CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

CONVERSAZIONE: LA PRIMA LEZIONE D’ITALIANO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:
 PRINCIPI DI FONETICA.  L’ALFABETO ITALIANO.  LE VOCALI E LA LORO PRONUNZIA.  DITTONGHI E TRITTONGHI.  LE CONSONANTI E LA LORO PRONUNZIA  TRIGRAMMI E DIGRAMMI  LE DOPPIE  LA DIVISIONE DELLE PAROLE IN SILLABE  IL VERBO – PRESENTAZIONE DELLE CONIUGAZIONI  IL VERBO AUSILIARE AVERE ALL’INDICATIVO PRESENTE

ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE, BATTUTE,
MASSIME

UNITÀ 1

1

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

LA PRIMA LEZIONE D’ITALIANO
- Buon giorno a tutti!
- Buon giorno signora! - Io mi chiamo Gianna e sono la vostra professoressa d’italiano, a partire da quest’anno. L’italiano è una lingua romanza, nata dal latino, come il romeno. L’italiano è una bella lingua dolce e molto musicale. Infatti si dice che l’italiano „si canta, non si parla”. Ma, per primo, voglio che faciamo conoscienza. Per esempio come si chiama Lei? - Io mi chiamo Bianca. - Piacere di conoscerLa Bianca. E Lei come si chiama signore? - Io mi chiamo Giuseppe. Piacere di conoscerLa signora professoressa. - Per dare l’inizio alla nostra prima lezione d’italiano io vi propongo di vedere che tipo di cose osserviamo in questa aula. Dunque, che cosa vedete in questa classe? - Io vedo una cáttedra e dietro a questa vedo la lavagna. Davanti alla cáttedra si trovano i banchi degli studenti. - Con che cosa si scrive e si cancella sulla lavagna? - Sulla lavagna si scrive con il gesso e si cancella con la spugna o con il cancellino, mentre nei quaderni si scrive con la matita (il lapis), con la penna stilografica, o con la biro e si cancella con la gomma o con il raschino. - Che cosa osservate sulle pareti? - Sulle pareti ci sono bei quadri., la carta geografica d’Italia ed il mapamondo celeste. - Come è la nostra classe? - La nostra classe è grande e piena di luce perche ha delle finestre grandi e i muri sono dipinti in colori giocondi. - Che cosa c’ è in più in questa classe. - Sotto le finestre ci sono i termosifoni e vicino alla porta c’ è un attacapanni. - Che fanno gli studenti durante le lezioni d’italiano? - Durante le lezioni gli studenti e le studentesse ascoltano le spiegazioni della professoressa, leggono e scrivono nei quaderni e rispondono alle domande. - Questa e una buona risposta e con questa la nostra prima lezione d’italiano è finita. Ci vediamo la prossima volta! Arrivederci! l’attaccapanni l’aula ascoltano ascoltare avere il banco bella, bello la biro cancellare il cancellino cantare la carta la carta geografica cuier aula, sala asculta a asculta a avea banca frumos, frumoasã pixul a şterge ştergatorul a cânta harta harta geografica il mapamondo celeste cereşti la matita molto musicale il muro nascere nata la nostra osservare osserviamo la penna stilografica la porta harta emisferelor creionul foarte muzicalã zidul a se naşte nascutã, provenitã noastrã a observa observãm stiloul uşa

UNITÀ 1

2

CORSO D’ITALIANO
la cáttedra chiamare chiamarsi la classe il colore con conoscere dipingere dipinti dire dolce la domanda fare fanno la finestra il gesso giocondo la gomma grande in incominciare incominciano infatti l’italiano il lapis la lavagna il latino la lezione la lingua la lingua italiana la lingua latina la lingua romanza la lingua romena leggere leggono la luce catedra a chema a se numi clasa, sala de clasa culoarea cu a cunoaşte a picta pictati a spune, a zice dulce întrebarea a face fac fereastra creta vesel guma, guma de creion mare în a începe încep de fapt limba italianã creionul tabla limba latinã lectia limba limba italianã limba latinã limba romanicã limba românã a citi citesc lumina la professoressa il professore proporre propongo pieno, piena il primo, la prima il quaderno il quadro questo, questa il raschino rispondere rispondono il romeno scrivere il signore, la signora lla spiegazione lo studente, la studentessa il termosifone trovare trovarsi si cancella si canta si dice si parla si scrive si trova si trovano dare l’inizio davanti a dietro a dunque durante mentre per primo per esempio su

PRINCIPIANTI
profesoara profesorul a propune propun plin, plinã primul, prima caietul tabloul acesta, aceasta guma de cernealã a raspunde raspund limba românã a scrie domnul, doamna explicatia studentul, studenta caloriferul a gãsi, a afla a se afla se şterge se cânta se spune se vorbeşte se scrie se aflã (sg.) se aflã (pl.) a da startul, a începe în fata în spatele deci, aşadar în timpul în timp ce pentru început de exemplu pe

Come stai? // Come state? Ce mai faci? // Ce mai faceti – Voi? - Grazie, bene. Non c’è male. Multumesc, bine. Come sta Lei, Signore, Signora? Ce mai faceti Dumneavoastrã, Domnule, Doamnã? Come stanno loro, Signori, Signore? Ce mai faceti Dumneavostrã, Domnilor, Doamnelor?

ESPRESSIONI COMUNI

EXPRESII OBISNUITE

GRAMATICÃ
Alfabetul limbii italiene contine 21 de litere: A (a) D (di) G (gi) L (elle) O (o) R (erre) U (u) B (bi) E (e) H (acca) M (emme) P (pi) S (esse) V (vu/vi) C (ci) F (effe) I (i) N (enne) Q (cu) T (ti) Z (zeta) Existã inca 5 litere cu ajutorul cãrora se scriu cuvintele ce provin din greacã sau din latinã, sau cuvintele strãine: J (i lunga) K (kappa) W (doppia vu) X (ics, iccasse, ichese) Y (i greca) Exemple: Jacopo, Ojetti, Jabot, Jazz, Kefir, Nuova York, kantiano, Wagner, xilofono, yogurt, yoga.

 L’ALFABETO ITALIANO

ALFABETUL LIMBII ITALIENE

LOR

 LE VOCALI E LA LORO PRONUNZIA
In limba italianã sunt 5 vocale: A, E, I, O, U .

VOCALELE ŞI PRONUNTIA

UNITÀ 1

3

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

Dintre acestea, trei se pronuntã ca in limba românã: a , i , u : màdre (mama), àmico (prieten), rumòre (zgomot). I final se pronuntã dublat, asemeni unor doi i in limba românã: lùpi [lupii], amìci [amicii]. Vocala A este intotdeauna deschisa: àvo (stramos), ànno (an), àmore (iubire); vocalele I si U sunt intotdeauna inchise: ìnno (imn), impiànto (instalatie), ùno (unul), umàno (uman).  Vocala E situata la inceputul unui cuvant se pronuntã ca in cuvântul românesc “etapa”: elementàre (elementar), educàto (educat).  Vocalele E si O pot sa fie atât închise cât şi deschise, în functie de silaba cu sau fãra accent: Deschise: bène (bine), vènto (vânt), ruòta (roatã), còsa (lucru). Inchise: séra (searã), létto (pat), fióre (floare), colóre (culoare).

Diftongii şi triftongii sunt rezultatul contopirii a doua sau trei vocale care se pronuntã intr-o singura silaba: ia, ie, io, ua, ue, uo, au, uoi, uai Diftongi: cuoco (bucãtar), uomo (om, bãrbat), fiore (floare), cuore (inimã). Trittonghi: buoi (boi), guai (necazuri). Cand vocalele contopite sunt pronuntate în silabe diferite nu mai avem de-a face cu diftongul ci cu hiatul (Iato) : idea (idee) – ide-a, inviare (a trimite) – in-vi-a-re, maestro (invãtator) – ma-e-stro, poema (poem) – po-e-ma.

 DITTONGHI E TRITTONGHI

DIFTONGI ŞI TRIFTONGI

 LE CONSONANTI E

LA LORO PRONUNZIA

CONSOANELE ŞI PRONUNTIA LOR

Alfabetul italian contine 16 consoane: b c d f g h l m n p q r s t v z .

 Consoanele b d f l m n p r t v se pronuntã ca în limba românã: bastone (bãt, baston), data (data), fontana (fântânã), lavoro (muncã), madre (mamã), nipote (nepot), padre (tatã), riga (rând), tasca (buzunar), vaso (vas).  Consoanele c, g urmate de vocale si de l, m, r se pronuntã ca în limba românã: camera (camerã), comune ( comun), caldo (cald), calmo (calm), cielo (cer), caro (drag), cortile (curte), clima (climã), critico (critic), gamba (picior), gomma (gumã, cauciuc), gallina (gainã), gelato (înghetatã), giorno (zi), gloria (glorie), grande (mare).  Grupurile che, chi, ghe, ghi (I Trigrammi) se pronuntã ca în limba românã: barche (bãrci), parchi (parcuri), chirurgo (chirurgi), spaghetti (spaghete), ghirlanda (ghirlandã).  Litera H se intâlneşte în interiorul grupurilor che, chi, ghe, ghi şi în interjectiile ah [a], oh [o],
ahi [ai], ahime [aime]. În rest litera H este mutã, servind doar ca semn grafic: Hegel, herz, himalaiano, hocheista, hitlerismo.  Litera Q [cu] este mereu urmatã de vocala U şi de altã vocalã accentuatã (în diftong): ua, ue, uo, ui : questo (acesta), questa (aceasta), quadro (tablou), cinque (cinci), liquido (lichid), quaderno (caiet), quasi (aproape), quieto (linistit). Nota: Un singur cuvânt se scrie cu qq : soqquadro, în expresia “mettere a soqquadro” (a da peste cap)  Litera S se pronuntã diferit în functie de pozitia sa in cuvânt: 1. ca în limba românã, la începutul unui cuvânt şi înaintea unei vocale: Sicilia, seta (mãtase), superiore (superior). 2. ca în limba românã, înaintea consoanelor c, f, q, p, t : studio (birou, studio, cabinet, atelier), scambio (schimb), sforzo (efort), squadra (echipã), spalle (spate). Nota: Consoana S urmatã de consoane reprezintã un fenomen specific limbii italiene şi care este cunoscut sub denumirea de “S impura” . 3. în interiorul unui cuvânt, între douã vocale s dubla (doppia S) se pronuntã surd, ca în limba românã: essenziale (esential), essere (a fi), riassunto (rezumat), rosso (roşu). 4. în fata consoanelor b, d, g, l, m, n, r, v , litera s se pronuntã asemeni literei romaneşti Z : sbarco (debarcare), sdraiato (întins, culcat), sgarbo (mojicie), sgabello (taburet), smarrito (rãtãcit), snello (elan, avânt), svenuto (leşinat). 5. litera S intervocalicã se pronuntã, de asemenea, ca litera româneascã Z : rosa (trandafir),

UNITÀ 1

4

CORSO D’ITALIANO
paese (tarã, sat), luminoso (luminos), riposo (odihnã), ventesimo (al douãzecilea).  Litera Z se pronuntã în douã moduri indiferent de pozitia ocupatã în cuvânt:

PRINCIPIANTI

1. asemeni literei Ţ , la începutul şi la sfârşitul cuvintelor: zio (unchi), lezione (lectie), democrazia (democratie), giustizia (justitie, dreptate), pronunzia (pronuntie), grazie (multumesc), prezzo (pret), pazzo (nebun), pozzo (put), carozza (trãsurã, vagon), fazzoletto (batic, batistã), speranza (sperantã), danza (dans), clemenza (iertare). 2. asemeni unui Dz la începutul cuvintelor ca: zolla (brazdã), zanzara (tântar), zaino (rucsac, ranitã), azzuro (albastru), mezzo (mijloc), zoo (gradina zoologicã), organizzatore (organizator); precum şi în cazul cuvintelor de provenientã strãinã: zero (zero), zodiaco (zodiac), zibellino (zibelinã) Nota: În pozitie intervocalicã litera Z se dubleazã: prezzo (pret), sbozzo (schitã).

CONSOANE

 TRIGRAMMI E DIGRAMMI

GRUPURI DE TREI ŞI DE DOUÃ

1. Trigramma sca-, sco-, scu- se pronuntã ca în limba românã: scalla (scarã), scopo (scop), scusa (scuzã), scoiattolo (veveritã). 2. Trigramma sce-, sci- se pronuntã şe, şi : scena (scenã), pesce (peşte), scenografia (scenografie), ruscello (pârâu), scendere ( a coborî), sci (schi), scimmia (maimutã), scintilla (flacãrã), piscina (piscinã), sciroppo (sirop), fascia (bandaj, faşã, banderolã), fascismo (fascism). Nota: Trigramma sci- , în cuvintele scienza (ştiintã), uscio (uşã), sciopero (grevã), se pronuntã sce . 3. Trigramma gli se pronuntã slab, palatalizat lli : figlio (fiu), moglie (sotie), famiglia (familie), bottiglia (sticlã), battaglia (bãtãlie), sbaglio (greşealã), ciclio (geanã), giglio (crin). Gli se pronuntã gutural [gli] în câteva cuvinte savant, în neologisme: anglicano (anglican), ganglio (ganglion), glicine (glicinã), glicerina (glicerinã), geroglifico (hieroglific), negligente (neglijent). 4. Trigrammele gla, gle, glo, glu se pronuntã ca în limba românã: glandola (glandã), inglese (englez), gloria (glorie), globo (glob), glutine (gluten), glauco (verde marin), glucosio (glucozã). 5. Digramma gn se pronuntã slab, nazal, palatalizat nni : spugna (burete), compagno (camarad, tovarãş), lavagna (tablã), bisognare (a trebui). De obicei gn nu este urmat de i , cu unele exceptii: grugnire (a grohãi), compagnia (companie, tovãrãşie).

Consoanele duble se pronuntã puternic, apãsat: labbro (buzã, gurã), molle (moale), sotto (sub), appello (apel), eccesso (esces), mamma (mãmicã), oggi (astãzi), astuccio (penar), stemma (stemã), occorrere (a trebui), attore (actor), fossa (groapã). Uneori acelaşi cuvânt îşi schimbã continutul dacã consoana e simplã sau dublã: penna (penitã) pena (pedeapsã) palla (minge) pala (lopatã) bella (frumoasã) bela (behãie) barra (barã) bara (coşciug) carro (car, cãrutã) caro (drag) vanno (merg) vano (van, gol) écco (iatã) éco (ecou) tonno (ton-peşte) tono (ton-voce) sette (şapte) sete (sete) colla (clei, frânghie) cola (strecurãtoare, sitã, teasc)

 LE DOPPIE

CONSOANELE DUBLE

 LA DIVISIONE DELLE PAROLE

IN SILLABE 1. O consoanã formeazã o silabã cu vocala ce o urmeazã: ma-dre (mamã), pa-dre (tatã), a-mare (a iubi), ra-pi-do (rapid), su-bi-to (repede). 2. O consoanã + l, r formeazã o silabã: co-pri-re (a acoperi), a-pri-re (a deschide), glo-ria (glorie), glu-ti-ne (gluten). 3. Consoanele m, l, n, r + o altã consoanã se despart în douã silabe diferite: al-to (înalt), colto (scurt), sim-pa-ti-co (simpatic), ar-gen-to (argint), in-ge-gne-re (inginer), im-pos-si-bi-le (imposibil), in-dus-tria (industrie).
UNITÀ 1

DESPARTIREA CUVINTELOR ÎN SILABE

5

pen-na (penitã). Rispondete alle domande (Rãspundeti la întrebãri): Che tipo di lingua è l’italiano? Che tipo di lingua è il romeno? Da quale lingua sono nate l’italiano e il romeno? Con che cosa si scive sulla lavagna? Ma nel quaderno? Con che cosa si cancella sulla lavagna? Ma nel quaderno? Che cosa c’è sulle pareti della classe? Che cosa si trovano sotto le finestre? Ma vicino alla porta? Che cosa fanno gli studenti durante le lezioni? 2. 7. sde-gno (dispret). svol-ge-re (a desfãşura). miei (ai mei). 6. PRINCIPIANTI S+consoanã nu se desparte niciodatã: sta-vo (stãteam). IIIª conjugare are vivere (a trãi) vedere (a vedea) crescere (a creşte) mettersi ( a se pune) prendere (a lua) leggere (a citi) chiudere (a închide) rispondere ( a rãspunde) finire ( a termina) vestirsi (a se îmbrãca) partire (a pleca) capire (a întelege) preferire (a prefera) aprire (a deschide) dormire (a dormi) vestire (a îmbrãca) CELE TREI CONJUGÃRI ALE VERBULUI Verbul AVERE este un verb auxiliar foarte folosit în limba italianã care ajutã compuse. Consoanele duble şi digramma cq se despart întotdeauna: don-na (femeie).CORSO D’ITALIANO 4. La indicativ prezent verbul AVERE are urmãtoarele forme: Afirmativ: Io ho Noi abbiamo Io non ho Tu hai Voi avete Tu non hai Egli ha Essi hanno Egli non ha Essa ha Esse hanno Essa non ha ALL’INDICATIVO PRESENTE  IL VERBO “AVERE” VERBUL “A FI” LA INDICATIV PREZENT la formarea timpurilor Negativ: Noi non abbiamo Voi non avete Essi non hanno Esse non hanno - 1. suoi (ai sãi). buoi (boi). uo-mo (om. 5. IIª conjugare are terminatia – ere . sgra-de-vo-le (neplãcut). spiag-gia (plajã). ogni (orice). Nu se separ grupurile de consoane (digramme şi trigramme) care reprezintã un singur sunet: fi-glia (fiicã). catedralã) rione (sector) sbarco (debarcare) sforzo (efort) matita (creion) finestra (fereastrã) bambino (copil) carta (hârtie) scarpa (pantof) chiesa (bisericã) kimono (chimono) azzuro (albastru) scuola (şcoalã) zanzara (tântar) EXERCITII UNITÀ 1 lapis (creion) banco (bancã) pavimento (podea) leone(leu) acqua (apã) uovo (ou) muro (zid) cortile (curte) mezzo (mijloc) libro (carte) liquido (lichid) pazzo (nebun) nuovo (nou) sole (soare) svenuto (leşinat) seta (mãtase) snello (sprinten) quieto (liniştit) 6 . lat-te (lapte). Leggete attentamente (Cititi cu atentie): girasole (floarea-soarelui) sedia (scaun) tavola (masã) calendario (calendar) duomo (dom. ac-qua (apã). LE TRE CONIUGAZIONI DEL VERBO terminatia – ire : guardare (a privi) cominciare (a începe) cambiare (a schimba) cercare (a cãuta) tornare (a se întoarce) abitare (a locui) arrivare (a sosi) impiegare (a folosi)  IL VERBO VERBUL În limba italianã existã trei conjugãri ale verbului. bãrbat). Nu se despart niciodatã diftongii şi triftongii: chia-ro (clar). stru-men-to (instrument). o-gnu-no (fiecare). sot-to (sub). în functie de terminatia acestora la infinitiv: Iª conjugare are terminatia – are . cuo-re (inimã). scar-pa (pantof). sci-a-re (a schia). i-gno-rante (ignorant).

Leggete e traducete in romeno le parole di qui sotto (Cititi şi traduceti în limba românã cuvintele de mai jos): Squadra italiana Riassunto esemplare Esercizio semplice Prezzo pazzo Zolla nello zoo Lezione di clemenza Grazie allo zio Pesce fresco Sciroppo glauco Spugna e lavagna Compagno inglese Bottiglia di glicerina Uscio della scena Scuola superiore Studio straordinario Studente snello Zaino azzuro Pezzo di fazzoletto Speranza di giustizia Ruscello snello Moglie e figlio Caratteri geroglifici Bisogno di scienza Lettera smarrita Ragazzo negligente Scendere alla piscina 4. triftongii şi hiatul din cuvintele de mai jos şi apoi grupati cuvintele în functie de aceştia): fianco (şold) tiepido (cãldut) nuoto (notat) utopia (utopie) gioventù (tinerete. avânt) ghirlanda (ghirlandã) riassunto (rezumat) gallina (gãinã) 3. Sottolineate i dittonghi. dafin) teorico (teoretic) riunione (reuniune) professionale (profesional) giocare (a se juca) poetico (poetic) sedio (scaun) ghiaccio (gheatã) cuore (inimã) pleonastico (pleonastic) poesia (poezie) giornaliero (zilnic) ghiandola (glandã) più (mai. i trittonghi e l’hiato nelle parole di qui sotto e poi grupate le parole secondo questi (Subliniati diftongi. culcat) spaghetti (spaghete) giustizia(dreptate) slancio (elan. mai mult) proibito (interzis) paura (teamã) viavai (du-te-vino) proficuo (folositor) realtà (realitate) deoclip (videoclip) giovane (tânãr) maestro (maestru) chiudo (închid) cuoco (bucãtar) giocoso (glumet) giù (jos) ufficiale (oficial) primario (principal) gladiolo (gladiolã) proiettore (reflector) realizzare ( a realiza) poema (poem) viale (bulevard) aura (aurã) giglio (crin) uomo (om) fiore (floare) idea (idee) tacciare (a acuza) mormorio (murmur) gioia (bucurie) reagire (a reactiona) miei (ai mei) inviare (a trimite. tineret) lauro (laur. a expedia) pleiade (pleiadã) DITTONGHI TRITTONGHI HIATO UNITÀ 1 7 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI gelato (înghetatã) sdraiato (întins.

Noi ___________ paura del buio. 18. 9. Voi ___________ una bella casa. 3 Tu ___________ un cane e un gatto. Noi ___________ sonno. Lei ___________ i capelli lunghi. Questa casa ___________ sette stanze e due bagni. 11. 2. 24. Tu ___________ un fratello e una sorella. 19. Quanti ___________ Marco? 16. 22. 10. 4. Manuela ___________ sete. 25. Io ___________ i capelli neri. 20. Lui ___________ una giacca di pelle. 26. UNITÀ 1 8 . 8. Noi ___________ un letto troppo duro. Quanti ___________ tua sorella? 17.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 5. Lui ___________ una macchina americana. Completare con il verbo AVERE 1. Lui ___________ pochi soldi. Voi ___________ due figli. 7. Io ___________ 20 anni. 6. Quanti anni ___________ tuo figlio? 5. Tu ___________ freddo. 23. Lei ___________ una camicia di seta. Lei ___________ paura. 21. Lei ___________ 25 anni.

anecdotã) Busta (plic) Cagnolo (cãteluş) Cognizione (cunoaştetre) Coinquilino (colocatar) Disconoscere ( a nu recunoaşte) Dignitoso (demn) Dovunque (oriunde) Euforico (euforic) Extracomunitario (extracomunitar) Falegname (tâmplar) Furbízia (viclenie. Questo albergo ___________ 24 stanze. Marco e Gianni ___________ caldo. Lei ___________ un paio di scarpe con il tacco alto. 30.CORSO D’ITALIANO 12. Loro ___________ fame. Lui ___________ 20 anni. 6. PRINCIPIANTI 27. Dividete in sillabe le parole che seguono (Despãrtiti în silabe cuvintele ce urmeazã): Abbicci (alfabet) Abbigliamento (îmbrãcãminte) Accampamento (tabãrã. abilitate) Gàmbero (rac) Guardaboschi (pãdurar) Impregnamento (impregnare) Inquinamento (poluare) Mantenimento (mentinere) Muratore (zidar) Nipponico (nipon) Nominalizzato (nominalizat) Nottambulo (noctambul) Occupazione (ocupatie) Ozioso (inactiv) Pigmentazione (pigmentatie) Poggiapiedi (taburet) Pupazzetto (paiatã. 15. 29. 14. 28. lagãr) Accessibile (accesibil) Apparatura (aparaturã) Avvoltoio (vultur) Badessa (staretã) Bagnante (vilegiaturist) Barzelletta (glumã. 13. Io ___________ un orologio svizzero. Noi ___________ fame. marionetã) Reminiscenza (reminescentã) Rimbombante (rãsunãtor) Sottoscrivere (a subscrie) Suggeritore (sufleur) Sussuro (susur) Termosifone (calorifer) Trascendentale (transcendental) Truffatore (escroc) Uguaglianza (egalitate) Utente (abonat) Verdeggiare (a înverzi) Vulcanizzare (a vulcaniza) UNITÀ 1 9 . Lei ___________ un cane grande.

Sottolineate le terminazioni dei verbi che seguono e poi grupati questi verbi secondo la loro coniugazione (Subliniati terminatiile verbelor ce urmeazã şi apoi grupati aceste verbe în functie de conjugarea lor): andare (a merge) stare ( a sta) esaurire (a epuiza. Lui ha un bel cuore. 8. Questa clima è dolce. Il cielo è sereno.CORSO D’ITALIANO Ingegnoso (ingenios) Vuotamento (golire) PRINCIPIANTI 7. Giorgio ha un taccuino. a dezlega) togliere (a lua) IIIª CONJUGARE UNITÀ 1 10 . Il critico ha un gran quaderno. Ho mangiato cinque gelati. a îndura) sciogliere (a desface. L’acqua è un liquido. a istovi) accestire (a înfrunzi) bordare (a tivi) combattere (a lupta) disonorare (a dezonora) salire (a urca) inseguire (a urmãri) crescere (a creste) espirare (a expira) accogliere ( a întâmpina) corrodere (a roade. a eroda) gradire (a pofti. Trducete in romeno le seguenti proposizioni (Traduceti în limba românã urmãtoarele propozitii): Questo quaderno è di Maria. a fi pe plac) punire (a pedepsi) seguire (a urma) Iª CONJUGARE avvisare (a aviza) bufare (a viscoli) divertire (a se distra) acquistare (a cumpãra) bagnare (a scãlda) eseguire (a executa) accedere (a se aprpia) ammaliare (a vrãji) cessare (a înceta) costringere (a constrânge) nuocere (a dãuna) resuscitare (a reabilita) spargere (a rãspândi) IIª CONJUGARE discendere (a coborî) dipingere (a picta) grugnire (a grohãi) corregere (a corecta) cogliere (a culege) brontolare (a bombãni) godere (a se bucura) restare (a r ãmâne) gettare (a arunca) empire (a umple) patire ( a pãtimi.

Voi_________________________________degli amici molto gentili e pieni di vita. 10. Giorgio _________________________________un taccuino. Il mio ufficio_________________________________due porte ed una finestra grande. Gli studenti_______________________________________________________un professore inteligente e molto interesante. 5. Il critico____________________________________________un grande quaderno. La nostra aula _________________________________una lavagna grande e bianca. 6.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 9. Io e egli____________________________________________una casa grande e molto luminosa. 4. che dà al giardino. UNITÀ 1 11 . Questa stanza _________________________________quattro pareti. Completate gli spazi con il verbo AVERE all’indicativo presente (Completati spatiile cu verbul avere la indicativ prezent): 1. 8. 3. Tu e essa _________________________________ un esame molto importante. 7. 9. 2. Maria____________________________________________un bel quadro nella sua stanza.

Quegli studenti____________________________________________nuovi dizionari. ragazzi è me glio pensare che puzzare " (Rocky) "Io non ricordo quando sono nato. Maestra: .E tu perchè non fai il conto? Allievo: . Non avevo mai visto niente di cosi' bello in vita mia.5 per cento. Quante stanze_________________________________la vostra casa? PRINCIPIANTI 11.Ma il nemico ti ucciderà! Pierino: . Tutti si metono a scrivere. lasciate stare lo sport come professione. fate il medico. (Stanislaw J. ma certo mi ricordo la prima volta che ho sentito la piu' dolce voce che c'e' al mondo. 13. io non ricordo cosa ho avuto il primo Natale. trovatevi un lavoro serio. somigliava a un angelo " (Forest Gump) " Mamma tu dici sempre che il problema dell' Universo e' che nessuno aiuta gli altri " (Star Wars Episode I – The phantom menace) Vi è gente che è sempre del parere dell'ultimo libro che legge. cosa farai da grande? Pierino: . Lec) Continuamente nascono i fatti a confusione delle teorie.Il soldato. Nonna: .” Fate il conto. La banca mi promete un interese dello 0. Maestra: .Per lo 0. (Carlo Dossi) Capita di dover tacere per essere ascoltati. Apollo Creed: " Andate a scuola e usate il cervello.Vi do un problema:”Porto alla banca 100 milioni di lire.CORSO D’ITALIANO 12. Tutti gli studenti _______________________________________________________i loro quaderni sulla scrivania. lo sport fa soffrire e puzzare. (Carlo Dossi) UNITÀ 1 12 .5 per cento non vale la pena. Nonna: .Allora farò il nemico. e non so quando sono andato a fare la prima scampagnata. fate l' avvocato.Pierino.

L’USO DELL’ARTICOLO DETERMINATIVO  LA PROPOSIZIONE ARTICOLATA  IL VERBO AUSILIARE ESSERE ALL’INDICATIVO PRESENTE  I PRONOMI PERSONALI E DI CORTESIA  CONTIAMO DA 1 A 15 ESERCIZI ABC DIVERTENTE – TUTTI FRUTTI. PROVERBI UNITÀ 2 1 . SDRUCCIOLE. BISDRUCCIOLE E TRONCHE  L’ELISIONE  IL TRONCAMENTO  L’ACCRESCIMENTO  LO SCRIVERE CON MAIUSCOLA  L’ARTICOLO DETERMINATIVO.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: IN UFFICIO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  L’ACCENTO: PAROLE PIANE.

quella quelle. con un intervallo di un’ora. si trova un calendario. alle dodici. comoda il computer la cosa il documento la ditta diciassette dodoici du e la doménica l’elenco telefonico ergonomico. ergonomica il fax il fermaglino il foglio di carta la fotocopiatrice il francobollo il giardino il giorno girare girarsi l’intervallo lavorare il lavoro la macchina da scrivere la matita mettere la mia dulapul dulapul de perete biblioteca plicul calendarul sertarul hârtia cu antet hârtia ruptã mapa coşul colegul colega a contine comod. Sopra la mia scrivania c’è il telefono con l’elenco telefonico. fişa necesar. repausul sâmbãtã biroul (mobilã) a scrie biroul (mobilã) scaunul mereu sãptãmâna camera imprimanta taburet telefonul ştampila în care punem se pot roti cu exceptia. Il nostro programma di lavoro è di otto ore al giorno – dalle otto alle diciassette. Lavoriamo tutta la settimana tranne sabato e la domenica. sulla parete opposta. che sono giorni di riposo. lângã deasupra sub pe UNITÀ 2 2 . acelea registru odihna. Sulla scrivania del mio collega ci sono un computer ed una stampante.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IN UFFICIO Il nostro ufficio é una stanza bella piena di luce. Ogni scrivania (o scrittoio) ha quattro cassetti nei quali mettiamo le cose necessarie per il lavoro: penne. Ci sono due scrivanie. fermaglini ed il timbro della ditta. francobolli. Ha due porte ed una finestra grande cha dà al giardino. în afarã de lângã în fata în spatele alãturi. la mia e quella del mio collega. come gli sgabelli. matite. ergonomicã faxul agrafa de prins hârtii foaia de hârtie xeroxul timbrul grãdina ziua a roti a se roti pauza a munci munca maşina de scris creionul a pune a mea il modulo neccessario. comodã computerul lucrul documentul firma şaptesprezece doisprezece doi duminica cartea de telefon ergonomic. la quale quattro quello. l’armadio l’armadio a muro la biblioteca la busta il calendario il cassetto la carta intestata la carta straccia la cartella il cestino il collegga la collegga contenere comodo. fogli di carta. per il pranzo. opusã ora ceasul opt uşa peretele stiloul prânzul programul care patru acela. Accanto alla mia scrivania si trovano il fax e la fotocopiatrice. quegli il registro il riposo sabato la scrivania scrivere lo scrittoio la sedia sempre la settimana la stanza la stampante lo sgabello il telefono il timbro nei quali mettiamo si possono girare tranne accanto a davanti a dietro a presso sopra sotto su formularul. c’è un orologio grande e dietro quella del mio collega. sopra una picola tavola. Sotto c’è un cestino per la carta straccia. Un armadio a muro ed una biblioteca contengono i registri e le cartelle con i documenti della ditta. c’è la macchina da scrivere. necesarã fiecare opus. carta intestata. Davanti alla mia. presso alla porta. sono comode e si possono girare. aceea aceia. Le nostre sedie sono ergonomiche. buste. necessaria ogni opposto. registri. Vicino alla finestra. moduli. sempre sulla parete. opposta l’ora l’orologio otto la porta la parete la penna il pranzo il programma il quale.

2. desí-de-ra-no (ei doresc). parole piane (cuvinte plane) . parole sdrucciole (cuvinte alunecãtoare) . più (mai mult). capì ( eu întelesei). parole bisdrucciole (cuvinte dublu alunecãtoare) . giù (jos). tá-vo-la (masã). caf-fè (cafea). u-ni-ver-si. perchè (pentru cã).  L’ACCENTO ACCENTUL  L’ACCENTO GRAFICO ACCENTUL GRAFIC Este de douã tipuri: grav şi acut (`…’). Însã existã unele cazuri când acesta poate fi şi semn grafic. società (societate). mé-di-co (medic). ciò (asta). an-dán-do-ce-ne (plecând de aici). bon.tà (bunãtate). á-bi-ta-no (ei locuiesc).tà (universitate). pe cuvintele monosilabice: già (deja). Se întâlnesc destul de rar în limba Italianã: ál-be-ro (copac). tribù (trib). so-rél-la (sorã).cuvintele în care accentul cade pe penultima silabã. má-dre (mamã). cit-tà (oraş).  L’ACCENTO TONICO ACCENTUL TONIC Marcheazã silaba care este pronuntatã mai intens.cuvintele în care accentul cade pe ultima silabã şi este şi semn grafic. e.CORSO D’ITALIANO il mio al meu PRINCIPIANTI lunedi luni venerdi vineri martedi marti sabato sâmbãtã mercoledi miercuri la domenica duminicã giovedi joi GRAMATICÃ În limba italianã sunt douã tipuri de accent: accentul tonic ( l’accento tonico) şi accentul grafic (l’accento grafico). Aceste cuvinte sunt şi mai rar înâlnite în limba italianã: lí-mi-ta-to (limitat). cát-te-dra (catedrã). bine crescut) UNITÀ 2 3 . Acestea se întâlnesc rareori şi provin din limba latinã: vir-tù (virtute).cuvintele în care accentul cade pe a patra silabã de la capãt. principi) princìpi (principii) prèdico (predic) predìco (prezic) càpitano (se intâmplã) capitàno (cãpitan) còmpito (temã) compìto (împlinit. può (poate). de obicei acest accent nu se noteazã grafic. pe cuvintele monosilabice omonime: è (este – verb) e (şi – conjunctie) dà (dã – verb) da (de la – prepozitie) là (acolo – adverb) la (art. u precum şi vocalele deschise e şi o : facoltà (facultate). în limba italianã existã: 1. a-pó-stro-fo (apostrof). cio-è (adicã). reflexiv) se (dacã – conjunctie) nè (nici – negatie) ne (pron. determinativ) lì (acolo – adverb) li (art. scri-vén-do-ve-le (scriindu-vi-le). partitiv) tè (ceai – substantiv) te (pe tine – pron. téle-fo-no (telefon). tri-bù (trib). pe cuvintele polisilabice omofone unde accentul face o distinctie semanticã: àncora (ancorã) ancòra (încã) sùbito (imediat) subìto (suferit) prìncipi (printi.cuvintele în care accentul cade pe a treia silabã de la capãt. tribù (trib). rí-de-re (a râde). Se aşeazã în urmãtoarele cazuri: 1. parole tronche (cuvinte trunchiate) . caffè (cafea). la-vó-ro (muncã). 4. 3. bam-bí-no (copil). personal) 4. determinativ) sè (sieşi – pron. L’ACCENTO GRAVE marcheazã marea parte a vocalelor finale a. úl-timo (ultimul). În functie de locul accentului tonic. man-dá-te-melo (trimitându-ni-l). Acestea sunt cele mai frecvente în limba italianã: fi-né-stra (fereastrã). ca-ri-tà (caritate). 2. bam-bù (bambus). pe cuvintele tronche: virtù (virtute). 3.

quello uomo –quell’uomo (acel om). averbul dove ) cade în fata vocalei cuvântului ce-l urmeazã. prepozitia di . articoul se aflã la sfârşitul rândului: dello/uomo (a omului). bello albero – bell’albero (copac frumos). in Svizzera – in Isvizzera (în Elvetia).  Numele ce indicã evenimentele sociale: Il Medioevo. della/Italia (a Italiei). il Quattrocento. puó (el poate).  Numele popoarelor: i Romani. i Sabini  Numele astrelor: il Vega (Vega). Pentru aceasta. la intelligenza – l’intelligenza (inteligenta). o închise (de obicei finale): benché (deşi). Deci se va spune: bel numero (numãr frumos) în loc de bello numero. una orchestra – un’orchestra (o orchestrã). adãugându-se cuvintelor care încep cu s impura şi care la rândul lor sunt precedate de cuvinte monosilabice ce se terminã în consoanã: per scherzo – per ischerzo (în glumã). in Spagna – in Ispagna (în Spania).  Numele de secole: il Duecento. perché (pentru cã). il Plutone (Pluto). la . fiind înlocuitã de apostrof: lo albero – l’albero (copacul). m. noi od essi (noi sau ei).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI L’ACCENTO ACCUTO marcheazã vocalel e. o (sau) şi prepozitiei a (la) : tu ed io (tu şi eu). amor patrio (patriotism) în loc de amore patrio. le epoche (epocile). poiché (dat fiind cã). quella acqua – quell’acqua (acea apã).  L’ACCRESCIMENTO CREŞTEREA LO SCRIVERE CON MAIUSCOLA SCRIEREA CU MAJUSCULA În limba italianã se scriu cu majuscolã:  Numele propri de persoane: Giovanni. pronumele demonstrative quello. il Capodanno (Anul Nou). 2. di ora – d’ora (de acum).  IL TRONCAMENTO APOCOPAREA Pentru a avea o pronuntare mai frumoasã şi mai uşoarã. articolul nehotãrât una . atunci când sunt douã cuvinte din care prima se terminã în vocalã şi cea de-a doua începe tot în vocalã. quel pane (acea pâine) în loc de quello pane. una/ora (o orã). articolul determinativ feminin este la plural: le idee (ideile). di accordo – d’accordo (de acord). Reprezintã fenomenul fonetic ce constã în cãderea ultimei vocale a unui cuvânt. Eliziunea nu se realizeazã când: 1. la oca – l’oca (gâsca). il Giove (Jupiter)  Numele sãrbãtorilor: il Natale (Crãciunul). quella . filo di ferro – fil di ferro (fir de fier). în limba italianã se folosesc consoanele d şi i astfel:  d se adaugã conjunctiilor e (şi). Santo Antonio – Sant’Antonio. n. una ora – un’ora (o orã). i Carpazi. adjectivele bello. lo arrosto – l’arrosto (friptura). il Barocco (Barocul)  UNITÀ 2 4 . le erbi (ierburile). la idea – l’idea (ideea). ad ambedue le ragazze (ambelor fete)  i este de obicei intialã. la Paqua (Paştele). când aceasta este precedatã de l. Bianca  Numele geografice: il Po. stato di animo – stato d’animo (stare sufleteascã). il Risorgimento. bello angelo – bell’angelo (înger frumos).  Curentele literare: Il Romanicismo (Romanticismul). r : amore di patria – amor di patria (patriotism). le Alpi. În aceleaşi conditii poate sã cadã întreaga silabã: Santo Francesco – San Francesco. lo uomo – l’uomo (omul).  L’ELISIONE ELIZIUNEA Reprezintã procedeul prin care ultima literã (vocalã) a unui cuvânt (articolele hotãrâte lo. se realizeazã L’ACRESCIMENTO (CREŞTEREA). le espressioni (expresiile). Orto Santo Michele – Or San Michele. dove è – dov’è (unde e). santo . buon giorno (bunã ziua) în loc de buono giorno. l’Umanesimo (Umanismul).

CORSO D’ITALIANO
L’USO DELL’ARTICOLO DETERMINATIVO

PRINCIPIANTI

FOLOSIREA ARTICOLULUI HOTÃRÂT În limba italianã articolul este de douã tipuri: determinativo (hotãrât) şi indeterminativo (nehotãrât). Articolul hotãrât are urmãtorele forme:
Singular Il Maschile Femminile lo L’ La L’ Plural I Gli Gli Le Le

 L’ARTICOLO DETERMINATIVO.

ARTICOLUL HOTÃRÂT.

1. Articolul Il se foloseşte pentru substantivele şi adjectivele masculine care încep cu consoanã cu exceptia celor ce încep cu s impura (s + consoanã), x, z, y, ps, pn, gn , cele şapte exceptii: il banco (banca), il cibo (mâncarea), il dono (darul), il fatto (faptul), il giorno (ziua), il letto (patul), il mondo (lumea), il nonno (bunic), il padre (tatãl), il ricordo (amintirea), il sorriso (surâsul), il tetto (acoperişul), il vecchio (bãtrânul), il kimono (chimonoul), fãcând pluralul : i banchi, i cibi, i doni, i fatti, i giorni, i letti, i mondi, i nonni, i padri, i ricordi, i sorrisi, i tetti, i vecchi, i kimoni. 2. Articolul Lo se foloseste pentru substantivele şi adjectivele masculine ce încep în s impura, x, z, y, ps, pn, gn , cele şapte exceptii: lo sbaglio (greşeala), lo xilografo (xilograful), lo zeffiro (zefirul), lo yogurt (iaurtul), lo psicologo (psihologul), lo pneumatico (pneul), lo gnomo (spiriduşul), care fac pluralul: gli sbagli, gli xilografi, gli zeffir. 3. Articolul Lo se elide în fata substantivelor masculine care încep în vocalã. Pluralul sãu Gli se poate apostrofa doar în fata vocalei i : l’italiano – gl’italiani (italianul – italienii): l’allievo – gli allievi (elevul – elevii), l’amico – gli amici (prietenul – prietenii), l’attaccapanni – gli attaccapanni (cuierul – cuierele), l’elemento – gli elementi (elementul – elementele), l’orso – gli orsi (ursul – urşii), l’uomo – gli uomini (omul – oamenii). 4. Articolul La se foloseşte în fata substantivelor şi adjectivelor feminine care încep cu consoanã: la carta (hârtia), la cattedra (catedra), la donna (femeia), la fragola (fraga), la guerra (rãzboiul), la lampada (lampa), la macchina (maşina), la notte (noaptea), la primavera (primãvara), la regina (regina), la simfonia (simfonia), la tela (pânza), la vespa (viespea), la zanzara (tântarul), care fac pluralul: le carte, le cattedre, le donne, le fragole, le guerre, le lampade, le macchine, le notti, le primavere, le regine, le simfonie, le tele, le vespe, le zanzare. 5. Articolul La se elide în fata substantivelor feminine ce încep cu vocalã devenind L’ , în timp ce articolul Le nu se elide niciodatã: l’amica – le amiche (prietena – prietenele), l’erba – le erba (iarba – ierburile), l’onda – le onde (unda – undele), l’ultima – le ultime (ultima – ultimele), l’intenzione – le intenzioni (intentia – intentiile). Nota:  Când un rând se terminã şi trebuie sã se treacã la un alt rând cuvintele articulate se despart în silabe în felul urmãtor: l’a-mi-co (prietenul), l’an-no (anul), l’er-ba (iarba), l’uo-mo (omul).  Articolul este cerut de cuvântul care va fi articulat, nu numai de substantiv: il giovane studioso (tânãrul studios) – lo studioso giovane (tânãrul studios), il zio vecchio (bãtrânul unchi) – il vecchio zio (bãtrânul unchi), la voce ammirabile (vocea admirabilã) – l’ammirabile voce (vocea admirabilã). Folosirea articolului hotãrât : Articolul hotãrât se foloseşte în urmãtoarle cazuri: 1. în fata numelor atunci când este vorba de o mare personalitate: Il Verdi, Il Pascoli, Il Carducci. Dacã persoana este foarte popularã şi recunoscutã articolul nu se mai foloseşte: Colombo, Garibaldi. 2. în fata numelor care indicã întreaga familie: I Medici, I Malavoglia, I Rossi. 3. în fata numelor de tãri, regiuni, provincii, continente: La Romania, L’Olanda, La Toscana, Il Piemonte, L’America. Exceptii: - când se indicã provenienta tãrilor, a provinciilor etc., articolul se omite: Il parlamento d’Inghilterra (parlamentul Angliei). L’Ambasciata d’Italia (Ambasada Italiei).

UNITÀ 2

5

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

- când aceste substantive sunt precedate de prepozitia in , articolul este omis: Vado in Italia (Merg în Italia). Torno in Romania (Mã întorc în România). 4. în fata numelor marilor insule şi a grupurilor de insule: La Sicilia, La Sardegna, Le Filippine. 5. în fata numelor de munti: Le Alpi, I Carpazi, gli Appennini, il Cervino. Exceptie fac numele de origine greacã – Olimpo. 6. în fata numelor marilor râuri şi lacuri: L’Adriatico, Il Mediteraneo, Il Po, Il Garda, Il Mar Nero, Il Danubio. 7. în fata adjectivului posesiv urmat de un substantiv: il tuo quaderno (caietul tãu), la nostra lezione (lectia noastrã). 8. în fata numeralelor cardinale cu functie determinativã: le tre riviste comprate (cele trei reviste cumpãrate), i quattro punti cardinali (cele patru puncte cardinale). 9. în fata numeralelor ordinale: il primo (primul), il secondo (al doilea), il terzo anno (al treilea an). 10. între adjectivele ambedue, tutto, mezzo şi substantivul care le urmeazã: ambedue i ragazzi (ambii bãieti), in mezzo alla strada (în mijlocul strãzii), tutto il mondo (toatã lumea). 11. în fata oricãrui cuvânt care este substantivizat: il come (modalitatea), il fare (fãcutul), il perché (cauza), il domani (ziua de mâine). 12. în expresii: “dare del tu, dare del lei” (a vorbi cu tu, cu Dvs.).

 LA PROPOSIZIONE ARTICOLATA

PREPOZITIA ARTICULATÃ

Când prepozitiile Di (al), A (la), Da (de la, din), Su (pe), In (în) sunt urmate de un articol hotãrât acestea se unesc cu acesta formând LE PROPOSIZIONI ARTICOLATE (PREPOZITIILE ARTICULATE). Acestea sunt:
Il Di A Da Su In Del Al D al S ul nel Lo Dello Allo Dallo Sullo Nello La Della Alla Dalla Sulla Nella L’ Dell’ All’ Dall’ Sull’ Nell’ I Dei Ai D ai S ui Nei Gli Degli Agli Dagli Sugli Negli Le Delle Alle Dalle Sulle Nelle

1. Prepozitia Di este a Genitivului: Il libro è della ragazza (del ragazzo, dell’allievo, dell’allieva, dello studente) – Cartea este a fetei (a bãiatului, a elevului, a elevei, a studentului). Întrebarea pentru cazul genitiv este: Di chi è questo? Di chi sono questi? În fata numelor proprii Di nu primeşte articol: Il libro è di Maria (Cartea este a Mariei). Mai poate fi tradusã şi prin despre, de : Ti parlo di Mario. (îti vorbesc despre Mario), Questa è una poesia di Giacomo Leopardi. (Aceasta este o poezie de Giacomo Leopardi) Pentru a reda ideea “parlare di...” (“a vorbi despre...”) se pot folosi şi prepozitiile su, sopra : parlare su un argomento (a vorbi despre un subiect), pensare sopra (a se gândi la). 2. Prepozitia A este a Dativului: Io do questo libro al ragazzo (alla ragazza, all’allieva, allo studente...). – Eu dau aceastã carte bãiatului (fetei, elevei, studentului...). Întrebarea pentru cazul dativ este: A chi do questa cosa? A poate fi tradus şi prin la : Vado al mare. (merg la mare) 3. Prepozitia Da se traduce prin la, de la, din, de pe la . Prepozitia românã “la” se traduce în limba italianã în douã moduri: A – când se merge întrun loc; Da – când se merge la o persoanã, ca rãspuns la întrebarea “Dove vai?” (Unde mergi?). Aceste prepozitii sunt articulate în fata numelor comune şi nu sunt articulate în fata numelor proprii: Vado al mare, ai laghi, allo spettacolo. (Merg la mare, la lacuri, la spectacol), Vado a Roma, a Costanza. (Merg la Roma, la Constanta), Vado dal ragazzo, dalla ragazza. (Merg la bãiat, la fatã), Vado da Mario, da Maria. (Merg la Mario, la Maria).
LOC: A + articol + Substantiv Comun A – articol + Substantiv Propriu

UNITÀ 2

6

CORSO D’ITALIANO
PERSOANÃ: DA + articol + Substantiv Comun DA – articol + Substantiv Propriu

PRINCIPIANTI

Când trebuie sã se traducã prepozitia românã ”de la”, ca rãspuns la întrebarea “Da dove vieni?” (De unde vii?), în limba italianã se foloseşte doar prepozitia Da atât pentru a se face referire la loc, cât şi pentru a se face referire la persoana de la care se vine, aceasta articulându-se numai în fata numelor comune: Vengo dal mare, dai laghi, dalla montagna, dal ragazzo, dalla ragazza. (Vin de la mare, de la lacuri, de la munte, de la bãiat, de la fatã), Vengo da Roma, da Costanza, da Mario. (Vin de la Roma, de la Constanta, de la Mario).
LOC / PERSOANÃ: Da + articol + Substantiv Comun Da – articol + Substantiv Propriu

 L’AUSILIARE ESSERE
Verbul ESSERE este un verb auxiliar compuse. La indicativ prezent verbul AFIRMATIV: Io sono Noi siamo Tu sei Voi siete Egli è Essi sono Essa è Esse sono

ALL’INDICATIVO PRESENTE

AUXILIARUL A FI

foarte folosit în limba italianã care ajutã la formarea timpurilor ESSERE are urmãtoarele forme: NEGATIV: Io non sono Noi non siamo Tu non sei Voi non siete Egli non è Essi non sono Essa non è Esse non sono

LA INDICATIV PREZENT

Che cosa è questo, questa? - Questo, questa è... Che cosa sono questi, queste? - Questi, queste sono...

 IMPARIAMO A MEMORIA

Ce este acesta, aceasta? Acesta, aceasta este... Ce sunt aceştia, acestea? Aceştia, acestea sunt...

SÃ ÎNVÃTÃM PE DE ROST

 CONTIAMO DA 1 A 15
0 1 2 3 zero uno du e tre 4 5 6 quattro cinque sei 7 8 9

SÃ NUMÃRÃM DE LA 1 LA 15
sette otto nove 10 11 12 dieci undici dodici 13 14 15 tredici quatordici quindici

1. Rispondete alle domande (Rãspundeti la întrebãri): Com’è l’ufficio? Che cosa si trova sulla scrivania del narratore? Ma su quella del suo collega? Che cosa ha ogni scrivania? Quanti cassetti ha la scrivania? Che cosa mettono nei cassetti? Che cosa si trova vicino alla finestra? Che cosa c’è presso alla porta? Di quante ore al giorno è il loro programma? 2. Traducete in italiano:
Biroul nostru este mare şi plin de luminã. Pe perete se aflã un calendar şi un ceas. Lângã uşã este biroul meu. Pe birou se aflã calculatorul, imprimanta şi cartea

EXERCITII

UNITÀ 2

7

CORSO D’ITALIANO
de telefon. Alãturi sunt xerox-ul şi coşul de hârtii. În dulapul de perete se aflã dosare, hârtie cu antet, foi, registre, timbre şi o ştampilã. Noi lucrãm opt ore pe zi, cu exceptia sâmbetei şi duminicii care sunt zile de odihnã.

PRINCIPIANTI

3. Mettete l’articolo definito ai seguenti nomi maschili e poi volgere al plurale (Puneti articolul hotãrât la urmãtoarele substantive masculine şi apoi treceti-le la plural):
padre (tatã) maestro (învãtãtor) allievo (elev) francese (francez) scolaro (şcolar) signore (domn) banco (bancã) astuccio (penar) tavolo (birou) scaffale (dulap) errore (eroare) gesso (cretã) sbaglio (greşealã) voto (vot) zucchero (zahãr) straniero (strãin) inchiostro (cernealã) psicologo (psicolog) quaderno (caiet) foglio (foaie) temperino (briceag) uscio (uşã) operaio (muncitor) soffitto (tavan) yogurt (iaurt) gnocco (gãluşcã) lapis (creion) pneumatico (pneu) ingegnere (inginer) lavoro (muncã)

4. Mettete l’articolo definito ai seguenti nomi femminili e poi volgere al plurale ( Puneti articolul hotãrât urmãtoarelor substantive feminine şi apoi treceti-le la plural):
madre (mamã) maestra (învãtãtoare) amica (prietenã) scolara (elevã) penna (stilou) matita (creion) scrivania (birou) collega (colegã)

UNITÀ 2

8

CORSO D’ITALIANO
allieva (elevã) italiana (italiancã) scuola (şcoalã) attenzione (atentie) scala (scarã) entrata (intrare) uscita (ieşire) porta (uşã) lettura (lecturã) scrittura (scriere) università (universitate) carta (hârtia) fotocopiatrice (xerox) ditta (firmã) colonna (coloanã) anima (suflet) età (vârstã) oliva (mãslinã) chiave (cheie) zebra (zebrã) unità (unitate) stanza (camerã)

PRINCIPIANTI

5. Traducete in romeno (Traduceti în limba românã):
Questo quaderno è di Maria. Giorgio ha un taccuino. Il cielo è sereno. Questo clima è dolce. Il critico ha un gran quaderno. L’acqua è un liquido. Lui ha un bel cuore. Questa è la mia classe. Queste sono la cattedra, la lavagna, i banchi, la tavola. Questi sono gli studenti, queste sono le studentesse. Chi sono questi? Che cosa è questa? Questi sono i professori e questa è la mia facoltà.

UNITÀ 2

9

un rione pieno di parchi e di giardini.. ma belle...degli allievi tranquilli. UNITÀ 2 10 .... Essa... Este ca o casã din poveşti (fiabe)....... Essi.degli amici simpatici... Ale cui sunt aceste maşini? Ele sunt ale lui Marian. Esse........CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 6......... Unde mergi? Merg la Maria acasã.... Creioanele sunt ale fetelor......vecchie...... Completate con le forme del verbo ESSERE (Completati cu formele verbului ESSERE – A FI): Questo libro .. Egli. 6. Noi... non della bambina. Florile fetei sunt roşii şi albe... Ale cui sunt aceste pãpuşi? Ele sunt ale fetitei. Io...un giovane diligente... la stadion.uno studente romeno. Completate con i numerali giusti (Completati cu numeralele corespunzãtoare): 13 fazzoletti 3 gessi 7 matite 12 quaderni 8 allievi 4 fiori 15 rose 2 scolari 9 paesi 14 gelati 6 ragazze 5 colleghi 10 bambini 11 carrozze 7 giorni 8. Unde merg studentii? Ei merg la facultate..dello bambino... Tu. Traducete in italiano (Traduceti în limba italianã): Casa Mariei este frumoasã...... Le case.simpatiche.......... De unde vii? Vin din Italia........ ..una ragazza gentile....... iar cãrtile ale bãietilor. Voi .......fortunati.contento......

ECCETERA: La più comoda delle parole: viene usata quando si vuole far credere che si hanno ancora cose da dire. ESPERANTO: Lingua che si chiama universale perchè non è parlata da nessuno. Ride bene chi ride ultimo. La notte porta consigli. /// Chi sono? UNITÀ 2 11 . DANTE: Colosso che seppe scegliersi a maestro un gigante (Virgilio) e s’assise solenne fra i grandi. beàto chi ha un occhio. ed è un peccato che ci sia giunto incompleto: infatti comincia.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI CANE: Un lupo sentimentale. CÉLIBE: Un uomo che ha perduto l’occasione di fare infelice una donna. incominciano le ostilità. Cacciò nell’inferno molte persone. DON CHISCIOTTE: Un matto secco e un matto grasso che vanno per il mondo in cerca di legnate. come fra i pigmei. Cercare l’ago nel fienile. ECO: Il telefono della natura. DICHIARAZIONE: Le dichiarazioni d’amore somigliano alle dichiarazioni di querra: appena esse sono fatte.. e in questo senso è un vero peccato che non viva ancora. DIVINA COMMEDIA: Un capolavoro autentico. Can che abbaia non morde. Camino notte e giorno /// Ma rimango sempre allo /// stesso posto.. In terra dei ciechi.”Nel mezzo”.

L’USO DELL’ARTICOLO INDETERMINATIVO  L’OMMISSIONE DELL’ARTICOLO  L’ARTICOLO PARTITIVO  L’AGGETTIVO QUALIFICATIVO  I PRONOMI PERSONALI E DI CORTESIA  AGGETTIVI ANTONIMI INDICANTI QUALITÀ  L’INDICATIVO PRESENTE DEI VERBI REGOLARI. I VERBI INCOATIVI  IL VERBO ANDARE ALL’INDICATIVO PRESENTE  CONTIAMO DA 15 A 50 ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE UNITÀ 3 1 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTI: L’OCCORENTE PER LO SCRIVERE E PER LO STUDIO I DIVERSI COLORI VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  L’ARTICOLO INDETERMINATIVO.

o dalle riviste. color viola. i rami sono. alcuni manuali di filosofia. un compasso ed una squadra. autunnale.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI L’OCCORENTE PER LO SCRIVERE E PER LO STUDIO Andrea ha comprato tutti gli oggetti occorenti di cancelleria: una cartella. il marrone. il color oliva. sette libri. tre biro. insieme all’erba rimasta ancora in vita. Oggi non si scrive più con la penna o con il pennino. È un paesaggio molto bello. un astuccio. con tanti alberi! Ci sono tutti gli colori . già preparati ad ascoltare le spiegazioni del professore ed a prendere gli appunti. Per le eltre materie troverò i libri adatti nella biblioteca dell’università. cinque quaderni (a righe ed a quadretti). l’azzuro. il nero. colori scuri o chiari. fermagli per graffare insieme i fogli dei dossier. una stilografica. libri. la carta geografica dell’Europa ed un mappamondo. una vera sinfonia cromatica. insomma. carta da disegno e cartacarbone. il giallo. con il PC (il Personal Computer) si possono elaborare testi e disegni di tutti i generi. come al tempo dei nostri nonni. il blù e l’arancio. una carta asciugante. insomma. od altre pubblicazioni dalla bibliografia per gli esami. Certo. Le foglie degli alberi. Ha comprato anche carta da scrivere (parecchi fogli). dodici matite nere e colorate. tutti gli studenti e le studentesse vanno a sedersi nei banchi dell’aula. Quando incominciano le lezioni. un dizionario bilingue (romeno-italiano) e un dizionario etimologico e di sinonimi. È vero! L’Autunno è il più bel tempo per i colori! È una magnifica stagione. un apuntalapis ed un calamaio con dell’inchiostro stilografico. I DIVERSI COLORI Gianni ha comprato un bel quadro. il verde. tutti i tipi di carta che le possono servire e poi un roghello. di storia e di diritto. gomme. il color rosa. Alla libreria ha trovato un atlante grande. a getto d’inchiostro od a lasser ci fa avere una pagina redatta con i migliori caratteri grafici disposti sullo schermo. Ora. si possono fare anche delle fotocopie dei brani dai vari opúscoli. usando diversi linguaggi ed editori. UNITÀ 3 2 . il grigio. mentre la stampante ad aghi. tutte le sfumature impercettibili dell’arcobaleno. il rosso. il bianco.

cãrticica. câtiva. hârtie de carbon = hârtie de scris = harta = servieta = clar. clarã. alta = altii. mai mult = pana. tocul = stiloul = penita = a putea = a lua = a pregãti = publicatia = caietul dictando = caietul de matematicã = când = ramul = a reda = redatã = r i g la = a rãmâne = rãmas. diversã = dispus. bianca la bibliografia la biblioteca bilingue la biro il blù il brano il calamaio il carattere la carta asciugante la carta assorbente la cartacarbone la carta da scrivere la carta geografica la cartella chiaro. la migliore molto. cromatica il diritto il disegno diverso. rãmasã = revista = roşul = ecranul = a servi = nuanta = sinfonia = sinonimul = echerul = anotimpul UNITÀ 3 3 . alcunele l’altro. cea mai bunã = mult. magnificã = manualul = harta lumii = maroniul = materia = creionul negru = creionul colorat = în timp ce = cel mai bun. câtva = ceva. parécchio parécchie. adatta albero alcuno. portocalie = curcubeul = a asculta = penarul = atlasul = de toamnã = alb. colorata il colore il color oliva il color rosa il color viola il compasso comprare comprarsi cromatico. dispusã = dictionarul = dictionarul bilingv = dictionarul etimologic = dictionarul de sinonime = dosarul = editorul = a elabora = iarba = examenul insomma il libro il linguaggio la libreria magnifico. a noastrã = a trebui.alcuna alcuni. pixul = albastrul = fragmentul = cãlimara = caracterul = sugativa = sugativa = indigo. chiara colorato. multã. parécchi la penna la penna (stilografica) il pennino pottere prendere preparare la pubblicazione il quaderno a righe il quaderno a quadretti quando il ramo redare redatto. magnifica il manuale il mappamondo il marrone la materia la matita nera la matita colorata mentre il migliore. le altre ancora l’appuntalapis gli appunti l’arancia arancio. unele = altul. disposta il dizionario il dizionario bilingue il dizionario etimologico il dizionario di sinonimi il dossier l’editore elaborare l’erba l’esame = potrivit. molta il nero il nonno. a fi necesar = cele necesare = obiectul = astãzi = broşura. potrivitã = pomul = unul. rimasta la rivista il rosso lo schermo servire la sfumatura la sinfonia il sinonimo la squadra la stagione = în sfârşit = cartea = limbajul = librãria = magnific. la nonna il nostro. l’altra gli altri. albã = bibliografia = biblioteca = bilingv = creionul cu bilã. diversa disposto. deschis = colorat. foarte = negrul = bunicul. la nostra occorrere l’occorrente l’oggetto oggi l’opuscolo ora l’ora il paesaggio parécchia.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI adatto. coloratã = culoarea = culoarea mãslinei = trandafiriu = violet = compasul = a cumpãra = a-şi cumpãra = cromatic. câteva. arancia l’arcobaleno ascoltare l’astuccio l’atlante autunnale bianco. opusculul = acum = ora = peisajul = ceva. altele = î ncã = ascutitoarea = notitele = portocala = portocaliu. bunica = al nostru. cromaticã = dreptul = desenul = divers. una = unii. redatta il righello rimanere rimasto.

un raggio (o razã). gn. x. z : uno scoiatolo (o veveritã).l.s.r.t. y.p. un sette. genul = galbenul = deja = grafic = agrafa = a pinde cu agrafe = griul = imperceptibil = cerneala pentru stilou = a începe = împreunã la stampante ad aghi la stampante a getto d’inchiostro la stampante a lasser la stilografica la storia il tempo il testo il tipo tutto. un cielo (un cer).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI fare il fermaglio la filosofia la foglia il foglio la fotocopia il genere il giallo già grafico la graffa graffare il grigio impercettibile l’inchiostro stilografico incominciare insieme a = a face = agrafa = filozofia = frunza = foaia = copia xerox = tipul. o jumãtate). UNITÀ 3 4 . FOLOSIREA ARTICOLULUI NEHOTÃRÂT FEMMINILE Una Un Pluralul inexistent în limba italianã.d. un soldato (un soldat). Articoulul un se foloseşte în fata substantivelor masculine care încep în consoanã normalã b. ps. un nano (un pitic). certi (anumiti).q. toatã = toti. tutta tutti. Articolul uno se foloseşte în fata substantivelor masculine ce încep cu consoanã de exceptie S impura. ARTICOUL NEHOTÃRÂT are în limba italianã urmãtoarele forme: SINGOLARE MASCHILE Un Uno ARTICOLUL NEHOTÃRÂT. un genere (un gen). felul.n.f. sau de prepozitia articulatã di. este substituit în folosirea practicã de cãtre adjectivul pronominal nedefinit alcuni (unii). un patto (un pact). tutte il verde la vita ci fa avere l’occorente per lo scrivere gli oggetti di cancelleria si possono elaborare non si scrive più = imprimanta cu ace = imprimanta cu jet de cernealã = imprimanta laser = stiloul = istoria = timpul = testul = tipul = tot. un titolo (un titlu).g. alcune (unele). un vulcano (un vulcan). otto ragazzi. un leone (un leu). uno gnocco (o gãluşcã). credo. uno xilofono (un xolofon). uno yogurt (un iaurt). Articolul nehotãrât se foloseşte în fata numeralelor cardinale pentru a indica aproximatia numericã: C’erano.m. un quarto (un sfert). certe (anumite). toate = verdele = viata = ne oferã = cele necesare pentru scris = rechizite = se pot elabora = nu se mai scrie La primavera = primãvara L’estate = vara L’autunno = toamna L’inverno = iarna Gennaio = Ianuarie Febbraio = Februarie Marzo = Martie Aprile = Aprilie Maggio = Mai Giugno = Iunie Luglio = Iulie Ottobre = Octombrie Agosto = August Novembre = Noiembrie Settembre = Septembrie Dicembre = Decembrie GRAMATICÃ L’USO DELL’ARTICOLO INDETERMINATIVO  L’ARTICOLO INDETERMINATIVO.v : un babbo (un tãtic). un mezzo (un mijloc. un frutto (un fruct).

în fata adjectivelor demonstrative questo (acesta). cu exceptia lui nonno. il mio nonno (bunicul meu). ho letto dei libri. Bucarest. pe când în limba românã este corect sã se spunã: Ascult muzicã – nu – nişte muzicã. prendere per sicuro – a lua ca sigur. una zebra (o zebrã). beau apã. ascolto della musica. una colonna (o coloanã). una teleferica (un teleferic). un’inglese (o englezoaicã). ceai (en. substanta numelui enuntat nu este specificatã: Mangio del pane. cumpãr banane. ascult muzicã. sabato. – Mãnânc (nişte) pâine. Corespondentul sãu în alte limbi este: du lait. il suo babbo (tãticul sãu).– nu se va putea spune – UNITÀ 3 5 . cambiar idea – a-şi schimba ideea.  L’ARTICOLO PARTITIVO ARTICOLUL PARTITIV exprimã o parte luatã din întreg. gennaio. ascult muzicã. Acesta se foloseşte când cantitatea. luglio. nume de localitãti): Fernando. un’età (o vârstã). sau în cazul în care în limba românã nu se foloseşte nici un articol: manânc pâine. În limba italianã este corect sã se spunã: Ascolto della musica.) ARTICOLUL PARTITIV nu se foloseşte în trei situatii: 1. un’unità (o unitate). ottobre. un numãr nedeterminat. quello (aceea) : questo fiore (aceast –nu– il 2. marzo. în fata substantivelor care fac parte din anumite locutiuni adverbiale : avere per certo – a lua ca sigur. nonna (ca substantiv) şi de loro (ca adjectiv posesiv): mia madre (mama mea). de la creme. martedi. zicãtori.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Articoulul un se foloseşte în fata substantivelor masculine care încep în vocalã: un uomo (un bãrbat). expresii pietrificate : non aver paura – a nu avea fricã. aceste substantive însotite de adjectivul posesiv primesc articol: i miei genitori (pãrintii mei). în fata substantivelor “Dio. Iddio” (Dumnezeu. le sue sorelle (surorile lui). dei. De asemenea primesc articol când aceste substantive sunt diminutive: il mio fratellino (frãtiorul meu). un amico (un prieten). della. un’oliva (o mãslinã). degli. dell’. cremã. le tue zie (mãtuşile tale). Articolul una se foloseşte în fata substantivelor feminine ce încep în consoanã: una domenica (o duminicã). maggio. în fata numelor care indicã zilele sãptãmânii şi lunile anului : lunedi. o cantitate anume. împreunã cu alte cuvinte. bevo dell’acqua. delle . some tea – (nişte) pâine. Dacã aceste nume sunt acompaniate de un determinant vor fi acompaniate de articol: la bella Firenze (frumoasa Florenta). 4. apã (fr. compro delle banane. una santa (o sfântã). 5. 7. la tua sorellina (sora ta). de l’eau – (nişte) lapte. Parigi. la sua nonna (bunica sa). il settembre prossimo (septembrie viitor) 3. Zeu): Credo in Dio.  L’OMMISSIONE DELL’ARTICOLO questo fiore ARTICOLUL se omite în urmãtoarele cazuri: OMITEREA ARTICOLULUI 1. proverbe : a fior d’acqua – la suprafata apei. 8. Articolul un’ se foloseşte în fata substantivelor feminine ce încep în vocalã: un’anima (un suflet). il loro fratello (fratele lor). some bread. un eroe (un erou). Când acestea sunt urmate de un determinant primesc articol: il sabato scorso (sâmbãta trecutã). 6. l’antica Roma (antica Roma). în fata substantivelor care indicã gradele de rudenie . în fata numelor proprii (nume de persoane. în fata substantivelor care fac parte din expresii. un ingegnere (un inginer). a caval donno non si guarda in bocca – calul de dar nu se cautã de dinti. am citit (nişte) cãrti.). da capo a piedi – de sus pânã jos. Exceptie: La domenica. când în fata sa este o altã prepozitie : Vado dagli amici – merg la prieteni. în fata substantivelor care indicã. tuo padre (tatãl tãu). nostro cugino (verişorul nostru). tradusã prin nişte . dello. În limba ARTICOLUL PARTITIV italianã acesta se exprimã prin prepozitia articulatã Di – del. La plural.

ADJECTIVUL FEMININ se poate termina la singular în –a. E DI CORTESIA  I PRONOMI PERSONALI PRONUMELE PERSONALE şi PRONUMELE DE POLITETE se folosesc pentru a înlocui substantivele ori de câte ori este nevoie. No. zucchero ed aromi. Lui şi Lei înlocuiesc numele care indicã persoane în timp ce Esso se foloseşte pentru animale: L’orso è un animale. non ho amici. La întrebarea Hai degli amici? (Ai prieteni) se poate rãspunde Si. (Ursul este un animal. gentili. gentili. ne ho. Il signore e la signore buoni. burro. –e (buona. Esso. eu am prieteni. 2. zahãr şi arome. eu nu am prieteni. Se poate da o regulã având ca bazã plãcerea sunetului sau necesitatea de a marca mai bine calitatea pe care acestea o exprimã. Loro (ei) Esse. În timp ce în limba românã pronumele “Dumneavostrã” este invariabil şi se foloseşte cu persoana aIIª plural. sau Si. Prepozitia articulatã Di poate fi înlocuitã de pronumele partitiv Ne (din aceasta. –e (buono. gentili). Esso vive nel bosco. Nu. Nu existã o regulã exactã în ceea ce priveşte pozitionarea acestuia înainte sau dupã substantiv. 3. de asemenea acestea sunt prezente în conjugarea verbelor. cât şi pentru genul natural. Essi. Ella. buone) şi la plural în –e.)  L’AGGETTIVO QUALIFICATIVO ADJECTIVUL CALIFICATIV ADJECTIVUL CALIFICATIV indicã o calitate a substantivului la care se referã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Vado da degli amici. // No. respectiv plural. Esse sunt personale şi se folosesc atât în gramaticã. ADJECTIVUL MASCULIN se poate termina la singular în –o. I ragazzi buoni ed intelligenti. Esso. când în propozitie este o enumerare: Per preparare il dolce occorrono farina. INDICANTI QUALITÀ buono (bun) abile (priceput) bello  AGGETTIVI ANTONIMI cattivo (rãu) inabile (nepriceput) brutto diligente (îngrijit. io ho degli amici. Essa. io ho degli amici. animal. io non ho amici. Le ragazze buone ed intelligenti. uman. acestea) care este invariabil. gentile) şi la plural în –i (buoni. În limba italianã acestea sunt: SINGULAR Io (eu) Tu (tu) Egli. Loro (ele) Loro (Dumneavoastrã) Pronumele Egli. El trãieşte în pãdure. La ragazza buona ed intelligente. –i (buone. sau Non ne ho. unt. Il ragazzo buono ed intelligente. simpatici. uova. – Pentru a pregãti prãjitura trebuie fãinã. ouã. gentili). harnic) intelligente (inteligent) severo negligente (neglijent) sciocco (prost) indulgente ADJECTIVE ANTONIME CARE DENUMESC CALITÃTI utile (util) facile (uşor) leggero inutile (inutil) difficile (dificil) pesante ADJECTIVE ANTONIME CARE DENUMESC CALITÃTI UNITÀ 3 6 . în limba italianã acesta are douã forme PRONUMELE PERSONALE ŞI DE POLITETE pentru ambele numere şi cere persoana aIIIª singular şi. simpatici. – Ai prieteni? Da. Lui (el) Essa. I signori e le signore buoni. Lei (ea) Lei (Dumneavoastrã) PLURAL Noi (noi) Voi (voi) Essi. intelligenti. intelligenti. când propozitia respectivã este negativã: Hai degli amici? Si.

leggerò (voi citi). fiind vorba de un al doilea “Mai Mult Ca Perfect” – Il Trapassato Remoto – care se va traduce la fel ca şi – Il Trapassato Prossimo. desfãşurate în prezent.ete .iamo . în limba italianã modul indicativ are 8 timpuri. trecut sau în viitor fãrã ca actiunea lor sã depindã de o alta: io leggo (eu citesc). Essa No i Vo i Essi.iamo . lessi (citii). avrò letto (voi fi citit). VERBELE INCOATIVE TEMPI COMPOSTI (TIMPURI COMPUSE): În timp ce în limba românã are 7 timpuri. Iª Coniugazione Io Tu Egli. avevo (ebbi) letto (citisem).. . specifice fiecãrei conjugãri în parte.iamo . Esse -o -i -a . respectiv prin “Mai Mult Ca Perfect”.. Rãdãcina verbului reprezintã acea parte a verbului obtinutã prin înlãturarea terminatiei specifice fiecãrei conjugãri – cantare : cant.. .leggere: legg.ate . TEMPI SEMPLICI (TIMPURI SIMPLE): PRESENTE (PREZENT) IMPERFETTO (IMPERFECT) PASSATO REMOTO (PERFECT SIMPLU) FUTURO (VIITOR) PASSATO PROSSIMO (PERFECT COMPUS) TRAPASSATO PROSSIMO (MAI MULT CA PERFECTUL) TRAPASSATO REMOTO (MAI MULT CA PERFECTUL) FUTURO ANTERIORE (VIITOR ANTERIOR) DEI VERBI REGOLARI. I VERBI INCOATIVI  L’INDICATIVO PRESENTE INDICATIVUL PREZENT AL VERBELOR REGULATE.ono CANTARE (a cânta): io cant-o tu cant-i egli/essa cant-a noi cant-iamo LEGGERE (a citi): io legg-o tu legg-i egli/essa legg-e noi legg-iamo PARTIRE (a pleca): io part-o tu part-i egli/essa part-e noi part-iamo UNITÀ 3 7 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI (frumos) felice (fericit) vecchio (bãtrân) vecchio (vechi) grande (mare) simpatico (simpatic) (urât) infelice (nefericit) giovane (tânãr) nuovo (nou) piccolo (mic) antipatico (antipatic) (sever) fortunato (norocos) studioso (studios) dolce (dulce) attento (atent) onesto (sincer) (indulgent) sfortunato (ghinionist) pigro (leneş) amaro (amar) distratto (distrat) disonesto (mincinos) (uşor) alto (înalt) largo (larg) lungo (lung) pieno (plin) aperto (deschis) (greu) basso (scund) stretto (strâmt) corto (scurt) vuoto (gol) chiuso (închis) INDICATIVUL (L’INDICATIVO) este primul mod predicativ care indicã actiuni reale. leggevo (citeam).ite .partire: part.ono IIIª Coniugazione -o -i -e .ano IIª Coniugazione -o -i -e . ho letto (am citit). INDICATIVUL PREZENT AL VERBELOR REGULATE (L’INDICATIVO PRESENTE DEI VERBI REGOLARI) se formeazã adãugând rãdãcinii verbului de conjugat terminatiile pentru fiecare persoanã.

cinquanta 1. cu terminatia –ire . a se evapora a cãdea a îngãdui a se delãsa.trentacinque SÃ NUMÃRÃM DE LA 1 LA 50 36 – trentasei 37 – trentasette 38 – trentotto 39 – trentanove 40 – quaranta 41 – quarantuno 42 – quarantadue 43 – quarantatrè 44 – quarantaquattro 45 – quarantacinque 46 – quarantasei 47 – quarantasette 48 – quarantotto 49 . a se alege praful a avea succes.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI voi cant-ate essi/esse cant-ano voi legg-ete essi/esse legg-ono voi part-ite essi/esse part-ono I VERBI INCOATIVI (VEBELE INCOATIVE) sunt verbe ce apartin celei de-a treia conjugãri. a placea. a se duce a hoinãri a nu o nimeri.quarantanove 50 .ono. noi fin-iamo. care din motive eufonice primesc grupul –isc.i. a transmite a se risipi. Rispondete alle domande: .e.Che cosa ti sei comprato? .o. a continua andare con il tamburo andare in onda andare in fumo andare per terra lasciare andare lasciarsi andare l’andare con l’andar del tempo a bate toba a pune în undã. a da faliment a fi nebun (dupã ceva) a pleca ANDARE = a merge. tu fin -isc. a trebui sã fie.Che generi di stampante conosci? .Con che cosa si graffano insieme i fogli di un dossier? .între rãdãcinã şi terminatie la toate persoanele la singular şi la cea de-a treia plural: finire – io fin -isc. umbletul cu trecerea timpului  CONTIAMO DA 15 A 50 15 – quindici 16 – sedici 17 – diciasette 18 – diciotto 19 – diciannove 20 – venti 21 – ventuno 22 – ventidue 23 – ventitrè 24 – ventiquattro 25 – venticinque 26 – ventisei 27 – ventisette 28 – ventotto 29 – ventinove 30 – trenta 31 – trentuno 32 – trentadue 33 – trentatrè 34 – trentaquattro 35 . a cãdea mersul.Che tipi di carta ci sono? EXERCITII UNITÀ 3 8 .Con che cosa si appunta la matita? . essi/esse fin -isc. a se îndepãrta. a se vinde ca pâinea caldã a pleca. a se muta dintr-un loc în altul. egli/essa fin -isc. voi fin-ite.  IL VERBO “ANDARE” ALL’INDICATIVO PRESENTE Io vado (eu merg) Tu vai (tu mergi) Egli va (el merge) Essa va (ea merge) VERBUL “A MERGE” LA INDICATIV PREZENT Noi andiamo (noi mergem) Voi andate (voi mergeti) Essi vanno (ei merg) Esse vanno (ele merg)  ESPRESSIONI CON IL VERBO “ANDARE” andare in letto andare a male andare a ruba andarsene andare in giro andare a monte andare matto (per) andare via a merge la culcare a se deteriora.Con che cosa si può scrivere nel quaderno . a merge într-o directie. a eşua.A che cosa serve il PC? .

Mettete l’articolo indeterminativo ai nomi seguenti: vecchio amico scalino alto bella casa vetro sporco stanza pulita cielo trasparente errore grave esercizio semplice astuccio aperto uomo tranquillo donna saggia quaderno nuovo buona signora angolo scuro lavagna nera gesso bianco scaffale grande quadro azzuro matita blu aila larga libro prezioso soffito alto rosa rossa chiave piccola brutto scherzo alta voce tavola rotonda esercizio utile 3. Traducete in italiano. mettendo l’articolo determinativo ed indeterminativo: tatã bun casã frumoasã mamã înteleaptã cheie mare clasã micã sticlã curatã glumã bunã UNITÀ 3 9 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 2.

. Îl cunoşti pe acest bãiat? Nu....... Ce limbã înveti tu? Dar Angela şi Luigi.... Întelegi când îti vorbesc italiana? Înteleg dacã îmi vorbeşti rar...lettere....latte.. Claudia întelege limba românã.... Mãnânc iaurt.... nu-l cunosc pe acest bãiat.studenti....... UNITÀ 3 10 . ce limbã învatã? Noi învãtãm ceea ce ne predã profesoara.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI creion alb carte frumoasã tablã neagrã cretã albã tavan înalt tablou pretios 4. Sostituite i puntini con l’articolo partitivo e poi traducete in romeno: Io compro ........quaderni. Sulla tavola ci sono . Traducete in italiano: Alberto învatã limba englezã.lapis...... o cunosc pe aceastã fatã. dar nu o vorbeşte..........burro.. Bevo. Mangio. Nell’aula ci sono .. Scrivo.... Ei studiazã limba românã. 5. Profesorul predã limba francezã. Îmi place foarte mult iaurtul de fructe........

.. treizeci şi opt........ che cosa ... Tu trãieşti în Italia...... 6.. Eu trãiesc în Romania...... unt şi brânzã.. Come si ............. iar sora mea... Fratele meu are şaptesprezece cãrti. Din treizeci şi nouã de sportivi lipsesc astãzi doisprezece.. douãzeci şi una.......... Tatãl lui Marcello are patruzeci şi doi de ani. Maria are douãzeci şi patru de foi. Noi avem optsprezece reviste...... perchè non . (rispondere) alle domande....... Ce scriem noi? Ea citeşte o revistã... (arivare) al mare? UNITÀ 3 11 ..CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Ai (nişte) marmeladã? Da.. La ce se uitã ei? Tu ai cincisprezece creioane şi douãzeci şi trei de caiete. Ce mâncati voi? Tu scrii o scrisoare... Nu ea nu are caiete........ Ce citeşti tu? El priveşte pe fereastrã..... Noi citim nişte cãrti.... iar voi...... Eu mãnânc fripturã... (costare) un chilo di mele..... (sentire)........... Sostituite i puntini con le forme dei verbi tra le parentesi all’indicativo presente: Signorina..... am marmeladã.... (parlare) più forte.. ea are caiete.. (mangiare)? Voi non ... Ele scriu o lucrare... pâine... (chiamarsi) quella Signora? Quando .. şaisprezece....... per cortesia? Io non ti .................. Ea are caiete? Da. iar mama lui........... Quanto .. Voi priviti la televizor.. Unde trãieşte el? Ea mãnâncã înghetatã... Eu privesc un tablou. În clasã se aflã nouãsprezece bãnci şi treizeci şi cinci de studenti......

... (ricordare) il nome del ragazzo.. Quest’anno Mario finisce di studiare......... (crescere) dei bei fiori.... (finire) da lavorare e . Il color del mare è celeste. Perchè apre Lei la finestra? Apro la finestra perchè fa caldo. Grigio è il colore dell’inverno....... Traducete in romeno: Paolo apre la porta............ Gianni... (ripetere) le parole della nuova lezione. Perchè ..... Abche Franca e Roberto finiscono quest’anno di studiare e di andare all’università.... la sera....... A che ora aprite il negozio domani? Apriamo alle due... Lei............................. perchè chiudi il quaderno? Chiudo il quaderno perchè non scrivo più.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Noi .. Signorina..... 7............. Il cielo è azzuro o blu... ora leggo la lezione dal libro.......... quando finisce i corsi? Sempre quest’anno? Carlo...... L’Autunno è la stagione dei colori giallo... (piangere) il bambino? Perchè non ........ Perchè aprite la porta? Apriamo la porta perchè ce ne andiamo.. la primavera e tutti i colori si vedono nei fiori dell’estate..... Traducete in italiano: UNITÀ 3 12 ......... dipinti su un meraviglioso tapetto! 8... (ridere)? Noi ..... Nel giardino . (cominciare) a mangiare............ Francesca chiude la finestra.... Verdi sono i campi......... perchè di giorno o di notte è bianco...... Voi non . marrone e verde....... quando finite? Noi finiamo il lavoro alle tre........... a che ora finisci oggi il lavoro? E voi.

Scrivete gli antonimi dei seguenti aggettivi: útile buono intelligente pigro chiaro lungo vecchio sporco aperto attento problema uşoarã bãiatul distrat nefericitul bãtrân vechiul cântec noul coleg omul sever elevii neglijenti casa plinã mesele rotunde tavanele înalte podeaua albã dulapul lung uşile deschise ferestrele închise floarea roşu deschis cartea albastru închis UNITÀ 3 13 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI exercitiul util lectia folositoare studentul conştiincios profesorul sever prietenii simpatici tânãra doamnã copilul prost frumoasele fete uşile gri copacii maro geamurile curate şi transparente bãncile noi creioanele albastre şi roşii cheia neagrã cartea roz scãrile înalte 9.

..CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI grande simpatico basso amaro diligente fortunato abile infelice vuoto indulgente 10.......... dall’                   b. di UNITÀ 3 14 .così paziente. dalle – alle c......un cortile........ un d.....Spero di avere....... Fa d....12.. L’aereo parte ... Di b...... In 6.... Biffate una delle quattro cassette (a..  a.......... i – la b......  a....... delle genti c...  a... le – il c.. da d.. Si avvicinò a quella statua che era in fondo ..Vespri siciliani e .altro buon voto all’esame. Da c . gente 5.....  a. Non ho mai visto ......  a.. delle – alle b.......Flauto magico........ i – il d.......... della gente b.......... genti d... uno 2..  a...... Le mie opere preferite sono ....... un’ c... b........... dell’ 3..............aeroporto Leonardo da Vinci di Roma... c oppure d): 1. una b. ...........14.. le – la 7.... di – alle 4. di c.. di – a d.... Il pranzo è servito .quanto tempo non è piovuto?  a..

... a             b..Noi non abbiamo galline.Mi son preso una scheggia di legno. a c.È il sudore della terra! Maestro: .. di 9.... questa è nuova! E perché? Pierino: .Te l’ho già detto altre volte di non grattarti la testa.Che cos’è la rugiada? Pierino: . per un uomo dotto.. a b. Arriverò .I miei bambini vanno a letto quando ci vanno le galline..... mezzogiorno.. alle c....Chi guida il aeroplano? UNITÀ 3 15 . I – il c...... non posso venire..Il cobra è un animale miope! Maestro: . Gli – il d..Perché la terra gira e rigira e girando si stanca e…suda! Maestro: ... Tra amici: ....Cosa ti sei fatto a quel dito che tieni fasciato? .. . per un asino.......pomeriggio... da b.......  a...  a....E tu. Anche i vostri? ...Ah..... che peccato! ......Miope?E come lo sai? Pierino: ..Tu......Che cosa sai sui serpenti velenosi? Per esempio il cobra? Pierino: . . di d...sportelli sono chiusi ..lo 10......... Ho molto ...... al d.......... hai le orecchie troppo lunghe... In 8.... Maestro: ..  a..... Gli – lo b... I ..CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI c. da d. le hai troppo corte.. .Ma se ha gli occhiali! Mestro: ...fare. per Tra due signori: ...

Il pilota.E come sa il pilota dove andare? Pierino:.Gli dice il dirottatore! Maestro: .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Pierino: .Le galline…gli uccelli.gli angeli… UNITÀ 3 16 . Maestro: .Nominatemi qualche volatile! Pierino: .

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTI: LA LETTERA LETTERA ALL’AMICO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL NUMERALE  NUMERALI CARDINALI DA 50 E POI OPERAZIONI ARITMETICHE  LE QUATTRO  IL SISTEMA METRICO DECIMALE  IL PRONOME E L’AGGETTIVO DIMOSTRATIVO  IL PRONOME E L’AGGETTIVO POSSESSIVO  L’USO DI ALCUNE PROPOSIZIONI ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE UNITÀ 4 1 .

cognome.. la formula di apertura. Ecco la mia risposta: La mattina mi alzo di buon’ora. Io sono molto contento con il mio posto: sono sovrintendente di vendite in una azienda di esportazione. più completa e meno costosa! Perche scriviamo le lettere? Per dare e chiedere notizie. Nella tua ultima lettera dell’otto corrente chiedi. nuovo e pulito  In alto. confidenziale o rispettosa a seconda della persona a cui scriviamo (Caro fratello. prendo la prima colazione: succo d’arancia o di pompelmo. vado nello stanzino da bagno dove mi lavo bene – faccio la doccia con acqua fredda. anche sconosciute o conosciute da poco. in genere senza righe o quadretti. com’è naturale. si scrive la data e la località  In alto. nell’angolo destro. Prima di uscir di casa.  Sull’altro lato della busta si scrive il mittente (cioè il proprio nome.. indirizzo. panini e un uovo (qualche volta mangio un cereale invece di uova). Certo che c’è il telefono. cognome e indirizzo)  I francobolli si incollano sul lato davanti della busta. sul lato davanti. LETTERA ALL’AMICO Caro Giuseppe.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Che cos’è la lettera? È un mezzo di comunicazione. Ma la lettera scritta ha il vantaggio di essere più precisa. alle sei e mezza. per mostrare l’amicizia e l’amore a chi è lontano da noi. mi pettino (non entro qui negli altri particolari dell’igiene personale) e mi vesto. in mezzo al foglio. Vado alla fermata d’autobus – sono già le otto – per andare al ufficio dove lavoro. caffè con latte. tra l’altro. se la lettera va all’estero si scrive anche il nome del paese. in genere in alto. per svegliarmi del tutto – poi mi asciugo. Gentile signora.ecc)  Sulla busta. Quando scriviamo una lettera dobbiamo rispettare le seguente regole: LA LETTERA  Si scrive la lettera con la matita  Si scrive su un foglio speciale. a destra. ma soprattutto con amici e parenti. Essa ci permette di comunicare con persone lontane. cioè ho la responsabilità di UNITÀ 4 2 . città e codice postale). si scrive il destinatario (nome. “come si svolge” di solito una mia giornata di lavoro.

In generale faccio tutto ciò che un uomo d’affari deve fare: telefonare. a şterge a asculta a aştepta întreprindere plicul a cere a începe a se culca curentul a înainta a trezi destinatarul distractia a intra pãrerea il particolare passegiare la poltrona il pompelmo il posto prendere il preparativo la questione la radio recarsi restare riposare risolvere la risposta il salotto di solito svolgere talvolta tardi detaliul a se plimba fotoliul grep(fruit) locul a lua pregãtirea chestiunea.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI rispondere alle richieste di merci dei clienti. E’ un impiego di qualità.. però mi addormento subito. prendo una rivista o un libro e leggo fino all’ora della cena. D’accordo! Ecco. Vedi!? Aspetto la tua risposta. Questa è una mia giornata di lavoro. Come vedi. invece di fare una breve siesta. ma. Talvolta torno a casa molto tardi e vado a letto verso mezzanotte o anche un po’ più tardi. a tuo giudizio. Mario accendere l’alba l’allegato alzarsi asciugare ascoltare aspettare l’azienda la busta chiedere cominciare coricarsi la corrente davanti destare il destinatario il divertimento entrare il giudizio a aprinde zori anexa a se scula.. ecc. è bene levarsi all’alba e scrivere la corrispondenza prima di andare al lavoro. Finalmente. Alle sei vado in salotto e prendo posto in una poltrona davanti alla televisione (spesse volte vedo un canale della tivù italiana) e ci resto per un paio di ore. Cordiali saluti .qui devo interrompere perchè non ho più tempo. ma verso l’una ho bisogno solo di venti minuti per. controllo delle fatture.. In ufficio sto a lavorare fino alle quatro pomeridiane. a se ridica a usca.Sempre nella tua ultima lettera dici che. di solito ceno alle otto. perchè mi reco con degli amici a passeggiare o a vedere uno spettacolo. scrivo questa lettera prima di uscire di casa. a quest’ora tutta la famiglia è insieme. mangiare in una trattoria molto vicina. prendo in noleggio una videocassetta oppure ascolto dei dischi di musica classica (ho già una buona colezione di dischi CD). non mancano i divertimenti. comincio a studiare l’italiano e a fare gli esercizi del manuale. Mi riposo poi ancora un po’ e vado a letto abbastanza tardi. corrispondenza internazionale. Spesso – per dormir bene – prendo soltanto del latte cagliato oppure un tè con pane e marmellata. Quando non trovo un film interessante. quando questo non desta più il mio interesse. però. întrebarea radio a se duce a rãmâne a se odihni a rezolva rãspunsul salonaş de obicei a desfãşura uneori târziu UNITÀ 4 3 . Alle cinque precise arrivo a casa. questa occupazione di fatto mi aiuta a distendermi. Certo che questo programma tranquillo e ideale non si ripete ogni giorno.

ieşit din fire essere incapace di essere in forse essere in grado di essere in qualcuno essere in ritardo essere sul partire essere sul punto di l’essere EXPRESII CU a fi incapabil sã a fi în dubiu a fi în stare sã a fi în locul cuiva a fi în întârziere. creatura UNITÀ 4 4 . a proveni.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI interrompere la lettera levarsi mancare il mitente a întrerupe scrisoarea a se scula a lipsi expeditorul tornare tranquillo la trattoria uscire il vantaggio a se întoarce liniştit birt a ieşi avantajul PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE a secondo della persona – în functie de persoanã sul lato davanti (della busta) – pe partea din formula di apertura – formulã de introducere fatã (a plicului) formula di chiusura – formulã de încheiere sull’altro lato – pe cealaltã parte in alto (del foglio) – în partea de sus (a foii) SINONIME chiedere costoso dare in genere = = = = domandare (a cere) mandare caro (scump) il sasso offrire (a oferi. a se întâmpla essere al verde essere capace di esserci essere d’aiuto essere di buon gusto essere d’obligo essere di ritorno essere fuori di sè a fi lefter a fi capabil sã a exista. spedire (a trimite) = la pietra (piatra) = la bufera (furtuna) con piacere (cu plãcere) ANTONIME a destra all’inizio completo conosciuto costoso davanti a in alto mandare ≠ ≠ ≠ ≠ ≠ ≠ ≠ ≠ a sinistra (la dreapta ≠ la stânga) alla fine (la început ≠ la sfârşit) incompleto (complet ≠ incomplet) sconosciuto (cunoscut ≠ necunoscut) a buon mercato (scump ≠ ieftin) indietro a (în fata ≠ în spatele) in basso (în partea de sus ≠ în partea de jos) ricevere (a trimite ≠ a primi) CUVINTELE ESSERE = a fi. a se caracteriza. a costa. a da) la tempesta generalmente (în general) volentieri = = inviare. a se afla a fi de ajutor a avea gust a fi obligatoriu a se înapoia a fi mânios. a întârzia a fi pe picior de plecare a fi pe punctul de fiinta.

tre. Exceptie: mille – duemila. milione – UNITÀ 4 5 . ottanta. DISTRIBUTIVE. due cento.574.000 – un miliardo   I NUMERALI CARDINALI Numeralele sunt: CARDINALE.000.000 – un milione 9. 2. respectiv dicia + 7. 4. ORDINALE. duemilioni.000 – diecimila 50 – cinquanta 51 – cinquantuno 52 – cinquantadue 57 – cinquantasette 59 – cinquantanove 60 – sesanta 61 – sesanta uno 74 – settantaquattro 75 – settantacinque 80 – ottanta 86 – ottantasei 101 – centuno 108 – centotto 110 – centodieci 199 centonovantanove 300. 9 . MULTIPLICATIVE. iar numerele de la 17 pânã la 19 se formeazã tot din douã numere. 8.000 – mille 1. FRACTIONARE. COLECTIVE. cento undici 1. Zecile se formeazã adãugând la unitãti terminatia – anta . novecento sessantadue 1. care-şi pierd vocala finalã în fata acestei terminatii: trenta. settanta. quaranta. Singurul numãr care are o formã diferitã este venti (douãzeci). De la dieci în sus acestea se compun în douã moduri: numeralele de la 11 pânã la 16 se compun din douã numere – respectiv 1. 5.190 – tremilacentonovanta 10. NUMERALELE CARDINALE sunt invariabile la plural: cento – duecento.000. fãrã liniutã de unire. 3. punga/ multimea.001 – novemilioniuno 3. distrat a prinde pe cineva cu mâta-n sac a fi distrat a mânca din pachet a înşela pe cineva sacco a pelo un sacco di un sacco di gente Un sacco di guai vuotare il sacco sac de dormit o grãmadã de o multime de lume O multime de necazuri a spune tot GRAMATICÃ  I NUMERALI  NUMERALI CARDINALI DA 50 E POI 63 – sesantatre 68 – sesantotto 70 – settanta 90 – novanta 97 – novantuno 100 – cento NUMERALELE CARDINALE DE LA 50 ÎN SUS 200 – duecento 205 duecentocinque 500 – cinquecento 900 – novecento 1. novanta. novecento novantanove 2. tre mila.000.999 – mille.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IL SACCO = sacul.000. prãdarea andar con la testa nel sacco cogliere uno con le mani nel sacco fare le cose con la testa nel sacco mangiare al sacco mettere (uno) nel sacco a merge neatent. NUMERALELE CARDINALE NUMERALELE CARDINALE sunt: uno.111 – mille. 6 + – dici . grãmada/ jaful. un miliardo. due.000 – trecentomila 1. Numerele formate din zeci şi unitãti se scriu legat. un milione.000 – duemila 3. settanta.962 – tremilionicinquecentosettantaquattr omila. cinquanta. mille.

regi se folosesc alte UNITÀ 4 6 . metri cu metri. asemeni ARTICOLULUI NEDOTÃRÂT: un ragazzo. IL RISULTATO: IL QUOZIENTE . millígrammo etc.PRODUSUL 5 X 6 = 30 – cinque per sei fanno (uguale) trenta LA DIVISIONE – ÎMPÃRTIREA. De la undici în sus. centígrammo. Milione şi miliardo cer prepozitia di : un milone di persone – un milion de persoane. persoane cu persoane. IL RISULTATO: IL PRODOTTO . ettómetro.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI duemilioni. decimo.CÂT 200 : 4 = 50 – duecento diviso (per) quattro fanno (uguale) cinquanta L’ADDIZIONE (ADUNAREA) este operatia aritmeticã prin intermediul cãreia la o cantitate se adaugã altele de acelaşi fel. etc. un miliardo – due miliardi. uno scoiattolo. SOTTOMÚLTIPLI: decílitro. secondo. ottavo. LA MOLTIPLICAZIONE (ÎNMULTIREA) este operatia prin intermediul cãreia este multiplicatã o cantitate. una ragazza.SUMA LA SOMMA (L’ADDIZIONE) – ADUNAREA. quinto. IL RISULTATO: LA SOMMA 56 + 24 = 80 – cinquantasei più ventiquattro fanno (uguale) ottanta LA SOSTRAZIONE – SCÃDEREA. Pentru secole. un amico. IL RISULTATO: LA DIFFERENZA 98 – 36 = 62 – novantotto meno trentasei fanno (uguale) sessantadue . un’amica. dodicesimo. settimo. deci prin scãdere se scade un numãr din altul. ettólitro. papi. millímetro etc.  IL SISTEMA METRICO DECIMALE PER LA LUNGHEZZA – PENTRU LUNGIME MÚLTIPLI: decámetro. MÚLTIPLI: decálitro. PER LA CAPACITÀ – PENTRU CAPACITATE EXPRESII CU NUMERALE CARDINALE: abitare a due passi – a locui aproape far due passi – a se plimba far quattro chiacchiere – a sposovãi. millílitro etc. MÚLTIPLI: decágrammo. Deci prin adunare se adunã douã sau mai multe numere. nono. quarto. LA DIVISIONE (ÎMPÃRTIREA) este operatia prin intermediul cãreia poate fi divizatã o anume cantitate. ventesimo. Uno are gen. obiecte cu obiecte. LA SOTTRAZIONE (SCÃDEREA) este operatia prin intermediul cãreia dintr-o cantitate se taie o altã cantitate de acelaşi fel. PER IL PESO – PENTRU GREUTATE SOTTOMÚLTIPLI: decígrammo. Acestea sunt:  LE QUATTRO OPERAZIONI CELE PATRU OPERATII ARITMETICE ARITMETICHE . terzo. a flecãri farsi di mille colori – a schimba fetefete farsi in mille – a se face luntre şi punte mille grazie – mii de multumiri neanche per un milione – cu nici un pret non valere quattro soldi – a nu valora nimic spaccare il capello in quattro – a tãia firul în patru trovare cento scuse – a gãsi mii de scuze   I NUMERALI ORDINALI NUMERALELE ORDINALE NUMERALELE ORDINALE sunt: primo. adicã lire cu lire. ettógrammo. SOTTOMÚLTIPLI: decímetro. sesto. miriámetro etc. NUMERALUL ORDINAL se formeazã prin adãugarea terminatiei – esimo la NUMERALUL CARDINAL care pierde vocala finalã: undicesimo. chilólitro etc. centímetro. chilómetro.DIFERENTA LA MOLTIPLICAZIONE – ÎNMULTIREA. un miliarde di lei – un miliard de lei. trentunesimo. chilógrammo etc.

cinque per ciascuno (câte cinci pentru fiecare). “Sono le due in punto. tre per volta (câte trei odatã).” (Este ora unu). il secondo posto. amiaza). tríplice – triplu.” (Ne vedem la ora opt şi/fãrã zece).XIII-lea) se folosesc numerale care au devenit substantive: Il Duecento. l’ottava (octava). “Ci vediamo alle otto e/meno dieci.” (Este ora 12. céntuplo – de o sutã de ori. un quarto – o pãtrime. entrambe.amiaza). due quinti – douã cincimi. il duetto (duetul). Il Trecento. Pentru alte zile se foloseşte NUMERALUL CARDINAL precedat de ARTICOLUL HOTÃRÂT: Oggi siamo il 7 gennaio. NUMERALUL ORDINAL se acordã în gen şi numãr cu substantivul pe care-l determinã: la prima donna. duodecimo (decimosecondo) – al XII-lea. ESPRIMERE LE ORE: Pentru a exprima orele se foloseşte NUMERALUL CARDINAL: “Sono le sei del pomeriggio.” (Este ora şase dupã.   I NUMERALI FRAZIONARI NUMERALELE FRACTIONARE NUMERALELE FRACTIONARE sunt formate dintr-un numãrãtor şi un numitor: un mezzo (una metà) – o jumãtate. ambedue. décuplo – de zece ori.” (Este miezul noptii). Il Quattrocento etc. Mezzo se acordã cu substantivul pe care-l acompaniazã: mezzalira. pentru secole (dupã al. decimonono – XIX-lea. 1997.  ESPRIMERE LA DATA E LE ORE CUM EXPRIMÃM DATA ŞI ORELE  ESPRIMERE LA DATA: Pentru a indica prima zi se foloseşte NUMERALUL ORDINAL : primo . quadruplo – de patru ori. Alte NUMERALE COLECTIVE sunt utilizate cu valoare de SUBTSANTIV: un paio (o pereche). “Sono le dieci e mezzo/un quarto.” (Este ora zece şi jumãtate/un sfert).” (Este ora douã fix). : primo dicembre. DIMOSTRATIVO MASCULIN questo – acesta codesto – acesta costui – acesta quello – acela colui – acela stesso – acelaşi  IL PRONOME E L’AGGETTIVO PRONUMELE DEMONSTRATIVE sunt: SINGULAR PRONUMELE ŞI ADJECTIVUL DEMONSTRATIV FEMININ SINGULAR MASCULIN questi – aceştia PLURAL FEMININ PLURAL questa – aceasta codesta – aceasta costei – aceasta quella – aceea colei – aceea stessa – aceeaşi queste – acestea codeste – acestea costoro – acestea quelle – acelea coloro – acelea stesse – aceleaşi codesti – aceştia costoro – aceştia quelli/quegli – aceia coloro – aceia stessi – aceiaşi UNITÀ 4 7 . “E’ la mezzanotte. “E’ il mezzogiorno. tre per tre (trei câte trei). NUMERALELE MULTIPLICATIVE sunt: doppio (duplice) – dublu. un terzo – o treime. decimosettimo – al XVII-lea. due paia (douã perechi). entrambi. un chilogrammo e mezzo. una dozzina (o duzinã).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI forme ale NUMERALULUI ORDINAL: undecimo (decimoprimo) – al XI-lea. 1980. În limba italianã. il decennio (deceniul). séstuplo – de şase ori. etc. quintuplo – de cinci ori. “E’ il tocco. il quinquennio (cincinalul). un trimestre (un trimestru).   I NUMERALI MOLTIPLICATIVI I NUMERALI COLLETTIVI NUMERALELE MULTIPLICATIVE NUMERALELE COLECTIVE  I NUMERALI COLLETTIVI (NUMERALELE COLECTIVE) propriu-zise sunt: ambo.  I NUMERALI DISTRIBUTIVI NUMERALELE DISTRIBUTIVE   NUMERALELE DISTRIBUTIVE sunt formate din NUMERALE CARDINALE şi din prepozitiile a şi per : due a due (doi câte doi).

ale lor) POSSESSIVO  IL PRONOME E L’AGGETIVO PRONUMELE ŞI ADJECTIVUL POSESIV PRONUMELE POSESIV de persoana a IIIª poate fi înlocuit prin pronumele personal în genititv: Questo quaderno è il suo. 8 . LE MIE (al meu. LA LORO. ai sãi. colei (aceea ). costui (asta) . ca sã.” Questi (acesta) . I NOSTRI.” (Asta mã face sã mã gândesc din nou. I TUOI. Când pronumele posesiv este acompaniat de substantivul cu care se acordã. de. quello sunt întãrite – în special în italiana vorbitã – de adverbele qui (aici). a noastrã. ale tale) IL SUO. la. lì (acolo) : “Questo qui è più bravo di quello lì. Questo. colei. cu. LE LORO (al lor. Costui. (Acest caiet este al lui /al ei.asta medesime – aceleaşi ciò .) PROPOSIZIONI UNITÀ 4  L’USO DI ALCUNE FOLOSIREA CÂTORVA PROPOZITII DA – din. atunci acesta devine ADJECTIV: Questo libro è mio (pronume). Formele PRONUMELUI POSESIV sunt urmãtoarele: IL MIO.asta medesima – aceeaşi ciò . ci doar ca pronume. ai tãi. ale mele) IL TUO. colui (acela) .) – Questo quaderno è di lui / di lei. ale voastre) IL LORO. quelli. quella – pronume). dar având un anume sens de dispret şi neâncredere: “Fammi parlare un po’ a costtui!” (Lasã-mã sa-i vorbesc eu ãstuia) Colui. etc. LE NOSTRE (al nostru. ale noastre) IL VOSTRO. LA SUA. questa. “Capisci ciò che sta succedendo?” (Întelegi ceea ce se întâmplã?) PRONUMELE POSESIV are patru forme (gen + numãr). a sa. LA MIA. în functie de raportul posesor – obiect posedat. LE TUE (al tãu. ai mei. non quella.. cu referire la a IIIª persoanã: “Questi leggeva e quegli cantava.” (Acesta este un loc frumos) Quello. queste indicã persoana sau lucrul aflat în apropiere de cel ce vorbeşte: “Questo è un bel posto. costei (ãsta) . ale sale) IL NOSTRO.” (questa – adjectiv. I MIEI. LA NOSTRA. I LORO. A – la. questi.. Acestea sunt substituite de pronumele questo şi quello . (Acest caiet este al sãu. LA TUA. ai lor.” (Cel care vine este Gianni) Ciò se referã doar la lucruri şi poate avea functia de subiect sau de complement: “Ciò mi fa ripensare. LA VOSTRA. ai nştri. sã etc. de la. quella. quegli (acela) .). ai voştri. I SUOI.asta Când sunt însotite de un substantiv acestea sunt ADJECTIVE. – Questo è il mio libro (adjectiv). costì (acolo lângã). a mea.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI medesimo – acelaşi ciò . iar când sunt prezente fãrã a însoti un substantiv.” (Acesta citea şi acela cânta). sã. . I VOSTRI. quelle indicã persoana sau lucrul aflat departe de cel ce vorbeşte: “Quello era proprio un bel posto” (Acela era chiar un loc frumos) Uneori pronumele şi adjectivele demonstrative demonstrative questo. costei. coloro (aceia) şi ciò (asta) nu se vor întrebuinta ca adjective. LE SUE (al sãu. coloro indicã persoana aflatã la depãrtare şi se va întrebuinta aproape mereu cu pronumele relativ che : “ Colui che sta venendo è Gianni.. acestea sunt PRONUME: “Conosno questa ragazza. a ta. LE VOSTRE (al vostru. la (modalitatea). a lor. a voastrã. coloro se referã la persoana apropiatã.. codesto. Questi şi quegli sunt forme de masculin singular şi vor fi întrebuintate doar ca subiecte.asta questi – acesta quegli – acela medesimi – aceiaşi ciò .

ATTRAVERSO. Fate le seguente operazioni aritmetiche in italiano:: 17 + 9 UNITÀ 4 9 . eu vin de la doctor FRA (TRA) – între. attraverso la Bulgaria – mergem în Turcia.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Vado a Roma. credo di si. ca. din Brindisi PER – pentru. a visitare i monumenti – merg la Roma pentru a vizita monumentele Lui continua a scrivere – el continuã sã scrie Si scrive a mano. Questi dolci sono per te – aceste dulciuri sunt pentru tine Questo registro è per i conti delle vendite – acest registru este pentru conturile vânzãrilor Per quale strada ci si arriva – pe care stradã se ajunge? Sto proprio per partire – sunt pe punct de plecare Torna dagli Stati Uniti – se întoarce din Statele Unite Questo è un libro da leggere – aceasta este o carte care trebuie cititã Tu studi l’inglese da un anno – eu studiez engleza de un an Lui va dal medico. non a macchina – se scrie cu mâna. prin Bulgaria Ti mando il pacco per la posta – îti trimit pachetul prin intermediul poştei Mi spedisce il libro tramite suo fratello – îmi trimite cartea prin intermediul fratelui sãu EXERCITII 1. sã. nu cu maşina Abita in fondo alla via. peste Fra me e te c’è qualche differenza – între mine şi tine existã o anume diferentã Il tavolo si trova fra la porta e la finestra – masa se gãseşte între uşã şi fereastrã Mario deve arrivare fra poco – Mario trebuie sã ajungã peste putin timp Tra i miei amici c’è anche un italiano – Printre prietenii mei este şi un italian PER. cu aburi DI – de. TRAMITE – prin intermediul Sei entrato per la porta principale – ai intrat pe poarta principalã Partiamo per la Turchía. Ho voglia di ballare – vreau sã dansez Questa ragazza è del sud. – Eşti sigur cã a venit? Da. din. cred cã da. pe. Scrivi al tempo presente i verbi: PREGARE ABBRACCIARE PERMETTERE 2. pentru ca sã etc. Questa camicia è di seta – aceastã cãmaşã este din mãtase Di fronte alla casa si trova un bel giardino – în fata cãşii se gãseşte o grãdinã frumoasã Sei sicuro di essere venuto? Si. di Brindisi – Aceastã fatã este din sud. printre. a vapori – era o navã veche. sã etc. io vengo dal medico – el merge la doctor. la numãrul 5 Prendo due medicine al giorno – Iau douã medicamente pe zi Era una vecchia nave. al numero cinque – locuieşte la capãtul strãzii.

Completa il seguente brano econdo il significato con le parole: foglio.568 15.978 17. righe. firma. il destinatario il mittente il pescatore il portalettere b). lettera. indirizzo: UNITÀ 4 10 . alcune. quasi. Combina: a).591 : 71 3.253 x 27 19.073.127 x 7 1.456 – 15.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 775 – 154 45 x 32 1725 : 25 1898 – 1575 325 x 5 111 + 599 125 : 5 324 – 179 1587 + 245 174 x 7 976 : 139 172. incollo. il francobollo l’indirizzo la busta il cognome è la persona che prende pesci e frutti di mare scrive e manda la lettera porta le lettere all’indirizzo riceve la lettera il nome della via e il numero dove abiti il nome di famiglia di una persona un pezzo di carta con un’immagine una cosa dove s’introduce la lettera è 4.275 + 134.

Prin intermediul scrisorilor dãm şi cerem informatii şi arãtãm prietenia şi iubirea noastrã celor dragi. senza __________ . all’estero è abbastanza costoso. Poi continuo con ___________. Alla fine scrivo la _______________ e i saluti. Ne cere veşti de acasã. La metto in busta _______________ un francobollo e scrivo _____________ . All’inizio delle lezioni siamo felici perchè andiamo a casa 6. Questa persona mi è completamente conosciuta. Sostituisci con:  SINONIMI: Rispondo con piacere alle lettere degli amici che mi scrivono. Vado alla posta per spedire un pacco ai miei nonni. In alto. Su questa via è vietato per le auto volgere a sinistra. piena di pietre. ____________ la mia lettera è un po’ breve. Spedire una lettera. in un __________ scrivo la data. La scrivo su un____________ bianco. De acolo ne telefoneazã sau ne scrie. via aerea. Ho ___________ finito.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Scrivo una__________ . UNITÀ 4 11 . La data e la località si scrivono in basso della pagina. Quella era una strada.  CONTRARI: Davanti alla scuola c’è un piccolo cortile e una fontanella. molto pericolosa. Chiediamo a un signore dov’è la via “Stefano il Grande”. Non importa. 5. Traduci in italiano: Uneori tatãl meu pleacã în strãinãtate.

dar costã mai mult. e miezul noptii. e amiaza. Este ora 12 noaptea. – miros a far fresco – a fi rãcoare godere il fresco – a se bucura de rãcoare per caso – la întâmplare fare una telefonata – a da un telefon origini assai antiche – origini destul de vechi far festa – a sãrbãtori fanno i caprici – fac mofturi fa mille smorfie – face mii de strâmbãturi andar con la testa in sacco – a merge neatent lungo il mare – de-a lungul mãrii invitare a colazione – a invita la masã UNITÀ 4 12 .. oamenii preferã sã telefoneze decât sã scrie. Aştept jumãtate de orã. 7.. E ora 6 şi jumãtate. Cumpãr jumãtate de pâine. E mai uşor. în zilele noastre. E ora 12 ziua. Fate delle proposizioni con le seguente espressioni: ricco di – bogat în all’aperto – în aer liber la prima volta – prima datã una volta – o datã tra l’alegria della gente – în veselia multimii profumo di.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI În general.

Brava! E il secondo?.Ti ho scritto che devi scrivere più bello e più leggibile.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI mantenere una promessa – a se tine de cuvânt ad un tratto .deodatã 8.. Professore: . Padre: Figlio mio. era già imperatore! Claretta viene contenta dalla scuola: Mammina. le domanda la mamma. I figli di / dei vostri zii sono anche nostri / i nostri cugini e loro / i loro cugini. che cosa mi ha scritto sul quaderno di compiti.Signor professore. UNITÀ 4 13 . Maestra: Ditemi una parola che comincia con la lettera “l” (elle). Napoleone Bonaparte era il primo della classe? Figlio: Si. Tra compagni di scuola: . dei quali uno per la mia buona memoria.No. Sai che alla tua età.. i tuoi voti scolastici non ti fanno onore. Suo / il suo fratello è nostro / il nostro zio. Non me lo ricordo più. papà. Tuo / il tuo bisnonno è il padre di / del nostro nonno. sono insegnanti di matematica. Vostra / la vostra madre è nostra / la nostra zia.. Mio / il mio fratello è il figlio di / del nostro babbo ed il nipote di/dei nostri nonni. ma alla tua età. Mia / la mia madre è la figlia di / dei miei nonni materni e la sorella di / della tua madre. Mettete la forma giusta dell’aggetivo possessivo ai nomi di parentella di qui sotto e poi traducete: Mio / il mio padre è il figlio di / del mio nonno paterno. Pierino: Ieri. ho preso oggi due premi.Perché ti hanno messo il nome Otto? I tuoi genitori sono tedeschi? .. Scolaro: . perché non capisco.

Pierino: Come? Ieri non è stato “lunedi”? UNITÀ 4 14 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Maestra: Ma “ieri” non comincia con la lettera “l”.

 IL GENERE DEL NOME SECONDO IL CONTENUTO  IL GENERE DEL NOME SECONDO LA DESINENZA  LA FORMAZIONE DEL FEMMINILE  IL PRONOME  I PRONOMI INDIRETTI  I PRONOMI DIRETTI  I PRONOMI COMBINATI ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTI: LA MIA GRANDE FAMIGLIA LA FAMIGLIA ITALIANA VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  LA FORMA RIFLESSIVA DEI VERBI  L’INDICATIVO PRESENTE DEI VERBI RIFLESSIVI  LE PREPOSIZIONI USATE CON IL VERBO ANDARE  I VERBI SERVILI  IL NOME. TUTTI FRUTTI UNITÀ 5 1 .

La sposa ha poi un bel “bouquet” che alla fine della cerimonia lancia nel gruppo delel signorine che UNITÀ 5 2 . Il fratello del babbo è il cognato di mia madre e la sorella della mamma è la cognata di nostro padre. in appartamenti piccoli. dalla moglie. c’è una nuova legge: il capofamiglia può essere il papà o la mamma. Ho una sorella – secondogenita – ed un fratello. Soprattutto per le feste familiari come il battesimo di un bambino appena nato. in Italia. alle zie e a tanti cugini. e da uno o due figli.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI LA MIA GRANDE FAMIGLIA Io sono il primogenito dei miei genitori. e i figli vanno a scuola. Un bambino di quei tempi. si riuniscono per le feste. Per il battesimo. e le famiglie sono composte dal marito. che di solito era il nonno. le zie e tutti gli altri parenti. La madrina e il padrino di solito non sono parenti. Loro ed altri parenti vissuti tanto tempo fa. Mia madre e mio padre hanno anche loro fratelli e sorelle. I più bei regali sono quelli della madrina e del padrino. LA FAMIGLIA ITALIANA Fino a 100 anni fa. Con i giovani ed i vecchi suoi. il bambino è vestito con un bell’abito bianco. Spesso tutti e due i genitori lavorano fuori casa. che significa “piccola madre” e “piccolo padre”. Mia madre è la nuora dei miei nonni paterni ed il mio babbo è il genero dei miei nonni materni. I genitori di mia madre sono i nostri nonni materni ed i genitori di mio padre sono i nostri nonni paterni. Tanto in città. le famiglie. Ancora oggi. le famiglie erano più numerose di quelle di oggi. agli zii. Oggi la magior parte delle famiglie italiene vive in città. sono i nostri avi. in Europa e in Italia. Gli sposi sono vestiti elegantamente e a tutti piace l’abito bianco e il velo della sposa. Anche il loro nome. ai nonni. ci dice che d’ora in poi faranno parte della famiglia e della vita del bambino. In Italia. cioè i nipoti. e tutti vivevano insieme: i nonni. e le decisioni importanti devono essere prese da tutti e due. quanto in campagna c’erano case grandi che potevano ospitare tutti quanti. Gli zii miei e del mio fratellino e della mia sorellina sono fratelli del nostro babbo e della nostra mamma. ma sono persone importanti e amiche dela famiglia. I più begli avvenimenti sono le nozze. i loro figli grandi con le mogli e i figli di questi ultimi. che sono i nostri zii e le nostre zie . Tutti i parenti e gli amici gli fanno un regalo. con i nonni. le famiglie si riuniscono anche per le feste dei grandi: per i fidanzamenti e per i matrimoni. la nostra è una grande famiglia! A volte. dal 1975. I loro figli sono i nostri cari cugini e cugine. quindi viveva con tanti fratelli insieme ai genitori. Chi comandava era il capofamiglia. In Italia. i nonni ci raccontani dei loro genitori ch’erano i nostri bisnonni. gli zii.

naşã a se uni vãduvul. la suocera il testimone. la cognata colorato comandare composto. cuscru. candid capul familiei drag. a se naşte bebeluşul bunicul. come anche il battesimo. soacra. cuscra naş. la primagenita i promessi sposi regalare il regalo riunirsi riuscire lo scápolo il secondogenito. la secondagenita separarsi soprattutto la sorella la sorellastra gli sponsali sposarsi lo sposalizio lo sposo. compusã bomboana fondantã sotul. vãduva UNITÀ 5 3 . campania cald. Chi riesce a prenderlo si sposerà presto! Gli sposi regalano i confetti! Le nozze si fanno in chiesa. Ci sono poi le feste dei nonni: le nozze d’argento. cumnata colorat a comanda compus. vara a da decizia divortat. cara cattivo il celibe.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI l’accompagnano. la sposa il suocero. divorziata la donna incinta dovere elegantamente la famiglia fare la femmina la femminuccia la festa festegiare il fidanzamento il figliastro. prima nãscutã logodnicii a dãrui darul a se reuni a reuşi burlac cel de-al doilea nãscut. dopo 25 anni di matrimonio e quelle d’oro. bebeluşa sãrbãtoarea a sãrbãtori logodna fiul vitreg. finã insieme a lanciare lasciarsi il maschio il maschietto la madre la madrina la mamma la matrigna il matrimonio maritarsi nascere il neonato il nonno. cea de-a doua nãscutã a se despãrti mai ales. fiica fin. bunica bunicii din partea mamei bunicii din partea tatãlui cãsãtoria nora necãsãtoritã naşul rudele a naşte naşterea tatãl vitreg primul nãscut. la cugina dare la decisione divorziato. composta il confetto il coniuge costoso il cugino . sotia scump vãrul.” l’abito accompagnare appena nato apprezzato l’avvenimento gli avi il babbo il bambino il battesimo battezare il bisnonno la bisnonna il bouquet la campagna candido il capofamiglia caro. la nonna i nonni paterni i nonni materni le nozze la nuora la núbile il padrino i parenti partoire il parto il patrigno il primogenito. la figlia il figlioccio. il celibatario la cerimonia la chiesa il cognato. Anche qui si regalano confetti che hanno il colore o dell’argento o dell’oro! La famiglia si riunisce anche per le feste religiose. în special sora sora vitregã cãsãtoria ca ceremonie a se cãsãtori cãsãtoria ca ceremonie sotul. la testimone unirsi împreunã cu a arunca a se despãrti bãiatul bãiatul mama naşa mãmica mama vitragã cãsãtorie a se cãsãtori a naşte. divortatã femeia însãrcinatã a trebui elegant familia a face fetita fetita. sotia socrul. la figliaccia îmbrãcãmintea a acompania nou nãscut apreciat evenimentul strãmoşi tãticul copilul botezul a boteza strãbunicul strãbunica buchetul câmpia. dopo 50 anni di matrimonio. fiica vitrgã fiul. la figliastra il figlio. il Natale con i tuoi. La più importante festa religiosa per tutta la famiglia è il Natale. dragã rãu celibatarul ceremonia biserica cumnatul. C’è anche un proverbio che dice “La Pasqua con chi vuoi.

) = viata rendere (v. la vedova il velo il vestito la zitella vãlul îmbrãcãmintea fata bãtrânã PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE fino a 100 anni fa – pânã acum 100 de ani tutti quanti – (pe) toti la maggior parte – cea mai mare parte devono essere prese – trebuie sã fie luate una volta – odinioarã tanto in città quanto in campagna – atât în oraş cât şi la tarã lavorano fuori casa – au servici d’ora in poi – de acum înainte SINONIME prendere tutti (e) due appena nato = = = togliere (a lua) ambedue (amândoi) neonato (nou nãscut) l’abito = (îmbrãcãmintea) il regalo = il “bouquet” = il vestito il dono (cadoul) il mazzo (buchetul) ANTONIME spesso (deseori) prendere (a lua) allegro/lieto (încântat. a strânge. multimea. totalitatea. ansamblul dare la vita = a da viatã togliere la vita = a lua viata essere in fin di vita = a fi pe moarte vendere cara la vita = a-şi scump pielea fare la bella vita = a o duce bine fare una vita da cani = a o duce rãu a vita = pe viatã godere la vita = a se bucura de viata rendere felice/infelice/nervoso = a face fericit/nefericit/nervos la vita (subst. a reuni.) = a da. bucuros) ≠ ≠ ≠ raramente (rar) lasciare (a lãsa) triste (trist) vivere (a trãi) maschio (bãietel) ≠ sposare(si) (a se cãsãtori) ≠ morire (a muri) femmina (fetitã) ≠ divorziare (a divorta) EXPRESII CU CUVINTELE Insieme (adv.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il fratelastro il fratello il fratellino il genero i genitori fratele vitreg fratele frãtiorul ginerele pãrintii il vedovo. a reda. UNITÀ 5 4 . a alcãtui l’insieme (subst. a acumula.) = împreunã insieme a/con = împreunã cu mettere insieme = a aduna.) = grupul.

si. vi. alla mensa. alla stazione. al ristorante. Va a Andiamo in Andate in Cu numele locurilor care indicã destinatii precise Cu verbele la infinitiv Cu nume de tãri şi regiuni Cu nume de locuri deschise sau de localuri PREPOZITIILE FOLOSITE CU VERBUL ANDARE Vado a Roma. allo stadio Va a vedere uno spettacolo. Formele pronominale care precedã aceste verbe sunt: mi. VOLERE (a vrea). alla posta. si . ti. in lavanderia. alla. sunt forme atone ale pronumelui personal întrebuintate pentru diateza reflexivã. in farmacia. a Parigi Vado a casa. a face onoare rendere conto = a da socotealã rendersi conto = a-şi da seama GRAMATICÃ Verbele Reflexive indicã o actiune care se reflectã asupra persoanei care o îndeplineşte: Io mi chiamo (eu mã numesc). ci.) io mi pento tu ti penti egli / essa si pente noi ci pentiamo voi vi pentite essi / esse si pentono  LE PREPOSIZIONI USATE CON IL VERBO ANDARE De obicei verbul ANDARE se foloseşte însotit de prepozitiile urmãtoare: Vado a Cu nume de oraşe Cu numele locurilor comune Vai al. al lago. SAPERE (a şti – când este sinonim cu verbul *POTERE*). in pizzeria In se foloseşte cu toate numele feminine terminate în . in classe. in banca. in montagna. in piscina..  I VERBI SERVILI (VERBI AUSILIARI DI MODALITÀ) VERBELE MODALE UNITÀ 5 5 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI a restitui. in Piemonte Andate in campagna. Sogliamo passeggiare. a scuola.. al bar. comune) Anumite verbe ca DOVERE (a trebui). al centro.allo. in albergo. in chiesa. Si este pronume reflexiv. a far la spesa Andiamo in Inghilterra. a da randament rendere omaggio/onore = a aduce omagiu. POTERE (a putea).  LA FORMA RIFLESSIVA DEI VERBI FORMA REFLEXIVÃ A VERBELOR vi . Dovete partire. ti. mi. in città.eria Vanno dal ragazzo. a letto Vado al mare. in pasticceria. Tu ti prepari (Tu te pregãteşti). Aceste verbe au trei caracteristici de bazã: 1. nu cer prepozitie: Voglio cantare. in ospedale. da Maria Vanno da Cu nume de persoane (propri. in biblioteca. ci. al cinema.  L’INDICATIVO PRESENTE DEI VERBI RIFLESSIVI LAVARSI (a se spãla) Io mi lavo Tu ti lavi Egli / essa si lava Noi ci laviamo Voi vi lavate Essi / Esse si lavano DIFENDERSI (a INDICATIVUL PREZENT AL VERBELOR REFLEXIVE se apãra) io mi difendo tu ti difendi egli / essa si difende noi ci difendiamo voi vi difendete essi / esse si difendono PENTIRSI ( a se cãi + Ac. a teatro. SOLERE (a obişnui) se folosesc cu verbele la infinitiv.

la pera. Exceptie: il Piemonte. il ribes (coacãz). la mosca. la imperfect. la zanzara. la chimica. Numele ştiintelor: la fisica. Exceptie: numele de profesiuni de gen masculin întrebuintate la feminin: il soprano Maria Meneghini Callas. Exceptie: il Càiro. Hai potuto scrivere. la pesca. Exceptie: il fico (smochinul). Mi son dovuto comprare una casa. 5. 3. il ragazzo. l’albicocca. Exceptie: le Alpi. la Sicilia. Abbiamo voluto comprare la macchina. la palma (palmierul).  Sunt de gen feminin: 1. il pero. care aceleaşi forme pentru arbori cât şi pentru fructe. la passato remoto şi la gerunziu. Numele de oraşe şi insule: la Firenze. l’America. 2. la tigre. il limone (lãmâi). 6. (Am ştiut sã merg pe drumul bun). SUBSTANTIVUL GENUL SUBSTANTIVELOR DUPÃ CONTINUT UNITÀ 5 6 . Poate fi conjugat la prezent. il serpente maschio. la mela. 4. il Canada. la Liguria. Numele care indicã fiinte masculine: Mario. 3. 7. INDICATIVUL PREZENT AL VERBULUI SOLERE (a obişnui) Io soglio Tu suoli Noi sogliamo Voi solete Egli suole Essa suole Essi sogliono Esse sogliono Verbul SOLERE (a obişnui) este defectiv. 5. il pesco (piersic). la quercia (stejarul). l’arancio. il Vesuvio. Câteva nume de plante: la vite (vita de vie). Mi sono saputo sistemare. Numele tãrilor şi continentelor: La Romania. Aprope toate numele de arbori sunt de genul masculin. il Portogallo. la Transilvania. ESSERE CAPACE (a fi capabil): Ho saputo prendere la strada giusta. la Bucarest. la Senna. l’ananasso.  Sunt de genul masculin: 1. Giuliano. Numele care indicã fiinte feminine: Rosa. il Como. l’Europa. Numele de râuri: il Po.  IL NOME (IL SOSTANTIVO)  IL GENERE DEL NOME SECONDO IL CONTENUTO În limba italianã sunt douã genuri: genul masculin (il genere maschile) şi genul feminin (il genere femminile). la Francia. 4. il Danubio. i Pirinéi. l’albicocco (cais). acesta poate fi pus la oricare dintre verbe: Ti devo raccontare la storia. il serpente femmina. (Am ştiut sã mã aranjez). la medicina. il Vèneto.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 2.  Sunt de gen PROMISCUO (AMBIGEN):  câteva nume de animale care au doar o singurã formã pentru ambele genuri: il leopardo. Numele fructelor: la noce. la matematica. il Madagascar. la Valachia. Ci siamo voluto comprare la macchina. il Brasile. il lampone (zmeura). la Corsica. 2. La timpurile compuse acestea sunt conjugate cu auxiliarul cerut de cel de-al doilea verb (de infinitiv): Ho dovuto comprare una casa. la ciliegia. gli Appennini. În rest verbul SAPERE este un verb independent: Ho saputo fare/risolvere questo problema. il Belgio. Când se doreşte specificarea genului acestor nume se va spune: il leopardo maschio. Exceptie: la Marna. il leopardo femmina. Numele lunilor şi zilelor: il marzo. 3. Devo raccontarti la storia. il melo. Non sei potuto venire. il giovedi. le Dolomiti. la fanciulla (copila). Exceptie: la domenica. la Dora. Exceptie: il Giappone. il ciliegio (cireş). il gatto. l’Italia. Numele pomilor fructiferi: il noce. Numele regiunilor: la Toscana. Numele de mãri. lacuri. il Banato. NOTA : Verbul SAPERE (a şti) este modal doar când a sensul de POTERE (a putea). l’Asia. i Carpazi. munti: il Mediterràneo. l’arancia. la gatta. când sunt acompaniate de pronumele personal aton.

la casa. 7. il mare. . la porta. omissione. la madre. ragione. şoferita). il poeta. Uneori câteva dintre aceste nume îşi schimbã articolul şi odatã cu acesta îşi schimbã şi semnificatia: il vaglia (mandatul poştal) – la vaglia (bravura. etc. – o. l’artista (artistul. segnale. sfacciataggine (obrãznicie). il nipote. l’enigma. questione. la novità. regione. il lapis. Exceptie: numele provenite din adjective: la morale. il caffè. l’autista. . il nonnulla (fleacul). SUFIXE SPECIFICE PENTRU GENUL SUBSTANTIVELOR . 4. il tempo.  IL GENERE DEL NOME SECONDO LA DESINENZA GENUL SUBSTANTIVELOR DUPÃ DESINENTÃ 1. il martedì. dolore. il caucciù). . sudore . l’atleta. il boia (cãlãul). Când aceste nume definesc persoane feminine.one : filone. – i sunt masculine sau feminine: il dolore. artista). Exceptie: il rione (sector al oraşului). stivale (cizmã). Substantivele terminate în – ista. Numele care se terminã în – e.ione : azione. Numele care se terminã la singular în – a sunt de genul feminin: la donna. l’omicida (ucigaşul). l’arte. la tribù. când sunt substantive concrete (il bambù. il bastione. lo scoiàttolo (veverita). il problema. il gesuita (iezuitul). olandeza) etc. valore. il càmion. la pianista. il turista. tribunale etc. . Enea. Aceeaşi regulã este valabilã şi pentru cuvintele tronche terminate în – a. Câteva substantive terminate în – a sunt sunt de genul masculin: il collega. calore. la spirale UNITÀ 5 7 . 3.ule : grembiule (şortul). il pianista. il patricida (patricidul). la cambiale (polita). il brìndisi (toastul). Numele care se terminã în – e sunt fie masculine. valoarea) 5. la carne. Numele care se terminã în – ù (cuvintele tronche) sunt feminine sunt substantive abstracte sau colective (la virtù. MASCULIN: 2. fiore. la capitale. la tesi. il pilota. – ma. la crisi. Exceptie: numele de origine greacã care se terminã în – a. l’autista (şoferul. l’auto (maşina). il patrirca.ile : campanile (clopotnita). l’anàlisi. – i : il podestà (şef de justitie). il latte. Numele care se terminã în consoanã sunt de genul masculin: il tram. l’olandese (olandezul. mattone (cãrãmida). la foto (fotografia). fucile (puşca). il vaglia (mandatul poştal).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Anumite substantive au aceeaşi formã pentru ambele genuri distinctia fãcându-se prin articol: il nipote – la nipote. uil telegramma. il poema. la bontà.ale : animale. la madre.aggine : stupidaggine.ore : ardore. la gioventù) şi masculine. la biro. l’àutobus. il papa. ospedale. Exceptie: la canzone. . il peana (imn antic din rãzboi). Existã nume propri masculine care se terminã în – a : Nicòla. cortile (curtea). Andrea. riunione etc. l’inglese (englezul. cuore. – e. timore. il timore (teama). la scuola. – ta : il programma. Exceptie: la mano (mâna). la dinamo (dinamul). il sistema.iggine : vertiggine (ametealã). la moto (motocicleta). il farmacista. locale. lo sport. pugnale (pumnal). 6. colore. la nipote. la eco. onore. – cida sunt întotdeauna de genul masculin: l’artista. l’uopmo. il filobus. la radio. il film. l’àlbero. il duca. 8. fie feminine: il padre. FEMININ: . lezione. fannullone (pierde-varã). il falò (foc de tabãrã). Numele care la singular se terminã în – o sunt de genul masculin: il quadro. il monarca. 2. opinione. genul se schimbã în mod corespunzãtor prin articol: la farmacista. englezoaica). il teorema. maiale. SUFFISSI SPECIFICI PER IL GENERE DEL NOME 1. il cantante (cântãretul) – la cantante (cântãreata).

il bue – la mucca (de lapte) / la vacca (de carne). formeazã femininul cu sufixul – UNITÀ 5 8 . genul: il baleno (filgerul) il fóldero (teaca) il mento (bãrbia) il costo (costul) il pianto (plânsul) il mánico (mânerul. il duca – la duchessa. il professore – la professoressa. il signore – la signora. Carlo – Carla. NOMI CON SIGNIFICATO DIVERSO AL MASCHILE E FEMMINILE SUBSTANTIVE CU SEMNIFICATIE DIFERITÃ LA MASCULIN ŞI LA FEMININ il capitale (capitalul) il tema (tema) il fine (scopul) il vaglia (mandatul poştal) il fronte (frontul) la capitale (capitala) la tema (teama) la fine (finalul) la vaglia (bravura) la fronte (fruntea) il boa (şarpele) il moto (mişcarea) il radio (radiumul) il camerata (camaradul) il pianeta (planeta) la boa (geamandura) la moto (motocicleta) la radio (radioul) la camerata (dormitorul comun) la pianeta (patrafirul) Alte substantive schimbã. il padre – la madre. 2. il padrone – la padrona.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI . Anumite substantive masculine care se terminã la masculin în – a. – i formeazã femininul  LA FORMAZIONE DEL FEMMINILE FORMAREA FEMININULUI în – a : il ragazzo – la ragazza.uggine : ruggine. il marito – la moglie. l’avvocato – l’avvocatessa. lo zio – la zia. – e. l’elefante – l’elefantessa. lo scolaro – la scolara. il bambino – la bambina. – o . 4. il principe –a la principessa. formate cu ajutorul sufixului – tore . ca în limba românã. Unele substantive comune sau propri. formeazã femininul cu sufixul – essa : il poeta – la poetessa. forme lexicale total diferite pentru cele douã genuri: l’uomo – la donna. 3. il porco (viu) / il maiale (sacrificat) – la scroffa (scroafa). lo studente – la studentessa. il padrino – la madrina. Unele substantive au. Giovanni – Giovanna. il babbo – la mamma. dantela) la scala (scara) la foglia (frunza) la mostra (expozitia) la banca (banca de investitie) la moda (moda) la fila (şirul. il dottore l la dottoressa. coada) la razza (rasa) la pizza (plãcinta) Distinctia între genuri poate fi fãcutã în douã moduri: adoptând cuvinte diferite pentru oricare dintre cele douã fiinte de sex opus. care se terminã la masculin în – o. Anumite subsantive masculine. il genero – la nuora. În acelaşi mod se formeazã femininul numelor de animale: il leone – la leonessa. il maschio – la femmina. sau creând cuvinte noi prin adãugarea de sufixe la substantivele masculine: 1. odatã cu vocala finalã. teaca) il mazzo (buchetul) il colpo (lovitura) il collo (gâtul) la balena (balena) la fóldera (cãptuşeala) la menta (menta) la costa (coasta) la pianta (planta) la manica (mâneca) la mazza (mãciuca) la colpa (vina) la colla (cleiul) lo scalo (escala) il foglio (foaia) il mostro (monstrul) il banco (banca) il modo (modul) il filo (firul) il razzo (racheta) il pizzo (ciocul. – e. il medico – la medichessa.

il gallo – la gallina. LE CI + LO. – Mi dà il libro. GLIELE GLIELO. te – ti. CE LE MI-L. possessore formeazã femininul difenditrice.) Dà a voi il libro. VI-O. ME LA. GLIELA. LA.)? (COMPLEMENTI)  I PRONOMI DIRETTI PRONUMELE DIRECTE sunt pronumele personale cu functia de complement direct exprimate prin formele PRONUMELE COMPLEMENTE DIRECTE atone în ACUZATIV: me – mi. – e sau în consoanã formeazã femininul în – ina : l’eroe – l’eroina. şi toate cele terminate în – ista sau – cida nu se schimbã la feminin: il patriota – la patriota. LI. 7. LE ME LO. LA.) Dà a te il libro. 5. TI LE I-L. (Vã dã cartea. CE LI.) Dà a loro il libro. CE LA. moştenitoarea). Putine substantive masculine care se terminã în – o. LI. Substantivele masculine terminate în – e rãmân neschimbate la feminnin: il cantante – la cantante. (Îti dã cartea. il direttore – la direttrice. 6. I-O. LI. il matricida – la matricida.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI trice : lo scrittore – la scrittrice. I-I. VI LE NI-L. LI. LE TI + LO.) Complementul indirect rãspunde la întrebarea A chi do (offro. il re – la regina. l’érede (moştenitorul. supraveghetorul). LA. noi – ci. lei – la.) Dà a lei il libro. LI. esse – le : Mario vede me – mi vede // vede te – ti vede // vede lui – lo vede // vede lei – la vede // vede noi – ci vede // vede voi – vi vede // vede essi – li vede // vede esse – le vede. Anumite substantive masculine care se termiã în – a . GLIELE GLIELO. il cliente – la cliente. a noi – ci. (Ne dã cartea. (Le dã cartea. voi – vi. NI-O. a voi – vi. – Gli dà il libro. a lei – le. – Vi dà il libro. + VB MI + LO. (Le dã cartea. il turista – la turista. posseditrice. l’autore – l’autrice. – Le dà il libro. NI LE COMBINATE (CI + CD)  I PRONOMI COMBINATI (ACCOPIATI) PRONUMELE UNITÀ 5 9 . GLIELI. LA. (Mario mã vede // te vede // îl vede // o vede // ne vede // vã vede // îi vede // le vede) PRONUMELE COMBINATE rezultã din combinatia formelor atone ale PRONUMELOR DIRECTE (în ACUZATIV) cu cele ale PRONUMELOR INDIRECTE (în DATIV) în forma: DATIV + ACUZATIV + VERB = C.I. – Ti dà il libro. LA. TE LI. a te – ti. – Ci dà il libro. il belga – la belga.) PRONUMELE COMPLEMENTE INDIRECTE atone în DATIV: a me – mi.) Dà a lui il libro. l’autista – l’autista. MI-I. I LE VI-L. il collega – la collega. LE GLI + LO. (COMPLEMENTI)  I PRONOMI INDIRETTI PRONUMELE INDIRECTE sunt pronumele personale cu functia de complement indirect exprimate prin formele Dà a noi il libro. I LE I-L. I-I.) Dà a loro il libro. TI-O. TI-I. – Dà loro il libro. NI-I. parlo etc. il pittore – la pittrice. GLIELE CE LO. TE LE GLIELO. GLIELI. GLIELI. Genul acestor substantive este notat prin articol sau este dedus din context: L’autista è molto bravo/brava. (Îmi dã cartea. GLIELA. lo scultore – la scultrice. I-O. GLIELA. Substantivele ca difensore. lui – lo. ME LE TE LO. (Îi dã cartea.D. MI-O. a loro – loro : Dà a me il libro. ME LI. lo zar – la zarina. essi – li. il custode – la custode (paznicul. + C. LE LE + LO. – Dà loro il libro. VI-I. l’imperatore – l’imperatrice. LI. MI LE TI-L. a lui – gli. LA. LE LE + LO. (Îi dã cartea. TE LA.

ci. LI. vita. GLIELA. LE . care v-a fost scris. ospitare. VI-I. O. a ne-o face. eccoLa. Fai delle frase con i seguenti gruppi di parole: moglie. essere 2.. VI-O. Trova la parola che non centra con le altre: riuscito ricco rosso lungo EXERCITII un matrimonio può esserepovero un capofamiglia può essere distratto severo attento cattivo buono chilometrico il velo della sposa può essere colorato bello bianco candido caro il regalo può essere utile costoso apprezzato UNITÀ 5 10 . famiglia. LE LORO + LO. VI LE ÎI. abito. eccola. II. libri.. LI. eccoti. prezioso. Pentru plural loro sau Loro va rãmâne invariabil. me li da.. lo capisco. battesimo.LO se foloseşte şi în expresiile impersonale. VI LE Ca şi în limba românã. cioccolatini. essere. te.LOR VI-L. vorbindu-i despre acesta. VE LA. figli. formele atone în dativ. nozze. LE LORO + LO.. LA. eccoci. LA.Mario me lo da. VE LE LO. bello. scrittovi. înteleg. formare regalare. nu trebuie sã faci acest lucru. dar topica va fi schimbatã: Da loro il quaderno – Lo do loro (Le dau lor caietul – Li-l dau lor). insieme. LA. matrimonio oro. le riviste. bianco importante. velo. cum ar fi: Lo so. farcela. eccoli. metallo.. 1.. eccovi. VI-O.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI VI + LO.. me le da. în modul urmãtor: eccomi. Scrivo questa lettera – La scrivo Loro (Vã scriu Dumneavoastrã aceastã scrisoare – V-o scriu).. LE. LA. vacanza sposa. eccole.. la rivista. mi. Formele pronominale enclitice (în acuzativ) se unesc şi cu cuvântul ecco (iatã) . non lo devi fare = Ştiu. VE LI. ti.. vestire. marito. LI. Atunci când acestea se combinã cu pronumele directe. ce. LI. parlandogliene = dându-mi-o. GLIELI. participiu) aceste forme pronominale se gãsesc în pozitie encliticã: Dandomelo. ve PRONUMELE INDIRECT de persoana a IIIª plural are aceleaşi forme pentru masculin şi feminin când este combinat cu PRONUMELE DIRECT: GLIELO – Mario mi da il libro. eccoLe. Atunci când acompaniazã verbe la moduri nepredicative (infinitiv. caro. eccolo. LE VE LO.. VI-I. fiori. me la da. avvenimento.. complementul indirect precede complementul direct. vi devin me.. argento. gerunziu. persone. PRONUMELE ATON MASCULIN în ACUZATIV .LORO GLIELO. GLIELE VI-L.

Contrari lavora fuori casa togliere la vita dare la vita la femmina il maschio il padrino la madrina lavora in casa insieme raramente spesso separatamente pigro Familia este un lucru important. Traduci in italiano: morto vivente ambedue appena nato dono l’abito b). mai ales trandafiri albi. Dimineata mã trezesc la ora şapte. mã pieptãn. pentru cã îmi place sã gãtesc. apoi mã duc la culcare. sã se iubeascã şi sã se ajute între ei. 5. apoi mã odihnesc. Seara iau cina. vãl de dantelã şi un frumos buchet de flori. Traducete in italiano: Eu mã numesc Maria. Uneori visez cã studiez la o universitate din Italia. Sunt studentã şi locuiesc în România. mã îmbrac. Sinonimi tutti e due defunto vivo il regalo il vestito il neonato 4. Deseori bunicii trãiesc separat de copii şi nepoti. Îmi iau o carte sã citesc pânã mi se face somn şi adorm. mã scol. Învãt câteva ore. dacã este un program plãcut. îmi iau micul dejun şi apoi plec la cursuri şi la bibliotecã. mã spãl. UNITÀ 5 11 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI elegante 3. mã intereseazã sã aflu ştirile din tarã şi din strãinãtate. citesc. Combina: a). În fiecare zi mã pregãtesc pentru seminarii. Odatã familiile erau mai numeroase. Îmi pregãtesc singurã de mâncare. mã duc la baie. Toate fetele vor sã fie mirese cu rochie lungã. Acum sunt mai mici. Membrii ei trebuie sã fie uniti. mã uit la televizor. scriu. repet verbe la limba italianã. la Iaşi.

il sud sud (od il meridione...... Cumnata lor este nora mamei mele. Cum se numeşte bunica ei? Dar strãbunicul ei? 7. un atleta. La virtù della gioventù e la bontà. il ponente. Non mi piace vedere il boia. Traducete in romeno sostituendo i puntini con le forme dell’indicativo presente che corrispondono ai verbi: Non si . Unchiul meu şi mãtuşa ta sunt frati..... I punti cardinali sono: il nord (od il settentrione). Traducete in romeno: Andiamo a vedere un dramma. Suo padre fa l’autista su un camion. C’erano anche gli allievi del liceo dei gesuiti. Se non prendiamo il filobus o l’autobus.. E’ per questo che si tratta della felicità...... tira il venti dall’occidente – o dal ponente.. il mezzogiorno)...... (andare a letto) prima di finire i compiti... l’est( o l’oriente) e l’ovest (o l’occidente)... UNITÀ 5 12 ... Pãrintii nostri sunt cumnati pãrintilor tãi... Traducete in italiano: Vãrul meu şi sora ta sunt rudele noastre. il duca ed il patricida. Nel programma della TV c’è una magnifica serata! L’Enigma del romanzo è il patricida... 8..... Preferisco i film con un pilota...CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 6... (mangiare) e non si .... Surioara ta este verişoara frãtiorului lui...... dove l’artista è vivo e nessuno viene punito per fatti cattivi.... C’erano insieme il papa . Bunica mea este mãtuşa ta. prendiamo il tram o la metropolitana.. Il podesta ha qualche novità.... Tatãl nostru este cumnatul mamei tale. che si usano in delle espressioni come: tira il vento dall’oriente o dal levante.. L’Est si chiama anche il levante e l’ovest ... Lunedì sarà un fato nel bosco.....

..... Era o femeie rea ca o şerpoaicã.. ei îi place ananasul...... ci stejarul......... Aud ecoul vocii tale şi simt bucuria ta....... Nepotul lui Giorgio este un şofer bun.. Profesoara o ascultã pe studentã.......... 10... Îmi plac merele şi perele.. Ti ..... (consigliare) di non fare sbagli quando ... UNITÀ 5 13 .. Mãrul şi pãrul sunt pomi fructiferi foarte des întâlniti... Istoria şi filosofia sunt ştiinte umanistice..... Stiamo imparando molto perchè ... Mergem cu maşina sau cu motocicleta? Dobrogea este o regiune a vitei de vie.... Am fotografia ei şi o pãstrez cu plãcere. Şi sora lui este o şoferitã bunã.. (prepararsi) per gli esami.... Şarpele este pretios pentru pielea lui..... Traducete in italiano: Naşa lui este avocatã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Ci ............... Trducete in italiano: Martea viitoare mergem la teatru.... Cântãreata cea mai bunã este mezzosoprana........ 9......... (scrivere) e .. Marea Neagrã este cunoscutã din antichitate...... (volere) ottenere degli ottimi risultati........ (leggere). Matematica şi fizica sunt ştiinte exacte... Îti plac cireşele sau caisele? Ei nu-i plac piersicile şi smochinele. În tara noastrã nu creşte palmierul..

. Offro a Lei questo mazzo di fiori. Paznicul supravegheazã leii şi leoaicele.. Mario dà loro il libro... Voglio ringraziare a te per la bella sorpresa..... Spiegate a lui questa storia. rate.. rãtoi. Sostituite i nomi ed i pronomi diretti + indiretti di qui sotto con le forme pronominali accopiate... Sostituite i pronomi diretti ed indiretti del testo di qui sotto con i pronomi accopiati secondo il modello: Mario dà a me la mela. la rivista. Mario le dà il libro..... elefantii şi elefantitele.. la rivista.. la rivista. Eroina filmului este o artistã foarte bunã. Educatoarea merge cu copiii la teatru... Mario gli dà il libro. Mario me la da....... În curte se aflã multe pãsãri: gãini. Mario ci dà il libro. secondo il modello: Mario mi dà il libro....CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Mergem la doctor şi la doctoritã.. UNITÀ 5 14 . la rivista...... Mario ti dà il libro.. la rivista... ma la dà. la rivista... Mario me lo. Mario vi dà il libro. la rivista.... gâşte şi gâscani... 12. Cãteluşa mea se numeşte Jessy.... Regele şi regina Rusiei se numeau tar şi tarinã.. cocoşi. 11. I ragazzi danno a noi il denaro. Dovete dare ai bambini i dolci..

quella accanto! .Quella è mia sorella!!! " Jenny.Eh ehm. vive di menzogne private.. (Jean Josipovici) Una minoranza ragionevole resterà sempre minoranza.Lei non trova che questa festa sia noiosissima? Poi gli invitati.. non lo so. se ce l'ha il tenente Dan o. (Dino Basili) Ad una grande festa un invitato si avvicina ad un uomo senza sapere che è il padrone di casa e gli fa: . se abbiamo ognuno il suo destino. sono tutti brutti. (Roberto Gervaso) Il prepotente meno sopportabile è quello che pretende anche l'applauso. forse le due cose capitano allo stesso momento "(Forest Gump) UNITÀ 5 15 ...CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Lei ti parla spesso di questo. puo' darsi le due cose. non lo so se mamma aveva ragione. Chi si accontenta di pubbliche verità.. ma io credo. ma non quella.. guardi per esempio quella signora seduta là in fondo! . se... o se siamo tutti trasportati in giro per caso come da una brezza.Quella è mia moglie!!! .

VI ESERCIZI UNITÀ 6 1 .  LA FORMAZIONE DEL PLURALE DEI NOMI     NOMI COMPOSTI.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: I MEZZI DI TRASPORTO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL NOME. IL PLURALE DEI NOMI COMPOSTI NOMI SOVVRABBONDANTI NOMI A DUE FORME DI SINGOLARE E DUE DI PLURALE NOMI A DUE FORME DI SINGOLARE ED UNA DI PLURALE. NOMI DIFETTIVI  LE PARTICELE CI.

a reazione. per il trasporto sull’acqua – fluviale. o la barca a vela. lacustre. ecc. o l’aeroplano. Il trasporto sul filo si fa in montagna. I treni sono di merci e di viaggiatori. in una città. la carrozza. arrivando in qualsiasi parte del mondo in solo un paio d’ore. il carro funebre e le machine della polizia. anche con il funicolare o la funivia. L’aèreo (l’aereomòbile. I mezzi di trasporto extraurbani sono: l’autocarro. ci sono le fermate. Ma la nave nei nostri tempi può essere anche spaziale. al traghetto ed alla nave cpmmerciale o di crociera. il diretto e l’accelerato. e naturalmente le auto normali. dalla barca (semplice. Le auto sono parcheggiate nei parcheggi (posti aperti. il tram ed adesso la metropolitana sono molto comode perchè assicurano i servizi ideali ed a lunga distanza. dei carabinieri e dei vigili del fuoco nei casi speciali d’emergenza. in occasione delle gare sportive. Oggi con le linee aeree si può andare nei posti più lontani. il pullman. UNITÀ 6 2 . la motocicletta) e gli automezzi: l’automobile (o l’autovettura). per spegnere incendi. Ci sono anche le piccole imbarcazioni leggere a remi condotte da singoli atleti o da equiapggi. mentre invece per il treno e per la metropolitana. opportunamente previsti) o nelle autorimesse (a casa. L’autoambulanza si usa per il primo soccorso. per trovare ladri o malfattori. ad esempio). Il treno è un veicolo ferroviario trainato dalla locomotiva. il tram. a elica. la bicicletta. circolando nello spazio extraterrestre. oceanico – ci sono le imbarcazioni di diversi tipi e modelli.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI I MEZZI DI TRASPORTO Il traffico è il movimento dei veicoli per persone e merci in un paese. è di diversi tipi: civile. l’autobus. al battello. Nelle grandi città. Per l’autobus. di turismo e militare. per salvare vite umane. od a motore – il motoscafo). il filobus. il taxi. come canòa. al panfilo (yacht). marino. alla fregata. le stazioni. il filobus. Il Traffico rappresenta tutti i mezzi meccanici ed eletrici di trasporto usati per lo spostamento nella stessa località o fuori. Questi ultimi sono – secondo la loro velocità: il rapido. il pulmino. o supersonico. I mezzi di trasporto urbano sono i veicoli: i mezzi (il carretto. o l’idrovolante). il direttissimo. Insomma. Per le lunghe distanze percorse in pocco tempo ultimamente si usano i treni speciali “intercity”.

. l’accelerato l’aereo l’aereo a elica l’aereo a reazione l’aeroplano adesso aperto. lunga la macchina la macchina dei carabinieri la macchina della polizia la macchina dei vigili del fuoco il malfattore marino mecanico. maşina funerarã trãsurã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Anche la scialuppa di salvaggio è prevista per i casi di primo soccorso. inesauribile. deschisã argumentul a ajunge a asigura atletul ambulanta autobuzul autocarul autovehicul automobil g ar aj automobil barca barca cu pânzã vaporaş bicicleta canoe cãrucior. condotta condurre la crociera dimostrare il direttissimo il diretto la distanza l’elica l’emergenza l’equipaggio extraurbane la fauna la fermata ferroviario tren personal avion avion cu elice avion cu reactie aeroplan acum deschis. lontana lungo. L’argomento è molto ricco. potrivit iahtul a parca parcarea plimbarea a parcurge prcurs pescuitul locul prevãzut. mecanica mentre la merce la metropolitana il mezzo militare il modello la montagna il movimento la motocicletta il motore il motoscafo la nave la nave commerciale la nave di crociera la nave spaziale la nave a velo naturalmente oggi oceanico l’ocèano opportunamente il panfilo parcheggiare il parcheggio la passeggita percorrere percorso. per riprendere le nostre forze. andiamo un po’ a fare una passeggiata. faeton dric. prevista il primo soccorso il pullman il pulmino rappresentare departe lung. vagon vagon de dormit jandarm cazul circular civil condus. aperta l’argomento arrivare assicurare l’atleta l’autoambulanza l’autobus l’autocarro l’automezzo l’automobile l’autorimessa l’autovettura la barca la barca a vela il battello la bicicletta il canòa il caretto il carro funebre la carozza la carozza a letti il carabiniere il caso circolare civile condotto.. come lo dimostra il suo nome. Il sommergibile od il sottomarino che. lungã maşina maşina jandarmeriei maşina politiei maşina de pompieri focul rãufãcãtorul marin mecanic. va complettamente immerso nell’acqua. mecanicã în timp ce marfa metroul mijlocul militar modelul muntele mişcarea motocicleta motorul barca cu motor nava nava comercialã nava de croazierã nava spatialã nava cu pânze în mod natural astãzi oceanic oceanul în mod adecvat. condusã a conduce croaziera a demonstra tren expres tren accelerat distanta elicea urgenta echipajul extraurban fauna statia feroviar lontano. si usa per la pesca subàcquea. echipaj. prevãzutã primul ajutor autocarul microbuzul a reprezenta UNITÀ 6 3 . I sommergibili sono anche militari. o per la ricerca della flora e fauna dei mari e degli ocèani. ma ora.a piedi. percorsa la pesca il posto previsto.

immersa l’incendio inesauribile insomma la lacustra il ladro leggero. îmbarcare a cufunda.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il filobus la flora la forza la fregata il funicolare la funivia fuori la gara le gare sportive l’idrovolante l’imbarcazione immergere immerso. afundat(ã) incendiul inepuizabil în sfârşit. în concluzie lacustra hotul uşor. a scufunda cufundat(ã). a afunda. trasã tramvaiul trenul trenul de marfã a gãsi vehicolul pompierul BINE PENTRU A ÎNTELEGE MAI riprendere le proprie forze – a–şi reface fortele un paio d’ore – câteva ore essere previsto – a fi prevãzut SINONIME l’automobile la barca a vela condurre dimostrare la distanza l’emergenza la forza la gara l’idrovolante imergere inesauribile leggero = = = = = = = = = = = = l’autovettura (automobilul) veliera (barca cu pânze) guidare (a conduce) provare (a demonstra) la lontananza (distantã) l’urgenza ( urgentã) il vigore. mutarea statia subacvatic taxiul bacul a trage. scufundat(ã). uşoarã li n i a localitatea locomotiva la ricerca riprendere rubare salvare semplice il servizio il soccorso il sommergibile il sottomarino spaziale lo spazio extraterrestre spegnere lo spostamento la stazione subacquea il taxi il traghetto trainare trainato il tram il treno il treno di merce trovare il veicolo il vigile del fuoco cercetarea a relua a fura a salva simplu serviciul ajutorul submarin submarin spatial spatiul extraterestru a stinge deplasarea. la robustezza (fortã) la concorrenza (întrecere) l’idroaéreo (hidroavion) affondare (a afunda) inesàusto (inepuizabil) lieve (uşor) lontano lungo la macchina il malfattore la metropolitana la mottocicleta la nave percorrere rappresentare ricerca il sommergibile soccorso = = = = = = = = = = = = distante (departe) vasto (lung) l’auto (maşina) il malvivente (rãufãcãtor) il metrò (metroul) la moto (motocicleta) il piróscaffo (nava) scorrere (a parcurge) raffigurare (a reprezenta) indagine (cercetare) il sottomarino (submarinul) aiuto (ajutor) UNITÀ 6 4 . teleferic teleferic afarã întrecerea întrecere sportivã hidroavion ambarcatie. leggera la linea la località la locomotiva troleul flora forta fregata funicular. a tracta tras.

4. Nu se mai schimbã la plural nici substantivele nume de familie: Il Medici – I Medici. la gru – le gru. a nu avea dreptate a redobândi a–şi reveni în mijlocul mijloc de comunicare mijloc de transport prin intermediul mezzaluna mezzanotte mezzogiorno semilunã miazãnoapte. c). LA FORMAZIONE DEL PLURALE DEI NOMI 1. Substantivele masculine terminate în – a fac pluralul în – i : il poeta – i poeti. il vaglia – i vaglia. amiazã GRAMATICÃ  IL NOME. la bontà – le bontà. sud. la moglie – le mogli. Substantivele feminine terminate în – ie : la serie – le serie. sette. Unele substantive feminine terminate în – o : la foto – le foto. 3. a se ocupa cu grijã/cu interes a avea nevoie a îndrãgi pe cineva a purta picã. 2. a primi avere a che fare a avea de–a face avere a cuore avere a grado qualcuno o qualcosa avere a grato qualcuno avere a mente avere a petto avere bisogno avere caro qualcuno averla con uno avere da dire avere da fare avere fame. nu se schimbã la plural: il tè – i tè. b). caldo. a avea rãu de a–i fi greatã a pretui putin a–i fi milã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI CUVINTELE AVERE – a avea. jumãtate in mezzo a mezzo di communicazione mezzo di trasporto per mezzo di a avea la inimã a–i plãcea / a agrea pe cineva /ceva a–i plãcea / a agrea pe cineva a tine minte a avea la inimã. De asemenea nu se schimbã la plural: a). cald. paura aver ragione avere torto riavere riaversi a–i fi frig. prânz. il film – i film. somn EXPRESII CU avere freddo. la moto – le moto. fricã a avea dreptate a greşi. sonno MEZZO – mijloc. a durea. sete. la tesi – le tesi. fresco avere fretta avere in animo. la specie – le specie. rãcoare a se grãbi a avea în gând a–i fi rãu. nord miazãzi. Substantivele monosilabice şi polisilabice terminate la singular în vocalã accentuatã. in idea aver male aver nausea avere per pocco avere pietà. Substantivele feminine terminate în – a fac pluralul în – e : la ragazza – le ragazze. în – i sau în consoanã. a avea ceva cu cineva a avea ceva de spus a avea treabã a–i fi foame. Exceptie: la superficie – le superficie. a poseda. a obtine. il poema – i poemi. Substantivele masculine terminate în – a : il boia – i boia. la donna – le FORMAREA PLURALULUI SUBSTANTIVELOR UNITÀ 6 5 .

b. Exceptie : il belga – i belgi. 1. il sopracciglio – le sopracciglia (sprânceana). il contrabbando – i contrabbandi (contrabanda).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI donne. – gie : la farmacia – le farmacie. la pioggia – le piogge. – ga fac pluralul în – che. – gi : il sindaco – i sindaci. 8. Substantivele masculine care se terminã în – io – cu i accentuatã – fac pluralul în doppia i (i dublã): lo zio – gli zii. Exceptie: lo stomaco – gli stomaci. Pluralul lor se formeazã în mod diferit. il sottoscala – i sottoscala (spatiul de sub scarã). 5. il parocco – i parocci. – ga fac pluralul în – chi. Substantivele masculine terminate în – co. il cacciavite –i cacciavite (şurubelnitã). – gia cu i accentuatã sau cu terminatia precedatã de vocalã fac pluralul în – cie. la pronuncia – le pronunce. il teologo – i teologi. UNITÀ 6 6 . il passatempo – i passatempi (distractia). il lago – i laghi. il guardaroba – i guardaroba (garderoba). – ghe : la greca – le greche. – gie fãrã i neaccentuatã sau cu terminatia precedatã de consoanã fac pluralul în – ce. l’asciugamano – gli asciugamani (prosopul). – i dopopranzi (dupã – amiaza). Un singur substantiv îşi schimbã genul în functie de numãr: l’eco (f. : il monarca – i monarchi. pl. la ciliegia – le ciliegie. Substantivele masculine terminate în – ca. il filologo – i filologi. il pomodoro – i pomidori/i pomodori/i pomidoro (roşia). substantiv + substantiv : la banconota – le banconote (bancnota). – ge : la roccia – le rocce. la falsariga – le falsarighe verb + substantiv : il segnalibro – i segnalibri (semnul de carte). Substantivele feminine terminate în – ca. atunci nu se va schimba: il cantastorie – i cantastorie (rapsod). Substantivele masculine terminate în – io – fãrã accent – fac pluralul într-un singur i : il raggio – raggi. 2. Substantivele feminine terminate în – cia. 10. la spiaggia – le spiagge. ilopopranzo (conopida). nu se schimbã la plural: la cavalcavia – le cavalcavia (podul peste şosea). d. Exceptie: la mezzaluna – le mezzelune (semiluna). Dacã cel de-al doilea element este un plural.) – gli echi (m. Formeazã pluralul doar cel de-al doilea element lexical: a. De obicei se schimbã doar cel de-al doilea element lexical. il terremoto – i terremoti (cutrmurul). la sovrastruttura – le sovrastrutture (suprastructura). il calvofiore – i calvofiori adverb (prepozitie) + substantiv : il contrattempo – i contrattempi (contratimp). Substantivele al cãror termen secund se terminã în – a . – ghi : il turco – i turchi. la camicia – le camicie. – go – cuvinte plane – fac pluralul în – chi. il grattacielo – i grattacieli (transparent). verb + substantiv . 7. 6. il saggio – i saggi.) NOMI COMPOSTI IL PLURALE DEI NOMI COMPOSTI  SUBSTANTIVELE COMPUSE PLURALUL SUBSTANTIVELOR COMPUSE I NOMI COMPOSTI (SUBSTANTIVELE COMPUSE) sunt formate din douã sau mai multe elemente: substantiv + adjectiv . sg. Formeazã pluralul ambele elemente lexicale: il capotecnico – i capitecnici (şeful serviciului tehnic). adjectivul + substantiv : il francobolo – i francoboli (timbrul). l’altoforno – gli altiforni (furnalul) (zgârie-nori). – ghi. il pio – i pii. la bottega – le botteghe. l’arco – gli archi. 11. sopra dubleazã prima consoanã a celui de-al doilea element. il pescecane – i pescacani (rechinul). Prepozitiile contra. Exceptie: il tempio – i templi. lo stratega – gli strateghi. 9. Substantivele feminine terminate în – cie. c. Dacã sunt cuvinte alunecãtoare se vor termina la plural în – ci. iar contro nu: il contraspionaggio – i contraspionaggi (contraspionajul). il dialogo – i dialoghi. la bugia – le bugie.

il capoufficio – i capiufficio (şeful de birou). la cpoufficio – le capoufficio (şefa de birou). il capoclasse – i capiclasse (şeful de clasã). În cazul substantivelor feminine pluralul se formeazã lãsând invariabile ambele elemente lexicale. acest lucru se realizeazã doar în cazul substantivelor masculine: il caposquadra – i capisquadra (şeful de echipã). fire ale unei conjuratii) le fondamenta (temelia casei) le grida (tipetele oamenilor) le labbra (buzele) le lenzuola (aşternuturi) le membra (membrele) le ossa (scheletul. în cazul substantivelor feminine: la capocuoca – le capocuoche (bucãtara şefã). osatura) O anume categorie de substantive are douã forme de plural. Când cuvântul capo este doar un simplu atribut. pluralul deducându-se prin articol: la capoclasse – le capoclasse (şefa de clasã). Când cuvântul capo desemneazã “persoana care este şeful a ceva sau al unui grup”. il capostazione – i capistazione (şeful de garã). il capotecnico – i capitecnici (şeful serviciului tehnic). de telefon) i fondamenti (bazele unei ştiinte) i gridi (tipetele animalelor) i labbri (marginile unui vas) i lenzuoli (cearşafuri) i membri (membrii unei societãti) gli ossi (oasele.  NOMI SOVVRABBONDANTI gli anelli (inelele) le anella (buclele) le braccia (bratele omului) le budela (intestine) le carra (mãsura carelor) le cervella (creierii) le giglia (gene) il filo (firul) SUBSTANTIVE CU DOUÃ FORME DE PLURAL i fili (firele de iarbã. il capogiro – i capogiri (mateala). cel de-al doilea element rãmânând invariabil. la caposala – le caposala (şefa de salã). care au semnificatie diferitã: l’anello (inelul) il braccio (bratul) il budello (intestinul) il carro (carul) il cervello (creierul) il ciglio (geana) il corno (cornul) i bracci (bratele unui obiect) i budelli (lucruri subtiri) i carri (carele de transport) i cervelli (minti.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 3. inteligente) i cigli (marginile unui şant) i corni (coarnele lunii) il fondamento (fundamentul) il grido (strigãtul) il labbro (buza) il lenzuolo (cearşaful) il membro (membrul) l’osso (osul) le corna (coarnele animalelor) NOMI A DUE FORME DI SINGOLARE E DUE DI PLURALE  il cesto (coş mic) il coltello (cutit cu lama îngustã) il fronte di guerra (frontul Aceste substantive fac o diferentiere semanticã: la cesta (coş mare) SUBSTANTIVE CU DOUÃ FORME DE SINGULAR ŞI DOUÃ DE PLURAL i cesti (coşuri mici) i coltelli (cutite cu lama îngustã) i fronti di guerra (fronturile le cesta (coşuri mari) le coltella (cutite cu lama latã) le fronti del corpo umano la coltella (cutit cu lama latã) la fronte del corpo umano UNITÀ 6 7 . il capodanno – i cappodanni (anul nou). pluralul se formeazã doar prin transformarea cuvântului capo . judet). separat) le fila (ite. il capoluogo – i capoluoghi (capitala de provincie. Substantivele compuse formate cu ajutorul cuvântului capo şi un alt substantiv formeazã pluralul în moduri diferite în functie de ceea ce exprimã cuvântul capo : il capolavoro – i capolavori (capodopera). pluralul se formeazã schimbând desinenta celui de-al doilea cuvânt.

izmene) i posteri (urmaşi) le spezie (mirodeniile) le stoviglie (vasele) il ceppo (buşteanul) l’aria (are. de torurã natiunile) UNITÀ 6 8 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI de rãzboi) il frutto (fructul din pom. având o semnificatie diferitã: i ceppi (obezii. instrumente pentru picioare) le genti (popoarele. râsul) il sego (seul) la tema (teama) gli annali (analele) le cesóie (foarfece) le esequie (funeraliile) le/gli idi (idele) i mani (zeii mani) le mutande (chiloti. venin) la giustizia (dreptatea) l’infinito (infinitul) l’oro (aurul) il pepe (piperul) la prole (descendentii) la sete (setea) la superbia (trufia) l’universo (universul) le calende (calendele) i dintorni (împrejurimile) le fórbici (foarfece) le nozze (nunta) le móine (schimonoselile) i penati (penati) le rigaglie (mãruntaie) gli sponsali (nunta) NOMI DIFETTIVI SUBSTANTIVELE DEFECTIVE 2. rodul educatiei) il legno (parte din trunchi şi din ramuri) il midollo dele ossa (mãduva oaselor) l’orecchio (urechea omului) (fruntea) la frutta (fructul de pe masã) la legna (lemnul de ars) la midolla del pane (miezul pâinii) l’orecchia (urechea omului / a animalelor) de rãzboi) i frutti (fructele din pom. Formã unicã de plural au urmãtoarele substantive: Uneori anumite nume defective pot fi utilizate şi la plural. vãzduh) la bontà (bunãtatea) la dozzina (duzina) il ferro (fierul) la gente (lumea) il gregge (turma) il miele (mierea) la pazienza (rãbdarea) il popolo (poporul) il sangue (sângele) il senape (planta muştar) il trio (trio) le busse (loviturile) i calzoni (pantaloni) le fattezze (trãsãturile) le none (nonele) le manette (cãtuşele) gli occhiali (ochelarii) le rédini (hãturile) gli spíccioli (mãruntişul) le ténebre (întunericul) la gente (lumea) l’argento (argint) il brio (vervã) l’equatore (ecuatorul) il fiele (fiere. fie de plural. 1. Formã unicã de singular au urmãtoarele substantive: l’alluminio (aluminiul) l’avena (ovãzul) la copia (abundenta) la fame (foamea) il fogliame (frunzişul) il granno (grâu) il latte (laptele) la paura (teama) la plebe (plebea) il riso (orezul. fie de singular. roadele educatiei) i legni (pãrti din trunchi şi din ramuri) i midolli delle ossa gli orecchi (urechile omului) (fruntile) le frutta (fructele de pe masã) le legna (lemne de ars) le midolle del pane le orecchia (urechile omului / a animalelor) NOMI A DUE FORME DI SINGOLARE ED UNA DI PLURALE  lo straniero / lo straniere (strãinul) SUBSTANTIVE CU DOUÃ FORME DE SINGULAR ŞI UNA DE PLURAL i cavalieri (cavalerii) i forestieri (strãinii de loc) gli stranieri (strãinii) gli scudieri (scutierii) il cavaliero / il cavaliere (cavalerul) il forestiero / il forestiere (strãinul de loc) lo scudiero / lo scudiere (scutierul)  NOMI DIFETTIVI (SUBSTANTIVELE DEFECTIVE) sunt substantivele care au o singurã formã.

vi ale diatezei reflexive. gât de pasãre. râsete) il migliaio – le migliaia (mie. diamoci. vediamoceli. proclitice – când verbul este la unul din urmãtoarele moduri: Indicativ. darci. Infinitiv. Conjunctiv. perechi) l’uovo – le uova (oul. me ne sia andato. VI Particelele ci . ci sono stato.” Când grupul a + substantiv este un complement de loc. înlocuind un grup lexical format din prepozitia a (sau in. la. ci saliamo.” Particelele adverbiale ci.”. dateci. particelele adverbiale se vor folosi în felul urmãtor: “Noi ci sistemiamo nell’albergo – Noi vi ci sistemiamo”. “Voi vi sistemate nell’albergo – Voi ci vi sistemate”. devenind ce : “Vediamo il film. datoci. vi sunt particule adverbiale şi se folosesc în functie de distantã: ci . Ma i mezzi di trasporto nell’aria? 4. Gerunziu: “Me ne vado. VI PARTICELELE CI.”. banite) il paio – le paia (pereche. me ne sono andato. Traducete il testo che segue. li. su) + un substantiv (care nu trebuie sã fie în dativ) : “Hai pensato a questo argomento? Si.” 2. Iªpersoanã şi aIIª persoanã plural). le partite – Vediamocelo. ho pensato a lei. “Sei mai stato in Australia? Si.”. dandoci. Rispondete alle domande: 1. Gerunziu şi Participiu: “dammi. enclitice – când verbul este la unul din urmãtoarele moduri: Imperativul (aIIª persoanã singular. la partita.pentru apropiere şi vi .” Când se face referire la o fiintã. Che macchine e treni conoscete? 5. “Sei mai stato negli Appennini? No. vi se pot combina cu verbe reflexive fãrã a suferi vreo modificare. Pentru a nu fi confundate cu pronumele personale ci. UNITÀ 6 9 . ci penserò. ouãle)  LE PARTICELE CI. Pentru celelalte persoane se pot folosi ambele particele: “Io mi ci sistemo – Io mi vi sistemo” Particelele adverbiale pot fi: 1. sute) il riso – le risa (râs. “Sei stato al cinema? Si. etc. fiarele) il rostro (cioc. le şi cu particela pronominalã ne .” 1. vi au o functie bine precisã în propozitie. Quali sono i mezzi di trasporto terrestre? 2. non vi sono mai stato.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il costume (obiceiul) il ferro (fierul) i costumi (moravurile) i ferri (lanturile.pentru depãrtare: “Sei mai stato in Italia? Si. ci sono stato. ci. a tua madre? Si. mii) lo staio – le staia (banita. i film. me ne andrei. ci ho pensato. grupul a + substantiv nu mai poate fi înlocuit de ci : “Hai pensato a Lucia. vediamocele.” Particela ci (rareori vi ) se poate combina cu alte forme pronominale atone în acuzativ – lo.”. la prima şi a doua persoanã. Quali sono i mezzi di trasporto sull’acqua? 3.” “Siamo tornati dal mercato – Ce ne siamo tornati.”. Che cuosa vuol dire traffico? EXERCITII 2. vi sono stato. “Penserai ai tuoi progetti? Si. volgendo poi tutte le frasi al plurale facendo attenzione ai nomi sottolineati: Teza de matematicã a fost corectã. animal) i rostri (tribuna forului roman) O altã categorie de substantive are singularul masculin şi pluralul feminin: il centinaio – le centinaia (sutã. “Salite sui monti? Si. vediamocela.

Unchiul lui Angelo este foarte pios. 3. Ti-a plãcut poemul lui Petrarca? Profesorul a venit la serbare cu sotia. Colega ta ti-a spus o minciunã. Pe plajã e o stâncã abruptã. Cunoşti seria şi numãrul buletinului de identitate? Vreau sã vãd fotografia cu noua ta motocicletã. Am cãutat medicamentul la farmacie. Aceasta este dorinta zeului. Metti al plurale i seguenti nomi e formula poi delle proposizioni: portacenere capogruppo pianoforte capoverso UNITÀ 6 10 . Bãiatul şi-a cumpãrat o cãmaşã albastrã. Raza soarelui strãluceşte deasupra templului.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Am vãzut un film interesant la TV. Am strigat şi în vale s-a auzit ecoul vocii noastre. A început ploaia.

. l’opera migliore di Il portalettere è corrispondenza a.. Sono stanco perchè ho .... sale.. ..... esequie. Una musica dolce si sentiva nell’. occhiali. Traducete in italiano: Sora mea este prima în clasã şi pentru cã nu poate scrie pe o coalã fãrã linii.. nel cibo.....CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI portamonete bassorilievo soprascarpa portabagagli controfferta 4. . Bunãstãrile popoarelor sunt ca şi clantele: merg când sus.. calende... L’ape si è lasciata tutto il ..... La New York sunt atâtea zgârie – nori...... foloseşte transparentele..... perchè non ho . Scegli la parola giusta: I bassorilievi sono pietra a...... forme scolpite in b.. sonno. un luogo per cui si può passare nel porto 5........ nozze. când jos............. UNITÀ 6 11 ... un supporto per le lettere b. un lavoro finito b.. Non mangio... una persona che porta la Il passaporto è a.. e ... Essi sono arrivati troppo tardi. profesorul de muzicã ne învatã notele... pepe. mani... aria. scegliendo tra: veleno.. Mi-am cumpãrat patru prosoape roz.. 6.. con tutta quella gente allegra... . Non usare tanto .. spezie. forme di rilievo Il capolavoro è un autore a. timpii şi contratimpii.. un documento d’identità e autorizzazione per viaggiare all’estero b........ . è gia troppo condito! Alla festa c’era molto . pantaloni.. Sostituite i puntini con i nomi che mancano....... brio... fórbici. Dupã-amiezele. fame. mai înalti decât furnale..........

Lucio non vede bene senza gli .. ..il frutto........ i frutti...... Când a vrut sã-şi ia banita cu ouã i-au pus cãtuşe. le orecchia........ le frutta... Ciobanul duce turma de oi la pãscut..... per renderla saporita. Quando è morto il nonno.. Ho ricevuto da mia nonna un bellissimo portafortuna. .. 9..... ...... Aurul şi aluminiul sunt metale.......... ...... Universul şi infinitul sunt notiuni abstracte.. Ho bisogno delle ....... Vieni anche tu alle sue . gridò Mario. Completate i puntini con le parole giuste. ci bunãtatea şi abundenta.. ci mii. I-am vãzut schimonoselile dupã trãsãturile fetei. Mi fanno male le . ...... Questo era il ..... le orecchie. Non si può vestire perchè non trova più i suoi ...... La sãrbãtoare nu au fost sute de persoane. al pranzo beveva un po’ di vino e mangiava sempre volentiei la .. Maria si sposa domani...... per tagliare questa carta... Lumea nu iubeşte sclavi. 8... 7.. Traducete in italiano: Mi-am pierdut rãbdarea şi teama mã mistuie. e non sento più! La nonna era ancora giovane... I romani si fidavano dei ch’erano i loro dei.....CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI alle .. siamo tutti ale sue .............. dell’ottima educazione che Luigi aveva ricevuto... la frutta. iar grâul şi ovãzul sunt cereale.................. În împrejurimile oraşului s-au auzit lovituri de bãtaie.. UNITÀ 6 12 ........... rotte... .... Cu trufie nu se face dreptate...... Nella pizza si mettono molte . Traducete in romeno: Ci sono numerosi capolavori composti per il pianoforte.. Non appaiono sempre arcobaleni dopo la pioggia.. Atunci l-am vãzut pe omul cu ochelari.............. Il vaso di gialla aveva le .......... scegliendo tra: gli orecchi..

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Mi interessano sempre i film sui pellirose. “Do da mangiare e da bere all’uomo che ha fame e sete” dice il buon cristiano. Metti al plurale: Grande è quella vittoria che si vince senza sangue. D’autunno il fogliame diventa giallo. Il bestiame è portato al riparo e i poveri cercano legna UNITÀ 6 13 . 10. E’ da condannare quello che desidera la roba altrui. Traduci in romeno: La gente non e sempre onesta e non rispetta le regole La gioventù non acsolta i vecchi. Ogni dopopranzo mi riposo un po’ e poi comincio a imparare le lezioni. Metti al singolare: Andiamo allegri alle nozze dei nostri amici. Metti queste valigie nel portabagagli. ma jeans nuovi. 12. I ragazzi non vogliono pantaloni nuovi. I nonni hanno gli occhiali rotti e non possono leggere i giornali. Le spezie sono portate dai lontani paesi orientali. Perdo sempre i portachiavi. i vecchi non capiscono la gioventù. 11. Si deve rispettare il diritto della gioventù al lavoro e allo studio.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI per il fuoco. UNITÀ 6 14 . La pasta mi fa ingrassare. la frutta fresca e gli ortaggi mi fanno male.

BARZELLETTE.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: LA COSTRUZIONE DI UNA CASA VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL NOME  ALTRI NOMI SOVRABBONDANTI  LA DECLINAZIONE DEI NOMI COMUNI CON ARTICOLO DEFINITO E CON ARTICOLO INDEFINITO  LA DECLINAZIONE DEI NOMI PROPRI. DOVERE. DIRE. POTERE. NOMI DI PERSONA  I L VE R B O  IL PARTICIPIO PASSATO ED IL PASSATO PROSSIMO  IL PASSATO PROSSIMO DEI VERBI AVERE ED ESSERE  ALCUNI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO PRESENTE E PASSATO PROSSIMO: FARE. BATTUTE UNITÀ 7 1 . VENIRE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – AFFORISMI. STARE.

la casa può essere abitata. Lui ne ha fatto tutti i collegamenti necessari ai fili elettrici. commerciali. costruite con materiali semplici. Il funzionamento delle porte e delle finestre è stato verificato dal fabbro ferraio. le caldaie. Vediamo com’è apparso un nuovo abitato: All’inizio l’architetto ha disegnato il progetto della casa e le prime piante. E così appaiono oggigiorno scuole. i lampadari. poi ha collocato i serbatòòdell’acqua. Gli edili approvano i nuovi progetti d’architettura (viali. Per lavorare in cima. sassi di fiume e più tardi mattoni e calce. sul quale hanno messo le tègole o la latta. gli scaldabagni ed i rubinetti. teatri. parchi ecc. quando i muri sono diventati troppo alti. per il gas e per il riscaldamento con tubi di piombo e di ferro. edifici. di studio. Le porte. Gli ultimi sono venuti gli imbianchini ad imbiancare la facciata della casa. ai balconi ed ai lucernari i vetri grandi e piccoli. sale di sport. ecc. a più appartamenti. essi ci hanno sistemato punteggi per coprire la casa col tetto. Allora essa viene occupata o messa in vendita od in affitto. hanno verniciato le porte e le finestre. con pubblicità nei giornali o con un cartello appeso al posto esterno migliore con la “Vèndesi” od “Affitasi”.) considerando gli elementi ambientali e le prospettive della vita nei prossimi anni: zone di lavoro. alle verande. un ingegnere edilizio. muratori ed altri. piazze. che l’uomo trovava nel suo ambiente: argilla. Il pavimento è stato fatto e lucidato dallo pavimentatore. pietre. I muratori hanno tirato su i muri con mattoni. Il costruttore ha scelto poi la soluzione migliore per le fondamenta e ha procurato i materiali da costruzione (adatti e più economici).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI LA COSTRUZIONE DI UNA CASA Si può vivere in una casa o in un fabbricato. Lui ci ha fissato i cardini. le serrature ed i paletti. Lelettricista ci ha sistemato il contatore. Lui ha sorvegliato anche il lavoro degli operai sul cantiere. Per costruire una casa lavorano più persone: un architetto. tramite agenti ed agenzie di specialità. calcina e cemento armato. mercati e supermercati nelle piccole o grandi città. L’idràulico ha fatto gli impianti per l’acqua. le cornìci delle finestre e le persiane o le saracinesche sono state lavorate e montate dal falegname. Terminati i lavori. Il vetraio ha inserito poi alle finestre. strade. sabbia. Essi ne hanno dipinto in blu e giallo le pareti ed i soffitti. di riposo. In passato le case erano piccole. gli interruttori e le prese di corrente. alcuni artigiani. È stato sempre lui a rivestire le pareti della cucina e della sala da bagno con piastrelle a diversi colori. Oggi la costruzione di una casa è un problema d’urbanistica. le maniglie. UNITÀ 7 2 . a diversi piani. in un palazzo.

numele de botez în vremea de azi muncitorul. economica l’edificio l’elettricista l’emozione esitare il fabbricato il fabbro ferraio locuitor a locui aşezare omeneascã locuintã. varul cãldarea. E quando anche il tappezziere ha sistemato finalmente i tappeti e le tende. atârnat a aproba argila meseriaşul balconul varul tencuiala. cazanul şantierul cântecul coliba tâtâna. împodobit a închiria de închiriat agentul agentia înalt mediul. pivotul afişul. alta l’ambiente annunciare apparire appeso approvare l’argilla l’artigiano il balcone la calce la calcina la caldaia il cantiere il canto la capanna il cardine il cartello il cemento armato la cima il cognome il collegamento collocare la commozione consigliare il contatore la cornice costruire la dimora dipingere economico. pavator oblonul etajul. conexiunea a aşeza. lãcãtuşul la maniglia il mattone il mercato il muratore il muro il nome oggigiorno l’operaio. e quando le terazze o le logge sono state adornate di fiori. toarta. reşedinta a picta economic. Romano. a pune în ordine sania UNITÀ 7 3 . inscriptia scaunul rezervorul încuietoarea. inscriptia beton armat vârful numele de familie legãtura. domiciliu potrivit. mânerul cãrãmida piata comercialã zidarul zidul prenumele. economicã edificiul electricianul emotia a ezita blocul. clanta. planul de constructie faianta piata a împietri tâlpul plumb pitoresc fotoliul priza electricã profund proiectul perspectiva viitor. a împodobi ornat. constructia zãvorul. l’operaia il palazzo il paletto il parco il pavimentatore la persiana il piano la pianta la piastrella la piazza pietrificarsi il pilastro il piombo pittoresco la poltrona la presa di corrente. ha ricoperto le poltrone e le sedie. planul planul. a pune emotia a sfãtui contorul cadrul. muncitoarea blocul. viitoare publicitatea. quando all’ingresso si è messa la nuova targhetta con il cognome dei Latini. prossima la pubblicità il punteggio la radura il rifugio alpino il riscaldamento rivestire il rubinetto la sabbia la saracinesca il sasso lo scaldabagno scegliere la scritta la sedia il serbatoio la serratura ivãr. come canti d’uccelli! abitante abitare l’abitato l’abitazione adatto adornare adornato affitare affitasi l’agente l’agenzia alto. di contatto profondo il progetto la prospettiva prossimo. apt a orna. mediul înconjurãtor a anunta a apãrea agãtat. încuietoarea micã parcul parchetar. broasca de uşã a aranja. ma anche che ci si gode la vita! Ogni tanto ci si sentono delle voci sottili di bambini.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Un furgone o càmion con mobìlia fernato davanti la casa annuncia il momento nel quale il proprietario o l’inquilino viene a stabilire la sua nuova dimora. reclama schela poiana cabana încãlzirea a acoperi din nou robinetul nisipul jaluzeaua piatra boilerul a alege scrierea. cornişa a construi locuinta. constructia fierarul. harta topograficã. vuol dire non solo che in quella casa si vive.

abbelire (a orna) l’ingresso = l’entrata. nemişcatã instalatia intrarea chiriaşul a insera. fermo (nemişcat) = ornare. lojã luminator a lustrui sistemare la slitta il sonaglio sorvegliare la strada il supermercato il tappeto il tappezziere la targhetta la tégola la teleferica la telesedia la tenda la terrazza tirare il tubo l’uccello véndesi la veranda la veste grossa il vetraio il vetro il viale zurgãlãul a supraveghea. comunicare (a anunta) la latta = la laniera (tabla) = affacciarsi (a apãrea) lucidare = lustrare (a lustrui) = attaccato (agãtat) la maniglia = il mànico (mânerul) = confermare (a aproba) la piastrella = la maiolica (faianta) = la terrazza (terasa) la poltrona = il seggiolone (fotoliul) = la secchia (cãldare) la pubblicità = la reclame (reclama) = il legame (legãturã) il rubinetto = la cannella (robinet) = l’emozione (emotia) la sabbia = la rena (nisip) = il quadro (cadru) la targhetta = l’iscrizione (inscriptia) = pingere (a picta) il tubo = la canna (tubul) UNITÀ 7 4 . dulgherul nemişcat. lampadarul tabla portic. nemişcatã nemişcat. a dirija strada. a introduce lustra.frigãruia stabilirne – a se stabili aici tirare su – a ridica.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI la facciata il falegname fermo. ferma il ferro il fienile il filo elettrico il fiume le fondamenta il furgone la g i t a l’idràulico l’imbianchino immobile immoto. il domicilio (locuinta) l’imbianchino = l’èdile. immota l’impianto l’ingresso l’inquilino inserire il lampadario la latta la loggia il lucernario lucidare fatada tâmplarul. fluviu fundatiile furgoneta excursia instalatorul zugravul nemişcat. geamlâc naina groasã geamgiul sticla bulevardul BINE diventar di sasso – a împietri finalmente – în sfârşit godersi la vita – a se bucura de viatã liquore di pino – lichior de brad messo in vendita – pus în vânzare messo in affito – de închiriat PENTRU A ÎNTELEGE MAI mozzare il respiro – a tãia rãsuflarea senza fiato – fãrã rãsuflare spezzatino ai ferri . il vestibolo (intrarea) = dare in affito (a închiria) inserire = introdurre (a introduce) = annunziare. a înãlta SINONIME abitare l’abitazione adatto adornare affitare annunciare apparire appeso approvare il balcone la caldaia il collegamento la commozione la cornice dipingere = dimorare (a locui) l’idràulico = installatore (instalator) = la dimora. cortina terasa a trage tubul. şoseaua supermagazinul covorul tapiter inscriptia t i g la telefericul telescaunul perdeaua. il muratore (zugrav) = atto (potrivit) immoto = immobile. conducta pasãrea de vânzare veranda. nemişcatã fierul şura firul electric râu.

a izbucni în plâns a izbucni în râs a vâna a sãri în ochi a da dreptate cambiare mestire cambiare nome cambiare soldi dare sui nervi dare una mano dare un’occhiata darsela a gambe darsi alla pittura darsi delle arie darsi per vinto il dare Da i EXPRESII CU a-şi schimba meseria a-şi schimba numele a schimba bani a cãlca pe nervi a da o mânã de ajutor a arunca o privire a o lua la sãnãtoasa a se apuca de picturã a-şi da aere a se da învins datoria. debitul Hai! Lasã! GRAMATICÃ il calcagno (cãlcâiul) il dito (degetul) il fuso (fusul) il gesto (gestul) il ginocchio (genunchiul) il muro (zidul) l’urlo (urletul) i calagni (cãlcâiele) NOMI SOVRABBONDANTI i diti (degetele separat) i fusi (fusurile de tors) i gesti (gesturile) i ginocchi (genunchii) i muri (zidul casei) gli urli (urletele animalelor)  IL NOME.ALTE SUBSTANTIVE CU DOUÃ FORME DE PLURAL le calcagna – în expresia “a se tine scai”: stare/avere qualcuno alle calcagna le dita (degetele împreunã) le fusa (torsul pisicii) – în expresia “far le fusa” le gesta (faptele) le ginochia (genunchii) le mura (zidurile cetãtii) le urla (urletele.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI l’edificio = il fabbricato (edificiul) il viale la facciata = il frontezpizio (fatada) = il corso (bulevard) CUVINTELE CAMBIARE = a schimba cambiare casa cambiare d’abitudine cambiare d’opinione DARE = a da. a oferi dare ascolto/retta dare da fare dare dell’occhio dare dello stupido dare del tu/lei dare in pianto dare in riso dare la caccia dare nell’occhio dare ragione a se muta a-şi schimba obiceiurile a-şi schimba pãrerea a da ascultare a-şi face de lucru a sãri în ochi a face/a numi prost pe cineva a vorbi cu tu/dvs. ALTRI SUBSTANTIVUL. tipetele oamenilor) COMUNE UNITÀ 7  LA DECLINAZIONE DEI NOMI COMUNI DECLINAREA SUBSTANTIVELOR 5 .

all’amico. di Luigi. NOMI DI PERSONA MASCULIN N. IL GENITIVO (GENITIVUL). con Luigi. l’amico. a un amico. V. Una bambola! Un’amica! Ab. DATIVUL este cazul COMPLEMENTULUI INDIRECT (IL COMPLEMENTO INDIRETTO): “ Do questo libro al ragazzo”. MASCULIN i doni. per. G. con la bambola. dello zio al dono. Ac. alle amiche le bambole. una bambola. Luigi! Antonio! Ab. con i doni. a un dono. degli amici. un dono! Un amico! Un zio! Ab. di un amico. Ac. a uno zio Ac un dono. di uno zio D. Carla! Anna! Ab. con un dono. G. a Anna Ac. Da. D. V. GENITIVUL este cazul ATRIBUTULUI SUBSTANTIVAL (L’ATTRIBUTO SOSTANTIVALE): “ Questo è il libro del ragazzo”. un amico. Ac. l’amico. per. Carla. agli zii i doni. allo zio il dono. l’amica Bambola! Amica! Da. a una bambola. dell’amico. gli zii N. di una bambola. per. Da. all’amica la bambola. un’amica  LA DECLINAZIONE DEI NOMI PROPRI. Ac. lo zio dono! Amico! Zio! Da. gli amici. dar exprimã o exclamatie: Gianni!Ragazzo! . NOMINATIVUL este cazul SUBIECTULUI (IL SOGGETTO): “Gianni (il ragazzo) è bravo”. dell’amica alla bambola. l’amica della bambola. L’ACCUSATIVO (ACUZATIVUL). D. un’amica V. gli zii dei doni. VOCATIVUL nu are functie sintacticã. per. lo zio PLURAL N. gli zii doni! Amici! Zii! Da. con le bambole. uno zio V. delle amiche alle bambole. di un’amica D. un dono. le amiche delle bambole. a Antonio Ac Luigi. le amiche Bambola! Amica! Da. Da. IL DATIVO (DATIVUL). D. con Carla. G. lo zio del dono. Ab . degli zii ai doni. Da. Carla. uno zio FEMININ N.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI LA DECLINAZIONE DEI NOMI COMUNI CON ARTICOLO DEFINITO Cazurile în limba italianã sunt şase: IL NOMINATIVO (NOMINATIVUL). Ab . V. di Antonio D. Ab . Antonio G. ACUZATIVUL este cazul COMPLEMENTULUI DIRECT (IL COMPLEMENTO DIRETTO): “Conosco il ragazzo”. Antonio V. per. V. agli amici. con il dono. ABLATIVUL (care lipseşte în limba românã) este cazul COMPLEMENTULUI INDIRECT (IL COMPLEMENTO INDIRETTO): “Questo libro è per il ragazzo”. un amico. con una bambola. di Anna D. per. FEMININ le bambole. Luigi. un amico. di un dono. un’amica G. a Luigi. una bambola. gli amici. Ab . l’amica CON ARTICOLO DEFINITO E INDEFINITO CU ARTICOL HOTÃRÂT ŞI NEHOTÃRÂT LA DECLINAZIONE DEI NOMI COMUNI CON ARTICOLO INDEFINITO SINGULAR MASCULIN N. SINGULAR N. Anna G. şi al COMPLEMENTULUI DE LOC (IL COMPLEMENTO DI LUOGO): “Vengo dal ragazzo”. D. di Carla. Anna V. a un’amica Ac. le amiche N. a Carla. MASCULIN il dono. per. IL VOCATIVO (VOCATIVUL) şi L’ABLATIVO (ABLATIVUL). Anna FEMININ UNITÀ 7 6 . l’amico. uno zio G. per. FEMININ la bambola. G. gli amici. Antonio N.

le case abitate (casele locuite).ato (Iª coniug. PARTICIPIUL TRECUT al verbelor de conjugat este folosit.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI  IL VERBO IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRCUT) se formeazã prin adãugarea urmãtoarelor desinente la tema infinitivului verbelor de conjugat: . tu hai cantato. state PARTICIPIUL TRECUT are valoare de ADJECTIV şi în cazul respectiv se acordã în gen şi numãr cu substantivul care-l acompaniazã: il libro letto (cartea cititã). cu el însuşi: io ho avuto. cu toate verbele tranzitive active: io ho mangiato. essi hanno UNITÀ 7 7 . IL PASSATO PROSSIMO (PERFECTUL SIMPLU) se formeazã din: L’INDICATIVO PRESENTE (INDICATIVUL PREZENT) al verbelor ESSERE sau AVERE şi IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRECUT) al verbului de conjugat: ABITARE (a locui) Io ho abitato (eu am locuit) Tu hai abitato (tu ai locuit) Egli ha abitato (el a locuit) Essa ha abitato (ea a locuit) Noi abbiamo abitato (noi am locuit) Voi avete abitato (voi ati locuit) Essi hanno abitato ( ei au locuit) Esse hanno abitato (ele au locuit) NASCERE (a naşte) Io sono nato/nata (eu m-am nãscut) Tu sei nato/nata (tu te-ai nãscut) Egli è nato (el s-a nãscut) Essa è nata (ea s-a nãscut) Noi siamo nati/nate (noi ne-am nãscut) Voi siete nati/nate (voi v-ati nãscut) Essi sono nati (ei s-au nãscut) Esse sono nate (ele s-au nãscut) PARTIRE (a pleca) Io sono partito/partita (eu am plecat) Tu sei partito/partita (tu ai plecat) Egli è partito (el a plecat) Essa è partita (ea a plecat) Noi siamo partiti/partite (noi am plecat) Voi siete partiti/partite (voi ati plecat) Essi sono partiti (ei au plecat) Esse sono partite (ele au plecat) DEI VERBI AVERE ED ESSERE io ho avuto (eu am avut) tu hai avuto (tu ai avut) egli ha avuto (el a avut) essa ha avuto (ea a avut) io sono stato/stata (eu am fost) tu sei stato/stata (tu ai fost) egli è stato (el a fost) essa è stato (ea a fost) AVERE (a avea)  IL PASSATO PROSSIMO PERFECTUL SIMPLU AL VERBELOR A FI ŞI A AVEA noi abbiamo avuto (noi am avut) voi avete avuto (voi ati avut) essi hanno avuto (ei au avut) esse hanno avuto (ele au avut) ESSERE (a fi) noi siamo stati/state (noi am fost) voi siete stati/state (voi ati fost) essi sono stati (ei au fost) esse sono state (ele au fost) Auxiliarul AVERE se foloseşte: 1.ito (IIIª coniug. la lezione scritta (lectia scrisã). 2. i quaderni avuti (caietele avute). alãturi de timpurile simple ale verbelor auxiliare. io avrò letto (eu voi fi citit).) partire part-ito ED IL PASSATO PROSSIMO  IL PARTICIPIO PASSATO VERBUL PARTICIPIUL TRECUT ŞI PERFECTUL COMPUS VERBELE AUXILIARE au urmãtoarele forme de PARTICIPIU TRECUT: AVERE – avuto ESSERE – stato. stata. stati.) abitare abit-ato .uto (IIª coniug.) temere tem-uto . pentru formarea timpurilor compuse ale acestora: io ho letto (eu am citit). io avevo letto (eu citisem).

ca: ballare (a dansa). morire (a muri). tu sei vissuto/vissuta. cu câteva verbe intranzitive: ho dormito. (Ni se pare cã sunt atât de multi). cu verbele care exprimã mişcarea: io sono andato/andata. Ci conviene andarci. Verbe care indicã fenomene atmosferice: albeggiare (a se lumina de ziuã). noi abbiamo errato per il mondo. avvenire (a se întâmpla). cu toate verbele reflexive şi cu acelea precedate de si impersonal: Io mi sono svegliato/svegliata. (E bine/rãu sã faci acest lucru. nascere (a naşte). 2. essere neccesario (a fi necesar): è accaduto (s-a întâmplat). – È stato bene (male) fare questa cosa. essere facile (a fi uşor). parere (a pãrea). cu verbe care par impersonale. ca: È bene (male) fare questa cosa. Auxiliarul ESSERE se foloseşte: 1. egli è cresciuto. 5.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI lottato. Aceste verbe şi expresii cer doar auxiliarul ESSERE. succedere (a se întâmpla). sembrare (a pãrea). diventare (a deveni). cu el însuşi: io sono stato. Acestea sunt de trei tipuri: 1. DOVERE. nerealizatã. Expresiile impersonale formate din verbe personale folosite fãrã subiect. neterminatã. è successo (s-a întâmplat).  L’uccello ha volato per giorni. 2. – Ci è convenuto andarci. è capitato (s-a întâmplat). essere probabile ( a fi probabil). 3. succedere (a se întâmpla) care de obicei introduc una sau mai multe subiective: Sembra di essere tanti. Verbele care indicã mişcarea ca actiune de sine stãtãtoare. tu hai girato. vivere (a trãi): io sono nato/nata. fulminare (a fulgera). annottare (a se înnopta). – Ci è sembrato di esserne tanti. girare (a înconjura. capitare (a se întâmpla). piovere (a ploua). fioccare (a fulgui). Unele verbe de mişcare se conjugã atât cu verbul Essere cât şi cu verbul Avere. tu sei partito/partita. bastare ( a fi suficient). în functie de aspectul perfectiv sau imperfectiv al actiuni:  L’uccello è volato per i paesi caldi – actiune perfectivã. 4. cu verbele perfective ca: crescere (a creşte). essa è diventata. camminare (a merge). grandinare (a cãdea grindinã). (E bine sã plecãm – A fost bine sã plecãm) 3. – A fost bine/rãu sã faci acest lucru). sembrare ( a pãrea). DIRE. fãrã a fi terminatã. ca: accadere (a se întâmpla). è stato facile ( afost uşor). a roti). continuamente – actiune imperfectivã. terminatã. parere (a pãrea). essi sono morti. 3. realizatã. ALCUNI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO PRESENTE E PASSATO PROSSIMO: FARE. nevicare (a ninge). tu ti sei lavato/lavata. cer auxiliarul AVERE: voi avete ballato. io ho camminato. Verbele care exprimã actiuni impersonale: accadere (a se întâmpla). voi siete tornati/tornate. è bastato (este de-ajuns). noi ci siamo preparati/preparate. passeggiare (a se plimba). care se desfãşoarã încã. tuonare (a tuna) care pot fi conjugate cu ambele auxiliare fãrã a se realiza o diferentiere semanticã. POTERE. essa si è vestita. convenire (a fi de acord). STARE. I VERBI IMPERSONALI (VERBELE IMPERSONALE) sunt verbele care nu au un subiect determinat şi din aceastã cauzã se conjugã doar la persoana a IIIª singular. lui ha viaggiato. essere certo che (a fi sigur cã). VENIRE  PRESENTE: FARE (a face) STARE (a sta) PRESENTE: io faccio noi facciamo PASSATO PROSSIMO: io ho fatto noi abbiamo fatto tu fai voi fate tu hai fatto voi avete fatto egli fa essi fanno egli ha fatto essi hanno fatto essa fa esse fanno essa ha fatto esse hanno fatto io sto tu stai egli sta essa sta noi stiamo voi state essi stanno esse stanno noi dobbiamo PASSATO PROSSIMO: io sono stato/stata noi siamo stati/state tu sei stato/stata voi siete stati/state egli è stato essi sono stati essa è stat esse sono state PASSATO PROSSIMO: io ho dovuto noi abbiamo dovuto DOVERE (a trebui) PRESENTE: io devo UNITÀ 7 8 . sempre. errare (a rãtãci). viaggiare (a cãlãtori).

argint şi bronz.Chi sono quelli che tirano su i muri della casa? .Come si costruisce una casa? . 22 decembrie 1994.Che tipi d’abitazioni conoscete? . S-au mai dat câte douã şi trei premii la proba de înnot şi alergãri. Primii trei atleti au câştigat premiile de aur.30 s-au luat interviuri.Che cosa fanno l’idraulico.Come si può vendere od affitare una casa? 1. EXERCITII Alda are degetele subtiri şi tine de obicei degetele strânse. Din nouã sute şaizeci de sportivi.Chi lúcida il pavimento? Chi imbianca le pareti e vernicia le porte e le finestre? . Traduci in italiano: Ieri.Qual’è l’attribuzione del tappezziere? Che cosa sistema lui? . Rispondete alle domande: . l’elettricista ed il vetraio? Ma il fabbro ferraio? . La orele 16.Che cosa fanno prima della costruzione l’edile. UNITÀ 7 9 . l’architetto ed il costrutore? . a avut loc la Palatul Victoria întâlnirea micilor intreprinzãtori (intrapprendenti) cu Preşedintele Senatului. numai cincisute cincizeci şi doi s-au prezentat la olimpiadã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI tu devi egli deve essa deve voi dovete essi devono esse devono tu hai dovuto egli ha dovuto essa ha dovuto voi avete dovuto essi hanno dovuto esse hanno dovuto POTERE (a putea) PRESENTE: io posso noi possiamo PASSATO PROSSIMO: io ho potuto noi abbiamo potuto tu puoi voi potete tu hai potuto voi avete potuto egli può essi possono egli ha potuto essi hanno potuto essa puòesse possono essa ha potuto esse hanno potuto DIRE (a zice) PRESENTE: io dico noi diciamo PASSATO PROSSIMO: io ho detto noi abbiamo detto tu dici voi dite tu hai detto voi avete detto egli dice essi dicono egli ha detto essi hanno detto essa dice esse dicono essa ha detto esse hanno detto VENIRE (a veni) PRESENTE: io vengo noi veniamo PASSATO PROSSIMO: io sono venuto/venuta noi siamo venuti/venute tu vieni voi venite tu sei venuto/venuta voi siete venuti/venute egli viene essi vengono egli è venuto essi sono venuti essa viene esse vengono essa è venuta esse sono venute 1.

Ambii concurenti au obtinut rezultate bune. Anch’io ho sentito lo stesso. Ciò per te non è rilevante. 2. Traducete in romeno: Costoro sono veramente villani (mojici). Stã în acelaşi loc şi nu spune nimic. Pino è il medesimo ragazzo d’una volta. Când m-am dus la depozit. poi arriva un tal’altro. c’è sempre gente in giro qui. Cel care a intrat acum în clasã este un oarecare. Dar acela este într-adevãr un om de nimic. Abita in quella casa. Ai mai vãzut un asfel de om? Ce pãrere ai de acesta? Acesta într-adevãr este un om de caracter. Eu aşa o chestie nu pot s-o înteleg. Ora arriva un tale.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI O duzinã de maieuri s-a oferit participantilor la concurs. din prima bancã. De când joacã la noua echipã de fotbal. tocmai sosise marfã: şapte chintale de lemne şi trei tone de cãrbuni. non in questa. doi câte doi. Mario câştigã triplu. UNITÀ 7 10 . S-au întâlnit la ora opt şi un sfert în fata teatrului. În prima zi de şcoalã elevii au venit în grupuri mici. trei câte trei. Îl cunoşti pe acel student? Nu. De ce nu se spune nimic despre asta. nu-l cunosc pe acela ci pe acesta de aici.

Luisa si è fatta in mille per aiutarmi.50.venire) in questa città _________________ (scoprire) sempre qualcosa di nuovo. 8. Mio figlio___________ (dormire) con l'orsetto.partire) con il treno delle 15. Quando _______________ (io . 2. _________________ (noi . _________________ (tu . per la Sua gentilezza avermi mandato il libro in tempo ùtile. ___________________ (voi . 3. Completate con i verbi (Terza coniugazione -ire ) al presente: 1. Per non viaggiare con troppi bagagli. 4. 14. A che ora ______________ (finire) il seminario? 6.uscire) insieme stasera? No. Ti ha telefonato Claudia oggi? No. E’ una ragazza meravigliosa. 5. Da ieri sera Paola non sta bene: __________________ (tossire) spesso e ha anche un po' di febbre. Ci pensa tanto prima di prendere una decisione e poi spacca il capello in quattro. 10.preferire) il latte o il caffè? 7.venire) da noi stasera? 15. 9. Mille grazie. _____________ (voi . _____________ (preferire) prendere quello delle 18.30? 4. non l’ _____________ (sentire) da venerdì. Io parlo.uscire) con Luigi. No. grazie. 3. ________________ (finire) di mettere in ordine la casa e _________________ (venire). Sostituite l’infinito con il passato prossimo. 12. A che ora _________________ (aprire) i negozi? 11. ma tu non mi ___________________ (capire)! 13. Sì. Sergio e Agnese _________________ li (spedire) prima con il treno. ma si da troppo da fare. mi dispiace ___________________ (io . nel testo di qui sotto: UNITÀ 7 11 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Non mi dire questo! Dite costoro che io ne ho già troppo di questo loro perpetuo lamento. La domenica mi occupo della casa: ______________________ (pulire) i pavimenti e le finestre. Signorina.

in Brianza. Fate delle proposizioni usando le espressioni di qui sotto: dare in riso – a izbucni în râs elevare al quadrato – a ridica la pãtrat andare in giro – a hoinãri la percentuale (il tasso) – procentul cinque per cento – 5 % far quattro chiachere – a sporovãi farsi di mille colori – a schimba fete-fete dare ascolto – a da acultare non valere quattro soldi – a nu valora nimic spaccare il capello in quattro – a tãia firul în patru cambiare soldi – a schimba bani aver ragione – a avea dreptate UNITÀ 7 12 . Vittorio Alfieri _________________(essere) esempio mirabile d’italiana volontà.. Francesco Petrarca ________________ (amare) tutta la sua vita Laura. i cavalier. Giovanni Boccaccio___________________ (creare) la novella italiana. Ugo Fuscolo_________________ (evocare) l’eroismo e la grazia del popolo ellenico. Ludovico ariosto ________________ (cantare) nell’Orlando Furioso le donne. Alessandro Manzoni __________________ (colocare) i suoi personaggi sullo sfondo pittoresco del lagi di Como. Angelo Ambrogini ________________ (prendere) il nome di Poliziano dal paese natale. le armi.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Dante _________________ (scrivere) la “Divina Commedia”.. Torquanto Tasso _________________ (vivere) presso la corte degli Estensi a Ferrara. 5. Lorenzo il Magnifico ____________________ (essere) Signore di Firenze e grande poeta. Giuseppe Parini _______________ (passare) la giovinezza in riva all’ameno lago di Pusiano. gli amori. Niccolò Machiavelli ______________ (sognare) l’Italia libera dagli stranieri. le audaci imprese . Giacomo Leopardi _________________ (esaltare) nei suoi canti la dolcezza del paesaggio marchigiano.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI dare dell’occhio – a sãri în ochi l’estrazione della radice quadrata – extragerea rãdãcinii pãtrate andare matto per – a fi nebun dupã cambiare d’abitudine – a-şi schimba obiceiurile elevare un numero alla potenza – a ridica un numãr la o putere avere da dire – a avea ceva de spus far due passi – a se plimba 6. Am mâncat frigãrui şi am bãut lichior de brad. Mama Luciei ne-a sfãtuit sã ne luãm haine groase pentru cã era frig. Am sosit cu trenul de la Braşov. la orele trei dupã amiazã. în Poianã. am acsultat muzicã popularã româneascã şi am vãzut nişte UNITÀ 7 13 . Pentru un miment am ezitat sã luãm telescaunul. Apoi am coborât pe cãrarea de sub stâlpii telefericului. Am fost într-o excursie la munte cu nişte prieteni. La cabanã am bãut ceai şi ne-am odihnit o jumãtate de orã. pentru cã unii dintre noi voiau sã meargã pe jos. Traducete in italiano: Vin de la garã. Seara. A fost şi Marta cu noi. În Poiana Braşov am luat telefericul pânã la Cristianul Mare. ne-am dus la restaurantul “Coliba haiducilor” şi la restaurantul “Şura Dacilor” sã admirãm peisajul pitoresc strãmoşilor noştri.

la lumina lunii şi-a stelelor ne-am plimbat cu sania trasã de doi cai cu zurgãlvi şi ne. 4. Oggi ____________________ (noi .rallentare). Chi ___________________________ (bussare) alla porta? 9. 2. Ieri _______________(io . Ieri ____________________ (celebrare) la messa il vescovo. Che cosa ________________________ (tu .am amintit de toatã copilãria noatrã.passare) la serata? UNITÀ 7 14 . 10. 8.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI dansuri şi nişte costume populare minunate! Seara. târziu. Come _________________________ (tu .viaggiare) in treno? 11. Che film __________________(tu . ________________________ (tu . 5. Volgere al passato prossimo gli infiniti fra parentesi: 1.tradurre) in classe un brano difficile. 7. Loro _________________________ (sbagliare) strada. Tutti _________________________ (ridere) della sua ingenuità. cât de frumoasã este iarna în casa ei din pãdure în muntii Carpati! 7. 6. Le sue parole _______________________ (non . ________________________ (voi .incantare) nessuno.vedere) al Tirreno? 3.fare) domenica scorsa? 13. Di fronte al pericolo _________________(lui .preparare) già il pranzo? 12.comprare) un vestito nuovo. Completate la tabella: DI la macchina l'acqua le pantofole il legno l'albero lo specchio i libri gli spazzolini della macchina all'acqua dalle pantofole nel legno sull'albero A DA IN SU 8. O.

______________________ (loro . Davanti casa trova parcheggiato il furgoncino di un idraulico. così decide di sedersi e di aspettare finchè non passi qualcuno. Noi (scrivere) una lettera ed (aspettare) la risposta.provare) tante cure. Tu (volere aiutarla).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 14. Essa (capire) abbastanza bene l’italiano. Maria (stare) male e (non poter andare) all’ufficio. Gli studenti (incontrarsi) con il professore. Alzando lo sguardo al cielo: . 9. Il pastore gli risponde seccato: “Non vede che sono un MacIntosh?”. Mettete i verbi dalle parentesi al passato prossimo: Il ragazzo (mangiare) una pizza e (bere) una spremuta di limone. Tu (scrivere) e (risolvere) un esercizio. L’uomo cerca di riparare da solo il guasto.Ti prego Signore. fa che sia il suo amante!!! Un inglese stà trascorrendo le vacanze in Scozia.sentire) appena la notizia alla radio. Parecchie ore più tardi un pastore scozzese si avvicina e il turista gli chiede: “Mi scusi. Voi (non essere d’accordo) con lui. un giorno la sua automobile si guasta in una zona molto remota delle Highlands. Un genovese torna a casa presto dal lavoro. Rispondete alle domande di qui sotto: Sei mai stato in California? Vai adesso al mercato? Salli sull’autobus? C’erano molti turisti messicani sulla nave? Andate spesso al cinema? Anche Lucia è stata con te a teatro? I tuoi amici sono partiti per la Nuova Zelanda? 10. Noi (vedersi) pomeriggio dopo i corsi. ___________________________ (io . 15. ma non riesce a capire che cosa non funziona. lei è un meccanico?”. UNITÀ 7 15 .

..CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI . queste sono le parole esatte. E avrò la mia vendetta.” [Robert DeNiro. (Baltasar Graciàn) Uno dei grandi privilegi della saggezza è quello di non scomporsi mai.Matthau.. Noodles?” . (Ludwig Wittgenstein) UNITÀ 7 16 . in questa vita o nell'altra!" [Russell Crowe "Il gladiatore"] "In altre parole." [J. "C'era una volta in America"] "Mi chiamo Massimo Decimo Meridio. "La strana coppia" Chi promette tutto è come se non promettesse nulla. generale della decima armata dell'impero: marito di una moglie assassinata..“Cosa hai fatto in tutti questi anni.Lemmon e W. mi stai cacciando fuori?" "Non in altre parole.“Sono andato a letto presto. (Baltasar Graciàn) E' difficile sapere una cosa e fare come se non la si sapesse. padre di un figlio ucciso.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: COME ARREDEREMO IL NOSTRO NUOVO APPARTAMENTO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  I NOMI ALTERATI  I PREFISSI  IL VERBO  IL TEMPO FUTURO. UDIRE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE. TUTTI FRUTTI AFORISMI E BATTUTE UNITÀ 8 1 . USCIRE. SALIRE. VOLERE. IL FUTURO SEMPLICE E IL FUTURO ANTERIORE DEI VERBI AUSILIARI  IL FUTURO SEMPLICE E IL FUTURO ANTERIORE DEI VERBI REGOLARI  ALTRI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO PRESENTE E PASSATO PROSSIMO: ANDARSENE.

riscaldamento centrale. calda e fredda. il tagliére. l’imbúto. il colabrodo. dei candelabri sulle ménsole completeranno con il tapeto. acqua corrente. uno studio. un cassettone e di una toletta.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI COME ARREDEREMO IL NOSTRO NUOVO APPARTAMENTO Qualche giorno fa abbiamo festeggiato un gradito evento: ci siamo trasferiti in una nuova abitazione. di due comodini con piccole làmpade di notte sopra. Com’è naturale. le lenzuola e le fédere per i guanciali. ecc. Il portasciugamani (per gli asciugamani) ed il portasapone con il sapone ci staranno sempre lì. Anche i colori delle pareti e le decorazioni sono di gusto moderno. Nella credenza – vicino all’acquaio – saranno messe le pentole. un frullatore elettrico. E qui UNITÀ 8 2 . di pepe). cioè: gas. Nel bagno ci saranno la vasca con scendibagno. Un lampadario di ferro battuto o di cristallo. di un armadio. Ma bisogna vedere questo aoppartamento: Rientriamo della città. il nostro appartamento ha tutte le comodità dei nostri giorni. Dalla camera da letto si esce su dei balconi. la sala da pranzo. dall’altra parte della stanza. con il forno all’interno o fuori. Vicino alla tavola ci staranno il frigorìfero (od il refrigeratore) per i prodotti alimentari preparati o semipreparati ed il congelatore. una camera da letto. La sala da pranzo avrà un altro tipo di mobília: un gran távolo circondato dalle sedie al centro. L’armadio è per il nostro guardaroba e la toletta con uno specchio (rotondo) e con un piccol o sgabello davanti. le posate (il cucchiaio. una libreria con il bar lungo una parete ed una credenza ed il tavolino per il televisore. il lavandino a rubinetti. luce elettrica. situato in uno dei nuovi quartieri della capitale. la doccia. il macinino (di caffè. levio la chiave dalla tasca e apro la porta. dei ferri da tenda e tende con tendaggi. la forchetta ed il cucchiaino) li metteremo nei cassetti della credenza. il coltello. i bicchieri. L’appartamento che abbiamo affitato (preso in affitto) non è troppo grande. qualche quadro e soprammobile. la più importante resterà senza dubbio la cucina a gas. il batticarne. In tutte le stanze abbiamo dei mobili moderni di ultimo tipo. Arriviamo così alla porta del nostro appartamento. la gratella. ci serve quando ci vestiamo e ci trucchiamo. tegámi e casseruole. La làmpada. lo schiumarola. un carrello portavivande. questo piacevole ambiente. ma è assai comodo. matrimoniale. Per aprire le bottiglie ci serviranno un apribottiglie ed una cavatappi (o cavaturaccioli) e per far montare il bianco delle uova (per i dolci e per la pasta). Tutte le stanze avranno saracinesche alle finestre. Nella camera da letto la mobília si compone di un letto grande. E’ un appartamento moderno che si trova in un casamento di sei piani. o per i cuscinetti (tutta la roba conservata nel cassettone) sono – insieme al materasso – gli ascessori del letto. i tappeti e gli scendiletti completano l’interno della camera da letto. Anche la péntola a pressione ci farà comodo per preparare i nostri cibi. Nella cucina. le tazze. lo spremilioni ed altri oggetti preziosissimi per preparare il cibo li troveremo sempre qui. I piatti. aria condizionata. i piattini e le scodelle. consta di sei vani che sono:un’anticamera. Dal pianterreno prendiamo l’ascensore perchè stiamo al quarto piano. La trapunta. il gabinetto ed il bidè. con o senza bòmbola. in cucina o nella sala da pranzo. padelle. il bagno e la cucina. Il tritacarne.

Grazie all’industria edilizia. amiaza mobila mobila tigaia (cu oalã) fãraşul haine oala jaluzele etajul parterul farfurie micã farfuria. sofa clãdirea cratita cu coadã comoda. oggi la città cresce con un ritmo sempre più accelerato. Ci piace molto stare alla finestra o al balcone per ammirare la vita quotidiana di questo quartiere che è lo specchio della vita nuova della nostra città. due o tre campi da golf. perchè la facciata è esposta a mezzogiorno. etajera sud. enti economici e istituti de richerche scientifiche. Le finestre e i balconi danno su due ampie strade e un parco molto quieto. il pannello e la crema da barba. arricchita di quartieri nuovi e lusuosi centri commerciali. a îngheta frigiderul a se întoarce încãlzirea debara robinetul jaluzele covoraş de baie covoraş de pat şamponul spumiera farfuria de supã mãtura oglinda a scutura de praf. ecc. a şterge praful canapea soarele UNITÀ 8 3 . i péttini e le spazzole da capelli. ho cosi una vista splendida su tutti i dintorni. spãlãtorul de bucãtãrie afluxul mediul a admira dispozitiv de destupat sticle a deschide a mobila mobilarea casei a îmbogãti a sosi. Anche il traffico stradale è aumentato da quando la capitale è diventata la sede di importanti grandi stabilimenti industriali. l’abitazione accingersi l’acquaio l’afflusso l’ambiente ammirare l’apribottiglie aprire arredare l’arredamento arrichire arrivare l’aspirapolvere assai assegnare l’attrattiva aumentato il batticarne il bicchiere il bidè bisogna il canapè il casamento la casseruóla il cassettone il cavatappi il cavaturaccioli la chiave il cibo cioè il colabrodo il comodino il congelatore constare la credenza crescere la cucina i cuscinetti locuinta a se apuca de treabã chiuveta. a acorda atractia crescut. l’asciugacapelli. crescutã bãtãtor. zugrãveala fotoliul suport de sãpun suport de prosoape tacâmurile a curãti liniştit cotidian a rãci. scrinul tirbuşon tirbuşon cheia mâncarea adicã strcurãtoare de supã noptiera congelatorul a consta bufetul a creşte bucãtãria pernele la ménsola il mezzogiorno il mobile la mobília la padella la pala i panni la péntola le persiane il piano il pianterreno il piattino il piatto la pittura la poltrona il portasapone il portasciugamani le possate pulire quieto quotidiano refrigerare il refrigeratore rientrare il riscaldamento il rispotiglio il rubinetto le saracinesche lo scendibagno lo scendiletto lo sciampo la sciumatuóla la scodella la scopa lo specchio spolverare il sofà il sole consola. le spugne. un velodromo. ciocan de fripturã paharul bideul trebuie canapea. fel de mâncare pictura. il rasoio elettrico (od a lamette). vasti complessi d’abitazioni. a ajunge aspiratorul foarte a da. Nel nostro appartamento c’è sempre sole. lo sciampo e diverse creme e lozioni cosmetiche.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI troveremo tutto l’occorrente per lavarci e per farci la toletta: il dentifricio e gli spazzolini da denti. L’afflusso crescente dei turisti dimostra la sempre maggiore attrattiva della capitale.

closet plãcut. vederea viata a vrea BINE PENTRU A ÎNTELEGE MAI la cucina a gas – aragaz i ferri da tenda – galeria de perdea il ferro batuto – fier forjat il frulattore elettrico . uzina a cãlca cârpa bibelourile tocãtor. odaia priveliştea. binevenit grãtarul pernele pâlnia chiuveta patul a lua. a scoate biblioteca râşnita salteaua lo spremilimone il stabilimento stirare lo straccio i supramobili il tagliére il tappo la tasca la tazza il tegáme la tenda le tendaggi la tolétta la tranquillità la trapunta trasferirsi il tritacarne troppo trovare il turacciolo la vasca il vano la vista la vita volere storcãtorul de lãmâi clãdirea. pledul la crema da barba – crema de ras SINONIME Il canapè Il cavatappi I cuscinetti = = = il sofà (sofa. fund de lemn dopul buzunarul ceaşca tigaia (cu toartã) perdea draperii toaleta linişte plapuma a se muta maşina de tocat carne prea a gãsi dopul cada de baie încãperea. expusã evenimentul fatada fata de pernã a sãrbãtori cuptorul frigider toaleta.mixer la làmpada da notte – veioza la làmpada a stelo – lampa cu picior oggetti d’uso doemstico – obiecte de uz casnic il pannello da barba – pãmãtuf la pentola a pressione – oala cu presiune il rasoio elettrico – apartul electric de ras lo spazolino da denti – periuta de dinti far brillare tutto di pulizia – a face totul sã strãluceascã de curãtenie farsi la barba – a se rade fornire la casa appositamente – a dota casa în mod corespunzãtor mettere a posto – a aranja.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il dentifrício il detersivo dimenticare dimostrare la dispensa la doccia l’ente esposto l’evento la facciata la federa festeggiare il forno il fricorìfero il gabinetto gradito la gratella i guanciali l’imbúto il lavandino letto levare la libreria il macinino il materasso pasta de dinti detergentul a uita a demonstra cãmara duşul institutia expus. canapea) Il frigorìfero il cavaturaccioli (tirbuşon) Il tappo = i guanciali (perne) = il refrigeratore (frigiderul) il turacciolo (dop) CUVINTELE UNITÀ 8 EXPRESII CU 4 . a pune lucrurile la locul lor la bianchieria da letto – lenjeria de pat la bómbola a gas – butelia de aragaz il carello portavivende – mãsuta cu rotile la coperta ricamata – cuvertura.

plãcerea. favoarea. atentia. a fi obligat. aluatul. pateul IL SERVIZIO – serviciul. a povesti. a fi dator LA PASTA – pasta. prãjitura. n-ai ce zice!.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI DIRE – a spune. dacã indicã un lucru mai urât. di no dire la sua dire tra se dovere riconoscenza dovere rispetto PANE . dacã indicã un lucru mai mare se numesc AUGMENTATIVE (ACCRESCITIVE). a se spune dire di si. reportajul GRAMATICÃ  I NOMI ALTERATI ⇔ ⇔ ⇔ ino ina etto etta ello ella icino icina icello I NOMI ALTERATI sunt acele substantive care se formeazã prin derivare. cu ajutorul unor sufixe: dacã indicã un lucru mai mic sau mai drãgut se numesc DIMINUTIVE (DIMINUTIVI). coca. frumos! înseamnã cã DOVERE – a trebui. pastele fãinoase. amestecul.pâine buono come il pane dire pane al pane essere pane e cacio pandolce pandorato panforte pasta asciuta pasta in bianco fare il servizio militare servizi igienici bun ca pâinea caldã a spune lucrurilor pe nume a se avea ca fratii cozonac genovez frigãnele chec paste cu sos paste cu unt şi brânzã a face serviciul militar grupuri sanitare pasta in brodo pasta in umido servizio da tavola servizio segreto paste cu supã paste cu supã serviciu de masã serviciu secret pan di spagna pan di spezie panettone rendere pane per focaccia togliersi il pane di bocca pandişpan turtã dulce cozonac milanez a plãti cu aceeaşi monedã a-şi lua pâine de la gurã a spune da. SUFIXE DIMINUTIVALE tavolino gattina libretto vecchietta asinello asinella cuoricino tossicina venticello one ona SUFIXE AUGMENTATIVE librone ragazzona accio accia astro astra ucolo ucola onzolo upola aglia SUFIXE DEPRECIATIVE ragazzaccio linguaccia giovinastro giovinastra maestruncolo maestruncola mediconzolo casupola gentaglia UNITÀ 8 5 . a exprima. mai rãu. nu a-şi spune propria pãrere a-şi spune în sinea sa a datora bani a datora respect dovere soldi a datora bani non c’è che dire viene a dire nu e nimic de zis. a comunica. mai murdar se numesc PEIORATIVE (PEGGIORATIVI).

care au provenit din latinã. promettere (a promite) de ri pro UNITÀ 8 6 . Giovanni – Giovannino.  Unele adjective şi verbe pot fi de asemenea derivate: caro (drag) grande (mare) pigro (leneş) verde (verde) carino (drãgut) grandicello (mãrişor) pigrone (foarte leneş) verdastro/verdino (verzuliu. dar nu sunt. Marietta. denominazione re reattività (reactivitate). reintegrare (a reintegra) rifare (a reface). plãcintã) postino (poştaş) mattino (dimineatã) mattone (cãrãmidã) giocare ( a se juca) parlare (a vorbi) ridere (a râde) giocherellare (a se juca în glumã) parlottare (a flecãri) ridacchiare (a chicoti)  Câteva cuvinte derivate şi-au pierdut un pic din sensul de bazã: canzone (cântec) madre (mamã) padre (tatã)  Alte cuvinte care par derivate. accompagnare (a acompania) deliberare (a delibera). derbedeu) accio accia astro astra ragazzaccio linguaccia giovinastro giovinastra  Chiar şi substantivele propri pot avea diminutive: Carlo – Carluccio. fiind nişte simple coincidente (“derivate false”): burro (unt) cavallo (cal) foca (focã) posto (loc) matto (nebun)  I PREFISSI ac Principalele prefixe folosite în limba italianã. Nina – Ninetta. Ninuccia. Luisa – Luisella. Luigi – Luigino. Tonio – Tonino. grosolanã) occhione (ochi mare) piedone (picioroi) ragazzone (bãietandru) cappellaccio (pãlãrie veche. prestabilire (a prestabili) progenitore (strãbun). riscaldare (a încãlzi) pre prevenire (a preceda). Maria – Mariuccia. verde deschis) canzonetta (cantonetã) madrina (naşã) padrino (naş) pane (pâine) rosso (roşu) signora (doamnã) panino (chiflã) rossetto (ruj) signorina (domnişoarã) burrone (prãpastie) cavallone (val mare) focaccia (lipie. sunt: accordare (a acorda). Carletto. privire rea) ragazzaccio (bãiat rãu. ruptã) libraccio (cãrtulie) manaccia (mânã urâtã ca o ghearã) occhiaccio (ochi rãu.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI icella uccio uccia erella ola ettina uzza erello capello (pãlãrie) libro (carte) mano (mânã) occhio (ochi) piede (picior) ragazzo (bãiat) grandicella cavalluccio boccuccia vecchierella bestiola corsettina pietruzza pazzerello cappelino (pãlãrioarã) libricino (cãrticicã) manina (mânutã) occhietto (ochişor) piedino (picioruş) ragazzino (bãietaş) cappelone (pãlãrie cu boruri mari) librone (carte groasã) manone (mânã mare.

stracciare (a sfâşia.. Viitorul anterior poate avea valoare dubitativã înlocuind PERFECTUL COMPUS: “Sarà venuto. misdire (a vorbi de rãu) percorrere (a parcurge). dar mâine mã voi odihni. indeciso (nedecis). te lo farò conoscere” – Luni. te lo dirò” – când voi şti.  IL TEMPO FUTURO VERBUL TIMPUL VIITOR ANTERIORE DEI VERBI AUSILIARI io avrò tu avrai esso/essa avrà io sarò tu sarai esso/essa sarà  IL FUTURO SEMPLICE E IL FUTURO AVERE (a avea) noi avremo voi avrete essi/esse avranno noi saremo voi sarete essi/esse saranno VIITORUL SIMPLU ŞI VIITORUL ANTERIOR AL VERBELOR AUXILIARE io avrò avuto tu avrai avuto esso/essa avrà avuto noi avremo avuto voi avrete avuto essi/esse avranno avuto noi saremo stati/state voi sarete stati/state essi saranno stati esse saranno state ESSERE (a fi) io sarò stato/stata tu sarai stato/stata esso sarà stato essa sarà stata ANTERIORE DEI VERBI REGOLARI io abiterò tu abiterai esso/essa abiterà io temerò tu temerai  IL FUTURO SEMPLICE E IL FUTURO VIITORUL SIMPLU ŞI VIITORUL ANTERIOR AL VERBELOR REGULATE io avrò abitato tu avrai abitato esso/essa avrà abitato noi avremo abitato voi avrete abitato essi/esse avranno abitato noi avremo temuto voi avrete temuto ABITARE (a locui) noi abiteremo voi abiterete essi/esse abiteranno noi temeremo voi temerete TEMERE (a se teme) io avrò temuto tu avrai temuto UNITÀ 8 7 . a urma) straordinario (extraordinar). dar precedentã. se avrò ottenuto il risultato. dar mie nu mi-au spus. sopraciglio (sprânceanã) im per sovra sovraccarico (supraîncãrcat). perciò (de aceea) su b stra sopra subácqueo (submarin). ma domani mi riposerò” – Acum lucrez. impadronirsi (a lua în stãpânire) s dis mis sradicare (a dezrãdãcina).. dacã voi fi aflat rezultatul. ma non me l’hanno detto (Forse è venuto ma . În limba vorbitã VIITORUL ANTERIOR tinde sã fie înlocuit PRIN VIITORUL SIMPLU: “Quando lo saprò. a zugrãvi).)” – Poate o fi venit. strapotente (ultrapotent) sopraffare (a copleşi). sovrastare (a sta deasupra)  IL VERBO IL FUTURO SEMPLICE (VIITORUL SIMPLU) indicã o actiune care se va întâmpla în viitor: “Ora lavoro. a rupe) disfare (a desface). subentrare (a înlocui. îti voi spune. ti-l voi comunica. a tãgãdui). VIITORUL ANTERIOR se formeazã din: IL FUTURO SEMPLICE (VIITORUL SIMPLU) al verbelor ESSERE sau AVERE şi IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRECUT) al verbului de conjugat.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI (denumire) ex es in ex-ministro esportazione (export). disapprovare (a dezaproba) misconoscere (a nu lua în seamã. anterioarã unei alte actiuni viitoare: “Lunedi. IL FUTURO ANTERIORE (VIITORUL ANTERIOR) indicã o actiune viitoare. inginocchiare (a îngenunchia) imbiancare (a albi. estrarre (a extrage) incredibile (incredibil).

USCIRE. VOLERE. a se sui) se foloseşte în propozitii ca: UNITÀ 8 8 . a se sui) (ei/ele au plecat) PRESENTE io salgo noi saliamo (eu urc) (noi urcãm) tu sali voi salite (tu urci) (voi urcati) esso/essa sale essi/esse salgono (el/ea urcã) (ei/ele urcã) PRESENTE PASSATA PROSSIMO io sono salito/salita noi siamo saliti/salite (eu am urcat) (noi am vrut) tu sei salito/salita voi siete saliti/salite (tu ai urcat) (voi ati vrut) esso/essa è salito/salita essi/esse sono saliti/salite (el/ea a urcat) (ei/ele au vrut) PASSATA PROSSIMO noi abbiamo udito (noi am vrut) voi avete udito (voi ati vrut) essi/esse hanno udito (ei/ele au vrut) UDIRE (a auzi) noi udiamo (noi auzim) voi udite (voi auziti) essi/esse odono (ei/ele aud) io ho udito (eu am vrut) tu hai udito (tu ai vrut) esso/essa ha udito (el/ea a vrut) USCIRE (a ieşi) noi usciamo (noi ieşim) voi uscite (voi ieşiti) essi/esse escono (ei/ele ies) io odo (eu aud) tu o d i (tu auzi) esso/essa ode (el/ea aude) PRESENTE io esco (eu ies) t u e sci (tu ieşi) esso/essa esce (el/ea iese) PRESENTE PASSATA PROSSIMO io sono uscito/uscita noi siamo usciti/uscite (eu am ieşit) (noi am ieşit) tu sei uscito/uscita voi siete usciti/uscite (tu ai ieşit) (voi ati ieşit) esso/essa è uscito/uscita essi/esse sono usciti/uscite (el/ea a ieşit) (ei/ele au ieşit) PASSATA PROSSIMO noi abbiamo voluto (noi am vrut) voi avete voluto (voi ati vrut) essi/esse hanno voluto (ei/ele au vrut) VOLERE (a vrea) noi vogliamo (noi vrem) voi volete (voi vreti) essi/esse vogliono (ei/ele vor) io ho voluto (eu am vrut) tu hai voluto (tu ai vrut) esso/essa ha voluto (el/ea a vrut) io voglio (eu vreau) tu vuoi (tu vrei) esso/essa vuole (el/ea vrea) Verbul SALIRE (a urca. a pleca) noi ce ne andiamo (noi mergem) voi ve ne andate (voi mergeti) essi/esse se ne vanno (ei/ele merg) PASSATA PROSSIMO io me ne sono andato/andata noi ce ne siamo andati/andate (eu am mers) (noi am mers) tu te ne sei andato/andata voi ve ne siete andati/andate (tu ai mers) (voi ati mers) esso/essa se n’è andato/andata essi/esse se ne sono (el/ea au plecat) SALIRE (a urca.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI esso/essa temerà io partirò tu partirai esso/essa partirà essi/esse temeranno noi partiremo voi partirete essi/esse partiranno esso/essa avrà temuto PARTIRE (a pleca) io sarò partito/partita tu sarai partito/partita esso sarà partito essa sarà partita noi saremo partiti/partite voi sarete partiti/partite essi saranno partiti esse saranno partite essi/esse avranno temuto  ANDARSENE. UDIRE PRESENTE io me ne vado (eu merg) tu te ne vai (tu mergi) esso/essa se ne va andati/andate (el/ea merge) ALTRI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO PRESENTE E PASSATO PROSSIMO: ANDARSENE ( a se duce. SALIRE.

în autobuz.. sulla bicicletta.Che cosa dimostra che la sempre maggiore attrattiva della capitale ? 2. Io gli (dare) il libro promesso. Quando voi (vedere) Mario non lo (potere) riconoscere.Com’è la camera da letto ? .. – populatia a crescut la. perché (essere) tanto cresciuto. 1. per prendere la doccia e per lavarci i denti. sul pullman. pe scarã. la popolazione è salita a . Rispondete alle domande ? ..Ma nella sala da pranzo ? . che lui (leggere) con piacere.. Lei me lo (dire).Che tipi di mobili si trovano nella camera da letto ? . la febbre sale – temperatura creşte. Scrivete i eguenti verbi a tutti i tempi conosciuti: LAVORARE (a lucra) CREDERE (a crede) SENTIRE (a simti) UNITÀ 8 9 . i capelli ? .Quali sono i vasi che ci occorrono per cucinare ? .. Tu (sapere) dove (andare) Luigi stasera? Quando noi lo (incontrare) gliene (parlare).Quali sono le posate ? .. Sostituite l’infinito dal testo che segue con il futuro e con il futuro anteriore : Esse (partire) per gli Stati Uniti d’America dove (restare) per più tempo. ne (essere) sicuro io! EXERCITII 3.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI  salire sul monte.sul cavallo – a se urca pe munte. sulla scala.. salgo per due attimi – trec pe la tine pentru douã minute. i prezzi salgono – preturile urcã. în autocar. sull’autobus.Cosa ci serve per apparecchiare la tavola ? . pe bicicletã.Perché è sempre sole nel nostro appartamento ? . pe cal – però – salire in macchina – a se sui în maşinã  la strada sale – strada urcã.Che cosa avranno tutte le finestre del nostro appartamento ? ..Che cosa ci serve nel bagno.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI UNITÀ 8 10 .

A che ora ______________ (finire) il seminario? 6. _____________ (voi .uscire) insieme stasera? No. 8. Tu hai un brutto difetto e sei antipatico a tutti. Metti i verbi delle seguente frasi al futuro (l’anno prossimo) e al passato prossimo (l’anno scorso): Quest’anno ho qoattordici anni e sono in ottava classe. Valeria ha una sorella che è maestra alle classi elementari. Sergio e Agnese _________________ li (spedire) prima con il treno.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 4.uscire) con Luigi. 2. 3. grazie. UNITÀ 8 11 . A che ora _________________ (aprire) i negozi? 11. Ti ha telefonato Claudia oggi? No. La domenica mi occupo della casa: ______________________ (pulire) i pavimenti e le finestre.50. non la _____________ (sentire) da venerdì.30? 4. 9. Io parlo.preferire) il latte o il caffè? 7. _________________ (noi . No. 10. ma tu non mi ___________________ (capire)! 13. Da ieri sera Paola non sta bene: __________________ (tossire) spesso e ha anche un po' di febbre.venire) in questa città _________________ (scoprire) sempre qualcosa di nuovo. 14. Noi abbiamo compagni molto simpatici e siamo tutti amici. Sì. 12. 5. Completate con i verbi (Terza coniugazione -ire ) al futuro: 1. _________________ (tu . 5. Per non viaggiare con troppi bagagli. ___________________ (voi . Mio figlio___________ (dormire) con l'orsetto. Quando _______________ (io . mi dispiace ___________________ (io .venire) da noi stasera? 15. ________________ (finire) di mettere in ordine la casa e _________________ (venire).partire) con il treno delle 15. _____________ (preferire) prendere quello delle 18.

6.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Voi avete da fare e non siete in grado di risolvere tutti i problemi. Pe masã sunt douã scrisori şi câteva timbre. cioè la stanza dove studio e dove dormo. una trapunta. A devenit unul dintre importantele cartiere ale capitalei. c’è un piccolo comodino con una sveglia e una lampada. Pe noptierã se aflã un aparat radio şi o lampã. Lângã mãsutã se aflã douã fotolii moi. due lenzuole e un buon materasso. (perchè UNITÀ 8 12 . Vrea sã aibã mobile noi. una scrivania. Traducete in romeno: Adesso voglio descrivere la mia camera. Are trei încãperi: o sufragerie. Îi place sã stea într-un apartament modern. 7. un dormitor şi o baie. una coperta candida di lana. uno scaffale e un armadio a muro. Sul letto ho un guanciale. Accanto al letto. alla sua destra. Copilaşul acela are o cãrtulie foarte frumoasã. S-a mutat într-un apartament nou. E’ una camera semplice e carina. I suoi mobili importanti sono i seguenti: un letto moderno. con due finestre che danno su un cortile di 200 metri quadrati.Traduci in italiano: Merg la George. Cartierul sãu este un vast complex de locuinte pentru muncitori şi functionari.

(Lorenzo Tramaglino) Se le scimmie riuscissero a provare noia. " (Leggi di Murphy) "Colui che sorride quando le cose vanno male ha pensato a qualcuno a cui dare la colpa.. vuole un cioccolatino ? Potrei mangiarne una tonnellata di questi qui. "Tutte le cose vanno male contemporaneamente". Cowper) Non è esatto dire che un uomo ammogliato vive più di uno scapolo: semplicemente il tempo gli pare più lungo. (Lorenzo Tramaglino) Non c'è notte così lunga da impedire al giorno di risorgere. (Johann Wolfgang Goethe) Gli unici affronti si ricevono dagli uomini d'onore (quelli mediocri non contano)." (Legge di Jones) Sono in attesa sempre della sera. " Se una cosa non può semplicemente andare male.. accanto al letto.. (Anonimo) Per apparire onesti bisogna esserlo. (Jean de La Bruyére) Bisogna essere dei grandi ignoranti per rispondere a tutto quello che ci viene chiesto. (W. aprendo e chiudendo le porte " (The Others) UNITÀ 8 13 .. Per incontrare la notte e rivivere un'alba nuova e diversa. mamma diceva sempre.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI ho l’abitudine di leggere a letto)." (Ritorno al futuro 2) " Nessuna porta deve essere aperta prima che l' ultima sia stata chiusa.. andrà peggio. Alla sua sinistra c’è un tavolino con la radio. (Voltaire) "Mi chiamo Forrest. Sul pavimento. potrebbero diventare uomini. Forrest Gump. ho uno scendiletto lungo. non sai mai quello che ti capita" (Forest Gump) "Chissa che non ci si incontri qualche altra volta nel futuro" "O nel passato. è cosi' difficile da capire ? Questa casa è come una nave e qui la luce deve essere controllata come se fosse acqua. la vita e' uguale a una scatola di cioccolatini.

" " Nel suo ventre. " " No. ha decretato che veniate eliminati. scoprirete una nuova qualita' di dolore e di sofferenza..CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI " L' Oracolo ha molti nemici.. detesto le attese " " Quindi sarete oirtati al mare delle dune. e buttati nel pozzo di Karinn. venendo digeriti lentamente per un migliaio di anni " (Star Wars Episode IV – The return of the Jedi) UNITÀ 8 14 . dove ha la tana il potentissimo SirLock" " Poteva andare peggio.. dovevo essere sicuro " " Sicuro di cosa ? " " Che tu fossi l' eletto " " Avresti potuto chiedermelo. immediatamente " " Meglio.. non conosci bene una persona finchè non ci combatti " (Matrix Reloaded) " Sua alta eccellenza il grande Jabba The Hut.

TUTTI FRUTTI AFORISMI E BATTUTE UNITÀ 9 1 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: UN PO’ D’ANATOMIA VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL PRONOME RELATIVO  IL PRONOME E L’AGGETTIVO INTERROGATIVO  I PRONOMI E GLI AGGETTIVI RAFFORZATI E D’IDENTITÀ  IL VERBO    L’IMPERFETTO ED IL TRAPASSATO PROSSIMO DEI VERBI AUSILIARI L’IMPERFETTO ED IL TRAPASSATO PROSSIMO DEI VERBI REGOLARI ALTRI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO E PASSATO PROSSIMO: SAPERE. SCEGLIERE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE. SEDERE. BERE. RIMANERE.

muscoli. i polmoni con i quali si respira e l’esófago. a causa della sofferenza. Il color della pelle è bianco. il tronco e gli arti formano il corpo umano. nel cranio. dal mento (od il barbiglio). Lo schéletro (o le ossa) sostiene il copro. rappresenta insieme al cuore ed ai polmoni una vera fabbrica dell’organismo che riceve e conserva l’ossígeno e le sostanze nutrienti (o nutritivi) ed elimina il biossido di carbone. Il collo unisce la testa al tronco. più o meno scuro. La carnagione di una persona giovane è fresca e ròsea. Bruni. L’addòme. con le vene ed i nervi e dalla carnagione. adunco od aquilino. od addirittura nero. grigi. ricciuti o lisci. gli occhi rispecchiano l’animo. duodèno. Esso è il centro del sistema nervoso e dirige e controlla le sensazioni ed i pensieri. gli intestini ed i reni. dal gomito. La faccia (o il volto) viene formata dalla fronte. vescica biliare. Il braccio viene formato dalla spalla. La dentatura ideale è regolare e bianca e. Nel tronco si trovano tutti gli òrgani importanti del corpo umano. il UN PO’ D’ANATOMIA UNITÀ 9 2 . con le vene e le artèrie. si trova tra il torace ed il bacino e contiene l’apparato digestivo (fégato. Quando ci fanno male i denti. nervi e pelle e che dentro contiene i vari òrgani. Sul dietro della bocca c’è la gola. dagli occhi con le ciglia e le sopraciglia. alcuni hanno la barba. formato dall’intestino ténue e dall’intestino crasso. Però non tutti gli uomini si radono. La testa è coperta dai capelli – neri. Essi possono essere ondulati. andiamo allo stomalógo a farci curare. Essi si chiamano anche membra. che assicura la circolazione del sangue. si può dire che ha dei bei lineamenti. La colonna vertebrale (o la spina dorsale) sostiene l’equilibrio e la posizione verticale del corpo. mentre quella di una persona anziana ha delle rughe. Gli arti sono le braccia e le gambe. verdi o celesti. Gli uomini hanno le guance ed il mento coperto di peli che formano la barba ed i baffi. camuso. dev’essere pulita e curata.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI La testa. Il naso può essere affilato. folti o radi. biondi. che è coperto da carne. la milza. Le ossa sono coperte dai múscoli. A volte. caratteristica fondamentale dell’uomo nei confronti degli animali. Gli òrgani che si trovano nella casa toracica sono: il cuore. con i quali mastichiamo il cibo. con la palma e le cinque dita. rossi o bianchi. certamente. altri preferiscono averne tutte e due. Le ragazze li possono avere intrecciati. dal polso e dalla mano. dalle guance e dagli orecchi. la lingua – con la quale gustiamo – ed i denti. dal naso con le narici. Questi organi sono collegati per diversi canali e còlon. Il cervello si trova nella cassa o scatola crànica. Le parti della gamba sono: la coscia. Di una persona con un aspetto fisico piacevole. alcuni i baffi. Le persone senza capelli sono calve. pàncreas e stómaco). castagni. Il tubo digerente. La bocca ha le labbra. castagni. che si chiama anche pancia. giallastro. La pelle con i peli proteggono l’organismo umano dal contatto con l’esterno. le persone malate hanno le così chiamate “gotte scarne”.

Le dita della mano sono: l’índice. quello che non vede è cieco. addatarsi addirittura l’addòme l’adulto adunco affilato. calva camuso la carnagione la carne carnoso i capelli la caviglia il cervello il cibo le ciglia il cieco collegare a se potrivi de-a dreptul. Le dita della mano e del piede sono protette dalle unghie. Sneli o grassi. E pur la più sana persona avrà sempre un suo “tallone d’Achille”. la caviglia ed il piede con la pianta e le cinque dita. mi fanno male i denti. il polpáccio. E’ questa gente ha bisogno del nostro aiuto. il póllice. gli esseri umani (uomini. Quando siamo malati ed abbiamo dolori possiamo dire: ho mal di gola. affilata l’anca l’anima l’animo l’anulare anziano aquilino l’arteria gli arti il bacino i baffi la barba il barbíglio la bocca le braccia calvo. malata il mancíno masticare il medio le membra il mento il mignolo la milza mingherlino.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI ginocchio. membrele bazinul mustãtile barba bãrbia gura bratele chel. il gusto ed il tatto. dalle dita e membra sottili o carnose. fiorente e vigorosa. a pãşuna ciobanul oaia pielea firul de pãr (de pe corp) UNITÀ 9 3 . Chi è in buono stato di salute si chiama sano e chi non lo è. il medio. si chiama handicappato.o. Di solito. Chi non può né parlare. semplicemente: mi fa male la testa. direct abdomenul adultul nas coroiat ascutit. chealã cârn carnatia carne cãrnos pãrul glezna creierul h r an a genele orbul a uni le labbra i lineamenti malato. E la salute dev’essere robusta. bolnavã stângaciul a mesteca degetul mijlociu membrele bãrbia degetul mic splina subtire. bambini) devono avere una buona salute. coapsa sufletul sufletul degetul inelar bãtrânul acvilin artera articulatiile. mingherlina il múscolo il muto la narice il naso il nervo obeso. donne. Chi usa invece meglio la mano sinistra si chiama mancíno. firav(ã). si chiama sordomuto. perché ha una gamba più corta dell’altra e gobbo è colui le cui spalle sono curve. di testa. Così. l’udíto. obezã ochiul mirosul mirosul urechea organul osatura oxigenul palma burta pãscut a paşte. l’odorato o l’olfatto. Zoppo è quello che va zoppicando. di denti.. l’anulare ed il mignolo. Colui che ha un’infermità. né sentire. obesa l’occhio l’odorato l’olfato l’orecchio l’òrgano le ossa l’ossígeno la palma la pancia il pascolamento pascolare il pastore la pecora la pelle il pelo buzele trãsãturile bolnav. l’uomo usa di più la sua mano destra. I sensi dell’uomo sono cinque: la vista. si chiama infermo e chi ha un handicappo nativo o dopo un’incidente. si chiama malato. chi non sente è sordo e chi non parla è muto. ascutitã şoldul. plãpând(ã) muşchiul mutul nara nasul nervul obez.. dalle spalle larghe o strette. alti o bassi. che è più importante della statura o della corporatura.

grumaz cotul subtire. plãpând(ã) obrazul gustul handicapul handicapatul degetul arãtãtor infirmul ingredientul a împleti în cozi împletit în cozi la pianta il piede il póllice il polmone il polso radunarsi il rene rispecchiare ròseo la ruga saggio. fin deschişi umãrul a mistui pipãitul bondoc.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il collo la corporatura la coscia le cosce il cuore la dentatura il dente il dito le dita il duodèno l’esófago l’età la faccia il fégato fiorente le fossette la fronte le gambe giallastro il ginocchio il giovane il gobbo la gola il gomito grácile la guancia il gusto l’handicappo l’handicappato l’índice l’infermo l’ingrediente intrecciare intrecciato gâtul (în exterior) statura. sana scarno. talia. firav(ã). bondoacã capul trunchiul auzul unghia vena vederea chipul a şchipãta şchiopul BINE PENTRU A ÎNTELEGE MAI essere magro – a fi slab gote scarne – obraji uscati. întelept. pulpa coapsele inima dantura dintele degetul degetele duodenul esofagul vârsta fata ficatul înfloritor gropite fruntea picioarele galben închis genunchiul tânãrul cocoşatul gâtul (în interior). scarna lo schéletro la sofferenza le sopracciglia il sordo il sordomuto sostenere sottile spalancati la spalla struggere il tatto tozzo. di testa – durere de gât. descãrnati l’intestino crasso – intestinul gros l’intestino tènue – intestinul subtire mal di gola. de cap mi fa male – mã doare. descãrnat(ã) scheletul suferinta sprâncenele surdul surdomut a sustine subtire. întins capelli radi – pãr rar la cassa cranica – cutia cranianã la cassa toracica – cutia toracicã la colonna vertebrale – coloana vertebralã sul dietro di – în spatele di solito – de obicei essere dai capelli canuti – a avea pãrul cãrunt essere dai capelli ricciuti – cret UNITÀ 9 4 . îmi face rãu la scatola cranica – cutia cranianã la sostanza nutriente – substanta nutritivã la sostanza nutritiva – substanta nutritivã il tubo digerente – tubul digestiv la vescica biliare – vezica biliarã volto tondo – fata rotundã volto scuro o fosco – chip întunecat l’apparato digerente – aparatul digestiv aver la scriminatura – a avea cãrare (în pãr) a becco di civetta – nas coroiat il biossido di carbone – bioxidul de carbon capelli folti – pãr des capelli lisci – pãr neted. corpul coapsa. pulsul a se aduna rinichiul a oglindi trandafiriu ridul cuminte. sãnãtoasã uscat(ã). înteleaptã sãnãtos. tozza la testa il tronco l’udíto l’unghia la vena la vista il volto zoppicare il zoppo talpa piciorul degetul mare plãmânul încheietura mâinii. saggia sano.

cu care. le quali = care (pl. D. alle quali i quali. Fraza româneascã < Fata pe care o cunosc se numeşte Maria>se poate traduce în limba italianã în douã moduri:  La ragazza che conosco si chiama Maria.)  che = care  quali. le quali dei quali. formele di cui . G. della quale al quale. la quale = care (sg.)  il. alla quale il quale. SINGULAR il. la polmoníte (pneumonia) il cáncro il catàrro la corizza il diabete la frattura la grippa l’influenza il morbillo l’orecchioni – cancerul – guturaiul – guturaiul – diabetul – fractura – gripa – gripa – pojarul – oreionul la pneumoníte la polmoníte il raffredore la rottura dell’ossa la scarlattina la sclerósi la tonsillite la tuberculosi la varicella GRAMATICÃ – pneumonia – pneumonia – guturaiul – fractura – scarlatina – scleroza – amigdalita – tuberculoza – varicela În limba italianã sunt şase PRONUME RELATIVE: i. UNITÀ 9 5 . quale = care  chi = care  quanto = cât  onde = pentru care. şi D. la quale se poate declina: N. Ac. la quale PLURAL i. delle quali ai quali. le quali  Pronumele che are pentru G.  La ragazza la quale conosco si chiama Maria. de la care. a cui :"Il ragazzo del quale libro ho letto è il mio collega"/ "Il ragazzo di cui libro ho letto è il mio collega" – Bãiatul a cãrui carte am citit-o este colegul meu. la quale del quale.  IL PRONOME RELATIVO  Pronumele il. il raffredore (guturaiul) la rottura dell’osso (fractura) l’influenza (gripa) l’olfato (mirosul) la pneumoníte.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI SINONIME adunco il barbíglio la cassa cranica il catàrro la frattura la grippa l’odorato la pneumónia = = = = = = = = a becco di civetta (nas coroiat) il mento (bãrbia) la scatola cranica (cutia cranianã) la corizza.

 Când se gãseşte dupã substantiv. "Quanti studenti ci sono nell’aula?". stessa. con qui (cu care). chiar : "Il suo amico stesso me l’ha detto" – mi-a spus-o chiar prietenul sãu.). "Quanto paghi d’affito?" – Cât plãteşti chiria?. este pronume şi adjectiv. adjectivul de întãrire se va aşeza în fata acestuia. "Il posto onde vengo" – Locul de unde vin. per la quale (pentru care). este numai pronume. stesse – însumi. I PRONOMI INTERROGATIVI (PRONUMELE INTEROGATIVE) substituie numele de persoane. este grec.).Câti studenti în clasã? I PRONOMI E GLI AGGETTIVI RAFFORZATI E D’IDENTITÀ (PRONUMELE ŞI ADJECTIVELE DE ÎNTÃRIRE ŞI DE IDENTITATE) au urmãtoarele forme: RAFFORZATI E D’IDENTITÀ  I PRONOMI E GLI AGGETTIVI PRONUMELE ŞI ADJECTIVELE DE ÎNTARIRE ŞI DE IDENTITATE  stesso. "A chi parla?" – Cui vorbeşti?  Che? (ce?. stesso se traduce prin însuşi.): "Chi parla? "– Cine vorbeşte?. eu tot (oricum) plec.). stesso se traduce prin propriu : "Questa è la loro stessa (propria) opinione" – Aceasta este pãrerea lor proprie.  Când se gãseşte între adjectivul posesiv şi substantiv. "I medesimi loro problemi" – aceleaşi probleme ale lor. dupã articol: "Le stesse sue abitudini" – aceleaşi obiceiuri ale sale. însãşi ~au valoare de adjective de întãrire atunci când însotesc un pronume: "Io stesso ho affermato questo" – eu însumi am afirmat acest lucru.  Onde are mai multe sensuri: da cui (de care).  stesso poate avea şi functie adverbialã: "Con o senza denaro. subliniind sensul acestuia. quale mi devi restituire subito" – Ti-am împrumutat cartea. pe care trebuie sã mi-o restitui repede. "L’opera onde ha vinto il premio" – Opera cu care a câştigat premiul. lucreazã. UNITÀ 9 6 . Di chi? (G. având gen şi numãr: "Quanto costano le mele?" – Cât costã merele?. însãmi. lavora" – Cine vrea sã lucreze. "Che ragazzo conosci?" – Ce bãiat cunoşti?  Quale? (care?) – pentru numele de persoane şi de obiecte: "Quale ragazza ti piace? "– ce fatã îti place?. Acestea sunt:  IL PRONOME E L’AGGETTIVO INTERROGATIVO  Chi? (cine?) – pentru nume de persoanã – având formã unicã de singular. dal quale (de unde). Acesta poate fi declinat: Chi? (N. care?) – pentru numele de obiecte. este doar adjectiv: "Che cosa mi dici?" – Ce-mi spui?. con la quale (cu care).  Quanto (echivalentul lui “tutto ciò che”) şi quanti (echivalentul lui “tutti quelli che”) sunt invariabile: "Dimmi quanto ne sai" – Spune-mi tot ceea ce şti.  Când substantivul este precedat de pronumele posesiv. Chi? (Ac. per la qual cosa (pentru care lucru): "Il paese onde ci separa il mare" – Tara de care ne desparte marea. pe al cãrui frate îl cunosc.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI "La ragazza alla quale ho dato i fiori è mia cognata"/"La ragazza a cui ho dato i fiori è la mia cognata" – Fata cãreia i-am dat florile este cumnata mea. Este variabil.  Quale (quali) se foloseşte pentru a relua o idee: "Ti ho prestato il libro. A chi? (D. "Quale libro compri?" – ce carte cumpri?  Quanto? (cât?) – pentru nume de persoane şi obiecte. înşişi. obiecte în propozitiile. "Quanti conosco ne sono d’accordo" – Toti pe care îi cunosc sunt de acord cu aceasta. stessi. Pentru genitiv prepozitia di poate fi înlocuitã de articolul partitiv:"Il ragazzo di cui fratello conosco è greco" <=> "Il ragazzo il cui fratello conosco è greco" – Bãiatul. io ci vado lo stesso" – cu sau fãrã bani..  Pronumele chi este invariabil: "Chi vuole lavorare.

 contemporaneitatea a douã sau mai multe actiuni trecute: “Lucia camminava e pensava a tutto quello che le era accaduto. dar nu fusese el. ESSA N OI VO I ESSI.evàmo .àva LEGGERE (a citi): io legg. aceiaşi.ìvi egli/essa part. IMPERFECTUL VERBELOR REGULATE se formeazã adãugând rãdãcinii verbului de conjugat terminatiile pentru fiecare persoanã. corespunzând lui ciò : "Ha fatto lo stesso" – a fãcut la fel. andavo sempre a visitare qualcosa.àvo tu cant. MAI MULT CA PERFECTUL exprimã o actiune trecutã cu referire la o altã actiune trecutã:”Renzo fuggiva perché aveva avvertito il ladro.ìvano CANTARE (a cânta): io cant. medesima.” – Când locuiam în acel oraş. ma non lo era stato lui.  o actiune trecutã. medesimi. specifice fiecãrei conjugãri în parte: Iª CONIUGAZIONE IO Tu EGLI.èvi .ìvo .èvo .èvi egli/essa legg. medesime – acelaşi.evàte . aceleaşi ~au valoare de adjective de identitate şi sunt însotite de un subtsntiv sau un pronume: "E’ venuto il medesimo studente" – a venit acelaşi student. "Gli e capito lo stesso" – i s-a întâmplat acelaşi lucru.èvano  L’IMPERFETTO ED IL TRAPASSATO PROSSIMO DEI VERBI REGOLARI IMPERFECTUL ŞI MAI MULT CA PERFECTUL VERBELOR REGULATE IIIª Coniugazione . “ L’avevano trovato colpevole.avàte .ìva UNITÀ 9 7 .àvano IIª Coniugazione . Alberto a auzit un zgomot puternic.àvi .” – Îi fusese atât de sete şi de aceea îşi cumpãrase o oranjadã. mergeam mereu sã vizitez ceva. incompletã în momentul în care începea o altã actiune trecutã: “Mentre leggeva il giornale.àvi egli/essa cant.ivàmo .ìvo tu part.” – Renzo fugea pentru cã observase hotul. aceeaşi.èva .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI  stesso poate avea sens neutru.  medesimo.ivàte .” – În timp ce citea ziarul.avàmo .  L’IMPERFETTO ED IL TRAPASSATO PROSSIMO DEI VERBI AUSILIARI IMPERFETTO io éro tu éri egli/essa éra IMPERFETTO io avévo tu avévi egli/essa avéva ESSERE noi eravàmo voi eravàte egli/esse érano  IL VERBO IMPERFECTUL ŞI MAI MULT CA PERFECTUL VERBELOR AUXILIARE TRAPASSATO PROSSIMO noi eravàmo stati/state voi eravàte stati/state egli/esse érano stati/state TRAPASSATO PROSSIMO noi avevàmo avuto voi avevàte avuto egli/esse avévano avuto io éro stato/stata tu éri stato/stata egli/essa éra stato/stata AVERE io avévo avuto tu avévi avuto egli/essa avéva avuto noi avevàmo voi avevàte egli/esse avévano IMPERFECTUL indicã:  o stare sau o actiune care avea continuitate în trecut:”Quando abitavo in quella città.ìva . ESSE .èva PARTIRE (a pleca): io part.àva .èvo tu legg.ìvi .” – Îl gãsiserã vinovat.àvo . “ Aveva avuto tanta sete e perciò si era comprato un’aranciata. Alberto ha udito un grande rumore.” – Lucia se plimba şi se gândea la tot ceea ce i se întâmplase.

ivàte essi/esse legg.avàte essi/esse cant-àvano noi legg. BERE.evàte voi part.èvano essi/esse part.evàmo noi part.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI noi cant-avàmo voi cant. SEDERE. RIMANERE. SCEGLIERE BERE (a bea) io bevo tu bevi esso/essa beve PRESENTE noi beviamo voi bevete essi/esse bevete PRESENTE noi rimaniamo voi rimanete essi/esse rimangono io ho bevuto tu hai bevuto esso/essa ha bevuto RIMANERE (a rãmâne) io rimango tu rimani esso/essa rimane io sono rimasto/rimasta tu sei rimasto/rimasta esso è rimasto essa è rimasta SAPERE (a şti) io so tu sai esso/essa sa PRESENTE noi sapiamo voi sapete essi/esse sanno PRESENTE noi scegliamo voi scegliete essi/esse scelgono PRESENTE noi sediamo voi sedete essi/esse siedono io ho saputo tu hai saputo esso/essa ha saputo SCEGLIERE (a alege) io scelgo tu scegli esso/essa sceglie io ho scelto tu hai scelto esso/essa ha scelto SEDERE (a şedea) io siedo tu siedi esso/essa siede io sono seduto/seduta tu sei seduto/seduta esso è seduto essa è seduta PASSATO PROSSIMO noi siamo seduti/sedute voi siete seduti/sedute essi sono seduti esse sono sedute PASSATO PROSSIMO noi abbiamo scelto voi avete scelto essi/esse hanno scelto PASSATO PROSSIMO noi abbiamo saputo voi avete saputo essi/esse hanno saputo PASSATO PROSSIMO noi siamo rimasti/rimaste voi siete rimasti/rimaste essi sono rimasti esse sono rimaste PASSATO PROSSIMO noi abbiamo bevuto voi avete bevuto essi/esse hanno bevuto UNITÀ 9 8 .ìvano IL TRAPASSATO PROSSIMO (MAI MULT CA PERFECTUL) se formeazã din: L’IMPERFETTO DEGLI AUSILIARI (IMPERFECTUL VERBELOR AUXILIARE) şi IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRECUT) al verbului de conjugat: ABITARE (a locui) io avévo abitato (eu locuisem) tu avévi abitato (tu locuisei) egli/essa avéva abitato (el/ea locuise) noi avevàmo abitato (noi locuisem) voi avevàte abitato (voi locuiseti)) egli/esse avévano abitato (ei/ele locuiserã) NASCERE (a naşte) io éro nato/nata (eu mã nãscusem) tu éri nato/nata (tu te nãscusei) egli/essa éra nato (el/ea se nãscuse) noi eravàmo nati/nate (noi ne nãscusem) voi eravàte nati/nate (voi vã nãscuseti) egli/esse érano nati (ei/ele se nãscuserã) PARTIRE (a pleca) io éro partito/partita (eu plecasem) tu éri partito/partita (tu plecasei) egli/essa éra partito (el/ea plecase) noi eravàmo partiti/partite (noi plecasem) voi eravàte partiti/partite (voi plecaseti) egli/esse érano partiti (ei/ele plecaserã)  ALTRI VERBI IRREGOLARI ALL’INDICATIVO E PASSATO PROSSIMO: SAPERE.ivàmo voi legg.

Lucio avea în manuscris douã semne de carte şi cinci timbre. cãci se tinea scai EXERCITII UNITÀ 9 9 . Tânãrul trecuse peste douã poduri (peste strãzi) şi se gândea ce distractii sã-şi gãseascã. Traducete in italiano: Sora mea este o fatã drãgutã şi cuminte.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 1. gli occhi? . Şefii serviciilor tehnice discutau despre calitatea şurubelnitelor. Are ochii verzi.Come si chiamano quelli che non vedono. Cu nasul cârn şi buzele cãrnoase.Come può essere la statura di una persona? . Chipul ei este senin şi gâtul delicat. Artiştii aveau garderobe pline de costume. Rispondete alle domande? . Peste tot vedeai cãlcâiele lui Mario.Ma quelli dal bacíno? . iar trãsãturile fetei şi toatã fiinta ei oglindesc un suflet nobil şi bun. cu bãrbia finã şi cu genele lungi şi sprâncenele frumoase. cu douã gropite.Di che cosa si compone la testa? . împletit – când merge la şcoalã – şi despletit – când se duce la plimbare sau la spectacol. lung.Come possono essere i capelli? Ma il naso. non posono camminare? . Are pãrul blond. Şefii celor douã contrabande nu mâncau nici roşii.Di che cosa vengono formati l’apparato digestivo ed il tubo digerente? .Quali sono gli órgani che si trovano nella cassa toracica? .Quali sono gli órgani del corpo umano? . nici conopide. mari deschişi şi obrajii roşii. pare o pãpuşã.Quali sono le parti principali del corpo umano? . non possono parlare. non sentono.Come si dice in italiano “mi-e rãu”? 2.

ghemuitã (raggomitolarsi) lângã sobã. Din pãdure se auzeau urletele lupilor. Casa avea ziduri groase.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI de Gianni. ca unei zidurile cetãtii. Am înteles gesturile sale amabile numai când am cunoscut faptele lui îndrãznete. 3. Mi pare essere la medesima lezione UNITÀ 9 10 . Fate delle proposizioni usando i pronomi stesso e medesimo. puternice. bunica torcea (filare) fusele. În casã era cald. Mi pare essere la medesima. cãci il dureu genunchii. secondo il modelo: E’ arrivato lo stesso. Abia stãtea în picioare. E’ arrivato lo stesso allievo. come pronomi e come aggettivi. iar pisica torcea şi ea.

La tua risposta non arriva. Traduci in romeno: C’era una volta un fiume che scorreva in una valle tutta verde e piena di campi rigogliosi che i contadini lavoravano dalla mattina alla sera. un anno dopo l’altro. Il fiume dissetava gli alberi e i campi seminati e così in quella valle non c’era mai siccità. un giorno dopo l’altro. I raccolti erano buoni.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 4. Io abbito in una città grande e bella con molte piazze. Sei proprio come lui. la gente era felice e la via trascorreva con serenità. Somigliate molto. Qualche volta mi piace leggere un bel libro di viaggi. Probabilmente non hai ricevuto la mia ultima lettera. Questi sono i miei colleghi d’università. Nel nostro paese sono moltissimi giornali per adulti ma pochissimi giornalini. Purtropo sono pochi spazi e zone per il gioco dei ragazzi. nemmeno nei mesi caldi dell’estate. L’ultima volta quando ho letto una era su Cristoforo Colombo. UNITÀ 9 11 . Pazienza! Non ti devi offendere. Vogliamo giocare all’aperto. Ti ho scambiato per tuo fratello. In primavera è ancora più bella perché c’è molto verde e gli alberi dei parchi e dei giardini sono tutti verdi e fioriti.

5. Che chiasso facevano quei ragazzi! Questi gridava. Quello lì mi guardava di sbieco. ma piccola e carina. non valeva quattro soldi per lui trovare un altro posto di lavoro lontano. Qualche anno fa la gente (non credere) nelle rivoluzioni europee. quegli cantava. Tu (avere) un incontro particolare. Ieri io (guardare) la televisione quando ho sentito strillare. Marcella voleva far due passi con Gianni per fare quattro chiacchere. Esse (non essere) in città. Coniugate all’imperfetto: Noi (avere) una casa in montagna. Gianni (cantare). L’anno scorso noi (essere) in montagna. Questa (non essere) grande. UNITÀ 9 12 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Colui che sta parlando è il mio professore. Come abitava a due passi dal suo ufficio. Mario non pensava neanche per un milione di cambiarsi l’idea. Voi (essere) già in treno e (avere) i vostri bagagli già sistemati quando l’uomo dal capotto blu (avere) gridato. Mentre (andare).

Mettete i verbi dalle parentesi al passato prossimo. Tu (scrivere) e (risolvere) un esercizio. din Franta. UNITÀ 9 13 . Essa (capire) abbastanza bene l’italiano. 7. all’imperfetto ed al trapassato prossimo: Il ragazzo (mangiare) una pizza e (bere) una spremuta di limone Noi (scrivere) una lettera ed (aspettare) la risposta. Acum eşti veselã pentru cã ai o micã prietenã. de pãpuşi. Când mi-a dat-o. Fusese pãpuşa mãtuşii mele care o avea de la mãtuşa ei. Traducete in italiano: Când eram copil aveam multe visuri. Fisesem odatã într-un magazin de jucãrii şi fusesem uimit de multimea şi varietatea de jocuri. trenulete şi animale. mi-a spus: Erai tristã pentru nu aveai cu cine sã te joci.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Quella sera il ragzzo (sentirsi male) e (non aver voglia) di vedere nessuno. 6. Avusesem prima pãpuşã când nu eram în stare sã înteleg ce se petrece şi încã mai aveam acea amintire.

Maria (stare) male e (non poter andare) all’ufficio. 8. ma non lo era stato lui. Essi (prepararsi) per andare all’università. Gli studenti (incontrarsi) con il professpre. Traducete in romeno: Renzo fuggiva perché aveva avvertito il ladro. Noi (vedersi) pomeriggio dopo i corsi. L’avevano trovato colpevole. Aveva avuto tanta sete e perciò si era comprato un’aranciata. UNITÀ 9 14 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Voi (non essere d’accordo) con lui.

Luke c'e un altro Skywalker " " Ricorda. (M. Signorina.E questo cosa significa ? Apollo Creed: . quando il sentiero oscuro tu intraprendi. Luke la forza scorre potente nella tua famiglia. non (Star Wars Episode IV – The return of the Jedi) Beati coloro che non si aspettano nulla. Lucia camminava e pensava a tutto quello che le era accaduto. paura. Ci pensa tanto prima di prendere una decisione e poi spacca il capello in quatro. Alberto ha udito un grande rumore. ragazzo del futuro.Rocky non sei italiano ?" Rocky Balboa: . trasmetti cio' che impararato hai. E’ una ragazza meravigliosa. l' ultimo degli jedi sarai tu. il vigore di uno jedi proviene dalla forza. "Apollo Creed: . quel bel giovanotto che chiamavano il Re.. il lato oscuro essi sono. Luisa si è fatta in mille per aiutarmi. Mille grazie. per sempre esso dominera' il tuo destino. Mentre leggeva il giornale. chi è il Presidente degli Stati Uniti nel 1985?" "Ronald Reagan" "Ronald Reagan??? L'attore ?? Hah!! E il vicepresidente chi è Jerry Lewis? Suppongo che Marilyn Monroe sia la First Lady e John Wayne il Ministro della Guerra! " (Ritorno al futuro) "Qualche anno piu' tardi. ma stai attento.. Luke. aggressivita'. andavo sempre a visitare qualcosa. collera. per la Sua gentilezza di avermi mandato il libro in tempo ùtile. deve essere difficile fare il Re " (Forest Gump) sottovalutare i poteri dell' Imperatore. Luke.Si sono italiano Giornalista: . e gli venne un infarto o cose cosi'. ma si da troppo da fare. doveva aver cantato troppe canzoni.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Quando abitavo in quela città. Luke. Brush) UNITÀ 9 15 . perché non avranno delusioni. quando piu' non saro'.Significa che non sa combattere magari saprà cucinare [Rocky] "Allora dimmi. o il fato di tuo padre tu soffrirai.

e nel savio stesso c'è più pazzia che saggezza.Altrimenti? ..E cosa è successo? Hanno chiesto dei soldi? . senza sapere che gli altri invidiano la nostra.Ne vogliono ancora! . . de Chamfort) Noi invidiamo la felicità degli altri. Leopardi) Un tizio fa ad un amico: .500 mila euro! .. ma sono preoccupato.dice lui ..Perché? .Hanno rapito mia suocera! . quelle che sono vere e quelle che dovrebbero esserlo. gli uomini il niente nel tutto.Siro) I fanciulli trovano il tutto anche nel niente.Altrimenti me la riportano.. Ci sono più pazzi che savi. (G. UNITÀ 9 16 . (P.Glieli ho dati.fa l'amico .Accidenti! .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Ci sono due tipi di storie. (N.Si .E allora? .

GRANDE. SANTO   I GRADI DI COMPARAZIONE DEGLI AGGETTIVI AGGETTIVI A DUE FORME AL COMPARATIVO ED AL SUPERLATIVO  I PREFISSOIDI ESERCIZI ABC DIVERTENTE: .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: LA BELLA NATURA – LEZIONE DI BOTANICA VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  GLI AGGETTIVI  IL PLURALE DEGLI AGGETTIVI  L’USO DEGLI AGGETTIVI: BUONO. BELLO. AFFORISMI E BATTUTE UNITÀ 10 1 .BARZELETTE.

Il suo profumo c’incanta! Nei prati troviamo i bucaneve. E’ molto importante conoscere queste piante e saper anche come vengono esse seminate. La verdura si chiama prezzèmolo. I più diffusi legumi che crescono sulla terra sono: i piselli. il noce. i cetrioli. le viole (le màmmole). indìvie. pioppi (i più alti) e diversi arboscelli. garòfani. Gli alberi fruttìferi sono: il melo. il cocco. il cipresso. Tutte danno il sapore magnifico delle nostre pietanze! I cereali sono piante alimentarie e foraggiere. Lo zucchero si ottiene anche dalla barbabiétola. delle nocciolìne e del pistàcchio. coprendola d’erba e di bei fiori! Un giardino è sempre un’oasi di paradiso. il banano. La vite che ci da l’ùva. betùlle. i pomodòri. dolce – agretto come l’aràncio). Nei paesi caldi crescono – altrettanto buoni ed ùtili – il fico ed il dàttero. la ségale.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI LA BELLA NATURA – LEZIONE DI BOTANICA E’ tanto piacevole stare in un giardino. le carote. castàgni e acacie. i càvoli. i cocòmeri ed i lampòni. mentre nei paesi europei la canna semplice. le zùcche. mentre in quelle più fredde il grano. i carciòfi. levìstico e basìlico. Nei boschi e nei giardini incontriamo gli alberi fogliosi: faggi. fràssini. fiori puri. i peperòni. il ciliègio. rose. i papàveri). coltivate e raccolte perché dovranno essere curate ed annaffiate (con l’annaffiatòio o UNITÀ 10 2 . plàtani. le melanzàne. gli agrùmi (il limone. margherite e tantissimi altri. Nei paesi caldi crescono la palma. viole dei pensieri. gli zucchìni ed altre. dalla quale si fanno il vino e la grappa. il pesco. le sàlici. cipolla ed aglio. La vendèmmia è sempre stata un’occasione di allegria per gli uomini e per il loro dio più umano e perciò più amato. una delle piante più antiche. tulìpani. il vìsciolo. lattùga. bianco o color rosa. il moro. mughetti. I cespi ci danno le fràgole e sulla terra crescono i meloni. violette. Lungo le acque si chinano per rispecchiarsene. fiori téneri: crisantemi. per rallegrare le nostre case ed anime! Ma sono anche i fiori degli alberi che ci regalano i loro colori e profumi. D’estate i gladìoli ed i fiori del campo ( i fiordalìsi. i crochi. Nell’Africa. le sàlici piangenti. da cacao e da tè e la cannella regina. nell’Australia. come quelli dell’albicocco o del tiglio. più acre dell’aràncio e meno amàro del pompèlmo ed il mandarino. li raccogliamo. narcisi. Che fiori incontriamo nel giardino? Fiori belli. non meno belli degli altri. color viola. Le olive (frutti dell’olivo) ed i semi del girasole ci danno l’òlio. che si usava anche come materiale da costruzione. il pino – rendono l’aria più pura. quando il verde regna su tutta la terra. troviamo la canna da zùcchero. non meno buone delle nocciòle. Bacco (chiamato dai greci Diòniso). i fagiòli. d’estate o d’autunno. il pero. alzando verso i cieli le loro cime verdi. il sòrgo ed il maìs. nell’Asia e nell’America meridionale. querce (o roveri). Nelle regioni calde si coltivano l’orzo. Sui monti gli alberi conìferi – l’abete. l’òrzo e l’avéna. dalie. Di primavera fiorisce il lìlla. di primavera. i cavolfiori. Il noce ci offre le noci. picèe. le patate. alimento essenziale nel nutrimento umano. pastinàca. gigli. il gelso. Nell’Africa incontriamo l’albero da pane.

che assicurano l’ossìgeno della terra. irigatie zmeura lãptuca leuşteanul porumbul violeta. respirato da tutti noi. legùmi. cãpşuna frasinul garoafa dud crinul floarea soarelui gladiola grâul tescovina andiva irigare. bostanul dovlecelul PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE gli alberi dalle foglie larghe – foioase l’àlbero da pane (da cacào. a stropi stropitoare Arbustul ovãzul busuiocul mesteacãn ghiocelul trestia anghinare morcovul conopida varza tufişul. E noi uomini dobbiamo sorvegliare e conservare sempre verde questo giardino e questo orto dell’universo formato da fiori. tufa castravete ceapa chiparosul cocos pepenele verde crizantema şofranul. toporaş narcisa nucul aluna arahida oaza mãslina orzul palmierul mac pãstârnacul cartoful ardeiul molidul (fel de) mãncare pinul plopul mazãrea platanul grapefruit pãtrunjel stejarul a culege a bucura trandafirul stejarul gustul secara a semãna mãtura a supraveghea tei laleaua strugurele culesul viilor verdeata viorea violeta vişinul vita–de–vie dovleacul. gãlbenea dalia fagul fasolea crinul. vinetel florile foios furajer fraga. àlberi.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI con le irrigazioni) per ottenerle in ottime condizioni. L’abète L’acàcia L’àglio gli agrùmi annaffiare l’annaffiatòio l’arboscello l’avena il basìlico la betùlla il bucanève la canna il carciòfo la caròta il cavolfiore il càvolo il cespo il cetriòlo la cipòlla il cipresso il cocco il cocòmero il crisantémo il cròco la dalia il fàggio il fagiòlo il fiordalìso i fiori fogliòso foraggièro la fràgola il fràssino il garòfano il gelso il gìglio il girasole il gladiòlo il grano la grappa l’indìvia l’irrigazione il lampòne la lattùga il levìstico Il maìs la màmmola bradul salcâmul usturoiul Citricele A uda. albãstreaua. cereàli ed altre piante. de ceai) la canna da zùcchero – trestia de zahãr UNITÀ 10 3 . toporaşul la margherìta la melanzàna il melone il moro il mughètto il narcìso il noce la nocciòla la nocciolìna l’oàsi l’oliva l’òrzo la palma il papàvero la pastinàca la patàta il peperòne la picèa la pietanza il pino il piòppo il pisèllo il plàtano il pompélmo il prezèmolo la quèrcia raccogliere rallegrare la ròsa il rovere il sapore il ségale seminare il sòrgo sorvegliare il tìglio il tulìpano l’ùva la vendèmmia la verdura la viòla la violetta il vìsciolo la vite la zùcca lo zucchìno margareta vânãta pepenele galben dud lãcrãmioara. da té) – copacul de pâine (de cacao.

azalee rosa di macchia rosa rampicante rosa di venti stare in un letto di rose – mãcieş – trandafir agãtãtor – roza vânturilor – a se simti minunat ABITARE – a locui slab. bunãvointa. gratia. baftã! levarsi il pane di bocca – a–şi lua pâine de la gurã restare a bocca aperta/asciuta – a rãmâne cu gura cãscatã BOCCA – gurã acqua in bocca – sã taci ca mutul/ peştele non aprir bocca – a nu deschide gura (non) cavare una parola di bocca – a (nu) scoate o v o r bã dire ciò che vienne alla bocca – a zice ce–ti vine la gurã grazie a La Grazia Divina pãcatelor – multumitã. debil l’abitante – locuitor epuizarea abitato. gratie – Gratia Divinã. slab acqua di rosa bello come una rosa – frumos ca un trandafir fresco come una rosa – proaspãt ca un trandafir rosa delle Alpi – bujor de munte. iertarea LA GRAZIA – delicatetea. abitata – locuit. GRAMATICÃ  GLI AGGETTIVI ADJECTIVELE  IL PLURALE DEGLI AGGETTIVI UNITÀ 10 PLURALUL ADJECTIVELOR 4 . a se epuiza l’abitazione – locuinta epuizat(ã) FAMILIE DE CUVINTE DEBOLE – l’indebolimento – slãbirea. iertarea. recunoştinta ottenere la grazia – a obtine gratierea LA ROSA – trandafirul – apã de trandafir.murãturi la sàlice piangente – salcia plângãtoare la viola dei pensieri – violeta.CORSO D’ITALIANO la cannella regina – copacul de scortişoarã i fiori del campo – flori de câmp i legumi in salamòia o sottacéto . toporaş PRINCIPIANTI SINONIME la quèrcia la viola = = il rovere (stejarul) la màmmola il gelso il g ìg lio = (violeta. indebolire(si) – a indebolito(a) – slãbit(ã). toporaş) = il moro (dud) il fiordalìso (crin) EXPRESII CU CUVINTELE in bocca al lupo – noroc!. datoritã. gratierea. locuitã slãbi. multumirea.

  GRANDE Se elide în fata substantivelor masculine şi feminine (singular sau plural) care încep în vocalã: UNITÀ 10 5 . làrga – làrghe.i dublu : saggio – saggi (întelept). dappoco. nemìca – nemìche. dabbene. perbene.  Rãmân invariabile urmãtoarele adjective: pari.  BUONA Se elide în fata substantivelor feminine ce încep în vocalã: buon’amica. BUN. greco – greci. Nu-şi schimbã forma atunci când este precedat de un substantiv sau de un verb: un oggetto bello. contrària – contràrie. càrico – càrichi (sarcinã).  Adjectivele care se terminã la singular în – go fac pluralul în – ghi şi acelea care se terminã în – ga . buon giorno. simpàtica – simpàtiche. ìmpari. fac pluralul în – ghe : làrgo – làrghi. MARE. bell’eroe. pròdigo – pròdighi (risipitor). anàlogo – anàloghi. pròdiga – pròdighe. Acestea sunt adjective ce provin din locutiuni adverbiale cu functie etributivã. simpàtico – simpàtici. Exceptie: adjectivul idròfugo are douã forme de plural: idròfugi şi idròfughi. când este precedat de un substantiv: i romanzi belli. FOLOSIREA ADJECTIVELOR: FRUMOS.co formeazã pluralul în – chi (dacã accentul cade pe penultima silabã) şi în – ci (dacã accentul cade pe cea de-a treia silabã): bianco – bianchi. ampio – ampi. dìspari. grìgia – grìgie. serio – seri. adjectivele terminate la singular în – ia .  Adjectivele masculine care se terminã la singular în – io ( cu i fãrã accent) formeazã pluralul într-un singur – i . GRANDE. nemìco – nemìci. grigio – grigi. fac pluralul în – ie : sàggia – sàggie. SANTO  BUONO În fata substantivelor masculine care încep în vocalã sau consoanã acest adjectiv pierde vocala finalã: buon amico. mèndica – mèndiche. teòrico – teòrici. turco – turchi. antìco – antìchi. antìca – antìche. lo considero bello. când substantivul începe în consoanã: bei quaderni. atunci când substantivul începe în vocalã. àmpia – àmpie.  BEI Se foloseşte doar la masculin plural. natìo – natìi. càrica – càriche. s impura. Exceptie:amìco – amìci. bei fiori. amìca – amìche. BEGLI Se foloseşte la masculin plural. La feminin. teòrica – teòriche. variopinto – variopinti (pestrit).  L’USO DEGLI AGGETTIVI: BUONO. fisico-chimica – fisico-chimiche. greca – greche.  Adjectivele compuse îşi schimbã la plural doar desinenta celui de-al doilea element: chairoveggente – chiaroveggenti. restìo – restìi (încãpãtânat). SFÂNT BELLO.  BELLI Se foloseşte doar la plural. vario – vari. mèndico – mèndichi (cerşetor). Pluralul feminin al adjectivelor care se terminã care se terminã în – ca este întotdeauna – che: bianca – bianche. aerodinamico – aerodinamici. begli spettacoli. anàloga – anàloghe. natìa – natìe.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI GLI AGGETTIVI (ADJECTIVELE) urmeazã aceleaşi reguli ca şi substantivul în ceea ce priveşte formarea pluralului:  Adjectivele masculine terminate în . contrario – contrari (contrar). vària – vàrie. begli záini. turca – turche. pìo – pìi. În fata unui substantiv masculin care începe în consoanã devine BEL: bel ragazzo. iar cele terminate în – ìo fac pluralul în . z : begli occhi.  BELLO Se elide în fata substantivelor masculine ce încep în vocalã: bell’angelo.

. se foloseşte când sunt comparate douã calitãti egale: " Lo studio è tanto necessario quanto utile" – adjectiv + adjectiv – studiul este pe cât de necesar pe atât de util. dintre care una este superioarã celeilalte:"L’allieva è più intelligente che studiosa" – adjectiv+adjectiv – eleva este mai inteligentã decât studioasã.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI grand’uomo – grand’uomini. COMPARATIE DEGLI AGGETTIVI ADJECTIVELOR  I GRADI DI COMPARAZIONE GRADELE DE ALE II. cattivo etc. "Lei è più intelligente di lui" – pronume+pronume – ea este mai inteligent decât el." – îmi place mai mult sã merg la teatru decât la cinema.. numerale) care au aceeaşi calitate: "Il tè è (tanto) buono quanto il caffè" – nome + nome – ceaiul este la fel de bun ca şi cafeaua.. buono. meno. "I due sono più bravi del terzo" – numeral+numeral – cei doi sunt mai curajoşi decât cel de-al treilea. 3. se foloseşte când sunt comparate douã substantive (pronume.. Nu se schimbã în fata substantivelor la plural care încep în s impura. 1. care nu este comparatã cu o altã calitate a unei alte entitãti: ricco.. se foloseşte când este comparatã gradul calitãtii aceloraşi substantive (pronume. San Zaccaria... più.. San Pietro. gran problemi. IL COMPARATIVO (COMPARATIVUL) – se foloseşte când se face o comparatie între doi termeni..che . Se foloseşte când sunt comparate douã complemente indirecte (substantive precedate de prepozitii): "Mi piace più andare a teatro che al cinema. În fata substantivelor masculine ce încep în consoanã acesta poate deveni gran: gran cose. d. În fata substantivelor care încep cu vocalã se va elida vocala finalã: Sant’Andrea. c.. così. z : grandi scienziati.che : "Ho letto più romanzi che poesie" – nume+nume – am citit mai multe romane decât poezii.che .. se foloseşte când sunt comparate douã actiuni (verbe).. IL COMPARATIVO DI MINORANZA (COMPARATIVUL DE INFERIORITATE) mai putin necesar decât cel de-al doilea. "Esso è non meno necessario quanto utile" – adjectiv + adjectiv – acest lucru este pe cât necesar pe atât de util. così. dintre care una este superioarã celeilalte:" E’ più facile parlare che scrivere – verb+verb – este mai uşor sã vorbeşti decât sã scrii. IL COMPARATIVO D’UGUAGLIANZA (COMPARATIVUL DE EGALITATE) a. 2. bravo. quanto .. UNITÀ 10 6 . numerale):"L’allievo è più studioso dell’allieva" – nume+nume – elevul este mai studios decât eleva.. tanto .. San Giovanni. grand’azione – grand’azioni. IL POSITIVO (GRADUL POZITIV) – este gradul de comparatie care exprimã o calitate normalã. Acest grad se formeazã cu ajutorul adverbelor più... se foloseşte când sunt comparate douã calitãti (adjective). bello.. "Lui è così buono come il pane" – pronome + nome – el este bun ca pâinea caldã. Când se comparã douã substantive legate de acelaşi verb se foloseşte più. "Il primo è non meno necessario del secondo" – primul nu este b. brutto.. IL COMPARATIVO DI MAGGIORANZA (COMPARATIVUL DE SUPERIORITATE) a.. grandi zóccoli. b. Sant’Antonio I.  SANTO În fata substantivelor ce încep cu consoanã (în afarã de s impura) devine San : San Paolo.come .

I COMPARATIVI RAFFORZATI (COMPARATIVELE DE ÎNTÃRIRE) Comparativele de superioritate şi de inferioritate pot fi întãrite cu ajutorul unor adverbe.minimo I PREFFISOIDI (PREFIXOIDELE) sunt prefixe neologice care dau un nou sens dacã sunt adãugate unui cuvânt de bazã. tanto. infimo buonissimo. molto: "Luigi è assai meno bravo di te. Adãugând unui alt adjectiv la gradul pozitiv adjectivului respectiv:"Il bicchiere è pieno zeppo. IL SUPERLATIVO RELATIVO DI MAGGIORANZA (SUPERLATIVUL RELATIV DE SUPERIORITATE): "Antonia è la più brava ragazza della classe."." – Sandro este extraîncântat. numeral+numeral) şi meno che (adjectiv+adjectiv. Dacã numele stã în fata adjectivului. "Questa è una cosa strordinaria" – acesta este un lucru extraordinar. inferiore più buono." – Gianni este elevul cel mai putin studios din grup. ottimo cattivissimo. atomocentrale – centrala atomicã. la prima) è meno studiosa dell’allievo (di questo. massimo piccolissimo. del secondo) – eleva (ea. migliore più cattivo. marcând în schimb o caracteristicã inferioarã. IL SUPERLATIVO RELATIVO (SUPERLATIVUL RELATIV) se formeazã adãugând articolul hotãrât la gradul pozitiv al adjectivului." – Giani este elevul cel mai putin studios din grup 2. nume+nume): "L’allieva (Lei. superiore più basso. al doilea). diffusione – rãspândire. "Gianni è lo studente meno studioso del gruppo." – Antonia este cea mai cuminte elevã din clasã. pronume+pronume.Sandro este extrem de fericit.Paharul este plin ochi. "Antonia è la ragazza più brava della classe" – Antonia este cea mai cuminte elevã din clasã b. d. sommo bassissimo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Se foloseşte în aceleaşi conditii ca şi comparativul de superioritate. radiodifusione – radiodifuzione. acesta din urmã nu se va articula. peggiore più grande. Se formeazã cu ajutorul lui meno di (nume+nume. pessimo grandissimo.. a. Adãugând radicalului adjectivului terminatia – issimo :"Sandro è felicissimo. Adãugând adjectivului la grad pozitiv prefixele arci. "Mario è molto più intelligente di Francesca" III." – Sandro este fericit fericit.. difuzare." . adãugând adjectivul molto la gradul pozitiv al adjectivului: "Sandro è molto felice. "Scrivo meno lettere che cartoline" – scriu mai putine scrisori decât felicitãri. ultra. "Mario è un uomo ultrapotente" – Mario este un om ultra puternic. IL SUPERLATIVO (SUPERLATIVUL) 1. Repetând adjectivul la gradul pozitiv:"Sandro è felice felice." – Sandro este foarte fericit. împrãştiere. maggiore più piccolo. prima) este mai putin studioasã decât elevul (acesta. al cãrui sens este mai mult sau mai putin diferit: centrale – centralã. e. IL SUPERLATIVO RELATIVO DI MINORANZA (SUPERLATIVUL RELATIV DE INFERIORITATE):"Gianni è il meno studioso studente del gruppo. ca: assai. b. stra. DE COMPARATIVO ED AL SUPERLATIVO SUPERLATIV alto basso buono cattivo grande piccolo  AGGETTIVI A DUE FORME AL ADJECTIVE CU DOUÃ FORME COMPARATIV ŞI più alto. supremo. IL SUPERLATIVO ASSOLUTO (SUPERLATIVUL ABSOLUT) se formeazã în moduri diferite: a.: "Sandro è arcicontento. "L’allieva è meno studiosa che intelligente" – eleva este mai putin studioasã decât inteligentã. c. minore altissimo.  I PREFISSOIDI PREFIXOIDELE UNITÀ 10 7 .".

filologia fotosìntesi. zoologia 1. semivocale telèfono. idrografia macrocosmo. democratismo elettrocasnico. macrorete microorganismo. Traducete in italiano il testo seguente: O grãdinã plinã cu flori este o adevãratã oazã d e p a r a d is . Primãvara înfloresc ghioceii. microsistema monsignore. trandafiri şi margarete. radioterapia semipreparato. multicolore polisemi. autonomia. pseudoteoria radioricezioni. trispazialşe zootecnico. elettromotore filosofia. telefax termocentrale. telecamera. monografia motomultipolipseudoradiosemiteletermotrizoo- PRINCIPIANTI motocicletta. autoportante democrazia. g ãlbenelele şi toporaşii. fotoelettrico idrodinamica. monografia multiforme. legumi e verdura. archivista. de gladiole. crini. Rispondete alle domande: Quali sono i fiori della primavera? Ma queli dell’estate? Conoscete alcuni agrumi? Nominateli! EXERCITII Che alberi fruttiferi conoscete? Ma alberi dei boschi.CORSO D’ITALIANO archiarciautodemoelettrofilofotoidromacromicromonmonoarchitettura. termoconduttore tridimensionale. Che legumi e verdure usate di solito nella vostra cucina? Che cosa ci dà la vite? Qual’è il contributo dell’uomo nella vita delle piante? Come riesce lui a farle crescere? 2. Vara adunãm buchete de flori de câmp (maci şi albãstrele). poliglotta pseudoscrittore. arcivescovo. UNITÀ 10 8 . arcicontento automobile. televisione. delle acque? Quali sono gli alberi che crescono nei paesi caldi? Quali sono i coniferi? Enumerate alcune piante che crescono sulla terra: frutti. violetele.

Ai pregãtit murãturile pentru iarnã? Da.CORSO D’ITALIANO În grãdina bunicilor mei se aflã un dud. stejari. Volgete gli aggettivi di qui sotto al plurale. Coniferele – brazii şi pinii – parfumeazã aerul proaspãt de la munte şi coloreazã cu verdele lor viu peisajul fericirii şi sãnãtãtii. Sosul pentru speghetti este preparat din ulei. Era una racgazza chiaroveggente: vedeva l’aspetto variopinto dell’avvenire. am pregãtit castravetii şi gogoşarii. vinete şi pãstârnac. usturoi. ma restìo. iar dea lungul strãzilor şi în parcuri teii parfumati. Astãzi îmi cumpãr din piatã mazãre şi fasole. pãtrunjel. roşii şi busuioc. În pãdurile noastre de foioase cresc fagi. un mãr şi un prun. sunt simbolul existentei noastre. molizi. castani şi salcâmi. cartofi şi anghinare. Lângã ape întâlnim salciile plângãtoare. Plopii şi platanii. Vrei sã mãnânci salatã de lãptucã sau de andive? Preferati pepene verde sau pepene galben? PRINCIPIANTI 3. se necessario: L’amico turco di Mario era un ragazzo simpatico. UNITÀ 10 9 . Un uomo saggio darà sempre un buon consiglio. ceapã. doi cireşi. În pãdure am cules fragi şi zmeurã. Am uitat sã cumpãr conopidã. cu înãltimile lor. cambiando anche la topica. frasini. usturoi. Il loro paese natio rimaneva sempre più lontano. morcovi. mesteceni.

applicando il comparativo degli aggettivi: la lezione . considerandolo una cosa dappoco. PRINCIPIANTI 4. Era un problema anàlogo a quello fisicochimico che l’interessava per la sua ricerca aerodinamica.bianca Il romanzo – interessante Maria – carina Maria – Francesco L’oro – prezioso L’oro – l’argento Il frutto – dolce Il frutto – lo zucchero La poltrona – comoda La poltrona – la seggiola Il fratello – giovane Il fratello – la sorella La casa – grande La casa – il palazzo UNITÀ 10 10 .difficile l’inverno – lungo la neve . Sulla parete grigia dell’ampia classe si vedeva un disegno vario. Fate delle proposizioni con le parole di qui sotto.CORSO D’ITALIANO Il figlio pròdigo deve apprendere la parabola biblica che lo accenna. Lei era una ragazza dabbene che studiava il numero pari che aveva scritto.

UNITÀ 10 11 . per rendere il comparativo di maggioranza ed il superlativo relativo degli aggettivi: La _______ solenne festa _______ l’anno è il Natale. La lepre è ________ veloce _________ il coniglio. Sportul nu este mai putin util decât munca. non è __________ elegante _________bello. meno di) e usando le parole: rivista – libro canzone – ballo il giorno – la sera a lto – b a s s o grande – piccolo la figlia – il figlio bello . 6. Ea este cu mult mai obositã decât fratele ei. Fericirea este mai doritã decât virtutea. L’Italia è circondata ________ dal mare _______ della terra. Il tuo vestito è ________ elegante _______ suo. La novella mi piacque _________ il romanzo. Però. Onestitatea este mai de pret decât bogãtia. Il clima di Romania è non _______ caldo ________ il clima d’Italia.CORSO D’ITALIANO Il ragazzo – la ragazza PRINCIPIANTI 5. Aténe è la _______ antica città ______ Grecia d’oggi. dar cea mai de importantã este sãnãtatea. Fate delle proposizioni usando il comparativo di minoranza (meno che. Lo spettacolo fu __________ noioso __________ divertenet. Atene è _______ antica ______ Roma. ma _________ la poesia. Sostituite i puntini con gli elementi lessicali che mancano. Volgete al superlativo assoluto gli aggettivi dalle proposizioni seguenti: Antonella este tot atât de frumoasã ca şi Lucretia.brutto 7. Giovani este cel mai bun prieten al nostru. El este tot atât de important ca şi ea.

dimmi qualcosa di elettrizzante. Ora lei è mia zia.CORSO D’ITALIANO Giovanni este un student mai bun decât Mario. . ma non possiamo far finta che l'abbia già detto? " [Russel Crowe . Mai una volta hai cercato di rendere movimentato il nostro ménage. PRINCIPIANTI Dal momento che il vizio non si può distruggere. de Vauvenargues) Due amici al bar. Eroarea ta este foarte micã. (L. Asearã. . Poate fi un bãiat foarte bun sau foarte r ãu."A beautiful mind"] Una donna di mezza età al marito: .. care este mai mare...Certo. Ti prego. sempre le stesse cose. Mâncarea aceasta este mai putin picantã. i più abili governanti riescono a utilizzarlo per il bene pubblico. pentru tine va fi poate chiar prea picantã. sala de spectacol a fost plinã ochi.. Actorul celebru al anilor ’90 a devenit cel mai celebru erou al cinematografiei italiene. Îl cunosc putin. Greşelile lui Mario au fost mai mari. Clasa aceasta este mai mare decât cea de la etajul doi. El este cel mai înalt din familie. prea mari poate chiar pentru un bãiat de vârsta lui.Non riesco a capire come Elvira abbia potuto rifiutare la tua proposta di matrimonio. Nu ştiu dacã este mai bun sau mai rãu decât Gianni. Nino este cel mai bun student.. poate chiar mai putin decât pe Luciano. Mai nulla di imprevisto. Victor este un bãiat foarte înalt. "Non so che cosa si presuppone che io dica per avere un rapporto sessuale con lei.Caro. cara: CHE DIO TI FULMINI!!! UNITÀ 10 12 . . alla stessa ora. la nostra vita scorre da vent'anni monotona e stanca.Certo che l'ho fatto.Non le hai detto che tuo zio è ricchissimo? ..

Mouni) PRINCIPIANTI UNITÀ 10 13 .CORSO D’ITALIANO La felicità nasce dall'altruismo e l'infelicità dall'egoismo. (C.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: GLI ANIMALI DOMESTICI E SELVATICI VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL SUFFISSO  L’AVVERBIO  I GRADI DI COMPARAZIONE DEGLI AVVERBI DI MODO  I COMPARATIVI ED I SUPERLATIVI DEGLI AVVERBI A DERIVAZIONE LATINA   AVVERBI DI LUOGO ED AVVERBI RELATIVI AVVERBI DI TEMPO ESERCIZI ABC DIVERTENTE: AFFORISMI. BARZELETTE E BATTUTE UNITÀ 11 1 .

per i porci. un corpo. ma ≈ariete ≈. le pecore. insieme al manzo ed al maiale. il cervo. oche. il latte. il porcile. per i conigli. coperto di pelo. lui ha addomesticato dai tempi remoti il cane. pecore e capre. i contadini allevano galli. pulcini. vicino alla stuffa od al caminetto. l’àsino. porci. il cammello ed il dromedario. se ne ha fatto anche amici e guardie.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI GLI ANIMALI DOMESTICI E SELVATICI L’uomo ha sempre amato gli animali. la loro carne. Nell’antichità – come. per esempio in quella egiziana – tanti animali diventarono degli dei o fedeli degli dei. l’elefante. pesci rossi o blu in un vaso di vetro . la conigliera. lì dove l’orso bruno. dei bischi meridionali. nelle case possono avere anche uccellini in una gabbia. la lince – animali pericolosi. la vacca ed il bue sono animali domestici perché vivono vicino all’uomo. Tutti questi animali sono utili. In campagna. la volpe. il cavallo. Oltre questi. Le caratteristiche degli animali domestici sono: mentre il cane (che dorme di solito in un canile. vacche (mucche). il leone e le zebra (questi ultimi. diventa bianco (color della neve). il gatto è grazioso. gli uccelli ed i pesci. capro. I posti nei quali questi dormono si chiamano: il pollaio. bùfali. la sua cuccia sarà sempre in un posticino caldo. il bùfalo. il gatto – domestici. ma egoista. tacchini e faraone (chiamati volatili). l’àsino. Asia ed America centrale. in cucina o nel salotto. Il maschi della pecora si chiama montone ed il maschio della capra. Gli animali sono di tre categorie:  animali che vivono sulla: il cane. il gatto ed i cavalli. l’ovile per le pecore e la stalla per il bue. animali selvatici) hanno sul collo una lunga criniera. come il cavallo. la loro lana e la loro pelliccia e tutti questi. la lepre. l’orso ed il cinghiale – selvatici. UNITÀ 11 2 . il lupo. Codesti hanno una testa (con muso). nel giardino e che di notte fa la guardia alla casa) è fedele ed affettuoso. quattro zampe ed una coda. Così. invece dei cavalli sono le renne che tirano le slitte. la mucca e l’àsino. aiutandolo anche nel suo lavoro. lo scoiàttolo. le mucche e le peccore. il gatto. mentre nell’Africa passeggiano tranquilamente il leone. Alcuni d’essi. incontrati in cuasi tutti i boschi d’Europa. ánitre. perché aiutano l’uomo a lavorare e gli assicurano anche il cibo: le galline e le oche gli danno le uova. Il cane. Nei paesi freddi del Nord. od addirittura sul canapè o sulla poltrona. la scimmia. la pantera. o una tartaruga nel giardino. conigli e piccioni. poi buoi. per i polli. galline. Nello zodìaco e nell’astrologia non si usa la parole ≈montone≈. Oltre a quelli che ha sacrificato per il suo nutrimento. Il maschio della vacca è il toro e quello della bùfala.

Essi mangiano i pesci più piccoli. Nell’acqua vivono poi i crostacei: il gàmbero (di fiume) o l’astaco (di mare). . ed ali e coda. il millepiedi ed altri.. Gli insetti hanno un corpo piccolo. Quasi tutti gli uccelli – la ròndine. La gente ama tanto mangiare questi e gamberetti di mare. le colombe (con i piccioni ed i colombacci. dove incontra i suoi parenti. Al posto delle braccia. Nelle acque grandi vivono anche le balene. Essi non caminano. il fringuello – sono migratori: lasciano l’Europa in autunno per andare nei paesi più caldi. con il quale acchiappano gli insetti o beccano il cibo per terra. le vespe. perché questi volano nei paesi più caldi ) restano alle loro case. le api sono le sole amiche dell’uomo. Questi hanno solo testa. la cicogna (che porta i neonati). pieno di proteine. vivono la focca ed il trichecco. hanno il loro ruolo che solo il Signore conosce. con il corpo coperto di penne che hanno soltanto due gambe piccole e due zampe terminate in artigli. Vi sono poi animali con molte gambe: il ragno. il polpo e l’aragosta. la folaga. i crocodrilli ed i pescecani. il lontano saluto delle onde. nè zampe. la pernice.  animali che vivono nell’aria: questi sono gli uccelli. striciano solo la terra con le loro quattro piccole gambe. che sono sempre stati nemici dell’uomo. le zanzare. il calamaro. Da questi. Nei boschi vivono la gazza. “il pesce grande mangia il pesce piccolo”. d’acqua dolce i salata. come la lucèrtola e la salamandra. Essi caminano. Le uova di questi últimi sono molto pregiate perché deliziose (come il caviale bianco. perché lo nutriscono con il loro miele. cioè del mare. corpo e coda. nè ali. nella zona dove c’è più ghiaccio che terra. la luccioperca. che. il bruco. il baco di seta. con sei gambe e due ali. lo sterletto e lo storione (del mare). Essi sembrano altrettanto strisciare. La loro testa ha un pungiglione con il quale succhiano il sangue degli altri animali e anche dell’uomo. volano. specialmente nell’Africa e ci tornano in primavera. Al mare incontriamo l’alcèdine ed il gabbiano. dell’ocèano o del lago e del fiume: la carpa (del lago e del mare). meno piacevoli per l’uomo. il luccio. le rèttili: la vipera. cozze e chicciole. così come si usa dire. che portano in tramonto. nè gambe. ma questi camminano effettivamente usando tutti i loro piedi. i moscerini. il serpente. All’acqua appartiene poi la rana. perché l’infastidiscono con i loro ronzio e con le pizzicottate.. hanno le ali. pungono ed affliggono tutti gli esseri! Ancora più antipatici sono UNITÀ 11 3 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI  animali che vivono nell’acqua: sono i pesci. Nell’aria volano anche le mosche. I pesci – che hanno il corpo coperto di scaglie. che esce anche sulla terra. Al polo Nord. pesci piccoli o le uova di questi. l’ànitra selvatica. il pòlipo. la trota (del fiume). sulla spiaggia.mangiano piante acquatice. la gru. ai loro nidi. invece di zampe. la serpe. o dall’uomo. nè nuotano. per poter volare nell’aria ed al posto della bocca hanno un becco. l’ùpupa ed il cùculo – che ci diverte con i suoi cuccù – e poi il picchio – reso celebre nei cartoni animati di Walt Disney – e tanti cinguettanti! Che cosa possa essere di più bello che il canto dell’allòdola o dell’usignolo (rosignolo)? Altri uccelli. come i passeri. costruiti con tanta premura da essi stessi. il caviale ed il caviale di Manciuria). Questi sono insetti.

zumzãnitul privighetoarea salamandra a decolora. ma persino il legno! PRINCIPIANTI gli insetti parassitici. lumina orbitoare balena a ciuguli ciocul omida bivolita bivol calamarul. pãlit UNITÀ 11 4 . lovit. a gânguri bãlãbãnindu-se la lince il luccio la lucèrtola la luccioperca il manzo il millepiedi minacciare il montone la mosca il moscerino la mucca il muso il nido nitido l’oca orrendo l’ovile la panna il parassitico pascere il passero patriarcale la pecora la pelliccia percuotere percossi la pernice il pescecane il picchio il picciòne la pizzicottata il pòlipo il pollaio il pòlpo il porcile la premura la pulce il pulcino pungere il puniglione il ragno la rana la renna la rettile la ròndine il ronzìo il rosignolo la salamandra sbiadire sbiadito linx. le zecche e le cimici. come le pulci. a izbi.CORSO D’ITALIANO animali. târla smântâna parazitul a paşte vrabia patriarhal oaia blana a bate. a lovi. a (se) îndurera a afunda. a pãli decolorat. emotionat puternic potârnichea rechinul ciocãnitoarea porumbelul de casã întepãtura. a (se) chinui. vince. di solito. di tranquillità. l’ànatra l’ape l’aragosta l’ariete l’artiglio l’àsino l’àstaco il baco di seta il bagliore la balena beccare il becco il bruco la bùfala il bùfalo il calamaro calmo il cammello il canile il caos la capra il capretto il capro la carota carne di maiale carne di vitello la carpa carponi il caviale la cenere la cerva il cervo la chiòcciola il cibo la cicogna la cìmice il cinghiale cinguetare ciondoloni il coccodrillo la colomba destul. abbastanza acchiapare addomesticare affliggere affondare l’agnello l’ala l’alcedine l’alladola alquanto l’ànitra. îngrozitor stâna. destul de a înhãta. a scufunda mielul aripa pescãruşul ciocârlia întrucâtva rata albina langusta berbecul gheara mãgarul racul virmele de mãtase strãlucire. a (se) mâhni. râs ştiuca şopârla şalãul vitelul miriapod a ameninta berbecul musca musculita vaca de lapte botul cuibul neted gâsca oribil. a prinde a îmblânzi a (se) întrista. in un mondo dove il più forte. ciupitura polip cotetul pãsãrilor caracatita cotetul porcilor grija puricele puiul de gãinã a întepa ac întepãtor pãianjen broasca r enu l reptila rândunica bâzâitul. a volte. izbit. sepia calm cãmila cuşca haosul capra iedul tapul morcovul carne de porc carne de vitã crapul de-a buşelea icre cenuşa cãprioara cerbul melcul comestibil hrana barza ploşnita urs mistret a ciripi. ma anche un po’ di guerra. che vivono come l’uomo: cercando un po’ di pace. tutti quanti sono esseri della terra. a emotiona puternic bãtut. che attacano non solo l’uomo e gli Nocivi o non.

alla lepre.CORSO D’ITALIANO il colombaccio la conigliera il coniglio la cozza la criniera il crostaceo la cúccia il cùculo dolcezza dotato il dromedario fattoria il firmamento la foca la folaga il fringuello la gábbia il gabbiano la gazza il gamberetto di mare il gàmbero di fiume il gambero marino la gallina il gallo la gru l’inquinamento l’insetto il lapillo la lepre crocodilul porumbelul porumbel mai mare cotetul iepurilor iepurele de casã scoica comestibilã coama crustaceul culcuşul câinelui... favoarea. pãsãri con calma – calm.. – dotat cu PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE EXPRESII CU CUVINTELE IL SERVIZIO – serviciul.. plãcerea. drumul UNITÀ 11 5 . cu calm l’esaurimento nervoso – stare de obosealã şi nervozitate in una certa misura – într-o oarecare mãsurã magari fosse stato – mãcar sã fi fost munito di. – a vâna cerbi. atentia. porci mistreti. calea. reportajul fare il servizio militare servizi igienici avere via libera essere in via di non c’è via da scampo a mezza via a face armata grupuri sanitare a avea cale liberã a fi pe cale sã nu e cale de scãpare la jumãtatea drumului servizio segreto servizio da tavola via cavo via mare via radio via terra serviciul secret serviciu de masã prin cablu p e m ar e prin radio pe uscat LA VIA – strada. al capànno. bolta cereascã foca lişita pitigoi colivia pescãruşul cotofana crevete rac homarul gãina cocoşul cocorul poluarea insecta pietricicã iepurele sãlbatic la scaglia la scimmia lo scoiàttolo la serpe il serpente il sentiero la slitta spargere sparso sputare la stalla lo sterletto lo storione strisciare succhiare il tacchino la tartaruga il toro il trifoglio il trillo la trota il triccheco l’ùpupa l’usignolo la vacca la vespe il volatile la zampa la zanzàra la zecca PRINCIPIANTI solzul maimuta veverita şarpe şarpe cãrarea sania a sparge spart a scuipa grajdul cega morunul a (se) târî a suge curcanul broasca testoasã taurul trifoiul trilul pãstrãvul morsa pupãza privighetoarea vaca de carne viespea pãsãri de curte laba tântarul cãpuşa andare a caccia – a merge la vânãtoare bestia di soma – animal de povarã cacciare al cervo. iepuri. pisicii cucul blândete dotat dromaderul gospodãrie firmament. al cinghiale.

giuramento. .aggine .udine . laboratorio.eto : libreria. a reda.ata : fucilata.ria . 2. . a face onoare a-şi da seama RENDERE – a da. grandezza. a-i fi ap r o ap e a tãcea a aduce omagiu. sfacciataggine.ismo . manata. . un curent cultural: . Sufixe colective: . sapiente. Sufixe specifice substantivelor abstracte care denumesc o calitate: . a trãi.ano. UNITÀ 11 6 . Sufixe care indicã o calitate (adjective provenite din participiu prezent): . ezza : moltitudine. a da randament În limba italianã se folosesc foarte multe sufixe.esco : principesco. 4. Sufixe care indicã un loc determinat: -ile . Sufixe care indicã efectul unei actiuni: . artigiano. contadino. pecoraio.ista : parrucchiere.aio . -esimo : idealismo.mento : sentimento.orio .ame . autista. 12. a o încurca a fi pe punctul de a şti de glumã a sta pe ghimpi a o tine pe a lui a fi cuminte a sta lângã cineva.iolo . vigneto. 5. . .ante . Sufixe care indicã meseria. dormitoio.igiano. a se preta a fi îngrijorat a fi atent a sta bine/rãu (o hainã) a fi cuminte a fi calm a locui a da socotealã a face fericit/nervos stare fresco stare per stare agli scherzi stare sulle spigne stare sulle sue stare tranquillo stare vicino stare zitto rendere omaggio/onore rendersi conto stella marina stella di venere LA STELLA – stea. umanesimo. profesiunea: . vedetã PRINCIPIANTI stea de mare luceafãr STARE – a sta.io : lavorìo. 9. 6. 10. artista. continutul sau durata în timp a acesteia: . a costa a fi în pom. Sufixe care indicã asemãnarea: . . dantesco. a se gãsi. a se afla. tessitura. giornata. Sufixe care indicã o actiune. . 8.ino: napoletano. 11. . a se simti. legnaiolo. Sufixe care indicã modul sau efectul unei actiuni: . 7.tura : cucitura. star. fogliame. a locui. Sufixe care indicã profesiunea sau locul de origine: . Acestea sunt: 1. Sufixe care indicã o actiune repetatã şi intensã: . . .iere . .CORSO D’ITALIANO via aria stella alpina stella commeta stella filante lasciar stare starci stare in ansia stare attento stare bene/male stare buono stare calmo stare di casa rendere conto rendere felice/nervoso pe calea aerului sfloare de colt cometa serpentinã a lãsa în pace.ente : andante. mormorìo.  GLI SUFFISSI GRAMATICÃ SUFIXELE 3. a renunta a consimti. Sufixe ale substantivelor abstracte care denumesc un sistem de gândire. a restitui.oio : pecorile.

. DI LUOGO (DE LOC). . IL SUPERLATIVO ASSOLUTO (SUPERLATIVUL ABSOLUT) se formeazã cu ajutorul adjectivului molto sau prin adãugarea sufixelor: – issimo la forma de pozitiv a adverbului şi – mente la forma de superlativ absolut a adjectivului din care provine adverbul: "Corre molto velocemente .a... "Megio più tardi che mai." 3. "Interviene così opportunamente come non te lo immagini. IL COMPARATIVO DI MINORANZA (COMPARATIVUL DE INFERIORITATE) se formeazã cu ajutorul adverbelor meno . articulat cu articol hotãrât: "Corre il più velocemente possibile. così (aşa). gioioso. 3.c.". tastoni (orbeşte... IL POSITIVO (POZITIVUL) constã în forma de bazã a adverbului: bene. forte (tare). perugino. orsacchiotto. . 15. ... subito (imediat).a. particularul: . al unui adjectiv sau a altor adverbe..a.otto: milanese... caro (scump). DI TEMPO (DE TIMP). . alte adverbe de mod sunt identice cu forma masculinã a adjectivului: alto (sus)..quanto ." 3. baso (jos). .asco.  I GRADI DI COMPARAZIONE COMPARATIE DEGLI AVVERBI DI MODO  L’AVVERBIO GRADELE DE ADVERBUL L’AVVERBIO (ADVERBUL) este partea de vorbire care modificã şi precizeazã sensul unui verb. Alte adverbe se formeazã cu sufixul – oni : bocconi (pe brânci). così. male (rãu) – derivate din latinã – şi adagio (încet). chiara – chiaramente. invano (în zadar) au forme proprii.come . sontuoso.di : "E’ andato meno rapidamente di quanto mi aspettassi"..b. IL COMPARATIVO DI MAGGIORANZA (COMPARATIVUL DE SUPERIORITATE) se formeazã cu ajutorul adverbelor più. Ca şi adjectivul. singolare – singolarmente. Sufixe care indicã o calitate (adjective): . leggero – leggermente. insieme (împreunã).di : "Si comporta più amabilmente che coscientemente.".ino. Unele adjective se folosesc fãrã sufixul – mente ca adverbe: "E’ chiaro. giusto (just)."Parla non meno corsivamente di lui. 2.b...oso: impetuoso.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 13." 2.ibile: capace. IL SUPERLATIVO RELATIVO DI MAGGIORANZA (SUPERLATIVUL RELATIV DE SUPERIORITATE) se formeazã cu ajutorul adverbului più . 2.no. articulat cu articol hotãrât: "Sta il meno confortevolmente possibile"." MOD ALE ADVERBELOR DE UNITÀ 11 7 . AGGIUNTIVI (DE ADÃUGARE). 14..".. Sufixe cu ajutorul cãrora se formeazã adjective şi substantive care indicã apartenenta geograficã: . audace. apposta (întradins).. DI SOMIGLIANZA (DE ASEMÃNARE).di : "Scrive tanto difficilmente quanto legge"..ace. Sunt iregulare: benevolo – benevolmente.b.che .. difficilmente. şi adverbul are grade de comparatie: 1.. meno.velocissimamente.. GLI AVVERBI DI MODO (ADVERBELE DE MOD) se formeazã din forma femininã a adjectivului şi sufixul –mente : rapida – rapidamente. romano. bergamasco. violente – violentemente. male.a. pe dibuite).. RELATIVI (RELATIVE). IL SUPERLATIVO RELATIVO DI MINORANZA (SUPERLATIVUL RELATIV DE INFERIORITATE) se formeazã cu ajutorul adverbului meno . piano (încet). "Si esprime più chiaramente di Mario".. presto (repede). chiaro (clar). " Va’ piano!".abile. seria – seriamente. non meno. .esse. ginocchioni (în genunchi).. perceptibile. sicuro (sigur).Adjectivele care se terminã în – le şi – re pierd vocala e finalã în formarea adverbului: gentile – gentilmente. DI QUANTITÀ (DE CANTITATE). più. Adverbele bene (bine).che . amabile.. Acestea sunt: DI MODO (DE MOD). Sufixe care indicã capacitatea.. certo (sigur).. IL COMPARATIVO D’UGUAGLIANZA (COMPARATIVUL DE EGALITATE) se formeazã cu ajutorul adverbelor tanto.

"Sto maluccio. aici dappertutto – peste tot lontano – departe vicino – aproape davanti – înainte ne – acolo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Alte adverbe simple de mod sunt: anche – şi." – o duc destul de rãu. costassù – acolo sus. cãrora le corespund adverbele bene şi male . 3. minimamente  IL COMPARATIVO ED IL LOC ED AVVERBI RELATIVI RELATIVE  AVVERBI DI LUOGO ADVERBE DE ŞI ADVERBE Multe ADVERBE DE LOC sunt derivate din ADVERBE DEMONSTRATIVE şi. magàri – mãcar. – apropierea celui care vorbeşte: qui – aici. volentiri – cu plãcere: "Lo sa anche lui. – apropierea celui ce ascultã: costí – acolo. COMPARATIVUL ŞI SUPERLATIVUL SUPERLATIVO DEGLI AVVERBI A DERIVAZIONE LATINA ADVERBELOR DERIVATE DIN LATINA bene male molto poco meglio peggio più meno benissimo. inoltre – în plus.. costà – acolo. toate celelalte adjective formeazã adverbe cu ajutorul sufixelor prezentate anterior: rapidamente. 2. întotdeauna.. aici fuori – afarã vi – acolo." – se venea încetişor. quassù – aici sus. là – acolo. "Non aveva più soldi e inoltre aveva anche debiti. "Magàri fossi io così ricco!" (magàri + conjunctiv). LE LOCUZIONI AVVERBIALI DI MODO (LOCUTIUNILE ADVERBIALE DE MOD) se formeazã din adjective sau substantive precedate de prepozitii: d’abitudine – de obicei con osservanza – cu respect di buon grado – de bunãvoie da poco – de nimic di buona voglia – de bunãvoie di rado – de obicei in concordanza – în conformitate cu con rapidità – repede in conformità a – în conformitate cu di recente – recent in generale – în general con riferimento a – referitor la. "Arriva sempre tardi". de asemenea. ca rãspuns la di mal grado – împotriva vointei a rispetto di – în comparatie cu di mala voglia – împotriva vointei con rispetto – cu respect di nuovo – din nou di solito – de obicei Întotdeauna se vor folosi ca adverbe. în afarã de. Anumite adverbe au forme alterate: "Va benone!" – o duc binişor.. sempre – mereu. cel putin. indicã: 1. lassù – acolo sus. laggiú – acolo jos. ca şi acestea. "Verrò volentieri alla festa. pânã când nu mai pot. volente o nolente – vrând nevrând etc. încetişor." În afarã de adjectivele buono şi cattivo . Alte ADVERBE DE LOC sunt: altronde – în altã parte dentro – înãuntru sopra – deasupra altrove – în altã parte dietro – în spate sotto – dedesubt ci – acolo.". massimamente pochissimo. ottimamente malissimo. qua – aici. – locuri îndepãrtate de cel ce vorbeşte sau cel ce ascultã: lí – acolo. aici  GLI AVVERBI DI LUOGO (ADVERBELE DE LOC) UNITÀ 11 8 .". pessimamente mpltissimo. constructiile: a più non posso – cât se poate de tare. "Se ne veniva adagino adagino. chiar. chiaramente etc. seriamente. quaggiù – aici jos. costaggiú – acolo jos. ca rãspuns la a lungo – îndelung in riferimento a – referitor la.

în locul lui dovunque se va spune dappertutto . Mai e poi mai va avea un sens negativ: "Mai e poi mai non cambierà. fost b-dul Fossi. conditionale." – niciodatã. niciodatã sempre – mereu allora – atunci mensilmente – lunar settimanalmente – sãptãmânal allora allora – chiar atunci oggi – astãzi spesso – des. deseori l’altroieri – alaltãieri oggigiorno – astãzi stamattina – azi dimineatã dopo – dupã ora (or ora) – acum stanotte – azi noapte dopodomani – poimâine poi – dupã stasera – astã searã frattanto – între timp. Giammai subliniazã sensul lui mai : "Non ci tornerà giammai. Adverbul già se traduce prin deja. trecutul şi viitorul – sunt: adesso – acum mai – vreodatã. "Abita sul Viale della Repubblica. oare în propozitiile interogative. già Viale Fossi. lontano dal centro." – nu vreau sã te mai vãd niciodatã.  GLI AVVERBI RELATIVI (ADVERBELE RELATIVE) Ca ADVERBE RELATIVE trebuiesc considerate: ove – unde. devreme s ù b ito – i m ed i a t ieri – ieri prima – mai înainte talvolta – uneori." – nu vrea sã-ti mai scrie niciodatã. "Sta fuori le mura. fost : "Marcello era già arrivato. deocamndatã presto – curând." – stã în afara zidurilor (prepozitie).  AVVERBI DI TEMPO ADVERBE DE TIMP dubitative." – Marcelo venise deja. "Non ho mai visto una cosa del genere. acestea contin şi un pronume relativ: "Verrò dove starà lui = Verrò lì dove sta lui (in quel luogo).CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Însotite de prepozitia a (sau fãrã aceasta) multe adverbe devin locutiuni adverbiale: "La ragazza sta davanti alla casa. onde – de unde. Când fraza nu se continuã cu un al doilea verb. şi. "Non so se sia mai stato in America?" – nu ştiu sã fi fost vreodatã în America. "Chi mai l’avrebbe saputo?" – cine oare sã fi ştiut. deoarece. câteodatã intanto – între timp. "Donde viene?" Dovunque şi ovunque au valoare nedefinitã: "Il Signore si trova dovunque!" (Il Signore si trova in qualsiasi luogo in cui ci siamo anche noi. donde – de unde. dovunque cere verbu la conjunctiv. şi niciodatã în propozitii negative:"Hai mai visto una cosa del genere?" – ai mai vãzut vreodatã aşa ceva. Mai se întãreşte uneori prin più : "Non ti voglio vedere mai più.). în acest timp quando – c â n d tardi – târziu tosto – curând. absolut niciodatã nu se va schimba. "Mario si trovava dovunque fosse anche lui. dovunque – oriunde. pe lângã faptul cã determinã un loc." – nu se va mai întoarce niciodatã. repede Adverbul mai se traduce prin vreodatã." – nu am vãzut niciodatã aşa ceva." – Locuieşte pe bulevardul Republicii. dentro il palazzo. "Non vuolescriverti mai. vicino al mercato." – Mario se aflã în orice loc în care era şi ea. "Te l’ho già data" – ti-am şi dat-o." Aceste adverbe sunt şi interogative: "Dove vai?"." Nu confundati adverbele cu prepozitiile: "Sta fuori!" – stã afarã (adverb). LE LOCUZIONI AVVERBIALI DI TEMPO (LOCUTIUNILE ADVERBIALE DE TIMP) sunt: di buon’ora – devreme fra poco – peste putin timp poco fa – acum putin timp d’ora in avanti – de acum înainte un giorno – într-o zi una volta – odatã d i q u a n d o in q u a n d o – d i n c â n d î n c â n d d’ora in poi – de acum înainte volta – ultima oarã nottetempo – în timpul noptii l’ultima la prima volta – prima oarã a volte – uneori UNITÀ 11 9 . dove – unde. Cele mai frecvente ADVERBE DE TIMP – care indicã prezentul.

pisica însã este drãgutã. curcani şi bibilici. UNITÀ 11 10 . crostacei? Quali sono le rèttili che conoscete? Come sono la lucertola e la salamandra? Quali sono gli animali a molte gambe? Che uccelli conoscete? Come hanno loro il corpo e le zampe? Che cosa hanno invece delle braccia? Quali sono gli uccelli che vivono nei boschi? Descrivete gli insetti conosciuti (corpo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 1. dar egoistã. În curtea gospodãriei erau multe pãsãri: cocoşi. Gãinile dorm în cotet. zampe ed ali). di mare e d’ocèano? Che cosa vi paicerebbe mangiare in un ristorante di lusso:pesce. Rispondete alle domande: Quali sono gli animali domestici? Che animali ed ucceli allevano i contadini? EXERCITII Quali sono gli animali che l’uomo ha sacrificato per il suo nutrimento? Come si chiamano i posti nei quali codesti dormono? Perché sono utili gli animali e gli uccelli domestici? Quali sono gli animali che vivono sulla terra? Che animali selvatici conoscete? Quali sono gli animali che vivono nell’acqua? Che pesci d’acqua dolce conoscete? E di fiume. Traducete in italiano: Omul a îmblânzit din cele mai vechi timpuri calul. De aceea el se numeşte şi „somare”. vaca şi mãgarul în grajd. Mãgarul este un animal de povarã. iar oile şi caprele la stânã. Quali di essi sono simpatici e quali antipatici? - - 2. gâşte. Cotetul câinelui se deosebeşte de cotetul porcului şi de cel al iepurilor. gãini şi pui. rate. testa. Câinele este bun şi credincios. boul. câinele şi pisica. uva di pesce.

elefantul. Oaia e mama mielului. La Polul Nord trãiesc renul. Prefer carnea de porc celei de vacã. şarpele. lişita. Vaca îl privea cu blândete. foca şi morsa. Pãianjenul. rândunica. Vipera. pantera şi tigrul trãiesc alãturi de maimute. Corpul peştilor este acoperit cu solzi. În pãdurile ecuatoriale leul. şopârla şi salamandra se târãsc pe pãmânt. iar iepurilor de casã trifoiul şi moecovii. Africa este continentul animalelor sãlbatice şi periculoase: şerpi. crocodili şi balene îti amenintã viata în apã şi pe pãmânt. potârnichea sunt pãsãri de vânat. aripi. omida. vrabia. PRINCIPIANTI UNITÀ 11 11 . iepuri. viermele şi miriapodul au multe picioare. Unchiul meu este mare vânãtor. La polul nord trãiesc foca. morsa şi ursul polar. rechini. Veveritei îi plac alunele. prepelite şi potârnichii. Crocodilii. el vâneazã cerbi. cocorul şi barza îşi ciugulesc singure hr ana. Dotate cu pene. cãmile şi dromaderi. ursul alb.CORSO D’ITALIANO Vaca ne dã laptele din care se fac untul. balenele şi rechinii sunt animale de apã periculoase. Rata sãlbaticã. râsul. iar aripile şi coada îi ajutã sã înoate. urşi. Vitelul pãştea lângã mama sa. ghiare şi cioc. porci mistreti şi pãsãri: rate sãlbatice. iar capra e mama iedului. brânza şi smântâna.

dormitorio cucitura.. Mario leggere (tanto . 1. autista. amabile. Fate delle proposizioni con le seguente parole: idealismo. legnaiolo. fogliame. giuramento impeturoso. vigneto laboratorio. lavorare assiduamente (tanto . pecoraio. percepibile libreria. grandezza milanese. cãpuşa şi ploşnita) sunt nocive şi antipatice. tessitura moltitudine. gioioso capace... Albina ne dã miere. cucul şi ciocãnitoarea trãiesc în pãdurile noastre. guidare velocemente (così come) volare UNITÀ 11 12 . a r tis ta sentimento. sontuoso.CORSO D’ITALIANO Ciocãnitoarea şi privighetoarea ne încântã cu frumosul lor tril. romantismo parrucchiere. tântarul şi viespea ne dau ciupituri provocate de acul lor întepãtor care ne suge sângele. Insectele parazite (puricele. musca.. quanto) – divertirsi _________________________________________________________________________________________ 3. dar au şi ele ratiunea lor de a exista. Cotofana. umanesimo. 3. quanto) – avere voglia _________________________________________________________________________________________ 2. pupãza. romano PRINCIPIANTI 4. Mettete le forme giuste del comparativo e del superlativo avverbiale facendone delle proposizioni se condo il modello: Mario legge tanto quanto ne ha voglia. audace.

cantare 4. cantare bene (più che) suonare PRINCIPIANTI _________________________________________________________________________________________ _________________________________________________________________________________________ 5. abbraccio affettuoso – __________________________ 6.CORSO D’ITALIANO 4. salire 2. Trovate avverbi adatti ai seguenti verbi: 1. canto dolcissimo 5. sorridere 7. parlare 6. agire (il meno) benevolmente _________________________________________________________________________________________ 5. fermata brusca – cambiare improvvisamente – __________________________ – __________________________ 3. viaggio piacevole – __________________________ 8. scrivere 3. Trasformate i sostantivi accompagnati da aggettivi di qui sotto. ridere – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ UNITÀ 11 13 . dormire 8. sonno tranquillo 6. vista chiara – __________________________ – __________________________ – __________________________ 7. andare lontano (meno che) a poca distanza _________________________________________________________________________________________ 6. comportarsi (il più) seriamente _________________________________________________________________________________________ 7. cambio improvviso 2. in verbi accompagnati da avverbi: 1. salutare 5. pranzo abbondante 4.

si manifestava sicuro di sè stesso. adagio 9. commettere degli errori ed è – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ UNITÀ 11 14 . Traducete in romeno: E’ chiaro che stavolta si era comportato meglio nei confronti di tutti gli altri. E’ più facile essere aiutato che aiutare. Inoltre gli amici di Gianni non erano più venuti alla festa. bene – _______________________________________________________________ 2. Trovate verbi adatti ai seguenti avverbi: 1. ma il suo discorso adesso era leggeramnte più disteso. magari fosse stato sempre così forte come oggi! Era difficile dire come doveva finire quella facenda. peggio 7. è più difficile chiedere perdono che perdonare. vivere PRINCIPIANTI – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ – _______________________________________________________________ 7. è facilissimo. male – _______________________________________________________________ 3. meglio 6. Non era più il debole d’allora. anche se lui li aveva ripetutamente invitati. leggeramente 5. invano 10. guidare 11. carponi 8. duramente 4. lavorare 10. ciondoloni 8. Parlava più lentamente di prima.CORSO D’ITALIANO 9.

Il bagliore sanguinoso della lava incandescente era così vivo. liniştit. Câteodatã ai impresia cã acele timpuri patriarhale nu vor mai exista niciodatã. Dar te-ai întrebat vreodatã dacã satul a rãmas la fel cum era. D’abitudine Mario è molto gentile. 9. Il Vesuvio urlava nella notte. quasi imposibile non commetterli. n’erano percossi con incredibile violenza. meravigliosa colonna di fumo e di fiamme. ci offre di buona voglia un tè. poluarea şi haosul din marile oraşe. Ai sã vii repede pentru cã ai nevoie de aer proaspãt şi de odihnã. când citesc scrisoarea ta. Întotdeauna ti-a plãcut sã trãieşti mai calm. che affondava nel firmamento fino a toccare i p a llid i a s tr i. che per un immenso spazio intorno i monti e la pianura. dacã lumea nu s-a schimbat întrucâtva? Cu putin timp în urmã totul mergea destul de bine. calm. fiumi di lava scendevano verso i villaggi sparsi nel verde dei vigneti. meditatii şi odihnã. cu destul timp la dispozitie pentru plimbãri. Vei veni curând la tarã. sputando sangue e fuoco. Acum nu se mai trãieşte ca odinioarã. Un gigantesco albero di fuoco sorgeva altissimo fuor della bocca del vulcano: era un’immensa. starea de obosealã şi nervozitate a oamenilor nu erau cunoscute în aceste locuri. îmi dau seama cã mai devreme sau mai târziu tot trebuia sã-ti spun anumite lucruri. Traducete in italiano: Acum. un caffè e solo di rado si dimostra meno amabile. Lungo i fianchi del Vesuvio. PRINCIPIANTI UNITÀ 11 15 .CORSO D’ITALIANO difficilissimo.

.. . quale sarà??? .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Divento intelligente quando mi serve.Bene. ma al più degli uomini non piace! [Marilyn. .Bene.Allora.E il dormitorio? .risponde il ragazzo.Hai deciso quale sarà il soggetto della tua tesi di laurea? .So che lì da te c'è una squadra di calcio molto agguerrita? Come sta andando il campionato quest'anno? . . come vanno le cose? .Comunicazione.B en e. .E come procedono i tuoi studi? .Si.Com'è il vitto? .Allora. "Gli uomini preferiscono le bionde"] Un figlio dopo molti mesi torna a casa dall'università per un solo weekend e il padre gli chiede: .. Allora il padre insiste: . dimmi.Buono. UNITÀ 11 16 .Buono.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTI: IL GUARDAROBA PER TUTTI IL CARNEVALE VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL VERBO  IL PASSATO ED IL TRAPASSATO REMOTO DEI VERBI AUSILIARI  IL PASSATO ED IL TRAPASSATO REMOTO DEI VERBI REGOLARI  IL PASSATO REMOTO DEI VERBI IRREGOLARI ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE. AFFORISMI UNITÀ 12 1 . BATUTTE.

con o senza tasche. Certo. Gli accessori femminili sono eventualmente una cintura – per marcare la vita – e qualche gioiello: anelli. oggi le signore non portano più il manicòtto od il turbane ed i signori. il bàvero (il colletto) ed i polsini della camicia sono senz’altro molto importanti per la tenuta di un signore. con la borsa.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IL GUARDAROBA PER TUTTI Ci vestiamo per necesità (per sentirci bene quando fa caldo. aderenti o svasati. Il risvolto del vestito. ma un sopràbito e non un semplice cappòtto. la maglia. accollati o scollati.. la cintura e l’ombrello sono accessori importantissimi! Però. ci sono o almeno c’erano usanze e riti dove i pertecipanti portavano le maschere. UNITÀ 12 2 . anche i calzini e le scarpe hanno il loro ruolo. o in ferie) e per piacere. vestiti od àbiti. da preferire. I creatori di modelli scelgono la linea. soprattutto ai bambini a ai giovani. Come vestono i signori? Le stesse mutande e la canottiera. o gli scarponi. L’accappatò o la vestaglia – di seta pura. oppure una giacca. non indossa di solito una semplice giacca. alla scuola. cerimonie . quando fa freddo. di lana o di seta. Una signora che si veste bene. dalla bianchieria intima fino agli accessori. le scarpe Adidas e lo zàino. non solo nel caso delle persone gióvani e non solo quando si va in montagna. collane. di lino. un àbito e un sopràbito. quando stiamo in ufficio. E’ per questo che ci sono tanti bei negozi e che l’alta moda (francese. italiana ed altre) viene lanciata ogni anno. Sopra si mettono bluse e gonne ( maxi o mini). i sándali. i colori. con i guanti. i guanti. un golf. usati in occasioni speciali (feste. o quasi. fermagli ed orecchini. S’indossa invece il cámice o la tuta al lavoro e si preferiscono i blue–jeans. sul gilè o sullo smoking.. fine. bottoni e cerniera (o lampo). come anche i calzoni. e poi si mettono le scarpe. Per le signore e per le signorine la bianchieria intima consiste in sottoveste. La sciarpa. Anche oggi a molti piace mascherarsi. i nostri indumenti saranno di diversi tipi. gli stivali (stivaletti). si usano nell’ambiente intimo familiare. di cotone. Gli occhielli della camicia possono avere bottoni semplici o gemelli. reggipetti (o reggiseni) e reggicalze. IL CARNEVALE Che cos’è il Carnevale? E’ una bella e allegra festa mascherata con origini assai antiche.). Presso tutti i popoli. di una stoffa morbida. per non parlare sul frak. mutandine. i tessuti e tutti i dettagli delle grandi e piccole cose. braccialetti. o di plastica. Sopra si mette la camicia o la blusa. In casa si usano le pantófole e quando si esce si può prendere un cappéllo o un berréto (colbàcco) che vada bene con le scarpe e con lo scialle (la sciarpa). catenélle o ciòndoli. D’inverno s’indossa il cappotto ed il solito berretto o cappello di lana (di pelo). ma una pellìccia. poi i pantaloni od i calzoni. Con maniche lunghe e corte. màglie e golf. E’ molto divertente nascondere la faccia e fare scherzi senza esere riconosciuti. Le calze e le calzette si calzano. la canna.

Tarzan. Generalmente il Carnevale si svolge a fine febbraio. Superman. Il Carnevale si svolge in tutti i paesi di religione cattolica e in alcuni protestanti.. Sono proibiti anche i vari divertimenti: i balli. quando non si mangia più carne od altri prodotti animali. Peter Pan. probabilmente solo nelle grandi città. noci. così si dice nel popolo. E’ bello e divertente visitare l’Italia. legumi. e specialmente. E’ il periodo che precede la Settimana della Passione e della morte di Gesù Cristo e perciò tutti devono abbandonare i cibi buoni ed i divertimenti. Oggi si rispettano ancora queste usanze nei monasteri e tra le persone più anziane. In Italia il Carnevale è una grandissima festa. che dura una settimana prima della Quaresima. ma con poco fasto. la serva carina e astuta e i servi Arlecchino. olive. ecc. cantando e suonando le trombette. Dracula. l’àbito l’accappatòio accollato il bàvero costum halatul pe lângã gât gulerul la linea il lino la maglia la manica linia. girano per la strada o di casa in casa. moschettieri. Batman. Il "digiuno" è stato quasi dimenticato. pirati. funghi. Ma il più famoso carnevale del mondo è a Rio De Janeiro in Brasile. come il Natale o altre feste. Robin Hood. estraterrestri. Aladdino. le nozze. Oggi si svolge solo in poche località fra la popolazione protestante e cattolica. il Capitano Spaventa. Cinzio. durante il Carnevale. paese catolico. una festa. Colombina. pellirossa. In Europa. zingare. dei qualli tutti ridono. cow–boys. dei film – Zorro. vecchi e avari. cioè "addio carne!" Perché? Perché il Carnevale è una manifestazione. uva secca. indiani. ecc. la Fata dai capelli turchini.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Da dove viene questa parola "carnevale"? Da due parole latine: "carnis e vale!". vecchie da centinaia di anni che rappresentano i personaggi della Commedia dell’Arte: le belle signorine – Rosaura. I costumi sono diversi: personaggi delle fiabe come Cappuccett Rosso. regine. Ci sono poi Pantalone e Balanzone. Corallina. Ci sono poi: re. sceriffi. pasta. Si divertono a lanciare stelle filanti e manciate di coriandoli che cadono a terra come una pioggia a colori. fanfarone. principesse. fichi secchi. Cenerentola. uno strano cappellino e una mascherina che copre gli occhi. di sei settimane. Lelio. Isabella. samurai. i bei cavalieri – Leandro. principi. Venezia. Anche in Romania si svolgeva una volta. devono fare penitenza e purificare il loro corpo e la loro anima per la grande gioia della Festa Pasquale. riso. Ma le più amate sono le maschere tradizionali italiene. ma il carnevale è rimasto. ballando. Non si mangia più "di grasso" e invece si mangia "di magro". dipendendo dalla data della Pasqua che è variabile. ortaggi. silueta in bluza (de lânã. Per chi non ha un costume basta un buffo naso. Prove ne sono alcune commedie di Vasile Alecsandri e di Ion Luca Caragiale. Il Carnevale italiano è anche un buon affare perché attira migliaia di turisti. cioè non è ogni anno alla stessa data. La Quaresima indica il lungo periodo. Si mangia solo pane. Tutti si mascherano. frutta. Biancaneve e i sette nani. l’Italia lo festeggia con il più grande fasto in molte sue città e specialmente a Venezia. gli spettacoli. Brighella e Pulcinella. Ma generalmente si indossano anche costumi veri e molte volte anche costosi. Pinocchio. tricot) mâneca UNITÀ 12 3 . furbacchioni e pigroni.

ca dovadã la Quaresima – Pãresimile. mãcar) il g ilè = il panciotto (vesta) antico = vecchio (antic.migliaia – sute.....CORSO D’ITALIANO il berretto la borsetta il bottone il braccialetto ilámice la canottiera la canna il cappello il cappótto la catenélla la catenina la cerniera la cintura il cióndolo il colbácco la collana il colletto il comerciante il cotone il fermáglio il frak il gilè il gioiello il golf i guanti indossare il lampo la lana lanciare basca poşeta nasturele brãtara halatul maioul bastonul pãlãria paltonul lãntişorul lãntişorul fermoarul cordonul pandantivul. vechi) il monastero = il convento (mânãstirea) SINONIME UNITÀ 12 4 .. blanã) mãrgele. Postul mare (al Paştelui) la Settimana della Passione – Sãptãmâna Patimilor a terra (per terra) – pe jos togliersi il vestito – a–şi scoate haina abbandonare = lasciare (a abandona. a lãsa) il cibo = l’alimento (hrana.mii la Commedia dell’Arte – teatru popular specific Italiei devono fare penitenza – trebuie sã se pocãiascã la Festa Pasquale – Sãrbãtoarea Paştelui essere vestito in borghese – a fi îmbrãcat civil (per un ufficiale) manciate di coriandoli – pumni de confetti si mangia di grasso/di magro – se mãnâncã de dulce/de post origini assai antiche – origini destul de vechi presso tutti i popoli – la toate popoarele prove ne sono – dovezi ale acestui fapt sunt. catarama frac vesta bijuteria jerseu mãnuşile a purta fermoarul lâna a lansa il manicótto le mutande il negoziante il negozio gli occhielli il panciotto la pantófole il pigiàma il polsini il reggicalze il reggipetto il reggiseno il reparto scegliere lo scialle la sciarpa scollato la seta il sopràbito il sottoveste lo smoking svasato svestire(si) la tasca il tessuto il turbante la tuta la vestaglia vestire(si) PRINCIPIANTI manşon chiloti negustorul magazinul butoniere vesta papuci pijamaua manşete portjartier sutienul sutienul raionul. sectia a alege eşarfa. colierul gulerul negustorul bumbacul broşa. medalionul cãciula (de lânã. alimentul) l’accappatòio = il cámice (halatul) la faccia = il viso (chipul) almeno = magari (cel putin.. şalul eşarfa. şalul decoltat mãtasea pardesiul furoul smoking evazat a (se) dezbrãca buzunarul tesãtura turbanul salopeta capotul a (se) îmbrãca PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE centinaia...

în functie de context. care prezintã o actiune trecutã. apoi) prima di ≠ dopo di (înainte de ≠ accollato ≠ scollato (pe lângã gât ≠ decoltat) (tânãr ≠ bãtrân) antico ≠ nuovo/moderno (vechi ≠ nou/modern) avaro ≠ generoso (avar ≠ generos) viata) coprire ≠ scoprire (a acoperi ≠ a descoperi) muncitor) divertente ≠ noioso (distractiv ≠ plictisitor) prima divertirsi ≠ annoiarsi ( a se distra ≠ a se plictisi) dupã) GRAMATICÃ PERFECTUL COMPUS II ŞI MAI  IL VERBO MULT REMOTO DEI VERBI AUSILIARI  IL PASSATO ED IL TRAPASSATO VERBUL AUXILIARE CA PERFECTUL II VERBELOR AVERE TRAPASSATO REMOTO io èbbi avuto noi avèmmo avuto tu avèsti avuto voi avèste avuto egli/essa èbbe avuto egli/esse èbbero PASSATO REMOTO io èbbi noi avèmmo tu avèsti voi avèste egli/essa èbbe egli/esse èbbero avuto PASSATO REMOTO io fui noi fummo stati/state tu fosti voi foste egli/essa fu egli/esse furano stati ESSERE TRAPASSATO REMOTO io fui stato/stata noi fummo tu fosti stato/stata egli fu stato voi foste stati/state essi furono essa fu stata esse furono state IL PASSATO REMOTO indicã un fapt care s–a petrecut deja de ceva timp şi care este complet realizat. vecchio lu n g o ≠ breve (lung ≠ scurt) la morte ≠ la vita (moartea ≠ pigro(ne) ≠ laborioso (leneş ≠ ≠ dopo. UNITÀ 12 5 . Numele sãu latin “perfectum” exprimã caracterul închis. finit al acestui timp:"Il mio nonno combatté nella seconda guerra mondiale. furbacchione (şiret. dar nu foarte îndepãrtatã. poi (înainte ≠ dupã. eşarfa) il lampo (fermoarul) turchino = celeste ANTONIME giovane ≠ anziano." – bunicul meu a luptat în al doilea rãzboi mondial. Va fi tradus în limba românã prin PERFECTUL COMPUS sau prin orice alt timp trecut.CORSO D’ITALIANO as s ai = a s tu to = il bàvero = la cerniera = (albastru închis) PRINCIPIANTI abbastanza (destul de) proibito = vietato (interzis) furbo. Acesta se mai numeşte şi timpul naratiunii. deoarece este utilizat în povestiri. Acesta diferã de PERFECTUL SIMPLU românesc. chiar care s–a întâmplat de curând. iscusit) il reggipetto = il reggiseno (sutienul) il colletto (gulerul) lo scialle = la sciarpa (şalul.

demmo. bevvero – diedi (detti). andasti. andò. diedero (dettero) – dissi. beveste. cu referire la o altã actiune. andaste. divenne. bevemmo. indicând o actiune complet realizatã. diceste. diveniste. disse. diede (dette). bevesti. ESSE – ài – àsti –ò – àmmo – àste – àrono – èi – è st i –è – èmmo – è st e – èrono – ìi – ìsti –ì – ìmmo – ìste – ìrono CANTARE (a cânta): LEGGERE (a citi): PARTIRE (a pleca): i o c a n t – ài io legg– èi io part– ìi t u c a n t – à s ti tu legg– èsti tu part– ìsti egli/essa cant– ò egli/essa legg– è egli/essa part– ì noi cant–àmmo noi legg– èmmo noi part– ìmmo voi cant– àste voi legg– èste voi part– ìste essi/esse cant–àrono essi/esse legg– èrono essi/esse part– ìrono IL TRAPASSATO REMOTO (MAI MULT CA PERFECTUL II) se formeazã din: IL PASSATO REMOTO (PERFECTUL COMPUS II) al verbelor auxiliare şi IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRECUT) al verbului de conjugat: ABITARE (a locui) NASCERE (a naşte) PARTIRE (a pleca) io ébbi abitato (eu locuisem) io fui nato/nata (eu mã io fui partito/partita (eu tu avésti abitato (tu locuisei) nãscusem) plecasem) egli/essa ébbe abitato (el/ea tu fosti nato/nata (tu te nãscusei) tu fosti partito/partita (tu locuise) egli/essa fu nato (el/ea se plecasei) nãscuse) egli/essa fu partito (el/ea noi avèmmo abitato (noi plecase) locuisem) noi fummo nati/nate (noi ne nãscusem) noi fummo partiti/partite (noi voi avèste abitato (voi locuiseti)) voi foste nati/nate (voi vã plecasem) nãscuseti) voi foste partiti/partite (voi egli/esse ébbero abitato (ei/ele plecaseti) locuiserã) egli/esse furono nati (ei/ele se egli/esse furono partiti (ei/ele nãscuserã) plecaserã)  IL PASSATO REMOTO DEI VERBI IRREGOLARI NEREGULATE Andare (a merge) Bere (a bea) Dare (a da) Dire (a spune) PERFECTUL COMPUS II AL VERBELOR – andai. deste. Acesta va fi tradus prin românescul MAI MULT CA PERFECTUL. desti. divenimmo. specifice fiecãrei conjugãri în parte: Iª CONIUGAZIONE IIª Coniugazione IIIª Coniugazione IO Tu EGLI. dicesti. divennero UNITÀ 12 6 . dicemmo. dissero Diventare (a deveni) – divenni. tot trecutã. andammo. ESSA NOI VOI ESSI.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IL TRAPASSATO REMOTO este timpul compus al timpului PASSATO REMOTO. andarono – bevvi. divenisti.  IL PASSATO ED IL TRAPASSATO PERFECTUL SIMPLU ŞI MAI MULT CA PERFECTUL VERBELOR REGULATE REMOTO DEI VERBI REGOLARI IL PASSATO REMOTO se formeazã adãugând rãdãcinii verbului de conjugat terminatiile pentru fiecare persoanã. bevve.

vide. sapesti.Come vestiamo durante le caldi e fredde stagioni? Quali sono gli indumenti maschili? Ma femminili? Che cosa indossate quando andate al lavoro? Ma quando andate a teatro. poté. dove (dovette). voleste. stettero – seppi. doveste. Fustita era de lânã. o rochie şi o fustitã. faceste. Sotului meu i–am cumpãrat o jachetã gri. volesti. mettemmo. UNITÀ 12 7 . vedesti. îi voi cumpãra şi un pandantiv. dovesti. aşa cã nu mi–a pãrut rãu cã–mi luasem cu mine umbrela.CORSO D’ITALIANO Dovere (a trebui) (dovettero) Fare (a face) Mettere (a pune) Pottere (a putea) Stare (a sta) Sapere (a şti) Vedere (a vedea) Volere (a vrea) PRINCIPIANTI – dovei (dovetti). potesti. Pentru cã va fi în curând aniversarea zilei ei de naştere. steste. dagli amici? 2. stesti. vollero EXERCITII 1. doverono – feci. fece. vedemmo. dovemmo. pentru cã şi–l doreşte. metteste. aşa cã au costat destul de mult. stemmo. facemmo. volle. Mãnuşile şi poşeta pe care mi le cumpãrasem anul trecut se asortau cu pulovãrul pe care–l aveam şi de aceea mi–am mai cumpãrat nişte pantofi de aceeaşi culoare. dar nu am mai avut bani suficienti. mettesti. Am vrut sã–i cumpãr şi o pãlãrie. misero – potei. poterono – stetti. volemmo. potemmo. o in visita. sapeste. Traducete in italiano: Ieri mi–am cumpãrat un pardesiu şi o pãlãrie. seppero – vidi. sapemmo. Când am ieşit din supermagazin începuse sã plouã. Rispondete alle domande: . facesti. iar rochia de mãtase. poteste. stette. vedeste. Alexandra. seppe. fecero – misi. mise. o cravatã şi douã cãmãşi. videro – volli. iar fetitei noastre.

Fate delle proposizioni con le seguente espressioni: caricare l’orologio – a întoarce ceasul l’orologio fa – ceasul aratã l’orologgio spacca il minuto – ceasul merge fix l’orologio da polso – ceas de mânã l’orologio a sveglia – ceas deşteptãtor l’orologio a ripetizione – pendula l’orologio a squilla – pendula l’orologio a polvere – clepsidra l’orologio da tasca – ceasul de buzunar l’orologio a doppia cassa – ceasul cu douã capace svegliarsi di buon ora – a se trezi devreme fare le ore piccole – a se culca târziu Non vedo l’ora – abia aştept 4. Sãrbãtoarea paştelui este foarte frumoasã. Traducete in romeno il dialogo che segue: PRINCIPIANTI UNITÀ 12 8 . Albã ca Zãpada era bunã şi frumoasã. piticii erau drãguti şi harnici.CORSO D’ITALIANO Carnavalul se desfãşoarã mai ales în tãrile de religie catolicã. La teatrul de pãpuşi Pinocchio o întâlneşte pe Colombina. În timpul carnavalului aproape toti se mascheazã. Pinocchio era caraghios. leneş şi lãudãros. Am citit povestea „Albã ca Zãpada şi cei şapte pitici”. 3. dar nu era un bãiat rãu. Arlecchino şi Pulcinella.

però prima vada alla cassa a pagare il vestito. Crede che mi vada bene.non un vestito di gala. dove ci sono i reparti di bianchieria da uomo. Cerca il significato dei seguenti: l’usanza – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ mascherare(si) UNITÀ 12 9 . ma uno di ogni giorno. Prego. un verde oliva. da donna e per i bambini. - Grazie. un po’ sport. sono a pieghe e l’àbito è abbastanza largo e pratico. Lo compero. Ho capito. da indossare in tutte le stagioni. vicino al reparto “Calzature”. 5... molto cómodo. Ecco i pantaloni. Mi fa vedere che vestiti di lana hanno? Di che colore vuole che sia? Un grigio. di stoffa mórbida.CORSO D’ITALIANO - PRINCIPIANTI Vorrei (aş vrea) comprare un vestito da uomo taglia 54. - Bene. elegante. per la biancheria devo andare in un altro reparto? Dov’è che posso trovare camíce da notte e pigiàma? - Vada al primo piano. Provi questo àbito che è un modello nuovo.

6. Coniuga al passato remoto ed al trapassato remoto i verbi: UNITÀ 12 10 .CORSO D’ITALIANO turchino il r ito – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ PRINCIPIANTI nascondere(si) lo scherzo proibire – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ la maschera – ________________________________________________________ carino svolgere(si) il b a llo indossare fasteggiare a s tu to il fasto a ttir a r e il d ig iu n o as s ai secco l’affare almeno buffo il prodotto s tr a n o lanciare d u r a n te – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ – ________________________________________________________ Fate almeno sei proposizioni con alcune parole a scelta.

CORSO D’ITALIANO fasteggiare PRINCIPIANTI g ir a r e mascherarsi svolgere proibire UNITÀ 12 11 .

trovate le false: caro p ig r o turco mascalzo – – – – VERE carino pigrone turchino mascalzone nano buffo furbo fanfaro – – FALSE – – PRINCIPIANTI furbacchione fanfarone n a n in o buffone 8.CORSO D’ITALIANO 7. Trova i contrari delle parole: secco ≠ _______________ grasso ≠ _______________ buffo ≠ _______________ buono ≠ _______________ 9.Nell’esercizio seguente non tutte le parole di base sono vere. Trova la parola che b r u tto uno scherzo può essere essere lontana riuscito volgare una bella stella può piccola buffa brutto ≠ _______________ astuto ≠ _______________ amato ≠ _______________ ridere ≠ _______________ non c’entra con le altre: b r illa n te permesso ≠ _______________ nascondere ≠ _______________ respingere ≠ _______________ amare ≠ _______________ simpatico verde UNITÀ 12 12 .

Am fost surprins sã aflu cã mergea în fiecare zi 5 kilometri pe jos. Pãrintii Laurei locuiau lângã noi. la şcoalã. passato e trapassato remoto. UNITÀ 12 13 . Mi–a rãspuns cã îi plãcea mult sã citeascã şi mi–a recitat câteva poezii din Dante şi din Petrarca. 11. scopritore dell’America. M–am mirat vãzând ce îndrãznatã şi harnicã era fata. Am întrebat–o dacã îi plac cãrtile. pentru a–mi petrece vacanta de varã. Venisem la tarã. fare grandi viaggi nella ricerca di nuove terre. într–o cãsutã construitã cu o sutã de ani în urmã. la bunicii mei. Volgete tutti i verbi dal testo di qui sotto ai tempi passati dell’indicativo (passato e trapassato prossimo.CORSO D’ITALIANO buono importante un affare può essere colorato sporco grosso una festa può essere PRINCIPIANTI a s tu ta riuscita divertente noiosa proibita furbacchione pigrone un raggazzino può essere fanfarone turchino carino 10. Traducete in italiano adoperando i tmpi giusti: Eram copil când am cunoscut–o pe Laura. imperfetto): Cristoforo Colombo.

UNITÀ 12 14 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Lui trovarsi alla corte spagnola. Lui essere un grande italiano e gli italiani esserne fieri! Colombo nascere e vivere nel Quattrocento. partire per l’India ed arrivare in America. morire nel 1506.

La prego non lo faccia mai piu. ma non possiamo far finta che l'abbia già detto? " [Russel Crowe . "Via col Vento"] Cade un aereo in Africa e si salva solamente una bella hostess che rimane impigliata in un ramo di un albero. non la malattia. lo sport fa soffrire e puzzare.. (Guido Ceronetti) "Domani e' un altro giorno" [Scarlett O'Hara.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Venire considerato una delle più grandi personalità del mondo.. "Non so che cosa si presuppone che io dica per avere un rapporto sessuale con lei.. circa i mali fisici.. sbatte contro un marciapiede e si ferma a pochi centimetri da una vetrina. (N.. de Chamfort) Un passeggero nel taxi tocca la spalla del tassista per chiedergli qualcosa. manca per poco un pullman. Il tassista fa un grido strepitoso. guarda quant'è bella. perde il controllo della vettura. questa ce la portiamo a casa e ci mangiamo la mamma.Papà. e sa .. riguarda i medici e le loro cure.Sta buono e sta calmo figliolo. Dice il figlio: . negli ultimi 25 anni guidavo un carro funebre..Non immaginavo che lei si sarebbe spaventato cosi' semplicemente toccandole una spalla!!! . La maggior parte delle mie paure. ragazzi è meglio UNITÀ 12 15 ..Vabbe' non e' proprio colpa sua. Arrivano padre e figlio carnivori. Apollo Creed: " Andate a scuola e usate il cervello. Mi ha spaventato a morte! Il passeggero si scusa e dice: . ce la mangiamo subito no? Il padre risponde: .. Ci sono un paio di secondi di silenzio totale. trovatevi un lavoro serio. lasciate stare lo sport come professione. fate il medico."A beautiful mind"] Ci auguriamo l'inattività del malvagio e il silenzio dello sciocco. fate l' avvocato.. e poi il tassista dice: . ma oggi e' il mio primo giorno di lavoro come tassista.

finché non ci costa niente.CORSO D’ITALIANO pensare che puzzare " (Rocky) Siamo quasi tutti buoni. (Franz Fischer) PRINCIPIANTI UNITÀ 12 16 .

MASSIME UNITÀ 13 1 . BATTUTE.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTI: LE PROFESSIONI VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  ALCUNI VERBI IRREGILARI ALL’INDICATIVO  L’AVVERBIO    AVVERBI DI QUANTITÀ AVVERBI OPINATIVI AVVERBI E LOCUZIONI AVVERBIALI ANTONIMI E PIÙ FERMI  LA PREPOSIZIONE  LOCUZIONI PREPOSITIVE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE.

TV assicurano la prontezza dei servizi pubblici. il pediatra. le iniezioni. Il ragioniere ed il contabile fanno i conti e le operazioni bancarie. ecc. L’avvocato difende nel nome della legge i suoi clienti (imputanti ed imputati od incolpati) nei processi civili e penali. mentre il giudice pronunzia la sentenza nel tribunale. gli ingegneri elettronici costruiscono e mantengono i computer (hardware). il chirurgo. Gli impiegati dei diversi ministeri ed organismi rispondono alle richieste. sottufficiali ed ufficiali: maresciallo. in tutte le imprese sono i guardiani che fanno la guardia. Il medico esamina. Lui può essere uno specialista come: il laringoiatra. Gli informatici (analisti programmatori) elaborano ed óperano programmi soft con basi di datti per il funzinamento automatico delle macchine. in base alle ricete ed al consiglio medico. mentre che l’insegnante (od il professore) insegna agli allievi di scuola superiore e agli studenti dell’università. gli anestetici. rilasciano atti. l’oculista. Loro fanno anche il bilancio ánnuo e verificano il búdget. cálcolano redditi. il ginecólogo. sono rappresentanti incaricati a livello governamentale o diplomatico. capitano. Il comissario asigura insieme ai carabinieri ed ai polizioti la tranquilità della nostra vita quotidiana. ma una funzione) dirigono le imprese aiutati da vicedirettori. i ministri o gli ambasciatori ed i cònsoli. dalla sanità. in moneta nazionale e in altre valute. dalla rete elettrica. colonello e generale (ammiraglio) – difendono la patria o sono pronti a salvare la pace e l’indipendenza del popolo. benefici. nell’ospedale o nell’ambulatorio. sottotenente. capiufficio. L’infermiere fa i trattamenti. lo psichiatra. documenti. il microbiólogo. profitti ed interessi (útili). radio. segretarie e dattilògrafe o programmatori. Il procuratore. il neurólogo. certificati ed attestati necessari per la vita sociale.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI LE PROFESSIONI Abbiamo incontrato già alcune professioni: il maestro che insegna ai piccoli ragazzi. tenente. tasse e partite IVA. Nelle fabbriche. I vigili urbani ci fanno rispettare le regole di circolazione ed i vigili del fuoco sono pronti a spegnere il fuoco degli incendi. dalla stampa. mentre i deputati. Il dottore deve compilare anche la scheda UNITÀ 13 2 . nele scuole. entrate. il cancelliere ed il notaio sono udualmente rappresentanti della giustizia. maggiore.e elettroterapia prescritte dal medico. I militari – soldati dell’esercito. i senatori. I funzionari statali o privati dai trasporti. I farmacisti vendono le medicine. le reti dei PC collegati ad un computer principale trasmettendo oggi a gran distanza le informazioni che adesso tramite l’INTERNET si possono avere in qualche attimo in tutto il mondo. cura e cerca di guarire i suoi pazienti nel policlinico. L’informatica pénetra sempre di più la nostra vita. la fisio. I direttori od i manager (e questa non è una professione. Il sìndaco ( che è sempre una funzione) controlla l’amministrazione del municipio o del comune.

orologeria. Però. uno scultore che scolpisce la pietra o il marmo. astrólogi. la seminagione e la raccolta. strade. mietitrici e trebbiatrici per fare l’aratura. la vanga ed il rastrello. Nell’agricoltura lavorano insieme l’agrónomo. officine. L’architetto disegna i pianti delle costruzioni (in base alla misurazioni e spartizioni. un intaglaitore che lavora il legno. del succhiello e della lima. dal lattaio i prodotti lattìferi (latte. i teatri e poi ponti. la pala. ecc. d’uténsili e d’attrezzature richiesti dai primi mestieri dell’uomo. riviste. i salami e le salsicce. L’artista è un’attore che récita nel teatro o nel cinema. il carpentiere ed il falegname (od il legnaiolo) lavorano in legno. verdure e frutta. imprese. panna). i tecnici e gli operai svolgono le attività industriali.. seminatrici. meccanica. falciatrici. i poeti. un pittore. elettrica. il párroco della nostra parròcchia. Per confezionare i diversi oggetti e persino i mobili loro hanno bisogno del tornio. la guida e la hostess sono a disposizione dei turisti durante i loro giri e viaggi. biólogi. l’autista. UNITÀ 13 3 . la viticoltura. dal macellaio la carne. Dagli altri fornitori del mercato compriamo la verdura e la frutta.. In edícola compriamo giornali. come le scuole. Il regista ed il direttore d’orchestra. ci danno la benedizione dalla nascita (con il battesimo e con la prima comunione) fino al matrimonio ed al funerale. Per il trattamento del suolo sono previste l’irrigazione e la concimazione. astrónomi. Anche le tenaglie sono útili loro. formaggio. burro. i critici. di confezioni. il vescovo. Adesso essi hanno a disposizione macchine ed attrezzi come: trattori. I contadini s’affaticano a raccogliere i prodotti della terra: cereali. idro. o un musicista (strumentista o cantante di musica classica o leggera)..) fanno progredire con le scoperte delle loro indagini la scienza e la tecnica. Gli scienziati (fisici. PRINCIPIANTI del paziente. ottica. Gli artigiani confezionano e riparano oggetti di pellecceria. Così. termo-. costruzioni socioculturali. nei diversi campi dell’industria leggera e pesante: alimentare. del pollame e delle api. dal panettiere il pane ed il panettone. il prelevamento del Il pilota.Gli ingegneri. indicare gli esami da fare ( la verifica della pressione del sangue. Loro lavorano sui cantieri. legumi. della pialla. L’allevamento del bestiame. per comprendere queste attività si devono anzitutto conoscere alcuni nomi d’arnesi. di costruzioni di machine. matematici. il produttore dello spettacolo sono quelli che rendono finita l’opera d’arte. chimici. gli scrittori. secondo le dimensioni e le condizioni del terreno) e l’ingegnere edilizio erige le case ed i palazzi da abitare ed industriali: fabbriche. periodici dal giornalaio.ed atomocentrali. la pesca. le lastre ed altre). I compositori.CORSO D’ITALIANO sangue. gioielleria. dighe. la caccia sono altre attività agricole. In passato essi usavano l’aràtro tirato dal bue e lavoravano la terra con la zappa. la falce. gli editori ed i pubblicisti ci regalano la bellezza e la purezza della poesia e del canto. I commercianti ed i commessi vendono al minuto ed all’ingrosso le merci dei piccoli e gran negozi e dei supermercati. lo zootecnico ed il veterinario. pregando il Signore di voler perdonare i nostri peccati e di salvarci le anime. alberghi. Il prete. dal barista prendiamo il caffè.

i conduttori e gli autisti assícurano il trasporto. mentre il ceramista sistema la ceramica o la maiolica del pavimento. un anniversario. il cuoco. di un ago grande (con un filo duro) e del cuoio. a curãti. i sándali. cartoline). Il palchettista pialla e pulisce il pavimento di legno (palchetto). o ci mettono sopra l’intónaco la carta a diversi colori. Pannelli già fabbricati prima vengono montati sul posto. speciali. gli scarponi. nelle pizzerie e pasticcerie ed il fioraio ci offre fiori che compriamo in tutte le occasioni della nostra vita: per un compleanno. nei ristoranti. il pasticiere ed i camerieri ci fanno mangiare cibi buoni. a se strãdui a repara acul inginerul agronom hotelul a creşte animale ambasadorul dispensarul amiralul analistul la lastra il lattàio la lavanderia la lavatrice la legge il legnaiolo la lima il linguaggio il livello la luce lustrare il lustrascarpe il macellaio radiografia. i serbatoi ed i sistemi del termosifone. aggiustano le tubature d’acqua (calda e fredda. îmbrãcãmintea a aprinde bricheta a se obosi. od i vàglia. Che cosa fa il sartro? Il sartro taglia e cuce i vestiti con le fórbici. gli stivali. le scarpe alte. per una festa qualsiasi ma anche per un funerale. qualsiasi mestiere o professione conosce una lunga strada che è bene poter percorrere in condizioni di un’ottima salute e di un gran voglia di lavorare. i fumaióli e le ciminiére. che lavorava i metalli (soprattutto il ferro) usava un martello grande. attrezzato sempre con il famoso filo a piombo. gli spazzaturái e gli spazzacamíno puliscono gli spazi ed i locali pubblici. perché i muri dei palazzi crescono sotto i nostri occhi. Anche l’attività del muratore. i portalettere ci fanno avere in tempo la corrispondeza (lettere. con il frettazzo e con la secchia di calce. perché si preferiscono il cemento ed il calcestruzzo od il cemento armato. i miniatori sottraggono il carbone ed i minerali dalle cave. oggi non lo vedi più con l’archipendolo. oggi il suo lavoro si fa nelle gran fabbriche con sistemi moderni automatici. I mattoni non sono più gli stessi. l’abito accendere l’accendino affaticarsi aggiustare l’ago l’agrònomo l’albergo allevare l’ambasciatore l’ambulatorio l’ammiraglio l’analista haina. i facchini portano i bagagli. per l’uso domestico e per il riscaldamento). Gli idráulici impintano gli edifici. Il calzolaio confeziona ed aggiusta le calzature: le scarpe (a tacchi alti o bassi). l’erogazione della pensione. Il barbié. Dall’apprendista al perito. i marinài conducono le navi commerciali e di passeggeri sui mari. le strade. I netturbini.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Il fabbro ferraio. di chiodi. Lui ha bisogno delle tenaglie. l’estetísta ed il creatore di moda ci fanno avere un aspetto fisico più bello e più piacevole. Però. fatti a mano in terracotta. con la cazzuòla e la casseruòla è stato cambiata. placa lãptarul spãlãtoria maşina de spãlat legea tâmplarul pila limbajul nivelul lumina a lustrui. a şterge lustragiu mãcelarul UNITÀ 13 4 . Gli imbianchini (od i pittori) imbiancano o dipingono le pareti. di un martello. il parrucchiére. l’incúdine e la mazza. Poi vengono gli elettricisti a montare la rete elettrica ed a mettere in funzione il sistema elettrico. con l’ago e con il filo.

deprinsã. prãdãtorul UNITÀ 13 5 .CORSO D’ITALIANO l’anestetico l’anniversalio l’ape l’apprendista l’aratura l’aratro l’archipendolo l’arnese arroventare l’artigiano l’atomocentrale l’attestato l’atto l’attrezzatura avvezzo il bagaglio il barbiere il barista il battésimo la benedizione il beneficio il bestiame la biancheria la caccia il calcestruzzo la calzatura il calzolaio il cameriere il campo il cancelliere il capitano il capoufficio il carabiniere il carpentiere la carta la cava cavare il cavo la cazzeruola la cazzuóla la ceramista i cerini il certificato il chiodo il cibo la ciminíera la cinepresa collegare il colonnello il commerciante il commesso il commissario compenetrare compilare il compleano la comunione la concimazione il conduttore anestezic aniversarea albina ucenicul arãtura plugul cumpãna scula a arde. obişnuit(ã) cu ceva bagajul bãrbierul barmanul botezul binecuvântarea beneficiul animale lenjeria vânãtoarea beton armat incãltãmintea cizmarul ospãtarul câmpul grefierul cãpitanul şeful de birou jandarmul dulgherul tapetul mina a scoate. atestatul cuiul hrana coşul industrial aparat de filmat. a înfierbânta. asasinul obişnuit parchetarul parchetul lopata brutarul cozonacul smântâna panoul parohia parohul coaforul partida TVA cofetarul podeaua pediatrul pielea blãnãria blãnarul a pãtrunde specialistul pescuitul rindea zugravul. a uni colonelul comerciantul vânzãtorul inspector de politie a pãtrunde. a înroşi în foc artizanul centrala atomicã atestatul. depozitul maiorul faianta directorul a mânui. a elabora. a încinge. camera de luat vederi a lega. a manevra a mentine întretinerea mareşalul marinarul ciocanul cãrãmida barosul. atelierul mecanic a opera. pictorul politistul pãsãrile de curte pompierul podul poştaşul tâlharul. certificatul actul utilajul deprins. a obtine cablul mistria mistria ceramistul chibriturile de cearã certificatul. banditul. a intra în adâncime a completa ziua de naştere împãrtãşania îngrãşarea pãmântului conducãtorul il magazzino il maggiore la maiolica il manager maneggiare mantenere la manutenzione il maresciallo il marinaio il martello il mattone la mazza la medicina la merce il mestiere la mietitrice il minatore il ministro la misurazione la mobìlia i móbili il negoziante il negozio il neurologo il netturbíno il notaio l’oculista l’officina operare l’omicída ordinario il palchettista il palchetto la palla il panettiere il panettone la panna il pannello la parrócchia il pàrroco il parruchiere la partita IVA il pasticciere il pavimento il pediatra la pelle la pelliccerià il pellicciàio penetrare il perito la pesca la pialla il pittore il poliziotto il pollame il pompiere il ponte il portalettere il predone prescrivere il prete PRINCIPIANTI prãvãlia. ciocan mare medicamentul marfa meseria maşina de secerat minerul ministrul mãsurãtoarea mobila mobila comerciantul magazinul neurologul gunoierul notarul oculistul uzina. magazinul. a lucra criminalul.

complicat(ã) sublocotenentul a extrage subofiterul împãrtire. a progresa tocmai puritatea a recolta recoltarea contabilul raportul grebla a recita. cu joagãrul semãnarea semãnãtoarea simplu senatorul sentinta rezervorul primarul sofisticat(ã). încasare. peştera il procuratore il proffito il programmatore progredire proprio la purezza raccogliere la raccolta il ragioniere il rapporto il rastrello recitare il reddito il reggimento il regista regolare la rete richiedere la richiesta rilasciare riparare riscaldare il riscaldamento il salame la salsiccia la salute i sándali la sanità il sarto la scarpa le scarpe alte gli scarponi scattare la scoperta scoprire segare la seminagione la seminatrice semplice il senatore la sentenza il serbatóio il sìndaco sofisticato il sottotenente sottrare il sottufficiale la spartizione lo spazzacamíno lo spazzaturáio lo specialista spegnersi squadrare gli stivali lo strumentista il succhièllo il supermercato il tacco la tassa PRINCIPIANTI a prescrie preotul procuror profitul programator a înainta. estetician(ã) fabrica fierarul fierarul hamalul coasa maşina de secerat tâmplarul betonul armat calea feratã sãrbãtoarea chibrituri de lemn firul firul cu plumb florarul fizioterapia foarfecele drişca coş de casã a fuma înmormântarea functionarea automatã functionarul generalul bijuteria bijutierul vânzãtorul de ziare plimbarea. a avansa.CORSO D’ITALIANO il cònsole il cantiere confezionare consiglio medico il contabile il contadino il conto il corale corrompersi cucire il cuoco il cuoio difendere la diga il dirretore il dirretore d’orchestra dirigere disavveduto. a trasa forme geometrice cizmele instrumentistul UNITÀ 13 6 . a solicita cererea a elibera a repara a încãlzi încãlzirea salamul cârnatul sãnãtatea sandalele domeniul sãnãtãtii croitorul ghetele pantoful ghetele a declanşa descoperirea a descoperi a tãia cu fierãstrãul. a interpreta venitul. disavveduta disegnare il documento la domanda l’edícola l’elettroterapia l’entrata erigere l’esèrcito l’esposizione l’estetista la fabbrica il fabbro il fabbroferraio il facchino la falce la faciatrice il falegname il ferro cemento la ferrovia la festa i fiammiferi il filo il filo a piombo il fioraio la fisoterapia le forbici il frettàzzo il fumaiólo fumare il funerale il funzionamento automatico il funzionario il generale la gioiellerìa il gioiellière il giornalàio il giro il giudice la giustizia la grotta il guardiano consulul şantierul a confectiona. de nebãgat în seamã a desena documentul cererea chioşcul de ziare electroterapia câştig. renta regimentul regizorul a regla reteaua a cere. turul judecãtorul justitia grota. a lucra sfatul medicului contabilul tãranul contul coralul a se corupe a coase bucãtarul pielea a apãra digul. a construi armata expunere cosmetician(ã). a juca. repartitie coşarul mãturãtorul specialistul a se stinge a tãia în bucãti. stãvilarul directorul şeful de orchestrã a conduce nesocotit(ã). import a ridica. nechibzuit(ã).

industria de confectii l’industria leggera – industria uşoarã PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE l’industria pesante – industria grea meno accessibile – mai putin accesibil i mezzi audiovisivi – mijloacele la partita IVA – partida TVA il prelevamento del sangue – analiza sângelui per ora . aplica lampa micã. a prinde în cuie acuzat.CORSO D’ITALIANO guarire il guerriero la guida la hostess l’idráulico l’idrocentrale l’imbianchino impiantare l’impianto l’impiegato l’impresa l’imputante l’imputato inchiodare l’incolpato l’incudine l’indagine l’informatico l’ingegnere edilizio l’ingegnere elettronico l’iniezione l’innocente l’insegnamento l’intagliatore l’interesse l’intónaco l’irrigazione la làmpada la lampadina il laringoiatra paznicul a vindeca rãzboinicul ghidul stewardesa instalator de apã hidrocentrala zugravul a instala instalatia functionarul întreprinderea acuzator acuzat. a rãsuci. inculpat nicovala cercetarea. haina. inculpat a bate cuie. chiar la pressione del sangue – tensiunea la scheda medica – fişa medicalã la secchia da calce – gãleata cu mortar sul posto – pe loc la tubatura d’acqua – conducta de apã l’attestato = il certificato (certificatul) (maşina de la cazzeruola (mistria) = la falciatrice l’impiegato = = la mietitrice SINONIME UNITÀ 13 la casseruola = (functionarul) il commerciante (inculpatul) secerat) il funzionario = l’incoloato il negoziante (comerciantul) l’imputato 7 . investigatia informatician inginerul constructor inginerul electronist injectia inocentul învãtãmântul sculptor (tãietor) în lemn dobânda tencuiala irigatia lampa.deocamdatã persino/perfino – pânã şi. a curba strung a trãda traducãtorul traducãtoarea tractorul maşina de treierat turcoazã ofiterul unealta dobânda verificarea îmbrãcãmintea. becul electric laringologul la tellecamera le tenaglie il tenente la termocentrale la terracota torcere il tornio tradire il traduttore la traduttrice il trattore la trebbiatrice la turchese l’ufficiale l’utènsile l’ùtile la verìfica il vestito il veterinario il vicedirettore il vìgile urbano il vìgile del fuoco la viticoltura il vómere lo zootecnico PRINCIPIANTI burghiu supermagazin tocul taxa camera de luat vederi pentru televiziune cleşte locotenent termocentrala teracota a suci. rochia medicul veterinar director adjunct agentul de circulatie pompierul brãzdar de plug viticultura inginer zootehnician al minuto – cu amãnuntul all’ingroso – cu ridicata la casa editrice – editura audiovizuale costruzione di macchine – constructia de maşini del genere – de obicei l’erogazione della pensione – plata pensiei essere pieno – a fi plin essere al completo – a fi plin il funzionamento automatico – functionarea automatã l’industria di confezioni .

a se spune dire di si. prãjitura. n-ai ce zice!. plãcerea. a fi obligat. atentia. a povesti. pateul IL SERVIZIO – serviciul. a fi dator dovere riconoscenza dovere rispetto PANE . frumos! înseamnã cã DOVERE – a trebui. a exprima. coca. aluatul. amestecul. nu a-şi spune propria pãrere a-şi spune în sinea sa a datora bani a datora respect bun ca pâinea caldã a spune lucrurilor pe nume a se avea ca fratii cozonac genovez frigãnele chec paste cu sos paste cu unt şi brânzã a face serviciul militar grupuri sanitare pasta in brodo pasta in umido servizio da tavola servizio segreto paste cu supã paste cu supã serviciu de masã serviciu secret pan di spagna pan di spezie panettone rendere pane per focaccia togliersi il pane di bocca pandişpan turtã dulce cozonac milanez a plãti cu aceeaşi monedã a-şi lua pâine de la gurã dovere soldi a datora bani non c’è che dire viene a dire nu e nimic de zis. di no dire la sua dire tra se a spune da. favoarea.pâine buono come il pane dire pane al pane essere pane e cacio pandolce pandorato panforte pasta asciuta pasta in bianco fare il servizio militare servizi igienici LA PASTA – pasta. reportajul GRAMATICÃ UNELE VERBE LA INDICATIV NEREGULATE ALL’INDICATIVO INFINITIV dispiacere permettere suppore propore  ALCUNI VERBI IRREGILARI INDICATIV PREZENT mi dispiace permetto suppongo propongo PASSATO mi dispiaque permisi supposi pr o po s i PASSATO PROSSIMO mi è dispiaciuto ho permesso ho supposto ho proposto UNITÀ 13 8 . pastele fãinoase.CORSO D’ITALIANO il contabile = (magazinul) il cuoio = il direttore = (pompier) la domanda = il fabbroferraio= il ragioniere (contabil) la pelle (pielea) il manager (directorul) la richiesta (cererea) il fabbro (fierarul) il magazzino = i móbili il pompiere le scarpe alte = = = PRINCIPIANTI il negozio la mobìlia (mobila) il vìgile del fuoco gli scarponi (ghete) EXPRESII CU CUVINTELE DIRE – a spune. a comunica.

niente (nimic).".". ADVERBE DE MOD: UNITÀ 13 9 . finànche (pânã şi. meno di ieri. 3. troppo (prea mult). 2. "Hai dormito abbastanza. altrettanto (la fel. chiar şi). care adaugã ceva valorii actiunii: anche (şi). meno (mai putin). PÃRERE  AVVERBI OPINATIVI ADVERBE CARE EXPRIMÃ O Adverbele care exprimã o opinie sunt de trei feluri: 1. assai punto. de adãugare. "Ho letto poco. più (mai mult). "Dormi ancora? Non dormo affatto. probabilmente (probabil) .". poco (putin). Alte adverbe: 1. pure (tot aşa).CORSO D’ITALIANO rendere comprendere rendo comprendo resi compresi PRINCIPIANTI ho reso ho compreso  L’AVVERBIO CANTITATE  AVVERBI DI QUANTITÀ ADVERBUL ADVERBE DE Cele mai folosite adverbe de cantitate sunt: molto (mult)." – nu stã deloc rãu.". de asemenea). alquanto (întrucâtva). precedat de niente în ptopozitiile negative:"Hai saputo questo? Niente affato!" Un alt adverb de cantitate (minimã). assai (aşa de mult). "Non mi sono riposato affatto."."Sei sicuro di aver detto questo? Affato. perfino (chiar). certo (sigur). Adverbul affato înseamnã "cu totul" propozitii afirmative . no (nu) . ADVERBE DA CALITATE: poco ≠ molto tanto. abbastanza (destul). nicidecum"." 2. afirmative: sí (da). affatto Exemple : "Ho letto molto. de asemãnare: così (aşa). 2. derivat din latinã. appunto (întocmai) . şi "nimic. MAI PRECISE ANTONIMI E PIÙ FERMI 1. este mica : "Non sta mica male. ancora più ≠ meno troppo. quanto abbastanza. nulla (nimic). come (cum) . LOCUZIONI AVVERBIALI (LOCUTIUNI ADVERBIALE): dall’abbondanza = abbondamente all’improviso = improvvisamente (din abundantã) (pe neaşteptate) in un attimo = prestissimo insomma = finalmente (într-o secundã) (în final. più di ieri. în concluzie) in un batter = prestissimo alla marinara = come i marinai (într-o secundã) (marinãreşte) a bizzeffe = abbondamente alla milanese = come fanno i milanesi (din abundantã) (asemeni milanezilor) in fretta = rapidamente tutt’a un tratto = improvvisamente (în grabã) (pe neaşteptate) ADVERBIALE  AVVERBI E LOCUZIONI AVVERBIALI ADVERBE ŞI LOCUTIUNI ANTONIME. "Ho lavorato tanto!". de negatie: non (nu). "Ho lavorato quanto non credevo!". altresi (de asemenea). dubitative: forse (poate).

" 4.".". "Si va a destra o a sinistra?". "D’ora in poi (in avvenire) farò quello che mi piace. "Andiamo in fretta. si passa da qui a qui.". "Ad un tratto si alzò e cominciò a parlare.". "Lei abita a pochi passi da qui.". dopo sempre ≠ mai tuttora ≠ non più presto ≠ tardi spesso ≠ raramente (di) già ≠ non ancora LOCUZIONI AVVERBIALE: con l’andar del tempo – cu vremea prima e poi − mai devreme sau mai târziu in antico – odinioarã di quando in quando − din când în când in avvenire − în viitor quasi mai − aproape niciodatã di buon’ora − devreme quasi sempre − aproape mereu di giorno − z i ua per sempre − pentru totdeauna a lungo − mult timp di solito − de obicei di notte − noaptea un tempo − cândva ogni tanto − de obicei una volta − odatã d’ora in poi − de acum înainte qualche volta − câteodatã Exemple : "E’ tuttora (ancora) in casa.". DUBITATIVE: certo neanche proprio nemmeno sicuro neppure LOCUZIONI AVVERBIALE: di certo – sigur di sicuro – sigur senza dubbio – fãrã îndoialã senz’altro – dintr-o parte în alta niente davvero forse eccome nulla chissà in verità del tutto mica per nulla – într-adevãr – total – deloc – pentru nimic Exemple : "In questa casa non trovi neppure (neanche."."Si va presto. "Risponderò volentieri a quella lettera.". "Lo parla male. "E’ partito per sempre. "Da ogni parte vedevo gente portando dei fiori.".".". ADVERBE DE AFIRMATIE. "Era talmente stanco dopo il viaggio. di qui." 3. qua (aici) ≠ lì." 5. ADVERBE DE TIMP: prima ≠ poi.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI bene ≠ male volentieri ≠ malvolentieri talmente. "Non si cammina adagio. ADVERBE DE LOC: da qua – de aici quaggiù (aici sus) ≠ lassù (acolo jos) s u – s us a là – acolo qui. "Con l’andar del tempo imparerà tutte le lezioni.".". "Si deve leggere ad alta voce. "Quella cosa l’ha fatta apposta. nemmeno) un po’ di pane. prin greutate in fretta – în grabã ad un tratto – dintro datã Exemple :"Parla bene italiano. "Dobbiamo sapere la poesia a memoria.". "Si passa al di là del fiume. "Ci va raramente (di rado).". "Andiamo lassù o restiamo quaggiù?". "Gira. "Non andare di là.". "Ero proprio UNITÀ 13 10 .". "A poco a poco arrivò anche la primavera. DE NEGATIE. perfino presto ≠ adagio apposta ≠ casualmente così. "Lei va spesso in città. decìdeti. come LOCUZIONI AVVERBIALE: in affito – cu chirie all’improvviso – dintr-o datã di passaggio – în trecere ad alta voce – cu voce tare a malpena – cu mare greutate a poco a poco – putin câte putin a bassa voce – încet a memoria – pe de rost a stento – cu mare a fatica – cu greu per mezzo di – cu ajutorul.".".".". là (acolo) giu – jos LOCUZIONI AVVERBIALE: da vicino – de aproape al di qua – dincoace de da lontano – de departe al di là – dincolo de da ogni parte – de fiecare parte a destra – la dreapta da una parte all’altra – dintr-o parte în alta a sinistra – la stânga a pochi passi – la câtiva paşi Exemple : "Vieni qui. gira di là. o è già partito?".

da. Acestea sunt: davanti (în fata). "Sicuro che viene". verso (spre. lontano (departe). "Tu non sei contenta per nulla (affatto). vicino (lângã). "Andrò all’opera fra due settimane. cere prepozitia da . senza se foloseşte cu sau fãrã prepozitie: "E’ andato senza di te / senza te. contro (împotriva)." – mai mult decât atât. su.. stante (dat fiind. LE PREPOSIZIONI IMPROPRIE (PREPOZITIILE IMPROPRII) sunt acele prepozitii care pot avea şi alte functii gramaticale: de adverb. "Lottiamo contro il male. vicino (lângã). insieme (împreunã). malgrado (în pofida).. sopra (deasupra).. "Eccome non saperlo!". "Certo che lo so!".. dopo (dupã). contro (împotriva). davanti (în fata). cere atât prepozitia a cât şi prepozitia con . Când este însotit de un pronume. Oltre – atunci când înseamnã “in più di – mai mult decât” – cere întotdeauna prepozitia a. 2.. "Questo non è mica vero!". în fata). lontano (departe)." – intrati în casã. lângã catedrã." LA PREPOSIZIONE (PREPOZITIA) este partea de vorbire care leagã un termen al propozitiei de cel care-l prcede. adverbele determinã un verb: "Andate dentro la casa. senz’altro). fra (între). addosso (în spate). "Andate dentro!" – intrati. senza dubbio. oltre (în afarã)." – merg împreunã cu prietenii mei. allo. con care devin: del." – merge spre oraş. în jurul grãdinii. intorno (în jurul). În timp ce prepozitiile determinã substantive. Mai sunt şi tra şi fra traduse prin ”între.. fuori (în afarã) şi prima (înainte).". circa (în jurul). per. de participiu.. vicino alla càttedra.. Mario pensava alle sue premure. sotto (sub). intorno al giardino. rispetto (referitor). PREPOZITIILE IMPROPRII se folosesc de alte prepozitii pentru a se uni cu substantivul pe care-l determinã: 1. durante (în timpul). LE PREPOSIZONI PROPRIE (PREPOZITIILE PROPRII) sunt acelea care pot fi articulate: di.".." – în sinea sa Mario se gândea la grijile sale. 1. 3." – deasupra noastrã se înãlta muntele de gheatã. "E’ un americano di sicuro (di certo. accanto (lângã). dopo (dupã). 2." – ochii care nu se vãd se uitã." – între noi exista o bunã întelegere. etc ." – a plecat fãrã tine." – voi merge la operã peste douã sãptãmâni. verso (spre). îmi spuse şi cã nu se simtea bine. "Prima di me è arrivato Luciano" – Luciano a sosit înaintea mea. lontano dal cuore. a. "Lontano dagli occhi. intorno (de-a lungul). sotto (sub)... Dar când sunt urmate de un pronume personal cer prepozitia a sau di : "Dentro di lui. innanzi (înaintea. Cele mai folosite sunt: PREPOZITIA  LA PREPOSIZIONE  LOCUZIONI PREPOSITIVE LOCUTIUNI PREPOZITIONALE UNITÀ 13 11 . rasente (dea lungul. dintre.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI (davvero) felice... fãrã a schimba raportul sintctic deja existent. fino (pânã). presso (lângã). presso (lângã). la). in. cer prepozitia di :"Vado insieme a (con) miei amici. dall’. sunt întotdeauna urmate de prepozitia a :"Davanti alla casa. din cauzã cã). "Non so nulla". dietro (în spate). "Forse ci tornerò." – în fata casei. peste” :"Fra (tra) di noi c’era una bell’intesa. senza (fãrã). pe lângã). " La strada è deserta del tutto (completamente). nella. accanto (lângã). sopra (deasupra). riguardo (referitor).. nu au nevoie de o altã prepozitie atunci când determinã un substantiv: "Cammina verso la città.. adjective şi pronume. dentro (înãuntru). de adjectiv. su (pe). salvo (în afarã de).."." – luptãm împotriva rãului.". "Sopra di noi si alzava il monte di ghiaccio. Grupurile de cuvinte folosite ca prepozitii se numesc locutiuni prepozitionale. che sau di (mai rar) :"Oltre a ciò mi disse che non stava bene..

il notaio? Ma l’ingegnere. il falegname? Che cosa fa l’idràulico e di che ustensili si serve? Quali sono le attività del muratore e dell’imbianchino? Di che ustensili si servono loro? Quali sono i materiali di costruzione che conoscete? Come si chiamano i preparatori di cibo – pietanze varie. il procuratore. il fabbroferraio. l’ifermiere? Che cosa fa il maestro (il professore)? Ma l’ingegnere? Chi disegna i piani edilizi e chi li realizza? EXERCITII Di che cosa hanno bisogno per il lavoro il sarto. la fotocopiatrice o la posta elettronica. nei servizi pubblici. a favore di (în favoarea). il pager. latte? Che artigiani conoscete? Qual è lo specifico dei loro mestieri? Quali sono gli ufficiali ed i sottufficiali dell’esercito? Che cosa fa il síndaco? Qual è la missione degli ambasciatori e dei consoli? Che altre professioni conoscete? - 2. a cagione di (din cauza). hanno fatto progredire la nuova tecnologia elettronica. a somiglianza di (la fel cu). pizze e dolci? Come si chiama il venditore di fiori? Che cosa fanno il giudice. il ragioniere? Che cosa fanno i commissari. il fax. nella pittura. scultura. l’avvocato. Nuove energie si scoprono. 1. di qua da (dincoace de). la TV. in faccia a (în fata). scoperte cha hanno rivoluzionato il nostro secolo. etc. in tutte le attività: nelle banche. a dispetto di (în ciuda). nel teatro e nel cinema) Come si chiamano i comessi che vendono carne. i vigili urbani. il telèfono. nei trasporti. Traducete in romeno: L’informatica sta penetrando in tutti i campi. Il telègrafo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI per mezzo di (cu ajutorul). lo scienziato ed il giornalista? Dove lavorano e di che cose si servono? Quali sono i professionisti che lavorano nel campo dell’arte (nella musica. l’operaio. oggi si usano il telèfono cellulare. pane. Rispondete alle domande: Che cosa fanno il medico. nell’insegnamento. nuove materie UNITÀ 13 12 . l’agrómo. i vigili del fuoco? Come esrcitano le loro attività il tecnico. il calzolaio. in direzione di (în directia). la radio.

per fabbricare il letto sul quale ladri e innocenti moriranno. Il Fabbro arrovena e torce il ferro per dar la spada al soldato. perché ognuno si pulisce da solo le proprie scarpe. o via satèllite. Il Legnaiolo sega e inchioda il legno per costruire la porta che protegge la casa dai ladri. invece di portarli PRINCIPIANTI UNITÀ 13 13 . il martello al falegname. del Fabbro. del Legnaiolo. Certi lavori non rendono più. i colori e le distanze già automaticamente regolate. La màcchina fotografica con il flash a lampadina ed con l’esposizione. le più innocenti e religiose. sólide. il Muratore. agli occhi di tutti. sono tra l’arti manuali. la casa del povero. Oggi sul marciapiede non si vedono più i lustrascarpe. le più compenetrate colla vita dell’uomo. Il Muratore squadra la pietra ed innalza la casa. concrete e vere. Ma il Contadino.CORSO D’ITALIANO prime si usano nelle industrie d’ultima ora I mezzi audiovisivi sono assicurati dalla telecomunicazione su cavo. il Legnaiolo non tradiscono. per il servizio di tutti. del Muratore. la casa d’Iddio. scattano le più chiare immagini mentre la cinepresa. il Marinaio in Pirata. la casa del re. a circùito chiuso. in opere visibili. Il Guerriero degénera in Predone. non possono tradire. il vòmere al contadino. non si corrompono. Quelle del Contadino. il Fabbro. Il Contadino rompe la zolla e ne cava il pane che mangia il santo nella sua grotta come l’omicida nella sua carcere. la cine – e telecamera ci portano nei posti meno accessibili. Manéggiano le materie più familiari e debbono trasformarle. come da solo si lava anche i propri vestiti con la lavatrice. il Mercante in Avventuriero.

CORSO D’ITALIANO
in lavanderia. Nelle piccole e grandi imprese i testi dei lavori non vengono più dattilografati, ma processati con l’aiuto del PC e della stampante; oppure si usano macchine elettriche da scrivere. 3. Traducete in italiano: Mario s-a dus la florar sã cumpere margarete şi trandafiri pentru ziua de naştere a mamei sale. Bijutierul tocmai a expus în vitrinã o brãtarã de aur cu o inimã de turcoaze şi corali. În editura “Einaudi” s-a publicat o nouã antologie a cinematografiei. Domnul Rossi este unul dintre editori. Caut un traducãtor autorizat pentru cã am de tradus nişte acte: un atestat, un certificat de naştere şi unul de botez. Colonelul şi maiorul au ascultat raportul cãpitanului. La regiment au sosit sublocotenentul şi sergentul major. Dinu este ucenic la atelierul auto al tatãlui sãu. Dacã învatã bine meseria, ajunge şi el un specialist. Pãrintele Anton este parohul bisericii Sfântul Ioan. Ne pare rãu cã nu avem camera care vã place, pentru cã deocamdatã hotelul este plin, dar ne-am permite sã vã sugerãm sã vedeti o alta, care dã spre mare, la primul etaj. Presupun cã ati dori o camerã cu douã paturi, cu duş şi cu balcon. Ne dãm seama cã v-ar fi plãcut o camerã la un etaj superior, pentru a avea o vedere mai amplã, dar ar trebui sã mai aşteptati douã zile pânã se elibereazã una de acest fel.

PRINCIPIANTI

UNITÀ 13

14

CORSO D’ITALIANO
4. Fate delle proposizioni con i seguenti avverbi e locuzioni avverbiali: all’improviso a fattica a malapena a poco a poco con l’andar del tempo d i q u a n d o in q u a n d o d’ora in poi di buon’ora da una parta all’altra a pochi passi del tuto di certo senza dubbio quasi sempre prima e poi in avvenire a bassa voce in affito in un batter d’occhio a bizzeffe dall’abbondanza a strecchetto casualmente d i p a s s a g g io

PRINCIPIANTI

UNITÀ 13

15

CORSO D’ITALIANO
per mezzo di ad alta voce di solito 5. Distinguete quali sono le preposizioni e quali gli avverbi nel testo che segue:

PRINCIPIANTI

Il colpevole è stato trovato e messo dentro. Il ragazzo pensava dentro di se: avrò fatto bene o male? In macchina, gli piaceva sempre stare davanti. Davanti alla casa c’era un bel giardino pieno di rose. Non se ne andava, le stava sempre presso. Presso l’opera c’è la statua della Libertà. E’ meglio star lontano da quei ragazzi. Franco abitava lontana dall’università. PREPOZITIILE ADVERBE

6. Traducete in romeno, tenendo conto delle preposizioni studiate: Malgrado il brutto tempo, siamo andati in campagna. Intorno alla casa c’erano frutteti e l’oliveto. Nella chiesa entrarono prima gli sposi ed i testimoni, poi i parenti e gli amici. Uno scolaretto, uscendo dalla scuola, entra nel negozio di un cartolaio e gli dice:”Desidero comprare 6 quaderni da lire cinquanta, tre astucci da lire duecentocinquanta e 10 fogli da lire dieci. Quanto costerà tutto questo?” Il cartolaio fa il conto e risponde.Il ragazzo prima d’avviarsi verso l’uscita dice: „Grazie infinite. Il nostro maestro ci ha dato questo problema. Durante la strada mi domandavo come risolvero; ma ora grazie a lei saprò rispondere”. 7. Traduci in italiano:

UNITÀ 13

16

CORSO D’ITALIANO
În timpil rãzboiului din Golf mii de pãsãri au murit din cauza petrolului risipit în mare. Trebuie sã luptãm împotriva poluãrii aerului, solului şi a apelor. În fata pericolului distrugerii naturii stau organizatii ecologice, care însã, nu pot realiza ceva fãrã sprijinul nostru, al tuturora. Cãtre sfârşitul secolului, Pãmântul va deveni mai arid, datoritã folosirii substantelor chimice şi a poluãrii solului. Printre noi se aflã oameni lipsiti de conştiintã care aruncã resturile menajere pe stradã ori prin parcuri. 8. Forma delle proposizioni con le seguenti preposizioni e locuzioni prepositive: in mezzo a per mezzo di a l d i là a causa di fino (sino) a dopo contro vicino a sopra davanti intorno a insieme a (con) a favore di

PRINCIPIANTI

UNITÀ 13

17

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

Per l'uomo veramente religioso nulla è peccato. (Novalis) Se tutti affermano una cosa, o è vera o vuol diventare tale.(Baltasar Graciàn) Per raro che sia il vero amore, è meno raro della vera amicizia. (F. de la Rochefoucauld) Nessuno fa niente per niente, ma qualcuno riesce a darne l'illusione. (Roberto Gervaso) In amore, solo gli inizi hanno fascino. Non mi sorprende che si provi piacere a ricominciare spesso. (Charles-Joseph de Ligne) “Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose, dove va, dove e' stata" (Forest Gump) " Noi non siamo qui perche' siamo liberi, siamo qui perche' non siamo liberi di sottrarci a questo dato di fatto, non c' è ragione nel negare, non c' è scopo perche' sappiamo entrambi che senza scopo noi non esisteremmo" (Matrix Reloaded) " Sono stato dentro piu' a lungo di Mandela, volete candidarmi come Presidente ?" (The Rock) " Consegnati al lato oscuro della forza, e' l' unico modo che hai per salvare i tuoi amici, si... i tuoi pensieri ti tradiscono, i tuoi sentimenti per loro sono forti, specialmente per... tua sorella, cosi' hai una sorella gemella, i tuoi sentimenti hanno tradito anche lei ora, Obi-Wan e' stato saggio a nasconderla a me, ora il suo fallimento e' completo, se tu non passerai al lato oscuro, forse, lei lo fara' "(Star Wars Episode IV – The return of the Jedi) Ho sempre sognato di incontrare una ragazza spigliata, gentile, dall'aspetto gradevole, che non mi trovasse repellente. Io le chiederei di sposarmi e vivremmo felici e contenti per tutta la vita. Tra i miei genitori è funzionato. Beh, a parte il divorzio e tutto il resto. (Quattro matrimoni e un funerale ) Due genovesi si ritrovano dopo molto tempo: - Vieni che ti offro da bere! Al momento di pagare i due litigano: - Pago io... - No pago io... L'oste stanco di sentirli litigare propone: - Fuori c'è una fontana mettete la testa sott'acqua e quello che la tira fuori per primo paga il conto... Non ci crederete ma sono annegati tutti e due!!!

UNITÀ 13

18

AFFORISMI UNITÀ 14 1 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI CONVERSAZIONE: IN ALBERGO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL MODO CONDIZIONALE  IL CONDIZIONALE PRESENTE E PASSATO DEI VERBI AUSILIARI  IL CONDIZIONALE PRESENTE E PASSATO DEI VERBI REGOLARI  IL CONDIZIONALE PRESENTE DEI VERBI IRREGOLARI  L’USO DEL CONDIZIONALE  LA CONSECUZIONE DEI TEMPI ALL’INDICATIVO  LA CONGIUNZIONE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELETTE. BATTUTE.

televisione e frigorìfero. una delle più belle (se possibile) con il balcone sul davanti. Ci piacerebbe vedere lo spuntar del sole la mattina. Vorremmo però vedere prima questa stanza e se ci piacerà. o dal passaporto. Giorni fa Le abbiamo inviato un fax per prenotare una stanza grande. presto. Quanto riguarda la spiaggia. ci sta tutto: troveranno nell’albergo ombrelloni. una bibita fresca. Niente di più belo che svegliarsi accarezzati da un raggio d’oro. radio. Per gli altri pasti potrebbero andare in qualsiasi ristorante nei dintorni. ecc. La piccola colazione è già inclusa nel prezzo della camera. Il Signore Cillerai ha già inviato un fax all’albergo “Bella Vista”. Quest’anno vorrebbero passare delle vacanze un po’ particolari. dice il Signore Cillerai. Il garzone attento. verso il mare. Nell’albergo c’è un bar. dove troveranno sempre un caffè. pensa lui. salutando cortesemente la signora ed il signore e chiama subito il facchino per portare i bagagli. una grande stanza con bagno. La ringrazio. potrebbe offrire ai turisti almeno questo: una bella vista. Abbiamo ricevuto il Suo fax. Si signore. C’è tutto l’occorente: teléfono. E’ un’occasione che non si dovrebbe dimenticare. Lei è molto gentile. con letto matrimoniale. C’è solo un inconveniente: per ora si lavora all’impianto d’aria condizionata. apre la porta della macchina. sdraie. che non farebbe mai aspettare i clienti dell’albergo. sotto le palme – sembrebbero farti entrare nel paradiso. perché festeggiano i loro vent’anni di matrimonio. Dovrebbero aspettare ancora un po’ prima di essere riparato il guasto. ma molto carino: le tendine di color rosa alle finestre e gli ombrellini sulla terrazza del bar – proprio sulla riva del mare. per compilare i mòduli richiesti con gli anagrafici dalla carta d’identità. Ecco ora i nuovi arrivati alla ricezione dell’albergo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IN ALBERGO La famiglia Cillerai va a trascorrere un paio di giorni a Caserta. che. carte ecc. al mare. la prenderemo. E’ molto bella e soddisfarebbe i Loro gusti. Sul balcone ci sono le poltrone a sdraio ed alla riccezione potranno chiedere qualsiasi altra cosa che farebbe comodo Loro: giocchi a scacchi. Avremmo una stanza del genere al primo piano. Ecco il giorno tanto sognato: i Cillerai arrivano in tassi davanti al portone di un albergo non tanto grande. UNITÀ 14 2 . però potrebbero consumare anche quello che c’è nel frigorìfero della loro stanza. Dov’è che si mangia di solito? Si potrebbe mangiare anche qui? Si signora.

cecul de cãlãtorii il gioco a scacchi .cu balconul la fatadã l’aria condizionata .a se împãca col balcone sul davanti . E per parlare all’estero? In questo caso dovrebbero chiedere il numero desiderato al centralino. Ecco qui i Loro documenti. PRINCIPIANTI Si. mai mult. grazie! Andiamo a vedere la nostra stanza! Si. pe desupra de obicei. o con assegno turistico. a sãrbãtori l’incoveniente il matrimonio l’ombrellino la palma il passaporto il poltrone prenotare la sdraia il tassi la tendina incovenientul cãsãtoria umbrela.CORSO D’ITALIANO Va bene. come no. Lei può pagare anche in contanti.a completa un formular l’assegno turistico . Accettiamo tutto. Il facchino porterà subito in camera i Loro bagagli. Vorrei sapere se possiamo pagare anche con la carta assegni.a p e t re c e vacantele EXPRESII CU CUVINTELE PIÙ – mai.cartea de identitate q u a n to r ig u a r d a . pe deasupra cel (cea.apelul.cartea de credit la poltrona a sdraio .fortoliu prelungit la carta d’identità . cele) mai de cele mai multe ori majoritatea parlare del più e del meno per di più per lo più più che mai tanto più a vorbi de una şi de alta în plus. Signori.portalul a rezerva şezlongul taxiul perdeaua PENTRU A ÎNTELEGE MAI BINE andare d’accordo . convorbirea telefonicã la riva del mare malul mãrii trascorrere le vacanze . Speriamo di non aver problemi e di trascorrere qui delle belle vacanze! Ci piacerebbe averli ospiti anche l’anno prossimo. în general mai mult ca oricând cu atât mai mult UNITÀ 14 3 .aer conditionat compilare un modulo . cei. Bene. i. E per le chiamate telefoniche come si fa? Si può parlare dalla ricezione.î n c eea c e priveşte la chiamata telefonica . şi cu di più in più il (la. umbreluta palmierul paşaportul poarta de intrare. plus.şah “buona permanenza” . ma lo si potrebbe fare anche dalla stanza. le) più il più delle volte la più parte mai mult în plus.pat dublu la carta assegni . A presto e “Buona permanenza”! accarezzare gli anagrafici il bagaglio la bibita il centralino confortevole i contanti i dintorni il facchino festeggiare a mângâia datele de stare civilã bagajul bãutura centrala telefonicã confortabil (plata) numerar împrejurimile hamalul a petrece.sejur plãcut il letto matrimoniale .

"Che dovresti fare?" – ce ar trebui sã faci?. nefast boala. o pãrere discretã. boala. prost îngrijit blestemat a blestema la maledizione maleducato la maleducazione malefico il malessere il malfattore portarsi male restar male risponder male sentirsi male star male blestemul niciodatã una volta in più PRINCIPIANTI o datã în plus lipsit de educatie proasta educatie dãunãtor." – aş spune cã are dreptate. AVERE (a avea) noi avremmo voi avreste essi/esse avrabbero io avrei avuto tu avresti avuto esso avrebbe avuto essa avrebbe avuto ESSERE (a fi) io sarei stato/stata tu saresti stato/stata esso sarebbe stato essa sarebbe stata noi avremmo avuto voi avreste avuto essi avrabbero avuto esse avrabbero avuto noi saremmo stati/state voi sareste stati/state essi sarebbero stati esse sarebbero state io avrei tu avresti esso/essa avrebbe io sarei tu saresti esso/essa sarebbe noi saremmo voi sareste essi/esse sarebbero E PASSATO DEI VERBI REGOLARI io port – erei tu port – eresti  IL CONDIZIONALE PRESENTE PORTARE (a aduce) noi port – eremmo voi port – ereste CONDITIONALUL PREZENT ŞI TRECUT AL VERBELOR REGULATE noi avremmo portato voi avreste portato io avrei portato tu avresti portato UNITÀ 14 4 . a fi deziluzionat a rãspunde nepoliticos. starea proastã rãufãcãtorul a se comporta urât a se simti jignit." – dacã ai fi venit mai înainte." – ar vrea o cafea. neatent neîngrijit. CONDITIONALUL are.rãu andare a male avere male di finir male il male malcondotto malconoscente malcontento malcurante malcurato maledetto maledire a se deteriora a-i fi rãu de. durerea prãpãdit. l-ai fi gãsit aici. a sfârşi r ãu rãul. ajuns rãu ingrat. l’avresti trovato qui. a durea a ajunge rãu. douã timpuri: PRESENTE (PREZENT) şi PASSATO (TRECUT). modestã sau un dubiu: "Vorrebbe un caffe. Acest mod se foloseşte pentru a exprima o dorintã.CORSO D’ITALIANO mai più MALE . ca şi în limba românã. nerecunoscãtor nemultumit neglijent. "Direi che ha ragione. greşit a se simti rãu a se simti rãu E PASSATO DEI VERBI AUSILIARI AUXILIARE  IL MODO CONDIZIONALE  IL CONDIZIONALE PRESENTE CONDITIONALUL PREZENT ŞI TRECUT AL VERBELOR MODUL CONDITIONAL GRAMATICÃ IL MODO CONDIZIONALE (MODUL CONDITIONAL) indicã o actiune care va avea loc cu conditia ca o altã actiune sã aibã loc: "Se fossi venuto presto. rãufãcãtor.

CORSO D’ITALIANO
esso port – erebbe essa port – erebbe io tem – erei tu tem – eresti esso tem – erebbe essa tem – erebbe io part – irei tu part – iresti esso part – irebbe essa part – irebbe essi port – erebbero esse port – erebbero noi tem – eremmo voi tem – ereste essi tem – erebbero esse tem – erebbero noi part – iremmo voi part – ireste essi part – irebbero esse part – irebbero esso avrebbe portato essa avrebbe portato io avrei temuto tu avresti temuto esso avrebbe temuto essa avrebbe temuto io sarei partito/partita tu saresti partito/partita esso sarebbe partito essa sarebbe partita

PRINCIPIANTI
essi avrebbero portato esse avrebbero portato noi avremmo temuto voi avreste temuto essi avrebbero temuto esse avrebbero temuto noi saremmo partiti/partite voi sareste partiti/partite essi sarebbero partiti esse sarebbero partite

TEMERE (a se teme)

PARTIRE (a pleca)

Nota: Trebuie observatã diferenta dintre formele viitorului şi cele ale conditionalului prezent, care constã în prezenta, la conditional, a unui m dublu la prima persoanã a pluralului: FUTURO (VIITOR): avremo, saremo, staremo, sentiremo, goderemo; CONDIZIONALE (CONDITIONAL): avremmo, saremmo, staremmo, sentiremmo, goderemmo.

DEI VERBI IRREGOLARI
ANDARE: BERE: CADERE: DOVERE: GODERE: LASCIARE: RIMANERE: SAPERE: TENERE: VENIRE: VIVERE: VOLERE:

 IL CONDIZIONALE PRESENTE

CONDITIONALUL PREZENT AL VERBELOR NEREGULATE

andrei, andresti, andrebbe, andremmo, andreste, andrebbero berrei, beresti, berebbe, beremmo, bereste, berebbero cadrei, cadresti, cadrebbe, cadremmo, cadreste, cadrebbero dovrei, dovresti, dovrebbe, dovremmo, dovreste, dovrebbero goderei, goderesti, goderebbe, goderemmo, godereste, goderebbero lascerei, lascereste, lascerebbe, lasceremmo, lascereste, lascerebbero rimarrei, rimarresti, rimarebbe, rimarremmo, rimarreste, rimarebbero saprei, sapresti, saprebbe, sapremmo, sapreste, saprebbero terrei, terresti, terrebbe, terremmo, terreste, terrebbero verrei, verresti, verrebbe, verremmo, verreste, verrebbero vivrei, vivresti, vivrebbe, vivremmo, vivreste, vivrebbero vorrei, vorresti, vorrebbe, vorremmo, voreste, vorrebbero

POTERE: potrei, potresti, potrebbe, potremmo, potreste, potrebbero

VEDERE:vedrei, vedresti, vedrebbe, vedremmo, vedreste, vedrebbero

IL MODO CONDIZIONALE (MODUL CONDITIONAL) se foloseşte: 1. în propozitii completive directe: " So che dovrebbe venire…che sarebbe tornato." – ştiu cã ar trebui sã vinã… sã se fi întors. 2. în propozitii subordonate completive indirecte, dupã verbe ca accorgersi (a-şi da seama) dubitare (ase îndoi) insistere (a insista) lamentarsi (a se plânge) , în urmãtoarele cazuri: a. substantivul propozitiei completive este diferit de cel al propozitiei principale: "Dubito che lui

 L’USO DEL CONDIZIONALE

FOLOSIREA CONDITIONALULUI

UNITÀ 14

5

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

farebbe questo." – mã îndoiesc cã el ar face acest lucru. b. Substantivul propozitiei principale exprimã un lucru sigur sau o declaratie: "Mi accorgo che avrei bisogno di quel libro." – îmi dau seama cã aş avea nevoie de acea carte. 3. în propozitii subordonate relative introduse prin pronume relative – che (care) il (la) quale (care) i (le) quali (care) : "Questa è la cosa che farei." – aceasta este ceea ce aş face; "Gli uomini i quali vorrei conoscere sono questi." – oamenii pe care aş vrea sã-i cunosc sunt aceştia. 4. în propozitii circumstantiale: a. în propozitii temporale, dupã conjunctii sau locutiuni ca: quando (când) mentre (în timp ce) nel momento in cui (în momentul în care) man mano che (pe mãsurã ce) dal momento che (din moment ce) dopo che (dupã ce) tutte le volte che (ori de câte ori) : "La ragazza parlò quando ce l’avremmo aspettato di meno." – fata vorbi când ne-am fi aşteptat mai putin. b. în propozitii circumstantiale de loc, dupã adverbul dove (unde) : "Non si sapeva dove sarebbero arrivati." – nu ştia unde ar fi ajuns c. în propozitii circumstantiale cauzale, introduse prin conjunctiile: perché (pentru cã) poiché (întrucât, deoarece) giacché (fiindcã, întrucât) siccome (întrucât, dat fiind cã) şi prin locutiunile: per il fatto che (dat fiind cã) , dal momento che (din moment ce) dato che (dat fiind cã) visto che (dat fiind cã) : "Ti chiamo io, perché tu potresti trovare la linea occupata." – te sun eu pentru cã tu ai putea sã gãseşti telefonul ocupat. d. în propozitii circumstantiale modale, introduse prin adverbul come (aşa cum) : "Hai scritto come l’avrei fatto io." – ai scris aşa cum aş fi scris şi eu. e. în propozitiile circumstantiale limitative, introduse prin: secondo che (dupã ceea c e) , a quello che (la ceea ce) per quello che (în ceea ce) a quanto (dupã cât) :"Per quello che diresti, nessuno ti crederà." – pentru ceea ce vei spune (ai spune), nimeni nu te va crede. NOTA : 1. În propozitiile subordonate, MODUL CONDITIONAL poate avea valoare de VIITOR:

REGENTÃ Un timp trecut al indicativului

SUBORDONATÃ Conditional trecut

"Mi dissero che sarebbero tornati presto." – mi-au spus cã o sã se întoarcã repede "Mi hanno detto che avvrebbero fatto tutto il possibbile." – mi-au spus cã vor face tot posibilul 2. MODUL CONDITIONAL nu se foloseşte în propozitii conditionale aşa cum este folosit în limba românã – Dacã aş putea…ti-aş spune – în acest caz se foloseşte CONJUNCTIVUL (IL PERIODO IPOTETICO). 3. În anumite cazuri, conditionalul din propozitia subordonatã poate fi înlocuit printr-un timp al indicativului: "Parti quando puoi." – pleci când poti – când ai putea.

UNITÀ 14

6

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

TIMPURILOR TEMPI ALL’INDICATIVO

 LA CONSECUZIONE DEI

CONCORDANTA LA INDICATIV

Dacã verbul din propozitia principalã este la un timp trecut, atunci în propozitia secundarã se va folosi: 1. IMPERFECTUL sau PREZENTUL – pentru o actiune simultanã: "Il professore ha detto che la risposta era (è) giusta." 2. IL TRAPASSATO PROSSIMO sau TRAPASSATO REMOTO – pentru o actiune anterioarã: "Mia madre mi diceva che l’atrice era (fu) stata bella." 3. CONDITIONALUL PREZENT (TRECUT) – pentru o actiune anterioarã: "Luigi ha detto che tornerebbe (sarebbe tornato) presto."

LA CONGIUNZIONE (CONJUNCTIA) este partea invariabilã de vorbire care uneşte elementele unei propozitii sau douã propozitii între ele. Conjunctiile pot fi simple, formate dintr-un singu cuvânt, şi compuse, formate din douã sau mai multe cuvinte. Conjunctiile sunt de douã tipuri: 1. CONGIUNZIONI COORDINANTI (CONJUNCTII COORDONATOARE) care unesc elemente de acelaşi fel: a. copulative: e (şi) né (nici) neppure (nici mãcar) neanche (nici mãcar) nemmeno (nici mãcar) :"Ho fame e ho sete.", "Non vuole né parlare." b. adversative: ma (dar) però (însã) anzi (dimpotrivã) tuttavia (însã, totuşi) pure (şi, de asemenea) invece (în schimb) :"Renzo ha superato l’esame, però Mario è stato bocciato." c. disjunctive: o (sau) oppure (sau chiar) ossia (sau fie) altrimenti (altfel) :"Lo sai o no lo sai?" d. explicative: cioè (adicã) infatti (de fapt) invero (într-adevãr) difatti (de fapt) : "Ha fatto gli esercizi, cioè ha finito i còmpiti per domani." e. concluzive: perciò (de aceea) quindi (deci) dunque (deci, aşadar) pertanto (aşadar) ebbene (ei bine) orbene (ei bine) : "Fa ormai tardi, dunque dobbiamo partire." f. corelative: e...e (şi...şi) o...o (sau...sau) né...né (nici...nici) sia...sia (fie...fie) :"Non potevamo né andarci, né restarci." 2. CONGIUNZIONI SUBORDINANTI (CONJUNCTII SUBORDONATOARE): a. declarative: che (ca) come (cum) : "Sappiamo com’è la vita." b. cauzale: poiché (întrucât) perché (pentr cã, deoarece) giacché (fiindcã) : "Lo so perché l’ho visto." c. temporale: quando (când) mentre (în timp ce) finché (pânã ce) prima che (înainte ca) :"Mentre leggevo ho sentito strillare il telefono." d. finale: affinché (cu scopul sã) acciocché (pentru ca sã) che (sã) perché (pentru ca sã) : "Ti dico questo perché tu sappia la verità." e. conditionale: se (dacã) qualora (în cazul cã) purché (cu conditia sã) : "Se vieni subito, portami il libro." f. concesive: sebbene (deşi) quantunque (cu toate cã) , benché (deşi) nonostante che (cu toate cã) : "Benché facesse caldo, Enzo sentiva freddo."

 LA CONGIUNZIONE

CONJUNCTIA

UNITÀ 14

7

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

g. consecutive: che (cã) così (aşa cã) in modo che (astfel cã) : "Gridava così forte che si sentiva da lonatno." h. modale: come (cum, precum) senza (fãrã) quasi (aproape) :"Fa’ come ti conviene." i. interogative: perché (pentru cã) se (dacã) se non (dacã nu) :"Gli chiesi perché non parlava." j. comparative: come se (ca şi) che (ca) di quello (decât ceea ce) :"E’ più bello di quello che me l’avvèssi aspettato." k. adversative: mentre (în timp ce) laddove (în loc sã) : "Mentre io lavoro, tu ti diverti." l. de exceptie: eccetto che (cu exceptia) se non (numai dacã) fuorché (în afarã de) tranne che (în afarã de) :"Non fai niente tranne leggere i tuoi gialli."

1. Traducete in romeno: Vorrei andare via proprio adesso, però ho ancora da fare. Rimarresti volentieri in questo albergo? Avreste potuto scegliere meglio. Vi piacerebbe vivere in albergo? Potremmo andare anche noi in montagna. Andresti stasera a ballare con Verònica? Vorrei bere qualcosa di fresco, ma per questo dovrei uscire ed andare a comprarmi qualcosa. Lucìa avrebbe voglia d’andare a teatro, ma angela preferirebbe restare a casa a guardare la TV. Forse manderemmo domani questo pacco postale, che ne dici? Ricevereste ben volentieri quel ragazzo? Quando fui in Italia, avrei voluto visitare più cose a Roma, ma purtroppo non ho avuto che poco tempo a disposizione! Monica ci ha scritto che l’anno scorso ha fatto un bel viaggio.

EXERCITII

UNITÀ 14

8

CORSO D’ITALIANO
Ci parlò dei suoi giorni che ha trascorso in Messico durante due bellissime settimane. Ci ha detto che era molto contenta di questa nuova esperienza sua, perché ama molto girare, conoscere popoli, culture, costumi. Suo fratello lo scoraggiava prima di partire e le diceva che sarebbe meglio andare in Europa; tante ore d’aereo, il caldo che fa… Ma lei gli ha risposto che non avvrebbe più cambiato la sua opinione. 2. Coniugate al condizionale presente e passato i seguenti verbi:

PRINCIPIANTI

riservare

s a lu ta r e

scrievere

UNITÀ 14

9

CORSO D’ITALIANO sopportare PRINCIPIANTI preferire dormire mangiare 3. Unde aş putea gãsi aceste medicamente. UNITÀ 14 10 . Copiii ar dori gumã de mestecat şi ciocolatã. Traducete in italiano: Ai vrea sã mãnânci o înghetatã? Am fi putut pleca împreunã la cinema. Mario ar avea nevoie de ajutor. dar Luiza a avut alt program. nu de sfaturi.

però finalmente fu tradito ed uscio. Cesare ottente tante vittorie. în timp ce eu n-aş fi ştiut ce sã fac. Nu poate hotãrî care ar fi calea cea mai bunã de urmat: ar pleca. Non è stato Mario. În cele din urmã bãietii s-au împãcat. 4. dar aş fi preferat sã plec cu vaporul. Traducete il testo di qui sotto osservando le congiunzioni: Il cielo e la terra fanno parte dell’universo. Am fi plecat cu avionul. Ai putea merge la el ori de câte ori ai probleme. O sã vinã în curând (vor veni). dar ar mai şi rãmâne. è stato Luca a farmi PRINCIPIANTI UNITÀ 14 11 . A ştiut sã se descurce foarte bine. Lucio i-a spus lui Antonio cã nu trebuie sã-l aştepte la facultate. este un medic foarte bun. Sebbene sia ancora autunno. I-a explicat cã nu ar fi putut uita acest loc pentru cã şi cu douã sãptãmâni înainte se întâlniserã acolo. Antonio i-a spus lui Lucio cã nu şi-ar fi imaginat sã se întâmple o asemenea neântelegere. Ai fi putut sã mergi şi tu la mare cu ei. dat fiind cã ar fi trebuit sã soseascã deja. tuttavia le temperature sono invernali. anzi. Lucio i-a rãspuns cã este sigur cã a înteles care era locul întâlnirii. Îti dai seama cã ar trebui totuşi sã-i dai un sfat? Lido n-ar cumpãra o maşinã de mâna a doua.CORSO D’ITALIANO dar nu este recomandabil.

Traducete in iatliano: PRINCIPIANTI UNITÀ 14 12 . L’esame era più difficile di quanto credevo. Chi non sa che la terra si muove? Siamo stanchi. E’ andata a scuola nonostante avvèsse il raffreddore. 5. Aveva parlato tanto che nessuno lo voleva più ascoltare.CORSO D’ITALIANO questo scherzo. infatti abbiàmo lavorato tanto! Gli uccelli partono per i paesi caldi. Studiamo affinché otteniamo degli ottimi r is u lta ti. Formate delle proposizioni usando le congiunzioni: mentre dopo che giacché acciché se qualora benché sebbene in modo che laddove come se 6. pertanto arriva l’inverno. Ti farò sapere se tornerà in tempo ùtile.

Ce poveste mai este şi asta? Ce înseamnã tãcerea ta? PRINCIPIANTI Non mostra di essere veramente grande chi bada ad ogni piccolezza.CORSO D’ITALIANO Omul care nu crede cã greşeşte vreodatã este cel ce greşeşte cel mai des. Le spuse cã trebuia sã fie atenti la explicatia profesorului. cã a început sã p lâ n g ã . Si addormenta e quando la mattina seguente si sveglia si accorge che il treno ha superato di gran lunga la sua destinazione. L’addetto non apre bocca fino a quando il passeggero non ha finito e poi commenta: “Signore.Che avaro quel tizio! Pensa che gli ho portato tutte le borse sino a casa e come ricompensa ha messo la mano in tasca e ha detto: "Tenga buon uomo.lo scoprirà presto”. Un passeggero su una nave mostra evidenti segni di mal di mare e chiede ad un altro passeggero: “Che cosa devo fare?”.(Blaise Pascal) Un facchino ad un altro: .risponde l’altro passeggero . Ce spui? Nu ştiai cã are un frate? Ce ciudat! Ce fel de om eşti sã nu te temi de a s ta ? A spus cã nu ştie sã vorbeascã frabtuzeşte. . lei è davvero arrabbiatissimo. UNITÀ 14 13 . per il caffè!" .Che differenza c’è ? . Lui sì che era violento!”.Cinquemila lire.E cosa ti ha dato? . i buoni matrimoni sarebbero più frequenti.Una zolletta di zucchero Un turista prende un treno notturno e chiede all’addetto di svegliarlo prima che il treno arrivi alla stazione dove deve scendere.(Friedrich Nietzsche) Gli uomini si divertono a inseguire una palla o una lepre: è il piacere persino dei re. Si arrabbia moltissimo e chiama l’addetto per dirgli tutto quello che pensa di lui. au trecut cinci zile de când nu mai mãnâncã. “Non si preoccupi .Il signore desidera un pranzo da quindicimila lire o da ventimila lire ? . Alda era aşa de supãratã. Nu ştiu ce i s-a întâmplat. ma avrebbe dovuto vedere l’uomo che ho fatto scendere alla sua stazione.(Baltasar Graciàn) Se i coniugi non vivessero insieme.

Comandi! .Cameriere! . dopo esserne serviti. Una volta ne tenevamo. li gettavano via ! UNITÀ 14 14 . ma poi li abbiamo smessi perché tutti.Non ce n’è.Si può avere uno stuzzicadenti? .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI . signore.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: NEGOZI VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL MODO CONGIUNTIVO  I VERBI SOVRABBONDANTI  IL CONGIUNTIVO DEI VERBI AUSILIARI  IL CONGIUNTIVO DEI VERBI REGOLARI  L’USO DEL CONGIUNTIVO ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BATTUTE. BARZELETTE UNITÀ 15 1 . AFFORISMI.

cera. che un giorno forse speriamo di comprare. granate. Dai grandi articoli commerciali – attrezzi. fornelli. là un libro o un pezzo di mobília. impianti elettrici. mobili per l’appartamento o per l’ufficio – dalle autovetture fino ai piccoli oggetti d’uso personale. aquiloni. di merceria. UNITÀ 15 2 . mentre in mesticheria i prodotti necessari per pulire ed abbelire la nostra casa: spazzole. basta solo entrarci con i piccoli per non poterne più uscire. solare. fontondina. bambole. forni. péttini. Per i bambini ci sono tanti negozi di giocattoli. smalto per unghie. deodorante. d’articoli casalinghi. guidati. materiali da costruzione. Ci vorranno comprare tutto: palle. racchete da tennis e da ping-pong. di tappezzeria. fornelli a gas e per lucidare il pavimento. crema per il viso (da giorno. gli aghi. gli stivali e le pantofole le compriamo in una calzoleria. il commercio offre oggi tutte le scoperte della superproduzione in tutti i campi. come aspirapolvere. colorante. o per imbiancarle o dipingerle. palloni. latte di pulizia. questi negozi ci fanno ammirare qui il vestito esposto su un manichino. cipria. gli spilli. le carte. giochi diversi e libri. pinza. Le scarpe. sapone. macchine ed aerei piccoli. sapone (solido e liquido). nei gran magazzini e nei supermercati troviamo varietà di prodotti in diversi reparti: d’abbigliamento. matite colorate. ecc. Nel reparto d’elettrodomestici potremmo comprare macchine ed apparecchi per la casa. spazzole. shampoo. idraulici. i bottoni. alla posta troviamo le buste. da notte. acqua di toletta. Reclami pubblicitari – nei magazzini. Nel reparto di cosmetiche troveremo: profumi. trenini elettrici. in merito ai disegner ed ai disegnatori di pubblicità e ben illuminati la sera (quando non sono chiusi a saracinesche). da barba. ecc. gelée. in televisione – ci aiutano a decidere sulla scelta del nuovo profumo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI NEGOZI Le merci che compriamo le vediamo di solito nelle vetrine dei negozi che c’invitano a fare gli aquisti odierni. decolorante. vernici. le cartoline ed i francobolli. soprabito o detersivo. lavatrici. in merceria. Oltre ai classici negozi con le merci esposte lungo le pareti. i sandali. una macchina. ecc. solvente per le unghie. per il corpo. Dal tabaccaio compriamo le sigarette ed i fiammiferi ed i cerini. forni elettrici. di lavanda. lacca per i capelli. asciugacapelli. lozione tonica. frullatori elettrici. schiuma da bagno. penelli. animaletti di stoffa o felpa. rasoio (a mano. Le medicine le troviamo in farmacia ed il filo. di colonia. bigodini. Ben messi in valore di giorno. cámion – tutti meccanici ed automatici. sui giornali. se non vogliamo andare dal sarto a cucirci indumenti a misura. elettrico). macchine da stiro ed altri apparecchi e poi prodotti per la casa e per i locali pubblici. macchinario. dentifricio e spazzolino. sulle strade. lima e forbici per manicure. ecc. mentre nei negozi di confezioni troveremo abiti già confezionati. detersivi liquidi e in polvere per lavapiatti. le pareti. fucili ed altre armi (che non saranno dafuoco!). idratante). per i capelli. barchette e vaporetti.

whisky. piccante – gorgonzola. frizzante. camomilla. esse sono: la birra – chiara o scura. spremuta di limone. in baráttoli. tè. di maiale (o suina). farina. gin. crudo). mortadella. rosso. rum. poi vezzi di perle e di corallo. ecc. Ci sono vini aromatizzati (vermut. rigatoni. gassosa. un dolce. secco. ecc. quando fa lo spuntino o la merenda.) e fredde (le bìbite) – acqua minerale. equina. silbovitz. rosato. di granturco. alla pizzicheria troviamo zucchero. I negozi alimentari sono i più importanti ed i più frequentati dai clienti. pesca. la carne. alla spina. Dal macellaio compriamo la carne: di vitello. ricotta.). e poi la pasta: spaghetti. fresco – mozzarella. di girasole). cappuccino. coccolata. Campari. le uova ed i formaggi che sono: salato – pecorino. montati in bracciali. olio (oliva. d’orzo. sale. dolce o aspro.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI cartoleria. Le bevande si possono comprare in vari negozi alimentari. zaffirir. Tutte sognerano il mondo delle favole davanti a tali oggetti. mela. biscottato. grappa. ecc. di ségala. caprina. d’arancia. amabile o asciuto. anelli. di grano. caffè. prosciutto (cotto. delicato (leggero) o generoso. fusili. i confetti.. le caramelle. catenelle d’oro bianco e tanti ninnoli di ogni specie e qualità fa vittime tra le donne di tutte l’età: dalla più candida fanciulla fino alla più anziana signora. Cinzano. Al salumiere troviamo diversi tipi di salame. spumante. marsala) ed altri tantissimi liquori che si prendono come aperitivi o digestivi: maraschino. il vino – bianco. tortellini. olandese. riso. ecc. infuso (di tiglio. pera. di coniglio. spilli. vodka. lasagne. di menta. Il pescivèndolo vende il pesce. pepe. vermicelli. orecchioni. in bottiglia. sli zuccherini od i ciocolatini? E come fare stare tutta la giornata fermi. pollame. buccatini e fettuccine. al latte. rubini. Il lattaio vende il latte. al burro. succo di frutta (albicocca. Una vetrina piena di pietre preziose: brillanti. sotto sale. un cornetto o almeno una cremonese (una veneziana)? Come sarebbero il Natale senza il “torrone” e la Pasqua senza il”panettone-colomba”? Cosa farebbero poi i bambini se non fossero la nutella. pompelmo. semolino. soppressata. parmigiano. mentre i quaderni. condito:all’olio. maccheroni. aceto. dolce o amara. uva. ecc. In panetteria compriamo il pane: integrale. nuovo o vecchio. lo yógurt. Chi non desidera prendere. il pesce. penne e pennine lisce o rigate. UNITÀ 15 3 . e tanti altri. limonata. Ma i libri li troviamo in libreria. tagliatelle. di manzo. senza masticare la gomma (il chewing gum)? Nel reparto dei prodotti alimentari sono tutte le varietà di cibo. galantina. caciocavallo. le uova di pesce e la frutta di mare. duro – grana. di selvaggina. cògnac. aromi.o l’acquavite: cherry brandy. caffelàtte. ed il dessert (gli spumanti o lo sciampagna). smeraldi. le bevande analcoliche sono: calde – latte. la panna. questi vini accompagnano – ben scelti – l’antipasto. di sémola. le penne e tutto il necessario per scrivere troveremmo in Sfolgoranti sono le vetrine del pellicciaio e del gioielliere. in aceto.. Insomma. salsicce e salsiccioti. prodotti freschi o conservati – marinati. tostato. un gelato. fernet. aranciata.

le aromi l’asciugacapelli attraverso la bambola il barattolo il basìlico la bìbita il bigodino la birra biscottare il bottone il brillante il brodo i bucatini la busta la calzoleria il camomilla le caramelle la carta la cartoleria la cartolina la catenella i cerini i cioccolatini la cipria la colomba condire i confetti il coniglio il contorno il cornetto il costume cotto la cremonese culinario il detersivo il disegner gli elettrodomestici il felpa le fettucine i fiammiferi il filo la fontondina il forno il francobollo Al mercato troviamo ortaggi e verdura che compriamo dal fruttivéndolo. tescovinã infuzie. materialul sucul vânzãtorul de tigãri tãitei nuga. arome uscãtor de pãr pr i n pãpuşa cutia. tuicã zmeul a aprecia arma aroma. ata fondul de ten cuptorul timbrul la grappa l’infuso le lasagne la lavapiatti la lima lucidare a il manichino il maraschino la merenda la mesticheria la minestra la mozzarella il ninnolo la nutella l’olio gli ortaggi la palla il pallone il panettone il parmiggiano la pinza la pizzichería il pollame pregiare la pubblicità la racchetta la ricotta i rigatoni il ristorante rosato il rubino la salsa la salsiccia i salsiccioti la selvaggina il semolino sfolgorante lo smaraldo la soppressata la spàzzola lo spillo la spina la spremuta lo spuntino la stoffa il succo il tabaccaio le tagliatelle il torrone i tortellini tãitei maşina automatã de spãlat vase pila a lustrui manechinul lichior de vişine gustarea de dupã amiazã magazinul de vopsele ciorba caş proaspãt de bivolitã jucãria. salamul. bulionul paste mici pentru supã plicul cizmãrie muşetelul bomboane cartea poştalã papetãria vedere lãntişorul chibrituri din cearã bomboane de ciocolatã pudra porumbita a condimenta bomboane fondante iepure de casã garnitura înghetata (cornet) obiceiul fiert brioşa culinar detergentul designerul articole electrocasnice pluş paste mic pentru supã chibrituri din lemn firul. mezelurile tãiate felii acul rachiu. ceai crema de ciocolatã şi alune uleiul zarzavat.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI l’aceto l’affettato l’ago l’acquavite l’aquilone apprezzare l’arme l’aroma. prãjitura specialã de crãciun coltunaşi UNITÀ 15 4 . sclipitor smaraldul cârnat din carne şi creier de porc peria ac cu gãmãlie cutie metalicã (ambalaj pentru bãuturi) sucul gustarea de dimineatã stofa. fleacul. zorzoanele tuicã. reclama racheta urda macaroane scurte şi groase restaurantul rosé rubinul sosul picant cârnat cremvuşti vânatul g ri ş strãlucitor. verdeturile mingea balonul cozonacul parmezanul penseta bãcãnia carne de pui a aprecia publicitatea. borcanul (pentru conserva) busuiocul bãutura rãcoritoare bigudiul berea a coace în formã de biscuiti nasture briliantul supa. otetul şunca.

a sta pânã târziu a nedreptãti a duce o viatã de câine a duce o viatã infernalã a chema. melcişiori de gãtit jucãrie brânza de gorgonzola (lombardia) parmezanul tostare il trenino valutare la veneziana i vermicelli il vezzo lo zaffiro gli zuccherini a prãji trenulet a aprecia brioşa paste mici pentru supã şirul. a tricota fare la scelta fare la seconda fare la spesa fare lo stupido fare tardi fare torto fare una vita da cani fare una vita da inferno far entrare far fare EXPRESII CU FARE – a face. a actiona.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI frizzante il fruttivendolo il fucile i fusili la galantina il giocattolo la gorgonzola la grana întepãtor vânzãtor de fructe puşca paste mici pentru supã aspic. a creşte. a opera. a fabrica. a costa a alege a frecventa clasa aiiª a face cumpãrãturi a face pe prostul a întârzia. colierul de mãrgele. a deveni. de perle safirul bomboane de zahãr BINE PENTRU A ÎNTELEGE MAI – carne de caprã la carne caprina la carne equina la carne di maiale la carne suina il formaggio peccorino – carne de cal – carne de porc – carne de porc – brânzã de oaie le penne rigate le pennine rigate le pipe rigate il fornello a gas la lacca dei capelli le penne lisce – aragaz – fixativ pentru pãr – macaroane drepte – paste încretite – paste încretite – paste mici încretite (pentru supã) lo smalto per le unghie – lac de unghii vino amabile – vin dulce vino asciuto – vin sec vino generoso – vin de calitate superioarã SINONIME la cremonese il parmigiano = = la veneziana (brioşa) la grana (parmezan) la spremuta la tagliatelle = = il succo (sucul) le lasagne (tãitei) CUVINTELE fare degli aquisti fare attenzione fare la barba fare bel tempo fare una bella vita fare il biglieto fare brutto tempo fare buio fare caldo/fresco fare la calza a face cumpãrãturi a fi atent a-şi rade barba a fi frumos a duce o viatã bunã a lua bilete a fi urât afarã a fi întuneric a fi cald/rãcoare a croşeta. a produce. a aduce înãuntru a pune/a obliga pe altul sã facã ceva UNITÀ 15 5 . a construi.

o posibilitate:"Stiano bene. Doamnelor!."Un giorno moriremo." – vã rog sã luati loc aici. imperfetto. "Oh. imperfect şi mai mult ca perfect). a da un ocol a sta de pazã a tricota. a-şi croi drum a nu scoate o vorbã actiunea în zori la cãderea serii GRAMATICÃ În timp ce MODUL INDICATIV indicã sigurantã. unde conjunctivul are doar douã timpuri – presente e passato (prezent şi trecut) – conjunctivul italian are patru timpuri – presente. Acestea sunt:  IL MODO CONGIUNTIVO MODUL CONJUNCTIV  I VERBI SOVRABBONDANTI VERBE CU DOUÃ FORME UNITÀ 15 6 .. a duce (pe cineva). MODUL CONJUNCTIV indicã o dorintã. se lo avvèssi saputo. şi IL CONGIUNTIVO CONCESSIVO (CONJUNCTIVUL CONCESIV):"Provi anche di far questo. a aduce la cunoştintã a arãta a chema. a întâmpina cu bucurie a omorî a pune/a obliga sã citeascã/sã scrie a face rãu. o ipotezã.. la raport) a-şi face. si sieda qui. a renunta a-şi spune numele a speria. Spre deosebire de limba românã." – încercati sã faceti acest lucru. certitudine:"Dio esiste. Veti vedea cã era mai bine sã nu-l faceti.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI fare i capelli fare la carità fare colazione/merenda fare il conto fare una domanda fare da sè fare festa fare la fila fare finta fare un giro fare la guardia fare la maglia fare il medico fare a meno di fare il nome fare paura fare presto fare a pugni fare la quinta a se tunde a avea milã.." – ah dacã aş fi ştiut acest lucru – tradus în limba românã prin conditional. passato.". trecut. Uneori se foloseşte IL CONGIUNTIVO ESORTATIVO (CONJUNCTIVUL PORUNCITOR):"Prego. a se mişca repede a se lua la bãtaie a frecventa clasa avª far festa a qualcuno far fuori qualcuno far leggere/scrivere far male far parlare far sapere far vedere far venire far uscire farcela farla finita farla a uno farsi avanti farsi fare farsi largo non far parola il fare al far del giorno al far della sera a sãrbãtori. a înspãimânta a se grãbi. a da de pomanã a lua cina/gustarea a face socoteala a pune o întrebare a se descurca singur a se bucura a sta la rând a se preface a face un tur. realitate. a da afarã a reuşi. Vedrà ch’era meglio non farlo. a croşeta a profesa meseria de medic a se lipsi de ceva..". Se numesc aşa verbele care au o a doua conjugare.. trapassato (prezent. a o scoate la capãt a-şi pune capãt zilelor a o plãti cuiva a se prezenta (la rând. a durea a face/a obliga pe cineva sã vorbeascã a informa. Signore!" – sã fiti sãnãtoase. a provoca a scoate. cu sau fãrã un sens diferit.

a satisface) incoraggire (a încuraja. che essi àbbiano. che noi abbiàmo avuto. a executa) addomesticare (a cultiva. che essi avvèssero. che noi fossimo stati/state. che essi avvèssero avuto. che egli avvèsse avuto. a sãrãci) empíre (a umple. che essi fossero stati. che essa àbbia. che noi siàmo stati/state. che voi foste stati/state. a aclimatiza) attristare (a se întrista. che essi sìano stati. che noi fossimo. che noi siàmo. a se moleşi) scoraggire (a descuraja) starnutire (a strãnuta) DEI VERBI AUSILIARI PRESENTE  IL CONGIUNTIVO CONJUNCTIVUL AL VERBELOR AUXILIARE Che io sìa. che egli fosse stato. che voi abbiàte avuto. che voi abbiàte. a executa) adomestichire (a domestici. che essa avvèsse avuto. a îmblânzi) attristire (a întrista) compíre (a realiza. che voi siàte stati/state. che essa avvèsse. che tu fossi stato/stata. che noi avvèssimo. che egli fosse. che tu sìa stato/stata. che esse sìano state Che io fossi stato/stata. che essi sìano. a îndeplini) dimagrare (a slãbi. a îmbãrbãta) intorbidire (a amorti. che voi aveste avuto. che esse avvèssero avuto ESSERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE AVERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO DEI VERBI REGOLARI PRESENTE  IL CONGIUNTIVO CONJUNCTIVUL AL VERBELOR REGULATE Che io cànti. che essi cantìno. che tu avvèssi avuto. che tu avvèssi. che tu cànti. che tu àbbia avuto. che esse àbbiano avuto Che io avvèssi avuto. che egli sìa. che egli cànti. a îmbbãrbãta) intorbidare (a tulbura. che tu sìa. che egli avvèsse. a îndurera) còmpiere (a termina. che voi foste. che essa sìa stata. che essa fosse stata. che voi cantiàte. che essa cànti. che voi siàte. che voi aveste. che tu fossi. che esse sìano Che io fossi. a împlini) dimagrire (a slãbi. che egli sìa stato. che noi avvèssimo avuto. che egli àbbia avuto. che esse àbbiano Che io avvèssi. che tu àbbia.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI adempíre (a îndeplini. che essa àbbia avuto. che noi abbiàmo. a întuneca) scoraggiare (a descuraja) starnutare (a strãnuta) adémpire (a îndeplini. che essi àbbiano avuto. che essa fosse. che esse fossero Che io sìa stato/stata. a sãrãci) émpiere (a umple. che esse avvèssero Che io àbbia avuto. che essa sìa. che egli àbbia. che essi fossero. a satisface) incoraggiare (a încuraja. che noi cantiàmo. che esse fossero state Che io àbbia. che esse càntino UNITÀ 15 7 .

che essi sentano. che tu àbbia capito. che noi avvèssimo cantato. che egli avvèsse sentito. che tu avvèssi venduto. che voi capiàte. che essa capìsse. che voi aveste cantato. che essa àbbia sentito. che essa vendèsse. che essa sènta. che egli vendèsse. che noi abbiàmo sentito. che essa avvèsse cantato. che voi abbiàte cantato. che essa cantàsse. che esse avvèssero cantato Che io vènda. che essa àbbia cantato. che egli capìsse. che essi vendano. che essa àbbia capito. che noi avvèssimo sentito. che egli àbbia sentito. che esse àbbiano venduto Che io avvèssi venduto. che tu sènta. che esse capìscano Che io capìssi. che essi capìscano. che essi àbbiano cantato. che voi abbiàte venduto. che egli sènta. che essi avvèssero sentito. che essa avvèsse sentito. che tu avvèssi sentito. che noi capìssimo. che noi capiàmo. che noi cantàssimo. che voi aveste sentito. che tu àbbia sentito. che voi abbiàte capito. che noi abbiàmo cantato. che egli àbbia capito. che tu capìsca. che essi àbbiano sentito. che essi avvèssero venduto. che esse capìssero Che io àbbia capito. che essi àbbiano capito. che voi sentìste. che tu àbbia cantato. che egli àbbia cantato. che voi aveste venduto. che voi vendiàte. che noi sentìssimo. che essi vendèssero. che esse sentìssero Che io àbbia sentito.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IMPERFETTO CANTARE PASSATO Che io cantàssi. che egli avvèsse venduto. che esse vendano Che io vendèssi. che esse vendèssero Che io àbbia venduto. che esse avvèssero venduto Che io sènta. che essi cantàssero. che egli capìsca. che esse avvèssero sentito Che io capìsca. che voi abbiàte sentito. che essa sentìsse. che essi sentìssero. che egli avvèsse cantato. che voi cantaste. che essi capìssero. che essi avvèssero cantato. che essa vènda. che noi avvèssimo venduto. che noi vendiàmo. che essa àbbia venduto. che esse àbbiano sentito Che io avvèssi sentito. che esse àbbiano capito TRAPASSATO PRESENTE VENDERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE SENTIRE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE CAPIRE IMPERFETTO PASSATO UNITÀ 15 8 . che noi abbiàmo capito. che tu vènda. che esse àbbiano cantato Che io avvèssi cantato. che esse sentano Che io sentìssi. che voi sentiàte. che egli sentìsse. che tu cantàssi. che voi capìste. che tu capìssi. che tu sentìssi. che egli vènda. che egli cantàsse. che noi vendèssimo. che esse cantàssero Che io àbbia cantato. che voi vendèste. che noi sentiàmo. che egli àbbia venduto. che essi àbbiano venduto. che noi abbiàmo venduto. che tu avvèssi cantato. che essa capìsca. che essa avvèsse venduto. che tu vendèssi. che tu àbbia venduto.

a. Mi manderà la foto prima che sia tornata. "Desideriamo che tu guarisca. dupã verbe care exprimã plãcerea." 7. regretul. sebbene (cu toate cã). desidero) che tu stia bene. "Lo voglia o no. timiditatea: "Sono contento (mi piace) che voi glielo diciate. che essi avvèssero capito. prima che (înainte de). che egli avvèsse capito. unico. comandare. ultimo. 3. a meno che (numai sã). ci partirai lo stesso!" (fie cã vrei. Non sono sicuro se Renzo lavori a Milano. Acesta se foloseşte în felul urmãtor: 1." 8. benché (sebbene. sembra che. aver conoscenza. conjunctii sau locutiuni conjunctionale. Non so se Renzo abiti a Milano. che noi avvèssimo capito. che essa avvèsse capito. cu toate cã).."Occorre che voi sappiate comne fare. Alla persona che domanda (domanderà) di me. non veder l’ora. Verbe (expresii): essere contento. ÎN PROPOZITII PRINCIPALE. che esse avvèssero capito În limba italianã modul conjunctiv este cerut de anumite verbe. Suppongo (spero) che Renzo abiti a Milano. aspettare. Si dice che (dicono che) quest’auto non sia troppo cara. Si dice che (dicono che) quest’auto sia troppo cara. Verbe (expresii): pensare. fie cã nu." 6. 4. Penso (credo) che Renzo lavori a Milano. a. aver paura. "Chi l’abbia mai detto?"(Cine sã o fi spus oare?). dubitare. rincrescere. etc.". a condizione che (cu conditia sã). Non è sicuro (è impossibile) che Lidia sia arrivata oggi. essere spiacente. ÎN PROPOZITIILE RELATIVE RESTRICTIVE. So che Renzo abita e lavora a Milano.". conjunctivul apare dupã verbe care indicã vointa. E’ possibile (probabile) che Lidia sia arrivata oggi. è utile (inutile). E’ sicuro che Lidia è arrivata oggi. è bene (male). solo. quantunque (deşi. esìgere. l’unica.". ecc. illudersi. 5." 5. aver il dubbio. 3. conjunctivul apare întotdeauna în constructiile de genul: "Magari fosse tutto vero!"(Mãcar de-ar fi adevãrat!). oricum vei pleca acolo!) 2."Lavora tanto. dorinta. dispiacere. quantunque) la sua salute non sia buona. che voi aveste capito. può darsi. è facile (difficile). preferire. credere. A qualsiasi persona che (a chiunque) domandi di  L’USO DEL CONGIUNTIVO FOLOSIREA MODULUI CONJUNCTIV 2. CONJUNCTIV 1. 2. ÎN PROPOZITII COMPLETIVE DIRECTE dacã verbul din propzitia principalã este negativ:"Non credo che lui abbia ragione. UNITÀ 15 9 . negare. piacere.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TRAPASSATO Che io avvèssi capito.". 5. aver piacere. affinché (pentru cã). DUPÃ CONJUNCTIILE: benché (deşi). Tu sai che quest’auto è troppo cara. 4. 4. pretendere suppore. cum ar fi: è possibile (impossibile). etc.:"E’ bene (utile) che tu conosca la verità."." MODUL INDICATIV se foloseşte pentru actiuni certe. nessuno sau de un adjectiv la superlativ relativ:"Questa è la più bella (la prima. a patto che (pentru cã).) fanciulla ch’io abbia mai visto. sospettare. ÎN PROPOZITIILE COMPLETIVE DIRECTE. ca: primo. la sola. ordinare. 3."Dubito che Mario arrivi in tempo. bisogna. purché (pentru cã). Mi manderà la foto dopo che sarà tornata. volere. ÎN PROPOZITIILE SUBIECTIVE cerute de expresii impersonale. desiderare. cu referire la un substantiv determinat de un adjectiv. occorre. per quanto (numai sã). ÎN PROPOZITIIL COMPLETIVE INDIRECTE.". in modo (caso) che (astfel încât):"Studiamo affinché superiamo tutti gli esami. speranta.". în timp ce Modul Conjunctiv se foloseşte pentru actiuni dubitative: INDICATIV 1. pãrerea de rãu.. opinia: "Penso (spero. DACÃ VERBUL DIN PRINCIPALÃ ESTE LA MODUL CONDITIONAL:"Vorrei che tu mi dicessi tutta la storia. che tu avvèssi capito."Avrei voluto che fosse venuto anche lui.

Maria non lo dirà mai. b. c. b. era pure suo marito. I tre artisti. ma neppure ci disse buon giorno. Capisco perché non vuole parlare. Filippo. UNITÀ 15 10 . Il padre dice che tutto va bene. dal macellaio e dal pescivendolo? Ma dal lattaio? Che prodotti troviamo dal salumiere? Quali alimenti si trovano nella pizzicheria? Che tipi di pasta italiana conoscete? EXERCITII Che bevande alcooliche ed analcoliche si possono trovare in un negozio alimentare? Che cosa vende il fruttivendolo? 2. anzi. orbene è il momento giusto di ricompersarvi. sia glia allievi si preparavano per la gitta. mi farà piacere rivederti. Mario era un ragazzo molto buono. Indicate che specie di congiunzioni si trovano nelle frasi seguenti: Non sapiamo niente di questo né io. Avete fatto tante belle cose. Rispondete alle domande: Quali sono i negozi alimentari che conoscete? Che cosa si compra dal panettiere. c. infatti è lui il colpevole. invece. Qualunque cosa abbia visto. Buono o non buono. Maria ha detto che non l’ha visto. non voleva obbedire ai miei ordini. devi dire che non ci sono. me. né lui.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI devi dire che non ci sono. il padre sta tranquillo. Non solo che non ci parlò. Sia la maestra. Se vieni non mi disturbi affatto. Michelangelo e Bernini furono i più pregiati autori della cattedrale San Pietro. Comunque vadano le cose. 1. cioè Raffaello.

Formate delle proposizioni usando i verbi di qui sotto. andrò spesso ad uno spettacolo. Traducete il testo seguente. devo andare via. a significato diverso: adempíre. Beppe non faceva nulla fuorché guardare la T. Dimagrire UNITÀ 15 11 . Non ti dico questo così. giacché conosco la strada di ritorno. ma perché tu faccia attenzione a quella ragazza. E’ stato più gentile di quanto me lo aspettassi. Se tutto va bene. Benché faccia tardi.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 3. puché non faccia niente di male. per scherzare. Mi disse com’era accaduto tutto. Puoi andarci dove vuoi. ci vediamo stasera. Quando sarò in vacanza. Adémpiere Addomesticare adomesticire Attristare Attristire còmpiere Compíre Dimagrare. 4. specificando le specii delle congiugazioni trovate: Non credo che l’abbia fatto lui.V. Finché vivrò cercherò di finire la mia opera.

quasi sempre con fagioli). ecc. poi il dolce. affettati.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Émpiere. in trattoria. il sale (non tanto!). si mangia in ufficio. il pepe. incoraggire Intorbidare Intorbidire Scoraggiare. Al pranzo. I bambini prendono il caffelatte con una fetta di pane unta con burro e marmellatta. l’italiano avrà sempre in tavola il vino e l’acqua. Chi ci riesce (se non abita lontano dal lavoro) mangia a casa. poi formaggi. prende un caffè (ristretto. come fanno altri popoli. l’olio e l’aceto per l’insalata. uova e la frutta o il dolce. La mattina l’italiano quasi non mangia. in famiglia. quando si va prima ad uno spettacolo. UNITÀ 15 12 . a volte anche dopo le dieci. Traducete in romeno: In Italia. in pizzeria. Nei giorni liberi (sabato. prosciutto al melone. Oltre il pane. certamente. la domenica) e nei giorni di ferie il pranzo conterrà un piatto di pasta (maccheroni. Questa è la piccola o la prima colazione. La sera si mangia di solito una minestra o un brodo di carne (o legumi. dopo le otto. che non mischierà mai. Empíre Incoraggiare. scoraggire Starnutare. starnutire 5. spaghetti. durante la settimana. “all’italiana”) e con solo un biscottino o una cremonese. il gelatto o la frutta. tortellini. un secondo piatto di carne o pesce con un contorno di verdura cotta ed insalata. i pasti principali sono il pranzo (tra le dodici e le quattordici) e la cena.) con la salsa al pomodoro e basílico.

într-un cuvânt prin istoria sa trecutã şi contemporanã. o salatã cu maionezã sau ketchup.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 6. Astãzi existã ghiduri culinare internationale şi în întreaga lume ne îmbie cu specificul şi originalitatea lor preparatele restaurantelor frantuzeşti. Mi dispiace che tu non sapere la lezione. Dar putem cunoaşte şi aprecia un popor şi datoritã bucãtãriei sale. italieneşti. greceşti. facendo attenzione alle parole messe in rilievo: Non credo /penso che lui potere venire. o bere şi un capuccino (pentru tineri). chinezeşti. Burger Ranch şi altele. Siamo contenti che voi comprare una nuova macchina. Dubitavi/Temevi che lei cambiare. Pizza Hut. Mi piace che lui dire questo. UNITÀ 15 13 . Sembra che Alberto avere ragione. E’ bene/probabile che lui accettare questa proposta. Vuoi che te lo dire io? Speriamo che fare bel tempo. cultura. Concurenta este foarte mare mai ales în zilele noastre când tineretul preferã – pentru economia de timp.Mettete i verbi dalle proposizioni di qui sotto al modo e tempo giusto. cartofi prãjiti. mexicane etc. de bani şi datoritã modei – seria de magazine americane Mc Donald’s. unde în câteva minuta ai ce ti-ai dorit: un hamburger. Non vedo l’ora che loro tornare. 7. obiceiurile sale. Traducete in italiano: Putem cunoaşte un popor prin limba. un suc de fructe şi o înghetatã (pentru cei mici). indiene.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI
Gli rincresce che non potere venire. Sarebbe difficile che tu prendere subito la decisione. E’ inutile che voi cercare un’altra soluzione. Può darsi che i ragazzi capirci. Bisogna/Occorre che tu spiegarli la ragione. E’ peccato ch’io non poter andarci! Quest’era l’ultima cosa ch’io avere immaginato. Rosa è la più brava ragazza ch’io avere mai visto. Non c’è nessuno che dirmi la verità? Vado a Mario, benché fare tardi. Sebbene essere stanca morta, finisco il mio lavoro. Puoi restare qui, purché (a patto che, a condizione che) non parlarmi. Devi tornare prima che essi partire.

Tre donne di colore si trovano al mercato, e chiacchierando del più e del meno si ritrovano a parlare dei loro mariti. Fa la prima: - Sì, vabbè, potete dire tutto dei vostri consorti, ma il marito più nero è il mio! - E come fai a dirlo? - Perchè l'altro giorno, armeggiando con un cacciavite, per sbaglio si è tagliato un dito, ed il sangue che ne è uscito era NERO! - Beh, niente in confronto al mio! Ieri, guardando un film commovente alla TV, ha cominciato a piangere, e le lacrime che gli sono uscite dagli occhi erano NERE! La terza le guarda e sbotta: - Sì, non c'è dubbio che i vostri mariti siano neri, ma sono nulla in confronto al mio! Pensate che una sera del mese scorso stavamo tutti in tinello a guardare la TV, ed un certo punto lui ha mollato una scorreggia; siamo rimasti 3 giorni al buio!!! Adoro il fatto che tu abbia freddo quando fuori ci sono 25 gradi. Adoro il fatto che ci metti un'ora e mezzo per ordinare un panino. Adoro la piccola ruga che ti si forma sul naso quando mi guardi come se fossi matto. Adoro il

UNITÀ 15

14

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI
fatto che dopo aver passato una giornata con te, possa ancora sentire il tuo profumo sui miei vestiti. E adoro il fatto che tu sia l'ultima persona con la quale voglio parlare prima di addormentarmi la notte. Non è che mi senta solo, e non c'entra il fatto che sia Capodanno. Sono venuto qui stasera perché quando ti rendi conto che vuoi passare il resto della tua vita con una persona, vuoi che il resto della tua vita inizi il prima possibile.

(Harry ti presento Sally )

L'unico modo di liberarsi di una tentazione è cedervi. (Oscar Wilde) Lo scetticismo è l'inizio della fede. (Oscar Wilde) - Henry, come sei cambiato! Eri tanto alto, e adesso sei così basso! Eri così robusto, e ora sei magrissimo! Eri tanto biondo, e ora sei castano. Cosa ti è successo Henry? L'altro risponde: - Non sono Henry, sono John... - Oh, hai cambiato anche nome!!! Le anime belle, le figurine del presepe, le persone oneste... Ne ho conosciute tante, erano tutte come te. Facevano le tue domande, e con voi il mondo diventa più fantasioso, più colorato... Ma non cambia mai!

(Il portaborse )

La gioia contagia, il dolore isola. (Alessandro Morandotti) Un arcobaleno che sta lì un quarto d'ora non lo si guarda più. (J. W. Goethe) Un ragazzo genovese si presenta dal padre prima di uscire: - Papà, mi daresti 50 mila lire che devo andare a fare delle compere? Il padre, noto tirchio, gli risponde: - 40 mila lire??? E cosa ci devi comprare con 30 mila lire? - E dai papà... - Perché 20 mila lire non ti bastano? Vabbe' eccoti 10 mila lire e portami 5 mila di resto! Rocky Balboa: " Guarda che io il tacchino mica lo volevo " Adriana: " Ma è il giorno del Ringraziamento... " R B: " Che è ?? " Adriana: " E' il giorno del Ringraziamento " R B: " Si per te, ma per me è solo giovedi' " (Rocky)

In ogni uomo abita una sua propria innocenza. (Hugo von Hofmannsthal) "Sei stupido o che, dimmi" "Mamma dice che stupido e' chi lo stupido fa"

(Forest Gump)

UNITÀ 15

15

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI

UNITÀ 15

16

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI

TESTO: OSPITI A PRANZO VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:
 IL CONGIUNTIVO DEI VERBI IRREGOLARI  LA CONSECUZIONE DEI TEMPI AL CONGIUNTIVO  L’INTERIEZIONE

ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE, BATTUTE,
AFFORISMI

UNITÀ 16

1

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI

OSPITI A PRANZO
Oggi i Lamberti ricevono ospiti nel loro nuovo appartamento. La Signora Nunzia ha già adornato di fiori le stanze ed i balconi. Alla porta ad al poltrone del palazzo è stata già messa la nuova targhetta con il cognome della famiglia. Anche lo stoino, all’ingresso, è nuovo, perché chi ci entra si pulisca le scarpe e non porti dentro la polvere ed il fango della strada. La stanza di soggiorno, grande e luminosa, ha dei bei mobili. La scrivanìa si trova vicino alla finestra, in

modo che colui che ci si mette a scrivere goda una buona luce. La signora Nunzia ama tanto le partite a canasta
ed il tavolino da gioco, circondato da quattro sedie, è prolungabile, proprio perché possa servire a volte anche da tavola da pranzo. In questa stanza, dove i Lamberti passano una certa parte della giornata, è possibile che ognuno svolga le proprie attività che desidera e trascorra delle ore piacevoli, seduto davanti al televisore nelle poltrone o sul sofà.

A meno che non ci siano ospiti, la famiglia prende i pasti nel tinello, attìguo alla cucina, che è una stanza
semplice con una tavola, delle sedie impagliate e con una credenza. La cucina è così bella e pulita che non

crederesti che fossero preparati qui i meravigliosi piatti della signora Nunzia.
Ma oggi, con gli ospiti, si magerà nella sala da pranzo, affinché si stia più comnodo; gli anfitrioni fasteggiano non solo lo sgombero nella nuova casa, ma anche il compleano del Signor Renzo Lamberti.

Perché tutto sia in ottimo stato e che le cose vadano bene, la tavola è stat già apparecchiata con tutto
l’occorente: bei piatti, piattini e scodelle di porcellana cinese, per tutti i pasti – minestra, spaghetti, carne a ferri, insalata, dolce, frutta, caffè – tazze dallo stesso servito da tavola, bicchieri di cristallo per il vino, per l’acqua e per lo saliera e la pepaiola vicino alla cestina del pane ed alla fruttiera con mele, pere e pesche. Una bella tovaglia bianca di lino ricamato orna la tavola nel centro della quale un vaso con fiori di campo

pare che porti un po’ dell’aria fresca della campagna.
E’ l’una. Il campanello annuncia allegramente l’arrivo dei primi ospiti. Sono i Renzi – madre, padre, figliola – che regalano fiori e cioccolatini. Malena, la loro figlia, ha la stessa età di Gianni, figlio dei Signori Lamberti: diciotto anni. Lei studia medicina, mentre lui studia il diritto. Sono stati amici d’infanzia e colleghi di scuola media.

Benché sognasse prima alla letteratura, ultimamente lei ha scelto la nobile professione di curare i malati. “ Vorrei
poter curare i miei genitori quando ne avranno bisogno” – ha detto lei – “perché la più bella professione ch’io

UNITÀ 16

2

a avea treabã UNITÀ 16 avere da fare 3 . pentru ca sã supãrãcios Felul de mâncare mazãrea Praful solnita mutarea Ştergãtor de picioare supãrãcios Plãcuta Camera (bucãtãria) de serviciu A petrece BINE PENTRU A ÎNTELEGE MAI . . così come noi ricordiamo loro. Si aspetta che lui finisca gli studi universitari. caffè (o capuccino) e la torta alla vaniglia.E adesso credo che sia il momento di prendere un aperitivo. Campari.Abbiamo prosciuto al melone. Gin. Spero che si ricordino oggi di noi. d’arancia e d’ananasso. parenti. insalata di lattuga e pomodori. poi pollo e vitello ai ferri con contorno di carciofi e piselli. tortellini. cu toate cã caşcaval anghinarea coşuletul bufetul A se bucura de Din paie Intrarea Lãptuca. Occorre che i figli s’interessino della salute di tutti: genitori. – dice la Signora Lamberti. Non resta che augurarvi “Buon appetito!” Adornare (di) affinché L’ampolla Attiguo benché Il caciocavallo Il carciofo Il cestino La credenza godere impagliato L’ingresso La lattuga I l li n o A orna (cu) Cu scopul sã Vas de sticlã cu toartã Alãturat Deşi . . – dice la Signora Lamberti. Non c’è dubbio che siano tutti contentissimi di ritrovarsi insieme e di poter alzare una coppa alla salute dei pasroni di casa.” Quanto a Mario. che lavora in una grande ditta di consulenza amministrativa. Mi aspetto però che siano contenti del viaggio che stanno facendo in Egitto.Peccato che non siano potuti venirci anche i Mongiardi! – dice il Signor Lamberti. Spero che vengano soddisfatti tutti i gusti. amici. . è da supporre che lui abbia pensato agli affari della famiglia: sarebbe utile che di questi si occupasse un buon avvocato. In un quarto d’ora arrivano anche gli ospiti: ancora due famiglie – gli Lombardi ed i Catani. . salata Pânza de in La pepaiola Perché permaloso La pietanza Il pisello La polvere La saliera Lo sgombero Lo stoino suscettibile La targhetta Il tinello trascorrere Vasul/cutia cu piper Pentru cã. gli potrebbe concedere la possibilità di proseguire la via della legge ed applicarla nelle nuove norme aziendali. Abbiamo spremuta di limone. fratello e cognata della Signora Lamberti – i primi – cognato e sorella del Signor Lamberti – i secondi. E’ necessario però che voi pronunciate le vostre preferenze: Martini.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI conosca penso che sia la medicina! E’ bene che uno abbia il proprio medico in famiglia. Almeno poter dar loro un consiglio. perché il babbo. formaggio pecorino e cacciocavallo.Ci vogliamo sedere! Suppongo che abbiamo tutti un po’ di fame perché ci dispiacerebbe che non vengano apprezzate le pietanze di mia moglie! – dice il Signor Lamberti. o Marsala? Può darsi che qualcuno desideri anche una bevanda analcolica.

a fi capabil. a veni venire bene venire a capo di venire a conoscenza venire dietro a apãrea. numai dacã . descurcãret a nu mai vrea sã ştie de cineva (ceva) VENIRE – a ajunge. a avea dreptul.pãcat cã .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI non c’è dubbio il formaggio pecorino a meno che in modo che . a avea gust de sapere il proprio fatto saperla lunga non volere più sapere a-şi cunoaşte meseria a fi şmecher. a-şi pierde cunoştinta a cãdea de acord UNITÀ 16 4 . a fi puternic a nu mai putea rãbda SAPERE – a şti. insipid a şti din toate câte ceva a şti sã te porti în orice împrejurare a ieşi bine a o scoate la capãt a fi informat a urmãri venire alla luce venire alle mani venire meno venire a patti non poterne più lavorare la pasta a pune la curent a aduce pe lume a transmite mettere alla porta mettere nel sacco a nu întelege o boabã a întelege aluzia capire allo meglio capire a volo a-şi schimba obiceiurile a se muta a-şi schimba meseria cambiare nome cambiared’opinione cambiare soldi EXPRESII CU a-şi schimba numele a-şi schimba pãrerea a schimba bani a întelege de bine de rãu a întelege din zbor a da afarã. a sãpa pe cineva a munci din zori şi pânã în searã a munci zi şi noapte a da din coate a nu se putea pune cu cineva a şti carte a fi searbãd. a costa.cât despre . a veni la luminã.afarã de. a concedia a pãcãli a plãmãdi aluatul a munci pânã nu mai poti a munci din greu lavorare a più non posso lavorare sodo POTERE – a putea. a reuşi. a avea putere.fãrã îndoialã . a cunoaşte.a desfãşura o activitate CUVINTELE CAMBIARE – a schimba cambiare d’abitudine cambiare casa cambiare mestiere CAPIRE – a întelege non capire un’acca capire l’antifona METTERE – a pune mettere al corrente mettere al mondo mettere in onda LAVORARE – a munci. a lucra lavorare sott’acqua lavorare dall’alba al tramonto lavorare giorno e notte lavorare di gomiti non potercela con qualcuno saper leggere e scrivere non saper di niente saper di tutto saperci fare a lucra pe ascuns. a preceda.în ceea ce priveşte .brânza (telemea) de oaie . a veni pe lume a se lua la bãtaie a leşina. a lua cunoştintã. a proveni.astfel cã peccato che quanto a in quanto a svolgere un’attività .

che voi beveste. che egli bevesse. che tu fossi andato/andata. che esse àbbiano dato ANDARE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE BERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE DARE IMPERFETTO PASSATO UNITÀ 16 5 . che tu bevessi. che noi andiamo. che tu àbbia bevuto. che essi dìano. che esse sìano andate Che io fossi andato/andata. che egli andasse.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI venire al dunque/nocciolo venire giù a atinge miezul problemei. che essi bevano. che voi siàte andati/andate. a trece la subiect a cãdea venire alle prese venire su a se lua la bãtaie a creşte. che essa àbbia bevuto. che voi abbiàte bevuto. che esse avvèssero bevuto Che io dìa. che egli vada. che noi diàmo. che esse dessero Che io àbbia dato. che tu avvèssi bevuto. che essa bevesse. che esse dìano Che io dessi. che esse bevessero Che io àbbia bevuto. che essa desse. che essa avvèsse bevuto. che essi àbbiano bevuto. che noi dessimo. che noi andassimo. che tu sìa andato/andata. che egli beva. che essa fosse andata. che tu vada. che noi beviamo. che essi avvèssero bevuto. che egli àbbia bevuto. che voi diàte. che essi fossero andati. che tu andassi. che essa beva. che tu dessi. che essi andassero. a se dezvolta GRAMATICÃ VERBI IRREGOLARI PRESENTE  IL CONGIUNTIVO DEI CONJUNCTIVUL VERBELOR NEREGULATE Che io vada. che essa sìa andata. che voi foste andati/andate. che esse bevano Che io bevessi. che voi abbiàte dato. che voi andaste. che noi siàmo andati/andate. che egli dìa. che essi vadano. che noi fossimo andati/andate. che egli fosse andato. che esse fossero andate Che io beva. che essi àbbiano dato. che voi aveste bevuto. che egli desse. che essi bevessero. che essa vada. che essa andasse. che essi dessero. che noi avvèssimo bevuto. che voi beviate. che esse àbbiano bevuto Che io avvèssi bevuto. che noi abbiàmo bevuto. che tu dìa. che esse vadano Che io andassi. che essi sìano andati. che essa dìa. che esse andassero Che io sìa andato/andata. che voi deste. che noi bevessimo. che tu àbbia dato. che egli avvèsse bevuto. che essa àbbia dato. che egli àbbia dato. che voi andiate. che noi abbiàmo dato. che egli sìa andato. che tu beva.

che esse pi piàcciano PRESENTE DI R E IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE DOVERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE FARE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE UNITÀ 16 6 . che noi avvèssimo dovuto. che essa dìca. che voi piacciàte. che noi faccessimo. che noi diciàmo. che esse àbbiano dovuto Che io avvèssi dovuto. che noi avvèssimo dato. che voi dobbiate. che egli dìca. che esse avvèssero fatto Che io piàccia. che tu dicessi. che noi abbiàmo detto. che voi diceste. che egli avvèsse fatto. che essa àbbia dovuto. che voi doveste. che voi diciàte. che egli faccesse. che tu debba (deva). che egli àbbia detto. che essi avvèssero fatto. che noi dobbiamo. che noi abbiàmo dovuto. che egli piàccia. che essi àbbiano dovuto. che esse àbbiano detto Che io avvèssi detto. che tu avvèssi detto. che noi dovessimo. che noi dicessimo. che voi abbiàte detto. che noi abbiàmo fatto. che esse dovessero Che io àbbia dovuto. che egli avvèsse dovuto. che tu àbbia detto. che egli faccia. che voi facceste. che tu àbbia dovuto. che essi dovessero. che essi avvèssero dato. che voi aveste detto. che egli avvèsse dato. che essi dicessero. che esse àbbiano fatto Che io avvèssi fatto. che egli àbbia dovuto. che essi debbano (devano). che essa dovesse. che essi dìcano. che tu àbbia fatto. che esse dìcano Che io dicessi. che egli dovesse. che tu avvèssi dovuto. che esse avvèssero dato Che io dìca. che egli avvèsse detto. che essa avvèsse fatto. che voi facciate. che essa avvèsse detto. che essa àbbia detto. che essi piàcciano. che tu faccessi. che esse faccessero Che io àbbia fatto. che essa dicesse. che tu dìca. che essi avvèssero dovuto. che voi aveste dovuto. che egli debba (deva). che esse avvèssero detto Che io debba (deva). che essi àbbiano fatto. che voi abbiàte fatto. che noi piacciàmo. che essa àbbia fatto. che tu dovessi. che essi avvèssero detto. che essa avvèsse dovuto. che esse debbano (devano) Che io dovessi. che noi avvèssimo fatto. che egli àbbia fatto. che essa debba (deva). che essa faccia.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TRAPASSATO Che io avvèssi dato. che esse facciano Che io faccessi. che esse dicessero Che io àbbia detto. che essa faccesse. che tu piàccia. che essi vendano. che noi avvèssimo detto. che egli dicesse. che esse avvèssero dovuto Che io faccia. che noi facciamo. che essi faccessero. che tu faccia. che voi aveste fatto. che essa avvèsse dato. che tu avvèssi dato. che voi abbiàte dovuto. che essi àbbiano detto. che tu avvèssi fatto. che voi aveste dato. che essa piàccia.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IMPERFETTO PIACERE PASSATO Che io piacessi. che noi siàmo riusciti/riuscite. che noi abbiàmo potuto. che voi abbiàte potuto. che tu avvèssi potuto. che esse pi riescano Che io riuscissi. che essa sìa piaciuta. che tu potessi. che esse possano Che io potessi. che voi riusciate. che egli avvèsse potuto. che essi riescano. che essi piacessero. che essa avvèsse potuto. che essa sìa riuscita. che esse salissero Che io sìa salito/salita. che noi siàmo saliti/salite. che essa riuscisse. che essa potesse. che essa riesca. che egli potesse. che essa fosse piaciuta. che essi avvèssero potuto. che esse sìano salite TRAPASSATO PRESENTE POTERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE RIUSCIRE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE SALIRE IMPERFETTO PASSATO UNITÀ 16 7 . che noi potessimo. che noi avvèssimo potuto. che tu fossi piaciuto/piaciuta. che egli piacesse. che voi possiate. che essi salissero. che voi foste riusciti/riuscite. che essi potessero. che voi piaceste. che essa salga. che noi possiamo. che essi fossero piaciuti. che egli sìa piaciuto. che tu sìa riuscito/riuscita. che essi fossero riusciti. che voi poteste. che egli fosse riuscito. che egli àbbia potuto. che essi possano. che essi sìano riusciti. che essa sìa salita. che esse avvèssero potuto Che io riesca. che voi siàte saliti/salite. che noi fossimo piaciuti/piaciute. che esse potessero Che io àbbia potuto. che essa possa. che tu àbbia potuto. che essi sìano piaciuti. che essi sìano saliti. che voi foste piaciuti/piaciute. che egli salisse. che voi siàte piaciuti/piaciute. che essa salisse. che egli sìa salito. che tu piacessi. che egli riesca. che voi saliste. che noi saliamo. che esse fossero piaciute Che io possa. che egli fosse piaciuto. che noi riuscissimo. che tu salissi. che esse fossero riuscite Che io salga. che esse riuscissero Che io sìa riuscito/riuscita. che voi riusciste. che esse piacessero Che io sìa piaciuto/piaciuta. che egli sìa riuscito. che essa piacesse. che esse sìano piaciute Che io fossi piaciuto/piaciuta. che tu riuscissi. che noi riusciamo. che voi aveste potuto. che tu fossi riuscito/riuscita. che egli possa. che essi àbbiano potuto. che noi fossimo riusciti/riuscite. che noi siàmo piaciuti/piaciute. che tu salga. che essi salgano. che tu riesca. che voi saliate. che esse salgano Che io salissi. che noi salissimo. che essa fosse riuscita. che tu sìa piaciuto/piaciuta. che noi piacessimo. che esse àbbiano potuto Che io avvèssi potuto. che esse sìano riuscite Che io fossi riuscito/riuscita. che voi siàte riusciti/riuscite. che egli salga. che tu possa. che tu sìa salito/salita. che essi riuscissero. che essa àbbia potuto. che egli riuscisse.

che noi sapessimo. che essa sìa stata. che tu avvèssi tenuto. che egli fosse stato. che tu tenessi. che egli fosse salito. che noi sappiàmo. che egli tenesse. che tu tenga. che esse avvèssero saputo Che io stìa. che noi avvèssimo saputo. che esse odano PRESENTE SAPERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE STARE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE TENERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE UNITÀ 16 8 . che esse fossero state Che io tenga. che essi àbbiano tenuto. che egli àbbia tenuto. che essi stessero. che esse tenessero Che io àbbia tenuto. che tu oda. che voi abbiàte saputo. che noi abbiàmo tenuto. che esse fossero salite Che io sàppia. che voi aveste saputo. che egli sapesse. che noi udiamo. che noi tenessimo. che essi sàppiano. che essi stìano. che noi siàmo stati/state. che noi avvèssimo tenuto. che egli àbbia saputo. che essi odano. che voi foste stati/state. che tu àbbia tenuto. che tu stìa. che voi teniate. che voi steste. che essa oda. che essi sìano stati. che esse sìano state Che io fossi stato/stata. che noi fossimo saliti/salite. che egli stìa. che tu sìa stato/stata. che essi tengano. che esse tengano Che io tenessi. che essi tenessero. che essa àbbia saputo. che egli oda. che tu stessi. che egli sìa stato. che voi sappiàte. che esse stessero Che io sìa stato/stata. che voi teneste. che essa fosse stata. che egli avvèsse tenuto. che essi àbbiano saputo. che esse àbbiano tenuto Che io avvèssi tenuto. che esse avvèssero tenuto Che io oda. che essi sapessero. che esse pi sàppiano Che io sapessi. che essa stìa. che tu fossi stato/stata. che esse stìano Che io stessi.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TRAPASSATO Che io fossi salito/salita. che essa stesse. che voi udiate. che egli sàppia. che essa avvèsse tenuto. che essa avvèsse saputo. che voi stiàte. che noi stiàmo. che esse àbbiano saputo Che io avvèssi saputo. che noi stessimo. che voi sapeste. che egli tenga. che tu àbbia saputo. che tu fossi salito/salita. che essa sàppia. che essa tenesse. che noi teniamo. che voi abbiàte tenuto. che noi fossimo stati/state. che essi avvèssero saputo. che egli stesse. che essi fossero stati. che essa àbbia tenuto. che essi avvèssero tenuto. che essi fossero saliti. che voi aveste tenuto. che voi siàte stati/state. che essa fosse salita. che tu sapessi. che noi abbiàmo saputo. che essa tenga. che tu sàppia. che voi foste saliti/salite. che tu avvèssi saputo. che essa sapesse. che esse sapessero Che io àbbia saputo. che egli avvèsse saputo.

che esse vengano Che io venissi. che esse venissero Che io sìa venito/venita. che essa uscisse.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI IMPERFETTO U DI R E PASSATO Che io udissi. che essa venga. che egli sìa venito. che essa veda. che egli sìa uscito. che essi escano. che noi venissimo. che essi sìano usciti. che tu udissi. che egli àbbia visto. che egli venga. che tu vedessi. che esse vedessero Che io àbbia visto. che tu sìa venito/venita. che noi vedessimo. che egli uscisse. che egli avvèsse udito. che noi veniamo. che tu veda. che noi usciamo. che esse escano Che io uscissi. che voi vediate. che voi usciste. che esse sìano venite TRAPASSATO PRESENTE USCIRE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE VEDERE IMPERFETTO PASSATO TRAPASSATO PRESENTE VENIREE IMPERFETTO PASSATO UNITÀ 16 9 . che egli esca. che essi vengano. che tu venga. che voi siàte veniti/venite. che noi uscissimo. che esse sìano uscite Che io fossi uscito/uscita. che essa avvèsse udito. che tu avvèssi visto. che noi vediamo. che noi avvèssimo udito. che essa esca. che egli avvèsse visto. che esse àbbiano visto Che io avvèssi visto. che egli fosse uscito. che noi udissimo. che tu esca. che egli àbbia udito. che essa venisse. che esse vedano Che io vedessi. che essi àbbiano visto. che voi veniste. che voi veniate. che tu avvèssi udito. che esse uscissero Che io sìa uscito/uscita. che essi àbbiano udito. che tu sìa uscito/uscita. che esse àbbiano udito Che io avvèssi udito. che esse avvèssero visto Che io venga. che essi avvèssero udito. che voi udiste. che noi fossimo usciti/uscite. che tu uscissi. che essa udisse. che noi abbiàmo visto. che essi fossero usciti. che esse avvèssero udito Che io esca. che noi abbiàmo udito. che noi siàmo veniti/venite. che tu venissi. che esse udissero Che io àbbia udito. che essi sìano veniti. che voi vedeste. che egli udisse. che egli vedesse. che tu àbbia visto. che voi foste usciti/uscite. che esse fossero uscite Che io veda. che egli veda. che essi venissero. che essa sìa venita. che tu fossi uscito/uscita. che essa àbbia udito. che voi aveste udito. che egli venisse. che voi abbiàte udito. che essa sìa uscita. che essi vedessero. che essa vedesse. che essi vedano. che noi siàmo usciti/uscite. che voi usciate. che voi abbiàte visto. che noi avvèssimo visto. che essi uscissero. che voi siàte usciti/uscite. che essa àbbia visto. che essa fosse uscita. che voi aveste visto. che tu àbbia udito. che essa avvèsse visto. che essi avvèssero visto. che essi udissero.

CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TRAPASSATO Che io fossi venito/venita. che essa fosse venita. che esse fossero venite Regula concordantei timpurilor la conjunctiv este urmãtoarea: 1." – m-am gândit cã venise. oh!. implorare). INTERJECTIILE cele mai folosite sunt: "Ah!ahimè!. verbul din subordonatã este la conjunctiv imperfect sau mai mult ca perfect. "Orsù!. trecut sau mai mult ca perfect (deci la oricare timp al conjunctivului) în functie de tipul actiunii – simultanã sau anterioarã:"Ho pensato che lui venga. "Supposi/supponevo/avevo supposto che fosse stato un bravo ragazzo. càpperi!. uimire). În limba italianã Conjunctivul se foloseşte în propozitii secundare. "Penserò che cosa possa fare. şi alte stãri sufleteşti)." – mã voi gândi la ce am putut sã fac." – m-am gândit/ mã gândeam/ mã gândisem cã fusese un bãiat bun. sau imitã sunete ale naturii. Acestea se numesc INTERJECTII PROPRII:"Ahimè. Ahi!." – m-am gândit cã vine. "Desiderei/avrei desiderato che lui fosse guarito. "Ho pensato che lui venisse. imperfect. Puah!"(dispret. de durere. nerãbdare)." – aş dori ca el sã se vindece. hum!. "Ah!. uf!." – mã voi gândi la ce sã fac. suvvia!. timiditate). în functie de actiunea verbului din principalã: Actiune principalã la prezent: Temo che lui non mi abbia creduto (ieri) Temo che lui non mi creda (oggi) Actiune principalã la trecut: Temevo che lui non mi avesse creduto (prima d’allora) Temevo che lui non mi credesse (allora) Temo che lui non mi avvrebbe creduto (dopo di allora) Temo che lui non mi creda (domani) TEMPI AL CONGIUNTIVO  LA CONSECUZIONE DEI CONCORDANTA TIMPURILOR LA CONJUNCTIV  L’INTERIEZIONE INTERJECTIA L’INTERIEZIONE (INTERJECTIA) este partea neflexibilã de vorbire (cum este adverbul. eheh!. "Auff!. che egli fosse venito. de tristete. uh!. verbul din secundarã va fi la conjunctiv imperfect (pentru o actiune simultanã) sau la conjunctiv mai mult ca perfect (pentru o actiune anterioarã): "Pensai/Pensavo/Avevo pensato che fosse un bravo ragazzo. 2." – m-am gândit/mã gândeam/mã gândisem cã era un bãiat bun. repulsie). càspita! (durere." – nu cred cã este bine sã rãmânem. che tu fossi venito/venita. che voi foste veniti/venite. "Ho pensato che lui fosse venuto. poh!. 4." – m-am gândit cã a venit. verbul din secundarã va fi la conjunctiv prezent (pentru o actiune simultanã) şi la conjunctiv trecut (pentru o actiune anterioarã): "Non credo che sia bene restarci. deh!. "Non credo che sia stato bene restarci. eh!. oh!. Dacã verbul din regentã este la indicativ prezent sau la viitor. misericordia!" (teamã." – m-am gândit cã venea. che male mi fa la testa!" UNITÀ 16 10 .. conjunctia şi prepozitia). care exprimã exclamatii (de bucurie. verbul din secundarã va fi la conjunctiv prezent. eh!" (dorintã. "Deh!. "Puh!. che noi fossimo veniti/venite. "Ohibò!" (dubiu). ohimè!. Dacã verbul din regentã este la conditional prezent sau trecut. încurajare). uff!. "Penserò che cosa abbia potuto fare. perfect compus sau mai mult ca perfect. mah!" (plictisealã. Dacã verbul din regentã este la perfectul compus. 3. în functie de tipul actiunii – simultanã sau anterioarã: "Desiderei che lui guarisse. ah!" (ironie). che essi fossero veniti. "Ho pensato che lui sia venuto." – aş dori/aş fi dorit ca el sã se fi vindecat. "Eh!. urrà!" (stimulare. rugãminte. Dacã verbul din regentã este la indicativ imperfect." – nu cred cã a fost bine sã rãmânem.

L’ONOMATOPEA (ONOMATOPEEA) tinde sã imite un sunet: miao (gatto). Traducete in italiano: Astãzi. pentru ca toatã lumea sã poatã sta comod. 1. "Corpo di mille bombe!" – Ei drãcie. chicchirichì (gallo). tataratà (tamburo – toba). abbaio (lãtrat). cum ar fi: muggito (muget). chiar dacã va trebui sã merg pe jos! Ca ADVERB se foloseşte în felul urmãtor: "Se non oggi. presto! (repede). pe masã au fost deja puse UNITÀ 16 11 . "Che barba!" – ce plictisealã. din-din (campanello – clopotel). adjective. LE LOCUZIONI ESCLAMATIVE (LOCUTIUNILE EXCLAMATIVE) sunt grupuri de cuvinte întrebuintate cu valoare esclamativã: "Beato lui!" – ferice de el. silenzio! (linişte). "All’armi!" – la arme. coccodé (gallina). Rispondete alle domande: Che cosa festeggiano oggi i Lamberti? Come ha adornato la signora Nunzia il nuovo appartamento? Perché è necessario lo stoino all’ingresso della casa? Perché la scrivania si trova alla finestra? Perché è prolungabile il tavolino da gioco? EXERCITII Perché passano i Lamberti una certa parte della giornata nella stanza di soggiorno? Perché Malena ha deciso di studiare la medicina? Perché ha deciso Gianni di diventare avvocato? Perché non sono venuti alla festa anche i Mongiardi? Che cosa augura signora Lamberti ai suoi ospiti? 2. familia Lamberti ia masa în cãmãruta de lângã bucãtãrie. bravo! (bravo). Pentru ca totul sã fie perfect. coraggio! (curaj). din-don. ne vom vedea mãcar mâine.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Tot cu nuantã exclamativã pot fi folosite şi alte pãrti de vorbire. "Magari" este o interjectie care cere conjunctivul: "Magari fossi ricco!" – mãcar de-aş fi bogat! De asemenea cere conjunctivul atunci când are valoare de CONJUNCTIE:"Ci andrò. trillare (a scoate triluri). substantive. muggire (a mugi)." – dacã nu astãzi. adverbe: dagli! (dã-i). Din aceste onomatopee derivã substantive şi verbe. trillo (tril). peccato! (pãcat). Pentru ca totul sã fie frumos. ci vederemo magari domani. via! (pleacã). misericordia! (îndurare). aiuto! (ajutor). familia Lamberti aşteaptã oaspeti. Prânzul va fi servit în sufragerie. cum ar fi: verbe. În afara cazului când are musafiri. abbaiare (a lãtra). bum-bum (cannone – tun). bau-bau (cane). tictac (orologio). doamna Nunzia a împodobit casa cu multe flori. Acestea se numesc INTERJECTII IMPROPRII. magari dovessi andare a piedi!" – mã voi duce acolo.

spune ea. Cât despre Gianni. Supponiamo che lei abbia ragione. Deşi visa sã studieze literatura. Vãrul meu vrea sã merg cu el la Roma şi sã-l luãm cu noi pe Mrio. Îmi pare rãu cã eşti aşa de supãrãcios. “Este cea mai frumoasã meserie pe care o cunosc. Se poate sã faci ceea ce vrea el. dar eu nu cred cã este sincer. S’illude che si possa contare su di lui. Doamna Lamberti îşi invitã musafirii la masã. Musafirii trebuie sã-şi exprime preferintele pentru bãuturi. paharele şi tacâmurile. UNITÀ 16 12 . Aspetto che tu mi dica la verità. Voi dubitate che esse prendano il treno. iar domnul Lmberti sperã ca toatã lumea sã fie multumitã. Vreau sã le scriu. deşi Mario are o mare dorintã sã vinã cu noi. Te rog sã mã scuzi. este de presupus cã el s-a gândit la afacerile familiei când a decis sã devinã avocat. cu toate cã acesta are treabã la Ravenna. E greu sã-i pot multumi. pentru cã îti poti îngriji pãrintii”. Malena a hotãrât sã urmeze medicina. 3. Traducete in romeno il testo che segue . cu toate cã nu mã simt deloc vinovat. deşi nu sunt sigur cã ei sunt la Firenze. facendo attenzione al congiuntivo: E’ bene che voi veniate stasera.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI farfuriile. Pare cã toatã lumea este multumitã de a se revedea.

4. Sarebbe stato bello se Lucia avesse anche comprato i biglietti. Mi rincresce che loro non siano potuti venirci. Sarebbe meglio che tu prenotassi il palco al teatro per questa sera.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI E’ facile che tu faccia la traduzione. E’ utile che lei studi il francese. Questo è stato il primo spettacolo di rivista ch’io abbia finora visto! I ragazzi temono che abbiano sbagliato gli esercizi. Formate delle proposizioni usando le seguenti interiezioni: accidenti! avanti! bene! fermo! mamma mia! peccato! coraggio! misericordia! UNITÀ 16 13 . Siamo contenti che Marina abbia comprato un appartamento. Paolo si lamenta che non stia bene. E’ inutile che noi aspettiamo un miracolo! Vuoi che ti scriva lei una lettera? Esige che voi finiate il vostro lavoro.

l’asino raglia. UNITÀ 16 14 . sto cadendo! Bene! Sei proprio brava! Pss. eh. il porco grugnisce. trillano e cantano. Traducete le proposizioni seguenti riconoscendo le interiezioni contenute: Oh. il cavallo nitrisce. soprattutto quando ci fa attenti al suo nuovo uovo! 6. Ma la gallina schiamazza. Volgete l’infinito dalla proposizione secondaria alla persona conveniente del congiuntivo. Gli uccelli cinguettano. Desidererò che tu mi dire la verità. che novità mi porti? Per amor del cielo. pss! Adesso state zitti! Luce! Più luce qui! Ed ora mi raccomando. il leone ruggisce e la rana gracida. il bue mugghia. eh: calmi! Viva la gioventù e l’amore! Evviva! Il gatto miagola. smettila! Aiuto. se fossi stato io il fortunato! Eh. il lupo ùlula. la pecora bela. il cane abbaia. considerando il verbo dalla reggente: Desidero che tu mi dire la verità.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI silenzio! magari! dagli! che barba! 5.

Completate le seguenti frasi con i verbi al tempo e al modo giusto: Sarà difficile che lui arrivare in tempo. UNITÀ 16 15 . Temerà. Non sapremo ch’essi essere contenti. Avevamo saputo ch’essi essere contenti. Temerebbe ch’io gli scrivere. Temeva.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Desideravo che tu mi dire la verità. Egli teme ch’io gli scrivere. Sapemmo ch’essi essere contenti. Avremmo saputo ch’essi essere contenti. Non sappiamo ch’essi essere contenti. Desiderei che tu mi dire la verità. Avevo desiderato che tu mi dire la verità. Avrebbe temuto ch’io gli scrivere. Aveva temuto ch’io gli scrivere. Ho desiderato che tu mi dire la verità. ch’io gli scrivere. Sapremmo ch’essi essere contenti. ch’io gli scrivere. Temette ch’io gli scrivere. Sapevamo ch’essi essere contenti. Abbiamo saputo ch’essi essere contenti. 7. Ha temuto ch’io gli scrivere.

(Friedrich Nietzsche) Ascolta ciò che dicono i tuoi calunniatori: potrai così apprendere la verità su di te. W. Ogni partito cerca di presentare come non importante ciò che di importante è cresciuto fuori di sé. Goethe) Leggere significa prendere in prestito. Bastava che tu me lo dire. E’ molto urgente che il telegramma arrivare domani. Io speravo che tutti rimanere d’accordo. Loro hanno desiderato che voi venire qui.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Essi volevano che noi finire subito il lavoro. Essi non avvrebbero potuto sapere che fare caldo o fresco. Lei avvrebbe voluto che restare con noi. Io ho sperato che non piovere. Loro sperarono che Mario essere eletto. Noi preferiamo che scrivere voi la lettera. (J. Lei credeva che voi essere già andati via. ma se non gli riesce. lo avversa con tanta più asprezza. (G. Gli dispiacerebbe che essi non essere tornati. Il ragazzo temeva che io non essere tornato. (Arthur Schnitzler) Solo per quegli uomini che non sanno produrre nulla. tirare fuori qualcosa di nuovo di ciò che si è letto significa ripagare il debito. C. Io avevo avuto paura che lui non superare l’esame. UNITÀ 16 16 . Bisognerebbe che la mamma partire. quanto più è eccellente. Lichtenberg) Val sempre la pena di fare una domanda ma non sempre di darle una risposta. non esiste nulla.

.! .. se andavo da qualceh parte. è una bustina di zucchero... ma io corro come il vento ceh soffia ! E da quel giorno.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI (Oscar Wilde) Un genovese porge un qualcosa al facchino che gli ha portato le valigie dicendogli: . E quello stupito: ..Ma... se lo preferisce amaro me la riprendo! (Forest Gump) "lo so che non mi crede se glielo dico.Si prenda un caffè. io ci andavo correndo !" UNITÀ 16 17 ..Ah beh.

AFFORISMI UNITÀ 17 1 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI TESTO: SPORT E GIOCHI VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:  IL MODO IMPERATIVO  L’IMPERATIVO DEI VERBI AUSILIARI  L’IMPERATIVO DEI VERBI REGOLARI  L’IMPERATIVO DEI VERBI COMUNI  L’IMPERATIVO DEL VERBO ANDARSENE ESERCIZI ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE. BATTUTE.

del giavellotto. lo sci. ma a volte quando si agitano troppo. 2. al disco. necessita equipaggiamento adatto (guantoni. giocato sullo stadio. Gli sport del pallone sono: il calcio. finché si getta alla rete (porta). fanno chiasso e dimenticano di rispettare l’atmosfera sportiva e d’accettare anche le sconfitte. massimo). non solo le vittorie (il goal o la rete). Le prove sono al suolo ed agli apparecchi. il tiro (al volo. Il pallamano fa passarsi la palla di mano a mano. I più comuni sport sono: il calcio. di staffetta) e corsa di ostacoli. mediomassimo. gli anelli. Il tennis (di campo). e si getta finalmente nel canestro. il trampolino. Infine. le parallele. Gli sport della piccola palla sono: Il baseball (o pallabase). La pallavolo richiede il punteggio per la palla passata sopra la rete. i tiri a porta. soprattutto la ginnastica artistica. la stanga. il lancio del disco. lotta con cintura) ed il pugilato (categorie: mosca. “Mens sana in corpore sano” traduce proprio questo detto. I greci e poi i romani le consideravano ideali per la salute del fisico. mandano il pallone nella rete. il cavallo. poi il salto (in lungo e in alto). sciabola o spada). con il picchetto di gioco (birillo) ed il maglio (bastone). ma anche la forza della sua mente. La caccia con il UNITÀ 17 2 . il nuoto. Cerchiamo di raggruppare gli sport secondo le loro caratteristiche. doppio misto) è lo sport della racchetta. la spalliera. su pista – corsa piana (gare di velocità. L’àrbitro decide le controversie. la sbarra fissa. Le squadre cercano di mandare ognuna il pallone nella porta avversaria. 3. le clave. ai piatelli) e la caccia. Il rugby (sempre giocato sul terreno da due squadre ) è il giocco della palla ovale. ormai più popolare sport “del campo e del pallone”. Richiede forza. piuma. Ecco alcuni attrezzi ginnici: il cerchio. i colpi. del peso e del martello e . L’atletismo si compone: . la lotta (greco-romana. il plinto.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI SPORT E GIOCHI Dai tempi remoti l’uomo ha fatto gare sportive per provare la forza del suo corpo. giapponese = judò. doppio femminile. il golf (o pallaprato). di fondo e mezzofondo. ma anche pazienza e molta attenzione e rigore. màschera. il cricket.dall’atletica pesante con le prove di: il sollevamento pesi. La ginnastica è molto bella ed anche elegante. 1. ecc. gallo. il hockey sul prato. ecc.). il pallanuoto è una specie di pallacanestro nell’acqua. calzature senza tacchi. leggero. gioco singolo o in coppia (doppio maschile. i calci d’angolo e di rigore. che è difesa dal portiere. I giocatori saranno prima di tutto degli ottimi nuotatori.dall’atletica leggera con le prove di: corsa su strada (la maratona). giocato sul campo con i bastoni e mandando la palla alla buca. I tifosi che partecipano alle partite sono simpatici. battendola per terra. il tennis. Gli sport delle armi sono: lo scerma (a fioretto. ma anche dello spirito. stile libero. la cavallina. ecc. Al pallacanestro la palla si passa ugualmente per mano da un giocatore all’altro. la trave.

Gli sport balneari e della vela sono: il nuoto ( a stile libero. cabinovìa. in auto da grande velocità. ma anche sulla pista con i pàttini a rotelle. sport della forza dei muscoli contro le onde del mare. guidate sulle piste speciali da piloti che corrono dei rischi anche mortali.. al mare. ecc. sciovia. di velocità). sopratutto quando si tratta di salire sulle cime di Himalaia. stringinaso.. scarponi chiodati. di discesa libera. Le gare qui saranno di salto. o un pesce ballena). per primo. il bob. la tenda. dei veleggiatori ed i paracadutisti sono gli amanti del volo e delle corse aeree. La pesca è ugualmente sport e passatempo. tuta ed armi. martelli da roccia. sul dorso. corde. 4.. come la caccia. il conottaggio – da gara. D’inverno c’è il pericolo delle valanghe di neve e dei ghiacciai. anelli di corda. ai laghi e richiede prima di tutto la licenza di caccia. la lenza e l’esca (certi vermicciuoli per adescare i pesci). I piloti degli aerei di sport. o per professionismo. tanto in montagna. a rana. chiodi. a remi (o a pagaia) – su imbarcazioni leggere. UNITÀ 17 3 . pinne. che può essere acrobatico. non solo d’inverno. Lo sport della vela si fa in barca a vela. Si devono rispettare le règole imposte sull’uso delle armi. spettacolare. a vela. il tuffo (dal trampolino). 6. che continua ad attirare giovani alle corse di distanza e di velocità con la bicicletta. di slalom. Gli sport invernali sono: il pattinaggio con i pàttini sul ghiaccio (artistico. per l’immersione e l’emersione del pescatore ben allenato e con complicatissimi equipaggiamento: màschera. ramponi. ecc. sulla pista da corsa. quando si va in campeggio. un orso. Il loro coraggio è altrettanto sensazionale. condotte da singoli atleti o da equipaggi: caiacco. in pianura. a delfino. in motoscafo. guanti palmati. da diporto. ci occore tantissima pazienza! Ma ne vale la pena. slittovìa. il surf. Oltre l’àmo. L’equipaggiamento è molto importante e speciale in questo caso (bastoni. cintura con piombi di zavorra.).). del terreno e del’insegnamento della cacciagione: uccelli ed animali. seggiovìa. perpendicolare. I mezzi di trasporto in montagna sono: la funivìa. La pesca è anche subàcquea. Il campeggio è amato da turisti che preferiscono l’ambiente naturale piuttosto che l’albergo. bòmbole per l’autorespirazione. ecc. perché i pescatori – come anche i cacciatori – diranno poi le favolose storielle sulla loro preda fantastica (un cinghiale. canotto ed altre. tanto al mare. il toboga. 5. Ma il più bello resterà senz’altro lo sci ( che richiede tuta. Poi c’è lo sci nautico. come. scarponi e bastoncino adatti) e che si fa – come anche altri sport – per piacere (sport dilettante). L’alpinismo è lo sport della montagna. che si pratica in tutte le stagioni. a farfalla. sul Monte Bianco o in altre montagne altissime. Gli sport automobilistici e d’aria sono: il ciclismo d’una volta. Per le semplici gite in montagna occorrono cose meno complicate. ha ora la concorrenza delle corse automobilistiche. Ci sono poi gli sport sulla neve: con la slitta. ma più che altro occorreranno il coraggio e la robustezza fisica. in montagna.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI fucile si fa solo nei posti riservati.

se non una corsa. popic minge micã. si fanno i famosi giochi d’artifici (di pirotecnica). Sempre per divertimento sono i giochi da carte: scopa. Così potremo muovere un po’ il nostro corpo altrimenti tanto sedentario. la piastrella. nonostante le frontiere. l’alfiere l’altalena l’àmo gli anelli l’aquilone la barriera il bastone il birillo la boccetta la bombola la cabinovìa la caccia il caiacco il calcio il canotto nebun leagãn. Essi sono sport che non richiedono forza fisica. di plastica. la battaglia navale o della mattonella. lo scaricàlsino. il monopàttino. il poker. almeno una semplice caminata. ciocan de crichet minge micã. Ai giocattoli meccanici. con palette invece di racchette e con palline in cellulòide. ecc. popic butelia telecabina vânãtoarea caiacul fotbalul. a elttro e teleguida. golul canoe la pallina la paracaduta il paracadutista le parallele il pattinaggio i páttini il pedone la pesca la piastrella il pilota la pinna la prisma il pugilato la quintana il rampone minge micã. come la palla. trenini. la quintana. le religioni. o. le bambole e tanti altri. cavallo.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 7. i dadi. il girotondo. torre. ma dell’inteligenza. i giocchi infantili. Essi sono: i quattro cantoni. dama. canasta. si aggiungono i nuovi giocchi e giocattoli elettronici. solitario e bridge (che. la scivolarella. la mosca cieca. scrânciob undita inelele zmeul joc de arme mai. sommergibili. domino. automatici. la barriera. 9. passate sopra la rete da tavola. Gli scacchi. Dama. il cerchio.. elicotteri. pedoni) si giocano sulla scacchiera dei quadretti dagli stessi colori. il salto alla corda. I giochi d’azzarda sono: la roulette. Li troviamo in tutti i negozi che sono diventati ormai una specie di Disney Lands. la cavallina. come auto. che sono giocchi pubblici consentiti dallo stato. ponti. I giocchi da tavola sono: il tennis da tavola (o il ping-pong). alfiere. 8. case con giardini. le bolle di sapone. biliardo (giocato con la stecca e con i birilli – o le boccette) sono piuttosto un modo di passatempo. de ping-pong paraşuta paraşutist paralelele patinajul patinele pionul pescuit şotronul pilotul aripa. laba (de înnotãtor) prisma boxul lupta de cavaleri cramponul de alpinist UNITÀ 17 4 . l’aquilone. di legno. come gli scacchi. la giostra. il baccarà (macao). l’altalena. In fine. con i pezzi di bianchi e neri (re. il pallone. ecc. giocati sopratutto nei casinó. come li giocano i nostri figli e nipoti e come li giocheranno tutti i bambini finché il mondo esisterà. come al LEGO. Ma il meno costoso e pericoloso sport resterà senza dubbio una sana corsa nel parco o nel giardino. ufficiali. le razze. le guardie e i ladri. briscola. per respirare dell’aria fresca. Per le feste nazionali. li abbiamo giocato anche noi. che sport propriamente-detti. che i bambini stessi possono fare per commettitura di pezzi. le lingue. piccole navi spaziali. li conosciamo tutti. le opzioni politiche. la mattina presto. perché. il meccàno. il nascondino (il rimpiattino). metallici. è sport della mente).

lovitura de colt .cazemata .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI la cavallina il cavallo il cerchio la clava la commettitura il dado la dama l’emersione l’equipaggiamento l’esca il fioretto il fucíle la funivìa la gara il giavellotto la giostra il girotondo i guantoni l’immersione la lenza il maglio la màschera il martello il meccàno il monopàttino il nascondino il nuoto l’ostacolo la pallacanestro la pallamano il pallanuoto la pallavolo la paletta sãritul caprei calul cercul mãciuca asamblarea zarul dama emersiune.hotii şi vardişti l’inseguimento della cacciagione .tãruş. ciocan de crichet masca ciocanul jucãria mecanicã trotineta de-a va-ti ascunselea înnotul obstacolul baschetul hambalul polo voleiul paleta remare la rete il rimpiattino gli scacchi lo scricàlsino lo scherma lo sci la sciabola la sciovìa la scivolarella la scopa la slitta la slittovìa il solitario la spalliera la spada lo stallo la stanga la stecca lo stringinaso subacqueo il tifoso i l t i ro il tobòga il trampolino la trave il tuffo la tuta la valanga il vermicciuolo il vileggiatore la zavorra a vâsli golul.lovitura de pedeapsã .urmãrirea vânatului la mosca cieca . de box) imersiune.tabla de şah lo scacco matto . fileul de-a va-ti ascunselea şah tintar srima schi sabia teleschi coborârea scãrii prin alunecare pe balustradã joc de carti sania funicular pentru sãnii joc de carti spalierul spada şah la rege bara fixã betişor ochelari de protectie (ficşi pe nas) subacvatic microbist tir.bara fixã la scacchiera dei quadretti . joc în cerc mãnuşi mari (de scrimã.canotajul de plãcere.aparat de gimnasticã . tragere cu arma tobogan trambulina bârna sãritura salopeta avalanşa viermişor planorul lest. cui .de-a baba oarba il picchetto di gioco . ieşire la suprafatã echipament momeala floreta puşca teleferic întrecerea sulita.canotajul PENTRU A ÎNTELEGE MAI i guanti palmati .lupta navalã . plasa. cui la sbara fissa .baloane de sãpun . de .tãruş. scufundare sfoara de unditã mai.mãnuşi de scufundãtor le guardie e i ladri . lancea cãluşei hora.bras UNITÀ 17 5 .fluture lo stile a rana . balast BINE l’attrezzo ginnico la battàglia della mattonèlla la battàglia navale le bolle di sapone il birillo di gioco il calcio all’angolo il calcio di rigore il canottagio di diporto agrement il canottagio da gara .spate lo stile a farfalla .ridicarea greutãtii lo stile sul dorso .şah mat il sollevamento del peso .

 IL MODO IMPERATIVO MODUL IMPERATIV UNITÀ 17 6 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI il canottaggio a pagaia il canottaggio a remi il cervo volante fare chiasso competitional . “Non partiamo!” – sã nu plecãm noi. mari vânãtoare de anumale mari oameni ignoranti grosso di cervello grosso modo grosso d’udito parola grossa persona grossa pezzo grosso EXPRESII CU greu de cap aproximativ greu de urechi vorbã grea persoanã bogatã om influent GRAMATICÃ IL MODO IMPERATIVO (MODUL IMPERATIV) incdicã o comandã sau o invitatie. o rugãminte. gâfâit a-i fierbe sângele în vene a fi tare de urechi vite cornute.tir la disc . cãreia nu i se poate da un ordin. “Mi dìa una mano!” – dati-mi o mânã de ajutor. voluminos. Pentru celelalte persoane ( a treia singular şi plural şi prima plural). la forma negativã pentru a doua persoanã singular se foloseşte infinitivul precedat de negatia “non”. “Non parta!” – sã nu plece el. în timp ce la alte persoane forma negativã se va forma la fel ca la celelalte moduri: “Non partire!” – nu pleca. “State buoni!” – stati cuminti. ea / nu plecati Dumneavoastrã. ciocan de crichet) = la boccetta (minge micã. popic) = il picchetto di gioco (tãruş. ele / nu plecati Dumneavostrã.canotajul academic . cui) il calcio = la rete (golul) il canottaggio a remi = il canottaggio a pagaia (canotajul academic) il nascondino = il rimpianto (de-a va-ti ascunselea) CUVINTELE GROSSO – mare. Iatã câteva caracteristici: La IMPERATIV lipseşte prima persoanã. important avere il fiato grosso avere il sangue grosso avere l’udito grosso bestie grosse caccia grossa gente grossa a respira greu. gros.a face gãlãgie il tiro al disco il tiro a piattelli il tiro a volo . solid.zmeul . “Non partano!” – sã nu plece ei.tir la zbor SINONIME l’aquilone il bastone il birillo il birillo di gioco = il cervo volante (zmeu) = il maglio (mai. “Facciàmo noi!” – sã facem noi. “Non partite!” – sã nu plecati voi.tir la talere . imperativul foloseşte formele conjunctivului prezent fãra conjunctia “che”: “Fàccia lei/Lei!” – sã facã ea/faceti Dumneavoastrã. “Prèndino queste medicine!” – luati aceste medicamente. Acesta are douã timpuri: PREZENT şi VIITOR (identic cu timpul viitor al indicativului). un sfat sau un îndemn:”Fèrmati là!” – opreşte-te acolo. Persoanele proprii modului sunt a doua persoanã singular (fa tu questo!) şi a doua persoanã plural (fate voi questo!). “Fàcciano loro/Loro!” – sã facã ele/faceti Dumneavoastrã (mai multe persoane) NOTA: 1.canotajul academic .

parlagli. le parli. dalle). ce. parliamo loro. Stammi a sentire un po’. parla loro. a voi. ci. te rog o favoare. parlati. a lei.” – fã-o numai pentru cã mã consideri prietena ta. vorbiti-i (ei). “Dacci il programma dello spettacolo. parla Loro (vorbeşte-mi. în propozitii de genul: a. quando non me ne servirà più” – fã o plimbare cu mine. a lui. Parliamo (noi) + a ti. “Va’ a dire a Mario che l’aspetto. vorbiti-ne. vorbiti-vã. vi parlino. “Dimmi la verità. “Da’ queste riviste a Marila. a loro. vorbiti – le Dumnealor despre asta !) c. solamente a me!” – spune-mi-l . a ti. vorbiti –le lor. a Lei. “Sta’ a sentirmi. non più tardi. le parlino. vorbeşte-i Dumnealui / Dumneaei. ea / sã fiti Dumneavoastrã Siamo noi – sã fim noi AVERE – a avea Abbi tu – ai tu Abbia lui. Vagli a dirlo. Le parlino. a Lei. di questo . parliamoci. a lei. vorbiti-i (lui). a Lei. Parli (lui. parlategli. ma dalle solo a lei!” – dã aceste reviste Mariei. a loro. vi parli. se vuoi!” – spune-le tuturor acele poveşti.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 2. sã ne vorbim. a ti. Parlino (loro. b. nu mai târziu. parliamovi. vorbiti – le Dumnealor despre asta !) e. 4. ti parlino. lo. d. parlatele. vorbiti-vã. când nu voi mai avea nevoie. a lei. Vattene!” – du-te şi spune-i lui Mario cã îl aştept. dar dã-i-le numai ei. parliamo Loro (sã –ti vorbim. non mi dire di no!” – fãmi-o şi gata. la. a lui. sã –i vorbim (ei). ma dimmela. quel quaderno. a lui. a voi. vorbiti-i (lui). ti parli. Parla (tu) + a mi. a loro. ci parli. “Non voglio tutte le caramelle. di questo . nu te mişca atât. fa’. “Dilla ti prego. a lei. a Loro – di ciò. “Dammi prego. “Alzatevi!” – ridicati-vã. parlateci. dar dã-mi-l repede. cu pronumele. acel caiet. parli loro. “Fammelo e basta. vorbeşte-ne. a Loro – di ciò. dicci.. parlaLe. sã –i vorbim Dumnealui / Dumneaei. pentru verbele reflexive. Dammene soltanto una. vorbeşte-ti. vorbeşte-i (lui). “Fallo solo perché mi consideri la tua amica.. “Dille a tutti quelle storie. per piacere!” – nu vreau toate bomboanele. dar spune-mi-l. a noi. di questo – Parlami. parli Loro (vorbiti-mi. “Fammi un favore. a noi. te rog. Le parli. exceptie face “gli”. c.. a voi. numai mie. parlatevi. te rog. am nevoie de asta! Dar fã-o acum. a noi. a Loro – di ciò. parlino loro.Parliamoti. a loro. vorbiti – le Dumnealor despre asta !) 3. Dã-mi numai una din ele. “Alziamoci!” – sã ne ridicãm. dar “Si alzi! (Lei)” – ridicati-vã Dumneavostrã. nu mã minti. “Fa’ quattro passi con me. ea / sã aveti Dumneavostrã Abbiamo noi – sã avem noi UNITÀ 17 7 . parliamogli. parlale. vorbeşte-i (ei). Pleacã! AUSILIARI  L’IMPERATIVO DEI VERBI MODUL IMPERATIV AL VERBELOR AUXILIARE ESSERE – a fi Sii tu – fii tu Sia lui. nu mã refuza. “Di’ che cosa vuoi e a chi vuoi!” – spune ce vrei şi cui vrei. a lui. a Lei. “non me le dire!” – nu mi le spune. vorbiti-ne. vorbiti-i (lui). daccelo per cortesia!” – dã-ne programul spectacolului. a loro. non mi mentire!” – zi-mi adevãrul. parlate Loro (vorbiti-mi. sã –i vorbim (lui). a noi. dacã vrei. ne = dammi. di’. ci parlino. a lui. Formele atone ale pronumelor personale adãugate imperativelor monosilabice îşi dubleazã consoana initialã (da’. Lei) + a mi. lei / Lei – sã fie el. Du-te şi spune-i. a Loro – di ciò. le.Mi parlino. prego. Dar: “Non le dire a me!” – nu mi le spune mie. imperativul se combinã în urmãtoarele moduri: a. “Si alzino! (Loro)” – ridicativã Dumneavostrã. a voi. li. vorbiti-i (ei). gli parlino. a lei. di questo . vorbiti –le lor. vorbiti-i Dumnealui / Dumneaei. di questo Mi parli. parlateLe. a Lei. Loro) + a mi. vorbiti-i Dumnealui / Dumneaei.Parlatemi. fi amabil şi dã-ni-l. a Loro – di ciò. vorbiti-i (ei).” – fã-mi. gli parli. lei /Lei – sã aibã el. sta’ + mi. fallo. vorbiti-ne. parlino Loro (vorbiti-mi. vorbeşte – le Dumnealor despre asta !) b. parlaci. ma dammelo subito!” – dã – mi. te rog. vorbeşte –le lor. a noi. lei. parlate loro. non ti muovere tanto!” – stai şi ascultã-mã! Ascultã-mã putin. ne ho voglia! Ma falli ora. Parlate (voi) + a mi. parliamole. sã le vorbim. vorbiti-vã. vorbiti-i Dumnealui / Dumneaei. vorbiti –le lor. pronumele atone se vor folosi în acelaşi mod:”Alzati!” – ridicã-te. parliamoLe. sã le vorbim Dumnealor despre asta !) d.

vadano Bevi. diano Di’. dia. veniamo. debbono Fa’. venga. lei / Lei Portiamo noi Portate voi Portano loro / Loro COMUNI  L’IMPERATIVO DEI VERBI andare bere dare dire dovere fare salire sapere stare udire uscire vedere venire volere Va’. stia. facciano Sali. dicano Devi. saliamo. dite. vogliamo. lei. lei / Lei Partiamo noi Partite voi Partano loro / Loro FINIRE – a termina Finisci tu Finisca lui. venite. vengano MODUL IMPERATIV AL VERBELOR COMUNE Vogli. plecati Dvs! – sã nu plece!. faccia. vediamo. sã plecati Dvs! – sã nu plece ei!. lei / Lei Finiamo noi Finite voi Finiscano loro / Loro PORTARE – a aduce Porta tu Porta lui. andate. sappiano Sta’. uscite. odano Esci. esca. dobbiamo. lei / Lei Prendiamo noi Prendete voi Prendano loro / Loro MODUL IMPERATIV AL VERBELOR REGULATE PARTIRE – a pleca Parti tu Parta lui. sappiamo. sappiate. oda. vogliano ANDARSENE  L’IMPERATIVO DEL VERBO MODUL IMPERATIV AL VERBULUI “A PLECA” Vattene! – Non andartene! (Non te ne andare!) – pleacã! – nu pleca! Se ne vada! – Non se ne vada (lui. stiamo. Lei)! – sã plece!. escano Vedi. udite. sã nu plecati Dvs! UNITÀ 17 8 . beva. diciamo. diamo. dica. date. vedete. sappia. usciamo. voglia. udiamo. deve. facciano. salgano Sappi. vogliate. salite.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Siate voi – sã fiti voi Siano loro / Loro – sã fie ei / sã fiti Dumneavoastrã Abbiate voi – sã aveti voi Abbiano loro / Loro – sã aibã ei / sã aveti Dumneavostrã REGOLARI  L’IMPERATIVO DEI VERBI PRENDERE – a lua Prendi tu Prenda lui. dovete. vedano Vieni. beviamo. stiano Odi. vada. nu plecati Dvs! Andiamocene! – Non andiamocene! (Non ce ne andiamo!) – sã plecãm! – sã nu plecãm! Andatevene! – Non andatevene! (Non ve ne andate!) – plecati! – nu plecati! Se ne vadano! – Non se ne vadano! – sã plece ei!. andiamo. bevano Da’. bevete. veda. fate. state. salga.

Rispondete alle seguenti domande: . sciare. Completate le seguente frasi con i verbi al tempo e al modo giusto: Sarà difficile che lui arrivare in tempo. fare alpinismo? Che cosa occorre per praticarli? Come si arriva in montagna quando non ci si va a piedi? Quali sono le vie conosciute? Quali sono gli sport balneari e della vela? Descriveteli! Quali sono gli stili del nuoto? E quale lo preferite voi? Che giochi da tavola conoscete e come si giocano? Che cosa sono gli scacchi e di che cosa si compongono? Che giochi da carte conoscete? Quali sono i giochi d’azzardo? Quando si fanno i giochi d’artifici? Quali sono i giochi infantili ed i giocattoli che voi conoscete? Quali vi piacciono di più? E perché? 2. Essi volevano che noi finire subito il lavoro. Il ragazzo temeva che io non essere tornato.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI 1.Come vengono raggruppati gli sport? - EXERCITII Quali sono gli sport d’atletica leggera? Ma quelli d’atletica pesante? Che sport della grande e piccola palla conoscete? Quali sono le prove e l’equipaggiamento della ginnastica? Quali sono gli sport dell’acqua e dell’aria? Descriveteli! Parlate sulla caccia e sulla pesca? Che sport della neve conoscete? Vi piace pattinare. Noi preferiamo che scrivere voi la lettera. Io ho sperato che non piovere. UNITÀ 17 9 . Lei credeva che voi essere già andati via. Bastava che tu me lo dire. Loro sperano che Mario essere eletto.

Io speravo che tutti rimanere d’accordo. Loro hanno desiderato che voi venire qui. udã-le acum! Mario. am avut dreptate sã mã supãr! Dã-mi te rog cartea de pe masã. 3. şi voi. la ce orã pleacã expresul de Roma? Ai udat ieri florile? Te rog.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Io avevo avuto paura che lei non superare l’esame. Essi non avvrebbero potuto sapere che fare caldo o fresco. grãbiti-vã sã nu întârziati la şcoalã! Du-te acasã! Fã temele şi învatã poezia! Mãnâncã. Bisognerebbe che la mamma partire. E’ molto urgente che il telegramma arrivare domani. Lei avvrebbe voluto che restare con noi. Traducete in italiano: Mamã. fã un duş şi du-te la culcare devreme! Lasã-mã în pace! Nu fi pisãlog! UNITÀ 17 10 . de ce nu-ti faci lectiile? Scrie-ti tema la francezã şi controleazã-ti problemele la matematicã! De ce nu vii mai repede. vino te rog! Fii atent sã nu calci pe iarbã! Nu te uita aşa la mine. Gli dispiacerebbe che essi non essere tornati. copii.

Coniugate i seguenti verbi all’imperativo: Cantare (a cânta) Temere (a se teme) UNITÀ 17 11 . Bunicule. D-nã. scuzati-mã. aşezati-vã şi aşteptati. ati citito? Domnilor. dumneata ce echipã preferi? 4. Spunetimi dacã vã place. spuneti-mi. mai ales citrice! Aveti grijã de sãnãtatea corpului vostru! Oh. cartea asta e interesantã? Dv. faceti putin loc pentru a pune bradul. dati-mi paşaportul. D-le. d-nã! Sunteti noua profesoarã! D-rã. cãlãtoria de mâine e lungã! Sã fim de acord! Beti multã apã mineralã! Evitati Coca. cafeaua şi alcoolul! Mâncati multe fructe. alegeti o jucãrie sau o carte pentru copil.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Nu sta aici! Nu spune prostii! Nu veni cu mine! Sã plecãm de-aici imediat! Sã dormim.

Metti al plurale (da tu a voi): UNITÀ 17 12 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Dormire (a dormi) Dare (a da) Piacere (a plãcea) Salire (a ieşi) Vedere (a vedea) 5.

prego! Accomodati qui! Sali più presto! Fa’ il vaccino! Prendi le medicine! Leggi il compito! Scrivi più bello! 6. Cari amici. UNITÀ 17 13 . Volgete l’infinito alla conveniente persona dell’imperativo: Mario. Non guardare più la televisione. volere venire qui. per favore! Entra. prendere il libro e studiare la lezione. Signori. sedersi a questa tavola. discutere seriamente quest’argomento.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Abbi pazienza! Alzati e avvicinati! Saluta il professore! Da’ la mano! Scendi subito di là! Va’ dal medico! Sta’ zitto! Dammi la penna! Siedi. accomodarsi e prepararsi per scrivere. Signora. Bambini.

il bombo dorme. Perciò sarà sempre difficile giudicare equamente i politici.Quale? .Efficacissima! Infaillibile! Costa soltanto 15.000 lire la bottiglia. dottore.Sarà l’età.Una magnifica perrucca! Chiedete un favore sempre dopopranzo.Mi fa male la gamba sinistra. Non fatene mai uno prima del pranzo.Sarà poi efficace questa vostra lozione contro la calvizia? – domanda il cliente al negoziante. dove vanno gli uccelli quando nevica? Sorella. Mario. Perché devo aver male ad una gamba sola. venire subito e non tardare tanto stasera. Dirmi.Sciochezze. dottore! Medico: . e' la risposta piu' azzeccata che ho sentito. caro mio signore. non piangere e smettere di far brutta figura. Signore: . (Arthur Schitzler) "Gump! Quale e' il tuo solo scopo in questo esercito?" " Fare tutto quello che mi dice sergente istruttore !" "Maledizione Gump! Sei un maledetto genio. devi avere un maledetto Q. sei maledettamente dotato militare Gump !" (Forest Gump) . Signore: . mamma. . (Carlo Dossi) UNITÀ 17 14 . dare questo mazzo di fiori alla professoressa. Ragazzi. di 160. E alla decima bottiglia che comprate c’è un regalo.I. ho comprato questo quadro con così pochi soldi. Se vuoi che ti perdoni. Immaginarvi. farmi questa cortesia Luisa. quando tutt’e due hanno la stessa età! (Rocky) Adriana: " Ti posso fare una domanda ? " Rocky Balboa: " Via libera " Adriana: " Ma tu perchè fai il pugile ? " R B: " Perchè non ballo e non canto " E' difficile decidere quando la stupidità assume le sembianze della furfanteria e quando la furfanteria assume le sembianze della stupidità. parlare più piano.CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI Ti prego. .

una lingua fantastica soprattutto per pronunciare oscenità "nom de Dieu de putain de bordel de merde de saloperie de connard d'enculè de ta mère!" Sentite? è come pulirsi il culo con la seta…ne sono affascinato” (Matrix Reloaded) Tra due amici: . io le ho provate tutte ma il francese resta la mia preferita. (Nicolas de Chamfort) UNITÀ 17 15 .CORSO D’ITALIANO PRINCIPIANTI " Adoro i vini francesi come pure la lingua francese.E che cosa ti ha detto il medico per la tua amnesia? .Mi ha detto di pagarli il conto antcipamente. bisogna che vi sia tra loro o piacere o ricordi o desiderio. Perché una relazione fra uomo e donna sia veramente interessante.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful