You are on page 1of 14

ESERCIZIO

1-

Vero o Falso ?

Le seguenti affermazioni, che riguardano le caratteristiche generali del verbo latino, possono essere vere o false Clicca sulla risposta che ritieni corretta.
1. Si chiamano deponenti alcuni verbi che hanno forma passiva ma significato attivo. Vero Falso 2. In latino la forma passiva di un verbo transitivo attivo si forma in ogni caso come in italiano, cio con laiuto dellausiliare essere. Vero Falso 3. I modi finiti latini corrispondono esattamente a quelli italiani. Vero Falso 4. Nel sistema verbale latino esiste anche limperativo futuro. Vero Falso 5. Le persone del verbo latino sono diverse da quelle del verbo italiano. Vero Falso 6. I tempi del modo indicativo latino corrispondono esattamente a quelli del modo indicativo italiano. Vero Falso 7. Ricordare il paradigma di un verbo importante per stabilire il significato del verbo. Vero Falso 8. Un verbo transitivo italiano sempre transitivo anche in latino. Vero Falso 9. La terminazione della I persona singolare dellindicativo presente rivela a quale coniugazione appartiene un verbo. Vero Falso 10. Allinfinito presente i verbi della II e della III coniugazione attive presentano terminazioni del tutto identiche e sono quindi fra loro indistinguibili. Vero Falso

ESERCIZIO

2 - Traduzione di forme verbali di III e IV coniugazione

Inserisci la traduzione richiesta dopo il segno di UGUALE.


1. dicimus = NB: dico, is, dicere = dire 2. scis = NB: scio,is,scire = sapere 3. ducitur = NB: duco, is, ducere = condurre 4. ducitis = 5. audimini =
NB: audio, is, audire = ascoltare 6. curritis = NB: curro, is, correre = correre 7. dici = NB: dico,is, dicere = dire 8. epistulae mittuntur = le lettere NB: mitto, is, mittere = mandare 9. inveniris = NB: invenio, is, in venire = trovare 10. pugnae vincuntur = le battaglie NB: vinco, is, vincere = vincere 11. defendimini = NB: defendo, is defendere = difendere 12. dea colitur = la dea NB: colo,is, colere = venerare

ESERCIZIO

coniugazione

3 - Trasformazione di forme e strutture. I e Il

Trasforma le seguenti voci verbali dalla forma attiva a quella passiva o viceversa. 1. nuntiat = NB: nuntio, as, nuntiare = annunciare 2. terres = NB: terreo, es, terrere = spaventare 3. timetur = NB: timeo, es, timere = temere 4. videtis =
2/14

NB: video, es, videre = vedere 5. servabo = NB: servo, as, servare = salvare 6. obsideor = NB: obsideo, es, obsiderer = assediare 7. videmus = NB: video, es, videre = vedere 8. optatis = NB: opto, as, optare = desiderare 9. movemini = NB: moveo, es, move re = muovere 10. expectam = NB: expexto, as, expectare = aspettare

ESERCIZIO

coniugazione

4 - Trasformazione di forme e strutture. III e IV

Trasforma le seguenti voci verbali dalla forma attiva a quella passiva o viceversa. 1. dicunt = NB: dico, is, dicere = dire 2. mittere = NB: mitto, is, mittere = mandare 3. ducimus = NB: duco, is, ducere = condurre 4. auditis = NB: audio, is, audire = ascoltare 5. inveniris = NB: invenio, is, in venire = trovare 6. audimur = NB: audio, is, audire = ascoltare 7. reperior = NB: reperio, is, reperire = ritrovare

ESERCIZIO

5 - Vero o Falso ? Le seguenti affermazioni, che riguardano le caratteristiche generali del nome latino, possono essere vere o false Clicca sulla risposta che ritieni corretta.
3/14

1. Il genere maschile e femminile e proprio dei soli sostantivi che indicano esseri animati, il neutro dei soli sostantivi che indicano oggetti. Vero Falso 2. La funzione sintattica (soggetto, oggetto, complemento ecc.) che un nome ha nella frase viene espressa allo stesso modo in italiano e in latino. Vero Falso 3. Ogni caso latino corrisponde a un complemento. Vero Falso 4. Declinare un sostantivo significa enunciare 12 forme. Vero Falso 5. Conoscere il genitivo di un sostantivo indispensabile per stabilire di quale genere . Vero Falso 6. Tutti i nomi della I declinazione presentano il nominativo singolare in -a (breve). Vero Falso 7. La I declinazione comprende solo sostantivi femminili. Vero Falso 8. La presenza del verbo sum presuppone un predicato nominale. Vero Falso 9. Lapposizione concorda con il sostantivo a cui si riferisce in numero, genere e caso. Vero Falso 10. Dopo un verbo passivo il complemento dagente si trova di norma espresso in ablativo senza preposizione. Vero Falso

ESERCIZIO

Traduzione di forme verbali Forme del verbo sum da tradurre dal latino in italiano e dallitaliano in latino

6-

Inserisci la traduzione richiesta dopo il segno di UGUALE.


1. 2. 3. Sumus eras eratis = = =
4/14

4. 5. 6. 7. 8. 9. 10 . 11 . 12 .

sunt es eram egli era voi siete noi eravamo egli e essi sono essi erano

= = = = = = = = =

ESERCIZIO 7

Completamento. [1 declinazione, ablativo dagente e di causa efficiente, dativo di termine, genitivo di specificazione, dativo di possesso, attributo e apposizione] Completa le frasi inserendo le parole mancanti. 1. Athleta amat . Latleta ama la vittoria. NB: vittoria = victoria, ae (f.) 2. Laetitia non paratur . La gioia non viene procurata dalla ricchezza. NB: ricchezza = divitiae, arum (f.) 3. Epistulam mitto . Mando una lettera a mia figlia. NB: figlia = filia, ae (f.); mia (pronome e aggettivo possessivo femminile) = mea 4. Athenae saepe celebrantur . Atene spesso viene celebrata dai poeti. NB: poeta = poeta, ae (m.) 5. Italia patria est. LItalia e la patria di marinai. NB: marinaio = nauta, ae (m.) 6. Orae pulchrae sunt. Le spiagge delle nostre isole sono belle. NB: isola = insula, ae (f.); nostra (aggettivo nella forma femminile) = nostra 7. Magistra laudat. La maestra loda le scolare attente. NB: scolara = discipula, ae (f.); attenta (aggettivo nella forma femminile) = sedula 8. Poetae Graeciam celebrant, Musarum. I poeti celebrano la Grecia, patria delle Muse
5/14

NB: patria = patria, ae (f.) 9. multae ferae sunt. Nel bosco ci sono molte bestie selvatiche. NB: bosco = silva, ae (f.) 10. amicitias delemus. Con la discordia distruggiamo le amicizie. NB: discordia = discordia, ae (f.) 11. Arae dearum ornantur . Gli altari delle dee vengono ornati di rose. NB: rosa = rosa, ae (f.) 12. Incolae insularum servantur . Gli abitanti delle isole si salvano con la fuga. NB: fuga = fuga, ae (f.) 13. Ferae necantur . Le belve vengono uccise con le frecce. NB: freccia = sagitta, ae (f.) 14. Agricola terram arat. Il contadino ara con gioia i campi. NB: gioia = laetitia, ae (f.) 15. Sapientia non paratur . La saggezza non si procura con la ricchezza. NB: ricchezza = divitiae, arum (f.) 16. Domina epistulam mittit. La padrona invia una lettera per mezzo di una schiava. NB: schiava = serva, ae (f.) Inserisci la forma richiesta del verbo. 19. Vos piratae , non nautae ! Voi siete pirati, non marinai! 20. Athenae a Persis Atene distrutta dai Persiani. NB: distruggere = deleo, es, delere

ESERCIZIO

8 - Trasformazione di forme e strutture: (singolare / plurale) Completa le frasi dopo aver trasformato dal singolare al plurale i sostantivi sottolineati.
1. Discipula magistram salutat. = La scolara saluta la maestra. Discipula salutat. 2. Stellae viam indicant nautis. = Le stelle indicano la strada ai marinai. Stellae viam indicant . Completa le frasi dopo aver trasformato le forme verbali sottolineate dalla 2 persona plurale alla 2 singolare.
6/14

3. A magistra vocamini Siete chiamati dalla maestra. A magistra . Completa le frasi dopo aver trasformato le forme verbali sottolineate dalla 1 persona plurale alla 1 singolare. 4. A piratis obsidemur Siamo assediati dai pirati. A piratis . Senza cambiare lordine delle parole, trascrivi lintera frase IN LATINO dopo aver trasformato dal singolare al plurale o viceversa il/i sostantivo/i sottolineato/i. Attenzione alla nuova concordanza fra soggetto e predicato! 5. Agricola vitam rusticam laudat. Il contadino loda la vita in campagna. 6. Magistra linguam Latinam docet. La maestra insegna la lingua latina. 7. Poetae fabulas narrant. I poeti raccontano leggende. 8. Ancilla a domina vocatur. Lancella viene chiamata dalla padrona. 9. Discipulae a magistris monentur. Le scolare vengono ammonite dalle maestre.

ESERCIZIO

Trasformazione di forme e strutture (attivo / passivo) Volgi la frase dallattivo al passivo IN LATINO, ponendo in prima posizione il soggetto. 1. Puellae matronam salutant. Le ragazze salutano la matrona. 2. Nautae insulas vident. I marinai vedono le isole. 3. Matronae deas honorant. Le matrone onorano le dee. 4. Iniuriae amicitias delent. Le ingiurie distruggono le amicizie. 5. Romae historia a magistra narratur. La storia di Roma e raccontata dalla maestra. 6. Columbae aquilas timent. Le colombe temono le aquile. 7. Insula a piratis obsidetur. Lisola e assediata dai pirati.
7/14

9-

8. Historia victorias celebrat. La storia celebra le vittorie. Volgi la frase dallattivo al passivo, ponendo in prima posizione il gruppo del soggetto (aggettivo + sostantivo). 9. Poetae antiquas deas celebrant. I poeti celebrano le antiche dee.

ESERCIZIO

10 Completamento Nom. in -us e in -er; determinazioni di luogo. Completa la frase inserendo la parola mancante.
1. Saepe epistulam scribo. Spesso scrivo una lettera agli amici. NB: amico = amicus, i (m.) 2. Saepe video. Vedo spesso gli amici. 3. Legatus vulneratur Il luogotenente viene ferito con la spada. NB: spada = gladius, gladii (m.) 4. In insula magnum templum erat. Nellisola di Delo cera un grande tempio. NB: Delo = Delus, i (f.) 5. poetae Romae historiam narrant. Molti poeti narrano la storia di Roma. NB: molto = multus, a, um 6. populi gratam umbram praebent. Gli alti pioppi forniscono unombra gradita. NB: pioppo = populus, i (f.); alto = altus, a, um 7. Rami gratam umbram praebent. I rami del frondoso platano forniscono unombra gradita. NB: platano = platanus, i (f.); frondoso = frondusus, a, um

ESERCIZIO

11 Trasformazione (attivo / passivo) Volgi la frase dalla forma attiva alla forma passiva o viceversa IN LATINO, ponendo in prima posizione il soggetto.
1. Servus portam aperit. Lo schiavo apre la porta. NB: servus, i (m.) = schiavo; porta, ae (f.) = porta; aperio, is, ire = aprire 2. Exempla animos trahunt. Gli esempi trascinano gli animi. NB: animus, i (m.) = animo; exemplum,i (n.) = esempio; traho, is, ere = trascinare

8/14

3. Socii a Romanis defenduntur. Gli alleati vengono difesi dai romani. NB: socius, ii (m.) = alleato; defendo, is, ere = difendere 4. Libera discipulis legitur. Il libro viene letto dagli scolari. NB: discipulus, i (m.) = scolaro; liber = libro 5. Muri oppidum defendunt. Le mura difendono la piazzaforte. NB: murus, i (m.) = muro; oppidum, i (n.) = piazzaforte; defendo, is, ere = difendere 6. Marcus verba nostra non audit. Marco non ascolta le nostre parole. NB: verbum, i (n.) = parola; noster, =ascoltare

nostra, nostrum = nostro; audio, is, ire,

7. Discipulus consilium magistri audit. Lo scolaro ascolta il consiglio del maestro. NB: consilium, ii (n.) = consiglio; audio, is, audire = ascoltare 8. Galli a Romanis vincuntur. I Gallivengono sconfitti dai Romani. NB: vinco, is, vincere = vincere; Gallus, i = Gallo 9. Captivi a Romanis custodiuntur. I prigionierisono custoditi dai Romani. NB: captivus, i (m.) = prigioniero; custodio, is, ire = custodire 10. Discipuli grammaticam Latinam discunt. Gli scolari imparano la grammatica latina. NB: disco, is, discere = imparare; discipulus, i (m.) = scolaro

ESERCIZIO

12 Scegli la risposta esatta. Stabilisci se la parola sottolineata attributo, apposizione o nome del predicato. Clicca sulla risposta che ritieni corretta
1. Pigri discipuli a magistro puniuntur. Gli scolari pigri vengono puniti dal maestro. attributo apposizione nome del predicato 2. Multi discipuli pigri sunt. Molti scolari sono pigri. attributo nome del predicato apposizione 3. Horatius, clarus poeta, Romae vivebat. Orazio, famoso poeta, viveva a Roma. attributo nome del predicato apposizione 4. Romani fidis sociis auxilium ferunt. I Romani portano aiuto agli alleati fedeli.
9/14

nome del predicato attributo apposizione 5. Neptunus nautarum deus erat. Nettuno era il dio dei marinai. attributo apposizione nome del predicato Stabilisci il caso e la funzione sintattica del sintagma / della parola sottolineata. 6. Etrusci a Romanis vincuntur. Gli Etruschi sono vinti dai Romani. ablativo di moto da luogo ablativo dagente ablativo di mezzo 7. Mediolani sumus. Siamo a Milano. dativo di termine dativo di possesso locativo Seleziona la parola mancante. 8. _ _ _ _ _ multi amici sunt. Marco ha molti amici. Marco Marci Marcus Seleziona, in base al contesto, lespressione mancante. 9. Transfugae __________ evadunt. I disertori escono dallaccampamento. e castris castris ad castra

ESERCIZIO

Traduzione di forme verbali (dal latino in italiano) Inserisci la traduzione richiesta. 1. videbas = NB: video, es, videre = vedere 2. liberabamur = NB: libero, as, liberare = liberare 5. ponimus = NB: pono, is,ponere = porre 6. puniebamini = NB: punio, is,punire = punire 7. ferebatis = NB: fero, fers, ferre = portare 8. volebat:
10/14

14

NB: volo, vis, velle = volere 9. eratis = NB: sum, es, esse = essere 10. appellabaris = NB: appello, as, are = chiamare 11. puella appellabatur = la ragazza 12. vinciebamini = NB: vincio, is, vincire = legare 14. vinciebatis =

ESERCIZIO

Traduzione di forme verbali i (dal latino in italiano) Inserisci la traduzione richiesta. 1. appellabis = NB: appello, as, are = chiamare 2. Leget = NB: lego,is,legere = leggere 3. videbimur = NB: video, es, videre = vedere 4. appellaberis = NB: appello, as, are = chiamare 5. discipulae appellabuntur = le scolare 6. invenientur = NB: invenio, is, in venire = trovare 7. dicetis = NB: dico, is, dicer = dire 8. verum dicetur = il vero 9. respondebit = NB: respondeo, es, respondere = rispondere 10. eritis = NB: sum es, esse = essere

16

ESERCIZIO

17 Traduzione di forme verbali i (dal latino in italiano) Inserisci la traduzione richiesta.


11/14

1. nuntiabis = NB: nuntio, as, nuntiar = annunciare 2. nuntiabas = 3. nuntiaberis 4. videbimini = NB: video, es, videre = vedere 5. videbamini = 6. erunt = NB: sum, es, esse = essere 7. eritis =

ESERCIZIO

18 Traduzione di forme verbali i (dal latino in italiano) Inserisci la traduzione richiesta. 1. dederunt = NB: do, das, dedi, datum, dare = dare
2. habuimus = NB: habeo, es, ha bui, ha bit um, habere = avere 3. scripsisti = NB: scribo, is, scripsi, scriptum, scribere = scrivere 4. venisti = NB: venio, is, vehi ventum, venire = venire 5. Soror mea venit = mia sorella 6. fuimus = NB: sum, es, fui, esse = essere 7. Fuerunt = 8. aspexistis = NB: aspicio, is, aspexi, aspectum, ere = guardare 9. duxit = NB: duco, is, duxi, ductum, ducere = condurre 10. ducebatur = 11. terrebitis =
12/14

NB: terreo, es, terrui, territum, terrere = spaventare

13/14

Traduci queste versioni e cerca con cura i verbi. Le dee dei Romani In Italia innumerae deae sunt et ab Italiae incolis coluntur. Praecipuae sunt Hera, Minerva, Vesta atque Diana. Hera regina dearum et patrona nuptiarum et matronarum est. Minerva sapientae dea est et industriae, scientiarum, scholarum poetarumque patrona est. Minervae statuae galea, lorica et hasta armatae sunt; Minerva enim non solum sapientiae dea est, sed etiam pugnarum. Vesta patriae et familiae patrona est; a puellis in ara Vestae flamma perpetua servatur. Etiam Diana clara est; Diana silvarum dea et regina nympharum est; sagittis et pharetra ornata est et in silvis cum nymphis feras saepe agitat et necat. Diana pudicitiam amat et puellas ante nuptias protegit; non solum silvarum dea est, sed etiam viarum. Atene e Sparta Attica Graeciae terra est. Atticae incolae mercaturam non solum in Graecia, sed etiam in multis insulis et in Asiae et Italiae oris exercent. Nam orarum incolae multas divitias habent et nautarum peritia magnam pecuniam parat. Saepe in pulchris villis vivunt, prope oram. Sed Attica clara est etiam magna copia olearum et vinearum. Athenae in Attica sunt: Athenae clarae sunt praesertim litteris, eloquentia et philosophia. Athenis fere cotidie athletae in palaestris sunt. Poetae tragoediis et comoediis incolas et advenas delectant. Sparta quoque in Graecia est. In cunctis terris severa disciplina Spartae incolarum clara est. Spartae vita parca agitur, incolae rare (avverbio = raramente) litteras et scientiam discunt, agriculturam aut mercaturam non exercent. Enea e Latino Aeneas (NOM.), ex patria profugus, primo in terram Macedonicam venit, inde in Siciliam, postremo ab Sicilia ad agrum apud Laurentum (ACC. = Laurento una localit) appellit. Ibi Troiani nam arma tantum et navigia habebant praedam ex agris agebant. Tum Latinus rex cum illius (GEN. = di quella) terrae incolis contra advenas armati ex oppido atque agris concurrunt. Ante proelium Latinus atque Aeneas ad colloquium veniunt. Rogat Latinus: Quis (Chi?) es? Unde venis?. Respondet Troianus: Aeneas sum, Anchisae filius et Veneris. Ex patria profugus, locum quaero, ubi oppidum condere volo. Tum rex, admiratus (PART. PERF. = avendo ammirato) viri magnum animum, amicitiam cum Aenea (ABL.) facit. Inde Aeneas a Latino hospitium recipit et rex Laviniam filiam Aeneae in matrimonium dat. Arione e il delfino Arion poeta erat et citharoedus, in cuncta Graecia valde clarus: citharam suaviter cantabat et ut luscinia canebat. Olim Italiae pulchras terras visere desiderat: probatur quoque ab Italicis incolis, qui (NOM. = che) magnam pecuniam ei (DAT. = gli) donant. Postea cum multis divitiis in Graeciam instituit remeare; naviculam igitur et nautas amicos deligit. Nautae in altum pelagus contendunt, sed mox, praedae et pecuniae avidi, Arionem (acc.) necare constituunt. Tum ille (quello, NOM.) pecuniam suam nautis dat et unum orat. Sua indumenta desiderat induere et canere. Obtinet atque mox, pulchra tunica ornatus, suaviter cantat; postremo in aquam se (si, pron. rifl. ACC.) iacit. Nautae rapide discedunt, sed novum et mirum facinus contingit: Arionis cantu vocatur delphinus, qui [il quale, NOM.] repente inter undas poetam in dorsum capit et in terram vehit.

14/14