You are on page 1of 8

La scelta nuova.

Il progetto per Ceglie
Il principio fondamentale dell’azione amministrativa della coalizione di governo di centrodestra sarà il bene della propria comunità partendo da un riavvicinamento dell’istituzione Comune al cittadino. ll Comune deve essere il soggetto aperto a cui i cittadini devono rivolgersi e identificarsi. Il Comune deve abbandonare la politica del NO trasformandosi nel soggetto che suggerisce le risoluzioni dei problemi al cittadino. Noi vogliamo riappropriarci delle scelte per la città risvegliando l’orgoglio della identità cegliese che si proietta nel futuro non dimenticando le proprie tradizioni, i propri prodotti, il suo dialetto e le sue specificità. Governabilità, partecipazione ed innovazione le parole chiave di un progetto per una ritrovata capacità di governo che rilanci la nostra città. Il nostro è un invito ad essere protagonisti tutti insieme, giunta, consiglio, cittadini, realtà locali limitrofe, Provincia e Regione con cui fare sistema.

Ceglie serena e sicura

E’ necessario avere un rapporto leale e concreto con la Macchina Amministrativa: le risorse umane che lavorano nell’Amministrazione comunale devono essere valorizzate attraverso una riqualificazione e formazione. L’introduzione di tecniche di controllo di gestione, così come l’attuazione della riforma del Ministro del PDL Renato Brunetta, consentiranno migliori politiche del personale. La individuazione di risorse interne, ma anche esterne, specializzate nel Project Financing (Finanza di progetto) sarà un obiettivo prioritario dell’Amministrazione, con lo scopo di reperire ed utilizzare tutte le opportunità di finanziamento offerte dallo Stato, dalla Regione e dalla Comunità Europea. L’utilizzo delle nuove tecnologie permetterà un migliore e più efficiente funzionamento della macchina amministrativa.Gli uffici comunali che offrono servizi al cittadino dovranno essere dotati di certificazioni di qualità. Procedimenti più snelli e veloci miglioreranno il rapporto con il cittadino-utente. L’informatizzazione dei servizi consentirà il controllo totale su tutti gli atti di tutti gli uffici, ed utilizzando tutti gli strumenti di finanziamento che potremo reperire agganceremo Ceglie Messapica a quel processo di modernizzazione della Pubblica Amministrazione (e-government) già cominciato in altre realtà, avviando finalmente la Piena applicazione del Codice dell’Amministrazione Digitale consentendo tra l’altro un notevole recupero di efficienza, ingenti risparmi e un miglioramento della qualità dei servizi. Lo sviluppo e il potenziamento dell’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico faciliterà l’interazione tra il Comune ed i cittadini, aprendo una finestra verso di essi che dia non solo risposte e sostegno alle problematiche della burocrazia, ma che possa anche rappresentare una occasione per il cittadino di fornire indicazioni e suggerimenti all’Ente. Sarà impegno della nostra Amministrazione garantire a tutti una trasparenza assoluta sulla attività del comune. L’utilizzo delle tecnologie a basso costo contribuirà a rendere aperto l’accesso non solo agli atti ma anche all’attività del Comune. Sarà istituita una webtv comunale trasmettendo online i consigli comunali consentendo a chiunque di assistervi anche da casa, disponendo inoltre di un archivio video degli atti consiliari. Alle imprese vanno garantite procedure trasparenti ad iniziare dalle gare online. Si dovrà riportare l’ufficio di Polizia Municipale in piazza Plebiscito. Si rende altresì necessaria una riorganizzazione strutturale dell’intero corpo dei vigili con un servizio teso ad una viabilità nel pieno rispetto delle norme. Importante creare un raccordo tra carabinieri, vigili urbani e istituti di vigilanza al fine di garantire un controllo quasi totale del territorio. Un potenziamento delle forze dell’ordine si rende necessario anche per garantire la tranquillità nelle varie contrade. Ci attiveremo per organizzare un servizio civico, con incentivi, con l’Associazione Carabinieri in Pensione, ex poliziotti, ex vigili urbani e volontari, al fine di garantire il controllo in prossimità delle scuole, degli spazi verdi, per le principali vie.

Ceglie turistica

Ceglie Messapica deve agganciarsi al treno dello sviluppo turistico che sta caratterizzando la Regione ed alcuni comuni limitrofi. Il trend di crescita del settore e l’appeal che la Regione Puglia ha in diversi target turistici impone un particolare impegno dell’Amministrazione che governerà nei prossimi anni. Il vero prodotto turistico è il territorio nella sua implicita interazione con urbanistica, viabilità e trasporti, ambiente, beni culturali. Sta quindi all’Ente locale, vero artefice delle politiche del territorio, proporre obbiettivi e favorire le condizioni per la nascita di nuove imprese turistiche. I “sistemi turistici locali” esprimono a pieno titolo questo concetto, facendo interagire il pubblico ed il privato all’interno dei “patti territoriali”, dei “contratti d’area”, degli “accordi di programma”, della “conferenza dei servizi” che si stanno stipulando in molte realtà locali e danno vita a veri e propri “distretti turistici” in analogia con i distretti industriali. “L’identità” del nostro territorio è la parola chiave che deve diventare destinazione turistica. Questa identità va costruita con le categorie, le imprese ed i cittadini. Si dovrà valorizzare l’importanza della vita notturna per la città, cogliendone le opportunità di sviluppo che deve avvenire in un ambiente favorevole e mantenendo sempre i criteri di vivibilità e sicurezza della città. Ceglie è una città che si pone come centro di ristorazione regionale e deve offrire una serie di iniziative collaterali, quali locali aperti che garantiscano servizi agli avventori. Per fare ciò è fondamentale la liberalizzazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali, i ristoranti aperti, la nascita di piccoli ritrovi musicali, che consentano ai clienti soprattutto forestieri di poter visitare dopo pranzo e cena le nostre chiese, il museo e la pinacoteca. Va promossa una azione di valorizzazione della gastronomia cegliese attraverso la pubblicazione di un libro contenente le ricette tipiche della nostra città, da pubblicizzare sul territorio nazionale. Va organizzato un annuale “festival del gusto” a livello regionale come opportunità di interscambio di conoscenze e novità fra gli operatori del settore. Bisogna valorizzare il presidio “slow food” del “biscotto cegliese”. Intorno alla grotte di Montevicoli vanno pensate adeguate infrastrutture anche di intrattenimento. Attenzione va anche posta alla possibilità di creare strutture ricettive per accogliere turisti. Va anche creata una rete di tutte le attività B.& B. e delle attività di ristorazione. E’ nostro intendimento puntare sull’indotto promuovendo accordi con Ryanair organizzando le “Domeniche a Ceglie“. Il tutto attraverso la creazione di un portale turistico-ricettivo. Importante, a tal proposito organizzare un servizio di guide turistiche, esperte in lingue straniere. Il loro utilizzo anche in vista della creazione di percorsi didattici da promuovere in tutte le scuole regionali per visite didattiche di un giorno con possibilità di pranzare nei ristoranti e trattorie.

Non può esservi sviluppo se una Amministrazione aumenta la tassazione su cittadini e imprese. La nostra amministrazione non aumenterà alcuna tassa sui servizi essenziali per i bambini e le famiglie. Noi svilupperemo politiche di marketing di area per attirare capitali e investimenti affiancando l’imprenditorialità locale. Istituiremo sportelli informativi per contribuire concretamente allo sviluppo commerciale ed imprenditoriale. Si migliorerà l’accessibilità ai servizi comunali attraverso la loro promozione presso i cittadini ed attraverso lo sviluppo dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico e dell’ufficio marketing comunale che si preoccupi di comunicare efficacemente i servizi comunali, organizzare lo sviluppo dello Sportello Unico Attività Produttive affinché operi con efficienza e tempi certi. Per l’Agricoltura ci impegneremo nel favorire e creare opportunità. L’Ufficio Agricoltura sarà un punto di riferimento per gli operatori, affinché anch’essi possano beneficiare di quella conoscenza degli strumenti di sviluppo e di sostegno offerti a livello provinciale, regionale. Nazionale ed europeo. Ci adopereremo per incrementare e sviluppare il turismo rurale attraverso il restauro e ampliamento di fabbricati esistenti e per una maggiore e più coordinata presenza delle Forze di Polizia per creare sicurezza nelle campagne senza della quale non vi può essere sviluppo: dare quindi una ulteriore occasione a quegli operatori che possono unire alla produzione agricola l’offerta turistica. Creeremo le condizioni per lo sviluppo di Albergo diffuso in città e nelle campagne. Promuoveremo piani organici di sviluppo e di promozione del settore agricolo, zootecnico ed alimentare e la conseguente valorizzazione territoriale dei prodotti trasformati e derivati, onde favorirne la competitività nel settore enogastronomico. Va promossa la formazione giovanile, imprenditoriale e professionale con riferimento al settore zootecnico, agricolo ed alimentare. Il nostro Piano commerciale dovrà uscire completamente dalla logica della pianificazione ‘autorizzatoria’ e proseguire su di una strada che, nel quadro delle compatibilità fissate dalla normativa urbanistica, liberi l’iniziativa economica nel settore distributivo. Il Commercio deve essere volano per la riqualificazione urbana, basti pensare alla mancanza di attività nella zona PEEP o alla lenta morte del corso o della nostra piazza. Con il rilancio del commercio ed un rapporto diretto con Camera di Commercio e Associazioni di categoria bisognerà rivitalizzare il centro urbano di Ceglie. Ai fini di una migliore vivibilità, fruibilità e per favorire lo sviluppo turistico sarà importante introdurre e sviluppare incentivi per il recupero edilizio degli immobili siti nel Centro Storico e per il riuso degli stessi sia ad uso residenziale che ad uso turistico-produttivo. La zona PIP va rilanciata per recuperare il gap con le zone produttive limitrofe. Va modificato l’attuale regolamento con l’obiettivo di favorire anche insediamenti non tradizionali ed un più efficace sistema viario. Nell’ottica di un sviluppo armonico e sostenibile dell’area PIP, va incentivata l’iniziativa volta alla realizzazione di impianti di produzione energetica attraverso fonti alternative. La vicinanza del candidato sindaco al mondo dell’impresa mette nelle condizioni tutti noi di affrontare queste tematiche a viso aperto, proponendo iniziative a sostegno della zona industriale quali videosorveglianza, spazi per sosta automezzi pesanti, nuove altezze per i capannoni.

Ceglie e il suo sviluppo

Ceglie e il territorio

Noi recepiremo le 107 osservazioni fatte dai cittadini sul PUG; i comparti dovranno essere affidati alla iniziativa del privato eliminando il ruolo predominante del pubblico. Verrà fatta una divisione tra l’area urbanistica e l’area lavori pubblici, alla quale verrà accorpata l’attuale area ambiente. Grande attenzione sarà rivolta alla riqualificazione delle periferie attraverso un’azione di ricucitura delle smagliature urbane e con il potenziamento dei servizi secondari. Tenuto conto della nota situazione deficitaria delle casse comunali si dovranno intercettare gli investimenti dei privati con il ricorso all’urbanistica contrattata. Tra le opere pubbliche, una priorità è costituita dall’abbattimento delle barriere architettoniche in tutti gli edifici pubblici e di interesse pubblico, nonché sui marciapiedi; la realizzazione di impianti termici alimentati da fonti energetiche rinnovabili negli edifici pubblici e privati; il miglioramento della illuminazione pubblica, a partire da via Martina, via Leonardo Da Vinci, via Roma e via Matteotti. Priorità assoluta sarà la messa in sicurezza di tutte le scuole e di tutte le strutture pubbliche. Il mercato settimanale sarà riorganizzato, ponendolo in sicurezza ed incentivando l’arrivo di nuovi operatori. Va riprogettata la viabilità nel centro cittadino e vanno riaperti al traffico Corso Garibaldi e Piazza Plebiscito: solo nei mesi estivi (luglio e agosto) e nei giorni festivi va prevista la chiusura al traffico automobilistico. Come in tutti i centri storici verrà introdotta la zona ZTL con telecamera , eliminando le orribili barriere di cemento. Per l’arredo urbano si rende necessario organizzare un parcheggio nella zona adiacente e sottostante il Municipio con conseguente prolungamento del belvedere. Opportuni saranno l’istituzione di parchimetri in vari punti della città, quelli a maggiore fruizione. Va anche ridisegnato l’arredo urbano a partire dal corso e dalla piazza principale della città dove, la passata amministrazione anziché predisporre un servizio contro la sosta selvaggia a intasato questi luoghi con fioriere che, oltre ad uno spreco di soldi, si è rivelato una vera e propria violenza su questo luogo. Piazza S.Antonio, via Muri e via S.Rocco meritano una nuova pavimentazione omogenea. Vanno realizzati rondò verdi per valorizzare gli ingressi nella città. In ordine al dibattuto problema RIFIUTI a Ceglie, la nostra idea è che il servizio di raccolta rifiuti differenziato va notevolmente migliorato introducendo degli Ape jolli che raccolgano i rifiuti al di fuori degli orari di raccolta, introducendo il concetto di chi più differenzia meno paga e realizzando soprattutto le isole ecologiche e i centri raccolta nelle campagne.

Ceglie cultura e sport

Il totale recupero del Castello mediante la creazione al suo interno di una Pinacoteca Regionale del Futurismo intitolata ad Emilio Notte dovrà essere una priorità amministrativa. Al suo interno va creata una biblioteca che recuperi la memoria storica di una città come Ceglie. Il teatro va arricchito di attività e fruito tutto l’anno, prevedendo magari una gestione mista, che oltre a teatro diventi anche cinema. E’ necessario prevedere la figura di un direttore artistico. Va sostenuta poi l’idea lanciata da qualche attento nostro concittadino tesa all’istituzione degli “Alti Studi Matematici” dedicato al prof. Cataldo Agostinelli, autore di oltre 220 pubblicazioni di profondissimo spessore matematico e fisico. Questo centro andrebbe realizzato nella sua casa natia di Via San Rocco che il Comune dovrebbe acquisire. La creazione del centro Alti Studi matematici potrebbe trovare sinergie con le università di Torino e dell’Alto Salento, dell’Accademia dei Lincei e quella delle Scienze di Torino. Vanno prioritariamente messe a norma tutte le strutture scolastiche. Di pari passo va previsto un riordino o una razionalizzazione della rete scolastica, in sinergia con la Provincia e con l’obiettivo di un miglioramento qualitativo della situazione delle strutture. Ci sono tutte le condizioni che portino ad evitare situazioni di disagio per i nostri ragazzi, in particolar modo per gli studenti delle superiori. Altro aspetto importante è quello della istituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi: una iniziativa già sperimentata altrove e che diventa vero puntello a tuta la classe dirigente che governa una città. L’istituzione di una permanente conferenza di servizio dei dirigenti scolastici delle nostre scuola al fine di creare continuità, raccordo e progettualità per l’arricchimento formativo e culturale di tutta la popolazione scolastica. Lo sport è cultura e crescita. A Ceglie, la pratica sportiva calcistica è un dato di fatto. Centinaia di ragazzi fanno attività in una struttura, il campo sportivo, che va riqualificato, messo a norma e dotato di un terreno in erba. Il campo sportivo va riportato alle origini con il ripristino delle piste di atletica per sviluppare la pratica sportiva intersettoriale. Nei vari quartieri vanno attrezzati spazi a verde per i bambini. Per la Villa Cento Pini va pensato una gestione mista compreso i campi da tennis. Possibilmente individuare un circolo tennis con la quale stipulare una convenzione che consenta la salvaguardia e il controllo dell’intero spazio che va potenziato, sempre aperto al pubblico. Nella eventuale convenzione con il circolo tennis o altra associazione sportiva va prevista la stipula di convenzioni con le scuola per l’utilizzo dei campi da tennis. Per tutti questi luoghi va potenziata l’illuminazione, attualmente carente. La realizzazione di un nuovo bocciodromo coperto e il potenziamento dei bocciodromi esistenti sarà un altro obiettivo che ci poniamo in considerazione della vasta pratica di questa attività sportiva da parte di giovani e meno giovani.

Ceglie città dei diritti

I cittadini di ogni condizione devono trovare nel Comune e nei suoi Servizi un riferimento sicuro per essere sostenuti e accompagnati nei vari momenti della vita: alla nascita, alla crescita, allo sviluppo, nella condizione di anziano o di diversamente abile. Particolare attenzione va data alla programmazione, all’integrazione e alla partecipazione: va considerata l’idea di contratto sociale e di contratto di quartiere; vanno affidate ai consiglieri comunali deleghe per i quartieri riavvicinando i cittadini e responsabilizzando gli eletti in consiglio comunale istituzionalizzando la procedura di progettazione partecipata. Una particolare attenzione va rivolta alle associazioni di volontariato, alla cooperazione e alle scuole. Ad esse verranno offerte occasioni di coinvolgimento attivo nella programmazione e nella gestione dei servizi e delle attività. Dotare il Comune di una più ampia offerta di servizi sociali e di assistenti sociali sul territorio e tra le famiglie. Si dovrà operare per l’annullamento delle liste d’attesa dell’asilo nido, tramite l’ampliamento del nido comunale da affidare a una gestione mista pubblico/privato ; l’orario dei nidi dovrà essere prolungato fino alle ore 18, mentre si dovrà istituire un albo babysitter certificato dal comune. Ci adopereremo per il finanziamento del ticket trasporto scolastico attraverso scuolabus sponsorizzati. Si realizzeranno aree verdi in ogni istituto scolastico e si creerà una ludoteca cittadina ed un laboratorio per bambini in difficoltà. Il Centro anziani verrà ricondotto a essere un centro di assistenza sociosanitario dove l’anziano potrà avvalersi di consulenti medici.