You are on page 1of 1

DOMENICA 12 GIUGNO 2011

URBINO E MONTEFELTRO 19

UNIVERSITA

Quante promesse, quanta delusione


Silvio Cecchini per protesta lascia con polemica il Senato Accademico
URBINO

PREOCCUPAZIONE
CE UN SENSO DI SBANDAMENTO IN MOLTI DIPENDENTI. SITUAZIONE CHE PROVOCA GRANDE DELUSIONE

IL RAPPRESENTANTE del personale tecnico amministrativo dellUniversit si dimette dal Senato Accademico: completamente bloccata la riorganizzazione del personale con un piano approvato a ottobre, senza applicazione il contratto integrativo firmato a dicembre, allo sbando alcuni dipendenti che non sono pi certi del loro ruolo. Queste le motivazioni del dissenso di Silvio Cecchini, dipendente tecnico amministrativo dellUniversit di Urbino da 22 anni, che ha lasciato il Senato Accademico, del quale era entrato a far parte a maggio 2009. Il suo nome gi stato cancellato dal sito ufficiale dellUniversit. AD OTTOBRE scorso, il Senato accademico ha dato parere favorevole alle linee guida per la riorganizzazione della struttura tecnico amministrativa dellAteneo, vale a dire alla nuova pianta organica del personale. Di seguito, il Cda ha approvato lorganigramma spiega Cecchini : da circa 520 dipendenti si passa a 479, il 10 per cento in meno, ma attualmente ci sono meno di 400 persone in servizio allUniversit perch i pensionamenti o altro non sono stati sostituiti. Da ottobre,

per le modifiche delle declaratorie ma anche qui non succede niente. Accade allora che i posti di responsabilit sono scoperti perch il personale non ha le qualifiche. Dopo mesi di contatti e discussioni in cui non si venuti a capo di nulla, mi sono deciso a presentare le dimissioni. CECCHINI aggiunge anche il fatto che il contratto integrativo dei dipendenti stato firmato a dicembre scorso, e ben venga perch ha dei lati positivi, prevedeva le indennit ad esempio, ma se non viene applicato a cosa serve? Sono stato per tanto tempo un sindacalista, ma ora non lo sono pi e le obiezioni che ho portato in Senato erano relative alla funzionalit nellazienda continua Cecchini : se non sistemiamo queste cose non possiamo ripartire. Sullofferta formativa, sullinternazionalizzazione si fatto molto, un ottimo lavoro, ma se poi non si provvede anche alla riorganizzazione dei servizi per gli studenti non si va da nessuna parte. C poi un senso di sbandamento in molti dipendenti perch alla luce della nuova struttura organizzativa alcuni cercano ancora di capire quale sia il loro ruolo. E una situazione che provoca grande delusione. Lara Ottaviani

URBINO

Saggi di fine anno alla Cappella Musicale


SONO IN CORSO i saggi musicali dellassociazione culturale Liceo musicale A. Toscanini che svolge le sue lezioni alla Cappella Musicale S. S. Sacramento di Urbino. Mercoled scorso c stata lesibizione degli allievi dei corsi di basso elettrico, violoncello, contrabbasso e del corso di musica Jazz. Domani, luned 13, alle 21 nella sala Vecchiotti, a coronamento dellattivit di musica dinsieme, materia privilegiata dalla scuola e favorita dallincremento degli iscritti, ci sar lesibizione di Ensemble strumentali e vocali formati dagli allievi dei corsi di canto, pianoforte, chitarra, strumenti ad arco, batteria e propedeutica strumentale. La vera novit per la scuola, che da anni svolge corsi per bambini e ragazzi di et compresa tra i 5 e i 18 anni, listituzione di un corso stabile di Musica Jazz rivolto a tutti e strutturato per diversi livelli di apprendimento che tanto mancava alla citt di Urbino. IL PROGRAMMA dei saggi si concluder con altri due appuntamenti, quello dedicato alle classi di pianoforte che si terr venerd 17 giugno alle 17,30 nella Sala Vecchiotti, e quello degli allievi del corso di chitarra marted 21 giugno alle 17,30 nella Sala Albani. La musica alla Cappella Musicale con il Liceo musicale Toscanini proseguir nel mese di agosto con il corso estivo dedicato alla musica dinsieme e ai corsi individuali di strumento. Inoltre per i pi piccoli si terranno ascolti attivi di famose fiabe musicali per aprirsi alla conoscenza di tutti gli strumenti. l. o.

BIBLIOTECHE La riforma doveva avvenire a maggio

comunque, non successo niente: entro febbraio di questanno, ci doveva essere la riorganizzazione del Sistema informatico, entro marzo dellarea processi formatici e delle segreterie, entro maggio del sistema bibliotecario, ma nulla di tutto questo stato fatto. C inoltre un problema giuridico nellorganigramma che riguarda le declaratorie (ndr, le indicazioni delle categorie professionali che definiscono profilo, ruolo, competenze dei lavoratori), che tiene tutto bloccato: noi abbiamo spinto per avere una maggiore elasticit

ACQUALAGNA CRESCE LA RICHIESTA DI FARE LA RICERCA CON IL CANE

Gli americani chiedono: come si caccia il tartufo? Labbiamo fatto scoprire anche ad Helene Cooper
A CACCIA di tartufi, praticamente gli abitanti di Acqualagna vanno tutto lanno e soprattutto in massa, dal momento che dei 4.400 abitanti del Comune, ben 2.700 di loro hanno il tesserino da tartufaio. Quindi se non fa notizia il fatto che tra i pi appassionati cercatori del tubero nero ci sia Giorgio Remedia, agente di polizia municipale di professione e icona televisiva del tartufaio di Acqualagna per discendenza poich membro di una storica famiglia di tartufai, pu invece interessare a chi non vive nella capitale del tartufo avere ragguagli sulla recente iniziativa presa da Marche Holiday, tour operator specializzato in pacchetti turistici capaci di attrarre turisti nella nostra regione. Su suggerimento dei visitatori statunitensi e olandesi spiega Laura Sabbatini, general manager di Marche Holiday abbiamo organizzato, anche per gli altri che vogliano vivere lesperienza tradizionalmente fatta dai nostri tartufai, vere e proprie escursioni di caccia al tartufo. Il bello di questa iniziativa

che strutturata. Infatti si pu partecipare in coppia o in gruppo, con o senza il proprio cane e con vari livelli di coinvolgimento: Sono previste escursioni nei boschi con cane e tartufaio,ma a variare sar il tempo impegnato che non supera lora e mezza per il neofita e occupa lintera mattinata, con alzataccia inclusa per lappassionato. La visita pu continuare con un corso di cucina o visitando le 7 aziende industrializzate che opera-

no nel distretto di Acqualagna. Recentemente poi Chicca, uno dei 12 segugi di Remedia ha conquistato il New York Times, nel senso che Helene Cooper, corrispondente dalla Casa Bianca per limportante quotidiano, il giorno prima di ricevere lUrbino Press Award, ha voluto provare lesperienza che avrebbe raccontato per fare invidia a tutti i suoi amici: come si d la caccia al tartufo. s. v. r.

ESPERIENZA NUOVA A sinistra, Giorgio Remedia, cercatore di tartufi con il cane Lola. Sopra Helene e Marlene Cooper con Urbini, Grassi e Sabbatini