You are on page 1of 44

Proposta CC – 11 – 2012

Città di Seregno
CONSIGLIO COMUNALE Verbale di deliberazione
data numero oggetto: IL MISTERO DELLA BOZZA DEL PGT (RICHIESTA DEI CONSIGLIERI MAURO BALLABIO ED ALTRI).-

31-01-2012

8

L’anno Duemiladodici addì Trentuno del mese di Gennaio alle ore 22:25, in Seregno e nella sede comunale - convocato con l’osservanza delle modalità e nei termini prescritti - si è riunito il Consiglio Comunale in sessione straordinaria, di 1^ convocazione, in seduta pubblica. Partecipa alla seduta il Segretario Generale ANTONELLA PETROCELLI. Presiede D’AURIA GUIDO in qualità di Presidente. Partecipano al presente provvedimento: presenti
MARIANI GIACINTO BORGONOVO PIERGIORGIO CAJANI MARCO MINOTTI GIUSEPPINA D’AURIA GUIDO GRAZIANO ANTONIO CARMINE GIOFFRE’ FRANCESCO VIGANO’ MARIATERESA MAINARDI CLAUDIO AZZARELLO GIUSEPPE MANCUSO FRANCESCA NOVARA CHIARA MARICA SERVIDIO PANTALEONE ANANIA DOMENICO CATTANEO ANDREA PARO ALEX GEROSA MARIO FORCOLIN FEDERICA GIANNOBI DAVIDE NICOLO’ DELL’ORTO MARCO LUIGI COLOMBO ANDREA PIETRO TONO CLAUDIO SILVA STEFANO VIGANO’ WILLIAM TAGLIABUE FRANCESCO MARIA CAZZANIGA GIAMPIERO ZANNIN GIAMPAOLO Totale: 27 BALLABIO MAURO TALICE LUCA TREZZI ROBERTO AMATI PIETRO assenti

Totale: 4

Firma autografa su originale (conservato presso il Comune)

Proposta CC – 11 – 2012

Oggetto: IL MISTERO DELLA BOZZA DEL PGT (RICHIESTA DEI CONSIGLIERI MAURO BALLABIO ED ALTRI).-

Il Presidente introduce l’argomento iscritto al punto 206 dell’ordine del giorno, “Il mistero della bozza del PGT (richiesta dei consiglieri Mauro Ballabio ed altri)” (nota prot. n. 6163 del 25.01.2012 allegata), dando la parola al Consigliere Silva per l’illustrazione dell’argomento in oggetto. Nel frattempo escono dall’aula i Consiglieri Giannobi e Forcolin (presenti n. 25). Dopo di che intervengono il Sindaco Mariani, i Consiglieri Tagliabue, Borgonovo, Cajani, Zannin, Minotti, Viganò W., Silva, Viganò M., Cajani per fatto personale, Viganò M., Viganò W., il Presidente D’Auria, il Consigliere Viganò W., il Presidente D’Auria, i Consiglieri Mainardi, Viganò M. per fatto personale, il Presidente D’Auria, i Consiglieri Viganò M., Mainardi, Silva per fatto personale, Mainardi, il Sindaco Mariani ed il Consigliere Cajani per fatto personale. Durante il dibattito entra in aula il Consigliere Trezzi ed escono i Consiglieri Tono e Paro (presenti n. 24). Degli interventi è stata fatta la ritrazione del nastro magnetico, che così come elaborata dalla ditta incaricata è allegata al presente atto.

Firma autografa su originale (conservato presso il Comune)

Proposta CC – 11 – 2012

Letto, confermato e sottoscritto.

Il Presidente D’AURIA GUIDO

Il Segretario Generale PETROCELLI ANTONELLA

_________________________________________________________________________________

REFERTO DI PUBBLICAZIONE Si attesta che copia della presente deliberazione è stata affissa all’Albo Pretorio comunale on line in data odierna e vi rimarrà per quindici giorni consecutivi.

lì, 14-02-2012

Il Segretario Generale PETROCELLI ANTONELLA

________________________________________________________________________ CERTIFICATO DI ESECUTIVITA’ Certifico che la presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.

lì,

Il Segretario Generale PETROCELLI ANTONELLA

____________________________________________________________

Certifico che la suestesa deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi dell’art. 134, comma 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, per decorrenza dei termini di legge.

lì,

Il Segretario Generale PETROCELLI ANTONELLA

________________________________________________________________________

Firma autografa su originale (conservato presso il Comune)

Città di Seregno Consiglio Comunale del 31.01.2012 Delibera n. 8)
IL MISTERO DELLA BOZZA DEL PGT (RICHIESTA DEI CONSIGLIERI MAURO BALLABIO ED ALTRI).-

Presidente Grazie, proseguiamo con l’argomento iscritto all’ordine del giorno 1 206, il mistero della bozza del PGT, la parola al consigliere che ha richiesto la convocazione, il primo firmatario non è presente, verrà esposto dal consigliere Silva, prego. Consigliere Silva Grazie presidente, oggetto: il mistero della bozza del PGT. Si era appunto concordato con il partito democratico di chiedere questa convocazione perché crediamo che sia giunto il momento di fare chiarezza, e penso che sia arrivato il tempo in cui sia necessario e sufficiente dire le cose come stanno, necessario e sufficiente per dare delle spiegazioni alle tante voci, alle tante preoccupazioni che ci sono in città e che il partito democratico e credo la maggior parte del consiglio comunale sente propria. La situazione credo che sia grave e quando le cose diventano gravi alla fine gli eventi rischiano di travolgere tutti, si si si, è condivisa con tutte le opposizioni, scusa Giusy. Stavo dicendo che quando gli eventi diventano gravi rischiano di coinvolgere tutti e quando dico tutti intendo i buoni e i cattivi, chi centra e chi non centra, quindi il timore e la paura anche se oggi abbiamo sentito una rettifica del consigliere Mazza, però intanto abbiamo sparato nel mazzo, è un po’ quella di non sono in grado di convincere e allora provo a confondere, infatti ad oggi su tante cose sono state spese poche parole, poche spiegazioni, quasi un po’ a provare a spegnere il fuocherello e a confondere un po’, a spegnere il fuocherello che nasce e a confondere un po’ i tempi, le acque. Due esempi recenti un po’ su queste confusioni, una appunto è quella che diceva prima il consigliere Mazza, che settimana scorsa diceva all’avvocato Brambilla, che oltre ad avere un cognome appunto ha anche un nome, ha collaborato col comune di Seregno fin dal 2010, come a dire, andava bene a tutti e quindi non rompete le scatole, non è stata una scelta dell’amministrazione, è vero, oggi è stato fatto un passo indietro in cui si è riconosciuto l’errore e si è capita la confusione che è stata fatta. Però è comunque importante ribadire che il partito democratico, la posizione allora o oggi ha sempre osteggiato un po’ l’incarico che è stato dato all’avvocato Brambilla. Scusate un secondo, scusi, scusate, nel senso che non ha mai condiviso questa scelta, un po’ per il suo passato strano, un po’, se non sbaglio è stato addirittura condannato anche se poi il reato è caduto in prescrizione, questo è un po’ il primo elemento di confusione. Il secondo elemento di confusione, io tiro in ballo ancora la Lega Nord.

1

Il sindaco spesso e volentieri, è un suo diritto, è una sua piena convinzione dichiara la sua chiara appartenenza a questo partito, e la bozza del PGT che abbiamo insieme annunciato di disconoscere è stata condivisa e depositata da questa maggioranza, quindi la responsabilità dei partiti di maggioranza che sostengono l’amministrazione è piena, all’improvviso la Lega è uscita sui giornali, e se non sbaglio anche in questo consiglio comunale, minacciando di andare in procura, allora qua nascono le prime domande, perché? Che cosa è successo? Quali reati? Adesso che è emersa tutta questa faccenda, viene molto il dubbio di capire come mai è uscita questa posizione della Lega Nord e credo che sia giunto il momento di conoscere la natura di questi sospetti che un partito di maggioranza ha suscitato in maniera pubblica e perentoria. Sono tante altre le cose che crediamo che siano opportuno conoscere, e ogni settimana leggendo i giornali e leggendo l’evolversi della vicenda sia attraverso i nuovi interrogatori, i nuovi sviluppi giudiziali e anche attraverso le famose chiacchiere da bar, emergono nuove domande, quindi partiamo da quelle più vecchie, quindi per esempio chi è che ha deciso di rendere edificabili i terreni in via Foinera e dell’ospedale maggiore che erano contenuti nel vecchio PGT? Adesso emerge anche che l’ospedale ha concesso in comodato d’uso gratuito, comodato d’uso gratuito o non gratuito non si sa un terreno alla sorella di Ponzoni che ci ha costruito una villa e l’abbiamo appreso dai giornali, chi è che ha approvato e chi è che ha deciso queste trasformazioni? Altre domande che vengono spontanee che vengono dopo aver letto tutte queste vicende, i vari testamenti, le varie deposizioni, abbiamo assistito a tanti mesi di attacco, tra sindaco, vicesindaco, scusate ex vicesindaco, scusi Ciafrone, Pdl ed ex Pdl, viene quindi un po’ da chiedersi, chi è che era il destinatario delle indicazioni che i partiti hanno dato per contribuire al Pgt? Qua abbiamo ancora tutti rappresentati, Pdl, Forza Italia, An, Amare Seregno, l’Udc, siete qua tutti presenti in consiglio comunale, tutti avete partecipato all’amministrazione Mariani 1, perché non rendete pubblico ciò che avete consigliato per il Pgt? Questo contribuirebbe sicuramente a fare chiarezza e dare serenità all’ambiente, all’ambiente del consiglio comunale, ma all’ambiente della città, perché non lo si fa, perché non si assume, non ci si assume questa responsabilità e non si contribuisce appunto a questa discussione? Gavazzi ha spesso citato, e non voglio qua citare Gavazzi perché voglio delle risposte da Gavazzi, perché so che non posso averle, ma voglio avere delle risposte dall’amministrazione. Gavazzi ha spesso dichiarato che le decisioni sono state prese dal sindaco e da un altro consigliere comunale dell’allora maggioranza, è stato spesso dichiarato che l’80% delle dichiarazioni arrivavano dal sindaco, perché queste dichiarazioni non vengono smentite una volta per tutte in modo perentorio? Viene anche da chiedere sempre su quella famosa bozza a cui ripeto sono state dette poche parole per capire fino in fondo quell’iter, quel procedimento e che adesso diventa fondamentale, chi è che conosceva questa bozza prima del suo deposito? E chi tra queste persone ha condiviso questa bozza e ha condiviso quindi tutte quelle trasformazioni urbanistiche? Viene anche da chiedere dopo che è emerso tutto questo interesse di Ponzoni nel distribuire e nell’interferire nelle amministrazioni della zona, con chi si è

2

interfacciato Ponzoni qua a Seregno? ha contribuito, ha dato una mano, passatemi questo termine, nelle scelte assessorili? C’è anche chi ha riportato sui giornali che Ponzoni ha dato delle chiare indicazioni per delle nomine in Gelsia, sono vere queste affermazioni? Cos’è successo? Perché? Abbiamo detto più volte e abbiamo parlato di trasparenza e chiarezza, queste sono le parole d’ordine che vogliamo che diventino attuali oggi perché credo, ed è questo che è emerso dalle persone che ho incontrato in questi giorni che ho sentito che hanno incontrato anche altri cittadini, ma non solo al partito, o anche parlando con familiari in giro per la città. La cittadinanza ha già deciso che siamo tutti colpevoli, che tutti i politici sono uguali e che siccome qualche politico ha fatto il ladro significa che tutti i politici sono ladri, l’equivalenza è questa, e l’equivalenza è anche che il consigliere comunale anche se è un politico atipico è un politico, e di conseguenza sta dando dei ladri a tutti noi e a me questa cosa non piace, non piace perché io non mi sento un ladro e non mi sento complice di tutto questo, non mi va bene e non la condivido. Non sentendomi responsabile di questo sono anche a ribadire che non è vero che l’opposizione è stata morbida con questa maggioranza e che non è vero che non ha detto niente e non ha cercato di capire o di far emergere le problematiche o le difficoltà di questa bozza che è sparita. Voglio ricordare a tutti, alla Lega, al Pdl e a tutta l’opposizione e a tutta la cittadinanza che è l’opposizione che ha proposto un documento che dava delle indicazioni, e che è un documento che è stato approvato da questo consiglio comunale che ha chiesto all’amministrazione di salvaguardare le aree verdi e di escludere possibilità di speculazione o di affari, di escludere la possibilità di fare degli affari facili speculando sul territorio e sul verde e mi pare di ricordare, io non ero presente qua ma ogni tanto sedevo là in fondo insieme al pubblico che nello scorso mandato l’opposizione ha spesso attaccato in maniera forte e dura tante scelte urbanistiche di questa amministrazione, e mi viene da ricordare l’area Trapun, l’ex Parà o l’area Camisasca, e non tutti quelli che adesso dicono che hanno riconosciuto possono dire lo stesso, la Lega ha partecipato e alzato la mano con piena consapevolezza su queste cose, quindi non può dire la stessa cosa. Arrivo a Ponzoni, oggi Ponzoni è diventata la pecora nera, tutti e abbiamo sentito settimana scorsa hanno preso le distanze, l’hanno messo nell’angolo però è importante, ho finito, è importante ricordare che fino a ieri era coordinatore provinciale del Pdl, che le scelte su Monza e Brianza arrivavano da lui e passavano da lui e, leggendo le carte dell’accusa, parte delle presunte tangenti riguardavano proprio le elezioni provinciali e i movimenti provinciali, quello che voglio ribadire è che non sono finiti in galera quattro ladruncoli o quattro persone che hanno sbagliato a fare delle telefonate o a mettersi in affare ma sembrerebbe che sia emerso un sistema di illegalità ben definito e ben funzionale che ha avuto anche dei legami anche con la criminalità organizzata. L’undicesima domanda, perché erano 10 quelle dell’oggetto dell’ordine del giorno diventa: questo sistema ha influito anche sulle scelte di Seregno? E questa qua forse è la domanda, l’undicesima domanda è quella che ci preoccupa di più perché è quello che vogliamo sentirci rispondere e che insieme a noi vuole sentire rispondere l’intera città di Seregno, grazie.

3

Presidente Grazie consigliere Silva, la parola al sindaco, prego signor Mariani. Sindaco Prima di iniziare io chiedo al consiglio di potermi dare la possibilità di sforare il tempo dei 10 minuti perché l’argomento è estremamente importante. Intanto ringrazio il Pd che ancora una volta mi da la possibilità, e dico ancora una volta, di parlare del Pgt, poi parliamo del clima di serenità per come cosi l’ha posto lei con le domande e tutto quanto non sembra voler portare il clima di serenità ma tutt’altro adombrare presunte infiltrazioni, coinvolgimenti e via dicendo. Io parto dalla prima cosa che non centra niente, con il Pgt ma con la sua nuova affermazione, elemento di confusione, il sindaco si professa della Lega. Io sono stufo di continuo, mi faccia, mi fa finire? E mi faccia finire, parto da questa cosa perché siccome voi su queste cose siete molto più subdoli nel cercare di dividere, nel cercare di dividere, perché questa è la realtà. Ribadisco nuovamente cosi almeno lo capite, non so se devo mettere, come facevano alcuni consiglieri la foto di Umberto qui, se vuoi te la porto, non ho problemi, io mi vanto di essere della Lega, come i miei consiglieri comunali. Poi discutiamo, ci ammazziamo, la Lega guarda cosa stanno facendo Bossi e Maroni, due fratelli, vuoi che a Seregno non abbiamo delle discussioni? Quante delibere mi ha votato contro la mia maggioranza? Zero, quante indicazioni non ho accolto dalla mia maggioranza? Zero, parlano i fatti, non le illazioni del bar, è ora di finirla, questa è la serenità, perché poi il pettegolezzo, il chiacchiericcio, siete degli artisti, i cittadini nome e cognome, perché sennò tutte le volte, “ho sentito dire…”. Fatti, sapete delle cose, andate a fare la denuncia, sempre, andate a fare le denuncie e gli esposti, perché i cittadini è questo che chiedono a tutti noi, siamo dei pubblici ufficiali, oppure invitate chi vengono a dirvi determinati pettegolezzi accompagnati dai carabinieri, dalla polizia e dalla finanza, ed aiutateli a fare l’esposto. Questa è la chiarezza, non continuare a dare illazioni, si è sempre parlato poco, ma quando si è sempre parlato poco? Io sono andato a vedere nel: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 sedute di consiglio comunale che abbiamo parlato del PGT, sto parlando dell’amministrazione, nel secondo mandato, 8 giugno 2011, una mia comunicazione in merito agli articoli della stampa e via dicendo, 9 dicembre consigliere Silva, bozza Pgt un documento segreto segretato, e li ho dato ancora le spiegazioni, non mi sono nascosto, 22 febbraio 2011, consiglio comunale richiesto da Ballabio e altri Pgt, e ancora li abbiamo parlato e non mi sono sottratto a niente, 17 luglio 2011 annullamento del progetto di Pgt di Borgonovo e ancora una volta abbiamo affrontato e sviscerato tutta la problematica grazie all’intervento di Borgonovo che è intervenuto se non ricordo male dicendo, se qualcuno ha sbagliato paghi ma la città ha bisogno di andare avanti, questa era un po’ la conclusione dell’intervento, 8 novembre 2011, interpellanza di Borgonovo e errata individuazione della Vas, 8 11 2011 percorso chiaro del Pgt. In questo consiglio comunale che poi è stata data non ricordo quando a tutti la bozza del Pgt, si è ampliamente discusso e ribadisco, come mai, come mai si è discusso in questo consiglio comunale di piani regolatori?

4

Ricordo, cosi la piantiamo sul discorso del percorso del coinvolgimento che i 23 Cru approvati dalla precedente amministrazione, non hanno mica avuto questo coinvolgimento, il capannone che è sorto di 6.000 metri quadri Euronics era un’area verde, area verde, 6.000 metri quadri di capannone, ma potrei citarne gli altri 23, e li non c’è stata discussione. No no no, il progetto non l’abbiamo… Presidente Scusate consiglieri, lasciamo terminare l’intervento del signor sindaco, dopo di che affronteremo questi argomenti specifici, per favore consiglieri. Sindaco Allora faccio come Silva, ma allora lei ha la coda di paglia, voi altri, no no, io non ho la coda di paglia, tant’è che mi avete chiesto in consiglio comunale, io ancora una volta… e… adesso. Presidente No, consigliere Silva, sta interrompendo lei il signor sindaco. Sindaco Allora io le chiedo signor Silva, perché non si è limitato a leggere l’argomento e mi ha illustrato 10 cose nuove? No, io sulle quali le potrei dire stasera non sono preparato perché mi sono preparato su questo, no no ma certo, quindi lei fa l’intervento come crede, fa gli esposti come crede, me li ha fatti per il Cru 16, negando questo consiglio comunale di essere all’altezza a conoscenza di fatto, mi ha fatto un esposto, si ricorda? Si ricorda no? quindi non faccia tanto come, le ho già detto un’altra volta, quello che non sa niente, che è stato a casa a prepararsi magari con Lanzani e tutti gli altri le domande, e per vedere cosa non va, e la bozza del Pgt l’avete sviscerata per vedere se c’era qualcosa di nefandezze, ora si parla ancora una volta di bozza di Pgt, di un atto che non c’è, perché intanto, e poi rispondo alle domande, ho chiesto più tempo a questo consiglio comunale per cercare di chiarire nuovamente alla città, se voi continuate a farmi le stesse domande, io vi darò le stesse risposte, perché quella è. L’atto che è stato depositato è una bozza, non ha prodotto nessun effetto sul nostro territorio, perché? Perché una volta protocollata la bozza si avviano le discussioni politiche e tecniche e si fanno le commissioni e poi arriva in consiglio comunale, non si può far passare il concetto che questa bozza un giorno magicamente sarebbe arrivata in consiglio comunale e tutti “o mio dio è arrivato il PGT su la mano giù la mano”, questo mi sembra quanto meno allucinante perché si vuol far passare quest’idea, quindi non mi sottraggo alla discussione, parlo volentieri, perché fatti nuovi e spiacevoli ovviamente sono accaduti che non riguardano, Seregno è toccato marginalmente, riguardano, altri comuni vicino a noi che hanno approvato il Pgt e che hanno modificato seriamente il territorio, e vengo a rispondere, a cercare di rispondere serenamente alle domande. La prima perché il sindaco ha protocollato? Io ho già ribadito più volte ma lo ribadisco nuovamente non l’ho chiesta io la protocollazione perché il caso vuole che corsi e ricorsi il segretario comunale che c’era allora, l’Antonella Petrocelli è presente anche questa sera, e quindi

5

se da voi richiesto, interverrà per confutare o meno quanto io poi vi sto dicendo ovviamente sulle protocollazioni e su quant’altro, è stato protocollato l’11 di agosto 2009, la protocollazione su protocollo segreto, riservato, apriamo una parentesi sul protocollo riservato, perché anche qui, bisogna giustamente fare chiarezza ai cittadini. Oggi sto vedendo con il segretario di toglierlo, perché questo sta creando, questo sta creando, questo protocollo riservato una problematicità perché sembra che si possano nascondere gli atti, il comune di Seregno ha il protocollo generale sotto il quale si protocolla qualsiasi cosa che arriva e un protocollo riservato, il protocollo generale, è sia un protocollo riservato, che il protocollo riservato oltre ad avere l’archiviazione cartacea ha l’archiviazione sul computer, quindi viene scannerizzata e caricata in tempo reale sul computer. Ovviamente, determinati documenti più delicati, tipo il richiamo del personale, le cose dei servizi sociali, alcune cose dell’ufficio tecnico, vengono caricate sul protocollo riservato, ma questo non vuol dire che è segreto, vuol dire che non tutti i 256 dipendenti del comune possono tramite video vedere il protocollo riservato, ma c’è una tra virgolette “chiave di riservatezza” per accedere ai documenti, ma i documenti sono pubblici, basta che un consigliere comunale, un cittadino come questo consigliere comunale gli assessori e il sindaco sempre faccia la richiesta, entro 30 giorni verrà consegnata la documentazione, sia che sia su protocollo generale che sul protocollo riservato, il cittadino, qualsiasi documentazione richiede, deve comprovare che ne abbia la necessità e sia coinvolto sia sul protocollo normale che sul protocollo riservato. Ora sto cercando di snellirlo ulteriormente, magari mettendo, stiamo vedendo come fare, solo le cose dei servizi sociali ad esempio, così almeno si sa che li sul protocollo riservato va il servizio sociale e i richiami dei dipendenti una cosa interna, almeno fughiamo ogni dubbio. Non è un protocollo segreto che può vedere solo il sindaco e il segretario di notte a casa loro in una stanza segreta, è protocollato regolarmente. Dicevo, l’assessore Gavazzi concordato ovviamente con il professionista che era in enorme ritardo con la presentazione del piano, e qui ci sono anche degli ex assessori che possono confermarlo, in agosto, quando io ero in vacanza, ha protocollato, ha fatto protocollare la bozza del PGT, tant’è che giusto l’altro giorno che ne parlavamo in giunta, dov’è Graziano? Il consigliere Graziano e l’allora consigliere Sambruni mentre uscivano dall’ufficio che avevano avuto una riunione hanno incontrato Gavazzi, e Gavazzi dice “è arrivata la bozza del PGT e l’ho fatta protocollare” punto, questo è come avvenuta la protocollazione. Questo atto che è una bozza poi deve avere un iter, e lo ripeto ancora una volta, tecnico politico perché bisogna vedere le indicazioni, le aree, le modifiche, se le indicazioni sono state date e poi rispondo a tutte le altre domande, io poi ho inviato una comunicazione nel settembre 2009 ai miei assessori dicendo “guardate che in quella giunta mi sembra del 22 di settembre o il 29, non mi ricordo se il 22 o il 29, non ci sarò, dobbiamo riunirci per decidere una volta che è stato protocollata la bozza, l’iter politico, quindi la visione interna ai nostri gruppi Pdl e Lega, se quello che è stato protocollato va bene, ci piace come deve essere modificato, quali altre indicazioni dobbiamo dare, una su tutte abbiamo avuto discussioni infinite con

6

Cajani sul cappello introduttivo, il cappello introduttivo erano le scelte politiche per staccarci completamente dal piano regolatore attuale, trasformandolo da città dormitorio a città del terziario, quaternario avanzato e via dicendo. Cito le persone che sono presenti, è giusto che possano smentire o affermare o arricchire di dettagli quello che ho detto, tanto per citarne una. E poi presi la decisione di non portarlo avanti, la prima perché ritenevo inopportuno in scadenza di mandato visto che avevamo sforato tutti i termini, ad avviare l’approvazione di un Pgt, visto che ero convinto di vincere le elezioni come poi ho vinto però mi sembrava veramente allucinante attivare tutta la procedura per approvarlo nelle more di una nuova elezione, quindi questo è un breve inquadramento di questa cosa allucinante. L’altra domanda fuorviante e falsa, perché è stato scelto l’avvocato Brambilla quale consulente del Pgt e qui non è che dico che ho sbagliato nome, non ho sbagliato nome, voglio dire una cosa che non esiste, non abbiamo mai scelto e mai indicato né in giunta, né in consiglio comunale, ne in qualsiasi discussione, l’avvocato Antonino Brambilla per la stesura del Pgt, abbiamo scelto tramite determinazione del dirigente, numero 475 del 20 giugno del 2008, l’avvocato Emanuele Boscolo, quello è l’avvocato che abbiamo incaricato del Pgt, l’avvocato Brambilla che io ho conosciuto quando mi è stato presentato per il consulente del comune e ricordo che il comune di Seregno non ha un ufficio legale come la maggior parte dei nostri comuni di queste dimensioni, ma si deve avvalere di incarichi esterni per ogni causa e consulenze, Lanzani Perego aveva Colombo, e aveva nominato Colombo come loro tecnico di fiducia e non è scandaloso perché tramite l’ufficio, verificato il curriculum e via dicendo cosi, Gavazzi ha nominato Brambilla, Mazza ha nominato Bertacco, questa è una facoltà dell’amministrazione di scegliere avvocati che poi abbiano fatto la domanda oggi per essere inseriti nell’elenco dei consulenti e dei fornitori e fra quelli si sceglie. Ma l’assessore alla partita come diciamo noi, quindi l’assessore che ha questa delega che deve confrontarsi con dei tecnici per avere dei consigli sulle cause, su determinati problemi a livello di urbanistica, la finestra, il balcone o il ricorso al Tar piuttosto che altre questioni, si avvale e si è sempre avvalso e si avvarrà, anche chi arriverà dopo di me, di consulenze legali, questi sono la chiarezza per dirle alla seconda domanda perché non abbiamo mai incaricato il Brambilla per questa cosa. Che influenza ha avuto Brambilla sulla stesura del Pgt? Nessuna, io non ho mai parlato con Brambilla del Pgt, e non avendolo incaricato di seguire le pratiche del Pgt, nessuna. Tanto meno Ponzoni e non capisco neppure che tipo di indicazione potesse dare a me o ad altri del Pdl, però ripeto, se avete delle informazioni contrarie io vi invito e vi prego di rivolgervi alla magistratura, perché un conto è fare le illazioni in questo consiglio comunale per andare sui giornali per dividere il Mariani dal Colombo della Lega piuttosto che il Mazza dal Gioffrè e via dicendo, e queste cose che nella politica ci stanno, qui stiamo parlando un pòdella serietà di tutti noi, perché è vero che sta passando il messaggio dei politici che siamo tutti uguali. Allora io seguendo il suo consiglio e cito apposta il Gigi Perego, dovrei dire allora, visto che Penati è stato indagato per milioni di euro e Penati ha nominato il Gigi Perego all’interno dell’Asam, anche Gigi Perego è l’è un lader,

7

perché l’assunto è questo, perché se voi mi dite il Ponzoni adesso attualmente è indagato, anche l’amministrazione Mariani è indagata, non è questo l’assunto, perché bisogna dare le giuste informazioni e non creare ulteriore disagio nei cittadini , perché se ci sono delle mele marce, queste mele marce hanno combinato dei disastri, è giusto che le paghino, anche perché è ora di finirla, io ho letto ad esempio l’intervento di… visto che stasera faccio delle citazioni che non sono mie ma molto più grandi, nel cardinale Scola, nei confronti di Formigoni che dice io sono stufo di essere ricordato come uno di Cl, e non perché io sono stato di Cl 20 anni fa anche io ho combinato le marachelle che ogni tanto combinano quelli di Cl, e caspita non è che perché tu conosci una persona, oggi vengono fuori le mie fotografie, io sono sindaco, o un assessore o un consigliere, tutte le persone indicate e anche altre le riconosciamo tutti, oggi sarebbe stupido e offensivo per la dignità di sindaco che ricopro ma soprattutto per i cittadini che mi hanno votato e anche che non mi hanno votato dire che non conosco Brambilla o Ponzoni o il Perri, sono sindaco, hanno sempre rappresentato delle istituzioni e per me fino a prova contraria sono delle persone che si sono comportate in un certo modo, ora ci sono delle indagini dalla magistratura che fanno chiarezza e faranno chiarezza, sarà la magistratura, non i giudici popolari tramite i giornali, perché giustamente i giornali fanno il loro lavoro, evidenziano, cercano di fare loro le indagini, di dare delle indicazioni di spronare e di fare chiarezza, ma è la magistratura che lavora e via dicendo, non è che è il bar e il sentito dire, noi dobbiamo togliere e aiutare i cittadini da questo bar e sentito dire. Le indicazioni, scusate, ecco, Ponzoni l’ho già detto, nella bozza di Pgt che trasformazione di urbanistica era prevista per il terreno di via Sant’Anna, è citato nell’ordinanza? Ecco questo sono andato a vedere tecnicamente che tra l’altro la bozza è in mano al 99% dei consiglieri e quindi potete desumerlo anche voi, l’attuale piano regolatore prevede la realizzazione dei parcheggi. Nella bozza del Pgt, quindi anche, non ha avuto alcuna trasformazione, però anche sulla bozza da noi indicata è indicata come città pubblica, quindi come altre zone di questo tipo sul territorio di Seregno, che prevede, non solo la presenza di parcheggi, ma al di sopra verde attrezzato. Quindi un agrario di richiesta nei confronti del privato, cioè un giardino pubblico e i parcheggi. Quindi se si vuole far passare l’idea che sulla bozza di questo terreno di via Sant’Anna l’amministrazione comunale aveva deciso di far costruire una villetta, un palazzo o un condominio, non è cosi, la bozza l’avete in mano, la bozza è protocollata, l’attuale piano regolatore prevede la realizzazione di parcheggi interrati, la classificazione, perché sapete che io ho imparato strada facendo che il Pgt prevede il piano delle regole e via dicendo, quindi vengono cambiate un po’ le diciture, poi ci sono dei tecnici, scusatemi se tecnicamente non uso gli aggettivi qualificativi corretti, ma il tecnico l’ha indicato come città pubblica, e queste indicazioni, non solo di questo terreno, ma di tutti quei terreni indicati in giallo o in un altro colore, adesso non mi ricordo, verde attrezzato e parcheggi in sede propria. Quindi l’area in questione anche sulla bozza non prevede nessuna potenzialità edificatoria ma rimane quello che è con un aggravio di richiesta. L’altra domanda, chi ha potuto leggere la bozza di Pgt? Nessuno di noi l’ha letta prima della protocollazione, io non ho dato di questo, perché nel corso

8

della stesura del Pgt sono arrivati nel corso di mesi, anche se con molto ritardo le tavole, alcune indicazioni, il piano delle regole, e addirittura si era parlato a volte di perequazione e di concetti molto complicati che alcuni di noi non riuscivano neppure a seguire. Ecco questa domanda che secondo me così come è posta non è che cerca di portare chiarezza e serenità, ma da un’idea distorta del mandato del consigliere comunale, della dignità del consigliere comunale, dell’assessore e del sindaco, perché quali partiti del consiglio comunale ed esponenti del centro destra hanno presentato documenti o linee guida al fine di influenzare le scelte contenute nella bozza. Ma qui veramente come fa lei a dire consigliere Silva che lei, non dico gli altri firmatari perché magari l’hanno firmata per la convocazione del consiglio comunale, dice che vuole rasserenare gli animi? Quando lei mi parla di influenzare, in un momento in cui si dice questo è stato arrestato, le cose sono state fatte di nascosto e via dicendo lascia e vuole far intendere o sottintendere che qualcuno sia andato di nascosto nottetempo a dare delle indicazioni a chissà chi, ma il consigliere comunale non è che influenza, il consigliere comunale ha il diritto e il dovere in qualità di eletto dai cittadini di dare delle proprie indicazioni magari anche in dissenso con il proprio partito, perché sapete che poi votare in consiglio comunale il PGT non è una cosa semplice, perché bisogna avere la maggioranza e quindi bisogna avere una condivisione importante, quindi nessuno di noi, io sicuramente, ha influenzato, tutti noi a livello di partito abbiamo dato delle indicazioni, io mi ricordo ad esempio, visto che noi della lega nord siamo cosi scellerati, abbiamo fatto delle riunioni in giunta diverse riunioni in giunta, in sede della lega, siamo arrivati nel 2008 a dare delle indicazioni per iscritto tra l’altro contestate perché avevamo detto di non costruire altri spazi religiosi perché chiaramente non volevamo le moschee e via dicendo tanto per citarne una o i supermercati ma abbiamo dato delle linee generali, come delle linee generali le ha date Amare Seregno, come linee generali le ha date l’allora AN e le linee generali le ha date l’allora Forza Italia. Si danno delle linee generali macroscopiche, dicendo ad esempio al di là del viale Zara, questa è una proposta che abbiamo condiviso con Amare Seregno e con Visconti dell'Udc perché era l'unico consigliere, e anche An, che quella parte del viale Zara verso Carate o verso Lissone che oggi sia Carate che Lissone hanno i capannoni, si poteva pensare visto che Formenti aveva avuto la richiesta di ulteriori capannoni e ha seguito egregiamente la realizzazione dei capannoni che abbiamo realizzato in proprio come comune e dato agli artigiani la possibilità di fare una zona industriale da quella parte. Era stato detto poi per quanto riguarda il cantiere Crocione Sant'Ambrogio che ci sono solo ditte di dare la possibilità in futuro visto che non ci sono attività e non ci sono negozi di rivedere un pò tutto il comparto industriale, sono le macro indicazioni che sono state date, che poi un professionista ha sviluppato ma non c'è stata un'indicazione puntuale terreno per terreno, il terreno del mi zio, quello della su sorella e via dicendo, perché poi a tutto questo si sommano le trecento e passa istanze, adesso non mi ricordo il numero esatto, dei cittadini di Seregno, elaborate dai professionisti, perché un cittadino non ha la capacità tecnica, perché non è che si compila un modulo e basta, bisogna fare degli elaborati, ma questo lo dico non in senso negativo perché anche lì, e non voglio offendere i professionisti e scusatemi la battuta che

9

hanno tutti i loro difetti e i loro problemi e sono troppo cari, visto che stiamo parlando di liberalizzazione, ma il cittadino si rivolge a un professionista, gli fa un elaborato grafico e presenta delle istanze. Le istanze che sono arrivate sul nostro territorio ripeto sono pochissime per una città grande come la nostra quindi l'attenzione al piano regolatore da parte dei cittadini è minima, ed è il motivo per cui anche visto che tra virgolette il cittadino in sé ha poco interesse rinviamo la discussione e questo è anche uno dei motivi politici per cui non ho voluto farla, fermo restando che poi l'amministrazione ha la responsabilità di dare indicazioni precise e puntuali sul futuro urbanistico e sulla città per cui ancora una volta dicevo all'epoca con Amare Seregno ci furono accese discussioni che addirittura portammo a una rottura dove all'epoca Amare Seregno dice il sindaco si deve fare garante di quello che dobbiamo portare avanti perchè altrimenti faremo nuovamente il piano Lanzali e noi dobbiamo dare una svolta. Queste erano le discussioni, che si fanno sempre e normalmente, quindi ripeto le indicazioni i partiti le hanno date, poi se la domanda è "dopo non mi si risponde", "il consigliere Giacinto Mariani quante richieste ha fatto?", non sono queste le indicazioni che ho ricevuto, mi spiace che lei dica di no, lei le domande me le fa e io cerco di risponderle, poi può non essere soddisfatto però se la domanda è "a che ora, chi e dove e quando è venuto da me o all'ufficio tecnico, il tal consigliere piuttosto che l'altro assessore", non è così perché mi sono state date delle indicazioni a me e presumo, anzi sono convinto, anche all'allora assessore Gavazzi e ancora di più ad esempio per Forza Italia, perché io mi immagino che lui aveva portato avanti le istanze del proprio partito o dei cittadini che gli hanno chiesto, questo non lo so, ognuno è responsabile delle sue azioni, ma questo è come sono arrivate le indicazioni, ripeto noi come Lega abbiamo fatto la riunione, ad esempio l'assessore Formenti oltre alla indicazioni generali del partito ha discusso in sezione quelle inerenti al suo settore e ha autonomamente consegnato, autonomamente in qualità di assessore, non perchè doveva influenzare ma perchè conoscendo il settore di sua competenza che sono la sicurezza, che sono l'artigiano e il commercio, ha dato delle indicazioni ben precise e puntuali, dopo di che ci sono alcune scelte che vengono operate dai professionisti in funzione delle indicazioni date, poi una volte che arriva la bozza poi la si sgrossa, si modifica e si condivide con i consiglieri. Perché uso la parola condividere? Perché io sono una delle poche amministrazioni, sicuramente l'unica in Brianza perchè mi sono informato, che ad esempio convoca la giunta mandando l'ordine del giorno una settimana prima, questo è dal 2005 a oggi che lo faccio, quindi sono 7 anni, la convoco giovedì venerdì sabato domenica lunedì e martedì, sei giorni prima mando ai miei assessori l'ordine del giorno, arrivano pochissimo fuori sacco, perché? Perché do la possibilità ai miei assessori delle partite differenti di potersi informare, vedere la pratica e via dicendo. Addirittura non viene in consiglio comunale nessun argomento se prima non passa dalla giunta, non per una cosa strana, perché egoisticamente come sindaco se io ho la certezza che i miei assessori, questa volta nei due schieramenti, prima eravamo in cinque, mi davano l'ok per iscriverlo in consiglio comunale, avevo la certezza che potesse essere condiviso in consiglio comunale con i consiglieri, questo per le delibere normali, figuratevi per l'iscrizione in consiglio comunale di una bozza di Pgt e quindi per l'iter del

10

piano, se andate a vedere questo è il comportamento che ho tenuto da sempre. Perchè ho silurato l'assessore Gavazzi? Beh intanto ovviamente come avrete avuto modo di vedere e che sicuramente avrete chiesto perché la delega è stata revocata e quindi ci sono agli atti del consiglio... scusate del comune, non su protocollo riservato ma su protocollo, non so abbiamo messo su protocollo riservato? Comunque è uguale, o in un protocollo o nell'altro qualcuno di voi sicuramente avrà letto, essendo venuta meno la fiducia nei confronti dell'assessore ed avendo ottenuto la richiesta scritta da parte del 90%, 99, con l'esclusione di due consiglieri comunali di Forza Italia, quando mi viene a mancare la fiducia io l'ho già dichiarato una volta e i miei assessori sicuramente non si offendo perché l'abbiamo sempre condiviso e facciamo i politici, l'assessore è un mezzo dell'amministrazione comunale per arrivare all'obiettivo del nostro programma elettorale, ma io posso cambiare quando voglio gli assessori se ho l'accordo con i consiglieri, perché io esisto fintanto che ho una maggioranza di consiglieri che mi sostiene e viceversa il consiglio comunale esiste fintanto che io non do le dimissioni, quindi io devo curare il rapporto di fiducia, curare nel senso buono, non in senso negativo, il rapporto di fiducia che io ho con i miei consiglieri della Lega e con i miei consiglieri del Pdl. Nel momento in cui il Pdl mi conferma che da tempo questa fiducia viene a mancare tra tutti e tra il sottoscritto ho revocato la delega e ho nominato l'assessore Mazza, punto, questo è tutto. Io come ho già detto nella seduta segreta, ah ecco poi nell'elenco che abbiamo fatto ci siamo dimenticati la seduta segreta che abbiamo fatto in questo consiglio comunale, poi non so come mai, io non mi sono accorto, probabilmente non ho fatto uscire i giornalisti perchè poi il giorno dopo le cose che ho detto in questo consiglio comunale erano sul giornale, quindi io mi scuso con la città, abbiamo mandato fuori tutti tranne la stampa e questo non so come sia successo. Ma perchè abbiamo fatto la seduta segreta? Non perché si debbano nascondere cose particolari, anche perché i verbali di sequestro della documentazione e degli accessi della guardia di finanza presso il comune di Seregno io il giorno stesso li ho fatti protocollare, quindi in quel momento li ho resi pubblici, proprio per quel discorso di trasparenza e di serietà, uno per mettere in condizione i giornalisti di dire le cose come sono accadute o se avessero voluto dire qualcos'altro si sarebbero presi le loro responsabilità, secondo mettere nella condizione i cittadini e i consiglieri di vedere cosa è stato fatto dalla guardia di finanza, quali sono i documenti che sono stati asportati, la seduta segreta era stata chiesta perchè in quel momento due dei sopraluoghi effettuati riguardavano in parte un dipendente pubblico e quindi noi abbiamo un regolamento, come avrebbe dovuto avvenire per l'interpellanza dell'altra volta, senza però ombra di polemica, quando si parla e si fanno nomi ben precisi si fa una seduta segreta, dopo nella seduta segreta si decide se fare un ulteriore consiglio comunale o meno, ma siccome si parla di persone e si coinvolgono le persone al di fuori dell'aspetto lavorativo e politico, ma si coinvolge la sfera affettiva, i familiari, gli amici, insomma c'è l'aspetto personale, il nostro regolamento prevede la convocazione del consiglio comunale.

11

Io però visto che gli atti sono pubblici e visto che questa sera non faccio uscire nessuno, siete già dentro, riconfermo che le visite che abbiamo avuto sono state 4, così rispondo anche alla domanda, la penultima domanda: una il 28 di gennaio del 2011, che riguardano la pratica Alabiso, una il 4 maggio 2011 che riguardano l'area di via Sant'Anna e via Totti, il 19 maggio 2011 la pratica Alabiso e il 7 giugno 2011 che hanno portato ulteriori richieste di documenti per il Pgt e quindi è stata presa tutta la documentazione tecnica cartacea. Quindi questi sono stati i sopraluoghi e gli atti sono pubblici, se volete prenderli nulla lo vieta. Io sul punto 9, se esistono relazioni tra le indagini che riguardano Ponzoni e soci e le indagini che riguardano la bozza del Pgt eseguite dalla Guardia di Finanza, io non sono il PM quindi non posso dirle io non sono al corrente, è facile desumere da quello che le sto dicendo adesso, ed è una cosa che all'epoca, parlo ovviamente della pratica che riguarda via Sant'Anna, cioè il 4 di maggio 2011, non avrei potuto immaginare, oggi il PM non mi ha comunicato come ovviamente non mi deve comunicare a che punto sono le indagini e su cosa e su come sta indagando ma se è facile fare la somma, almeno una parte se voi mettete insieme i dati che vi ho dato, se la Finanza è venuta a prendere non tutti i documenti del Pgt ma all'inizio esclusivamente la zonizzazione precedente e della bozza del Pgt, e quella documentazione l'abbiamo data e adesso da quello che abbiamo appreso dalla stampa, perchè io quello che apprendo riporto, come penso lei consigliere Silva, agli altri cittadini e devo dire che probabilmente sulla pratica di via Sant'Anna sì, sul resto non lo so perché essendoci della indagini in corso io le posso dire in tutta tranquillità che l'amministrazione è serena e confido nell'operato della Magistratura. Quali sono le ipotesi di reato a conoscenza della Lega Nord che aveva minacciato di fare un esposto in procura? Ma guardi è semplicissimo, la Lega Nord non ha fatto nessuna, come posso dire? Non si è nascosta dietro nessun dito e non ha nascosto nulla, la preoccupazione della Lega, che ha esplicitato più volte, poi ovviamente non intervengono in consiglio comunale per non dare spazio come magari qualcuno del Pdl dovrebbe fare per dare spazio a battibecchi inutili, quando invece si deve deliberare negli interessi della città, la preoccupazione era semplicissima: dopo la protocollazione del Pgt, dopo il fatto che siamo arrivati in consiglio comunale a dare nuove indicazioni, dopo il fatto che si è dato un termine ultimo a De Woolf, e quindi si voleva velocemente visto che anche l'assessore Mazza si era impegnato velocemente nello spronare l'estensore del piano per predisporre la nuova bozza del Pgt per la discussione in commissione visto che poi di commissioni ne sono state fatte, ovviamente i consiglieri spazientiti, ma non spazientiti per loro interesse, spazientiti per il disagio che si avverte nella città, perché siccome stiamo tirando per le lunghe questo documento ognuno di noi ha una preoccupazione perché giustamente il mio consigliere mi dice ma perchè il progettista che mi ha detto che ci vogliono 3 o 4 settimane per ri protocollarmi la bozza con le nuove indicazioni che abbiamo votato in questo consiglio comunale non ce lo presenta? Quindi anche perchè se avesse avuto delle questioni ben precise come io ho fatto anni fa per un dipendente comunale, ho fatto un esposto alla Procura della Repubblica per sapere quello che è successo, quindi ognuno di noi che

12

sia componente di un partito, che sia assessore, sindaco o segretario comunale o cittadino ha il diritto e dovere di intervenire in merito a questa questione. Mi sembra di aver risposto a tutte le domande, guardo se mi sono appuntato altro, qual'era l'undicesima domanda? Che non c'è scritta qui, non me la sono appuntata... Intervento fuori microfono Sindaco No questo ho già risposto no, io ritengo, poi ovviamente ognuno di noi è responsabile delle azioni e la magistratura farà il suo corso come però ho detto rispetto ad altri comuni da una parte abbiamo il vantaggio di non aver fatto il Pgt, dall'altra abbiamo lo svantaggio di non aver fatto il Pgt perché più stiamo fermi e peggio è. C'è un'altra questione che non abbiamo affrontato, che come ho detto in una delle 7 volte che abbiamo parlato del Pgt, oggi e nei prossimi giorni, quando arriverà la bozza e cominceremo a discutere, sarà un arduo compito quindi qui dovremo avere la collaborazione di tutti perchè con questa cultura del sospetto che sta avanzando, no? Non dico da lei consigliere Silva, ma in generale sull'ambiente che siamo tutti ladri, siamo tutti coinvolti e via dicendo, rischiamo veramente di continuare a mantenere il piano Lanzani Perego con piccole modifiche, perchè in cuor nostro, perchè gli assessori non votano ma io che sono consigliere come voi siete consiglieri e portiamo un piano che magari condividiamo anche nelle commissioni in un percorso, ma come facciamo a giustificare ogni metro in più su un'area? Visto ad esempio che c'è la possibilità che non abbiamo soldi da spendere, di fare collaborazione pubblico privato per realizzare determinate opere pubbliche, cioè parlo per assurdo, se io trovo un privato che costruisce una palazzina e in cambio gli do la possibilità di utilizzare la caserma dei pompieri ad esempio, parte a scopo oneri e parte a X metri quadri che gli concediamo in più, come facciamo? Chi la vota? Perché ognuno di noi può dire "ah ma dietro lì chissà cosa c'è, è un amico del tal assessore regionale che non hanno ancora portato via, è il fratello del sindaco", no perchè il passo è breve, oggi ogni intervento diverso da quello reale, attuale scusate, dell'attuale piano regolatore con questo clima che tutti, me compreso, abbiamo stupidamente, erroneamente e con leggerezza contribuito a creare, ci porterà in seria difficoltà, non tanto da avere discussioni in sedi politiche o nelle varie commissioni, ma poi a portarlo qui all'attenzione del consiglio comunale e votarlo. Però questo sarà un problema che affronteremo nelle prossime settimane, grazie. Presidente Grazie signor sindaco, il signor sindaco ha risposto alle domande così come erano state formulate nell'ordine del giorno, la parola ai consiglieri per gli interventi, prego. Consigliere Tagliabue. Consigliere Tagliabue Grazie signor presidente, io inizierei con un riferimento un pò latino che mi è venuto in mente quando il sindaco parlava e mi dicevo ripetuta iuvant e

13

speravo che l'ennesima considerazione e osservazioni che il sindaco nel suo intervento di 37 minuti ha fatto rispetto al Pgt potesse chiarirmi definitivamente i dubbi che anche attraverso le domande poste nell'ordine del giorno chiedevamo. Francamente ho ancora un pò di confusione, anzi su alcuni passaggi la confusione è un pò aumentata e mi tocca fare ulteriori domande rispetto a questo, comincio con una considerazione. Lei signor sindaco ha detto la verità, perlomeno una verità l'ha detta, una verità quando ha detto probabilmente in lapsus freudiano che l'ex assessore Gavazzi è stato sostituito dall'assessore Mazza, di fatto questo è l'elemento reale che poi è emerso, poi si è corretto ma di fatto questo è l'elemento politico che ha caratterizzato la sua seconda amministrazione e che di fatto probabilmente sta sotto anche a tutto questo percorso che lei ha cercato abilmente un pò di coprire, con una coperta che comunque rimane una coperta corta, lei ha fondamentalmente rivendicato la limpidezza di un percorso dicendo ad un certo punto l'assessore alla partita ha protocollato questa bozza, io ero in vacanza, l'ho saputo poi successivamente e quindi era un documento da portare successivamente ai consiglieri per una loro valutazione e discussione. Questo è un dato di fatto eh? Che riconosco di questo. Non riconosco però il percorso precedente, non mi è assolutamente chiaro il percorso precedente, perchè vede nonostante lei ha detto che di fatto nessuno ha influenzato o condizionato il lavoro se non con qualche indicazione legittima proveniente dalla maggioranza, francamente io non comprendo uno come mai si sia protocollato un documento che adesso appunto è stato da lei detto una bozza che di fatto è esistita ma non ha portato a nessun atto, dico come mai adesso in questo momento con la commissione, prima di arrivare a protocollare una nuova bozza che mi risulta non sia ancora protocollata , chiedo all'assessore ma mi risulta non protocollata, si è fatto un lavoro di approfondimento, di indicazione, di ascolto anche delle idee che i vari consiglieri avevano da parte della città che è completamente diverso da quello precedente. E allora mi dico come mai la bozza precedente è stata di fatto poi completamente, di fatto poi completamente abiurata eh? Dalla maggioranza? Che è la stessa maggioranza che abbiamo, è cambiato qualche consigliere ma di fatto, ho detto che è cambiato ma sostanzialmente è la stessa maggioranza, la stessa maggioranza, parliamo di maggioranza politica perlomeno, c'era il centro destra prima e c'è il centro destra adesso, allora sostanzialmente il percorso precedente è stato abiurato appunto dalla stessa maggioranza politica che guarda caso ha poi introdotto e ha votato, il consiglio si è espresso in maniera quasi unanime, su delle considerazioni, su una visione della città di cui la maggior parte delle osservazioni venivano dalla minoranza, sono state aggiunte in qualche punto ma sostanzialmente arrivavano. Quindi abbiamo una bozza iniziale che non si capisce quale iter di fatto ha avuto, se questo professionista, in che modo ha ricevuto le osservazioni quali io ricordo un passaggio anche in commissione, mi spiace che non ci sia il consigliere ma di fatto è anche nei verbali, il consigliere Trezzi che fondamentalmente rimproverava De Woolf dicendo: le nostre considerazioni in questa bozza, quella che è stata accantonata, non ci sono. Non capisco allora, lei mi dice i vari partiti ci hanno lavorato e invece in questa bozza qui non ci

14

sono, non più tardi dello scorso consiglio comunale la stessa consigliera Chiara Novara ha detto che erano stai totalmente estranei a questo percorso di costruzione. E allora io voglio sapere ma questa bozza chi l'ha elaborata? Chi l'ha costruita? De Woolf si è immaginato, scusate eh perchè se lei poi mi dice che le istanze erano anche poche, si è immaginato una serie appunto di espansioni sul territorio di Seregno probabilmente sognandosele di notte e ha elaborato la bozza. Lei mi dice ha avuto anche delle indicazioni legittime da parte della maggioranza però assolutamente ha fatto un lavoro che probabilmente, cioè non probabilmente, di fatto ha scontentato tutta la maggioranza, probabilmente era contento solo qualcuno ma ha scontentato la gran parte della maggioranza. Allora vede in questo momento io non voglio assolutamente, io sono un garantista assolutamente, no no garantista nel senso che le accuse che faccio sono accuse di tipo politico, delle accuse di tipo politico, volevo sapere chi è il responsabile politico di questo perché ripeto se la maggioranza politica precedente non si riconosce in questo o la precedente bozza è stata gestita diversamente da quanto ci ha raccontato, e quindi su questo non ci sta raccontando la verità, o mi dica lei diversamente perchè o mentono, in questo caso i consiglieri della sua maggioranza che dicono di non essere stati coinvolti, di non aver effettivamente avuto neanche la possibilità di partecipare ad un processo di tipo decisionale. Tanto è vero che la stessa maggioranza politica ha cambiato radicalmente la bozza, l'ha cambiata radicalmente, l'ha rivista completamente, adesso ho osservato dalla sua considerazione che probabilmente non le piace neanche troppo questa bozza come è stata rivista perchè ripropone a suo dire il piano Lanzani o comunque una rivisitazione in chiave Pgt del piano Lanzani e quant'altro. Io dico e concludo anche su questo che la nuova bozza che di fatto ha avuto un percorso sicuramente di maggiore partecipazione almeno per quanto riguarda i livelli istituzionali, questo c'è da riconoscerlo, si p lavorato in questo consiglio, si è lavorato nella commissione, attendiamo di vedere, questo lo abbiamo detto in commissione come Pd ma anche le altre forze politiche, di vedere il documento completato per poter esprimere una valutazione ma di fatto arriviamo a immagino protocollare una bozza su cui conosciamo almeno gli elementi costitutivi e di base, poi probabilmente non saremo tutti contenti del risultato finale, ma di fatto c'è stato un processo. Per lo meno mi riconosca signor sindaco che c'è stato un metodo completamente diverso tra il Pgt precedente e questo, e qualcuno su questo ha una responsabilità politica per lo meno, questo almeno deve riconoscerlo, su questo aspetto. Non so perchè prima lei che è sindaco quindi non può dire la responsabilità è dell'assessore, è un problema dell'assessore, lei è il sindaco e quindi probabilmente prima ha avallato una modalità di gestione del Pgt diversa rispetto appunto a quella precedente, questa è l'accusa "politica" che le faccio, assolutamente io non faccio alcuna considerazione di tipo giudiziale su questo e sono anche io cauto e speranzoso che la giustizia faccia il suo corso come deve fare in tutti i percorsi. Per cui con questo concludo e ringrazio.

15

Presidente Grazie consigliere, prego consigliere Borgonovo. Consigliere Borgonovo Sì il sindaco giustamente, è un argomento molto serio questo e molto anche atteso, ha parlato per molto tempo e chiedo scusa se magari sforerò di qualche minuto. Innanzitutto occorre chiarire subito che bisogna distinguere tra responsabilità di tipo penale e responsabilità di tipo politico, i fatti che sono emersi e che oramai noi tutti conosciamo purtroppo sono fatti che non vanno a favore della tranquillità e della serenità, ma è un fatto emotivo, almeno io penso che sia così, e spero che nel procedere dell'analisi di quei fatti che sono emersi sulla stampa, me lo auguro per l'amministrazione di Seregno e per il comune di Seregno, per la città di Seregno, Seregno rimanga completamente indenne, si dirà sono tutte illazioni, sono tutte chiacchiere, poi in fin dei conti la bozza, la bozza... si continua a chiamarla bozza, quello è un progetto vero e proprio di Pgt pronto per essere approvato, il progetto di Pgt è stato annullato e quindi non ha prodotto, così dice il sindaco, alcuna conseguenza e quindi non c'è problema. Ma non è compito nostro, né mio soprattutto quello di verificare questo aspetto, se c'è qualcosa che non va bene sarà la magistratura che vedrà e che farà e io ripeto mi auguro che non ci sia nulla di questo tipo a Seregno. Non si può però non valutare la responsabilità di tipo politico nella conduzione di questa questione, lei avrà notato sicuramente che io non ho sottoscritto le domande fatte dal Pd, si sarà anche domandato come e perchè, la risposta è semplice perchè alcune non le condividevo, non perchè non condivido lo spirito diciamo di analisi e di ricerca della verità, ma alcune sono domande che condivido e alcune no, per esempio mettere dentro la richiesta come mai il terreno di Sant'Anna... è evidente che è un autogol, cioè è evidente che lei dice l'avete in mano il Pgt, avete visto che è rimasto pubblico, cosa volete? Un autogol per chi ha fatto la domanda, per chi ha posto la domanda, a me invece viene spontaneo farne altre di domande, per esempio come mai nessuno, salvo forse pochi privilegiati, forse, sapeva che era stato depositato nell'agosto del 2009 il progetto di Pgt? Come mai durante la campagna elettorale questo importante progetto che se condiviso e ritenuto valido avrebbe dovuto essere l'argomento principe della campagna elettorale, presentare il progetto della futura città ai cittadini di Seregno, non è stato nemmeno discusso? E' stato tenuto nascosto. Come mai solo dopo una mia interpellanza nei primi mesi del 2010 il sindaco tra la meraviglia di tutti i consiglieri, io ho notato che tutti i consiglieri cadevano dal pero come si dice, ha comunicato tra l'altro usando delle frasi quasi offensive nei miei confronti? Ma lei non sa fare il consigliere comunale, lei deve sapere sicuramente che se c'è un atto agli atti lei ha diritto ad averlo e nessuno sapeva che era agli atti. Per fortuna che io ho fatto l'interpellanza e lei ha detto che c'era tant'è vero che poi subito ci siamo precipitati a chiedere quel documento. Come mai gli assessori della giunta presiedente, Cagliani, Trabattoni, Viganò, Formenti, Ciafrone eccetera, salvo l'assessore all'urbanistica che però ha dichiarato sulla stampa che lui non ne sapeva niente, che i partiti hanno consegnato direttamente delle indicazioni a lei, signor sindaco, e che lei le ha

16

trasmesse al progettista, come mai tutti questi assessori, salvo Cagliani che ha detto che l'ha visto una volta, l'ha aperto, l'ha chiuso e l'ha buttato nel cestino dopo averlo visto una volta? Non l'hanno mai visto, o discusso di questo progetto del Pgt? Come mai la commissione urbanistica e il suo presidente, il geometra San Bruni, non hanno mai visto ne discusso della bozza di Pgt e non hanno mai visto documenti preliminari? Lei stesso ha detto durante il lavoro del Pgt, l'ha detto prima, sono arrivati dei documenti e delle bozze e si discuteva sulle norme e sulla perequazione eccetera. Non mi risulta che sia mai stato discusso, o almeno salvo smentita se c'è me la darà il presidente della commissione urbanistica, che questi documenti, o questi preliminari, o queste bozze o queste questioni siano mai state sottoposte alla commissione urbanistica, ecco queste sono le domande che lasciano un pochino di dubbi, di certezze, su qual'era il vero obiettivo di quel Pgt. Vede io mi sono fatto un'opinione e la esprimo come un'opinione di fantastoria, diciamo che è un'ipotesi, un'ipotesi sicuramente non verosimile, che però chissà perchè a me ha un pò preso e l'ipotesi è questa: il Pgt se non l'ha visto nessuno, l'ha visto lei, l'ha visto l'assessore, forse sì o forse no, dopo l'ex assessore Viganò dirà se l'assessore all'urbanistica l'ha visto o non l'ha visto, è stato protocollato. Questo Pgt, questo progetto di Pgt protocollato, era lì pronto nel cassetto, quali erano gli sbocchi? Siccome è un documento che può far discutere e magari può anche scatenare delle reazione perchè è il documento come abbiamo visto poi che è stato ritenuto da tutti inaccettabile, è meglio non parlarne in campagna elettorale perchè poi nasce la polemica eccetera eccetera, teniamolo lì, una volta vinte le elezioni, male che vada c'è la legge regionale del 31 di marzo del 2010, arriva il commissario e lo adotta, se proprio dovessero prolungare il termine va bene, lo tireremo fuori e vedremo di convincere la maggioranza che ci sosterrà, perchè noi abbiamo vinto le elezioni, ad approvarlo. Ma questo anche nella legittimità, senza commettere... non è che dietro a questo ci possono essere reati penali, è un progetto politico, un disegno, secondo me è un'ipotesi di fanta-storia ovviamente, ma che potrebbe avere una sua credibilità, cos'è che è andato storto? Cos'è che non ha permesso di realizzare questa ipotesi fantascientifica? Il fatto che nella maggioranza sono cambiati i rapporti di forza all'interno dei gruppi consiliari, il fatto che una serie di consiglieri comunali nuovi della Pdl e nuovi, o in parte nuovi della Lega, hanno detto "no noi non abbiamo visto un cavolo di quella roba lì, non siamo mica d'accordo di portarlo avanti", e hanno scombinato i piani, questa è la mia opinione, sarà l'opinione di un cretino, però è la mia opinione. Vede signor sindaco? Finisco il mio intervento dicendo "lei in fin dei conti dovrebbe ringraziarmi." Perchè? Perchè con la mia insistenza e grazie all'adesione dei consiglieri della Lega e successivamente di tutti i consiglieri del consiglio comunale, anche se all'inizio a lei dava un pò fastidio, il progetto di Pgt protocollato è stato dichiarato nullo, si è messa una pietra sopra a un documento da tutti ritenuto inaccettabile e si è permesso di ricominciare da capo, mettendo al riparo lei e tutta l'amministrazione comunale.

17

Presidente Grazie consigliere, prego consigliere Cajani. Consigliere Cajani Grazie presidente, la storia del Pgt è una storia che veramente ha fatto il suo elemento finale e politico, quello dell'uscita di Amare Seregno dalla famosa maggioranza, perchè lo scontro che c'è stato di non entrare nella maggioranza era per mettere in discussione tutto il discorso di carattere urbanistico, quindi siccome noi non potevamo mettere assolutamente condizioni di questo tipo siamo stati fuori. Non siamo stati accettati nella maggioranza, la discussione enorme fatta poi all'interno della maggioranza di prima, che poi adesso ultimamente è cambiata, ma è cambiata perchè Amare Seregno è fuori e l'Udc è fuori, ma non era l'Udc allora, è un fatto secondo me abbastanza non giusto, è un fatto fantasioso, e come giustamente diceva Borgonovo prima, il piano regolatore generale, in questo caso il Pgt, è un enorme strumento di programmazione, e è un atto politico talmente importante che Amare Seregno è nata senza ombra di dubbio, senza scombinare cose o scandali vari, è nata perchè voleva cambiare la città, voleva a tutti i costi che il piano regolatore fatto da Lanzali vi fosse tirata una riga e fosse dichiarato finito. Quindi il Pgt sotto questo aspetto qua... il Pgt va visto sotto 3 aspetti di visione, uno è quello politico di cui vi sto parlando, uno è quello tecnico e uno è quello etico-comportamentale. Io devo dire che la mia presenza nella vecchia amministrazione comunale, nella vecchia maggioranza comunale, su quanto riguardava il discorso gestione territorio, l'ho detto l'ho dichiarato, ne abbiamo parlato, ne abbiamo discusso fino alla noia, no giusto? E la vecchia amministrazione comunale aveva fallito la gestione urbanistica completamente, di fatti l'annullamento della bozza o del progetto di Pgt, che è stata annullata, ha sancito completamente il fallimento di gestione urbanistica di 5 anni! Perchè lo scontro urbanistico fatto sulla gestione urbanistica era molto molto pesante, di fatti pare che a volte siamo arrivati alla crisi di giunta, e parecchie volte abbiamo chiesto al sindaco di essere garanti di una gestione urbanistica e non vi ritenevamo assolutamente opportuno, no? Anche sulla nomina dell'avvocato Brambilla avevamo detto a suo tempo la nostra. Noi abbiamo proposto e abbiamo discusso un indirizzo programmatico al sindaco, perchè ci era stato chiesto ma è bene sul cappello politico che a un certo punto non abbiamo accettato la discussione, ma noi abbiamo fatto una proposta dove altri gruppi hanno fatto le loro proposte, ma io queste proposte degli altri gruppi non le ho mai viste, non c'è stato un confronto politico tra tutti i gruppi, dove a un certo punto veniva fuori qual'era veramente la scelta politica della maggioranza, e va beh è lo stato di fatto delle cose. Ci siamo trovati un Pgt, giusto? Bozza o chiamiamolo... io lo ritengo un Pgt depositato, poi ci si scarica da una parte e dall'altra chi è stato, non me ne frega niente, no? Io ho respinto il Pgt come l'ho visto la prima volta e c'è presente il segretario Petrocelli e ho detto di buttarlo nel cestino, perchè aperto il Pgt non c'era un indirizzo politico di cambio completamente del piano e non sono entrato nel merito di dire questo è buono, quest'altro e così via.

18

Tutto quello che è successo poi, dopo ha creato una grande confusione, qui abbiamo parlato di giorni della memoria e io penso oggi che bisognerebbe fare il giorno della memoria della paura del Pgt! E purtroppo stiamo facendo un piano a Seregno che lo facciamo e addirittura risparmiamo 400.000 euro forse su questo aspetto qua. Comunque a memoria leggo quali erano gli indirizzi di piano così almeno si comprende cosa voleva Amare Seregno, il ruolo di Seregno, come specificato nel nostro programma di governo, deve essere quello di una città che sviluppi prevalentemente il terziario avanzato e qualifichi il terziario, commercio e uffici e le attività produttrici di artigianato e prima industria, sfruttando lo sviluppo del trasporto su ferro e gomma, al fine di contenere lo sviluppo della residenza, la città dormitorio, di diminuire completamente la mobilità esterna, pendolarismo, e di incentivare lo sviluppo di spazi per la ricerca per creare nuovi posti di lavoro e occupazionali nelle classi di lavoratori più giovani. La legge regionale 12 05 prevede già l'eliminazione dello (…) tradizionale dei piani regolatori, nel modo più approfondito il territorio deve essere identificato per ambiti funzionali che preveda destinazioni differenziate e la loro interfacciabilità. Questo era il cappello che noi abbiamo dato, ma a questo confronto non so io la Lega cosa ha presentato, non so Forza Italia cosa ha presentato, non so An cosa ha presentato, ci siamo trovati uno strumento che di fatto è capitato in mano, poi io dico è cambiata la maggioranza per cui abbiamo cambiato il Pgt, ma se per caso noi stavamo in maggioranza, cambiava il Pgt? Se fossimo restati in maggioranza la maggioranza era quella di prima ma cambiava perchè non c'è stato un confronto vero e proprio, la Lega si è lamentata perchè non ha visto il piano, Forza Italia si è lamentata perchè non ha visto il piano e noi ci siamo trovati purtroppo davanti un piano, e torno a ripetere un piano giusto? Perchè le dichiarazioni dell'assessore Gavazzi erano molto molto chiare, le riprendo scritte sui giornali, non lo trovo, che diceva comunque che il piano era pronto, che bastava semplicemente un piccolo passaggio politico nella cosa e poteva essere tranquillamente approvato. Queste sono questioni di un confronto politico preciso, serio, puntuale, poi non sono neanche andato a vedere le aree i terreni o robe del genere, che a me viene da ridere poi per quel moralismo che salta fuori all'ultimo momento. Mi viene veramente da ridere, quando c'è un progetto che non funziona completamente è come andare a dire "ma forse la scala era meglio farla di marmo anziché farla fare di pietra", insomma no? Quando il progetto non stava in piedi assolutamente. Ecco per cui tutto quello che ha portato questo piano, l'ho già detto prima, è la paura. Seregno non ha bisogno di gente che ha paura a fare scelte, Seregno ha bisogno di gente che decida, qui c'è di mezzo la città, io mi riferisco alla maggioranza, Tagliabue ha detto giustamente bene prima, abbiamo dato degli indirizzi di piano fatti dalla sinistra e il piano regolatore generale potevamo risparmiare 400.000 euro, pigliavamo quello di Lanzani, lo davamo in mano ai nostri uffici, lo adeguavamo e risparmiavamo 400.000 euro e poi abbiamo finito. Poi lo avremmo discusso dopo, le varianti e i cambiamenti e cose di questo tipo qua. Quindi la nostra uscita e la nostra direi indicazione sulla vecchia bozza del Pgt è solo ed esclusivamente politica e questa sera ancora, per l'ennesima volta,

19

condanno in modo veramente deciso la gestione urbanistica dei 5 anni precedenti, senza andare dentro nel discorso etico comportamentale di chi ha avuto ragione, chi ha avuto torto, cosa uno ha fatto, ci penserà la magistratura a stabilire se qualcuno ha sbagliato o meno. Io invece oggi come oggi, e l'ho sempre detto, contesto in modo gestionale il confronto politico, nella vecchia maggioranza non c'è stato, non c'è mai stato, la colpa non so di chi è, però in giunta discussioni pesanti sono state fatte, è stato più volte martellato il discorso "io sono l'assessore, io sento la commissione edilizia, la commissione urbanistica e poi decidiamo e porto in consiglio comunale". A queste affermazioni il sottoscritto usciva dall'aula di giunta, così' come abbiamo contestato il discorso di altre situazioni, poi vorrei vedere comunque il parere dell'avvocato Brambilla sugli atti dei famosi Cru, del Parà e del Camisasca, perchè quelli fanno parte benissimo dell'atto di approvazione, il suo parere è un parere vincolante e determinante in quegli atti di approvazione. Quindi non è vero che l'avvocato Brambilla è estraneo al discorso urbanistico, chiedo scusa sindaco. Presidente Grazie consigliere, la invito a concludere perchè siamo oltre i termini. Consigliere Cajani Chiudo per la partita completamente, ecco quindi la posizione di Amare Seregno su questo discorso è un discorso ormai che si ripete, la storia è quella che è, direi che forse la fanta-politica che raccontava l'ingegner Borgonovo quasi quasi forse era vera, quasi eh? Capito? Per cui ringrazio. Presidente Grazie, consigliere Zannin. Consigliere Zannin Grazie presidente, mi spiace che il sindaco è uscito, leggerà il verbale. Parto proprio da una della affermazioni che ha fatto il sindaco nel suo intervento di risposta ai 10 punti dove ha evidenziato come un'amministrazione e un sindaco vive il mandato nel rapporto di fiducia tra appunto il sindaco e i consiglieri che lo sostengono e viceversa. Beh in quest'aula, questa sera e la settimana scorsa e anche in altre occasioni, sono state evidenziate delle affermazioni che mostrano invece come ci sia uno scollamento totale tra il sindaco e i consiglieri della sua maggioranza, il sindaco fa della affermazioni e dice delle cose che i consiglieri della maggioranza che dovrebbero appoggiarlo fanno delle dichiarazioni e mostrano delle idee completamente diverse. Per non sbagliare, visto che già altre volte il sindaco mi aveva bacchettato perchè mi aveva accusato di riportare frasi non vere, mi sono procurato i verbali delle sedute. Beh quelle di questa sera non serve il verbale, le affermazioni del sindaco sono fresche, anzi sono calde appena dette, allora cosa ha detto il sindaco rispetto al Pgt che è l'argomento di questa sera e rispetto ai rapporti con la

20

sua maggioranza, ha detto che già dal 2008 tutti noi, quindi riferendosi in prima battuta al suo partito, a livello di partito dice tutti noi abbiamo dato delle indicazioni scritte, ci siamo riuniti con gli altri iscritti della Lega e abbiamo ragionato e valutato i nostri contributi al Pgt e abbiamo dato della indicazioni scritte e questo è avvenuto anche, sempre affermazione del sindaco, da parte di Amare Seregno, da parte di An e da parte di Forza Italia. Altra affermazione del sindaco, quando l'11 agosto del 2009, dopo l'11 agosto del 2009 quando lui era in vacanza, la bozza del Pgt dopo che è stata protocollata, il sindaco quando è tornato e ne è stato informato, ha avvisato Graziano, il consigliere Graziano e Sambruni, questo lo ha detto il sindaco, quindi due parti politiche della sua maggioranza, il sindaco ha avvisato, l'ha detto lui. Comunque Graziano e Sambruni sono stati avvisati ok? No l'ha detto lui, va beh comunque dopo vedremo dal verbale, scusate fatemi finire il ragionamento, questo è quello che è stato detto qua. Questo è quello che ha detto lui, dall'altra parte cosa c'è? La consigliera Chiara Novara martedì scorso ha letto una comunicazione in cui tra l'altro ha detto rispetto al Pgt: "Nel corso del precedente mandato, gli attuali consiglieri e assessori comunali pidiellini sono rimasti del tutto estranei ed integralmente all'oscuro dalle modalità di gestione e di istruzione del procedimento Pgt." Questo "a causa di una totale, inaccettabile ma non discutibile esclusione di qualsivoglia coinvolgimento o di mera informazione" e lei dice "da parte dell'allora assessore Gavazzi." Quindi due affermazioni, uno che sono stati totalmente all'oscuro e il sindaco questa sera ha affermato esattamente il contrario riferendo che c'erano state riunioni di partito e indicazioni scritte da parte di tutti i gruppi politici della maggioranza, dall'altra attribuisce questa mancanza di coinvolgimento, di mera informazione, all'allora assessore Gavazzi, e il sindaco sempre questa sera ha affermato che è stato lui a decidere a un certo punto di accantonare la bozza di Pgt per la vicinanza delle elezioni, questo ha detto il sindaco, non ha attribuito nessuna colpa all'assessore Gavazzi. Io non voglio andare oltre perchè tutte le cose sono state dette da chi mi ha preceduto, ma mi sembra evidente che tutto ciò porta solo a un'evidenziazione talmente trasparente di uno scollamento ripeto totale tra il sindaco e la sua maggioranza che solo il sindaco e voi consiglieri non volete vedere e di cui non volete prendere atto con le azioni conseguenti che sarebbero le più idonee per il bene di questa cittadinanza, grazie. Presidente Grazie, prego consigliere Minotti. Consigliere Minotti Grazie, cercherò di essere veloce visto che penso di essere ormai in dirittura di arrivo, siamo tutti stanchi. Per cui vedo di fare delle osservazioni così lapidarie e poi penso che avremo occasione su questo argomento di parlarne ancora. Io devo dire la verità, che mi aspettavo più o meno le risposte che il sindaco ci ha dato, anche se ha sospettato che alcune domande fossero scivolose, in effetti alcune erano abbastanza ingenue se vogliamo, io però vorrei sfatare per lo meno la posizione del mio gruppo per quanto riguarda le richieste del Pgt, la richiesta di chiarezza l'abbiamo sempre portata avanti

21

anche direi prima che succedessero questi ultimi fatti e quindi non è che siamo stai mossi da questa improvvisa pruderie di capire chi ha tenuto bordone a coloro che adesso la magistratura andrà a vedere se sono responsabili o meno, io mi ricordo che sono entrata nella polemica del Pgt senza conoscere ovviamente il testo perchè ancora non ci era stato dato, sul concetto di bozza ricordate? Io sul concetto di bozza chiedevo sant'Iddio ma questa bozza costa? Quanto è costata questa bozza? Forse varrebbe la pena chiamarla documento e qui mi credo che abbia azzeccato completamente il suo intervento il consigliere Borgonovo che ha accennato al sospetto che se fosse continuato tutto così com'era questa bozza andava avanti e diventava definitiva, se non ci fossero stati dei problemi interni anche perchè credo che i costi siano stati abbastanza alti. Quindi su questo io mi ricordo che avevo fatto degli interventi, prima ancora. Poi adesso è successo, gli ultimi avvenimenti giudiziari ovviamente danno a chi interviene sul Pgt, diciamo così, passatecelo questo, un velo di sospetto, perchè se il sistema politico regionale e quindi tutti i vari legami che emergono, le varie poco chiarezze che emergono è così radicato, è chiaro che è normale che possa suscitare sospetta una situazione in cui, permettetemi io continuo a dirlo e lo continuerò a dire, è vero il sindaco ha detto che abbiamo fatto sette, otto riunioni, adesso non mi ricordo più, sette volte si è parlato del Pgt, più... però nel secondo mandato, nel secondo mandato ok? Quindi voglio dire c'è tutto un intervento nel secondo mandato perchè ormai le carte si erano scoperte, ma quello che a me lascia comunque ancora profondamente dei dubbi, o comunque non chiarezza perchè non voglio parlare di sospetto perchè se no poi ecco i soliti comunisti che pensano al sospetto, no io non riesco a capire e qualcuno me lo dovrà dire, poi dopo l'intervento che ha fatto l'assessore, no il consigliere ma all'ora assessore Cajani, capisco ancora meno come in 5 anni una giunta formata da 10, eravate in 10 assessori vero? Pur vedendo tutte le cose negative elencate dal consigliere Cajani, dati gli interventi dei consiglieri della Lega, date altre situazioni, non è riuscita a sbloccare la situazione. Cioè a me pare che se ci sono delle partite chi fa nove gol vince su uno, 9 a 1 vince il 9, ora veramente non riesco davvero, e passatemelo con molta molta semplicità, non riesco davvero a capire come si sia potuta protrarre una situazione di sfiducia, perchè poi il sindaco ha detto perchè è stato silurato l'assessore Gavazzi? Perchè è venuta meno la fiducia, ma per cinque anni, facciamo tre perchè i primi due... cioè è una situazione veramente mandata in cancrena. Allora qual è il sospetto? Se si vuole fare del retro pensiero e questa volta lasciatemelo fare, che se è vero, e a me risulta da quello che avete detto, che una sola persona all'interno di questa giunta, posso usare la parola? Ricattare è brutto, però appunto insisteva così tanto perchè il resto della giunta e dei consiglieri hanno dovuto subire, permettetemi ma io non riesco a crederci, non riesco a crederci. Poi sarà vero ma io permettetemi continuo a sostenere che questo è di difficile accettazione, che nessuno conoscesse la bozza, che non si potesse parlare in giunta, che ci fosse l'impossibilità di... e che comunque invece secondo il sindaco la giunta aveva questi grandi momenti comuni tant'è vero che dice io mando la convocazione con l'ordine del giorno della giunta, sei giorni prima

22

così chi viene sa di cosa parlare, poi dopo c'è stata la storia lì degli aumenti dei costi e dei servizi poi nessuno sapeva niente, ma non importa però è passato in giunta anche quello. Quindi ci sono delle incongruenze, ora queste incongruenze mettono, diciamo così, un velo, rendono opaca una situazione che in questa sede il sindaco si è sforzato con elementi che lui dice di avere, si è sforzato di rendere trasparente. Permettetemi un'ultima osservazione, che è un'osservazione di tipo politico, che sta un pò al di fuori dalla situazione concreta del Pgt che stiamo discutendo adesso, ma che però prende un pochino dentro gli ultimi avvenimenti che sono successi in regione Lombardia. Io credo che in questi anni, e passatemi questo perchè così è stato, sia le varie leggi elettorali, che altre leggi sull'urbanistica, ricordiamoci l'ho detto l'altra sera che le leggi urbanistiche della regione Lombardia le ha avallate e fatte Brambilla e quindi voglio dire non è neanche uno stupido sicuramente ha delle capacità, per fare queste cose, ma leggi particolari sul sociale, sui voucher piuttosto che su altri modi di intervenire sulle difficoltà, sulle disabilità della regione Lombardia, legali, approvate, scelte, discusse e portate avanti hanno però forse permesso una situazione tale, io lo chiamo un pò un brodo di coltura, di cultura, perchè poi contemporaneamente dall'altra parte diminuivano sempre di più gli spazi di democrazia partecipata, gli spazi in cui il cittadino interveniva, gli spazi in cui i consiglieri comunali, i nostri consigli comunali diventano sempre più abbandonati e con meno poteri, e forse era proprio il luogo da mantenere invece fisso e forte di intervento per i cittadini. Allora in tutto questo sistema che io accenno punto e basta ma che sicuramente meriterebbe un'analisi politica da chi è più bravo di me a fare un'analisi politica di tipo generale, in tutto questo sistema di leggi, di legge elettorale, di situazioni, di vari Cda, di nomine eccetera, ha creato quello che chiamo un brodo di coltura, in questo brodo di cultura possono poi emergere sia i Ponzoni, sia purtroppo i Penati piuttosto che altri nominativi. Io credo che dobbiamo andare ad interrompere, partendo anche da noi, partendo anche dalla nostra situazione, questa possibilità di agire in modo non corretto, non dico non legale ma non corretto, senza arrivare appunto all'illegalità. Chiudo, avevo fatto due cerchietti, prima non c'è stato confronto politico, il clima della paura e adesso tarallucci e vino e tutto va bene. Presidente Grazie, prego consigliere William Viganò. Consigliere William Viganò Grazie presidente, francamente io non ho preparato un intervento specifico ma mi piacerebbe fare una sintesi su quello che ho ascoltato questa sera e che dovrebbe essere una risposta a questo mistero della bozza del Pgt, mi sempre un comportamento un pò anomalo, da quello che ho desunto e un pò dalle considerazioni di questa sera, un pò dr. Jekyll e mr. Hyde, primo mandato e secondo mandato, perchè qui io francamente non ho capito, lei sindaco ha detto che delle indicazioni per la stesura del Pgt sono state date, qui poi a vario titolo nelle sedute precedenti sono stati dichiarati dalla maggioranza, e anche dall'allora maggioranza, perchè dalla maggioranza

23

attuale di una totale estraneità a tutta la procedura e anche per quanto riguarda la costruzione dell'allora bozza, alcuni punti Lega Nord non sono poi stati ritrovati nella bozza, adesso io pensavo che erano rimasti solo due vecchi partiti, Amare Seregno e Udc, l'Udc ha proposto ovviamente l'annullamento della bozza e Amare Seregno ha dichiarato la totale condanna alla gestione urbanistica del mandato precedente. Quindi francamente adesso mi è venuto un dubbio, non so se io non ho capito però ammetto e sapete che la mia competenza urbanistica è quello che è però forse la capacità di comprensione qualcosa... ma chi parlava con il professionista? Chi parlava con il professionista è chi ha dato delle indicazioni, quindi chi parlava con il professionista è chi ha dato delle indicazioni e poi se qualcuno ha dato delle indicazioni, perchè qui non si sa se ste indicazioni sono state date o non sono state date, ovviamente prima di protocollare se io do un'indicazione per la stesura di un documento che non è la realizzazione di un parcheggio, è un documento fondamentale per la città, quindi io dico ma non si verificano prima se quello che ha fatto il professionista corrisponde alle indicazioni date?Se no voglio dire cos'è tutta questa fretta di protocollare quest'atto e poi tenerlo lì? Io non capisco francamente questo passaggio, chi parlava e perchè non si è verificato a livello di allora maggioranza, oggi avete perso qualche pezzo, questa cosa. Allora non si riesce a capire dove sta la responsabilità in questo atto, perchè poi questo atto è stato poi cancellato e quindi io voglio sapere chi effettivamente dava delle comunicazioni all'estensore, l'estensore avrà prodotto il documento, prima di protocollarlo sicuramente andava verificato se queste indicazioni erano... Perchè se no qua non si capisce più chi faceva cosa, grazie. Presidente Grazie consigliere, consigliere Silva prego. Consigliere Silva Sì io taglio un pò perchè alcune cose le ripeterei, comunque rimane il fatto che queste domande non hanno quindi incentivato la cultura del sospetto ma hanno dato modo all'amministrazione in parte di sentire, di dare questi no, queste rassicurazioni che sconfessano alcune parole che si leggono tra le righe e alcuni pensieri. In parte perchè secondo me le risposte che ha dato il sindaco ricalcano un pò quelle della altre sette volte e sono sempre un pò fumose, che non entrano nel merito vero ed è stato ben evidenziato dal dibattito di questa sera, quello che ha appena detto il consigliere Viganò, cioè che non si capisce bene che cosa è successo, c'è chi dice una cosa, chi ne dice un'altra, addirittura sembrerebbe che il professionista abbia fatto di testa sua senza ascoltare nessuno, quindi io credo che da una parte quindi questa sera sia servita per dare l'ennesima occasione al sindaco di dire fino ad adesso tutto a posto, tutto in regola e sono certo di aver agito nella migliore delle maniere, dall'altra parte non si capisce bene il perchè sia stata fatta questa cosa. A me rimane un dubbio, cioè non un dubbio, c'è una cosa che non capisco, io credo di aver capito che questo progetto di città sia stato depositato per poter, parlo in modo veniale, pagare il progettista, pagare il professionista o comunque dare concretezza al lavoro del progettista, faccio fatica... cioè io ho

24

appena sistemato la casa prima di sposarmi e prima di pagare i professionisti che hanno lavorato da me ho verificato il lavoro che hanno fatto, poi gli ho dato parte di quello che gli dovevo dare, mi sono fatto sistemare le cose che secondo me, e concordate con loro, non andavano bene e ho saldato il mio debito. Ho portato a casa il lavoro come avevamo concordato. In questo caso non è successo così, e questa è un pò la prima perplessità, quindi non riesco a capire ancora perchè è stato necessario questo passaggio. La seconda perplessità è: mi sembra strano, io non so bene il ruolo di un consulente in una amministrazione però immagino che sia come in un'azienda, io al lavoro interagisco con dei consulenti, gli faccio delle domande e ottengo delle risposte, sono presenti a seguire il processo produttivo e quando vedono qualcosa che non va alzano la mano e dicono guardate che qua forse è meglio fare così, immagino che questo avvenga anche nel comune. Quindi noi abbiamo, avevamo, come? Immagino male, noi avevamo un consulente sull'urbanistica, non sul Pgt, sull'urbanistica, che è uno degli estensori della legge che regola l'inter del Piano di Governo del Territorio, faccio fatica a capire come il consulente di un comune che vede che c'è qualcosa che non va, ritardi, discussioni rimandate, piuttosto che un iter non lineare, non chiaro, non condiviso, passate tutti gli aggettivi che volete, che non dice niente. Voi avete detto che il consulente all'urbanistica non ha interagito con il Pgt, anche questa cosa a me... cioè che consulenti prendiamo? Secondo me questo è un consulente che non ha fatto il consulente. L'ultima nota riguarda invece questo prendere le distanze dalle responsabilità, mi piacciono le visioni di Borgonovo e capisco il racconto di visione, nel senso di questa fantasticheria che ha raccontato, posso condividerle, però rimane il fatto che se faccio parte di un partito, faccio parte di una maggioranza che lavoro, che fa i pre consigli, che fa le riunioni, non può poi a un certo punto dire immagina cosa succedeva, e non hai ancora capito? No non è così perchè io non voglio mettermi, faccio fatica a mettermi nei panni del sindaco come comandante di una maggioranza che non aveva in mano, il comandante di un equipaggio che non aveva in mano i suoi marinai. Io non riesco a capire questa cosa qua, come ha fatto l'amministrazione precedente, o meglio probabilmente si capiscono alcune cose che sono successe negli scorsi cinque anni, probabilmente il sindaco non era in grado di capire e di portare avanti il suo equipaggio in una maniera condivisa e in una maniera, no lasciamo perdere Schettino, in una maniera... come deve andare avanti un equipaggio, cioè immagino che la giunta oltre ad avere un programma sette giorni prima aveva anche dei momenti di condivisione e se l'assessore Formenti, giusto per citare qualcuno, in giunta diceva qualcosa che non era condivisa dagli altri c'era e spero che ci sia ancora adesso occasione di dibattito e di confronto. Io faccio fatica a capire come su un documento e un progetto così importante come lo studio della città adesso siete qui a giustificare, era tutto in mano a uno che non ha condiviso un bel tubazzo di niente e che abbiamo dovuto fargli fare un altro lavoro pur di poter mettere il becco in queste cose, speriamo che non emergano altre situazioni di disagio, perchè a questo punto mi viene non dico il sospetto però mi viene la paura che prima o poi ci sia qualcos'altro. E' come quando uno si licenzia dal lavoro che poi per i due mesi dopo è sempre colpa di quello che è stato licenziato, adesso noi abbiamo licenziato un

25

nostro assessore, per quanto sarà ancora colpa sua? Non ho capito, anche otto, anche il sindaco fa l'assessore alla cultura. Concludo dicendo che lungi da me e lungi da noi il dover dire lei sindaco ha sbagliato, lei deve pagare o queste cose, queste domande vogliono solo darle l'occasione e volersi sentirsi dire che siamo estranei a quello che sta succedendo, che siamo sorpresi di aver condiviso alcuni passaggi, perchè li avete condivisi e in parte ripeto per quello che ho detto prima li abbiamo condivisi anche noi, volenti o nolenti, e che non centriamo niente in tutto questo, grazie. Presidente Grazie, ho l'ultimo consigliere iscritto, consigliere Mariateresa Viganò, prego. Consigliere Mariateresa Viganò Sì grazie presidente, ringrazio il sindaco perchè ha davvero risposto in modo molto esaustivo e chiaro, e ripercorrendo davvero tutto l'iter nella sua limpidezza del percorso, alle domande che gli hanno proposto, a quelle che sono venute in aggiunta e a tutto quello che è emerso nella presentazione della richiesta di convocazione e negli altri commenti a parte. Le domande sulle quali ha davvero perfettamente risposto questa sera del resto avevano già avuto altre volte risposte, lo ha ricordato lo stesso sindaco, ammesso ovviamente di averle sapute cogliere e capire con sincerità. Il professionista incaricato, De Woolf, voleva evidentemente consegnare una prima bozza del suo lavoro perchè magari dopo un pò di tempo che ce l'aveva lì forse se non ricordo male il disciplinare di incarico diceva proprio che un primo acconto lo avrebbe avuto al primo deposito della bozza e quindi ovviamente uno che lavora vorrebbe anche essere pagato, quindi si insisteva per consegnare l'unico modo per fargliela consegnare è comunque registrarla, quindi protocollo come ha ricordato giustamente il sindaco, non segreto, riservato ed è stato depositato quel benedetto 11 agosto 2009 nell'ufficio del segretario, che penso possa confermare, perchè la copia dell'assessore Gavazzi non è finita all'ufficio tecnico, è finita nell'ufficio del segretario dove ovviamente chi è venuto a conoscenza che è stata depositata una bozza sul protocollo riservato poteva andare a guardarla. Infatti è falso affermare che il sindaco non ha avvisato nessuno, come ho accennato nel mio intervento nel consiglio comunale scorso esiste una sua comunicazione firmata e alla quale anche lui ha accennato questa sera, una comunicazione indirizzata ai signori assessori. Al 22 settembre 2009 calcolate voi chi erano gli assessori in giunta, e non è che l'ha scritta solo all'assessore Mariateresa Viganò, anche ai signori assessori, mi risulta che nel settembre 2009 tra quegli assessori ci fosse anche qualcuno di An, ora pidiellino che è ancora seduto sui banchi della giunta. Evidentemente chi la scorsa settimana ha affermato con tanta enfasi "che nel precedente mandato gli attuali consiglieri e assessori pidiellini sono rimasti del tutto estranei e integralmente all'oscuro delle modalità di gestione e di istruzione del procedimento" ha mentito. Al di là del fatto che chi ha fatto questa affermazione non sedeva sui banchi del consiglio e neanche nel pubblico perchè evidentemente era impegnata nel consiglio di amministrazione di Gelsia, un incarico ovviamente remunerato.

26

Intervento non presentato Presidente mozione d'ordine. Presidente Per favore silenzio lasciamo proseguire il consigliere Viganò. Intervento non presentato Allora ritiro la mozione d'ordine ma mi raccomando... Presidente Prego consigliere Viganò. Abbiamo recuperato il silenzio, proseguiamo. Consigliere Mariateresa Viganò Grazie presidente. Un incarico che le era stato conferito a seguito di indicazione del suo nome da parte del tanto vituperato padre e padrone del partito Attilio Gavazzi. Vi erano seduti anche altri consiglieri attualmente seduti in consiglio comunale, compreso il capogruppo che aveva come riferimento di giunta due assessori di An che sono ancora seduti in giunta, al di là della comunicazione per la giunta firmata dal sindaco che lui stesso oggi ha giustamente ricordato, mi ricordo di due riunioni preliminari di maggioranza, assessori e capigruppo, che si sono tenute di sera in sala giunta nel palazzo Landriani per incontrare gli estensori del piano, sia l'ingegner Castelli che l'avvocato Bosco e l'architetto De Woolf. Erano seduti, me lo ricordo, alla destra del sindaco dove di solito si sedeva l'assessore Novara e Potenza, non c'era capogruppo della Lega perchè giustamente rappresentata dal sindaco e i professionisti in quelle sere spiegavano sinteticamente come si sarebbero orientati, partendo dalla fotografia dell'esistente e recependo le indicazioni che sarebbero venute dall'amministrazione. Mi sembra anche logico perchè senza indicazioni su che cosa si sarebbe discusso? Sul niente? Le indicazioni dei partiti di maggioranza, dei sindacati e della associazioni di categoria, Api, artigianati, commercianti e industriali, e le istanze presentate dai cittadini, trasmesse tutte all'estensore hanno portato ad una bozza che è stata protocollata su protocollo riservato. Una bozza in cui l'avvocato Brambilla ovviamente non centra perché è falso affermare che è stato scelto come consulente del Pgt, perché il consulente come ha ricordato il sindaco, come consulente legale era Bosco per il Pgt, si è parlato e si è accennato ad una trasformazione urbanistica prevista per il terreno di via Sant'Anna, si fa riferimento a una sola delle oltre 260 mi pare istanze presentate dai cittadini come previsto per legge. Perchè devono destare sospetto solo le istanze di qualcuno e non quelle di tutti? Tutte le istanze chiedevano la trasformazione di aree agricoli o verdi in edificabile, tranne quella di un cittadino un pò eccentrico che chiedeva il contrario per coltivarci l'insalata, salvo poi essere prontamente corretto e smentito dai parenti. Perchè non chiediamo a tutti presentatori di istanze di farci sapere cosa c'è dietro la loro richiesta?

27

Fra l'altro ricordo come assessore della scorsa legislatura che il dirigente dei servizi sociali chiese la possibilità di valorizzare un terreno situato all'interno del parco, di proprietà di un'assistita dei servizi sociali ricoverata e con costi a carico del comune. Questa richiesta nasconde qualche oscuro interesse? Cosa c'è dietro? E mi ricordo che anche al dirigente Gavazzi rispose che come tutti gli altri cittadini avrebbero dovuto presentare istanza. Sul fatto poi che qualcuno avesse letto la bozza prima che venisse protocollata basta girare la domanda al professionista, dopo che il sindaco ha già giustamente risposto questa sera, chi può avere paura della verità? Poi domandare ancora e chi del centrodestra ha consegnato documento o linee guida dopo che il sindaco ha abbondantemente e ripetutamente risposto in sede istituzionale e non da ultimo l'11 luglio scorso proprio in questo consiglio certamente aiuta a ribadire il concetto, però la finalità della domanda al fine di influenzare le scelte contenute nella bozza mi incuriosisce un pò, con un'amministrazione di centrodestra chi doveva consegnare gli indirizzi all'estensore? Cioè scusate chiedo all'attuale Pd, chi aveva trasmesso gli indirizzi a Gueri, Fussi, Balducci per influenzare la bozza del Prg di centrosinistra? L'avrà ben fatto qualcuno del centrosinistra, i partiti che allora costituivano praticamente Per Seregno Democratica, cioè mi sembra nella logica. E non è neppure vero come ha sempre affermato chi è intervenuto la scorsa settimana leggendo quel documento che all'indomani delle elezioni del 2010 il Pdl abbia indicato al sindaco una persona differente cui affidare la delega all'urbanistica, a causa dell'esclusione di qualsiasi coinvolgimento di mera informazione da parte dell'allora assessore Gavazzi, esiste infatti un documento in nostro possesso, penso che se lo ricordi anche il sindaco e non c'è l'assessore Liviero perchè l'ha sottoscritto anche lui, sottoscritto all'atto della formazione della coalizione Pdl Lega, prima delle elezioni e prima ancora che quella signora fosse messa in lista dal padre e padrone Gavazzi. Era un documento sottoscritto dal sindaco, da Liviero come segretario della Lega, firmato anche da Gavazzi come vice coordinatore provinciale, dove aveva condotto le trattative per gestire la coalizione e dagli allora coordinatori cittadini del Pdl Gabriele Villa e Valerio Ciafrone, in cui tra le altre cose si affermava che l'assessore all'urbanistica, all'edilizia privata e ai lavori pubblici sarebbe stato deciso di comune accordo. Vi faccio una semplice considerazione finale, forse confrontando la bozza di Pgt protocollato in quell'agosto 2009, una copia depositata in ufficio del segretario, con gli indirizzi trasmessi all'estensore dei cinque partiti della coalizione di allora, Udc, An, Forza Italia, Amare Seregno e Lega Nord, penso che sia facile scoprire la paternità di chi ha chiesto di cementificare la città, un esempio per tutti che mi viene in mente, via Foinera non era certo negli indirizzi trasmessi da Forza Italia, come dimostrato e mostrato da noi in diverse conferenze stampa e che ribadiamo per chi magari ha perso la memoria, perchè gli indirizzi di Forza Italia erano semplicissimi, ripetuti più volte al pre consiglio però ovviamente se qualcuno arriva tardi, va via presto, va fuori a fumare e non gliene frega mica niente, sai poi è anche facile dire non c'ero, non ho sentito, non ci diceva, non faceva... la gronda sud, la gronda nord, gronda per dire una tangenzialina sud, una tangenzialina nord, per snellire il traffico che passa su via Wagner e su via Stefano, le ri

28

perimetrazioni, no alle moschee e no ai centri commerciali, questi erano gli indirizzi di Forza Italia, il resto gli altri partiti hanno ammesso loro stessi che li hanno trasmessi al sindaco. Quindi che Gavazzi affermava sulla stampa che io non so niente, io non conosco gli indirizzi degli altri partiti perchè li hanno trasmessi direttamente al sindaco che li ha trasmessi evidentemente all'estensore. Quindi ancora una volta siamo qui a dimostrare non a parole o insinuazioni, ma con dovizia di documentazione e riferimenti precisi che forse bisogna davvero cercare chi fa odio con astio, chi fa politica con odio, con astio, con i sotterfugi, con le vendette, come mi pare ha dichiarato l'assessore Mazza alla stampa, appunto forse bisogna domandarselo davvero, l'ha dichiarato anche in consiglio comunale e ripeto appunto la frase che ha detto, che chi fa politica con odio, astio, sotterfugi e vendette? Beh forse c'è poco da chiederselo perchè noi abbiamo i documenti che dimostrano come sono andate le vicende, poi è ovvio che chi è abituato a mentire e continua a mentire, va beh prima o poi a se stesso mente, agli altri mente, eh la Miseria non deve neanche essere tanto bello vivere con l'incubo che qualcuno prima o poi ti smascheri e ti faccia capire... esatto. Infatti chiedetevelo, esatto. Presidente Per favore consiglieri, avviamoci alla conclusione, grazie, consigliere Viganò. Consigliere Mariateresa Viganò Io un documento indirizzato agli assessori di allora ce l'ho, quaranta giorni dopo che era stata protocollata la bozza del Pgt, ma sì, si dice semplicemente che dobbiamo decidere in giunta, a seguito della prima bozza del Pgt depositata, come procedere. Presidente Scusate evitiamo discussioni in consiglio comunale fuori dal microfono quindi lasciamo terminare il consigliere Viganò, poi abbiamo un fatto personale del consigliere Cajani e visto che siamo a termine di intervento, concluda pure, prego concluda consigliere Viganò. Consigliere Mariateresa Viganò Quindi va beh chiediamo scusa ha chi ha sentito ancora una volta per nostra voce tutto quello che già Gavazzi ha più volte ripetuto sempre qua dentro e pubblicamente e nelle varie conferenze stampa , perchè a qualcuno poi fa comodo non ricordare, perchè a volte si fa finta anche di non ricordare o si ripetono le menzogne per far si che alla fine si insinui il sospetto su un iter che come ha detto il sindaco, era all'inizio di un percorso che avrebbe dovuto fare, se una bozza viene protocollata su qualcosa si dovrà discutere, si sarebbe dovuto iniziare l'iter della commissione, della discussione, dei pre consigli e tutto quello che si vuole e come ha detto giustamente il sindaco non è che passa in consiglio comunale un documento così, si vota su la mano, giù la mano, doveva passare almeno più e più volte, come sapete benissimo, quelli che lo sanno e chi non lo sa si può documentare quindi solo i pusillanimi...

29

Presidente Grazie. Consigliere Mariateresa Viganò ...negano questa verità per nascondere forse un'impreparazione o un'incapacità politico amministrativa e ancora una volta ovviamente proponiamo di votare con urgenza le mozioni che abbiamo presentato sul Pgt così vedremo proprio chi vuole mischiare le carte. Presidente Grazie consigliere Viganò, allora io ho iscritto Mainardi e Cajani, Cajani per fatto personale, prego, descriva il fatto personale. Consigliere Cajani Io non ho detto che è stata comunicato il deposito perchè sono andato a vederlo, qualcuno ha detto guarda che è stato depositato, meno male, sono andato a vederlo, non si tocca però mi raccomando rimane lì, io poi spaventato dalla mia ignoranza che era protocollo segreto, stupidamente non ne ho neanche parlato in campagna elettorale, stupidamente, è colpa mia, protocollo segreto, non se ne parla, silenzio buongiorno e buonasera. Sono andato a vederlo di nascosto a momenti come fossero i carbonari a vedere il piano perchè è segreto, quindi ignoranza mia. Io dico, cara consigliera, non è che a un certo punto ci siano delle cose che a monte sono abbastanza… e mi avrebbe fatto piacere che chi ha letto l'accordo fra le tre, tra la Lega, Forza Italia e la Pdl sulla storia dell'assessore all'urbanistica, perchè quando ho chiesto al sindaco posso dire la mia su questo accordo qua? No per il partito di maggioranza mi ha risposto entra tranquillamente, ma non hai nessun diritto di mettere patti e condizioni e noi siamo stati fuori. Perchè il discorso più importante era ben questo, che noi volevamo entrare dentro nella discussione di chi doveva essere l'assessore all'urbanistica no? Invece il discorso allora era quello di dire l'assessore all'urbanistica lo deciderà il sindaco assieme ai due partiti e noi abbiamo detto ma noi chi siamo? [...] partito e vogliamo discutere anche noi se veniamo dentro, no invece no, perchè purtroppo io poi ho il mio sistema, poi ci siamo visti parecchie volte in giunta no? Attilio è un carissimo amico perchè poi ci siamo scambiati tante parole, veniamo fuori dallo stesso giro politico ma più che altro dall'oratorio e dal clan della maglietta che era un vecchio clan. Il fatto di discussione in giunta sul modo di gestire l'urbanistica era un suo modo di dire è così e rimane così, il Pgt, è inutile che giriamo attorno, è stato depositato non una bozza ma un progetto senza avere un confronto politico tra le forze di maggioranza! E non perchè ho detto al sindaco più di una volta che ne sia garante, abbiamo fatto una riunione qui con tutta la maggioranza per discutere di ste robe ma quando si trattò di approvare il Pgt, il piano integrato di intervento del Parà e del signor come si chiama, quello davanti lì ai frati, Camisasca, e più di una volta abbiamo detto prima di portare avanti questi due pieni qui c'è stata una grossa discussione, vogliamo parlare del Pgt! Presidente

30

Consigliere Cajani il fatto personale è stato certo [...] e affrontato. Consigliere Cajani E' un fatto personale perchè a un certo punto viene fuori il discorso come se io fossi stato presidente della gestione politica e urbanistica della vecchia amministrazione. Presidente Capisco che lei voglia precisare il suo ruolo però mi sembra che sia stato ampiamente espresso, direi che è emerso in maniera chiara, grazie. Allora l'ultimo consigliere è il consigliere Mainardi, prego. Intervento non presentato Tre delegati, allora non sono l'ultimo. Presidente Vuole aspettare l'intervento di Mainardi, poi facciamo in coda? Consigliere Viganò vuole intervenire per fatto personale, prego consigliere Viganò, prego. Consigliere Mariateresa Viganò Presidente era per rispondere al fatto personale del consigliere Cajani, io non credo di aver accusato nessuno al punto da far inviperire il consiglieri Cajani, io ho detto che la lettera che era indirizzata a tutti gli assessori era quaranta giorni che era stata protocollato d'estate, forse qualcuno di dimentica che magari non tutti vanno in vacanza nello stesso periodo ed è tutto lì, quindi il discorso del poi ritenere che una bozza sia un progetto quello è un problema suo evidentemente e se ha parlato col sindaco e il sindaco le ha dato certe risposte appunto sono problemi suoi, poi dopo tutto il discorso è capire il significato delle parole che si usano, quindi visto che oltretutto ha da dire di un discorso di gestione urbanistica, ma si sta parlando del Pgt e diritto del Pgt, come partecipava sempre agli incontri, beh quando riteneva opportuno nel consiglio al pomeriggio, evidentemente ha fatto delle domande anche rispetto alla programmazione del Pgt al sindaco, ma le risposte le ha avute dal sindaco evidentemente, infatti sto dicendo come andava comunque a sentire, mi scusi mi lasci rispondere Presidente Per favore consiglieri, adesso termini il suo intervento consigliere Viganò. Consigliere Mariateresa Viganò Non ha capito perchè deve tirare dentro altre cose se stiamo parlando appunto del Pgt e lei parla di una gestione generale urbanistica, le risposte le ha avute dal sindaco, ri confronti con il sindaco. Presidente Perfetto proseguiamo con la discussione, avevamo in sospeso l'intervento del consigliere Mainardi e poi a conclusione l'intervento del sindaco. Consigliere William Viganò prego. Consigliere William Viganò

31

Mozione d'ordine signor presidente, purtroppo lei non ha specificato ma sono già partiti i secondi interventi quindi non avendo specificato dal primo al secondo intervento. Presidente Qui abbiamo una situazione anomala, lei si riferisce a Silva? Consigliere William Viganò Silva ha già fatto il suo secondo intervento. Presidente Qui abbiamo una situazione anomala nel senso che il punto è stato iscritto da Silva che però non è relatore, perchè di fatto è una convocazione di consiglio che abbiamo voluto trattare come ordine del giorno però non c'è un proponente relatore a cui poi seguono gli interventi dei consiglieri e un'ulteriore replica del relatore e ancora gli interventi dei consiglieri. Qui avevamo un necessario intervento che era l'intervento principale che era quello del sindaco per cui ha introdotto l'argomento il consigliere Silva, io ho considerato come principale l'intervento del sindaco dando a voi la possibilità di fare un primo intervento, interverrà poi il sindaco e a seguito ancora i consiglieri, questo darebbe più spazio ai consiglieri. Quindi la mia ottica è stata quella di dare più spazio ai consiglieri anche in una trasparenza accordata dal sindaco, in caso contrario appunto il sindaco potrebbe adesso non intervenire e resterebbero senza risposta alcune domande, se concordate che questo possa dare più trasparenza alla discussione lasciamo fare l'intervento a Mainardi, interverrà il sindaco e poi eventualmente un ulteriore giro di interventi. Consigliere William Viganò No, il consigliere Mainardi, non è una questione personale, assolutamente, libera, però francamente se si capiscono prima le regole forse se si stabilisce che c’è una deroga alla trattazione del punto forse si capisce meglio anche il livello della discussione perché ad esempio io potrei intervenire per replicare a qualcosa che ha detto il consigliere Viganò, e che dirà il consigliere Mainardi, non lo posso più fare, e qui non si capisce più qual è l’ordine degli interventi, per cui signor presidente la richiamo al rispetto del regolamento e a stabilire, perché sennò le deroghe poi dopo valgono sempre, per cui signor presidente, c’è un regolamento lui quando il punto è stato descritto da parte nostra, lui è il proponente perché è stato demandato e chiedo che il segretario generale mi confuti su quanto sto dicendo, e però se definiamo, finiti i primi interventi secondo un po’ al consigliere così anche loro giustamente e il dibattito assume un’altra regolamentazione, grazie. Presidente Ok, accordiamoci adesso, quindi… Consigliere William Viganò Per quanto mi riguarda, cioè… Presidente

32

Grazie per… no, ha ragione il consigliere Viganò, William Viganò, nel senso che appunto è stata una decisione mia in un’ottica di trasparenza di consiglio comunale essendoci da un lato la figura del relatore, dall’altro centrale l’intervento del sindaco, essendo una richiesta di convocazione di consiglio comunale formulata con delle domande. Quindi, se non avete nulla in contrario, allora facciamo, stiamo sviluppando la prima serie di interventi, se non avete nulla in contrario. Consigliere William Viganò Va bene, per quanto ci riguarda va bene, ok, procediamo come meglio crede. Presidente Ok, quindi interverrà il consigliere Mainardi e chi altri vorrà intervenire alla prima serie di interventi, il signor sindaco si è prenotato per fare un ulteriore suo intervento, procediamo allora, prego consigliere Mainardi. Consigliere Mainardi Grazie signor presidente, innanzitutto ringrazio il signor sindaco per le sue risposte sempre puntuali che però mi sembra che sono ripetute ormai da parecchio tempo, spero che sia l’ultima volta perché io punterei più sul nuovo documento e visto che abbiamo iniziato dichiarando di essere disponibili ca ondividere il documento con tutti e a fare i passaggi sia nelle commissioni, tutte le volte che sia necessario eccetera, però voglio fare alcune precisazioni e portare una testimonianza, perché, Tagliabue prima diceva o mentono… si ricorda quando ha detto o i consiglieri mentono? E anche la dottoressa Viganò dice mentono, però qui parlano tutti in giunta di qui e di là, però io porto la testimonianza dei consiglieri di Forza Italia, i quali non hanno mai visto niente, in sezione dottoressa, mi dica lei cosa è passato, non è mai arrivata una volta una discussione. Io faccio l’architetto, potevo dare un contributo, potevo se me l’avessero chiesto, se me l’avessero chiesto, e chi doveva chiedermelo? Scusi eh, Servidio, lei ha forse visto il Pgt, la bozza di Pgt in sezione Forza Italia? Voi mentite c…o, scusa, e porca Eva. Presidente. No, consigliere Mainardi allora abbiamo detto che non si può… Consigliere Mainardi Va bene, scusi. Presidente No, ma io la richiamo, ma ripeto. Consigliere Mainardi Si, scusi. Presidente Non si possono fare, rettifica la sua dichiarazione di imputazione di fatti di menzogna agli altri consiglieri.

33

Consigliere Mainardi No. Presidente Rettifica, perfetto. Consigliere Mainardi Chiedo scusa per la parola però m’è scappata, questa è la verità, nessuno dei consiglieri ha visto niente, e i consiglieri si ricordi, sono quelli che sorreggono gli assessori e il sindaco, se lo ricordi, perché se lei pensa come l’ingegner Borgonovo in maniera fantascientifica che poteva, no, perché nel passaggio forse c’è stata una primavera politica del nostro gruppo che non ha accettato un certo modo di fare politica e di fare le scelte, perché i consiglieri, devono decidere, sia di maggioranza che di minoranza, tutto il consiglio, tutti i consiglieri devono partecipare, a uno strumento che è importante per la città e per i cittadini, poi se devo fare un appunto al segretario del partito democratico, Silva era al partito democratico? Mi deve scusare Silva adesso, o se vuoi ti do anche del tu, lei era segretario? Quando lei mi dice e scrive queste cose qua, quei partiti consiglieri esponenti politici del centrodestra hanno presentato documenti linee guida al fine di influenzare le scelte nella bozza… Ma scusi nella bozza cosa c’è stato cambiato? Niente, non c’è una variazione, non c’è una variazione di un terreno, mi scusi lei che è segretario politico, mi deve spiegare le 30 o 40 variazioni di destinazione d’uso, mi scusi, se vuole gliele faccio vedere, ma io le ho mai contestato queste cose qua? Cosa stiamo parlando di che cosa? Cosa stiamo dicendo? Stiamo parlando di fumo qua, il fumo negli occhi dei cittadini, scusate ma reagisco cosi. Presidente Grazie, consigliere Viganò, per fatto personale prego. Consigliere Mariateresa Viganò Si grazie presidente, per fatto personale perché non riesco a capire se ci si rende conto a volte di ciò che si dice al di là delle parolacce, perché io che faccio l’architetto, potevo dare un parere, ma si rende conto di uno cosa dice? I professionisti escono quando sanno degli interessi o proprio o per parentela e uno viene a dire che… Presidente Lasciamo terminare gli interventi quando un consigliere è iscritto per parlare, parla al microfono e non si urla a nessuno, non utilizziamo termini impropri in quest’aula e ascoltiamo, è l’1:35, è in corso una discussione estremamente trasparente e di chiarezza necessaria per i lavori di quest’aula, cerchiamo di portarla a termine nel migliore dei modi, se possibile evitiamo i botta e risposta con i fatti personali, quindi chiedo anche di soprassedere ove possibile alle discussioni, quindi lasciamo terminare il consigliere Viganò per il suo fatto personale, prego. Consigliere Mariateresa Viganò

34

Vede presidente, affermare che uno come professionista possa dare lui le indicazioni che è esponente politico in un partito su un Pgt mi sembra abbastanza pesante come affermazione, ma ognuno ovviamente è responsabile delle affermazioni che fa. E dire che poi appunto nessuno ha visto la bozza, l’ho già detto prima che la bozza è stata depositata su un protocollo riservato e che quindi si poteva andare a vederla nell’ufficio del segretario, perché era stato comunicato agli assessori e anche loro avevano degli assessori di riferimento, sia di AN che di Forza Italia. I due capigruppo sono venuti alla serata di incontro con i professionisti, se poi non hanno riferito, effettivamente forse non è mica colpa mia, Presidente Mainardi, iscritto immagino per risposta al fatto personale, prego. Consigliere Mainardi Grazie, ma vede dottoressa, io non lo so, lei sta facendo una cosa privata di un professionista che sta lavorando per la città, scusi, non un professionista che dice cosa deve sistemare forse come intende lei o se ha questa mentalità, no, perché lei ha questa mentalità allora, lei scusi quale medicina ha messo nel Pgt? Visto che era in giunta, quale medicina? Che ingredienti, e non lo so io perché, mi scusi. Presidente Va bene terminata anche questa per ragioni di fatti personali, un ultimo fatto personale da parte del consigliere Silva, prego. Consigliere Silva Grazie presidente, a parte che non sono il segretario politico del partito democratico, lo sono stato e adesso faccio il consigliere comunale. Comunque a partire proprio da questo che lei mi dice che sono stato segretario politico di un partito, io ho imparato una cosa a fare il segretario politico, di prendersi delle responsabilità, quando il sindaco dice che io ho fatto gli esposti, io sto zitto e dico è vero, ho fatto gli esposti, io non ho fatto nessun esposto, io come rappresentante del partito democratico mi sono preso la responsabilità che il mio partito ha deciso di fare questi esposti e li ho firmati. Il consigliere comunale si prende la responsabilità di essere parte di un partito e sono fattacci suoi se non l’ha visto il Pgt o la bozza o quello che è perché il suo assessore di riferimento gliel’ha tenuta nascosta o perché non ha capito che c’era, è un problema vostro, il Pdl come la Lega come Forza Italia, come An, come l’Udc, come Amare Seregno e come… basta. Hanno avuto modo stando a quello che voi dicete, dite, dite perché dicete è sbagliato, di poter interagire con questo documento, c’è chi l’ha fatto e ha preso le distanze, c’è chi non l’ha fatto per problemi suoi e quelli sono fatti vostri personali del vostro partito, della vostra nave usando l’analogia che ho fatto prima. E poi non ho capito perché adesso, sono d’accordo con voi che è stata usata una parola infelice nella domanda 7, la parola influenzare, perché ha un’accezione negativa, sono d’accordo con voi, a leggere questa cosa tre volte anziché due probabilmente andava messa al fine di indirizzare, indicare o

35

quello che volete, sono d’accordo con voi, però io non vedo niente di strano a chiedere chi e quale persona ha fatto queste indicazioni proprio perché voi state dicendo che quella bozza non rispecchiava la vostra idea di città. Quindi la domanda è, ma se questa, e non ha ancora ricevuto risposta, ma se questa bozza non rispecchia la vostra idea, è una provocazione, poi non me ne frega niente che Mainardi, che Chiara Novara, piuttosto che pinco pallino o il Pdl o la Lega abbia fatto che cosa, che cosa ha scritto, cosa non… non me ne frega niente, e non gliene frega a nessuno perché penso che abbiate concretizzato delle vostre idee di città, la domanda vera è una provocazione, questa qua è, ma se avete dato tutte le indicazioni al sindaco o a Gavazzi perché il Pgt non riportava neanche una di queste indicazioni, faceva schifo e l’avete disconosciuto alla prima occasione? Allora mettiamola cosi. Poi ripeto nel mio intervento di prima mi pare di aver abbassato i toni, se qualcuno aveva frainteso, qui non si sta accusando nessuno, si sta chiedendo all’amministrazione di confermare che l’operato è stato fatto tutto in buona fede con l’obbiettivo di lavorare per il bene comune della città e che se è successo qualcosa di spiacevole con delle persone che hanno lavorato con noi o nelle amministrazioni vicine, o che ci sono state vicine per un periodo, è successo perché uno non si sceglie i vicini di casa e non si sceglie i colleghi e non si sceglie, o meglio, qualcosa se lo sceglie, però non è che uno va a scegliere sapendo tutto quello che fa quell’altro. Io voglio queste conferme, poi farò le mie considerazioni, farò i miei pensieri e potrò chiedere, potrò non credere, potrò continuare a dubitare, però l’obiettivo di questa serata era questo qua, in parte secondo me, il sindaco ha dato delle risposte, in altre parti, ripeto e concludo il fatto personale, è rimasto un po’ di fumo, sono rimaste un po’ di contraddizioni che fanno capire quello che dicevo prima, cioè che l’amministrazione precedente non era ben governata e c’era qualcuno che remava da una parte e qualcuno che remava da un’altra parte e non c’era un equilibrio, una condivisione e questo fa preoccupare per come sta andando avanti l’amministrazione di questa città. Presidente Alla luce degli interventi emersi non ho altri consiglieri iscritti, consigliere Mainardi, per cosa? Fatto personale e replica, prego consigliere Mainardi brevemente. Consigliere Mainardi Ma vede, la mia opinione invece è che siamo… è emersa la democrazia, perché noi non accettiamo di alzare la mano in un documento non condiviso, per noi è democrazia, probabilmente se come ha detto il sindaco, il piano regolatore che avete approvato voi è per alzata di mano io ritengo che sia più giusto condividerlo con gli altri… Presidente Grazie consigliere. Consigliere Mainardi Visto che gli interessi siano di tutti i cittadini. Presidente

36

Grazie, quindi alla luce degli interventi emersi e gli ulteriori chiarimenti richiesti interviene ancora il sindaco, prego. Sindaco Si, io resterò in generale a parte su Marco Cajani che voglio puntualizzare due cose, e non voglio scatenare vista l’ora tarda ulteriori interventi, tanto immagino abbiamo già discusso 8 volte, io sono disposto e disponibile se la volontà è quella di fugare ogni dubbio nei confronti della città e non quella persecutoria di giustiziarmi in questo consiglio comunale, non c’è nessun problema, sono il sindaco, è giusto, il sindaco è il responsabile delle azioni di tutti, ovviamente sto parlando politicamente, se qualcosa, ho preso prima la responsabilità della comunicazione scritta sul sito da parte del mio ufficio stampa, è ovvio che il responsabile ne sono io, come immagine, come la scelta politica dei miei assessori ricade della mia responsabilità capacità o incapacità di governare, quello è innegabile. Condivido appieno quanto ha detto dall’assessore, ex assessore Cajani che è mancata come maggioranza un confronto, questo è innegabile, perché si capisce dagli interventi, perché solo uno poco sano di mente potrebbe dire, sto parlando del sindaco, come sindaco potrebbe dire che questo non è avvenuto, è uno dei motivi per cui il Pgt, la bozza del Pgt, il progetto del PGT, quell’altro che è stato protocollato è stato fermato dal sottoscritto e non è stato portato avanti. Questo è innegabile, per cui si può fare il processo a tutte le intenzioni ma la bozza è rimasta bozza, il progetto è rimasto progetto grazie all’intervento di Borgonovo, grazie all’intervento della Lega, grazie all’intervento di tutti, ognuno ci ha messo il suo, e io ritengo sempre fino a prova contraria in buona fede, tutti abbiamo l’idea di intervenire sul territorio per il bene della città, ognuno con le proprie indicazioni politiche, questo è innegabile, però se continua a dire le indicazioni che vengono date quasi dovessi venire qua a giustificare il consigliere, l’assessore o qualcuno che mi abbia detto sistema quel terreno. Le indicazioni politiche sono sempre e comunque generali. Io vi ricordo perché altrimenti qui vanifichiamo tutto quello che è l’indicazione progettista, delibera di consiglio comunale del 22 febbraio 2011, numero 11, piano di governo del territorio, votato da tutti, credo con la sola astensione di Cajani se non mi ricordo male, ah, Borgonovo, Marco Cajani ha votato contro, il consigliere Borgonovo si è astenuto, tutti noi abbiamo condiviso queste linee e le abbiamo date all’estensore. Io ve le rileggo per fugare, no, per fugare ogni dubbio sulle indicazioni che noi politici possiamo aver dato, non è che li si dice, il terreno di via Sant’Anna fa veni bon, non è quella l’indicazione che viene data, se qualcuno l’ha data ne pagherà le conseguenze visto che ci sono indagini della magistratura molto più grandi, punto. Ma le indicazioni politiche che abbiamo votato qui dopo 2 anni di discussioni, dopo 2 anni di discussioni, ve le rileggo, perché altrimenti ci si confonde nuovamente sulle indicazioni politiche che hanno dato i partiti e ripeto in generale. Salvaguardare le aree verdi, ridurre l’indice di edificabilità, rivisitare integralmente gli ambiti di trasformazione, destinare ad uso polifunzionale le aree dismesse da almeno 5 anni, ma non siamo stati nel merito di quanti

37

metri quadri e cosa, abbiamo dato delle indicazioni generali, il consiglio comunale ha invitato l’amministrazione comunale a modificare la bozza di Pgt, osservando i seguenti punti, rivedere tutte le aree di espansione residenziale previste dalla bozza di Pgt, rivedere, abbiamo dato delle indicazioni, il progettista ci presento qualcosa che le ha riviste, secondo le indicazioni che abbiamo dato e secondo la sua sensibilità tecnica, cancellare nuova gronda, cancellare la nuova gronda modificare la nuova area urbana FV4 BiscardiPirelli con nuova riprogettazione, vuol dire tutto e niente, è quello che Amare Seregno, An e l’Udc a suo tempo aveva detto il comparto di Sant’Ambrogio rivediamolo, è stato presentato un progetto d’identificazione enorme, la Lega giustamente si è opposta, il Pdl dice ma non è quello che ho detto io, ho detto identificare le cose, non abbiamo indicato quanti metri cubi, ma questo viva Dio la sensibilità del professionista, lo era allora e lo è adesso. Riprogettare l’organizzazione della nuova area servizi impresa, riprogettare, cosa si riprogetterà? Riprogettare nuova localizzazione area decentramento servizi comunali, riprogettare l’ubicazione delle nuove aree industriali, in generale, non abbiamo detto li, vai a vedere quelle che abbiamo messo il fronte viale Zara e vedi cosa fare, tutelare le aree esistenti produttive, tutelare lo sviluppo di espansione, inserire i vincoli incentivi energetici per prevedere nel nuovo regolamento edilizio l’ampliamento del PLIS. Abbiamo fatto delle commissioni in più che prima stupidamente vi dico non mi sono imposto per farle fare, perché probabilmente e mi assumo la responsabilità politica di non essere riuscito a convincere le forze politiche che mi hanno sostenuto per arrivare alla definizione, ma gli indirizzi che vengono dati sono questi, perché quelli che avevamo dato, non lo so, visto che non sono della Lega, così almeno leggo dagli amici della Lega che li hanno dati a me la sera passavo dalla Lega “to prendi” e cosi me l’han data. In data 14 novembre 2008, no non sono passato con il passamontagna verde, tutela e salvaguardia del patrimonio ecologico ambientale che non si prevedano aree di sosta di transito per nomadi, che non si prevedano aree destinate a centri sociali, miglioramento del documento, eliminazione dello sportello multietnico, che non siano previste strutture di grande distribuzione, aumento del numero delle farmacie, tutela della salvaguardia del parco Almeredo, non si prevedano aree destinate a luoghi di culto, incremento e potenziamento del corpo della polizia locale. Le indicazioni generali date dalla lega e altre puntuali date dall’assessore Formenti, ce ne sono alcune date da Amare Seregno, quelle del Pdl non le ho date io. Poi, ci si trova l’edificazione importante su un progetto di cui me ne assumo le responsabilità, c’erano 70.000 abitanti, previsti 65.000, ne abbiamo proposti 50 60, ora abbiam fatto un progetto che non ha prodotto a parte le discussioni in atto, nessun problema, nessuna identificazione, nessun centimetro quadro in più sul territorio di Seregno, quindi parlano i fatti, poi qui stiamo continuando a fare il processo alle intenzioni, e questo parlo in generale, non entro nel merito di ogni singola dichiarazione perché poi è giusto che ogni consigliere comunale voglia fugare ogni dubbio per rispondere ai propri elettori. Io dico solo a Marco di ricordarsi, adesso, abbiamo discusso per tante questioni, però le date non tornano, non è che poi sei uscito perché volevi indicare l’assessore alla partita, perché sennò passa un messaggio diverso, no

38

ma io parlo solo, ho imparato una cosa dal Gigi Perego, il tempo è galantuomo, l’accordo che fa la consigliera Viganò è datato 24 febbraio 2010, firmato, non è protocollato perché è un accordo interno ai partiti, siccome le elezioni si sono tenute il 28 di marzo, e bisogna protocollare le liste un mese prima, e prima di protocollare le liste con il nome del candidato, bisogna raccogliere 3 firme, ora io immagino, noi come Lega raccogliamo le firme ma il sabato e la domenica facciamo il banchetto e via dicendo e ci abbiamo messo un bel 15 giorni per raccogliere le firme che poi le abbiamo raccolte molte più delle 200 previste, ma se io ho fatto questa cosa il 24 di febbraio e te l’ho detto il 24 di febbraio, che poi siate stati in 3 giorni cosi bravi di raccogliere 200 firme con già indicato sopra sul modulo il nome del candidato e via dicendo, vi faccio i complimenti, perché siete una lista civica, e si fa fatica visto che c’erano 7 o 8 partiti politici e ci si conosce tutti che andavano in giro a raccogliere le firme. Quindi, che poi uno dei motivi per cui non abbia voluto partecipare alla coalizione, devo dire che hai fatto bene, perché la coalizione che attualmente mi sostiene ha preso 3 punti in più percentuali dell’altra volta con 2 partiti in meno, quindi questo è il dato politico. Poi che ci siano state delle divergenze e non si sia potuti stare insieme perché io avevo comunque sostenuto la volontà di far entrare anche la lista civica, poi ci siamo lasciati nel rispetto dell’amicizia, ma politicamente divise, questo lo devo dire per dovere di cronaca, perché sennò sembra che l’unica discussione che abbiamo avuto è che ognuno voleva mettere il suo, no, noi abbiamo fatto, sottoscritto un documento che datato 24 febbraio 2010 e sostenuto dal gruppo della Lega Nord e il segretario, dal gruppo del Pdl e il proprio segretario, e dal sindaco che l’unica condizione, non sugli altri assessori, l’unica condizione era che l’assessore all’urbanistica, all’edilizia privata, ai lavori pubblici, alla pianificazione territoriale Pgt sarebbe stato scelto all’unanimità dal sindaco, dal segretario della Lega e dal segretario di Forza Italia, visto che si parla di documenti che sono interni politici e che ovviamente non posso nascondere, e non voglio neanche nascondere perché questa è stata la realtà dei fatti, e questo ha portato a nominare un assessore diverso all’urbanistica a splittare l’urbanistica non più l’urbanistica e i lavori pubblici non più in un unico assessore ma in due assessorati divisi, quindi io credo di aver risposto un po’ a tutte le domande. Mi auguro invece che al di là della questione politica sulla quale sono disposto ovviamente e devo rispondere ai consiglieri comunali e ai cittadini qualsiasi domanda mi venga proposta anche se reiterata nel tempo e mi verrà rifatta, per quanto riguarda invece la serenità del operato della magistratura, mi auguro che nel più breve tempo possibile, anche se ripeto per Seregno la questione è molto più limitata, ma visto che comunque i rappresentanti politici sono superiori al consiglio comunale al sindaco, e coinvolgono un partito importante, venga fatta chiarezza il più presto possibile, questo perché si possa togliere quella paura che giustamente ha sottolineato il consigliere Cajani che dietro a qualsiasi trasformazione o un intervento ci siano degli interessi personali che invece non ci sono. Presidente Grazie signor sindaco, se i consiglieri intendono proseguire, prendere altro spazio all’approfondimento di questo argomento, salvo un fatto personale di

39

Cajani, diamo spazio a un secondo giro di interventi, sennò non ho iscritti, allora consigliere Cajani per un fatto personale. Consigliere Cajani A memoria no? Dei dati ci sono, però è anche sottoscritto quel documento li è stato sottoscritto, quando abbiamo parlato di accordo, noi potevamo entrare in maggioranza senza mettere nessuna condizione, non soltanto per l’assessore, ma per altre cose, giusto? Però non è soltanto che noi volevamo quel discorso li, anche per altre cose, a maggior chiarezza, giusto perché sembrava che volevamo pigliare il posto all’assessore Gavazzi e cosi via. Per altre cose, ma la cosa non facciamo il giorno, l’approvazione del Pgt anche il giorno della paura, grazie. Presidente Grazie consiglieri. Allora, sono l’1.55, dichiaro chiusa se non ci sono altri interventi, dichiaro chiusa la seduta e ci vedremo lunedì per la capigruppo e concorderemo la prossima seduta del consiglio comunale, buona notte a tutti

N.B.: La trascrizione degli interventi sopra riportati è stata curata dalla ditta incaricata con determinazione del dirigente n. 753 del 23.12.2011.-

40