You are on page 1of 77

Cover SLS tutte lingue.

qxp 29-06-2007 15:06 Pagina 1

SLS R134a
Cooled Screw Chillers
Refrigeratori Solo Freddo con compressori a vite
Réfrigérateurs Froid Seulement à compresseurs à vis
Lufgekühlter Kaltwassersatz mit Schraubenkompressor
Refrigeradores Sólo Frío con compresores a tornillo

Installation and Maintenance Instructions


Istruzioni per l’Installazione e per la Manutenzione
Instructions pour l’Installation et pour la Maintenance
Installations- und Wartungsanleitung
Instrucciones para la Instalación y para el Mantenimiento

English Italiano Français Deutsch Español

300 kW
IOM 05 SLS I N
 

1700 kW Code / Codice / Code / Teile-Nr. / Código 035B09051-000-A


Supersedes and Replaces / Annulla e sostituisce / Annule et remplace /
Annuliert und ersezt / Anula y sustituye: 035B09051-000
“Notified Body / Organismo Notificato / Organisme Notifié / Benannte
Zertifizierungsstelle / Organismo Notificado No. 1115 ”

HS 00
B IS O
9001:2 0
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 1

Indice

Indice

1 PREMESSA 7 DESCRIZIONE GENERALE


1.1 Introduzione 2 7.1 Introduzione 27
1.2 Garanzia 2 7.2 Specifiche generali 27
1.3 Arresto d’emergenza / Arresto normale 2 7.3 Compressori 27
1.4 Presentazione del manuale 2 7.4 Circuiti refrigeranti 27
2 SICUREZZA 7.5 Scambiatore ad acqua 28
2.1 Premessa 3 7.6 Scambiatore ad aria 29
2.2 Definizioni 3 7.7 Ventilatori 29

Italiano
2.3 Accesso all’unità 4 7.8 Alimentazione elettrica e sistema
di controllo 30
2.4 Precauzioni generali 4
7.9 “Chiller Control” 30
2.5 Precauzioni contro i rischi residui 4
7.10 Accessori 30
2.6 Precauzioni da osservare durante
le operazioni di manutenzione 5 8 DATI TECNICI
2.7 Targhette di Sicurezza 6
8.1 Perdite di carico 31
2.8 Norme di Sicurezza 8
8.2 Dati tecnici 35
3 TRASPORTO, SOLLEVAMENTO 8.3 Dati elettrici 43
E POSIZIONAMENTO 8.4 Posizionamento antivibranti e
3.1 Ispezione 11 distribuzione carichi sugli appoggi 50
3.2 Sollevamento 11 8.5 Dimensioni d’ingombro 60
3.3 Ancoraggio 12 8.6 Spazi di Rispetto 68
3.4 Stoccaggio 12
9 MANUTENZIONE
4 INSTALLAZIONE 9.1 Requisiti generali 69
4.1 Posizionamento dell’unità 13 9.2 Manutenzione programmata 69
4.2 Installazione degli Ammortizzatori 9.3 Carica di refrigerante 70
a Molla 13
9.4 Compressore 70
4.3 Circuito idraulico esterno 14
9.5 Batterie 70
4.4 Collegamento idraulico 15
4.5 Drenaggio dell’acqua di risulta 9.6 Ventilatori 71
dello sbrinamento 9.7 Filtro disidratatore 71
(solo per unità pompa calore) 15
9.8 Vetro spia 71
4.6 Alimentazione elettrica 16
9.9 Valvola di espansione termostatica 71
4.7 Collegamenti elettrici 16
9.10 Evaporatore 71
4.8 Collegamento sonda temperatura
collettore idraulico unità binate 19 9.11 Desurriscaldatore e condensatore
per recupero totale di calore 71
4.9 Accessori per la versione a recupero
totale di calore 19 10 RICERCA GUASTI 72
5 AVVIAMENTO 11 RICAMBI
5.1 Controllo preliminare 20 11.1 Lista parti di ricambio 74
5.2 Avviamento 20 11.2 Olio per compressore 74
5.3 Valutazione di funzionamento 21
11.3 Schemi elettrici 74
5.4 Consegna al cliente 21
12 DISMISSIONE, SMONTAGGIO
6 CONTROLLO E ROTTAMAZIONE
6.1 Informazioni Generali 22 12.1 Generalità 75
6.2 Terminale Tastiera-Display 22
6.3 Funzioni / Tasti / Configurazione 24

Pagina 1
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 2

Premessa

1 PREMESSA I Siano state eseguite puntualmente e correttamente


tutte le operazioni di manutenzione programmata
1.1 Introduzione prescritte in questo manuale.

Le unità Itelco-Industry, realizzate secondo i più L’inosservanza di una o più delle suddette condizio-
avanzati standard di progettazione e di costruzione, ni farà decadere automaticamente la garanzia.
garantiscono elevate prestazioni, affidabilità ed
adattabilità ad ogni tipo d’impianti di climatizzazio- 1.3 Arresto d’Emergenza /
ne. Queste unità sono progettate per il raffredda- Arresto normale
mento d’acqua o d’acqua glicolata (e per il riscalda-
mento dell’acqua nel caso delle versioni a pompa L’arresto d’emergenza dell’unità può essere eseguito
calore) e non sono adatte a scopi differenti da quelli azionando l’interruttore generale disposto sul qua-
specificati in questo manuale. dro comandi, abbassando la leva.
L’arresto normale avviene attraverso gli appositi pul-
Nel presente manuale sono contenute tutte le infor- santi.
mazioni necessarie ad una corretta installazione del-
le unità e le istruzioni per il loro utilizzo e la loro ma- Il riavviamento dell’apparecchio dovrà essere ese-
nutenzione. Si raccomanda pertanto di leggere at- guito attenendosi alla procedura dettagliata nel pre-
tentamente il manuale prima di procedere all’instal- sente manuale.
lazione o ad un qualsiasi intervento sulla macchina.
1.4 Presentazione del manuale
L’installazione e la manutenzione dei refrigeratori
devono quindi essere esclusivamente effettuate da Per motivi di sicurezza, è essenziale attenersi alle
personale specializzato (meglio se di un Servizio istruzioni contenute nel presente manuale. In caso di
d’Assistenza Autorizzato Itelco-Industry). danni attribuibili all’inosservanza di dette istruzioni,
la garanzia decadrà immediatamente.
Il costruttore non è responsabile per danni a cose od
a persone che possono derivare da operazioni scor- Convenzioni usate nel manuale:
rette d’installazione, d’avviamento e/o d’uso impro-
prio dell’unità e/o mancata messa in atto delle pro- Il segnale di Pericolo richiama la Vostra at-
cedure e delle istruzioni contenute in questo manua- tenzione ad una determinata procedura o
le. ad una prassi la cui inosservanza potrebbe
provocare danni a persone e cose.
1.2 Garanzia
Le unità sono fornite complete, collaudate e pronte
per funzionare. Ogni forma di garanzia decade au- Il segnale d’Attenzione è riportato prima
tomaticamente nel caso in cui siano apportate modi- delle procedure la cui inosservanza potreb-
fiche all’apparecchio senza il preventivo assenso be danneggiare l’apparecchio.
scritto da parte dell’Itelco-Industry.

La garanzia sussiste se sono state rispettate le norme


d’installazione (sia quelle eventualmente emesse dal-
l’Itelco-Industry, sia quelle derivate dalla pratica cor- Le Note contengono osservazioni importan-
rente), se è stato compilato in ogni sua parte e spedi- ti.
to all’Itelco-Industry, all’attenzione Servizio Post Ven-
dita, il “Modulo 1° Avviamento”.

Ai fini della validità della garanzia è inoltre necessa-


rio che risultino soddisfatte le seguenti condizioni: I Suggerimenti danno informazioni utili che
ottimizzano l’efficienza di funzionamento.
I L’avviamento della macchina sia eseguito solo da
tecnici specializzati dei Servizi d’Assistenza Auto-
rizzati Itelco-Industry.
I Le manutenzioni siano eseguite solo da personale
adeguatamente istruito - di un Servizio d’Assisten- Il presente manuale ed il suo contenuto, come pure
za Autorizzato Itelco-Industry. la documentazione che accompagna l’unità, sono e
rimangono di proprietà dell’Itelco-Industry, che si ri-
I Siano stati utilizzati solo ricambi originali Itelco-In- serva qualsiasi diritto. È vietato copiare questo ma-
dustry. nuale, in parte o del tutto, senza l’autorizzazione
scritta dell’Itelco-Industry.

Pagina 2
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 3

Sicurezza

2 SICUREZZA Le protezioni dei ventilatori (solo per le


unità con scambiatori ad aria) devono esse-
2.1 Premessa re sempre montate e mai rimosse prima di
avere tolto tensione all’apparecchio.
L’installazione di queste unità deve essere eseguita È precisa responsabilità dell’Utente fare in
in conformità con i contenuti della Direttiva Macchine modo che l’unità risulti adatta per le condi-
(CEE 98/37), della Direttiva Bassa Tensione CEE zioni in cui è usata e che sia l’installazione
73/23, della Direttiva attrezzature in pressione che la manutenzione siano effettuate solo
97/23/CE, della Direttiva sulle Interferenze Elettro- da parte di personale dotato di esperienza
magnetiche CEE 89/336, nonché dalle altre norme adeguata che ponga in atto tutto quanto è
vigenti in merito nella località nella quale avviene suggerito in questo manuale. È importante
l’installazione. In caso di mancata osservanza di tut- che l’unità sia sostenuta adeguatamente co-

Italiano
to ciò l’unità non deve essere fatta funzionare. me dettagliato in questo manuale. In caso
d’inosservanza si può creare una situazio-
L’unità dovrà essere collegata elettricamen- ne di pericolosità per il personale.
te a terra su di essa non deve essere intra-
presa nessuna operazione d’installazione L’unità deve poggiare su un basamento
e/o di manutenzione prima di aver tolto avente le caratteristiche precisate in questo
tensione dal quadro elettrico dell’unità. manuale; un basamento con caratteristiche
inadeguate può esporre il personale al ri-
La mancata osservanza delle misure di sicurezza so- schio di subire gravi infortuni.
pra menzionate può dar luogo a pericoli di folgora-
zione e d’incendi in caso di cortocircuiti. L’unità non è stata progettata per sopporta-
re carichi e/o sforzi che potrebbero essere
All’interno degli scambiatori di calore, dei trasmessi da unità adiacenti, tubazioni e/o
compressori e delle linee frigorifere, questa strutture. Ogni carico o sforzo esterno che è
unità contiene refrigerante liquido e gasso- trasmesso all’unità può causare rotture o ce-
so sotto pressione. Il rilascio di tale refrige- dimenti della struttura di quest’ultima, non-
rante può rivelarsi pericoloso e causare de- ché l’insorgenza di gravi pericoli per le per-
gli infortuni. sone. In questi casi decade automaticamen-
te ogni forma di garanzia.
Le unità non sono progettate per funzionare
con refrigerantI naturali quali idrocarburi. Il materiale d’imballaggio non deve venire
Per qualunque conseguenza derivante da disperso in ambiente né bruciato.
operazioni di sostituzione del refrigerante
originale o introduzione di idrocarburi, Itel-
co-Industry declina ogni responsabilità.

Le unità Itelco-Industry sono progettate e costruite se- 2.2 Definizioni


condo quanto richiesto dalla normativa Europea
PED 97/23/CE sulle attrezzature in pressione. PROPRIETARIO: legale rappresentante della società,
ente o persona fisica proprietaria dell’impianto in
– I refrigeranti utilizzati appartengono al gruppo 2 cui è installata l’unità Itelco-Industry: è responsabile
dei fluidi non pericolosi. del controllo del rispetto di tutte le norme di sicurez-
– I valori massimi di pressione operativa sono ripor- za indicate dal presente manuale nonché dalla vi-
tati sulla targhetta caratteristica dell’unità. gente normativa nazionale.
– Adeguati dispositivi di sicurezza (pressostati e val- INSTALLATORE: legale rappresentante della Ditta in-
vole di sicurezza) sono stati previsti per impedire caricata dal proprietario a posizionare e collegare
sovrapressioni anomale nell’impianto. idraulicamente, elettricamente, ecc. l’unità Itelco-In-
– Gli scarichi delle valvole di sicurezza sono posizio- dustry all’impianto: è responsabile della movimenta-
nati ed orientati in modo da ridurre il rischio di zione e della corretta installazione secondo quanto
contatto con l’operatore in caso d’intervento della indicato dal presente manuale e dalla vigente nor-
valvola. È comunque cura dell’installatore convo- mativa nazionale.
gliare lo scarico delle valvole lontano dall’unità.
OPERATORE: persona autorizzata dal proprietario a
– Protezioni dedicate (pannelli amovibili con l’ausi- compiere sull’unità Itelco-Industry tutte le operazioni
lio d’attrezzi) ed indicazioni di pericolo, segnala- di regolazione e controllo espressamente segnalate
no la presenza di tubazioni o componenti caldi (al- nel presente manuale, al quale deve strettamente at-
ta temperatura superficiale). tenersi, limitando la propria azione a quanto chiara-
mente consentito.

Pagina 3
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 4

Sicurezza

TECNICO: persona autorizzata direttamente da Itel- 2.5 Precauzioni contro rischi residui
co-Industry o, in subordine, per tutte le nazioni comu-
nitarie, Italia esclusa, sotto la propria completa re- Prevenzione da rischi residui dovuti al si-
sponsabilità, dal distributore del prodotto Itelco-Indu- stema di comando
stry, a compiere tutte le operazioni di manutenzione
ordinaria e straordinaria, nonché ogni regolazione,
I accertarsi di aver compreso perfettamente le istru-
controllo, riparazione e sostituzione di pezzi che si zioni d’uso prima di eseguire alcuna operazione
dovesse rendere necessaria durante la vita dell’unità sul pannello di comando
stessa. I tenere sempre a portata di mano il manuale d’istru-
zione quando si opera sul pannello di comando
2.3 Accesso all’unità I avviare l’unità solo dopo aver accertato il suo per-
L’unità deve essere collocata in un’area ad accesso fetto collegamento all’impianto
consentito solo agli OPERATORI ed ai TECNICI; in I segnalare prontamente al TECNICO qualunque al-
caso contrario deve essere circondata da un perime- larme comparso sull’unità
tro recintato posto ad almeno 2 metri dalle superfici
esterne della macchina stessa. I non resettare gli allarmi a riarmo manuale senza
prima averne identificato e rimosso la causa
All’interno dell’area limitata, OPERATORI e TECNICI
devono entrare opportunamente abbigliati (scarpe Prevenzione da rischi meccanici residui
antinfortunistiche, guanti, elmetto, ecc.). Personale I installare l’unità secondo le prescrizioni del presen-
dell’INSTALLATORE o eventuale altro visitatore deve te manuale
essere sempre accompagnato da un OPERATORE.
I eseguire con regolarità tutte le operazioni di manu-
Per nessuna ragione personale non autorizzato deve tenzioni previste dal presente manuale
essere lasciato solo a contatto con l’unità. I indossare un elmetto protettivo prima di accedere
all’interno dell’unità
2.4 Precauzioni generali
I prima di aprire una pannellatura della macchina
L’OPERATORE deve limitarsi ad intervenire sui co- accertarsi se questa sia o meno collegata solida-
mandi dell’unità; non deve aprire alcun pannello se mente ad essa mediante cerniere
non quello d’accesso al modulo comandi. I non toccare le batterie di condensazione ad aria
senza aver prima indossato dei guanti protettivi
L’INSTALLATORE deve limitarsi intervenire sui colle-
gamenti tra impianto e macchina; non deve aprire I non togliere le protezioni agli elementi mobili men-
nessun pannello della macchina, né azionare alcun tre l’unità è in funzione
comando. I accertarsi del corretto posizionamento delle prote-
zioni agli elementi mobili prima di riavviare l’unità
Quando ci si avvicina o si lavora sull’unità si devono
seguire le seguenti precauzioni: Prevenzione da rischi elettrici residui
I non indossare gioielli, abiti abbondanti o qualun- I collegare l’unità alla rete elettrica secondo le pre-
que altro accessorio che si possa impigliare scrizioni del presente manuale
I utilizzare elementi protettivi adeguati (guanti, oc- I eseguire con regolarità tutte le operazioni di manu-
chiali, ecc.) quando si eseguono lavorazioni con tenzioni previste dal presente manuale
fiamma libera (saldatura) o con aria compressa
I scollegare l’unità dalla rete mediante il sezionato-
I se l’unità è posta in un ambiente chiuso, indossare re esterno prima aprire il quadro elettrico
protezioni per l’udito
I verificare la corretta messa a terra dell’unità prima
I intercettare le tubazioni di collegamento, svuotarle di avviarla
fino ad equilibrare la pressione a quella atmosferi-
ca prima di scollegarle, smontare attacchi, filtri, I controllare tutte le connessioni elettriche, i cavi di
giunti o altri elementi di linea collegamento con particolare riguardo allo stato
dell’isolamento; sostituire i cavi evidentemente usu-
I non utilizzare le mani per controllare eventuali per- rati o danneggiati
dite di pressione
I verificare periodicamente i cablaggi all’interno del
I usare sempre utensili in buone condizioni; accer- quadro
tarsi di aver compreso appieno le istruzioni prima
di utilizzarli I non utilizzare cavi di sezione inadeguata o colle-
gamenti volanti neppure per periodi limitati né per
I accertarsi di aver tolto ogni utensile, cavo elettrico emergenza
od altro oggetto sciolto prima di richiudere l’unità
e riavviarla

Pagina 4
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 5

Sicurezza

Prevenzione da rischi residui di diversa na- Qualora si debbano eseguire delle misure o dei con-
tura trolli che richiedano il funzionamento della macchi-
na è necessario:
I effettuare i collegamenti impiantistici all’unità se-
guendo le indicazioni riportate sul presente ma- I operare a quadro elettrico aperto per il minor tem-
nuale e sulla pannellatura dell’unità stessa po possibile
I in caso di smontaggio di un pezzo, assicurarsi del I chiudere il quadro elettrico non appena effettuata
suo corretto rimontaggio prima di riavviare l’unità la singola misura o controllo
I non toccare le tubazioni di mandata dal compres- I per unità poste all’esterno, non eseguire interventi
sore, il compressore stesso ed ogni altra tubazione in condizioni atmosferiche pericolose quali piog-
o componente posto all’interno della macchina gia, neve, nebbia ecc.
senza aver indossato guanti protettivi

Italiano
I tenere in prossimità della macchina un estintore Vanno inoltre sempre prese le seguenti precauzioni:
adatto a spegnere incendi su apparecchiature elet-
triche
I non disperdere mai in ambiente i fluidi contenuti
nel circuito frigorifero
I sulle unità installate all’interno, collegare le valvole
di sicurezza del circuito frigorifero ad una rete di
I nella sostituzione di una eprom o di schede elettro-
tubazioni atta a convogliare all’esterno l’eventuale niche utilizzare sempre attrezzature apposite
fuoriuscita di fluido refrigerante (estrattore, bracciale antistatico, ecc.)
I eliminare qualsiasi perdita di fluido interna od
I in caso di sostituzione di un compressore, dell’eva-
esterna all’unità poratore, delle batterie di condensazione o di ogni
altro elemento pesante accertarsi che gli organi di
I raccogliere i liquidi di scarico ed asciugare l’even- sollevamento siano compatibili con il peso da in-
tuale fuoriuscita di olio nalzare
I ripulire periodicamente il vano compressori dai de- I nelle unità ad aria con vano compressori autono-
positi di sporcizia accumulati mo non accedere al vano ventilatori senza prima
aver isolato la macchina mediante il sezionatore a
I non conservare liquidi infiammabili in prossimità bordo quadro ed aver posto un cartello con la scrit-
dell’unità ta “non azionare - manutenzione in corso”
I non disperdere in ambiente il refrigerante e l’olio I contattare Itelco-Industry qualora si debbano ese-
lubrificante guire delle modifiche allo schema frigorifero,
I eseguire le saldature solo su tubazioni vuote; non idraulico od elettrico dell’unità, nonché alla sua lo-
avvicinare fiamme o altre fonti di calore alle tuba- gica di comando
zioni contenenti fluido refrigerante I contattare Itelco-Industry qualora si debbano ese-
I non piegare o colpire tubazioni contenenti fluidi in guire operazioni di smontaggio e rimontaggio par-
pressione ticolarmente complicate
I utilizzare sempre e solo ricambi originali acquistati
2.6 Precauzioni da osservare durante direttamente da Itelco-Industry o dai concessionari
le operazioni di manutenzione ufficiali delle ditte riportate nella lista dei ricambi
consigliati
Le operazioni di manutenzione possono essere effet-
tuate solamente dai tecnici autorizzati. I contattare Itelco-Industry qualora si debba movi-
Prima di effettuare qualunque operazione di manu- mentare l’unità dopo un anno dal suo posiziona-
tenzione si deve: mento in cantiere o si voglia procedere al suo
smantellamento
I isolare l’unità dalla rete elettrica agendo sul sezio-
natore esterno
I porre un cartello con la scritta “non azionare - ma-
nutenzione in corso” sul sezionatore esterno
I accertarsi che gli eventuali comandi di on-off remo-
to siano inibiti
I dotarsi di opportuna attrezzatura antinfortunistica
(elmetto, guanti isolanti, occhiali protettivi, scarpe
antinfortunistiche, ecc.)

Pagina 5
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 6

Sicurezza

2.7 Targhette di Sicurezza


Le targhette raffigurate a seguito saranno applicate
su ogni unità nel punto indicato:

GANCIO DI SOLLEVAMENTO
TENERE SU QUESTA LINEA

KEEP LIFT HOOK


ON THIS LINE
Centro di gravità - Basamento
Identificazione del refrigerante -
Sportello esterno

Avvertenza elettrica -
Adiacente all’interruttore generale

Identificazione dell’unità -
Esterno sul montante anteriore destro

Pagina 6
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 7

Sicurezza

881000215/B
ATTENZIONE
INSERIRE LE RESISTENZE DI RISCALDAMENTO OLIO ALMENO
12 ORE PRIMA DI OGNI AVVIAMENTO (SE PREVISTE).
PRIMA DELLA MESSA IN TENSIONE ASSICURARSI CHE LE VITI DEI CIRCUITI
ELETTRICI SIANO SERRATE COMPLETAMENTE.

WARNING
ENERGIZE THE CRANCKCASE HEATER FOR AT LEAST 12
HOURS BEFORE EACH STARTING (IF FITTED).

BEFORE TIGHTENING-UP, TO TIGHTEN ALL TERMINAL SCREWS ESPECIALLY


THOSE IN MAIN CIRCUIT.

Italiano
Avvertenza per l’Avviamento - Esterno
dello sportello del quadro elettrico

Punto di Sollevamento - Basamento

EIN - INLET
ENTRÉE - ENTRATA
AUS - OUTLET
SORTIE - USCITA
Identificazione di Raccordo -
Adiacente ai raccordi

Attacco di messa a terra - Su quadro


elettrico adiacente all’attacco stesso

Certificato di Collaudo -
Interno dello sportello esterno

Avvertenza sfiati di Avvertenza zone ad


valvole di sicurezza alta temperatura
Adiacente a tuba-
zioni o componenti
caldi

Pagina 7
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 8

Sicurezza

2.8 Norme di Sicurezza

Dati del liquido Dati di sicurezza: R134a


refrigerante

Tossicità Bassa
A contatto con la cute Gli spruzzi di refrigerante potrebbero causare ustioni da gelo. In caso
d’assorbimento cutaneo, il rischio di pericolosità è molto basso; può
causare una lieve irritazione e il liquido è sgrassante. Disgelare le zo-
ne interessate con acqua. Togliere gli indumenti contaminati con molta
attenzione - in presenza d’ustioni da gelo, gli indumenti potrebbero at-
taccarsi alla pelle. Lavare con acqua calda abbondante le zone inte-
ressate. Richiedere l’intervento di un medico in presenza di sintomi
quali irritazione o la formazione di bolle.
A contatto con gli occhi I vapori non causano effetti nocivi. Gli spruzzi di liquido refrigerante
potrebbero causare ustioni da gelo. Lavare immediatamente con
un’apposita soluzione oppure con acqua corrente per un minimo di
dieci minuti e richiedere l’intervento di un medico.
Ingestione Molto poco probabile - se dovesse succedere causerà ustioni da gelo.
Non cercare di indurre il vomito. Purché il paziente non abbia perso i
sensi, sciacquare la bocca con acqua, fargli bere circa un quarto di li-
tro d’acqua e richiedere immediatamente l’intervento di un medico.
Inalazione R134a: Forti concentrazioni nell’aria potrebbero avere un effetto ane-
stetico, compresa la perdita dei sensi. L’esposizione a dosi veramente
elevate potrebbe causare anomalie al battito del cuore e portare anche
al decesso improvviso del paziente. Concentrazioni molto elevate po-
trebbero comportare il rischio d’asfissia a causa della riduzione della
percentuale d’ossigeno nell’atmosfera. Portare il paziente all’aperto,
tenendolo caldo e facendolo riposare.
Se necessario somministrare ossigeno. In caso d’arresto o di difficoltà
della respirazione, praticare la respirazione artificiale. In caso d’arre-
sto cardiaco praticare il massaggio cardiaco. Richiedere immediata-
mente l’intervento medico.
Consigli medici È consigliata la terapia semeiotica e di supporto. È osservata la sensi-
bilizzazione cardiaca che, in presenza di catecolammine in circolazio-
ne quali l’adrenalina, potrebbe causare l’aritmia cardiaca e quindi, in
seguito all’esposizione a concentrazioni elevate, l’arresto cardiaco.
Esposizione prolungata R134a: Uno studio degli effetti dell’esposizione a 50.000 ppm duran-
te tutta la vita dei ratti ha rivelato la formazione di tumori benigni ai te-
sticoli. Un fatto questo che dovrebbe essere trascurabile per il persona-
le esposto a concentrazioni pari o inferiori ai livelli professionali.
Livelli professionali R134a: Soglia consigliata: 1000 ppm v/v - 8 ore TWA.
Stabilità R134a: Non specificata
Condizioni da evitare L’uso in presenza di fiamma, superfici roventi ed elevati livelli d’umi-
dità.
Reazioni pericolose Si possono verificare forti reazioni con il sodio, il potassio, il bario e
con altri metalli alcalini. sostanze incompatibili: magnesio e leghe con
concentrazione di magnesio superiore al 2%.
Prodotti della decomposizione R134a: Acidi alogeni formati da decomposizione termica e da idrolisi.
nocivi

Pagina 8
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 9

Sicurezza

Precauzioni generali Evitare l’inalazione di vapori ad alta concentrazione. La concentrazio-


ne in atmosfera dovrebbe essere contenuta ai valori minimi e mantenu-
ta ai valori al di sotto della soglia professionale. Essendo più pesante
dell’aria, il vapore si concentra a livello basso e in zone ristrette. L’im-
pianto d’estrazione dovrà quindi agire a basso livello.
Protezione della respirazione In caso di dubbio sulla concentrazione in atmosfera, si raccomanda di
indossare un autorespiratore approvato dall’Ente di antinfortunistica, o
del tipo autonomo oppure del tipo a riserva.

Italiano
Stoccaggio Le bombole dovranno essere immagazzinate in luogo asciutto e fresco
e ove non vi sia il rischio d’incendio, e non siano esposte ai raggi del
sole o ad altre fonti di calore, termosifoni ecc. Mantenere la temperatu-
ra al di sotto di 45°C.
Indumenti protettivi Indossare una tuta, guanti protettivi ed occhiali protettivi o una masche-
ra.
Procedura per perdite Ë essenziale indossare indumenti protettivi e un autorespiratore. Purché
accidentali sia possibile farlo senza pericolo, bloccare la fonte della perdita. Le
perdite di lieve entità possono essere lasciate ad evaporare da sole,
purché l’ambiente sia ventilato adeguatamente. Perdite di grossa en-
tità: ventilare bene l’ambiente. Contenere la perdita con sabbia, terra
o altre sostanze assorbenti. Evitare che il liquido vada ad immettersi
nei canali di scolo, nelle fognature, nei pozzetti ove i vapori potrebbe-
ro dare adito a un’atmosfera soffocante.
Smaltimento Il metodo migliore è il recupero ed il riciclaggio. Ove ciò non fosse pra-
tico, lo smaltimento dovrà essere effettuato con un metodo approvato e
che garantisca l’assorbimento e la neutralizzazione degli acidi e degli
agenti tossici.
Informazioni antincendio R134a: Non infiammabile in atmosfera.
Bombole Le bombole esposte ad un incendio saranno raffreddate con getti d’ac-
qua, altrimenti il surriscaldamento potrebbe farle esplodere.
Attrezzature protettive In caso d’incendio, indossare un autorespiratore autonomo e indumenti
antincendio protettivi.

Pagina 9
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 10

Sicurezza

Dati dell’olio lubrificante Dati sulla sicurezza: Olio Poliestere (POE)


Classificazione Non nocivo
A contatto con la cute Provoca lievi irritazioni. Non richiede un intervento di pronto soccorso.
Si raccomanda di osservare le normali misure di pulizia personale
compresa la pulizia con acqua e sapone delle zone cutanee esposte
diverse volte al giorno. Si consiglia inoltre di lavare gli indumenti di la-
voro almeno una volta alla settimana.
A contatto con gli occhi Lavare abbondantemente con una soluzione apposita o con acqua cor-
rente.
Ingestione Richiedere immediatamente l’intervento medico.
Inalazione Richiedere immediatamente l’intervento medico.
Condizioni da evitare Sostanze ossidanti forti, soluzioni caustiche o acide, calore eccessivo.
Può corrodere alcuni tipi di vernici e di gomme.
Protezione della respirazione Usare in ambienti ben ventilati.
Indumenti protettivi Indossare sempre occhiali protettivi o una maschera. L’uso di guanti
protettivi non è essenziale ma consigliabile specie se l’esposizione al-
l’olio refrigerante è prolungata.
Procedura per perdite È essenziale indossare indumenti e soprattutto occhiali protettivi. Bloc-
accidentali care la fonte della perdita. Contenere la perdita di liquido con sostan-
ze assorbenti (sabbia, segatura o altro materiale assorbente disponibi-
le sul mercato).
Smaltimento L’olio refrigerante con relativi rifiuti sarà smaltito in un inceneritore ap-
provato in conformità alle disposizioni ed ai regolamenti locali che
controllano i rifiuti d’olio.
Informazioni antincendio In presenza di un liquido bollente o in fiamme usare una polvere a sec-
co, anidride carbonica o schiuma.
Ove la perdita invece non è in fiamme, usare un getto d’acqua per eli-
minare vapori e proteggere il personale incaricato di bloccare la per-
dita.
Bombole Le bombole esposte ad un incendio saranno raffreddate con getti d’ac-
qua.
Attrezzature protettive In caso d’incendio, indossare un autorespiratore autonomo.
antincendio

Pagina 10
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 11

Trasporto, Sollevamento e Posizionamento

3 TRASPORTO, SOLLEVAMENTO Si consiglia di usare un distanziale per evitare che i


E POSIZIONAMENTO cavi danneggino l’unità (Si veda figura).

Le unità sono fornite assemblate (salvo gli appoggi


in gomma antivibrazione forniti di serie che saranno
installati sul posto). Gli apparecchi sono carichi di Sollevamento 4/6 mt
refrigerante e d’olio nella quantità necessaria al fun-
zionamento.

3.1 Ispezione
Alla consegna dell’unità, si consiglia di esaminarla
attentamente e rilevare eventuali danni avvenuti du-

Italiano
rante il trasporto. Le merci sono spedite franco fab-
brica e a rischio dell’acquirente. Controllare che la
consegna comprenda tutti i componenti dell’ordine.

In caso di danni, annotare debitamente la bolla di


consegna del trasportatore ed emettere un reclamo
secondo le istruzioni riportate sulla bolla di conse-
gna.

In presenza di danni gravi e non solo superficiali, si


raccomanda di avvertire immediatamente Itelco-In-
dustry.

Si prega di notare che l’Itelco-Industry declina qual-


siasi responsabilità per eventuali danni arrecati al-
l’apparecchio durante il trasporto, anche qualora il
trasportatore abbia ricevuto l’incarico dalla fabbri-
ca.

3.2 Sollevamento
Il sollevamento dell’unità deve essere eseguito usando Sollevamento 6 mt/8 mt/10 mt/12 mt
ganci inseriti negli appositi golfari. (Si veda figura)

Pagina 11
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 12

Trasporto, Sollevamento e Posizionamento

Prima di posizionare l’unità verificare che il punto ri- 3.3 Ancoraggio


servato all’installazione sia idoneo e sia sufficiente-
mente robusto a sostenere il peso e le sollecitazioni Non è essenziale fissare l’unità alle fondamenta, sal-
dovute al funzionamento. vo in zone esposte a forte rischio di terremoto, o se
l’apparecchio viene installato ad alto livello su un’in-
Evitare assolutamente di spostare l’unità su telaiatura d’acciaio.
rulli o di sollevarla con un muletto.
3.4 Stoccaggio
Quando l’unità deve essere immagazzinata prima
dell’installazione, occorre prendere alcune precau-
zioni per evitare danni o il rischio di corrosione o di
L’unità deve essere sollevata con la massima atten- deterioramento:
zione. Evitare carichi improvvisi sollevando l’unità
lentamente ed uniformemente.
I tappare o sigillare bene ogni apertura, quali quel-
le per i raccordi dell’acqua
Procedura per il sollevamento e lo spostamento del- I evitare di immagazzinare in un locale ove la tem-
l’unità: peratura ambiente superi 50°C per le unità che
utilizzano R134a e di preferenza evitare l’esposi-
I Inserire e fissare i ganci negli appositi golfari. zione diretta ai raggi del sole
I Inserire tra i cavi il distanziale. I si raccomanda di immagazzinare l’unità in un lo-
cale con il minimo traffico possibile, onde evitare
I Eseguire l’aggancio in corrispondenza del bari- il rischio di danni accidentali
centro dell’unità. I l’unità non deve essere lavata a getto di vapore
I La lunghezza dei cavi deve essere tale che, sotto I asportare ed affidare al responsabile del cantiere
tensione, formino un angolo rispetto al piano oriz- tutte le chiavi che servono ad accedere al quadro
zontale non inferiore a 45°. di controllo

Per il sollevamento utilizzare esclusivamen- Si raccomanda infine l’esecuzione di ispezioni visive


te attrezzi e materiale adatti allo scopo e in periodiche.
regola con la normativa antinfortunistica.

Durante il sollevamento e la movimentazio-


ne dell’unità occorre prestare attenzione a
non danneggiare il pacco alettato delle bat-
terie (solo unità con raffreddamento ad
aria) che si trovano sui lati dell’unità. I lati
dell’unità devono essere protetti tramite fo-
gli di cartone o compensato.

Si raccomanda di non togliere l’involucro


plastico di protezione, disposti per evitare il
rischio dell’ingresso di scorie e di danneg-
giare le superfici, sino a quando l’unità non
sia stata approntata al funzionamento.

I golfari per il sollevamento sporgono dal


basamento dell’unità, se ne consiglia la ri-
mozione una volta sollevata e posizionata
l’unità qualora si ritenga che possano esse-
re causa di infortunio.

I golfari vanno montati sull’unità ogni volta che que-


sta deve essere spostata e quindi risollevata.

Pagina 12
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 13

Installazione

4 INSTALLAZIONE 4.2 Installazione degli Ammortizzatori


a Molla
4.1 Posizionamento dell’unità
I Preparare il basamento, che deve essere liscio ed
Prima di installare l’unità occorre accertarsi in piano.
che la struttura dell’edificio e/o la superfi- I Sollevare l’apparecchio ed inserire gli ammortiz-
cie d’appoggio possa reggere il peso del- zatori ponendo in atto quanto sotto precisato:
l’apparecchio. I pesi delle unità sono ripor-
tati nel Capitolo 8 di questo manuale.

Queste unità sono state progettate per essere instal-


late all’aperto su superficie solida. La normale dota-
zione comprende supporti antivibranti in gomma

Italiano
che devono essere posizionati al di sotto del basa-
mento.

Quando l’unità deve essere installata sul terreno è


necessario creare un basamento in calcestruzzo che
assicuri una uniforme distribuzione dei pesi.

Di norma non sono necessarie delle sottobasi specia-


li. Tuttavia se l’unità deve essere installata al di so-
pra di locali abitati è bene posarla su ammortizzato-
ri a molla (fornibili optional) che minimizzino la tra-
smissione di vibrazioni verso le strutture.
Per la scelta della posizione di installazione dell’u-
nità è indispensabile tenere presente quanto segue:
I l’asse longitudinale dell’unità deve risultare paral-
lelo alla direzione dei venti dominanti in modo da
garantire un’uniforme distribuzione dell’aria sugli
scambiatori alettati
1) Procedere con l’assemblaggio dei componenti del
I l’unità non deve essere installata in prossimità di martinetto.
camini e/o scarico di fumi di caldaie
I l’unità non deve essere installata in posizione sot-
to vento rispetto a fonti di aria contaminata da
grassi, come per esempio gli sbocchi in atmosfera
di estrattori di grandi cucine. In caso contrario si
potrebbe accumulare del grasso sulle alette degli
scambiatori refrigerante / aria, il quale finirebbe Inserire
per fungere da fissante per ogni sorta di impurità
atmosferica dando così luogo ad un rapido inta-
samento degli scambiatori stessi
I l’unità non deve essere installata in aree soggette
a forti precipitazione nevose
I l’unità non deve essere installata in aree soggette
ad allagamento, né al di sotto di gocciolatoi, ecc
I l’unità non deve essere installata in cavedi, cortili
angusti o altri luoghi ristretti in cui il rumore possa
venire riflesso dalle pareti o nei quali l’aria espul-
sa dai ventilatori possa cortocircuitarsi sugli scam-
biatori di calore refrigerante/aria o condensatore
I il luogo d’installazione deve essere caratterizzato
dalla presenza degli spazi necessari alla circola- 2) Inserire il martinetto nella sede filettata predispo-
zione dell’aria ed all’esecuzione di operazioni di sta sulla piastra superiore dell’antivibrante. Inseri-
manutenzione (vedere Capitolo 9). re successivamente il martinetto montato sull’anti-
vibrante, nel foro predisposto sul basamento della
macchina.

Pagina 13
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 14

Installazione

La capacità del vaso di espansione deve es-


sere tale da permettere un’espansione pari
almeno al 2% del volume del fluido del cir-
cuito (evaporatore, tubazioni, circuito uten-
te e serbatoio di riserva, se presente). Dato
che l’acqua non circola nel vaso di espan-
sione, non occorre isolarlo.
I Un flussostato che serve a disattivare l’apparec-
chio quando l’acqua non è in circolazione.

Il flussostato deve essere collegato (morsetti


1–2) come illustrato sullo schema della
“Morsettiera Utente” (Paragrafo 4.7).

Per l’installazione del flussostato, attenersi alle istru-


zioni del costruttore.

Come norma generale, il flussostato dovrà essere


montato su un tubo orizzontale ed a una distanza
3) Accertarsi che il basamento della macchina sia dalle curve pari a 10 volte il diametro del tubo e lon-
appoggiato sulla rondella piana (E) del martinet- tano da valvole o altri componenti che potrebbero
to. Per compensare eventuali dislivelli, agire sul ostacolare il flusso d’acqua a monte o a valle del
dado alto (D), utilizzando una chiave apposita. flussostato stesso.
Bloccare la posizione ottenuta con rondella
grower (F) e rispettivo dado basso (C). I Valvole di sfiato dell’aria devono essere montate
sul punto più elevato delle tubazioni.
Al termine dell’operazione controllare che la mac-
china sia elastica sugli assi e predisposta per even- I Valvole di arresto devono essere montate sulle tu-
tuali installazioni di giunti compensatori antivibranti bazioni di ingresso e di uscita dell’acqua dell’eva-
nei collegamenti idrici. poratore e del condensatore di recupero termico.
I Punti di scarico (dotati di tappi, rubinetti ecc.) de-
4.3 Circuito idraulico esterno vono essere disposti sul punto più basso delle tu-
bazioni.
Il circuito idraulico esterno deve garantire il
flusso d’acqua all’evaporatore in qualsiasi
condizione di funzionamento o di regola-
zione.

Il circuito idraulico esterno dovrebbe essere compo-


sto dai seguenti elementi:
I Una pompa di circolazione che eroghi una porta-
ta d’acqua ed una prevalenza idrica sufficienti.
I La capacità del circuito idraulico primario dovreb-
be essere non inferiore a 7.5 litri per ogni KW di
potenza di raffreddamento: ciò al fine di evitare
l’avviamento ripetuto del compressore e quindi
danni allo stesso. Se la capacità d’acqua contenu-
ta nelle tubazioni primarie del circuito e nell’eva-
poratore è inferiore a detto valore, dovrà essere
installato un serbatoio di accumulo isolato.
I Un vaso di espansione a diaframma dotato di valvo-
la di sicurezza con sfogo che deve essere visibile.

Pagina 14
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 15

Installazione

Inoltre:
I Disporre all’evaporatore un circuito di by-pass do-
tato di valvola, per il lavaggio dell’impianto.
I Isolare le tubazioni per evitare il rischio di perdita
termica.
I Disporre un filtro sul lato aspirazione dell’evapo-
ratore o del condensatore di recupero termico.

Installazione Flussostato

Italiano
Unità Circuito Idraulico Esterno
Schema di collegamento

Legenda: R: Rubinetto di scarico


T: Termometro
I: Attacco manometro F: Filtro
S: Valvola a saracinesca I1/I2: Attacco manometri per misure perdite
Fl: Flussostato di carico o prevalenza statica
GA: Flessibili

È essenziale, prima di riempire il circuito, 4.4 Collegamento idraulico


verificare che sia esente da materie estra-
nee, sabbia, pietre, scaglie di ruggine, de- II raccordi di ingresso e di uscita dell’acqua dovranno
positi di saldatura, scorie e da altro mate- essere effettuati seguendo le istruzioni riportate sulle
riale che potrebbe danneggiare l’evapora- targhette affisse in vicinanza dei punti di attacco.
tore.
4.5 Drenaggio dell’acqua di risulta
Durante la pulizia delle linee, si consiglia di creare dello sbrinamento
un by-pass dei circuiti. È essenziale montare un ele- (solo per unità pompa calore)
mento filtrante (finezza 30 mesh) a monte del raf-
freddatore. Quando le unità a pompa calore funzionano in ri-
scaldamento, durante i cicli di sbrinamento sono
Se necessario, l’acqua di riempimento del soggette a scaricare acqua dal basamento.
circuito dovrà forse essere trattata per por- Per tale motivo è bene che tali unità vengano instal-
tarla al fattore PH richiesto. late sollevate dal suolo di almeno 200 mm in modo
da consentire il libero drenaggio dell’acqua di risul-
ta senza che vi siano rischi che congelando essa
possa provocare accumuli di ghiaccio.
Le unità a pompa calore devono essere installate in
posizioni in cui l’acqua risultante dallo sbrinamento
non possa arrecare alcun danno.

Pagina 15
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 16

Installazione

4.6 Alimentazione elettrica 4.7 Collegamenti elettrici


Prima di intraprendere qualsiasi intervento L’installazione dell’unità in cantiere deve essere ese-
sull’impianto elettrico accertarsi che l’unità guita secondo la Direttiva Macchine (98/37/CE) la
non sia sotto tensione. Direttiva per Bassa Tensione CEE 73/23, la Direttiva
sulle Interferenze Elettromagnetiche CEE 89/336 e le
normali procedure e norme in vigore in loco. L’unità
non deve essere fatta funzionare se la sua installa-
È essenziale che l’apparecchio sia collegato zione non è stata eseguita secondo tutte le indicazio-
a massa. ni qui riportate.

Le linee di alimentazione devono essere costituite da


conduttori isolati in rame dimensionati per la massi-
ma corrente assorbita.
L’osservanza della normativa vigente che
regola i collegamenti elettrici esterni spetta I collegamenti ai morsetti devono essere eseguiti se-
all’impresa responsabile dell’installazione. condo lo schema di collegamento (Morsettiera Uten-
te) contenuto in questo manuale e secondo lo sche-
ma elettrico che correda l’unità.

Itelco-Industry declina ogni responsabilità per even- Prima di collegare le linee di alimentazione
tuali danni e/o infortuni che possano derivare dall’i- controllare che il valore della tensione di-
nosservanza di queste precauzioni. sponibile rientri nei limiti precisati nei Dati
Elettrici riportati al Capitolo 8.
L’unità è conforme alla norma EN 60204-1.

È necessario realizzare i seguenti collegamenti: Per i sistemi trifase occorre inoltre controllare che lo
sbilanciamento tra le fasi non superi il 2%. Tale con-
I Un collegamento trifase e di messa a terra per il trollo deve essere eseguito misurando le differenze
circuito di alimentazione elettrica tra le tensioni di ogni coppia di fasi ed il loro valore
I L’impianto elettrico di distribuzione deve risultare medio durante il funzionamento. Il valore massimo
in grado di fare fronte alla potenza assorbita dal- percentuale di tali differenze (sbilanciamento) non
l’apparecchio. deve superare il 2% della tensione media.
I I sezionatori ed i magnetotermici devono venire Se lo sbilanciamento risultasse inaccettabile, occorre
dimensionati per poter gestire la corrente di spun- interpellare l’Ente erogatore affinché corregga l’in-
to dell’unità. conveniente.
I Le linee di alimentazione ed i dispositivi di isola-
mento debbono essere progettate in modo che L’alimentazione dell’unità tramite una linea
ogni linea sia del tutto indipendente. il cui sbilanciamento superi il valore con-
sentito provoca il decadimento automatico
I Si raccomanda di installare degli interruttori diffe- della garanzia.
renziali che prevengano i danni derivanti dalle
cadute di fase.
I Le alimentazioni dei ventilatori e dei compressori Le unità binate SLS sono dotate di due quadri elettri-
sono realizzate tramite contattori controllati dal ci posizionati agli estremi delle unità stesse. Uno
pannello di controllo. identificato come “Master” su cui è presente il pan-
nello di controllo (tastiera – display) e l’altro come
I Ogni motore è dotato di una termica interna di si- “Slave” ausiliario. Ad ogni quadro elettrico deve es-
curezza e di fusibili esterni. sere portata la rispettiva linea di alimentazione. Uni-
I I cavi d’alimentazione devono essere fatti correre co punto di alimentazione elettrica è possibile con
attraverso gli appositi passaggi d’ingresso che si un quadro di derivazione fornibile come accessorio.
trovano sul frontale dell’unità e poi fatti entrare nel
quadro elettrico attraverso i fori appositamente
predisposti sul fondo del quadro stesso.

Pagina 16
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 17

Installazione

Morsettiera Utente SLS

QG - Y1
01
MARCIA/ARRESTO DA REMOTO (SRS) 01 01
(COMMON) 6
02 02
SELEZ. MODO RAFFRED./RISCALD. DA REMOTO (SRHP) 03
03 03
05
05 05
CONTROLLO MONITORE DI FASE (ACCESSORIO) (SQZ) 6
06 06

Italiano
07
07 07
SECONDO SET POINT (GIORNO/NOTTE) (SDN) 6
08 08
11
1 1
FLUSSOSTATO (SF) 12
2 2
13
3 3
INTERBLOCCO ESTERNO/CONSENSO POMPA 6
4 4
111
SCARICO COMPRESSORE 1 (1-SLS/OFF) 111 111
6
(COMMON) 112 112
SCARICO COMPRESSORE 2 (2-SLS/OFF) 113
113 113
88
(B8) 211 211
GND
SONDA TEMPERATURA ACQUA (GND) 212 212
+VDC
(+VDC) 213 213

QG - Y2
(NO) 101
101 101
UNITÀ IN TENSIONE
(COMMON) 102
102 102
(NO) 121
121 121
MACCHINA IN ALLARME SYS. 1-2 (COMMON) 122
122 122
(NC) 123
123 123
131
(NO) 131 131
COMPRESSORE 1 IN FUNZIONE/CONSENSO CONDENSATORE REMOTO 132
(COMMON) 132 132
133
(NO) 133 133
COMPRESSORE 2 IN FUNZIONE/CONSENSO CONDENSATORE REMOTO 134
(COMMON) 134 134
151
(RISCALD.) 151 151
INDICAZIONE MODO DI FUNZIONAMENTO 152
(SOLO POMPA CALORE) (COMMON) 152 152
(RAFFRED.) 153
153 153

QG - Y3
4
COMUNE (230Vac) 8 8
14
CONTROLLO ANTIGELO (MAX 0,5 AMP 230Vac) 14 14
103
CONTROLLO POMPA (MAX 0,5 AMP 230Vac) 103 103

Pagina 17
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 18

Installazione

Morsettiera Utente SLS-R

SELEZ. MODO RAFFRED./RISCALD. DA REMOTO


QG - Y1
01
(SRS) 01 01
MARCIA/ARRESTO DA REMOTO 6
(COMMON) 02 02
05
05 05
CONTROLLO MONITORE DI FASE (ACCESSORIO) (SQZ) 6
06 06
07
07 07
SECONDO SET POINT (GIORNO/NOTTE) (SDN) 6
08 08
11
1 1
FLUSSOSTATO (SF) 12
2 2
13
3 3
INTERBLOCCO ESTERNO/CONSENSO POMPA 6
4 4
3
11 11
INTERBLOCCO ESTERNO RECUPERO CALORE 300
12 12
111
SCARICO COMPRESSORE 1 (1-SLS/OFF) 111 111
6
(COMMON) 112 112

(Y) MORSETTIERE UTENTE


SCARICO COMPRESSORE 2 (1-SLS/OFF) 113
113 113
B8
(B8) 211 211
GND
SONDA TEMPERATURA ACQUA (GND) 212 212
+VDC
(+VDC) 213 213

QG - Y2
(NO) 101
101 101
INDICAZIONE DA REMOTO UNITÀ IN TENSIONE
(COMMON) 102
102 102
(NO) 121
121 121
MACCHINA IN ALLARME SYS. 1-2 (COMMON) 122
122 122
(NC) 123
123 123
131
(NO) 131 131
INDICAZIONE DA REMOTO COMPRESSORE 1 IN FUNZIONE 132
(COMMON) 132 132
133
(NO) 133 133
INDICAZIONE DA REMOTO COMPRESSORE 2 IN FUNZIONE 134
(COMMON) 134 134
161
INDICAZIONE DA REMOTO SISTEMA DI RECUPERO 1 IN FUNZIONE (RISCALD.) 161 161
162
COMUNE (COMMON) 162 162
INDICAZIONE DA REMOTO SISTEMA DI RECUPERO 2 IN FUNZIONE 163
(RAFFRED.) 163 163

QG - Y3
4
COMUNE (230Vac) 8 8
14
CONTROLLO ANTIGELO (MAX 0,5 AMP 230Vac) 14 14
103
CONTROLLO POMPA (MAX 0,5 AMP 230Vac) 103 103

Pagina 18
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 19

Installazione

4.8 Collegamento sonda temperatura


collettore idraulico unità binate
(SLS a 4 circuiti)
Per le unità SLS a 4 circuiti i due scambiatori (a fa- La sonda, tramite il pozzetto fornito a corredo, deve
scio tubero) devono essere collegati in parallelo tra- essere posizionata sul collettore idraulico di collega-
mite un collettore idraulico (da realizzare a cura del mento tra i due scambiatori come riportato nello
cliente). La sonda di controllo temperatura acqua ri- schema di istruzioni seguente.
torno impianto è fornita non installata sul-’unità.

Posizione Sonda da Collettore Idraulico Unit Binate

Italiano
Pozzetto sonda Al sistema idraulico esterno
BT-NET

Collettore
idraulico

IN OUT IN OUT

Quadro
elettrico Quadro
"Master" elettrico
"Slave"

Evaporatore1 Evaporatore2

4.9 Accessori per la versione a recupero


totale di calore
Sonde di temperatura Parzializzazione forzata
Le sonde di temperatura - BTRin e BTRout - per il con- Quando il sistema di recupero calore è messo in fun-
trollo del sistema di recupero calore, sono montate e zione, si attua una commutazione da condensazio-
cablate in fabbrica, e vanno installate sui collega- ne ad aria a condensazione ad acqua. Allo stesso
menti idraulici di ingresso e uscita del condensatore tempo, il compressore viene automaticamente par-
di recupero calore (vedi schema elettrico). zializzato al 50% della sua potenza per 2 minuti,
così da consentire il controllo della condensazione
Valvola a tre vie nella fase di transizione. Il medesimo processo av-
viene quando il sistema commuta da condensazione
La valvola a tre vie va montata sul sito di installazio- ad acqua a condensazione ad aria.
ne della macchina. Essa consente di by-passare il re-
cupero di calore al condensatore al fine di ottenere
un corretto funzionamento nel caso di basse tempe-
rature di ritorno. La migliore posizione di montaggio
della valvola a tre vie è vicino al condensatore di re-
cupero (in modo da contenere il circuito idraulico).
NOTA: Lo spazio richiesto dal gruppo tre vie non
consente l'installazione in fabbrica.

Pagina 19
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 20

Avviamento

5 AVVIAMENTO I Controllare che la qualità dell’acqua sia conforme


alle specifiche.
Il primo avviamento dell’unità deve essere
effettuato da personale appositamente ad- I Controllare la posizione del sensore di temperatu-
destrato da un Centro di Assistenza Auto- ra per lo sbrinamento (solo pompa calore).
rizzato Itelco-Industry. L’inosservanza di ta-
le requisito porterà all’annullamento imme- I Controllare, ove presenti, che i riscaldatori dell’o-
diato della garanzia. lio siano stati preventivamente accesi per un mini-
mo di 12 ore.
Le operazioni eseguite da parte di persona-
le di servizio Itelco-Industry sono limitate al- 5.2 Avviamento
l’avviamento dell’unità e non prevedono al-
tri interventi sull’impianto come per esem- Sequenza di avviamento:
pio l’esecuzione dei collegamenti elettrici,
idraulici, etc. Tutti gli altri lavori preparatori I Chiudere il sezionatore generale (con almeno 12
all’avviamento, incluso un preriscaldamen- ore di anticipo).
to dell’olio con durata di almeno 12 ore,
devono essere eseguiti a cura dell’Installa- I Controllare che l’olio del compressore abbia rag-
tore. giunto la temperatura richiesta (la temperatura mi-
nima sull’esterno della coppa deve essere di circa
5.1 Controllo preliminare 40°C) e che il circuito ausiliario di controllo sia
sotto tensione.
Segue un elenco di controlli da effettuare prima del-
l’avviamento dell’unità e in anticipo all’arrivo del I Controllare il funzionamento di tutti gli equipag-
personale autorizzato da Itelco-Industry. giamenti esterni e che i dispositivi di controllo pre-
senti nell’impianto siano opportunamente tarati.
I Controllo della sezione dei cavi dell’alimentazio-
ne, del collegamento a terra, del serraggio dei ter- I Avviare la pompa e controllare che il flusso d’ac-
minali e del buon funzionamento dei contattori qua sia quello richiesto.
eseguito con interruttore generale aperto.
I Impostare sul quadro di controllo la temperatura
I Controllare che le variazioni di tensione e di fase del fluido desiderata.
dell’alimentazione elettrica rientrino nelle soglie
prestabilite. I Avviare l’apparecchio (vedi capitolo 6).

I Collegare i contatti del flussostato e del relé termi- I Dopo circa 15 minuti di funzionamento controlla-
co della pompa e degli altri dispositivi (ove pre- re, attraverso il vetro spia sistemato sulla linea del
senti) rispettivamente ai morsetti 1-2 e 3-4. liquido, che non si siano formate bolle.

I Controllare che l’installazione dei componenti del La presenza di bolle può indicare che parte
circuito acqua esterno (pompa, equipaggiamento della carica di refrigerante è fuoriuscita in
utente, filtri, serbatoio di alimentazione e cisterna uno o più punti. È essenziale eliminare tali
ove presente) sia stata effettuata correttamente e perdite prima di procedere.
secondo le istruzioni della casa produttrice.
I Controllare l’avvenuto riempimento dei circuiti I Ripetere la procedura di avviamento dopo aver
idraulici e che la circolazione dei vari fluidi avven- eliminato le perdite.
ga correttamente, senza tracce di perdite o di bol-
le d’aria. Se viene usato glicole etilenica come an- I Controllare il livello dell’olio del vetro spia del
tigelo, controllare anche che la sua percentuale di compressore.
miscela sia corretta.
I Controllare la correttezza del senso di rotazione
delle pompe e che i fluidi abbiano circolato per
almeno 12 ore per ognuna delle pompe. Provve-
dere poi alla pulizia dei filtri sistemati sul lato di
aspirazione delle pompe.
I Regolare la rete di distribuzione del liquido in mo-
do che la portata rientri nei valori specificati.

Pagina 20
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 21

Avviamento

5.3 Valutazione di funzionamento


Controllare i seguenti punti:
I La temperatura di ingresso dell’acqua dell’evapo-
ratore.
I La temperatura di uscita dell’acqua dell’evapora-
tore.
I Il livello portata dell’acqua dell’evaporatore, se è
possibile.

Italiano
I L’assorbimento di corrente allo spunto del com-
pressore ed a funzionamento stabilizzato.
I L’assorbimento di corrente del ventilatore.

Controllare che la temperatura di condensazione e


la temperatura di evaporazione, durante il funziona-
mento ad alta e a bassa pressione rilevata dai ma-
nometri del refrigerante, rientri nei seguenti valori:
(Sulle unità che non dispongano dei manometri di al-
ta e bassa pressione refrigerante, collegare un ma-
nometro alle valvole Schreader sul circuito refrige-
rante).

Lato alta Circa da 15 a 21°C oltre la tempe-


pressione ratura dell’aria di ingresso del con-
densatore, per unità ad R134a.
Lato bassa Circa da 2 a 7°C sotto la tempera-
pressione tura di uscita dell’acqua refrigera-
ta, per unità ad R134a.

5.4 Consegna al cliente


I Addestrare l’utente secondo le istruzioni d’uso ri-
portate alla Sezione 6.

Pagina 21
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 22

Controllo

6 CONTROLLO I Controllo SLS - Compressori vite


Il sistema “Chiller Control”
Le unità della serie SLS sono equipaggiati di logica
di controllo a microprocessore e di un sistema di ge- Sulle macchine della serie SLS con compressori vite
stione della regolazione. è montata una scheda a microprocessore, completa-
mente programmata di default per la gestione di un
Il sistema si compone di una scheda logica e di un chiller / pompa calore, con un trasduttore di alta e
quadro comandi a cristalli liquidi che esercita le fun- uno di bassa pressione per ogni circuito. Il sistema di
zioni di gestione, di controllo, di arresto e di visua- controllo è così composto:
lizzazione. - SCHEDA ELETTRONICA INTERNA
6.1 Informazioni Generali - TERMINALE DISPLAY+TASTIERA
- SONDE TEMPERATURA ACQUA
I Introduzione - SONDE TEMPERATURA ARIA
Di seguito le informazioni e le istruzioni di uso del - SONDE TEMPERATURA BATTERIE
controllo elettronico montato su SLS. - TRASDUTTORE DI ALTA PRESSIONE
I Caratteristiche principali - TRASDUTTORE DI BASSA PRESSIONE

– Controllo a microprocessore 6.2 Terminale Tastiera-Display


– Tastiera comandi accessibile all’utente e di facile I Informazioni Generali
utilizzo.
– Controllo di tipo proporzionale o proporzionale e In figura è riportato il terminale con sportellino fron-
integrale sulla temperatura acqua di ritorno (RWT) tale aperto.
Sono presenti un display LCD 4 righe x 20 colonne,
– Controllo di tipo a isteresi sulla temperatura acqua tastiera e LED, gestiti da microprocessore, per rende-
in uscita (LWT) re possibile la programmazione dei parametri di
– Codice di accesso per accedere al Livello Assisten- controllo (setpoint, banda differenziale, soglie di al-
za larme) e le operazioni fondamentali da parte dell’u-
– Segnalazione acustica allarme e led tente.
– Display a cristalli liquidi retro-illuminato
– Controllo della pressione di condensazione ad
anello chiuso
– Logica di Pump-Down in avvio e in fermata
– Rotazione del funzionamento gradini capacità fri-
gorifera
-–Funzione ritorno olio
– Gestione Modalità Notte o doppio Setpoint
– Conteggio ore funzionamento compressori e pom-
pa
– Visualizzazione valori pressione di mandata e di
aspirazione
– Storico allarmi memorizzati
I Tastiera
– Programmazione 4 fasce orarie setpoint giornalie- Attraverso il terminale sono possibili le seguenti ope-
re razioni:
Possibilità di connettere i seguenti accessori: – la configurazione iniziale della macchina
– Serial Communication RS485 Card: per collegare – la possibilità di modificare i parametri fondamen-
il Chiller Control a una rete BMS (Carel o ModBus) tali di funzionamento
– Terminale Display remoto – la visualizzazione tramite display degli allarmi rile-
– Controllo Remoto a filo vati e la loro segnalazione acustica per mezzo di
un ‘buzzer’
– Kit monitore di fase
– la visualizzazione di tutte le grandezze misurate.
– Black Box

Pagina 22
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 23

Controllo

La connessione tra terminale e scheda avviene trami-


te un cavo telefonico a 6 vie. on-off alarm enter
La connessione del terminale alla scheda base non è 1 2 3/4 5
indispensabile per il funzionamento normale del
controllore. Figura 1

1. tasto on/off: consente l’accensione e lo spegni-


menu I/O set prog mento dell’unità. Il LED verde che illumina il tasto
indica lo stato dell’unità
?
info on-off alarm enter 2. tasto alarm: è utilizzato per la visualizzazione su
display degli allarmi, per il loro ripristino manua-
le e per la tacitazione del buzzer. Se il tasto è illu-

Italiano
minato (colore rosso) significa che è stato rilevato
Accede alla maschera di visualizzazio- almeno un allarme.
menu ne delle grandezze fondamentali e dello Premendo una volta vengono tacitato il buzzer e vi-
stato macchina sualizzata la maschera relativa all’allarme attivo.
Premendo una seconda volta si resetta la segna-
lazione dell’allarme.
Accede ai valori relativi alla manuten- 3. freccia verso l’alto: consente l’impostazione dei
zione dei dispositivi (ore di utilizzo del valori dei parametri di controllo e lo spostamento
dispositivo e reset conta ore, storico de- tra le maschere(non retro-illuminato).
gli allarmi) (Livello Manutenzione)
4. freccia verso il basso: consente l’impostazione
Non disponibile dei valori dei parametri di controllo e lo sposta-
mento tra le maschere(non retro-illuminato).
5. tasto enter: utilizzato per lo spostamento del cur-
sore all’interno delle maschere e per salvare i va-
Accede alle maschere di visualizzazio- lori dei parametri impostati. Il tasto è costante-
I/O ne dello stato degli ingressi e delle uscite mente retro-illuminato (luce gialla) ad indicare la
digitali e analogiche e della versione presenza dell’alimentazione elettrica.
software.
I Display
Accede alla maschera di programma-
zione dell’orologio Il display utilizzato è del tipo a LCD 4 righe x 20 co-
lonne.
Le grandezze e le informazioni relative al funziona-
mento vengono alternate sottoforma di videate suc-
Accede alle maschere di visualizzazio- cessive chiamate maschere.
set ne/impostazione del setpoint di regola- È possibile spostarsi all’interno delle maschere utiliz-
zione (Livello Utente - Setpoint) zando i tasti del terminale come descritto di seguito:
+--------------------+
Accede alle maschere del “Livello Servi- x
Home
Riga0
Riga1
prog ce” Riga2
Riga3
+--------------------+

Premendo contemporanea-
menu + prog mente questi tasti si entra nel Se il cursore è posizionato nell’angolo in alto a sini-
“Livello Costruttore” della stra (Home) premendo i tasti UP/DOWN è possibile
macchina accedere alle successive maschere associate al ra-
mo selezionato. Se in una maschera sono previsti
Usato solo per macchine quattro com- dei campi di impostazione dei valori, allora, pre-
? pressori o back to back in configurazio- mendo il tasto ENTER il cursore si sposterà su questi
info
ne Master Slave. Alterna la visualizza- campi. Raggiunto il campo di impostazione delle
zione controllo unità Master / controllo grandezze è possibile modificarne il valore, entro i
unità Slave limiti previsti, premendo i tasti UP/DOWN. Fissato il
valore desiderato, per memorizzarlo è necessario
premere nuovamente il tasto ENTER.
I LED a fianco di ciascun tasto si illuminano quando
la relativa funzione è attivata.

Pagina 23
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 24

Controllo

6.3 Funzioni / Tasti / Configurazioni


I Tabella degli allarmi
Codice Descrizione allarme Stato Stato Stato Stato Stato Note
Comp 1 Comp 2 Ventil. #1 Ventil. #2 Pompa
AL00 Stop compressore Causato da allarme con auto-reset. Memorizzato nello storico allarmi.
AL01 Alimentazione errata Off Off Off Off Off Monitore di fase (1)
AL02 Allarme antigelo Off Off Off Off On
AL03 Interblocco Off Off Off Off Off
AL04 Allarme flussostato Off Off Off Off Off
AL05 Sys #1 Bassa pressione aspirazione Off On Off On On
AL06 Sys #2 Bassa pressione aspirazione On Off On Off On
AL07 Sys #1 Alta pressione mandata Off On Off On On
AL08 Sys #2 Alta pressione mandata On Off On Off On
AL09 Termico compressore 1 Off On Off On On
AL10 Termico compressore 2 On Off On Off On
AL11 Allarme antigelo recupero On On On On On
AL12 SYS 1 termico ventilatori gruppo 1 On On Off gr. # 1 On On
AL13 SYS 1 termico ventilatori gruppo 2 On On Off gr. # 2 On On
AL14 SYS 2 termico ventilatori gruppo 1 On On On Off gr. # 1 On
AL15 SYS 2 termico ventilatori gruppo 2 On On On Off gr. # 2 On
AL16 SYS #1 compressore Diff. pressioni Off On Off On On
AL17 SYS #2 compressore Diff. pressioni On Off On Off On
AL18 Scheda orologio guasta On On On On On
AL21 B1-Tin Sonda Guasta Off Off Off Off On
AL22 B2-LP1 Sonda Guasta Off On Off On On
AL23 B3-DP1 Sonda Guasta Off On On On On
AL24 B4-Tair Sonda Guasta On On On On On
AL25 B5-Tout Sonda Guasta Off Off Off Off On
AL26 B6-LP2 Sonda Guasta On Off On Off On
AL27 B7-DP2 Sonda Guasta On Off On On On
AL28 B8-Tplan Sonda Guasta Off Off Off Off On
AL29 B9-Trin/TC1 Sonda Guasta On On On On On nota (2)
AL30 B10-Trout/TC2 Sonda Guasta On On On On On nota (2)
AL31 SYS #1 compressore Manutenzione On On On On On
AL32 SYS #2 compressore Manutenzione On On On On On
AL33 Pompa manutenzione On On On On On
AL36 Bassa pressione sistema #1 Off On Off On On nota (3)
AL37 Bassa pressione sistema #2 On Off On Off On nota (3)
Note:
1 = verificare senso rotazione fasi di alimentazione e/o tensione minima. Interviene se è previsto l’accessorio Monitore di Fase.
2 = Nel caso di macchine con Recupero, è forzato il rientro dalla modalità recupero. Modalità recupero disabilitata.
3 = Memorizzato nello storico allarmi.

I Tasto “menu”
Premendo il tasto “menu” si visualizza la maschera In questa maschera viene visualizzato:
principale: – l’indirizzo seriale unità, la temperatura di regola-
U:1 RWT ................... 0.0 °C
zione,
SYS#1: OFF – lo stato del circuito #1,
SYS#2: OFF
– lo stato del circuito #2,
Unità ON
– lo stato dell’unità.

Pagina 24
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 25

Controllo

I Tasto I/O (input / output) 3. ORE FUNZIONAMENTO COMPRESSORI

Premendo il tasto I/O si accede alle maschere di vi- U:1 SYS #1


sualizzazione dei valori di tutte le sonde montate sul- Compressore 00000 h
U:1 SYS #2
la macchina: Compressore 00000 h

SIGLA DESCRIZIONE
Tin Temperatura acqua in ingresso scambiatore
4. INSERIMENTO PASSWORD (*)
Tout Temperatura acqua in uscita scambiatore
TpLAN Sonda regolazione impianto in caso di U:1
“Chiller Network”. Sonda regolazione Inserire la password
macchina 4 compressori 0000

Italiano
SP #1 Sys 1: Trasduttore pressione aspirazione
DP #1 Sys 1 : trasduttore pressione mandata
Nota (*): per accedere alle maschere seguenti con-
SP #2 Sys 2: trasduttore pressione aspirazione tattare il service autorizzato.
DP #2 Sys 2 : trasduttore pressione mandata
Tair Temperatura aria ambiente RST_CONTAORE
TC #1 Temperatura batteria 1 (solo pompa di calore) Reset ore U:1
TC #2 Temperatura batteria 2 (solo pompa di calore) pompa ..................... N
compressori
TRin Temperatura acqua recupero ingresso scambiatore SYS #1 N SYS #2 N
TRout Temperatura acqua recupero uscita scambiatore

Inoltre si visualizzano: MSK_FILTRI


1. lo stato degli ingressi e delle uscite digitali del Abilitazione filtri
Chiller Control sofware ........................ S
Soglia ......................... 00.5 °C
2. i valori delle uscite analogiche che pilotano i re- Intervallo ................. 020 sec
golatori di velocità ventilatori
3. il codice e la versione del software del Chiller
Control per SLS. M_DISABLE
I Manutenzione Abilitazione
compressori
Premendo il tasto “manutenzione” si accede alle se- SYS #1=Y SYS #2=Y

guenti maschere di informazione:

1. STORICO ALLARMI
M_OFFSET1
N°0000
Calibrazione sonde
AL000 00:00 00/00/00
Tin ............................. 0.0 °C
Setpoint ......................00.0 °C
SP #1 ........................ 0.0 bar
Temperatura .............. 00.0 °C
DP #1 ........................ 0.0 bar

Premendo Enter si entra con il cursore nell’indice de- M_OFFSET2


gli allarmi memorizzati. Con i tasti freccia si scorro-
no le maschere di tutti gli allarmi memorizzati, con Tair ............................. 0.0 °C
l’indicazione della data, l’orario, il codice allarme , Tout ............................ 0.0 °C
il setpoint attivo e il valore della temperatura dell’ac- SP #2 ........................ 0.0 bar
qua regolata (ritorno o uscita) al momento in cui è DP #2 ........................ 0.0 bar
avvenuto l’allarme.

2. ORE FUNZIONAMENTO POMPA M_OFFSET3

Calibrazione sonde
U:1
TpLAN ......................... 0.0 °C
Pompa...................... 00000 h
TRin .......................... 0.0 °C
TRout .......................... 0.0 °C

Pagina 25
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 26

Controllo

HOUR_THRES
Soglia allarme
manutenzione
003X1000h

I Setpoint

Premendo il tasto Set, si entra nel livello Setpoint ac-


cessibile all’utente. I seguenti sono i parametri impo-
stabili, con i valori limite e i valori di default (impo-
stazioni standard di fabbrica):

Parametri utente Modo controllo Valore Min Valore Max Default


Sys #1 ON/OFF – OFF ON OFF
Sys #2 ON/OFF – OFF ON OFF
Setpoint Raffreddamento Ritorno 8 20 10
Uscita 6 20 8
Setpoint Riscaldamento Ritorno 20 48 43
Uscita 20 50 45
Setpoint glicole Ritorno –15 20 10
Uscita –15 20 8
Banda Ritorno 1 10 5
Banda neutra Uscita 1 6 2
Selezione lingua — ITA ENG GER FRA SPA ITA
Recupero
Sys #2 ON/OFF — OFF ON OFF
Sys #1 ON/OFF — OFF ON OFF
Recupero
Setpoint Recupero 30 50 45
Banda Recupero 2 6 4

I Tasto orologio

Si accede alle seguenti maschere:

DATA E OROLOGIO FASCE ORARIE PER DIVERSI SETPOINT


U:1 Orologio Setp1 = 00.0 - 00:00h
Ora 00:00 Setp2 = 00.0 - 00:00h
Giorno Setp3 = 00.0 - 00:00h
Data 00/00/00 Setp4 = 00.0 - 23:59h

ABILITAZIONE FASCE ORARIE IMPOSTAZIONE MODALITÀ NOTTE (*)


Modalità notte
Fasce orarie
giornaliere con
PM 22:00 AM 06:00
variazione del
setpoint ............................N

(*) solo se abilitato al livello Service

Pagina 26
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 27

Descrizione Generale

7 DESCRIZIONE GENERALE
7.1 Introduzione
Le unità SLS sono refrigeratori d’acqua con compres- Le unità sono adatte per installazione all’aperto sul
sori a vite a due o quattro circuiti frigoriferi. tetto di un edificio oppure al livello del suolo.
Sono unità adatte per il raffreddamento dell’acqua o
fluidi intermedi (acqua glicolata) per applicazione La serie comprende le seguenti varianti:
di climatizzazione o in processi industriali.

Versione Standard/ High Efficiency Descrizione

Italiano
SLS versione Base Low Noise (BLN) Refrigeratori con condensazione ad aria, funzio-
SLS versione Low Noise (LN) nanti con refrigerante R134a
SLS versione Extra Low Noise (ELN)

Opzioni disponibili:
Opzioni Descrizione
Il recupero termico è effettuato tramite un desurriscaldatore montato sulla linea di
SLS/D mandata del compressore

SLS/R L'unità prevede un scambiatore ad acqua per recupero calore montato sulla linea di
scarico del gas, in parallelo con il circuito standard di condensazione. La funzione
di recupero calore viene attivata per mezzo di una valvola a quattro vie.

7.2 Specifiche generali 7.4 Circuiti refrigeranti


Le unità SLS sono fornite complete e dotate di tutte le Le unità SLS standard dalla taglia 1402 alla 4802
tubazioni di collegamento del refrigerante e dei ca- (15 grandezze) sono dotate di due circuiti indipen-
blaggi elettrici interni. denti con compressori a vite per ogni circuito e
Il circuito frigorifero di ogni unità viene sottoposto a scambiatori a fascio tubiero “S&T”. Le unità binate
una prova di pressione, scaricato, messo sotto vuo- SLS 5004 a 8404 (8 grandezze) sono dotate di
to, disidratato e caricato di refrigerante, e compren- quattro circuiti indipendenti con compressori a vite
de l’olio di dotazione. Al completamento dell’assem- per ogni circuito e scambiatori a fascio tubiero
blaggio, ogni unità viene sottoposta a un collaudo “S&T”.
completo, e verifica del corretto funzionamento di Le unità SLS HE (alta efficienza) dalla taglia 1402 a
tutti i circuiti refrigeranti. 4802 (15 grandezze) sono dotate di due circuiti in-
dipendenti con comppressori a vite per ogni circuito
Il basamento ed il telaio di ogni unità sono costruiti e scambiatore a fascio tubiero " S&T". Le unità bina-
in acciaio zincato di forte spessore fissati con viti e te SLS dalla taglia 4804 a 8404 sono dotate di
bulloni di acciaio inossidabile. Tutti i pannelli, fissati quattro circuiti indipendenti con compressori a vite e
con viti e bulloni in acciaio tropicalizzato e/o ano- scambiatore a fascio tubiero "S&T".
dizzato, possono essere smontati per garantire un
facile accesso ai componenti interni. Tutte le parti in Ogni circuito refrigerante comprende: una valvola
acciaio zincato sono verniciate con resina poliestere di servizio per il carico del refrigerante, valvole di in-
di colore Bianco (RAL 9001). tercettazione per la linea di aspirazione (su richie-
sta), per quella di mandata e per quella del liquido,
di valvola termostatica di espansione con equalizza-
7.3 Compressori tore esterno, di valvola a solenoide che permette
l’avviamento e l’arresto del compressore, di un filtro
Le unità SLS montano compressori semi-ermetici a vi- disidratatore a cartuccia sostituibile, di un vetro spia
te di grande potenza, alta efficienza e basse vibra- con indicatore di umidità, di un pressostato differen-
zioni. Il controllo della capacità, del tipo a gradini, è ziale dell’acqua. Ogni circuito inoltre dispone di di-
gestito da valvole di controllo della capacità a sole- spositivi di sicurezza in accordo con la normativa
noide, gestite a loro volta dal microprocessore del- PED 97/23/CE: pressostati di alta e di bassa, tra-
l’apparecchio. sduttori di pressione e valvole di sicurezza che pro-
I morsetti del motore sono antintemperie secondo lo teggono in caso di incendio o mal funzionamento
standard IP-54. dei compressori.

Pagina 27
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 28

Descrizione Generale

7.5 Scambiatore ad acqua


Evaporatore Desurriscaldatore
Tutte le unità SLS con R134a dispongono di scam- Tutte le unità sono disponibili con desurriscaldatore
biatore refrigerante/acqua a fascio tubiero di tipo a (DSH). DSH è uno scambiatore di calore gas refrige-
più circuiti frigoriferi ad espansione diretta. rante / acqua con piastre saldobrasate del tipo
Il fascio di tubi è estraibile per ispezioni o eventuali "Dual Circuit". DSH è montato sulla tubazione di
scarico del compressore ed è dimensionato per recu-
manutenzioni. perare il 20% del calore totale smaltito.
Gli evaporatori sono coibentati con materiale anti- Ogni unità è fornita con 2 scambiatori, uno per cir-
condensa in polietilene a celle chiuse da 19 mm di cuito. Gli scambiatori sono isolati con polietilene a
spessore e resistenti ai raggi ultravioletti. cellule chiuse dello spessore di 19 mm, con funzione
Sulla superficie esterna vengono applicate delle resi- anticondensa e resistente ai raggi UV.
stenze elettriche a filo (130 Watt), che ne impedisco-
no il ghiacciamento a bassa temperatura (fino a –18
°C) con unità spenta.

SLS R134a - Schema frigorifero uità con evaporatore a fascio tubiero

Componenti: Dispositivi di Sicurezza:

1 Compressore vite V
Punti di aspirazione
7 Rubinetto liquido A HP Pressostato alta pressione per vuoto
2 Rubinetto mandata 8 Filtro B LP Pressostato bassa pressione
compressore vite 9 Spia liquido C Trasduttore
3 Tubo flessibile Prese di pressione
10 Valvola termostatica e carico/scarico Freon
(smorzatore) 11 Valvola solenoide Nota: Le unità sono dotate di
(solo per ELN) 12 Scambiatore fascio tubiero due circuiti frigoriferi.
4 Silenziatore (solo per ELN) 13 Valvola di sicurezza Per semplicità ne viene
5 Valvola di sicurezza 14 Desurriscaldatore (opzionale) raffigurato uno solo.
6 Batteria

Pagina 28
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 29

Descrizione Generale

Condensatore per recupero totale di 7.6 Scambiatore ad aria


calore
Le batterie sono realizzate con tubi di rame disposti
Tutte le unità sono disponibili con condensatore per in ranghi sfalsati e meccanicamente espansi all’inter-
recupero totale di calore (THRC). THRC è uno scam- no di un pacco alettato in alluminio.
biatore di calore gas refrigerante / acqua con pia-
stre saldobrasate o a fascio tubiero, a seconda della
taglia del gruppo frigorifero. 7.7 Ventilatori
THRC è montato sulla tubazione di scarico del com-
pressore in parallelo con il circuito standard di con- I ventilatori del condensatore sono di tipo assiale di
densazione. grande diametro (800 mm). Sono dotati di diffusori
(boccagli) di tipo esterno che abbassano notevol-
La funzione di recupero calore viene attivata per mente il rumore aeraulico. Ogni ventilatore è dotato
mezzo di una valvola a quattro vie. Ogni unità è for-

Italiano
di protezione antinfortunistica in acciaio zincato ver-
nita con 2 scambiatori, uno per circuito. Gli scam- niciata dopo la costruzione. I motori dei ventilatori
biatori sono isolati con polietilene a cellule chiuse sono di tipo totalmente chiuso ed hanno grado di
dello spessore di 19 mm, con funzione anticondensa protezione IP54 e termostato di protezione annega-
e resistente ai raggi UV. to negli avvolgimenti.

SLS - Schema frigorifero uità con recupero totale di calore

Componenti: Dispositivi di Sicurezza:

1 Compressore vite V
Punti di aspirazione
10 Spia liquido A HP Pressostato alta pressione per vuoto
2 Rubinetto 11 Valvola termostatica C Trasduttore
3 Tubo flessibile (smorzatore) 12 Valvola solenoide
(solo per ELN) Prese di pressione
13 Evaporatore Nota: Le unità sono dotate di e carico/scarico Freon
4 Silenziatore (solo per ELN) 14 Condensatore di recupero due circuiti frigoriferi.
6 Valvola a 4 vie 15 Ricevitore di liquido Per semplicità ne viene
6 Valvola di sicurezza 16 Valvola solenoide
raffigurato uno solo.
7 Batteria 17 Capillare
Iniezione liquida è
8 Valvola di ritegno opzionale
9 Filtro

Pagina 29
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 30

Descrizione Generale

7.8 Alimentazione elettrica e sistema Gestione dei riferimenti e dei parametri:


di controllo I Livello utente: l’operatore può modificare i dati
usando i tasti ‘ENTER’, ‘+’ e ‘-’.
Tutte le unità dispongono del microprocessore e del
sistema di gestione “Chiller Control”. I Livello di servizio: accesso con password per il
personale autorizzato.
Il collegamento elettrico dei controlli e dei gruppi di
avviamento del motore essenziali al funzionamento 7.10 Accessori
viene effettuato e collaudato in fabbrica.
I componenti di alimentazione e di controllo sono se- Elenco accessori disponibili, forniti separatamente
parati e accessibili da porte diverse. Un sezionatore da montare sul campo a cura dell’installatore:
generale bloccaporta è montato sulla porta sul lato
dell’alimentazione e il cabinato comprende anche Flussostato acqua
un’altra porta con apertura verso l’alto, impermeabi- Impedisce il funzionamento dell’unità in carenza di
lizzata secondo lo standard IP-54. circolazione del fluido refrigerato. È consigliabile in-
Il vano dell’alimentazione comprende: stallare un flussostato al fine di garantire il corretto
funzionamento dell’unità.
I Interruttore generale
I L’isolatore di rete, i contattori e i fusibili del com- Filtro dell’acqua
pressore Filtro da montare sul lato aspirazione dello scambia-
Il vano di controllo comprende: tore ad acqua.
I Un trasformatore per gli ausiliari, i fusibili, i relè e Supporti antivibranti (AVM)
la scheda elettronica, termostato temperatura
mandata compressori. Supporti isolanti a molla, dotati di bulloni per il fis-
saggio al basamento. Sono forniti separati dall’unità
I La tastiera e il display del microcomputer “Chiller- e devono essere montati in cantiere a cura e spese
Control”, montati sulla porta della sezione di con- del cliente.
trollo.
Tastiera remota
7.9 “Chiller Control” Permette di controllare l’unità tramite terminale remo-
to fino ad una distanza massima di 200 metri.
L’unità “Chiller Control” si compone di una scheda
interfaccia ampliabile e di un controllore. Chiller Data Logger
La funzione della scheda interfaccia ampliabile è di Registra in modo continuo i parametri termodinamici
monitoraggio degli input e di controllo degli output: fondamentali di funzionamento della macchina nei
I Input digitali, quali i segnali di allarme e di co- 10 minuti precedenti all’ultimo allarme.
mando.
Modem GSM
I Input analogici, quali i segnali di misurazione del-
la temperatura e della pressione. Permette di controllare il modo di funzionamento o
l’accensione e lo spegnimento dell’unità tramite
I Output digitali di eccitazione del relè di controllo SMS. L’unità invia SMS all’utente in caso di allarmi.
e dell’interruttore di telecomando.
Il microprocessore ha la funzione di esecuzione del- Scheda seriale RS 485 MODBUS
la logica che controlla: Un interfaccia di comunicazione consente il control-
I Il LED e la visualizzazione dei segnali di allarme e lo e la gestione dell’unità da una postazione locale
del funzionamento dell’apparecchio. con collegamento RS485 sino a 1000m di distanza.
È possibile quindi ottenere il controllo e la gestione a
I La logica di avviamento dei compressori (eccita- distanza integrando il controllo all’impianto di ge-
zione dell’avvolgimento ed arresto), regolazione stione dell’edificio.
della potenzialità a 3+3 gradini.
I La visualizzazione delle ore di esercizio del com- Kit idronico esterno
pressore e della temperatura dell’acqua all’evapo- Kit idronici composti da pompe e serbatoi di accu-
ratore. mulo da 1000 a 1500 litri.
I Le temporizzazioni di anticiclaggio e ritardo al-
l’avviamento. Box alimentazione Single Point
I La sequenza automatica di anticipo/ritardo del- Accessorio disponibile per le unità binate SLS che
l’avviamento del compressore. permette di avere un unico punto di alimentazione
elettrico
I Arresto dei ventilatori

Pagina 30
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 31

Dati Tecnici

8 DATI TECNICI
8.1 Perdite di carico
Evaporatore SLS STD
1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 141,4 141,4 65,9 65,9 65,9 65,9 55,6 55,6
Portata Acqua minima l/s 8,7 9,7 10,9 12,3 13,6 14,3 15,3 16,3
Portata Acqua nominale l/s 14,0 15,6 17,5 19,6 21,8 23,0 24,5 26,1
Portata Acqua massima l/s 23,3 26,0 29,1 32,7 36,3 38,3 40,9 43,5
Perdita di carico minima kPa 10,8 13,4 7,9 9,9 12,2 13,6 13,1 14,8

Italiano
Perdita di carico nominale kPa 27,7 34,4 20,1 25,4 31,2 34,7 33,5 37,9
Perdita di carico massima kPa 77,0 95,4 55,9 70,5 86,7 96,5 92,9 105,3

3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 63,6 41,2 41,2 41,2 29,8 31,8 31,8 55,6
Portata Acqua minima l/s 18,5 19,7 21,5 22,7 24,6 27,1 28,7 15,3
Portata Acqua nominale l/s 29,6 31,5 34,3 36,3 39,3 43,4 46,0 24,5
Portata Acqua massima l/s 49,4 52,6 57,2 60,4 65,6 72,4 76,6 40,9
Perdita di carico minima kPa 21,8 16,0 19,0 21,2 18,0 23,4 26,3 13,1
Perdita di carico nominale kPa 55,8 41,0 48,6 54,2 46,1 59,9 67,2 33,5
Perdita di carico massima kPa 155,1 113,8 135,0 150,5 128,1 166,5 186,7 92,9

5404* 5704* 6004* 6404* 6804* 7204* 8404*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 55,6 63,6 63,6 41,2 41,2 41,2 29,8
Portata Acqua minima l/s 16,3 17,4 18,5 19,7 21,5 22,7 24,6
Portata Acqua nominale l/s 26,1 27,9 29,6 31,5 34,3 36,3 39,3
Portata Acqua massima l/s 43,5 46,5 49,4 52,6 57,2 60,4 65,6
Perdita di carico minima kPa 14,8 19,3 21,8 16,0 19,0 21,2 18,0
Perdita di carico nominale kPa 37,9 49,4 55,8 41,0 48,6 54,2 46,1
Perdita di carico massima kPa 105,3 137,3 155,1 113,8 135,0 150,5 128,1

*I dati si riferiscono ad un evaporatore

Pagina 31
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 32

Dati Tecnici

Desurriscaldatore SLS STD


1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 2027,4 2027,4 2027,4 1280,2 1280,2 1280,2 895,9 895,9
Portata Acqua minima l/s 1,0 1,1 1,3 1,4 1,6 1,7 1,8 2,0
Portata Acqua nominale l/s 1,7 1,9 2,1 2,4 2,7 2,8 3,1 3,3
Portata Acqua massima l/s 2,6 3,0 3,4 3,8 4,3 4,6 4,9 5,2
Perdita di carico minima kPa 2,0 2,5 3,3 2,6 3,3 3,7 3,0 3,4
Perdita di carico nominale kPa 5,6 7,1 9,2 7,2 9,1 10,4 8,4 9,5
Perdita di carico massima kPa 14,2 18,1 23,7 18,3 23,3 26,6 21,4 24,4

3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 558,3 558,3 558,3 424,7 424,7 344,4 344,4 895,9
Portata Acqua minima l/s 2,1 2,3 2,5 2,7 2,9 3,2 3,4 1,8
Portata Acqua nominale l/s 3,5 3,8 4,2 4,5 4,9 5,3 5,6 3,1
Portata Acqua massima l/s 5,7 6,1 6,6 7,2 7,9 8,5 8,9 4,9
Perdita di carico minima kPa 2,5 2,9 3,5 3,1 3,7 3,5 3,9 3,0
Perdita di carico nominale kPa 7,0 8,2 9,6 8,5 10,3 9,7 10,8 8,4
Perdita di carico massima kPa 18,0 21,0 24,6 21,7 26,3 24,8 27,5 21,4

5404* 5704* 6004* 6404* 6804* 7204* 8404*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 895,9 895,9 558,3 558,3 558,3 558,3 424,7 424,7
Portata Acqua minima l/s 2,0 2,0 2,1 2,1 2,3 2,5 2,7 2,9
Portata Acqua nominale l/s 3,3 3,3 3,5 3,5 3,8 4,2 4,5 4,9
Portata Acqua massima l/s 5,2 5,2 5,7 5,7 6,1 6,6 7,2 7,9
Perdita di carico minima kPa 3,4 3,4 2,5 2,5 2,9 3,5 3,1 3,7
Perdita di carico nominale kPa 9,5 9,5 7,0 7,0 8,2 9,6 8,5 10,3
Perdita di carico massima kPa 24,4 24,4 18,0 18,0 21,0 24,6 21,7 26,3

*I dati si riferiscono ad un evaporatore

Condensatore per recupero totale di calore SLS STD


1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 448,4 389,9 389,9 253,4 253,4 170,5 170,5 170,5
Portata Acqua minima l/s 5,5 6,2 7,0 7,9 8,7 9,3 9,9 10,6
Portata Acqua nominale l/s 8,8 9,9 11,1 12,6 13,9 14,8 15,9 16,9
Portata Acqua massima l/s 14,7 16,5 18,6 20,9 23,2 24,7 26,5 28,2
Perdita di carico minima kPa 13,6 15,0 18,9 15,6 19,1 14,6 16,8 19,1
Perdita di carico nominale kPa 34,9 38,3 48,3 40,0 49,0 37,4 43,0 48,9
Perdita di carico massima kPa 96,9 106,5 134,2 111,1 136,0 104,0 119,4 135,9

3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 63,7 63,7 63,7 63,7 63,7 55,0 55,0
Portata Acqua minima l/s 11,7 12,6 13,7 14,5 16,0 17,3 18,3
Portata Acqua nominale l/s 18,7 20,1 21,9 23,3 25,5 27,6 29,3
Portata Acqua massima l/s 31,2 33,5 36,5 38,8 42,6 46,0 48,9
Perdita di carico minima kPa 8,7 10,1 12,0 13,5 16,2 16,4 18,5
Perdita di carico nominale kPa 22,4 25,8 30,6 34,5 41,6 42,0 47,3
Perdita di carico massima kPa 62,2 71,6 85,0 95,9 115,5 116,6 131,3

Pagina 32
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 33

Dati Tecnici

Evaporatore SLS HE
1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 141,4 141,4 65,9 65,9 65,9 55,6 63,6 63,6
Portata Acqua minima l/s 9,1 10,1 11,3 12,7 14,0 15,9 17,1 18,0
Portata Acqua nominale l/s 14,5 16,1 18,1 20,3 22,3 25,4 27,3 28,9
Portata Acqua massima l/s 24,2 26,9 30,1 33,8 37,2 42,3 45,5 48,1
Perdita di carico minima kPa 11,7 14,4 8,4 10,6 12,8 14,0 18,5 20,7
Perdita di carico nominale kPa 29,8 36,9 21,5 27,2 32,8 35,8 47,3 52,9
Perdita di carico massima kPa 82,9 102,4 59,7 75,5 91,2 99,3 131,4 147,1

Italiano
3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 4804*
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 28,6 41,2 41,2 41,2 29,8 31,8 31,8 55,6
Portata Acqua minima l/s 19,3 21,1 23,2 25,1 26,7 27,9 29,5 15,9
Portata Acqua nominale l/s 30,9 33,7 37,2 40,1 42,7 44,6 47,3 25,4
Portata Acqua massima l/s 51,5 56,2 62,0 66,9 71,2 74,3 78,8 42,3
Perdita di carico minima kPa 10,7 18,3 22,2 25,9 21,2 24,7 27,7 14,0
Perdita di carico nominale kPa 27,3 46,8 57,0 66,4 54,4 63,2 71,0 35,8
Perdita di carico massima kPa 75,8 130,1 158,2 184,4 151,1 175,5 197,2 99,3

5204* 5604* 6004* 6404* 6804* 7204* 7804* 8404*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 63,6 63,6 28,6 29,8 29,8 29,8 29,9 29,9
Portata Acqua minima l/s 17,1 18,0 19,3 21,0 22,1 23,3 24,4 25,2
Portata Acqua nominale l/s 27,3 28,9 30,9 33,6 35,4 37,2 39,1 40,3
Portata Acqua massima l/s 45,5 48,1 51,5 56,0 59,0 62,0 65,2 67,2
Perdita di carico minima kPa 18,5 20,7 10,7 13,1 14,6 16,1 17,9 19,0
Perdita di carico nominale kPa 47,3 52,9 27,3 33,6 37,4 41,3 45,8 48,6
Perdita di carico massima kPa 131,4 147,1 75,8 93,5 103,8 114,7 127,1 135,0

*I dati si riferiscono ad un evaporatore

Pagina 33
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 34

Dati Tecnici

Desurriscaldatore SLS HE
1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 2095,8 2095,8 1362,3 1362,3 937,7 937,7 588,8 588,8
Portata Acqua minima l/s 1,0 1,2 1,3 1,5 1,7 1,9 2,0 2,1
Portata Acqua nominale l/s 1,7 1,9 2,1 2,4 2,7 3,0 3,2 3,4
Portata Acqua massima l/s 2,8 3,2 3,6 4,0 4,5 5,0 5,3 5,6
Perdita di carico minima kPa 2,3 3,0 2,5 3,1 2,6 3,3 2,3 2,3
Perdita di carico nominale kPa 5,9 7,6 6,3 7,9 6,8 8,4 6,0 6,7
Perdita di carico massima kPa 16,4 21,0 17,5 21,9 18,8 23,4 16,7 18,7

3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 588,8 381,4 381,4 381,4 270,0 270,0 270,0 937,7
Portata Acqua minima l/s 2,3 2,5 2,7 2,9 3,2 3,3 3,5 1,9
Portata Acqua nominale l/s 3,7 4,0 4,3 4,7 5,1 5,3 5,6 3,0
Portata Acqua massima l/s 6,1 6,6 7,2 7,8 8,5 8,9 9,4 5,0
Perdita di carico minima kPa 3,1 2,3 2,8 3,2 2,8 3,0 3,3 3,3
Perdita di carico nominale kPa 8,0 6,0 7,1 8,3 7,0 7,7 8,5 8,4
Perdita di carico massima kPa 22,1 16,6 19,7 23,0 19,6 21,4 23,7 23,4

5404* 5704* 6004* 6404* 6804* 7204* 7804* 8404*


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 588,8 588,8 588,8 381,4 381,4 381,4 381,4 270,0 270,0
Portata Acqua minima l/s 2,0 2,1 2,3 2,5 2,7 2,9 2,9 3,2 3,2
Portata Acqua nominale l/s 3,2 3,4 3,7 4,0 4,3 4,7 4,7 5,1 5,1
Portata Acqua massima l/s 5,3 5,6 6,1 6,6 7,2 7,8 7,8 8,5 8,5
Perdita di carico minima kPa 2,3 2,6 3,1 2,3 2,8 3,2 3,2 2,8 2,8
Perdita di carico nominale kPa 6,0 6,7 8,0 6,0 7,1 8,3 8,3 7,0 7,0
Perdita di carico massima kPa 16,7 16,7 22,1 16,6 19,7 23,0 23,0 19,6 19,6

*I dati si riferiscono ad un evaporatore

Condensatore per recupero totale di calore SLS HE


1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
K -3
10 kPa/(l/s)^2) 448,4 389,9 389,9 253,4 164,7 153,4 118,3 118,3
Portata Acqua minima l/s 5,5 6,2 7,0 7,9 8,8 9,7 10,4 11,2
Portata Acqua nominale l/s 8,8 9,9 11,1 12,6 14,1 15,4 16,7 17,9
Portata Acqua massima l/s 14,7 16,5 18,6 20,9 23,4 25,7 27,8 29,9
Perdita di carico minima kPa 13,6 15,0 18,9 15,6 12,7 14,3 12,9 14,9
Perdita di carico nominale kPa 34,9 38,3 48,3 40,0 32,5 36,6 32,9 38,1
Perdita di carico massima kPa 96,9 106,5 134,2 111,1 90,3 101,6 91,4 105,8

3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802


K -3
10 kPa/(l/s)^2) 118,3 63,7 63,7 55,0 55,0 55,0 55,0
Portata Acqua minima l/s 12,0 12,6 13,7 15,5 16,7 17,3 18,3
Portata Acqua nominale l/s 19,2 20,1 21,9 24,8 26,7 27,6 29,3
Portata Acqua massima l/s 32,1 33,5 36,5 41,3 44,5 46,0 48,9
Perdita di carico minima kPa 17,1 10,1 12,0 13,2 15,3 16,4 18,5
Perdita di carico nominale kPa 43,8 25,8 30,6 33,8 39,3 42,0 47,3
Perdita di carico massima kPa 121,6 71,6 85,0 93,8 109,0 116,6 131,3

Pagina 34
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 35

Dati Tecnici

8.2 Dati tecnici

SLS STD-BLN/STD-LN/STD-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V/ph/Hz 400-3-50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 39+39 43+43 50+50 54+54 58+58 59+59 61+61 64+64 68+68 71+71 74+74 78+78

Italiano
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento Part-Winding S/D (Star- delta)
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 114 114 162 162 162 162 184 184 222 295 295 295
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8"
Pesi
Peso di spediz. STD-BLN kg 4020 4040 4290 4650 5210 5210 5310 5330 6960 7600 7760 7930
Peso di spediz. STD-LN/STD-ELN kg 4140 4160 4410 4770 5330 5330 5430 5450 7080 7720 7880 8050
Peso di funzion. STD-BLN kg 4130 4150 4450 4810 5370 5380 5500 5520 7180 7890 8060 8220
Peso di funzion. STD-LN/STD-ELN kg 4250 4270 4570 4930 5490 5500 5620 5640 7300 8010 8180 8340
Dimensioni
Lunghezza mm 4000 4000 4000 4000 4000 4000 4000 4000 6000 6000 6000 6000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 35
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 36

Dati Tecnici

SLS STD-BLN/STD-LN/STD-ELN 4202 4602 4802 5004 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404
Alimentazione V/ph/Hz 400-3-50
Numero di circuiti 2 2 2 4 4 4 4 4 4 4 4
Numero di gradini 6 6 6 9 9 9 9 9 9 9 9
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 86+86 95+95 100+100 61+61/ 64+64/ 64+64/ 68+68/ 71+71/ 74+74/ 78+78/ 86+86/
61+61 64+64 68+68 68+68 71+71 74+74 78+78 86+86
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 4 4 4 4 4 4 4 4
Tipo di avviamento S/D (Star- delta)
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 462 423 423 184 184 184+222 222 295 295 295 462
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 8" 8" 8" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 8" 8" 8" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8"
Pesi
Peso di spediz. STD-BLN kg 8210 10820 10850 10620 10660 12290 13910 15190 15520 15850 16420
Peso di spediz. STD-LN/STD-ELN kg 8330 10940 10970 10860 10900 12530 14150 15430 15760 16090 16660
Peso di funzion. STD-BLN kg 8680 11240 11270 10990 11030 12690 14350 15780 16110 16440 17350
Peso di funzion. STD-LN/STD-ELN kg 8800 11360 11390 11230 11270 12930 14590 16020 16350 16680 17590
Dimensioni
Lunghezza mm 6000 8000 8000 8000 8000 10000 12000 12000 12000 12000 12000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 36
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 37

Dati Tecnici

SLS-R STD-BLN/STD-STD-LN/STD-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
Alimentazione V/ph/Hz 400/3/50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 39+39 43+43 50+50 54+54 58+58 59+59 61+61 64+64

Italiano
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento Part-Winding Y/∆
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 114 114 162 162 162 162 184 184
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6"
Diametro uscita inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6"
Condensatore per recupero totale di calore
Tipo Fascio tubiero
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 15 17 17 28 28 31 31 31
Connessioni idrauliche
Tipo Filetto gas maschio
Diametro ingresso inch 2"1/2 2"1/2 2"1/2 3" 3" 3" 3" 3"
Diametro uscita inch 2"1/2 2"1/2 2"1/2 3" 3" 3" 3" 3"
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Pesi
Peso di spediz. STD-BLN kg 4300 4340 4660 5180 5740 5770 5870 5890
Peso di spediz. STD-LN/STD-ELN kg 4420 4460 4780 5300 5860 5890 5990 6010
Peso di funzion. STD-BLN kg 4440 4490 4860 5400 5960 6000 6120 6140
Peso di funzion. STD-LN/STD-ELN kg 4560 4610 4980 5520 6080 6120 6240 6260
Dimensioni
Lunghezza mm 4000 4000 4000 4000 4000 4000 4000 4000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 37
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 38

Dati Tecnici

SLS-R STD-BLN/STD-STD-LN/STD-ELN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802


Alimentazione V/ph/Hz 400/3/50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 68+68 71+71 74+74 78+78 86+86 95+95 100+100
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento Y/∆
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 222 295 295 295 462 423 423
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 6" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 6" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Condensatore per recupero totale di calore
Tipo Fascio tubiero
Numero 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 48 48 48 48 48 52 52
Connessioni idrauliche
Tipo Filetto gas maschio
Diametro ingresso inch 4" 4" 4" 4" 4" 5" 5"
Diametro uscita inch 4" 4" 4" 4" 4" 5" 5"
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Pesi
Peso di spediz. STD-BLN kg 7710 8350 8520 8680 8970 11830 11860
Peso di spediz. STD-LN/STD-ELN kg 7830 8470 8640 8800 9090 11950 11980
Peso di funzion. STD-BLN kg 8030 8740 8910 9070 9530 12360 12390
Peso di funzion. STD-LN/STD-ELN kg 8150 8860 9030 9190 9650 12480 12510
Dimensioni
Lunghezza mm 6000 6000 6000 6000 6000 8000 8000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 38
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 39

Dati Tecnici

SLS HE-BLN/HE-LN/HE-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V/ph/Hz 400-3-50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 40+40 45+45 51+51 56+56 64+64 73+73 75+75 78+78 82+82 87+87 92+92 97+97

Italiano
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento P/W (Part-winding) S/D (Star-delta)
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 114 114 162 162 162 184 222 222 295 295 295 295
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8"
Pesi
Peso di spediz. HE-BLN kg 4090 4110 4360 4790 6170 6340 6580 6760 7470 10370 10400 10500
Peso di spediz. HE-LN/HE-ELN kg 4210 4230 4480 4910 6290 6460 6700 6880 7590 10490 10520 10620
Peso di funzion. HE-BLN kg 4210 4230 4530 4950 6330 6530 6800 6980 7770 10670 10690 10790
Peso di funzion. HE-LN/HE-ELN kg 4330 4350 4650 5070 6450 6650 6920 7100 7890 10790 10810 10910
Dimensioni
Lunghezza mm 4000 4000 4000 4000 6000 6000 6000 6000 6000 8000 8000 8000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 39
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 40

Dati Tecnici

SLS HE-BLN/HE-LN/HE-ELN 4202 4602 4802 4804 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Alimentazione V/ph/Hz 400-3-50
Numero di circuiti 2 2 2 4 4 4 4 4 4 4 4 4
Numero di gradini 6 6 6 9 9 9 9 9 9 9 9 9
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 103+103 105+105 108+108 73+73/ 75+75/ 78+78/ 82+82/ 87+87/ 90+90/ 93+93/ 96+96/ 99+99/
73+73 75+75 78+78 82+82 87+87 90+90 93+93 96+96 99+99
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 4 4 4 4 4 4 4 4 4
Tipo di avviamento S/D (Star-delta)
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 462 423 423 184 222 222 295 462 462 462 423 423
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 8" 8" 8" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 8" 8" 8" 6" 6" 6" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Pesi
Peso di spediz. HE-BLN kg 10790 11240 11270 12680 13160 13510 14940 16050 16100 16140 16480 16610
Peso di spediz. HE-LN/HE-ELN kg 10910 11360 11390 12920 13400 13750 15180 16290 16340 16380 16720 16850
Peso di funzion. HE-BLN kg 11250 11700 11730 13050 13600 13960 15530 16980 17020 17060 17330 17460
Peso di funzion. HE-LN/HE-ELN kg 11370 11820 11850 13290 13840 14200 15770 17220 17260 17300 17570 17700
Dimensioni
Lunghezza mm 8000 8000 8000 12000 12000 12000 12000 12000 12000 12000 12000 12000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 40
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 41

Dati Tecnici

SLS-R HE-BLN/HE-LN/HE-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802
Alimentazione V/ph/Hz 400/3/50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 40+40 45+45 51+51 56+56 64+64 73+73 75+75 78+78

Italiano
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento Part-Winding Y/∆
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 114 114 162 162 162 184 222 222
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6"
Diametro uscita inch 5" 5" 6" 6" 6" 6" 6" 6"
Condensatore per recupero totale di calore
Tipo Fascio tubiero
Numero 2 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 15 17 17 28 32 34 36 36
Connessioni idrauliche
Tipo Filetto gas maschio
Diametro ingresso inch 2"1/2 2"1/2 2"1/2 3" 3" 3" 3" 3"
Diametro uscita inch 2"1/2 2"1/2 2"1/2 3" 3" 3" 3" 3"
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Pesi
Peso di spediz. HE-BLN kg 4370 4420 4740 5320 6730 6920 7170 7340
Peso di spediz. HE-LN/HE-ELN kg 4490 4540 4860 5440 6850 7040 7290 7460
Peso di funzion. HE-BLN kg 4520 4560 4930 5540 6950 7170 7460 7640
Peso di funzion. HE-LN/HE-ELN kg 4640 4680 5050 5660 7070 7290 7580 7760
Dimensioni
Lunghezza mm 4000 4000 4000 4000 6000 6000 6000 6000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 41
SLS1-it.qxp 29-06-2007 13:56 Pagina 42

Dati Tecnici

SLS-R HE-BLN/HE-LN/HE-ELN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802


Alimentazione V/ph/Hz 400/3/50
Numero di circuiti 2 2 2 2 2 2 2
Numero di gradini 6 6 6 6 6 6 6
Gradino min. di parzializ. unità % 25 25 25 25 25 25 25
Refrigerante
Tipo R134a
Carica (1) kg 82+82 87+87 92+92 97+97 103+103 105+105 108+108
Compressori
Tipo Vite
Numero 2 2 2 2 2 2 2
Tipo di avviamento Y/∆
Evaporatore
Tipo Fascio tubiero
Numero 1 1 1 1 1 1 1
Contenuto minimo acqua l 295 295 295 295 462 423 423
Connessioni idrauliche
Tipo Victaulic
Diametro ingresso inch 8" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Diametro uscita inch 8" 8" 8" 8" 8" 8" 8"
Condensatore per recupero totale di calore
Tipo Fascio tubiero
Numero 2 2 2 2 2 2 2
Contenuto minimo acqua l 36 48 48 52 52 52 52
Connessioni idrauliche
Tipo Filetto gas maschio
Diametro ingresso inch 3" 4" 4" 5" 5" 5" 5"
Diametro uscita inch 3" 4" 4" 5" 5" 5" 5"
Condensatore
Tipo Batteria (Al/Cu)
Pesi
Peso di spediz. HE-BLN kg 8060 11130 11150 11510 11800 12290 12320
Peso di spediz. HE-LN/HE-ELN kg 8180 11250 11270 11630 11920 12410 12440
Peso di funzion. HE-BLN kg 8420 11520 11540 11910 12370 12820 12850
Peso di funzion. HE-LN/HE-ELN kg 8540 11640 11660 12030 12490 12940 12970
Dimensioni
Lunghezza mm 6000 8000 8000 8000 8000 8000 8000
Larghezza mm 2200 2200 2200 2200 2200 2200 2200
Altezza mm 2550 2550 2550 2550 2550 2550 2550
(1) Valore indicativo. Fare sempre riferimento al valore riportato sulla targhetta apposta sull’unità.

Pagina 42
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 43

Dati Tecnici

8.3 Dati Elettrici Unità Standard

SLS STD-BLN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 82 118 138 156 174 190 200 210
Potenza max assorbita kW 164 184 204 220 236 256 267 278
Corrente nominale A 148 202 230 264 298 324 342 360
Corrente max (FLA) A 264 304 348 370 392 462 478 494
Corrente max avv. (LRA) A 393 467 560 661 678 497 524 535
Fusibili esterni (A) 315 315 400 400 400 500 500 500

Italiano
Sezione cavo (1) mm2 240 240 2x120 2x120 2x120 2x185 2x185 2x185

SLS STD-BLN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 218 246 260 274 288 343 360 200+200
Potenza max assorbita kW 286 330 351 371 389 454 472 267+267
Corrente nominale A 376 425 449 473 497 575 602 342+342
Corrente max (FLA) A 510 568 603 638 668 726 776 478+478
Corrente max avv. (LRA) A 646 604 683 708 808 923 958 868
Fusibili esterni (A) 630 630 800 800 800 800 800 500+500
Sezione cavo (1) mm2 2x240 2x240 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x185+2x185

SLS STD-BLN 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404


Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 210+210 210+235 235+235 246+246 260+260 274+274 288+288
Potenza max assorbita kW 278+278 278+310 310+310 330+330 351+351 371+371 389+389
Corrente nominale A 360+360 360+399 399+399 425+425 449+449 473+473 497+497
Corrente max (FLA) A 494+494 494+559 559+559 568+568 603+603 638+638 668+668
Corrente max avv. (LRA) A 890 985 1051 1016 1120 1169 1290
Fusibili esterni (A) 500+500 500+630 630+630 630+630 800+800 800+800 800+800
Sezione cavo (1) mm2 2x185+2x185 2x185+2x240 2x240+2x240 2x240+2x240 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300

(1) Il dimensionamento dei cavi di alimentazione dell’unità è comunque responsabilità dell’installatore e andrà effettuato considerando: i dati di tar-
ga, temperatura massima operativa ambiente, tipo di isolamento e posa dei cavi, lunghezza massima della linea di alimentazione

Pagina 43
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 44

Dati Tecnici

Dati Elettrici Unità Standard

SLS STD-LN / STD-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 79 115 134 151 168 184 194 204
Potenza max assorbita kW 161 181 200 215 230 250 261 272
Corrente nominale A 141 195 220 252 284 310 328 346
Corrente max (FLA) A 257 297 338 358 378 448 464 480
Corrente max avv. (LRA) A 386 460 550 650 664 483 510 521
Fusibili esterni (A) 315 315 400 400 400 500 500 500
Sezione cavo (1) mm2 240 240 2x120 2x120 2x120 2x185 2x185 2x185

SLS STD-LN / STD-ELN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 209 237 251 265 279 333 350 194+194
Potenza max assorbita kW 277 321 342 362 380 444 462 261+261
Corrente nominale A 356 405 429 453 476 551 578 328+328
Corrente max (FLA) A 490 548 583 618 648 702 752 464+464
Corrente max avv. (LRA) A 625 584 663 687 788 899 934 841
Fusibili esterni (A) 630 630 800 800 800 800 800 500+500
Sezione cavo (1) mm2 2x240 2x240 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x185+2x185

SLS STD-LN / STD-ELN 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 204+204 204+226 226+226 237+237 251+251 265+265 279+279
Potenza max assorbita kW 272+272 272+301 301+301 321+321 342+342 362+362 380+380
Corrente nominale A 346+346 346+379 379+379 405+405 429+429 453+453 476+476
Corrente max (FLA) A 480+480 480+539 539+539 548+548 583+583 618+618 648+648
Corrente max avv. (LRA) A 863 958 1011 975 1079 1128 1249
Fusibili esterni (A) 500+500 500+630 630+630 630+630 800+800 800+800 800+800
Sezione cavo (1) mm2 2x185+2x185 2x185+2x240 2x240+2x240 2x240+2x240 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300

(1) Il dimensionamento dei cavi di alimentazione dell’unità è comunque responsabilità dell’installatore e andrà effettuato considerando: i dati di tar-
ga, temperatura massima operativa ambiente, tipo di isolamento e posa dei cavi, lunghezza massima della linea di alimentazione

Pagina 44
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 45

Dati Tecnici

Dati Elettrici Unità High Efficiency

SLS HE-BLN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 86 122 142 158 174 194 204 214
Potenza max assorbita kW 168 188 208 222 236 260 271 282
Corrente nominale A 156 210 238 268 298 332 350 368
Corrente max (FLA) A 272 312 356 374 392 470 486 502
Corrente max avv. (LRA) A 401 475 568 665 678 505 532 543
Fusibili esterni (A) 315 315 400 400 400 500 500 500

Italiano
Sezione cavo (1) mm2 240 240 2x120 2x120 2x120 2x185 2x185 2x185

SLS HE-BLN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 4804
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 218 246 260 274 296 347 364 194+194
Potenza max assorbita kW 286 330 351 371 397 458 476 260+260
Corrente nominale A 376 425 449 473 513 583 610 332+332
Corrente max (FLA) A 510 568 603 638 684 734 784 470+470
Corrente max avv. (LRA) A 646 604 683 708 824 931 966 846
Fusibili esterni (A) 630 630 800 800 800 800 800 500+500
Sezione cavo (1) mm2 2x240 2x240 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x185+2x185

SLS HE-BLN 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 204+204 214+214 235+235 252+252 273+273 274+274 274+288 322+322
Potenza max assorbita kW 271+271 282+282 310+310 334+334 383+383 371+371 371+389 432+432
Corrente nominale A 350+350 368+368 399+399 422+422 452+452 473+473 473+497 540+540
Corrente max (FLA) A 486+486 502+502 559+559 608+608 638+638 638+638 638+668 668+668
Corrente max avv. (LRA) A 895 906 1051 1120 1170 1169 1190 1333
Fusibili esterni (A) 500+500 500+500 630+630 630+630 800+800 800+800 800+800 800+800
Sezione cavo (1) mm2 2x185+2x185 2x185+2x185 2x240+2x240 2x240+2x240 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300

(1) Il dimensionamento dei cavi di alimentazione dell’unità è comunque responsabilità dell’installatore e andrà effettuato considerando: i dati di tar-
ga, temperatura massima operativa ambiente, tipo di isolamento e posa dei cavi, lunghezza massima della linea di alimentazione

Pagina 45
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 46

Dati Tecnici

Dati Elettrici Unità High Efficiency

SLS HE-LN / HE-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 82 118 136 152 168 187 197 207
Potenza max assorbita kW 164 184 202 216 230 253 264 275
Corrente nominale A 146 200 224 254 284 315 333 351
Corrente max (FLA) A 262 302 342 360 378 453 469 485
Corrente max avv. (LRA) A 391 465 555 652 664 488 515 526
Fusibili esterni (A) 315 315 400 400 400 500 500 500
Sezione cavo (1) mm2 240 240 2x120 2x120 2x120 2x185 2x185 2x185

SLS HE-LN / HE-ELN 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 4804
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 209 237 251 265 284 335 352 186,5+186,5
Potenza max assorbita kW 277 321 342 362 385 446 464 252,5+252,5
Corrente nominale A 356 405 429 453 486 556 583 315+315
Corrente max (FLA) A 490 548 583 618 657 707 757 453+453
Corrente max avv. (LRA) A 625 584 663 687 797 904 939 812
Fusibili esterni (A) 630 630 800 800 800 800 800 500+500
Sezione cavo (1) mm2 2x240 2x240 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x185+2x185

SLS HE-LN / HE-ELN 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Tensione nominale V(%)-ph-Hz 400 ±10% / 3 / 50
Potenza nomin. assorbita kW 196,5+196,5 206,5+206,5 226+226 243+243 264+264 265+265 265+279 313+313
Potenza max assorbita kW 263,5+263,5 274,5+274,5 301+301 325+325 374+374 362+362 362+380 423+423
Corrente nominale A 333+333 351+351 379+379 402+402 432+432 453+453 453+476 520+520
Corrente max (FLA) A 469+469 485+485 539+539 588+588 618+618 618+618 618+648 648+648
Corrente max avv. (LRA) A 861 872 1011 1079 1129 1128 1149 1292
Fusibili esterni (A) 500+500 500+500 630+630 630+630 800+800 800+800 800+800 800+800
Sezione cavo (1) mm2 2x185+2x185 2x185+2x185 2x240+2x240 2x240+2x240 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300 2x300+2x300

(1) Il dimensionamento dei cavi di alimentazione dell’unità è comunque responsabilità dell’installatore e andrà effettuato considerando: i dati di tar-
ga, temperatura massima operativa ambiente, tipo di isolamento e posa dei cavi, lunghezza massima della linea di alimentazione

Pagina 46
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 47

Dati Tecnici

Dati Elettrici Compressori

Compressori SLS STD 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702
Numero n° 2 2 2 2 2 2 2 2
Potenza nomin. assorbita kW 2x37 2x55 2x63 63+79 2x79 2x87 87+97 2x97
Potenza max assorbita kW 2x78 2x88 2x96 96+110 2x110 2x120 120+131 2x131
Corrente nominale A 2x66 2x93 2x103 103+133 2x133 2x146 146+164 2x164
Corrente max (FLA) A 2x124 2x144 2x162 162+180 2x180 2x215 215+231 2x231
Corrente max avv. (LRA) A 2x290 2x350 2x423 423+520 2x520 2x314 314+341 2x341
Resistenza carter olio W 2x200 2x200 2x200 200+300 2x300 2x300 2x300 2x300

Italiano
Compressori SLS STD 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 5004
Numero n° 2 2 2 2 2 2 2 4
Potenza nomin. assorbita kW 97+114 2x111 111+125 2x125 2x132 149+166 2x166 2x(87+97)
Potenza max assorbita kW 131+155 2x153 153+174 2x174 2x183 204+222 2x222 2x(120+131)
Corrente nominale A 164+187 2x189 189+213 2x213 2x224 246+273 2x273 2x(146+164)
Corrente max (FLA) A 231+280 2x260 260+295 2x295 2x310 310+360 2x360 2x(215+231)
Corrente max avv. (LRA) A 341+436 2x374 374+453 2x453 2x543 586+650 2x650 2x(314+341)
Resistenza carter olio W 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 4x300

Compressori SLS STD 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404
Numero n° 4 4 4 4 4 4 4
Potenza nomin. assorbita kW 2x97+2x97 2x97+97+114 2x(97+114) 2x111+2x111 2x(111+125) 2x125+2x125 2x132+2x132
Potenza max assorbita kW 2x131+2x131 2x131+131+155 2x(131+155) 2x153+2x153 2x(153+174) 2x174+2x174 2x183+2x183
Corrente nominale A 2x164+2x164 2x164+164+187 2x(164+187) 2x189+2x189 2x(189+213) 2x213+2x213 2x224+2x224
Corrente max (FLA) A 2x231+2x231 2x231+231+280 2x(231+280) 2x260+2x260 2x(260+295) 2x295+2x295 2x310+2x310
Corrente max avv. (LRA) A 2x341+2x341 2x341+341+436 2x(341+436) 2x374+2x374 2x(374+453) 2x453+2x453 2x543+2x543
Resistenza carter olio W 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300

Pagina 47
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 48

Dati Tecnici

Dati Elettrici Compressori

Compressori SLS HE 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802
Numero n° 2 2 2 2 2 2 2 2
Potenza nomin. assorbita kW 2x37 2x55 2x63 63+79 2x79 2x87 87+97 2x97
Potenza max assorbita kW 2x78 2x88 2x96 96+110 2x110 2x120 120+131 2x131
Corrente nominale A 2x66 2x93 2x103 103+133 2x133 2x146 146+164 2x164
Corrente max (FLA) A 2x124 2x144 2x162 162+180 2x180 2x215 215+231 2x231
Corrente max avv. (LRA) A 2x290 2x350 2x423 423+520 2x520 2x314 314+341 2x341
Resistenza carter olio W 2x200 2x200 2x200 200+300 2x300 2x300 2x300 2x300

Compressori SLS HE 3002 3202 3402 3602 4202 4602 4802 4804
Numero n° 2 2 2 2 2 2 2 4
Potenza nomin. assorbita kW 97+114 2x111 111+125 2x125 2x132 149+166 2x166 2x87+2x87
Potenza max assorbita kW 131+155 2x153 153+174 2x174 2x183 204+222 2x222 2x120+2x120
Corrente nominale A 164+187 2x189 189+213 2x213 2x224 246+273 2x273 2x146+2x146
Corrente max (FLA) A 231+280 2x260 260+295 2x295 2x310 310+360 2x360 2x215+2x215
Corrente max avv. (LRA) A 341+436 2x374 374+453 2x453 2x543 586+650 2x650 2x314+2x314
Resistenza carter olio W 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 2x300 4x300

Compressori SLS HE 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Numero n° 4 4 4 4 4 4 4 4
Potenza nomin. assorbita kW 2x(87+97) 2x97+2x97 2x(97+114) 2x111+2x111 2x(111+125) 2x125+2x125 2x125+2x132 2x132+2x132
Potenza max assorbita kW 2x(120+131) 2x131+2x131 2x(131+155) 2x153+2x153 2x(153+174) 2x174+2x174 2x174+2x183 2x183+2x183
Corrente nominale A 2x(146+164) 2x164+2x164 2x(164+187) 2x189+2x189 2x(189+213) 2x213+2x213 2x213+2x224 2x224+2x224
Corrente max (FLA) A 2x(215+231) 2x231+2x231 2x(231+280) 2x260+2x260 2x(260+295) 2x295+2x295 2x295+2x310 2x310+2x310
Corrente max avv. (LRA) A 2x(314+341) 2x341+2x341 2x(341+436) 2x374+2x374 2x(374+453) 2x453+2x453 2x453+2x543 2x543+2x543
Resistenza carter olio W 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300 4x300

Pagina 48
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 49

Dati Tecnici

Dati Elettrici Ventilatori

Ventilatori SLS STD BLN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 4 4 6 7 8 8 8 8 12 12 12 12
Potenza nomin. ventil. kW 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Corr. Max assor. ventil. A 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

Ventilatori SLS STD BLN 4202 4602 4802 5004 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50

Italiano
Numero n° 12 14 14 16 16 20 24 24 24 24 24
Potenza nomin. ventil. kW 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Corr. Max assor. ventil A 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

Ventilatori SLS STD LN / STD-ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2202 2502 2702 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 4 4 6 7 8 8 8 8 12 12 12 12
Potenza nomin. ventil. kW 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25
Corr. Max assor. ventil. A 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3

Ventilatori SLS STD LN / STD-ELN 4202 4602 4802 5004 5404 5704 6004 6404 6804 7204 8404
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 12 14 14 16 16 20 24 24 24 24 24
Potenza nomin. ventil. kW 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25
Corr. Max assor. ventil. A 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3

Ventilatori SLS HE BLN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 6 6 8 8 8 10 10 10 12 12 12 12
Potenza nomin. ventil. kW 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Corr. Max assor. ventil. A 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

Ventilatori SLS HE BLN 4202 4602 4802 4804 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 16 16 16 20 20 20 24 24 24 24 24 24
Potenza nomin. ventil. kW 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Corr. Max assor. ventil. A 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

Ventilatori SLS HE LN/ELN 1402 1602 1802 1902 2002 2402 2602 2802 3002 3202 3402 3602
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 6 6 8 8 8 10 10 10 12 12 12 12
Potenza nomin. ventil. kW 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25
Corr. Max assor. ventil. A 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3

Ventilatori SLS HE LN/ELN 4202 4602 4802 4804 5204 5604 6004 6404 6804 7204 7804 8404
Alimentazione V-ph-Hz 400 ± 10% / 3/ 50
Numero n° 16 16 16 20 20 20 24 24 24 24 24 24
Potenza nomin. ventil. kW 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25 1,25
Corr. Max assor. ventil. A 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3 2,3

Pagina 49
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 50

Dati Tecnici

8.4 Posizionamento antivibranti e distribuzione carichi sugli appoggi

SLS, SLS-R 1402-2702 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN SLS, SLS-R 3002-4202 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN
SLS, SLS-R 1402-1902 HE-BLN / HE-LN / HE ELN SLS, SLS-R 2002-13002 HE-BLN / HE-LN / HE ELN

QUADRO ELETTRICO
QUADRO ELETTRICO

LATO LATO
COMPRESSORI COMPRESSORI

P1-P6 - Punti di appoggio unità P1-P8 - Punti di appoggio unità

SLS, SLS-R 4602-4802 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN SLS 5004-5404 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN
SLS, SLS-R 3202-4802 HE-BLN / HE-LN / HE ELN

QUADRO ELETTRICO QUADRO ELETTRICO

LATO LATO
COMPRESSORI COMPRESSORI

P1-P10 - Punti di appoggio unità P1-P12 - Punti di appoggio unità

Pagina 50
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 51

Dati Tecnici

SLS 5704 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN SLS 6004-8404 STD-BLN / STD-LN / STD-ELN
SLS 4804-8404 HE-BLN / HE-LN / HE ELN

QUADRO ELETTRICO QUADRO ELETTRICO

Italiano
LATO
COMPRESSORI

LATO
COMPRESSORI

P1-P14 - Punti di appoggio unità P1-P16 - Punti di appoggio unità

Pagina 51
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI
GRAVITÀ

Pagina 52
STD F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 780 650 760 620 730 600 - - - - - - - - - - 4020 4130 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
1602 780 650 760 620 730 600 - - - - - - - - - - 4040 4150 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
1802 820 730 790 690 760 660 - - - - - - - - - - 4290 4450 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
13:57

1902 900 730 890 720 870 700 - - - - - - - - - - 4650 4810 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
2002 1060 840 1010 780 950 730 - - - - - - - - - - 5210 5370 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
2202 1060 840 1010 780 950 730 - - - - - - - - - - 5210 5380 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
2502 1070 870 1020 810 960 760 - - - - - - - - - - 5310 5500 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
Pagina 52

2702 1080 880 1030 810 960 760 - - - - - - - - - - 5330 5520 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2060
3002 970 790 980 800 990 810 1010 830 - - - - - - - - 6960 7180 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 3020
SLS STD 1402 - 8404Versione BLN

3202 1100 900 1090 890 1080 890 1070 880 - - - - - - - - 7600 7890 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 3020
3402 1110 920 1100 920 1090 920 1080 910 - - - - - - - - 7760 8060 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 3020
3602 1140 940 1130 930 1120 930 1110 920 - - - - - - - - 7930 8220 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 3020
4202 1120 960 1110 950 1100 950 1090 940 - - - - - - - - 8210 8680 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 3020
4602 1430 1300 1290 1170 1200 1080 1070 950 940 810 - - - - - - 10820 11240 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4520
4802 1430 1300 1300 1170 1210 1080 1080 950 940 810 - - - - - - 10850 11270 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4520
5004 1030 830 1030 820 1020 820 1020 810 1010 810 1010 800 - - - - 10620 10990 2099 615 1208 1583 - - - - 1233 970 4050
5404 1040 830 1030 820 1030 820 1020 810 1010 810 1010 800 - - - - 10660 11030 2099 615 1208 1583 - - - - 1233 970 4050
5704 980 790 990 800 990 800 1000 810 1010 820 1020 830 1030 830 - - 12290 12690 2099 615 1208 1583 1792 1206 - - 1233 970 4830
6004 950 770 970 780 970 790 980 800 990 810 1000 820 1010 830 1020 840 13910 14350 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 990 5990
6404 1070 880 1080 880 1080 880 1080 890 1090 890 1090 890 1090 900 1100 900 15190 15780 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 990 5990
6804 1080 910 1090 910 1090 910 1090 920 1100 920 1100 930 1100 930 1110 930 15520 16110 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 990 5990
7204 1110 910 1120 920 1120 920 1130 930 1130 930 1130 930 1140 940 1140 940 15850 16440 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 990 5990
8404 1160 990 1160 990 1160 1000 1170 1000 1170 1000 1170 1010 1170 1010 1180 1010 16420 17350 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 990 5990
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI
STD F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 810 660 790 630 760 610 - - - - - - - - - - 4140 4250 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
1602 810 660 790 630 760 610 - - - - - - - - - - 4160 4270 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
1802 850 750 820 700 780 670 - - - - - - - - - - 4410 4570 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
13:57

1902 950 760 920 720 880 690 - - - - - - - - - - 4770 4930 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
2002 1090 850 1040 790 980 730 - - - - - - - - - - 5330 5490 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
2202 1100 850 1040 790 980 740 - - - - - - - - - - 5330 5500 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
2502 1110 890 1050 820 980 770 - - - - - - - - - - 5430 5620 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
Pagina 53

2702 1110 890 1060 820 980 770 - - - - - - - - - - 5450 5640 2099 615 1208 1583 - - - - - 960 2060
3002 990 790 1010 810 1020 820 1030 840 - - - - - - - - 7080 7300 2099 615 - - 1792 1206 - - - 980 3020
3202 1120 920 1110 910 1100 900 1090 890 - - - - - - - - 7720 8010 2099 615 - - 1792 1206 - - - 980 3020
3402 1130 950 1120 930 1110 930 1100 910 - - - - - - - - 7880 8180 2099 615 - - 1792 1206 - - - 980 3020
SLS STD 1402 - 8404 Versione LN/ELN

3602 1160 960 1150 940 1140 940 1130 920 - - - - - - - - 8050 8340 2099 615 - - 1792 1206 - - - 980 3020
4202 1210 1030 1190 1010 1180 1010 1170 990 - - - - - - - - 8330 8800 2099 615 - - 1792 1206 - - - 980 3020
4602 1450 1320 1310 1180 1220 1090 1080 950 940 820 - - - - - - 10940 11360 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4520
4802 1450 1330 1310 1190 1220 1090 1080 960 940 820 - - - - - - 10970 11390 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4520
5004 1050 850 1050 840 1040 840 1040 830 1030 830 1030 820 - - - - 10860 11230 2099 615 1208 1583 - - - - 1233 950 4050
5404 1060 850 1050 840 1050 840 1040 830 1030 830 1030 820 - - - - 10900 11270 2099 615 1208 1583 - - - - 1233 950 4050
5704 990 800 1000 810 1010 820 1020 830 1030 840 1040 840 1040 850 - - 12530 12930 2099 615 1208 1583 1792 1206 - - 1233 960 4820
6004 970 790 980 800 990 810 1000 820 1010 830 1020 840 1030 840 1040 860 14150 14590 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 980 5980
6404 1090 890 1090 890 1090 900 1100 900 1100 910 1110 910 1110 910 1110 920 15430 16020 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 980 5980
6804 1100 920 1100 930 1100 930 1110 930 1110 940 1120 940 1120 940 1120 950 15760 16350 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 980 5980
7204 1130 930 1130 930 1140 940 1140 940 1140 950 1150 950 1150 950 1160 960 16090 16680 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 980 5980
8404 1170 1010 1170 1010 1180 1010 1180 1020 1180 1020 1190 1020 1190 1020 1190 1030 16660 17590 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 980 5980

Pagina 53
Italiano
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI

Pagina 54
STD F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 827 691 810 670 789 653 - - - - - - - - - - 4300 4440 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
1602 836 698 820 677 799 661 - - - - - - - - - - 4340 4490 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
1802 887 785 865 755 835 733 - - - - - - - - - - 4660 4860 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
13:57

1902 994 820 988 812 980 806 - - - - - - - - - - 5180 5400 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
2002 1156 927 1114 872 1060 831 - - - - - - - - - - 5740 5960 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
2202 1162 933 1121 879 1067 838 - - - - - - - - - - 5770 6000 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
2502 1172 962 1131 909 1078 868 - - - - - - - - - - 5870 6120 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
Pagina 54

2702 1178 966 1136 911 1081 869 - - - - - - - - - - 5890 6140 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
3002 912 726 1050 864 1144 957 1282 1095 - - - - - - - - 7710 8030 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2830
3202 1043 843 1155 955 1230 1030 1342 1142 - - - - - - - - 8350 8740 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2830
SLS-R STD 1402 - 4802 Versione BLN

3402 1053 873 1166 986 1242 1062 1355 1175 - - - - - - - - 8520 8910 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2830
3602 1085 882 1198 994 1273 1070 1386 1182 - - - - - - - - 8680 9070 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2830
4202 1130 959 1240 1069 1314 1143 1424 1253 - - - - - - - - 8970 9530 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2830
4602 1326 1196 1313 1182 1303 1172 1289 1159 1275 1145 - - - - - - 11830 12360 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4210
4802 1333 1200 1318 1185 1307 1174 1292 1159 1277 1144 - - - - - - 11860 12390 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4210
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI
STD F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 858 698 842 678 822 662 - - - - - - - - - - 4420 4560 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
1602 866 704 851 684 831 669 - - - - - - - - - - 4460 4610 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
1802 918 791 896 763 868 741 - - - - - - - - - - 4780 4980 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
13:57

1902 1024 826 1019 819 1012 814 - - - - - - - - - - 5300 5520 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
2002 1187 934 1146 880 1092 839 - - - - - - - - - - 5860 6080 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
2202 1193 939 1152 886 1099 846 - - - - - - - - - - 5890 6120 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
2502 1202 968 1163 916 1111 877 - - - - - - - - - - 5990 6240 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
Pagina 55

2702 1208 972 1167 918 1113 877 - - - - - - - - - - 6010 6260 2099 615 1208 1583 - - - - - 970 2050
3002 871 796 1009 934 1102 1027 1241 1166 - - - - - - - - 7830 8150 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 2830
3202 996 919 1108 1031 1184 1107 1296 1219 - - - - - - - - 8470 8860 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 2830
3402 1003 951 1116 1064 1192 1140 1305 1253 - - - - - - - - 8640 9030 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 2830
3602 1036 961 1148 1073 1224 1149 1336 1262 - - - - - - - - 8800 9190 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 2830
SLS-R STD 1402 - 4802 Versione LN/ELN

4202 1074 1042 1184 1152 1258 1226 1368 1336 - - - - - - - - 9090 9650 2099 615 - - 1792 1206 - - - 990 2830
4602 1351 1206 1334 1189 1322 1177 1305 1160 1287 1143 - - - - - - 11950 12480 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4220
4802 1357 1210 1339 1192 1326 1179 1308 1161 1290 1142 - - - - - - 11980 12510 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1030 4220

Pagina 55
Italiano
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI

Pagina 56
HE F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 800 670 770 630 740 600 - - - - - - - - - - 4090 4210 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2050
1602 800 670 780 630 740 610 - - - - - - - - - - 4110 4230 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2050
1802 850 760 810 700 750 660 - - - - - - - - - - 4360 4530 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2050
13:57

1902 900 760 900 750 890 750 - - - - - - - - - - 4790 4950 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2050
2002 860 710 870 710 870 720 880 720 - - - - - - - - 6170 6330 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 3000
2402 880 740 880 750 890 750 890 760 - - - - - - - - 6340 6530 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 3000
2602 900 810 900 800 900 800 890 800 - - - - - - - - 6580 6800 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 3000
Pagina 56

2802 940 820 930 810 930 810 930 810 - - - - - - - - 6760 6980 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 3000
3002 1020 890 1030 900 1040 910 1060 920 - - - - - - - - 7470 7770 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 3000
SLS HE 1402 - 8404 Versione BLN

3202 1320 1170 1220 1070 1160 1000 1060 900 960 810 - - - - - - 10370 10670 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
3402 1320 1170 1230 1070 1160 1000 1060 910 970 810 - - - - - - 10400 10690 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
3602 1350 1190 1240 1090 1170 1010 1060 910 960 800 - - - - - - 10500 10790 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
4202 1410 1280 1290 1160 1210 1070 1090 950 970 830 - - - - - - 10790 11250 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
4602 1450 1320 1330 1200 1250 1120 1130 1000 1010 880 - - - - - - 11240 11700 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
4802 1460 1330 1340 1210 1250 1120 1130 1000 1010 880 - - - - - - 11270 11730 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4470
4804 880 740 880 740 880 740 880 750 880 750 890 750 890 750 890 750 12680 13050 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
5204 880 780 890 790 890 790 900 800 900 800 910 810 910 810 920 820 13160 13600 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
5604 920 800 920 800 930 800 930 810 930 810 940 820 940 820 950 830 13510 13960 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
6004 1010 870 1020 880 1030 890 1040 900 1040 910 1050 920 1060 920 1070 930 14940 15530 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
6404 1120 980 1130 980 1130 980 1130 990 1140 990 1140 990 1140 1000 1140 1000 16050 16980 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
6804 1130 980 1130 980 1130 990 1140 990 1140 990 1140 1000 1140 1000 1150 1000 16100 17020 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
7204 1130 980 1130 990 1140 990 1140 990 1140 990 1150 1000 1150 1000 1150 1000 16140 17060 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
7804 1140 1000 1150 1000 1150 1000 1160 1010 1160 1010 1160 1020 1170 1020 1170 1020 16480 17330 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
8404 1160 1000 1160 1010 1160 1010 1170 1010 1170 1010 1170 1020 1180 1020 1180 1020 16610 17460 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1010 5980
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI
HE F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 830 670 800 640 770 610 - - - - - - - - - - 4210 4330 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
1602 840 680 810 640 770 620 - - - - - - - - - - 4230 4350 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
1802 880 770 840 710 780 670 - - - - - - - - - - 4480 4650 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
13:57

1902 930 770 930 760 920 760 - - - - - - - - - - 4910 5070 2099 615 1208 1583 - - - - - 980 2050
2002 880 710 890 720 890 720 900 730 - - - - - - - - 6290 6450 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 3000
2402 900 750 910 750 910 760 920 760 - - - - - - - - 6460 6650 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 3000
2602 930 810 920 810 920 810 920 800 - - - - - - - - 6700 6920 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 3000
Pagina 57

2802 960 820 960 820 960 820 950 810 - - - - - - - - 6880 7100 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 3000
3002 1040 890 1060 910 1070 920 1080 930 - - - - - - - - 7590 7890 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 3000
3202 1350 1180 1250 1080 1180 1010 1080 910 970 800 - - - - - - 10490 10790 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
3402 1350 1180 1250 1080 1180 1010 1080 910 980 810 - - - - - - 10520 10810 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
SLS HE 1402 - 8404 Versione LN /ELN

3602 1380 1200 1270 1090 1190 1020 1080 910 970 800 - - - - - - 10620 10910 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
4202 1440 1290 1310 1160 1230 1080 1100 960 980 830 - - - - - - 10910 11370 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
4602 1480 1340 1350 1210 1270 1130 1140 1000 1020 880 - - - - - - 11360 11820 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
4802 1480 1340 1360 1210 1270 1130 1150 1000 1020 880 - - - - - - 11390 11850 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1010 4470
4804 890 760 900 760 900 760 900 760 900 760 900 770 900 770 910 770 12920 13290 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
5204 900 800 900 810 910 810 910 810 920 820 920 820 930 830 930 830 13400 13840 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
5604 930 810 940 820 940 820 950 830 950 830 960 830 960 840 960 840 13750 14200 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
6004 1020 890 1030 900 1040 910 1050 920 1060 920 1070 930 1070 940 1080 950 15180 15770 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
6404 1140 990 1140 1000 1150 1000 1150 1000 1150 1000 1150 1010 1160 1010 1160 1010 16290 17220 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
6804 1140 1000 1150 1000 1150 1000 1150 1000 1150 1010 1160 1010 1160 1010 1160 1020 16340 17260 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
7204 1150 1000 1150 1000 1150 1000 1150 1010 1160 1010 1160 1010 1160 1010 1170 1020 16380 17300 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
7804 1160 1010 1160 1020 1170 1020 1170 1020 1170 1030 1180 1030 1180 1030 1190 1040 16720 17570 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980
8404 1170 1020 1180 1020 1180 1020 1180 1030 1190 1030 1190 1030 1190 1050 1200 1040 16850 17700 2099 615 - - 1792 1206 - - 1233 1000 5980

Pagina 57
Italiano
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Peso in Peso di P1-P12 CENTRO DI

Pagina 58
HE F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 846 711 824 683 796 661 - - - - - - - - - - 4370 4520 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2040
1602 853 716 832 688 804 667 - - - - - - - - - - 4420 4560 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2040
1802 917 816 878 765 827 726 - - - - - - - - - - 4740 4930 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2040
13:57

1902 995 847 997 850 999 851 - - - - - - - - - - 5320 5540 2099 615 1208 1583 - - - - - 1000 2040
2002 827 669 917 760 978 820 1068 911 - - - - - - - - 6730 6950 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 2840
2402 842 701 936 794 999 857 1092 950 - - - - - - - - 6920 7170 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 2840
2602 869 766 955 852 1013 910 1099 996 - - - - - - - - 7170 7460 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 2840
Pagina 58

2802 904 778 989 863 1047 921 1132 1006 - - - - - - - - 7340 7640 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 2840
3002 985 845 1088 948 1157 1017 1260 1120 - - - - - - - - 8060 8420 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1010 2840
3202 1252 1093 1241 1081 1233 1074 1222 1062 1210 1051 - - - - - - 11130 11520 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
SLS-R HE 1402 - 4802 Versione BLN

3402 1255 1094 1243 1083 1236 1075 1224 1064 1213 1053 - - - - - - 11150 11540 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
3602 1251 1089 1262 1101 1270 1109 1282 1120 1294 1132 - - - - - - 11510 11910 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
4202 1310 1174 1307 1171 1305 1169 1303 1167 1300 1164 - - - - - - 11800 12370 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
4602 1352 1221 1349 1219 1348 1217 1345 1214 1342 1212 - - - - - - 12290 12820 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
4802 1358 1225 1355 1222 1352 1219 1348 1215 1344 1211 - - - - - - 12320 12850 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4180
SLS2-it.qxp

POSIZIONE POSIZIONE
SLS Pesi di distribuzione (kg) Pesi in Pesi di P1-P12 CENTRO DI
HE F1 F2 F3 F4 F5 F6 F7 F8 F9 F10 F11 F12 F13 F14 F15 F16 Spedizione funzione GRAVITÀ
( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) ( kg ) a (mm) b (mm) c (mm) d (mm) e (mm) f (mm) g (mm) h (mm) i (mm) x (mm) y (mm)
Dati Tecnici
29-06-2007

1402 876 717 855 690 827 669 - - - - - - - - - - 4490 4640 2099 615 1208 1583 - - - - - 990 2040
1602 885 723 864 696 837 675 - - - - - - - - - - 4540 4680 2099 615 1208 1583 - - - - - 990 2040
1802 948 823 910 773 860 735 - - - - - - - - - - 4860 5050 2099 615 1208 1583 - - - - - 990 2040
13:57

1902 1026 854 1028 857 1031 859 - - - - - - - - - - 5440 5660 2099 615 1208 1583 - - - - - 990 2040
2002 794 731 885 822 946 883 1036 973 - - - - - - - - 6850 7070 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2850
2402 807 765 900 858 963 921 1056 1014 - - - - - - - - 7040 7290 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2850
2602 830 834 916 920 973 978 1059 1064 - - - - - - - - 7290 7580 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2850
Pagina 59

2802 863 846 949 932 1006 989 1092 1075 - - - - - - - - 7460 7760 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2850
3002 939 920 1042 1024 1111 1093 1215 1196 - - - - - - - - 8180 8540 2099 615 - - 1792 1206 - - - 1000 2850
3202 1277 1103 1262 1088 1252 1078 1237 1064 1222 1049 - - - - - - 11250 11640 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190
3402 1280 1105 1265 1090 1255 1081 1241 1066 1226 1051 - - - - - - 11270 11660 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190
3602 1276 1100 1284 1108 1289 1114 1298 1122 1306 1130 - - - - - - 11630 12030 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190
SLS-R HE 1402 - 4802 Versione LN/ELN

4202 1334 1184 1328 1178 1324 1174 1318 1168 1312 1162 - - - - - - 11920 12490 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190
4602 1376 1232 1370 1226 1366 1222 1360 1216 1354 1210 - - - - - - 12410 12940 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190
4802 1383 1236 1376 1229 1371 1224 1364 1217 1357 1210 - - - - - - 12440 12970 2099 615 - - 1792 1206 1776 838 - 1020 4190

Pagina 59
Italiano
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 60

Dati Tecnici

8.5 Dimensioni d’ingombro


SLS R134a Versione STD 1402-2702 - SLS R134a Versione HE 1402-1902

SLS R134a Versione STD


Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua ventil.
1402
410 2250 80 DN125 4
1602
1802 6
1902 7
1250
2002
450 2200 160 DN150
2202
8
2502
2702

SLS R134a Versione HE


Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua ventil.
1402
410 2250 80 DN125 6
1602
1250
1802
450 2200 160 DN150 8
1902

USCITA
ACQUA
ENTRATA ACQUA

Pagina 60
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 61

Dati Tecnici

SLS R134a Versione STD 3002-4202 - SLS R134a Versione HE 2002-3002

SLS R134a Versione STD


Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua E ventil.
3002 450 2700 160 DN150 4
3202
3402 1250 467 12
3200 195 DN200 3168
3602
4202 500

Italiano
SLS R134a Versione HE
Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua E ventil.
2002 8
2200
2402
450 160 DN150
2602 1250 3772 10
2700
2802
3002 465 2630 245 DN200 12

USCITA ACQUA ENTRATA ACQUA

Pagina 61
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 62

Dati Tecnici

SLS R134a Versione STD 4602-4802 - SLS R134a Versione HE 3202-4802

SLS R134a Versione STD


Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua ventil.
4602
1250 500 3130 270 DN200 14
4802

SLS R134a Versione HE


Entrata Uscita n°
UNITÀ A B C D acqua acqua ventil.
3202
14
3402 457
3200 195
3602
1250 DN200
4202
16
4602 500
3130 270
4802

ENTRATA
ACQUA

USCITA
ACQUA

I disegni dimensionali delle unità SLS 134a STD 5004-8404 e HE 4804-8404 non sono disponibili.

Pagina 62
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 63

Dati Tecnici

SLS-R R134a Versione STD 1402-1802 - SLS-R R134a Versione 1402-1802

SLS-R R134a STD Versione


Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
1402
410 2250 80 DN125 4
1602 1250 G21/2
1802 450 2200 160 DN150 6

Italiano
SLS-R R134a HE Versione
Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
1402
410 2250 80 DN125 6
1602 1250 G21/2
1802 450 2200 160 DN150 8

USCITA
ACQUA

USCITA ENTRATA
ACQUA ACQUA
ENTRATA
ACQUA

Pagina 63
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:57 Pagina 64

Dati Tecnici

SLS-R R134a Versione STD 1902-2702 - SLS-R R134a Versione HE 1902

SLS-R R134a STD Versione


Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
1902 7
2002
2202 1250 450 2200 160 DN150 G3 8
2502
2702

SLS-R R134a HE Versione


Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
1902 1250 450 2200 160 DN150 G3 8

USCITA
ACQUA

USCITA ENTRATA
ACQUA ACQUA
ENTRATA
ACQUA

Pagina 64
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 65

Dati Tecnici

SLS-R R134a Versione HE 2002-3002

SLS-R R134a HE Versione


Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
2002 8
2200
2402
450 160 DN150 G3
2602 1250 10
2700
2802
3002 465 2630 245 DN200 12

Italiano
USCITA
ACQUA

ENTRATA
ACQUA ENTRATA
ACQUA

USCITA
ACQUA

Pagina 65
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 66

Dati Tecnici

SLS-R R134a Versions STD 3002-4202

SLS-R R134a STD Versione


Evaporatore Condensatore
Entrata Uscita Entrata Uscita N°
UNITÀ A B C D acqua acqua acqua acqua Ventil.
3002 450 2700 160 DN150
3202
3402 1250 467 G4 12
3200 195 DN200
3602
4202 500

USCITA
ACQUA

ENTRATA ENTRATA
ACQUA ACQUA
USCITA
ACQUA

Pagina 66
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 67

Dati Tecnici

SLS-R R134a Versions STD 4602-4802 - SLS-R R134a Versione HE 3202-4802

SLS-R R134a STD Versione


Evaporatore Condensatore

UNITÀ A B C D E F G H In Out In Out
Ventil
4602 .
3130 500 1663 700 300 210 270 DN200 G5 14
4802

SLS-R R134a HE Versione


Evaporatore Condensatore

Italiano

UNITÀ A B C D E F G H In Out In Out
Ventil
3202 .
2254 2384 390 130 33 G4 14
3402
3200 467 194
3602
DN200
4202
1663 700 300 210 G5 16
4602
3130 500 270
4802

USCITA
ACQUA

ENTRATA USCITA ENTRATA


ACQUA ACQUA ACQUA

Pagina 67
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 68

Dati Tecnici

8.6 Spazi di Rispetto


Unità SLS Tutti i modelli

Installazione di Unità Singole

mm 3000

mm 2000

mm 2000 mm 2000

mm 2000

Installazione di Più Unità


A1 WALL A A2

1.5mm
1.5

WALL D WALL B
WALL A
A1 A2 A3

1.5 m
2.0mm
2.0

WALL D WALL B

1.0 1.0 m
2.0mm
WALL C WALL C

ARRANGEMENT 1 ARRANGEMENT 2

A e C GRIGLIATE A e B PIENE B e D GRIGLIATE A e B GRIGLIATE A e D GRIGLIATE


B e D PIENE C e D PIENE A e C PIENE C e D PIENE B e C PIENE
A1 A2 A3 A1 A2 A3 A1 A2 A3 A1 A2 A3 A1 A2 A3
Disposizione 1 (m) 2 2 2 2 1.5 1.5 1.5 1.5 1.0 2 1.5 1.5 2
Disposizione 2 (m) 2 2 2 2 2 2 1.5 2 1.5 1.0 2 2 2 2 2
Una sola parete può avere un’altezza superiore a quella delle unità.
L’area racchiusa tra le pareti deve essere mantenuta libera da ogni ostacolo che possa ostacolare il libero afflusso dell’aria verso la(e) unità.

Pagina 68
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 69

Manutenzione

9 MANUTENZIONE Manutenzione programmata

Leggere attentamente la sezione del presente ma-

Di fine stagione
Di inizio stagione
nuale dedicata alla Sicurezza, prima di compiere
qualsiasi intervento di manutenzione.

Giornaliere

Settimanali
Operazioni
Evitare nel modo più assoluto di immettere

Mensili
il refrigerante in atmosfera all’atto dello
scarico dai circuiti refrigeranti. Usare invece
le adeguate attrezzature di recupero.
Quando il refrigerante recuperato non può Controllo temperatura
essere riutilizzato, dovrà essere reso al pro- fluido in uscita •
duttore.

Italiano
Controllo perdite di carico
scambiatore •
Non buttare mai l’olio vecchio del compres-
sore, poiché contiene refrigerante in solu- Controllo assorbimento
zione. L’olio usato dovrà essere reso al pro- elettrico •
duttore. Controllo pressione e
temperatura di aspirazione •
Salvo indicazione contraria, le operazioni descritte Controllo pressione e
qui di seguito potranno essere eseguite solo da un temperatura di mandata •
responsabile della manutenzione adeguatamente Controllo livello olio
addestrato. compressore •
9.1 Requisiti generali Controllo assenza bolle
di gas nella linea del liquido •
Le unità Itelco-Industry sono state progettate per po-
Controllo pulizia alette
ter funzionare continuamente a patto che vengano
sottoposte a regolare manutenzione e che vengano batteria esterna (se presente) •
esercite entro i limiti precisati in questo manuale. Controllo funzionalità
Ogni unità deve essere manutenuta secondo pro- riscaldatori olio •
gramma dall’Utente/Cliente ed ispezionata regolar-
mente da parte di personale di un Centro di Assi- Controllo condizione
stenza Itelco-Industry autorizzato. teleruttori •
Controllo funzionalità
È responsabilità dell’Utente soddisfare tali esigenze pressostato bassa pressione •
manutenzione e/o stipulare un accordo con un Cen-
tro di Assistenza Itelco-Industry in modo da proteg- Controllo funzionalità
gere adeguatamente il funzionamento dell’apparec- pressostato alta pressione •
chio. Controllo isolamento
Se durante il periodo di garanzia si verificassero
scambiatore di calore •
danni o guasti a causa di manutenzione impropria,
l’Itelco-Industry non risponderà dei costi necessari ri-
Controllo serraggio morsetti •
Controllo serraggio viti
pristino dello stato originale dell’apparecchio. morsettiere •
Quanto precisato in questa sezione vale solo per Pulizia esterna dell’unità
unità standard, a seconda dei requisiti d’ordine, po- con acqua e sapone •
trà essere aggiunta della documentazione che ri- Controllo densità antigelo
guarda modifiche o accessori supplementari. (se presente) • •
9.2 Manutenzione programmata Controllo funzionalità
flussostati •
I controlli di manutenzione devono essere effettuati
secondo il programma predisposto a seguito e da Verifica funzionamento
persona qualificata. valvole solenoidi • •
Si noti comunque che di norma le unità non sono ri-
parabili direttamente dall’utente, il quale dovrà evi-
tare dunque di tentare di porre rimedio a guasti o ad
anomalie riscontrate durante i controlli giornalieri. In
caso di dubbi, rivolgersi sempre al Servizio Assisten-
za Itelco-Industry.

Pagina 69
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 70

Manutenzione

9.3 Carica di refrigerante I Dopo 8000 ore di lavoro eseguire una ispezione
visiva sul grado di usura delle valvole di aspirazio-
Evitare assolutamente di immettere liquido ne e scarico. Se necessario eseguire una sostituzio-
refrigerante sul lato del circuito a bassa ne di tali componenti. Se i compressori lavorano
pressione. Fare molta attenzione a caricare con frequenti accensioni e spegnimenti o in condi-
il circuito correttamente. Se la carica non è zioni operative particolarmente dure, è buona pra-
sufficiente, il rendimento dell’unità sarà in- tica ridurre questo periodo a 5000 ore. Questo
feriore al previsto. Nel peggiore dei casi si tempo è comunque indicativo.
potrebbe attivare il pressostato di bassa I Dopo 24000 ore di lavoro eseguire una revisione
pressione con conseguente arresto dell’u- generale del compressore. Se i compressori lavo-
nità. rano meno del 40% dell’anno allora la revisione
Se invece la carica è eccessiva, si avrà un può essere effettuata ogni circa 5 anni. Questo pe-
aumento della pressione di condensazione riodo dipende dal tipo di applicazione, le condi-
(nel peggiore dei casi si potrebbe attivare il zioni di lavoro la lunghezza dei cicli di accensione
pressostato ad alta pressione con conse- e spegnimento.
guente arresto dell’apparecchio) che avrà
come conseguenza l’aumento di consumo.
Se il compressore dovesse essere sostituito
È assolutamente vietato usare il compresso- (a causa di bruciatura dell’avvolgimento o
re come pompa a vuoto per spurgare l’im- di guasto meccanico), rivolgersi a uno dei
pianto. Centri di Assistenza Itelco-Industry.
I compressori utilizzano olio poliestere. Du-
rante gli inter venti di manutenzione sul
compressore, o in caso si dovesse aprire in
La carica del circuito refrigerante deve essere ese- qualsiasi punto il circuito refrigerante, tener
guita dopo lo scarico a scopi di manutenzione (per- presente che questo tipo di olio è molto
dite, sostituzione del compressore ecc.). La quantità igroscopico ed è quindi essenziale evitare
della carica è riportata sulla targhetta apposta sull’u- l’esposizione all’atmosfera per lunghi pe-
nità. riodi, che richiederebbe la sostituzione del-
l’olio.
Prima della ricarica, è essenziale spurgare a vuoto e
deidratare il circuito, ottenendo un valore minimo di 9.5 Batterie
pressione assoluta pari a 50 Pa.
Le batterie del condensatore sono composte da tubi
Immettere fluido refrigerante prima per eliminare il di rame e da alette di alluminio. Nell’eventualità di
vuoto, poi caricare il circuito sino al 90% della ri- perdite dovute a danni o ad urto, le spirali dovranno
chiesta totale di gas in forma liquida. La carica deve essere riparate o sostituite da uno dei Centri di Assi-
essere effettuata attraverso la valvola di carico predi- stenza autorizzati Itelco-Industry. Per la massima fun-
sposta sulla linea del liquido sul lato uscita del con- zionalità della batterie del condensatore, è essenzia-
densatore. le mantenere la massima pulizia della superficie del
condensatore e verificare che non vi siano depositi
Si raccomanda di collegare quindi la bombola del di materie estranee, quali foglie, fili, insetti, scorie
refrigerante alla valvola di carico disposta sulla li- ecc. Se la batteria è sporca, l’assorbimento di ener-
nea del liquido, e disporla in modo da immettere so- gia elettrica aumenta. Inoltre l’allarme di massima
lo il refrigerante in forma liquida. pressione potrebbe essere attivato e portare all’arre-
sto dell’unità.
Avviare poi il compressore e lasciare fluire il gas dal-
la bombola fino a che il flusso di liquido osservabile Fare attenzione a non danneggiare le alet-
attraverso il vetro spia sia limpido. te di alluminio in fase di pulizia.

9.4 Compressore
La frequenza dei controlli da effettuare sui compres-
sori dipende da molti fattori, primo tra tutti le condi- La pulizia del condensatore deve essere effettuata
zioni di lavoro. È comunque consigliabile seguire i con un getto d’aria compressa a bassa pressione di-
seguenti suggerimenti: retto parallelamente alle alette di alluminio e in dire-
zione opposta rispetto alla circolazione dell’aria.
I Dopo 300 ore di funzionamento controllare le con-
dizioni dell’olio: una certa quantità di impurità pro- Per pulire la batteria si può anche usare un aspirato-
veniente dal sistema può accumularsi nell’olio com- re, oppure un getto di acqua e sapone.
pressori.
I Controllare annualmente l’acidità dell’olio.

Pagina 70
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 71

Manutenzione

9.6 Ventilatori – Usando un termometro a contatto applicato al rac-


cordo di uscita del gas dell’evaporatore, rilevare
I ventilatori del condensatore di tipo assiale sono la temperatura effettiva (Tse).
completi di girante con pale a profilo aerodinamico
e di un boccaglio cilindrico. I cuscinetti del motore Calcolo del surriscaldamento (S):
sono lubrificati a vita.
Prima di avviare l’apparecchio, in seguito a inter- S = Tse - Tsa
venti di manutenzione che avessero comportato lo
stacco dei collegamenti trifase, controllare che la di- La regolazione del surriscaldamento è effettuata in-
rezione di rotazione dei ventilatori sia quella indica- tervenendo sulla valvola termostatica d’espansione.
ta dalla freccia (corrente d’aria verso l’alto). Se la di- Far ruotare di un giro completo la vite di regolazione
rezione di rotazione è errata, invertire due delle tre e far funzionare l’apparecchio per cinque minuti.
fasi di alimentazione al motore. Controllare nuovamente e se necessario ripetere la

Italiano
regolazione.
9.7 Filtro disidratatore
Se si nota che la valvola di espansione non risponde
I circuiti refrigeranti dispongono di filtri disidratatori. alla regolazione, con tutta probabilità è guasta e do-
I filtri sono del tipo a cartuccia idonei all’ispezione. vrà essere sostituita. La sostituzione deve essere ese-
L’intasatura del filtro è evidenziata dalla presenza di guita da uno dei Centri d’Assistenza.
bolle d’aria nella spia vetro, oppure da uno sbalzo
tra la temperatura rilevata a valle e quella rilevata a 9.10 Evaporatore
monte del filtro essiccatore.
Se si nota che, anche dopo la pulizia della cartuccia, Controllare regolarmente che il lato acqua dello
le bolle d’aria rimangono, significa che l’apparecchio scambiatore di calore sia ben pulito. Questo control-
ha perso parte della carica di refrigerante in uno o lo si esegue rilevando la perdita di carico lato acqua
più punti, che dovranno essere identificati e riparati. (vedi Sezione 8) oppure misurando la temperatura
del liquido in uscita ed in ingresso dello scambiatore
9.8 Vetro spia di calore e raffrontandola alla temperatura di evapo-
razione.
Il vetro spia serve per l’ispezione del flusso di refrige-
rante e del tenore d’umidità del refrigerante. La pre- Perché lo scambio di calore sia efficiente, lo scarto
senza di bolle indica l’occlusione del filtro disidrata- tra la temperatura d’uscita dell’acqua e la tempera-
tore oppure che la carica è scarsa. tura d’evaporazione satura dovrebbe essere com-
All’interno del vetro spia si trova un indicatore di co- presa tra 5 e 7°C. Uno scarto più alto indica la scar-
lore. Dal raffronto tra il colore dell’indicatore e la sa efficienza dello scambiatore di calore, cioè che lo
scala disposta sull’anello del vetro spia si può calco- scambiatore è sporco.
lare la percentuale d’umidità del refrigerante. Se è In tal caso lo scambiatore di calore dovrà essere sot-
eccessiva, sostituire la cartuccia filtro, far funzionare toposto a pulizia chimica, un’operazione che deve
l’apparecchio per un giorno e quindi controllare essere eseguita dai tecnici autorizzati.
nuovamente la percentuale d’umidità.
Per altri interventi di manutenzione (revisioni ecce-
Quando la percentuale d’umidità rientra nei limiti zionali, sostituzione dello scambiatore ecc.) rivolger-
prestabiliti, non occorrono altri interventi. Se comun- si ad uno dei Centri d’Assistenza autorizzati.
que la percentuale d’umidità continua ad essere
troppo alta, sostituire nuovamente il filtro disidratato- 9.11 Desurriscaldatore e condensatore
re, avviare l’unità e farlo funzionare per un altro per recupero totale di calore
giorno.
Verificare ad intervalli regolari che il lato acqua del-
9.9 Valvola di espansione termostatica lo scambiatore sia perfettamente pulito. Per fare ciò,
misurare la perdita di carico lato acqua (vedi Capi-
Il circuito delle unità dispone di una valvola di tolo 8) o misurare la temperatura in ingresso e in
espansione termostatica con equalizzatore esterno. uscita dallo scambiatore.
La taratura della valvola è effettuata in fabbrica per
un surriscaldamento di 5°C. Al fine di ottenere un effettivo recupero di calore ef-
fettuare le seguenti verifiche:
Procedura per verificare il surriscaldamento:
- desurriscaldatore: la differenza tra la temperatura
– Rilevare la pressione d’aspirazione usando i ma- di ingresso e di uscita dallo scambiatore deve risulta-
nometri predisposti sul quadro dell’unità oppure un re pari all'incirca a 5°C.
manometro collegato alla valvola di servizio sul la-
to aspirazione. - condensatore per recupero totale di calore: la diffe-
– Dalla scala di temperatura del manometro, rilevare renza tra la temperatura dell'acqua in uscita e la
la temperatura di aspirazione satura (Tsa) che cor- temperatura satura di condensazione deve risultare
risponde al valore della pressione. pari all'incirca a 10°C.

Pagina 71
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 72

Ricerca Guasti

10 RICERCA GUASTI

Nella tabella a seguito sono elencati le anomalie di funzionamento dell’unità, le relative cause e gli interven-
ti correttivi. Per anomalie di altro tipo o non elencate, richiedere l’assistenza tecnica, a uno del Centri di Assi-
stenza autorizzati Itelco-Industry.

Anomalia Causa Intervento


L’unità funziona Carica refrigerante insufficiente. Ricaricare.
continuamente, ma senza
raffreddamento. Occlusione filtro disidratatore. Sostituire.

Ghiaccio sulla linea di Errata taratura del surriscaldamen- Aumentare il surriscaldamento.


aspirazione. to. Controllare la carica.
Rumorosità eccessiva. Vibrazione delle linee. Controllare le staffe di bloccaggio
(se presenti).
Sibilo emesso dalla valvola termo- Ricaricare.
statica di espansione.
Controllare filtro disidratatore.
Compressore rumoroso. Cuscinetti grippati; sostituire il com-
pressore.
Controllare che i dadi di bloccaggio
del compressore siano ben stretti
Livello olio compressore Una o più fughe di gas o di olio nel Identificare ed eliminare perdite.
basso. circuito.
Guasto meccanico del compresso- Richiedere l’inter vento di uno dei
re. Centri di Assistenza
Anomalia del riscaldatore olio del Controllare il circuito elettrico e la re-
basamento del compressore. sistenza del riscaldatore del basa-
mento motore, e sostituire i compo-
nenti difettosi.

Pagina 72
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 73

Ricerca Guasti

Anomalia Causa Intervento


Mancato funzionamento Interruzione del circuito elettrico. Controllare circuito elettrico e rilevare
di uno o di entrambi dispersioni a massa e corto circuiti.
i compressori. Controllare fusibili.
Intervento del pressostato di alta Resettare il pressostato ed il quadro
pressione. comandi e riavviare l’apparecchio.
Identificare ed eliminare la causa del-
l’intervento del pressostato.
Bruciatura fusibile del circuito di Controllare dispersione a massa e
controllo. corto circuiti. Sostituire fusibili.

Italiano
Morsetti lenti. Controllare e stringere.
Arresto per sovraccarico termico Controllare il funzionamento dei di-
del circuito elettrico. spositivi di controllo e di sicurezza.
Identificare ed eliminare la causa.
Cablaggio errato. Controllare cablaggio dei dispositivi
di controllo e di sicurezza.
Tensione di linea troppo bassa. Controllare tensione. Se i problemi
sono inerenti al sistema, eliminarli. Se
i problemi sono dovuti alla rete distri-
butiva, avvisare l’Azienda elettrica.
Corto circuito del motore del com- Controllare la continuità dell’avvolgi-
pressore. mento.
Grippaggio del compressore. Sostituire compressore.
Intervento allarme Perdita di gas. Identificare ed eliminare perdita.
di bassa pressione,
arresto dell’unità. Carica insufficiente. Ricaricare.
Guasto del pressostato Sostituire pressostato.
Intervento allarme Guasto del pressostato. Controllare funzionalità pressostato,
di alta pressione, arresto sostituire se difettoso.
dell’unità.
Valvola di mandata parzialmente Aprire valvola, sostituire se difettosa.
chiusa.
Sostanze con condensabili nel cir- Spurgare circuito.
cuito.
Ventilatore (i) del condensatore fer- Controllare cavi e motore.
mo. Se difettoso riparare o sostituire.
Linea del liquido troppo Carica insufficiente. Identificare ed eliminare cause di per-
calda. dita di carica e ricaricare.
Brinatura della linea Valvola della linea del liquido par- Controllare che la valvole siano
del liquido. zialmente chiusa. aperte.
Occlusione del filtro del liquido. Sostituire cartuccia o filtro.

Pagina 73
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 74

Ricambi

11 RICAMBI
11.1 Lista parti di ricambio
La tabella a seguito riporta la lista delle parti di ri-
cambio consigliate per i primi due anni di funziona-
mento.

Componente Numero
Pressostato alta pressione 1
Filtro gas 2
Valvola termostatica 2
Relè ausiliari 2
Fusibili ventilatore 6
Fusibili compressore 6
Fusibili ausiliari 6
Set contattori compressore 1
Contattore ventilatore 1
Sensore acqua 1
Sensore aria 1
Trasduttore di pressione alta 1
Trasduttore di pressione bassa 1
Scheda elettronica 1
Tastiera 1
Resistenza olio compressore 1

11.2 Olio per compressore


I compressori sono lubrificati con le seguenti tipolo-
gie di olio:

Compressor
Refrigerant Oil
brand
REFCOMP R134a DEA SE 170
BITZER R134a BITZER BSE 170

11.3 Schemi elettrici


Gli schemi elettrici sono applicati all’interno delle
portine quadri elettrici dell’unità. Eventuali richieste
di schemi elettrici dovranno essere inviate al Service
Itelco-Industry.

Pagina 74
SLS2-it.qxp 29-06-2007 13:58 Pagina 75

Dismissione, Smontaggio e Rottamazione

12 DISMISSIONE, SMONTAGGIO Eseguito il drenaggio, le tubazioni delle reti idrauli-


E ROTTAMAZIONE che possono venire scollegate e smontate.

Durante l’evacuazione dei circuiti frigoriferi Dopo essere state scollegate come è stato precisato,
non lasciare mai sfuggire refrigerante in at- le unità monoblocco possono di solito essere smonta-
mosfera. L’evacuazione deve essere esegui- te in un solo pezzo. Dapprima occorre smontare le
ta usando appropriate apparecchiature di viti di ancoraggio e poi sollevare l’unità dalla posi-
recupero. zione in cui era installata, agganciandola ai punti di
sollevamento in essa predisposti ed usando appa-
Non disperdere mai in ambiente l’olio usa- recchiature di sollevamento adeguate.
to dei compressori in quanto contiene del
refrigerante dissolto. A questo scopo fare riferimento al Capitolo 4 che ri-
guarda l’installazione di questi apparecchi, al Capi-

Italiano
tolo 8 per i loro pesi e al Capitolo 3 per la loro movi-
mentazione. Le unità che, dopo essere state scolle-
Chiedere informazioni all’autorità competente per gate, non riescono ad essere rimosse in un solo pez-
l’eventuale smaltimento. zo devono essere smantellate in loco, facendo parti-
colare attenzione al peso ed alla movimentazione di
Salvo diversa indicazione le operazioni di manuten- ogni loro componente.
zione di seguito descritte possono essere eseguite
da qualsiasi tecnico di manutenzione specificamente È sempre preferibile smantellare le unità seguendo
addestrato. un ordine inverso rispetto a quello della loro installa-
zione.
12.1 Generalità
In talune parti dell’unità possono restare
Aprire ogni linea che alimenta l’unità, comprese dei residui di olio, di acqua glicolata o solu-
quelle dei circuiti di controllo. Accertarsi che tutti i zioni simili. Tali residui devono essere recu-
sezionatori siano bloccati in posizione di apertura. I perati e smaltiti con le modalità prima pre-
cavi di alimentazione possono anche venire scolle- cisate.
gati e smontati. Fare riferimento al Capitolo 4 per
quanto riguarda la posizione dei punti di collega- È particolarmente importante fare in modo che men-
mento. tre un componente dell’unità viene rimosso tutti gli al-
tri risultino supportati in modo sicuro.
Asportare tutto il refrigerante contenuto nei circuiti
frigoriferi dell’unità ed immagazzinarlo in contenito- Usare solo apparecchiature di sollevamento
ri adatti usando un gruppo di recupero. Se le carat- aventi portata adeguata.
teristiche sono rimaste integre il refrigerante può ve-
nire riutilizzato. Chiedere informazioni all’autorità
competente per l’eventuale smaltimento. In NESSU-
NA circostanza il refrigerante deve essere scaricato
in atmosfera. L’olio contenuto in ogni circuito frigori- Una volta smontati i componenti dell’unità, essi pos-
fero deve venire drenato per essere raccolto in un sono essere smaltiti secondo le norme vigenti.
contenitore adatto e poi smaltito in conformità alle
norme locali che concernono lo smaltimento dei lu-
brificanti esausti. Tutto l’olio che sfugge deve essere
recuperato e smaltito nello stesso modo.

Isolare gli scambiatori dell’unità dai circuiti idraulici


esterni e drenare le sezioni di scambio termico del-
l’impianto. Se non sono state previste valvole d’inter-
cettazione potrebbe rivelarsi necessario drenare l’in-
tero impianto.

Se nei circuiti idraulici è stata usata una so-


luzione glicolata o un fluido similare oppure
se all’acqua in circolo sono stati aggiunti
degli additivi chimici, il fluido in circolo DE-
VE essere smaltito in un modo appropriato.
Per NESSUN motivo un circuito che contiene
acqua glicolata o una soluzione analoga
deve essere scaricato direttamente in un si-
stema fognario o in acque di superficie.

Pagina 75
BCover SWS-SWR 5 lingue.qxp 29-06-2007 14:44 Pagina 3

ITELCO - INDUSTRY si riserva il diritto di apportare modifiche ai prodotti e alle caratteristiche dei modelli senza preavviso.
Le immagini dei prodotti sono puramente indicative e non sono soggette ad alcun vincolo contrattuale.

ITELCO - INDUSTRY - Via XXV Aprile, 29 - Barlassina (Mi) Italy - Tel. +39 0362 6801 - Fax +39 0362 680281