You are on page 1of 4

Primo appello: I linguaggi regolari sono chiusi sotto unione. V I linguaggi contex free sono chiusi sotto intersezione.

e. F Non esiste alcuna macchina di Turing che accetta il linguaggio universale Lu . F I linguaggi ricorsivamente enumerabili sono chiusi sotto complementazione. F (altrimenti ci sarebbero solo linguaggi ricorsivi) Dato un linguaggio ricorsivo innito L esiste un intero n, dipendente solo da L, tale che qualunque stringa z L con |z| > n ha una sottostringa non vuota v nella forma v = ww. F (slide) Qualunque sottoinsieme di un linguaggio ricorsivo ricorsivo. F I linguaggi regolari sono un sottoinsieme proprio dei linguaggi ricorsivi. V (regolari CFL ricorsivi) Il linguaggio dei palindromi su un alfabeto nito riconoscibile da un automa push-down deterministico. F (non deterministico) Secondo appello: Lintersezione di un linguaggio regolare con un linguaggio contex-free non un linguaggio regolare. V (perch per il teorema 7.27 lintersezione tra un CFL e un linguaggio regolare un CFL) Il linguaggio dei palindromi su nella forma {wcwR , |w| n per un R intero n assegnato}, dove w, w ec riconoscibile da un automa push-down non deterministico. V (perch non deterministico, vera anche per deterministico perch ho un intero n assegnato) E possibile che un linguaggio L sia un linguaggio ricorsivamente enumerabile e che al tempo stesso L non lo sia. V I linguaggi contex-free sono chiusi sotto intersezione. F Per qualunque linguaggio L la chiusura L+ di L non contiene la parola vuota . F (per alcuni perch se L ha gi al suo interno la chiusura la contiene) Qualunque sottoinsieme di un linguaggio ricorsivo ricorsivo. F Non esiste alcuna macchina di Turing deterministica che accetta il linguaggio diagonale Ld . V (teorema 9.2) Terzo appello:

Il linguaggio costruito dallinsieme delle stringhe sullalfabeto {a, b} che contengono un numero di occorrenze di ab pari a numero di occorrenze di ba riconoscibile da un automa nito. V Il linguaggio dei palindromi di lunghezza dispari su un alfabeto nito riconoscibile da un PDA deterministico. F Lespressione regolare costruita a partire da un automa con n stati ha lunghezza O(n3 ). F (O(n3 4n )) Dato un linguaggio ricorsivo innito L su un alfabeto nito esiste un intero n, dipendente solo da L, tale che qualunque stringa z L con |z| > n ha una sottostringa non vuota v nella forma v = ww tale che w = e w un presso di w. V Primo appello 2011: Sia dato un linguaggio regolare innito L. Esiste almeno un sottoinsieme non vuoto L L anchesso regolare. V Se L accettato da un DPDA per stack vuoto allora esiste per L una grammatica non ambigua. V Esiste almeno un linguaggio non regolare accettato da un DPDA. V Lintersezione di un linguaggio regolare e un linguaggio CF un linguaggio ricorsivo. V Linsieme di tutte le TM ha la cardinalit di un elemento dellinsieme delle parti di N. V La grammatica CFG G=({S},{a,b},S,P) con produzioni S->a|ab|SS|Sb ambigua. V In una CFG un simbolo generatore anche detto simbolo utile. F Secondo appello 2011: Il linguaggio accettato da un DFA con un solo stato nito. F Se L1 e L2 sono non regolari, allora L1 L2 deve essere non regolare. F Dato un qualunque linguaggio RE ma non ricorsivo L esiste un linguaggio ricorsivo L tale che L L . V Dato un linguaggio ricorsivo innito L su {a,b} esiste un intero n, dipendente solo da L, tale che qualunque stringa x L con |x|>n ha una sottostringa non vuota v nella forma v=WW. V Lespressione regolare calcolata a partire da un DFA M ha taglia al pi esponenziale sul numero di stati di M. V

Un linguaggio libero dal contesto generato da una grammatica ambigua e anche da una grammatica non ambigua ambiguo. F I linguaggi ricorsivamente enumerabili sono chiusi sotto concatenazione. V Lunione di un linguaggio ragolare e uno contex free un linguaggio ricorsivo. V Linsieme di tutte le coppie formate da (M, w) dove M una macchina di Turing e w una stringa accettata da M ha la cardinalit di un elemento dellinsieme delle parti di N. V 1. Si dimostri che il limite superiore del numero di confronti di caratteri eseguiti su un testo dallalgoritmo di ricerca KMP che usa una PMM di 2n? Ad ogni confronto tra pattern y e testo x ci sono due possibilit: (a) xi = yj in tal caso sia lindice i che lindice j aumentano (b) xi = yj in questo caso i resta fermo e il patter si sposta in avanti Se chiamiamo n e m le lunghezze di testo e pattern rispettivamente si hanno al massimo n match pi n-m+1 spostamenti in avanti del pattern per un totale di 2n-m+1. m al minimo 1 quindi il numero di confronti 2n . 2. Perch lalgoritmo KMP adotta la PMM e non un automa? La creazione dellautoma molto complessa |y|*|alfabeto| e quindi non conviene. 3. Si richiami la nozione di periodo per una stringa. Si dimostri che se p la lunghezza del periodo della stringa w allora il periodo di wv non pu avere lunghezza superiore a p + |v|? Una stringa z ha periodo w se z un presso di wk per un intero k. In alternativa una stringa w il periodo di una stringa z se z = wl v e v un presso (anche vuoto) di w. 4. BORDO: M=1; R=0; while M n while R>0 and yR = ym R<-BORD[R] R<-R+1 BORD[M]=R-1 M<-M+1

5. Costruzione di DFA partendo da PMM: transizoni tra stati successivi della PMM: for j = 1 to m do (j 1, yj ) = j transizioni dallo stato iniziale: for each s , s = y1 do (0, s) = 0 transizioni in caso di mismatch nella PMM: for j = 1 to m do for each s , s = yj+1 do (j, s) = (f (j), s)