Egregio Signor Sindaco del Comune di Seveso, dott.

Massimo Donati, Egregio Signor Presidente del Consiglio Comunale di Seveso, dott. Massimo Vaccarino,

premesso che il 29 aprile 2011 è stata approvata all’unanimità una delibera di Consiglio Comunale nella quale si facevano le seguenti premesse 1. la Città di Seveso vanta un diritto di proprietà pieno ed esclusivo sul territorio dei passaggi a livello, come dimostrato dagli estratti catastali; 2. sui passaggi a livello coesistono diritti di passaggio di pari valenza e portata pubblicistica del “servizio pubblico strada” e del “servizio pubblico ferrovia”, diritti che hanno lo stesso valore collettivo, entrambi pariteticamente meritevoli di tutela; 3. l’eventuale servitù esistente a carico della strada a favore della ferrovia “deve ritenersi costituita col minor aggravio del fondo servente”, ovvero della strada (vigente Codice Civile, art.1065) 4. “il fondo dominante - nella fattispecie la ferrovia - non può fare innovazioni che rendano più gravosa la condizione del fondo servente – nella fattispecie la strada” (vigente Codice Civile, art.1067); 5. “le intersecazioni delle ferrovie con le strade pubbliche ordinarie è fatta con tali disposizioni da non nuocere alla libertà, sicurezza e regolarità dei servizi ed usi pubblici relativi” ( vigente testo unico sulle ferrovie RD.1447/1912); 6. “I concessionari di ferrovie [... ] hanno l'obbligo di osservare le condizioni e le prescrizioni imposte dall'ente proprietario per la conservazione della strada e per la sicurezza della circolazione" (vigente Codice della strada, art.28); 7. la chiusura delle barriere stesse, prima del passaggio di ogni convoglio, deve essere assicurata dall’azienda esercente, con idonei sistemi di esercizio” (D.P.R. n. 753/1980);

premesso che le suddette norme, citate solo in estrema sintesi, descrivono la parità di dignità tra servizio pubblico strada e servizio pubblico ferrovia; ricordato che, al contrario, i contratti di servizio stipulati tra Regione Lombardia e Trenord e Ferrovienord per lo svolgimento del servizio ferroviario trascurano completamente questa pari dignità e in particolare trascurano, come fattore di qualità nello svolgimento del trasporto ferroviario, un rapporto rispettoso dei diritti inalienabili dei territori attraversati, generando un servizio pubblico economicamente irresponsabile e generatore di costi impropri a carico della collettività; considerato che la delibera citata in premessa incaricava la Giunta Comunale di ingiungere al concessionario ferroviario, Ferrovienord,

1. di dimostrare che le modalità di gestione dell'esercizio ferroviario da esso attuate fossero conformi alle normative sin qui richiamate; 2. di specificare quali fossero le norme o le convenzioni che avessero consentito addirittura il triplicamento dei transiti ferroviari in 30 anni senza alcuna approvazione da parte degli enti locali; 3. dare conto dei modi e dei termini di equilibrato contemperamento tra le esigenze del trasporto su ferro e quelle della funzionalità della circolazione stradale; considerato che, con medesima delibera, il Consiglio Comunale ha anche chiesto di accertare la violazione delle norme di sicurezza della viabilità pubblica a seguito delle prolungate chiusure dei passaggi a livello; considerato che il Codice della strada permette di sanzionare le ferrovie che con sistemi di esercizio non idonei compromettono “la conservazione della strada e la sicurezza della circolazione” creando continui ingorghi e pericolosi tallonamenti; considerato che a distanza di 7 mesi dall’approvazione di tale delibera, questo Consiglio Comunale non ha avuto alcuna notizia nè se l’ingiunzione sia stata redatta, né del suo contenuto, nè dell’avvenuta consegna, nè dei provvedimenti presi per l’accertamento della violazione delle norme di sicurezza della viabilità pubblica; si interroga la Giunta comunale per conoscere 1. 2. 3. 4. il testo dell’ingiunzione trasmesso a Ferrovienord; i tempi in cui è stata trasmessa; eventuali documenti di risposta; qual è l’assessorato responsabile di tali compiti; 5. chi è stato delegato all’accertamento della violazione delle norme di sicurezza della circolazione sulla viabilità pubblica a seguito delle prolungate chiusure dei passaggi a livello e quanti e quali rapporti scritti sono stati stilati a tale scopo.

Seveso, 29.11.2011
Consigliere Comunale e Capogruppo Lista Civica Sevesoviva Daniele Tagliabue