You are on page 1of 9

di Samuele Venturini

Tra scienza e alchimia

H.A.A.R.P.

tempo di lettura 16 minuti

110

Runa Bianca

Settembre 2011 | n.3

H.A.A.R.P. .A.A.R.P. ovvero “The High Frequency Active Auroral Research Program” che, tradotto in italiano, significa “programma di ricerca aurorale attivo ad alta frequenza”. Se per molto tempo le aurore boreali1 sono state avvolte nel mistero, oggi lo è per noi, come allora, la tecnologia HAARP. Ma per quale motivo si sente così tanto parlare ultimamente di questo argomento? Che cos’è veramente HAARP e che cosa si sa a riguardo? Con questo articolo quindi vorrei accompagnare i lettori attraverso le tappe che si effettuano quando si decide di dedicarsi ad una ricerca, seria, libera, indipendente ma basata comunque su fatti e dati oggettivi dai quali, ciascuno di noi, potrà poi condividere le proprie opinioni e considerazioni aggiungendo così un piccolo tassello per la comprensione di questo mosaico. Non mi soffermerò sui dettagli tecnici perché si perderebbe il fulcro della ricerca. Per chi fosse interessato però, segnalerò a fine articolo alcuni link di approfondimento. HAARP è una base sita in Alaska (Gakona) composta da una serie di antenne in grado di emettere e ricevere onde ELF e VLF, rispettivamente onde a frequenza estremamente bassa (3 Hz – 3 kHz) e onde a frequenza molto bassa (3 kHz – 30 kHz). La stazione presenta anche un’infrastruttura denominata IRI (Ionospheric Research Instruments) cioè un trasmettitore ad alta potenza in grado di operare nell’intervallo di frequenze HF cioè ad alta frequenza (3 MHz – 30 MHz)2. Ufficialmente HAARP viene impiegato per studiare una regione dell’alta atmosfera chiamata ionosfera che presenta particolari caratteristiche tra cui quella di essere sotto forma di plasma (plasma ionosferico) ovvero di essere composto da gas ionizzato. Il sole, le stelle e le nebulose ad esempio sono costituite anche da plasma. 1) L’aurora polare (boreale o australe) è un fenomeno naturale che si crea a causa dell’interazione tra il vento solare, ricco di particelle cariche come protoni ed elettroni, e la ionosfera ovvero una regione dell’atmosfera compresa tra i 100 ed i 500 Km sopra la superficie terrestre. 2) http://ieeexplore.ieee.org/xpl/freeabs_all. jsp?arnumber=661959

Samuele Venturini Sul sito ufficiale di HAARP3 è possibile anche visionare i dati raccolti dai vari strumenti, tra cui il magnetometro ad induzione dal quale si può visionare una delle attività del sistema HAARP. Fin qui tutto sembrerebbe parte di un progetto di ricerca scientifico. Ma se si indaga più a fondo, adottando un approccio olistico, si apre un mondo multidimensionale per quantità di informazioni, ipotesi e realtà più o meno reali. Varie sono le ipotesi che pendono su HAARP e che ritraggono questo sistema come una potente arma militare in grado di modificare il clima ma anche di controllare la mente delle persone4. Da qui ci si può collegare al famoso progetto di alcuni anni fa, MKULTRA, dedicato proprio alla ricerca di metodi per il controllo mentale, metodi purtroppo alquanto crudeli, fino ad arrivare al progetto Blue Beam. È bene fare un salto indietro e dare uno sguardo all’origine di HAARP. Per fare questo non possiamo non citare il grande genio Nikola Tesla e le sue strepitose ricerche nel campo dell’energia libera, dell’etere e appunto dell’elettromagnetismo. Secondo le ricerche del famoso scienziato, sarebbe tecnicamente possibile concentrare un fascio di particelle ad alta energia da proiettare a distanza verso bersagli precisi e tale scoperta è stata definita “raggio della morte”. Proseguiamo quindi con la nostra ricerca per raccogliere quanto più materiale possibile su cui basarci. Partiamo quindi dai brevetti, documenti estremamente importanti e ufficiali quindi incontrovertibili. HAARP è solo un progetto scientifico oppure c’è anche l’interesse militare? Gli Enti principali coinvolti nel progetto HAARP sono: U.S Air Force, Navy, Department of Defense, MIT, APTI, ARCO, University of Alaska e altre Università. Nelle prime fasi del progetto HAARP, la APTI possedeva 12 brevetti tutti collegati al programma difensivo americano “Star Wars”. I brevetti sono qui di seguito elencati: 3) http://www.haarp.alaska.edu 4) Angels Don’t Play This Haarp: Advances in
Tesla Technology - Nick Begich, Jeane Manning

H

Settembre 2011 | n.3

Runa Bianca

111

H.A.A.R.P. • U.S. Patent 4686605: Method and Apparatus for Altering a Region In The Earth’s Atmosphere, Ionosphere, And/Or Magnetosphere • U.S. Patent 5038664: Method For Producing a Shell Of Reflectivistic Particles At An Altitude Above The Earth’s Surface • U.S. Patent 4712155: Method And Apparatus For Creating An Artificial Electron Cyclotron Heating Region Of Plasma • U.S. Patent 5068669: Power Beaming System • U.S. Patent 5218374: Power Beaming System With Printer Circuit Radiating Elements Having Resonating Cavities • U.S. Patent 5293176: Folded Cross Grid Dipole Antenna Element • U.S. Patent 5202689: Lightweight Focusing Reflector For Space • U.S. Patent 5041834: Artificial Ionospheric Mirror Composed Of A Plasma Layer Which Can Be Tilted

Samuele Venturini • U.S. Patent 4999637: Creation Of Artificial Ionization Clouds Above The Earth • U.S. Patent 4954709: High Resolution Directional Gamma Ray Detector • U.S. Patent 4817495: Defense System For Discriminating Between Objects In Space • U.S. Patent 4873928: Nuclear-Sized Explosions Without Radiation Abbiamo quindi brevetti che parlano di “metodo e apparato per alterare una regione nell’atmosfera terrestre, nella ionosfera, e o nella magnetosfera”, di “sistema a fascio di energia”, di “specchi ionosferici artificiali composti da uno strato di plasma che possono essere ruotati”, o ancora “sistema di difesa per la discriminazione tra oggetti nello spazio” e “esplosioni di grandezza nucleare senza radiazioni”. Nel 1994 la E-Systems comprò i brevetti della APTI e nel 1995 la Raytheon Corporation acquistò la E-Systems. La Raytheon ha grandi contatti a livello militare, molti dei quali sono

ALCUNE IMMAGINI TRATTE DAI BREVETTI SOPRA CITATI. MAGGIORI DETTAGLI ALL’INTERNO DEI DOCUMENTI UFFICIALI ELENCATI, LIBERAMENTE CONSULTABILI.

112

Runa Bianca

Settembre 2011 | n.3

H.A.A.R.P. tutt’ora classificati. Quali sono quindi le potenziali applicazioni di questa struttura? Innanzitutto occorre ribadire che le prime due fasi del progetto HAARP non hanno consumato più di 10 megaWatt di potenza ma cosa riserverà il futuro? Sui documenti ufficiali di HAARP, in particolare i brevetti di Eastlund, si parla del consumo di almeno 1 miliardo di Watt! Le possibili applicazioni possono essere così schematizzate ed elencate: • Fasci di energia verso la Terra • Fasci di energia verso satelliti orbitanti e stazioni spaziali • Riflessione della luce solare • Accelerazione di particelle cariche • Armi costituite da raggi / fasci di energia • Comunicazioni radar oltre l’orizzonte • Comunicazioni a lunga distanza • Comunicazioni ELF e VLF

Samuele Venturini matica” è un argomento molto interessante e potrebbe divenire – o già essere – un progetto classificato negli interessi della Sicurezza Nazionale (National Security). Ciò potrebbe spiegare il muro di gomma delle Istituzioni e le tecniche di disinformazione che circolano sia in Internet che sui media ufficiali. Lo stesso articolo esprime preoccupazioni sul fatto che il riscaldamento delle correnti a getto sull’Alaska possa avere ripercussioni sul clima di Denver o Miami. Inoltre, nel medesimo studio, viene affrontato il discorso dei terremoti. Si sa infatti che i terremoti avvengono a causa di spostamenti delle placche tettoniche. Gli autori si chiedono quindi quale potrebbe essere l’effetto di massive ionizzazioni energetiche che dall’atmosfera raggiungano il nucleo della Terra mentre la risposta al successivo quesito “questi raggi ionizzanti potrebbero essere sufficienti a causare dei forti terremoti?” è: “forse”! L’uso dell’atmosfera per le comunicazioni

Teniamo a mente ciò che vogliamo comprendere. Ribadisco che io non ho in mano nessuna verità quindi non dirò che HAARP fa questo e quello ma, sia come essere umano che come scienziato, sono sempre alla ricerca della verità. Sarà poi la somma dei vari pezzi a completare il puzzle. Io in questo cammino posso solo intravedere o intuire dove questa strada porterà, nel bene e/o nel male. Quindi ricordiamo il quesito se HAARP possa davvero essere impiegato per modificare il clima NUVOLA “IONIZZATA”. SI NOTA IL PASSAGGIO DI UN AEREO CON SCIA CHIMICA E e per creare terremoti. LA TIPICA FORMA AD “ONDE” DELLA NUVOLA ARTIFICIALE. In entrambi i casi esistono sia dei brevetti che degli articoli scientifici a tal riguardo. Un artramite onde VLF ed ELF potrebbe causare ticolo scritto in tempi “non sospetti”[2] cita il effetti disastrosi su insetti, uccelli, animali ed fatto che gli effetti di HAARP sul clima siano esseri umani. In particolare le interferenze in completamente ignoti. La “modificazione cliquesto lasso di frequenze potrebbero causa-

Settembre 2011 | n.3

Runa Bianca

113

H.A.A.R.P. re gravi disturbi agli animali migratori. La memoria salta subito all’aumento degli spiaggiamenti e alle anomale morie di uccelli e pesci di inizio 2011. Le onde dei campi elettromagnetici che vengono generate in atmosfera sono della stessa frequenza delle onde cerebrali umane (0 Hz – 40 Hz). È stato anche dimostrato che sia le radiazioni ELF che VLF possono influenzare e sincronizzarsi con le onde cerebrali umane in modo da contrastare la volontà dei singoli individui. Quindi, una possibile lista dei pericoli di HAARP può essere così esposta: • Inquinamento da onde ELF e VLF • Effetti disastrosi di risonanza nei sistemi viventi • Effetti sulla materia vivente • Effetti sugli insetti • Effetti sulle onde cerebrali • Disastri climatici • Disastri naturali • Terremoti Ma quali potranno mai essere i vantaggi di questa arma? Teniamo presente che nel 1995 il Parlamento Europeo ha sottoscritto una interrogazione proprio nei riguardi di HAARP5, recentemente inoltre History Channel ha dedicato un documentario sulla guerra del clima in cui viene esplicitamente mostrato HAARP quale arma per questo scopo. Le funzioni della base di Gakona sono molteplici. A livello politico – militare il potenziale controllo del clima conferirebbe una strategia vincente per le vicende geopolitiche mondiali. Mediante HAARP si possono controllare e interrompere a proprio piacimento le comunicazioni e oltretutto può svolgere la funzione di radar sia per scandagliare il fondo del mare che i bunker sotto terra ma è anche in grado di intercettare oggetti volanti fuori dall’atmosfera. Non è un caso infatti che HAARP rientri negli armamenti dello scudo spaziale e nella prima bozza dello Space Preservation Act oltre alle scie chimiche erano citate anche le 5) http://www.europarl.europa.eu/sides/
getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+REPORT+A41999-0005+0+DOC+XML+V0//IT

Samuele Venturini armi al plasma. HAARP emette onde elettromagnetiche. Tutto il mondo, dalla più piccola particella subatomica al più grande organismo vivente, è composto da energia elettromagnetica che vibra a frequenze diverse conferendo le più disparate conformazioni (forme e consistenze). Il nostro Pianeta ed i suoi organismi inoltre sono composti per la stragrande maggioranza da acqua. Recentemente uno studio di fisica ha dimostrato come l’acqua possa avere una memoria e trasmettere informazioni. Il DNA infine presenta una struttura (la famosa doppia elica) che potrebbe fungere da antenna per determinate frequenze che risuonano nell’etere, ogni frequenza specifica per ogni organismo e forse per ciascuno individuo. Esiste un brevetto che illustra come sia possibile colpire determinate cellule e lasciarne intatte altre proprio in base alle diverse frequenze (cellule sane e cellule malate). Non solo, in questi tempi la Terra sta attraversando un particolare periodo, possiamo dire, evolutivo. Ma non è solo la Terra bensì tutto il Sistema Solare e la galassia Via Lattea. Le radiazioni solari e cosmiche rivestono con ogni probabilità un ruolo importante e decisivo nell’evoluzione materiale ma soprattutto spirituale di ogni essere vivente. Bloccare od ostacolare questo processo potrebbe portare a pessime e disastrose conseguenze. I terremoti che si stanno susseguendo in questi tempi sembrano essere il preludio di un risveglio della Terra come super-organismo che sta entrando in risonanza con il Sole e gli altri Pianeti e con il centro della Galassia. C’è chi lo chiama “salto quantico”, chi “evoluzione” ma una cosa è assai certa: questo processo sarà inarrestabile. Penso però che non tutti i terremoti siano naturali, la mia ipotesi è che HAARP sia impiegato anche per contrastare, per interferite con questa sorta di evoluzione. La maggior parte dei terremoti infatti presenta una frequenza di intensità minore a 20 Hz. Ricordiamo che HAARP lavora in un intervallo di frequenze che vanno proprio dai 3 Hz in su, coprendo così sia le frequenze delle onde cerebrali che quelle degli eventi sismici. Ma non solo, un recente articolo ha dimostrato come

114

Runa Bianca

Settembre 2011 | n.3

H.A.A.R.P.

Samuele Venturini

Sumatra 26/12/2004 – Profondità 10 Km – Magnitudo 9.3

Pakistan 08/10/2005 – Profondità 10 Km – Magnitudo 6.0

L’Aquila 06/04/2009 – Profondità 8.8 Km (~ 10Km) – Magnitudo 6.3

Haiti 12/01/2010 – Profondità 10 Km – Magnitudo 7.1

Giappone 11/03/2011 – Profondità 22 Km – Magnitudo 9.0

GRAFICI CHE ILLUSTRANO L’ATTIVITÀ DI HAARP DURANTE ALCUNI EVENTI SISMICI DI GROSSA PORTATA

Settembre 2011 | n.3

Runa Bianca

115

H.A.A.R.P. i campi elettromagnetici di onde ELF siano in grado di disturbare l’allineamento magnetico di alcuni ruminanti, segno che molti vertebrati sono sensibili alle onde ELF. HAARP non agisce da solo, esistono nel mondo altre basi con la medesima funzione (FIG. 6) e in più, per riuscire nel suo intento “globale”, si serve anche di un’altra arma della geoingegneria, ovvero le scie chimiche. Per mezzo di queste altre armi, che consistono di nano particolati di metalli e altre sostanze, le onde ELF possono propagarsi in ogni dove e fare letteralmente il bello ed il cattivo tempo. Per una migliore propagazione delle onde elettromagnetiche, le nuvole costituirebbero

Samuele Venturini

per qualche tempo, si potrà constatare come la sinergia tra scie chimiche ed HAARP incrementi quasi sempre durante i periodi di Luna piena e altre congiunzioni astrali. Queste ultime fanno parte di una conoscenza remota (alchemica7) ma che i fautori del nuovo ordine mondiale conoscono molto bene. L’azione benevola degli astri, unita al magnetismo terrestre, al vento solare e ai raggi cosmici sono un toccasana per il nostro DNA e quindi per il nostro complesso “corpo/mente/anima”. Diffondere onde a determinate lunghezze d’onda, magari malevole, può servire a diversi scopi tra cui quello di imprigionare la coscienza dentro una gabbia elettromagnetica. Questo si può avere perché ogni emozione o sensazione che proviamo è caratterizzata da una particolare vibrazione (frequenza) energetica. Creare e trasmettere vibrazioni negative, tra cui soprattutto la paura, impiegando tecnologie come queste unite a messaggi subliminali e campi elettromagnetici, non è solo fantascienza. Con questa tecnologia quindi sarebbe potenzialmente possibile non solo interferire con l’evoluzione dei sistemi viventi ma anche e soprattutto con l’evoluzione dei vari piani dimensionali (mente, corpo, anima) di ciascun individuo. Proprio in questi giorni ho letto su alcuni siti che seguo, il commento di una persona che percepiva questa strana calura estiva come una sorta di “forno” ed effettivamente la tecnologia HAARP, se impiegata in modo non corretto, potrebbe trasformare GRAFICO A CASCATA DI HAARP CON PRESENZA DI UNA ANOMALIA l’atmosfera in un forno per gli orga(IL COSÌ DETTO BUCO) NEI DATI. nismi viventi sottostanti. un ostacolo. Ed è qui che entrano in gioco le Sul sito ufficiale di HAARP è possibile os6 scie chimiche (chemtrails) che rappresentaservare diversi grafici che mostrano i dati no una potenziale arma polivalente in grado relativi al funzionamento della struttura. Ho cioè di svolgere diverse funzioni tra cui quelprovato ad osservare per qualche tempo il la di distruggere alcune formazioni nuvolose grafico a cascata e il magnetometro ad innaturali e al tempo stesso permettere di produzione ed ho potuto constatare, come anpagare le onde elettromagnetiche emesse da che altri ricercatori indipendenti, una buona HAARP e dalle relative stazioni radar. 7) L’alchimia è un antico sistema di discipline Se si avesse la costanza di osservare il cielo che unisce in sé la chimica, la fisica, la medicina, 6) http://tankerenemy.com l’astrologia, l’arte, il misticismo.

116

Runa Bianca

Settembre 2011 | n.3

H.A.A.R.P. correlazione tra alcune anomalie presenti in questi grafici e lo scatenarsi di eventi sismici. Per completare il quadro, non molto tempo fa durante una ricerca in Rete, mi capitò sotto occhio questo brevetto: U.S. Patent 7277797 B1, del 2007, relativo ad un metodo e apparato per predire l’inizio di terremoti da uno a tre giorni prima che si verifichi l’evento. Possono essere ottenute previsioni di latitudine, longitudine e tempo di insorgenza di un terremoto in arrivo attraverso il monitoraggio dei cambiamenti nella ionosfera e nell’atmosfera. Come abbiamo visto poco sopra, questo documento si aggiunge alla mole di elementi che portano ad ipotizzare HAARP quale probabile causa di eventi sismici. Altri articoli scientifici parlano di registrazioni di perturbazioni nel campo elettromagnetico prima del verificarsi di alcuni eventi sismici. Qui di seguito (FIG. 4) sono riportati alcuni grafici del magnetometro ad induzione di HAARP che illustrano l’attività dell’impianto durante i periodi in cui sono avvenuti alcuni dei più recenti forti terremoti. Ciò che io ed altri ricercatori abbiamo potuto constatare sono alcuni fattori che sembrano ripetersi:

Samuele Venturini una forte attività visualizzata dal magnetometro (colori lilla, arancione, giallo, bianco), il succedersi di eventi sismici dopo pochi giorni (generalmente entro 7 giorni) dalle anomalie presenti sia nei grafici del magnetometro ad induzione che nei grafici a “cascata”. Durante le mie ricerche ho notato una singolare “combinazione”. Dall’osservazione delle statistiche storiche degli eventi sismici è possibile constatare un progressivo aumento di terremoti soprattutto dal 1995 in poi. Proprio tra il 1993 e il 1995 sono iniziate le fasi sperimentali del progetto HAARP. In Nuova Zelanda ad esempio il numero di eventi sismici è raddoppiato e di pari passo è incrementata la frequenza di terremoti di magnitudo compresa tra 7.0 – 7.9 (sempre della scala Richter). Sembra che l’andamento della frequenza dei terremoti quindi si faccia sempre più intenso man mano che si procede verso il 2012, anno in cui si sovrapporranno diversi eventi naturali a livello astronomico. Un’altra particolare correlazione che si può evincere dalle due immagini sottostanti è che le basi HAARP (e simil-HAARP) nel mondo sono site in punti che, se congiunti con delle

STATISTICA STORICA DEGLI EVENTI SISMICI MONDIALI DAL 1973 AL 2011

Settembre 2011 | n.3

Runa Bianca

117

H.A.A.R.P. linee “immaginarie”, ricalcano con buona approssimazione le linee di faglia delle placche tettoniche, dove cioè avvengono i principali terremoti di tutto il globo. HAARP inoltre potrebbe essere utilizzato anche nel progetto denominato “Blue Beam” trasmettendo onde a particolari frequenze in grado di far sentire suoni o far vedere immagini (UFO? Apparizioni?) prestabilite al fine di innescare determinate reazioni nelle persone. Si tratta anche in questo caso di una sorta di controllo mentale mediante l’utilizzo di onde elettromagnetiche. Ultimamente proprio per mezzo di queste ricerche, e forse di questi sistemi, molte persone si stanno risvegliano, come se tale tecnologia non avesse effetto o addirittura avesse conseguenze opposte a quelle desiderate. Forse HAARP è stato creato per aiutarci? Io non credo, perché ogni minima interferenza artificiale che possa alterare il normale e naturale equilibrio dei sistemi viventi è da considerarsi potenzialmente pericolosa. Probabilmente HAARP è davvero un’arma, ma mentre è in grado di controllare alcuni fenomeni naturali e le coscienze (nonché le menti) di molti individui,

Samuele Venturini

CONFRONTO TRA I TERREMOTI NEL MONDO E LE LINEE CHE CONGIUNGONO I SITI IN CUI SONO PRESENTI LE STAZIONI HAARP

su altre persone invece non ha effetti oppure tende a rafforzare la propria scintilla divina. Come abbiamo visto, si tratta di un percorso di ricerca molto districato e arduo ma dalla selva oscura è possibile poi risalire la via per le stelle. Spero che questo mio contributo possa aiutare ed essere uno spunto alle ricerche future non solo del sottoscritto ma anche di altri ricercatori di verità.

sAMueLe venturini
Nato a Milano nel 1981 si è laureato in Scienze Biologiche. È molto attivo in ambito naturalistico ove compie ricerche, stu-

di ed opere di divulgazione. Si interessa anche di astrobiologia, biologia quantistica, medicina naturale, spiritualità, geoingegneria, ufologia, civiltà antiche, fenomeni paranormali e misteri in generale. Coltiva la passione della scrittura che ricopre le aree di interesse sopra citate.

118

Runa Bianca

Settembre 2011 | n.3