzioni di Hermite, (14.6)
dove H
n
sono polinomi di grado n con parit`a definita, detti polinomi di Hermite.
• Oscillatore armonico. In meccanica quantistica `e descritto mediante l’equazione differenziale


d
2
dx
2

2
x
2

ψ(x) = −ψ
′′
(x) +α
2
x
2
ψ(x) = µαψ(x) , (14.7)
(il parametro α `e stato introdotto per ragioni dimensionali). Si osservi che, per α = 1, questa
equazione `e invariante rispetto a trasformazioni di Fourier. Infatti si ottiene
−(ik)
2
˜
ψ(k) −α
2
˜
ψ
′′
(k) = µ
˜
ψ(k) =⇒ −
˜
ψ
′′
(k) +
k
2
α
2
˜
ψ(k) =
µ
α
˜
ψ(k) . (14.8)
Questo significa che se ψ(x) = f(x) `e soluzione della (14.7), allora
˜
ψ(k) = f(k) `e soluzione della
(14.8). In altre parole, le soluzioni dell’equazione (14.7) (autofunzioni dell’oscillatore armonico)
53
sono anche autofunzioni dell’operatore F. Le autofunzioni di F sono le funzioni di Hermite (14.6).
Sostituendo ψ(x) con ψ
n
(x) nell’equazione differenziale (14.7) (con α = 1) si ottiene
−ψ
′′
n
(x) +x
2
ψ(x) = −[H
′′
n
(x) −2xH

n
(x) −H(x)] e

x
2
2
= µ
n
H
n
e

x
2
2
,
da cui segue
H
′′
n
(x) −2xH

n
(x) + (µ
n
−1)H
n
(x) = 0 , H
n
(x) =
n
¸
j=0
a
j
x
j
. (14.9)
Usando nell’equazione (14.9) l’espressione esplicita per i polinomi H
n
(x) si ottengono le formule di
ricorrenza
n
¸
j=0
[(j + 1)(j + 2)a
j+2
−(2j + 1 −µ
n
)a
j
] x
j
= 0 =⇒
a
j+2
=
2j + 1 −µ
n
(j + 1)(j + 2)
, j = 0, 1, ..., n −2 , a
n+2
= 0 =
2n + 1 −µ
n
(n + 1)(n + 2)
.
Dall’ultima espressione si ricava µ
n
= 2n +1 che `e l’autovalore corrispondente all’autofunzione ψ
n
.
In conclusione si ha
H
′′
n
(x) −2xH

n
(x) + 2nH
n
(x) = 0 , a
j+2
=
2(j + 1 −n)
(j + 1)(j + 2)
, j ≤ n −2 .
L’ultima espressione permette di ricavare esplicitamente i coefficienti dei polinomi di Hermite.
Le funzioni di Hermite costituiscono un sistema ortogonale completo in L
2
(−∞, ∞). Di norma la
completezza `e di difficile dimostrazione, mentre invece `e immediato verificare l’ortogonalit` a. Usando
la (14.7) si ha
−ψ
′′
n
+x
2
ψ
n
= µ
n
ψ
n
, −ψ
′′
m
+x
2
ψ
m
= µ
m
ψ
m
.
Moltiplicando la prima per ψ
m
e la seconda per ψ
n
e sottraendo si ottiene
ψ
′′
n
ψ
m
−ψ
n
ψ
′′
m
=
d
dx


n
ψ
m
−ψ
n
ψ

m
) = (µ
m
−µ
n

n
ψ
m
. (14.10)
Assumendo n = m e integrando si ricava il risultato desiderato, cio`e


−∞
ψ
n
ψ
m
dx =
1
µ
m
−µ
n


−∞
d
dx


n
ψ
m
−ψ
n
ψ

m
) dx = 0 .
Mediante un’analisi dimensionale si pu` o reintrodurre il parametro α. Guardando l’equazione iniziale
si vede che α ha le stesse dimensioni di x
−2
e quindi, per ragioni dimensionali nelle autofunzioni si
deve effettuare la trasformazione x →

αx. Nella meccanica quantistica α = mω/¯h e
µα = 2mE/¯h
2
. Si ottiene quindi il risultato ben noto
ψ
n
(x) = A
n
H
n
(

αx) e
−αx
2
/2
, E
n
=

n +
1
2

¯hω , n = 0, 1, 2, ..
dove A
n
`e la costante di normalizzazione.
54
15 Trasformata di Laplace
La trasformata di Fourier `e definita per le funzioni integrabili su tutta la retta. Per estenderla (ad
esempio alle funzioni sommabili solo localmente, che si incontrano in fisica) si deve uscire dallo spazio
delle funzioni e lavorare in quello delle distribuzioni.
Volendo rimanere in uno spazio di funzioni si deve modificare il tipo di trasformata in modo da garantire
la convergenza dell’integrale per una classe pi` u ampia di quella delle funzioni sommabili. Questo pu` o
essere fatto sostituendo nell’integrale di Fourier l’esponenziale oscillante con uno decrescente (vedi sotto).
Definizione . Sia f(x) una funzione in IR
+
che soddisfa la propriet` a
|f(x)| ≤ C e
γx
per x ≥ 0 ,
f(x) = 0 per x < 0 , (15.1)
dove C e γ sono costanti. In tal caso si definisce trasformata di Laplace di f la funzione
ˆ
f(s) =


0
f(x)e
−sx
dx ≡ L[f](s) , Re s > γ , (trasformata di Laplace).
La condizione sul numero complesso s garantisce la convergenza dell’integrale. Posto s = η +ik si ha
ˆ
f(η +ik) =
1


−∞

2π θ(x)f(x)e
−ηx
e
−ikx
dx, θ(x) =

1 per x > 0 ,
0 per x < 0 .

Si vede dunque che
ˆ
f(s) `e la trasformata di Fourier, per x ≥ 0, della funzione

2πf(x)e
−ηx
. La formula
inversa ci permette di ricavare
f(x)e
−ηx
=
1


−∞
ˆ
f(η +ik)e
ikx
dk =
e
−ηx
2πi

η+i∞
η−i∞
ˆ
f(s)e
sx
ds , x ≥ 0 .
In conclusione, per Re s > γ, η > γ si ha
ˆ
f(s) =


0
f(x)e
−sx
dx, (trasformata di Laplace); (15.2)
f(x) =
1
2πi

η+i∞
η−i∞
ˆ
f(s)e
sx
ds , (formula di inversione o antitrasformata). (15.3)
Le formule precedenti si possono estendere a funzioni definite anche per x < 0, estendendo il primo
integrale su tutto l’asse reale e richiedendo che la funzione soddisfi una condizione analoga alla (15.1)
anche per x < 0 in modo che l’integrale esista (trasformata di Laplace bilatera).
15.1 Propriet`a della trasformata di Laplace
Dalla linearit`a dell’integrale segue immediatamente la linearit`a della trasformata. Valgono inoltre delle
utili propriet` a simili a quelle che si hanno per la trasformata di Fourier. Quando le seguenti equazioni
hanno significato (le funzioni coinvolte sono tali per cui tutti gli integrali esistono) si ha
• Traslazione (attenuazione).
L[e
ax
f(x)](s) = L[f(x)](s −a) ,
L[f(x −a)](s) = e
−as
L[f(x)](s) .
55
• Dilatazione.
L[f(ax)](s) =
1
a
L[f(x)](s) .
• Derivate.
L
¸
df(x)
dx

(s) = s L[f](s) −f(0
+
) , f(0
+
) = lim
x↓0
f(x) .
Questa vale se f `e continua in IR
+
. Se ci sono punti di discontinuit` a si devono trattare singolarmente.
Dimostrazione – . Si ha
L
¸
df(x)
dx

(s) = lim
N→∞

N
0
f

(x)e
−sx
dx = lim
N→∞

f(x)e
−sx

N
0
+s

N
0
f(x)e
−sx
dx
= s L[f](s) −f(0
+
) .
Pi` u in generale si ottiene
L
¸
f
(n)
(x)
dx

(s) = s
n
L[f](s) −
n−1
¸
k=0
f
(k)
(0
+
)s
n−1−k
.
• Primitiva.
L
¸
x
0
f(t) dt

(s) =
1
s
L[f](s) .
Dimostrazione – . Posto F(x) =

x
0
f(t) dt si ha F

(x) = f(x) e F(0) = 0. Applicando la
propriet` a precedente a F

si ottiene
L[F

](s) = s L[F](s) −F(0) = s L[F](s) =⇒ L[F](s) =
1
s
L[F

](s) ,
da cui il risultato cercato.
• Analiticit`a.
Per s > γ la trasformata di Fourier di una funzione f `e analitica e si ha
d
n
ds
n
L[f](s) = L[(−x)
n
f(x)](s) . (15.4)
Dimostrazione – . Consideriamo la successione di funzioni f
N
(x) = θ(N − x)f(x) → f(x). Per
ogni funzione della serie e ogni s
0
> γ si ha
ˆ
f
N
(s) =


0
f
N
(x)e
−sx
dx =

N
0
f(x)e
−sx
dx,
ˆ
f

N
(s) =

N
0
(−x)f(x)e
−sx
dx = L[(−x)f
N
(x)](s) ,
ˆ
f
(n)
N
(s) =

N
0
(−x)
n
f(x)e
−sx
dx = L[(−x)
n
f
N
(x)](s) .
Passando al limite N →∞ si ottiene il risultato cercato. Si ha anche
ˆ
f
N
(s) =

N
0
f(x)e
−s0
e
−(s−s0)x
dx
=

N
0

¸
n=0
¸
(−x)
n
f(x)e
−s0x
(s −s
0
)
n
n!

dx
=

¸
n=0
¸

N
0
(−x)
n
f(x) e
−s0x
dx
¸
(s −s
0
)
n
n!
=

¸
n=0
L[(−x)
n
f
N
(x)](s
0
)
(s −s
0
)
n
n!
.
56
Si vede dunque che
ˆ
f
N
(s) `e sviluppabile in serie di Taylor e quindi `e analitica. Per il teorema di
Weierstrass si pu` o ora effettuare il limite N →∞ ottenendo il risultato per f.
• Convoluzione.
L[h ∗ g](s) = L[h](s) L[g](s) .
Dimostrazione – . Tenendo conto che le funzioni sono definite in IR
+
si ha
f(x) = (h ∗ g)(x) =

x
0
h(x −y)g(y) dy =

x
0
h(y)g(x −y) dy ,
L[f](s) =


0
¸
x
0
h(x −y)g(y) dy

e
−sx
dx.
Si ha anche
L[h](s) L[g](s) =


0
h(u)e
−su
du


0
g(v)e
−sv
dv
=


0
h(u)g(v)e
−s(u+v)
du, dv
=


0
¸
x
0
h(x −y)g(y) dy

e
−sx
dx.
Nel calcolo precedente si `e usato il teorema di Fubini e si `e effettuato il cambiamento di varibili
x = u +v, y = v. Il determinante jacobiano di questa trasformazione `e uguale a 1.
• Funzioni Periodiche.
Sia f(x) una funzione periodica di periodo T, cio`e f(x +T) = f(x). Allora
L[f](s) =
1
1 −e
−sT

T
0
f(x)e
−sx
dx.
• Limiti.
Sia
ˆ
f(s) = L[f](s). Se i limiti esistono valgono le relazioni
lim
x→0
f(x) = lim
s→∞
s
ˆ
f(s) , lim
x→∞
f(x) = lim
s→0
s
ˆ
f(s) .
15.2 Esempi
Calcolare le trasformate di Laplace delle seguenti funzioni:
• f(x) = x
α
per Re α > −1.
Definiamo la funzione Γ (secondo integrale di Eulero) mediante l’equazione
Γ(s) =


0
t
s−1
e
−t
dt , Re s > 0 .
E’ immediato verificare che per s = n + 1 (n = 0, 1, 2, ...) questa funzione corrisponde a n!. Inte-
grando per parti si pu` o estendere analiticamente a tutto il piano complesso dove ha poli semplici
per tutti i valori s = 0, −1, −2, .... Si ha
ˆ
f(s) =


0
x
α
e
−sx
dx =
1
s
α+1


0
t
(α+1)−1
e
−t
dt =
Γ(α + 1)
s
α+1
.
In particolare, per n = 0, 1, 2, ... si ottiene L[x
n
](s) = n! s
−(n+1)
.
57
• e
γx
.
Per Res > γ si ha
L[e
γx
] =


0
e
(γ−s)x
dx =
1
s −γ
.
• sin αx e cos αx.
Gli integrali si fanno rapidamente usando le formule di Eulero, vale a dire
L[sin αx](s) =


0
e
−(s−iα)x
−e
−(s+iα)x
2i
dx =
α
s
2

2
. (15.5)
Usando la propriet` a della derivata si ha rapidamnete
L[cos αx](s) =
s
α
L[sin αx](s) =
s
s
2

2
. (15.6)
15.3 Applicazioni
• Soluzione di equazioni differenziali.
Si consideri l’equazione differenziale lineare a coefficienti costanti
a
0
f(x) +a
1
f

(x) +a
2
f
′′
(x) +· · · +a
n
f
(n)
(x) = g(x) ,
con le condizioni iniziali
f
(k)
= f
k
, k = 0, 1, 2, ..., n −1 ,
Mediante una trasformazione di Laplace si ottiene l’equazione algebrica
P
n
(s)
ˆ
f(s) −Q
n−1
(s) = ˆ g(s) ,
dove P
n
`e il polinomio caratteristico dell’equazione, mentre Q
n−1
`e un polinomio di grado n − 1
che contiene tutte le condizioni iniziali. Questi hanno la forma
P
n
(s) =
n
¸
k=0
a
k
s
k
, Q
n−1
(s) =
n
¸
j=1
n
¸
k=j
a
k
s
k−j
f
j
.
Risolvendo si ricava
ˆ
f(s) =
ˆ g(s) +Q
n−1
(s)
P
n
(s)
=⇒ f(x) =
1
2πi

η+i∞
η−i∞
[ˆ g(s) +Q
n−1
(s)] e
sx
P
n
(s)
ds .
• Dimostrare che


0
sin x
x
dx =
π
2
,
dove l’integrale va inteso nel senso del valore principale.
Per prima cosa si deve dimostrare che se lim
x−>∞
f(x)/x = 0, allora
L
¸
f
x

(s) =


0
ˆ
f(s) ds .
Posto f(x) = xg(x) e usando la propriet` a (15.4) si ha effettivamente
ˆ
f(s) = −ˆ g

(s) =⇒ ˆ g(s) = −


s
ˆ g

(s) ds =


s
ˆ
f(s) ds .
58
In particolare,
ˆ g(0) =


0
f(x)
x
dx =


0
ˆ
f(s) ds .
Nel caso in questione f(x) = sin x,
ˆ
f(s) = 1/(s
2

2
) (vedi (15.5)) e quindi


0
sin x
x
dx =


0
1
s
2

2
ds = [arctan s]

0
=
π
2
.
• Oscillatore forzato.
Trovare la soluzione particolare dell’equazione
¨ x(t) +ω
2
x(t) = f(t) , x(0) = x
0
, ˙ x(0) = v
0
.
Assumiamo che tutte le funzioni in gioco siano tali per cui sia definita la loro trasformata di Laplace.
Mediante una trasformazione si ottiene allora l’equazione algebrica
s
2
ˆ x(s) −sx
0
−v
0

2
ˆ x(s) =
ˆ
f(s) =⇒ ˆ x(s) =
ˆ
f(s)
s
2

2
+
x
0
s
s
2

2
+
v
0
s
2

2
.
Ricordando le equazioni (15.5) e (15.6) si pu` o scrivere
ˆ x(s) =
1
ω
ˆ
f(s)L[sin(ωt)](s) +x
0
L[cos(ωt)](s) +
v
0
ω
L[sin(ωt)](s) .
Mediante la trasformazione inversa si ricava infine la soluzione nella forma
x(t) = x
0
cos ωt +
v
0
ω
sin ωt +
1
ω

t
0
sin ω(t −t

) f(t

) dt

.
• Circuito RLC.
Determinare la corrente I(t) che passa in un circuito semplice formato da un generatore di forza
elettomotrice V (t), un resistore di resistenza R, una bobina di induttanza L e un condensatore di
capacit`a C posti in serie.
Il circuito `e descritto dall’equazione integro-differenziale
V (t) = RI(t) +L
dI(t)
dt
+
1
C

t
0
I(t

) dt

.
Effettuando la trasformata di Laplace sull’intera equazione si ottiene
ˆ
V (s) = R
ˆ
I(s) +L[s
ˆ
I(s) −I(0)] +
1
sC
ˆ
I(s) =
¸
R +sL +
1
sC

ˆ
I(s) −LI(0) ,
da cui
ˆ
I(s) = s
¸
I(0) +
ˆ
V (s)
L
¸
¸
s
2
+
R
L
s +
1
LC

−1
.
Ad esempio, considerando un generatore di corrente alternata della forma V (t) = V
0
sin ω
0
t con la
condizione iniziale I(0) = 0 si ha
ˆ
V (s) =
V
0
ω
0
s
2

2
0
,
ˆ
I(s) =
V
0
ω
0
s
L(s
2

2
0
)
¸
s
2
+
R
L
s +
1
LC

−1
,
59
da cui
I(t) =
V
0
ω
0
2πiL

η+i∞
η−i∞
s
s
2

2
0
¸
s
2
+
R
L
s +
1
LC

−1
e
st
ds .
L’integrale si effettua usando il metodo dei residui, chiudendo il cammino di integrazione mediante
una curva Γ all’infinito (nel semipiano sinistro), ricordando che tutte le singolarit`a della funzione
stanno alla sinistra dell’asse di integrazione (η −i∞, η +i∞). Su Γ la funzione integranda si annulla
e pertanto I(t) diventa uguale all’integrale sul cammino chiuso, che in generale contiene quattro
poli semplici nei punti
a
±
= ±iω
0
, b
±
=
R
2L
¸
1 ±

1 −
4L
R
2
C
¸
.
Come si vede, i punti a
±
sono sempre immaginari, mentre i punti b
±
sono complessi coniugati se
4L/R
2
C > 1 e reali altrimenti. Nel caso particolare in cui 4L/R
2
C = 1, b
+
= b

e il polo `e doppio.
I residui di
ˆ
I(s) hanno un’espressione piuttosto complicata, ma il loro calcolo non presenta nessuna
difficolt` a tecnica. In conlusione di ha
I(t) = Res(
ˆ
I(s); a
+
) + Res(
ˆ
I(s); a

) + Res(
ˆ
I(s); b
+
) + Res(
ˆ
I(s); b

) .
Se b
+
= b

allora gli ultimi due termini vanno sostituiti con il residuo nel polo doppio.
• Equazione integrale di Volterra.
Trovare la soluzione dell’equazione integrale
f(x) = g(x) +

x
0
K(x −y)f(y) dy ,
dove g(x) e K(x) sono funzioni note che hanno trasformata di Laplace. Allora l’equazione integrale
si pu` o scrivere nella forma f = g +K ∗ f, che trasformata diventa l’equazione algebrica
ˆ
f = ˆ g +
ˆ
K
ˆ
f =⇒
ˆ
f =
ˆ g
1 −
ˆ
K
= ˆ g +
ˆ
K
1 −
ˆ
K
ˆ g .
La soluzione ha quindi la forma
f(x) = g(x) +

x
0
R(x −y)g(y) dy ,
ˆ
R =
ˆ
K
1 −
ˆ
K
.
60

Indice
1 Numeri complessi 2 Funzioni di variabile complessa 2.1 Alcune funzioni importanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 4 7 8 8 9 9 11 13 15 16 17 17 19 20 20 21 22 22 24 24 25 26 27 27 28 31 31 31

3 Funzioni analitiche 3.1 Condizioni di Cauchy-Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 Integrazione nel campo complesso 4.1 4.2 Teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rappresentazione integrale di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 Sviluppi in serie di Taylor e Laurent 5.1 5.2 Singolarit` isolate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a Singolarit` all’infinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a

6 Classificazione delle funzioni 7 Residui 7.1 7.2 7.3 Teorema dei residui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indicatore logaritmico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sviluppo di Mittag-Leffler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8 Prolungamento analitico 8.1 8.2 8.3 Metodo di Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Punti di diramazione e funzioni polidrome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Funzioni con bordo naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9 Funzioni speciali 9.1 9.2 Funzione Gamma di Eulero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Funzione Zeta di Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10 Complementi 10.1 Lemma di Jordan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.2 Somma di serie numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.3 Integrazione di funzioni trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4 Valore principale di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5 Trasformate di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

i

. . . . . . . . . . . . .3 Applicazioni . . . .5. . . . . . . . .1 Sistema trigonometrico . . . . . . . . . . 14. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11. 15. . . . . . . 11. . . . . . . . .1 Convergenza della serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 Esempi . . . . 14. . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 Propriet` della trasformata di Laplace . . 12. . . . . . . . . . . a 15. . . . . . . .11 Applicazioni 11. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4 Soluzione di equazioni differenziali mediante la trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14. . . . . . . . . . . .2 Sistemi ortonormali chiusi . 12. . . . . . . . . . . . . . .6 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. . . . . . . . . . . . . 13. . . . . . . . . . . . . .5 Trasformata di Fourier in L2 (−∞. a 14. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . u 14. . . . . . . . . . . . . . . . 12. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Trasformata di Laplace 15. . . .3 Trasformata di Fourier in pi` variabili . . . . .1 Integrali di Fresnel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 Sviluppi di Mittag-Leffler . . . . . . . . . . . . . . . . . ii . 13 Serie di Fourier 13. . . . . .3 Teorema di Riesz-Fisher . . . . . . . . .1 Esempi di spazi euclidei . . . . . . . . 12 Spazio Euclideo (complesso) 12. . . . . . .1 Convergenza puntuale . . . . . . . . 32 32 33 34 39 40 41 43 43 44 44 45 46 46 46 48 48 49 50 50 52 52 55 55 57 58 12. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5 Basi ortonormali in L2 . . . . . . .1 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4 Lo spazio L2 .2 Alcune importanti propriet` della trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ∞) . . . . 14 Integrale di Fourier 14. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6 Forma complessa della serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . .3 Quantizzazione secondo Bohr-Sommerfeld . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1. .

Milano (1985).N. Edizioni MIR 1980. Etas Libri. A. Elementi di teoria delle funzioni e di analisi funzionale. Spiegel. G. Collana Schaum. Oxford U. The Theory of Functions. Kolmogorov and S. Weber.Testi consigliati E. Fomin.V. second editions. Titchmarsh. iii .R. H. Mathematical Methods for Physicists. Teoria ed Applicazioni delle Variabili Complesse. Harcourt Academic Press (2001). M.C. (1968).Arfken.P.

.

x. (2n)! ∞ sin x = n=0 (−1)n x2n+1 . allora il verso di percorrenza positivo coincide con il verso antiorario. ϑ saranno variabili reali. (2n + 1)! (|x| < ∞) . mentre coincide con il verso orario se la regione interna contiene l’infinito. |z| il modulo. = 1 − x n=0 ∞ (|x| < 1) . y. Sviluppi in serie • serie esponenziale: ∞ ex = n=0 xn . z = x + iy sar` una variabile complessa. 1−x xn n=1 ∞ (|x| > 1) .PRIMA PARTE Definizioni e richiami • Un insieme si dice semplicemente connesso se ogni curva chiusa contenuta al suo interno ` cone trattibile ad un punto. z ∗ ≡ z = x − iy a ¯ la sua variabile coniugata. 1 1 =− . • serie iperbolica: ∞ cosh x = n=0 x2n . (2n)! ∞ sinh x = n=0 x2n+1 . n! (|x| < ∞) . 1 . (2n + 1)! (|x| < ∞) . Il verso di percorrenza di una curva chiusa si dir` positivo se lungo il cammino la regione interna rimane a sempre a sinistra della curva stessa. x = Re z. con f (z) si indicher` una funzione ad un solo valore definita in un dominio semplicemente connesso D. • serie trigonometrica: ∞ cos x = n=0 (−1)n x2n . • Con γ. la parte immaginaria e l’argomento rispettivamente. se la regione interna contiene solo punti al finito. y = Im z e ϑ = arg z la parte reale. a • Di norma. Di fatto. se non specificato diversamente. Di seguito. Γ si indicheranno curve generiche nel piano complesso e con C curve chiuse. • IR e C rappresentano i campi dei numeri reali e complessi rispettivamente. Se non specificato I altrimenti. n (|x| < 1) . • serie logaritmica: ∞ log(1 + x) = − • serie geometrica: (−1)n n=1 xn . 1 xn . con D si indicher` sempre un a insieme semplicemente connesso.

. = (1 − x)2 n=0 • radice quadrata: √ x x2 1+x∼1+ − + . 2 8 √ 1 x 3x2 + . ∼1− + 2 8 1+x (|x| < 1) ... 2 . .• derivata della serie geometrica: 1 (n + 1)xn . ∞ (|x| < 1) . 1 n−1 .. = 1 − x n=2 xn ∞ (|x| > 1) ..

3 .

y) = Im f (z) .. y) e con tale notazione. n − 1 .. La rappresentazione polare pu` essere scritta usando la formula di Eulero3 o eiϑ = cos ϑ + i sin ϑ =⇒ eiπ = −1 . 0) e −1 ≡ i ≡ (0. l’unit` reale e immaginaria sono rappresentate rispettivamente dalle a √ coppie 1 ≡ (1. k = 0. y) + iv(x. ma non compariva nelle pubblicazioni ufficiali in quanto “non ortodossa”. 2 Questa rappresentazione era usata da Gauss nelle dimostrazioni. 3 Leonhard Eulero (1707-1783).. (n) k = 0. Dal punto di vista del calcolo ` molto pi` utile usare la notazione algebrica z = x + iy a cui corrisponde e u un’intuitiva rappresentazione grafica (geometrica)2 . 1). sia che i coefficienti siano reali o complessi (Carl Friedrich Gauss. .. ρ = |z| . 1. Il termine “immaginari”. Come conseguenza di questa terminologia. Dalla rappresentazione geometrica ` immediato ottenere la rappresentazione polare (o trigonometrica) e z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) . In questa notazione x = Re z e y = Im z sono dette rispettivamente parte reale e parte immaginaria del numero complesso z. . n − 1 . un numero complesso z ` definito come una coppia ordinata di numeri e reali z ≡ (x. y) = Re f (z) . tan ϑ = y . 1. viene introdotto per indicare delle soluzioni a quel tempo considerate fittizie e e irreali. Da un punto di vista formale. 2. Quest’ultimo in particolare studi` le loro propriet`. In questo modo si ottiene z = ρ(cos ϑ + i sin ϑ) = ρ eiϑ e questa espressione permette di ricavare rapidamente le formule z1 z2 = ρ1 ρ2 ei(ϑ1 +ϑ2 ) . [zk ]n = z . che si dimostra rapidamente confrontando gli sviluppi di Taylor delle funzioni trigonomatriche e dell’esponenziale. limite e continuit` dal campo dei numeri reali a quello dei numeri a complessi non presenta particolari difficolt` in quanto una funzione complessa f (z) si pu` vedere come a o somma di due funzioni reali (di due variabili).. y) .. dovuto a o a Ren´ Descartes (1596-1650). 4 . mentre le radici di un numero qualsiasi a z = ρeiϑ sono zk (n) = √ n ρ ei(ϑ+2πk)/n . (n) dove zk sono le n radici n − esime dell’unit`. (n) zk (n) = e2πik/n .1 Numeri complessi I numeri complessi emergono in modo naturale come soluzione delle equazioni algebriche di grado superiore al primo1 e si trovano nelle opere di alcuni matematici del XVI secolo come Girolamo Cardano e Rafael Bombelli. u(x. 2 Funzioni di variabile complessa L’estensione dei concetti di funzione. 1 Teorema fondamentale dell’algebra: ogni equazione algebrica di grado arbitrario ha almeno una radice nel campo complesso. ossia [zk ]n = 1. i numeri “non immaginari” vengono chiamati “reali” nel IXX secolo. v(x. x dove ρ = x2 + y 2 e ϑ = arg z sono detti rispettivamente modulo e argomento di z. 1799). vale a dire f (z) = u(x.

y) = −y lim lim 3∆ x − i∆ y = −1 . L’estensione del concetto di derivata ` pi` “problematica” in quanto il rapporto incrementale in generale e u ha un limite che dipende da come tendono a zero gli incrementi che lo definiscono. Ad esempio. ∆z z − z0 ∆ x + i∆ y ∆ x + i∆ y Nel limite in cui ∆ z → 0 questo dovrebbe definire la derivata della funzione in z0 . y) e v(x.Im z Im z z z2 y z1 z0 0 Re z θ 0 Re z x z3 z4 Figura 1: rappresentazione geometrica (a sinistra) —— z √ 6 5 1 (a destra) Ad esempio f (z) si dir` continua nel punto z0 se fissato ε > 0 esiste δ > 0 per cui a |f (z) − f (z0 )| < ε . y) 3∆ x − i∆ y ∆ f (z) ≡ = = . facendo tendere a zero prima ∆ x e successivamente ∆ y si ottiene ∆ y→0 ∆ x→0 =⇒ u(x. Usando la disuguaglianza triangolare si verifica facilmente che f (z) ` continua in z0 = x0 + iy0 se e solo e se u(x. ∀z tale che |z − z0 | < δ . sono continue nel punto P0 ≡ (x0 . ∆ x→0 ∆ x + i∆ y ∆ x + iα∆ x 1 + iα ∆ x→0 da cui segue che il limite dipende dal rapporto α = ∆ y/∆ x. y) + iv(x. come funzioni di due variabili. scambiando l’ordine si ricava lim lim 3∆ x − i∆ y = 3. 5 . y0 ). y) + i∆ v(x. ∆ x + i∆ y Viceversa. ∆ x + i∆ y ∆ x→0 ∆ y→0 Pi` in generale si pu` porre ∆ y = α∆ x e quindi u o lim 3∆ x − i∆ y 3∆ x − iα∆ x 4 = lim = −1 + . v(x. y). Esistono infatti infiniti limiti corrispondenti agli infiniti modi di far tendere e ∆ z = z − z0 → 0. Per chiarire meglio questo concetto si consideri la funzione complessa di variabile complessa f (z) = z + 2¯ = u(x. y) z e il rapporto incrementale f (z) − f (z0 ) ∆ u(x. y) = 3x . ma si vede chiaramente che questo limite non ` unico.

Una funzione f (z) differenziabile in z0 e in e a un suo intorno sar` detta analitica in z0 . h→0 A tale scopo sia ρ < r. Allora f (z) ≡ an z n < ∞ per ogni z tale che |z| < r = lim |an | . z0 ) tali che u I f (z) − f (z0 ) = λ(z − z0 ) + ω(z. z) h ≤ |an | (|z| + |h|)n − |z|n − n|z|n−1 |h| n ≤ K = = n 1 (|z| + |h|)n − |z|n − n|z|n−1 ρn |h| 1 1 |h| Kρ − − |h| ρ − |z| − |h| ρ − |z| (ρ − |z|)2 Kρ|h| . y) e v(x. z0 ) . z) = 0. . z) = f (z + h) − f (z) − hg(z) . h ≤ k=2 Usando ora questa maggiorazione nella serie che definisce ω(z + h.1) a a In tal caso λ = df /dz|z=z0 si dir` derivata di f (z) in z0 . (a volte viene usato anche il termine olomorfa). (ρ − |z| − |h|)(ρ − |z|)2 6 . b1 = bn−1 = n . z→z0 lim ω(z. Per dimostrare il teorema basta verificare che g(z) ` la derivata di f (z) secondo la definizione data sopra. la derivabilit` di u(x. e ossia che lim ω(z + h. z − z0 (2. |an+1 | n n→∞ g(z) ≡ n nan z n−1 < ∞ per ogni z tale che |z| < r . Poich´ la serie converge deve esistere K tale che e |an ρn | ≤ K. Dimostrazione – Si consideri una serie di potenze con raggio di convergenza uguale a r. |z| < ρ e |z + h| ≤ |z| + |h| < ρ. b0 = bn = 1 . se e solo se esiste un numero λ ∈ C e una funzione ω(z... si ottiene (z + h)n − z n − nz n−1 h n = k=2 n bk z n−k hk−1 bk |z|n−k |h|k−1 = (|z| + |h|)n − |z|n − n|z|n−1 . Una funzione a differenziabile in tutti i punti z ∈ D si dir` analitica in D.La funzione f (z) si dir` differenziabile in z0 quando il limite del rapporto incrementale esiste ed ` unico a e e pi` precisamente. y) non ` sufficiente a garantire la derivabilit` di f (z). ∀n. z) e ricordando lo sviluppo della serie geometrica e della sua derivata si ricava ω(z + h. z0 ) = 0. h ω(z + h. a Teorema – Ogni serie di potenze in z definisce una funzione differenziabile nel dominio di convergenza della serie. Ricordando lo sviluppo binomiale n (z + h)n = k=0 bk z n−k hk . bk (coefficienti binomiali). Per quanto visto sopra.

(2n)! ∞ sinh z = n=0 z 2n+1 . le funzioni trigonometriche e le funzioni iperboliche si possono definire per ogni valore dell’argomento usando gli sviluppi in serie. 2. Usando la rappresentazione polare si ha z = |z|ei arg z =⇒ log z = log |z| + i arg z . dz d cos z = − sin z . (−1) cos z = (2n)! n=0 n ∞ ∞ sin z = n=0 (−1)n z 2n+1 . che dipendono da come si e sceglie l’argomento di z. k∈Z . 2 sinh z = ez − e−z . Quindi ∞ e = n=0 z zn . Valgono le propriet` a cosh2 z − sinh2 z = 1 . cos iz = cosh z . e Come si vedr` in seguito. d sinh z = cosh z . 7 0 ≤ arg z ≤ 2π . Questo significa che il logaritmo ` una funzione polidroma ad infiniti valori.1 Alcune funzioni importanti La funzione esponenziale. dz cos2 z + sin2 z = 1 .che tende a zero per h → 0 e quindi la serie ` differenziabile in ogni punto interno al raggio di convergenza. che hanno raggio di convergenza infinito. (2n + 1)! Come nel campo reale. 2 cos z = eiz + e−iz . n! z 2n . quindi si deve a fare un po’ di attenzione quando si usano. dz Il logaritmo si pu` definire come funzione inversa dell’esponenziale richiedendo che goda delle propriet` o a note. e inoltre ez = cosh z + sinh z . questo ` un caso particolare di un teorema generale sullo sviluppo in serie di a e potenze delle funzioni analitiche. per ogni z ∈ C valgono le formule di Eulero I eiz = cos z + i sin z . Z . d cosh z = sinh z . A volte si trova la notazione Log z = log z + 2πik = log |z| + i arg z + 2πik . Si vede subito che in questo caso si va incontro ad una situazione completamente nuova in quanto e2πi = 1. Infatti valgono le relazioni sin iz = i sinh z . (2n + 1)! ∞ cosh z = n=0 z 2n . cosh z = ez + e−z . dz d sin z = cos z . 2 sin z = eiz − e−iz 2i E’ chiaro che nel campo complesso la distinzione fra funzioni trigonometriche e funzioni iperboliche ` e puramente formale. Le funzioni iperboliche hanno propriet` simili a quelle trigonometriche ma non identiche.

1 Condizioni di Cauchy-Riemann Una condizione necessaria (ma non sufficiente) per l’analiticit` di f (z) = u(x. siano date due curve γ(x. y) formando un angolo α e le curve corrispondenti γ(u.y) ˜ u 1 2 che si intersecano nel punto P ≡ (x. ∂x2 ∂y 2 ∆ v(x. y) ` che le sue a e componenti soddisfino le condizioni di Cauchy-Riemann u′ ≡ x ∂v(x.v) nel piano (u. v) formando un algolo α. y i∆ y i∆ y da cui seguono le condizioni di Cauchy-Riemann e inoltre f ′ (z) ≡ df (z) ′ ′ = u′ + ivx = vy − iu′ . y) al ˜ punto P ≡ (u. y) e una curva γ(u. y) ∂ 2 u(x.v) γ(u.dove con Log z si intende la funzione completa ad infiniti valori e con log z solo la determinazione principale in cui l’argomento di z ` compreso in [0. xx yy La parte reale e la parte immaginaria di una funzione analitica sono entrambe funzioni armoniche. y) ′ = ≡ vy . y) + iv(x. la derivata di una funzione analitica ` ancora una funzione analitica e quindi a e le funzioni analitiche ammettono derivate di qualunque ordine e in particolare la derivata seconda. y) ∂ 2 v(x. Per questa si ha f ′′ (z) ≡ d2 f (z) = dz 2 ′′ u′′ + ivxx xx ′′ ′′ −uyy − ivyy =⇒ ′′ ′′ u′′ + u′′ = vxx + vyy = 0 . y) ∂u(x. y) nel piano (x. a 3. 8 . x ∆x ∆x ′ u′ ∆ y + ivy ∆ y ∆ f (z) y ′ = = vy − iu′ . y) = ∂ 2 v(x. v). v) sono conformemente correlati. ∂x ∂y u′ ≡ y ∂u(x. le curve nel piano che corrrispondono a f = costante sono ortogonali fra loro. 3 Funzioni analitiche Come gi` detto sopra. vale a dire che soddisfano l’equazione di Laplace ∆ u(x. π] e per la quale si ha log 1 = 0. e In particolare. y) + = 0. Per vedere che queste condizioni sono necessarie consideriamo una funzione f (z) analitica in z0 . ∂y ∂x Se queste condizioni non sono soddisfatte in un punto z0 si pu` immediatamente affermare che la funzione o f (z) non ` analitica in z0 .y) 1 2 nel piano (x. Una funzione f (z) connette il punto P ≡ (x.v) che ˜ ˜ ˜ ≡ (u. x y dz Come si vedr` in seguito. Allora se la funzione f ` analitica α ≡ α e si intersecano nel punto P ˜ e ˜ questo significa che la trasformazione generata da f ` una trasformazione conforme (preserva gli angoli). ∂x2 ∂y 2 Un’altra importante propriet` delle funzioni analitiche consiste nel fatto che il piano (x. v) nel piano (u. 2π] o [−π. y) ∂v(x. Affinch´ questo avvenga si deve richiedere anche la continuit` di tutte a e a le derivate prime di u e v. v) e al variare del punto stabilisce una corrispondenza fra una curva γ(x. y) ′ =− ≡ −vx . y) e il piano a (u. y) + = 0. Nei rami successivi e della funzione si ha invece Log 1 = 2πik. Poich´ e la funzione ` derivabile si ha e ∆ f (z) ∆z = = ′ ∆ f (z) u′ ∆ x + ivx ∆ x ′ = x = u′ + ivx . una funzione derivabile in un punto z0 e in un suo intorno si dice analitica.y) e γ(x. y) = ∂ 2 u(x. In generale per` le condizioni di Cauchy-Riemann da sole non sono sufficienti e o per determinare l’analiticit` di f . Pi` in generale.

Usando le condizioni di Cauchy-Riemann si ha e e ′ rot F = u′ + vx = 0 . Allora dz f (z) = 0 . C (4. ossia di u′ (x. (4. sup |f (z)| ≤ K . dy) nel piano (x. infatti a dz f (z) ≤ |dz| |f (z)| ≤ K ds = Kℓγ . G ≡ (v. y) permette di applicare il teorema di Stokes. γ Se la funzione f (z) ` limitata e la curva γ ` rettificabile si ha (teorema di Darboux) e e dz f (z) ≤ Kℓγ . y) dy] .4 Integrazione nel campo complesso L’integrale di una funzione complessa f (z) lungo la curva orientata γ si pu` ricondurre ad una coppia di o integrali reali osservando che f (z) dz = (u + iv)(dx + idy) = (u dx − v dy) + i(v dx + u dy) . v). z∈γ ℓγ = γ ds . y) e v ′ (x. a Senza questa ipotesi (in effetti ridondante) la dimostrazione risulta assai complicata. u) nel piano (u. Pertanto si definisce dz f (z) = γ γ [u(x. y) dy] + i [v(x. In a tal modo si ottiene dz f (z) = C Σ dσ rot F · n + i Σ dσ rot G · n . La dimostrazione di questo teorema deriva direttamente e dalle propriet` dell’integrale. y ′ rot G = vy − u′ = 0 x 9 . Nella versione originale di Cauchy si assumeva e anche la continuit` della derivata prima di f . a Dimostrazione – Anche qui per semplicit` assumiamo f (z) = u + iv analitica e con derivata continua. Si introduca il vettore dr ≡ (dx. u Teorema di Cauchy – Sia f (z) una funzione (ad un valore) analitica definita in un insieme semplicemente connesso D e C una curva chiusa contenuta nel dominio D (o sulla frontiera). L’ipotesi di continuit` di f ′ (z).1 Teorema di Cauchy Andiamo ora a dimostrare uno dei teoremi pi` importanti dell’analisi complessa. −v). y) dx + u(x.3) dove Σ ` la superficie racchiusa dalla curva C e n ` il versore normale a tale superficie (` un versore e e e costante perch´ la superficie ` piana). (4.1) γ dove ds = dx2 + dy 2 ` l’elemento di linea. Usando queste notazioni di ha dz f (z) = C C dr · F + i C dr · G . γ γ γ 4.2) Questa formulazione del teorema ` dovuta a Goursat. y) dx − v(x. y) e i due campi di vettori F ≡ (u.

Corollario – 1. a Se f ` interamente contenuta in D allora il risultato ` banale in quanto l’integrale ` nullo qualunque sia e e e la curva chiusa (in D). allora l’integrale e z1 F (z0 . Il risultato diventa significativo quando solo un tratto di cammino γ ` contenuto e in D. Sia f (z) una funzione analitica in D e C una curva chiusa avente almeno un tratto contenuto in D. y) − V (x0 .y0 ) dU (x.e questo implica che l’integrale (4. allora la funzione z F (z) = z0 dw f (w) . e Dimostrazione – Per il teorema di Cauchy l’integrale di f (z) non dipende dal cammino e quindi le uno-forme dU = u dx − v dy e dV = v dx + u dy sono esatte in quanto z z z dw f (w) = z0 z0 (u dx − v dy) + i (v dx + u dy) . y0 )] . Se f (z) ` una funzione analitica in D.y) F (z) = (x0 . infatti ∂V ∂U =u= . y) − U (x0 . y) + i (x0 .y) (y. Allora dz f (z) = C ˜ C dz f (z) . z1 ∈ D . ∂x ∂y e inoltre ′ ′ F ′ (z) = Ux + iVy′ = Vy′ − iUy = u + iv = f (z) . e Teorema fondamentale del calcolo – Sia f (z) una funzione analitica in un dominio semplicemente connesso D e z0 ∈ D un punto arbitrario. da cui segue che F (z) ` una funzione analitica poich´ U e V soddisfano le condizioni di Cauchy-Riemann e e e hanno derivate continue. y0 ) + i[V (x. In tal caso l’integrale non ` necessariamente nullo (non vale il teorema di Cauchy in quanto la e curva C non ` interamente in D). ∀z0 . Questa ` interamente contenuta in D e pertanto l’integrale di f su tale curva ` nullo ˜ e e per il teorema di Cauchy. che portano da z0 a z1 coincide con l’integrale della funzione lungo la curva chiusa ottenuta dall’unione dei due cammini e questo integrale ` nullo per il teorema di Cauchy. ∂V ∂U =v=− ∂x ∂y 10 . non dipende dal cammino. z1 ) = z0 dz f (z) . z0 Si ha quindi (x. ∀z ∈ D ` analitica in D e F ′ (z) = f (z). Corollario – 2. y) = U (x.y0 ) dV (x. ˜e dove C ` una curva ottenuta mediante un’arbitraria deformazione di C nella regione di analiticit` D. Questo ` una diretta conseguenza del fatto che la differenza fra gli integrali di f fatti lungo due cammini e arbitrari (in D). Il risultato precedente si ottiene osservando che la differenza fra i due e integrali sopra coincide con l’integrale di f fatto lungo la curva chiusa ottenuta dall’unione di γ con la sua deformazione γ .3) si annulla come dovevasi dimostrare.

mentre γ+ e γ− sono due tratti paralleli a distanza infinitesima ε. (w − z)n+1 (4. l’arco di circonfrenza γε (δ) diventa una circonferenza di raggio δ e i due tratti paralleli γ± diventano coincidenti. Teorema (rappresentazione integrale di Cauchy) – Sia f (z) una funzione analitica in D. w−z L’ultimo integrale ` fatto su una circonferenza di raggio δ e si pu` calcolare usando la rappresentazione e o polare e l’analiticit` di f (z). Tenendo conto che questi due ultimi tratti sono percorsi in senso opposto si ottiene dw C f (w) = lim w − z ε→0 dw Γε f (w) = − lim ε→0 w−z dw γε (r) f (w) = w−z dw |w−z|=δ f (w) . w−z Questo significa che il valore di una funzione analitica in un punto arbitrario ` determinato dai valori che e la funzione assume lungo una qualunque curva chiusa che racchiude il punto stesso. C una qualunque curva chiusa contenuta in D (o sulla frontiera) e z un punto arbitrario contenuto (strettamente) all’interno di C. f (w) w−z 2π = if (z) 0 dϑ + |w−z|=δ dw dw = 2πif (z) + |w−z|=δ f (w) − f (z) . w−z f (w) − f (z) w−z Il risultato richiesto si ottiene prendendo il limite δ → 0. w−z Nel limite in cui ε → 0 la curva aperta Γε diventa la curva chiusa C.2). In questo caso infatti l’ultimo integrale si annulla poich´ la funzione integranda ` derivabile in z (basta applicare il lemma di Darboux). per cui dw |w−z|=δ dw = iδ eiϑ dϑ . Allora f (z) = 1 2πi dw C f (w) . f (w) = f (z) + f (w) − f (z) . e e Corollario – Ogni funzione analitica in D ` infinitamente derivabile e la derivata n − esima ` una e e funzione analitica in D data da f (n) (z) = n! 2πi dw C f (w) .2 Rappresentazione integrale di Cauchy Un altro teorema fondamentale per l’analisi complessa dal quale derivano importanti conseguenze ` il e seguente.4. ma percorsi in senso opposto. altrimenti l’integrale sarebbe nullo. Dimostrazione – Si consideri un cammino chiuso Cε ≡ Γε + γε (r) + γ+ + γ− che non contiene z al suo interno (vedi figura 2). γε (δ) ` un arco di circonferenza di raggio δ (infinitesimo) (percorso in senso orario) che e circonda il punto z. La funzione integranda ` analitica all’intenrno di Cε per cui si ha e 0= Cε dw f (w) = w−z dw Γε f (w) + w−z dw γε (δ) f (w) + w−z dw γ+ f (w) + w−z dw γ− f (w) . Γε ` un cammino aperto che coincide con C a parte un piccolo tratto di lunghezza e (infinitesima) ε. Si osservi che la funzione integranda non ` analitica in quanto diverge per w = z e quindi non vale il e teorema di Cauchy (4.4) 11 . Si ha infatti a w − z = δ eiϑ .

Si dimostra che se la formula ` valida per n − 1 allora vale anche per n. Allora per il corollario al teorema precedente anche f (z) ` analitica. Allora f (z) ` analitica. ossia f ′ (z) = 1 2πi dw CR f (w) 1 = 2 (w − z) 2πR 2π dϑ e−iϑ f (z + Reiϑ ) . Prendendo ora il limite h → 0 si ottiene il risultato per n arbitrario (Nota: nell’ultimo integrale si ` fatto uso dello sviluppo binomiale). Si ha infatti e f (n−1) (z + h) − f (n−1) (z) h = = (n − 1)! 1 1 dw f (w) − 2πhi (w − z − h)n (w − z)n C nh(w − z)n−1 + o(h2 ) 1 . Usando ora la disuguaglianza di Darboux e la continuit` di f si ha a |ω(z + h. maggiorando e usando il fatto che |f (z)| ≤ M (∀z ∈ C) I si ottiene |f ′ (z)| ≤ M/R e poich´ R ` arbitrariamente grande la derivata di f si annulla in ogni punto e e e quindi f ` costante. (w − z)(w − z − h) Nel limite h → 0 si ottiene il risultato per n = 1. z)| = 0. 0 Prendendo il modulo di quest’ultima equazione. dw f (w) 2πhi C (w − z)n (w − z − h)n dove o(h2 ) sta per termini di ordine h2 e superiore.4)). Ricordando la (2. l’integrale che definisce F (z) e non dipende dal percorso. e Teorema di Morera – Sia f (z) una funzione continua in D e C dz f (z) = 0 per ogni curva chiusa in D. e 12 . z) = F (z + h) − F (z) − hf (z) = z dw [f (w) − f (z)] . Per ottenere il risultato per n arbitrario si pu` procedere o per induzione. la funzione f ′ (z) si pu` rappresentare mediante un integrale a o sulla circonferenza CR di raggio R centrata in z (vedi 4. |h| Teorema di Liouville – Una funzione analitica e limitata in tutto il piano complesso ` costante. z)| ≤ |h| sup |w−z|<|h| |f (w) − f (z)| =⇒ h→0 lim |ω(z + h.1) e posto λ = f (z) si ha allora z+h z ω(z + h.Γ ε δ γ ε γ+ γ_ ε Cε = Γ + γ+ + γε + γ_ ε Figura 2: Rappresentazione integrale di Cauchy (cammino usato) Dimostrazione – Dal teorema precedente si ottiene 1 f (z + h) − f (z) = h 2πhi dw f (w) C 1 1 1 = − w−z−h w−z 2πi dw C f (w) . Per le ipotesi fatte. e Dimostrazione – Per l’ipotesi di analiticit`. (` “l’inverso” del teorema di Cauchy). e e e Dimostrazione – Basta dimostrare che F (z) = z0 dw f (w) ` analitica e F ′ (z) = f (z).

.2) dove an bn cn = = = 1 2πi 1 2πi 1 2πi dw C f (w) . dw C . = (z − z0 )n n=−∞ ∞ (5. (5.R centrata in z0 (punto al finito). per ogni punto z interno a Cr.. . Teorema di Laurent – Sia f (z) una funzione analitica in una corona circolare Cr. Dal teorema di rappresentazione integrale e dal suo corollario si ottiene allora f (z) = = n=0 1 2πi ∞ dw CR 1 f (w) = w−z 2πi ∞ n=0 (z − z0 )n dw CR f (w) (w − z0 )n+1 f (n) (z0 ) (z − z0 )n .. ±2. . Allora I la funzione f (z) = 1/P (z) ` analitica e limitata e per il teorema precedente deve essere costante. n = 1. Osserviamo inoltre che. 5 Sviluppi in serie di Taylor e Laurent Teorema – Sia f (z) una funzione analitica per |z − z0 | ≤ R (cerchio di raggio R centrato in z0 ). ∀z ∈ C. (w − z0 )n+1 n = 0. ha Dimostrazione – Si supponga per assurdo che P (z) non abbia radici. Questa a risulta estremamente utile per studiare il comportamento di una funzione nell’intorno di punti singolari.. ossia P (z) = 0. n! |z − z0 | < R . Allora vale lo sviluppo (serie di Taylor) ∞ f (z) = n=0 f (n) (z0 ) (z − z0 )n . Questo teorema ci dice che vale anche il viceversa. Dimostrazione – Indichiamo con CR ≡ {z : |z −z0 | = R} il bordo del cerchio e con z un punto arbitrario (strettamente) contenuto al suo interno.. da cui e l’assurdo.R vale lo sviluppo (serie di Laurent) ∞ ∞ f (z) = n=0 an (z − z0 )n + n=1 bn cn (z − z0 )n . Ogni polinomio complesso P (z). 1.. 2. n! Esiste una generalizzazione dello sviluppo in serie di Taylor valida in punti di non analiticit`. 13 C dw (w − z0 )n−1 f (w) . .Come corollario a questo teorema si ottiene il Teorema fondamentale dell’algebra – almeno una radice complessa. con raggi r < R.1) Nota: in precedenza si era dimostrato che ogni serie di potenze rappresenta una funzione analitica all’interno del raggio di convergenza. Allora. di ordine arbitrario. (w − z0 )n+1 f (w) . 3. ±1. n = 0. 2. per ogni punto sul bordo w ∈ CR si ha 1 w−z = 1 1 = w − z0 + z0 − z (w − z0 ) 1 − = 1 w − z0 ∞ n=0 z−z0 w−z0 z − z0 w − z0 n .

r2 . tenendo conto dei versi di percorrenza si ottiene f (z) = 1 2πi dz2 |z2 −z|=r2 f (z2 ) 1 − z2 − z 2πi dz1 |z1 −z|=r1 f (z1 ) . interne alla corona di analiticit` e connesse da due tratti paralleli γ+ e γ− coincidenti ma percorsi in verso opposto a (vedi figura 3). La funzione f (z) ` analitica all’interno di Cε e per il teorema integrale di Cauchy si pu` e o scrivere nella forma f (z) = 1 2πi dw Cε f (w) w−z = 1 2πi dw γε 1 + 2πi 1 f (w) + w−z 2πi γ+ dw Γε 1 f (w) + dw w−z 2πi f (w) w−z dw γ− f (w) . nei due integrali precedenti possiamo usare gli sviluppi (serie geometrica) 1 1 = z2 − z (z2 − z0 ) 1 − ∞ z−z0 z2 −z0 = n=0 (z − z0 )n . Nel limite ε → 0. z1 − z Tenendo conto che r1 < |z − z0 | < r2 . (z − z0 )n z − z0 > 1. z2 − z0 1 1 =− z1 − z (z − z0 ) 1 − In tal modo si ottiene f (z) = 1 2πi ∞ n=0 ∞ z1 −z0 z−z0 =− n=1 (z1 − z0 )n−1 . 1 (z − z0 )n |z1 −z|=r1 14 . La serie n=1 bn (z − z0 )−n ` detta parte principale di f . z1 − z0 (z − z0 )n + 1 2πi ∞ n=1 dz2 |z2 −z|=r2 f (z2 ) (z2 − z0 )n+1 dz1 f (z1 )(z1 − z0 )n−1 . w−z che vale per ogni z ∈ Cr1 . a e Dimostrazione – Si consideri una curva chiusa Cε = γε + Γε + γ+ + γ− dove.R z r2 r1 r γε γ_ z0 ε γ+ Γ ε C ε = γ ε + Γ ε + γ ++ γ_ Figura 3: Teorema di Laurent (cammino usato) e C ` una qualunque curva chiusa percorsa in verso positivo (antiorario) contenente la singolarit` al suo e a ∞ interno e contenuta nella corona di analiticit`. (z2 − z0 )n+1 z − z0 < 1. per ε → 0. γε e Γε diventano due circonferenze concentriche di raggi r1 e r2 (r < r1 < r2 < R) centrate in z0 .

L’espansione assume la forma ∞ n f (z) = k=0 ak (z − z0 )k + k=1 bk (z − z0 )−k . vale a dire bn = 0. Se tutti i bn sono nulli la serie defnisce una e a funzione analitica (quindi continua) con f (z0 ) = a0 . centrata in z0 . In z0 la funzione diverge mentre 1/f (z) ha in z0 uno zero di ordine n.R . Quindi si avr` un polo semplice a se solo b1 = 0. con ε > 0 arbitrariamente piccolo. o a e • Se R pu` essere scelto grande a piacere. un e a punto singolare z0 si dice singolarit` isolata se la funzione ` analitica in un intorno di z0 e pi` precisamente a e u se la funzione ` analitica in una corona circolare Cε. un polo doppio se bk = 0 per ogni k > 2. nell’intorno di una singolarit` essenziale esiste sempre un punto z per cui a |f (z) − w| < ε . In particolare.1 Singolarit` isolate a Un punto del piano complesso in cui f (z) non ` definita si dice singolarit` della funzione.Il risultato finale si ottiene definendo i coefficienti an e bn . dove n corrisponde al pi` alto coefficiente non nullo. e ae Il caso tipico ` quello di una discontinuit` in z0 . 0 < |z − z0 | < R . 15 . In questo caso infatti tutti i bn si annullano come conseguenza del teorema di Cauchy e lo sviluppo (5. in tal caso il punto z0 ` regolare oppure la singolarit` ` rimovibile. bk = 0 per u ogni k > n.. o e • Se ε non pu` essere scelto piccolo a piacere allora la singolarit` non ` isolata. n! |z − z0 | < R . in tal caso la singolarit` z0 si chiama e a polo di ordine n. bn = 0 . o a Sia z0 una singolarit` isolata per f (z). • un numero infinito di coefficienti bk ` diverso da zero. e a Nell’intorno di una singolarit` essenziale la funzione ha un comportamento sorprendente e inaspeta tato in quanto pu` avvicinarsi arbitrariamente ad un qualunque valore fissato. in tal caso la singolarit` z0 si chiama essenziale. In generale si possono avere tre possibilit`: a • tutti i coefficienti bn sono nulli. etc. allora vale lo sviluppo in serie di Taylor e ∞ f (z) = n=0 f (n) (z0 ) (z − z0 )n . e • Se ε pu` assumere anche il valore nullo. In questo caso e solo in questo caso il coefficiente an coincide con con la derivata f (n) (z0 )/n!.. |z − z0 | < ρ . • soltanto un numero finito di coefficienti bk ` diverso da zero. allora f non ha altre singolarit` (al finito). Corollario – Se f (z) ` analitica nel cerchio |z − z0 | ≥ R. 5. Per rimuovere la singolarit` basta allora porre a f (z0 ) = a0 . Allora in un intorno di z0 vale lo sviluppo di Laurent a ∞ ∞ f (z) = k=0 ak (z − z0 )k + k=1 bk (z − z0 )−k .1).2) diventa lo sviluppo di Taylor (5. allora la funzione ` regolare in z0 . tenendo conto che all’interno del dominio di analiticit` il contorno di integrazione pu` essere deformato a piacere per cui le due circonferenze possono a o essere sostituite mediante una curva chiusa arbitraria C (contenente z0 ). Pi` precisamente si o u ha Teorema di Weierstrass – Fissato arbitrariamente un numero complesso w e due numeri reali ρ e ε. I coefficienti con k < n possono essere anche tutti nulli.

Per dimostrare il teorema. allora il teorema ` dimostrato. Quindi tutti i bn sono e a o nulli e la funzione ` regolare in z0 .. k2 . (n ≥ 1) |z−z0 |=r e poich´ per una singolarit` isolata r pu` essere piccolo a piacere. Se per qualche valore di z con |z − z0 | < ρ questa funzione si annulla.. E’ interessante osservare che una funzione analitica ovunque (infinito compreso) ` necessariamente coe stante (teorema di Liouville). ossia. Infatti. kn in z1 . Come conseguenza di questo fatto si ricava che una funzione le cui uniche singolarit` (al finito e all’infinito) a siano poli ` necessariamente una funzione razionale (rapporto di due polinomi). Allora per φ(z) vale e e a quanto dimostrato precedentemente. sia f (z) una e funzione con poli di ordine k1 . z2 .. φ(z) |z − z0 | < ρ . (k ≥ 1) . Infatti. per ogni z < ∞ si ha ∞ f (z) = n=0 an z n =⇒ g(w) = f 1 w = an an = a0 + n w wn n=0 n=1 ∞ ∞ e poich´ f (z) ` regolare ovunque. f (z) − w f (z) = 1 +w. Infatti. ora consideriamo un e numero complesso qualunque w e la funzione f (z) − w. allora si ha |bn | = 1 2πi dz (z − z0 )n−1 f (z) ≤ M rn ..(z − zn )kn f (z) ` analitica ovunque a parte eventualmente z = ∞ dove pu` avere un polo di ordine m ≥ 0 (se lo ha e o f ) e di conseguenza pu` avere un polo di ordine m nell’origine la funzione g(1/w). Si dir` che z = ∞ ` un polo o una singolarit` essenziale per f (z) se tale ` a e a e w = 0 per la funzione g(w). da cui l’assurdo. 5. . .. wk ak = bk . scelto M = 1/ε. Questo significa che o g(1/w) deve avere uno sviluppo della forma 1 w m g = a0 + k=1 bk = wk m k=0 ak . Se fosse un polo e a allora solo φ sarebbe regolare in z0 . Altrimenti la funzione e φ(z) = 1 .2 Singolarit` all’infinito a Nel campo complesso l’infinito va considerato alla stregua di un qualsiasi punto al finito e il comportamento di una funzione f (z) in un intorno dell’infinito si determina studiando la funzione g(w) = f (1/w) in un intorno dell’origine. sia per assurdo e e |f (z)| ≤ M . bn → 0. g(w) deve essere definita anche per w = 0 e questo implica ak = 0 per e e ogni k > 0. Allora la funzione g(z) = (z − z1 )k1 (z − z2 )k2 ..Dimostrazione – Scelto arbitrariamente un numero positivo M si ha sempre |f (z)| > M per qualche z con |z − z0 | < ρ (questo perch´ z0 ` un punto singolare). ` regolare a parte il punto z0 che ` una singolarit` essenziale anche per φ(z). |z − z0 | < ρ.zn (il numero ` necessariamente finito altrimenti si e cotraddirebbero le ipotesi).. 16 . esiste z per cui |φ(z)| = 1 1 > |f (z) − w| ε =⇒ |f (z) − w| < ε . bf Nota: per la dimostrazione ` fondamentale che z0 sia una singolarit` essenziale per f .

ma si incontrano assai raramente e qui non u a verranno considerate.1)) nel caso particolare in cui gli infiniti poli siano semplici. C 17 .2) si pu` vedere che una funzione meromorfa con N poli in zj di ordine o nj si pu` sempre scrivere nella forma o N f (z) = G(z) + j=1 ψj 1 z − zj . Vale tuttavia uno sviluppo simile che sar` derivato nel prossimo a capitolo (vedi equazione (7. Questo significa che. (z − z1 )k1 (z − z2 )k2 . Dallo sviluppo di Laurent in un intorno della singolarit` a a si ha b1 = 1 2πi dz f (z) . Allora si ha N R(z) = R(∞) + k=1 Bk . z − zk Bk = Res(R.(z − zn )kn m k=0 ` quindi una funzione razionale. Usando lo sviluppo di Laurent (5. se non sono funzioni costanti.. Come esempio particolare si consideri una funzione razionale R(z) con N poli semplici in zj e regolare all’infinito. (z − zj )k (j) dove G(z) ` una funzione intera. in quanto e e questa potrebbe essere divergente.questo perch´ in assenza del polo la funzione ` costante per il risultato precedente. zk ) . a e Nota: se il numero di poli ` infinito allora non ` sufficiente sostituire la somma con una serie. In base al tipo di singolarit` (al finito e all’infinito) distinguiamo i seguenti casi: a • funzioni razionali: le uniche singolarit` sono poli. 7 Residui Sia z0 una singolarit` isolata per la funzione f (z). Si vede dunque che e e g(z) ` un polinomio di ordine m e e f (z) = ak z k . Se f non ha singolarit` all’infinito. a • funzioni meromorfe: hanno una singolarit` essenziale all’infinito e un numero arbitrario (finito o infinito) di poli. Queste funzioni si possono esprimere mediante il rapporto di due polinomi. a parte l’eventuale singolarit` e a all’infinito. Si noti che in tal caso le singolarit` non possono a a essere in un numero infinito altrimenti ci sarebbe un punto di accumulazione e questo sarebbe una singolarit` essenziale. allora G = f (∞) ` una costante. a a • funzioni intere: hanno soltanto una singolarit` essenziale all’infinito. Queste funzioni hanno uno sviluppo in serie di Taylor con raggio di convergenza infinito. Infatti G(z) ` la funzione f a cui sono state sottratte tutte le parti e e principali e quindi ` una funzione analitica in tutto il piano complesso. e 6 Classificazione delle funzioni Per questa classificazione consideriamo funzioni ad un solo valore definite in tutto il campo complesso. Esistono anche funzioni con due o pi` singolarit` essenziali. ψj 1 z − zj nj = k=1 bk . devono avere necessariamente delle singolarit` (vedi il a terorema di Liouville)..

dove l’integrale ` fatto su un qualunque cammino chiuso che racchiude soltanto la singolarit` z0 . Il verso e a di percorrenza ` quello antiorario sia per i punti al finito che per l’infinito. e Come si vede dall’equazione precedente, il primo coefficiente della parte principale di f riveste un ruolo assai importante in quanto permette di calcolare l’integrale di f su un qualunque cammino chiuso che racchiude la singolarit`. Per le singolarit` al finito, tale coefficiente viene chiamato residuo di f in z0 a a e talvolta si indica con la notazione Res(f ) ≡ Res(f ; z0 ) = b1 . Se la funzione ` regolare in z0 allora il e residuo ` nullo, ma in generale non vale il viceversa; b1 pu` essere nullo ma non l’intera parte principale e o di f . Per le singolarit` all’infinito si pone invece Res(f ; ∞) = −b1 . In tal modo si ha sempre a Res(f ) =
C

dz f (z) ,

dove la curva racchiude (soltanto) la singolarit` ed ` percorsa in verso positivo, vale a dire in senso a e antiorario, se la singolarit` ` un punto al finito e in senso orario se il punto in esame ` l’infinito. ae e Il residuo di f si determina mediante lo sviluppo di Laurent
∞ ∞

f (z) f (z)

=
k=0 ∞

ak (z − z0 )k +

k=1

bk (z − z0 )k

Res(f ; z0 ) = b1 , |z| > R

|z − z0 | < r ,

=
k=0

ak z k +
k=1

bk zk

Res(f ; ∞) = −b1 ,

e nel calcolo esplicito ` sufficiente isolare il termine che diverge come (z − z0 )−1 (z −1 per l’infinito). e Nel caso in cui la singolarit` al finito sia un polo di ordine n si pu` usare la formula a o Res(f ; z0 ) ≡ b1 = lim dn−1 1 [(z − z0 )n f (z)] , (n − 1)! dz n−1 n = 1, 2, 3, ...

z→z0

che deriva direttamente dallo sviluppo di Laurent. In particolare, per un polo semplice si ha banalmemte Res(f ; z0 ) = lim (z − z0 )f (z) ,
z→z0

polo semplice.

Se il punto in esame ` l’infinito e la funzione ` regolare all’infinito, quindi f (∞) esiste, allora vale la e e formula Res(f ; ∞) ≡ −b1 = − lim z[f (z) − f (∞)] .
z→∞

Nota: il residuo in qualunque punto ` sempre legato al coefficiente b1 dello sviluppo di Laurent attorno e al punto considerato. Questo significa che per i punti al finito il residuo ` nullo se la funzione ` regolare, e e mentre per l’infinito il residuo pu` essere diverso da zero anche se la funzione ` regolare, in quanto o e l’infinito ` un punto singolare se almeno uno dei coefficienti ak (k ≥ 1) ` diverso da zero. Per capire la e e natura della singolarit` di f (z) all’infinito si studia la funzione g(w) = f (1/w) in un intorno dell’origine, a ma questo sviluppo permette solo di classificare la singolarit` di f all’infinito. Per calcolare il residuo si a deve effettuare lo sviluppo di f (z) per |z| ≫ 1 e isolare il coefficiente di 1/z. Esiste anche un metodo alternativo che deriva dal fatto che il residuo ` dato dall’integrale di f (z) su e un cammino che racchiude solo l’eventuale singolarit` z = ∞. Mediante il cambiamento di variabile a z → 1/w questo diventa l’integrale della funzione φ(w) = f (1/w)/w2 su un cammino che racchiude solo la singolarit` di φ(w) in w = 0. Infatti si ha a − Res(f ; ∞) = dz f (z) =
|z|≫1 |w|≪1

dw

f (1/w) = w2 18

dw φ(w) = Res(φ; 0) ,
|w|≪1

ε Γ ε γ_ ε γ_ γ+ γ+ z3 γ z1 ε γ ε γ_ z2 γ ε γ+ ε

Cε = Γ ε

+ Σ(γ

ε

+ γ_) +

Figura 4: Teorema dei residui (cammino usato) dove gli integrali sono percorsi tutti in senso antiorario. Dall’uguaglianza precedente e dalla definizione di residuo si ha b1 = − Res(f ; ∞) = Res(φ; 0) = ˜1 , b dove
∞ ∞

f (z) =
n=0 ∞

an z n +
n=1 ∞

bn , zn b˜ n , wn

|z| ≫ 1 , |w| ≪ 1 .

φ(w)

=
n=0

an wn + ˜
n=1

7.1

Teorema dei residui

Questo teorema permette di calcolare integrali nel campo complesso conoscendo i residui della funzione in tutte le singolarit`. a Teorema dei residui – Sia f (z) una funzione analitica in D a meno di un numero finito di singolarit` a isolate z1 , z2 , z3 , ... e C una curva chiusa contenuta in D e non passante per alcuna singolarit` di f . Allora a l’integrale di f lungo C ` dato da 2πi per la somma dei residui in tutte le singolarit` interne a C; in e a formule dz f (z) = 2πi
C n

Res(f ; zn ) .

Dimostrazione – Per la dimostrazione si integra la funzione su un cammino chiuso che non contiene n n n e singolarit` dato da Cε = Γε + n (γε + γ+ + γ− ), dove Γε ` un cammino aperto che coincide con C a n n per ε → 0, γε sono dei circoletti intorno alle singolarit` e γ± sono dei tratti paralleli che connettono a questi circoletti con Γε (vedi figura 4). Usando il teorema di Cauchy (4.2) e la definizione di residuo si trova direttamente il risultato cercato. Infatti, l’integrale di f su Cε ` nullo e nel limite ε → 0 diventa e l’integrale su C meno la somma degli integrali sui circoletti attorno alle singolarit`. a Corollario – Sia f (z) una funzione analitica in C a meno di un numero finito di singolarit` isolate I a z1 , z2 , z3 , ..., zN . Allora la somma di tutti i residui (infinito compreso) ` nulla; in formule e
N n=1

Res(f ; zn ) + Res(f ; ∞) = 0 .

La dimostrazione ` una diretta conseguenza del teorema precedente. Basta infatti integrare la funzione e su una generica circonferenza |z| = R non passante per qualche singolarit`. L’integrale percorso in senso a antiorario ` dato dalla somma dei residui nelle singolarit` interne (|zk | < R), mentre l’integrale percorso e a 19

in senso orario ` dato dala somma dei residui nelle singolarit` esterne (|zk | > R) e la somma dei due e a integrali ` nulla. Si noti che il risultato precedente in generale non ` valido per un’infinit` numerabile di e e a ∞ singolarit`, per` vale ancora se la serie n=1 Res(f ; zn ) ` convergente. a o e

7.2

Indicatore logaritmico

Sia f (z) una funzione analitica in D a meno di un numero finito di poli. La derivata logaritmica della funzione L(z) = f ′ (z) d log f (z) = , dz f (z)

ha poli semplici dove f ha zeri o poli ed ` regolare altrimenti. Pi` precisamente, se z0 ` uno zero o un e u e polo di ordine n per f allora ` un polo semplice con residuo n o −n (rispettivamente) per L(z). Scrivendo e la funzione nella forma f (z) = (z − z0 )α g(z) , g(z) analitica si ottiene L(z) = α g ′ (z) α(z − z0 )α−1 g(z) + (z − z0 )α g ′ (z) = + , (z − z0 )α g(z) z − z0 g(z) α = 0, ±n , g(z0 ) = 0 ,

da cui si vede che il polo (eventuale) ` semplice e il residuo ` uguale ad α = 0, ±n. e e Integrando finalmente L(z) su una curva chiusa contenente al suo interno N zeri e P poli (zeri e poli di ordine n sono contati n volte) si ricava N −P = 1 2πi dz
C

1 f ′ (z) = f (z) 2πi

dz
C

1 d log f (z) = ∆ arg f (z)|C , dz 2π

dove ∆ argf (z) ` l’incremento dell’argomento di f lungo l’intera curva chiusa C. Questo ` chiaramente un e e multiplo di 2π. L’integrale precedente ` detto indicatore logaritmico e come si vede fornisce la differenza e fra il numero di zeri e il numero di poli (contati con la loro molteplicit`) interni al cammino di integrazione. a E’ interessante osservare che se una funzione ` analitica in tutto il piano complesso a meno di un numero e finito di poli, allora il numero totale di zeri ` uguale al numero totale di poli. Infatti, l’indicatore e logaritmico fatto lungo una circonferenza di raggio R fornisce sempre la differenza N − P fra gli zeri e i poli interni alla curva. Questo significa che se l’integrale ` fatto in senso antiorario allora contano i poli e e gli zeri con |z| < R, mentre se l’integrale ` fatto in senso orario allora contano i poli e gli zeri con |z| > R e e la somma dei due integrali ` sempre nulla. e Una immediata conseguenza di questa fatto ` che un polinomio PN (z) di grado N ha sempre N radici e (teorema fondamentale dell’algebra) in quanto ` una funzione analitica in tutto C a parte un polo di e I ordine N all’infinito.

7.3

Sviluppo di Mittag-Leffler

E’ uno sviluppo in serie che permette di ricostruire l’intera funzione conoscendo il comportamento in tutti i poli. Qui lo dimostreremo solo per il caso in cui la funzione in esame abbia solo poli semplici, per` o esistono simili sviluppi anche per funzioni con poli di ordine arbitrario. Teorema di Mittag-Leffler – Sia f (z) una funzione meromorfa con (infiniti) poli semplici nei punti 0 < |z1 | < |z2 | < ... con residui B1 , B2 , B3 , ... e CN una circonferenza di raggio RN contenente i primi N poli. Se vale la condizione lim max |f (z)| = 0, RN 20

N →∞ |z|=RN

= f (0) + + zn (z − zn ) zn (z − zn ) n=1 ∞ (7. Quando si parla di una funzione complessa si intende sempre la sua massima estensione analitica.). Nel campo reale il punto x = 1 costituisce un “limite invalicabile” alla possibile estensione di f1 . un polo semplice in z e infiniti poli semplici nei punti zn . Queste due funzioni sono definite in intervalli disgiunti e non c’` modo di confrontarle fra loro. 8 Prolungamento analitico Alla base del concetto di prolungamento analitico (o continuazione analitica) sta l’osservazione del fatto che due funzioni f1 (z) e f2 (z) definite nei domini D1 e D2 possono coincidere in tutti i punti dell’interseo zione D1 D2 . L’unico e modo per vedere che di fatto sono due sviluppi in serie della stessa funzione f (x) = 1/(1 − x) ` quello e di sommare le serie (in questo caso si sa fare).1). La funzione f (x) ` singolare in x = 1 e quindi non esiste e nessun sviluppo che valga in un intervallo I2 con intersezioni non nulle con I1 e I3 . zn ) = Bn /[zn (zn − z)] (n = 1.allora vale lo sviluppo di Mittag-Leffler ∞ f (z) = f (0) + n=1 Bn Bn Bn z . ma ` evidente che e nelle applicazioni la sommatoria ` fatta su tutti i poli della funzione. la funzione f1 (z) si pu` vedere come il prolungamento di f2 (z) a D.. Allora la funzione f2 (z) si pu` pensare come il prolungamento di f1 (z) all’intero dominio o D = D1 D2 e allo stesso tempo. A questo punto ` naturale pensare f1 (z) e f2 (z) come due rappresentazioni della stessa funzione f (z) e riferite a domini diversi. z z z (z − z) n=1 n n Questo integrale pu` essere maggiorato usando la disuguaglianza di Darboux (4. 0) = −f (0)/z. Si ha o |FN (z)| ≤ max |g(w)| RN = max |w|=RN |w|=RN |f (w)| 1 ≤ |w − z| RN − |z| |w|=RN max |f (w)| e per le ipotesi fatte questa espressione tende a 0 per N → ∞. z) = f (z)/z e Res(g. I residui sono rispettivamente Res(g. = − Bn f (0) f (z) + + . Dimostrazione – Si consideri la funzione g(w) = f (w)/[w(w−z)] che ha un polo semplice nell’origine. Si cosiderino dapprima le seguenti funzioni reali definite negli intervalli aperti I1 . 3. da cui il risultato (7. Integrando questa funzione con |z| < RN su CN e usando il teorema dei residui si ottiene FN (z) = 1 2πi dw g(w) = CN N 1 2πi dw |w|=RN f (w) w(w − z) |z| < RN . 2. I3 ≡ {x : |x − 2| < 1} . E’ chiaro che il risultato vale anche se il numero di poli ` finito. n=0 ∞ n=0 I1 ≡ {x : |x| < 1} .1) Per la dimostrazione si immagina di ordinare i poli in ordine crescente (in modulo).1). (−1)n (x − 2)n . . Si faccia inoltre attenzione al fatto e che in generale non ` consentito separare le ultime due serie precedenti perch´ singolarmente potrebbero e e non convergere. 21 . In questo caso si ottiene l’espansione di e una funzione razionale in frazioni semplici. I3 ∞ f1 (x) f3 (x) = = − xn .. Res(g.

Questo succede e u o ad esempio con la funzione log z. Se la funzione f (z) che rappresenta la massima estensione di f1 ` una funzione ad un solo valore allora si ha f1 (z) = fn (z) per ogni z ∈ D1 Dn . che in questo caso ` e e f (z) = 1 . 8. Questa ` infatti una funzione ad infiniti valori e ogni volta che si fa un e giro completo attorno all’origine la funzione aumenta di 2πi. k∈Z .2 Punti di diramazione e funzioni polidrome I punti di diramazione sono delle singolarit` delle funzioni a molti valori e pertanto una funzione polidroma a non ` mai analitica. Se D3 non ` interamente contenuto in D1 D2 . Ora si pu` continuare il processo sviluppando attorno al o punto z3 ∈ D1 D2 e ottenendo una funzione f3 (z) definita in D3 ≡ {z : |z − z3 | < r3 } che coincide con f1 (z) e/o f2 (z) nell’intersezione D1 D2 D3 . E’ chiaro per costruzione che f1 (z) = f2 (z) per tutti i punti che appartengono all’intersezione dei due cerchi D1 D2 . che ` una funzione razionale definita in tutto il piano complesso eccetto che nel punto z = 1 dove c’` un e e polo semplice. se per` la funzione e o ` a pi` valori (polidroma) allora nell’intersezione dei domini si pu` avere f1 (z) = fn (z). allora abbiamo ottenuto un e prolungamento di f1 (z) al dominio D1 D2 . Tali singolarit` non sono isolate e si presentano sempre a coppie. D3 ≡ {z : |z − 2| < 1} . f2 (z) . D2 . f2 (z) = i n=0 ∞ (i)n [z − (1 + i)]n . 1−z z = 1. Effettuando effettivamente tale sviluppo si o ottiene una serie di potenze che converge ad una funzione f2 (z) per ogni z ∈ D2 ≡ {z : |z − z2 | < r2 }. (−1)n (z − 2)n . In linea di principio con questo metodo ` possibile ottenere la massima estensione di ogni funzione. ma nella pratica si usano metodi pi` rapidi. u Con questo metodo ` anche possibile prolungare la funzione lungo un percorso chiuso e dopo un numero e n di passi tornare al punto di partenza.1 Metodo di Weierstrass Esponiamo brevemente il metodo di continuazione analitica dovuto a Weierstrass e basato sullo sviluppo in serie di Taylor. e a A titolo di esempio si consideri l’equazione w2 = z = |z|eiϑ . Le soluzioni sono della forma wk = |z|ei(ϑ+2πk)/2 . f3 (z). D3 ∞ f1 (z) = n=0 ∞ zn . 8. E’ noto infatti che se una funzione ` analitica in un certo dominio D allora pu` essere e o sviluppata in serie di Taylor attorno ad un punto qualunque interno al dominio e la serie converge in un cerchio centrato nel punto considerato. f1 ` analitica nel cerchio D1 e lo sviluppo di e Taylor si pu` fare attorno ad un qualunque punto z2 ∈ D1 . Se succede che il cerchio D2 non ` interamente contenuto in D1 . Z 22 . f3 (z) = − n=0 Queste funzioni definite da serie convergenti in domini diversi coincidono nell’intersezione dei domini e pertanto ` naturale considerarle come rappresentazioni di un’unica funzione f (z). D2 ≡ {z : |z − (1 + i)| < 1} . Si immagini allora di avere una funzione f1 definita mediante la sua serie di Taylor nel cerchio D1 ≡ {z : |z − z1 | < r1 }.Nel campo complesso la situazione ` completamente diversa in quanto il “confine” in cui vale lo sviluppo e in serie ` una circonferenza lungo la quale in generale ci sono dei tratti di analiticit` attraverso i quali ` e a e possibile “passare”. allora e e abbiamo ottenuto un prolungamento di f1 e/o f2 . D1 ≡ {z : |z| < 1} . Si considerino ad esempio le seguenti funzioni definite nei domini D1 . Questa costituisce la massima estensione di f1 (z) . Sia f1 (z) definita in D1 la funzione di partenza e fn (z) definita in Dn la funzione di arrivo con D1 Dn = φ.

La funzione ha a e due punti (0. vediamo che il risultato non dipende dalla curva di integrazione. Poich´ in tale dominio non ` possibile fare un giro e e completo attorno all’origine (o all’infinito). F (z) = 2z 3/2 2 = ρ(ϑ)eiϑ 3 3 3/2 . Poniamo f (z) = √ z= ρ(ϑ)eiϑ/2 ≡ F ′ (z) . la funzione risulta analitica. Il taglio che e congiunge i due punti di diramazione in linea di principio ` abitrario. Si ha 2π dz |z|=r |z| = ±ir3/2 0 dϑ e3iϑ/2 = ∓ 4r3/2 . per il teorema di Laurent l’integrale di f su una qualunque circonferenza Cr ≡ {z : |z| = r} contenuta nella corona circolare sarebbe uguale a b1 . Con queste notazioni si ottiene dz f (z) = C C dz F ′ (z) = 2 3 ϑ0 +2π dϑ ϑ0 d ρ(ϑ)eiϑ dϑ 3/2 + − = F (z0 ) − F (z0 ) = − 4ρ0 3 3/2 . Per capire meglio quanto succede. La cosa nuova sta invece nel fatto che l’integrale dipende da r e e questo significa che non esiste una corona circolare centrata nell’origine in cui f ` analitica. come potrebbe sembrare a prima vista. Questo risulta chiaro se integriamo la radice quadrata lungo un curva arbitraria C ≡ {z : z = z(ϑ) = ρ(ϑ)eiϑ } contenente l’origine. Queste singolarit` sono quindi di tipo diverso rispetto a quelle classificate mediante lo sviluppo di Laurent a e sono dovute al fatto che la funzione ` a pi` valori. Il valore della funzione “sopra” il taglio ` diverso rispetto a quello che la funzione e assume “sotto” il taglio (discontinuit`). ma nei casi pi` semplici e frequenti e u questo coincide con il semiasse reale positivo (negativo) e questo corrisponde alla scelta 0 < arg z < 2π (−π < arg z < π). a Il modo pi` semplice per trattare le funzioni a pi` valori ` quello di considerare un solo ramo (o ramiu u e ficazione o determinazione) della funzione. Queste singolarit` sono dette punti di diramazione. Quando si fa un giro completo attorno alla singolarit` e u a la funzione cambia segno.La radice quadrata ` quindi un funzione polidroma a due valori poich´ w2k = −w2k+1 = w2k+2 . Nel caso della radice quadrata la funzione cambia segno. considerando un dominio D ⊂ C nel quale non ` possibile I e girare attorno ai punti di diramazione e quindi togliendo dal piano complesso le linee (detti tagli) che congiungono le coppie di punti di diramazione. la funzione ` ad un solo valore corrispondente al ramo fissato. ma anche il punto z = 0 ` un punto di e e √ non-analiticit` in quanto f non ` derivabile nell’origine (f ′ (z) = 1/[2 z] diverge in 0). Nel caso della radice quadrata la coppia di punti di diramazione ` (0. Queste “singolatit`” sono di natura completamente e a a diversa rispetto alle singolarit` isolate incontrate fino ad ora. mentre a nel caso del logaritmo la funzione aumenta di 2πi. calcoliamo l’integrale della funzione lungo la circonferenza |z| = r. 23 . Pi` e u precisamente + z0 = ρ0 eiϑ0 . Se analizziamo con maggior dettaglio l’integrale precedente. − z0 = ρ0 ei(ϑ0 +2π) . Questo si vede gi` dal fatto che f non ` a a e sviluppabile in serie di Laurent attorno all’origine. Con z0 si ` indicato il punto (arbitrario) sulla curva chiusa dove “inizia” e “termina” l’integrazione. ma dalla discontinuit` della primitiva a attraverso il taglio. √ E’ chiaro che la funzione f (z) = z non ` analitica in z = ∞.∞) in cui non ` derivabile (singolarit`). ma questo non ` sorprendente in quanto sappiamo gi` che la e e a funzione non ` analitica nell’origine. e Il ramo corrispondente alla scelta | arg z| < 2π ` detto determinazione principale. 3 Vediamo che l’integrale ` diverso da zero. ∞) e pertanto se dal piano complesso si esclude una qualunque linea che congiunge e l’origine con l’infinito. indipendentemente da r. Se questo e fosse possibile. Come ` e e e ben noto le due radici differiscono per il segno (w0 = |z|eiϑ/2 = −w1 ). L’intervallo in cui e varia arg z dipende da dove si effettua il taglio e questo ` dettato dal problema specifico.

Z fN (zk ) = eiϑk n! + n=q z iϑk n! = n=0 eiϑk n! + N . a e E’ evidente che per z = 1 la serie diverge e quindi z = 1 ` una sigolarit` per f . a e Nota: la densit` deriva direttamente dal fatto che in un intorno arbitrariamente piccolo di ogni numero a reale ci sono infiniti numeri razionali. che diverge nel limite N → ∞.q | = 1 . Punti che soddisfano queste richieste ce sono infiniti. pn! = k ∈ IN . q ∀n ≥ q p. Ci` che effettivamente impedisce il prolungamento analitico ` il a o e fatto che questi punti formano un insieme denso su C1 . a Un classico esempio ` dato dalla funzione e ∞ f (z) = n=0 z n! . q ∈ IN . tagliarle lungo delle linee che congiungono i punti di diramazione e saldarle fra loro ottenendo in tal modo quella che viene chiamata superficie di Riemann. tutti e a i punti sulla circonferenza unitaria C1 ≡ {z : |z| = 1} della forma zk = eiϑk costituiscono una singolarit` a per f se ϑk n! = 2πk .3 Funzioni con bordo naturale Esistono delle funzioni che non possono essere prolungate analiticamente in quanto hanno un bordo naturale in cui le singolarit` (non isolate) formano un insieme denso.q = e2πip/q . Quando si fa un giro completo attorno al punto di diramazione si passa e sul piano complesso superiore (2πk ≤ arg z ≤ 2(k + 1)π). |z| < 1.sono i due estremi di integrazione. Questo significa che in ogni arco (arbitraramente piccolo) di C1 si trovano infinite singolarit` della funzione e pertanto il bordo ` un limite invalicabile. La topologia delle superfici di e e Riemann ` non banale e diventa assai complicata per funzioni con molti punti di diramazione. Un modo pi` elaborato per trattare queste funzioni ` quello di considerare tante copie del piano complesso u e quanti sono i rami della funzione. uno sopra e uno sotto il taglio. Su tale superficie la funzione ` ad un solo valore. Infatti in tal caso si ha N q−1 n! zk = n=0 n=0 N q−1 (per n ≥ q ∈ IN) . e 8. e pertanto f ha infinite singolarit` su C1 . 24 . Nel caso del e e logaritmo la torre ` infinita perch` il logaritmo ha infinite ramificazioni. Questa funzione ha un insieme di singolarit` che ` denso sulla circonferenza |z| = 1 (bordo naturale). Se la funzione ha n ramificazioni (come z 1/n ) allora la superficie di Riemann ` una torre con n piani e l’ultimo ` saldato con il primo. 9 Funzioni speciali Come esempi di prolungamento analitico studiamo le propriet` di alcune funzioni speciali che si incontrano a frequentemente nella fisica. k∈Z . Per la stessa ragione. Tutti i punti della forma zp. soddisfano le propriet` a |zp.

0 Re z > 0 ...4) .9. x) 25 Re x > 0 . Quest’ultima relazione si potrebbe usare per prolungare la funzione dal dominio Re z > −n al dominio Re z > −n − 1.1 Funzione Gamma di Eulero E’ definita mediante l’equazione (integrale di Eulero del II tipo) ∞ Γ(z) = 0 dt tz−1 e−t . y−1 (1 − t) Γ(x + y) = B(y.. 0 Re z > −n . y = r sin ϕ). 0 Re z > −1 . z = 0. In tal modo si ottiene ∞ Γ(z)Γ(1 − z) = 4 dr re−r 0 2 π/2 1 dϕ [cos ϕ]2z−1 [sin ϕ]1−2z = 0 0 dt tz−1 = B(z.. Se z non ` un polo. L’uguaglianza precedente vale per Re z > 0. −2. L’integrale diverge per z = 0 e quindi la funzione deve avere una singolarit` in tale punto. Per 0 < Re z < 1 si ha Γ(z) = 0 dx xz−1 e−x ∞ Γ(1 − z) = 0 dy y −z e−y ∞ ∞ ∞ =⇒ Γ(z)Γ(1 − z) = dxdy xz−1 y −z e−(x+y) .(z + n) ∞ dt tz+n e−t . −1. (9. si ha la relazione (vedi 9. z + 1) . (9. da cui si vede che la funzione Γ(z) ` una funzione meromorfa con poli semplici nei punti 0. y) = 0 dt Γ(x)Γ(y) tx−1 = . e Il residuo nel generico polo si ottiene mediante la formula Res(Γ. Dopo n + 1 integrazioni si ottiene Γ(z) = 1 z(z + 1)(z + 2). Re z > 0 .. y 2 ) e passare quindi a coordinate polari (x = r cos ϕ. −n) = lim (z + n)Γ(z) = z→−n (−1)n . Si vede o e dunque che l’origine ` un polo semplice per la funzione Γ(z) e che si ha e Γ(z) = 1 z ∞ dt tz e−t . Ora si pu` continuare ad integrare per parti isolando le singolarit` e a o a della funzione. −n .1) Questo integrale definisce una funzione analitica nel semipiano Re z > 0... (9.2) In z = −1 c’` un’altra singolarit`.3) (1 − t)z La funzione beta B(x. 0 0 Per calcolare l’integrale conviene prima effettuare il cambiamento di variabili (x. y) (integrale di Eulero del I tipo) ` data da e 1 B(x. vale a dire ∞ dt tz−1 e−t = 0 1 z ∞ dt tz e−t . −2. .. Re y > 0 . (9. −1. Per vedere il tipo di singolarit` prolunghiamo a a la funzione facendo una prima integrazione per parti. z = 0. y) → (x2 . Vogliamo ora ricavare una relazione che connette Γ(z) con Γ(1 − z). .2) e Γ(z + 1) = zΓ(z) =⇒ Γ(n + 1) = n! . n! n ∈ IN . per` l’ultimo integrale ` definito per Re z > −1.

ew − 1 z = 1. − w 2w2 .2 Funzione Zeta di Riemann Questa ` definita mediante la serie e ∞ ζ(z) = n=1 1 .... ±2.. Per calcolare il residuo all’inifinito conviene effettuare lo sviluppo di Laurent della funzione per |w| ≫ 1.L’ultimo integrale in (??) si calcola esattamente con il metodo dei residui considerando la funzione f (w) = wz−1 /(1 − w)z e integrandola su un contorno chiuso C che racchiude la coppia di punti di diramazione w = 0 e w = 1. (9.. ∞) = dw f (w) = (−1)z sin πz C 0 dt f (t) . Si osserva dapprima che per Re z > 0 ∞ dt tz−1 e−nt = 0 1 nz ∞ dt tz−1 e−t = 0 Γ(z) .) 1 z + + . Se il cammpino ` percorso in senso orario (positivo rispetto all’infinito) si e ha 1 2πi Res(f .. per Re z > 1 si pu` scrivere o ζ(z) = 1 Γ(z) ∞ n=1 0 ∞ dt tz−1 e−nt = 1 Γ(z) ∞ dt 0 tz−1 .. . w w2 =⇒ Res(f . ew − 1 dove γ ` un cammino aperto da (∞. et − 1 Ricordando le propriet` del logaritmo si ottiene anche a ∞ dt 0 tz−1 1 =− et − 1 2i sin πz dw γ (−w)z−1 . nz Re z > 1 . nz Allora. 2. (9. +iδ) che gira attorno all’asse reale positivo... sin πz sin πz (9.7) 26 . 1− 1 w ∼ (−w)z 1− z z(1 − z) + . Si ha (1 − w)z = (−w)z da cui segue f (w) = wz−1 wz−1 ∼ ∼ (−1)z (1 − w)z (−w)z (1 − z/w + .5) si ha finalmente ζ(z) = − Γ(1 − z) 2πi dw γ (−w)z−1 .. k = ±1. ∞) = . −iδ) a (∞.5) 9. . Dall’espressione precedente e usando la (9. Finalmente si ottiene il risultato cercato Γ(z)Γ(1 − z) = π (−1)z π Res(f .. ∞) = (−1)z .6) Per ottenere il prolungamento analitico e studiare le singolarit` conviene usare un’altra rappresentazione a di ζ(z). Il came mino non deve contenere i poli della funzione integranda wk = 2πik . 3.

. ... w2n+1 (ew − 1) w w 2 2w2n+1 w w non contiene il termina b1 /w (per n > 1) e dunque il residuo nell’origine ` nullo. 2. Allora si ha ζ(0) = 1 2πi dw f (w) = Res(f . Per z = 0 la funzione integranda e f (w) = 1/w(ew − 1) ha una singolarit` essenziale nell’origine per cui si pu` rimuovere il taglio e chiudere a o il cammino di integrazione. 3. ... ∼ 2 − + + .. 1) = lim (z − 1)ζ(z) = lim z→1 z→1 Γ(2 − z) 2πi dw γ ew 1 = 1. −2. −1 L’integrale ` stato calcolato con il metodo dei residui osservando che la funzione integranda ora ` ad un e e solo valore e quindi il taglio pu` essere rimosso..7) si pu` ricavare anche per la funzione Γ(z). In z = 1 la funzione ha un polo semplice con residuo uguale a 1. Si verifica anche facilmente che z(−2n) = 0 (n = 1. Per finire calcoliamo il valore di ζ(0) dove la funzione ` analitica. 0≤ϑ≤π 27 .. dove la funzione ha poli semplici. 0) . e Una rappresentazione integrale simile alla (9. −1.). 10 10. w w 1− w w2 1 1 1 + + . dove e e g(w) = ew 1 1 1 − + −1 w 2 e quindi la funzione g(w)/w2n+1 ` pari e il suo sviluppo conterr` solo potenze pari di w. A questo proposito basta osservare che la funzione g(w) ` una funzione dispari.. C Per calcolare il residuo nella singolarit` essenziale w = 0 si deve effettuare lo sviluppo di Laurent per a |w| < 1. 2. vale a dire R→∞ lim f (Reiϑ ) = 0 ... Si pu` verificare o o direttamente che Γ(z) = − 1 2i sin πz dw (−w)z−1 e−w γ e questa vale per ogni valore di z = 0. Infatti Res(ζ. Questo significa e a che lo sviluppo di Laurent per |w| < 1 della funzione integranda f (w) = 1 1 1 1 1 1 g(w) = 2n+1 − + g(w) = 2(n+2) − + 2n+1 . Il cammino γ ` quello e precedente senza restrizioni in quanto qui la funzione integranda non ha poli. 2 12 w 2w 12 In conclusione ζ(0) = −1/2. cio` g(w) = −g(−w). Si ha f (w) = 1 w(ew − 1) ∼ 1 1 ∼ 2 2 [1 + w/2 + w 2 /6 + . In tal modo il cammino di integrazione diventa una curva o chiusa attorno all’origine.1 Complementi Lemma di Jordan Sia f (z) una funzione che si annulla all’infinito nel semipiano superiore. 3...Questa rappresenta il prolungamento analitico per ogni valore di z = 1.

per R abbastanza grande si ha |f (Reiϑ )| < ε. 0 ≤ ϑ ≤ π. L’ultima espressione si ` ottenuta usando il fatto che sin ϑ ` simmetrico rispetto all’asse ϑ = π/2. Allora si ha lim dz eiαz f (z) = 0 . 10. 0 ≤ ϑ = arg z ≤ ±π}. a In modo del tutto simile si pu` dimostrare il lemma precedente con “tutti i segni scambiati” (ossia nel o semipiano inferiore).2 Somma di serie numeriche Il metodo dei residui permette di calcolare la somma di serie numeriche della forma ∞ ∞ f (n) . Per e e maggiorare ulteriormente l’integrale si osserva che nell’intervallo che interessa (0 ≤ ϑ ≤ π/2) vale la disuguaglianza sin ϑ ≥ per cui π/2 0 π/2 2ϑ π =⇒ e−αR sin ϑ ≤ e−2αRϑ/π .e α un numero reale positivo (α > 0).1) R→∞ R→∞ Γ± R dove Γ± ≡ {z : |z| = R . Pi` precisamente si ottiene u lim |f (Re±iϑ )| = 0 =⇒ lim dz e±i|α|z f (z) = 0 . α > 0. il lemma di Jordan risulta a R particolarmente utile nel calcolo delle trasformate di Fourier di funzioni razionali. quindi π Γ+ R π dz eiαz f (z) ≤ R = 0 dϑ e−αR sin ϑ |f (Reiϑ )| ≤ εR π/2 dϑ e−αR sin ϑ 0 2εR 0 dϑ e−αR sin ϑ . dϑ e−αR sin ϑ ≤ dϑ e−2αRϑ/π = 0 π(1 − e−αR ) . Per le ipotesi fatte. n=−∞ n=−∞ (−1)n f (n) . 2αR Finalmente si ha lim dz eiαz f (z) ≤ lim επ(1 − e−αR ) πε = 2α α R→∞ Γ+ R R→∞ e dall’arbitrariet` di ε segue il risultato cercato. Γ+ ≡ {z : |z| = R . fissato arbitrariamente ε > 0. Come si vedr` in seguito. cio` e π Γ+ R dz eiαz f (z) = iR 0 dϑ eiϑ eiαR(cos ϑ+i sin ϑ) f (Reiϑ ) . R R→∞ Γ+ R Dimostrazione – Riscriviamo l’integrale precedente usando la rappresentazione polare. 28 . (10. 0 ≤ arg z ≤ π} .

quando il modulo della funzione f (z) tende a zero pi` rapidamente di 1/|z| all’infinito. Integrando si ottiene N dz f (z) cot πz CN = 2πi n=−N N Res(f (z) cot πz. 2 z ∈ QN . Allora si ha / Z. ≤ ≤ iπz − e−iπz 2πy −π e 1−e 1−e 2 • −1/2 ≤ y ≤ 1/2. k (−1)n f (n) n=−∞ Res k f (z) . cio` e e | cot πz| ≤ coth π . n ∈ Z e i rispettivi residui sono Z) Res(cot πz. ∞ f (n) n=−∞ ∞ = = −π −π Res (f (z) cot πz. x arbitrario | cot πz| = π 1 + e−π eiπz + e−iπz 1 + e+2πy = coth .n sin πz = (−1)n . π Res 1 . Si hanno i seguenti casi: • y > 1/2. x = ±(N + 1/2) | cot πz| = cot π N + 1 ± iy 2 = |tan iπy| = | tanh πy| ≤ tanh π π < coth . e Dimostrazione – Le funzioni cot πz e 1/ sin πz hanno poli semplici su tutti i numeri interi (wn = n. zk ) . u Siano zk i poli di f (z) (zk ∈ Z altrimenti la serie diverge) e |zf (z)| → 0 per |z| → ∞. π Si consideri allora una curva chiusa CN contenente (strettamente) al suo interno i poli wn con |n| ≤ N e non passante per nessun polo di f (z). Res(f (z) cot πz. Res(f (z) cot πz. zk . n) = 1 . Il risultato richiesto si ricava prendendo il limite per N → ∞ se si dimostra che in tal caso l’integrale su CN si annulla. iπz − e−iπz −2πy −π e 1−e 1−e 2 • y < −1/2. cot πz ` maggiorata da una costante indipendente da N . Questo ` garantito dal seguente e Lemma: le funzioni trigonometriche | cot πz| e |1/ sin πz| sono limitate su ogni quadrato QN di lato 2(N + 1/2) centrato nell’origine. k dove la somma su k ` fatta su tutti i poli di f (z) interni a CN . . x arbitrario | cot πz| = 1 + e−2πy eiπz + e−iπz 1 + e−π π ≤ ≤ = coth . dove la somma ` estesa a tutti i poli della funzione f (z). Dimostrazione – Si consideri un punto z = x + iy ∈ QN . 2 2 Di qui segue che per ogni z ∈ QN . 29 . wn ) + k . zk = 2πi n=−N f (n) + π . zk sin πz . Una equazione simile si ottiene considerando e l’inverso del seno in luogo della cotangente.

Dallo sviluppo di e Laurent attorno all’origine si ha αz − α3 z 3 /6 + .. la cotangente. ∼ α(π 2 − α2 ) + . Il cammino di e integrazione pu` essere deformato a piacere (basta non attraverare i poli) e quindi a QN si pu` sostiture o o una qualsiasi curva chiusa CN .. e Ora integrando la funzione sin αz/(z 3 sin πz sul quadrato QN e prendendo il limite N → ∞ si ottiene 0= dz sin αz = 2πi  z 3 sin πz  (−1)n n=0 sin nα + Res πn3 sin αz ..2) N →∞ CN dove T (z) ` la tangente. ma in tal caso bisogna verificare esplicitamente la validit` dell’equazione (10. α sin αz ∼ 3 ∼ sin πz z (πz − π 3 z 3 /6) + .Una simile maggiorazione vale anche per l’inverso del seno... la secante o la cosecante e CN ` un cammino chiuso che non e e interseca nessun polo.2) ` verificata. Volendo effettuare una dimostrazione diretta anche per questi due casi si deve considerare un quadrato QN di lato 2N . e E’ evidente che il metodo di somma appena esposto si pu` applicare anche se la funzione f (z) non ` o razionale.0 sin πz . z 3 sin πz  da cui segue g(α) = 1 2 (−1)n n=0 π sin nα = − Res 3 n 2 z3 sin αz . In questo intervallo. in quanto i poli sono i numeri semi-interi). Questo significa che. A titolo di a esempio si consideri la serie trigonometrica ∞ g(α) = n=1 (−1)n sin nα ... πz 3 1− α2 z 2 6 1+ π2 z2 6 + . π].. Per concludere si ha lim dz f (z)T (z) ≤ 0 . n3 che converge uniformemente ad una funzione (continua) dispari e periodica. E’ evidente che un risultato analogo vale anche per la tangente e la secante che sono le funzioni precedenti traslate. dove T (z) ` una delle funzioni trigonometriche precedenti (cotangente o cosecante). E’ quindi sufficiente considerare α ∈ [0.2). = −iπz ≤ πy ≤ [e−(π−α)y ] ≤ coth 2iπz ) −2πy sin πz e (1 − e e (1 − e 1 − e−π 2 In modo simile si ottengono le maggiorazioni sugli altri lati del quadrato e quindi la (10. 6πz z3 30 . per u il teorema di Darboux si ha lim dz f (z)T (z) ≤ lim 8 N + N →∞ N →∞ QN 1 2 |f (z)||T (z)| = 0 . (10.0  . procedendo come sopra per y > 1/2 e x arbitrario si ha sin αz e−iαz (1 − e2iαz ) eαy (1 + e−2αy ) π 1 + e−π . Si osservi che il polo nell’origine deve essere trattato a parte in quanto il polo ` triplo. data una qualunque funzione che si annulla pi` rapidamente di 1/|z| all’infinito.

10. In modo analogo si tratta l’eventuale singolarit` all’infinito. Se tale limite ` finito e si dice che l’integrale esiste come valore principale di Cauchy. Si chiamano trasformate di Hilbert gli integrali Re f (x) = 1 vP π ∞ dt −∞ Im f (t) .. Si scrive b x0 −ε b vP a dx f (x) = lim ε→0 dx f (x) + a x0 +ε dx f (x) . Mediante il cambiamento di variabile z = eiϑ e l’uso delle formule di Eulero si ricava infatti 2π dϑ F (sin ϑ.ε = γR + γε + γ+ + γ− dove γR ` la semicirconferenza |z| = R (nel semipiano superiore).. γε ` la e e 31 . t−x Per verificare questo risultato basta integrare la funzione g(z) = f (z)/(z − x) lungo il cammino chiuso CR. (Si verifichi il risultato usando lo sviluppo di Fourier).5 Trasformate di Hilbert Queste connettono fra loro la parte reale e la parte immaginaria di una funzione analitica. 10. allora b n xk −εk εk →0 b vP a dx f (x) = k=1 lim dx f (x) + a xk +εk dx f (x) . −R 10. b] eccetto che nel punto x0 e la funzione x0 −ε b I(ε) = a dx f (x) + x0 +ε dx f (x) . 12 −π ≤ α ≤ π . . x2 . Si consideri una funzione f (x) continua in [a. Se nell’intervallo di integrazione ci sono n punti singolari x1 .3 Integrazione di funzioni trigonometriche L’integrale su un periodo di una funzione arbitraria di funzioni trigonometriche F (sin ϑ. 2iz 2z . f (z) = 1 F iz z2 − 1 z2 + 1 . cos ϑ) ` equivae lente all’integrale di una funzione f (z) sulla circonferenza |z| = 1. t−x Im f (x) = 1 vP πi ∞ dt −∞ Re f (t) .da cui g(α) = − α(π 2 − α2 ) .4 Valore principale di Cauchy E’ una regola che permette di dare un senso a integrali altrimenti divergenti.. xn . cos ϑ) = 0 |z|=1 dz f (z) . Il limite per ε → 0 di I(ε) pu` esistere anche se la funzione non ` integrabile (negli integrali impropri o e secondo Riemann si richiede l’esistenza del limite destro e sinistro separatamente). Sia f (z) una funzione analitica nel semipiano superiore Im z ≥ 0 e tale che |f (z)| → 0 per z → ∞ (nel semipiano superiore). cio` a e ∞ R vP −∞ dx f (x) = lim R→∞ dx f (x) .

il primo integrale si annulla per il teorenma di Darboux. La funzione integranda g(z) ha un solo polo sull’asse reale. ma questo ` esterno e al cammino di integrazione e pertanto il suo integrale ` nullo. x − ε]. Nel limite R → ∞ . per l’ipotesi di analiticit`. e 11 Applicazioni Consideriamo ora alcuni problemi classici che si risolvono mediante l’uso dell’analisi complessa. Ora osserviamo che π/4 R→∞ lim iR 0 dϑ eiϑ e−αR 2 2iϑ π/4 e ≤ ≤ R→∞ lim R 0 dϑ e−αR π/2 2 cos 2ϑ R→∞ lim R 2 32 dϕ e−2αR 0 2 ϕ/π = lim R→∞ 2 π 1 − e−αR = 0 . a f (z) = f (x) + f ′ (x)(z − x) + o [z − x]2 . danno il valore principale dell’integrale della funzione g(x) sull’asse reale. Pertanto e dz g(z) + ΓR γε dz g(z) + Γ+ dz g(+) + Γ− dz g(z) = 0 . Nel limite R → ∞. Allora si ha e R R π/4 0= C dz f (z) = 0 dρ f (ρ) − eiπ/4 dρ f (ρeiπ/2 ) + iR 0 0 dϑ eiϑ f (Re2iϑ ) . 2 α ∈ IR . costituito dai punti con |z| ≤ R . 0 0 dx sin(αx2 ) . la funzione ` analitica. Il secondo integrale si calcola direttamente usando la rappresentazione polare e osservando che. Si consideri la funzione complessa f (z) = e−αz con α > 0 e la si integri sul cammino chiuso C formato dal perimetro del settore circolare di raggio R e di ampiezza π/4. ε → 0 si ha finalmente f (x) = 1 vP iπ ∞ dt −∞ f (t) . γ+ ` la semiretta [x + ε. t−x Prendendo la parte reale e la parte immaginaria dell’espressione precedente si ottiene il risultato richiesto. E’ evidente che un risultato simile vale anche per unaa funzione f (z) analitica e tendente a zero nel semipiano inferiore. 11. 4αR . Questo o non ` in contraddizione con le formule precedenti perch´ una funzione analitica ovunque e che si annulla e e all’infinito ` identicamnte nulla. nel limite ε → 0. 0 ≤ arg z ≤ π/4. mentre i due integrali su γ± .1 Integrali di Fresnel Si incontrano in ottica nello studio della rifrazione: ∞ ∞ dx cos(αx2 ) . In tal caso si ottengono le stesse trasformazioni per` con il segno scambiato. ∞) e infine γ− ` la e e semiretta (−∞. All’interno di tale settore. In tal modo si ottiene dz g(z) = f (x) γε γε dz + f ′ (x) z−x γε dz + o(ε2 ) = −iπf (x) + o(ε) .semicirconferenza |z − x| = ε (nel semipiano superiore).

sin z z z 2 − n2 π 2 n=1 cot z = 1 z +2 . [n + 1/2]π) = −1 . con z ∈ CN . Gli integrali di Fresnel corrispondono alla parte reale e immaginaria dell’espressione precedente. 0) 1 = cot z − . e che ` una funzione dispari. z sin z z g4 (z) = f4 (z) − Res(f4 . Inoltre la funzione f (z) in esame deve soddisfare la condizione max |f (z)|/|z| → 0 quando z → ∞. La formula di Mittag-Leffler (7. Si ottiene e f1 (z) = f2 (z) = f3 (z) = f4 (z) = 1 (−1)n z =1− .1) vale se tutti i poli sono semplici e ovviamente non nell’origine. CN ` una curva chiusa che non interseca nessun polo. [z − (n + 1/2)π](n + 1/2)π . 2 − n2 π 2 z z n=1 33 ∞ n=−∞ ∞ z . e e 11. Nel caso del coseno. 0) = − . e Le funzioni considerate sopra soddisfano tutte la condizione richiesta all’infinito in quanto si ` dimostrato e precedentemente che sono limitate su opportuni quadrati QN e inoltre hanno tutte poli semplici.1) definendo le funzioni g3 (z) = f3 (z) − 1 1 Res(f3 .Nell’ultimo integrale si ` effettuato il cambiamento di variabile 2ϑ = π/2 − ϕ e quindi si ` maggiorato e e ulteriormente(vedi Lemma di Jordan). α α > 0. nπ) = 1 . nπ) = (−1)n . mentre le funzioni f3 (z) e f4 (z) hanno un polo nell’origine che si deve togliere prima di applicare la (7. Si osservi che questo risultato ` quello che si ottiene con la sostituzione α → iα se per la radice si prende e la determinazione principale. = −(−1)n . Ora ` possibile applicare la (7. questo risultato vale anche per α < 0 mentre per il seno. Passando al limite nell’espressione sopra si ottiene quindi ∞ 0 dρ e−iαρ = e−iπ/4 0 2 ∞ dρ e−αρ = 2 e−iπ/4 2 π 1 = √ α 2 2 π (1 − i) .1). cos z [z − (n + 1/2)π](n + 1/2)π n=−∞ ∞ ∞ tan z = − 1 (−1)n z 1 = +2 . per cui ∞ ∞ dx cos(αx2 ) = 0 0 dx sin(αx2 ) = 1 4 2π . |α| α > 0. il valore dell’integrale ` negativo se α < 0. Le funzioni f1 (z) e f2 (z) sono pure regolari nell’origine e quindi si possono sviluppare applicando la formula (7.2 Sviluppi di Mittag-Leffler Sviluppare le seguenti funzioni trigonometriche: f1 (z) = 1 . Res(f4 . z z I residui nei poli delle funzioni fk sono (n ∈ Z Z) Res(f1 . f3 (z) = 1 . Res(f3 . [n + 1/2]π) Res(f2 .1). sin z f4 (z) = cot z . che ` una funzione pari. cos z f2 (z) = tan z .

ϑ. Dalla regola di quantizzazione si ha Jr = dr pr = nr h . r 2m r2 r sin ϑ dove pr . quantizzazione semiclassica). Si ha infatti E= mω 2 q 2 p2 + 2m 2 =⇒ p2 = m2 ω 2 L2 − q 2 . Ad ogni valore di E corrisponde una traiettoria (ellisse) nello spazio delle fasi.11. In tal modo si ottiene −L dz f (z) = 2 C L dq L2 − q 2 e finalmente dq p = mω C dz f (z) = mπωL2 = nh =⇒ En = n¯ ω . ϕ. L’hamiltoniana ` H = p2 /2m + mω 2 q 2 /2 e classicamente non c’` nessuna restrizione e e sui possibili valori dell’energia. La quantizzazione di Bohr-Sommerfeld afferma che le “traiettorie” della particella nello spazio delle fasi non possono essere qualsiasi ma devono soddisfare la regola di quantizzazione dqk pk = nk h . moto classico periodico). L]. 34 Jϕ = dϕ pϕ = nϕ h . • Come primo esempio si consideri un oscillatore armonico unidimensionale di massa m e frequenza angolare ω. qk le variabili coniugate di una particella (legata. pϕ sono gli impulsi coniugati alle coordinate polari r. Gli integrali sono fatti lungo la traiettoria classica (chiusa) e devono essere dei multipli interi della costante di Planck h. √ L’integrale precedente si calcola con il metodo dei residui integrando la funzione f (z) = L2 − z 2 su una curva chiusa C contenente il segmento [−L. ∞) = πL2 .3 Quantizzazione secondo Bohr-Sommerfeld E’ una ricetta di quantizzazione precedente alla meccanica quantistica. |q| ≤ 2E = L. mω 2 dove L ` la massima elongazione. C La curva C ` arbitraria (basta soltanto che racchiuda il taglio) per cui si pu` scegliere arbitrariae o mente vicina al segmento [−L. L]. nk ∈ IN (numeri quantici). che vale per grandi numeri quantici (nk ≫ 1. atomo di idrogeno). . pϑ . Jϑ = dϑ pϑ = nϑ h . Siano pk . h che per n ≫ 1 coincide con il valore dato dalla meccanica quantistica En = (n + 1/2)¯ ω. h • Come secondo esempio si consideri una particella di massa m in un potenziale centrale attrattivo V (r) = −k/r (k > 0. All’esterno della curva la funzione ` analitica. e quindi dz f (z) = −2πi Res(f . Usando il metodo di quantizzazione descritto sopra si ottiene e −L dq p = 2mω L dq L2 − q 2 = nh . La lagrangiana e l’hamiltoniana in coordinate polari sferiche sono m 2 ˙ r + r2 ϑ2 + r2 sin2 ϑϕ2 − V (r) . ˙ ˙ L = 2 p2 1 p2 ϕ H = p2 + ϑ + 2 2 + V (r) .

r2 dove r1 . Come ` noto. ∂ qk ˙ pk = − ∂H . Posto √ 2mk α2 kz 2mE α2 2mE + z2 + − 2 = − f (z) = z z z E 2mE √ 2mE (z − r1 )(z − r2 ) . ∂qk si ricava direttamente d dt p2 + ϑ p2 ϕ sin ϑ 2 = 0. Da quest’ultima equazione e da Jϕ si ricava finalmente pφ = Jϑ + Jϕ = (nϑ + nϕ )¯ = α h 2π =⇒ E= α2 1 p2 + 2 + V (r) . r2 che ` la legge di conservazione del quadrato del momento angolare (α2 = |L|2 ). scrivendo questa espressione in coordinate sferiche e cilindriche si ottiene ˙ ˙ ˙ ˙ 2T = pr r + pϑ ϑ + pϕ ϕ = pr r + pφ φ ˙ =⇒ pϑ dϑ = pφ dφ − pϕ dϕ . r2 sono gli zeri della funzione sotto radice. Poich´ pφ e pϕ sono entrambi costanti si ha banalmente e 2π 2π Jϑ = dϑ pϑ = 0 dφ pφ − 0 dϕ pϕ = 2π(pφ − pϕ ) . Con questa scelta l’hamiltoniana assume la forma H= 1 2m p2 + r p2 φ + V (r) . Questo significa e che la traiettoria ` contenuta in un piano e quindi conviene scegliere il sistema di riferimento in e modo che l’asse z sia ortogonale al piano del moto (o equivalentemente parallelo al vettore momento angolare). Per il nostro e e ˙ sistema. h che ` la regola di quantizzazione della proiezione lungo l’asse z del momento angolare L (pϕ ≡ Lz ). φ sono coordinate polari piane (cilindriche) e pφ = α ` il modulo del momento angolare e (costante). =⇒ p2 + ϑ p2 ϕ sin2 ϑ = α2 = costante . Siamo ora in grado di ricavare anche Jr e di conseguenza la e regola di quantizzazione dell’energia. Ricordando le equazioni di e Halmiton e la definizione di impulso coniugato pk = ∂L . e nϕ ` il numero quantico magnetico che usulamente si indica con m. Per ricavare Jϑ conviene sfruttare il fatto che il momento angolare ` conservato. r 2m r dove E ` l’energia della particella. L’integrale precedente si calcola con il metodo dei residui. Si ha r2 Jr = dr pr = 2 r1 dr 2m[E − V (r)] − α2 . = z 35 . e dove ora r. in generale l’energia cinetica ` data dall’espressione T = (1/2) k pk qk .Poich` ϕ ` una variabile ciclica il suo impulso coniugato ` costante e quindi e e e Jϕ = dϕ pϕ = 2πpϕ = nϕ h =⇒ pϕ = nϕ ¯ .

2n2 ¯ 2 h n2 = (nr + nϑ + nϕ )2 . E r1 r2 = − α2 . 0) + Res(f (z). 36 .r1 + r2 = − si ottiene k . ∞) = 2πi 2mE 2 da cui segue Jr =k 2π e finalmente En = − mk 2 . 2mE √ √ r1 + r2 r1 r2 + Jr = 2πi[Res(f (z). che in questo caso coincide esattamente con la regola di quantizzazione della meccanica quantistica. m − α = nr ¯ h 2|E| .

L’insieme Q dei numeri razionali non ` completo. – Una successione {xk } si dice fondamentale se soddisfa il criterio di Cauchy. Questo ` dato dalla norma e e della differenza dei due punti. e In particolare. In maniera precisa: per ogni x ∈ M e comunque scelto un numero ε > 0. esiste un elemento x1 ∈ M1 tale che ||x − x1 || < ε. m > Nε . y) = ||x − y|| (vedi sotto). In IR ogni successione fondamentale converge ad un e numero reale. – Uno spazio M si dice completo se ogni successione fondamentale ` e convergente. L’insieme dei numeri razionali Q ` quindi denso in IR. Quindi il criterio di Cauchy ` una condizione o e necessaria ma non sufficiente per la convergenza delle successioni. ma qui siamo interessati agli spazi u euclidei per i quali ` definito il concetto di “distanza” fra due punti arbitrari. • Funzione assolutamente continua. a meno di un insieme di misura nulla. L’insieme dei numeri reali IR ` e completo ed ` anche il completamento di Q. b] si dice a variazione limitata se. ma non razionale. 37 . fissato arbitrariamente ε > 0. (bk − ak ) < δ . Un numero reale si pu` approssimare con precisione assoluta mediante un numero razioo nale. vale a dire se. esiste un intero Nε tale che ||xn − xm || < ε. la condizione di Cauchy ` necessaria e e sufficiente per la convergenza. • Convergenza quasi ovunque. Questo significa che in uno spazio completo.SECONDA PARTE Definizioni Alcuni dei concetti seguenti si possono definire in spazi pi` generali. k k dove (ak . l’insieme dei punti in cui la funzione non converge ha misura nulla. – f definita in [a. che per spazi reali diventa una vera distanza ρ(x. Ogni successione convergente ovviamente soddisfa questo criterio. l’integrale indefinito di ogni funzione sommabile definisce una funzione assolutamente continua. Esistono infatti successioni di numeri e razionali che convergono ad un numero reale. Esempio. b] si dice assolutamente continua se. • Completezza di uno spazio. e Ogni funzione assolutamente continua ` uniformemente continua e a variazione limitata. per ogni n. bk ) ` una qualsiasi famiglia finita di intervalli disgiunti. • Spazio separabile. comunque scelto un numero ε > 0. • Successione Fondamentale (o di Cauchy). esiste δ per cui |f (bk ) − f (ak )| < ε . inoltre Q ` numerabile e dunque IR ` e e e separabile. • Sottoinsieme denso: un insieme M1 ` denso in M se ogni punto di M ` circondato da punti di M1 e e arbitrariamente vicini. – Quando i limiti destro e sinistro esistono entrambi ma sono diversi a fra loro. per ogni suddivisone dell’intervallo del tipo a = x0 < x2 < · · · < xn = b si ha n k=1 |f (xk ) − f (xk−1 )| < costante . Esempio. In generale per` non vale il viceversa. vale a dire. • Funzione a variazione limitata. • Discontinuit` di prima specie. – Si dice che la successione {fn } converge a f quasi ovunque se fn (x) → f (x). – Uno spazio M si dice separabile se contiene un insieme numerabile ovunque denso in M (gli spazi che si incontrano comunemente lo sono). – f definita in [a.

. allora il teorema vale per ogni successione limitata. In particolare. e • Teorema di Fatou. allora la successione converge a f quasi ovunque e inoltre l’integrale di f ` il limite degli integrali. dove φ(x) ` una funzione integrabile. – Se {fn } ` una successione di funzioni non negative convergente a f e tutti gli e integrali di fn sono maggiorati da una costante comune. • Teorema di Levi. ≤ fn (x) ≤ .Teoremi classici • Teorema di Lebesgue. allora l’integrale di f esiste ed ` maggiorato e dalla stessa costante. 38 .. ` una successione di funzioni integrabili e e tutti gli integrali sono maggiorati da un’unica costante. – Se {fn } ` una successione di funzioni convergente a f e per ogni n vale e la relazione |fn (x)| ≤ φ(x).. – Se f1 (x) ≤ f2 (x) ≤ .. allora anche le funzioni fn sono e integrabili e il limite degli integrali di fn converge all’integrale di f (si pu` scambiare il limite con o l’integrale). se l’insieme di integrazione ha misura finita.

Imponendo tale condizione si ottiene e e direttamente la disuguaglianza di Cauchy-Bounjakowskij. y)| ≤ ||x|| · ||y|| . Questa ` data da e ρ(x. mediante il prodotto scalare si pu` definire la e o norma ||x|| del generico elemento x ∈ M . (x. mentre la 3) segue dalla a a disuguaglianza di Cauchy-Bounjakowskij4 . Infatti.. (α x. . y) = (y. (12. λx + y) = |λ|2 (x.1) che gode delle propriet`: a 1) ||x|| ≥ 0 e ||x|| = 0 se e solo se x = 0.. x) + λ(x. Questa si dimostra facilmente considerando la disuguaglianza ¯ 0 ≤ (λx + y. y) = ||x||2 |λ|2 + 2 Re [λ(y. Ogni spazio euclideo ` anche normato e metrico. x) = 0 se e solo se x = 0. che ` sempre verificata se il discriminante ` negativo o nullo. e Questo ` una funzione (x.2) Con questa scelta si ricava la disequazione ||x||2 t2 + 2|(x. y) . Se lo spazio euclideo ` reale.. 3) ||x + y|| ≤ ||x|| + ||y|| Le propriet` 1) e 2) seguono direttamente dalle propriet` del prodotto scalare. x) (x. y) + λ(y. β. y) che ad ogni coppia di elementi x. sono arbitrari elementi (vettori) di uno spazio lineare M . x) ≥ 0 e inoltre (x. sono numeri complessi arbitrari. x)] = |(x. (disuguaglianza triangolare). |(x. y) = ||x − y|| e gode delle propriet`: a 4 Si ricordi che il modulo del prodotto di due vettori reali ` uguale al prodotto dei moduli per il coseno del’angolo e compreso. y) fra due punti e o arbitrari x. y ∈ M associa un numero complesso e e gode delle seguenti propriet`: a 1) 2) 3) 4) (x. allora mediante la norma si pu` definire la distanza ρ(x.12 Spazio Euclideo (complesso) • Se non specificato diversamente. α y) = α (x. e 39 . y. z. (la barra rappresenta la coniugazione complessa). y ∈ M . che ` sempre minore di 1. . (12.. z). y)| t ∈ IR =⇒ Re [λ(y. y) t. x) + (y. y)|t + ||y||2 ≥ 0 . 2) ||α x|| = |α| · ||x||. y). y)| t . y) + (x. vale a dire ||x|| = (x. y) = α (x. mentre α. in questa sezione x. Poich´ λ ` un un numero complesso arbitrario si pu` scegliere e e o λ= (x. ¯ (x. x)] + ||y||2 . y + z) = (x. Si chiama spazio euclideo (complesso) uno spazio lineare complesso M in cui ` definito un prodotto scalare. |(x. x) .

δij = 0 per 1 per i=j i=j . la relazione (12. Un sistema (ortogonale) si dice completo se il pi` piccolo sottospazio (chiuso) di M che contiene lo u spazio generato dal sistema ` M stesso. (spazio reale). e semplicemente ortogonale se tutti i vettori in questione non hanno norma uguale a 1. y) . 0 ≤ φ ≤ π. (12.. nel seguito cosidereremo sempre sistemi ortonormali in quanto a partire da un sistema di vettori linearmente indipendenti ` possibile costruire un sistema ortonormale mediante una e procedura di ortonormalizzazione. Se lo spazio in questione ` complesso. (xn . . ogni sistema ortonormale ` numerabile (o finito) e si e dimostra inoltre che esiste sempre un sistema ortonormale completo. x). Qui dimostriamo la prima di queste relazioni. yn ) → (x. y (non nulli) mediante la relazione cos φ = (x. o In uno spazio euclideo (complesso) un sistema di vettori non nulli {xi } si dice ortonormale se (xi .3) Se φ = π/2 i due vettori si dicono ortogonali. 2.2). 3) ρ(x. allora si ha xn + yn → x + y . Infatti si ha (basta moltiplicare scalarmente per xi generico) α1 x1 + α2 x2 + . In tal caso il sistema (ortogonale/ortonormale) forma una base e (ortogonale/ortonormale) e ogni elemento di M si pu` scrivere (in un solo modo) come combinazione o lineare dei vettori di base. 12. y) = ρ(y. z) (disuguaglianza triangolare). il prodotto per un numero e il prodotto scalare sono continui. y) ≥ 0 e ρ(x. y) . Questo significa che se {xn } e {yn } sono due successioni che convergono a x e y rispettivamente e αn ` una e successione numerica che converge ad α. αn xx → αx .. Se non specificato altrimenti. In uno spazio euclideo reale. 2) ρ(x. y) = 0 se e solo se x = y. n .1) ρ(x. e 40 .. y) ≤ ρ(x.. La convergenza nello spazio M va intesa rispetto alla norma. Il prodotto scalare ` banalmente il e e prodotto fra numeri reali e la norma coincide con il modulo. vale a dire: xn → x significa che ||xn − x|| → 0. Le altre due si dimostrano in modo analogo usando le propriet` della norma e la disugualianza (12. In ogni spazio euclideo la somma. Si verifica facilmente che i vettori ortogonali sono fra loro linearmente indipendenti. Si ha a ||(xn + yn ) − (x + y)|| = ||(xn − x) + (yn − y)|| ≤ ||xn − x|| + ||yn − y|| → 0 . xj ) = δij .3) perde in generale di significato in quanto il e a prodotto scalare pu` essere complesso. z) + ρ(y. la norma rappresenta la “lunghezza del vettore” e il prodotto scalare permette di definire l’angolo φ formato da due vettori x. tuttavia rimane significativo il concetto di ortogonalit` fra vettori. Si dimostra che in uno spazio euclideo separabile.. ||x|| · ||y|| | cos φ ≤ 1| .1 Esempi di spazi euclidei IR – La retta reale ` uno spazio euclideo (reale) di dimensione 1. i = 1. La distanza ` il modulo della differenza. + αn xn = 0 =⇒ αi = 0 .

b−a n = 1. 0...) (xk ∈ C) con la condizione I ∞ ∞ |xk |2 < ∞. ck = (ϕk .. (12. . 0. Per prima cosa dimostriamo che effettivamente la serie precedente ` convergente per qualunque f ∈ M . C2 [a.. ψn } per questo spazio ` data dalle funzioni trigonometriche e ϕ0 = 1 .. . . dove i coefficienti ck rappresentano le coordinate del vettore rispetto alla base data (se la base ` quella e dell’esempio precedente allora ck sono le coordinate cartesiane)... o Sia infatti M uno spazio euclideo infinito-dimensionale e ϕn un sistema ortonormale. Una base e {ϕn .5. ` uno spazio ¯ e k=1 euclideo (complesso) infinito-dimensionale.. 0. ϕn = cos 2πn t .. en = (0. f ) . 41 .. Una base ortonormale ` data dai versori e e1 = (1.4) La serie precedente sar` detta serie di Fourier (in senso generalizzato-vedi sezione (12. y) = k=1 xk y k .. y) = x1 y 1 +x2 y 2 +. . del vettore a f rispetto al sistema {ϕk }... 0) .1)).) . 12. Il concetto di “coordinata” si pu` generalizzare anche al caso in cui lo spazio sia infinito-dimensionale.. ℓ2 – Lo spazio i cui elementi sono della forma x ≡ (x1 . 0.5. f ) = (f. 2.) . . x2 ... .. ||f − Sn || ≥ 0 . e Abbiamo n Sn = k=1 ck ϕk . 0.. 3...+xn y n . 2. 0) . b] munito del prodotto scalare b ¯ (f. 0. . b] – Lo spazio delle funzioni complesse. ck = (xk . x) . Questo spazio. . 1.. e2 = (0. 1. 1) . Una base ` data dal sistema di infiniti vettori e e1 = (1. E’ chiaro che tutto questo ` sensato se la serie ` convergente e se questa e e converge al vettore f .. k=1 (serie di Fourier).. g) = a f (t)g(t) dt ` uno spazio euclideo (complesso) infinito-dimensionale. mediante la relazione ck = (ϕk .. 0. e3 = (0. che chiameremo ancora vettore... 3. . b−a ψn = sin 2πn t . continue nell’intervallo [a. munito del prodotto scalare (x. a Dato un vettore x in IRn e una base ortonormale {ek } si ha n x= k=1 ck xk ... Dato un arbitrario elemento f ∈ M . ϕk ) . L’ortogonalit` di questo sistema si verifica direttamente. 1. definiamo le sue “coordinate” ck .) . 0. x2 . xn ... .1)). 0..2 Sistemi ortonormali chiusi Da ora in avanti si assumer` che gli spazi in esame siano separabili. e consideriamo la serie formale ∞ ck ϕk . . e2 = (0.. mentre la completezza ` una diretta cona e seguenza del teorema di Weierstrass (La completezza di un sistema in genere ` assai difficile da e dimostrare).. xn ) di numeri reali formano uno spazio euclideo (reale) di dimensione n con il prodotto scalare dato da (x.IRn – Le n-uple ordinate x ≡ (x1 . . ¯ k = 1. .. dette in questo caso coefficienti di Fourier (in senso generalizzato-vedi sezione (12.

procedendo come sopra si ottiene n n n n ||f − g|| 2 = ||f − k=1 αk ϕk || = ||f || − n n 2 2 (¯ k ck + αk ck ) + α ¯ k=1 k=1 |αk |2 = ||f ||2 − k=1 |ck |2 + k=1 |αk − ck |2 . ossia quando il sistema ortonormale ` chiuso. con precisione a piacere. quello che ha “distanza” minima da f si ha per αk = ck .4) converge al vettore f quando la relazione di Bessel diventa un’uguaglianza. la serie (12. la serie (12. e e – Vicersa. Questa espressione ` chiaramente minima per αk = ck . fra tutte le possibili comn e u binazioni che approssimano f . la somma parziale k=1 ck ϕk ` la pi` precisa. Teorema . (disuguaglianza di Bessel) e di conseguenza la serie di partenza ` convergente. 42 . Infatti. – Sia {ϕk } chiuso. (uguaglianza di Parseval). Questo o significa che lo spazio generato da {ϕk } ` denso in M e quindi il sistema ` completo. o ossia si pu` approssimare. Si ` detto precedentemente che in ogni spazio euclideo separabile esiste sempre un sistema ortonormale e e (numerabile) completo. Come si vede. e Come detto sopra. Ora dimostriamo che ogni sistema ortonormale completo ` anche chiuso e quindi completezza e chiusura diventano concetti “equivalenti”. separabile e completo ` isomorfo e a ℓ2 (i coefficienti di Fourier {ck } di una funzione sono un elemento di ℓ2 ). ϕj ) ¯ k=1 k=1 |ck | ≤ ||f || 2 2 =⇒ k=1 |ck |2 ≤ ||f ||2 . k ck (f. sia {ϕk } completo. ogni sistema ortonormale completo {ϕk } ` chiuso e e viceversa. mediante una combinazione di vettori {ϕk }. ϕk ) + k=1 i=1 j=1 ci cj (ϕi . Dimostrazione – . Allora ogni elemento f ∈ M si pu` approssimare. E’ interessante osservare che fra tutti i possibili vettori g = k=1 αk ϕk (n e αk sono arbitrari) costruiti mediante combinazioni lineari delle {ϕk }. con precisione a piacere. Allora ogni elemento f ∈ M si pu` sviluppare in serie di Fourier. Da questo teorema segue che ogni spazio euclideo infinito-dimensionale. o mediante una combinazione di vettori di base. – Il sistema ortonormale ϕk si dice chiuso se vale la relazione di Parseval ∞ k=1 |ck |2 = ||f ||2 . – In ogni spazio euclideo separabile M . f − j=1 cj ϕj  n  n n k=1 n ck (ϕk . Per quanto dimostrato sopra.4) converge al vettore f e (in norma) quando nell’ultima espressione vale l’uguaglianza. e Definizione . f ) − ¯ c2 . Quindi la serie di Fourier converge a f e vale la relazione di Parseval.Usando le propriet` della norma e la definizione di ck si ha a n 0 ≤ ||f − k=1 ck ϕk ||2 = ||f ||2 − = ||f ||2 − Dalla disuguaglianza precedente segue n ∞ = f −  n i=1 n n ci ϕi .

e e Teorema (Riesz-Fisher). f − fn ) = ck + (ϕk . Per ricavare la seconda basta sviluppare la norma  n i=1 n ||f − fn ||2 = f − ci ϕi . vale a dire ||f − fn || → 0 .. una condizione necessaria ` che k=1 |ck |2 < ∞. per l’ipotesi di completezza di M ..12.3 Teorema di Riesz-Fisher Siano dati un sistema ortonormale (non necessariamente completo) e una successione di numeri c1 . Dimostrazione – . Se e lo spazio ` completo. Allora esiste un elemento f ∈ M per cui ∞ ck = (ϕk . f − j=1 cj ϕj  = ||f ||2 −  n k=1 |ck |2 e passare al limite per n → ∞. Poniamo fn = n abbastanza grande si ha n+p 2 2 Questa ` una successione fondamentale in quanto. questa condizione ` anche sufficiente. Inoltre. per e n+p ||fn+p − fn || = || k=n+1 ck ϕk || = k=n+1 |ck |2 < ε . – Ogni spazio di Hilbert separabile ` isomorfo a ℓ2 e quindi due qualsiasi spazi di Hilbert e separabili sono isomorfi fra loro. . Sia quindi L2 (X. c3 . per n ≥ k si ha (ϕk . L’ultima espressione segue dall’ipotesi di convergenza. f ) = (ϕk . k=1 |ck |2 = ||f ||2 .. fn ) + (ϕk . Passando al limite per n → ∞ e usando la continuit` del prodotto scalare si ottiene la prima tesi a (ϕk . 12. – Sia {ϕk } un sistema ortonormale in uno spazio euclideo M separabile e ∞ completo e {ck } una successione numerica tale che k=1 |ck |2 < ∞. – Uno spazio euclideo completo infinito-dimensionale ` detto spazio di Hilbert. Ci si pu` chiedere sotto quali condizioni questi numeri sono i coefficienti di Fourier di qualche vettore o ∞ f ∈ M . e Teorema . f ) . c2 . Per i nostri scopi sar` sufficiente considerare funzioni f : IRn → C. µ) ≡ f :X→ C I tali che |f (x)|2 dµ < ∞ 43 . deve esistere un vettore f ∈ M tale che fn → f . Ora osserviamo che. Definizione . f − fn ) . ma IRn pu` a I o essere sostituito da qualunque spazio misurabile X.4 Lo spazio L2 Un esempio molto importante di spazio di Hilbert ` costituito dalle funzioni (complesse) a quadrato e sommabile (integrabile). f ) = ck . n k=1 ck ϕk . Come segue dalla disuguaglianza di Bessel.

basta porre g(x) = 1). 3.dove x ∈ X e dµ ` la misura (di Lebesgue) di X e l’integrale ` fatto su tutto X (nelle applicazioni fisiche e e X ≡ IRn (o un sottospazio) e dµ ≡ dx = dx1 dx2 · · · dxn ). se f ∈ L2 . separabile e completo) esiste un sistema ortonormale completo ϕk per cui ogni f ∈ L2 si pu` scrivere nella o ∞ forma f = k=1 ck ϕk . Si dimostra che lo spazio L2 (X. π n = 1. Nel seguito si considereranno e sempre spazi separabili. 2π ϕn (x) = cos nx √ . dove i coefficienti di Fourier {ck } formano un elemento di ℓ2 . A questo scopo a si deve osservare che. Si dimostra facilmente che la definizione (12. f + g ∈ L2 .1 Sistema trigonometrico Si consideri lo spazio delle funzioni a quadrato sommabile nell’intervallo [−π.5) verifica le propriet` del prodotto scalare. π]. Valgono le relazioni ∞ ||f ||2 = (f.. f ) = |f (x)|2 dx = k=1 |ck |2 . µ) (brevemente L2 (X) o L2 ) con il prodotto scalare (f. g) = ¯ f (x)g(x) dµ (12. 44 . . αf ∈ L2 .5) ` uno spazio euclideo infinito-dimensionale e completo (spazio di Hilbert). Queste propriet` sono una diretta conseguenza di a |f (x) + g(x)|2 = |f (x)|2 + 2|f (x)g(x)| + |g(x)|2 .5 Basi ortonormali in L2 Come segue dalle considerazioni di carattere generale. 12. Dato il prodotto scalare si ha la norma 1/2 ||f || = |f (x)|2 dx e si dir` che la successione di funzioni fn ∈ L2 converge in media (quadratica) a f ∈ L2 se a 1/2 ||fn − f || = |fn (x) − f (x)|2 dx → 0.. |f (x)g(x)| ≤ 2 |αf (x)|2 = |α|2 |f (x)|2 . 2. in L2 (spazio euclideo infinito-dimensionale. E’ immediato verificare che le funzioni trigonometriche 1 ϕ0 = √ . ma lo ` certamante se X e e ha misura finita (conseguenza della prima disuguaglianza. 12. π sin nx ψn (x) √ .5. f ) . Una funzione f a quadrato sommabile in X non ` necessariamente integrabile. ck = (ϕk . g ∈ L2 e α ∈ C allora I f g ∈ L2 . 1 |f (x)|2 + |g(x)|2 .

1.7) f (x) sin nx dx . 2. ...6) dove i coefficienti di Fourier sono dati da an bn = = 1 π 1 π π f (x) cos nx dx . 3. Questo significa che e π −π a0 f (x) − bn sin nx an cos nx + + 2 n=1 n=1 ∞ ∞ 2 dx → 0 . Inoltre formano un sistema completo come conseguenza di un teorema di Weierstrass. 2.. π]) e sono fra loro ortonormali. 2 a a n=1 n=1 ∞ ∞ an bn = = 1 a 1 a nπx dx . π]) si ha cn f = = n=−∞ 1 2π ∞ π f (x)e−inx dx . −π n = 0. −π Non si deve dimenticare che la convergenza ` in media quadratica. π]) avr` quindi uno sviluppo della a forma ∞ ∞ f = c0 ϕ0 + n=1 cn ϕn + n=1 cn ψn = ˆ a0 bn sin nx .8) cn einx 45 . .. ±1. . La serie calcolata in un punto pu` differire dal o valore della funzione calcolata nello stesso punto. 2. (12. In generale non vale la convergenza puntuale (vedi sotto). . . 2 sin x = eix − e−ix . f (x) sin a −a f (x) cos a n = 0. n = 1.appartengono a L2 ([−π. 2i Usando queste espressioni e ponendo c0 = a0 . 12. 2 c±n = an ∓ ibn . −π π n = 0. a]) si ha (basta fare il cambio di variabile x → πx/a) f= a0 nπx nπx an cos bn sin + + . a −a a nπx dx .. a] di lunghezza 2a. (12. 2. an cos nx + + 2 n=1 n=1 ∞ ∞ (12. Ogni funzione f ∈ L2 ([−π. 3. 2 n = 1.. 1.. 2.6 Forma complessa della serie di Fourier Si ottiene come conseguenza diretta delle formule di Eulero cos x = eix + e−ix . ±2.. per ogni f ∈ L2 ([−π. In tal caso per ogni e o f ∈ L2 ([−a. Anzich´ [−π.. π] si pu` considerare un intervallo arbitrario [−a. . 3. n = 1....

– Dalla definizione dei coefficienti si ha Sn (x) = = 1 π 1 π π −π π −π 1 + 2 1 + 2 n (cos kt cos kx + sin kt sin kx) f (t) dt k=1 n k=1 cos k(t − x) f (t) dt .1 Poniamo Sn (x) = a0 + 2 n Convergenza puntuale (ak cos kx + bk sin kx) k=1 e a andiamo a vedere sotto quali condizioni questa successione numerica converge a f (x). z ε > 0.1) . π].6) o l’analoga complessa (12. π]) e soddisfa la condizione di Dini ε −ε f (x + z) − f (x) dz < ∞ . Dato che la serie di Fourier ` periodica.13 13. π]) (che ` un insieme contenuto nel precedente).8) convergono a f in media quadratica. si possono considerare funzioni periodiche di periodo 2π definite e su tutta la retta (tipiche dei moti oscillatori).. la serie (12.. Dimostrazione – . questo perch` le funzioni trigonometriche e sono limitate. π]) e non necessariamente a L2 ([−π. e 13.7) sono definiti per ogni funzione f sommabile nell’intervallo [−π.1. Abbiamo il seguente Teorema . + sin n + 2 2 2 2 2 1 1 y. sin n + 2 2 Quindi si ha la relazione 1 π 1 + 2 n cos ky = k=1 sin(n + 1/2)y = Dn (y) . Ci sono tuttavia e situazioni fisiche in cui ` necessario avere la convergenza puntuale.1 Serie di Fourier Convergenza della serie di Fourier Come detto sopra. In questa sezione studieremo sotto e quali condizioni (sufficienti) questo effettivamente si verifica. E’ quindi sufficiente che f appartenga a L1 ([−π. 2π sin(y/2) 46 (13. Notiamo inoltre che i coefficienti di Fourier (12. Questo ` quanto effettivamente serve per quanto concerne la meccanica quantistica. Ora osserviamo che 1 + 2 n cos ky sin k=1 y 2 = = = 1 y 1 sin + 2 2 2 n sin k + k=1 1 2 y − sin k − 1 2 y y − sin n − 1 2 y 1 y 3y y 1 sin + sin − sin + . – La successione delle somme parziali Sn (x) converge alla funzione periodica f (x) se f ∈ L1 ([−π.

avente al pi` discontinuit` di prima specie e avente u a in ogni punto la derivata sinistra e destra. l’unico punto critico ` l’intorno di x. 2 n Sn (x) = k=1 [ak cos kx + bk sin kx] e consideramo la media aritmetica σn = S0 + S1 + S2 + . ε). e La convergenza della serie di Fourier a f ` quindi equivalente a dimostrare che e π Sn (x) − f (x) = −π [f (x + z) − f (x)] Dn (z) dz → 0 . 2π sin(z/2) z 2π sin(z/2) nel punto considerato. −π La dimostrazione ` banale (basta integrare per parti) se g ∈ C1 ([−π. questo perch´ f (x) potrebbe non essere definita in x). π]) (funzioni continue. 47 . Quindi non basta la continut` per avere la convergenza delle somme parziali Sn . – Se g ∈ L1 ([−π. Vale il seguente Teorema . Per ricavare l’ultima espressione si deve usare il fatto che f (x) ` una funzione periodica. Per avere e la convergenza uniforme si deve restringere la classe. E’ immediato verificare che e π π Dn (z) dz = 1 . Esistono tuttavia altre a maniere di sommare la serie di Fourier in modo da avere la convergenza. Questa ` una funzione L1 ([−π. – Sia f una funzione periodica. A questo proposito si usa il seguente Lemma. ma sfruttando il fatto che tale spazio ` denso in L1 si estende il risultato a tutto e L1 .. Allora in ogni punto la serie di Fourier converge a [f (x− ) + f (x+ )]/2. allora la successione {σn } delle somme di e Fejer converge uniformemente a f in ogni punto. π]) allora π n→∞ lim f (z) sin nz dz = 0 . A tale scopo poniamo S0 (x) = a0 . Se f ` una funzione periodica e continua. La classe delle funzioni che hanno una serie di Fourier convergente puntualmente ` assai ampia. limitata. – Sia f una funzione periodica. π]). −π Sn (x) = −π f (x + z)Dn (z) dz . + Sn . π]) come conseguenza della condizione di Dini. Nel caso che ci interessa la funzione da considerare ` e g(z) = z f (x + z) − f (x) f (x + z) − f (x) = . assolutamente continua e con derivata a quadrato sommabile.La funzione Dn (y) ` detta nucleo di Dirichlet. e Una condizione sufficiente per la convergenza in ogni punto ` data dal seguente e Teorema . Allora la serie di Fourier converge uniformemente a f in ogni punto. 0− ) e da (0+ .. Si deve osservare che la serie di Fourier di una funzione continua potrebbe divergere in qualche punto. Di fatto ` sufficiente richiedere che valgano e e e due condizioni tipo Dini da (−ε. derivabili e e con derivata continua). e Poich´ f ∈ L1 ([−π. n Vale il seguente Teorema (Fejer).

ma in questo caso lo spettro delle frequenze ` continuo e quindi. e a Il passaggio dalle funzioni periodiche a quelle non periodiche si pu` effettuare in maniera formale facendo o tendere il periodo all’infinito. −∞ ∞ −∞ trasformata di Fourier di f . ˜e La coppia di integrali (14. 2π (k 2 + α2 ) 48 . = einπx/a cn √ ˜ . ±2. (α > 0).14 Integrale di Fourier Si ` visto sopra che le funzioni periodiche (con ulteriori condizioni) sono la sovrapposizione di oscillazioni e armoniche di frequenze opportune (infinite frequenze numerabili). ∞).2) costituisce la cosiddetta trasfomata di Fourier. la somma diventa un integrale “tipo Riemann” e l’espressione fra parentesi quadre diventa una funzione continua di k che indicheremo ˜ con f (k).1) e (14.. 14. L’integrale e ˜(k) ` ben definito se f ∈ L1 (−∞. Consideriamo dunque una funzione f di periodo 2a e il suo sviluppo di Fourier (vedi equazione (12. (14. √ a˜ c √ n π e ikn x f (x) n=−∞ 1 ∆k ≡ √ 2π ∞ ˜ f (kn )eikn x ∆k . In conclusione ˜ f (k) f (x) = = 1 √ 2π 1 √ 2π ∞ f (x)e−ikx dx . 2a n = 0. Affinch´ questo avvenga si deve e e restringere lo spazio delle funzioni. trasformata inversa di f . ˜ f (k) = = 1 √ 2π ∞ −∞ 1 e−α|x| e−ikx dx = √ 2π ∞ e−x(α+ik) + e−x(α−ik) dx 0 2α √ . Assumiamo a ≫ π e poniamo ∆k = π/a ≪ 1 e kn = n∆k.1 Esempi Calcolare le trasformate di Fourier delle seguenti funzioni: • f (x) = e−α|x| . f ` detta trasformata ˜ di Fourier di f e f trasformata inversa o anti-trasformata di f . 2a n=−∞ che si ottiene dall’espressione (12.1) (14. in luogo della serie ci sar` un integrale detto integrale di Fourier. scegliendo ad esempio quelle di L1 che inoltre soddisfano la condizione di Dini (condizione sufficiente). Qui vedremo che anche le funzioni non periodiche si possono scrivere come sovrapposizione di funzioni armoniche. Questa condizione non (14. ±1. Inoltre la sua convergenza (puntuale) a f (x) non ` garantita.2) ˜ f (k)eikx dk . n=−∞ Passando al limite formale a → ∞. √ Si ` usato inoltre il sistema ortonormale {einπx/a / 2a} e la forma “simmetrica” definendo i coefficienti e √ cn = 2acn . Allora ˜ √ a˜ c √ n π = = 1 √ 2π 1 √ 2π a −a ∞ ˜ f (x)e−ikn x dx ≡ f (kn ) . ˜ La prima espressione ` semplicemente la definizione dei “coefficienti dello sviluppo” f (k).1) ` certamente convergente e quindi f e e assicura automaticamente l’esistenza del secondo integrale nel senso ordinario (esiste nel senso del valore principale)..8)) a cn ˜ f (x) = −a ∞ f (x) e−inπx/a √ dx .8) con la sostituzione x → πx/a per tenere conto del periodo arbitrario. . kn diventa una variabile continua (k).

. Infatti si ha u |F [f ](k)| = F [f (n) ](k) → 0... Vale a dire che l’operatore di moltiplicaa zione viene trasformato in un operatore di derivazione.2 Alcune importanti propriet` della trasformata di Fourier a • Esiste un semplice legame fra la trasformata delle derivate di una funzione e la trasformata della funzione stessa (ovviamnete nell’ipotesi che le trasformate abbiano significato). Per cominciare. siano f (x) e xk f (x) (k = 1. 1 √ 2π e √ .. • Vale una propriet` “complementare” a quella precedente.. Sotto queste ipotesi si ha F df (k) dx ∞ = −∞ f ′ (x)e−ikx dx = f (x)e−ikx ∞ ∞ + ik −∞ f (x)e−ikx dx −∞ = ik F [f ](k) . n) funzioni assolutamente integrabili.In questo caso la trasformata appartiene a L1 e quindi l’integrale di Fourier esiste come integrale ordinario. L’anti-trasformata esiste in senso generalizzato. kn 49 . In modo analogo. in modo che si possa rappresentare come integrale indefinito di f ′ . ˜ f (k) = 1 √ 2π a −a 2 sin ka e−ikx dx = √ . dx (14. 1. In particolare se e α = 1 la funzione ` esattamente la stessa.3) Si vede che l’operatore di derivazione (d/dx) nello spazio di partenza diventa un operatore di moltiplicazione rispetto a ik nello spazio delle trasformate. . dk n −ix → d . Allora la trasforata di f ` derivabile almeno n volte e vale la e relazione d F [f ](k) = F [(−ix)n f (x)](k) . . −∞ d → ik . e 14. Infatti.3) ` che la trasformata di Fourier di una funzione n volte e derivabile (con le ipotesi precedenti) decresce all’infinito pi` rapidamente di 1/k n . dk • Una immediata conseguenza della (14. si ricava F dn f (k) = dxn ∞ f (n) (x)e−ikx dx = (ik)n F [f ](k) . in modo che esistano le trasformate. • f (x) = e−αx ˜ f (k) 2 /2 (α > 0). 2π k La trasformata non appartiene a L1 . • f (x) = 1 per −a < x < a e zero altrimenti. α k − 2α 2 ∞ −∞ = = e − α (x2 +2ik/α) 2 e− 2α dx = √ 2π k2 ∞ −∞ e− 2 (x+ik/α) dx α 2 Come si vede la trasformata di Fourier di una gaussiana ` ancora una gaussiana. si consideri una funzione f (x) e la sua derivata f ′ (x) e si assuma che entrambe stiano in L1 .. 2. Si assuma inoltre che f (x) sia assolutamente continua in ogni intervallo. con f (k) (x) ∈ L1 (k = 0. n) e f (n−1) assolutamente continua in ogni intervallo.

sia f (x1 . . . Invertendo progressivamente l’ultima espressione si ottiene f (x1 . e 14. xn ) una funzione e integrabile in IRn . ˜ Osservazione: Nei testi matematici la trasformata di Fourier ` definita in modo asimmetrico (con un e fattore 1/2π nella trasformata e senza fattori nell’inversa) e in tal modo la trasformata del prodotto di convoluzione ` esattamente il prodotto delle trasformate. Infatti. Come nel caso unidimensionale..+kn xn ) dx1 · · · dxn ∞ −∞ 1 ··· √ 2π f (x1 . kn )ei(k1 x1 +... La funzione ∞ ∞ f (x) = −∞ h(x − y) g(y) dy = −∞ h(y) g(x − y) dy ... . gli ultimi due integrali vanno intesi nel senso del valore principale. Siano h e g due funzioni assolutamente integrabili su tutta la retta. kn ) 1 =√ 2π = 1 (2π)n/2 ∞ 1 √ 2π −∞ ∞ −∞ ∞ −∞ ∞ ··· −∞ f (x1 . Allora si pu` definire l’integrale o ˜ f (k1 . f ` integrabile..• Convoluzione.. 50 . ... Questo ` dovuto al o e fatto che l’operatore di derivazione viene trasformato in un operatore di moltiplicazione e di conseguenza l’equazione differenziale viene trasformata in una equazione algebrica. ` detta convoluzione (o prodotto di convoluzione) di h con g....4 Soluzione di equazioni differenziali mediante la trasformata di Fourier La trasformata di Fourier pu` risultare utile nella soluzione di equazioni differenziali..+kn xn ) dk1 · · · dkn . xn )e−i(k1 x1 +.. Date le propriet` delle funzioni e a integrande. xn )e−ik1 x1 dx1 e−ik2 x2 dx2 · · · e−ikn xn dxn ... Si ha infatti (in modo formale) ˜ f (k) = = 1 √ 2π 1 √ 2π 1 dx e−kx f (x) = √ 2π −∞ ∞ −∞ ∞ −∞ ∞ ∞ ∞ dx e−kx −∞ −∞ dy h(x − y)g(y) dz dy e−k(z+y) h(z)g(y) = √ ˜ 2π h(k) g (k) . . Si verifica che la trasformata di Fourier del prodotto di convoluzione ` e e proporzionale al prodotto (di funzioni) delle due trasformate.. Si consideri in proposito l’equazione differenziale. f = h∗g. in formule √ F [f ] = F [h ∗ g] = 2π F [h] · F [g] ... kn )eik1 x1 dk1 eik2 x2 dk2 · · · eikn xn dkn ··· −∞ ˜ f (k1 . Si vede che ` possibile ottenere la trasformata di e e Fourier multipla mediante una successione di trasformate singole.. ... L’ultima espressione ` giustificata dal teorema di Fubini. .3 Trasformata di Fourier in pi` variabili u L’estensione di quanto detto sopra da IR a IRn ` immediata. xn ) = ∞ 1 1 √ =√ 2π −∞ 2π 1 = (2π)n/2 ∞ −∞ ∞ −∞ 1 ··· √ 2π ∞ ∞ −∞ ˜ f (k1 . Inoltre si devono imporre ulteriori restrizioni su f per avere corrispondenza con il valore dell’integrale. lineare e a coefficienti costanti a0 f (x) + a1 f ′ (x) + a2 f ′′ (x) + · · · + an f (n) (x) = g(x) ... 14..

t) (k) = (ik)2 u(k. ˜ F [u0 (x)](k) = u0 (k) . per ogni t finito. vale a dire ∂u(x. sia maggiorata da una funzione integrabile di x. t ≥ 0. ˜ ˜ 2 (14. il prodotto di convoluzione diventa proporzionale al prodotto di funzioni. Si ha F −1 e−αk e finalmente e−x /4αt 1 1 =√ u(x. dove u0 (x) ` una funzione nota.4) vale a dire il prodotto di una gaussiana per la trasformata della condizione iniziale. considerando t come un parametro fissato. . ∂t ∞ −∞ f (x) dx < ∞ . Da considerazioni fisiche ` ragionevole assumere che la funzione nota (temperatura iniziale positiva) e assieme alle sue derivate prima e seconda sia in L1 e cos` pure la soluzione u(x. t) . Si consideri l’equazione 2 ∂t u(x. t) per ogni t. Queste condizioni ci permettono di trasformare l’equazione rispetto alla variabile x. Questa equazione descrive e la propagazione del calore attraverso un conduttore infinito. con la condizione iniziale u(x. 0) = u0 (k) . t) = √ u0 (x) ∗ √ παt 2π 2αt 51 2 2 t 1 (x) = √ 2π ∞ −∞ e−αk t eikx dk = √ 2 2 1 e−x /4αt 2αt ∞ e− −∞ (x−y)2 4αt u0 (y) dy . t) = 0 . t) .Mediante una trasformazione di Fourier F [a0 f (x) + a1 f ′ (x) + a2 f ′′ (x) + · · · + an f (n) (x)](k) = F [g(x)](k) . ˜ ˜ u(k. Ricordiamo che per trasformazioni di Fourier. α > 0. t) − α∂x u(x. t) ≤ f (x) . t) = e−αk t u0 (k) . ˜ La soluzione dell’equazione precedente ` e u(k. Per ricavare la soluzione si deve effettuare la trasformazione inversa. Notevoli vantaggi si hanno invece nella soluzione di equazioni alle derivate parziali. si ottiene l’equazione algebrica ˜ ˜ a0 + a1 (ik) + a2 (ik)2 + · · · + an (ik)n f (k) = g (k) da cui segue ˜ f (k) = g (k) ˜ . ˜ da cui segue ∂t u(k. Inoltre si deve assumere che la soluzione sia integrabile e ci` non e o vale in generale. t). (integrale di Poisson). t)](k) = u(k. 0) = u0 (x). • Equazione del calore. La soluzione sar` quindi a proporzionale al prodotto di convoluzione della trasformata inversa della gaussiana per la funzione iniziale. Per questo tipo di equazioni non c’` un grande vantaggio. a0 + a1 (ik) + a2 (ik)2 + · · · + an (ik)n La soluzione f (x) si ottiene mediante la trasformata inversa f (x) = F −1 [g](x). t) . t) = −αk 2 u(k. In tal modo si ottiene F [u(x. ı Assumiamo inoltre che ∂t u(x. ˜ ˜ 2 F ∂x u(x. −∞ < x < ∞ .

g ) . Il prodotto scalare ` invariante (si conserva) per trasformazioni di Fourier. ˜˜ (f. Siano allora f. Come corollario segue che.14. Dimostrazione – .6 Esempi • Si veda la trasformata di Fourier come un operatore lineare F : L2 → L2 e si cerchino le funzioni (autofunzioni) che rimangono invarianti (a meno di un fattore) per questo tipo di trasformazione. In L2 inoltre c’` una notevole corrispondenza con le serie di Fourier (in senso e generalizzato) definite precedentemente. Si ha inoltre ∞ ∞ ∞ f ∗ (x)g(x) dx −∞ = −∞ ∞ f ∗ (x) −∞ ∞ g (k)eikx dk dx ˜ ∗ ∞ = −∞ −∞ f (x)e−ikx dx g (k) dk = ˜ −∞ ˜ f ∗ (k)˜(k) dk . Per cominciare esiste un teorema che ` l’analogo (continuo) e dell’uguaglianza di Parseval. g due funzioni in S∞ . g (relazione di Plancherel). g di funzioni a quadrato sommabile sulla retta vale la relazione ∞ ∞ f ∗ (x)g(x) dx = −∞ −∞ ˜ f ∗ (k)˜(k) dk . g Sfruttando ora il fatto che S∞ ` denso in L2 si estende la dimostrazione a qualunque f ∈ L2 (questa e seconda parte ` assai tecnica ` piuttosto laboriosa). – La dimostrazione del teorema di Plancherel ` relativamente facile se si lavora e nello spazio S∞ delle funzioni infinitamente derivabili e a decrescenza rapida. −n Il teorema di Plancherel afferma che ˜ e a) ogni fn ` una funzione a quadrato sommabile sulla retta. e e 14.5 Trasformata di Fourier in L2 (−∞. In tal caso ogni passaggio formale pu` essere rigorosamente giustificato. Infatti in questo spazio la e trasformata di Fourier diventa un operatore lineare limitato F : L2 → L2 . altrimenti c’` un e e e e fattore 2π. ∞) e la successione di funzioni n 1 ˜ fn (k) = √ 2π f (x)e−ikx dx . Come conseguenza o ˜ e del fatto che f ` infinitamente derivabile si ottiene che fn ` a decrescenza rapida e e quindi a quadrato e ˜ e sommabile e come conseguenza del fatto che f ` a decrescenza rapida si ottiene che fn ` a decrescenza e ˜ ˜ rapida in n e quindi converge a f ≡ f∞ . c) vale la relazione di Plancherel ∞ −∞ ˜ |f (k)|2 dk = ∞ −∞ |f (x)|2 dx . ˜ e ˜ b) la successione di funzioni {fn } ` convergente in media quadratica ad una funzione f . g) = (f . per ogni coppia f. 52 . ∞) L’ambiente “naturale” per definire le trasformate di Fourier ` lo spazio L2 . e Osservazione: questo ` vero poich´ si ` definita la trasformata in forma simmetrica. Si ha infatti Teorema (Plancherel). – Si consideri una funzione f ∈ L2 (−∞. Il prezzo da pagare ` la rinuncia e alla convergenza puntuale. Usando la notazione degli spazi euclidei queste relazioni si possono scrivere in forma compatta ˜ ||f ||2 = ||f ||2 .

. In altre parole. allora xψ(x) − ψ ′ (x) e ` autofunzione con autovalore −iλ.Se ψ ` una funzione di L2 invariante per trasformazioni di Fourier. ψ1 = 2xψ0 . Evidentemente esistono infinite autofunzioni. le soluzioni dell’equazione (14. In questo modo abbiamo ψ0 = e− x2 2 . che sono tutte della forma ψn (x) = Hn (x) e− x2 2 .6) dove Hn sono polinomi di grado n con parit` definita.8) ˜ Questo significa che se ψ(x) = f (x) ` soluzione della (14. partendo da ψ0 . Alcune autofunzioni si possono ricavare ricordando la propriet` a F [(−ix)n f (x)](k) = d F [f ](k) dk n x2 2 e il fatto che la gaussiana ψ0 (x) = e− F [ψ0 ](k) = e− k2 2 ` autofunzione. dunque ψ = F 4 [ψ] = F 3 [λψ] = F 2[λ2 ψ] = F [λ3 ψ] = λ4 ψ =⇒ λ = ±1. allora e ˜ F [ψ(x)](k) = ψ(k) = λψ(k) . Infatti e ˜ ˜ F [xψ(x) − ψ ′ (x)] (k) = iψ ′ (k) − ik ψ(k) = −iλψ(k) . questa e equazione ` invariante rispetto a trasformazioni di Fourier. allora ψ(k) = f (k) ` soluzione della e e (14. che a parte delle costanti moltiplicative coincidono con quelle calcolate precedentemete. Applicando tuttavia 4-volte di seguito la trasformata di Fourier si e deve ottenere la funzione di partenza. Per ottenere le autofunzioni di F basta quindi agire con l’operatore x − d/dx. Analogamente per ψ2 (x) = [(−ix)2 + (1/2)]ψ0 (x) si ha 1 ′′ F [ψ2 (x)](k) = ψ0 (k) + ψ0 = −ψ2 (k) 2 =⇒ λ2 = −1 . vista come operatore F : L2 → L2 ha autovalori ±1. funzioni di Hermite. (14. ψ2 = (4x2 − 2)ψ0 . Per questa si ha ′ F [ψ1 (x)](k) = F [−ixψ0 (x)](k) = ψ0 (k) = −iψ1 (k) =⇒ λ1 = −i .7). a e • Oscillatore armonico.5) dove λ ` un numero complesso.. se ψ(x) ` autofunzione con autovalore λ. Si osservi che. (14. detti polinomi di Hermite.7) (autofunzioni dell’oscillatore armonico) 53 . ±i. Per procedere oltre osserviamo che. . In meccanica quantistica ` descritto mediante l’equazione differenziale − d2 + α2 x2 dx2 ψ(x) = −ψ ′′ (x) + α2 x2 ψ(x) = µαψ(x) .7) (il parametro α ` stato introdotto per ragioni dimensionali). Infatti si ottiene e ˜ ˜ ˜ −(ik)2 ψ(k) − α2 ψ ′′ (k) = µψ(k) =⇒ ˜ −ψ ′′ (k) + µ˜ k2 ˜ ψ(k) = ψ(k) .8). ±i . (14. per α = 1. = ψ0 (k) =⇒ Consideriamo ora la funzione ψ1 (x) = −ixψ0 (x). La trasformata di Fourier. 2 α α (14. Infatti e λ0 = 1 .

sono anche autofunzioni dell’operatore F . (n + 1)(n + 2) aj+2 = Dall’ultima espressione si ricava µn = 2n + 1 che ` l’autovalore corrispondente all’autofunzione ψn . Le autofunzioni di F sono le funzioni di Hermite (14. Hn (x) = j=0 aj xj . 54 .. (j + 1)(j + 2) j ≤ n − 2. cio` e ∞ ψn ψm dx = −∞ 1 µm − µn ∞ −∞ d ′ (ψ ′ ψm − ψn ψm ) dx = 0 .9) l’espressione esplicita per i polinomi Hn (x) si ottengono le formule di ricorrenza n j=0 [(j + 1)(j + 2)aj+2 − (2j + 1 − µn )aj ] xj = 0 2j + 1 − µn . ∞). da cui segue n ′′ ′ Hn (x) − 2xHn (x) + (µn − 1)Hn (x) = 0 . 2.7) si ha ′′ −ψn + x2 ψn = µn ψn . per ragioni dimensionali nelle autofunzioni si √ deve effettuare la trasformazione x → αx. dove An ` la costante di normalizzazione. n − 2 . . =⇒ an+2 = 0 = 2n + 1 − µn .9) Usando nell’equazione (14. dx n Mediante un’analisi dimensionale si pu` reintrodurre il parametro α. 1. e En = n+ 1 2 h ¯ω . Guardando l’equazione iniziale o si vede che α ha le stesse dimensioni di x−2 e quindi.6). ′′ −ψm + x2 ψm = µm ψm . Nella meccanica quantistica α = mω/¯ e h µα = 2mE/¯ 2 . L’ultima espressione permette di ricavare esplicitamente i coefficienti dei polinomi di Hermite. Sostituendo ψ(x) con ψn (x) nell’equazione differenziale (14. . Si ottiene quindi il risultato ben noto h √ 2 ψn (x) = An Hn ( αx) e−αx /2 . n = 0. e In conclusione si ha ′′ ′ Hn (x) − 2xHn (x) + 2nHn (x) = 0 . Usando e e a la (14. aj+2 = 2(j + 1 − n) . 1. mentre invece ` immediato verificare l’ortogonalit`... Le funzioni di Hermite costituiscono un sistema ortogonale completo in L2 (−∞. Moltiplicando la prima per ψm e la seconda per ψn e sottraendo si ottiene ′′ ′′ ψn ψm − ψn ψm = d ′ (ψ ′ ψm − ψn ψm ) = (µm − µn )ψn ψm . (14. dx n (14. Di norma la completezza ` di difficile dimostrazione..10) Assumendo n = m e integrando si ricava il risultato desiderato. (j + 1)(j + 2) j = 0.7) (con α = 1) si ottiene ′′ ′′ ′ −ψn (x) + x2 ψ(x) = − [Hn (x) − 2xHn (x) − H(x)] e− x2 2 = µn Hn e− x2 2 .

θ(x) = 1 0 √ per x > 0 . (trasformata di Laplace).3) = ˆ f (s)esx ds . La formula ˆ e Si vede dunque che f (s) ` la trasformata di Fourier.1 Propriet` della trasformata di Laplace a Dalla linearit` dell’integrale segue immediatamente la linearit` della trasformata. Le formule precedenti si possono estendere a funzioni definite anche per x < 0. Per estenderla (ad e esempio alle funzioni sommabili solo localmente. L[f (x − a)](s) = e−as L[f (x)](s) . La condizione sul numero complesso s garantisce la convergenza dell’integrale. Questo pu` u o essere fatto sostituendo nell’integrale di Fourier l’esponenziale oscillante con uno decrescente (vedi sotto). Definizione .15 Trasformata di Laplace La trasformata di Fourier ` definita per le funzioni integrabili su tutta la retta. In tal caso si definisce trasformata di Laplace di f la funzione ˆ f (s) = 0 ∞ f (x)e−sx dx ≡ L[f ](s) . che si incontrano in fisica) si deve uscire dallo spazio delle funzioni e lavorare in quello delle distribuzioni. (15. Sia f (x) una funzione in IR+ che soddisfa la propriet` a |f (x)| ≤ C eγx f (x) = 0 per x ≥ 0 . 2πf (x)e−ηx . (formula di inversione o antitrasformata). 15. L[eax f (x)](s) = L[f (x)](s − a) . η > γ si ha ˆ f (s) f (x) ∞ = 0 f (x)e−sx dx . Re s > γ . della funzione inversa ci permette di ricavare f (x)e−ηx = 1 2π ∞ −∞ e−ηx ˆ f (η + ik)eikx dk = 2πi η+i∞ η−i∞ ˆ f (s)esx ds .1) anche per x < 0 in modo che l’integrale esista (trasformata di Laplace bilatera). x ≥ 0. Quando le seguenti equazioni a hanno significato (le funzioni coinvolte sono tali per cui tutti gli integrali esistono) si ha • Traslazione (attenuazione).1) dove C e γ sono costanti. In conclusione.2) (15. Posto s = η + ik si ha 1 ˆ f (η + ik) = √ 2π ∞ −∞ √ 2π θ(x)f (x)e−ηx e−ikx dx . 1 2πi η+i∞ η−i∞ (trasformata di Laplace). Volendo rimanere in uno spazio di funzioni si deve modificare il tipo di trasformata in modo da garantire la convergenza dell’integrale per una classe pi` ampia di quella delle funzioni sommabili. Valgono inoltre delle a a utili propriet` simili a quelle che si hanno per la trasformata di Fourier. per x ≥ 0. per x < 0 . 55 . per x < 0 . per Re s > γ. (15. estendendo il primo integrale su tutto l’asse reale e richiedendo che la funzione soddisfi una condizione analoga alla (15.

Applicando la 1 L[F ′ ](s) . L 0 x f (t) dt (s) = 1 L[f ](s) . Pi` in generale si ottiene u L f (n) (x) (s) = sn L[f ](s) − dx n−1 f (k) (0+ )sn−1−k . = 0 Passando al limite N → ∞ si ottiene il risultato cercato. L 1 L[f (x)](s) . Si ha L df (x) (s) dx N N = N →∞ lim f ′ (x)e−sx dx = lim 0 N →∞ f (x)e−sx N 0 +s 0 f (x)e−sx dx = s L[f ](s) − f (0+ ) . x↓0 Questa vale se f ` continua in IR+ . =⇒ L[F ](s) = • Analiticit`. dx f (0+ ) = lim f (x) .4) Dimostrazione – . Per ogni funzione della serie e ogni s0 > γ si ha ˆ fN (s) ˆ′ fN (s) ˆ(n) fN (s) ∞ N = 0 N fN (x)e−sx dx = 0 f (x)e−sx dx . k=0 • Primitiva. = 0 N (−x)f (x)e−sx dx = L[(−x)fN (x)](s) . Consideriamo la successione di funzioni fN (x) = θ(N − x)f (x) → f (x).• Dilatazione. e a Dimostrazione – . dsn (15. (−x)n f (x)e−sx dx = L[(−x)n fN (x)](s) . Posto F (x) = propriet` precedente a F ′ si ottiene a f (t) dt si ha F ′ (x) = f (x) e F (0) = 0. s x 0 Dimostrazione – . Se ci sono punti di discontinuit` si devono trattare singolarmente. a df (x) (s) = s L[f ](s) − f (0+ ) . Si ha anche ˆ fN (s) N = 0 N f (x)e−s0 e−(s−s0 )x dx ∞ = 0 ∞ n=0 N (−x)n f (x)e−s0 x (s − s0 )n n! dx = n=0 ∞ 0 (−x)n f (x) e−s0 x dx L[(−x)n fN (x)](s0 ) (s − s0 )n n! = n=0 (s − s0 )n . a Per s > γ la trasformata di Fourier di una funzione f ` analitica e si ha e dn L[f ](s) = L[(−x)n f (x)](s) . s L[F ′ ](s) = s L[F ](s) − F (0) = s L[F ](s) da cui il risultato cercato. L[f (ax)](s) = • Derivate. n! 56 .

∞ ∞ L[h](s) L[g](s) = 0 h(u)e−su du 0 ∞ g(v)e−sv dv = 0 ∞ h(u)g(v)e−s(u+v) du . Integrando per parti si pu` estendere analiticamente a tutto il piano complesso dove ha poli semplici o per tutti i valori s = 0. Dimostrazione – . 57 .. 1.. Sia f (x) una funzione periodica di periodo T . 0 • Limiti. Per il teorema di e e Weierstrass si pu` ora effettuare il limite N → ∞ ottenendo il risultato per f . L[h ∗ g](s) = L[h](s) L[g](s) . o • Convoluzione. . . dv x 0 = 0 h(x − y)g(y) dy e−sx dx .. Si ha ˆ f (s) = 0 ∞ xα e−sx dx = 1 sα+1 0 ∞ t(α+1)−1 e−t dt = Γ(α + 1) . cio` f (x + T ) = f (x). si ottiene L[xn ](s) = n! s−(n+1) . = 0 h(x − y)g(y) dy e−sx dx . sα+1 In particolare. E’ immediato verificare che per s = n + 1 (n = 0... e • Funzioni Periodiche. Re s > 0 . 1. y = v. −1. Nel calcolo precedente si ` usato il teorema di Fubini e si ` effettuato il cambiamento di varibili e e x = u + v. Se i limiti esistono valgono le relazioni x→0 ˆ lim f (x) = lim s f (s) . Definiamo la funzione Γ (secondo integrale di Eulero) mediante l’equazione ∞ Γ(s) = 0 ts−1 e−t dt . 2. Allora e L[f ](s) = 1 1 − e−sT T f (x)e−sx dx .. 2. ˆ Sia f (s) = L[f ](s). −2. s→0 15. s→∞ x→∞ ˆ lim f (x) = lim s f (s) .) questa funzione corrisponde a n!.ˆ Si vede dunque che fN (s) ` sviluppabile in serie di Taylor e quindi ` analitica. Tenendo conto che le funzioni sono definite in IR+ si ha x x f (x) = (h ∗ g)(x) L[f ](s) Si ha anche = 0 ∞ h(x − y)g(y) dy = x 0 0 h(y)g(x − y) dy . Il determinante jacobiano di questa trasformazione ` uguale a 1.. per n = 0.2 Esempi Calcolare le trasformate di Laplace delle seguenti funzioni: • f (x) = xα per Re α > −1. .

. con le condizioni iniziali f (k) = fk . 2i s + α2 (15.• eγx . Per Res > γ si ha ∞ L[eγx ] = e(γ−s)x dx = 0 1 . Risolvendo si ricava g (s) + Qn−1 (s) ˆ ˆ f (s) = Pn (s) • Dimostrare che ∞ 0 =⇒ f (x) = 1 2πi η+i∞ η−i∞ [ˆ(s) + Qn−1 (s)] esx g ds . n − 1 . mentre Qn−1 ` un polinomio di grado n − 1 e e che contiene tutte le condizioni iniziali. k = 0. Gli integrali si fanno rapidamente usando le formule di Eulero. .4) si ha effettivamente a ˆ f (s) = −ˆ′ (s) g ∞ ∞ =⇒ g (s) = − ˆ g ′ (s) ds = ˆ s s ˆ f (s) ds . vale a dire ∞ L[sin αx](s) = 0 e−(s−iα)x − e−(s+iα)x α dx = 2 .3 Applicazioni • Soluzione di equazioni differenziali.5) Usando la propriet` della derivata si ha rapidamnete a L[cos αx](s) = s s L[sin αx](s) = 2 . allora L f (s) = x ∞ 0 ˆ f (s) ds . Si consideri l’equazione differenziale lineare a coefficienti costanti a0 f (x) + a1 f ′ (x) + a2 f ′′ (x) + · · · + an f (n) (x) = g(x) . s−γ • sin αx e cos αx. α s + α2 (15. Questi hanno la forma n n n Pn (s) = k=0 ak sk . 58 . ˆ dove Pn ` il polinomio caratteristico dell’equazione. Mediante una trasformazione di Laplace si ottiene l’equazione algebrica ˆ Pn (s)f (s) − Qn−1 (s) = g (s) . Pn (s) sin x π dx = . Posto f (x) = xg(x) e usando la propriet` (15. 2. x 2 dove l’integrale va inteso nel senso del valore principale. 1. Per prima cosa si deve dimostrare che se limx−>∞ f (x)/x = 0.. Qn−1 (s) = j=1 k=j ak sk−j fj .6) 15..

• Circuito RLC.6) si pu` scrivere o x(s) = ˆ v0 1 ˆ f (s)L[sin(ωt)](s) + x0 L[cos(ωt)](s) + L[sin(ωt)](s) . s + ω0 ˆ I(s) = R V0 ω0 s 1 s2 + s + 2 L(s2 + ω0 ) L LC −1 . ˆ Nel caso in questione f (x) = sin x.5) e (15. considerando un generatore di corrente alternata della forma V (t) = V0 sin ω0 t con la condizione iniziale I(0) = 0 si ha V 0 ω0 ˆ V (s) = 2 2 . . 2 2 +ω s +ω s + ω2 s2 Ricordando le equazioni (15. 0 Effettuando la trasformata di Laplace sull’intera equazione si ottiene 1 ˆ 1 ˆ ˆ ˆ V (s) = RI(s) + L[sI(s) − I(0)] + I(s) = R + sL + sC sC da cui ˆ V (s) ˆ I(s) = s I(0) + L s2 + R 1 s+ L LC −1 ˆ I(s) − LI(0) . ˙ Assumiamo che tutte le funzioni in gioco siano tali per cui sia definita la loro trasformata di Laplace. Determinare la corrente I(t) che passa in un circuito semplice formato da un generatore di forza elettomotrice V (t). Trovare la soluzione particolare dell’equazione x(t) + ω 2 x(t) = f (t) . Mediante una trasformazione si ottiene allora l’equazione algebrica ˆ s2 x(s) − sx0 − v0 + ω 2 x(s) = f (s) ˆ ˆ =⇒ x(s) = ˆ ˆ f (s) x0 s v0 + 2 + 2 . una bobina di induttanza L e un condensatore di capacit` C posti in serie. ¨ x(0) = x0 . ∞ g (0) = ˆ 0 f (x) dx = x ∞ 0 ˆ f (s) ds .In particolare. a Il circuito ` descritto dall’equazione integro-differenziale e V (t) = RI(t) + L 1 dI(t) + dt C t I(t′ ) dt′ . 2 +α 2 • Oscillatore forzato. 59 . f (s) = 1/(s2 + α2 ) (vedi (15. ω ω Mediante la trasformazione inversa si ricava infine la soluzione nella forma x(t) = x0 cos ωt + 1 v0 sin ωt + ω ω t 0 sin ω(t − t′ ) f (t′ ) dt′ .5)) e quindi ∞ 0 sin x dx = x ∞ 0 s2 1 π ∞ ds = [arctan s]0 = . Ad esempio. un resistore di resistenza R. x(0) = v0 .

ricordando che tutte le singolarit` della funzione a stanno alla sinistra dell’asse di integrazione (η − i∞. b− ) . Come si vede. Su Γ la funzione integranda si annulla e pertanto I(t) diventa uguale all’integrale sul cammino chiuso. mentre i punti b± sono complessi coniugati se 4L/R2 C > 1 e reali altrimenti. • Equazione integrale di Volterra. che in generale contiene quattro poli semplici nei punti a± = ±iω0 . b± = R 1± 2L 1− 4L R2 C . Trovare la soluzione dell’equazione integrale x f (x) = g(x) + 0 K(x − y)f (y) dy . L’integrale si effettua usando il metodo dei residui. che trasformata diventa l’equazione algebrica o ˆ ˆ ˆˆ f = g + Kf =⇒ ˆ f= g ˆ ˆ 1−K =g+ ˆ ˆ K ˆ 1−K g. ma il loro calcolo non presenta nessuna difficolt` tecnica. ˆ La soluzione ha quindi la forma x f (x) = g(x) + 0 R(x − y)g(y) dy . 60 . i punti a± sono sempre immaginari. a+ ) + Res(I(s). η + i∞). Allora l’equazione integrale si pu` scrivere nella forma f = g + K ∗ f . Nel caso particolare in cui 4L/R2 C = 1. In conlusione di ha a ˆ ˆ ˆ ˆ I(t) = Res(I(s). dove g(x) e K(x) sono funzioni note che hanno trasformata di Laplace. chiudendo il cammino di integrazione mediante una curva Γ all’infinito (nel semipiano sinistro). Se b+ = b− allora gli ultimi due termini vanno sostituiti con il residuo nel polo doppio. a− ) + Res(I(s). b+ = b− e il polo ` doppio. e ˆ I residui di I(s) hanno un’espressione piuttosto complicata. b+ ) + Res(I(s).da cui I(t) = V 0 ω0 2πiL η+i∞ η−i∞ s 2 + ω2 s 0 s2 + R 1 s+ L LC −1 est ds . ˆ R= ˆ K ˆ 1−K .

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful