La Bussola Quotidiana quotidiano cattolico di opinione online: Giuristi ...

http://labussolaquotidiana.it/ita/articoli-giuristi-internazionali-allonu-la...

Tutti i dossier

home | chi siamo| sostienici | contatti | ATTUALITÁ | CULTURA | DOSSIER | RUBRICHE | EDITORIALI

SFIDA ALLA SOCIETA' SENZA DIO
IN PRIMO PIANO
Il viaggio apostolico di Papa Benedetto XVI nella natia Germania, già sfigurata dai due maggiori totalitarismi del Novecento: il monito contro l'impossibilità di costruire una società senza Dio, la denuncia dei mali che quella illusione genera e l'annuncio di Cristo, la sola speranza che salva.

Giuristi internazionali all'ONU: «L'aborto non è un diritto»
di Marco Respinti 06-10-2011

Rubriche
A TAVOLA con Vittorio Messori A TAVOLA con VITTORIO MESSORI L'Italia ha bisogno di politici autentici. La guerra in Libia continua nel silenzio, soprattutto quello dei pacifisti.

Non esiste il diritto internazionale all’aborto. Nei trattati delel Nazioni Unite non c'è. C’è solo nelle parole del Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon e nelle voglie della potente lobby neomalthusiana internazionale che sul punto gli dà corda. Per questo oggi, 6 ottobre, al Dag Hammarskjold Auditorium del Palazzo di Vetro, a New York, viene presentato un documento di capitale importanza che riafferma e proclama il diritto alla vita di ogni essere umano in qualsiasi parte del mondo sia destinato a nascere così come sancito proprio dall'organismo che li riunisce tutti. Sintetico, preciso, militante, il documento è stato ideato per rispondere pan per focaccia alla "cultura di morte" che oramai si è impossessata in maniera esplicita anche dei vertici degli organismi internazionali, anzitutto le Nazioni Unite. Si chiama San José Articles (perché a San José, in Costa Rica, è attiva l’Inter-American Commission on Human Rights che, con il gemello Inter-American Court of Human Rights, opera virtuosamente per il diritto alla vita) e senza esitazioni afferma l’umanità scientificamente attestata del concepito, sottolinea che pure i bambini non ancora nati sono già coperti dai trattati dell’ONU garanti dei diritti umani proprio perché esseri umani, sfida apertamente gli organismi che sostengono che l’aborto è un diritto internazionale a darne prova a norma di legge e invita altresì i governi a utilizzare positivamente i documenti dell’ONU per il fine esattamente contrario, vale a dire proteggere la vita umana nascente da chi cerca di adulterarli con l'aborto. Uno dei cavalli di battaglia strategici di tutto il mondo pro-life è infatti il potere (ancora) rispondere a chi sostiene quel che oggi sostiene apertamente Ban Ki-Moon che nessun documento delle Nazioni Unite presenta l’aborto come un diritto della persona da sostenere e da promuovere, una conquista sociale, una ricetta per il bene comune o un grimaldello per scardinare le legislazioni nazionali vigenti. Chi dà retta a queste sirene, sbaglia, dicono i firmatari dei San José Articles, e compie abusi enormi in nome delle (troppe) carte prodotte dall’ONU laddove dette carte, per farraginose e magari volutamente confuse che siano, non li autorizzano affatto a farlo. Talora ciò avviene per ignoranza (anche ai vertici delle istituzioni giuridiche e politiche di certi Paesi), talaltra per malizia di certe organizzazioni non-governative ispiratrici e complici, ma è così che alcuni governi finiscono per ribaltare le proprie legislazioni onde accogliere un "diritto all’aborto" che sarebbe intimato dall’ONU ma che in verità così proprio non è. Certo, l’assenza di tale esplicito "diritto" nei documenti dell’ONU non evita che l’aborto venga comunque smerciato sottobanco da troppi comprimari attraverso l’interpretazione inclusiva di linguaggi intenzionalmente ambigui ("salute riproduttiva", "diritti sessuali"), ma se non altro l’assenza di quella provvisione permette di ritorcere palmo a palmo l’arma della neolingua di orwelliana memoria contro i suoi stessi fabbricatori. Nessun "colpo di Stato" interpretativo di alcun Segretario Generale - questo è ciò che sostengono oggi i pro-lifer proprio in casa di Ban Ki-Moon - può dunque manipolare i documenti pubblici internazionali voluti dal concerto delle nazioni del mondo. I San Jose Articles sono del resto il fior da fiore della filosofia, della giurisprudenza e della politica pro-life. Al loro testo ha messo mano in primis Robert P. George, docente di diritto nell’Università di Princeton, "padre" di quella Dichiarazione di Manhattan che oramai è un importantissimo movimento internazionale, "filosofo di riferimento" della galassia antiabortista e già consigliere per la bioetica di George W. Bush jr.. In Italia lo si conosce per il suo recente Il diritto naturale nell’età del pluralismo (trad. it., Lindau, Torino 2011). Nell’opera di stesura dei San José Articles lo hanno quindi coadiuvato l’ambasciatore Grover Joseph Rees III, nonché Paolo G. Carozza e O. Carter Snead, entrambi docenti alla Law School dell’Università Notre Dame di South Bend, nell’Indiana, il primo tra l’altro già presidente dell’Inter-American Commission on Human Rights di San José in Costa Rica. Quindi l’opera di cesellamento del documento è passata attraverso il rigore di una trentina di esperti tra diritto internazionale, sanità e amministrazione pubblica di tutto il mondo, fra i quali David Alton della Camera dei Lord, Nicholas Windsor (il rampollo della famiglia reale britannica noto per essersi convertito al cattolicesimo e avere così messo costituzionalmente fine a qualsiasi sogno di salire al trono potesse mai accarezzare), il noto filosofo giusnaturalista John Finnis docente a Oxford, il Superiore Generale dei Knights of Columbus Carl Anderson e Giuseppe Banegiano, italiano, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

LETTERE IN REDAZIONE Zapavendola "Vista dalla Spagna, dove vivo, mi sembra che Vendola sia il vostro Zapatero, che affascina anche tanti cattolici. Allora vi spiego il cambiamento drammatico che Zapatero ha significato per la Spagna, sperando che non seguiate la stessa strada...."

CONTROVENTO a cura di Riccardo Cascioli Outlook negativo Gran subbuglio nel mondo politico per il declassamento del debito dell’Italia deciso dall’agenzia Moody’s....

APPROPRIAZIONE INDEBITA La Chiesa cattolica dell’Orissa fa liberare 19 pescatori srilankesi Detenuti in 24 da oltre due mesi per aver oltrepassato i limiti delle acque territoriali. Dieci sono liberi dall'1 ottobre; altri nove (di cui cinque cristiani) dal 3 ottobre. Per gli ultimi cinque prigionieri ancora qualche mese di attesa.

BRICIOLE DI APOLOGETICA La freccia dell'arciere

PRISMA di Robi Ronza Il fallimento degli stati moderni La tempesta politica in corso in Italia ha tutte le cause immediate e tutte le connotazioni personali che sappiamo, ma non dimentichiamo che in sostanza non ha nulla di specifico: è soltanto un caso particolare di un fenomeno generale, ovvero la crisi finanziaria sotto il peso della quale stanno andando verso il collasso più o meno tutti gli Stati.

OCCHIO ALLA TV A prescindere o no? A prescindere dalla crisi economica, siamo davvero risparmiatori? A prescindere dalla situazione politica, amiamo la nostra patria? Sono solo alcuni interrogativi del programma condotto da Mirabella alla riscoperta della nostra identità nazionale.

1 di 2

07/10/2011 09:20

La Bussola Quotidiana quotidiano cattolico di opinione online: Giuristi ...

http://labussolaquotidiana.it/ita/articoli-giuristi-internazionali-allonu-la...

Nelle prossime settimane i San Jose Articles verranno presentati ufficialmente in sedi politiche e istituzionali a Londra, Madrid, Santiago del Cile, Buenos Aires, San José di Costa Rica, Calgary in Canada, Washington, Manila, Strasburgo (una delle sedi di lavoro del Parlamento Europeo) e pure Roma. Probabilmente si tratta della mozione che più apertamente di ogni altro testo finora varato a livello internazionale dal mondo pro-life sfida sul loro stesso terreno e attraverso i loro stessi strumenti di azione (i documenti da esse prodotti) le organizzazioni internazionali statutariamente nate e impegnate nella difesa della pace nel mondo e nella tutela dei diritti umani per tutti. Ovvero: se l’ONU volesse confutarne i contenuti, si sconfesserebbe da sé.

Pescati in rete «La corruzione è il tallone d'Achille del Partito comunista cinese»
Tempi «La Cina apre alla democrazia a parole ma nei fatti va nella direzione opposta. Il partito comunista cinese ha la pretesa di saper interpretare la sovranità popolare, ma la sua immagine è messa in crisi dalla corruzione». Lo dice Guido Samarani, docente di Storia del pensiero politico della Cina moderna e contemporanea a Venezia.

La traduzione italiana completa dei San José Articles

Siti partner

LA BUSSOLA QUOTIDIANA CON:
Gli articoli sono coperti da Copyright Sede Legale Via Gnifetti 88 28100 - Novara P.IVA 02251390031 | mappa del sito |

2 di 2

07/10/2011 09:20

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful