You are on page 1of 28

KUMI!

Rapporto 2001/2011

Dopo dieci (kumi) anni, possiamo tagliare gli alberi cresciuti dai primi semi che abbiamo piantato nel villaggio di Pomerini, in Tanzania. Questo il nostro primo grande risultato: i nostri alberi, insieme ai sogni di tante altre persone dei villaggi dellaltopiano di Iringa, sono diventati talmente grandi che sono pronti per essere lavorati. Dieci anni di cooperazione sono tanti: come alberi, siamo diventati pi grandi. Abbiamo cambiato forma e aggiunto nuovi rami e nuove comunit, in Italia e in Africa, ma anche in Nepal. Sempre pi persone, nei pi svariati territori, ci chiedono di portare i nostri progetti sulle loro terre. Non siamo stati solo coltivatori: siamo diventati anche apicoltori, medici, falegnami, insegnanti, autisti di ambulanza. Ma lo spirito rimasto quello di chi coltiva: in Tanzania, nel 2010 ,abbiamo ricevuto il Premio del Presidente per la conservazione delle fonti dacqua, piantumazione e cura degli alberi. Avremmo potuto anche montarci un po la testa, ma siamo rimasti dei coltivatori, terrestri con i piedi e le radici ben piantati alla terra. Il nostro futuro sempre ben chiaro davanti ai nostri occhi ed rappresentato dal nostro logo: anche nei prossimi anni continueremo a camminare insieme ad altri popoli, scambiandoci le scarpe e, talvolta, le direzioni. Sempre grazie allimpegno e al contributo di volontari, sostenitori e amici che camminano insieme a noi... SAFARI NJEMA - BUON VIAGGIO Francesco Picciotto Presidente di Tulime onlus

KUMI!

Tulime, in swahili coltiviamo!, unassociazione italiana fatta da persone che cooperano con altre persone in paesi tradizionalmente considerati in via di sviluppo. Convinti del fatto che lidea di sviluppo vada completamente ribaltata e che certamente non corrisponde a quella diffusa nei paesi tradizionalmente sviluppati, coltiviamo su terre difficili e povere, dal sud al nord del mondo. Coltiviamo per il miglioramento della vita quotidiana delle persone e delle comunit. Grazie allimpegno di volontari e sostenitori, offriamo supporto allagricoltura e allallevamento, promuoviamo listruzione e la salute delle persone e delle comunit, lavoriamo nel campo della sostenibilit ambientale e dellaffermazione dei diritti degli esseri umani... sempre coltivando il rispetto e la cura della dignit umana, lincontro tra persone di culture diverse e la pace tra i popoli.
3/28

IUQ

LO VEDIAMO DA

COME coltiviamo!

Nellottica di avviare nuove forme di cooperazione e di mantenere una grande leggerezza, abbiamo deciso di chiedere ad alcune persone in Italia di riunirsi in comunit (scuole, classi, gruppi di amici, colleghi dufficio, ecc.) che adottino un villaggio, facendosi carico del reperimento fondi per la realizzazione dei progetti necessari allo sviluppo di quel villaggio. Gruppi di persone che da quel momento assumeranno il nome del villaggio adottato, e che si riuniscano con una ragione precisa, trasformando la solidariet in unoccasione di crescita personale e di gruppo.

La cooperazione di comunit

La cooperazione internazionale allo sviluppo stata una grande novit emersa nel ventesimo secolo. Guerre, povert, catastrofi naturali, situazioni di abbandono avrebbero avuto un impatto ancora pi grave se non ci fosse stata la risposta puntuale di persone, gruppi, organizzazioni e governi disposti ad intervenire. Grandi temi come il divario Nord Sud, la disuguaglianza dei mercati, il debito internazionale o le politiche ambientali sono entrati nelle nostre case grazie allimpegno di campagne e organismi della cooperazione internazionale. Ma tutto questo passato. Oggi il mondo della cooperazione in crisi e il concetto stesso di aiuto allo sviluppo appare superato. Crisi di senso, perch non si sa pi verso quale sviluppo realistico muoversi. E crisi di efficacia, perch spesso conta pi la visibilit dei donatori che il risultato per i beneficiari. Occorre allora ripensare la cooperazione in un mondo che non pi quello del Novecento. Occorre fermarsi e riflettere. Darsi il tempo. Da questa riflessione nasce un approccio nuovo che quello della Cooperazione di Comunit che si propone come un invito ad abbandonare la retorica dellaiuto perch nessuno solo povero e ad oltrepassare la logica dellemergenza perch agire responsabilmente significa prendersi il tempo per conoscere. Unaltra idea della cooperazione, che esige un pensiero diverso. Un incontro fra territori e persone per conoscersi, arricchirsi reciprocamente e considerarsi parte di un comune destino. Con il rischio, o forse il merito, di dover ripensare anche se stessi e il mondo in cui si vive. Da Darsi il tempo Idee e pratiche per unaltra cooperazione internazionale Mauro Cereghini e Michele Nardelli, Editrice Missionaria Italiana, 2008

IN ITALIA Sede Nazionale: via Salvatore Agnelli 5, 90129 - Palermo Tel/fax +39.091.42.74.60 sito: www.tulime.org email: info@tulime.org

DOVE coltiviamo!

Sedi operative e villaggi collegati. - Palermo - Pomerini/Tanzania - Palermo - Chhaling/Nepal - Roma - Masege e Winome/Tanzania - Napoli - Lukani/Tanzania - Viadana - Kihesa Mgagao/Tanzania - Villa Castelli e Latiano - Kitowo/Tanzania - Palermo - Ukumbi/Tanzania -Palermo, Padova, Bolognetta, Modica - Mtitu/ Tanzania -Isola delle Femmine (PA) - Mawambala/ Tanzania Altre sedi operative in Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Marche, Abruzzo, Umbria e Sardegna

Referenti sedi operative regionali Elisa Piz Trentino Alto Adige Gianni Netto Lazio Elisabetta Poli Veneto Gianluca Cacciotto e Gabriella Deriu Sardegna Silvana Sanguinetti Piemonte Laura dallAira Toscana Guido Rossi Abruzzo Viviana Rasulo Campania Caterina Moscetti Umbria Vincenzo Di Martino Marche

Animatori di villaggio Cristina Pensabene Palermo-Pomerini Sabina Cannizzaro Palermo-Ukumbi Giuseppe Di Leo Kitowo-Latiano Cesare Boldrini Viadana-Kihesa Mauro Burgio Isola delle FemmineMawambala Licia Masi Palermo-Chhaling Cinzia Cardoni, Giovanna Barletta e Rosa Spalatro Roma- Masege Maria Grazia Vindigni Modica -Mtitu

5/28

Progetti a favore del comparto agroforestale: zootecnia


*Importo complessivo
2.588 - Regione Siciliana

Il direttivo di Mawaki
Nel corso delle attivit in Tanzania, Tulime ha favorito la nascita di una ONG locale: Ma.wa.Ki. acronimo di Shirika la Maendeleo ya watu wa Kilolo, trad. Associazione per lo sviluppo della Provincia di Kilolo). Attraverso MawaKi, le oltre 1000 persone dei villaggi rurali di Kilolo che ne fanno parte rilevano i bisogni delle loro comunit e, insieme a Tulime, studiano e realizzano progetti per migliorare la vita quotidiana delle persone (vedi anche la cooperazione di comunit). In Nepal il nostro referente Hira Nepal (Helping Hands for Reconstruction & Rural Area Development Nepal). Lefficacia dei progetti lunico vero strumento di comunicazione presso le comunit locali e presso i nostri donatori. I referenti dei nostri progetti sono le stesse comunit di ogni villaggio alle quali chiediamo di dotarsi di forme associative che permettano di individuare i bisogni della collettivit e di progettare soluzioni autogestibili e replicabili senza interventi esterni.

Con CHI coltiviamo

6/28

*Importo complessivo
3.040 - Fondi Tulime

*Importo complessivo
760- Fondi Tulime

Supporto al sistema scolastico interventi *Importo complessivo strutturali 1.988- Regione Siciliana
la scuola primaria di Pomerini - Msengela

*Supporto agli asili di


Pomerini (dal 2001)
Il progetto consiste nellarricchimento del pasto giornaliero di cento bambini con latte e zucchero, nella fornitura di materiali di consumo e nella formazione e retribuzione delle maestre.

*Importo complessivo
12.160,00 - Fondi Tulime

*Costruzione della scuola

primaria a Pomerini -Msengela (2003/2006)


Il progetto ha portato alla realizzazione di una scuola che riesce ad accogliere oltre 500 bambini e 20 insegnanti, ed stata dotata di servizi igienici e di case per gli insegnanti. La scuola stata completata nel 2006.

*Importo complessivo
15.000 - Fondi Tulime

7/28

Progetti a supporto del sistema scolastico interventi strutturali

*Creazione dormitori per la

scuola primaria di Pomerini (2006)


il progetto stato attivato al fine di garantire un alloggio a 72 ragazzi che arrivano dai villaggi limitrofi o da pi lontano.

*Importo complessivo
10.500- Fondi Tulime

*Costruzione delle case dei maestri

nella scuola di Ukumbi (2007/2008)

*Importo complessivo
2.000 - Fondi Tulime

4 maestri e le loro rispettive famiglie hanno beneficiato di questi alloggi

*Costruzione

dellostello della scuola secondaria di Kitowo Importo complessivo (2008/2009). 70 ragazzi hanno potuto *5.000 - Fondi Tulime
beneficiare della struttura per essere pi vicini alla scuola e poter frequentare con regolarit

*Ampliamento

e dotazione della scuola primaria di Mawambala *Importo complessivo (2007/2009) Sono state costruite 18.000 - Fondi Tulime
5 classi nuove e sono state dotate di impianto idrico per non sovraccaricare laltra struttura gi esistente che sfiora le mille presenze (con picchi di 250 ragazzi per classe) e per non costringere i ragazzi di questa nuova zona abitata in espansione a dover fare pi di 12 chilometri al giorno.

Linaugurazione dei dormitori nella scuola di Pomerini

Lasilo di Kitowo *Importo complessivo


10.540 - Fondi Tulime

*Fornitura dei libri di testo e costruzione dellostello per la


di un villaggio talmente grande che ha 11 scuole primarie. Con la costruzione dellostello oltre 50 ragazze hanno la possibilit di pernottare nella scuola. Tulime ha anche costruito limpianto idrico e servizi igienici. I libri sono stati forniti direttamente alla scuola (che ospita complessivamente 500 studenti.

scuola secondaria di Lukani (2008) lunica scuola secondaria

*Importo complessivo
7000- Fondi Tulime

*Costruzione dei servizi igienici e delle case dei maestri


nella scuola primaria di Khiesa Mgagao (2007/2008)
Beneficiano di questo progetto 400 bambini e 8 insegnanti.

*Importo complessivo
19.000- Fondi Tulime

*Costruzione e gestione asili nel villaggio di Lukani


(2007/2010). I tre asili di Lukani ogni anno accolgono
rispettivamente 130 bambini nellasilo di Lukani, 50 bambini in quello di Isuka e 50nellasilo di Mifugu. Viene inoltre fornito il supporto alimentare per tutti i bambini.

*Importo complessivo
8.400- Fondi Tulime

*Supporto alla gestione dellasilo di Kitowo (2007).

Sono circa 130 i bambini che ogni anno frequentano questo asilo. Tre sono le maestre che lo gestiscono.

*Importo complessivo
7.000- Fondi Tulime

*Completamento delle case dei maestri nella scuola


famiglie hanno beneficiato di questi alloggi.

primaria di Masege (2007/2008). 8 maestri e le loro rispettive

9/28

Progetti a supporto del sistema scolastico interventi strutturali * Costruzione e gestione dellasilo di

I ragazzi della scuola di Kihesa

Mtitu (2008/2010) Tre maestre e oltre 100

bambini e le loro famiglie beneficiano di questo nuovo asilo. Importo complessivo 8.100 Fondi Tulime

* Costruzione della primina a Kihesa


Mgagao (2009). Cinquanta bambini
complessivo 3.000 Fondi Tulime

beneficiano di questa nuova classe. Importo

* Costruzione della primina a Masege


(2009). Importo complessivo 1.800 Fondi Tulime

* Costruzione ostello, servizi igienici

e fornitura libri di testo per la scuola secondaria di Udzungwa (2009/2010)

stato costruito un dormitorio e i relativi servizi igienici per 60 ragazze. La scuola ospita pi di 600 studenti. Importo complessivo 24.690 Fondi
Tulime e Regione Siciliana.

* Dotazione di impianto elettrico con


Fondi Regione Siciliana.

pannelli solari per la scuola secondaria di Kitowo (2009). Importo complessivo 8.000

* Dotazione di impianto elettrico con


Tulime.

pannelli solari per la scuola secondaria di Ukumbi (2010) Importo complessivo 800 Fondi

* Ristrutturazione servizi igienici della


scuola primaria di Kitowo (2011/2011)
Importo complessivo 2.500 Fondi Tulime.

* Costruzione servizi igienici nella nuova


scuola secondaria di Isuka (Lukani) (2010) Importo complessivo 500 Fondi Tulime.

*Corso di formazione per ragazzi delle scuole

secondarie nellambito dei lavori di falegnameria (2006)

Nel 2006, tre ragazzi della scuola secondaria di Pomerini hanno potuto frequntare dei corsi per diventare falegnami. Terminato il corso, sono stati assunti presso la falegnameria di Pomerini. Importo complessivo 2.000 - Fondi Regione Siciliana

Supporto al sistema scolastico progetti per facilitare laccesso allistruzione


*Importo complessivo

*Borse di studio per studenti della scuola secondaria

Il Governo della Tanzania non riesce a garantire listruzione secondaria per tutti gli i ragazzi e le ragazze del Paese. Per questo, ogni anno, vengono fatte delle selezioni e garantito laccesso alle scuole secondarie per gli studenti pi meritevoli del paese. Chi non ce la fa a passare questa selzione resta fuori. Dal 2001 Tulime favorisce laccesso alla scuola secondaria per i tanti ragazzi che non possono permettersi di pagare le tasse scolastiche e garantisce un supporto (totale o parziale) alle famiglie con il corredo scolastico. I risultati conseguiti dai borsisti sono eccellenti: alcuni di loro sono arrivati a laurearsi. La maggior parte ha restituito somma della borsa di studio per permettere ad altri ragazzi di continuare a studiare. Abbiamo cominciato con pochi studenti a Pomerini, ma dal 2005 le borse di studio sono state distribuite nei villaggi circostanti. 2007 Sono state fornite 80 borse di studio: Pomerini - 55; Kitowo - 7; Ukumbi - 8; Kihesa - 3; Lukani - 4; Mtitu - 1; Masege - 1; Mawambala - 1. 2008 Sono state fornite 196 borse di studio: Kitowo - 26; Masege 4; Mtitu - 24; Lukani - 33; Mawambala - 23; Pomerini - 49; Ukumbi - 37; Kihesa - 58 2009 Sono state fornite 319 borse di studio: Lukani - 33; Mtitu - 20; Masege - 16; Ukumbi 65; Mawambala - 38; Kitowo - 39; Pomerini - 63; Kihesa - 40 2010 Sono state fornite 373 borse di studio: Lukani - 51; Mtitu - 48; Masege - 23; Ukumbi 52; Mawambala - 57; Kitowo - 49; Pomerini - 55; Kihesa - 38 Stato di avanzamento al gennaio del 2011 Sono state fornite 373 borse di studio Winome - 39; Lukani 51; Mtitu - 30; Masege 12; Ukumbi 35; Mawambala 75; Kitowo 45; Pomerini 74; Kihesa - 22.

91.420 - Fondi Tulime e Regione Siciliana

1431

ragazzi e ragazze hanno potuto frequentare le scuole secondarie grazie alle borse di studio.

11/28

Progetti a favore della allevatori dei villaggi zootecnia *Supporto agli Mgagao, Lukani per ladi Pomerini, Kitowo, Kihesa creazione e
La vasca per la disinfestazione del bestiame di Pomerini

gestione di vasche di disinfestazione (2002/2009)

Nei villaggi dellaltopiano cera la necessit di organizzare un presidio sanitario per la soluzione dei problemi legati alla presenza dei parassitari che costituiscono la maggiore causa di mortalit dei bovini. Dal 2002 Tulime ha favorito la costruzione e la gestione di vasche di disinfestazione per i capi di bestiame. Nel corso dei primi sei mesi di attivit della prima vasca, la mortalit dei vitell si ridotta dell80%. Nel corso degli anni sempre pi allevatori hanno avuto accesso alle vasche di disinfestazioni e nuovi villaggi ne hanno richiesto la costruzione nelle rispettive comunit. Tulime fornisce anche lantiparassitario necessario la disinfestazione. Al 2011 le vasche costruite e gestite sono 6.Importo complessivo 10.800
Fondi Regione Siciliana.

*Vaccinazione

(2008/2009). Nel 2008 hanno beneficiato di questo progetto


1800 famiglie Importo complessivo 1.988 Fondi Regione Siciliana.

per un anno per i polli di otto villaggi

*Vaccinazione per un anno dei quasi 4.000 suini di otto


villaggi (2009/2010). Nel 2009 hanno beneficiato di questo progetto 1800 famiglie.Importo complessivo 1.988 Fondi Regione
Siciliana.

*Avviamento

di piccoli allevamenti presso persone disagiate (2008/2010). Sono state acquistate 80 galline e sono
state affidate alle persone che versavano in condizioni di disagio in ogni villaggio per dare loro la possibilit di avviare un piccolo allevamento che potr garantire loro di soddisfare alcuni bisogni fondamentali.Importo complessivo 24.184 Fondi Regione Siciliana.

*Supporto

agli allevatori per la creazione di stalle (2008/2009) Nei villaggi di Masege e Kitowo sono state costruite stalle in cemento per 10 famiglie.Importo complessivo 4.040 Fondi
Regione Siciliana e Tulime.

*Brevi

Nel 2008, tutti gli allevatori dei villaggi di Lukani, Mtitu, Masege, Ukumbi, Mawambala, Kitowo, Pomerini, Kihesa hanno frequentato un corso di formazione per prevenire e curare le malattie dei capi di bestiame .Importo complessivo 760 Fondi Regione Siciliana e Tulime

corsi di aggiornamento per la cura dei bovini

12/28

La filiera del legno


DAL SEME AILA SEDIA La produzione di essenze da legno stata la prima scelta per il riequilibrio delleconomia del villaggio di Pomerini. Lavvio della produzione del legname ha attivato allinterno del villaggio una serie di progetti che hanno portato, come parte finale del processo alla trasformazione in falegnameria del legno prodotto (legname da costruzione, semilavorati, mobili, ecc.). Parte di questi lavorati, poi viene devoluto alle scuole. Questo settore d lavoro a oltre 20 famiglie.

*Importo complessivo
3.040 - Fondi Tulime

*Importo complessivo
760- Fondi Tulime

*Progetto Adotta un ettaro

*Importo complessivo
1.988- Regione Siciliana

In dieci anni si sono stati coltivati oltre 300 ettari e sono stati impiantati pi di 500mila alberi. Oltre alla manutenzione e il mantenimento del patrimonio boschivo, nel 2009, attorno ai campi forestali, sono state create le fasce tagliafuoco. Importo complessivo 30564 Fondi: Tulime e
Regione Siciliana.

il premio
Progetti a favorepiantato da campo del comparto nel 2001: Tulime Msitu agroforestale: Watoto, ovvero zootecnia il campo dei bambini
Gli alberi del primo

Nel 2010 la Tanzania ha conferito il Premio del Presidente per la conservazione delle fonti dacqua, piantumazione e cura degli alberi a Tulime. Infatti sono

500mila
gli alberi piantati da Tulime sullaltopiano di Iringa

6/30

Progetti a favore del comparto agroforestale: forestazione

Il vivaio forestale del villaggio di Pomerini

*Creazione e gestione del vivaio forestale (2001)

Strettamente connessa al progetto Adotta un Ettaro stata lesigenza di creare un vivaio che sopperisse alla necessit immediata di produrre, a costi ridotti, le piantine da impiantare nei campi acquistati, oltre ad altre essenze da vendere sul mercato locale. Il vivaio impiega 2 operai fissi e 8 stagionali oltre al coordinatore e lassistente del coordinatore e produce circa 140.000 piantine lanno. Dal 2010 il vivaio collegato anche al Progetto Distretto Frutticolo di Kilolo al quale fornisce supporto e risorse umane per la produzione di fruttiferi e la creazione di un vivaio di piante madri Importo complessivo 13.525 - Fondi Tulime e Regione Siciliana

*Progetto distretto frutticolo di Kilolo (2010)

Lidea di creare il distretto frutticolo di Iringa nasce dalla scarsezza di frutta (e quindi di vitamine), soprattutto nel periodo umido estivo. Inoltre stata rilevata lesistenza di alberi di pesche e pere sullaltopiano di Iringa (probabilmente portate dai tedeschi durante la loro dominazione). Lo sviluppo di queste piante per un periodo di circa 100 anni sullaltopiano, ha consentito di creare una selezione naturale tale da garantire alle variet attualmente presenti una buona capacit di adattamento alle condizioni podologiche e climatiche locali. Nel suo primo anno, il progetto ha previsto la realizzazione di campi sperimentali di pesco e pero che potrebbero assolvere le seguenti funzioni: - produttiva: i frutti prodotti dai campi sperimentali verranno consumati dalla popolazione locale; - dimostrativa: la corretta gestione frutticola dei campi sperimentali consentirebbe di far acquisire alla popolazione locale le conoscenze tecniche necessarie per la realizzazione e gestione in autonomia di altri campi per la produzione di frutta, che verrebbe destinata sia per il consumo locale che per la vendita; - tecnico-scientifica: lo studio eseguito dai tirocinanti (3 nel 2010) della facolt di Agraria di Palermo su questi esemplari ha permesso di capire che sarebbe necessario mettere in prova altre cultivar (variet) di pesco e pero al fine di saggiarne le performance. Le differenti cultivar che verranno saggiate verranno introdotte proprio nei campi sperimentali. Importo complessivo 1.588 - Fondi
Tulime

Be(e) Together: Huruma e Guido.

Progetti a favore del comparto agroforestale: apicoltura

*Corsi di apicoltura e commercializzazione del prodotto


poi Progetto B(e)e Together

Il progetto cominciato nel 2008 grazie ad un finanziamento della Regione Siciliana che ha permesso lattivazione di una serie di corsi di formazione e la produzione da parte della falegnameria di Tulime di 100 arnie modello Top Bar. Nel 2009 un secondo finanziamento ha dato la possibilit di avviare iniziative di commercializzazione del prodotto. Grazie al supporto economico ricevuto soprattutto dalla sede operativa Abruzzo si riusciti ad attivare il progetto associativo denominato *Importo complessivo 20.106- Fondi Tulime e Regione Be(e) Together. Nel 2010 sono andati in Tanzania una coppia di Siciliana apicoltori italiani che hanno realizzato una nuova formazione di tre mesi. Questo ha prodotto un importante rafforzamento del gruppo degli apicultori locali, un nuovo approccio allapicoltura e un netto miglioramento, sia in senso quantitativo che qualitativo della produzione di miele. Inoltre con i fondi del progetto stato possibile dotare gli apicultori locali di una serie di kit (maschere e tute).

per villaggi Progetti a favore *Ponti dellaltopiano (2006/2008) su colline separate tra I villaggi di Iringa sorgono dei comparti loro da piccoli corsi dacqua, difficili da superare se non con tronchi di grandi alberi a fare da ponti. Per questo Tulime ha creato picoli viario e ponti per collegare i vari villaggi.Importo complessivo 1.o00 Fondi Tulime dei trasporti

16/28

*Progetto orfani e sostegno agli anziani

In Tanzania si calcola che un terzo della popolazione delle grandi citt sieropositiva e un quarto di quella dei villaggi. Questo si ripercuote sulle famiglie e sul numero di orfani che aumenta. Gli orfani vengono assorbiti dal nucleo allargato della famiglia di origine. Per fornire un supporto alle famiglie ospitanti, Tulime ha invitato le comunit locali a creare un comitato di controllo che possa monitorare il numero degli orfani, le loro condizioni nel nucleo familiare ospitante, le necessit del nuovo nucleo familiare dopo ladozione. Lobiettivo del progetto di fornire un supporto economico minimo al comitato e supporto economico alle famiglie ospitanti per quanto riguarda spese straordinarie relative soprattutto alla cura della salute e allistruzione dei bambini. Il sostegno consiste nella fornitura di sementi, un sacco di fertilizzante per i campi, scarpe, divisa scolastica, cure per lHIV,A tuttoggi il progetto ha prodotto azioni a favore di circa 1.600 orfani. Nel 2011 hanno ricevuto il sostegno 545 orfani, 200 anziani e 500 famiglie. Importo complessivo 13.700 - Fondi Tulime

500
famiglie ospitanti nel 2011

Progetti a favore dei diritti umani

*Supporto ai reclusi del

Carcere di Kihesa Mgagao logistico al Comitato La situazione delle carceri Giustizia e Pace
nelle zone rurali della tanzania tragica. Dal 2003 Tulime fornisce ai 200 reclusi del carcere di Kihesa sapone, lamette, dentifricio, pomata e giornali. Importo complessivo
1.450 - Fondi Tulime

*Supporto tecnico e

*Corsi di cittadinanza
attiva
Dal 2008 Tulime ha supportato giornate di divulgazione e formazione per la popolazione per la diffusione della conoscenza e la promozione dei diritti umani. Importo complessivo
320- Fondi Regione Siciliana

Dal 2003 al 2006 Tulime ha finanziato questo centro di consulenza legale, di documentazione e di stampa. Importo complessivo 2.000
- Fondi Tulime

Progetti a favore del credito e delle piccole imprese

*Microcredito: il progetto Tulime Saccos Bank (dal 2008)

Sul modello di Muhammad Yunus, la finalit del progetto quella di stimolare persone desiderose di avviare o migliorare con responsabilit progettuale, una propria impresa. La finalit di questi interventi produrre reddito, sia per diventare gradatamente indipendenti dal nostro aiuto, sia per poter soddisfare i bisogni primari (cibo, casa, salute) indispensabili per garantire leducazione dei bambini. Nel 2011 la banca conta 136 soci attivi di cui 64 hanno gi beneficiato di un prestito che varia fra 50.000 e 200.000 scellini (fra 30 e 120 euro). I prestiti che vanno rimborsati entro 6/9 mesi hanno finalit agricole o commerciali e prevedono un interesse del 3% coperto per adesso al 50% da Tulime (quindi linteresse reale del 1,5%).Solo tre sono i casi di insolvenza. Importo complessivo
4..165 - Fondi Tulime

*Creazione della falegnameria (dal 2001)


Teresia indossa una gonna, una borsa e la fascia del progetto Mani dAfrica

A valle del progetto Adotta un Ettaro c la trasformazione del prodotto legno, con macchine professionali inviate dallItalia. Il progetto ha avuto il supporto economico della Regione Siciliana e al momento unimpresa che fa lavorare stabilmente 20 persone. Importo complessivo 58.260 - Fondi Tulime e Regione Sicilia

*Progetto gadgets poi Mani dAfrica (dal 2004)

Per finanziare i propri progetti Tulime valorizza oggetti di artigianato locale: vengono scelti in ragione della loro qualit, dei metodi di lavorazione che in nessun caso possono avere impatti negativi sullambiente naturale e sulluomo, e sullequit del prezzo pagato al produttore. Dal 2009 stato avviato il Progetto Mani dAfrica che si propone di sviluppare una rete commerciale sostenibile, equa e solidale, di prodotti artigianali dei villaggi dellaltopiano di Iringa, in particolare, che rispecchi i criteri messi in atto da Tulime, ne diffonda li valori, le idee e limmagine, e che sostenga leconomia dei villaggi stessi. Un nuovo modo di fare cooperazione, scambio di esperienze e saperi e di costruzione di una economia rispettosa della cultura e dei valori del luogo. Importo complessivo 10.944 - Fondi Tulime

*Creazione

(dal 2007) Grazie alla disponibilit di Kizito, il sarto locale, e ad

di una sartoria nel Villaggio di Pomerini

alcuni corsi di sartoria promossi dalla scuola di Pomerini, Tulime ha finanziato 5 nuove macchine da cucire a pedale e una piccola quantit di materiali di consumo. Questa attivit conta su un gran numero di possibili fruitori soprattutto dalle scuole locali per la grande richiesta di uniformi. Dal 2009 il progetto afferisce nel pi ampio progetto Mani dAfrica. Importo complessivo 1.000 - Fondi
UNWG.

6/30

*Creazione di una struttura finalizzata alla molitura


del mais nel villaggio di Kitowo (2006)
Grazie al finanziamento di UNWG stato acquistato 1 motore a scoppio e 1 mulino/decruscatore con la capacit di macinare circa 3 quintali di granoturco allora. Tulime e Mawaki hanno costruito la struttura che ospita il mulino in prossimit dellasilo, della scuola elementare e della scuola secondaria del villaggio di Kitowo. La gestione del mulino stata affidata al gruppo di donne di Mawaki che hanno scelto di unirsi in un piccolo comitato per seguire le attivit del mulino che impiega attualmente quattro persone. Lattivit del mulino aperta a tutti e in particolare ne usufruiscono lasilo con 120 bambini e la scuola elementare con 720 bambini per la macinatura della farina da cui si ottiene luji (la polenta leggera di farina di mais e acqua su cui si basa il pranzo dei bambini) e la scuola secondaria per lugali (polenta secca accompagnata generalmente da fagioli e verdure) a pranzo e cena dei 200 ragazzi che per ora frequentano la scuola ma che sono destinati ad aumentare nei prossimi due ani fino a pi di quattrocento. Inoltre usufruiscono del servizio di molitura anche la scuola elementare di Pomerini (circa 900 ragazzi) e lasilo di Pomerini (circa 100 bambini) e anche alcune delle famiglie che accolgono gli orfani del progetto di accoglienza dellAssociazione Tulime. Importo complessivo 1.000 - Fondi UNWG e Tulime.

Progetti a favore del credito e delle piccole imprese

2000
pi di bambini usufruiscono della farina e del del mais del mulino di Kitowo. Progetti a favore del comparto sanitario

*Supporto economico alle strutture sanitarie del

Distretto di Kilolo (dal 2003) dal 2010 afferisce nel progetto Adotta un Dispensario

Le strutture sanitarie della zona non riescono a fornire lassistenza necessaria per potere innalzare la qualit della vita della gente dellaltipiano. Il progetto si propone di fare fronte a situazioni di crisi puntuali che si vengono a determinare di volta in volta nei diversi presidi sanitari della zona: Dispensario di Usokami: supporto al reparto bambini denutriti e malnutriti Dispensario di Pomerini: supporto al laboratorio di analisi per la diagnosi della malaria Dispensariodi Mawambala: acquisto di un mulino per la molitura di cereali Dispensario di Kilolo: supporto al reparto maternit Dispensario di Ukumbi: supporto per la dotazione di medicali Orfanotrofio di Tosamaganga: supporto per lacquisto di materiale didattico Importo complessivo 19.450- Fondi Tulime

19/28

*Interventi a favore dei diritti degli ammalati in


particolare quelli affetti da AIDS (dal 2008)
Anche per gli ammalati si prevede di attivare lo stesso regime di assistenza degli orfani in pi necessario risolvere il problema di andare puntualmente alle visite di controllo e quello della distribuzione di medicinali per quelli, e ormai cominciano a diventare tanti, che fanno le cure con gli antiretrovirali. Per fare questo necessario andare allospedale di Usokami (in media distante 45 chilometri dai vari villaggi) non collegato da nessun mezzo pubblico oppure a Iringa (la citt pi vicina che si trova a circa 58 chilometri dalla nostra zona) ma in questo caso col continuo aumento dei prezzi del carburante e i prezzi degli autobus diventano proibitivi. Per andare e tornare dalla citt di Iringa da Kihesa Mgagao un bracciante paga lequivalente di una settimana di lavoro. Il bacino di utenza di circa 20.000 persone distribuite in 9 villaggi. Al 2011 hanno beneficiato del progetto circa 157 persone. Dal 2010 il progetto afferisce nei progetti Un passaggio per la vita e Orfani. Importo complessivo
34.000 - Fondi Tulime Regione Siciliana

Progetti a favore del comparto sanitario

*Progetto Un passaggio per la vita

E levoluzione del progetto precedente e adesso si avvale di una nuova autoambulanza acquistata con i raccolti fondi di Tulime per il trasporto degli ammalati. Nel 2010 i beneficiari del progetto sono stati 277. Importo complessivo 16.900 - Fondi Tulime

*Adotta un dispensario (iniziato nel 2011)

Il progetto generale Adotta un dispensario si articola in tre sottoprogetti: - adotta un dispensario vero e proprio - produzione di farmaci in loco - progetto a favore della popolazione albina dei nostri villaggi

*Inserimento del villaggio di Pomerini nel Circuito


Radio Call(2001/2005)

Prima dellistallazione dei ripetitori nelle vicinanze dei villaggi di Kilolo (avvenuta nel 2005), non cerano strumenti di telecomunicazione. Per questo stato installato un sistema radiotelefonico che prevedeva la dotazione di una Acquisto del camion ricetrasmittente capace di comunicare con i villaggi circostanti. Importo complessivo 1.500 - Fondi Tulime. (2006/2008). Gestione e manutenzione del trattore (2003/2005). Per facilitare il lavoro del trattore, Tulime ha acquiestato un camion Importo complessivo 5.600 - Fondi Tulime. capace di trasportare materiali Gestione e manutenzione del fuoristrada (2005- per un peso complessivo di 7,5 ton. Il camion ha contribuito alla 2007). Importo complessivo 1.100. Fondi Tulime. costruzione di scuole (almeno Casa Tulime (2006). Con lobiettivo di attivare progetti di una dozzina), al trasporto degli turismo consapevole e di dare autonomia ai volontari di Tulime ammalati, al trasporto di persone, stata acquistata e ristrutturata una abitazione del villaggio. alla costruzione di alcuni dispensari. La casa dotata di impianto idrico (cisterna che tramite una Dal 2007 inoltre il camion passato pompa viene riempita con lacqua del fiume), impianto elettrico da rappresentare una voce di costo a 12 volt (alimentato da 3 pannelli solari e relativi accumulatori), per lassociazione a un produttore 5 stanze da letto per complessivi 15 posti letto, 4 servizi di cui 2 di reddito. Importo complessivo dotati di docce, 2 cucine e un grande salone comune con camino. 40.000 - Fondi Tulime. Importo complessivo 8.000 - Fondi Tulime.

Strutturazione e dotazione sedi operative e foresterie

* * *

Alice, Lorenzo Elisa e Cristian di fronte a Casa Tulime

21/28

Azioni a favore dellecosistema

*Protezione a creazione opere


finalizzate alla fruizione del Lago di Masege (2007)
Il Lago Nyautwa (detto dalla popolazione locale Lago Incantato) stato reso accessibile grazie allintervento di Tulime che ha fornito legname e mano dopera per la creazione di passarelle che agevolano il percorso verso il lago su un terreno fangoso e impervio. Importo complessivo 2.500 - Fondi
Tulime

*Importo complessivo
10.500- Fondi Tulime

*Importo complessivo
61.120- Fondi Tulime

Progetti vari

*Pranzo Natalizio per i villaggi


di Pomerini, Lucani, Kitowo, Lugalo Dal 2003 tradizione per
Tulime e i volontari condividere i festeggiamenti del Natale con le comunit dei villaggi: riso e fagioli per tutti. Importo complessivo
1.750 - Fondi Tulime

Progetti speciali in corso

*Progetto Albini

6/30

In Africa c una presenza significativa di albini e, al contrario che in Occidente, un pi complesso o addirittura impossibile accesso alle cure mediche e allacquisto di beni necessari a tamponare i problemi causati da questa anomalia congenita. InTanzania, oltre al problema delle risorse, gli albini, ritenuti magici, vengono usati dagli stregoni come rimedi per alcuni problemi al malocchio, malattie, ecc. Sullaltopiano, nei villaggi in cui opera Tulime, questo problema sociale tenuto a bada dallattenta comunit dei villaggi, che li protegge. Sotto laspetto sanitario invece il problema abbastanza serio, anche perch allalta quota in cui si trovano i villaggi (allincirca 2000 m sul livello del mare) il sole impietoso e crea loro vere e proprie ustioni ferite sul viso e sulle spalle. Inoltre nessuno di loro si mai sottoposto ad una visita oculistica n ha avuto occhiali, n da vista n da sole. Per questo Tulime ha promuove un progetto di supporto a favore della popolazione albina del distretto di Kilolo.

*La scuola di Chhaling in Nepal

Nel 2009 nasce un nuovo Villaggio di Tulime questa volta in Nepal. 12 persone dedicano parte del loro tempo per raccogliere il necessario per ricostruire la Shree Gyan Jyoti Lower Secondary School del villaggio di Chhaling, nella Valle di Kathmandu alla periferia di Bhaktapur, a circa 1.300 metri di quota. I 3.600 abitanti dei villaggi che gravitano sulla scuola 307 famiglie di differenti etnie (Newar, Chetri, Tamang e Dalits) sono quasi esclusivamente dediti allagricoltura e allallevamento. La scuola di Chhaling, seppur piccola, rappresenta per i villaggi circostanti lunica opportunit per dare unistruzione ai bambini. Le pessime condizioni strutturali, insieme alla mancanza di servizi igienici, di arredi e strumentazione didattica, di acqua potabile, rendono per rischioso il semplice andare a scuola. Nel dicembre 2011 stato posato il primo mattone della scuola

Progetti speciali in corso

Bali Lagaun vuol dire coltivamo! in Nepal

22/23

Progetti a favore del comparto agroforestale: zootecnia


*Importo complessivo
2.588 - Regione Siciliana

Volontariato
Tulime fatta da persone che cooperano con altre persone: la gratuit delloperato di queste persone rende lincontro vero, libero e leale. Dal 2001 i volontari di Tulime operano nei campi della Tanzania e in Nepal. Ma anche in Italia: iI volontari di Tulime svolgono attivit di sensibilizzazione dellopinione pubblica, si impegnano nella raccolta fondi e nelle attivit di coordinamento dellorganizzazione.

Coordinamento Nazionale e Direttivo Francesco Picciotto presidente Andrea Cardoni vice presidente Veronica Schiera segretaria Mauro Burgio coordinamento Marilena Cappuccio segretaria Elisabetta Drago consiglio direttivo Maurizio Lopes consiglio direttivo Giorgio Occhipinti consiglio direttivo Marina Ruisi consiglio direttivo Jessica DAndrea consiglio direttivo

Il Bilancio La tracciabilit: ogni donatore ha sempre la certezza della destinazione del proprio denaro per toccare con mano il risultato del suo gesto di solidariet. STATO PATRIMONIALE (2011) Attivit 118.424,27 Passivit 107.131,60 Utile desercizio 11.292,67 CONTO ECONOMICO (2011) Costi (totale) 76.372,32 Utile desercizio Ricavi 11.292,67 87.664,99

24/28

In Italia Tulime favorisce la creazione di comunit solidali e la promozione della cultura della pace, dellintercultura e dellecologia. E spesso parte della societ per il riconoscimento di diritti civili e sociali in Italia. Abbiamo preso parte a iniziative sul territorio italiano insieme a UNWG, Marcia Mondiale per la Pace, Millumino di Meno, World Hearth Day, Terrafutura, Festa Interculturale di Parma, Rotary Club, Staffetta Quotidiana, Archilegno. Insieme al Consorzio Giona Nexus, creiamo percorsi di formazione per leducazione alla terra La struttura operativa

Come coltiviamo in Italia

La nostra struttura organizzativa piccola e leggera al fine di consumare la minor quantit possibile di risorse dellassociazione. Direzione Italia Direzione Tanzania Direzione Nepal Comunicazione Tirocini e tesi Fundraising Progettazione Gestione progetti associativi Amministrazione Educazione allo sviluppo Turismo consapevole Commercio Equo e solidale Francesco Picciotto Novetha Mahanga Licia Masi Andrea Cardoni e Paolo Cavallaro Fulvio Pernice Licia Masi Fulvio Pernice Veronica Schiera Marilena Cappuccio Marilena Cappuccio e Veronica Schiera Giorgio Occhipinti e Carmen Zanda Luana Fidiani

Laboratorio scientifico di idee


Presidente Vice Presidente Esperti Ambito sanitario Esperto Ambito Ingegneristico Esperto Ambito Ecologico Esperto Ambito Geologico Esperto Ambito Agroforestale (frutticoltura) Esperto Ambito Agroforestale (apicoltura) Rino Russo Agata Villa Alessandro Jodice Renata Pitino Viviana Rasulo Giovanna Barletta Giovanni Ruisi Giulia Casamento Enza Messana Fulvio Pernice

Guido Rossi

TuttaTulime al VII MITIng di Tulime e dei villaggi, Civitella Alfedena 3 luglio 2011

25/28

COLTIVA!
Se anche tu potresti vedere il mondo come lo vediamo noi (pagina 3), allora devi coltivare con noi! Il tesseramento associativo la prima forma di partecipazione. Puoi partecipare a vari livelli: socio, volontario o anche semplice amico di Tulime.

come sostenere Tulime onlus

*Entra a far parte di Tulime. *Gadget e bomboniere solidali

*Organizza un evento

Prodotti di artigianato equo e solidale tanzaniano e nepalese, maglie, calendari e tante altre possibilit per condividere emozioni e oggetti buoni con chi vuoi. Matrimoni, nozze doro, lauree, battesimi, compleanni e regali aziendali: ogni occasione buona per COLTIVARE con Tulime.

DOnAzIOnI

Una mostra fotografica, una cena solidale, un concerto... per far conocere Tulime e conoscere nuovi amici.

*A scuola con Tulime

Ogni donatore ha sempre la certezza della destinazione del proprio denaro per toccare con mano il risultato del suo gesto di partecipazione e di solidariet C/C postale n. 28294437 Intestato a Tulime Onlus specificando nella causale il nome del villaggio e del progetto che vuoi sostenere C/C bancario per i progetti in Tanzania IBAN IT 59 R0706 0104 6000 0002 8294 437 C/C bancario per i progetti in Nepal IBAN: IT 24 L089 5284 6000 0000 0182 070

*Parti in Africa con il viaggio


consapevole
Il nostro viaggio aperto a persone di tutte le et. Scoprirai larte di essere turista, visitando i luoghi e i popoli protagonisti dei nostri progetti di cooperazione.

Dalle scuole primarie alluniversit: tante proposte per avviare percorsi di conoscenza delleducazione allo sviluppo e dellAfrica

*Tesi e ricerche

*Adotta un villaggio

Coinvolgi familiari, amici o colleghi e condividi lemozionante esperienza della cooperaizone di comunit

Crediamo nellimportanza della ricerca e dellinnovazione siano i punti fondamentali per migliorare la condizione umana. Tulime favorisce la ricerca attraverso convenzioni con universit ed enti di ricerca sulle varie tematiche legate alla cooperazione.

5 PER MILLE

Si pu contribuire ai progetti di Tulime devolvendo il proprio 5 per mille a favore dei progetti dellassoicazione con il modello 730 o CUD inserendo il

Codice fiscale di Tulime 9717 633 0823

ASAnTE SAnA
Un GRAZIE sincero a chi ci vicino, ai nostri amici, a chi ci supporta, a chi coltiva insieme a noi alla gente e al Comune di Villa Castelli (BR), ai Gospel Project, al Comune di Civitella Alfedena, a Paolo e Cinzia di Napoli, alle Cantine Pollara Principe di Corleone, alla Farmacia Ausonia di Palermo, al Miniautodromo di Palermo, a Inachis, ai clown dellAssociazione Vip, a Mauro ed Elisabetta, a Verastella che per la sua laurea ha finanziato il nostro progetto, Fabio e Staffetta Quotidiana, ai ragazzi di Aglaia,, a Loredana che ha deciso di festeggiare il 50esimo compleanno coltivando, all Hemingway Caf, allassociazione INEA, alla scuola elementare di Monteiasi (Taranto), alle scuole dellIstituto comprensivo di Sigillo, alla I e III D della Scuola Media Pirania, a Luisa e Mario, lUNWG, ad Archilegno, al Rotary Club di Corleone, ad Alessandro Sparacino, a Enzo e Isula Relax (Modica), Sabina Cannizzaro per Ukumbi, Orazio Cacioppo per Mtitu, a Elisabetta Drago e Mauro Burgio, alla famiglia Bettio, alla Marmi strada di Villacastelli per Masege, alla famiglia Barletta, a Remo Masini, alla famiglia Poli di Spilimbergo, alla famiglia Leopizzi, Andrea Sapienza per Masege, Claudio Seracchiani, alla famiglia Lo Bue, Maria Luisa Picciuca, al Dott. Roberto Capretti per Lukani, Rotary Club di Corleone, ad Acli senza confini Brescia, Lucia Zilocchi e Mauro Martelli, Pietro Piacentino, agli insegnanti della scuola primaria di Villacastelli, al Telimar, Elisa e Lidia Profeta, Michele Nardelli, Cartotecnica Maestrelli, a Giorgia e al Raggio Verde, al Gruppo Mission, Sergio Tripi di Goodnews Agency, lASAT di Firenze, ai bambini e alle maestre dellIstituto Comprensivo di Sigillo, agli studenti e le insegnanti dellIstituto Galileo Galilei di Avigliana, Andrea Tidona, Alberto Salza.

coltiva la terra, fai crescere alberi e ti ritroverai a condividere sogni e vita


www.tulime.org Tel/fax +39.091.42.74.60 info@tulime.org