Il  Sole  24  Ore  –  Nova,  26  Febbraio  2012    

Le  filiere  sulla  Nuvola  

  Carlo  Alberto  Carnevale  Maffè         Tra  i  cirri  del  credit  crunch  e  i  cumulonembi  della  recessione,  c’è  una  nuvola  di   tecnologia   all’orizzonte,   gravida   di   novità   per   le   imprese   e   per   il   Paese:   è   il   mondo   dei   servizi   sul   cloud.   Le   piccole   e   medie   aziende   guardano   tuttora   le   innegabili  opportunità  del  cloud  con  un  certo  scetticismo,  per  il  timore  di  vedersi   sottratto   il   controllo   dei   propri   dati   o   di   non   poter   più   disporre   di   un   interlocutore  che  si  prenda  la  responsabilità  del  servizio.  Si  sbagliano.  Vediamo   perché,  in   tre   semplici   passaggi.   1)   Il  cloud  è  il  modo  più  sicuro  e  flessibile  per   gestire   l’ICT   nelle   piccole   e   medie   imprese.   Non   solo   fa   risparmiare,   ma   contribuisce   a   crescere.   2)   Il   mondo   delle   software   house   e   dei   systems   integrator   che   oggi   affianca   le   PMI,   lungi   dallo   scomparire,   vede   schiudersi   un   nuovo   mercato   di   integrazione   dei   processi,   oltre   il   presidio   dei   tradizionali   sistemi  IT  interni  all’azienda.  3)  Una  volta  sul  cloud,  le  PMI  vi  ritroveranno  anche   le   grandi   imprese   e   la   PA,   colmando   il   tradizionale   gap   infrastrutturale,   con   applicazioni  e  informazioni  alle  quali  oggi  non  hanno  accesso.     Dunque,  sopra  alle  nuvole,  il  sole?  Sì,  ma  a  certe  condizioni.     Per   prima   cosa   sgombriamo   il   campo   dalle   diffuse   ma   infondate   obiezioni   sulla   sicurezza   dei   dati.     Il   cloud   è   il   modo   più   affidabile   e   sicuro   per   conservare   e   rendere  disponibili  in  ogni  momento  dati  e  applicazioni  cruciali  per  le  imprese.   Le   statistiche   parlano   chiaro:   il   livello   di   ridondanza   architetturale   e   di   disponibilità   reale   che   offrono   i   servizi   cloud   professionali   sono   nettamente   superiori   a   quelli   accessibili   a   una   piccola   e   media   impresa   che   tiene   tutto   sul   proprio   server   nello   scantinato.   Basti   una   semplice   metafora:   le   banche   sono   il   cloud   dei   soldi.   Nessuna   azienda  pensa   che   sia   più   razionale  tenerli   nella   propria   cassaforte  e  rischiare  scassi  e  furti,  invece  di  depositarli  nei  forzieri  di  un  istituto   di  credito.   Oltre   alla   maggiore   affidabilità   l’altro   fattore   determinante   è   la   flessibilità   e   l’economicità   d’esercizio.   I   servizi   cloud   propongono   un   percorso   ineludibile   nell’evoluzione   dell’ICT   dal   ruolo   di   pura   infrastruttura   tecnologica   a   funzione   flessibile  di  servizio  nel  supportare  l’azienda  nei  repentini  cambiamenti    e  nelle   diverse   fasi   del   ciclo   economico.     Funzionano   con   un   modello   di   costi   su   base   flessibile,   consentendo   alle   piccole   e   medie   aziende   di   affrancarsi   dall’onere   di   investimenti  al  buio.  Se  a  questo  si  aggiungono  la  rapidità  di  implementazione  e   la  flessibilità,  non  è  difficile  comprendere  come  la  nuvola  meriti  il  serio  interesse   dei  responsabili  IT  e  degli  imprenditori  di  aziende  di  ogni  settore  e  dimensione,   che  vedono  in  questo  modello  una  valida  alternativa  per  trasformare  costi  fissi  in   più  maneggevoli  costi  variabili  d’esercizio.       Per   quanto   riguarda   l’offerta   dei   servizi   da   parte   dei   systems   integrator,   va   smentita   l’idea   che   il   cloud   ne   cancelli   il   ruolo.   Al   contrario,   nei   Paesi   dove   il   cloud   ha   già   preso   piede,   si   è   registrata   una   crescita   di   nuove   imprese  

dell’ecosistema   ICT.   Certamente,   alle   tradizionali   software   house   la   nuvola   richiede   un’evoluzione   dei   modelli   di   relazione   e   di   proposizione   nei   confronti   dei  propri  clienti,  nonché  un  importante  sforzo  di  educazione  relativo  agli  ambiti   di  applicazione  e  alle  modalità  di  valutazione  della  tecnologia  erogata  in  forma  di   servizio.   Invece   che  sui   tradizionali   sistemi   IT,   i   professionisti   che   affiancano   le   imprese  dovranno  focalizzarsi  sull’integrazione  di  processi  di  business  e  di  nuovi   devices,  aprendosi  al  grande  scenario  della  cosiddetta  “Internet  of  Things”,  dove   l’informatica  non  mette  più  in  rete  solo  posti  di  lavoro,  ma  ogni  elemento  fisico  di   un’organizzazione.     Ma  l’infrastruttura  che  serve  per  far  migrare  le  piccole  medie  imprese  sul  cloud   richiede  uno  sforzo  congiunto  degli  operatori,    della  Pubblica  amministrazione  e   di  tutto  il  Sistema  Paese.  In  altre  parole:  c’è  banda  e  banda.  Un  conto  è  la  banda   larga  per  le  famiglie,  e  un  altro  quella  per  le  imprese.  La  banda  che  serve  per  il   cloud  professionale  deve  essere  non  solo  larga,  ma  stabile,  garantita,  disponibile   e   sicura.   Il   cloud   a   cosiddetto   “best   effort”,   che   non   garantisce   alcun   livello   di   servizio,   va   bene   al   più   per   i   ragazzotti   garruli   e   per   le   start-­‐up   squattrinate.   Alle   PMI  serve  un  cloud  garantito  “end-­‐to-­‐end”  che  connetta  affidabilmente  i  luoghi  di   lavoro   ai   data   center.   Vale   ancora   l’esempio   della   banca:   se   le   affidate   i   gioielli   di   famiglia,  non  reagireste  bene  se  vi  rispondesse:  tornate  tra  qualche  giorno,  oggi   abbiamo  un  problema.     E  anche  le  istituzioni  devono  fare  la  loro  parte:  i  servizi  cloud  non  rappresentano   un’opportunità   solo   per   la   singola   impresa,   ma   per   l’intera   filiera   produttiva   e   per   i   rapporti   tra   imprese   e   PA,   rendendo   interoperabili   processi   ora   non   compatibili   e   frammentati,   scambiando   dati   aperti   –   gli   Open   Data   fortemente   voluti  dalle  direttive  europee  e  dall'Agenda  Digitale  adottata  dal  Governo.     Per   far   ripartire   il   motore   ingolfato   dell'economia   italiana   serve   dunque   aria   nuova,  d'alta  quota,  oltre  le  nebbie  della  crisi,  seguendo  i  venti  dell'innovazione.   L’imprenditore   che   vuole   crescere,   oggi,   ha   la   testa   sulla   Nuvola   e   i   piedi   ben   piantati  in  terra.        

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful