TEXTILE

EVOLUTION

MERCERIZZO Trattamento delicatissimo per fibre pregiate
Dalla micro chimica... Il mercerizzo è un passo fondamentale nella preparazione del tessuto di cotone. Durante il processo di mercerizzo, la struttura cristallina della cellulosa viene alterata permanentemente a beneficio delle caratteristiche macroscopiche e della reattività delle fibre ai coloranti. L’azione della soda concentrata sulla struttura polimerica della cellulose può essere riassunta come segue: in primo luogo, la liscivia rallenta la formazione di reticolazioni tra catena polimerica causando un parziale riorientamento dei cristalli nella struttura cellulosa. PARAMETRI BASE DI PROCESSO DI MERCERIZZO Bagnato su bagnato Evita l’uso dell’asciugatura e permette un ridotto consumo di vapore su tutto il processo. Il mercerizzo è solitamente preceduto da un lavaggio per trattare il tessuto direttamente dopo pad batch o soltanto da una vaschetta di impregnazione per uniformare l’umidità residua. In questo caso il sistema di alimentazione della soda lavora con un leggero over flow. Asciutto su bagnato La reazione è più veloce, uniforme e costante e non c’è tracimazione di bagno. Come bagnato su bagnato, anche in questo caso abbiamo la regolazione automatica della soda. Mercerizzo a caldo (50-60° C) Il processo essendo di per sè esotermico risulta più economico. Non ci sono i costi di raffreddamento e avendo tempi di reazione inferiori sono permesse velocità superiori. Si ottiene un rigonfiamento uniformemente distribuito del cuore della fibra, con una buona copertura del cotone morto. Mercerizzo a freddo (10-15°C) La bassa temperatura limita il rigonfiamento, ma dona il tipico aspetto lucente. Il tempo di reazione è conseguentemente più elevato rispetto al mercerizzo a caldo. UNITA’ BASE DI MERCERIZZO Vasca di preparazione Le zone di preparazione e impregnazione sono combinate in un’unità a due piani dove la vasca di preparazione è posizionata nel fondo. Nella vasca di preparazione, la soda caustica concentrata, proveniente dal serbatoio principale, viene miscelata con una quantità d’acqua predeterminata; la concentrazione della soda viene costantemente controllata e mantenuta attraverso un rifrattometro ad alta precisione collegato a PLC; quando necessario viene aggiunta della soda caustica o dell’acqua, per mantenere la concentrazione costante. La vasca di preparazione è dotata di un filtro autopulente e di due pompe di ricircolazione che distribuiscono la liscivia nel compartimento superiore.

La sezione delle fibre cambia dalla classica forma a “fagiolo” a quasi circolare a causa del rigonfiamento. Le catene polimeriche così modificate perdono la caratteristica conformazione a spirale, loro peculiarità prima del processo di mercerizzo, con effetti molto interessanti su scala macroscopica. …ai macro risultati sul tessuto: L’effetto macro delle modificazioni cristalline della struttura cellulosa cambia efficacemente le proprietà del tessuto di cotone, a totale beneficio della qualità finale del prodotto: • Incremento dell’affinità di tintura fino al 35% • Stabilità dimensionale • Maggiore lucentezza • Migliori proprietà meccaniche • Copertura del cotone morto • Maggiore morbidezza al tatto • Brillantezza nel colore MERCERIZZO IN TINTORIA Su Maglia o su tessuto sbozzimato (Camiceria) La motorizzazione indipendente dei cilindri di fondo scanalati e i compensatori pneumatici appositamente studiati, permettono un ottimo controllo della tensione e garantiscono un ridotto rientro anche nel senso di trama. È perciò possibile utilizzare il mercerizzo non solo per i tessuti ortogonali, ma anche per la maglia, dando una maggiore stabilità dimensionale con il minimo rientro residuo. Il mercerizzo prima del candeggio è consigliato per evitare di ridurre il grado di bianco e l’idrofilia o su articoli particolarmente difficili per renderli più stabili. Su tessuto candeggiato Questo è il trattamento più comune, dato che i risultati nell’affinità di tintura e lucentezza sono massimi. Ultimo, ma non meno importante, piccoli difetti, peluria, ecc. sono coperti dal processo di mercerizzo.

Extremely delicate treatment for first-class fibres
From micro chemistry… Mercerizing is one fundamental step in cotton fabric preparation. During the mercerizing process, the crystalline structure of the cellulose is permanently altered to the benefit of the macroscopic characteristics and fibre reactivity to the dyestuffs. The action of the concentrated lye on the cellulose polymeric structure may be summarized as follows: firstly, the lye hinders the formation of cross linkages between polymeric chain causing a partial re-orientation of the crystallites in the cellulose structure. The section of the fibre changes from kidney-shaped to almost circular due to the swelling and to the modified structure, which involves also the “twisting” of spiral coils in the cellulose. The so modified polymeric chains finally lose the convolutions that are their peculiarity before the mercerizing, and this results in quite interesting effect on the macroscopic scale. …to macro-results on the fabric The macro effect of the crystalline modifications of the cellulose structure changes very usefully the properties of the cotton fabric, to the benefit of the final product quality: • Increase of dyeing affinity up to 35% • Dimensional stability • Improved lustre • Better mechanical properties • Coverage of immature/dead cotton • Softer hand • Colour brilliance THE MERCERIZING IN THE DYEHOUSE On knitted or desizing fabric (shirt) The individual motorization of the lower grinding cylinders and the pneumatic compensator properly studied, allowed the best control of the fabric tension and grant a small shrinkage also in weft direction. For those reasons it’s possible to utilize the mercerizing unit also for the knitted fabric, with better dimension stability and minimum residual shrinkage. The mercerizing process before the bleaching is suggested to avoid the whitening and hydrophilicity effect or to stabilize particular kind of fabric. On bleached fabric This is the most commonly used treatment as the resulting dyeing affinity and lustre are maximum. Last but not least, small defects, creases from roller-bed steamer, naps etc. are covered by the mercerizing when this is used as last process. MERCERIZING BASIC PROCESS PARAMETERS Wet on wet Avoids the usage of drying and allows for somehow a reduced steam consumption on the overall process. The washing of cold pad batch usually is made before mercerizing process or sometime there is only a small tank with foulard to equalize the residual fabric pick up. In this case the Caustic soda feeding system is working with a small overflow. Dry on wet The process of caustic imbibitions is simpler. The fabric enters dry, therefore the wetting is uniform and constant, the strong caustic feed is still regulated by PLC according to the weight of the incoming cloth. Hot mercerizing (50-60° C) The exothermic process in this case is cheaper. There isn’t refrigeration costs and having less process/reaction time, the speed can be higher. We can obtain a uniform distributed swelling of the fibre core, with a good dead cotton coverage. Cold mercerizing (10-15°C) The lower temperature doesn’t permit to swell so much, but donate the typical lustre aspect. The reaction time is consequentially more long compared to hot mercerization MERCERIZER - BASIC PROCESS UNITS Preparation vat The preparation and the impregnation zones are combined into a singe “double deck” unit, where the preparation vat lies on the bottom part. In the preparation vat, strong caustic coming from the main headstock is mixed with a preset amount of water; the concentration of the resulting lye is constantly monitored and maintained through a high precision refract-meter connected to the PLC; when necessary, strong fresh caustic or water are added, to maintain the processing caustic concentration. The preparation vat features a process caustic filter and a recirculation pump that distributes the lye on the upper compartment (the impregnation zone).

Primo piano del filtro e densimetro per la preparazione Closeup of filter and density meter in the preparation

Vasca di preparazione / Preparation tank

MERCERIZZO Trattamento delicatissimo per fibre pregiate
Zona di impregnazione La sezione di impregnazione è la zona dove la soda caustica viene a contatto con il tessuto; essa viene filtrata e spruzzata con distributori posizionati sopra a ciascun rullo, dopo di che la soda viene costantemente ricircolata attraverso la pompa della vasca di preparazione. Ogni distributore assicura una copertura omogenea dell’area in larghezza, ed ogni zona viene costantemente irrorata. La tensione del tessuto è controllata da compensatori pneumatici appositamente studiati. I cilindri di fondo sono placcati chimicamente con Nickel e scanalati. Un’adeguata spremitura del tessuto sui cilindri di fondo vasca scanalati viene ottenuta attraverso i cilindri gommati superiori, che premono il tessuto con il loro peso . Sistema di trasmissione individuale e controllo di tensione cella di carico Il sistema di trasmissione individuale dei cilindri e dei tamburi ed il controllo tensione cella di carico sono la garanzia di operatività senza pieghe e perfetto controllo di tensione in ogni momento, anche ai valori bassi richiesti dai tessuti a maglia. Ottimizzazione controllo di processo Vengono fornite in ogni vasca di lavaggio termoregolazioni separate ed indipendenti, per adattare il profilo della temperatura ai processi richiesti. La portata d’acqua viene ottimizzata tramite flussimetri controllati da PLC in grado di gestire diversi pesi di tessuto e tipi di velocità (il bagno di lavaggio scorre nella direzione opposta al tessuto, minimizzando quindi il consumo d’acqua nell’intero processo). Maggior efficienza di lavaggio con la tecnologia a cilindri alettati Gli speciali cilindri o tamburi alettati delle vasche di lavaggio (ACTIVA o ESSETEX) permettono un’elevata movimentazione d’acqua sotto bagno ed una maggiore efficienza di lavaggio, se confrontata con le vasche di lavaggio tradizionali con cilindri lisci. Nella vasca ESSETEX, i tamburi alettati rappresentano il sistema perfetto per consentire una profonda penetrazione degli spruzzi d’acqua attraverso il tessuto. Controllo automatico del pH e neutralizzazione Il controllo del pH viene effettuato nell’ultima vasca di lavaggio, che è progettata per avere due compartimenti separati e gestiti indipendentemente. Un compartimento è provvisto di pompa di circolazione e sonda pH collegata al PLC per la neutralizzazione automatica con acido.

Zona di preparazione, impregnazione e reazione Preparation, impregnation and reaction zone

Zona di reazione La zona di reazione è posizionata in modo da permettere sufficiente tempo di contatto tra la cellulosa e la soda per avere un processo completo, mentre il tessuto è ancora allo stato plastico. La reazione completa di mercerizzo avrà completamente luogo, secondo la temperatura di processo, dopo 25-30 sec con mercerizzo a caldo e dopo 40-50 sec con mercerizzo a freddo. Zona di stabilizzazione Questa zona è fondamentale per la stabilità dimensionale finale del tessuto e per ottenere un lavaggio successivo nella sezione successiva con consumo minimo di acqua. La liscivia diluita in uscita dalla sezione di lavaggio viene portata al termine della zona di stabilizzazione; da quel punto la liscivia scorre controcorrente alla direzione principale del tessuto, mentre viene continuamente ricircolata e spruzzata sul tessuto, sezione per sezione, per migliorare il tempo di contatto. Il ricircolo in controcorrente in ogni sezione viene garantito dalle pompe. Nella stabilizzazione ogni sezione ha il proprio controllo della temperatura. Il controllo della soda caustica residua sul tessuto viene ottenuto misurando la concentrazione della liscivia nella zona di stabilizzazione. LAVAGGIO Zona di lavaggio ACTIVA o ESSETEX Dopo la stabilizzazione, le vasche di lavaggio modulari ACTIVA o ESSETEX si prendono cura del lavaggio finale e della neutralizzazione. Il lavaggio è necessario per raggiungere la desiderata neutralizzazione del tessuto, con il minor consumo possibile di acido e di acqua di lavaggio. La scelta tra ACTIVA e ESSETEX dipende principalmente dal tipo di tessuto, se ortogonale o a maglia.

Stabilizzazione / Stabilization

Extremely delicate treatment for first-class fibres

Zona lavaggio / Washing zone

Impregnation section The impregnation section is the zone where the caustic comes into intimate contact with the fabric; the caustic is filtered and sprayed with a number of distributors on the top of each roller, after which the lye is constantly recirculated through the pump of the preparation vat . Each distributor ensures a uniform coverage of the area widthwise, and each impregnation compartment is constantly flooded. The entire impregnation is driven by motors connected to inverters. The tension on the fabric is controlled by specially designed pneumatic compensators. The bottom rollers are chemically plated with Nickel, and grooved. A proper squeezing of the fabric on the bottom grooved rollers is achieved by the upper soft rubber coated rollers, which press the fabric by their own weight. Reaction section The position of the reaction section allows sufficient dwell time between the cellulose and the lye in order to have a complete process, while the fabric is still in the plastic state. The complete mercerizing reaction will taken place, according to the process temperature, after 25-30 sec in hot mercerizing and after 40-50 sec in cold mercerizing. Stabilization section This section is vital for the final dimensional stability of the fabric and for attaining a proper washing and neutralizing in the washing section, for the sake of the minimum water consumption. The weak lye coming from the washing section is taken to the end of the stabilizing section; from there, the lye flows countercurrent the main fabric direction, while being continuously recirculated and sprayed on the fabric, section by section, in order to improve the contact time. Recirculation in each counter current section is guaranteed by a number of pumps. Each section in the stabilization has its own temperature control. The control of the residual caustic on the fabric is achieved by measuring the lye equilibrium concentration at the beginning of the stabilization section.

WASHING ACTIVA or ESSETEX washing section After the stabilization, the modularly assembled washing range ACTIVA o ESSETEX take care of the final washing and neutralizing. The washing is required to achieve the desired neutralization of the fabric, with the least acid and washing water consumption. Choice between ACTIVA or ESSETEX ranges mainly depends on the type of fabric, whether woven or knitted. Individual drive system and load cell tension control Individual drive system of rollers and drums, and load cell tension control, are the guarantee for a crease free operation, and a perfect tension control any time required, even at the lowest values required by the knitted fabric. Optimized process control Separate and independent thermoregulations are provided in each washing box, to adapt the temperature profile to the required processing for the specific dyestuff. The water flow rate is optimised by means of PLCmanaged flow meters, to cope with different fabric weights and range speeds (the washing liquor flows in the opposite direction of the fabric, therefore minimizing the water consumption in the overall process). Increased washing efficiency with finned rolls technology The specially designed fluted rollers or drums in both washing boxes (ACTIVA or ESSETEX) allow a high water turbulence under liquor and a higher washing efficiency, if compared to the traditional washing boxes with plain rollers. In ESSETEX, the fluted drum is also the perfect system to provide an in-depth penetration of the water spray through the fabric. Automatic pH control and neutralization The pH control is achieved in the last washing box, it is specially designed for having two separate and independently regulated compartment. One compartment is equipped with a recirculation pump and a pH probe connected to the PLC for automatic neutralization via metered injection of acid.

ACTIVA Unità di lavaggio a cilindri / cylinders washing unit

ESSETEX Unità di lavaggio a tamburi / drums wahing unit

MERCERIZZO Trattamento delicatissimo per fibre pregiate
OPZIONI DI PROCESSO MEZZERA L’esperienza Mezzera, maturata giorno dopo giorno nelle tintorie, ha portato alla realizzazione dell’attuale processo di mercerizzo; Mezzera fornisce uno schema di mercerizzo base, che può essere adattato di volta in volta secondo le specifiche richieste del cliente con l’aggiunta di svariate opzioni (freddo, caldo, senza catena, a catena, combinato)

MEZZERA PROCESSING OPTIONS Mezzera experience, accrued with the day - by - day activity in many dye houses, has led to the implementation of state-of-the-art mercerizing process; Mezzera provide his customers a basic mercerizing scheme, that may be adapted from time to time to the customer’s specific requirements with the addition of different options (cold, hot, chainless, chain, combi)
Uscita su grande rotolo / Big batch exit unit

Vista laterale / lateral view

Extremely delicate treatment for first-class fibres

Mercerizzo senza catena / Chainless mercerizing

Mercerizzo combinato / Chain/chainless mercerizing

Mercerizzo a catena lunga / Long chain mercerizing

Mercerizzo senza catena per tessuti a maglia / Chainless mercerizing for knitted fabric

Dati tecnici/Technical data
Impregnazione e reazione Impregnation & reaction Stabilizzazione Stabilization Entrata tessuto Fabric inlet 6–8 200-270 4–5 Uscita tessuto Fabric outlet 1-2 50-80 4–5 Entrata tessuto Fabric inlet 1-2 50-80 4–5 Lavaggio Washing Uscita tessuto Fabric outlet 0 Neutralizzato Neutralized 5–6 Uscita tessuto neutr. Neutralized fabric exit

Concentrazione Liscivia (°Bé) Lye concentration (°Bé) 100% NaOH (g/kg) Sul tessuto 100% NaOH (g/kg) On the fabric L/kg liscivia diluita o l/kg con acqua fresca L/kg weak lye o l/kg fresh water

28-32 200 – 270 n.a.

www.weareggiani.com

All the above data are givenon an indicative basis are not technically binding for the product. Mezzera reserves the right to modify at any time and without prior notice, tha data and technicalspecifications publishedherein.