You are on page 1of 2

Allenare il settore giovanile

:
caratteristiche dell’allenatore.

Ogni persona che si appresta ad allenare , cerca di mettere in campo i propri credi calcistici. Nel
settore giovanile, l’allenatore è una figura molto importante perché ogni ragazzo tende a
somigliare al suo allenatore , vendendo in lui il proprio idolo da seguire. Proprio per questo un
allenatore delle giovanile deve avere del precise caratteristiche per far crescere al meglio i ragazzi
dell’attività di base.
Un allenatore del settore giovanile deve essere una persona equilibrata, una persona con
personalità per imporre le regole del gruppo, una persona che faccia il suo lavoro con coscienza e
dedizione. Deve essere una persona professionalmente preparata, che si aggiorna costantemente
e confronta con i suoi colleghi. Deve capire i giocatori in ogni momento: capire se si trova in un
momento difficile, aprire il dialogo e aiutare a risolvere i problemi.
Un buon allenatore programma il proprio lavoro. Un errore che speso si commette è arrivare al
campo senza sapere gli obbiettivi da perseguire durante quella seduta. Così facendo si rischia di
entrare in campo con i ragazzi presenti non sapendo che esercitazione svolgere, perdendo così la
fiducia dei ragazzi e non dare una continuità al lavoro. Proprio per questo l’allenatore deve
arrivare al campo con un anticipo sufficiente da poter preparare tutto l’occorrente per la seduta, e
dare anche così il buon esempio di puntualità ai ragazzi.
A mio avviso l’allenatore deve possedere il giusto equilibrio tra conoscenze tecnico-tattiche e
psicologiche, a volte un incoraggiamento fatto bene può essere più di aiuto di un ordine tattico.
Lavorando con i giovani calciatori una cosa importante è farli appassionare agli allenamenti e al
gioco del calcio. Quella di variare il più possibile gli allenamenti, senza proporre sempre le stesse
esercitazioni che possono far annoiare i ragazzi non facendoli così lavorare al meglio, è la ricetta
giusta per farli entusiasmare. Esercitazioni diverse esaltano l’entusiasmo dei ragazzi creando
armonia e sportività all’interno del gruppo.
I ragazzi tendono , con il loro entusiasmo, a creare danni! Il buon allenatore deve anche riuscire a
far rispettare le regole e di conseguenze le attrezzature messe loro a disposizione e le persone
dello staff che li circonda.
Oggi i ragazzi sono molto diversi da quelli cresciuti anni fa. Ogni ragazzo trascorre molto tempo
davanti alla tv, ai videogames e al computer, perdendo così la loro voglia di esplorazione con un
conseguente bagaglio motorio-coordinativo molto limitato. Proprio per questo bisogna proporre
loro esercitazioni che facciano riacquistare e aumentare il bagaglio coordinativo e motorio.
L’organizzazione dell’annata calcistica deve essere svolta all’inizio della stagione. In base ai ragazzi
a disposizione si danno gli obbiettivi da raggiungere, a prescindere dei risultati delle partite. Per
svolgere al meglio questo lavoro, cercando di raggiungere gli obbiettivi prefissati , devono essere
previsti almeno tre giorni a settimana, con ogni seduta di 1 ora e 30 minuti almeno.
In tutte le categorie ogni seduta di allenamento è divisa in una fase iniziale di messa in moto, una
fase centrale che prevede esercitazioni sull’obbiettivo della seduta, e una fase finale che prevede
una partita collettiva con gioco libero o a tema.
Purtroppo non sempre è possibile svolgere tutte le esercitazioni programmate a causa di vari
fattori che costringono a cambiare le situazioni di allenamento: condizioni meteorologiche
avverse, assenza di diversi componenti del gruppo, e per questo bisogna essere bravi a modificare
in corsa la propria programmazione.

I RAPPORTI CON I GENITORI

I genitori dei ragazzi dei settori giovanili, specie fino alla categoria esordienti , sono molto presenti
sul campo specie durante le partite. C’è chi è presente anche agli allenamenti e alla fine vuole
suggerirci qualcosa per il nostro bene, ma in fondo in fondo vuole sostituire le sue scelte alle
nostre.
È normale che ci sia all’interno del “gruppo “ genitori chi vede il proprio figlio come migliore degli
altri, oppure poco impiegato o impiegato in un ruolo non congeniale alle caratteristiche del figlio.
Bisogna sempre dare spiegazioni e chiarimenti ai genitori che ne chiedono il bisogno,senza però
entrare in questioni tattiche. Bisogna far capire che la loro preoccupazione per i figli deve essere
rivolta a problemi educativi, sociali, medici .
Devono cercare nell’ambiente calcistico che il figlio frequenta un “ambiente sano”.
Un ambiente sano è un ambiente pulito, dove i ragazzi sono a contatto con persone educate, con
attrezzature sufficientemente adeguate a svolgere una buona attività fisica, che abbia la capacità
di unire tutte le persone che ne fanno parte.
Cercare di aiutare e migliorare l’ambiente con suggerimenti e critiche costruttive, per far lavorare
al meglio il proprio figlio in un ambiente capace di crescere oltre che un giocatore ma anche una
persona leale, equilibrata e serena , disponibile al confronto con gli altri per crescere sempre di
più.

Angelo Iervolino
Allenatore calcio giovanile