You are on page 1of 5

thegoodly.

com

mercoledì 31 agosto 2011
Carlo

GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 27 DI
Välkommen tillbaka Goodlier. Bene ora lo scanner lo conosci un po’ e lo devi comprare, giusto? Come lo scelgo?

La scannerizzazione di un supporto tipo carta, foto, documento, rivista, ecc. produce effetti diversi tra loro. La qualità della digitalizzazione dipende da diversi fattori: 1. La qualità dei componenti elettronici utilizzati dal costruttore per produrre il dispositivo. 2. La gamma e profondità dei colori riconoscibili (gamma dinamica e gamma di densità). 3. La risoluzione reale dello scanner. Il primo requisito determina la fascia di prezzo del dispositivo, ma non è il solo per questo parametro. Il secondo indica la capacità del dispositivo di rappresentare i colori. Il valore è espresso in bit e tanto più grande è questo numero, maggiore è la gamma quindi le varie tonalità dei colori che lo scanner è in grado di riconoscere/interpretare. Il terzo è quello su cui i produttori “giocano” molto e può trarre facilmente in inganno. Se conosci un po’ di fotocamere e/o videocamere digitali capirai subito quanto stai per leggere. Quando usi uno di questi dispositivi e inizi ad ingran-

Printed with

joliprint

http://www.thegoodly.com/2011/08/guida-al-computer-lezione-27-di.html

Page 1

thegoodly.com
GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 27 DI

mercoledì 31 agosto 2011

dire con lo zoom l’immagine ripresa dall’obiettivo, ti accorgi che all’inizio essa è nitida poi raggiunto un certo valore noti, dal visore, come una leggera commutazione. L’immagine si fa sgranata, a quadrettini, non più bella insomma. Da quell’istante è entrato in gioco (inizia a lavorare) lo zoom digitale ossia l’ingrandimento dovuto non più all’ottica, quindi alla parte reale della fotocamera e/o videocamera, ma ad “un’immaginazione” da parte del software di come potrebbe essere l’immagine ingrandita a quel dato valore. Goodlier, rispondi a questa domanda. Che senso ha possedere un valore di zoom, numericamente parlando, elevato o grandissimo ma non poterlo utilizzare perché si scivola in un campo indecente di qualità d’immagine? Quindi, per le videocamere e/o fotocamere lo zoom reale (ottico) è il valore determinante per la qualità a fronte dello zoom digitale; per gli scanner è il valore numerico della risoluzione reale (ottica) ed è quello che, a mio avviso, devi assolutamente valutare per l’acquisto. Ad esso si contrappone il valore definito dal termine di “interpolazione” o “risoluzione interpolata”, che in pratica è il valore «immaginato» via software se devi far uso di risoluzione di scannerizzazione superiori al valore reale fornito dallo scanner.
joliprint

maggiore sarà questo valore migliore sarà la qualità della scannerizzazione. I collegamenti? All’inizio c’era il cavo parallelo, ma non siamo più dinosauri vero? Quindi e naturalmente U.S.B. Il più utilizzato in assoluto ad oggi. Ciò è valido sia per le stampanti/scanner multifunzione sia per i dispositivi unici, a sé stanti(standalone). E’ ovvio che ci sono anche i senza fili, vedi scanner portatile alla lezione n°26. Come lo uso?

Printed with

Il parametro risoluzione è espresso con l’unità di misura detta “DPI” (Dots Per Inch – Punti Per Pollice) e fornito con un valore determinato da una moltiplicazione tipo 1200 x 2400 dpi. Tanto

http://www.thegoodly.com/2011/08/guida-al-computer-lezione-27-di.html

Page 2

thegoodly.com
GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 27 DI

mercoledì 31 agosto 2011

Quando lo acquisti all’interno della confezione troverai, tra l’altro, un CD. Inserendolo nel lettore potrai installare i driver per far in modo che il sistema operativo lo possa comandare ed inoltre il software di gestione dello stesso. Durante l’installazione di norma ti verrà indicato il momento in cui collegare il dispositivo tramite cavo U.S.B. ed altri programmi da installare. Sempre viene fornito anche un programma di elaborazione grafica (editing) che potrai utilizzare per ottimizzare la post-scannerizzazione. Sta a te decidere se installare programmi di contorno. Direi comunque come forma di approccio a tutte le installazioni, non eseguire mai l’installazione standard o “default” ma quella personalizzata. Anche se potrà sembrarti più difficile in realtà ottimizzerai il processo ed installerai sempre l’essenziale per non ingolfare il disco rigido ed il sistema operativo; soprattutto se hai già installato programmi che eseguono le medesime funzioni. Al temine dell’installazione potrai eseguire la tua prima scannerizzazione. Utilizzare il programma dedicato installato e/o qualsiasi altro software di gestione grafica.

Printed with

joliprint

http://www.thegoodly.com/2011/08/guida-al-computer-lezione-27-di.html

Page 3

thegoodly.com
GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 27 DI

mercoledì 31 agosto 2011

All’interno delle opzioni dello stesso potrai selezionare la fonte di acquisizione. Troverai una sigla che ricorda lo scanner che stai utilizzando o in alternativa l’acronimo T.W.A.I.N.; seleziona quella che di queste trovi per acquisire tramite il tuo scanner. Se non possiedi altri dispositivi di acquisizione questo passaggio puoi tranquillamente saltarlo. Ora inserisci il supporto sul vetro interno allo scanner e chiudi il coperchio. Sul pannello di controllo del programma di gestione, troverai un pulsante di preacquisizione (preview). Cliccandoci sopra inizierà il processo di scannerizzazione rapida a bassa qualità. Al termine selezionerai col mouse la porzione di supporto da importare, la risoluzione dell’acquisizione ed altri parametri che col tempo scoprirai ed imparerai ad utilizzare. Avviando la digitalizzazione, sul tuo monitor comparirà il pieno splendore della tua foto, pagina, documento o qualsivoglia supporto. Ti ho citato la presenza di tasti rapidi. Se presenti, ti permettono di accedere a dei processi rapidi come:

Tutto questo per semplificarci la vita. Come “li amo….” E la manutenzione?

Printed with

• Eseguire la scannerizzazione. • Eseguire una copia da salvare e/o archiviare. • Eseguire la scannerizzazione ed inviarla via E-mail • Eseguire la scannerizzazione con riconoscimento ottico dei caratteri (termine O.C.R.) che ti permette di importare una pagina scritta (documento, libro) e editarla poi con un programma di scrittura (tipo Word o Write) • Eseguire la scannerizzazione e convertirla in formato PDF.
http://www.thegoodly.com/2011/08/guida-al-computer-lezione-27-di.html

joliprint

Page 4

thegoodly.com
GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 27 DI

mercoledì 31 agosto 2011

La pulizia della superficie è l’unica attenzione che devi curare. Non serve usare prodotti aggressivi in quanto parliamo di vetro e nemmeno l’uso di panni ruvidi è indicato. Verosimilmente dovrai togliere polvere ed un po’ di grasso lasciato dalle tue dita. Quindi un panno di cotone per la sola polvere; umido con acqua per le ditate. Troppo grasso? Allora vai nei negozi specializzati in vendita di prodotti informatici ed acquista il kit di pulizia che utilizzerai anche per pulire la superficie del tuo monitor. Non basta? Usa la carta abrasiva. Della serie pulisci e getta. Un grande saluto Goodlier Stay Tuned ed alla prossima. Hallå. Carlo Foto di: Come lo scelgo? - Grant Cochrane http://www. freedigitalphotos.net/images/Signage_g309-Plan_A_ Plan_B_A_Chalkboard_p45349.html Come lo uso? – Digitalart http://www.freedigitalphotos.net/images/Sports_g372-Father_Teach_Baseball_p41988.html E la manutenzione? - Suat Eman http://www.freedigitalphotos.net/images/Cleaning_and_Washing_ g274-Cleaning_Set_p2751.html

Printed with

joliprint

http://www.thegoodly.com/2011/08/guida-al-computer-lezione-27-di.html

Page 5