La “Controriforma”

Destinatar i Sommario Motivazion i

II media / IV superiore Intro al modulo prendendo dai contenuti. La risposta cattolica ai rivolgimenti religiosi che portarono all’affermazione del Protestantesimo è di fondamentale importanza nel curricolo di storia ed è una chiave di lettura dell’Europa moderna e delle stratificazioni del nostro presente. Il potenziamento della presenza della Chiesa cattolica in Europa come risposta allo scisma protestante e le guerre politico-religiose di quell’epoca hanno infatti sconvolto e cambiato gli equilibri degli stati europei. Inoltre, il cambiamento si avverte anche a livello culturale (artistico, letterario, filosofico), per cui il futuro cittadino d’Europa, qual è lo studente, sarà motivato nello studio perché potrà scoprire le radici e i segni della storia nel proprio presente. Il modulo si inserisce in una finalità più generale che è quella di motivare gli allievi a sentirsi parte della cultura europea (all’interno del contesto globalizzato) ed esserne civici custodi. • • • • • • Scoprire specifiche radici storiche moderne nella realtà locale e regionale. Comprendere la storia europea nei termini di varietà ma anche di unità identità storico-culturale. Conoscere i processi storici fondamentali che hanno portato alla realtà in cui si vive. Scoprire i nessi tra i fatti interessi politici e questioni religiose. Utilizzare termini specifici del linguaggio disciplinare (Stato, universalismo, lotta politico-religiosa, ecc…). Sviluppare consapevolezza del sapere storico come storiografia. Saper stabilire il nesso causa-effetto tra vari eventi. Conoscenza delle ragioni e delle modalità con cui è sorta e si è diffusa la Riforma. Conoscenze generali sulla storia del Cristianesimo e degli strumenti col quale esso si è diffuso nel tempo (ordini, concilii, amministrazione). Conoscenze sulle tensioni e sulle speranze di rinnovamento all’interno dell’orizzonte cattolico.

Finalità e obiettivi


Prerequisi ti

-

Contenuti

U.D. 1. - Tensioni al rinnovamento nel primo ‘500. Nei primi decenni del XVI secolo all’interno della Chiesa cattolica si avvertono insoddisfazioni e tensioni al rinnovamento. Il sostanziale fallimento di questa tensione cede il posto alla decisa risposta della Chiesa alla diffusione delle idee di Lutero. U.D. 2. - La Controriforma. Discorso sui termini utilizzati dagli storici. Aspetti principali della C.: prima introduzione al Concilio di Trento e discorso sulla formazione della Congregazione del Sant’Uffizio; l’Inquisizione e la lotta all’eresia. Radicalismo e nicodemismo. U.D. 3. - I nuovi ordini religiosi. La fondazione dei nuovi ordini religiosi (discorso più specifico sulla Compagnia del Gesù, sulla sua missione e sui collegi e membri che si diffondono in tutta Europa e nel Nuovo Mondo). U.D. 4. - Le fasi principali del Concilio. Convocato con molto ritardo e sospeso per un lungo periodo anche a causa dell’intransigenze di papa Paolo IV, segna la definitiva rottura sul piano dottrinale tra catt. e prot. e riafferma il primato del papa, la validità delle opere ai fini della salvezza e la funzione della Chiesa depositaria della verità ed intermediaria tra uomo e Dio. Il Concilio detterà inoltre nuove norme disciplinari che regoleranno gli obblighi dei vescovi e dei parroci e verrà istituito il seminario diocesano per l’educazione del clero. U.D. 5. - La Chiesa e l’Italia. Chiesa e Stato spagnolo (grande baluardo del cattolicesimo). La presenza spagnola in Italia è notevole: Milano, il Regno di Napoli (le loro strutture governative non vengono ostacolate dalla Chiesa che deve appoggiarsi alla Spagna). Gli stati italiani nell’epoca della Controriforma: Firenze, Genova, Venezia (particolare cenni per quest’ultima  crisi dell’interdetto). La società italiana e la Controriforma: intransigenza contro i pensatori Bruno e Campanella, ma anche verso il clero (Borromeo) .

Spazi Tempi

5 ore curricolari + ore extracurricolari (films, visite guidate).

Metodolog ie e strumenti

-

-

-

Lezione frontale brain storming sul concetto di opera e fede raccolta termini notevoli (piccolo) laboratorio di raccolta di fonti/testimonianze della diffusione degli ideali controriformisitici: arte, cultura, letteratura; in alternativa un laboratorio di raccolta di diverse testimonianze sul clima religioso napoletano (osservazione delle opere d’arte, della struttura delle chiese, fonti letterarie, cultura popolare, magari una visita guidata nella città).

Verifiche

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful