Congresso_2012

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

Verso'il'XXIV'Congresso'Nazionale

Indice ' '

'

' ' ' '

' ' ' '

' ''' ''' '''

Pg ''1 ''1 ''3

Premessa' ' Introduzione' ' Parte'I'•'Migrando'
6 6 6 6 6 6 6 6

Prigionieri'di'un’illusione,' paralizzati'dalla'menzogna Dispolitica I'dormienti

Parte'II'•'I'riferimenti'nel'cammino! !
Tre'fedeltà'da'ri6visitare Lavoro Democrazia Chiesa Una'fedeltà'da'affermare:'la' Terra'è'di'Dio

10

Parte'III'•'La'complessità'interroga' '
6 6 6 6 6 Parte'con'altre'parti L’evoluzione'dell’assetto' organizzativo Organizzazione'ad'alta' afIidabilità…? Correzione'fraterna Conoscenza'trasformativa'e' responsabilità'transattiva

14

Parte'IV'•'La'Vita'Buona'con'le'ACLI' '
6 6 6 Educare Il'Dono,'la'Famiglia Comunità

19

Carlo'Naggi'6'Circolo'ACLI'di'Gallarate' carlo_naggi@alice.it

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

—'Premessa'— ' " Da"tempo"adotto"come"metodo"personale,"quando"sto"per"affrontare" un"importante" impegno," quello" di" ri=lettere" soprattutto" per" me" sugli" aspetti" che" lo" riguardano." E"anche" scrivere," per" me." Questo"mi" permette" di" chiarire" le" idee" che" ho" e" che" posso" approfondire," modi=icare" e" scartare." In" occasione" del" prossimo" Congresso" Nazionale" non" ho" cambiato" abitudine,"ed"il"frutto"delle"mie"ri=lessioni"è"questo"documento. " Come" è"nella"normalità,"non" tutto"quello"che"ho"scritto"è" condivisibile,"e"comunque" non" da" tutti" coloro" ai" quali" lo" metterò" a" disposizione" come" contributo" per" il" percorso" congressuale." Nella" malsana" eventualità" che" parti" di" questo" documento" vi" stimolino" utilmente," ebbene" condividetele" pure." Le" parti" rimanenti" saranno" comunque" da" me" mantenute" come" posizioni" e" stimoli" prettamente" personali" al" dibattito." In" ogni" caso," critiche"e"approvazioni"saranno"le"benvenute. " A"tutti,"buona"lettura"e"soprattutto"buon"lavoro." Gallarate,"23"gennaio"2012 —'Introduzione'— ' Ci'siamo,'nuovo'Congresso.'E,'lo'dico'subito,'auspico'che'sia'un'congresso'Nuovo.' Nuovo' afIinché' vi' sia' la' possibilità'di' andare' oltre'gli' adempimenti' statutari,' i' rinnovi' nella'dirigenza,' le' rendicontazioni'dell’impiego' delle'risorse'economiche,' le'valutazioni' dei'risultati' ottenuti,' i' momenti' rituali'di' auto' celebrazione' e'rassicurazione'collettiva.' Tutto' necessario,' e' sano,' nella' giusta' misura.' Ma' nei' quattro' anni' trascorsi' dal' precedente' congresso,' o' solo' dai' due' anni' dalla' Conferenza' Organizzativa,' il' contesto' generale' in' cui' ci' troviamo' si' è' drammaticamente' deteriorato,' socialmente,' economicamente' e' politicamente' parlando.' È' urgente' interrogarci' sul' nostro' essere' presenti'in'questo'tempo'di'sterilità'e'deserto. ' Viviamo'in'un'sistema'neoliberista'che'sta'mostrando'a'livelli' parossistici' la'sua' natura'parassitaria'e'anti'umana,'in'più'governato'da'classi'dirigenti'che'non'osteggiano' apertamente' un' orizzonte' di' giustizia' e' verità,' piuttosto' non' lo' considerano,' e' non' opprimono' i' poveri,' semplicemente' non' li' vedono.' Si' va' acuendo' nelle' società' un’interdipendenza'ineguale,'fondante'e'fondata'sulla'dominanza.'In'nome'del'liberismo' e'dell’individualismo'vengono'messi'in'atto'meccanismi'di'perpetuazione'delle'disparità' e'dei'privilegi.' E'qui'sta'il' grande'pericolo' in'cui' siamo' immersi.'Al'contrario,'sappiamo' bene'che'la'nostra'scelta'è'per'una'prospettiva'di'interdipendenza'solidale,'signiIicante'e' signiIicata' dalla' cooperazione,' nel' riconoscimento' reciproco' di' risorse,' competenze,' capacità,'autonomia. ' Abbiamo' sviluppato' buone' prassi,' non' mancheremo' di' valorizzarle,' come' è' giusto.' Abbiamo' commesso' degli' errori,' sarà' necessario' metterli' a' fuoco,' per' non' ripeterli.' Tuttavia'la'situazione'esistente'ci' impone'anche'una'seria'veriIica'dei'modi'in' cui' possiamo' essere' presenti' nella' società' civile' mantenendo' fede' al' contratto' sociale' che'le'ACLI'hanno' acceso' da'68'anni:'ci' proponiamo' come'opportunità'di' maturazione' religiosa,' di'promozione'sociale,' di' tutela'dei'diritti.' Esiste'oggettivamente' l’esigenza'di'

1

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

approfondire' la' qualità' della' nostra' proposta' di' un' punto' di' riferimento' trasparente,' afIidabile,' che' sappia' parlare' alle' teste' come' ai' cuori,' senza' tralasciare' le' viscere:' la' condivisione' della' comune' condizione' umana' ce' lo' chiede.' Questo' approfondimento' deve'riguardare'sia'le'relazioni'tra'le'ACLI'ed'il'suo'ambiente,'ma'anche'le'ACLI'nel'suo' essere'sistema,'organizzazione,'associazione'e'servizi.' ' Verso' la' Iine' degli' anni' ’90' U.' Beck' e' Z.' Baumann' evidenziarono' un' brusco' passaggio' nella' condizione' sociale' del' mondo' occidentalizzato:' da' una' situazione' di' relativa'stabilità'in'cui' l’incertezza'costituiva'una'condizione'possibile'ma'che'rimaneva' comunque'sullo'sfondo,'ad'una'situazione'in'cui'l’incertezza'(e'con'essa'l’insicurezza,' il' rischio)'domina'la'scena,'delineando'un'paesaggio'in'cui'gli'elementi'costanti'sono'scarsi' e'collocati'su'un'orizzonte'che'pare'allontanarsi'in'continuazione.'L’inatteso'può'dunque' fare' regolarmente' irruzione,' in' una' delle' sue' molteplici' forme,' nelle' nostre' vite,' nella' vita' delle' ACLI,' con' effetti' che' possono' essere' paralizzanti,' e' catastroIici.' Occorre' prenderne' consapevolezza,' e' affrontare' la' questione,' per' attrezzarsi' a' convivere' con' l’incertezza'e'saper'fronteggiare'l’imprevisto. ' Anche' per' questo,' un' congresso' nuovo' può' essere' rivolto' al' prendersi' cura' dell’Associazione;' credo' che' nella' misura' in'cui' ci' prendiamo' cura' delle' ACLI,' le' ACLI' potranno' prendersi'cura'delle'persone'e'occuparsi' della'loro'condizione.' Non'credo'che' possa'essere'altrettanto'vero'il'contrario.'In'un'congresso'è'possibile'farlo'col'pensiero'e' la'parola,' anzi' soprattutto'con'questa.'Perché'le'parole'sono' atti,' meccanismi'complessi' il' cui' uso' genera' effetti' e' implica' responsabilità.' Siamo' troppo' legati' all’idea' di' una' parola' senza' peso' e' consistenza,' quasi' una' entità' volatile;' ma' si' fa' qualcosa,' dicendo' qualcosa.' Riappropriamoci' perciò' di' parole' che' sappiano' narrare' di' persone,' cose' ed' emozioni.' Non' è' più' adeguato' un' linguaggio' corrente' povero,' limitato,' che' a' me' personalmente' richiama' alla' memoria' la' Neolingua' di' cui' parla' Orwell' nel' suo' 1984.' Poco' importa'se'ad'usarlo'sono'i'media,'la'classe'dirigente'politica'ed'imprenditoriale,' il' vicino'di'casa:'è'un'linguaggio'in'cui'molte'parole'non'hanno'più'residenza,'e'per'lo'più'i' signiIicati'vengono'diluiti'e'stravolti. ' Quanto' ci' ha' intossicato' questo' linguaggio,' questo' parlare' che' legittima' suadentemente' comportamenti' magari' ritenuti' consoni' ed' adeguati,' in' realtà' invece' corrosivi' di' un'tessuto' di' relazioni' autentiche,' di' condivisioni?' Attorno' a' noi' ci' sono' i' credenti' del'privilegio,' della'guerra'e'della'dittatura,'ognuno'dei'quali'nutre'e'mantiene' le' proprie' sicurezze;' davvero' siamo' certi' che' le' loro' certezze' non' ci' abbiano' contaminato?'Che'non'esistano' muri'attorno' ai' nostri' cuori?'Quanto' siamo'impegnati'a' mantenere'vigile'l’espressione:'beati'i'poveri,'non'la'povertà,'beati'gli'uomini'e'le'donne' che' hanno' sete' di' giustizia,' non' le' situazioni' di' violenza' e' ingiustizia?' Abbiamo' un' umanesimo' da' rinvigorire.' Quello' che' risulta' assente' nella' maggioranza' dei' politici' e' imprenditori'del'nostro'paese'(e'non'solo),' che'sopravvivono'a'se'stessi'handicappati'di' un' pensiero' forte' e' rinserrati' dietro' le' mura' del' potere.' Ma' dietro' quelle' mura' si' annidano'le'loro'paure,'sarebbe'bene'lo'rammentassero. ' C’è' da' rivitalizzare' un' umanesimo' cristiano' per' fronteggiare' l’anti' umano,' il' paganesimo' dominante.' Pagano' è' il' materialismo' consumistico' che' ha' preso' possesso' della' nostra' quotidianità.' Pagano' è' il' neoliberismo' delle' nostre' economie.' Pagana' è'

2

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

l’etica' di' chi' malgovernando' ha' dissipato' i' beni' di' intere' generazioni.' Pagano' è' chi' conIida'nella'legge'del'più'forte'e'ne'fa'mercimonio.' Pagano' è'chi'si'pasce'nell’illegalità' evadendo'il'Iisco'o'organizzando'delinquenza.' Pagano' è'chi' si' afIida'al'sentimentalismo' consolatorio' delle' liturgie' preconciliari.' Pagana' è' la' mistiIicazione'umanitaria'di' tanta' parte'del' Terzo' Settore'e'delle''agenzie'sociali,'alla'ricerca'di'un'posto' di'riguardo'per'i' loro'Iinanziamenti. ' E'allora'iniziamo'riprendendoci'le'parole'con'la'consapevolezza'che'dire'qualcosa' comporta'l’assunzione'della'responsabilità'di'quanto'espresso' e'delle'sue'conseguenze;' prendere'la'parola'può' e'deve'tornare'ad'essere'un'atto'di' coraggio.' Il'coraggio' che,' ad' esempio,' occorre'per' usare'una'parola'in'particolare,' una'delle'più' semplici' e'pesanti:' no.'È'una'pratica'difIicile'e'smarrita'quella'di' saper'dire'no,'di' affermare'una'negazione' che' abbia' un' valore' propositivo,' costruttivo,' generativo.' Ogni' cambiamento,' ogni' evoluzione'nasce'da'un'no'che'fa'da'propulsore'ad'un'sì.'E'ne'abbiamo'di'no' da'dire:'al' sussurro' corrosivo' che' libertà' e' liberismo' siano' sinonimi;' al' mascherare' una' prassi' opportunista' col' dichiararsi' moderati;' al' veleno' che' la' libertà' dei' cittadini' sia' libertà' dalle' leggi;' all’indecenza' di' una' libertà' invocata' da' ceti' e' persone' economicamente' dominanti' al' Iine' di' salvaguardare' interessi' e' privilegi;' all’eversivo' sfruttamento' delle' regole'democratiche'per'pilotare'e'stravolgere'a'proprio'vantaggio'la'democrazia'stessa;' ad'una'sterile'religiosità'fatta'solo'di'appartenenza'e'opportunistica'obbedienza. ' Abbiamo'la'necessità,'come'adulti,'come'aclisti,'di'assumere'la'responsabilità'dei' nostri' atteggiamenti' e' veriIicarne' la' validità' morale,' e' per' fare' questo' è' necessario' risentire'Iiducia'in'noi'stessi' per' poter'avanzare'e'cambiare,'anche'quando' ci' sentiamo' prossimi' al' fallimento,' all’impotenza,' senza'confondere'l’autostima' con'l’egocentrismo.' Ma' come' farlo' mantenendo' la' rotta' del' Bene' Comune,' immersi' come' siamo' in' una' egemone'cultura'di'individualismo'radicale? ' Il' mio' pensiero' a' riguardo' è' intanto' quello' di' avviarci' lungo' alcuni' percorsi' di' riIlessione:'rivisitare'le'Fedeltà'a'cui'ci'rimandiamo,'mettere'a'fuoco'ciò'che'è'necessario' dirsi' sul' nostro' processo' di' Evoluzione,' veriIicare' l’assetto' di' Governance' del' sistema' ACLI,' lasciarsi' interrogare' dalla' Complessità.' Rendendosi' conto' che' la' migrazione' nel' nuovo'millennio' auspicata'quattro' anni'fa'non'è'potuta'avvenire,' poiché'stiamo' ancora' vagando' imprigionati' nell’estensione' di' quello' vecchio,' quasi' fosse' un' labirinto' accidentato'e'aspro'dal'quale'non'troviamo'una'rotta'di'uscita.

—'Parte'I'•'Migrando'—

Prigionieri'di'un’illusione,'paralizzati'nella'menzogna.
' La' maggiore' difIicoltà' nella' ricerca' di' una' via' d’uscita' deIinitiva' dal' passato' millennio' è' che' molto' probabilmente' non' accettiamo' di' fare' chiarezza' ed' esprimerci' chiaramente'e'apertamente'sul'fatto'che'anche'questo'sistema'economico'ha'fallito,'e'ne' siamo' complici.' Troppi' sono' ancora' legati' acriticamente' ad' un’idea' di' libero' mercato' perché' giustiIicatoria' di' una' prassi' rivolta' al' loro' esclusivo' interesse.' Sono' ancora'

3

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

opportunisticamente'fermi'all’idea'della'mano'invisibile'di'Smith:'ma'essa'richiede'che'il' mercato' rispetti' due' condizioni' impossibili' nella' realtà,' vale' a' dire' l’assenza' di' asimmetria'nelle'informazioni'e'la'concorrenza'perfetta.'I'liberi'mercati,'lasciati'soli,'non' portano'nella'pratica'a'ciò'che'è'il'“meglio”.' La'ragione'per'cui'la'mano'invisibile'appare' come'tale'è'che'in'realtà'non'c’è. ' Secondo' la'prospettiva'proposta'dal' premio'Nobel'per' l’economia'F.' von'Hayek,' forse' la' più' “morbida”,' il' mercato' è' un' processo' in' cui' si' stabiliscono' delle' relazioni:' ciascuna'persona' diventa'consapevole'di'poter'soddisfare'i' propri' bisogni' a'partire'dal' riconoscimento' dei' bisogni' degli' altri;' von' Hayek' categorizza' questa' prospettiva' col' termine' catallassi,' dal' greco' katallasso,' scambiare,' riconciliare.' Quindi,' un’idea' dell’economia' di' mercato' come' di' un' sistema' autorganizzativo,' fondato' sulla' cooperazione' volontaria;' più' precisamente' un' ordine' di' mercato' privo' di' obiettivi' pianiIicati,' caratterizzato' dall’ordine' spontaneo' che' emerge' quando' gli' individui' perseguono'il'proprio'scopo,'ciascuno'di'essi'individualmente'e'razionalmente,'entro'un' quadro'deIinito'dalle'leggi'e'dalle'consuetudini.' Il'mercato'è'così' visto'come'lo'svolgersi' di'un'processo' dinamico' di' reciproca'conoscenza,' nel' quale' gli' individui' da'antagonisti' diventano' quanto' meno' cooperatori,' in' altre' parole' diventano' parte' di' una' comunità' costituita'dall’insieme'delle'relazioni'tra'soggetti'liberi'e'responsabili.' ' Prima' di' von' Hayek,' l’economista' francese' François' Perroux' già' negli' anni' ’60' separò' i' concetti' di' crescita' economica' e' sviluppo.' La' prima' tratta' l’accrescimento' espresso' come' prodotto' globale' lordo' riferito' al' numero' di' abitanti,' e' come' tale' si' concentra' sulla' quantiIicazione' di' un' livello' di' ricchezza.' Lo' sviluppo' invece' ha' una' dimensione'sociale'e'riguarda'gli' scambi' umani,' poiché' presuppone'il'dispiegarsi'delle' attività'delle'persone'attraverso'lo'scambio' di'beni,' servizi,'informazioni,'idee'e'simboli.' Lo' sviluppo' è' deIinito' soprattutto,' quindi,' come' un'modo' in' cui' si' manifesta' prima' il' rapporto' sociale' che' mette' gli' individui' in' reciproco' contatto' e' poi' la' solidarietà' intergenerazionale' che' punta' a' lasciare' alle' generazioni' successive' più' di' quanto' si' è' ereditato. ' Ma'nessuno' di'noi' vive'al'livello' dell’ideale'razionale'della'teoria'economica,' per' quanto' “umanizzata”'possa' essere.' Nella' realtà' storica' anche' e' soprattutto' recente,' il' fallimento'del' mercato' si' è'evidenziato' in'modo'imponente,' soprattutto' riferendosi' alla' mancata' (voluta?)' valutazione' dei' costi' indiretti' (ambientali,' sanitari,' relazionali,' culturali)' di' un' modello' di' crescita' e' sviluppo' nei' fatti' slegato' dai' rapporti' sociali.' Trascurando' le' esigenze' delle' collettività,' non' rispettando' la' soglia' sostenibile' dei' sistemi' naturali' e' privilegiando' il' breve' al' lungo' termine,' il' mercato' ha' mostrato' e' mostra'poco'interesse'per'una'dignitosa'qualità'della'vita'e'soprattuto'attenzione'per'le' generazioni'future.'Inoltre,'anche'la'mancata'o'sottostimata'valutazione'dell'importanza' di' molti'beni' e'servizi'ha' prodotto' una'distorsione'dell’economia'reale.' Gli' economisti,' concentrandosi'quasi'esclusivamente'sulle'nostre'capacità'di' ragionamento' e'di'calcolo,' si' sono' chiusi' in' una' sorta' di' camicia' di' forza' intellettuale.' Esiste' un' vero' e' proprio' imperialismo' culturale' dell’economia' nei' confronti' delle' altre' scienze' della' società:' l’effetto'è'ravvisabile'nel'fatto'che'il'ruolo'delle'scienze'sociali'si'riduce'a'poco'più'che'la' semplice'identiIicazione'dei'problemi,'mentre'la'scienza'economica' si' assume'quello'di'

4

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

fornire'risposte'razionali'su'un'piano'formale.'Ma'le'conseguenze'sono' sotto'gli'occhi'd' tutti.' ' Un' secolo' fa' Rosa' Luxemburg' suggerì' profeticamente' che' il' capitalismo' non' sarebbe'potuto'sopravvivere'senza'le'economie'non'capitalistiche.'Esso'sarebbe'stato'in' grado' di' progredire,' seguendo' i' propri' princìpi,' Iintanto' che' vi' sarebbero' state' terre' vergini' aperte' all’espansione' ed' allo' sfruttamento;' appena' conquistate' per' poterle' sfruttare,' le' avrebbe'private'della'loro'verginità'precapitalistica'e'così'facendo'avrebbe' esaurito' le' fonti' del' proprio' nutrimento.' La' forza' del' capitalismo' è' stata' nella' ingegnosità'con'la'quale'ha'cercato'e'scoperto'specie'ospitanti'nuove:'esemplare'il'fatto' che'oltre' ai' beni' puramente' materiali' sono' diventati'soggetti' alla'speculazione' anche' i' beni'cosiddetti'immateriali'come'la'cultura,'l’arte,'l’informazione,'la'stessa'relazione'tra' le' persone.' Il' capitalismo,' per' dirla' crudamente,' si' è' rivelato' in' sostanza' un' sistema' parassitario,' e' rudemente' egoista,' che' si' esprime' di' preferenza' con' una' politica' economica'caratterizzatasi'nel'tempo'da'quattro'evidenti'tratti'distintivi. ' Il' primo' è' che' il' successo' di' un’impresa' è' giudicato' dalla' sua' quotazione' Iinanziaria'in'borsa,'invece'che'dalla'sua'forza'intrinseca'o'dal'contributo'che'può'offrire' alla'società'ed'all’economia.'Il'secondo'è'una'forte'spinta'a'privatizzare'i'beni'ed'i'servizi' della' collettività,' come' l’acqua,' l’energia,' la' sanità.' Il' terzo' è' una' regolamentazione' minima'dei'servizi'Iinanziari' e'del' mercato'del'lavoro,'che'comprende'l’approvazione'di' pratiche'lavorative'tese'a'favorire'i'datori'di'lavoro'e'sfavorire'i'sindacati,' rendendo'più' semplici'le'assunzioni' e' licenziamenti;' inoltre,' nell’imposizione' delle'tasse'non'si' tiene' conto' della'ridistribuzione'della'ricchezza,'e'per'le'grandi'aziende'ed'i'ricchi'è'più'facile' evitarle' rifugiandosi' nei' paradisi' Iiscali' senza' infrangere' la' legge.' Il' quarto' tratto' è' la' convinzione' che' le' forze' di' mercato' e'di' consumo' possano' soddisfare' qualsiasi' tipo' di' necessità'umane. ' Un'ulteriore'tratto'si'è'andato' manifestando'in'questo'passaggio' di' millennio:'la' tendenza' di' fondo' a' costruire' economie' basate' sul' debito' e' sul' vuoto,' invece' che' su' infrastrutture'realmente'produttive.'Sono'i'debiti'(cioè'l’interesse'pagato'su'di'essi)'che'i' creditori' moderni' e' benevoli' sono' riusciti' a' trasformare'nella'fonte' principale'dei' loro' proIitti' costanti.' L’odierna' stretta' creditizia' e' le'bolle' speculative' non' sono' il' risultato' dell’insuccesso' delle'banche.' Al' contrario,' sono' il'frutto' del' loro'straordinario'successo:' hanno' ottenuto' la' razza' di' debitori' eterni.' I' poveri' hanno' bisogno' di' denaro,' non' di' welfare,' per'risultare'“utili”'seconda' la' concezione' neoliberista'di' utilità.' Non'persone,' ma' clienti' da' sedurre:' e' nei' fatti' la' fonte' primaria' di' accumulazione' di' capitali' si' è' trasferita'dall’industria'al'mercato'dei'consumi.' ' Inoltre,' malgrado' l’egoista' ideologia' del' neoliberismo' predichi' ad' alta' voce' la' necessità'che'l’individuo'se'la'cavi'da'sé,'bizzarramente'quando'ad'essere'nei'guai'sono'i' ricchi'lo' Stato' corre'in'loro' soccorso.' Perché'lo'Stato'dovrebbe,' secondo' loro,' fare'solo' due' cose:' primo,' sovvenzionare' il' capitale' afIinché' acquisti' la' forza' produttiva' del' lavoro;'secondo,'garantire'che'valga'la'pena'acquistare'lavoro,'possibilmente'al'costo'più' basso' possibile.' Dopodiché' le' persone' cerchino' soluzioni' private' (se' possono)' a' problemi' di' origine' sociale,' anziché' chiedere' soluzioni' di' origine' sociale' a' problemi' privati.' E,' soprattutto,' consumino:' da' decenni' viene' stimolata' con' sempre' maggior'

5

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

pressione' quella' che' gli' economisti' chiamano' “propensione' al' consumo”.' Questo' ha' signiIicato'in'pratica'il'costante'stimolo'dei'tratti'meno'adulti'e'più'fragili'delle'persone.' Davvero'qualcuno'ha'mai' pensato'che'questo'non'potesse'avere'effetti'sullo'sviluppo'di' comportamenti' individualistici' e' manipolatori' e' di' una' certa' cultura' edonista' e' dell’esclusione?' ' È' relativamente' facile' proclamarsi' per' la' Pace,' contro' il' Razzismo' e' lo' sfruttamento' del' Terzo' Mondo.' È' decisamente' meno' agevole' nella' quotidianità' rinunciare'ai' frutti' che' le' guerre'“preventive”'per' il' controllo' delle' risorse,' il' razzismo' più'o'meno'palesato'e'le'varie'forme'di'sfruttamento'ci'portano.'Chi'più'chi'meno,'diamo' il' nostro' contributo' a' celebrare' nei' nostri' nuovi' Templi,' la' Borsa' e' la' Televisione,' la' formazione'di'una'cultura' contro' la'Vita,'la'decadenza'della' Politica,' la'rapace'gestione' dei' Poteri.' L’informalità' e' l’individualismo,' il' divertimento' di' massa' e' l’ideologia' liberista,' questi'segni' che'abbiamo'assunto' nel'nostro'vivere'quotidiano' e'che'il' nostro' mondo'occidentale'considera'segni'di'progresso,'sono'nella'realtà'la'nostra'nemesi. ' I'nostri'Iigli'sono'dentro'la'nostra'incoerenza'e'come'noi'non'sanno'più'vedere'e' capire.'Vedono' le'illusioni' degli'Idoli'del'nostro'tempo'e'rinnegano'la'possibilità'di'dare' un'senso' alla'vita.' In'più,' ne' abbiamo' commercializzato' l’infanzia' e' l’adolescenza,' con' devastanti'danni'emotivi.'Noi'stessi,'come'adulti,'viviamo'come'beni'di'consumo'anche'i' rapporti' fra' le' persone,' i' sentimenti.' Gli' altri' sono' spesso' oggetti' che' costruiamo' per' pretendere'di' spiegarceli,'o' peggio'diventano' strumenti'per' la' soddisfazione'dei' nostri' desideri.' Questa' è' una' società' irreale' e' assurda' perché' preferisce' l’illusione' del' raggiungimento' del' successo' personale' ed' economico' al' reale' bisogno' di' amare' e' di' essere'amati.' ' Come'è' possibile'recuperare'credibilità?'È'possibile'se'impariamo'a'vedere'cose' che'altri'non'vogliono'più'vedere'e'ascoltare'cose'che'altri'non'vogliono'più'ascoltare,'se' ci' facciamo' carico' degli' attuali' rischi' legati' ai' lavoratori' e' alle' loro' famiglie,' alle' comunità,' all’ambiente,'all’acqua,' al'cibo,' per'una'attenzione'alle'generazioni' future.' Le' crisi' giocano' a'favore' degli' investimenti' e' rendono' più' poveri' i' deboli,' gli' speculatori' giocano'sul'mercato'e'il'risparmio'dei'lavoratori'svanisce,'gli'stipendi'sono'inadeguati'e'i' beni' sono' sperperati.' Non' possiamo' accettare'che'i' frutti' della' vigna' siano' dati' solo' ai' capi' e' ai' loro' adepti.' Questa' società' falsamente' meritocratica' isola' i' più' deboli' e' li' conIina'nel'giardino'del'politicamente'corretto.'Da'questo'giardino'si'tengono'alla'larga'i' serpenti,' i' manipolatori,' coloro' che' fanno' vanto' delle' loro' bravate' e,' come' epuloni,' lasciano' ai' cani' la' cure' delle' piaghe' di' Lazzaro.' Essere' credibili' è' farsi' prossimo,' non' agire'da'bugiardi'e'da'ladri'e'poi'baciare'le'mani'ai'prelati'e'ai'dittatori.

Dispolitica'
' Poteva'questo' essere'prigionieri' e'paralizzati'non'avere'conseguenze'sui' modi'di' interpretare' e' concretizzare' l’attività' politica?' No,' ovviamente;' la' “politica”' è' tradotta' nella'prassi'quotidiana'da'persone,'e'valutata,'condivisa'o'avversata'da'altre'persone.' In' questi' ultimi' anni' si'è'radicalizzato' un'sentimento'popolare'di' indignata'repulsione'per' la' “politica”' correntemente'intesa,' percepita' come' luogo' di' annidamento' e' rifugio' per' corrotti,' faccendieri' e' mestieranti.' I' partiti' politici' stessi' sono' spesso' considerati'

6

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

parassitari,' inefIicienti' e'confusionari.'La'reazione'di' chi' fa'politica,' soprattutto' agli' alti' livelli,' è'di' solito' la'messa'in'guardia' contro' facili' populismi,' contro' l'antipolitica'o' “un' inaccettabile' clima'da' ghigliottina”.' Reazioni' deboli,' tutto' sommato.' Eppure,' per' chi' ha' già' qualche' anno' sulle'spalle'e'vuole'ricordare,' nella' cosiddetta'Prima' Repubblica'non' sono' mancati' scandali' e' corruttele;' anzi,' era' già' ben' diffusa' nella' società' civile' la' disillusione'riguardo'al'livello'di'pulizia'morale'di'gran'parte'della'classe'politica.'Cosa'è' peggiorato' in' questa' Seconda' Repubblica?' È' davvero' solo' un' problema'di' privilegi' da' casta' e' di'spreco' delle'risorse'economiche?' La'realtà' è' più'semplice,' a' patto' di' volerla' affrontare,'e'ci'propone'alcuni'elementi'di'riIlessione. ' Fare'della'politica'una'professione'non'è,' naturalmente,'un'fatto'negativo' in'sé.'È' il' come' ed' il' perché' che' possono' essere,' oltre' che' opinabili,' umilianti' per' la' Politica' stessa'e'per'le'Istituzioni.'L'attività'politica'è'una'prerogativa'per'tutti'e'quindi'non'è'una' esclusiva' dei' partiti,' tuttavia' necessita' di' requisiti' personali' che' vanno' ben' oltre' la' passione' e' la'disponibilità,' soprattutto' quando' si' “fa”'politica' in' contesti' organizzati' e' nelle'istituzioni'pubbliche.'Servono'anche'competenze,'studio,'aggiornamento'continuo,' costanza'e'non'ultima'una'apprezzabile'consistenza'morale'ed'etica. ' Tanto' più' ci' si' coinvolge,' dal' proprio' territorio' al' Parlamento,' l'insieme' di' quei' requisiti'diventa'irrinunciabile;'non'a'caso'nella'nostra'Costituzione'se'ne'da'una'sintesi' esemplare'nell'Art.' 54:' «…"I"cittadini"cui" sono"af=idate"funzioni"pubbliche" hanno" il"dovere" di"adempierle"con"disciplina"ed"onore,"prestando"giuramento"nei"casi"stabiliti"dalla"legge.».' In'quanto'politico,'e'anche'come'partito,'apro'un'contratto'con'la'società'civile,'con'tutti'i' cittadini:' amministrerò,' svilupperò' e' custodirò' con' voi,' in' nome' e' per' vostro' conto' il' Bene'Comune.'Ed'è'un'contratto'che'per'essere'rispettato' necessita'che'come'politico,' o' partito,' debba' avere' chiari' nel' pensare' e' nell'agire' almeno' due' elementi' strategici:' il' primo' è' la' tensione' al' continuo' sviluppo' del' valore' e' della' condivisione' del' Bene' Comune,' nei' suoi' aspetti' materiali' ed'immateriali;' il' secondo' riguarda'l'esercizio' della' responsabilità' riguardo' all'informazione'(volta' a'garantire' trasparenza,' partecipazione' ai'processi'decisionali,'possibilità'di'controllo)'e'riguardo'all'afIidabilità'(legata'al' saper' rendere'conto'dell'impiego'delle'risorse'materiali' ed'umane'nell'esercizio' delle'proprie' funzioni). ' Il' professionalizzarsi' dell'attività' politica' (partitica' o' amministrativa,' poco' importa)' non' è' più' un' fenomeno' sorprendente' da' lungo' tempo.' Anzi,' è' diventato' elemento'stabile'del'nostro'fragile'sistema'democratico,'quasi' naturale'e'necessario' per' l'esistenza'dei'partiti'di'massa,'come'già'anticipava'Weber'nel'1918.'Vi'sono'persone'che' vivono' per' la' politica' e' di' politica.' Ma' quando' si' è' passato' il' conIine' oltre' il' quale' è' diventato,'nei'fatti,' culturalmente'accettabile'e'legittimo'arricchirsi'con'la'politica,' quasi' fosse' un'attività' svolta' per' l'affermazione' economica' e' di' status' quanto' un'attività' imprenditoriale' o' speculativa,' o' addirittura' una' seducente' alternativa' alla' disoccupazione?' Come'è'potuto' succedere' che'i' partiti' prendessero' l'attuale'e'maligna' forma'ibrida'tra'un'partito'di' notabili' ed'un'partito' di'massa?'Testimonianza'tragica'di' questa'ibridazione'è'la'legge'elettorale'Calderoli. ' Credo' di' aver' già' esposto' precedentemente' alcuni' elementi' in' base' ai' quali' è' possibile' dare' una' risposta' a' queste' domande.' Ma' credo' anche' che' l’elemento' di'

7

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

maggior' peso' sia' stato' il' deteriorarsi' Iino' alla' dissoluzione' di' quel' contratto' di' cui' accennavo'sopra.' Un'contratto'che'regge'il'processo' democratico'e'che'è'legittimato'dal' semplice' dato' che' ognuno' dei' contraenti' è' portatore' di' un' valore' di' scambio;' nel' momento'in'cui' questo' valore'non'è'più'riconosciuto' da'qualcuno'nei' confronti' di'altri,' la'contrattualità'si'rompe:'da'soggetto'contraente,'un'individuo'si' trova'nel'migliore'dei' casi' ad'essere' semmai' soggetto' gratiIicato' (e' depotenziato)' da'concessioni,' clientele'e' compromessi'al'ribasso.'Tra'l’altro,'questo'è'quello'che'apre'la'strada'alle'connivenze'fra' criminalità'organizzata'e'settori'della'politica'e,'di'conseguenza,'dello'Stato.' ' Un'contratto' la'cui' custodia,' da' sempre,' sarebbe' il' compito' primario' dei' partiti' politici:' compito' sempre' più' palesemente' disatteso' a' vantaggio' di' una' maggiore' attenzione'alle'proprie'posizioni'di'potere'ed'agli'interessi'delle'“lobbies”'di'riferimento,' distorcendo' i' criteri' di' rappresentatività' con' una' esasperata' e' strumentale' frammentazione,' compromettendo' così' la' stabilità' e' la' governabilità'del' nostro' paese.' C’è' un' che' di' perverso' nella' convinzione' che'traspare' come' messaggio' neanche' tanto' nascosto'nei'teatrini'delle'compiacenti'interviste'e'nelle'vuote' 'dichiarazioni' della'quasi' totalità' dei' politici:' la' convinzione' di' fare' effettivamente' il' bene' del' paese' semplicemente'perché'si'è'lì,' anche'quando' si'opera'palesemente'per'interessi'propri' o' di'partito.'E'come'se'non'bastasse,'questo'stile'di'“far'politica”'è'diventato'l’unico'modo' di'far'politica,'perché'paludato'di'serietà'e'importanza,'visto'che'è'il'modello'usato'da'chi' conta.'Accade'quindi'che'anche'nella'società'civile,' nei'movimenti'e'nelle'associazioni,'si' scimmiotta'questo'stile'autoreferente,' cieco' e'antistorico.' Affermo' che'questo' modello,' che'deIinisco' dispolitico,' non'ci'appartiene,' nonostante'credo' che'possa'aver'attecchito' subdolamente'nelle'nostre'ACLI.'

I'dormienti
' La' dispolitica' è' suadente.' Umiliante,' offensiva,' ma' fascinosa.' Ne' abbiamo' una' riprova' in' questo' periodo' di' confusione' e'incertezza,' in'cui' tanti' richiami' ad'un'nuovo' protagonismo,' ad' un'“risveglio”'dei' cattolici' in' politica' giungono' da' più' parti.' Ritengo' che' questo' sia' una' vera' e' propria' mistiIicazione.' A' meno' che' non' ci' si' voglia' riduttivamente'riferire' all’esistenza'di' un'partito' “cattolico”'(sempre' che' ciò' abbia' un' senso),' quando' ha'cessato' di' esistere' il' contributo' dei' cattolici' nella' quotidiana' prassi' politica' e' amministrativa?' Al' livello' più'alto,' a' ben' vedere,' molte' Iigure'importanti' dei' vari'governi'che'si'sono'succeduti' in'questi'ultimi'vent’anni' non'hanno' fatto' mistero'di' ispirarsi'alla'loro'fede'cristiana'nell’agire,'a'destra'come'a'sinistra.'E'allora?'Inoltre'nella' società'civile'i' cristiani' sono' molto' presenti' con' loro' attività' non'solo'assistenziali,' ma' associative' e' culturali;' attività' che' non' deIinire' politiche' solo' perché' non' partitiche' equivale'ad'estraniarsi'con'arroganza'dal'piano'della'realtà.' ' Ma' è' altrettanto' reale' che' il' cosiddetto' modo' cattolico' è' ricco' di' diversità,' che' hanno' generato' nel' tempo' divisioni' e' aspri' conIlitti' mai' gestiti' Iino' in' fondo.' Va' riconosciuta'una'situazione'di' smembramento'e'discordia.'Le'ragioni' sono' molteplici,'e' vanno'dai'differenti'modi'di'interpretare'la'tradizione'e'gli'insegnamenti'del'magistero'a' meri'interessi'di'potere'ed'economici;'nella'concretezza'le'opere'dei'cristiani'si'prestano' a' numerose' valutazioni' anche'antitetiche'fra' loro,' da' chi' cristiano' non' è'o' non'ha' una'

8

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

fede'religiosa.' Certo,' il' mondo' cattolico'non'si' riduce'a'ciò' che'se' ne'vede,'ma'non'può' riIiutare'ciò' che'di' esso' si' vede.' E'troppo' di' frequente' chi'non'ha'fede'ne'trova'motivo' dalla'prassi'di'chi'afferma'di'averne:'e'questo'riguarda'soprattutto'chi'fa'politica'a'tutti'i' livelli,' perché' è' chiamato' a' declinare' nelle' azioni' e' nelle' scelte' di' ogni' giorno' gli' insegnamenti' della'Parola.'Le'prese' di'posizione'e'le'dichiarazioni' rese,' ancor' prima'di' molte'scelte' politiche' e' di' governo,' hanno' creato' e' creano' più' di' una' perplessità' sulla' reale'testimonianza'dei'cattolici'nella'politica'italiana'e,'talvolta,'europea.'Si'può'pensare' che'sia'sufIiciente'aver'detto'parole'giuste'e'ispirate,' ma'può'accadere'che'i'destinatari' di' quelle' parole' le' predano' sul' serio:' presi' in'parola,' certi' esponenti' “cattolici”' hanno' seri'problemi' poi'a'“compromettersi”,'quasi'ci'fosse'una'mancanza'di'tatto'e'di' rispetto' nel'chiedergli'di' lasciare'il' terreno' dei' princìpi' per' passare'agli' atti,' quasi' non' fossero' dovuti.'Forse'perché'resi'paghi'e'sicuri'dalla'certezza'di'aver'compiaciuto'chissà'chi. ' Se'le'incitazioni' al'risveglio' ed'i' richiami' all’unità'vanno' allora'nella'direzione'di' alimentare' un'processo' di' “correzione' fraterna”,' di' relazione'fra' diversità' e' reciproco' riconoscimento' del' contributo' all’essere' nel' mondo,' allora' possono' avere' un' senso.' Altrimenti' si' resta' bloccati,' come' lo' siamo,' sul' quanto' e' come' essere' “del”' mondo.' In' questo' quadro'quanto'è'avvenuto'a'Todi'nei' giorni' 16'e'17'ottobre'scorsi'solleva'più'di' una' preoccupazione.' La' prima' riguarda' la' percezione' dell’esistenza,' oltre' alla' Iinalità' formale'del'seminario,' di'almeno' una'Iinalità'nascosta.' RiIlettere'e'avviare'un'processo' strategico' per' dare' una' più' incisiva' risposta' al' bisogno' di' politica' e' di' Buona' Vita,' iniziare'a'costruire'la'possibilità'di' concrete'azioni'sulla'base'di' rivisitate'e'rialimentate' sinergie…' Una' buona' occasione' persa.' Perché' in' realtà' l’elemento' che' ha' dominato' i' lavori,' stando' a'quanto' le'comunicazioni' e'l’agevolata'informazione'giornalistica'hanno' messo' in' evidenza,' era' il' probabile' avvio' di' ricostituzione' di' un' polo' cattolico' nel' panorama'partitico;'anche'se'da'più'parti'è'stato'un'Iine'negato,'anzi'dichiarato'come'da' non' perseguire,' oggettivamente' non' ci' ha' creduto' nessuno' e' l’immagine' mediatica' ha' lasciato'poco'scampo.' Un’altro' dato'preoccupante'viene'dal'constatare'che'si' persevera' nell’organizzare' eventi' che' escludono' larghe' parti' del' mondo' cattolico' che' avrebbero' titolo' per' contribuire' allo' sviluppo' del' pensiero' e' dell’azione,' e' qui' si' sconta' l’arretratezza'e'la'limitatezza'di' strumenti'come'Forum'e'simili,' nella' pratica'inutili'nel' confrontarsi' sulle'risposte'da' dare' a'situazioni'complesse;' se'a' ritrovarsi'son'sempre' i' soliti' noti' allineati' e' compiacenti,' risulta' poi' poco' probabile' produrre' qualcosa' di' realmente' traducibile' nella' realtà.' Forse' sono' più' utili' per' soddisfare' machiavelliche' aspirazioni'e'pulsioni'di'protagonismo. ' Altro' elemento' di' preoccupazione' è' l’assenza' di' una' tensione' ad' investire' la' cristianità' presente' nella' società' civile,' limitandosi' in' modo' miope' alla' cattolicità.' La' realtà' della' presenza' di' altre' chiese' cristiane' va' necessariamente' presa' in' considerazione' anche' quando' si' parla' di' Bene' Comune.' Anzi,' a' ben' guardare' sarebbe' anche' il' caso' di' considerare' anche' altre' religioni.' Siamo' ancora' nella' pretesa' della' titolarità'riguardo'alla'competenza'sull’esistere?'Se'ci'chiudiamo,'signiIica'che'le'nostre' relazioni'sono'subordinate'alle'tentazioni'di' potere'e'di' possesso' dell’altro.' Se'invece'ci' apriamo'all’altro'corriamo'dei'rischi'e'la'nostra'vulnerabilità'si'manifesta,'ma'abbiamo'il' vantaggio' di' vivere' pienamente' la' nostra' umanità.' Quindi,' scegliere' un' sentiero' di'

9

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

aperto' confronto' non'è'una' tranquilla' tradizione'religiosa,' né' un'turismo' intellettuale' evangelico' culturalmente' di' tendenza,' né' un’appartenenza' a' lobby' di' gerarchie,' o' a' improbabili' quanto' inefIicaci' ‘Forum’' di' associazioni' di' ispirazione' cattolica' per' una' buona' politica' e' per' il' bene' comune.' Siamo' chiamati' alla' Verità.' Ogni' tentazione' di' lasciarsi'possedere'o'di'vendersi'per'un'posto'al'sole'è'prostituirsi. ' —'Parte'II'•'I'riferimenti'nel'cammino'—

Tre'fedeltà'da'ri6visitare'
' Vengono' citate' spesso,' quelle' “tre' fedeltà”' che' Dino' Penazzato' dichiarò' per' le' ACLI' nel' suo' discorso' del' 1°' maggio' del' 1955.' Vale' la' pena' ricordarcele' nella' loro' espressione'originaria,'così'che'i'frequenti'rimandi'non'ne'alleggeriscano'il'peso.'
«Una"triplice"fedeltà"guida"e"illumina"il"nostro"impegno"di"oggi"e"di"sempre. " Fedeltà" alla"classe" lavoratrice." È" una" fedeltà" che"ci" è" facile," che" è"naturale," che"abbiano"nel"sangue," perché"noi"siamo"lavoratori,"perché"viviamo"e"operiamo"nelle" fabbriche," negli" uf=ici," nei" campi;" perché" il" nostro"pane"esce" dalla"nostra" fatica;" è" la" fedeltà"a"noi"stessi,"alle"nostre"origini,"alle"nostre"famiglie."È"la"fedeltà"alle"lotte"di"ieri," ai" sacri=ici" di" coloro"che" ci" hanno" preceduto:"a" quei" lavoratori," che" forse" meglio"noi" chiamiamo"con"i"nomi"di"nostro"padre"e"di"nostra"madre"(…). " Fedeltà"alla"democrazia:"alla"democrazia"del"nostro"Paese,"e"ancor" meglio"al" nostro"Paese," nelle" sue"tradizioni"e"nelle" sue"leggi,"nella"sua"storia"e"nel"suo"divenire." (…)"La"democrazia"nel"nostro"Paese"è"stata"in"pericolo"e"non"ha"cessato"di"esserlo:"qui" rinnoviamo" il" nostro" impegno" Y" che" nasce" dal" nostro" ideale" e" da" una" realistica" valutazione" dei" veri" interessi" del" nostro" mondo" del" lavoro" Y" di" essere" vigili" e" fermi" contro" ogni" ingannevole" lusinga," di" essere" forti" nella" libertà," per" essere" forti" nella" giustizia,"come"uomini,"non"come"servi"o"strumenti"(...). " Fedeltà"alla"Chiesa:"una"fedeltà"dolce"e" forte"che"segna"e"accompagna"tutta" la"nostra"vita."È" la"fedeltà"gioiosa"che"libera" e"promuove," che" rende"potente"anche"la" pochezza"e"sicuro"il"cammino"di"là"da"ogni"incertezza:"la"splendida"fedeltà"nella"verità." (…)."In"questa"fedeltà"Y"che"non"è"fatica,"ma"gioia"Y"noi"proviamo"ancora"una"volta"alla" classe"lavoratrice"che"non"esiste"dissidio"o"frattura"fra"la"Chiesa"e"il"mondo"del"lavoro».

' Un'linguaggio'a'cui'non'siamo'più'abituati,'un'po''datato,'che'ci'rimanda'a'quegli' anni' semplici' e' duri,' anni' di' ricostruzione' e' sobrietà,' anni' di' contrapposizione' anche' aspra.' Un' linguaggio' fatto' di' parole' in' cui' si' coglie'la' forza' ed' il' coraggio' di' chi' le' sta' usando,' perché' conscio' di' impegnare' se' stesso' ed' un' intera' associazione' a' renderne' conto'in'futuro.'Probabilmente'nessuno'direbbe'le'stesse'cose,'oggi,'con'le'stesse'parole.' E,'dubito,'con'lo'stesso'coraggio.'Eppure'negli'anni'a'seguire'Iino'a'questi'nostri'giorni'di' sogni' infranti,'anche'nei' momenti' di' maggiore'difIicoltà'per' il' mondo' del' lavoro,' per'la' tenuta' democratica' della' nostra' società' e' nelle' situazioni' di' maggior' attrito' con' le' gerarchie'ecclesiastiche,'esse'non'sono'state'mai'dimenticate. ' Quindi' credo' che' vadano' necessariamente' riprese' in' considerazione' alla' luce' della' nostra' situazione' attuale,' e' così' rivalorizzate.' È' un’operazione' importante:' in'

10

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

questi'momenti'di'transizione'e'di'crisi,'di'passaggio'da'un’epoca'ad'un’altra,'questo'può' aiutarci'a'tollerare'di'sentirci'senza'sostegno'e'con'poca'sicurezza,'perché'non'sappiamo' che'cosa'ci'verrà'incontro.'

Lavoro
' Per'noi'è'davvero'ancora'facile'essere'fedeli'al'Lavoro?'Viviamo'nei'fatti'l’idea'che' il' lavoro' prima' ancora' che' una' variabile' del' mercato' (e' anche' qui…)' è' un' elemento' costitutivo' della' dignità' e' dell’identità' umana?' Perché' lo' è' in' maniera' totale,' determinante:'coinvolge'un'livello'Iisiologico,' di'soddisfacimento' di'bisogni'elementari;' coinvolge'un'livello'sociale,'nel'sentirsi'parte'attiva'di'una'comunità;'coinvolge'un'livello' “spirituale”,' nella'possibilità'tramite'esso'di' conoscere'la'libertà'e'di'afferrare'la'natura' delle' cose' e' del' mondo.' Questo' sta' alla' base' dell’imprenditorialità' e' della' sua' responsabilità'sociale,'ma'anche'a'ciò'che'rende'dignitoso'guadagnarsi'il'pane. ' Riaffermare' questo' signiIica' dare' senso' e' direzione' all’azione' che' si' intende' svolgere:'signiIica'demistiIicare'e'condannare'in'modo' cristallino'la'legittimazione,'al'di' là' delle' dichiarazioni' di' principio,' della' reiIicazione' degli' individui,' per' cui' illegalità' e' diseguaglianze'diventano' condizioni' “normali”.' Possiamo'confrontarci'scodellando'cifre' e'statistiche'(che'hanno'certo'una'loro' utilità)'Iino' alla'nausea,'ma'poi'nella'vita'di'tutti' giorni' ci' sono' i'morti' ed'i'feriti,'le'lettere'di' dimissioni'Iirmate'in'bianco'all’assunzione,' decine'di'forme'di'lavoro'provvisorio,' quella'sorta'di'caporalato'legalizzato' che'sono' le' agenzie' interinali,' il' lavoro'in'nero,' giovani' donne'costrette' a' scegliere'tra' maternità'e' occupazione…' Come' giustiIichiamo' tutto' questo' e'altro?' In' nome' di' che'cosa?' Eppure' sembra' che' il' mercato' del' lavoro,' il' lavoro' stesso,' non' possa' fare' a' meno' di' tali' situazioni,' pare' nutrirsene.' C’è' chi' opera' costantemente' afIinché' i' frutti' di' decenni' di' lotte' dei' lavoratori' sono' sempre' più' messi' in' discussione,' ritenuti' sacriIicabili' ed' emendabili'quasi'fossero'dei'privilegi'ottenuti'con'la'forza.'Questo'non'è'accettabile.' Ed' esiste'attualmente'un'tragico' scollamento'tra'quella'che'pare'la'consapevolezza'diffusa' che' il' “sistema”' non' funziona' e' la' volontà' reale' di' cambiarlo;' occorre' tirare' una' riga,' Iissare'un'punto.'Va'detto'chiaramente'che'il'tempo'dei'falsi'compromessi'e'di'un'iniquo' mercato'del'lavoro'è'Iinito:'ripensarlo'non'è'un'compito'per'moderati'o'astiosi'superstiti' dei'“maledetti”'anni'’70. ' Le' ACLI' si' trovano' ad'avere' una'posizione' privilegiata,' sia' per' comprendere' la' situazione'sia'per'avviare'dei' processi'di'cambiamento:' siamo' una'organizzazione'della' società'civile,' e'la'prospettiva'di'impegnarci' e'promuovere'attività'economiche'non'ci'è' estranea.'Tuttavia'quello'che'ci'può'e'ci'deve'caratterizzare'non'è'la'produzione'di'beni'e' servizi' in' sé,' ma' la' creazione' e' lo' sviluppo' di' relazioni' sociali' attraverso' quella' produzione.'Già'da'oltre'un'decennio'in'Italia'si'parla'di'economia'civile,'ma'una'vera'e' concreta'attuazione'stenta'a'partire.' Può'essere'uno'dei' nostri'obiettivi' quello'di'aprire' nuove'strade?''Ed'insieme'a'chi?

Democrazia
' Non'è'più'il'tempo' per'parlare'di' democrazia'in'termini' generali.'Occorre'invece' tornare'a'confrontarsi'costantemente'con'l’idea'di'un'processo'in'continuo'sviluppo,'mai'

11

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

concluso'e'tanto' meno'dato' per'scontato,'di' un'contesto' sociale'che'concilia'le'libertà,' i' diritti' e' la'dignità' dei' singoli' con' le' esigenze' di' una' degna' convivenza' civile,' e' quindi' attrezzato' con' forme' di' tutela,' garanzie' e' controlli' centrati' sulla' partecipazione' decisionale' e' la' condivisione' di' beneIici' e' svantaggi.' Questo' confrontarsi' signiIica' prendersi' cura' della' democrazia' e' della' società' civile:' assumere' questo' modo' di' guardare' al' contesto' in' cui' viviamo' è' sostenere' che' esiste' un' potenziale' innato' in' ciascuna'persona,'in'ciascun'compito,'in'ogni'problema'da'affrontare. ' Come' ACLI'abbiamo' dato' e' stiamo' dando' un'importante'contributo,' avendo' un' intero' sistema' operativo' orientato' in' questa' direzione.' Con' i' servizi' operiamo' per' mediare'fra' cittadini' e' Stato,' svolgendo' un'ruolo' “tecnico”'legato' alla' salvaguardia'dei' diritti' e'ad'un' sereno' rapporto' con'le'istituzioni.' Come'associazione' agiamo' in'termini' processuali' nella' società' civile' per' la' promozione' delle' persone' nelle' loro' esperienze' quotidiane,' dallo' sperduto' circolo' con'mescita'in' una'valle' montana' alla' grande' città.' Sappiamo' bene' come' la' democrazia' si' misura' da' come' siamo' capaci' di' vivere' la' solidarietà' nella' società' civile,' ogni' giorno.' E' siamo' consapevoli' anche' di' come' la' solidarietà' sia' avversata' e' impedita' dall’illegalità,' soprattutto' quella' che' nasce' da' un’idea'di'libertà'che'è'libertà'dalle'leggi. ' Forti'nella'libertà,'forti'nella'giustizia,'richiamava'Penazzato:'ma'come'è'possibile' esserlo' oggi?'Probabilmente'attivando' tre'categorie'ispiratrici'che' possono' dare'nuovo' senso' al' nostro' esistere' come' sistema.' Sostenere' il' permesso' che' le' persone' possono' darsi' per' pensare,' agire' e' costruire;' fornire' protezione' alle' esperienze' di' fruttuoso' cambiamento;'inIine'offrire'la'potenza'del'nostro'sistema'per'legittimare'e'alimentare'il' potere' di' essere' e' la'dignità' dei' più'deboli.' E'in' tutto' questo' non' c’è' parte' del' nostro' sistema'che'possa'essere'considerato'di' secondaria'importanza.' Permesso,'protezione'e' potenza' vissute' con' l’umiltà' di' chi' si' pone' al' servizio,' lontano' dai' riIlettori' e' dalle' tentazioni'di'protagonismo. ' Il' compito' che' ci' attende' richiede' la' necessità' di' costruire' sinergie' con' chi,' soprattutto' nella' società' civile,' coniuga' nella' sua' azione' la' scelta' per' una' società' inclusiva' e' la' promozione' del' binomio' solidarietà' e' legalità,' e' non' intese' con' chi' persevera' nei' fatti' verso' una' società' dell’esclusione' e' dei' privilegi.' Si' tratta' di' essere' solidamente'promotori'di'valori'etici'disattesi.'Davvero. '

Chiesa
' Molti' segni' sono' nascosti' nel' nostro' tempo,' e' bisogna' mettersi' in' cammino' e' indossare'il'Iiltro'dell’umiltà'e'della'semplicità'per'decifrarli:'la'complessità'e'dinamicità' della' contemporaneità' ci' invita' ad' essere' soggetti' attivi' nella'ricerca' dell’incarnazione' della'Parola'nella'quotidianità'e'assieme'rivolta'al'futuro.'Serve'ancora,'a'tanti'anni'dal' Concilio' Vaticano' II'(che'è'avvenuto' davvero,' non'è'una'favoletta'per' catecumeni…)'ad' un' movimento' di' azione' e' formazione' socio' politica' di' ispirazione' cristiana' come' il' nostro,' la' sollecitazione' ad' essere' laici' cristiani' nel' mondo' aperto' e' molteplice,' responsabili' “in' prima' persona”' della' propria' esperienza' e' della' propria' azione.' Continuare' a' vivere' e'a'credere' è'continuare'a'lottare'per' dare'valore'e'concretezza'a'

12

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

quella'fede'di' unità'e'universalità'in'cui'siamo'stati'formati'e'di'cui' la'Croce'è'il'simbolo' che'si'apre'sul'mondo. ' C’è' oggi' un' passaggio' da' compiere:' da' una' religiosità' di' appartenenza' ad' una' risposta' religiosa' personale,' individuale' e' collettiva.' Da' un' “noi”' che' uniIica' le' esperienze'di'obbedienza'(e'di'ribellione)'a'Dio,'a'rapporti'personali'e'responsabili'con'i' nostri' fratelli'e,'attraverso' di'essi,' con'Dio.'La'fedeltà'passa'attraverso'questo' cammino' di'giustizia:'davanti'alla'vita'del'fratello,'la'sua'vita'è'la'legge'a'cui'devo'obbedire,'poiché' la' vita'di' ogni' persona' è' opera' di' Dio.' Siamo' chiamati' a' lavorare' nella' vigna' prima' di' tutto'riconoscendola'come'luogo' della'nostra'responsabilità'e'non'dei' nostri'interessi'e' poi' come' ambito' in'cui' la' relazione' di' giustizia'con' la' terra' e' i' fratelli' diventi' il' luogo' della' nostra' fraternità,' e' luogo' di' partenza' sul' cammino' indicato' dal' discorso' della' montagna.' E'per'questo'ci'serve'la''costante'attenzione'a'veriIicare'con'sapienza'i'nostri' criteri' di' essere'e'di' agire'riponendo' con'gioia'Iiducia' nel'Padre,' e'in'questo' riscoprire' con'stupore'l’immensità'del'Dono'ricevuto.'Riconoscere'che'la'vita'l’abbiamo'ricevuta'da' un' altro,' e' accogliere' quello' che' abbiamo' di' più' prezioso:' il' nostro' esistere.' Siamo' chiamati'a'vivere'e'condividere'questa'esperienza'spirituale:'conoscere'profondamente' che'io'sono'espressione,' esistenza'dell’azione'di' un'altro.'E'di'fronte'a'questo'Dono,'non' resta'che'operare'a'nostra'volta,'con'l’umiltà'consapevole'dei'nostri'limiti,'ma'anche'con' forza,' piccole' azioni' di' Grazia,' fra' le' quali' la' ricerca'e' l’accompagnamento' di' fratelli' e' sorelle,' anche' di' altre' fedi.' Come' laici' siamo' sollecitati' di' segni' dei' tempi,' ci' chiedono' fedeltà' al' luogo' teologico' dello' Spirito,' la' storia,' in' cui' c’è' il' riIiuto' di' ogni' fondamentalismo'che'ragiona'sulla'verità.'

Una'fedeltà'da'affermare:'la'Terra'è'di'Dio
' Ci' è' stato' detto:' «La" terra" è" mia" e" voi" siete" presso" di" me" come" forestieri" ed" inquilini!»'(Lev' 25,23).'Possediamo'ciò' che'non'abbiamo' creato?' Ci'è'dato' di' possedere' ciò'che'non'possiamo'creare?'Possiamo' solo' trasformarlo:' la'differenza'è'sostanziale.'E' anche' se' siamo' diventati' bravi' a' trasformare' ciò' che' ci' è' stato' messo' a' disposizione,' solitamente' avviene' senza' un' Iine' che' abbia' e' dia' un' senso' alla' nostra' storia.' È' una' società' immatura,' questa' che' sta' divorando' risorse' sull’altare' del' “tutto' e' subito”,' del' proIitto'facile'comunque,'del'voler'vivere'sull’isola'che'non'c’è. ' Il'divario'sociale'ed'economico' tra'il'miliardo'di' persone'più'ricche'del' mondo'e' quelle' più' povere' non' ha' precedenti' storici;' questo' divario,' manifestatosi' Iino' ad' ora' nell’alimentazione,'nell’istruzione,' nella'tipologia'delle'malattie'e'nell’aspettativa'di'vita,' molto'probabilmente'aumenterà'a'causa'dei'mutamenti'climatici'in'atto.'Da'una'parte'la' scarsa'possibilità'di' accesso'a'terreni' fertili' ed'all’acqua,' la'bassa'disponibilità'di'cibo'e' cure' sanitarie,' il' tutto' sommato' ad' un' continuo' incremento' delle' aree' politicamente' instabili' e' soggette' a' conIlitti' armati…' Dall’altra' parte' 1,6' miliardi' di' persone' che' si' preoccupano' della' forma' Iisica,' della' linea.' Decidiamo' da' che' parte' stare,' adesso,' con' lucidità'e'chiarezza.'Non'possiamo'continuare'a'servire'Dio'nella'preghiera'e'Mammona' nei'fatti.' ' Seminare'con'decisione'nella'cultura'comune'l’idea'che'la'sobrietà'è'possibile'ed' a'questo'punto'opportuna,'necessaria'e'doverosa:'questo'è'uno'dei'compiti'più'ardui'che'

13

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

ci' attende.'Temi'come'la'pace,'gli'stili'di' vita,' la'cooperazione'internazionale'con'le'aree' in' difIicoltà,' sono' diventati' strategici,' e' non' propulsori' di' un’azione' accessoria' o' di' tendenza:'non'avrebbe'senso'battersi'per'il'lavoro,'la'democrazia,'tanto'meno'vivere'una' fede,'se'intorno'a'noi'la'vita'viene'distrutta.' ' —'Parte'III'•'La'Complessità'interroga'—

Parte'con'altre'parti
' Siamo' sempre' più' nella' condizione' di' doverci' muovere' in' scenari' sempre' più' complessi,' sperimentando'spesso'incertezza,' vulnerabilità,' difIicoltà.'Diventano' sempre' più'evidenti'le'relazioni'fra'i'problemi,'gli'intrecci,'le'compresenze'di'ragioni'e'signiIicati.' La' complessità' esiste,' non' è' uno' slogan,' e' tantomeno' può' essere' un' alibi' alla' nostra' voglia'di'sempliIicazione.' E'la'tentazione'a'riguardo'è'tanta,'spunta'quando' ci'rendiamo' conto' che' uno' scenario' complesso' non'si'lascia'controllare,' non'è'governabile'in'modo' lineare,'e'soprattutto'non'è'pienamente'conoscibile'da'fuori,'bisogna'starci'dentro.' ' Eppure' questo' tempo' di' complessità' può' essere' un' tempo' di' liberazione.' Cogliendola' così'come' è'abbiamo'più'occasioni' per'riconoscere'e'capire'la'realtà'di' cui' siamo' parte,' e' socialmente' diviene' fonte' di' legami.' Questo' può' avere' una' ricaduta' diretta' nella' nostra' come' in' altre' associazioni:' favorisce' l’acquisizione' di' una' competenza'come'il'saper'esplicitare,'che'è'un'fondamentale'tratto'dirigenziale.'Si'tratta' della' capacità' del' dare' ragione' del' perché' e' del' come' aver' deciso,' aver' fatto,' essersi' mossi' in' quel' dato' modo,' confrontandosi' con' le' contraddizioni' sempre' presenti,' mai' arrendendosi'alle'evidenze'e'cogliendo' nella'complessità'vincoli,'certo,' ma' anche' tante' risorse.' Uno' scenario' complesso' ci' chiede' di' farne' parte,' non' di' essere' domato' e' sconIitto. ' Un’altra' opportunità' viene' quindi' dall’impossibilità' di' sempliIicare,' e' produrre' modelli.'Emerge'la'modalità:'lo'scenario'di' 'complessità'è'sempre'e'solo' comprensibile' con'modalità,' con'la'fatica'che'c'è'a' stare'nelle'modalità,'a'comprendere'i' fatti' nel'loro' divenire.' Questo' indirizza' a' focalizzare' le' vulnerabilità' esistenti,' proprie' e' di' altri' soggetti:'gli' scenari'complessi' diventano' scenari'dove'le'differenze'educano.'Vero'è'che' tutto' ciò' può' inIluenzare' e' mettere' in' crisi' profondamente' la' propria' identità,' sia' individuale'che'di'associazione.'Ma'è'altrettanto'vero'che'l’identità'è'sempre'in'divenire,' non'è' un'dato'statico,' ma'in'continua'costruzione.' È'un'divenire'che'si'costruisce'nelle' decisioni'concrete,'nella'differenziazione,'nell’interazione. ' Le'ACLI'sono'parte'della'complessità,'ma'sono'esse'stesse'un'sistema'complesso?' Non'è' una' questione'secondaria'o' di' poco' conto,' poiché' ne'va' della' capacità'di' tenuta' delle' ACLI' nello' scenario' contemporaneo.' Tentiamo' allora' di' darci' una' risposta.' In' termini'generali'è'possibile'riscontrare'tre'possibili'modi'diversi'di'“essere”'sistema. ' Il'primo'è'quello'per'cui'una'singola'componente'è'accoppiata'debolmente'con'le' altre'del'sistema;'la'sua'dinamica'è'allora'quasi'simile'a'quella'di'un'elemento'isolato'ed' è' solo' debolmente' perturbata' dall’azione' degli' altri' elementi.' Se' ciò' accade' per' la'

14

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

maggior' parte' delle' componenti,' in' pratica' il' sistema' si' riduce' a' un' insieme' di' sottosistemi' per' la' maggior' parte' costituiti' di' elementi' singoli' che' evolvono' come' se' fossero' quasi' indipendenti.' Il' sistema' in'questa' condizione' può' essere' considerato' un' sistema'semplice.' ' Il'secondo'prende'forma'quando'la'singola'componente'dipende'in'prevalenza'da' sorgenti' di' inIluenze' e' informazioni' esterne' ed' è' solo' debolmente' legata' alle' restanti' componenti,'e'se'ciò'è'vero'per'la'maggioranza'delle'stesse,'il'sistema'può'ancora'essere' disaccoppiato'in'un'insieme'di' sottosistemi'(con'tutte'le'conseguenze' possibili),'i'quali' sono' controllati' da'tante'fonti' esterne'quante'sono' le'componenti' del' sistema'stesso'in' interazione'con'l’esterno.' Si'tratta'in'questo' caso' di' un'sistema' che'possiamo'chiamare' complicato,'ma'non'è'ancora'complesso. ' Il' terzo' si' afferma' quando' una' singola' componente' è' accoppiata' molto' intensamente' con'le'altre' componenti' del' sistema,' e' la' sua' dinamica' è' principalmente' determinata'dall’interazione'con'le'altre.'Quando'ciò'è'vero'per'un'numero'signiIicativo' di' componenti,' diciamo' la' maggior' parte,' allora' il' sistema' è' complesso.' E' come' è' per' tutti'i'sistemi'complessi'la'molteplicità'interna,'la'sensibilità'alle'sollecitazioni'interne'ed' esterne,' le' apparenti' casualità,' non' possono' essere' spiegate' con' la' tradizionale' descrizione' deterministica,' efIicace' per' i' sistemi' semplici' o' riducibili' a' semplici,' nella' quale' ci' si' concentra' sull’evoluzione' dettagliata' e' puntuale' di' traiettorie' evolutive' auspicate. ' Dove' avvertiamo' di' poter' collocare' le' ACLI?' Nella' realtà' possono' prodursi' differenti' cammini' evolutivi' dalle' stesse' condizioni' “ambientali”,' quindi' è' opportuno' prestare'continua'attenzione'al'proprio'“essere'parte”'di'uno'scenario'complesso.

L’evoluzione'dell’assetto'organizzativo
' È' possibile' prestare' questa' attenzione' ad' esempio' sottoponendo' a' veriIica' le' scelte' fatte'riguardo' allo' sviluppo' delle' attività,' cioè' relative' alla' progettualità' ed' alla' deIinizione' degli' obiettivi' riguardanti' l’incremento' delle' attività' stesse' (ricerca' e' sviluppo,' processi' di' produzione' dei' beni' o' dei' servizi,' gestione' delle' competenze' tecniche). ' Altra'veriIica'può' riguardare'l’insieme'delle'scelte'fatte'per'agevolare'lo' sviluppo' delle'attività,' che'riguardano' cioè'il' posizionamento'socio6economico' del'sistema'ACLI:' risultati' economici' da' conseguire' per' la' sopravvivenza' e' lo' sviluppo,' modalità' di' gestione,'posizionamento'strategico'delle'attività,'politiche'sociali'promosse. ' Da'non'tralasciare'è'poi'la'veriIica'dell’insieme'delle'scelte'valoriali,'consapevoli'e' inconsapevoli,' che' determinano' l’atteggiamento' riguardo' alle' relazioni' intra' ed' extra' sistema,' soprattutto' in' termini' qualitativi.' Le' persone' sono' valorizzate' e' posizionate' adeguatamente?' Quanto' è' presente' in' modo' condizionante' un’etica,' anche' professionale?'Qual’è'l’effettiva'ideologia'soggiacente'alle'attività?'Come'sono' i'rapporti' con'i' partner'dello' scenario' complesso' (collaborazione,' cooperazione,' conIlitti' in'varie' forme)?' ' Sono'veriIiche'importanti,' perché'forniscono' la'base'di'radicamento' dell’identità' in'divenire'della'nostra'associazione.'E'danno'la'possibilità'di'cogliere'la'direzione'data'

15'

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

alla' propria' azione,' lo' speciIico' orientamento' in' atto' verso' un' possibile' e' variamente' ricercato' futuro.' Sono' veriIiche'necessarie,' perché' testimoniano' il' “prendersi' cura”'di' una' dimensione' collettiva' che'un’esperienza'come' la'nostra'non'deve' trascurare.' E' se' poi' accettiamo' di' essere' parte' di' uno' scenario' complesso,' allora' dobbiamo' porci' il' problema'di' come'siamo'attrezzati'dal' punto'di'vista'organizzativo.'È'una'domanda'che' difIicilmente'ci'si'pone,' un'po''perché'un'certo' modo' di'fare'organizzazione'può'essere' l’unico'che'conosciamo,'e'poi' perché'tendiamo'a'risolvere'spesso'i'problemi' puntando'a' sempliIicare'il' contesto,'magari' snellendo'il'sistema.' Ma'una'associazione'come'le'ACLI' può' essere' generativa' solo' attraverso' i' suoi' processi' e' non' attraverso' le' funzioni' presenti'al'suo'interno,'e'quindi'se'si'vogliono'attuare'dei'miglioramenti'effettivi'si'deve' cambiare' approccio.' D’altronde,' la' società' civile' e' chi' si' rivolge' alla' ACLI' valuta' non' verticalmente,' ma'orizzontalmente;' non' sono' interessati' a' sapere' di' quale'pezzo' delle' ACLI'è'la'responsabilità'di'un'disservizio'o'di'una'attività'inefIicace.' ' Per'reggere'il'peso' della'complessità'occorre' quindi'prendere' in'considerazione' una'struttura'organizzativa'sviluppata'per'processi,' che'permette'di'gestire'un'progetto' trasversalmente' alle' funzioni,' in' modo' da' creare' continuità' tra' le' attività' dello' stesso' progetto'e'in'modo'che'queste'siano'legate'tra'loro'in'maniera'che'ciò'che'viene'svolto'in' una' fase'del'processo' dipende'strettamente' da'ciò' di'cui'la'fase'successiva'ha'bisogno.' Tale' procedimento' non' è' riproducibile' invece' utilizzando' una' tradizionale' organizzazione'per'funzioni,'nella'quale'i'compiti'vengono'svolti'in'maniera'procedurale' e' quasi' totalmente' sconnesse' tra' loro,' ognuna' afferendo' alla' propria' direzione' in' maniera'verticale'e,'spesso,'compiacente. ' A' onor' del' vero,' una' organizzazione' per'processi' ha' due'difetti' che'la' rendono' invisa'a' molti.' Il' primo' è'che'deve'essere' compresa' e'condivisa'per'funzionare,' perché' non' è' basata' sul' meccanismo' io6decido6tu6fai6punto.' Il' secondo' è' che' richiede' una' trasparenza'pressoché'assoluta.'' '

Organizzazione'ad'Alta'AfIidabilità…?
' Gestire' per' processi' può' non' essere' sufIiciente;' è' necessario' promuovere' e' sviluppare' le' competenze' necessarie' per' confrontarsi' con' l’inatteso' portato' da' un' mondo' sempre' più' complesso' e' imprevedibile.' Farne' a' meno' è' un' lusso' che' non' possiamo' permetterci,' già' ora.' È' un' modo' di' fare' organizzazione' e' movimento' che' comunque' non' può' e' non' deve' essere' demandato' a' un' settore' particolare' o' ad' un' gruppo'specializzato,' ma'deve'coinvolgere'l’insieme'del'sistema'potenziando'le'capacità' di' tutti,' militanti,' operatori' e' dirigenti.' Pur' essendo' una' trasformazione' della' cultura' organizzativa,' non' occorre' una' rivoluzione:' occorre' concentrarsi' intanto' su' ciò' che' funziona'e'sul'perché'funziona,'e'far'leva'sui'simboli'e'sui'valori'che'costituiscono'i'punti' di'riferimento'essenziali'rispetto'alla'costruzione'della'nostra'identità'aclista.'L’obiettivo' può' (e'deve)'essere'quello'di'promuovere'un'atteggiamento'che'consenta'di'continuare' a' “fare”' organizzazione' evitando' che' le' routine' diventino' superIicialità,' e' che' le' aspettative' prendano' il' sopravvento,' col' risultano' che' si' possono' creare' punti' ciechi' equivalenti' di' solito' ad' una' incapacità' di' vedere' e' vedersi,' il' che' è' potenzialmente' disastroso.'Il'fatto'che'il'rischio' non'sia'sempre'evidente'e'immediatamente'percepibile'

16''

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

non' signiIica' che' non' esista.' Anticipare' gli' eventi' critici' signiIica' in' primo' luogo' imparare'a' riconoscerli,' ed'in'questo' vi' sono' tre'principi' chiave' in'grado' di' guidare'in' tale'direzione. ' Per'prima'cosa'è'importante'per'l'organizzazione'imparare' a'preoccuparsi' delle' criticità,' cioè'a'cogliere'l'importanza' di' eventi' apparentemente'secondari' che'in'realtà' possono' rappresentare' un' segnale' debole' di' problemi' di' più' ampia' portata' in' incubazione.' Un'secondo' criterio' chiave'è'la'resistenza'verso' le'sempliIicazioni,' cioè'la' riduzione'forzata'della'complessità'entro'schemi'prestabiliti'e'rassicuranti'che'di'fatto'si' trasformano'in'paraocchi' organizzativi' in'grado' di'occultare' il' signiIicato'degli' eventi'e' la' loro'portata.'Il'terzo' principio'riguarda'la'sensibilità' alle' attività'che' vengono'svolte' “in' prima' linea”' dall'organizzazione.' È' facile' che' chi' sta' nei' piani' alti' sia' tentato' di' sottovalutare'il' “pericolo”'che'chi'è'sul'fronte'riesce'a'vedere'in'tutta'la'sua'valenza.' Le' motivazioni' di' questo' possono' essere' diverse,' gerarchiche,' politiche,' economiche,' ma' vanno'comunque'nella'direzione'di'rallentare'ed'ostacolare'un'intervento'efIicace.' ' Nonostante' tutto,' gli' eventi' negativi' che'riguardano' un'organizzazione' possono' sempre' accadere.' Per' questo' motivo' è' opportuno,' oltre' ai' tre' principi' esposti' prima,' adottare' due' linee' guida' per' il' contenimento' delle' situazioni' in' cui' l'inatteso' si' è' materializzato'e'rischia'di'trasformarsi'in'una'seria'emergenza'organizzativa.'Una'prima' indicazione'riguarda'l'adottare,'non'senza'fatica,'un'comportamento'caratterizzato'dalla' resilienza.' In'Iisica,' questa' è' la' capacità' di' un'materiale' di' resistere' a' urti' improvvisi' senza' spezzarsi.' Mutuando' nell'esperienza' umana,' essere' resilienti' signiIica' non' solo' resistere'agli'urti'di'ogni'tipo'che'possiamo'ricevere'nel'corso'della'nostra'esistenza,'ma' anche' imparare' a' trarre' beneIicio' da' tali' urti.' Un'organizzazione' resiliente'è'quella' in' grado' in' tal' senso' di' affrontare' le' prove' a' cui' viene' sottoposta' dagli' eventi' inattesi' uscendone'non'solo'intatta,'ma'addirittura'rafforzata'nelle'sue'capacità'di'risposta.' ' La'seconda'indicazione'riguarda'il'rispetto'di'cui'gode'la'competenza,'ed'il'modo' in' cui' tale'considerazione'si'riIlette'sulle'decisioni' della' leadership'interna'del' sistema' organizzativo.' Non' si' tratta' del' semplice' far' riferimento' alle' persone' “con' più' esperienza”'presenti' nell'organizzazione,' perché' l'esperienza' in' quanto' tale'può' anche' essere'ripetitiva'e'non'assicurare'risposte'adeguate'di'fronte'a'eventi' inattesi.' Si'tratta' piuttosto' di' mettere'in'atto' rapidi' processi' di'delega'e'ristrutturazione'del'sistema'che' consente' a' coloro' che' sono' in' prima' linea' di' affrontare' con' possibilità' di' successo' l'emergenza.' Generalmente' chi' si' trova' a' diretto' contatto' con'le'situazioni' in'cui' è'più' probabile'che'emergano' criticità'è'in'grado' prima'di' altri'di' accorgersi'dell'esistenza'di' un'problema'che'può'divenire'serio,'ma'ha'un'potere'limitato'rispetto'alla'prevenzione'o' riduzione' del' danno.' Perciò' non' è' l'esperto' (la'persona' formalmente' incaricata' di)' ad' avere' un'automatica' precedenza' gerarchica' sulla' presa' di' decisione,' ma' sono' le' decisioni'stesse'che'“vanno'in'cerca”'dell'esperto.' Stiamo' parlando'di' un'criterio'non'di' centralizzazione' ma' di' dispersione' delle' decisioni,' che' anziché' procedere' tradizionalmente' a' cascata' dall'alto' verso' il' basso' migrano' verso' le' persone' che' lavorano' a' diretto' contatto' con' la' situazione' e' hanno' le' effettive' competenze' per' intervenire'a'riguardo.'

17''

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

Correzione'fraterna
' Un' elemento' che' ci' dovrebbe' interessare' molto' riguarda' poi' la' capacità' di' sviluppare' un' approccio' di' non' biasimo' all'errore,' quindi' una' vera' e' propria' cultura' della' “segnalazione”' in' cui' l'errore' non' sia' considerato' in' termini' esclusivamente' sanzionatori,' ma' venga' piuttosto' interpretato' come' un'opportunità' di' apprendimento.' Questo'non'vuol'dire'assumere'una'posizione'di'generalizzato' lassismo' o' di'amnistia'a' priori' nei' confronti' di' qualunque' comportamento:' ovviamente' questo' atteggiamento' minerebbe' immediatamente' la' credibilità' della' leadership' e' dell'organizzazione.' Tracciare' una' linea' tra' quello' che' va' ritenuto' un' comportamento' inaccettabile' e' uno' sbaglio'non'è'facile,'e'in'questo'senso' è'importante'distinguere'tra'violazione'ed'errore.' Quest'ultimo' è' generalmente' non' intenzionale,' mentre' la' violazione' costituisce' una' trasgressione'premeditata'nei'confronti'delle'procedure'e'delle'norme'accreditate. ' In' altri' termini,' lo' sbaglio' può' essere' involontario,' mentre' può' non' esserlo' il' corso' d'azione' all'interno' del' quale' si' è' prodotto' l'errore.' Tenendo' presente' questa' distinzione,' va' costruito' un' ambiente' organizzativo' che' “protegge”' la' segnalazione' di' errori'fatti' e'situazioni' critiche'mancate.'Certo,' ci'vuole'un'clima'di' Iiducia'reciproca'ed' equità,' ma'noi'cristiani'sappiamo' come'chiamare'questo'clima:'correzione'fraterna.'Che' è'l'opposto'della'delazione'prestata'per'scopi'strumentali,'siano'essi'politici'o'economici.

Conoscenza'trasformativa'e'responsabilità'transattiva
' Credibilità'e'Iiducia,'quindi,'come'proprietà'essenziali'della'vita'organizzativa;'ma' sono' proprietà' esposte' ad' un' certo' grado' di' deperibilità.' Occorre' alimentarle' e' rinnovarle' di' continuo.' Al' tempo' stesso' però' è' anche' necessario' che'la'Iiducia'non' sia' illimitata,' ma'trovi'di'volta'in'volta,'a'seconda'delle'situazioni,'degli'opportuni'correttivi' nella' forma' di' un' certo' scetticismo' e' di' una' sana' cautela.' Insomma,' all'interno' degli' scenari'complessi'diventa'adeguato'reinventarsi'continuamente'e'saper'improvvisare'in' modo'Ilessibile.'Sempre'tenendo'presente'che'un'sistema,'soprattutto'se'complesso,'può' fallire' in' molti' più' modi' di' quante' possano' essere' le' strategie' progettate' per' farlo' funzionare. ' Occorre'affrontare'qui'un'vero'e'proprio' salto' culturale:' occorre'passare'da'una' forma'di' conoscenza'di' tipo' stabile'ad'una'di'tipo' trasformativo.'Siamo'abituati' ad'una' conoscenza' stabile' che' elabora,' rideIinisce' e' corregge' all'interno' di' una' cornice' che' viene' data' per' scontata.' Una' conoscenza' trasformativa' si' pone' invece' come' una' revisione'e'una' sIida' continua' alle' assunzioni' di' base' di' un'sistema:' si' sviluppano' dei' processi' di' apprendimento' ed' educazione' collettivi' che' consentono' una' continua' rielaborazione' delle' conoscenze,' al' tempo' stesso' IluidiIicando' la' diffusione' di' tali' conoscenze' attraverso' una' effettiva' condivisione' delle' pratiche' attive.' L'obiettivo' diventa' quello' di' conIigurare' un' sistema' a' responsabilità' transattiva,' in' cui' le' responsabilità'relative'ai'processi'ed'ai'risultati'sono'condivise,'assieme'alla'conoscenza' di'chi'è'responsabile'e'di'cosa. ' È'vero,' così' verrebbe'a'realizzarsi'una'struttura' organizzativa' i' cui' conIini' sono' insieme'deIiniti' e'permeabili,' dato' che'la'necessità'di' suddividere'i' compiti'in'base'alle' singole' competenze' viene' bilanciata' dalla' condivisione' da' parte' di' ciascuno' delle'

18

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

responsabilità' rispetto' alle' attività' nel' loro' complesso.' Ma' la' tensione' tra' queste' due' componenti' può' consentire' un' alto' grado' di' adattamento' agli' eventi' contingenti' e' di' tenere'sotto'controllo'le'criticità'al'momento'del'loro'manifestarsi.' ' —'Parte'IV'•'La'Vita'Buona'con'le'ACLI'— ' Non'c’è'l’intenzione'di' ripercorre'il' documento'della'CEI,' in'sé'potente,'diretto'e' coraggioso.'No,' semmai'quella'di'condividere'innanzitutto' la'preoccupazione'che,' come' ad'esempio'larga'parte'dei'contenuti'espressi'dal'Concilio'Vaticano'II,'sia'disatteso'nella' possibilità' di' sviluppare'nella'quotidianità'rinnovate' forme' di' pensiero' e' di' azione.' La' questione' che' si' pone' è:' cosa' possono' offrire' le' ACLI,' o' meglio,' cosa' le' ACLI' sono' disposte'a'mettere'in'gioco,'in'modo'formale'e'sostanziale,' per'nutrire'una'Vita'Buona?' Perché' appunto' di' vita' stiamo' parlando,' di' cui' non' possiamo' vantare' la' proprietà' e' rispetto' alla' quale' abbiamo' il' debito' positivo' e' generativo' della' custodia' e' della' cura.' Non'siamo'un’informale'compagnia'di' burloni,'o'un'franchising'che'prende'tutto'e'tutti,' basta'che'ci'si'paghi'la'tessera.'

Educare
' Si' fa' presto' a' dire' “educare”.' È' un' tratto' del' pensiero' e' dell’azione' del' nostro' movimento'talmente'acquisito'da'essere'dato'per'scontato,' in'modo'che'poi'ci'mettiamo' dentro,'in'questa'parola,' di'tutto.' Ma,'concretamente,' le'ACLI'si'muovono' su'almeno'tre' livelli'che'vanno'necessariamente'distinti. ' Il'primo'riguarda'l’addestramento,'il'fornire'competenze'pratiche'e'oggettive'allo' svolgimento'di'un'compito.' Il'secondo' riguarda'la'formazione,' che'è'il'passo'successivo,' per'stimolare'le'persone'a'dare'appunto'forma'alla'loro'azione,'partendo'dai'contesti'un' cui' operano' già' dando' una' forma,' una' modalità' operativa,' che' però' può' essere' implementata'e'resa'più'adeguata'allo'stato'delle'cose'e'rispetto'alle'esigenze'individuali' e'collettive'riscontrate.' ' Il' terzo,' inIine,' l’educazione.' Che' non' è,' nonostante' l’immagine' che' possiamo' averne' di'solito,' cosa'che'riguarda'solo' bambini' e'adolescenti.' Riguarda'un'importante' elemento'di'quel'processo'di' costruzione'della'propria'identità'personale'e'comunitaria' che' in' buona' sostanza' è' un' processo' continuo,' vitale.' Ciò' che'riconosciamo' quando' ci' guardiamo'allo'specchio,'è'frutto'della'nostra'storia,'delle'relazioni'avute'e'che'abbiamo,' ed'in'queste'relazioni'scambiamo'contenuti' che'ci' stimolano,' provocano,'modiIicano:' ci' educano.'Non'abbiamo'scelta:'dipendiamo'dagli'altri'per'avere'risposte'ai'nostri'bisogni,' e'la'stessa'capacità' di'badare'a' noi' stessi' non'l’abbiamo'imparata'da'soli' ma'ci'è'stata' insegnata'dalle'Iigure'adulte,'genitoriali'e'non,' che'hanno'inIluenzano'profondamente'la' nostra' personalità,' che' ora' manteniamo' in' modo' più' o' meno' adeguato' grazie' alla' relazione' con' gli' altri.' Ci' vengono' offerte' in' continuazione' le' opportunità' per' riaffrontare'i'fondamenti' della'nostra'personalità,' e'quindi'di' afIinare'la'nostra'identità'

19'

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

personale.' Abbiamo' sempre,' continuamente,' nella' relazione' con' gli' altri' e' col' mondo,' l’opportunità'di'crescere. ' E'quando'si'parla'di'crescere'c’é'necessariamente'una'richiesta'di' conoscenza'di' sé.' Il' passaggio' tra' atti' volontari' (“devi' fare' questo”),' l’assumere' degli' impegni' ed' il' cambiamento' personale'non'possono'essere'fatti'come' sovrastruttura:'bisogna' sempre' partire'da'una'conoscenza'personale.'La'motivazione'e'la'ricerca'che'diventano'uno'stile' di' vita.' Se' non' c’é' quest’orizzonte,' un' superamento,' un' cambiamento' personale,' Iinirà' secondo' il' mito' di' Eco' (il'suono'va'verso' un'muro' e'poi'ritorna'indietro...),'si'fanno'dei' progressi' per'poi' tornare'allo' stile'di' prima.' Una'condizione' di'base'é'un'equilibrio' sia' Iisico' che' psichico' che' etico,' tre' elementi' che' in' loro' stessi' racchiudono' lo' sguardo' religioso.' Se' anche' questo' non' esiste,' nessun' cambiamento' é' possibile,' nessun' superamento'é'possibile. ' Proprio' questa' è' l’educazione' che' interessa' gli' adulti:' un' forza' che' motiva' l'evoluzione'individuale'e'collettiva,'la'stessa'forza'di'crescita'che'promuove'l'evoluzione' degli' organismi,' lo' sviluppo' degli' embrioni,' la' guarigione' dalla' malattia' e' la' lotta' per' raggiungere' i' propri' ideali.' Educazione' quindi' come' produzione' di' quell'energia' che' sostiene'la'“fatica”'di'vivere'umanamente.'E'c’è'una'via'di'sbocco,'per'questa'energia.

Il'Dono,'la'Famiglia
' L’oggetto'della'riIlessione'non'è'un'pur'dignitoso'afIlato'Iilantropico,'un'omaggio' o'una'regalia.'Il'signiIicato'più'antico'della'parola'è'legato'alla'sua'radice'etimologica,'la' stessa'della'parola'dare.'Dare,' semplicemente'perché'si' è'ricevuto:'è'una'scelta,' non'un' dovere,' un' precetto' o' l’opportunità' di' indulgenze.' Dare' senza' reciprocità,' anche' lasciando' libero' l’altro'di' accettare'o' meno' il' nostro' gesto.' E'la'spontaneità' del'dono' è' solitamente' l’esito' di' un' lungo' tirocinio' volontario,' al' quale' si' accede' tramite' l’educazione'al'vivere.'Investe'non'solo'gli'aspetti'materiali,' ma'anche'quelli'relazionali,' colora'i'rapporti'sociali.'Cominciare'a'comprendere'questi'ultimi'attraverso'il'dono'o'no,' quindi,' implica' varie' conseguenze.' Il' mercato' è' dominato' dal' principio' della' ricerca' dell’utilità,'o'del'proIitto,'nello'scambio;'una'logica'che'tende'perciò'ad'eliminare'il'dono' trasformandolo'in'prodotto,'offrendo'così'l’opportunità'agli'individui'di'una'facile'uscita' dai' rapporti' sociali.' Lo' Stato' è' dominato' dal' principio' di' autorità' e' dalla' ricerca' dell’uguaglianza' e' della' giustizia,' e' il' dono' non' è' un' bene' amministrabile' e' ridistribuibile.'Il'principio'del'dono'(e'del'debito'positivo)'appartiene'alle'reti'sociali,' ed' in'particolare'alla'rete'sociale'per'eccellenza,'la'famiglia.' ' Ma' quale' famiglia?' Famiglia' è' una' di' quelle' parole' che,' usurate' dall’impiego' continuo'che'ne'viene'fatto'a'torto'e'a'ragione,'rischia'di'perdere'il' signiIicato'proprio'e' fondante' legato' alla' condizione' umana.' Messa' sotto' pressione' dai' mutamenti' e' dalle' aberrazioni' della' nostra' società,' la' famiglia' progressivamente' é' cambiata' nella' sua' composizione' e' struttura,' nei' suoi' rapporti' interni,' nei' suoi' stili' educativi,' nei' suoi' rapporti'con'la'società'e'nella'sua'collocazione'sociale,' e'grande'è'il'disorientamento'dei' suoi' membri.' A' volte' per' serie' considerazioni' e' progettualità,' tra' le' quali' metto' non' scontatamente' i' nostri' Punto' Famiglia,' essa' è' concretamente' messa' in' una' posizione' centrale.' Altre' volte,' invece,' per' rapaci' opportunismi' politici' e' pseudo' culturali,' la'

20'

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

famiglia' è'oggetto'di' interessi' anche'discordanti' fra'loro,' e'reso' sempre'meno'soggetto' attivo' della' convivenza' sociale.' È'oramai' consuetudine' affrontare' lo' stato' di' profondo' malessere' delle' famiglie' privilegiando' il' punto' di' vista' economico,' che' certo' va' affrontato,' trascurando' però' quella' che' è' diventata' una' vera' e' propria' emergenza' di' carattere'educativo.' Una'emergenza'che'trova'la'sua'radice'nell’assetto' complessivo'dei' rapporti'sociali.' Una' emergenza' che'è'possibile' ricondurre'alla'qualità' dei'rapporti' tra' famiglia' e' società,' o' sarebbe' meglio' dire' alla' mancanza' di' qualità' dei' rapporti,' che' destina'la'famiglia'alla'solitudine'ed'alla'disgregazione. ' Così'compressa'in'un'angolo,'la'famiglia'diviene'il'luogo'delle'iperprotezioni'dalle' minacce'esterne'(al'benessere'ed'alla'sicurezza),'dell’omologazione'alimentata'dai'modi' di' dire' e' di' pensare' proposti' dai' mass6media,' dell’appiattimento' sul' presente,' dell’individualismo,' del' giovanilismo.' Inoltre' deve' destare' un' adeguato' allarme' il' sempre' maggior' vuoto' generativo,' non' solo' procreativo,' ma' anche' culturale,' etico,' di' senso' e' speranza' per' la' vita.' La' famiglia' rischia' concretamente' di' diventare' forzatamente' il' modulo' base'di' sostegno' al' “mercatismo”,' zavorrata' dal' piombo' di' un' falso' pensiero' positivo.' Esiste' la' necessità' di' riscoprire' l’oro' dell’introspezione,' della' maturità' e' della' autenticità,' laddove' la' famiglia' possa' riscoprirsi' luogo' per' vivere' i' momenti'in'cui' la'vita'che'semplicemente'accade'diviene'la'vita'che'deve'invece'essere' scelta.'Scelta'come'Dono.'E'scelta'possibilmente'all’interno'di'una'comunità.

Comunità
' Diviene' quindi' un’esigenza'fondamentale'la'costruzione' di' una' comunità'intesa' come' un' “noi”:' un' territorio' che' non' sia' anche' comunità' é' privo' del' senso' di' appartenenza,' e' la' comunità' stessa' resta' utilizzabile' solo' come' scenario,' e' non' come' attrice' delle' proprie' vicende.' D’altro' canto,' assegnare' ingenuamente' alla' comunità,' ai' gruppi,'alle'relazioni'valenze'comunque'positive'può'nascondere'la'realtà'di'un'contesto' sociale' in'cui'contemporaneamente'si'moltiplicano' le'opportunità'di' subire'un'disagio,' diminuiscono' gli' ammortizzatori'del' malessere'e'aumentano' le'aspettative'di' riduzione' delle'sofferenze,'quelle'stesse'sofferenze'che'sono'esattamente'i'problemi'che'il'mercato' ha' lasciato' da' parte.' In' questo' modo' la' convivenza' può' diventare' uno' degli' elementi' causanti' comportamenti' inadeguati' e' disturbati,' soprattutto' da' parte' dei' soggetti' più' fragili'ed'esposti:'i'giovani,'ad'esempio. ' Ma'la'stessa'convivenza'può'tornare'ad'essere'un'aiuto'per'i'singoli,'purché'se'ne' preveda' un' qualche' cambiamento.' È' proprio' in' questa' necessità' di' mutamento' che' si' colloca'lo'spazio'di'un'nuovo'lavoro'preventivo'di'tipo'territoriale'e'sociale. ' Il'termine'“rete”'appare'ormai'inadeguato'a'deIinire,'dal'punto'di'vista'sociale,'la' sommatoria' dei' microcontesti' vitali' che' compongono' la'società'civile.' Microcontesti' in' cui'anche'piccole'azioni'possono' fare'la'differenza'tra'il'percepire'di'vivere'degnamente' o'essere'preda'dell’anomia'“dell’ognuno'per'sé”.'E,' ancora,'appare'inadeguato'in'quanto' lascia' intendere' che' possiamo' non' farne' parte;' in' realtà' dobbiamo' considerare' che' l’essere' comunque' “connessi”' è' un' elemento' dato' ed' ineludibile' in' uno' scenario' complesso.'Anche'qui,'il'compito'che'credo'ci'attenda'è'quello'di'attenuare'il'riferimento' ai' tipi' di' rete' verticali,' quelle' decentralizzate' gerarchiche' che' collegano' solitamente'

21'

·"Carlo"Naggi"—"Verso"il"XXIV"Congresso"Nazionale"·

soggetti' legati' ad' un' contesto' regolato' da' leggi,' norme' e' protocolli,' e' con' relazioni' speciIicate' da' funzioni:' è' il' caso' di' sistemi' amministrativi,' burocratici,' di' comando' e' controllo;' la' capacità' di' avviare' dei' veri' e' propri' processi' stategici' di' cambiamento' richiedono' di' privilegiare' le' reti' più' orizzontali,' distribuite' e' paritarie,' attivate' dalle' relazioni' fra'soggetti' facenti' parte' dello' uno' stesso' contesto' (anche'micro)'e'nel' quale' vengono' condivisi' valori,' esperienze' e' collaborazioni,' in' quanto' ogni' nodo' ha' pari' dignità'e'importanza.' In'deIinitiva,' più'che'di' costruire' reti' è' più'opportuno' parlare'di' energizzare'quelle'connessioni'che'si'rendono'opportune'e'necessarie'per'lo'sviluppo'di' una'azione'sociale,'politica,'educativa'anche'solo'per'il'tempo'necessario. ' Esplorare'connessioni,' coltivare'memorie:'questi'i' compiti'accessori' per'cui'sarà' importante'spendersi.'Verso'gli'scenari'di'complessità,'ma'anche'all’interno'delle'nostre' ACLI.' Perché' credo' profondamente' che' il' nodo' centrale' risieda' non' nel' governare' in' modo' diverso' la' comunità,' ma' nell’avviare' processi' afIinché' un’altro' modo' di' essere' comunità'sia'possibile.

22'

Annotazioni
…………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………………………………

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful