Ministero dell’Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione Rete dei Nuclei di Valutazione delle Amministrazioni

Centrali e Regionali

Valutazione di efficacia economico-sociale dei Contratti di Programma

IL CASO STUDIO SARAS SPA

Francesco Silvestri

eco&eco Economia ed Ecologia srl Bologna

Università degli Studi di Bologna

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

Molte le persone che ci hanno aiutato nella redazione di questo documento. In primis, un doveroso ringraziamento a chi, all’interno di SARAS e delle società controllate, ha concesso con cortesia pari alla disponibilità, dati ed informazioni sui Contratti di Programma e in genere sulle attività aziendali: Giuseppe Nuzzo, che ha assunto il ruolo di mia guida personale nella conoscenza del Gruppo, Marino Piga, Maria Teresa Bocchetta, Angela Lilliu, Davide Carta, Annalisa Aru, Roberta Ghirlanda, Marco Galimberti. Molto utili si sono rivelati i colloqui con altre persone coinvolte a diverso titolo nei CCdPP SARAS, da ex-dipendenti a referenti di società coinvolte in partenariato da SARAS; a tutti loro il nostro generico ringraziamento. Altre informazioni sono desunte dai colloqui avuti con docenti ed esperti che si sono occupati di sviluppo socioeconomico in Sardegna o direttamente dei CCdPP SARAS; il nostro ringraziamento, in questo caso, va a Gianfranco Bottazzi (Università degli Studi di Cagliari), Maurizio Matteuzzi (Università degli Studi di Bologna), Ivo Allegrini (CNR Roma), Luigi Lesca (Enea Bologna), Margherita Russo e Giovanni Solinas (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia). “Persone informate dei fatti” da noi interpellate sono state Giuliano Murgia e Sebastiano Baghino del Consorzio 21 di Cagliari, Francesco Manca e Walter Piludu dell’Osservatorio Economico della Sardegna, Giorgio Asunis della CGIL di Cagliari. Fondamentale è stato l’aiuto di Paolo Bono, Sergio Graziosi e Mario Silvestri nel reperire ed interpretare i bilanci delle società coinvolte. Infine, più di un ringraziamento a Vincenzo Barone ed Anna Natali, che hanno riletto tutto il lavoro segnalandomi errori ed omissioni ed aiutandomi a migliorarlo, e al gruppo di coordinamento di MAP, DPS e rete NUVV, prodigo di consigli e di supporto (Tito Bianchi, Mauro Masselli, Federica Conte ed Emanuela Recchini in primo luogo). Devo infine confessare che questo lavoro non sarebbe stato realizzabile senza il contributo di Elena Lai, our man in Habana, che con la proverbiale caparbietà dei suoi conterranei ha inseguito alcuni dei testimoni privilegiati sul territorio fino a quando non si sono resi disponibili per le interviste. Lei stessa ha curato la parte relativa alla formazione professionale in SARAS e all’interno dei CCdPP. A tutti loro il grazie di chi resta comunque unico responsabile delle affermazioni, impressioni, elucubrazioni contenute nelle pagine che seguono.

2

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

INDICE INTRODUZIONE......................................................................................................................................4 1 L’INDUSTRIALIZZAZIONE IN SARDEGNA.............................................................................................6
1.1 La “Regione più arretrata d’Europa”?..................................................................................................... 6 1.2 La Rinascita............................................................................................................................................. 7 1.3 I poli industriali di sviluppo e la petrolchimica..................................................................................... 10 1.4 Cattedrali nel deserto? Un primo commento......................................................................................... 13

2 IL GRUPPO SARAS..........................................................................................................................17
2.1 Gli albori ............................................................................................................................................... 17 2.2 La raffineria e la sua evoluzione tecnica ............................................................................................... 18 2.3 L’evoluzione del Gruppo ...................................................................................................................... 21 2.4 Le caratteristiche della forza lavoro e la gestione delle attività formative............................................ 23

3 L’ISTITUTO DEL CONTRATTO DI PROGRAMMA .................................................................................26
3.1 La prima fase di operatività: 1986-1992 (e oltre).................................................................................. 28 3.2 La seconda fase: 1992-1999.................................................................................................................. 29 3.3 La terza fase: 2000-2006 ....................................................................................................................... 31 3.4 Il Contratto di Programma: alcuni elementi di sintesi........................................................................... 32

4 I CONTRATTI DI PROGRAMMA SARAS ............................................................................................35
4.1 Il Contratto di Programma SARAS 1.................................................................................................... 35
4.1.1 Dalla fase di accesso alla stipula del contratto ............................................................................................... 36 4.1.2 La fase di gestione.......................................................................................................................................... 38 4.1.3 La fase di verifica dei risultati........................................................................................................................ 44

4.2 Il Contratto di Programma SARAS 2.................................................................................................... 47
4.2.1 La diffusone dell’Information&Communication Technology in Sardegna.................................................... 48 4.2.2 Dalla fase di accesso alla stipula del Contratto .............................................................................................. 50 4.2.3 La fase di gestione.......................................................................................................................................... 52 4.2.4 La fase di verifica dei risultati........................................................................................................................ 58

4.3 Il Contratto di Programma SARAS 3.................................................................................................... 61
4.3.1 Dalla fase di accesso alla stipula del contratto ............................................................................................... 62 4.3.2 La fase di gestione.......................................................................................................................................... 63 4.3.3 Il CdP SARAS 3: un tentativo di interpretazione........................................................................................... 66

5. L’IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DEI CONTRATTI DI PROGRAMMA SARAS......................................68
5.1 La ricaduta sul territorio........................................................................................................................ 69 5.2 Le società nate dall’esperienza dei Contratti di Programma ................................................................. 74
5.2.1 SARTEC SpA ................................................................................................................................................ 75 5.2.2 Akhela Srl ...................................................................................................................................................... 78 5.2.3 Atlantis SpA................................................................................................................................................... 82

CONCLUSIONI......................................................................................................................................84
Addizionalità dello strumento e motivazione all’investimento da parte dell’impresa ................................ 84 Le ragioni del contraente pubblico ed il processo negoziale....................................................................... 87 Effetti diretti ed indiretti sul territorio......................................................................................................... 90 La performance dello strumento ................................................................................................................. 92

BIBLIOGRAFIA .....................................................................................................................................97 APPENDICE STATISTICA ......................................................................................................................... I
A. Indicatori relativi al territorio .................................................................................................................... i B. Indicatori relativi ai Contratti .................................................................................................................. vi C. Indicatori relativi al Gruppo industriale ed alle imprese coinvolte ......................................................... ix

3

oltre che un protagonista del comparto della raffinazione petrolifera a livello internazionale. all’interno del primo Capitolo si è data evidenza ad una lettura dello sviluppo in chiave hirschmaniana proposta da Sebastiano Brusco e Sergio Paba. La disciplina dei CCdPP ha conosciuto una determinazione per accumulazione di provvedimenti successivi: ai primi accenni alla programmazione negoziata contenuti nella normativa che ha messo fine all’intervento straordinario nel Mezzogiorno. ma è anche quello di comprendere in che termini le modifiche intervenute nella disciplina dello strumento abbiamo indirizzato le decisioni della parte industriale nel presentare piani progettuali con determinate caratteristiche.è stato ricostruito per quanto possibile nel Capitolo 3. in cui alle esigenze della parte industriale di ammodernare gli impianti di raffineria si sposano quelle del decisore pubblico di sostenere lo sviluppo di un’area. benefici tangibili per il territorio in cui essa è inserita.caso unico nella “storia” dello strumento.per la realizzazione di investimenti produttivi in aree marginali. lo stesso tema investe la dinamica dei CCdPP SARAS. sotto forma di incrementi occupazionali. uno di primi strumenti di programmazione negoziata ad essere definito e sperimentato.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Introduzione Il Contratto di Programma (CdP). frammentario . fondata da Angelo Moratti nel 1962. fino alle nuove norme introdotte a partire dal 2003 per eliminare le principali lacune dello strumento. 4 . per certi versi. oltre a vantaggi diretti per il proprio ambito societario. A distanza di anni. che negozia con il soggetto pubblico azioni da realizzare a fronte di una serie di agevolazioni. ma con “testa pensante” a Milano. prevede un impegno reciproco tra la Pubblica Amministrazione e una grande impresa – o un consorzio di produttori . di una parte industriale beneficiaria di tre consecutivi Contratti – il Gruppo petrolifero con sede produttiva a Sarroch (Cagliari). si è andati a studiare i tre CCdPP che hanno vista coinvolta dal 1995 al 2004 SARAS SpA . Nel caso in esame. che vide il tentativo di realizzare la modernizzazione socio-economica dell’Isola attraverso l’insediamento di grandi poli industriali. pertanto. che si assiste all’avvento della petrolchimica in Sardegna. A 40 anni di distanza e a seguito di un’evoluzione continua. di generare indotto e diffondere benessere sul territorio. secondo i quali la grande impresa ha avuto (ed ha) il merito di diffondere nell’Isola una serie di competenze peculiari. hanno fatto seguito le specifiche definite dalle Delibere CIPE degli anni ’90. SARAS si localizza in Sardegna negli anni del Piano di Rinascita. il programma operativo dagli anni ’60 agli anni ’80. anche per questo motivo. caratterizzata da connessioni minime di filiera e in grado di operare in isolamento dal tessuto produttivo locale. Questo corpo di provvedimenti . l’intento di tale ricostruzione non si limita alla necessità di sistematizzare i diversi contributi normativi e fare chiarezza su una materia che attraversa ormai 20 anni di storia dell’intervento pubblico nelle aree marginali. da un lato grazie alla formazione “sul campo” dei lavoratori. dall’altro per la sua domanda diretta di servizi di montaggio. Rispetto allo strumento del Patto Territoriale. eterogeneo e. manutenzione e carpenteria che hanno generato e continuano a generare attività industriali sul territorio. ma la singola realtà imprenditoriale contraente. SARAS è diventato uno dei principali gruppi industriali italiani. che si impegna a produrre. Il CdP si configura come un dispositivo per “l’offerta di sviluppo locale” da parte di un’impresa (un consorzio). descritta brevemente nel Capitolo 2. spill-over di innovazione tecnologica. accumulazione di capitale umano e così via. nascita di nuove imprese.relativamente vasto. con il suo corredo di dispute e polemiche sull’effettiva capacità di una simile attività. È a seguito di questa politica (descritta nel Capitolo 1 del documento). protagonista del CdP non è il partenariato locale.

a volte. Di qui. come spesso rimarcato dai documenti ufficiali. o è piuttosto fonte di inefficienza? È un valore da rafforzare.il soggetto pubblico.il film del 1983 in cui un hacker rischia di scatenare un conflitto nucleare mondiale sfidando il computer centrale del Pentagono in un gioco di guerra – propenderà sempre per i vantaggi della discrezionalità.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Le tre esperienze di SARAS nell’ambito della contrattazione programmata. non particolarmente integrati tra loro: con il primo. ricorrendo ai principali indicatori statistici ufficiali e attingendo da una recente ricerca dell’Osservatorio Industriale della Sardegna. utilizzato per esplorare opportunità di diversificazione in nuovi mercati. colpito da adverse selection. difficili da sintetizzare in poche parole. spingono a domandarsi se. dalla fase di negoziazione ai risultati raggiunti. o una debolezza da eliminare. di fronte al canto delle sirene. Da questa sezione. 255 dei quali di agevolazione pubblica. Ulisse. una riflessione finale sulla discrezionalità insita nei CCdPP: si tratta. soprattutto in termini di creazione di nuova occupazione. I tre CCdPP SARAS hanno comportato in un’area di modeste dimensioni. l’impressione che emerge nel complesso è che – nella migliore tradizione della teoria dei contratti . alcune situazioni del caso-studio SARAS raccontate nelle pagine che seguono. emerge una tesi interpretativa facilmente riconoscibile. 5 . Sempre nel corso del Capitolo 5. riconosciute come eredi delle realtà produttive nate a seguito dei CCdPP SARAS. sono descritte nel Capitolo 4. che rappresenta il cuore della ricerca. non si salvò forse così (primo caso di binding commitment della Storia)? Buona lettura. le ricadute sul territorio di un simile impegno. al fine di verificare l’incidenza delle iniziative realizzate sulle principali dinamiche socio-economiche dell’area d’intervento. sono esaminati i bilanci di tre società oggi operanti sul territorio. si rende il profilo della proposta più congruente a quello richiesto dallo strumento. Il lavoro si conclude con un capitolo in cui si propongono le risposte ad una serie di interrogativi che hanno guidato la realizzazione della ricerca: c’è stata una addizionalità effettiva dello strumento per le decisioni di investimento della parte industriale? Si sono avute ricadute tangibili sul territorio in termini di produzione di beni pubblici? La performance delle iniziative finanziate è stata soddisfacente? Le risposte sono articolate. l’intento dichiarato di questa analisi. il secondo ed il terzo in particolare. magari introducendo meccanismi automatici di selezione delle proposte? Chiunque abbia apprezzato come me “Wargames” . presenta un’articolazione in due filoni di interventi. della possibilità di declinare gli strumenti a misura del caso specifico. con il secondo. abbia subito una parziale “cattura” da parte del contraente privato. relativo all’ammodernamento tecnologico degli impianti di raffinazione e preponderante in termini finanziari. si opera per rafforzare il core business del Gruppo. si può affermare che la principale motivazione del proponente ad accedere alla contrattazione programmata è legata alla possibilità di finanziare grazie ad esso l’aggiornamento produttivo degli impianti di Sarroch. della scelta ragionata anche a rischio di errore. ciò che gli consente di adattarsi con flessibilità a situazioni diverse. la conurbazione cagliaritana fino al comune di Sarroch. In questo senso. Certo. ad esempio migliorando la capacità di negoziazione della Pubblica Amministrazione. Nel Capitolo 5 del documento sono stimate. non sia meglio legarsi le mani. secondo cui ognuno dei tre CCdPP che hanno visto SARAS come protagonista. ma anche che abbia fatto ben poco per evitarlo. la concentrazione di più di 592 milioni di Euro. è valutare il grado di effettiva solidità e le prospettive di crescita futura di queste imprese. dell’elemento qualificante dello strumento.

perché l’attività è localizzata di fatto nel solo Sulcis-Iglesiente. Proprio da questa esperienza origina il dibattito tra chi. rimarrà a lungo nella iconografia politica e sociale sarda. lontana da coste paludose ed ancora infestate dalla malaria. descriva l’Isola come la “Regione più arretrata d’Europa”2. Ancora nel 1961. sia perché i capitali impiegati nella fase espansiva sono stranieri e i profitti prendono la via dell’estero. mentre l’unica attività di carattere industriale è quella mineraria. Peculiare è invece la condizione del settore primario. Lussu conia l’espressione in un articolo pubblicato nel settembre del 1951 in un numero monografico della rivista fiorentina “Il Ponte”dedicato alla Sardegna. quest’ultima per lungo tempo unica realtà proto-distrettuale dell’isola (Brusco e Paba.chiuso in leggi e strutture sociali ed economiche incapaci di adeguarsi ai cambiamenti in atto. L’insieme di tali condizioni. Nel dopoguerra. con gran parte della popolazione concentrata nell’interno. non solo la considera una via obbligata per lo sviluppo dell’Isola. si tratta tuttavia di un comparto su cui – contrariamente ad altre aree europee . era quello di fare giustizia della retorica dell’autonomia e del vittimismo che ad essa si accompagnava. a metà tra disillusione e provocazione. che favorì l’insediamento di grandi imprese ad alta intensità di capitale in poli territoriali opportunamente individuati. Ordinario di Sociologia economica ed allora Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Cagliari. anno del primo censimento post-bellico. malnutrizione. nello stesso articolo Lussu afferma: “Le tanto decantate no2 1 6 . Va rimarcato che il probabile intento dell’autore. I rari casi ascrivibili al “settore secondario” sono rappresentati da artigianato a conduzione singola e piccole imprese edili. si può affermare che la Sardegna conosca una evoluzione in senso industriale solo a seguito della realizzazione del Piano di Rinascita.1 La “Regione più arretrata d’Europa”? “La Sardegna è diventata post-industriale senza mai essere stata compiutamente industriale”. la filiera del pecorino e una certa tradizione nella produzione di manufatti in sughero. fa sì che anche un attento osservatore quale Emilio Lussu. si limitano infine alla pubblica amministrazione ed al commercio nei centri urbani. In effetti. se si escludono il comparto minerario. Il settore dei servizi. Con questo paradosso. dove una proprietà agricola polverizzata si accompagna in molte zone dell’Isola a povertà. costruendo un’immagine che. descrizione di un mondo – quello pastorale barbaricino . 1992). 1992). ma ne rifiuta anche l’interpretazione in termini di fallimento assoluto. sempre più distante dalle rivendicazioni “sardiste”. si mostrino in linea con quelle del resto del Sud. servizi. giudica l’industrializzazione in Sardegna un esempio paradigmatico del concetto di “cattedrale nel deserto” e chi. la situazione della Sardegna è quella di una realtà rurale. ha descritto il processo di modernizzazione che ha avuto luogo in Sardegna a partire dal secondo dopoguerra (Bottazzi. spopolamento e banditismo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 1 L’industrializzazione in Sardegna 1. a distanza di anni. il grado di alfabetizzazione della popolazione e le generiche condizioni di benessere di essa. priva di fondamento. alimentando in molte aree la regressione del sistema agricolo ad una condizione pastorale1. Ciononostante. infine. Non a caso. il reddito regionale nel 1951. sebbene la dotazione infrastrutturale. sia perché la domanda interna è troppo modesta per richiedere beni. il più elevato tra le regioni del Mezzogiorno e superiore a quello di Marche e Umbria. Figura storica dell’antifascismo. con limitato effetto di diffusione. come in gran parte dell’Italia continentale. Vittorio De Seta realizza con stile documentaristico e attori non professionisti lo straordinario “Banditi a Orgosolo”. Gianfranco Bottazzi. al contrario.non si innesta uno sviluppo endogeno. ed infrastrutture tali da innescare un ciclo di crescita. è pari al 78% della media nazionale.

dall’opera di bonifica ad una riforma fondiaria tarata sulle specificità dell’agricoltura locale. grazie soprattutto alla lettura offertane da Lussu e Laconi. il Piano si articola in quattro fasi: la prima (1951-’61) di studio preliminare. Si tratta del famoso articolo 13. nota appunto come “Piano di Rinascita”. disciplina. le Camere provinciali del Lavoro ed i partiti di sinistra isolani organizzano una serie di convegni zonali e di categoria che culmineranno nel “Congresso del popolo sardo per la rinascita”. secondo nuove linee guida progettuali. in supporto della quale si assiste all’imponente mobilitazione dei singoli territori e delle realtà economiche locali. La stagione del Piano di Rinascita conosce una linea evolutiva di durata ultra-trentennale. Nel dicembre del 1951. approvato nel 1948. In più. che diverrà il perno di una futura programmazione regionale ante litteram. La polemica sulla esclusione di altri soggetti deflagra nel 1951. istituisce la “Commissione economica di studio per la rinascita della Sardegna”. 1. 7 . pertanto. a causa di ritardi nei finanziamenti. lealtà. il piano dovrà prevedere il rilancio dell’attività mineraria grazie all’insediamento di un’industria termoelettrica e chimica “a bocca di miniera”. nel contesto di progressivo esaurimento dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno. A seguito di questa fuga in avanti. Lo Statuto regionale. così da sfruttare il minerale per la produzione di energia e prodotti secondari eliminando il controllo sul settore dei grandi gruppi monopolistici internazionali. i suoi lavori avranno inizio solo nel 1954 e con un ritmo tale da spingere un anno dopo stre qualità ataviche – sentimento dell’onore. il Comitato dei Ministri per il Mezzogiorno. emerge l’interpretazione del “piano organico” come vero e proprio strumento di pianificazione strategica regionale e non come semplice e burocratica definizione di un insieme di opere pubbliche da realizzare nell’isola. la “Rinascita” diviene l’obiettivo di tutte le forze politiche regionali. inserito nello Statuto grazie ad un emendamento del segretario regionale del PCI Renzo Laconi. lasciando tuttavia dietro di sé l’impressione di una occasione mancata piuttosto che di un grande programma per la modernizzazione dell’Isola. la quarta (1974-’84) di sostanziale percezione della sconfitta. quando si diffonde la voce – poi ridimensionata dall’allora Presidente della Giunta Luigi Crespellani – secondo cui due organizzazioni statunitensi. la seconda (1962-’65) di legiferazione e avvio degli interventi. si fa strada la convinzione che il Piano debba godere di autonomia e aggiuntività rispetto a strumenti di intervento straordinario quali la appena istituita Cassa per il Mezzogiorno (CASMEZ). fedeltà alla parola data ed altre consimili – sono favole.2 La Rinascita Nei primi sei mesi del 1950. Berlinguer e Mattone (1998). sarebbero interessate a finanziare le opere di bonifica previste dal Piano di Rinascita.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Quale che sia il giudizio sulle effettive condizioni socio-economiche dell’isola. dalla riorganizzazione dei trasporti alla razionalizzazione dell’uso delle risorse idriche. senza altri soggetti ed istituzioni3. prevede esplicitamente che “Lo Stato col concorso della Regione [disponga] un piano organico per favorire la rinascita economica e sociale dell’isola”. Non siamo né migliori né peggiori di altri”. coraggio. dovrà diventare lo strumento per lo sviluppo socio-economico della Sardegna in tutte le sue articolazioni. 4 3 Cfr. la Fondazione Rockefeller e la Economic Cooperatioon Administration. d’intesa con la Regione. l’impellenza della ricostruzione post-bellica si interseca in Sardegna con la questione dell’autonomia. Il piano. infine. Secondo la lettura offerta da Francesco Soddu4. In quella sede. la terza (1966-’74) di rilancio. e che esso veda protagonista dell’azione la Regione con il coinvolgimento dello Stato centrale.

quanto il Presidente della Giunta regionale Efisio Corrias a presentare polemiche dimissioni. ma soprattutto . 588/1962 recepisce in toto le considerazioni del Gruppo di A testimonianza di come l’idea di uno sviluppo endogeno. ma i risultati sono deludenti: un’impostazione fortemente centralistica. la identificazione di 15 “zone omogenee” di intervento e la preminenza dell’intervento statale sembrano forzare un’impostazione di rapido sviluppo per poli. piuttosto che all’intervento fondato sulle opere pubbliche – il Gruppo di lavoro introduce una nuova linea d’indirizzo basata sulla industrializzazione a regia esogena5.000 miliardi di Lire. tale da non sconfessare le conclusioni del precedente Rapporto emendandone nel contempo gli aspetti più discussi.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS tanto un suo componente di assoluta autorevolezza quale Pasquale Saraceno. 5 8 . 1999). del 1953. La legge stanzia per la Rinascita sarda circa 400 miliardi di Lire. 588/1962). relativi alla legge di riforma agraria. In questo clima. così da creare una disponibilità complessiva per l’isola di 1. la Regione istituisce l’Assessorato alla Rinascita. qui l’autrice afferma che “la Sardegna si trova nella impossibilità di riprendersi senza il soccorso di un impulso esterno” (Bottazzi. è rimarcato il criterio di straordinarietà dello strumento e dei relativi stanziamenti rispetto ad altri fondi resi disponibili (fondi regionali. il Gruppo di lavoro presenta un secondo rapporto che. con un nuovo Esecutivo a guida Corrias. unita ad una timida lettura dello sviluppo locale in termini di ammodernamento del settore agricolo e sostegno alla piccola media impresa di derivazione artigianale. con centralizzazione delle decisioni a livello statale. avvenuto tra l’entrata in vigore della legge e le conclusioni della prima Commissione per la Rinascita. la legge di finanziamento del Piano di Rinascita vede la luce nel giugno del 1962 (L. a scapito della strategia di valorizzazione delle risorse rurali. introduce novità sostanziali rispetto al documento della Commissione: innanzi tutto. è evidente nella destinazione settoriale dei fondi: se il Rapporto finale della Commissione richiedeva di assegnare 589 miliardi al primario ed appena 102 all’industria. che intende il Piano come espressione locale dell’intervento straordinario per il Mezzogiorno e individua nel CASMEZ l’organo preposto alla sua attuazione. Il cambio di ottica. con un orizzonte temporale ridotto da 40 a 15 anni. Di fatto.rispetto ad altri esistenti o da attivare. confermando il carattere di addizionalità dello strumento – sebbene secondo criteri di non cumulabilità . ma il dettato finale del testo non sembra risolvere in maniera definitiva la contraddizione latente tra necessità di creazione delle condizioni per una rapida redditività degli investimenti e modifica profonda delle strutture sociali ed economiche. il cosiddetto “Gruppo di lavoro”. Nello stesso periodo. produce generale insoddisfazione nelle forze sociali e politiche dell’Isola. In appena tre mesi. il futuro Ministro per il Mezzogiorno Giulio Pastore insedia nel 1959 una seconda Commissione. chiaro segnale di come essa intenda influenzare e non solo accettare il processo. stanti le condizioni dell’Isola. Dopo un lungo iter. il Piano vedrà prevalere un’impronta tecnicistica.in un contesto nazionale in cui andavano maturando nuovi orientamenti di politica economica attenti all’industrializzazione ed allo sviluppo per poli. il Piano è inteso come strumento flessibile ed operativo. la maggior parte dei quali destinati a PMI. fosse considerato utopistico dai più. Il Rapporto finale della Commissione è consegnato nell’ottobre del 1958. del CASMEZ e di provenienza privata).800-2. favorendo il coinvolgimento dal basso delle forze sociali e ritagliando un ruolo specifico a Giunta e Consiglio regionale nella esecuzione del programma. cui affida il delicato compito di definire un programma di intervento concreto. investitura della CASMEZ all’attuazione operativa e progressiva emarginazione dell’istituzione regionale. è sufficiente rileggere le considerazioni di Paola Maria Arcari contenute negli Atti della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla miseria in Italia e sui mezzi per combatterla. se in realtà non scalfisce la preponderanza dell’intervento pubblico ed il protagonismo dello Stato centrale nella sua attuazione. la L. Se fin dai primi articoli della legge si esprime la volontà di garantire uno “sviluppo per equilibri”.

l’urgenza dell’intervento. La questione della penetrazione verso l’interno. si alimenta della grave questione sociale del banditismo barbaricino. A ciò si aggiungono due ulteriori problemi. che vedrà costituire nel 1969 una apposita Commissione parlamentare di inchiesta. la necessità di prevedere risultati straordinari in termini occupazionali (il programma di intervento prevede quasi 8. Il susseguirsi di una serie di crisi politiche nella Giunta regionale ad inizio anni ‘80. affrancata almeno sotto il profilo tecnico dalla tutela della CASMEZ. Con il quarto programma esecutivo (1967-’70) il decisore pubblico si prefigge un riequilibrio del Piano rispetto a queste forzature. ha avvio la terza fase del Piano. grazie alla Legge il Piano di Rinascita si orienta con decisione alla nascita dei poli basati su comparti ad alta intensità di capitale. spingono la pianificazione nazionale a puntare ancora una volta sulla petrolchimica a partecipazione statale. In questo clima. mentre l’immissione di moderne attività industriali esogene genererebbe un automatico disimpegno nei confronti del territorio. in un contesto che sta vedendo esaurirsi l’intervento straordinario per il Mezzogiorno in prospettiva di rafforzamento della programmazione comunitaria. 1963-’64 e 1965-’66. iniziano a fare proseliti le idee di numerosi critici. e la scarsa capacità di generare occupazione ed indotto degli investimenti ad alta intensità di capitale finanziati fino a quel momento.000 addetti tra attività principale ed indotto) ed una pratica ormai consolidata. Sulla base di queste considerazioni. Inoltre. successivamente convertito nella Legge 268/1974 (Legge di rifinanziamento del Piano di Rinascita). Una tale impostazione rivela presto la sua farraginosità. è deciso l’allestimento di un nuovo polo di sviluppo ad Ottana. in primo luogo – ma non in esclusiva . Per questi motivi fondamentali. Le indagini della Commissione rimarcano lo stretto legame esistente tra il fenomeno del banditismo . riducendo a 500 miliardi il fabbisogno previsto per l’agricoltura e aumentando a 600-650 miliardi quello del settore industriale. furono stilati tre piani esecutivi per i bienni 1962-’63. che ha il proprio strumento nel Decreto Legge 509/1972. nella media valle del Tirso. alcuni dei quali risoltisi tragicamente – e la insufficiente diffusione verso l’interno dell’Isola degli effetti di benessere sociale generati dal Piano.che si manifesta in primo luogo in una serie di sequestri di persona. la ratio che informa la Legge di rifinanziamento è quella dei progetti speciali. secondo cui la grande industria mostrerebbe un rapporto investimento-addetto troppo elevato. questa terza fase del Piano. sanciscono la conclusione dell’esperienza della Rinascita: nel 1982 è de9 . che faranno decidere per una modifica sostanziale del Piano: la mancata penetrazione degli interventi nelle zone interne.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS lavoro. la Rumianca dei fratelli Gualino ad Assemini e la SARAS di Angelo Moratti a Sarroch. infatti. che introduce così elementi di parzialità e rigidità nella politica di sviluppo dell’Isola. con numerosi passaggi burocratici che producono forti ritardi negli stanziamenti. sostegno allo sviluppo urbano.imprese a partecipazione statale: è in questo periodo. inoltre. con il 70% dei finanziamenti previsti per il secondario assorbiti dalla petrolchimica. che si localizzano la SIR di Nino Rovelli a Porto Torres (Sassari). è doveroso seguire le sorti del Piano di Rinascita fino alla sua conclusione. Ma prima di soffermarsi sulla questione dei poli industriali di sviluppo e sulla “parabola della petrolchimica in Sardegna” (Ruju. il Piano di Rinascita va reindirizzato verso la piccola-media-impresa e il settore primario. finanziamento a PMI e settori industriali labour intensive. prevede una maggiore centralità della Regione. La Legge 588/1962 prevedeva un orizzonte operativo di 15 anni e stabiliva la programmazione annuale degli interventi. con ricaduta inferiore alle attese sul benessere della popolazione. I decreti stanziano 600 miliardi di Lire da impiegare nei successivi 10 anni per gli obiettivi di riforma del sistema agropastorale (43% dei fondi). non di un unico grande strumento di pianificazione globale. in realtà. ignorando le perplessità già sollevate da molti osservatori sui risultati della politica dei grandi poli industriali. come testimoniato dalla difficoltà di creazione di indotto. soprattutto nel nuorese. Allo stesso tempo. 2003). A differenza di quanto avveniva con la Legge 588/1962.

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

finito il programma straordinario per l’utilizzo dell’ultima annualità prevista dalla legge, che vede prevalere nella destinazione delle risorse, forse per la prima volta dal 1962, una logica localistica e spartitoria.

1.3 I poli industriali di sviluppo e la petrolchimica Come accennato nel precedente paragrafo, il modello di intervento del Piano di Rinascita conobbe una sostanziale modifica nel passaggio tra le conclusioni della Commissione di lavoro del 1951 e la articolazione del programma di intervento ad opera del Gruppo di lavoro del 1958; in questa fase, è sostanzialmente abbandonata l’idea di intervento per la modernizzazione diffusa del territorio e di crescita lenta ma armonica di tutti i settori, a partire da quelli tradizionali, in favore di un progetto che si richiama all’approccio dello “sviluppo squilibrato”. Secondo tale teoria, che ha conosciuto una certa notorietà negli anni ‘50, a seguito degli studi di Albert O. Hirschman, in situazioni di grave marginalità economica è necessario rompere il circolo vizioso dell’equilibrio di sussistenza, imponendo al sistema una serie di shock esogeni, quali l’importazione di nuove imprese dall’esterno. Questi insediamenti devono essere di dimensione sufficiente a generare effetti di collegamento a monte e a valle della filiera, forzando così il tessuto economico locale a fornire i beni di cui la nuova attività produttiva necessita (materie prime, semilavorati, mezzi di produzione) ed a riempire le numerose caselle vuote della matrice inter-industriale (Brusco e Paba, 1992). La teoria dello sviluppo squilibrato, d’altro canto, assegna un ruolo preminente al mercato nella scelta della localizzazione e dei settori di attività, limitando l’intervento pubblico alla realizzazione delle infrastrutture necessarie a creare vantaggi comparati in un’area e a richiamare in questo modo imprese leader capaci di generare “connessioni di investimento”. Con il Piano di Rinascita, come anticipato, la logica dell’intervento infrastrutturale tipica della politica economica meridionalista del dopoguerra si arricchisce di un ulteriore elemento, che - almeno fino alla parziale revisione introdotta dalla Legge 268/1974 - unisce alle considerazioni dello sviluppo squilibrato quelle proprie dello sviluppo per poli industriali à la Perroux (1964). È così che, a partire dal 1962 e per più di 10 anni, si assiste alla nascita di poli industriali in tutte le province dell’Isola: la raffineria SARAS, oggetto generale di questo studio e specifico del prossimo capitolo, si insedia a Sarroch, nella parte sud occidentale del Golfo degli Angeli (Cagliari); una famiglia di industriali torinesi, i Gualino, realizza gli impianti petrolchimici della Rumianca a Macchiareddu, una frazione del comune di Assemini oggi parte della conurbazione del capoluogo cagliaritano. Nino Rovelli, vulcanico e discusso imprenditore brianzolo, con esperienze ancora ai primordi nel campo della chimica, si avvale dell’appoggio dell’Assessore regionale all’Industria Nino Costa e del Presidente dell’IMI, il sassarese Stefano Siglienti, per localizzare la sua Sarda Industrie Resine (SIR)6 a Porto Torres. Completano la rassegna la cartiera voluta da Paolo Marras ad Arbatax, a sud del Golfo di Oristano, e la produzione di fibre sintetiche della SNIA a Villacidro. Sebbene il processo sia guidato inizialmente dall’imprenditoria privata, attirata nell’area dalle agevolazioni previste, in breve è l’industria pubblica a divenirne protagonista, andando a consolidare con i propri impianti i poli in fase di crescita; sono realizzati così gli stabilimenti ENI-ANIC a Porto

6

Rovelli era già proprietario di un’impresa la cui sigla SIR individuava la Società Italiana Resine; una volta trasferita l’attività a Porto Torres, l’acronimo fu mantenuto, cambiandone però il significato in Sarda Industria Resine.

10

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

Torres, Macchiareddu e Sarroch e i nuovi impianti per l’alluminio a Portovesme-Portoscuso, di fronte all’isola di Carloforte. Proprio lo scontro tra industria privata e pubblica per assicurarsi il monopolio della petrolchimica italiana, sarà alla base del rapido tracollo dell’esperienza di industrializzazione per poli sarda; non a caso, l’unica impresa sopravvissuta e prosperata al giorno d’oggi è proprio la SARAS, presto sfilatasi dal comparto chimico per dedicarsi esclusivamente alla raffinazione7. Il conflitto latente per il controllo della chimica nazionale, che fin dalla metà degli anni ‘60 aveva visto coinvolti SIR, ENI e Montedison in una serie di contrasti e schermaglie, esplode in tutta la sua evidenza a partire dal 1969, quando si profila la volontà dello Stato di insediare un nuovo polo industriale ad Ottana. Incapace di rispondere alle forti pressioni delle correnti politiche filo-rovelliane e pro Eugenio Cefis8 - il potente presidente dell’ENI - il decisore pubblico finisce per approvare l’insediamento di entrambi i gruppi, ammettendo di fatto una duplicazione degli investimenti e delle relative agevolazioni che sanciranno fin dal principio il fallimento dell’esperienza. Con il progetto Ottana, si assiste al periodo di massima espansione della petrolchimica italiana, che sembra avere scelto la Sardegna come propria area di elezione. Entrambi i gruppi, che finiranno per accusarsi a vicenda di spionaggio industriale, prevedono un investimento per la realizzazione di uno stabilimento per fibre sintetiche, capace di dare occupazione nelle intenzioni del Governo a 6-8.000 addetti con l’indotto. ENI-Montedison dà vita a due nuove società, la Industria Chimica del Tirso e la Industria Tessile del Tirso, mentre la SIR istituisce SIRON. Nello stesso periodo, al fine di razionalizzare il comparto ed evitare i danni di una dura lotta interna, è redatto il Piano chimico nazionale, ma la decisione del policy maker si rivelerà tardiva. Mentre Rovelli acquisisce il controllo della Rumianca e tenta di fare lo stesso con Montedison – secondo molti osservatori, a dimostrazione del grado di schizofrenia raggiunto ormai dalla cosiddetta “guerra chimica” italiana, con capitali messi a disposizione da ENI – e la stessa Montedison presenta un piano di insediamento a Sarroch finalizzato principalmente a contenere l’espansione della SIR nel polo di Macchiareddu, la crisi petrolifera del 1973 mette a nudo la debolezza intrinseca del settore nazionale, incapace di abbandonare la chimica di base per specializzarsi su prodotti a più elevato valore aggiunto.

Il gruppo SARAS aveva tentato nel 1967 l’integrazione tra raffineria ed industria chimica, realizzando a Sarroch, con la partecipazione di ENI e Montedison, SARAS Chimica. Avviati alla produzione nel 1971, gli impianti sono progressivamente acquisiti da società del gruppo ENI (Nurachem nel 1985, PRAOIL nel 1990) che assume la proprietà completa nel 1993. Lo stabilimento è tuttora in funzione e fornisce prodotti chimici di base con il marchio Polimeri Europa. Secondo le ricostruzioni dell’epoca e quelle successive, Rovelli poteva contare sull’appoggio della corrente andreottiana all’interno della DC, dell’ala PSI facente capo a Giacomo Mancini e dell’IMI guidato da Siglienti, mentre l’alleanza ENI-Montedison vedeva tra i propri sostenitori la corrente dorotea, il PSI fedele a De Martino e Mediobanca (Ruju, 2003).
8

7

11

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

SIR ENI

SIRON ENI-

SNIA

Cartiera

Rumianca ENI

Eurallumina

SARAS ENI

Fig. 1.1: Localizzazione dei poli di sviluppo industriale negli anni ’60 e ’70 in Sardegna

Alla lunga, la spregiudicatezza di Rovelli, che vede crescere in maniera esponenziale il proprio indebitamento in una fase di difficoltà per la petrolchimica nazionale, ne sancirà il tracollo9. A seguito dell’apertura di un’inchiesta sulle operazioni finanziarie della SIR, nel 1978 Rovelli decide di uscire di scena con un accordo su un successivo ed eventuale risarcimento, che avrà in anni recenti strascichi penali (il famoso processo IMI-SIR). Nemmeno un anno prima, Cefis si era trasferito in Canada, presentando dimissioni irrevocabili. Il quasi contemporaneo abbandono dei due principali protagonisti della chimica di quegli anni, fa sì che le fibrillazioni si plachino, ma l’intero settore italiano è ormai irrimediabilmente indebolito: la grande stagione della petrolchimica italiana (e sarda) va esaurendosi e lo spazio di mercato lasciato libero è occupato definitivamente da produttori esteri. Oggi la petrolchimica in Sardegna è in una fase di stallo, tanto da portare più di un osservatore ad affermare che dell’esperienza degli anni ‘60 e ‘70 non rimane più nulla. In realtà, La situazione attuale della chimica in Sardegna è fortemente legata al funzionamento dell’Accordo Quadro nazio-

La SIR ottiene dal Credito Industriale Sardo, che avrebbe dovuto finanziare solo PMI, prestiti per 45 miliardi di Lire tra il 1962 ed il 1966, e per ulteriori 120 nel quadriennio successivo. Nello stesso periodo, l’IMI versa a SIR 140 miliardi.

9

12

Macchiareddu. così come ogni altro stabilimento per la produzione di fibre sintetiche è stato smantellato12.con la presenza di Portovesme srl (lavorazione di zinco. dove opera una joint venture tra Syndial (gruppo ENI) e la anglo-svizzera INEOS (gruppo EVC) per la produzione di PET. secondo questo schema. leggono le iniziative di ENI degli ultimi anni come una prova della sua volontà di disimpegno dal comparto e caldeggiano piuttosto il rafforzamento della presenza di INEOS. tuttavia. vi sarebbero margini per reinvestire nel settore una quota degli extra-profitti assicurati dalla golden share ENI. infine. stimolò analisi e studi socio-economici fino a quel momento rimandati. alle porte di Macomer (NU). visto che l’interesse del Gruppo ENI per la chimica sembra sempre più tiepido10. 11 12 Una buona concentrazione di industrie tessili è presente nella zona industriale di Tossilo. a Sarroch sono attive la multinazionale petrolifera sudafricana SASOL e. dove Syndial produce cloro-soda industriale per la filiera del PET. mentre Arbatax ha conosciuto proprio nel 2005 quello che sembra essere l’atto conclusivo con il fallimento de Il Girasole SpA. 1999). pesano le incertezze che circondano al momento il futuro dell’industria energivora. Se si va ad analizzare il periodo immediatamente successivo alla chiusura del Piano di Rinascita. La strategia di rilancio. Ottana.e l’insediamento di Sarroch11. 13 . già oggi uno dei massimi produttori europei. l’impresa chimica del Gruppo ENI Polimeri Europa. dove la presenza di ENI si limita al funzionamento di una centrale termoelettrica e la produzione chimica è affidata alla statunitense Equipolimers (Gruppo Dow Chemical). più di un elemento positivo. pur partendo da situazioni iniziali nettamente peggiori. piombo e argento). Altri analisti locali. si fonda sulla ricostruzione di una filiera Porto Marghera-Macchiareddu-Porto Torres per la produzione di PET a regia INEOS. costrinse le forze regionali a compiere delle scelte di allocazione delle risorse e favorì l’apertura verso l’esterno di un’economia improntata all’auto-sufficienza. Concordi sono i giudizi sulla capacità del Piano di generare un incremento del reddito superiore alle aspettative (+192% tra il 1961 ed il 1970 contro il +118% previsto) e se gli ottimistici proclami di recupero del divario con le regioni del nord non si sono realizzati. inoltre. pur senza toni entusiastici.4 Cattedrali nel deserto? Un primo commento A distanza di anni.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS nale. in entrambi i casi. ha mantenuto il ritmo di crescita di aree tra le più avanzate d’Europa. Villacidro. invero tanto articolata da muovere più di un dubbio sulla sua praticabilità. affinché Porto Torres diventi il più importante sito della chimica in Italia. emerge come tra il 1985 ed il 1992 la Sardegna sia la regione italiana in cui si riscontra la maggiore creazione di posti di lavoro (+15%). tuttavia. firmato il 14 luglio 2003. come anticipato. come testimoniato dall’incremento sia delle impor- 10 Alcuni esperti di settore prospettano un rilancio della chimica nazionale guidato dal soggetto pubblico. è vero anche che la forbice del reddito non si è allargata: la Sardegna. Rispetto ai poli di insediamento realizzati a seguito del Piano di Rinascita. abbandonando in parte la chimica di base in favore di produzioni ad alto valore aggiunto e a maggiore contenuto di ricerca e sviluppo. Eurallumina e della multinazionale dell’alluminio ALCOA . in sostanza. che prevede una dotazione di 300 milioni di Euro per supportare il consolidamento dei tre siti rimasti: Porto Torres. sembrano resistere il metallurgico di Portovesme . dove opera in particolare il gruppo Legler. Il Piano. sebbene la massiccia crescita di popolazione femminile attiva abbia prodotto una lieve contrazione netta del tasso di occupazione (Bottazzi. 1. leader a livello nazionale. contrapponendo ancora oggi i fautori di un’interpretazione in termini di sostanziale fallimento a chi invece ne sottolinea. ultimo proprietario della cartiera. Oltre a SARAS. il dibattito sull’effettiva incidenza del Piano di Rinascita e della politica dei poli industriali sullo sviluppo della Sardegna non si è sopito.

è minimo. Questo risultato non è conseguenza del modello di sviluppo prescelto. 14 Valga per tutti il giudizio di Bottazzi (1999). in Sardegna ha luogo in meno di 30 anni. Il processo di esodo dall’agricoltura. In questo lavoro gli autori affermano che la grande impresa petrolchimica ha avuto 13 Come si vedrà nella prosecuzione. l’inadeguatezza dei ceti dirigenti nazionali e regionali. con esiti deleteri sullo sviluppo sardo. la petrolchimica è un tipico esempio di produzione con minime connessioni a monte e a valle.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS tazioni che delle esportazioni. infatti. secondo alcuni. la stagione iniziale della Rinascita vede affermarsi un ceto che rivendica con forza un ruolo attivo nella pianificazione-programmazione dello sviluppo. poiché la regione. L’impianto petrolchimico. contro il 41% ipotizzato in sede di programmazione dell’intervento. bensì del tipo di grande impresa che va a localizzarsi in Sardegna. Una simile interpretazione. il giudizio sulla classe politica locale (Bottazzi. 1999. pressoché monopolizzato a livello regionale da SARAS. è il terziario e non l’industria a fungere da settore di riequilibrio. In questo senso. all’assunzione della forza lavoro. 14 . funziona nella maggior parte dei casi come una “cattedrale nel deserto”. si indirizza su beni immateriali e intellettuali di alto valore aggiunto e vede esternalizzare per motivi di efficienza servizi prima interni alla fabbrica. Primo indiziato della mancata evoluzione della modernità introdotta dalla politica dei poli in effettivo sviluppo è. se è vero che il peso dei servizi nella produzione del reddito regionale nel 1970 è pari al 58% del totale. con il massiccio intervento pubblico la politica locale si limita al ruolo di erogatrice di spesa e aggiudicatrice di prebende. 1998). che ha visto ridursi dal 50% al 10% del totale gli occupati del settore primario in Italia nel giro di 80 anni. ma non previsto in tutte le sue articolazioni. a lungo maggioritaria se non addirittura esclusiva. inoltre. priva di mercati interni di rilievo e di forza lavoro qualificata. in questi autori. ossia la sostituzione delle importazioni. è stata messa in discussione da Brusco e Paba (1992) in un saggio divenuto un classico nel dibattito sullo sviluppo del Mezzogiorno. perdendo qualsiasi indirizzo alla modernizzazione. Ruju. di terziarizzazione “drogata”. cosicché il Piano perde presto la sua connotazione originaria per lasciare spazio al clientelismo. è conseguenza dell’aumento della domanda di servizi alla persona e di servizi amministrativi. essa non si configura. è la rottura rispetto ad una situazione socio-economica improntata alla ruralità. piuttosto che delle imprese produttive. cosicché proprio uno dei risultati più attesi delle teorie di sviluppo squilibrato à la Hirschman. bilanciamento pressoché assoluto tra le diverse fasi del processo di trasformazione ed è in grado di operare in assenza di un tessuto produttivo industriale preesistente. da decisioni localizzative ed assegnazione dei finanziamenti. A questo processo non è estraneo il Piano di Rinascita. proprio il divaricarsi di import ed export ed il peggioramento della bilancia dei pagamenti regionale è la prova che il reddito cresce più della capacità produttiva dell’Isola (Accardo. le logiche partitocratiche pervadono ogni fase dell’intervento. essendo più semplice trasferire da fuori tecnici con esperienza. anche il suo bisogno di manodopera qualificata locale. Un altro effetto del Piano auspicato. pertanto. inoltre. D’altro canto. tuttavia. secondo molti autori. con scarsa capacità di generare indotto. contrariamente alla dinamica nazionale. non si realizza13. La rapida terziarizzazione dell’economia sarda. in sostanza. anziché formarli sul posto. Bottazzi (1992) parla di “salto di una fase”. questa dinamica non riguarda negli anni ’90 il comparto della Raffinazione. non era in grado di esercitare motivi di attrazione verso uno specifico comparto produttivo. 2003): se. come naturale approdo di un processo di industrializzazione che matura. in quanto al servizio di se stessa e dei consumi. infatti. in maniera indipendente da qualsiasi indirizzo di programmazione14. secondo cui fu la petrolchimica a scegliere la Sardegna e non il contrario. di congiuntura post-industriale che non segue però alcuna fase di industrializzazione. Particolarmente severo.

fa riferimento ad un’indagine attraverso questionari somministrati nel 1985 alle imprese sorte in Sardegna dopo il 1960. creando disoccupazione e influenzando negativamente gran parte delle imprese che da essa dipendevano. per molti aspetti indiscutibile. recuperando una specificazione hirschmaniana successiva al primo lavoro sulle connessioni (Hirschman. quantificando nel 76% dell’occupazione di tutte le imprese nate in Sardegna dopo il 1960 e nell’87% dell’occupazione manifatturiera. secondo cui politiche importate tarpano le ali a processi endogeni incipienti. ossia a beneficio di imprese attive in comparti diversi da quello sovvenzionato: imprese metalmeccaniche che hanno collaborato alla costruzione degli impianti e hanno poi proseguito producendo carpenteria metallica e collaborando alla manutenzione negli stabilimenti o anche micro soggetti localizzatisi a valle di una filiera resa possibile dall’arrivo della petrolchimica sull’Isola (produttori di gomma. Il saggio più volte citato. a chi sostiene . Nel saggio citato. Il concetto hirschmaniano. pg. legati ad un tempo scandito da orari. intervistato da Ruju (2003). piccoli prodotti in plastica. più o meno inconsapevolmente.” Sebbene resti forte la posizione di chi ha visto nella paraola della petrolchimica sarda un archetipo del concetto di cattedrale nel deserto. oscura il fatto che i poli prima ancora di creare occupazione o disoccupazione a seconda della congiuntura o dei destini settoriali hanno creato lavoratori. “Si è molto insistito nel dibattito sulle cattedrali nel deserto sul fatto che l’industria petrolchimica è un’industria che è andata presto in crisi. ma lo interpretano come capacità di percepire le singole opportunità di profitto. Sperare che un territorio avvii questo processo senza un intervento guidato dall’esterno. pubblicato nel 1992. bensì di un lento e non del tutto prevedibile processo di sedimentazione di abilità tecniche. non manca chi concorda. 1979). gli autori dimostrano che la petrolchimica sarda ha generato non trascurabili connessioni “esterne”. che pare anzi non avere retto alla prova del tempo. anche se in un’accezione in parte differente da quella teorizzata da Hirschman: non tanto e non solo connessioni di produzione. Giovanni Serra. Brusco e Paba non limitano il concetto di competenza alle abilità tecnicogestionali. con la lettura bruschina: da chi rimarca come l’industrializzazione abbia introdotto nella società sarda nuovi stili di vita.in maniera più specifica – che la petrolchimica ha una grande capacità di addestrare maestranze.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS un ruolo indiscutibile nella diffusione della cultura industriale in Sardegna. che hanno creato la base per il balzo in avanti della cultura professional-industriale della regione. 1999). stili di comportamento. È questa forse l’esternalità più preziosa che un intervento finalizzato allo sviluppo deve introdurre in un’area marginale. responsabile del personale ENI. maggiore abitudine alla contrattualizzazione dei rapporti ed alla monetizzazione dell’economia. capacità di cogliere le occasioni. è “illuministico”. le quote di attività tributarie di competenze del tutto estranee alla regione prima dell’industrializzazione per poli realizzata con il Piano di Rinascita17. In più. La ricerca di Brusco e Paba si spinge oltre. deve essere valutato alla luce della capacità di un’area di innescare in autonomia percorsi non estempora- 15 16 17 Brusco e Paba (1992). Questa considerazione. e così via). diffusione dei criteri meritocratici (ancora Bottazzi. hanno importato e 15 contribuito alla diffusione di capacità di fare che si è sedimentata nel tessuto sociale. la conclusione rilevante: la politica di incentivazione non ha portato nell’Isola solo occupazione. specializzazione. 15 . di qui. attraverso il canale delle connessioni. affermano ancora gli autori. Ciò significa valutare un processo di sviluppo non esclusivamente sulla base dell’accumulazione di capitali che ha consentito e del numero di connessioni di produzione di natura tecnica che ha indotto. quadri e dirigenti a gestire sistemi complessi16. ma anche competenze e capacità prima ignote. quanto piuttosto “connessioni di competenze”. 269.

secondo questa chiave di lettura. le cattedrali non possono fare altro che essere cattedrali. e ciò può avvenire solo dopo che è stata raggiunta una soglia critica per entità delle transazioni. Scopo delle politiche di incentivazione. 2005). Come ha affermato in un’intervista Giorgio Ruffolo. bensì generare un effetto leva tale da determinare nuovi investimenti privati e propiziare effetti positivi di lungo periodo. dimensione della rete di attività ed efficienza del mercato interno (Russo. ma che gettano nuova luce sulle potenzialità dei grandi poli industriali come strumenti di sviluppo endogeno. perché l’investimento impiantistico non si traduca in una cattedrale nel deserto è necessaria l’accumulazione di capacità istituzionale e di governo a livello locale. posizioni che non possiamo quindi trascurare. sta alla politica locale farsi carico del deserto. 16 . Del resto.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS nei di sviluppo. non è risolvere in un sol colpo problemi di sviluppo socio-economico in alcuni casi secolari. in un indagine che si propone di comprendere le ricadute territoriali di uno strumento di programmazione negoziata che ha beneficiato una grande impresa ad alta intensità di capitale. Sono queste posizioni interpretative tutt’altro che condivise.

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

2 Il Gruppo SARAS

2.1 Gli albori L’arrivo di SARAS in Sardegna risale ai primi anni ‘60, nell’ambito dei nuovi scenari annunciati dal Piano di Rinascita. L’atto di fondazione della società, data 24 maggio 1962 e precede di 15 giorni l’entrata in vigore ufficiale della Legge 588. Azionista di maggioranza della società è Angelo Moratti - un imprenditore lombardo attivo nel settore della raffinazione fin dagli anni ‘30, quando era rappresentante di una società milanese di lubrificanti – e ancora oggi, a più di 20 anni dalla morte del fondatore, il pacchetto di maggioranza della società è detenuto dalla finanziaria di famiglia18. Nell’immediato dopoguerra, Moratti è tra i primi a comprendere le potenzialità della localizzazione geografica italiana, soprattutto delle isole maggiori. In posizione centrale nel Mediterraneo, l’Italia era già un importante luogo di raccolta della materia prima in transito tra il Medio Oriente produttore e le raffinerie europee e statunitensi, ma l’evoluzione conosciuta dal settore in quegli anni, con progressivo disacoppiamento del sito di lavorazione dal luogo di estrazione del greggio, dischiude nuove opportunità per chi intenda lanciarsi sul mercato del “servizio di raffineria”, ovvero di uno stabilimento non integrato a monte con gli impianti di estrazione, né a valle con la rete distributiva. Nel 1948, Moratti è pronto a cogliere l’occasione: privo delle disponibilità finanziarie necessarie a costruire ex-novo un impianto, recupera in Texas uno stabilimento in via di dismissione e lo rimonta ad Augusta (Siracusa), dando così vita alla RASIOM. In quegli anni, la nazionalizzazione dell’Anglo-Iranian Oil Company ed il periodo di instabilità politica in Iran conseguente al duro scontro tra il primo ministro Muhammad Mossadeq e lo Scià Reza Pahlevi, comporta la cessazione dell’attività dal 1951 al 1953 della raffineria di Abidan, la più grande del mondo. Il vuoto produttivo è colmato per il 50% dalla industria di raffinazione italiana, che ha nella RASIOM una delle sue realtà di punta. Entrata in produzione alla vigilia della chiusura di Abidan, in 10 anni la raffineria di Augusta triplica gli impianti e raddoppia la capacità produttiva, tanto da muovere l’interesse di Exxon - una delle Sette Sorelle, erede diretta della mitica Standard Oil19 - che acquista lo stabilimento nel 1960. Con il denaro incassato, Moratti si mette presto alla ricerca di un’area in cui costruire una nuova raffineria e la Sardegna gli appare subito un luogo ideale per localizzazione geografica e caratteristiche morfologiche. Dopo una rapida trattativa, che porta a scartare le aree di Costa Rey e Santa Margherita di Pula, la scelta ricade su Porto Foxi, nel comune di Sarroch. La costruzione della nuova raffineria, affidata a SNAM Progetti, inizia nel novembre del 1963 e termina 14 mesi dopo; il 14 gennaio 1965, SARAS Raffinerie Sarde SpA apre ufficialmente i battenti.

18

Oggi il pacchetto azionario di SARAS SpA è suddiviso tra Angelo Moratti SpA (55%), AGIP Petroli (15%), e due società fiduciarie di Roma (Romafides, 15%) e Milano (SIREF, 15%).

Costretta a cessare le operazioni dallo Sherman Act, la rigida legge antitrust statunitense, nel 1911 il colosso petrolifero Standard Oil Trust è smembrato in 34 nuove società; tra queste, Standard Oil of New Jersey e Standard Oil Company of New York assumeranno successivamente il nome Exxon, commercializzando i propri prodotti con il marchio Esso.

19

17

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

Fig. 2.1: Gli stabilimenti SARAS a Sarroch (Foto: Google Earth, 2005)

2.2 La raffineria e la sua evoluzione tecnica Negli anni ‘50 e nei primi anni ’60 del XX secolo, il profilo tecnologico di una raffineria era ancora relativamente semplice: il greggio era sottoposto a un processo di frazionamento primario tramite distillazione a pressione atmosferica (topping), volto a ottenere una prima serie di prodotti “pesanti” (virgin nafta, Kerosene, GPL); tali prodotti di base erano poi sottoposti ad un processo di raffinazione secondaria (upgrading) attraverso desolforazione dei gasoli, blending delle benzine, incremento del contenuto ottanico della virgin nafta (un procedimento definito di reforming, nella maggior parte dei casi generato per via termica), fino all’ottenimento dei prodotti finali in proporzioni costanti. Con la crisi petrolifera del 1973, l’attenzione dei produttori si sposta sul recupero di efficienza nel ciclo di raffineria, così da migliorare la resa della materia prima. Di qui, la “integrazione” del ciclo stesso, che consente, attraverso nuovi processi di raffinazione a valle del topping, la trasformazione delle frazioni pesanti (oli combustibili) in frazioni medie (gasoli) e leggere (benzine), favorendo così l’ottenimento di prodotti più pregiati. Il primo processo a valle è il vacuum, che attraverso la distillazione dei residui atmosferici del topping consente l’ottenimento di gasoli pesanti e residuo, a loro volta cariche per il successivo processo di recupero; questo, è definito cracking e può essere di tre tipi: catalitico a letto fluido (fluid catalytic cracking, FCC), termico (visbreaking) e a impiego di idrogeno come reagente (hydrocracking). Completano il ciclo di raffineria l’impianto di reforming (continuous catalytic reformer, CCR), che come l’FCC assicura l’ottenimento di prodotti finiti, e quelli di alchilazione, eterificazione (tertiary amyl methyl etherification, TAME) e desolforazione per la riduzione di benzene, zolfo ed altri composti chimici indesiderati; infine, non vanno dimenticati gli impianti di servizio, quali serbatoi e dissalatori, sistemi di movimentazione, sistemi ausiliari e di monitoraggio, e così via.

18

Francesco Silvestri

I Contratti di Programma SARAS

Fig. 2.2: Un particolare degli impianti di Sarroch (Foto: T. Bianchi, 2005)

A questo ciclo, si aggiunge l’integrated gasification and conbinated cycle (IGCC), un’opera la cui costruzione è in ipotesi fin dai primi anni ‘90 e che ha impegnato tra il 1996 ed il 2001 ben 124 imprese, con punte di 2.500 addetti20. L’investimento, con i suoi 2.000,17 miliardi di Lire il più oneroso della storia della SARAS, è stato coperto interamente con un’iniziativa di finanza di progetto; una volta inserito negli accordi del 1992 con il Comitato Interministeriale Prezzi per la cessione, a tariffa prefissata, dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili ed “assimilate” (il famoso CIP 6), per i proponenti non è stato infatti complicato coinvolgere nell’iniziativa investitori privati, nello specifico istituti bancari di primaria importanza italiani (Banca Commerciale Italiana, oggi Banca Intesa) ed esteri (National Westminster Bank, ora Royal Bank of Scotland, e European Investment Bank): i tempi di ritorno del pur oneroso investimento, stanti le tariffe fissate nel 1999, si aggirano sui cinque-sette anni di attività dell’impianto, mentre l’accordo con il Gestore Nazionale della Rete coinvolge le parti per un periodo ventennale (la scadenza è fissata per l’8 gennaio 2021) 21. Entrato in funzione nel 2001, l’impianto produce energia elettrica attraverso la gassificazione dei residui TAR, una frazione pesante, ad elevato tenore di zolfo e metalli, ottenuta come scarto dai processi di cracking. Con una potenza di 555 Megawatt, l’IGCC produce circa 4,4 miliardi di Chilowattora all’anno, ceduti interamente al gestore della rete, vapore ed idrogeno - questi ultimi reimpiegati nei processi di cracking - e filter cake, un composto di metalli pesanti utilizzabile dal settore metallurgico. Con l’entrata in funzione dell’IGCC, inoltre, è stata ridotta in maniera notevole l’emissione di ossidi di zolfo in atmosfera da parte degli impianti di raffinazione. Oggi, la raffineria è strutturata con tre unità di distillazione atmosferica (due di topping, una RT2), due di vacuum, quattro di cracking (un FCC, uno di visbreaking e due di mild-hydrocraking), un

Anche la costruzione dell’IGCC, come già avvenne per l’intera raffineria, ha visto SNAM progetti nel ruolo di main contractor. Se sotto il profilo della sicurezza e dei rapporti sindacali la costruzione dell’impianto è stata un successo, alcune polemiche sono sorte sullo scarso coinvolgimento di imprese locali, in minoranza rispetto a quelle di provenienza esterna e confinate alle mansioni meno remunerative. A detta di alcuni esponenti della CGIL, la motivazione di un simile atteggiamento sarebbe ascrivibile alla volontà di SARAS di non distogliere le imprese metalmeccaniche locali dalla fornitura dei servizi di manutenzione ordinaria in raffineria.
21

20

Per una feroce critica dell’accordo, si veda il paragrafo “Scandaloso CIP 6”, in: Mucchetti M., 2003, Licenziare i padroni?, Milano.

19

oltre all’impianto IGCC e a tutti i servizi ausiliari.1 miliardi di Lire circa per investimenti 1989-1992).Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS impianto CCR. 23 20 . uno di eterificazione (TAME). in controtendenza con il settore petrolifero nel suo complesso (Mura.4 miliardi di Lire). TOPPING Frazionamento primario (3) Gas incon (C1. abituata ad operare su materia prima di provenienza eterogenea e per una clientela con esigenze diverse. nel periodo 1992-1997 oltre alle tre tornate di contrattazione negoziata il gruppo SARAS accede ai finanziamenti pubblici previsti dalla Legge 46/1982 (Fondo Innovazione Tecnologica) per il primo impianto di mild hydrocracking (13.Idrodesolforazione (4) . 2002) A titolo di esempio. dalla Legge 10/1991 (Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale e per il risparmio energetico) per interventi di adeguamento dell’impianto FCC (17. uno di alchilazione. C6) Kerosene (C9-C14) Gasoli aff (C14-C25) Residui atmosferici (>C26) VACUUM Distillazione sotto vuoto (2) CRACKING Raffinazione .8 miliardi di Lire in conto esercizio). quattro unità di idodesolforazione e tre di recupero zolfo. C6) Virgin Nafta hard (C5. C2) GPL (C3. si può affermare che gli interventi in raffineria operati da SARAS nel corso dei 40 anni della sua esistenza hanno seguito tre indirizzi principali: incremento della capacità 22 Da quando è stata fondata.TAME Eterificazione .Mild-Hidrocracking (2) REFORMER CCR Raffinazione Vacuum Gasoils (C26-C40) Residui (>C40) .Visbreaking Benzina Gas GPL Gasolio Carica FCC Oli combustibili pesanti TAR Raffinazione secondaria .Alchilazione GPL IGCC (Gassificazione) Zolfo RECUPERO ZOLFO (3) Zolfo Vapore Idrogeno Filter Cake Energia elettrica Fig. C4) Virgin Nafta soft (C5. in grassetto i prodotti grezzi.3: Schema dei processi di raffineria dell’impianto SARAS. in blu i prodotti di scarto. ha obbligato SARAS alla massima flessibilità ed all’ammodernamento continuo dei propri impianti.2 miliardi di Lire) e dell’unità CCR (10.FCC . In termini molto schematici. tra parentesi il numero di unità impiantistiche La sua natura di raffineria di servizi. SARAS ha fatto registrare per ogni esercizio un tasso di accumulazione (dato dal rapporto tra valore degli investimenti e valore delle immobilizzazioni materiali lorde) crescente. 2. infine da una convenzione con il Ministero del Lavoro ex-lege 845/1978 e 236/1993 (2. ciò significa una forte predisposizione all’investimento22 e una grande attenzione per tutte le forme di finanziamento pubblico attivabili23. in corsivo i prodotti finiti.

di fatto. società di distribuzione della benzina al dettaglio sul mercato spagnolo . così da potere variare le fonti di approvvigionamento secondo le contingenze di mercato e da rispondere alle diverse esigenze dei clienti finali. tuttavia. ltre che alle notorie difficoltà conosciute dall’economia mondiale a partire da quel triste anno. L’attività della SARAS consiste nella lavorazione e trasformazione del crudo e. è quello della produzione di energia elettrica. SARAS Raffinerie ha registrato un fatturato 3. miglioramento delle prestazioni ambientali dell’unità produttiva e dei prodotti di raffinazione.si affiancano oggi altri tre ambiti di attività. SARAS lavora oggi il 14-15% di tutto il petrolio raffinato in Italia. Anche in ragione di ciò. in ragione del progressivo inasprimento delle specifiche europee sui combustibili e della tendenza del mercato a privilegiare prodotti leggeri. nonostante l’evoluzione dei tassi di cambio e l’esplosione del costo della materia prima. Va ricordato. che prima degli anni ‘90 SARAS non era ancora proprietaria di una propria rete distributiva al dettaglio per il mercato spagnolo. in percentuale. al fine della realizzazione di economie di scala e dell’abbattimento dei costi unitari di produzione. incremento della flessibilità. rappresentano oggi altrettanti interrogativi sulla effettiva capacità di crescita del gruppo. controllata del 24 Negli ultimi anni. Arcola Petrolifera. i limiti fisici oggettivi esistenti ad una ulteriore espansione degli impianti nel sito di Sarroch e.3 L’evoluzione del Gruppo Le difficoltà del mercato petrolifero. Tale scelta permette di diversificare i rischi e bilanciare vantaggi e svantaggi: l’attività in conto terzi consente infatti di alleggerire la rete distributiva necessaria alla commercializzazione e assicura prezzi stabili garantiti da contratti a lungo termine. Alle società operanti in diversi segmenti della filiera petrolifera . in passato. in questo secondo caso. Il fatturato della società ha conosciuto nel periodo considerato una crescita continua con la sola esclusione degli esercizi 1998 e 2001. solo nel 1995 la quota propria aveva superato quella per conto terzi. il raffreddamento dell’interesse per l’industria ad alta intensità di capitale mostrata dalla programmazione regionale. il decremento può essere imputato ad una sorta di “effetto di rimbalzo” rispetto ad una performance eccezionale dell’anno precedente. con stabilimento in provincia di La Spezia e SARAS Energía. Il primo e più importante per fatturato e livello occupazionale. maggiore incertezza sui margini di profitto24. Con l’entrata in funzione dell’impianto IGCC. fin dagli anni ‘90 SARAS ha avviato un percorso di diversificazione delle attività in ambiti più o meno legati al core business. tuttavia. infine. d’altro canto.431 milioni di Euro. infatti. il 34% al mercato italiano (con cliente principale AGIP) e il 21% specificatamente a quello sardo. in minima parte. non ultimo. 21 . coprendo la quasi totalità del mercato sardo. in periodi di crisi i committenti riducono le lavorazioni per incrementare i margini di profitto e la raffineria è costretta a proporre il prodotto direttamente sul mercato. le percentuali di produzione in conto proprio ed in conto terzi sono. La prestazione economica dell’attività di raffineria dal 1991 al 2004 si è mantenuta su livelli di assoluta soddisfazione. è fondata Sarlux. sia in conto terzi che per la commercializzazione diretta. 2.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS produttiva. ciò che significa. il 43% delle vendite è destinato a Paesi esteri.oltre alla capofila SARAS Raffinerie Sarde. pari. in situazione di volatilità dei prezzi. di semilavorati petroliferi. Nell’ultimo esercizio.

oggi presidiato dalla controllata SARTEC Ricerche e Tecnologie SpA. usufruisce di agevolazioni nell’ambito del regime della Legge 488/199227. Il permesso. Il parco eolico. Una seconda joint venture26. In ragione del loro stretto legame con l’istituto del CdP. sono previste dall’Art. 26 25 In questo caso. ha dato vita a una dozzina di piccole società. ha un prezzo la cui quotazione è fissata dall’incontro tra domanda e offerta su un mercato virtuale (la cosiddetta “Borsa dell’energia”). pari al 2% dell’energia non rinnovabile prodotta o importata nell’anno precedente. dicembre 2005 Per tornare in possesso del 100% del capitale. operative dall’anno 2001. la società gestrice dell’impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili di Ulassai (Ogliastra). ricerca applicata e monitoraggio ambientale gestiti direttamente fino a una decina di anni fa.B&B Wind 30% Sardeolica Fig. è istituita nel 2004 per controllare Sardeolica. Parchi Eolici Ulassai. Ulassai . hanno il proprio cliente privilegiato nella casa madre. inaugurata con il secondo CdP e consolidata anch’essa con il terzo. la diversificazione nel campo della Information&Communication Technology (ICT). 11 del Decreto Legge n.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Gruppo che vede la partecipazione al 45% del capitale sociale dell’ex-colosso del settore Enron25.r. Tanto SARTEC quanto Akhela. È questo un ambito nato in occasione del primo Contratto di Programma (CdP) e consolidato nel corso del terzo. 79 del 1999. nel frattempo sottoposta a controllo giudiziario a seguito della famosa bancarotta del gruppo.4: Quadro sintetico del Gruppo SARAS. realizzato per rispondere alla normativa che impone a produttori ed importatori di energia elettrica di immettere in rete una quota di energia da fonti rinnovabili. ribattezzato “Certificato Verde” e corrispondente a 100 Megawatt/Ora di energia elettrica. come avviene per Sarlux. la joint venture è tra SARAS (70% del capitale) e Babcock & Brown Wind Energy (B&B Wind) S.l. 2. dal 2004 accorpate in un’unica impresa (Akhela Srl). la procedura è oggi soggetta ad arbitrato internazionale. per una potenza complessiva pari a 72 Megawatt. 27 Queste innovazioni. di gestione dell’automazione. Infine. (30%). Un ulteriore campo di attività riguarda la ricerca applicata nei comparti della automazione e degli strumenti per rilevamenti ambientali. 22 .SARAS 55% . Il decreto prevede che si possa ottemperare all’obbligo non solo producendo in proprio la quota di “energia pulita” prevista.Enron 45% Innovazione SARTEC Akhela Parchi Eol. che ha affidato loro in outsourcing i servizi informatici. altrimenti noto come “Decreto Bersani”.SARAS 70% . ma anche acquistando da altri produttori il permesso a mantenere inalterata la propria offerta di energia da fonti non rinnovabili. Gruppo SARAS Petrolifero Raffinerie Sarde Arcola SARAS Energía Energia elettrica SARLUX . SARAS ha esercitato una call sulle azioni Sarlux possedute da Enron. a queste due società ed al percorso che ha portato alla loro nascita saranno dedicati numerosi approfondimenti nella prosecuzione del lavoro.

mentre la quota restante dei dipendenti è in possesso di titolo di studio professionale o di licenza media. Interessante notare come. e nel periodo 1981-1986 (da 673 a 837 unità lavorative). con una crescita nel quinquennio 2000-2004 del 4% complessivo28. 2002). secondo i dati forniti da SARAS. periodo in cui il numero medio annuo di dipendenti passa da 284 a 471 unità. Nell’ultimo periodo. cosicché oggi all’interno dello stabilimento prevalgono gli addetti diplomati (50% del totale) o laureati (10%). per poi riprendersi e proseguire su tassi vicini al 10% tra il 1997 ed il 2000 (Mura. nel decennio successivo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Fig. emerge come tale complessità abbia prodotto un notevole innalzamento della scolarità della forza lavoro. in concomitanza con un periodo di difficoltà del Gruppo. una breve descrizione delle caratteristiche occupazionali del Gruppo SARAS. la crescita degli occupati si attesta su un modesto 0. infine.000 unità. 2. a testimonianza della sempre maggiore complessità operativa e gestionale della raffineria. 23 .3: Localizzazione delle quattro società del Gruppo SARAS in Provincia di Cagliari 2. con balzi notevoli nel triennio 1969-1971. l’occupazione di SARAS Raffinerie Sarde supera le 1.27% degli occupati in stabilimento). Da una recente ed approfondita analisi sulla realtà SARAS. La forza lavoro impiegata nello stabilimento di Sarroch è in continua crescita fin dalla sua fondazione.4 Le caratteristiche della forza lavoro e la gestione delle attività formative Infine. si sia registrato il “sorpasso” delle qualifiche impiegatizie e dirigenziali a scapito della forza lavoro operaia. che oggi conta circa 1. fin dal 1984.5% annuo.600 addetti suddivisi tra le varie attività. ma per un ordine di grandezza che può essere considerato frizionale (13 addetti. basata sui dati occupazionali relativi all’anno 2001. 28 Tra il 2002 ed il 2003. pari all’1. si è verificata in realtà una riduzione di personale.

interamente appaltata a ditte locali.dalla realizzazione di alloggi (la nota “Colonia Moratti”) alla assegnazione di borse di studio. un ulteriore 1. a questi si aggiungono altri 23 dipendenti.4% risiede in provincia di Cagliari. basate su dati forniti da SARAS. selezione. E questo contribuisce. si può affermare che la forza lavoro gravitante su SARTEC è passata dai 75 addetti del 1999 ai 141 del 2004. 2002): dei 997 addetti operanti all’interno della Raffineria. con problemi latenti di convivenza tra realtà diverse. ai prestiti agevolati – si è anzi creata una sorta di enclave. confluite nel 2005 in una nuova SARTEC SpA. a far sì che oggi sul territorio SARAS sia rispettata. Nel computo degli addetti. Si tornerà su questo aspetto nel corso del quinto capitolo. mentre il settore ICT ha visto una crescita da 135 a 180 unità. facendo registrare una quota di personale laureato pari a circa il 70% del totale e una forza lavoro formata per il 95% da residenti in Sardegna. rappresentano una sintesi dei livelli occupazionali fatti registrare rispettivamente da SARAS Srl. 31 30 Le cifre esposte. la crisi intervenuta nel 2002 – e di cui si darà ampio resoconto nel successivo Paragrafo 4. Sugli effetti di spiazzamento imprevisti e sull’impatto sociale della distribuzione non uniforme di salari e benefit in un’area marginale. ha fatto sì che – da due anni a questa parte – l’azienda abbia allestito al proprio interno un servizio apposito per l’organizzazione di attività formative. indicato come “Risorse Umane e Organizzazione”. 24 . secondo alcuni osservatori.3 – ha fatto sì che rispetto al 2001 si siano persi quasi 100 posti di lavoro31. segnalati dall’ISTAT come appartenenti al Sistema Locale del Lavoro di Pula e non.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Dallo stesso studio si evince che lo stabilimento di Sarroch acquista la quasi totalità dei servizi lavorativi in Sardegna (Mura. e regionale. non stupisce che tanto SARTEC quanto Akhela siano caratterizzate da occupazione di alto profilo formativo. operanti negli uffici della sede centrale. a quello di Cagliari. Il servizio. Ciò è vero in primo luogo per Akhela. Il differenziarsi e l’evolversi delle funzioni all’interno dello stabilimento. SARAS Ricerche e Flamingo Automation. che si avvantaggia della diffusione delle competenze relative all’ICT in Sardegna e nella città di Cagliari. il radicamento di SARAS nel territorio di Sarroch è indiscutibile: dopo anni di presenza e un’attenzione per i dipendenti al limite del paternalismo .4% nelle restanti province della Sardegna e solo due occupati (un dirigente ed un impiegato) hanno residenza a Milano29. vanno poi ricordati i circa 750 addetti alla manutenzione. dalle spese mediche specialistiche a carico della società. alla vigilia della trasformazione in SpA. Oltre ai dipendenti diretti. il 98. come i restanti comuni interessati. infatti. nella quasi totalità laureati e diplomati tecnici. 29 Si fa riferimento qui alla ripartizione della regione in quattro province. mentre la provenienza privilegia fortemente l’area provinciale. in particolare la conurbazione cagliaritana. si veda la già menzionata intervista a Giovanni Serra pubblicata in Ruju (2003). che insistono in pratica senza soluzione di continuità sullo stabilimento di Sarroch. Per quanto concerne l’occupazione delle due società del Gruppo attive nel settore dell’innovazione. Dato l’elevato contenuto di ricerca ed innovazione dei mercati su cui operano entrambe le società. formazione e sviluppo del personale turnista. in questo secondo caso. va notato che molti hanno residenza nei comuni di Pula e Villa San Pietro. Se il management del Gruppo è localizzato a Milano. ma non sempre amata30. tuttavia. istituite grazie all’opportunità del CdP. e dalla serie di società del comparto ICT nate con il secondo CdP e confluite nel 2004 in Akhela Srl. oggi raddoppiate a seguito della riforma amministrativa del 2005. dipende direttamente dalla Direzione Risorse Strategiche ed è organizzato in cinque aree: - attività segretariali.

che prevede sia interventi orizzontali. organizzazione aziendale e gestione ordinaria. ma anche tutte le consociate del Gruppo. gli occupati sono sottoposti a procedure di “formazione continua” sulle norme di prevenzione e protezione sul lavoro e di “formazione di aggiornamento”. così da divenire il centro di riferimento unico per la formazione all’interno di SARAS. contenuti e strumenti che rappresentano il patrimonio conoscitivo delle posizioni professionali cui sono destinati i dipendenti. fa seguito la cosiddetta “formazione alla posizione”. è finalizzato a fornire ai nuovi assunti le informazioni di base sulla struttura organizzativa e sulle procedure da seguire per il controllo qualità e la sicurezza sul lavoro. prevede due momenti di formazione: il primo. gestita dal Servizio Prevenzione e Protezione. L’inserimento del personale in azienda. ricorrendo per alcuni casi specifici allo strumento dell’IFTS e a fondi del FSE veicolati dalla Regione Autonoma della Sardegna. Il Servizio si occupa. metodi produttivi ed esigenze ben diversi. Da questo momento. selezione. il Servizio Risorse Umane elabora un piano di formazione articolato. 32 Akhela ha adottato una politica di ed aggiornamento professionale del proprio personale. prevista come obbligo di fornitura dall’impresa esecutrice delle istallazioni. l’evoluzione delle attività. e quella relativa alla sicurezza sul posto di lavoro. di carattere generale e della durata di 10-15 giorni. A tale formazione si affiancano quella sul funzionamento dei nuovi impianti. formazione e sviluppo del personale giornaliero. a questo momento iniziale. nelle sedi di Milano e Cagliari. a scapito dell’attività corsuale d’aula. 25 . Akhela ha finanziato la maggior parte delle iniziative. affidata tanto a personale interno quanto a docenti esterni. Per lo sviluppo di tali attività. della formazione per ogni categoria di occupati all’interno dell’impresa. Il percorso è pressoché concluso per le realtà operanti a Sarroch o con profili operativi di carattere industriale. realizzate quando le esigenze di una commessa rendono necessari approfondimenti su particolari tematiche. non a caso. ha visto imporsi con sempre maggiore frequenza la formazione per affiancamento on the job. il Servizio Risorse Umane e Organizzazione si sta progressivamente strutturando per gestire i piani formativi riguardanti non solo la raffineria. molto simili a quelli espressi dal core business petrolifero. formazione e sviluppo dell’organizzazione. a tutt’oggi la società dell’ICT è l’unica con un referente interno dedicato alle risorse umane32. pertanto. con prodotti. suddiviso in attività da svolgere su più anni e declinato per fasce professionali all’interno del Gruppo. al termine di ogni esperienza formativa sono somministrate verifiche di apprendimento e di gradimento. sia attività specialistiche. anche in questo caso a seguito di un’analisi delle esigenze formative emerse per alcune categorie di occupati. più specialistica e basata su un piano – predisposto dal Servizio con la collaborazione del responsabile di linea – che prevede il trasferimento di tecniche. Infine.Francesco Silvestri - I Contratti di Programma SARAS selezione. Da quando è stato istituito. Da circa un anno. ma è più complicato da definire per una realtà come Akhela. come la formazione sulle lingue straniere.

è finanziata tra il 1996 e il 1999. di rivolgersi per le proprie forniture al tessuto imprenditoriale preesistente o di impiegare direttamente o indirettamente forza lavoro locale possono attivare processi virtuosi e duraturi di sviluppo basati in primo luogo sul riequilibrio tecnologico e produttivo del territorio. in grado di favorire l’accumulazione di capitale privato e la crescita occupazionale. nell’ambito della nuova tornata di programmazione ordinaria per il Mezzogiorno ex lege 488/1992. fino a quando il processo di sviluppo non sia in grado di auto-generarsi grazie alla avvenuta maturazione di fattori strutturali e di contesto favorevoli (De Castris e Pellegrini. attività di ricerca (nascita di appositi centri e sviluppo di progetti) e formazione del personale. I momenti salienti nella definizione normativa dello strumento sono illustrati nella seguente tabella 3. al fine di promuovere la realizzazione di opere i cui piani progettuali sono oggetto di contrattazione con la Pubblica Amministrazione. che comprendono investimenti di tipo industriale. definito in ogni suo elemento. Il CdP nasce nell’ambito dell’intervento di incentivazione alle imprese promosso con la Legge 64/1986. Nella fase di contrattazione. Il sistema di incentivi dovrebbe agire in un periodo di transizione. avviata in periodo di vigenza dell’Intervento straordinario per il Mezzogiorno. sebbene il passaggio da un’impostazione più dirigista ad una più aperta al contributo privato. al fine di favorire la realizzazione di progetti strategici nelle aree depresse. un altro elemento pregnante dello strumento è la valutazione a priori di esternalità e ricadute che i progetti da finanziare possono produrre. il policy maker rinuncia all’intervento dall’alto. non sia così netta e per molto tempo le due filosofie si sovrappongano. per limitarsi a fissare gli obiettivi e a disegnare lo strumento di agevolazione. Le principali novità dello strumento sono identificabili nella possibilità di attrarre progetti nazionali e internazionali che . Lo strumento del CdP si rivolge essenzialmente a grandi imprese e gruppi industriali. pertanto. infine. 26 . nell’intento di riorientare il processo di sviluppo verso obiettivi favorevoli alle comunità locali anche a scapito di quelli di stretta profittabilità desiderati dal proponente privato. consente di distinguere tre generazioni di CdP: la prima. loro caratteristica peculiare è di prevedere iniziative integrate. una seconda famiglia di iniziative. 2005). attivo dalla metà degli anni ’80. si è soliti individuare un’ultima generazione di CdP successiva all’adeguamento della Legge 488/1992 ai dettami della normativa comunitaria sul regime di aiuti alle imprese per il periodo 2000-2006.1. La modalità di funzionamento del CdP prevede la definizione di un canale privilegiato di aiuto ai progetti strategici di investimento. in questo modo. va dal 1992 al 1996 ed ha come atto normativo di riferimento la Legge 64/1986. a condizione che questi siano negoziati con l’Amministrazione.per la capacità di utilizzare e valorizzare il patrimonio naturale o produttivo dell’area di insediamento. La progressiva evoluzione dello strumento nel tempo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 3 L’istituto del Contratto di Programma Il Contratto di Programma (CdP) è uno strumento di programmazione partecipata dello sviluppo. il contraente pubblico è chiamato ad esercitare la facoltà di indirizzare le scelte di investimento. la cui disciplina è stata progressivamente specificata e razionalizzata con una serie di delibere ed atti normativi susseguitisi nel corso di quasi 20 anni.

173/1998 DPR. prevede la soppressione dell’Agenzia per il Mezzogiorno e affidamento al Ministro del Bilancio e PE di coordinamento. Lgs. istituzione del Province autonome per i CdP Contratto di Localizzazione Approvazione dei primi Contratti di Programma 19/12/1992 Rifinanziamento della legge 1/3/1986. cui si farà riferimento all’interno dei CCdPP Conferma delle azioni organiche già individuate nel Programma 1985-87 e scelta.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Provved. Regioni e di approvazione anche Regioni e Prov. n. promozione nuove tecnologie. rivitalizzazione industrie tradizionali e stimolo nuove attività) Definizione dell’Accordo di programma e accenno al coordinamento dell’attività delle amministrazioni pubbliche in materia di agevolazione al settore industriale. 96/1993 Del CIPE 10/1994 L. 104/1995 (Conversione Decr Lgs 8/2/1995) L. afferma la adozione di un criterio di redditività delle iniziative ai fini della loro selezione. Oltre ad introdurre l’ESN per il calcolo delle agevolazioni. Tema CdP Accento su obiettivi e metodi del Programma. con approvazione dei primi 12 Tab.1: Sinossi della normativa di riferimento per i CCdPP 27 . 64.il CdP tà gestite dalla soppressa Agenzia promozione sviluppo del Mezzogiorno (…) 23/12/1996 Misure di razionalizzazione della fiNuova e definitiva definizione degli strumenti di programmazione nanza pubblica negoziata. recante disciplina organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno. il piano annuale di attuazione definisce forme e modalità per la contrattazione programmata che assicurino tempestività e unitarietà all’intervento Fissa gli elementi rilevanti per il finanziamento di attività dei Centri di Ricerca Associati nel Mezzogiorno. n. obiettivi di crescita occupazionale. Fissa al 14/8/1992 il limite iniziale entro cui riconoscere gli investimenti in iniziative relative ai CdP 3/4/1993 Trasferimento dei soppressi DipartiConferma della competenza in materia del Ministero del Bilancio mento per gli interventi straordinari nel e PE e del Ministero dell’Industria per quanto concerne competenMezzogiorno e Agenzia per la promo. sviluppo terziario superiore) Avvio dei contratti di programma. 196/1997 Dec. tra cui il CdP 21/3/1997 Disciplina della programmazione neApertura del CdP anche a rappresentanti di distretti industriali goziata 24/6/1997 Norme in materia di promozione delApertura del CdP anche a imprese turistiche l’occupazione 30/4/1998 Disposizioni in materia di contenimen. la L. programmazione e vigilanza sugli interventi pubblici nelle aree depresse del territorio nazionale. diffusione innovazione di processo e di prodotto. 488/1992 28/5/1987 Dec. 175/2001 Del CIPE 26/2003 Nuova legge di riferimento per il finanziamento degli interventi nel Mezzogiorno. a favore degli indirizzi più innovativi e qualificanti (sviluppo settori industriali ad elevato livello tecnologico e ad alto valore aggiuntivo.Apertura del CdP anche a imprese agricole e della pesca to costi di produzione e per il rafforzamento strutturale delle imprese agricole 26/3/2001 Regolamento di organizzazione del Assegnazione della competenza sui CdP al MAP. Lgs. con obiettivi crescita e ammodernamento dell’apparato produttivo industriale. nell’ambito degli interventi di sostegno per le attività produttive. che saranno ripresi dai CCdPP (strategia di sviluppo autocentrato e integrato. a favore delle attività produttive localizzate nei territori meridionali Del CIPE 37/1986 Del CIPE 80/1986 16/7/1986 Agevolazioni ai consorzi e società consortili di ricerca ubicati nei territori meridionali 29/12/1986 Approvazione Programma triennale 1987-1989 Del CIPI 28/5/1987 L. 662/1996 Del CIPE 29/1997 L. Gen per il coord degli incentivi alle imprese 25/7/2003 Regionalizzazione dei patti territoriali Definizione di nuove norme e modalità che coinvolgono nella fase e coordinamento Governo. 64/1986 Data 10/7/1985 Titolo Approvazione Programma triennale di intervento per il Mezzogiorno 19851987 Disciplina organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno 1/3/1986 Del CIPI 16/7/1986 16/7/1986 Direttive per la concessione delle agevolazioni finanziarie previste dalla legge 1/3/86. autonome. 64. 3. Del CIPE 41/1985 L. tra cui concessione di agevolazioni alle attivi. Dipartimento MAP per le imprese.za in materia di adempimenti tecnici amministrativi e di controllo zione dello sviluppo del Mezzogiorno per la concessione delle agevolazioni 25/2/1994 Disciplina dei CdP Definisce proponenti e procedure dei Contratti di Programma le cui istanze sono state presentate dopo il 20/8/1992 7/3/1995 Disposizioni urgenti per accelerare la Definizione degli strumenti di programmazione negoziata. Dir. nascita d una rete di centri di ricerca Al fine del più efficace coinvolgimento dei grandi gruppi industriali nazionali o internazionali nella realizzazione delle azioni integrate previste dal programma triennale per il riequilibrio tecnologico e produttivo del Mezzogiorno.

la legge prevede di estendere il concetto di negoziazione all’interazione con soggetti privati in iniziative finalizzate allo sviluppo. il Titolo II della Legge (“Disposizioni agevolative per le attività produttive e norme finanziarie”) assegna al CIPI il compito di coordinare l’attività delle amministrazioni pubbliche in materia di agevolazione al settore industriale. In attuazione della legge. la legge introduce la negoziazione interistituzionale come modalità e l’Accordo di Programma come strumento per la soluzione di problemi comuni a più enti territoriali.1 La prima fase di operatività: 1986-1992 (e oltre) La Legge 64/1986 rappresenta un importante spartiacque nella politica per lo sviluppo del Meridione italiano. sono approvati tra il 1992 ed il 1995. L’ammontare complessivo di 28 . attirare i grandi progetti nazionali e internazionali di tipo greenfield. sebbene in maniera un poco più timida. 64. L’incentivo concesso è quindi associato. come emerge dalla documentazione ufficiale. mentre altri quattro. Nel piano si sottolinea che “il contenuto contrattuale flessibile è determinato di volta in volta dalle parti” in relazione ai vincoli cui esse sono soggette e agli obiettivi del progetto. almeno nella formulazione originaria. Il primo piano annuale. oltre a sancire la dismissione della Cassa per il Mezzogiorno dopo 30 anni di funzionamento. In questa prima fase. quando sono proposti i primi progetti di investimento. per ospitare i quali esiste competizione potenziale fra aree e Paesi. nascita di una rete di centri di ricerca e di servizi. a prescindere dalle valutazioni di redditività espresse dall’investitore privato (MAP-IPI. n. suggerendo la modifica dell’investimento nella direzione più favorevole alla comunità locale e nazionale. La motivazione prevalente alla base dello strumento. indica invece la contrattazione programmata come “strumento-quadro regolante impegni assunti dall’intervento pubblico e dalla componente privata individuata nei grandi gruppi industriali a rilevanza nazionale ed internazionale”. generare esternalità positive sul territorio. in cui all’ultimo capoverso sono invitati “i grandi gruppi industriali nazionali o internazionali nella realizzazione delle azioni integrate previste dal programma triennale per il riequilibrio tecnologico e produttivo del Mezzogiorno”. Allo stesso tempo. Il CdP. la legge ribadisce la procedura di definizione da parte del CIPE di una serie di programmi triennali per lo sviluppo del Mezzogiorno. contenimento dei consumi energetici. Allo stesso tempo. Nello specifico. sono nominate le modalità della “contrattazione programmata che assicurino tempestività e unitarietà all’intervento”. 2002). il CIPI emana una prima Delibera nel 16 luglio del 1986 (“Direttive per la concessione delle agevolazioni finanziarie previste dalla legge 1/3/1986. ai vantaggi presunti che la collettività potrà ricevere dall’investimento. in un periodo di transizione tra la procedura riferita alla Legge 64/1986 e quella introdotta dalla Legge 488/1992. ciò che significa per il policy maker intervenire nella fase decisionale. da specificare a livello operativo attraverso piani annuali. approvato dal CIPE nel dicembre 1986 (Delibera 80/1986). tra cui il primo che vede protagonista SARAS. sono stipulati 12 CCdPP.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 3. è duplice: da un lato. ammodernamento e riqualificazione dell’apparato produttivo industriale. dall’altra. a favore delle attività produttive localizzate nei territori meridionali”). tenendo conto di una serie di obiettivi: crescita. qui. nasce con un imprimatur di grande discrezionalità e adattabilità alle condizioni che di volta in volta si porranno ai contraenti pubblici e privati. quindi. I CdP diventano uno strumento sempre più rilevante per il processo di industrializzazione del Mezzogiorno a partire dal 1987. per la prima volta.

2 La seconda fase: 1992-1999 La Legge 488/1992. L’Equivalente Sovvenzione Netto è un meccanismo di calcolo delle agevolazioni.891 milioni di Euro. ciò che ha significato in numerosi casi la ripresentazione da parte delle imprese di un Piano progettuale ormai superato dall’evoluzione naturale dei mercati. Questo aspetto. il CdP è visto come uno strumento finalizzato a sostenere processi di ristrutturazione e delocalizzazione delle grandi imprese verso le aree marginali. che funge da riferimento per tutti i con- 33 34 Qui e nelle pagine che seguono. pari a 15. 3. I quattro contratti del periodo di transizione segnano un primo cambiamento in questo senso. cui fa seguito il trasferimento della competenza sui CdP e sulle altre modalità della programmazione negoziata ad un apposito dipartimento del Ministero del Bilancio e della Programmazione Economica. uniforme per tutti i Paesi membri dell’Unione Europea. il 44% a carico del soggetto pubblico)33. gli strumenti di agevolazione per lo sviluppo dell’Italia meridionale rientreranno in una politica di intervento ordinario compatibile con la regolamentazione dei fondi strutturali comunitari. Altre novità della Legge 488/1992. sono l’introduzione del meccanismo dell’Equivalente Sovvenzione Netto (ESN) per la concessione delle agevolazioni34 e la maggiore attenzione per la redditività dell’investimento proposto. concentrandosi maggiormente sulla creazione di poli di sviluppo e mostrando un rapporto inferiore tra entità dell’agevolazione e creazione di posti di lavoro. sarà uno degli elementi decisivi per la revisione dello strumento. 29 . La legge segna anche l’avvio della seconda fase della contrattazione negoziata. comporta la soppressione dell’Agenzia per il Mezzogiorno. indirizzata. Dopo i numerosi quanto frammentari accenni contenuti nei precedenti atti normativi. vede come protagonisti i principali gruppi industriali italiani e va a finanziare la realizzazione ex-novo e l’ammodernamento di impianti produttivi.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS investimenti. In questa prima fase. così come la lentezza nel versamento delle tranche di finanziamento da parte del contraente pubblico. il rapporto tra valore degli investimenti (e dei relativi contributi pubblici) e numero di occupati è quasi doppio rispetto a quanto si registrerà in seguito. il CdP SARAS rappresenta una notevole eccezione a questo andamento di carattere generale. come definite dalla programmazione europea. quanto dell’imposizione fiscale vigente sulle assegnazioni. va notato che la prima stagione di operatività dello strumento si caratterizza per i forti ritardi tra l’avvio e la chiusura delle singole fasi del procedimento. Come sarà illustrato nel prosieguo. anche alle aree in declino industriale (Obiettivo 2) e alle zone marginali all’interno di regioni a forte tasso di crescita (Obiettivo 5b). in continuità con i principi che avevano motivato l’intervento straordinario nel Mezzogiorno. i dati di finanziamento citati si riferiscono al rapporto MAP (2003). sancisce la chiusura dell’Intervento straordinario per il Mezzogiorno. non caso. Infine. infine. che permette di neutralizzare gli effetti distorsivi tanto dei diversi tempi e delle diverse modalità di erogazione. oltre che alle regioni in ritardo di sviluppo (Obiettivo 1). da questo momento. preceduta dal Decreto legislativo 415/1992. la nascita di centri di ricerca e l’esecuzione di interventi di formazione. che comporta meccanismi di monitoraggio nella fase di gestione degli interventi e più ampio ricorso alla revoca del finanziamento. La cessazione del regime di straordinarietà.279 miliardi di Lire (7. lo strumento del CdP è disciplinato grazie alla Delibera CIPE 10/1994. integrati in progetti industriali unici.

interviene un certo potere discrezionale del policy maker. pari al 55% del totale. definisce gli obiettivi di ogni iniziativa. è volta ad accertare lo stato di avanzamento delle opere e delle erogazioni. è questa una stravaganza della procedura.400 Euro contro i quasi 167. L’ultima fase. si procede alla redazione del CdP. in cui sono esaminate la fattibilità tecnica del progetto e il grado di interconnessione delle singole iniziative rispetto alle finalità del programma.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS tratti stipulati dopo il 20/8/1992. capitolato tecnico per la gestione del contratto). economica e finanziaria sui singoli progetti esecutivi in cui si articola il piano progettuale. il proponente privato presenta domanda di accesso alla contrattazione programmata. La delibera torna a definire le caratteristiche del proponente (“imprese di grandi dimensioni o gruppi nazionali o internazionali di rilevante dimensione industriale. è in questa fase che. insieme ad un piano progettuale che specifica l’oggetto del contratto. verifica) e ne delinea le caratteristiche salienti. uno dei quali vede coinvolta nuovamente SARAS SpA. raccoglie le informazioni tecnico-amministrative necessarie a valutare la fattibilità della proposta. e sono valutati requisiti di imprenditorialità e capacità finanziaria del proponente. che si apre con una nuova istruttoria tecnica. anche operanti in più settori”) e l’oggetto del contratto (per i primi “piani progettuali […] atti a generare significative ricadute sull’apparato produttivo. durata. il Ministero del Bilancio concorda con il soggetto proponente le variazioni al piano presentato. sono stipulati 10 CCdPP. è analizzato il piano progettuale. e culmina nell’approvazione finale del CdP. modalità di monitoraggio e verifica. In questo secondo periodo di operatività dello strumento. in base ai risultati della fase istruttoria. obbligazioni reciproche. istruttoria. Terminata l’istruttoria. tipo ed entità delle agevolazioni finanziarie. ciò che implica una forte riduzione del valore delle agevolazioni erogate per posto di lavoro creato (109.957 miliardi di Lire (1. La fase di accesso è seguita dall’istruttoria. approvazione. poiché le due perizie dovrebbero intervenire ex-post su una serie di progetti già approvati nella loro globalità. sancita da un’apposita delibera CIPE su proposta del Ministero del Bilancio. fissa le sei fasi in cui si articola la procedura (accesso. prodotta da un docente universitario individuato dal proponente. inizia la fase di gestione. […] consorzi di medie e piccole imprese. e da una (o più) di ufficio. per un totale di 2. richiesta dal Comitato Tecnico Scientifico del CdP istituito dal soggetto pubblico. redazione del contratto. per i secondi “iniziative facenti parte di organici piani per la realizzazione di nuove iniziative produttive o di ampliamenti”). Rispetto al periodo precedente. fissandone i contenuti (oggetto. L’approvazione ufficiale del CdP. contiene la valutazione di congruità del progetto alle politiche perseguite dall’Amministrazione. su cui si tornerà in sede di analisi dei CCdPP SARAS. mediante prevalente attivazione di nuovi impianti e creazione di occupazione aggiuntiva”. quella di verifica del CdP. il soggetto pubblico procede all’accertamento della validità complessiva del piano. si registra una maggiore attenzione per la realizzazione di nuove iniziative e per la creazione di nuova occupazione. Nella fase istruttoria. effettivo oggetto del contratto e chiamato ad esprimere innovazione negli interventi. informandone Ministero dell’Industria e Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica.000 della fase precedente).613 miliardi di Lire (833 milioni Euro) di agevolazioni pubbliche. gestione. ricadute occupazionali dirette ed indirette. descrizione dettagliata e definitiva del piano progettuale. Nella fase di accesso. dei requisiti di imprenditorialità del proponente e della sua capacità finanziaria.528 milioni di Euro) di investimenti e di 1. rispetto ad altri strumenti di agevolazione o in confronto a quanto avviene in altri Paesi europei. ognuno di essi è accompagnato da una expertise di parte. Ad approvazione avvenuta. ma non la congruenza di esso con gli obiettivi dell’intervento pubblico. 30 .

Un ulteriore elemento di novità che caratterizza questa nuova fase.536 milioni di Euro). attraverso cui un tradizionale CdP è inserito all’interno di un Accordo di Programma Quadro. una notevole innovazione nell’ambito della contrattazione programmata è intervenuta a seguito della Delibera CIPE 16/2003. Infine. quando con lo scopo di veicolare finanziamenti nel Mezzogiorno attraverso lo strumento del CdP. valorizzazione dei sistemi infrastrutturali ed ambientali coinvolti. Esso è sottoscritto da Ministero dell’Economia. le competenze sulla programmazione negoziata sono assegnate al Ministero delle Attività Produttive (MAP). dove sono valutate fattibilità tecnica ed economica del piano e cantierabilità effettiva dell’iniziativa. per evitare il mancato impiego di risorse già stanziate. Nel 2001. oltre che sui criteri canonici di produttività e competitività dei settori interessati. intese operative per la realizzazione mirata di infrastrutture materiali ed immateriali. ancora in fase di sperimentazione. è resa più selettiva la fase di accesso. Anche in ragione di ciò. 3. A partire dal 2003. è stato istituito il Contratto di localizzazione. per l’incremento di efficienza dei mercati. cosicché le istanze di accesso pervenute riguardano una molteplicità di settori. Ha così avvio nel luglio dello stesso anno la terza tornata di CCdPP. Il contributo pubblico dello Stato è di circa 2.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Sotto il profilo dell’efficienza dello strumento. diffusione di nuove tecnologie. hanno stimolato un rinnovato interesse per lo strumento.500 miliardi di lire mentre le Amministrazioni regionali contribuiscono per ulteriori 570 miliardi di lire circa. Inoltre. i CdP sono finanziati con un ammontare di risorse superiore agli altri strumenti di sviluppo. una nuova disponibilità di risorse da dedicare al varo di progetti integrati e l’approvazione da parte della Commissione Europea del regime di aiuto relativo alla Legge 488/1992.847 miliardi di lire (3. per un totale di 6. per la garanzia della fornitura di servizi amministrativi e di semplificazioni procedurali da parte degli Enti Locali. a dimostrazione della fiducia riposta in essi dal decisore pubblico. tuttora in corso. Il Contratto di Localizzazione è una forma di promozione degli investimenti. che si impegna con due successivi decreti a distanza di una settimana (12 e 19 novembre 2003) a definire tempi certi nelle procedure di attivazione delle diverse fasi. dopo un intervallo di circa due anni in cui non è stato finanziato alcun CdP. va rimarcato come si accorcino decisamente i tempi tra una fase e l’altra. nella approvazione dei CCdPP il valutatore ha focalizzato maggiormente la propria attenzione sulle ricadute territoriali delle iniziative proposte. a seguito della riforma dei Ministeri prevista fin dal Decreto Legislativo 300/1999. I provvedimenti emanati tra 1996 e 1998 (Delibera CIPE 29/1997. mentre la verifica della credibilità creditizia del proponente e del piano finanziario è affidata ad un “primario istituto bancario”. all’agroindustria ed al turismo. che consente di affiancare ai tradizionali incentivi all’investimento. MAP.35. Legge 196/1997 e Decreto legislativo 173/1998) sono messi a frutto. ad esempio.3 La terza fase: 2000-2006 Nel 2000. nonostante continuino a sussistere ritardi notevoli nelle erogazioni. è la prevista partecipazione delle Amministrazioni regionali al finanziamento dei progetti. nel caso del CdP SARAS 2. Tra il 2000 ed il 2003 sono approvati 47 nuovi contratti. Regione ospitante 35 31 . favorendo nel contempo il radicamento territoriale delle iniziative. con affiancamento ai tradizionali comparti manifatturieri di iniziative relative al settore primario. devono ancora realizzarsi l’accertamento finale ed il saldo definitivo dei pagamenti per una parte delle iniziative. tra cui un terzo CdP SARAS ed un nuovo CdP a titolarità di una società nata nel corso del CdP SARAS 2 (Atlantis SpA).

il CdP è uno strumento concepito. Numero conInvestimenti previsti tratti appro(milioni di Euro) vati 16 7.7 35 3. rendendolo con maggiore decisione uno strumento per la mobilitazione coordinata e complementare di tutti gli strumenti di incentivazione disponibili.9 (91.343 40. 3.5 144.891. integrando in un unico piano progettuale e in una logica di sviluppo locale l’insediamento di iniziative industriali. Dal momento della sua attivazione al giugno del 2002. sono stati approvati 61 CCdPP. per incoraggiare l’avvio di nuove iniziative da parte di grandi gruppi industriali nel Mezzogiorno.2 1. società incaricata di gestire il programma operativo per l’attrazione degli investimenti nel Mezzogiorno. 2006). sebbene non sembrino sussistere dubbi sul suo rifinanziamento.5 5.681 unità complessive. almeno in origine.38 (4) (628. alla fornitura di beni pubblici selettivi e all’investimento in governance. in cui gran parte degli investimenti ha riguardato la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti. Al momento dell’approvazione.18 Agevolazioni (milioni di Euro) 3.955 milioni di Euro di investimenti.05 (288) 833. Pur appartenente al novero degli strumenti per la programmazione negoziata. l’innovazione (…) e la sua diffusione.2: Indicatori riassuntivi sui CCdPP (Fonte: MAP.681. la nascita ed il coinvolgimento di centri e progetti di ricerca (precompetitiva e applicata). Gli ultimi documenti di lavoro presentati sul tema (Commissione Scajola. ciò che significa una media di 144. affermano la necessità di ridefinirne i contenuti concettuali. l’investimento e da Sviluppo Italia.459. per un totale superiore a 12. così come dai Contratti d’area ed anche da una modalità sui generis quale il PIT.4 Il Contratto di Programma: alcuni elementi di sintesi Previsto fin dalla Legge 64/1986. il CdP aspira a finalità più ampie di politica economica territoriale. tra i quali la stessa 488/1992.500 Euro di agevolazione per ogni nuovo posto di lavoro previsto36.878. Ciò è vero in particolare per i CCdPP che vedono coinvolte grandi imprese. 36 È questo un valor medio.586.955.500 Euro per nuovo occupato della fase transitoria precedente l’entrata a regime della L.5) 109. meno interessate alla cooperazione istituzionale e prive di interlocutori di pari livello con cui collaborare.721 (3.4% dei quali a carico dell’amministrazione pubblica. che oscilla tra i 91.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Il futuro dello strumento è ancora avvolto nell’incertezza. 32 . ma reso operativo di fatto con il Piano di Intervento per il Mezzogiorno del triennio 1987-’89.429 Euro della prima fase (1986-’92).1 61 12.527. 488/1992 (1992-’95) ed i 180. lo sviluppo del terziario superiore di supporto alle imprese e alla gestione dell’ambiente” (Del CIPE 80/1986).00 Agevolazioni/nuova occupaz (migliaia di Euro) 166.617 12.146) 7. 2004) Rispetto ad altri strumenti di sostegno alle imprese. anche quando gestiti da diverse Amministrazioni.4 128. il 45.75 Nuova occupazione prevista 20. i CCdPP si sono impegnati a creare nuova occupazione per 40.5 Prima fase (compresa fase transitoria) Seconda fase Terza fase (al 30/6/2002) Totale Tab. 3. contribuendo così a realizzare ambiziosi obiettivi di “sviluppo dei settori industriali ad elevato livello tecnologico e ad alto valore aggiunto. il CdP mostra marcate differenze dal Patto territoriale.4) 10 1. il rafforzamento di filiere e reti produttive. tutti fortemente orientati alla realizzazione di un partenariato pubblico-privato.536.

cosicché l’istruttoria si è limitata spesso ad una verifica amministrativa della ammissibilità della spesa. 37 38 39 40 Cfr. si interviene sullo strumento per rimuoverne i principali limiti: si apre la fase di negoziazione agli enti territoriali. che mirano alla loro prosecuzione indipendentemente dagli effetti di lungo perio37 do” . adatta a coniugare ed allineare esigenze della programmazione nazionale. sono fissati criteri che privilegiano per i piani di investimento la innovatività di processo e di prodotto. rimarca che: “esistono esperienze (…) di programmi finalizzati ad attrarre investimenti che hanno avuto successo. Gianfranco Viesti. con sostituzione dei contributi in conto capitale in favore di finanziamenti di origine pubblica (ma con prevalenza di agevolazioni in conto interesse) e privati erogati dallo stesso istituto che valuta le iniziative agevolabili (MAP. poiché in ambiti complessi. con mercati mutevoli ed elevato tasso di obsolescenza tecnologica. Quando non supportata da competenza e chiarezza negli obiettivi che si vogliono raggiungere. si prevede un’evoluzione delle procedure di agevolazione. delle imprese proponenti e del territorio che ospita l’insediamento. secondo i due autori. come affermano Florio e Giunta (2001). anche nell’ottica di una riduzione del ruolo di erogatore del soggetto pubblico (Marinelli. pg. di formazione e di ricerca che nei fatti sembrano avere as39 sunto un ruolo più di indicazione che di obbligazione (salvo l’adempimento meramente amministrativo)”. finendo per negare indirizzi precisi allo strumento attivato. “un’istruttoria non è un negoziato. i tempi morti costringono a defatiganti rimaneggiamenti dei piani progettuali già presentati . dilatando i tempi di realizzazione delle diverse fasi – un elemento quest’ultimo di assoluta inefficienza. A partire dal 2003. un contributo non è un contratto e le spese per investimento non sono un indicatore di risultato per lo sviluppo”38. Ma in molti casi i costi di questi programmi hanno superato i vantaggi. Ma.e assoggettando il decisore pubblico al rischio di “cattura” in favore di una controparte privata dotata di un patrimonio informativo più ampio. 2004). 17. la capacità del finanziatore di stimare la validità di un piano progettuale nel medio-lungo periodo si è rivelata insufficiente. sono rese più selettive le procedure di accesso. la valorizzazione della qualità dei prodotti e delle risorse territoriali locali. accompagnata al più da una negoziazione sul numero di posti di lavoro creati e sull’effetto leva prodotto dalla sovvenzione sull’investimento privato. rafforzando così l’attenzione per la ricaduta locale degli investimenti. già avviato. Ibidem Secondo più di un esperto e di un testimone privilegiato. L’errore fondamentale nell’applicazione dello strumento. Viesti (2005). in una recente ricerca incentrata principalmente sui patti territoriali. e determinano la formazione di gruppi di interesse. determinando consistenti spillover tecnologici. l’intervento pubblico ha sopperito alle carenze del sistema creditizio. Florio e Giunta (2001). Anche per questo motivo. si prosegue il percorso. 105. si opera al fine di un maggiore coinvolgimento degli istituti di credito. con il paradosso di finanziamenti agli imprenditori negati dagli stessi istituti che esprimevano giudizio ampiamente favorevole in sede di istruttoria bancaria. 33 . pg. Cfr. Nel caso dei CCdPP. di snellimento delle procedure e dei tempi di realizzazione delle diverse fasi. la flessibilità si rivela controproducente. con l’importante novità di autorizzare la stipula del contratto solo al termine dell’istruttoria sui singoli progetti esecutivi e non dopo quella generale sul piano. di conseguenza: “l’oggetto stesso del ‘contratto’ è gradualmente venuto stemperandosi nel mero contributo in conto capitale all’investimento. 2004)40. consiste in primo luogo nell’avere mancato di definire un più preciso ordine di priorità per la contrattazione programmata.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS La procedura negoziale flessibile e parzialmente discrezionale fa di ogni CdP una realtà peculiare. tuttavia. accompagnato da impegni occupazionali.

è utile soprattutto a verificare se anche per essi si riscontrino gli elementi di debolezza ed i dubbi di efficacia evidenziati dagli studi dedicati allo strumento. Questo sarà il filo conduttore del prossimo capitolo. prima quindi che il pianificatore avviasse il processo di modifica dell’istituto del CdP. Un’approfondita analisi della loro articolazione. oltre a permettere di coglierne gli aspetti rilevanti. 34 .Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS I tre CCdPP SARAS sono stipulati tra il 1995 ed il 2002.

1992 Inv industriali Inv Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Inv industriali Inv Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Inv industriali Inv Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Tab. il CdP SARAS 3 ha conosciuto infatti un drastico ridimensionamento in corso d’opera. SARAS sarà titolare di CCdPP senza soluzione di continuità e ancora oggi devono essere sottoposte a verifica ispettiva ed approvate parte delle attività del secondo e tutte le attività del terzo CdP. infatti. poiché la prima domanda di accesso. lasciando al successivo e conclusivo capitolo il compito di interpretare i principali risultati emersi. SARAS può vantare un primato: si tratta. per un totale in concessione di poco meno di 577 milioni di Euro. per ognuno dei tre casi. è definitivamente liquidato nel settembre 2001. approvato nel dicembre del 1994 e stipulato sei mesi dopo. il 46% dei quali di agevolazione pubblica41.1: Cronogramma dei CCdPP SARAS 10/5 20/12 26/6 10/10 15/7 1/1 3/5 10/6 3/5 3/6 31/12 31/12 16/7 20/12 19/6 1/1 1/11 1/2 31/12 31/12 12/2 1/2 1/7 1993 1994 1995 1996 1997 1998 31/12 1999 31/12 2000 2001 2002 2003 2004 2005 In questo quarto capitolo sono illustrate. è presentata da SARAS già nel luglio del 1992.1 Il Contratto di Programma SARAS 1 Il primo CdP SARAS. sebbene la stipula del primo CdP avvenga solo tre anni dopo. 35 . 41 A ben vedere. 4. dalle iniziative realizzate agli aspetti finanziari).Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 4 I Contratti di Programma SARAS Nel panorama dei CCdPP. tra cui il primo della serie SARAS. in sede di approvazione delle domande l’entità della concessione ammessa sui tre CCdPP sale a più di 626 milioni di Euro. dell’unico proponente cui siano stati approvati tre Contratti. in alcuni casi con l’aiuto di tabelle e schemi. Gli investimenti ammessi ad agevolazione sono realizzati tra il febbraio del 1992 ed il dicembre del 1999. 4. da quel momento fino a tutto il 2004. come anticipato. quando la società di Sarroch presenta la sua prima domanda di accesso alla contrattazione programmata. l’esposizione seguirà il filo logico della ripartizione per fasi prevista dalla disciplina della contrattazione programmata. Si può fare risalire l’impegno di SARAS nella materia al luglio del 1992. come si vedrà. ma solo grazie ad un recupero di fondi sui CCdPP già in corso è possibile finanziare quattro nuovi Contratti. le linee fondamentali dei tre CCdPP SARAS (dai piani progettuali alle fasi di approvazione.

Per quanto concerne il filone di interventi in raffineria. 7 36 . recependo “gli stimoli ricevuti a livello regionale (…). Inoltre. si aggiungono poi due ulteriori iniziative. che costringerà il proponente a presentare un nuovo piano progettuale a distanza di un anno mezzo dalla prima versione. tiranteria (joint-venture con Marj-Car.3:Cronogramma attività. nel settore dell’ecologia marina (joint-venture con Ecolmare per il disinquinamento marino ed il recupero della biomassa algale) e nel settore agro-alimentare (jointventure con Gestioni Agricole per il trattamento e la trasformazione di prodotti di ortofrutta). valvole di processo (joint-venture con Remosa. Le iniziative “collegate e sinergiche” consistono invece nello sviluppo di nuove attività tecnologiche nei settori di calderia e piping (joint-venture con Sardotec.2: Calendario delle principali fasi. presentato il 16 luglio 1992 dopo i numerosi contatti preliminari. facendosi promotore di una serie di iniziative in settori collegati o sinergici rispetto a quello della raffinazione”42. Il Piano progettuale originario. pg. fornisce il massimo contributo possibile per il sostegno e il rilancio dello sviluppo industriale dell’isola. 4. A queste. che hanno il proprio oggetto privilegiato nella SARAS Raffinerie Sarde. prevede un’iniziativa di profondo ammodernamento degli impianti di raffineria e. piccola azienda produttrice di turbocompressori). ma che coinvolgono alcune società attive in campo ambientale nell’istituzione di un Centro studi e nello sviluppo di progetti applicati di ricerca. società del Gruppo SIR operante dal 1986). società di manutenzione e produzione meccanica fondata nel 1955). 4. Con 42 Piano Progettuale. comprensive dell’istituzione di centri ricerca.1. così da ottenere prodotti più fini e a maggiore qualità ambientale.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Periodo realizzazione investimenti Domanda di accesso Aggiornamento della domanda Approvazione CIPE Stipula contratto Chiusura accertamento finale Approvazione finale CIPE Decreto concessione definitiva (saldo) 12 febbraio 1992–31 dicembre 1999 16 luglio 1992 7 ottobre 1994 20 dicembre 1994 19 giugno 1995 30 settembre 2000 1 febbraio 2001 20 settembre 2001 Tab. CdP SARAS 1 1992 Investimenti Raffineria Investimenti Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Decreti concessione 16/7 12/2 1993 1994 1995 1996 1997 1998 31/12 1999 2000 2001 1/2 1/1 7/10 20/12 19/6 15/9 23/11 1/7 31/12 31/12 16/10 19/2 1/2 20/9 Tab. 16 luglio 1992. 4. gli investimenti sono finalizzati al miglioramento del ciclo di lavorazione. il piano progettuale contempla in questa prima versione l’avvio della costruzione dell’impianto IGCC. CdP SARAS 1 Il CdP collega in un unico piano progettuale una serie di iniziative.1 Dalla fase di accesso alla stipula del contratto Il primo CdP SARAS conosce una fase di incubazione grandemente dilatata.

il 7 ottobre 1994. SARAS ha deciso di ricorrere al project financing. rientra nelle attività previste dall’accordo CIP 6. tiranteria e valvole di processo. le attività collegate sono fortemente trasformate: il coinvolgimento di un nuovo partner di alta qualificazione internazionale nel settore ecologico (lo statunitense Battelle Memorial Insititute). anche con l’intento di mettere in produzione le ipotesi prototipali concepite dai progetti di ricerca dedicati. le attività collegate puntano quindi al coinvolgimento di imprese a base regionale. limitandosi all’aggiornamento delle soluzioni tecnologiche prospettate e allo scorporo dal piano dell’impianto IGCC44. anche a seguito delle aspettative create dalle Delibere CIPI del dicembre 1993. Se per gli investimenti in raffineria i cambiamenti non sono sostanziali43. che evidenziano recuperi sui fondi destinati ai precedenti CCdPP. con una lieve forzatura. Il programma definitivo è presentato. 37 . 43 L’80% degli interventi previsti sono realizzati nel lasso di tempo che va da febbraio 1992 al momento della seconda domanda di accesso. sono sostituiti dalla proposta di istituire una nuova società per la realizzazione di sistemi per l’analisi ambientale. I progetti industriali su caldareria. La lunga pausa intercorsa tra la prima e la definitiva domanda di accesso alla programmazione negoziata fa sì che l’interpretazione sui tempi di approvazione del CdP SARAS risulti ambivalente. prediligendo invece nuovi progetti di monitoraggio ecologico e geomorfologico delle coste sarde. SARAS presenta un aggiornamento del piano progettuale. se si considera la presentazione della prima istanza di accesso. bensì il necessario aggiornamento al mutare delle condizioni di contesto e di partenariato dopo due anni di attesa. 44 La realizzazione dell’impianto IGCC. l’aggiornamento della proposta. come anticipato nel paragrafo 2. La modifica intervenuta tra le due versioni del piano progettuale.2. i tempi sono decisamente superiori alle medie registrate per lo strumento (MAP. trascorreranno altri sei mesi per la stipula effettiva del contratto. qualora il produttore si sia avvantaggiato di sovvenzioni pubbliche nella costruzione dell’impianto. spingono il proponente ad ampliare gli orizzonti del progetto. infine. la realizzazione di prototipi e brevetti per l’analisi ambientale e lo studio di biotecnologie basate sull’estrazione di sostanze naturali ad uso tessile e cosmetico-farmacologico.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS l’esclusione della campana Ecolmare. sono abbandonate la ipotesi di recupero della biomassa di provenienza marina e le iniziative agroindustriali. Meno di tre mesi dopo (20 dicembre). nel momento in cui si considera. A Battelle è affidata anche la direzione dell’unico Centro Ricerche Associato (CRA) previsto. da questo momento. che si arricchisce di obiettivi più ambiziosi in termini di diffusività dei risultati. al contrario. Nel gennaio 1994. la procedura ha conosciuto un iter tra i più rapidi. la domanda di accesso è accolta e il CIPE ne delibera l’approvazione. si può pertanto affermare che il CdP finanzierà ex-post investimenti già ben avviati. che prevede il riconoscimento di un prezzo di acquisto del chilowattora prodotto decisamente inferiore. con la stessa Università di Cagliari come responsabile scientifico dell’attività di ricerca. non sembra frutto di una negoziazione con il contraente pubblico. Forse in ragione di ciò. dopo numerosi “contatti a diversi livelli”. unito ad una dichiarazione di interesse della Regione Sardegna in favore di iniziative di ricerca applicata all’analisi ambientale. 2004). Di conseguenza.

realizzazione di un’unità di recupero zolfo. 45 Con il termine revamping si descrive il processo di aggiornamento tecnologico di un impianto obsoleto. 4. con impiego più razionale della risorsa petrolifera e riduzione delle frazioni pesanti in favore di prodotti finali di maggior pregio. portati a compimento tra il febbraio 1992 ed il dicembre 1998. quantomeno attenendosi alla dimensione degli investimenti . ha avuto come obiettivi da un lato una maggiore efficienza del ciclo produttivo.1. con sostituzione o aggiunta di parti essenziali.2 La fase di gestione L’analisi dei progetti esecutivi delle singole iniziative. anche al fine di aumentarne in modo significativo la capacità produttiva. realizzazione o ammodernamento di una serie di strutture e sistemi ausiliari (impianti di dissalazione dell’acqua marina. revamping dell’impianto di alchilazione GPL.068 255 CCdPP 1996-2003 309 650 Tab. Nello specifico. sistemi di movimentazione e stoccaggio. sebbene con un trait d’union rappresentato dal tentativo di diversificare le attività di SARAS a partire dalla ultra-trentennale esperienza maturata nel settore della raffinazione. modifica dell’impianto FCC. e 57.Approvazione I domanda-Stipula II domanda-Stipula 887 74 1. impianto di blow down ed abbattimento polveri). si è trattato di sette iniziative.13 milioni di Euro in concessione. benzine con minore contenuto di piombo). La principale di queste due anime. L’insieme degli interventi. strumentazione elettronica e reti di gestione. comparazione CdP SARAS 1-media CCdPP stipulati nel periodo 1996-2003 (Fonte: Elaborazioni su dati MAP 2004) 4.4: Giorni necessari al perfezionamento del contratto. realizzazione di un’unità di desolforazione del gasolio. pari all’83% del totale. dall’altro il miglioramento della performance ambientale del processo produttivo e l’adeguamento dei combustibili da trazione ai sempre più rigidi criteri europei (gasoli a basso grado di zolfo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Cdp SARAS 1 I domanda-Approvazione II domanda. revamping45 di due unità di topping. consente di verificare come il CdP si componga di due “anime”.208. riguardanti: - realizzazione della prima unità di desolforazione dei distillati pesanti (Mild-Hydrocracking). non perfettamente integrate. 38 . pari al 66% dei fondi pubblici assegnati al CdP – è finalizzata all’adeguamento degli impianti di SARAS Raffinerie Sarde.86 milioni di agevolazione riconosciuta.

Francesco Silvestri TOPPING revamping I Contratti di Programma SARAS Gas incon (C1. C6) Kerosene (C9-C14) Gasoli aff (C14-C25) Residui atmosferici (>C26) VACUUM REFORMER CCR . operante nel campo della tecnologia applicata all’automazione di processo ed alla analisi ambientale. i cui impianti entreranno a regime nell’agosto 199846. nonché alla tra- Come anticipato nel precedente Paragrafo 2. sua finalità dichiarata è “consentire un alto grado di innovatività per quanto riguarda i settori di ricerca finalizzati alla tutela ed alla salvaguardia dell’ambiente. ma riguardano anche la realizzazione di un’unità produttiva. ma con personalità giuridica propria e titolare dei due progetti di ricerca inerenti al CdP (“Ambiente” e “Biotecnologie”). C6) Virgin Nafta hard (C5. il 64% dei quali a carico del soggetto pubblico.Alchilazione GPL revamping Zolfo STRUTTURE AUSILIARIE ammodernamento e realizzazioni RECUPERO ZOLFO modifica Zolfo Fig. nonostante alcune modifiche nella compagine societaria. C4) Virgin Nafta soft (C5. SARTEC è ancora oggi una Società con Unico Socio. in rosso.Visbreaking Benzina Gas GPL Gasolio Carica FCC Oli combustibili pesanti TAR Raffinazione secondaria . per la realizzazione di sistemi di analisi ambientale. C2) GPL (C3. che l’hanno portata a trasformarsi in una SpA.Mild-Hidrocracking realizzazione (1° imp) Vacuum Gasoils (C26-C40) Residui (>C40) . le unità sottoposte ad adeguamento ed il tipo di intervento realizzato secondo il piano progettuale del CdP Gli investimenti industriali previsti dal piano progettuale non si limitano agli impianti di raffinazione.3 e come sarà illustrato ulteriormente nelle pagine che seguono. composto da sette soggetti.1: Schema dei processi di raffineria dell’impianto SARAS al 31/12/1998. Grazie ad un investimento di 6. nasce così SARAS Tecnologie Srl (SARTEC). La seconda anima del CdP ha riguardato l’istituzione del CRA.FCC modifica CRACKING .20 milioni di Euro.Idrodesolforazione modifica . 46 39 . 4. gestita a sua volta da una società di nuova fondazione interamente di proprietà SARAS SpA.

società finanziaria con forte inclinazione per il sostegno ad iniziative in campo ambientale.80 111.69 74.008. Il progetto “Biotecnologie” vede invece coinvolte due società di Milano attive nel campo della ricerca scientifica sulle tecnologie ecocompatibili e dei composti chimici naturali. accredita l’ipotesi che SOFTEC abbia avuto. Con sede principale a Columbus (Ohio).91 milioni di Euro.044. cosicché è impossibile seguirne l’evoluzione a CdP concluso. in collaborazione con imprese che saran- 47 L’origine ed il destino di SOFTEC Srl.75 56% 1% 10% 10% 10% 7% 7% 100% Tab. sede sociale presso un’altra provincia.122.000 Euro .5: Composizione sociale del CRA al 5/11/1997. soprattutto ecocompatibili. tuttavia. la neo-istituita SARAS Ricerche Srl.02 111. ai tempi del CdP dirigente SARAS ed oggi Amministratore delegato di SARTEC SpA. di cui cura in alcuni casi la commercializzazione. non ha trovato riscontro tra ex-dipendenti e persone a conoscenza del primo CdP SARAS) . ha aperto una filiale a Roma nel giugno del 2005.334. il 66% dei quali di contributo pubblico. come anticipato. è Sofinter SpA. la sua controllata SOFTEC Srl. I sette soggetti tra cui si ripartiscono le quote del fondo consortile del CRA – per un capitale sociale di poco superiore a 1. nel corso della sua breve esistenza. L’esistenza di un legame diretto con Sofinter . in primo luogo al monitoraggio degli ambienti marini.69 1. questa ipotesi.28 74. SARAS Raffinerie Sarde SARAS Ricerche Battelle SOFTEC Srl Sofinter SpA La Robbia Srl Florys SpA Totale 629.122.sono SARAS Raffinerie Sarde.414.è stata segnalata per via diretta da Marino Piga. in Europa occidentale. la società finanziaria Sofinter SpA. A ciò va aggiunto che SOFTEC fu liquidata all’indomani della chiusura del progetto. SARAS Ricerche è anche il soggetto beneficiario dell’azione.50 12. 40 .005. specializzata nello scouting di tecnologie. oltre a detenere direttamente una quota del capitale del CRA. in Italia. Florys SpA è una società costituita nel 1987 a Milano. La spesa in concessione prevista per il CRA è pari a 5.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS sformazione delle biomasse”. il fatto stesso che non si trovi traccia della società nelle banche dati della Camera di Commercio cagliaritana.005. a sua volta membro del CRA e interfaccia tra SARAS e Battelle per il progetto “Ambiente”47. Florys SpA e La Robbia Srl. Sofinter controlla la società di ingegneria che realizza il nuovo impianto SARTEC (Commissioning SpA) e la società SOFTEC Srl. Infine.oltre ad essere suggerito dal nome stesso dell’impresa e dall’assonanza con un’altra società nata nell’ambito del CdP (se SARTEC deriva da SARAS Tecnologie. in realtà. nulla di più facile che con la stessa ratio sia stata costituita una SOFTEC come apocope di Sofinter Tecnologie. Un altro soggetto di grande rilevanza per questo filone del CdP. il Battelle Memorial Institute (con funzioni. sono più nebulosi di quanto possa emergere da queste righe. a Londra e Ginevra. ha laboratori in molte località statunitensi e. di responsabilità scientifica del Centro). valori assoluti (in Euro) e percentuali Chi sono questi compagni di avventura di SARAS.008.007. partner di profilo scientifico così elevato da consigliare al proponente una modifica sostanziale del filone di ricerca in sede di ripresentazione della domanda di accesso? Il Battelle Memorial Institute è uno dei massimi soggetti a livello mondiale per quanto concerne la ricerca applicata alle tematiche ambientali. 4.76 111.

Responsabile scientifico del progetto è Battelle. la società – che vede la partecipazione di Milly Moratti. presso la quale saranno messi in produzione i risultati prototipali ottenuti.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS no coinvolte in attività formative all’interno del progetto (Prometeo Srl. di una trappola termoelettrica a freddo. riguardano la realizzazione di uno spettrometro infrarosso a trasformata di Fourier (FTIR). realizzata presso i laboratori di Macchiareddu. di un rilevatore di fluorescenza per idrocarburi policiclici aromatici. recupero e trattamento dei sedimenti portuali. La ricerca. di un analizzatore dei composti organici volatili (VOC). ha previsto una serie eterogenea di studi. nel piano progettuale presentato nel 1994 è ipotizzato un accordo con il Gruppo Naj Oleari (abbigliamento. la sede del CRA è localizzata in parte a Macchiareddu (Assemini).21 milioni di Euro concessi in sede di approvazione del CdP. di un sistema innovativo di misurazione del nitrato acetil-perossido. Dell’effettiva operatività di tale accordo. progetti dimostrativi sull’impiego di barriere artificiali. Quand on Regarde Srl). sembrano indipendenti tra loro sia per composizione del gruppo di studio. Il più corposo dei due (29. moglie e cognata rispettivamente dell’Amministratore Delegato e del Presidente di SARAS – è operante ancora oggi. è eseguito da SARAS Ricerche e SOFTEC con il coordinamento scientifico di Battelle ed in stretta connessione con SARTEC. che assume fin dal principio un forte indirizzo applicativo. sebbene dal 2002 abbia spostato gran parte della propria attività in Brasile. cosmetici ed accessori per la moda) per l’utilizzo commerciale dei risultati delle ricerche del settore “Biotecnologie”. di uno strumento per il monitoraggio continuo in formaldeide. Il secondo. e in parte presso il Centro Ricerca del CNR “Porto Conte” di Tramariglio (Alghero). abbreviazione del wertmulleriano “Biotecnologie applicate all’agro- 48 Non a caso. nella Baia di Porto Conte (Alghero). hydrocracking.60 milioni di Euro. l’80% dei quali di agevolazione) è denominato “Ambiente – Sviluppo di tecnologie ed apparecchiature per la tutela dell’ambiente” ed è articolato a sua volta in due filoni di ricerca: “Ambiente marino” e “Identificazione e caratterizzazione della qualità dell’ambiente”. I due progetti di ricerca eseguiti dal CRA nell’ambito del CdP. con un esborso complessivo di 1. La sede di Macchiareddu è allestita con uffici e laboratori con impianti pilota e strumentazioni speciali per la ricerca e la simulazione (estrattore supercritico da laboratorio. reattore per biofuel). non si hanno testimonianze. sia per l’utilizzo previsto dei risultati ottenuti. si avvale anche in questo caso dell’acquisizione di prototipi e tecnologie da Battelle. Il primo filone all’interno del progetto Ambiente. acquacoltura. Il progetto “Biotecnologie”. 41 . dove sono svolte le ricerche relative all’ambiente marino. afferenti a monitoraggio e bio-bonifica in zona costiera. finalizzato principalmente al perfezionamento di strumenti per il monitoraggio ed il controllo dell’inquinamento atmosferico.34 milioni di Euro. Le aree tematiche della ricerca. condotto presso il centro di Tramariglio. di un dispositivo per il monitoraggio dei composti carbonilici. infine. oltre che squilibrati dal punto di vista dei fondi ad essi destinati. l’ultima società coinvolta. Prevista inizialmente presso il CASIC di Uta. dal quale il CRA acquisisce brevetti e diritti su proprietà intellettuali per 1. nata nel 1992 nell’ambito di un accordo tra il Centro Botanico di Angelo Naj Oleari e l’ENEA per la ricerca nel campo della cosmesi e delle tinture naturali48. Ancora più di nicchia. tecnologie per la protezione di container e cisterne contro la corrosione marina. trattamento biologico dei liquami domestici. tuttavia. Florys svolge anche attività di ricerca nel campo della produzione di energia elettrica e combustibili da biomasse e nell’estrazione di essenze da piante officinali e scarti agro-industriali. mentre esecutore delle ricerche e referente per le assunzioni ed il coordinamento dei ricercatori è SOFTEC. nello stesso stabilimento che ospita SARTEC. La Robbia Srl di Milano.

Il progetto di ricerca.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS industria per la produzione di colori. con affiancamento on the job di tecnici preposti. un corposo pacchetto formativo49.213 Euro. Alla base di questa scelta. Secondo i pareri raccolti. si articola anch’esso in due filoni. si svolge presso i laboratori statunitensi del Battelle Memorial Institute. la singolare convinzione da parte dei referenti del proponente che “a partire dall’entrata in vigore della 488/1992. curato principalmente da Florys SpA e battezzato “Hydrocracking” nei documenti ufficiali.68 milioni di Euro concessi. si è deciso di assumere valido quest’ultimo dato. fanno registrare un valore di 288. sempre con una sovvenzione pubblica pari all’80% del totale). il “periodo americano” si rivela molto utile come esperienza personale e per le competenze acquisite su attività di laboratorio di alto profilo scientifico. questo valore sarebbe pari a 339. Le tabelle reperite tra la documentazione d’archivio. Il primo. meno oneroso del precedente dal punto di vista finanziario (2. 50 49 La spesa per attività formativa legata al Progetto Biotecnologie. olii essenziali. Il secondo filone (“Gas Supercritici”). tanto che in molti ricercatori si fa strada la convinzione che il disegno della ricerca non sia chiaro nemmeno ai proponenti. Dopo la formazione negli Stati Uniti. quali appunto l’hydrocracking e l’utilizzo di gas supercritici. si concentra sulla produzione di biofuel da masse vegetali e del conseguente ottenimento di carburante di uso civile per upgrading da questi. la formazione non è più tra le attività finanziabili all’interno dei CCdPP”. gli interventi formativi previsti saranno finanziati con fondi propri o imputati a canali di contribuzione diversi da quelli di riferimento per la programmazione negoziata. tuttavia. a sviluppare il progetto è La Robbia Srl. in linea con quanto previsto dalla Delibera CIPE 37/1986 sui Centri di Ricerca nel Mezzogiorno. Nei due successivi CCdPP SARAS. L’attività formativa. il coinvolgimento del gruppo statunitense nelle attività formative prosegue presso le strutture allestite a Tramariglio e Macchiareddu.86 milioni di Euro) e Progetto Biotecnologie (meno di 300. di cui 292.375 Euro. studia l’impiego di tali gas al fine di estrarre principi attivi. La parte rilevante della formazione all’interno del progetto Ambiente. Il primo CdP SARAS si distingue dagli altri per il suo iscrivere a contributo. olii ed essenze naturali mediante estrazione da biomasse con fluidi supercritici e per l’estrazione/produzione di biofuels da biomasse mediante hydrocracking con la sperimentazione di nuovi catalizzatori”.000 Euro50). con una prassi che prevede una trasferta della durata di circa tre mesi per ogni ricercatore neo-assunto. confermando nelle cifre la maggiore rilevanza del primo rispetto al secondo. aromi e colori naturali da biomassa vegetale. si pone l’obiettivo di studiare l’ottenimento di prodotti naturali di sintesi utilizzando tecnologie consolidate nel campo della raffinazione. secondo alcuni documenti ufficiali. non è individuabile con assoluta precisione. ma dal punto di vista del trasferimento di conoscenza per la ricerca da svolgere una volta tornati in Sardegna. che conoscerà anche un’appendice di alcuni giorni presso i laboratori Battelle di Ginevra. esso si rivela deludente.161 imputati al CdP. si suddivide tra Progetto Ambiente (1. seppure con il coordinamento scientifico di Florys ed il coinvolgimento – così come per il primo filone – delle Università degli Studi di Cagliari e Padova e del Politecnico di Milano. 42 . di cui è responsabile il CRA.

862. è organizzato anche un viaggio di studio presso la Purdue University di West Lafayette (Indiana).70 153. e di auto-formazione. simposi e servizi didattici Totale 1997 Florys SpA Insight Totale 1998 Florys SpA Insight Totale 1999 Totale Generale Descrizione Percorso autoformativo Percorso autoformativo Percorso autoformativo Percorso autoformativo Percorso formativo istituzionale Percorso formativo istituzionale Importo 17.538.387.7 Prospetto illustrativo delle spese per la formazione del Progetto Biotecnologieper gli anni 1996-1999.43 152.4 1.490.32 748.16 153. Le modalità adottate vanno dall’attività corsuale d’aula ai percorsi ad personam.705.105. si riflette anche nell’organizzazione delle attività formative dedicate.387.05 288. che prevedono sia la assegnazione di testi tecnico-scientifici su cui approfondire i temi delle ricerche affrontati.65 Formazione 6.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Fornitore Battelle Softec Totale 1996 P.369. si affiancano attività su tematiche trasversali. project management). procedure di certificazione).421.02 Percorso autoformativo 78. Ajello Totale 1998 Battelle Totale 1999 Totale Generale Descrizione Tecniche di laboratorio (USA) Utilizzo strumentazione Corso Patente Nautica Tecniche di laboratorio (USA) Corso Diritto Ambientale Corso Patente Nautica Tecniche di laboratorio (USA) Importo 867.42 12.421. di carattere ambientale (normativa.329. comunicazione e gestione dei gruppi.131.86 507. impostati su training di laboratorio organizzati a Milano. queste ultime.479.805. 4.243.70 1. valori in Euro Il coordinamento operativo espletato da Florys per il Progetto Biotecnologie.93 Formazione corsuale 59.706.Ajello Battelle Totale 1997 Associazione Amici della Terra P.375. sia la partecipazione a convegni e seminari.88 12.836.12 123. economico (organizzazione aziendale.6 Prospetto illustrativo delle spese per la formazione del Progetto Ambiente per gli anni 1996-1999.645. sono curate da un insieme eterogeneo di soggetti.05 Formazione 6. la preponderanza delle quali di ambito milanese.40 51. 4.30 434.08 Tab.40 Formazione 51.69 10. Infor.42 17.042.456. realizzazione di business plan.369.837.65 6.65 6.13 34.27 901. alla formazione specifica di laboratorio e sugli argomenti della ricerca (“formazione istituzionale” per la quale ci si appoggia principalmente alle Università di Milano e Cagliari).20 Percorso formativo ad personam 14.68 Tab.82 72.40 Formazione 51.50 750. Purdue University Partecipazione a convegni. dall’Università Bocconi a società private. valori in Euro 43 .911. In questo caso. Fornitore Cibele Srl Charta Srl Innovazione e Sviluppo Srl Partecipazione a convegni e seminari Prometeo Tecnoambiente Srl Quand on regarde Srl Totale 1996 SDA Bocconi Kkien.555.911.

Disagreggando i dati per i diversi filoni. se si considera l’elevato contenuto immateriale ed il carattere labour intensive dell’attività di ricerca.8: Principali indicatori finanziari del CdP SARAS 1 44 . infine.13 in concessione ed i 251.32 Concessione Raffineria SARTEC CRA Ambiente Biotecnologie Totale Tab.07 milioni di Euro delle agevolazioni pubbliche (nel complesso il 36% del totale). fanno registrare 36 nuove assunzioni ascrivibili al CdP (28 per il Progetto Ambiente.35 3. il CdP SARAS prevede una spesa pubblica media per nuovo occupato pari a 312.30 336.09 5. le società coinvolte nei progetti di ricerca.41 28.500 Euro dei quattro CCdPP – tra cui lo stesso CdP SARAS .95 milioni di Euro contro i 252. ciò che implica anche un avvio un poco a rilento dei progetti di ricerca.000 Euro registrati in media dai 12 CCdPP della prima fase di operatività dello strumento e addirittura vicino al quadruplo dei 91.95 3. il CRA è istituito e rimarrà operativo fino al 2003.54 257. 4.13 2. AgevoAgevoSpeso Agevolazione Agevolazione % fin pub Occupaz Occupaz Ammesso laz/occupaz laz/occupaz (consuntivo) prevista ammessa ammesso prevista finale (previsto) (ammesso) Milioni di Euro % Unità Migliaia di Euro 208. nella nuova SARTEC SpA.13 208. I risultati dell’attività.88 276. il ritardo è imputabile in primo luogo allo slittamento dei tempi di consegna dello stabilimento che ospita SARTEC e CRA a Macchiareddu da parte di Commissioning Italia. È questo un risultato quanto mai sorprendente. quando confluiranno. con una terza società del Gruppo.57 246. Alla fine. sono in linea con gli obiettivi fissati in sede contrattuale: i traguardi di nuova occupazione diretta sono raggiunti e addirittura superati.43 4.94 337.68 26.99 effettivamente spesi.15 23. soprattutto quando paragonata ad interventi di adeguamento tecnologico su impianti industriali.3 La fase di verifica dei risultati Gli investimenti del CdP e le relative attività.86 207. nemmeno limitandosi ai soli investimenti in raffineria.86 28% 142 172 424. l’occupazione finale sopravanza quella prevista (282 unità contro 277). Nel complesso.07 64% 66% 80% 80% 36% 80 15 34 6 277 56 18 28 8 282 42.43 312. Come anticipato.25 57. 8 per il Progetto Biotecnologie) contro le 40 previste dal piano progettuale (34 e 6 rispettivamente). si esauriscono entro il 31/12/1999.26 3.00 58.76 21.42 6.20 5.000 per occupato che emergerebbero dal rigoroso rispetto del dettato contrattuale.19 60.37 2.99 5. il CRA comprende 18 nuovi assunti (contro i 15 previsti). come affermato nei verbali della commissione di accertamento finale.41 2. bensì quella del progetto Ambiente.15 93. all’interno dei singoli filoni di attività: SARAS Raffinerie Sarde aumenta di 30 unità il proprio obiettivo occupazionale (da 142 a 172).finanziati nella cosiddetta “fase transitoria” tra la vigenza della Legge 64/1986 e quella della 488/1992. con alcuni aggiustamenti. con una riduzione da 93. le spese ammesse assommano a 246.320 Euro. si nota come l’attività più onerosa per posto di lavoro creato non sia quella industriale.37 2.68 252.5 a 88.1.99 754. con un anno di proroga rispetto a quanto previsto. inferiore ai 337. ma quasi doppio rispetto ai 167.42 6.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 4. divenuti 56 prima della chiusura del CdP).21 2.93 251. compensando così il mancato raggiungimento dell’obiettivo da parte di SARTEC (da 80 a 50.13 5. concordati con la controparte pubblica.39 357.67 687.06 88.91 29.24 208. mentre le due nuove società del gruppo SARAS nate con il CdP (SARAS Ricerche e SARTEC) restano attive fino al dicembre 2004. cui si aggiungono un direttore amministrativo ed una segretaria distaccati da SARAS.

non corrisponde perfettamente a quanto previsto in sede di proposta: la previsione di nascita di una vera e propria filiera per la produzione di biofuel a partire da una specializzazione del settore primario locale nella produzione di “colture energetiche”. 52 45 . 51 Il dato è fornito dalla stessa SARAS a partire dalla considerazione che gli investimenti impiantistici generano una spesa per attività di supporto pari all’1. che avrebbe permesso l’identificazione di obiettivi industriali realizzabili. con conseguente miglioramento del capitale umano locale soprattutto tra le fasce più giovani della forza lavoro. La branca di ricerca relativa ai principi vegetali destinati alla farmacopea e alla cosmesi (il cosiddetto filone “Gas Supercritici”). invece. anche perché l’istituzione del CRA e la realizzazione di iniziative integrate di ricerca e formazione. ha conosciuto una battuta di arresto a seguito del ritardo nella maturazione di una specifica normativa settoriale. gli obiettivi occupazionali diretti prefissati sono addirittura superati. probabilmente in ragione di una ridotta scala aziendale rispetto agli importanti partner. sembrano seguire in fase di realizzazione obiettivi distinti per i diversi filoni. ha fatto sì che il Consorzio non abbia mai superato la fase embrionale di progettazione e di realizzazione delle azioni preparatorie. previste dalla disciplina dei CCdPP. delle Università di Cagliari e di quella di Milano. oli ed essenze. Più complessa da valutare. mentre stime presuntive fanno quantificare in 35 unità i nuovi addetti per attività indotte51. ad una prima interpretazione di merito dei risultati. già in occasione di un adeguamento del capitale consortile. tutte le attività comprese nel CdP sono giudicate congrue. Il Progetto Biotecnologie è volto a sposare l’esperienza di SARAS in tecnologie sviluppate nel proprio core business (hydrocracking. la logica che ispira le iniziative rimanenti. fino ai combustibili. allo stesso tempo. in linea con quanto previsto dal documento contrattuale e soddisfacenti dal punto di vista dei risultati conseguiti. A prescindere dal giudizio espresso dalla verifica ispettiva. La Robbia Srl è uscita dal progetto a CdP ancora in corso. La posizione de La Robbia all’interno della ricerca è sempre stata piuttosto defilata. secondo quanto affermato dallo stesso Verbale di accertamento finale e alla ricostruzione operata in collaborazione con i testimoni privilegiati in loco. è solo il preludio alla definitiva fuoriuscita dal CRA. La Robbia) nel campo dell’estrazione di composti chimici da biomassa per la produzione di colori. la quota di sua competenza è versata per l’impresa da SARAS. unito all’insorgere di difficoltà nei rapporti tra partner ed istituzioni pubbliche. avvenuta nel giugno dello stesso anno. a carico del quale era previsto uno stanziamento di 15 miliardi di Lire. quando diviene evidente che il filone di studio relativo ai coloranti naturali non avrebbe conosciuto sviluppi ulteriori52. ha invece conosciuto un’appendice nella nascita del Consorzio Naturalia. è rimarcato anche l’importante effetto indiretto rappresentato dalla diffusione sul territorio di competenze di alto profilo. Il mancato finanziamento di un atteso Patto territoriale della Montagna nuorese. emergono alcuni elementi rilevanti: l’iniziativa più lineare – sebbene scollegata dalle altre attività e parzialmente avulsa dallo spirito stesso del CdP . promosso da Florys e SARAS Ricerche con la partecipazione dell’Amministrazione provinciale di Nuoro. consente l’aggiornamento tecnologico degli impianti e pone le basi per il rilancio dell’attività. 16 ottobre 2000).5% dell’investimento stesso (Cfr Relazione finale delle attività inserite nel Contratto di Programma. la realizzazione nei tempi previsti di tutti gli interventi concordati.appare quella relativa agli investimenti in raffineria.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Al momento dell’accertamento finale. L’esito dell’iniziativa. utilizzo di fluidi supercritici) alla competenza specialistica di imprese di nicchia (Florys. Tra questi ultimi. nel febbraio 1998.

il coinvolgimento diretto di una consociata del Gruppo SARAS costituita ad hoc. Non stupisce. sono gli elementi che testimoniano la rilevanza dell’iniziativa all’interno del CdP. nella successiva messa in produzione attraverso l’attività di SARTEC.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Nonostante questa serie di risultati non pienamente compiuti. che la stessa SOFTEC sia liquidata all’indomani della conclusione del CdP e che anche alcuni tentativi di mantenere vivo sia l’interesse sul tema. propone ad una decina di “reduci” di SOFTEC di fondare una cooperativa per continuare a lavorare con la sede svizzera di Batelle. condotti da una cooperativa di ex-collaboratori formati nell’ambito del CdP. 54 Il responsabile del progetto Ambiente marino. nel loro perfezionamento attraverso gli studi e le sperimentazioni di SARAS Ricerche e SOFTEC. così riportate nel Verbale di accertamento finale53: “In particolare per il settore marino si ritiene doveroso segnalare quanto segue: 1. con capitali messi a disposizione interamente da Batelle. pgg 27 e ss. la cooperativa esaurisce presto la propria esperienza e cessa l’attività alla fine del 2001. tuttavia. come già evidenziato. non fa seguito l’ottenimento di prototipi da avviare a produzione. Relativamente al Monitoraggio costiero è disponibile una metodologia per l’individuazione delle sorgente di inquinamento basata sull’esame comparativo parametri caratteristici (…) nella possibile sorgente e nel ricettore È stato realizzato un prototipo di software denominato “Database per la gestione dei Sedimenti” (…) per supportare il processo decisionale di chi è responsabile della gestione di sedimenti (…) (…) è stata presentata una proposta tecnica all’Assessorato dell’Ambiente della Regione Sardegna per porre barriere artificiali nella Baia di Porto Conte Per il settore “aria” sono stati realizzati strumenti e prototipi che sono stati trasmessi alla SARTEC Srl per l’industrializzazione”. l’affidamento della supervisione scientifica ad un partner di acclarata notorietà internazionale quale Battelle. siano destinati ad un rapido fallimento54. che si attiva anche per farle ottenere la sua unica commessa: l’affidamento di una Valutazione di Impatto Ambientale sull’inquinamento acustico dell’aeroporto di Fertilia (Alghero). IX. 46 . “Trasferimento dei risultati della ricerca”. dove all’acquisizione di brevetti. Il Progetto Ambiente. Verbale di accertamento finale: Ambiente – Sviluppo di tecnologie ed apparecchiature per la tutela dell’ambiente. sugli esiti dei due filoni in cui si compone la ricerca (il sub-Progetto “Ambiente marino” e quello relativo alla “Identificazione e caratterizzazione della qualità dell’ambiente”) emergono differenze sostanziali. nata senza un preciso disegno alle spalle. La genericità dei risultati del filone marino risulta enfatizzata per contrasto dal giudizio della Commissione di accertamento sull’altro filone della ricerca. per il sotto-progetto “Aria”. che si articola nell’acquisizione di brevetti di proprietà Battelle da parte del CRA. Nasce così nell’aprile del 2000 la Cooperativa Talos. 3. di conseguenza. il venir meno dell’interesse della Regione e delle altre Amministrazioni locali e forse anche il minore coinvolgimento del proponente (la ricerca su questo filone è sviluppata dalla sola SOFTEC). sembra muovere maggiore interesse nel soggetto proponente: l’entità del finanziamento richiesto. la Commissione di valutazione giudica soddisfacenti gli esiti raggiunti. Il processo non segue lo stesso iter per la ricerca marina. sembra sussistere una vera filiera integrata. infatti. Cap. 53 Cfr. riconoscendo ai protagonisti dell’iniziativa la capacità di seguire i processi evolutivi della materia e modificare in corso d’opera gli obiettivi senza snaturare il progetto. complice forse la mancanza di un preciso sbocco di mercato per i risultati. Al momento della verifica. 2.

tuttavia. CdP SARAS 2 1 gennaio 1997–31 dicembre 2001 20 dicembre 1996 26 giugno 1997 10 ottobre 1997 3 maggio 2001 3 giugno 2003 9 dicembre 2003 Ancora da formalizzare 55 Come sarà illustrato nel capitolo conclusivo. tra questi. Altre collaborazioni si sono limitate alla fornitura di spazi e competenze specialistiche a soggetti terzi. infine. 4. la maggior parte.e la qualità della dotazione strumentale. Le iniziative di ricerca applicata previste. 4. Va rimarcato. Il CRA.2 Il Contratto di Programma SARAS 2 L’apprezzamento dei risultati parziali a cui il primo CdP sta conducendo. che – stando alle banche dati dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi . applicazioni nell’area della Information Technology). e nemmeno nei successivi.non un solo nuovo brevetto è stato prodotto e registrato dalle società coinvolte in questo CdP. Periodo realizzazione investimenti Domanda di accesso Approvazione CIPE Stipula contratto Modifica in corso d’opera Chiusura accertamento finale (solo per Raffinerie Sarde) Decreto concessione definitiva (saldo. che – esaurita nel giugno 1997 la fase di negoziazione – sarà stipulato nell’ottobre dello stesso anno e vedrà realizzarsi gli investimenti tra il gennaio 1997 ed il dicembre del 2001.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Alcuni suoi transfughi sono inseriti in SARAS Ricerche. vede riconosciute la preparazione del personale – con particolare apprezzamento. ingegneria dell’automazione e dei controlli di processo. la sua attività . denunciava già nel settembre del 1995 l’approssimazione scientifica del progetto. da parte della Commissione di verifica dell’attività formativa realizzata . una volta a regime l’impresa sposta in parte l’oggetto della propria attività dalla produzione manifatturiera all’offerta di servizi (installazione e manutenzione dei sistemi di analisi. nell’ultimo periodo di attività. si segnalano quelli realizzati con finanziamento regionale per la riduzione del contenuto di catrame nel tabacco e per la produzione di sensori di rilevamento dell’inquinamento atmosferico. Probabilmente in ragione di ciò. l’accertamento finale è stato portato a compimento a tutt’oggi solo per il filone di investimenti industriali in raffineria e il CdP deve ancora vedere formalizzata l’approvazione finale dei lavori. rivolgendosi in primo luogo al mercato captive rappresentato dalla capo-gruppo.progressivamente confluita in quella di SARAS Ricerche. tuttavia. cambia attività55. non sembra essere dato credito da parte di chi l’aveva richiesta. una circostanziata expertise di ufficio prodotta su richiesta del soggetto pubblico. conoscono tuttavia una gestione travagliata. consigliano al Gruppo SARAS di ripresentare domanda di accesso ad una nuova tornata di contrattazione programmata.9: Calendario delle principali fasi. solo per Raffinerie Sarde) Approvazione finale CIPE Tab. Anche SARTEC conosce una sorta di ridimensionamento rispetto a quanto previsto in fase di proposta e presentazione del piano progettuale: oltre alla già menzionata riduzione degli addetti (da 80 a 56). anche in ragione del rapido disimpegno di Battelle . alla perizia. Concluso il CdP. la genericità dei suoi obiettivi e la scarsa trasferibilità della conoscenza prodotta all’apparato produttivo. che lo accreditano come un potenziale punto di riferimento della ricerca in Sardegna. tanto che. infine. Nasce così l’idea per il CdP SARAS 2. altri sono assunti per un certo periodo da Batelle.è proseguita con nuovi progetti di ricerca su temi disparati. il partenariato del progetto si incrina e alcune delle sette società che lo compongono fuoriescono dal CdP. 47 .

è individuato nella Information&Communication Technology (ICT). 4. sebbene minoritario. tali tendenze. l’apertura di settori tradizionalmente protetti o a predominanza pubblica (comunicazioni. un limite evidente della prima esperienza SARAS nella programmazione negoziata era stata l’eccessiva entità del rapporto tra sovvenzioni pubbliche e nuova occupazione creata: l’investimento in tecnologia e impiantistica per l’ammodernamento della raffineria da un lato e gli elevati costi del filone di ricerca “Ambiente” dall’altro. elettricità. unite alla stagnazione dei settori tradizionali. prima di addentrarci nella descrizione del CdP SARAS 2. 48 . avevano prodotto per questo indicatore un valore fuori scala rispetto agli indici relativi agli altri CCdPP. in una prassi che mette a sistema quanto già sperimentato in occasione del primo CdP.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 1996 Investimenti Raffineria Investimenti Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Decreti concessione 1/1 1997 1/11 1998 12/10 1999 2000 2001 31/12 31/12 3/5 2002 2003 2004 2005 20/12 26/6 10/10 5/11 15/12 19/3 3/6 9/12 22/6 Tab. Anche per questo motivo. Il problema si ripropone in tutta la sua evidenza al momento di impostare il secondo CdP.10: Cronogramma del CdP SARAS 2 Il primo CdP SARAS si è caratterizzato per il tentativo da parte della società proponente di diversificare la propria attività dal core business della raffinazione petrolifera. il secondo filone. A prescindere dalla capacità del CdP di ottemperare agli obiettivi prefissati. tali da garantire redditi più elevati. dovrà compensare per quanto possibile questa anomalia. pg. una scelta che testimonia ancora una volta la lucidità strategica del management SARAS. hanno spinto le imprese più innovative a spostare il proprio business verso attività a maggiore contenuto tecnologico e di conoscenza. 56 Manca et alia.2. legando in un unico progetto – come previsto dalla disciplina della contrattazione programmata – ricerca scientifica. che prevede interventi ad intensità di capitale ancora maggiore in raffineria. è doverosa una descrizione. sia pure sintetica. 2004.1 La diffusone dell’Information&Communication Technology in Sardegna Nei primi anni ’90. 28. ma anche servizi bancari e postali) hanno reso le imprese sempre più vulnerabili alla concorrenza ed il loro ambiente più complesso. trasporto ferroviario. se si pensa che “Il settore di servizi per l’informatica (…) è caratterizzato da uso intensivo del lavoro”56. della realtà dell’ICT in Sardegna. 4. riducendo la media complessiva di agevolazione per nuovo posto di lavoro creato. Il comparto su cui impegnare il secondo filone di iniziative. formazione e nuove iniziative produttive. che quelli in cui si perfeziona la proposta del secondo CdP sono gli anni in cui la new economy sembra destinata a magnifiche sorti e progressive e che proprio in Sardegna va diffondendosi un clima di grande aspettativa e favore per le nuove tecnologie.

La convergenza riguarda progressivamente tre grandi industrie. e nel 2002 quello italiano è il quarto mercato in Europa per il consumo di tecnologie delle informazioni e telecomunicazioni. è il CRS4. I cui soci fondatori sono lo stesso Consorzio 21. esperti ed istituti internazionali. di nuove tecnologie quali le centraline telefoniche digitali e le fibre ottiche. alla cui presidenza è nominato Carlo Rubbia58. un ulteriore momento di svolta è la diffusione. 57 Entrambi i progetti sono inseriti nell’Asse 6 del POR Sardegna 2000-2006. A ben vedere. La diffusione a tutti i livelli della cultura dell’informazione è recepita dall’Unione Europea. negli anni ’80 il grado di terziarizzazione del Paese è tra i più modesti tra i membri dell’OCSE e ancora alla fine del decennio solo banche e sedi locali di imprese multinazionali sono collegate attraverso reti aziendali (Manca et alia. Tiscali e. lancia il Piano di azione “eEurope 2005: una società dell’informazione per tutti”. che dopo avere affermato con la “Strategia di Lisbona” l’obiettivo di fare dell’Europa entro il 2010 l’economia basata sulla conoscenza più competitiva e più dinamica del mondo. imprese innovative. dando vita così ad un unico settore di ICT. In Italia. IBM Italia e TECHSO SpA. questo comprenderà progetti quali la Rete Unica della Pubblica Amministrazione Regionale (RUPAR). centro di calcolo e struttura di ricerca avanzata in stretto collegamento con il CERN di Ginevra. l’Italia colma in breve lo scarto. nato con l’obiettivo di promuovere. realizzata nel 1990. L’apogeo di tutte queste trasformazioni è l’avvento di Internet. dal 1998. 58 Il CRS4 è un consorzio pubblico-privato senza fini di lucro. grazie alle nuove tecniche per la trasmissione delle informazioni. nei dieci anni successivi si aggiungono alla compagine sociale STMicroelectronics. il tessuto produttivo e il modo di governare: l’accorciamento delle distanze modifica il rapporto tra centro e periferia e rende superabili molti problemi di isolamento territoriale. localizzato presso il Parco Scientifico di Pula (Cagliari). realizzare e gestire il Parco Scientifico e Tecnologico della Sardegna. modificando gli stili di vita. che affida all’Assessorato agli Affari Generali la responsabilità istituzionale per la realizzazione del Piano informatico-telematico regionale. la seconda. svolgendo un ruolo fondamentale nella diffusione della conoscenza scientifica e per la formazione di capitale umano sul tema delle nuove tecnologie e dell’ICT in regione. uno spartiacque è rappresentato dalla Legge Regionale 11/1998. Queste importanti trasformazioni hanno un impatto diretto sulla società. ed i Modelli di Apprendimento su Rete Tecno-Educativa (MARTE)57. SARAS. dei sistemi televisivi non analogici. si erano poste le basi per la convergenza tra IT e telecomunicazioni. è rappresentato dalla fondazione di due istituzioni intermedie. l’ICT si sviluppa con ritardo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Con l’avvento. il contributo pionieristico della classe politica locale allo sviluppo della società dell’informazione sull’Isola. oggi la piattaforma principale nel mondo per la telecomunicazione di dati. Il CRS4. Un ruolo importante per il rafforzamento della società dell’informazione. tra gli anni ’70 e gli anni ’80. 2004). in rappresentanza della Regione Autonoma Sarda. A seguito della rapida diffusione della telefonia mobile e dello smantellamento del monopolio statale sulla rete telefonica. individua presto nelle tecnologie di Internet una fondamentale direzione di ricerca e costituisce un polo capace di attirare ricercatori. incardinato sul dominio della Regione Autonoma Sarda e aperto alle connessioni eventuali di ogni altro ente pubblico.3 (“Società dell’Informazione“) e della Misura 6. soprattutto per quanto concerne la diffusione di pratiche di e-government. In Sardegna. 49 . all’interno rispettivamente della Misura 6. le Università degli Studi di Cagliari e di Sassari. è stato ricoperto in Italia dagli enti locali. poiché alle due precedenti si unisce quella dei media. nell’accezione di Arrighetti e Seravalli (1999): la prima è il Consorzio 21 (Legge Regionale 21/1985).4 (“Formazione per la Società dell’informazione”).

un CdP a cui. ma il 69% del fatturato è prodotto dagli accessi ad Internet (Manca et alia. 4. La grande impresa californiana di hardware.2 Dalla fase di accesso alla stipula del Contratto La domanda di accesso alla programmazione negoziata è presentata da SARAS il 20 dicembre del 1996. la Sardegna ha potuto collocarsi come first mover nel mercato ICT rispetto alle altre regioni del Mezzogiorno.diviene insostenibile e già alla fine del 1996. fonda il suo primo ISP (Tin. in breve. i rappresentanti 59 L’interesse di Grauso per Internet risale all’anno precedente. 61 50 . una quindicina di giorni prima che siano avviati i relativi investimenti industriali e nel pieno della realizzazione delle iniziative del primo CdP. l’onda della crescita si è presto affievolita e tra il 2001 ed il 2002 il numero netto di nuove imprese del comparto della sola Information Technology è cresciuto in Sardegna del 7. dopo questo intermezzo nel mondo dell’ICT. si innestano alcune iniziative imprenditoriali di assoluta avanguardia. Non a caso.3% della media delle regioni italiane Obiettivo 1. e diventa uno dei principali protagonisti dell’avvento di Internet in Italia. così. Da uno spin-off di CRS4. Alle imprese “autoctone” si sono aggiunte presto realtà esterne. in cambio dell’azzeramento del debito. che anticipa metodi di penetrazione del mercato poi impiegati nel corso degli anni dalla quasi-totalità degli ISP. A partire dal marzo successivo . nasce nel 1996 il primo Internet Server Provider (ISP) italiano: si tratta di Video On Line. l’intera società è ceduta al colosso telefonico italiano.fondata nel 2000 da Luigi Filippini. fuoriuscito dal CRS4 e con una esperienza professionale presso Tiscali.8%. nel decennio 1981-1991 il comparto dell’ICT è cresciuto in Sardegna di 12 volte. grazie all’intuizione del discusso editore Nicola Grauso59.4 milioni di Euro. il 21% in Italia. attirate dalla competenza diffusa e dall’elevata fedeltà all’azienda del lavoratore sardo. Tiscali fa registrare nel 2002 un fatturato di 748. cui propone un’offerta integrata di servizi di energia. è giunto il momento di tornare. tuttavia. Prima di chiudersi. È questo un andamento che ricalca la rapida ascesa e la successiva caduta della cosiddetta new economy a livello mondiale e che troverà riscontro nelle vicende delle società del settore sorte nell’ambito del CdP SARAS 2. contro il pure elevato 500% della media nazionale. quest’ultimo. nota per la sua struttura commerciale leggera. un valore addirittura inferiore all’8. quali l’accesso gratuito alla rete.2. 60 Nata nel 1997.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Su questo patrimonio di conoscenza.il giorno 12 SARAS presenta la prima versione del Piano progettuale . Internet e telecomunicazioni . quali la Dell Computers61. L’azienda è attiva anche nella gestione delle reti e nella telefonia. l’esposizione finanziaria di Video On Line nei confronti di Telecom . D’altro canto. Grazie a queste dinamiche.da cui affitta le linee . quando decide di fare de L’Unione Sarda il primo quotidiano italiano con una edizione on line. tale esperienza dissemina competenze sul territorio che rifioriranno rapidamente: Renato Soru. dando vita con Tiscali al principale ISP europeo60.un’innovativa multy-utility rivolta principalmente all’universo delle aziende. tuttavia. Il successo dell’iniziativa. il 19% in Gran Bretagna e il 14% in Germania. Un altro importante esempio di spin off da CRS4 è Energit . con punte di eccellenza di livello internazionale ed un investimento pubblico quale il CRS4 ad altissimo ritorno. che gestiva le attività di Video On Line nella Repubblica Ceca. supera presto la capacità di gestirla dell’ideatore. decide di fondare una nuova società nel comparto delle telecomunicazioni. molto importante in una regione il cui livello di istruzione è relativamente modesto.e fino ai primi di aprile. 2004). il 23% del quale prodotto sul mercato francese.it) innestandosi su un’esperienza nata e sviluppatasi in Sardegna. da alcuni mesi ha infatti trasferito il suo centro di assistenza e prenotazione per il mercato italiano da Montepellier proprio a Macchiareddu.

dall’altro con nuovi soggetti imprenditoriali da coinvolgere nell’iniziativa. la famiglia Moratti si sta avvicinando ai mercati dell’ICT grazie al dinamismo di Angelo. si rivela tuttavia quasi fallimentare e dal 1999 al 2004 ePlanet inanella una successione ininterrotta di esercizi in perdita. Esauritasi non senza problemi finanziari l’esperienza di Prisma. si perfeziona grazie alla mediazione degli stessi dirigenti del Ministero del Bilancio e della Programmazione economica63. Angelo Jr. Raffaello Grazzini. orientandosi sempre più verso la gestione delle infrastrutture a banda larga. nel 1986 fonda a Perugia Prisma Informatica. mentre con il secondo si esplora la via della ricerca applicata in comparti che. responsabile del marketing. attivando le relazioni avute in passato con diversi uffici ministeriali. di qui. la scienza dell’informazione e la new economy. grazie a questa attività. dopo una ultra-decennale esperienza in IBM-Italia come ingegnere di sistema. Sempre dalle testimonianze raccolte per via diretta. complice la dura crisi del settore. infatti. un incontro che. proviene dall’incontro con quello che si rivelerà il principale partner dell’iniziativa (la neonata Il Sestante SpA. una società molto dinamica. pianificazione e marketing strategico nel campo dell’information technology e delle telecomunicazioni” con sede a Massa. di Raffaello Grazzini). al temine di una serie di ristrutturazioni che vedono uscire completamente la famiglia Moratti della compagine sociale. specializzata nella realizzazione dei primi esempi di software per applicazioni gestionali. Il piano progettuale del CdP SARAS 2 individua. il secondo filone sembra cogliere il clima di fermento esistente in quegli anni per le nuove tecnologie digitali. Il successo dell’iniziativa spinge la giovane azienda a lanciarsi nel campo dei servizi integrati di ICT. una società di “consulenza e servizi per progettazione. Nello specifico. al fine di discutere le ipotesi progettuali e le modalità di loro realizzazione. trasformata poi in ePlanet in occasione della quotazione in Borsa. i Grazzini si accreditano di fatto come i responsabili del secondo filone di interventi del CdP. Nel 2005. assieme ad altri sette giovani compagni di ventura. due filoni fondamentali di investimenti: con il primo. l’idea di verificare la praticabilità di una domanda di accesso alla contrattazione programmata come raggruppamento di PMI. Più che dall’interesse in crescita nell’Isola per le nuove tecnologie. Il grande salto. Forti della competenza maturata nel settore e dei numerosi contatti che possono vantare da un lato con i responsabili di finanziamenti pubblici. dalle licenze UMTS alla costruzione-gestione di reti in fibra ottica. si rinnova il disegno di adeguamento tecnologico degli impianti in raffineria. fonda Planetwork. avvenuta alla fine del 199862. nel 1996 Grazzini fonda con il figlio Paolo Il Sestante SpA. responsabile commerciale e. era venuta al gruppo dirigente de Il Sestante dopo avere osservato l’esperienza del Consorzio Tarì. come anticipato e come già riscontrato nel primo CdP. infine. il contatto con il Servizio per la Programmazione Negoziata. ePlanet cambia il proprio nome in Retelit (Rete Telecomunicazioni Italia). Nel 1996. la scelta di diversificazione in questo settore sembra discendere da dinamiche interne al gruppo proponente: in quegli stessi anni. Ma la spinta decisiva ad impegnare il secondo filone nell’ancora inesplorato settore dell’ICT.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS tecnici del proponente e del Ministero del Bilancio si incontrano con cadenza settimanale. seppure integrati tra loro e con le attività della casa-madre. dalla telefonia fissa alla dot com. 63 51 . e in questa veste partecipano fin dal principio agli incontri negoziali di prepara- 62 Il business iniziale di Planetwork prevede l’offerta alle imprese di un servizio di pre-selezione in automatico dell’operatore telefonico con la migliore tariffa sulle chiamate internazionali a seconda della fascia oraria. lo stesso Grazzini sviluppa i rapporti di collaborazione con il mondo bancario avviati ai tempi della sua militanza in IBM. figlio del Presidente di SARAS e nipote del fondatore. si diversificano dal core business petrolifero e dai processi di analisi ambientale avviati con il CdP SARAS 1. che ha i propri interlocutori privilegiati nel settore bancario e nella Pubblica Amministrazione. stando alle testimonianze dirette di entrambe le parti dell’accordo.

se ciò è quanto emerge dai documenti ufficiali. sorta di distretto tecnologico in cui sono localizzate sette nuove realtà imprenditoriali in diversi segmenti del settore dell’ICT. utile ad aumentare la portata di carico dell’impianto di alchilazione. Si tratta per lo più di osservazioni sulla ammissibilità delle spese. Il contratto sarà poi stipulato il 10 ottobre successivo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS zione alla stipula del Contratto. segue quindi la linea già tracciata con il primo CdP: ancora una volta. sei in tutto.3 La fase di gestione La ratio che guida la definizione delle iniziative progettuali per il CdP SARAS 2.piano progettuale. Amministrazione regionale e banca responsabile dell’istruttoria (Mediocredito Lombardo) – e il 26 giugno 1997. descritto in maniera più approfondita nelle pagine che seguono. comparazione CdP SARAS 2-media CCdPP stipulati nel periodo 1996-2003 (Fonte: MAP 2004) 4. così da rispondere alle sempre più severe specifiche internazionali in merito alla qualità dei carburanti per autotrazione.2. piuttosto che mirate ad indirizzare il piano progettuale verso obiettivi di sviluppo particolari. Gli interventi principali sono relativi alla realizzazione di: - secondo impianto di mild-hydrocracking (che assorbe il 73% dell’investimento complessivo). la parte più cospicua degli investimenti è finalizzata all’ammodernamento tecnologico degli impianti di raffineria. e da ridurre l’impatto ambientale dello stabilimento. le osservazioni della controparte pubblica vertono da un lato sulla necessità di esplicitare la tipologia degli investimenti in raffineria. dopo appena sei mesi dalla sua presentazione. - 52 . va riconosciuto che la fase di negoziazione è descritta da alcuni partecipanti come una esperienza di contrattazione effettiva. con importanti ricadute sul territorio in termini di creazione d’impresa e diffusione di competenze di alto profilo. mentre il secondo filone di interventi è volto a favorire la differenziazione d’impresa in mercati ad alto contenuto di innovazione. in particolare per quanto concerne il consumo di olio combustibile ad alto tenore di zolfo (ATZ). Questo secondo filone. nuovi serbatoi. la domanda è approvata. 4.11: Tempi di perfezionamento del contratto. Gli investimenti in raffineria riguardano 13 interventi integrati. Cdp SARAS 2 Domanda-Approvazione Domanda-Stipula 188 294 CCdPP 1996-2003 309 650 Tab. impianto per il blending on line. impianto di Idroisomerizzazione. pareri e impegni da parte di proponenti. business plan delle iniziative. con precise richieste di approfondimento e di modifica del piano progettuale ipotizzato. Tra aprile e maggio 1997 è acquisita la documentazione di riferimento . dall’altro sulla corretta imputazione delle spese per l’acquisto di know how e brevetti per quanto concerne il filone informatico. assume le sembianze del progetto per la nascita ed il consolidamento della “Città dell’Innovazione”. In tali incontri. per ottimizzare la miscelazione dei prodotti di raffinazione. in netto anticipo sui tempi medi di approvazione-stipula dei CCdPP ex-lege 488/1992. come più volte rimarcato. nuovo impianto per l’eterificazione degli olii pesanti (TAME).

C4) Virgin Nafta soft (C5. Tutti gli impianti sono entrati in funzione tra dicembre 1997 e luglio 2002. che – integrato nel ciclo di raffinazione . il 54% dei quali a carico del settore pubblico. 4.2. a fronte di queste agevolazioni.Mild-Hidrocracking realizzazione (2° imp) Vacuum Gasolis (C26-C40) Residui (>C40) . Come si può notare nella figura 4.FCC CRACKING .Alchilazione GPL IGCC Zolfo STRUTTURE AUSILIARIE ammodernamento e realizzazioni RECUPERO ZOLFO (3) Zolfo Vapore Idrogeno Filter Cake Energia elettrica Fig. quattro unità per il trattamento delle acque acide (Stripper). - Il complesso dei 13 interventi prevede investimenti per 185. in rosso.2).TAME realizzazione . della soda esausta. soprattutto dopo la cessione da parte di 53 .2: Schema dei processi di raffineria dell’impianto SARAS al 31/12/2001. dei semilavorati.Francesco Silvestri - I Contratti di Programma SARAS nuova strumentazione della centrale operativa. dei gas di coda degli impianti zolfo. in parallelo agli ammodernamenti previsti dal CdP sono portati a termine i lavori per l’entrata in funzione del nuovo complesso IGCC.Visbreaking revamping Benzina Gas GPL Gasolio Carica FCC Oli combustibili pesanti TAR Raffinazione secondaria . interventi per l’abbattimento e recupero delle polveri di catalizzatore dell’impianto FCC e per l’adeguamento tecnologico ed il pieno recupero dei parchi GPL.ha consentito di diversificare la produzione verso il più dinamico mercato elettrico (Cfr Paragrafo 2. il proponente si impegna a generare nuova occupazione per 50 unità. compressori di gas blow-down. C6) Kerosene (C9-C14) Gasoli aff (C14-C25) Residui atmosferici (>C26) VACUUM REFORMER CCR . realizzati tra il gennaio 1997 ed il dicembre 2001. C6) Virgin Nafta hard (C5. le unità sottoposte ad adeguamento ed il tipo di intervento realizzato secondo il piano progettuale del CdP Il secondo filone di iniziative si sostanzia nella nascita a Macchiareddu (Assemini.Idrodesolforazione .408 milioni di Euro. CA) della “Città dell’Innovazione” (a volte definita “Cittadella Tecnologica”. TOPPING revamping Gas incon (C1. C2) GPL (C3.

La più importante tra queste società. 54 . Gli altri tre partner sono società di area milanese: Centro Tibaldi e Marketing&Comunicazione (M&C) Srl. che vede tra i propri azionisti una controllata del gruppo Sofinter. titolare dell’iniziativa e controparte contrattuale unica del Ministero. ma nel luglio di quell’anno è richiesta e concessa una proroga che allineerà il termine di tutte le iniziative al 31 dicembre 2001. fino a quando la nascita di Albacom. ogni impresa può sviluppare il progetto favorendo il trasferimento di tecnologie e conoscenze avanzate nel settore dell’ICT. infine. suddiviso in sette laboratori all’interno dei quali ciascuna delle sette società operative sviluppa i progetti di ricerca industriale assegnatigli. ha sviluppato un sistema di accertamento delle imposte locali interfacciato con data base e geo-referenziazione (CUSTER è un acronimo che significa “Censimento Utenze Servizi Tributi Energia e Rifiuti”). e soprattutto dalla minore tendenza del personale a cambiare rapidamente datore di lavoro. la porta a cedere a questa la gestione della rete e a concentrarsi sullo sviluppo di applicativi per il settore bancario. Oltre a SARAS. i progetti di questo secondo filone coinvolgono cinque società di dimensioni medio-piccole. la prima attiva nel settore degli eventi culturali. che ha espresso invece la convinzione di essere intervenuta su un mercato per il quale. Didael di Milano. la società. Grazie alla posizione di controllo della holding e alla integrazione senza sovrapposizione delle aree di ricerca.e da alcune esperienze sviluppate all’interno di SARAS nella gestione informatizzata delle reti. molto attiva nel campo dell’e-learning e riconosciuta dall’allora Ministero per l’Università e la Ricerca Scientifica e tecnologica come laboratorio di ricerca di interesse nazionale. con clienti principali in musei e biblioteche. nella realtà milanese i tempi medi di permanenza nella stessa azienda dei lavoratori di primo impiego dell’ICT e dei settori hi tech era inferiore ai 10 mesi. soprattutto. a metà degli anni ’90. una piccola società nata nel 1983. joint-venture tra BNL e British Telecom. non sembra condivisa dalla dirigenza del Gruppo SARAS. dal 1990 al 1995 la società gestisce una delle più grandi reti di telecomunicazione private in Italia. ma mantenendo nel contempo un mercato di riferimento e partner tecnologici propri. la seconda specializzata nella comunicazione istituzionale e sociale. L’organizzazione di questo proto-distretto contempla la costituzione di otto nuove società. in Sardegna mancavano le competenze. con esperienza nell’impiego e nello sviluppo di applicativi. grazie alla presenza di una buona università tecnica. ha il proprio mercato elettivo negli enti pubblici. piuttosto che nella ideazione di sistemi ed apparecchi informatici. con azzeramento improvviso per le imprese del capitale umano che contribuiscono a formare64.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Atlantis SpA del ramo di attività relativo al CdP): il progetto prevede la realizzazione di una realtà distrettuale attiva in settori ad alto contenuto tecnologico.individuati e coinvolti da Il Sestante . e la già descritta Il Sestante SpA. rappresentati soprattutto da Comuni del Lazio e della Sardegna nord-orientale. La stessa BNL Multiservizi stava vagliando la possibilità di aprire una sede di servizio e sviluppo prodotti a Cagliari. specializzate in comparti di nicchia e. Questa valutazione sulle potenzialità dell’area cagliaritana. 64 Secondo le testimonianze raccolte tra gli esperti di settore. Un secondo soggetto coinvolto. è BNL Multiservizi. ai tempi. già coinvolto nel corso del primo CdP SARAS. di parchi tecnologici e strutture di supporto. a partire dalle competenze maturate dai cinque partner dell’iniziativa . CUSTER Srl di Roma. una delle quali in posizione di holding e di un Centro Ricerche Associato (CRA). attirata dalla disponibilità di personale giovane preparato. utility del Gruppo Banca Nazionale del Lavoro costituita nel 1989 con l’obiettivo di sviluppare prodotti e servizi nel campo dell’ICT. Gli investimenti relativi a questo filone progettuale dovrebbero chiudersi entro il 1999. sono due agenzie pubblicitarie consociate.

Starcust. Events.Il Sestante 49% Tecne . Mediatech. Inser e Tecne. con partecipazioni al 51% per cinque di esse e al 100% per altre due.CT 16.Atlantis 100% Fig.Atlantis 51% . Tecne.4: Il logo Atlantis. 49% del capitale detenuto da Didael.Il Sestante 16. 4. prevede un 55 . con un’attività di ricerca applicata a modellizzazione ed analisi dei processi per il monitoraggio territoriale.SARAS 99% . all’interno del quale si riconoscono in senso orario le iniziali delle società Events. inaugurata ufficialmente il 12 ottobre 1998. che gestiscono progetti di ricerca rispettivamente sulla innovazione nel sistema dei servizi e sulla sicurezza nella gestione dei dati.Atlantis 51% . Inser.4% . e soprattutto tra queste e la holding Atlantis. chiamata a sviluppare due progetti di ricerca nel campo dei servizi in rete.Atlantis 51% . tutte costituite il 31 luglio 1997 con il capitale minimo di legge di 20 milioni di Lire. gestisce un progetto sui sistemi multimediali per il dialogo formativo. Starcust. Queste società sono: Fabbrica Servizi Telematici (FST). 49% Events .Atlantis 51% . Fig. con il 49% del capitale sociale suddiviso in parti uguali tra Il Sestante. controllate al 100% da Atlantis. Vox. M&C e CT ed un progetto di ricerca nel campo dei sistemi multimediali per eventi e comunicazioni aziendali. Vox L’iniziativa “La Città dell’innovazione”. in qualità di holding.BNL Mult. il logo ideato per il progetto riproduce un circuito stampato.3 % Mediatech .Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS La struttura societaria delle otto nuove Srl.3% . le cui componenti in codice binario non sono altro che le iniziali delle sette società della Città dell’Innovazione. infine. 4.Il Sestante 1% FST .3: La Città dell’Innovazione. Atlantis controlla a sua volta le altre sette società. FST.CUSTER 49% Vox . evidenzia il ruolo di preminenza ricoperto da SARAS anche in questo filone: Atlantis SpA è partecipata al 99% da SARAS e all’1% da Il Sestante. partecipata al 49% da BNL Multiservizi. 49% del capitale di proprietà di CUSTER.Didael 49% Starcust .M&C 16.Atlantis 51% . SARAS Atlantis . Mediatech. 49% del capitale in mano a Il Sestante. gennaio 1998 A testimoniare l’interconnessione esistente tra le società costituite. con un progetto di ricerca sulle interfacce evolute per tecnologie vocali.Atlantis 100% Inser . quadro sinottico dei soggetti coinvolti e delle relative quote societarie.

Dopo un ultimo tentativo di ristrutturazione del patto parasociale tra i soggetti coinvolti. SARAS FST . Poco alla volta e per motivi diversi. la maggioranza dei partner ha rivelato la propria inadeguatezza scientifica.5% .Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS costo complessivo di 57.Il Sestante 40% . il management SARAS adotta presto un approccio dirigistico. con SARAS maggiormente orientata alle applicazioni rivolte al settore privato e la galassia Sestante più attenta alle applicazioni territoriali ed alle esigenze delle Pubbliche Amministrazioni.indirizzano la gestione. i rapporti tra i partner del progetto si deteriorano e l’intero CdP conosce modifiche sostanziali.477 milioni di Euro.043 milioni). dal CdP SARAS 2. 49% Tecne Atlantis .Il Sestante 7.Atlantis 77. ripartiti tra investimenti industriali (13. portando alla rivisitazione dell’intero CdP: tra gennaio e settembre del 2000 Il Sestante porta al 40% la sua partecipazione in Atlantis. realizzazione ed allestimento del CRA (6. è dato dalla mancata definizione di precisi meccanismi di governance all’interno delle singole controllate: per ognuna delle sette società. mentre i partner – veri detentori della competenza specifica nel mercato in cui la società opera . una nuova società costituita da SARAS per l’occasione.791) e progetti di ricerca (37. ma a sancire la fine del partenariato. Un motivo di frizione insuperabile secondo i responsabili de Il Sestante. SARAS esprime il Presidente in virtù della proprietà del pacchetto di maggioranza della controllante Atlantis. settembre 2000 Nel febbraio 2001. 4.5 % Mediatech .CT 7. poco dopo. mentre SARAS si sostituisce ad Atlantis nella partecipazione in FST. si rivelano sbagliate e spingono i partner operativi ad abbandonare il sodalizio. quadro sinottico dei soggetti coinvolti e delle relative quote societarie. a dimostrazione della preminenza assegnata a questa società e dell’interesse del Gruppo di Sarroch per la collaborazione con BNL Multiservizi. la situazione collassa.BNL Mult.5% . secondo cui al momento di sviluppare i progetti di ricerca.5% .5: La Città dell’Innovazione. Atlantis SpA cede (per sei miliardi di Lire omnicomprensive) il ramo di azienda relativo alle iniziative del CdP a SARAS Lab.SARAS 51% . Nonostante questo patto più o meno tacito.Atlantis 100% Starcust . mante56 . con l’esclusione di BNL Multiservizi.Il Sestante 49% Inser . si perfeziona la fuoriuscita di Didael ed il contemporaneo ridimensionamento di M&C e Centro Tibaldi nelle attività della Città dell’Innovazione. è soprattutto l’azione legale de Il Sestante. Di tutt’altro tenore. imponendo decisioni strategiche che.Atlantis 51% .Atlantis 51% . infatti. la versione dei referenti SARAS. il 64% dei quali di agevolazione pubblica. A ciò si aggiunge una effettiva disparità di obiettivi tra i due partner principali.CUSTER 49% Vox . le parti principali trovano l’accordo per la liquidazione de Il Sestante e di tutte le altre società. Dopo avere acquisito per intero la partecipazione di CUSTER in Starcust e delle due consociate M&C-Centro Tibaldi in Events.642 milioni). che impugna il bilancio di esercizio 1999 delle tre società di cui è azionista.M&C 7.Atlantis 100% Fig. causa scarsa conoscenza dei mercati ICT.SARAS 60% .SARAS 100% Events .

da necessitare il beneplacito della controparte pubblica.SARAS 51% . è così che viene riconosciuto un incremento dei finanziamenti in concessione da 185.49 milioni di Euro. in forma di delibera di aggiornamento del CIPE e contempla una modifica degli impegni tanto del progetto Città dell’Innovazione.SARAS Lab 100% Starcust . con contestuale aumento dell’agevolazione pubblica di circa 10 milioni di Euro (da 101 a 111. l’impegno occupazionale per le imprese della Città dell’Innovazione è innalzato a 199 unità.BNL Mult. quadro sinottico dei soggetti coinvolti e delle relative quote societarie. Anche se la quota di agevolazione concessa passa dal 64% all’80% del totale. tre in più rispetto a quanto stabilito dal Contratto. L’assestamento del piano progettuale è così profondo rispetto a quanto concordato in sede contrattuale. quanto del filone rivolto all’ammodernamento della raffineria. 57 . 4. All’interno dell’iniziativa. SARAS Atlantis .83 milioni di Euro).SARAS 100% Events .SARAS Lab 100% Inser . con SARAS che – a fronte del pericolo reale o percepito di incorrere nella revoca dei finanziamenti .17 (di cui ne saranno spesi meno di 34). gli investimenti destinati alla parte più strettamente industriale sono ampliati.SARAS Lab 100% Tecne . in cambio. a scapito tanto del CRA quanto dei progetti di ricerca. l’impegno occupazionale per il proponente sale a 75 unità dalle 50 originarie66.6: La Città della Innovazione. febbraio 2001 Venuti così meno i membri più specificatamente tecnici del partenariato. le iniziative della cittadella tecnologica di Macchiareddu conoscono una modifica sostanziale. L’approvazione arriva il 3 maggio 2001. 65 In realtà.Il Sestante 100% FST . Nello specifico. come sarà evidenziato nel prossimo paragrafo. 66 In questa sede sono introdotti anche interventi di aggiornamento tecnologico sugli impianti di distillazione e di visbreaking. 49% SARAS Lab . a parità di progetti e di occupazione65.SARAS Lab 100% Vox .si vede costretta a privilegiare il raggiungimento degli obiettivi industriali ed occupazionali. gli investimenti in concessione per Macchiareddu sono ridotti dai quasi 57.408 a 219.SARAS Lab 100% Fig. in ragione della necessità di realizzare soluzioni impiantistiche più sofisticate per rispondere all’evoluzione della normativa UE sui contenuti di zolfo nei combustibili intermedi.SARAS Lab 100% Mediatech .5 milioni di Euro originari a 39. Allo stesso tempo. SARAS chiede di rivedere gli impegni relativi alla raffineria.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS nendo tuttavia il marchio ed il logo “Città dell’Innovazione”. a scapito di quelli meno definiti e quantificabili della fase di ricerca.

La Città dell’Innovazione-Cittadella tecnologica. sia detenuto da Comisa Srl. con liquidazione di Atlantis. la società controllante Atlantis. si comprende la necessità di puntare con il secondo filone progettuale ad attività labour intensive. pari a 111. fa registrare una media di 100.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Il 3 maggio 2001 è anche il giorno in cui sono approvate ufficialmente due nuove domande di accesso alla contrattazione programmata.49 milioni di Euro complessivi (l’87% dei quali impegnati negli interventi in raffineria). Ciò significa un impegno finanziario pubblico per nuovo occupato pari a quasi 1. la società di Sarroch diventa l’unico proponente ad ottenere un terzo CdP. un Centro di Ricerca (6%) ed una attività industriale (12%).500 dipendenti. infatti. anziché su quelle riconosciute dalla commissione di accertamento. con un risparmio di quasi sei milioni per la Cittadella tecnologica e un lieve sforamento (inferiore a un milione di Euro. infatti.300 Euro per nuovo posto di lavoro. quindi. destinati a tre ordini di attività: un progetto di ricerca industriale (82% del totale in concessione).300 Euro. descritto nelle sue linee principali nel Paragrafo 4. sono state presentate le relazioni di monitoraggio finale.17 milioni di Euro. Per questo motivo. Atlantis SpA. 3). ma l’accertamento finale è stato avviato e portato a compimento solo per le realizzazioni industriali all’interno dello stabilimento di Sarroch. entrambe legate ai protagonisti del CdP SARAS 2 e con elementi di eccezionalità: se. conta meno di 10 addetti) né consorzio di PMI. compreso il CdP oggetto di analisi in queste pagine. pari allo 0. nella discutibile logica degli estensori dell’istruttoria. ingresso di SARAS Lab e modifica di fatto del progetto esecutivo. Gli investimenti relativi al CdP SARAS 2 hanno avvio nel 1997 e si esauriscono entro il 2001 per entrambi i filoni. Nel complesso. prevede investimenti per 21. Il CdP Atlantis “L’Innovazione Applicata allo Sviluppo del Territorio”. Per il primo filone. un netto miglioramento rispetto a 67 In sede di istruttoria bancaria.2.83 milioni di Euro (51% della spesa ammessa). è pari a 109. basate sulle relazioni di monitoraggio e sulle spese effettuate. operativo dal 2001 al 2003. si rimarca come il 25% de Il Sestante. sono confermate quindi le agevolazioni pubbliche previste. ora controllata dai Grazzini. La spesa finale a consuntivo è di 254.4 La fase di verifica dei risultati Le difficoltà intervenute nella fase di realizzazione per la Città dell’Innovazione. Ma il CdP Atlantis esula dall’argomento del nostro studio67.5 milioni di Euro! Se si considera che la media per i 10 CCdPP approvati nel periodo 1992-1999. espletata dal Banco di Sardegna. società facente parte del Gruppo Sofinter. qualora vedesse confermata sulla spesa a consuntivo la quota di finanziamento pubblica segnalata da SARAS e fosse riconosciuta come nuova occupazione creata la cifra prevista in sede di monitoraggio finale (250 unità).3 di questo documento. che conta a sua volta più di 2.400 Euro per posto di lavoro creato. il CdP SARAS 2 prevede una spesa pubblica per posto di lavoro creato pari a 421. 58 . 68 Si fa riferimento qui e nelle righe successive alla concessione accordata con la delibera CIPE di aggiornamento del 3 maggio 2001. le considerazioni sui risultati del secondo filone del CdP sono da considerarsi ancora parziali. 19 maggio 2003 per la cittadella tecnologica). realizzate dalla società IngEco su commessa del proponente (31 luglio 2002 per gli interventi in raffineria. riesce ad accedere ad un CdP pur senza essere grande impresa (al momento della domanda. a fronte delle quali è stata creata nuova occupazione per 75 unità lavorative. 4. È questo. a fare sì che “la società sia da considerarsi Grande Impresa” (CdP Atlantis – Valutazione del progetto industriale.5%) per le realizzazioni industriali rispetto a quanto previsto in sede di concessione68. sono la probabile causa del ritardo con cui si sta procedendo alla verifica del CdP: a tutto dicembre 2005. pg.

97 254. mantenendo il valore nostro possesso (250 unità). né l’agevolazione effettivamente erogabile nel complesso e per occupato.36 27. 4. trasmesso al ministero competente nel giugno del 2003. Scarse.92 39.66 220.52 17.03 3. Grazie all’intervento finanziato con il contributo del CdP. contro un obiettivo concordato in sede contrattuale di 196 unità.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS quanto emerso dagli accordi contrattuali dell’ottobre 1997 (604.491 ? ? ? 100. questi progetti hanno conosciuto.91 111. collaudo e messa in funzione degli impianti rispettano la tempistica concordata.12: Principali indicatori finanziari del CdP SARAS 2 Come era già avvenuto per il CdP SARAS 1.92 33. Agevolazione prevista (aggior) Concessione Concessione (aggiorn) Speso (consuntivo) Ammesso Milioni di Euro Agevolazione prevista Agevolazione ammessa % fin pub ammesso % Occupaz prevista Occupaz finale Agevolaz/occup az (prev) Agevolaz/occup az (amm) Unità Migliaia di Euro Raffinerie Prog Industria CRA Prog. è emanato il decreto di concessione definitiva da parte del MAP a saldo delle uscite sostenute per gli investimenti in raffineria.77 3. per il quale gli investimenti 69 Si è ritenuto qui di utilizzare il dato fornito da SARAS SpA. un drastico ridimensionamento (da 37 milioni di Euro complessivi a meno di 14). anche in questo caso gli investimenti nell’ammodernamento degli impianti di raffinazione non lasciano spazio a contestazioni di sorta: realizzazione dei lavori. in realtà.80 37.89 219.3 Tab. ed emerso per differenza tra il totale di agevolazione previsto dalla modifica al CdP e la quota pubblica ammessa (non contestata da SARAS) a beneficio di Raffinerie Sarde.17 258.99 111.88 38. 70 L’imputazione considera come agevolazione concessa quanto segnalato da SARAS.49 21. gli investimenti industriali e relativi al CRA previsti in sede di modifica dell’iniziativa sono stati realizzati.83 ? ? ? ? ? 51% ? ? ? ? ? 50 181 15 196 246 75 ? ? ? 250 325 2. per le ragioni menzionate. esprimere un giudizio altrettanto preciso sul filone relativo alla Cittadella tecnologica. data prevista per la realizzazione degli investimenti.000 Euro per occupato).03 13. Secondo quanto rilevato dalla società che ha espletato il monitoraggio finale. per i dati occupazionali relativi al filone “Città tecnologica” si è ignorata la correzione SARAS (199 unità. mentre dei 260 addetti delle otto società coinvolte – addetti interamente di nuova occupazione. pertanto. soprattutto per quanto concerne il recupero degli scarti e la loro conversione in prodotti petroliferi ed energia. ma un valore quadruplo rispetto alla media della tornata di CCdPP cui appartiene questo Contratto.49 219. Più complicato. fino a che non sarà concluso il processo di accertamento finale.83 11.3 70 421. Il giudizio finale della Commissione di accertamento. Il 9 dicembre successivo. in quanto segnalato dalla relazione di monitoraggio finale.48 242.01 138.13 25. come previsto in sede di aggiornamento del CdP).56 13. per non dire del tutto assenti.81 2.69 3.0869 136. trattandosi di imprese fondate per l’occasione – almeno 250 sono imputabili per via diretta alle attività del CdP SARAS 2. non è possibile conoscere l’entità della spesa ammessa su questo filone. ricerca Totale Città tecnologica Totale 185. documento ufficiale più recente prodotto. con un’unica eccezione rappresentata da quello sviluppato da Tecne. le informazioni sull’esito degli otto progetti di ricerca. consegna.41 13. in stretta connessione con l’entrata in funzione dell’impianto IGCC.002 194 565 1.04 57. che ha corretto il valore in nostro possesso.98 6. e gli impianti entrano in funzione entro il mese di luglio successivo. in attesa del Verbale di accertamento finale. è di piena realizzazione degli impegni e di congruità delle spese ai lavori svolti. Sorte simile conosce il CRA.64 6. l’efficienza della raffineria è migliorata.14 ? ? ? ? ? 100. 59 . Al contrario.14 11. Con il passaggio di consegne da Atlantis a SARAS Lab. Gli interventi sono portati a termine tra marzo 1998 e dicembre 2001.

006 3.8 milioni di Euro a poco più di tre).385 898.837 283.701 81.762.751 1. la Fabbrica Servizi Telematici emerge dall’aggiornamento in corso d’opera come società di maggiore rilevanza all’interno del progetto Cittadella tecnologica. Events è liqui60 .319.109. valori(migliaia di Euro) post-aggiornamento Atlantis/SARAS Lab Events FST Inser Mediatech Starcust Tecne Vox Totale Progetto di ricerca.05 26% 2.64 761. 4.924 988. Investimenti ind Centro Ricerca Progetto di ricerca 311.585 2. la società del Gruppo SARAS che raccoglie l’eredità di tutte le controllate attive nel settore ICT dal secondo al terzo CdP.Versione 1998/VersioProg.972.823. una volta ridimensionati e reindirizzati verso applicazioni per il settore privato.949.08 1.985.551 51.75 11% 4.051.682 476. hanno contribuito a costituire un importante capitale di conoscenza utilizzato negli anni successivi all’interno della raffineria e per la nascita di nuove attività imprenditoriali.65 26% 7.837 1.912.67 189% 2. Come per il precedente CdP. i risultati conseguiti.395 129.212. né di SARAS.870 6. tuttavia. come accennato.671 1.230 4.13: Impegni finanziari per la Cittadella tecnologica del CdP SARAS 2. non un solo nuovo brevetto è registrato a nome delle nove società coinvolte nell’iniziativa.14: Impegni finanziari per i progetti di ricerca del CdP SARAS 2.058. 1998 giornamento 2001 ne 2001 3.916.620 1.e postaggiornamento Secondo le testimonianze dei referenti del Gruppo SARAS interpellati.391 151. esec.027.762.655 16.101 13.927 71. Progetto di ricerca.715.99 38% Tab.099 SARAS Lab Events FST Inser Mediatech Starcust Tecne Vox Totale Tab.343 12.765 33.02 4.169. prosegue in maniera indipendente il proprio percorso.39 13.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS sono più che dimezzati (da quasi 6.279.613. 4.54 988.374. valori(migliaia di Euro) a confronto pre.238 3.253. ag.043. Nonostante la riduzione del budget per le attività di ricerca.852.279.64 a 17 milioni di Euro. sono stati ottemperati in maniera soddisfacente.178 1.92 1.852.364.051 872.5% di quelli industriali) ed assorbe da sola 167 dei 260 occupati complessivamente dalle otto società. perfezionando ulteriormente la capacità di intercettare finanziamenti statali per sviluppare progetti destinati alla Pubblica Amministrazione. Oltre all’impegno diretto di SARAS nella compagine sociale e la partecipazione quasi paritaria di BNL Multiservizi.028.599. anzi. FST è destinataria di quasi il 50% degli investimenti nella Cittadella (il 72.46 898.199 2.134 17.646 868. Proprio FST sarà la “spina dorsale” della futura Akhela.374.340.216 761.930 1.684 2.315.916.566 1.579.231 85. Le altre società della Cittadella conoscono destini diversi: Atlantis.34 29% 14. anche gli obiettivi di ricerca. mentre gli investimenti industriali aumentano da 13.73 3.13 66% 37.991 Totale 311.40 43% 2.

La vicinanza temporale degli avvenimenti e l’incompletezza del processo. e tre nuove società presenti a vario titolo nel mercato dell’ICT (Stagira. con trasferimento degli investimenti industriali e della partecipazione al CRA a Inser e dei progetti di ricerca in corso a SARAS Lab. Thinkware. Vox e Tecne per l’ICT). che . nate al di fuori dell’esperienza della programmazione negoziata: Flamingo Automation. Quest’aspetto. sia a completare il percorso avviato nel settore dell’ICT con il secondo CdP. è volto sia a potenziare le attività di sperimentazione e ricerca applicata nate con il primo CdP.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS data nel giugno 2002. come accennato. assieme alle tre superstiti (Mediatech.mantenendo di fatto inalterati gli interventi nello stabilimento di Sarroch – ridurrà in maniera drastica le attività (e gli impegni) del secondo filone. che al momento della nuova domanda di accesso (10 maggio 2000) mostra inequivocabili segnali di crisi. rappresenta una consapevolezza per chi scrive e funga da avvertenza per chi legge. Periodo realizzazione investimenti Domanda di accesso Aggiornamento della domanda Approvazione CIPE Stipula contratto Modifica in corso d’opera Chiusura accertamento finale Decreto concessione definitiva Approvazione finale CIPE 15 luglio 2000–31 dicembre 2004 10 maggio 2000 18 aprile 2001 3 maggio 2001 10 giugno 2002 20 dicembre 2004 Ancora da formalizzare Ancora da formalizzare Ancora da formalizzare Tab. Inser.16: Cronogramma del CdP SARAS 3 61 . come ha scritto qualcuno in altra sede (Fabbri. fanno sì che tanto le informazioni raccolte quanto gli elementi interpretativi offerti siano necessariamente lacunosi. queste due società. Xanto). dall’altro di recuperare e consolidare in via definitiva le attività del gruppo esterne al core business. Tecne). 4. sono coinvolte nel nuovo CdP SARAS. se ne aggiungono altre quattro. Nelle pagine seguenti è ripercorsa la complicata storia del terzo e al momento ultimo CdP che ha visto il Gruppo SARAS come protagonista. si rivelerà presto inattuabile e le parti del Contratto dovranno sottoscrivere una modifica sostanziale degli accordi. la cui fase di gestione si è chiusa da meno di un anno e per il quale deve ancora essere avviata la fase di monitoraggio e verifica. In entrambi i casi.15: Calendario delle principali fasi. 4. Vox. un’impresa fondata come outsourcing da SARAS per gestire le attività di automazione dello stabilimento petrolifero. Mediatech. 4. complice l’esplosione proprio in quegli anni della bolla della new economy. SARAS Lab. a società già coinvolte nei precedenti CCdPP (SARAS Ricerche e SARTEC per la ricerca sperimentale ed applicata. CdP SARAS 3 2000 Inv industriali Inv Ricerca Negoziazione Vigenza CdP Decreti di concessione 15/7 10/5 1/1 3/5 2001 2002 2003 2004 31/12 31/12 2005 10/6 14/6 20/12 Tab. L’ambizioso progetto. così da controbilanciare la scarsa performance sul fronte occupazionale degli investimenti in raffineria. tentando da un lato di dare vita ad iniziative ad alta intensità di lavoro.3 Il Contratto di Programma SARAS 3 Il terzo CdP SARAS segue il solco tracciato dai due precedenti. 2005). oggetto del prossimo paragrafo. Quest’ultimo.

A ulteriore distinzione tra le due anime del CdP SARAS 3. probabile spin off di SARAS Lab che non vedrà mai la luce. Presidente di SARAS SpA. la Fabbrica Servizi Telematici costituita nel 1997 dalla confluenza degli interessi di SARAS e BNL Multiservizi e che rappresenta ai tempi una sorta di “ammiraglia” tra le società del Gruppo attive nell’ICT. la logica di incubatore d’impresa che muove la parte dedicata alla new economy del CdP SARAS 3. faranno sì che tali attività non siano mai realizzate. mentre le attività immateriali (ricerca e formazione) restano segnalate in capo alla L. costituzione di un Centro Ricerche Associato comune e realizzazione di progetti di ricerca industriale. con un’attività pluriennale e un mercato proprio in via di consolidamento.87 milioni di Euro. il primo piano progettuale prevede che i finanziamenti di cui beneficia SARAS Raffinerie Sarde siano un contributo in conto impianti a valere sulla Legge 488/1992. con la presentazione della domanda di accesso alla nuova tornata di programmazione. mentre le attività del secondo filone siano finanziate come credito d’imposta grazie alla Legge 388/2000. Il Contratto sarà firmato più di un anno dopo. gli interventi sono suddivisi tra investimenti per l’ammodernamento della raffineria .che non conosceranno modifiche sostanziali nelle riproposizioni successive – e “iniziative collegate”. la terza domanda di accesso del Gruppo alla contrattazione programmata è approvata dal CIPE con delibera del 3 maggio 2001. Le dodici firme in calce al Contratto sono apposte in realtà da tre sole persone fisiche: oltre a Gian Marco Moratti. Questa ipotesi scompare nelle versioni successive del piano. Proprio l’attesa di precise indicazioni sui fondi disponibili e sulla loro entità è.1 Dalla fase di accesso alla stipula del contratto L’iter di negoziazione per questo terzo CdP SARAS ha avvio il 10 maggio 2000.635. tuttavia. “pari complessivamente a lire 752. quanto gli investimenti per le imprese dell’ICT. il 10 giugno 2002. è forse la ragione che consiglia ad una società quale FST. dai responsabili di tutte le 12 società private del Gruppo SARAS coinvolte72 e. abbiamo liberato risorse per il finanziamento di nuove iniziative. 72 62 . di non partecipare all’iniziativa. entrambi con un recente passato di dirigenti di SARAS Raffinerie Sarde. nella ricostruzione compiuta dal proponente. gli altri due firmatari. come controparte pubblica. e FST.3. Fin dalla presentazione della prima versione del piano progettuale (inizio 2001). in cui tutte le iniziative industriali previste per entrambi i filoni attingono alle disponibilità della L. Esaurita l’istruttoria e reperiti i fondi per finanziare le attività. 488/1992. un ritardo che costringerà la parte privata a ripresentare alcuni mesi più tardi un nuovo e definitivo piano progettuale. Gli interventi in quello che abbiamo battezzato secondo filone riguardano investimenti industriali (ampliamento o nuovo impianto). sono Marino Piga per SARTEC e Flamingo ed Alfredo Passino per le società rimanenti. Dalla nuova versione del piano. tra le quali sono raggruppati tanto gli interventi in favore delle società coinvolte nel CdP SARAS 1. alla base del ritardo con cui la domanda di accesso è approvata71. Le vicissitudini del CdP SARAS 3. fuoriescono due beneficiarie contemplate invece nella prima stesura: la non meglio precisata SARAS Lab Blackbox.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 4. dal Direttore Generale del 71 Questa interpretazione è suffragata dalla Delibera di Approvazione della domanda da parte del CIPE.7 milioni (di Lire)” e sanciti dalle delibere del 1 febbraio 2001 e dell’8 marzo 2001. in cui è rimarcato come la revoca dei contributi relativi ai CCdPP in essere con Piaggio e Texas Instruments Italia. 388/2000 per ulteriori 152.

aria compressa-azoto-vapore. dal marzo del 2001. Altri interventi sono finalizzati all’installazione di stazioni di analisi e campionamento degli effluenti gassosi e per il monitoraggio ambientale. Cdp SARAS 3 Domanda-Approvazione Domanda-Stipula 358 761 CCdPP 1996-2003 309 650 Tab. al trattamento dello zolfo e delle acque reflue.55 di sovvenzione pubblica). all’evoluzione del sistema di recupero dei gas di blow down. alla riduzione degli ossidi di azoto. 63 .48).17: Tempi di perfezionamento del contratto. Avviati nel luglio del 2000. alla riduzione delle emissioni.3.2 La fase di gestione I progetti esecutivi per i due filoni sono presentati nel giugno del 2002. nella fattispecie il Mediocredito Toscano (Gruppo Monte dei Paschi di Siena). migliore utilizzo della risorsa idrica e riduzione dell’impatto ambientale dello stabilimento di Sarroch. Ancora una volta. la competenza sull’istituto del CdP è stata trasferita a questo Ministero. gli interventi sarebbero dovuti terminare entro il 2003.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Ministero delle Attività Produttive. Gli investimenti di questo filone incidono per quasi 92 milioni di Euro (41. dagli impianti di produzione (miglioramento della flessibilità di lavorazione delle materie prime e delle prestazioni delle unità di topping. l’istruttoria tecnica sui progetti non avrà possibilità di modificare una decisione già presa73. cracking e alchilazione) a quelli di movimentazione e stoccaggio. è affidata in questo caso alla Banca convenzionata già esecutrice dell’istruttoria sul piano generale presentato alla fase di accesso. quindi. poi ridotti con la modifica del dicembre 2004 a 59 milioni (27. relativa ad interventi che si esauriscono negli investimenti industriali. comparazione CdP SARAS 3-media CCdPP stipulati nel periodo 1996-2003 (Fonte: MAP 2004) 4. infatti. Come ormai usuale. reti di fuel-gas) ai sistemi elettro-strumentali e di approvvigionamento di acqua ad uso industriale (con un importante nuovo impianto di dissalazione delle acque marine). Essi hanno riguardato una serie molteplice di aree dello stabilimento. è stata prorogata di un anno. finalizzati ad ammodernamento e sviluppo del ciclo produttivo. precedendo di pochi giorni la stipula del Contratto. il primo ambito di intervento attiene agli ammodernamenti della raffineria. così come per le altre consociate. ma la scadenza dei lavori. 4. 73 Tale istruttoria. dalle reti di servizio (acqua di raffreddamento.

è che solo le otto imprese del settore ICT sono organizzate in una logica dichiarata di incubatore d’impresa.Visbreaking revamping Benzina Gas GPL Gasolio Carica FCC Oli combustibili pesanti TAR Raffinazione secondaria . attività people intensive per eccellenza). Si tratta di una distinzione strumentale. C6) Kerosene (C9-C14) Gasoli aff (C14-C25) Residui atmosferici (>C26) VACUUM REFORMER CCR .Mild-Hidrocracking miglioramento 1° imp Vacuum Gasolis (C26-C40) Residui (>C40) .Idrodesolforazione .Alchilazione GPL modifiche IGCC Zolfo STRUTTURE AUSILIARIE ammodernamento e realizzazioni RECUPERO ZOLFO (3) Zolfo Vapore Idrogeno Filter Cake Energia elettrica Fig.7: Schema dei processi di raffineria dell’impianto SARAS secondo il piano progettuale del CdP SARAS 3. con l’esclusione della sola FST. dall’altro le otto imprese del settore dell’ICT (SARAS Lab. a prima vista discutibile. Stagira e Xanto). All’interno di questo filone. Vox. Tecne. anche in una logica di outsourcing di funzioni di servizio alla raffineria. le prime tre imprese sono fuse per incorpora- 64 . così da ridurre la media di agevolazione pubblica richiesta per posto di lavoro creato con il CdP. suffragata tuttavia da almeno due ordini di considerazioni: il primo. C2) GPL (C3. cui si aggiungono le nuove nate Thinkware. le unità sottoposte ad adeguamento ed il tipo di intervento realizzato Il secondo filone di intervento. C6) Virgin Nafta hard (C5. Inser.FCC modifica CRACKING .Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS TOPPING revamping Gas incon (C1. a seguito della grave crisi dell’esperienza e delle modifiche intervenute nel CdP. della ricerca legata al core business petrolifero (SARAS Ricerche Srl) e delll’automazione dei processi di raffineria (Flamingo Automation Srl). ma soprattutto puntare su comparti produttivi ad alta intensità di lavoro (tra cui un call center. L’intento dell’operazione è del tutto simile a quello che aveva mosso. 4. anch’esso – è bene ribadirlo ulteriormente – relativo a soli investimenti industriali. il secondo CdP: intentare una diversificazione in ambiti industriali esterni alla petrolchimica. è utilizzato per completare il percorso di consolidamento di tutte le società del Gruppo SARAS nate a partire dal primo CdP. invero con scarsi risultati. in rosso. il secondo è che. si possono distinguere le attività da un lato delle imprese attive nel campo della ricerca e dello sviluppo di prodotti e processi per l’analisi ambientale (SARTEC Srl). Mediatech. C4) Virgin Nafta soft (C5.TAME .

Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS zione in una nuova SARTEC SpA. erogazione di servizi ICT in modalità Application Server Provider per imprese (Xanto). SARAS Ricerche. I progetti esecutivi prevedono infatti l’organizzazione di quattro corsi di formazione (esperto di gestione di sistemi informativi. Flamingo e SARAS Lab. dapprima (23 luglio 2003) il gruppo proponente chiede una proroga di due anni sul termine delle attività. con le ipotesi di sviluppo e gli obiettivi occupazionali prospettati. ma il tracollo di questo filone farà sì che nessuna di queste iniziative. Nonostante il Contratto sia stato firmato da tutte le imprese del Gruppo SARAS coinvolte. tuttavia. da SARAS Lab. mentre le altre otto (con l’aggiunta di FST) andranno a costituire Akhela Srl. ma a stretto giro di posta si vede costretto ad esprimere con senso di responsabilità una formale rinuncia a parte delle iniziative del secondo filone progettuale e delle relative agevolazioni. su cui dovevano confluire i contributi rivolti alle altre società del settore dell’ICT. progettista di software applicativo. Se le iniziative progettuali della triade SARAS Ricerche-SARTEC-Flamingo si limitano al miglioramento delle dotazioni tecnologiche e all’ampliamento della struttura aziendale. - - Agli interventi di carattere meramente industriale. Con delibera CIPE del 14 giugno 2004. non sono realizzabili. in caso di mancato consolidamento. oggi unica società di servizi informatici del Gruppo74. Diviene presto evidente che i piani industriali così come approvati. va ricordato che le tre società che andranno a confluire in SARTEC SpA già ai tempi di definizione del CdP SARAS 3 erano di proprietà di SARAS SpA (Flamingo con una partecipazione all’1% di Sofinter). maggiore interesse assume l’idea di assegnare a SARAS Lab compiti di incubatore privato. sistemi innovativi ed applicazioni per la domotica (Thinkware). è stato deciso che anche le sette società rimanenti dovessero comparire come beneficiarie dirette delle agevolazioni. mentre le società del settore ICT erano partecipate. SARTEC. 388/2000. Ognuna di queste sette società è chiamata quindi a sviluppare un percorso autonomo all’interno del mercato ICT. erogazione di servizi tramite call-center (Inser). collaterali ma integrative al CdP. il CdP SARAS 3 si realizza in tempi di grave recessione per il comparto definito genericamente della new economy. sistemi innovativi di e-learning per la formazione organizzativa (Stagira). 74 A ulteriore conferma che la distinzione non è del tutto pretestuosa. operatore di call center. anch’esso partecipato da SARAS. nonostante i numerosi problemi di rapporti interni tra partner. da liquidare75. Mentre il CdP precedente. sia realizzata. sviluppo software embedded per applicazioni al settore privato.una serie di iniziative di ricerca applicata e di formazione per i nuovi assunti da finanziare attraverso i fondi messi a disposizione dalla L. ingegnere di hardware ed embedded software) da gestire con il coinvolgimento del Consorzio CIFRA. nuove soluzioni e applicazioni nel mercato delle memorie ottiche (Mediatech). con sette start up d’impresa da accompagnare in un percorso di crescita fino alla conquista di spazi autonomi di mercato o. poteva avvantaggiarsi della grande crescita conosciuta in quel periodo dai mercati ICT. per lo più al 100%. soprattutto per l’elettronica automobilistica (Tecne). nel piano progettuale presentato ed approvato era previsto che i beneficiari dei finanziamenti fossero le sole SARAS. 75 65 . si sarebbe dovuta accompagnare – come anticipato . nello specifico: - sviluppo software per applicativi CTI (Computer-Telephone Integration) e riconoscimento vocale (Vox).

È pleonastico notare che.4). con gli ultimi investimenti realizzati meno di un anno fa. si trasformano a seguito della rimodulazione in una cifra vicina ai 405. accogliendo così solo in parte la domanda di proroga del proponente (un anno sui due richiesti). sono decurtati per quasi quattro quinti.3 Il CdP SARAS 3: un tentativo di interpretazione La vicinanza temporale alla conclusione della fase di gestione. con delibera del 20 dicembre 2004. al riguardo.5 milioni di Euro a circa 27. mentre il secondo filone è ridotto ad appena il 30% di quanto previsto come entità degli investimenti. in cambio di un impegno occupazionale per un sesto dei posti di lavoro concordati. dal mese di aprile di quell’anno incorporate in Akhela Srl. A dimostrazione dell’importanza assegnata al primo filone di investimenti. SARAS Ricerche vede confermata l’agevolazione a fronte di un impegno ad aumentare sia gli investimenti (+26%) che l’occupazione (da tre a 10 unità). il ridimensionamento colpisce gli investimenti in raffineria solo per un terzo del totale e con conferma in toto degli impegni occupazionali.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS MAP e CIPE prendono atto delle richieste e.500 Euro della media fatta registrare dai CCdPP della terza generazione e con i 144. la società chiamata a sviluppare i servizi di call center. a gonfiare l’indicatore sono gli investimenti capital intensive in raffineria. con conseguente mancanza assoluta di documentazione ufficiale di monitoraggio ed accertamento.000 Euro.5) a parità di impegno occupazionale per la parte industriale. 66 .000 Euro per posto di lavoro che emergono dalle condizioni contrattuali. Qualora fossero confermate in sede di consuntivo le cifre assegnate in concessione all’atto della riformulazione del piano. mentre dei 249 nuovi posti di lavoro prospettati ne sono confermati appena 12! A prima vista. fissano al 31 dicembre successivo il termine ultimo per gli investimenti. il 79% dei quali a carico del settore pubblico e il 90% dei quali destinati all’ammodernamento della raffineria. finalmente in linea con i 128. la situazione di Inser. o forse della maggiore capacità di produrre progetti di intervento credibili nel proprio core business. cosicché la prestazione in termini di agevolazione concessa per nuovo occupato risulta per l’ennesima volta deficitaria: i quasi 155. il terzo ed ultimo CdP che ha visto come beneficiario il Gruppo SARAS ha significato investimenti per quasi 66 milioni di Euro. mentre a SARTEC e Flamingo è riconosciuto circa un decimo delle agevolazioni previste in sede contrattuale.500 del totale dei CCdPP approvati al 30 giugno 2002 (Cfr Paragrafo 3. rendono complicata una precisa interpretazione dei risultati per il CdP SARAS 3. ancora una volta. 4. Ma la modifica sostanziale consiste nella drastica riduzione delle agevolazioni pubbliche e della controprestazione della parte privata: i finanziamenti per gli investimenti in raffineria si riducono di un terzo (da più di 41. i finanziamenti pubblici per le restanti società del settore ICT. infine. ed il mancato avvio a tutt’oggi della successiva fase di verifica.3. 76 Sintomatica. Le attività a più elevata intensità di lavoro sono cancellate. il cui piano progettuale prevedeva 90 nuovi occupati e che. non conterà mai più di tre addetti. dal 2001 fino alla confluenza in Akhela. sono i numeri di un fallimento76.

Mediatech.89 30. sono riunite in un’unica società. Fin dal dicembre del 2004 è decisa la fusione per incorporazione di SARAS Ricerche e Flamingo Automation in SARTEC.93 59.888 1. quando tuttavia la situazione si inverte e il mercato entra in una spirale recessiva.40 115. al contrario. confermando le intuizioni di Ronald Coase (Nisticò. Il dato incorpora anche i valori di spesa di SARAS Ricerche e Flamingo Automation.48 22 22 1.32 Tab.91 0. l’incidenza dei costi di transazione è tale che. 2005). quali lo sviluppo di servizi per call center. Vox. Akhela ha incorporato le attività di Inser.98 1.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Concessione Raffinerie SARAS Ricerche SARTEC Flamingo New Economy Totale 2° filone Totale AgevoAgevoSpeso Agevolazione Agevolazione Occupaz Occupaz Concessione laz/occupaz laz/occupaz (consuntiprevista (aggiorn) prevista (agggiorn) (aggiorn) 77 (previsto) (aggiorn) vo) Milioni di Euro Unità Migliaia di Euro 91.18: Principali indicatori finanziari del CdP SARAS 3 Un ultimo commento riguarda l’evoluzione conosciuta dalle società del Gruppo SARAS esterne al mercato petrolifero e coinvolte nel CdP.00 54.34 51. non verificabili fino alla conclusione della fase di accertamento. cedono ad Akhela il ramo di azienda relativo al CdP e sono liquidate nel corso del 2005.72 6.28 6. Tecne ed FST. necessitano di condizioni di mercato dinamiche ed in crescita per produrre i propri benefici.55 2. 4.04 154.00 79.37 3 25 36 249 313 335 10 6 25 12 53 75 326.06 33. Akhela Srl. 77 I valori di questa colonna.17 41.38 6.3 3. 78 79 67 .249 2.98 0. Xanto. attiva nei comparti dei monitoraggi ambientali e dell’automazione di processo.2 0. e dell’incubatore d’impresa poi.57 2.67 66.89 0. sono state eliminate. L’idea del distretto prima.79 23. Oggi. con una quota captive destinata a società intra-gruppo che oscilla tra il 65% e l’80%.4 0. sono stati messi a disposizione direttamente da SARAS SpA.93 65.80 1. Starcust.66 0. È questo quanto avvenuto per le realtà del Gruppo SARAS di fronte alla crisi generalizzata. che – per citare le parole di un dirigente SARAS– esulavano completamente dagli interessi e dagli obiettivi produttivi del Gruppo.53 404.26 3. quest’ultima previa liquidazione della quota BNL Multiservizi.33 5.93 15.6 131. entrambe le società vendono i propri servizi sul mercato.14 1. da cui nasce il 1 gennaio 2005 una nuova SARTEC SpA.74 85.99 10.93 3. di inizio 2001.90 98 33.40 20 28.55 27. comprese quelle gestite da FST. Nell’aprile del 2004.4678 3. la risposta strategica va verso l’integrazione delle attività.85 0. che diventa anche beneficiaria delle iniziative legate al CdP79. con una serie di attività integrate orizzontalmente e legate da rapporti di “cooperazione competitiva”. tutte le attività informatiche del Gruppo. e specifica del settore dell’IT. Stagira e Thinkware. Altre attività.

per un numero ristretto di elaborazioni. alcune proxy del reddito individuale quali il valore aggiunto e l’imponibile IRPEF pro-capite) per verificare se siano riscontrabili connessioni rilevanti tra gli andamenti di tali indici e le iniziative programmate o quantomeno se gli interventi dei CCdPP possano essere interpretati come concausa dei fenomeni evidenziati. andando a confrontare le suggestioni emerse dalla interpretazione dei dati censuari e statistici. sia pure conteggiandoli a parte. sono stati considerati questi due ulteriori comuni. l’intento principale di questa ulteriore analisi è comprendere se tali società rappresentino realtà economiche ed occupazionali importanti per il territorio. all’interno del CdP SARAS 1. che hanno veicolato investimenti pubblici e privati per circa 592 milioni di Euro tra il 1992 ed il 2001 nell’area del Golfo degli Angeli80. L’impatto socio-economico dei Contratti di Programma SARAS Come illustrato nel Capitolo 3. ovvero SARAS Raffinerie Sarde. dal punto di vista del decisore pubblico il CdP è uno strumento di sviluppo territoriale. eletto per l’occasione a unità geografica di riferimento. sono stati destinati ad una struttura temporanea a Tramariglio di Alghero. ci si è concentrati sul Sistema Locale del Lavoro (SLL) n. tasso di disoccupazione e di attività.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 5. appartenenti al SLL di Pula. il contesto territoriale preso a riferimento è variabile: nella maggior parte delle elaborazioni. Uta e Assemini). la sola capogruppo mostra un’invidiabile solidità finanziaria. si tratta di un SLL classificato come “Sistema urbano. per saggiarne. una parte dei 28 milioni di Euro del progetto Ambiente. con un’accurata ricerca pubblicata dall’Osservatorio Industriale della Sardegna (Mura 2002). Come si noterà. tipico dei SLL che gravitano su capoluoghi di provincia o città di dimensioni medio-grandi. è motivata dal fatto che le attività relative ai CCdPP SARAS hanno la propria localizzazione in tre comuni (Sarroch. Per questo motivo. attinge per la propria manodopera anche ai due comuni confinanti di Pula e Villa San Pietro. sia pure attraverso la modalità del sostegno ad una particolare iniziativa imprenditoriale di ampia portata. bilanci alla mano. il SLL ed il “SLL allargato” (formato da tutti i comuni del SLL di Cagliari. 763 di Cagliari81. unità locali. sulla realtà locale. Il paragrafo si chiude con una serie di considerazioni sull’impatto economico della “ammiraglia” del Gruppo. infine. esso è composto dall’aggregazione di comuni contigui caratterizzati dall’auto-contenimento dei percorsi giornalieri tra il luogo di residenza e quello di lavoro (De Castris e Pellegrini. Nella seconda parte. è affrontato il tema dell’impatto territoriale dei tre consecutivi CCdPP SARAS. 2005). addetti e valore di importazioni ed esportazioni nei comparti di riferimento. La scelta di questa unità geografica di rilevamento. 68 . 81 Il SLL rappresenta un’unità territoriale definita per la prima volta sulla base del Censimento della Popolazione ISTAT del 1991. finalizzato al miglioramento del benessere economico e sociale di una comunità e di un’area geografica. Nelle pagine che seguono. caratterizzato dalla specializzazione nelle attività di trasporto e di servizio che definiscono le funzioni di rango urbano superiore” (Codice BA1). Lo stabilimento di Sarroch. L’analisi si concentra dapprima sulla ricaduta territoriale degli interventi. tuttavia. il fuoco dell’esposizione si sposta sulle società nate a seguito dei CCdPP SARAS. Nel compiere questa indagine. aggiornata con nostre elaborazioni. con l’aggiunta di Pula e Villa San Pietro) sono stati considerati meno significativi del territorio provinciale. mentre le due società eredi del “secondo filone” si 80 A ben vedere. adottando una serie standard di dati ed indici statistici ufficiali (popolazione residente. tutti appartenenti a questo SLL. lo “stato di salute” a distanza di alcuni anni dall’avvio dell’attività.

con investimenti riconducibili ad essi avviati però nel 1992 e conclusi nel dicembre del 2004.2%). in controtendenza rispetto all’omologo dato provinciale (-1. Secondo i dati del Censimento ISTAT 2001. A3): i soggetti attivi nel SLL sono il 42. incrementi nell’ordine del 15%. 7. È immediato notare come questo capitolo attinga più dei precedenti a dati numerici ed elaborazioni statistiche. conseguente alla crescita di attività terziarie. nella fattispecie Cagliari. mentre il tasso di disoccupazione nel 2001 è del 27. con un aumento superiore ad un quinto tra il 1991 ed il 2001. pensare di potere proporre conclusioni definitive con un orizzonte visuale di così pochi anni. con punte di +25% (Sestu) e +30% (Capoterra).8% (contro il 29. La dinamica che si riscontra è il riflesso sia dello sviluppo economico di questi comuni. molto recente.1 La ricaduta sul territorio Il SLL di Cagliari comprende 32 comuni. Un’ultima avvertenza è necessaria per richiamare l’attenzione sull’intervallo temporale oggetto di studio: i tre CCdPP argomento di questo lavoro sono vigenti a partire dal giugno del 1995. Selargius. con “espulsione” di residenti. 69 . Villa San Pietro e Pula. verso le località della conurbazione. 5. Quartucciu e Quartu . A conferma dell’importanza di quest’ultima. Il tasso di disoccupazione è calcolato comprendendo disoccupati tout court e individui in cerca di prima occupazione. soprattutto. Assemini. il capoluogo vede ridurre il numero dei residenti di quasi il 20%. parziali e puramente indicative. pari al 2. che si tratti di una delle aree più dinamiche di tutta l’Isola. esterni ad essa e da sempre più legati allo stabilimento SARAS. Elmas. proprio Sarroch. vedono aumentare la propria popolazione complessiva del 5%. si tratta di un periodo relativamente limitato e. Se ha ragione Vera Negri Zamagni.Capoterra.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS dibattono in più di una difficoltà. quando afferma che “I processi di crescita economica si misurano sul lunghissimo periodo e venti o quarant’anni sono troppo pochi per modellizzarli adeguatamente”82. A guidare la crescita. tuttavia. soprattutto dei giovani pronti a creare un nuovo nucleo famigliare. non stupisce. nello stesso periodo. sarebbe presuntuoso.1% (contro il 40% della provincia). nei dieci anni considerati vede ridurre i propri residenti di un centinaio di unità. Uta. sono i comuni della cintura di Cagliari . vi risiede quasi il 62% della popolazione provinciale (il 63% quando si considerano anche i due comuni del SLL di Pula) ed il 29% di quella regionale. con una leggera crescita tra il 1991 ed il 2001 (+2%). A1). pertanto. Sestu. Per questo motivo.6% fatto rilevare dalla provincia nel suo com- 82 83 Cfr Negri Zamagni (1990). Il dinamismo dei comuni considerati trova riscontro negli indicatori di attività e disoccupazione83 e nella loro evoluzione (Cfr Appendice A.che fanno registrare nei 10 anni intercorsi tra i due ultimi appuntamenti censuari. tra cui il capoluogo regionale e tutte le municipalità della sua conurbazione. al fine di evitare che la doverosa completezza delle argomentazioni vada a scapito della leggibilità del documento. questo patrimonio di informazioni è raccolto in un’apposita Appendice. Tab. ancor prima che irrealistico. le interpretazioni contenute nelle pagine che seguono non possono essere considerate altro che storte sillabe. pg. tanto che c’è chi ne mette in dubbio la sopravvivenza nel lungo periodo. i comuni di Sarroch. cui si rimanda più volte lungo il testo per consultare gli indici e le tabelle citate nel corso della trattazione. sia della saturazione tipica dei centri più importanti.5% totale (Cfr Appendice A. Tab.

il 64% delle unità locali ed il 65% degli addetti nel Manifatturiero (69% delle unità locali e 36% degli addetti per il Manifatturiero ristretto). 274. il SLL. con il capoluogo nettamente al primo posto di questa speciale graduatoria (più di 38. consente commenti ulteriori: tra il 1996 ed il 2001. 274. escluse macchine e impianti).1%). 84 Nella fattispecie. 285 (Trattamento e rivestimento metalli. Informatica.000 Euro appartengono al SLL. mostra in termini assoluti un imponibile medio per contribuente netto attorno al valore di 33. imbutitura. tali indicatori sono il Valore Aggiunto pro-capite al lordo SIFIM 1996-2001 e l’Imponibile per contribuente netto 1998-2000 (Cfr Appendice A.3 (Produzione zinco. A4) I comparti sono stati aggregati nella seguente maniera.4 (Produzione di rame e semilavorati). Manifatturiero: codici ISTAT 25 (Articoli in gomma e materie plastiche). metallurgia delle polveri). Se si considera il comune di Sarroch. 28 (Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo.000 Euro). La lettura dei dati sulle unità locali mostra la preponderanza del terziario. Manifatturiero (sia generale che “ristretto” ai comparti maggiormente legati alle attività collegate alla realtà della raffineria) e Ricerca85 i comparti interessati dai CCdPP SARAS.8%).11 (Fabbricazione macchine sollevamento e movimentazione). compresi l'installazione). il secondo tra il 2000 ed il 2001 (+7. 274. sede degli stabilimenti SARAS e fornitore della quota più elevata di manodopera (soprattutto di forza lavoro operaia).2 (Fabbricazione pompe e compressori). l’82. 272 (Fabbricazione tubi). stampaggio e profilatura metalli. tuttavia. il valore registrato è leggermente al di sotto delle medie del SLL per quanto concerne l’imponibile pro-capite ed il suo incremento nel periodo considerato (rispettivamente 28. Ricerca: codice ISTAT 731 (Ricerca nel campo delle scienze naturali. il settore complementare è rappresentato dall’Industria. che fa registrare un incremento a livello di SLL del 17% (di un punto percentuale inferiore al corrispettivo provinciale). si riduce in misura minore all’interno del SLL (-5%) che a livello provinciale (-9%).4% delle unità locali e l’88% degli addetti nell’Informatica. Informatica: codici ISTAT 722 (Fornitura software e servizi collegati).430). anche quando allargato a comprendere i due comuni dell’area di Pula. se si identificano in Raffinazione petrolifera. 724 (Attività nelle Banche dati). serbatoi e contenitori in metallo). 292. sia per quello che riguarda il SLL (81% delle unità locali e 72% degli addetti nello stesso anno). 291 (Fabbricazione macchine e apparecchi per produzione e utilizzazione dell’energia meccanica). D’altro canto. Tabb. Il dato trova riscontro nell’indicatore sull’imponibile calcolato tra il 1998 ed il 2000.21-Fabbricazione e installazione di macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione. con due momenti di boost: il primo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS plesso). 275 (Fusione metalli). 273 (Altre attività di prima trasformazione ferro e acciaio e produzione di ferroleghe non CECA). a ciò va aggiunto che i sei comuni della provincia con imponibile superiore ai 30. l’87% delle unità locali ed il 91% degli addetti totali nel comparto della Ricerca. 283 (Fabbricazione generatori di vapore).5 (Produzione altri metalli non ferrosi e semilavorati). il valore aggiunto pro-capite del SLL aumenta di quasi un quarto. superiore al dato provinciale (30.530 Euro e +12.1 (Fabbricazione e installazione fornaci e bruciatori). di acciaio e di ferroleghe CECA. la disoccupazione totale nel periodo. con il primario ridotte a dimensioni esiziali (Cfr Appendice A. 31 (Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici). A2). piombo. 726 (Altre attività connesse). 282 (Fabbricazione cisterne. Raffinazione: codice ISTAT 232 (Fabbricazione di prodotti petroliferi raffinati). lavorazioni di meccanica generale per conto terzi). 27 (Produzione di metalli e loro leghe). Il manifatturiero ristretto aggrega i seguenti codici: 271 (Produzione di ferro. 85 70 . 291. 292. 274. In entrambi i casi. sia a livello provinciale (dove il 77% delle unità locali ed il 65% degli addetti nel 2001 afferisce al settore). 723 (Elaborazione elettronica di dati). stagno e semilavorati). 30 (Fabbricazione di macchine per ufficio ed elaboratori). tra il 1996 ed il 1997 (+6. 284 (Fucinatura. Tabb.2 (Produzione alluminio e semilavorati). matematiche ed ingegneristiche). 292.000 Euro.5%). risiedono nei comuni del SLL di Cagliari. La ricostruzione degli indicatori sul reddito84. i dati del censimento 2001 confermano per ciascuno di essi la centralità del SLL di Cagliari all’interno del contesto provinciale: il 93% delle unità locali ed il 100% degli addetti nella Raffinazione. 29 (Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici.

di dimensioni simili tra SLL e provincia (+106/108% per le unità locali. Tab. +78% per gli addetti. riguarda la comparazione tra la performance economica del SLL nel suo complesso. Poco significativi.387 a 2. Raffinazione e Manifatturiero ristretto. dati molto simili che divaricano. tuttavia. ciò che significa l’assorbimento quasi totale dei servizi lavorativi nel comparto da parte di SARAS (1. così come dalla stessa realtà della raffineria di Sarroch. per il 75% del loro valore rappresentate da prodotti petroliferi. Tabb. invece. si accompagna una riduzione di addetti addirittura del 62%. vero indotto dell’attività di Raffinazione (Cfr Capitolo 1). mentre gli addetti si riducono del 25%. d’altronde. e di quella di Sarroch . alla fine del periodo considerato.le unità locali passano da nove a quindici (+56%). sembrano scarsamente influenzati dalle iniziative dei tre CCdPP SARAS. così come non va dimenticata la rilevanza di un’impresa capace di offrire occupazione diretta a più di 1. importazioni ed esportazioni (queste ultime di dimensione dalle tre alle cinque volte superiori alle prime). risultano essere quelli della conurbazione cagliaritana (Elmas. I dati statistici sin qui citati. nei comuni di Assemini ed Uta. per il quale il 2001 sembra essere stato l’annus mirabilis (+7. Capoterra. un altro dato su cui riflettere.comprensivo dell’area industriale di Macchiareddu. risultato quest’ultimo ben peggiore del corrispettivo provinciale.5 volte (Cfr Appendice A. in ogni caso. il dato assoluto fa registrare 1.000 dipendenti. il cui export è aumentato tra il 1996 ed il 2003 di 42. con indicatori di benessere socio-economico in netto miglioramento negli ultimi anni e nella maggior parte dei casi più soddisfacenti del corrispettivo provinciale.2). Diversa la situazione per le attività industriali. caratterizzata da modesta dimensione degli scambi e fluttuazioni schizofreniche da un anno all’altro. addirittura +402% nel SLL). tra il 1991 ed il 2001 l’incremento di unità locali nel comparto della Ricerca (+324% a livello provinciale e +328% a livello di SLL). il valore dell’import è più che raddoppiato rispetto al 1991. fortemente interconnesse poiché questo secondo comparto è stato costruito accorpando una serie di servizi e produzioni potenzialmente collegate alle attività di manutenzione degli impianti. ad una crescita nel numero di unità locali del SLL di quasi il 42%. in primo luogo. tuttavia. A5): i prodotti della Raffinazione tra il 1996 ed il 2003 hanno conosciuto forti oscillazioni.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Di eccezionale rilevanza. raccontano di una realtà territoriale in grande movimento. mentre l’export è quasi triplicato. Notevole anche la crescita nel comparto dell’Informatica. L’importanza della Raffinazione petrolifera per l’economia locale è ulteriormente confermata dai dati sul commercio estero (Cfr Appendice A.479 unità in 10 anni). è indubbia la crescita di importanza del comparto. gran parte di questi indicatori. invece. Nel comparto della Raffinazione. hanno seguito andamenti simili nel corso del periodo 1991-2003 per quota sui totali provinciali e incremento percentuale da un anno all’altro. passati da 1. quando si vanno a considerare gli addetti (+129% nella provincia. A quest’ultima vanno indubbiamente ascritti i meriti degli importanti risultati fatti registrare dalle esportazioni provinciali.020 unità registrate nell’anno considerato). Per quanto concerne queste ultime. a dimostrazione che anche a livello locale il comparto risente maggiormente della congiuntura internazionale piuttosto che degli investimenti conseguenti ai CCdPP.190 unità occupate. i dati relativi alla bilancia commerciale di prodotti e servizi informatici. assorbendo di fatto l’intero fabbisogno provinciale del comparto. va poi aggiunto che i comuni più dinamici e con migliori prestazioni degli indicatori di reddito. all’interno del SLL . si caratterizza come area a netta prevalenza di attività terziarie.5% del valore aggiunto 71 . sembrano suggerire una minore connessione tra le sorti di SARAS e quelle del territorio considerato: il SLL. A5. Sestu) e non quelli a maggiore connotazione industriale e limitrofi alla raffineria (Sarroch e Villa San Pietro). mantenendo tuttavia una quota compresa tra il 66% ed il 75% del valore dell’export provinciale. Altri dati.

7 milioni nel 1999. Tab. Cfr Mura (2002). Alla fine.4 milioni di Euro.3 milioni di Euro nel 1996). I risultati che emergono sono sorprendenti: la gestione ordinaria dello stabilimento. hanno determinato l’attivazione di 73. il triplo rispetto al dato 1996). I costi per il personale. con ricaduta in comparti riconducibili per lo più alla manutenzione degli impianti.1: Stima delle ricadute dell’attività SARAS in Sardegna. Pg. per un fattore moltiplicativo che oscilla tra 1. 1996 Costi di gestione Investimenti Costo personale SARAS Imposte Totale Totale 57.6387.38 38.58. cresciute a 97. e SARAS SpA.63 Tab.28 192. La percentuale di investimenti SARAS. 5. Lo studio ha preferito adottare per questa categoria di uscita il valore del 1999. ritenute IRPEF. spese per il personale.58 1. 73. delinea alcune tendenze di cui è bene dare conto.25 60. Le imposte. C2).66 Totale 75.ogni Euro che SARAS spende per acquistare servizi di manutenzione da un’impresa sarda.64 . 87 Le imposte considerate sono: IVA.64 1. ciò che ha reso fuori scala la misura complessiva della ricaduta fiscale (231. supponendo che quelle versate da SARAS a livello locale vadano a finanziare per intero la spesa pubblica degli enti territoriali sardi.9 milioni di Euro a livello locale nel 1996.66 e 1. Valori Assoluti (milioni di Euro) e moltiplicatore.59 1. anziché quello del 2000. D’altro canto. con un valore moltiplicativo pari a 1.90 73. infine. va rimarcato che l’evoluzione conosciuta dai prezzi dei prodotti petroliferi negli ultimi anni ed il recente accordo tra Stato italiano e Regione Sarda sulla ripartizione della raccolta fiscale (relativo in particolare al godimento delle accise sui combustibili). inducono a ipotizzare un ben più ampio impatto di questa voce oggi sull’economia regionale e locale. imposte e tasse) in due momenti temporali ravvicinati (il 1996 ed il 2000). partendo dall’ipotesi che l’87% del reddito percepito sia destinato a beni di consumo. lo studio stima gli impatti diretti ed indiretti di quattro ambiti di spesa di SARAS (spese per la gestione ordinaria. attivano 30. IRPEG. Utilizzando un modello a interdipendenze settoriali basato su una matrice input-output à la Leontieff86.4 milioni di Euro. 2002) Stanti queste imputazioni. tasse d’imbarco e sbarco. investimenti.94 97.6 milioni di Euro nel 1996.65 1. produce 64 centesimi di indotto – generando secondo le stime un reddito complessivo pari a 57.72 (dato ’99) 272. che in quello stesso 2001 ha conosciuto una riduzione di fatturato di quasi il 25% rispetto al 2000 (Cfr Appendice C. Nonostante questi dati instillino qualche dubbio sull’effettiva centralità di SARAS per l’area. l’impatto complessivo degli investimenti realizzati nel 2000 è pari a 60. altre imposte. anni 1996 e 2000 (Adattato da Mura. rimarcando nel saggio citato i principali errori e le omissioni in cui si rischia di incorrere con il suo impiego. perché in questo secondo anno la lievitazione congiunturale dei prezzi ha indotto un forte enfiamento dell’IVA.58 1. la crescita media annua delle ricadute totali della spesa SARAS tra il 86 Gli autori della ricerca non nascondono i limiti scientifici di un approccio di questo tipo.56 31. il più volte citato saggio di Mura (2002) sull’impatto economico del gruppo di Sarroch in Sardegna.06 30. cresciuto a più di 75 nel 2000. cui si aggiungono a cascata altre attivazioni dirette ed indirette. cresciuti a 39 nel 2000. che ricade sulle imprese locali è cresciuta dall’11% del 1996 al 17% del 2000.29 2000 Moltiplicatore 1.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS pro-capite rispetto all’anno precedente). produce un effetto moltiplicativo pari a 1.58 1. 72 .80 Moltiplicatore 1.

SARAS SpA Raffinerie Sarde.00% 109.805 3.000 3. infine.4). Valori assoluti in migliaia di Euro (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) 120. 1999-2004.000 4.000. ha recuperato interamente.00% 40.533.86% 100.53 miliardi di Euro).000 2.una forte flessione nell’anno successivo (-24%). e non solo sul sostegno alla competitività dell’impresa.40% 11.00% 2000 2001 -24.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 1996 ed il 2000 è quasi del 9%.622. ha conosciuto – come molte imprese attive in comparti esportatori .914 739. perché sembra confermare l’intuizione secondo cui anche il grande insediamento petrolchimico riesce ad attivare un indotto locale. sia pure sui generis (Cfr Paragrafo 1.864. in secondo luogo.00% 60.000. facendo registrare nel 2004 un nuovo record di fatturato (4. 5.12% 9. ma poi i benefici finiscono a Milano”.401 772.00% 0. dopo avere più che raddoppiato il fatturato nel 2000 rispetto all’anno precedente.800 4. SARAS SpA Raffinerie Sarde.000 4. Quest’ultimo dato assume una particolare rilevanza per una serie di motivi: innanzi tutto. complice anche l’esplosione dei prezzi dei prodotti petroliferi.800 4.00% -40.000 713.65% Fatturato Immob lorde 2002 17.566. è una società in grande salute.90% 9.000.00% 20. 2000-2004.405.288 2. perché getta nuova luce sulla ricaduta potenziale sul territorio.000. secondo cui “SARAS ottiene agevolazioni per il fatto di operare in Sardegna.00% 80.60% 2003 Fig.390 500.905 1. Valori % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) 73 .00% -20.500.500.000. perché fa giustizia di una vulgata sempre più diffusa a livello locale.1: Fatturato ed immobilizzazioni lorde. SARAS SpA in conclusione.127. dei finanziamenti concessi con i CCdPP. 5. dal 2001.000 487.000 0 1999 2000 2001 2002 2003 2004 Fatturato Immob lorde Fig.000 2.500.500.50% 2004 3.84% 4.61% 44. trainata principalmente dalla crescita dell’impatto degli investimenti (+19% medio annuo).839 575.40% 13.235 3. 5.000 1.000 2.2: Fatturato ed immobilizzazioni lorde.879 1.057 629.

000. La capacità di SARAS di produrre reddito.00 544.800.3% -30.000. Dalla comparazione dei dati di bilancio riclassificati 2003-2004. in favore di quelli di carattere finanziario. il valore aggiunto della produzione riconducibile all’impatto dell’attività SARAS.183.528. solo tre sono ancora operanti nell’anno 2005: la prima è SARTEC – SARAS Ricerche e Tecnologie SpA.000.600.95 639.00 145.626. di SARAS Ricerche e Flamingo Automation.000.183.000. nel 2000. segnalano come il ROI sia pari al 126. o quantomeno con l’importante ammodernamento del capitale fisso permesso da tale istituto negli anni passati. il Valore Aggiunto del 57%. 2002).00 395.000.00 . emersa dalla incorporazione all’interno della precedente SARTEC Srl.3% 4. ma soprattutto con la nascita di Sarlux. MOL e gestione Caratteristica addirittura del 77% e del 152%! 2003 2004 51.000. ha portato SARAS ad assommare partecipazioni finanziarie in nuove società.3).8% 8.700. sempre all’interno del Gruppo.000.533.02 40.549. vi è Akhela Srl.000. C4).127.00 51.400.9% -34.2 Le società nate dall’esperienza dei Contratti di Programma Delle numerose società nate tra il 1995 ed il 2001 a seguito dei CCdPP SARAS.77 404. si riversa in buona parte sulla struttura produttiva locale e sul sistema nel suo complesso.000.00 308.00 4% 9% . è stimata nello 0. entrambe le società hanno sede aziendale e legale nella zona industriale di Macchiareddu.23 4.000. emerge una crescita notevole di tutte le poste rilevanti: a fronte di un incremento di Fatturato del 10%. mentre i ricavi sono più di 42 volte il costo del personale.800.000.00 157. l’Utile aumenta del 66%.00 4.00 240.900.100.00 409. una stima che non tiene conto degli ulteriori investimenti operati dal Gruppo in quel periodo per la realizzazione dell’impianto IGCC e l’avviamento di Sarlux (Cfr Paragrafo 2.8%.39 0.458.5% 126. dal 76% del totale delle immobilizzazioni nel 1999.000.013.43% del totale regionale (Mura. Tabb. cresciuti nello stesso periodo dal 22% al 41% del totale e triplicati in termini assoluti (Cfr Appendice C. mentre la diversificazione avviata grazie ai CCdPP.00 0. 5.100. 74 . che ha riassunto in sé le esperienze delle 11 società del comparto ICT sorte in occasione del secondo e del terzo CdP.91 42.00 650.2: Principali indicatori finanziari di SARAS SpA.8% 34.000.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS La società ha visto progressivamente ridursi gli investimenti in impiantistica (immobilizzazioni materiali).100. 5.841. la necessità di intervenire sulla parte impiantistica sembra meno impellente.200. Con il venir meno dell’opportunità del CdP.00 4.000.8% 3. Anni 2003 e 2004 Gli indici costruiti a partire di questi dati.57 14% 9% 24% 31% 65.888.65 Dati di bilancio Margini Indici solidità Indici indebitamento Indici redditività Indici produttività Capitale sociale Fatturato Utile Valore Aggiunto Margine Operativo Lordo (EBITDA) Gestione Caratteristica (EBIT) Reddito Operativo/Fatturato Margine di Struttura Copertura netta indebitamento Debt/equity Ratio Indipendenza finanziaria Return On Investments (ROI) Return On Sales (ROS) Return On Equity (ROE) Return On Debt (ROD) Fatturato/dipendenti VA/dipendenti Ricavi/costi personale Tab.082.7% 9.000. al 57% nel 2004.

nell’intento di fornire alcune indicazioni sulla solidità finanziaria e. Nelle pagine che seguono si tenterà di offrire un quadro della situazione di queste imprese. mentre la SARTEC vera e propria è scesa nell’ultimo anno sotto la soglia dei 70 addetti (Cfr Appendice C. SARTEC ha incorporato le attività di altre due società del Gruppo. nell’ultimo quinquennio. 5. La nuova società. quest’ultima con una storia aziendale meno tributaria dell’esperienza dei CCdPP. di conseguenza. è aumentato con continuità tra il 1999 ed il 2004. 75 . Ricerche. passando da 75 a 141 (+48%).Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Fig. è oggi ripartita in tre divisioni operative. exSARTEC Srl.2. senza l’opportunità offerta dall’istituto del CdP non sarebbero state costituite o non avrebbero conosciuto una simile evoluzione. fondata per gestire le iniziative del “secondo filone” del CdP SARAS 2 e liquidata la partecipazione SARAS già nel corso del 2000. è ancora attiva Atlantis Spa. 5. che richiamano la specializzazione delle incorporate: Tecnologie.1 SARTEC SpA Nata in occasione del primo CdP. in cui sono localizzate SARTEC SpA ed Akhela (Foto: Google Earth. C1). ex-SARAS Ricerche. sulle prospettive future di società che. a detta degli stessi responsabili SARAS. Automazione. e di quelle da cui esse originano. seguito dall’area Ricerche (da 19 a 41 addetti nel periodo). fondata il 10 dicembre 2004. Tab. con sede legale a Pula (all’interno del Parco Tecnologico della Sardegna) ed una seconda sede aziendale a Monreale. 2005) Infine. che fino al 2001 si fondava esclusivamente sulla società del comparto Tecnologie e su quella attiva nel settore della Ricerca. divisa tra i comuni di Uta e di Assemini. ex-Flamingo.3: L’area industriale di Macchiareddu. Il numero di addetti di quest’area. SARAS Ricerche e Flamingo Automation. Atlantis è oggi una società specializzata nello sviluppo di applicazioni software per enti locali. l’incremento è ascrivibile in primo luogo alla crescita del settore Automazione. che conta oggi 32 addetti (20 dei quali assunti nell’ultimo anno).

Dopo una forte espansione iniziale. a testimonianza – in mancanza di partecipazioni azionarie dell’importanza dell’acquisizione di brevetti per questo ramo di attività.066 9. 25.000 15. a lungo vero e proprio centro studi e di sperimentazione del Gruppo: nei primi anni di attività. come testimoniato dalle elevate spese in immobilizzazioni materiali. La quota di immobilizzazioni meno rilevante è quella relativa alle partecipazioni finanziarie. essa ha curato l’allestimento dei laboratori. 5.5: Fatturato ed Immobilizzazione lorde Area SARTEC. ossia il comparto che ha raccolto l’eredità di SARTEC Srl.691 8. 2005) Nel periodo considerato.330 19. notevole. Merita un commento l’evoluzione di SARAS Ricerche. Valori assoluti in migliaia di Euro (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) 76 . e solo dal 2001 in avanti iscrive a bilancio anche immobilizzazioni immateriali (Cfr Appendice C.124 Fig.676 8. 5.905 2. Lai.000 10.686 8. è sempre stata quella che oggi si configura come la Divisione Tecnologie. C4).4: Lo stabilimento SARTEC a Macchiareddu (Foto: E.710 16.000 20.409 12. Tabb. 1999-2004. il fatturato è aumentato di sette volte.000 0 1999 2000 2001 Fatturato 2002 Immob lorde 2003 2004 4. appena al di sotto del picco raggiunto nel 2000. invece.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Fig.674 10. l’incidenza delle immobilizzazioni immateriali. A trainare il risultato in termini assoluti.841 6. pur conoscendo nel 2002 e nel 2004 annate di forte contrazione (-12% e –15% rispettivamente). le immobilizzazioni lorde si mantengono nello stesso periodo su un valore costante.000 5.103 9.

Se la situazione finanziaria non sembra destare gravi preoccupazioni (margini di tesoreria e indici di indebitamento mostrano valori non problematici).73. ciò che impone un intervento di ricapitalizzazione da parte del socio unico. il valore della produzione è stato per essa pari a circa 3. nonostante il valore della produzione si mantenga vicino agli 11 milioni di Euro. infine. 5. il peggioramento della gestione caratteristica trascina con sé gli indici di solidità e redditività. derivante per lo più dalla fornitura di servizi di ingegneria specialistica alla capo-gruppo. con performance in caduta in particolare per l’EBITDA interest coverage (da +5. ha conseguito un Margine Operativo Lordo (MOL) negativo.00% 150.00% 88.20% -15.00% 200.84% 84. Valori % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) La comparazione dei dati del bilancio societario. 2000-2004.07 a –4.00% 0. che si era chiuso.00% -5. pur avendo contribuito al fatturato complessivo per circa 2.50% 2003 2004 Fatturato Immob lorde Fig.7%). ROS (da un esiziale –0.000 Euro. opportunamente riclassificato. Alla contrazione di fatturato dell’ultimo anno (-15%). tuttavia. 77 . Maggiore responsabile della perdita è la divisione Tecnologie (a sua volta strutturata in un’area Ambiente ed una Industria). anche la divisione Ricerche.71% 2001 2002 0.00% 2000 -50. producendo così gran parte della perdita d’esercizio. Area SARTEC. relativi agli ultimi due esercizi disponibili (2003 e 2004). La divisione Automazione ha conseguito un risultato positivo. anche la gestione caratteristica della società mostra un grave peggioramento tra il 2003 ed il 2004.6: Fatturato ed immobilizzazioni lorde. con una perdita di appena 126.60% 100. Infine.5 milioni di Euro. Una rapida lettura dei principali indicatori finanziari a partire dalle riclassificazioni di bilancio operate. l’opera di compressione dei costi di gestione non è riuscita a controbilanciare la riduzione del volume d’affari.45% -7. con un deficit ampliatosi di ben 20 volte e un rapporto tra reddito operativo e fatturato passato dal –1% al –18%.20% -11.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 250. fa riscontro una perdita di circa tre milioni di Euro.40%-6. anche gli indicatori sulla produttività del personale. pari al 67% del totale della società. superando le aspettative e confermando la propria tendenza di crescita. pari a quasi il 17% del valore della produzione e all’82% del Capitale sociale.2 milioni di Euro. un valore leggermente superiore a quello del 2003. consente di confermare alcuni problemi gestionali per SARTEC: oltre al MOL.21% 100. consente un’ulteriore serie di considerazioni.00% 50. ROI (da –7% a –30.00% 210.8% a quasi –18%) ed un turnover vendite per capitale netto investito che da un valore vicino a 9 scende a 1.17). il deficit bissa l’esito negativo dell’anno precedente. In peggioramento.

000. mira al raggiungimento di un MOL di equilibrio grazie allo sviluppo di attività orientate all’innovazione ed al miglioramento di prodotto. Anni 2003 e 2004 Tra gli obiettivi dichiarati per il 2005.054.00 16.00 .77 -4.0% 150.580.3: Principali indicatori finanziari di SARTEC SpA.49 32.600.103.469.674.126.07 2% 10% -6. 5.1.600.259.98 -9.87 -18.00 4.73 -32.753.00 .2.62 4.00 712.16 3% 29% -30.7% -17.267. così da ridurre la quota di fatturato direttamente imputabile alla cessione di beni e servizi intra-gruppo.511.560.604.00 0.00 .954. 5.2% -161.216.292.600.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Dati di bilancio Margini Indici solidità Indici indebitamento Indici redditività Indici produttività Capitale sociale Fatturato Utile Valore Aggiunto Margine Operativo Lordo (EBITDA) Gestione Caratteristica (EBIT) Reddito Operativo/Fatturato Margine di Struttura Margine di Tesoreria Copertura netta indebitamento EBIT interest coverage EBITDA interest coverage Debt/equity Ratio Indipendenza finanziaria Return On Investments (ROI) Return On Sales (ROS) Turnover Return On Equity (ROE) Return On Debt (ROD) Fatturato/dipendenti VA/dipendenti Ricavi/costi personale 2003 3.683.304.8% 8.00 . che tuttavia non raggiungeranno mai la maturità.31 37. la quasi totalità dei servizi prodotti dalla divisione Tecnologie-area Industria e dalla divisione Automazione sono ceduti a SARAS e alle altre società del Gruppo.685.1% 144.636.00 -1% .11 2.00 .00 1.030.2.2 Akhela Srl Fino all’avvento di Akhela Srl.608.606. Grandi aspettative sono riposte in una serie di accordi per la fornitura di strumentazione di monitoraggio ambientale al Ninghbo Zhongmao Group e nel consolidamento della neo-costituita Dadi-Encon.329. ancora in difficoltà per gli elevati costi di ammortamento della struttura produttiva.9% -0.244. La divisione Ricerca. joint-venture italo-cinese per la commercializzazione in Asia di sistemi ambientali prodotti da SARTEC.00 1.14 -0.00 1.00 4.711.0% 54.195. stimato pari al 70% del totale nel 200488.94.223. l’area della new economy in SARAS si fonda sostanzialmente su due soggetti forti ed una serie di comprimari e società di belle speranze.1. 78 .52 2004 3.002. 88 Di fatto.000.2.7% 1.84 Tab. che a partire dal 2004 riassumerà in sé tutte le attività dedicate del Gruppo.90 5.00 -18% . la società segnala il rafforzamento della propria posizione sul mercato nazionale ed estero.00 16.186.

localizzata sempre a Macchiareddu.000 Euro). 90 89 Negli anni 2002 e 2003.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Fig. ancora soggetta a fluttuazioni del fatturato e caratterizzata da risultati di gestione fortemente negativi. 2005) Dal punto di vista operativo. Nei cinque anni in cui è stata operativa. 5. Anche in questa maniera. in cui la neonata società sostituisce Atlantis come holding per le società informatiche del CdP SARAS 2 (Cfr Paragrafo 4. salvo poi far registrare un nuovo record (82%) l’anno successivo. ultimo di attività prima di essere assorbita in Akhela. la necessità di riadattare le dotazioni strumentali ed il trasferimento in una nuova struttura. pari a 393. si spiega il mancato consolidamento dell’attività. solo in una occasione (2002) FST è scesa al di sotto del 50% delle immobilizzazioni immateriali dell’area new economy. spiegano l’incidenza elevata delle immobilizzazioni materiali (85. che si afferma ogni anno come la società intra-gruppo del comparto con la quota di immobilizzazioni immateriali di gran lunga superiore89. Allo stesso modo.3). Lai. Il comparto dell’ICT è per tutto il periodo in fase di “costruzione”. sebbene la forbice tra i due dati vada riducendosi. con la percentuale rimanente di fatto assorbita da FST (36% e 33%). 79 . SARAS Lab si impone come soggetto di controllo delle società del Gruppo specializzate nell’ICT. Quando a queste società subentra Akhela (2004).2)90. e nella forte esposizione in immobilizzazioni materiali negli anni successivi. Paragrafo 4. il soggetto capace di trainare gli investimenti è la Fabbrica Servizi Telematici (FST).4%).7: Lo stabilimento Akhela a Macchiareddu (Foto: E. quando SARAS Lab assume il ruolo di incubatore per le altre realtà coinvolte nel terzo ed ultimo CdP (Cfr. SARAS Lab fa registrare rispettivamente il 52% ed il 67% delle immobilizzazioni materiali dell’area new economy.2. oltre che con le difficoltà generali del settore a livello internazionale. ciò è evidente nell’elevata dimensione delle immobilizzazioni finanziarie per l’anno 2000.8% del totale. come testimoniato dalla netta superiorità del valore delle immobilizzazioni rispetto a quello del fatturato.3. sebbene stupisca l’assoluta trascurabilità di una posta rilevante quale quella relativa alle immateriali (appena il 2.

00% 100. La politica del personale condotta dalla società nel suo primo anno di vita. Anche in questo modo.00% Fatturato Immob lorde 2000 2001 52. Akhela ha proceduto ad un poderoso piano di ristrutturazione e rilancio. il dato è ancora più rilevante per il contesto regionale. Tab.000 35. 2000-2004.00% -100.000 5. 250.10% 2003 48.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 40.000 0 1999 2000 2. Valori % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) Al suo primo anno di attività.448 22.48% Fig. dove la media occupazionale per il comparto IT si attesta a 2. tuttavia. le azioni intraprese hanno comportato un netto miglioramento della presenza sul mercato ed un migliore e più puntuale controllo della gestione dell’azienda.20% 210.211 23.000 25. l’area new economy del Gruppo ha visto ridurre la propria occupazione con continuità negli anni successivi (Cfr Appendice C.000 20.000 30. ma non ha prodotto i risultati attesi sotto il profilo del risultato operativo.00% -9.871 30. fa d’altro canto prevedere un’ulteriore contrazione dell’occupazione per gli anni a venire.00% 200. Valori assoluti in migliaia di Euro (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) Raggiunto nel 2001 il picco di 282 addetti.594 35.00% 29.83% 35.00% 150.414 7.896 7.60% 25.97 addetti (Manca et alia.00% -50.00% 50. caratterizzato a livello nazionale da una media di 72.000 15.5 addetti per il comparto IT.82% 2002 -37.384 11.804 9.18% 2004 -54. con gli attuali 180 addetti Akhela si pone come realtà di assoluto rispetto del settore.20% -14.941 10. 5. C1). 2004). 1999-2004.558 13.993 2001 Fatturato 2002 Immob lorde 2003 2004 Fig.9: Fatturato ed immobilizzazioni lorde Area New Economy.00% 0. con incentivi all’uscita – sia pure rivolti ai profili privi delle competenze necessarie per la realizzazione dei prodotti/servizi da lanciare sul mercato – e maggiore ricorso a contratti flessibili.495 18. 5. 80 .8: Fatturato ed immobilizzazioni lorde Area New Economy.000 10.3 addetti per l’ICT e addirittura di 5.

Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Ad un valore della produzione di poco inferiore agli 11 milioni di Euro.19 -389.798.295.000. pertanto è superiore a 5.7 milioni: la cifra è sorprendente. mentre anche utili91.326.013.59 1. se si pensa che si tratta di un valore superiore al 60% del fatturato e di sei volte superiore al capitale sociale versato! Di fronte a cifre di tale entità.254.000.532. 91 Il computo dell’utile. infatti.06 292% 22% -50.000.00 -8.03 17.731. si avvantaggia di un artificio finanziario che consente di assegnare all’esercizio 2004 un anticipo di imposte su futuri redditi pari a 4.2% 0. in quanto supportata da un aumento degli ordini anche per l’esercizio 2005. e ST Microelectronics) rispetto a quelli dell’esercizio precedente. l’equilibrio economico della società.5 milioni di Euro.381.00 -263% .7 milioni di Euro (erano 25.804.2% 60. la vera perdita prodotta nel 2004. Anni 2003 e 2004 La lettura dei principali indicatori.087.00 3.770.442.00 -72% 329.972.00 158% 33% -57.00 5. per l’esercizio 2005. MOL e gestione caratteristica si mostrano in crescita.00 -7.024.3% -71.6% 0.56 -33.40 -4.00 -28.17 -23.7 milioni di Euro.4: Principali indicatori finanziari di Akhela.127.10 -16.766.812.841.000. in linea con quanto fatto registrare da EBIT ed EBITDA. Allo stesso modo.3 per le società del comparto nel 2003).1% -263. se.646.00 9.153. 2003 Capitale sociale Fatturato Utile Valore Aggiunto Margine Operativo Lordo (EBITDA) Gestione Caratteristica (EBIT) Reddito Operativo/Fatturato Margine di Struttura Margine di Tesoreria Copertura netta indebitamento EBIT interest coverage EBITDA interest coverage Debt/equity Ratio Indipendenza finanziaria Return On Investments (ROI) Return On Sales (ROS) Turnover Return On Equity (ROE) Return On Debt (ROD) Fatturato/dipendenti VA/dipendenti Ricavi/costi personale 3. 5.00 1. in realtà. il loro deciso miglioramento nel corso del 2004 consiglia di attendere i prossimi esercizi per esprimere un giudizio definitivo sulla società: la crescita di fatturato manifestatasi nell’ultimo esercizio è da ritenersi consolidata.00 -4.261.87 -15. si presta ad una duplice interpretazione. L’incremento di fatturato ed il recupero di marginalità pianificate non saranno ancora in grado di garantire. con un consistente incremento del numero di clienti attivi (tra i quali nomi importanti del panorama dell’hi-tech.285.00 .634.79 0.8.36 Dati di bilancio Margini Indici solidità Indici indebitamento Indici redditività Indici produttività Tab. 81 .80 -31.555.86 2004 3.8% -49.873.858.00 -776. ciò che significa un passivo di esercizio di 7. la società afferma di avere compiuto un sostanziale progresso nel posizionarsi sul mercato.9% -5.00 -17.3% 35. quali Ferrari Corse.00 0. essi stupiscono negativamente per i valori assunti. fanno riscontro costi per 17. anche considerazioni quali l’incidenza per la società del mercato captive – pari a circa al 23% del totale – o il fatto che alla chiusura del bilancio il 58% del fatturato fosse costituito da “crediti verso clienti” ancora da incassare. Telecom Italia. seppure con dimensioni delle perdite inferiori a quelle fatte registrare fino ad ora.00 10.00 6.762.249. passano in secondo piano.347.025.

società che. Atlantis è una holding con capitale sociale detenuto per il 98% dalla finanziaria Il Sestante SpA .32 Dati di bilancio Margini Indici solidità Indici indebitamento Indici redditività Indici produttività Tab. aziende pubbliche ed agenzie.694. ed ha pertanto come principale interlocutore enti locali.06 0.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 5.3 Atlantis SpA Sebbene abbia reciso qualsiasi legame con SARAS fin dal 2000.205.00 321. oltre che dall’elencazione delle numerose società controllate.240. portato a compimento con buona soddisfazione delle parti nel 2003.e per il 2% dalla Sigma Investimenti e Iniziative Industriali SpA.00 7.00 16.00 1.00 429.777.7% 0. mostra grande abilità nell’intercettare fondi pubblici.639. che nel 2003 erano pari a 21 milioni di Euro (a fronte di un capitale sociale pari a 6. 82 .00 6% -10.000 Euro.000. Ceduto il ramo di azienda relativo al CdP SARAS 2 ad una controllata del Gruppo di Sarroch nel 2000 (Cfr Paragrafo 4.969. dalla lettura del dato sulle immobilizzazioni finanziarie. senza l’opportunità del CdP SARAS 2.12 1.8% 66.870.6 milioni di Euro!).75 2003 9.093. Si tratta di valori che sembrano testimoniare di una grande solidità del gruppo.729.349.9% -0.3% -0.66 82. ma trasferitasi oggi a Pula .00 471.102. una finanziaria di proprietà della regione Sardegna92.00 417.068.5% 6. Atlantis ha stipulato l’anno successivo con il MAP il nuovo CdP “L’Innovazione Applicata allo Sviluppo del Territorio”. la natura di holding di Atlantis emerge. con un utile di bilancio di circa 429. un’iniziativa finanziata dalla Legge 488/1992 e tre con fondi PIA/PON).630.00 9.5: Principali indicatori finanziari di Atlantis.641.00 27% -1. che ha visto aumentare il fatturato da 10. inoltre.2.53 92% 29% 4.702.76 1.541.324.630.4% 0.52 1.2% 26.005.983.70 46.00 4. oggi probabilmente non opererebbe nell’area considerata. come testimoniato da alcune iniziative in corso per conto del MIUR e del MAP (oltre al CdP.8% 10. Anni 2003 e 2004 Il 2004 è stato un esercizio di grande soddisfazione per Atlantis. attiva nello stesso comparto 92 Nonostante gestisca progetti anche per via diretta.399.98 1. 5.875.000.3). è corretto fornire alcune informazioni anche dell’operato di Atlantis SpA.302.00 0. La società si occupa principalmente dello sviluppo di sistemi informatici avanzati per il supporto alla programmazione dei processi territoriali.79 18.417.5 a più di 12 milioni di Euro (sebbene MOL e gestione caratteristica siano migliorati di poco).117. Capitale sociale Fatturato Utile Valore Aggiunto Margine Operativo Lordo (EBITDA) Gestione Caratteristica (EBIT) Reddito Operativo/Fatturato Margine di Struttura Margine di Tesoreria Copertura netta indebitamento EBIT interest coverage EBITDA interest coverage Debt/equity Ratio Indipendenza finanziaria Return On Investments (ROI) Return On Sales (ROS) Turnover Return On Equity (ROE) Return On Debt (ROD) Fatturato/dipendenti VA/dipendenti Ricavi/costi personale 2004 9.766.2.00 1.00 0.535.originaria di Massa.71 2.260.00 3. soprattutto se paragonati a quelli di Akhela. in particolare per attività di ricerca.00 5. ridottisi tuttavia nell’esercizio 2004 a poco più di cinque.26 6.820.03 147% 28% 3.504. Atlantis.

risalta l’elevata incidenza dei trasferimenti pubblici. in un bilancio così in ordine – con unico dato fuori contesto rappresentato dal margine di tesoreria . va rimarcato che Atlantis ha investito nel corso del 2004 più di 16 milioni di Euro in diritti di utilizzo di brevetti e concessioni di licenze. sul valore della produzione complessiva. 83 .2 milioni di Euro. con scarsa capacità operativa e prospettive di sopravvivenza nulle. mentre l’utile di esercizio prodotto è stato interamente accantonato a riserva.e con origine comune. Si tratta di contributi in conto esercizio ed in conto capitale che coprono il 44% del fatturato. fonte di de-professionalizzazione dei dipendenti (oggi un centinaio. dopo che nel settembre 2005 è stata avviata la procedura di mobilità per 100 di essi).Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS . D’altro canto. una quota che – se non le giustifica – quantomeno rende più comprensibili le critiche dei tanti detrattori locali. pari a 5. A controbilanciare questo giudizio generalizzato. pronti a descrivere la società come un puro meccanismo di procacciamento di fondi pubblici.anche se con tipo di clientela differente . due azioni che sembrano dimostrare la volontà dell’impresa a proseguire nell’attività e consolidare la propria posizione di mercato. qualora il flusso di finanziamenti pubblici dovesse un giorno interrompersi.

Addizionalità dello strumento e motivazione all’investimento da parte dell’impresa Una possibile formulazione della domanda di ricerca. riuscendo a modificare il sistema delle convenienze verso obiettivi di benessere comune e non di pura redditività per il titolare degli investimenti. mentre con il primo filone si va ad intervenire su una realtà – lo stabilimento di Sarroch – già operante da almeno 30 anni. una parte delle sovvenzioni è destinata all’ammodernamento tecnologico e all’ampliamento degli impianti in raffineria. la parte minoritaria è invece relativa al finanziamento di iniziative in comparti diversi. così da dare risposta ad una serie di quesiti sull’efficacia dello strumento. fa del Gruppo SARAS un caso peculiare nel panorama dell’istituto. Le domande principali cui si cercherà di dare risposta riguardano quindi il grado di “addizionalità” dell’intervento pubblico nelle decisioni di investimento. ma addirittura del secondo Contratto . è necessario interpretare e comprendere l’effettiva motivazione dell’impresa ad aderire al processo di programmazione negoziata. come rimarcato più volte nel corso della trattazione. riguarda la richiesta di sostegno per iniziative classificabili in due filoni. gli effetti economici dello strumento a livello locale e se la sua natura originaria sia stata messa a frutto nel caso in questione. è la seguente: senza l’azione dello strumento. La durata dell’esperienza contrattuale. infine. inserendosi così nella linea guida dell’istituto contrattuale che risponde all’obiettivo di rinnovare l’apparato produttivo meridionale. sebbene utili a sviluppare esperienze acquisite all’interno del core business petrolifero. l’investimento da parte del privato sarebbe stato egualmente effettuato? Sarebbe stato realizzato nella stessa misura e nello stesso luogo? Sarebbe stato rinviato ad un momento successivo? Per rispondere. producendo risultati soddisfacenti. L’approccio di SARAS all’istituto del CdP. l’effettiva capacità del policy maker nel governare il processo di negoziazione. un caso il cui esame può fornire indicazioni sull’utilizzo dello strumento da parte della Grande impresa.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Conclusioni Dopo avere esaminato le caratteristiche del CdP. con il secondo filone SARAS dà vita ad azioni innovative. questo conclusivo capitolo è finalizzato a sistematizzare il monte di informazioni raccolto. piuttosto che a quello di attirare grandi progetti di tipo greenfield. ed avere verificato gli andamenti dei principali indicatori e dati statistici del territorio oggetto di analisi (la conurbazione cagliaritana ed i comuni della fascia occidentale del Golfo degli Angeli) nel periodo di vigenza dei tre CCdPP. unita al primato di essere l’unico proponente destinatario di ben tre CCdPP. un aspetto che coinvolge la valutazione delle motivazioni della parte privata nell’adesione alla contrattazione programmata. il suo utilizzo per finanziare attività a titolarità del Gruppo SARAS. sui rapporti tra contraente privato e finanziatore pubblico nella definizione degli interventi. sulla performance del CdP come mezzo per sostenere lo sviluppo socio-economico territoriale e reindirizzare parte degli investimenti alla produzione di beni pubblici.sono passati 13 anni. finalizzate “allo sviluppo di settori industriali ad elevato livello tecnologico e ad alto valore aggiuntivo” integrate a interventi per “lo sviluppo del terziario superiore di supporto alle imprese e alla gestione dell’ambiente” (Delibera 84 .quando si è ancora in attesa della delibera di approvazione definitiva dei lavori non solo del terzo. Dal momento dei primi investimenti SARAS finanziati nell’ambito dei CCdPP a tutt’oggi .

gli investimenti industriali in raffineria precedono rispettivamente di quasi sette e otto mesi l’approvazione della proposta da parte del CIPE. ben prima di avere conferme in merito all’approvazione della domanda. tra cui SARAS. ricorrendo ad altri canali di sovvenzione (la Legge 46/1982 per l’innovazione tecnologica. secondo quanto disposto dalla Delibera CIPE 37/1986. Nei CCdPP SARAS 2 e SARAS 3. il cui primo filone risponde alle esigenze di investimento impiantistico nella raffineria. senza il quale il progetto presentato sarebbe risultato debole e poco in linea con gli indirizzi ministeriali. contro una media dei 16 CCdPP finanziati fino a quel momento di 167. SARAS costruisce quindi una proposta duplice. poi riconosciuti dal primo CdP. In questo caso. non è facile comprendere in che misura la proposta progettuale sia sincera . Il nuovo Contratto. alle dimensioni dell’investimento. di 10 ed 11 mesi la stipula dei due contratti. È facile notare che si tratta di un risultato fuori scala. che “sarebbe stato realizzato egualmente”93. al coinvolgimento di partner scientifici ed operativi esterni nelle attività di ricerca. In entrambi i casi. con cessazione della condizione di straordinarietà dell’intervento nel Mez- 93 94 Intervista a Giuseppe Nuzzo. SARAS ha finanziato in quegli anni interventi simili sugli impianti. Per questa famiglia di interventi.1. con un piano progettuale di scarsa innovatività e mirato ad obiettivi di redditività diretta per l’impresa. oltre che dichiarata. ammessi nella cosiddetta fase di transizione (Cfr Appendice B. con il pericolo di vedere cassato l’intero pacchetto di interventi. In un contesto di caliginosa definizione dello strumento. generando più di una delusione nel personale chiamato a svolgerle .000 Euro. che scendono addirittura a 91. Nel panorama della prima tornata dei CCdPP.1). piuttosto che di creazione di beni pubblici e spill-over sul territorio. specializzata nella produzione di strumentazione sofisticata per applicazioni ambientali. sia pure meno onerosi. con nascita di un nuovo CRA. ognuno dei 282 nuovi posti di lavoro è costato più di 312. da quelle in ambiente marino – su cui dal principio non sembrano appuntarsi grandi aspettative. Tab. assistente del Direttore Generale e per lungo tempo membro del CdA di SARAS SpA.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS CIPE 81/1986). debole fin dalla costituzione del partenariato scientifico (Cfr Paragrafo 4. B2. sistematizzare le competenze maturate in SARAS sul monitoraggio degli agenti inquinanti e far nascere una nuova società ad alto contenuto tecnologico quale SARTEC. il Contratto SARAS si distingue per l’elevato rapporto tra agevolazioni riconosciute ed occupazione creata. quali la nascita di un Centro Ricerche Associato per studi nel settore dell’ambiente e delle biotecnologie (Cfr Paragrafo 4. una situazione che si protrarrà di fatto fino all’emanazione da parte del CIPE della Delibera 10/1996. altrimenti. il grado di addizionalità introdotto dallo specifico strumento del CdP è limitato. Diverso il discorso per gli interventi del secondo filone.e la mancanza di sviluppi pratici rilevanti sia da ascrivere ai rischi di insuccesso connaturati in qualsiasi attività di ricerca .al progetto Biotecnologie. al più. Più velleitarie appaiono invece le attività di ricerca vera e propria. A dimostrazione di ciò. è possibile acquisire know-how e brevetti da un soggetto di riconosciuto spessore scientifico quale il Battelle Memorial Institute.3). fin dal febbraio 1992. infatti.500 euro per i quattro CCdPP. il Gruppo non si sarebbe avventurato: grazie al sostegno finanziario pubblico. ed il CdP diventa l’occasione per saggiare la sostenibilità di iniziative imprenditoriali in mercati in cui.e quanto essa abbia invece il carattere di adempimento.5).000 Euro di sovvenzioni pubbliche. la Legge 10/1991 sul risparmio energetico) ed ha avviato gli investimenti. di cui la società decide di tenere conto quando avvia la procedura di accesso ad un secondo CdP. ed alla realizzazione di azioni formative per tecnici e ricercatori. sarà stipulato in regime di Legge 488/1992. che arriverà solo nel dicembre del 199494. 85 . l’addizionalità è manifesta. che in occasione del CdP SARAS 1 portano alla fondazione di SARTEC Srl e di SARAS Ricerche.

sebbene non completamente isolati l’uno dall’altro. gli interventi in raffineria sono responsabili del 61% dei nuovi posti di lavoro creati – con l’avvento dell’ICT il secondo filone è destinato al ruolo di generatore di occupazione: per SARAS 2. lascia spazio ad altri obiettivi prioritari: da un lato. il secondo filone. B2. possiamo comparare il peso relativo degli investimenti previsti nei tre CCdPP (Cfr Appendice B. in cui si agisce in partenariato con altri soggetti. Un’ulteriore testimonianza della centralità del primo filone nei CCdPP SARAS. che ha guidato gli interventi nel Mezzogiorno fino a quel momento. dall’altro.000 (CdP SARAS 2) ed a 405. la “attivazione di nuovi impianti e creazione di occupazione aggiuntiva” (Delibera 10/1994). Anche in ragione di ciò. contro un apporto in termini di nuovi posti di lavoro di appena il 23%. in cui gli “estranei” non sono graditi. il modesto contributo alla creazione di posti di lavoro a fronte di interventi molto costosi in raffineria sospinge la media complessiva per i due CCdPP rispettivamente a 421. il dato relativo alla raffineria fa registrare l’87% degli investimenti e l’82% delle agevolazioni. si resta abbondantemente al di sopra delle medie dei CCdPP finanziati in quegli stessi anni (Cfr Appendice B. ma gli investimenti industriali in raffineria sono così pesanti dal punto di vista finanziario. dove in fase di proposta si decide di puntare anche sulla creazione di un’attività labour-intensive per eccellenza quale un call-center.7). per SARAS 3.2).6 e B2. quale quello di ICT e net-economy. infatti. non necessariamente di carattere industriale.000 Euro per il CdP SARAS 3. in entrambi i casi. si può affermare che il secondo filone rivesta un ruolo rilevante nelle proposte progettuali portate a compimento da SARAS? Per rispondere alla domanda. anche in ragione di una ovvia maggiore competenza del Gruppo nel proprio core business. fanno sì che il contributo occupazionale del primo filone aumenti in termini relativi al 29% (rimanendo fisso in termini assoluti a 22 nuovi posti di lavoro creati). mentre la quota di agevolazioni ad esso imputata è innalzata al 90% del totale. lo stimolo alla crescita di consorzi di piccole-medie imprese. a fronte di difficoltà in itinere. si profila una maggiore inclinazione verso le ricadute occupazionali degli interventi e la nascita di nuove realtà produttive e. ancora più elevato che nel CdP precedente. Se infatti il filone informatico prevede un costo finale per nuovo occupato di 100.000 Euro nel CdP SARAS 2 e di soli 33. dovrà definire una proposta progettuale più attenta a questi obiettivi. la risposta del proponente è il salvataggio o l’espansione degli investimenti in 86 . Se in occasione di SARAS 1 il bilanciamento tra i due filoni è accettabile . con due filoni ben caratterizzati. le generali difficoltà incontrate dal settore dell’ICT in quegli anni e la conseguente necessità di rimodulare gli impegni (Cfr Paragarafo 4.3. il principio di sostegno ai processi di ristrutturazione dell’apparato produttivo delle grandi imprese. è finalizzato a creare occupazione e a tentare la strada della diversificazione delle attività. questa operazione riesce ad abbassare il piede del sostegno pubblico per nuovo occupato. SARAS mantiene l’impianto della proposta sperimentato in occasione del primo. Tabb.000 Euro (CdP SARAS 3) per posto di lavoro creato.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS zogiorno e adesione ai criteri fissati dalla Comunità/Unione Europea per le Regioni Obiettivo 1. è data dal fatto che. da produrre un valore per l’indicatore a livello complessivo di proposta SARAS. e continua a concentrarsi sugli interventi per il rinnovamento impiantistico della raffineria. Nei due successivi CCdPP. B2. Il primo filone è il “giardino di casa” della società. la proposta iniziale prevede che – a fronte di un assorbimento dell’80% sia degli investimenti che dei contributi pubblici complessivi – la nuova occupazione incida per appena il 7% del totale.5) Al di là del suo contributo nel migliorare la prestazione occupazionale del CdP. Per lo strumento del CdP. poi.a fronte dell’assorbimento dell’83% degli investimenti e del 66% delle agevolazioni pubbliche. se SARAS intende accedere nuovamente alla contrattazione programmata. Tab. Proprio il secondo filone è impegnato in un comparto a maggiore intensità di lavoro e con investimenti materiali non particolarmente onerosi.

la Legge 10/1991. Lo scopo del contraente istituzionale è. piuttosto che ad esplorare potenziali mercati su cui espandere le attività del Gruppo. a sua volta. è quanto avviene sia nel secondo CdP a seguito dell’uscita di scena di Atlantis. Tabb. mentre la stessa motivazione è molto ridotta per il secondo filone. i 12. Se questa impressione è corretta. con drastica riduzione degli investimenti anche in raffineria (Cfr Appendice B.74 milioni di Euro di fondi propri netti – differenza tra investimenti complessivi e contributi pubblici – necessari a finanziare le attività del secondo filone. il Gruppo proponente realizza investimenti in raffineria per quasi 300 milioni di Euro.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS raffineria. ma al tempo stesso suggerisce che l’addizionalità dello strumento nel caso-studio dei CCdPP SARAS è davvero molto limitata. dove però il “collasso” delle iniziative nel secondo filone (-70%.5 milioni di Euro) costringe ad una revisione dell’intero Contratto. il Gruppo SARAS ha beneficiato dei finanziamenti pubblici previsti dalla Legge 46/1982. con un contributo pubblico di quasi 140 milioni (45%). con contrazione di quelli nel secondo filone. dove tuttavia l’addizionalità è massima (senza le “regole” fissate dalla normativa in materia. La lettura di questi ultimi dati consente interpretazioni più precise sulle motivazioni dell’impresa nell’adesione alla contrattazione programmata. con modesta conoscenza dei mercati su cui si va ad operare. con il secondo filone utile a giustificare la richiesta di finanziamento. insufficiente elaborazione ex-ante del piano strategico e sostanziale indifferenza per gli esiti delle iniziative. diviene una sorta di ticket da pagare per partecipare ad una distribuzione di risorse ben più interessante96. con aggiornamento del piano progettuale a prevedere una riduzione degli investimenti nel secondo filone del 32% (-18 milioni di Euro) ed un contestuale aumento della concessione sul primo filone del 18% (+34. il secondo filone è vissuto dall’impresa come un adempimento necessario ad accedere ai fondi resi disponibili dai CCdPP. 87 . la Legge 236/1993 (per un totale superiore a 22 milioni di Euro) ed il CIP 6 96 A titolo di esempio. limitando l’analisi ai CCdPP SARAS 2 e 3. soprattutto di carattere immateriale e più legati agli aspetti della ricerca. B2. la Legge 488/1992. si può quindi dire che la motivazione del proponente a partecipare alla programmazione negoziata è elevata per quanto concerne il primo filone. reindirizzando quindi il “sistema delle convenienze” da finalità puramente private (la 95 Limitandosi ai soli anni ’90.3). della sua lucidità operativa e della conoscenza degli strumenti di finanziamento pubblico.5 milioni). si può affermare che – soprattutto dal secondo CdP in avanti . Le ragioni del contraente pubblico ed il processo negoziale L’impresa aderisce alla transazione se vede in essa la maniera per massimizzare la propria funzioneobiettivo e raggiungere così interessi di natura privatistica. la stessa quota di cofinanziamento privato.2 e B2. con elementi che consentono di ipotizzare una risposta alla domanda di ricerca iniziale sull’addizionalità dell’intervento pubblico: innanzi tutto. Con una battuta. fare in modo che gli investimenti operati dal privato generino esternalità positive di natura pubblica. Tutto questo conferma le molte testimonianze raccolte sul territorio in merito alle capacità del management del Gruppo proponente.l’interesse prevalente di SARAS per la programmazione negoziata risiede nella possibilità di intercettare contributi pubblici per operare i necessari investimenti nel core business petrolifero. pari a 16. sia nel CdP SARAS 3. dove l’addizionalità è pressoché nulla (nel CdP l’impresa vede un’opportunità di agevolazione pubblica)95. rappresentano un costo affrontabile per ottenere un finanziamento fondamentale a completare l’ammodernamento degli stabilimenti di Sarroch. l’investimento non sarebbe stato realizzato).

con l’emanazione della Delibera CIPE 10/1994 è stata prevista un fase di istruttoria sul piano progettuale generale. In: “Quarterly Journal of Economics”. proprio la fornitura di questi beni rappresenta l’oggetto di scambio. come noto. come un mezzo attraverso cui la parte pubblica “acquista” tali beni da un soggetto privato. È immediato notare come la complessità dei piani e delle iniziative previste introduca un’asimmetria informativa che sfavorisce la parte pubblica della transazione: dato per scontato che il fornitore privato sia capace di realizzare le iniziative industriali per le quali richiede l’agevolazione pubblica. la logica dello strumento prevede che proprio alla parte industriale sia dato il vantaggio (o l’onere) di perfezionare la proposta di fornitura sulla base di una griglia piuttosto elastica di priorità. ovvero sia tale da rivelare le sue proprietà quando sottoposto ad un processo di valutazione ex-ante. La fase di valutazione può fungere da importante strumento in mano alla parte pubblica. per evitare fenomeni di “cattura” o di adverse selection legati all’esistenza di asimmetria informativa. come si può essere sufficientemente sicuri che questi sia in grado di offrire con perizia anche i beni pubblici richiesti? Come evitare i pericoli di adverse selection. 2001). senza il ricorso sistematico a valutatori indipendenti. con rischio per il compratore di vedersi rifilare un lemon dal venditore97? I precedenti quesiti possono trovare risposta qualora il bene oggetto di contrattazione abbia caratteristiche di “bene ricerca” (search good. reindirizzando se necessario gli interventi previsti dal piano progettuale originario. lasciando poi alla fase di negoziazione il compito di definire con precisione i termini dell’accordo. Solo con le ultime revisioni (Delibera CIPE 26/2003). 88 . la possibilità del contraente in posizione sfavorevole di recedere in tempo dall’accordo o di imporne la revisione. Il momento di valutazione della bontà del piano progettuale. l’aspetto contrattualistico di quella che altrimenti si configurerebbe come una mera agevolazione pubblica. 84. quasi una sorta di “prodotto collaterale” di interventi finalizzati a soddisfare la funzione-obiettivo del soggetto privato. non codificata in documenti strutturati. se nel periodo pionieristico dello strumento essa non era codificata. finalizzate in primo luogo a definire tempi certi per l’iter di approvazione. gli obblighi contrattuali e le caratteristiche dei beni forniti.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS profittabilità degli interventi per il titolare) alla produzione di beni pubblici per il territorio. “la valutazione ex-ante. Poiché tali beni sono esternalità positive. L’istituto del CdP può quindi essere inteso senza perdita di generalità. Cfr Akerlof G. quali occupazione.. Citato ed analizzato in Tirole (1991). quindi all’acquirente. capitale umano – specie se di alto profilo – R&S. 97 Il tema. l’istruttoria tecnica precede la stipula del contratto. a patto che sussistano due condizioni fondamentali: la già menzionata competenza di chi è chiamato a produrre le perizie e. 1970. innovazione e spill over tecnologici. cosa a prima vista ovvia. non sembra svolgere altro ruolo che quello di istruttoria per la definizione della delibera di finanziamento” (Florio e Giunta. affidata da uno specifico Comitato Tecnico Scientifico (CTS) di progetto a docenti universitari esperti della materia trattata. o meglio della sua adeguatezza alle esigenze del contraente pubblico. ed una sui singoli progetti esecutivi presentati a seguito della stipula del CdP. In caso contrario. nella tassonomia della letteratura economica standard). meglio se affidato a soggetti terzi di riconosciuta professionalità e credibilità. affidata a un istituto bancario. ha conosciuto una lunga evoluzione all’interno della disciplina che regola i CCdPP. The Market for ‘Lemons’: Quality Uncertainty and the Market Mechanism. consentendo al contraente pubblico di richiedere modifiche sostanziali ai progetti giudicati insoddisfacenti. è stato trattato in maniera approfondita da George Akerlof.

ricorda anzi che. soprattutto per quanto concerne personale e commesse esterne. quattro mesi dopo la stipula del Contratto. improntato all’acquisizione di servizi e brevetti dai partner. sovradimensionato nei costi. affidate a due distinti ricercatori del CNR (Alfredo Liberatori98. un referente del Ministero fece notare come ormai il finanziamento dei progetti fosse già stato sancito con la stipula del Contratto. 89 . la congruità dei mezzi allo sviluppo del progetto e la ricaduta dei risultati sull’apparato produttivo meridionale. tant’è che uno dei due produce una perizia scarna.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS I CCdPP SARAS consentono di verificare come l’insufficienza dei meccanismi di verifica ex-ante. Ciononostante. Le proposte progettuali sono costruite in modo poco organico. che esprime parere positivo. pertanto. il progetto è accettato senza richiesta di modifiche. conclusa con un giudizio fortemente positivo sulla validità scientifica dell’iniziativa. direttore del Dipartimento per l’Innovazione dell’ENEA di Bologna. Sintomatico. questa è affidata. membro della Commissione Ambiente del Centro e Ivo Allegrini. quanto accaduto in sede di istruttoria tecnica per il “Progetto Ambiente” del CdP SARAS 1: il CTS decide di contrapporre alla perizia di parte ben due expertise. pur rimarcando a distanza di anni che il tempo concesso si era rivelato insufficiente a visionare i documenti in maniera approfondita ed a produrre una relazione accurata99. ridondante nella descrizione del progetto. in occasione del CdP SARAS 2. a fronte della presentazione di considerazioni puntuali sulla impossibilità di produrre un’analisi corretta e alla richiesta di ulteriori informazioni. piuttosto che a effettiva attività di ricerca. Non a caso. relativamente all’istruttoria di ufficio per i progetti di ricerca del filone informatico. a Luigi Lesca. sia alla base dei principali malfunzionamenti e dei momenti di insoddisfacente performance dello strumento. La situazione si ripropone. piuttosto che analitica nei punti richiesti. risulta assolutamente deficitaria. Nel caso dei CCdPP SARAS. risulta confermata l’impressione che l’istruttoria tecnica sui progetti esecutivi sia un’operazione puramente rituale. Il giudizio finale è tranciante: l’unico merito del progetto è quello di attagliarsi alle specifiche della Delibera CIPE 37/1986 sulla disciplina dei Centri Ricerca nel Mezzogiorno. senza possibilità o volontà alcuna di intervenire su decisioni già prese. una delle quali espressione della parte industriale. alcuni dei quali segnalati anche come poco autorevoli dal punto di vista scientifico. ma esso è del tutto insoddisfacente per quanto concerne l’avanzamento scientifico nei settori considerati. così come di richiedere alla parte industriale la fornitura di un insieme specifico di beni. che con un livello di approfondimento notevole e con approccio circostanziato rileva come il progetto risulti: approssimativo nella descrizione e lacunoso nella conoscenza scientifica dei temi affrontati. in ragione dei lunghi tempi di approvazione della domanda (quasi tre anni!) e su iniziativa del proponente privato. 99 Uno dei componenti del gruppo dell’ENEA estensore della expertise di ufficio. producendo in prevalenza beni privati 98 Liberatori sarà anche uno dei tre membri della Commissione di accertamento finale per CRA e progetti di ricerca del primo CdP SARAS. sebbene in termini meno eclatanti. Di tutt’altra natura il giudizio della seconda expertise. il processo negoziale che ha preceduto la stipula dei CCdPP SARAS ha visto intervenire modifiche sostanziali nel piano progettuale solo in occasione della prima esperienza. forse in ragione del giudizio espresso dalle altre due perizie. senza contare che si ripropone lo sviluppo di prodotti e metodi già disponibili. in questo senso. I due esperti operano in totale autonomia. la capacità del contraente pubblico di governare il processo e di modificare la proposta originaria secondo un proprio vettore di priorità. Come in occasione dei progetti di ricerca relativi al precedente CdP. generico negli obiettivi e carente nella descrizione della capacità di sviluppo dei prototipi ottenibili. responsabile all’interno di esso dell’Istituto Inquinamento Atmosferico).

avvalorando le intuizioni di Brusco e Paba (1992) sull’importanza del settore per la diffusione di competenze industriali in Sardegna.una dinamica insita nella stessa ratio con cui tali società erano nate. è un determinato livello di nuova occupazione.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS con il primo filone e demandando al secondo il compito di generare gran parte degli spill over e della produzione di beni pubblici. sia grazie alle attività indotte. infatti. almeno sugli interventi collegati il contraente pubblico avrebbe potuto esprimere maggiore volontà di interazione. e la paga carissima! Effetti diretti ed indiretti sul territorio Nell’esaminare i CCdPP. Rinunciando in questo modo alla definizione di elementi qualificanti del Contratto. della “doppia velocità” cui sembrano soggetti gli investimenti dei CCdPP SARAS. A prescindere. parte di questa crescita si è riversata sul territorio. Gli investimenti dei tre CCdPP hanno favorito il progressivo riammodernamento degli stabilimenti di Sarroch. investimenti – è bene rimarcarlo ulteriormente – che generano comunque esternalità positive sul territorio. quella dello start up e del consolidamento successivo delle imprese più promettenti. tuttavia. sono state portate a compimento o sono state modificate negoziandone l’adeguamento con il soggetto pubblico. va notato che la capacità dei CCdPP SARAS di far nascere e rafforzare filiere produttive si è rivelata piuttosto modesta. della casa-madre. In più. dalla scomparsa di molte imprese e dalla loro fusione in due sole realtà . la fase di negoziazione è condotta in maniera piuttosto timida. commesse e partecipazione al capitale sociale. le attività relative a quello che abbiamo definito in queste pagine “secondo filone” non hanno conosciuto i medesimi successi del corpo principale di interventi. 2002) sembra infatti smentire in parte l’interpretazione della petrolchimica in termini di produzione portata naturalmente ad operare in isolamento pressoché completo dal tessuto industriale locale. sono facilmente ricostruibili percorso degli impieghi e anamnesi dell’occupazione e delle nuove attività nate con il sostegno dello strumento. La ricerca realizzata dall’Osservatorio Industriale della Sardegna e citata nel capitolo precedente (Mura. cosicché a distanza di anni dai primi investimenti. vanno riconosciute trasparenza e serietà del proponente. l’unico bene che il contraente pubblico chiede esplicitamente di “acquistare”. imposte ed acquisto di servizi). e che non ha significato drastiche riduzioni di personale – la effettiva capacità di sopravvivenza di queste ultime è ancora un’incognita. infatti. non a caso uno dei principali gruppi industriali del Paese: le iniziative previste in sede progettuale. 90 . A testimonianza. consentendo a SARAS di rintuzzare il momento di crisi e diventare uno dei più importanti centri per la raffinazione di prodotti petroliferi del Mediterraneo. sia in termini di ricaduta diretta (stipendi. Al contrario. se i rapporti di fornitura e sub-fornitura in raffineria non hanno conosciuto avanzamenti sostanziali – e c’è anche chi rimarca come da qualche anno SARAS abbia ridotto la domanda di servizi manutentivi o preferisca affidarsi per i montaggi industriali a grandi gruppi esterni all’area – i tentativi di far nascere nuove attività per mettere a frutto le competenze acquisite grazie ai CCdPP (dalla Cooperativa Talos al Consorzio Naturalia). sono fallite ed oggi resistono solo SARTEC SpA e Akhela grazie al sostegno diretto. con una crescita di fatturato del 111% tra il 2000 ed il 2004. oltre che sulla creazione di “connessioni esterne” a beneficio di imprese attive in comparti diversi da quello sovvenzionato (manifatturiero-metalmeccanico in primo luogo). ignorando colpevolmente gli allarmi sulla inadeguatezza dei progetti presentati. se può apparire logico lasciare mano libera al proponente nella definizione degli investimenti industriali.

è logico presumere che il valore dell’occupazione effettivamente creata. L’impatto occupazionale delle varie anime del gruppo è già stato affrontato nel corso del Paragrafo 2.2). In altri punti del documento. è Arcola SpA. una serie di servizi e produzioni potenzialmente collegate alle attività di manutenzione degli impianti (Cfr Paragrafo 5.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Difficile valutare la ricaduta degli investimenti operati in circa un decennio su ricerca ed innovazione. Nel precedente paragrafo è stato rimarcato come il costo unitario per nuovo posto di lavoro diretto creato con i CCdPP SARAS risulti molto elevato. piuttosto che lo sviluppo ex-novo di soluzioni originali. si afferma che “Il Gruppo SARAS offre. Il dato generale fa riferimento agli obblighi occupazionali come sanciti in sede di stipula dei CCdPP fino al 30/6/2002 (Cfr Tab. B1). se scorporato in due intervalli (1991-1996 e 1997-2001). Cap. dell’energia e dell’ambiente”.2). come la stessa società ammetta in documenti ufficiali che “SARAS non effettua significativa attività di ricerca e sviluppo”101.1). che impegna fino a 2. SARAS Raffinerie Sarde dall’entrata in vigore dei CCdPP ha aumentato i propri addetti da 811 agli attuali 1. Il confronto dei dati censuari per il SLL di Cagliari fa registrare una sostanziale contrazione degli addetti (-62%) nel periodo 1991-2001. pg. le tre tornate di programmazione negoziata hanno prodotto 682 nuovi posti di lavoro. il dato assume tuttavia una nuova luce. hanno effettivamente privilegiato l’acquisizione di brevetti e licenze per avviare la produzione di beni da destinare al mercato. per una media appena superiore alle 227 unità per Contratto. Le altre società nate grazie ai CCdPP fanno registrare oggi rispettivamente 141 (SARTEC SpA) e 180 addetti (Akhela). Tab. servizi di ingegneria industriale e di ricerca scientifica per i settori petrolifero. 1273658 (rilasciato il 9 luglio 1997) relativo al “procedimento per il trattamento ed il recupero di grezzi ad alto contenuto di acqua sali e sedimenti (…) e relativa apparecchiatura” (Fonte: data base UIBM). 11 “Ricerca e sviluppo. anche in questo caso. in 10 anni di attività scientifica di alto livello. In termini assoluti. attraverso la società SARTEC. Un’ultima considerazione sull’occupazione. ottenuto accorpando in un’unica categoria. sia inferiore. il numero complessivo di nuova occupazione creata si è ridotto del 21%. ad essa è riconosciuta la proprietà del brevetto n. ma va anche ricordato che dal 1996 al 2001 a Sarroch è realizzato l’impianto IGCC. Rispetto a quanto previsto alla stipula del Contratto (858 unità). gli investimenti operati. ciò significa che l’incremento occupazione conseguente ai CCdPP (pari a 269 unità). A testimonianza di ciò. 101 Prospetto Informativo Relativo all’Offerta Pubblica di vendita e sottoscrizione SARAS SpA. anzi. alla fine. pari a 667 nuovi occupati per CdP102. 145. brevetti e licenze”. con una perdita secca del 22%. un dato al momento indisponibile. il valor medio della nuova occupazione prevista in sede contrattuale per i CCdPP SARAS era di 286 unità. Va rimarcato. non è stato mantenuto per intero nel periodo oggetto di studio. Tabb. una performance negativa imputabile di fatto alle difficoltà incontrate dal CdP SARAS 3 (Cfr Appendice B. fa seguito un incremento del 44% nel secondo (Cfr Appendice A.500 addetti provenienti da tutta Italia (Cfr Paragrafo 100 L’unica società della galassia SARAS a nome della quale sia registrato un brevetto presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM).017 (+206). entrambi i filoni dei CCdPP SARAS hanno riguardato comparti hi-tech e fortemente innovativi. il dato aggregato (321 unità) risulta inferiore ai 413 nuovi posti di lavoro creati grazie al secondo filone dei CCdPP SARAS. aprile 2006. 102 91 . si tratta di un valore di gran lunga inferiore alla media dello strumento.4. battezzata “Manifatturiero ristretto”. A2. poiché ad una riduzione di quasi il 74% del primo periodo. allo stesso modo. anche in questo caso. tuttavia. riguarda l’indotto delle attività dello stabilimento di Sarroch. con una temporanea contrazione solo nell’anno 2003. non un solo brevetto è stato registrato a nome di una società del Gruppo100. 3. in termini riassuntivi. È superfluo sottolineare che proprio in questo secondo intervallo ha luogo gran parte degli interventi relativi ai CCdPP SARAS 1 e SARAS 2. ma la capacità di tradurre queste iniziative in innovazioni di processo e di prodotto si è rivelata debole. con il secondo filone direttamente impegnato a sviluppare attività di ricerca.

1992) . laureati. in tutto una quarantina di giovani.buona parte dei lavoratori formati nell’ambito del progetto ha proseguito all’interno del Gruppo o in altre realtà del comparto l’attività appresa. non altrettanto si può dire dei partner con cui SARAS intraprese le iniziative del secondo CdP. i principali meriti ed i maggiori difetti dell’istituto del CdP nel caso in esame? 92 . anche in ragione di ciò. quando le vicissitudini dei due CCdPP costringono ad una rimodulazione delle attività previste. Diversa la ricaduta sul capitale umano delle iniziative dell’ICT. soprattutto per le attività di laboratorio legate alla nascita dei CRA. un aspetto questo fondamentale per gli obiettivi della programmazione negoziata. è molto attento agli aspetti formativi. Nello specifico dell’esperienza esaminata. tanto i referenti de Il Sestante quanto quelli in quota BNL Multiservizi. Il Gruppo SARAS. nel caso delle società dell’ICT. sebbene con momenti di formazione corsuale e personalizzata vera e propria.3).Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 2. ha modo di prendere confidenza con la tecnologia ed i temi che sarà chiamato a sviluppare presso i laboratori internazionali Battelle negli Stati Uniti e a Ginevra.4. Questo dato introduce alcune considerazioni finali sulla capacità delle iniziative finanziate di produrre capitale umano in loco. oltre che gli istituti universitari dell’Isola. solo in occasione del primo CdP le attività formative sono previste in capo ai fondi in concessione. infatti. La performance dello strumento Quali sono. in quegli anni non ancora cosi diffusi come oggi. alla ricerca sul campo – soprattutto all’impiego della strumentazione per le analisi atmosferiche e marine – ed agli strumenti di georeferenziazione dei dati. si preferisce intervenire sugli aspetti formativi con fondi propri o messi a disposizione da altri canali finanziari. senza fornire contributi particolari alla crescita delle competenze locali. gli interventi formativi si riducono e sono limitati al solo affiancamento on the job da parte del personale più anziano. Questa modalità è utilizzata anche per la nuova forza lavoro assunta grazie alle iniziative dei CCdPP. con preponderanza assoluta di diplomati e. la loro provenienza è quasi interamente provinciale e regionale. un ristretto numero di ricercatori del sotto-progetto Ambiente marino ha continuato la collaborazione con Battelle. relative alla attività di laboratorio. Padova e West Lafayette (Indiana).nonostante la scarsa ricaduta in termini di creazione d’impresa. L’importante patrimonio di competenze creato in questo modo è messo a frutto e . generata con i tre CCdPP è senza dubbio di profilo medio-alto. lavorando per alcuni anni nei laboratori dell’organizzazione a Ginevra e a Duxbury (Massachussets). Il personale coinvolto. concordano nell’esprimere un interesse pregresso all’occasione dell’accordo con SARAS a localizzare attività informatiche in Sardegna da parte delle loro imprese. attraverso la formazione mirata da parte di esperti di area milanese e con viaggi di studio presso le Università di Milano. Con i progetti di ricerca del CCdPP SARAS 1 sono effettivamente trasmesse ai neoassunti competenze nuove. come illustrato nel corso del Paragrafo 2. tra questi. attirate dall’esistenza in loco di competenze diffuse e di alto profilo. in linea con la scarsa vocazione all’auto-imprenditorialità della forza lavoro sarda (Bottazzi. La nuova occupazione diretta. infatti. che sviluppa per lo più con iniziative di inserimento progressivo ed affiancamento on the job. Se ancora oggi i dirigenti del Gruppo sembrano poco consapevoli di questo aspetto. nel secondo e nel terzo. per le quali l’esperienza SARAS sembra innestarsi su un sostrato già presente e ben sviluppato. in conclusione.

ma certamente importanti . se non unica. imputando proprio alle lungaggini burocratiche la fonte principale dei contrasti con i partner coinvolti. in una sorta di outsourcing relazionale. non fanno riscontro l’integrazione delle attività. cosicché i prospettati spill over tecnologici non si sono realizzati. d’altro canto. meno competitive di altre realtà già operanti sul territorio. dai montaggi alla manutenzione. così come l’esperimento dell’incubatore d’impresa intentato con il CdP SARAS 3. probabilmente in ragione della scelta iniziale di specializzazione nella sola offerta dei prodotti della raffinazione petrolifera (Cfr Paragrafo 1. Dal punto di vista del soggetto pubblico. bensì di affidamento a queste controllate di attività un tempo gestite internamente. il corretto utilizzo delle agevolazioni.il contraente pubblico ha potuto vantare come risultato migliore dell’esperienza la nuova occupazione creata. non brillano per coerenza degli investimenti. Alla fine.3). non si tratta di servizi ex-novo. anche queste. in molti casi. I CCdPP che hanno visto SARAS come protagonista. non sono sopravvissuti alla crisi di settore ed alla mancanza di un disegno strategico preciso da parte dei loro ideatori. Un altro aspetto da considerare. che avrebbe in ogni caso attivato gli investimenti previsti. sembrano mantenute in vita dagli interventi 93 .Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Dal punto di vista della parte industriale. Le due società eredi delle iniziative sorte grazie al secondo filone. dagli stabilimenti di Sarroch alle nuove iniziative avviate a Macchiareddu. distorcendone così la naturale evoluzione verso un equilibrio più efficiente. riguarda eventuali effetti di sostituzione e spiazzamento che l’assegnazione delle agevolazioni avrebbe potuto indurre nel mercato locale. sotto il profilo degli obiettivi generali assegnati allo strumento. dai monitoraggi ambientali alle analisi di laboratorio. dipendente dalla domanda di servizi da parte di altre società del Gruppo. Per quanto concerne i difetti. soprattutto per quanto concerne il comparto informatico. Ad una innegabile e meritoria concentrazione degli interventi sul territorio cagliaritano. l’elemento di maggiore criticità dell’esperienza. i motivi di soddisfazione riguardano la regolarità formale dei rapporti con il beneficiario. hanno instaurato fin dal primo momento un rapporto intenso con la casa madre. la accettabile performance occupazionale e in termini di contributo alla accumulazione del capitale umano locale. né la nascita di filiere produttive e catene di relazioni stabili tra imprese locali. SARAS risulta tra i più efficienti. l’esperienza proto-distrettuale della Città dell’Innovazione (CdP SARAS 2). manifatturiero e dell’ICT. tutti più o meno sostenuti dal soggetto pubblico. l’attività ordinaria di SARAS. l’ipotesi di un eventuale spiazzamento non appare plausibile: l’evoluzione della petrolchimica in Sardegna ha finito per selezionare pochi operatori. dall’automazione dei processi di stabilimento ai servizi informatici. i motivi di soddisfazione tendono a sfumare: la maggioranza delle agevolazioni sono andate a finanziare un’impresa già operante nell’area da più di 30 anni. la stessa SARAS. per l’impresa – ed avviare un percorso di diversificazione dal core business e contemporaneo ricorso ad outsourcing per alcune funzioni rilevanti. tra questi. l’attività di ricerca si è rivelata frammentaria e poco produttiva. sebbene a costi completamente fuori scala rispetto ad altri strumenti di agevolazione e rispetto alla media dei CCdPP. inoltre. tuttavia. grazie ai tre successivi CCdPP è stato possibile perfezionare importanti investimenti di ammodernamento della raffineria . tuttavia. al di là delle ricadute economiche dirette ed indirette – complicate da stimare con precisione. tanto che buona parte del loro mercato è di natura captive. con scostamenti limitati e concordati da quanto pattuito in sede contrattuale. con effetti di addizionalità scarsi se non nulli. Se si considerano come mercati di riferimento i comparti petrolchimico. individua nei tempi di negoziazione prima della stipula del Contratto e di trasferimento delle risorse a seguito dei lavori svolti. SARTEC SpA e Akhela. rappresenta il fattore propulsivo per una serie di attività metalmeccaniche.ciò che abbiamo interpretato come motivazione preponderante. affidate in sub-appalto a imprese locali. Completamente diversa è la situazione per le altre iniziative agevolate del Gruppo.

lo strumento del CdP può avvantaggiarsi di alcune revisioni operative che ne migliorino l’efficienza.2). 103 94 . Una di queste. il contraente pubblico deve fissare con maggiore precisione la scala di priorità delle proprie esigenze. meno esposto verso le spese per investimenti e più “generoso” nel finanziare le attività immateriali. infine. non farebbe altro che ritardare una inevitabile conversione dell’area dall’industria al turismo. Quest’ipotesi. dove la chiusura della cartiera ha creato una situazione di malessere per la quale non sembrano emergere vie di uscita nel breve periodo. sembra tuttavia dimenticare sia l’impatto positivo che gli stabilimenti di Sarroch hanno sull’economia regionale (Cfr Paragrafo 5.1). il sostegno ad attività già esistenti in difficoltà o in fase di espansione. dai CCdPP al CIP 6. come avvenuto nel caso dei CCdPP SARAS. come testimoniato dal caso di Arbatax. fornendo all’acquirente pubblico beni specifici quali ricerca. che occupa una quota importante del mercato locale dei servizi informatici per gli enti pubblici e distoglie forza lavoro competente da applicazioni più innovative. segnalando con la scelta di un’ipotesi o dell’altra a seconda che si considerino più abili nel fare fruttare interventi infrastrutturali. se il design delle due opzioni è corretto. fino all’inserimento di criteri di priorità e controllo che coinvolgano le Amministrazioni locali. che trova sempre più propugnatori anche a livello locale. alcuni osservatori evidenziano l’esistenza di un effetto spiazzamento intersettoriale legato ai finanziamenti pubblici di cui SARAS è beneficiaria. il secondo. l’Amministrazione. con una maggiore attenzione per gli investimenti industriali e minore enfasi su attività di R&S e formazione. deve specificare con chiarezza se le finalità prevalenti sono l’attrazione di investimenti in un’area marginale. sulle eventuali lacune dello strumento e su come esso possa essere emendato per migliorarne l’efficienza. oppure un forte orientamento alla ricerca. In realtà. confidando nel fatto che questi interventi produrranno poi esternalità positive sul territorio (occupazione compresa). questa è piuttosto la situazione di Atlantis SpA (Cfr Paragrafo 5. che in questa particolare transazione rappresenta il lato della domanda. Alcune considerazioni di carattere generale. ma ne hanno elusi molti altri. o ad agire nel campo dell’immateriale. L’autorità pubblica. è la sua articolazione in almeno due opzioni. in questo schema – presentato qui in forma sintetica e generale – può proporre due tipologie principali di contratto: il primo. È ovvio che questi obiettivi non si auto-escludono. in linea con la vocazione regionale e della costa da Capo Teulada a Cagliari. ne hanno affrontato i difetti giudicati principali. come previsto in letteratura dalla teoria della tariffazione in due parti e dei contratti di selezione (Tirole. una società con scarse capacità operative. mantenuta in vita dai finanziamenti ministeriali che riesce a intercettare. sia le difficoltà insite in una riconversione produttiva dall’industria a nuove attività. ma mantenere l’attuale indeterminatezza. 1991). Le modifiche intervenute a partire dal 2003 nella disciplina dei CCdPP. dalla incertezza sui tempi del procedimento alla capacità effettiva del contraente pubblico di valutare le proposte progettuali. Di fronte a questo problema. secondo questa interpretazione. piuttosto che dal flusso di trasferimenti pubblici derivati dai CCdPP103. In primo luogo.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS di ripianamento della casa-madre. finisce per generare ambiguità. spingendo il proponente privato a presentare progetti poco organici. al trasferimento tecnologico ed alla crescita del capitale umano. Secondo i detrattori. innovazione e miglioramento del capitale umano. fino a sovvenzioni meno consistenti: il sostegno di cui gode SARAS. saranno gli stessi proponenti privati ad “auto-selezionarsi”. con esternalità positive sul territorio in termini di occupazione ed indotto.

dall’altro. 2002). sia con le economie dei progetti che non hanno raggiunto i traguardi intermedi prefissati104. Affinché tale opportunità non resti confinata al campo della teoria o del migliore dei mondi possibili. c’è chi evidenzia come la programmazione negoziata abbia reintrodotto nell’arena decisionale quelle forme deteriori di rapporto tra imprese e Stato (clientelismo. Al momento. ma di fatto obbligato. può essere prevista l’introduzione di soglie di risultato – da concertare con il proponente in sede di negoziazione – sulla base delle quali far scattare. in questa particolare transazione. attiene all’asimmetria informativa che favorisce una parte – in questo caso quella industriale – a scapito dell’altra. soprattutto dopo le ultime riforme dello strumento. la discrezionalità nella fissazione degli obiettivi. il contraente pubblico è per natura soggetto alle pressioni ambientali indotte da ipotesi di investimento di tale entità. al limite inferiore dell’intervallo. sono sufficienti ad evitare la “cattura” della parte meno informata. di revoca dei fondi. più esposto ad accuse di mancato esaurimento della propria dotazione di spesa. 104 95 . che si snoda attorno al significato assegnato al concetto di “discrezionalità” ed al suo rappresentare l’elemento qualificante o. quali quelli previsti dalla legge 488/92 (Rossi. professionalità. è per sua stessa natura un consumatore sui generis. è necessario che l’istituzione pubblica investa in competenza.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Una scelta in questa direzione. 2001). prima che qualche attore si impegni a fornirli (Sabel. Se a livello teorico i meccanismi definiti. infatti. conoscenza delle dinamiche e delle relazioni gene- Criteri di priorità e premialità (declinabili a loro volta secondo obiettivi variabili) sono stati introdotti di recente nei bandi della Legge 488/1992 a seguito della riforma degli incentivi (Commissione Scajola. la discrezionalità non è facoltà di decidere al di fuori di qualsiasi regola. finanziabili sia con un capitolo dedicato di spesa. fondata sulla segmentazione della gamma dei benefici conseguibili e sul loro ordinamento in una scala di valori flessibile. favorirebbe inoltre una vera e propria competizione tra aspiranti beneficiari. in cui il soggetto pubblico necessita di beni che non possono essere specificati con precisione assoluta. e tende ad ignorare gli avvertimenti espressi dai dispositivi di controllo ex-ante. si rimarca come in ambiti magmatici e complessi. la soluzione del problema di asimmetria informativa è affidata al processo negoziale. dall’altro. È questo un aspetto fondamentale della materia. intermediazione burocratica e politica. il limite del processo negoziale. Un secondo e rilevante problema su cui intervenire. è in questa sede. 2006). 2004). nel modo per perseguirli e nella possibilità di ripensare il processo in itinere. divenga uno strumento non solo efficiente. ma capacità di ritagliare una decisione a misura del contesto specifico. imponendo quando necessario l’opportuna ricalibratura del piano. premiazione della capacità di lobbying) dalle quali ci si era finalmente affrancati grazie al ricorso a meccanismi automatici di selezione. raccoglie informazioni sulle caratteristiche del bene offerto e sulla capacità del proponente di fornirlo. la realtà dei fatti sembra diversa: alla luce di quanto avvenuto nel caso-studio affrontato. In questo senso. A ciò va aggiunto che la parte pubblica. viceversa. ma dichiarata. stimolando una comunicazione più sincera e completa di pregi e difetti del piano progettuale proposto e minimizzando le “rendite informative” (Florio e Giunta. Infine. Da un lato. e al limite superiore meccanismi di premialità. presentando piani progettuali dettagliati e accompagnandoli con expertise di parte che ne chiariscano i contenuti. viceversa. soprattutto quando riguardano gruppi industriali di primaria importanza nazionale. nella migliore osservanza della teoria dei contratti. in particolare con il primo ed il secondo CdP. che l’acquirente da un lato chiede al proponente di condividere le proprie informazioni. che di avere pagato un prezzo eccessivo per il bene acquistato. dispositivi di disimpegno o.

se si è in grado di stimare con una certa precisione la capacità di generare ricadute territoriali di uno stabilimento petrolchimico a ciclo integrato. si deve essere in grado di discernere se sia più efficiente rafforzare il CRS4 (o il Consorzio 21) o sia preferibile dare credito a ipotesi di diversificazione di un’impresa specializzata nella raffinazione petrolifera.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS rative che caratterizzano un territorio: se si vuole favorire la diffusione di conoscenze di alto profilo e di innovazione nel campo dell’ICT in Sardegna.nel momento in cui l’investimento in competenza dovesse rivelarsi impraticabile. non supportata da conoscenza. 2005). se ne può sostenere l’ammodernamento senza costringere il titolare a defatiganti investimenti in attività complementari o presunte tali. La scelta discrezionale e flessibile. poiché . La qualità dell’azione pubblica non si misura tanto in termini di realizzazioni. quanto nel grado in cui riesce a rendere ciò che realizza desiderabile per chi vi si trova coinvolto (Natali. 96 . è la parodia di un intervento pubblico di qualità. o le pressioni ambientali impossibili da eludere – allora diviene più utile ridurre la discrezionalità del soggetto pubblico: una sorta di binding commitment basato su meccanismi automatici di selezione. sull’esempio di quanto già avviene con la L 488/1992. allo stesso modo. La sfida è di assoluta rilevanza.

Pellegrini G. Mimeo Commissione Scajola.. Torino Bobbio L. Eppur si muove – Saggio sulle peculiarità del processo di modernizzazione in Sardegna. Roma Magnatti P. (A cura di). Mimeo Florio M... 2005. 1992.. Sviluppo e innovazione: un approccio integrato. 1998. Collana “Storia d’Italia. Cagliari Marinelli M. Working paper 12/2001 Università di Milano Hirschman A. Viesti G. Cambridge (Massachussets) Arrighetti A. Produzione di politiche a mezzo di contratti nella pubblica amministrazione italiana. 2004. Paba S.. Mercato del lavoro e sviluppo economico in Sardegna. Milano Ministero Attività Produttive (MAP). Collana dell’Osservatorio industriale della Sardegna. Complementarietà e sostituzione tra diverse politiche di sviluppo locale: i contratti di programma e la legge 488/92. Documento predisposto per l’attuazione dell’articolo 6 commi da 8 ad 11 della Legge 80/05 da presentare al CIPE – Comitato per lo Sviluppo. In: “Stato e mercato”. In: D’Antonio M. potere.. Il Mezzogiorno. organizzazioni. 2003. Sviluppo o Stagnazione?. Mimeo D’Antonio M. 2002. Le politiche della fiducia. 11 Bottazzi G. Endogenous Growth Theory.. Roma Ministero Attività Produttive (MAP). Le industrie delle tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione in Sardegna. Istituzioni. I contratti di programma – Guida agli strumenti di contrattazione programmata per finanziare iniziative strategiche di sviluppo.. Bologna De Castris M.. Le regioni dall’Unità a oggi”. 2000. Ramella F. discontinuità. 2000. Cagliari Brusco S. (A cura di).. In: “La Programmazione in Sardegna”. L’isola della Rinascita – Cinquant’anni di autonomia della Regione Sardegna. L’impatto economico della SARAS in Sardegna. Roma Barbera F. 1998. Le passioni e gli interessi: argomenti politici in favore del capitalismo prima del suo trionfo. RomaBari Aghion P. Relazione sugli interventi di sostegno alle attività produttive – Una valutazione dei contratti di programma sulla base dei giudizi degli imprenditori.. Valutazione organizzativa del progetto Sensi Contemporanei. La Sardegna. Collana dell’Osservatorio industriale della Sardegna. 32 Fabbri T.. 2001. (A cura di). 1968. Roma Mura A. 2002. In: “Rassegna Italiana di Valutazione (RIV)”. Cagliari 97 . 2005. Roma Ministero Attività Produttive (MAP) e DGCII. Milano Lanzalaco L.. Roma Manca F.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Bibliografia Accardo A. 1992. n. Istituzioni intermedie e sviluppo locale. Murroni C. Connessioni. Incentivi e risorse sociali nei patti territoriali. (A cura di). 63 Barca F. Howitt P.. 2004. Documento Strategico Preliminare Nazionale Continuità.. Contratti di programma – Primo rapporto. 2005. Storia del capitalismo italiano dal dopoguerra a oggi. 58 Bottazzi G. 1995. 1998.. In: “Stato e mercato”.. (A cura di). (A cura di) Comitato di Amministrazioni Centrali per la Politica di Coesione. Roma Berlinguer L.. 2001. Seravalli G. 2005. Trigilia C. Economia dell’innovazione. Giunta A. Relazione sugli interventi di sostegno alle attività produttive – Indagine sui contratti di programma. L’esperienza dei contratti di programma: una valutazione a metà percorso. 1999. 1979. 1999. n. 2005.. 1997. Bologna Malerba F.. competenze e capacità concorrenziale dell’industria in Sardegna.. 1992. Patti territoriali – Lezioni per lo sviluppo. Firenze Hirschman A. Persico C. (A cura di). La strategia dello sviluppo economico.. 2004. Documento di lavoro disponibile sul sito del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo Ministero Attività Produttive (MAP) ed Istituto per la promozione industriale (IPI). (A cura di). 2006. Mattone A.. priorità per la politica regionale 2007-2013.

Parigi Pichierri A. 2005. 1991. 2003.. Imprese contratti incentivi: elementi di economia delle istituzioni. La seconda rinascita economica dell’Italia. Institutions. In: “Stato e mercato”.. Politiche economiche e sviluppo locale: alcune riflessioni. 2005. Cambridge (Massachussets) Perroux F.. 1994. Patti per lo sviluppo locale. Institutional Change and Economic Performance.. VII.. 2001. 2002. Mimeo Sabel C. 1/2004 Saxenian A. Una raccolta di saggi di Sebastiano Brusco (1990-2002)”.. Roma Russo M.. Note su tre saggi di Sebastiano Brusco. 1990. 2004. Il vantaggio competitivo dei sistemi locali nell’era della globalizzazione: cultura e competizione nella Silicon Valley e nella Route 128. 1861-1981. 98 . 2005. Riformisti per forza. Dalla periferia al centro. Bologna Nisticò R. In: Sviluppo Locale.Francesco Silvestri Natali A. Il comportamento amministrativo.. A.. 1967. Milano Trigilia C.C. In: “Stato e mercato”. Viesti G. 1990. 2000. In “L’économie du XXème siècle”.. Milano Simon H.. L. 1964. Concertazione e sviluppo locale. 14 Viesti G. Patti territoriali come strumento per lo sviluppo economico locale In: Magnatti P.. Note per l’Introduzione a “Distretti industriali e sviluppo locale. Mimeo I Contratti di Programma SARAS Negri Zamagni V. 2005. Roma North D... Mondo in bottiglia o finestra sul mondo? Domande aperte sui distretti industriali nello spirito di Sebastiano Brusco.. Note sur le notion de pole de croissance. Trigilia C. 62 Rossi N. Bologna Solow R.. Bologna Ruju S. La parabola della petrolchimica in Sardegna – Ascesa e caduta di Nino Rovelli... Teoria dell’organizzazione industriale. Roma Tirole J. 2001. 63 Viesti G. Ramella F. Lezioni sulla crescita endogena. In: “Stato e mercato”. 2002...

1: Residenti 1991-2001 nel SLL di Cagliari dati ISTAT) .6% 13.71 89.708 6.138 7.766 68.96 32.930 6.949 15.379 23.829 2.854 5.6% 4.979 2.03 93.491 1.825.31 82.2% 5.5% -0.84 51.57 71.7% 16.70 101.63 6.3% 4.29 14.610 6.1% 1.254.83 66.837 12.243 27.982 4.2% 5.587 3.468 1.21 223.20 122.31 68.237 2.09 44.55 49.778 478.2% 10.90 48.Appendice Statistica A.35 1.25 141.61 27.731 4.294 1.50 11.5% 2.15 36. valori assoluti e variazione %.53 62.46 94.279 9.895.311 5.56 3.025 7.69 56.1% 5.836 4.892 5.332 4.66 83.774 Var % 17.496 20.36 1.0% -2.1% -1.28 31.524 13.636 1.821 1.79 39.69 110.95 113. è proposto anche il dato del SLL “allargato”.535 1. Indicatori relativi al territorio 2001 Assemini Barrali Burcei Cagliari Capoterra Decimomannu Decimoputzu Dolianova Donorì Elmas Maracalagonis Monastir Monserrato Nuraminis Pimentel Quartucciu Quartu Sant’Elena Samatzai San Sperate Sant’Andrea Frius Sarroch Selargius Serdiana Serramanna Sestu Settimo San Pietro Sinnai Soleminis Ussana Uta Villasor Villaspeciosa SLL 23.545 15.26 Tab.6% 30.88 26.89 31.822 1.086 1.746 6.4% 18.877 2. superficie e densità (Fonte: elaborazioni su 105 Il SLL di Cagliari non comprende i comuni di Pula e Villa San Pietro.934 1991 20.0% 2.753 460.391 6.87 96.38 47.2% 138.9% -3.978 164.29 706.317 7.40 45.92 313.97 85.9% -9.81 84.94 77.64 386.973 1.040 1.77 81.61 2.7% -0.182 5.428 6.98 27.43 67.574 468. facenti parte del SLL di Pula.76 6.1% 2.85 134.12 26.599 61.9% 12.24 1.238 10.17 13.38 12.947 469.027.003.33 40.42 243.5% 7.25 256. in molte tabelle oltre al dato relativo al SLL di Cagliari.235 1.440 2.338 3.237 16.0% -0.47 Pula Villa San Pietro SLL allargato Provincia di Cagliari 6.590 105 11.82 94.233 5.249 9.0% 5.124 1.160 9.692 7.2% 8.32 23.25 28.1% 11.0% -2.763 6.46 86.919. per questo motivo.065 1.79 578.045 7.55 68.8% -19.113 7.0% Sup (kmq) 117.539 3.19 257.5% -3.71 55. ossia comprensivo anche di questi due comuni.0% 25.249 21.205 769.9% 12.89 238.348 5.60 35. nonostante siano entrambi un rilevante bacino di provenienza di addetti per SARAS Raffinerie Sarde.45 114.025 3.5% 18.31 60.23 Densità 2001 204.4% 2.002 204.857 1. . A.11 260.77 315.05 44.076 2.247 760.60 31.0% 7.

1: Unità locali e Addetti 1991-2001.7% 8.462 Variazione 91-01 -86.15% 59.2: Unità locali e Addetti 1991-2001.3% -10.2% -50.17% 100% UL 2001 0.63% 76. dati assoluti del SLL di Cagliari e variazione % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) ii .62% 0.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS UL 1991 Agricoltura e pesca Industria Servizi Provincia di Cagliari UL 1996 5 9.660 1.821 -25.7% 10 9.699 38.14% 0.182 34.594 28.470 32.628 1. % sul totale provinciale (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Agricoltura e pesca Industria Servizi SLL UL 1996 2 6.01% 22.2% 14.56% 100% Addetti 2001 0.789 22.5% -4.82% 1.576 1.597 Tab.05% 100% Addetti 1991 0.4% 107.8% 21.1.804 28.03% 1.830 Variazione 91-01 0.82% 65.18% 100% 0.232 34.02% 36.439 UL 2001 4 6.521 126 Raffinazione Informatica 11 443 10 588 15 920 36.264 139.1% 1.738 94.51% 0.9% 4 5.19% 0.61% 0.51% 0.14% 1.2% 14.32% 0.5% 10.81% 100% Addetti 1996 0.426 1.0% -9.191 2.62% 0.7% 1.286 70.1.17% 10.730 116.1: Unità locali e Addetti 1991-2001.501 UL 2001 5 10.2. A2.5% 18. dati provinciali assoluti e variazione % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Agricoltura e pesca Industria Servizi Provincia di Cagliari UL 1996 0. A2.192 29.07% 11.1.814 Addetti 2001 6 50.95% 2.13% 0.950 Addetti 2001 266 27.4: Unità locali e Addetti 1991-2001 per comparti industriali e servizi specifici.916 81. A2.152 32.785 Variazione 91-01 129.8% Addetti 1991 37 34. dati provinciali assoluti e variazione % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Ricerca Manifatturiero Manifatturiero ristretto UL 1996 0.94% 77.03% 23.18% 18.36% 1.969 Addetti 1996 8 30.285 26.03% 1.04% 2.1% 4.007 1.22% Raffinazione Informatica 0.0% 79. A2.646 104.7% Addetti 1991 116 30.35% 100% Tab.992 145.901 Tab.86% 2.406 115 UL 2001 123 4. A2.727 83.08% 21.665 Addetti 2001 5 32.873 128.72% 1.630 Addetti 1996 175 25.539 71.551 3.28% 10.599 137 Variazione 91-01 324.01% 22.0% Tab.28% UL 2001 0.393 Variazione 91-01 -50.8% 29 4.588 1.8% 15.9% 23.0% 10.118 101. dati provinciali % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Ricerca Manifatturiero Manifatturiero ristretto UL 1996 72 4.026 41.42% 63.004% 34.36% 0.04% 40.206 44.1.212 Addetti 1996 25 46.82% 77.1% Addetti 1991 60 55.0% 13.888 83.31% Addetti 1991 Addetti 1996 Addetti 2001 0.736 Variazione 91-01 -90.14% 19.03% Tab.3: Unità locali e Addetti 1991-2001 per comparti industriali e servizi specifici.90% 1.

A2.66% 67.32% 0.1% 36.8% -62.05% 18.2% 81.30% 100.1% -6.2: Unità locali e Addetti 1991-2001.1% 90.7% 32.5% 76.3: Unità locali e Addetti 1991-2001.74% 100.31% 8.86% 0.021 1.4% Raffinazione Informatica 81.21% 15.2.37% 80.3% 63.33% 0.01% 20.05% 2.18% 8.0% 80.3% 90. A2. dati % del SLL di Cagliari (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Ricerca Manifatturiero Manifatturiero ristretto UL 1996 59 2.41% 0.9% 88.3% 82.00% Addetti 1991 0.0% 40.62% 100.8% 61.13% 16.579 1. rapporto tra SLL e universo provinciale.04% 32.8% 86. A2.873 73 UL 2001 107 2.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS UL 1991 Agricoltura e pesca Industria Servizi SLL 0.50% 1. A2.09% 9. dati % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) iii .0% 66. dati % sul totale del SLL di Cagliari (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) Agricoltura e pesca Industria Servizi Totale UL 1991 UL 1996 UL 2001 Addetti 1991 Addetti 1996 Addetti 2001 40.0% 3.2.39% 1.10% 71.0% 61.00% Tab.190 2.01% 19.71% 0.8% 83.0% 83.479 -24.13% 2.7% 53.4% 99.5% 65.3% 88.2% 63.387 980 1.0% 83.9% 87.3% 65.0% 97. dati del SLL di Cagliari assoluti e variazione % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) UL 1991 Ricerca Manifatturiero Manifatturiero ristretto UL 1996 0.3: Unità locali e Addetti 1991-2001 per comparti industriali e servizi specifici.6% 62.8% 64.00% UL 2001 0.7% 62.7% Tab.23% 0.710 Addetti 1996 130 16.00% Addetti 2001 0.56% Raffinazione Informatica 0.89% 100.3% 47. rapporto tra SLL di Cagliari e universo provinciale.0% 25 2.1% 23.24% 79.9% Tab.00% 28.5% 84.4% 78.5% 69.03% 1.4: Unità locali e Addetti 1991-2001 per comparti industriali e servizi specifici.23% 0.9% 87.0% 93.2.65% 1.95% 100.4: Unità locali e Addetti 1991-2001 per comparti industriali e di servizi specifici.63% 0.1% 64.6% 106.8% Addetti 1991 48 19.93% 1.8% 81.825 67 Raffinazione Informatica 9 368 9 488 14 758 55.1% 73.29% 0.01% 18.3% 64.06% 100.4% 88.04% 69.12% 1.9% Tab.44% 0.462 1.601 450 Addetti 2001 241 17.27% Addetti 1991 Addetti 1996 Addetti 2001 0. A2.7% 82.9% 79.2% 63.03% 1.0% 1.2% 78.00% UL 1996 0.00% Addetti 1996 0.01% 30.7% 41.6% 78.930 95 Variazione 91-01 328.5% 75.4% 64. dati % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) Ricerca Manifatturiero Manifatturiero ristretto UL 1991 UL 1996 UL 2001 Addetti 1991 Addetti 1996 Addetti 2001 86.23% UL 2001 0.1% 99.0% 41.5% 78.36% Tab.93% 81.4% 74.735 649 Variazione 91-01 402.88% 0.

4% 45.5 45.0 22.6% -11.5 26.4 20.1% 23.0 41.2 30.0% 2.5 41.1 50.5 50.6% 49.7 54.5 31.6 36.4 20.5% 6.3 24.3% Tab.0% 71.3% -28.1 40.1 40.4% 39.6 1991 Tasso disocc Tasso attiv 54.7 41.8 40.7% 22.8 29.7 37.7 19.5 19.4% -45.3% -28.6 20.36 21.3 46.8 33.2 48.4 54.3% -25.1 42.3 36.6 47.5 19.3% 1.6 22.4 51.8 45.8 29.8% -7.19 53.2 21.3% 22.1 47.9 35.7% -43.23 50.8 30.8 48.0% -5.9% -12.3 24.3 37.4 22.1 47.8% 6.9 54.4 24.1 44.1% 22.4 31.2 39.2% 7.3 22.6% 18.8 32.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 2001 Tasso disocc Assemini Barrali Burcei Cagliari Capoterra Decimomannu Decimoputzu Dolianova Donorì Elmas Maracalagonis Monastir Monserrato Nuraminis Pimentel Quartucciu Quartu Sant’Elena Samatzai San Sperate Sant’Andrea Frius Sarroch Selargius Serdiana Serramanna Sestu Settimo San Pietro Sinnai Soleminis Ussana Uta Villasor Villaspeciosa SLL Pula Villa San Pietro SLL allargato Provincia di Cagliari 28.5 42.4 38.5% -6.6 23.8% 35.0% -0.5% 13.0% 38.9 39.1 21.2 25.0 28.5 48.0 38.8 25.3% 20.9% 28.8 41.5 27.8% 9.93 40.5 45.8% 6.6 31.6 47.5% 16.9 34.6% 18.7 42.3 33.2% 6.0 23.1 55.1% 35.3% -29.0 22.0% 23.8% 60.5% Attivi 55.5 53.3% 38.8 30.9 37.2 25.2 40.3 52.4 21.8 34.1 30.8% 39.8% 28.0 40.8 23.5 40.2 40.6 Tasso attiv 41.2 30.5 27.70 31.6 25.1 29.9% 23.2 28.3% 2.5 52.6% 15.8 25.5 37.5 24.3% 5.8 36.2% -19.2 42.1 39.7 37.91 27.0 30.0 35.3 43.4% -4.1 51.1% 2.6% -9.3 26.0 46.13 26.7% 3.1 40.3% -9.7 18.4 25.7% 41.8% 8.0% -0.7% 41.6 25.3 36.4 26.9 42.0 47.4 19.8 27.9% 47.0 27. numeri indice e variazione % dei dati assoluti (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) iv .5% 13.3% 4.6 22.6 42.0% 4. A3: Tasso di disoccupazione e di attività 1991-2001 nel SLL di Cagliari.2 Var % Disoccupati 23.4% -4.3 22.5 30.6 49.8 48.2 26.5% 20.8 26.2 41.0 32.3 49.4 43.9 40.7% 14.4% 0.22 42.6 45.0 36.4% 16.7 42.5 51.6 42.9 46.8% 9.1% -13.7 39.2% -16.2% 32.5% 18.

49 17.51 20.5% Variazione % (1996-2001) 24.0% 17.99 30.5 124.8% 7.45 26.02 21.2% 34.67 25.06 24.45 32.90 26.4% 17.74 2000 28.4% 30.796.85 22.9% 3.0% 22.12 27.59 20.16 20.16 22.27 26.39 22.85 19. valori medi (migliaia di Euro) e variazione % (Fonte: elaborazione su dati Agenzia delle Entrate) v . SLL di Cagliari.2% 22.3% 14.2% Tab.72 28.0% 20.79 24.13 24.99 16.38 23.1 108.8% 19.0% 15.1% 12.65 22. numeri indice e variazione % (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) Assemini Barrali Burcei Cagliari Capoterra Decimomannu Decimoputzu Dolianova Donorì Elmas Maracalagonis Monastir Monserrato Nuraminis Pimentel Quartucciu Quartu Sant’Elena Samatzai San Sperate Sant’Andrea Frius Sarroch Selargius Serdiana Serramanna Sestu Settimo San Pietro Sinnai Soleminis Ussana Uta Villasor Villaspeciosa SLL Pula Villa San Pietro SLL allargato Provincia di Cagliari 1998 24.20 18.04 27.2: Imponibile IRPEF su base comunale per contribuente netto1998-2000.46 17.3% 18.1% 34.73 34.4% 16.97 19.2 111.3% 51.42 17.58 16.5% 16.11 25.1% 2.1% 15.2% 11.5% 28.8% 15.12 22.0% 19.16 33.66 19.0 106.38 14.66 25.198.78 19.31 15.92 23.63 20.6% 9.6% 21.93 24.36 23.05 19.12 22.27 23.09 21.0% 31. A4.058.4% 27.93 16.6% 12.2% 40.0% 18.2% 15.41 29.74 28.08 32.20 22.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS 1996 1997 1998 1999 2000 2001 Valore medio procapite 14.61 26. valori medi.8% 15.2% Tab.76 15.2 Variazione % (Base mobile) 6.15 23.80 26.9% 17.65 27.7% 11.75 26.67 19.64 19.98 17.1% 29.52 22.0% 2.401.16 30.632.64 23.66 27.9% 20.02 17.3% 31.76 24.41 Variazione Base 100 100.43 Variazione % 15.1: Valore aggiunto del SLL di Cagliari al lordo SIFIM per abitante 1996-2001.48 28.40 28.97 26.90 15.24 23.37 21. A4.7% 19.357.76 31.53 32.3 115.44 23.69 38.27 33.

942 200.849 6.4% 158.8 834. A5.7 8.039% 1.6 16.491 6.9% 123.577.0% 129.9 0.475 73. B1.754 677.538.2% 297.1% -30.009% 303.498.0009% 198.009% 510.004% 200.588.011% 517.757 65.055.472 12.078 64.853.3 262.0% 100 511.4 1.2 669.720 66.007 70.201.5% 127.718 9.5% 113.8% 169.759 76.410 0.554 336.226.942.494.490 78.003% 100 9 84.863.8% Tab.675.495 15.971.5 1.9% 153.0001% 19.5 251.266.274 0.0000% 100 0.915 0.2% 156. supporti informatici per fenomeni diversi dal suono e dall'immagine.0% 20.3 Export Val assoluto % sul totale Var base 100 489.0002% 21. valori assoluti e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) vi .414 0.826 341.4% 136.628 0.004% 128.328 72.237.2 233.967 6.8 1. A5.5% 133.1: Occupazione aggiuntiva del CdP SARAS 1.9% 97.7 0.6% 164.881.488.2% 157.698 6.2: Valore delle importazioni-esportazioni verso l’estero su base provinciale.7 0.6% 33.027.172 65.2 203. Indicatori relativi ai Contratti Occupaz prevista Occupaz finale Variaz assoluta Raffineria SARTEC CRA Ambiente Biotecnologie Totale 142 80 15 34 6 277 172 56 18 28 8 282 30 -24 3 -6 2 5 Variaz % 21.620.212.8% 170.454.1 1.4 17.9 238.0005% 88.188.3% 1.6 1.096 8.2% 128.6% 75.6 625.4% 314.225 0.966.363 11.6% 139.9 314.9 0.757 181.0 240.536. quota sul totale dell’import-export e base 100 (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) B.1 147.5 1. prodotti petroliferi raffinati.7 1.3 3.463.4 631.6 114.3 603.8 0.6 828.491.9 775.4 Tab.783.931 70.0001% 17.833 Export % sul totale Var base 100 0.3% 104.984.245.1: Valore delle importazioni-esportazioni verso l’estero su base provinciale.390 73. valori assoluti (Euro).687.7% 100 172.7 0.6% 267.794. valori assoluti (Euro).3 196.0% -17.066.0002% 42.306. quota sul totale dell’import-export e base 100 (Fonte: elaborazioni su dati ISTAT) Import 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 Val assoluto % sul totale Var base 100 Val assoluto 65.7% 247.809 8.007 132.9% 206.172 76.9 Tab.471 67.025 0.6% 171.0010% 186.519.9 212.483 0.708.962 7.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Import 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 Val assoluto % sul totale Var base 100 152.243.976.768 12.087 10.005% 275.771.

6% 32.41 28.49 39.99 0.93 251.4: Occupazione aggiuntiva dei tre CCdPP SARAS.37 -41% 35% Tab.32 Concessione (aggiorn) 59.89 Concessione (aggiorn) 219.Agevolazio% fin pub investimenti agevolazio(consuntivo) ne prevista ne (aggiorn) ammesso (vs aggiorn) ne 79.21 2.35 57.25 3.15 93.52 0.49 -2% 138. B2.43 4.66 AgevolaAgevolazioSpeso Variazione zione previne ammessa (consuntivo) investimenti sta 220.41 57.2: Occupazione aggiuntiva del CdP SARAS 2.34 2. B1.89 30.99 136.42 6.83 33.1% 60.07 -4% -5% -9% -10% -4% -6% 28% 64% 66% 80% 80% 36% Tab.7% 51% -34.13 6.91 Var % fin agevolapub zione ammesso 10.4% -13% 8% -3% 9% -0. valori assoluti (milioni di Euro) e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Concessione Raffinerie Città tecnologica Totale 185.6% Tab.37 2.55 27.17 34% 41. B1.3: Occupazione aggiuntiva del CdP SARAS 3. valori assoluti e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Occupaz prevista Occupaz finale Variaz assoluta Raffineria 2° Filone Totale 214 644 858 269 413 682 55 -231 -176 Variaz % 26% -36% -21% Tab.86 3.13 2.20 5.26 3.91 30% 51.37 2.1% I Contratti di Programma SARAS Tab.06 88.0% 74% -1.40 115.3: Investimenti ed agevolazioni del CdP SARAS 3.93 Variazione Variazione Speso Agevolazio.08 254. valori assoluti (milioni di Euro) e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) vii .1: Investimenti ed agevolazioni del CdP SARAS 1.74 -3% 10.5% 54% Tab.01 25.17 258.2: Investimenti ed agevolazioni del CdP SARAS 2. valori assoluti e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Occupaz prevista Raffineria 2° Filone Totale 22 313 335 Occupaz previVariaz assoluta sta (aggiornam) 22 53 75 0 -260 -260 Variaz % 0% -83.93 23.91 29. valori assoluti (milioni di Euro) e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Concessione Raffinerie Totale 2° filone Totale 91. B2.48 -34% 35% 6.5% 100.97 -13% 38.86 5.1% -77.0% 27.68 252.76 21.15 23.00 6. B1. B2.Francesco Silvestri Occupaz prevista Occupaz finale Variaz assoluta Raffineria Città tecnologica Totale 50 196 246 75 250 325 25 54 79 Variaz % 50.48 242.89 -72% 43% 85.93 65.13 Speso Variazione Agevolazione Agevolazione Variazione % fin pub (consuntivo) investimenti prevista ammessa agevolazione ammesso 208.98 111. valori assoluti e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Concessione Raffineria SARTEC CRA Ambiente Biotecnologie Totale 208.

570 732. giorni (Fonte: elaborazioni su dati MAP) viii .93 128. B2.60 193. valori assoluti (milioni di Euro) e percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) SARAS 1 SARAS 2 Media CdP 1a previsione ammesso fase 2.32 421.32 166.Occupazioni zione 83% 17% 100% 65% 35% 100% 51% 49% 100% 76% 24% 100% 73% 27% 100% 20% 80% 100% 80% 20% 100% 80% 20% 100% 7% 93% 100% 80% 20% 100% 71% 29% 100% 25% 75% 100% Tab.83 25.4: Investimenti ed agevolazioni CCdPP SARAS.48 2.4 SARAS 3 Media CdP 2a previsione ammesso fase 1. B2.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS SARAS 1 SARAS 2 SARAS 3 Totale % fin pubblico 39% 69% 43% Investimenti Agevolazione Investimenti Agevolazione Investimenti Agevolazione Investimenti Agevolazione Raffineria 2° filone Totale 208. valori percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) SARAS 1 Investimenti Raffineria 2° filone Totale Agevola.17 6.39 197.Occupazioni zione Investimenti Totale Agevola.475 331.97 254.019. valori percentuali (Fonte: elaborazioni su dati MAP) Cdp SARAS 1 Domanda-Approvazione Domanda-Stipula 887 1.413 144.Occupazioni zione Investimenti SARAS 3 Agevola.Occupazioni zione Investimenti SARAS 2 Agevola.09 947.86 43.35 Tab.974 54.07 100.52 33.91 79.Occupazioni zione Investimenti SARAS 3 Agevola.99 57.888.30 42.5 Tab B2.55 83.872 374.491.249.37 508.64 33.5. comparazione CCdPP SARAS -media CCdPP nel periodo 1996-2003.53 404.270 140.6: Rapporto tra i due filoni dei CCdPP SARAS come previsto al momento della stipula.5 126.03 154.9 (91.068 Cdp SARAS 1 (aggiornam domanda) 74 255 Cdp SARAS 2 188 294 Cdp SARAS 3 358 761 CCdPP 1996-2003 309 650 Tab.26 109.88 337.21 88.5) Media Media CdP 3a previsione ammesso CdP (al 30/6/2002) fase (al 30/6/2002) 1.89 30.42 58.7: Rapporto tra i due filoni dei CCdPP SARAS come realizzato.Occupazioni zione 83% 17% 100% 66% 34% 100% 61% 39% 100% 87% 13% 100% 82% 18% 100% 23% 77% 100% 92% 8% 100% 90% 10% 100% 29% 71% 100% 86% 14% 100% 77% 23% 100% 39% 61% 100% Tab.07 220.18 255. B2.Occupazioni zione Investimenti Totale Agevola.49 111.08 136.17 58.00 336.00 1. valori medi (migliaia di Euro) (Fonte: elaborazioni su dati MAP) SARAS 1 Investimenti Raffineria 2° filone Totale Agevola. B.13 251.86 30.90 Totale previsione ammesso Raffineria 2° filone Totale 424.Occupazioni zione Investimenti SARAS 2 Agevola.74 85.84 592.24 312.: Agevolazioni per occupato dei CCdPP SARAS e comparazione con gli altri CCdPP dello stesso periodo.92 565.3: Tempi di perfezionamento del contratto.91 27.

84% 2.404 2.45% -15.235 4.48% 21.288 2.196 1.800 109.384 7.414 2000 2001 2002 2003 2004 2000 2001 2002 2003 2004 2000-2004 33.066 2.42% 40.319 2004 1.020 72 6 24 102 18 3 167 3 4 13 18 34 8 8 6 282 1.566.864.37% 2.513 1.011 71 12 33 116 25 78 3 9 7 17 30 1 9 13 192 1.804 210.50% 11.055 10.59% 2000-2004 4.404 2002 1.849 560 6.415 559 115 16.613 404 9.86% -24.061 184 0 169 5.202 2.083 0 21 1.710 6.48% 25.436 5.066 2.42% -12.238 461 12.804 10.07% - 7. Valori assoluti (migliaia di Euro) e variazioni % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) ix .74% 48.409 5.40% 707.495 9.83% -9.800 4.622.26% 6.017 68 32 41 141 180 180 1.58% -6.61% 44.25% -1.35% 2001 4.09% 26.486 4.262 2001 1. Valori assoluti e variazioni % (Fonte: elaborazioni su dati SARAS) 1999 SARAS Raffinerie Sarde SARTEC srl/SARTEC SpA Flamingo Automation SARAS Ricerche Totale Area SARTEC SARAS Lab Events FST Inser Mediatech Starcust Tecne Vox Stagira Thinkware Xanto Akhela Totale Area New economy 2.674 - 16.174 2000 977 73 22 95 13 7 112 7 8 15 1 27 190 1.67% 7.127.18% 347.377 2003 1.12% 9.39% 2003 -1.44% -5.65% 11.896 10.56% Tab C2: Fatturato 1999-2004.92% -4.103 1.686 1.82% 48.84% -11.21% 1.40% 2002 0.674 210.083 48 2 16.02% Tab C1: Addetti 1999-2004. Indicatori relativi al Gruppo industriale ed alle imprese coinvolte 1999 SARAS Raffinerie Sarde SARTEC srl Flamingo Automation SARAS Ricerche Totale Area SARTEC SARAS Lab/Akhela Events FST Inser Mediatech Starcust Tecne Vox Stagira Thinkware Xanto Totale Area New economy Totale 964 56 19 75 15 9 73 8 8 16 6 135 1.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS C.21% 88.024 71 5 29 105 13 1 141 3 5 12 13 33 8 10 9 248 1.763 5.993 11.805 2.879 3.55% 48.12% 1.27% 2004 0.118 1.06% -22.312 19.25% 7.338 2000 1.828 939 5 72 8.405.342 76 1.71% 84.533.94% 10.439 0 39 1.20% -14.

006 195 9.390 713.5% 13.036 1.253 8 598 - 2004 8.1% 35. 2002) 1999 SARTEC Srl/SARTEC SpA SARAS Ricerche Srl Flamingo Automation Srl Totale Area SARTEC Saras Lab Srl FST Mediatech Starcust Srl Tecne Srl Vox Stagira Thinkware Xanto Cagliari Srl Akhela Srl Totale Area New economy 4.265 1.2% 18.691 15.448 13.: Occupati nello stabilimento SARAS SpA Raffinerie Sarde per luogo di residenza e qualifica.0% -54. Valori assoluti e % (Fonte: elaborazioni Osservatorio Industriale della Sardegna su dati SARAS.6% 4.6% 11 5 5 6 8 35 35 3.188 1.0% 0.6% 0.330 13.129 6.480 1.001 6.025 - 2001 3.0% Tab C3.3% 0.914 739.0% -37.2% 100.841 1.401 772.617 18.494 5.370 14.905 2.676 9.003 1.5% 0.4% Totale 176 119 291 187 208 981 6 5 3 2 997 100.4% 13.198 1.905 4.057 629.4% 0.2% Tab C4.810 9.8% 20. adattato da Mura.903 2.9% 29.862 188 615 25 - 2003 2.814 368 8.6% 52. 2001.594 35.6% -5.728 3.334 2.1: Immobilizzazioni lorde.Quartucciu-Selargius Altri comuni Provincia di Cagliari Provincia di Oristano Provincia di Nuoro Provincia di Sassari Provincia di Milano Totale % 81 63 134 100 88 466 4 2 2 1 475 47.4% 3.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS Impiegati Intermedi Sarroch Pula-Villa San Pietro-Capoterra Cagliari Monserrato-Quartu.2% -6.905 17.5% 8. Valori assoluti (migliaia di Euro) e variazioni % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) x .9% 9.558 30.871 22.898 1.516 88 73 26 - 2002 2.5% Operai 81 35 74 58 101 349 2 1 1 353 35.589 14.124 - 2000 2001 2002 2003 2004 SARAS Spa Raffinerie Sarde 487. 1999-2004.941 29.4% Quadri 3 16 58 20 11 108 2 110 11.404 8.221 469 8.031 5.253 23.196 1.839 575.0% % 17.211 2000 4.124 100.2% 13.550 2.393 14.7% 11.941 -7.9% 98.0% Dirigenti 20 3 23 1 24 2.

136 1. 1999-2004.0% 82.372 2.289 3.9% 39.2% 22.6% 85.667 434.444 9.539 9.377 3.3% 0.0% 77.8% Totale area New Economy 58.3% 36.4% 43.0% 0.834 781 374 1.152 281 817 176 32 32 12 76 6 2.9% 3.7% 0.2% 98.467 1.9% 0.4% 57.263 2.9% 55.0% 38.0% 75.9% 0.606 2.487 71 526 222 891 373 49 83 26 43 0 69 5 2 68 6 1.647 6.0% 90.994 5.0% 0.7% 0.3% 79.2% 0.511 10.415 1.501 1.1% 53.390 1.8% 1.124 6.349 1.7% 46.318 1.916 4.976 218.6% 1.0% 0.0% 29.642 1.1% 59.0% 41.Francesco Silvestri I Contratti di Programma SARAS SARAS Raff.0% 28.8% 38.0% 23.4% 30.9% 22.7% 43.3% 0.7% 50.0% 79.5% 0.359 7.3% 32.5% 75.142 Tab C4.6% 24.033 15.1% 8.313 7.4% 11.8% 0. materiali e finanziarie.0% 88.484 443.2% 4.786 441.203 1.8% 26.357 4.2: Immobilizzazioni immateriali.2% 68.7% 60.005 2.2% 1.3% 0.899 1.8% 75.2% 9.0% - 80.2% 25.0% 57.453 7. Valori % (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) xi .064 13.0% 53.9% 35.2% 9.996 1.269 11. Sarde SARTEC Srl SARAS Ricerche Srl Flamingo Autom Srl Totale area SARTEC SARAS Lab Srl FST Srl Mediatech Srl Starcust Srl Tecne Srl Vox Srl Stagira Thinkware Corp Xanto Srl Akhela Srl 1999 2000 2001 2002 2003 2004 Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm fin Imm fin Imm fin Imm fin Imm fin Imm fin immat mat immat mat immat mat immat mat immat mat immat mat 13.0% 82.5% 1.7% 28.3% 0.539 393 393 669 669 1.699 466.771 30.1% 0.7% 65.649 Totale area New Economy 9.467 444.580 28.7% 20.053 2.312 19.0% 99.2% 56.626 5.120 1.258 14.747 320.033 8.9% 0.343 154.8% 73.1% 20.801 7.3% 25.5% 2.4% 0.2% 0.2% 52.3% 93.6% 75.0% 79.363 1.5% 55. materiali e finanziarie.5% 13.647 6.4% 11.8% 85.899 1.1% - 30.9% 8.135 13.3% 50.623 1.649 11.5% 47.7% 29.0% 14.6% 0.9% 0.9% 0.994 1.7% 46.0% 79.6% 65.8% 2.5% 2.8% 1.8% 11.619 125.674 13.7% 17.6% 70.3% 85.760 360 287 850 442 58 60 900 17 59 0 76 3 7 1.8% 0.9% 55.047 2.6% 40.7% 1.0% 49.406 283.9% 8.2% 41.675 5.4% 17.0% 80.0% 82.3% - 49.3% 0.5% 70.3% 1.2% 52.8% 26.0% 0.989 7.718 366.5% 21.2% 80.5% 34.7% 20.488 1.8% 79.3% 0.2% 0.6% 19.0% 59.7% 35.0% 0.4% 7.4% 30.1% 71.9% 20.0% 75.239 12.916 4.488 7.2% 5.3% 10.016 308 1.4% 7.5% 6.323 9.880 7.6% 4.318 5.0% 70.3: Immobilizzazioni immateriali.633 4.7% 0.863 107.7% 3.932 51 3.416 2.1% 36.451 397 349 347 350 10 51 61 2 2 1. Valori assoluti (migliaia di Euro) (Fonte: elaborazioni su dati Osservatorio Industriale della Sardegna) SARAS Raff.0% 65. 1999-2004.7% 24.6% 0.470 15 144 89 1.3% 0.1% 78.416 2.078 1.5% 49.0% - 85.4% 37.963 1.5% 7.8% Tab C4.5% 74.606 2 528 6 64 - 2.6% 0.0% 59.6% 21.0% 0.9% 0.074 5.2% 61.078 6.6% 35.2% 0.9% 37.297 413 320 1 1 2.5% 67.2% 19.0% 38.3% 50.0% 0.8% 30.138 295 73 3.8% 70.8% 0.193 4.9% 4. Sarde SARTEC Srl SARAS Ricerche Srl Flamingo Autom Srl Totale area SARTEC SARAS Lab Srl FST Srl Mediatech Srl Starcust Srl Tecne Srl Vox Srl Stagira Thinkware Corp Xanto Srl Akhela Srl 1999 2000 2001 2002 2003 2004 Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm Imm fin immat mat fin immat mat fin immat mat fin immat mat fin immat mat fin immat mat 2.7% 19.2% 19.0% 2.996 2.712 14.074 27 6 1 5.