You are on page 1of 124

Politecnico di Milano Facolt di Ingegneria dellInformazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

PROBLEMI DI DIRITTO DELLINFORMATICA

Prof. Avv. Cesare Triberti Avv. Maddalena Castellani

INDICE E SOMMARIO

INDICE E SOMMARIO .......................................................................................................................2 1. PARTE GENEALE SLIDE 1-23 ......................................................................................................4 1.1 IL CONTRATTO ..................................................................................................................4 1.2 CONTRATTI MISTI e CONTRATTI ACCESSORI.............................................................7 1.3 PROPRIETA DEL SOFTWARE E DEGLI ALTRI MATERIALI...............................................9 1.4 CICLO DI VITA DEL SISTEMA ED IMPLICAZIONI GIURIDICHE ....................................12 1.4.1 Rilevanza giuridica della fase precontrattuale .........................................................12

1.4.2 I documenti propri della fase precontrattuale .........................................................16


1.4.3 Responsabilit contrattuale ............................................................................................45 2. CICLO DI VITA DEL SISTEMA ELABORATIVO - SLIDE 24-38 ..............................................64 2.1 Fasi del ciclo di vita del sistema ....................................................................................64 2.1.1. La fase dello studio di fattibilit o studio ..................................................................67 2.1.2 La fase dello studio dettagliato dei fabbisogni ........................................................71 2.1.3 La fase di ricerca del mercato ...................................................................................75

2.1.4 2.1.5 2.1.6 2.1.7

La fase della negoziazione del sistema elaborativo ................................................77 La fase della realizzazione del sistema elaborativo ...............................................79 La fase dellesercizio del sistema elaborativo .........................................................81 La fase della fine del sistema elaborativo ...............................................................83

3. LA TUTELA DEL SOFTWARE SLIDE 39-46 .............................................................................84 4. LICENZA DUSO DI SOFTWARE SLIDE 47-50........................................................................89 5. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL CONTRATTO DI SVILUPPO DI SOFTWARE SLIDE 5154 .......................................................................................................................................................93 5.1 NATURA GIURIDICA.............................................................................................................95 5.2 OGGETTO DEL CONTRATTO DI SVILUPPO DI SOFTWARE ..........................................95 6. I CONTRATTI DI SERVICE SLIDE 55 - 91 ..........................................................................101 6.1 DISASTER RECOVERY ........................................................................................................102 6.1.1 Natura giuridica ...........................................................................................................102 6.1.2 Oggetto ........................................................................................................................104 6.1.3 Modalit di prestazione..............................................................................................106 6.1.4 Garanzie ........................................................................................................................108 6.2 FACILITY MANAGEMENT ...................................................................................................109 6.3 OUTSOURCING....................................................................................................................111 6.3.1 Natura giuridica ...........................................................................................................111 6.3.2 Oggetto .........................................................................................................................113 6.3.3 Rapporti contrattuali ..................................................................................................114 2

6.3.4 Riduzione dellarea a rischio ......................................................................................115 6.3.5 Clausole generali e speciali del contratto...........................................................119 6.3.6 Rapporti fra i services informatici e la legge sulla tutela dei dati: banche, assicurazioni, broker, provider di Internet.........................................................................120

1. PARTE GENEALE SLIDE 1-23

1.1 IL CONTRATTO
Ai sensi dellarticolo 1321 c.c. il contratto laccordo di due o

pi parti per costituire, regolare o estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale.
Tale articolo rappresenta la norma di riferimento sia per l'individuazione della definizione di contratto, sia per l'introduzione al complesso di norme che affrontano il tema "dei contratti in generale" (Titolo II, Libro IV). Nel codice civile possiamo infatti rinvenire due gruppi di norme, dei contratti in generale (ovvero la normativa comune a tutti i contratti) e dei singoli contratti (Titolo III, Libro IV, ovvero la normativa che individua e disciplina singole figure di contratto). La definizione appena citata e contenuta nell'art. 1321 c.c. puntualizza le caratteristiche fondamentali del contratto: 1) L'accordo: caratteristica tipica del contratto infatti l'essere un negozio giuridico bi o pluri-laterale. Il suo perfezionamento dato infatti dall'accordo di almeno due parti e si differenzia, pertanto dai negozi unilaterali: in questi ultimi, infatti, gli effetti giuridici sono la conseguenza di una manifestazione singola di volont, senza che occorra l'accettazione di alcuno (ad es. il testamento). 2) La patrimonialit: il contratto un negozio giuridico di natura patrimoniale in quanto ha ad oggetto rapporti suscettibili di valutazione economica. La conseguenza di questa caratteristica data dal fatto che un negozio giuridico volto a costituire, regolare, estinguere un rapporto giuridico di natura non patrimoniale (ad esempio, il matrimonio) non rappresenta un contratto. Sono invece elementi costitutivi del contratto: a) l'accordo: ovvero il reciproco consenso delle parti in merito alla vicenda contrattuale. Con il termine consenso si intende una in equivoca manifestazione di volont diretta a porre in essere il contratto stesso. Non necessariamente tale
4

manifestazione di volont potr rivestire forme solenni o sacrali, se non prescritte, se non prescritte, ritenendosi sufficiente la sua inequivocabilit. Pertanto anche un comportamento tacito, ma indiscutibilmente diretto a porre in essere la fattispecie negoziale avr rilevanza ai fini dellesistenza dellaccordo. b) la causa: cio la funzione pratica del contratto, l'interesse socio economico (e quindi non soggettivo) che il contratto mira a soddisfare. c) l'oggetto: cio il contenuto del contratto, ci che le parti stabiliscono, programmano in merito al rapporto. Per oggetto del contratto si pu anche intendere, tuttavia, la realt materiale o giuridica su cui cadono gli effetti del contratto stesso. Quindi, oggetto della vendita pu essere inteso anche il bene alienato. Anche nellambito dei contratti di informatica si pone lesigenza di determinare quale sia loggetto del contratto stesso: questo ci consente, tra laltro, anche di affrontare in un secondo momento del corso la questione relativa alla qualificazione e la classificazione dei contratti di tale natura e di esaminare le molteplici esigenze e le situazioni ricollegabili alle prestazioni ed ai beni dedotti in contratto dalle parti stesse e, successivamente, di affrontare il problema della loro interpretazione, con tutte le inerenti conseguenze e, soprattutto, in tema di adempimento e di responsabilit. d) la forma: il mezzo tramite il quale si manifesta la volont contrattuale. In ordine a questo ultimo requisito, e focalizzando lattenzione sui problemi informatici, si ritiene che particolare attenzione debba essere posta ogni qual volta si operi nellambito del software. Cos se si prende in considerazione la disciplina della legge sul diritto dautore (Legge n 633/1941) larticolo 110 recita: la trasmissione dei diritti di utilizzazione economica richiederanno la forma scritta: di conseguenza, qualora il software abbia i requisiti per essere ricompresso nellambito della detta legge, tutti gli atti di trasmissione dei diritti di utilizzazione economica richiederanno la forma scritta, ivi compresa la possibilit per esempio, per il beneficio della licenza duso, di effettuare copie per la sicurezza, per lutilizzo contemporaneo su apparecchiature plurime o su eventuali cessioni in sublicenza. Pertanto si dovr considerare attentamente la presenza o meno del requisito della forma
5

scritta in modo tale da non correre il rischio di porre in essere un negozio giuridico viziato da nullit. Gli elementi appena citati rappresentato il nucleo essenziale del contratto, gli aspetti che non possono mancare affinch si possa parlare di contratto (nel caso della forma, tuttavia, solo se necessaria). Per esprimere al meglio questo concetto si soliti dire che il contratto regola autonoma (auto-regolamento) in quanto la norma scaturisce dal consenso delle parti, laddove nel caso della norma proveniente dal potere autoritario esterno, si parla di regola eteronoma. La legge prevede e regola una serie di figure contrattuali tipiche (o nominate) come per esempio la vendita (articolo 1470 e ss. c.c.), lappalto (articolo 1655 c.c. e ss.) e il comodato (articolo 1803 c.c. e ss.). Alle parti, per, consentito anche concludere contratti che non appartengano ai modelli di contratto disciplinati dal codice civile (contratti atipici o innominati), purch siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo lordinamento giuridico (articolo 1322 c.c.). Di conseguenza, il potere dei singoli di regolare da s i propri interessi trova un limite nellesigenza che tali interessi non siano in contrasto con quelli della societ, e anzi siano degni di protezione giuridica. Di qui tutta una serie di limiti allesercizio allautonomia privata. In ogni caso occorre, quindi, che il regolamento contrattuale determinato dalle parti non sia illecito e quindi diretto alla realizzazione di interessi meritevoli di tutela da parte dellordinamento giuridico. Non deve essere inoltre n contrario allordine pubblico, n a norme imperative. Per NORMA IMPERATIVA si intende lapposizione da parte dellordinamento giuridico di norme inderogabili dalla volont delle parti. Per ORDINE PUBBILCO, invece si intende linsieme dei principi di struttura politica ed economica della societ, immanenti nellordinamento giuridico vigente. Un esempio fra tutti larticolo 5 c.c. che impone la nullit di tutti i patti che prevedano atti di disposizione del proprio corpo, tali da cagionare una diminuzione permanente dellintegrit
6

fisica. Linsieme dei contratti non tipici comprende sia quelli innominati ed atipici, sia quelli innominati ma tipicizzati: di questi ultimi, nel settore informatico, un esempio offerto dalla licenza duso software che, pur innominata, diventata tuttavia una fattispecie negoziale comune (e quindi tipica) a tutti i contratti e rispondente a ben precise e consolidate esigenze. Ci permette di comprendere come si riesca, nei fatti, ad adeguare il passo dellordinamento giuridico al passo di sviluppo della prassi produttiva aziendale e commerciale. Ai contratti atipici si applicano, per espressa previsione di legge (articolo 1323 c.c.), le regole dettate dalla legge per i contratti tipici.

1.2 CONTRATTI MISTI e CONTRATTI ACCESSORI


Una delle peculiarit dei contratti informatici offerta dalla loro complessit. Tale caratteristica investe le architetture del complesso negoziale e pone allattenzione dellinterprete la molteplicit di fattispecie pratiche prospettabili. Il presente studio, quindi, deve investire le figure dei contratti autonomi, complessi e collegati. Per quanto concerne la prima soluzione non sorgono particolari problemi di interpretazione: le parti pongono in essere una precisa ed univoca fattispecie negoziale, che sintetizza la loro volont e rispecchia, in un unico nesso economico, la causa stabilita, realizzata attraverso una specifica prestazione. lipotesi raffigurabile ogni qualvolta ci si imbatta in un contratto di vendita o di licenza duso. Tuttavia accade che il fenomeno negoziale possa apparire complesso, cio offrire una pluralit di prestazioni che trovino base in un solo specifico contratto. La fattispecie maggiormente riscontrabile nel settore informatico quella costituita dalla presenza di un contratto di licenza duso di software e di accordo di assistenza al programma, oppure di vendita o noleggio hardware e contestuale accordo di manutenzione delle apparecchiature.
7

Laccordo dassistenza al software si pone come autonomo contratto, anche formalmente distinto dal contratto di licenza, o pu costituire un tuttuno con esso. Anche la fornitura di nuove releases pu presentarsi come opzione di un precedente contratto di licenza tale intervento sarebbe quindi ricomprendibile nella fattispecie dellassistenza software. E proprio su tale base, possibile collocare tale impegno tanto in maniera autonoma dal contratto di licenza, quanto porlo strutturalmente allinterno del medesimo contratto. In ogni caso lobiettivo da perseguire sar, innanzi tutto quella di appurare la reale volont delle parti e cio di determinare se esse abbiano ritenuto di ricomprendere in un unico negozio complesso le due distinte fattispecie della licenza e dellassistenza, o se, pattuito il primo accordo abbiano posto il secondo in un rapporto di subordine al primo e, quindi, ad esso vincolato. In questultimo caso le vicende del primo si riverbereranno necessariamente sul secondo. Ne consegue, pertanto, una diversa disciplina a seconda che si verta in contratti collegati tra loro o se si sia in presenza di un solo contratto complesso. Il contratto complesso, in sostanza, accoglie in ununica fattispecie contrattuale, due o pi diverse prestazioni, mentre la connessione si pone con basi totalmente diverse. Le parti, nel perseguire il fine prefissato, possono ricorrere a pi figure negoziali, autonome luna rispetto allaltra, ma tuttavia collegate fra di loro proprio in vista dello scopo comune. Si prenda come esempio la gi citata fattispecie del contratto di licenza duso accompagnato da un accordo manutentivo. Lo scopo voluto quello di offrire allutente un determinato programma in licenza duso, e di assisterlo in ogni eventuale successivo problema di aggiornamento o integrazione del programma: il tutto realizzabile, come gi visto, tramite un unico accordo negoziale complesso, oppure tramite due distinti contratti che si pongono in connessione luno rispetto allaltro e di cui uno sia in rapporti di dipendenza rispetto allaltro. La prima conseguenza giuridica relativa ai contratti collegati offerta dal riverberarsi delle vicende relative al primo contratto anche sul secondo.
8

Pertanto, ogni causa di inefficacia, annullabilit o nullit del principale si estender anche al negozio connesso. da rilevare che allinterno della categoria dei contratti informatici (atipici o innominati), si possono riscontrare anche i c.d. contratti accessori. Tali sono i contratti che pur avendo una loro specifica causa sono in stretta dipendenza di un contratto principale. Un valido esempio pu essere fornito dal contratto di manutenzione (accessorio) rispetto al contratto di vendita di hardware (principale). I contratti accessori sono particolarmente importanti nellottica di un sistema contrattuale in quanto ad essi bisogna prestare molta attenzione. Infatti, pu accadere, ed in realt accade sovente che il contratto principale e il contratto accessorio abbiano durata differente: potrebbe accadere, infatti, che la cessazione di uno (il principale) non implichi la cessazione anche di quello accessorio, con conseguenti gravi responsabilit ed elevati costi. Per ci che concerne i contratti hardware, per esempio, se il titolare passa da un sistema operativo ad un altro ed in precedenza lo stesso aveva stipulato un contratto di manutenzione per il primo sistema operativo, il manutentore di quel sistema operativo potrebbe richiedere ed avere diritto ugualmente allesecuzione del contratto di manutenzione anche, se per ipotesi, quel contratto di manutenzione non esistesse pi.

1.3 PROPRIETA MATERIALI

DEL

SOFTWARE

DEGLI

ALTRI

Ladesione al principio del software quale opera dellingegno e come tale tutelabile sulla scorta della normativa sul diritto dautore (vedasi Legge 518/92), pone alcuni grossi problemi in ordine alla propriet del medesimo nellipotesi qui trattata del contratto di sviluppo di software. In particolare, allautore, cio a colui che ha scritto il software, spetta la paternit e la propriet dell'opera. La software-house incaricata dello sviluppo quindi la proprietaria, a pieno titolo, almeno finch non avviene la
9

consegna del bene al committente e questi lo accetta. Tali atti, cio la consegna e laccettazione, previsti nel contratto di sviluppo sanciscono il trasferimento della propriet vale a dire di tutti i diritti di godimento e patrimoniali dallappaltatore al committente, pur continuando a spettare al primo la paternit intellettuale dellopera. Anche dopo la consegna ed accettazione, a trasferimento avvenuto dei diritti di propriet e di godimento, resta pur sempre il rischio che lappaltatore utilizzi il know-how acquisito, che resta indubitabilmente suo patrimonio, per fornire alla concorrenza un prodotto simile, pur con il rischio di violare anche il dettato della legge 518/92 sulla tutela del software. Anzi, proprio per lesperienza acquisita, possibile che il nuovo prodotto sia migliore e venga fornito ad un prezzo inferiore rispetto a quello originariamente pagato dal primo committente. In questo modo, dovendo operare lammortamento di costi di produzione pi bassi e disponendo di un prodotto migliore, la ditta concorrente potrebbe arrecare grave danno economico alloriginario committente. Pertanto, al fine di trovare un equilibrio fra varie esigenze soprattutto alla luce dei costi ingenti dellattivit di sviluppo, nella prassi possibile trovare figure contrattuali miste, in forza delle quali, ad esempio, alla Software-house riconosciuto il diritto di cedere a terzi in licenza il prodotto, con royalties per il committente, il quale, a sua volta, risparmierebbe sul costo del prodotto finito, prodotto che resterebbe comunque nella sua titolarit. Vi potrebbero essere poi specifiche garanzie, e cos, ad esempio, il committente potrebbe impegnare lappaltatore a non cedere il software in licenza a terzi concorrenti per un determinato periodo, commisurato in genere allarco temporale necessario per consentire al committente lammortamento dei costi di sviluppo, oppure potrebbe richiedere lesclusiva per una certa fascia di mercato e cos via. Il software pur caratterizzato dalla sua inquadrabilit nellambito dei prodotti tutelabili con il diritto dautore, mantiene le sue qualit di bene mobile e pertanto, come in ogni altro appalto, si pone il problema relativo alla propriet dello stesso nonch dei vari materiali eventualmente utilizzati.
10

Quindi, al di l di specifiche diverse soluzioni contrattuali, il risultato del facere cos come commissionato si trasferisce in capo al committente giuridicamente a titolo derivativo. Esso sorge a titolo originario solo in capo al creatore, il quale ne pu disporre nellambito della fascia di tutti i diritti di carattere patrimoniale ad esso connessi e come tale ne trasferisce la totale propriet in favore del Committente. Il contratto di appalto non perde cos la sua natura e resta comunque il titolo in forza del quale in essere il trasferimento del diritto di propriet stesso. Con laccettazione il Committente avr dunque la piena signoria sul bene, e da quel momento potr disporne liberamente. Per quanto concerne, infine, i materiali eventualmente utilizzati nellesecuzione del contratto occorre distinguere se essi risultino di propriet dellappaltatore o del committente. Nel primo caso non vi alcun problema, giacch quella parte di essi che hanno contribuito alla creazione del software e che ne sono ricompresi si trasferiscono nella sfera giuridica del committente. Espressamente, fra laltro, larticolo 1673 del codice civile riconosce che qualora lopera vada distrutta prima dellaccettazione il perimetro o il deterioramento o carico dellappaltatore, qualora questi abbia fornito la materia. Ora neppure nel secondo caso sorgono problemi particolari giacch lappalto non risulta snaturato nella sua essenza qualora sia il committente stesso a fornire parte o tutti i materiali. Unico limite rimane il fatto che lappaltatore non si tramuti in un semplice mero esecutore. Ovviamente, la materia fornita dal Committente resta in propriet di questultimo, senza aversi quindi il vero e proprio passaggio dal committente allappaltatore, per poi tornare al primo ricompresa nel bene finito. Nellambito informatico potrebbero verificarsi per due situazioni fra loro analoghe ed entrambe in pregiudizio del committente: e cio che il creatore alieni a terzi il prodotto prima dellaccettazione oppure che, dopo laccettazione, trasferisca a terzi un software analogo o appena mascherato da un leggero maquillage. Ai fini pratici le situazioni si traducono in un inadempimento
11

contrattuale e in una possibile ipotesi di concorrenza sleale, giacch la creativit sorge e permane sempre in capo al produttore, nonch in una ipotesi di violazione della legge 518/92 sulla tutela del software. Unultima considerazione pu essere fatta in relazione ad una fattispecie del tutto speciale, anchessa appositamente discussa e concordata, costituita dallincarico di produrre un determinato software a fronte di particolari costi, normalmente pi limitati che in una ipotesi di semplice appalto, e di convenire che il prodotto ottenuto resti in propriet dellappaltatore con diritto per il committente di uso illimitato nel tempo, non esclusivo (ovvero, esclusivo per certe fasce di mercato, o zone territoriali) e non trasferibile (ovvero, trasferibile con particolari limitazioni, come ad esempio a propri partners o consociati). Ovviamente sar opportuno che tale situazione, contrattualmente lecita e possibile, sia integrata da apposita statuizione che preveda, a garanzia delle parti, il deposito in linguaggio sorgente. Entrambi i contraenti saranno altres tenuti a mantenere riservati i programmi, la documentazione e quantaltro riferibile al prodotto. Un ulteriore discorso va fatto in ogni caso per il know-how specifico, acquisito dalla software-house nello sviluppo del prodotto commissionatogli: la stessa potr liberamente e pienamente usufruirne poich il know-how come sopra acquisito viene a far parte del patrimonio aziendale ed ogni limitazione in senso contrario implicherebbe il soffocamento dellazienda stessa che, dopo aver prodotto una serie di software, non potrebbe pi liberamente operare.

1.4 CICLO DI VITA DEL SISTEMA ED IMPLICAZIONI GIURIDICHE 1.4.1 Rilevanza giuridica della fase precontrattuale
Normalmente lattenzione delloperatore del diritto, per quanto concerne i contratti informatici, attratta dalla sfera contrattuale, cio da quel complesso di fatti e conseguenze
12

scaturenti dalla conclusione di un preciso accordo; ma anche un precedente aspetto di tale fase meritevole di attenta valutazione in quanto prodromico alla definitivit dellintesa. Ci riferiamo alla cos detta fase delle trattative precontrattuali che costituiscono nella maggior parte dei casi la vera intelaiatura e struttura portante del successivo contratto, valutandone la portata alla luce dei reciproci interessi delle parti, stabilendone condizioni a parametri e predisponendo tutta una serie di atti le cui conseguenze si riverbereranno, in senso positivo o negativo sulla pi completa fase negoziale. II discorso non ovviamente limitato alla sfera dei contratti informatici, ma vale per qualsiasi altra stipulazione ricevendo, tuttavia, un particolare sviluppo proprio in ordine a contratti caratterizzati da oggetti altamente specifici e di tecnologia avanzata, quali appunto gli accordi in materia di software di hardware o di combinazione fra tali due specialit. La negoziazione di un sistema, consta di una serie complessa di attivit che tendono ad un preciso risultato finale, ma il voler focalizzare lattenzione solo su tale obiettivo ultimo indubbiamente semplicistico e restrittivo. Innanzitutto per un fatto di pura logica: qualora non si pervenga, per qualsiasi valido motivo, alla decisione conclusiva, ci non potrebbe porre nel nulla tutta la complessa e vasta azione sino a quel momento concretatasi, cos come se la stessa non fosse mai esistita. Ed inoltre vi lincidenza di tutta una serie di intese e prospetti giuridicamente rilevanti che esigono, pur in linea astratta, una precisa qualificazione, e ci anche al di l di ogni volont di esercitare o meno i diritti eventualmente sorti. Un conto ,infatti, rinunciare allesercizio di un proprio diritto ed unaltro conto il non vantare alcun diritto. Pertanto, nella prassi, potremmo imbatterci in situazioni dalle quali sono scaturite ben precise responsabilit ed obblighi ed a fronte delle quali il singolo contraente potrebbe tranquillamente rinunciare ad esercitare i corrispondenti diritti. Ci per dovrebbe accadere per una libera e precisa scelta, non per lignoranza del fatto di poter esercitare quel diritto. Cos dunque sar opportuno vagliare attentamente le singole fattispecie, delinearne le incidenze giuridiche e fissarne il pi precisamente possibile i contorni. Ogni ulteriore scelta,
13

risponder solo a specifiche valutazioni soggettive, ma non ad imprecisione od ignoranza. La fase delle trattative rientra fisiologicamente in quello spazio, giuridicamente definito come pre-contrattuale, nel quale vengono poste le basi delle future contrattazioni, senza che ci escluda, anche per tale periodo, una sua specifica incidenza vincolante, con il conseguente sorgere di obbligazioni e di responsabilit per i soggetti che vi hanno operato. Non si tratta certo di un fenomeno nuovo per il mondo del diritto, ma assume una particolare rilevanza nellambito della contrattazione informatica che, per sua natura, affronta una materia estremamente sofisticata dal punto di vista tecnico ed in continua evoluzione, tanto da renderne difficoltoso persino ladeguamento giuridico. Basti, tal fine, rammentare la discussione dottrinale durata numerosi anni e, conclusasi con lemanazione della legge sopra citata n 518/1992 e relativa alla tutelabilit del software allinterno della normativa sul diritto dautore. altres evidente che la necessit di affrontare compiutamente la fase iniziale degli accordi sia unesigenza non solo giuridica, ma anche tecnica, riflettendo per un solo momento alla estrema complessit della materia ed alla conseguente necessit di esser guidati da esperti del settore ogni qual volta ci si accosti a simili prodotti. Viene cos posta in evidenza limportantissima funzione per lutente di valutare esattamente le proprie necessit al fine di operare con cognizione di causa e di ottenere il rispetto del proprio volere. La predisposizione di un contratto o ladesione a modelli standardizzati per prassi o per esigenza commerciale non sempre unoperazione indolore e priva di rischi per le parti; ci anche senza voler scomodare la buona o cattiva fede di una di esse od uno spirito commerciale pi o meno corretto, sufficiente infatti che determinate richieste non vengano esattamente recepite o non siano chiaramente manifestate per creare un successivo disagio che potrebbe assumere connotati di estrema gravit sia dal punto di vista giuridico che economico. Da ci sorge anche lesigenza di educare le parti ad una fase di trattative pre-contrattuali che non siano del tutto confidenziali cio limitate ad uno stretto scambio di brevi informazioni, ma
14

che si imposti, invece, un aperto ed articolato confronto fra le molteplici necessit che renda i futuri contraenti consapevoli anche di tutte le incidenze giuridiche dellattivit che porranno in essere. Un primo ostacolo ad una corretta gestione del fenomeno posto dalla contrapposizione fra scarsa conoscenza della materia e profonda conoscenza della stessa. In altre parole crediamo che non possano essere collocati sullo stesso piano, sia gli utenti digiuni di conoscenze informatiche, ma che necessitino di tali applicazioni, sia gli operatori del settore o, quantomeno consigliati da esperti del settore, che affrontino essi stessi la materia quali utenti o fornitori. Nella prima ipotesi avremo infatti un soggetto totalmente in balia del suo fornitore e quindi incapace di valutare lesatta portata di ci che viene offerto. Nella maggior parte dei casi si tratter di negoziazioni di non rilevante entit, ma ci non fa venir meno il fatto che per lutente tali accordi assumano specifica importanza e, soprattutto, lincidenza economica, se pu essere considerata ridotta rispetto a diverse altre negoziazioni, pur sempre rilevante, nella maggior parte dei casi, per la sfera economica dellutente. Il tutto con la conseguenza che, a fronte di disagi futuri causati da inesatta o diversa interpretazione di quanto da ciascuna delle parti dedotto, nella migliore delle ipotesi sorgeranno intoppi fastidiosi o, nella peggiore, vere e proprie situazioni di danno. In realt anche di fronte a contraenti usi al settore, come societ di software che pongano in essere reciproci accordi economici, non viene meno la necessit di concordare attentamente quanto voluto e forse, proprio per la conoscenza delle problematiche e per gli incidenti aspetti economici in gioco, lattenzione alle trattative sicuramente maggiore che in altri settori; trattative che, come vedremo, consistono non solo in un semplice scambio di informazioni, ma si articolano in molteplici atti e documenti, ciascuno dei quali con una sua inequivocabile realt ed incidenza giuridica. Per quanto concerne le trattative, un interessante giudicato pur non offrendone una specifica definizione ci consente per di desumerla dal suo stesso contesto: qualora le trattative
15

procedano attraverso uno scambio di corrispondenza, per stabilire quando il contratto sia concluso deve aversi riguardo allultima proposta ed allultima accettazione e ben pu identificarsi lultima proposta in un documento riepilogativo sottoscritto da una parte e lultima accettazione nella firma appostavi in calce dalla controparte. A nostro parere lo scambio di corrispondenza solo una delle possibili modalit di incontro dei contraenti e di per s la voce corrispondenza pu essere manifestazione di vere e proprie comunicazioni epistolari (lettere) dirette da un soggetto ad un altro, quanto indicare ogni scambio di documenti (siano essi lettere o altre forme di comunicazione) usuale nella prassi commerciale, soprattutto nellipotesi in cui contraenti siano non soggetti fisici ma complessi aziendali. In ogni caso esamineremo successivamente lincidenza giuridica di alcuni documenti necessari o quanto meno utilizzabili dai negoziatori per giungere allintesa definitiva, mentre per ora sar sufficiente indicare la presenza della reale manifestazione di volont (consenso o accordo) come elemento qualificante per indicare il momento perfezionativo dellintesa, con la conseguenza che ciascun contraente dovr porre la massima attenzione al fine di evitare una regolare (ma anticipata per lui) chiusura del contratto. Considereremo pertanto quali trattative tutte le attivit preparatorie alla fase contrattuale vera e propria, e quindi ad essa connesse. Non esistendo un criterio oggettivo per distinguere i vari momenti di tale fase pre-contrattuale: cercheremo quindi di procedere nella nostra indagine utilizzando alcuni elementi distintivi, su cui poi estendere la discussione, rammentando come al solito che le classificazioni non sono mai esaustive, ma che devono essere utilizzate appunto come base di valutazione e di indagine.

1.4.2 I documenti propri della fase precontrattuale


Anche per quanto concerne la documentazione, cio la predisposizione di testi o atti materiali della fase precontrattuale, necessario distinguerne lincidenza giuridica,
16

collocandoli in due gruppi a secondo che essi abbiano una portata per cos dire generale o speciale, ossia che ineriscano ad una visione ancora ampia delle necessit poste in discussione o che riguardino, invece, specifiche esigenze appositamente dettagliate. Solitamente si avr anche un ordine cronologico, nel senso che alla valutazione pi generica seguir una pi attenta specificazione che consenta alle parti di prestabilire dettagliatamente la portata del futuro accordo. Procederemo pertanto con il seguente ordine: lettere di intenti (equiparabili al fax o alle e-mail), offerte, verbali di riunioni, accordi quadro, minuta o bozza di contratto. a) Lettere di intenti Con tale termine vengono identificati tutti quei documenti (solitamente lettere) con i quali le parti enunciano la loro intenzione di iniziare una trattativa. Tali lettere non assumono, per loro stessa natura, carattere vincolante, ma svolgono una funzione preliminare atta ad instaurare una seconda e pi completa fase di incontri. Riteniamo che non possano qualificarsi come vere e proprie lettere di intenti le offerte che non siano dirette a sviluppare successivamente, cio durante il corso delle trattative, le specifiche esigenze della parte. Se cos non fosse, si tratterebbe di vera offerta, con tutte le maggiori incidenze giuridiche che esamineremo a suo tempo. La prassi offre generalmente un composito numero di tali documenti di intenti il cui contenuto pu essere cos sintetizzato: Facendo seguito alle intercorse comunicazioni fra le nostre

Societ, Vi comunichiamo lintenzione di valutare la possibilit di acquisire il Vostro pacchetto software relativo ala gestione del credito. Vi invitiamo a sottoporci una dettagliata offerta del prodotto che ne contempli sia i costi, sia le modalit di impiego, sia le caratteristiche di uso, in modo da confrontarne le specifiche alle nostre esigenze. Ovviamente la presente richiesta non vincola minimamente ciascuna del: Societ, ma ha carattere strettamente interlocutorio e prodromico ad eventuali futuri accordi.
Dello stesso tenore pu essere lofferta di un prodotto, anzich la
17

sua richiesta. In tal caso, anche se apparentemente si tratta di unofferta, in realt resta nellambito delle manifestazioni di intenti, purch non vengano avanzate precise proposte irrevocabili o comunque inequivocabilmente dirette a concludere laccordo. Pertanto sar ancora una lettera di intenti la comunicazione diretta a far conoscere il proprio prodotto e la disponibilit a discuterne la sua acquisizione La nostra Societ che opera da

anni nel settore dello sviluppo del software ha realizzato un prodotto gestionale... Saremmo pertanto lieti di incontro per mostrarVi la qualit e funzionalit dello stesso e la sua indiscussa superiorit rispetto a prodotti analoghi in funzione del suo elevato rapporto fra costi e operativit, il tutto senza alcun impegno od onere da parte Vostra..
Si tratta di esempi, per cos dire scolastici, ma che non si differenziano di molto dalla formula usuale per tali dichiarazioni. In essi prevale, da un lato, la prospettazione di esigenze particolari o lenfatizzazione del bene o del servizio menzionato, e dallaltro lassoluta libert da vincoli o impegni. Il rinvio ad una successiva fase di accordi, maggiormente o definitivamente vincolanti, pu essere esplicito o implicitamente desumibile dal testo stesso ma, in ogni caso, da ritenersi escluso qualsiasi immediato legame. Lestensione di una lettera di intenti pu essere anche ampia, accompagnandosi alla stessa un eventuale capitolato che enuclei in maniera dettagliata, pur se non esaustiva, le esigenze del richiedente, o che miri a soddisfare quelle che, lofferente, ritiene siano le esigenze del destinatario. Ancora una volta occorre richiamare lattenzione sul concetto di volont, cio sulla reale intenzione delle parti (o della parte) di non spingere la comunicazione al di l di un pi che ampio quadro delle proprie esigenze. Se cos non fosse si ricadrebbe effettivamente nella specifica commessa o richiesta. II fatto di elencare ci di cui si necessita o di ci che si vorrebbe acquisire un fatto materialmente identico, tanto per la lettera di intenti quanto per il contratto di appalto, con la diversa conseguenza che, nel primo caso, avremo solo una ben articolata elencazione sulla quale le parti potranno sviluppare le successive intese mentre, nel secondo, limpegno ad eseguire quelle specifiche
18

opere vincoler lappaltatore, estendendo al suo committente i correlativi obblighi contrattuali o di legge. La pi ovvia raccomandazione in tema di lettere di intenti , dunque, quella di invitare le parti ad essere estremamente chiare e lineari e a non suscitare alcun dubbio sulla reale intenzione che non quella di concludere alcun negozio, ma solo di iniziare ad esaminare la possibilit di concluderlo in futuro. Altro punto fermo della materia che, pur vertendo in uno spazio non vincolante, le parti devono sempre attenersi al principio generale di correttezza e buona fede, le cui conseguenze sul piano giuridico vanno oltre lefficacia ridotta della lettera di intenti in se stessa considerata. Basti un esempio: se lo scopo della lettera quello di ottenere informazioni riservate, utilizzate in seguito in danno dellaltra parte, o di sviare lattenzione da prodotti concorrenti avendo la certezza di non poter soddisfare successivamente quanto offerto, il comportamento della parte che abbia agito in mala fede pu riversarsi negativamente sul suo stesso autore.

b) Verbali di riunione La presenza di verbali di riunioni a conferma di incontri avvenuti fra le parti si va sempre pi estendendo nella prassi negoziale e, mentre in un primo tempo il fenomeno, di chiara discendenza anglosassone e nord americana, era diffuso solo fra aziende di rilevanti dimensioni, oggi diventato prassi corrente per societ anche di dimensioni minori. Si tratta della cristallizzazione su di un documento dellattivit sino a quel momento svolta, in modo da averne la riproduzione immediata e la possibilit di valutarne lestensione in qualsiasi momento. Lo scopo precipuo del verbale , dunque, probatorio: salvo che le parti non vogliano determinare con esso il vero accordo negoziale, ma in tal caso non si potr parlare di verbale, bens di contratto o capitolato contrattualmente rilevante. La sua funzione limitata a fedele registrazione del fatto accaduto alla presenza di due o pi persone. Una simile caratteristica non deve per indurre a sottovalutare la
19

portata del documento che, proprio per la sua struttura di registrazione di fatti in contraddittorio fra le parti, potr assumere rilevanza eccezionale in sede di contestazione al fine di rilevare leffettiva volont delle parti. Soprattutto in un ambito tecnicamente complesso come quello informatico, il riconoscimento di fatti pu assumere valore decisivo: il committente ha la facolt di eseguire verifiche in corso dopera e la consegna del programma sviluppato avviene solitamente non in ununica soluzione, ma si articola in pi tranches, a fronte di ciascuna delle quali vi potr anche essere unaccettazione da parte del committente o, comunque, vi potr accedere una serie di rilievi essenziali ai fini dellesatta esecuzione dellappalto di sviluppo di software. Esaminiamo brevemente tali situazioni. Il committente di un programma ha il diritto di verificare lesatto andamento dei lavori dellappalto, ed il solo fatto che si tratti di sviluppo di software non fa venir meno tale diritto (che stabilito dal codice civile stesso nellart. 1662) il cui esercizio non deve per tradursi in un ostacolo allattivit dellappaltatore, n implicare unestensione non concordata del lavoro. Ora, in presenza di eventuali vizi o difformit riscontrate durante tali verifiche, il committente dovr darne tempestiva comunicazione allo sviluppatore affinch questultimo possa intervenire concretamente sul prodotto: la conferma di tali osservazioni sar offerta tanto da una appropriata comunicazione inviata allappaltatore, quanto da un verbale redatto in contraddittorio fra i tecnici incaricati dalle rispettive aziende di seguire landamento dei lavori. Identica situazione si avr a fronte della consegna di una parte del programma. Anche in tal caso ravvisabile un vero e proprio diritto per il committente al quale lappaltatore non pu sottrarsi e dal quale sar liberato solo a fronte dellespressa rinuncia da parte del primo. Le parti stabiliscono solitamente le modalit a cui attenersi per la verifica, sia essa quella finale o si tratti di una delle fasi in corso dopera, ma ci che particolarmente rileva, in relazione al verbale, che, in seguito ad una specifica verifica, potr aversi o meno laccettazione da parte del committente. Infatti, Il collaudo costituisce la dichiarazione positiva che lopera
20

immune da vizi e, pertanto, il produttore risulter esonerato da responsabilit relative a vizi o difformit apparenti restando in capo allo stesso la garanzia per vizi occulti. Ovviamente occorrer porre la massima attenzione in questa fase finale del rapporto giacch al collaudo ed allaccettazione conseguente del bene si ricollegano conseguenze notevoli in tema di perfetta esecuzione del software. Pertanto, qualora sorgano contestazioni in ordine allesecuzione del lavoro, e tali eccezioni vengano redatte per iscritto, tale documento assumer un valore inequivocabile ai fini delladempimento contrattuale. Lincidenza del verbale si mostra soprattutto quando, a seguito di osservazioni, una delle parti abbia modificato il software o si sia impegnata in tal senso nei confronti dellaltra e, successivamente, questultima sollevi ulteriori eccezioni, soprattutto in relazione alla mancata esecuzione di quanto concordato. Se a suo tempo non fosse stato redatto il verbale a riprova inequivocabile di quanto asserito, la parte inadempiente potrebbe aver buon gioco nel cercare di diminuire la propria responsabilit, confidando nella deplorevole usanza aziendale di telefonare anzich scrivere e, quindi, nella maggior difficolt di prova a carico della parte adempiente. In presenza di un verbale tutto assume diversa incidenza e le responsabilit non possono venir eluse. Unultima osservazione, in tema di verbale di riunione, relativa alla sottoscrizione dello stesso. Per una completa funzione probatoria sar infatti opportuno che, al termine della riunione, gli intervenuti appongano la loro firma sul testo predisposto del verbale in modo che non possano sorgere dubbi sulla veridicit del suo contenuto. In ogni caso, anche in assenza di sottoscrizioni, non verrebbe meno il valore del documento potendosi ricorrere alla prova testimoniale a conferma del contenuto. Nella prassi uso inviare alla controparte copia del verbale, formalmente redatto sulla base degli appunti stesi durante la riunione, a mezzo posta o fax o e-mail. c) Accordi quadro Il termine richiama alla mente una situazione particolarmente
21

ampia i cui confini tendono a sfumare nellarea contrattuale, ponendo la fattispecie in esame quale punto cardine dei due momenti. Con laccordo quadro le parti evidenziano tutti gli aspetti dellintesa che desiderano porre in essere, offrendone una visione completa e costituendone il parametro sicuro per identificare la volont negoziale. Anche in questo caso occorrer evitare confusioni concettuali (non terminologiche, in quanto sar la situazione di fatto ad offrire valido spunto di soluzione di possibili contrasti interpretativi) per non attribuire allaccordo quadro una portata maggiore di quanto in realt non debba essergli riconosciuto: laccordo quadro non il contratto e, conseguentemente, non vincoler direttamente le parti se non al rispetto del principio di correttezza e costituir sicuro presupposto probatorio. Il ricorso alla fattispecie dellaccordo quadro si rende particolarmente utile in previsione di intese di joint venture quando, per la vastit degli interessi in gioco e dei costi di investimento, opportuno tratteggiare preliminarmente i punti dellaccordo, punti che costituiranno oggetto d successiva dettagliata indagine e mirato accordo. Rispetto alla lettera di intenti precedentemente esaminata, laccordo quadro svolge una funzione di maggior rilievo ed anche la sua incidenza indubbiamente maggiore costituendo un costante richiamo al rispetto del principio di correttezza e di buona fede. Il problema, in tema di Joint Venture, indubbiamente rilevante quando si presenta la necessit di affiancare allaccordo base una studio di fattibilit atto ad anticipare loggetto (in senso stretto di prodotto) della Joint che, invece, investir la successiva e reale fase dellintesa. Soprattutto per quanto concerne gli investimenti nella ricerca di software o di realizzazione di sistemi chiavi in mano necessario che vengano anticipatamente delineati i punti di maggior incidenza, al limite anche solo ai fini della ripartizione dei costi, per leventualit che lintesa di Joint Venture non si concretizzi. Stabilito nellaccordo quadro ci che si dovr realizzare ponendo in essere lintesa, eventuali studi preliminari o di fattibilit non costituiranno laccordo, ma implicheranno comunque il sorgere di
22

obblighi al cui rispetto le parti saranno tenute. Facciamo unipotesi: due aziende si accordano al fine di realizzare un determinato prodotto e vengono attuati studi preliminari in merito per poter successivamente stabilire se definire o meno lintesa. La presenza di un accordo quadro che stabilisca la portata dellimpegno a cui mirano le parti impedir che una di esse si sottragga allimpegno o, pi semplicemente, riduca considerevolmente i1 proprio apporto (con conseguente riduzione d costi aziendali). Per quanto concerne invece la minuta ne stato posto in luce il carattere interlocutorio e preparatorio della stipulazione. Viene dunque sottolineato che le Parti intendono, proprio con luso di una minuta o puntuazione, documentare lintesa raggiunta solo su alcuni punti del contratto e rinviarne la stipulazione ad un momento successivo. La cos detta puntuazione c minuta di contratto non ha, in via di massima, carattere vincolativo fra le parti, perch esse intendono solitamente documentare lintesa raggiunta su alcuni punti, daccordo rinviando ad un momento successivo la stipulazione del contratto, al momento, cio, in cui avranno raggiunto laccordo anche sugli altri punti. Ci non esclude, per, che nel caso concreto la minuta possa avere essa stessa valore di documento probatorio di un contratto gi perfezionato, quando contenga lindicazione dei suoi elementi essenziali e sia dimostrato che le parti abbiano inteso vincolarsi definitivamente in base ad altri elementi che si possono dedurre a prova, nonch in base al loro comportamento successivo, diretto a dare esecuzione allaccordo risultante dal documento stesso. Conseguentemente, la figura negoziale della minuta o puntuazione di contratto ricorre allorquando, essendosi raggiunto laccordo sui soli elementi essenziali, occorre rinviare ad un momento successivo la determinazione degli elementi accessori e integrativi senza i quali lesecuzione non sarebbe attuabile. A prima vista la definizione non presenta vizi di sorta: innegabile che un documento indicato appunto come minuta o bozza sia una qualcosa di ben diverso dal contratto definitivo che viene ufficialmente sottoscritto al termine di tutto liter preparatorio, ma altrettanto evidente che, nellambito del
23

vincolo giuridico, non tutto quanto scritto o detto sia privo di rilevanza e che possa quindi essere annullato, cancellato, sostituito tranquillamente, senza che laltro contraente possa aver da ridire. Rimandando allesame pi dettagliato delle minute la valutazione sul contenuto e la portata dei singoli documenti di intesa ci limitiamo a ribadire in questa sede che lindagine sul momento perfezionativo dellaccordo, e quindi sulla sua validit ed efficacia, segue, in forza del diritto, un percorso pi rigido di quanto potrebbe apparire a prima vista. La ovvia conseguenza che, in difetto di una specifica volont dei contraenti, potrebbe ugualmente verificarsi il perfezionamento del contratto. Vedasi in tal senso un ormai consolidato giudicato che ha colto il fulcro della questione delineando dapprima i parametri di valutazione e rinviando poi allesame dei singoli casi concreti lapplicabilit o meno del principio. Rileva la costante giurisprudenza della Cassazione che nel caso di un contratto a formazione successiva

o progressiva il quale si sia arrestato ad una scrittura sommaria ed incompiuta, contenente tutti gli elementi essenziali, la esistenza tra le parti di una riserva della perfezione del contratto al raggiungimento dellaccordo su altri punti pu essere provata con ogni mezzo, e quindi anche per testimoni, nonostante che si tratti di contratto che esige forma scritta ad substantiam. Una prova del genere ha come oggetto elementi di fatto; ed essa non contro o in aggiunta al contratto, ma diretta a porre in luce ci che un prius del contratto: stabilire cio se le parti scrissero per vincolarsi fin dallora al contenuto della scrittura o per documentare gi il fatto in vista del futuro contratto. Pu esservi, anche in un contratto formato progressivamente, un momento nel quale laccordo raggiunto, anche se incompiuto rispetto a tutti gli intenti economici e pratici (ai quali corrispondono le accessorie determinazioni giuridiche) voluto dalle parti come fonte di obbligazioni, come qualcosa di definitivamente distaccato dalle volont individuali e concorrenti a formare lunitaria volont negoziale; e da questo momento quindi, il contratto, anche se privo di precetti accessori e secondari perfetto e valido. Quando invece le parti pongono sullo stesso piano elementi essenziali o no, tipici o no, e intendono proseguire anche dopo aver documentato per iscritto le tappe dellaccordo sui punti
24

essenziali, le trattative, senza di che non sintendono obbligate n intendono aver dato vita ad un negozio, la funzione dispositiva sar assunta soltanto dallintero negozio, quando saranno positivamente esaurite tutte le trattative; fino a quel momento la registrazione anche per iscritto, di ci che avvenuto, ha una funzione prevalentemente storica e probatoria, non del contratto ma del percorso della sua formazione.
Nel trattare uno dei requisiti fondamentali del contratto, quale appunto laccordo, non possiamo tuttavia fare a meno di affrontare un aspetto rilevante di tutta la questione e cio della vasta problematica della responsabilit precontrattuale, della buona fede nelle trattative e della correttezza sempre dovuta da tutti i soggetti. Risulta infatti evidente che la maggior parte di quanto posto in essere ed utilizzato dalle parti assume rilevanza giuridica nellambito dellintero rapporto. E ci sia che il negozio giunga a perfezionamento, sia che vi pervenga inficiato da qualche vizio del consenso, sia che si verifichi uninterruzione delle trattative senza che ad essa faccia seguito il ripristino e la conclusione delliter negoziale. Chiunque inizi e conduca delle intese con un altro soggetto, ha il diritto di essere obiettivamente posto in condizione di valutare non solo lopportunit, ma anche la seriet delle proposte altrui giacch, diversamente, non spenderebbe tempo e denaro in una ricerca di intesa insostenibile sin dal suo nascere. Altrettanta chiarezza e precisione deve accompagnarsi a tutto quanto utilizzato da ciascun contraente: e ci riferiamo non solo alleventuale materiale, ma anche alla presenza di esperti e consiglieri. La corrispondenza di un campione al prodotto finito, la richiesta di un parametro realmente speculare delle proprie esigenze, la valutazione del problema o di un suo aspetto effettuata da un esperto del settore, sono tutti elementi essenziali ed imprescindibili per ogni corretto approccio giuridico commerciale. Gi per la natura stessa delle cose, sovente, sorgono intoppi e difficolt legati a vizi o difetti di materiali o a cattiva esecuzione di incarichi: le ripercussioni ed i rimedi sono astrattamente enucleati nel codice sia in ordine ai principi generali di adempimento sia in ordine alleventuale garanzia per vizi o per inesatta esecuzione, e rester la difficolt di ricercare ed
25

applicare la norma del caso specifico, accomunandosi a volte due rimedi e ponendosi dunque allinterprete la necessit di un ulteriore sforzo che miri ad ottenere il risultato non solo pi consistente ma anche il pi idoneo per la parte creditrice. la prassi che insegna a muoversi e induce a volte ad accettare soluzioni risarcitorie pi temperate ma pi sicure rispetto a violente prese di posizione che, se ottimali sul piano teorico, poi sul piano pratico potrebbero rendersi inattuabili. Facciamo un esempio scolastico. Se il risultato di un appalto non soddisfacente potrebbe essere pi opportuno richiedere una riduzione del prezzo che lintera risoluzione del rapporto che implicherebbe un ripristino di fatto forse pi oneroso, alla lunga, di un pi sicuro ed immediato risparmio sul costo. Un altro aspetto del tutto particolare della manifestazione della volont dei contraenti quello del cosiddetto silenzio. Tale concetto viene da noi affrontato sotto il duplice aspetto della semplice omessa dichiarazione e della reticenza. Soprattutto in ordine al secondo concetto cercheremo di approfondire lindagine relativamente alle sue incidenze nellambito dei vizi della volont e di tutte le possibili ripercussioni. Procediamo pertanto allesame del concetto di silenzio. Sappiamo che la manifestazione negoziale offerta dallespressione positiva della volont dei contraenti e pertanto, innanzi ad una specifica offerta, il destinatario manifester o meno la propria adesione alla stessa permettendo la conclusione dellaccordo medesimo. Si rientra quindi nellambito di uno dei requisiti essenziali del contratto e, precisamente, in quello (accordo) indicato al n. 1 dellart. 1325 (accordo) del c.c. La questione si pone innanzitutto nel seguente termine e cio se il silenzio, inteso come mancata manifestazione esterna, possa intendersi in senso positivo di accondiscendenza dellaltrui volont e quindi possa assurgere esso stesso a vera e propria manifestazione del consenso. Sar opportuno vagliare le singole fattispecie pratiche giacch non riteniamo possa prospettarsi alcun dubbio qualora in luogo del silenzio venga posto in essere un comportamento pratico implicitamente positivo: in tal caso lesecuzione delle prestazioni richieste costituisce perfetta esecuzione anche del contratto che, quindi, da ritenersi concluso.
26

In questipotesi il silenzio inteso appunto quale manifestazione esteriore stato adeguatamente sostituito dal comportamento e come tale non pu parlarsi di silenzio in senso stretto, avendo trovato perfetta coincidenza tutti gli elementi negoziali. Se ne evince che il silenzio, assuma rilevanza giuridica in quelle ipotesi in cui vi sia un espresso impegno di manifestazione esterna espressa di volont, come per esempio, quando contrattualmente sia pattuita una manifestazione di tal tipo, o quando siano gli usi o la legge a richiederlo. AI di fuori pertanto di un impegno contrattualmente assunto o, di aderenza ad usi o leggi, la mancata manifestazione espressa di volont potrebbe essere valutata quale reticenza. La portata di tale fatto, nellambito della dinamica contrattuale, estremamente rilevante e si ripercuote tanto nella fase precontrattuale quanto nella fase contrattuale stessa. II discorso deve necessariamente investire il problema della correttezza e della buona fede dei contraenti. Esaminiamo alcune disposizioni imperative: lart. 1175 e. c. recita che il debitore e il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezza; gli artt. 1337 e 1338 rispettivamente indicano che Le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede e la parte che, conoscendo o dovendo conoscere lesistenza di una causa di invalidit del contratto, non ne ha dato notizia allaltra parte tenuta a risarcire il danno da questa risentito per aver confidato, senza sua colpa, nella validit del contratto. Quindi lattenzione dovr essere estesa allintera linea di comportamento delle parti interessate al perfezionamento contrattuale e riteniamo che tale indagine debba sottolineare la necessit di un comportamento corretto ed equo fra tutti i soggetti. Lefficacia e la validit di un negozio giuridico investe rapporti etici e pratici ed i primi non sono poi cos avulsi ed astratti rispetto ai secondi giacch, facendo un esempio banale, un comportamento spregiudicato ed impostato ad un inequivocabile approfittamento della situazione concreta, al di l della logica e giusta sanzione immediata del risarcimento del danno finirebbe col ripercuotersi negativamente anche per il futuro. Lautore di esso si troverebbe in una posizione negativa
27

rispetto a potenziali ulteriori contraenti, giacch, bene o male, le notizie corrono e una cattiva fama non costituisce certo la migliore ipotesi di avviamento commerciale. Non vogliamo certo assurgere a fustigatori di costumi ne scordare che, purtroppo, la prassi commerciale e la legge di mercato non tengono conto adeguatamente del concetto etico, ma in realt se non si accettasse il principio di una sempre maggior correttezza commerciale si ricadrebbe non in unarea di libero mercato e concorrenza, ma in unarea di pirateria. Lesigenza di equit non seguita solo dal nostro ordinamento, ma anche in situazioni commerciali di estrema dinamicit quali quelle nord-americane vige la ricerca di un principio di buona fede e correttezza. Ci pare pi che esemplificativa losservazione riportata in una pubblicazione dellarea informatica giuridica relativa proprio ad un lineare comportamento negoziale. In forza di esso lo stesso staff dirigenziale, di una societ, nella predisposizione degli accordi e delle specifiche di un contratto si posto il dubbio se una clausola particolarmente equivoca e pi favorevole allinteresse della societ, potesse essere riportata nella stesura definitiva dellaccordo senza avere in futuro conseguenze ben pi negative dellimmediato beneficio. Sorge cos lesigenza di valutare attentamente lincidenza di una pattuizione che, per la sua stessa natura, potrebbe dare origine a situazioni negative e sfociare, al limite in una lite giudiziaria. Ora al di l del contenuto pi o meno etico, la cui preponderanza potrebbe scomparire innanzi al miraggio di un concreto beneficio economico, va rilevato come un tale processo volitivo ribalti quelli che una volta erano i canoni noti nelle trattative commerciali e che potevano riassumersi nel pi generale principio del noi ci proviamo e poi eventualmente saranno gli avvocati a difenderci. assai pi logico e, in ultima analisi, anche economicamente pi opportuno, che qualsiasi intesa commerciale sorga gi sulla base di una equit e correttezza reciproca ed assai meglio che gli sforzi siano diretti preventivamente ad evitare ostacoli, piuttosto che dover ricorrere ad operazioni ardite, e non sempre attuabili di salvataggio. Sintomatica manifestazione di tale nuovo modo di inquadrare le intese commerciali, offerta proprio dal sorgere di tutte le
28

associazioni di categoria e di tutela, di cui abbiamo gi in precedenza accennato. In ogni caso, anche dal di l di costrutti astratti e teorici, che possono restare nel campo delle buone intenzioni, va rilevato che, comunque, esiste questo specifico obbligo giuridico, sanzionato dagli artt. 1175, 1337 e 1338 c.c., la cui portata non pu essere ignorata in alcun modo ed anzi la cui conoscenza deve essere patrimonio comune di ciascun contraente. E in violazione di tale disposto di legge sorgono conseguenze negative (esempio lannullabilit del contratto) che si ripercuotono come un boomerang proprio sullautore della violazione. Ora, il concetto di buona fede indubbiamente assai particolare e per assumere la dovuta incidenza nei rapporti giuridici necessario che identifichi un ben preciso atteggiamento relativamente a ciascuno dei soggetti contraenti. Non va scordato che per ogni libero mercato valgono altres i principi di imprenditorialit e di concorrenza che, quando non sono spinti oltre il lecito (violazione appunto del dovere di correttezza e di buona fede) non implicano alcuna esigenza di specifica tutela per il contraente. Al di fuori di ipotesi di vera e propria incapacit a contrarre si presume che ciascun soggetto, nel porre in essere i propri interessi patrimoniali, persegua uno scopo logico e si comporti con la normale diligenza e sappia quindi valutare la portata della propria azione. Anzi, oltre che sappia, che debba conoscere lincidenza di ci che ha posto in essere, incidenza che si ripercuote non solo sulla sua area economico-patrimoniale, ma anche su quella dellaltro contraente, i cui diritti devono trovare uguale ampia tutela giuridica. Si viene cos a contemperare il discorso svolto precedentemente in ordine a comportamenti poco corretti: la linea di demarcazione offerta proprio da questo impegno giuridico di comportarsi in maniera tale da non ledere scientemente altrui diritti violando il reciproco affidamento e comportamento di correttezza che il legislatore ha posto a fondamento di ogni negoziazione patrimoniale. Sar poi lesame delle singole fattispecie che ci consentir di ravvisare o meno una violazione della norma e, conseguentemente, di valutare la portata e lincidenza del
29

rimedio appropriato. Procediamo quindi dallesame del requisito della correttezza. Essa implica la necessit di comportarsi in modo da non ledere linteresse dellaltro (contraente) oltre i limiti della legittima tutela dellinteresse proprio. Risalta pertanto quella gi accennata esigenza di contemperare laltrui affidamento nel negozio con la tutela del proprio interesse. Ma in realt ci pare che tale precetto sia pi applicabile in concreto di quanto possa apparire a prima vista. stato infatti sostenuto che il venir meno del dovere di correttezza assurga ad atteggiamento sanzionabile solo in presenza di unespressa disposizione di legge, e che diversamente potrebbe solo essere utilizzato come criterio di valutazione e di qualificazione di un comportamento. Ma il fatto stesso di non costituire un diritto soggettivo tutelato erga omnes dallosservanza del precetto del neminem laedere, quando tale diritto non sia riconosciuto da unespressa disposizione di legge non priva di una sua precisa rilevanza il comportamento attuato in dispregio delle regole di correttezza. Valutando il dettato dellart. 2043 c.c. se ne deduce come il legislatore abbia espressamente sanzionato lobbligo risarcitorio a carico di colui che con dolo o colpa, ha cagionato ad altri un danno ingiusto, e che quindi detta illiceit desumibile dallingiustizia del fatto, cio da un danno prodotto non iure (e cio in assenza di cause giustificative del fatto dannoso) e contrarius (vale a dire in quanto tale fatto incida su di una posizione soggettiva attiva tutelata come diritto perfetto, sicch non vi ragione di escludere dalla tutela i diritti relativi. d) Offerte, promesse e inviti ad offrire Largomento di estremo interesse nellambito delle trattative aziendali e, conseguentemente, del complesso di attivit precontrattuali che dovrebbero convergere poi nella determinazione del rapporto definitivo. Il concetto di offerta pu essere estremamente ampio o circoscritto, secondo che lo si esamini dallangolo di visuale della fase economica o della fase pi strettamente giuridica. In effetti, qualunque attivit diretta a proporre un certo prodotto o a
30

ricercare un acquirente o, ancora, programmata per una certa area economica o commerciale, pu essere identificata in una offerta, ma dal punto di vista del diritto opportuno esaminare attentamente ciascuna singola fattispecie giacch, per assurgere alle caratteristiche vincolanti di una offerta, occorrono ben precisi requisiti. Innanzitutto consideriamo il disposto dellart. 1336 c.c. Tale norma disciplina quelle fattispecie che siano definite come offerte al pubblico la cui caratteristica proprio quella di consistere in una proposta che abbia in s tutti gli estremi essenziali del contratto cui diretta. Siamo dunque innanzi ad unofferta revocabile, che costituisce una componente del futuro possibile contratto, che si perfezioner non appena il destinatario della proposta lo accetti. Al riguardo stato giustamente scritto che lofferta al pubblico di per s rappresenta solo un moncone di negozio e diventer negozio, cio contratto, solo con laccettazione di qualcuno. Nella prassi commerciale tuttavia facile ravvisare, accanto alla figura dellofferta al pubblico, la cosiddetta promessa al pubblico. Questultima fattispecie disciplinata dallart. 1989 c.c. e si realizza nel semplice fatto di chiunque si rivolga al pubblico e prometta una prestazione a favore di chi si trovi in una determinata situazione o compia una determinata azione. La pi immediata e rilevante conseguenza consiste nel fatto che il solo manifestare pubblicamente la propria volont fa sorgere il vincolo giuridico per il promittente, il quale resta vincolato alla esteriorizzazione della sua stessa volont. Lulteriore differenza fra le due ipotesi dellofferta e della promessa, data proprio dalla possibilit di revoca della prima che, se fatta nella stessa forma dellofferta o in forma equipollente, efficace anche in confronto di chi non ne ha avuto notizia. Invece per la promessa non pu parlarsi tecnicamente di revocabilit antecedente alla esteriorizzazione, in quanto solo tramite la pubblicit sorge il vincolo a carico del promittente. Pertanto, lo stesso vincolo verr meno solo in presenza di un termine apposto o, in sua mancanza, qualora entro un anno non sia stato comunicato allautore della promessa lavveramento della situazione o il compimento dellazione prevista nella
31

promessa. Tuttavia la promessa pu essere revocata prima della scadenza del detto termine, in presenza di una giusta causa, ma a condizione che la revoca medesima goda degli stessi requisiti di pubblicit di cui aveva goduto precedentemente la promessa. Al di fuori di questa situazione la promessa non revocabile. Due sono le epoche, rispetto alle quali pu ipotizzarsi la revoca: a) lepoca successiva al momento in cui la promessa resa pubblica, perfezionandosi, e anteriore allavveramento della situazione o al compimento dellazione; b) lepoca immediatamente successiva allavveramento della situazione e al compimento dellazione. Nel primo caso la revoca consentita, ma solo per giusta causa; nel secondo la promessa del tutto irrevocabile. Per quanto concerne la figura della promessa al pubblico va rilevato come la stessa sia praticamente inesistente nellarea informatica e, in ipotesi, relativa solamente a prodotti hardware oppure a pacchetti software per cos dire di largo consumo, cio destinati ad una molteplicit di utenti ed acquisibili a costi relativamente modesti. Ovviamente per quanto concerne le garanzie a fronte di una simile azione commerciale non vi molto da dire: una volta che il fornitore abbia rispettato i parametri specifici promessi con quel determinato prodotto, ed una volta che lo stesso si sia mostrato immune da vizi duso, si potranno ritenere rispettati gli impegni assunti, restando comunque impregiudicata la tutela generale dettata dal codice civile per le singole figure giuridiche poste in essere (solitamente vendita). Le figure dellofferta e della promessa al pubblico occupano pertanto una loro ben precisa collocazione e soprattutto la fattispecie dellofferta ci consente un parallelo con la terza figura da esaminare e cio la vera e propria offerta posta in essere da uno dei contraenti nei confronti dellaltra parte. Il primo elemento da rilevare in tale fattispecie la mancanza del requisito della pubblicit, cio della esteriorizzazione erga omnes: infatti ora siamo di fronte ad un destinatario ben identificato, il quale potr accettare e perfezionare il negozio, o rilanciare a sua volta lofferta con una o pi modifiche, riponendo in discussione lintero rapporto.
32

opportuno sgomberare preliminarmente il terreno da un possibile equivoco: le promesse di fare un qualcosa vincolano il loro autore nel momento stesso in cui sono esteriorizzate e conseguentemente sono esse stesse un negozio giuridico perfetto. Va quindi sempre tenuta presente la differenza sostanziale fra ci che viene promesso nellambito di una trattativa, da ci che potrebbe costituire una vera e propria promessa unilaterale di per s immediatamente vincolante. A tal fine richiamiamo quanto precedentemente scritto in relazione alle lettere di intenti o allaccordo quadro, risultando pertanto entro certi limiti pi agevole riconoscere una proposta non vincolante da una vera e propria offerta che impegni inequivocabilmente lofferente. Nella presente ricerca ci che interessa maggiormente proprio questultima figura, che assume il pi delle volte posizione preminente nelliter commerciale. Bisogna tuttavia ammettere che non sempre le distinzioni o, meglio, le classificazioni si pongono con precisi contorni, con la conseguenza che il caso pratico potrebbe vanificare la certezza di una compilazione astratta. Consideriamo quindi lipotesi pi lineare e cio quella ravvisabile in una offerta diretta a proporre un determinato prodotto o uno specifico servizio a fronte di un corrispettivo e, a volte, anche quale risposta ad una richiesta preliminarmente avanzata dal destinatario dellofferta. Dallo stesso primo comma dellart. 1336 c.c. si possono desumere alcuni elementi rilevanti: recita infatti tale articolo che lofferta al pubblico quando contiene gli estremi essenziali del contratto alla cui conclusione diretta, vale come proposta, salvo che risulti diversamente dalle circostanze o dagli usi. Pertanto lofferta diretta ad un indeterminato soggetto pu vincolare lofferente con la stessa efficacia di qualsiasi altra proposta contrattuale, della quale infatti ha la stessa natura. Ne consegue che la proposta, qualora manifesti inequivocabilmente i punti voluti dal contraente, priva la sfera del suo potere della possibilit di sottrarsi al perfezionamento del negozio qualora il destinatario accetti detta offerta, accettazione che potr anche essere tacita, come nel caso in cui lo esigano la natura stessa dellaffare o gli usi. Con riferimento allelaboratore v chi esclude che possa ritenersi qualificabile come offerta al
33

pubblico la proposta emessa mediante elaboratore in quanto il collegamento tra elaboratori presuppone necessariamente la ricettibilit della dichiarazione. Lautore distingue per dalla precedente lipotesi in cui lelaboratore costituisca il mezzo per concludere il contratto sollecitato come ad esempio esposizione di merce in vetrina con accanto lelaboratore del venditore che consente la prenotazione di quei beni. A nostro giudizio comunque vi pu essere unulteriore distinzione e cio lofferta al pubblico attuata pure attraverso il calcolatore, intendendosi questultimo come il veicolo d esteriorizzazione della volont della parte. In effetti lo sviluppo continuo del fenomeno informatico pu postulare una diffusione tale del mezzo, da farlo identificare come qualsiasi altra forma di trasmissione dellofferta ad incertam personam, e pertanto la recettiziet si instaurerebbe solo nei confronti di coloro che, aderendo allofferta, concludono il contratto. Per quanto invece concerne il rapporto diretto fra lofferente ed un solo destinatario indubbio che non valga pi la qualifica di offerta al pubblico ma che si tratti piuttosto di una vera e propria proposta contrattuale, cos come ulteriormente argomentato nel testo. Ovviamente esiste un margine entro il quale il proponente pu sottrarsi allimpegno vincolante del perfezionamento contrattuale, e tale spazio offerto da quellarco di tempo intercorrente fra lemissione della proposta e il momento in cui, a fronte dellaccettazione del destinatario, il contratto si conclude. Questa facolt di revoca non deve per ledere il diritto dellaltro contraente (promissario) che abbia iniziato in buona fede lesecuzione affinch non ne abbia a subire un ingiusto pregiudizio a fronte della mancata conclusione del contratto. Va rilevato come ancora una volta torni in campo il concetto della buona fede, riferita per al destinatario della proposta: del tutto indifferente la posizione del promittente e, anche se questi abbia agito con la miglior correttezza possibile, laltro soggetto ha diritto allindennizzo. Ciascun contraente dovr quindi valutare con attenzione il proprio ambito di operativit per evitare sia linstaurarsi di un vincolo definitivo non voluto, sia il rischio di corrispondere un giusto risarcimento allaltra parte in buona fede. La delicatezza della questione va per anche oltre. Abbiamo
34

detto che la proposta produce il perfezionamento del contratto nel momento stesso in cui si sposa con laccettazione, espressa o tacita, del destinatario, ma vi lulteriore possibilit che questultimo modifichi i termini delloriginaria offerta. Ci pu avvenire in due diversi modi e cio o manifestando unaccettazione non corrispondente alla proposta oppure manifestando unaccettazione parziale o con riserva. Nel primo caso laccettazione perde la sua natura al momento conclusivo dellincontro delle volont ed impedisce il sorgere del vincolo, ma nello stesso tempo modifica la sua essenza e potrebbe essa stessa assurgere a nuova proposta ponendo cos il proponente nella diversa posizione di accettante. quindi opportuno valutare attentamente tutto lo scambio di note e corrispondenza che solitamente accompagnano le trattative, al fine di evitare pericolose e non volute digressioni. Nel secondo caso laccettazione perde totalmente ogni efficacia sia per la sua incompiutezza sia per lespressa riserva che, come tale, tende a differire ad un momento successivo il perfezionamento dellaccordo. Un breve cenno va fatto in questa sede ancora in tema di silenzio, non considerandolo pi dal punto di vista per cos dire negativo, di mancata comunicazione di elementi rilevanti ai fini della validit negoziale, bens dal punto di vista positivo dellincidenza di tale figura in ordine alla proposta contrattuale e successiva sua accettazione. Ovviamente un comportamento di tal tipo (silenzio) non pu certo assumere sempre valore di accettazione, ma occorre per distinguere quelle ipotesi nelle quali sia stato stabilito che la mancata risposta negativa implichi accettazione. Ci avviene soprattutto con lapposizione di un termine ben specificato per il diniego e che al di l di esso il silenzio valga per accettazione. Ma anche in questo caso non si pu generalizzare, altrimenti ciascuno di noi sarebbe subissato da offerte e proposte con lonere di respingerle espressamente tutte per non doverle subire: tale fatto non solo sarebbe contrario ad ogni principio di buona fede, ma soprattutto difetterebbe sempre della reale intrinseca presenza di una volont concludente. In definitiva dunque anche il silenzio potrebbe assurgere a fattispecie concludente, soprattutto quando il soggetto interessato doveva
35

o poteva parlare. Il silenzio assume anche rilevanza quando opera unitamente allattuazione od esecuzione: infatti il proponente pu aver concordato la prestazione della sua controparte senza una preventiva accettazione della proposta, o potrebbe essere la natura stessa della prestazione da esigere il suo inizio anche in assenza di accettazione. Il contratto si concluder pertanto nel tempo e luogo in cui ha avuto esecuzione (art. 1327 c.c.) e riteniamo sempre che lesecuzione corrisponda esattamente ai requisiti della proposta. Grava sullaccettante lonere di dare prontamente avviso dellesecuzione intrapresa a pena di dover risarcire gli eventuali danni patiti dalla controparte. Concludendo la riflessione sullofferta riteniamo opportuno richiamare le parti alla massima attenzione nella predisposizione della corrispondenza aziendale rammentando come possa essere opportuno inviare dapprima una lettera di intenti che illustri genericamente ci che si intende offrire o che si desidera ricevere e, solo successivamente alla risposta dellaltra parte, procedere con lopportuna articolazione delle esigenze. Cos, se si intende offrire il proprio know how per lassistenza ad un software o per il controllo di qualit, dovranno stabilirsi tutti i punti salienti nel corpo dellofferta o del contratto e non prima, seguendo un sempre valido criterio di prudenza che mira alla tutela non solo contrattuale, ma anche di segretezza aziendale. Rammentiamo ancora come nella prassi lofferta sostituisca solitamente un apposito testo contrattuale e quindi tutto ci che verr scritto ed offerto, una volta accettato, sar vincolante. Altro punto rilevante quello dellinvito ad offrire che, solitamente, qualifica quella particolare fattispecie ricorrente ogni qual volta unazienda od un determinato soggetto invita possibili contraenti a comunicare delle offerte che verranno poi valutate ed eventualmente accettate. Ma laccettazione resta nella piena disponibilit del richiedente che, a parit di offerte potr insindacabilmente orientare le proprie scelte. Anche in questa ipotesi nulla pu essere lasciato in forma incompleta o generica e pertanto nellinvito ad offrire dovranno essere contenuti o ravvisabili gli elementi necessari per il perfezionamento del contratto. Si ha quasi un inversione dei ruoli, e cio la parte che intende concludere rivolge alle altri parti linvito a farsi avanti in
36

modo tale che la prima proposta parta da essi, e come abbiamo appunto sottolineato, tende solitamente ad esporre nel suo invito i punti su cui dovranno convergere le future offerte. Anche in questa fattispecie dovr essere rispettato il noto principio della buona fede giacch lintero iter contrattuale prende le mosse proprio da questa fase iniziale e su di essa innesta tutto il suo successivo sviluppo. E varr anche qui quanto precedentemente detto in tema di lettere di intenti ed accordi quadro. e) Proposte e conclusione del contratto Pur senza sviluppare unindagine approfondita in ordine al momento perfezionativo del negozio prodotto con lincontro delle volont delle parti, argomento quanto mai esaurientemente trattato in dottrina e in giurisprudenza, riteniamo opportuno richiamare in questa sede alcuni aspetti particolari propri della prassi commerciale e quindi delle trattative. La tendenza a richiedere ed a offrire, che rispecchia un pur legittimo interesse di ciascun contraente diretto ad ottenere la migliore e pi concreta soddisfazione dei propri interessi, non deve tuttavia spingere ciascuna parte a sottovalutare i principi dellordinamento giuridico che, improntati ad un imparziale principio di tutela, tendono a garantire anche gli altri soggetti e, conseguentemente, a giustificare le conclusioni di un negozio. La manifestazione del proprio intento, soprattutto se accompagnata dalla indicazione degli elementi principali del contratto che si vuole concludere, pone il destinatario delle proposte in una posizione di affidamento nei confronti dellaltro soggetto e pertanto il primo, salvo il caso di sua colpa, autorizzato a confidare nellintento del proponente e quindi ad aderire, ove ne ricorrano i presupposti, al negozio posto in essere. Praticamente ritorna in vigore il principio generale della buona fede e dellirrilevanza delle segrete intenzioni del proponente cosicch una specifica offerta di accordo contenente, ad esempio, costi, modalit e oggetto di un servizio, qualora venga accettata dal destinatario concretizza il vincolo contrattuale. Ne consegue che non solo possa trovare applicazione il principio
37

generale in forza del quale linterruzione immotivata delle trattative implichi lestensione della responsabilit extra contrattuale, ma addirittura si debba parlare di adempimento contrattuale, essendosi in realt concluso questultimo. Qualsiasi diniego o ritrattazione successiva non potrebbe trovare giustificazione giacch a quel punto soltanto il consenso di entrambi i contraenti potrebbe sciogliere il vincolo sorto, vincolo avente forza di legge fra le parti stesse. Quindi nellintera complessa fase della richiesta e della proposta le parti dovranno aver ben presente la necessit di specificare le loro reali intenzioni e quindi, di indicare espressamente le proprie riserve o specifiche indicazioni di gradimento. La prassi insegna come sia sovente necessario ed opportuno contattare e richiedere indicazioni e parametri in merito a quanto desiderato, ma proprio per ci non deve sorgere il pur minimo dubbio in ordine a dette intenzioni e cio che si intende solo tastare il terreno e valutare la possibilit di conclusioni di futuri accordi. Si ricorre abitualmente alle lettere di intenti o ad indicazioni programmatiche e, ripetiamo, il loro tenore deve essere inequivocabile. opportuno a tal fine rammentare che la volont rilevante deve essere quella diretta alla conclusione del contratto, mentre diversa incidenza assume la volont diretta a porre in essere delle trattative che di per s non implicano affatto lintenzione di perfezionare il vincolo contrattuale. Asserire il contrario, anche alla luce della sola logica, significherebbe attribuire una diversa intenzione ai due (o anche ad uno solo) contraenti. Ne deriva che tutta la serie di intese pre-negoziali, tutti gli scambi di informazione e di documenti non costituiscono elementi qualificanti del contratto, ma ne compongono solo degli elementi che in futuro, ed in presenza di una specifica volont, confluiranno nella definitiva manifestazione negoziale. Risulta pertanto assai utile delineare preliminarmente che si intende dar vita ad una fase di trattativa e non concludente, e a tal fine uno scambio di lettere o la specificazione di tale scopo nel documento di intesa servir ad eliminare possibili dubbi. La ricerca di possibili future intese, lincontro delle reciproche
38

esigenze, mira solitamente ad inquadrare quelli che saranno i punti centrali del futuro accordo, cercando di eliminare le incongruenze ed i disaccordi sugli obiettivi finali desiderati. Potrebbe per verificarsi un fatto nuovo e cio che laccordo delle parti possa ravvisarsi nella coincidenza sui punti essenziali e che, salvo espressa riserva di concordare tutti gli altri elementi (essenziali e non essenziali), lintesa raggiunta assurga a vincolo contrattuale. Uno scambio di documenti dal cui tenore risulti inequivocabilmente lintenzione delle parti di voler concludere un negozio pi complesso della semplice acquisizione di un bene specifico quale lhardware consegnato o dal quale si possano comprendere le caratteristiche e le qualit del bene in rapporto alle specifiche esigenze e volont dellacquirente, non pu essere in alcun modo disatteso. Anche ad accentrare lattenzione sul negozio conclusivo non riteniamo sia possibile escludere dallindagine tutta la fase iniziale della volont e, pertanto, ignorare il disposto dellart. 1362 c.c. per il quale nellinterpretare i1 contratto si deve indagare quale sia stata la comune intenzione delle parti e per considerare il loro comportamento complessivo anche posteriore alla conclusione del contratto, principio questo estendibile anche alle fattispecie pi complesse e strettamente abbinabile al concetto dellinterpretazione secondo buona fede. In tema di appalto un recente giudicato ha specificato che lappaltatore, che deve realizzare unopera tecnicamente idonea a soddisfare le esigenze del committente risultanti dal contratto, ha il conseguente dovere di rendere edotto questultimo di eventuali obiettive situazioni o carenze del progetto, rilevate o rilevabili con la normale diligenza, ostative allutilizzazione dellopera ai fini pattuiti. Ora tale concetto pu essere maggiormente ribadito rammentando che sovente per quel determinato contratto, e quindi per la sua stipulazione, non richiesta la forma scritta ad substantiam o ad probationem. Un ulteriore problema connesso a tali manifestazioni di intenti potrebbe essere offerto dalla presenza di costi o di specifici impegni: ad una richiesta di determinate prestazioni il destinatario, quindi il futuro probabile contraente, dovrebbe
39

porre in essere studi e ricerche a volte costose, soprattutto in termini di impiego di materiali e di personale. Cos dunque potrebbe essere opportuno specificare allorigine, o anche con risposte separate alle richieste, ma antecedenti allinizio del lavoro diretto a concretizzare lofferta, eventuali accordi su costi o su riservatezze, non potendosi negare che, in materia altamente tecnologica come quella informatica, venga quasi sempre posto in essere uno scambio di vero e proprio know how aziendale. Bisogna porre laccento, inoltre, a due distinte situazioni: la prima offerta dal contenimento di tutta loperazione allinterno della medesima struttura aziendale dellinteressato. In tal caso ogni problema relativo al maggior o minor risultato perseguibile limitato al normale rendimento produttivo e qualificante del gruppo di lavoro aziendale incaricato di tale incombenza, con esclusione quindi di qualsiasi specifico incarico esterno e conseguente responsabilit di buon risultato finale. Va anche notato come lo stesso studio di fattibilit costituisca un tassello indifferentemente utilizzabile, e cio come lo stesso possa formare il presupposto di un futuro negozio giuridico, del quale verr a costituire parametro o elemento necessario, o come possa, invece, essere utilizzato semplicemente quale fattore conoscitivo e di eventuale know-how aziendale. Comunque sia, in questa fase strettamente interna, la ricerca ed il risultato non producono effetti giuridici rilevanti per i terzi. II discorso cambia qualora dello studio sia incaricato un soggetto estraneo allazienda quale, appunto, un consulente esterno o una determinata azienda che svolga attivit in quel settore specifico di ricerca, o che ricomprenda tale settore di ricerca nellambito della sua vasta attivit sociale. Il fenomeno dellincarico di studio di un consulente (persona fisica) esterno ricade nella normale esecuzione di un contratto dopera, in forza del quale il prestatore dopera, a fronte di un corrispettivo si impegna a compiere unopera od un determinato servizio, senza porre in essere alcun vincolo di subordinazione nei confronti del committente (fatto questultimo, riscontrabile nellipotesi precedentemente esaminata di sviluppo dello studio nellambito della medesima struttura aziendale e lavorativa del committente).
40

Particolare attenzione dovr essere posta in essere dal prestatore dopera che risulti iscritto ad apposito albo o elenco delle professioni intellettuali: in questo caso infatti si applica il principio sancito dallart. 2236 c.c., in forza del quale se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficolt, il prestatore dopera non risponde dei danni se non in caso di dolo o colpa grave. Ne consegue che il professionista incaricato di risolvere difficoltosi problemi dovr operare tenendo accuratamente conto della specifica onerosit dellimpegno. Se invece il committente si rivolge ad un imprenditore, avremo un ordinario appalto con lapplicazione di tutta la specifica disciplina rilevante sopratutto ai fini della presenza o meno di vizi dellopera. In effetti il contratto instauratosi fra committente ed appaltatore, pur se diretto ad un risultato che potr o meno essere utilizzato dal medesimo committente ai fini del ciclo del sistema elaborativo, gode di tutti i propri autonomi requisiti giuridici. Cos trover applicazione la disciplina specificata negli artt. 1655-1677 c.c., ove di volta in volta applicabili. Lincidenza giuridica per non limitata alla conclusione dello specifico appalto, ma troveranno applicazione anche tutte le norme proprie delle trattative in quanto nulla muta nel rapporto instauratosi fra committente ed appaltatore rispetto a qualsiasi altra figura contrattuale. Entrambe le parti saranno tenute al comportamento secondo buona fede ed al rispetto di tutte le corrispondenti norme e, soprattutto, anche nel conferimento dello specifico incarico, andranno distinte le attivit preliminari giuridicamente non vincolanti, come lo scambio di informazioni, e la valutazione sullopportunit o meno di instaurare il rapporto, da tutto quanto solitamente compatibile con il sorgere del vincolo negoziale. Vi poi un campo di indagine che riteniamo estremamente importante nellambito del conferimento dello studio preliminare o di fattibilit, ed quello relativo alla presenza di un tale impegno in stretta connessione o collegamento con un ulteriore negozio giuridico. Tale fatto pu avvenire in maniera espressa o tacita, ed ovviamente i problemi scaturenti della prima ipotesi sono di pi facile soluzione data la manifesta collocazione del rapporto
41

negoziale: a fronte di uno specifico incarico di ricerca e di successiva esecuzione di un servizio o di vendita le questioni inerenti luno 0 laltro negozio, 0 lintero unitario complesso negoziale, possono essere affrontate con maggior visualizzazione dei loro confini. Cos ad esempio, se viene commissionato uno studio relativo a determinati problemi e sulla base di tale studio lo stesso appaltatore viene incaricato di eseguire lopera, potranno essere accuratamente valutate le singole adempienze e inadempienze, nonch la portata dello stesso conferimento 21. Potrebbe per verificarsi il caso di conferimento dellincarico in maniera per cos dire non appariscente, ma per ci non meno vincolante, come nellipotesi in cui il cliente incarichi il fornitore di procurare un sistema elaborativo adeguato alle sue esigenze, e questi proponga lacquisto di una certa apparecchiatura e ponendo in essere uno specifico negozio di vendita, facendo ad esempio sottoscrivere un apposito modulo o contratto di vendita. A fronte delleventuale inadeguatezza delle apparecchiature rispetto alle esigenze del committente non riteniamo che il fornitore possa trincerarsi dietro la semplice vendita di apparecchiature, negozio di per s privo di difetti, ma che lindagine debba essere estesa anche alla fase di incarico della ricerca delle soluzioni ottimali per le esigenze del cliente, soluzioni che avrebbero poi dovuto trovare piena attuazione nella messa in opera o trasferimento delle apparecchiature. Solo cos crediamo possa trovare accoglimento il principio di piena tutela giuridica della parte adempiente che, in caso contrario, sarebbe costretta a subire un ingiusto pregiudizio. Anche in giurisprudenza si ritenuto che il contratto con il quale, al fine della realizzazione di uno stabilimento industriale, si affidi ad un ingegnere non soltanto la progettazione di edifici, impianti ed infrastrutture, ma anche lassistenza tecnica alle attivit di montaggio, nonch la verifica della funzionalit dellopera contro un compenso predeterminato, esula dalla mera prestazione dopera intellettuale e configura un appalto di servizi, sicch la mancata esecuzione da parte del professionista di alcuno di detti compiti resta soggetta alla disciplina dellinadempimento nel rapporto di appalto. Il principio cos sancito pu essere tranquillamente esteso anche a casi di specie informatrici.
42

Da quanto sin qui detto in ordine allo studio di fattibilit opportuno aggiungere alcune brevi riflessioni relative allincidenza che lo stesso potrebbe assumere nei confronti dei terzi in caso di responsabilit per danni. Sappiamo che lo studio di fattibilit costituisce il punto di base per lesecuzione dellappalto e le due fattispecie coesistono a tal fine senza che il secondo elida il primo. Lappaltatore, infatti, non pu ne deve essere un mero esecutore di ordini, ma deve contribuire attivamente allesecuzione dellopera con la propria individualit e autonomia: qualora manchi questo specifico apporto qualitativo si verter in una situazione giuridica diversa da quella dellappalto. Ora i danni causati al terzo potrebbero poi dipendere da difetto dello studio e in tal caso, se esso sia stato effettuato dallappaltatore, sorgerebbe responsabilit di questultimo e resterebbe salvo il diritto per il committente di agire in eventuale rivalsa nei confronti del primo. Se invece sia stato incaricato un terzo o sia stato lo stesso committente ad effettuare lo studio vi sar concorso dellappaltatore con il committente o con il terzo. Da quanto detto risulta ancora una volta la necessit di valutare sempre attentamente ogni fase del rapporto posto in essere, rapporto che potrebbe benissimo prospettarsi in maniera complessa, ma non per questo meno vincolante. Il contratto si perfeziona non solo con lincontro delle volont delle parti, ma anche con la mancanza di vizio delle volont di ciascun contraente. Per vizio intendiamo un processo formativo della volont che non consenta alla stessa di manifestarsi allesterno in conformit del vero volere del suo autore. Diversa lipotesi di totale mancanza della volont come nel caso della violenza fisica: nel caso dellerrore o del dolo il negozio voluto dalla parte solo che la formazione del consenso risulta imperfetta. Ora il problema di maggior rilevanza ai fini del nostro discorso non quello di approfondire la disciplina del vizio della volont, sia esso errore o dolo, quanto piuttosto di valutare se e in che modo la volont manifestata possa aver subito una menomazione nella fase delle trattative. Chiudendo il discorso sulle trattative ed offerte riteniamo opportuno riflettere ancora sul contrasto sostanziale esistente fra
43

unofferta contrattuale ed il contratto stesso conclusosi sulla base di tale offerta, al fine di sgomberare il terreno da pregiudizi o dubbi. Procediamo da un caso pratico: unazienda invia ad un altro soggetto, nella specie un ente pubblico, unofferta relativa ad una fornitura di hardware e di software, nonch la disponibilit al rilascio delle nuove release aggiornate sulla base del dettato di legge di volta in volta in vigore, stabilendo per tale ultima prestazione un canone annuale. Il destinatario dellofferta delibera di accettare lofferta prospetta, ma, fa riferimento espresso solo alla fornitura di hardware e di software, senza menzionare minimamente laccordo di assistenza per il rilascio delle nuove releases. A maggior sostegno della propria decisione lo stesso ente comunica allofferente laccettazione della proposta richiamando la propria delibera, ma senza fare alcun riferimento esplicito al contratto di assistenza, ed insiste per lesecuzione del contratto inviando una copia di uno specifico accordo da sottoscrivere. Per quanto concerne tale ultima richiesta riteniamo che si tratti di una formalit superflua stante la coincidenza fra lofferta dettagliata e laccettazione, per di pi scritta, della stessa. Ma il problema principale torna ad essere quello della corrispondenza fra lofferta e la sua accettazione: nel caso in esame lente destinatario ha manifestato il proprio assenso ad una parte rilevante della proposta, senza alcun ulteriore riferimento alla residua. Il proponente posto innanzi ad una duplice scelta: accettare tale controproposta, che limita la portata della sua iniziale offerta, o rifiutarla, ribadendo lestensione di quanto precedentemente avanzato. In questultimo caso si ritorner nella fattispecie di una nuova offerta con il conseguente venir meno della decisione della controparte e con la riapertura della fase della trattativa. Nella diversa ipotesi dellaccettazione della controproposta dellente si avr il perfezionamento del contratto sulla base della controproposta stessa, invertendosi le parti: il proponente originario diventa destinatario ed il destinatario originario diventa proponente, senza peraltro far venir meno la realt del perfezionamento contrattuale. Non pu quindi pi parlarsi di fase di trattative e di offerta ma di conclusione negoziale.
44

Ovviamente per quanto concerne la residua parte della proposta, cio loriginaria offerta di assistenza al software, tutto ritorna in discussione e, se da un lato il primo proponente non pu pretenderne il perfezionamento negoziale, dallaltro lato il primitivo destinatario (ora a sua volta proponente) non pu nemmeno pretendere di ottenere inclusa nel contratto tale prestazione senza alcun ulteriore esborso. Da quanto esposto si pu desumere come la barriera fra offerta e contratto sia estremamente delicata ed il comportamento di una delle parti possa attuarne il superamento senza ricorso a precise formule sacramentali o ad atteggiamenti rigorosamente formali, con il sorgere di tutti gli inerenti vincoli giuridici. A diversa soluzione si pu pervenire sostituendo lofferta con una lettera di intenti che richiami gli estremi essenziali del contratto da stipularsi, senza per porre lofferente nella pi specifica posizione di contraente. Solo a fronte della corrispondenza fra la risposta del destinatario ed il contenuto della manifestazione di intenti si potr procedere alla redazione del contratto. Altro idoneo accorgimento potrebbe essere quello di subordinare espressamente lofferta alla sua totale accettazione, ritenendosi la stessa priva di ogni efficacia in caso di sua accettazione difforme, anche parziale.

1.4.3 Responsabilit contrattuale


a) Adempimento ed inadempimento Nelle pagine precedenti abbiamo pi volte richiamato la necessit di adempiere regolarmente al contratto, cio attenersi alla esatta esecuzione dello stesso, obbligo che incombe su ciascuno dei contraenti. In effetti, collocandosi le fattispecie informatiche nellambito dellusuale contesto contrattuale sorgono tutti gli impegni propri del rapporto sinallagmatico di cui lesempio pi semplice quello della vendita e quindi della consegna del bene immune da vizi e del corrispondente obbligo di pagare il prezzo pattuito. Va da s che la realt sovente pi complessa e che possono sorgere contestazioni di svariata natura in ordine
45

alladempimento, contestazioni ammissibili solo nei limiti di un loro legittimo presupposto e che richiedono unattenta valutazione da parte dellinterprete. Alcune ipotesi di inadempimento contrattuale sono state accennate nel presente lavoro, come, ad esempio, la necessit di consegnare unitamente al software anche tutta la sua documentazione, intesa in senso ampio, o di fornire un bene o un servizio immune da difetti ed idoneo alluso. Si rientra, quindi, nellambito della rilevanza contrattuale, non dissimile da altre figure negoziali di natura diversa dal bene informatico, con la conseguenza che la parte inadempiente si espone a tutte le conseguenze negative del suo comportamento, ma accanto ad una simile forma di responsabilit sussiste e concorre con essa anche lulteriore forma di responsabilit extracontrattuale, con tutte le inerenze che le sono proprie e con conseguenze per linadempimento non meno incidenti di quelle specifiche del rapporto contrattuale. Unanalisi dettagliata della figura dellinadempimento per ciascuna situazione non oggetto di questa ricerca e pertanto, rinviando a tutta la vasta bibliografia in materia, limiteremo la nostra indagine a due aspetti particolari: la presenza e validit o meno, delle cos dette clausole di esonero della garanzia ed il riflesso che assume anche per il mondo informatico la Direttiva CEE 374/85 e succ. modifiche sulla responsabilit da prodotto difettoso, nonch lattuazione della stessa in Italia con Legge 24 maggio 1988 n 224 (vedi infra par. e) di questo stesso capitolo). b) Interesse delle parti Indubbiamente uno degli aspetti pi rilevanti nel rapporto negoziale quello relativo al possibile verificarsi di un inadempimento da parte di uno dei contraenti. Si tratta di una situazione che implica ripercussioni particolari sullintero sinallagma contrattuale in quanto uno dei contraenti vede disattesa la propria legittima aspettativa di una prestazione corretta, il cui venir meno apre una nuova fase di operativit. Laspetto pi elementare di tale discrasia si ha nel mancato pagamento della prestazione ricevuta: i contratti informatici non
46

differiscono sotto questo punto di vista dalle altre fattispecie negoziali. Se uno dei contraenti ha regolarmente adempiuto alla sua incombenza, laltra parte non pu esimersi dal pagamento di quanto pattuito, e ci sia nellambito di una semplice vendita di hardware o software, come nellipotesi pi complessa di un accordo di sviluppo di software, il tutto ovviamente in assenza di fondate contestazioni sulla prestazione effettuata. Tuttavia il fenomeno dellinadempimento non sempre cos lineare, ma si prospettano situazioni del tutto particolari e legate alla caratteristica delloggetto informatico: per unanalisi dettagliata di ciascuna figura giuridica rimandiamo a quanto scritto negli altri lavori richiamati in nota nel presente testo, limitando ora lindagine ad alcune situazioni peculiari per porne maggiormente in luce le caratteristiche e le incidenze. La prassi dimostra che uno dei punti maggiormente contestati quando si verte in materia software sia relativo al concetto pi o meno esteso di software, cio allesatto contenuto dellobbligazione posta in essere. Abbiamo sottolineato come il software si concretizzi in un bene mobile immateriale per il quale il supporto su cui collocato altro non che il mezzo di trasmissione o di utilizzo pratico. Una conferma di tale fatto implicitamente richiamata dalle comuni clausole contrattuali che riconoscono allutilizzatore il diritto di sostituire i dischetti o i supporti danneggiati, corrispondendo al massimo il solo costo del materiale e di spedizione. Ma altrettanto vero che non si possa restringere il concetto di esatto adempimento alla consegna del semplice supporto e software, dovendo consegnarsi anche tutta la inerente documentazione che ne consenta sia il corretto uso che, nei casi di titolarit in capo allutilizzatore, anche la possibilit di intervenire sul programma medesimo. Abbiamo precedentemente richiamato lesigenza di considerare in senso ampio il concetto di documentazione, ricomprendendovi i manuali duso, i listati ecc., ed in caso di inadempimento occorrer valutare attentamente la sua incidenza rispetto alla contestazione: cos, ad esempio, nel caso di un contratto di sviluppo di software, la mancata consegna del codice sorgente o
47

del codice oggetto costituisce sicuramente unipotesi di rilevante inadempimento sotto un duplice aspetto. Da un lato vi il diritto del committente ad ottenere il software completo cio in modo da poter essere pienamente utilizzato, e dallaltro vi il diritto di reclamare la propriet di quanto realizzato dallo sviluppatore e non pi di sua pertinenza. In base a specifici accordi potrebbe ravvisarsi una situazione di contitolarit del prodotto o di particolari modalit di utilizzo anche da parte dello sviluppatore: una fattispecie caratterizzata da due identici diritti sul software, e per entrambe le parti sussiste il diritto di ottenere tutto il bene, senza limitazione alcuna. Conseguentemente il committente non potrebbe esigere lesclusiva disponibilit del software e documentazione, mentre lo sviluppatore non potrebbe esimersi dalla loro consegna integrale. Una diversa ipotesi di inadempimento offerta dal rifiuto di eseguire la prestazione da parte dello sviluppatore. Non ci risultano casi di rifiuto espresso e quindi ne discutiamo in via teorica, bench il discorso possa estendersi alle pi usuali ipotesi di mancato adempimento. Il committente non potrebbe certo ottenere lesecuzione in forma specifica dellobbligazione assunta dallappaltatore e questultimo sarebbe gravato solo dal risarcimento del danno, danno non sempre quantificabile in modo esatto e, soprattutto, sicuramente non risarcito proporzionalmente al reale interesse del committente. Consigliamo a tal fine di ricorrere ad opportune clausole penali inserite nel testo contrattuale, in modo da aver quantomeno la predeterminazione dellimporto del risarcimento, con indubbio rafforzamento del vincolo obbligatorio e semplificazione dellazione giudiziaria conseguente. Il timore di un inadempimento proprio di qualsiasi rapporto ed anche nellambito dei contratti informatici assume una sua primaria connotazione: la riprova di tale incidenza offerta dallinteresse sempre maggiore per la presenza di clausole di esclusione totale o parziale della responsabilit, che, come vedremo ricoprono unarea del tutto particolare nel mondo della contrattualistica. Nello stipulare gli accordi le parti mirano al perseguimento delloggetto pattuito, identificando nellinappuntabile esecuzione
48

lo stesso interesse che le ha spinte alla conclusione dellaccordo. Si pone quindi lesigenza di richiamare in parallelo ed in confronto fra loro, i concetti di adempimento e di inadempimento, non tanto al fine di esaminarne lincidenza nella dinamica negoziale, fatto di per s logico, quanto piuttosto di affrontare unipotesi diversa e cio quella relativa alle cos dette clausole di esclusione della garanzia, clausole riscontrabili praticamente in tutti i contratti. c) Le clausole di esclusione della garanzia Nellottica naturale di ciascuna negoziazione, oltre allinteresse diretto del perseguimento dellutile economico prospettato dal contratto, ciascun contraente cerca di ridurre al minimo i potenziali rischi connessi allesecuzione del contratto e ricorre allinserimento di apposite clausole che ne limitino la responsabilit e, quindi, il risarcimento danni, nelleventualit che laltro contraente abbia fondato motivo per agire nei suoi confronti a fronte di un verificato inadempimento. La presenza di tali clausole costante in tutti i contratti di informatica e, al di l, dello stretto tenore letterale delle loro formulazioni, il contenuto sostanziale sempre identico e pu essere riassunto nel concetto non rispondo di nulla. Si tratta, in realt, di una frase sicuramente esagerata, ma ricorriamo ad essa per enfatizzare il contenuto delle clausole di esclusione di garanzie, per indicare quello che lo scopo precipuo della parte che lha inserita nel contesto contrattuale, e cio il desiderio di sottrarre alla normale alea insita in ciascun rapporto la propria disponibilit. Il presupposto deve essere ovviamente la mancanza di dolo; in qualsiasi modo si presenti una specifica intenzione lesiva dei diritti altrui, non solo violerebbe un invalicabile principio, ma priverebbe sin dal suo nascere ogni eventualit, concretizzando una ben precisa volont negativa di danneggiare. Altra cosa la possibilit di verificarsi di un inadempimento legato a colpa, al limite anche grave ove ammissibile: in tale ipotesi sussisterebbe sempre il margine di possibilit o meno dellevento. Con ci non intendiamo certo assimilare la possibilit di
49

inadempimento insita in ogni fattispecie alla caratteristica di alea cio di avvenimento indipendente dalla volont propria delle omonime figure contrattuali, ma solo cercar di sottolineare come una sorta di imprevedibilit sussista sempre in qualsiasi contratto e, conseguentemente, come ciascun contraente cerchi di esorcizzarne il verificarsi, tutelandosi nel contempo nel migliore dei modi. Nascono in tal modo le clausole di esclusione di responsabilit o garanzia. d) Tipi di clausole di esonero della responsabilit Prima di esaminare dettagliatamente la portata giuridica di simili pattuizioni e la loro conseguente ammissibilit o meno, riteniamo opportuno esaminarne la tipologia, cio identificare i tipi pi frequenti nellambito della contrattualistica informatica. Possiamo distinguere due tipi di clausole di esonero: la clausola di esonero generale da ogni responsabilit e le clausole mirate ad escludere la responsabilit in relazione ad una specifica situazione. In altre parole: la clausola di esonero generale deve essere intesa cos Il cedente (licenziante, comodante, sviluppatore ecc...) non risponde per danni eventualmente dovuti a difetti del prodotto o conseguenti al suo uso. Il tenore della clausola indubbiamente inequivocabile, e si rende necessario valutarne la portata giuridica, cio accertarne laccoglibilit o meno nel nostro ordinamento, discorso che, comunque, vale anche per ogni diversa clausola di esclusione della garanzia, clausola mirata ad eliminare uno od altro specifico rischio (le cos dette clausole di esonero specifiche). Una prima osservazione in tema di clausole di esonero generale legata alla determinazione del suo contenuto; riteniamo cio che non si possa estendere genericamente la portata di una simile clausola ad ogni situazione possibile, ricadendo diversamente, nellipotesi di clausola di stile o comunque di mancanza di determinazione di essa, con la conseguenza di riscontrare la presenza di una clausola inefficace, che non produce effetti negativi sul contesto contrattuale (vitiatur sed non vitiat), salvo ricondurre la sua collocazione alla volont
50

precipua del contraente di legare lintero contratto alla sua validit, ipotesi indubbiamente difficile da dimostrare. Comunque la collocazione di una simile clausola potrebbe incontrare unobiezione preliminare legata alla sua eventuale identificazione quale clausola di stile, cio priva di una specifica manifestazione diretta di volont dei contraenti e, come tale, non suscettibile di tutela giuridica, in relazione al dettato dellart. 1321 c.c. Aderiamo al pensiero di quegli Autori che non ravvisano automaticamente la presenza di una clausola di stile ogni qual volta si riscontri la formulazione di una siffatta clausola di esclusione, in quanto essa pur sempre riconducibile alla manifestazione della volont dei contraenti. Vi unulteriore considerazione in ordine a siffatte clausole: ferma restando la loro diversit dalle clausole di stile pure e semplici: occorre collegarne la portata al contesto contrattuale al fine di evitare una formulazione troppo generica e, quindi, indeterminata. Di per s il contenuto inequivocabile di esclusione di responsabilit a fronte di qualsiasi fatto ricollegabile al contesto negoziale, dovrebbe consentirne losservanza, ma, al fine di evitare dubbi interpretativi e successivi contenziosi diretti ad accertarne o meno la validit, si raccomanda di specificare dettagliatamente nel testo contrattuale a quali specifici fatti si riferisca la clausola di esclusione. Ci pu attuarsi in due modi: o riferendo la clausola ad ipotesi anche esemplificative, o richiamando successivamente nel testo, ad integrazione e rafforzamento del vincolo, specifiche ipotesi di esclusione. In questultimo caso si avr la coesistenza di una clausola di esclusione della responsabilit c.d. omnicomprensiva con una o pi clausole di esonero specifiche, la cui validit, nei limiti di quanto esamineremo oltre, indiscutibile e sana, per quanto possa occorrere, la forse troppo generica dizione della clausola di esclusione generale. Richiamiamo infatti quanto precedentemente scritto in ordine allinterpretazione della reale volont delle parti nel testo contrattuale e come debba farsi ricorso a tutti i mezzi ermeneutici al fine di determinare ci che i contraenti
51

desideravano, procedendo dalla formulazione per giungere allinterpretazione stessa della volont desumibile comunque dal contesto. In effetti le figure contrattuali informatiche sono mirate a precisi scopi e la loro causa risulta determinata, anche per quelle figure innominate, ma a nostro giudizio oramai tipicizzate dalluso come la licenza duso di software (sul punto vedasi quanto precisato nel capitolo precedente). Conseguentemente gli effetti del contratto sono ben identificabili e il riferimento allesclusione di responsabilit ricollegabile alla prestazione dedotta nellaccordo medesimo. In ogni caso, accanto alla clausola c.d. di esonero onnicomprensivo, rinveniamo nella prassi una serie di clausole specificatamente destinate ad eliminare gli effetti negativi della responsabilit a fronte del verificarsi di ben precise situazioni. Per comodit di indagine utilizzeremo in questa sede solo alcuni riferimenti contrattuali propri della licenza duso di software e del contratto di sviluppo di software, rimandando a quanto scritto pi dettagliatamente sulla materia e rinviando per la fattispecie della vendita anche ad ulteriori considerazioni legate allintroduzione della Convenzione di Vienna del 1980 sulla vendita internazionale di beni mobili. Da quanto scritto si desume un ulteriore spunto di indagine e cio quali siano i soggetti ai quali possa estendersi la portata di tali clausole. Sappiamo che il contratto non pu estendere la sua efficacia vincolante al di l dei soggetti che lhanno posto in essere. inequivocabile in tal senso il dettato dellart. 1372 c.c., secondo il quale il contratto ha forza di legge tra le parti. Non pu essere sciolto che per mutuo consenso o per cause ammesse dalla legge. II contratto non produce effetto rispetto ai terzi che nei casi previsti dalla legge. Risulta cos ben evidenziato lambito di operativit per cos dire soggettiva, cio limitata ad alcuni soggetti e con esclusione di altri: i primi sono identificabili nelle parti contrattuali, cio coloro che hanno posto in essere la negoziazione e ne hanno voluto gli effetti. Gli esclusi sono pertanto tutti coloro che non hanno partecipato alla formulazione della volont negoziale e che ne restano a tutti
52

gli effetti estranei. indubitabile che un contratto di licenza duso interessi il licenziante o concedente la licenza duso di programma ed il suo licenziatario, senza estendere i suoi effetti a terzi, anche se collegati ad una delle part da rapporti di lavoro (in senso lato di operativit economica e commerciale). Lutente di un servizio prestato da un soggetto licenziatario di un determinato prodotto software estraneo a quanto stabilito fra questultimo ed il suo dante causa (licenziante o concedente), a meno che vi sia un intervento diretto di tale utente che estenda gli effetti del contratto di licenza duso anche nei suoi confronti, fatto estremamente raro, salvo complesse ipotesi di collegamento negoziale. Si tratta di un principio non solo logico, ma consolidato dal diritto, e se il terzo, in qualsiasi modo si vincoli al rapporto contrattuale preesistente, non si porr pi come terzo, ma diventer a sua volta parte dellaccordo e quindi soggetto alla portata della clausola. Il discorso deve ora necessariamente estendersi ad un aspetto da sempre oggetto di vivaci dispute dottrinali: e cio se sia ammissibile la presenza di clausole limitatrici della responsabilit non solo contrattuale, ma anche extracontrattuale. Per quanto concerne il riferimento allesclusione di responsabilit contrattuale non sorgono dubbi in proposito: il dettato dellart. 1229 c.c. esplicito nullo qualsiasi patto che esclude o limita preventivamente la responsabilit del debitore per dolo o colpa grave. nullo altres qualsiasi patto preventivo di esonero o di limitazione della responsabilit per i casi in cui il fatto del debitore o dei suoi ausiliari costituisca violazione di obblighi derivanti da norme di ordine pubblico. Conseguentemente lapposizione di una clausola nel testo dellaccordo di licenza duso che escluda la responsabilit del concedente o la limiti al solo eventuale rimborso del costo della licenza, perfettamente ammissibile nei confronti dei contraenti. Cogliamo loccasione per estendere brevemente lindagine alla duplice fattispecie della presenza di una clausola di esclusione della responsabilit ed alla contestuale presenza di una clausola penale. Nellesempio sopra accennato si ravvisano due elementi: il primo
53

offerto dallefficacia della clausola di esclusione ed il secondo dalla portata limitatrice del risarcimento al solo importo pagato dal licenziatario per ottenere la licenza. Nella prassi le due clausole trovano collocazione in distinti punti del contratto, ma ci dovuto ad una consuetudine di redazione dei testi contrattuali oramai diffusa in maniera pressoch conforme, nulla vietando, per, una diversa stesura formale e collocazione della pattuizione nel testo dellaccordo. Come pi volte ribadito ci che rileva essenzialmente la manifestazione della volont delle parti, e non tanto il modo come venga presentata nel testo dellintesa, ovviamente purch manifestata in modo chiaro ed intellegibile. Si ha quindi un concorso fra la clausola di esclusione della responsabilit e clausola penale. Sulla portata delle clausole penali rimandiamo a quanto precedentemente scritto, e limitando ora lindagine ad alcuni cenni sulla funzione della clausola penale, quale elemento rafforzativo del vincolo contrattuale. Linserimento di una simile pattuizione infatti il creditore nella situazione di confidare con certezza sullentit del danno risarcibile ed il debitore nella convinzione che non potr n sottrarsi al pagamento di quanto stabilito, n sperare in lungaggini o artifizi nella valutazione esatta dellammontare del risarcimento: la previsione pattizia della somma posta a penale esime il creditore da ogni inerente onere di prova e lo autorizza a richiedere quanto stabilito. Sono fatti salvi ovviamente i temperamenti di cui agli articoli 1383 - 1384 c.c. in tema di divieto di cumulo fra penale e prestazione principale, se la penale non era stata stipulata per il semplice ritardo, e la facolt per il Giudice di ridurre equamente la penale stessa, se lobbligazione principale stata adempiuta in parte o se limporto della penale risulta manifestamente eccessivo in relazione allinteresse che il creditore aveva alladempimento. Sar dunque perseguito il duplice scopo di trovare un limite al proprio inadempimento e, al limite, un tetto anche allammontare del risarcimento eventualmente dovuto. Ci si deve chiedere comunque se, al di l della responsabilit contrattuale, per la quale non sussistono dubbi, lapposizione di
54

una clausola di esclusione della garanzia operi anche in materia di responsabilit extracontrattuale. La tesi negativa non ci pare accoglibile alla luce del dettato normativo e della stessa giurisprudenza costante in tema di possibilit di cumulo fra responsabilit contrattuale ed extracontrattuale. Il tutto per con il preciso limite del danno alla persona che non consente, in virt del suo elevato contenuto pubblicistico e prioritario, alcuna forma preventiva di limitazione. Il principio ha trovato, infine, conforto anche nellattuazione della Direttiva Comunitaria CEE 374/85 e succ. modifiche sulla responsabilit da prodotto difettoso, nonch lattuazione della stessa in Italia con Legge 24 maggio 1988 n 224 (vedi infra paragrafo successivo). e) Legge 24 maggio 2005 n 224 sulla responsabilit da prodotto difettoso in attuazione della Dir. 85/774/CEE Non pu scordarsi nemmeno lincidenza della legge 224/88 sulla direttiva 2000/31, in quanto la tutela del consumatore trova anche in questa materia ampio margine di applicabilit, in nulla differenziandosi la disciplina della fornitura di beni attraverso gli usuali canali o attraverso il mercato elettronico. La qualit di un prodotto un concetto strettamente connesso, dal punto di vista giuridico, alla responsabilit del produttore, quando la mancanza di qualit sia causa di un danno, cos che la responsabilit del produttore quindi identificabile come la

responsabilit attribuibile ad un preciso soggetto che si pone in stretta relazione con il prodotto, relazione determinata dalla sua creazione.
Pertanto il problema legato al risarcimento non solo giuridico, ma altres economico e sociale, e si caratterizzato negli anni 80 a causa di due fattori peculiari: la produzione industriale di massa e le nuove forme di distribuzione dei prodotti sul mercato, che sono passate dallantica forma di presenza in capo al medesimo soggetto della qualit di artigiano e venditore, alla nuova forma di distribuzione che vede una netta differenziazione fra le figure del produttore e quelle del venditore finale, con presenza altres di figure intermedie, quali i grossisti, tutti
55

comunque estranei al processo di produzione e di controllo sulla qualit del prodotto, attivit, questultime di pertinenza esclusiva del produttore. Conseguenza di un simile nuovo assetto di mercato, che limputazione della responsabilit al produttore non derivabile dal rapporto contrattuale instauratosi tra venditore e utente in quanto egli estraneo alle obbligazioni tra le due parti (appunto venditore e utente) e quindi una simile responsabilit dovr necessariamente collocarsi nellarea della responsabilit extracontrattuale per fatti illeciti. Su tali basi, sin dal 1985 la direttiva 85/374/CEE ha imposto a ciascun produttore di risarcire i danni cagionati alla salute, alla sicurezza e ai beni dei cittadini dai difetti dei suoi prodotti: pertanto la direttiva mira a tutelare i danneggiati ed a promuovere il miglioramento della sicurezza dei prodotti nellambito del mercato interno, ricorrendo ad un quadro regolamentare il pi coerente possibile e fondato sulla ripartizione equilibrata dei rischi propri del sistema produttivo moderno. Esaminiamo quindi preliminarmente i vari tipi di difetti che possono inerire ad un prodotto industriale in quanto diverse potranno essere le conseguenze giuridiche che ne derivano, per poi esaminare lincidenza di questa problematica in relazione ad un prodotto del tutto peculiare, e cio il software. In questo ambito necessaria una opportuna precisazione: lattenzione dedicata ai difetti del prodotto finito o in corso di lavorazione, mentre restano esclusi i difetti nella procedura di realizzazione, che produrrebbero la conseguenza estrema della mancata realizzazione del prodotto finale. Esaminiamo ora i difetti di fabbricazione: con tale termine si indicano quei difetti che vengono ad esistenza durante il ciclo di lavorazione e sono tipici dei mezzi di produzione basati sullautomazione e sono, di per se stessi, inevitabili, in quanto nemmeno con lausilio della tecnica pi moderna si possono ritenere superabili totalmente. Daltro canto, essi sono per prevedibili, in quanto, proprio grazie alla tecnica del controllo di qualit, possono essere anche statisticamente accertabili. I difetti di costruzione ineriscono invece non a pochi
56

esemplari, bens allintera serie prodotta e sono riconducibili a criteri di progettazione, uso dei materiali, tecniche di fabbricazione e, da ultimo, ad uninsufficiente sperimentazione. Il cos detto rischio da sviluppo, rientra in questultima categoria. I difetti di informazioni causano un danno a seguito di immissione nel mercato di un prodotto non accompagnato da adeguate istruzioni relative al metodo di impiego o agli eventuali rischi che luso di quel prodotto comporta. Ora in tema di responsabilit da prodotto difettoso valgono i consolidati principi dottrinali e giurisprudenziali per i quali il soggetto leso dovr comunque dimostrare: 1. il danno 2. il difetto (rectius mancanza di sicurezza) del prodotto 3. nesso causale fra il difetto ed il danno Tutto ci non sempre di facile attuazione giacch ai fini della direttiva 85/374/CEE non sufficiente aver subito un incidente per poter chiamare in causa la responsabilit civile del produttore: il danneggiato deve infatti provare che il danno una conseguenza diretta del prodotto difettoso (rectius: del difetto del prodotto) e tale prova pu rivelarsi sia complessa dal punto di vista tecnico, sia costosa a causa delle spese dirette ad accertare il difetto. Conseguentemente il danneggiato deve affrontare lonere particolare di dimostrare lesistenza del difetto e del nesso di causalit tra difetto e danni subiti, tenendosi conto a tal fine della sproporzione fra possibilit per il danneggiato di accedere ad informazioni e dati, spesso riservati e complessi. Altra difficolt a carico del danneggiato quella di individuare

esattamente chi sia il produttore nel caso in cui il medesimo prodotto sia fabbricato da pi produttori, come potrebbe
verificarsi nellipotesi in cui un medesimo prodotto sia fabbricato su licenza da diversi produttori: si potrebbe cos provare il danno, la difettosit del prodotto, il nesso causale, ma non essere in grado di identificare il produttore effettivo che ha causato il danno. Inoltre non va scordato come nellipotesi di un processo produttivo non sia possibile isolare la responsabilit di un solo soggetto (parte della catena produttiva) ma come su ciascun
57

partecipante alla medesima catena produttiva, gravi il dovere di verificare diligentemente i vari componenti utilizzati per la realizzazione del prodotto finale. Tuttavia non pu escludersi la responsabilit dellutilizzatore che dovr dimostrare di aver usato in modo normale il prodotto, cio conformemente alluso al quale il prodotto in questione possa essere normalmente utilizzato e di aver altres non considerato che la modalit duso da esso utilizzatore attuata non fosse fra quelle ragionevolmente prevedibili da parte del fabbricante.

Pertanto pu farsi proprio quanto scritto nellintroduzione del Libro Verde presentato alla Commissione delle Comunit Europee il 28.07.1999: Il diritto del danneggiato al risarcimento dei danni
subiti per luso o il consumo di prodotti difettosi o per lesposizione ad essi costituisce un elemento fondamentale in un mercato unico che si vuole al servizio di tutti i cittadini. Dal 1985 questo diritto riconosciuto nella direttiva in materia di responsabilit per danno da prodotti difettosi, secondo la quale il produttore di un bene mobile difettoso tenuto al risarcimento dei danni cagionati allintegrit fisica o al patrimonio privato delle persone. Ne consegue che il bambino ferito dallesplosione di una bottiglia contenente una bevanda gassosa, il dipendente che perde un dito in seguito allutilizzo di un arnese difettoso o il pedone investito da unautomobile con i freni difettosi beneficiano di tale diritto indipendentemente dallesistenza o meno di una negligenza da parte del produttore (principio della responsabilit civile oggettiva o senza colpa). Emergono cos i differenti interessi in gioco: da un lato linteresse primario dei cittadini ad essere tutelati dai rischi dei prodotti ed ad ottenere uno strumento efficiente di azione per lesercizio di questa tutela, e dallaltro lato, linteresse ad una normativa precisa ed il pi possibile esaustiva, che tranquillizzi il mercato e che eviti, proprio in virt del suo potere cogente e sanzionatorio, la presenza di concorrenti spregiudicati che immettano sul mercato prodotti a basso costo ma non conformi ai principi sanciti di sicurezza. Cos dunque il quadro delle responsabilit consente di garantire il benessere dei danneggiati tramite la sicurezza del risarcimento e scoraggiando la fabbricazione ed immissione,nel mercato, di prodotti pericolosi, senza peraltro danneggiare, dal punto di vista
58

dei costi di ricerca e innovazione lindustria. Pertanto, come ben delineato dal Libro Verde, la responsabilit del produttore si compone dei seguenti elementi: responsabilit oggettiva del produttore a favore del

danneggiato; onere della prova del danno, del difetto e del nesso di causalit tra i due a carico del danneggiato; responsabilit solidale di tutti gli operatori della catena di produzione a favore del danneggiato, al fine di garantire finanziariamente il risarcimento del danno; lesonero del produttore qualora egli provi lesistenza di determinati fatti espressamente previsti nella direttiva; limitazione temporale della responsabilit, in virt di termini uniformi; illegalit di clausole che limitino od escludano la responsabilit nei confronti del danneggiato; fissazione di un tetto di responsabilit finanziaria elevato, ma opzionale per gli Stati; verifica regolare del contenuto della direttiva in base agli effetti registrati su danneggiati e produttori.
Unulteriore particolare ipotesi di rischio a fronte di utilizzo di un prodotto difettoso riguarda il software. Non pu scordarsi come la presenza di programmi per elaboratore sia elemento costante di quasi tutti i prodotti tecnologici, siano essi un semplice apparecchio casalingo elettronico, siano, al limite, un velivolo o un apparecchio di medicina nucleare. Assume cos rilievo preponderante la qualit del prodotto intesa appunto come assenza di difetti, e quindi come elemento interruttivo del nesso di causalit. Ma poich il software presenta la peculiarit di aver i cos detti bachi ossia la presenza di improvvisi malfunzionamenti, malfunzionamenti che si manifestano nonostante che, per innumerevoli volte luso del software sia stato identico e mai si sia presentato il fatto negativo, occorrer che il produttore (o i produttori, nellipotesi di concorso) dimostri di aver adottato tutti i pi opportuni criteri di diligenza (rapportati allo stato di conoscenza scientifica esistente al momento della realizzazione del prodotto). Quindi si pone in evidenza un elemento essenziale: il controllo di
59

qualit del prodotto, cio lesistenza di tutta quella serie di


attivit specifiche dirette a valutare lincidenza del requisito positivo del software, cio della sua precipua idoneit a soddisfare le esigenze dellutente. Pertanto due sono gli aspetti che interessano: la funzionalit del prodotto il controllo delle modalit di realizzazione dello stesso rilevandosi come la funzionalit costituisca la qualit del prodotto, mentre il controllo delle modalit di realizzazione costituisca la qualit del processo di realizzazione. Ed questultimo elemento che pu costituire lelemento cardine nella difesa del produttore per dimostrare linesistenza del difetto a cui sarebbe imputato il successivo danno verificatosi. Ladozione della ISO 9000 ha consentito al produttore di avere un appoggio in quella che solitamente definita la prova diabolica di dimostrare la propria assenza di colpa e quindi di la propria assenza di responsabilit. In altre parole: dovendo dimostrare che il baco non costituisce elemento di mancanza di qualit del software, ma costituisce eventualmente un vero e proprio fortuito, una delle poche possibilit per il costruttore quella di dimostrare di aver adottato tutti i requisiti imposti dallosservanza delle norme di legge e volontarie di adesione ad un principio di normazione generale, e quindi di aver: rispettato le specifiche dettate. rispettato lobbligo di usare la diligente conoscenza tecnica esistente in quel momento per la realizzazione di quel tipo di prodotto. rispettato tutti test di controllo sia nella fase sperimentale, che in quella realizzativa e di installazione e collaudo. In tal modo si potr dimostrare lassenza di pericolo nelluso del software o quanto meno graduarla, e concorrere con il livello di diligenza dellutilizzatore che non potrebbe pretendere uso diverso da quello stabilito nelle specifiche affidate per la realizzazione del prodotto e un esempio di quanto appena scritto potrebbe essere il seguente: dato un triangolo i cui vertici siano identificati con

60

Si avranno le seguenti possibilit: A = B = C : triangolo equilatero A = B =/= C : triangolo isoscele A =/= B =/= C : triangolo scaleno Ora, se si verificasse la seguente ipotesi (che poi una delle molte altre evidenziate dalluso della normale combinazione uguale/diverso): A =/= B = C : triangolo isoscele Si avrebbe la medesima ipotesi di cui alla sopra indicata seconda possibilit, cio il triangolo sarebbe ugualmente isoscele, sia nel caso di difformit dei lati a/b sia in quello dei lati B/C: quindi se il software si comportasse in maniera anomala in presenza di una ipotesi di triangolo isoscele diversa da quella programmata (rectius: riportata nelle specifiche)il costruttore potrebbe dimostrare la presenza di un vero e proprio baco, e quindi di un fortuito o comunque di assenza di difetto del prodotto medesimo, se si dimostri che siano state rispettate: le specifiche. le regole di corretta realizzazione (qualit di processo). pertanto, pur nel giusto rispetto della tutela del consumatore, non si potr escludere la possibilit di dimostrare la esclusione di responsabilit del produttore. Unultima osservazione in ordine ai rapporti fra normativa comunitaria e nazionale e direttiva 2000/31: la normativa sulla tutela da prodotto difettoso non trova applicazione in tema di servizi. Conseguentemente dovr attendersi un provabile ed auspicabile intervento del legislatore comunitario sul punto, e, nel contempo dovr usarsi una particolare diligenza nellappurare se, a fronte di un servizio vi possa essere la presenza delluso di un prodotto specifico la cui prevalenza rispetto al servizio o, meglio, la non strumentalit rispetto la servizio, sia suscettibile di applicazione della disciplina di tutela. E ci che abbiamo sempre sostenuto in presenza di uso di
61

software: il software un bene (prodotto) che pu costituire lo strumento attraverso il quale (o anche attraverso il quale) venga effettuato un servizio. Ci non farebbe venir meno la responsabilit del produttore nei casi indicati dalla direttiva, tenendo ben distinta la posizione del prestatore del servizio in quanto tale. Riteniamo infatti, se cos non fosse, che si verterebbe in uninammissibile forma di esclusione della direttiva (e legge nazionale) sulla tutela da prodotti difettosi. f) Una fattispecie particolare: il contratto a strappo A questo punto del discorso riteniamo opportuno affrontare una fattispecie del tutto particolare che si sviluppata nel settore informatico di questi ultimi anni, sempre sullinflusso di analoghe situazioni doltre oceano, e sulla spinta di una maggior celerit e comodit commerciale. Si tratta di contratti di licenza duso di software (ma nulla vieta che possano essere anche di diversa natura), formalmente strutturati nel seguente modo: vi un involucro plastificato e trasparente che contiene il dischetto di supporto del programma con il programma medesimo, ed uno stampato riproducente il testo del contratto di licenza duso. Vi , inoltre, riportato, sulla prima facciata dellinvolucro, un avviso ben evidenziato il cui tenore il seguente: Prima di aprire linvolucro, leggere laccordo di licenza duso del software, visibile sul retro. Lapertura dellinvolucro comporta la firma della licenza.. Il primo problema da affrontare relativo alla qualificazione giuridica di una simile fattispecie. Riteniamo che si tratti di una offerta contrattuale diretta ad un soggetto indeterminato che diverr certo al momento dellaccettazione dellofferta. Inoltre, nel caso in esame, non vi problema in ordine alla molteplicit dei destinatari in quanto ciascuna licenza avr come destinatario il solo soggetto che la acquisir effettuando le modalit di accettazioni stabilite. Sorgono per alcuni dubbi e principalmente se sia configurabile un perfezionamento contrattuale di siffatto tipo, cio con la sola
62

apertura dellinvolucro, e, conseguentemente, se sia ammissibile lerrore. In ordine al primo punto, e con richiamo allipotesi esaminata di licenza duso di software, riteniamo che si tratti di un contratto consensuale e quindi lesteriorizzazione della volont possa avvenire in molteplici modi, non ultimo per fatti concludenti, quali appunto, la lacerazione dellinvolucro. Nessun dubbio sorger poi a fronte dellinvio da parte del destinatario allofferente, della copia del contratto debitamente sottoscritta e compilata con tutti i dati aziendali. Tale esigenza richiesta dal proponente al fine di offrire determinate garanzie quali la sostituzione di copie difettose, ma offrirebbe anche lindubbia prova della completa accettazione del contratto. Fra laltro se il software risulta tutelabile con il copyrigth, al momento attuale, in assenza di specifica norma di legge, dovr estendersi la disciplina in vigore per il diritto dautore e quindi lart. 110 della stessa L. 22.4.1941 n. 633 ogni atto di disposizione dei diritti di utilizzazione economica del bene dovr richiedere la forma scritta ad probationem. Pertanto indubitabile che la sottoscrizione della copia da parte dellutente ed il suo invio allofferente soddisfi tale esigenza. Il problema pi incidente resta comunque quello legato alle limitazioni di garanzia e, quindi, alla presenza di clausole vessatorie che, a sensi dellart. 1341 c.c. richiedono la sottoscrizione specifica da parte dellaccettante. Nel caso in esame potrebbe verificarsi lipotesi di un cliente che non invii copia sottoscritta (che fra laltro non riporta alcun richiamo espresso alle disposizioni di cui allart. 1341 c.c.) e che invochi lapplicazione della garanzia. La questione inerente alla ordinaria dizione di una clausola che escluda ogni tipo di risarcimento e pertanto il cliente potrebbe agire per il soddisfacimento del proprio diritto. Riteniamo che una simile situazione si presenti pi che altro in linea astratta, sia per la natura stessa del programma che viene offerto confezionato, sia per il costo della licenza, ma non di meno potrebbe concretizzarsi una simile eventualit.

63

2. CICLO DI VITA DEL SISTEMA ELABORATIVO - SLIDE 24-38

2.1 Fasi del ciclo di vita del sistema


Quando si pone lesigenza di riorganizzare la propria attivit avvalendosi delle moderne tecniche di elaborazione elettronica, nasce la necessit di confrontarsi col mercato e di negoziare lacquisizione del sistema elaborativo pi conveniente in termini di rapporto costo/prestazioni. Dietro questa affermazione, in apparenza del tutto ovvia, si nasconde unattivit difficile e complessa che, nel suo svolgersi pi o meno consapevolmente organizzato, crea continui rapporti giuridici o situazioni giuridicamente rilevanti tra lutente del sistema ed i diversi fornitori di beni e/o servizi. Lobiettivo che ci si propone di fornire una visione ordinata e consapevole delle attivit necessarie per lindividuazione e lacquisizione del sistema elaborativo, accrescendo da un lato le possibilit di negoziazione dellutente e, dallaltro, giungendo alla stipulazione di contratti che tutelino equamente le parti. In particolare vengono evidenziati tutti i documenti prodotti nelle varie fasi di attivit i quali abbiano ripercussione nella sfera dei rapporti giuridici tra le parti. La possibilit concreta di contrattare lacquisizione di un sistema elaborativo dipende da molti fattori, ma soprattutto: 1) dalla dimensione (e quindi dal costo) del sistema

elaborativo; 2) dal mercato (unicit o pluralit di fornitori); 3) dalla capacit di negoziare dellacquirente.
Qualche esempio chiarir meglio come questi fattori possano influire sul potere negoziale delle parti. Per restare nellambito di sistemi di piccole dimensioni, ove in genere le possibilit negoziali sono pi ridotte, evidente la diversit nelle seguenti tre ipotesi: 1) acquisizione di un computer da tavolo per eseguire funzioni di calcolo (es.: da parte di un ingegnere o di un architetto);
64

2) acquisizione di un sistema di office autormation con due o tre posti di lavoro per gestire le attivit di uno studio professionale (es.: da parte di un notaio, di un avvocato, di un commercialista); 3) acquisizione di un sistema elaborativo con pi posti di lavoro in grado di gestire in modo integrato le varie attivit amministrative di unazienda di medie dimensioni (es.: azienda di 200 dipendenti, con uno o pi magazzini, con diverse migliaia di pezzi da movimentare, con una organizzazione commerciale di vendita, con una direzione amministrativa che dovr gestire il personale, la contabilit, il bilancio, i fornitori, ecc.). Nella prima ipotesi, probabilmente, larchitetto o lingegnere si presenteranno nel negozio di un rivenditore e gli esporranno le proprie esigenze di calcolo. Questultimo mostrer alcuni prodotti, organizzer forse una dimostrazione estemporanea e consentir anche al cliente qualche prova duso poi, deciso lacquisto, larchitetto o lingegnere passeranno alla cassa a pagare e si porteranno a casa il sistema elaborativo (hardware + software) scelto. Le uniche garanzie saranno quelle standard scritte sullimballo o sulla cartolina di garanzia posta allinterno della confezione del prodotto. Se per caso chiederanno di discutere tali clausole o se tenteranno di ottenere garanzie aggiuntive, il rivenditore porr quasi sicuramente lalternativa o di accettare il tutto cosi come , ovvero di rinunciare allacquisto. Questultimo, infatti, difficilmente sar disponibile a negoziare, se non forse nel prezzo, un affare nellordine di grandezza inferiore comunque a 5.000 . Nella seconda ipotesi, trattandosi di un sistema di office automation con pi posti di lavoro, le cose potrebbero gi cambiare. Ci si potr recare, ad esempio, nel negozio del rivenditore ma, forse, ci si potrebbe rivolgere anche direttamente agli stessi produttori. Il costo del sistema comincer a salire superando anche i 20.000 e sar necessario porre in essere un contratto di assistenza a manutenzione. Ci si potr cosi imbattere in alcuni fornitori non disposti a negoziare ma, se esiste un mercato concorrenziale, se ne troveranno sicuramente anche di disposti a prestare ga65

ranzie aggiuntive o, quantomeno, ad accordare facilitazioni sui prezzi o sulla manutenzione. Nella terza ipotesi, infine, dovendo procedere allautomazione di unintera azienda, ci si rivolger direttamente ai produttori od a concessionari importanti. inoltre probabile che si senta la necessit di avvalersi di un consulente per pianificare razionalmente le proprie esigenze, per cercare le migliori soluzioni (costo/prestazioni) offerte dal mercato e per predisporre tutti gli interventi organizzativi necessari per automatizzare lazienda. A fronte di affari nellordine di diverse decine fino ad alcune centinaia di milioni di lire, pochi saranno i fornitori disposti a lasciarsi sfuggire il cliente assumendo posizioni troppo rigide di assoluto rifiuto di negoziare il contratto. ovvio, dunque, che quanto pi cresce il valore dellaffare, tanto pi ampi divengono gli spazi di negoziazione. Questo non significa per che bisogna rinunciare a negoziare anche gli acquisti di portata minore poich vero anche che, in genere, pi bassi sono i costi, pi agguerrita e quindi disponibile la concorrenza (almeno sul piano economico). Un utile accorgimento pu essere quello di predisporre una lettera dordine nella quale, oltre alle caratteristiche ed al prezzo del sistema, si ribadiscano alcune condizioni di fornitura che varranno come garanzia. infatti frequente che il venditore non sia disposto a firmare alcun contratto, ma acconsenta implicitamente, con la consegna dei prodotto, a quanto contenuto nella lettera dordine. Il non aver firmato alcunch lo lascia psicologicamente tranquillo, mentre il fatto stesso della consegna del bene e della corresponsione dei prezzo attestano inequivocabilmente la volont di contrarre e la lettera dordine, con le cautele in essa contenute, concorre a provare leffettiva volont delle parti. Nelle situazioni di maggiore portata, ma sicuramente anche gi a partire da esigenze come quella prospettata nella seconda ipotesi sopra citata, sar necessaria tutta unattivit, pi o meno complessa, preliminare alla stipulazione del contratto. Dovranno infatti essere consultati pi fornitori e comparati prodotti tra loro diversi, bisogner individuare con
66

chiarezza le proprie esigenze per poi tradurle in precisi parametri di valutazione e misura che consentano unagevole comparazione delle diverse offerte e la conseguente scelta del contraente. Fatto questo si potr giungere a stipulare il contratto (o meglio, come gi si detto, il sistema di contratti) vero e proprio traducendo in esso tutto quanto emerso, in termini di prestazioni, di garanzie e di prezzi, nel corso delle attivit preliminari. Ed ancora, bisogner seguire tutta la fase di attuazione del contratto che porta alla realizzazione del sistema elaborativo. Da ultimo, occorrer considerare anche il momento in cui si avr la fine del sistema elaborativo sia in quanto abbia raggiunto i propri limiti di crescita fisiologici, sia in quanto tecnologicamente superato, sia per leccessivo grado di usura o per altre cause. La fine di un sistema condizioner a sua volta lacquisizione del nuovo sistema, innescando un altro ciclo. Esaminando dunque il ciclo di vita di un sistema elaborativo, dal primo porsi dellesigenza di automazione, fino al momento della sua fine, si passa attraverso diverse fasi, nelle quali vengono prodotti documenti ciascuno con proprie valenze sia sul piano giuridico sia su quello informatica. Queste fasi sono: 1) La fase dello studio di fattibilit o studio preliminare del sistema elaborativo da realizzare; 2) La fase di studio dettagliato dei fabbisogni dellutente o committente del sistema; 3) La fase della ricerca di mercato per individuare le apparecchiature ed il software pi consoni; 4) La fase di negoziazione con i potenziali fornitori; 5) La fase di realizzazione del sistema elaborativo; 6) La fase di esercizio del sistema elaborativo; 7) La fase di fine del sistema elaborativo.

2.1.1. La fase dello studio di fattibilit o studio Lo studio di fattibilit o studio preliminare ha essenzialmente il compito di definire gli obiettivi che il sistema deve raggiungere, di indicare i vincoli cui deve sottostare e, infine, di individuare e proporre le soluzioni pi idonee e convenienti.
Gli obiettivi precisano, in sostanza, cosa deve essere in grado di
67

fare il sistema. Attraverso i canali pi disparati (e qui ogni metodologia propone particolari regole), quali interviste interne, discussioni collettive coi propri collaboratori e cosi via, debbono essere individuate tutte le disfunzioni, in termini qualitativi e quantitativi, delle attivit quotidiane. In questa analisi importante esaminare la circolazione delle informazioni individuando dove esse nascono, dove si completano e dove e come vengono archiviate. fondamentale porre attenzione anche agli elementi formali, quali la ripetitivit, il tipo di supporto utilizzato e numerosi altri. Alle disfunzioni qualitative e quantitative vanno poi affiancate anche eventuali nuove esigenze derivanti da obblighi di legge, dalla volont di estendere la propria attivit e da eventuali cause di altro genere. Obiettivo dellautomazione, e dunque del nuovo sistema elaborativo, sar il porre rimedio alle disfunzioni ed il fornire il necessario supporto al potenziamento ed allespansione delle attivit dellazienda. Non detto, tuttavia, che si possa procedere a ruota libera scegliendo in astratto il sistema che offre le maggiori potenzialit. Occorre infatti individuare e tenere presenti eventuali vincoli, quali i tempi (necessit di automatizzare entro una certa data; obblighi tempificati da leggi; ecc.), i costi (tetto massimo di budget disponibile), le esigenze di compatibilit con precedenti interventi o con altri sistemi con cui necessario colloquiare e cosi via. Definiti gli obiettivi ed i vincoli si potr finalmente cominciare ad abbozzare !e possibili soluzioni, prendendo in considerazione solo quelle che sono coerenti con entrambi, ma anche convenienti in quanto presentano un rapporto accettabile tra costi e benefici. Le soluzioni prospettate dovranno inoltre evidenziare e quantificare, o almeno stimare, i vantaggi che esse comportano sia in termini qualitativi sia quantitativi. Nellindividuare gli obiettivi importante anche cercare di definire una scala delle priorit, distinguendo tra obiettivi essenziali e non, e graduando poi gli uni e gli altri, per quanto possibile, secondo detta scala di priorit, poich ci consentir una pi agevole ed oculata scelta della soluzione. Le soluzioni proposte dovranno poi tener conto anche dei possibili impatti sul fattore umano, quali la garanzia di mantenimento ovvero la
68

modificazione del livello occupazionale, le eventuali resistenze psicologiche, la necessit di formazione o di riconversione del personale. Nelle slide 24 e 25 sono illustrati i successivi momenti logici della fase dello studio di fattibilit. In particolare si tiene conto del fatto che tale fase pu essere condotta direttamente in proprio dallutente ovvero, come accade pi spesso, avvalendosi della consulenza di una ditta o di un professionista specializzati coi quali si stipula un apposito contratto di realizzazione di uno studio di fattibilit. Vengono poi evidenziati i vari documenti prodotti in questa prima fase. Per comodit e chiarezza espositiva sono stati individuati diversi documenti anche se spesso essi costituiscono parti di un unico rapporto finale. Il loro valore, sul piano delle attivit negoziali, comunque, resta invariato quale ne sia la forma. Contrassegnati coi numeri 1 e 2 sono i documenti che definiscono rispettivamente obiettivi e vincoli, Essi devono essere sempre prodotti direttamente a cura del soggetto che intende acquisire il sistema anche se spesso, nella realt, vengono redatti dal consulente che cerca di interpretare le esigenze esternategli dal committente. Questi documenti sono fondamentali per la stipulazione del contratto di realizzazione dello studio di fattibilit, giacch oggetto di esso lindividuazione di soluzioni in grado di raggiungere gli obiettivi indicati, ma nel rispetto dei vincoli posti. Il contratto di consulenza dovr quindi fare esplicito riferimento a tali documenti che, tra laltro, divengono importanti punti di riferimento soprattutto in caso di modifica degli obiettivi da parte del committente quando gi in corso lo studio di fattibilit. Con 3 (soluzioni possibili) e 4 (soluzioni coerenti) sono invece indicati semplici documenti intermedi di lavoro che possono anche mancare e che comunque non hanno particolari ripercussioni sui rapporti contrattuali, ma che tuttavia sarebbe opportuno produrre ugualmente nelleconomia generale dello studio di fattibilit. Non raro, infatti, che ci si accorga successivamente di aver posto vincoli iniziali troppo rigidi o obiettivi troppo ambiziosi e che quindi possano essere recuperate soluzioni possibili inizialmente scartate solo perch non coerenti con vincoli ed obiettivi originari.
69

Con 5 (soluzioni convenienti) e 6 (relazione finale) si sono voluti attribuire nomi diversi ai due differenti tipi di relazione finale: positiva (la 5), nel caso siano state effettivamente individuate soluzioni convenienti; negativa (la 6), qualora lo studio non abbia trovato soluzioni convenienti e si sia deciso di non procedere a supplementi di indagine. Se invece si ritiene di proseguire nello studio di fattibilit dovranno essere rivisti obiettivi e vincoli ripetendo i passi gi eseguiti. Tra le soluzioni individuate come convenienti (documento n. 5) occorre infine sceglierne una (documento n. 8). Tale scelta, che di norma dovrebbe essere prerogativa esclusiva del committente, non facile e non neppure sempre riconducibile al migliore rapporto tra costi e benefici, ci soprattutto quando si tratta di unazienda e non di un utente individuale. Considerazioni amministrative, tecniche e finanziarie di vario genere potrebbero infatti far propendere per soluzioni pi onerose sotto il profilo economico a fronte ad esempio, di un pi breve periodo di realizzazione o di una scelta di ordine politico che privilegi il fornitore nazionale rispetto a quello estero. In ogni caso, alla fine, quali che siano le motivazioni, si dovr comunque optare per una sola specifica soluzione (documento n. 8 delle slide 24 e 25). Il documento 8 costituir il punta di riferimento per la successiva fase che potr essere riaffidata con un nuovo contratto al consulente o che pu gi essere stata prevista come possibile estensione nel primitivo contratto per lo studio di fattibilit. In questo ultimo caso, normalmente, occorre una manifestazione esplicita di volont da parte del committente per attivare la seconda fase della consulenza. Da ultimo, occorre sottolineare come spesso, ad un primo esame, possano non emergere soluzioni soddisfacenti, il che pu condurre ad una ridefinizione degli obiettivi con un conseguente supplemento dindagine. Le difficolt per chi effettua lo studio di fattibilit sono notevoli e dipendono da vari fattori. In primo luogo dallelevato grado di soggettivit nellindividuare e raffrontare tra loro le diverse soluzioni, ci soprattutto se si tiene conto che normalmente le soluzioni possibili sono molteplici. In secondo luogo dalla mancanza, nonostante le innumerevoli metodologie, di criteri
70

sicuri ed oggettivi per valutare il livello del rapporto tra costi e prestazioni nelle diverse soluzioni. Infine, dalla necessit di tener conto, gi al momento della proposta di soluzione, dellevoluzione del sistema e della sua durata media di vita in un settore in cui le nuove tecnologie divengono rapidamente obsolete nel volgere di pochi anni.

2.1.2 La fase dello studio dettagliato dei fabbisogni


La precedente fase ha condotto, come risultato dello studio di fattibilit, allindividuazione di una serie di soluzioni praticabili e convenienti. Tra le varie soluzioni ne stata scelta una da realizzare (documento 8, slide 24 e 25), che costituisce il presupposto della fase delle attivit precontrattuali ed in particolare della prosecuzione o della stesura del nuovo contratto di consulenza (documento 9, slide 26), nonch del successivo studio dettagliato del progetto (documento 10, slide 26) e della conseguente definizione analitica dei requisiti del sistema che produrr le cosi dette specifiche funzionali (documento 11, slide 26). La definizione delle specifiche funzionali e d i l d o c u m e n t o che le comprende (documento 11, slide 26) costituiscono il punto centrale di tutta lattivit precontrattuale e della stesso sistema contrattuale poich definiscono loggetto della fornitura hardware e software ed il livello delle prestazioni complessivamente richieste al sistema elaborativo. La prima attivit, dunque, dopo aver scelto la soluzione, consister nel realizzare uno studio di dettaglio che dovr definire: a) modalit di cattura delle informazioni (natura dei supporti, caratteristiche fisiche e logiche, volume dinformazioni, periodicit dutilizzo); b) modalit di aggiornamento e di consultazione (frequenza degli aggiornamenti, frequenza e quantit delle consultazioni, soggetti abilitati, ecc.); c) modalit di archiviazione o di conservazione dei dati (durata di vita degli archivi, supporti di memorizzazione: carta, dischetti, dischi, microfilms, microfiches, ecc.);
71

d) modalit di trattamento dellinformazione (interconnessione e fusione degli archivi, input ed output, TP o batch, ecc); e) modalit di trasferimento delle informazioni (natura e lunghezza delle informazioni trasmesse, rapidit di trasmissione, ecc.). Lo studio dettagliato del progetto, individuando in modo analitico i bisogni dellutente, dovr essere tradotto successivamente in un elenco di specifiche funzionali che verr allegato alle lettere di richiesta dofferta (documento 13, slide 27 e 28) e dal quale i fornitori potranno trarre tutti gli elementi necessari per individuare lhardware ed il software pi opportuni e per dimensionare correttamente il sistema elaborativo da proporre. Le specifiche funzionali dovranno indicare: a) nelle sue linee generali, il progetto di informatizzazione, specificandone il campo di applicazione, i possibili sviluppi futuri ed il tipo di strumenti hardware e software; b) le applicazioni da realizzare, indicando come avviene la raccolta, il trasferimento e la diffusione delle informazioni, i tempi e le modalit di installazione del sistema, le procedure di messa in esercizio del sistema; c) le specifiche vere e proprie (interfacce, collegamenti, tipi di componenti hardware e relative prestazioni, software di base, software applicativo, ecc.); d) le garanzie richieste (compatibilit, periodo di garanzia contrattuale, livello di servizio, espandibilit del sistema, ecc.); e) i test di prova cui dovr sottostare il sistema elaborativo; f) le diverse obbligazioni di cui dovr farsi carico il fornitore. Quanto alle garanzie ed alle diverse obbligazioni, le specifiche dovranno inoltre chiarire se il costo dei supporti per il software incluso nel prezzo, se viene fornito il software sorgente o leseguibile, che tipo di manutenzione richiesta, quali procedure di sicurezza sono disponibili, che tipo di addestramento previsto, quali sono i tempi di installazione, se richiesto un periodo di prova, se sono previsti test di accettazione, se richiesto un deposito cauzionale alla firma
72

del contratto, e cosi via, tutte condizioni che troveranno poi puntuale riscontro nellarticolato contrattuale. Un elemento molto importante da precisare, nelle specifiche, lesistenza di un eventuale direttore dei lavori e dei poteri ad esso riconosciuti. Questa figura in Italia diffusa in campo soprattutto edilizio e pi in generale nel settore dellingegneria civile, mentre scarsamente presente nei contratti di informatica. Le ragioni di ci vanno in parte ricollegate alle considerazioni svolte precedentemente. In primo luogo per il fatto che finora fornitori hanno imposto una politica di massimo frazionamento contrattuale e, in secondo luogo, poich i progetti pi complessi di automazione hanno per lo pi riguardato aziende di notevoli dimensioni che disponevano al proprio interno di dirigenti in grado di svolgere tale compito. Gli apporti di consulenza esterni, pur molto frequenti, in genere si limitano alla fase di progettazione del sistema o ad attivit di supporto a chi deve assumere decisioni importanti. Queste consulenze implicano evidentemente per chi le esplica una minore responsabilit rispetto a quella di un direttore dei lavori la cui prestazione pu essere gravata da un obbligo di risultato. Tuttavia, se vero che necessario operare in unottica di sistema contrattuale, e non solo per lhardware e per il software, ma tenendo presente che fanno parte del sistema molti altri contratti (appalto dei lavori edili di allestimento dei locali; appalto per la fornitura degli impianti di condizionamento, delle apparecchiature antincendio e dei gruppi di continuit; contratti per lattivazione delle linee di trasmissione dati; ecc.) alcuni non strettamente informatici, si pub facilmente comprendere lutilit di una figura come quella del direttore dei lavori. Non a caso un gruppo di studiosi francesi, in un congresso sul Diritto dellinformatica organizzato nel 1978 a Ginevra, constatata linsufficienza degli schemi giuridici tradizionali, nel ricercare precedenti applicabili al campo informatico, ritenne di ravvisare forti analogie proprio con i contratti edilizi, ed in particolare con i rapporti intercorrenti tra committente, impresa costruttrice ed architetto direttore dei lavori. Il parallelismo tra edilizia ed informatica dato dal fatto che anche in questa ultima il contratto prevede sempre pi
73

spesso tre parti contraenti: la casa costruttrice di elaboratori, che pu essere paragonata allimpresa costruttrice di un edificio; lutente dellelaboratore, paragonabile a colui che commissiona 1edificio, cio al futuro proprietario; ed infine il consulente informatico per linstallazione e la programmazione del sistema, paragonabile allarchitetto. Non a caso, in Francia, entrambe le figure vengono denominate matre doeuvre che ho reso con direttore lavori e che corrisponde al consulente informatico cui stato affidato il compito di realizzare il sistema col gravame di un obbligo di risultato. Il consulente (direttore lavori) svolge per unattivit essenzialmente tecnica che sfocia, attraverso la stesura delle specifiche funzionali, nella creazione dei presupposti per la stipulazione del contratto che b invece un documento in cui i termini tecnici vanno inseriti in un contesto giuridico di pertinenza di un diverso tipo di professionalit. La responsabilit del consulente, presente nella fase tecnica, si sfuma quindi notevolmente in quella giuridica. La direzione dei lavori pu essere affidata ad un singolo ovvero ad una ditta, cui spesso affidato anche il compito di realizzare una parte del software applicativo. I rapporti di consulenza per condurre lo studio di fattibilit e per progettare il sistema possono essere affidati allo stesso soggetto incaricato della direzione dei lavori, ovvero possono essere contratti autonomi con altri soggetti operanti anchessi sotto il coordinamento del direttore dei lavori. Quanto fin qui abbiamo definito come specifiche funzionali del sistema elaborativo altro non che un capitolato dappalto, e tale potrebbe essere la traduzione del corrispondente francese chaier des charges. Come tale esso, giuridicamente, ha carattere obbligatorio solo in alcuni contratti della pubblica amministrazione, quindi non per il committente privato. La stessa situazione vale anche per la Francia ove per, a livello giurisprudenziale, il fatto che il committente privato non abbia elaborato un cahier des charges relativo allacquisizione del sistema elaborativo considerato prova di leggerezza e negligenza da parte del committente stesso che tende cos ad essere penalizzato. Parallelamente, dati gli obblighi che vengono a gravare sui fornitori, la giurisprudenza francese non tenera
74

neppure con quelli tra loro che accettano di impegnarsi contrattualmente anche in assenza di un cahier des charges. In questo modo, in Francia, il capitolato diviene di fatto obbligatorio non solo per lente pubblico, ma anche per privati.

2.1.3 La fase di ricerca del mercato


Una volta completato lo studio dettagliato (documento 10, slide 24 e 25) e definite le specifiche funzionali (documento 11, slide 24 e 25) sappiamo finalmente con precisione che cosa vogliamo acquisire. Occorre ora vedere quanto offre il mercato, identificare i possibili fornitori, sollecitare le offerte di questi ultimi e, alla fine, individuare quella o quelle pi convenienti che si ritengono negoziabili. Lindividuazione dei fornitori pu avvenire in diversi modi che, essenzialmente, sono riconducibili a tre situazioni: 1) diffusione della richiesta dofferta tramite i mezzi di comunicazione di massa (giornali, radio, televisione, internet, ecc.) rivolgendosi genericamente a tutti gli operatori del settore; 2) invio della richiesta dofferta solo ad un gruppo predefinito di possibili fornitori (in genere i pi noti ed affidabili tra quelli operanti sul mercato); 3) invio della richiesta dofferta ad un gruppo di fornitori dei quali gi si sa, o si presume, che siano in grado di offrire il sistema elaborativo desiderato. La soluzione ottimale senza dubbio la terza, ma essa presuppone una vasta ed approfondita conoscenza del mercato che in genere possiedono solo i consulenti pi preparati. La scelta delluna o dellaltra forma condizionata per anche da alcuni altri fattori. Cos, ad esempio, se il cliente un ente pubblico, in alcuni casi obbligatorio pubblicizzare la richiesta dofferta rivolgendosi genericamente a tutti i potenziali fornitori, mentre in altri possibile rivolgere linvito solo ad un gruppo preselezionato di possibili fornitori. Le aziende private, a meno che non si tratti di aziende a partecipazione pubblica o di grosse forniture, non ricorrono alla prima possibilit che in genere ha costi elevati e tempi di attuazione pi lunghi. Normalmente quindi, soprattutto se si
75

utilizzato un consulente, lelenco dei fornitori (documento 12, slide 27 e 28) sar redatto da questultimo in base alla propria esperienza professionale. In caso contrario, invece, non esistono regole precise. Tutti i canali informativi sono buoni, ma quelli pi ricorrenti sono: la visita a mostre specializzate, la lettura di riviste del settore ed il contatto con altri utenti che hanno gi affrontato e risolto esigenze analoghe. Individuati i fornitori da interpellare occorre poi predisporre le lettere di richiesta dofferta (documento 13, slide 27 e 28). A queste lettere andranno allegate le specifiche funzionali di cui si detto in precedenza e, dal punto di vista giuridico, come si vedr meglio in seguito, dovranno essere chiaramente definite alcune cautele a favore del cliente in modo che questi non resti vincolato in alcun modo dalla richiesta e dal ricevimento dellofferta. Sempre con le dovute cautele, pu essere molto utile richiedere con la lettera anche una bozza di contratto. Uno degli elementi da non trascurare, infine, anche quello di indicare nella richiesta dofferta il termine ultimo entro il quale debbano pervenire le risposte. Una volta pervenute le offerte (documento 14, slide 27 e 28) si proceder ad una selezione isolando quelle rispondenti (o maggiormente rispondenti) alle specifiche funzionali (documento 15, slide 27 e 28) c scartando le altre. A questo punto si dovr altres valutare se le risposte sono state esaurienti a se per caso non si dimenticato di richiedere qualche elemento o condizione particolare. In questa ipotesi, infatti, si dovr procedere ad un supplemento dindagine predisponendo ulteriori lettere di richiesta dintegrazione dellofferta (documento 16, slide 27 e 28), usando ben inteso tutte le cautele gi adottate nella prima richiesta. Quando siano giunte le integrazioni dofferta (documento 17, slide 27 e 28) se ne potr finalmente effettuare una selezione predisponendo nel contempo una graduatoria. La valutazione delle offerte non cosa semplice. infatti possibile che le risposte dei fornitori siano disomogenee o poich taluno interessato solo a una parte della fornitura, o perch alcuni, a differnza di altri, hanno inviato unampia e dettagliata documentazione o, infine, perch, qualche offerta,
76

pur essendo interessante, si discosta in parte dalle specifiche fornite rendendo difficile la sua comparazione con le altre. In ogni caso esistono diverse metodologie che consentono di creare griglie di valutazione. Esse, in genere, prevedono una prima selezione per scartare le offerte che non soddisfano i requisiti definiti come essenziali poi, con varie metodiche, si attribuiscono dei punteggi con diversi pesi ai singoli elementi, ottenendo cos la graduatoria finale. importante disporre, anche se ci pu comportare una maggiore difficolt di scelta, di pi offerte accettabili, poich non detto che la trattativa sullofferta migliore andr sicuramente in porto. Il disporre di alternative pone al riparo dal rischio di dover ridefinire i requisiti e procedere ad una nuova ricerca di mercato. Non solo, ma la presenza di pi offerte accettabili (documento 18, slide 27 e 28) pu consentire, nella fase di negoziazione, di porre in concorrenza fra loro i vari fornitori ottenendo ribassi dei prezzi o maggiori garanzie.

2.1.4 La fase della negoziazione del sistema elaborativo


Una volta pervenute le offerte e selezionate quelle che rispondono ai requisiti tecnici definiti dalle specifiche funzionali ed ai limiti e vincoli di altra natura posti dal cliente, inizia la vera e propria attivit di negoziazione. Questa attivit pu assumere le forme pi disparate, formali ed informali, ma comunque fondamentale ai fini della successiva stipulazione del contratto. infatti dagli incontri, dalle dimostrazioni, dai pourparlers di questa fase che emergono eventuali limitazioni di responsabilit e di garanzia, ovvero emergono eventuali difficolt circa la disponibilit, i tempi di consegna, linstallazione, ecc. delle macchine, ovvero vengono manifestate disponibilit aggiuntive e disponibilit a prestare ulteriori garanzie o servizi. Poich, come noto, verba volant sed scripta manent, appare allora opportuno fissare in qualche modo su carta (= formalizzare) tutto quanto viene via via definito. Nascono cos: accordi quadro (documento 17, slide 29 e 30); verbali di riunione (documento 18, slide 29 e 30); accordi
77

specifici (documento 19, slide 29 e 30); protocolli dintesa (documento 20, slide 29 e 30); integrazioni dofferta (documento 21, slide 29 e 30) ed altri tipi di pattuizioni (indicate genericamente nel documento 22, slide 29 e 30). E ovvio che non saranno certo i fornitori ad insistere per formalizzare i documenti sopra citati: questa unesigenza che deve essere rivendicata con forza da parte del cliente. In generale si pub stabilire con buona approssimazione la seriet ed affidabilit del venditore dal grado di disponibilit a sottoscrivere quanto affermato a voce nel corso di questi incontri. Va comunque precisato che la fase di negoziazione pu comprendere in realt sottofasi che hanno diverso grado di pregnanza rispetta alla negoziazione vera e propria. Cos vi saranno momenti iniziali in cui i documenti prodotti impegnano solo il fornitore e possono essere considerati integrazioni allofferta, e momenti finali in cui vengono firmati protocolli e accordi che vincolano gi le parti anche se magari condizionatamente al buon esito dellintera trattativa. Se la negoziazione procede con esito soddisfacente per le parti si giunger alla fine alla stipulazione del sistema contrattuale (documento 23, slide 29 e 30) sia essa un atto unico o un insieme di negozi tra loro strettamente correlati da reciproche clausole di rinvio. Negoziati insoddisfacenti potranno invece condurre a rimettere in gioco fornitori ed offerte inizialmente esclusi ovvero a riprendere la ricerca di mercato per individuare nuovi possibili partner. A questo riguardo sicuramente meglio investire ulteriore tempo e denaro che contrarre vincoli di cui non si convinti o con fornitori nei confronti dei quali manca un rapporto di piena fiducia. Nellipotesi limite, qualora nonostante il supplemento di ricerca di mercato non fosse possibile concludere in modo soddisfacente, non rester che rinunciare ad approntare il sistema elaborativo, salvo procedere ad un drastico ridimensionamento degli obiettivi. Il lavoro fatto e le risorse impiegate, se lattivit stata condotta con metodo e buone capacit professionali, non rappresentano una totale perdita; spesso infatti laver studiato la razionalizzazione dei flussi informativi nellottica del sistema elaborativo pu condurre comunque ad interventi di riorga78

nizzazione funzionale apportatori di benefici.

2.1.5 La fase della realizzazione del sistema elaborativo


Nella fortunata ipotesi in cui si sia pervenuti alla stipulazione di un soddisfacente sistema contrattuale (documento 23, slide 3135), occorre ora procedere alla sua concreta realizzazione che proceder tanto pi speditamente quanto pi il corpo normativo degli accordi sia stato espresso con chiarezza e completezza, attribuendo a ciascuno il proprio giusto carico di responsabilit. In questa fase vanno ricomprese attivit quali la preparazione degli ambienti che dovranno ospitare il sistema e le funzioni di servizio ad esso accessorie, la formazione del personale, la conversione di archivi o di sistemi elaborativi preesistenti, linstallazione e le verifiche di funzionamento di macchine e programmi, leventuale sviluppo di software ad hoc e quantaltro previsto dallinsieme dei contratti e dei relativi allegati tecnici. In particolare, se la predisposizione dellambiente non a carico dello stesso cliente, ma compete direttamente al fornitore dellhardware, come spesso accade, o a ditte terze specializzate, il cliente dovr formalmente richiedere lavvio dei lavori e sar opportuno lo faccia in forma scritta (documento 24, slide 31-35). Questo documento, da un lato afferma la disponibilit e lassenza di impedimenti da parte del cliente, dallaltro costituisce i[ punto di riferimento da cui computare il calcolo dei tempi, sanciti contrattualmente, entro i quali il lavoro debba essere completato. La forma scritta, sia essa raccomandata, telex, telefax o altra, purch giudizialmente riconosciuta come elemento di prova certo ed inoppugnabile, mette il cliente al riparo dalle conseguenze di eventuali ritardi o inadempienze del fornitore, ma anche da responsabilit nei confronti di fornitori terzi, ad esempio di hardware o di software, la cui prestazione subisca ritardi o comunque danno dal protrarsi delle attivit di preparazione di locali. Dovr quindi essere posta particolare attenzione, nel predisporre il sistema contrattuale, allattribuzione di responsabilit dirette e indirette a carico del singolo fornitore inadempiente. Col numero 25 e la generica dicitura azioni (slide 31) si voluto indicare un insieme di documenti che possono andare,
79

secondo il sistema pattizio sottoscritto, da atti di diffida e messa in mora, oppure di richiesta di risarcimento del danno e, in casi limite, qualora la prestazione non venga completamente resa, alla risoluzione stessa del contratto. In questultima ipotesi, proprio nellottica del sistema contrattuale e dei legami tra le varie prestazioni sar altres opportuno inviare formali comunicazioni di quanto sta accadendo anche agli altri fornitori coinvolti (documento 26, slide 31) specificando loro se si intenda comunque proseguire nella realizzazione del sistema sostituendo a quello inadempiente altro diverso fornitore o se, al contrario, non si voglia rinunciare allintero progetto. Nellauspicabile ipotesi che la predisposizione dellambiente vada a buon fine si dovr procedere, dintesa con il fornitore, al collaudo delle opere redigendone, in caso di esito positivo, apposito verbale (documento 27, slide 31). Tale atto attester ad ogni effetto lavvenuta prestazione. Qualora invece il collaudo avesse esito negativo, ferma restando la necessit di formalizzare comunque la cosa, si ritorner alla situazione di ritardo ed inadempienza sopra descritta ed alle relative azioni (documento 25, slide 31 e 32). Quanto detto per i lavori di approntamento dellambiente vale anche per la consegna e linstallazione dellhardware e del software. Le azioni esperibili, in caso di ritardi o inadempienze (documenti 28, 29, 31 e 32, slide 33 e 34), sono esattamente le stesse cos come lo sono le possibili conseguenze che potrebbero arrivare alla sostituzione del singolo fornitore o alla risoluzione totale o parziale del rapporto. In ogni caso, qualora invece tutto proceda regolarmente, dovr esservi un verbale di collaudo dellhardware (documento 30, slide 34 e 35) e del software (documento 33 slide 35). Se le apparecchiature ed il software provengono da una pluralit di fornitori, come spesso accade, potranno esserci singoli collaudi e collaudi complessivi di ciascuno dei quali dovr restare traccia. Ultimata la predisposizione del sistema elaborativo dovr comunque esserci un verbale di collaudo dellintero sistema, inteso cio nella combinazione di hardware, software ed altre prestazioni ausiliarie (ambiente, linee trasmissione dati, ecc.). Questo verbale rappresenter di norma una presa datto del funzionamento del sistema e potr costituire accettazione del
80

medesimo o, come pi spesso accade, questa potr essere subordinata al buon esito di un periodo di prova. Il periodo di prova, normalmente, serve al fornitore per le ultime messe a punto dei sistema operante sulla realt e non, come in precedenza, su test fittizi e serve anche al cliente che acquisisce la padronanza del nuovo strumento verificandone la funzionalit prima di abbandonare definitivamente la precedente organizzazione del lavoro. Possono dunque manifestarsi, anche in questo frangente, vizi o carenze del sistema. Qui occorrer per distinguere tra vizi e carenze, costituendo i primi un anomalo funzionamento di tutto o parte del sistema, situazione riconducibile ai vizi di un qualunque prodotto, e le seconde un funzionamento non adeguato alle aspettative. Nel primo caso, tutte le azioni esperibili sono.quelle relative alla fornitura di un prodotto non funzionante. Nel secondo caso occorre invece vedere se il sistema fornito qualcosa di diverso o di non adeguato rispetto alle richieste del cliente, ed allora ci ritroveremo nelle stesse ipotesi esaminate in precedenza circa i ritardi o le inadempienze nel predisporre lambiente, il software e lhardware, oppure se le carenze derivano da errato valutazioni, imprecisione o errori nella determinazione delle specifiche del sistema, ed in tal caso al cliente non rester che cercare di rimediare agli errori fatti. Qualora invece il periodo di prova si concluda felicemente, tale evento verr sancito da un atto esplicito di accettazione del sistema stesso (documento 36, slide 35 e 36) che servir da atto liberatorio per i fornitori comprovando lavvenuta corretta prestazione. I fornitori resteranno quindi obbligati solo per leventuale successiva assistenza e per ulteriori obblighi eventualmente sottoscritti.

2.1.6 La fase dellesercizio del sistema elaborativo


Una volta accettato il sistema, ha inizio la fase di routine dellesercizio durante la quale possono verificarsi sostanzialmente due tipi di eventi: il presentarsi di guasti o malfunzionamenti e la necessit di modifiche per implementare il sistema. II verificarsi di guasti normale e connaturato ad ogni tipo di
81

apparecchiatura soggetta ad usura ed un elaboratore o le sue unit periferiche a questo riguardo non fanno certo eccezione: spetta al servizio di manutenzione, disciplinato da apposita pattuizione, il ripristinare il normale stato di funzionalit. Ci che rileva invece quando la frequenza dei guasti assume una tale portata da porre seriamente in dubbio la funzionalit del sistema stesso. A questo riguardo il negoziatore accorto avr avuto cura di definire nellapparato contrattuale precisi parametri di valutazione dellefficienza e funzionalit del sistema ottenendo altres garanzia su un livello minimo di funzionalit al di sotto del quale scattino nuovamente responsabilit per il fornitore quando la diminuita efficacia non sia imputabile a normale usura degli apparati. Per poter accertare il livello di funzionalit dovranno quindi essere predisposte e conservate particolari registrazioni tecniche sul funzionamento delle macchine e, soprattutto, deve essere tnuto un registro delle chiamate e degli interventi (documento 37, slide 36 e 37) che registrer; tipo di inconveniente; data e ora della chiamata; data e ora dellintervento; esito dellintervento; durata di fermo macchina; ed altri similari. Qualora guasti e malfunzionamenti non vengano rimossi o si manifestino con eccessiva frequenza lutente, secondo i casi, potr risolvere il contratto di manutenzione, agire per danni, contestare la qualit dei prodotti c, pi in generale, intraprendere tutte le azioni (documento 38, slide 36 e 37) che gli sono consentite dai Codice Civile o dalie specifiche pattuizioni. Tale evenienza, in ultima istanza, potrebbe portare alla fine del sistema. Nellaltra possibile situazione, di fronte cio alla necessit di potenziare il sistema o semplicemente di apportarvi delle modifiche, se queste sono sostanziali ci troveremo ancora una volta di fronte ad unipotesi di fine del sistema, se invece non ne intaccano globalmente la natura, verranno poste in essere nuove forniture con le conseguenti modifiche al sistema contrattuale (documento 39, slide 36 e 37).

82

2.1.7 La fase della fine del sistema elaborativo


Oltre che per guasti o malfunzionamenti che rendano non pi affidabile il sistema e per necessit di potenziamenti e modifiche che possono derivare tanto da mutate esigenze aziendali quanto dalla stessa evoluzione delle tecnologie, il sistema pub vedere la sua fine anche per la scadenza dei termini di licenze di software o di locazioni delle macchine non pi rinnovabili o per il perimento del sistema stesso per accadimenti fortuiti. Quale ne sia la causa, allutente si porr solo lalternativa tra rinunciare a disporre di un nuovo sistema elaborativo, cosa ormai alquanto improbabile, ovvero iniziare un nuovo ciclo di progettazione di un sistema che questa volta, tra i vincoli, avr quasi sicuramente quello della compatibilit, almeno a livello di gestione dei dati, con quello precedente (Vedi slide 38).

83

3. LA TUTELA DEL SOFTWARE SLIDE 39-46

Gli elevati costi connessi alla progettazione dei programmi per elaboratore e la relativa semplicit ed economicit con cui possono essere copiati, hanno messo in luce fin dallingresso sul mercato di questi nuovi prodotti tecnologici lesigenza di una tutela giuridica di tipo esclusivo, lunica in grado di remunerare gli elevati investimenti, sia in termini di risorse umane che finanziarie, necessari per la realizzazione del software. Questa esigenza trova in Italia sfogo nella disciplina entrata in vigore con il D. Lgs. del 29 dicembre 1992, n. 518 che, in sede dattuazione della Direttiva 91/250/CEE, ha modificato la legge n. 633 del 1941 estendendo la tutela propria del diritto dautore ai programmi per elaboratore: In particolare sono comprese nella protezione:(omissis)8) I programmi per elaboratore, in qualsiasi forma espressi purch originali quale risultato di creazione intellettuale dellautore. Restano esclusi dalla tutela accordata dalla presente legge le idee e i principi che stanno alla base di qualsiasi elemento di un programma, compresi quelli alla base delle sue interfacce. Il termine programma comprende anche il materiale preparatorio per la progettazione del programma stesso. Il legislatore italiano, cos come quello europeo, si astenuto dal fornire una definizione dettagliata di programma per elaboratore"; il motivo di questa lacuna risiede probabilmente nella stessa natura tecnica del bene in oggetto, destinato a mutare a ritmi vertiginosi in piena simbiosi con il rapido sviluppo tecnologico che caratterizza questa particolare branca della scienza umana. Lampia definizione cos idonea a inglobare, con i dovuti limiti, le nuove espressioni tecnologiche con cui i programmi per elaboratore potranno venire in essere. In sede internazionale, sin dai primi anni Settanta, divenne sempre pi pressante lesigenza di trovare un istituto giuridico che riuscisse ad accogliere al proprio interno il software al fine di garantirne una reale tutela. Varie e numerose furono le ipotesi avanzate dai singoli legislatori nazionali, le principali delle quali possono essere, in modo sintetico, individuate in tre "macrosfere" di tutela: A) la prima quella riguardante il diritto d'autore;
84

B) la seconda coinvolge la disciplina dei brevetti; C) la terza, infine, attiene ad un regime normativo di tutela che prende spunto, contemporaneamente, dalla disciplina del diritto d'autore e da quella dei brevetti, prelevando da queste realt solo gli aspetti che appaiono maggiormente affini e compatibili con le nuove esigenze e le caratteristiche del bene "programma per elaboratore". La particolare attenzione per il risultato economico delle attivit svolte in campo industriale, determin un precoce e particolare interesse da parte degli Stati Uniti d'America per il bene software. Risale, infatti, al 1980 il "Computer software Amendment Act" (Public Law 96-517, 12-12-80) con cui la pi avanzata potenza economica dell'Occidente industrializzato cristallizz l'indirizzo che divenne, in breve tempo, quello dominante a livello mondiale: fu creata, ai fini della tutela, un'affinit elettiva tra il software e il diritto d'autore. Negli anni successivi, infatti, furono emanate discipline normative contenenti una tutela del software derivata dai principi base del Computer software Amendment Act in Australia, in Francia, in Germania, in Gran Bretagna, in Spagna e in Giappone. A livello europeo, l'esigenza di armonizzare la disciplina posta a tutela dei programmi per elaboratore fu avvertita come un problema da risolvere, in tempi brevi, al fine di garantire non solo la competitivit, ma la stessa futura esistenza, del mercato interno di tali prodotti. La ricerca di un meccanismo giuridico di difesa dei programmi per elaboratore sfoci nella Direttiva n. 250 del 1991. Con tale atto, fonte di diritto comunitario, si fissarono gli obiettivi di tutela da raggiungere in una prospettiva idonea ad includere il software nell'ambito della tutela assicurata al diritto d'autore. Tra le ragioni che hanno contribuito a far propendere il legislatore comunitario verso le linee adottate dai precedenti legislatori internazionali in materia di software, vi , dunque, una forte motivazione economica: il diritto dautore ha per caratteristica di nascere con la creazione dellopera, non richiedendo formalit quali il deposito o la registrazione per ottenere protezione immediata e, dunque, offre una tutela di facile accesso. Sulla base di queste considerazioni, stato
85

ritenuto che il diritto dautore fosse lo strumento pi idoneo a favorire gli interessi dei produttori contro la riproduzione illegale e contro le manipolazione e, allo stesso tempo, fosse uno strumento capace di favorire lo sviluppo tecnologico. L'Europa ha cercato, quindi, con la suddetta Direttiva di fornire un'efficace risposta al dilagante fenomeno della copia e della distribuzione illegale di programmi per elaboratore: la c.d. PIRATERIA del software. Problemi particolari sono stati sollevati in dottrina a causa dellequiparazione che il legislatore ha attuato tra software e opera letteraria. Per poter affrontare tale argomento, anche se in modo superficiale, necessario esaminare con estrema attenzione, quanto dispone lart. 1 della Legge n. 633 del 1941: Sono protette ai sensi di questa legge le opere dellingegno di

carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, allarchitettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. Sono altres protetti i programmi per elaboratore come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie ed artistiche ratificata e resa esecutiva con la legge 20 giugno 1978, n. 399, (omissis). Il
primo punto da approfondire quello riguardante le ragioni per cui il legislatore ha fatto rientrare il software allinterno della categoria opera letteraria. Il programma per elaboratore protetto poich considerato opera letteraria; solo da tale comparativo riconoscimento, infatti, che trae origine e forza la suddetta tutela. Un secondo momento di riflessione deve essere dedicato al fatto che non tutto ci che definibile astrattamente software rientra nella categoria che il legislatore nazionale ed europeo ha inteso tutelare. Il programma deve presentare un autonomo carattere creativo e risultare come un originale prodotto dell'ingegno del suo autore. Il requisito dell'originalit appare, quindi, come insopprimibile condizione per l'attribuzione dell'esclusiva propria del diritto d'autore. Rispetto alle opere letterarie, la stessa natura funzionale e pratica del software impone una particolare valutazione del grado di originalit che lo stesso deve presentare ai fine della tutela. Il momento di particolare rilievo dato che la scelta del criterio da adottare in sede di valutazione d'originalit,
86

incide in modo rilevante sulla possibilit di ricorrere alla tutela giuridica. Il legislatore comunitario propende per un approccio di tipo soggettivo, disponendo che un programma per elaboratore tutelato solo se originale, ossia se il risultato della creazione intellettuale dell'autore. La scelta del criterio soggettivo si rivela l'unica percorribile e praticabile al fine di non escludere dalla tutela d'autore la gran parte dei programmi per elaboratore, in ragione della particolare natura tecnica di questo bene. Il software, si ricorda, rappresenta nella sua pi intima essenza una modalit di risoluzione di problemi tecnici; per questo motivo difficile, salvo casi eccezionali e limitatissimi, che vengano alla luce programmi totalmente nuovi e innovativi rispetto a quelli preesistenti. Linnovazione tecnologica raramente procede per salti, presentandosi sempre come un discorso, direttamente o indirettamente, causalmente legato ai traguardi e alla conquiste precedenti. Il risultato di tale intervento legislativo stato quello rendere meritevole di tutela ogni programma per elaboratore che risulti frutto di un'attivit intellettiva dell'autore e non di una mera azione di copiatura. Il terzo, ed ultimo, aspetto da approfondire quello relativo ai confini della tutela riconosciuta al software. Rientra sotto l'egida di tale tutela, infatti, solo la forma espressiva dell'opera e non i contenuti posti alla base del programma. L'art. 2, n.8 della legge sul diritto d'autore cos dispone: ...restano esclusi dalla tutela accordata dalla legge le idee e i principi che stanno alla base di qualsiasi elemento di un programma compresi quelli alla base delle sue interfacce. In altre parole: essendo il software essenzialmente un risolutore di problemi squisitamente tecnici e pratici, l'idea risolutrice non di per s tutelata dal diritto; quest'ultimo tutela, infatti, solo le diverse tipologie d'espressione attraverso cui si manifesta e si concretizza l'ingegno. Questa soluzione, se da un lato si presenta in sintonia con i precedenti, legislativi e giurisprudenziali, in tema di tutela delle opere dellingegno, dallaltra crea non pochi problemi interpretativi di rigetto nel momento in cui viene trapiantata in una realt particolare come quella del software. In questo bene, infatti, la forma espressiva non facilmente distinguibile e separabile dal suo contenuto, con la conseguenza di creare dei momenti di incertezza sicuramente non auspicabili
87

in un settore cos delicato e complesso. L'idea, nellintenzione del legislatore, cos svincolata dall'espressione proprietaria, rimando libera di diventare fonte causale di successivi e fecondi sviluppi da parte di altri autori che potranno ad essa ispirarsi realizzando, con espressioni differenti, tecniche pi vantaggiose e segnando, cos, un originale progresso degno della tutela garantita dal diritto.

88

4. LICENZA DUSO DI SOFTWARE SLIDE 47-50

Lelemento essenziale del contratto di licenza duso il trasferimento allutente della possibilit di utilizzare un pacchetto applicativo, cio un insieme di programmi che costituiscono un prodotto ben definito. Parimenti essenziale, come oggetto contrattuale, la definizione dellampiezza di disponibilit del prodotto fornito. Cos, secondo le varie esigenze del licenziatario, potr esservi un interesse ad utilizzare il prodotto soltanto per s, ovvero ad avvalersi di esso per fornire servizi a terzi. Inoltre, qualora il licenziatario svolga attivit di commercializzazione o, pi genericamente, di service, potrebbe avere interesse, a sua volta, a cedere in uso il prodotto ai propri clienti. Questipotesi potrebbe risolversi in forme contrattuali diverse quali ad esempio un accordo tra il cedente e licenziatario per fornire a terzi, ad esempio il prodotto ed il relativo servizio, ovvero, qualora il licenziatario operi in una particolare fascia di mercato o in una specifica area commerciale, potrebbe chiedere, come specifico oggetto contrattuale, la possibilit di concedere in sublicenza a terzi il prodotto. Oggetto del contratto sar dunque una licenza di utilizzo esclusivo o non esclusivo di un prodotto software, nonch leventuale possibilit di cedere a terzi il diritto stesso. Quanto fin qui detto, tuttavia, non esaurisce lintero oggetto del contratto. Per poter usufruire del software e quindi per la completezza del contratto, infatti, essenziale che il licenziatario sia anche in grado di utilizzare concretamente il prodotto salvo il caso in cui oggetto specifico del contratto sia la concessione per la commercializzazione del prodotto a terzi. Pertanto, normalmente, sar oggetto del contratto non solo linsieme dei programmi, ma anche tutto quel materiale aggiuntivo, come viene spesso definito nei contratti standard, che essenziale per lutilizzo del prodotto. Tra questo materiale vanno ricompresi i vari tipi di documentazione per lutente, per il sistemista che deve curare linstallazione, per il gestore che ne assicura il quotidiano
89

funzionamento ed, eventualmente, per il programmatore, qualora il licenziatario abbia la necessit e sia autorizzato ad apportare in proprio modifiche. Una particolare cautela deve invece essere usata quando si stipula un cont6ratto di licenza duso esclusivo. Bisogna infatti verificare se la ditta che cede il software non abbia per caso ceduto in precedenza ad altri il medesimo prodotto. Questi ultimi, infatti, potrebbero utilizzare il software in modo concorrente, vanificando di fatto lesclusivit della cessione. Sempre con riferimento alloggetto, nella maggior parte dei casi correnti, riteniamo essenziale richiedere anche tutta la necessaria attivit di servizio ai programmi, ricomprendendo in questa lassistenza allinstallazione del prodotto nonch la manutenzione del medesimo. E soprattutto opportuno definire il concetto di uso, poich da ci potrebbero derivare importanti conseguenze per lintero contratto. Dal punto di vista informatico, nelluso bisogna ricomprendere, quanto meno, la facolt di installare il prodotto su una determinata macchina e quella di effettuare copie di sicurezza, bench questo diritto sia sempre riconosciuto anche dalla legge sul diritto dautore per il software. Affrontando poi la natura giuridica della licenza duso, con specifico riferimento alla determinazione delloggetto, abbiamo trattato alcuni punti sui quali opportuno soffermarci ulteriormente. La licenza duso caratterizzata dal fatto di essere esclusiva o non esclusiva e lapposizione di un simile vincolo rientra nellambito della disponibilit del cedente quale potere connesso all'esercizio del pieno diritto di titolarit del software. Connessi alla paternit del prodotto vi sono tutti quei diritti qualificati come patrimoniali e ricomprensivi, fra laltro, della trasmissibilit del godimento del bene a fronte di un determinato corrispettivo. La portata di tale trasmissibilit in favore del licenziatario pu essere la pi ampia possibile, tanto che il cedente non solo trasmette la potest di godimento, ma estende a completo favore del terzo la rinuncia ad avvalersi egli stesso di tali diritti, in proprio o tramite altri cessionari.
90

Una siffatta pattuizione diretta indubbiamente a regolare sia la concorrenza interna al rapporto (cedente-licenziatario), sia quella esterna al rapporto (cedente-terzi-licenziatario). Il concedente, di contro, rinuncia espressamente ad esercitare la facolt di libero commercio cio a porsi in stretto rapporto economico con altri soggetti e, nel contempo, garantisce con il suo comportamento che terzi non si intromettano commercialmente in quellarea con il medesimo prodotto. Riteniamo pertanto che la violazione della clausola di esclusiva comporti la risoluzione del contratto, anche in difetto di espressa clausola, giacch lintero contratto viene ad esserne in certo qual senso condizionato. Il licenziatario sottoscrive infatti il proprio impegno solo in funzione dellesclusivit ed in tale parametro vengono computati il corrispettivo e la portata dellintero contratto, per cui ci pare fondato ritenere che, diversamente, le parti non avrebbero concluso laccordo. Lesclusiva, inoltre, assume il carattere di elemento qualificante dellintero rapporto negoziale: il contratto non di durata con pi prestazioni autonome, in modo tale cio che la violazione dellobbligo risulti rilevante solo a fronte di aprte del contratto, potendo non incidere a fronte del restante arco del rapporto. Nella licenza duso il concedente trasferisce immediatamente, in un unico contesto, il diritto di godere in senso ampio del software e leventuale violazione si rifletter sullintera prestazione. Non potrebbe ritenersi di scarsa rilevanza neppur il venir meno dellobbligo di esclusiva qualora si manifesti in prossimit del termine contrattuale. Un tale comportamento potr essere oggetto di minor risarcimento quantitativo del danno, ma manterr sempre la sua massima incidenza nel rapporto negoziale. La licenza duso pu essere trasferibile o non trasferibile. Si rientra qui in unipotesi analoga alla sublocazione. Qualora il concedente autorizzi il trasferimento della licenza dal licenziatario ad un terzo, si avranno due fattispecie distinte e cio il primo rapporto concedente-licenziatario ed il secondo rapporto licenziatario-sublicenziatario.

91

Coesistono quindi due situazioni giuridiche che hanno in comune uno dei soggetti (il licenziatario-sublicenziante), ma che restano, per quantaltro, distinte fra loro. A maggior riprova valga la considerazione che, ammessa la trasferibilit della licenza duso, lunico punto di contatto fra cedente e sun-licenziatario offerto dalla possibilit per il primo di agire direttamente nei confronti del secondo per ottenere il pagamento dei canoni arretrati. A fronte di tale azione, non avente carattere surrogatorio, il sublicenziatario potr eccepire il fondamento di uno dei due rapporti di dare-avere (cio fra concedente e licenziatario, e fra questultimo ed il sub-licenziatario), ma non potr eccepire la compensazione fra il proprio debito nei confronti del licenziatario ed un credito vantato da questi nei confronti del cedente originario. Al di fuori di queste ipotesi non vi sono altri rapporti diretti fra cedente e sub-licenziatario, mentre il licenziatario dovr gravare il suo sub-licenziatario di tutti gli oneri a cui a sua volta sottoposto. Cos, ad esempio, tutti gli obblighi di segretezza imposti al licenziatario dovranno essere onorati anche dal sub-licenziatario al fine di evitare che il cedente agisca nei confronti del licenziatario stesso, il quale, a sua volta, potr soddisfarsi con il suo avente causa. Trattando invece del divieto di trasmissibilit (o sublicenza) ci pare che tale obbligo debba essere rispettato sia direttamente sia indirettamente anche in assenza di una simile precisazione nella clausola relativa. Il licenziatario potrebbe cercare di aggirare lostacolo posto al divieto conferendo il proprio diritto nellambito di una partecipazione societaria con laltro soggetto giuridico. In tal caso, conferendo ad esempio parte dei propri mezzi, potrebbe attuare una sub-cessione non consentita. Va tenuto presente, infatti, che lo scopo del divieto proprio quello di impedire che altri possano godere del bene anche solo parzialmente, e cio potrebbe verificarsi sia in virt di un vero e proprio contratto di sub-licenza sia attraverso altri negozi giuridici.

92

5. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL CONTRATTO DI SVILUPPO DI SOFTWARE SLIDE 51-54

Il contratto di sviluppo di software, unitamente al contratto di licenza duso, costituisce la pi diffusa forma di acquisizione dei programmi per elaboratore. Trova applicazione in tutti i casi in cui il mercato non offra un prodotto soddisfacente gi preconfezionato ed il committente non in grado o non intenda svilupparlo in proprio. Questo tipo di contratto molto pi delicato di quello di licenza duso e cio per almeno tre ragioni fondamentali. La prima che, mentre il package in licenza un prodotto esistente e quindi in una certa misura valutabile allatto della stipulazione del contratto, il software sviluppato ad hoc rappresenta unincognita fino al suo rilascio. E, se pur vero che sono previsti un collaudo ed unaccettazione, vero anche che, pur rispondendo pienamente alle specifiche funzionali fornite dal committente, potrebbe scaturirne un programma o uninsieme di programmi pi o meno brillanti, senza avere quindi alcuna possibilit di rifiutare totalmente il prodotto in caso di insoddisfazione. La seconda ragione di tipo essenzialmente economico poich, mentre nella licenza duso vi solo lesborso di una quota parte rispetto al costo totale di sviluppo del prodotto, nel contratto qui in esame il committente si accolla di solito lintero costo. La terza ragione che rende pi delicato questo genere di accordo ad un tempo di tipo commerciale e giuridico. Commissionare lo sviluppo di software significa normalmente rivolgersi ad uno specialista del settore (software house). Ebbene, se il software sviluppato destinato allutilizzazione per il suo committente, non sorgono problemi. Se invece, al contrario, il committente intende avvalersene per fornire servizi a terzi, ovvero se intende cederlo in licenza a questi ultimi, si trover ad avere un potenziale e temibile concorrente proprio in chi per suo conto ed a sue spese gli ha sviluppato il software. Questi, infatti, avr acquisito a spese del committente tutto il
93

know-how necessario e sar in grado di riscrivere, rapidamente e con poco costo, un programma del tutto analogo a quello commissionatogli, che potr commercializzare a prezzi pi competitivi. Ora, pur vero che la natura stessa dellappalto tende ad escludere indebiti utilizzi, da parte del fornitore ma ci implica un attenta valutazione contrattuale. Quindi in relazione al titolare della propriet sul software sviluppato potrebbe essere convenuto indifferentemente che proprietario sia luno o laltro dei due contraenti e, in entrambi i casi, con diverse gradazioni. Cos, ad esempio, potrebbe restare proprietaria la softwarehouse con un diritto duso perpetuo e non esclusivo a favore del committente, ovvero potrebbe ricadere su questultimo la titolarit di ogni e pi ampio diritto economico. Lipotesi principale comunque quella della pi ampia titolarit della propriet del software da parte del committente, cos come per effetto naturale del contratto di appalto. Una seconda distinzione risiede nella presenza o meno delle specifiche funzionali, cio di tutto un certo tipo di materiale, frutto di un attento esame delle esigenze che sottendono alla richiesta del software. Le specifiche funzionali, costituiscono infatti il fulcro di tutto il contratto di sviluppo, poich rappresentano la costante pietra di paragone per lattuazione del contratto stesso. Il pi delle volte, il committente non in grado di definire adeguatamente in proprio le specifiche funzionali, pertanto deve commissionarle a terzi che possono essere la stessa software-house che verr poi incaricata di realizzare i programmi o altra azienda specializzata. In ogni caso, il contratto che ha per oggetto la produzione delle specifiche funzionali del tutto analogo, strutturalmente e giuridicamente, a quello di sviluppo del software che ci si accinge ad esaminare. Al riguardo, lipotesi pi comune che gi esistano delle specifiche funzionali approvate e fatte proprie dal committente, considerando altres irrilevante che tali specifiche siano state prodotte dalla stessa software-house incaricata dello sviluppo dei programmi ovvero da terzi. (Ci, anche se il fatto pu essere tuttaltro che irrilevante poich,
94

ad esempio, nel caso in cui le specifiche provengano dalla stessa software-house, questa non potr lamentarne linsufficienza ovvero la scarsa chiarezza). Una terza distinzione di notevole rilievo, infine relativa alla soluzione economica prescelta, infatti, vi una triplice possibilit: a) contratto a consumo; b) contratto a consumo con tetto massimo di spesa; c) contratto a prezzo fisso; A secondo della soluzione scelta potranno infatti variare le clausole. Un cenno a parte, infine, merita il fatto che, nel contratto di sviluppo di software, a differenza di altre figure contrattuali, quali la vendita di software o la licenza duso, il cliente ha una particolare incidenza, potendo scegliere fra molti fornitori ai quali predeterminare le proprie esigenze, senza preclusioni preliminari.

5.1 NATURA GIURIDICA


Per quanto concerne la natura giuridica del contratto di sviluppo software riteniamo di essere indubbiamente di fronte, ad un contratto tipico e nominato in quanto lo sviluppo di software ha assunto unincidenza notevole nellambito dei rapporti negoziali informatici ed altres per il fatto di trovare ampia e precisa disciplina nel dettato del codice civile, quale contratto di appalto. Preliminarmente occorre per distinguere due ipotesi dal punto di vista della qualit dei soggetti, cio delle parti contraenti, o meglio di uno dei due contraenti. La configurazione tipica, infatti, offerta da un soggetto (utilizzatore o cliente) che concorda con un altro soggetto (fornitore) un certo prodotto-software, che questi si impegna a realizzare. Siamo quindi di fronte ad un appalto, fermo restando che in alcune ipotesi potrebbe trattarsi di prestazione dopera (art.2222 cc e seg), e comunque la preponderante casistica relativa alla figura dellappalto.

5.2

OGGETTO DEL CONTRATTO DI SVILUPPO DI


95

SOFTWARE

Particolare attenzione va posta in merito allogggetto del contratto di sviluppo di software, tale aspetto consta nella scrittura di uno o pi programmi secondo le specifiche funzionali fornite dal Committente. Con specifico riferimento alla natura del bene del contratto, tuttavia, lappaltatore non avr esaurito i suoi obblighi con la semplice scrittura dei programmi, questi infatti dovranno essere testati secondo precise metodologie, prima singolarmente (=program testing) poi nel loro complesso (=system testing), inoltre dovranno essere installati sullo hardware del Committente. Questultimo poi dovr essere addestrato alluso dei programmi, gli dovr essere trasferito tutto il know-how, e ci potr avvenire tramite addestramento diretto, se il committente dispone di proprio personale tecnico adeguatamente preparato, o comunque con la consegna di una documentazione adeguata. In altre parole, lappaltatore potr ritenersi adempiente quando avr fornito il prodotto, il relativo materiale di supporto ed avr messo il committente in condizione di usare il software sicch questi possa esprimere la propria accettazione. Una prima indagine dovr essere rivolta a quello che limpegno assunto dallappaltatore: si dovr cio considerare se questi sia incaricato di realizzare unopera oppure di compiere un determinato servizio. La distinzione tra appalto dopera e appalto di servizio argomento di vasta portata perch la fattispecie contrattuale non solitamente schematizzata in due rigidi aspetti, cio nella realizzazione di un bene, intendendosi con il termine realizzazione la creazione di quel bene, o nella prestazione di un servizio, ma esistono altres serie di facere che si pongono in posizione per cos dire intermedia alle sopra dette. Si tratta dei cos detti appalti di manutenzione, di ristrutturazione, di riparazione, di modificazione e cos via. Tutte queste figure rientrano nellappalto dopera, ma possono essere estese anche allappalto di servizio, e sar quindi questione da risolvere di volta in volta con riferimento al caso
96

specifico, lappurare se ci si debba riferire allambito della prestazione dopera o del servizio. Il contratto che qui esaminiamo rientra nella sfera del contratto dopera, intendendosi con tale definizione lattivit diretta alla realizzazione di un determinato bene (nel nostro caso il software). Indubbiamente problemi nuovi sorgono spontanei dalla novit della materia stessa e quindi preliminarmente ci si deve chiedere se il software inteso come bene immateriale possa o meno essere oggetto di appalto. A nostro parere non vi sono dubbi, e il software riconosciuto come pacchetto non solo nella dottrina giurisprudenza ma anche dalla stessa legge 518/92 sul software tutelato dal diritto dautore e dallestensibilit delle norme sulla tutela da prodotto difettoso. Va fatta anche unopportuna considerazione relativa alla creazione del prodotto informatico: nella realt un programma potrebbe essere realizzato ex novo senza cio utilizzare precedenti software o parti di essi, oppure potrebbe essere realizzato combinando fra loro parti od elementi gi preesistenti, integrandoli eventualmente anche con qualcosa di nuovo. Queste distinzioni, avevano sottolineato precedentemente, possono avere influenza con riferimento ai singoli casi pratici e sar appunto nel confronto con la realt che potranno essere approfondite le necessarie indagini; tuttavia riteniamo che al fine di una valutazione generale del contratto in esame, ci si possa limitare al concetto ampio di appalto dopera. Riteniamo tale lessenza del contratto, loggetto stesso del contratto deve essere possibile, lecito e determinato. A proposito di possibilit, larticolo 1346 del codice civile ed i seguenti tendono a specificare bene in che cosa essa debba consistere, limitando lindagine allambito della cosiddetta impossibilit originale sia pur fisica o giuridica. Estendendo poi lesame, anche dallart.1418 risalta come lappalto possa essere nullo qualora manchi uno dei requisiti indicati nellart.1325 (nel nostro caso n.3: oggetto) e la mancanza nelloggetto dei requisiti stabiliti dallart.1346 pertanto potrebbe sorgere effettivamente il problema se la
97

commissione di un determinato software ricada o meno nella fattispecie qui esaminata. Una situazione particolare, facilmente riscontrabile nellambito dei contratti di creazione di software, data dalla presenza, accanto allincarico vero e proprio di realizzare il prodotto, di un particolare altro incarico finalizzato a valutarne preventivamente la fattibilit. Si tratta di unipotesi assai simile al fenomeno classico del progetto rilevabile negli usuali contratti di appalto. Pertanto, useremo alternativamente il termine progetto o studio di fattibilit per indicare in linea di massima questo fenomeno. Ora le situazioni ravvisabili possono essere di due tipi: ci si pu trovare, cio, di fronte a delle semplici indicazioni oppure ad una vera e propria opera o studio che costituisce un insieme complesso di dati, valori, limiti, incidenze ecc. cio un vero e proprio impegno svolto su richiesta del committente. Per quanto concerne le cosiddette semplici indicazioni, le stesse possono pervenire direttamente dal committente, oppure possono essere frutto di collaborazione fra il committente e lappaltatore od infine, possono essere stilate da un terzo e consegnate dal committente allappaltatore. Per ciascuna di queste tre situazioni vi sempre lobbligo a carico dellappaltatore di verificare esattamente loggetto del contratto in quanto egli stesso viene ad essere investito della piena incombenza del facere. Le indicazioni servono quindi di per s come elemento di demarcazione non rilevante del problema e dellinteresse del committente. Pertanto, con lesecuzione dellopera, tali indicazioni perdono i loro contorni netti sfumando via via e venendo ad essere sovrastate dal lavoro dellappaltatore stesso. Se invece si di fronte ad un vero e proprio studio, le situazioni potranno essere di due tipi: che lo studio sia stato redatto dallappaltatore stesso su incarico del committente oppure che sia stato predisposto da un terzo su incarico del committente. Qualora sia lappaltatore ad essere investito di questa incombenza potremmo avere o un appalto autonomo, relativo a questo studio, oppure il medesimo studio potrebbe far parte di
98

un unico e pi vasto incarico costituito sia dallo studio del progetto sia dal vero e proprio appalto. Qualora si verta nella specie dellincarico autonomo, potremmo avere un condizionamento nella creazione del software in base al risultato dello studio, per cui questultimo dovr essere preventivamente valutato ed accettato dal committente e, solo dopo ci, lappaltatore potr eseguire lopera. Questo incarico autonomo relativo allo studio potrebbe anche non essere condizione del secondo appalto, ma solo un parametro al quale fare riferimento lappaltatore nellesecuzione del software e ci, proprio per la portata dello studio medesimo, che potrebbe essere indirizzato a diverse finalit e solo marginalmente alla specificazione delle esigenze relative al software successivamente commissionato. Si potrebbe anche vertere in una fattispecie a formazione progressiva (studio pi appalto di software) e pertanto, linadempimento nel primo incarico (studio) si riverberer sul secondo e leventuale inadempimento del secondo incarico (software) dovr essere valutato di volta in volta, ai fini della propria incidenza rispetto allintera obbligazione, giacch parte dellobbligo stata regolarmente effettuata e linadempimento potrebbe ripercuotersi o meno anche sulla parte adempiuta. In questipotesi poi, non vi sarebbe alcuna differenza fra vizi dello studio e vizi dellappalto di software, giacch a nostro avviso sarebbe sempre responsabile lappaltatore al quale sia stato affidato lintero incarico. In effetti saremmo di fronte ad un livello ampio di responsabilit per lappaltatore giacch, essendo egli stesso incaricato anche allo studio, si troverebbe investito della piena fiducia del committente, le cui approvazione dello studio indubbiamente di minor rilevanza che in altre ipotesi, avendo egli affidato alla totale e piena tecnica dellappaltatore lintero lavoro. In contrapposizione allo studio effettuato direttamente dallappaltatore su richiesta del committente, vi poi la gi citata situazione del terzo che abbia sviluppato lo studio progetto su incarico del committente medesimo. In questo caso, distinte e diverse saranno le responsabilit del terzo e dellappaltatore.
99

Il primo sar responsabile per lo studio commissionatogli, mentre il secondo lo sar per lesecuzione dellopera sulla base del progetto, ma sottolineando sempre che lappaltatore deve agire con autonomia propria, non facendo mai venir meno il principio del rischio che costituisce la essenza stessa del contratto di appalto. Ora, la responsabilit per lappaltatore circa lo studio affidato ad un terzo sussister nel caso di una cattiva attuazione di questo progetto-studio. Lappaltatore sar altres responsabile se, prima di porre in essere il lavoro, non abbia valutato e controllato lo studio sottopostogli: diversamente infatti, rivestirebbe la funzione di mero esecutore, e non vi sarebbe quindi alcun appalto. Cos dunque il concetto di appaltatore-tecnico assume rilevanza preminente al fine di garantire al committente il risultato del facere. Ovviamente, lindagine dellappaltatore sullo studio dovr essere approfondita giacch qualora questi scoprisse un vizio dello studio durante lesecuzione del proprio incarico di produrre il software, dovrebbe avvertire subito il committente per non incorrere nel rischio di veder aumentata la propria responsabilit. Si tratta quindi, a nostro parere, di un ipotesi di obbligatoriet dettata anche dallart.1660 codice civile (che esamineremo pi oltre) limitandoci qui a rammentare che, secondo il dettato di legge, qualora ai fini di una esatta esecuzione dellopera sia necessario apportare variazioni, le parti debbano accordarsi in merito, salvo poi leventuale intervento del giudice, ed proprio in riferimento alla necessit di accordarsi, che riteniamo fondato laumento del grado di responsabilit dellappaltatore qualora, accertato un vizio del progetto non ne dia tempestiva comunicazione al committente al fine di attuare tutti i necessari interventi di modifica.

100

6. I CONTRATTI DI SERVICE SLIDE 55 - 91

A questo punto dell'indagine si rende necessario affrontare una particolare categoria di contratti informatici che hanno avuto recentemente un rilevante impulso e continuano ad occupare sempre maggiori spazi nel settore: i contratti di service. Le ragioni della loro sempre maggior diffusione sono legate a molteplici fattori tra cui l'obbiettivo risparmio di costi che offrono rispetto alla gestione diretta del loro oggetto, l'elevato contenuto tecnologico e quindi la necessit di continuo adeguamento e sviluppo, e, non ultimo, la possibilit, pur se a volte necessariamente limitata,di mutare fornitore o di stravolgere integralmente il proprio approccio al problema tornando, ad esempio, a gestire direttamente il proprio centro di elaborazione. I contratti di service informatico rientrano, nella loro quasi totalit, e quindi solo con eventuali eccezioni, nell'ambito della figura del contratto di appalto, cio di quell'accordo in forza del quale una parte (appaltatore o fornitore) realizza un'opera o svolge un'attivit per conto dell'altra parte (committente o fruitore) a fronte della corresponsione di somme di denaro. Sulla figura dell'appalto informatico stato ampiamente scritto e basti qui rammentare come in nulla differisca la fattispecie informatica da quella per cos dire " usuale ": troveranno piena applicazione le norme del codice civile sia in tema di appalto vero e proprio che, eventualmente, anche in tema di somministrazione. Pertanto possiamo sin d'ora ritenere che le tre figure giuridiche pi specifiche (disaster recovery, facility management e outsourcing) rientrino nell'ambito dellappalto di servizi (o eventualmente nell'appalto misto " servizi e opera"), con tutte le inerenti incidenze proprie di ciascuna fattispecie.

101

6.1 DISASTER RECOVERY


6.1.1 Natura giuridica Si tratta di una figura la cui natura giuridica collocabile nell'ambito dell'appalto e specificatamente nell'appalto di servizi. Per quanto concerne la distinzione fra appalto d'opera e appalto di servizi rinviamo a quanto scritto in materia dalla dottrina e giurisprudenza ritenendo sufficiente richiamare l'assodato principio che la distinzione fra appalto di servizi e appalto d'opera sia del tutto ininfluente alla qualificazione del negozio, che e resta un appalto, differenziandosi, in una situazione rispetto all'altra, semplicemente nell'oggetto della prestazione che consiste o in un vero e proprio bene o nella esecuzione di un servizio. Il Disaster Recovery ha per oggetto la prestazione di una attivit di elaborazione su programmi dell'utente operanti sul sistema dell'offerente, e operante in situazioni di blocco, totale o parziale, del sistema informativo dell'utente medesimo. La figura quindi caratterizzata dalla specifica funzione di "garanzia", cio di "sicurezza" di continuit del ciclo vitale informativo anche a fronte di situazioni che ne hanno pregiudicato la regolare funzione per un periodo pi o meno ampio. Il rapporto pu quindi essere distinto in una duplice fase temporale: a) la durata del contratto b)la prestazione funzionale del servizio di Disatser Recovery vero e proprio. Infatti, stabilita una durata dell'intesa che pu abbracciare un arco temporale pi o meno ampio, e solitamente gode di rinnovo automatico per periodi di identica estensione, il fornitore mette a disposizione dell'utente il proprio sistema per l'eventualit che il sistema informativo dell'altra parte subisca un arresto. A fronte di una simile situazione si attua la prestazione dell'attivit di elaborazione per sopperire al Disaster. Quindi oggetto del contratto la messa a disposizione del proprio sistema, in modalit pi o meno articolata secondo quanto concordato in punto tecnico, costituendo la prestazione
102

centro di valutazione in odine al corretto adempimento. Il Disaster Recovery si colloca, in ogni caso, fra gli atti che, a nostro giudizio gli Amministratori o i Sindaci delle Societ "a rischio" debbano tener presente in modo da mantenere la possibilit di usufruire del servizio per evitare un danno alla Societ e, quindi, operare correttamente ai fini del rispetto del dovere di diligenza proprio del mandatario. Ora, ferma restando la durata dell'accordo, in tale arco temporale si pone l'eventuale ricorso al service a fronte dell'arresto del servizio dell'utente che in quel preciso istante ha diritto all'effettuazione del service di sicurezza. E' stato correttamente argomentato come la gravit dei danni causati dal blocco totale o parziale del sistema informativo possa dipendere: dalla durata del blocco stesso, dal tipo di azienda, dal grado di informatizzazione,dalla criticit delle applicazioni, con la conseguenza di ricorrere a strumenti e procedure atte a ripristinare in tempi rapidissimi tutte le attivit informatiche soggette all'evento disastroso. Quest'ultimo potrebbe dipendere da una molteplicit di cause legate sia a guasti tecnici di macchine ed impianti, sia ad eventi naturali o accidentali, quali alluvioni, terremoti o allagamenti, incendi, crolli, esplosioni, o legate a veri e propri atti umani di sabotaggio o comunque dolosi. Il Buffa ha quindi elencato le possibili soluzioni a situazioni di disastro, soluzioni diverse tecnicamente e praticamente l'una dall'altra: - EMPTY SHELL: cio la dotazione di una struttura vuota, attrezzata di tutti gli impianti necessari, nella quale, grazie ad un preventivo accordo con i fornitori, installare un nuovo sistema di elaborazione. - BACKUP RECIPROCO: cio un accordo di " mutuo soccorso" con altra azienda dotata di elaboratore con caratteristiche simili sul quale, in caso di emergenza trasferire le principali applicazioni. - CENTRO DI EMERGENZA COMUNE: cio la realizzazione di un centro di calcolo in " multipropriet" fra varie aziende, da utilizzare in caso di blocco del proprio centro. - FRAZIONAMENTO SU PIU CENTRI: cio la dotazione di pi centri di calcolo separati, con opportuna suddivisione del carico
103

delle applicazioni, in modo tale che, in situazione di blocco sia possibile trasferire le applicazioni sugli altri centri ancora funzionanti. - DISASTER RECOVERY: cio l'accordo con una azienda specializzata nell'effettuare un simile servizio, in forza del quale sia possibile accedere immediatamente ad una porzione predefinita del sistema di emergenza, al fine di ripristinare le attivit elaborative. Indubbiamente ciascuna delle soluzioni indicate presenta vantaggi, ma altrettanto vero, e su ci concordiamo pienamente con l'Autore, che gli svantaggi insiti in simili soluzioni siano di gran lunga inferiori per il ricorso al servizio di Disaster Recovery che offrir maggiori garanzie di rapidit di intervento, di affidabilit della esecuzione, di costi ridotti e predeterminati, e, non ultimo, possibilit di inserire un simile service in un contesto contrattuale pi ampio quale, ad esempio un'attivit di outsourcing con ulteriori maggiori garanzie di tranquillit per la vita aziendale. Pertanto, specifica prerogativa della figura giuridica in esame la possibilit per il fornitore di ripartire fra pi utenti il service garantendo a tutti la possibilit di intervento in caso di disastro:ovviamente dovranno essere rispettati i diritti di tutte le parti e mantenere a disposizione di tutti la capacit elaborativa di emergenza. 6.1.2 Oggetto Esaminiamo preliminarmente l'oggetto tipico del contratto di Disaster Recovery. Si verte solitamente in un appalto di servizio o in un appalto misto, cio caratterizzato da una prestazione di opera e di servizio: l'ipotesi tipica quella offerta da un Fornitore che, da un lato sviluppi appositi programmi per il Cliente, programmi legati alla prestazione successiva del servizio (tralasciandosi quindi le pi complesse ipotesi di sviluppo di programmi applicativi ad hoc indipendentemente dalla prestazione dell'attivit di Disaster Recovery vera e propria) e che, sulla base di detti programmi nonch sull'utilizzo di altri di cui mantenga la titolarit o, comunque, la disponibilit, offra la prestazione
104

oggetto dell'accordo. Nell'ipotesi di sviluppo di particolari programmi per conto del Cliente, detti programmi potranno essere concessi a quest'ultimo in licenza per tutta la durata del servizio o essere trasferiti nella piena titolarit del Cliente medesimo che ne usufruir, secondo i termini e modalit stabiliti nell'accordo di Disaster Recovery e ne manterr comunque la piena disponibilit anche successivamente,o, al limite, potr disporne sia durante il vigore dell'accordo di Disaster Recovery ai fini dello stesso sia, sempre in vigore detta prestazione, usufruirne per altri scopi, se compatibili con l'uso dei programmi medesimi. In relazione allo sviluppo di programmi richiamiamo brevemente quanto definitivamente statuito in materia dalla Legge 518/92 che, con richiamo espresso alla disciplina della Legge 22.04.1941 n. 633 (Legge sul Diritto di autore) ha riconosciuto in capo al creatore del programma la paternit dello stesso, confermando la libera trasferibilit di tutti i diritti patrimoniali inerenti. Conseguentemente, in presenza di un contratto di appalto, la consegna del prodotto finito al committente ne implica anche il passaggio di titolarit, trasferendosi solo in capo a quest'ultimo ogni inerente diritto, con la conseguenza che, per mantenere qualsiasi forma di contitolarit o di disponibilit anche parziale dei diritti di utilizzazione economica del prodotto in capo all'appaltatore, occorrer un apposito atto scritto che ne stabilisca limiti e modalit. Nulla vieta pertanto che anche l'appaltatore (sviluppatore) mantenga la contitolarit sul software, potendo cos riutilizzarlo economicamente anche per altri suoi Clienti, o abbia diritto a royalty o possa distribuirlo in licenza riconoscendo, a sua volta, diritti economici sulla cessione al Committente, ma ci che rileva in tal senso la necessit, sempre, di un apposito documento scritto che ne stabilisca le modalit, rammentandosi, fra l'altro, come alla Legge sul Diritto di Autore, nel cui contesto si innestata la legge 518/92, richieda nell'art. 110 la prova scritta per ogni atto dispositivo dei diritti di utilizzazione economica dell'opera (software) in oggetto. Ulteriore caratteristica della figura del Disaster Recovery, quella di porsi indifferentemente o come figura autonoma, staccata ed indipendente da ogni altra diversa prestazione,o di
105

porsi come parte di un pi articolato e complesso rapporto contrattuale, come ad esempio, nell'ambito di un accordo di outsourcing, che ponga il Disaster recovery quale elemento di esecuzione nonch di garanzia per il miglior risultato, ma venendosi cos a creare una serie di nuovi rapporti interaziendali che coinvolgono,ai fini della legge sulla tutela dei dati personali, non solo le entit aziendali in senso stretto, ma anche i rispettivi organi amministrativi ed i responsabili di ciascun centro di elaborazione (i "titolari" e i " responsabili del trattamento "). Rammentiamo quindi che il Disaster recovery opera ponendo in essere un sistema di emergenza che investe le applicazioni vitali delle risorse elaborative dell'utente, risorse caratterizzate o dalla titolarit diretta in capo all'utente, o nella sola disponibilit dell'utente (o parziale titolarit di quest'ultimo, con riferimento cio ai soli dati elaborati) nell'ipotesi di una maggior articolata situazione quale potrebbe essere la prestazione di un accordo di outsourcing. 6.1.3 Modalit di prestazione La prima opportuna regola da osservare che l'Utente definisca correttamente le proprie esigenze, sulla base dello stato attuale e comunque di fatto del proprio sistema: il Fornitore del servizio di Disaster Recovery deve essere posto nella condizione di poter valutare concretamente ogni parametro relativo alla prestazione del servizio stesso. In particolare le parti dovranno scambiarsi ogni opportuna informazione e l'Utente non solo dovr rendere edotto il Fornitore del proprio sistema, cosa di per s ovvia, ma informarlo preventivamente di ogni possibile opzione di implementazione o mutamento dello stesso, gi programmata o programmabile, in modo tale che vengano affrontati preventivamente tutti i punti inerenti le modalit di erogazione del servizio, senza che possano sorgere in un secondo momento attriti (e ancor peggio, disservizi) imputabili a reticenze o cattiva informazione, con gravi ripercussioni sulla miglior resa della prestazione tecnica del Disaster Recovery. Occorrer altres censire le varie applicazioni secondo il loro livello di importanza e determinare, relativamente a ciascuna di esse, tutto quanto opportuno al ripristino, dal tempo massimo di
106

riattivazione a tutti i requisiti per il funzionamento del software e dei dati. Fra l'altro non va scordato come, in presenza di modifiche al sistema non preventivamente comunicate, il Fornitore del servizio, abbia diritto ad ottenere una revisione dei termini economici dell'intesa che, alla luce della mutata realt operativa, si porrebbe in divergenza rispetto le originarie valutazioni e condizioni trattate con l'estrema possibilit di richiedere la risoluzione dell'accordo medesimo. Per quanto concerne le modalit di attuazione del Disater Recovery, rammentiamo anche come esse consistano in una serie di precise attivit, tra cui primariamente, la presenza del sistema di emergenza e la sua disponibilit per il periodo di Disaster del sistema principale, la presenza di tutta la pi o meno complessa, a seconda del tipo di accordo, attivit di assistenza all'avviamento, la presenza di una serie completa di sistemi di sicurezza, e, proprio sui sistemi di sicurezza ci soffermeremo pi avanti, in quanto essi costituiscono un elemento importantisimo di garanzia. Sulla durata dell'accordo ci siamo gi soffermati, ma riteniamo opportuno dilungarci ancora sull'argomento proprio in virt della peculiare natura della figura in esame. L'arco temporale nel quale si sviluppa il contesto di prestazioni in esame pu essere collocato in tre distinte fasi che contemplano, integrandosi vicendevolmente, il ciclo di vita del service stesso. La prima fase relativa alla durata contrattuale dell'intesa: come tutti i contratti di service, anche il Disaster Recovery caratterizzato da un arco di validit, durante il quale trova vigore il contratto medesimo e ciascuna delle parti tenuta al rispetto delle proprie obbligazioni. Cos, ad esempio, l'Utente dovr mettere a disposizione i propri dati e corrispondere i canoni pattuiti,mentre il Fornitore dovr predisporre la propria apparecchiatura ed utilizzare le proprie risorse per la prestazione del servizio. E' altres buona norma contemplare contrattualmente dei test di prova stabilendone la portata e i tempi di attuazione: ci render pi sicura la operativit durante l'eventuale fase di criticit vera e propria, cio durante l'attivazione del servizio di emergenza. Infatti proprio a fronte del blocco del sistema operativo
107

dell'Utente che si concretizza la funzionalit del Disaster Recovery che operer come " servizio di emergenza" per tutta la durata dell'interruzione della operabilit del sistema principale. Quanto all'attivit dei test di prova durante il vigore dell'accordo, opportuno che gli stessi vengano accuratamente programmati al fine di consentire al Fornitore del servizio di gestire correttamente la propria attivit, che, di solito, investe pi Utenti, e che, nel deprecabile caso di concretizzazione di un Disaster a carico di uno degli Utenti stessi, consenta anche l'eventuale superamento di test per gli altri, senza che ci infici la qualit del servizio e la piena operabilit anche in loro favore. A tal fine rammentiamo come le parti convengano solitamente che per consentire l'esecuzione delle prove, il Fornitore metta a disposizione il proprio sistema di emergenza per un certo numero di giornate durante l'anno, stabilendosi altres le varie modalit di esecuzione dei test di prova (es.: blocchi di uno o pi giorni, comunicazione di inizio, previa schedulazione con congruo anticipo di tempo,possibilit di interruzione delle prove, ripristino ecc...). 6.1.4 Garanzie La voce "garanzie" sempre particolarmente gradita all'Utente alla ricerca della maggior tranquillit possibile, soprattutto in considerazione della caratteristica del servizio che diventa concretamente operativo nel momento in cui si verificata gi una situazione di elevatissimo rischio per lui, a fronte dell'interruzione del proprio sistema operativo. Si cos consolidata una certa prassi nella definizione degli accordi di Disaster Recovery che contempla, al di l delle solite ed ovvie garanzie di corretta esecuzione del contratto, anche la presenza di polizze assicurative perla copertura di eventuali danni e la presenza di precisi sistemi di sicurezza fisica e logica che tutelino la riservatezza dei dati trattati. Per quanto concerne la presenza di polizze assicurative, presenti anche in altre forme contrattuali, va rammentato che solitamente esse garantiscano solo i danni hardware mentre limitino la loro portata al costo di ricostituzione dei dati eventualmente andati dispersi, senza per estendere la portata di garanzia ad altri
108

eventuali danni diretti ed indiretti patiti dall'Utente. In effetti il principale problema sollevato dal rapporto " polizzadanni" quello dell'ammontare del risarcimento a fronte del reale danno subito, e, se tale risarcimento pu essere in alcuni casi facilmente determinato o determinabile (come nell'ipotesi di ammanchi di denaro a causa di computer crimes), in altri, come nella quantificazione di mancati guadagni, la difficolt di accertamento si riflette sia sul premio richiedibile sia sulla valutazione complessiva da parte delle Compagnie di stipulare simili polizze. A sua volta anche il Fornitore dovr essere "garantito" da parte dell'Utente relativamente ad alcune situazioni, diverse, ovviamente, dal suo diritto alla percezione dei canoni pattuiti. Dette situazioni potrebbero consistere nell'impegno, da parte dello stesso Utente, di procurarsi tutto il materiale accessorio (nastri, dischetti, carta ecc....), di tutelare i propri dati e di procedere, successivamente, alla eventuale cancellazione dei propri dati dal sistema del Fornitore, di accollarsi la responsabilit (peraltro evidente) del contenuto dei propri dati. Il Fornitore garantir invece la manutenzione di tutti i componenti hardware e software e sistemi di rete e comunicazione del sistema di emergenza, senza alcun onere per l'Utente. Ovviamente, e sul punto torneremo infra, trattando di "garanzie" non si potr scordare la specifica nuova esigenza di rispetto della normativa sulla tutela dei dati.

6.2 FACILITY MANAGEMENT

Un articolato complesso di attivit di service e di sviluppo rientra nell'ambito della figura qualificata come facility management, offrendosi solitamente priorit alla prestazioni di accordi di body rental (utilizzo di personale della Societ appaltatrice) e di consulenza sistemistica, ma ampliandosi sovente lo spazio operativo integrando la prestazione con la fornitura di software in licenza o di software e hardware in propriet. Si opera pertanto in presenza di un prestatore dl servizio che
109

potr ricorrere anche ad altri fornitori, in esecuzione di un ampio mandato conferitogli dall'utente, ma comunque e sempre con posizione diretta del prestatore del servizio ai fini della responsabilit e garanzia. Molti aspetti della figura in esame si ritrovano nell'outsourcing, che ne costituisce la pi avanzata e completa forma, pur differenziandosi soprattutto per il fatto che nell'outsourcing solitamente non si perfeziona un'intesa di sviluppo di software, o, quantomeno ne costituisce una parte non preponderante, pur se a volte essenziale rispetto all'intera dinamica negoziale (vedasi l'ipotesi di software in propriet dell'utente che consenta il ripristino del servizio elaborativo presso l'utente stesso). In realt la distinzione fra Facility Management e Outsourcing non pacifica e vi sono Autori che pongono l'outsourcing nell'ambito del Facility Management. Le interpretazioni del concetto di Outsourcing e pi in generale di Facility Management si diversificano in base alla modalit di erogazione dei servizi, che possono essere forniti con risorse (apparati e personale) ubicati presso la sede del Cliente, oppure in unit organizzative all'interno del fornitore dei servizi; inoltre pu variare l'estensione del campo di facility da gestire (Asssitenza Tecnica, Assistenza Sistemistica, rapporti di partnership...), costituendo il Facility Management, per detti Autori, la naturale evoluzione dell'Outsourcing. In realt riteniamo che tutte le classificazioni siano di per s valide, purch non solo fini a se stesse, e nulla vieta di considerare, per propria valutazione tecnica, una delle due figure assorbita nell'altra o viceversa, soprattutto se, in ultima analisi, i punti di riflessione pratici per ciascuna di esse siano in linea di massima concordanti e rispecchianti quelle che sono diventate oramai prassi operative del settore. Da questo punto di vista riteniamo opportuno considerare l'Outsourcing come il limite estremo del Facility Management, intendendo per l'Outsourcing (come vedremo nelle pagine seguenti) come la scelta di spogliarsi completamente del proprio sistema informativo, e non come solo una o pi deleghe tecniche al Fornitore, mantenendo la gestione diretta del proprio centro di calcolo e dati. Indubbiamente l'utente deve richiedere ampie garanzie e il
110

fornitore deve essere in grado di assicurare la corretta esecuzione della prestazione, e comunque, anche in questa come in molte altre ipotesi, non sar tanto la presenza di penali o garanzie economiche quanto la seriet del fornitore a far s che il contratto arrivi a buon fine con reciproca soddisfazione.

6.3 OUTSOURCING

6.3.1 Natura giuridica Anche l'outsourcing rientra nell'ambito del contratto d'appalto di servizio, pur se caratterizzato dalla pi articolata presenza di una prestazione di opera vera e propria attuata con lo sviluppo di specifici programmi software atti a soddisfare le articolate esigenze dell'utente. L'oggetto del contratto quindi la fornitura di un completo servizio informativo che si sostituisca a quello dell'utente, praticamente in tutto o, quantomeno in materia preponderante, restando in quest'ultimo caso in capo all'utente medesimo solo attivit marginali. Una pi ridotta distribuzione delle funzioni delegate colloca la figura giuridica nell'ambito del Facility Management e pertanto riteniamo che per considerare un accordo quale outsourcing sia necessario che una delle parti (il cliente/utente) si spogli del proprio sistema "integralmente" o comunque in modo rilevante, praticamente rinunciando alla gestione diretta del proprio centro e di quanto ad esso connesso. Comunque altrettanto vero quanto scritto in precedenza in tema di Facillity Management, e cio che qualsiasi classificazione terminologica sia suscettibile di veridicit, assumendo reale incidenza la sostanziale natura del rapporto posto in essere e non la sua qualificazione terminologica. Sulla base della nostra classificazione appare evidente che la figura contrattuale sia caratterizzata dalla presenza di un alto "rischio", cio del pericolo che il trasferimento del sistema informativo vincoli l'utente in maniera estremamente rigida, condizionandone la futura eventuale scelta di ritorno alla
111

gestione diretta. Ulteriore elemento da considerare quello legato alla possibilit di sostituzione del fornitore con altro, senza rientrare nella gestione diretta del centro, ma avendo ugualmente l'esigenza di continuit delle prestazioni e di rispetto dei parametri economici. Si evidenzia cos la collocazione dell'Outsourcing nell'ambito degli appalti di servizi o misti, richiamandosi qui quanto precedentemente scritto in tema di Disaster Recovery. La peculiarit dell'inserimento nell'ambito dell'appalto della fattispecie in esame consente di spingere oltre l'analisi dei rapporti posti in essere fra le parti estendendola alla fase preliminare inquadrabile nell'ambito dello studio di fattibilit o studio preliminare. Lo studio sia esso predisposto dall'Utente singolarmente o tramite un proprio incaricato, o sia predisposto dal Fornitore, operer in ogni caso sulla base delle necessit dell'Utente medesimo e ne scaturiranno responsabilit in ordine all'esecuzione successiva dell'accordo assumendo incidenza ai fini dell'accordo definitivo anche quanto preliminarmente analizzato e costituente la base della futura realizzazione. Le garanzie si riverberano altres quindi dalla fase preliminare alla esecuzione finale dell'accordo di Outsourcing. Stabilito che il contratto di Outsourcing rientra nella ampia categoria dei contratti di appalto, occorre valutare anche l'incidenza della complesit contrattuale che fa capo alle esigenze dell'utente e che corrisponde alla fitta rete di interconnessioni negoziali in essere: cos dovranno essere presi in considerazione i rapporti con il gestore del servizio di Outsourcing stesso di (eventuale) sviluppo software di (eventuale) assistenza/manutenzione software di (eventuale) assistenza/manutenzione hardware di Disaster Recovery di ulteriori servizi di ulteriori servizi di telecomunicazione di trattamento e/o trasmissione dati personali In particolare per quanto concerne l'area delle telecomunicazioni subentreranno l'adozione di reti di commutazione di pacchetti e di protocolli di accesso, interventi di diagnosi e gestione di
112

rete,ricorso quindi al sistema delle reti di accesso, secondaria e primaria che consentono interventi su aree geografiche amplissime, soddisfacendo le pi ampie esigenze dell'Utente. Si rileva cos che anche il settore stesso delle telecomunicazioni gli interventi verteranno tanto nell'ambito gestionale stretto degli impianti che in quello dell'intervento diretto realizzativo di programmi e soluzioni tecniche dirette all'esercizio del servizio. Una simile complessit tecnica implica una sempre pi qualificata specializzazione operativa che travalica gli ordinari sistemi applicativi e gestionali e che investe conoscenze e competenze nuove e diversificate che consentano di intervenire, inizialmente sulla configurazione della rete di telecomunicazione con possibilit di interventi successivi, eventualmente anche programmati, di variazione ed implementazione della struttura rispetto alla configurazione iniziale, e di intervenire, successivamente, lungo la rete stessa al fine di mantenerla in corretta funzione. 6.3.2 Oggetto Anche le prestazioni qualificabili come "servizi" hanno avuto un continuo sviluppo e, poco per volta, hanno occupato spazi sempre pi ampi della contrattazione informatica, sia per la loro peculiare caratteristica di essere diretti a soddisfare precisi interessi diversamente non realizzabili a causa di complessit tecnica nella loro attuazione o di costi elevati se considerati singolarmente da un unico utente, ed proprio per ovviare allaumento dei costi (in senso stretto di variazioni di listini, ed in senso lato di necessit di sempre maggior tecnologia e qualit) che lOutsourcing si pone imperiosamente nel mercato. Ed grazie allestensione del suo oggetto (servizio oltre ad acquisizione definitiva e/o temporanea di beni) che pu adattarsi a molteplici aree economiche, e quindi soddisfare le esigenze informatiche di banche, assicurazioni, imprese industriali e commerciali. Proprio grazie a questa capacit espansiva delloggetto, occorrer di volta in volta determinare tecnicamente e giuridicamente la portata.

113

6.3.3 Rapporti contrattuali La particolare posizione dell'Utente e,come vedremo in seguito, anche del Fornitore, evidenziata dai complessi rapporti scaturenti dalla figura in esame, sia per quanto concerne i rapporti contrattuali gi esistenti in capo all'Utente medesimo, sia per quanto concerne i rapporti di nuova esistenza, cio quell'insieme di accordi che sorgono direttamente fra Utente e Fornitore o fra essi ed altre terze parti. Conseguentemente dovranno essere esaminate tutte le prestazioni che costituiranno l'oggetto del contratto di outsourcing nella sua concezione di servizio di gestione diretta del cuore informativo dell'Utente, sia quelle ulteriori e parallele o connesse attivit che si renderanno necessarie per la prestazione corretta del servizio. Una di tali attivit pu consistere nella realizzazione di un apposito sviluppo di software per l'Utente. La realizzazione del prodotto potr essere affidata al fornitore medesimo o delegata da quest'ultimo ad una terza parte, previo consenso dell'Utente, dovendosi rammentare che il contratto di Outsourcing, per sua natura consistente in un appalto, implica sempre il parere favorevole del committente - Utente, ogni qual volta si debba ricorrere a subappalto. Per il resto richiamiamo quanto gi noto in tema di contratto di sviluppo di software rammentando come le parti siano comunque libere di disciplinare il contenuto del contratto di sviluppo, nel senso di determinare la titolarit esclusiva del bene in capo al committente, o di concretizzare una contitolarit, o, in casi particolari, soprattutto nei quali al committente interessa maggiormente la possibilit di uso del nuovo prodotto piuttosto che detenerne i diritti di disponibilit piena, stabilire la facolt per l'Utente di disporre senza limitazioni del software ai propri fini, fermo restando il diritto dello sviluppatore di riutillizzare in qualsiasi modo il software, ritraendone ogni ulteriore beneficio economico e pratico. Infatti le parti Utente e Fornitore potrebbero concordare una collaborazione nello sviluppo del software nel senso di offerta di consiglio ed esperienza pratica da parte dell'utente, con minor incidenza economica finale per quest'ultimo che potr utilizzare il
114

software secondo lo scopo prefissato, mentre lo sviluppatore, una volta realizzato il programma e messolo a disposizione dell'Utente, potr liberamente commercializzare lo stesso prodotto, offrendolo in licenza d'uso a terzi. Potrebbe altres verificarsi la soluzione intermedia, ossia, che anche al committente vengano riconosciuti diritti economici sulla futura commercializzazione del software. Parallelamente allo sviluppo di software saranno presenti accordi manutentivi sul software medesimo o su altri programmi. Anche in queste ipotesi l'attivit potrebbe essere prestata o direttamente dal Fornitore o da terzi appositamente delegati, e sempre con il consenso dell'Utente. Lo stesso discorso varr anche per i contratti di disposizione dell'hardware e della sua manutenzione, nonch per ogni altra pattuizione di service, sia esso inteso a specifiche funzioni di gestione dell'outsourcing, come ad esempio la presenza di attivit di disaster recovery, sia per ogni altro service che si rendesse utile o fosse comunque richiesto dalla natura dell'accordo o dalla volont dell'utente. 6.3.4 Riduzione dellarea a rischio Si crea cos una vera e propria "area di rischio" del tutto particolare e caratterizzante la fattispecie in esame sulla quale opportuno soffermarsi. Preliminarmente richiamiamo il concetto di alea e rischio. Nell'ambito del codice civile non esiste una specifica determinazione del concetto di alea se non per richiamo indiretto come nell'ipotesi dell'art.1882 c.c. in materia di assicurazione o dellart. 1448 c.c. comma 4 ( non possono essere rescissi per causa di lesione i contratti aleatori ) ed ancora art. 1469 c.c., che stabilisce come le norme sullimpossibilit sopravvenuta non si applichino ai contratti aleatori. Per quanto concerne la nostra fattispecie il concetto di alea necessariamente collegato ad un quid di negativo, non potendosi certamente considerare l'ipotesi di alea positiva, come quella insita nell'acquisto di un biglietto della lotteria, che nell'eventualit di sorteggio favorevole non potr che essere ben accetta.
115

Ben pi grave incidenza ha l'alea che implica un quid di pericolo come il verificarsi di un evento negativo e tale incidenza del rischio sicuramente presente nel contratto di outsourcing che per sua natura, caratterizzato da una profonda incidenza pratica e non solo giuridica, nella sfera dell'Utente. Va altres sottolineato che le osservazioni che esporremo devono essere lette non in senso di diffidenza per il contratto di outsourcing nel suo complesso, ma proprio in favore di una figura contrattuale cos rilevante nella sua portata complessiva da implicare una precisa attenzione da parte di ciascun contraente sui suoi effetti. La funzione dell'outsourcing essenzialmente quella di offrire al minor costo possibile e nel miglior modo possibile la gestione dell'intera struttura EDP dell'Utente, e, quindi, implica il trasferimento dell'intera attivit informatica dal centro di calcolo dell'Utente a quello del Fornitore. Conseguentemente occorre che sia sempre presente la possibilit di ripristino della situazione originaria o il passaggio dal fornitore originario ad un altro Fornitore, il tutto senza particolari intoppi, e senza "rischio": rischio che grava indubbiamente sull'Utente, ma che potrebbe riversarsi anche sul fornitore qualora, per sua scelta o per fatto indipendente ma comunque gravante su di lui, si rendesse necessario risolvere anticipatamente il contratto senza arrecare alcun danno all'utente. Per tale motivo abbiamo sottolineato la presenza di una specifica "area di rischio" affinch le parti prendano gli opportuni provvedimenti per evitare che dallo stato di "alea" si passi a quello di " danno". Quindi occorre che diventi condizione abituale determinare nel testo contrattuale le modalit di ripristino del sistema originario dell'Utente o di sostituzione del Fornitore in modo tale che, pur a fronte di ulteriori costi, l'Utente abbia la certezza di non perdere mai il servizio di outsourcing. Quanto scritto costituisce sicuramente la parte pi incidente della area di rischio, ma non ne esaurisce l'ambito, esistendo un'ulteriore serie di elementi che debbono essere attentamente valutati, soprattutto nella fase iniziale di predisposizione dell'accordo, al fine di evitare che i benefici propri
116

dell'outsourcing vengano vanificati, o, quanto meno, che i costi lievitino oltre ogni previsione positiva. I punti di disamina possono essere ricompresi in due categorie a seconda che il soggetto principalmente interessato sia l'Utente o il Fornitore. Esaminiamo le due distinte posizioni rammentando per che la prima non esclude la seconda e viceversa, e che, quindi, le valutazioni proprie per l'Utente possono applicarsi anche al Fornitore e quelle proprie di quest'ultimo siano compatibili con la posizione del primo. Pertanto, la prima valutazione dovr essere attuata sui contratti esistenti e facenti capo a ciascuna parte al momento della predisposizione dell'accordo. Appurato che la caratteristica dell' outsourcing sia quella di offrire un service completo nella gestione del centro EDP, si dovranno attentamente esaminare i contratti in essere e in forza dei quali l'Utente gestiva il proprio centro informativo o il Fornitore la propria attivit di service. Distinguiamo pertanto le varie figure contrattuali secondo la loro qualifica: contratti di titolarit contratti di licenza d'uso contratti di assistenza e manutenzione o di durata In ordine al diritto di titolarit di un programma rinviamo a quanto precedentemente scritto, sottolineando come sia opportuno precisare sempre nel testo dell'accordo di outsourcing tutti gli estremi di identificazione del proprietario del programma e le eventuali concessioni di uso dello stesso programma, in modo tale che, al termine del service, o, se occorrendo anche durante il vigore del contratto, sia sempre evidente la modalit d'uso e gli eventuali vincoli ad essa connessi. Lo stesso discorso vale anche per gli accordi di licenza preesistenti, tenendo presente che per essi la discussione non si porrebbe tanto in tema di titolarit, quanto di utilizzo conforme all'accordo di licenza d'uso iniziale. Sappiamo che la licenza d'uso si caratterizza per la possibilit di usare il programma senza trasferimento della propriet, conformemente alle specifiche proprie del programma medesimo, solitamente senza possibilit di sub-cessione di
117

licenza o trasferibilit su CPU diversa da quella contrattualmente identificata,e per un tempo determinato o a tempo indeterminato, ma con precisi vincoli di garanzia a favore del concedente in ordine al rispetto delle condizioni contrattuali a suo favore. Risulta evidente che, per la sua caratteristica "rigida" il contratto di licenza d'uso non possa trasferirsi o interrompersi secondo la volont dell'utilizzatore salvo specifico consenso del concedente, consenso che potrebbe legittimamente essere rifiutato o, se concesso, richiedere una rilevante contropartita economica. Pertanto l'Utente non potrebbe scordare il vincolo che lo lega al concedente la licenza d'uso nello stipulare un accordo di outsourcing, giacch, indipendentemente da quanto pattuito nel service di outsourcing con il suo Fornitore, i vincoli contrattuali precedentemente assunti in ordine alla licenza d'uso permangono e continuano a produrre effetti giuridici ed economici che non possono essere sottovalutati. Altra incidenza di un contratto di licenza d'uso potrebbe essere legata alla peculiarit di utilizzo del software: la potenza di elaborazione inizialmente pattuita per un certo canone e valutata con riferimento alla macchina del licenziatario verrebbe meno a fronte del trasferimento del software sulla macchina del Fornitore il servizio di outsourcing, macchina solitamente di maggior potenza, con la conseguenza che al concedente la licenza spetti un canone ben pi incidente di quello originariamente considerato. Potrebbero poi sussistere vincoli particolari di utilizzo legati alla modalit o al soggetto utilizzatore, che non consentano la trasferibilit della licenza nell'ambito del contratto di outsourcing. La medesima incidenza sussiste anche nell'ipotesi di contratti di manutenzione o assistenza software o hardware, che sono caratterizzati sia dalla durata sia dalle modalit di utilizzo. Ora, quanto detto assume solitamente maggior incidenza nei confronti dell'Utente che sostituisce il proprio sistema con quello fornito dal gestore del service di outsourcing, ma anche quest'ultimo dovr attentamente valutare la portata dei propri contratti di licenza o assistenza e manutenzione, sempre in considerazione del servizio che prester per quello specifico Utente e per ogni altro utilizzatore.
118

In particolare il Fornitore dovr valutare la complessiva possibilit di prestazione del service, ivi compreso il delicato problema della conversione e della fase intermedia di avviamento. 6.3.5 Clausole generali e speciali del contratto Da quanto esposto risulta evidenziato come la figura contrattuale dell'outsourcing si caratterizzi per una serie tipica di prestazioni valide per qualsiasi Utente e costituenti l'oggetto proprio del contratto, ma altrettanto vero che ciascun Utente abbia esigenze proprie, diverse, se non in tutto almeno in parte, da quelle di altri Utenti e, come tali, da tener sempre presenti nella predisposizione dell'intesa. Quindi, ciascuna parte trasmigrer nell'accordo le proprie peculiarit, in considerazione delle personali caratteristiche ed esigenze, in modo tale da aver sempre presente l'obbiettivo da perseguire e di coordinare l'intera attivit in modo uniforme e coerente, senza intoppi iniziali, durante la fase operativa del service e tanto meno nella eventuale fase di cessazione o rinegoziazione dell'intesa stessa. Pertanto richiamiamo alcune delle pi comuni clausole di portata generale o speciale, soffermandoci solo su una di esse, particolarmente attinente alla problematica della tutela dei dati personali. A) CONDIZIONI GENERALI A.1 - Prodotti e materiali del Fornitore A.2 - Prodotti e materiali dell'Utente A3 - Ambiente operativo del Fornitore A4 - Accesso fisico al centro A5 - Sicurezza e riservatezza A6 - Violazione di brevetti e copyright A7 -Divieto di subappalto A8 - Corrispettivi e fatturazioni A9 - Responsabili del progetto A10 - Penali A11 - Clausola risolutiva espressa A12 - Foro competente
119

A13 - Divieto di cessione A14 - Modifiche e contenuto contrattuale B) CONDIZIONI SPECIALI La natura stessa dell'outsourcing implica la formulazione di condizioni contrattuali del tutto particolari, legate alla peculiarit delle prestazioni volute dalle parti. L'attenzione, come gi scritto dovr estendersi all'oggetto dell'accordo, che costituisce il fulcro dell'intesa e soprattutto alle modalit tecniche del servizio. Queste ultime dovranno ricomprendere anche alcuni punti essenziali per una positiva esecuzione dell'accordo, e precisamente: tipologia tempificazione soluzioni alternative richiesta di uniformit a standard test collaudo sistemi di sicurezza 6.3.6 Rapporti fra i services informatici e la legge sulla tutela dei dati: banche, assicurazioni, broker, provider di Internet Come precedentemente esaminato, la qualit di Titolare e di Responsabile pu esistere in capo a soggetti diversi o in capo al medesimo soggetto. E' particolarmente in tema di accordi di service informatico che si pone la necessit di indagare quale posizione reale assuma un soggetto giuridico. E' stata precedentemente esaminata la definizione di Titolare e di responsabile, nonch tutta l'articolata operativit del "consenso dell'interessato" e gi in quel contesto si era sottolineato come la legge non abbia tenuto ben distinto, n forse avrebbe potuto tenerlo a fronte dei continui interventi sui DDL, il ruolo di chi determini le modalit e finalit del trattamento da chi debba essere identificato quale puro tecnico, cio Responsabile del trattamento medesimo su designazione del
120

Titolare. Il rapporto che intercorre fra Titolare ed Interessato, implica una serie di obblighi, diritti e doveri, ma, soprattutto nell'attivit negoziale, caratterizzato dalla presenza di un accordo contrattuale fra le due parti. Prendiamo ad esempio un contratto assicurativo, sintetizzando al massimo, per maggior linearit di descrizione, le sue parti. A fronte dell'accordo scaturito fra il contraente e la Compagnia di Assicurazioni, quest'ultima gestir, in senso lato, tutta una serie di dati, a volte anche sensibili, dell'assicurato (anagrafica, condizioni particolari legate alla specificit della polizza, eventuali autorizzazioni all'incasso ecc..), dati che, a loro volta, resteranno nella disponibilit in senso stretto o in senso lato del Titolare (Compagnia di Assicurazione). Nel primo caso, la Compagnia gestir, previa identificazione di uno o pi Responsabili e Incaricati, all'interno della propria struttura aziendale i dati. Tale identificazione " fisica" del trattamento sar identica sia nell'ipotesi di un unico centro interno della Compagnia come nel l'ipotesi di centri diversi (anche di Disaster Recovery ad esempio)ma sempre di pertinenza della Compagnia medesima: in entrambi i casi la Compagnia sempre identificata quale Titolare del trattamento. Nel secondo caso, invece, la Compagnia potrebbe ricorrere ad un accordo di service con un terzo fornitore, per l'attivit di trattamento: in questo caso, non si sposter la qualit di Titolare dalla Compagnia, ma si attuer una nuova posizione soggettiva in capo al fornitore del service, che dovr essere qualificato come Responsabile del trattamento. In una simile fattispecie, il consenso prestato dall'Interessato dovr riguardare solo il Titolare e non anche il Responsabile, salvo l'obbligo di informativa da parte del Titolare all'Interessato, informativa che dovr contenere l'identificazione del Responsabile. La comunicazione attuata attraverso il trasferimento dei dati dal Titolare (Compagnia di Assicurazioni) al suo Responsabile (fornitore del servizio) e da quest'ultimo nuovamente al Titolare(Compagnia di Assicurazione) rientra nell'esecuzione del medesimo accordo originario intercorso fra il contraente e la
121

Compagnia medesima, la quale mantiene doverosamente, la propria autonomia gestionale ed operativa. Inoltre va sottolineato come, nel consenso iniziale al trattamento dei dati rilasciato dall'Interessato alla Compagnia possa essere ricompreso l'assenso alla comunicazione da parte di quest'ultima al suo fornitore del service. Il dettato di legge (art. 12 punto 1 lettera b) non chiarissimo: e riteniamo che si possa propendere ad una esclusione del consenso espresso alla comunicazione dalla Compagnia al fornitore del service, in quanto tale attivit rientrerebbe nella ordinaria gestione della Compagnia medesima e l'assicurato resterebbe comunque estraneo a detta modalit, avendo, esclusivamente, diritto alla corretta esecuzione del contratto di assicurazione stipulato. La specificazione, all'interno della richiesta e rilascio di consenso, anche per quanto concerne la comunicazione al fornitore del service sicuramente un plus, che tutela maggiormente, ma non un elemento essenziale. Una diversa situazione potrebbe verificarsi in presenza di un terzo soggetto, ad esempio di un Broker Assicurativo. Quest'ultimo interviene direttamente nel rapporto fra l'interessato e la Compagnia che offrir la copertura, e ci assume particolare incidenza sia a fronte di precisi accordi operativi,come, ad esempio, con istituti di credito che operino nell'ambito della collocazione di polizze, oppure, come sopraindicato, attraverso proprie valutazioni per il contraente finale, non essendo, egli Broker, legato ad una sola compagnia, ma operante con pi Compagnie. E' evidente che in queste ipotesi, secondo lo spirito della legge, si avr una diversa e successiva comunicazione e quindi trattamento, dall'interessato al Broker e quest'ultimo definir il rapporto con la Compagnia prescelta. In questa situazione pratica si dovr intervenire con attenzione anche ai fini della predisposizione della nota informativa all'interessato, che dovr tener conto delle diverse posizioni e trattamenti, e richiedere specifico consenso senza determinare confusioni o incertezze di identificazione dei soggetti. Un'altra fattispecie particolare quella del Provider di Internet. Tale soggetto opera normalmente come una Gate-Way, senza
122

trattenere o ricevere dati, ma semplicemente collocandosi come si collocherebbe un gestore telefonico, consentendo l'accesso alla rete. Ovviamente assume rilevanza la sua posizione con il cliente solo ai fini del contratto di accesso, ma non per i dati che fluiranno sulla rete successivamente. Tuttavia se operasse quale Provider e Hosting la situazione muterebbe in quanto tale Hosting trattiene informazioni del cliente ed in tal caso si colloca nella qualit di titolare. Ulteriore situazione quella del Provider Housing, che detiene per conto del cliente apparecchiature di quest'ultimo e le collega alla rete. Riteniamo che si abbia una situazione analoga a quella del Provider puro.

123

124