You are on page 1of 6

APPLICAZIONE 1

Trave su appoggi torsionali, avente sezione trasversale a parete sottile, costante lungo tutto l'asse z, e
soggetta ad una coppia torcente.
A B
200 300
500
Mt
10 mm
5
0
0

m
m
600 mm
La struttura in esame, risulta essere iperstatica torsionalmente, in quanto i vincoli non consentono la
rotazione della sezione trasversale.
Per valutare le caratteristiche della sollecitazione verra adoperato il METODO DEI CEDIMENTI,
declassando il vincolo in B ed aggiungendo una coppia.
SCHEMA 0 -
In questo schema si sopprime l'appoggio torsionale con un semplice appoggio, considerando la coppia esterna applicata.
Dati Progetto
Coppia torcente:
Mt = 10.00 kNm
A B
200 300
500
Mt
La parte reagente risultera solo quella precedente al punto di applicazione della coppia, l'appoggio torsionale reagira con una coppia
uguale e contraria.
A B
200 300
500
Mt
SCHEMA 1 -
In questo schema si aggiunge l'incognita iperstatica, in questo caso una coppia torcente, per aver declassato l'appoggio torsionale a
semplice appoggio, escludendo pero le a:ioni esterne.
A B
200 300
500
Mt
A B
200 300
500
Mt
A B
200 300
500
Mt
A B
200 300
500
A B
200 300
500
Mtv
Mtv
La parte reagente riguardera tutta la struttura, ed in particolare avra segno opposto.
A B
200 300
500
Mtv
A B
200 300
500
Mt
X
Equazione di congruenza per la rotazione trasversale della sezione in B:
=
B B
0
B
1
X + = 0
'
=
M
(1)
* I G
(*)
=
M
(1)
K
(1)
APPLICAZIONE 1
Se scriviamo le leggi di variazione relative ai due schemi:
A B
200 300
500
Mt Mtv
=
(Z)
0 I
Mt
K
=
B
0

0
a
Mt
K
dz =
B
0
Mt
K
a
A B
200 300
500
X
=
(Z)
1 I
X
K
=
B
1

0
a
1
K
dz =
B
1
1
K
a
+ b
+ b
Dall'equazione di congruenza eguagliando i due termini si ricava l'incognita iperstatica X:
B
0
B
1
X =
X =
Mt
K
a
1
K
a + b
X =
Mt a
a + b
Sostituendo i valori numerici, e possibile confrontare i risultati con i dati del SAP. Quindi il valore
dell'incognita iperstatica e strettamente legato al punto di applicazione del vettore momento.
X =
10 2
2 + 3
*
= 4
m m
m kNm
kNm
B
B
B
B
Per calcolare l'incognita iperstatica relativa all'appoggio torsionale in A:
M =
t
X
A
X
B
+
M =
t
X
A
X
B
-
= X
A
-
10kNm 4 kNm
= X
A
6 kNm
Dati relativi all'applicazione con il SAP:
I dati sviluppati con il programma di calcolo SAP hanno prodotto risultati identici all'esercizio svolto
manualmente.
Si e riportato :
Diagramma del Momento Torcente;
Proprieta della sezione e carico applicato.
APPLICAZIONE 1
Visto che la distribuzione della caratteristica della sollecitazione interna e dipendente dal punto di
applicazione, si vuole capire come varia il valore della sollecitazione al variare dell'applicazione della
sollecitazione, sara svolto un ulteriore applicazione.
APPLICAZIONE 2
Trave su appoggi torsionali, avente sezione trasversale a parete sottile, costante lungo tutto l'asse z, e
soggetta ad una coppia torcente.
A B
250 250
500
Mt
10 mm
5
0
0

m
m
600 mm
Dati Progetto
Coppia torcente:
Mt = 10.00 kNm
X =
Mt a
a + b
B
X =
10 2,5
+
*
= 5
m m
m kNm
kNm
B
Variazione delle incognite iperstatiche al solo variare del punto di applicazione.
2,5 2,5
Dati relativi all'applicazione con il SAP:
I dati sviluppati con il programma di calcolo SAP hanno prodotto risultati identici all'esercizio svolto
manualmente.
Si e riportato :
Diagramma del Momento Torcente;
Proprieta della sezione e carico applicato.
APPLICAZIONE 3
Trave su appoggi torsionali, avente sezione trasversale a parete sottile, costante lungo tutto l'asse z, e
soggetta ad una coppia torcente.
A B
250 250
500
Mt
10 mm
5
0
0

m
m
600 mm
Dati Progetto
Coppia torcente:
Mt = 10.00 kNm
10 mm
5
0
0

m
m
600 mm
La sezione trasversale della trave non costante, il primo tratto caratterizzato da una sezione trasversale
biconnessa, mentre il secondo tratto da una sezione in parete sottile monoconnessa.
Con l'analizi al SAP risulta che le sezioni in parete sottile hanno una rigidezza maggiore rispetto alle sezioni
aperte, quindi la caratteristica della soleccitazione interna viene assorbita in gran parte da queste ultime.
Paragonando due sezioni circolari aventi il medesimo raggio medio e spessore, e possibile dimostrare la
capacita di resistere ad una sollecitazione di torsione, ed in piu quanto inIluisce una semplice sconnessione,
trasformando una sezione biconnessa in monoconnessa.
SEZIONI MONO E BICONNESSE
LA SEZIONE ANULARE
Sezione anulare chiusa: Sezione anulare aperta:
m
=
Mt
* s(C) *
2
=
Mt
*s
C
*
4
*
2
* G
m
=
Mt
* s
* 3
=
G
am
2
Mt * 3
* s am
3
*
Sezione anulare chiusa:
R
m
s
Sezione anulare aperta:
R
m
s
FORMULE GENERALI
Applicando le Iormule generali alle sezioni in Iigura e possibile mettere a conIronto i valori che si
ottengono, e valutare di quanto una sezione sara piu resistente rispetto all'altra.
Indicando con:
: l'area racchiusa dalla linea media;
: lo spessore della corda;
: la lunghezza della linea media;
: la lunghezza sviluppata dalla sezione.
s
C
am
= *Rm
= *Rm * 2 C
2
m
=
Mt
*s(C) *
2
=
Mt
* s *
4
*
4
* G
Le relazioni generali nel caso specifico diventano:
= *Rm *
2
am
*Rm
2
*Rm *
2
*Rm
2 3
m
=
Mt
* s
* 3
=
G
2
Mt *
3
* s
3
*
*Rm *
2
*Rm *
2
Mettendo a paragone questi risultati, possiamo dire che se la sezione e una corona circolare tagliatasi
ottengono dei risultati maggiori rispetto alla sezione circolare non tagliata di valore:
/s 3 Rm * ( )
m
=
A
m
C
A
C
/s 3 Rm * ( ) =
2
Per cui un taglio lungo una generatrice di un tubo, soggetto ad una sollecitazione di torsione, diminuisce
molto la resistenza e moltissimo la rigidezza.