You are on page 1of 1

13

VITA

15 LUGLIO 2011

esperenze
Piano energetico, tutto tace

io scelgo
ATTEO RENZI HA COMUNICATO che chiuder tutto il centro di Firenze per farlo diventare uno spazio solo per i cittadini. E vuole iscrivere Firenze nella corsa delle citt green. I piccoli Comuni hanno condotto la battaglia del referendum dellacqua e del nucleare. E hanno vinto. Tanti cittadini che si sono spesi via web e nelle piazze per portare la gente, con successo, alle urne. Milano ha votato alla grande, con il 95 % di S, i cinque quesiti che chiedevano sostanzialmente una citt pi green. E la pretenderanno dalla nuova Giunta del sindaco Pisapia. In parole povere, dal basso qualcosa si muove. Ma dallalto? Nulla. Ancora storditi dalluno-due delle amministrative/referendum, i ministri competenti tacciono sul piano energetico. I referendum hanno stravolto

La svolta sarebbe fare a Pontida un grande pratone fotovoltaico


di Diego Masi

GO GRE EN

lo smantellamento delle centrali per il 2020. La Francia, avendo unopinione pubblica ormai contraria e un partito verde vincente, comincer a pensare cosa fare delle sue 58 centrali. Per dismetterle. E noi? Zitti. Avremmo la possibilit di dare una scossa al piano, con un indirizzo green. Che vuol dire posti di lavoro, innovazione, un Paese moderno. E invece temo che staremo zitti ancora per un po, poi verr fatto un piano assolutamente banale accontentando un po tutti. Ma che poggi sul gas e sul petrolio/carbone che, piacciono allEni e allEnel. Con qualche timida escursione sullo shale gas. Perch trendy. A meno che i Comuni non si Verr fatto un piano banale accontentando ribellino e di Pontida ne facciano un po tutti. Che pogger su gas e petrolio e un pratone di fotovoltaico. Per carbone, tanto cari a allEni e allEnel la gioia di tutti. quello che doveva essere un abbozzo di piano, che consisteva pi o meno in energia atomica pi quello che c ora (gas, petrolio, carbone) con una manciata di rinnovabili, almeno per non avere rotture di scatole dallEuropa che pretende il raggiungimento del 20% di sole, vento e acqua per il 2020. E noi abbiamo promesso il 17%. Quindi ci chiediamo: quale sar il nuovo piano? Quali energie saranno incentivate e quali no? Quali i tempi previsti? Sul piano internazionale, gli altri Paesi sinterrogano anche senza referendum. La Germania, lAustria e la Svizzera hanno annullato i piani di sviluppo nucleare e hanno decretato

Emergenza Il modulo pronto a tutto


Visto cos, sembra un normale container pronto allimbarco. In realt il modulo EDV 1, questo il nome in codice, il rifugio autosu ciente prodotto da Diawa Lease che potr essere impiegato in qualsiasi situazione di emergenza come modulo abitativo, ospedale-sala operatoria o centro per il coordinamento degli aiuti... autosu ciente dal punto di vista energetico (grazie a cellule fotovoltaiche) e ha un sistema di riciclo delle acque e per lo smaltimento di ri uti. Ultraleggero, dotato di so sticati sistemi di comunicazione, pu essere trasportato da un elicottero e piazzato dove serve.

Pedala pedala
di Pasquale Coccia

Vacanze Il tour in bici si programma online


Questestate, passatela a pedali. Ci sono percorsi ciclabili per tutti e su misura per il tempo che avete a disposizione: un week end o una settimana, per famiglie con bambini o per single in vena di avventure, ma anche per una semplice sgambata domenicale che conservi la tintarella. Sono 17mila i chilometri di percorsi ciclabili che si trovano sul sito www.bicitalia.org curato dalla Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta. Una vera miniera di informazioni: 15 ciclovie, due varianti da nord a sud e da est a ovest della Penisola, rilevati da esperti della Fiab secondo il criterio del tra co a bassa intensit. Le chiavi di ricerca che il sito mette a disposizione consentono di organizzare il percorso ciclabile secondo i propri interessi, storici o ambientali o turistici. Inoltre, collegato al sito www.bicitalia.it trovate il www.albergabici.it, dove sono registrate tutte le strutture ricettive che forniscono servizi adatti ai cicloamatori: sono infatti segnalati tutti gli alberghi presenti lungo i percorsi ciclabili che forniscono un ricovero sicuro e al chiuso per le bici durante la notte, una piccola o cina in caso di riparazioni, men adeguato alle esigenze alimentari dei cicloturisti, possibilit di lavare e asciugare i vestiti e informazioni cicloturistiche. Una mappa interattiva d subito il colpo docchio sulla di usione delle strutture. Buone pedalate!

Eolico | limpianto modello di Poggio Imperiale

Sotto le pale i pomodori crescono davvero


dal vento lenergia su ciente a soddisfare trentamila famiglie. Siamo nella provincia di Foggia, nel parco eolico di Poggio Imperiale di propriet della International Power Gdf Suez, multinazionale leader nel settore delle rinnovabili. Qui, tra i campi di grano, pomodori e nocchi del Tavoliere, vengono prodotti 60mila MW/h allanno. Per capire quanti sono basta pensare che una famiglia in 365 giorni ne consuma 2mila. Ogni torre alta 80 metri, una pala lunga 60, tra una struttura e laltra passa una distanza di almeno 300 metri. Si capisce cos qual limpatto sul territorio: A di erenza delle centrali elettriche convenzionali, la parte non occupata dalle macchine pu essere impiegata per lagricoltura e la pastorizia, come si fa notare
UINDICI TURBINE PER PRODURRE

nel Windbook pubblicato da Aper Grandeolico, il gruppo dellAssociazione produttori di energie rinnovabili che riunisce le imprese del settore. Limpatto acustico, poi, non superiore ai 50 decibel, quelli che si producono in una normale conversazione. Questo impianto esemplare per capire le potenzialit delleolico in Italia, a erma Gianluca Cipolletta, lingegnere responsabile dei rapporti con il territorio della International Power. Ci troviamo in uno dei punti pi favorevoli dItalia allo sfruttamento dellenergia del vento, continua Cipolletta, tra Tirreno e Adriatico le correnti so ano con costanza alla velocit giusta: tra i 4 e i 20 metri al secondo. La Puglia, infatti, la prima regione per produzione di energia eolica, con i suoi 1.158 MW. Ma in Italia il potenziale

del settore in parte inespresso: Potremmo produrre 16mila MW, quelli attuali invece sono 6mila, ricordano i produttori. Eppure, nonostante le possibilit di crescita, recenti analisi fanno prevedere una battuta darresto per il comparto, storicamente trainante per le rinnovabili italiane. Secondo Cipolletta non di cile capire il perch: Lincertezza sui decreti ha rallentato gli investimenti. Senza dimenticare le strozzature in alcuni punti della rete di distribuzione, le infrastrutture sono inidonee a sopportare i picchi di produzione e quindi lenergia prodotta non viene immessa in rete. [Antonio Sgobba]