You are on page 1of 38

APPUNTI LIBRO Appunti di economia aziendale di E. Cavalieri CAPITOLO 1 1.1.

1 IL CIRCUITO DELLA PRODUZIONE Lattivit peculiare che caratterizza lunit di produzione o impresa e rappresentata dall attivit produttiva intesa come quel complesso di azioni coordinate che trasformano i fattori produttivi in prodotti. Ovvero: 1. Lacquisizione sui mercati di approvvigionamento dei fattori produttivi 2. Lutilizzazione dei fattori produttivi per la combinazione produttiva 3. La vendita dei prodotti sui mercati fattori produttivi = tutti i beni e servizi che si utilizzano allinterno della combinazione produttiva per lottenimento dei prodotti la perdita da parte di un fattore produttivo dellidoneit a partecipare alla attivit produttiva fa cessare ad esso la qualifica di FATTORE PRODUTTIVO lacquisizione dei fattori produttivi da parte dellimpresa la pongono a contatto con i mercati di approvvigionamento i mercati di approvvigionamento sono tutti i punti dello spazio dove operano i potenziali fornitori che offrono beni a prezzi e condizioni variabili nel tempo (fattore produttivo anche il lavoro ove i prezzi e le condizioni non sono il semplice risultato della domanda e dellofferta ma la conseguenza di un complesso ordinamento) il prodotto non altro che il risultato della combinazione produttiva, e tale OUTPUT pu essere sia un bene che un servizio i mercati di collocamento (o di sbocco) sono tutti i punti dello spazio ove operano potenziali acquirenti dei beni o dei servizi che limpresa offre

in una economia basata sugli scambi monetari lacquisizione dei fattori produttivi richiede la disponibilit di mezzi monetari; i mezzi monetari possono essere reperiti dallimpresa utilizzando le varie possibilit offerte dal mercato dei capitali: in primo luogo limpresa acquisisce mezzi monetari da se stessa ovvero il capitale di propriet conferito, ma nel corso del tempo pu andare ad attingere capitali da terze parti ponendo cos in essere operazioni di differente complessit e portata. Loperazione nella sua essenza tecnico-giuridica lunit elementare della complessa attivit operativa o gestione operativa; per questo motivo tali operazioni vanno analizzate considerando lintero sistema perch se analizzate singolarmente perderebbero di significato :ogni operazione assume significato nella misura in cui integra, tecnicamente ed economicamente, le altre operazioni che limpresa ha compiuto o si propone di compiere in tempi e spazi diversi. Varie tipologie di impresa: 1. impresa che produce per il mercato : attraverso la vendita dei prodotti nei mercati di collocamento limpresa pu recuperare i mezzi monetari investiti nei fatt. produttivi e ottenere mezzi monetari in misura superiore 2. imprese di tipo cooperativo: in tali imprese il prodotto che viene generato dallunit di produzione destinato agli stessi soggetti che hanno organizzato la produzione

3. imprese di tipo pubblico : il prodotto ottenuto e programmato per la collettivit e tali prodotti sono ceduti a tutti i cittadini a condizioni e prezzi particolarmente vantaggiosi definiti di volta in volta dal potere politico. Lacquisizione dei fattori produttivi implica che risorse monetarie disponibili siano investite in beni e servizi idonei e finalizzati ad attivare e svolgere la combinazione produttiva Le acquisizioni di fattori produttivi implicano il sacrificio dei mezzi monetari che vengono ceduti a fornitori di beni o dei servizi acquistati; tale sacrificio di mezzi monetari viene denominato costo di acquisto dei fattori produttivi Il costo di acquisto dei fattori produttivi dato infatti dalla quantit di denaro che deve essere ceduta per ottenere in regime di scambi monetari- una definita quantit di fattori produttivi: Ci = fi X pi Il costo di un qualsiasi iesimo Quantit oggetto di fattore negoziazione delliesimo fattore Moltiplicato per il prezzo di acquisto

NB: ogni operazione di acquisto di fattori produttivi pu avere una duplice visione: uscita di denaro = aspetto monetario delloperazione sacrificio di ricchezza = costo la fase della combinazione produttiva si estrinseca nel complesso di operazioni attraverso le quali i fattori produttivi vengono utilizzati in modo coordinato per realizzare i beni o servizi oggetto dellattivit produttiva dellimpresa: si tratta di operazioni INTERNE in quanto non pongono limpresa a contato con i mercati (ATTI DI GESTIONE ESTERNA) ma si esauriscono nel processo di trasformazione di beni e servizi disponibili (I FATTORI PRODUTTIVI ACQUISTATI) in beni e servizi di differente qualit economica (I PRODOTTI OTTENUTI). Il collocamento dei fattori produttivi ottenuti sui mercati di sbocco rappresenta la fase terminale del processo produttivo in quanto le risorse monetarie investite per lacquisto dei fattori produttivi vengono recuperate (DISINVESTITE) attraverso la vendita del prodotto. RICAVO DI VENDITA = quantit di denaro ottenuta vendendo in regime di scambi monetari una determinata quantit del prodotto generato dalla combinazione produttiva. Ri = qi X pi Il ricavo di un qualsiasi iesimo prodotto Quantit oggetto di negoziazione delliesimo prodotto Moltiplicato per il prezzo di vendita

NB: ogni operazione di vendita di prodotto pu avere una duplice visione: entrata di denaro = aspetto monetario delloperazione recupero della ricchezza ricchezza investita = ricavo

damento del denaro

Andamento della produzione di gestione interna Atti

caratteristiche dei fattori produttivi : materialit : hanno una consistenza fisica privi di materialit : sono costituiti da una utilit economica conservabilit, tossicit, grado di rendimento, di disponibilit, ecc.. o meno dei fattori i fattori produttivi possono essere divisi in due grandi famiglie: FATTORI A FECONDITA SEMPLICE :esauriscono la loro utilit economica partecipando ad un unico ciclo produttivo FATTORI A FECONDITA RIPETUTA :cedono la loro utilit economica a pi cicli produttivi Da tutto questo e facile dedurre che: il recupero dei mezzi monetari nellacquisizione dei fattori a fecondit semplice affidato al ricavo di vendita del prodotto ottenuto dallunico ciclo produttivo al quale il fattore a fecondit semplice ha partecipato cedendo completamente la sua utilit, mentre il recupero dei mezzi monetari investiti nellacquisizione dei fattori a fecondit ripetuta affidato al complesso di ricavi ottenuti dalla vendita di tutti i prodotti ottenuti dai cicli produttivi a cui i fattori a fecondit ripetuta hanno partecipato. IL RISCHIO Bisogno inoltre tenere conto che quando i mezzi monetari vengono investiti in fatt. produttivi: assume consistenza il rischio che tali mezzi o parte di essi non ritornino pi in forma di denaro attraverso i ricavi futuri assume consistenza il rischio che gli stessi fattori produttivi si rivelino inidonei ad un proficuo utilizzo allinterno della combinazioni produttive future alle quali non sono pi in grado di cedere utilit economiche.

I mezzi monetari investiti nei fattori produttivi a fecondit semplice non pi utilizzabili potrebbero essere parzialmente recuperati stralciando il fattore della combinazione produttiva e cercando di collocarlo al meglio su mercati nei quali limpresa si trova abitualmente ad operare come acquirente piuttosto che come venditore; tale metodo e da

intendere possibili anche per i fattori a fecondit ripetuta. implicito che il rischio assume consistente tanto maggiore quanto pi lambiente soggetto a variabilit e lungo il periodo di utilizzo di un fattore produttivo, ovvero i tempi che intercorrono dal momento dellacquisto del fattore a quello del recupero attraverso i ricavi. Le situazioni di rischio pi elevato si hanno con lacquisto di fattori produttivi a fecondit ripetuta dedicati ad ununica produzione (quindi non flessibili) e utilizzabili per un ampio arco di tempo La ricchezza a disposizione dellimpresa si modifica nel tempo in relazione al rapporto tra il flusso degli investimenti e quello dei recuperi (tra le risorse monetarie immerse nella vicenda produttiva e quelle che risorgono in forma monetaria attraverso la vendita dei prodotti , tra i costi sostenuti e i ricavi conseguiti) REDDITO POSITIVO= qualora il volume dei recuperi(ricavi) sia sistematicamente superiore a quello degli investimenti(costi) si attiva un meccanismo di creazione di nuova ricchezza , autogenerata dai processi produttivi. REDDITO NEGATIVO= qualora limpresa non riesca a recuperare integralmente, attraverso i ricavi conseguiti con la vendita dei prodotti, i mezzi investiti nei fattori produttivi, si attiva un processo di distruzione di ricchezza.

In prima approssimazione, possiamo definire reddito dimpresa lincremento o il decremento che la ricchezza disponibile allinizio di un periodo subisce per effetto dellattivit produttiva ne periodo considerato CICLI DI VITA DEI PRODOTTI: La fase di INTRODUZIONE: bassi volumi di vendita e elevati costi di lancio del prodotto La fase di SVILUPPO: forte crescita delle vendite e di una riduzione di costi per vendere il prodotto La fase della MATURITA: rallentamento del tasso di crescita delle vendite e di una riduzione sostanziale dei costi per vendere il prodotto La fase di SATURAZIONE: livello di vendita costanti e costi meno elevati per sostenere il prodotto La fase del DECLINO: riduzione dei volumi di vendita e dei costi fino ad esaurimento della vita utile del prodotto. 1.1.2 CONSIDERAZIONI SULLECONOMIA DEI FATTORI A FECONDITA RIPETUTA:IL TEMPO DI UTILIZZAZIONE Il primo problema quello di definire lampiezza temporale di utilizzo dei differenti fattori a fecondit ripetuta ; larco di tempo sembrerebbe definito da circostanze di ordine tecnico(fisico e giuridico). ES: (fisico) in una ipotesi di utilizzazione di impianti larco di tempo in questione sarebbe determinato dalla durata fisica di tali tecnologie, quindi tali impianti verrebbero sostituiti quando il loro mantenimento in vita implicasse costi di manutenzione eccessivi con risultati di scarsa affidabilit. ES: (giuridico) in caso di brevetti o altri diritti di sfruttamento di opere di ingegno larco di tempo sarebbe determinato dal tempo in cui assicurata la tutela giuridica del diritto. OBSOLESCENZA = Tutto ci ipotizzabile solo in modo molto semplificato, in periodi

caratterizzati da elevata competitivit e da intenso progresso tecnologico il tasso di innovazione particolarmente elevato e la vita utile delle strutture organizzative e operative e dei prodotti tende ad accorciarsi per ragioni di natura economica; il superamento economico viene chiamato OBOLESCENZA, e tale effetto va a colpire in modo molto rilevante i fattori a fecondit ripetuta. Da tutto ci si pu concludere che la vita effettiva dei fattori a fecondit ripetuta non coincide quasi mai con la durata fisica o giuridica. 1.1.3 Considerazioni sulleconomia dei fattori a fecondit ripetuta: il fenomeno dellobsolescenza. Lobsolescenza una condizione di natura economica che colpisce: Strutture organizzative e operative che diventano inidonee alleconomia dello svolgimento di alcuni o tutti i processi produttivi I prodotti che perdono attrattivit nel mercato e non posso pi essere collocati nel mercato a quantit e prezzi remunerativi. Lobsolescenza pu investire le strutture le strutture operative e cio gli investimenti di cui limpresa dispone e le modalit con le quali capace di operare. Se levoluzione non riesce a procedere in linea con le nuove possibilit, le modalit operative perdono gradualmente idoneit e non consentono lo sfruttamento delle opportunit che altre imprese sono in grado di cogliere. STRUTTURE OPERATIVE = fattori a fecondit ripetuta materiali ed immateriali Tali strutture possono invecchiare o essere superati economicamente per questi motivi: A) Il progresso tecnologico ha reso possibile progettare e realizzare sistemi produttivi di qualit superiore ; tali sistemi consento di ottenere nella medesima quantit di tempo un maggior numero di prodotti di migliore qualit e a costi unitari pi contenuti , quindi consentono la realizzazzione di economie negli altri fattori(lavoro, materie, energia). Tali economie sono complessivamente pi rilevanti dellincremento del costo dei fattori a fecondit ripetuta. B) Una o pi imprese concorrenti hanno messo in funzione tecnologie pi progredite e quindi sono in grado di offrire prodotti con qualit superiore allo stesso prezzo o addirittura inferiore

La concomitanza delle situazioni descritte sub (a) e (b) pu determinare la perdita di fasce pi o meno ampie di mercato a favore delle imprese concorrenti; sono queste le circostanze che inducono i manager a superare il GAP tecnologico nel quale limpresa venuta a trovarsi a causa delle iniziative poste in essere dalla concorrenza. Lobsolescenza colpisce indirettamente tutti i fattori produttivi a fecondit semplice e ripetuta che erano necessari per ottenere i prodotti obsoleti. Facendo riferimento ai fattori a fecondit ripetuta possiamo rilevare che: lobsolescenza pu colpire direttamente impianti software, brevetti, ecc rendendo tali fattori inidonei lobsolescenza pu colpire le strutture organizzative o i prodotti e riversarsi su tutti i fattori produttivi coinvolti sempre che non siano dotati di flessibilit di utilizzo che li rende inidonei per altri processi.

1.1.4 LE CARATTERISTICHE DELLA COMBINAZIONE PRODUTTIVA La combinazione produttiva linsieme delle attivit ordinate in processi produttivi attraverso i quali i fattori produttivi vengono trasformati in prodotti finiti. La natura e la qualit dei fattori produttivi che costituiscono lINPUT nonch le modalit tecniche ed economiche di svolgimento sono profondamente diverse a seconda della natura e della qualit dei prodotti che si vogliono ottenere, lOUTPUT . Limpresa strutturata per ottenere un unico prodotto sempre pi rara; la combinazione produttiva volta a realizzare una gamma di prodotti pi o meno ampia che possono: Appartenere a differenti classi o famiglie (impresa diversificata) Articolarsi su diverse linee per ogni classe Svilupparsi in vari modelli per ogni linea

CICLO INTEGRALE = un processo produttivo pu essere suddiviso in pi fasi e limpresa pu svolgere tutte le fasi che dallacquisizione dei fattori produttivi portano allottenimento del prodotto finito IPOTESI DI ESTERNALIZZAZIONE = limpresa attua forme pi o meno ampie di decentramento; ci significa concentrare le risorse nello sviluppo di alcune fasi del processo produttivo nelle quali limpresa riesce meglio a esprimere la sua efficienza e va ad affidare ad altre imprese le fasi del ciclo che risulterebbero antieconomiche o non considerate vitali per limpresa. DECENTRAMENTO = limpresa pu scegliere di concentrare la sua attivit in ununica attivit produttiva oppure pu sventagliare lattivit in pi unit attuando un decentramento spaziale dellapparato produttivo; in tale ipotesi le singole unit possono essere strutturate in questo modo: Per attuare le medesime produzioni in luoghi diversi Per realizzare in luoghi diversi parti di una produzione complessa o fasi di un ciclo produttivo Per realizzare in luoghi diversi prodotti diversi Il decentramento dellapparato produttivo consente in ciascuna di esse controllo pi efficaci, riduce la complessit generale o operativa, per contro, aumenta i problemi di coordinamento e quelli relativi ai trasferimenti di uomini, materie prime , servizi ecc. (LOGISTICA)

LA DISLOCAZIONE: Allinterno di ogni processo produttivo le fasi possono essere poste in successione logica per ottenere prodotti semilavorati normalmente utilizzabili come fattori nelle fasi immediatamente successive fino allottenimento di prodotti finiti oppure i processi produttivi possono presentare articolazioni ben pi complesse essendo caratterizzati da fasi che si sviluppano parallelamente e da fasi poste in sequenza logica per ottenere i

prodotti finiti; parte dellattivit pu anche essere finalizzata alla produzione di determinati servizi necessari per il ciclo produttivo ed altri invece essere affidati a terzi. La dislocazione della tecnologia allinterno della aree dove si sviluppano i processi produttivi (LAYOUT) assume soluzioni intermedie: La disposizione per prodotto (o in linea o in catena) quando le macchine sono allineate per sviluppare le operazioni previste da tutte le fasi di lavorazione poste in sequenza La disposizione per processo (o reparto) quando le macchine sono raggruppate per realizzare funzioni omogenee La disposizione per gruppi tecnologici (o a isole) quando le macchine sono raggruppate per svolgere in sequenza le operazioni elementari a ciascun gruppo di operazioni La disposizione a LAYOUT a punto fisso quando le macchine vengono trasferite nel luogo di produzione (grandi opere) LAVORAZIONI DI SERIE E LAVORAZIONI DIFFERENZIATE La combinazione produttiva pu distinguersi a seconda che : Sia caratterizzata da lavorazioni di serie di prodotti aventi uguali caratteristiche definite da scelte fatte dallimpresa, O da lavorazioni di prodotti differenziati in relazione alle richieste fatte dai clienti o entrambe Nel caso in cui unimpresa operi su richieste differenziate va in contro a tali situazioni in base a DOVE nel processo produttivo deve eseguire le variazioni: Che tutto il processo produttivo richieda di essere progettato di volta in volta in relazione alle differenti commesse assunte Che alcune fasi del processo non subiscano variazioni (fasi standard) mentre altre (soprattutto a valle) debbano adeguarsi alle specifiche richieste dalla clientela. 1.2 I FINANZIAMENTI ATTINTI

1.2.1 I FINANZIAMENTI CON IL VINCOLO DI CAPITALE DI PROPRIETA I finanziamenti attinti possono avvenire: Attraverso conferimenti di denaro da parte di un unico proprietario nellimpresa individuale, o dei soci nellimpresa di societ; i mezzi monetari che confluiscono nellimpresa per tale via costituiscono : il capitale di propriet conferito Attraverso prestiti contratti nei confronti di terzi. I mezzi monetari che confluiscono nellimpresa per tale via costituiscono : il capitale di prestito a fronte del quale sussistono obbligazioni di restituzione a definite scadenze (debiti verso i finanziatori) Nel momento in cui il promotore o i promotori intendono attivare una iniziativa imprenditoriale sono chiamati a dotare la costituenda impresa di adeguati mezzi monetari (CAPITALE INIZIALE), tale capitale pu essere conferito dalla propriet in momenti successivi, ogni volta si manifesti la necessit di disporre di maggiori mezzi monetari per finanziare pi ampie combinazioni produttive ed ad accresce il volume di attivit dellimpresa. Il capitale di propriet viene conferito senza OBBLIGHI TEMPORALI DI

RESTITUZIONE ;solitamente si ritiene vincolato in maniera permanente alle vicende produttive dellimpresa salvo casi particolari non verr restituito alla propriet fino a quando NON DIVENTI ESUBERANTE o NON SI VOGLIA CESSARE LATTIVITA PRODUTTIVA. Il vincolo di restituzione caratterizza invece i finanziamenti attinti a prestito in relazione agli obblighi di restituzione contrattualmente assunti verso terzi per importi e tempi definiti. IL VINCOLO DI PERMANENZA assume grande rilievo in relazione alla tipologia e ai caratteri degli investimenti che debbono essere effettuati nel senso che i mezzi monetari durevolmente avvinti alleconomia dellimpresa appaiono pi idonei ad alimentare il FABBISOGNO FINANZIARIO DUREVOLE La remunerazione del capitale di propriet conferito non definita contrattualmente ma decisa di volta in volta in relazione delle vicende produttive si tratta dunque di una REMUNERAZIONE VARIABILE che non dovrebbe essere corrisposta nelle ipotesi di REDDITO NEGATIVO. Quando il flusso dei ricavi appare insufficiente a reintegrare i costi delle combinazioni produttive, la possibilit di sospendere o diminuire la remunerazione del capitale pu giovare non poco ad accelerare il PROCESSO DI RIEQUILIBRIO e nelle ipotesi di cospicue ristrutturazioni che il governo di impresa ritiene necessarie per la sopravvivenza della stessa, rafforzandone le strutture e il posizionamento sul mercato , la rinuncia della remunerazione del capitale di propriet non manca di produrre effetti positivi sul processo di ristrutturazione in corso. Tutto ci crea una diminuzione di FLUSSI MONETARI in USCITA con conseguente mantenimento di tali mezzi nelleconomia dellimpresa. Il capitale di propriet viene denominato CAPITALE DI RISCHIO a sottolineare la possibilit di mancata remunerazione, ma soprattutto a sottolineare la sua istituzionale destinazione ad investimenti effettuati in condizioni di incertezza e soggetti a rischi di perdite. Il capitale di propriet dunque rischierebbe di essere pi facilmente perduto laddove il capitale di prestito tenderebbe ad essere pi facilmente rimborsato I conferimenti iniziali di capitale di propriet e quelli successivi possono VENIRE EFFETTUATI ANCHE IN FORMA DIVERSA DAL DENARO, la propriet potrebbe dotare limpresa di beni utilizzabili nelle differenti fasi dellattivit produttiva (conferimenti in natura o apporti); ma, potrebbero conferire un insieme di beni avvinti da vincoli di complementariet economica come per esempio un complesso aziendale funzionante La cui attivit appare complementare al disegno produttivo dellimpresa assorbente. 1.1.2 I FINANZIAMENTI ATTINTI A PRESTITO Al capitale di propriet si affianca una congrua entit di capitale di prestito; la misura potrebbe essere determinata dalla insufficiente entit del capitale di propriet rispetto al fabbisogno ma, sussistere ragioni di convenienza entro limiti segnati dalla necessit di mantenere equilibrata la struttura finanziaria. La disponibilit di mezzi monetari attinti con il vincolo dellindebitamento viene acquistata per un determinato periodo di tempo ponendo in essere contratti di finanziamento. I mezzi monetari acquisiti a prestito rimangono nella disponibilit dellimpresa finanziata

per tempi pi o meno lunghi a seconda della durata del prestito e pongono precisi obblighi di restituzione dei valori nominali assunti e degli interessi maturati. Le forme tecniche che possono assistere le operazioni di prestito sono molteplici e si differenziano a seconda di come vengono risolte le modalit di erogazione del prestito, alle garanzie, alla durata e alla modalit di restituzione, alla determinazione e al pagamento degli oneri del prestito. ONERI DEL PRESTITO= Gli interessi da corrispondere a determinate scadenze definiti in base ai tassi contrattuali, le avvenute commissioni e gli altri oneri accessori . I finanziamenti attinti con vincolo di prestito sono sottoposti al rischio dimpresa , quindi la restituzione di tali mezzi monetari condizionata dal recupero degli investimenti attraverso il conseguimento dei ricavi; tutto ci determina il fatto che la capacit di attingere mezzi monetari a prestito da terzi (capacit di credito) sia determinata dalla capacit dellimpresa finanziata di assicurare flussi prospettici di ricavi superiori ai flussi prospettici di costi (inclusi gli oneri dei prestiti) attraverso lattivit produttiva(capacit di reddito). Le prospettive di redditivit dellimpresa finanziata sono la pi valida delle garanzie per chi si accinge a finanziare attivit produttive. Le operazioni relative al capitale di prestito possono essere osservate sotto un duplice aspetto : Da un lato le entrate e le uscite di denaro (aspetto monetario delloperazione) Dallaltro laccensione e lestinzione del debito di finanziamento contratto con terzi finanziatori 1.2.2 I FINANZIAMENTI CONCESSI Limpresa pu porre in essere contratti attraverso i quali concede a terzi per un determinato periodo di tempo, a definite condizioni e modalit operative (forme tecniche) la disponibilit di denaro. Si tratta sempre di INVESTIMENTI A RISCHIO di mezzi monetari disponibili che vengono PRESTATI a terzi. La concessione di finanziamenti a prestito si articola a seconda di come si risolvono i problemi relativi alle modalit di erogazione del prestito, alla garanzie che si pretendono, alla durata e alla modalit di restituzione ed infine alla determinazione dei proventi del prestito. I PROVENTI DEL PRESTITO : sono costituiti dagli interessi da percepire a determinate scadenze (contabilizzati in base ai tassi previsti nei contratti) e da eventuali proventi accessori. Anche i finanziamenti concessi a prestito possono essere visti sotto un duplice aspetto: Uscite ed entrate di denaro(aspetto monetario delloperazione) Movimentazioni relative ai crediti di finanziamento 1.2.3 I DEBITI E I CREDITI DI FUNZIONAMENTO ED IL LORO REGOLAMENTO Nella normale prassi operativa le uscite di denaro possono essere sostituite , seppur temporaneamente, da impegni a pagare (debiti) ; cos come le entrate di denaro vengono spesso temporaneamente sostituite da diritti a riscuotere (crediti). Sorgono cos : debiti e crediti che vengono denominati di funzionamento o di

regolamento che hanno la caratteristica di sostituire pro-tempore rispettivamente le uscite e le entrate di denaro relative a qualsivoglia operazione dellimpresa. Non rappresentano obbligazioni o diritti derivati direttamente da operazione di finanziamento attinto o concesso, bens obbligazioni o diritti derivati da TEMPORANEE DILAZIONI NEL REGOLAMENTO MONETARIO DI QUALSIASI TIPO DI OPERAZIONE. Non sono misurati da entrate o uscite di denaro ma , sostituiscono seppur temporaneamente , uscite ed entrate di denaro ed hanno perci natura monetaria. Le entrate ed uscite di denaro , temporaneamente rinviate per effetto delle dilazioni concesse od ottenute si manifestano alle definitive scadenze con lincasso dei crediti ed il pagamento dei debiti. Si tratta pur sempre di modi indiretti di concedere la disponibilit di mezzi monetari a chi beneficia della dilazione. NB: i prezzi di vendita dei prodotti o di acquisizione dei fattori produttivi, sono pi elevati per una previsione di pagamento dilazionato, rispetto allipotesi di un pagamento in contanti(GLI INTERESSI IN ALTRI TERMINI SONO INCORPORATI NEI PREZZI). INSERIRE SCHEMA!!!!!!!!! PAG 128 1.2.6 GESTIONE CARATTERISTICA E GESTIONI ACCESSORIE; GESTIONE CORRENTE. GESTIONE CARATTERISTICA: (detta anche TIPICA) lattivit volta a realizzare loggetto dellimpresa GESTIONI ACCESSORIE: si affiancano alla gestione caratteristica integrandola con attivit strumentali (GESTIONE FINANZIARIA) e complementari (attivit diverse da quelle per le quali stata istituita) GESTIONE FINANZIARIA: determinazione e copertura del fabbisogno finanziario dellimpresa; tale gestione strumentale tanto alla gestione caratteristica quanto a quelle accessorie. GESTIONE PATRIMONIALE: derivano dallinvestimento delle disponibilit monetarie generate dalloperare dellimpresa ; si tratta di mezzi monetari che possono risultare disponibili per tempi pi o meno lunghi in relazione ai quali potranno essere scelte le modalit di investimento e di gestione che si rilevano di volta in volta pi redditizie. NB: LA SEPARAZIONE DEI RISULTATI ECONOMICI DALLA GESTIONE CARATTERISTICA(REDDITO OPERATIVO) DA QUELLI DELLE GESTIONI ACCESSORIE CONSENTONO DI COGLIERE IL CONTRIBUTO DI CIASCUNA AL RISULATO COMPLESSIVO. GESTIONE CORRENTE: ?????????????????? 1.2.7 RELAZIONI TRA IL CIRCUITO DEI FINANZIAMENTI ED IL CIRCUITO DEGLI INVESTIMENTI . IL FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO (PRIME CONSIDERAZIONI) 1 Il circuito della produzione ed il circuito dei finanziamenti concessi sono denominati degli investimenti. I mezzi monetari in entrambe i casi si possono ritenere investiti in operazione di acquisto di fattori produttivi.

3 4

I finanziamenti attinti con vincolo di propriet o a prestito sono denominati dei finanziamenti. Non si tratta di ricchezza generata dallattivit dellimpresa ma di mezzi provenienti dalleconomia dei proprietari o dei finanziatori messi a disposizione delleconomia dellimpresa. Il circuito dei finanziamenti alimenta il circuito degli investimenti che assorbe mezzi monetari. Il circuito degli investimenti riconsegna mezzi monetari alla disponibilit dellimpresa. Tali mezzi sono utilizzabili per rinnovare gli investimenti.

IL FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO: il fabbisogno di finanziamento costituito dallentit dei mezzi monetari necessari per alimentare gli investimenti programmati, aldil dei mezzi che gi si rendono disponibili attraverso il flusso dei ricavi. IL FABBISOGNO COMPLESSIVO DI FINANZIAMENTO: costituito da un ammontare di mezzi monetari esattamente corrispondente allimporto totale degli investimenti programmati dallimpresa in un definito arco di tempo. IL FABBISOGNO RESIDUALE: lammontare dei mezzi monetari dei quali limpresa deve dotarsi attingendo finanziamenti con vincolo di propriet o di prestito. COPERTURA NATURALE: la copertura di una parte pi o meno rilevante del fabbisogno complessivo di finanziamento derivata dalle entrate monetarie che chiudono il circuito degli investimenti. 1.2.8 LA VELOCITA DI CIRCOLAZIONE DEGLI INVESTIMENTI IN FATTORI PRODUTTIVI E NELLA COMBINAZIONE PRODUTTIVA. La velocit di circolazione degli investimenti in fattori produttivi data dal tempo che intercorre tra il momento degli investimenti e quello dei recuperi attraverso i ricavi; si tratta del tempo necessario ai mezzi monetari ceduti nellacquisizione dei fattori produttivi (INVESTIMENTI) per ritornare in forma monetaria attraverso i ricavi di vendita dei prodotti ottenuti con il concorso degli stessi fattori (RECUPERI). Gli elementi che determinano i tempi sono da ricercarsi in: 1 2 LECARATTERISTICHE DEI PROCESSI: si osservano processi produttivi che si completano in giornata, allinterno dei quali investimenti e recuperi si alternano in poche ore e processi lunghi (a volte anni) per essere portati a compimento. LE CARATTERISTICHE DEI FATTORI PRODUTTIVI: per quando riguarda i fattori a fecondit ripetuta i tempi di totale recupero sono pi elevati in quanto il recupero legato alla quantit di ricavi ottenuti dalla vendita dei prodotti a cui hanno concorso; per quanto riguarda i fattori a fecondit semplice il recupero legato alla vendita del solo prodotto al quale tali fattori hanno ceduto la loro utilit

La velocit di circolazione pu anche essere riferita a gruppi di fattori o allintera combinazione produttiva (definibile nel periodo di tempo necessario affinch tutti i mezzi monetari investiti ritornino INTERAMENTE in forma monetaria attraverso i ricavi. La velocit di circolazione complessiva del gruppo o dellintera combinazione produttiva

non si pu commisurare basandosi sui fattori che si recuperano pi rapidamente ma a quei fattori che presentano il ciclo di recupero pi lungo. IL FABBISOGNO RESIDUALE strettamente legato al ciclo di recuperi in quanto pi elevata la velocit di circolazione, minore lentit dei mezzi monetari che occorre attingere allesterno per aumentare il volume daffari. Lentit del fabbisogno di residuale di finanziamento dipende anche dal numero degli atti di scambio con cui i fattori vengono acquisiti e da come gli investimenti sono graduati nel tempo e si avvicendano ai recuperi La concessione di crediti di funzionamento determina un aumento del fabbisogno di finanziamento Lottenimento di dilazioni di pagamento invece, non riduce il fabbisogno di finanziamento ma attiene alla sua copertura Tra gli investimenti che determinano il fabbisogno di finanziamento occorre anche considerare la concessone di finanziamenti a terzi.

1.2.9 LAUTOFINANZIAMENTO O CAPITALE DI ORIGINE INTERNA AUTOFINANZIAMENTO DA UTILI: Il flusso dei ricavi produce la disponibilit di nuovi mezzi monetari corrispondenti alla nuova ricchezza (reddito positivo) acquisita alleconomia dellimpresa quando i prodotti vengono venduti a prezzi remuneratori e cio quando il volume dei ricavi si mantiene superiore al volume dei costi per lacquisto dei fattori produttivi AUTOFINANZIAMENTO DA REINTEGRO DEGLI INVESTIMENTI IN FATTORI A FECONDITA RIPETUTA: tali mezzi monetari a suo tempo investiti ed ora recuperati rimangono disponibili per periodi pi o meno lunghi di tempo, ma certamente fino a quando i fattori a fecondit ripetuta non avranno esaurito la loro utilit economica e dovranno essere sostituiti. AUTOFINANZIAMENTO: Prima concezione : risparmio di utili attuato in modo palese od occulto Seconda concezione : fenomeno finanziario capace di produrre un miglioramento del preesistente rapporto tra investimenti e mezzi finanziari attinti a terzi o conferiti dalla propriet.

LAUTOFINANZIAMENTO IN SENSO STRETTO PUO IDENTIFICARSI NON TANTO NELLA MISURA DEGLI UTILI RISPARMIATI, QUANTO PIUTTOSTO NEL FLUSSO DEGLI UTILI CONSEGUITI , PARTE DEI QUALI POSSONO RIAFFLUIRE ALLESTERNO PER REMUNERARE IL CAPITALE DI PROPRIETA E PARTE POSSONO ESSERE TENUTI ALLINTERNO DEL SISTEMA DELLIMPRESA. 1.2.10 IL CIRCUITO DELLA PRODUZIONE NELLIPOTESI DI RICAVI ANTICIPATI Il circuito della produzione ha normalmente un andamento che va dalle uscite per lacquisizione dei fattori produttivi alle entrate per la vendita dei prodotti quindi : LOTTENIMENTO DEL PRODOTTO PRECEDE LA VENDITA DELLO STESSO E IL CONSEGUIMENTO DEI RICAVI. Esistono tuttavia alcuni settori di attivit dove accade lopposto: IL PRODOTTO VIENE

VENDUTO PRIMA DEL SUO OTTENIMENTO ED IL RICAVO VIENE CONSEGUITO PRIMA CHE TUTTI I COSTI CHE SI RIFERISCONO ALLE COMBINAZIONI PRODUTTIVE SIANO STATI SOSTENUTI. 1.2.11 IL FLUSSO DEI MEZZI MONETARI PRODOTTO DALLA GESTIONE ( CASH FLOW) Le operazioni attraverso le quali si estrinseca lattivit di una impresa generano UNA CORRENTE, un flusso di mezzi monetari in entrata e in uscita determinando una continua variazione di disponibilit liquide dellimpresa. FLUSSO DI CASSA CASH FLOW: Laspetto monetario della gestione pu essere riferito a tale flusso di denaro in entrata e in uscita che aumenta e riduce lentit dei mezzi monetari (FONDI) disponibili. CASH FLOW COMPLESSIVO: il flusso di cassa pu essere osservato con riferimento alle intere attivit dellimpresa CASH FLOW OPERATIVO : flusso di mezzi monetari rivenienti dalla gestione caratteristica. 1.2.12 PRIME CONSIDERAZIONI SUL CAPITALE DI FUNZIONAMENTO. Il capitale dimpresa pu essere definito come un insieme finalizzato di condizioni (positive e negative) di produzione. Il CAPITALE DIMPRESA : dato , in un definito istante, dal complesso delle utilit economiche (beni materiali ed immateriali, potenzialit) di cui limpresa dispone per lo svolgimento delle sue attivit e dal complesso delle obbligazioni che limpresa ha assunto verso terzi (componenti negative, passivit). LE UTILITA ECONOMICHE E LE OBBLIGAZIONI ASSUNTE sono vicendevolmente legate allattivit produttiva da un rapporto di strumentalit. CAPITALE DI FUNZIONAMENTO : il capitale viene definito di funzionamento proprio perch presente nei vari stadi di funzionamento di una impresa fino a quando esse proprio in funzionamento . Lattivit aziendale produce una serie di operazioni successive alla composizione del capitale: 1. A trasformare il denaro in fattori a fecondit semplice e/o ripetuta 2. A trasformare i fattori acquisiti in prodotti finiti 3. A trasformare i prodotti in denaro attraverso le vendite. Ad ognuna di queste operazioni il capitale si modifica nella sua composizione qualitativa e nel valore. Bisogna inoltre valutare il fatto che non solo limpresa nel suo operare a trasformare il capitale ma vi possono esservi anche delle influenze esterne che portano limpresa a modifiche delle prospettive di utilizzo dei differenti elementi che costituiscono il capitale e quindi a cambiamenti di destinazione e di valore. IL VALORE DEL CAPITALE DI PERTINENZA di una impresa in funzionamento determinabile in funzione della complessa utilit economica che tutte le condizioni positive e negative riescono ad esprimere in prospettiva.

NB: MANCA PAGINA 150 E 151 E 152 E 153. CAPITOLO 2 2.1 LASPETTO NUMERARIO DELLA GESTIONE COME ASPETTO ORIGINARIO E IL DERIVATO ASPETTO ECONOMICO. VALORI E VARIAZIONI NUMERARIE ED ECONOMICHE. Le entrate e le uscite di denaro misurano: Costi per lacquisto di fattori produttivi Ricavi per la vendita di prodotti Aumenti o diminuzioni di capitale di propriet Aumenti o diminuzioni di crediti e debiti di finanziamento In questo modo si pu osservare laspetto NUMERARIO della gestione come aspetto originario, misuratore del derivato aspetto ECONOMICO. Laspetto NUMERARIO include le entrate e le uscite di denaro (aspetto monetario della gestione) e le movimentazioni dei debiti e crediti di funzionamento. Laspetto ECONOMICO (in quanto attiene alla formazione della ricchezza) include losservazione della dotazione di capitale assegnata allimpresa dalla propriet e delle variazioni che il capitale subisce in relazione a come si sviluppa la dinamica produttiva in termini di investimenti(costi) e recuperi (ricavi). NB: tra i costi e i ricavi misurati da uscite ed entrate NUMERARIE sono inclusi i finanziamenti attinti a prestito e concessi. IL FINANZIAMENTO ATTINTO considerato come un RICAVO IL FINANZIAMENTO CONCESSO considerato come un COSTO Adesso di si contrappone un COSTO di restituzione (importo preso a prestito + interessi passivi maturati) Adesso si contrappone un RICAVO di restituzione ( importo dato a prestito + interessi maturati interessi attinti maturati ) VALORI NUMERARI VALORI ECONOMICI - denaro - costi - crediti di funzionamento - ricavi - debiti di funzionamento - capitale di propriet NB: le operazioni dellimpresa, che idealmente appartengono a circuiti, determinano variazioni NUMERARIE che misurano variazioni ECONOMICHE. In regime di scambi monetari : USCITE NUMERARIE : misurano variazioni economiche NEGATIVE circuito PRODUZIONE costi per lacquisto fattori

circuito FINANZIAMENTI ATTINTI A PRESTITO costi di restituzione finanziamenti attinti circuito FINANZIAMENTI CONCESSI costi per concessione finanziamenti a terzi circuito FINANZIAMENTI ATTINTI COL VINCOLO DI PROPRIETA restituzione di capitale di propriet.

ENTRATE NUMERARIE : misurano variazioni economiche POSITIVE circuito PRODUZIONE ricavi per vendita prodotti circuito FINANZIAMENTI ATTINTI A PRESTITO ricavi per ottenimento finanziamenti da terzi circuito FINANZIAMENTI CONCESSI ricavi per restituzione finanziamenti concessi a terzi circuito FINANZIAMENTI ATTINTI COL VINCOLO DI PROPRIETA raccolta di capitale di propriet.

ENTRATE NUMERARIE E USCITE NUMERARIE : si possono reciprocamente compensare in tutte le ipotesi di regolamento di crediti e debiti di funzionamento. 2.2 ASPETTO FINANZIARIO ED ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. VALORI E VARIAZIONI FINANZIARIE ED ECONOMICHE

4.1 LE DETERMINAZIONI DI REDDITO E CAPITALE IN DIFFERENTI IPOTESI TEMPORALI. 1.2.7 LE STRUTTURE DI REDDITO E DI CAPITALE RIFERITE ALLINTERO ARCO DI VITA DELLIMPRESA Con riferimento ad un arco di tempo pari allintera vita dellimpresa (ti-tz) possiamo

denominare REDIITO TOTALE lincremento o il decremento che il capitale conferito dalla propriet ha subito per effetto di tutte le operazioni compiute. Si debbono assumere come valide le seguenti ipotesi: 1 Alla fine del periodo considerato limpresa cessata : Tutti i fattori produttivi a fecondit semplice e ripetuta sono stati completamente utilizzati o venduti per stralcio Tutti i processi produttivi sono stai ultimati , tutti i prodotti sono stati venduti 2 3 Durante il periodo interessato (to-tz) il potere dacquisto della moneta non ha subito variazioni. Tutti i crediti di ogni tipo siano stati incassati; tutti i debiti di ogni tipo siano stai pagati; non ci sia pi alcun rischio in corso che possa determinare ipotesi di costi e perdite future.

ALLA LUCE DELLE IPOTESI PREMESSE IL CAPITALE ALLA FINE DELLA VITA DELLIMPRESA (TEMPO tz) SI PRESENTA ESCLUSIVAMENTE DA UN COMPONENTE DI NATURA FINANZIARIA. Qualora alle ipotesi enunciate precedentemente si aggiungessero anche le seguenti: 4 5 Il capitale iniziale (tempo to) stato conferito interamente in denaro Durante lintero arco di vita dellimpresa non sono stati effettuati altri conferimenti di capitale, n rimborsi di capitale di propriet ;non stato operato alcun prelievo di reddito.

Allora si potrebbe determinare la misura del REDDITO TOTALE anche attraverso i seguenti conteggi: Differenza tra il capitale conferito al tempo to e quello restituito al tempo tz Differenza tra tutte le entrate e tutte le uscite di denaro del periodo to-tz (con esclusione a quelle relative al capitale di propriet) RT= Ctz - Cto POSSIAMO DEDURRE QUINDI CHE E QUASI IMPOSSIBILE CHE SI VERIFICHINO TUTTE LE ENUNCIAZIONI PRECEDENTI (1-5). Il concetto di reddito totale rappresenta solo unidea guida per rendere comprensibile quello di reddito di periodo.

Tra le esigenze che inducono i soggetti a determinare il reddito di periodi parziali della ita di una azienda : Il reddito rappresenta un parametro attraverso il quale verificare la validit delle strategie adottate La misura della nuova ricchezza costituisce un limite superiore alla misura della ricchezza prelevabile dai proprietari

necessario fornire a taluni interlocutori esterni informazione sulla misura dei redditi relativi a differenti periodi e sulla composizione del capitale nel tempo Si deve ottemperare agli obblighi di legge di redigere bilanci a scadenze annuali e infrannuali Si deve determinare il reddito fiscalmente imponibile

4.1.2 LE STRUTTURE DI REDDITO E DI CAPITALE RIFERITE AD UN PRIMO PERIODO DI VITA DELLIMPRESA 4.1.2.1 LA RIPARTIZIONE DEI COSTI E DEI RICAVI NEL TEMPO E NELLO SPAZIO : COSTI E RICAVI ORIGINARI E DERIVATI Volendo determinare il reddito di un segmento di attivit che va da tn-1 a tn, si pone il problema della individuazione della parte di costi e della parte di ricavi da attribuire alla competenza economica di questo periodo. I COSTI ORIGINARI sono quelli relativi allacquisto dei fattori produttivi (sono anche denominati COSTI-USCITA in quanto sono misurati da uscite finanziarie). I COSTI DERIVATI (o costi IMPUTAZIONE) sono il risultato di ragionate riclassificazioni dei costi originari in funzione delle variabili TEMPO e SPAZIO. COSTI PERIODO = derivano da una riclassificazione dei costi originari dei fattori nel tempo COSTI DI AREE PRODUTTIVE o DI PRODOTTI = derivano da riclassificazione dei costi originari prima nel tempo poi nello spazio. Analoghe considerazioni possono essere fatte per: RICAVI ORIGINARI = relativi alla vendita dei prodotti(sono anche denominati RICAVIENTRATA in quanto misurati da entrate finanziarie) determinati moltiplicando le quantit vendute per i relativi prezzi di vendita. RICAVI DERIVATI = (denominati anche RICAVI IMPUTAZIONE) sono il risultato di riclassificazioni dei ricavi originari in funzione della variabili tempo e spazio. 4.1.2.2 I COSTI ED I RICAVI DI COMPETENZA ECONOMICA DEL PERIODO La scissione PER PERIODO di costi e ricavi comuni a pi periodi presenta difficolt e pu essere praticata solo a prezzo di notevole astrazione; si impone , quindi, il problema dellindividuazione dei CRITERI che possono guidare l operatore in tale compito della LOGICA da seguire. PRINCIPIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA= le condizioni che vengono assunte come utili per individuare i costi ed i ricavi da considerare pertinenti ad un dato periodo. In modo pi rigoroso si possono definire di competenza dei differenti periodi i costi ed i ricavi relativi ai processi compiuti in ciascuno di essi: con la precisazione che si ritengono compiuti in un determinato periodo soltanto i processi produttivi che si sono chiusi con il conseguimento dei ricavi, sempre che siano state effettuate nel periodo stesso da parte dellimpresa anche le relative prestazioni. PRINCIPIO DELLA REALIZZAZIONE DEI RICAVI = sono di competenza del periodo i

ricavi finanziariamente conseguiti per i quali sia stata effettuata da parte dellimpresa la relativa prestazione. PRINCIPIO DELLINERENZA DEI COSTI = sono considerati di competenza i costi che si reputano relativi alle prestazioni effettuate. Costi e ricavi relativi a processi in corso alla fine di un periodo non competono al periodo considerato ma a quei periodi successivi nei quali i processi avranno compimento con il conseguimento dei ricavi o con il completamento della prestazioni ancora da effettuare. a) CLASSI DI COMPONENTI DEL REDDITO E DEL CAPITALE RIFERITE AD UN PRIMO PERIODO DI VITA DELLINPRESA. Si suppone invece che al tempo t1 lattivit dellimpresa continui; che limpresa, cio sia in FUNZIONAMENTO. I processi in corso di svolgimento sono caratterizzati da disponibilit di fattori e prodotti e da ricavi anticipati che costituiscono: Nellottica del reddito di periodo costi e ricavi da rinviare al futuro, in quanto non ritenuti di competenza del periodo stesso in base ai principi della realizzazione dei ricavi e dellinerenza dei costi Nellottica del capitale a fine periodo componenti attivi e passivi, di natura economica, in quanto beni disponibili o obbligazioni da rendere a terzi. In altri termini: A) una parte pi o meno ampia di essi deve essere consegnata al calcolo del reddito del/dei periodi futuri B) fattori produttivi, a fecondit semplice e ripetuta rappresentano al tempo t1, linsieme dei beni materiali e delle utilit economiche di cui limpresa dispone per svolgere i processi produttivi che troveranno compimento nel/nei periodi futuri . CAPITALE LORDO DI FUNZIONAMENTO = a + b + componenti finanziari del capitale CAPITALE NETTO DI FUNZIONAMENTO = a + b componenti finanziari del capitale Il REDDITO DEL PRIMO PERIODO deve includere anche le rettifiche di tali costi e ricavi relativi alla parte di essi da consegnare alla competenza dei periodi futuri. Lipotesi di continuit di funzionamento implica nella determinazione del reddito di periodo dei rischi specifici, ben individuabili , che a fine periodo sono in essere e che presumibilmente produrranno effetti negativi, nei successivi periodi, sulleconomia dellimpresa. TALI EFFETTI POSSONO CONSISTERE: in maggiori costi da sostenere in futuro in relazione ai cicli produttivi compiuti in perdite che possono colpire processi produttivi in corso e cio le ATTIVITA e le PASSIVITA del capitale , rendendo le prime recuperabili a valori inferiori a quelli di costo e le seconde estinguibili a valori superiori a quelli per cui erano sorte. Se tali rischi gi esistono significa che sono sorti a seguito della operazioni gi poste in essere.

CLASSI ATTIVE E PASSIVE CHE POSSONO FORMARE IL CAPITALE DI FUNZIONAMENTO ALLA FINE DEL PRIMO PERIODO DI UNA QUALSIASI UNITA PRODUTTIVA: Il capitale in funzionamento (riferito al tempo t1) presentato in forma contabile, accoglie: componenti di natura finanziaria

ATTIVO = sono costituiti dal denaro che si reso disponibile e che (al tempo t1) non ancora stato rinvestito; dai crediti di funzionamento e di finanziamento che a tal tempo , non sono ancora stati incassati. PASSIVO = troviamo i debiti di finanziamento e di funzionamento che non sono stati ancora pagati, nonch le passivit presunte (cio le uscite finanziarie future presunte) COMPONENTI DI NATURA ECONOMICA ATTIVO ECONOMICO

ATTIVO ECONOMICO = accoglie i valori degli investimenti (in attesa di realizzazione attraverso i ricavi futuri) : fattori produttivi che rimangono disponibili per le utilizzazioni future e prodotti che rimangono da vendere. Fattori produttivi: FATTORI A FECONDITA SEMPLICE= possiamo trovare rimanenze di tali fattori acquistati ne periodo to-t1 ma non ancora utilizzati FATTORI A FECONDITA RIPETUTA= acquistati nel periodo to-t1, che sono stati parzialmente utilizzati, ma sono ancora utilizzabili per le produzioni dei periodi successivi FATTORI A FECONDITA RIPETUTA IMMATERIALI= si identificano in utilit economiche ancora disponibili per le produzioni future : tutelate dal diritto (brevetti, marchi ecc..) fruibili in funzione esatta del tempo (RISCONTI ATTIVI) : si tratta di utilit economiche acquisite, parzialmente fruite fino al tempo t1 , ancora fruibili dal tempo t1 alla scadenza del contratto. Dalle altre che appartengono alla categoria residuale. Prodotti: RIMANENZE DI PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE= sono prodotti che in quellistante stanno percorrendo una delle fasi della lavorazione RIMANENZE DI PRODOTTI SEMILAVORATI= che hanno ultimato una o pi fasi del processo e sono mantenuti a tale stadio di lavorazione per esigenze produttive RIMANENZE DI PRODOTI FINITI= ottenuti e non ancora venduti. COMPONENTI DI NATURA ECONOMICA PASSIVO ECONOMICO

PASSIVO ECONOMICO= accoglie i valori relativi ai ricavi anticipati a fronte dei quali

rimangono da effettuare alcune prestazioni. RICAVI ANTICIPATI= ricavi conseguiti anticipatamente a fronte di prestazioni da cedere a terzi in funzione esatta del tempo, relativamente alla sola parte di prestazione che limpresa deve ancora rendere dal tempo t1 fino alla scadenza del contratto. (risconti passivi) La differenza tra i valori attribuiti ai componenti attivi e a quelli passivi determina il CAPITALE NETTO DI FUNZIONAMENTO, che al tempo t1 costituito dal CAPITALE CONFERITO al tempo to aumentato o diminuito della misura del reddito positivo o negativo realizzato nel periodo to-t1. Le classi di componenti positivi e negativi che formano il reddito del primo periodo(to-t1) di una qualsiasi unit di produzione, possono essere rappresentate isolando: in un primo strato i costi sostenuti ed i ricavi conseguiti nel periodo e cio quelli che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo stesso. Si tratta di costi sostenuti per lacquisizione di tutti i fattori produttivi (a fecondit semplice e ripetuta) e dei ricavi rivenienti dalla vendita dei prodotti. Il secondo strato di componenti positivi e negativi da intendere come rettifica (nel senso di rinvio al futuro ) di parte dei costi e dei ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo to-t1. Il terzo strato comprende lintegrazione di rischi specifici futuri (relativi allattivit gi svolta) per diminuire la misura del reddito assegnato al periodo to-t1. SCHEMA DEL REDDITO E DEL CAPITALE : REDDITO DEL PERIODO to-t1 COMPONENTI NEGATIVI COMPONENTI POSITIVI Costi sostenuti nel periodo to-t1 Ricavi conseguiti nel periodo to-t1 Ricavi da rinviare al futuro: Costi da rinviare al futuro : ricavi anticipati fattori a fecondit semplice fattori a fecondit ripetuta prodotti Quote di costi o perdite future presunte (correlate a rischi specifici gi in essere al tempo t1) Utile (perdita)

ATTIVITA (INVESTIMENTI) (componenti finanziari) denaro crediti di funzionamento crediti di finanziamento (componenti economici)

CAPITALE IN t1 PASSIVITA E CAPITALE DI PROPRIETA (FONTI DEI MEZZI) Debiti di funzionamento Debiti di finanziamento Passivit presunte

fattori a fecondit semplice fattori a fecondit ripetuta prodotti

Ricavi anticipati Capitale di propriet in t1: (capitale propriet in to) ( nuovi conferimenti/prelievi da to a t1) ( reddito del periodo to-t1) (utile o perdita)

b) LE STRUTTURE DI REDDITO E DI CAPITALE RIFERITE AD UN PERIODO INTERMEDIO DELLA VITA DI UNIMPRESA. La struttura del reddito in un qualsiasi periodo intermedio (tn-1 tn ) differisce da quella riferita allarco di tempo to-t1 a ragione dei legami che il periodo ennesimo presenta con il passato;tali legami sono assenti nel reddito del primo periodo dellimpresa. Limpresa inizia in un qualsiasi periodo ennesimo con dei processi che sono in corso di svolgimento. I costi e i ricavi sostenuti e conseguiti anteriormente al tempo tn-1 relativi ai suddetti processi in corso , non sono stati considerati nella determinazione del reddito del precedente periodo e sono stati consegnati alla competenza del periodo ennesimo, oggeto di considerazione. La struttura del capitale al tempo tn non differisce da quella che abbiamo proposto per il capitale al tempo t1 se non per riferimenti temporali . Tuttavia osserviamo che: La perdita di valore dei fattori a fecondit ripetuta costituita dalla differenza tra il valore che essi avevano allinizio del periodo e quello con cui si rinviano al futuro. Il reddito del periodo ennesimo determinabile, con procedimento sintetico, come differenza tra il capitale di propriet al tempo tn e quello allinizio del periodo (tempo tn1) IL REDDITO DEL ENNESIMO PERIODO E DUNQUE COSTITUITO: Dai costi e dai ricavi provenienti dal passato Dai costi e dai ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo ennesimo Dai costi e dai ricavi da rinviare al futuro Dai costi e dalle perdite che si teme di dover subire in futuro in relazione ai rischi specifici gi in essere al tempo tn

Il CAPITALE LORDO DI FUNZIONAMENTO determinato dalla somma di : Dalle attivit finanziarie (denaro e crediti di ogni tipo) Dalle attivit economiche e cio dalle rimanenze attive di fattori a fecondit semplice, di fattori a fecondit ripetuta e di prodotti. IL CAPITALE DI PROPRIETA AL TEMPO tn e determinato dalla somma di : Dalle passivit finanziarie (obbligazioni verso terzi per debiti di ogni tipo e future uscite finanziarie presunte correlate a rischi specifici) Dalle passivit economiche (obbligazioni verso terzi per ricavi conseguiti anticipatamente , a fronte dei quali non sono state effettuate prestazioni da parte dellimpresa)

NB: la somma del capitale di propriet al tempo tn sar pari allaltezza del capitale di propriet al tempo tn-1 aumentata o diminuita del reddito assegnato al periodo . Il capitale di propriet alla fine di qualsiasi periodo ennesimo pu essere ulteriormente indagato in quanto di pu dividere in : CAPITALE CONFERITO: dallunico proprietario o da pi soci ( in una o pi soluzioni) la somma di tutti i conferimenti in denaro o in natura effettuati dalla propriet. CAPITALE CORRISPONDENTE AL RISPARMIO DIMPRESA: il capitale di origine interna nel senso che costituito dalla maggior ricchezza guadagnata dallimpresa a seguito della sua attivit di produzione , non ancora prelevata dagli aventi diritto.

IL CAPITALE DI RISPARMIO: si identifica negli utili non ancora distribuiti al tempo tn ; pu essere costituito per obbligo di legge o per volont autonoma dei soggetti di mantenere allinterno dellimpresa tutta o parte della maggior ricchezza generata dai ricavi , rinunciando a prelevarla. c) I VALORI DELLE OPERAZIONI IN CORSO (RIMANENZE) A FINE PERIODO 4.1.4.1 LO SPAZIO DEI VALORI RAGIONEVOLI Lipotesi che limpresa continui a funzionare dopo il tempo tn, implica che i valori delle operazioni in corso (beni disponibili per le produzioni future e obbligazioni da soddisfare) siano determinati tenendo conto di come potranno svolgersi le future vicende produttive. IL VALORE DELLE OBBLIGAZIONI DA SODDISFARE (PASSIVIT) rappresentato dalla quantit di risorse finanziarie che sar necessaria per estinguerle. IL VALORE DI TALI BENI IN RIMANENZA A FINE PERIODO (ATTIVIT) strettamente correlato alle possibilit di utilizzo degli stessi nelle future combinazioni produttive; il loro valore funzione dei ricavi futuri che chiuderanno le combinazioni produttive, consentendo o meno il recupero di tali investimenti. IL PREZZO DI PRESUMIBILE REALIZZO DIRETTO rappresentato da una QUOTAPARTE del prezzo che limpresa ritiene di poter realizzare vendendo direttamente il bene in rimanenza ; tale quota determinata in funzione del rapporto esistente fra il costo del bene in rimanenza ed il costo totale della combinazione produttiva alla quale il bene partecipa. IL PREZZO DI PRESUMIBILE REALIZZO INDIRETTO di un fattore produttivo corrisponde ad una QUOTA-PARTE del presunto prezzo di vendita del prodotto, realizzabile con il concorso di tale fattore; tale quota determinata in funzione del rapporto esistente tra il costo del bene in rimanenza ed il costo totale della combinazione produttiva alla quale il fattore chiamato a partecipare. Tutto ci valido in ipotesi di normale svolgimento dellattivit dellimpresa. I valori di presumibile realizzo diretto ed indiretto , come sopra determinati, rappresentano i valori massimi che possono essere assegnati alle attivit che costituiscono il capitale

Costo Valore di presumibile realizzo

Spazio dei valori ragionevoli lordo di funzionamento al tempo tn: EVENTUALI VALORI ASSEGNATI OLTRE TALI LIMITI RISULTEREBBERO NON RAGIONEVOLI.

OSSERVIAMO CHE:

Valore di presumibile realizzo (unico valore ragionevole) Costo

a) Quando i prezzi di presumibile realizzo dei beni in rimanenza si prospettano superiori al costo (di acquisto o di produzione) pu essere individuata una fascia di valori ragionevoli assegnabili a tali beni che si apre tra i valori di presumibile realizzo (limite superiore) e del costo (limite inferiore). (vedi grafico sotto)

b) Se costo e presumibile realizzo coincidono la fascia dei valori ragionevoli scompare: i prezzi futuri consentono il reintegro dei costi ma, generano nuova ricchezza. c) Se il presumibile valore di realizzo si annuncia inferiore al costo , non solo scompare la fascia dei valori ragionevoli , ma si evidenzia che lunico valore ragionevole il prezzo di presumibile realizzo, non potendosi accogliere valori ad esso superiori , in quanto irrealizzabili in prospettiva. (vedi grafico sotto)

4.1.2.3

IL PRINCIPIO DELLA PRUDENZA

Per assegnare il reddito al periodo necessario inserire nel processo valutativo LA LOGICA DEL PRINCIPIO DELLA PRUDENZA in virt della quale i valori da assegnare alle attivit sono definiti scegliendo I PIU BASSI TRA QUELLI RAGIONEVOLI in quanto hanno maggiore probabilit di essere recuperati se, come normalmente avviene , il prezzo di presunto realizzo superiore. (solitamente i valori pi bassi sono quelli di costo). 4.1.2.4 LE CONVENZIONI PER LA VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA E DELLE PASSIVITA

NB: a) Il reddito che si ritiene ragionevolmente conseguito nel periodo, espressione del grado di economicit con cui si svolta la gestione dellimpresa viene determinato come differenza tra quella parte dei costi e dei ricavi relativa ai processi che hanno avuto compimento nel periodo secondo i principi della realizzazione dei ricavi e dellinerenza dei costi. b) I valori dei processi in corso di svolgimento , da consegnare ai periodi futuri debbono essere assegnati secondo le seguenti convenzioni: Le attivit devono essere debbono essere valutate al costo di acquisizione o di produzione , ovvero al presumibile valore di realizzo diretto o indiretto per il tramite della combinazione produttiva o diretto per stralcio se inferiore al costo (CONVENZIONE DEL MINOR VALORE PER LE ATTIVITA O PER TALUNI , CONVENZIONE DEL COSTO) Le passivit debbono essere inscritte al valore per cui lobbligazione sorta (valore nominale) o al valore di presumibile estinzione , se superiore (CONVENZIONE DEL MAGGIOR VALORE PER LE PASSIVITA) necessario ,inoltre, anticipare a carico del periodo quote di costi futuri presunti , rivenienti dal probabile manifestarsi di rischi che gi gravano sulla gestione al tempo tn e sono nettamente individuabili (rischi specifici) c) Nel definire i valori da assegnare ai processi in corso di svolgimento al tempo tn , ogni riferimento ai prezzi di mercato dei beni a fine periodo , o allandamento di tali prezzi nel tempo , deve ritenersi di rilevante utilit nella misura in cui aiuta a comporre idonee conseguenze sui prezzi di presumibile realizzo o sui valori di presumibile estinzione. 4.1.3 ORIENTAMENTO PER LA CORRETTA ASSEGNAZIONE DEL REDDITO AL PERIODO : LOMOGENEITA DEI VALORI IN PERIODI DI INFLAZIONE.

Le grandezze espresse in moneta si dicono propriamente VALORI . In momenti di intensa inflazione , la determinazione del reddito di periodo pu presentare difficolt considerevoli. Costi e ricavi che vengono accostati per definire la misura del reddito , possono derivare da atti di scambio separati da un ampio intervallo temporale; se in tale intervallo lunit di misura moneta si largamente deteriorata , le relative grandezze di costo e ricavo hanno perduto lomogeneit sostanziale ed i risultati che dalla loro comparazione emergono sono formalmente corretti MA PRIVI DI SIGNIFICATO ECONOMICO(ILLUSIONE MONETARIA) evidente che al costo storico diventato inadeguato a confrontarsi con i ricavi correnti , deve sostituirsi il suo equivalente in termini di potere dacquisto corrente (COSTO STORICO RIVALUTATO) 4.2 IL VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE (O CAPITALE ECONOMICO)

dove: Ce R ,i n

capitale economico reddito medio di periodo (previsto) tasso di attualizzazione periodi di tempo

le 3 fondamentali grandezze per il calcolo del capitale economico: 1. IL REDDITO MEDIO PRESUNTO: legato ovviamente all possibilit di sopravvivenza dellimpresa nel tempo futuro ; alla capacit di mantenere nel tempo flussi di ricavi remuneratori nei confronti dei costi di produzione; il grado di idoneit delle strutture di cui gi limpresa dispone non circostanza di poco conto nel definire il flusso di reddito prospettico; la crescente variabilit ambientale rende lorizzonte sempre meno scrutabile. 2. IL TEMPO : da assumere come valido ai fini del calcolo pu essere DEFINITO o INDEFINITO; ai Tassi di capitalizzazione attualmente in vigore, infatti, la differenza tra il valore attuale di un flusso di redditi assunto a tempo indefinito ed il valore attuale di un flusso di redditi assunto per n anni tende a diventare trascurabile con valori di n relativamente bassi. Qualora si ritenesse indefinito il flusso di reddito, la formula di attualizzazione diventerebbe:

3. IL TASSO DI CAPITALIZZAZIONE: deve essere definito tenendo conto non solamente dei tassi di interesse dettati dallandamento del mercato dei capitali, ma anche dal grado di rischio a cui sottoposta lattivit dellimpresa. Pur con tutte le difficolt connesse IL VALORE ECONOMICO DEL CAPITALE RIMANE UN FORTISSIMO STRUMENTO CONCETTUALE IN ECONOMIA DIMPRESA. Esso infatti: Rappresenta il valore assegnabile al capitale di unimpresa in funzionamento, definito in base al flusso prospettico di reddito, secondo le attese del soggetto valutatore. espressione di tutte le condizioni e le potenzialit di produzione Costituisce un fondamentale punto di riferimento per orientare la formazione del prezzo di cessione di unimpresa in funzionamento . Quando una impresa in funzionamento diventa oggetto di negoziazione il SOGGETO VENDITORE e il SOGGETTO ACQUIRENTE , esprimono valutazioni circa il flusso futuro di redditi da prendere a riferimento per il calcolo del capitale economico che in tale flusso di redditi , costituisce il valore attuale.

IL VENDITORE: il capitale economico calcolato da questo , costituisce IL VALORE MINIMO, al quale disposto a cedere limpresa (anzi rappresenta il punto di INDIFFERENZA); il venditore infatti avrebbe convenienza a non cedere limpresa e a realizzare il flusso di reddito positivo il cui valore attuale superiore. LACQUIRENTE: il capitale calcolato da questo , costituisce IL VALORE MASSIMO al quale disposto ad acquistare limpresa funzionante. (prezzi superiori non potrebbero essere razionalmente pagati perch la parte di investimento eccedente il capitale economico non appare in prospettiva recuperabile dal flusso previsto di redditi futuri. Quando tra il MINIMO del venditore e il MASSIMO dellacquirente si apre uno spazio di valori intermedi il negozio diventa possibile e il prezzo di cessione si posizioner a favore delluno o dellaltro a seconda delle capacit contrattuali. 4.3 SUI RAPPORTI TRA DIFFERENTI CONFIGURAZIONI DEL CAPITALE DIMPRESA 4.3.1 IL CAPITALE DI FUNZIONAMENTO Il capitale di unimpresa in funzionamento pu essere valutato per conoscere il suo pieno valore economico (capitale economico), ma pi frequentemente viene determinato per assegnare ad un periodo ennesimo il reddito relativo ai processi produttivi che in esso hanno avuto compimento. Tale valutazione essendo definita secondo i principi di RAGIONEVOLEZZA e di PRUDENZA, conduce ad assegnare al capitale determinato VALORI INFERIORI a quelli del capitale economico che invece ATTUALIZZA TUTTI I REDDITI FUTURI. Infatti IL CAPITALE DI FUNZIONAMENTO determinato per assegnare a ciascun periodo una porzione del reddito che limpresa capace di generare nel tempo e precisamente quella riveniente dai soli processi produttivi nel periodo stesso Se il capitale di funzionamento , in assenza di prudenza , fosse determinato assegnado ai componenti attivi i valori di presumibile realizzo (normalmente superiori a quelli di costo ) : a) Verrebbero anticipati a vantaggio del periodo considerato gli utili potenzialmente realizzabili su tutti i processi in corso. b) Il valore del capitale netto tenderebbe ad avvicinarsi al valore economico del capitale c) I valori assegnati al capitale e al reddito del periodo sarebbero caratterizzati da un basso grado di attendibilit

4.3.2 IL CAPITALE DI LIQUIDAZIONE Il capitale di liquidazione il valore che pu essere assegnato al capitale di unimpresa nella fase di cessazione dellattivit per liquidazione dellattivo e del passivo. Si tratta di unimpresa il cui soggetto economico non vuole pi o non in condizione di svolgere la normale attivit produttiva e tenta di realizzare IL MASSIMO VOLUME DI

MEZZI MONETARI vendendo DIRETTAMENTE O SEPARATAMENTE i componenti attivi del capitale (dopo averli stralciati dalla combinazione produttiva) ed estinguendo eventuali debiti residui. La maggior parte dei fattori produttivi ha un elevato valore in funzione dellutilit economica che capace di generare partecipando al processo produttivo per il quale ogni fattore stato acquisito ; ove tale partecipazione per qualsivoglia motivo venga meno , i fattori produttivi (salvo casi particolari ) perdono una parte pi o meno ampia della suddetta utilit economica(e quindi del loro valore).

5.1 LE RELAZIONI TRA FATTORI PRODUTTIVI E PRODOTTI: RENDIMENTI E PRODUTTIVITA la PRODUTTIVITA in modo semplicistico il rapporto tra la quantit fisica del prodotto ottenuto e la quantit fisica di ogni fattore consumato per realizzare il prodotto. I fattori si rapportano lun laltro diversamente ad ogni ciclo produttivo a cui partecipano,

infatti si pu verificare in un successivo ciclo che il consumo fisico di alcuni fattori diminuito mentre sono aumentati in vario modo i consumi di altri fattori . Tutto ci comunque non implica che con laumento di consumi di altri fattori vi sia un aumento o decremento della produttivit complessiva dellintero processo. Con riferimento ad una fase od un intero processo produttivo, qualsivoglia confronto non pu essere fatto se non in termini economici, valorizzando i consumi dei fattori con la considerazione del prezzo degli stessi. Assume comunque estrema importanza la conoscenza della PRODUTTIVITA di un sistema produttivo nei confronti dei differenti fattori (RISORSE) impiegati per la realizzazione dei prodotti. PREZZI OMBRA (ui) = rappresentano il valore marginale di ciascuna delle risorse limitatamente disponibili.(Marginale nel vocabolario significa variazione di un fattore a causa di una piccola variazione di un altro fattore). Infatti un loro aumento quantitativo non comporterebbe nessun vantaggio economico essendo gi esuberanti rispetto al bisogno e per tanto inutilizzate. I differenti valori che assumono gli (ui) esprimono di fatto una scala di risorse disponibili alla cui sommit vengono poste le risorse pi desiderate e cio quelle che hanno un elevato valore marginale. Per ogni risorsa Ri possiamo assumere il rapporto tra prezzo ombra e prezzo di mercato come misuratore della produttivit del sistema nei confronti della risorsa Ri . 5.2 LA RIPARTIZIONE DEI COSTI E DEI RICAVI NEL TEMPO E NELLO SPAZIO: COSTI E RICAVI DI AREE PRODUTTIVE E DI PRODOTTI.

I costi ed i ricavi possono essere riferiti ad aree produttive e quindi a tutte le produzioni connesse a ciascuna di tali aree in una unit di tempo; ma possono anche riferirsi a singoli prodotti (beni o servizi, intermedi o finiti) ottenuti con il contributo di una o pi aree produttive. Per lindividuazione delle AREE PRODUTTIVE cui riferire in modo significativo costi e ricavi bisogna fare delle precisazioni: I CENTRI OPERATIVI sono spazi fisici rilevanti sotto il profilo tecnico-operativo, in quanto racchiudono attivit (talora anche complesse) che presentano uniformit e peculiarit tali da suggerire o richiedere una loro gestione congiunta. I CENTRI OPERATIVI sono certamente aree produttive in quanto derivano da una divisione spaziale dellattivit produttiva dellimpresa (concepita nellottica di risolvere problemi tecnici di produzione). I CENTRI DI COSTO (O DI PROFITTO) sono aree operative(CENTRI OPERATIVI)che si stimano rilevanti ai fini del controllo economico della produzione. Proprio in quanto strumenti organizzativi predisposti per il controllo economico della produzione e per la definizione di responsabilit, non possono essere vagamente costituiti e individuati; al contrario richiedono accurate specifiche volte a definire in modo rigoroso i confini, a descrivere la attivit che in ciascuno di essi vengono eseguite, ad individuare le risorse (fattori) necessarie per svolgere le suddette attivit. Le variabili tenute sotto controllo nei centri di costo possono identificarsi con la somma dei differenti fattori che si ritengono utilizzati (o utilizzabili, se la determinazione del costo riferita a produzioni che ancora non sono eseguite) per ottenere lOUTPUT del centro di

costo. L OUTPUT di un centro di costo pu essere costituito da beni o servizi, utilizzabili come fattori produttivi (input) a valle , oppure destinati alla vendita. I CENTRI DI COSTO possono essere differenziati a seconda che siano produttori di SERVIZI o di BENI INTERMEDI o BENI FINALI. LE VARIABILI TENUTE SOTTO CONTROLLO NEI CENTRI DI PROFITTO possono identificarsi nella differenza tra RICAVI e COSTI relativi alla produzione del CENTRO. Un CENTRO DI PROFITTO si identifica in ogni area di produzione che VENDE il suo OUTPUT o lo cede ad altri CENTRI DI PRODUZIONE o di VENDITA. I CENTRI DI PROFITTO si possono identificare solo con quei CENTRI PRODUTTORI che, dal punto di vista contabile, sono diventati CENTRI DI COSTO. Solamente in un CENTRO del quale si conoscano i COSTI potrebbe essere trasformato in un CENTRO DI PROFITTO mediante la considerazione dei prezzi di vendita o la definizione dei prezzi di trasferimento dei beni o servizi che escono dal centro e vanno ad altri reparti produttori o al servizio vendite. In tal senso un centro di profitto si pone come evoluzione di un centro di costo al fine di meglio responsabilizzare il dirigente e sviluppare il suo spirito di competizione. La chiave per un corretto funzionamento di un centro di profitto sta nella determinazione di un equo prezzo di trasferimento dei vari prodotti o servizi, tipicamente dai centri intermedi a quelli finali e successivamente a quelli di vendita. IL PREZZO INTERNO viene solitamente calcolato con riferimento al prezzo di mercato del prodotto oggetto di trasferimento o al suo costo totale maggiorato dellutile. Nel secondo caso, il calcolo del costo totale deve essere eseguito su base standard e non sul costo effettivo evitando cos di includere nel prezzo di trasferimento le eventuali inefficienze del centro cedente. Osserviamo che comunque venga determinato il prezzo di passaggio, questa concezione di centro di profitto TENDE AD ESALTARE LA VISIONE SETTORIALE DEI PROBLEMI, CREANDO TRA I VARI CENTRI COSTITUITI UN ANTAGONISMO CHE NON SEMPRE E UTILE PER CONSEGUIRE RISULTATI MIGLIORI A LIVELLO GLOBALE. La ricerca di un alto profitto pu portare ciascun centro a soluzioni che tenderebbero al massimo profitto immediato a prescindere di considerazioni a pi lungo periodo. Per questi motivi lo strumento dei CENTRI DI PROFITTO LEGATO AL PREZZO DI TRASFERIMENTO INTERNO, pur inserito in una pianificazione integrale appare abbastanza pericoloso; deve essere quindi, posto con grande cautela o essere reso operante solo in situazioni DI GRANDE MATURITA DEI DIRIGENTI E DI UN ELEVATO LIVELLO DI ORGANIZZAZIONE GENERALE. Un modo differente di intendere i centri di profitto deriva da quelle aziende che considerano UNITARIAMENTE LE AREE DI PRODUZIONE E DI DISTRIBUZIONE: i centri di profitto nascono dal collegamento tra le attivit di produzione e di vendita connesse ad ogni prodotto significativo, risultando evidente che qualsiasi mutamento delle vendite(tempi, condizioni, quantit, qualit...) rispetto al piano deve essere definito e discusso in accordo con le aree di produzione e viceversa. Ogni centro cos responsabile sia dei costi di produzione che dei ricavi di vendita ed il miglior risultato economico, per ogni centro nasce dal miglior coordinamento

delle aree interessate. Coloro che hanno il compito di gestire le risorse sono responsabili delle variazioni di profitto derivanti dallimpiego delle stesse in modo differente da quello previsto dalla soluzione ottimale. 5.3 COSTI E RICAVI DIRETTI E COMUNI. LE PRODUZIONI A COSTI CONGIUNTI.

COSTI DIRETTI = si definiscono costi diretti o specifici quando si riferiscono a fattori utilizzati esclusivamente in relazione alla produzione di un definito oggetto. COSTI COMUNI = di definiscono costi comuni quando si riferiscono a fattori utilizzati simultaneamente o in tempi successivi in relazione a pi oggetti di costo. LA PRODUZIONE A COSTI CONGIUNTI = nelle quali la rilevazione analitica dei costi segue e determina il costo della lavorazione fino al momento in cui da una fase del ciclo di produzione si ottiene congiuntamente una gamma di prodotti e sottoprodotti vendibili, differenti per quantit e qualit: in questo caso tutti i costi sostenuti sono comuni a tutti i prodotti ottenuti dalla lavorazione ed appare arbitrario ogni tentativo di ricercare ed applicare una distribuzione dei costi sui differenti prodotti: la determinazione del costo del prodotto pu incontrare ostacoli insuperabili nella natura del processo produttivo; Il problema si imposta in modo pi idoneo ponendo a confronto linsieme dei ricavi connessi alla gamma di prodotti ottenibili e vendibili con linsieme dei costi di produzione; utilizzando modelli matematici si riesce ad individuare la distribuzione ottimale delle risorse, comunque disponibili, tra i vari processi produttivi , in funzione del valore delle risorse stesse e del prezzo di collocamento dei prodotti ottenibili congiuntamente dai processi produttivi. Cos operando si riesce a mettere in relazione la struttura interna dimpresa con il variabile andamento dei mercati di acquisizione dei fattori e di collocamento dei prodotti, individuando , di volta in volta, le pi convenienti politiche di produzione e vendita anche nel caso di PRODUZIONI CONGIUNTE. 5.4 LE CONFIGURAZIONI DI COSTO DI AREE E PRODOTTI. UTILI E MARGINI LORDI DI CONTRIBUZIONE

Una configurazione di costo, riferita a un definito oggetto, pu essere vista come un addensamento di taluni elementi di costo sulloggetto medesimo. NB: elementi di costo si intende riferirsi a fattori produttivi che si ritengono utilizzati nello svolgimento delle attivit produttive al definito oggetto di costo. Con riferimento ad un oggetto possiamo avere molteplici configurazioni di costo a seconda che si vogliano considerare solamente i fattori produttivi utilizzati in modo specifico ed esclusivo per la produzione di quell oggetto, oppure si vogliano considerare i consumi di alcuni fattori che cedono la loro utilit economica anche per la produzione di altri oggetti, oppure al limite si vogliano considerare tutti i fattori comunque utilizzati. Il costo delloggetto pi significativo ed attendibile se determinato considerando solamente i consumi dei fattori produttivi che sono utilizzati in modo specifico per la produzione di quel solo oggetto (costi diretti) tralasciando ogni eventuale ripartizione di

costi comuni a pi oggetti. Le considerazioni svolte introducono una riflessione nella valutazione critica dei MARGINI DI CONTRIBUZIONE o UTILI LORDI/NETTI determinabili con riferimento ad aree produttive o prodotti. Con riferimento ad unarea produttiva (che in tal caso assumerebbe la funzione di CENTRO DI PROFITTO ) potrebbero determinarsi risultati pi o meno lordi a seconda di come si pongono le relazioni quantitative tra IL VOLUME DEI RICAVI , attribuibile allarea oggetto in un determinato arco di tempo, e IL VOLUME DI COSTI, relativo ad una determinata configurazione. Viene in tal modo delineato il CONTRIBUTO dellarea in questione al risultato economico complessivo dell impresa : TALE CONTRIBUTO PUO ESSERE DETERMINATO IN MODO PIU O MENO NETTO A SECONDA DEL LIVELLO DI COSTI CHE E STATO CONSIDERATO A FRONTE DEL VOLUME DEI RICAVI. Se i ricavi sono comparati con i soli costi diretti dellarea produttiva , IL MARGINE LORDO che ne deriva segnala la capacit di contribuzione dellarea alla copertura dei costi comuni non addebitati alle singole aree produttive. Se i ricavi sono comparati con una configurazione di costo complessivo e allarea produttiva sono stati addebitati i costi diretti ed anche quote di costi comuni(soggettivamente determinati) , la QUOTA DI UTILE(O PERDITA) NETTO che ne deriva segnala il contributo dellarea considerata alla produzione del risultato netto complessivo. 5.5 COSTANZA E VARIABILITA DEI COSTI 5.5.1 INQUADRAMENTO DEL PROBLEMA DELLA VARIABILITA DEI COSTI Precisazioni: Oggetto di indagine sono solamente quegli oneri relativi a fattori utilizzati, direttamente o indirettamente , per attivare e perpetuare linsieme dei processi produttivi. Lanalisi sulla costanza e variabilit dei costi viene finalizzata a supporto delle scelte strategiche dell'impresa. Tali scelte vengono normalmente effettuate in via preventiva ed investono principalmente la pianificazione di breve periodo. Da ci deriva che: I costi in questione vengono per lo pi calcolati prima del loro verificarsi. Tali stime preventive abbisognano di una rigorosa ripartizione spazio - temporale dei costi comuni tra i diversi oggetti(singoli prodotti e/o centri operativi). IN PRIMA APPROSSIMAZIONE POSSIAMO DIRE: A. FISSI= quei costi che ad una data unit di tempo, non variano al variare del volume produttivo. B. VARIABILI= quei costi che , invece, subiscono modifiche al variare del volume produttivo. Def: Ogni elemento di costo ha una sua legge di variabilit per scaglioni e che la consistenza complessiva del costo di produzione presenta un andamento differente punto

per punto, risentendo delle variabilit dei singoli elementi pur non coincidendo con nessun elemento di costo considerato. Da tutto ci ne consegue che ogni impresa per una corretta verifica dellandamento dei costi deve: a) Stabilire una produzione base; es. : la produzione media raggiunta nellanno. b) Definire il segno e lampiezza delle variazioni previste rispetto la produzione base nel periodo di tempo considerato. I costi variabili producono una corrente di servizi, la cui utilizzazione pu essere frazionata secondo le mutevoli esigenze produttive e che quindi si impiegano in quantit che variano al variare della produzione, i costi fissi sono caratterizzati da un flusso rigido di servizi. La rigidit dei costi fissi comporta quindi che essi, una volta sostenuti, non si prestino ad essere ridimensionati al calare del volume produttivo, ne consentono, spesso, un uso diverso rispetto agli scopi per i quali sono stati sopportati(per questo motivo vengono definiti IRREVERSIBILI dato che non consentono un loro trasferimento nel tempo e nello spazio) Accanto ai costi fissi e a quelli variabili vi sono costi che vengono definiti SEMIVARIABILI. C. SEMIVARIABILI= quei costi che presentano una natura composita(fissi+variabili): 1. costi caratterizzati da una parte fissa da sostenere e da una parte variabili che aumenta col crescere della produzione 2. costi che rimangono costanti sino ad un cero livello di produzione per poi accrescersi da quel livello in poi 3. costi caratterizzati da numerosissimi, continui scalini allinterno dellintervallo produttivo, nellambito della capacit produttiva esistente. 5.5.2 CRITERI DI DISTINZIONE TRA COSTI FISSI E VARIABILI Anzitutto non vi sono costi che presentano la caratteristica di essere completamente FISSI o VARIABILI: un costo costante o variabile a seconda del modo con cui il fattore produttivo pervenuto allimpresa: se lapprovvigionamento fatto di volta in volta, in armonia con il processo produttivo, il costo si presenta variabile;se invece esso effettuato in modo ad assicurare allimpresa una corrente di servizi la cui utilizzazione estremamente connessa con lo svolgimento del tempo in cui ha vita, il costo si presenta costante.

5.6 COSTI AZIENDALI E FUNZIONE DI PRODUZIONE 5.6.1 LANDAMENTO DEI COSTI VARIABILI Landamento dei costi pu essere : PROPORZIONALE PROGRESSIVO DEGRESSIVO REGRESSIVO

CV = c(Q) CV= lammontare del costo variabile considerato Q= la quantit prodotta c = il costo variabile unitario CON LIPOTESI DI c COSTANTE: PROPORZIONALE= in quanto varia sempre nella stessa proporzione al variare della quantit prodotta PROGRESSIVO= sono caratterizzati da un coefficiente angolare crescente(c che aumenta con laumentare della quantit prodotta), perci il loro andamento pi che proporzionale rispetto alla crescita del volume produttivo DEGRESSIVO= costi che crescono in modo meno che proporzionale rispetto allincremento del volume produttivo(coefficiente angolare decrescente) REGRESSIVO= costi che diminuiscono con laumentare della quantit prodotta In fine se analizziamo il costo complessivo dato dalla somma dalle 4 curve generate noteremo che in ogni punto la somma di tali ipotesi risulta il punto del costo complessivo. 5.7 LE RELAZIONI COSTI-VOLUMI-PREZZI 5.7.1 DIAGRAMMA DI REDDITIVITA : ANALISI DELLE PRINCIPALI GRANDEZZE Il DIAGRAMMA di redditivit un importante strumento volto a risolvere il non trascurabile problema della conoscenza del volume minimo di produzione-vendita in corrispondenza del quale i ricavi totali riescono a coprire i costi totali(PUNTO DI PAREGGIO detto anche BREAK EVEN POINT) Il diagramma di redditivit viene utilizzato per la costruzione di budget flessibili quale strumento di supporto alla pianificazione di breve periodo in quanto in grado di fornire, per qualsiasi volume di produzione o di vendita, il previsto volume reddituale. Prima di procedere con la realizzazione di un diagramma reddituale si devono assolutamente rispettare le seguenti regole: 1 Vi sia identit tra quantit prodotta e venduta senza alcun riguardo a problemi derivanti dalla variazione delle scorte e dalla loro valutazione. 2 Il prezzo unitario di vendita sia costante qualsiasi sia la quantit venduta 3 I costi variabili siano proporzionali(andamento rettilineo di tali costi) 4 La produzione sia assolutamente omogenea nel tempo e nello spazio 5 Si trascuri ogni riferimento allaspetto qualitativo della produzione(si ipotizza che il prodotto presenti identiche caratteristiche nel tempo considerato) 6 La capacit massima degli impianti sia individuata 7 I costi fissi rimangono assolutamente invariati 8 I valori di prezzo e di costo previsti assumano condizioni di certezza. 6.1 AUTOFINANZIAMENTO E CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (CCN) 6.1.1 LA DETERMINAZIONE DELLAUTOFINANZIAMENTO O CAPITALE DI ORIGINE INTERNA Reddito del periodo tn-1 tn Costi di competenza Ricavi di competenza

Consumi di ffs per realizzare la produzione venduta RICAVI Consumi ffr Perdite future presunte Costi futuri presunti Utile di periodo Nella sezione di SINISTRA troviamo sintetizzati: a) Costi dei fattori produttivi a fecondit semplice utilizzati per realizzare la produzione venduta nel periodo b) Gli ammortamenti (perdita di valore dei fattori produttivi a fecondit ripetuta) c) Le perdite ed i costi presunti futuri d) Lutile di periodo La voce a) composta da: costi dei ffs acquisiti nel perido+costi dei ffs e dei prodotti provenienti dal passato-costi dei ffs e dei prodotti rinviati al futuro. Nella sezione di DESTRA troviamo sintetizzati: a) I ricavi realizzati nel periodo a fronte della produzione venduta La voce a) composta da: ricavi finanziariamente conseguiti nel periodo+ricavi provenienti dal passato/ricavi rinviati al futuro.

Tutto ci ci consente di evidenziare che lAUTOFINANZIAMENTO in senso ampio corrisponde alla differenza tra le entrate correlate ai ricavi e le uscite connesse ai costi dei fattori produttivi afferenti alla produzione venduta nel periodo. Gli ammortamenti ed i costi presunti futuri rappresentano, invece costi calcolati cui non si associa alcuna uscita finanziaria ;le risorse finanziarie liberate dal conseguimento dei ricavi che nellesercizio realizzano lammortamento economico , rappresentano la rigenerazione del capitale precedentemente investito in fattori a fecondit ripetuta, che pu essere temporaneamente distolto (fino al rinnovamento di tali fattori) dalla destinazione originaria e diversamente utilizzato per finanziare altri investimenti. Tale discorso pu essere riferito anche ai ricavi perch tali risorse precedentemente investite in vario modo, una volta recuperate si rendono temporaneamente disponibili per usi differenti. I ricavi generano in oltre ex-novo risorse che restano a disposizione dellazienda per pi o meno tempo: La prima componente del capitale autogenerato soltanto temporanea; essa si lega al fatto che tali ricavi sono legati a costi presunti futuri per i quali durante il periodo non stata effettuata alcuna uscita finanziaria, quindi tali ricavi restano a disposizione dellazienda soltanto fino al verificarsi di tali eventi temuti. Anche una seconda porzione del capitale autogenerato rimarr per poco tempo a disposizione dellazienda in quanto fanno parte degli utili da ridistribuire agli azionisti. Le risorse finanziarie corrispondenti alla parte di utile da destinare a riserva rappresentano , invece , capitale autogenerato, deputato a permanere in azienda senza vincoli di tempo; la misura dellautofinanziamento di un periodo non necessariamente corrisponde allincremento di risorse monetarie a disposizione

Area autofinanziamento durevole

osti futuri presunti Capitale rigenerato Area autofinanziamento temporaneo

dellimpresa infatti la differenza tra RICAVI e CONSUMI DI FATTORI A FECONDITA SEMPLICE per la realizzazione della produzione venduta nel periodo di riferimento non una differenza tra flussi di entrate e uscite monetarie, infatti: a) Limporto dei ricavi non si traduce in corrispondenti entrate di denaro, cos gli importi dei costi non danno luogo a uscite di denaro e tutto questo grazie ai debiti e ai crediti di funzionamento che sostituisco temporaneamente il denaro. b) Occorre tener presente il trasferimento nel tempo di rimanenze di fatt. a fec. semplice e prodotti e dai ricavi anticipati.

Bisogna inoltre considerare che la parte monetaria dellautofinanziamento si ottiene come differenza tra ricavi e costi monetizzati nel periodo, la parte non monetizzata si ottiene per somma algebrica delle variazioni intervenute nella consistenza delle scorte e dei crediti e debiti di funzionamento(vedi schema sotto) Ricavi monetizzati (-) Costi monetizzati Flusso monetario di autofinanziamento di periodo Flusso complessivo di un autofinanziamento di periodo Flusso non monetario di autofinanziamento di periodo (+ + scorte crediti debiti) Reddito del periodo tn-1 tn Costi di competenza Ricavi di competenza Consumi di ffs per realizzare la produzione venduta Consumi ffr Perdite future presunte Costi futuri presunti Utile di periodo Utile destinato a dividendo Utile destinato a riserva

6.1.2 PROCEDIMENTO E METODI DI CALCOLO DELAUTOFINANZIAMENTO IN SENSO AMPIO Lautofinanziamento di periodo pu essere calcolato sia a livello reddituale che patrimoniale; in entrambe i casi si divide ulteriormente in modo diretto e indiretto.

REDDITTUALE DIRETTO: A = (V Cffs) A: autofinanziamento V: ricavi inerenti alla produzione venduta nel periodo Cffs: costi per realizzare la produzione venduta nel periodo REDDITTUALE INDIRETTO: A = (Rn + Amm + Cfp) Rn: reddito netto Amm: ammortamento dei fattori produttivi a fecondit ripetuta Cfp: perdite e costi futuri presunti Per quanto riguarda a livello PATRIMONIALE , il metodo DIRETTO richiede la comparazione delle variazioni degli investimenti, da un lato, e dei debiti e del capitale netto di origine negoziale, dallaltro; il metodo INDIRETTO richiede una cognizione di tutte le variazioni di POSTE di bilancio concernenti fonti di finanziamento non negoziate con lesterno.(tali POSTE sono rappresentate dalle PASSIVITA PRESUNTE, dai FONDI DI AMMORTAMENTO, e dall UTILE DI PERIODO. PATRIMONIALE DIRETTO: A = ( I ( Dt + Ne) + Utpp + Sa) I: variazione degli investimenti Dt: variazione dei debiti Ne: variazione di capitale netto di origine extra-gestionale: (riassume: aumenti di capitale di conferimento; rimborsi di capitale e dividendi assegnati ai soci Utpp: utilizzi di passivit presunte Sa: storni da fondi di ammortamento. PATRIMONIALE INDIRETTO: A = ( PP + PP: variazione delle passivit presunte FA: variazione dei fondi di ammortamento FA + Rn + UTpp + Sa)

6.1.3 LAUTOFINANZIAMENTO DESERCIZIO COME FLUSSO DI CAPITALE CIRCOLANTE DELLA GESTIONE CORRENTE L'autofinanziamento pu essere visto come un flusso di capitale circolante netto generato dalla gestione corrente. Nello schema sottostante vengono sintetizzati i rapporti tra le operazioni che caratterizzano la gestione corrente e le variazioni analitiche del CCN(capitale circolante netto) a) Ai ricavi della produzione venduta si associ un aumento del CCN(+denaro; +crediti di funzionamento) b) Ai fatt. produttivi a fecondit semplice acquisiti nel periodo si associ una diminuzione di CCN(-denaro; +debiti di funzionamento) c) Tra i fatt. a fecondit semplice prima di partecipare alla produzione vengono solitamente immagazzinati; da tale passaggio pu accadere durante la produzione alla quantit di tale bene che sia: 1. Uguale a quella acquistata:si ha una variazione delle scorte di materie prime e quindi sul CCN. 2. Inferiore a quella acquistata:si accumulano scorte di materie prime e quindi si assiste ad un aumento di CCN 3. Superiore a quella acquistata:si verifica una diminuzione di scorte di materie e di

Acquisti ffs.

Perdita di valore dei ffs. Magazzino materie Costi presunti futuri

conseguenza una diminuzione di CCN d) La perdita di valore dei fattori a fecondit ripetuta ed i costi presunti futuri, valori gi calcolati nel periodo, non generano variazioni di CCN.
produzione

(v.f. - )
(- CCN)

Magazzino PRODOTTI

aumento Diminuzione

(+CCN) (-CCN)

(v.f. +) (+CCN)

Aumento Diminuzione

(+CCN) (-CCN) CCN

6.1.4 ALCUNI EFFETI DELLAUTOFINANZIAMENTO IN SENSO AMPIO SULLECONOMIA DELLIMPRESA. Il capitale autogenerato va a migliorare la struttura e il grado di autonomia finanziaria

dellimpresa. Esso determina: a) Un aumento degli investimenti a parit di fonti finanziarie esterne (debiti e capitale netto di conferimento) b) Oppure una diminuzione del ricorso di fonti finanziarie esterne, a parit di investimenti c) Oppure un aumento (una diminuzione) degli investimenti pi(meno) che rispetto a quello (quella) delle fonti esterne di finanziamento. Tali miglioramenti saranno durevoli per la parte di utili da destinare a riserva;saranno temporanei per la parte di utili da destinare a dividendo e per le risorse finanziarie da destinare a costi futuri; Per quanto riguarda il CAPITALE RIGENERATO, rappresenta una trasformazione di attivo fisso (investimenti in strutture operative) in capitale circolante netto(investimenti volti a favorire lutilizzo della struttura). Laumento di capitale circolante netto pu assumere la forma di : 1. Aumento delle scorte di prodotti 2. Aumento delle scorte di materie prime 3. Aumento dei crediti correnti 4. Aumento delle disponibilit immediate 5. Aumento dei debiti correnti 6. Un mix tra le varie forme sopra citate A prescindere dalle variazioni della sua composizione, laumento di CCN dovrebbe comportare un aumento dellattivit operativa dellimpresa o comunque una sua minore dipendenza dallesterno. 6.2 DETERMINAZIONE DEI FLUSSI DI CASSA DELLA GESTIONE CORRENTE E DELLA GESTIONE COMPLESSIVA. Il FLUSSO DI CASSA della gestione corrente formato dalle ENTRATE e USCITE monetarie relative alle sole operazioni appartenenti a tale gestione. Per trasformare i ricavi in entrate monetarie sufficiente aggiungere agli stessi le esistenze iniziali di crediti correnti (verso la clientela e ratei attivi) e sottrarre limporto degli stessi alla fine del periodo. CREDITI INIZIALI: si trasformano in liquidit immediata a mano a mano che vengono a scadenza e vengono incassati. CREDITI FINALI: rappresentano la parte di ricavi conseguita durante lesercizio o la parte di crediti iniziali che si trasformer in liquidit solo nel prossimo o prossimi periodi amministrativi. NET CASH FLOW: (la misura del flusso di cassa generato dalla gestione corrente dellimpresa durante il periodo considerato) la differenza tra entrate e uscite determinate nei modi sopra indicati. FLUSSO DI CASSA COMPLESSIVO: bisogna considerare anche le entrate e le uscite monetarie rivenienti dalla gestione EXTRA-CORRENTE.