Cose che dimentico... per questo le scrivo!

“concludiamone dunque che il mondo sarebbe assai migliore se ciascuno si accontentasse di quello che dice, senza aspettarsi che gli rispondano, e soprattutto senza chiederlo né desiderarlo.” José Saramago

1

Questo blog è nato semplicemente perché è stato facile crearlo, sono bastate poche operazioni e il gioco era ormai fatto. Di molte cose della vita si potrebbe dire la stessa cosa, anche se dire che sono complicate fa sempre un bell'effetto. Il suo nome, cose che dimentico, non ha alcun riferimento alla mia prodigiosa memoria, fonte di continua ammirazione e stupore da parte dei miei amici. Se non ricordo male è dovuto al fatto che mentre lo realizzavo stavo ascoltando l'ultima canzone di Fabrizio De André, Cose che dimentico, appunto. In questo spazio virtuale riverso pensieri, considerazioni, versi sparsi, musica... arti varie di sopravvivenza, niente di più. Per la gran parte è roba scritta di recente e comunque vicina alla data di pubblicazione ma non sono escluse cose che si sono salvate dal falò del tempo e che risalgono anche a più di vent'anni fa. Dopo le 40 primavere è difficile pensare che scrivere possa servire a cambiare il mondo ma continua ad essere un ottimo esercizio di solitudine, un utile allenamento per dare forma al nulla. Antonio Caputo *** Qui ho raccolto tutti i post scritti fino al 14 marzo 2012. Ci sono i post e i relativi commenti ricevuti, ho dovuto rinunciare ai video che ho incorporato nel blog ma non si può avere tutto. Era mia intenzione eliminare i commenti che si limitano al “concordo”, “mi piace” e non forniscono un contributo alla discussione. Alcuni commenti sono stati eliminati, poi mi sono stancato di fare la selezione e ho lasciato quello che c’era.

2

INDICE
SOCIETÀ E ANTISOCIETÀ, POLITICA E POLEMICHE 12

Maggio romano..........................................................................................................................13 Che brutto tempo che fa.............................................................................................................14 Lettere corrisposte......................................................................................................................14 Indebite pressioni........................................................................................................................20 Lettere non corrisposte...............................................................................................................20 Analfabetismo emotivo..............................................................................................................21 Voci lontane ...............................................................................................................................21 Altri antidoti...............................................................................................................................22 Beata ingenuità ..........................................................................................................................23 Quiz a premi dal futuro...............................................................................................................25 Basta bontà.................................................................................................................................28 Se tutti facessimo un po' di silenzio...........................................................................................29 La colomba e il rospo.................................................................................................................30 Sciacallaggio d'urgenza e scontro istituzionale..........................................................................30 Post-moderno italiano.................................................................................................................31 Onestà nipponica........................................................................................................................32 Conti della serva ingenua...........................................................................................................33 I tempi delle crisi........................................................................................................................33 Impariamo a dire sì.....................................................................................................................35 Diritto di voto.............................................................................................................................36 Appello fuorviante......................................................................................................................36 Parcheggio perfetto, forse...........................................................................................................39 Vero all'alba................................................................................................................................40 Par(s) condicio............................................................................................................................41 Pesce d'aprile..............................................................................................................................41 Gare di solidarietà.......................................................................................................................42 Per Vauro....................................................................................................................................43 Problemi di cubatura...................................................................................................................44 Tutto a posto, la crisi è finita!.....................................................................................................44 Il re sobrio e l’etica del boudoir.................................................................................................44 E' tempo di bilanci......................................................................................................................45 Il mio papi è più ricco del tuo!...................................................................................................46 Perdóno per Paletta!...................................................................................................................46 Nuove tecnologie, vecchia maleducazione.................................................................................47 Pubblico e privato.......................................................................................................................47 La luna c'è ancora ......................................................................................................................48 Chi troppo vuole.........................................................................................................................49 Il gioco della lippa......................................................................................................................49 La questione morale...................................................................................................................50 Al sire vincitor............................................................................................................................53 I drammi facili facili...................................................................................................................53 Tregua o resa?.............................................................................................................................55 Ultime dall'ex mattatoio.............................................................................................................56 Oggi inizia il G7.........................................................................................................................57 Il G7 (sette) è finito....................................................................................................................57 3

Il primato del futuro!..................................................................................................................57 Il liberismo riformato.................................................................................................................58 Le ragioni del silenzio................................................................................................................59 I nuovi emigranti........................................................................................................................60 Nèmesis......................................................................................................................................60 Fieri di essere italiani?................................................................................................................61 Italiani brava gente.....................................................................................................................62 Settimane estive..........................................................................................................................62 Zitti tutti......................................................................................................................................64 L'ottavo vizio..............................................................................................................................64 Ammortizzatori...........................................................................................................................65 Destra e sinistra..........................................................................................................................65 Il citaredo....................................................................................................................................66 Sinistra moderata........................................................................................................................66 Ci sono morti e morti..................................................................................................................67 Trova le differenze.....................................................................................................................67 La genesi.....................................................................................................................................67 Complotti nelle fattorie...............................................................................................................68 Funeste previsioni.......................................................................................................................68 Attenuanti e aggravanti...............................................................................................................69 Letteratura alternativa.................................................................................................................69 Stravaganze.................................................................................................................................69 Le radici europee!?.....................................................................................................................70 Proposta per la parete perfetta....................................................................................................70 Delirio di numeri e vite a scadenza............................................................................................71 Il governo non sta studiando.......................................................................................................73 Esperti di umanità?.....................................................................................................................74 What a wonderful world!............................................................................................................74 Le radici storiche........................................................................................................................74 Le statistiche dei polli.................................................................................................................74 Appelli al vento..........................................................................................................................75 Interrogazioni e domande...........................................................................................................75 Un anello mancante al CNR.......................................................................................................76 L'undicesima domanda...............................................................................................................76 Te piace o' presepe?....................................................................................................................76 Il clima........................................................................................................................................77 Dodici mesi.................................................................................................................................78 Interpretazioni.............................................................................................................................78 Certi diritti..................................................................................................................................79 Giustizia terrena secondo Giuseppe e Giovanni.........................................................................80 Forme di tarantismo....................................................................................................................81 Prima che il gallo canti...............................................................................................................82 Ricorrenze e revisioni.................................................................................................................82 Bieco laicismo su fb...................................................................................................................83 Scoppio ritardato........................................................................................................................86 Il colpo di scena..........................................................................................................................88 Lezioni di morale........................................................................................................................90 Le riforme lubrificate.................................................................................................................90 Educazione civica (riformata)....................................................................................................92 Domande ingenue.......................................................................................................................93 La folgorazione di Tremonti.......................................................................................................93 4

Il paese della fiesta.....................................................................................................................94 Notizie quasi vere.......................................................................................................................95 Potessimo essere soli..................................................................................................................96 Lettera morta..............................................................................................................................96 Lei è un cretino, s'informi!.........................................................................................................97 Politica odierna...........................................................................................................................98 Il fondo della vergogna...............................................................................................................99 Invito allo studio.........................................................................................................................99 Insospettabili somiglianze..........................................................................................................99 Rettifiche preventive................................................................................................................100 Benvenuto.................................................................................................................................100 Gloria patria..............................................................................................................................101 Del progresso tecnologico e del lavoro....................................................................................101 Italia e nuvole...........................................................................................................................101 Pastorizia moderna...................................................................................................................101 Proteste a tema!........................................................................................................................102 Sicurezza sulle mulattiere.........................................................................................................102 Della perspicacia......................................................................................................................104 Impegni istituzionali.................................................................................................................104 Traffico sulle provinciali..........................................................................................................104 Fanatismo nostrano...................................................................................................................106 La voce interiore.......................................................................................................................107 Lezioni di etica positiva............................................................................................................107 Scoop........................................................................................................................................108 Problemino di idraulica............................................................................................................109 Contestualizzazioni a intermittenza..........................................................................................110 Non solo questioni di etichetta.................................................................................................111 Déjà vu......................................................................................................................................112 Campagne per informare..........................................................................................................113 Domande sospese.....................................................................................................................113 Principio di legalità...................................................................................................................114 Conversazioni di oggi...............................................................................................................115 La ferrea logica del dott. Marchionne......................................................................................116 Ancora sulla patata...................................................................................................................117 La legge e il paese....................................................................................................................118 Fuori tempo..............................................................................................................................119 Assuefazione.............................................................................................................................120 Anastrofe..................................................................................................................................121 Vertigine della lista...................................................................................................................121 Vecchi sassolini........................................................................................................................127 Crono, oggi...............................................................................................................................127 Voi cosa pensereste?.................................................................................................................128 Proteste in differita...................................................................................................................130 Infamie (de)contestuali.............................................................................................................130 Morti di fama............................................................................................................................130 Materie scivolose......................................................................................................................131 Con tutte quelle bollicine!........................................................................................................132 La scienza nuovissima..............................................................................................................132 Breaking news..........................................................................................................................133 Dacci oggi il nostro orrore quotidiano......................................................................................134 Dagli atenei...............................................................................................................................135 5

L'avvisata di Machiavelli..........................................................................................................136 Strategie museali......................................................................................................................138 Il grande comunicatore.............................................................................................................139 Visti dagli altri..........................................................................................................................140 Pensiero....................................................................................................................................142 Il pensiero preventivo...............................................................................................................142 Il gesto verbale.........................................................................................................................143 L'antifascismo oggi!.................................................................................................................143 Post...........................................................................................................................................145 La tombola degli orrori.............................................................................................................145 Virtù in saldo............................................................................................................................146 Incapace allo sbaraglio!............................................................................................................147 Due pesi due misure.................................................................................................................147 Recondita armonia!..................................................................................................................148 Do not despair of Italy!.............................................................................................................149 Alla buon'ora!...........................................................................................................................151 Restore dignity to Italy / Restituisci dignità all'Italia...............................................................153 150° dell'Unità d'Italia..............................................................................................................155 Bordello Italia...........................................................................................................................156 Era il 1981................................................................................................................................157 L'utile idiota!............................................................................................................................159 Momenti solenni.......................................................................................................................160 La sovranità secondo Frattini...................................................................................................161 Eccellenti promoter..................................................................................................................163 Sottoscrivo!...............................................................................................................................163 Quando i luoghi sono simboli...................................................................................................164 Cause scatenanti.......................................................................................................................165 Casi umani................................................................................................................................166 La normalità della guerra..........................................................................................................169 Post scriptum............................................................................................................................171 Diario di una massaia di campagna..........................................................................................171 Tesi storiche..............................................................................................................................172 Uno spettro si aggira per l'Europa............................................................................................175 Discussioni parlamentari..........................................................................................................177 Rivelazioni................................................................................................................................177 La banalità del bene..................................................................................................................177 Vecchi appunti..........................................................................................................................178 Piccola scommessa...................................................................................................................181 Valori non negoziabili..............................................................................................................181 Che affronto!............................................................................................................................182 I costi del nucleare....................................................................................................................182 Chiuso per festeggiamenti........................................................................................................184 Avanti tutta!..............................................................................................................................184 Si vota sul nucleare...................................................................................................................185 Minaccia cetriola......................................................................................................................185 Le leggi son..............................................................................................................................186 Musica per il referendum..........................................................................................................187 Riflessioni non richieste...........................................................................................................187 Giorno da ricordare...................................................................................................................190 La mosca cocchiera..................................................................................................................192 Esclusiva...................................................................................................................................192 6

Innovazioni...............................................................................................................................193 State attenti...............................................................................................................................193 Evoluzioni estive......................................................................................................................194 Censure/Cesure.........................................................................................................................195 Pregiudizi..................................................................................................................................196 La libertà per la morte..............................................................................................................196 Giustizia o rivalsa.....................................................................................................................198 Cari fratelli dall'Africa..............................................................................................................199 I nuovi miserabili......................................................................................................................201 Ma gira davvero questa patonza?.............................................................................................201 Il monito!..................................................................................................................................202 Senza parole..............................................................................................................................202 Prontezza di riflessi..................................................................................................................203 A volte ritornano!.....................................................................................................................203 Un paese normale.....................................................................................................................203 La roadmap...............................................................................................................................204 Sequel.......................................................................................................................................205 Gli indignati e gli indegni.........................................................................................................206 Il corso della giustizia...............................................................................................................208 Domande oziose.......................................................................................................................209 Pensiero in pensione!................................................................................................................212 Piaghe e calamità......................................................................................................................215 Generoso Burlesque..................................................................................................................218 Du is megl' che uan?.................................................................................................................219 Il lusso di Umberto D...............................................................................................................220 La storia di oggi........................................................................................................................222 Brevi note a margine................................................................................................................223 Altre note..................................................................................................................................225 Lacerazioni...............................................................................................................................231 Costanti universali....................................................................................................................231 Pensieri...altrui..........................................................................................................................231 Annotazioni..............................................................................................................................232 Rovesci.....................................................................................................................................234 Il diario ai tempi della rete........................................................................................................235 Antropologia dei botti...............................................................................................................237 Polemiche e invettive...............................................................................................................238 Momenti magici........................................................................................................................246 Il fine umorista.........................................................................................................................246 Il pesce nella bolla....................................................................................................................247 Facili profezie!..........................................................................................................................248 Consumo etico..........................................................................................................................248 La forza delle argomentazioni .................................................................................................249 Errori di comunicazione ..........................................................................................................251 Neve bianca e Cigno nero.........................................................................................................251 Appello per il manifesto...........................................................................................................252 Ho solo una tacca......................................................................................................................253 Risparmi...................................................................................................................................254 Dialoghi....................................................................................................................................255 Erano su Saturno oppure..........................................................................................................255 A man had a dream...................................................................................................................256 Un popolo di biscazzieri...........................................................................................................256 7

Sulla TAV sarò breve...............................................................................................................258 Don't go there...........................................................................................................................259 A scuola?!.................................................................................................................................260 Quando mancano gli argomenti................................................................................................260 La pubblicità dice tutto!............................................................................................................261

INCURSIONI NON AUTORIZZATE IN MATERIE DELICATE

265

Relazioni pericolose!................................................................................................................266 Effetto senza causa...................................................................................................................267 Origine degli angeli..................................................................................................................268 Un (in)certo individuo..............................................................................................................269 La bellezza salverà il mondo?..................................................................................................271 Governo degli uomini o governo delle leggi?..........................................................................272 Individuo a venire e società possibile.......................................................................................273 L'ultima libertà..........................................................................................................................285 Questioni di scala.....................................................................................................................285 Razionalità dell'homo oeconomicus.........................................................................................287 Il regno di Cupido e di Dioniso................................................................................................287 Sacro e profano.........................................................................................................................290 Quanti regni ci ignorano!..........................................................................................................292 Le parole sono pietre ...............................................................................................................296 Dialettica della scienza.............................................................................................................297 Solo una passeggiata.................................................................................................................298 ...ma di tutte più grande è la carità! .........................................................................................299 La rete e la catena.....................................................................................................................301 La banalità del male..................................................................................................................305 Consigli di lettura.....................................................................................................................309 Pensierino forte.........................................................................................................................310 Un democratico in allarme.......................................................................................................311 Strani tempi..............................................................................................................................312 Della complessità e di altre sciocchezze...................................................................................312 La lampadina fulminata............................................................................................................317 La misura viene da sola............................................................................................................318 Il di cui del barista....................................................................................................................320 La ciabatta intelligente.............................................................................................................320 Delle cose inutili ......................................................................................................................321 Interpretazioni...........................................................................................................................322 La sostanza dei cretini..............................................................................................................323 La psichiatria potrebbe spiegare...............................................................................................325 Perseo e Medusa.......................................................................................................................326 Secol superbo e sciocco............................................................................................................329 Appunti sparsi a destra e sinistra..............................................................................................330 Paradossi?.................................................................................................................................331 Analogie e convergenze...........................................................................................................332 Complesso o complicato?.........................................................................................................334 Riforme e depistaggi.................................................................................................................335 Il majority stress.......................................................................................................................336 La lingua stuprata.....................................................................................................................338 Rapporti malsani.......................................................................................................................338 Del successo del capitalismo!...................................................................................................340 8

Forse solo il silenzio esiste davvero.........................................................................................342 Memento, quasi una confessione..............................................................................................344 Se questa è razionalità..............................................................................................................350 I co-spiratori.............................................................................................................................352 Riflessione tardiva....................................................................................................................353 La metafisica della solitudine...................................................................................................354 Singolari convergenze..............................................................................................................355 La patata dematerializzata........................................................................................................357 Appunti di psicologia cognitiva................................................................................................359 Sì, viaggiare!.............................................................................................................................359 Del senso ultimo.......................................................................................................................361 Dell'amore universale...............................................................................................................362 C’è vita a sinistra......................................................................................................................364 Il gioco delle possibilità incompiute.........................................................................................367 Altro che distrazione!...............................................................................................................368 Altri frammenti.........................................................................................................................370 Vecchie note blasfeme..............................................................................................................370 Strani termometri e inquietanti analogie..................................................................................373 Virtù negate!.............................................................................................................................377 Stendhal vs Thoureau...............................................................................................................378 I tecnici e la tecnica..................................................................................................................383 L'oggettivazione della tecnica..................................................................................................385 L’etica del Cigno nero..............................................................................................................388

MEMORIE E PROMEMORIE

397

Perdono e memoria...................................................................................................................398 Memoria salvifica.....................................................................................................................398 Complimenti in rima.................................................................................................................398 Ricetta rapida............................................................................................................................399 Stanza d'albergo........................................................................................................................400 Fosse ardeatine.........................................................................................................................400 Bolle d'aria e terra che trema....................................................................................................401 Guarda bene..............................................................................................................................403 La forza mite.............................................................................................................................403 Presbiopia del passato e miopia del presente............................................................................404 Il mezzo secolo brevissimo in Italia.........................................................................................405 Quel ragazzo è sempre lì..........................................................................................................405 Increspature nel nulla ovvero il buon caffè..............................................................................406 I benefici della crisi..................................................................................................................406 poi esce di scena, con passo lieve.............................................................................................407 Il tempo a volte si ferma...........................................................................................................408 ...e cammina cammina..............................................................................................................408 Bona vacanza............................................................................................................................409 la domenica...............................................................................................................................413 Ground zero..............................................................................................................................414 Il complotto..............................................................................................................................415 Funeste previsioni.....................................................................................................................415 Memoria e progetto..................................................................................................................416 Il lungo riposo...........................................................................................................................417 Vent'anni dopo..........................................................................................................................417 9

Straziante meravigliosa bellezza..............................................................................................418 Indovinello triste.......................................................................................................................420 Le mattonelle di casa mia.........................................................................................................421 Assonanze mediterranee...........................................................................................................422 Sala d’attesa..............................................................................................................................422 Ci sarà allegria anche in agonia................................................................................................423 Oggi il mondo è peggiorato......................................................................................................423 Quando i giganti si addormentano............................................................................................424 Arrivederci e addii....................................................................................................................425 Notti estive................................................................................................................................426 Mestieri.....................................................................................................................................426 Assolo per coro.........................................................................................................................427 Requiem....................................................................................................................................428 I mendicanti del pensiero..........................................................................................................428 La città e la memoria................................................................................................................430 Il villaggio e la memoria...........................................................................................................431 Dal barbiere..............................................................................................................................433 Ciao Maestro............................................................................................................................434 Altre domande?........................................................................................................................434 Col resto di due!.......................................................................................................................434 Ordine sulla scrivania...............................................................................................................435 Nelle mani................................................................................................................................436 La memoria del futuro..............................................................................................................437 I negazionismi..........................................................................................................................439 All'improvviso..........................................................................................................................439 Il grande esodo.........................................................................................................................440 Di chi è questo post?.................................................................................................................445 Storie in cerca d'autore.............................................................................................................447 Allegro con moderazione.........................................................................................................449 Ora e sempre Resistenza...........................................................................................................450 Deboli e isolate.........................................................................................................................451 Frammenti di un altro aprile.....................................................................................................452 La potatura degli ulivi..............................................................................................................454 Del tempo e altre fole...............................................................................................................455 Divertissement..........................................................................................................................457 Eva oggi....................................................................................................................................460 Vertiginosa lista........................................................................................................................461 Dannata memoria......................................................................................................................470 Danza ai bordi del mondo.........................................................................................................471 Istantanee di fine millennio......................................................................................................472 Teneramente malato di ricordi..................................................................................................484 silenzio......................................................................................................................................486 C'era solo una stonatura............................................................................................................487 Cos'è la vita...............................................................................................................................488 Giostre e carillon .....................................................................................................................489 arrivare in salute al gran finale.................................................................................................490

POESIA E ALTRO

491

Il viaggio definitivo..................................................................................................................492 La turpe voglia..........................................................................................................................492 10

Non gridate più.........................................................................................................................492 La musica di Dio......................................................................................................................493 coi ginocchi piagati...................................................................................................................493 Scorrazzare nel cortile..............................................................................................................494 A coloro che verranno..............................................................................................................495 Dissonanze................................................................................................................................496 Fogli di poesia..........................................................................................................................496 Passa la gente, passano a milioni..............................................................................................499 Occulti segreti...........................................................................................................................500 Regalo per me...........................................................................................................................502 Sediziose voci...........................................................................................................................502 Madamina, il catalogo è questo!...............................................................................................504 Non sentite l'odore del fumo?...................................................................................................504 Elogio del nostro tempo............................................................................................................508 Finis terrae................................................................................................................................509 Parole di donna.........................................................................................................................510 Grande come la terra................................................................................................................512 Assenza, più acuta presenza.....................................................................................................512 La tovaglia................................................................................................................................513 Ritratti.......................................................................................................................................516 Voci..........................................................................................................................................517 Per uno scoiattolo volante........................................................................................................518 Ti ho chiamato per nome..........................................................................................................520 Frammenti.................................................................................................................................521 Lega e PdL siete la vergogna d'Italia........................................................................................526 Il sarto di Ulm...........................................................................................................................529 Cortesia chiamo........................................................................................................................529 Domande di un contadino che non legge.................................................................................531 Due poesie a caso ....................................................................................................................532 Nell'era di velocità impetuose..................................................................................................534

11

Società e antisocietà, politica e polemiche

12

GIOVEDÌ 22 GENNAIO 2009

Maggio romano
4 maggio 2007 Spett.le Osservatore Romano, Mi permetto di inviare poche righe quale contributo per una serena riflessione, aiutata forse dalla distanza dall’articolo da voi pubblicato il 3 maggio in seguito ad alcune frasi pronunciate al concerto del 1° maggio a Piazza San Giovanni in occasione della Festa del Lavoro. Terrorismo – 1. Il Governo del Terrore in Francia; estens., ogni metodo di governo fondato sul terrore. 2. Lotta politica, basata su violenze indiscriminate e destabilizzanti (uccisioni, sabotaggi, attentati dinamitardi, ecc.) impiegato da gruppi clandestini rivoluzionari…, atteggiamento intimidatorio basato su pressioni psicologiche ■ Norma di comportamento imposta coi modi dell’intimidazione e del ricatto. Der. di terrore Terrore – 1. Senso intenso e sconvolgente di paura o di sgomento; 2. Persona o cosa che incute terrore; 3. Metodo crudele di esercitare l’autorità ■ Dal lat. terror-oris, der. di terrēre ‘atterrire’. Questi i significati dei termini terrorismo e terrore secondo il Dizionario della Lingua Italiana di Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli (Ed. 2004-2005). Data la presenza dell’elemento coercitivo e intimidatorio nel significato dei termini terrorismo e terrore mi pare decisamente imprudente (se non irresponsabile) da parte dell’Osservatore Romano considerare terrorismo le parole da un presentatore in occasione del concerto di Piazza San Giovanni. Certamente la lingua Italiana è così ricca di sfumature che è possibile concepire contesti in cui i termini possono essere utilizzati in senso lato e allora non è assurdo pensare a locuzioni come “terrorismo verbale” usate con troppa leggerezza quando non implicano l’elemento intimidatorio, in ogni caso la smisurata disponibilità di strumenti verbali non autorizza persone dotate di buon senso ad allontanarsi troppo dalla radice dei significati, pena la perdita delle origini semantiche ma, ancor più grave, delle strutture psicologiche che i termini evocano in chi ne fa uso. Appare persino banale dire che terrorismo evoca tragedie irrisolvibili, vite spezzate e dolori insanabili mentre le affermazioni del giovane presentatore apparivano come espressioni di una opinione che niente hanno di terroristico per quanto tale opinione possa non essere condivisa; le modalità di espressione, il contesto giocoso in cui quelle frasi sono state pronunciate non possono seriamente far pensare a nulla di terroristico salvo facendo violenza alle parole pronunciate ed al loro contesto (chiedo venia dell’inevitabile rovesciamento della situazione). Certamente in alcuni contesti le parole possono suscitare paura per le conseguenze che possono determinare ma l’opinione espressa a Piazza San Giovanni dal giovane presentatore, e mi riferisco in particolare al cosiddetto caso Welby, più che suscitare odio nei confronti della Chiesa, qualora considerate con sufficiente serenità, sommuovono le coscienze, fanno pensare a quel messaggio originario di amore universale di cui la Chiesa dovrebbe farsi carico e sentirne il peso e l’impegno. E’ desolante da parte mia considerare credibile l’ipotesi, che la reazione dell’Osservatore Romano al presentatore del concerto del 1° maggio, reazione che non è certamente isolata, possa essere il frutto di un atteggiamento di disagio più che paura, uno stato d’ansia che nasce dall’effettiva incapacità da parte delle alte gerarchie ecclesiastiche di assolvere al proprio impegno, ovvero predicare quel messaggio di amore universale tra gli uomini, ritenuto forse secondario rispetto ad aspetti puramente teologici e dottrinali. I motivi di tale disagio sono complessi e molteplici e possono essere brutalmente sintetizzati invocando vari demoni: modernizzazione, primato di una razionalità puramente strumentale, riduzione dell’uomo a strumento sostituibile dell’apparato tecnico-economico e quant’altro attanaglia la nostra epoca in una morsa mortale. E’ comprensibile che non sentirsi all’altezza del proprio impegno genera frustrazione, rancore e a volte sentimenti di rabbia, ma è incomprensibile che non ci si accorga che tali sentimenti proclamano proprio la sconfitta di quell’impegno, intendo la sconfitta dell’impegno a predicare i valori di amore e fratellanza non la sconfitta dei valori, di cui per fortuna non si hanno depositari di nessuna ufficialità che non siano gli uomini e le donne nel loro diffuso e quotidiano vivere, pur “nella loro semplicità e nel loro disordine innato”. Mi rendo conto che tale disagio è estremamente arduo da risolvere e spero che abbiate l’umiltà di voler affrontare la fatica, di voler considerare quanto l’atteggiamento di rifiuto delle opinioni altrui sia immensamente distante dall’ama il prossimo tuo. Da parte mia vi auguro tutta la lucidità possibile per poter superare l’impresa. Sinceri saluti. Roma, 04/05/2007 Antonio Caputo

13

GIOVEDÌ 22 GENNAIO 2009

Che brutto tempo che fa
(14 maggio 2008) In odore di categorie scadute potremmo dire che non hanno perso il pelo e neanche il vizio ma se una strategia si dimostra vincente perchè condivisa allora salutiamo con favore la nuova terza repubblica, la prima si è impantanata nell'immoralità (o nel protagonismo dei giudici?), la seconda nelle prove generali di rimescolamento, la terza perdurerà nello stato di massima entropia assicurata dal nuovo principio dell'omogeneità bipolare. In questa neonata repubblica il dialogo sarà un monologo sostenuto da due o più (contro)parti con qualche marginale e inevitabile guastafeste, l'auspicata buona educazione sarà ottenuta con una accurata rimozione terapeutica dei criteri fondanti il discorso, goodbye Habermas. Più del contenuto conterà il contenitore, non dovremmo più preoccuparci di secolari dilemmi che hanno attanagliato il pensiero politico e filosofico, il vero e il falso saranno retaggi passati che scorderemo come è accaduto per quei lontani concetti della responsabilità penale e morale, qualcuno li ricorda ancora? La mia memoria è sempre stata un po’ difettosa e devo confessare che li vedo già piuttosto vaghi. Diciamoci la verità (questa frase è chiaramente un ossimoro) erano concetti piuttosto impegnativi e se non ne siamo stati all'altezza allora può darsi che si trattasse di concetti fittizi, o certamente insidiosi. Per la verità (ricado ancora in errori di formazione) più di qualcuno ci aveva avvertito di questo, ma abbiamo avuto la presunzione di esaurire il problema in una disamina teorica, pensando pretestuosamente che un accordo, un patto bastasse a superare sul piano pratico l'infondabile, o quanto meno a metterlo da parte pur di definire i criteri di civile convivenza. Siamo di fronte ad un cambiamento epocale, finalmente le aporie aperte dai grandi pensatori intorno al vero e al falso o intorno ai fatti e le interpretazioni trovano soluzione nella prassi politica non più attraverso stratagemmi criticabili delle regole a priori e del consenso a posteriori che in fin dei conti pretendono di ricondursi a quei concetti infondabili di verità e di fatto, bensì con una continua e rapida riscrittura delle regole (più rapida della loro lettura) e la solida pratica della consenso a priori, indipendente da premesse e conclusioni, goodbye anche a te Aristotele. Ad alimentare la dialettica politica e sociale sarà sufficiente la divisione tra la velina bionda e quella bruna e ad informarci dei restanti problemi ci penserà striscia la notizia o il parrucchiere sotto casa, lo spirito che si manifesterà non sarà proprio hegeliano ma almeno saremo in grado di afferrarlo subito senza ulteriori frustrazioni. Per cui salutiamo questa legislatura, con ‘opposizione’ annessa, come un grande cambio di paradigma al quale non siamo ancora abituati per via di retaggi passati. Ad esempio mi ricordo ancora vagamente di personaggi il cui nome non poteva essere minimamente associato a fatti moralmente discutibili e la cui “intoccabilità” veniva prima della carica politica che ricoprivano, non dopo. Mi pare non si trattasse di una intoccabilità pretesa ma di una sacralità laica riconosciuta, personaggi che in verità (sic!, ahimé sono proprio inguaribile) avranno pure dato lustro all’Italia ma hanno fatto un gravissimo torto alla storia successiva facendo sorgere nelle menti più deboli assurde e insostenibili aspettative sulle qualità morali dei rappresentanti futuri. Ma dobbiamo essere più indulgenti con noi stessi ed essere fiduciosi, se non saremo noi a capire questo tempo lo farà chi ci succederà.

GIOVEDÌ 22 GENNAIO 2009

Lettere corrisposte
10 novembre 2008 Con gratitudine alla Presidenza della Repubblica per la risposta a questa lettera. Alla cortese attenzione del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano Illustrissimo Signor Presidente, ho deciso di scriverLe per sottoporre alla Sua attenzione la situazione di molti lavoratori che negli ultimi

14

giorni si sono mobilitati, anche con pubbliche manifestazioni, in difesa del loro lavoro. Mi riferisco, in particolare, al settore della ricerca negli Enti pubblici perché ne faccio parte, sebbene il problema sia molto più ampio toccando i più svariati ambiti lavorativi di molti cittadini di questo Paese. Il problema della ricerca in Italia è annoso e in diverse occasioni Lei ha sollecitato maggiore attenzione alla ricerca, sottolineando come si tratti di “una priorità, che dovrebbe riflettersi nella politica sia della spesa pubblica sia degli investimenti privati”. Lei è perfettamente consapevole delle dimensioni del fenomeno della cosiddetta precarietà e delle ferite sociali che questo fenomeno comporta. Con questa lettera non intendo quindi parlarLe di numeri, per i quali avrà le Sue fonti, bensì dello stato d’animo di migliaia di persone, uomini e donne spesso definiti giovani ma che altrettanto spesso così giovani non sono più e di come la nostra società, ed in particolare le istituzioni che ne incarnano lo spirito pubblico, possa a volte presentarsi loro come un posto poco accogliente. Come Lei sa, il precedente Governo, guidato dal professor Prodi, aveva fissato in due leggi finanziarie la progressiva stabilizzazione dei lavoratori precari del pubblico impiego, tra cui figurano molti ricercatori. L’attuale maggioranza non ritiene di dover dare seguito a quell’impegno, richiamandosi al dettato costituzionale ed alla necessità di superare un concorso per poter essere assunti nel settore pubblico. Il principio è sacrosanto ed il richiamo alla Costituzione è tanto più apprezzabile per la sua provenienza. Tuttavia, molti ricercatori hanno effettivamente superato qualcuno dei pochi concorsi pubblici indetti e altrettanti avrebbero volentieri partecipato a concorsi pubblici, qualora fossero stati indetti, anziché passare attraverso decine di forme contrattuali nell’ultimo decennio della loro vita. Ad ogni modo, dalle recenti dichiarazioni del ministro della Funzione Pubblica, sembra che neanche per tutti i “capitani di ventura” che hanno superato un concorso si possa prefigurare quel processo di stabilizzazione tracciato dal precedente Governo. Il rischio, a parere del ministro, è mortificarne l’indole avventuriera! Ora, senza dover scomodare Montesquieu riguardo all'asserzione di costituzionalità e su chi dovrebbe pronunciarla, mi pare legittimo e auspicabile da parte di una forza di governo attenersi ai principi fondanti della res publica ma, pur non avendo una formazione giuridica, qualche lettura e una certa impostazione etica, mi fanno ricordare un principio non scritto ma fondamentale per la vita stessa e la credibilità delle istituzioni pubbliche che è la continuità istituzionale. Pertanto una visione, forse semplice ma certamente coerente della faccenda, mi farebbe pensare che sono percorribili due strade: o si sancisce l'inapplicabilità di una norma, secondo le modalità stabilite dalle regole vigenti nel momento in cui quella norma è stata emanata, o se ne da seguito. Ma riconosco la mia impreparazione in materia e spero che le iniziative dell’attuale Governo sul tema del precariato tengano in debita considerazione tutte le possibili conseguenze e, trattandosi di un intervento nel tessuto sociale, soprattutto quelle non immediatamente quantificabili. Le statistiche ci dicono che nelle società cosiddette sviluppate, quale è quella italiana, la vita media delle persone si è allungata, ne consegue un naturale ed inevitabile spostamento delle attività vitali verso le età più avanzate. In particolare, si decide di formare un nucleo familiare in età più matura rispetto a qualche decennio fa, l’età media in cui si decide di mettere al mondo un figlio è sensibilmente aumentata, l’idea di avere una casa propria, se non è oggetto di derisione, diventa sempre più un’utopia e quant’altro possiamo immaginare. Lo stato delle cose è esattamente questo, le statistiche non mentono e la politica non può che prendere atto di questa situazione. I demografi ci informano che l’Italia sta invecchiando e che nel giro di un secolo gli italiani potrebbero non essere più la maggioranza degli abitanti nella nostra penisola. Da qui ad un secolo, molto probabilmente, non saremo qui a vedere se i demografi avevano ragione, e sinceramente non credo che questo sia il vero problema della futura società che abiterà questo lembo di terra. Parafrasando il grande Montaigne, potrei dire che noi siamo italiani per la stessa ragione per cui siamo perigordini o tedeschi. Certamente però possiamo fin da oggi farci delle domande sulle potenzialità che le persone che vivono e che vivranno in questo paese riusciranno ad esprimere e quanta energia vitale, invece, non troverà mai espressione nel modello di società che, direttamente o indirettamente, ci vede testimoni, interpreti e, nostro malgrado, costruttori. Si attribuisce a Disraeli l’affermazione “ci sono tre generi di bugie: le bugie, le maledette bugie e le statistiche”, non so dire se il Primo Ministro inglese fosse ostile alla disciplina statistica, ma condivido la critica riguardo l’intrinseca insufficienza dei puri dati statistici a descrivere le dinamiche di un organismo complesso quale è la società umana senza che gli stessi dati siano integrati in una cornice interpretativa che ne spieghi l’intima natura. L’oggettiva descrizione delle dinamiche sociali dovrebbe indirizzarci ad una analisi profonda delle loro cause e dei possibili effetti, effetti che meritano ancor più attenzione vista la loro naturale dilazione temporale che in molti casi pone a dura prova le nostre capacità cognitive affidandole al campo delle congetture, se non delle vere e proprie scommesse sul futuro. A me sembra che dalle pieghe dei dati sociali che le statistiche mettono a nostra disposizione emerga qualcosa di più complesso e più difficilmente quantificabile. Le persone della mia età, viaggio sui quaranta, non sono oggi più giovani delle persone che qualche decennio fa avevano la stessa età. Al di là di ogni augurabile progresso sociale e tecnologico, sono fermamente convinto che la nostra natura più intima sia molto meno mutevole dei nostri stili di vita. In realtà le persone della mia età sono oggi costrette ad essere e sentirsi giovani. Del resto senza le forze assicurate dalla giovinezza non si può fare fronte alle continue riorganizzazioni del proprio stile di vita, senza le energie della gioventù non è facile ripartire da zero

15

continuamente ed instaurare nuove relazioni professionali magari cambiando per l’ennesima volta il proprio domicilio, figuriamoci poi come sia possibile costruire nuove amicizie e affetti, che sono molto più impegnativi. In questa condizione di neotenia socialmente indotta, una nutrita schiera di nuovi Dorian Gray, che hanno dovuto sostituire il cinismo all’estetismo di fine ottocento, vivono facendo attenzione a non guardare fino in fondo il proprio ritratto. Il rischio è noto! Giorni fa, una mia amica durante una riunione per decidere gli slogan da scrivere per una manifestazione in risposta alle politiche del Governo sul tema del precariato proponeva “i figli mai nati dei precari ringraziano”, fu lei stessa a ritenere il messaggio troppo forte e a non volerlo scrivere. Questo episodio mi ha fatto tornare in mente una vecchia pubblicità di Emergency dove su uno sfondo completamente nero c’era scritto “i medici di Emergency vi risparmiano le immagini che quotidianamente devono vedere”, facendo le debite differenze, per le situazioni ben più drammatiche con cui i medici di Emergency devono misurarsi, mi pare che lo spirito di quella mia amica fosse esattamente lo stesso salvo una variazione, se la pubblicità di Emergency risparmiava la visione della realtà di guerra agli altri, nel caso della mia amica qualcosa di intimo la induceva a risparmiare anche se stessa la piena ammissione dei fatti. Contrariamente alla diffusa retorica della giovinezza, che oggi ha l’aria di essere un meccanismo di difesa più che uno slogan ideologico o un fatto anagrafico, io sono convinto che poter invecchiare sia un valore, un processo che arricchisce una vita e la porta a compimento, meta sempre più lontana per quanti non possono realizzare un progetto di vita di per sé arduo, come è atteso, ma che è continuamente minato da ostacoli sempre più numerosi, sempre mutevoli e soprattutto quasi mai dipendenti dal proprio impegno. Alle persone della mia età, che oggi hanno la ventura di lavorare nel settore della ricerca, ma la stessa cosa può dirsi per molti altri settori lavorativi, non è permesso invecchiare. Questa è la dimensione tragica, nel senso greco del termine, dell’instabilità lavorativa. Per quanto paradossale possa sembrare, ho a volte la sensazione che i ‘giovani’ della mia età non chiedano altro che poter finalmente cominciare ad invecchiare! Non per arrendersi, sia chiaro, o per ridurre il proprio impegno professionale ma per cominciare ad intravedere un barlume di senso e di compiutezza nella propria esistenza, per dare una organizzazione narrativa alla propria biografia, direbbe il sociologo Richard Sennett. L’attuale Governo avrà senz’altro dei solidi motivi per proporre i tagli alla ricerca, per arrestare i processi di stabilizzazione nel pubblico impiego. E’ evidente che spesso le esigenze più squisitamente politiche sono sacrificate sull'altare dell'economia e che quasi sempre le esigenze economiche si risolvono in problemi di carattere contabile con i quali tocca pur fare i conti, tuttavia non è sempre comprensibile il criterio che regola i rapporti tra politica ed economia. Di tanto in tanto si afferma il cosiddetto primato della politica ma, abbastanza paradossalmente, questo richiamo si fa più forte proprio per correre in aiuto dell’economia. La recente situazione dell’Alitalia e l'attuale crisi dei mercati finanziari sono casi emblematici di questa situazione. In particolare, per le sue dimensioni, la crisi finanziaria vede impegnati molti governi di paesi sviluppati per salvare il sistema creditizio in nome di una crescita economica che altrimenti subirebbe dei duri contraccolpi. Si tratta certamente di una importante scommessa sul futuro dell’economia mondiale. In linea di principio, con molte riserve sulle modalità, questi provvedimenti sono condivisibili, ma non è forse il futuro dei lavoratori della ricerca e dei lavoratori in generale la più importante forma di investimento per il futuro ed il benessere di un paese? Allora per quale strana alchimia semantica in un caso la politica affronta di buon grado i sacrifici di un intervento pubblico, mentre nell’altro agisce richiamandosi ad una contabilità che cerca di pareggiare il bilancio il giorno dopo? Quale che sia la visione etica di ciascuno di noi, non è possibile concepire una qualunque società senza pensare alle relazioni che i suoi membri instaurano tra loro, senza un contesto di reciproca fiducia tra i soggetti, senza una idea di progetto comune per un futuro che sia migliore del passato e del presente, senza concepire condizioni di solidarietà collettiva. Nessuna società, degna di questo nome, è possibile senza queste vere e proprie virtù che riecheggiano, da un punto di vista laico, una dimensione sacrale di lunga tradizione. Quale che sia la nostra formazione non si può concepire alcun modello sociale senza le vecchie virtù, ormai sempre più desuete, almeno in ambito pubblico. Virtù, certamente desuete ma non ancora completamente fuori corso, che si ritirano sempre più dall’ambito pubblico per trovare angusta espressione nell’ambito familiare o ancor peggio per rimanere inespresse nel nucleo più intimo dell’individuo, dove tuttavia premono per trovare una via d’uscita che spesso provoca quel malessere di cui non sempre si riconosce l’origine. Le chiedo Signor Presidente, nel contesto di perenne instabilità che molti lavoratori vivono è ancora possibile parlare di fiducia, di lealtà o di qualunque altra qualità morale che costituisca un collante sociale? Si tratta di qualità che non hanno alcun significato in un contesto in cui il movimento è fine a se stesso senza fornire un senso al movimento stesso, qualità che chiedono simmetrie relazionali in cui nessuna energia, nessun investimento umano debba andare perduto. Simmetrie che si riflettono anche nella capacità delle istituzioni di riconoscere il valore delle persone e delle loro legittime aspirazioni. Molti ‘giovani’ ricercatori del settore pubblico vivono la loro condizione professionale in una sorta di distonia morale e a fronte del loro impegno sono compressi in un orizzonte di senso claustrofobico. All’impegno profuso nella loro attività professionale non corrisponde alcun riconoscimento di lungo termine. E allora cosa rimane per ricucire questa lacerazione? Come si può fronteggiare questa vera e propria schizofrenia morale, in cui alle esigenze morali interiori non corrisponde uno spazio pubblico idoneo per la loro espressione? Come si può superare la

16

discrasia senza ridurre il significato stesso delle cose della vita a nulla di veramente importante, richiudendosi così in un cinismo che, nel momento in cui si rivolge verso gli altri e non più solo verso se stessi, perde la sua qualità ironica per diventare spirale di malessere? La retorica della comunicazione facile ci presenta spesso come fannulloni poco avvezzi al rischio, tuttavia non ho mai incontrato colleghi che avessero intrapreso la strada della ricerca senza una autentica passione per il proprio lavoro. Per quanto riguarda la nostra attitudine al rischio, Le assicuro Signor Presidente che siamo perfettamente consapevoli dell’incertezza del domani, conosco tanta gente che ha avuto molte occasioni per sperimentarla, ciò che è duro accettare è il rischio che “nozze e tribunali e are” non abbiano più nulla da dare alle “umane belve”, se non la coscienza del fallimento di quell’immenso ‘esperimento’ politico di porre paletti alla naturale instabilità dell’esistere. La precarietà del lavoro celebra forse il fallimento di questo sforzo, oppure, come molti dicono, annuncia una nuova era? Sono in molti a cantare la fine del lavoro, in pochi a vederne il trionfo della natura sulla politica. Signor Presidente, addebitare la mancata realizzazione di un progetto di vita a scarso impegno è cosa ovvia, altrettanto ovvio è considerare la possibilità di incontrare sul proprio cammino avversità che non dipendono dal nostro controllo, ciò che a mio avviso non è ovvio, né accettabile, è costruire una società in cui l’impegno dell’individuo non ha valenza alcuna e gli imprevisti sono la sola variabile determinante del destino delle persone. Da un punto di vista puramente esistenziale sarà anche così, tuttavia sarebbe fatale dimenticare che le nostre società, e la tecnica regia che le dovrebbe governare, sono proprio il tragico tentativo di arginare quel caos cui l’uomo non potrebbe, né saprebbe, resistere. Portare quel caos all’interno del sistema sociale come unica variabile di stato getterebbe i singoli individui, e la società che costituiscono, nell’angoscia più alienante. Signor Presidente, avrei potuto parlerLe delle tante attività istituzionali che molti ricercatori precari svolgono in diversi enti pubblici in sede nazionale ed internazionale, avrei potuto fare un asettico elenco degli accordi che il nostro Paese onora grazie al lavoro di persone che non sanno se ciò che hanno fatto fino ad oggi era un investimento per il futuro o un altro lungo intermezzo della loro vita. Un paese può anche sopportare il rallentamento di quelle attività, per quanto importanti esse siano, il tempo consentirà certamente di superare i momenti di crisi, ma gli individui che stanno dietro quelle attività non possono dire la stessa cosa. Per questo ho preferito soffermarmi su aspetti sicuramente meno visibili, poco istituzionali, ma non per questo meno rilevanti per uno Stato il cui benessere è anche il risultato del benessere dei suoi cittadini. Signor Presidente faccio appello ai valori di cui Lei è garante, ai Suoi valori, alla Sua autorevolezza perché rivolga ancora un invito a chi regge le sorti del paese, delineandone il futuro, affinché ogni decisione sia presa alla luce di una attenta riflessione sulle reali conseguenze. Fiducioso della Sua sensibilità La saluto con affetto e stima. Roma, 16/10/2008 Antonio Caputo

17

18

19

GIOVEDÌ 22 GENNAIO 2009

Indebite pressioni
(3 dicembre 2008) “E' scontro tra Onu e Vaticano. La Santa Sede boccia, con decisione, il progetto di una depenalizzazione universale dell'omosessualità. Un’iniziativa presa dalla presidenza di turno francese dell'Unione europea, e accolta da tutti i 27 Paesi della Ue. Immediato il "no" della Santa Sede: "Gli stati che non riconoscono l'unione tra persone dello stesso sesso come 'matrimonio' - dice monsignor Celestino Migliore - verranno messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni.” Propongo la penalizzazione di chi non pratica usura, contrabbando, truffa, violenza sessuale, e, dulcis in fundo, per aumentare l'ottimismo patrio, evasione fiscale (in questo settore tocca ammettere che l'Italia è già molto avanti). Pensiamo alle discriminanti pressioni subite dai soggetti che esercitano queste antiche attività da parte di anacronistici moralisti, solitamente di sinistra e perciò sospetti di omosessualità, che tanto ingiustificatamente quanto ostinatamente non perdono occasione per dimenticare i fondamenti del cristiano amore che tutto abbraccia! Guardiamo al futuro con l’occhio storico di hegeliana memoria. L'usura dei tempi medioevali ha dato origine all’odierno sistema bancario e finanziario. Truffa, contrabbando ed evasione sono stati i primi vagiti delle stupefacenti leggi del mercato. Che dire poi della violenza? Con tutto l’edificio hobbesiano cui ha dato origine non potremmo che essere grati a chi ha dato il là a tanto pensiero. Solo la mancanza di una visione prospettica non fa vedere come nella Storia ciò che in un momento sembra abominevole, in un altro periodo volge in bene, la chiamano eterogenesi dei fini! Liberiamo queste energie soppresse e rimaniamo fiduciosi di vedere i frutti dello spaccio e distorsione sistematica del pensiero cristiano e non solo. Oggi abbiamo una visione negativa, sarà sicuramente colpa della crisi finanziaria, ma chissà quali magnifiche sorti e progressive stiamo sopprimendo con le nostre assurde regole della famigerata civile convivenza.

VENERDÌ 23 GENNAIO 2009

Lettere non corrisposte
Il 12 gennaio scorso ho spedito all'indirizzo mail del ministro Brunetta (disponibile sul sito del Ministero della Funzione Pubblica) questa lettera. Inutile dire che, ad oggi, non ho ricevuto alcuna risposta. Non è la prima volta che scrivo a qualcuno senza ricevere risposta, potrebbe essere dovuto ai molti impegni dei destinatari! Egr. Prof. Brunetta, le Sue dichiarazioni sulla qualità del lavoro pubblico e sul senso di appartenenza dei lavoratori ("Il tornitore alla Ferrari ha il sorriso e la dignità di dire al figlio che cosa fa, l'impiegato al catasto, i professori, i burocrati no") oltre a scatenare acceso, quanto dannoso, dibattito hanno il pregio di rivelare buone letture. Tuttavia, la trasposizione giornalistica non sempre consente di capire appieno quale sia la profondità di comprensione delle stesse. Le analisi di autori come R. Sennett, che mi pare di scorgere nelle sue dichiarazioni, meritano sicuramente di essere conosciute da chi ha l’onere e l’onore di governare un paese ma la loro complessità non consente semplificazioni declamatorie che, oltre a snaturarne la portata, possono paradossalmente portare a politiche il cui esito potrebbe essere opposto al miglioramento dell’efficienza del lavoro nel settore pubblico che Lei vuole perseguire. Chi si dedica alla riflessione politica rimanendo immune alle sirene del facile consenso sa che la democrazia fa continuamente i conti con il principio di organizzazione gerarchica, solo apparentemente antinomico con la democrazia stessa. Dico apparentemente perchè l’antinomia si risolve, o si stempera, con il principio di responsabilità che nella piramide gerarchica cresce sempre più, man mano che ci si allontana dalla base. Base che ovviamente non è priva di responsabilità ma che, se si è dotati di onestà intellettuale, deve essere considerata nel contesto che la distingue dal proprio vertice. Se l’efficienza, a lei particolarmente cara, si misura nel rapporto tra un obiettivo e il suo raggiungimento, la responsabilità si valuta nello scarto che c’è tra gli obiettivi, comunque raggiunti, ed il loro senso, ed è in questo impegnativo magma che dobbiamo muoverci se non vogliamo rimanere intrappolati nel criterio dell’efficienza che ha valore a valle di ogni azione ma che in nessun modo politicamente onesto può essere

20

esteso a monte della stessa. Se quanto dico è vero allora occorre chiedersi quale scarto si sia stabilito nel settore pubblico e nel settore privato, al quale Lei non manca di richiamarsi come modello, quale distanza (non solo fisica ma di senso, appunto) ha separato la base dal suo vertice e chi abbia la responsabilità di tale distanza nel settore pubblico. Ora, di quella piramide che evoco, Lei attualmente occupa il vertice per il settore pubblico, lascio a Lei le considerazioni riguardo alla abissale distanza che c’è tra le funzionali (forse) ma comode politiche di incremento dell’efficienza e le complesse politiche di incremento del senso di partecipazione alla cosa comune. Cordiali saluti Antonio Caputo, Roma

SABATO 24 GENNAIO 2009

Analfabetismo emotivo
Immaginiamo per un momento di trovarci di fronte ad un ragazzino che con le sue parole ferisce altri bambini. Certamente sentiremmo il dovere di far capire al ragazzino che le sue parole creano un disagio nei suoi coetanei, che il pezzo di mondo che sta cotruendosi intorno è fatto di sofferenza e sicuramente di astio. Spereremmo che il desiderio di vivere in un mondo migliore, che solo la comprensione dei sentimenti altrui ci può consentire, cogliesse il ragazzino e lo facesse crescere meglio. Ora, immaginiamo per un momento che il ragazzino cresca senza aver capito il valore di quei principi elementari della buona educazione e del rispetto che, si spera, i genitori gli abbiano insegnato. Se è dotato di quello che si chiama 'carisma' potrebbe anche diventare un modello di imitazione per gli altri, potrebbe persino far sorgere il dubbio che quei principi siano aria fritta, roba d'altri tempi ormai scaduta. Il suo analfabetismo emotivo potrebbe far scuola e diventare nuovo paradigma liberatorio per quanti non sentono la necessità di un forte legame tra conoscere e sentire. Il ragazzino, ormai cresciuto, potrebbe persino pensare di sdrammatizzare i grandi spartiacque della storia umana costruendoci sopra un ponte con una barzelletta. Potrebbe persino indurre la risata dei suoi coetanei che allegramente attraversano quel ponte costruito su tragedie immani, su vite interrotte. Dolori che l'umanità farebbe bene a sentire ancora e per sempre, proprio per non dimenticare ciò che di umano ancora la caratterizza, il sentimento del dolore dell'altro. http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp? comeFrom=search&currentArticle=KHKE3 http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp? comeFrom=search&currentArticle=KJ351 Come sempre la realtà si prende le sue rivincite sull'immaginazione.

SABATO

24 GENNAIO 2009

Voci lontane

Invito ad ascoltare un intervento del 26 gennaio 1955 di Piero Calamandrei sulla Costituzione della Repubblica Italiana. La fonte dell'audio è http://www.portadimassa.net/site/, dove il file può essere scaricato in versione mp3. L'intervento dura 20 minuti ed è un condensato di passione politica e di civiltà. Dopo il soggetto del precedente post ci voleva un antidoto potente!!! Buon ascolto a questo link.

21

SABATO 24 GENNAIO 2009

Altri antidoti
Tra qualche decennio potrebbero non esserci più revisionisti storici perchè sarà rimasto poco da revisionare. Allora, ricordando malamente l'insegnamento di Popper sul rischio che una previsione storica possa dare corso agli eventi previsti, si dirà che la responsabilità della completa privatizzazione della scuola è di Piero Calamandrei! Discorso pronunciato da Piero Calamandrei al III congresso dell’Associazione a Difesa della Scuola Nazionale, a Roma l’11 febbraio 1950. “Quando la scuola pubblica è cosa forte e sicura, allora, ma allora soltanto, la scuola privata non è pericolosa. Allora, ma allora soltanto, la scuola privata può essere un bene. Può essere un bene che forze private, iniziative pedagogiche di classi, di gruppi religiosi, di gruppi politici, di filosofie, di correnti culturali, cooperino con lo Stato ad allargare, a stimolare, e a rinnovare con varietà di tentativi la cultura. Al diritto della famiglia, che è consacrato in un altro articolo della Costituzione, nell’articolo 30, di istruire e di educare i figli, corrisponde questa opportunità che deve essere data alle famiglie di far frequentare ai loro figlioli scuole di loro gradimento e quindi di permettere la istituzione di scuole che meglio corrispondano con certe garanzie che ora vedremo alle preferenze politiche, religiose, culturali di quella famiglia. Ma rendiamoci ben conto che mentre la scuola pubblica è espressione di unità, di coesione, di uguaglianza civica, la scuola privata è espressione di varietà, che può voler dire eterogeneità di correnti decentratrici, che lo Stato deve impedire che divengano correnti disgregatrici. La scuola privata, in altre parole, non è creata per questo. La scuola della Repubblica, la scuola dello Stato, non è la scuola di una filosofia, di una religione, di un partito, di una setta. Quindi, perché le scuole private sorgendo possano essere un bene e non un pericolo, occorre: - che lo Stato le sorvegli e le controlli e che sia neutrale, imparziale tra esse. Che non favorisca un gruppo di scuole private a danno di altre. - che le scuole private corrispondano a certi requisiti minimi di serietà di organizzazione. Solamente in questo modo e in altri più precisi, che tra poco dirò, si può avere il vantaggio della coesistenza della scuola pubblica con la scuola privata. La gara cioè tra le scuole statali e le private. Che si stabilisca una gara tra le scuole pubbliche e le scuole private, in modo che lo Stato da queste scuole private che sorgono, e che eventualmente possono portare idee e realizzazioni che finora nelle scuole pubbliche non c’erano, si senta stimolato a far meglio, a rendere, se mi sia permessa l’espressione, “più ottime” le proprie scuole. Stimolo dunque deve essere la scuola privata allo Stato, non motivo di abdicazione. Ci siano pure scuole di partito o scuole di chiesa. Ma lo Stato le deve sorvegliare, le deve regolare; le deve tenere nei loro limiti e deve riuscire a far meglio di loro. La scuola di Stato, insomma, deve essere una garanzia, perché non si scivoli in quello che sarebbe la fine della scuola e forse la fine della democrazia e della libertà, cioè nella scuola di partito. Come si fa a istituire in un paese la scuola di partito? Si può fare in due modi. Uno è quello del totalitarismo aperto, confessato. Lo abbiamo esperimentato, ahimé. Credo che tutti qui ve ne ricordiate, quantunque molta gente non se ne ricordi più. Lo abbiamo sperimentato sotto il fascismo. Tutte le scuole diventano scuole di Stato: la scuola privata non è più permessa, ma lo Stato diventa un partito e quindi tutte le scuole sono scuole di Stato, ma per questo sono anche scuole di partito. Ma c’è un’altra forma per arrivare a trasformare la scuola di Stato in scuola di partito o di setta. Il totalitarismo subdolo, indiretto, torpido, come certe polmoniti torpide che vengono senza febbre, ma che sono pericolosissime. Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole

22

pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: - rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. - attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. - dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico! Quest’ultimo è il metodo più pericoloso. E' la fase più pericolosa di tutta l’operazione[…]. Questo dunque è il punto, è il punto più pericoloso del metodo. Denaro di tutti i cittadini, di tutti i contribuenti, di tutti i credenti nelle diverse religioni, di tutti gli appartenenti ai diversi partiti, che invece viene destinato ad alimentare le scuole di una sola religione, di una sola setta, di un solo partito […]. Per prevedere questo pericolo, non ci voleva molta furberia. Durante la Costituente, a prevenirlo nell’art. 33 della Costituzione fu messa questa disposizione: “Enti e privati hanno diritto di istituire scuole ed istituti di educazione senza onere per lo Stato”. Come sapete questa formula nacque da un compromesso; e come tutte le formule nate da compromessi, offre il destro, oggi, ad interpretazioni sofistiche […]. Ma poi c’è un’altra questione che è venuta fuori, che dovrebbe permettere di raggirare la legge. Si tratta di ciò che noi giuristi chiamiamo la “frode alla legge”, che è quel quid che i clienti chiedono ai causidici di pochi scrupoli, ai quali il cliente si rivolge per sapere come può violare la legge figurando di osservarla […]. E' venuta così fuori l’idea dell’assegno familiare, dell’assegno familiare scolastico. Il ministro dell’Istruzione al Congresso Internazionale degli Istituti Familiari, disse: la scuola privata deve servire a “stimolare” al massimo le spese non statali per l’insegnamento, ma non bisogna escludere che anche lo Stato dia sussidi alle scuole private. Però aggiunse: pensate, se un padre vuol mandare il suo figliolo alla scuola privata, bisogna che paghi tasse. E questo padre è un cittadino che ha già pagato come contribuente la sua tassa per partecipare alla spesa che lo Stato eroga per le scuole pubbliche. Dunque questo povero padre deve pagare due volte la tassa. Allora a questo benemerito cittadino che vuole mandare il figlio alla scuola privata, per sollevarlo da questo doppio onere, si dà un assegno familiare. Chi vuol mandare un suo figlio alla scuola privata, si rivolge quindi allo Stato ed ha un sussidio, un assegno […]. Il mandare il proprio figlio alla scuola privata è un diritto, lo dice la Costituzione, ma è un diritto il farselo pagare? E' un diritto che uno, se vuole, lo esercita, ma a proprie spese. Il cittadino che vuole mandare il figlio alla scuola privata, se la paghi, se no lo mandi alla scuola pubblica. Per portare un paragone, nel campo della giustizia si potrebbe fare un discorso simile. Voi sapete come per ottenere giustizia ci sono i giudici pubblici; peraltro i cittadini, hanno diritto di fare decidere le loro controversie anche dagli arbitri. Ma l’arbitrato costa caro, spesso costa centinaia di migliaia di lire. Eppure non è mai venuto in mente a un cittadino, che preferisca ai giudici pubblici l’arbitrato, di rivolgersi allo Stato per chiedergli un sussidio allo scopo di pagarsi gli arbitri! […].Dunque questo giuoco degli assegni familiari sarebbe, se fosse adottato, una specie di incitamento pagato a disertare le scuole dello Stato e quindi un modo indiretto di favorire certe scuole, un premio per chi manda i figli in certe scuole private dove si fabbricano non i cittadini e neanche i credenti in una certa religione, che può essere cosa rispettabile, ma si fabbricano gli elettori di un certo partito “. Piero Calamandrei, 1950.

DOMENICA

25 GENNAIO 2009

Beata ingenuità
Ogni parola sarebbe imbarazzante, esattamente come i discorsi salottieri pro-Israele o pro-Palestina. Grazie a Stefano Disegni per la sua ingenuità e anche per la mia. Da http://www.liberacittadinanza.it/

23

24

DOMENICA 1 FEBBRAIO 2009

Quiz a premi dal futuro
Benvenuti radiotelespettatori a questa puntata di 'Eterni ritorni' del 10 giugno del 2040, il nostro gioco a premi dedicato ai corsi e ricorsi della storia. Come sempre cominciamo con il quiz "Di chi stiamo parlando?", come sapete io leggerò un brano e poi saranno aperte le linee per le vostre telefonate. Ovviamente alcuni frammenti del brano non saranno letti altrimenti la soluzione sarebbe presto svelata. Sono certo che alla prima telefonata verrà chiesto un aiutino allora ve lo do subito, senza indugio, prima di leggere il brano, oggi sono generoso. La data di oggi è fondamentale per la soluzione. Vado a leggere il brano:

25

"Sin quasi all’ultimo momento, [...] continuò a credere che la propaganda fosse l’arma essenziale, e che il suo compito [...] fosse innanzitutto di creare e mantenere in piedi il mito della propria infallibilità, e in secondo luogo di rivestire di panni plausibilmente realistici le numerose altre illusioni che aveva giudicato opportunamente alimentare. S’era abituato a vivere in un mondo di fantasia, dove contavano non i fatti, ma le parole, [...]. Era un mondo in cui per un pubblicista di genio era facile prendere in giro i più, in cui le decisioni potevano venir rovesciate da un giorno all’altro senza che nessuno se ne desse per inteso, e anzi addirittura se ne accorgesse, e dove in ogni caso le decisioni erano prese per fare scena, e non per essere messe in atto. Era un mondo essenzialmente privo di serietà, dove soli contavano il prestigio, la propaganda e le dichiarazioni pubbliche [...]. Non essendoci ragioni per pensare che gli italiani siano più creduli di qualsiasi altro popolo, bisogna ammettere che come illusionista la prestazione [...] fu quella di un autentico virtuoso. Non per nulla egli disse una volta che l’arte scenica era la più grande di tutte le arti. Ma fu appunto questo virtuosismo, più di ogni altra cosa, a portare l’Italia alla disfatta." Di chi stiamo parlando? Via alle telefonate! Scopri la soluzione.

COMMENTS:
Il grande marziano Facile intuire a chi si riferisce, meno facile risalire all'autore della citazione (senza la "soluzione" non ci sarei mai arrivato). Del resto anche la Morante nel '45 aveva scritto un pezzo su Mussolini che si attaglia alla perfezione anche all'oggi... Antonio uau, addirittura un commento ad un post di quando questo blog era appena nato (anche se me lo sono andato a cercare per la verità), grazie Marziano. Riguardo la tua citazione dell'immensa Morante ho ripreso una mail di marzo 2010 che inviai ai miei amici, sicuramente in questa maniera avrebbe avuto più lettori che se l'avessi messa nel mio blog ;-). Perdonami se prendo tre commenti per risponderti. Per rendere giustizia a Elsa Morante. Non amo la lotta politica che ricorre alle manipolazioni della grande letteratura. Le similitudini tra Mussolini e Berlusconi sono dettate dal fatto che entrambi attingono a stati primordiali della psiche umana e entrambi dispongono solo di quegli stadi. Prevedere il comportamento di animali semplici e le conseguenze di quel comportamento non richiede facoltà divinatorie basta avere un po' di spirito di osservazione e per farlo sono convinto che occorra rimanere fedeli alla realtà.

26

Quello che riporto è il testo originale di Morante che nella sua versione manipolata circola da un po' di tempo in rete (che riporto in fondo). Grazie a Franco per avermi posto la domanda circa la fedeltà del brano. ant Versione originale Roma 1° maggio 1945 "Mussolini e la sua amante Clara Petacci sono stati fucilati insieme, dai partigiani del Nord Italia. Non si hanno sulla loro morte e sulle circostanze antecedenti dei particolari di cui si possa essere sicuri. Così pure non si conoscono con precisione le colpe, violenze e delitti di cui Mussolini può essere ritenuto responsabile diretto o indiretto nell’alta Italia come capo della sua Repubblica di Sociale. Per queste ragioni è difficile dare un giudizio imparziale su quest’ultimo evento con cui la vita del Duce ha fine. Alcuni punti però sono sicuri e cioè: durante la sua carriera, Mussolini si macchiò più volte di delitti che, al cospetto di un popolo onesto e libero, gli avrebbe meritato, se non la morte, la vergogna, la condanna e la privazione di ogni autorità di governo (ma un popolo onesto e libero non avrebbe mai posto al governo un Mussolini). Fra tali delitti ricordiamo, per esempio: la soppressione della libertà, della giustizia e dei diritti costituzionali del popolo (1925), la uccisione di Matteotti (1924), l’aggressione dell’Abissinia, riconosciuta dallo stesso Mussolini come consocia alla Società delle Nazioni, società cui l’Italia era legata da patti (1935),la privazione dei diritti civili degli Ebrei, cittadini italiani assolutamente pari a tutti gli altri fino a quel giorno (1938). Tutti questi delitti di Mussolini furono o tollerati, o addirittura favoriti e applauditi. Ora, un popolo che tollera i delitti del suo capo, si fa complice di questi delitti. Se poi li favorisce e applaude, peggio che complice, si fa mandante di questi delitti. Perché il popolo tollerò favorì e applaudì questi delitti? Una parte per viltà, una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse o per machiavellismo. Vi fu pure una minoranza che si oppose; ma fu così esigua che non mette conto di parlarne. Finché Mussolini era vittorioso in pieno, il popolo guardava i componenti questa minoranza come nemici del popolo e della nazione, o nel miglior dei casi come dei fessi (parola nazionale assai pregiata dagli italiani). Si rendeva conto la maggioranza del popolo italiano che questi atti erano delitti? Quasi sempre, se ne rese conto, ma il popolo italiano è cosiffatto da dare i suoi voti piuttosto al forte che al giusto; e se lo si fa scegliere fra il tornaconto e il dovere, anche conoscendo quale sarebbe il suo dovere, esso sceglie il suo tornaconto. Mussolini, uomo mediocre, grossolano, fuori dalla cultura, di eloquenza alquanto volgare, ma di facile effetto, era ed è un perfetto esemplare e specchio del popolo italiano contemporaneo. Presso un popolo onesto e libero, Mussolini sarebbe stato tutto al più il leader di un partito con un modesto seguito e l’autore non troppo brillante di articoli verbosi sul giornale del suo partito. Sarebbe rimasto un personaggio provinciale, un po’ ridicolo a causa delle sue maniere e atteggiamenti, e offensivo per il buon gusto della gente educata a causa del suo stile enfatico, impudico e goffo. Ma forse, non essendo stupido, in un paese libero e onesto, si sarebbe meglio educato e istruito e moderato e avrebbe fatto migliore figura, alla fine. In Italia, fu il Duce. Perché è difficile trovare un migliore e più completo esempio di Italiano. Debole in fondo, ma ammiratore della forza, e deciso ad apparire forte contro la sua natura. Venale, corruttibile. Adulatore. Cattolico senza credere in Dio. Corruttore. Presuntuoso. Vanitoso. Bonario. Sensualità facile, e regolare. Buon padre di famiglia, ma con amanti. Scettico e sentimentale. Violento a parole, rifugge dalla ferocia e dalla violenza, alla quale preferisce il compromesso, la corruzione e il ricatto. Facile a commuoversi in superficie, ma non in profondità, se fa della beneficenza è per questo motivo, oltre che per vanità e per misurare il proprio potere. Si proclama popolano, per adulare la maggioranza, ma è snob e rispetta il denaro. Disprezza sufficientemente gli uomini, ma la loro ammirazione lo sollecita. Come la cocotte che si vende al vecchio e ne parla male con l’amante più valido, così Mussolini predica contro i borghesi; accarezzando impudicamente le masse. Come la cocotte crede di essere amata dal bel giovane, ma è

27

soltanto sfruttata da lui che la abbandonerà quando non potrà più servirsene, così Mussolini con le masse. Lo abbaglia il prestigio di certe parole: Storia, Chiesa, Famiglia, Popolo, Patria, ecc., ma ignora la sostanza delle cose; pur ignorandole le disprezza o non cura, in fondo, per egoismo e grossolanità. Superficiale. Dà più valore alla mimica dei sentimenti, anche se falsa, che ai sentimenti stessi. Mimo abile, e tale da far effetto su un pubblico volgare. Gli si confà la letteratura amena (tipo ungherese), e la musica patetica (tipo Puccini). Della poesia non gli importa nulla, ma si commuove a quella mediocre (Ada Negri) e bramerebbe forte che un poeta lo adulasse. Al tempo delle aristocrazie sarebbe stato forse un Mecenate, per vanità; ma in tempi di masse, preferisce essere un demagogo. Non capisce nulla di arte, ma, alla guisa di certa gente del popolo, e incolta, ne subisce un poco il mito, e cerca di corrompere gli artisti. Si serve anche di coloro che disprezza. Disprezzando (e talvolta temendo) gli onesti , i sinceri, gli intelligenti poiché costoro non gli servono a nulla, li deride, li mette al bando. Si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, e quando essi lo portano alla rovina o lo tradiscono (com’è nella loro natura), si proclama tradito, e innocente, e nel dir ciò è in buona fede, almeno in parte; giacché, come ogni abile mimo, non ha un carattere ben definito, e s’immagina di essere il personaggio che vuole rappresentare ." Pagina di diario, pubblicata su Paragone Letteratura, n. 456, n.s., n.7, febbraio 1988, poi in Opere (Meridiani), Milano 1988, vol. I, pp. L-LII; e anche in Alfonso Berardinelli, Autoritratto italiano, Donzelli, 1998, pp. 29-31. Versione che circola in rete "Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt'al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po' ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente a causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare."

LUNEDÌ 2 FEBBRAIO 2009

Basta bontà
Non avevo ancora finito di scrivere questa lettera quando ho letto su Repubblica.it la ricetta di Maroni per i clandestini. Che dire? Secondo me non la legge! Egr. Avv. Maroni,

28

Le scrivo in merito all’orribile episodio accaduto a Nettuno, dove un immigrato indiano è stato dato alle fiamme da tre ragazzi in cerca di “una forte emozione”, come hanno dichiarato ai carabinieri. A tal proposito Lei ha dichiarato "E' più grave del razzismo, perchè denota la mancanza di principi fondamentali del vivere civile non è una questione di ordine pubblico, è un qualcosa che chiama in causa la società intera". Non si può non essere d’accordo con Lei sulla necessità di riconoscersi in un tessuto comune e sul richiamo alle responsabilità della società intera, sebbene mi resti qualche perplessità sull’esistenza di un ordine di gravità delle possibili cause di un tale gesto. Il razzismo non è certamente un valore, se invece è un disvalore non è certamente preferibile all’assenza di valori. Ad ogni modo a me questo discorso sui valori sembra piuttosto scivoloso, oltre che dispensatorio se non lo si circoscrive. Non è mia intenzione farlo in una lettera che probabilmente non verrà letta, tuttavia mi preme dare un’altra chiave di lettura a questa vicenda, opposta alla Sua, ma che tuttavia può dare maggiore efficacia e sincerità alle Sue parole ed al richiamo alla responsabilità di tutti. La lettura che propongo è in verità banale, eppure così impegnativa da essere puntualmente elusa, così autenticamente vincolante alle responsabilità che ciascuno di noi ha nella società in cui vive da essere sempre messa in sordina. La mia lettura è che i vecchi valori, quelli della solidarietà, della gentilezza, della cortesia, dell’accoglienza (per nominarne solo alcuni) sono semplicemente sostituiti da valori altrettanto vecchi, e forse ancor più dei primi, che sono quelli della forza, della sopraffazione e della violenza, anche verbale, e in ambito politico soprattutto verbale. Questa lettura è già stata magistralmente esposta da Miriam Mafai nel suo articolo “La cultura della violenza” sul sito internet de la Repubblica, ma io voglio aggiungere qualcos’altro, anche alla luce delle dichiarazioni del Presidente Napolitano su questa vicenda. Il Presidente parla di “episodi raccapriccianti che vanno ormai considerati non come fatti isolati ma come sintomi allarmanti di tendenze diffuse che sono purtroppo venute crescendo. Rivolgo perciò un forte appello a quanti hanno responsabilità istituzionali, culturali, educative perché si impegnino fino in fondo per fermare qualsiasi manifestazione e rischio di xenofobia, di razzismo, di violenza". Sebbene non si possano escludere le manifestazioni di follia, sono assolutamente convinto che certi atteggiamenti debbano essere spiegati in un contesto sociale, piuttosto che richiamarsi ad un vago innatismo. Ad ogni modo la politica può e deve occuparsi solo del contesto sociale, e qui non intendo riferirmi alla “disperazione, la miseria, il degrado (banale e consueta spiegazione sociologica)” ma, come dice Mafai, all’atmosfera culturale che ciascuno di noi respira e che ciascuno di noi contribuisce a creare quotidianamente. Allora diventa vincolante per ciascuno di noi chiedersi se le nostre azioni, le nostre parole abbiano contribuito, e se sì in che modo, alla creazione di questo mutamento di valori. E’ assolutamente necessario chiedersi se ci sono state occasioni in cui abbiamo appoggiato atteggiamenti in cui la forza diventa arbitro delle ragioni, o se in alcuni casi abbiamo semplicemente omesso di stigmatizzare dichiarazioni che inneggiano alla prepotenza. E’ facile esonerarsi da queste domande invocando la libertà di pensiero e di parola. E’ facile richiamare, con un sorriso innocente, la vivacità dello scontro politico, ma questo non elude che la libertà, tanto più invocata quanto meno conosciuta, ha come esigente immagine speculare la responsabilità del suo esercizio. E francamente pare argomento debole invocare la pure enorme distanza tra i gesti criminali di tre balordi ed il comportamento quotidiano di milioni “persone perbene”, sarebbe come non riconoscere la derivazione di un albero dal suo seme. Non mancheranno neanche in questa occasione interviste a persone sbigottite che candidamente dichiareranno “sembrava un ragazzo normale”, ma allora chiediamocelo una volta per tutte anche a rischio di dover scoprire che non è la domanda giusta: che normalità stiamo costruendo? Signor Ministro, l’odore acre della carne bruciata di quel signore indiano sale nelle nostre narici e le nostre orecchie sono piene delle sue urla e delle risa di quei tre balordi così normali. Non basta un generico richiamo alla responsabilità della società intera per far cessare quelle urla come quelle di tante altre vittime dei valori che oggi hanno corso, è necessario che ciascuno di noi, nel suo piccolo, dia un contributo cominciando dal non considerare gli immigrati come presunti delinquenti, dicendo chiaro e forte che l’essere cittadini italiani non è un titolo preferenziale per vivere in Italia ma lo è la partecipazione alla realizzazione di quei “principi fondamentali del vivere civile” che Lei richiama e che non si devono mai dare per scontati. Lei Signor Ministro può dare un contributo che raggiunge molte persone, ne ha gli strumenti, sta a Lei usarli. Cordiali saluti. Antonio Caputo, Roma Articolo di Miriam Mafai su Repubblica.it

MARTEDÌ 3 FEBBRAIO 2009

Se tutti facessimo un po' di silenzio
"Eppure io credo che se ci fosse un po' di silenzio, se tutti facessimo un po' di silenzio, forse qualcosa potremmo capire". (F. Fellini, La voce della luna.)

29

Il dolore senza lamento diventa chiasso di piazza, dalla sua soglia il silenzio è troppo assordante per essere ascoltato, rispettato, accettato. La volontà di Dio, da sempre avvolta nel silenzio, da sempre viene denudata e violentata da quanti non sanno ascoltare impietriti il silenzio. Chiedo a voi, signori esperti di umanità, conoscitori della volontà di Dio, se Eluana o suo padre fanno torto alla volontà di Dio, allora lasciate che ne rendano conto a chi quella volontà conosce meglio di voi. Se fanno torto alla volontà degli uomini allora taciamo, perchè non abbiamo alcun diritto di sostituirci a Eluana e a chi più di chiunque altro l'ha amata, l'ha conosciuta, l'ha vista vivere, piangere e sorridere, l'ha ascoltata quando diceva di non voler esserci senza viversi e per tutto questo sarà disposto a rispondere davanti agli uomini e davanti a Dio del suo amore.

GIOVEDÌ 5 FEBBRAIO 2009

La colomba e il rospo
La colomba, Trilussa "Incuriosita de sapé che c'era una Colomba scese in un pantano, s'inzaccherò le penne e bonasera. Un Rospo disse: - Commarella mia, vedo che, pure te, caschi ner fango... - Però nun ce rimango... rispose la Colomba. E volò via." Parafrasando s.b.* : "La presunta superiorità morale della mia controparte non c'è mai stata [...] non c'è nessuna superiorità morale, anzi, nell'ambito della mia controparte ci sono dei professionisti della politica che la moralità non sanno neppure dove sia di casa." Un confronto al ribasso è sempre qualcosa di deprimente, non è mai occasione perchè ci si guadagni qualcosa, al contrario si perde sicuramente. E' però evidente che un gioco al rialzo non è alla portata dei tempi e di molte persone, né potrebbe esserlo in questo momento difficile. Ma chi conosce il mercato sa trarre profitto anche di questi tempi. Le borse vanno giù, le quotazioni scendono, i prezzi diventano accessibili e se si hanno risorse in esubero le azioni si comprano più facilmente di prima, per essere messe in cassaforte aspettando che i mercati riprendano fiato! Il rospo si rallegra della colomba inzaccherata, ed è un peccato che non sempre basti solo un battito d'ali per uscire dal fango. La colomba ha subito diverse mutazioni genetiche e non è più sicuro che si tratti ancora di una colomba e che sappia ancora volare. Ad ogni modo ci sono ancora molte colombe che volano alto, che non si inzacchereranno le penne, che guardano a quel pantano vedendone la miseria più desolante. Aspettano che la loro compagna riprenda il volo, lasciando il rospo dove è sempre stato e dove continuerà a stare. * sine bonitas

VENERDÌ 6 FEBBRAIO 2009

Sciacallaggio d'urgenza e scontro istituzionale

La decretazione in casi "straordinari di necessità e d'urgenza" è sancita dalla Costituzione ed è affidata alla responsabilità del Governo (art. 77). Ma nei casi in cui l'obiettivo di un decreto d'urgenza fosse in contrasto con sentenze passate in giudicato della Suprema Corte, inerenti gli stessi obiettivi del decreto, cadono le condizioni per la decretazione d'urgenza, oltre quelle di costituzionalità. L'incostituzionalità di un eventuale decreto del governo, che ordinasse di proseguire l'alimentazione di Eluana Englaro, è stata chiarita oggi dal Capo dello Stato prima che il decreto venisse varato ed era chiaro che si sarebbe aperto un conflitto tra poteri dello Stato in presenza di tale decreto. Ma il decreto è stato

30

varato ugualmente dallo stizzito Berlusconi che ha manifestato tutto il suo piccato disappunto per l'intervento del Presidente Napolitano sull'eventuale decretazione d'urgenza. Ha parlato di irritualità, uno che fa "cucù" alla Merkel, dà del kapò a Schulz, dice di aver dovuto fare il play-boy con la presidente finlandese, che Obama è abbronzato, fa le corna nelle foto di rito, ecc. ecc. Parla di irritualità!!! L'esito di questo 'scatto d'orgoglio' è la prosecuzione dell'agonia di Eluana e l'apertura di un conflitto senza precedenti nella storia italiana tra Quirinale e Governo. A chi soffre di priapismo dell'io, non basta camuffarsi da penitente in crisi di coscienza per celare il delirio di onnipotenza. La divisione dei poteri della democrazia è sempre stata un problema di chi concepisce il potere solo in termini di decisionismo. La triste vicenda degli Englaro si traduce in una ghiotta occasione per dare avvio ad uno scontro istituzionale che rafforzerà il potere esecutivo, indebolendo di conseguenza quello legislativo e quello degli organi di controllo dell'azione legislativa ed esecutiva. Non è un caso di coscienza, di etica, per il quale penso sia più rispettoso il silenzio, è un caso di sciacallaggio politico che casca a pennello nelle mani di chi non ha alcun scrupolo a servirsene. Complimenti al Vaticano che in merito a regole democratiche non ha mai mostrato grande esperienza ed affinità, fatta salva la grande riflessione del Concilio Vaticano II, sbandierato a parole quanto avversato nei fatti. Vaticano che esulta di fronte a quella che fa passare come una questione di coscienza e si dice deluso dal Presidente Napolitano. Che il caso Englaro non fosse un problema di coscienza e di fede neanche per loro lo sanno solo i credenti in Dio, quelli che pensano sul serio che ci sia un Dio in cielo che accoglie le sue creature. Per la gerarchia ecclesiatica, invece, si tratta di triviale potere terreno, più carnale che mai, di potere sui corpi e sulla volontà che li fa muovere, per cui non smentisce la sua storia, ricca di alleanze strategiche con lo sciacallo di turno, alleanze che non hanno mai posto problemi di conflitto con la più importante delle virtù. E complimenti anche a Di Pietro che nella foga di chiedere una maggiore incisività del Presidente Napolitano sui temi della giustizia, richiesta peraltro del tutto condivisibile, lo ha fatto in modo da indebolirne la figura, permettendo di mostrare il Capo dello Stato come facilmente attaccabile a chi non aspettava l'occasione per farlo. Complimenti, questa volta sul serio, a quanti capiscono quale sia l'enorme importanza di un simbolo del Paese, a quanti fino a ieri, anche tra i miei carissimi amici, dicevano con sufficienza "il Presidente della Repubblica non ha poteri!" e che oggi capiscono che pur non avendo poteri, come si crede, rappresenta la garanzia delle regole costitutive di questo Paese. Il potere inteso solo nei suoi connotati esecutivi è pura forza, ma il potere è anche e soprattutto condizione di potenza, nel senso aristotelico del termine, possibilità di creare nuovi spazi di realtà, ed il potere del Presidente della Repubblica è il contesto in cui si realizza la condizione della democrazia. Tocchiamo questa sfera del potere, cedendo tutto alla prima, e non si parlerà più di democrazia in questo paese.

GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2009

Post-moderno italiano
Oggi pioveva, c'era un sole splendido, non c'era una sola nuvola e pioveva. Ultimamente quando piove non ci si bagna più, quindi non è così fastidioso come prima. Sì, perchè fino a poco tempo fa, diciamo fino alla fine degli anni '80, quando pioveva ci si bagnava, ma adesso è tutta un'altra storia. Ero in giro per Roma con il mio teletrasportatore quando ho visto la tour Eiffel che si stagliava in tutta la sua magnificenza, "incredibile" mi son detto, "come avranno fatto gli antichi egizi ad alzare fin là in cima tutte quelle tonnellate di acciaio?". La cosa straordinaria è che abbiamo perso traccia di tutte le loro fonderie, ma è fuori dubbio che ne avessero tante, le prove sono qui davanti a me, inconfutabili. Mentre ammiravo quel monumento è passato di lì un megalodonte, molto distinto, potrebbe impressionare per la sua mole ma non tutti sanno che è un animale pacifico e poi è estinto da quasi 15.000 anni. Mi è venuto da ridere a vedere la gente spaventata solo perchè ha la forma di uno squalo, i soliti pregiudizi che tardano a morire messi in giro da vecchi paleontologi che peraltro dicevano che si trattasse di un animale acquatico. Mi ha chiesto educatamente due o tre indicazioni per il Cremlino e gli ho detto che non aveva da fare molta strada, giusto un paio di svolte passando davanti ai giardini di Babilonia e poi se lo sarebbe trovato di fronte. Ha salutato con cortesia e un ruggito, davvero un signore! Mi son seduto su una panchina, stando attento ad evitare quelle con la trappola fatte per i poveri, ma tutto sommato sono ben segnalate. Ho letto il giornale di oggi e in prima pagina c'era un dettagliato resoconto di una guerra che dura ormai da nove anni tra achei e troiani. Pare ci siano degli sviluppi, per fermare questa baraonda i greci hanno regalato un cavallo a dondolo ai troiani ma questi non hanno gradito e hanno

31

rilanciato con una singolare sfida, 13 cavalieri da una parte e 13 dall'altra si scontreranno tra loro e la guerra si decide così. Sembra che la proposta l'abbia suggerita Gengis Khan durante un reality show a Yalta dopo aver letto un romanzo di fantascienza di un giovane autore barlettano. Vedi! alle volte la letteratura risolve con eleganza questioni annose. Nella pagina di enigmistica c'erano le solite scaramucce della politica, ho letto che c'è ancora chi sostiene che il riformismo sia una bandiera dei progressisti quando lo sanno pure i sassi che è un valore dei conservatori, a patto che siano moderati. Passando per piazza dei Dodici Centravanti c'era un crocchio di persone anziane che aspettavano un tizio che voleva manifestare contro qualcosa che sarebbe avvenuto sul pianeta K2 (quello dietro a Marte) e che secondo lui avrebbe offeso la storia di un paesino sulla cometa V5 (quella che passa ogni tanto a sinistra di Venere), mah! oggigiorno la gente non fa altro che protestare per delle inezie, si fa una strage e si manifesta, si nomina un dittatore e la gente strilla per le piazze. Davvero incomprensibile, peraltro la notizia di questa offesa non era riportata neanche sui giornali dei giorni scorsi! Gli slogan poi, i soliti, senza fantasia, inneggiano alle regole, all'etica, quando ormai è assodato che l'etichetta viene rispettata alla lettera. Comunque non mi sono fermato più di tanto, mi scadeva il tempo per una rapina in banca perchè ad una certa ora chiudono i caveau e non c'è più niente da fare, non si aprono più fino al giorno dopo, e lì ti accorgi che le linee guida per gli scassinatori sono scritte male. Tu ti fidi, visto che sono ufficiali, diffuse dal Dipartimento dell'Economia Nazionale, e le segui scrupolosamente ma niente, il caveau una volta chiuso non si apre più così facilmente per cui non si può proprio fare un lavoro pulito, nottetempo, in tutta tranquillità, tocca proprio farlo di giorno con il rischio che ti vede farlo il solito scemo che non ricorda che le rapine si denunciano solo dalle 20.30 alle 22.00 di ogni 1° aprile. Davvero imbarazzante, perchè il cretino chiama la polizia e quelli, poveretti, sono costretti ad umiliarsi chiedendoti scusa quando gli fai vedere il calendario! Tutto sommato far chiamare la polizia avrebbe un suo vantaggio perchè poi portano via il cretino così ne abbiamo uno di meno in giro. Comunque mi sarebbe dispiaciuto scomodare i poliziotti, oggi c'era la partita tra Facchini e Minatori e quelli non vorranno certo perdersela, in palio c'era un contratto di un anno in un call center per i figli dei giocatori, solo se laureati in filosofia. Chissà chi avrà vinto il premio? Domani mi informerò. Avviso ai naviganti: Io non ho scritto niente di tutto questo, non l'ho neanche pensato, anzi l'ho contestato mentre lo scrivevo senza scriverlo e senza pensarlo e se lo leggete, sebbene non sia stato scritto, è la prova che siete dei disfattisti.

COMMENTS:
Anonimo GRANDE!!... un incubo riuscito direbbe Francesco De Gregori, come passeggiare in quadro di Salvator Dalì sotto effetto di sostanze psicotrope, ascoltando Zot Allures di Frank Zappa. Insomma una buona rappresentazione iperrealistica dello stato di cose presenti... ciao riclib

LUNEDÌ 16 FEBBRAIO 2009

Onestà nipponica

Il ministro delle Finanze giapponese Shoichi Nakagawa si presenta ubriaco al G7 di Roma e dice un mucchio di fesserie coprendo di imbarazzo il suo paese. Alcuni colleghi occidentali dovrebbero prenderlo ad esempio, lui ha avuto l'onestà di ubriacarsi prima di dire fesserie. La sbornia passa, le fesserie dette nei fumi dell'alcol si correggono e il paese ha un alibi per risollevare lo spirito! Si dice che nylon sia l'acronimo di: Now You Lose Old Nippon. Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale il Giappone impedì l'importazione di seta dalla Cina agli Stati Uniti che l'avrebbero usata per i paracadute. I ricercatori statunitensi crearono questo nuovo materiale. Oggi cosa ci toccherà inventare per fare fronte alla proverbiale onestà dell'oriente?

32

GIOVEDÌ 5 MARZO 2009

Conti della serva ingenua
Recentemente la CGIL ha fatto alcune stime sul numero di lavoratori precari della pubblica amministrazione che rischiano di perdere il posto entro la fine del 2009. Le stime, eseguite sulla base delle valutazioni della Ragioneria dello Stato, sono di circa 400.000 lavoratori cui si aggiungerebbero altri 100.000 se si considerano le cosiddette "figure non censite". Si tratta di lavoratori che, una volta perso il lavoro, non avrebbero alcuna copertura economica. Una quantità enorme di persone che, stando al numero di occupati del 2007 in Italia pari a 23.220.000 tra pubblico e privato (dati ISTAT, pag. 67), rappresentano dal 1,7% al 2,2% della forza lavoro di questo paese. Il PD ha proposto una misura eccezionale per fare fronte a questa emergenza, un assegno a chi perde il posto di lavoro per tutto il 2009. La maggioranza parla di proposta propagandistica e sostiene che è priva di copertura finanziaria. Sulla faccenda che si tratti di una proposta propagandistica io non intervengo, gli esperti in materia di demagogia sono loro e se lo dicono qualcosa di vero potrebbe pure esserci! Per quanto riguarda la copertura finanziaria invece ho fatto due conti della serva. Una serva ingenua che non ha tutte le competenze del caso ma è una di quelle che va a fare la spesa e che vive in mezzo alla gente vera. La serva contabile è così ingenua da pensare addirittura che in una situazione di crisi sociale i membri più fortunati della società aiutino quelli meno fortunati. Diamo per buona che i precari che perderanno il lavoro nel 2009 e che usufruirebbero di questa misura eccezionale possono essere 500.000. I lavoratori in Italia nel 2007 erano 23.220.000, di cui 3.734.500 nel pubblico (considerando che il 65% del settore 'Istruzione, Sanità e altri servizi' sia pubblico) e 19.485.500 nel privato. Consideriamo questi numeri buoni per la situazione attuale. Fissiamo l'assegno ad un valore minimo di 800 € per 12 mesi per i 500.000 lavoratori. La copertura dovrebbe essere di 4.800.000.000 €. Consideriamo anche che la faccenda si risolva tra lavoratori e in particolare tra quelli del settore pubblico che a questo punto sarebbero 3.235.000, la copertura totale della cifra si otterrebbe con un prelievo mensile dalle buste paga di 124 € per 12 mesi. Non è una cifra enorme considerando che è un valore medio e che con le opportune modulazioni, per raggiungere una quota di prelievo equilibrato tra i vari redditi, si ridurrebbe per chi guadagna poco e aumenterebbe per chi guadagna tanto, come sarebbe giusto. Siccome la serva contabile è proprio ingenua pensa anche "perchè non prendere un 20% da tutti i ricchi premi che si distribuiscono quotidianamente nelle varie trasmissioni televisive della Rai, che pure è pubblica?" ma non saprebbe fare i conti con queste cifre, eppure sa che c'è chi dovrebbe saperli fare. La cifra media di 124 € allora si ridurrebbe, forse in maniera sensibile. Lo stesso meccanismo se applicato nel privato, sempre considerando i soliti 124 €, potrebbe sostenere per almeno 12 mesi fino a 2.615.000 lavoratori del settore privato che perderebbero il lavoro. Magari ricorrendo anche qui al contributo dei ricchi premi distribuiti quotidianamente dalle televisioni private la cifra media si ridurrebbe. Per quanto ingenua la serva contabile non penserebbe più ai tagli dei privilegi dei politici come fonte di finanziamento di queste iniziative, in questo caso non sarebbe solo ingenua. Questi sono conti ingenui, sicuramente impraticabili, fatti quasi alle soglie della disperazione, tanto per non scomodare la maggioranza di governo che non ha alcuna intenzione di intraprendere la lotta all'evasione (per ovvi motivi) né ha alcuna dimestichezza con i concetti di disagio sociale (qui i motivi sono meno ovvi perchè l'etologia, nonostante gli sforzi di Piero Angela e di Danilo Mainardi, non ha la divulgazione che merita). Conti dettati dall'impressione che le misure per gli ammortizzatori sociali di 8 miliardi di euro stanziati dal governo possano essere insufficienti per un anno, visto che i soli 500.000 precari del settore pubblico ne richiederebbero 4,8 di miliardi e se a questi si aggiungono anche solo il doppio di lavoratori del settore privato, ovvero un milione (ma è molto probabile che saranno di più), di miliardi ne occorrerebbero in totale quasi 15 per un anno. La serva contabile non è una economista, può dire tranquillamente di non esserlo e qualche strafalcione se lo può concedere e quando fa la spesa di tanto in tanto si fa prendere da queste assurde fantasie. Sono conti di una serva che non fa il ministro dell'economia, perchè il quel caso sarebbe così decente da ammettere di non poter fare quel mestiere e si metterebbe a leggere la Bibbia, e magari anche qualche libro di economia. Di un economista serio, tipo John Kenneth Galbraith che diceva "è bene che ogni tanto i soldi vengano separati dagli imbecilli".

VENERDÌ 6 MARZO 2009

I tempi delle crisi

Berlusconi dice che la crisi economica c'è ma che i media esagerano. Naturalmente non si è fatto mancare l'occasione per lanciare il suo canto di dolore per essere continuamente bersaglio di critiche, povera

33

creaturella! Per un momento penso che a proposito della crisi abbia ragione. Non perchè ritenga utile o intelligente il suo ottimismo a buon mercato, anzi. Apprezzo l'ottimismo della volontà e il pessimismo della ragione di gramsciana memoria, è qui solo un idiota non vedrebbe che siamo su un altro pianeta. Penso tuttavia che abbia ragione, anche se non so quanto ne sia consapevole, perchè la vera crisi di questo paese non è quella economica ma è quella che si infiltra negli animi delle persone privandole della volontà, della consapevolezza di essere cittadini. Si potrebbe parlare di crisi morale ma sarebbe solo una pallida similitudine con la madre della crisi, è molto di più, è la crisi della volontà, e la crisi morale non è che una delle sue figlie. Non è una crisi di oggi, viene da molto lontano e forse c'è qualcosa di strisciante in noi italiani che la fa essere sempre presente, a volte latente, a volte paradossalmente manifesta. Dico paradossalmente manifesta perchè se devo sintetizzarla in una battuta è proprio la vocazione all'invisibilità che diventa diffusa tra gli italiani. Al di là delle origini di questa crisi, la cui analisi è oltre le mie capacità, ciò che mi spaventa sono i suoi tempi, la sua durata. La crisi economica durerà 2, 3, forse 5 anni, nella storia recente ce ne state altre e i loro tempi bene o male sono stati questi. Non sottovaluto le situazioni drammatiche della crisi economica ma le crisi che temo di più hanno tempi molto più lunghi, a volte possono durare decenni e gli esiti lasciano strascichi per intere generazioni. Queste crisi non cambiano solo l'economia di un paese ma si infiltrano nella mente delle persone, ne mortificano i desideri, le passioni, al punto da condurle a pensare che è meglio non averne alcuno. Anche in questo caso la nostra storia può dirci qualcosa. Oggi non c'è il rischio di autoritarismo del passato, i tempi fortunatamente sono cambiati. Ha ragione Sartori quando dice che non si può parlare di regime, al più di un sultanato, resta la comune matrice che toglie alimento alla democrazia in maniera strisciante. Nel 1917, il fascismo era di là da venire, Antonio Gramsci sentì nell'aria l'odore di quella crisi, la vide chiaramente ancor prima che arrivasse eppure, vent'anni dopo, non potè vederne la fine. INDIFFERENTI Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel che "vivere vuol dire essere partigiani". Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L'indifferenza è il peso morto della storia. E' la palla di piombo per il novatore, è la materia inerte in cui affogano spesso gli entusiasmi più splendenti, è la palude che recinge la vecchia città e la difende meglio delle mura più salde, meglio dei petti dei suoi guerrieri, perché inghiottisce nei suoi gorghi limosi gli assalitori, e li decima e li scora e qualche volta li fa desistere dall'impresa eroica. L'indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. E' la fatalità; e ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costrutti; è la materia bruta che si ribella all'intelligenza e la strozza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare, non è tanto dovuto all'iniziativa dei pochi che operano, quanto all'indifferenza, all'assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la spada potrà tagliare, lascia promulgare le leggi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere gli uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. La fatalità che sembra dominare la storia non è altro appunto che apparenza illusoria di questa indifferenza, di questo assenteismo. Dei fatti maturano nell'ombra, poche mani, non sorvegliate da nessun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa. I destini di un'epoca sono manipolati a seconda delle visioni ristrette, degli scopi immediati, delle ambizioni e passioni personali di piccoli gruppi attivi, e la massa degli uomini ignora, perché non se ne preoccupa. Ma i fatti che hanno maturato vengono a sfociare; ma la tela tessuta nell'ombra arriva a compimento: e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia che un enorme fenomeno naturale, un'eruzione, un terremoto, del quale rimangono vittima tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. E questo ultimo si irrita, vorrebbe sottrarsi alle conseguenze, vorrebbe apparisse chiaro che egli non ha voluto, che egli non è responsabile. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi anch'io fatto il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, il mio consiglio, sarebbe successo ciò che è successo? Ma nessuno o pochi si fanno una colpa della loro indifferenza, del loro scetticismo, del non aver dato il loro braccio e la loro attività a quei gruppi di cittadini che, appunto per evitare quel tal male, combattevano, di procurare quel tal bene si proponevano. I più di costoro, invece, ad avvenimenti compiuti, preferiscono parlare di fallimenti ideali, di programmi definitivamente crollati e di altre simili piacevolezze. Ricominciano così la loro assenza da ogni responsabilità. E non già che non vedano chiaro nelle cose, e che qualche volta non siano capaci di prospettare bellissime soluzioni dei problemi più urgenti, o di quelli che, pur richiedendo ampia preparazione e tempo, sono tuttavia altrettanto urgenti. Ma queste soluzioni rimangono bellissimamente infeconde, ma questo contributo alla vita collettiva non è animato da alcuna luce morale; è prodotto di curiosità intellettuale, non di pungente senso di una responsabilità storica che vuole tutti attivi nella vita, che

34

non ammette agnosticismi e indifferenze di nessun genere. Odio gli indifferenti anche per ciò che mi dà noia il loro piagnisteo di eterni innocenti. Domando conto ad ognuno di essi del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze virili della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c'è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano nel sacrifizio; e colui che sta alla finestra, in agguato, voglia usufruire del poco bene che l'attività di pochi procura e sfoghi la sua delusione vituperando il sacrificato, lo svenato perché non è riuscito nel suo intento. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. Antonio Gramsci, La Città futura, numero unico pubblicato dalla Federazione giovanile socialista piemontese, 11 febbraio 1917. In: A. Gramsci, Le opere, a cura di A.A. Santucci, Editori Riuniti, 1997, p. 23-25. Io non so dire se davvero odio gli indifferenti. La sofferenza che vedo nei volti di molti indifferenti, il tintinnio di catene invisibili mi impedisce il sentimento dell'odio, ma è certo che mi fanno molta paura. E' altrettanto certo che invece odio, fortemente odio, i maestri dell'indifferenza, coloro che a qualunque livello esercitano il loro effetto di livellamento che annulla la differenza delle persone. Ma, in definitiva, chi sono questi maestri dell'indifferenza se non ex indifferenti?

MARTEDÌ 10 MARZO 2009

Impariamo a dire sì
Dobbiamo imparare a dire sì. Nucleare no, liberalizzazione edile no. Da sinistra arrivano solo no e non si fanno proposte, solo opposizione poco costruttiva e nel caso della liberalizzazione edilizia la critica casca a pennello. Bene! io voglio dare il buon esempio e rovesciare questo andazzo, voglio far arrivare qualche meditato sì da sinistra, ovviamente dando la precedenza a destra e guidando con prudenza. L'idea mi è venuta con la recente proposta del nucleare anche se a dire il vero qualche sì avevo provato a dirlo molto prima ma senza gran successo, sicuramente a causa della mia poca avvedutezza. Ricordo, infatti, che molto tempo fa avevo sentito parlare di fondi off-shore e fu allora che affidai ad un mio amico circa 200.000 lire, lo feci in gran segreto perchè ero consapevole che la cosa poteva avere dei risvolti penali. Il mio amico aveva affittato una barca a vela insieme ad altre persone e stava per partire per una gita di una settimana, io pensai di affidargli quel capitale per farlo portare al largo sperando che me ne tornasse un lauto guadagno. Ero consapevole che la faccenda puzzava di reato ma la speranza di veder crescere il mio capitale valeva bene un po' di timore. E invece niente, quando il mio amico tornò mi restituì le stesse 200.000 lire che gli avevo dato, ricordo che erano solo un po' umidicce. Naturalmente si trattava di persona fidata per cui non pensai minimamente che avesse potuto tenere per sé qualcosa. Il mancato guadagno era sicuramente dovuto alla mia scarsa competenza finanziaria. Peraltro lui, prima di partire, mi disse subito che non è portandoli in barca che i soldi crescono ma, preso dall'entusiasmo del mio sì, non volli credergli. Comunque da allora è passato un po' di tempo e adesso sono diventato più scaltro! Torno al mio odierno sì, la faccenda è delicata. Come sappiamo si vogliono costruire delle centrali nucleari e il problema delle scorie potrebbe essere di un certo rilievo. Io voglio dare subito il mio contributo sperando che dalla sinistra qualcuno segua l'esempio. Metto a disposizione il mio terrazzino di 16 metri quadrati per stoccare qualche fusto di plutonio. Ovviamente in casa si è aperto un dibattito al riguardo che però si è svolto secondo le più rigorose regole democratiche e alla fine la proposta è stata accettata a larga maggioranza. L'unico membro della famiglia che all'inizio manifestava qualche nota di fastidio era la gattina che sul terrazzo ci scorazza da mattina a sera però, considerando il suo passato di attivista di sinistra, ce lo aspettavamo. Abbiamo pensato di risolvere la faccenda discutendone civilmente, ognuno avrebbe presentato la sua mozione e poi le avremmo votate ma, inspiegabilmente, al momento di esporre le sue argomentazioni, la gattina non ha proferito parola! Per cui la mozione a favore dello stoccaggio di scorie radioattive sul terrazzino è passata con due voti favorevoli e una astenuta. Spero che questo modesto esempio possa far cambiare orientamento alla sinistra del no.

35

Quasi dimenticavo. Per quanto riguarda la liberalizzazione edilizia, il mio 20% di ampliamento dell'appartamento lo posso fare al centro del Parco della Caffarella? E' una zona che mi piace tanto! Naturalmente dai veterocomunisti mi aspetto una pioggia di no ma da destra mi aspetto un po' di riconoscenza! Stemma della necessità! Dell'essere costellazione suprema che nessun desiderio raggiunge, che nessun no contamina, eterno sì dell'essere, eternamente io sono il tuo sì. Dai Ditirambi a Dioniso di F. W. Nietzsche ....e infatti Nietzsche non era di sinistra e nonostante i molti commentatori, che dicono si riferisse ad altro, non è escluso che il filosofo abbia visto l'attuale presidente del consiglio in uno degli eterni ritorni!

GIOVEDÌ 12 MARZO 2009

Diritto di voto

Nel racconto “Diritto di voto” di Isaac Asimov, Norman Muller è l’unico cittadino della prima e più grande Democrazia Elettronica ad essere selezionato dal computer Multivac per votare in nome di duecento milioni di abitanti. Il suo voto, acquisito con le più diverse domande tra cui "Cosa ne pensa del prezzo delle uova?", sarà elaborato dal potente supercomputer ed esprimerà il voto della collettività. Se ci sono buone ragioni per essere scettici sulla possibilità di una democrazia informatica, ce ne sono altrettante per non scommettere sulla nostra storia futura (l'ossimoro è d'obbligo). Probabilmente per diverso tempo i progressi nel campo dell’informatica non porteranno ad una Democrazia Elettronica, ma ciò può essere dovuto all’impegno che si sta dedicando al materiale umano, rendendolo accontentabile con una bottiglia di Coca-Cola ed indifferente ad una buona politica. I computer vengono dopo, giustamente! Ad ogni modo per i deliri del pres(id)ente potrebbe essere utile cercare le fonti nel passato, se non altro rimane la buona letteratura. Cercando il link alla notizia mi accorgo che già ieri Carlo Clericetti aveva accostato al racconto di Asimov l'idea del voto ai soli capocondomini della casa libera. Prova che la "fonte" potrebbe non essere del tutto peregrina. Per quanto riguarda gli affittuari della casa libera che erano lì ad ascoltare il loro padrone di casa, mi torna in mente un episodio che si attribuisce a Ettore Petrolini. Uno spettatore dal loggione lo disturbava insistentemente durante lo spettacolo, l'attore si fermò e urlò in direzione del loggione: "Io non ce l'ho con te, ma con quello che ti sta accanto che ancora non ti butta di sotto". Signori affittuari se ancora vi è rimasto uno straccio di decoro, per lo meno nell'esercizio delle vostre funzioni istituzionali, vi siete persi un momento prezioso per tirarlo fuori.

VENERDÌ 13 MARZO 2009

Appello fuorviante

Leggete questo documento del 23 febbraio scorso scritto da una associazione di buontemponi che non si accorgono che le nostre città sono invase da orde barbariche senza una goccia di sangue italico nelle vene. Dalle loro torri di avorio non vedono le torme straniere che assaltano le nostre case, stuprano le nostre donne, uccidono i nostri uomini e sicuramente qualcuno lo stuprano, anche se i nostri uomini soffrono eroicamente e non denunciano l’accaduto perchè non si faccia scempio della loro proverbiale virilità che tutto il mondo riconosce, nonostante le voci calunniose tra i viados. Fortunatamente la stampa ha dato il risalto che merita alla posizione di questi incoscienti che stravolgono la verità. Esemplare ed esaustivo il trafiletto pubblicato dal Corriere della Sera il giorno prima dell’appello a pagina 19. Come al solito i vetero-catto-comunisti dell’Unità il giorno dopo si sono fatti prendere

36

dall’entusiasmo, ma stanno imparando come vanno le cose e lo hanno fatto a pagina 15. Ma la notizia vera e propria è stata pubblicata il 25 febbraio a pagina 8 da il Riformista, che è una garanzia perché una notizia non la legga nessuno! Sugli altri giornali nulla, quelli sì che sanno fare il loro mestiere. Il documento, intessuto di becera demagogia, distorce la realtà dei fatti (e non si faccia facile ironia, i fatti non è participio passato ma sostantivo) ed è sicuramente il risultato di un inguaribile ottimismo, oppure di una chiara distorsione dei recenti inviti alla fiducia di fronte alla crisi economica. L’invito alla fiducia vale nel momento dello scambio di merci e servizi con corrispettivo riconoscimento monetario (da notare il tecnicismo economico perchè di noi non si dica bruti). Se vai a comprare un auto, una pizza, due fucili da caccia, un manganello, un’ora di sesso lungo i viali di periferia dopo mezzanotte (perchè non si dica che gli italiani sono razzisti. Le cose buone che vengono dall’estero le sanno apprezzare, quando sono buone), allora devi farlo con fiducia nel radioso futuro che stai preparando alla nazione alzandole il PIL. Fuori da questo ambito la fiducia è fuori luogo, non fa che infiacchire lo spirito guerriero che da anni è sopito nei nostri cuori ed è ormai pronto a ruggire al sole che verrà. Lasciamo che i buontemponi dormano nelle loro torri d’avorio, mentre gli audaci si preparano a ripulire le italiche terre dal lerciume che minaccia il sangue puro che di stirpe guerriera ancora di nutre. Roooaaarr (ruggito del leone!).

37

38

MARTEDÌ 17 MARZO 2009

Parcheggio perfetto, forse

Molte volte ci troviamo di fronte a delle cose apparentemente inspiegabili, a me capita spesso. Alcune cose sono palesemente assurde, altre hanno sicuramente una spiegazione. Ad esempio questo parcheggio sulle prime può sembrare bizzarro ma se poi si osserva con una certa regolarità, in altre parole la stessa scena si ripropone decine di volte, allora bisogna essere onesti e ammettere che potrebbe esserci una spiegazione che ci sta sfuggendo. Del resto cos'è che spinge all'indagine scientifica se non le cose che si presentano inspiegabili che tuttavia si manifestano con regolarità, forse dopotutto la scienza potrebbe essere solo questo, scoperta e codificazione di regolarità. A mio avviso è altrettanto importante rivolgere attenzione alle singolarità che, oltre a fornire la proverbiale conferma della regola quando sono eccezioni, in molti casi potrebbero aprire un orizzonte di regolarità successive, ma questo è un altro discorso. Per questo parcheggio la regolarità è ormai assodata, fidatevi. Probabilmente agli occhi del proprietario l'auto è perfettamente nascosta dietro al palo della luce! Non so, il motivo potrebbe essere una asimmetria spazio-temporale, la materia dell'auto potrebbe essere completamente assorbita dalla proiezione del palo. Oppure il parcheggio è avvenuto in una dimensione quantistica che poi, notte tempo, è andata dissolvendosi, o magari potrebbe essere dovuto ad una singolarità percettiva del conducente. La cosa davvero curiosa dal mio punto di vista è che questo tipo di fenomeni, sebbene si manifestino con regolarità, vengono considerati delle stravaganze e dimenticati con troppa superficialità. In realtà meriterebbero maggiore attenzione, magari potrebbero aprirci ad altre prospettive e scoprire che l'unica auto parcheggiata perfettamente è proprio quella dietro al palo, oppure che una qualche mutazione dei conducenti sta facendo evolvere le modalità di parcheggio e noi, vecchi dinosauri destinati all'estinzione, non riusciamo proprio a coglierne la novità. O no?

39

DOMENICA 22 MARZO 2009

Vero all'alba

Se mi presentassi ad un gruppo di persone affamate e dicessi loro che il cibo non è sufficiente per risolvere il problema della fame ma serve anche una consapevole coscienza del valore intrinseco del cibo, del suo valore simbolico oltre che energetico, qualcuno sicuramente potrebbe guardarmi con sospetto. A favore della mia argomentazione potrei addurre che il cibo non elimina i problemi della fame ma anzi è portatore di gravi disturbi di origine alimentare, si pensi al diabete, al colesterolo e alle mille malattie legate all'obesità del mondo occidentale. Il sospetto nei miei confronti probabilmente crescerebbe ancora. La cosa stupefacente è che, per quanto possa destare perplessità, quanto vado affermando ai miei confusi interlocutori è vero ed è altrettanto stupefacente che il mio stupore di non essere compreso cresca in misura proporzionale alla veridicità delle mie tesi. Per uscire da questa impasse, volendo rimanere nel contesto della verità, dovrei fare esercizio di onestà intellettuale e riconoscere che, per quanto vere le mie argomentazioni, sono condizionate all'interno di un ordine di priorità che può essere decisamente diverso tra me e i miei interlocutori. La verità è uno specchio andato in mille frantumi ed è sempre importante capire quali pezzi si stanno guardando e in quale ordine si stanno guardando di volta in volta. Questa è una tesi che a qualcuno potrebbe sembrare di natura relativistica e per questo aborrita, eppure a volte è grazie a questa tesi che un argomento semplicemente vero in alcuni contesti può non essere scambiato per un crimine in altri. Prendendo per buona una visione umanistica, che in virtù della mia formazione di biologo trovo ingenua oltre che presuntuosa, si può essere d'accordo che l'uomo è libero dalla cogenza degli istinti. In altre parole tra i vari vessilli della supposta unicità umana ci sarebbe la possibilità di dire 'no' alle esigenze biologiche (tra gli altri vessilli che si sventolano e che non avrebbero riscontro nel resto del mondo animale c'è l'uso di un linguaggio sintattico, il possesso di una mente simbolica, la presenza del ministro Brunetta tra i membri della specie, e tante altre cose!). Che piaccia o meno tra gli istinti umani c'è il bisogno alimentare come quello sessuale. Dire 'no' a tali istinti è appunto una possibilità che ha valore caratterizzante l'umano se pronunciato in libertà e che, se resta fedele a sé stessa ne rimane anche vittima, potendo essere quindi rifiutata e proprio in virtù del rifiuto di un rifiuto tale possibilità può essere rivendicata ancora di più quale peculiarità umana. In Africa, come ovunque, il desiderio sessuale è una peculiarità umana, ma qui più che altrove i milioni di donne che partoriscono figli a volontà (altrui) non godono di quel naturale desiderio come il maschio. L'educazione all'utilizzo del preservativo in Africa quindi non riguarda solo ed esclusivamente la gravissima trasmissione dell'AIDS e i dati sulla inutilità del preservativo al riguardo sono tutt'altro che incontestabili (presumo che su questi temi i rapporti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità abbiano più valenza degli articoli di Avvenire). Se è vero, come dice il Pontefice, che "la soluzione per combattere questa malattia può solo essere una umanizzazione della sessualità, un rinnovo spirituale e umano", allora potrebbe essere altrettanto vero che quel rinnovo passi attraverso la doppia negazione che dicevo e allora l'uso dei preservativi non sarebbe stato così inutile come si sostiene, da ambienti esperti suppongo!

40

GIOVEDÌ 26 MARZO 2009

Par(s) condicio
Ieri sera a Rai 3 c'è stato uno speciale di Che tempo che fa interamente dedicato a Roberto Saviano. E' stato un appuntamento con il coraggio civile di un uomo che ha sfidato il potere criminale che deforma le coscienze dissanguandole di quanto di più nobile si possa pretendere dalla vita, la libertà di decidere della propria esistenza. Un giovane che di fatto ha dovuto rinunciare a vivere la vita che desiderava per un impegno che pure ha ritenuto irrinunciabile e di cui tutti gli italiani devono essergli grati. E' un compito davvero ingrato per me criticare Roberto Saviano, ma in mezzo alla bufera di terribili emozioni di dolore e di rabbia che ha saputo suscitare nel suo lungo monologo c'è stato un passaggio dove alle emozioni si è aggiunto lo sconcerto. Saviano ha detto: "Nell'ultima campagna elettorale da qualsiasi parte non si è parlato di mafia perché c'era l'impressione che la gran parte della gente non fosse interessata". Sicuramente i temi che tratta Saviano meritano molta più attenzione di quanta non ne ricevano dalla stampa nazionale ma forse in questo punto lo scrittore ha dovuto rispettare il codice della cosiddetta par condicio, pagare un ragionevole tributo alle regole della casa che lo ospitava. Infatti, non posso credere completamente a quelle particolari parole di Saviano, né credo possa essergli sfuggita qualche notizia di un certo rilievo durante la scorsa campagna elettorale. Io ho buona memoria - a questo punto chi mi conosce starà già ridendo, ma ragazzi questo blog potrebbe essere letto anche da sconosciuti e allora devo pur darmi un tono! - e la par condicio non la intendo esattamente come la intendono alcuni conduttori televisivi, ovvero una sorta di colta acquiescenza nei panni profumati della gradevole buona educazione. Ricordo infatti che fondamentalmente alle elezioni si fronteggiavano due schieramenti principali, in uno c'era un leader (adesso non c'è più, forse fortunatamente) che durante un comizio a Napoli, rivolgendosi a camorra, mafia e 'ndrangheta, disse: "Non votate per il Partito Democratico, sappiate che con noi al Governo cercheremo di distruggervi". Nell'altro schieramento c'era un altro leader (c'è ancora, di sicuro sfortunatamente) che aveva già dichiarato che i magistrati "sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana", proponeva perizie psichiatriche per i giudici e dava sostegno ad un suo luogotenente che diceva che un mafioso era un eroe. Pensiero peraltro già anticipato diversi anni prima da un altro luogotenente. Uno dei due leader ha vinto le elezioni! Da notare che la fonte giornalistica che ho richiamato non può essere considerata di parte politica avversa al leader che poi ha vinto le elezioni! Un bell'esempio di par condicio, vero? Per sgomberare il campo da ogni accusa di parzialità per i due leader in questione dico anche di far parte di quel gruppo di persone che attualmente non ha rappresentanza parlamentare, per la gioia di entrambi i leader! Poi chi proprio non resiste ad essere di parte può leggere l'articolo di Marco Travaglio o ascoltare il passaggio del leader che adesso non c'è più. Sono assolutamente convinto che Roberto Saviano avesse perfettamente in mente tutto questo e se per qualche motivo non l'ha potuto dire resta comunque il fatto che non va taciuto. Ad ogni modo e sinceramente, grazie Roberto.

MERCOLEDÌ 1 APRILE 2009

Pesce d'aprile
LA POLEMICA (su Repubblica.it)

L'Alzheimer? Non esiste La maggioranza all'attacco dell’OMS
Mozione a firma del senatore Otri: "Effetti dell’Alzheimer modesti, e comunque non dannosi"

di ANTONIO CAPUTO L’Alzheimer non esiste. E se esistesse farebbe un gran bene. Parola di esperti. Non è una barzelletta. E' una mozione che porta, tra le varie firme di esponenti della maggioranza, anche quelle di Otri, Nanni e Pole Boteri. In polemica con l’Organizzazione Mondiale della Sanità che dà "per scontati gli effetti devastanti della grave malattia degenerativa", i parlamentari della maggioranza professano senza esitazione la loro fede

41

scettica. Sostengono che "una parte consistente e sempre più crescente di scienziati studiosi del cervello non crede che la malattia possa causare deterioramento cognitivo cronico progressivo". E se invece fosse come dice l’OMS? Niente paura - si legge nella mozione che verrà discussa in Senato sarebbe una gran bella cosa: "Se pure vi fosse a seguito dell'Alzheimer un deficit cognitivo, i conseguenti effetti, alle strutture paradigmatiche della conoscenza sarebbero molto inferiori a quelli previsti nel citato Rapporto Neuron e addirittura al contrario maggiori potrebbero essere i benefici, soprattutto in termini di novità ermeneutiche". Non è puro amore del paradosso. Nel mirino ci sono, ancora una volta, i tentativi dell’OMS di gettare panico tra gli italiani allarmandoli sul loro stato di salute, cioè indurli a dedicare preziose risorse alla cura della malattia anziché aumentare i consumi per risolvere la crisi economica: "Gli obiettivi intermedi e i relativi incentivi introdotti dal cosiddetto Protocollo di Cronos e dal cosiddetto Accordo di cura per le malattie degenerative si muovono in antitesi alla dinamica degli investimenti per la ripresa dell’industria italiana". Al testo presentato dalla maggioranza verrà contrapposta una mozione dell'opposizione. "Quelle della maggioranza sono affermazioni che fanno a pugni con il consenso scientifico e politico maturato in tutto il mondo sui gravi effetti debilitanti del morbo di Alzheimer e danno la misura della superficialità del governo rispetto al modo in cui i principali paesi sviluppati stanno organizzandosi per rispondere alle due crisi che si intrecciano: la perdita di memoria e la crisi sociale", commenta Roberto Del Cotone, capogruppo dell’opposizione in commissione Affari Sociali.

GIOVEDÌ 16 APRILE 2009

Gare di solidarietà

Su Repubblica.it si legge un articolo di ieri (15 aprile 2009): «ROMA - Lega e Pdl sono d'accordo: il referendum sulla legge elettorale deve svolgersi domenica 21 giugno. Questo almeno è quanto ha annunciato il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli, al termine di un incontro a palazzo Grazioli con il presidente del Consiglio. Dopo questo stesso vertice il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto ha parlato di due date, "il 14 o il 21 giugno", e ha promesso che la decisione sarebbe stata presa consultando l'opposizione. L'unica cosa certa è che la maggioranza ha accantonato definitivamente l'ipotesi di accorpare la consultazione referendaria con le europee e le amministrative del 7 giugno. Una scelta che ha suscitato critiche da parte del Pd e del comitato promotore del referendum. Cui si è aggiunto in serata il parere del presidente della Camera, Gianfranco Fini: "Sarebbe un peccato se per la paura di pochi il governo rinunciasse a tenere il referendum il 7 giugno spendendo centinaia di milioni che potrebbero essere risparmiati". Il vertice del centrodestra. All'incontro a Palazzo Grazioli, durato oltre due ore, hanno preso parte Silvio Berlusconi, i ministri Roberto Maroni, Calderoli e Giulio Tremonti, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, Cicchitto e il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri. [...] » Mentre noi ci chiedevamo quanti sms inviare per contribuire alla ricostruzione dell'Abruzzo devastato dal terremoto, quanto destinare ad un conto corrente della protezione civile, mentre continuavamo a chiederci quante risorse economiche sono necessarie per uscire dalla crisi economica con milioni persone licenziate o in cassa integrazione, mentre noi ci chiedevamo tutto questo i galantuomini ( sensu Manzoni, a scanso di ogni equivoco) riuniti a Palazzo Grazioli decidevano di dilapidare da 300 a 400 milioni di euro semplicemente desiderando che il referendum sulla legge elettorale non si svolgesse il 7 giugno, nella stessa data delle elezioni amministrative ed europee. Il referendum riguarda la ormai famosa legge porcata, così battezzata dal suo stesso autore che della materia può dirsi con tutta evidenza un esperto. Una legge che impedisce di esprimere le preferenze per i candidati, togliendo così una libertà di espressione ai cittadini e avocando ai partiti l'esclusiva di stabilire chi sarà eletto. In base alla posizione nelle liste ed alle candidature in più di una circoscrizione i vertici di partito di fatto decidono chi sarà eletto. Il motivo perché non si vuole che il referendum sia votato nella stessa data delle elezioni amministrative ed europee è semplice. Questi signori desiderano che il referendum non raggiunga il quorum, pertanto non vogliono che il volano della partecipazione alle elezioni sia vantaggioso anche per il referendum. Ma in un contesto come quello che sappiamo, con l'Abruzzo devastato dal terremoto, con la crisi economica ancora in atto, è sufficiente questo motivo per sprecare anche solo 1 euro? Sulle cifre non c'è accordo ma in ogni caso si

42

tratta di somme considerevoli, ripeto dai 300 ai 400 milioni di euro, ma la mia domanda esula dall'accordo sulla cifra. Io chiedo se in questo contesto si possa sprecare una qualsiasi occasione per non sperperare risorse che possono essere destinate utilmente ad alleviare i drammi di questo paese. Se non vogliamo ricordare i partiti cui appartengono almeno si tengano in mente i nomi di questi galantuomini, ricordiamoli bene ("All'incontro a Palazzo Grazioli, durato oltre due ore, hanno preso parte Silvio Berlusconi, i ministri Roberto Maroni, Calderoli e Giulio Tremonti, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, Cicchitto e il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri. ") e speriamo almeno che un sms per i terremotati lo abbiano inviato mentre decidevano questa empietà! Da parte mia non posso che invocare un sentimento di vergogna che ormai non credo più appartenga alla struttura morale di questa gente.

GIOVEDÌ 16 APRILE 2009

Per Vauro
"Qui, in questo supremo pericolo della volontà, si avvicina, come maga che salva e risana, l’arte; soltanto essa può piegare quei pensieri nauseati per l’orrore o l’assurdità dell’esistenza in rappresentazioni con cui si possa vivere: queste sono il sublime, come addomesticamento artistico dell’orrore, e il comico come sfogo artistico del disgusto per l’assurdo. Il coro dei Satiri del ditirambo è l’azione salvatrice dell’arte greca; quelle esaltazioni poc’anzi descritte si esaurirono nel mondo intermedio di questi compagni di Dioniso.” F.W. Nietzsche, La nascita della tragedia, § 7, 1872. "Noi addestriamo dei giovani a scaricare napalm sulla gente, ma i loro comandanti non gli permettono di scrivere «cazzo» sui loro aerei perché è osceno." Colonnello Walter E. Kurtz (Marlon Brando nel film Apocalypse now, 1979. F.F. Coppola) "La satira ha quindi innanzitutto questa natura ambivalente: distrugge e nel contempo rinnova. L'attacco della satira al potere è secondario rispetto all'attacco più importante: quello contro la morte. La satira è il popolo che festeggia la sua vittoria contro la morte." D. Luttazzi, Se Dio avesse voluto che credessimo in lui, sarebbe esistito. Micromega, 10/2006.

Lo strazio e l'amarezza delle vignette di Vauro viene soffocato da chi pensa che la satira sia solo dileggio. Accusano di volgarità quanti gridano come possono il dolore per le assurdità che ormai si fatica a scorgere per esserne completamente circondati, ma le accuse arrivano puntuali quando si manifesta un barlume di critica. Chiediamoci senza ipocrisie, chi ha realmente offeso Vauro con la sua vignetta, i morti sotto le macerie o il despota di turno e i suoi sogni di gloria? Se la vignetta di Vauro offendeva la memoria dei morti sotto le macerie del terremoto, allora come mai nessuno ha trovato da dire nulla sulla vignetta del 1° aprile scorso, quando nel Mediterraneo ci fu l'ennesima tragedia di disperati che tentavano di raggiungere le coste italiane? Chi oggi accusa Vauro di volgarità è davvero così volgare che ha potuto pensare che di questa si potesse ridere?

43

GIOVEDÌ 23 APRILE 2009

Problemi di cubatura
Ieri su La7 la trasmissione Otto e mezzo è stata dedicata a Vauro ed alla nota vicenda della sua sospensione dalla Rai, sospensione peraltro ritirata. In studio c'era anche l'onorevole Santanchè, con rispetto parlando. Chi ha visto la trasmissione o la volesse vedere sul sito di La7 capirà con profonda tristezza che oggi la vera grande opera di questo paese è quella che sottolineava Sabina Guzzanti qualche giorno fa: ampliare la cubatura del cervello! Un'impresa disperata, di proporzioni colossali, tali da farmi capire lo sconforto di molti di fronte all'insuccesso. Una vera grande opera al cui cospetto il ponte sullo stretto di Messina sarà un giocattolino per bambini.

MARTEDÌ 28 APRILE 2009

Tutto a posto, la crisi è finita!

Dopo mesi di martellanti notizie sulla crisi economica cominciano a farsi sentire i primi 'segnali di ripresa'. Giorni fa non sono mancate neanche le dichiarazioni entusiatiche di un profeta ex-post. Qualche miscredente ancora c'è ma grazie a Dio sono voci minoritarie. Ahimé io sono ignorante e in mezzo a tanti segnali positivi riesco solo a notare una fastidiosa asimmetria tra le notizie di quando c'era la crisi e quelle di adesso. Fino a qualche tempo fa le notizie parlavano di centinaia di migliaia di cassintegrati, di gente licenziata, di lavoratori in condizioni di precarietà che non vedevano rinnovato il loro contratto, mentre oggi le notizie parlano del miglioramento della fiducia di commercianti, servizi e imprese! Mah, io sarò prudente prima di dire che la crisi è finita. Attendo che i giornali parlino di centinaia di migliaia di cassintegrati che rientrano al lavoro, di gente che viene assunta, di lavoratori precari che possono progettare il loro futuro. Nel frattempo mi godo le buone notizie, che per fortuna non mancano.

MARTEDÌ 5 MAGGIO 2009

Il re sobrio e l’etica del boudoir

L'Avvenire fa sentire la sua autorevole voce sui temi etici che questi giorni impegnano il dibattito della politichetta. "Non ci è piaciuto quel clima da scambio di 'favorini' veri, falsi o presunti tra amici e amiche. E ci ha inquietato lo spargersi, tra alzatine di spalle e sorrisetti irridenti o ammiccanti, di un'altra manciata di sospetti sulle gesta del presidente del Consiglio. Il sospetto per chi gestisce la cosa pubblica può essere persino peggiore della verità più scomoda. E comunque, prima o poi arriva il momento del conto. [...] La

44

stoffa umana di un leader, il suo stile e i valori di cui riempie concretamente la sua vita non sono indifferenti: non possono esserlo. Per questo noi continuiamo a coltivare la richiesta di un presidente che con sobrietà sappia essere specchio, il meno deforme, all'anima del Paese ". Ho letto l'editoriale dell'Avvenire con molto interesse e l'ho trovato condivisibile dalla prima all'ultima parola. Anche il mio grillo parlante l'ha letto e quando ha finito di leggerlo mi ha raccontato questa storia: "In un paese molto lontano qualche tempo fa ho visto un re che aveva insegnato ai suoi sudditi che tutto ciò che desiderano nella loro vita era vedere trasmissioni divertenti in televisione. Trasmissioni che non facessero pensare troppo e che distraessero dai problemi della vita. Il re diceva a tutti che prima o poi sarebbero stati ricchi come lui e le folle lo applaudivano compiacenti. Il re aveva un folto seguito e tutti erano convinti che con lui al potere sarebbero stati felici. Il re non si curava della collettività e quando fu al massimo del suo consenso oltraggiava i fondamenti della vita sociale e ignorava le regole del buon governo, ingiuriava i suoi oppositori e faceva scempio dell’azione legislativa per volgerla al suo personale interesse. Il re giocava con le parole, raccontava barzellette e menzogne e tutti erano contenti. Il re non temeva rovesciamenti perché aveva tra i suoi alleati i sacerdoti del tempio che, al sicuro tra promesse e sorrisi, rinunciavano alla loro memoria più antica in nome di favori e finanziamenti. Il re incontrava i sacerdoti del tempio, abbracciava il loro capo ed assicurava al tempio il primato desiderato. Il re prometteva che non avrebbe messo le mani nelle tasche del suo popolo anche se, con il favore dei sacerdoti del tempio, non esitava a mettere a forza un sondino nel naso di quanti non potevano accettare la devastazione della propria persona. Il re regnava incontrastato nella terra dell’etica pubblica dove i fiori stentavano a crescere perché il suolo era stato contaminato dalle sue sementi avvelenate. Ma un giorno il re superò il limite invalicabile, entrò nel regno del privato con la stessa alterigia con cui cavalcava dissennatamente nel regno del pubblico. Fu la goccia che fece traboccare il vaso. I sacerdoti del tempio non perdonarono tanta tracotanza. Il re non aveva capito che poteva continuare a fare strage in quel territorio che aveva già conquistato ma non doveva toccare il territorio del privato. Quel territorio tra l'altro non era più così vasto come un tempo perchè ormai i sacerdoti del tempio ne rivendicavano solo le zone confinanti con le camere da letto. Il discrimine etico era diventato così facile da riconoscere che il re non avrebbe mai dovuto varcarlo. Fu così che l’etica delle mutande fece dire ai sacerdoti del tempio che il re era empio." Il mio grillo mi ha poi spiegato di apprezzare molto il richiamo alla sobrietà del re ma non riesce proprio a togliersi dalla testa l'idea che l'indignazione, come una sorta di meccanismo a molla, scatti solo quando si evoca una camera da letto! Se l’immoralità della filosofia del boudoir del divino marchese meritava una smentita, quale migliore terreno dell’etica del boudoir?

GIOVEDÌ 7 MAGGIO 2009

E' tempo di bilanci
Questo è il 50° post di questo blog! L'ho aperto per gioco il 23 gennaio di quest'anno. Ci sono 4 post con data precedente alla sua apertura ma li ho inseriti perchè era vuoto e non sapevo cosa scriverci in quel momento. Dopo circa 3 mesi ho due lettori fissi, Marina e Riccardo (che ringrazio per l'apprezzamento), ci sono 5 commenti, 4 dei miei lettori, il 5° è mio. C'è mia zia Matilde che vorrebbe registrarsi come lettrice fissa ma non sa come fare. Sicuramente ho altri due lettori, Vito e Franco, che però non mi danno soddisfazione e dicono sempre di non avere tempo da perdere dietro le mie elucubrazioni. Inoltre, ho avuto alcuni riscontri da altri amici che di tanto in tanto gli hanno dato un'occhiata. Un successone! Facendo una prudente proiezione tra 62.500 anni i lettori assidui saranno mezzo milione e quelli sporadici diverse centinaia di migliaia. Sarà allora che tutti insieme faremo sentire la nostra voce e finalmente metteremo in discussione il potere di Berlusconi.

COMMENTS:
marina potrei commentare dicendo che l'importante non sono i numeri, ma la qualità... ma commento dicendo solo che il tuo non è un blog come gli altri, ma un blog "da meditazione", la cui lettura va fatta nei momenti liberi e tranquilli, leggendo ed assimilando le tue frasi poco per volta, così come si fa con un buon vino. o un buon piatto.

45

un blog che potrebbe essere definito uno "slow-blog", da porsi in antitesi alla tendenza di velocizzare tutto e tutti, talvolta strettamente legata all'essere sempre "online".

GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2009

Il mio papi è più ricco del tuo!
Una nota di Palazzo Chigi fa sapere che La Repubblica sta conducendo una campagna denigratoria nei confronti del premier dettata da invidia e odio. Questa è davvero carina, dà una chiara idea della dimensione psicologica dello staff del Presidente, o almeno quella dell'affettuoso animale domestico che ha redatto la nota! La dimensione psicologica del destinatario dell'invidia è già tristemente nota. Fa venire in mente quei battibecchi tra bambini dove, in un gioco di rimpalli, il padre di ciascuno è più importante di quello dell'altro. Sono giochi innocenti, di bambini, sebbene a mio avviso già rivelano il futuro imbecille che da grande potrebbe persino arrivare a fare il Presidente del Consiglio o, se non ha fortuna, un cortigiano fedele. Mi sembra di sentire ancora uno di quegli scambi concitati, tutto giocato sull'evocazione del sentimento di invidia nel compagno di giochi. Tuttavia da grande ho perso quell'innocenza che avevo da bambino e il mio ricordo di quei battibecchi è sicuramente falsato. Sarà anche colpa dell'irriverenza del Signor G.: - Il mio papà ha tante automobili e ne compra sempre di nuove. - Il mio papà ne ha solo una e gli basta. - Il mio papà è sempre circondato da donne. - Il mio papà non ha bisogno di frequentare ragazzine per sentirsi sempre giovane. - Il mio papà conosce un sacco di gente importante e tutti gli obbediscono. - Il mio papà ha una sana struttura psichica e non ama circondarsi di mentecatti. - Il mio papà può comprarsi tutto quello che vuole. - Il mio papà non è ricco e mi ha insegnato che le cose più importanti non si comprano. - Tu invidi il mio papà. - No, ma compatisco te per avere avuto un padre come il tuo. Visto che siamo in tema di letture psicologiche mi sovviene una pubblicità che un mio amico disegnatore mi ha detto che girava in Francia qualche tempo fa. La pubblicità riguardava un'auto di piccola cilindrata. La scena si apre con un fermo immagine sull'auto in questione. L'immagine sfuma, siamo in un ampio parcheggio di una clinica privata. Nei parcheggi riservati ai pazienti della clinica arrivano auto enormi: 4x4, Land Rover, Mercedes e Jaguar lussuosissime e infine Ferrari e Lamborghini. Dopo qualche secondo arriva l'auto che viene pubblicizzata, si dirige al parcheggio riservato al primario della clinica. Il dottore scende dall'auto, dà un'occhiata alle auto dei suoi pazienti e sospira profondamente guardando la discreta targa all'ingresso della sua clinica: La chirurgie esthétique. Spécialisé pour l'allongement du pénis.

SABATO 16 MAGGIO 2009

Perdóno per Paletta!

Un paio di giorni fa il Presidente della Repubblica ha dichiarato all'assemblea annuale delle Fondazioni europee «Si diffonde una retorica pubblica che non esita, anche in Italia, ad incorporare accenti di intolleranza e xenofobia». Il signor B. fa sapere che non si riferisce a lui. Che tipo! si sente così al centro dell'attenzione che crede che ce l'abbiano con lui anche quando non è così. E' il momento di uscire allo scoperto! Chiedo perdono per averci messo due giorni ma la faccenda è delicata, rischia di aprire l'ennesimo scontro istituzionale e non posso più tacere. Ebbene sì, il Capo dello Stato si riferiva me. Rivelo i fatti. Durante un'amichevole partita a briscola in cui io e il Presidente giocavamo in coppia contro altri due giocatori non mi sono accorto che dovevo tenere l'asso in mano e riservarlo per un lancio successivo, così, preso dalla mia foga giovanile ho perso l'asso e mi sono fatto sfuggire un "Porca paletta!". Il Presidente si è subito rabbuiato in volto e mi ha fatto sapere di aver da poco ricevuto un appello dall'isola di Paletta

46

nell'arcipelago delle Utopie, lì la gente versa in condizioni disperate e chiede sostegno al nostro paese. Nell'imbarazzo ho spiegato che la mia esclamazione non si riferiva agli abitanti di Paletta ma giustamente il Presidente mi ha richiamato ad un linguaggio più attento e meno disinvolto. Sinceramente pensavo che la cosa finisse lì ma il Capo dello Stato ha ritenuto opportuno richiamare la mia scellerata esclamazione in un consesso pubblico perché fosse di esempio per tutto il paese. Il Presidente non si è riferito direttamente a me perché è un signore molto educato, purtroppo però la sua discrezione ha fatto pensare che la dichiarazione si riferisse al governo. Spero che questo chiarimento, doveroso ma che mi è costato fatica, porti serenità nel governo che ha così tante campagne pubblicitarie da organizzare e soprattutto rassicuri il Signor B. che adesso è tanto impegnato a ricostruire la sua immagine di bel giovanottone rampante sulle riviste più impegnate del paese.

Devo ammetterlo! E' meglio di una vignetta di Vauro.

GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2009

Nuove tecnologie, vecchia maleducazione

Puoi avere tutta la nuova tecnologia della comunicazione che vuoi ma i tuoi contenuti comunicativi quali progressi hanno fatto? Di che pasta sono fatti? La stessa di millenni fa! Hai un nuovo cellulare, ops! un blackberry ma non sarà lui a farti essere una persona migliore. Un celebre slogan pubblicitario ti affascina dicendoti che è tutto intorno a te. Se è così, tu sei al centro dell’attenzione e questo soddisfa il tuo narcisismo, ma ogni centro è, per definizione, immoto e stabilisce relazioni asimmetriche con ciò che lo circonda. Il sole è al centro del suo sistema gravitazionale per via della sua maggiore massa rispetto ai pianeti che gli girano intorno, il problema è se tu sei davvero assimilabile alle stelle!

VENERDÌ 29 MAGGIO 2009

Pubblico e privato

Ieri sera su Rete4 è stato trasmesso Gli intoccabili, il bel film di Brian De Palma del 1987. E' la storia di Al Capone e del gruppo di agenti federali che riuscì ad inchiodarlo per evasione fiscale. Mentre guardavo il film ho pensato ai possibili retroscena privati della vita del famoso gangster che ovviamente il film non prendeva in considerazione. Una scena in particolare mi ha fatto pensare a quei retroscena. E' quando l'agente Ness, preso dalla collera perché uno dei suoi collaboratori è stato appena ucciso dagli uomini del gangster, affronta Capone mentre sta scendendo da una scalinata circondato dai suoi accoliti. L'agente lo insulta e Capone si infuria dicendo "Come ti permetti di parlami così davanti a mio figlio?". Ho pensato che nonostante la sua attività, diciamo così, pubblica Al Capone dovesse essere particolarmente

47

affettuoso con suo figlio. Data la sua origine italiana doveva essere particolarmente legato alla sua famiglia, e in effetti aveva un concetto abbastanza ampio di famiglia, purché fosse la sua. Potremmo infatti obiettare che le sue attenzioni fossero indirizzate solo alla sua famiglia e non certamente ad una idea di Stato ma comunque di un fatto possiamo essere ragionevolmente certi, Al Capone doveva essere un padre amorevole e suo figlio doveva essere sicuramente fiero di lui. Un uomo potente, rispettato, temuto e certamente il figlio non poteva essere dello stesso avviso di quanti lo considerassero un malfattore. Ciononostante dubito che molta gente farebbe educare i propri figli da un padre così, se non altro perché non si tratterebbe dei figli di Capone!

GIOVEDÌ 4 GIUGNO 2009

La luna c'è ancora
SE SEI DI SINISTRA, DILLO FORTE (di Pietro Ingrao)
Viviamo il tempo buio di una crisi inedita e strutturale del capitalismo, una crisi economica, sociale, ambientale e alimentare determinata da decenni di politiche neoliberiste: si apre la strada ad una vera e propria crisi di civiltà il cui emblema è la guerra tra i poveri. Il rischio è l’uscita da destra dalla crisi: la progressiva frantumazione del mondo del lavoro, il passaggio dal welfare alla carità, lo svuotamento della democrazia, resa sempre più impermeabile ai conflitti e ai soggetti sociali, e la ripresa di ideologie nazionaliste, razziste, fondamentaliste, sessiste e omofobe. È un processo che in Italia assume il volto di un nuovo autoritarismo – quello plebiscitario e populista del berlusconismo – che potrebbe essere rafforzato da una ulteriore deriva maggioritaria e dalla cancellazione definitiva di ogni possibile rappresentanza dell’opposizione sociale. Noi ci battiamo per una uscita da sinistra dalla crisi e per questo motivo sosteniamo la lista anticapitalista e comunista a cui hanno dato vita esponenti dei movimenti altermondialista, femminista, pacifista, ambientalista, antirazzista, LGBTQ assieme a Rifondazione comunista – Sinistra Europea, Comunisti italiani, Socialismo 2000 e Consumatori Uniti. Un progetto di critica radicale e profonda alle politiche neoliberiste che in Europa hanno accomunato popolari, liberali e socialisti, cioè tutti i partiti attualmente presenti nel parlamento italiano. Sosteniamo la lista anticapitalista e comunista per mantenere aperta la strada dell’alternativa, in Italia e in Europa. Un voto utile per proporre un’uscita da sinistra dalla crisi, per rafforzare un’ipotesi di ricostruzione della sinistra basata sulla connessione fra diversi soggetti del conflitto e culture critiche, fra vertenze territoriali e movimenti globali, fra ambiente e lavoro, fra uguaglianza e libertà: una sinistra che non abbia rinunciato ad elaborare un pensiero forte dalla parte dei deboli, alla sfida per l’egemonia e la costruzione di un nuovo senso comune. Pensiamo in primo luogo ad un voto d’ascolto di questa giovane generazione di invisibili, o meglio di invisibili alla politica, che sembrava condannata, dalla precarietà del lavoro, dei saperi, delle vite a non poter immaginare il futuro, a non poter lottare per il futuro, e che ha invece trasformato la propria atipicità nell’anomalia di un’onda che ha invaso, con gioia e rabbia, scuole, università, città; che ha reclamato diritto alla conoscenza, cittadinanza, reddito sociale; che ha nominato la contraddizione tra il capitale e le vite con parole – noi la crisi non la paghiamo- che hanno connesso le tante lotte e vertenze di questi mesi. Un voto che tenga aperta la speranza, che apra la strada all’aggregazione della sinistra anticapitalista, comunista e della sinistra socialista. Perché il futuro si può ancora scrivere, il 6 e 7 giugno votiamo la lista comunista. *** Questo appello di Pietro Ingrao e di altri 200 firmatari è del 22 maggio scorso. Ci ho pensato, ripensato. Noi di sinistra siamo fatti così, siamo soliti spaccare in quattro un capello, ci chiediamo se votare questa o quell'anima della sinistra. Averne tante a volte può essere un problema e chi ne ha una sola o peggio nessuna può godere di alcuni vantaggi in campo elettorale. Comunque sia alla fine ho deciso che, con tutta probabilità, resterò senza rappresentanza parlamentare anche in Europa (naturalmente spero di sbagliarmi).

48

A dire il vero è strano che noi di sinistra ci si interroghi così tanto, già perché, nonostante la dispersione di voti della sinistra, il potere è saldamente nelle nostre mani nell'universo mondo, almeno stando alle fonti di Palazzo Chigi che della faccenda deve essere sicuramente più informato di me! Abbiamo conquistato tutte le redazioni dei giornali nazionali ed internazionali, non c'è procura della Repubblica dove non ci sia un pericoloso infiltrato comunista, non c'è università che non sia infestata di professori politicizzati di sinistra, non c'è istituzione che non ne abbia nei posti nevralgici, le librerie trasudano di libri scritti da intellettuali di sinistra. Praticamente, in ossequio a Gramsci, abbiamo realizzato una solida egemonia culturale su tutto il pianeta. In realtà abbiamo disseminato gente di sinistra ovunque che votare per questo o quel partito, anche di destra per dire una assurdità, sarebbe praticamente indifferente. Comunque vanno le cose comandiamo noi e se la crisi sociale, ambientale, economica può sembrare il risultato di un neoliberismo senza freni di stampo capitalista lo abbiamo fatto per ingannare chi non è abituato a leggere attentamente tra le pieghe della storia! *** Carissimo Pietro, volevi la luna, per tutta la tua lunga vita è stata a guardare, indifferente come sempre alle vicende umane. Di questi tempi non si sa più desiderare la luna, non sono in tanti a sapere che si può ancora desiderarla ma lei è ancora lì, indifferente come sempre, forse a farci credere che fino a quando ci saremo continuerà a sussurrare che 'il futuro si può ancora scrivere'. Grazie Pietro per averci fatto sentire ancora quel sussurro.

LUNEDÌ 8 GIUGNO 2009

Chi troppo vuole...
Straordinario. La sinistra 'radicale' italiana è fuori dal Parlamento Europeo ma non è questo ad essere straordinario, semmai questo rappresenta ancora una volta l'ordinaria pulsione all'estinzione della sinistra italiana. Ciò che è straordinario è che i risultati di queste elezioni che stando ai numeri vedono vincente il 'centro-destra' vanno valutati nella dimensione psicologica più che in quella numerica* [il 'centro-destra' è virgolettato perchè quando prevale l'affarismo che di volta in volta segue il vento degli accordi economicamente convenienti mi risulta difficile individuare una posizione politica che sia identificabile nell'asse sinistra-centro-destra]. Il cosiddetto centro-destra, avendo alla sua 'guida' un soggetto emotivamente disturbato costretto a giocare continuamente al raddoppio con le sue 'performance' per riempire il buco nero di un ego infantile ancora alle prese con il complesso di onnipotenza, ha perso queste elezioni! Il 43% era la buona notizia che gli facevano leggere per farlo addormentare contento, i tre milioni di voti facevano bene al pancino quando mangiava pesante. Niente di tutto questo. Adesso se ne sta nascosto, perchè non è in grado di metabolizzare la sconfitta, non è attrezzato per elaborarla. Poveretto, potrebbe frequentare per un po' di tempo noi della sinistra 'radicale', avremmo un sacco di cose da insegnargli, noi che invece non siamo in grado di elaborare le vittorie! * Per quanto riguarda l'eventuale giudizio di insensatezza della lettura psicologica dei risultati elettorali, non vorrei dover sottolineare che attualmente in Italia si aggirano una mezza dozzina di nanetti (e non parlo di statura fisica bensì di quella morale e intellettuale) che vanno dicendo che la crisi economica è una questione psicologica. Può essere! Sicuramente per i nanetti si tratta di un caso di rimozione terapeutica della realtà!

MERCOLEDÌ 10 GIUGNO 2009

Il gioco della lippa
C’era una volta un paese dove era proibito tutto. Ora, l’unica cosa non proibita essendo il gioco della lippa, i sudditi si riunivano in certi prati che erano dietro al paese e lì, giocando alla lippa, passavano le giornate. E siccome le proibizioni erano venute un poco per volta, sempre per giustificati motivi, non c’era nessuno che trovasse a ridire o non sapesse adattarsi. Passarono gli anni. Un giorno i connestabili videro che non c’era più ragione a che tutto fosse proibito e mandarono messi ad avvertire i sudditi che potevano fare quel che volevano. I messi andarono in quei posti dove usavano riunirsi i sudditi.

49

- Sapete – annunziarono – non è più proibito niente. Quelli continuavano a giocare alla lippa. - Avete capito? – insistettero i messi. – Siete liberi di fare quello che volete. - Bene – risposero i sudditi. – Noi giochiamo alla lippa. I messi s’affannarono a ricordar loro quante occupazioni e belle e utili vi fossero cui loro avevano atteso in passato e cui potevano di nuovo attendere d’allora in poi. Ma quelli non davano retta e continuavano a giocare, una botta dopo l’altra, senza nemmeno prender fiato. Visti i vani tentativi, i messi andarono a dirlo ai connestabili. – Proibiamo il gioco della lippa. Fu la volta che il popolo fece la rivoluzione e li ammazzò tutti. Poi senza perdere tempo, tornò a giocare alla lippa. Italo Calvino, Prima che tu dica 'Pronto'. Questo racconto di Calvino fa parte di una raccolta di opere brevi pubblicate tra il 1943 e il 1984. Da allora sono passati parecchi anni, i connestabili sono cambiati e si sono guardati bene dal proibire il gioco della lippa, anzi adesso la trasmettono su tutti i canali televisivi, è argomento di discussione al lavoro. Molta gente è disposta a vendere propria madre pur di vincere alla lippa e quelli che qualche volta hanno vinto sono guardati da tutti con ammirazione perpetua. Così tutti quanti continuiamo a giocare alla lippa. Passiamo il tempo, ci divertiamo un mondo ma ogni tanto ci assale un pensiero fastidioso che prontamente scacciamo via con un moto di stizza. In effetti non sappiamo in cosa consista esattamente questo dannato gioco della lippa!

LUNEDÌ 15 GIUGNO 2009

La questione morale
A qualche giorno dal 25° anniversario della morte di Enrico Berlinguer che avvenne l'11 giugno del 1984 ho riletto questa storica intervista al segretario di quello che un tempo era il Partito Comunista Italiano. Di fronte al disgusto per la politica di oggi, popolata da accattoni danarosi, incompetenti parolai, psicolabili popolari e demagoghi professionisti non posso che ricorrere ai miei antidoti. Lo faccio spesso e ho il timore che continuerò a farlo ancora. In quegli antidoti è evidente che il marcio di oggi viene da lontano ma almeno gli anticorpi c'erano ancora. Nel medioevo si diceva che siamo nani sulle spalle di giganti, oggi la frase rischierebbe una querela per diffamazione e nei casi più disperati farebbe gridare al complotto eversivo! *** Intervista a Enrico Berlinguer di Eugenio Scalfari *** Scalfari: La passione è finita? Berlinguer: Per noi comunisti la passione non è finita. Ma per gli altri? Non voglio dar giudizi e mettere il piede in casa altrui, ma i fatti ci sono e sono sotto gli occhi di tutti. I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune. La loro stessa struttura organizzativa si è ormai conformata su questo modello, e non sono più organizzatori del popolo, formazioni che ne promuovono la maturazione civile e l'iniziativa: sono piuttosto federazioni di correnti, di camarille, ciascuna con un "boss" e dei "sotto-boss". La carta geopolitica dei partiti è fatta di nomi e di luoghi. Per la DC: Bisaglia in Veneto, Gava in Campania, Lattanzio in Puglia, Andreotti nel Lazio, De Mita ad Avellino, Gaspari in Abruzzo, Forlani nelle Marche e così via. Ma per i socialisti, più o meno, è lo stesso e per i socialdemocratici peggio ancora... S.: Lei mi ha detto poco fa che la degenerazione dei partiti è il punto essenziale della crisi italiana. B.: È quello che io penso. S.: Per quale motivo?

50

B.: I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali. Per esempio, oggi c'è il pericolo che il maggior quotidiano italiano, il Corriere della Sera, cada in mano di questo o quel partito o di una sua corrente, ma noi impediremo che un grande organo di stampa come il Corriere faccia una così brutta fine. Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico. Tutte le "operazioni" che le diverse istituzioni e i loro attuali dirigenti sono chiamati a compiere vengono viste prevalentemente in funzione dell'interesse del partito o della corrente o del clan cui si deve la carica. Un credito bancario viene concesso se è utile a questo fine, se procura vantaggi e rapporti di clientela; un'autorizzazione amministrativa viene data, un appalto viene aggiudicato, una cattedra viene assegnata, un'attrezzatura di laboratorio viene finanziata, se i beneficiari fanno atto di fedeltà al partito che procura quei vantaggi, anche quando si tratta soltanto di riconoscimenti dovuti. S.: Lei fa un quadro della realtà italiana da far accapponare la pelle. B.: E secondo lei non corrisponde alla situazione? S.: Debbo riconoscere, signor Segretario, che in gran parte è un quadro realistico. Ma vorrei chiederle: se gli italiani sopportano questo stato di cose è segno che lo accettano o che non se ne accorgono. Altrimenti voi avreste conquistato la guida del paese da un pezzo. B.: La domanda è complessa. Mi consentirà di risponderle ordinatamente. Anzitutto: molti italiani, secondo me, si accorgono benissimo del mercimonio che si fa dello Stato, delle sopraffazioni, dei favoritismi, delle discriminazioni. Ma gran parte di loro è sotto ricatto. Hanno ricevuto vantaggi (magari dovuti, ma ottenuti solo attraverso i canali dei partiti e delle loro correnti) o sperano di riceverne, o temono di non riceverne più. Vuole una conferma di quanto dico? Confronti il voto che gli italiani hanno dato in occasione dei referendum e quello delle normali elezioni politiche e amministrative. Il voto ai referendum non comporta favori, non coinvolge rapporti clientelari, non mette in gioco e non mobilita candidati e interessi privati o di un gruppo o di parte. È un voto assolutamente libero da questo genere di condizionamenti. Ebbene, sia nel '74 per il divorzio, sia, ancor di più, nell'81 per l'aborto, gli italiani hanno fornito l'immagine di un paese liberissimo e moderno, hanno dato un voto di progresso. Al nord come al sud, nelle città come nelle campagne, nei quartieri borghesi come in quelli operai e proletari. Nelle elezioni politiche e amministrative il quadro cambia, anche a distanza di poche settimane. S.: Veniamo all'altra mia domanda, se permette, signor Segretario: dovreste aver vinto da un pezzo, se le cose stanno come lei descrive. B.: In un certo senso, al contrario, può apparire persino straordinario che un partito come il nostro, che va così decisamente contro l'andazzo corrente, conservi tanti consensi e persino li accresca. Ma io credo di sapere a che cosa lei pensa: poiché noi dichiariamo di essere un partito "diverso" dagli altri, lei pensa che gli italiani abbiano timore di questa diversità. S.: Sì, è così, penso proprio a questa vostra conclamata diversità. A volte ne parlate come se foste dei marziani, oppure dei missionari in terra d'infedeli: e la gente diffida. Vuole spiegarmi con chiarezza in che consiste la vostra diversità? C'è da averne paura? B.: Qualcuno, sì, ha ragione di temerne, e lei capisce subito chi intendo. Per una risposta chiara alla sua domanda, elencherò per punti molto semplici in che consiste il nostro essere diversi, così spero non ci sarà più margine all'equivoco. Dunque: primo, noi vogliamo che i partiti cessino di occupare lo Stato. I partiti debbono, come dice la nostra Costituzione, concorrere alla formazione della volontà politica della nazione; e ciò possono farlo non occupando pezzi sempre più larghi di Stato, sempre più numerosi centri di potere in ogni campo, ma interpretando le grandi correnti di opinione, organizzando le aspirazioni del popolo, controllando democraticamente l'operato delle istituzioni. Ecco la prima ragione della nostra diversità. Le sembra che debba incutere tanta paura agli italiani? S.: Veniamo alla seconda diversità. B.: Noi pensiamo che il privilegio vada combattuto e distrutto ovunque si annidi, che i poveri e gli emarginati, gli svantaggiati, vadano difesi, e gli vada data voce e possibilità concreta di contare nelle decisioni e di cambiare le proprie condizioni, che certi bisogni sociali e umani oggi ignorati vadano soddisfatti con priorità rispetto ad altri, che la professionalità e il merito vadano premiati, che la partecipazione di ogni cittadino e di ogni cittadina alla cosa pubblica debba essere assicurata. S.: Onorevole Berlinguer, queste cose le dicono tutti. B.: Già, ma nessuno dei partiti governativi le fa. Noi comunisti abbiamo sessant'anni di storia alle spalle e abbiamo dimostrato di perseguirle e di farle sul serio. In galera con gli operai ci siamo stati noi; sui monti con i partigiani ci siamo stati noi; nelle borgate con i disoccupati ci siamo stati noi; con le donne, con il

51

proletariato emarginato, con i giovani ci siamo stati noi; alla direzione di certi comuni, di certe regioni, amministrate con onestà, ci siamo stati noi. S.: Non voi soltanto. B.: È vero, ma noi soprattutto. E passiamo al terzo punto di diversità. Noi pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi di ricchezza. Non vogliamo seguire i modelli di socialismo che si sono finora realizzati, rifiutiamo una rigida e centralizzata pianificazione dell'economia, pensiamo che il mercato possa mantenere una funzione essenziale, che l'iniziativa individuale sia insostituibile, che l'impresa privata abbia un suo spazio e conservi un suo ruolo importante. Ma siamo convinti che tutte queste realtà, dentro le forme capitalistiche -e soprattutto, oggi, sotto la cappa di piombo del sistema imperniato sulla DC- non funzionano più, e che quindi si possa e si debba discutere in qual modo superare il capitalismo inteso come meccanismo, come sistema, giacché esso, oggi, sta creando masse crescenti di disoccupati, di emarginati, di sfruttati. Sta qui, al fondo, la causa non solo dell'attuale crisi economica, ma di fenomeni di barbarie, del diffondersi della droga, del rifiuto del lavoro, della sfiducia, della noia, della disperazione. È un delitto avere queste idee? S.: Non trovo grandi differenze rispetto a quanto può pensare un convinto socialdemocratico europeo. Però a lei sembra un'offesa essere paragonato ad un socialdemocratico. B.: Bè, una differenza sostanziale esiste. La socialdemocrazia (parlo di quella seria, s'intende) si è sempre molto preoccupata degli operai, dei lavoratori sindacalmente organizzati e poco o nulla degli emarginati, dei sottoproletari, delle donne. Infatti, ora che si sono esauriti gli antichi margini di uno sviluppo capitalistico che consentivano una politica socialdemocratica, ora che i problemi che io prima ricordavo sono scoppiati in tutto l'occidente capitalistico, vi sono segni di crisi anche nella socialdemocrazia tedesca e nel laburismo inglese, proprio perché i partiti socialdemocratici si trovano di fronte a realtà per essi finora ignote o da essi ignorate. S.: Dunque, siete un partito socialista serio... B.: ...nel senso che vogliamo costruire sul serio il socialismo... S.: Le dispiace, la preoccupa che il PSI lanci segnali verso strati borghesi della società? B.: No, non mi preoccupa. Ceti medi, borghesia produttiva sono strati importanti del paese e i loro interessi politici ed economici, quando sono legittimi, devono essere adeguatamente difesi e rappresentati. Anche noi lo facciamo. Se questi gruppi sociali trasferiscono una parte dei loro voti verso i partiti laici e verso il PSI, abbandonando la tradizionale tutela democristiana, non c'è che da esserne soddisfatti: ma a una condizione. La condizione è che, con questi nuovi voti, il PSI e i partiti laici dimostrino di saper fare una politica e di attuare un programma che davvero siano di effettivo e profondo mutamento rispetto al passato e rispetto al presente. Se invece si trattasse di un semplice trasferimento di clientele per consolidare, sotto nuove etichette, i vecchi e attuali rapporti tra partiti e Stato, partiti e governo, partiti e società, con i deleteri modi di governare e di amministrare che ne conseguono, allora non vedo di che cosa dovremmo dirci soddisfatti noi e il paese. S.: Secondo lei, quel mutamento di metodi e di politica c'è o no? B.: Francamente, no. Lei forse lo vede? La gente se ne accorge? Vada in giro per la Sicilia, ad esempio: vedrà che in gran parte c'è stato un trasferimento di clientele. Non voglio affermare che sempre e dovunque sia così. Ma affermo che socialisti e socialdemocratici non hanno finora dato alcun segno di voler iniziare quella riforma del rapporto tra partiti e istituzioni -che poi non è altro che un corretto ripristino del dettato costituzionale- senza la quale non può cominciare alcun rinnovamento e sanza la quale la questione morale resterà del tutto insoluta. S.: Lei ha detto varie volte che la questione morale oggi è al centro della questione italiana. Perché? B.: La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci dei ladri, dei corrotti, dei concussori in alte sfere della politica e dell'amministrazione, bisogna scovarli, bisogna denunciarli e bisogna metterli in galera. La questione morale, nell'Italia d'oggi, fa tutt'uno con l'occupazione dello stato da parte dei partiti governativi e delle loro correnti, fa tutt'uno con la guerra per bande, fa tutt'uno con la concezione della politica e con i metodi di governo di costoro, che vanno semmplicemente abbandonati e superati. Ecco perché dico che la questione morale è il centro del problema italiano. Ecco perché gli altri partiti possono profare d'essere forze di serio rinnovamento soltanto se aggrediscono in pieno la questione morale andando alle sue cause politiche. [...] Quel che deve interessare veramente è la sorte del paese. Se si continua in questo modo, in Italia la democrazia rischia di restringersi, non di allargarsi e svilupparsi; rischia di soffocare in una palude. S.: Signor Segretario, in tutto il mondo occidentale si è d'accordo sul fatto che il nemico

52

principale da battere in questo momento sia l'inflazione, e difatti le politiche economiche di tutti i paesi industrializzati puntano a realizzare quell'obiettivo. È anche lei del medesimo parere? B.: Risponderò nello stesso modo di Mitterand: il principale malanno delle società occidentali è la disoccupazione. I due mali non vanno visti separatamente. L'inflazione è -se vogliamo- l'altro rovescio della medaglia. Bisogna impegnarsi a fondo contro l'una e contro l'altra. Guai a dissociare questa battaglia, guai a pensare, per esempio, che pur di domare l'inflazione si debba pagare il prezzo d'una recessione massiccia e d'una disoccupazione, come già in larga misura sta avvenendo. Ci ritroveremmo tutti in mezzo ad una catastrofe sociale di proporzioni impensabili. S.: Il PCI, agli inizi del 1977, lanciò la linea dell' "austerità". Non mi pare che il suo appello sia stato accolto con favore dalla classe operaia, dai lavoratori, dagli stessi militanti del partito... B.: Noi sostenemmo che il consumismo individuale esasperato produce non solo dissipazione di ricchezza e storture produttive, ma anche insoddisfazione, smarrimento, infelicità e che, comunque, la situazione economica dei paesi industializzati -di fronte all'aggravamento del divario, al loro interno, tra zone sviluppate e zone arretrate, e di fronte al risveglio e all'avanzata dei popoli dei paesi ex-coloniali e della loro indipendenza- non consentiva più di assicurare uno sviluppo economico e sociale conservando la "civiltà dei consumi", con tutti i guasti, anche morali, che sono intrinseci ad essa. La diffusione della droga, per esempio, tra i giovani è uno dei segni più gravi di tutto ciò e nessuno se ne dà realmente carico. Ma dicevamo dell'austerità. Fummo i soli a sottolineare la necessità di combattere gli sprechi, accrescere il risparmio, contenere i consumi privati superflui, rallentare la dinamica perversa della spesa pubblica, formare nuove risorse e nuove fonti di lavoro. Dicemmo che anche i lavoratori avrebbero dovuto contribuire per la loro parte a questo sforzo di raddrizzamento dell'economia, ma che l'insieme dei sacrifici doveva essere fatto applicando un principio di rigorosa equità e che avrebbe dovuto avere come obiettivo quello di dare l'avvio ad un diverso tipo di sviluppo e a diversi modi di vita (più parsimoniosi, ma anche più umani). Questo fu il nostro modo di porre il problema dell'austerità e della contemporanea lotta all'inflazione e alla recessione, cioè alla disoccupazione. Precisammo e sviluppammo queste posizioni al nostro XV Congresso del marzo 1979: non fummo ascoltati. S: E il costo del lavoro? Le sembra un tema da dimenticare? B.: Il costo del lavoro va anch'esso affrontato e, nel complesso, contenuto, operando soprattutto sul fronte dell'aumento della produttività. Voglio dirle però con tutta franchezza che quando si chiedono sacrifici al paese e si comincia con il chiederli -come al solito- ai lavoratori, mentre si ha alle spalle una questione come la P2, è assai difficile ricevere ascolto ed essere credibili. Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi. Se questi elementi non ci sono, l'operazione non può riuscire. «La Repubblica», 28 luglio 1981

MARTEDÌ 16 GIUGNO 2009

Al sire vincitor
Mentre da Teheran passa la storia che celebreremo nei prossimi anniversari, mentre nelle piazze e nelle Università italiane non si fanno sit-in e cortei 'pacifisti' in sostegno di quella rivoluzione...

MARTEDÌ 30 GIUGNO 2009

I drammi facili facili

E' estremamente facile licenziare 200 persone, ancora più facile se si tratta di 200 risorse umane, se poi si tratta di 200 unità lavorative allora è proprio una passeggiata. E' così che le cose drammatiche diventano facili facili. Probabilmente è un modo per rimuovere un evento drammatico dall'orizzonte della propria emotività, probabilmente è l'unico modo di esprimersi di una emotività ormai afona, probabilmente è ciò che resta dopo la soppressione dell'emotività. (A scanso di equivoci e per farla breve io intendo per emotività ogni esperienza cognitiva intima e profonda che mi pone in relazione empatica con l'altro, un'esperienza che muove dal riconoscimento consapevole della propria inevitabile incompletezza e che cerca nell'altro, altra faccia di me stesso, il proprio complemento).

53

In un tempo lontano, diciamo tra 5 e 10 anni prima, un Ente statale prende 200 soggetti, tutti con la loro esperienza di lavoro, a volte pluriennale, gli fa un contratto come lavoratori a progetto, come collaboratori coordinati, collaboratori a partita IVA, li fa lavorare in attività istituzionali, di quelle attività la cui rilevanza, anche economica, richiede una continuità contrattuale compatibile con un contratto a tempo indeterminato, ma questi sono dettagli per gente naif (così si rischia di essere etichettati oggi se si ha ancora un codice etico). Naturalmente il lavoro che fanno non è compatibile con altri incarichi, l'Ente chiede l'esclusiva e anche se non sono pagati tanto non possono crearsi una rete di relazioni professionali che assicuri un altro lavoro. Questi soggetti credono e gli hanno fatto credere, a buona ragione, che quello che fanno non può essere in alcun modo sospeso per cui il loro contratto sarà sempre rinnovato ed un giorno, chissà, saranno definitivamente assunti dopo un concorso. Invece ad un certo punto il loro contratto viene lasciato scadere, nel silenzio assordante dei più ed il giorno dopo i duecento non hanno più lavoro. Dopotutto erano lavoratori a progetto, in tutti questi anni avrebbero dovuto abituarsi alle intemperie della flessibilità! Visto! Non è così difficile. Basta un artificio linguistico, basta parlare di un gruppo di soggetti. Più difficile, assai più difficile è passarle in rassegna tutte e 200 queste persone, con i loro nomi e cognomi, con le loro biografie, le loro aspirazioni, le loro storie familiari, le loro storie individuali. Cominciare con il primo e proseguire uno dopo l'altro, lentamente, fino all'ultimo: Chiara A. 35 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, è una biologa, adora il suo lavoro ed ha un compagno, vorrebbero cambiare casa ma non possono avere un mutuo, anche lui lavora in maniera saltuaria .... Lucia C. 41 anni, ingegnere ambientale, lavora da 7 anni nello stesso istituto, sua madre non sta bene e non sa nulla che lei sta per perdere il lavoro, Lucia non le ha detto nulla per non farla preoccupare.... Alfredo S. 50 anni, sistemista di rete, lavora nello stesso istituto da 8 anni, è sposato ed ha una bambina di 6 anni, non sa come dire a sua moglie che domani non andrà al lavoro.... Raffaele R., 36 anni, è un chimico e lavora nello stesso istituto da 6 anni, vive con i suoi ma vorrebbe andare a vivere per conto suo, suona la chitarra, si è innamorato ma non si sente ancora pronto.... Luca A. 40 anni, lavora nello stesso istituto da 7 anni, è uno statistico, ha due figli, è divorziato, sua moglie non riusciva a vivere una condizione di continua instabilità professionale, lui vorrebbe un'altra famiglia ma ha paura che si ripeta la stessa storia che ha già vissuto.... Maria L. 37 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, quando si è laureata in fisica ha promesso ai suoi genitori che li avrebbe aiutati a ristrutturare la loro casa in campagna, ma a Roma la vita è cara e da quando si è trasferita per il lavoro non riesce a mettere da parte molti risparmi.... Federica V. 39 anni, è una biologa marina ed è appassionata del suo lavoro, quando 9 anni fa è entrata in questo istituto ha pensato che aveva una grande responsabilità, sono più di dieci anni che continua a viaggiare tutti i fine settimana per stare con la sua famiglia, vorrebbe comprare una casa qui ma nessuna banca è disposta a darle un mutuo, il suo contratto non lo consente.... Michele G. 37 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, esperto informatico, vorrebbe.... E via e via e via, uno dopo l'altro fino al duecentesimo. Ci vorrebbe qualche ora solo a nominarli tutti dedicandogli poche righe per ciascuno. Alla fine ne saremmo stremati, solo con pochi cenni per ciascuno. Invece è molto più facile dire che 200 unità erano in sovrannumero e che le esigenze di ottimizzazione delle risorse richiedevano un taglio delle unità lavorative. Oggi nell'Istituto dove lavoro è successo questo, i vertici dirigenziali, inerti e invisibili, hanno onorato le esigenze dell'ottimizzazione del budget ed hanno lasciato scadere 200 contratti. Il ministero vigilante di cui l'istituto è l'organo tecnico non si è espresso. Del resto non è scontato che un ministro faccia gli interessi di un istituto pubblico quando si sta dando tanto da fare per far passare le attività dell'istituto pubblico ad uno privato con fondi pubblici! Per loro licenziare 200 unità lavorative è stato facile facile, senza troppi dolori. Si tratta di numeri, i conti devono quadrare, e dopo, tutti a bere una birra e fare due rutti, con la mano sulla bocca perché è gente educata e solitamente veste bene. Invece per me: Chiara A. 35 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, è una biologa, adora il suo lavoro ed ha un compagno, vorrebbero cambiare casa ma non possono avere un mutuo, anche lui lavora in maniera saltuaria.... Domani non avrà il suo lavoro. Lucia C. 41 anni, ingegnere ambientale, lavora da 7 anni nello stesso istituto, sua madre non sta bene e non sa nulla che lei sta per perdere il lavoro, Lucia non le ha detto nulla per non farla preoccupare.... Domani non avrà il suo lavoro. Alfredo S. 50 anni, sistemista di rete, lavora nello stesso istituto da 8 anni, è sposato ed ha una bambina di 6 anni, non sa come dire a sua moglie che domani non andrà al lavoro.... Domani non avrà il suo lavoro. Raffaele R., 36 anni, è un chimico e lavora nello stesso istituto da 6 anni, vive con i suoi ma vorrebbe andare a vivere per conto suo, suona la chitarra, si è innamorato ma non si sente ancora pronto....

54

Domani non avrà il suo lavoro. Luca A. 40 anni, lavora nello stesso istituto da 7 anni, è uno statistico, ha due figli, è divorziato, sua moglie non riusciva a vivere una condizione di continua instabilità professionale, lui vorrebbe un'altra famiglia ma ha paura che si ripeta la stessa storia che ha già vissuto.... Domani non avrà il suo lavoro. Maria L. 37 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, quando si è laureata in fisica ha promesso ai suoi genitori che li avrebbe aiutati a ristrutturare la loro casa in campagna, ma a Roma la vita è cara e da quando si è trasferita per il lavoro non riesce a mettere da parte molti risparmi.... Domani non avrà il suo lavoro. Federica V. 39 anni, è una biologa marina ed è appassionata del suo lavoro, quando 9 anni fa è entrata in questo istituto ha pensato che aveva una grande responsabilità, sono più di dieci anni che continua a viaggiare tutti i fine settimana per stare con la sua famiglia, vorrebbe comprare una casa qui ma nessuna banca è disposta a darle un mutuo, il suo contratto non lo consente.... Domani non avrà il suo lavoro. Michele G. 37 anni, lavora nello stesso istituto da 5 anni, esperto informatico, vorrebbe.... Domani non avrà il suo lavoro. E via e via e via, uno dopo l'altro, lentamente, fino al duecentesimo.

COMMENTS:
Riverwind65 Mi hai fatto venire un groppo in gola... marvit a me una gran voglia di scappare via. da tutto

MERCOLEDÌ 1 LUGLIO 2009

Tregua o resa?

Ci possono essere casi in cui uno decide di autocensurarsi e di non esprimere il proprio dissenso nei confronti di un'alta carica dello Stato di cui riconosce il ruolo cardine e la statura morale di chi la ricopre ma a volte diventa davvero difficile astenersi dal dissenso. Mi riferisco all'appello del Presidente Napolitano di due giorni fa ad "una tregua nelle polemiche" in occasione del G8. Per qualcuno si tratta di una tregua impossibile e dopo due giorni di perplessità così sembra anche a me. Sicuramente al Capo dello Stato sta a cuore l'immagine dell'Italia e per questo è auspicabile che i temi politici di questo paese che la stampa estera ascolterà durante i giorni del G8 non siano quelli suscitati da chi la governa, ma forse proprio a questo scopo serve che in un consesso internazionale la stampa di questo paese faccia sapere che esistono ancora degli anticorpi negli italiani, quegli stessi anticorpi che invocava Berlinguer quasi 30 anni fa e che in quel momento non tutti compresero fino in fondo. C'è bisogno di una stampa che faccia sapere che ci sono ancora italiani che vogliono discutere di Politica, che a molti appare ancora una enormità inaccettabile che due giudici della Corte Costituzionale, che a breve deve esprimersi sulla legittimità del Lodo Alfano, vadano a cena con il capo del governo ed esponenti della maggioranza, che molti trovano ignobile che il capo del governo faccia dichiarazioni che si situano ben oltre i confini dell'aggiotaggio, che molti italiani trovano la separazione dei poteri un principio imprescindibile della democrazia. Tralascio davvero le polemiche perché la mignottocrazia, come l'ha battezzata Paolo Guzzanti e recentemente richiamata da Edmondo Berselli sull'Espresso, non mi diverte, anche se diventa inevitabile parlarne quando si presenta come una possibile metamorfosi della democrazia! Ad ogni modo è di questa che preferisco parlare, delle regole che rischiano di essere sovvertite sotto l'intrigante e comodo appellativo di riforme. Su queste regole, che vengono quotidianamente irrise da chi ha la responsabilità di governo, la stampa nazionale non dovrebbe e non deve tacere, nei giorni del G8 più che mai. Caro Presidente Napolitano per me è chiaro come il sole che la crisi della politica non è la crisi delle Istituzioni, ancora di più mi è chiaro che l'indecenza di chi si diletta a dirsi politico non è la crisi della Politica. Se l'Italia ci sta davvero a cuore sicuramente non gli renderemmo un gran servizio con le polemiche, sono d'accordo, ma sono fermamente convinto che il Paese trarrebbe un enorme beneficio se aumentassero le persone che continuano a chiedere conto delle azioni di rilevanza Politica (della Polis) a chi ricopre un ruolo di alta responsabilità sentendosi immune dal dovere di risponderne. Altrimenti non è difficile immaginare un futuro ormai prossimo in cui riuscirebbe impossibile individuare in cosa esattamente consista il principio di

55

responsabilità. Con immutata stima porgo sinceri saluti.

LUNEDÌ 6 LUGLIO 2009

Ultime dall'ex mattatoio
Al Gran Consiglio Divino Interstellare. Redigo il consueto rapporto settimanale per aggiornare sulla situazione. Il latitante Godot è stato finalmente preso, purtroppo non è stato possibile catturarlo vivo. Il fuggitivo è rimasto vittima in un conflitto a fuoco durante una rapina. Va riconosciuto che il ricercato era del tutto estraneo all'episodio criminale, inoltre da un diario che si ritiene autografo trovato tra i resti della vittima appare ragionevole che il soggetto fosse completamente innocente dalle accuse ascrittegli. Dagli appunti riportati nel diario è emerso che la sua latitanza fosse dovuta alla perdita di memoria. Ha vagato per decenni nei boschi senza trovare la strada del ritorno. Per evitare disordini è consigliabile continuare a sostenere che si trattasse di un pericoloso contrabbandiere. Il capitano Ulisse ed il marinaio Sindbad hanno presentato una proposta di legge per evitare di raccontare menzogne. I due propongono di rendere mutevole la realtà alla bisogna, la proposta ha raccolto le adesioni di moltissima gente. Data la rispettabilità dei proponenti la mozione è stata presentata al Consiglio delle Terre Emerse e delle Distese Oceaniche ed è subito apparsa facilmente applicabile. Studiando il caso il Decano ha manifestato tutto il suo stupore per non averci pensato prima, si sarebbero evitate inutili spese giudiziarie ed incresciose ricerche per discriminare le versioni dei fatti. Il processo di rieducazione di Pantagruele si è concluso con risultati decisamente soddisfacenti. Attualmente è amministratore delegato di una grossa multinazionale nel campo alimentare e a parte qualche sconcezza che gli concediamo il suo contegno appare sostanzialmente accettabile. Don Chisciotte è rinsavito, adesso è consigliere diplomatico per la Mancia con delega all'energia eolica. Di tanto in tanto assume un atteggiamento pensoso di fronte alle pale eoliche, le fissa per ore ma poi basta poco per riportare la sua attenzione alle cose concrete. La ditta di Mefistofele è stata prossima al fallimento per via di un investimento avventato. Il povero diavolo aveva commissionato a Faust l'acquisto di una grossa partita di anime legate a titoli azionari che nel giro di un paio di giorni hanno perso il loro valore. Il Consiglio è dovuto intervenire con fondi sociali per recuperare le perdite ed evitare ripercussioni nelle dinamiche di ripresa del mercato delle anime. Al momento non si può escludere che Faust fosse a conoscenza del prossimo collasso dei prezzi, si profila un'inchiesta per bancarotta fraudolenta. Sembra che Acab abbia portato a termine la sua impresa, si è messo in società con un tale Amleto per commerciare carne di balena in scatola. La vicenda appare comunque oscura, non si spengono le voci di frode alimentare dopo una messa in scena del socio di Acab in cui il protagonista versava limone nelle orecchie delle alici anziché condire la carne di balena, come da copione. Si rende urgente un'ispezione e si segnala un discreto talento del giovane Amleto per il teatro, il ragazzo potrebbe avere un futuro nel settore. Sarebbe utile dare avvio al televoto intergalattico per deciderne la sorte. La lotteria di Peer Gynt va a gonfie vele, l'iniziativa ha raccolto consensi oltre ogni aspettativa. L'idea di nascondere il premio in una cipolla da spellare ha entusiasmato le moltitudini annoiate. Adesso sono tutti felici di versare qualche lacrima pur di tentare la fortuna. Il Consiglio ha rinnovato il contratto a Parsifal per continuare a cercare il Graal, tuttavia l'eccessiva timidezza del ragazzo ha convinto gli anziani a disseminare il suo cammino di indizi per farglielo trovare prima che la sua depressione diventi ingestibile. Questi i fatti di cronaca mondana ma la notizia di gran lunga più importante è che il dolore è stato finalmente sconfitto tra le folle, le sole manifestazioni residue sono attacchi d'ansia e sindromi di panico, roba passeggera, niente che non si possa curare con un buon farmaco e una sana dormita senza sogni. Se posso permettermi un suggerimento, sembra opportuno dare seguito ad ogni misura per rendere stabile e duraturo il distanziamento tra gli umani che ha reso possibile questo straordinario risultato. Il vostro predecessore aveva pensato di farli crescere e moltiplicare, la proposta appare applicabile anche in questo frangente. Ad ogni modo occorre evitare ogni rischio di un ritorno alla situazione precedente, purtroppo non mancano pericolosi malviventi che sostengono addirittura che lo sbalorditivo successo che è stato ottenuto sia un'abdicazione dall'umanità. Restando in fiduciosa attesa di nessun riscontro saluto le Vostre Divinità con il dovuto ossequio.

56

MERCOLEDÌ 8 LUGLIO 2009

Oggi inizia il G7
A giudicare da come la stampa estera saluta il 'presidente di turno', L'Espresso di questa settimana è stato troppo generoso a titolare la sua copertina "Il vertice dell'Aquila. G7 e mezzo". L'Italia poteva meritare di meglio, forse.

VENERDÌ 10 LUGLIO 2009

Il G7 (sette) è finito

E' terminato il summit dell'Aquila, è andata bene. Niente gaffe, niente incidenti, nessun apprezzamento becero alle first ladies. Gli italiani ringraziano, sinceramente. Un bravo capocomico deve sempre rispettare i tempi giusti per le battute. Regola prima, attendere che si smetta di ridere di quelle appena dette, oppure che si smetta di piangere. Ogni vero comico ha uno spiccato senso del drammatico.

DOMENICA 12 LUGLIO 2009

Il primato del futuro!
Leggete questo interessantissimo articolo di L'Espresso* sugli ambienti artificiali che ci faranno vivere esperienze virtuali. In conclusione dell'articolo si legge "«Questi ambienti sono di grandissima attualità e utilità, perchè accelerano l'integrazione tra virtuale e reale», dice Mario Gerosa, docente di Multimedia al Politecnico di Milano e fondatore di Synthtravels, la prima agenzia di viaggi virtuali per esplorare i mondi digitali come se fossero vere e proprie località turistiche per i nostri avatar. «Entro pochi anni il virtuale non sarà più relegato all'interno dei computer, ma convergerà in misura sempre maggiore nel mondo reale. Sarà trasportato nella vita di tutti i giorni. Avremo amici virtuali, ologrammi che ci leggeranno la posta o che sostituiranno le immagine delle persone con cui chattiamo o parliamo via Web, scenari virtualizzati sempre più esasperati. Chiaramente questo comporta il rischio che si perda progressivamente il confine tra ciò che è reale e ciò che non lo è. Ma sarà solo per i primi tempi, e in ogni caso bisognerà adattarsi. Anche il turismo del futuro sarà molto diverso da quello attuale: certo, anche tra cento anni si andrà al mare o in montagna, anche se saranno forse arricchite da effetti speciali virtuali, ma i viaggi in carne e ossa saranno in parte sostituiti da quelli compiuti dai nostri avatar. »" ... e questo è niente! Ho sentito di progetti che ci faranno vivere esperienze davvero indimenticabili. Vi do solo poche anticipazioni. E' prevista a breve la commercializzazione di automobili il cui abitacolo è attrezzato con particolari diffusori di suoni e odori e con sistemi di proiezione che faranno vivere l'esperienza di guidare a tutta birra una cabriolet al fianco di Thelma e Louise in un paesaggio montano con vedute panoramiche quando tutto intorno il traffico è congestionato. Naturalmente la guida sarà affidata a sensori che calcoleranno la distanza tra i veicoli e la loro velocità per evitare spiacevoli interruzioni dell'esperienza virtuale, il nostro avatar ne risentirebbe. Un'importante iniziativa per facilitare le relazioni affettive prevede la realizzazione di ambienti in cui organizzare gite virtuali, sarà fornita una mappa fittizia per la ricerca del punto G, che grazie ad un uso sapiente di luci e odori starà per punto Grazioli. I più abbienti potranno permettersi il punto C, ovvero punto Certosa, che nessuno ancora conosce ma pare sia qualcosa di entusiasmante e inenarrabile. Poichè i sistemi di stimolazione agiranno direttamente sulle terminazioni nervose che regolano il piacere erotico, il biglietto di ingresso potrebbe costare di più per le donne che, come è noto, hanno molte più terminazioni degli uomini. Data la delicatezza della questione e la forte partecipazione prevista, le organizzazioni sindacali stanno tentando una trattativa per evitare discriminazioni simulate che potrebbero condurre a sollevazioni popolari digitali. Tra le proposte al vaglio vi è un pretrattamento in cui le donne saranno proiettate in un ologramma

57

maschile che a sua volta avrà l'esperienza sostitutiva e gli uomini avranno un avatar femminile con terminazioni ridotte per esperire l'avventura figurata. La soluzione consentirà di abbassare i costi d'ingresso a quanto previsto per un maschio medio. Nonostante la convenienza economica, inspiegabilmente i movimenti femministi si stanno opponendo e tra gli uomini serpeggia un certo sconcerto, ma gli scienziati che hanno avanzato la proposta sono convinti che col tempo ci si può abituare. Appagati da sensazioni pleonastiche passeremo un paio d'ore in edifici dove vivremo intere giornate surrettizie, il tempo subirà una crasi con lo spazio, ci ritroveremo nel centro di un buco nero a fare due chiacchiere con Dio, daremo un paio di suggerimenti per la prossima creazione dell'universo immaginario e poi ritorneremo al tran tran quotidiano completamente rilassati. Per addolcire l'impatto con l'ambiente urbano al ritorno dalle vacanze in campagna, in montagna o al mare sono previsti speciali edifici dove saranno installati diffusori di smog, altoparlanti in dolby surround faranno sentire clacson impazziti. Dalle finestre sarà possibile assistere ad incidenti stradali e risse nei bar grazie a videoproiettori tridimensionali. Si ritiene, non senza fondate ragioni, che grazie a questi ambienti possa essere definitivamente eliminato il famigerato stress del ritorno al lavoro dopo una vacanza. A questi ambienti pare sia interessato anche il ministero del lavoro che finanzierà piccole varianti in cui milioni di disoccupati potranno vivere una giornata con l'esperienza fantastica di 35 anni di lavoro virtuale comprensivo di contributi pensionistici artefatti, i soggetti usciranno dalle stanze completamente soddisfatti e stressati per una vita piena di attività apparenti. Si sta studiando una soluzione per far vivere ai soggetti l'esperienza di avere i soldi per pagare la quota di servizio che non sarà coperta dalle casse pubbliche. Ma il meglio deve ancora venire, da millenni è in progetto un locale attrezzato a far vivere l'esperienza di un mondo senza imbecilli, purtroppo l'idea non è mai arrivata neanche alla fase di prototipo e sembra estremamente difficile che il progetto possa essere realizzato. Al momento sono previsti prezzi stratosferici per vivere quest'esperienza solo per pochissimi secondi.
* C'è un errore nell'articolo, il sito internet di cui si parla nella prima pagina è http://www.projectrestart.it/. Per essere una società che progetta realtà virtuali il sito è proprio brutto, che dire? evidentemente i gusti sono ancora in attesa del loro avatar!

PS - "Le cose rappresentano nodi di relazioni con la vita degli altri, anelli di continuità tra le generazioni, ponti che collegano storie individuali e collettive, raccordi tra civiltà e natura. Ci spingono a dare ascolto alla realtà, a farla 'entrare' in noi così da ossigenare un'interiorità altrimenti asfittica. Mostrano inoltre il soggetto nel suo rovescio, nel suo lato più nascosto, quello del mondo che affluisce a lui." Remo Bodei, La vita delle cose, Laterza, 2009. Le cose, tras-formate in simulacri, "ci invitano a vivere in una dimensione etica e politica «al riparo dei segni e nella negazione della realtà»", quale invito ci verrà rivolto dai simulacri quando questi non saranno più frutto delle cose ma di altri simulacri?

LUNEDÌ 13 LUGLIO 2009

Il liberismo riformato

Definizione di liberismo secondo il Devoto-Oli (ed. 2004-2005), dopo qualche riforma (in grassetto): Liberismo - Sistema economico fondato sull'assoluta libertà di produzione e di commercio e per il quale l'intervento dello Stato è ammesso soltanto nei casi in cui l'iniziativa privata non può soddisfare le esigenze della collettività oppure nei casi in cui gli operatori economici che controllano l'offerta risultino iscritti a logge massoniche o altre associazioni in grado di orientare le azioni legislative a loro vantaggio. Solo in casi particolari, l'intervento dello Stato può essere motivato da semplici rapporti di amicizia con rappresentanti delle istituzioni. L'articolo del link è di qualche settimana fa, è il solito L'Espresso che sobilla le coscienze quiete. Me ne ero quasi dimenticato ma dopo quattro chiacchiere con la mia cara amica Ivana, che al riguardo è indiavolata, ho deciso di inserirlo nel mio seguitissimo blog per dare maggiore risonanza alla notizia!

58

MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2009

Le ragioni del silenzio
Perché ho aderito al silenzio dei blog di ieri nonostante condivida pienamente le ragioni di quanti hanno detto che questo non è il momento del silenzio? Intanto perché non avevo voglia di dire nulla e c’era una buona ragione per farlo. Poi perché ho pensato che questa iniziativa potesse servire a contarsi nella rete e magari scoprire di essere così tanti da scoraggiare certe iniziative legislative che in altri paesi farebbero ridere gli studenti in giurisprudenza. So che in rete ci si può contare, basta che ci siano certe cose nei siti (li chiamano tag), la cosa inquieta un po' ma a volte può essere utile. Io non so usare questi strumenti, questo blog non ha neanche il contatore perché mi sembrerebbe di sbirciare nelle cose degli altri. Se qualcuno lo legge e vuole lasciare un fiore è gradito, ma l’idea di vedere quante visite riceve il blog, da dove si collega chi legge mi fa venire i brividi. E' vero che l'eventuale lettore guarda qualcosa di mio, ma io ho deciso che sia pubblico quello che sta vedendo, lui o lei no! Tornando al ddl in questione, ho pensato ad una possibile soluzione per evitare gli effetti latenti o collaterali della norma, (o forse dovremmo essere abbastanza sospettosi da dire gli effetti manifesti e desiderati?), ossia aule di tribunale intasate da istruttorie per decidere della volontà lesiva di un post che non è stato smentito in tempo (al riguardo la novità del ddl è l'obbligo di smentita non l'eventuale diffamazione che è già legiferata). La proposta è questa. Si pubblica prima la smentita, con dovizie di particolari, documentazione autorevole e tono da documentario dell'Istituto Luce degli anni quando c'era Lui, poi immediatamente dopo si pubblica la notizia dove si fa smodato uso di condizionali, abuso di congiunzioni tipo 'qualora', 'sebbene', 'quasi', strabordante eccesso di avverbi come 'forse', 'piuttosto' e chi più ne ha più ne metta, aggettivi discreti e pacati. Tento un format minimo che può essere cambiato a piacere, sempre però rispettando le linee guida essenziali. Poniamo per assurdo che la faccenda riguardi un uomo che in base alle leggi elettorali vigenti non sia eleggibile in quanto titolare di una concessione dello Stato e che si candidi alle elezioni per coprire importanti cariche istituzionali (DPR 361/57, art. 10). Smentita: Le illazioni riguardanti la supposta incompatibilità tra carica istituzionale ed interesse privato è stata oggetto di una attenta disamina da parte di un gruppo di saggi, spiccano nel gruppo nomi di scienziati del diritto dalla chiara fama che tutto il mondo ci invidia per la lungimiranza del sapere e l'indiscutibile lucore del pensiero. Nessuno può impunemente sospettare che i giureconsulti possano avallare comportamenti non conformi alla legge. La lettura della normativa tirata in ballo da noti disfattisti e che ostacolerebbe l'elezione di chi è titolare di una concessione dello Stato risulta viziata da imperdonabili errori sicuramente dettati da interessi particolari. Il soggetto è stato riconosciuto completamente estraneo alle accuse infondate rivoltegli da quanti, accecati da insana invidia, non hanno saputo vedere l'elevata statura morale e l'indiscussa dedizione agli interessi del paese. I partiti di opposizione hanno riconosciuto l'imprescindibile valore di riforme condivise mettendo da parte un atteggiamento polemico che non fa bene alla nazione e dando avvio ad una stagione di dialogo. Il paese esulta e ringrazia per questo clima di benessere e serenità tra i partiti. Notizia: Da recenti indiscrezioni pare ci sia una norma piuttosto datata ed alquanto oscura. La norma si presenta di difficile lettura per via del linguaggio decisamente arcaico ma da una attenta e faticosa analisi sembrerebbe suggerire una certa preoccupazione per l'equilibrio dei poteri e l'autorevolezza delle istituzioni. Gli articoli della norma, letti sotto una certa luce tuttavia non priva di ombre e dubbi, si presterebbero ad interpretazioni alquanto problematiche per la candidatura del soggetto. Qualora la smentita venisse smentita, ma la cosa sembra improbabile, si profilerebbe un conflitto di interessi che potrebbe paralizzare l'azione normativa e comunque potrebbe condizionarla in termini di legittimità e di imparzialità. Sebbene la notizia possa destare alcune perplessità sull'opportunità che il soggetto ricopra importanti cariche pubbliche pare che sia piuttosto imprudente giungere a conclusioni affrettate. Al momento tali preoccupazioni sono al vaglio degli esperti in materia che forniranno ulteriori chiarimenti. E' una proposta, poi magari non è detto che piaccia! PS del 26 aprile 2010 - Riguardo alla presenza di un contatore in questo blog ho cambiato idea!

59

MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2009

I nuovi emigranti
Invito alla lettura e alla futura memoria: "STRASBURGO - "Una diaria di 290 euro! 'Sta miseria. Non ci si sta dentro. Questi non sanno cosa si prende al Parlamento italiano". Clemente Mastella esterna il suo disappunto per le nuove "durezze" a cui sono sottoposti i 736 eurodeputati. "Si prende meno che in Italia". Lo urla in ascensore, sventolando furioso le carte che via via gli porgono i suoi assistenti. Studia i chilometraggi. Chiede a Cristiana Muscardini, storica eurodeputata di An, ora nel Pdl assieme all'ex ministro di Prodi, come funzionino le firme-presenze per essere pagati."(Leggi il seguito...). Volevo aggiungere due o tre righe di commento poi, trascinato dalla corrente delle libere associazioni mi sono distratto e mi è tornato alla mente il mio esame di Zoologia I quando ho studiato i platelminti, un phylum molto semplice, quasi interamente costituito da specie parassite, la bocca è l'unica apertura del tratto digerente e non sono dotati di sistema circolatorio. In molti casi conservano la capacità di rigenerarsi, in altre parole se ne tagli uno a metà da ciascuna metà si riforma un individuo. Alcuni di loro sono particolarmente noti, quello nella foto ne è un esempio:

Si tratta dello scolice (organo di adesione e di ancoramento) della Taenia solium, altrimenti detto verme solitario. Con quell'organo il verme si attacca all'intestino, anche a quello umano, e non lo molla più. Per quanto un biologo adori la vita in tutte le sue straordinarie forme non faccio alcuna fatica a capire chi prova un conato di vomito!

GIOVEDÌ 23 LUGLIO 2009

Nèmesis
Era il 12 maggio del 2007, folle oceaniche portarono in piazza i valori della famiglia in risposta al penoso dibattito sul riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto che poi, come è noto, è stato serenamente dimenticato. Tra i sostenitori della manifestazione c'era anche chi teneva così tanto alla famiglia da averne almeno un paio. Qualche buontempone della capitale rispose all'iniziativa del 'Family day' e due settimane dopo propose il 'Famolo dai', trasformando una giornata altrimenti ordinaria in una data memorabile!

60

Dopo appena un paio d'anni abbiamo scoperto che il Famolo dai è stata un'iniziativa che ha raccolto adesioni anche tra i sostenitori del Family day! Ma come al solito le idee che nascono in maniera artigianale e casereccia subiscono un processo di snaturazione quando si istituzionalizzano e qualcuno, dotato di fiuto per gli affari, ha pensato di farci sopra un'industria e magari di inserirla tra i capitoli di spesa dello Stato, forse nella voce "Ricreazioni presidenziali". *** Strane le strade della storia! Il Messico ha avuto Zapata, la Spagna ha avuto Zapatero, noi abbiamo dovuto aspettare Zappadu. Indubbiamente personaggi diversi, molto diversi, ma ci deve essere qualcosa che li accomuna. Che sia qualche oscura alchimia nel nome?

SABATO 1 AGOSTO 2009

Fieri di essere italiani?
A proposito delle conseguenze della cosiddetta politica di respingimento dei barconi zeppi di disperati in fuga, il governo italiano risponde alle denuncie che vengono da più parti pretendendo delle scuse, perchè si tratterebbe di accuse «avventate, false, demagogiche, offensive e ripugnanti». La proiezione è un classico meccanismo di difesa, si tratta di un processo piuttosto primitivo molto noto nella pratica psicanalitica. Attraverso la proiezione il soggetto espelle da sé e localizza nell'altro (persona o cosa che sia), sentimenti, desideri o qualità che sono suoi ma che egli non riconosce o rifiuta in sé. È una difesa in azione soprattutto in soggetti paranoidi o fobici, ma trova agevole spazio anche nel pensiero cosiddetto normale. Chissà se l'identificazione proiettiva vale anche per l'uso (o l'abuso) degli aggettivi? Alcuni aggettivi si chiamano 'qualificativi' proprio perchè indicano una qualità! Quindi, ad essere rigorosi, non è da escludere che nella pretesa di scuse del governo italiano nei confronti delle organizzazioni internazionali stia operando qualche processo proiettivo. *** Parlare di vincoli al movimento di capitali oggi suonerebbe come una assurdità, e forse lo è. In un mondo che si dice globalizzato invece non sembra altrettanto assurdo porre vincoli al movimento delle persone. Desidero la globalizzazione degli uomini cui faccia seguito quella economica, non il rovescio. Ma io non sono un'economista e certe dinamiche non le posso capire, per fortuna!

61

MERCOLEDÌ 26 AGOSTO 2009

Italiani brava gente
Il viceministro della Giustizia Angelino Alfano (quello effettivamente in carica è l’avv. Ghedini) ha lanciato il grido di allarme sul sovraffollamento delle carceri italiane (leggi). Il sovraffollamento della popolazione carceraria è un problema complesso che diverse associazioni hanno da tempo denunciato ed aveva ragione Karl Popper a dire che “il grado di civiltà di un Paese si misura dalle condizioni delle sue carceri”. E' di pochi giorni fa una sentenza della Corte dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo che condanna l'Italia al risarcimento dei danni morali un cittadino bosniaco per essere stato oggetto di «trattamenti inumani e degradanti» (leggi). Il viceministro pone l’accento sul numero di detenuti stranieri che occupano gli istituti penitenzieri e invoca l’intervento dell’Europa. Sorvolo volutamente sulle motivazioni prevalenti della carcerazione degli stranieri in Italia che si possono leggere a questo link, sorvolo anche sulla abnorme lunghezza dei processi in Italia e sulla (forse) inevitabile detenzione cautelativa, dico che il viceministro ha ragione e che il problema va affrontato a livello comunitario. Nel caso l’Europa risponda all’appello, come spero, chiedendo ai diversi paesi un impegno proporzionale alla demografia carceraria di ciascun paese mi sono fatto due conti per l’Italia. Sono i soliti calcoli della serva, tutta roba da rivedere attentamente e magari con dati aggiornati che si riferiscono allo stesso anno ma alla grossa qualche indicazione la danno. Io ho preso quello che ho trovato in rete, niente che non costasse una o due ore di tempo libero. Nel 2006, in base ai dati del Ministero degli esteri, i detenuti italiani nei paesi dell’attuale UE erano circa 2.250 (di cui 1.140 in Germania) su una popolazione di residenti in Italia di circa 59 milioni di abitanti (circa 3,8 detenuti italiani in Europa ogni 100.000 abitanti in Italia. Sarebbero 4,8 detenuti ogni 100.000 italiani residenti se considerassimo tutti i detenuti italiani nel mondo). Il viceministro Alfano afferma che su 63.000 detenuti nelle carceri italiane oltre 20.000 sono stranieri (diciamo 20.500). Dai rapporti dell’associazione Antigone riguardo la provenienza geografica dei detenuti stranieri emerge “la netta prevalenza dal Nord Africa (netta prevalenza), in particolare maghrebini (Marocco, Tunisia e Algeria in testa) e dai paesi europei non appartenenti alla UE, in particolare Albania, ex Jugoslavia e Romania” (dati del 2001, oggi la Romania fa parte dell’UE ma nonostante il clangore mediatico non ritengo il dato possa introdurre variazioni di rilievo nelle mie stime). Nel 2001 su 28.098 detenuti stranieri circa il 50% erano di provenienza non UE. Considerando invariata la percentuale e ponendo che la restante parte di detenuti siano di provenienza UE, oggi possiamo stimare che circa 10.250 detenuti stranieri nelle carceri italiane siano europei (ho qualche ragione di ritenere il valore una sovrastima ma va bene così). In altre parole ci sarebbero 2,1 detenuti europei nelle carceri d'Italia ogni 100.000 abitanti UE (oggi circa 498 milioni). Quindi, tirando le somme, l’Italia avrebbe 2,1 detenuti europei nelle sue carceri a fronte di 3,8 detenuti italiani nelle carceri della UE. Un rapporto quasi 1 a 2. Se, come mi auguro, l’Europa dovesse rispondere all’appello del viceministro Alfano per finanziare la costruzione di nuove carceri in base al principio di contribuzione proporzionale, spero che l’Italia sia pronta a fare la sua parte. Per avere un quadro più completo del problema dell’affollamento nelle carceri potrebbe essere utile la lettura di questo documento del Consiglio dell'Europa. Da osservare soprattutto la terza colonna di valori della tabella a pagina 21 dove si riporta la popolazione carceraria ogni 100.000 abitanti, e la colonna ‘g’ delle tabelle nelle pag. 46 e 47, dove è riportata la percentuale di prigionieri stranieri nei diversi paesi. Si noterà che gli stranieri nelle prigioni non sono un problema solo italiano, del resto da quanto ho scritto qualche paese, come la Germania, potrebbe sostenere di avere un grosso problema con gli italiani nelle sue prigioni! Se ne consiglia la lettura prima di andare al meeting di Rimini, meglio se letto invece di andare al meeting di Rimini.

GIOVEDÌ 27 AGOSTO 2009

Settimane estive

Lunedì: L’infanta di Arcore ha fatto una dichiarazione poi non smentita, per questo motivo è stato licenziato il compagno di giochi dell’infanta che aveva l’onere di ricordare l’ora della smentita. Il grave episodio

62

potrebbe costare la rovina del paese, una rottura dell’ordine stabilito nella trama cosmica. I più anziani temono qualcosa di simile alla rovina di Kash. Martedì: Pare che D’Alema abbia pronunciato qualcosa di sinistra, l’episodio è avvenuto all’uscita di una festa in maschera, il soggetto aveva un tasso alcolico tre volte superiore al limite consentito. Dall’esultanza dei presenti sembra che la frase pronunciata fosse particolarmente attesa, più di qualcuno la considerava quasi una figura mitologica. L’unico problema è che nessuno è disposto a testimoniare dell’accaduto, una maledizione grava sulle parole pronunciate, si dice sia una maledizione più potente di quella di Tutankhamon. Se qualcuno riferisce le cose di sinistra dette dal D’Alema cade fulminato all’istante. Dato il pericolo nessuno dice cose di sinistra per evitare il rischio di ripetere cose dette dal D’Alema e restare colpito dalla maledizione. Date le circostanze ed il comprensibile riserbo dei presenti tutta la faccenda è avvolta in un alone di leggenda. Mercoledì: Il celebre avvocato Mavalà©, impegnato per tutto l’anno a querelare quanti parlavano male del suo committente, è stato colto da un devastante colpo di sole. All’origine della disgrazia sembrano esserci alcune confidenze rivelategli dallo stesso committente in cui questi faceva ammenda delle sue azioni. Il legale, trovando infondata la confessione e del tutto ingiustificata l’autocritica, ha sporto denuncia nei confronti del suo datore di lavoro per autovilipendio. Il povero Mavalà © è stato rinchiuso in un centro di cura dove continua a ripetere “il mio tessoooro” accarezzando una immaginetta sacra del suo utilizzatore finale. A lato si può vedere una foto dello sventurato professionista.

Giovedì: Giallo dell'estate. Gasparri ha formulato un pensiero, Bondi ha scritto una nuova poesia e Cota ha avuto un’idea tutta sua. Anche questi delitti, come quelli che solitamente avvengono in estate, appaiono senza alcun movente. Gli investigatori sono messi a dura prova per stabilire eventuali nessi tra i tre episodi criminali ma contano di venire presto a capo della faccenda, confidando nella rudimentalità degli strumenti utilizzati per commettere i tre deplorevoli atti. Venerdì: Gli informatici stanno correndo ai ripari per evitare la rottura dell’ordine cosmico che si teme in seguito al gravissimo incidente di lunedì scorso. I tecnici stanno studiando una soluzione per ripristinare il corso degli eventi assicurandone la continuità. Un semplice algoritmo iterativo come quello sotto riportato dovrebbe sollevare l’infanta da ogni incombenza garantendone l’indipendenza da compagni di gioco inaffidabili e assicurando la naturale continuazione del corso degli eventi. Dichiarazione = “il sole è caldo” Smentita = “non ho mai detto che ” Do .......Conta = Conta + 1 ..........If Conta > 1 Then ..............Dichiarazione = Smentita & Dichiarazione ..........End If .... Print Dichiarazione Loop Esempio di output: il sole è caldo non ho mai detto che il sole è caldo
non ho mai detto che non ho mai detto che il sole è caldo non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che il sole è caldo
non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che il sole è caldo non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che non ho mai detto che il sole è caldo ………. (non ho mai detto che) x n il sole è caldo

63

La progressiva crescita delle negazioni dovrebbe fornire una ragionevole sicurezza sulla perdita del senso della dichiarazione originaria. Gli informatici più prudenti consigliano di porre un tetto alla variabile “Conta”, altrimenti il ciclo potrebbe diventare ingestibile. Sabato: Dopo annosa e snervante ricerca è stato finalmente trovato il cerchio quadrato, la filosofia cristiana tira un sospiro di sollievo. Per l’occasione è stato indetto un giubileo extra, si terrà in piazza un auto da fè dei libri di Heidegger dedicati al nichilismo europeo dove lo scellerato filosofo affermava che una filosofia cristiana è ancora più assurda di un cerchio quadrato. Per l’eccezionale evento alla Perdonanza di quest’anno saranno lavati via i peccati e la pelle dei serpenti, sarà inoltre dimenticata la storia della prima tentazione tra canti e balli di gioia e libertà. La crisi economica non consente di elargire perdoni gratuitamente, si accetteranno doni in finanziaria in percentuale consona al reddito di ciascun questuante. Un residuo di ritegno impone di negare le trattative in corso. Domenica: La domenica è tutta un’altra storia, la domenica non accade nulla. La domenica ci si riposa e se accade qualcosa si gira la testa dall’altra parte. L’importante è proteggersi bene dal sole, altrimenti la pelle si arrossa troppo…

MARTEDÌ 1 SETTEMBRE 2009

Zitti tutti

"Parli solo il presidente della Commissione, non i portavoce". Altrimenti "non daremo più il nostro voto, bloccando di fatto il funzionamento della Ue, e chiederemo il dimissionamento dei commissari ". (leggi) *** E che cavolo! ora sì che sanno con chi hanno a che fare, e dirò di più, non faremo più entrare tedeschi e spagnoli in Italia, e se sono già qui bloccheremo i loro bagagli a Fiumicino e Malpensa. (Zitto Cicchitto, non c'è bisogno che mi ricordi che già lo facciamo, ho dato io disposizioni per le esercitazioni perchè si arrivasse preparati al colpo finale.) Faremo ritardare tutti i nostri aerei. (Lupi smettila di dire che è così da anni, prima si trattava di un caso, non ti sei accorto che da un po' di tempo è sistematico? Secondo te perchè l'ho fatta comprare la nostra compagnia? ) Faremo trovare chiusi i nostri musei. (Bravo Bondi, ti sei portato avanti, sussiegoso come sempre! Sì, sì che ti faccio scrivere una poesia da Apicella come ti ho promesso. Dai, animo Bondi, smettila di mugugnare. ) Questi europei non hanno imparato proprio nulla da me. Qui parla solo uno, gli altri zitti e mosca, anzi si divertono tutti perchè giocano al gioco del silenzio, chi parla paga pegno. E voi non volete pagare pegno, vero? E sono ancora calmo perchè se mi girano i cinque minuti vi assicuro che faccio fare un contratto alla De Filippi per una trasmissione a reti unificate su tutta Europa. (Come sarebbe che questo non me lo fanno fare, io posso tutto, io sono il padrone dell'etere. ) Anzi sapete che vi dico? me la compro la UE, ecco! poi la vendo alle isole Caiman, che lì ho delle conoscenze. (Non è possibile, non è possibile, che vuol dire non è possibile? Se uno si impegna ce la fa, guardate cosa ho fatto io partendo dal nulla! Che significano quegli sguardi di sospetto? ) *** Pochi mesi dopo il povero sciagurato ebbe una crisi di nervi e si stracciò le vesti e il crine davanti alle telecamere. Fu raccolto, tra pianti e urla, in un lupanare della periferia di Pompei mentre si ostinava a far pesare il suo pene su un bilancione. Era circondato dalle amorevoli cure dei suoi sodali che già pregustavano la fine ormai prossima del loro capo.

SABATO 5 SETTEMBRE 2009

L'ottavo vizio
Da L'Espresso di questa settimana.

64

DOMENICA 6 SETTEMBRE 2009

Ammortizzatori

A Cernobbio il ministro Tremonti assicura che i soldi per gli ammortizzatori ci sono. Dopo accurato esame dei libri contabili, dei registri e delle tabelle di conversione e tenendo conto anche della futura uscita dalla crisi, della ripresa inflativa, della inevitabile crescita dei tassi della BCE e non sottovalutando la prossima espansione del fatturato industriale e dei consumi, emerge con lampante evidenza che ci sono anche ampie disponibilità per cambiare i freni, rimboccare l'olio al motore, controllare la batteria e per un tagliando completo.

MARTEDÌ 8 SETTEMBRE 2009

Destra e sinistra

Feltri chiede "dove vuole arrivare il 'compagno' Fini". E' evidente che l'articolo sia dettato da un'acredine che nel PdL monta in proporzione alle psicosi di una leadership traballante ma è altrettanto evidente che tanto a destra quanto a sinistra ci sia gente di destra e gente di sinistra, poi c'è chi vota una certa destra e chi vota una certa sinistra, senza magari interrogarsi troppo su questi concetti. Non faccio molta fatica a supporre la categoria cui appartiene Feltri. Non sta a me chiarire la diade destra-sinistra, non ho né il tempo né la voglia. Diverso tempo fa un maestro come Bobbio scrisse un libro molto chiaro al riguardo, si chiamava Destra e Sinistra. Ragioni e significati di una distinzione politica (Donzelli Editore, 1994). Il libro è di piacevole lettura e anche un direttore di Giornale può leggerlo senza sottrarre molto tempo ai suoi impegni. Bobbio poneva l'accento su un differente approccio al principio di uguaglianza: "E’ il diverso atteggiamento che gli uomini viventi in società assumono di fronte all’ideale dell’uguaglianza, che è, insieme a quello della libertà e a quello della pace, uno dei fini ultimi che si propongono di raggiungere e per i quali sono disposti a battersi", pag. 71 [...] "sinistra e destra, da un lato il popolo di chi ritiene che gli uomini siano più uguali che diseguali, dall’altro il popolo di chi ritiene che siano più diseguali che uguali", pag. 74-75. Intorno a questi principi cardine ruotano le modalità di concepire l'individuo e la collettività, le modalità dell'azione economica, il ruolo della tradizione o del mutamento e quello dell'appartenenza nazionale. Sia il cittadino di destra che di sinistra, a patto che non siano solo di quelli che votano a destra o a sinistra, devono condividere un contesto istituzionale all'interno del quale muoversi secondo le loro precipue concezioni politiche. A me sembra che Fini sia un uomo di destra, lo è sempre stato, continua ad esserlo. Quello che mi riesce tutt'ora incomprensibile è come un politico sottile come Fini abbia potuto mettersi al seguito di Berlusconi, forse è stato un disegno di lungo termine che infine lo vedrà alla guida della destra e forse alla presidenza della Repubblica, ma francamente, per quanto io sia consapevole della necessità di consensi che Berlusconi

65

poteva catalizzare, mi risulta davvero indigesto il dubbio che un'alleanza in politica possa configurarsi come collusione ed il sostegno come favoreggiamento. A mio modesto parere sembra che adesso Fini si muova in un contesto istituzionale e costituzionale che è lo spazio all'interno del quale le visioni di destra e di sinistra si possono esprimere, tutto qui! Distinzioni sottili, se si vuole, ma fondamentali per capire un'altra differenza importante, quella tra uomo di Stato e uomo di parte politica. Ma le differenze, si sa, le possiamo vedere solo se siamo stati educati a farlo, altrimenti fondiamo tutto in un calderone indistinto. Sicuramente Fini ha fatto tanto per scrollare dalle spalle della destra italiana un passato ingombrante, ma definirlo compagno (e quindi di sinistra, secondo gli attuali disturbi ossessivo-compulsivi) può essere letto solo in due modi: un complimento per gli uomini di sinistra oppure un'ignoranza grossolana della diade destra-sinistra. La seconda lettura è più che giustificata visto quello che si continua a chiamare destra in Italia da un po' di tempo. Per quanto riguarda poi quello che continuiamo a chiamare sinistra, ahimé, stendiamo una trapunta pietosa. Al riguardo consiglio, come programma per la sinistra, un libro che ho trovato straordinario: Sinistra senza sinistra. Idee plurali per uscire dall'angolo. Autori vari, Feltrinelli, 2008.

MARTEDÌ 15 SETTEMBRE 2009

Il citaredo

“Un sonator di cetra da strapazzo cantava tutto il giorno tra le ben cementate pareti di una stanza, e poiché queste riecheggiavano i suoni, si immaginò d’avere una bella voce potente. Montatosi così la testa, decise che era il caso di affrontare anche il teatro. Ma, giunto sul palcoscenico, cantò veramente da cane e fu cacciato via a sassate. Così ci sono degli oratori che, fin che si esercitano nelle scuole fanno bella figura, ma, quando affrontano la vita pubblica, si scopre che non valgono nulla.” Esopo. A volte l’entusiasmo cela solo un provincialismo macabro, se poi sorgesse il sospetto che si tratti di volgare cortigianeria nei confronti del potente di turno il quadro sarebbe ancora più desolante. Celebriamo pure i lieti eventi ma arricchire le tragedie di orpelli per incensamenti propagandistici e false dimostrazioni di efficienza è davvero disgustoso (leggi qui e qui).

DOMENICA 20 SETTEMBRE 2009

Sinistra moderata
Secondo il prof. Brunetta la sinistra prepara il colpo di Stato. Si possono leggere alcuni estratti della raffinata analisi dell'insigne economista in questo articolo. Come al solito l'eloquio è colto ed elaborato, mai sopra le righe e soprattutto forbito ed educato. La complessità delle argomentazioni potrebbe far sfuggire il nesso con l'attuale quadro politico del paese ma il fine pensatore ci ha abituati ad una visione ampia, che si proietta verso il futuro, incurante delle inezie che popolano la politica nostrana ormai adusa ad un linguaggio scurrile e irrispettoso. Il prof. Brunetta vola alto, a discapito di una élite che naviga a vista e che è ormai logorata dal malcostume e dall'incapacità di distinguere tra interesse pubblico e voglie private, una élite avvezza ai proclami ed alla disperata ricerca dei consensi con frasi ad effetto e scarsa lungimiranza. Sicuramente il paese beneficerebbe non poco se un simile pensatore potesse occupare un posto di rilievo nel governo, magari potrebbe porre rimedio ai devastanti effetti dell'azione politica di un suo omonimo. *** Paolo Ferrero chiede per il ministro "l'antidoping", definendo le sue dichiarazioni "perfettamente in linea con un governo para-fascista, xenofobo e razzista, degno di annoverare uno come Brunetta nella propria compagine". Questa è la prova che la cosiddetta sinistra radicale è sempre più moderata, altrimenti avrebbe chiesto l'antirabbica!

66

MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2009

Ci sono morti e morti
Ennesimo giorno con incidenti sul lavoro dalle conseguenze fatali. Le statistiche dell'INAIL parlano di 2-3 morti al giorno sul lavoro in Italia. Un tasso sufficientemente alto da attivare qualche moto di preoccupazione ma soprattutto quei meccanismi di assuefazione che ci fanno ignorare la vera gravità della faccenda, che ci fanno evitare funerali di Stato per le vittime, che ci fanno evitare solenni cortei per le vie delle città in loro onore, che ci fanno evitare lunghe file alle camere ardenti in attesa di rendere omaggio alle salme, che ci fanno evitare dirette tv per le omelie dei funerali. L'abitudine è la nostra seconda natura, sosteneva qualcuno. Chissà! sarà per questo che ci secca morire, siamo così abituati a vivere.

LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2009

Trova le differenze

Sono due giorni che cerco le differenze, sono convinto che debbano essercene ancora alcune ma non riesco più a scorgerle! *** "Quando hai una bella faccia tosta, quello basta, allora quasi tutto è permesso, assolutamente tutto, hai la maggioranza con te ed è la maggioranza che decide quel che è folle e quello che non lo è.", Viaggio al termine della notte, L.F. Cèline.

MARTEDÌ 29 SETTEMBRE 2009

La genesi
Parlavo qualche giorno fa della creazione dell'universo. Nominavo Bach, Beethoven, ...mah! Follie! follie! delirio vano è questo! Devo ammettere che all'epoca ero piuttosto giovane e non ho buona memoria per cui sono andato a tentoni. Prima di chiarire il dubbio, e non ho tanta premura di farlo, possiamo prendere per buona questa versione della genesi che sembra di prima mano. A sentire l'autore è un racconto ispirato, e francamente non ho elementi per dubitarne. Nell'opera buffa Guccini non si dedicò solo ai temi sacri! Da attento osservatore dei costumi sociali già nel 1973 aveva narrato di carriere ottenute con 'sacrifici' discutibili. Il cantautore pensava a carriere facili nel mondo dello spettacolo, non osava immaginare carriere politiche magari a capo di ministeri. All'epoca nessuno aveva ancora "portato nella politica la moralità" ma, per buttarla di nuovo sul sacro, perchè mettere limiti alla provvidenza? Se volete ascoltare l'opera buffa vi auguro lo stesso divertimento che provai io quando riuscii a trovare questa cassetta che sembrava introvabile. Lo ricordo bene, era l'87 ed era il mio primo anno all'Università e girai tutti i negozi di musica di Lecce per trovare quella cassetta. Arrivai a casa che era ormai tardi e mi misi all'ascolto. Ah! quella notte non la smettevo più di ridere, per fortuna non c'era nessuno nei paraggi della mia

67

stanza, anche se dal giorno dopo ho notato un certo scetticismo negli sguardi dei miei compagni! Non me lo sono mai spiegato!

MARTEDÌ 6 OTTOBRE 2009

Complotti nelle fattorie
Da un po' di tempo in Italia va in scena una fiction, anzi un reality, ambientato in una fattoria abitata da animali di diverse specie. Gli animali, stanchi di essere sfruttati, hanno preso il potere ma in definitiva sono i maiali a gestire le sorti della fattoria. A capo dei maiali c'è un tipo che si fa chiamare Napoleone. Per evitargli la nomination di tanto in tanto spunta una targa all'entrata della stalla: «Tutti gli animali sono uguali, ma il primus super pares è più uguale degli altri», la massima è stata pensata da Clarinetto ma per metterla in versi sono servite le doti poetiche di Minimus e la benedizione di Mosè. Nottetempo dei 'complottatori' tolgono la targa e la sostituiscono con un foglietto dove c'è scritto: «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». Come al solito viene incolpato di tutto Palla di Neve, ma sono ormai in molti ad assicurare che sia morto da tempo. Al momento all'entrata della stalla è affisso il primo cartello, si spera che in serata o nei prossimi giorni qualcuno riesca a toglierlo per metterci di nuovo il secondo. Attualmente il reality ha uno strepitoso successo all'estero, in Italia l'audience si mantiene bassa.

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE 2009

Funeste previsioni

Una volta che avevamo il modo di riscrivere le regole della scienza ponendoci come paese all'avanguardia rispetto a tutto il pianeta ci siamo fatti sfuggire l'occasione. E' piuttosto antipatico dire "l'avevo detto" e so che è poco elegante autocitarsi, ma stavolta ci vuole proprio e poi non ho trovato nessun'altra fonte che avesse azzardato una lettura dei fatti così ardita che in altri paesi potrebbe sembrare persino strampalata! A febbraio scorso avevo individuato un nuovo paradigma epistemologico che purtroppo è andato bruciato, si trattava di un caso di effetto senza causa, che opportunamente sviluppato e studiato avrebbe aperto senza dubbio orizzonti non ancora esplorati. In verità prendevo spunto da un episodio estraneo alla scienza ufficiale, quella cosiddetta sperimentale, ma da qualche parte bisogna pur cominciare per costruire la novità! In quell'occasione temevo che una eventuale sentenza della Corte Costituzionale avrebbe potuto smontare il mio edificio teorico, tant'è stato! *** Quesito! Se la Consulta e il Presidente della Repubblica hanno "sconfessato" se stessi, come ulula la maggioranza di governo dopo la sentenza di ieri, cosa si potrebbe dire di quel celebre giurista che preso da veemente foga peroratoria pronunciò parole che rimarranno scolpite nella storia del diritto: "la legge è uguale per tutti ma non la sua applicazione."? Per quanto riguarda la cosiddetta sconfessione della Consulta è sufficiente quello che fa osservare Giuseppe D'Avanzo, nel 2004 alla Corte Costituzionale bastò la constatazione preliminare dei difetti di legittimità per annullare la precedente edizione del lodo Alfano, ovvero il lodo Schifani. In quella sentenza, in calce alla dichiarazione di illegittimità, si diceva "assorbito ogni altro profilo di illegittimità costituzionale". Se non l'hanno capito non è certo un problema della Consulta! In altre parole, il lodo Schifani era scritto con i piedi (anche se per farlo ci misero la testa!) e quindi fu bocciato appunto dopo constatazione preliminare dei suoi difetti di legittimità. Questi poveretti che hanno scritto il lodo Alfano (tranquillo Angelino, sappiamo che non sei stato tu!) volevano che la sentenza sul lodo Schifani dicesse che una legge che interviene sui diritti garantiti dalla Costituzione come minimo deve essere approvata secondo l'iter previsto dalla Costituzione stessa nell'art. 138 e che non è sufficiente una legge ordinaria. Mah! Appello per la Consulta, magari, se avanza tempo, la prossima volta fategli sapere che per essere avvocati è condizione necessaria essere laureati in giurisprudenza, sicuramente faticheranno a capire che non è condizione sufficiente ma almeno un 'aiutino' l'avranno avuto. In merito alla "sconfessione" del Presidente della Repubblica che ha firmato il lodo Alfano invece preferisco

68

pensare che, sebbene non firmarlo in prima istanza sarebbe stato un segnale apprezzabile ancorché pericoloso per il basso profilo statuale dell'attuale classe di governo, la Corte Costituzionale è l'organo inappellabile che vaglia la conformità delle leggi alla Costituzione. Il Presidente della Repubblica ha evitato un ulteriore scontro istituzionale che comunque si sarebbe concluso solo con la sentenza della Corte Costituzionale. Si può essere in disaccordo con questa linea, ed io lo sono, ma è di questo che stiamo parlando, di una linea che tenta di porre un argine alla deriva populista di un paese al seguito di arruffapopoli, dove i rapporti istituzionali sono fragilissimi ed il rischio di rottura dei delicati equilibri politici e sociali è molto alto. Chi ha responsabilità di governo di un paese (stavolta nel senso alto del termine, quindi l'esecutivo non c'entra niente, purtroppo!) non può non tenerne conto.

MERCOLEDÌ 14 OTTOBRE 2009

Attenuanti e aggravanti

Ieri è stato approvato dal governo il disegno di legge per inasprire le pene per maltrattamento degli animali, il disegno di legge passerà al vaglio delle camere. Pronto un emendamento dell’onorevole Binetti per chiedere un attenuante di pena per maltrattamenti alle bestiole che manifestino tendenze omosessuali. La maggioranza, esperta in tematiche costituzionali, assicura che l’emendamento proposto non è in contrasto con il dettato della Costituzione e promette il suo voto favorevole all’emendamento apportando solo una lieve modifica: un aggravante di pena per maltrattamenti ad animali particolarmente virili. Sconcerto nel PD!

VENERDÌ 16 OTTOBRE 2009

Letteratura alternativa
Ho scoperto (o è meglio dire ho capito!) che Letteratura 2.0 è disponibile anche senza registrarsi a facebook, vi invito a leggerlo perchè troverete delle cose davvero gustose. Anch'io mi sono cimentato a trovare le 'vere fonti' di uno dei romanzi del celebre scrittore colombiano lasciandomi ispirare da Letteratura 2.0, senza però sperare di raggiungere il livello di quelle vere e proprie perle di umorismo (io sono troppo fazioso!). [Gabriel García Márquez] Il generale nel suo labirinto § Raccolta di memorie del generale Berlímar. Si narra degli amori e delle passioni politiche di un uomo che trascinò il proprio paese in un labirinto di tristezza. Il libro si sofferma sul singolare rapporto amore-odio che il generale aveva con il suo principale antagonista, il luogotenente Dalemìr. Il generale ricorda tutte le volte che il luogotenente lo aiutava ad uscire dal suo labirinto. I due moriranno in solitudine giocando a scacchi e cercando di chiudere la partita con uno stallo.

MARTEDÌ 20 OTTOBRE 2009

Stravaganze

Finalmente è uscito ed ha lasciato il computer acceso! Non è la prima stranezza della giornata e prima di andare a letto ce ne saranno sicuramente altre. Approfitto di questa sua bizzarria per scrivere qualcosa di lui. E' un tipo tranquillo, per niente inquietante ma diverse cose di lui mi fanno preoccupare, cose davvero strane. La cosa più allarmante per me è vederlo camminare su due gambe per tutto il giorno, è incredibile come non abbia mal di schiena alla fine della giornata. Dovreste vederlo camminare, con quell’andatura stramba, prima su una gamba e poi su un’altra, continuo a temere che tra un passo e l’altro prima o poi caschi. Un’altra stranezza di cui non riesco a capacitarmi è come mai abbia bisogno di accendere la luce durante la notte per andare al bagno, anch’io di notte sento l’esigenza di svegliarmi ma non ho mica bisogno di così tanta luce, con quella che c’è ci vedo benissimo e non mi verrebbe mai in mente di accendere la luce, per non parlare poi di questa bizzarra abitudine di dormire per tutta la notte! Davvero singolare. L’ho visto saltare, è penoso, non riesce a sollevarsi da terra neanche per metà della sua altezza! Mi piange il cuore a vedere quelle gambe così poco efficienti per il salto e per la corsa. Quando la mattina si sveglia assume un comportamento davvero curioso, si toglie il pigiama per indossare altra roba, io di solito resto così come mi sveglio e francamente mi sembra che il mio sia un comportamento normale mentre il suo è a dir poco stravagante. Oddio, quando si infila quelle scarpe ai piedi mi viene l'orticaria, io non riuscirei a camminare

69

con qualcosa del genere che avvolge i miei piedi. Non riesco ad immaginarmi mentre cammino con tutti quegli indumenti colorati addosso, i colori poi sono sempre diversi, a volte non si possono proprio vedere, meno male che non indossa calzini turchesi, a tutto c'è un limite! La sera quando torna a casa, non parliamone, si mette davanti a quella scatola luminosa e si lamenta dei tipi che lui considera strani, lui li chiama imbecilli. Da quello che dice pare che si tratti proprio di autentici cretini che per non farsi riconoscere si circondano di altri cretini così si convincono di essere normali e dicono degli altri che sono bizzarri. In giro si vedono tante stranezze, ma io sono una gattina di mondo, posso anche stupirmi ma più che altro le stravaganze altrui mi divertono, non sono come quelle comari provinciali che cianciano delle stranezze altrui perché sono cieche davanti allo specchio. Basta, non amo il pettegolezzo e poi potrebbe tornare, il tempo di caricare la mia foto e poi chiudo. Non ho il tempo di cambiare le impostazioni del blog, quindi anche se c'è scritto che è pubblicato da Antonio non date retta, questo post è pubblicato da Cleo.

DOMENICA 25 OTTOBRE 2009

Le radici europee!?
Oggi Asterix e Obelix compiono cinquant'anni naturalmente insieme a Idefix, il venerabile druido Panoramix e tutta la squinternata tribù gallica. E' sempre stato tra i miei cartoni preferiti. Anche adesso non me ne privo le poche volte che ho la possibilità di vederlo. E' uno di quei cartoni, come Will Coyote e Bip Bip, Gatto Silvestro e Titti, Tom e Jerry che mi fanno sempre ridere. Vincenzo Mollica al tg di oggi sosteneva che una ragione della popolarità di Asterix è da ricercarsi nel fatto che un manipolo di persone sprovvedute, ingenue e del tutto disorganizzate lottano con successo contro un potere costituito e arrogante che dispone di forze di gran lunga più addestrate alla guerra. La spiegazione è interessante, ma chissà che non contribuisca anche il fatto che il cartone ci fa vedere le radici dell'Europa odierna? Come è noto, la tesi delle radici celtiche dell'Europa è stata sdoganata da noti 'intellettuali' della Lega ma non è poi così balzana come sembra! Personalmente io rivendico le mie radici messapiche ma al momento non vi sono fonti autorevoli a sostenere la tesi per cui rimane poco più di una supposizione.

MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE 2009

Proposta per la parete perfetta

E' di questi giorni la polemica sul crocifisso da esporre o meno sulle pareti delle scuole dopo la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo. Mi pare che il livello del dibattito nell'ambiente politico sia abbastanza ridicolo per non aggiungere nulla di serio. Nel coro di idiozie che ho sentito rilevo che il commento apparentemente meno idiota è stato quello di Bersani: "qualche volta il buonsenso finisce di essere vittima del diritto" (sull'affermazione che si tratti di un "simbolo inoffensivo" consiglio di rivedere un po' di storia dell'Europa moderna!). Che dire poi quando la parola su questi temi passa alle gerarchie vaticane? poveretti, hanno una interiorità così minuscola che tentano in ogni modo di portare all'esterno ciò che non possono permettersi di ospitare nel loro intimo. Sulla gran parte dei giornali si legge che la sentenza rischia di "cancellare la nostra cultura"! Sfido io, è così fragile che non ci vuole niente, signori miei, a cancellare la vostra cultura! Se permettete la mia è fatta di altra pasta. Come contributo al dibattito aggiungo solo una bozza di proposta per la parete perfetta nelle scuole.

70

Naturalmente la proposta può essere modificata, ma solo ed esclusivamente per addizione di altri simboli. Su questo punto nessuna deroga. *** Post Scriptum al post. Da non dimenticare le religioni considerate scomparse.

Tra l'altro il primo simbolo di questa seconda serie è il tridente di Shiva e in India questo culto non è affatto scomparso. Per quanto riguarda gli altri simboli (sono consapevole che non tutti siano propriamente dei simboli ma melius abundare) se ci pensate attentamente vedrete che non hanno fatto altro che trasformarsi negli attuali simboli religiosi. Un post di Andrea Bonanni su questa vicenda, per quanto sintetico, merita attenta riflessione. Per una lettura serena consiglio l'articolo di Rodotà, che non ha l'aria di essere un fanatico anticlericale. La Chiesa non è solo il Vaticano, per fortuna, e sull'argomento si possono leggere posizioni molto interessanti (leggi qui, qui e qui). Per finire, un po' di storia delle religioni non guasterebbe in Italia o altrove, forse un argomento terribilmente serio come il discorso religioso salirebbe di livello.

GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE 2009

Delirio di numeri e vite a scadenza
71

Stando alle nozioni di matematica residue nella mia memoria, la distanza tra un numero naturale ed il suo successore è sempre uguale a 1. Naturalmente non mi è mai venuto in mente di mettere in discussione questo fatto, non ne ho la competenza, però da un po' di tempo mi è sorto qualche dubbio! Per esempio mi viene da pensare che forse la distanza tra 0 e 1 sia molto più grande della distanza tra 1 e 2, inoltre man mano che si procede per i successivi intervalli la distanza tra un numero naturale ed il suo successore diventa sempre più piccola. Sarà perché mi diverto a fare incroci poco onesti tra le discipline più disparate? Sarà perché confondo i vari ambiti del pensiero o sarà semplicemente perché sono un ignorante in matematica. Comunque sia, mi piace pensare che la cosa non sia poi così peregrina, è come assumere una visione topografica o prospettica dell’asse dei numeri naturali, ponendosi sul punto 0. Si obietterà che la matematica corregge l’errore prospettico dovuto ad una certa posizione piuttosto che un’altra e rende i suoi principi validi indipendentemente dal punto di osservazione. Io non posso che essere d’accordo, ma in definitiva quell’errore prospettico è il risultato dell’evoluzione del nostro sistema percettivo o più semplicemente di una visione sociale e politica (nel senso ampio del termine) e probabilmente eliminarlo del tutto può comportare qualche rischio. Ignorando per un po’ la mia ignoranza in matematica e pensando a quello che accade in ambito sociale non sarebbe difficile comprendere questa mia ‘fantasia’, eppure non è così facile trovare chi possa seguirmi nel delirio che a me sembra di una chiarezza cristallina. Pensateci un attimo! Se uno perde il suo lavoro, possiamo dire che siamo nel caso di passaggio da uno stato 1 ad uno stato 0, mentre se a qualcuno tolgono qualcosa dal suo stipendio potremmo dire che passa da 2 a 1 o da 100 a 99, o da 51 a 50. Bene, in questi casi secondo voi quali sono le distanze più ampie da colmare? Quali sono le priorità da assegnare nella lotta al ripristino dello stato che si perde o nella lotta per conquistare uno stato? Io non ho dubbi, nella lotta contro la perdita di uno stato prima viene il caso di passaggio da 1 a 0, poi quello da 2 a 1, dopo ancora quella da 51 a 50 ed infine, molto dopo, viene quello da 100 a 99. Se c’è da difendere delle posizioni (almeno in ambito lavorativo), le distanze tra un numero e quello successivo non possono essere considerate tutte uguali, ecco perché penso che la distanza tra 0 e 1 sia molto più grande della distanza che c’è tra ogni altro numero ed il suo successore e che le distanze diventano sempre meno ampie man mano che i numeri crescono. Ecco, questo tipo di approccio, per esempio, non dovrebbe costare alcuna fatica alle organizzazioni sindacali che nascono proprio per difendere il lavoro e invece curiosamente assisto ad una sorta di approccio che potremmo definire troppo matematico. Si potrebbe avanzare la critica che il problema è che le organizzazioni sindacali sono nate quando il lavoro era una categoria irrinunciabile per la produzione e che la loro lotta si esprimeva tutta nella conquista di migliori condizioni di lavoro, mentre adesso che in alcuni settori il lavoro diventa una categoria alla quale la produzione può rinunciare più facilmente, perché non più direttamente connessa con il lavoro in senso stretto, ai sindacati viene meno la loro missione, ma questo è un discorso che ci porterebbe troppo lontano. Dicevo delle 'correzioni prospettiche' che mi riesce difficile comprendere quando sono i sindacati a pensare che la distanza tra un numero naturale qualsiasi e il suo successore sia sempre uguale a 1 (forse si tratta di un problema di banale lettura lineare laddove basterebbe un approccio non lineare! mah, ci devo pensare). Nell'istituto dove lavoro, dopo le prime 200 persone mandate a casa a giugno, altre 25 persone hanno un contratto in scadenza domani e nessuna certezza sull’eventuale rinnovo (che Tremonti vada a dire a loro che la crisi è ormai alle spalle! mi piacerebbe concedermi battute facili ma non è il caso, dico solo che per molti può essere più preoccupante avere qualcosa alle spalle che poterla guardare in faccia). Naturalmente i sindacati confederali oggi hanno manifestato per la scadenza dei contratti e per il loro rinnovo. Una bella manifestazione sotto il Ministero dell’Ambiente, che notoriamente ha a capo persona sensibile ai problemi dei lavoratori e soprattutto per le tematiche ambientali! Il volantino della manifestazione diceva “per avere riposte positive sul precariato e sulle vertenze contrattuali”. Nella mia testa anche le vertenze contrattuali riguardavano il precariato, sempre per via di quella visione prospettica che dicevo dei numeri. Invece, ascoltando i discorsi della gente che manifestava ho capito che le vertenze contrattuali riguardavano materia di decurtazione di salario accessorio, mentre il tema del precariato era decisamente in secondo piano, qualcosa di cui non si poteva non parlare, per questioni di decoro, ma che tutto sommato non è più così rilevante (dopo un’ondata di assunzioni a tempo indeterminato nel mio istituto, tra cui c’è stata anche la mia - grazie ad una norma approvata dal governo Prodi ed osteggiata fino alla fine dal governo Berlusconi - i sindacati possono rivendicare la loro brava vittoria e qualche caduto sul campo rientra negli effetti attesi!!!). Per carità, il salario accessorio è tema nobilissimo e manifestare per opporsi alla sua decurtazione, ritenuta ingiusta, è cosa legittima ma, data l’attuale situazione, non credo sia una priorità e ritengo non dovrebbe essere in cima alle priorità di un sindacato (25 contratti scadono domani, altri 170 scadranno a fine dicembre), per lo meno del mio, la CGIL che storicamente ha sempre avuto una visione del lavoro che potrei definire di sinistra (si può usare ancora la parola sinistra facendo capire cosa intendo?). Al limite non sarebbe un problema far viaggiare i due temi uno a fianco all’altro, magari facendo in maniera seria qualche proposta forte tipo “ok, decurtatecelo pure ‘sto benedetto salario accessorio ma che i fondi siano dedicati solo ed esclusivamente al rinnovo dei contratti in scadenza della gente che va a casa”, invece il problema è che il tema

72

che io considero prioritario è passato in secondo piano e che la proposta che io faccio risulterebbe una bestemmia da non pronunciare neanche per scherzo. Il sindacato dirà che per avere un numero alto di manifestanti si dovevano mettere insieme i diversi argomenti, ma se questa era la strategia è stata fallimentare perché a manifestare, ops! a parlare di salario accessorio, erano non più di una cinquantina di persone (non male per un istituto dove i dipendenti che vedranno decurtato il loro salario accessorio sono intorno al migliaio!). A questo punto, affrontando la faccenda in maniera pragmatica, come le persone serie e adulte che oggi manifestavano, mi chiedo se non sia una buona soluzione per compensare la decurtazione del mio salario accessorio quella di cancellarmi dal sindacato. Devo fare un po’ di conti.

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE 2009

Il governo non sta studiando

Qualche giorno fa Alfano dichiarava: "Il governo non sta studiando alcuna norma relativa alla prescrizione". Quando ascoltavo quelle parole io prendevo in parola il semiministro della giustizia e pensavo che il problema era esattamente quello, che avrebbero fatto una norma per salvare il miserabile perseguitato dai processi senza studiarla. Studiare per alcuni è tempo perso. La norma è arrivata, a firma di Gasparri, Quagliariello e Bricolo, tre noti esperti di diritto prestanome di Ghedini, il celebre giurista della "legge uguale per tutti ma non la sua applicazione". Il Ddl è stato presentato oggi al Senato. La norma si richiama alla tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi in attuazione della Costituzione e dell'articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Bene, il principio è sacrosanto! Il problema però è che solitamente in un processo ci sono almeno due parti in causa. Spessissimo una delle due parti è innocente e l'altra è presumibilmente colpevole. Ora, dato un certo apparato giudiziario, con le sue risorse, umane ed economiche, si ha anche un tempo tecnico per la realizzazione dei processi, in modo che la giustizia possa definire il ruolo delle parti in causa, cercando di mantenere l'equilibrio tra il principio della legittimità della difesa ed il principio della legittimità della richiesta di giustizia della parte lesa. Si dà il caso che entrambe le parti siano cittadini. Quindi se non si interviene sulle risorse dell'apparato giudiziario, conservando l'equilibrio tra i principi citati, la domanda che fa sorgere il Ddl presentato al Senato oggi, che si limita a ridurre i tempi della prescrizione è "quale cittadino intende tutelare la norma? quale delle due parti in causa?" Provo ad azzardare un giudizio inesperto e una previsione (o un auspicio). Si tratta dell'ennesimo mostro giuridico scritto con i piedi destinato ad essere affossato dalla Corte Costituzionale perché manca del contesto affinché la struttura giudiziaria possa dare concreta applicazione al principio della 'ragionevole' durata fissata dal Ddl (2 anni per grado di giudizio). In buona sostanza, la ragionevole durata dei processi è ragionevole proprio quando si adegua ai vincoli strutturali del sistema giudiziario, non quando è fissata giusto per cancellare i reati finanziari di qualcuno. Prima di intervenire sulla ragionevole durata di un processo occorrerebbe intervenire sulle condizioni che definiscono la ragionevolezza di un termine temporale. E' il solito maquillage, non si ha la forza (né la volontà) di fare le riforme vere e si fanno le norme spot per gettare fumo negli occhi (inoltre devo ammettere che se dovessi pensare ad una riforma del codice stradale non vorrei certo che la facesse un pirata della strada!). Io capisco che la disperazione fa perdere i lumi della ragione, capisco anche che è più facile perderli quando la natura non ne ha fatto dono, ma per carità, addirittura dichiarare che non si sta neanche studiando per presentare una norma è francamente troppo! *** Agli incontri scuola-famiglia di un tempo, non so se oggi si usano più, in qualche occasione il docente diceva alla madre desiderosa di sapere del profitto scolastico del proprio pupillo: "Il ragazzo si impegna ma non raggiunge i risultati desiderati." Spesso era un modo educato per dire: "Signora, suo figlio è un caprone, qui ce la stiamo mettendo proprio tutta ma non vediamo molte speranze di riuscita." Era una questione di stile! *** Parlare delle iniziative ad personam o delle immoralità di questo Governo è un insozzamento del pensiero, ma parlarne significa tentare di evitare di cadere ancora di più nel sozzume e nella barbarie. A volte è inevitabile e necessario sporcarsi, per gridare la propria volontà di rimanere puliti (leggi l'articolo

73

di Repubblica).

SABATO 14 NOVEMBRE 2009

Esperti di umanità?

L'arcidiocesi della capitale USA ha lanciato il suo ultimatum al consiglio comunale: se riconoscerà il valore legale delle nozze tra soggetti dello stesso sesso, la Chiesa interromperà i servizi in favore di migliaia di poveri che aiuta ogni giorno. (leggi qui) Questa notizia è ripresa dal Washington Post dell'altro ieri (12 novembre 2009). Straordinaria mostruosità! Se pensate che il comportamento di qualcuno con cui avete una qualche relazione sia un torto nei vostri confronti, cercate un mendicante che non avete mai visto prima e dategli un calcio, mi raccomando che sia forte! Questa sì che è carità.

LUNEDÌ 16 NOVEMBRE 2009

What a wonderful world!
Vertice alla FAO: “Non è possibile la sicurezza alimentare senza la sicurezza climatica.” Perché la dichiarazione non rimanesse soltanto un annuncio vuoto di contenuti è stato preparato un buffet in una sala climatizzata. Dall'altra parte del pianeta procedono intensi gli incontri del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Nuovo corso della politica USA, quando alle parole seguono le parole.

MARTEDÌ 17 NOVEMBRE 2009

Le radici storiche

Incredibile, c’è ancora in Italia qualcuno che quando si parla di radici storiche va davvero a controllare la storia. E’ evidente che si tratta di un miscredente, privo del ‘fondamento trascendente’.

MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 2009

Le statistiche dei polli

I morti sul lavoro sono diminuiti nel primo semestre 2009 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e il ministro Sacconi, con opportuna cautela, saluta la buona notizia perché indica l'auspicata applicazione delle norme sulla sicurezza del lavoro. E avrebbe pure ragione a salutarla, se fosse vera! Il problema è che, oltre all'influenza A, gira da tempo anche la ‘sindrome del pollo’ che colpisce fondamentalmente elaboratori di dati e ministri disattenti e da questo centro di incubazione il contagio si estende alla popolazione. Se si fosse immuni dalla devastante sindrome che riduce al minimo la capacità di analisi numerica si capirebbe subito che la percentuale di morti in un anno, se calcolata in base ai morti dell’anno precedente, risente del numero di persone effettivamente al lavoro (tra l'altro a poco valgono i confronti con il dato occupazionale comunicato da ISTAT per il primo semestre 2009 perché in quest'ultimo sono compresi i cassintegrati, che risultano tra i lavoratori ma di fatto non lavorano!). Se invece ogni anno si calcolasse la percentuale di morti rispetto al numero effettivo di occupati e si seguisse questa grandezza negli anni forse rimarrebbero pochi motivi per rallegrarsi. La stessa INAIL riporta un po' di numeri per fare qualche considerazione: "Nel primo semestre del 2009 gli infortuni sul lavoro sono stati 397.980 contro i 444.958 del primo semestre 2008, mentre i casi mortali sono stati 490 a fronte dei 558 dello stesso periodo dell'anno precedente. " pari ad una diminuzione del

74

10,6% di incidenti complessivi e del 12,2% di casi mortali. Sono questi i dati che comunica INAIL e che secondo l'Istituto è "soltanto parzialmente imputabile agli effetti della recessione economica ." Vogliamo crederci, ma perché non fornire anche il numero dei lavoratori per ciascun anno? Inoltre, sarebbe interessante sapere, oltre al dato nazionale, anche i dati di incidentalità e mortalità, così come io propongo, per ciascun settore produttivo. In questo modo qualcuno potrebbe farsi due conti della serva e trovare qualche spiacevole sorpresa. Se non si può pretendere che ogni media sia accompagnata da opportuno indice di variabilità tra i diversi settori (cosa che avrebbe risolto anche le perplessità di Trilussa, ma ai poveri elaboratori non vogliamo chiedere cose 'troppo complicate'), che almeno si facciano le percentuali correttamente. Non dovrebbe essere difficile per chi fa le statistiche ed è abituato a "calcoli di valore scientifico" (ipse dixit Marco Fabio Sartori, Presidente/Commissario straordinario INAIL)!

La Statistica Sai ched’è la statistica? È ’na cosa che serve pe’ fa’ un conto in generale de la gente che nasce, che sta male, che more, che va in carcere e che sposa. Ma pe’ me la statistica curiosa è dove c’entra la percentuale, pe’ via che, lì, la media è sempre eguale puro co’ la persona bisognosa. Me spiego: da li conti che se fanno secondo le statistiche d’adesso risurta che te tocca un pollo all’anno: e, se nun entra ne le spese tue, t’entra ne la statistica lo stesso perché c’è un antro che ne magna due. Trilussa

MARTEDÌ 24 NOVEMBRE 2009

Appelli al vento
23 novembre 2009 - "Investire nella ricerca e nell'innovazione è una necessità che non dovrebbe avere molto bisogno di essere sottolineata, tanto è evidente il fatto che qui ci giochiamo il nostro futuro", il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. 24 novembre 2009 - Un gruppo di ricercatori che lavorano in ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) da molti anni in condizioni di precariato sono saliti sul tetto della sede di via Casalotti a Roma per protestare contro il piano di licenziamenti. L'ente ha già licenziato 200 precari storici e si appresta a licenziarne altri 250, ovvero il 40% del personale e la quasi totalità dei lavoratori giovani dell'ente.

GIOVEDÌ 26 NOVEMBRE 2009

Interrogazioni e domande
Si preannuncia un'interrogazione parlamentare per i cori razzisti al calciatore Balotelli. Immagino che a rispondere sia chiamato il ministro Maroni. Chissà, magari sta già studiando una risposta insieme al sindaco di Coccaglio. *** Gridavano che "un negro non può essere italiano" questi deficienti. Un coglione può essere italiano purché sia bianco?

75

LUNEDÌ 30 NOVEMBRE 2009

Un anello mancante al CNR
L'ultimo rantolo, in ordine di tempo, del creazionismo in Italia è addirittura del vicepresidente del CNR Roberto De Mattei, con il libro da lui curato "Evoluzionismo: il tramonto di un'ipotesi". Questo sì che è un paese votato alla scienza e alla ricerca! Una volta un creazionista disse che l'insormontabile problema della teoria evolutiva è rappresentato dai cosiddetti anelli mancanti tra l'uomo e la scimmia, poi sollecitato dagli scienziati evoluzionisti di fronte alla scoperta dei fossili di pitecantropo il creazionista sostenne che se prima l'anello mancante era uno da quel momento in poi sarebbero stati due![1] Il revival di Zenone è già divertente di suo ma quello che mi lascia davvero perplesso è tutta l'energia e la passione che i paleontologi spendono per cercare i cosiddetti anelli mancanti [2] tra i fossili quando ve ne è una tale disponibilità di vivi e quasi vegeti che davvero l'immane sforzo può sembrare incomprensibile!
[1] S. Jones, Scienza darwiniana e fantascienza biblica. MicroMega, 1/2006, p. 133. [2] Prove dell'evoluzione ce n'è talmente tante che solo chi ha gravi difficoltà a disporre del linguaggio scientifico può dire di non vederle. L'evoluzionismo non è faccenda in cui credere o meno, l'evoluzionismo di stampo darwiniano e tutti i suoi innumerevoli sviluppi e consolidamenti si conoscono o non si conoscono. Se l'argomento ti interessa consiglio la lettura di Sean. B. Carroll, Al di là di ogni ragionevole dubbio. La teoria dell'evoluzione alla prova dell'esperienza. Codice Ed., 2008.

SABATO 28 NOVEMBRE 2009

L'undicesima domanda

Disperatamente cercasi maggioranza parlamentare pron(t)a a salvare presidente del consiglio da deliberate aggressioni della magistratura che indaga sulla stagione delle stragi del '92 e sui mandanti occulti di quelle stragi. Il presidente protempore avrebbe pronunciato il 9 settembre scorso: «So che ci sono fermenti in procura, a Palermo e a Milano, si ricominciano a guardare i fatti del '93, del '94 e del '92. Mi fa male che queste persone, con i soldi di tutti, facciano cose cospirando contro di noi, che lavoriamo per il bene del Paese». Perché mai un Presidente del Consiglio dovrebbe essere così tanto agitato per la ripresa delle indagini sui fatti di mafia del '92, e soprattutto per quale motivo dovrebbe temere che ci possa essere una qualche connessione tra lui e quei fatti?

MARTEDÌ 8 DICEMBRE 2009

Te piace o' presepe?

Bello il presepio, con il bue, l'asinello e la stella cometa. Lontano arrivano i re magi e tutto intorno pastori e greggi. Tutto è pronto per l'adorazione, giorno dopo giorno i pastori si spostano verso la capanna, la musica di sottofondo rende lieti i cuori e fa sentire tutti più buoni, quando saremo prossimi al natale un'ordinanza comunale stabilirà lo sfratto degli occupanti, salvo che non si tratti di inermi pupazzi che si possono spostare a piacimento su un paesaggio di cartapesta per ricordare le radici della nostra cultura! Una cultura di cartapesta. *** Letizia Moratti inaugura il presepe di Palazzo Marino insieme a Bossi, ospite d'onore Erode dopo la firma del trattato per evitare eccidi nel suolo patrio, i disperati si mandano a morire altrove per non disturbare le festività.

76

MERCOLEDÌ 16 DICEMBRE 2009

Il clima
Qualche giorno fa Berlusconi è stato seriamente ferito al volto dal lancio di un oggetto da parte di un uomo che sembra soffrire di turbe psichiche. Gesto detestabile, certo. Gesto da condannare, senza ombra del minimo dubbio. Tralasciando ogni tentativo di strumentalizzazione politica del gesto di un folle, sulla quale sono già in molti ad esercitarsi, resta valida la riflessione sul cosiddetto ‘clima’ che ha fatto da contesto a questa drammatica vicenda. Riflessione necessaria non per il fatto in sé ma perché il vero rischio da scongiurare è che il gesto isolato di un folle trovi terreno nel tessuto sociale arrivando a far parte dello ‘strumentario’ della politica, facendo perdere a questo Paese quello che di civile gli è rimasto e facendolo ritornare indietro nel tempo, decisamente più indietro di quanto già non sia. Il clima si diceva. Il clima è quello di una trasmissione televisiva chiassosa dove partecipano urlatori di professione, gente addestrata ad interrompere i propri interlocutori, abituata a coprire la voce degli altri, maleducati in giacca e cravatta che fanno dello sberleffo delle opinioni altrui uno stile di vita. Il clima è quello dello svilimento dei poteri dello Stato, di chi dice che il Presidente della Repubblica dorme e di chi dice che ha dato assicurazione di influire sulle decisioni della Corte Costituzionale, delle leggi fatte troppo in fretta e per scopi personali, dello scontro tra le istituzioni, il clima di chi ignora che un paese si governa sub lege e che il consenso popolare non è il nulla osta a qualsiasi azione legislativa. E’ il clima del culto della personalità, dell’insulto agli oppositori politici, di chi arringa un teatro contro una “elite di merda” e dice che “vada a morire ammazzata la sinistra che prepara il colpo di stato”, è il clima di chi infanga la pubblica amministrazione per ricevere facili applausi, è il clima del linguaggio svilito dei suoi criteri di verificabilità, delle regole comuni vilipese e violentate, della cosa pubblica denigrata al servizio della cosa privata, delle minoranze offese e del razzismo strisciante, il clima di chi porta a spasso un maiale nei luoghi destinati alla costruzione di una moschea, di chi inaugura un presepe e lo usa come una clava ideologica nei confronti delle altre culture. E’ il clima di chi concepisce la parola Imam come un’accusa da rivolgere ad un vescovo che invoca il rispetto delle altre religioni, di chi festeggia il “White Christmas” cacciando via gli immigrati e di chi usa la bandiera italiana per “pulirsi il culo”. Il clima è quello dell’incompetenza che crea mostri giuridici che puniscono lo status di clandestinità invece dell’azione di reato, di chi ignora i principi fondamentali della Carta Costituzionale e scrive leggi ignobili che non possono passare il vaglio della Consulta, è il clima di chi accusa il Presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale di parteggiare per una parte politica. Il clima è quello di chi consiglia le stampelle ad una centenaria, di chi dice che le persone di questo paese sono “coglioni” se votano per l’altra parte politica, è il clima di chi stappa spumante e si ingozza di mortadella sugli scranni del Parlamento, di chi dice che le persone “possono morire” purché si lasci il crocifisso nelle scuole, è il clima di chi è disposto a far saltare centomila processi pur di fermare quelli a proprio carico. E’ il clima di chi pensa che il potere permette di fare tutto e garantisce l’immunità per ogni propria azione, di chi paragona lo Stato ad una azienda e di chi offende i colleghi europei chiamandoli kapò. E’ il clima di chi pubblica in prima pagina la parola “minchiate”, di chi cerca il bagno di folla per la propria esaltazione, di chi dice che i giudici sono “persone mentalmente disturbate”, di chi ha emesso un editto bulgaro per poi negarlo infangando la memoria di un defunto, di chi dice che la mafia è un fenomeno contenuto in nome del made in Italy. Il clima è quello della volgarità di chi fa della virilità e del giovanilismo la propria cifra stilistica e del gallismo il vessillo del proprio pensiero, di chi abusa degli strumenti legislativi d’urgenza e svilisce il dibattito parlamentare con la fiducia pur disponendo di una solida maggioranza. Il clima è quello di chi disegna biancheria intima ai consessi europei e usa il palco internazionale per accusare i garanti della Costituzione di intralciare il governo del Paese. Il clima è quello dei complimenti del capo del Governo italiano ai dittatori degli altri paesi, degli incidenti diplomatici con il re di Giordania per superficialità e maleducazione, è il clima delle ronde di esaltati e della polizia senza benzina nelle auto, degli straordinari non pagati a poliziotti e carabinieri, dei condoni edilizi e delle sanatorie fiscali, della scuola pubblica defraudata del suo ruolo pedagogico a favore della scuola privata, di una giustizia offesa e disarmata, delle prescrizioni sbandierate per assoluzioni e della paura svenduta per sicurezza, è il clima di chi usa questo drammatico evento per zittire l’opposizione e il dissenso, per prolungare lo scudo fiscale, è il clima degli imbecilli che sul web inneggiano al feritore e che invocano la morte di Berlusconi. E’ il clima di un linguaggio avvilito e violentato che ha dimenticato i suoi contenuti e la sua forma trasformando la dialettica politica in zuffa da pollaio e la partecipazione democratica in scontro tra tifoserie. Non sarà con le finanziarie che si potrà risanare questo clima e se il clima conta per quello che è successo a Milano, Berlusconi ne è artefice e vittima. Il clima non giustifica un gesto violento ma ne costituisce la cornice e, come si dice dalle mie parti, se semini vento raccoglierai tempesta. In questo clima, pur senza fare abuso della parola ‘solidarietà’, ripeto con fermezza la mia condanna per il gesto violento e auguro a Berlusconi che guarisca presto e completamente ma soprattutto auguro che questo paese prenda in cura un linguaggio offeso e morente e ricordi almeno le regole basilari dell’educazione e del confronto politico. Per questo mi auguro anche che Berlusconi si dimetta, perché lo ritengo privo del minimo

77

senso dello Stato necessario per ricoprire il ruolo di capo del Governo e perché lo ritengo incapace di creare un clima di serenità in cui governare nel rispetto delle regole costituzionali. Ma che si dimetta o no, questo paese potrà uscire dal cosiddetto berlusconismo solo percorrendo le strade che rispettano le regole fondamentali della democrazia, strade lente, polverose, strade faticose in cui poter sostare ai bordi per guardare bene il paesaggio. Non ci sono altre strade.

VENERDÌ 18 DICEMBRE 2009

Dodici mesi
Sono quasi dodici mesi che prendo un po' di spazio nella rete con questo blog. Mi sono divertito ad 'abitare' questo strano posto, dove mi pare che il 'monologo collettivo' di cui parla Umberto Galimberti in Psiche e Techne trova il suo pieno compimento. Non è il mio mondo, di solito amo dialogare guardando in viso i miei interlocutori e scrivere per un blog senza uno scambio non è che un esercizio, forse utile a fissare bene le idee, a tentare di renderle chiare anche a sé stessi ma questo posso tranquillamente farlo senza l'illusione di una connessione che tra l'altro, devo ammettere onestamente, non sono capace di attivare. Tutto sommato sono contento di aver tenuto questa sorta di diario, anche se ancora non mi è chiaro il motivo. Grazie ai pochi lettori, sicuramente meno di venticinque!

MARTEDÌ 9 MARZO 2010

Interpretazioni

"Il serpente che non può cambiare pelle muore. Lo stesso accade agli spiriti ai quali s'impedisce di cambiare opinione: cessano di essere spiriti." F.W. Nietzsche, Aurora. Del precedente post si sarebbe detto l'ultimo ma poi è intervenuta una clausola interpretativa! Si potrebbe dire che riprendo a scrivere su questo blog per un cambiamento di opinione ma proprio l'essermi affidato a Nietzsche, che di interpretazioni se ne intendeva, ne fa appunto una interpretazione di quanto precedentemente affermato! "Contro il positivismo, che si ferma ai fenomeni: «ci sono soltanto fatti», direi: no, proprio i fatti non ci sono, bensì solo interpretazioni." F.W. Nietzsche, Frammenti postumi 1885-1887. *** Nietzsche afferma che "noi non possiamo constatare alcun fatto «in sé»". In altre parole, non è possibile prescindere dall’elemento valutativo dei fenomeni nel loro accadere, il fatto accade per sé ma ci raggiunge perché c’è una valutazione, il fatto senza valutazione (fatto in sé) non esiste (per noi). Non è il fatto ad essere negato ma la constatazione del fatto senza valutazione. Che un grave lasciato ad una certa altezza in un sistema gravitazionale cada non si possono avere dubbi, ma non si possono avere dubbi neanche sul fatto che il nostro sistema percettivo deve essere predisposto ad una valutazione di alto e basso per poterlo osservare. Da questo a dire che la caduta sia buona o cattiva, la cosa si arricchisce (o si impoverisce) di una valutazione morale e si complica ulteriormente. In definitiva il fatto (per noi) ha sempre una valenza che può toccare aspetti morali ma il fatto morale è e resta un ossimoro. Il fatto morale è una valutazione, per cui è chiaro che non si tratta più di un fatto. Fuor di dubbio che alcune interpretazioni, come dice Umberto Eco, cozzano con lo "zoccolo duro" che i fatti sono soliti porre e che altre siano ben oltre il limite della decenza. Ma anche questa è un'interpretazione!

COMMENTS:
Riverwind65 In effetti la percezione che abbiamo del nostro esistere dipende, esclusivamente, direi, dai significati che diamo alle relazioni tra noi e il mondo e tra i costrutti del nostro mondo interiore ed è tutto ciò che possiamo davvero "maneggiare" mentalmente. E in tutto questo sta il senso del vivere, ma il sistema di

78

valori che scegliamo arbitrariamente può tranquillamente consistere nella negazione che il sistema di valori altrui esista! Antonio il problema è tutto in quel 'tranquillamente', sicuramente può consistere nella negazione dei valori altrui ma non proprio tranquillamente! Io sono convinto che tale negazione comporta sempre infelicità, per chi la opera (infelicità latente) e più ancora per chi la subisce (infelicità manifesta). Mi piacerebbe sapere come il mondo della psicanalisi vede questa faccenda. E' sicuramente un discorso interessante e complicato, dovremmo discutere di empatia ma su questa strada dovremmo essere molto cauti con Nietzsche che sull'argomento non mostrava grande sensibilità. Per fare una facile parafrasi diciamo che aveva una visione poco umana! Riverwind65 Beh il mio "tranquillamente" era un lancio polemico contro quella che mi sembra l'attuale tendenza involutiva sociale. Ma trovo molto interessante che tu sollevi l'argomento psicologico, dato che per una volta non ci avevo pensato! E cmq sono d'accordo con te: se partiamo dal presupposto che ciò che ci da più fastidio degli altri di solito è la personificazione di nostri problemi o difetti oppure l'invidia per una libertà che non ci concediamo (vedi l'omofobia), allora possiamo supporre che la negazione dei diritti altrui corrisponda a una forte infelicità latente. Sì, sono d'accordo.

MARTEDÌ 23 MARZO 2010

Certi diritti
Quando la politica ed in particolare la democrazia si risolve esclusivamente nei suoi aspetti puramente quantitativi lascia enormi spazi all’intolleranza legittimata da un numero sufficiente di voti. Tale condizione, senza voler scomodare due secoli di storia politica, è già ampiamente definita dal termine arroganza. Emanuele Severino afferma che “una legge può essere più o meno democratica nella misura in cui è più o meno soffocato il punto di vista della minoranza: più una legge soffoca il punto di vista della minoranza, meno è democratica; meno soffoca il punto di vista della minoranza, più è democratica” [1] ; tale criterio non è così presente e pressante in una politica, che pur ossessionata dai quanta democratici, non si pone l’obiettivo caro a Camus di ridurre la somma algebrica della sofferenza al termine della vita. Del resto quando quell'ambito dell'agire collettivo in cui deve prendere forma la costruzione, coraggiosa e necessariamente rischiosa, di nuovi spazi della dimensione umana diventa pigra amministrazione del già costituito non è più sensato chiedersi se sia eticamente doveroso da parte della politica prendere atto di esigenze espresse nel tessuto sociale e realizzare norme che ne riconoscano l'esistenza. Il mancato riconoscimento giuridico delle coppie di fatto in Italia, indipendentemente dal sesso dei costituenti la coppia, è un chiaro esempio di questa misera degenerazione della politica ed in particolare della democrazia. Ovviamente si sollevano problemi di carattere etico, ma di fronte all’incapacità di trattare con la sinfonia dell’etica sociale si compensa con le urla sguaiate dell’etica da bettola. In questo desolante panorama culturale non ci si avvicina neppure ai registri del bisogno/diritto di riconoscimento di soggetti quali nuclei relazionali in un contesto sociale ed il dibattito è lasciato agli sciacalli della comunicazione che consegnano messaggi porta a porta! Non si possono porre problemi etici ad amministratori di condominio né pretenderne la soluzione, così il problema diventa porre domande giuste alle persone sbagliate. Ad oggi in Italia sembra fuori luogo rivolgere domande impegnative al potere legislativo o esecutivo, troppo occupati a rimboccare le coperte a bimbi invecchiati tra smanie paranoidi e livorose ossessioni di invidia del culto della propria personalità in declino, resta, finché resta la via del potere giudiziario. Oggi alla Corte Costituzionale si aprirà l'udienza in merito alla legittimità o meno del riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali, molte famiglie attendono l'esito della Consulta.
[1] E. Severino, intervento nel Dialogo La politica è ancora un valore? A. Gnoli, R. Esposito, E. Scalfari, J. Bhabha, G. Marramao, F. Savater, E. Severino. MicroMega, 3/2007, p. 103.

79

GIOVEDÌ 25 MARZO 2010

Giustizia terrena secondo Giuseppe e Giovanni
Non esprimo alcun commento salvo il titolo che ho dato al post, mi limito a riportare il testo integrale tradotto dal latino della lettera inviata il 18 maggio del 2001 da Ratzinger e Bertone ai "vescovi di tutta la Chiesa cattolica e agli altri ordinari e prelati interessati". Il testo è ripreso da Micromega a firma di Pino Nicotri. La lettera dava istruzioni circa i comportamenti da adottare per "i delitti più gravi" commessi dai membri della chiesa. E' il cosiddetto «Secretum pontificium» emesso quando l'attuale pontefice ricopriva la carica di prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e al soglio pontificio c'era Giovanni Paolo II. La lettera imponeva il «silenzio papale», avvero chiunque avesse parlato era scomunicato «ipso facto», cioè immediatamente. Consiglio anche la lettura dell'articolo di Hans Küng e siccome siamo in Italia, e un po' di colore non ce lo facciamo mancare mai, consiglio la lettura del commento di don Paolo Farinella alla miserabile lettera di solidarietà inviata al papa da un noto frequentatore di prostitute d'alto bordo, oggi dette escort. *** «LETTERA inviata dalla Congregazione per la dottrina della fede ai vescovi di tutta la Chiesa cattolica e agli altri ordinari e prelati interessati, circa I DELITTI PIU’ GRAVI riservati alla medesima Congregazione per la dottrina della fede, 18 maggio 2001 Per l’applicazione della legge ecclesiastica, che all’art. 52 della Costituzione apostolica sulla curia romana dice: “[La Congregazione per la dottrina della fede] giudica i delitti contro la fede e i delitti più gravi commessi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti, che vengano a essa segnalati e, all’occorrenza, procede a dichiarare o a infliggere le sanzioni canoniche a norma del diritto, sia comune che proprio”, era necessario prima di tutto definire il modo di procedere circa i delitti contro la fede: questo è stato fatto con le norme che vanno sotto il titolo di Regolamento per l’esame delle dottrine, ratificate e confermate dal sommo pontefice Giovanni Paolo II, con gli articoli 28-29 approvati insieme in forma specifica. Quasi nel medesimo tempo la Congregazione per la dottrina della fede con una Commissione costituita a tale scopo si applicava a un diligente studio dei canoni sui delitti, sia del Codice di diritto canonico sia del Codice dei canoni delle Chiese orientali, per determinare “i delitti più gravi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti”, per perfezionare anche le norme processuali speciali nel procedere “a dichiarare o a infliggere le sanzioni canoniche”, poiché l’istruzione Crimen sollicitationis finora in vigore, edita dalla Suprema sacra Congregazione del Sant’Offizio il 16 marzo 1962, doveva essere riveduta dopo la promulgazione dei nuovi codici canonici. Dopo un attento esame dei pareri e svolte le opportune consultazioni, il lavoro della Commissione è finalmente giunto al termine; i padri della Congregazione per la dottrina della fede l’hanno esaminato più a fondo, sottoponendo al sommo pontefice le conclusioni circa la determinazione dei delitti più gravi e circa il modo di procedere nel dichiarare o nell’infliggere le sanzioni, ferma restando in ciò la competenza esclusiva della medesima Congregazione come Tribunale apostolico. Tutte queste cose sono state dal sommo pontefice approvate, confermate e promulgate con la lettera apostolica emanata come motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela. I delitti più gravi sia nella celebrazione dei sacramenti sia contro la morale, riservati alla Congregazione per la dottrina della fede, sono: - I delitti contro la santità dell’augustissimo sacramento e sacrificio dell’eucaristia, cioè: 1° l’asportazione o la conservazione a scopo sacrilego, o la profanazione delle specie consacrate: 2° l’attentata azione liturgica del sacrificio eucaristico o la simulazione della medesima; 3° la concelebrazione vietata del sacrificio eucaristico assieme a ministri di comunità ecclesiali, che non hanno la successione apostolica ne riconoscono la dignità sacramentale dell’ordinazione sacerdotale; 4° la consacrazione a scopo sacrilego di una materia senza l’altra nella celebrazione eucaristica, o anche di entrambe fuori della celebrazione eucaristica; - Delitti contro la santità del sacramento della penitenza, cioè: 1° l’assoluzione del complice nel peccato contro il sesto comandamento del Decalogo; 2° la sollecitazione, nell’atto o in occasione o con il pretesto della confessione, al peccato contro il sesto comandamento del Decalogo, se è finalizzata a peccare con il confessore stesso; 3° la violazione diretta del sigillo sacramentale; - Il delitto contro la morale, cioè: il delitto contro il sesto comandamento del Decalogo commesso da un chierico con un minore al di sotto dei 18 anni di età. Al Tribunale apostolico della Congregazione per la dottrina della fede sono riservati soltanto questi delitti,

80

che sono sopra elencati con la propria definizione. Ogni volta che l’ordinario o il prelato avesse notizia almeno verosimile di un delitto riservato, dopo avere svolte un’indagine preliminare, la segnali alla Congregazione per la dottrina della fede, la quale, a meno che per le particolari circostanze non avocasse a sé la causa, comanda all’ordinario o al prelato, dettando opportune norme, di procedere a ulteriori accertamenti attraverso il proprio tribunale. Contro la sentenza di primo grado, sia da parte del reo o del suo patrono sia da parte del promotore di giustizia, resta validamente e unicamente soltanto il diritto di appello al supremo Tribunale della medesima Congregazione. Si deve notare che l’azione criminale circa i delitti riservati alla Congregazione per la dottrina della fede si estingue per prescrizione in dieci anni. La prescrizione decorre a norma del diritto universale e comune: ma in un delitto con un minore commesso da un chierico comincia a decorrere dal giorno in cui il minore ha compiuto il 18° anno di età. Nei tribunali costituiti presso gli ordinari o i prelati possono ricoprire validamente per tali cause l’ufficio di giudice, di promotore di giustizia, di notaio e di patrono soltanto dei sacerdoti. Quando l’istanza nel tribunale in qualunque modo è conclusa, tutti gli atti della causa siano trasmessi d’ufficio quanto prima alla Congregazione per la dottrina della fede. Tutti i tribunali della Chiesa latina e delle Chiese orientali cattoliche sono tenuti a osservare i canoni sui delitti e le pene come pure sul processo penale rispettivamente dell’uno e dell’altro Codice, assieme alle norme speciali che saranno date caso per caso dalla Congregazione per la dottrina della fede e da applicare in tutto. Le cause di questo genere sono soggette al segreto pontificio. Con la presente lettera, inviata per mandato del sommo pontefice a tutti i vescovi della Chiesa cattolica, ai superiori generali degli istituti religiosi clericali di diritto pontificio e delle società di vita apostolica clericali di diritto pontificio e agli altri ordinari e prelati interessati, si auspica che non solo siano evitati del tutto i delitti più gravi, ma soprattutto che, per la santità dei chierici e dei fedeli da procurarsi anche mediante necessarie sanzioni, da parte degli ordinari e dei prelati prelci sia una sollecita cura pastorale. Roma, dalla sede della Congregazione per la dottrina della fede, 18 maggio 2001. Joseph card. Ratzinger, prefetto. Tarcisio Bertone, SDB, arc. em. di Vercelli, segretario»

DOMENICA 25 APRILE 2010

Forme di tarantismo
Su Youtube è disponibile un bel documentario sul tarantismo, ne consiglio la visione prima della lettura di questo post. Dove sono andati a finire i tarantati del terzo millennio? Il documentario si pone questa domanda lasciando la risposta alle varie manifestazioni di disagio di oggi che si trovano incanalate entro argini che devono essere rotti. Bene! Io azzardo una risposta blasfema alla domanda. Blasfema per l'alta considerazione che ho delle radici storiche e del profondo significato antropologico della taranta (consiglio di leggere i libri che Ernesto De Martino ha dedicato al tema: Sud e magia o il meraviglioso La terra del rimorso). Tuttavia, rimanendo alla sua espressione fisica e muovendomi negli angusti canoni classificatori della razionalità medico-scientifica non posso evitare di ricordare che si tratta di una manifestazione isterica che ricorreva periodicamente, nei mesi della mietitura in particolare, e che colpiva soggetti, generalmente donne, il cui profilo era fondamentalmente ascrivibile a qualche forma depressiva. Ora, tralasciando i richiami alle radici storiche ed ai significati antropologici, ché sarebbero sprecati per il caso che vado a esporre, non posso non notare qualche parallelismo con quello che avviene da un po' di anni nei confronti del 25 aprile e della festa della Liberazione Partigiana. Il fenomeno di rigetto isterico del 25 aprile è certamente periodico con cadenza annuale, le manifestazioni isteriche sono particolarmente violente e in alcuni casi pietosi non manca nemmeno la bava alla bocca. Diversamente da quello che accadeva con le tarantolate, è terribilmente semplice descrivere il profilo dei soggetti colpiti da questo fenomeno, di solito si tratta di maleducati fieri della propria condizione di miseria intellettuale, ignorano la storia e i suoi molteplici significati, dispongono di due o tre categorie classificatorie della realtà, e non si fanno neppure sfiorare dall'idea che possono migliorare. Il mio accostamento con il tarantismo è però fallace. Il deplorevole fenomeno di questi anni non condivide con il tarantismo la sua fondamentale componente terapeutica. Nel caso delle manifestazioni isteriche per il 25 aprile siamo invece di fronte a casi disperati e il massimo che si può fare per aiutare questi miserabili è fargli seguire un capetto che una persona mediamente normale non degnerebbe di uno sputo e fargli ricoprire una carica ministeriale o altra carica pubblica. Questo avrà sicuramente effetti devastanti per un Paese ma l'autostima dello sventurato ne beneficerà.

81

*** "Oggi la nuova resistenza in che cosa consiste. Ecco l'appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l'onestà e il coraggio. L'onestà... l'onestà... l'onestà. [...] E quindi l'appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c'è qualche scandalo. Se c'è qualcuno che da' scandalo; se c'è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato! " Sandro Pertini. *** Questo Paese può dirsi libero, degnamente libero, solo grazie all'esperienza partigiana. Rimuovere dalla Storia d'Italia quell'esperienza e assegnare il merito della liberazione all'intervento militare alleato non è solo un falso storico è anche la manifestazione di una sudditanza morale che non poteva che sfociare nell'egemonia politica di un mentecatto e dei suoi accoliti. Oggi noi parliamo di alleati ma non dimentichiamo che il nostro paese ha avuto un ruolo belligerante nella II guerra mondiale e che da quel ruolo infame gli italiani sono stati riscattati solo con la Resistenza, non capire questo è il residuo della barbarie fascista che ha insanguinato la storia di questo e di altri paesi.

LUNEDÌ 26 APRILE 2010

Prima che il gallo canti

Qualche tempo fa ho detto che non avrei usato per questo blog uno di quei contatori che ti informano sul numero di lettori. Ho cambiato idea! Non avendo molto da fare ne ho messo uno. Sta in fondo, mi pare sia abbastanza discreto, sebbene non eccessivamente intelligente, visto che conta anche i miei accessi quando scrivo qualcosa di nuovo! Ad ogni buon conto questo è il mio blog e quello che ci metto lo decido io. *** PS del 27 aprile - Ho scoperto che il contatore può non contare i miei accessi, quindi ritiro le mie considerazioni sulla sua intelligenza e rivedo quelle sulla mia!

MARTEDÌ 4 MAGGIO 2010

Ricorrenze e revisioni

La Chiesa ha dato un contributo fondamentale all'Unità d'Italia (leggere qui per credere). Nuovi documenti testimoniano che la breccia di Porta Pia fu concordata con Papa Pio IX dopo le insistenti richieste del pontefice inviate in gran segreto al Generale Bixio. Il Generale, come è noto, mal sopportava il tentativo di essere estromesso dalle operazioni militari per la presa di Roma ma mantenne rispettosamente il segreto del suo coinvolgimento direttamente da parte di Papa Mastai Ferretti. A rivelare i retroscena oggi è la pronipote del Generale che fa luce sui lati oscuri dell'illustre garibaldino. "Il mio avo era un fervente cattolico ma non poteva rivelarsi ai suoi compagni che erano anticlericali profondamente intolleranti", dichiara la pronipote di Bixio che fornisce altri dettagli ancora in ombra della Storia d'Italia: "L'atteggiamento impetuoso del mio prozio era dettato da una immensa sofferenza per il dolore inflitto al Papa dalle truppe garibaldine. Lui si arruolò tra quelle file nel tentativo di limitare i danni che quei bifolchi avrebbero potuto procurare al Santo Padre". E' ormai chiaro che tra Nino Bixio e il Papa liberale corresse una fitta relazione epistolare dove si profilavano le mosse per la futura Unità d'Italia. In questo scenario assume nuovi contorni la mancata resistenza da parte delle truppe papali durante la presa di Porta Pia e diventa cristallina la celebre frase che Papa Pio IX pronunciò al suo ministro della guerra, inducendolo alla resa: "Ebbene a questo esercito io debbo dare un grande dolore: esso dovrà cedere". Un ulteriore colpo di scena è arrivato dalle dichiarazioni della pronipote di Papa Mastai Ferretti che dichiara sorprendentemente: "Giovanni Maria simpatizzava per i garibaldini e nutriva un profondo desiderio di partecipare alle loro imprese ma la sua funzione gli impediva di manifestare questo aspetto del suo carattere. Il Sillabo, gli anatemi, erano tutte coperture per non scoprirsi troppo tra le gerarchie vaticane." Le pronipoti dei due grandi uomini assicurano che ci saranno altre sorprese sulla Storia d'Italia che saranno presto pubblicate nel libro che si accingono a scrivere a quattro mani.

82

*** In questi giorni mi è capitato di ascoltare, tra gli altri, Luciano Canfora e Giulio Giorello che partecipavano ad una interessante tavola rotonda intorno alla figura di Ipazia, filosofa alessandrina dilaniata nel 415 da una folla di fanatici cristiani per ordine o consenso di Cirillo di Alessandria, un capobranco, una sorta di maschio alfa poi venerato come santo e dottore della Chiesa. Di Ipazia oggi si parla molto per fortuna anche grazie al recente film Agorà di Amenàbar che conto di vedere presto. Canfora e Giorello ricordano come in alcuni vecchi libri di storia si parli della morte di Ipazia in una baruffa o di quella di Giordano Bruno in un incendio! Non sorprendiamoci, le falsificazioni della storia non sono certo finite con quei vecchi libri.

VENERDÌ 7 MAGGIO 2010

Bieco laicismo su fb
Tempo fa ho voluto iscrivermi a facebook. Ero riluttante a farlo ma curioso di capire come funziona. Come è facile immaginare non ho molti contatti, poche persone che conosco per davvero, salvo un paio di eccezioni, comunque meno di 30. FB è uno strumento strano, usa parole pesanti come amicizia con troppa leggerezza, la comunicazione è necessariamente sintetica, a volte al limite del banale (ma ovviamente si è liberi di approfondire quello che interessa di più), la numerosità dei contatti che consente di stabilire va a scapito della forza delle relazioni e si 'intrufola' nella asimmetria delle relazioni. Mi spiego, A può essere tanto amico di B e B può essere tanto amico di C ma A e C non si frequenteranno mai perché non si possono sopportare, sono troppo differenti. Questo può capitare nella vita e questa intransitività delle relazioni credo sia una delle cose più belle e complicate dei rapporti umani. Gli algoritmi di FB invece non possono che essere banali da questo punto di vista e se un tuo amico ha altri amici questi ti vengono proposti per stabilire una relazione, assurdo! Per non parlare poi dei messaggi pietosi che ricevi quando una persona che conosci non scrive da tanto tempo ("Aiuta X a trovare altri amici"!) e dei stupidi giochini che riempiono i profili di molte persone. Comunque è innegabile l'utilità di questo strumento per scambiarsi messaggi veloci e in alcuni casi, se si ha la sensibilità di soffermarsi sui messaggi o sulle immagini pubblicate, può servire a conoscere meglio qualche persona, a patto di conoscerla già in carne e ossa! Ad ogni modo non mi va di ragionare troppo intorno a FB, dico solo che è liberatorio buttare giù qualche frase senza troppi ragionamenti. Ammetto, con un certo narcisismo, che alcune delle sciocchezze che ho scritto finora mi piacciono, per questo le ho raccolte in questo post. ***
Bieco laicismo ?!!! A ferragosto Vito è stato a pranzo dalle nostre amichette. Alex (scherzando) ha dedicato il primo brindisi all'assunzione di Maria, in tutta risposta Vito ha detto (seriamente) "Anche se non la conosco fatele gli auguri da parte mia, di questi tempi essere assunti è una gran cosa". 17 agosto 2009 alle ore 17.29

___

http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2009/sep/29/the-pope-visit Immaginate questo articolo in Italia su un quotidiano a tiratura nazionale. State sognando! 29 settembre 2009 alle ore 19.38 ___ Psicopatologia della vita quotidiana. Freud non era uno sprovveduto, l'ho sempre detto! Lapsus di Berlusconi: ''Speso 200 mln per i giudici'' - Video - RepubblicaTv 10 ottobre 2009 alle ore 9.11 ___ Bipolarismo!

83

16 ottobre 2009 alle ore 15.48 ___ Attenzione, i gamberi fanno andare all'inferno!
Levitico e omosessualità 24 ottobre 2009 alle ore 14.40

___ I simboli religiosi possono fare molto male.

14 dicembre 2009 alle ore 15.33 ___ Il partito delle libertà diventa il partito dell'amore. Il suo motto: chi non ha peccato scagli il primo duomo! 17 dicembre 2009 alle ore 14.56 ___ Re magi fermati alla frontiera 05 gennaio alle ore 16.21 ___ Ottimismo. Ho visto un re. Enzo Jannacci canta con Antonio Albanese, Adriano Celentano, Dario Fo e Giorgio Gaber. 09 gennaio alle ore 11.36 ___ Il CSM apre un fascicolo su Berlusconi. Il ministro della cultura Bondi: “iniziativa aberrante”. Concordo con lui, anch'io mi aspettavo come minimo una biblioteca. 14 gennaio alle ore 16.00 ___ Prima c'è stata l'aviaria, poi la suina. Imparata la lezione la prossima sarà la bufala! L’H1N1? Una truffa colossale. Il j’accuse del responsabile sanità del Consiglio d’Europa - Micromega 15 gennaio alle ore 10.55 ___ La Storia è davvero una baldracca? Pietro Ingrao: “Di Craxi non salvo nulla” - Micromega 19 gennaio alle ore 18.48 ___

84

La crisi è ormai alle spalle...che intenzioni avrà? I disoccupati ci sono ma non si vedono - Repubblica.it 20 gennaio alle ore 14.23 ___ Scoperto il metodo per sollevarsi nei giorni tristi: fare un copia e incolla dai giorni felici. C'è solo una controindicazione: non funziona! 21 gennaio alle ore 18.42 ___ Il rischio di continuare a dire a D'Alema che è "il più intelligente" è che poi va a finire che ci crede davvero!!!! Puglia, Vendola ha stravinto In 200mila al voto per le primarie - Repubblica.it 25 gennaio alle ore 19.09 ___ Silenzio di D'Alema sulle primarie in Puglia! Si mormora di uno shock anafilattico da democrazia, ma al PD assicurano che si tratta di riservatezza dovuta al suo nuovo incarico. 26 gennaio alle ore 18.53 ___ "I futuri non realizzati sono solo rami del passato: rami secchi". Italo Calvino, da Le città invisibili. 27 gennaio alle ore 8.24 ___ "Meno extracomunitari significa meno criminalità” ... l'unica criminalità che vogliamo è quella made in Italy. Campagna governativa per la promozione dell'immagine italiana. 29 gennaio alle ore 9.26 ___ Giocherai nella segale, vecchio Holden. 29 gennaio alle ore 17.57 ___ Moralismo nella scuola della Gelmini. Abolire la geografia proprio adesso che gli scienziati si sono perso il punto G! 01 febbraio alle ore 18.53 ___ Panico a Roma, l'intensa e imprevista nevicata ha mandato in tilt la città. Bloccati i trasporti, i centri di soccorso sono irraggiungibili. Allertata la protezione civile. I bambini giocano con le palle di neve! 12 febbraio alle ore 9.13 ___ Berlusconi: "Chi commette reati fuori dai partiti". Non saranno più tollerate camicie stirate male. 18 febbraio alle ore 16.27 ___ Slitta la legge anticorruzione. Scongiurata la diaspora delle libertà. 20 febbraio alle ore 11.19 ___ Nel PDL si discute di provvedimenti anti corruzione. Svolta storica, si passa dalle leggi ad personam alla legislazione omeopatica. 20 febbraio alle ore 11.26 ___ Déjà vu: una prescrizione che passerà per una assoluzione. Andreotti docet ancora! 26 febbraio alle ore 20.01 ___ Gasparri: "Di Pietro spinge all'odio, noi parliamo il linguaggio dell'amore"...i soliti maligni a questo punto penseranno a orge dissolute con veline e sciantose da mille euro a botta! 27 febbraio alle ore 19.21

85

___ Albanese è un genio. Il bravo comico nasconde sempre la tragedia nella risata ma lui ti fa vergognare di ridere. Antonio Albanese - Cetto La Qualunque - 27-02-2010 La sfilata di moda 01 marzo alle ore 17.39 ___ Evitata l'eutanasia del pdl attraverso alimentazione forzata delle proprie liste!!! 06 marzo alle ore 10.21 ___ L'Italia la governi con i decretini di urgenza! 08 marzo alle ore 10.05 ___ Per Berlusconi la manifestazione di sabato scorso a Roma è stata un'ammucchiata. Attenzione ragazzi, su questo tema il soggetto è un'autorità!!! 16 marzo alle ore 0.31 ___ Il massacro in Ruanda? Colpa dei soldati con i capelli rossi e tre nei sulla schiena! 21 marzo alle ore 20.00 ___ “Le sue scuse personali non risolvono la questione. Se non si trattasse del presidente del Consiglio ma di una qualunque altra persona dovrei dire che siamo in presenza di un bugiardo che dice una cosa al mattino e fa l'opposto la sera oppure d'una persona dissociata e afflitta da disturbi schizoidi". Repubblica.it 11 aprile alle ore 18.05 ___ Sì, sì, si deve sicuramente trattare di un complotto ordito da donne omosessuali ebree comuniste nere intellettuali ed extracomunitarie iscritte alla massoneria ecologista! Non ci sono altre spiegazioni! Calderoli tuona: “Ma quale pedofilia! Contro il Papa congiura massonica” 13 aprile alle ore 19.02 ___ Torino. Il papa incontra i giovani: scene di panico tra le mamme! 02 maggio alle ore 19.00 ___ Immunità anche per i trattori verdi e i tricicli rosa! Immunità per le auto blu? - Repubblica.it 03 maggio alle 12.14 ___ A Scajola la casa l'ha pagata un anonimo e i giudici maliziosi pensano ad Anemone! 04 maggio alle 18.22 *** PS (24 settembre 2010) - Non cercatemi su fb, il giocattolo era troppo banale e ho deciso di romperlo.

SABATO 22 MAGGIO 2010

Scoppio ritardato
86

So benissimo che internet è il posto dove tutto si consuma in tempo reale e che un post, se tratta di notizie, deve essere scritto a caldo ma io sono un blogger "mio generis" quindi me ne infischio dei tempi e sulle cose che rimugino scrivo quando mi pare, anche in ritardo. Giovedì scorso è andato in onda AnnoZero di Santoro. Il titolo, appropriatissimo, era "Peccati e reati" e trattava dei casi di pedofilia nella Chiesa e della copertura che i preti pedofili hanno avuto e continuano ad avere da parte della gerarchia vaticana. Trovo molto importante la distinzione tra peccato e reato. Santoro ha detto che il reato è un fatto pubblico e se ne deve parlare mentre il peccato è un fatto privato. A grandi linee si può concordare su questo rilievo anche se non credo che la distinzione possa esaurirsi così facilmente, ma non è questo il punto. Storicamente le due sfere non possono considerarsi reciprocamente impermeabili, almeno in Occidente, ed una delle conquiste della laicità di matrice illuminista è stata proprio la separazione dei due ambiti, conquista che non può dirsi mai del tutto compiuta. Una discussione sulla distinzione tra peccato e reato ci porterebbe molto lontano ma rimanendo al tema della trasmissione siamo pronti ad ammettere, spero, che la pedofilia è senza ombra di dubbio un reato, per tutta una serie di motivi ma fondamentalmente perché comporta la sopraffazione fisica e psicologica di un soggetto la cui condizione di immaturità non consente di effettuare una scelta responsabile. Insomma, chiamando le cose con il loro nome, la pedofilia è violenza carnale sui bambini. Quando si parla di pedofilia si parla di stupratori, che di mestiere facciano il prete o altro la sostanza del reato non cambia né dovrebbe cambiare la pena prevista sebbene un simile reato è ancor più riprovevole se commesso da un uomo che si richiama ad un messaggio di amore. E' noto che i reati sono associati a delle pene - Dei delitti e delle pene, scriveva il Beccaria - e che l'associazione avviene a livello individuale, ovvero la responsabilità penale è ricondotta ad un soggetto e la pena è ascritta al soggetto. Questo è un passaggio fondamentale della storia umana, ovvero il riconoscimento che la responsabilità penale di un reato è personale, individuale e non appartiene invece al gruppo, al ceto o alla razza come nelle culture primitive. Ora, a quanto sembra, di questa notizia, della responsabilità penale individuale, non sono stati informati tutti gli imbecilli xenofobi e razzisti - come quelli della Lega, per intendersi - e Antonio Socci (Quelli della Lega non sono stati neanche informati che il reato viene prima della pena ma si tratta di casi disperati!). Il Socci dolente si è lanciato in una accalorata difesa dell'operato di tanti sacerdoti nel mondo ed ha evocato l'ombra del demonio sulla Chiesa mostrando di non conoscere il principio della responsabilità individuale dei reati e neanche la distinzione tra peccati e reati. Per la verità la distinzione non l'ha capita neanche Benedetto XVI quando, nonostante abbia apprezzabilmente detto che il perdono si non sostituisce alla giustizia, si è penosamente appellato al segreto di Fatima sui peccati nella Chiesa ma lasciamo perdere le invocazioni del peccato e del demonio e rimaniamo al reato. Dopo tutto il Socci afflitto potrebbe essere una delle tante manifestazioni dell'efficacia del potere pastorale di cui ha scritto Michel Foucault (leggi questo sito), solo che nel caso di Socci la metafora del pastore che guida il gregge andrebbe estesa con quella della pecora che difende il pastore! Lasciando perdere il peccato si parla di responsabilità individuali connesse ad atti delittuosi e di questo mi pare parlasse la trasmissione di Santoro, nessuno giovedì sera voleva mettere in discussione il ruolo caritativo della Chiesa e nessuno l'ha fatto, anzi quel ruolo è stato più volte invocato ma quei richiami il Socci piangente non coglieva. In trasmissione si è detto della lettera di Benedetto XVI alla Chiesa d'Irlanda e del nuovo atteggiamento del Vaticano nei confronti della pedofilia, si è detto dell'incontro con le vittime a Malta, si è detto tutto o quasi. Quello che infatti non mi quadra è come mai non si sia stata per niente sollevata una questione centrale, quella del "secretum pontificium" emanato dal cardinale Ratzinger nel 2001 quando era prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e il pontefice era Giovanni Paolo II. Quel documento avocava al Tribunale apostolico della Congregazione per la dottrina della fede tutta una serie di delitti religiosi considerati di particolare gravità, i delitti andavano dalla profanazione delle specie consacrate alla simulazione liturgica, dalla concelebrazione del sacrificio eucaristico con ministri di comunità ecclesiali che non hanno la successione apostolica alla violenza carnale con un minore al di sotto dei 18 anni di età. Tutti quei delitti dovevano essere soggetti al segreto pontificio. Il secretum pontificium è un giuramento fatto nelle mani del papa e quel tipo di documento è un atto formale di particolare rilievo nella gerarchia normativa vaticana ed è ancora in vigore, per cui come si concilia con la lettera inviata alla Chiesa d'Irlanda che non ha la stessa valenza normativa? Inoltre, non si è fatto alcun cenno al penoso episodio della pubblicazione da parte del Vaticano delle linee guida contraffatte sul comportamento da tenere nei casi di pedofilia. Le linee guida sono state pubblicate online sul sito ufficiale del Vaticano lunedì 12 aprile scorso, e presentate da padre Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, come disposizioni diffuse dal 2003. Il fatto increscioso è che al responsabile dell'agenzia internazionale “Associated Press”, Victor Simpson, che chiedeva informazioni sulla posizione della Chiesa in fatto di pedofilia, padre Lombardi aveva inviato tre giorni prima un documento in inglese identico a quello messo online, tranne una frase chiave che non compariva e che evidentemente è stata aggiunta successivamente. La frase era “Va sempre dato seguito alle disposizioni della legge civile per quanto riguarda il deferimento di crimini alle autorità preposte” che peraltro entra in conflitto con il secretum pontificium ancora vigente.

87

Quindi tornando alla faccenda dei reati e della responsabilità individuale la domanda che si pone è se Karol Wojtyla e Joseph Ratzinger siano o no responsabili di reati come connivenza, favoreggiamento o complicità per aver coperto e protetto dei soggetti che hanno abusato di bambini. AnnoZero ha fatto intendere chiaramente la domanda ma su molti aspetti ha preferito o ha dovuto tacere e me ne dispiace, ma in un paese a libertà vigilata una trasmissione televisiva come quella di Santoro è una boccata d'aria, quell'aria di cui parlava Piero Calamandrei quando diceva "la libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare" (ascolta quel discorso qui). La trasmissione ha sicuramente permesso a molti di farsi un'idea della faccenda. (Un approfondimento è disponibile sul sito di Micromega: La Chiesa e lo scandalo pedofilia) *** Per chiudere riporto alcuni brani di un libro molto diffuso fino a qualche tempo fa che trovo molto significativo per la faccenda di cui si discute.
1In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: “Chi dunque è il più grande nel regno dei cieli?”. 2Allora Gesù chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: 3“In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. 4Perciò chiunque diventerà

piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli. 5E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me. 6Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. 7Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo per colpa del quale avviene lo scandalo! 8Se la tua mano o il tuo piede ti è occasione di scandalo, taglialo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani o due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno. 9E se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, che avere due occhi ed essere gettato nella Geenna del fuoco. 10Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli. [11È venuto infatti il Figlio dell’uomo a salvare ciò che era perduto.] Il Vangelo secondo Matteo 18, 1-11. *** A questo punto non vorrei essere blasfemo pensando a quale parte del corpo andrebbe tagliata e gettata via pur di entrare nel regno dei cieli quando lo scandalo è l'abuso sessuale di minori.

MERCOLEDÌ 26 MAGGIO 2010

Il colpo di scena
Padrone – Qui andiamo tutti a puttane, cribbio! Schiavo devoto – Non pronunciar tal intento padron mio che rinovelli in me i turpi dì che loschi comunisti infangaron l’augusto nome tuo facendolo risonar con quello di signore dall’allegro mestiere. P. – Che hai capito? Intendo che la pacchia è finita, la crisi economica si sente e la bufala che non metto le mani nelle tasche degli italiani non regge più. Il castello sta crollando, la corruzione dilaga. Anche i miei più fidi cortigiani si sono fatti beccare, vil razza dannata. S.d. – O mio signore non dir così, non lacerare il cor mio con parole che per me son lame. Tu lo sai, io ti son fedele e mai osai mettere in ombra la tua icona. Per me è gran privilegio raccogliere le briciole tue, non chiedo altro. Vissi d’arte, vissi d’amore, non feci mai male ad anima viva. Malevoli voci sul mio conto si riversano, altro spregio non v’è sulla mia onorabilità. Amare lacrime verso per il fango sul mio buon nome e non reggo più l’affronto di tanta onta. Donami auspicio mio vate, di’ soltanto una parola e io sarò salvato.

88

P. - Lascia perdere, ormai la frittata è fatta e come al solito tocca a me correre ai ripari andando in giro porta a porta a convincere gli elettori che è tutto a posto. S.d. – Come pensi, o araldo d’amor, traghettare il nostro naviglio fuori da questi marosi? P. - Qui caro mio ci vuole il colpo di teatro. I sondaggi crollano e la mia popolarità precipita. S.d. – O duce mio, della nazione faro di virtù, come possiamo trovar varco in questa landa desolata fitta di intrighi e turpi passioni? P. - Ho trovato! E’ arrivato per te il momento di mostrarti fedele come dici. S.d. – Parla dunque, pronuncia il verbo ed io saprò mostrarmi degno del tuo disio. Son pronto alla morte, l'Italia chiamò. P. – Se tu sei pronto insieme faremo un autentico colpo di scena che mi riporterà alla ribalta. S.d. – All’estremo sacrificio son pronto, non tacer oltre, svelami dunque il frutto del tuo ingegno o maestro d’arme e d’arte. P. – Da troppo tempo non mi faccio vedere in giro e con questa cavolo di manovra finanziaria la mia popolarità cala a picco, mi serve qualcosa di eccezionale che aumenti la mia visibilità, un evento drammatico dove posso mostrarmi addolorato, lo sai che la gente è sensibile a queste cose. S.d. – O sì mia guida, lo so bene che l'animo tuo gentile si dona tutto nei momenti di dolore. Togli alfine il freno al tuo pensiero e senza indugio lascia che le tue parole giungano al mio trepidante cor. P. – Mio caro, tu stai attraversando un periodo difficile. S.d. – Ebbene sì, nol nego signor mio. P. – Sei sotto pressione per via dei giudici e delle loro maledette indagini. S.d. – Senza appiglio alcuno son le loro accuse, agnello sacrificale son io immolato sull’altare della giustizia per amor tuo. P. – Sì lo so che sono tutte menzogne e proprio per questo che il colpo di scena funzionerà alla perfezione. S.d. – Ti prego, ti imploro non lasciarmi al buio, illuminami della luce del tuo acume. P. - Ti devi suicidare. S.d. - …!?! P. – Oh, mi hai capito? S.d. – O mio ben non è la prima volta che mi disorienta la strategia del tuo operare. Sii indulgente con me se non ne colgo tutte le sfumature. P. – Ma quali sfumature? Qui non ci sono sfumature da cogliere né tempo da perdere, senza un colpo di scena qui chiudiamo bottega. Ti vuoi suicidare o no? Ci vuole un bel suicidio per spostare l’attenzione della gente e farmi vedere mentre piango sul tuo feretro. Finiamola con le chiacchiere e fammi vedere se sei veramente pronto a tutto per il tuo paese. S.d. - Padron mio a te mi son votato e nel momento del bisogno non mancherà il mio sostegno. Vergherò poche righe per i posteri e me ne andrò là dove tutto è silenzio. P. – Bravo! Una lettera aperta è quello che ci vuole. Poche righe accorate dove dici del fango che giudici e giornali gettano sul tuo nome, che non puoi difenderti e che bisogna porsi qualche interrogativo prima che non sia troppo tardi, quella roba lì che annuncia un atto grave. La indirizzi alle massime cariche dello stato e, mi raccomando, a qualcuno non la spedire così quando non ci sarai più il senso di colpa farà un bell’effetto.

89

S.d. – Ordunque m’accingo all'ultimo passo. Cantami o divo i versi che lascerò e quando avrò finito me ne andrò silente e distrattamente volgerommi a riveder il tuo sembiante. P. - Sì vai vai. S.d. – Vado dunque, vado oltre l’oblio in attesa di rincontrarti padron mio. Là ci darem la mano, là mi dirai di sì. P. – Sì ma adesso vai. S.d. – Ricordami come colui che lasciò questa negra valle con due parole tra le labbra: totus tuus.

GIOVEDÌ 27 MAGGIO 2010

Lezioni di morale
A futura memoria: "In politica penso di avere portato una nuova visione morale, che non è solo quella di non rubare per sé o per il partito, ci mancherebbe, ma è soprattutto quella di mantenere la parola data agli elettori realizzando gli impegni assunti con il programma elettorale. Su questo, nessuno può darmi lezioni. E sfido chiunque ad affermare il contrario." Silvio Berlusconi, 20 maggio 2010. Devo ammettere che la frase lascia un po' spiazzati e in effetti qualche commento incredulo l'ha suscitato in più di qualcuno. Il 20 maggio scrissi su facebook: «Berlusconi: "Nessuno mi può dare lezioni di morale". Inutile provarci, si tratta di una impresa titanica e senza alcuna speranza di riuscita!» Il giorno dopo qualcuno inviò al forum di Spinoza.it: «Berlusconi: "Nessuno può darmi lezioni di morale". Servirebbe?» Ma la migliore risposta alla boutade ha dovuto attendere qualche giorno e secondo me è questa.

Immagine che ho scoperto oggi e che ho preso in prestito da http://starwalls.blogspot.com/

VENERDÌ 28 MAGGIO 2010

Le riforme lubrificate

Non aggiungo niente di mio, prendo solo ampi stralci di un bellissimo articolo di Umberto Eco sulle riforme della maggioranza e molto altro. L'articolo è stato pubblicato su L'Espresso on line e sul settimanale. Da

90

quest'ultimo ho ripreso le frasi scritte in blu perché nel sito c'è un refuso. Naturalmente raccomando vivamente di leggere l'articolo per intero. "È nota la definizione della democrazia come sistema pieno di difetti ma di cui non si è ancora trovato nulla di meglio. Da questa ragionevole assunzione discende, per la maggior parte della gente, la convinzione errata che la democrazia (il migliore o il meno peggio dei sistemi di governo) sia quello per cui la maggioranza ha sempre ragione. Nulla di più falso. La democrazia è il sistema per cui, visto che è difficile definire in termini qualitativi chi abbia più ragione degli altri, si ricorre a un sistema bassamente quantitativo, ma oggettivamente controllabile: in democrazia governa chi prende più consensi. E se qualcuno ritiene che la maggioranza abbia torto, peggio per lui: se ha accettato i principi democratici deve accettare che governi una maggioranza che si sbaglia. Una delle funzioni delle opposizioni è quella di dimostrare alla maggioranza che si era sbagliata. E se non ce la fa? Allora abbiamo, oltre a una cattiva maggioranza, anche una cattiva opposizione. Quante volte la maggioranza può sbagliarsi? Per millenni la maggioranza degli uomini ha creduto che il sole girasse intorno alla terra (e, considerando le vaste aree poco alfabetizzate del mondo, e il fatto che sondaggi fatti nei paesi più avanzati hanno dimostrato che moltissimi occidentali ancora credono che il sole giri) ecco un bel caso in cui la maggioranza non solo si è sbagliata ma si sbaglia ancora. Le maggioranze si sono sbagliate a ritenere Beethoven inascoltabile o Picasso inguardabile, la maggioranza a Gerusalemme si è sbagliata a preferire Barabba a Gesù, la maggioranza degli americani sbaglia a credere che due uova con pancetta tutte le mattine e una bella bistecca a pasto siano garanzie di buona salute, la maggioranza si sbagliava a preferire gli orsi a Terenzio e (forse) si sbaglia ancora a preferire "La pupa e il secchione" a Sofocle. Per secoli la maggioranza della gente ha ritenuto che esistessero le streghe e che fosse giusto bruciarle, nel Seicento la maggioranza dei milanesi credeva che la peste fosse provocata dagli untori, l'enorme maggioranza degli occidentali, compreso Voltaire, riteneva legittima e naturale la schiavitù, la maggioranza degli europei credeva che fosse nobile e sacrosanto colonizzare l'Africa. [...] In politica l'appello alla volontà popolare ha soltanto valore legale ("Ho diritto a governare perché ho ricevuto più voti") ma non permette che da questo dato quantitativo si traggano conseguenze teoriche ed etiche ("Ho la maggioranza dei consensi e dunque sono il migliore"). [...] Erodere le libertà di un paese significa di solito mettere in atto un colpo di Stato e instaurare violentemente una dittatura. Se questo avviene, gli elettori se ne accorgono e, se pure non hanno la forza di protestare, hanno l'impressione di sottostare ad un arbitrio. Ma è la nozione di colpo di Stato che è con lui cambiata. Al colpo di Stato si è sostituito lo struscio di Stato. All'idea di una trasformazione delle strutture dello Stato attraverso l'azione violenta il genio di Berlusconi è stato ed è quello di attuarle con estrema lentezza, passettino per passettino, in modo estremamente lubrificato. Pensate alla inutile violenza con cui il fascismo, per fare tacere la voce scomoda di Matteotti, ha dovuto farlo ammazzare. Cose da medioevo. Non sarebbe bastato pagargli una buona uscita megagalattica (e tra l'altro non con i soldi del governo ma con quelli dei cittadini che pagano il canone)? Mussolini era davvero uomo rozzissimo. Quando una trasformazione delle istituzioni del Paese avviene passo per passo, e cioè per dosi omeopatiche, è difficile dire che ciascuna, presa di per sé, prefiguri una dittatura - e infatti quando qualche cassandra lo fa viene sbertucciata. Il fatto è che per un nuovo populismo mediatico la stessa dittatura è un sistema antiquato che non serve a nulla. Si possono modificare le strutture dello Stato a proprio piacere e secondo il proprio interesse senza instaurare alcuna dittatura. [...] Ecco, la funzione dei colpi di Stato striscianti è che le modificazioni costituzionali non vengono quasi percepite, o sono avvertite come irrilevanti. E quando la loro somma avrà prodotto non la seconda ma la terza Repubblica, sarà troppo tardi. Non perché non si potrebbe tornare indietro, ma perché la maggioranza avrà assorbito i cambiamenti come naturali e si sarà, per così dire, mitridatizzata. Un nuovo Malaparte potrebbe scrivere un trattato superbo su questa nuova tecnica dello struscio di Stato. Anche perché di fronte a essa ogni protesta e ogni denuncia perde valore provocatorio e sembra che chi si lamenta dia corpo alle ombre. Pessimismo globale, dunque? No, fiducia nell'azione benigna del tempo e della sua erosione continua. Una trasformazione delle istituzioni che procede a piccoli passi può non avere tempo per compiersi del tutto, a metà strada possono avvenire smandrappamenti, stanchezze, cadute di tensione, incidenti di percorso. È un poco come la barzelletta sulla differenza tra inferno tedesco e inferno italiano. In entrambi bagno nella benzina bollente al mattino, sedia elettrica a mezzogiorno, squartamento a sera. Salvo che nell'inferno italiano un giorno la benzina non arriva, un altro la centrale elettrica è in sciopero, un altro ancora il boia si è dato malato… Tagliare la testa al re o occupare il Palazzo d'Inverno è cosa che si fa in cinque minuti.

91

Avvelenare qualcuno con piccole dosi d'arsenico nella minestra prende molto tempo, e nel frattempo chissà, vedrà chi vivrà. Per il momento, resistere, resistere, resistere. " (27 maggio 2010)

VENERDÌ 4 GIUGNO 2010

Educazione civica (riformata)
Ricordo che quando frequentavo la scuola media si insegnava educazione civica e c'era ancora quando ho fatto la scuola superiore, adesso non so se fa ancora parte dei programmi e se sì non riesco proprio ad immaginare con quale faccia gli insegnanti si presentino davanti ai ragazzi a parlare di quelle cose così importanti e così distanti dai modelli disponibili nella vita quotidiana. Per quanto difficile fosse l'argomento i professori si impegnavano molto per rendere accessibili i principi fondamentali dell'organizzazione dello Stato. Ci parlavano dei diritti, della Costituzione, del Governo e del Parlamento. Ecco! quando ci parlavano del Parlamento ci dicevano che è il posto dove si esercita il potere legislativo, che è rappresentativo di tutti i cittadini di un paese e i parlamentari si riuniscono lì per fare le leggi e discutere degli interessi nazionali. I professori ci dicevano che i parlamentari sono eletti dal popolo e che fanno un lavoro molto importante che riguarda tutti noi, e io naturalmente ci credevo. Sono passati molti anni da allora e se adesso qualche professore mi dicesse le stesse cose che mi diceva allora penso che perderei la pazienza, gli chiederei se sta mentendo spudoratamente oppure se è talmente cretino da non essersi accorto che le cose non stanno affatto così oppure, magnanimamente penserei che mi sta parlando del mondo delle idee di Platone, povero illuso! Chissà, magari i ragazzi di adesso che pensiamo essere meno educati di quelli di un tempo sono soltanto più svegli e non si fanno più prendere per il naso facendosi raccontare cose che non sono credibili. E sì, adesso farei davvero molta fatica a capire come si possa far passare per interesse nazionale le conseguenze patite da una famiglia per il sequestro di uno yacht da parte della Finanza tanto da farlo diventare materia di interrogazione parlamentare. Nella fattispecie l'interrogazione alla Camera, presentata da Pietro Laffranco (ex AN, ora pidiellino), chiede al governo se “non ritenga necessario assumere iniziative immediate per porre riparo alle conseguenze ingiustificatamente patite dai familiari del signor Briatore e per rimediare al danno di immagine arrecato al Paese”. L'iniziativa dell'onorevole Laffranco arriva buona seconda dopo quella analoga del senatore Riccardo Villari (Partito Radicale) presentata al Senato qualche giorno fa. Sarebbe bello sapere quali iniziative auspicano l'onorevole e il senatore per alleviare le sofferenze della famiglia Briatore e ripristinare i diritti calpestati dai finanzieri con quel brutale arrembaggio degno del feroce Barbanera. Dissequestro immediato dello yacht? Fornitura di yacht di cortesia fino ad accertamenti fiscali avvenuti? Scuse formali della Guardia di Finanza con trasferimento dell'ufficiale che ha operato il sequestro alle isole Cayman? Quale sarà lo strumento normativo invocato dai parlamentari, un'eccezione alle norme vigenti o si scriveranno leggi ad amicus curiae quale naturale evoluzione delle leggi ad personam? Se all'onorevole Laffranco e al senatore Villari avanza tempo dopo le loro importantissime interrogazioni ci piacerebbe anche proporre a entrambi di presentare un'interrogazione a sé stessi per chiedersi se sono a conoscenza delle conseguenze patite dalle famiglie dove è stato perso il lavoro, ci piacerebbe che Laffranco si chiedesse se i milioni di disoccupati sono un danno all'immagine dell'Italia cui riparare con altrettanta solerzia di quella mostrata per la vicenda dei Briatore, ci piacerebbe che Villari si chiedesse se pensa che sia una questione di diritti lesi anche il lavoro precario, sottopagato e senza garanzie. Ecco, magari l'onorevole e il senatore potrebbero cominciare a porsi queste domande e, chissà, potrebbero trovare persino interessante rivolgerle al governo, tanto per sapere cosa ne pensa la maggioranza che guida il paese! *** Quando da piccolo ascoltavo le lezioni di educazione civica ricordo che mi piacevano molto. Sentivo parlare dei parlamentari eletti e pensavo ad una sorta di investitura celeste poi crescendo l'investitura è diventata un laico riconoscimento civile poi, con l'età della ragione e dopo ancora con quella del disincanto, mi viene in mente mio padre e mia madre che, nonostante la naturale diffidenza dei contadini nei confronti del potere, pensano ancora che gli onorevoli e i senatori siano persone rispettabili e ancora non sanno che molti non sono degni di baciargli i piedi. Peccato!

92

DOMENICA 6 GIUGNO 2010

Domande ingenue
Gli 11 passeggeri e gli 8 membri dell’equipaggio della nave irlandese Rachel Corrie, intercettata sabato scorso dalla Marina militare israeliana e dirottata al porto di Ashdod, saranno espulsi oggi da Israele. «Tutte le persone a bordo dell’imbarcazione saranno espulse domenica, dopo aver firmato un documento nel quale affermano di rinunciare a qualsiasi azione legale contro il provvedimento (di espulsione)», ha dichiarato il portavoce del servizio immigrazione israeliano. L'intercettazione della nave irlandese è avvenuta senza spargimento di sangue. Il governo israeliano cambia strategia e cerca garanzie dopo l'assalto armato dell'esercito israeliano del 31 maggio scorso sulle navi dei pacifisti che tentavano di rompere il blocco di rifornimenti alla striscia di Gaza, un assalto barbaro che ha provocato 9 morti e decine di feriti. Se il governo israeliano pensa che fosse nel suo diritto bloccare la nave di aiuti umanitari ed espellere i pacifisti dal suo territorio, perché far firmare documenti in cui le persone rinunciano al diritto di presentare azioni legali nei confronti di un provvedimento di espulsione? Se il governo israeliano non pensa di muoversi fuori dal diritto internazionale, ignorando sistematicamente tutti i provvedimenti e gli inviti delle Nazioni Unite a rivedere la sua politica espansionista, perché opporsi all'indagine ONU sul blitz del 31 maggio?

MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

La folgorazione di Tremonti...

Una delle più belle definizioni del concetto di libertà che io conosca l'ha fornita Montesquieu che nella sua opera più importante, Lo spirito delle leggi, scriveva «In uno Stato, vale a dire in una società nella quale esistano delle leggi, la libertà non può consistere che nel poter fare ciò che si deve volere e nel non essere costretti a fare ciò che non si deve volere . Bisogna mettersi bene in mente che cosa sia l’indipendenza e che cosa sia la libertà. La libertà è il diritto di fare tutto ciò che le leggi permettono; e se un cittadino potesse fare ciò che esse proibiscono, non sarebbe più libero poiché tutti gli altri avrebbero anch’essi questo stesso potere.» (libro XI, cap. 3) Più avanti scriveva «E’ però una esperienza eterna che ogni uomo che ha in mano il potere è portato ad abusarne procedendo fino a quando non trovi dei limiti… Perché non si possa abusare del potere, bisogna che per la disposizione delle cose il potere freni il potere.» (libro XI, cap. 6) Indubbiamente il concetto di libertà del barone de Montesquieu, padre del concetto della separazione dei poteri, è molto complesso e presenta un intreccio di potenza (intesa come potenzialità, possibilità), vincoli e volontà - potere, dovere, volere - che mette a dura prova chi non è esercitato al pensiero filosofico, è comprensibile quindi l'affanno di chi usa la parola libertà non essendo esercitato neanche al pensiero. Come suggeriva Francesco Guccini nella Canzone di notte n.2, "per chi non è abituato, pensare è sconsigliato"! Su Repubblica.it leggo che Berlusconi torna all'attacco della Costituzione e dice che non è possibile governare con queste regole; ma se la cosa lo stressa tanto non ha che da seguire il consiglio che ogni buon geriatra gli darebbe, si riposi, vada altrove, dove le regole gli aggradano di più. Nello stesso articolo leggo che «Il premier è anche tornato sul progetto, caro a Tremonti, di cambiare l'articolo 41 della Costituzione per azzerare le autorizzazioni necessarie ad aprire un'impresa: "Vogliamo arrivare a un nuovo sistema in cui non si debbano chiedere più permessi, autorizzazioni, concessioni o licenze", ha detto, definendo i controlli previsti dalla Carta "una pratica da Stato totalitario, da Stato padrone che percepisce i cittadini come sudditi".» Ma cosa dice l'articolo 41 della Costituzione? Eccolo: "L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali."

93

Lasciando perdere Berlusconi che ormai è finito e considerando Tremonti che, oltre ad essere il successore di Berlusconi, è considerato il ministro dell'economia più intelligente d'Europa, segno del mutamento degli standard intellettuali nel vecchio continente, quando si dice azzerare le autorizzazioni delle attività produttive da parte dello Stato non si intende semplicemente alleggerire le pratiche burocratiche ma si intende minare quel patto tra mercato e democrazia che i Costituenti hanno voluto sancire per l'attività economica in questo paese. In altre parole la riforma interverrebbe nel sistema capitalistico di questo paese togliendo quei "lacci e lacciuoli" che lo Stato pone al mercato, lo stesso Stato tanto inviso ai sacerdoti del libero mercato, salvo ricorrervi per salvarsi in tempi di crisi (è la celebre scuola economica del liberismo a fasi alterne). Ma gli unici vincoli che si vedono nell'art. 41 della Costituzione che Tremonti vorrebbe cambiare sono quelli che stabiliscono l'utilità sociale di una attività produttiva. Con la crisi economica molti hanno pensato che l'economia dovesse e potesse imboccare una strada diversa da quella che aveva portato alla crisi, una strada che privilegiasse la produzione di qualità della vita piuttosto che della quantità di beni, insomma qualcosa che mettesse al centro dell'attività economica quei fini sociali di cui parla l'art. 41 della Costituzione. Anche il ministro Tremonti, quando ha saputo dai giornali della crisi economica e i suoi consiglieri più fidati gli hanno rivelato che non si trattava di una burla, è stato folgorato come Saulo sulla strada di Damasco e, colpito dalla sindrome del "l'avevo detto io", ci ha abituato ad un sofferto atteggiamento ieratico, a continue citazioni dalle sacre scritture, a pennellate di colbertismo mescolato non shakerato con liberismo, a profetici richiami al rigore fiscale ed altre travagliate manifestazioni acute di riformismo economico. Per molti è diventato l'araldo del mutamento del paradigma liberomercatista, l'eroe della trasformazione dell'economicismo miope, l'acerrimo critico del capitalismo liberista, il combattente furioso contro sprechi e consumi. I più maliziosi pensano ancora che il ministro sia privo di una visione di insieme e di un disegno preciso della dimensione storica e collettiva di uno Stato ma sono le solite sediziose voci della sinistra che non riesce a vedere che il ministro ha operato una vera e propria rivoluzione del proprio pensiero, passando da teorico della finanza creativa a paladino della poveva gente, semmai sono i fatti ad avergli remato contro. Dopo la proposta di voler cambiare l'articolo 41 della Costituzione anch'io manifesto qualche incertezza sulla autenticità della conversione del ministro e devo purtroppo ammettere che la folgorazione che ha avuto non è esattamente quella che io avrei sperato!

DOMENICA 13 GIUGNO 2010

Il paese della fiesta
«Il chirurgo acchiappò il collo a Fabrizio. - Che stai a 'fa solo soletto? Lo scrittore non ebbe nemmeno la forza di reagire. - Niente. - Mi hanno detto che hai letto una poesia grandiosa. Peccato, ero al cesso, me la sono persa. Ciba di accasciò sul tavolo. - Ti vedo abbattuto. Che è successo? - Rischio di fare una figura di merda planetaria. Bocchi si sedette sulla sedia accanto alla sua e si accese una sigaretta, prendendo grandi boccate. I due rimasero in silenzio per un po'. Poi il chirurgo sollevò la testa verso il cielo e cacciò fuori una nuvola di fumo. - Che palle, Fabrizio. Ancora con 'sta storia? - Quale storia? - Quella delle figure di merda. Da quanto ci conosciamo? - Da troppo tempo. Bocchi non si offese. – Dal liceo non sei cambiato di una virgola. Sempre ossessionato da 'ste figure di merda. Come se ci fosse qualcuno che sta sempre a giudicarti. Te lo devo spiegare io? Tu fai lo scrittore e a certe cose dovresti arrivarci da solo. Fabrizio si girò spazientito verso il suo compagno di scuola. – Cosa? Di che parli? Bocchi sbadigliò. Poi gli prese la mano. – Allora non hai capito. Il tempo delle figure di merda è finito, morto, sepolto. Se n’è andato per sempre con il vecchio millennio. Le figure di merda non esistono più, si sono estinte come le lucciole. Nessuno le fa più, tranne te, nella tua testa. Ma non li vedi a questi? – Indicò la massa che applaudiva Chiatti. – Ci copriamo di letame felici come maiali in un porcile. Guarda me, per esempio -. Si alzò in piedi barcollando. Allargò le braccia come a mostrarsi a tutti, ma gli girò la testa e si dovette sedere di nuovo. – Io mi sono specializzato a Lione con il professor Roland Château-Beaubois, ho la cattedra a Urbino, sono un primario. Guarda come sto ridotto. Secondo i vecchi parametri sarei una figura di merda ambulante, un essere infrequentabile, un cafone impaccato di soldi, un tossico, un personaggio spregevole che si fa ricco sulle debolezze di quattro carampane, eppure non è così. Sono amato e rispettato.

94

Vengo invitato pure alla festa della Repubblica al Quirinale e in ogni cazzo di trasmissione medica. Scusa, ma andando sul personale... Quel programma che hai fatto in televisione non era una grezza? Ciba provò a difendersi. - Veramente... - Lascia perdere, era una grezza. Fabrizio fece un cenno d'assenso. - E quella storia con quella, la figlia... Non mi ricordo, vabbe' era una figura di merda. Ciba fece una smorfia di dolore. - Vabbe' adesso basta. - E che ti è successo? Nulla di nulla. Quante copie in più hai venduto con tutte queste teoriche figure di merda? Una cifra. E tutti dicono che sei un genio. Quindi lo vedi che vieni a me? Quelle che tu chiami figure di merda sono sprazzi di splendore mediatico che danno lustro al personaggio e che ti rendono più umano e simpatico. Se non esistono più regole etiche ed estetiche le figure di merda decadono di conseguenza.» Da Niccolò Ammaniti, Che la festa cominci, Einaudi, 2009, pp. 186-187.

MERCOLEDÌ 16 GIUGNO 2010

Notizie quasi vere...

...in un paese quasi immaginario. Sventato un grosso giro di prostituzione nella periferia cittadina. A capo della cosca c'era un tale Cyrano de Bergerac, già noto alle forze dell'ordine per l'abitudine di inviare alle autorità del paese lettere minatorie in rima. Cyrano coordinava le attività con l'ausilio di note maîtresse provenienti da tutta Europa, tra i nomi più noti figurano Anna Karenina ed Emma Bovary che per nascondere ai familiari le loro attività illecite avevano simulato un suicidio. I soggetti fornivano le loro prestazioni in un casolare abbandonato. Quando la polizia ha fatto irruzione nell'edificio è stato trovato anche il famoso attore Ireneo Funes, divenuto celebre per la magistrale interpretazione nel film Lo smemorato di Collegno. Agli agenti l'attore ha dichiarato di trovarsi lì per conto di una persona molto importante, di cui non può rivelare il nome, con il compito di ricordare tutti i clienti del bordello nel caso un giorno fosse tornato utile. Funes è stato immediatamente rilasciato. Un alone di mistero avvolge l'ignoto committente, si mormora di collaborazioni del Funes con i servizi segreti. Nuovo successo della Guardia di Finanza nella lotta all'evasione, scoperto l'ennesimo evasore totale. Il soggetto, che si faceva chiamare agrimensore K., venuto in possesso di un bene immobile di notevoli dimensioni attraverso operazioni finanziarie poco chiare lo ha nascosto al fisco per decenni. Dalle prime indagini pare si tratti di un vero e proprio castello che l'evasore affittava a prezzi esorbitanti senza mai rilasciare fattura dei compensi ricevuti. E' stato assodato che nel castello sono stati organizzati festini a sfondo sessuale con un giro d'affari da capogiro. Il danno per le casse dello Stato è di diversi milioni di euro. L'agenzia delle entrate chiede più poteri per contrastare l'evasione fiscale giunta a livelli ormai inaccettabili e fa pressione per l'introduzione di pene esemplari. Il ministro della moneta è addirittura arrivato a proporre il confino degli evasori in una colonia penale e incisione delle cifre evase sulla pelle dei condannati. La medicina italiana diventa leader mondiale nella lotta contro le fobie. Gli specialisti non vogliono entrare nei dettagli della nuova terapia prima della pubblicazione dell'articolo sulla prestigiosa rivista internazionale New Science. Dalle dichiarazioni delle infermiere sono trapelati alcuni casi particolarmente rilevanti: il dottor Freud è stato liberato dalla sua delirante onirofobia, l'agente di viaggi Odisseo può dirsi completamente guarito dalla temibile talassofobia e il famoso imprenditore mediorientale Ba' al Zebub può finalmente dimenticare la fastidiosa termofobia che ultimamente gli impediva persino di lavorare. Si è concluso il processo a carico di Eva. Al termine dei tre gradi di giudizio la donna è stata assolta con formula piena dall'accusa di aver commesso un furto di mele in una frutteria nel centro della città. Le prove portate a difesa di Eva sono state ritenute schiaccianti dai giudici dell'Alta Corte. La povera donna soffre di una rarissima forma di allergia alle rosacee particolarmente violenta quando si tratta di mele e il solo contatto con il frutto l'avrebbe uccisa all'istante. La notizia è stata accolta in maniera scomposta dal querelante, sembra che il fruttivendolo sia stato colpito da delirio di onnipotenza cronico insolitamente associato ad una rara forma di autismo catatonico. Considerando che Eva non può aver messo piede nella frutteria e che ad oggi non sono state riscontrate prove del furto di mele si indaga sui motivi che hanno portato il fruttivendolo ad inscenare l'assurda storia. Il noto intellettuale di origine basca Aleandro del Torrente ha dichiarato solennemente: "D'ora in avanti mi farò beffe dell'eterogenesi dei fini scrivendo fedelmente quello che avrei pensato se la mia speculazione fosse

95

stata fedele alla mia formazione politica tralasciando l'influenza delle contingenze della storia ed i casi della vita che qualora mi avessero condotto ad un maggiore attaccamento ai testi della mia adolescenza mi avrebbero consentito di rinnegare il valore del tempo che solo in età matura posso apprezzare con l'ardore della rivoluzione dello spirito che torna in sé stesso dopo lungo girovagare nella dialettica materiale". Alle facce perplesse dei giornalisti lo studioso ha dichiarato ermeticamente: "Il pensiero di sinistra ha le sue tradizioni". Inoltre, il docente ha fatto sapere che i prossimi libri saranno scritti a testa in giù, alla richiesta del motivo di una scelta così bizzarra lo studioso ha risposto lapidario: "Così sarò un intellettuale scomodo!"

VENERDÌ 25 GIUGNO 2010

Potessimo essere soli...

Alla maturità di quest'anno hanno chiesto "Siamo soli nell'Universo?"...domanda interessante. Se io avessi dovuto scrivere quel tema oggi, a più di 23 anni di distanza dai miei 18 anni, mi chiedo se i professori mi avrebbero giudicato maturo. Già! perché oggi non avrei esitato a rispondere secco "no, non siamo soli nell'Universo, purtroppo!" e avrei parlato di molti abusivi che popolano la terra (io ne vedo tanti nel mio paese), che sarebbe anche terminologicamente corretto definire extraterrestri. Sarebbe stato inutile fare un elenco di nomi che avrebbero insozzato il mio foglio, avrei fatto solo qualche richiamo, poche allusioni, dei rimandi, un riferimento appena accennato. Sì, avrei sicuramente parlato degli extraterrestri che vivono tra noi perché il grande mistero oggi non è se c'è un altro pianeta abitato ma se c'è un angolo vuoto su questo pianeta dove andare a piangere. Chissà se sarei stato giudicato maturo, penso proprio di no!

GIOVEDÌ 1 LUGLIO 2010

Lettera morta
Trent’anni da Ustica, di più dall’Italicus e piazza della Loggia, più ancora dalla madre di tutte le stragi, piazza Fontana, e altre più giovani e tutte senza colpevoli, stragi che ricorderemo quando saranno passati trent’anni anche per loro, e neanche allora mancherà un miserabile in cerca di visibilità a rovesciare anni di lavoro difficile in una battuta che in una bettola sarebbe coperta dai fischi. Presidente Napolitano qualche giorno fa ascoltavo le sue parole sulla strage di Ustica, con le sue parole ha spazzato via le sciagurate ricostruzioni di un infelice, ascoltavo il suo invito a cercare la verità, e l’ho ringraziata per quelle parole eppure mi sono accorto di essere distante, provavo uno strano sentimento di fiacchezza, quasi una trascuratezza che non sapevo spiegarmi. Allora mi sono voltato a guardare indietro e forse ho capito il motivo di quella stanchezza. Degli anniversari portiamo memoria, i nostri nonni ce lo hanno insegnato bene il dovere della memoria, loro che non sapevano cosa riservava la storia del giorno dopo vollero vedere la Storia e per farlo impararono a confondere la volpe e il leone. Non fu difficile farlo per chi era nato nel paese di Machiavelli, non fu difficile se altri prima di loro confondevano già da molto tempo i serpenti e le colombe. “Ah ma quando ci saremo noi, sarà tutta un’altra storia! Finalmente comincerà la Storia.” Molti anni passarono perché quella storia cominciasse in quest’angolo di mondo e molti nomi bisognò cambiare e la pelle e i vestiti ma la forza era la stessa e i sogni, ah i sogni, non erano cambiati. Correva l’anno 1996, annus mirabilis, quando tra le strade in piazza la festa si faceva sentire e le speranze facevano a gara con i sogni per raggiungere il cielo. Fu davvero un anno straordinario ma ancora non potevamo sapere che quell’anno era straordinario perché era un anno come gli altri, era un anno ordinario, a quel tempo ci mancava la storia per capirlo. Quell’anno gli armadi rimasero chiusi ed erano tanti gli armadi che era impossibile non vederli ma ci convincemmo che la guida di un paese doveva costare persino un armadio chiuso, era un costo doloroso ma andava pagato. Quell’anno però non sapevamo ancora che quel convincimento ci avrebbe consumato e i sogni che ci erano stati insegnati stavano morendo. Quell’anno cominciammo ad accorgerci che quella che consideravamo speranza era ormai illusione. Nel 1996 morì l’illusione del quando ci saremo noi. Quando siamo stati davvero noi? Ebbene, ci siamo stati noi e oggi non possiamo più dire "quando ci saremo noi". E’ difficile governare un paese e spesso la verità mal si concilia con la Storia, allora è necessaria la menzogna e necessario è anche chi chiede la verità, ma ci perdoni Signor Presidente se saremo poco attenti alle desiderate esortazioni, noi non possiamo rimandare oltre la sepoltura del cadavere della nostra illusione, da troppo tempo vegliamo quel corpo e questa interminabile veglia ci toglie molte energie e tocca seppellirlo prima di non riuscire più a distinguere i vermi che se ne nutrono. Ecco perché ascoltavo le sue parole ed ero distante Signor Presidente, perché l’ora della sepoltura è passata da troppo tempo e prima o poi si deve pur smettere di portare il lutto.

96

Adesso ci è rimasta solo una terribile fame di verità e neanche un cane all’orizzonte che porti un osso da dividere. Le porgo sinceri saluti con rispetto e stima. Antonio Caputo *** Questa lettera è stata appena spedita all'indirizzo del Quirinale https://servizi.quirinale.it/webmail/missiva.asp, diversamente da altre circostanze non aspetto una risposta, purtroppo!

COMMENTS:
Anonimo Ciao Antonio, la tua lettera morta mi ha commosso e fatto arrabbiare per la trama di nebbie con cui viviamo ormai da decenni in Italia. Io so i nomi diceva Pasolini. Forse anche noi. Ma gli armadi sono molto cari ai fantasmi, agli amanti che vogliono nascondere il proprio sentimento, ai ladri e un po’ anche ai bambini che giocano a nascondersi. Ma i bambini giocano e gli altri fanno sul serio. Buona non attesa di risposta. Vincenzo Antonio Caro Vincenzo, che ti posso dire? siamo tutti avviliti da questa danza macabra che non smetterà mai di muoversi sul sangue delle persone. ...quando ho visto anonimo avevo già dimenticato che sei tu Vincenzo...sto proprio a pezzi!!! vito La lettera è vero e molto commovente, ma la cosa straordinaria è che è riuscita a far affiorare quella rabbia contro le ingiustizie che in genere cerco di mantenere dormiente......perchè penso sempre che ormai sia anche inutile quella.... Antonio La rabbia che tu dici è la fame che evocavo alla fine della lettera, non è possibile non sentire la fame, non si rimuove la fame, né penseremmo mai che la fame è inutile. E' il segnale che dobbiamo ascoltare per cercare cibo.

SABATO 3 LUGLIO 2010

Lei è un cretino, s'informi!
Dopo i momenti di mestizia è terapeutico fare quattro salti da giullare. A sollevarsi da pensieri neri non manca materiale, salvo essere irrimediabilmente seri, allora non c'è cura che tenga, siete destinati alla tristezza perpetua! I rimedi per uscire dalla tristezza ci sono per tutti, se apprezzi l'anamorfosi linguistica e provi un indicibile piacere a scovare metasignificati puoi vedere un film di Totò, se sei un sadico della distorsione del linguaggio puoi seguire sui giornali le avventure del signor ghe pensi mì o le mirabolanti dichiarazioni del suo sodale legale, con rispetto parlando, o le picaresche imprese del ministro che preso dalla sacra foia della scalata al governo si scaglia contro i "cialtroni del sud". Ma fai attenzione, perché il divertimento sia assicurato non fare l'errore di informarti troppo altrimenti potresti scoprire che ai cialtroni del sud i soldi li ha portati via proprio il governo del ministro infoiato. Se sei un amante del genere macchietta puoi vedere il Tg1, alcuni dicono che gli editoriali dell'Augusto direttore facciano rivoltare le budella per le risate anche se

97

altri pensano che le faccia rivoltare per altri motivi. E' consigliabile non mescolare i metodi per divertirsi perché se mescoli Totò con altro potresti ricordare, per le inspiegabili associazioni della mente, quella frase fulminante: "Lei è un cretino: si specchi, si convinca" e se non cogli la forza liberatoria del principe De Curtis rischi di rovinarti la giornata. In effetti questa frase di Totò ha risvolti davvero desolanti, quasi da pessimismo cosmico leopardiano. Prendete per esempio quella del titolo del post "Lei è un cretino, s'informi!", che è sempre sua, l'espressione si presenta come un invito al cretino ad uscire dalla sua condizione attraverso l'informazione, viene mostrata una via d'uscita. E invece no! L'altra frase, "Lei è un cretino: si specchi, si convinca", ci fa capire che il cretino è inesorabilmente vincolato al suo stato e non può uscirne in alcun modo, non gli resta che prenderne atto, per cui quel "s'informi" non è altro che un pietoso invito al cretino a cercare in giro conferma della sua triste situazione. Morale, se siete fiduciosi nel trionfo della ragione umana il divertimento è rovinato! Quindi d'estate è meglio uscire di casa per distrarsi, andare in giro per sagre e feste. Ho sentito della sagra dello gnocco nelle campagne avellinesi che quest'anno sarà particolarmente frequentata. E' addirittura atteso il ministro delle pari opportunità che ha anticipato la sua intenzione di parlare a braccio della natura velatamente maschilista della sagra e chiederà agli organizzatori più sensibili una declinazione al femminile della festa. Quando la proposta del ministro si è diffusa tra la gente la popolazione maschile del piccolo paese si è scatenata in manifestazioni di esultanza incontenibili. Gli insanabili amanti della matematica possono seguire l'interessante festival dei numeri primi che quest'anno si terrà ad Arcore ed ospiterà uno stand dove i sostenitori dei numeri liberi possono finalmente dimostrare che la definizione di numeri primi è stata finora saldamente in mano ad una lobby di matematici oscurantisti che ha occupato tutte le case editrici e le università occultando ogni traccia di pensiero alternativo. Infine l'appuntamento più atteso dell'anno nella capitale: la fiera della tetratricotomologia. I più raffinati intellettuali di sinistra si incontrano per discutere di tematiche del tutto ipotetiche. Quest'anno i massimi esperti della spaccatura del capello in quattro si confronteranno sul ruolo dell'opposizione nei paesi in cui può capitare che un megalomane dissociato diventi primo ministro in maniera quasi democratica. Si tratta di eventi epocali, imperdibili!

MARTEDÌ 6 LUGLIO 2010

Politica odierna

Ceci n'est pas une vitrine.
COMMENTS:
marina la donna e' in regalo, ormai. purtroppo. Antonio spero tu abbia torto! ma sì che hai torto... ;-)

98

GIOVEDÌ 8 LUGLIO 2010

Il fondo della vergogna
Quando la terra ha tremato si sono accese le luci della passerella. Sfilate e show ridavano vigore ad un'immagine appassita. Visite, facce tristi e promesse in tv valevano mille comizi. Prima o poi però arriva la resa dei conti, quando le luci della ribalta si spengono, i fatti si mostrano e si va a sbattere contro quello zoccolo duro che neanche le telecamere e le reticenze dei servi del potere possono eliminare. Dopo essere stati sistematicamente oscurati dal Tg1 i terremotati abruzzesi vengono aggrediti dalla polizia e sono trattati come facinorosi dai servi devoti del capo, dagli scribacchini riciclati in giornali di terz'ordine popolati da sciacalli comprati a quattro soldi, gente con il prezzo stampato in fronte. Una persona normale sarebbe sepolta dalla vergogna, una persona normale! Puoi prendere in giro una persona per molto tempo, puoi prendere in giro tante persone per poco tempo ma non puoi prendere in giro tante persone per molto tempo. In Italia la presa per i fondelli di tante persone è durata anche troppo, il tempo sta per scadere. E' diventato aerofobico l'amministratore condominiale, ha paura delle correnti, fa bene, in effetti un raffreddore d'estate può essere molto fastidioso!

VENERDÌ 9 LUGLIO 2010

Invito allo studio

Tempo fa il ministro Alfano diceva "il governo non sta studiando...", bene! è ora di cominciare a farlo però, eh. Almeno tocca studiare come si scrivono le leggi, perché ve le stanno bocciando una dopo l'altra. Adesso che si avvicina l'estate, fate qualche esercizio, non dedicate tutto il tempo al divertimento che non ci vuole niente che il cervello perde allenamento! Ieri la Consulta ha bocciato l'aggravante di clandestinità e indovinate per quale motivo? E' in contrasto con il principio di uguaglianza riconosciuto dall'articolo 3 della Costituzione! E dire che fior fiore di costituzionalisti lo avevano detto, "guardate che il reato di clandestinità è un monstrum giuridico, non ve lo passeranno mai!"..."ragazzi, dateci retta, è una questione di uguaglianza, è importante, l'aggravante non può essere rivolta ad uno status ma solo ad un'azione." Gliel'hanno detto in tutti i modi ma loro no! Queste sottigliezze non le hanno colte, le hanno considerate roba da intellettuali polverosi e superati, hanno voluto andare avanti a modo loro e alla fine qual'è stato il risultato? Sono stati bocciati! Che ci volete fare? Certi ragazzi oggi sono fatti così, sono un po' grossolani, hanno voglia di fare, hanno fretta di fare, e lo fanno senza pensarci su, senza studiare, lo fanno da smanaccioni e poi i risultati sono questi. Poveretti, una dopo l'altra gliele stanno bocciando nonostante i tentativi di influenzare il parere dei giudici della Corte. A proposito, chissà chi sarà stato il mandante del faccendiere arrestato perché voleva manipolare il parere dei giudici della Consulta sul lodo Alfano? Io un'idea me la sono fatta. Se non ricordo male la legge riguardava solo e soltanto 4 cariche istituzionali quindi non mi sembra che si prestasse a pressioni da parte di lobby di potere particolari e non credo che il faccendiere fosse così imbecille da aspirare ad alcuna delle quattro cariche anche se non è mai prudente mettere limiti all'idiozia umana, come consigliava Einstein. Insomma la cerchia dei mandanti si restringe a quattro soggetti. Credo di poter escludere il Presidente della Repubblica e il Presidente della Camera che hanno chiarito a sufficienza come la pensavano al riguardo e tutto sommato il Presidente del Senato conta quello che conta e sull'argomento ha solo tenuto il fianco al quarto uomo!

MARTEDÌ 13 LUGLIO 2010

Insospettabili somiglianze

99

I due forni!

VENERDÌ 23 LUGLIO 2010

Rettifiche preventive
Mi porto avanti con il lavoro. Il testo del ddl sulle intercettazioni approvato dalla Commissione Giustizia della Camera a proposito dei blog recita: "Per i siti informatici compresi i giornali e i periodici diffusi per via telematica le rettifiche sono pubblicate entro 48 ore dalla richiesta con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono ". Rettifico tutto quello che ho detto finora senza attendere l'entrata in vigore del decreto né l'eventuale richiesta, lo rettifico "con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia" aggiungendo a tutti i post che precedono il presente la particella non davanti a qualsiasi verbo utilizzato nel testo laddove la particella non sia già presente e togliendola laddove, inavvertitamente, sia stata utilizzata. Se il pensiero vi si ingarbuglia poi non prendetevela con me! A titolo esemplificativo segue rettifica per le prime righe di un post precedente: La gioventù non è un mito, un’età, una memoria. Chi non sono i giovani? Chi (...) ha molto più di 20 anni. Non basta questo requisito così grossolano? Chi non sente un insopprimibile desiderio di non cambiare il mondo. Già! Poi quel desiderio non si affievolisce e non si comincia a non invecchiare. PS - Per i post futuri è allo studio l'applicazione di un algoritmo che ad intervalli regolari di 48 ore aggiunga e tolga i non dal testo secondo le regole delineate sopra. Saranno considerate anche soluzioni alternativeproposte molto tempo fa.

LUNEDÌ 5 LUGLIO 2010

Benvenuto

Da oggi questo blog si arricchisce della collaborazione di AndreaG, è un piacere per me dargli il benvenuto. La collaborazione nasce intorno ad una proposta di Andrea in un commento ad un precedente post ma questo non significa che Andrea non possa scrivere anche di altro se lo desidera. La nostra idea è scrivere intorno allo stupro della lingua, lo faremo come più ci piace, in maniera scanzonata, seria o semiseria, magari proponendo un nuovo vocabolario. Non pretendiamo di raggiungere le vette della bellissima iniziativa di Zagrebelsky imitando il "Lessico del populismo e della volgarità", ad ogni modo sono convinto che riusciremo a dare qualche contributo e soprattutto che ci divertiremo. PS (9-12-2010) : La redazione torna ad essere composta da me soltanto. AndreaG non ha superato la sindrome della pagina bianca. Pazienza!

COMMENTS:
AndreaG

100

Grazie del benvenuto!! Lascerò che la sindrome della pagina bianca mi impedisca di scrivere cose diverse e più lunghe di un contributo al nuovo vocabolario della lingua. Intanto vediamo di raccogliere le idee e se altri ci hanno già anticipato, non è detto che l'attenzione loro debba necessariamente essere rivolta alle stesse nostre considerazioni...o viceserva. Divertiamoci!

LUNEDÌ 12 LUGLIO 2010

Gloria patria
"Parlate di morale quanto volete a un popolo mal governato; la morale è un detto, e la politica un fatto: la vita domestica, la società privata, qualunque cosa umana prende la sua forma dalla natura generale dello stato pubblico di un popolo." (G. Leopardi, Zibaldone di pensieri, 9 novembre 1820, p. 311) Qualche mese dopo Leopardi annotava nel suo diario "...la perdita della morale si trova nella storia sempre compagna della perdita dell'amor patrio, della indipendenza, delle nazioni, della libertà interna, e di tutte le antiche e moderne repubbliche: influendo sommamente e con perfetta scambievolezza, la morale e le illusioni che la producono, sull'amor patrio, e l'amor patrio sulle illusioni e sulla morale." (30 marzo-4 aprile 1821, p. 911)

GIOVEDÌ 29 LUGLIO 2010

Del progresso tecnologico e del lavoro

"Come nota Simone Weil in un suo libro sullo sradicamento, se fra migliaia di anni un archeologo trovasse due martelli, uno semplice e l'altro pneumatico, analizzando la loro struttura, il loro peso, la loro forma, arriverebbe a comprendere che il primo fu inventato da un artigiano che sapeva di doverlo usare personalmente; il secondo, invece, fu inventato da un ingegnere che sapeva di non doverlo usare mai. Quando un lavoro è pericoloso o faticoso, non genera motivazione ma repulsione. Per vincerla, viene usata la costrizione (per gli schiavi) e la retribuzione (per i salariati). Per lubrificarne la sopportazione, vengono mobilitate ideologie, religioni, sociologia e psicologia." Domenico De Masi, Il futuro del lavoro. Fatica e ozio nella società postindustriale , R.C.S. Libri S.p.A., 1999, pp. 46-47.

LUNEDÌ 16 AGOSTO 2010

Italia e nuvole

Separazione nel partito dell'ammmore dopo 15 anni di felice connivenza. Succede nelle migliori famiglie. Adesso per il lungimirante Fini si aspetta la promozione a politico intelligente by default, come D'Alema! L'Italia di Prandelli perde l'amichevole con la Costa d'Avorio perché pioveva a dirotto. I nostri avversari giocavano sotto un cielo stellato. Progetto ambiziosissimo per la scienza. Un team di biologi, medici, psicologi e biochimici, tra cui diversi premi Nobel, tenteranno di dare una risposta all'annosa domanda: c'è vita intelligente negli studi televisivi di Voyager e del TG1? Numerosi scienziati hanno già fatto sapere di essere pessimisti sull'esito della ricerca. Rivelazione sconvolgente, Bonanni è un sindacalista! Caduto questo tabù si attende con trepidazione l'annuncio che persino Capezzone sia un politico.

DOMENICA 29 AGOSTO 2010

Pastorizia moderna
101

Tornando dalle vacanze mi è capitato di ascoltare qualche notiziario radio lungo l'autostrada intasata. Mi ha colpito un'intervista all'assessore all'agricoltura della Regione Sardegna che a proposito delle manifestazioni di protesta dei pastori sardi ha detto che bisogna abbandonare una visione romantica della pastorizia per rendere moderna questa importante attività economica della Regione. Mah! Non so cosa intenda l'assessore per visione romantica della pastorizia ma ho il sospetto che sia la visione dei pastori che si fanno un mazzo da mattina a sera per vedersi pagare il latte meno dell'acqua minerale! Cosa ci sia di romantico poi l'assessore dirà. Sicuramente l'assessore Prato ha in mente una pastorizia proiettata verso il futuro, in armonia con una visione industriale. Ecco! io ho capito che bisogna essere propositivi, per questo lancio un idea per integrare la pastorizia con le attività edilizie ed il progresso infrastrutturale. Capisco che le idee che vado ad abbozzare sono troppo avanzate per questi tempi ma chissà, forse potranno trovare spazio in un futuro non troppo lontano quando il paese sarà retto da un palazzinaro e la giunta regionale sarda sarà formata agenti immobiliari. Il progetto prevede la realizzazione di giganteschi tapis roulant lungo i tragitti della transumanza per rendere più agevole il percorso delle pecore che, ristorate dal viaggio, produrranno certamente più latte. Durante il tragitto il gregge sarà allietato da danze e rappresentazioni di mammuttones per non perdere le tradizionali radici della regione. Il pastore seguirà i movimenti del gregge da una centrale computerizzata che riceve segnali satellitari. Addetti specializzati in mappatura satellitare formeranno periodicamente i pastori per insegnare loro l'utilizzo delle sofisticate attrezzature. Durante la brucatura i pastori usufruiranno del complesso termale che sarà realizzato nella Barbagia di Ollollai, apposite stanze con vasche ad idromassaggi saranno realizzate per le pecore per favorire la produzione di latte. Un complesso residenziale a scopi curativi sorgerà sulle catene del Supramonte per ospitare le pecore con problemi di allattamento ed i pastori che ne faranno richiesta. Le villette saranno convenzionate con il sistema sanitario nazionale per mantenere un legame con il settore pubblico e perché non si dica che tutto è in mano ai privati. La mungitura degli ovini sarà curata direttamente da lavoratori precari laureati in materia agronomiche e specializzati nel settore del turismo, la paga giornaliera degli operatori consisterà in una porzione di pecorino sardo accompagnato da pane carasau. In questo modo si abbasseranno i costi della produzione di latte e saranno incrementati i margini di utile per i pastori. Si tratta sicuramente di un progetto molto ambizioso ma per riprendersi dalla crisi economica bisogna guardare lontano per favorire il progresso del paese. Visto che sono in vena di proposte per il futuro e considerato che ieri ho fatto un paio di ore di coda su un'autostrada intasata lancio anche un'idea per un turismo di qualità: autostrade a numero chiuso, come le Università! ...pensateci bene prima di ridere di queste idee, con tutte le idiozie che tocca sentire è molto probabile trovare un imbecille che le proponga sul serio.

MARTEDÌ 31 AGOSTO 2010

Proteste a tema!

Finita la visita del satrapo libico al satrapo italiano. La Lega protesta, i finiani protestano, i vescovi protestano! Strano! Forse i signori che protestano non ricordano di sostenere il capocirco che intrattiene queste edificanti relazioni internazionali. Non ricordo le stesse proteste quando gli immigrati africani sono stati rispediti in Libia e sono spariti nel deserto in seguito al cosiddetto accordo di amicizia Italia-Libia. Adesso protestano tutti! Utile esercizio per non guardare le mani sporche di sangue, e non possono neanche vantare la potenza drammatica di Lady Macbeth questi miserabili.

GIOVEDÌ 2 SETTEMBRE 2010

Sicurezza sulle mulattiere

Un tempo non molto lontano due carretti tirati da due muli viaggiavano lungo una mulattiera stretta che correva lungo il fianco di una montagna. I due carretti procedevano lentamente l'uno incontro all'altro e quando erano di fronte i carrettieri rallentavano e accostavano sul ciglio del precipizio. I due

102

carretti sfilavano piano, i muli si annusavano, i carrettieri si salutavano e andavano via. Incontrarsi su una mulattiera con un carretto tirato da un mulo non era molto sicuro ma bastava stare attenti e andare molto piano per evitare il rischio di cadere nel precipizio. Dopo qualche tempo uno dei due carrettieri per sentirsi più sicuro ha comprato una piccola auto e quando incrociava il carretto sulla mulattiera il passaggio era complicato. Il carrettiere faceva fare al mulo un passo di lato ai bordi della strada, la povera bestia temeva un po' ma alla fine cedeva alle insistenze del padrone. Dopo qualche tempo anche il secondo carrettiere ha comprato una piccola auto per sentirsi più sicuro. Il suo mulo è stato mandato al macello, come quello del primo carrettiere. La mulattiera non era più larga abbastanza da far passare le due auto, allora l'amministrazione comunale ha aperto un cantiere per allargare la mulattiera e farla diventare una strada comunale. Quando le due auto si incrociavano sulla nuova strada gli autisti rallentavano, si salutavano di sfuggita e andavano via però in alcuni punti, soprattutto in curva, era ancora pericoloso incrociarsi. Dopo qualche tempo uno dei due autisti ha comprato un'auto più grande per sentirsi più sicuro e quando le due auto si incrociavano sulla strada comunale l'auto più piccola doveva accostare e rischiava di cadere nel burrone, allora anche l'autista con l'auto più piccola ha comprato un'auto più grande, per sentirsi più sicuro. La strada comunale non aveva più le dimensioni idonee per far passare le due auto. L'amministrazione provinciale ha aperto un cantiere per far diventare la strada comunale una provinciale. Al termine dei lavori i due autisti si incrociavano tranquillamente lungo la strada senza salutarsi ma nei tratti in curva e in salita restava qualche pericolo di accostare troppo sul bordo della strada e bisognava rallentare per far passare le due auto. Dopo qualche tempo uno dei due autisti, per sentirsi più sicuro, ha comprato un SUV e quando le due auto si incrociavano lungo la strada provinciale l'auto più piccola accostava pericolosamente sul ciglio della strada per far passare il SUV. Dopo qualche tempo anche l'altro autista ha comprato un SUV, per sentirsi più sicuro. La provinciale non era più una strada idonea a far passare i due SUV quando si trovavano uno di fronte all'altro. L'amministrazione statale non aveva i soldi per aprire un cantiere per far diventare la strada provinciale una strada statale e sul fianco della montagna non si poteva realizzare una statale senza causare disastrose frane. Dove prima si incrociavano due carretti su una mulattiera di montagna adesso ci sono due SUV fermi uno di fronte all'altro su una provinciale. Prima due muli trasportavano due carrettieri e due carretti carichi, adesso trecento cavalli non riescono a far muovere due somari!

COMMENTS:
Anonimo Mio caro, credo sia molto lontana da te l'idea che "si stava meglio quando si stava peggio" e trovo molto azzeccata la metafora per farci riflettere sui malintesi e sugli eccessi del progresso e del "vivere bene" in cui a volte ci perdiamo...ma hai avuto un battibecco recente con qualche SUVautista? Franco Antonio Per carità, la nostalgia dei 'bei tempi andati' mi fa accapponare la pelle, soprattutto quando è fatta da gente che non ha mai neanche sentito parlare dei tempi andati. Quello che mi fa sorridere - diciamo sorridere - è l'overdose acritica di quella che chiamiamo tecnologia e progresso. Insomma, come al solito non è l'appetito il problema ma le indigestioni da abbuffate di cibo guasto! Nessun battibecco, però non sai quanto ne ho visto di queste scene quest'estate! AndreaG Ben Hur su una biga con un tiro a sei cavalli almeno gareggiava dando prova delle sue abilità di auriga, oggi con trecento cavalli percorriamo la distanza casa-ristorante, occupiamo parcheggiando solo un paio di posti auto e magari restiamo anche bloccati su una provinciale di montagna come somari...sì, anche secondo me c'è qualcosa che non va in questo andazzo. Antonio già! c'è qualcosa che non va. Sono curioso come una scimmia di sapere come va a finire questa storia!

103

LUNEDÌ 6 SETTEMBRE 2010

Della perspicacia
Fini a Mirabello ha messo in fila una serie di considerazioni che rappresentano l'abc della democrazia. La cosa curiosa è che in Italia c'è un tale digiuno di democrazia, causato anche dalle 'amicizie' di Fini, per cui una mera elencazione di ovvietà diventa manifestazione di acume politico. La verità è che quanto detto da Fini è apprezzabile e costituisce la base, spesso implicita, per la costruzione di qualunque discorso in democrazia. Il discorso di Fini inerisce i principi fondamentali di ogni contrattazione argomentale in politica, indipendentemente dal colore politico. Quando questo tipo di argomentazioni non sono più oggetto di riflessione e analisi ma di comizi e foga popolare allora diventano il sintomo di una patologia del sistema molto grave. Sarò all'antica o forse sarà per un eccesso di spirito critico ma uno che ci mette 15 anni ad accorgersi di cose evidenti come il sole lo ritengo un tonto. Meglio tardi che mai! Che la sinistra penda dalle labbra di Fini fino a fargli una proposta di alleanza che non poteva che essere rifiutata è soltanto la ciliegina sulla misera torta del 'pensiero politico' in Italia. Per non dire che Tremontiormai raccoglie consensi e stime per diventare Capo del Governo! Che dire? Quando la cultura politica di un paese è un gioco al ribasso la previsione del futuro diventa facile. Perché in questo gioco delle marionette ci sia ancora una parvenza di disegno politico di lungo termine comincio a pensare che la giostra di Fini faccia parte di un progetto di inclusione dell'opposizione all'interno del governo della destra, che dell'opposizione fuori dal governo non si parli più e buonanotte! Dopotutto cos'è la democrazia se non continua inclusione delle diverse istanze sociali?

MERCOLEDÌ 8 SETTEMBRE 2010

Impegni istituzionali

Dal Corriere.it "...all'indomani del vertice di Arcore, il leader della Lega Bossi ribadisce: «Sì, chiederemo l'incontro al presidente della Repubblica». Bossi a Montecitorio, rispondendo a chi gli chiede se abbia intenzione, insieme a Silvio Berlusconi, di chiedere un incontro al Quirinale per parlare del ruolo del presidente della Camera Gianfranco Fini. «Aspetta - replica il Senatur - bisogna prima vedere quando siamo liberi io e Berlusconi. C'è un giro di telefonate »." (grazie a Marina per la segnalazione dell'articolo) Un giro di telefonate? Due incompetenti presuntuosi pensano di salire al Colle per chiedere una cosa assurda come le dimissioni del Presidente della Camera e dicono che devono vedere quando sono liberi? Ma questi due cosa pensano di andare a fare dal Presidente della Repubblica, la merenda? A ragazzì, se siete tanto impegnati ditelo che organizzo una allegra compagnia e al Quirinale ci vado io e i miei amici per chiedere che trucco usa il Presidente della Repubblica per non scoppiare a ridere tutte le volte che in giro per l'Italia gli riferiscono le vostre dichiarazioni! PS - I miei amici fanno giustamente notare che con tutta probabilità l'unico metodo efficace per non ridere è pensare a quanto c'è da piangere.

GIOVEDÌ 9 SETTEMBRE 2010

Traffico sulle provinciali
Qualche giorno fa ho scritto dei post sui sentieri sardi della transumanzao sul traffico delle provinciali montane. Tra il serio e il faceto il tono dei post era canzonatorio di un certo mito del progresso tecnologico che solitamente è invocato in proporzione diretta alla sofferenza procurata da stitichezza mentale. Adesso è il caso di affrontare questa delicata faccenda con la dovuta serietà, poi però non dite che i miei post sono pesanti! Con tempismo perfetto Marina mi ha fatto avere una serie di foto sul traffico di alcune strade provinciali molisane nei paraggi di Pietrabbondante che mi aiuteranno nell'impresa. Le foto sono state scattate in un lasso di tempo molto breve e fotografano - è il caso di dirlo - una situazione che non è difficile vedere in alcune zone d'Italia, queste foto mostrano chiaramente le conseguenze devastanti del traffico sulle strade nelle aree densamente urbanizzati. Grazie a Marina per questo contributo straordinario e grazie a Damiano che delle foto è l'autore.

104

Quaglie in cerca d'ombra Le code sulle strade durante gli esodi estivi sono un problema soprattutto quando si cammina sotto il sole cocente. In questi casi si osservano comportamenti davvero pericolosi da parte di alcuni viaggiatori; sorpassi azzardati, invasioni di corsia opposta. E' molto difficile in queste circostanze mantenere i nervi saldi.

Il rientro delle oche E' il problema del pendolarismo, a fine giornata le strade diventano congestionate e il rientro è irto di rischi tra clacson impazziti e guidatori esasperati che perdono il senno della ragione. (Il paese sullo sfondo è Pietrabbondante)

Mucche indisciplinate E' noto che i bovini sono degli autentici pirati della strada, questi esemplari osano addirittura attraversare le carreggiate impedendo così il normale flusso veicolare. Per scoraggiare questi inaccettabili comportamenti è allo studio un provvedimento per introdurre la mungitura a punti: per ogni infrazione una tetta sarà tappata!

105

La memoria delle pecore Lungo questa provinciale correva un tratturo. I tratturi sono antichi sentieri della transumanza di cui le pecore evidentemente conservano memoria ancora oggi. E' bello sapere che qualcuno conserva ancora le nostre radici!

SABATO 11 SETTEMBRE 2010

Fanatismo nostrano
Ieri Berlusconi in Russia ha detto che "in molte democrazie la magistratura ha assunto un potere indipendente da tutti gli altri poteri dello Stato, mentre la magistratura non deve essere un potere dello Stato ma un ordine dello Stato." Per non dire che il Parlamento è visto come un intralcio al Governo, che il Capo dello Stato e la Corte Costituzionale sarebbero vestigia della storia e che adesso sono ormai inutili orpelli "che vanno a scapito della governabilità del paese." L'avvocato Alfano (dai giornali leggo che si tratta del Ministro della Giustizia) ha detto che non c'è nulla di scandaloso in queste parole. Beh! se non sono parole eversive sono sicuramente parole che rivelano una

106

conoscenza decisamente grossolana della democrazia, parole più consone per un discorso ad una curva di tifosi che alla platea di un convegno sulla democrazia. Che l'oratore del convegno non fosse molto ferrato sull'argomento si è intuito quando ha detto che la Russia ha una democrazia encomiabile! Nell'attesa dei prossimi risultati della profonda riflessione politica di Berlusconi osservo che "un ordine dello Stato" non significa proprio nulla e che lo scandalo di queste parole sta nel mettere in discussione l'indipendenza del potere giudiziario non sapendo - o facendo finta di non sapere - che laddove questo accade il primo principio a cadere è l'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge dando luogo a dittature. Di solito sono posti dove lo psicopatico di turno che non ha ancora superato il complesso di onnipotenza tipico della prima infanzia si ritiene unto dal Signore e vuole governare senza intralci. Inutile in questi casi consigliare la lettura di Montesquieu, sarebbe come dare perle ai porci! Se uno studente al primo anno di diritto o di storia delle dottrine politiche dicesse simili enormità durante un esame verrebbe invitato a ripetere l'esame, una cosa del genere sarebbe inaccettabile. Purtroppo è evidente che in alcuni paesi gli standard per fare il capo del governo o il ministro sono molto meno rigorosi.

DOMENICA 12 SETTEMBRE 2010

La voce interiore
Dal sito La Stampa di oggi "... alla richiesta della Meloni che chiede se non sia il caso di inserire le norma dell’incandidabilità per chi ha avuto problemi con la giustizia, il premier replica secco: «Sono assolutamente d’accordo ma con una precisazione e cioè che il giudizio non lo dia una certa magistratura, ma un organo interno al nostro partito»." Stavolta il premier ha ragione, mi duole dirlo ma ha ragione. Anche io mi affido spesso ad un organo interno per giudicare dell'onestà di alcune persone senza aspettare i giudizi della magistratura. E' una sorta di vocina interiore che mi dice: "Stai attento, quello è un mascalzone. Non è stato giudicato dalla magistratura solo perché si è inventato mille stratagemmi per sfuggire alle sentenze. Fai attenzione, non ti fidare, soffre di turbe psichiche ed è pericoloso." Mia mamma dice che è la voce della coscienza!

LUNEDÌ 13 SETTEMBRE 2010

Lezioni di etica positiva
Giorgio Stracquanio, deputato del Pdl: "E' assolutamente legittimo che per fare carriera ognuno di noi utilizzi quel che ha, l'intelligenza o la bellezza che siano. E' invece sbagliato pensare che chi è dotato di un bel corpo sia necessariamente un cretino. Oggi la politica ha anche una dimensione pubblica. Ci si presenta anche fisicamente agli elettori. Dire il contrario è stupido moralismo " ... "Se anche una deputata o un deputato facessero coming out e ammettessero di essersi venduti per fare carriera o per un posto in lizza non sarebbe una ragione sufficiente per lasciare la Camera o il Senato " (da Repubblica.it). Il deputato Stracquadanio non mancherà coerentemente di trasmettere ai suoi figli i principi in cui crede, da parte mia ho solo un paio di dubbi che mi piacerebbe chiarire. Il primo dubbio riguarda la frase "oggi la politica ha anche una dimensione pubblica", il secondo dubbio è di ordine etico ma, per carità, niente moralismo. Per quanto riguarda il primo dubbio ho sempre pensato che la politica avesse solo una dimensione pubblica, sarebbe interessante chiarire di che natura è l'altra dimensione della politica di oggi. Per il secondo dubbio invece noto che dalle dichiarazioni del deputato emerge un'etica che potrei definire positiva (che inerisce quello che si può fare), a questo punto mi chiedo se il deputato può fornire indicazioni circa un'etica negativa (inerente a quello che non si deve fare). Immagino che la cosa non debba costare troppo sforzo all'onorevole!

107

LUNEDÌ 27 SETTEMBRE 2010

Scoop
Ebbene sì, visto che siamo in tempi di rivelazioni scottanti, di segreti e misfatti, di dossier riguardanti case e appartamenti, lancio anch'io una notizia bomba, un vero e proprio scoop, un'anteprima assoluta, roba che scotta. Pare sia spuntata una faccenda di assoluto rilievo che, se confermata, sconvolgerà la vita politica, altrimenti tediosa, di un paese che una volta faceva parte dell'Europa. La notizia viene da un'isola nel mar dei caraibi dove in una cassaforte è stato rinvenuto un manoscritto di un autore sconosciuto che narra di oscure vicende riguardo l'acquisto di una «casa di abitazione». "...L'ereditiera, scossa dalla perdita del padre (e in quelle circostanze), frastornata dalle incombenze legali e dall'assedio dei media, lascia l'Italia. Vivrà stabilmente a Brasilia dopo aver sposato Pier Donà Dalle Rose. Passano i mesi, la marchesina, divenuta maggiorenne, si emancipa dal tutore. Bergamasco, ora ministro nel gabinetto Andreotti, è nominato suo procuratore generale «rimossa ogni limitazione di mandato», vale a dire con amplissimi poteri; l'ex protutore Previti resta suo avvocato. Pressata da tasse arretrate e scadenze di imposte di successione, nell'autunno del 1973 Annamaria incarica l'avvocato di vendere la villa di Arcore e relativo parco, con espressa esclusione di arredi, pinacoteca, biblioteca, e delle circostanti proprietà terriere. Nella primavera del 1974 l'avvocato Previti le telefona a Brasilia, annunciandole trionfante di aver concluso «un vero affare». Ha venduto la villa di Arcore al completo, compresi cioè quadri (tele del Quattrocento e del Cinquecento oltre a un magnifico ritratto di Anna Fallarino, opera di Pietro Annigoni, giudicato dai critici opera notevolissima), biblioteca (10 mila volumi antichi), arredi, un parco immenso, per 500 milioni di lire. Dal Brasile Annamaria non si rende conto che la cifra tanto sbandierata corrisponde a quella di un buon appartamento nel centro di Milano. Pochi giorni dopo, il costruttore edile Silvio Berlusconi (è lui l'acquirente) s'insedia nella sontuosa villa. Non versa subito i 500 milioni pattuiti. Pagherà in comode e lunghissime rate annuali coincidenti con le scadenze fiscali di Annamaria Casati, nonché con le numerose pendenze verso l'erario del suo defunto padre Camillo. Di anno in anno, e fino al 1980, la proprietà di Arcore, di cui l'intraprendente «palazzinaro» ha preso possesso nel 1974, resterà intestata ad Annamaria Casati, che continuerà quindi a pagare anche la tassa di proprietà. Nell'atto di vendita, sottoscritto il 2 ottobre 1980, la villa è descritta in questi termini: «Casa di abitazione con circostanti fabbricati rurali e terreni a varia destinazione». Poco tempo dopo la «casa di abitazione» pagata 500 milioni a rate, sarà ritenuta dalla Cariplo garanzia sufficiente per un finanziamento di 7 miliardi e 300 milioni di lire. Si potrebbero aggiungere altri episodi inquietanti, ma non sarebbe più la storia romana cominciata negli anni Cinquanta da cui eravamo partiti: si trasformerebbe in una torbida storia italiana del XXI secolo ed è quindi opportuno interromperla qui." Corrado Augias, I segreti di Roma. Storie, luoghi e personaggi di una capitale. Mondadori. 2005, pp. 355-356 Si attendono dichiarazioni da parte del governo caraibico riguardo l'autenticità del manoscritto! Cosa avrà celato l'oscuro autore dichiarando che «è quindi opportuno interromperla qui»? E soprattutto quali altri «episodi inquietanti» nasconde l'autore la cui identità rimane avvolta nel più fitto mistero nonostante abbia firmato le sue dichiarazioni? Si tratta sicuramente di uno pseudonimo per nascondere la reale identità, in tutta l'isola del Mar dei Caraibi si cerca febbrilmente l'autore di questo straordinario manoscritto. I servizi segreti italiani fanno sapere che saranno battuti palmo a palmo tutti i 500 metri quadri dell'isola.

COMMENTS:
Anonimo Non sei nemmeno spiritoso. Anonimo l'ascia perdere Anonimo scoop? la notizia la si sa da anni! c'è persino un libro su tutta la faccenda ("La grande truffa" kaos edizioni) Antonio Anonimo o anonimi, grazie per avermi rivelato che la notizia non è uno scoop, che c'è addirittura un libro sulla vicenda e soprattutto che non sono spiritoso. Seguirò il consiglio e "l'ascerò" perdere!

108

gifh Lascia l'ascia, accetta l'accetta, trascura la scure e molla la molla! Scusa, ma mi sembrava in perfetta sintonia con i commenti! Naturalmente il motto del tuo blog in questi casi diventa emblematico... Non è grave, ma c'è un apostrofo di troppo anche nel tuo l'ascia (11° rigo), spero perdonerai la mia impertinente insolenza! Ciao e non curarti dei troll. Antonio lapsus, errore...vallo a sapere! in ogni caso imperdonabile. Gifh grazie per la tua 'impertinente insolenza' che mi ha permesso di togliere quell'orrore (che, ammetto, ancora mi brucia), a questo punto devo pensare che uno dei commenti anonimi meritava più attenzione. In quanto ai trolls, ti dirò che non mi preoccupo eccessivamente per due motivi, il primo è che in questo blog le regole le decido io e sono quelle della buona educazione (per farla breve) e l'altro motivo è che ricevo così pochi commenti che quando ne vedo uno lo segno sul calendario, a futura memoria!

SABATO 2 OTTOBRE 2010

Problemino di idraulica
Supponete di avere due tubi stretti e un flusso di liquidi che va da un verso all'altro come quello qui schematizzato:

Il verso del liquido non conta ma supponiamo che sia da sinistra a destra. Tra i due tubi c'è una interruzione. Quale soluzione trovate per far aumentare il flusso dei liquidi? Pensateci attentamente..... Bene, non potete far aumentare in alcun modo il flusso del liquido senza aumentare la sezione del tubo in tutta la sua lunghezza. Se ci fosse un qualsiasi punto lungo il tubo dove la sezione si restringe quello sarebbe il cosiddetto collo di bottiglia e il flusso del liquido sarebbe determinato da quel punto. Sapete invece quale soluzione avrebbe pensato Berlusconi? Pensateci attentamente..... Questa!

Il bello di questa soluzione è che non aumenta di un pelo il flusso dei liquidi perchè il collo di bottiglia rimarrebbero proprio i due tubi stretti che avevamo all'inizio. Se i flussi di traffico possono in qualche modo essere spiegati ricorrendo alla dinamica dei fluidi il Ponte sullo Stretto di Messina è, a occhio e croce, la soluzione fornita dal Governo di Berlusconi al mio problema di idraulica! Se a destra e a sinistra del ponte rimangono colli di bottiglia il flusso non aumentera di un pelo, salvo che notte tempo, mentre noi ci facciamo distrarre da mille pensieri, vengano magicamente completati i lavori di ampliamento della Salerno-Reggio Calabria e delle strade siciliane.

109

Non ricordo se nella ormai storica campagna elettorale del presidente del consiglio transformer c'era anche un presidente idraulico, ma se dovesse decidere di mettersi a fare impianti idraulici io non mi fiderei di dargli un lavoro, sebbene apprezzerei molto la decisione di cambiare mestiere.

LUNEDÌ 4 OTTOBRE 2010

Contestualizzazioni a intermittenza

Suvvia Santo Padre, contestualizzi! Magari a qualche coppia con problemi di sterilità un po' di bene sarà venuto da questo signore, che ne pensa? Molta gente è venuta al mondo grazie a lui, magari in una religione checelebra la vita questo è un fatto positivo, cosa ne dice? Se ha problemi a contestualizzare si faccia consigliare da Monsignor Fisichella, lui ha recentemente teorizzato la contestualizzazione della bestemmia e non avrà problemi a insegnarle come si contestualizza l'assegnazione di un premio Nobel.

COMMENTS:

Alessandro Cavalotti Ragionamento che non fa una grinza. Purtroppo a questo mondo non tutti ragionano... Antonio il problema è che questi poveretti non hanno la più pallida idea di cosa significhi il relativismo che criticano tanto, salvo farvi ricorso quando serve...il relativismo è una cosa seria e se non si è allenati al rispetto altrui è facile confondere il pensiero debole con la debolezza di pensiero! Anonimo Anton ,dove non ci sei più ho scritto dalla Pontificia Accademia per la Vita : "Ritengo che la scelta di Robert Edwards sia completamente fuori luogo " dal protovangelo di Giacomo "Ed ecco un angelo del Signore si presentò davanti a lei e le disse: Non aver paura Maria: infatti hai trovato favore presso il Signore di tutte le cose, e concepirai per opera della sua parola..." prima fecondazione artificiale e assistita ciao ach Antonio beh! dove non ci sono più avrei cliccato su 'Mi piace'. ;-) Vincenzo Errico

110

E' tutto un contestualizzare e un decontestualizzare per la Chiesa (poi perché scriverla in maiuscolo?), a seconda della tendenza a rafforzare o indebolire un principio rispetto al credere e pensare del principio, di quando i testi sacri di riferimento furono scritti dalla mano di uomini, magari ispirati, ma uomini. E' l'interpretazione del testo che oscilla o si pietrifica a seconda dei casi, così il fare figli è possibile solo in un modo. Il resto è contro natura. Gran bel blog, Antonio. Vincenzo Antonio oggi qui domani là...diceva una celebre canzone di qualche tempo fa! devono essere i recenti sviluppi del pensiero forte.

GIOVEDÌ 7 OTTOBRE 2010

Non solo questioni di etichetta
Con gli ultimi tre post per me si è consumato un piccolo dramma. Niente di così rilevante per altri, nessuno si è accorto di nulla, eppure per una mente incline alle elucubrazioni la cosa può assumere una certa importanza. Chi segue questo blog saprà che da qualche tempo è entrato a far parte della comunità di Kilombo, un metablog che raccoglie blog variamente aderenti ad una idea di sinistra (anch'essa molto varia, sia l'idea sia la sinistra!). Per postare in Kilombo bisogna assegnare i post a determinate categorie, le cosiddette etichette, e quelle previste dal metablog sono molto chiare, diciamo che è abbastanza facile l'assegnazione di un post. Ecco, il mio dramma è tutto qui, nella difficoltà di assegnare un'etichetta che possa definire in maniera soddisfacente i post e dico subito che non è un problema di Kilombo e, per quanto a me le etichette stiano strette, se avete la pazienza di continuare a leggere spero di chiarire che non è neanche un problema esclusivamente mio, purtroppo. E' chiaro che qualsiasi tentativo di classificazione di una serie di oggetti (siano essi post, organismi viventi, francobolli o altro) comporta problemi circa l'esatta collocazione degli oggetti. Questo è un problema che dipende principalmente dalla selezione dei criteri tassonomici e dall'ordine gerarchico dei criteri selezionati. Vien da sé che è di fondamentale importanza la preliminare definizione dei criteri tassonomici ma nonostante questo qualche problema resta. Insomma, non voglio farla lunga, la tassonomia per quanto sia una disciplina rigorosa non è una scienza esatta, questo era noto anche a Linneo. Tuttavia in alcuni casi dovrebbe essere abbastanza facile mettere degli oggetti nella scatola appropriata; dopotutto la tassonomia è questo, mettere gli oggetti in scatole diverse, ognuna con un'etichetta che de-scriva e de-finisca gli oggetti. Veniamo al dunque. I tre post in questione sono Scoop e Problemino di idraulica, inseriti nella categoria "Italia" e Contestualizzazioni a intermittenza, inserito nella categoria "Satira". L'assegnazione dei post alle rispettive categorie di Kilombo è stata particolarmente sofferta e alla fine la scelta è stata più o meno casuale, sebbene motivata e forse non è un caso che nel mio blog il problema della classificazione sia stato subdolamente aggirato assegnando l'etichetta "Casi umani" ai tre post. Per chiarezza bisogna dire che la categoria "Italia" di Kilombo comprende "Analisi politica" e "Attualità", la categoria "Satira" non ha altre specifiche perché si ritiene sufficientemente chiara, ed è qui che si comincia ad intravedere il mio problema. Entro nel dettaglio della questione. 'Scoop', sebbene parli di una vicenda che a rigore si inscrive nell'attualità politica del paese ha tuttavia una sua carica satirica, date le ultime vicende intorno agli scandali che riguardano acquisti di abitazioni da parte dei politici italiani. Inoltre, l'ho titolato Scoop proprio per sottolineare che in Italia una notizia che ha più di vent'anni ed è di pubblico dominio viene sistematicamente rimossa e può diventare paradossalmente uno scoop in qualsiasi momento, a patto che qualcuno ne parli (avrete sicuramente notato come i giornali nazionali fossero particolarmente attenti agli immobili di Scaiola e Fini e fossero magicamente immemori di altri soggetti con situazioni simili, se non peggiori). 'Problemino di idraulica', anche questo post potrebbe stare in "Satira" anziché in "Italia" ma, siate sinceri, ditemi voi dove lo dovevo mettere dopo aver ascoltato il discorso "alto e istituzionale" del Presidente del Consiglio alla Camera e al Senato, dove parlava della imminente conclusione dei lavori della Salerno-Reggio (consegna entro il 2013) e del Ponte sullo Stretto (Camera dei Deputati, 29 settembre 2010: "Entro dicembre pronto il progetto del Ponte sullo Stretto." / Senato della Repubblica, 30 settembre 2010: "Per il ponte sullo Stretto i lavori sono già iniziati."....avessimo un terzo ramo del Parlamento avrebbe detto che il Ponte è stato già inaugurato!). Per quanto riguarda l'ultimo post 'Contestualizzazioni ad intermittenza' il discorso si amplia e, considerate le

111

implicazioni del 'pensiero contestualizzante' di monsignor Fisichella per una filosofia del relativismo a fasi alterne ed una possibile antiteologia della blasfemia, il post sarebbe potuto stare a buon diritto nella categoria "Culture" che comprende argomenti come "Letture", "Arte", "Laicità e multiculturalismo", "Trascendente", "Scienza" e altro. Poi è prevalsa la mia vena irriverente e l'ho messo in "Satira". Dov'è il dramma? Direte voi. Cavolo, in questo bel paese non è più possibile classificare la realtà e le sue rappresentazioni e chiedete dov'è il dramma? Stanno saltando tutte le regole tassonomiche che ci fanno riconoscere gli eventi. La satira, l'attualità, la commedia, la farsa e la tragedia si mescolano in un magma di eventi indistinti, indefinibili e indescrivibili e se non possiamo de-finire gli eventi non possiamo tracciare un con-fine che li separi, niente sarà de-scrivibile, tutto sarà con-fuso e i nostri pensieri ne resteranno intrappolati come dentro le sabbie mobili. La faccenda è delicata, pensateci bene, non è solo una banale questione di etichetta da appiccicare ad un post e non è solo una storia messa in piedi da un cialtrone dedito alla menzogna, è molto di più. Sono le forme della nostra stessa conoscenza degli eventi che stanno saltando. Questo stesso post non è che un'allegoria per dire che qui si sta alterando il concetto dicategorie ed è roba molto seria. Naturalmente per molti il colpevole di tutto è il cosiddetto relativismo e l'immancabile 'perdita di valori' ma ho buoni motivi per pensare che il relativismo sia il mitico capro espiatorio per menti deboli che non riescono a gestire più di una lettura della realtà quindi non possono certo permettersene di più. In quanto alla cosiddetta perdita di valori è un'altra panacea spiega-tutto solitamente evocata da persone piuttosto mature nei confronti dei più giovani, poi uno da un'occhiata all'età media di chi regge le sorti di questo paese e costituisce un modello per le future generazioni e qualche perplessità sorge circa la forza e l'onestà di questo argomento! Non esistono fatti ma solo interpretazioni, diceva Nietzsche, ma non tutte le interpretazioni sono ugualmente possibili, Nietzsche lo sapeva benissimo, e tanto meno possono essere compossibili, visto che ho recentemente evocato Leibniz [compossibili: possibili insieme senza violare il principio di non contraddizione...Aristotele. Monsignor Fisichella, le ricorda qualcosa questo nome?]. Invece è proprio quello che sta accadendo, la compossibilità di tutte le possibili letture degli eventi e guarda caso sta accadendo grazie agli alfieri del cosiddetto pensiero forte, quello che si fa portavoce dell'assoluta certezza della verità. E' questo il trionfo del relativismo più idiota, quello che i filosofi del post-moderno non hanno mai nemmeno preso in considerazione, quello di cui ciancia Sua Santità nelle omelie domenicali, tanto per intendersi! Se si vuole parlare seriamente di relativismo, non si parli a vanvera della possibilità di qualsiasi interpretazione (nessuno ha mai detto una simile sciocchezza) ma della compossibilità di tutte le interpretazioni possibili. Il relativismo, quello caricaturale, l’unico di cui ci si dovrebbe lamentare, è il prodotto più subdolo che ci stanno regalando quanti inveiscono contro il relativismo in maniera sguaiata. *** Ora il problema è 'che cavolo di etichetta do a questo post'? Indubbiamente va messo in una categoria non categoria come "Frammenti" per questo blog e in "Casa Loca" per Kilombo.

VENERDÌ 8 OTTOBRE 2010

Déjà vu

Vi ricorda qualcosa?

112

DOMENICA 10 OTTOBRE 2010

Campagne per informare
Chi gira per Roma in questi giorni può vedere due campagne di partito. Io non sono un sostenitore del PD ma certamente un po' di considerazioni e paragoni saltano subito alla mente...e non venitemi a raccontare che il Governo si è espresso su Sakineh con gli appelli di Frattini e della Carfagna e dei manifesti appesi al Ministero delle pari opportunità o delle varie giunte di governo locale perché la mia domanda è precisa. Ai due partiti cosa preme di più far sapere ai propri elettori in giro per Roma? Cosa preme far sapere a quegli elettori che non passano davanti ai ministeri?

Per chi non vive a Roma. Le sentite scuse del senatur si riferirebbero alla sua dichiarazione che SPQR per lui significa Sono Porci Questi Romani, è stato merito indiscusso del sindaco Alemanno far cambiare idea al prode condottiero padano facendogli assaggiare prelibatezze culinarie della cucina locale, come pajata e coda alla vaccinara. La pietosa scena è stata mandata sui tg nazionali dove abbiamo potuto vedere l'illustre ospite riconciliato mentre veniva imboccato dalla Presidente della Regione Polverini. Che dire? Quando culture così distanti si incontrano si resta senza fiato!

GIOVEDÌ 14 OTTOBRE 2010

Domande sospese
Ieri ho visto Exit su La7, il titolo della puntata era Fabbriche d'odio, si parlava dei rapporti sindacali, dei diritti del lavoro, della globalizzazione, un sacco di argomenti interessanti. Ho imparato un sacco di cose nuove, a costo di procurarmi un infarto, ma ho imparato tante cose che non avrei mai immaginato. Dunque ricapitoliamo: 1. Bonanni, segretario generale della CISL, dice che senza aziende non ci sono diritti, ormai è roba vecchia ma ieri sera il concetto è stato ripetuto più volte. Bonanni non era ospite in studio ma ovviamente si è parlato molto di lui; 2. Federica Guidi, presidente dei giovani di Confindustria, dice che "le regole sono cambiate, il mondo è cambiato" e porta l'India e la Cina come modelli di sviluppo economico; 3. Michel Martone, docente di Diritto del Lavoro (mi sbaglierò ma a me sembrava inquietantemente somigliante a Pier Silvio Berlusconi), dice che il piano di Marchionne non lede i diritti dei lavoratori ma introduce "alcune limitate deroghe al contratto collettivo nazionale". Poi parla del "favore" incontrato dai lavoratori della CISL e della UIL al piano di Marchionne e del fatto che la FIOM non accetta che altri lavoratori abbiano sottoscritto quel piano. Qualche altra chicca me la sono sicuramente persa durante una delle innumerevoli tachicardie che ho avuto nel corso della trasmissione. C'era persino il presidente Cota ma come al solito parlava senza movente. Insomma, sarà pure che questo è il nuovo che avanza, sarà che io sono fuori corso e un po' tardo di comprendonio ma mi sono rimasti dei dubbi, delle domande sospese. E' possibile che sia dovuto al fatto che sono affezionato ad un certo modo di pensare e di parlare ma a me alcune cose non tornano:

113

1. Signor Bonanni, le aziende sono il contenitore dei diritti o i diritti definiscono il contesto all'interno del quale le aziende devono muoversi? Cosa viene prima? Cosa è contenuto e cosa è contenitore? Tra diritti e aziende cosa rappresenta le coordinate dello stato civile di un paese? Di solito un sindacalista queste cose ce l'ha chiare, sarebbe sicuramente utile chiarirle anche a chi non è del mestiere. 2. Signora Guidi, ieri sera Nichi Vendola l'ha informata che la Cina presenta una drammatica escalation di suicidi in seguito ad una crescita economica troppo rapida che lascia indietro molte persone che non riescono a fare fronte all'emarginazione, sicuramente troverà scritto da qualche parte che questo problema riguarda anche l'India e se chiede in giro qualcuno le dirà anche che la Cina non brilla né per diritti umani né per i diritti civili e sociali. Da parte mia ho solo una domanda, c'è tra le sue conoscenze qualche imprenditore che prenderebbe a modello un qualsiasi Stato dove il costo del lavoro è basso ma la produzione deve essere rivenduta in quello stesso Stato? Se la produzione avviene con costi del lavoro irrisori - perché vengono negati i diritti dei lavoratori - per essere venduta su mercati a costi elevati ammetterà che l'unica crescita che gli imprenditori stimolano è quella dei loro utili. Una funzione sociale di per sé utile com'è quella imprenditoriale rischierebbe di passare per una volgare brama di arricchimento, sarebbe un vero peccato per la categoria e qualche malizioso potrebbe persino avanzare il dubbio che la globalizzazione non è che un modo raffinato per perpetrare lo sfruttamento del secolo scorso - non aveva detto che il mondo è cambiato e che le regole del secolo scorso non valgono più? A quali regole si riferiva? A quelle che valgono per i lavoro o a quelle che valgono per il capitale? Sa, quel discorso di Marchionne che non c'è distinzione tra lavoro e capitale non mi è chiarissimo, magari potrebbe spiegarlo meglio lei. 3. Signor Martone. Alcune limitate deroghe al contratto collettivo nazionale!? Spieghi meglio il concetto, le deroghe dovrebbero essere circostanziate e di durata limitata, non mi pare si sia discusso delle circostanze che limiterebbero la natura e la durata di quelle che lei chiama limitate deroghe, tanto più che chiamare "accordo" il piano Marchionne prevede quanto meno una fase di confronto sindacale e non una proposta unilaterale. In quanto al "favore" dei lavoratori CISL e UIL accordato al piano di Marchionne, tempo fa leggevo della distinzione tra voto libero da condizionamenti e voto esercitato in condizioni di dipendenza. Inoltre, credevo di sapere che un voto espresso su una proposta condivisa è diverso da quello espresso su un documento che si presenta grosso modo come "o accogli questa proposta o perdi il lavoro", o tutti i voti sono uguali? Solitamente per parlare di voto equilibrato non dovrebbero esserci asimmetrie di forza tra chi vota e chi è votato, è questo il caso? Mi dicono che ci sono un sacco di libri su questi importanti aspetti dell'esercizio della democrazia e che tanta gente ci ha pensato su, quindi capirà se noi che non siamo addetti ai lavori troviamo la materia ostica e chiediamo spiegazioni agli esperti del settore. L'altra domanda che avrei voluto fare a tutti l'ha fatta Paolo Flores D'Arcais: "Quanti dei presenti accetterebbero di lavorare con la paga da operai alle condizioni che vengono proposte?" Inutile dire che ho atteso invano la risposta. E dire che Flores D'Arcais con quella semplice domanda ha condensato e arricchito la regola aurea, ha reso accessibile a chiunque l'imperativo categorico del vecchio Kant: "Agisci in modo che la massima (cioè il motivo) della tua azione possa valere come principio di una legislazione universale." Già! Se qualunque cosa ci venisse in mente di fare o di dire la pensassimo applicata a tutti e quindi anche a noi stessi, con la fondamentale aggiunta di metterci nei panni degli altri, forse ci eviteremmo un mucchio di scempiaggini. Insomma, io sapevo che i diritti valgono per tutti ma che sono soprattutto la garanzia per i più deboli e invece vengo a scoprire che sono "lacci e lacciuoli" che frenano l'industria - anche questa è roba vecchia ma ieri sera la signora Guidi l'ha rispolverata. Del resto già la "lezione di Tremonti" sui diritti perfetti m'ha fatto capire che mi devo adeguare ai tempi. Bisogna che mi rifaccia una biblioteca, nel frattempo faccio un po' di pubblicità....sapete, mi dicono che è l'anima del commercio!

MARTEDÌ 19 OTTOBRE 2010

Principio di legalità

Quando i principi di legalità sono baluardi indiscutibili.

114

Evidentemente la Signora Bongiorno, fedele ai principi di legalità e di equità, aveva previsto che si fissasse un giusto prezzo per questa polemica.

MARTEDÌ 19 OTTOBRE 2010

Conversazioni di oggi
Questa conversazione è avvenuta oggi, su un treno in corsa. A parlare è una signora che risponde al proprio cellulare interrompendo la deliziosa suoneria che l'intera carrozza ha potuto apprezzare. La signora è amabilmente seduta di fronte a me che tento disperatamente di leggere qualche verso di Hardy. Dopo la terza volta che assisto, mio malgrado, ad una conversazione di questo tipo, sempre della stessa signora, ho deciso di trascrivere quello che ascoltavo per consegnarlo ai posteri. Magari stavo assistendo a qualcosa di illuminante e sulle prime non me ne rendevo conto. Purtroppo manca quanto riferisce l'altro interlocutore, sapremo darci un motivo di questa gravissima perdita. Pronto, pronto. Io ti sento, tu mi senti? Pronto, non prende, mannaggia. Cosa? Io ti sento, la pancetta? Sì, la pancetta e l'uovo. Pronto! Non ti sento, ma perché non mi senti? Da quando hai cambiato cellulare non si riesce più a parlare. Ti mando un messaggio, tranquillo neanche io pago, ho la wind. Pronto, che cosa? Dove sono? In treno. Sì, forse è per quello che non mi senti ma è questo cellulare che non prende. Io ti sento, tu mi senti?

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium :-D Bellissimo post! Antonio Grazie, spero che nella rete si riesca a trovare la trascrizione dell'altro interlocutore, a quel punto avremo un dialogo che al confronto quelli di Platone saranno quisquilie. Riverinflood Tranquillo, Iddio li perdonerà entrambi, per essersi intrufolati nella tua auscultanza. Anonimo E' proprio l' ascolto, anche come ascultanza che si e' perso, quanti piu' cellulari, quante piu' suonerie e annunci all' altoparlante ci saranno, quanti piu' amici facebook (che poi amici non sono), tanto piu' diveniamo solipsisti, ab-surdi anche ad ascoltare noi stessi, cara signora/signori al cellularissimo. La tecnologia che ci usa senza ad essere noi a saperla usare e sopratutto a usare bene. Basta con le protesi! E tutto gia mediato, anche i sensi, non abbiamo bisogno di informazioni extra. Pronto? Forse e' la linea.... Un caro saluto a tutti gli ascoltatori, Fabrizio (che scrive di getto) P.S.: un altro bel post Antonio, per il tuo bel blog. Marie post originale! eh già se fa riflettere! sarà per questo che "ovunque" cerco sempre il posto più solitario che esista? belle anche le parole di fabrizio.

115

buona giornata :) Marie Antonio grazie per i vostri commenti, è bello vederne tanti, non mi capita spesso. @Riverinflood Nessun problema, li ho già perdonati. ;-D @Fabrizio Hai fatto centro. Solo un rilievo, non possiamo rinunciare proprio a tutte le protesi, qualcuna dobbiamo tenercela, per forza! @Marie Benvenuta in questo blog e grazie perché in questo modo ho conosciuto il tuo. E' bello, di tanto in tanto, scrollarsi di dosso i silenzi e camminare alla periferia di qualche bel verso. Buona giornata anche a te. Anonimo si, sono d'accordo, e' importante non rinunciare a tutte le protesi, la storia umana e in qualche verso anche quella animale ce lo insegnano. E' bello questo scambio, grazie Marie. Fabrizio

LUNEDÌ 25 OTTOBRE 2010

La ferrea logica del dott. Marchionne

Chi vuole una valutazione seria delle dichiarazioni che Sergio Marchionne ha rilasciato ieri sera a Che tempo che fa può leggere quanto dice Luciano Gallino su Repubblica (l'articolo è su Micromega on line, insieme ad altri articoli molto interessanti di Massimo Roccella e Guido Viale). Io mi limiterò ad un paio di valutazioni polemiche e senza costrutto, come si addice ad un blogger incavolato. A casa mia portare la Cina come esempio di sviluppo economico significa manifestare chiare simpatie per un regime che non ha troppo a cuore la democrazia, la libertà e il rispetto degli individui ma non vorrei generalizzare, probabilmente Marchionne ha altri standard di pensiero. L'altra chicca del Marchionne pensiero di ieri sera è stato quando ha detto che la FIOM è irrilevante perché la gran parte dei lavoratori Fiat non sono sindacalizzati. E' come dire che Berlusconi governa con il voto di meno del 29,3% degli italiani, o, per essere corretti, con il voto del 36,3% dei elettori, oppure, per essere ancora più corretti, con il voto del 45,1% dei votanti, oppure, come fa il Ministero dell'interno, con il voto del 46,8% dei votanti al netto delle schede non valide... insomma in nessun caso Berlusconi avrebbe avuto il voto della maggioranza degli italiani ergo non sarebbe autorizzato a governare! (Sono tutti numeri veri, clicca sull'immagine per vedere meglio. I dati sono del Ministero dell'Interno e si riferiscono alle elezioni 2008 per la Camera, non c'è la Val d'Aosta ma cambierebbe poco).

116

La ciliegina sulla torta il dott. Marchionne l'ha messa quando ha detto che la Fiat a Pomigliano è un baluardo alla camorra. Vero, ma tirare in ballo questo argomento mi pare tanto meschino che vale quanto dire che è solo perché vado al lavoro tutti i giorni che non sputo in faccia alla gente che incontrerei se me ne andassi in giro a far nulla. PS - L'ultimo sassolino è per Fazio. Chiedere al proprio ospite come mai il suo piano in Germania è stato rifiutato dai sindacati e dal governo della Merkel sembrava poco cortese? (Per altre domande che mi sono rimaste sospese leggi anche questo post).

COMMENTS:

Riverinflood Una occasione da non perdere è sfruttare l'enorme debolezza storica attuale della Fiat [non è un paradosso, ma se si legge attentamente la situazione della Fiat nel mondo, si capisce che sta effettivamente barcollando] che in questo momento fà la voce grossa ricattando tutti, in special modo i lavoratori, quelli, cioè, che l'hanno fatta ingrassare. È debole con i forti e forte con i deboli. È il paradosso vivente del concetto di potere finalizzato alla sfruttamento delle paure sociali e delle intelligenze. I lavoratori sono tutti sindacalizzati, compresi quelli della Fiom e sanno discernere e contestualizzare la politica della Fiat. Per provocare, direi che si dovrebbe provare a rischiare di ribaltare la situation, minacciandola di espellerla dal contesto italiano, e bloccandole tutta la gestione delle sue infrastrutture. La Fiat sta tirando troppo la corda e nessuno si rende conto che, malgrado la nostra tradizionale cultura fiattina, si può vivere pure senza macchine. E inventarsi altro mestiere si può, costringendo la Fiat che è una fabbrica italiana (Fabbrica Italiana Automobili Torino), a pagare tutti i suoi debiti morali e sociali ai lavoratori che l'hanno cresciuta. Dopo, si può anche invitarla a cambiare bandiera. Hanno sfruttato i polacchi per quattro soldi di salario, scegliendo di far la panda in Polonia e rivenderla in Italia a prezzi maggiorati. Una macchina italiana, costruita all'estero e rivenduta in Italia. Che furbi! Antonio Non si tratta di rispondere con il ricatto a l ricatto, si tratta di sedersi a tavolino e programmare il futuro ma per farlo, con la cautela che la delicatezza della situazione richiede, ci vorrebbe un Governo del paese. Purtroppo siamo in una situazione di vuoto istituzionale. gifh Più che vuoto, a me pare un buco nero politico, del sottotipo bumbabumba... Antonio già! in questo deserto di macerie ci mancava il bumba bumba. 29 ottobre 2010 09:23

GIOVEDÌ 28 OTTOBRE 2010

Ancora sulla patata
Qualche giorno fa ho dedicato un post alla patata dematerializzata. Marina e Damiano - che ringrazio sinceramente per la segnalazione - mi fanno notare che la realtà, come al solito, ha anticipato la fantasia. Non sono state scritte delle linee guida per la coltivazione della patata ma poco ci manca. E' storia di qualche tempo fa e qualcuno sicuramente la ricorderà ma in tutta sincerità devo dire che io non me ne ricordavo affatto. Resta da sperare che i consulenti che saranno stati sicuramente coinvolti in questa vicenda non mi chiedano i diritti d'autore! E' il 24 agosto 2006 e siamo in Molise, nel comune di Pesche in provincia di Isernia, dove tra mille stenti sopravvive la patata turchesca. La povera patata è ormai dimenticata dai contadini locali e tra gli amministratori locali si dibatte vivacemente se sia il caso di lasciar cadere nel dimenticatoio questa preziosa varietà di patata o se non sia il caso di promuoverne la produzione. A questo punto vengono mobilitati botanici, genetisti, biochimici, agronomi, fisiologi per capire il motivo dell'inopinato abbandono della patata turchesca (leggi questo documento, solo la prima pagina). Ebbene, dopo lunga e laboriosa ricerca pare che il motivo dell'abbandono della coltura sia dovuto al fatto che questa patata è particolarmente gradita alla Dorifora (Leptinotarsa decemlineata), un coleottero decisamente ghiotto di patate. Non si esclude che i contadini se ne fossero accorti per tempo! Naturalmente i contadini locali non hanno fatto uno studio dettagliato, avranno notato che la patata

117

turchesca non va bene e hanno deciso di non piantarla più, non si sono spinti oltre. Infatti, non hanno pensato che è possibile riavviare la coltura della turchesca innescando il circolo virtuoso dell'economia attraverso il ricorso alla lotta integrata ai parassiti! Altrimenti come gira l'economia? Già! come gira? Questa vicenda è singolare, non tanto per la legittima voglia di capire i motivi per cui una patata cresce in un posto anziché in un altro, quanto per il fatto che il 24 agosto 2006, con decreto n. 171, la regione Molise ha stanziato 100.000 € per incentivare la «vocazione produttiva della patata turchesca di Pesche» attingendo ai fondi per la ricostruzione dopo il terremoto che nel 2002 colpì San Giuliano di Puglia (CB) e gran parte della provincia di Campobasso. La storia dei finanziamenti per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto ma anche di altre zone, visto i finanziamenti avanzavano! - è riportata in questo articolo di Mario Castelnuovo (La Stampa, 15/10/2007). La patata turchesca sarà anche importante e la scienza è curiosa per natura ma valutate voi quale priorità potesse avere il 24 agosto 2006 la promozione della turchesca, visto che alla data dell'articolo (15 ottobre 2007) l'autore scriveva "San Giuliano è ben lungi dall’essere completamente ricostruita, eppure il Commissario ha stanziato fondi per il museo della Zampogna di Scapoli (300 mila euro), o per la riqualificazione del canneto di Roccavivara (300 mila euro), o per l'officina del gusto di Pizzone (330 mila euro), o per «l'itinerario sentimentale Morunni» di Ururi (750 mila euro). "...oltre alla promozione della patata turchesca, ovviamente. Ad ogni buon conto, bisogna dire che quei finanziamenti hanno sicuramente sensibilizzato la popolazione molisana sulla triste condizione di abbandono in cui versava la patata turchesca e che la signora patata ha raggiunto una certa notorietà mediatica tanto che qualcuno è riuscito ad intervistarla.

COMMENTS:
GioPi Io è la patata turchesca ... siamo vicini di casa !! Grazie a te per averne riparlato !! www.katerpillar.it Antonio condivido il ringraziamento con due molisani doc, Marina e Damiano, che mi hanno fornito il materiale per questo post.

SABATO 6 NOVEMBRE 2010

La legge e il paese
La legge - Il pacchetto sicurezza inasprisce la lotta alla prostituzione sulle strade. Il paese - Si raccomanda alle prostitute di cercare filantropo di buon cuore che le accolga in sontuoso palazzo o in villa vista mare, richiesta discrezione in caso di minore età della signorina o di impegni istituzionali del filantropo.

COMMENTS:
Garbo Un tempismo azzeccato, è allo scoperto la saga dell'ipocrisia, ci sarà qualche monsignore che contestualizzerà anche questa. Un saluto da Garbo web runner E in caso di maggiore età, previsto ampliamento del numero dei ministeri. E dei sottosegretari. E delle quote rosa nei consigli regionali. Riverinflood

118

Quando operavano le case di tolleranza e volevi vedere il mondo (i vari tipi di umanità) racchiuso in una stanza, bastava entrarci e farsi un'idea. Con la prostituzione stradale, l'osservazione dei comportamenti rende gli ipocriti più invincibili. Antonio Grazie dei vostri commenti e benvenuto a Garbo. Eh già, quando qualcosa scandalizza o la si elimina o la si integra nel panorama culturale, niente di nuovo sotto il sole, oggi si fanno tutte e due le cose in un tripudio di assurdità e di fantastici rovesciamenti delle parti con accuse di moralismo e di voyerismo lanciate dagli imbarazzantissimi cortigiani del ducetto.

DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010

Fuori tempo
Volevo fare un post breve, molto breve. Giusto per fare una battuta sull'imbarazzante battuta che ieri sera Sallusti ha fatto su Bill Emmott, l'ex direttore di The Economist che nel 2001 scrisse il celebre articolo Why Berlusconi is unfit to lead Italy (Perché Berlusconi non è adatto a governare l'Italia). Ieri sera alla trasmissione 'In onda' su La7 Bill Emmott è stato intervistato (42' del video) - tra l'altro è uscito da poco il nuovo libro di Emmott "Forza, Italia: come ripartire dopo Berlusconi", edito da Rizzoli. Emmott è un signore molto educato, dotato di stile e di una buona dose di raffinata ironia. Caratteristiche che fanno vedere rosso il Sallusti che dopo aver visto l'intervista ha accennato un sorriso ebete e ha detto "adesso capisco perché Emmott simpatizza per Vendola, tutti e due ambigui e bizzarri" (46' del video). Ammiccava ad una supposta omosessualità di Emmott, peraltro infondata...chissà se magari Emmott mentre parlava avesse sputato per terra di tanto in tanto o si fosse toccato il pacco in vista di una bella ragazza forse Sallusti lo avrebbe apprezzato! Quello sì che è un vero uomo, avrebbe detto. Che dire? Un po' fa pena vedere un misero sprovveduto che di fronte agli argomenti di Emmott non può che fare ricorso a quello che gli viene meglio, le battute da bettola. Allora io che oggi sono vestito da avventore di bettola, avendo notato alcune sospette somiglianze guardando il volto di Sallusti, volevo fare un post così:

Emmott e Vendola: Soggetti ambigui e bizzarri secondo Sallusti.

Sallusti e Nosferatu: Soggetti ambigui e bizzarri secondo me. Porca miseria! Sono arrivato tardi, qualcuno aveva visto la somiglianza prima di me.

119

LUNEDÌ 8 NOVEMBRE 2010

Assuefazione
E' una questione di fisiologia della percezione. Una carta straccia la noti in un posto pulito, non in una discarica. L'Italia è sommersa da rifiuti che nessuno più avverte.

COMMENTS:
Garbo Caro Antonio, l'assuefazione si basa su meccanismi suggestivi, prima o poi un'anima candida o l' "anima bella" di hegeliana memoria si sveglia e ci informa che il re è nudo ... e che fa pure un po' schifo. A quel punto è il tipo di risposta che possiamo dare che traccia il futuro: l'italiano si sveglia e appende per i piedi il dittatore che ha appena osannato, lancia monetine al monarca che ha appena riverito, solo perché quest'ultimo si trova nella polvere. Non costruisci nulla su questi presupposti, molto invece sulla consapevolezza del perché siamo giunti a quel punto, sul perché ci siamo ridotti così in basso. Un saluto P.S. Dopo il tuo commento sto rileggendo Fromm. Antonio Qualcuno ha detto che il fascismo è stata la biografia del popolo italiano. Hai ragione quando scrivi che sulla sola 'indignazione' non si costruisce nulla ma al momento sarebbe già un gran risultato. Se posso suggerirti un'altra lettura, sicuramente meno edificante di Fromm, non vorrei sembrarti presuntuoso indicandoti un mio post (cerca memento). Mi picerebbe che il dibattito continuasse su quel post. Un saluto anche a te. Franco C Scusate se (inter)rompo, ma a proposito di percezione e saturazione del segnale, il post mi ha fatto venire in mente un'altra faccenda, che sta dal lato opposto della monnezza ma magari aiuta a sollevare la testa (il riferimento all'Adelchi nel 150° mi garba di molto!). Se voi entrate nella stanza di Leonardo agli Uffizi trovate L'Annunciazione, L'Adorazione dei Magi e Il battesimo di Cristo (col Verrocchio), una miscela di incommensurabile bellezza, perfezione tecnica, citazioni e rimandi religiosi e culturali, una spruzzata di botanica e di geologia. In tutta questa orgia leonardesca, i due capolavori di Luca Signorelli che gli sono vicini (peraltro in mezzo a un mazzo di dipinti di Pietro Perugino e altri sommi pittori) quasi spariscono. Se si trovassero da un'altra parte, coi Signorelli ci farebbero un museo e uno starebbe lì a guardarli per mezz'ora. E di queste situazioni, lo sappiamo, l'Italia è strapiena. Direte voi, sono cavoli tuoi se non sei capace di apprezzare Signorelli quando vicino c'è Leonardo. Avete ragione, però ci sto lavorando... Ora, a parte la mia incapacità, due pensieri si impongono: la enorme responsabilità che abbiamo per gestire e soprattutto valorizzare, anche in termini di ritorno economico (pensiero da fare innanzitutto dinanzi alla scheda elettorale) tutto questo patrimonio, e la constatazione che, oltre al fascismo, anche questo è stato, e dovrebbe sforzarsi di continuare ad essere, il "volgo" italico. La linea da seguire c'è già, non dobbiamo sforzarci di disegnarla, basta guardarci bene attorno. A questo proposito, il MAXXI è stato votato come miglior edificio dell'anno 2010 al World Architecture Festival di Barcellona: «un edificio di cui si parlerà ancora nella storia dell’architettura dei prossimi 50 anni». Così dicono, il tempo dirà se hanno avuto ragione, ci basterà morire a circa 90 anni per saperlo... Antonio Carissimo Franco, non inter(rompi) affatto, lo sai che fare quei nomi risveglia la mia sindrome di Stendhal ma, ahimè, quei nomi appartengono ad una Italia geografica non ancora politica. Ad ogni modo è sacrosanto richiamarsi a quei nomi e certamente non ne mancano altri da riconoscere come modelli dall'Unità in avanti. Faccio mio il tuo invito, richiamarsi ai modelli di bellezza (non solo estetica), che altro volere di più?

120

In quanto al Maxxi, mi sono promesso di andare a vederlo, non l'ho ancora fatto. Spero non si tratti di un'altra pompa di benzina come quella che fa da teca all'ara pacis!

MERCOLEDÌ 10 NOVEMBRE 2010

Anastrofe

Ci basta pensare a te senza esecutivo!

MERCOLEDÌ 10 NOVEMBRE 2010

Vertigine della lista
Sono davvero contento che Repubblica.it abbia pubblicato gli elenchi che lunedì scorso sono stati letti alla trasmissione di Rai3 Vieni via con me. Li ritengo straordinari, per questo voglio conservarli nel mio blog, come promemoria. Alcune definizioni del popolo italiano (legge Fabio Fazio) - L'italiano ha un tale culto per la furbizia che arriva persino ad ammirare chi se ne serve a suo danno (Giuseppe Prezzolini) - Gli Italiani perdono le guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre (Winston Churchill) - Un popolo di eroi di santi di poeti di artisti di navigatori di colonizzatori di trasmigratori (Benito Mussolini) - Questo popolo di santi, di poeti, di navigatori, di nipoti, di cognati... (Ennio Flaiano) - Popolo di navigatori che sbarca il lunario (Leo Longanesi) - Gli italiani guadagnano netto, ma vivono lordo (Giuseppe Saragat) - Gli italiani sono fatti così: vogliono che qualcuno pensi per loro. E poi, se va bene va bene. Se va male, ecco che lo impiccano a testa sotto" (Mario Monicelli) Lavori occasionali svolti per mantenersi agli studi (legge Margherita Ghidoni) - Segretaria - Animatrice - Traduttrice - Commessa - Cassiera - Magazziniera - Babysitter - Insegnante di ripetizione - Promotrice di bibite gassate - Distributrice gadget pubblicitari - Volantinatrice - Hostess - Istruttrice minivolley - Assistente studenti - Assistente professori - Maschera al palasport - Cavia per prodotti di bellezza

121

Motivi per cui è giusto costruire la moschea a Torino (legge Suor Giuliana Galli, Co-fondatrice dell'Associazione Mamre, centro per la cura e l'integrazione di immigrati) - Perché l'articolo 18 della "Carta dei diritti dell'uomo", riconosce ad ogni individuo il diritto di "manifestare la propria religione o il proprio credo nell'insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell'osservanza dei riti". - Perché la preghiera ha bisogno di un luogo dignitoso, come si addice alla adorazione di Dio. - Perché la Moschea, luogo di preghiera, favorisce ciò che c'è di vero,buono e bello nella comunità umana. - Perché la moschea di Torino si chiamerà Moschea della Misericordia, ricordando un bisogno umano importante: tutti abbiamo bisogno di misericordia. - Perché sarà compito eventualmente dei governi richiedere la reciprocità da parte di Riyadh, facendo corrispondere una chiesa cristiana alla costruzione della Moschea a Torino. - Perché rimane fermo, per i credenti cristiani, il dettato evangelico: a chi ti chiede la tunica dai anche il mantello; chi ti forza a camminare per un miglio, tu fanne due con lui. Elenco della signora Marina di Montevarchi (Arezzo) (legge Angela Finocchiaro) - ho 88 anni - ho avuto 10 fratelli e sorelle - ho lavorato 30 anni in fabbrica e prima nei campi - ho 500 euro di pensione - ho mangiato col mio sudore - ho aspettato l'Italia più giusta - ho ancora speranza di vederla - aspetto voi e vi ricordo nelle mie preghiere Categorie di prostitute che esercitavano a Pompei prima dell'eruzione del Vesuvio nel 79 d C (legge Fabio Fazio) - Forariae: esercitavano lungo le strade di campagna - Copae: esercitavano nelle taverne - Scorta erratica: le passeggiatrici vaganti - Gallinae: anche ladruncole - Aelicariae: oltre al resto, vendevano dolcetti allusivi da offrire a Venere e Priapo - Lupae: attiravano i clienti con un ululato - Blitidae: dal nome di una bevanda a poco prezzo - Bustuariae: esercitavano vicino ai monumenti funebri - Delicatae e Famosae: colte, di classe, per i più raffinati, spesso si prostituivano per influenzare la politica attraverso i loro potenti clienti Le più comuni definizioni di Roberto Saviano (legge Fabio Fazio) - Un autore di successo - Un eroe - Un pazzo - Un impostore - Un vile - Un porco - Un professionista dell'antimafia - Un furbo - Un infame - Un fascista - Un comunista - Un simbolo - Un sex symbol - Un paladino degli ebrei - Un messia - Un grande scrittore - Il papa straniero - Un noto millantatore e senzatetto - Un intellettuale - Uno che meno male che c'è Elenco degli insulti ricevuti durante l'attività lavorativa in un call center (legge Andrea Tagliabue)

122

- Mi dica cosa devo fare per non insultarvi. - Non me ne frega niente di parlare con lei mi passi il presidente. - Io non ce l'ho con lei ma con tutti gli imbecilli come lei. - Vi odio tutti voi del call center. - Spero mio figlio non finisca mai in un call center. - Questa è l'ultima volta che chiamo, la prossima vengo lì con il bastone. - Lei se va bene ha la terza media, io tre lauree. - C'è qualcuno intelligente in mezzo a voi? - Voglio parlare con il responsabile di tutti i responsabili! - Mi deve aiutare a ritrovare un cornuto dei suoi colleghi... - Mi dà più soddisfazione parlare con il mio cane. - Siete inutili! - Meritereste la galera! - Invece di star lì al telefono, venga ad aggiustarmi la macchina. - Cretino! - Imbecille! - Pirla! Le molte denominazioni che si usano per indicare un omosessuale (legge Nichi Vendola) - Invertito - Deviato - Pederasta - Sodomita - Frocio - Depravato - Arruso - Bardassa - Bardascia - Buzzarone - Buggerone - Peppia - Ricchione - Vasetto - Lumino - Buco - Bucaiolo - Busone - Iarrusu - Uranista - Finocchio - Culo - Fregàgnolo - Checca (checca fracica, checca isterica, checca marcia, checca pazza, checca persa, checca sfatta, checca franta, cripto-checca, checca velata) - Buliccio - Cupio - Culattone Comportamenti che dalle mie parti fanno dire che sei omosessuale (legge Roberto Saviano) - La birra con la fetta di limone. - i boxer - disinfettante per ferite, quello verde che non brucia - Il braccialetto colorato al polso di quelli che non puoi slacciare - I Calzini a righe - I Pedalini - La Frittata col salmone - La Pinzetta usata per qualsiasi cosa (perplessità di Fabio... "Come?" Se hai una spina, usa le dita) - Le unghie pulite - Usare più di due tirate di carta igienica. - Maglietta rosa o celeste chiaro. - I bastoncini di cotone per le orecchie (usare stuzzicadenti per il cerume) - Lo Zainetto

123

- La bicicletta - La crema solare - Le bibite dietetiche - Il pane integrale - Tutto quello che è bio - L'insalata di rucola (mentre sulla pizza è innocua). - Il phon - Il trolley - Mangiare i crackers - Il pigiama - La supposta - Lavarsi più di due volte a settimana - Lo yogurt da bere - Il pinzimonio - La pizza con olio a crudo - Il Calippo (se mangiato in pubblico) - L'ombrellone da spiaggia - Le scarpette sugli scogli - Fare la puntura da sdraiati - L'ombrello - Il fior di fragola - Il dolcificante - Il caffè macchiato - I mocassini con le frange - Tirare di coca - Il burro cacao Espiazioni dell'omosessualità (legge Nichi Vendola) - Impalato - Arso vivo - Squartato - Decapitato - Impiccato - Lapidato - Accecato - Evirato - Deportato nei lager e marchiato col triangolo rosa - Deportato nei gulag - Esiliato - Confinato - Ricoverato in manicomio e curato con gli elettrochoc - Incarcerato - Stuprato per punizione - Torturato - Perseguitato in ogni luogo e in ogni tempo della storia umana - Violato nella sua dignità e nei suoi diritti nel nome del costume, della religione, dell'ideologia, dell'ordine pubblico, dell'etica. Elenco assolutamente parziale di alcune persone coccolate strapazzate, spettinate, infastidite, prese in braccio dal nostro prossimo ospite (legge Fabio Fazio) - Claudio Abbado - Cate Blanchett - Isabelle Huppert - Martin Scorsese - Helen Hunt - Anne Parillaud - Enrica Bonaccorti - Sandro Ruotolo - Enzo Biagi - Sofia Loren - Pippo Baudo - Raffaella Carrà

124

- David Letterman - Giulio Borrelli - Vincenzo Mollica - Steven Spielberg - Enrico Berlinguer Finanziamenti pubblici ad alcuni istituti di cultura europei nel 2010 (legge Fabio Fazio) - British Council (Gran Bretana): 220 milioni di euro; - Goethe Institut (Germania): 218 milioni di euro; - Instituto Cervantes (Spagna): 90 milioni di euro; - Instituto Camoes (Portogallo): 13 milioni di euro; - Alliance Française (Francia): 10,6 milioni di euro; - Società Dante Alighieri (Italia): 1,2 milioni euro. ... che l'anno prossimo diventeranno probabilmente 600 mila euro. Dichiarazioni dei ministri della cultura europei in merito ai tagli alla cultura (legge Roberto Saviano) - Bernd Neumann, Germania: "è proprio in tempi di crisi che si deve lottare per non fare tagli alla cultura perché è il valore e il fondamento che dobbiamo mantenere" - Frédéric Mitterrand, Francia: "... La cultura è una risorsa, un aiuto all'orientamento. E io lavoro perché lo sia sempre di più." - Angeles Gonzales-Sinde, Spagna: "Lo stimolo alle industrie culturali è cruciale per l'uscita dalla crisi se si tiene conto che la cultura fornisce il 4 per cento del pil spagnolo e dà lavoro a più di 800 mila persone" - Sandro Bondi, ministro italiano della Cultura: "Non vado a chiedere l'elemosina a Tremonti". - Giulio Tremonti, ministro dell'economia: "Fatevi un bel panino con la Divina Commedia". Motivi per cui è sbagliato fare tagli alla cultura (legge Claudio Abbado) - La cultura arricchisce sempre - La cultura permette di superare tutti i limiti - chi ama la cultura desidera conoscere tutte le culture e quindi è contro il razzismo - la cultura, quindi anche la musica, è ascolto, che è la base del vivere civile e del pluralismo. Nelle orchestre con cui faccio musica, come ad esempio nell'Orchestra Mozart a Bologna, i musicisti vengono da tutta l'Europa. Alle prove parliamo diverse lingue, ma spesso bastano solo degli sguardi e il sapersi ascoltare l'uno con l'altro - la cultura rende anche economicamente - la cultura è contro la volgarità e permette di distinguere tra bene e male - la cultura permette di smascherare sempre i bugiardi - la cultura è lo strumento per giudicare chi ci governa - la cultura è libertà di espressione e di parola - la cultura salva: sono stati la musica e i miei figli che mi hanno aiutato a guarire dalla malattia - la cultura porta valori sempre e comunque positivi, soprattutto ai giovani - con la cultura si sconfigge il disagio sociale delle persone, soprattutto dei giovani, il loro sentirsi persi e disorientati - la cultura è riscatto dalla povertà: in Venezuela, non certo un paese ricco come l'Italia, José Antonio Abreu ha organizzato un sistema che in trent'anni ha insegnato la musica a 400.000 bambini e ragazzi, spesso salvandoli dalla droga, dalla violenza e dando loro un'opportunità di vita - cultura è far sì che i nostri figli possano andare un giorno a teatro per poter vivere la magia della musica, come feci quando avevo sette anni e una sera alla Scala decisi di riprodurre un giorno quella magia... - la cultura è un bene comune e primario, come l'acqua: i teatri, le biblioteche, i musei, i cinema sono come tanti acquedotti. - la cultura è come la vita, e la vita è bella! Vado via perché/resto qui perché (leggono Fabio Fazio e Roberto Saviano) Fabio - Vado via perché non se ne può più Roberto - Vado via perché non mi sento un eroe Fabio - Vado via perché preferisco i paesi dove ci si può annoiare Roberto - Resto qui perché non ho proprietà ad Antigua Fabio - Resto qui perché non voglio andare a Antigua Roberto - Vado via perché voglio dimenticare tutto quello che ho visto Fabio - Resto qui perché voglio sentire le canzoni in italiano Roberto - Resto qui per scoprire chi è stato Fabio -Vado via perché mi sa che va via anche Cassano

125

Roberto - Vado via perché non voglio più chiedermi cosa c'è sotto Fabio - Vado via perché questo è il paese che ha inventato il "me ne frego" Roberto - Resto qui per vedere lo Stato conquistare il Sud Fabio - Resto qui per vedere il tricolore conquistare il Nord Roberto - Vado via per sentirmi normale Fabio - Vado via perché non voglio vivere dove comandano le mafie Roberto - Resto qui perché non voglio che le mafie continuino a comandare Fabio - Vado via perché non sopporto le feste patronali Roberto - Vado via perché qui si applaude ai funerali Fabio - Resto qui perché questa sera ho ascoltato Roberto Benigni Roberto - Resto qui perché questa sera perché mi hanno fatto un regalo Roberto Benigni e Claudio Abbado Fabio - Resto qui perché mi hanno fatto un regalo bellissimo Angela Finocchiaro , Nichi Vendola, Daniele Silvestri e poi perché voglio ammazzarmi di carboidrati Roberto - Vado via perché preferisco mangiare peggio ma vivere meglio Fabio - Vado via perché il cinquantennale di Piazza Fontana non lo potrei sopportare Roberto - Resto qui perché a dicembre ci sono le arance buone Fabio - Vado via perché può bastare Roberto - Vado via perché mi è già bastato Fabio - Vado via perché a Milano cacciano i bambini Rom Roberto - Vado via perché dev'essere bellissimo tornare qui da turista Fabio - Vado via perché non voglio veder crollare altri pezzi di Pompei Roberto - Resto qui finché Mina non torna in tivù Fabio - Resto qui perché due figli non li sposti facilmente Roberto - Resto qui perché sono italiano Fabio - Vado via perché dobbiamo sgomberare il palco per il finale.

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium Davvero belle :) Franco C Grazie Antonio, me ne ero persa qualcuna. Tra queste mi è piaciuta soprattutto quella intitolata "Comportamenti che dalle mie parti fanno dire che sei omosessuale"...cavolo, ma ce n'ho tantissimi...a cominciare dalla bici, i boxer, lo zaino, il trolley e lo yogurt, l'ombrellone, le unghie, le magliette, le scarpe da scoglio e poi mi lavo almeno una volta al giorno...aspetta...ma è solo perché vado in bici e sudo che mi lavo sennò magari non mi laverei se non una sola volta a settimana...e poi mi piacciono le donne e non gli uomini...oddio basterà? Mi devo preoccupare? Ma bisogna averle tutte per essere omo o ne basta una maggioranza (relativa o assoluta poi? Ecco che risbucano pezzi della legge elettorale e dell'assemblea di condominio dell'altro giorno)? Che confusione! Anziché chiarire le idee queste trasmissioni le mescolano, c'aveva ragione Masi e voler cassare tutto, sono diseducativi, fanno pensare!!! Antonio A Fra' prendi atto delle tue attitudini e falla finita! Non mi verrai a raccontare che basta che ti piacciano le donne con tutto quello che hai confessato? ;-) gifh Per me la discriminazione continua e continuerà ad essere un orrendo mistero della psiche. Una psiche del tutto priva di logica. Antonio orrendo mistero?! purtroppo no, è cosa orrendamente chiara ed ha le sue radici in due bisogni fondamentali, uno di controllo e l'altro di autoaffermazione. Quando entrambi i bisogni prendono strade patologiche (il controllo è dominio e l'autoaffermazione è incerta) allora hai la discriminazione e il rigetto del diverso da te. So di aver sintetizzato troppo ma prendila per buona. gifh

126

Certo, la tua definizione seppur sintetica è calzante, tuttavia IMHO il termine è un esplicitazione del bigottismo estremo che è trasversale nel tempo e nello spazio, è del tutto inutile e illogico e nessun teorema sociale potrà mai illustrarlo adeguatamente. Io addirittura ritengo che nemmeno l'ignoranza possa giustificarne la pratica, figuriamoci un bisogno o un timore. So di essere categorico, ma la comprensione del fenomeno va oltre i miei limiti, e questi non sono poi così brillanti... Antonio gifh il bisogno o il timore non giustificano proprio nulla, spiegano il comportamento, tutto qui. Che sia del tutto inutile e illogico è evidente anche a me che ho enormi difficoltà a pensare che gli schemi sociali siano il risultato di una qualche logica. Ultima cosa, non so se ringraziarti o no dell'uso di acronimi, in realtà li odio ma se sono costretto a trovarne il significato poi mi diverto! gifh Ok, nel caso tu decida di non ringraziarmi, chiedo venia, altrimenti ti do un link utile: http://it.wikipedia.org/wiki/Abbreviazioni_in_uso_nelle_chat Per la giustificazione invece, beh, la intendevo in maniera più ampia: http://it.wikipedia.org/wiki/Giustificazione_(teologia) p.s. spero mi perdonerai il wiki-abuso! ;) Antonio Ah, allora se tiri dentro la teologia...va bene tutto, basta contestualizzare! ;-) grazie per i link

VENERDÌ 12 NOVEMBRE 2010

Vecchi sassolini
Mi tolgo un vecchio sassolino dalla scarpa. Leggendo qua e là nella rete incappo nella famigerata Legge 40 del 2004, quell'obbrobrio sulla fecondazione assistita che la Corte Costituzionale sta facendo a pezzi un po' alla volta. In quella legge si parla di 'fecondazione eterologa' che sebbene non definita dalla stessa legge si desume si tratti della fecondazione con il ricorso a seme non appartenente al proprio partner, ovviamente unito in sacro vincolo di matrimonio! La legge vieta questo tipo di fecondazione, non sia mai che il tradimento si insinui in maniera subdola tra le serene mura della famiglia italiana! Ora! Si da il caso che tra noi biologi il termine eterologo si riferisca a qualcosa che riguarda specie diverse e che solo per blanda analogia assume il significato che la legge ha utilizzato. Siccome la fecondazione tra specie diverse non può avvenire, salvo i rari casi di ibridazione, e l'argomento della fecondazione è argomento eminentemente di biologia mi sono sempre chiesto: si tratterà dell'ennesimo stupro della lingua o di un butto di autocritica da parte di chi ha scritto la legge? Nel secondo caso apprezziamo lo sforzo di chi vuole evitare ad altri il proprio dramma!

VENERDÌ 12 NOVEMBRE 2010

Crono, oggi
Luciano Gallino su Repubblica di ieri scrive, con la consueta lucidità, delle recenti rivolte degli studenti inglesi e delle manifestazioni in Francia ed Italia contestualizzandole in un quadro molto ampio. "La rivolta degli studenti inglesi e le manifestazioni di massa contro i tagli delle pensioni in Francia o quella promossa dalla Fiom a Roma in difesa del lavoro possono essere lette come un primo tentativo di difendere dall'Europa il modello sociale europeo. Un'espressione che suona un po' astratta, ma è ricca di

127

significati concreti." ... "I governi d'Europa danno la colpa [dei tagli alla spesa pubblica] a un'accoppiata infernale: il deficit crescente dei bilanci pubblici indotto dai costi eccessivi dello stato sociale, e la parallela diminuzione delle entrate fiscali causata dalla crisi. Nessuna delle due giustificazioni sta in piedi. Il deficit medio dei bilanci pubblici nei paesi della zona euro era appena dello 0,6 per cento del Pil nel 2007. Nel 2010 risulta aumentato di 11 volte, toccando il 7 per cento. Colpa di un eccesso di spesa sociale? Certo che no. " In altre parole, come fa osservare Gallino, i tagli sono resi necessari dal 'salvataggio' da parte delle casse pubbliche del sistema economico-finanziario che ha determinato la crisi economico-finanziaria. Lo stesso sistema economico e finanziario che fino al giorno prima della crisi ha cianciato della libera impresa e delle mani libere dai 'lacci e lacciuoli' dello Stato e che a crisi finita ritornerà a farlo con sprezzo del pericolo e della decenza[1]. "L'attacco dell'Europa al proprio modello sociale non è soltanto iniquo, è pure cieco, perché apre la strada a una lunga recessione. Meno scuola e meno università significano avere entro pochi anni meno persone capaci di far fronte alle esigenze di un'economica innovativa e sostenibile. " "difendere dall'Europa il modello sociale europeo"...espressione decisamente ricca di significati che rimandano addirittura al mito diCrono che divora i suoi figli[2]. [1] Lo stesso indecente girotondo di chiacchiere sembra caratterizzare i convinti sostenitori del liberismo e quelli del 'localismo', entrambi ce l'hanno con lo Stato, usurpatore e ladrone, salvo quando devono farsi salvare da catastrofi economiche o naturali. Nel caso delle catastrofi naturali si veda come Zaia chieda, giustamente, "l'arrivo di soldi da Roma" per fare fronte all'alluvione in Veneto. [2] Se non ricordo male questo stesso mito è stato evocato da qualcuno tempo fa per invocare la necessità di tagli alle pensioni. Ora, è evidente che non c'è cassaforte a prova di scasso come non c'è scritto a prova di imbecille ma voglio fugare ogni dubbio che io mi stia riferendo alla necessità di tagliare le attuali magre pensioni per assicurare le pensioni ai giovani di oggi. E' evidente che non citerei Gallino se pensassi un'idiozia simile.

DOMENICA 14 NOVEMBRE 2010

Voi cosa pensereste?
Se ci fosse una democrazia con due rami parlamentari e un tizio dicesse che si vota solo per uno dei due rami (quello che sfiducia il governo) io penserei che si tratta di un pazzo, oppure di un cretino che non capisce nulla del funzionamento delle istituzioni e ancor meno della democrazia. Voi cosa pensereste? PS del 16 novembre, dopo la segnalazione di Marina invito a leggere l'articolo di Gustavo Zagrebelsky "La Costituzione privatizzata" su Repubblica on line.

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio. ... Che altro aggiungere? Anonimo penserei che non sta facendo altro che mettendo in atto l'art. 88 della nostra costituzione. un giorno è intoccabile l'altro ècretina, mettetevi d'accordo www.maurod.ilcannocchiale.it Antonio

128

Cerco di rimediare alla sintesi del post, senza però dilungarmi troppo. Il tizio di cui parlo è il Presidente del Consiglio e da quello che mi risulta l'art.88 della Costituzione da al Presidente della Repubblica quella prerogativa non al Presidente del Consiglio, poi mi risulta anche che la Costituzione sia fatta da altri articoli, non da uno solo e prima di ricorrere all'art. 88 il Presidente della Repubblica ha l'obbligo di verificare la presenza di un'altra maggioranza, poi mi risulta anche che i parlamentari sono eletti 'senza vincolo di mandato' che ne garantisce l'autonomia, poi mi risulta anche che nonostante le chiacchiere il nostro sistema elettorale non sia ancora presidenziale quindi, a parte l'operazione tipografica di stampigliare sui simboli di partito il nome di qualcuno, quello che gli elettori di centrodestra hanno votato è un partito e attualmente quel partito ha perso i suoi voti perché, in ragione del fatto che ci troviamo in una democrazia rappresentativa, gli elettori - quelli che avevano votato per Fini, per intendersi - hanno sottratto la fiducia a Berlusconi. Chiaro!? Ad ogni modo grazie per il commento, se non altro mi ha fatto chiarire un po' la faccenda. Antonio il messaggio precedente ovviamente è per Anonimo, in quanto a te NoirPink, hai ragione, che altro aggiungere? ;-) Garbo L’Art. 88 della Costituzione italiana dice testualmente: Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse. Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura. Commento: è il Presidente della Repubblica (sentiti i Presidenti delle due Camere) che può far questo, non il Presidente del Consiglio. E’ un procedimento che, seppure contemplato dalla Carta Costituzionale, non è mai stato adottato prima d’ora, è inaudito; chiunque lo introducesse deve giustificarlo e deve trovare l’accordo più ampio possibile prima di attuare questa soluzione. Non riesco a capire, nell’interesse generale del Paese, quale vantaggio possa portare a tutti quello di votare per una sola Camera, mi pare che a trarne vantaggio (o a sperarlo, almeno) sia solo Berlusconi. Se Prodi nel 2006, quando vinse le elezioni con una maggioranza molto esigua in Senato che l’ha penalizzato molto, avesse detto: “Rivotiamo solo per il Senato perché non posso governare con due senatori in più”, ci sarebbe stata la sollevazione della solita clacques che tesse “informazione” per il leader della destra. Le regole non si invocano ad personam, e in ogni caso l’applicazione di qualcosa che sia anche previsto dovrebbe rispondere al bene di tutti, non al bene di qualcuno che ormai la destra è abituata a pensare. Da Berlusconi non mi stupisce che possa provenire un’ulteriore idea peregrina come questa, fin da bambino dev’essere stato quello che cercava di vincere al gioco con ogni mezzo, altrimenti interrompeva il gioco; la cosa che mi sconcerta è che esista gente priva dei più elementari criteri democratici (e persino di quelli del buonsenso) che si fa irretire da discorsi di questo tipo. Provo una nausea profonda ogni qualvolta si parla di politica da qualche mese a questa parte: mi sono stupito, indignato, arrabbiato, sono sceso in piazza, ho partecipato a tutto ciò che ritenevo giusto. Ora è subentrato uno sconforto profondo nel vedere in atto sempre i soliti balletti di potere di una volgarità sconvolgente. Un saluto. Antonio Grazie Garbo, "Le regole non si invocano ad personam", non potevi essere più cristallino. Un saluto a te. marina segnalo un articolo di Zagrebelsky sui fantasisti della costituzione: http://www.repubblica.it/politica/2010/11/16/news/costituzione_privatizzata-9157625/ Antonio

129

Grazie Marina, l'articolo di Zagrebelsky mette ordine in questa vicenda. Ma la cosa che trovo straordinaria è quanto tempo siamo costretti a perdere per spiegare quello che dovrebbe essere ovvio.

MARTEDÌ 16 NOVEMBRE 2010

Proteste in differita
Maroni protesta vivamente per le dichiarazioni di Saviano sui rapporti tra 'ndrangheta e Lega. Al ministro deve essere sfuggita l'anteprima! Il fido bobo non si cura dei giornali ma solo della tv, gliel'ha insegnato padron silvio!

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium Forse, più semplicemente, non sa leggere... Antonio si potrebbe rimediare con i giornali illustrati! AndreaG ma saprà capire le illustrazioni?...e pensare che proprio su raitre avevamo già avuto un assaggio della questione infiltrazione al nord...ma il contenitore forse non avrebbe potuto permettere lo stesso successo di pubblico. Antonio eh sì che pure le immagini richiedono una struttura cognitiva non indifferente... poi mi insegni a mettere i link nei commenti?

GIOVEDÌ 18 NOVEMBRE 2010

Infamie (de)contestuali
“A Sud si nascondono in tuguri e case di campagna da cui cercare di scappare dalla finestra, al Nord costruiscono palazzi come nel centro di Milano in via Santa Lucia.” Roberto Saviano, Repubblica on line. Il solito retaggio borbonico! Saviano usa parole offensive per il sud, esigo diritto di replica.

VENERDÌ 19 NOVEMBRE 2010

Morti di fama

Cosa non si fa per un po' di visibilità!

COMMENTS:
130

errebi Si fa, si fa caro Antonio. Basta pensare agli ultimi arresti. Sono avvenuti subito dopo le rivelazioni di Saviano. Che strano cosa si può arrivare a fare per la visibilità. Ciao alla prossima Antonio mah! di solito non faccio dietrologia perché non è testabile. Per criticare Maroni mi basta quello che è evidente e questa messa in scena con Saviano è degna della comare di provincia che pensa che a casa sua son tutti santi, poi il padre stupra la figlia e il figlio spaccia all'uscita dell'asilo!

DOMENICA 21 NOVEMBRE 2010

Materie scivolose

Ma il preservativo lo può usare il prostituto o la prostituta? E' permesso se si va con uomini o con donne? Prima o dopo il contagio di AIDS? E soprattutto va preso a stomaco vuoto o dopo i pasti? Sono materie difficili ma qui e qui e anche qui ci si può fare un'idea.

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium Grazie per le interessantissime segnalazioni! Antonio figurati! Garbo Negli anni 80 ho conosciuto infermieri e medici che lavoravano in Africa o in America Latina; persino le suore usavano il preservativo perché talvolta erano oggetto di stupri da parte di bande locali. Solo la miopia vaticana poteva far finta di niente ... su questo ... sulla pedofilia che li stringeva e li stringe ... su tutto ... SONO FUORI DAL MONDO! Non capisco come possono essere ancora utili al mondo! Forse non c'è altro e questo è davvero gravissimo; è gravissimo tenerci fanatismo e pedofilia e non avere davvero alternative. Un saluto Antonio La gente ha bisogno di evasione! Se pensi a quello che succede di terribile al mondo, a quent'è difficile sopportarlo, ti spieghi anche i mentecatti che si lambiccano il cervello sulla dottrina del preservativo e l'etica delle mutande. Hai ragione, sono fuori dal mondo, come certe trasmissioni idiote

131

inspiegabilmente utili a chi non sa e non può reggere il peso del mondo, con l'aggravante per chi è convinto di farlo seguendo la legge di Dio.

MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE 2010

Con tutte quelle bollicine!
Prendi una bottiglia di spumante, agitala in continuazione con forza, assicurati che il tappo sia a perfetta tenuta e che non ci sia alcuno sfogo per il gas. Se la bottiglia ti esplode tra le mani c'è poco da stupirsi, salvo essere irrimediabilmente idioti! Inoltre, vedendo la scena, una persona minimamente attrezzata di strumenti per leggere i fenomeni prima di interrogarsi sulla tenuta del tappo o sullo spessore delle pareti di vetro della bottiglia si interrogherebbe sull'inutile spreco di materia grigia che occupa la scatola cranica dell'agitatore della bottiglia. Dopo le proteste di studenti e ricercatori di oggi mi suona banalmente ovvia la dichiarazione di Fini "Inaccettabile violenza" - mentre quella di Schifani - "Intollerabile se protesta colpisce istituzioni" - !!! di grazia, quando diventerebbe tollerabile? Una cosa mi premerebbe ricordare a Fini, Popper diceva che la democrazia è l'unico metodo per cambiare il governo di un paese senza spargimento di sangue e che io sappia la democrazia è soprattutto partecipazione e non solo nel momento del voto, se la partecipazione viene meno viene, viene meno anche la democrazia. Siccome non mi piacerebbero affatto le conseguenze di queste premesse, l'augurio che mi faccio - e che faccio a chi manifesta per le piazze - è che le proteste di questi giorni non precipitino nella violenza ma mi auguro anche che l'analisi della protesta sappia andare oltre le sconfessioni di rito e che le soluzioni che verranno formulate sappiano prendere in considerazione le richieste di chi rivendica il diritto al proprio futuro. E' apprezzabile che il Presidente della Camera abbia sottolineato come gli episodi di violenza possano ricondursi ad una minoranza di manifestanti non generalizzando la violenza all'intero movimento. Spero non si tratti solo di una mossa pre-elettorale per racimolare voti, saranno i fatti a dirlo. All'avvocato Schifani invece non mi preme dire nulla a parte qualcosa che ricordo di aver scritto qua e là! Ora non venitemi a dire che sto facendo l'apologia della violenza altrimenti vi invito cordialmente ad andare a quel paese mentre io mi soffermo a dare sostegno ai manifestanti.

COMMENTS:

Riverinflood Quando si rivendicano i propri diritti, nella fattispecie, contro un regime violento - e lo è - mascherato di democrazia, secondo me non si devono tollerare le ipocrite affermazioni di fascisti e mafiosi al vertice delle istituzioni. Le conseguenze, comunqua vada a finire, le piangono sempre i ceti popolari, se cadono nel tranello delle provocazioni. Andare oltre la protesta vuol dire anche tenere in gran conto il proprio desiderio di benessere sociale. Questo tema, da solo, può far trovare strade vincenti. Ciao. Antonio Credo sia necessaria una lettura un tantino più articolata per Fini, dell'altro signore non mi occupo. Se per 'andare oltre la protesta' intendi leggere le ragioni profonde che causano un movimento di protesta allora sono d'accordo con te, è esattamente quello che sostengo nel post. Che poi questo tema sia sufficiente, da solo, a far trovare strade vincenti è un'altro discorso, ci devo pensare.

VENERDÌ 26 NOVEMBRE 2010

La scienza nuovissima

La notizia è di ieri ma le perle, come i diamanti, sono per sempre. Il ministro dello sviluppo economico, Paolo Romani, dichiara in una intervista al Corriere della Sera: "A tutti i titolari di un contratto di fornitura di elettricità, siano essi famiglie o pubblici esercizi o professionisti, sarà chiesto di pagare il canone, perché ragionevolmente se uno ha l'elettricità ha anche l'apparecchio tv. Chi non ha la televisione dovrà dimostrarlo, e solo in quel caso non pagherà." E' un gingillo di logica, alternativa! In matematica puoi dimostrare che qualcosa non esiste (si dimostra che

132

non esistono numeri interi uguali o maggiori di uno che non siano né pari né dispari), puoi dimostrare che qualcosa esiste (si dimostra che esiste sempre un numero più grande di qualsiasi numero). Nelle scienze empiriche la faccenda è un pelino più articolata ma anche qui ci sono alcuni punti fermi. Si può dimostrare che esiste qualcosa che trovi (è ovvio, non c'è bisogno di esempi), si può dimostrare che esiste qualcosa che non trovi (si dimostra l'esistenza di un pianeta anche prima della sua osservazione, è il caso di Nettuno) ma non sapevo che si potesse dimostrare che non esiste qualcosa che trovi e ancor meno che non esiste qualcosa che non trovi (questo è il caso sollevato dall'ingegno del Ministro). Se si deve dimostrare che non esiste la TV immagino che si debba cercarla ma, in termini rigorosamente logici (e, pensando ad un eventuale controllo ispettivo, anche in termini empirici), per dimostrarlo non basta non trovarla. Se consideriamo una sorta di tavola delle possibilità abbiamo questi simpatici incroci con quelli possibili in azzurro e quelli impossibili in rosso:

Ebbene, sarà l'incrollabile fede politica di Romani a far sì che dove noi vediamo rosso, lui vede azzurro? Sottigliezze epistemologiche del "tempo ch'erano gli uomini caduti in uno stato di bruti"! PS - Tralasciando le possibilità teoriche, che non è roba da Ministri - che dallo schema proposto sarebbero persino capaci di pensare che si dimostra l'esistenza della TV senza trovarla -, l'unica condizione praticabile per applicare il canone è trovare questa cavolo di TV, quindi se ne dimostra il possesso! Altra precisazione, io il canone Rai lo pago, nonostante Minzolini e Giacobbo e Vespa e Giletti e ecc. ecc.

COMMENTS:
gifh Sembrerebbe che sia tutto parte di un cervellotico complotto per screditare la figura del contribuente. Si mormora anche di contaminazioni trasversali nella riforma della giustizia. Infatti d'ora in poi gli imputati nei processi (eccettuate le solite cariche istituzionali) dovranno dimostrare la loro innocenza con prove inoppugnabili e le udienze potranno essere discusse con il televoto in una trasmissione condotta da Rita Dalla Chiesa e Bruno Vespa. Antonio già! anzicché la presunzione di innocenza, la presunzione di colpevolezza, ma forse chi di evasione se ne intende davvero potrebbe essere capace di andare molto oltre le possibilità teoriche.

SABATO 27 NOVEMBRE 2010

Breaking news
Fonti affidabili svelano l'imminente invasione del nostro paese da parte dei vegani. Gli alieni di Vega ormai incapaci di sopportare l'invidia nei confronti del miglior leader degli ultimi due anni luce hanno deciso di screditare il bel paese alleandosi con i parusini e i zirconiani. Già da tempo si sapeva delle trattative tra gli abitanti dei pianeti delle tre galassie per minare i pilastri dell'economia del paese guidato dal miglior leader degli ultimi due anni luce e sembra che alla base delle indagini su Finmeccanica ci siano le rivelazioni fatte dal vertice amministrativo della Exubion, l'azienda leader del pianeta Zircone che rivendica la quota di mercato occupata da Finmeccanica. La strategia principale dei tre pianeti ostili all'Italia resta però quella di inviare di tanto in tanto avvenenti ragazze in costumi succinti che attentano alla castità del miglior leader degli ultimi due anni luce. Non si esclude che di fronte all'incorruttibilità del miglior leader degli ultimi due anni luce gli alieni abbiano mandato sul nostro paese un fedele sosia del miglior leader degli ultimi due anni luce per screditare l'immagine del vero miglior leader degli ultimi due anni luce. Da un dossier dei servizi

133

segreti emerge che gli alieni hanno alzato il tiro e che sono i responsabili della crisi economica, della disoccupazione, del precariato, delle migliaia di tonnellate di rifiuti a Napoli, del terremoto a L'Aquila e del crollo della casa dei gladiatori a Pompei, un disegno "che punta a far apparire il nostro governo come inadempiente, incapace di risolvere i problemi e colpevole di tutto ". Il paese vive ore di fibrillazione nell'attesa dell'invasione. Da un sondaggio risulta che la maggioranza della popolazione è incapace di capire se nel frattempo il paese è governato dal miglior leader degli ultimi due anni luce o dal fedele sosia del miglior leader degli ultimi due anni luce mandato dagli alieni per screditare l'immagine del vero miglior leader degli ultimi due anni luce.

MERCOLEDÌ 1 DICEMBRE 2010

Dacci oggi il nostro orrore quotidiano
Io non ho parole, mi limito ad un copia-incolla e qualche link. Dico soltanto che trovo orribile concepire una giornata dello stato vegetativo e mi chiedo quanto possa essere aberrante una società che concepisce quell'orrore. Altri hanno espresso quell'orrore prima e meglio di me. L'appello che segue è stato lanciato il 28 novembre da UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) e raccolto da MicroMega. *** Appello di MicroMega No alla tortura di stato. Proclamiamo il 9 febbraio “Giornata della libertà di scelta sulla propria vita” Per il prossimo 9 febbraio il Governo ha istituito la Giornata Nazionale degli Stati Vegetativi. Decisione moralmente mostruosa, poiché offende la memoria di Eluana Englaro, che in quel giorno finalmente vedeva un anno fa rispettata la sua volontà sul proprio corpo. Decisione istituzionalmente irricevibile, poiché ufficializza come “delitto” una sacrosanta sentenza della magistratura. Decisione che infanga la Costituzione, poiché con essa il governo intende addirittura solennizzare la pretesa invereconda che la vita di ogni cittadino, anziché appartenere a chi la vive, sia alla mercé di una maggioranza parlamentare. Di fronte a questa vergognosa provocazione diventa inevitabile e doveroso che tutta l’Italia democratica e laica, senza eccezioni, proclami il 9 febbraio Giornata nazionale della libera scelta sulla propria vita, onorando così la memoria di Eluana, di Piergiorgio Welby, di Luca Coscioni, e dei tanti altri che oltre alla tragedia della condanna a morte per malattia hanno dovuto affrontare anche la violenza di governi che vogliono costringere i malati alla tortura delle sofferenze terminali. MicroMega chiede a tutte le associazioni laiche, a tutte le testate giornalistiche e i siti web che si riconoscono nei valori della Costituzione, a tutte le personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che sentono il dovere elementare di rispettare e far rispettare la decisione di ciascuno sul proprio fine-vita, di mettersi immediatamente in contatto per organizzare insieme la giornata del 9 febbraio come giornata di libertà e di dignità, attraverso iniziative che si svolgano almeno in tutti i capoluoghi di regione. (1 dicembre 2010)

COMMENTS:
NoirPink - modello Pandemonium "Mi fa orrore chi ama l'Umanità e non sopporta gli uomini". Antonio Grazie della citazione.

134

GIOVEDÌ 2 DICEMBRE 2010

Dagli atenei
Ho scritto tante lettere, alcune le ho pubblicate in questoblog, molte le ho perse, ma non ho mai pensato di scrivere al Presidente del Consiglio, a quello attualmente in carica, e di cose da dirgli ne avrei tante. Forse non l'ho mai ritenuto meritevole del mio tempo, forse semplicemente non sarei in grado di scrivergli nulla. Oggi sono davvero contento di riprendere da questo blog la bellissima lettera che Elisa Albanesi ha inviato a Silvio Berlusconi, lettera che condivido, parola per parola. Da parte mia sottolineo solo qualche aspetto che mi sembra rilevante: ilThompson citato nella lettera di Elisa è lo storico che ha inscritto il paradigma marxista della coscienza e della lotta di classe nel contesto morale, tale contesto è fatto di ispirazioni, ideali, sistemi valoriali di natura normativa prima ancora che economica; per Thompson la classe, e soprattutto la coscienza di classe, non è un'entità strutturale bensì relazionale e sociale. Questo pensiero influenzerà la filosofia di Axel Honneth per il quale la lotta di classe è lotta per il riconoscimento sociale. Honneth arriverà a dire che il pensiero marxista ha sempre sofferto di una antropologia più o meno utilitarista e che per questo motivo ha spesso fallito ad interpretare le ragioni profonde dei movimenti di classe. Sebbene sia lo storico Thompson che il filosofo Honneth prendano le mosse dalla tradizione marxista è evidente che entrambi vanno molto al di là di quella tradizione, ancorata agli aspetti materiali ed economici delle rivendicazioni sociali. E' facendo queste considerazioni che sono assolutamente convinto, cara Elisa, che il tuo interlocutore, per quanto riguarda le ragioni dei movimenti sociali, sarebbe paradossalmente più incline a capire la tradizionale vulgata marxista, basata sul primato economico piuttosto che sul primato morale che tu gli presenti. Concordo con te Elisa, certamente non può comprendere. Un sincero grazie ad Elisa e a tutti i manifestanti di questi giorni, spero riescano a scuotere le coscienze degli italiani da un torpore ormai ventennale. *** DAGLI ATENEI IN RIVOLTA: lettera di una studentessa a Silvio Berlusconi. Caro Presidente del Consiglio, le scriviamo perché sentiamo l’esigenza e il dovere, da studenti e da cittadini, di spiegare cosa è accaduto ieri. Ci concederà, spero, questa premessa: molti studenti presenti alla manifestazione non solo non hanno mai messo piede in un centro sociale ma possiedono anche un’ottima media; potremmo presentarle più di un libretto, ma non lo faremo perché noi sappiamo chi siamo e questo è sufficiente. Ma torniamo al fine di questa lettera e lo facciamo con una domanda che lei tante volte si sarà posto: perché queste persone-studenti, lavoratori, artisti, ecc-manifestano? In genere la risposta è che le rivolte sono rivolte di “pancia”, di fame, dovute alla crisi economica globale. Certamente. Ma ci permetta di illustrarle un altro punto di vista e lo facciamo attraverso le parole di uno storico Edward Palmer Thompson che, in questo saggio che citiamo, riflette sulle rivolte popolari inglesi del XVIII secolo “(…) E’ certamente vero che i disordini erano innescati dai prezzi saliti alle stelle, dagli abusi compiuti dai negozianti, dalla fame. Ma queste rimostranze agivano all’interno della concezione popolare che definiva la legittimità e l’illegittimità dei modi di esercitare il commercio, la molitura del frumento, la preparazione del pane, ecc. E questa concezione, a sua volta, era radicata in una consolidata visione tradizionale degli obblighi e delle norme sociali, delle corrette funzioni economiche delle rispettive parti all’interno della comunità, che, nel loro insieme, costituivano l’economia morale del povero. Un’offesa contro questi principi morali, non meno di un effettivo stato di privazione, era l’incentivo abituale per un’azione immediata.” Le citiamo infine, uno slogan-accusa che i contadini rivolgevano nel Settecento ai mugnai, ”il male del tempo”: Perché prima rubava ma con cortesia, ma ora è oltraggiosamente ladro. Non ci fraintenda. Noi non stiamo accusando il suo governo di essere oltraggiosamente ladro, noi accusiamo l’Italia tutta di esserlo. La nostra patria è divenuta ladra di sogni, di speranze e di verità. Accusiamo perfino le nostre madri e i nostri padri che continuano a difenderci dal mondo, da internet e da facebook e non hanno ancora compreso che in questi anni il vero pericolo sono stati loro, la loro incapacità di critica, la loro incapacità di volere. Condanniamo l’indifferenza poiché crediamo che la qualità di una società è inversamente proporzionale alla quantità degli indifferenti. E in ultimo condanniamo noi stessi di non essere abbastanza bravi da rendere chiara l’evidenza. L’evidenza è questa: noi siamo la futura generazione di precari o meglio, noi andremo a ingrossare le file di quella che possiamo definire “la classe dei precari”. Così come la Rivoluzione Industriale ha prodotto la classe operaia, rivoluzionaria per eccellenza, ecco che questo sistema in cui la speculazione è sfociata nello sfruttamento, ha provocato la nascita di una nuova classe rivoluzionaria, i cui membri non formano “strutture”, ma i cui legami si basano sulle relazioni e su una medesima condizione umana. Lei ci insegna che un uomo può cambiare un Paese, noi fortunatamente siamo migliaia, forse milioni.

135

Sta certamente comprendendo quello che le stiamo dicendo. Le daremo una dritta, da sciocchi quali siamo. Ciò che deve temere di più è la felicità pubblica, ovvero quel sentimento antico quanto la Rivoluzione Francese, che si spiega più o meno così: l’uomo comprende di essere uomo solo quando è in movimento,e di questo ne scopre il divertimento, il piacere, puro, dello stare insieme. La Felicità Pubblica. Il resto è un colpevole silenzio e un’inquieta sensazione di noia. Ieri per la prima volta è tornata. Quello che ha visto non era follia, ma per l’appunto felicità. Felicità collettiva. E questa volta sappiamo per certo che lei non potrà comprendere. Cordiali saluti. Elisa Albanesi, Assemblea di Lettere Occupata. *** PS del 3 dicembre - L'associazione Libertà e Giustizia aderisce alla protesta studentesca con un appello di Umberto Eco, Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Salvatore Veca. Vi invito ad aderire all'appello.

MARTEDÌ 7 DICEMBRE 2010

L'avvisata di Machiavelli
Hanno arrestato Julian Assange, più precisamente Assange si è consegnato alla polizia londinese, dire che è stato arrestato fa più effetto. L'accusa è di stupro, più precisamente si tratta di rapporti consensuali senza profilattico che per la legge svedese si configurano come stupro, dire che è uno stupratore lo rende più odioso. Non sta a me giudicare la legge svedese ma se le cose stanno così suggerirei ad Assange di chiedere asilo politico in Vaticano, lì il suo reato sarebbe molto apprezzato! Scherzi a parte, intorno al fondatore di WikiLeaks è stata organizzata una caccia all'uomo con motivazioni assurde e francamente ridicole, almeno stando ai fatti noti. La cosa comica è che quelle accuse ridicole dovevano essere sufficienti a far salvare la faccia a quanti vogliono togliere di mezzo Assange e far tacere WikiLeaks ma non possono affrontare di petto la situazione perché si scontrerebbero con il diffuso consenso nei confronti di Assange e con i piccoli inconvenienti delle libertà di pensiero e di espressione, diritti fondamentali che da diverso tempo sono ormai unanimemente riconosciuti come vere 'spine nel fianco' dei sistemi democratici! Ma poichè la natura è provvida di comicità e in Italia non ci facciamo mancare strateghi che offrono acutissime letture della realtà, l'arresto di Assange viene salutato da Frattini come il risultato di un "accerchiamento internazionale". Come scrive Alessandro Gilioli:«Un’ammissione, neanche troppo implicita, che le questioni sessuali per cui il fondatore di Wikileaks è dentro sono solo una vergognosa scusa.» Gli estimatori di Assange e il sottoscritto ringraziano il ministro degli esteri italiano per aver rinunciato per l'ennesima volta a sfruttare a suo vantaggio la peculiare proprietà del silenzio di rivestire di profondità di pensiero chi se ne serve. *** Julian Assange con WikiLeaks sta riscrivendo, o quanto meno sta tentando di riscrivere, la politica così come è stata intesa da Machiavelli in avanti. Non so se a muovere Assange sia il profondo desiderio etico di rendere trasparente il potere o altro ma certamente, qualunque sia la motivazione di Assange, questo è il risultato che mi auguro derivi dalla sua azione e se questo risultato non arriverà da WikiLeaks arriverà da altri. Nell'epoca dell'accesso informatico sarà sempre più difficile agire in segreto e alle spalle dei popoli. Questa è la sfida di Assange, rendere visibile quello che c'è nel Panopticon, la domanda è quanto gli Stati siano pronti a questo, almeno quelli che si dichiarano democratici. Probabilmente molti penseranno che WikiLeaks ha scoperto l'acqua calda ma spesso le cose sfuggono proprio perché sono sotto gli occhi di tutti e poi i segreti sono oggetti particolari. Non sono altro che la versione prosaica dei misteri, e come i misteri rispondono ad una singolare antropologia che di mistero si veste. I segreti noti a tutti non si svelano, si sfiorano appena e questo è sufficiente perché il mondo tremi.

«Cari amici," disse, "quando un signore, il cui nome mi è ignoto, concuoce una compilazione sul mistero delle 136

piramidi, non può dire che quello che ormai sanno anche i bambini. Mi sarei stupito se avesse detto qualche cosa di nuovo.» Umberto Eco, Il pendolo di Foucault. Bompiani, 1988, p. 229. ***

«Perché l'imperatore è uomo secreto, non comunica li sua disegni con persona, non ne piglia parere: ma,
come nel metterli ad effetto si cominciono a conoscere e scoprire, li cominciono ad essere contradetti da coloro che elli ha d'intorno; e quello, come facile, se ne stoglie. Di qui nasce che quelle cose che fa uno giorno, destrugge l'altro; e che non si intenda mai quello si voglia o disegni fare, e che non si può sopra le sua deliberazioni fondarsi.» Niccolò Machiavelli, Il Principe, Einaudi, p. 89. Aveva ragione Dario Fo quando, nell'ultima puntata di Vieni via con me, diceva che Machiavelli «fingendo di parlare al suo signore vuol dare l'avvisata ad ogni cittadino di come si articola e con quali trucchi si muove la macchina del potere.» C'è gente, come Julian Assange, che quell'avvisata l'ha raccolta e la sta raccontando a tutto il mondo. *** PS (8 dicembre) - In America si sono mossi intellettuali del calibro diNoam Chomsky e Peter Singer a sostegno di Assange, in Inghilterra ha fatto altrettanto Ken Loach. In Italia aspettiamo fiduciosi una presa di posizione. Intanto segnalo l'articolo di Stefano Rodotà, puntuale come sempre.

COMMENTS:
web runner Mah, a me 'sta cosa ricorda un po' il caso Boffo, e mi stupisco che certe cose possano avvenire fuori dall'Italia. Ma per davvero la legge svedese arriva a tanto? rasho Tra l'altro le dichiarazioni di frattini&co. sono veramente tolemaiche. sembra che pubblicando qualche sputtanata in più su berlusconi abbiano spostato l'asse terrestre di 5 cm, e che dell'intera vicenda wikileaks interessi solo questo minuscolo particolare. Perchè per il resto (tutto quello che riguarda gli stati uniti) l'interesse italiano è boh come definirlo? giusto di cortesia? in russia staranno (che tanto loro le porcherie le fanno alla luce del sole) sghignazzando... i vertici italiani chissà. salvo missioni nato l'italia quanto ha ancora molto da spartire con gli USA? Della risposta non sono sicuro. Neanche olreoceano erano sicuri, ed infatti marcavano stretto le mosse di berlusconi in russia Antonio @web. E' molto più del caso Boffo e che certe cose possano avvenire fuori dall'Italia puoi contarci, del resto Feltri non ha inventato nulla di nuovo, per farlo ci vogliono strumenti di cui non dispone. @rasho. Benvenuto in questo blog. Quello che dici inquadra l'ormai radicato provincialismo italico, tutto si risolve in una faccenda di party di un vecchio puttaniere! Non so dire se si tratti di un meccanismo di autodifesa oppure dell'incapacità di guardare oltre il naso. Grazie per avermi fatto cercare quei bellissimi versi di Theodorakis nel sottotitolo del tuo blog. Non li conoscevo, grazie davvero. RaShO O°o°O se hai bisogno di qualche traduzione fai un fischio ;) Garbo Caro Antonio, seguo sempre più distrattamente la politica (se così si può ancora definire) italiana e quella mondiale. Non ho capito molto sullo scandalo che sembra aver sollevato Assange, ma fin'ora ciò che ho letto è soltanto qualche indiscrezione su ciò che pensa qualcuno di qualcun altro, imbarazzante quanto vuoi, ma difficilmente gli interessati non sapevano davvero cosa Tizio pensasse di loro e non era difficile immaginare cosa si pensasse in giro ad esempio della nostra politica, del nostro attuale premier e

137

quant'altro. Sembra soltanto che tutte queste ipotesi abbiano trovato una buona base d'appoggio con i file che stanno emergendo. Riguardo al meccanismo del potere, io mi sarei aspettato le motivazioni di tante azioni militari, della crisi economica, le dinamiche sommerse, le responsabilità. O i pettegolezzi sono soltanto un saggio di ciò che di ben più grave può ancora saltar fuori, o si tratta di una Dagospia a livello planetario. Ciao Antonio @Garbo. Devo darti ragione, segui distrattamente la politica. Assange sta squotendo gli arcana imperi del potere ed è un po' difficile liquidarlo come si liquiderebbe un imbranato assoldato dai servizi segreti italiani per aprire un sito di gossip come Dagospia. Nel paese dove il gossip è diventato politica la faccenda di Assange viene raccontata come se fosse una serie di pettegolezzi ma c'è molto di più, come l'affare del gas russo, leggi questo per gustarti la storia del gatto e la volpe, e non è di Pinocchio che si parla! Quelle che tu chiami "una buona base d'appoggio" sono prove e in certi ambienti fanno la differenza tra una illazione e un reato e francamente adesso è un tantino più difficile dire che l'immagine dell'Italia è rispettabile grazie all'azione del miglior leader della galassia negli ultimi due eoni. Ammetterai che ne corre tra una cosa che si sospetta in ambienti ristretti e una serie di fatti accertati che circolano in tutto il mondo. La scala della faccenda non è irrilevante. Riguardo quello che ti aspettavi, come le "motivazioni di tante azioni militari", ricordo che appena a luglio scorso il nome di Assange è diventato noto, almeno a me, per aver diffuso i file che provavano i crimini di guerra in Afghanistan e L'Espresso ne diede ampi e dettagliati resoconti, non è passato troppo tempo. Comprendo lo stupore di chi riconosce che alcune cose erano note e altre erano ovvie, anch'io ho parlato di 'segreti noti a tutti' e non ho citato Umberto Eco a caso, ma ripeto, le prove cambiano lo statuto di una affermazione facendola passare dal livello di congettura al livello di fatto. A presto gifh Sono anch'io molto distratto sul tema, ma l'uscita di Putin come bisogna inquadrarla? p.s. gran bel post! Antonio @gifh. Putin vuole Assange in libertà, come era libera Anna Politoskaia! p.s. grazie. 09 dicembre 2010 22:19

DOMENICA 12 DICEMBRE 2010

Strategie museali
Bella mostra quella organizzata in questi giorni al Palazzo delle Esposizioni di Roma, dedicata alla civiltà mesoamericana rinvenuta aTeotihuacan. Civiltà precolombiana che affonda le sue origini nella cultura olmeca e che ha inizio nel I secolo a.C. per raggiungere il suo massimo splendore e la sua fine nel VI secolo d.C. Società molto lontane quelle mesoamericane, con tradizioni religiose difficilmente comprensibili se le guardiamo alla luce della nostra civiltà. A Teotihuacan, come in altre regioni centro-americane si praticavano i sacrifici umani quali offerte di consacrazione agli dei e atto di scambio con la terra dove il sangue diventa pegno e promessa di fertilità. Pratiche che turbano profondamente e spesso non bastano le indimenticabili pagine dedicate da Roberto Calasso al significato del sacrificio o tutta l'antropologia di René Girard per allontanare una reazione emotiva che ci impedisce di comprendere quelle culture così lontane. Ma gli organizzatori della esposizione sono stati geniali per far entrare i visitatori nello spirito di quei popoli. Pensate che hanno messo nella sala centrale, intorno alla quale sono disposte le sale espositive, quattro schermi da cui Roberto Giacobbo parla della civiltà di Teotihuacan.

138

Vi posso assicurare che questo espediente è sufficiente non solo per capire il sacrificio umano ma addirittura per sentirsi pronti a praticarne uno. PS - Oltre alla mostra, ieri sono stato anche alla manifestazione di Piazza San Giovanni ma eravamo in pochi, niente da dire!

LUNEDÌ 13 DICEMBRE 2010

Il grande comunicatore
Ci pensavo mentre tornavo dal lavoro in motorino, dev'essere il freddo. Di Berlusconi (con decenza parlando) s'è sempre detto che è un grande comunicatore, e in effetti lo penso anch'io, ha una capacità demoniaca di comunicare. Pensandoci bene però questo soggetto non si è mai misurato in un dibattito con qualcuno e quando l'ha fatto ha fatto la figura di un ragazzino impreparato che non sa cosa dire. Se la comunicazione è uno scambio c'è qualcosa che non mi torna. Sarà una legge della storia che tutti i cosiddetti grandi comunicatori sono quasi sempre dei maghi del pessimo monologo?

COMMENTS:
web runner Tutto sommato, meglio Woody Allen. O George Carlin. O mio cugino Osvaldo. Antonio @web. ma che stavi dietro l'angolo? ;-) non m'hai neanche dato il tempo di pubblicarlo! Riverinflood Ricordo quella volta quando comunicò a tutti dei due gemelli Romolo e Remolo. Ma sarà stato un modo per farci ridere. Ciao. gifh Sarà per questo che non ho mai potuto sopportare i monologhi? Qualche volta mi è capitato di farmene uno da solo, ma mi sono sforzato imponendomi di non ascoltarmi, che dite glielo si potrebbe suggerire? Antonio Grazie dei commenti, mi fanno pensare che il mio non sia un monologo! NoirPink - modello Pandemonium La grande capacità di Berlusconi è quello di trasformare ogni errore, anche comunicativo, in strumento di simpatia e di vicinanza alla "gente della strada"... Le opposizioni sembrano snob, e quindi lontane dalle persone comuni e dai loro problemi. Se imitano Silvio, perdono il contatto con il nucleo del proprio elettorato, se rimangono serie non conquistano l'indifferenziato elettorato non ideologico (oltre a perdere la capacità di risolvere i problemi sociali). Mica facile.. Antonio Eh no, non è facile no! Ma forse il nodo della faccenda è che Berlusconi è facile, è quanto di più facile si possa immaginare, è da qui che sorge la sua efficacia comunicativa. NoirPink - modello Pandemonium E quindi che fare? E si può fare qualcosa di fronte ad un popolo che esalta la facilità (non la semplicità: proprio la facilità) e rinnega la qualità? Antonio

139

Ho usato il termine facilità a proposito, so bene quale sia la differenza con semplicità. Che fare? La faccenda è complicata ;-) forse bisogna imparare a dire cose complicate con più semplicità! NoirPink - modello Pandemonium Sì, sì, lo so che hai usato facilità a proposito :) Rimarcavo proprio il fatto che avevi usato il termine preciso... Dire cose complicate con più semplicità: cioè poesia. Qualcuno potrebbe pensare alle "narrazioni" vendoliane. O magari no. Io le speranze per questo paese a volte le sento volare via, e stop...

GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010

Visti dagli altri
Steve Bell on Silvio Berlusconi Italy riots, as Berlusconi lives to fight another day - just

Steve Bell, The Guardian, Tuesday 14 December 2010

A conferma della rinnovata immagine dell'Italia, così vedono la nostra situazione politica dal The Guardian. Grazie a Elena per la segnalazione. Particolarmente rilevanti i commenti. Impagabile quello di 'evolute' in risposta a 'balfarg'.

140

COMMENTS:

dnasconosciuto Nella vignetta, però, hanno dimenticato di dire che Berlusconi è l'unicio che - e non per miracoli incredibilmente vive ancora (a livello politico) anche dopo essere stato trafitto al cuore da una cosa del genere. Solo in Italia, e solo a lui, succedono 'ste cose. Giancarlo Antonio Giancarlo, la vignetta è necessariamente sintetica e a mio avviso non poteva essere più efficace, per quanto cruda. Neanch'io ho intenzione di farla lunga per cui ti dico che Berlusconi è politicamente vivo solo perché la mamma dei cretini è sempre incinta e perché i vermi non mancano mai. Anonimo ii c'è di tutto, per esempio il ft la pensa così http://www.ft.com/cms/s/3/ed29586e-0766-11e0-8d80-00144feabdc0.html#axzz18M58LuEV e un famoso storico americano dice "I think he’s Europe’s best leader" http://pajamasmedia.com/michaelledeen/2010/12/14/landslide-berlusconi/ www.maurod.ilcannocchiale.it Anonimo tra l'altro il commento di evolute è davvero impagabile, la sinistra ormai è talmente nociva che basta fare il contrario di quello che pensa per fare del bene Antonio Maurod. Vedi, il bello è proprio la diversità di vedute...Ad ogni modo se il famoso storico è Leeden, un conservatore lontano dalle mie vedute, mi pare che il suo articolo si riferisca al signor b. in termini comparativi con una politica europea che non lo entusiasma e comunque dice "I have never been a big fan of Berlusconi". A dire che "he's Europe's best leader" è un tale Jassem Otham tra i commentatori, del quale confesso di ignorare l'attività e non mi pare che in rete si possa colmare questa lacuna. Per avere altre opinioni dal panorama internazionale leggi questo post. Anonimo

141

leggi meglio nella seconda pagina dell'articolo ledeen dice "he's Europe's best leader" ed il commentatore non fa altro che ripetere. quanto agli altri commenti internazionali ci trovo tante verità, ma anche tanta ignoranza, invidia ed ipocrisia, ritengo di conoscere l'Italia meglio di loro Antonio hai ragione, non mi ero accorto della seconda pagina, prendo atto che "all in all" I am ruled by the best european leader! Perché mai Ledeen dovrebbe conoscere meglio l'Italia degli altri commentatori internazionali è un dubbio che mi resta, e qui chiudo questa conversazione.

VENERDÌ 17 DICEMBRE 2010

Pensiero
Lasciò andare il suo pensiero nel deserto e si mise in cammino in cerca di qualcuno che gli somigliasse. Nelle desolate terre del Nord vide un uomo, voleva abbracciarlo ma sapeva che era fatto della stessa materia dei suoi sogni e un abbraccio l'avrebbe fatto svanire. Quell'uomo gli somigliava così tanto che poteva vederne i pensieri. Ne vide uno chiaramente quando il buio calò e il sonno li avvolse entrambi. Quell'uomo stava sognando di immaginare di essere immaginato nel sogno dell'altro. *** Solo un Dio che provava una solitudine abissale poteva pensare il suo pensiero e cadere nel proprio inganno che quello fosse il creato. Quale disperazione albergava in quel Dio per dover credere a quell'inganno? Eppure un Dio doveva cadere in quell'inganno, per forza. *** Cartesio ha insegnato agli uomini quell'inganno, 'penso dunque sono'. Eppure per gli uomini un'altra strada era possibile, loro potevano riconoscersi nello specchio dell'altro, potevano dire 'mi pensi dunque sono'.

COMMENTS:
Riverinflood Mi conforta il pensiero che anch'io so pensare a prescindere da lui... NoirPink - modello Pandemonium Alla stazione di Zima, in fondo, qualche volta c'è il sole: e allora usciamo tutti a guardarlo, e a tutti viene in mente che cantiamo la stessa canzone... Oltre, la solitudine è totale. Antonio @Riverinflood. Temo di non aver capito il tuo commento. Mi spiace... @NoirPink. Grazie davvero di quei meravigliosi versi di Vecchioni. Li ho cercati in rete e neanche ricordavo più che tra le mie vecchie cassette, da qualche parte, c'è El bandolero stanco. Sono tante le cose che dimentico, sicuramente troppe!

DOMENICA 19 DICEMBRE 2010

Il pensiero preventivo
Basterà il pensiero preventivo per evitare le minchiate di chi pensa senza movente?

142

"La Prima Legge Fondamentale della stupidità umana asserisce senza ambiguità di sorta che: Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione. [...] la Seconda Legge Fondamentale dice che: La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona. [...] La Terza Legge Fondamentale chiarisce esplicitamente che: Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un'altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita. [...] La Quarta Legge Fondamentale afferma che: Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore. [...] La Quinta Legge Fondamentale afferma che: La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista. Il corollario della legge è che: Lo stupido è più pericoloso del bandito." Carlo M. Cipolla, Le leggi fondamentali della stupidità umana. In:Allegro ma non troppo. il Mulino, 1988.

DOMENICA 19 DICEMBRE 2010

Il gesto verbale

"Art. 53. Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività." Costituzione della Repubblica Italiana, 1° gennaio 1948. “Dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima, è un modo civilissimo di contribuire insieme al pagamento di beni indispensabili come la sicurezza, come la tutela dell'ambiente, l'insegnamento, la salute, le stesse pensioni in parte." Tommaso Padoa-Schioppa, 7 ottobre 2007. Se non sei completamente d'accordo con quanto hai letto, smetti pure di leggere questo blog.

MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010

L'antifascismo oggi!
Le luci nella stanza del Duce a Palazzo Venezia erano sempre accese, anche di notte, perché di lui si dicesse che non dorme mai ed è sempre al lavoro!

143

Il bell'addormentato nel palazzo.

COMMENTS:
Vito Non sarà mica il riposo del guerriero dopo una folle notte? .....Chissà! Antonio eh, saperlo! dnasconosciuto Che, poi, definirlo bello... è peggio d'una bestemmia! Giancarlo web runner Le luci non bastano più. Riverinflood Estrapolarlo dal contesto e rimetterlo nel posto che gli compete legittimamente: un lettino a castello, un materassino sgonfio, un cuscino sfatto, un orinatoio collettivo e un rubinetto gocciolante la notte. Dormirebbe da dio! Antonio Giancarlo, hai ragione ma l'omaggio a Perrault ci stava bene. Colgo l'occasione per scusarmi dell'esposizione di materiale porno nel mio blog.

144

VENERDÌ 7 GENNAIO 2011

Post
Dopo il post-moderno, dopo il post-industriale, dopo il post-comunismo, dopo la post-politica è la volta della post-etica.

Make your own post before anyone do it!

VENERDÌ 7 GENNAIO 2011

La tombola degli orrori

Da qualche anno si consuma una sorta di rito tra gli amici a conclusione delle festività natalizie. Figlio del rito che vuole si butti via la roba vecchia a capodanno è la geniale variante ideata da due mie amiche: la tombola degli orrori. Non si butta via la roba vecchia ma si mettono in palio le cose più brutte che sono state raccolte o si è ricevuto in regalo durante l'anno. I premi sono rigorosamente incartati, come si farebbe per qualsiasi regalo, magari incartati con carta da giornale ma il pacchetto deve essere assolutamente credibile. I premi per l'ambo, il terno, la quaterna e a seguire sono disposti in base alla loro dimensione anche se spesso questa non decide del 'valore estetico' dei premi, a volte le cose più piccole meriterebbero il completamento della cartella! L'apertura dei premi suscita sempre grande stupore e non di rado si ride a crepapelle della bruttezza che ci si squaderna davanti agli occhi quando un premio viene scartato. Naturalmente non mancano testimonianze fotografiche del fatale momento.

Pochette in pelle lucida pitonata con fiocco. Accessorio da urlo!

145

Ovviamente i numerosi premi che la tombola distribuisce seguono tutti un unico e inesorabile destino, a fine serata vengono buttati nella spazzatura. Ci si riunisce intorno al secchione della spazzatura e si butta via tutto. *** Ecco, la tombola degli orrori è molto più di un gioco. In realtà si tratta di una collettiva e inconsapevole (?) messa in scena, una teatrale ellissi che sottende il bisogno di deridere il brutto per poi sacrificarlo all'unico vero altare della modernità, il secchione della spazzatura, e conservare i resti del sacrificio nell'autentica urna cineraria del nostro tempo: l'inceneritore dei rifiuti. Chissà se una cosa del genere potrà mai accadere anche per alcuni cosiddetti personaggi politici e per le loro insulse idee. Magari un giorno si potrà ridere della bruttezza dei loro pensieri e delle loro parole per poi buttare tutto nel primo secchione della spazzatura disponibile.

MERCOLEDÌ 12 GENNAIO 2011

Virtù in saldo
Dal sito di MicroMega rinnovando l'invito ad aderire all'appello La società civile con la Fiom: "Sì ai diritti, No ai ricatti".
MARGHERITA HACK: “MA CHE PAESE È DIVENTATO L’ITALIA?”

di Margherita Hack

Ma che paese è diventato l'Italia? Due fatti completamente scollegati fra loro ma che riempiono di amarezza. 1) 11 gennaio 2011. Il prepotente ricatto di Marchionne; se vince il no la Fiat va in Canada. Di fronte a una minaccia che vorrebbe dire disoccupazione in massa per un'intera città, e non solo, quale operaio avrà il coraggio di difendere i propri diritti? E il governo è completamente assente, preoccupato solo dei propri dissidi interni, dei processi del premier o del federalismo, che probabilmente vorrà dire solo raddoppio delle poltrone e dei costi. È questo che significa liberismo? Tornare all'800 del Padron delle ferriere? E tutti gli aiuti statali che la Fiat ha avuto per decenni ? Perchè non li ha utilizzati per fare ricerca innovativa, sia per quanto riguarda le tecniche di produzione e di assemblaggio, sia per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche sulle macchine? O si vuol so-stenere che tutti gli operai italiani sono dei fannulloni mentre tutti gli stranieri sono gran lavoratori? 2) 6 gennaio 2011, Trieste. Una bambina di 6 mesi affetta da atrofia muscolare spinale e in attesa di essere curata con le cellule staminali da un eccellente pediatra triestino, Marino Andolina, è vittima di un improvviso stop. Il Comitato bioetico di Trieste dovrà decidere se l'intervento è MORALMENTE FATTIBILE. Non se possa essere utile o no, se è MORALE! Così ha deciso il giudice di Venezia Paola Ferretti. Sul Piccolo di martedì 11 gennaio interviene Franco Panizon, già direttore della clinica pediatrica Burlo Garofalo e già maestro di Andolina: “Ci si chiede se Andolina ha seguito il protocollo… Ma cos'è un protocollo ? Non è una tavola della legge. Nessun protocollo è stato dettato da Dio agli uomini. Un protocollo è una linea di condotta pensata da uomini esperti, basata sulla logica delle cose e rivalutata e corretta continuamente sulla base dei risultati". Una volta davanti a due fatti come questi intere città si sarebbero mobilitate indignate. L'indignazione, una virtù che l'Italia ha dimenticato, interessata piuttosto alla corsa per i saldi. Felice 2011. (12 gennaio 2011)

COMMENTS:
Riverinflood Se c'è ancora una rara novità nell'orizzonte oscuro sono le parole rare di rari intellettuali che raramente sono ascoltati. La classe operaia è, e ancora nessuno l'ha coscientizzato, enormemente

146

incazzata. Le lacrime mediatiche di quel lavoratore sono lacrime di rabbia repressa che sta per eplodere! Ciao! Antonio River, non sono le voci degli intellettuali a mancare, semmai il problema è che abbiamo le capre a pascolare nel prato della politica, a destra come a sinistra, ed è solo a queste capre che le pecore mediatiche danno voce. Le lacrime di quell'uomo mi hanno fatto urlare di rabbia, tanto da non essere riuscito a parlarne... un saluto a te.

MERCOLEDÌ 12 GENNAIO 2011

Incapace allo sbaraglio!
In questa intervista Gianni Vattimo invoca l'intervento del Governo nella vicenda della Fiat.

Bene, la risposta di Berlusconi è arrivata! Quando un irresponsabile guida un paese può fare danni incalcolabili. Per ironia della sorte la risposta di quest'incapace - non solo nel senso che poco tempo fa evocava lo psichiatra Cancrini - è arrivata nello stesso paese in cui l'acquisizione della Opel da parte della Fiat è fallita a maggio del 2009, sia per l'opposizione dei sindacati tedeschi, sia per l'incapacità di Berlusconi di far pesare la posizione italiana, forse per non fare torto al suo amichetto Putin che teneva tanto alla Magna! Questo è l'accresciuto prestigio dell'Italia! Nota a margine - Non so com'è, ma a me questa globalizzazione che tutti invocano per dire che Marchionne è un innovatore mi ricorda tanto la cosiddetta Legge ferrea dei salari, concetto che Galbraith attribuisce a David Ricardo quando intorno al 1800 affermava che i salari sono "il prezzo necessario per mettere i lavoratori, nel loro complesso, in condizioni di sussistere e perpetuare la loro specie senza né aumenti né diminuzioni." (cit. in J.K. Galbraith, Storia dell'economia. Rizzoli, 1988, p. 99) Lo stesso Ricardo cui Marx si sentiva profondamente debitore, per somma ironia della storia del pensiero economico!

GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

Due pesi due misure

Lo ricordo bene, lunedì scorso al TG di La7 delle 20.00 Mentana ha chiesto a due giornalisti l'analisi dei possibili scenari che si aprivano in base alla attesa sentenza della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento. Un giornalista era Travaglio e l'altro ad essere interpellato era Belpietro! Tralascio il fatto che Belpietro sia un giornalista convince solo chi per buona creanza lo deve invitare per forza perché da quelle parti non è che poi abbiano tutta sta gente a disposizione che sia in grado di fare finta di saper parlare. La parte divertente è quando poi le parole devono rispondere a qualche senso, ma questo è davvero troppo. Cito più o meno a memoria perché non mi va di perdere tempo a cercare il video. Il Belpietro alla domanda cosa succederebbe se il legittimo impedimento dovesse passare rispondeva baldanzoso che in tal caso molti esponenti di sinistra si sarebbero dovuti suicidare, soprattutto quegli esponenti che cercano di eliminare Berlusconi dalla scena politica con le sentenze. Quando interpellato sull'opposto scenario diceva sommessamente che in tal caso si sarebbe aperto un periodo di grave incertezza per il paese. Da come era cominciato il discorso io mi sarei aspettato un'altra conclusione!

147

Ora la Consulta si è espressa. In buona sostanza la legittimità dell'impedimento la valuta il giudice, ergo lo scudo per come serviva a Berlusconi è stato bocciato. Gli piacciono così tanto gli scudetti che la Consulta gliene ha regalato uno! Belpietro è ancora in tempo a mostrare un minimo di coerenza logica e considerare che date le premesse di un discorso se ne danno necessariamente delle conseguenze. Se non vuole trarle per noi, lo faccia almeno per la categoria dei giornalisti, ne beneficerebbe molto.

VENERDÌ 14 GENNAIO 2011

Recondita armonia!
Dal sito La Repubblica. Benedetto XVI - No alle unioni di fatto. "L'approvare forme di unione che snaturano l'essenza e il fine della famiglia - ha affermato il Pontefice - finisce per penalizzare quanti, non senza fatica, si impegnano a vivere legami affettivi stabili, giuridicamente garantiti e pubblicamente riconosciuti ." Di che penalizzazione parla il Pontefice? Vai a vedere che alla fine è una questione di soldi da destinare alle coppie?! E io che credevo si trattasse di una questione di principi! ... poi c'è il No all'aborto, il No all'eutanasia, il No all'educazione sessuale, il No all'educazione civile... E poi dicono della FIOM che sa dire solo No!

COMMENTS:
dnasconosciuto Di certo, la questione di principio c'è, non neghiamolo. Antonio, non voglio sembrare controcorrente, però devo dare atto che su una cosa, il Papa & i suoi hanno ragione. Le cosiddette coppie di fatto che GIUSTAMENTE meritano una legislazione apposita, rivendicano in particolare anche il diritto ad avere una cosiddetta "pensione di reversibilità", che è quella pensione che uno dei due coniugi percepisce alla morte dell'altro. In particolare, è destinata a quelle donne che, per avere cura della casa familiare e per accudire e crescere i figli, scelgono di non pensare alla carriera e, in un certo senso, è come se lo Stato "ricompensasse" lo sforzo con questa pensione. In questa ottica, ti pare giusto che una coppia senza figli debba ottenere lo stesso? Non parlo di moralità, ma di questioni (sterilmente) economiche: perché una coppia senza figli dovrebbe usufruire della pensione di reversibilità, quando un'altra con figli dovrebbe avere lo stesso diritto nonostante abbia affrontato per una vita intera sacrifici materiali non indifferenti? Secondo me, coppie o non coppie, matrimoni o non matrimoni, è tutto l'impianto che è sbagliato e che va rivisionato daccapo. Possibilmente, in assoluta serenità, con spirito laico (non laicista). Giancarlo Antonio @Giancarlo, non sono solito negare ciò che mi viene mostrato in maniera chiara e incontrovertibile e non è questo il caso! E' curioso che tu esordisca dicendo che c'è una innegabile questione di principio e poi 'scivoli' in argomentazioni di natura economica! Comunque sia mi parli di soldi, bene parliamo di soldi, vorrà dire che per una discussione sui principi aspetterò. Come puoi leggerequi la pensione di reversibilità non è destinata esclusivamente alle donne, sebbene la struttura sociale e lavorativa di questo paese ha fatto sì che fossero le principali destinatarie. La reversibilità spetta al superstite di un nucleo familiare alla morte del soggetto lavoratore. E' un istituto che nasce negli anni '80 a tutela e sostegno del soggetto che rimane solo, che non ha una pensione propria e che spesso ha un reddito al di sotto della soglia di povertà dopo la morte del coniuge. In questo istituto non mi pare di vedere nulla che abbia a che fare con l'aver avuto figli o meno, sarebbe in tal caso una gravissima pregiudiziale nei confronti di chi non ha figli o di chi non può averne. L'istituto tutela il soggetto, l'individuo, la persona (chiamalo come vuoi a seconda della tradizione culturale a cui ti richiami) che ha il diritto, per il fatto stesso di esistere, di non vivere

148

in povertà, indipendentemente dal fatto che abbia generato o meno figli. Troppo spesso si confonde una proprietà, sia pure importante, della famiglia con il fine della famiglia e siccome io sono un tipo molto più curioso di Alemanno, della Polverini e di Zingaretti mi sarebbe piaciuto chiedere al Pontefice se si è fatta una idea riguardo questa distinzione. Detto questo non vedo nulla di scandaloso se due persone che formano un nucleo sociale (come è facile immaginare non m'importa un fico secco della composizione sessuale dei soggetti costituenti il nucleo) chiedano il riconoscimento della pensione di reversibilità se uno dei due viene a mancare lasciando l'altro in condizioni di indigenza. Anche nel caso delle coppie di fatto potrebbe essere solo uno dei due a lavorare, ci hai pensato? Garbo Caro Antonio, il modello di famiglia così come lo conosciamo adesso, quello che è stato definito "nucleare" cioè madre padre bambini è molto problematico, non regge al tempo, alla durata, ovunque ci sono coppie in crisi e non riesce a gestire al suo interno l'aggressività e al suo esterno la sessualità. E' il miglior modello dove far crescere un bambino? Difficile sostenerlo in base alle statistiche che potremmo reperire sui divorzi, sulla violenza intra-familiare, sui problemi psichici precoci e sempre più severi dei balbini. La famiglia patriarcale ti privava della privacy, era molto gerarchizzata, non ti prometteva alcuna felicità (che andava cercata accuratamente all'esterno o dovevi rinunciarci), ma era per molti aspetti più equilibrata. L'educazione, l'istruzione, il sapere ti venivano impartite da tutta la famiglia allargata, dal patriarca fino ai cuginetti di poco più grandi di te; l'aggressività e la sessualità elaborate con zii o zie (che sono figure paterne o materne più distaccate rispetto ai genitori) o con cugini (era u classico innamorarsi della cugina, la prima cotta, quella più scontata). Il mio modesto parere è che dovremmo interrogarci su questo aspetto quando parliamo di famiglia e a partire da questo cercare di comprendere questa esigenza forte di possibilità di unioni alternative che partono dal presupposto irrinunciabile di un consenso fra le parti che fa legame, ma che cercano un minimo di tutela giuridica e forse anche di riconoscimento. A quali esigenze rispondono queste nuove coppie, come affrontano il problema insolubile dell'aggressività, come la elaborano? Ciao Antonio Garbo, il dovere di una società è esattamente quello di interrogarsi sulle istanze di tutela giuridica e riconoscimento sollevate dai suoi componenti, per accrescere “la somma algebrica della felicità”, come diceva Camus. Non si tratta di mettere in discussione la famiglia tradizionalmente intesa, le sue contraddizioni sono evidenti a tutti ma non per questo la si deve demolire. Si tratta piuttosto di affiancare alla famiglia altri 'istituti' che riconoscano il valore giuridico di un “patto di solidarietà” tra persone adulte che non vogliono o non possono costituire una famiglia tradizionale. Si tratta di definire le modalità e i diritti di reciproca assistenza, i criteri dell’eredità e della donazione, diritti e doveri all’interno di un nucleo familiare o parafamiliare che non possono restare nell’ambito del diritto soggettivo. Non si tratta di stravolgere il diritto della famiglia, non sono cose complicate salvo non aver risolto la propria aggressività tentando di stemperarla nell’amore universale! Ciao.

MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2011

Do not despair of Italy!
Un tipo ha trasformato l'Italia in un lupanare dove le ragazzine si prostituiscono e adesso i suoi giureconsulti, provetti Leporelli, cercano di rovesciare la faccenda dicendo che noi guardiamo dal buco della serratura! Ci stanno costringendo da anni ad assistere allo stupro delle istituzioni e non solo e poi i guardoni saremmo noi? Ha ragione Don Ciotti quando dice che non è più il tempo dell'indignazione, ormai bisogna provare disgusto. Invito alla lettura dell'appello alle dimissioni di Silvio Berlusconi scritto daPaul Ginsborg per Libertà e

149

Giustizia. Ricordo inoltre che in questo paese c'è ancora chi si indigna (leggi qui, e anche qui) e si è dato appuntamento stasera al Quirinale dalle ore 20:00 per chiedere al Presidente della Repubblica che "l’Italia sia al più presto restituita alla normalità di una grande democrazia occidentale". Ricordo anche un'altro appello di Concita De Gregorio indirizzato alle donne di questo paese per dire "Ora basta". *** 17 gennaio 2011 Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti La presidenza di Libertà e Giustizia chiede le dimissioni di Silvio Berlusconi. Con un documento scritto in inglese dallo storico Paul Ginsborg e firmato dal presidente onorario Gustavo Zagrebelsky e dalla presidentre Sandra Bonsanti, l’associazione si rivolge al Presidente del Consiglio chiedendogli dimissioni immediate.Resignation, dimissioni, è la parola chiave del documento in sei punti, l’ultimo dei quali fa appello agli amici dell’Italia nel MONDO: DO NOT DESPAIR OF ITALY! Il paese ha bisogno della solidarietà e dell’aiuto di tutti. 1. Resignation. We call upon Silvio Berlusconi to resign immediately from his post as Presidente del Consiglio dei Ministri. In no other democratic country would a Prime Minister, faced with such serious legal accusations, remain in office longer than a few hours. All Italian citizens, of whatever political persuasion, must realise that the image of their country is profoundly tainted if Berlusconi remains in office. 2. Attendance in court. We call upon Silvio Berlusconi not to defend himself on television, using his substantial mediatic power to discredit the magistrates, but to present himself in court and seek to defend himself there, as would any normal citizen. Once in court, he can in any case hope to benefit from the services of the highest paid lawyers in the country. We sincerely hope, for his sake and that of the country, that he is able to demonstrate his innocence. If he and his supporters reply that the judges are irremediably biased against him, we would like to point out that on more than one occasion in the past he has been given the benefit of the doubt by the courts. In the Mondadori case, for example, the court judged in 2001 his position as Head of Government to be part of the ‘extenuating circumstances’ which in his case alone allowed the crime to be prescribed. 3. The role of the President of the Republic In a situation in which two of the principal powers of the state – the magistracy and the executive – are on a head-on collision course of considerable danger for the future of the Republic, we call upon its President to observe closely the situation and to be prepared to intervene actively, naturally within the limits of the powers ascribed to his office by the Constitution. 4. The opposition parties We call upon all the parties of the opposition to put aside their differences and to abandon any jockeying for position, uniting instead their voices in a single request of a single word: RESIGNATION. 5. Civil Society We invite the many associations and the hundreds of thousands of members of civil society to do the same, pooling their resources and joining hands on a single line of action. We would particularly appeal to Catholic civil society to deplore the hesitations and silences of the Vatican on so important an issue of public ethics. 6. The friends of Italy in the world We have written this appeal in English as well as Italian in order to reach all those abroad who are friends of Italian democracy. Do not despair of Italy! The country needs your solidarity and help. Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti per tutta Libertà e Giustizia *** 1. Dimissioni Chiediamo a Silvio Berlusconi di dimettersi immediatamente. In nessun altro paese democratico un Primo ministro, indagato per così gravi capi di accusa, rimarrebbe in carica. Tutti i cittadini italiani, di qualsiasi credo politico, devono essere consapevoli che l’immagine del loro paese sarà profondamente danneggiata se Berlusconi rimarrà al suo posto.

150

2. Presenza in aula Chiediamo a Silvio Berlusconi di non utilizzare la televisione per difendersi e screditare i magistrati grazie al suo considerevole potere mediatico, bensì di presentarsi ai giudici come farebbe ogni cittadino. In tribunale, Berlusconi potrà comunque giovarsi dall’avere ingaggiato gli avvocati più pagati del paese. Speriamo vivamente per lui e per l’Italia che sia in grado di dimostrare la propria innocenza. Visto che Berlusconi e i suoi sostenitori affermano che i giudici sono irrimediabilmente prevenuti nei suoi confronti, ricordiamo che in più di un’occasione gli è stato garantito il beneficio del dubbio. Nel caso Mondadori, ad esempio, la corte giudicò, nel novembre 2001, la posizione di capo del Governo una “circostanza attenuante” che, unicamente nel suo caso, fece cadere in prescrizione l’accusa. 3. Il ruolo del Presidente della Repubblica In una situazione in cui due dei principali poteri dello Stato – la magistratura e l’esecutivo – si affrontano in uno scontro estremamente pericoloso per il futuro della Repubblica, chiediamo al Presidente Napolitano di valutare la situazione e di intervenire tempestivamente, entro i limiti previsti dalla Costituzione. 4. I partiti di opposizione Chiediamo a tutti i partiti di opposizione di mettere da parte le loro divergenze e di abbandonare qualsiasi desiderio di primeggiare, chiedendo invece con una sola voce le dimissioni del Premier. 5. Società civile Invitiamo le numerose associazioni e le centinaia di migliaia di cittadini che si riconoscono nella società civile a concentrare le loro forze e a unirsi in una linea d’azione comune. Chiediamo soprattutto al mondo cattolico di esortare il Vaticano a pronunciarsi su una questione di etica pubblica così rilevante. 6. Gli amici dell’Italia nel mondo Abbiamo scritto questo appello sia in inglese che in italiano per mandare un messaggio a tutti coloro che all’estero amano la nostra democrazia e le sorti del nostro Paese. Non perdete la fiducia nell’Italia! Abbiamo bisogno della vostra solidarietà e del vostro aiuto. Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti per tutta Libertà e Giustizia

VENERDÌ 21 GENNAIO 2011

Alla buon'ora!

Interrotta la solidarietà tra pedofili: arriva la condanna del Vaticano per il caso Ruby. *** L'avanzare dell'età fa sentire i suoi effetti! Un tempo erano molto più pronti, riflessi più rapidi, muscoli scattanti e per molto meno si levava la voce dell'anatema e le dichiarazioni di guerra in tempi da record si sprecavano. Dopo lungo tempo di pace i riflessi rallentano e i muscoli inflaccidiscono!

(CdM* sulla morale e la famiglia)

151

Suggerimenti da Wikipedia per la lettura dell'acronimo: * Cassa del Mezzogiorno - ente pubblico italiano * Clean Development Mechanism - Meccanismo di Sviluppo Pulito previsto dal Protocollo di Kyōto * Code Division Multiplexing - multiplazione a divisione di codice * Cold Dark Matter - materia oscura fredda * Collège du management - facoltà dell'École polytechnique fédérale de Lausanne * Consiglio dei ministri - organo del Governo italiano * Coppa del Mondo - denominazione di diverse competizioni sportive internazionali

COMMENTS:
web runner Praticamente è come se a un serial killer efferato avessero dato del cattivello. Eh, le esenzioni fiscali. Alberto Hanno appena appena abbaiato. Ma, si sa, can che abbaia... Il Giova Uhm, secondo me al Vaticano si sono incazzati perchè Silvio saccheggiava la loro riserva di caccia.... Antonio @Web. Birichino sarebbe più indicato! @Alberto. Benvenuto, staremo a sentire i guaiti. @Giova. E' noto che le riserve sono di genere differente! gifh Ciao, wikipedia in lingua inglese suggerisce alcune interessanti alternative, forse altrettanto curiose: - Coalition for a Democratic Majority (dai gloriosi '70s e ancora attualissima, direi) - College of Dental Medicine (dedicato all'igienismo) - Celebrity DeathMatch (lotta nel fango all'ultimo sospiro?) - Collaborative decision making (l'arte di decontestualizzare...) - Conceptual data model (Sarà il concetto di date modelle?) Infine, mi son sempre chiesto perché anche il consiglio della magistratura condivida lo stesso acronimo... No, pensandoci bene loro sono CSdM, menomale! Antonio Ciao gifh, ottimi suggerimenti. Quello degli igienisti dentali e quello delle 'modelle concettuali' mi sembramno inspiegabilmente azzeccati. Impagabile quello dell'arte di decontestualizzare, utopista quello della Democratic Majority! ;-) Garbo Caro Antonio, è un monito troppo tiepido per avere una qualche efficacia, un monito che potrebbe ben presto spegnersi soffocato del tutto dopo l'approvazione dell'ennesima esenzione Ici per gli edifici in cui la chiesa svolge attività imprenditoriali e da cui trae un ricavo. Stupisce, comunque, come tutta questa vicenda non sembra davvero suscitare forti repliche da parte di nessuno, le maglie sono lentissime, passa veramente qualsiasi enormità come se fosse insignificante. Reduce dalla visione del bellissimo film di Antonio Albanese, con battute strepitose, non posso non riflettere però sul fatto che la realtà politica e sociale è comunque molto più avanti, geniale addirittura persino degli sceneggiatori del film, pure molto bravi. A nessuno di loro sarebbe venuto in mente un Presidente del Consiglio che telefona in Questura per far scagionare una

152

minorenne fermata per furto dicendo che è la nipote di Mubarak ... nemmeno ai fratelli Vanzina. Ciao Antonio Caro Garbo, non siamo certo nuovi a veder "colei che siede sopra l’acque puttaneggiar coi regi", come ebbe a dire qualche tempo fa il sommo poeta. Una volta l'arte satirica 'ingigantiva' i tratti, li caricava appunto in una caricatura. Il colpo di genio delle capre che ci governano oggi è stato quello di impossessarsi della satira. Per questo sono profondamente ostili alla satira, non vogliono rivali! Andrò a vedere il grande Albanese al più presto. 24 gennaio 2011 19:20

SABATO 29 GENNAIO 2011

Restore dignity to Italy / Restituisci dignità all'Italia
My Prime Minister's behavior is no longer tolerable. As member of the international community and citizen of my country, I claim my right to publicly condemn Berlusconi’s unbearable behavior, which causes me deep awkwardness. My country, now object of derision in international media, is the hostage of a person who keeps showing off his lack of ethics. I no longer want to be represented by this person and want Italy to regain its dignity. I am ashamed! *** Il comportamento del mio presidente del consiglio è ormai insostenibile. Come membro della comunità internazionale e cittadino del mio paese rivendico il mio diritto di condannare pubblicamente l’insopportabile comportamento di Berlusconi che mi causa profondo imbarazzo. Il mio paese, deriso dai media internazionali, è ostaggio di una persona dai comportamenti inqualificabili. Io non voglio più essere rappresentato da questa persona e voglio che il mio paese riguadagni la sua dignità. Io provo vergogna! *** If you agree with my message share it / Se sei d'accordo con questo messaggio condividilo. Se non lo hai già fatto firma l'appello di Libertà e Giustizia.

COMMENTS:
Eleonora Gitto Anch'io mi vergogno molto, ma in quanti saremo? Riverinflood Noi ci vergogniamo di lui e lui se ne impipa di noi. Non funziona così, ha bisogno di calci in culo, deve scappare come Mubarak. Tisbe Io mi vergogno da molto tempo! Anellidifum0 Io mi vergogno dal 1980. Alessandro Cavalotti Condivido. Francesco Zaffuto

153

Non l'ho mai votato, ho capito chi era da quando gli fu data la possibilità di padroneggiare con le sue televisioni private, gli italiani potevano benissimo capire chi era dal processo Previti. Non capisco la raccolta delle firme e le indignazioni. Ho sempre firmato tutti gli appelli di Amnesty, in quei casi le firme sono indirizzate ad una autorità che può prenderne atto. Delle firme contro Berlusconi chi dovrebbe prenderne atto? Lo stesso Berlusconi? Sta a capo di un govenro per mandato elettorale ed a capo di un partito di sua proprietà; l'unico modo per mandarlo via sono le elezioni anticipate. Io mi vergogno per tutti gli italiani che lo hanno votato e sono preoccupato perchè non si è ancora realizzata una unità di intenti nella sinistra di questo paese, unità necessaria anche per proporre al centro una politica alternativa. Il Giova Oh si, firmo e condivido! Mr. Tambourine Come non essere d'accordo. Zio Scriba Piccola curiosità: sono appena stato insultato sul mio blog da un povero idiota di vigliacco anonimo che come pretesto citava, e copiava/incollava, il commento che ho lasciato proprio qui stamattina, ma ora torno qui e il mio commento è sparito. Che succede? Sei sotto attacco di hackers berlusconiani? Lara Caro Antonio, devo ammettere di essere d'accordo con River e con Francesco. E penso tu abbia almeno intuito il mio disprezzo assoluto verso questo presidente. Ma ancora non esiste una opposizione unita, ancora sono tanti a rimanere berlusconiani. E c'è la Lega. Ciao, Lara Antonio L'appello che ho pubblicato è girato, con qualche variazione, in diversi istituti di ricerca. In quell'appello si faceva riferimento all'imbarazzo per la situazione italiana, che di politico ha ormai ben poco, in chi per lavoro incontra colleghi stranieri che trovano incredibile come mai una simile situazione duri così a lungo nel nostro paese. Capisco le vostre perplessità sul valore di queste iniziative, ma da parte mia c'è l'esigenza di dire forte e pubblicamente che non mi sento rappresentato dall'attuale Governo e non parlo solo dei miserabili festini ma di una manifesta incapacità di governare, del disprezzo delle istituzioni da parte del signore che occupa palazzo Chigi, e via e via e via, capirete benissimo quindi che i miei motivi di vergogna sono abbastanza datati e forse non ha torto anellidifum0 quando li spinge fino agli anni '80. Neanche io ho mai votato un soggetto simile e ricordo ai tempi della sua 'discesa in campo' che sapevo già abbastanza delle sue 'fortune' e del modo in cui le aveva fatte. A quanti, tra i cosiddetti intellettuali, hanno creduto che portasse la 'rivoluzione liberale' ho dedicato un post (con una lunga citazione che abbassa lo share!), ma sono convinto che bisogna ricordare sempre che il reato di truffa va ascritto al truffatore e non al truffato. Cari Francesco e Lara, l'opposizione...voi mettete il dito nella piaga! Grazie per i vostri commenti e benvenuti a quanti hanno visitato per la prima volta questo blog. Un grazie particolare va a Zio Scriba per i motivi che io e lui sappiamo.... «Fama di loro il mondo esser non lassa misericordia e giustizia li sdegna non ragioniam di lor, ma guarda e passa.» Cavaliere oscuro del web Anch'io mi vergogno.Vorrei tante alternative giovani e nuove,in entrambi gli schieramenti.Saluti a presto Antonio

154

Ciao Cavaliere del web, benvenuto da queste parti, spero tu non debba ripartire presto. ;-) Anonimo Se non vuoi più essere rappresentato da qualcuno, vota qualcun'altro...

DOMENICA 6 FEBBRAIO 2011

150° dell'Unità d'Italia
"Senza una bella tempesta che spazzi via tutto non c'è speranza. L'aria è inquinata. Le parole hanno perso il loro significato. Si è perduta ogni regola di veridicità e di morale politica ."Giuseppe Mazzini, 1857. Cit. in Giancarlo De Cataldo, L'Antitaliano. MicroMega, 8/2010.

COMMENTS:
estonianbloggers.blogspot.com L'errore di fondo è che quest'anno non sono affatto i 150 anni dall'Unità d'Italia. Ne riparleremo (se ne avremo voglia e se ci saranno abbastanza Italiani) nel 2068, ovvero 150 anni dopo il 2018. Cordialità e saluti. Antonio Grazie estonianbloggers per la vostra accurata e puntuale ricostruzione. Molte cose mi erano già note ma la rilettura non guasta, sono consapevole del carico retorico della ricorrenza ma per me era solo un pretesto per citare Mazzini che, come potete facilmente immaginare, sarebbe molto molto critico sull'avvenuta Unità d'Italia, nel 1861 ma anche successivamente! Alberto Di un'attualità sconrcentante. Alberto ops, sconcertante. Antonio ah ah, Alberto capisco lo sconcerto e le dita che si intrecciano. Davide. Già, molto attuale. Garbo Caro Antonio, spazzare via tutto? Certo, niente potrebbe essere peggiore di ciò che stiamo vivendo (almeno, in ogni luogo e in ogni tempo c'è sempre qualcuno come me che crede fermamente di vivere nel peggiore dei mondi possibili, forse è questa la costante, viviamo sempre nel peggiore dei mondi possibili ... oppure siamo terribilmente pessimisti). Fino a qualche tempo fa avrei pensato e detto che bisognerebbe ripartire dalla società civile, dal mondo del fare, dalle infinite competenze dell'italiano che crea, produce e lavora e che è il tessuto sano di questa società. Oggi non sono più tanto convinto che esista davvero questo tessuto sano: non ci sono più tanti berlusconiani convinti in giro, sembra che nessuno abbia votato per Berlusconi, c'è ancora qualcuno che snocciola come mantra, acriticamente, le cavolate della propaganda Berlusconiana (non è vero niente, è un complotto dei giudici, ciascuno a casa sua può fare ciò che vuole, moralisti, invidiosi, ...), ma fortunatamente sono pochi patetici imbecilli. Anche dall'altra parte non è tutto rose e fiori, sento anche qui molti discorsi stupidi, molte azioni stupide, molte rinunce stupide. Da un po' di tempo ho la nausea al solo pensiero di occuparmi di politica, eppure una volta il mio blog era prevalentemente

155

"politico". Ciao Antonio Caro Garbo, viviamo in un mondo possibile, migliore o peggiore dei possibili non ti so dire, sicuramente al peggio non c'è mai fine e per il meglio bisogna armarsi di pazienza e faticare duro! Temo che di patetici imbecilli ce ne siano tanti in giro e tanti ce ne saranno anche in futuro. Non illudiamoci, se Berlusconi finirà non sarà finito il berlusconismo, l'ho scritto altre volte, è quello che bisogna temere di più perché dovrà passare qualche generazione per correggerne i danni, se mai sarà possibile farlo. Indubbiamente lo spettacolo indecente cui assistiamo non è politica, non nel senso che intendo io. Di solito valuto i politici sulla loro capacità di analizzare e capire gli effetti a lungo termine e a vasta scala del loro operato qui e ora. Questo è il mio criterio minimo, è piuttosto esigente come criterio ma non posso farne a meno. Un saluto.

MARTEDÌ 8 FEBBRAIO 2011

Bordello Italia
Ieri sera ho visto L'infedele di Gad Lerner che si chiedeva "L'Italia non è un bordello?", tra gli ospiti c'era Vittorio Messori. Immagino che doversi prostituire sia sempre imbarazzante, doverlo fare in latino fa venire il voltastomaco! *** Nel XIX Canto dell'Inferno Dante tratta il tema della simonia, cioè della colpa di quanti sono dediti alla compravendita di cariche ecclesiastiche o di beni spirituali (p.es. il perdono dei peccati o vendita di indulgenze). Nei versi che riporto Dante risponde a Niccolò III che in vita fu papa e il poeta condanna a stare conficcato a testa in giù, dentro una buca da cui sporgono le gambe tormentate dal fuoco. Io non so s'i' mi fui qui troppo folle, ch'i' pur rispuosi lui a questo metro: «Deh, or mi dì: quanto tesoro volle Nostro Segnore in prima da san Pietro ch'ei ponesse le chiavi in sua balìa? Certo non chiese se non "Viemmi retro". Né Pier né li altri tolsero a Matia oro od argento, quando fu sortito al loco che perdé l'anima ria. Però ti sta, ché tu se' ben punito; e guarda ben la mal tolta moneta ch'esser ti fece contra Carlo ardito. E se non fosse ch'ancor lo mi vieta la reverenza de le somme chiavi che tu tenesti ne la vita lieta, io userei parole ancor più gravi; ché la vostra avarizia il mondo attrista, calcando i buoni e sollevando i pravi. Di voi pastor s'accorse il Vangelista, quando colei che siede sopra l'acque puttaneggiar coi regi a lui fu vista; quella che con le sette teste nacque,

156

e da le diece corna ebbe argomento, fin che virtute al suo marito piacque. Fatto v'avete dio d'oro e d'argento; e che altro è da voi a l'idolatre, se non ch'elli uno, e voi ne orate cento? Ahi, Costantin, di quanto mal fu matre, non la tua conversion, ma quella dote che da te prese il primo ricco patre!» Dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. Inferno, Canto XIX, vv. 89-117.

COMMENTS:
Nounours(e) In latino...eppure c'è riuscito! Me ne sono accorta anche se l'ho sentito per la prima volta. Non mi spiego la condotta di queste persone. Penso che debbano seguire degli incontri dove degli esperti fanno loro il lavaggio del cervello, altrimenti non mi spiego tanta convinta ipocrisia: mentono anche a se stessi. Il fenomeno è terrificante. Antonio Nou, pensi al lavaggio del cervello proprio perché l'hai ascoltato per la prima volta, altrimenti capiresti che c'è molto poco da lavare! Ad ogni modo concordo con te, il fenomeno è terrificante.

MARTEDÌ 8 FEBBRAIO 2011

Era il 1981

Conoscevo questa vignetta, finora introvabile, perché citata da molti autori. E' stata pubblicata sulla copertina dell'ultimo numero diMicroMega 1/2011 dedicato a“Berlusconismo e fascismo (1)”. A commento della vignetta non c'è nulla da aggiungere. Altan è autore sublime che in pochi tratti e pochissime parole dice tutto quello che c'è da dire e il trentennio che è seguito da quando la vignetta fu

157

pubblicata è un esauriente e triste compendio della sua lungimiranza. Berlusconi e i suoi accoliti non sono che la ciliegina sulla torta del trentennio.

COMMENTS:
Zio Scriba Non fa una grinza. Purtroppo. Antonio Ciao Zio Scriba, eh sì non fa una grinza, se pensi al pentapartito e al CAF (Craxi, Andreotti, Forlani) di quegli anni si capisce bene che uno acuto come Altan vedeva benissimo dove si stava andando a parare! web runner E se trent'anni fa Altan vedeva così la realtà di allora, beh quella di oggi come può essere rappresentabile? mancano le parole, e anche le immagini, ce le siamo già giocate. rosa Lungimirante Altan e, purtroppo, tristemente profetico :-( Buona serata. Namastè Anonimo Appena letto dal g2, supplemento del The Guardian: Hell no, Silvio won’t go Just what would it take for the Italians to oust Silvio Berlusconi? - Photos are published of Berlusconi emerging from a bush on Hampstead Heath, dressed as a nun, with a male Tory MP dressed as the Pope. - Magistrates find no other reason to investigate Berlusconi and give up. Desperate for a new enemy to rail against, he accuses lefthanded Italians of being witches and orders the police to round them up. - A freak electrical storm knocks out Berlusconi’s TV transmissions for a week. Italians stumble out of their living rooms, rub their eyes and read a newspaper. Gassho (da Londra) Fabrizio Il Giova Altan è un grande. Ho sempre apprezzato soprattutto il mitico Cipputi, che con grande anticipo sui tempi ha messo a nudo la miseria alla quale è stato ridotto il mondo operaio e in genere il lavoro. Francamente nessuna immagine rappresenta il nostro tempo meglio del famigerato ombrello... Antonio @web...qualche parola la troviamo, se ci impegniamo la troviamo ancora, stanne certo. @Rosa/Nanastè. Benvenuta in questo blog. Più che profezia era una lettura di quegli anni, purtroppo poi la faccenda ha subito un crescendo beethoveniano! @Fabrizio/Gassho. Very funny! I have just some doubt. I do not know who is more optimistic, you or The Guardian!!! ciao @Il Giova. Indubbiamente Altan è un grande, oltre al famigerato ombrello da ricordare l'ometto che si

158

guarda allo specchio ed è contento di non vedere la mitica pagliuzza nell'occhio mentre la trave sta ...altrove! Garbo Altan lo leggevo su L'Espresso, ricordo ancora a distanza di tempo alcune sue vignette graffianti, questa è senza dubbio una delle migliori, alla luce dei fatti attuali. Il "porco" è sempre esistito in politica e nella società, ma fin'ora era marginale, non si rivelava più di tanto e quando si rivelava era scandalo. Ha iniziato a rivelarsi timidamente con l'andreottismo, più incisivamente col craxismo, la Lega è stata il trionfo e Berlusconi l'apoteosi ... poi a cascata pure i partiti che dovrebbero rappresentare l'opposizione, gli uomini "contro" o che dovrebbero essere tali. E mi riferisco a tanti fatti per cui cdx o csx non cambia nulla, come in Campania i in Sicilia dove addirittura i deputati regionali del PD si mettono di traverso a difendere Lombardo dalle accuse (in Sicilia il PD governa con Lombardo), contro accuse gravi e gravissime, contro una blanda protesta del partito centrale e contro l'inesistente protesta di quella che una volta era chiamata la base. Mi riferisco ai vari Scilipoti & Co., eletti nel più antiberlusconiano dei partiti che passano direttamente con Berlusconi. Un saluto Antonio Ciao Garbo, Altan disegna le sue vignette per l'Espresso ancora oggi e come dice d'Arcais le sue vignette sono dei veri e propri editoriali. Lui e Vauro sono molto più che semplici vignettisti, sono dei poeti della matita per la potenza della loro sintesi. Vero, il porco è sempre esistito e sempre continuerà ad esistere ma da qualche tempo quel porco sta spacciando la sfacciataggine, la sfrontatezza e l'arroganza per sincerità, trasparenza e determinazione, è sul rovesciamento di questo registro linguistico prima che etico che si gioca il 'successo' di quanti oggi assurgono alla gloria della leadership. Speriamo che tornino nel nulla da dove vengono, almeno tra qualche generazione. Un saluto a te. Cavaliere oscuro del web Molto attuale con la cronaca dei nostri giorni.Saluti a presto 17 febbraio 2011 19:14

VENERDÌ 18 FEBBRAIO 2011

L'utile idiota!
"Con il premier il Paese è ormai in declino, ma ci è utile e va aiutato: Obama deve salvarlo al G8 dell'Aquila", Wikileaks.

COMMENTS:
Lara Altro che meritocrazia, qui vanno salvati gli psicopatici, i pagliacci ...Per l'America è dicuramente più comodo. Ciao Antonio, che tristezza!!! Lara Garbo Caro Antonio, gli "alleati", come ben sapevano gli antichi romani, non devono essere molto deboli, se no non ha molto senso averli come alleati (ecco allora Obama accorrere a salvare l'immagine dell'Italia) ma nemmeno troppo forti, altrimenti poi pretendono. Un governo come quello Berlusconi è perfetto, un Paese che ha ancora un'economia che in qualche modo (a dispetto di tutto) funziona (anche se molto

159

meno di prima), ma che è politicamente debole e ricattabile. Gli Usa e la chiesa ne approfittano, quale migliore alleato, che quello che non può fare a meno di esserti fedele, che da tanto per ricevere poco? Un saluto Il Giova Gli americani hanno da tempo trasformato gli alleati in clientes (o meglio hanno reso tale passaggio palese a tutti). L'Italia ha un ottimo esercito ed è a tutti gli effetti l'equivalente occidentale di ciò che era la Bulgaria ai tempi del Patto di Varsavia. Spero che ora a destra la smettano di raccontare la ca..ata che questo governo è quello che difende la sovranità italiana e che impedisce l'avvento delle forze atlantiste. A meno che non mi si dica che la Dal Molin, Camp Darby e co. sono un esempio di sovranità... Antonio Cara Lara, non è un caso che io abbia titolato "l'utile idiota" il mio post. Machiavelli ci ha insegnato le dinamiche del Leviatano e nei rapporti tra Stati non c'è posto per la meritocrazia come la intendiamo normalmente. Come sostiene Garbo un alleato né troppo forte né troppo debole è ideale perché ricattabile. A tal proposito torna utile ricordare un "ammonimento" che Giuliano Ferrara diede a Flores d'Arcais in una tavola rotonda. “Se vuoi fare politica devi essere ricattabile”, disse Ferrara e d’Arcais, stupito, cercò di correggerlo “No, hai sbagliato, forse dovevi dire...volevi dire, non devi essere ricattabile". Ferrara aveva detto proprio quello che intendeva dire e specificò "Devi essere ricattabile perché nell’ambiente devono sapere qual'è il tuo prezzo e quanto è lungo il tuo guinzaglio. Se sei non ricattabile, non sei controllabile e quindi non ti ci vogliono e non fai politica." Che dire? Quando davanti ad uno stupito, come d'Arcais, siede uno stupido può persino accadere che, paradossalmente e ignobilmente, lo stupido abbia ragione! Agli USA l'Italia fa comodo, come sostiene Il Giova, perché la geografia ci ha messo in una posizione strategica. Nel Mediterraneo, un bacino che rappresenta meno dell'1% delle acque mondiali, si muove più del 20% del traffico mondiale di prodotti petroliferi e l'Italia sta al centro di questo bacino, gli USA lo sanno ed per questo, oltre che per le storiche ragioni post guerra, che hanno tante basi militari in Italia. Quanto alla capacità dell'attuale destra di riconoscere che questo è un problema di sovranità permettimi, caro Il Giova, di dubitarne. Questa è gente con le antenne corte, se riescono a pensare che quando il cielo è coperto di nuvole è segno che viene a piovere è già troppo!

SABATO 19 FEBBRAIO 2011

Momenti solenni
Ho letto su alcuni blog (nel blog di Lameduck e in quello di Alberto) la proposta di organizzare per il 6 aprile prossimo un appuntamento davanti al Palazzo di Giustizia di Milano, ciascuno con una buona manciata di monetine in memoria di un altro storico momento della storia patria. Per ammissione dello stesso Alberto la proposta è una boutade perché "quando la storia si ripete diventa una stantia sceneggiata". Ha ragione Alberto a suggerire modi di manifestare che siano più creativi, "dalle pernacchie in poi", raccogliendo le osservazioni di Zio Scriba. Da qui prendo le mosse per fare una proposta che non è per niente una boutade ed è invece estremamente seria, direi quasi solenne. Di solito nei momenti più alti della nazione ci si unisce nel fatidico minuto di silenzio che si può osservare in ogni luogo, al lavoro, per strada, in casa, ovunque. Tutti si fermano per un minuto di solenne raccoglimento, in piedi, mano sul cuore e in religioso silenzio. Ebbene, sulla scia di quella manifestazione di solennità per il 6 aprile propongo il "minuto del pernacchio" da osservare con la stessa identica solennità del minuto di silenzio, in piedi e con la mano sul cuore. Caro Alberto, altro che pernacchie, qui parliamo di ben altro e siccome la cosa richiede preparazione, studio e abnegazione tocca prepararsi per tempo per arrivare pronti all'appuntamento. Quale miglior Maestro di Eduardo De Filippo per studiare la difficile pratica del pernacchio? Da L'oro di Napoli, Vittorio De Sica, 1954. Il professore. Il 6 aprile non c'è bisogno di andare a Milano davanti al Palazzo di Giustizia, anche perché il celebre ospite atteso per quella data potrebbe trovare mille scuse (ops! legittimi impedimenti) per non presentarsi.

160

Potremmo invece metterci d'accordo per un'ora precisa, diciamo mezzogiorno, e quando l'orologio scatta si parte all'unisono da tutti i punti d'Italia con il minuto del pernacchio. Se cominciamo il tam tam da subito potremmo arrivare preparati al giorno designato!

LUNEDÌ 21 FEBBRAIO 2011

La sovranità secondo Frattini

Mentre la rivolta in Libia viene soppressa nel sangue il governo italiano non muove un dito. Il capobranco dice che non vuole disturbareil suo amico e il ministro degli esteri Frattini preferisce "non interferire per rispetto della sovranità dei popoli". Solitamente un esponente politico di un paese democratico quando usa l'espressione "sovranità dei popoli" sottende una sovranità che è espressione del popolo. Chiunque sano di mente, mediamente intelligente e minimamente acculturato sa benissimo che il caso della Libia non è questo, per cui il ministro Frattini di quale sovranità parla? Di quale popolo parla? Non sarà più chiaro e onesto il ministro se confessa che non vuole interferire, come il suo padrone gli ha imposto, con il sovrano libico? Non sarebbe più chiaro se dicesse che il governo preferisce tenersi buono il tiranno Gheddafi perché freni l'immigrazione in Italia - facendo sparire i profughi nel deserto ma queste sono cose che non preoccupano più gli italiani, l'importante è non avere cartacce davanti al portone di casa - e continui a fornirci quasi un terzo del petrolio e più del 10% del gas naturale che ci serve? *** Nel numero di novembre/dicembre del 2010 di Reset un articolo di Larry Diamond ha dato avvio ad una tavola rotonda sui motivi dell'assenza di democrazia nei paesi arabi, con un tempismo quasi profetico, visto le successive rivolte nell'area mediterranea che ancora a dicembre nessuno poteva prevedere. Diamond mette in guardia dal considerare il fattore religioso quale principale ostacolo all'affermazione della democrazia nei paesi musulmani (arabi e non), infatti si danno molti casi di paesi dove democrazia e islam convivono senza particolari problemi (come India e Indonesia). Nella sua analisi Diamond cerca spiegazioni nella geopolitica e nella struttura economica che non ha fatto altro che rafforzare regimi autoritari preesistenti. La rappresentanza democratica è il risultato di una partecipazione alla distribuzione di una ricchezza limitata, secondo lo slogan "no taxation without representation". Se la ricchezza di un paese è tale da non rendere necessaria la tassazione, come è il caso dei paesi la cui economia si basa prevalentemente sulla rendita da petrolio, allora cade la motivazione alla rappresentanza democratica e il vecchio slogan si rovescia nella realtà politica in "niente rappresentanti senza tasse". Questo è stato finora il paradigma della mancanza di democrazia nei paesi con enormi risorse petrolifere, come la Libia o l'Algeria (non è il caso dell'Egitto o della Tunisia). Tuttavia, sono molti i fattori che entrano in gioco nelle dinamiche sociali complesse come quelle che stanno investendo l'area mediterranea e la presenza di risorse petrolifere spiega solo una parte del fenomeno. Le recenti rivoluzioni di piazza nell'area mediterranea dimostrano che le risorse petrolifere non sono sufficienti a spiegare i regimi politici ed è evidente che nei paesi ricchi di petrolio qualcosa scricchiola nella distribuzione di ricchezza che ha mantenuto bassa la motivazione alla democrazia - la forbice tra clan al potere e popolo si è fatta troppo ampia per essere assorbita efficacemente nelle forme di riconoscimento sociale che hanno retto finora. Da parte mia osservo che dei numerosi articoli di Reset che hanno partecipato al dibattito intorno all'articolo di Diamond - firmati da Massimo Campanini, Stefano Allievi, Emma Bonino e Giuliano Amato, tra gli altri -, nessuno mi è sembrato tenesse in debito conto il ruolo, direi attivo, dei paesi (apparentemente) democratici nel frenare lo sviluppo della democrazia nei paesi musulmani - semmai si fa riferimento al timore occidentale che la democrazia nell'islam divenga strumento del fondamentalismo dei fratelli musulmani, Hamas docet, e questo rivela in definitiva quanto i paesi occidentali abbiano paura della democrazia, paura celata sotto le mentite spoglie della prudenza. Lo stesso Diamond sostiene, in maniera del tutto autoassolutoria (ed errata, a ragion veduta) in quanto americano, che l'Iraq potrebbe fare da apripista nella domanda di democrazia nei paesi musulmani, di fatto legittimando la cosiddetta "esportazione di democrazia" perseguita da un governo criminale e sostenuta da alleati altrettanto criminali. Poca o nessuna attenzione viene rivolta al fatto che la democrazia è in sé una struttura di potere complessa, più complessa di un qualsiasi regime autoritario in cui la linea del potere è corta e lineare, contrariamente al 'flusso' di potere diffuso, lungo e ramificato che potrebbe descrivere una democrazia. Solo marginalmente Diamond parla delle "forze esterne" che aiutano i regimi autocratici "a conservare il proprio ruolo" lasciando sottinteso che il motivo del sostegno economico e militare è la domanda energetica dei paesi occidentali ma evitando di dire che un regime autocratico fa comodo proprio alla soddisfazione di quella domanda. In sostanza l'Italia sta dimostrando come per molti paesi occidentali, più attenti ai propri interessi economici che all'affermazione dei diritti, sia molto più facile e redditizio avere a che fare con strutture di potere semplici che fanno capo ad un singolo soggetto

161

anziché avere a che fare con strutture complesse tipiche della democrazia. Quando il potere è concentrato la linea di comunicazione è molto più breve e le trattative sono più rapide. In questi casi le transazioni praticamente volano. *** Preferirei sentirmi dire che bisogna tenere spenta la luce e i riscaldamenti, che bisogna ridurre l'uso delle auto per risparmiare sull'energia che viene dalla Libia anziché far parte di un paese governato da un tizio che appoggia un dittatore che fa bombardare il suo popolo dall'aviazione militare.

COMMENTS:

web runner Evidentemente c'è qualcuno che ha la sovranità sul cervello di Frattini. Quel poco. illuminismo Ok, e l'invasione di disperati che i dittatori come Gheddafi frenano? Capiamoci, non sto dicendo che sostenere Gheddafi e altri macellai sia non solo eticamente, ma anche strategicamente una mossa brillante. Però qui si tratta di ripensare la politica estera dell'Occidente. Finora è stato fatto molto poco, per esempio si è spesso voluto scindere la lotta alla mafia dal governo dell'immigrazione. Eppure mi sembra che le stesse mafie abbiano il monopolio nella tratta di droghe, donne e immigrati. Non sono problemi separati. Ed è tutto molto complesso, quando non ci si rassegna a slogan populisti stile lega o ad un vuoto galleggiare al seguito dell'Impero, stile Frattini. Attendo post più lunghi e ragionati, con vero interesse. Intanto complimenti per il blog! il monticiano Un'analisi cruda e lucida di quanto sta accadendo da qualche tempo sia nel Nord-Africa che in Italia. Complimenti. Antonio Web, il ducetto ha bisogno di schiavi perfetti, ossequiosi ed obbedienti, quindi s'è assicurato in anticipo che non ci fosse gran sforzo da fare per governare scatole craniche vuote. Illuminismo, intanto benvenuto in questo blog. Confesso che il tuo commento mi ha un po' spiazzato, non capisco se il tuo riferimento ai disperati sia una critica a quello che scrivo o semplicemente uno spunto per sottolineare la necessità di un governo dell'immigrazione. Quello che dici sulla complessità è vero e infatti quando un soggetto si mette alla guida di un paese io mi aspetto ed esigo che sappia governare la complessità, non mi basta uno psicopatico che si circonda di decerebrati frustrati. Grazie per i complimenti ma per la tua attesa di "post più lunghi e ragionati" devo deluderti, se li scrivo ancora più lunghi me li leggo praticamente da solo, in quanto al 'ragionati' temo che tu mi stia sopravvalutando! Monticiano, è un piacere rivedere un tuo commento. E' triste dover dire certe cose del proprio paese ma non sarei onesto a non farlo. Alberto "cerca spiegazioni nella geopolitica e nella struttura economica che non ha fatto altro che rafforzare regimi autoritari preesistenti." E noi occidentali abbiamo una grande responsabilità nel rafforzamento di questi regimi in cambio del petrolio. illuminismo Certo Alberto, e altri occidentali (gli USA) hanno una grossa responsabilità nell'attuale emergenza democratica del nostro paese, come ha mostrato Wikileaks. La realtà è complessa. Antonio, dicevo solo che non si può esultare acriticamente, è giusto essere preoccupati e coinvolgere l'Europa. Il governo Berlusconi non lo sta facendo (se non per gettare fumo negli occhi), mentre la Lega addirittura si compiace perché ci guadagnerà voti, dimostrando che del paese non gliene frega niente!

162

Di fronte alla marea umana, insomma, le destre europee moriranno sull'attenti, stolide e giulive come hanno vissuto. E le sinistre?

LUNEDÌ 28 FEBBRAIO 2011

Eccellenti promoter
E' sempre doloroso dover sterilizzare i propri animali domestici ma a volte è necessario farlo.

Dall'associazione animalista tedesca PeTA

L'associazione animalista ha lanciato una campagna di sensibilizzazione in tedesco, inglese e italiano. Visitate il sito di PeTA.

VENERDÌ 11 MARZO 2011

Sottoscrivo!
Chi ha visto la trasmissione AnnoZero ieri sera sa che Tremonti non ha risposto alle domande di Giacomo Russo, chi non l'ha vista può farlo al sito di AnnoZero. Tremonti ha detto che non risponde quando gli attacchi vengono portati in maniera personale. Balle! Di argomenti Giacomo Russo ne ha sollevati tanti, troppi per Tremonti. Le domande erano precise. Quale progetto di sviluppo ha in mente Tremonti, se ne ha uno? Quale disegno vuole dare all'economia, se ha un disegno? Quale criterio ha adottato per i tagli, se ne ha adottato uno? Anziché fare lezioncine ridicole per i suoi elettori il ministro dell'economia potrebbe studiare un po' e magari abbozzare qualche risposta. *** DOMANI 12 MARZO 2011, ANCORA UNA VOLTA IN PIAZZA IN DIFESA DELLA COSTITUZIONE.

COMMENTS:
Berica sottoscrivo anch'io! Antonio Berica benvenuta in questo blog, lieto di averti tra i miei lettori. Spero non ti dispiaccia se al post ho aggiunto qualche breve considerazione, stamattina ero troppo di fretta per farlo. Nounours(e)

163

Il ragazzo era giustamente accalorato dall'indignazione e Tremonti ha fatto la figura del tubo o meglio del professore suscettibile con la puzza sotto il naso...la sua! Antonio Cara Nou, Giacomo era sicuramente alterato ma la verità è che la gente come Tremonti rifugge il confronto, allora quella rabbia io la vedo nel contesto della necessità e dell'urgenza di farsi sentire da chi ha potere ed è sordo alla voce del paese. Come ho già detto in un post precedente, se agiti una bottiglia di spumante e poi ti scoppia in mano non puoi lamentarti che il vetro della bottiglia non ha retto! Nounours(e) Ciao Antonio, condivido pienamente con te. Ho seguito la trasmissione e avevo già maturato la mia impressione. Non interessa la vita della gente a nessuno dei governanti: chi ragiona in funzione del denaro e dei conti, chi in funzione delle regole e delle istituzioni. La vita, quella del primo gradino della società (o dell'ultimo da come viene considerato) non è contemplata. Le persone che comandano non sentono la necessità di interessarsene. Credo che pensino che quello che ci hanno permesso di ottenere in passato sia troppo e che dobbiamo ritornare a patire e morire, in fondo siamo così numerosi che un sfoltimento non può che essere salutare per questa stanca economia. Speriamo di poter resistere fino a che si riprenda a risalire la china. Ho appena sentito sentito in tv uno scrittore affermare tranquillamente: "quando ci comanderà la Cina, allora la scuola (io aggiungo l'economia) cambierà" - E ha sottolineato- "loro lo faranno il cambiamento!" Sentendo Giacomo Russo, ho dentro di me la speranza che non abbiamo bisogno dei cinesi a dirci che fare. Ciao, Nou. P.S. ho appena saputo che fra qualche ora, penso un paio, diventerò nonna...posterò sul mio blog...un abbraccio Antonio Auguri Nou per il nuovo arrivo e tanti in bocca al lupo per la mamma, aspetto di leggere la notizia sul tuo blog.

DOMENICA 13 MARZO 2011

Quando i luoghi sono simboli
"Il Wisconsin Plan, che era stato elaborato congiuntamente da economisti e politici, comprendeva una legge d'avanguardia sugli impiegati statali, la regolamentazione dei tassi reali delle obbligazioni emesse da imprese pubbliche, un limite ai tassi d'interesse usurai (anche se questo limite era fissato al livello ancora proibitivo del 3,5 per cento al mese, ossia 42 per cento all'anno), il sostegno al movimento sindacale, un'imposta statale sui redditi e infine, nel 1932, un sistema statale di sussidi di disoccupazione. Quest'ultimo ebbe un effetto penetrante su atteggiamenti economici e politici; nient'altro diede un contributo così diretto alla legislazione federale sull'argomento tre anni dopo. E ancora una volta furono Commons e gli economisti del Wisconsin a svolgere una funzione di guida nel progetto federale. [...] Ogni visita alle origini dello Stato assistenziale deve comprendere un rispettoso soggiorno a Madison, nel Wisconsin." John Kenneth Galbraith, Storia dell'economia. Rizzoli, 1988, pp. 239-240. Racconto questo episodio della storia economica e sociale degli Stati Uniti d'America perché dalla metà di febbraio scorso a Madison si sta consumando una vera e propria rivolta da parte di decine di migliaia di lavoratori pubblici, tra cui veterani di guerra in Iraq, che protestano per una legge promossa e poi approvata dalla maggioranza repubblicana che guida lo Stato del Wisconsin. Manifestazioni fiume, occupazione della sede dell'Assemblea per giorni interi fino alla resistenza passiva per opporsi ad una legge che ridimensiona il potere contrattuale dei lavoratori del settore pubblico. In poche parole, per sanare il disavanzo dello Stato e porre un freno alla crisi economica il governatore repubblicano Scott Walker ha deciso di intervenire sui dipendenti pubblici, aumentando le ritenute fiscali per il fondo pensione e sanitario

164

ed eliminando il diritto alla contrattazione collettiva. Si ritorna ai contratti individuali, si possono contrattare solo i salari, viene negato il diritto allo sciopero, si prevedono sanzioni per quei lavoratori che decidono di partecipare a qualche manifestazione, non si può negoziare né la copertura sanitaria né le pensioni. Questo è quanto si prevede per migliaia di dipendenti pubblici americani - dovrebbe ricordare qualcosa di simile anche qui da noi a testimonianza del fatto che il mondo è proprio piccolo! Per farla ancora più breve, la crisi non la risolve chi l'ha provocata ma chi l'ha subita! Quelle proteste hanno giustamente preso molta parte della stampa americana, Michael Moore dice che si tratta di una lotta di classe, Naomi Klein parla di un assalto frontale alla democrazia, un economista comePaul Krugman parla di una destra che non vuole risolvere i problemi ma che è solo intenzionata ad imporre una visione di "una società più dura, più diseguale e meno democratica." Tutto questo accade nel Wisconsin nella più o meno generalizzata indifferenza della stampa italiana. Del resto con il Mediterraneo che brucia, il Giappone inghiottito da un maremoto con il ritorno del terrore nucleare e le "riforme epocali" del più grande leader che l'Italia è stata in grado di partorire nell'ultimo secolo e mezzo non si può certo pretendere di trovare un trafiletto per queste faccende! Ad ogni modo se ne è parlatoqui e qui, quando il movimento è nato (16 febbraio), qui poco prima dell'approvazione della legge e qui subito dopo l'approvazione della legge (10 marzo). Sarà che io amo vedere strani nessi nella storia ma trovo fatalmente significativo che nello Stato del Wisconsin, dove l'America ha visto nascere lo Stato sociale, si stiano facendo le prove per portarlo alla sua fine. Spero fortemente che abbia ragione quel lavoratore in uno deivideo della protesta di Madison quando dice "enough is enough" (Quando è troppo è troppo!). "Ogni visita alle origini dello Stato assistenziale [negli USA, nota mia] deve comprendere un rispettoso soggiorno a Madison, nel Wisconsin", diceva Galbraith.

MARTEDÌ 15 MARZO 2011

Cause scatenanti
"Sono tre i reattori nucleari che presentano preoccupanti malfunzionamenti nella centrale di Fukushima Daiichi, in Giappone. I problemi sono nati per la difficoltà a rifornire di energia elettrica i sistemi di sicurezza della centrale. La causa scatenante è stato il gigantesco Tsunami che si è abbattuto sulla costa, in seguito al più intenso terremoto della storia del paese, che ha devastato la regione dove sorge la centrale." Questo era in evidenza ieri mattina sul sito del Forum Nucleare Italiano, il sito nato per informare e rilanciare l'energia nucleare in Italia. E' curioso il modo dare spiegazione causale del rischio nucleare in Giappone. Si va a ritroso, con effetto flashback, prima c'è "la difficoltà a rifornire di energia elettrica i sistemi di sicurezza della centrale", poi il gigantesco Tsunami, la causa scatenante. Mi sono tornate in mente le quattro cause individuate dal maestro di color che sanno e ho pensato che manca la causa materiale: è una centrale nucleare. Non che tutte le 4 cause di Aristotele siano state esenti da critiche nell'epistemologia successiva, ma mi sembrava che la causa materiale avesse retto alle critiche!

COMMENTS:
Riverinflood I lobbisti mondiali del nucleare sono immuni da terremoti, da radiazioni e dal morbillo. Noi, no. Quindi occorre fare in modo che questi signori vengano deprivati [anche in modo poco pacifico] del loro unico scopo: il profitto basato sulla vita dell'umanità. Forse che questi non ci usano violenza con le loro centrali? Antonio Non ti preoccupare River, con tutti i soldi che abbiamo risparmiato tagliando il cemento con la sabbia vedrai che faremo le centrali più belle e sicure dell'universo intero! Alberto

165

La situazione in Giappone si fa sempre più seria. Aspetto le dichiarazioni dei convinti nuclearisti italiani. Adriano Maini Ho letto con molta attenzione il critico articolo di Mario Pirani oggi su "la Repubblica". Rinvierei a quello. Antonio Questa vicenda terribile rimanda all'eterna impotenza dell'uomo di fronte a quanto ignora, impotenza per molti insopportabile che il rifugio nella tecnologia consente di rimuovere - alquanto malamente. Grazie Adriano per la segnalazione, cercherò e leggerò l'articolo di Pirani, io ricambio rimandando a La ginestra di Leopardi e ad un bellissimo articolo di Barbara Spinelli dove la paura diventa emozione autenticamente etica e fondamento di responsabilità, non una vuota parola in mano a dei bulli che fanno di tutto, compreso preparare l'apocalisse, pur di autostimarsi. http://www.leopardi.it/canti34.php http://www.repubblica.it/esteri/2011/03/16/news/spinelli_commento-13663577/ Cavaliere oscuro del web I danni del nucleari durano secoli e causano molte vittime negli anni.Il nostro futuro è nelle fonti rinnovabili;pulite e inesauribili.Saluti a presto Maximillian Cohen I lobbisti del nucleare puntano sulla scusa del ritorno all'atomo per risparmiare, ignorando che ci sono fonti di energia alternativa che farebbero risparmiare molto di più senza incorrere in simili rischi. Tuttavia, la ragione principale è invero un'altra: come ha mostrato "Annozero" nella sua ultima puntata di giovedì, Grillo denunciava il fatto che con le centrali nucleari, sarebbe possibile vendere ad uno stato estero il proprio debito pubblico. Mi spiego meglio: la Francia si accolla 510 miliardi del nostro debito (meno di un terzo del totale) e noi, in cambio, costruiamo 4-5 centrali nucleari, in una nazione che NON è al riparo dai terremoti, eccetto (forse, e dico forse) la Sardegna. I disastri che potrebbero creare le radiazioni nucleari, come dice correttamente "Cavaliere oscuro del web", potrebbero essere durature e disastrose, ma pur di non avallare qualche proposta della sinistra, a quanto pare si è disposti a sacrificare anche la sicurezza dei propri cittadini. Siamo all'assurdo. Giancarlo Antonio La faccenda che il nucleare serva a dare sicurezza e risparmio al fabbisogno energetico italiano è una gigantesca fola che i fatti smentiscono e alla quale possono credere solo dei palazzinari che vivono a loro insaputa. I costi della produzione elettrica sono tra i più alti, la sicurezza totale c'è solo nella mente degli dei e di qualche idiota - curioso accostamento! - nessuno sa ancora dire dove mettere le scorie radioattive e pochi tra quelli che osannano il nucleare sanno di cosa stanno parlando. E' l'ennesima 'strategia' per aumentare l'offerta di energia e lasciare briglia sciolta ai consumi, è qui che si 'consuma' quello che resta della sindrome di onnipotenza che caratterizza la condizione infantile. Non ho visto AnnoZero giovedì e non ne sono pentito (francamente le 'analisi' di Grillo non mi entusiasmano), ero in 'ritiro' in un caseificio di parmigiano reggiano dove il maggior rischio (per me) è il tasso di colesterolemia!

MARTEDÌ 22 MARZO 2011

Casi umani
166

"Il terremoto è stato un battesimo di sofferenza che ha purificato la loro anima da tutte le macchie anche le più lievi e grazie a questa morte tragica la loro anima è volata al cielo prima del tempo perché Dio le ha voluto risparmiare un triste avvenire." A dirlo è Roberto De Mattei (già ospite di questo blog), vicepresidente del CNR, su Radio Maria. Le parole sono di monsignor Mazzella, arcivescovo di Rossano Calabro, parole che De Mattei fa sue. Ho appreso la notizia dal blog Bioetica ma la trovate anche su LaStampa.it. Già il governatore della provincia di Tokio aveva detto che lo tsunami era "una punizione dal cielo", poi si è scusato con la popolazione. Da parte mia dico soltanto che il dottor Pangloss, con la suateologocosmoscemologia, sarebbe stato più credibile. Voltaire non ha insegnato nulla a questa gente e, dovesse esistere, persino Dio si guarderebbe dal dare prova della propria esistenza per la vergogna d'aver creato simili soggetti. E pensare che basterebbe il silenzio per sentire dignitosamente il dolore degli altri ed il proprio anziché cercare spiegazioni facili per colmare l'incolmabile.

COMMENTS:
web runner Fosse così dovremmo attendere da noi un terremoto dieci volte più forte, tale da purificare l'anima, la coscienza e la mente malata di de Mattei. Ma il triste avvenire è tutto nostro, se al vertice del CNR c'è un lobotomizzato così (credo si chiami fuga dei cervelli. Peccato che le bocche continuino a parlare incontrollate). Zio Scriba Oppure dovremmo dar ragione al gnosticismo (da non confondere con l'agnosticismo): un mondo creato da un deucolo scarso e cretino, di ottava categoria, un malvagio deuzzo minore e minorato, che oltre a crearlo maluccio (per imprigionare anime) si mette poi pure ad aggiungere ulteriore casino. Una cosa è sicura: certe sotto-menti TUMORATE di dio rappresentano il gradino più basso dell'intelletto umano. Adriano Maini Quando ci vuole, ci vuole. Rispondere con una bella pernacchia alla Eduardo De Filippo! Berica Speriamo che con una benedizione passi tutto! Basta un poco di zucchero e la pillola va giù... Nounours(e) Menti contorte e bacate: mostriciattoli!, che non hanno mai conosciuto l'umanità e mi piacerebbe proprio sapere in nome di quale Dio pretendono di parlare. Se mi capita d'incappare in Radio Maria cambio immediatamente stazione come quando cambio canale nella tivù spazzatura. Dio ci ha fatti in modo mirabile ci ha dato tutto ciò che sarebbe utile a realizzare la nostra felicità, ma se noi ci siamo organizzati in una schifezza Lui non c'entra di sicuro. A causa di questi dementi io non pratico nessuna religione (di indottrinati se ne trovano ovunque). Che le vittime delle catastrofi perdonino questi esseri volgari perché non sanno quello che dicono. Antonio Carissimi, cosa posso dirvi? Web non c'è niente che possa "purificare l'anima, la coscienza e la mente" se poi manca la materia prima! Ha ragione Zio Scriba quando parla di menti tumorate di Dio. Zio Scriba non sai quanto hai ragione (forse ci dedicherò un post a questa faccenda), il mio unico dubbio è se rappresentino il gradino più basso, al peggio non c’è mai fine! In quanto alle tesi della gnosi, le ho sempre trovate affascinanti, anzi ti dirò che in una loro rivisitazione, dove la divinità creatrice non deve essere necessariamente malvagia, l'idea di un Dio a cui sfugge di mano il creato non è per niente da sottovalutare. Adriano, mi cadi su un punto fondamentale, Eduardo diceva che la pernacchia è una cosa volgare mentre il pernacchio è tutt’altra cosa, qui trovi la spiegazione del Maestro. ;-)

167

Berica, bastasse una benedizione. Hai toccato il nervo della questione, basta un poco di zucchero e la pillola va giù. Ma basta davvero un poco di zucchero? Nou, concordo con te quando dici che sono dei mostri, rendono il mondo un pessimo posto in cui vivere, pensano di spalmare amore a destra e manca come si spalma la marmellata. C'è solo da provare vergogna per questi individui. Quanto al fatto che Dio ci abbia fatti in modo mirabile, permetti ad un evoluzionista ateo di nutrire qualche dubbio ma ti capisco quando dici "se noi ci siamo organizzati in una schifezza Lui non c'entra di sicuro" e come ho scritto prima l'idea di un Dio debole mi piace, penso alla riflessione di Bonhoeffer ma non è qui che intendo parlarne (qui puoi leggere qualcosa). Antonio Sulla scia di quello che si è detto mi è tornato in mente un libro che ho letto tanto tempo fa di Franco Ferrucci, si chiamava Il mondo creato. Trovate in questo sito una breve descrizione, ve ne consiglio la lettura, ne vale la pena. Adriano Maini @Antonio: Mea culpa! Spero che la penitenza non sia improba! Antonio @Adriano: ma nooo! solo studiare con dedizione la difficile pratica del pernacchio di Eduardo ed unire "testa e cuore" in quel momento solenne! ;-))) Maximillian Cohen Se è per questo, ed io per evidenti motivi, c'è un altro blog (che qui non posso linkare per motivi di Copyright) dove uno degli autori benedice la Apple per aver inserito tra le sue "App" una che promuove la "guarigione" dall'omosessualità. E che vuoi aggiungere più? :) Giancarlo Antonio Giancarlo, il bello del pernacchio è che può essere indirizzato a chiunque, è veramente democratico! Hai fatto bene a non linkare il blog benedicente, per ragioni estetiche, più che di copyright. Come ho scritto nel disclaimer dei commenti, non tollero la spazzatura, per cui avresti rischiato di non vedere il tuo commento per via del link. ;-) Garbo Caro Antonio, davanti a tanta imbecillità non trovo parole adeguate per esprimermi se non quelle di Zio Scriba (che mi ha preceduto nei commenti): "menti tumorate da dio". O in alternativa la sacrosanta esclamazione di Rambaldo Melandri del film Amici Miei, che linko: http://www.youtube.com/watch? v=73mbCMzcumg. Ciao Antonio Caro Garbo, m'ha divertito un sacco rivedere quella scena. In due battute il grande Monicelli ha fatto vedere chiaramente come certa teologia "faccia acqua" da tutte le parti. A presto. ;-) Garbo Caro Antonio, non ci puoi fare una teologia, istituire una catechesi, su un Dio che è amore; abbiamo avuto modo di parlarne in precedenza. Secondo me un Dio che è amore conduce inevitabilmente al nichilismo e all'ateismo moderni. Ciao dimissionidemattei

168

http://bit.ly/dimissionidemattei Chiediamo al Consiglio Nazionale delle Ricerche le dimissioni del Prof. Roberto de Mattei, vicepresidente del CNR per l'evidente incompatibilità con l'incarico conferitogli e le sue affermazioni che lo pongono al di fuori del pensiero razionale e dell'esperienza e comprensione del mondo mediata dal metodo scientifico. marina volevo segnalare l'articolo di gramellini sull'argomento: http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp? ID_blog=41&ID_articolo=971&ID_sezione=56&sezione= Antonio Caro Garbo ti riferisci sicuramente allo scambio di battute che abbiamo avuto in questo post, sebbene io sia sostanzialmente d'accordo con te quando dici che che la "prescrizione dell'amore" apre una dimensione paradossale nel discorso teologico ammetterai che un argomento così complesso non lo abbiamo neanche sfiorato e dopotutto, come già Tertulliano insegnava, l'assurdità non è un difetto del cristianesimo quanto una sua peculiarità - almeno per quel che concerne la centralità dell'amore. Quanto al filo conduttore che dal cristianesimo conduce al nichilismo mi pare che Heidegger avesse già rilevato la faccenda a suo tempo. Quell'uomo era straordinario, era in grado come pochi di vedere il nesso tra storia e nichilismo tanto da cercarne una prova empirica nelle sue simpatie politiche! Al blogger di dimissionidemattei dico grazie per aver promosso la petizione per chiedere le dimissioni di De Mattei dalla vice presidenza del CNR, petizione che sottoscrivo senz'altro. In un paese normale sarebbero dimissioni dovute perché De Mattei sta al discorso scientifico come Ratzinger sta a quello teologico ma qui siamo in Italia, ognuno può parlare di quello che più gli aggrada senza dover rendere conto di quello che dice! Cara Marina, grazie della segnalazione. Sono senza parole, segnalerò al signor Voltaire l'increscioso plagio che la sua opera ha subito da parte di Gramellini. ;-)

MERCOLEDÌ 23 MARZO 2011

La normalità della guerra
«Ed eccoci qua. L’ottavo anniversario di “dominio rapido” e dell’invasione in Iraq. Dieci anni in Afghanistan. La guerra è così normale, così banale, che noi semplicemente l’accettiamo - come controllare il bollettino meteo giornaliero - nuvoloso, con possibilità di malinconia e di morte. … Will Eddie una volta mi disse “la Storia è soltanto un vecchio martini con un tocco di fresco.” Le parole e le frasi si riversano attraverso le onde radio: i nostri coraggiosi uomini e donne - azione giustificata in difesa della libertà - il pieno sostegno delle Nazioni Unite - congelare le risorse - ampia coalizione - Risoluzione dell’Onu - la forza non è la nostra prima scelta - potenza aerea schiacciante con precisione di puntamento. E così va. Una nuova guerra fatta della stessa vecchia carne e bombe. … Nessun problema dunque, questo sarà un intervento breve. Una questione di giorni e poi passerà alla supervisione della NATO. Un paio di missili, alcune bombe su obiettivi accuratamente selezionati e sarà

169

tutto finito. Pulito. Lontano. Nessun coinvolgimento. Morte tecnologica. Senza troppe complicazioni. Guerra lunga, guerra breve, e intervallo tra le guerre. Taglia unica buona per tutti. Fai un passo avanti. La guerra è la nostra nuova normalità.» Questo articolo, secco come un chiodo arrugginito, è stato scritto da John Cory per Reader Supported News. Mi ha colpito proprio la sua asciuttezza. *** Nella risoluzione ONU S/RES/1973 sulla situazione in Libia, approvata il 17 marzo (qui l'originale e qui una sintesi in italiano) si legge al paragrafo 2: "Si sottolinea la necessità di intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi che risponda alle legittime richieste del popolo libico e si prende atto delle decisioni del Segretario Generale di mandare il suoi inviati speciali in Libia e del Consiglio per la Sicurezza e la Pace dell'Unione Africana di inviare i suoi Alti Commissari in Libia con l'obiettivo di facilitare il dialogo per portare alle riforme politiche necessarie per trovare una soluzione pacifica e sostenibile." al paragrafo 4 si legge: "Autorizza gli Stati membri che hanno notificato al Segretario Generale, agendo a livello nazionale o attraverso organizzazioni o accordi regionali, che operano in collaborazione con il Segretario generale, ad adottare tutte le misure necessarie, [...], per proteggere i civili e le aree occupate da civili sotto minaccia di attacco nella Jamahiriya araba libica, compresa Bengasi, escludendo una forza di occupazione straniera in ogni forma su qualsiasi parte del territorio libico [...] " La risoluzione è stata approvata il 17 marzo, due giorni dopo, il 19 marzo, è cominciato l'attacco aereo e il lancio di missili dai sommergibili e dalle navi, esattamente quello che la risoluzione ONU non contemplava, nonostante tutti si ammantino del mandato dell'ONU. Difficile pensare che in soli due giorni siano state tentate tutte le vie per una soluzione diplomatica, ancora più difficile pensare che la "macchina da guerra" non fosse già pronta per partire visto che in appena due giorni era già operativa. Come dice Gino Strada, se il massimo del ragionamento degli esseri umani è "io ti bombardo, io ti ammazzo" non lamentiamoci dei pitbull. (Grazie a Rosa per aver pubblicato il video di Gino Strada).

COMMENTS:
Garbo Caro Antonio, c'è una normalità della guerra, agghiacciante, terrificante, ma è come un'abitudine insidiosa che sfiora il cinismo, che fa dire a sociologi, a psicologi, a psicoanalisti, a politici, ecc. che l'aggressività è nell'uomo, e che il suo manifestarsi è inevitabile. Una normalità smentita dalle grandi menti della cultura dell'Occidente, da Montaigne e da Etienne de la Boétie, che nel cinquecento nel cuore delle guerre di religione continuavano a chiedersi con angoscia: "Cos'è questa follia che attraversa l'Europa?". Poi, ci sono le guerre come emergenze, sono già li, solo in giorno prima non se ne sapeva nulla, si va bene qualcuno l'aveva detto che la situazione li era critica, però è passato inosservato. Che fare? Non vorremo forse andare li con la diplomazia a discutere con quelli che usano i missili, con i fanatici, con i fondamentalisti, con gli islamici, con gli integralisti, con i talebani, con i pazzi, con che si fa scudo dei propri figli, con chi bombarda i propri civili .... (è incredibile la serie di nefandezze con cui si può raffigurare una parte per renderla odiosa e farla risaltare come in nemico naturale, il cattivo da fermare, da combattere, a tutti i costi, anche usando nefandezze pari alle sue). Sull'onda dell'indignazione e dell'emergenza è facile poi giustificare ogni reazione, ogni contromossa. Rimango sempre più scettico, ho l'impressione che talvolta diamo (democraticamente, s'intende) mandato al piromane di spegnere l'incendio. Un saluto Zio Scriba

170

Non solo io ti bombardo e io ti ammazzo, ma, peggio ancora, io bombardo alla cieca ammazzando chi capita, visto che il tiro al bersaglio sulle popolazioni civili sembra l'unica risorsa del moderno ipertecnologico guerreggiare... Antonio Garbo, Montaigne o pensatori come lui sono emergenze dell'umanità e non è corretto, purtroppo, dire che l'umanità è capace di altrettanto. Dire che l'aggressività è insita nell'uomo, come accettazione di un fatto ineluttabile, è altrerttanto sbagliato. E' vero che siamo a metà strada, come dice il primatologo Frans de Waal, tra gli irascibili scimpanzè ed i pacifici e goderecci bonobo, sta a noi cercare i parenti più prossimi. Zio Scriba, questa storia delle bombe intelligenti se non fosse da piangere sarebbe da creparsi di risate, ma tu l'hai mai visto uno strumento più intelligente del suo utilizzatore?

VENERDÌ 1 APRILE 2011

Post scriptum
PS a questo post dedicato alla protesta dei lavoratori del pubblico nel Wisconsin. Ebbene, ieri un giudice ha fatto quello che migliaia di manifestanti pro-sindacati e il boicottaggio dei legislatori democratici non hanno potuto fare, costringendo il governatore repubblicano Scott Walker a fermare l'attuazione della legge che taglia la paga dei lavoratori pubblici e li priva dei loro diritti di contrattazione collettiva. Il giudice Maryann Sumi nutre forti dubbi sulla legittimità della legge ed ha emesso un'ordinanza che ne blocca l'applicazione in attesa di verificarne i requisiti. Già in precedenza il giudice aveva temporaneamente bloccato la legge. I repubblicani naturalmente sostengono che la legge è ormai in vigore perché è stata votata e pubblicata. Vuoi vedere che c'è veramente un circuito internazionale di giudici comunisti che impediscono alle povere maggioranze di destra di votare degli scarabocchi ed avere la soddisfazione di considerarli legge?

SABATO 2 APRILE 2011

Diario di una massaia di campagna
Ho trovato dei fogli manoscritti custoditi in una cassapanca in soffitta, sul primo foglio c'era il titolo: Diario di una massaia di campagna. Riporto solo le prime pagine che i miei trentanove lettori potrebbero trovare interessanti. Ofelia è pazza d'amore per Mercuzio e Dulcinea è divorata dalla gelosia, eppure erano amiche intime quelle due, è bastato un bel giovane aitante veloce di spada per metterle l'una contro l'altra. Non riesco proprio a farle parlare. Ho scritto a Desdemona della faccenda, ancora non mi ha risposto, mi preoccupa quella ragazza, da quando si è messa con Otello non è più la stessa. La mia migliore amica Laura ha aperto un emporio di acque minerali, mi sembra una bella idea, ho qualche dubbio sul nome: "Chiare fresche dolci acque", secondo me è troppo lungo, non fara strada con quel nome. Invece ho saputo da Beatrice che il suo agriturismo "La Selva oscura" va alla grande, sono davvero contenta. Piuttosto mi preoccupa la sua vita sentimentale. Da quando Dante l'ha lasciata per una ballerina del Moulin Rouge s'è messa con quel Giovanni Tenorio, quel tipo non mi piace affatto e Beatrice non è più spensierata come quando stava con Dante. Stamattina ascoltavo la radio, un tale John Seby Bach ha vinto l'ultimo festival di Castrocaro, il ragazzo sembra una promessa della musica contemporanea ma io non riesco proprio a capire questa nuova musica, troppa batteria, troppo rumore, non ci sono più le melodie di una volta. Per fortuna al secondo posto si sono piazzati gli Iron Maiden. Dopo il festival ho ascoltato il notiziario, i ragazzi dello zoo di Berlino hanno innalzato un muro per dividere i fenicotteri dalle folaghe, ultimamente non facevano che litigare. E' dovuto intervenire il giudice Salomon per dividere le bestie ormai fuori controllo. Povero giudice, quel processo di affidamento che tenne tempo fa l'ha fatto diventare matto. La storia delle due donne che si contendevano il bambino, con un vero stratagemma riuscì ad affidare il bambino alla vera madre e adesso salta fuori che quel bambino si è suicidato perché la madre era troppo possessiva. La notizia ha fatto il giro del mondo e il giudice è distrutto, ne ha fatto una faccenda personale. Ha ripreso a parlare con gli animali e forse per questa sua mania è la persona giusta per risolvere quel guazzabuglio allo zoo.

171

Questo pomeriggio ho ripensato alla lettera che ho scritto all'araba fenice perché ci metta una buona parola prima della prossima fine del mondo, l'ho spedita che era Natale e ancora non mi ha risposto. Forse non si arrischia più ad uscire di casa, l'ultima volta che ci siamo viste mi ha detto che i cacciatori dalle sue parti sono diventati particolarmente agguerriti e non si fanno certo scrupoli a spararle addosso se la dovessero vedere, povera fenice, chissà se si farà più sentire. Oggi è stata una giornata tranquilla, lo zio Ezechiele non ha avuto visioni e il meteo dice che domani farà bel tempo. Cosa si può chiedere di più dalla vita? *** Se credete che questo sia il frutto di una mente malata, che sia privo di fondamento e logica, allora come si classificano le minchiate che si ascoltano di tanto in tanto? Se non è convincente il diario della massaia perché per alcuni diventa convincente la storia di un vecchio bavoso che per scoparsi una minorenne dice che si tratta della nipote di un (ex) dittatore e si inventa la storia dell'incidente diplomatico. Se non siete convinti dell'autenticità del diario della massaia e trovate convincenti le dichiarazioni di un pataccaro qualsiasi purché sorridente e ben vestito allora vi dedico questa graziosa canzoncina che ricorre in molte pagine del manoscritto, pagine che non ho riportato, per brevità.

Foto rinvenuta tra le pagine del manoscritto. Ho qualche ragione di credere che si tratti della massaia o di persona che le è particolarmente cara.

MERCOLEDÌ 6 APRILE 2011

Tesi storiche

L'ineffabile Roberto De Mattei, ancora vice presidente del CNR, ha fornito una esaustiva spiegazione dei motivi che hanno portato alla caduta dell'impero romano. Se tutti gli storici concordano sulla rilevanza dell'evento non tutti sono d'accordo sulle cause della caduta dell'impero. E se già nel 410, in seguito al saccheggio di Roma da parte dei Goti di Alarico, persino San Girolamo scrisse "Si è spenta la luce più viva del mondo" e preso dallo sconforto aggiunse "Se Roma può perire, cos'altro ci resta di sicuro?", era perché non aveva ben compreso che dietro il barbaro conquistatore c'era niente meno che la mano di Dio! Lo storico De Mattei, attingendo a recentissime fonti storiografiche ( De Gubernatione Dei di Salviano di Marsiglia, V secolo), ha stabilito che la causa della caduta dell'impero romano è stato il dilagare di costumi dissennati a Cartagine, in particolare una diffusa omosessualità che ha reso effeminati i romani rendendo facile la conquista da parte del maschiaccio dominatore e barbuto dai modi bruschi e poco gentili di cui Dio, maschio e sicuramente eterosessuale, si è servito per fermare la dissolutezza morale che ormai dilagava tra i pagani. Io non sono uno storico di mestiere ma ad una prima lettura mi pare che l'ipotesi sia un tantino infondata, di Achille per esempio si narra che fosse un gran combattente e Patroclo non era suo cugino, come il kolossal interpretato da Brad Pitt tempo fa voleva far credere! Ma Achille non è un personaggio reale, mi dirà giustamente uno storico di professione. Mah, va a capire come va la storia alle volte!

172

*** Mi torna in mente una lapidaria battuta pubblicata da Spinoza.it un po' di tempo fa: «Il cardinale Barragan: "Trans e omosessuali non entreranno mai nel Regno dei cieli". Sanno troppe cose.» Poi mi torna in mente anche un'altra cosa, che il presidente del CNR è un signore molto serio, il prof. Luciano Maiani, noto in tutto il mondo per la sua attività scientifica. Da una personalità così alta ci si aspetta una netta presa di distanze dalle dichiarazioni assai poco scientifiche del De Mattei. A poco serve appellarsi alla sacrosanta e irrinunciabile libertà di espressione esercitata fuori dall'incarico istituzionale, perché sappiamo tutti che se De Mattei non fosse il vice presidente del CNR quelle sue dichiarazioni sarebbero prese per quello che sono, deliranti farneticazioni di un fanatico fondamentalista omofobo ed esibizionista (e mi fermo qui anche se il barbaro che conquista perché virile mi suscita altre riflessioni!).

COMMENTS:
web runner Beh, non è certo la prima "esternazione" di De Mattei, ma è una delle più ridicole prima ancora che ignobili. Che paese umiliato, nemmeno il CNR ci lasciano intatto, con un baciapile omofobo, creazionista, antirelativista e compagnia alla vicepresidenza. Il Giova Vedo che De Mattei considera del tutto secondari temi come l'elefantiasi dell'Impero, la crisi demografica, la carenza di truppe sufficienti a difendere i Limes, le innovazioni tecniche di alcune popolazioni barbare (ad esempio la cavalleria moderna, con tanto di sella munita di staffe), la spaccatura de facto dell'impero, ecc.... E ignora che uno dei più grandi conquistatori della storia, Alessandro Magno, era vagamente omosessuale.... P.S: anche il cristianesimo ebbe un notevole impatto sulla caduta dell'Impero...sai com'è se viene meno la divinità dell'imperatore... Antonio Se è per questo ignora anche i costumi 'disdicevoli' di Giulio Cesare e di Adriano, le ipotesi che legano la caduta dell'impero romano alle condutture in piombo per l'acqua potabile, le ipotesi che riguardano le migrazioni dei barbari in seguito ai cambiamenti climatici e soprattutto ignora, udite udite, che l'impero romano non è affatto caduto! Zio Scriba povero coglione... più che prendere le distanze lo manderei via a calci nel culo (anzi negli stinchi, magari nel culo gode, come tutti i repressi sessuali e i costipati mentali)... hai dimenticato di aggiungere al prode Achille anche Alessandro Magno e Giulio Cesare, e quest'ultimo non mi pare appartenere alla fase decadente dell'impero... ripensandoci, ritiro una cosa di questo mio commento: il "povero coglione". In un'oscura epoca di bullismo omofobico certe posizioni non sono perdonabili, né da prendere alla leggera: costui non dice cose da povero coglione, ma da criminale reazionario troglodita e aizzamerda... quando schiatterà (se non è già schiattato, con quella faccia da mummia) non sarò così ipocrita da dire "mi dispiace". Fabrizio Manco Addirittura, nemmeno il papa avrebbe parlato cosi'. Sulla stessa linea di Il Giobbe, e come ci ricorda Edward Gibbon (1776), lo stesso cristianesimo fu la maggiore causa del 'crollo' dell' impero romano. L' impero romano era cristiano quando cadde e, concordo anche con te Zio Scriba, lo e' ancora. Fabrizio Antonio Zio Scriba, non mi erano sfuggiti i nomi che hai aggiunto a quello di Achille, ho evitato di citare personaggi storici preferendo l'archetipo. Sai, sulla storia il De Mattei dovrebbe essere ferrato e non

173

dovrebbe sfuggirgli che persino Paolo di Tarso non era esattamente uno sciupafemmine! Fabrizio, addirittura una foto...grande. Eh, come si dice: più realista del re. Tu scrivi "L'impero romano era cristiano quando cadde"... ma ti pare che un raffinato intellettuale come De Mattei si sofferma su queste inezie? Scherzi a parte, io ritornerei su quello che ho appena accennato nel post. Questo tipo che si immagina la caduta di un impero per via dell'invasione di nerboruti soldati mentre gli imbelli effeminati non oppongono resistenza mi fa davvero riflettere, altro che archetipi questo è vero e proprio outing! Francesco Zaffuto E' uno di quelli che sanno tutto, hanno una linea diretta con il Padre Eterno. Ma nel criticarlo evitiamo di avere delle linee dirette con la comprensione della natura. Adriano Maini Strumentalizzare la storia é tipico delle menti malate. E non solo di servaggio al potere corrente. Antonio Francesco mi sfugge il tuo richiamo a evitare di " avere delle linee dirette con la comprensione della natura". Non mi pare siano stati tirati in ballo argomenti inerenti le "leggi di natura" nel post o nei commenti. Attendo chiarimenti. La mia critica al signor De Mattei riguarda la manifesta incompatibilità con la carica che ricopre perché le sue dichiarazioni non appartengono al pensiero scientifico, per quanto riguarda i suoi deliri è faccenda di cui penso possa occuparsi più degnamente di me uno psichiatra. Adriano, come darti torto? Del resto cosa c'è di meglio per un pensiero non scientifico che formulare una tesi non verificabile, o non falsificabile, come avrebbe detto Popper? il monticiano Certamente i blogger che mi hanno prececeduto nel commentare questo tuo post sono senz'altro migliori di me nell'esprimere le loro opinioni tanto che io, pure al corrente di queste infelici e gravi esternazioni di quel tale de mattei, posso solo dichiarare sinceramente che condivido in toto il loro e il tuo parere. illuminismo 'Sto furbone di De Mattei ha capito che a spacciarsi per clericale, clericalissimo, praticamente vandeano, oggi in Italia c'è solo che da guadagnare. Se non avesse questa nomea di "uomo del medioevo", perché uno studioso tanto mediocre sarebbe diventato vicepresidente del CNR? La sua nomina al CNR è l'equivalente di quella della Carfagna alle Pari opportunità, un evidente sfregio. Maximillian Cohen Anto', il problema è sempre lo stesso: non solo lui che se ne esce con queste fantasiose (come mi sento gentile, oggi) tesi, ma chi gli crede e va appresso a lui. Siamo alla frutta eh! Giancarlo Antonio Lo 'storico' de Mattei non sembra molto apprezzato nell'ambiente accademico! Che strano. Giancarlo, purtroppo non è una buona politica ignorare completamente questi tipi, almeno uno sguardo di sdegno se lo meritano.

174

DOMENICA 10 APRILE 2011

Uno spettro si aggira per l'Europa
«Un altro motivo del nostro disagio nei loro confronti [dei barbaros, degli stranieri] è che sono una chiara espressione della possibilità di uno stile di vita alternativo: la consapevolezza dell’esistenza di altri stili di vita mette a disagio, dal momento che rappresenta una sfida alla modalità quotidianamente accettata e praticata senza porsi domande né dubbi. La vista di un estraneo mette in dubbio la saggezza e l’adeguatezza, tacitamente assunte, del proprio modo di vivere, e ancora di più la sua “auto-evidenza” e la sua “naturalità”. Come avrebbe detto Martin Heidegger, la vista di un estraneo proietta il “normale” modo di vivere dalla categoria del zuhanden (ciò che gestiamo facilmente ma a cui non pensiamo) a quella del vorhanden (ciò che non riusciamo ad afferrare senza prima ragionarci). Perciò solleva dubbi e costringe a riflettere. Espone ed esibisce quelle possibilità alternative che devono essere represse per amor di tranquillità, per mantenere l’equilibrio e la lucidità mentale, nonché la fiducia in se stessi. Rivela come il proprio stile di vita sia uno fra i tanti possibili, una scelta fra le scelte. E le scelte, come tutti noi sappiamo bene, possono essere giuste o sbagliate. È per questo che innescano un’autocritica e risvegliano l’auto-giustificazione e forse anche l’autocommiserazione. Quello che in assenza di estranei veniva abitualmente avvertito ed era un dato di fatto, in loro presenza deve essere difeso nei fatti e quotidianamente sostenuto per poter sopravvivere.» Zygmunt Bauman, Lo spettro dei barbari. Adesso e allora. Francesco Bevivino Editore, 2010, pp. 9-10.

COMMENTS:

Adriano Maini Mai dimenticare i principi di umanità! Ad ogni costo. Antonio Ho timore, caro Adriano, che quei principi irrinunciabili siano una "invenzione" troppo recente per non essere facilmente dimenticati o quanto meno rimossi. Lara "La paura dei barbari rischia di trasformare noi stessi in barbari" ha scritto Tzvetan Todorov in un libro pubblicato non molto tempo fa. E mi sembra in linea con il tuo post, molto ben scritto. Ciao Antonio! Lara Garbo Caro Antonio, Bauman ha la capacità di descrivere con uno stile quasi letterario e immediatamente comprensibile le sue idee sociologiche. Lo straniero, il "barbaros" mette in crisi la nostra identità culturale, sociale e personale, nella sua diversità (vera o presunta) non ci sentiamo rassicurati dalla sua vicinanza, dalla sua prossimità, perché ci manca l'elemento culturale che possa darci illusione di prevedibilità. Cerchiamo sempre e subito di prendere le misure al nuovo, di cogliere gli elementi di costanza, ciò che si ripete, per avere l'illusione di sapere, di padroneggiare chi è e cosa farà e questo ci tranquillizza, ci rassicura, ma è anche un meccanismo che comporta stress e fatica, se dipendesse da noi elimineremmo il nuovo o cercheremmo di fare entrare il nuovo nella nostra vita quando siamo noi a deciderlo; ciò che atterrisce è il nuovo che si impone da se, quello che sbarca sulle nostre coste, quello che ci interroga su chi siamo, su come siamo diventati, da un Paese prevalentemente di contadini, ancora sensibile alle questioni dell'accoglienza, della solidarietà, dell'ospitalità, ad un Paese sostanzialmente spaventato, senza identità che non sia fittizia, senza più valori che non si sgretolino di fronti alle vere domande dell'esistenza, che teme il cambiamento e il confronto. Non siamo più capaci di guardare un essere umano negli occhi e coglierci noi stessi dentro, più che concetti, spiegazioni, interpretazioni, quando voglio capire qualcosa vado a guardare i filmati, le immagini, vado a leggere negli occhi, e li capisco chi è l'altro, da che cosa sta scappando, cosa sta vivendo, ma capisco (e ritrovo) anche chi sono io e cosa mi resta da fare. Ciao Antonio Già, caro Garbo, in definitiva quello che ci fa più paura è proprio il nostro riflesso!

175

176

MERCOLEDÌ 13 APRILE 2011

Discussioni parlamentari

GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2011

Rivelazioni

da la Repubblica

"1Allora uno dei sette angeli che hanno le sette coppe mi si avvicinò e parlò con me: «Vieni, ti farò vedere la condanna della grande prostituta che siede presso le grandi acque. 2Con lei si sono prostituiti i re della terra e gli abitanti della terra si sono inebriati del vino della sua prostituzione». 3L'angelo mi trasportò in spirito nel deserto. Là vidi una donna seduta sopra una bestia scarlatta, coperta di nomi blasfemi, con sette teste e dieci corna. 4La donna era ammantata di porpora e di scarlatto, adorna d'oro, di pietre preziose e di perle, teneva in mano una coppa d'oro, colma degli abomini e delle immondezze della sua prostituzione." Apocalisse di Giovanni, 17:1-4

VENERDÌ 13 MAGGIO 2011

La banalità del bene
Nel 1963 Hannah Arendt ha insegnato a tutti «...la lezione della spaventosa, indicibile e inimmaginabile banalità del male» con il resoconto del processo all'aguzzino nazista Adolf Heichmann, avvenuto a Gerusalemme nel 1961. Durante le udienze Heichmann non riusciva a capire di cosa lo si accusasse, dopo tutto lui era un cittadino modello e non aveva fatto altro che rispettare le leggi del proprio paese. In questi giorni, dopo l'uccisione di Osama bin Laden, ho ripensato spesso a quel libro della Arendt. Ci ho

177

pensato in relazione alle manifestazioni di esultanza che buona parte del mondo ha mostrato alla notizia della morte del terrorista. Ne scrivo adesso, dopo qualche giorno, perché... non sto mai sulla notizia! Non ho nessuna intenzione di esprimere giudizi morali su quei festeggiamenti, osservo soltanto che nei giorni immediatamente successivi alla morte di Osama abbiamo visto all'opera quella che, in un rovesciamento dialettico, potremmo chiamare la banalità del bene. Comprendo perfettamente il moto istintivo che ha portato molte persone negli USA e in Europa a ritenere un atto di giustizia l'uccisione di Osama ma mi chiedo anche se quella esultanza non sia il desiderio semplificatorio di condensare il male in un singolo uomo. Non osservo nulla di nuovo, René Girard ha scritto molto sul meccanismo vittimario o del capro espiatorio con cui le masse ricompongono le rotture della maglia sociale nei tempi di crisi. Per quanto Osama bin Laden non fosse affatto innocente resta valido il meccanismo girardiano per spiegare le manifestazioni di piazza avvenute dopo la sua morte. Gestiamo a fatica le categorie del bene e del male, è più facile l'ingenua condensazione dell'una o dell'altra categoria intorno ad un singolo soggetto: questo lo facciamo demonio quello lo facciamo santo. Nell'uno e nell'altro caso le masse esultano per un unico comune motivo. Il demonio e il santo, se individuati, sono entrambi facilmente rimovibili, così la nostra coscienza è pulita, senza troppi sforzi. Un altro grande maestro come Noam Chomsky non si stanca di ripetere quanto siano complesse le dinamiche di rottura della maglia sociale di quello che chiamiamo occidente, quanto sia lunga la storia che ha portato alla crisi e quanto sia difficile ricomporla, ma è sicuramente più facile festeggiare per un santo o per un demonio, fate voi.

DOMENICA 15 MAGGIO 2011

Vecchi appunti
Ieri (21 maggio 2007) sono stati presentati alla Fiera di Roma i risultati di un’indagine promossa dall’Arma dei Carabinieri in collaborazione con il Comune di Roma, l’indagine era rivolta ai bambini per verificarne il bisogno di sicurezza, i risultati dell’indagine dicono che per strada i Carabinieri rassicurano di più dei genitori, la cronista del Tg2 che ha dato la notizia ha commentato che i risultati dell’indagine “sono confortanti, perché denotano una crescente fiducia nell’Arma”. Questi sono i risultati, non troppo latenti, di una famiglia costruita ormai all’insegna di un’etica da mulino bianco sostenuta dalla solida cultura dei baci perugina. Eppure non è passato molto tempo da che i genitori erano il punto di riferimento per la sicurezza dei bambini. Tempi andati! Ora la famiglia assediata da alibi potentissimi quali la società senza valori non ha altra soluzione che affidarsi ai Carabinieri. Quel senso di sicurezza che prima di inerirsi ai pericoli della società era direttamente connesso con le paure dell’anima ed il desiderio di affetto che solo genitori e nonni potevano dare si è evoluto rendendo i bambini orfani anzitempo ma cittadini perfetti! *** Il 25 maggio 2007, in una cittadina poco distante da Bruxelles, una madre esce di casa la mattina con i suoi tre figli per recarsi al lavoro. Come fa di solito, accompagna a scuola i due figli più grandi e poi si reca direttamente a lavorare, dimenticando di portare il più piccolo dalla baby sitter. Al termine della giornata di lavoro si reca a casa della baby sitter per riprendere il bambino e lì scoppia la tragedia, il piccolo era ancora nel suo seggiolino sul sedile posteriore, morto. Uno psicologo[1] ha dottamente parlato del “contrasto amore-odio” che può tradursi in un abbandono involontario. In merito all’accaduto appare evidentemente più facile trovare la responsabilità dell’individuo anziché abbozzare qualche considerazione sul contesto nel quale l’individuo è immerso, e non per scelta. La responsabilità, dal punto di vista penale è sicuramente individuale, ma da uno psicologo ci si aspetterebbe una valutazione più ampia. Non conosco la storia personale di quella madre e non so se lo psicologo la conoscesse ma il mio primo pensiero, più che alla formulazione di un’elegante accusa e di una subdola giustificazione, è andato alle pressioni che l’individuo subisce in quella macchina stritolatrice socialmente accettata che è il cosiddetto mondo del lavoro. Apoteosi del secolare sacrificio dell’individuo in nome della collettività, al lavoro si deve dare il massimo. Quando si è al posto di lavoro la propria efficienza è considerata tanto più elevata quanto maggiore è la rinuncia alla propria vita privata, ogni pensiero non indirizzato alla propria mansione è considerato un difetto. Il lavoratore che dimette completamente la propria vita privata sarà particolarmente apprezzato ed ovviamente qualora il lavoratore voglia lavorare anche fuori dagli orari di lavoro sarà lodato per la sua dedizione. Naturalmente non tutti i lavoratori sono così, ci sono anche quelli meno dediti, per così dire, meno efficienti. Sarà forse per questo che ci sono ancora delle buone madri e dei cattivi psicologi? [1] Patrick De Neuter, psicologo alla clinica belga dell’Ucl (Universitè catholique de Louvain), intervistato

178

per questa occasione ha dichiarato: "non é la prima volta che una madre abbandona il figlio in maniera volontaria o involontaria: un contrasto amore odio può tradursi in un abbandono involontario". ***

Solo per dare un'idea. Non ho trovato in rete quella che ricordo, per fortuna!

Ancora sulla pubblicità, che non è solo strumento di vile commercio bensì anche vessillo di messaggi sociali e di “progresso”. Da un po’ di tempo a Roma (oggi è il 7 giugno 2007) si vedono enormi manifesti dove dai rubinetti di casa scorrono collier di rubini e cadono gocce di diamanti, il messaggio è ovviamente indirizzato ad evitare gli sprechi di acqua. “L’acqua è una tua ricchezza, non buttarla”, dicono i manifesti. Bene! Nobile messaggio o significato, direbbe un linguista. Ma il significante? A parte l’iniziale orrore che possa accadermi qualcosa di simile aprendo il rubinetto di casa, attribuibile senz’altro alla mia scarsa propensione verso le metafore pubblicitarie, temo che la simbologia adottata sia rivelatrice di una povertà spirituale decisamente imbarazzante. Per far capire il valore dell’acqua è necessario stabilire il nesso con le pietre preziose? Quando il poverello di Assisi scriveva di “sor’Acqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta”, dubito che avesse in mente il paragone con tesori e monili. Se la metafora adottata dalla "pubblicità progresso" potrà essere utile a non sprecare acqua, allora benvenga in nome di un rassegnato pragmatismo. Del resto ognuno è figlio dei suoi tempi e, come dicono a Napoli, “ogni scarafone è bello a mamma soja”. *** Qualche tempo fa ho sentito in tv di un sondaggio sul senso di colpa degli italiani. Più o meno sorprendentemente “sperperare i propri soldi” è il motivo principale del sentimento di colpa, mentre successivi erano “tradire gli amici”, “mettere le corna”, “impegnarsi poco”, “non mantenere le promesse” e altre inezie. Non so quale sia la serietà del sondaggio, ad ogni modo qualche riflessione in libertà può essere fatta. Per millantare ancora un briciolo di dignità umana occorre naturalmente indignarsi di fronte i risultati del sondaggio ma vero o no che sia il risultato, mi chiedo se il risultato del sondaggio sia espressione del paesaggio lunare dell’etica collettiva, utile solo a produrre indignazione, oppure mostri le avvisaglie del riconoscimento dell’autentico peccato della società capitalistica. Forse si percepisce che lo sperpero di denaro altro non è che lo stato narcotico in cui, presi dalla frenesia dello scambio, si rinuncia all’unica opportunità che si ha di vivere. Allora quale motivo migliore per sentirsi in colpa? Con la mente obnubilata dalla moderna Ate, spendiamo soldi e tempo, poi, educati dall’economia cristiana, portiamo i conti in pareggio con un ridicolo senso di colpa. Anche questa è salvezza…in extremis. *** Fino a qualche tempo fa trasmettevano in tv la pubblicità di un’automobile dove uno stupefatto benzinaio guardava l’ultima meraviglia del progresso ed il proprietario dell’auto (ho sentito la tentazione di scrivere ‘mezzo’ ma non ho osato consumare il sacrilegio), bevendo una birra, elencava, con studiate pause, le virtù del veicolo al basito benzinaio. L’ormai realizzato proprietario riferiva della perfetta tenuta di strada “in curva, sotto la pioggia”. Il bello è che la scena si svolgeva nel deserto, probabilmente negli Stati Uniti del sud, lungo una strada dritta fino all’orizzonte visibile. Ormai siamo stati occultamente persuasi della necessità dell’inutile e dell’insensato - che peraltro non è neanche bello, l'unico concetto cui spetti di diritto l'inutilità - per cui possiamo tranquillamente esprimerlo manifestamente e con la giusta soddisfazione per “le sorti magnifiche e progressive” che si aprono posticipando i bisogni ai beni. Sono stati versati fiumi di inchiostro sul binomio beni-bisogni e non sta a me aggiungere altro, mi limito a considerare che in una scala valoriale prima dei bisogni c’è la brama e dopo i desideri. La brama siamo soliti attribuirla, con filosofica leggerezza, agli animali che non si chiedono il senso

179

del loro agire e i desideri agli uomini capaci di trascendere l’immediatezza della necessità. Dove si colloca la pubblicità? *** Il terreno dell’esistenza, si sa, è decisamente poco pianeggiante ed i nostri tentativi di spianare ampie distese di territorio sotto i picconi degli schemi semplici si risolvono spesso in ridicole attività utili a intrattenere il pensiero infantile. Comunque sia, di misure abbiamo bisogno e necessità e allora intratteniamoci pure ma senza perdere di vista il terreno originale che sta prima, durante e oltre lo schema che di volta in volta produciamo e che è ben più complesso di quella pur agognata valle pianeggiante. Di questi tempi, ma anche di tempi passati, è la sacrosanta richiesta di libertà di coscienza religiosa che non può che raccogliere adesioni tra persone dotate di buon senso. Ieri sera (05/07/2007) a Roma, in Piazza Santi Apostoli, è stata organizzata una manifestazione per sostenere la libertà di coscienza religiosa dei cristiani in Oriente e per chiedere la liberazione di Padre Giancarlo Bossi, rapito nelle Filippine. Spero con tutto il cuore che Padre Giancarlo Bossi possa tornare alla vita che ha scelto e mi auguro che al suo rientro possa aiutarci a organizzare una manifestazione che si insinui in quell’abisso di distanza che c’è tra l’idea, auspicabile e condivisibile, di libertà religiosa dei cristiani ovunque nel mondo e la libertà di coscienza di cui quella religiosa, per quanto rilevante, ne è ancella. Spero che quell’abisso che c’è tra la semplicità degli schemi e la complessità del vivere non sia rimosso solo perché insormontabile. *** Di tanto in tanto ritorna alla ribalta delle cronache una chimera mitologica: l’indignazione degli italiani. Pare si tratti di un soggetto che infervora gli animi depressi di intellettuali di destra e manca, una sorta di furor patrio che purga dalla consueta apatia morale nonché dalla cronica stitichezza intellettuale. La più famosa ondata di italica indignazione, che io ricordi, è quella nata dall’inchiesta “Mani Pulite” nel 1992, quando si rese noto che una grossa fetta del sistema politico italiano si reggeva sulla corruzione dei propri membri che, per interessi più o meno personali ma certamente non pubblici, guidavano appalti e affari in maniera tutt’altro che legittima. Il 1992 non può essere considerato certamente l’anno in cui gli italiani scoprono qualcosa di anomalo nei membri della loro classe politica (che, ricordiamolo, essendo l’Italia un sistema democratico, loro stessi votano), fin dalla seconda metà degli anni ’60 sono noti i legami tra potere legittimo e mafia. Le voci dell’indignazione di quei tempi, per quanto autorevoli come fu quella di Pasolini, rimasero isolate e inascoltate. Qualcuno per votare si turava il naso e la gran parte, in eccesso di zelo, anche gli occhi, le orecchie e la bocca. Sono possibili diverse letture dell’indignazione degli anni ’90 che portò al rovesciamento di metà classe politica. In effetti la sottomissione ai poteri occulti come la mafia poteva essere letta come una costrizione, una sorta di compromesso a cui la politica italiana si è dovuta arrendere per continuare la sua opera, come quando una persona onesta è oggetto delle angherie del prepotente, tuttavia il sistema di potere che svelava Mani pulite era piuttosto un potere che in maniera del tutto autonoma ed indipendente gestiva il malaffare senza essere oggetto, almeno apparentemente e direttamente, delle prepotenze della mafia bensì soggetto egli stesso dell’illecito, ciò avrebbe suscitato la chimera italica dell'indignazione. Posso dare qualche credito a questa lettura, tuttavia non posso fare a meno di considerare alcuni elementi che depongono non tanto per l’indignazione bensì per un più modesto stupore degli italiani, una sorta di effetto sorpresa che lascia segni ben più flebili dell’indignazione. Per non parlare del mio personale sospetto che il disprezzo degli italiani fosse originato dalla mancata spartizione del malloppo e non dall’origine dello stesso, la cosiddetta indignazione degli anni ’90, come molte altre successive, non metteva in luce l’aborrimento dell’illecito in quanto tale da parte degli italiani, bensì il disprezzo per il potente che si fa scoprire con i soldi nel sacco. Questo permetteva di dare sfogo ad istinti vecchi dell’umanità come quello della rivalsa delle masse nei confronti del potente e del capro espiatorio da cacciare dalla comunità per allontanare il peccato. Sia chiaro, nessuna giustificazione, per quanto mi riguarda il “capro espiatorio” italiano, a differenza di quello dell’Antico Testamento non era innocente, tutt’altro. Nonostante le recenti rivisitazioni storiche e beatificazioni postume. Comprendo che questa lettura sia, come si dice, disfattista ma se non ha alcun fondamento mi risulta difficile capire come solo pochissimi anni dopo Mani Pulite sia salito alla ribalta della politica italiana, e non senza consenso popolare, un caudillo dalla storia torbida che ha ridotto l’etica dello Stato allo statuto di una società per azioni di cui lui vuole essere l’amministratore delegato senza troppi vincoli. Per il caudillo italico la democrazia è ridotta al solo consenso popolare, confermato di tanto in tanto da qualche sondaggio, meglio se manipolato! Il caudillo oggi (agosto 2007) è all’opposizione, avendo perso le elezioni del 2006 solo per un soffio di voti. L’attuale governo di centro(sinistra), nel più sano spirito dialettico (che se sostenuto solo da una parte politica ha sospetti legami di parentela con la schizofrenia), offre buone opportunità di ritorno al governo del paese, obliavo, dell’azienda Italia da parte del caudillo.

180

Intanto gli italiani, per non perdere l’abitudine all’impegno morale, continuano a fare esercizio di indignazione con le foto dei VIP di Maurizio Corona.

LUNEDÌ 16 MAGGIO 2011

Piccola scommessa

Sono pronto a scommettere che il signor Berlusconi non si farà vedere in giro per un po' di giorni!

LUNEDÌ 16 MAGGIO 2011

Valori non negoziabili
"È inaccettabile - ha dichiarato il leader del movimento del buon vicinato, con grande senso autocritico - che l'idiozia che entra nelle case di milioni di italiani costringa un bambino di 6-7-8 anni ad ascoltare una scemenza qualsiasi, che può anche pensare che sia intelligente. Queste dichiarazioni sono molto pericolose, minacciano l'educazione di un bambino, la loro diffusione ha risvolti di carattere psichiatrico. Lo sviluppo della mente di un adolescente presenta inizialmente aspetti di disponibilità all'imbecillità e all'assurdità, che poi si armonizzano e la ragionevolezza diventa la regola. Queste dichiarazioni intervengono in quel momento di sviluppo parziale, in cui è normale che ci siano tendenze all'incoerenza che rischiano di essere fissate. Questo è un modo per fissare le minchiate." Il deputato ha responsabilmente annunciato di voler portare il problema all'attenzione dell'Europarlamento: " Vietare l'ascolto di idiozie almeno ai minorenni (come è avvenuto con la pornografia) è una strada percorribile. Mi farò carico di intervenire in questa materia sia a livello europeo che italiano". Parole cui fa eco il sottosegretario alla Cassata, nemico dichiarato dei fumetti. Dietro a "Paperino" c'è, secondo lui, una "campagna promozionale delle lobby che vogliono promuovere certi valori. Queste lobby promuovono una cultura perdente in contrasto con le aspirazioni del paese, come nel caso delle continue cantonate del goffo papero che da noi è semplicemente ridicolo ." L'onorevole se la prende con i "fumetti destinati ai bambini, che invece di proporre una famiglia con Topolino e Minnie, quando si parla di genitori ne propongono una con Orazio e Clarabella". Il membro del governo - nessun doppio senso -, ricordando ai produttori del fumetto che "il matrimonio tra un cavallo e una mucca da noi è fuori legge ", chiama in causa i manuali di biologia: "Con queste iniziative viene stravolta la regola biologica per spiegare al bambino che invece è tutto possibile, tutto uguale e che possono essere messe sullo stesso piano situazioni che biologicamente non lo sono. Questi fumetti confondono le idee per cui si deve spiegare che il matrimonio tra specie diverse non ha alcuna attinenza con la biologia. Auspico che i disegnatori lo facciano al più presto soprattutto se dovesse uscire il prossimo numero ". Alla Divina Commedia si appella invece il vice presidente della Cameretta: "L'Italia ha una metrica che definisce cos'è la poesia e c'è un attacco contro questo valore letterario. È in atto un tentativo pervicace di distruggere la rima come punto di riferimento culturale, in un più ampio processo di abbattimento dei valori nazionali. Si tentano di diffondere stili di scrittura che umiliano la letteratura". "Una proposta di buon senso, quella del leader del movimento del buon vicinato - la definisce il presidente dei senatori di Caligola - La voglia di dire minchiate di certi politici è inaccettabile al punto tale da far perdere di vista il vero obiettivo, che è la tutela dei minori ". *** Brani liberamente tratti e reinterpretati da questo articolo su la Repubblica.it di due giorni fa. Da parte mia non aggiungo nulla se non un moto di commiserazione per dei poveretti che hanno un concetto di famiglia così misero che basta un videogioco perché lo sentano minacciato.

COMMENTS:
marina che dire, antonio? al solito, post perfetto. mi permetto solo di aggiungere, da cultrice della materia, che anche la proposta del sottosegretario alla Cassata, che vorrebbe fumetti con topolino e minnie

181

protagonisti, potrebbe minare le basi della famiglia "normale". I due soggetti (topolino e minnie) non sono sposati (quindi coppia di fatto) e poi i famosi nipotini (tip e tap) sono appunto nipoti, nati da una sorella non sposata di topolino(nati al di fuori del matrimonio, quindi). Antonio acc! mi sa che il sottosegretario alla Cassata non è stato attento a questi dettagli. Ahimè la degenerazione è ormai inarrestabile, ovunque scempio ed empietà! ;-D

MARTEDÌ 24 MAGGIO 2011

Che affronto!

Da la Repubblica

Che affronto! Multare i Tg per aver trasmesso un monologo del premier più importante che l'Italia ha avuto negli ultimi 3721 anni. E quel che è peggio considerare illegali quei monologhi.

Allora significa davvero che stanno finendo i tempi in cui si poteva scrivere un post davvero moderno? Non avremo più quelle bellesettimane estive dove poteva accadere di tutto per poi smentirlo qualche giorno dopo. Inconcepibile, non si potrà più parcheggiare l'auto in libertà. Non ci saranno più le straordinarie proposte per rivoluzionare il futuro. Forse l'Italia non farà più sentire il suo peso in Europa? Cadranno le grandi innovazioni della scienza e del pensiero, non ci saranno più modelli da imitare e invidiare. Si troverà un degno erede a reggere le sorti del paese? Andiamoci piano a cantar vittoria, bisogna essere prudenti e non sottovalutare il possibile colpo di scena!

MERCOLEDÌ 25 MAGGIO 2011

I costi del nucleare

Solitamente scrivo su argomenti di cui non ho alcuna competenza. A volte mi concedo piccole eccezioni, forse!

182

*** Ieri pomeriggio la Camera dei Deputati ha approvato con la fiducia il decreto legge omnibus che contiene la "moratoria" sul nucleare che potrebbe annullare il relativo referendum. Se il quesito referendario sia da considerarsi superato è decisione che spetta alla Cassazione. Gli aspetti più dibattuti riguardo l'energia nucleare sono quelli relativi alla sicurezza e ai costi. Per quanto riguarda la sicurezza, i recenti fatti di Fukushima hanno messo in evidenza i rischi di questa fonte di energia, tra l'altro hanno anche reso evidente ed indiscutibile che i costi del nucleare sono strettamente connessi alla sicurezza. Le valutazioni tecniche sui costi dell'energia nucleare non mancano e leggendo i documenti pubblicamente disponibili è possibile farsi un'idea se sia fondata o meno l'affermazione che il nucleare consente di abbassare i costi dell'energia. Questa mattina l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha presentato l'Annuario dei Dati Ambientali, ed. 2010, un compendio di indicatori ambientali sullo stato dell'ambiente in Italia. Nelle Tematiche in Primo Piano vi è un paragrafo dedicato all'energia nucleare (pp. 74-78) all'interno del capitolo "Cambiamenti climatici ed energia". Da questo lavoro, che è stato realizzato prima dell'incidente di Fukushima, estraggo un ampio stralcio (pp. 76-77) che riguarda i costi dell'energia nucleare a prescindere da eventi accidentali. *** «[...] Per quanto riguarda gli aspetti economici dell’energia nucleare, il Dipartimento di Energia degli Stati Uniti ha stimato i costi della produzione elettrica da nuovi impianti nucleari al 2020 e al 2035. In entrambi i casi, la produzione elettrica da fonte nucleare presenta costi nettamente superiori alla produzione elettrica da gas naturale, da eolico e da carbone[111].

Un recente studio del Massachusetts Institute of Technology[113] ha evidenziato che il costo del kWh nucleare (8,4 c$/kWh) per gli impianti di nuova costruzione è superiore a quello di gas (6,4 c$/kWh) e carbone (6,2 c$/kWh), con il valore del dollaro al 2007. Il prezzo maggiore della fonte nucleare è dovuto principalmente all’elevato rischio che caratterizza l'investimento iniziale e che determina tempi di realizzazione degli impianti più lunghi delle previsioni di progetto. Lo studio del MIT afferma che la riduzione o l’eliminazione del “premio di rischio” rappresenta un contributo determinante per la competitività del settore nucleare. Inoltre, considerando un costo del carbonio emesso per gas e carbone (25 $/t CO2) e l’eliminazione del premio di rischio per il nucleare, il costo dell’energia elettrica da questa fonte diminuisce a 6,6 c$/kWh e risulta inferiore a quello di gas e carbone pari a 7,4 c$/kWh e 8,3 c$/kWh rispettivamente. L’Agenzia Europea dell’Ambiente riporta una notevole variabilità delle stime dei costi della produzione elettrica da fonte nucleare, con valori che vanno da 2 c€/kWhe a più di 10 c€/kWhe. Le differenti stime sono

183

dovute a diversi fattori quali il tasso di sconto, la metodologia e il periodo di ammortamento. Inoltre, è opportuno considerare che le diverse forme di incentivo introducono una distorsione dei costi effettivi. Secondo quanto afferma l’AEA, l’industria nucleare in Europa beneficia di incentivi statali, tuttavia “non sono disponibili accurate e trasparenti informazioni sulla quantità di incentivi.” Uno studio della Commissione Europea del 2009 sugli incentivi dannosi per l’ambiente[114] afferma che in Germania gli incentivi chiave specifici per la disattivazione degli impianti nucleari sono costituiti da una riduzione delle imposte derivanti dalla raccolta dei fondi di disattivazione, inoltre il combustibile nucleare non è tassato. La dimensione totale di questo beneficio fiscale, sostenuto dalle casse pubbliche, è stimato a 5,6 miliardi di euro all'anno o 175 milioni di euro per centrale nucleare. Tali forme di incentivazione incidono nel computo dei costi della fonte nucleare. [...]» [111] EIA-U.S. Energy Information Administration, 2010, Annual Energy Outlook 2010 [112] Fonte: EIA-U.S., Energy Information Administration, 2010, Annual Energy Outlook 2010 [113] MIT, 2009, Future of the nuclear power. Update of the MIT 2003 [114] CE, 2009, Environmentally Harmful Subsidies (EHS): Identification and Assessment

LUNEDÌ 30 MAGGIO 2011

Chiuso per festeggiamenti

Parafrasando il celebre discorso che John F. Kennedy pronunciò a Berlino Ovest nel 1963: «Tutti gli italiani liberi, dovunque essi vivano, sono cittadini per metà di Milano e per metà di Napoli, e quindi, come uomo libero, sono orgoglioso delle parole 'Ich bin ein Neapolitaner und Mailänder!'»

MARTEDÌ 31 MAGGIO 2011

Avanti tutta!
A proposito di libere associazioni! "«Io» proseguì don Mariano «ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... Pochissimi gli uomini; i mezz'uomini pochi, ché mi contenterei l'umanità si fermasse ai mezz'uomini... E invece no, scende ancora più in giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi... E ancora di più: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito... E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre... [...]»".Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta. Einaudi, 1961.

184

MERCOLEDÌ 1 GIUGNO 2011

Si vota sul nucleare
La Corte di Cassazione dice che il referendum sul nucleare non è stato annullato dalla ignobile manovra di chi voleva sottrarre al popolo la sua sovranità. A chi si riempie la bocca di sovranità popolare per ragioni personali o per ignoranza, TIE'.

Dalla Facciata del Duomo di Firenze, part. (Foto ripresa da questo blog)

LUNEDÌ 6 GIUGNO 2011

Minaccia cetriola
“Prima c'è stata l'aviaria, poi la suina. Imparata la lezione la prossima sarà la bufala!”(15/01/2010) Difficile fare i profeti di questi tempi. Le cose cambiano troppo rapidamente. Chi avrebbe immaginato che la successiva "pandemia" che avrebbe seminato terrore tra l'umana gente sarebbe stata la cetriola!? Dopo la minaccia carciofa di Vulvia è stata la volta della minaccia cetriola. Sui giornali si sono letti titoli straordinari. La Germania blocca i cetrioli spagnoli. I cetrioli spagnoli non c'entrano. I test UE scagionano i cetrioli spagnoli. Batterio killer, scagionati i cetrioli spagnoli. I colpevoli non sono i cetrioli. e considerare che la lingua ci salva perché fossimo spagnoli avremmo letto titoli davvero preoccupanti per la specie umana. Su El Paìs si leggeLa crisis del pepino está por llegar (La crisi del cetriolo sta arrivando)...già la crisi del pepino! Inutile dire che il velato riferimento fallico aggiunge un non so che di godereccio alla faccenda. Mancava solo “La patata perdona, il cetriolo no!” Sarebbe bastato aspettare qualche giorno e al Tg1 ci sarebbero arrivati.

185

La minaccia del cetriolo assassino è andata sfumando giorno dopo giorno. Adesso si insinua strisciante l'insidia del germoglio di soia avvelenato. Ma le prime indagini scagionano l'ignara soia, il mistero si infittisce! Una cosa è certa: il cetriolo è salvo. Non si esclude un intervento diretto di Priapo, l'antica divinità agreste che aveva particolarmente a cuore i cetrioli e gli ortaggi in genere. In segno di ringraziamento nelle campagne salentine si stanno organizzando solenni falloforie in gemellaggio con i contadini giapponesi. Pare che l'iniziativa abbia già raccolto l'entusiastico patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

COMMENTS:
Riverinflood Il giorno in cui subiremo anche la cribbiolina sarà già troppo tardi! Siamo manipolati alla grande e l'apocalisse c'è ogni giorno. Ciao. web runner cetriolo, soia o insalata, una cosa è certa: uno o più vaccini giacciono in immense scorte da qualche parte, qualche gonzo dovrà accollarseli. Adriano Maini Ed anche i germogli di soia sono andati! Simboli al femminile? nino p. ahahahah, la verità è che non hanno la più pallida idea di dove proviene... notizie del futuro l'unico frutto dell'amor è il "pepino", è il "pepino"... (da immaginare con la famosa melodia)... Antonio Ma vi rendete conto ragazzi, un tempo l'apocalisse era annunciata da squilli di tromba e angeli che brandivano spade infuocate, il castigo di dio arrossava il Nilo, i maya e gli induisti avevano immaginato i buchi neri che assorbono la luce ed il tempo, i babilonesi guardavano le stelle perché le comete non cadessero sulla terra ed ora da dove viene la minaccia dell'umanità? Dalla suina, dall'aviaria e da ultimo dai cetrioli! Anche questo è il segno del nostro tempo in cui non si riesce proprio ad immaginare niente di grande, neanche la propria distruzione! Ridateci le locuste e l'angelo della morte. Anch3Basta certo che a forza di fare falsi proclami distruggono l'economia. Se fossi un coltivatore di cetrioli so io dove glieli metterei... TUTTI

MERCOLEDÌ 8 GIUGNO 2011

Le leggi son

"Le leggi son, ma chi pon mano ad esse?" Se lo chiedeva Dante Alighieri nel Purgatorio. Oggi c'è una buona notizia, in un paese dove la politica è in mano a personaggi pavidi, nel migliore dei casi incapaci di guardare oltre il proprio miserabilissimo naso in tema di diritti civili, la Corte di Cassazione sancisce che "La convivente ha gli stessi diritti di una moglie" e che occorre "Risarcire anche la famiglia di fatto". (La Repubblica) Sia il tribunale che la corte d'appello di Milano avevano riconosciuto lo stesso principio. Questo non significa che laddove la politica (ovvero potere legislativo e potere esecutivo) non c'è subentra il potere giudiziario, come potrebbe concludere qualche imbecille, ma che lo spirito delle leggi presenti, e solo a

186

quelle possono attenersi i giudici, già contempla principi che non possono essere ignorati. E' un passo, un piccolo passo che ne chiede altri dalla politica ma chiudendo con un'altra celebre citazione viene da dire "eppur si muove".

COMMENTS:
Lara Mi sembra un bel passo avanti, se pensiamo all'oscurantismo in cui viviamo da secoli, causa la chiesa cattolica. Speriamo che si prosegua su questa strada .... Ciao e buona giornata! Lara Berica qualcosa si muove: siamo noi! Alberto Eppur si muove, qualcosa qualcuno si muove. Ed è una bella notizia. notizie del futuro Spero di riuscire a trovare la sentenza... dovrebbe essere molto interessante... Antonio Ecco la sentenza, scusate se non l'ho linkata prima. Ciao Adriano Maini Buona notizia!

GIOVEDÌ 9 GIUGNO 2011

Musica per il referendum

Il più raffinato invito al SI' per i quattro referendum che abbia visto finora. Grazie Alessandra!

DOMENICA 12 GIUGNO 2011

Riflessioni non richieste
Il voto è un diritto, oltre che un dovere. Certamente non è un obbligo né può esserlo, da qui viene la legittimità dell'astensione. Ma se da un punto di vista strettamente giuridico la legittimità dell'astensione non può essere messa in discussione, pena il ritorno alle dittature, da un punto di vista etico devono essere formulati dei distinguo al riguardo. Anche la non scelta è una scelta. Spesso l'argomentazione di chi si astiene è la delegittimazione dei candidati

187

all'agone politico ma, se si tralasciasse un approccio di spicciolo qualunquismo, non sarebbe difficile accorgersi che l'astensione è un modo per delegittimare lo strumento elettorale più che i candidati. Da qui diventa altrettanto evidente che per contestare i candidati o i partiti cui aderiscono più utile sarebbe presentarsi al seggio e rifiutare la scheda elettorale o annullare il voto, oppure ancora lasciare la scheda bianca. Ci sarebbe molto da dire su queste opzioni ma non è mia intenzione farlo. Mi interessa invece scrivere poche righe sull'astensione in caso di referendum. Quando si è di fronte ad una scelta binaria come quella referendaria come si configura l'astensione? E' davvero una terza via? Naturalmente quanto ho affermato prima sulla legittimità dell'astensione resta valido anche nel caso dei referendum, ma l'astensione al referendum è della stessa natura dell'astensione alle elezioni? E' noto che un NO ai referendum lascerebbe inalterata la legge oggetto del quesito referendario, mentre il SI avrebbe un effetto abrogativo, allora cosa esprime l'astensione? Una sorta di "non so"? Se il NO lascia le cose inalterate, esattamente come succederebbe in caso di mancato raggiungimento del quorum, l'astensione non è uno strumento al servizio del NO? Non ci sarebbe in questo caso una asimmetria nei rapporti di forza tra le posizioni del SI e del NO? Intorno a quest'ultima domanda potrebbe essere utile aprire una discussione se sia il caso di rivedere la regola del raggiungimento del quorum. Personalmente io non sono d'accordo sulla revisione di tale regola, per una serie di motivi, non ultimo quello che le scelte non possono farsi a minoranza e togliere il quorum ai referendum ordinari aprirebbe le porte al paradosso che siano in tre persone a fare le scelte che riguardano un intero paese. Parafrasando Gaber, democrazia è partecipazione ma soprattutto è informazione. Il cittadino deve vedere riconosciuto il primario diritto di sapere, di conoscere il peso delle scelte possibili e delle loro conseguenze, intorno a questo diritto ruota il discorso politico, tutto ne discende. Se il cittadino non è informato allora non si può dire pienamente partecipe della vita politica, della polis. Pertanto l'astensione è di fatto la sconfitta della democrazia e della politica, risultato di un consapevole ed irresponsabile, se non criminale, disegno di progressivo abbandono dei partiti del ruolo di formazione ed informazione dei cittadini alla vita politica. Un cittadino disinformato - ma a questo punto non sarebbe neanche un cittadino - è più facilmente manipolabile di un cittadino informato e questo fa comodo a chi ha paura della democrazia nonostante occupi (o usurpi) ruoli di rappresentatività. Inutile fare ricorso a questo punto alla mutazione antropologica, pure importantissima, dovuta alla macchina mediatica di un parvenu arricchito con leggi su misura, proprio quelle leggi su misura fatte ben prima che il parvenu "scendesse in campo" ci fa capire che all'origine della regressione del discorso politico c'è la stessa politica. Per quanto i tempi siano cambiati può essere ancora utile ricordare che la macchina informativa e formativa che dispiegava il PCI o la DC di un tempo era così capillare che forse avrebbe avuto ragione di quattro miserabili dietro uno schermo. L'astensione è quindi l'abdicazione volontaria dei partiti politici dal ruolo formativo che si davano un tempo e che ad un certo punto hanno smesso di darsi. Inoltre, una distinzione è doverosa tra chi si astiene perché disinformato e chi consapevolmente invita all'astensione. In quest'ultimo caso, e soprattutto nel caso di referendum (e solo in questi si invita all'astensione, perché non si è mai visto, né si vedrà, un politico che inviti all'astensione alle elezioni politiche o amministrative!), invitare all'astensione è un atto ignobile, che sfrutta proprio quell'asimmetria tra opzioni possibili che citavo prima e che dovrebbe sempre essere oggetto di esecrazione nella politica. Detto questo vado a votare al referendum, ma aggiungo che mi piacerebbe che intorno a questi temi si aprisse un dibattito, mi piacerebbe conoscere le vostre opinioni al riguardo.

COMMENTS:
notizie del futuro La vignetta riassume bene il post... abrogare, di per sé, già esprime libertà... ma discuterne ci trasformerebbe in veri cittadini... Lara Ciao Antonio, ti rispondo in termini concreti, non seguendo, almeno ora, un filo logico di pensiero. Anche se so di pensarla come te. Ma volevo scrivere di questo: Stamattina andando a votare, ho visto tante persone per strada, chi a piedi, chi in auto, chi in bicicletta. Alla sezione, per la prima volta ho trovato la fila e per la prima volta sono stata felice di esserlo. Eravamo in tanti. Spero che questo ti faccia capire il mio pensiero. Ciao, Lara web runner Io sto con la Costituzione: votare è un DOVERE CIVICO.

188

Antonio Notizie dal futuro, allora trasformiamoci in cittadini una buona volta! Lara, anche io ho visto 7-8 persone in fila al mio seggio e ho avuto il tuo stesso pensiero, sono stato stracontento di vedere quelle persone in fila e avrei sperato di vederne ancora di più. Web, negli articoli della Costituzione la parola dovere/doveri ricorre sette volte. In quattro casi il termine non è accopagnato da alcun aggettivo, in un caso si parla di "sacro dovere", in un altro di "doveri inderogabili" e nell' art. 48, che tu citi, si parla di "dovere civico" riferito all'esercizio del voto. I padri costituenti non erano tipi da usare parole a vanvera, dovere civico non è un obbligo. Posso esprimere la mia riprovazione nei confronti dell'astensione ma l'esercizio del voto non è e non deve essere un obbligo, altrimenti non sarebbe democratico, perché non libero. Le dichiarazioni di adesione alla Costituzione sono benvenute in questo blog ma la mia richiesta di discussione voleva andare oltre questa adesione, che do per scontata in chi vuole partecipare ad una discussione in questo spazio. Francesco Zaffuto Lara mi ha segnalato il tuo post. Ho inserito poco fa sul mio blog, un post che per tanti versi ripete i tuoi stessi contenuti, ma arrivo alla considerazione che il quorum sia da eliminare. In fin dei conti, una volta assicurata la libera partecipazine e la libera informazione sul referendum, occorre anche accettare il suo risultato indipendentemente dagli astenuti. Astenersi è anche la scelta di lasciar fare agli altri. ciao Berica I tuoi sono ottimi argomenti ma, lasciare a chi si disinteressa del voto, la possibilità di determinare il destino di chi invece partecipa alla vita democratica, non mi sembra una cosa completamente corretta. In questi giorni ricchi di informazioni nella blogsfera, ho sentito osservare che chi vota SI ha, di fatto, due avversari: chi vota NO e chi non va a votare. Soffio Difficile dirlo ma bei tempi quelli della DC e del PCI. Allora la media dei cittadini, si dice oltre il 60% non passava ore e ore, troppe, davanti alla TV. Quanto al post si può solo essere d'accordo. Se si guardano ai blog i si dovrebbero vincere al 70-80% Cavaliere oscuro del web Leggevo l'altro giorno che in Islanda ,rendono partecipi i cittadini per una nuovo Costituzione;sarebbe bello un giorno avere democrazie dove tutti i cittadini sono partecipi. Libertà è partecipazione;saluti a presto Alberto Hai giustamente fatto la differenza di chi si astiene e di chi fa propaganda per l'astensione, che di solito è un politico. Mister B ha detto addirittura che questi referendum erano inutili, e speriamo vanga smentito dal raggiungimento del quorum. Io sarei per l'abbassamento della soglia del quorum. Antonio Francesco, mi piace questo nostro scambio a distanza tra il tuo blog e il mio. Trovo solidi i tuoi argomenti, difficile contestare quando dici che astenersi "è anche la scelta di lasciar fare agli altri", tuttavia bisogna sempre fare i conti con quel principio di maggioranza che ultimamente ha preso i connotati del bullismo ma che conserva ancora un valore enorme nelle democrazie. Hai ragione quando dici nel tuo blog che c’è un aspetto bilaterale circa l’informazione, “il cittadino ha il dovere di informarsi e spesso non lo fa per pigrizia o per poca attenzione all'argomento o per abitudine alla

189

delega”, sono cose che meritano riflessione e soluzione ma anche qui, senza cercare di capire se è nato prima l’uovo o la gallina, io farei un discorso di responsabilità, se siamo dentro un’automobile la responsabilità di un eventuale incidente è di chi sta alla guida non di chi siede nel sedile posteriore! Dici una cosa molto interessante e per certi versi condivisibile quando scrivi che “La mancanza del quorum metterebbe tutte le forze politiche dinanzi alla responsabilità di spingere verso una partecipazione attiva”, la cosa curiosa in tal caso è che la prassi andrebbe sicuramente nella direzione del principio di maggioranza ma il principio è tale perché a priori rispetto alla prassi e pertanto andrebbe affermato indipendentemente dalla prassi, ma forse si tratta solo di uno dei tanti paradossi che solleticano il pensiero. Del resto le tue perplessità, come quelle di Berica, sono anche le mie. Lasciare troppo spazio a chi si disinteressa è sicuramente una stortura da correggere. Soffio, sebbene sia stato io stesso a fare il paragone con la macchina informativa del PCI e della DC sarei comunque cauto a dire “bei tempi”, prima di tutto perché distinguo nettamente tra informazione e propaganda e troppo spesso si è indugiato sulla seconda piuttosto che sulla prima e poi perché la lezione di Pasolini ancora risuona chiara e forte. Cavaliere, non so cosa stiano facendo in Islanda ma anche noi abbiamo le nostre forme di partecipazione diretta (referendaria) e indiretta (rappresentativa) alla vita politica, se non sappiamo fare uso di quello che abbiamo il ricorso alle novità diventa una sorta di eldorado sempre irraggibile! Alberto, mi sembrava di avere letto da qualche parte che eri per il mantenimento del quorum, devi aver cambiato idea. E’ curioso che anche io qualche giorno fa parlando con una mia amica sostenevo la necessità di ridiscutere il quorum e poi ripensandoci ho cambiato idea!

LUNEDÌ 13 GIUGNO 2011

Giorno da ricordare
In Italia non si raggiunge il quorum ad un referendum da oltre 15 anni e questo anche per l'invito all'astensionismo fatto da politici e non solo - per il referendum sulla fecondazione assistita la Chiesa fece campagna attiva per l'astensione - nonostante il D.P.R. 361 del 30 marzo 1957 ancora in vigore reciti all'art. 98: "Il pubblico ufficiale, l'incaricato di un pubblico servizio, l'esercente di un servizio di pubblica necessità, il ministro di qualsiasi culto, chiunque investito di un pubblico potere o funzione civile o militare, abusando delle proprie attribuzioni e nell'esercizio di esse, si adopera a costringere gli elettori a firmare una dichiarazione di presentazione di candidati [...] o ad indurli all'astensione, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire 600.000 a lire 4.000.000". Il D.P.R. 361/57 è lo stesso dispositivo che all'art. 10 dice che un concessionario dello Stato non può essere eleggibile, qualche tempo fa giocai sui possibili motivi che portano un paese a disattendere le proprie norme. In questa tornata referendaria oltre all'invito all'astensione il governo ha deliberatamente operato un vero e proprio boicottaggio del referendum perché non si raggiungesse il quorum, e lo ha fatto nei modi più vili e meschini, fino all'ultimo momento. E' stato inutile, il quorum è stato raggiunto e ragionevolmente si può pensare che abbiano vinto i sì. Solo un deficiente posseduto da un potere che ormai non ha più non sarebbe in grado di trarre le conclusioni politiche da questo risultato. PS - E' con grande piacere che ripropongo l'immagine dell'angelo che avevo pubblicato qualche giorno fa, con una speciale dedica a quanti hanno invitato all'astensione dal voto o hanno ritenuto inutile questo referendum!

190

COMMENTS:
Gianna Evviva! Buon onomastico, Antonio! Berica con l'angelo facciamo tutti insieme: tiè! Lara Abbiamo vinto!!! Ciao Antonio :) Lara Adriano Maini Fatta! nino p. un po' in ritardo...ma... evvaiiii Francesco Zaffuto finalmente un giorno da svegli ciao rosa Certamente noi gioiosi e festanti, ricorderemo questo giorno come una grande svolta... ...ma -per ragioni diverse- credo che anche qualcun altro lo ricorderà molto bene :-))) Un abbraccio Antonio. Namastè Antonio L'Italia s'è desta? Speriamo proprio di sì, intanto godiamoci un risultato straordinario e bellissimo. 14 giugno 2011 09:11

191

MARTEDÌ 14 GIUGNO 2011

La mosca cocchiera
Un carrozzone tirato da sei cavalli saliva su per una via erta, rotta, sabbiosa. I viaggiatori erano scesi e facevano a piedi il tratto di strada per alleggerire ai cavalli il peso e la fatica; tuttavia i cavalli sudavano e soffiavano. Sopraggiunse una mosca. "Per fortuna sono arrivata io!" esclamò. E cominciò a ronzare negli orecchi degli animali, a pungere ora questo ora quello, or sul muso or sul dorso. Poi si sedette sul timone , poi si posò sul naso del cocchiere , poi volò sul tetto della carrozza. Andava , veniva , affannata, e brontolava e squillava: "Bel modo di fare! Se non ci fossi io! Guarda! Il prete legge il breviario. Quella donna canta. Quei due parlano dei loro affari. Il cocchiere sonnecchia. A darmi pena sono io sola. Tocca a me far tutto. Tutto cade sulle mie spalle. Ah che lavoro!" Finalmente dalli e dalli, la carrozza giunse al termine della salita, dove ricominciava la via piana. I viaggiatori ripresero il loro posto; il cocchiere fece schioccare la frusta; i cavalli si rimisero al trotto. Sul tetto del carrozzone la mosca trionfava. "Li ho condotti, eh, fin quassù ! Se non c’ero io!" - si lagnava. "Nemmeno grazie mi dicono. Dopo tutto ciò che ho fatto." Tra gli uomini quante mosche cocchiere! Da Jean de La Fontaine, Favole *** Cos'altro poteva venirmi in mente dopo che ieri sera ho sentito Pierferdinando Casini che diceva che i voti del terzo polo sono stati determinanti per la vittoria del referendum? Se non è una scemenza è almeno una ovvietà, visto che ad essere determinante è ogni voto, dal primo all'ultimo. Altrimenti dovremmo trovare quel cittadino che ha fatto superare il 50% dei voti, e solo a quel cittadino alzare un monumento!

MERCOLEDÌ 15 GIUGNO 2011

Esclusiva
Chi segue questo blog sa che di tanto in tanto può trovare tra queste pagine dei veri e propri scoop, importantissime notizie di prima mano, dettagliati fatti di cronaca urbana, documentati resoconti settimanalinonché prodigiose anticipazioni dei costumi a venire. Questa volta la notizia è di quelle destinate a far discutere. In un momento di estrema delicatezza per il governo, in cui la tenuta dell’esecutivo dipende dalle mosse che l’alleato celtico farà davanti al suo popolo, sono in grado di diffondere una straordinaria anticipazione del discorso che domenica prossima il leader terrà nella verde valle di Pontida dove si tiene il sacro rito dell'ampolla. Il documento presenta diversi passaggi di difficile lettura, all’apparenza si tratta di intercalari cacofonici ma gli esperti del settore pensano si tratti di un testo scritto in codice per evitare la diffusione di notizie prima di domenica. Per nostra fortuna il pensiero più profondo del leader emerge in maniera cristallina e limpida da quanto è possibile leggere e ci sono fondati motivi per credere che il testo cifrato, una volta decodificato, non aggiungerà molto al contenuto del discorso. Ecco l’anteprima del sintetico ed incisivo testo destinato a scuotere la politica del paese nei prossimi giorni. “Popolo padano arrrg krunch valle prrrr verde karr roar duro, grrrunch roar Roma. Trrroiuw kruunt fiumi di soldi qryun sud, argh fucili kkrroar a lavurà kaz nord. Buuu rotto i coglioni, kuuiurt abbassare prot pereppe tasse caz crunch imprese. Prrrr è uno stronzo, rar cccch un cazzo. Ppooer federalismo, qrrr centrale, pruuu pot groar pulisco il culo arrrr trroooru bandiera. Kkkrrrr prruuuu secessione. Grrunch governo cade, trooonc fraam arrr. Padania, cronc prrrrrrr. Grroorrr truooo prrunch vaffanculo prrrr.”

192

MERCOLEDÌ 15 GIUGNO 2011

Innovazioni
Tempo fa scrissi questa lettera al ministro Brunetta, non mi ha mai risposto, nonostante all'epoca andasse in giro a dire compiaciuto di aver aperto un canale di comunicazione in rete e di rispondere a chiunque gli ponesse qualsiasi tipo di domanda sul suo profilo facebook, la mia lettera fu inviata direttamente all'indirizzo del ministero della Funzione Pubblica. Questo per inquadrare la faccenda in termini di buona educazione e se qualcuno pensasse che gli impegni abbiano impedito di fornire una risposta, beh, allora date un'occhiata a quest'altra lettera con risposta, non credo che in questo secondo caso si possa parlare di persona libera da impegni, né per il destinatario né per chi ha risposto. Dopo quanto ho visto in questo video e letto in questo articolo, capisco i motivi della mancata risposta alla mia lettera, oltre, naturalmente, ad altre cose ben più importanti. Forse, come dice Leoluca Orlando, il ministro "non è all'altezza"!

GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011

State attenti
Ragazzi, io vi avverto, se lavorate per la Presidenza del Consiglio dei Ministri non è prudente frequentare blog comunisti. Sinceramente, lo dico per voi, che poi Stracquadanio vi sgama! Peraltro non è neanche la prima volta.

A proposito di visite illustri, sebbene io controlli raramente le statistiche del contatore a volte capitano ospiti che proprio non mi aspetterei. Però ragazzi, animo! Lasciatelo un commento. Solo un appunto. Un nome più modesto per il provider della Città del Vaticano proprio non vi veniva eh? ;-)

Questo invece deve essere Stracquadanio, ne sono certo! Se sei tu non lasciare commenti perché te li cancello.

PS - Questa in effetti era da un po' che non la vedevo!

193

SABATO 25 GIUGNO 2011

Evoluzioni estive
E' cominciata l'estate e siccome d'estate fa caldo allora deve fare caldo, quello che dicono i termometri è secondario. Il calendario dice che è estate e quindi fa caldo, fatevene una ragione! E smettetela di dire che l'aria è fresca, vi sbagliate. Per rimediare al caldo calendariale i condizionatori devono andare a palla. Nelle farmacie, nei supermercati, alle poste, nelle banche vi aspetta un accogliente gelo. Quando uscirete rischiate un colpo apoplettico ma non è quello il problema. Il problema è che fa caldo! Se non facesse così caldo non ci sarebbe bisogno di ricorrere ai condizionatori. Il condizionatore d'estate è un obbligo morale. Un imperativo categorico! Anzi, di più. Del resto ormai sono in pochi a disporre dei vecchi sistemi di termoregolazione che appartengono agli animali a sangue caldo. Un tempo dicevano che alla base dell'encefalo tra i due emisferi c'era l'ipotalamo, una piccola struttura che faceva sudare se c'era caldo o faceva contrarre i muscoli se faceva freddo, i vasi sanguigni si dilatavano o si restringevano secondo la temperatura. Se sudavi e i vasi si dilatavano la temperatura corporea scendeva, se avevi i brividi e i vasi si restringevano la temperatura corporea saliva. Oggi no! Non funziona più così, niente brividi, il sudore puzza e i vasi hanno una portata costante ché altrimenti la pressione ne risentirebbe. L'uso dei condizionatori ha fatto regredire l'ipotalamo e altre strutture arcaiche ma non è questo il vero problema. Il vero problema è l'enorme consumo di elettricità dei condizionatori. Per ovviare a questo gravissimo inconveniente energetico i ricercatori stanno studiano diverse soluzioni. Tra le principali proposte allo studio c'è l'applicazione di un microchip al posto del vecchio ipotalamo per annullare la sensazione del caldo, molti manifestano scetticismo sulla proposta asserendo che la percezione della temperatura corporea sia una funzione importante e che annullarla potrebbe riservare pessime sorprese. Altri stanno proponendo una manipolazione genetica per far spuntare placche dorsali, come quelle che avevano gli stegosauri, per avere più rapidi scambi termici con l'aria. A queste straordinarie proposte si oppongono i più tradizionalisti che, incapaci di vedere il glorioso futuro, propongono di vestire leggero e addirittura di tornare a sudare!

COMMENTS:
Adriano Maini Viva, allora, le vecchie sane tradizioni! Garbo E' vero, un caldo torrido, equatoriale, vedo passare giraffe, zebre e gnu nel corridoio del mio studio ... poco più in la una battuta di caccia, un branco di iene tenta di abbattere una gazzella. A parte gli scherzi, credo davvero che ormai siamo diventati insofferenti della minima escursione termica, siamo una civiltà che vive in maniera totalmente artificiale, a 22-23° costanti di temperatura in ogni ambiente, che non sopporta il sudore ... se non in palestra dove anzi è previsto e auspicato, o nelle saune quando ciclicamente tornano di moda. Poi, esiste una sorta di grande fratello che anticipa addirittura ciò che vivremo, se inizia l'estate ci anticipa il caldo e ce lo fa sentire anche quando non c'è, ogni tanto saltano fuori (in concomitanza col caldo) gli abbandoni tragici di bambini in macchina ... non vorrei sembrare insensibile, o scettico o cinico, mi chiedo quanto ormai le notizie vanno selezionate in base alle reazioni che si presume scateneranno e quanto ne vengano ignorate altre non corredate dalle stesse caratteristiche. Ancora, quanto una notizia data e la sua reazione possono condizionare la probabilità che ne accadano di simili o che notizie simili vengano selezionate e date in pasto al pubblico scatenando così il panico da "epidemia" o da malcostume. Ciao Notizie del Futuro Voglio essere uno stegosauro!!! Nounours(e)

194

In fondo mi basterebbe un casolare di campagna con il ventilatore azionato da una cascatella d'acqua torrentizia e piccola pozza dove bagnarmi le caviglie...:))) Insomma un ingranaggio alla Leonardo da Vinci e naturalmente non può mancare l'arietta "fresca" serale che s'aggira in un gorgo e tiene lontani gli insetti...mah sì! Antonio Adriano, temo che sarà difficile sottrarsi alla nuova "evoluzione" soprattutto se si siamo esposti troppo a lungo alla fauna urbana. Garbo, che bella sorpresa m'avete fatto tu e Nounours(e) a rifarvi vivi. Che dire? Io la prendo larga, come avrai capito prediligo la satira ma qui parlo di un era post-umana nella quale ormai ci siamo dentro fino al collo. Il sudore solo in palestra dici. Ovvio! In palestra si paga per sudare quindi il sudore ha un prezzo e quindi un valore, secondo una sequenza di equivalenze in voga. Non sia mai che si sudi gratis, sarebbe davvero senza senso! Riguardo alle notizie, una volta ho assistito ad una tavola rotonda sui cambiamenti climatici, ero in platea, Giovanni Floris era il moderatore, ad un certo punto si parlava del ruolo dell'informazione per la diffusione di certe tematiche e lui disse che la notizia è ciò che si nota, avrei voluto intervenire per dire quanto sarebbe stato meglio pensare che l'informazione è ciò che forma ma tacqui! L'intruso, contento tu! No, scherzi a parte, non siamo mica sicuri di non essere già degli stegosauri. Cambiare nome alla specie richiede un governo stabile, ecco perché continuiamo a tenere la vecchia tassonomia! Nou, lo dicevo già a Garbo, sono contento di rileggere i tuoi commenti. Un casolare in campagna, hai detto poco! Sarebbe un sogno, con tanti animali e un caminetto - adesso lo terrei spento ma il caminetto deve esserci - poi un fiume che scorre vicino e un mulino, che bello, mettici la montagna poco distante e un mare che sia solitario e mi hai disegnato il paradiso. Un salutone a tutti e buona estate. ;-) Giulio GMDB© Leggevo oggi che nemmeno i soldati USA devono sudare: in Afghanistan ed in Iraq il budget per l'aria condizionata è di 14 miliardi, più alto di quello per la NASA... nino p. Sono di Reggio Calabria, in ottobre da noi la temperatura media è intorno ai 25 gradi, con giornate a volte caldissime. Una domenica mattina mentre passeggiavo sul corso, incontro una mia amica con un piumino firmato, di quelli che io metterei solo sulla neve e solo se fossi a rischio congelamento; "Anna" gli dico, "ma ci sono quasi trenta gradi! Che ci fai con quella roba addosso?" e lei con un'espressione stupita mi risponde "ma... è ottobre!!" Capito? Non è una questione di temperature, ma, di stagioni! ;-))))

MARTEDÌ 5 LUGLIO 2011

Censure/Cesure
Probabilmente a pochissimi di voi o a nessuno importerà qualcosa se questo blog chiuderà ma non mi sembra un buon motivo per non provare ad evitare che altri siti e altri blog vengano chiusi.

COMMENTS:
Riverinflood Alla fine prevarrà l'intelligenza superiore e la sopravvivenza della dignità. (Spero). Altrimenti occorre entrare in clandestinità e fare come in Fahrenheit 451. Ad majora!

195

Notizie del Futuro E si può anche seguire la "Notte della Rete", mettendolo sul proprio blog... Qui si può trovare il codice: http://metilparaben.blogspot.com/2011/07/la-notte-della-rete-trasmetti-anche-sul.html Antonio Riverinflood, sei un inguaribile ottimista! Notizie del futuro, grazie del suggerimento. Vincenzo Errico Una soluzione ci sarebbe: pensarla tutti allo stesso modo, dire sempre bene di chi governa e di chi legifera, così non ci sarà bisogno di intervenire... Aderisco! (Garibaldinamente) Antonio Caro Vincenzo sappiamo entrambi che la soluzione che prospetti per gusto polemico non ci piace in linea di principio, quando poi a governare è gente che non vale l'unghia di un piede quella soluzione non è neanche da prendere in considerazione. Come dice River, pur di continuare a pensare con la propria testa resta la strada del pompiere Montagu o di un altro grande personaggio della letteratura, quell'Hanta di Hrabal che non sa più da dove vengano i suoi pensieri, né se siano veramente suoi.

MARTEDÌ 5 LUGLIO 2011

Pregiudizi
Sono fermamente convinto che per guidare un SUV bisogna essere delle vere teste di cazzo. Mi rendo conto però che il mio è un pregiudizio. Quando capita di guardare bene chi guida il SUV il pregiudizio vacilla, se poi capita di scambiarci due parole allora il pregiudizio diventa un giudizio definitivo!

GIOVEDÌ 14 LUGLIO 2011

La libertà per la morte

"Nessuno può assumersi il morire di un altro. Ognuno può, sì, «morire per un altro». Ma ciò significa sempre: sacrificarsi per un altro in una determinata cosa. Ma questo morire-per... non può mai significare che all'altro sia così sottratta la propria morte. Ogni Esserci deve assumersi sempre in proprio la morte. Nella misura in cui la morte «è», essa è sempre essenzialmente la mia morte. Essa esprime una possibilità di essere caratteristica, in cui ne va dell'essere puro e semplice dell'Esserci sempre proprio di qualcuno. Nel morire si fa chiaro che la morte è costituita ontologicamente dal carattere dell'esser-sempre-mio e dall'esistenza." Martin Heidegger, Essere e Tempo, 1927, § 47. Ed. Longanesi, 1971, a cura di Franco Volpi. *** Martedì scorso la Camera ha approvato il cosiddetto testamento biologico, una norma che, nella più solida tradizione degli ultimi anni, calpesta i principi di libertà personale e di coscienza che, oltre a far parte di una secolare tradizione - non solo laica ma anche cristiana - sono sanciti dalla Costituzione (artt. 2 e 32, c. 2). Il provvedimento deve tornare in Senato ma è difficile immaginare che il testo licenziato dalla Camera possa essere emendato delle oscenità che contiene. In poche parole una persona può dare disposizioni sulle terapie che accetta gli vengano praticate ma nulla può dire su quelle che rifiuta, in ogni caso il cosiddetto testamento non è vincolante e l'alimentazione/idratazione forzata sono escluse dalle dichiarazioni anticipate di trattamento! Bene, una norma più idiota è difficile concepirla ma già da diverso tempo siamo abituati a

196

continui crescendi dell'imbecillità e dell'arroganza in ambito normativo con leggi scritte e votate da decerebrati schizofrenici. Altri hanno parlato di questo provvedimento ignobile in maniera più competente di quanto potrei fare io (Stefano Rodotà, Michele Ainis,Ignazio Marino e anche tra i blog che seguo come Cinzia Sciuto,Francesco Zaffuto, Alessandro Giglioli e chissà quanti altri), forse un tempo avrei potuto aggiungere qualcosa, sicuramente qualche considerazione al riguardo l'ho già espressa a suo tempo (qui e qui) ma adesso non ce la faccio ad aggiungere altro. Ultimamente sto diventando sempre più insofferente a scrivere di chi palesemente vale meno di un'unghia tagliata dalle dita del mio piede. Non posso farcela a scrivere di ricettatori che siedono in Parlamento o di perfetti idioti incapaci di intendere e volere che fanno lezioni sui nuovi media e siedono nei consigli regionali perché papà è uno importante, di ministri accusati di associazione mafiosa che non vedono alcun motivo per dimettersi, di un fallito imbottito di soldi fatti con la corruzione che inneggia all'evasione fiscale, di un cretino che da del cretino ad un altro cretino, di chi accusa di terrorismo una comunità pacifica di cittadini che chiede in quale direzione porti il progresso di cui ci si riempie la bocca solo perché così fan tutti, di un paese di poveri coglioni governati da massoni che tributano ad un deficiente afasico competenze strategiche che non ha mai avuto e che viene folgorato dal debito nazionale che fino a ieri ha negato avesse alcuna importanza, di mentecatti che si scusano se devono alzare le tasse per le auto di lusso, di trogloditi convinti di saper governare la complessità incendiando casse di leggi, di tagli agli stipendi del 5% sulle eccedenze dei 90.000 euro annui presentati come sacrifici quando le persone normali di euro all'anno ne prendono molti meno e forse nessuno, di cavernicoli che esprimono il loro disappunto mostrando il dito medio ad ogni occasione e che per pulirsi il culo usano il tricolore, di sindacalisti lacché che improvvisamente scoprono la natura illiberale di questo governo, di pagliacci additati come intellettuali che ancora cianciano della rivoluzione liberale ad opera di un fantoccio in disfacimento, di deputati che si vendono per un mutuo, di mezze calzette che si fanno consigliare da un faccendiere già condannato cui le persone normali non chiederebbero di comprare un giornale, di delinquenti che scambiano le tangenti per regali di Natale e di chi benedice tutto questo in nome di un Dio brandito a uso e consumo di un circolo ristretto di culi obesi che dispensano consigli su come affrontare la fame nel mondo. No, non ce la faccio proprio a scrivere di tutto questo schifo. Aggiungete il caldo di questi giorni e capirete benissimo perché mi viene da vomitare.

COMMENTS:
Taglia46 Capisco perfettamente il tuo "non farcela a scrivere o a proferire parola" per tutti i motivi da te elencati....ma da un po' di tempo a questa parte, nausea annessa, mi viene da pensare che forse questa è l'unica arma che ci è rimasta... Berica l'insofferenza è comprensibile ma è forse quello che si vuole ottenere con il continuo bombardamento di volgarità, oscenità, mediocrità, incompetenza, dichiarazioni scioccanti, il pollice verso della binetti... Indignati si reagisce e non si è ancora finito di parlarne che arriva un'altra boutade o un'altra notizia dal parlamento. E' difficile tenere il passo e non perdere l'equilibrio. Adriano Maini Loschi figuri oggi ancora al potere, disumani sotto ogni profilo ed oltre ogni dire! Francesco Zaffuto E'una nausea che spesso mi coglie. Poi faticosamente ricomincio e spero di passare il tocco a chi è più giovane di me. Quel tocco "di voglia di pensare" che in qualche modo è arrivato da molto lontano fino a noi. Antonio Prima o poi la gente rincorrerà questi meschini con i forconi e allora leggeremo idiote dichiarazioni di solidarietà e di rifiuto della violenza!

197

LUNEDÌ 18 LUGLIO 2011

Giustizia o rivalsa
Voglio contribuire anch'io, nel mio piccolo, alla diffusione di questo bloghttp://isegretidellacasta.blogspot.com/ Il blog è nato dall'iniziativa di un "precario arrabbiato" che è stato licenziato dopo 15 anni di servizio a Montecitorio. Voglio contribuire alla diffusione di questo blog ma con una riserva e qualche domanda. E' noto che il precariato espone ad una condizione di ricattabilità, lo so bene, ma mi chiedo: se il precario non fosse stato licenziato tutto quello che sta denunciando sarebbe restato segreto? Se il contratto del precario avesse avuto un seguito sarebbe stato sufficiente per tacere le ingiustizie di cui sta dando documentato resoconto? Cosa muove l'iniziativa del precario? Un senso di giustizia o la rivalsa? Pensateci attentamente, non è la stessa cosa. Il senso di giustizia precede eventuali torti subiti, quello di rivalsa, sebbene altrettanto legittimo e direttamente connesso alla giustizia, è successivo. Ecco, questa è la mia riserva, queste le mie domande.

COMMENTS:
Riverinflood Se un cittadino qualsiasi crede sia giusto denunciare "i segreti di qualcosa in cui egli stesso è stato anima e corpo", per avvenute forme di ingiustizia, nel suo caso, il licenziamento, secondo me dovrebbe usare il suo nome e cognome e i nomi e i cognomi dei denunciati. Altrimenti non farà altro che "fare il gioco di cui altri sono maestri" nel rendere fumose improbabili o reali verità. Francesco Zaffuto almeno farci sapere in che modo facebook è intervenuta con la censura della sua pagina Notizie del Futuro È tutto un fake... Antonio Che sia vera o falsa la storia del precario poco importa, è importante che quello che sta dicendo sia vero e documentato, anche se sono cose già note. E' importante dirle, ridirle e ripeterle quelle cose. Il mio rilievo è sulle modalità, o meglio sulla tempistica, con cui tale ondata di indignazione monta in Italia, a intervalli più o meno regolari direi. Ho l'irriverente impressione che alla gran parte degli italiani (spero che spidertruman non ne faccia parte) non gli girino le balle per la corruzione in sè ma perché i frutti della corruzione non riempiono le loro tasche, altrimenti dopo tangentopoli non mandavano al governo un (im)prenditore senza un briciolo di senso civico. Garbo Caro Antonio, contrariamente a te, a me poco importa se a muovere il fantomatico precario sia un senso di giustizia o di rivalsa, se dovessimo attendere che sia la giustizia a muoverci in Italia, forse ci sarebbero in piedi pochissimi processi, mentre le aule di tribunale sono congestionate. Si agisce in genere quando si è danneggiati da qualcuno, non quando si partecipa degli utili o la cosa non ci lambisce affatto. La difficoltà estrema sta nel far comprendere che una corruzione, un reato, anche se non ci colpisce direttamente, anche quando possiamo esserne complici (come può esserlo un portaborse) è pur sempre qualcosa che ci danneggia tutti. Gli antichi greci, e va a sapere perché, non consideravano la rivalsa personale qualcosa che inficiasse l'accusa (pensa al meccanismo dell'ostracismo in Atene), anzi, sembrava che l'accusa stessa fosse rafforzata dagli interessi personali dell'accusatore, saggiamente badavano ai fatti, o meglio a quanto reggevano gli argomenti dell'accusatore e quanto quelli dell'accusato. E siccome erano disincantati, non si ponevano il problema di capire quale fosse la verità, ma di assistere alla dimostrazioni di capacità retoriche dell'uno e dell'altro, dando ragione a chi fosse stato più abile (eccetto, forse, nel caso

198

di Socrate, che però irritò i suoi giudici con quella storia del mantenimento a spese del pritaneo). Mi pare che l'ex portaborse non abbia fatto alcun nome di politici fino adesso e che non abbia detto nient'altro che non avessero già detto più dettagliatamente Rizzo e Stella corredando di nomi e cognomi, invece, le loro accuse. Staremo a vedere se salta fuori qualcosa di più sostanzioso. Ciao Antonio Garbo, è vero che le aule di tribunale si riempiono per rifarsi di un danno, per questo tracciavo una linea immaginaria tra giustizia e rivalsa, una linea del tutto naturale. Lasciando perdere discorsi di natura genealogica su cosa viene prima e cosa viene dopo, che potrebbe essere come la storia dell’uovo e della gallina, è sicuramente meno complicata la differenza tra interessi personali e interessi pubblici (anche se qualche capo di governo continua a sovrapporli). Detto questo quello che però condannavo e che continuerò a disprezzare è l’improvvisa trasformazione in paladini della giustizia (collettiva/pubblica) di quanti sarebbero stati disposti a tacere una ingiustizia in cambio di un vantaggio personale (naturalmente qui il discorso si complicherebbe di quelle istanze che non rendono paritari i rapporti ma passami questa semplificazione). Hai ragione quando dici che la cosa importante è capire che un torto per uno è in realtà un torto per tutti ma temo che questo importantissimo passaggio resti abortito nelle levate di indignazione dell’italica gente, naturalmente attendo smentite e trasformazioni perché purtroppo quello che è successo dopo l’indignazione di tangentopoli mi dice che non mi sbaglio. Ad ogni modo questa faccenda del “precario” si sta rivelando una bufala e, come dici tu, non sta rivelando nulla di nuovo e soprattutto rimane nel generico, insomma va bene parlarne ma poi? Quindi stando agli antichi greci questo fantomatico precario, o chi per lui, sarebbe stato deriso per la genericità delle sue argomentazioni. Notizie del Futuro Il blog in questione va avanti con questioni a dir poco "scottanti"... e con la querelle sul suo autore... Garbo Caro Antonio, se sei in ferie, Buone Ferie ... buon lavoro se stai lavorando, come me. Ciao Nounours(e) Rivalsa. Rivalsa da tutte le parti. Fare giustizia con la rivalsa credo abbia un sapore un po' amaro, però non possiamo essere schifiltosi di questi tempi. Ciao :) Anch3Basta a parer mio è rivalsa. Mi interessano i contenuti non la motivazione.

DOMENICA 7 AGOSTO 2011

Cari fratelli dall'Africa
Cari fratelli dall'Africa, ho seguito con molta attenzione le vicende del primo agosto a Bari, con gli scontri tra voi e le forze dell'ordine. Lamentate tempi lunghi per il riconoscimento dello status di rifugiati, per il rilascio dei permessi di soggiorno e interminabili soste forzate nei centri di permanenza temporanea. Se avete lasciato il vostro paese per rischiare la vita nella traversata del Mediterraneo ci sarà sicuramente un valido motivo e magari non avreste mai pensato che se il mare avesse risparmiato la vostra vita, l'ostacolo al

199

vostro sogno sarebbe stato un timbro su un foglio di carta, ma queste cose capitano in un paese con un sistema statistico efficiente che deve verificare con zelo la provenienza e la destinazione di chi sbarca sulle nostre coste. Qualcosa sfuggirà a quel sistema statistico ma questo non è previsto dal sistema, piuttosto rappresenta un disguido, un equivoco, roba di poco conto. Sfuggiranno per esempio quanti tra voi vivranno condizioni di lavoro prossime alla schiavitù, sfuggiranno tutti quelli pagati pochi soldi e in nero per fare lavori che spaccano la schiena e che i miei compatrioti ritengono vili. Sfuggiranno anche quelli che dormiranno ammassati in un capannone di campagna senza alcun servizio igienico per raccogliere i pomodori con cui prepariamo il sugo che ci rende famosi in tutto il mondo e sfuggiranno tutti quelli che subiranno l'umiliazione di non avere alcuna garanzia per la propria sicurezza sul lavoro, per la propria salute, per la propria famiglia. Sfuggiranno a quel rigoroso sistema statistico quanti tra voi vivranno il proprio malessere nell'indifferenza delle istituzioni e penseranno di essere in una situazione disperata e senza via d'uscita ma forse sono proprio queste sviste del sistema statistico ed istituzionale del nostro paese che hanno fatto scoppiare la vostra rabbia latente che è sfociata nei disordini di una settimana fa. Avete bloccato la ferrovia e la tangenziale di Bari impedendo per molte ore la libera circolazione delle persone e delle merci. In questa situazione poliziotti e carabinieri, chiamati ad intervenire, non potevano fare altro che indossare le loro divise anti sommossa e ripristinare in ogni modo la circolazione dei mezzi. Voi invece di obbedire agli avvertimenti delle forze dell'ordine avete lanciato pietre e la giornata si è conclusa con numerosi feriti. La giustizia italiana non ha tardato a fare il suo corso e inevitabilmente molti di voi sono stati riconosciuti colpevoli di reati gravissimi: resistenza a pubblico ufficiale, blocco di pubblico servizio, lesioni aggravate di agenti di polizia e di carabinieri, tutti reati che non possono essere tollerati in un paese civile come il nostro. Se umanamente si può comprendere la rabbia pure si ha il dovere di considerare la faccenda in termini giuridici e di prerogative riconosciute a chiunque in un paese civile e democratico come l'Italia, prerogative che consentono a chiunque di manifestare pacificamente uno stato di disagio e di intervenire per risolverlo. Del resto uno stato è civile non quando elimina la violenza dal proprio territorio, obiettivo peraltro utopico, bensì quando crea le condizioni per renderne inutile il ricorso. O no? In un paese civile sono attivate tutte le necessarie procedure affinché una persona di qualunque condizione civile e sociale faccia conoscere alle autorità competenti una patente ingiustizia e le autorità hanno il dovere di intervenire tempestivamente per rimuovere gli ostacoli al benessere. Allora voi potevate parlare dei vostri problemi con un poliziotto o un carabiniere qualsiasi che si sarebbe incaricato di inoltrare la vostra denuncia al questore o alla stazione di comando, da qui il vostro reclamo sarebbe arrivato al prefetto che non avrebbe esitato a comunicare la faccenda a chi di dovere per risolvere il disagio e punire i responsabili a tutti i livelli di tale situazione. Anziché attivare questa virtuosa catena di interventi pacifici che contraddistingue un paese civile avete pensato di intraprendere azioni violente che non trovano alcuna giustificazione in un paese dotato di tutte le necessarie misure di garanzia e di rispetto della dignità delle persone. Nel caso in Italia mancassero tali misure o non fossero attivate in maniera rapida ed efficace o la catena si interrompesse nell'indifferenza di qualche anello, allora io solidarizzerei totalmente e incondizionatamente con la vostra protesta, in caso contrario è evidente ad ogni persona di buon senso (e di buon gusto) che occorre esprimere una ferma e vibrante condanna per l'inconcepibile, nonché ingiustificato, ricorso alla violenza! Con affetto e fiducia.

COMMENTS:
Riverinflood Già, sono narcisisticamente violenti e indegni di calpestare cotanta storia italica. Secondo me devono lasciarsi andare... Adriano Maini Mi sa che sono le nostre forze dell'ordine che, ad usare un eufemismo, non hanno sviluppato il senso dell'umorismo! intherainbow Per avere dignità qualsiasi mezzo è lecito!!!..... e gli africani in terra di Bari erano davvero 'indignados'!!! nino p. è una bella pagina quella che hai scritto, quasi utopica, ma fortemente pregna di un bisogno di giustizia sociale che purtroppo, quando per un motivo e quando per un altro viene a mancare... Antonio

200

Le banalissime dichiarazioni di condanna degli atti violenti, quando non considerano le dinamiche sociali e il malessere che genera quelle esplosioni, mi rivelano soltanto la miseria degli strumenti di analisi di quanti hanno la pancia piena tutto l'anno e il culo al caldo d'inverno e al fresco d'estate, piccoli parassiti che vivono sul corpo dei miserabili che non hanno voce. Quanti saprebbero dell'esistenza del Cara senza quelle rivolte? Questa domanda solleva il ruolo e la responsabilità dei media in questo "paese civile". La gente alza la voce quando non ha voce! Non tutti sono Gandhi e Martin Luther King, non tutti possono esserlo. Intherainbow sono daccordo con te "totalmente e incondizionatamente". Garbo Bel post, sia nel tono sia nei contenuti. Di mio aggiungo che il "reato" di clandestinità porta con se a cascata una miriade di altri reati, perché non è detto che ci si possa rivolgere alle forze dell'ordine con tanta fiducia se già solo per il fatto di essere qui sei un reo che deve dimostrare la sua innocenza. Se sopravvivi al deserto, se sopravvivi al mare, non sopravvivrai a Maroni e alla burocrazia italiana, non puoi essere così fortunato ... e se anche lo fossi, allora compra un biglietto della lotteria, un gratta e vinci, un ... mi sfugge il nome ... vacanziere per sempre ... o qualcosa del genere. Per questi poveracci vacanziere per sempre significa essere riportati sulle coste africane per poi riprovare a tornare da queste parti ... e la crisi mondiale non aiuta né loro (che sono i primi a pagarne le conseguenze) nè noi che restringiamo il nostro animo (già particolarmente ristretto) e il nostro senso di solidariewtà. Ciao

MARTEDÌ 30 AGOSTO 2011

I nuovi miserabili
Il più grande statista che l'Italia abbia avuto negli ultimi 17.423 anni "ha tolto le mani dalle tasche degli italiani". Non sarà più versato il contributo di solidarietà del 5% sulla cifra eccedente i 90.000 euro annui o il 10% sulla cifra eccedente i 150.000 euro annui! Esempio del contributo di solidarietà che non c'è più. Fermo restando il sistema fiscale attuale se tu fossi un miserabile che guadagna 95.000 euro all'anno, su quei 5.000 euro oltre i 90.000 avresti pagato un 5% in più, ovvero ben 250 euro! Mentre se fossi un pezzente che guadagna 157.000 euro all'anno allora avresti pagato 3.350 euro sull'eccedenza i 90.000 euro e ben 700 euro sull'eccedenza i 150.000, per un totale di 4.050 euro. I nuovi miserabili da oltre 90.000 euro all'anno ringraziano. Siccome tu invece sei un signore e non guadagni quelle cifre e il più grande statista che l'Italia abbia avuto negli ultimi 17.423 anni "ha tolto le mani dalle tasche degli italiani", allora guadagnerai di meno del tuo solito stipendio se hai la fortuna di avere un lavoro, andrai in pensione più tardi se ci andrai e con meno soldi. Se poi hai pure riscattato il servizio militare e gli anni di laurea e dottorato perché pensavi di andare in pensione prima, allora vuol dire che non hai avuto lungimiranza (io mi sono salvato perché il riscatto era troppo costoso, che culo!). Ma nonostante tutto puoi essere soddisfatto di non essere un morto di fame come chi guadagna oltre 90.000 euro o, peggio, chi li evade portando i propri capitali alle Antille.

DOMENICA 18 SETTEMBRE 2011

Ma gira davvero questa patonza?
L'importante è far girare la patonza e l'economia!

201

Ho cercato "patonza" in google e sono venute fuori 198.000 voci, con "economia" sono venute fuori 237.000.000 voci. A occhio e croce chi parla troppo di patonza non la vede girare come vorrebbe e se la vede girare è solo per questioni di economia.

GIOVEDÌ 22 SETTEMBRE 2011

Il monito!

la Repubblica.it

"Serve un rinnovamento etico". Ma no! Santità, non è che niente niente ha sbagliato indirizzo ed è un tantino fuori tempo? E poi, ci dica Santità, che vuol dire esattamente "rinnovamento etico"? Più nuovo di quello che abbiamo!

LUNEDÌ 26 SETTEMBRE 2011

Senza parole

Dichiarazione del "ministro" Mariastella Gelmini dopo l'annuncio della scoperta dei neutrini che avrebbero superato la velocità della luce.

202

la Repubblica.it

"Rivolgo il mio plauso e le mie più sentite congratulazioni agli autori di un esperimento storico. Sono profondamente grata a tutti i ricercatori italiani che hanno contribuito a questo evento che cambierà il volto della fisica moderna. Il superamento della velocità della luce è una vittoria epocale per la ricerca scientifica di tutto il mondo. Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l’esperimento, l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro. Inoltre, oggi l’Italia sostiene il Cern con assoluta convinzione, con un contributo di oltre 80 milioni di euro l’anno e gli eventi che stiamo vivendo ci confermano che si tratta di una scelta giusta e lungimirante".

MARTEDÌ 27 SETTEMBRE 2011

Prontezza di riflessi
Meglio tardi che mai! "I comportamenti licenziosi e le relazioni improprie - dice Bagnasco -sono in se stessi negativi e producono un danno sociale a prescindere dalla loro notorietà. Ammorbano l'aria e appesantiscono il cammino comune." da laRepubblica.it

VENERDÌ 30 SETTEMBRE 2011

A volte ritornano!
Mi riciclo questo post. In un paese dove un governo impresentabile periodicamente ricicla testi di legge che susciterebbero lo sdegno e l'ilarità del resto del mondo occidentale non resta altro che riciclarsi qualche vecchia risata!

GIOVEDÌ 6 OTTOBRE 2011

Un paese normale
Il sindaco Nicola Maffei (PD) dopo la tragedia di Barletta: «Non mi sento di criminalizzare chi, in un momento di crisi come questo viola la legge assicurando, però, lavoro, a patto che non si speculi sulla vita delle persone».

203

L’assessore al welfare della Regione Puglia, Elena Gentile (PD), replica alle dichiarazioni rilasciate del sindaco di Barletta: «Mi auguro che le parole del sindaco della città di Barletta siano il risultato di una temporanea sconnessione dalle responsabilità politiche. Una sorta di fuga psicologica di chi, tra gli altri, dovrebbe invece preoccuparsi della corretta applicazione delle norme sulla sicurezza e sulla regolarità’ dei rapporti di lavoro.» Brevemente, a parte il fatto che le parole di Nicola Maffei sono prive di senso perché se la legge sulla sicurezza serve a tutelare la vita delle persone davvero non si capisce come possa essere rispettato il patto che il sindaco evoca violando quella legge! Il fatto importante è che in un paese normale ci sarebbe da ragionare su quello che il codice penale chiama "apologia di reato". Questo in un paese normale ma Luciano Gallino ci ricorda implacabilmente in quale paese viviamo.

MERCOLEDÌ 12 OTTOBRE 2011

La roadmap
Domani Berlusconi presenterà alla Camera dei Deputati la sua roadmapper arrivare a fine legislatura. In via del tutto eccezionale questo blog è in grado di dare una anticipazione del discorso che sarà pronunciato dallo statista.

A - Arcore MB 1. Procedi in direzione sudovest da Via Alfonso Casati/SP58 versoVia Umberto I Continua a seguire la SP58 - 1,6 km 2. Prendi lo svincolo per Via Monte Rosa/SP45/SP7 - 59 m 3. Mantieni la destra al bivio ed entra in Via Monte Rosa/SP45/SP7 Continua a seguire la SP45 Attraversa 1a rotonda - 1,8 km 4. Alla rotonda prendi la 1a uscita e imbocca SP60 in direzioneMonza/Milano - 2,4 km 5. Alla rotonda prendi la 2a uscita e imbocca Viale Giovan Battista Stucchi - 1,2 km 6. Alla rotonda prendi la 3a uscita e imbocca Viale Sicilia/SP13 Continua a seguire la SP13 - 2,5 km 7. Mantieni la sinistra al bivio - 300 m 8. Svolta a sinistra e imbocca Via Giacomo Matteotti Attraversa 2 rotonde - 1,8 km 9. Alla rotonda prendi la 4a uscita e imbocca lo svincolo A4 per Venezia

204

Strada a pedaggio parziale - 400 m 10. Entra in A4 Strada a pedaggio - 218 km 11. Prendi l'uscita per A13 verso Bologna/Padova Zona Industriale Strada a pedaggio - 4,2 km 12. Prendi l'uscita verso Corso Stati Uniti/SP40 Strada a pedaggio parziale - 600 m 13. Mantieni la destra al bivio, segui le indicazioni perVenezia/Vigonovo/Saonara/SP40/Piove di Sacco/Chioggia ed entra in Corso Stati Uniti/SP40 Continua a seguire la SP40 Attraversa 2 rotonde - 13,4 km 14. Continua su Via Valerio/SS516 Continua a seguire la SS516 - 7,3 km 15. Mantieni la destra al bivio ed entra in Via Romea/SS309 Continua a seguire la SS309 Attraversa 1 rotonda - 39,4 km 16. Esci a sinistra e imbocca Via Veneto/SP38 - 5,6 km 17. Svolta leggermente a sinistra per rimanere su Via Veneto/SP38 Continua a seguire la SP38 - 4,3 km 18. Svolta a destra e imbocca Via Po di Gnocca/SP38bis/SP83 Continua a seguire la Via Po di Gnocca/SP38bis - 6,6 km B - Gnocca - Porto Tolle RO

GIOVEDÌ 13 OTTOBRE 2011

Sequel

Gli invincibili

205

Gli incredibili

Gli impresentabili

SABATO 15 OTTOBRE 2011

Gli indignati e gli indegni

Io alla manifestazione di oggi a Roma c'ero, ero in testa al corteo, e ho visto facce festose, sicuramente indignate per mille motivi, sicuramente arrabbiate, desiderose di cambiare il mondo, desiderose di un sistema sociale più giusto. Sognatori sicuramente ma ben svegli. Il corteo è sfilato per via Cavour, è passato davanti al Colosseo, ha percorso via Labicana fino all'incrocio con via Emanuele Filiberto per arrivare infine a Piazza San Giovanni, erano le 15:50 c'era un fiume di gente, ho visto famiglie sfilare al gran completo, pensionati e bambini, mamme con in braccio i propri figli, ho visto sfilare le bandiere del movimento dei referendari, quelle di Legambiente, dell'Arci e di una associazione di contadini, ho visto tanti slogan stampati sugli striscioni, dal "No TAV" ad "Acqua libera", al meno atteso di tutti: "La poesia è anti-capitalista". Ognuno aveva qualcosa da dire, qualcosa contro cui protestare ma niente, dico niente, faceva anche solo minimamente venire il sospetto che a poche centinaia di metri c'erano già azioni violente. Era una manifestazione pacifica, è stata una manifestazione pacifica fino a quando dei delinquenti a viso coperto hanno fatto scoppiare l'inferno. La manifestazione cui ho partecipato io era quella degli indignati ma quella di cui si parlerà nei media è la manifestazione degli indegni. La manifestazione cui ho partecipato io, indignato tra gli indignati, era composta da precari, da disoccupati, pensionati, giovani che non sanno come sarà il proprio futuro e padri che sanno che il futuro dei propri figli sarà peggiore del loro, da gente che non sa come arrivare a fine mese perché una politica indegna di questo nome e una finanza avida che ignorano hanno ridotto al lastrico il pianeta, la manifestazione cui hanno partecipato gli indegni era fatta da ultrà che hanno scelto le strade di Roma anziché gli stadi per sfogare le loro frustrazioni. La manifestazione cui ho partecipato io era composta da gente che in qualche modo sente la

206

profonda ingiustizia di un mondo in cui il 10% dei più ricchi possiede l'85% delle ricchezze economiche del pianeta, la manifestazione degli indegni era composta da ragazzotti inconsapevoli del lavoro che sta dietro la manifattura delle proprie scarpe, abituati ad avere i soldi da mammà e papà perché altrimenti non potrebbero pagare il cellulare. La manifestazione cui ho partecipato io è quella di chi, a diverso titolo, con mille voci differenti, anche discordi, sente che continuare con l'attuale sistema economico porterà il pianeta al collasso ecologico, quella degli indegni era la manifestazione di chi neanche sa cosa sia il collasso ecologico. La manifestazione degli indignati era una bella manifestazione, fatta di tante voci, ognuna con il suo messaggio, voci che le forze politiche illuminate farebbero bene ad ascoltare anziché temere, perché, diciamoci la verità, la democrazia fa paura. Invece i media e i cosiddetti politici parleranno della manifestazione degli indegni, purtroppo sarà così. Appena tornato a casa ho letto la dichiarazione dell'onorevole (mi si perdoni l'eccesso di educazione) Cicchitto che diceva "A Roma guerriglia programmata e progettata." Che strano onorevole Cicchitto, una volta tanto ho l'imbarazzante sensazione di essere in perfetta sintonia con la sua affermazione e la cosa, sinceramente, mi fa tremare!

COMMENTS:

il monticiano E te credo è stato confezionato un bel trappolone tra infiltrati, fascisti, blackblok, perché questi sgovernanti non gradiscono manifestazionmi di protesta vogliono soltanto mandrie di pecoroni. Che siano maledetti. Io abito a due passi da San Giovanni, ho sentito un'infinità di botti e non ho potuto affacciarmi in finestra per via dei lacrimogeni. Mio figlio, la moglie, e la figlia liceale si sono rifugiati da me, Mentre la più grande è andata via dalla manifestazione all'università. Ancora seguita il casino. il Russo Ebbasta, certe cose reggevano dieci anni fa a Genova dove ci fu l'effetto sorpresa, i casini di oggi erano annunciati e risaputi da settimane e settimane, e te lo dice uno che sta a 500 km da Roma. Ma possibile che siate tutti qua a stupirvi? Ma davvero credete agli infiltrati, ai servizi, ai marziani? Ma per favore... Antonio il Russo, qui nessuno si stupisce ormai, purtroppo. Semmai diventa ancora più grave il fatto che un evento del genere, proprio perché atteso come dici tu, non sia stato evitato! Siamo passati dalle infiltrazioni di Cossighiana memoria alle rivolte spontanee che tornano utili? Non amo fare dietrologia prima di avere chiaro il quadro di quello che ho di fronte ma francamente certi commenti scomposti della attuale maggioranza non possono passare inosservati. E' vero che la distanza da prospettiva ma alcune cose si vedono meglio da vicino. Adriano Maini Io me lo sentivo che succedeva qualche provocazione, molto comoda al governo in carica. Nounours(e) Dalle immagini che sono state trasmesse si vede chiaramente che non si è voluto sedare le violenze. C'era un principio d'incendio sul mezzo dei Carabinieri che facilmente si poteva spegnere, ma tutto il mezzo è stato lasciato divampare. E poi perché circondare tutta Piazza S. Giovanni dalle forze dell'ordine, senza possibilità ai mezzi di soccorso di intervenire. La manifestazione era pacifica e non c'è alcun dubbio che sia pacifica quando c'è la presenza di intere famiglie. La sensazione è che abbiano costretto le famiglie a scappare e abbiano lasciato gli sfasciatori liberi di devastare la città. Aries 51 Cicchitto ? Stai parlando di "quel" Cicchitto ? Stai parlando di tessera 2232 della loggia P2 ? Cavolaccio, che strano, ma è per caso in libertà ? Antonio Solo un commento rapido per ringraziare anche qui Nou, per il tuo bel regalo. intherainbow E' stata una violenza inamissibile!!!...ma chi ci sta dietro tutto questo???

207

Nounours(e) Chi ci sta dietro a tutto questo è la domanda d'eccellenza che ci poniamo con forza. Io temo che chi ci sta dietro a tutto questo siano gli stessi soggetti che in passato hanno favorito disordini e stragi, sono sempre gli stessi eversori di una convivenza pacifica e condivisa. Antonio io ringrazio te, e vorrei dirti che se vuoi rispondere con un commento agli amici che sono passati da me, mi fa piacere perché penso che tu, in quanto autore, possa fare osservazioni più concrete delle mie. Ciao :) Nou nino p. che ci sarebbero stati i bb lo sapevano tutti... i coordinatori, il ministero degli interni, il ministero della difesa ed anche Cicchitto, si è voluto che succedesse...infatti oggi parliamo di loro e non della manifestazione.

MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011

Il corso della giustizia
Ora che avete arrestato lui che aveva in mano un estintore,

ci aspettiamo che arrestiate lui che ha ancora in mano un governo!

208

VENERDÌ 21 OTTOBRE 2011

Domande oziose
All'inizio di Il Ramo d'oro Frazer narra di quanto accadeva nei tempi antichi nel bosco sacro sulle sponde del lago di Nemi, dove si ergeva il santuario di Diana Nemorensis. "In questo bosco sacro cresceva un albero intorno a cui, in ogni momento del giorno, e probabilmente anche a notte inoltrata, si poteva vedere aggirarsi una truce figura. Nella destra teneva una spada sguainata e si guardava continuamente d'attorno come se temesse a ogni istante di essere assalito da qualche nemico. Quest'uomo era un sacerdote e un omicida; e quegli da cui si guardava doveva prima o poi trucidarlo e ottenere il sacerdozio in sua vece. Era questa la regola del santuario. Un candidato al sacerdozio poteva prenderne l'ufficio uccidendo il sacerdote, e avendolo ucciso, restava in carica finché non fosse stato ucciso a sua volta da uno più forte o più astuto di lui. L’ufficio tenuto in condizioni così precarie gli dava il titolo di re; ma certo nessuna testa regale riposò tra maggiori inquietudini, né fu mai turbata da più diabolici sogni. Anno per anno, d'estate o d'inverno, col tempo buono o con la bufera egli doveva proseguire la sua solitaria vigilia, e se cedeva a un tormentato sonno lo faceva a rischio della sua vita. Una diminuita vigilanza, la più piccola diminuzione nella forza delle sue membra o della destrezza della sua guardia, lo metteva nel più grave pericolo; l'imbiancarsi dei suoi capelli poteva segnare la sua condanna a morte." James George Frazer, Il ramo d'oro. Studio sulla magia e la religione, 1922. *** Ieri è stato ucciso Gheddafi e oggi qualche giornalista si chiede se la fine di un regime debba coincidere necessariamente con la morte del dittatore. Trovo la domanda terribilmente oziosa, figlia forse di una retorica tipicamente occidentale che tenta di salvare la faccia in extremis. Non amo assistere a scene cruente ma ancora meno sopporto gli esami di coscienza tardivi. La morte di un dittatore dopo la caduta del suo regime non è un fatto emotivo, come le folle inferocite e poi esultanti potrebbero far pensare, bensì un fatto di una razionalità quasi hegeliana. Non dico si tratti di un fatto ragionevole ma razionale, nel lucido delirio di Hegel la ragionevolezza lasciava il posto alla razionalità! Se un uomo lega indissolubilmente la sua persona ad un regime, si identifica con quel regime, allora ne consegue che la fine del suo regime deve coincidere con la sua fine, non può non coincidere con la sua fine. Da qui a provare allegria per la morte francamente per me il passo è troppo grande, non per buonismo o per pacifismo ma perché mi risulta difficile pensare che la morte possa accompagnarsi all'allegria. E' noto che la democrazia è l'unico regime in cui chi governa non viene sostituito in modo cruento, per questo conviene soprattutto a chi vuole governare farlo in modo democratico. Questo per quanto riguarda la notizia della morte di Gheddafi, riguardo invece la morte di altre persone nei giorni scorsi permettetemi di rimandarvi al post di Nicola Pezzoli (alias Zio Scriba), a mio avviso scritto in maniera sublime per far capire quale peso viene dato ai fatti che accadono.

11 COMMENTS:
Zio Scriba Grazie per avermi linkato, ma ancor di più per la storia dello Scoiattolo Volante, che colpevolmente leggo solo adesso. Là sotto ho mandato un bacio a Jamie. Gliene mando un altro da qui. Alberto Io faccio anche un'altra domanda. Morto Gheddafi, morto ammazzato, in Libia nascerà una democrazia? Adriano Maini Io, invece, sono pacifista ed umanista ad oltranza. Nonché appassionato di storia, quella antica in particolare, per cui ho molto apprezzato l'apologo iniziale, così ricco di ancestrali suggestioni. Gianna Non esulto per la morte d'un uomo, ma penso che ora un incubo sia finito e che si possa pensare alla costruzione della Pace.

209

Antonio Zio Scriba, sono io che ti ringrazio, come ho scritto da te è una fortuna che siano rimasti solo i "bambini sgrammaticati" a notare l'ordine delle cose! Alberto, la morte di Gheddafi forse non è neanche un prerequisito per la nascita della democrazia in Libia, al massimo lo è per la fine di una dittatura. Non ho mai pensato che la democrazia possa nascere per "esportazione", questa cretinata nacque nella testa di un decerebrato come Bush Jr seguito dai suoi sodali Blair e Berlusconi per invadere l'Iraq confezionando menzogne in faccia al mondo. In Libia è stato il turno di Sarkozy ed altri. Per quanto mi riguarda credo che la democrazia faccia paura, in questo post ne accennavo brevemente i motivi, per cui alla tua domanda rispondo, sperando di sbagliare, che in Libia ci si guarderà bene dal far nascere una democrazia vera, così come si è fatto in Iraq e in Afghanistan. Adriano, la lunga epigrafe al post serviva a dare un quadro antropologico a quanto intendevo dire. Ho cercato di fare una fotografia il più lucida possibile della vicenda, per quanto cinica, senza esprimere giudizi morali sull'accaduto. Francamente trovo imbarazzante che i paesi occidentali puttaneggino con i dittatori per poi scatenare scandali a comando per gli esiti delle loro stesse azioni. Di fronte alle scene del massacro di Gheddafi, che sia chiaro nessun giornale ha rifiutato di mostrare, qualche deficiente dopo averle mostrate si è chiesto "cosa siamo diventati?", cosa posso rispondere a questa domanda retorica? Non siamo diventati proprio un bel niente, siamo sempre stati così e questo non significa che dovremmo continuare ad essere così o che si debba essere così ma, per carità, almeno non recitate troppo la parte scandalizzata quando invece va benissimo che un criminale di guerra sia più o meno saldamente al comando di un paese e un altro fa il portavoce dell'ONU per la pace. Per quanto riguarda il pacifismo ad oltranza, caro Adriano, anche io ho una certa passione per la storia per cui, pur non volendo aprire alcuna polemica, mi viene in mente la storia partigiana e allora il discorso dell'oltranza lo mando a farsi benedire. Gianna, spero tu abbia ragione anche se ho il sospetto che quella pace che tu scrivi con la P maiuscola non sia altro che l'effetto collaterale di buoni rapporti commerciali, finché durano. nino p. e poi... la sua morte conviene a tutti.... FruFru A me invece è sembrata una domanda interessante quella di Mentana. Un po' retorica forse si, però anche interessante. Io non so quello che è giusto o sbagliato in questo contesto, sono un po' confusa, però non credo fino in fondo che ammazzare il dittatore sia il presupposto per una vera democrazia. Magari sarebbe stato più utile tenere vivo Gheddafi, processarlo e farlo parlare, anche se razionalmente sospetto che non poteva esserci una fine diversa per lui. Bello l'inizio del post. Antonio FruFru, neanche io ho mai pensato "che ammazzare il dittatore sia il presupposto per una vera democrazia", non l'ho scritto, né ho fatto cenno a cosa sia giusto o sbagliato ma solo a ciò che accade. La domanda può essere anche interessante ma in risposta meriterebbe un'altra domanda: date le premesse davvero pensavi sarebbe finita diversamente? o fai la domanda per fare la figura del bravo ometto, educato ai sani principi della democrazia, della pace e della buona educazione? FruFru, la domanda di Mentana, per non essere retorica, andava posta il giorno dopo la salita al potere di un dittatore, non dopo la sua caduta. Invece, la verità è che all'occidente e agli occidentali sta bene fare affari con i dittatori, e un miserabile gli bacia le mani e va a festeggiare il loro compleanno, salvo poi appellarsi ai sacri principi della libertà e della democrazia quando gli affari non vanno più bene e eliminare tutto perché, come dice Nino p., la morte del dittatore conviene a tutti. Per non essere retorica quella domanda andava corredata da tutte le responsabilità degli stati che adesso sostengono di aver portato la democrazia in Libia, altrimenti serviva solo a fare audience.

210

Garbo Ho provato un certo senso di angoscia quando ho sentito gli urli di vittoria con cui i cosiddetti “ribelli” avevano accolto la morte di Muhammar Gheddafi, a questo si è unito un certo fastidio quando il Segretario di Stato Hilary Clinton ha lanciato il suo grazioso urlettino “Wow” quando ha appreso della morte del dittatore. Mi chiedo davvero se chi esulta adesso sia migliore di chi è stato abbattuto, se i ribelli urlanti e la Clinton “wowuante”, o Berlusconi che prima fa accordi che contemplano il mutuo soccorso e interventi militari in caso di attacco e poi si schiera con chi attacca invece di difenderlo, se Sarkozy che attacca prima ancora che ci sia una risoluzione dell’UNU, se gli Stati Uniti col premio nobel per la pace che si precipitano in Libia (se la Libia producesse barbabietole da zucchero invece di petrolio sarebbero venuti?) per cogliere l’occasione unica? La storia non insegna proprio nulla, chi ha detto che è maestra di vita ha preso una cantonata incredibile, per quanto riguarda i tirannicidi poi, spesso chi ha abbattuto il tiranno non era migliore di lui e in ogni caso se miglioramenti o progressi ci sono stati questi sono sempre derivati dalla diffusione del pensiero o da momenti di maturità più elevata raggiunta da un popolo o da un gruppo di persone. La morte di Cesare di fatto spianò la strada alla dittatura assoluta di Ottaviano Augusto e a cinque secoli (circa) di impero, Giulio Cesare fu la risposta alla degenerazione del patriziato romano, ormai irrimediabilmente corrotto e arroccato sui suoi privilegi, mentre Cesare aveva un’idea più grande, di più ampio respiro, era l’erede morale dei Gracchi, fece una necessaria riforma agraria, aprì le porte della rappresentanza politica ai nuovi popoli che facevano parte dell’impero e che andavano ad arricchirlo anche culturalmente oltre che materialmente e, infine, mise un po’ di ordine nei profondi disordini in cui versava l’urbe e i suoi confini, mettendo un freno agli sfruttamenti selvaggi delle province. I maggiori traguardi in termini culturali, politici e sociali non si ebbero dai giacobini, dai girondini e dal “terrore”, non fu tagliando la testa a Louis decimosexte che il popolo di Parigi poté nutrirsi di pane anziché di brioches; se un plebeo come Gioacchino Murat poté assurgere al regno di Napoli lo si deve alle idee rivoluzionarie di Rousseau, Voltaire, Montesquieu, Condillac, D’Alembert, Diderot, ... . Chi si accanì sul corpo di Benito Mussolini appeso a piazzale Loreto o chi lanciò le monetine a Craxi quando Craxi era ormai finito politicamente, non era e non è migliore di lui; un tiranno o un uomo ingombrante lo si deve combattere mentre è all’apice del suo dominio (sarebbe ideale addirittura prevenire che un tiranno giunga al potere, ma talvolta è come se periodicamente un popolo avesse bisogno di un periodo di follia, così come noi abbiamo bisogno annualmente di festeggiare il carnevale). Sono i delusi dal regime i più feroci e accaniti detrattori dello stesso, sono coloro che lo hanno subito più di altri, chi ne ha ricevuto angherie, danneggiamenti, punizioni, maltrattamenti ... si fa un gran parlare delle foibe e davvero nessuno è così pazzo da giustificarle, ma andiamo a vedere cosa avevano combinato i fascisti nella ex Jugoslavia e forse la finiremmo una volta per tutte con la retorica degli “Italiani, brava gente!”. (Mannaggia, ho cancellato inavvertitamente il seguito ... dovrò ricostruirlo a memoria). Giampaolo Pansa scrive il sangue dei vinti, io non saprei davvero dire chi furono i vinti, gran parte della burocrazia fascista fu riconfermata dalla nuova Repubblica, molti podestà (e pure qualche mafioso) diventarono sindaci con l'avallo degli anglo-americani. E poi, i vinti erano stati vincitori per un ventennio, e non avevano risparmiato discriminazioni, umiliazioni, rastrellamenti, vendette personali, angherie, fucilazioni, stupri, impiccagioni e persino stragi ai vincitori, allora vinti. La democrazia è una bella cosa, il tuo argomento contro il mio e chi riesce a convincere più persone governa e lo realizza; solo che in Italia abbiamo bisogno periodicamente di evadere dalla democrazia (semmai ci siamo entrati), e queste evasioni durano almeno un ventennio. Ci scegliamo un ometto tarchiato, calvo, borioso e pieno di sé, che si chiami Silla, Mussolini, Craxi, Berlusconi poco importa, lo osanniamo come se fosse l'uomo della provvidenza, il risolutore di tutti i nostri problemi, San Gennaro, e poi, il martedì delle ceneri lo bruciamo in pazza, come di consueto. Salvo ricercarne subito un altro già il mercoledi ... Ciao Antonio

211

Condivido pienamente la tua analisi Garbo, salvo forse per un piccolo rilievo, ho trovato infinitamente più volgare il “Wow” della Clinton e le felicitazioni di Sarkozy dei festeggiamenti della folla esultante, questa la inquadro in termini antropologici ma i primi? Per quanto riguarda i dolori di Pansa sulla Resistenza mi sembra di poter dire che neanche lui ha le idee chiare su chi siano stati i vinti, se lo hai letto allora ti consiglio un antidoto, può servire: Sangue d'Italia. Interventi sulla storia del Novecento di Sergio Luzzatto. A presto.

GIOVEDÌ 27 OTTOBRE 2011

Pensiero in pensione!
In questi giorni si fa un gran parlare di innalzamento dell'età pensionabile. E' naturale quindi chiedersi quanto si pensa di risparmiare da questa manovra. Di stime ce ne sono tante ma io volevo qualcosa di inattaccabile allora ho trovato una fonte che certo non può essere sospettata di antigovernatività, addirittura il famigerato TG1. Elsa Fornero, professoressa di economia all'Università di Torino ed esperta di previdenza sostiene che "L'introduzione dell'aumento dell'età pensionabile senza differenze tra uomini e donne e l'innalzamento a 67 anni delle pensioni di vecchiaia potrebbe portare in 4-5 anni a un risparmio tra i 30 e i 40 miliardi." Questo significa un risparmio annuo da 6 a 10 miliardi di euro. In un altro giornale della famiglia del signor b., Antonio Mastrapasqua, presidente dell'Inps, sostiene che "Elevando solo di un anno la soglia minima per accedere alla pensione di vecchiaia e a quella di anzianità, ad esempio, si potrebbero risparmiare almeno 6 o 7 miliardi di euro già nel 2012." Insomma l'ordine di grandezza è quello. Poi si sa, l'appetito vien mangiando, la curiosità cresce e mi sono chiesto anche di che entità è la spesa previdenziale in Italia per pensioni di vecchiaia e anzianità e, ancora più importante, come è distribuita la spesa pensionistica e cose di questo tipo. Del resto già altre volte in questo blog sono stato preso dalla frenesia di fare i conti della serva. E allora sono andato a cercarmi qualcosa nel sito di ISTAT dove sono disponibili i dati delle pensioni del 2008 e ho trovato delle cose interessanti. In questa tabella sono considerate le pensioni di vecchiaia e sono ripartite per classe di importo mensile lordo. Come potete vedere la spesa complessiva per queste pensioni nel 2008 è stata di quasi 191 miliardi di € con un importo medio annuo lordo di 16.733 € ma quello che è più interessante è la distribuzione degli importi. Ripeto, considerate che tutte le cifre sono al lordo delle trattenute fiscali.

Giocando con questi numeri si vede che le pensioni sotto i 1.250 € mensili rappresentano poco più della metà di tutte le pensioni di vecchiaia, il 52,2% per la precisione, e che a tutte queste pensioni va il 28% dell'importo

212

totale, mentre all'altra metà delle pensioni (47,8%) va il 72% della spesa pensionistica. Ora, fatti salvi i casi di fannullismo che si accontentano di bassi compensi e che il ministro della funzione pubblica ha ormai brillantemente risolto, pare evidente uno squilibrio che risulta addirittura eclatante se si considerano le fasce estreme. Guardate le pensioni sotto i 500€ mensili nella tabella (le prime due righe), rappresentano il 13,8% delle pensioni di vecchiaia e a queste pensioni corrisponde il 3,7% della spesa, mentre alle pensioni maggiori di 3.000 € mensili (l'ultima riga), che rappresentano il 5,1% di tutte le pensioni di vecchiaia, corrisponde il 16% della spesa totale. Il grafico che ho fatto qui mostra la faccenda in maniera impietosa. Da notare come le barre verdi siano più alte di quelle arancione per le cifre sotto i 1.500 € e come la situazione si rovesci completamente dopo. Non so voi ma io trovo molto inquietante quel rovesciamento.

Lo trovo inquietante perché mi parla di uno squilibrio sociale anche nella spesa previdenziale che non riesco a spiegare in termini di merito. Del resto non sto scoprendo niente di nuovo, che la forbice tra ricchi e poveri si sia allargata è cosa nota e la Banca d'Italia sostiene "che alla fine del 2008 la metà più povera delle famiglie italiane deteneva il 10 per cento della ricchezza totale, mentre il 10 per cento più ricco deteneva quasi il 45 per cento della ricchezza complessiva.", La ricchezza delle famiglie italiane, 2009 (pp. 8-9) Io non so dire se l'innalzamento dell'età pensionabile è inevitabile per fare cassa, orientativamente penso che la variabile decisiva non sia per quanto tempo si può vivere ma per quanto tempo si può lavorare ma non ho intenzione di affrontare questo aspetto, è tardi e ho fame. Dicevo, non so se è necessario alzare l'età pensionabile, ma mi chiedo se questo innalzamento non si sarebbe potuto evitare qualora qualcuno avesse operato molto tempo fa una riforma per fare in modo che le barre verdi e arancione nel grafico in alto avessero altezze più simili tra loro. Quasi me ne dimenticavo, all'inizio dicevo del risparmio di almeno 6 o 7 miliardi di euro all'anno dalla manovra, allora ho pensato che nei momenti difficili chi ha di più dovrebbe dare di più e guardando le fasce più alte ho immaginato dei prelievi a mio avviso ragionevoli. Cadrebbero sul 13% dei beneficiari di pensioni e permetterebbero un prelievo di 6 miliardi di € in un anno lasciando la media mensile nella stessa fascia di partenza.

Chiaramente questo è solo un esercizio che non può funzionare in un paese dove il contributo di solidarietà

213

del 5% sulle eccedenze dei 90.000 € annui è stato salutato come una mannaia sulla "classe media". Lì io mi sono fatto due domande, la prima "ma quanto cazzo guadagna la classe media in Italia?", la seconda "Io in quale fondo classe sto?". Non ho trovato uno straccio di dato per tentare di dare una risposta a queste domande.

COMMENTS:
Adriano Maini Se ti seguo sino in fondo, vado a strapparmi i capelli. Però, spero ancora che prima o poi si possa fare, anche in barba all'Europa dei capitalisti, una sana opera di riequilibrio socio-economico, a partire dall'introduzione di varie patrimoniali. Nounours(e) Le sperequazioni sono ingenti. Più se ne viene a sapere e più si rimane annichiliti. Grazie per la tua ricerca Antonio. Ciao :) nino p. io sono più drastico: rivoluzione subito! Antonio nino p., ok attendiamo ansiosi istruzioni per l'assalto al palazzo d'inverno! intherainbow Mi chiedo ma perchè mai le loro pensioni non si toccano!!!....i servi della gleba devono lavorare, schiattare e mantenere lor signori!!...a quando le baionette???...o meglio la ghigliottina??? Antonio intherainbow! ti facevo più aggressiva! ;-) L'argomento pensioni è molto delicato e il mio è stato solo un esercizio per stimolare un dibattito! Mi sono semplicemente chiesto qual è la spesa per le pensioni di anzianità/vecchiaia e come è distribuita. Inoltre devo precisare che il rovesciamento delle barre nel grafico è un fatto matematico, è inevitabile quando c'è un intervallo di importi diversi, per cui Adriano non strapparteli tutti i capelli, lasciane qualcuno ;-) Ciò che però è evitabile è l'entità del rovesciamento agli estremi e questo si può fare restringendo l'intervallo minimo-massimo della distribuzione in modo che gli estremi non siano molto lontani. Ha ragione Nounours(e), la sperequazione è tanta e io non ho fatto altro che usare la distribuzione della spesa previdenziale come riflesso di quello accade per la distribuzione della ricchezza e vi assicuro che la faccenda è anche peggiore, come sottolinea la stessa Banca d'Italia del resto. Bisogna ascoltare con attenzione questi baluardi del capitalismo, perché quelli intelligenti vogliono che il capitalismo continui e per continuare non devono esserci fasce di popolazione escluse dal consumo. Per fare un paragone zoologico, il capitalista intelligente è come il parassita che non ha alcun interesse che il suo ospite muoia, tanto che può quasi sembrare una simbiosi, mentre il capitalista coglione si comporta come il parassita che uccide subito il suo ospite, dopo muore anche lui. Non voglio dilungarmi, la faccenda è complicata. Per concludere direi un'ultima cosa sulle pensioni, se c'è da intervenire per ridurre le sperequazioni in Italia io non interverrei sul sistema pensionistico che tutti (anche in Europa) hanno considerato perfettamente sostenibile fino a poco tempo fa, forse indirizzerei l'attenzione altrove e poi bisogna stare tranquilli che il prode Bossi ha minacciato la rivoluzione se toccano le pensioni (della moglie) quindi tutti stanno già tremando al pensiero della pioggia di pernacchie e della valanga di diti medi che arriverà dal vichingo nazionale in difesa della pensione (della moglie)! Oliviero Analisi moooolto interessante ... e tragica! :(

214

VENERDÌ 4 NOVEMBRE 2011

Piaghe e calamità
Questa mattina, mentre andavo al lavoro con il mio scooter, ho visto fermi lungo la strada uno scooter riverso per terra e un'auto che lo aveva appena investito. L'incidente doveva essere avvenuto da poco e la situazione non sembrava grave, spero. Non ho visto una particolare concitazione, le persone stavano sbrigando le formalità del caso. Sono cose che capitano nelle città particolarmente congestionate dal traffico. Eh sì il traffico è un problema davvero enorme per le città. Emblematico di quali danni il traffico possa fare è quell'indimenticabile frammento di Johnny Stecchino quando il grande Paolo Bonacelli spiegava all'attonito Benigni le piaghe della Sicilia! Paolo Bonacelli ha dato un'interpretazione magistrale di quello che è il meccanismo di rimozione del nesso causale dando un effetto comico davvero straordinario. Se pensate che questo possa avvenire solo nei film vi sbagliate. Fuori dalla finzione filmica si ride molto meno, anzi non si ride affatto ma vi assicuro che succede e anche molto spesso, sotto gli occhi di tutti. Succede tutte le volte che una pioggia provoca morti e frane e un esercito di coglioni dicono che la causa è la pioggia intensa, succede tutte le volte che una frana invade un paese e esperti del cazzo si sperticano a trovare il punto di cedimento delle montagne. In questo paese di mercanti del cemento incentivati, di abusivismi condonati, di campi agricoli abbandonati, di alberi sradicati, di dissesti idrogeologici ignorati ogni tanto piove e ogni tanto si muore. Ecco la piaga di questo assurdo paese, la pioggia, esattamente come il traffico per Palermo.

COMMENTS:
Adriano Maini Il dissesto idro-geologico é una grave colpa di tanta parte della classe politica. Zio Scriba Sottoscrivo. E la mia maledizione raggiunga, ovunque essi si trovino, i signori Maiali Del Cemento. Garbo Caro Antonio, purtroppo a Palermo quella del traffico è davvero una calamità, ci sono stato di recente in macchina e ti assicuro che non mi sono mai stressato tanto al volante come in quella città: c’erano persone con qualsiasi cosa che potesse assomigliare ad un veicolo a motore (è incredibile la varietà di catorci, trabiccoli, rottami, macinini, carriaggi vari e pittoreschi che un palermitano ha il coraggio di mettere su strada a affidarvi la vita sua e dei propri cari) che ti tagliavano la strada, ti superavano a destra, a sinistra, a momenti ti passavano pure sopra (e attenzione, sono siciliano anch’io, conosco il gioco di chi fa finta di buttarsi per metterti paura e superarti, sono una sfinge ... ma nonostante questo riuscivano a svincolare da tutte le parti). Contrariamente ad altre zone della Sicilia, Catania ad esempio, il loro superarti non produceva uno scorrimento più fluido del traffico, ti superavano scriteriatamente per andare ad imbottigliarsi davanti a te e ad imbottigliare pure che, che poi dovevi fare infinite manovre poi per districarti. Ne avrò mandati a quel paese a centinaia nel mio dialetto “babbo” (sarebbe proveniente da una provincia, Siracusa, di persone poco furbe), prima che scendesse in me il “karma” (e soprattutto la “karma”) allora l’ho presa allegramente, con più ironia e da li ho iniziato a insultarli in romanesco, in napoletano, in toscano (fiorentino, perché conosco solo quello) e in veneziano. A parte gli scherzi, io sono davvero incazzato per ciò che è successo in Liguria e nello spezzino, per l’assoluta mancanza di ogni tipo di previdenza, per il mancato allarme nella città di Genova, mentre la Protezione Civile aveva avvisato di stare attenti perché si temeva il peggio, per questa continua emergenza a disastro avvenuto senza fare un minimo di controlli e di prevenzione. Fra l’altro gli amministratori locali guadagnano più da un’emergenza, da una catastrofe, piuttosto che dalla prevenzione; se chiedi soldi allo Stato, alla Regione, per mettere in sicurezza edifici, colline, montagne, che potrebbero crollare, ti rispondono che c’è la crisi, ti rispondono con i tagli. Con i morti ancora caldi sono costretti a darteli, senza contare a tutti gli aiuti economici che arriveranno da più canali, assolutamente incontrollati. Con tutto il rispetto per la rabbia, per i morti, per i feriti, per chi ci ha rimesso attività, abitazioni,

215

averi, per cui si è sacrificato una vita, ma credo che dovremmo smetterla, all’indomani di ogni disastro, di cercare i responsabili SOLTANTO (non che non lo siano, non sono gli unici) fra i politici (a tutti i livelli), fra i funzionari e fra i tecnici. Abbiamo uno Stato allo sbando, una maggioranza che si è liquefatta e che si teneva soltanto sull’interesse reciproco, la politica è fatta di escort (e non mi riferisco alle ragazze che allietano le serate di qualcuno ma ai parlamentare che vendono il proprio voto al maggior offerente incuranti che dovrebbero rendere conto a chi li ha votati delle loro azioni e delle loro decisioni), un’amministrazione locale che boccheggia o per incapacità o per impossibilità di muoversi per mancanza di fondi (in tal caso io, se non mi fosse venuta qualche idea per reperire la liquidità che mi occorre per espletare al meglio il mio mandato, mi sarei dimesso). Queste persone rapaci, inadeguate, ridicole in molti casi, le abbiamo elette noi (e non raccontiamoci, per tranquillizzarci, che nessuno di noi ha votato questa maggioranza, che l’opposizione che abbiamo invece votato non ha fatto niente ... la verità è che nemmeno noi abbiamo fatto niente). Le tragedie sul nostro territorio si susseguono, purtroppo, a cadenze sempre più ravvicinate, che siano terremoti o alluvioni (data la sismicità del suolo e la conformazione idrogeologica dell’Italia), sono piuttosto frequenti; non molto tempo fa ho passato l’autunno fino alle feste natalizie ad aiutare vecchietti e disabili ad abbandonare gli istituti dove vivevano che si erano allagati, solo poco dopo avviene l’alluvione nel messinese ... ora a distanza di quasi un anno frana la Liguria. Mi chiedo: “Ma davvero pensiamo che da noi non possa succedere? Perché non ci preoccupiamo della solidità della nostra casa, della stabilità delle nostre colline, e delle nostre montagne: d’estate colpite dalla piaga degli incendi dolosi (che bruciano alberi e con essi le radici che tengono salda la terra alle rocce quando l’acqua arriva e spazza via tutto) e negli altri periodi modifichiamo il territorio spianando ed estirpando, per renderlo idoneo a coltivazioni redditizie o all’edilizia delle prime, seconde, terze case. Mi viene in mente il sindaco di Sarno, che nonostante le pessime previsioni e i primi smottamenti, non ritenne di allertare la popolazione, addirittura non era neanche in Paese quando successe la disgrazia, mi viene in mente il sindaco di San Giuliano di Puglia, che non soltanto permette il funzionamento di una scuola non collaudata, ma ci manda pure la figlia, mi vengono in mente i camorristi di Casal di Principe, che prima svuotano nel suolo campano tonnellate e metri cubi di rifiuti tossici e sopra questo cumulo di veleno ci si costruiscono le ville e ci fanno gli allevamenti di bufali, penso anche ad un summit fra malavita campana e calabrese che riguardava il reperimento di qualche sede nuova dove sversare altri rifiuti tossici, ad un certo punto qualcuno obietta timidamente: “Ma se li interriamo ancora più in basso, c’è il rischio che contaminino la falda acquifera” e qualcuno gli risponde: “Che ce ne frega a noi, beviamo acqua minerale!”. Come si può essere così ciechi,, così insensibili, così stupidi da votare questi amministratori, da permettere a gente senza onore e senza cervello di inquinare la MIA terra, di devastare il territorio, di speculare sul mio benessere, sulla mia salute, sulla mia stessa sopravvivenza e sul futuro dei miei figli? Ci vuole gente seria, responsabile, capace a gestire le cose a tutti i livelli, occorre che capiamo una volta per tutte che il voto non è l’unica forma di democrazia concessa, che la democrazia è partecipazione, attraverso l’attenta selezione e il controllo dei propri rappresentanti politici e dei propri amministratori. Se a dirigere un reparto ospedaliero ci metto (o tollero che venga messo) un primario incapace ma amico ( o supporter) di ..., non posso poi lamentarmi se il reparto non funziona; se eleggo un sindaco solo perché lui e la sua giunta chiuderanno un occhio sulla villa al mare abusiva che sto costruendo, non posso poi lamentarmi se mi crolla addosso alla prima scossetta di terremoto; se a dirigere l’Italia ci mettiamo un pagliaccio, questo non sarà più un Paese ma un circo. Ciao P.S. Perdonate il lungo sfogo, non sono solito infierire sulle vittime, ma credo che sia ora di svegliarci e non perpetuare il solito gioco scaricandoci di ogni responsabilità. il monticiano Che posso aggiungere io a quanto è stato detto così efficacemente sia da te che da chi mi ha preceduto? Condivido totalmente.

216

Sono disgustato e nauseato dallo stato in cui versa il nostro paese a causa di questi politicanti che occupano abusivamente le poltrone del potere, nominati e non eletti. intherainbow Quante piaghe abbiamo in questo paese!!!....ci scivola tutto addosso fino a quando non scappano i morti!!...dopo di che ci dispiaciamo, piangiamo, ci lamentiamo..ma appena torna un raggio di sole, non è successo niente...tutto torna come prima e peggio di prima!!!...mi chiedo, davvero, quando ci prendiamo le nostre responsabilità di questo scatafascio totale!!! Ciao:)) Alberto Poi sembra, ci fanno sembrare, che questi disastri siano inevitabili. Antonio Rispondere ai vostri commenti richiederebbe molto di più di un commento. Salvatore Settis ha scritto un magnifico libro su questi temi, ve ne consiglio caldamente la lettura, si tratta di Paesaggio Costituzione cemento – La battaglia per l’ambiente contro il degrado civile , edito da Einaudi nel 2010. Nel libro troverete le origini della devastazione del nostro territorio che possono essere ecumenicamente distribuite tra la cosiddetta destra e la cosiddetta sinistra, nel primo caso per la manifesta incapacità di concepire sviluppo che vada oltre la crescita del deposito bancario, nel secondo per la manifesta incapacità di guardare oltre il proprio naso. Io ritengo più gravi le responsabilità della sinistra perché sono e resto di sinistra e perché ritengo fin troppo facile essere schifati dai vergognosi condoni edilizi di una destra affarista, meno facile è pensare agli effetti devastanti della cancellazione degli oneri di urbanizzazione della legge Bucalossi, cancellazione di cui è responsabile Bassanini, siamo nel 2001 negli ultimi giorni del governo Amato. Con quella legge gli oneri di urbanizzazione dovevano essere utilizzati dai Comuni per coprire le spese di urbanizzazione, aver cancellato quel nesso ha permesso ai Comuni di svendere il proprio territorio per fare cassa senza dover pianificare le spese connesse all'urbanizzazione. Meno facile è pensare al già precario equilibrio delle tematiche ambientali tra gestione della materia urbanistica e tutela dei beni culturali che già caratterizzava la Costituzione del '48 e che la riforma costituzionale del 2001, sempre ad opera della sinistra, ha acuito smembrando le competenze dello Stato tra le Regioni nell'assurdo tentativo di anticipare un federalismo per evitare l'avanzata dei legaioli, il risultato di questa brillante commedia: la Lega è ancora al Governo insieme ai suoi compari di merende e continua a fare scempio proprio di quel territorio che chiama a suo fondamento e in Italia non si sa più chi ha le competenze della tutela ambientale, anzi giuridicamente parlando non si capisce bene se guardando un orizzonte lontano stiamo guardando un paesaggio, l'ambiente, il territorio, il bene culturale o naturale e chissà che altro. Non sono disquisizioni puramente terminologiche, di fatto rendono impossibile il governo di quello che ci circonda dove tutto è fermo in contese tra ruoli incrociati tra enti locali di ogni tipo e Stato. Caro Garbo, hai ragione a dire che dovremmo smetterla di piangerci addosso e scegliere bene i rappresentanti, che posso dirti? Che i rappresentanti da un po' di tempo, dal 2005, neanche li scegliamo più grazie ad una legge elettorale vergognosa votata anche da Fini e Casini che, nell'eterogenesi dei fini di hegeliana memoria, adesso si candidano a salvatori della patria con il plauso dei sinistrati, come chiamò la sinistra Edmondo Berselli. (Detto tra parentesi, quelli che ho votato io non hanno fatto davvero nulla, almeno in questa legislatura, perché trattandosi di Rifondazione, come sai, sono extraparlamentari!) Detto questo la tragedia di Genova e altre simili sicuramente sono dovute alla pioggia eccezionalmente intensa (e lasciamo perdere le eventuali cause), non possiamo escludere che le cose possano sfuggire al nostro controllo né pensare di poter controllare tutto, ma quello che possiamo e dobbiamo fare lo abbiamo fatto? Questa è la domanda alla quale mi piacerebbe avere risposta. Cavaliere oscuro del web Condivido in pieno il tuo pensiero, il troppo abusivismo edilizio ha distrutto tutto il territorio. Saluti a presto. nino p.

217

ma di quello non parla nessuno... dell'incoscienza delle scelte fatte e che si continuano a fare Nounours(e) E come al solito toccherà a noi darci da fare ad aiutare i sinistrati, a vigilare sull'operato dei governi a tutti i livelli, a protestare e a pretendere che se ne vadano i loschi figuri. Dobbiamo romperci l'anima a sostenere l'idea di legalità e giustizia durante la vita quotidiana, facendo sentire chiara la nostra voce, a fronte di qualsiasi evento di "furbismo" o opportunismo. Chi lo dovrebbe fare sennò? Ci sono livelli in cui ci vuole una responsabilità degli amministratori ed è là il nocciolo duro della questione. Il sistema è farraginoso e si protegge al suo interno, ma la vigilanza può portare a una maggior trasparenza di comportamenti. Agire in questo senso è impegnativo, ma penso che possa portare a un graduale cambiamento. Gli abusi edilizi non dovrebbero mai più essere condonati. E' un argomento difficile quello della responsabilità, dopo aver avuto uno spappolamento del cervello con modelli televisivi diseducativi. Ci sono da rivendicare i valori fondamentali a una buona vita di relazione con le persone e le cose. Ora che il denaro non può più essere l'unico fine, questa crisi insegna, si dovrà riprendere a considerare la solidarietà prima di tutto anche da parte di chi non ne ha vocazione. Intanto, per la mancanza di responsabilità sono morte troppe persone. Speriamo che se ne tornino da dove sono venuti i politici di questa ancora attuale maggioranza, che di guai ne hanno procurati oltre misura! Non sono per nulla convinta degli scenari che si stanno ipotizzando per il prossimo futuro: sono rispuntati personaggi della 1° Repubblica, che hanno fallito a suo tempo. Non vedo cosa potrebbero fare ora nello stato in cui ci troviamo, ma tant'è e, speriamo che ce li possiamo levare di torno con una nuova legge elettorale. Dovrebbero fare una lista di persone responsabili e "per bene". Ho virgolettato le ultime due parole, perché in un'occasione in cui le ho espresse, sono stata accusata di essere retorica. Sinceramente non riesco ad accorgermi dei miei passaggi retorici, se mi sono espressa in tal modo, mi scuso in anticipo perché non mi sembra buona cosa e non vorrei aasolutamente che fosse un mio difetto, soprattutto in questo frangente. Ciao Un abbraccio Antonio Cara Nou, la democrazia, se è democrazia, è vigilanza continua dei governati sui governanti. Vigilanza a tutti i livelli, nella vita quotidiana, nei nostri comportamenti più comuni, nella voglia di sapere cosa viene deciso a qualsiasi livello. Democrazia è partecipazione, diceva Gaber, io aggiungo partecipazione informata perché una partecipazione senza informazione serve solo a supportare lo straccione di turno dotato di buona favella e sorriso facile. Abdicare al compito della vigilanza riduce la democrazia a mero esercizio del voto che non è che l'emergenza di un processo partecipativo costante e attento. Anche io mi auguro che l'armento che passa per classe dirigente se ne vada ma non sono così ottimista da pensare che questo cambierà le cose. Forse servirà mantenere alto il livello di attenzione con chiunque venga dopo. Non bisogna delegare il potere dimenticando che in una democrazia questo discende dal popolo, questa non è retorica come quella di chi si riempie la bocca di "popolo sovrano" usando il popolo per i propri scopi personali.

LUNEDÌ 14 NOVEMBRE 2011

Generoso Burlesque
In questi giorni mi torna in mente una barzelletta che raccontava Moni Ovadia nel suo spettacolo Oylem Goylem (Il mondo è scemo in yiddish), cito a memoria quindi perdonerete le imprecisioni. Un monaco cristiano si trova nel mezzo di una tormenta nel deserto, preso dalla disperazione invoca Dio: "Signore se in tutto il deserto è tempesta fa che intorno a me torni il sereno." Il Signore risponde e la tormenta svanisce.

218

Un ulema musulmano si trova nel mezzo di una bufera nel mare, preso dallo sconforto e dalla paura invoca Allah: "Allah se tutto il mare è in tempesta fa che intorno a me torni la calma." Allah risponde e il mare si quieta. Un rabbino ebreo si trova davanti ad una valigia piena di gioielli in una strada deserta ma è sabato, preso da profondo avvilimento invoca Yahveh: "Yahveh se in tutto il mondo è sabato fa che intorno a me sia venerdì." Ecco, in Italia in questi giorni abbiamo un tipo che invocando l'intervento divino avrebbe potuto benissimo dire: "se in tutto il mondo sono in minoranza fa che intorno a me io abbia la maggioranza." In effetti è quello che ha fatto finché ha potuto, poveretto, sfiduciato dal pianeta, dal continente, dal suo paese, sfiduciato ovunque, anche sotto casa della mamma ma con una maggioranza in parlamento tenuta con le unghie e i contanti. L'ultima mossa, in perfetto stile burlesque, sono le dichiarazioni dei suoi collaboratori che ripetono la cantilena che il loro leader si sarebbe dimesso per generosità, cosa ribadita dallo stesso leader nel solito videomessaggio della domenica. Ora mi piacerebbe dedicare ai protagonisti di quest'ultimo can-can una romanza e un invito, con lo stile che caratterizza questo blog, sobrio, quasi mai sopra le righe. La romanza è celeberrima, la riconoscerete senza dubbio, l'invito, sebbene non originalissimo, non è privo di una certa forza evocativa e direi anche liberatoria! La romanza è “cortigiani vil razza dannata” dal Rigoletto di Giuseppe Verdi. L'invito è

MERCOLEDÌ 16 NOVEMBRE 2011

Du is megl' che uan?

Lapidario. Al ministero dei Beni culturali, accorpato con il ministero dell'Ambiente, avrei preferito Salvatore Settis. Ci sarebbe stato un ministero di meno e sicuramente sarebbe stato rovesciato il noto slogan di una pubblicità di qualche tempo fa!

COMMENTS:
marina d'accordo. Antonio Cara Marina, è stupefacente che in un paese la cui Costituzione all'art. 9 recita: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione", si pensi sempre di associare le politiche ambientali ed energetiche e non venga mai in mente di far comunicare beni culturali e ambiente. L'associazione che si fa è correttissima, quello che mi secca un po', anzi parecchio, è che all'orizzonte vedo pochissimi "tecnici" con un panorama culturale in cui figuri anche la seconda associazione!

219

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE 2011

Il lusso di Umberto D.
Umberto D. è uno dei personaggi topici della stagione cinematografica neorealista italiana. Un film straordinario del 1952 dove si incontrarono il genio di Vittorio De Sica e quello di Cesare Zavattini. A chi ha visto il film verrà subito in mente quell'uomo senza una casa e in preda alla disperazione che gira per le vie della città con il suo cane Flaik. Verrà in mente soprattutto la dignità di quell'uomo. A chi non ha visto il film consiglio vivamente di vederlo. Se solo avessimo capito che il cane Flaik era in realtà un bene di lusso non avremmo certamente compreso il motivo di tanta disperazione in Umberto D. e anzi avremmo avuto in massimo spregio un uomo che simula povertà quando invece può permettersi un cane e la dignità di Umberto D. sarebbe stata ancor più odiosa perché finta. E sì, perché l’Agenzia delle Entrate ha deciso che possedere un animale domestico e magari farlo curare da un veterinario, qualora ne avesse bisogno, è un indicatore di ricchezza. Infatti le spese veterinarie figurano tra le categorie del nuovo redditometro sperimentale per scovare i possibili evasori. In altre parole le spese veterinarie sarebbero voci di spesa per beni di lusso, grosso modo come le spese per rifare il parquet di uno yacht o per rifare la vela maestra della barca! La notizia, riportata in questo articolo, non è freschissima ma di tanto in tanto mi diverto a sfogliare giornali vecchi di qualche giorno, anche grazie alle segnalazioni di amici particolarmente sensibili alle cause animaliste. Mi chiedo se è necessario essere completamente idioti per partorire idee simili o è sufficiente essere tecnici esperti in materia fiscale?

COMMENTS:
Vito Credo che la prima opzione possa essere abbastanza sufficiente! Mi chiedo se nel redditometro siano state inserite tutte le voci inerenti ai trattamenti estetici............. Adriano Maini Ci siano già tornati alla povertà - e alla disoccupazione - di massa degli anni '50, purtroppo! Antonio Vito, come dicevamo ieri, dovremmo smettere di chiamare Cleo "gioiellino" che poi ci prendono in parola! Adriano, andrei cauto con certi paragoni, io non c'ero negli anni '50 ma c'era chi mi ha fatto essere quello che sono, fare questi confronti a certe età è poco meno di una bestemmia! Garbo Mio padre che è ottuagenario e si approssima ai 90 mi racconta che un suo conoscente possedeva due cani che aveva acquistato a Napoli, si trattava di due alani arlecchini; li teneva in un casolare di campagna abitato da un fattore di sua fiducia e dalla famiglia di questi. Quei cani venivano nutriti con delle uova rotte sulla loro scodella e con pezzi di carne attaccata all’osso, con sbigottimento dei contadini che lavoravano per lui, che quasi non conoscevano né l’una né l’altra cosa. Ma questa era l’eccezione, non la regola; di norma negli anni ’50 avere un animale domestico poteva essere più una necessità che un lusso, in alcune case contadine ci si conviveva con gli animali in casa, in talune circostanze facevano anche da termosifone (come il bue e l’asinello nella mangiatoia), erano fonte di prodotti alimentari (uova, carne, latte), o erano utili a guardia della casa e della terra. Le famiglie numerose erano un indizio sicuro di povertà, l’ignoranza che contraddistingueva il povero (ignoranza verso quei pochi e malfidati metodi contraccettivi), la voglia di ripopolare il Paese dopo una guerra (emblematica a questo proposito è la frase di Giancarlo Giannini alla fine del film Pasqualino Settebellezze), e c’era bisogno di braccia per lavorare e per risollevare la condizione di molte famiglie. Oggi più nessuno tiene animali in casa per trarne un utile, o sono animali da compagnia (la solitudine

220

è uno dei problemi più grandi nella nostra società post-moderna), o in qualche caso da guardia agli “averi”. Mantenere un animale oggi costa molto di più rispetto ad una volta, anche evitando i trattamenti di bellezza di cui parla Vito, le cure routinarie di un cane ad esempio, incidono in maniera sensibile su un’economia domestica. Una volta cani e gatti erano abituati a mangiare gli avanzi di cucina, oggi abbiamo una cucina con nessun o con pochi avanzi, sicuramente inadeguati alla nutrizione di un animale (è curioso come 60 anni fa si fosse più simili a livello alimentare fra uomini e animali, mentre oggi siamo al limite dell’incompatibile). Non parliamo dei figli poi, sembra che siano assolutamente indispensabili cose che allora nemmeno esistevano ... non puoi avere un figlio senza la tutina firmata, senza le scarpette della chicco, senza il passeggino ribaltabile, senza il latte in polvere e gli omogeneizzati di carne di animali che hanno pascolato (le famose vacche del sole, sacre a Zeus dell’Odissea). Credo che il possesso di un animale domestico in sé non sia indice di ricchezza, certo che se il tuo animale fosse un rarissimo uccello del paradiso, di cui ne esistono soltanto due esemplari accertati oltre il tuo, che ha bisogno per vivere di una camera iperbarica a temperatura costante, della presenza di un veterinario esperto sempre, di cibi che provengono dalle foreste andine e che arrivano freschissimi con i voli transoceanici, di cure estetiche particolari di cui la sola lacca per ravvivare le penne costa più dell’intero make-up annuo di Scarlett Johansson o di Charlize Theron, allora il discorso cambierebbe. In definitiva, penso che considerare indice di ricchezza il possesso di un animale domestico che tiene compagnia ad una persona anziana pensionata, sia semplicemente ridicolo, anzi addirittura deleterio, perché non ci rendiamo conto del significato umano e dell’utilità che può avere quell’animale per quella persona (non abbiamo idea ad esempio quanto uno Stato risparmi in spese mediche e psicologiche). Mentre, il possesso di dieci cavalli di razza araba, acquistati per prestigio e per gareggiare, o di una coppia di bichon frisé (il cui maquillage costa molto più di quanto possa spendere una donna qualsiasi, anche molto curata), credo possa rientrare fra i beni di lusso, al pari del possesso di uno yacht, di una barca a vela per diporto di un certo tipo o di una Ferrari. Ciao Antonio Garbo, auguri per la veneranda età di tuo padre. Mio padre, benché non ancora ottuagenario, mi racconta storie simili a quelle che racconta il tuo. E' giustissimo da parte tua contestualizzare quando le spese per un animale siano da considerare di lusso o meno, ma nutro forti dubbi che all'agenzia delle entrate dispongano di una tale capacità di analisi. Per non dire che ho molte perplessità su uno strumento che valuta la ricchezza, o la possibile evasione del dichiarante, in base a quello che lo stesso dichiarante dichiara! Perché questo è il cosiddetto redditometro. Temo che mettere le spese veterinarie nel redditometro sia semplicemente indice del convincimento che si tratti di spese "da ricchi" e questa per me ai nostri tempi è un'idiozia, se non si entra nel merito caso per caso. Del resto capisco anche le esigenze del fisco ed il disperato tentativo di far pagare le tasse in questo benedetto paese. La faccenda è complessa perché è necessario porsi seriamente una domanda con una risposta affatto scontata: "Cosa rappresenta ricchezza oggi?", intendo ricchezza materiale. Il cellulare forse? Poco tempo fa abbiamo visto migliaia di persone comuni, non apparentemente ricche, che hanno invaso le vie di Roma perché un supermercato al suo primo giorno di apertura svendeva i nuovi i-phone! Dato l'attuale contesto sociale ed economico penso che l'acquisto di quegli aggeggi sia da inserire in un imbecillometro più che in un redditometro. Espressione di gente intrappolata in un meccanismo acefalo e ridotta in condizioni acefale a sua volta. Di questo mi piacerebbe ragionare. Ti prego dimmi la frase di Giancarlo Giannini alla fine del film Pasqualino Settebellezze perché non me lo ricordo.

221

Garbo Piacerebbe anche a me capire questa corsa all’oggetto concreto, che non soddisfa mai il desiderio, ma lo rilancia sempre e comunque verso un altro oggetto e verso un altro ancora, in un incessante possesso (senza consumo) di oggetti che non si fa in tempo a conoscere e ad amare, per sostituirli subito con altri. Lo stesso, purtroppo, avviene con i rapporti umani, amicizie e amori si ruotano in un carosello infinito, illudendosi col il “cambio tutto” (per non cambiare niente, in realtà), avvitandosi sempre negli stessi blocchi, e ripartendo sempre da capo senza aver capitalizzato nulla emotivamente. Non è un discorso semplice da farsi, soprattutto attraverso i blog, con alcuni amici ci proviamo nelle lunghe serate autunnali (ma ci abbiamo provato anche nelle brezze estive o nelle serate invernali o nei tepori primaverili). Non ho trovato lo spezzone di film in questione, ho trovato però tutto il film, guardalo verso la fine, dall’ 1.50 circa in poi, le parole che lui dice alla ragazza. Buon fine settimana. Garbo Dimenticavo il film: http://youtu.be/sXUDG5bVpF8 Antonio Grazie per il film Garbo. Riguardo al motivo che alimenta la fame di oggetti attingerei a quello che diceva Gunther Anders nel secondo volume di L'uomo è antiquato, il continuo consumo di oggetti rinvia la nostra mortalità, in altre parole la danza di oggetti sempre nuovi è una rappresentazione illusoria di immortalità. Buon fine settimana a te.

SABATO 26 NOVEMBRE 2011

La storia di oggi
"La morte proietta l'ombra delle sue scure ali sul porto dell'Avana; il Maineè colato a picco, la nazione ha pianto, e il Journal è in lutto per tutti quei poveri ragazzi morti su quella nave maledetta. [...] Il pubblico era inorridito, perchè non abituato a queste forme particolari dell'orrore. Ci sono altre forme altrettanto atroci: quelle in cui, per ognuna delle vite perdute sul Maine, ci sono decine di vite sacrificate, ma lì l'orrore ha smesso di inorridire, perché il pubblico si è abituato ai dettagli spaventosi e ormai li considera con sufficienza e indifferenza. Lo spettacolo dell'immensa carneficina che si consuma giorno dopo giorno, mese e anno nel regno dell'industria, le migliaia di vite annualmente sacrificate al Moloch della rapacità, il tributo di sangue al lavoro del capitalismo, non provocano però grida di vendetta e risarcimento né lacrime, a parte quelle della famiglia e degli amici delle vittime. Ferrovieri e scambisti muoiono tutti i giorni solo perché i vagoni non sono equipaggiati adeguatamente con dispositivi in grado di ridurre al minimo i pericoli. E sono stati accordati al capitalismo due anni supplementari per proseguire nel massacro. Macchinisti e ingegneri, pompieri e conducenti, lavoratori di tutte le altre branche del servizio ferroviario sacrificano una parte della loro vita e della loro carne per la stessa insaziabile Gorgona. [...] Il Journal si unisce alla tristezza generale per la perdita del Maine e si rammarica del fatto che molte vite, che in condizioni naturali avrebbero potuto essere impiegate utilmente, siano andate perdute su quella nave. E, mentre esprime rincrescimento, esprime anche la speranza che non sia troppo lontano il giorno in cui verrà generalmente considerato altrettanto eroico perdere la vita in fabbrica che a bordo di una nave da guerra. Che perdere la vita schiacciato come un topo in una miniera sia considerato grave come annegare come un topo nella stiva di una corazzata. Che perdere un arto per causa di una granata sia ritenuto ugualmente degno di considerazione nella nazione che perderlo su un treno mentre si lavora. Che morire dilaniato da un siluro non provochi più dolore nella famiglia del malcapitato che morire dilaniato dall'esplosione di una caldaia. Che uno sia l'eroe di un'apoteosi, mentre l'altro se ne va all'altro mondo senza onore né gloria." Monthly Journal of the International Association of Machinists, Vol X, Chicago, April, 1898. Questo articolo ha più di un secolo e fu pubblicato in occasione dell'affondamento della nave da

222

guerra Maine ancorata nel porto dell'Avana. L'affondamento fu dovuto ad un incendio iniziato per autocombustione nella carbonaia, fatto piuttosto frequente sulle corazzate dell'epoca, un evento accidentale quindi ma che servì da pretesto agli USA per scatenare la guerra ispano-americana facendo passare quell'incidente come un attacco spagnolo. Il giornale dei macchinisti, espressione dei sindacati dei lavoratori contrari all'espansionismo americano, convenne che l'esplosione del Maine era stata un terribile disastro, ma notò che le morti sul lavoro degli operai incontravano l'indifferenza nazionale. (L'articolo del Journal è citato in H. Zinn, M. Konopacki, P. Buhle,Storia popolare dell'impero americano - a fumetti. Ed. il Manifesto, 2011.) Ma questo post non intende soffermarsi sugli aspetti storici quanto sulle tremende analogie dell'articolo del Monthly Journal con quello che accade ancora oggi riguardo ai cosiddetti "incidenti sul lavoro", nonostante i goffi tentativi di camuffare i dati, come avevo scritto qualche tempo fa in questo post. E' di oggi la notizia che nelle ultime 24 ore ci sono stati altri tre morti sul lavoro. Un minuto di silenzio per la memoria e cinque per dimenticare!

SABATO 26 NOVEMBRE 2011

Brevi note a margine
Poco più di un mese fa è stato pubblicato un appello dal titolo "Nuova alleanza per l'emergenza antropologica", a firma di quattro intellettuali di area marxista - Pietro Barcellona, Paolo Sorbi, Mario Tronti e Giuseppe Vacca, sul quotidianoAvvenire, su l'Unità e il Foglio. L'appello è un accorato tentativo, rivolto ai partiti di centro-sinistra, e soprattutto al Partito democratico, per affrontare "una inedita emergenza antropologica" che "appare la manifestazione più grave e, al tempo stesso la radice più profonda della crisi della democrazia". L'appello è denso di spunti di riflessione, non si poteva aspettare di meno considerando gli autori, tuttavia se la diagnosi della crisi delle democrazie appare per certi versi condivisibile più problematica è la terapia proposta, ovvero una convergenza verso il magistero di Benedetto XVI riguardo al rifiuto del "relativismo etico" e la centralità dei "valori non negoziabili". Non sono il solo a nutrire delle perplessità al riguardo, una voce dissonante si leva anche dal pensiero femminista con un articolo diElettra Deiana che è difficile per me non condividere pienamente. La prima cosa che ho pensato dopo aver letto l'articolo è che se quattro intellettuali di radici marxiste di quel calibro arrivano a esortare il Pd, e il suo segretario Pierluigi Bersani, a fare i conti con "l’insegnamento di Benedetto XVI sulla insopprimibile dignità della vita umana e sul primato della persona, «cercando di andare oltre tutti gli steccati»", allora significa che la cultura di sinistra è proprio alla frutta. Non vorrei banalizzare la faccenda, il discorso è complicato e meriterebbe lunghe riflessioni. La Chiesa è una grande istituzione che riflette (sia pure malissimo) un bisogno insopprimibile di trascendentalità, ma se un invito al dialogo andava rivolto da intellettuali della sinistra avrei preferito sentir parlare della Chiesa di Giovanni XXIII anziché di quella di Benedetto XVI. E se l'invito fosse stato rivolto a quella Chiesa allora sarebbe stato anche più auspicabile un invito alla attiva collaborazione, non solo al dialogo. Non voglio lasciarmi andare a facili slogan ma se la crisi delle democrazie è riconducibile alla caduta della fiducia nelle istanze politiche e la motivazione dell'appello è prettamente "educativo-culturale" per tentare di ricucire lo strappo della sfiducia, allora il rischio è quello di fare un’alleanza tra sfiduciati. Guardiamoci in giro, la sfiducia nasce dalla percezione di una distanza tra il demos e le istituzioni, la Chiesa di Benedetto XVI è vista, in questi termini, come "potere" distante dalla gente esattamente come è vista la politica (e i partiti), l'ultimo libro di Stefano Livadiotti, I senza Dio. L’inchiesta sul Vaticano, è una conferma di questo. Siamo sicuri che la strada da seguire per uscire dalla crisi delle democrazie sia un'alleanza con quella Chiesa? C’è un’altra Chiesa da ascoltare, quella dei don Gallo, dei don Paolo Farinella, degli Enzo Bianchi, quella dei teologi come Vito Mancuso o Hans Kung, quella dei filosofi come la Monticelli, ascoltiamo quelle voci se vogliamo costruire qualcosa che ricomponga la fiducia perduta. Invece, probabilmente ancora in nome di una realpolitik trita e ritrita, nonché fallimentare, si rivolge l'appello a chi nella Chiesa attualmente ne controlla le sorti in termini istituzionali, oppure, il che sarebbe peggio perché sintomo di nostalgia, quello che rimane di un pensiero forte come quello marxista si rivolge a chi oggi si fa vessillo di un altro pensiero forte delineando una "nuova laicità" e una "ragione rettamente guidata"! Ho timore che oggi la sinistra si trovi di nuovo in un guado simile a quello di 20 anni fa dopo la caduta del muro di Berlino e il crollo dell’Unione Sovietica, allora le sinistre meno socialdemocratiche in Europa si

223

trovarono di fronte ad una crisi di identità (quelle più socialdemocratiche la propria identità già la ricordavano poco) che tentarono di ricomporre malamente imitando un pensiero liberale che gestivano con enorme difficoltà, persero di vista la loro stella polare che era quella dell’uguaglianza per spostarsi verso l’altro polo stabilito dalla madre delle rivoluzioni europee, quella francese. Quell’altro polo era la libertà, oggi si tenta lo spostamento verso il polo della fratellanza? E sia, va bene, ma che sia una fratellanza che non dimentica il polo da cui la sinistra è nata e i principi di autonomia figli dell’illuminismo kantiano con i quali la Chiesa di Benedetto XVI fa a cazzotti. La crisi delle democrazie è un tema di enorme complessità che certamente non può essere trattato in maniera soddisfacente in un post e neanche in un articolo, sia pure scritto da illustri intellettuali. Forse un utile spunto per riflettere adeguatamente sul tema potrebbe venire dal saggio che qualche tempo fa scrisse Colin Crouch, Postdemocrazia, edito da Laterza nel 2003. Crouch fornisce una lucida lettura delle dinamiche di svuotamento della democrazia le cui cause sono da cercare all'interno dello stesso sistema democratico quando entra in contatto con il sistema economico. Inoltre, l'autore formula diverse proposte per recuperare il senso della democrazia, in termini di partecipazione attiva al governo della polis, proposte che potrebbero essere utilmente vagliate anche dalla sinistra italiana "per riuscire a elaborare una cultura di governo all'altezza delle gigantesche sfide del nostro tempo." In questo post, scritto qualche tempo fa, sono stato meno laconico riguardo a molti argomenti toccati in questo post.

COMMENTS:
Alberto I valori "non negoziabili" di Benedetto XVI sono i suoi. Lo Stato laico ha i propri. Se poi li ha persi allora sì che siamo fritti. silvia perchè se clicco sul post "fingo di non aver capito" mi esce una cosa che non c'entra nulla? Antonio Ciao Silvia, benvenuta in questo blog. Quel post si chiama così perché ad introduzione di quella mia promemoria giovanile avevo messo la "Canzone quasi d'amore" di Francesco Guccini, che contiene appunto "fingo di aver capito". Poi quel video fu tolto da youtube e io cambiai il titolo in "Sala d'attesa". Ad ogni modo ho ritrovato il video di quella canzone e se ritornerai a leggere quel post e ascolterai attentamente la canzone capirai che i versi del titolo c'entrano in qualche modo con quello che scrivevo. Una domanda però voglio porti. Perché non hai lasciato questo commento in quel post e hai preferito lasciarlo nel post più recente? Francesco Zaffuto ... mi pare .... che la sinistra non vuole parlare con la sinistra .... ciao Adriano Maini Mi auguro, invece, che emerga a sinistra una sana visione laica! nino p. la sinistra è morta... e si vedono i risultati! il monticiano Mi pare molto ma molto strano che quattro intellettuali di area marxista facciano pubblicare il loro appello su quei tre quotidiani e propongano una "convergenza verso il magistero" dell'attuale Papa. Non hanno altro da pensare? Un pensierino glielo farei fare su un certo Francesco d'Assisi. Scusami la banalità.

224

Cavaliere oscuro del web Ci vuole una nuova sinistra perché quella attuale ha smarrito i valori. Saluti a presto. Simone Qualche commento: crisi della democrazia: tutto giusto quello che ha scritto ma non credo che abbia colto il punto nodale. La democrazia e´in crisi perche e´in crisi l'ente che e´stato costruito in maniera democratico ovvero lo Stato. Lo stato nazionale sovrano ottocentesco sta morendo (il che none ´del tutto negativo visti i mostri che ha generato) quindi sta morendo con lui la democrazia come l´abbiamo conosciuta nel secondo dopoguerra (e il sistema economico neoliberista gli sta dando un bellß aiuto) Chiesa , papi e teologi: ma siamo sicuri che Giovanni XXIII o Kung sono veramente degli intelocutori credibili per uno stato laico? ne dubito assai, certo il "papa buono" aveva un carisma personale molto diverso dal papa regnante ma per esempio sulla morale sessuale oggi andrebbero a braccetto felici. Su Kung, se legge le pagine che dedica alla scienza non le trovera' poi cosi distanti a quelle del suo ex amico ora apparente nemico Joseph. Poi c' e' il popolo dei fedeli e li possiamo ben dire che troviamo tutto e il suo contrario. Infine ma siamo veramente sicuri che sia insopprimibile il senso del trascendente nell´uomo? saluti Andrea Petrocchi Secondo ma il problema è a monte. Inutile parlare di "Sinistra" quando sia il Pd che l'Idv si definiscono partiti post ideologici. Per esperienza personale (sono dentro alle istituzioni, a livello locale) posso garantire che la mancanza di una traccia ideologica porta questi partiti a "sfilacciarsi" ad ogni voto, ed osservo, contestualmente, l'emergere delle coalizione reali, dove spesso parte di questi partiti vota con i liberali. Io direi di tornare alla ideologia, la loro morte nell'89 è una grossa bufala. Antonio Qui do soltanto il benvenuto a Simone e Andrea, per la risposta ai diversi commenti rimando a questo post. silvia Non so perchè te l'ho piazzato lì, forse pensavo che di là non l'avresti visto! cristiana2011 Io sono convinta che la chiesa, con qualsiasi papa abbia fatto solo danni all'Italia, neo secoli dei secoli.Ci ha tarpati,oscurati,sottomessi. I nostri valori sono altri ed è inutile dire che ci si rivolga a quella gerarchia assolutista. Cristiana

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE 2011

Altre note
In quello che segue intendo aggiungere qualche chiarimento a quanto scrivevo in questo post e dare risposta ai commenti ricevuti. Poiché il testo supera le dimensioni di un commento preferisco dedicare un post a sé. Chiariamo subito un paio di punti. In un sistema democratico i valori non negoziabili sono quelli sanciti nei principi fondamentali delle Costituzioni, risultato a loro volta di una negoziazione storica circa la non negoziabilità degli stessi o le modalità di negoziazione. Il resto discende da quei principi. Qui la negoziazione assume valore più ampio del banale mercanteggiare e include il faticoso e continuo processo di

225

riconoscimento della comune esperienza umana. Per usare le parole di Zagrebelsky “La democrazia è relativistica, non assolutistica. Essa, come istituzione d’insieme e come potere che da essa promana, non ha fedi o valori assoluti da difendere, a eccezione di quelli sui quali essa stessa si basa: nei confronti dei principi democratici, la pratica democratica non può essere relativistica.”, Imparare democrazia, Einaudi, 2007. Per quanto riguarda il relativismo etico, io lo rivendico come la più grande conquista della coscienza politica e sociale, innanzitutto perché quello che intendo io non ha nulla a che fare con le caricature domenicali delle omelie da balcone e con il “faccio quello che mi pare”, è qualcosa di molto più complesso e impegnativo, e poi perché il contraltare al relativismo è l’assolutismo che porta inevitabilmente alle degenerazioni di uno stato etico. Se ci sono valori non negoziabili, chi sarà l’interprete di tali valori? Quale autorità si assumerà l’incarico di dettarli e renderli obbligatori per tutti? Rispondere a queste domande prescindendo da quella forma di governo discutidora che è la democrazia porta inevitabilmente all’assolutismo etico. Se il freno alla degenerazione del relativismo etico è esattamente quella negoziazione che si vuole negare io non vedo freno all'assolutismo etico che non sia il rovesciamento violento di chi si arroga la prerogativa di ergersi a guida. Quindi, per farla breve, invece di essere una soluzione la proposta che arriva dai quattro intellettuali per affrontare l’emergenza antropologica che sta alla radice della crisi della democrazia si candida ad essere un raffinatissimo colpo di grazia alla democrazia oltre a sancire la fine della sinistra. Spero di sbagliarmi. Simone, ha ragione - magari successivamente se mi da del tu lo scambio sarà meno formale! - quando dice che la democrazia è in crisi perche è in crisi lo Stato nazionale di stampo ottocentesco, sebbene io non l’abbia detto esplicitamente citavo il libro di Crouch in cui quella tesi è esposta. Da questo punto di vista meritano attenzione quei fattori transnazionali di natura economica che caratterizzano la globalizzazione, per intendersi, le attività commerciali e finanziarie che sfuggono al controllo politico degli Stati nazionali. Considerato questo lo Stato nazionale ottocentesco, una volta privato del valore che dava ai confini nazionali e di quanto di deleterio discendeva da questo, potrebbe essere preso a modello per costruire una politica mondiale che abbia il primato sull’economia. Rispondo alla domanda su “chiesa , papi e teologi”. Io considero il dialogo un valore imprescindibile, purché si svolga su temi e con modalità che non neghino il dialogo stesso, quindi sì, sono convinto che i nomi che ho fatto siano interlocutori credibili per uno stato laico. Questo è cosa diversa dal pensare o, peggio, desiderare che quelle persone la pensino esattamente come me riguardo a temi scientifici o etici. So benissimo cosaKüng o Mancuso dicano dell’evoluzionismo darwiniano ma nel loro caso, poiché la loro presenza nel panorama culturale non si limita a questo, posso semplicemente sospendere il mio giudizio riguardo questi temi soffermandomi invece sul resto del loro pensiero. Ancor meno posso pretendere che Giovanni XXIII avesse le stesse posizioni in tema di morale sessuale che ho io ma questo nulla toglie al Papa che ha dato avvio al Concilio Vaticano II. Non è una faccenda di “carisma”, non so proprio che farmene del carisma, si dice che il precedente pontefice ne fosse un campione ma non penso certamente a lui quando penso ad un Chiesa che vuole essere voce davvero ecumenica, al di là dei raduni oceanici di giovani inneggianti ai sacri valori della Chiesa e che il giorno dopo lasciano distese di preservativi a imperitura testimonianza del rigore del loro pensiero. “Infine ma siamo veramente sicuri che sia insopprimibile il senso del trascendente nell’uomo?” Io direi che diversi millenni di storia umana, e non parlo solo degli ultimi due, mi dicono che è così. Tra l’altro ultimamente il tentativo di sopprimere quel bisogno è stato piuttosto fallimentare, lei che ne dice Simone? Qui non c’entrano le mie personali posizioni, non ho alcuna intenzione di fare del mio ateismo una religione, già ne vedo troppe in giro e questa sarebbe la più stupida. Parlando con una mia amica di questi argomenti mi ha consigliato un libro, Del buon uso della religione. Una guida per i non credenti di Alain De Botton, consiglio che rigiro volentieri. In quanto al trascendente intendiamoci, c’è una trascendenza pre-umana, ovvero un trascendente che precede l’umano, e una trascendenza post-umana, che origina dall’umano. Per quanto io guardi con molto sospetto la prima, di cui ahimè non colgo traccia, ho una enorme considerazione della seconda nella quale ci metto l’arte, la poesia, la stessa religione, il bisogno di conoscere il passato e l’ansia di conoscere il futuro, insomma tutto quello che fa dell’uomo colui che desidera il desiderio, come diceva Hegel. Per cui se qualcuno mi chiedesse se credo in Dio, io risponderei come quel Rubinstein citato in Il pendolo di Foucault di U. Eco “Oh no, io credo... in qualcosa di molto più grande...”, come già ebbi modo di dire qui. Andrea Petrocchi, molto spesso parlare di morte delle ideologie rivela una sofferenza delle idee davvero sconcertante. Sono d’accordo con te, la cosiddetta morte delle ideologie dell’89 è stato uno spartiacque non ancora del tutto elaborato a sinistra, e si tratta dell'elaborazione di un lutto. La sinistra europea si è fatta cucire addosso un vestito di Medea del quale non si è ancora liberata ed è sulla scia di questa operazione assurda che agisce uno psicopatico ormai rancido che blatera ancora di comunisti all'assalto dei beni privati di cui l'Italia sarebbe a questo punto l'ultimo covo! Nel tentativo di togliersi quel vestito la sinistra ha fatto di tutto per abdicare da sé stessa e quell'abdicazione continua ancora. Io la vedo all'opera anche in questi giorni, almeno in Italia, con quel provvedimento assurdo che è il pareggio di bilancio in Costituzione di cui si discute in questi giorni alla Camera dei Deputati. Per sommo paradosso della storia la peggiore crisi economica che

226

si ricordi, provocata dalle dissennate politiche neoliberiste, si tenta di risolverla spuntando gli strumenti delle politiche keynesiane! Ho il sospetto che questo provvedimento costituirà un'ulteriore mannaia per il pensiero di sinistra, e data la sagacia di molti attuali esponenti ci vorranno vent'anni prima che si rendano conto di quello che stanno facendo, anche se qualcuno ha già lanciato qualche segnale di allarme. Ad ogni modo le mie competenze in questo campo non mi consentono di andare oltre il sospetto e l'intervento di qualche esperto in economia sarebbe gradito. Che l’IdV sia un partito anche lontanamente da considerare a sinistra è la più grossa bufala della cosiddetta seconda repubblica. L’IdV e i partiti di sinistra o centro-sinistra si sono trovati insieme per la necessità di fare fronte comune alla degenerazione del berlusconismo. Fossero altri tempi direi che l’alleanza è il risultato di una lotta comune, come fu tra PCI e DC immediatamente dopo la liberazione d’Italia dal fascismo, siccome i nostri tempi sono quelli che sono direi che si tratta di una amicizia come quelle che nascono in galera, per necessità. Non che in quei contesti non sorgano sodalizi molto forti ma è difficile capire quanto siano caratterizzati dalla gratuità dell’amicizia o dalla necessità dettata dalla contingenza. L’esperienza del Pd continuerà nella misura in cui non si applichi anche alla nascita di quel partito la stessa spiegazione! Tornare all’ideologia la vedo dura, e forse neanche troppo auspicabile, visto il materiale a disposizione io mi accontenterei di lavorare su alcune idee ben chiare!

COMMENTS:
Adriano Maini Credo di condividere largamente le tue considerazioni, oltrettutto espresse con grande competenza e linguaggio raffinato, su democrazia e etica. Mi sono permesso di riassumere. Di sicuro hai scritto una ineccepibile piattaforma di confronto e di dibattito seri, approfonditi, coinvolgenti. Simone Grazie del benvenuto. Non sono un grande esperto ma per caso Giovanni XXIII ha mai detto, scritto, fatto, qualcosa che andasse contro i precetti della dottrina morale della chiesa in campo sessuale: scritto fatto qualcosa per il divorzio, il sesso non coniugale, l´uso di anticoncezionali i rapporti gay ecc? Sbagliero' ma non mi risulta. Quindi non vedo come nessuna differenza con il papa attuale. Magari GXXIII in volo per l ´Africa non avrebbe detto che l´uso del preservativo aiutanta i rischid ell´AIDS ma lo avrebbe fatto capire con un bel sorriso.

Per quanto riguarda Küng e Mancuso, il problema non e´la loro posizione sull´evoluzionismo ma la giustificazione teorica di quella posizione, ovvero il fatto che la scienza deve essere sottoposta alla teologia. Poi possiamo dire che esistono sfumature ma il concetto di fondo e´ ben chiaro. Oggi, per puro tatticismo, evitano di scontrarsi con la fisica delle particelle o con la meccnaica celeste, perche' la battaglia sarebbe persa in partenza o non sarebbe interessante per il pubblico non esperto ma Küng e Ratzinger sono degnissimi eredi del Sant´Uffizio che condanno' Galileo. Saro' un anticlericale incallito ma io con chi sostiene che solo un uomo religioso puo´fondare un etica non vedo su che cosa posso dialogare. Saluti Simone PS Sul trascendente: forse sbaglio, ma quello che ritengo insopprimibile nella natura umana (concetto difficile e pericoloso) e´la necessita' di attribuire valori alla nostra esperienza fisica. Questo per secoli ha voluto dire avere un sentimento religioso, una visione finalistica del mondo ecc ma questa ritengo sia una solo delle possibilita'. Garbo Sono d’accordo con te in linea di principio sul discorso che sei venuto dipanando, aggiungerò solo qualche considerazione. Il dialogo deve avvenire con ciò che esiste, le pregiudiziali poste a priori potrebbero rappresentare un pericoloso alibi e una democrazia non deve e non può permettersi di dialogare con tutte le parti sociali, anche se dovesse trattarsi di frange integraliste o fondamentaliste.

227

Tu dici, mi pare di capire, che è difficile, se non impossibile, dialogare con Benedetto XVI° e con i suoi più fedeli porporati, che non si sono distinti per una grande apertura mentale, tanto che sono d’accordo con te che loro persino per molta parte della chiesa sono soltanto un potere con cui si fatica ad identificarsi. E auspichi, mi pare, un dialogo con l’ala cosiddetta “sociale” del cattolicesimo, quella che tu stesso hai citato: Giovanni XXIII°, don Gallo, don Paolo Farinella, Enzo Bianchi, Vito Mancuso, Hans Kung, ecc., con i quali, bene o male, un certo dialogo già esiste. La chiesa è, però, una struttura verticistica, l’ultima vera monarchia assoluta con diritto divino che sia sopravvissuta alla storia, uno dei precetti fondamentali è quello dell’obbedienza e mi sembra che sia ancora valido il dogma dell’infallibilità del papa, qualora egli parli ex cathedra. In altre parole, alla fine chi decide la linea che terrà la chiesa (politica, sociale, ecc.) è proprio quel papa e i suoi porporati e gli altri (Gallo, Farinella, Bianchi, ..., ) obtorto collo obbediranno a meno che non si riconoscano in quelle linee e decidano di uscire dalla chiesa. Il dialogo dovrebbe essere tentato proprio con questi vertici della chiesa, non credo che se ne possa prescindere, finché la chiesa avrà vertici come questi; ma, soprattutto, il dialogo dovrà avvenire con i cattolici, perché un gran partito di sinistra che aspiri a governare in Italia non può prescindere dall’elettorato cattolico, che potrebbe prendere in considerazione vie politiche differenti da quelle tracciate da Santa Romana Ecclesia. Un dialogo democratico non può basarsi su alcun “valore non negoziabile”, non possono e non devono esistere valori non negoziabili in un dialogo, altrimenti cessa di essere un dialogo e diventa un’imposizione, in un dialogo non solo si parte da posizioni che si è disposti a negoziare, ma persino la nostra stessa immagine, la nostra identità, noi stessi ne usciremo modificati. Se ciò non dovesse accadere, vuol dire che il dialogo è stato, tutto sommato, superficiale e poco incisivo. Per quanto riguarda il “relativismo etico”, credo sia utile definirlo meglio e far comprendere come una democrazia ad esempio (ma anche qualsiasi altro tipo di aggregato umano: dalla relazione madrebambino, alla relazione di coppia, al rapporto fra i membri di piccoli o grandi gruppi) non deve annullare le differenze esistenti, deve rispettarle e valorizzarle, deve costruire edifici politici in grado di accogliere, contenere e dar voce a tutte le differenze ... in questo senso il Pantheon di Roma è un’opera mirabile non soltanto dal punto di vista architettonico, ma soprattutto dal punto di vista della tenuta sociale (non dimentichiamo che gli antichi romani reggevano il mondo civilizzato di allora). Il 18 aprile del 2005 il cardinale Joseph Ratzinger (che sarebbe ben presto diventato papa) disse che la “piccola barca dell’umanità era stata travolta dalla dittatura del relativismo” che “non riconosce nulla di definitivo” e che altro non è che un “lasciarsi portare qua e la da ogni vento di dottrina”. Ratzinger in quel discorso fa un’operazione di dubbio valore logico e persino ignobile sotto certi aspetti, perché con malcerti sillogismi arriva a concludere che il relativismo è mancanza di valori tout court e che gli unici veri valori sono quelli cattolici che lui propugna ... fa persino sorridere il fatto che non si renda minimamente conto che è passato impercettibilmente dalla presunta dittatura del relativismo alla certa dittatura del cattolicesimo. E’ certamente questa una posizione molto rigida, per certi versi simile a quella che tengono alcuni pazienti paranoici, la chiesa di oggi e i suoi più alti rappresentanti sono più che mai spaventati dalle sfide della complessità, dall’interazione con culture differenti da quella cattolica, dal laicismo (cioè dal semplice fatto che i valori cattolici possono anche non essere condivisi da una larga parte dell’umanità e dalle stesse persone che pure si dicono cattoliche) e questo fa si che ci si chiuda a riccio e che a scopo difensivo si irrigidiscano i confini e si vada a pescare in soluzioni fondamentalistiche e integralistiche. Così come un terapeuta alle prese con un paziente con una ideazione paranoidea si pone come antitesi (molto cautamente, confermando le idee del suo paziente, esplorandole e rendendole impercettibilmente sempre più elastiche e di ampio respiro, fino al punto che non si sente più la necessità di chiudersi in queste strutture difensive di cemento armato ideologico). Per far questo però il dialogante partito di sinistra (mettiamo il PD, perché l’appello era rivolto al PD di Bersani) deve avere un’identità molto solida, la sua classe dirigente dovrebbe avere capacità di dialogo eccezionali o superiori alla media, altrimenti sarà considerato inaffidabile e inconsistente come interlocutore. Non mi pare che oggi il PD e i suoi più alti esponenti possano rappresentare questi requisiti, è persino

228

difficile avere una linea comune, tutte le idee al suo interno sembrano inconciliabili e non si riesce ad addivenire a qualcosa che rappresenti l’intero partito; un dialogo fra l’attuale PD e l’attuale chiesa cattolica sarebbe il dialogo fra uno schizofrenico e un paranoico (se volete godervelo guardate il film di Federico Fellini La voce della luna, dove uno straordinario Roberto Benigni, lo schizofrenico, dialoga con un’altrettanto straordinario Paolo Villaggio, il paranoico). Ancora qualcosa sul tema dell’ideologia (mi inserisco nello scambio di battute fra te e Andrea Petrocchi, che saluto), io ritengo che l’ideologia sia stata la più grave malattia del marxismo (e non solo sua), perché esiste sempre uno scarto, una difficoltà di traduzione delle idee e delle teorie nell’ambito del reale. Come un buon sarto, l’ideologo dovrebbe modificare le sue idee in modo tale che possano adeguarsi alla realtà anzi, avere delle idee che anticipino e che creino la realtà stessa; mentre, invece, di fronte a problemi anche seri che il marxismo ha incontrato nel suo cammino, piuttosto che modificare queste idee stesse, di renderle più fluide come fluida è la realtà che intendevano spiegare, si sono irrigidite le idee (dichiarandole giuste a prescindere) e si è pensato che dovesse essere la realtà a uniformarsi ad esse. In altre parole, l’ideologia marxista (non certo il pensiero di Marx) è diventata il contraltare del dogma cristiano ... non è pensabile e non è possibile costruire un’identità personale o collettiva sulla base dell’ideologia. Un saluto a te e ai tuoi ospiti Antonio Simone, ripeto quanto ho scritto: "considero il dialogo un valore imprescindibile, purché si svolga su temi e con modalità che non neghino il dialogo stesso". Non posso pensare che i miei interlocutori abbiano le mie stesse posizioni, sarebbe la negazione del dialogo, quello che considero importante però è la creazione delle condizioni del dialogo e il Concilio Vaticano II avviato da Giovanni XXIII è stato un enorme tentativo da parte della Chiesa di creare quelle condizioni – non è un caso che le componenti più conservatrici della Chiesa, tra cui gli ultimi due pontefici, siano abbastanza ostili alle posizioni conciliari. Non posso pretendere di trovare un documento papale che dica quello che penso io su divorzio, sesso non coniugale, uso di anticoncezionali e rapporti omosessuali, ma, ripeto, è importante l’apertura al dialogo e l’apertura di un dialogo, prova a leggere attentamente Gaudium et Spes per capire quale tensione si stava muovendo nella Chiesa. Non credo che Küng e Mancuso si sottraggano a manifestare le proprie opinioni per "puro tatticismo", non amo le letture dietrologiche, io entro nel merito di quello che scrivono cercando di ridurre al minimo possibile i miei pregiudizi, ti assicuro che è un buon metodo - anche se faticoso - per scorgere delle perle come delle emerite cavolate, siano esse scritte in un trattato di teologia o in un commento ad un post. Il fatto che solo un uomo religioso può fondare un’etica è, appunto, un’emerita cavolata. Sul trascendente: quella necessità di attribuire valori alla nostra esperienza fisica ha fatto scrivere milioni di libri, io non la liquiderei troppo in fretta. Caro Garbo, la tua osservazione è giustissima: "il dialogo deve avvenire con ciò che esiste" ... "dovrebbe essere tentato proprio con questi vertici della chiesa", a poco servirebbe il dialogo con chi già dialoghiamo. Non penso infatti che sia impossibile dialogare con Benedetto XVI o, peggio, che il dialogo non debba essere cercato ma certo non lo inviterei a dialogare partendo da premesse che negano il dialogo, tutto qui. Non credo che agli autori dell’appello mancassero strumenti per affrontare il discorso da un’altra angolatura ma forse hai ragione tu, l’intento "educativo-culturale" di chi ha scritto quell’appello è orientato proprio a far aprire quel paziente paranoide, secondo la tua straordinaria analogia, "confermando le idee del suo paziente", appunto. Peccato però che il partito dialogante non abbia la forza necessaria per evitare un transfert devastante! La tua descrizione del rapporto schizofrenico-paranoico vale più di mille pagine di analisi politica. Riguardo all’ideologia, è vero quello che dici per quel che riguarda le degenerazioni socio-politiche, se è per questo io sono un estimatore di Gianni Vattimo che persegue l’assurdo disegno di rendere "debole" il pensiero di Marx (ti consiglio il suo Ecce Comu. Come si ri-diventa ciò che si era.), però non nego il fascino di fronte ad un pensiero che ha l’ambizione di abbracciare tutto. Roba d’altri tempi, forse anche sbagliata, ma ho il sospetto che non è solo per via della mutevolezza della realtà che quel tipo di pensiero è scomparso!

229

(Detto tra parentesi i nomi che ho fatto, come Andrea Gallo, Paolo Farinella, Vito Mancuso e Hans Küng si sono mostrati pochissimo inclini all’obbedienza in molte occasioni, ma non è questo il punto, avrei potuto fare il nome del Cardinali Carlo Maria Martini e Dionigi Tettamanzi, il discorso non sarebbe cambiato.) Un saluto. Simone @ Antonio: Io leggero' anche la Gaudium et spes (non a breve sono reduce dalla lettura delle 700 pagine del Catechismo e per un po´ne ho abbastanza dello loro idiozie) ma torno da dire: G XXIII e B XVI hanno mai con scritti od opere fatto qualcosa che facesse capire anche lontamente che hanno idee diverse in ambiti come la morale sessuale? A me non risulta! Quindi su un punto per me fondate sono identici quindi nessun dialogo posso istaurare con gente del genere. Ma magari io sono troppo intransigente (sara' che gente come questi due figuri hanno condannato a morte gente come me per secoli???-sono gay-) e torno a chiedere: ma tutto questo dialogo che tu auspichi quali risultati ha prodotto?? forse che qualche conquista del mondo moderno (liberta' di coscienza, libera' di pensiero, riunione, demcorazia ecc)non sono state conquistatre dopo lotte furibonde contro la Chiesa? Se te, vuoi sedere al tavolo dei carnerfici e dei loro eredi liberissimo basta che poi non ti lamenti se i risultati sarenno scarsi. Su Küng e Mancuso non sto facendo dietrologia sto semplimente riferendo dei fatti. Oggi se devono attaccare un risultato scientifico prendono l'evoluzione, ma il punto non e' quello: come ho gia' scritto non si tratta di cosa dicono contro una data teoria scientifica ma il motivo per cui lo dico e il motivo s' sempre il solito: la scienza deve sottostare alla teologia ieri era per i pianeti oggi per l´origine delle specie domani sara' per altro ma il punto rimane sempre quello.Se non piace tatticismo chiamalo come ti pare ma Küng e Urbano VIII sono solo due faccie della stessa medaglia. Antonio Simone, non ho intenzione di aprire alcuna polemica, tu hai le tue posizioni e le tue buone ragioni per averle ma permettimi di dirti che non è inutile fare distinzioni, non stancarsi mai di fare distinzioni, come diceva qualcuno tutte le vacche sono nere di notte! Anziché perdere tempo con il catechismo - e ti capisco che hai bisogno di una camera iperbarica! - ti lascio questo link, leggi gli articoli di tanto in tanto, vedrai che ci sono voci che meritano di essere ascoltate. Simone Caro Antonio, io non ho mai sostenuto che non serva fare distinzioni. Io ho sostenuto che tra Giovanni XIII e Benedetto XVI non ci sono, su moltissimi temi(potrei dire tutti ma non voglio esagerare), differenze significative. Non mi pare tu abbia portato dati che dimostrino il contrario. Stessa cosa su Küng e Mancuso: mi vuoi indicare un testo che neghi quello che ho scritto ovvero che entrambi sostengono che la teoria dell´evoluzione non va accetta in quanto teologicamente fallace? Sull´ultimo punto io ti so indicare uomini di chiesa che negano quanto dicono Küng e Mancuso ad esempio l' ex direttore della Specola vaticana George Coyne...che infatti ora lo hanno rispetto a casetta....

230

(ho iniziato ha leggere la Gaudium et spes....lettura interessante....avere delle conferme fa sempre bene)

GIOVEDÌ 1 DICEMBRE 2011

Lacerazioni
Io non posso dirmi un estimatore del Partito Democratico ma certo non mi sfugge che di fronte alle riforme proposte dal governo Monti c'è un partito che si lacera sull'innalzamento dei 40 anni di contributi per le pensioni (e 40 anni di lavoro sono tanti) e un partito che si oppone all'ICI e alla patrimoniale. A proposito, per quanti hanno cominciato a lavorare seriamente intorno ai 35/40 anni - versando i contributi intendo - si sta pensando di attivare un servizio casa di cura annesso ad ogni posto di lavoro o direttamente una sezione pompe funebri?

COMMENTS:
nino p. staremo a vedere, oggi si parlava di salario minimo garantito per tutti... vedremo Antonio Il salario minimo garantito in qualche modo smorza un circolo vizioso che non è difficile vedere. Basta considerare alcuni parametri macroscopici per capire che il sistema occupazionale-pensionistico collasserà. Si vive più a lungo e si lavora più a lungo, questo riduce il turnover occupazionale. Intanto la precarietà fa aumentare l'età media di ingresso al lavoro. Risultato i figli imploreranno che i padri muoiano per entrare nel mondo del lavoro. Ma, provvidenziale, la crescita economica risolverà il dilemma. Ergo crescete e moltiplicatevi! oppure considerare seriamente la soluzione finale offerta dal grande marziano nel suo post.

VENERDÌ 2 DICEMBRE 2011

Costanti universali

"La parola profilattico nell’Italia del 2011 è ancora un tabù. Almeno lo è per la Rai e per il ministero della Salute, che da pochi giorni è guidato da Renato Balduzzi. Non bisogna pronunciarla nemmeno in occasione della giornata mondiale contro l’Aids. Che è stata celebrata ieri, con una serie di trasmissioni su Radio 1. Ebbene, i conduttori e le redazioni dei programmi coinvolti nell’iniziativa, mercoledì scorso, hanno ricevuto un’email che lasciava adito a pochi dubbi: «Carissimi, segnalo che nelle ultime ore il ministero ha ribadito che in nessun intervento deve essere nominato esplicitamente il profilattico; bisogna limitarsi al concetto generico di prevenzione nei comportamenti sessuali e alla necessità di sottoporsi al test Hiv in caso di potenziale rischio. Se potete, sottolineate questo concetto.»" leggi il seguito sul Corriere della Sera. L'ho sempre detto, essere coglione è una condizione ontologica, una costante universale, come la velocità della luce o la carica dell'elettrone, cambiare le condizioni al contorno non ne cambia il valore. I governi cambiano, i coglioni restano!

SABATO 3 DICEMBRE 2011

Pensieri...altrui
231

"Ogni specie di uccello ha un suo modo di volare, ritmo, energia, dolcezza e poesia, quasi un modo suo di dare forma e consistenza all'invisibilità dell'aria. Siamo tutti occhi aperti su orizzonti unici." Luca

COMMENTS:
Zio Scriba Che meraviglia! Ma l'ho visto col terrore che spuntasse qualche cuordileone col fucile a pallettoni... p.s. ma quanto rompe quella pubblicità viking? ho comprato mezza cosa da loro e adesso mi inondano di spam, e da qualche giorno si sovrappongono a qualsiasi video sul web (ovviamente faccio subito sparire, ma cheppalle, classico simbolo della jungla irrispettosa in cui viviamo...) Nounours(e) Stupefacente! Seguo i documentari sulla natura. Ieri ne hanno trasmesso uno sui pipistrelli che vivono in Australia. Sequenze del loro vivere, fra cui le nascite e l'accudimento dei piccoli. Rimango incollata fino alla fine anche se vorrei spegnere per occuparmi di cose più urgenti. Però so che non è tempo sprecato e rimango, ammaliata dalla perfezione della vita naturale. Ciao Antonio, buon finesettimana.Nou Antonio Ciao cari, buon fine settimana a voi. Nou, te l'ho già detto, hai scelto una bella foto. Zio Scriba, la pubblicità sui video non dipende da acquisti, è ancora più insidiosa, è fatta in base al profilo delle tue ricerche/frequentazioni in rete. Garbo Il volo degli uccelli è spettacolare, difficile rimanere indifferenti a tanta bellezza, ma tutto ciò che possiamo fare è di ammirarlo, e di prenderne atto. Le spiegazioni che tentiamo di dare a questo fenomeno (poetiche o scientifiche che siano) parlano più di noi che del fenomeno stesso che vorremmo interpretare. La poesia del volo degli uccelli, la musicalità del battito delle ali, il ritmo dei cambiamenti di rotta, ... , è più in noi che in ciò che stiamo osservando. Ed è, anche, un'illusione pensare che davvero gli uccelli seguano quelle regole etologiche di ispirazione neo-darwiniana, che avanziamo noi per mettere un po' d'ordine nel caos delle nostre percezioni,sensazioni, emozioni e pensieri. Ciao P.S. Per me gli uccelli seguono con le loro ali gli accordi MI-DO-SOL-RE o DO-SOL-LA-FA del violino di giusto Pio, http://www.youtube.com/watch?v=b_lZMLgN7R0 Ernest meraviglioso

LUNEDÌ 5 DICEMBRE 2011

Annotazioni
Trovo ingenuo meravigliarsi della manovra del governo Monti per quegli aspetti che deludono quanti, come me, si aspettavano una stretta più incisiva sui redditi alti, sui beni di lusso, sui capitali rientrati con lo scudo fiscale a favore di politiche redistributive verso le fasce più disagiate. Invece l'aliquota Irpef per chi guadagna oltre 75.000 € annui non è stata toccata, i capitali scudati pagheranno un addizionale e misero 1,5% e le auto di lusso scopriamo che hanno almeno 231 cavalli, quelle tra 100 e 230 evidentemente sono utilitarie!

232

Dicevo trovo ingenua la meraviglia per due motivi. Il primo motivo è che Monti è un uomo con una visione economica liberale di mercato, quindi meno incline di quanto non si possa sperare a sinistra alla supremazia politica, alle scelte redistributive ed a imporre vincoli e indirizzi al mercato. Il secondo motivo è che Monti e il suo governo hanno le mani legate da una maggioranza parlamentare che dovrà approvare quello che il governo delibera. Senza l'approvazione in Parlamento la manovra e il governo cade e questo aprirebbe la strada ad uno scenario molto poco gradevole per tutti, soprattutto per chi non è ricco, una strada tutta in discesa. Poiché la maggioranza relativa in Parlamento è ancora in mano al PdL le conclusioni sono facili. Sarà più insoddisfatta la sinistra della destra, è inevitabile. Ma il motivo più importante per cui trovo ingenua e inquietante la meraviglia è che questa meraviglia rivela che si attendeva da Monti la palingenesi delle politiche nazionali. Errore gravissimo, segno del bisogno di un altro uomo della Provvidenza. Qualcuno dirà che è comprensibile dopo il precedente inquilino (abusivo) di palazzo Chigi ma io lo ritengo un segnale comunque inquietante. Resta il fatto che Monti, per quanto io possa pensarla diversamente da lui, è persona seria e competente diversamente da quanti occupavano i posti di governo fino a poco tempo fa e ha più che dimostrato di non essere un seguace di un mercato selvaggio e senza regole. Tempo fa espressiqualche perplessità riguardo alla sua speranza nel primo governo del signor b. ma a suo vantaggio va detto che, a differenza di molti, si accorse dopo pochi mesi che aveva riposto fiducia in un cialtrone. Certo, se penso a quanti come Norberto Bobbio, Alessandro Galante Garrone, Alessandro Pizzorusso, Paolo Sylos Labini guardavano lontano e firmavano appelli per fermare l'ascesa al potere di un soggetto pericoloso torna ancora lo stupore e la rabbia per la temporanea (o strumentale) miopia di Monti nel '94 ma ad ogni modo si tratta di persona che oggi apre uno scenario politico e di comportamenti anni luce più rispettabile di quello che c'era una ventina di giorni fa. Il fatto che Monti ci abbia in qualche modo, non del tutto, liberati dal suo predecessore non significa che non si debbano criticare le decisioni del governo, esprimere e manifestare il dissenso e fare di tutto perché la politica di sviluppo di questo paese prenda un'altra piega. A questo proposito invito a leggere l'ultimo numero di MicroMega, il n. 7/2011, interamente dedicato ad un programma di sviluppo per l'Italia, scritto prima dell'insediamento di Monti.

COMMENTS:

Nounours(e) Buona giornata Antonio! Condivido il tuo pensiero su Monti. Sono delusa che abbiano stralciato il punto riguardante l'aumento dell'aliquota Irpef per i redditi a partire dai 75.000 euro annui, come per l'esigua addizionale sui capitali scudati. Vi ho visto lo zampino del sig.B. che graffia ancora. E lo ritengo un segno di debolezza del governo, ma si sa bene come sia difficile "l'equità" in questo nostro Paese..in ogni caso ci penserà lo spread :( Tutto quello che vorrei io è che migliori un po' per voi giovani. Un abbraccio Nou P.S.: la fotina me l'ha scattata mio marito mentre, in treno, eravamo diretti a Bologna per salutare una giovane famiglia di amici che, dopo qualche giorno, sarebbe emigrata in Australia a causa della crisi e soprattutto del sistema sociale italiano. Lui, ingegnere e lei, una bravissima impiegata, la bambina intelligentissima: un bel capitale per il futuro dell'Italia perso. Sono contenta che la foto stia bene sul blog. ciao :) Antonio Cara Nou, ci ritroviamo soli in questo post. Probabilmente partire con una accusa di ingenuità non porta bene o forse riscuote più successo inveire contro le iniquità fantasticando che all'improvviso il paese sia diventato un altro, salvo cadere dalle nuvole quando le aspettative vengono disattese! Riprendendo la lezione di Gramsci preferisco affrontare queste faccende con il pessimismo della ragione e l'ottimismo della volonta, le circostanze sono quelle che sono, tocca tenerne conto, e spesso si prepara la cena con quello che c'è non con quello che vorremmo ci fosse. Intanto essere passati da uno incapace e pericoloso a Monti mi sembra un ottimo risultato di cui ringraziare il Presidente Napolitano, il resto cerchiamo di costruirlo con la pazienza che necessita. Quanto alle circostanze della manovra ed osservazioni più puntuali sulla stessa rimando al post di Garbo, che condivido pienamente, salvo quando fa i nomi di parlamentari impresentabili che avremmo eletto noi. Ecco, tecnicamente questo è sbagliato, per via della legge elettorale, ma è vero che negarlo resta pur sempre un alibi. Un abbraccio a te e idealmente ai tuoi amici che sono dovuti andare via. ant

233

Nounours(e) E' sempre difficile guardare in faccia la realtà. Guardarla come asseriva Gramsci con il pessimismo della ragione e l'ottimismo della volontà mi sembra ciò che ci viene richiesto al momento. Tanti personaggi insopportabili si sono per il momento eclissati, con mio grande sollievo, perché la mia gastrite s'infuocava solo al sentirli. Quando se ne intravede qualcuno che è già in campagna elettorale mi domando se davvero gli italiano ci crederanno ancora dopo tutte le menzogne che ci hanno propinato e delle quali sembrano convinti essi stessi. Dopo questa stangata, che è davvero forte, si renderanno conto che una grande responsabilità è dei loro beniamini? O penseranno che è tutta colpa del governo tecnico? Mah!, nel nord c'è un'ampia fetta di ex democristiani (Chiamati"basapilete" dalle mie parti ovvero bacia acquasantiere) che i preti assolvono di ogni ipocrisia e evasione fiscale. Hanno una mentalità da padroncini che elargiscono qualche elemosina per meritarsi il paradiso. Purtroppo finirò con l'abitare una zona completamente legaiola a breve. Che il cielo mi aiuti a scovare qualche anima buona di sinistra in quei paraggi! Nell'acquisto della casa ho sottovalutato questo aspetto. Ma non volendo divagare, spero che veramente i media non facciano a che le ragioni che ci hanno portato a questa manovra con questo governo, non vengano dimenticate. Non facevo le vacanze, prima figuriamoci ora. Però di vacanze (sempre sobrie) ne ho fatte in passato e posso tranquillamente vivere di ricordi. L'importante è che la crisi venga superata nei prossimi anni per voi giovani (comprendo anche i miei figli). La gente non si rende conto e con "gente" intendo tutti i liberi professionisti che chiedono onorari impossibili da sostenere per il ceto medio basso: questi non l'hanno ancora capita che siamo in recessione. Sono quelli che il famoso trova nei ristoranti. La manovra me l'apettavo pesante, ma speravo che fosse pesante per tutti, invece confermo la mia convinzione, peraltro sostenuta da altri, che Monti non ha potuto andar giù pesante contro l'elettorato pdl, perché è stato diffidato, pena la sfiducia o la non approvazione dei provvedimenti alle camere da parte del presidente del partito pdl. Un ricatto bello e buono. Tutta la classe dirigente, comunque, non si rende conto di come siano costretti milioni di italiani, compreso l'attuale governo. Bisogna provarlo sulla propria pelle. Ma la mia volontà è ottimista: sono una che malgrado i grossi limiti (età e salute non proprio al massimo) non molla mai! Staremo a vedere gli sviluppi futuri. A presto! Un abbraccio, Nou. Antonio Ce la faremo Nou, sarà dura ma in qualche modo ce la faremo. Sulla banda di vigliacchi che adesso si sono nascosti non ci contare che non usciranno di nuovo allo scoperto più in là. Già ne vedo le avvisaglie, le vedo nel fatto che la gente protesta contro Monti e non contro un contabile da strapazzo che ha giocato a fare l'esperto di economia fino all'altro ieri. Irridono le lacrime di una donna seria come la Fornero (leggi questo bellissimo articolo della Spinelli) e hanno già dimenticato l'incompetenza (per non dire altro) delle veline a cui è stata affidata l'amministrazione della cosa pubblica. Si lamentano della reintroduzione dell'Ici e non pensano che averla tolta ha ridotto al lastrico i comuni e, per somma coerenza, si lamentano anche che i comuni non erogano servizi. Gli italiani sono così, gente dalla memoria corta, quindi puoi giurarci che la banda di rozzi e incapaci pifferai torneranno alla ribalta. Spero solo che quell'altra parte di italiani, che pure non è sparita, continui a ricordare chi ha causato questo disastro o per lo meno non ha fatto nulla per evitarlo o tamponarlo. Che si ricordi chi, invece di affrontare i problemi, cantava il bunga bunga sulle macerie di questo paese ricoprendosi di alibi che la crisi è mondiale, che l'Italia sta bene. Ecco perché quei tuoi amici sono dovuti andare via dall'Italia, perché altri loro concittadini hanno dato il paese in mano a gente ignobile. Che siano maledetti se non capiscono di cosa si sono resi responsabili. Un abbraccio a te Nou, non mollare. ant

MARTEDÌ 13 DICEMBRE 2011

Rovesci
...e se una ragazza rom insieme a suo fratello avesse raccontato di essere stata violentata da due italiani solo per nascondere ai genitori di aver fatto l'amore con il proprio fidanzato? ...e se un cittadino senegalese si fosse avvicinato ad un gruppo di venditori ambulanti italiani e avesse fatto fuoco con una pistola uccidendone due a sangue freddo?

234

DOMENICA 18 DICEMBRE 2011

Il diario ai tempi della rete
Il termine blog è una contrazione di web-log, in altre parole diario in rete. Secondo Wikipedia a febbraio scorso c'erano più di 156 milioni di blog nel mondo. Non conosco stime affidabili del numero di blog in Italia, si va da 500.000 ad almeno 3 milioni. In rete ci sono blog di tutti i tipi, di politica, di informazione scientifica, sport, viaggi, poesie, ricette, musica, racconti, ecc. ecc. Indipendentemente dai contenuti dei blog mi sono sempre chiesto per quale motivo una persona decida di aprire un blog, va da sé che mi chiedo anche perché una persona decida di chiuderlo, come feci io ad un anno dall'apertura di questo blog, salvo ricredermi tre mesi dopo! Prendo spunto dall'ultimo post di Aldo, alias il Monticiano, per fare (e continuare a farmi) alcune domande. Cosa spinge a scrivere qualcosa che sia disponibile alla lettura di altri? Quali sono le caratteristiche della comunicazione nei blog? Si tratta davvero di comunicazione? Quali sono le modalità di aggregazione dei lettori intorno ad un blog? Perché si decide di lasciare un commento in un post? E perché si decide di non lasciarne affatto? Mi piacerebbe nascesse un confronto e una riflessione su queste domande che rigiro a chi passa da queste parti augurando a tutti buone feste.

COMMENTS:
Nounours(e) Per me è una finestra aperta sul mondo: dalla mia stanza guardo fuori e vedo e "sento" attraverso le parole e le immagini la vita nel mondo. Non è tutto! Ho la pretesa di riuscire a conoscere le persone attraverso la loro scelta dei post...e loro possono conoscere me, quindi c'è anche una certa comunicazione, a volte una vera empatia! Buone feste carissimo Antonio! Un abbraccio Nou Adriano Maini Ho provato a scrivere sull'argomento mesi fa. Credo nella libertà del racconto, di qualsiasi genere. Ma dovrei raccogliere meglio le idee ... Antonio Se dovessi pensare ad una metafora per questo mio blog sarebbe quella di continui inviti per delle feste che vanno puntualmente deserte, questo post ne è un emblema. Cara Nou e Adriano volevo aprire una tavola rotonda e ci ritroviamo in un tavolino a tre, ammetterete che se il blog è comunicazione allora non si può dire che io sia un mago ad attivarla. Forse il nocciolo sta in quello che dice Adriano, scrivere in un blog è un'espressione di libertà che con meno disincanto potrebbe essere letta come una sorta di autoerotismo intellettuale. Sono contento di aver conosciuto tramite questo strumento poche persone con cui scambiare qualche opinione. Abbiate pazienza, non ho voglia di scrivere oltre stasera, sicuramente continuerò in un post successivo, senza fare l'errore di chiedere una partecipazione che non avrei. Di nuovo buone feste. Garbo Caro Antonio, ho imparato molto faticosamente che un blog non necessariamente coincide col dialogo, anche se talvolta sembrano coincidere almeno in parte ... manca ad esempio tutta quella comunicazione non verbale, non razionale che è altrettanto (se non più) importante delle parole. Il blog, poi, essendo una conoscenza virtuale, deresponsabilizza, superficializza, come se al di la non ci fosse una persona, ma un elettrodomestico che puoi accendere e spegnere tutte le volte che vuoi. Anch'io ho la tua stessa concezione dell'invito al dialogo, invito spesso non raccolto, ma essendo appunto un invito posso dispiacermene, ma la questione finisce li, altrimenti l'invito si trasforma quasi in un obbligo ... e non è questo lo spirito del blog, molti sono qui solo per distrarsi, per passare un po' di tempo serenamente, per non turbarsi, per non pensare, o affaticarsi. Vedo che colpisce molto lo slogan esportabile, molto

235

meno lo spunto di discussione, soprattutto se è uno spunto a riflettere insieme e non qualcosa di già confezionato, un prodotto finito che posso giocarmi altrove. Qualche mese fa ci scrissi un post sul perché scriviamo in rete, perché un blog, era un momento di crisi da blog quello ... non l'ho mai pubblicato ... e questo è significativo. Ciao, Buone Feste Nounours(e) "..molti sono qui solo per distrarsi, per passare un po' di tempo serenamente, per non turbarsi, per non pensare, o affaticarsi." Le parole di Garbo hanno un fondamento di realtà che io penso più sfacettata. Un lato potrebbe essere anche la difficoltà di entrare ad un certo livello di argomentazione che richiederebbe tempo di approfondimento: tempo che non tutti hanno pur desiderando comunicare e quindi subentra la rinuncia. Un altro aspetto è dovuto al fatto che il dialogo è pubblico e quindi ci si mette in gioco rischiando qualche figuraccia con relativa mortificazione (a me è successo), ci vuole il coraggio di scoprirsi per quel che si è per gli altri e soprattutto per se stessi. I livelli culturali, umani, sociali delle persone sono molto diversi fra loro e...non è facile. Sono circa 11 anni che frequento il web prima con un sito per il bed&breakfast che ho gestito per 4anni, in seguito trasformato in blog dove risultavo con tutte le mie ufficiali credenziali. Il mese scorso lo lasciato "morire" perché non ce la faccio a seguire troppe cose insieme. Da novembre del 2009 ho iniziato con "Punto e Virgola" con l'intento di scrivere liberamente e per questo mi celavo dietro un simpatico orsacchiotto. Ma è troppo difficile mantenersi completamente liberi. Di fatto trattengo e faccio sfumare molte insofferenze di tipo sociale; mi trattengo anche da manifestare le mie delusioni esistenziali perché penso che sarebbe come appesantire ancor più la difficoltà del vivere. In pratica ho tradito il mio intento iniziale, un po' trasportata dal timore di annoiare e un po' perché ogni blog prende un suo proprio cammino determinato dalle relazioni che intreccia. E' un mezzo eccezionale per il dialogo. Per un dialogo aperto. Ma è piuttosto impegnativo perché è fatto di parola scritta, testimoniante nel tempo. A me richiede un certo impegno e per questo posso seguire solo un limitato numero di blog amici. Ho avuto poche mortificazioni (che mi sono inflitte da sola), molte gratificazioni e qualche soddisfazione. Attraverso la scrittura, la scelta di brani, poesie di vari autori si può conoscere la persona che stà alla tastiera di un PC...impegnandosi approfonditamente. Ciao un abbraccio! Nou P.S. Invio senza rileggere e quindi con propabili errori :) Nounours(e) eccolo l'errore grave: "lo" al posto di l'ho lasciato.. Sandra M. Io ci sono arrivata veramente per caso. Un'amica una sera mi dice "sai che ho un blog?"...io non avevo mai sentito questa parola. Ho continuato per settimane a leggere i suoi post e a restare assolutamente convinta che non fosse per me: troppo tecnologico e difficile...poi "mi scappò l'occhio" in alto a destra , su "CREA BLOG" e son rimasta con il dito in sospensione per diversi attimi, quasi avessi paura di innescare chissà che....Poi ho cliccato. E' nato tutto così, quasi due anni fa. Ora vivo questa esperienza allo stesso modo di Nounors(e), nel suo primo commento. Sandra M. Dimenticato...ho il click impulsivo, grave difetto: Buone feste! intherainbow Seguo poco il mio blog, preferisco piuttosto frequentare i blog altrui come se aprissi una finestra e vedessi che aria tira!!....a volte la respiro quell'aria, altre volte chiudo subito!! Auguri di Sereno e Gioiose Festività!!!:))

236

Zio Scriba Dolci Auguri dallo Zio Nick! :) Anonimo Anton intanto ti saluto,come vedi son passata a trovarti ! a presto anto ch Antonio Carissimi, sto imparando anche io molto faticosamente quali siano le proprietà della comunicazione in un blog. Vedo in voi un atteggiamento decisamente più sereno del mio, così pieno di aspettative che peraltro non saprei bene identificare. Mi capita spesso di allontanarmi dallo spirito della presentazione di questo blog o dalle parole di benvenuto affidate a Saramago. Entrambe scritte diverso tempo dopo l'apertura del blog, quando era ormai evidente che scrivere era "un ottimo esercizio di solitudine, un utile allenamento per dare forma al nulla." All'epoca peraltro non avevo neanche i vostri commenti, anzi, non ne avevo proprio nessuno! Hai proprio ragione Nou quando dici delle mortificazioni che ci infliggiamo da soli. Invece hai meno ragione quando dici della paura di figuracce, tutti facciamo errori, di ortografia ;-) o di concetto, nel mio primo commento ho scritto "con meno disincanto" quando avrei dovuto dire "con più disincanto", ecco questo errore, Garbo lo chiamerà lapsus calami, secondo me è più grave del tuo perché rivela ancora un incanto al quale fatico a rinunciare o che dovrei imparare a gestire con più leggerezza! Tempo fa, nella foga piazzai l'Ermitage a Mosca anziché a San Pietroburgo, errore che intherainbow non mancò di rilevare subito ;-) Ho capito tante cose dai vostri commenti, cose importanti per me, grazie davvero e buon anno a tutti voi, anche a chi, dopo qualche anno, è passato per salutare. Serena Io l'ho aperto nel 2004, il primo. Che dire, é uno spazio davvero dove darsi, peccato che poi molti vengano a leggere per vedere quanto stai male, a volte. Mors tua vita mea:(

LUNEDÌ 2 GENNAIO 2012

Antropologia dei botti
Sorprende spesso vedere con quale sprezzo del pericolo si affrontino situazioni che da un punto di vista freddamente razionale sarebbe meglio evitare, semplicemente perché il probabile danno è più alto del possibile beneficio. Ma l’uomo, si sa, non è animale esclusivamente razionale (per fortuna) e allora spesso ci si chiede: perché si affrontano tali situazioni? Cosa spinge ad imprese che possono costare la vita? La spiegazione che trovo più fondamentale e soddisfacente è quella che più di ogni altra denota la differenza tra l’uomo e gli altri esseri viventi. Per quanto ci è dato sapere l’uomo è l’unico animale che sa di dover morire e molte delle sue imprese, così apparentemente irrazionali, così preziosamente inutili, non sono altro che una sfida alla morte. Ciò che sta al fondo di molte imprese umane, per quanto diverse esse siano, è proprio questa matrice comune. La sfida alla morte caratterizza l’alpinista estremo e caratterizza anche chi spara i botti di capodanno, quei botti così pericolosi da essere più simili a bombe che a fuochi d’artificio. Ma, sebbene il nocciolo sia comune, c’è tuttavia una differenza sostanziale tra le due figure. Mentre l’alpinista estremo sfida la propria morte quello che spara botti sfida la morte altrui. In un caso siamo di fronte ad un eroe, nell’altro caso siamo di fronte ad un coglione, anche un po' delinquente.

237

DOMENICA 15 GENNAIO 2012

Polemiche e invettive
Frammenti, sfoghi. Scritti a partire dal 2009, roba tratta da cahiers de doléances di cui non so che farmene. Non saprei come introdurre questi frammenti, diciamo che l'opera di Cattelan lo fa benissimo. *** Dal liberalismo etico al liberalismo economico vi è la “progressiva” volgarizzazione del nocciolo originario. Leggere attentamente Adams, Popper, Nozick, anche von Hyek, non avrebbe consentito l’orgiastica interpretazione del pensiero della libertà che oggi è sopravvissuta. L’arroganza della pulsione di accumulo aveva bisogno di padri nobili per legittimarsi, li si è trovati negli esponenti del pensiero liberale che volevano garantire l’individuo dagli eccessi della collettività, tradendoli né più né meno di quanto siano stati traditi gli esponenti del pensiero socialista. Ciò che è restato puro e inalterato è l’arroganza primitiva, nell’uno e nell’altro caso. *** Il gerarca Federzoni riferiva le parole di Mussolini: “In politica bastano 3 centesimi di merce e 97 di tamburo”. Oggi dovremmo rifare i conti considerando la perdita del potere di acquisto. *** 15.01.2009 La tecnica, la vita e la morte. Asimmetria di fronte alla nascita e alla morte. “Non si deve nascere ricorrendo alla tecnica, è contro natura”, dice la Chiesa. Nessuna difficoltà ad affidarsi alla tecnica quando la vita non ha più nulla di naturale. *** Un tempo il riformismo era un paradigma del pensiero progressista, adesso è diventato la bandiera del pensiero conservatore! Basta ripetere una menzogna per almeno un paio di generazioni e la realtà non sarà mai stata diversa. *** L’affermazione del principio di autodeterminazione individuale viene fatto passare dal signor b. come un principio statalista! E pensare che i maestri del pensiero liberale, cui indegnamente dice di richiamarsi questo sgorbio della politica, avevano innalzato l’individuo proprio per proteggerlo dagli eccessi dello Stato. Il giocoliere dei principi da antipasto continua a creare consenso intorno allo scempio del principio di non contraddizione del maestro di color che sanno. *** 08.02.2009 “La Costituzione scritta sotto l’influenza sovietica”. La nostra Costituzione, l’incontro di culture cattoliche, liberali, socialiste e comuniste avrebbe il marchio sovietico. Pensiero dove sei? Attentare alla Costituzione, alla storia, alla verità, ormai si può tutto! *** Se Rutelli se ne va dal PD e si porta via la Binetti, Carra e altri petali della margherita confessionale non è un gran danno per quel partito. Rimangano a costruire una possibile sintesi i laici della tradizione socialista, comunista e del cristianesimo sociale. Peccato che non sia all’ordine del giorno l’uscita di scena di D’Alema. *** I discorsi che negano i cambiamenti climatici perché rischierebbero di compromettere la nostra economia sono assurdi al limite del ridicolo e della delinquenza intellettuale. Viviamo in città orrende, le nostre vite sono continuamente minacciate da un progresso a dismisura d’uomo. Ci serve davvero sudare un po’ di più per cambiare l’idea che abbiamo di sviluppo? *** Che l’Europa abbia origini celtiche lo testimonia la sua struttura fondamentalmente tribale degli stati nazione chiusi e tra loro rivali. Il percorso di unificazione europea si inscrive nel tentativo, a volte coronato da successo a volte no, di superare una radice antica che ancora lavora in sottofondo e il cui superamento non è assicurato in tempi brevi. *** 18.01.10 Degli onori tributati ad uno “statista” - Vermi immondi, puzzolenti cortigiani, dirvi razza dannata è farvi elogio. Parlate di onestà che vale solo per la povera gente mentre voi vi siete costruito un sistema di scappatoie per giustificare la vostra sordidezza. Vi siete serviti della ragione di Stato per le vostre infamie. Un latitante prezzolato viene sollevato agli onori patri e i miei padri si chiedono se non avessero fatto meglio a rubare invece di lavorare per tutta la vita per una paga stretta come corda al collo. Vermi putridi, non c’è terra che possiate rivoltare per celare la vostra puzza. Cambiate pure la storia, vecchia baldracca che si da ai potenti di turno, sarà il tempo a spazzarvi via, il tempo che ignora voi come ignora me. Larve viscide, vestite pure i vostri abiti da cerimonia, la vostra anima esala miasmi che soffocano le parole che potete pronunciare per celare la nullità che vi riempie. Sarete buoni almeno a concimare la terra che avete infestato con la vostra boria? ***

238

Tra uomini. Se uno accenna all’omosessualità, l’eterosessuale doc (!) dice “Mi devo preoccupare?” Di cosa dovresti preoccuparti? - Sei convinto che gli omosessuali vogliano possedere sessualmente chiunque sia del proprio sesso? - Pensi di essere così attraente da essere l’oggetto del desiderio di qualunque omosessuale? - Senti minacciata la tua eterosessualità dall’influsso del tuo amico, che può essere contagioso? - Non puoi reggere uno sconvolgimento del mondo per come lo hai sempre immaginato? - Stai pensando a tutte le barriere culturali che il tuo amico deve affrontare, compresa la tua? - Oppure sei talmente cretino che non ti poni nessuna domanda? *** La faccenda del processo breve per salvare b. è la peggiore porcata che si possa perpetrare a questo paese. La norma, incostituzionale e retroattiva, cambia le regole in corso d’opera anche per processi già avviati. Chi ha un residuo di senso civico confida che quella legge non passi al Parlamento o venga annullata dalla Consulta. Temo che se la voce di sdegno che si leva dal paese in maniera silenziosa non troverà ascolto potrà trovare forme di espressione pericolose. La diffusa frustrazione delle richieste di legalità e di legittimità (non sono la stessa cosa, nonostante la comune radice) può avere conseguenze nefaste. La democrazia è un delicato equilibrio di inclusione del dissenso e delle richieste di riconoscimento. Se queste richieste non trovano sfogo in una qualche forma di manifestazione pacifica, trovano altre vie per esprimersi. Nessuno può dirsi escluso da questo gioco, nessuno può dire di non partecipare alla sua costruzione, neanche chi pensa di starsene a casa per i fatti propri. Non ascoltare le voci del paese è già intervenire sul suo assetto futuro. Di fatto le voci devono trovare espressione, definire le modalità di espressione è il compito delle istituzioni democratiche. Discutere sulla condivisione o meno della violenza quando nulla è stato fatto per evitarla è un esercizio salottiero per intellettuali pronti a riciclarsi ad ogni regime. L’uomo è animale ambivalente, come dice Van de Waal, ha tra i suoi antenati i pacifici bonobo e gli aggressivi scimpanzè. Quale dei due prevarrà dipende dal contesto sociale che saprà darsi. *** Non credo ai “raptus di follia”, agli “imprevedibili” omicidi, alle situazioni che non davano alcun segno, ecc. ecc. Esistono senz’altro anche questi casi ma sono forse una percentuale minima degli episodi che accadono. In realtà c’è sempre qualcosa che cova dentro e che, se inespresso, esplode. “Era una persona normale”, dice di solito chi non ha antenne sensibili per percepire il disagio che si sta accumulando dentro qualcuno. *** 05.02.10 Parlare di droga è facile quando basta dire che non bisogna farne uso, più difficile è parlarne indagando le cause psicologiche che hanno condotto alcune persone a trovare rifugio nei paradisi artificiali e temporanei (come le luci a tempo delle scale degli alberghi che ti lasciano a metà scala al buio, dice il Davide Segre di Elsa Morante nella Storia), più difficile ancora è parlarne – e infatti pochi lo fanno – in termini di angoscia sociale, di impotenza d’agire in un contesto sociale dove le regole – tutela dei più deboli – vengono sovvertite a vantaggio dei più forti, dove la competizione distruttiva ha il sopravvento sulla partecipazione e dove chi non vince (leggi fa tanti soldi!) è un fallito segnato dal destino. Un ulteriore livello di complicazione si affronta quando si prende in esame l’intreccio tra dimensione individuale e quella sociale non più meramente politica (di breve termine potremmo dire), bensì storica. L’individuo si trova schiacciato in una tradizione che lo opprime. Abbiamo sempre a che fare con un sentimento di impotenza cui l’individuo non sa rispondere. Essere d’accordo o meno sulla condanna di certi comportamenti è roba buona per farci trasmissioni televisive di terz’ordine come porta a porta, inutili anche solo a scalfire il problema. *** “Perché cercate tra i morti …?” La religione delle cose morte. E’ tremendamente più facile adorare feticci e cose morte - non perché hanno cessato di vivere ma perché non sono mai state vive – perché le cose vive si muovono, si oppongono, manifestano differenze che le persone di poco spirito non possono sopportare. Solitamente si tratta di persone malvagie che celano la propria perfidia nell’osservanza delle dottrine e nell’adorazione di qualche giocattolo sacro. Parlano di bontà ma sono pronte a sacrificare le persone fatte di carne e sangue su un altare di marmo adornato di idoli, calpestano sentimenti di persone vive in nome di regole che non hanno fondamento se non nel desiderio di dominio che celano persino a sé stessi. Di questo inganno parla l’adorazione delle reliquie quando sostituisce l’adorazione degli esseri viventi e dei loro desideri. Questo inganno è sufficientemente forte da vincere qualsiasi prova che smentisca l’autenticità delle reliquie. L’ostensione della Sindone è il più classico degli esempi. Ogni cosa parla contro la sua autenticità ma il bisogno di crederla vera è più forte. “Perché cercate tra i morti colui che è vivo?” Il motivo di questo “spostamento” di interesse è che le cose vive si muovono, è più difficile raggiungerle, le cose morte sono ferme, facilmente raggiungibili e manipolabili e non venite a parlarmi della forza evocativa dei simboli perché in questo caso rimarremmo alla superficie del fenomeno. La domanda del Vangelo, la bellissima domanda, non è una provocazione alle donne in visita al sepolcro di Gesù, è un invito a cercare tra i vivi l’oggetto del proprio amore. E’ questo il senso profondo della resurrezione. Ora la domanda per un fedele non è se la Sindone è vera o falsa ma se è viva o morta! ***

239

Quanto malessere si crea intorno alla morale sessuofobica della Chiesa, quanti desideri repressi, vite mancate e frustrate? La morale è fatta per gli uomini non viceversa, diceva Kant, riecheggiando quello che diceva Gesù del sabato. Che morale è una morale che fa stare male le persone? Che ne impedisce la realizzazione? Che reprime i desideri? Se la morale è inscindibilmente legata al bene, allora non è morale ma altro. Come dice de Waal, la morale può ricondursi a due A, Aiutare gli altri e non Arrecare danno. Tutto il resto non è morale. *** 17.06.10 Passeggio in un parco, un bimbo passeggia con suo padre. Il piccolo, 4-5 anni, vuole andare per un sentiero ma il padre gli dice di no, il piccolo chiede “perché?” e il padre risponde “perché no!”. Perché non potevo prendere a calci quel cretino? Quale concetto di autorità si anniderà in quel bambino? Nella migliore delle ipotesi un’autorità senza autorevolezza, che non dispone di argomenti, sia pure semplici e adatti per un bambino di 4 o 5 anni. Quella è l’età degli infiniti “perché?” e quel deficiente lo ha fermato al primo! Tutto questo è insopportabile. Molti adulti dicono di disporre della ragione per sentito dire, fanno abuso di una ragione che non gli appartiene, l’hanno presa in prestito ma non sanno come adoperarla. Il bambino con i suoi “perché?” infiniti è la forma di ragione che gli adulti spengono con i loro banalissimi “perché no”, con i loro dogmatismi, le loro spiegazioni insulse, fatte di stanchi automatismi scambiate per abitudini scambiate a loro volta per ragione. L’attuale Papa, facendo passare la fede per autentica ragione (cosa peraltro non nuova perché anche il precedente non la pensava diversamente), è un campione del salto triplo mortale della retorica e dell’intelligenza. Davvero straordinario! Ecco perché mentre vedevo quel deficiente al parco con il bambino ho avuto una sensazione di deja vù. *** 08.07.10 Sacchi vuoti intorno ad un buffet, più sono vuoti e più tocca riempirli per tenerli in piedi. Si assembrano intorno al tavolo come cavallette e quando finalmente riescono ad impossessarsi di un piatto il tempo diventa inesorabilmente lento e ti sembra di vederli al rallentatore mentre ruminano muovendo le mascelle obese, li vedi portare alla bocca tranci di qualcosa di commestibile che poi triturano masticando rumorosamente che ti sembra di sentire il rumore del cibo che passa da una guancia all’altra. Poi si siedono dietro le scrivanie e cominciano a parlare di cose vuote, non verificabili, che confondono con i “discorsi di valore alto”, poveretti gli capita di rado farlo e non sanno com’è. Di tanto in tanto ridono da soli dopo aver pronunciato qualcosa che gli sembra spiritoso e si voltano a destra e sinistra nella imbarazzante ricerca di complicità per quella misera battuta di cattivo gusto e fanno quasi pena quando non trovano complicità, ma capita di rado, uno disposto a ridere lo trovano quasi sempre. Raccolto il successo del loro spirito si voltano dall’altro lato e alzano il tono della voce se il moderatore fa presente che il loro monologo sta togliendo tempo agli altri ma sono convinti che quanto stanno dicendo è fondamentale e nessuno dirà niente di così importante e poi parlare consuma tempo e lo sottrae alle domande, quindi è funzionale perché nessuno al termine, oserà alzare il dito per chiedere la parola se la platea è stremata. Di solito questi soggetti sono attorniati da individui sempre pronti ad assentire, con le loro teste ciondolanti avanti e indietro che sarebbe bello interrompere bruscamente il discorso e chiedere a bruciapelo “Qual è l’ultima parola che hai ascoltato?” Capita qualche volta, per lavoro, di partecipare a convegni, workshop, riunioni dove si incontrano amministratori delegati, sottosegretari, direttori generali, presidenti e altri titoli altisonanti. *** 10.07.10 “La magistratura non deve fare politica”. E’ chiaro che il termine politica non è quello che aveva in mente Platone o Montesquieu ma si intende la zuffa da pollaio. Se il termine politica è usato correttamente e la magistratura incarna uno dei poteri fondamentali dello Stato, come ha insegnato Montesquieu, allora la magistratura deve fare Politica. Tra l’altro la magistratura è entrata nel dibattito politico quando altri poteri, l’esecutivo in particolare, tentano di invaderne il campo e di limitarne le funzioni. *** 17.07.10 Se dovessi salvare il fatidico ultimo libro salverei un buon vocabolario perché quando si perde il significato delle parole comincia la vera morte della cultura. *** 09.08.10 E’ davvero paradossale, oltre che ridicolo, che si invochi il legame con le proprie origini e tradizioni per introdurre l’insegnamento del dialetto nelle scuole. Solo i raffinati intellettuali della Lega potevano pensare una simile idiozia. Questi agglomerati di cellule sostengono che le tradizioni del territorio sono andate perdute e chiedono che sia la scuola a sopperire a questa perdita. Bene! Io a casa mia ho sempre parlato il mio dialetto e non ho mai pensato di sostituire Dante, Manzoni, o Pirandello per farmi insegnare una lingua che conosco benissimo. La verità è che questi straccioni si sono persi la loro tradizione, le loro famiglie non sono state in grado di fargliele vivere e allora diventano strenui sostenitori di una scuola che sopperisca alle carenze delle loro famiglie. E’ la famiglia la scuola del dialetto, anzi dei dialetti perché sono tanti, come le famiglie! La scuola deve essere una e non può che insegnare ciò che unifica e connette le diversità dei dialetti e delle famiglie. Anche di quelle miserabili famiglie che hanno perso la propria storia e pretendono che sia la scuola a ritrovargliela. ***

240

12.08.10 Lui austero e composto, lei più sbarazzina e disinvolta, si sono separati dopo anni vissuti all’insegna dell’ammmore con 3 emme e della pacifica connivenza. Ora lei vuole la casa di Montecarlo, lui quella di Arcore. Succede anche nelle migliori famiglie! *** 19.08.10 Come nella 25esima ora, davanti allo specchio. Vaffanculo a te che giri per stradine strette con un carro armato orribile che chiami automobile, mi guardi dall’alto mentre ci incrociamo e non riusciamo a passare, devo accostare sul ciglio di una rupe per farti passare. Giri fiero in quel vagone che ti fa sentire un superuomo ma vivrai sempre con il complesso di avercelo piccolo. Vaffanculo alla bambola di plastica e silicone che ti porti accanto e che pensa di aver sposato un eroe perché la scarrozza in un SUV enorme e vaffanculo alla tua progenie obesa che sui sedili posteriori divora merendine del mulino bianco e un giorno diffonderà i suoi geni proliferando come conigli. Vaffanculo a voi gentiluomini dell’alta società fasciati nei vostri abiti inamidati, sempre pronti ad andare a messa per farvi vedere rispettosi della legge di Dio fino a quando non vi chiede come avete fatto i soldi che avete in tasca, sareste pronti a vendere vostra madre per evadere le tasse. Vaffanculo all’uomo vestito di bianco che ciancia di amore e di peccato, spesso confondendoli, ha l’anima nera come la pece e se mai Dio lo incontrasse scapperebbe inorridito per averlo creato, vaffanculo alla sua teologia da tre soldi, buona a rivoltare le parole e lo stomaco e vaffanculo ai suoi proseliti che vanno predicando l’amore di Dio e squarterebbero chiunque non la pensa come loro. Vaffanculo a tutti quelli che hanno costretto il mio amico fragile a cambiare le sue parole perché non si capissero i suoi desideri. Vaffanculo a voi genitori ansiosi che pensate di compensare tutto con la vostra preoccupazione, vi azzannate come lupi e avete messo al mondo figli per fare da arbitri alle vostre contese, vaffanculo alle vostre premure riparatrici. Vaffanculo a te che su una strada con le auto in fila suoni il clacson pensando che sia un oggetto magico che fa sgombrare il traffico in un attimo. Vaffanculo, povero miserabile che non riesci a capire che il clacson è l’unica voce che ti hanno lasciato. Vaffanculo a chi ha messo a tacere la tua voce che ormai non sai neanche più di avere. Vaffanculo a te mocciosetta neopatentata che giovane e bella sbuffi e ti agiti se un vecchio attraversa le strisce pedonali e rallenta la tua corsa verso il nulla della tua inutile vita. Vaffanculo a saggi e santoni, a maghi e guide spirituali che indicano il cammino della saggezza dietro libero compenso. Vaffanculo ai medici che imbottiscono di farmaci i loro pazienti e li rendono schiavi di droghe e del terrore degli effetti collaterali. Vaffanculo agli specialisti e alle loro segretarie truccate come battone che quando chiedi la ricevuta portano la mano alla fronte come a dire “che sbadata, a momenti dimenticavo di prepararla!”. Vaffanculo agli psicanalisti che non sanno guardare oltre il proprio naso e pensano di guardare indenni nell’abisso altrui. Poveri miserelli, consigliate di sviluppare la sfera emotiva senza sapere di cosa parlate, solo perché vi hanno detto che è un buon consiglio da dare a 40 euro l’ora senza fattura e 50 con fattura. Vaffanculo a te che vai fiero della tua enorme casa e non ti sfiora neanche il sospetto che serve a riempire il vuoto che hai in testa e nel cuore. Vaffanculo a te che hai divorato libri mandandone a memoria migliaia senza capirne uno, reciti la parte di intellettuale perché non si veda che sei un coglione. Vaffanculo a te che vai in montagna con il cronometro per misurare il tempo di salita e di discesa senza guardarti intorno, preso come sei dal tuo record personale. Vaffanculo a te che sali per sentieri lasciando sul tuo cammino carte di caramelle al miele, che tu possa strozzarti mangiandone una, lo stesso accada a te che non porti giù i tuoi maledetti mozziconi di sigarette, vaffanculo alle vostre vite sprecate, buone solo ad insozzare la natura e trasformare l’ossigeno in anidride carbonica. Andatevene affanculo miserabili leccapiedi pronti a vendere vostra figlia per compiacere un pezzente arricchito con l’aiuto dei mafiosi, e pure tu lerciume dell’umanità, vattene affanculo mentre guardi il tuo mausoleo e rimugini che non porterai nulla con te di quanto ha gonfiato le tue tasche. Andate affanculo servi e padroni, portatevi dietro la vostra pantomima, perché rimarrete dei pezzenti, tutti quanti incapaci di alzare la testa e di essere degni delle vostre ambizioni. Andate affanculo con quella carta straccia con cui vi si compra al mercato dell’usato, contate pure i vostri soldi, non avete altro per cui valere. Andate al diavolo creature disperate, naufraghi in questa spelonca di fiele, dove maestosa bellezza si mescola a terribile orrore in tempeste che lasciano sul terreno anime esauste in cerca di quiete tra le pieghe del mondo. Vaffanculo alla morte che bara con giocatori ciechi, al dio onnipotente che assiste inerme all’affanno inutile delle sue creature, al demonio tentatore e alla sua infantile invidia per non essere rimasto figlio unico. Vaffanculo al mondo e alla sua tremenda bellezza e vaffanculo a me che oggi non la smetto di mandare affanculo tutto. *** 23.08.10 Dopo due anni di vacanze in Trentino ho mangiato una mela in Val di Non dopo averla staccata furtivamente da un albero. Nessun cretino mi è saltato addosso per appiccicarci sopra l’etichetta Melinda. Subito dopo il primo morso il tempo si è guastato. E’ stato come un deja vu! *** 19.09.10 Igiene delle parole. Lavoro e passione. Il lavoro è passione ma non interamente, non solo. La passione è sempre e comunque gratuita, il lavoro non può essere gratuito altrimenti non è lavoro. La passione non può rivendicare diritti, il lavoro deve vederseli riconosciuti i diritti. In alcuni ambiti, come quello della ricerca, il ricorso retorico alla passione è ingannevole soprattutto per chi fa uso di questo argomento. Delle attività svolte per passione (solo per passione) non ci si lamenta se non c’è retribuzione, se non c’è continuità, se non c’è contratto e tutela. Tutto questo distingue la passione dal lavoro. Il ricorso

241

all’argomento della passione per giustificare il lavoro della ricerca è deleterio per i ricercatori stessi che spesso sono talmente imbecilli da non rendersene conto. Risultato di una frustrazione dovuta alle contraddizioni interne, oltre che alle condizioni di lavoro penose che spesso devono affrontare. Il lavoro va nettamente distinto dalla passione, salvo fare ricorso all’etimo di passione, come sofferenza ma anche la sofferenza è gratuita (qui sconfino nell’etica di Dio, se Dio può essere un’entità etica, cosa di cui dubito). Il lavoro ha caratteristiche distintive dalla passione, mescolare le cose porterà inevitabilmente a giustificare attività di lavoro non pagate. *** 05.10.10 Qui non siamo più in grado di classificare la realtà e le sue rappresentazioni. Stanno saltando le regole tassonomiche che ci fanno riconoscere l’attualità e la satira, la commedia e gli eventi. Non ci sono più categorie per definire la realtà (Tragedia? Commedia?) Questo è il trionfo del relativismo più idiota, quello che i filosofi del relativismo non hanno mai nemmeno preso in considerazione. Quando quel relativismo avrà trionfato allora persino B XVI sembrerà credibile quando inveisce contro il relativismo. *** 07.10.10 Se si mescolano passione e lavoro senza i dovuti distinguo o la passione non è passione o il lavoro non è lavoro, oppure c’è bisogno di un buon psicoterapeuta. *** 08.10.10 Ancora sui giovani. La “perdita di valori” è solitamente invocata da signori attempati nei confronti di giovani “senza valori” Non ci sono più i valori di una volta, dicono. Questa è bella! Non ci sono mai stati i valori di una volta, ci sono sempre stati i valori di questa volta! Ma entrando nel merito della lamentatio bisogna chiedersi, è onesta? Che età hanno quelli che conducono le sorti di questo paese? In politica, nella cultura, in televisione, nei giornali, che età hanno quelli che occupano posizioni determinanti? La bufala di programmi spazzatura come GF, amici, l’isola dei riciclati, pupe e battone e pattume vario che sarebbero richiesti dai “giovani” è davvero debole. Gli idioti ci sono sempre stati e sempre ci saranno, la mamma dei cretini è sempre incinta, ma che età hanno quelli che prendono degli idioti e li fanno diventare utili idioti? Chi c’è dietro le telecamere? Chi scrive i palinsesti e i programmi? Credete davvero che siano giovani? Ci raccontiamo la bufala della “rappresentatività”. Questi giovani idioti in tv sarebbero davvero rappresentativi dei giovani? Non mi sembra, si fanno provini per selezionare i più idioti tra migliaia di idioti e già questo non è esattamente quello che si dice un campionamento ma una selezione appunto. Gli si da visibilità in prima serata e sui giornali e si dice che questa è la rappresentazione della realtà. No, questo è trasmettere un modello, inculcarlo, imporlo lentamente fino a farlo diventare realtà. Questa è pedagogia. Delle più subdole. E’ ovvio che poi questo modello si diffonda, l’uomo è animale con sviluppato senso imitativo. Ma chi ha preso un soggetto, fino al giorno prima marginale, e lo ha imposto come modello per una nuova normalità? Che età ha, o aveva, chi ha fatto questo? Forse è proprio qui il nodo della questione, dei soggetti che fino a ieri erano ai margini sono riusciti a imporre il loro modello, a farlo diventare vincente, mettendo ai margini la normalità. *** 17.10.10 La critica ai giovani e Shakespeare. Nell’Amleto c’è già tutto. La corruzione non è un problema di giovani. La politica sporca non è un problema di giovani e quando ci sono i giovani in queste vicende si guardino i loro numi tutelari. Che età ha lo zio e la madre di Amleto? Che età ha Amleto? *** 03.11.10 Viaggiando in treno prendi coscienza di una delle più grandi tragedie che affliggono molte donne: le doppie punte! Mi rassicura pensare che siano pochi esemplari impegnati a muoversi da un posto all’altro per incontrare i loro omologhi maschili. Il problema è che questi soggetti, non dedicando eccessiva attenzione al mondo che li circonda, si riproducono trasformando il mondo in qualcosa che sia a loro misura. *** Molta gente ha lo smart phone, guida la smart. Meno male, così hanno anche loro qualcosa di furbo! *** “Meglio andare dietro le belle donne che essere gay” Come commentare? E’ sempre imbarazzante parlare di pornografia! E poi non sono abituato a parlar male di chi è meno fortunato di me. La natura è stata già tanto crudele. *** 12.11.10 Quando manca il terreno comune del linguaggio è necessario spiegare quello che si dice e poi spiegare la spiegazione e poi spiegare la spiegazione della spiegazione e così via, fino a rendersi conto che non si può dire nulla. E’ questo il processo di banalizzazione delle parole e del linguaggio cui si assiste oggi. *** 15.11.10 La ragione nessuno sa dove sia di casa, la ragionevolezza ha una sorella che si chiama opportunità e un fratellastro che si chiama opportunismo. Una famiglia numerosa e tutti somiglianti come gocce d’acqua. *** 21.11.10 La selezione naturale non è un vaglio che elimina i caratteri inutili ma un setaccio per i caratteri dannosi. L’utilitarismo evoluzionistico (il cosiddetto adattamentismo) è roba che è stata confutata da molto tempo eppure è facile cadere nell’errore che qualcosa c’è perché è utile. No! Qualcosa c’è perché non è

242

dannoso. “Utile” è diverso da “non dannoso”, così come “inutile” è diverso da “dannoso”. Disuguaglianze che dovrebbe studiare molto attentamente chi usa con troppa disinvoltura la categoria culturale della natura per giustificare delle supposte regole divine. *** 06.01.11 E’ un deficit di democrazia che da luogo ai populismi. Il populismo di destra nasce da una domanda di rappresentanza inevasa a fronte della incapacità di gestire la globalizzazione – vale anche per il populismo di sinistra? Quando il mondo irrompe in un territorio impreparato alla “contaminazione” si accendono sentimenti di “purezza” che sfociano nel razzismo. La cattiva politica offre alimento ai sentimenti di ostilità, esattamente come la cattiva religione, ma in molti casi la distinzione è irrilevante. *** 07.01.11 Dopo il post-moderno, dopo il post-industriale, dopo il post-comunismo sarà la volta del post etico? *** 22.01.11 C’è una sorta di territorialismo, nel senso etologico del termine, che deve essere considerato per capire le forme di ostilità nei confronti dello “straniero”. *** C’è una “abitudine” al benessere che non vuole più essere condivisa con il più bisognoso. La solidarietà affonda le sue radici nell’uguale disponibilità di mezzi di fronte alle avversità esterne (naturali o sociali). Se c’è chi ha maggiori mezzi tenderà a mantenere la propria posizione. Due straordinari proverbi salentini: U binchiatu nu crite mai u mortu te fame (Chi ha mangiato non crede mai all’affamato) e la variante ancora più inquietante: U strazzatu nu crite u mortu te fame (Lo straccione non crede all’affamato). Dell’incapacità di credere veri bisogni diversi dal proprio. C’è sempre un diverso più diverso. *** 04.02.11 Della lingua stuprata. Sul registro della sincerità gioca la smodatezza , la sfacciataggine, l’esibizionismo e la tracotanza. “Sono come mi vedete, non ho nulla da nascondere.”, questo il leit motif che ormai è passato nei costumi degli italiani. Ebbene, bisogna tornare ad imparare che non tutto si deve mostrare, che c’è una zona di intimità che va protetta e soprattutto che c’è una linea che il diritto non consente di oltrepassare. In nome di uno stupro semantico la sfacciataggine è diventata sincerità. E’ necessario recuperare il valore positivo della parola “moralista” e avere il coraggio di sostenere “sì, sono un moralista” e bisogna farlo senza mescolarsi con colei che siede sulle acque sempre pronta a puttaneggiar coi regi. Il termine moralista assume valore negativo quando vuole limitare la libertà di espressione e sviluppo dell’individuo ma non nasce come una offesa. E’ curioso che siano stati i movimenti di sinistra della fine degli anni ’60 ad usare questo termine in una accezione spregiativa e adesso se ne servono quanti vogliono far passare delle orge come tranquille serate tra buontemponi attempati. Lo scandalo non è nelle serate ma nel fatto che chi organizza quelle serate governa a nome di un intero paese rifacendosi ai principi dei valori familiari, e magari organizza e partecipa ai family day. *** 27.02.11 L’antiberlusconismo non dovrebbe esistere in un paese normale perché in un paese normale uno come b. sarebbe preso per quello che è: uno che abusa del potere politico per interesse personale. Basterebbe questo per eliminare lui e i suoi seguaci dal panorama politico. L’antiberlusconismo è uno spreco di risorse intellettuali di un paese marcio. *** 28.02.11 B. non è mai stato sostenuto dalla maggioranza del paese ma da una minoranza organizzata. Il patetico bisogno di appellarsi alla maggioranza fa parte della sua natura dispotica e chiarisce che si tratta di un parvenu della politica. *** Uno statista deve governare la complessità. B. governa la confusione di una condizione emotiva estremamente impoverita e priva del supporto (o della sovrastruttura, secondo i punti di vista) della razionalità. *** B. attinge 1) agli strati sociali alti e incolti (alti perché ricchi) della neoborghesia arricchita e terrorizzata di tornare in miseria per via delle tasse; 2) agli strati sociali medi che pensano che in assenza delle tasse e degli altri vincoli sociali che definiscono la libertà di ciascuno sarebbero sicuramente più ricchi. *** B. rovescia il registro del termine libertà dando l’illusione che si tratti di una faccenda esclusivamente individuale, quando invece la libertà o è di tutti o non è. *** L’ignoranza, l’incultura e l’arroganza sono diventati valori perché b. è riuscito a sollevare gente che si distingue per queste caratteristiche dalla condizione di frustrazione in cui erano isolati. La radice di tutto ciò sta nella “paura” della democrazia che ad un certo punto è diventata manifesta anche a sinistra. Forse b. si è inserito in questo vuoto di democrazia facendolo diventare il suo punto di forza. Democrazia è formazione e informazione prima che voto. Democrazia è partecipazione. Quando l’Italia era prevalentemente analfabeta le classi sociali povere venivano educate al pensiero di Marx e Gramsci, oggi questi autori non li leggono

243

neanche le classi cosiddette colte e arricchite. Il PCI aveva sezioni, circoli, formava la gente. Lo stesso avveniva per la DC e altri partiti minori. Ad un certo punto questa gigantesca opera di formazione è stata abbandonata (c’era la TV a sopperire!) e si è affermata una politica elitaria (elitaria perché temeva la partecipazione non per qualità intellettuali) che ha tagliato fuori dalla partecipazione politica il ceto mediobasso. Ne ha fatto dei reietti e la frustrazione è stata strumentalmente captata da b. Un altro inganno di b. è stata la sua apparente estraneità alla politica professionista e corrotta (anche se è noto che di quella politica si è nutrito) che l’ha fatto preferire da quanti erano stanchi delle “solite facce”. La sua potenza economica e mediatica, lo spazio lasciato dalla DC con l’appoggio della chiesa e il vuoto spinto della sinistra hanno fatto il resto. Non aver capito tutto questo per tempo fa della sinistra la principale responsabile dell’ascesa di b., per non parlare della sua ineleggibilità in quanto concessionario dello Stato, legge la cui applicazione non è mai stata rivendicata in sede istituzionale. Si taccia anche della bicamerale e dei sostegni a mediaset! *** Nei confronti di b. la sinistra ha fatto gli stessi errori che Benedetto Croce fece con Mussolini. Croce credette che quel ignobile individuo, incolto, grossolano, vanitoso e privo di ogni minima capacità di leggere la realtà fosse un utile strumento per fermare i comunisti. Si sbagliò e tentò di rimediare firmando il manifesto antifascista. Nei confronti di b. la sinistra ha fatto lo stesso errore di sottovalutazione ma mi sfugge a quale scopo, se ce n’è stato uno. *** 18.03.11 In occasione del 150° d’Italia ci sono stati tiepidi applausi per il “Va pensiero”. Gravissimo errore. E’ necessario riappropriarsi di una musica che è inno del mondo e della cultura, non bisogna lasciarla ad un manipolo di decerebrati che l’hanno usurpata facendone un inno vuoto. La scelta del Va pensiero di Verdi quale “inno” della cosiddetta padania non poteva essere più infelice storicamente. Nulla poteva essere più inappropriato, proprio per via del suo autore. Quando nei teatri si gridava viva Verdi si invocava l’unità d’Italia e le lettere del nome Verdi erano lo slogan che non poteva essere gridato apertamente – Viva Vittorio Emanuele Re D’Italia. Inoltre il Nabucco è l’opera con cui Verdi chiede la liberazione dell’Italia dal giogo austriaco. Quelli della lega non staranno certo a guardare queste sottigliezze. Bisogna riappropriarsi di quell’aria, suonarla più spesso, dirlo italiano, italiano fino all’ultima nota. *** Evasioni culturali. Dovevo venire qui a Milano per comprare le opere politiche di Mazzini in una libreria che mi ha rilasciato uno scontrino non fiscale! ***

Di fronte alla Banca dell’Agricoltura a Milano. Due targhe in ricordo di Pinelli. In una – la più vecchia – si parla di una uccisione, il delitto emerge chiaramente. Nell’altra – la più nuova – si parla di una morte tragica, emerge l’evento accidentale. C’è da scommettere che prima o poi la targa vecchia sarà rimossa e resterà solo quella nuova. *** 05.04.11 Eran trecento eran devoti... Ci si sono messi in più di 300 per dire che un vecchietto ha scambiato una battona minorenne per la nipote di Mubarak. *** 26.04.11 L’Italia è una repubblica democratica fondata... ...sull’impepata di cozze ...sull’alternanza al governo

244

...sulla giustizia giusta ...sulla buona educazione ...sulle barzellette salaci ...sulla pasta e sulla pizza ...sulle caramelle al miele ...sul calcio a zona ...sulla famiglia e gli amici degli amici ...sul colon irritabile e l’acidità di stomaco ...sui farmaci da banco e la magnesia ...sulle gonadi e il lato B delle mele ...sul lavoro stagionale *** Miti odierni: Prometeo vende candele, Elia annuncia il meteo e Atlante fabbrica reggicalze! *** 09.05.11 Sadomasochismo culturale. Curioso che la cultura laica – scientifica in particolare – con la sua tradizione di riflessione sui limiti si faccia dare lezioni di umiltà e modestia da chi si fa chiamare Sommo Pontefice e proclama la sua infallibilità quando si esprime ex cathedra! *** 13.05.11 Il comunismo non era solo un sistema economico, era anche un edificio etico. Il comunismo ha acceso attese palingenetiche che sono state tradite, ovvio attendersi un senso critico da parte dei comunisti verso il proprio pensiero e la propria storia. Non si può pretendere la stessa cosa dal pensiero liberalcapitalistico che, privo della componente etica, è degenerato nel puro efficientismo economico e ha orizzonti che non si spingono oltre dopodomani. *** 27.08.11 Nelle stazioni ferroviarie o metropolitane che un vero horror silentii. Qgni 10 passi ci sono video che trasmettono a ciclo continuo la stessa identica sequenza di pubblicità martellanti con le musichette idiote e protagonisti che fanno sentire un genio chiunque li veda. Nulla di simile si può concepire se si è appena sani di mente. Un tempo le stazioni erano metafore fisiche di una vita in continuo movimento, facevano pensare alle partenze, agli arrivi, nessuna partenza era solo una partenza, nessun arrivo era solo un arrivo. Oggi nelle stazioni non c’è più spazio per il pensiero. Si parte, si arriva, come sempre del resto, ma senza saperlo, senza darsi il tempo di capire se c’è un senso al proprio passaggio che non sia il banale suggerimento di acquistare un prodotto insulso. *** C’è la pubblicità di un auto dove lei propone a lui alcuni posti dove andare in vacanza e ogni volta lui si vede in quei posti alla guida della sua potente auto. E’ sorridente e felice di portare la sua fidanzata in quei posti. Quando lei propone di andare a Venezia, lui vede la sua auto ferma in un container e visibilmente turbato dalla scena si riprende e dice alla sua fidanzata “scordatelo”. Se sei un cretino fai benissimo a non andare a Venezia. *** A proposito di pubblicità, tempo fa c’era una pubblicità del mulino bianco dove una serena famiglia si svegliava in un casolare di campagna. La famigliola, mamma, papà e canonici fratello e sorella, camminavano tra sacchi di cereali e legumi. La luce del sole filtrava calda dall’ampio portone del capannone. Ad un certo punto l’adorabile bimbo chiede visibilmente agitato, “Mamma, cosa mangeremo oggi? Semini? Granaglie?” e la mamma premurosa risponde rassicurante “No tesoro, ho portato le merendine”. Ecco, io a questo punto ho sempre desiderato vedere irrompere sulla scena la banda dell’Arancia Meccanica e fare scempio di quelle orribili creature! *** La pubblicità sarebbe intelligente! Senza dubbio. A patto che tra i criteri dell’intelligenza si comprenda un comportamento subdolo. *** 25.10.11 Ripenso a quei versi del 5 maggio del Manzoni, “virgin di servo encomio e di codardo oltraggio”. In questi giorni che l’imperatore vacilla capita di vedere sfilate di baldracche rotte al servo encomio e al codardo oltraggio. Prima si sono spese sul primo, adesso sul secondo. Ora hanno la lingua asciutta ma si preparano al prossimo condottiero per tornare alla salivazione profusa in giacca e cravatta. *** 13.01.12 Sulla inammissibilità dei referendum per l’abolizione della legge elettorale Di Pietro ha perso l’ennesima occasione per stare in silenzio. Il vuoto legislativo dovrebbe essere un argomento noto ad un ex magistrato anche se ultimamente stanno venendo meno alcuni presupposti di serenità del suo giudizio. Quando un movimento ha come unica ragione d'esistenza l'opposizione ad un nemico è comprensibile che, perso il nemico, si scateni un processo degenerativo del movimento e del suo capo. E’ una specie di sindrome di Stoccolma alla rovescia. ***

245

Postilla dell'ultima ora. Quando le agenzie di rating avranno retrocesso l'indice di affidabilità dell'ultimo paese i mercati andranno ad investire su Marte per stare sul sicuro?

COMMENTS:
Garbo Uno scorcio incredibile e disincantato di società contemporanea, se non lo stessimo vivendo, se ce lo raccontassero soltanto, faremmo fatica a crederci. Scorcio che è bene affrontare con l'ironia, col sarcasmo, persino con l'invettiva (anche se vedo che non è mai gratuita, è sempre accompagnata ad una qualche argomentazione, a far cogliere l'aspetto paradossale e ridicolo di ciò che viene scelto come bersaglio). Molti di questi discorsi li conoscevo, li ho letti in itinere, di altri non ne ho ricordo, però mi sono trovato a riflettere sulla osservazione profonda del mondo che ti circonda che che sottende e regge queste riflessioni, osservazione che ci accomuna, e sul fatto che in molti casi abbiamo sviluppato conclusioni molto simili, al punto che ho avuto più di una volta la sensazione di deja vu. Persino sugli psicoanalisti, a cui spesso capita di presumere di sapere qualcosa sul paziente, più dello stesso paziente, perché ci spaventa il vuoto, il nulla, il dirci che in realtà sappiamo quanto lui e forse meno di lui, che il sapere dovremmo conquistarcelo insieme centimetro per centimetro con un faticoso lavoro analitico. Assumiamo cioè, presupponendoci un sapere, il contrario di quello che dovrebbe essere la posizione analitica, che è anche la posizione socratica: il sapere di non sapere. Ciao Antonio Caro Garbo, sulle conclusioni simili... a volte il deja vu è una sensazione piacevole. Spesso ho pensato che avrei voluto essere io a scrivere alcuni dei tuoi post, forse è qualcosa di simile. A presto.

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2012

Momenti magici
Che bel paese, di tanto in tanto ci fa dono di un eroe, ma ancora più importante ci regala qualcuno che attiri gli strali di un popolo provato dalla crisi economica e dalle contratture dell'inverno. Sono momenti importanti per tirarsi un po' su che la normalità altrimenti fiaccherebbe un paese nella morsa del gelo. Poi, vuoi mettere? Un presentatore elegante che invita un eroe in tv ti regala un momento magico, un modello al quale somigliare, mentre quell'altro, il vile, quello no, non è possibile somigliare a quello, è escluso. Quello non si invita nei salotti buoni, con le poltrone in pelle, i braccioli comodi e tanti ospiti importanti. Quello lì sta bene dove sta perché non è nemmeno riuscito a mettere il record del saluto sotto costa. E non si dimentichi di intervistare la superstite, meglio se di bella presenza, che la televisione ha le sue esigenze, fa niente se ogni giorno racconta una versione diversa, si sa, il dramma del momento non aiuta la memoria. L'altra notte ho fatto un sogno. Ho sognato una conversazione telefonica piuttosto concitata tra Gino Strada ed un pezzo grosso del ministero della difesa. Ad un certo punto Strada ha perso la pazienza e ha urlato "Smettetela di sperperare soldi in giocattoli di guerra, cazzo". Che tipo strano quel Gino Strada, dovrebbe imparare a controllarsi di più!

SABATO 21 GENNAIO 2012

Il fine umorista

"C'è stato un attacco eccessivo diretto contro il nostro governo e al presidente del consiglio a cui si addebitavano le responsabilità dello spread e dell'andamento delle borse. Per questo abbiamo deciso di farci da parte e lo abbiamo fatto con eleganza"..."La cura del governo tecnico non ha dato alcun frutto; ci aspettiamo di essere richiamati al governo perché noi siamo stati democraticamente eletti." Silvio Berlusconi, 20 gennaio 2012 all'uscita dal tribunale di Milano dove è indagato per aver corrotto Mills, già condannato in appello per essere stato corrotto da Berlusconi.

246

Ho sempre trovato penose le barzellette di quest'uomo e spiace dire che la peggiore iattura per un comico è non far ridere altri che i suoi domestici, per convenienza. Però devo ammettere che quella che ha raccontato ieri mostra un raffinatissimo umorismo.

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2012

Il pesce nella bolla
Ho sempre trovato crudele mettere un pesce in una bolla d'acqua. Lo trovo triste e sicuramente a nessuno piacerebbe stare in una bolla d'acqua e girare, girare in continuazione. Chissà cosa prova un pesce in una bolla d'acqua? Magari penserà che il mare è tutto lì, che tutto quanto c'è da vedere è a portata di mano, o di pinna! Probabilmente il pesce pensa che la sua bolla sia il mondo intero e tutto sommato vive felice perché lo può visitare come desidera. Strano? No, non è così strano. Anche per molti esseri umani è così. Vivono in una bolla, si guardano intorno e pensano che il mondo sia tutto lì. Oggi ho ripensato a questo quando ho sentito le dichiarazioni del sottosegretario al lavoro Michel Martone a proposito dell'età media dei laureati in Italia. Leggo nell'articolo di Repubblica: "Dobbiamo dire ai nostri giovani - dice il vice della Fornero - che se a 28 anni non sei ancora laureato sei uno sfigato, se decidi di fare un istituto tecnico professionale sei bravo. Essere secchione è bello, almeno hai fatto qualcosa. " Inutile dire che la dichiarazione ha sollevato molte polemiche. Il sottosegretario avrebbe chiarito il senso del suo pensiero dicendo che ha peccato di sobrietà pur avendo toccato un problema reale. Il problema è sicuramente reale, basta una banalissima tabella di raffronto dell'età media di laureati tra paesi europei per accorgersi delle differenze, ma quello che è mancato a Martone non è la sobrietà quanto la profondità di analisi di fenomeni sociali complessi. No, non è una questione di sobrietà quanto piuttosto di superficialità o di sindrome del pesce nella bolla, per usare la metafora che ho introdotto. Quel che è peggio è che spesso la scarsità di mezzi analitici è spesso compensata con osservazioni da bar dello sport, pensando magari di aver centrato il punto. "Little knowledge is a dangerous thing", diceva Alexander Pope. Sapevamo che questo è un governo di tecnici e probabilmente un tecnico è tale perché ha una buona conoscenza del proprio ambito specifico ma non sarebbe certo pretendere troppo se si chiedesse al tecnico di allargare i propri orizzonti culturali, magari considerando quelle discipline che dedicano la loro attenzione alle dinamiche sociali, ne avrebbe sicuramente giovamento. Farlo aiuterebbe, se non a trovare risposte, a formulare domande, che solitamente sono più interessanti delle risposte. Domande del tipo, perché ci si laurea tardi in Italia? Non sarà che sta cadendo la fiducia nell'istruzione superiore per trovare un lavoro degno di questo nome? Non sarà che lo status di studente rinvia quello di lavoratore? Quello sì uno status da sfigato in Italia! Quali sono le ragioni sociali e politiche dell'innalzamento dell'età media di laureati in Italia? Quali le dinamiche temporali e le eventuali responsabilità? Responsabilità del sistema universitario, delle famiglie, della politica, del mondo del lavoro. Torna in mente una celebre citazione di Claude Lévi-Strauss: «Lo scienziato non è una persona che dà le risposte giuste, è una persona che pone le domande giuste.» Ecco, mi sarei aspettato da un membro di questo come di qualsiasi altro governo che sentisse l'urgenza di porsi delle domande più che sottostare alla foga di dare risposte da bettola. Già in precedenza, in questo post, ho avuto modo di porre delle domande al prof. Martone, tra gli altri, chissà se avrà mai avuto modo di leggerle? Può darsi, dopotutto, oltre ad essere sottosegretario e docente universitario, è anche un blogger. Tanto per sgombrare il campo da banali accuse di "autodifesa". Visto che il sottosegretario "apprezza" chi decide di fare un istituto tecnico professionale, ebbene, ho frequentato un istituto tecnico professionale, grazie al lavoro di mio padre ho avuto la fortuna di non dover lavorare per laurearmi e l'ho fatto che avevo 24 anni, cum laude, come si dice nell'ambiente accademico, ma non mi ha mai, dico mai, sfiorato il pensiero che il valore di una persona potesse essere deciso dal tempo che ci mette a laurearsi o dalla media di voti agli esami o dal titolo di studio. Per mia fortuna sono fermamente convinto che una persona sia la propria storia, dettata da mille contingenze, e non un banalissimo libretto universitario. Ho visto delle persone straordinarie laurearsi tardi e con medie risicate e ho visto dei perfetti idioti laurearsi a pieni voti, qualcuno ha fatto persino carriera universitaria.

247

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2012

Facili profezie!
E' prevista a breve la commercializzazione di automobili il cui abitacolo è attrezzato con particolari diffusori di suoni e odori e con sistemi di proiezione che faranno vivere l'esperienza di guidare a tutta birra una cabriolet al fianco di Thelma e Louise in un paesaggio montano con vedute panoramiche quando tutto intorno il traffico è congestionato. Naturalmente la guida sarà affidata a sensori che calcoleranno la distanza tra i veicoli e la loro velocità per evitare spiacevoli interruzioni dell'esperienza virtuale, il nostro avatar ne risentirebbe. Così scrivevo qualche tempo fa in questo post del luglio 2009, dove immaginavo questa e altre progressive sorti. In un frammento successivo, del marzo 2011, divagavo senza troppa sistematicità sulle possibilità incompiute. So di poterlo fare! Nell'apertura di possibilità accessibili c'è la tensione del nostro agire ma sempre più spesso l'agire resta timido tentativo di accesso e la visita non avviene. Ci dotiamo di oggetti per comunicare, muoverci, visitare mondi lontani. La tecnologia più avanzata è al servizio delle possibilità ma poi non sappiamo cosa dire, non sappiamo dove andare, diamo uno sguardo distratto a quei mondi possibili e restiamo soddisfatti della possibilità di poter agire. Ma facciamo realmente qualcosa? O restiamo immobili, sulla soglia di quelle possibilità, contenti unicamente della possibilità di agire? Quello che scrivevo, tra il serio e il faceto, voleva far pensare all'imbecillità che fa da sfondo alla nostra quotidianità. Ebbene, un po' di tempo fa qualcuno ha preso quel modello di imbecillità per farne un messaggio promozionale della solita auto disegnata per quegli strani animali urbani, esseri vagamente umani che in realtà sono protesi delle loro auto e di altri gadget commerciali. La vera soddisfazione è sapere che potresti farlo!

DOMENICA 29 GENNAIO 2012

Consumo etico

A Pomigliano la Fiat sposta alcuni operai dalla vecchia fabbrica, che chiuderà, a quella nuova che produrrà la Panda ma "ad oggi su circa mille lavoratori assunti dalla Fip, la società gruppo Fiat creata ad hoc per la produzione della Panda, nemmeno uno risulta iscritto alla Fiom Cgil". A dirlo è Franco Tavella, segretario generale della Cgil Campania. La notizia è di qualche giorno fa ma mi è tornata in mente ieri vedendo la pubblicità della nuova Panda, dove si lancia un appello alla creatività e all'impegno per un'Italia migliore! La Fiat discrimina i lavoratori iscritti alla CGIL nonostante rappresentino la maggioranza dei lavoratori. A questo siamo arrivati. Le stesse cose avvenivano quando l'avventura sindacale era alle sue origini. Forse sarebbe utile far riflettere su questo sindacalisti lungimiranti come Angeletti e Bonanni. Adesso si pone un problema etico in relazione al consumo responsabile, quello che si chiama consumerismo. Se un italiano dovesse acquistare un'auto nuova dovrebbe comprare una Fiat per aiutare la fabbrica a mantenere i suoi lavoratori o un'altra marca per punire le politiche del lavoro della Fiat? Pensateci bene è un dilemma senza soluzione certa per ogni singolo individuo. Diverso sarebbe il discorso di una qualche associazione di automobilisti o di consumatori che ponesse le condizioni di promozione - o di scoraggiamento - per l'acquisto di una marca al rispetto di certi parametri sociali e ambientali. Questo dovrebbe essere il ruolo delle cosiddette associazioni consumatori che invece di essere degli istituti di consulenza legale dovrebbero avere l'ambizione di farsi soggetti politici attivi (attori della polis - che di politicanti ne abbiamo già tanti). Queste associazioni dovrebbero agire sulla domanda per indirizzare l'offerta verso una produzione rispettosa dei diritti dei lavoratori e dell'ambiente. Ma questo forse è chiedere troppo.

COMMENTS:
Berica Per esempio: compro una panda solo se chi la costruisce gode dei diritti sindacali, così come non compro coca cola (si fa anche in Italia) perchè chi la fabbrica non gode di quei diritti.

248

Si chiama consumo etico? Considerando che nel regime capitalista prima di essere cittadini, siamo consumatori, la scelta nel consumo diviene un esercizio democratico, come il voto. Ernest il problema è che non dovremmo comprare più niente perchè credo che anche in altri paese e altre fabbriche non siano molto aperte ai sindacati. Il punto è che lo stato italiano non dovrebbe permettere certe cose soprattutto ad un'azienda che è in piedi perché noi italiani con le nostre tasse l'abbiamo tenuta in piedi, da tanti tanti anni. Adriano Maini Il comportamento della FIAT é semplicemente scandaloso, ma é altrettanto scandalosa la connivenza con Marchionne.

GIOVEDÌ 2 FEBBRAIO 2012

La forza delle argomentazioni
Quando uno studente scrive una tesi di laurea, sia essa in materie scientifiche o umanistiche, gli viene insegnato che nessuna affermazione deve essere priva di argomentazioni a sostegno dell’affermazione. Se la tesi riguarda materie scientifiche gli si chiede di supportare l’affermazione con dati e numeri che la comprovino o con dati e numeri che la confutino. Insomma nessuno spazio è solitamente concesso ad asserzioni che non siano accompagnate da dati e argomentazioni che si prestino a dimostrazione o confutazione. E’ una buona regola che denota onestà intellettuale e professionale, per questo considero estremamente fastidioso quando persone, solitamente abituate al rispetto di quella regola, non la onorano. Salvo che non si tratti di una regola che vale solo per gli studenti e immediatamente dopo la tesi di laurea (e di dottorato per i meno “sfigati”) si possono rilasciare interviste e fare affermazioni senza porsi il problema di dimostrarne la fondatezza ma solo se si ricoprono cariche importanti, invece per chi fa un lavoro normale resta la regola che bisogna dimostrare quello che si dice. Ieri Mario Monti ha affermato a proposito dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori: "Non è un tabù. L’articolo 18 può essere pernicioso per lo sviluppo dell'Italia e il futuro dei giovani in un certo contesto, ma può essere abbastanza accettabile in un altro contesto." Sarebbe molto interessante conoscere in quale contesto sia pernicioso. Che siano forniti numeri, dati a sostegno di questa affermazione. Alla Presidenza del Consiglio non mancheranno certo mezzi e professionalità per raccogliere le informazioni al riguardo. Chi invece sostiene che l’abolizione dell’articolo 18 non comporterebbe una significativa crescita dell’occupazione lo fa con cifre e argomentazioni, come nel recente articolo di Fabiano Schiavardi su La Voce. Forse la Presidenza del Consiglio dispone di dati più aggiornati oppure Confindustria, che ha un così bel centro studi, ha fornito un report fitto di numeri sulla crescita di occupazione in caso di abolizione dell’art. 18. Magari il Governo ha fatto sottoscrivere alle imprese una dichiarazione di impegni a non licenziare e ad assumere in caso di abolizione dell’art. 18. Se non l’ha già fatto allora suggerisco di farlo, sarebbe un ottimo argomento a sostegno della tesi che l’articolo 18 può essere pernicioso in alcuni contesti.

COMMENTS:
Ernest siamo sudditi e ai sudditi non si danno spiegazioni... Antonio io ho fatto il libero professionista per 5 anni, guadagnavo anche bene ma quando sono andato a chiedere il mutuo per comprare casa diverse banche mi dicevano che avrebbero preferito che avessi un tempo indeterminato (tralascio il fatto che qualche direttore di banca mi ha chiesto quanto guadagnavo in nero!!!). Sicuramente avremmo apprezzato che il prof. Monti dicesse, indirizzandosi al sistema creditizio, che è monotono prestare i soldi a chi fa lo stesso lavoro e che le banche dovrebbero darli anche a chi cambia lavoro in continuazione, ma forse il Monti queste cose non le sa. Monti non chiede prestiti per comprare casa! Adriano Maini

249

Un governo sempre più di classe! Nou E' sconfortante essere governati da chi non ha coscienza dei problemi di milioni di persone. Credo che si stiano adoperando a renderci in vera povertà per l'odio di classe che "loro" sentono. Per loro la crisi si traduce nell' annientare il popolino che chiede il lavoro e quindi il sostentamento, mentre "loro" non hanno più voglia di lavorare ma solo di giocare a fare profitti più illeciti che leciti. Purtroppo non siamo ancora arrivati sul fondo. La cosa buona in questo momento è che i giovani hanno incominciato a reagire. Spero di sbagliarmi nel non avere troppa fiducia in questo governo anche se vedo dei segnali senz'altro migliori rispetto al governo precedente. Monti conoscerà bene la sua materia, e conoscerà bene pure l'ambiente europeo, di certo dimostra di non conoscere bene la gente come me/noi: la maggior parte della gente italiana. Una ragazza, con cui ho scambiato due parole mentre eravamo in attesa di entrare a teatro, mi ha detto, colpendomi veramente forte:"è colpa sua e della vostra generazione se noi giovani siamo ridotti così, ci avete mangiato il futuro!" Ancora provo dolore nel pensare a quell'episodio. Io non mi sento in colpa, perché nulla mi è stato regalato, però penso che la ragazza avesse tristemente ragione e anche se io e quelli nella mia condizione non abbiamo approfittato delle risorse comuni nel senso che se abbiamo ricevuto (lavoro e diritti sul lavoro), abbiamo anche restituito (tasse, mantenimento dei figli, solidarietà e cura dei familiari). Di fatto credo di poter dire di avere un bilamcio in pareggio. Certo c'è il debito sovrano sulle spalle d'ognuno di noi, ma quello non l'hanno fatto le persone come me e intendo con il mio stile di vita: sobrio e dignitoso ancor più di quello di Monti!!! ...Non vedo l'ora che si esca da questo incubo e di incontrare per la strada gente che sorride fra di loro... di nuovo spensierata. Caro antonio, credo di non essere stata molto a tema, ma sono passata soprattutto per un saluto. Ciao :) Nou Antonio Cara Nou, come ho detto in altri post, non vedo sorprese in questo governo. Parliamoci chiaro, venendo da un governo di ballerine, papponi e lacché chiunque avrebbe fatto un figurone, in Italia e sulla scena internazionale. Noi abbiamo pagato un deficit di credibilità prima ancora del debito pubblico, pure enorme. Monti non è uno qualsiasi, è persona credibile ma era, è e continuerà ad essere una persona di destra sul fronte economico, una destra stile tatcheriano. Quello che trovo indecente è il coro pecorone della sinistra intorno ad alcuni provvedimenti ed alle dichiarazioni da mercato delle vacche. Per quanto riguarda quella ragazza di cui parli, beh io non so che età avesse, che formazione ma da quel poco che ho potuto capire posso affermare con un ragionevole margine di sicurezza che si tratta di una cretina. Questa ragazzetta s'è fatta imbrigliare nella retorica dei padri che mangiano il futuro ai figli. Sono stronzate. Queste affermazioni non sono mai, dico mai, accompagnate da dati a supporto. Quali sono i numeri che supporterebbero questo mantra? Il progressivo invecchiamento della popolazione? Ma se la natalità si riduce la causa qual'è? Vogliamo parlare della spaventosa accumulazione di capitali e della distanza tra ricchi e poveri che continua ad aumentare? Che posto ha questo fattore nel rosicchiamento del futuro di quella cretina? Vogliamo parlare del fatto che nelle industrie italiane continuano a crescere i profitti e le rendite e continuano a diminuire i salari? Che posto ha questo fattore nel rosicchiamento del futuro della ragazzina? Nou, non cadere nella trappola retorica anche tu, non hai nulla di cui sentirti male, credimi. Era, e per me continuerebbe ad essere, un imperativo quello di versare contributi per la pensione di mio padre. C'era in questo un patto di solidarietà intergenerazionale che adesso, con il nuovo sistema ognuno versa per sé - non c'è più. Anche nel sistema pensionistico siamo andati verso l'isolamento. Ti prego Nou, se vuoi, sentiti pure male ma quando un'altra/o imbecille ti dirà quello che ti ha detto quella deficiente di pure che un tuo amico li manda caldamente a farsi fottere...visto gli interessi che vanno per la maggiore tra i giovani potrebbero essere contenti dell'invito! Ciao Antonio Ho appena finito di leggere questo articolo di Fabio Sabatini. Ne consiglio la lettura. Ecco come parla un tecnico. Di Monti si diceva questo, che era un tecnico. Il tecnico ci mette gli argomenti, i dati. Il confronto con l'esperienza è un obbligo, il contesto è vincolante. Non si concede ad affermazioni gratuite come evidentemente può fare soltanto un ministro o un presidente del Consiglio. Salvo che quando si assumono queste cariche si acquista anche licenza alle minchiate.

250

SABATO 4 FEBBRAIO 2012

Errori di comunicazione
Fino a poco tempo fa si usava dire "mi hanno frainteso", adesso si parla sussiegosamente di errori di comunicazione. No, non è un errore di comunicazione. Nanni Moretti in un suo film diceva "Se pensi male, parli male". Imparino i giornalisti a chiedere il perché delle cose, imparino i cittadini a pretendere che siano date le spiegazioni. Perché? Perché? Perché? Ci si stanca troppo rapidamente di porre perché. Piccola postilla apparentemente fuori tema. Sono infuriato nero, per cui se pensate di lasciare commenti stile, condivido quello che dici oppure non sono d'accordo, desistete. Il minimo che capiterà è farli sparire. Non sopporto il pensiero I like / I dislike. Se volete argomentate, si può fare anche in cinque righe.

COMMENTS:
Adriano Maini Perché - mi esprimo come mi viene - é una nuova tecnica di comunicazione per fare passare i concetti inverecondi che i potenti vogliono affermare. Perché anche i giornalisti cosiddetti progressisti da tempo da tempo desistono dallo scavare a fondo nelle notizie. Perché anche nelle piccole cose della società si dimostra in genere tanta superficialità, il cui perché in parte forse risiede nelle distorsioni create nell'opinione pubblica dalla televisione commerciale. Ma i perché sono tanti ancora. Per cui, invece, ti piaccia o non ti piaccia, bastava anche dire like o unlike! Antonio Caro Adriano, mi piace il tuo commento, ;-) mi piace perché non è solo un "mi piace". Abbiamo bisogno delle nostre opinioni, perché il discorso continui ad essere un dia-logo e non un mono-logo, ecco perché non può bastare un mi piace e un non mi piace. Quella è roba che può bastare nel mondo di facebook e della politica, entrati in una inquietante e pericolosissima risonanza. E' così che perdiamo il sapore delle argomentazioni. Detto questo, la mia amica Maura mi fa giustamente notare che io non ho argomentato sul perché la lettura dell'articolo di Monti mi abbia fatto infuriare. Non si possono far passare i diritti per privilegi, le due cose nella storia del pensiero occupano ambiti nettamente differenziati e nessuno può fare questa ignobile operazione senza essere sottoposto ad una raffica di domande che sono scomparse dal panorama giornalistico e non solo. Dire che bisogna ridurre i diritti di alcuni per assicurarli ad altri è semplicemente una bestialità che può essere partorita solo da una prospettiva sociale che tiene in gran conto le raffinate analisi costi-benefici e ignora del tutto i principi inalienabili degli individui, non ultimo quello di uguaglianza. Non si può pensare ad un diritto "diluito" perché sia più "efficace"! Queste idiozie le abbiamo già sentite da Tremonti, non mi convincevano allora e non ho uno straccio di motivo perché mi convincano oggi, con buona pace del curriculum stellare del prof Monti.

LUNEDÌ 6 FEBBRAIO 2012

Neve bianca e Cigno nero

«Se qualcosa può andar male, lo farà.» Legge di Murphy (o dell'avvento del Cigno nero). Come osa la neve cadere in inverno? Indifferente ai ritmi della produzione industriale e ignara dei nostri consumi. Si ferma lo shopping, i trasporti si arrestano. Inconcepibile! In questi tempi di crisi poi, che abbiamo così tanto bisogno che l'economia corra. Cosa resterà di questa nevicata eccezionale? Non gli infantili scaricabarile di un sindaco incapace di assumersi le proprie responsabilità e neanche il risicato vocabolario dei giornalisti, avrò sentito "l'Italia nella morsa del gelo" un milione di volte! A me resterà nella memoria questo articolo di Franco Arminio, pubblicato su il Manifesto di ieri, come resterà un altro articolo che Giorgio Boccascrisse qualche anno fa, in occasione di un'altra nevicata. Ecco cosa mi rimarrà, la neve che ricorda ad una società assuefatta alle proprie abitudini che in inverno, a volte, può nevicare molto. Persino a Roma. Rimarrà la lezione che più importante di ciò che non accade da decenni è ciò che può accadere in un solo giorno.

251

COMMENTS:
Ernest siamo un paese in continua emergenza... intherainbow Come diceva Joyce la neve purificatrice cade sui morti che vivono nel nostro ricordo e sui vivi che sono morti dentro!!! Speriamo che allo sciogliersi del manto bianco le coscienze escano dalla paralisi, si sveglino una volta per sempre e comincino a vivere!!!!!:)) Adriano Maini L'impreparazione diffusa ad ogni livello istituzionale regna, purtroppo, sovrana in Italia! Antonio Ernest e Adriano voi sottolineate l'impreparazione istituzionale e avete anche ragione a farlo ma quello che io intendo sottolineare è più vicino allo spirito che solleva intherainbow. Tutti abbiamo da imparare da questi eventi straordinari, come individui e come società. Leggete gli articoli che ho linkato e vedrete che la critica è più ampia di quella che può essere rivolta a questo o a quel amministratore. Sicuramente le istituzioni devono essere all'altezza dei compiti che si danno ma cosa volete che si dica ad alcuni soggetti? Povere bestie, non hanno neanche gli strumenti per capire quello che diremmo. Il minimo che si deve fare è non votarli e, quando capita l'occasione, ricordargli a viso aperto che si tratta di incompetenti che dovrebbero fare altri mestieri.

MERCOLEDÌ 8 FEBBRAIO 2012

Appello per il manifesto
Carissime/i tutte/i,

Ricevo e volentieri contribuisco nel mio piccolo a diffondere un appello diUgo Mattei, editorialista di il manifesto e tra i promotori del referendum sull'acqua pubblica.

Vi rubo cinque minuti, anzi anche meno per riproporvi la questione del quotidiano il manifesto, che potrebbe veramente avere i giorni contati. Se siete fra coloro che già comprano il manifesto tutti i giorni, potete anche cestinare questo messaggio senza leggerlo. Ma se invece siete fra coloro che non lo comprano mai o che lo fanno solo ogni tanto, vi invito a pensarci su un attimo ed agire di conseguenza. Come sapete le recenti normative sull'editoria hanno già condannato a morte il quotidiano "Liberazione". Ed ora molte altre testate, fra cui il manifesto, rischiano di fare la stessa fine. Allora, vediamo un po', a proposito del manifesto: - C'e' forse qualche altro giornale a diffusione nazionale, che abbia mai dedicato la prima pagina alla questione OMSA ? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che siamo pacifisti) che abbia parlato insistentemente e non certo solo da oggi dell'assurdità delle spese militari e stia dando spazio quasi ogni giorno alla campagna contro lo sperpero di denaro pubblico costituito dai bombardieri F35 ? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che abbiamo combattuto per i referendum) che abbia dato sostegno alla campagna per l'acqua pubblica e continui a parlare tutti i giorni della difesa dei beni comuni? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che non vogliamo arrenderci alla furia liberista e al governo Monti) che ogni giorno ospiti autorevolissimi interventi di sociologi, economisti e intellettuali che spieghino come un altro mondo sia possibile e come si possa organizzare la società su basi nuove? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che proponiamo i g.a.s. e l'economia di prossimità) che dia, non sporadico, spazio al tema dell'economia solidale e ai gruppi di acquisto?

252

- C'e' forse qualche altro giornale (visto che tutte/i vorremmo che il panorama politico cambiasse radicalmente) che abbia dato conto sul serio di una affollatissima assemblea di napoli, convocata dal sindaco De Magistris e da cui sono venute fuori proposte interessantissime per l'alternativa politica, proprio a partire dalla riscoperta dei beni comuni? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che in molti cerchiamo di impegnarci in attività di solidarietà con il sud del mondo) che dia spazio ai temi internazionali, visti dal puntopuntdi vista dei popoli, delle culture indigene, dei movimenti? - C'e' forse qualche altro giornale che abbia parlato dei disastri che la nostra ENEL compie in Guatemala, e abbia dato voce alla campagna di sostegno alle comunità in lotta? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che tutti siamo critici verso come la grande stampa trattò l'argomento) che abbia svelato fin dai primi giorni il colossale imbroglio berlusconiano sul terremoto a L'Aquila ? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che siamo antirazzisti e antixenofobi) che su Rosarno, su Castelvolturno e su mille altri episodi di razzismo abbia dato conto con una posizione davvero antirazzista? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che vogliamo difendere il lavoro e combattere il precariato) che abbia dato davvero spazio alle iniziative della FIOM, dei precari e dei disoccupati, degli indignati e di tutti i movimenti di resistenza? - C'e' forse qualche altro giornale (visto che siamo contro le grandi e inutili opere mentre assistiamo al disastro dei treni pendolari) che stia avendo il coraggio di sostenere le ragioni dei NO-TAV? - eccetera eccetera eccetera...... Allora, non credete che se il manifesto chiude saremo tutte/i mutilate/i? E sarebbe mutilata la libertà d'informazione ? Non credete che ognuno di noi debba fare qualcosa? Proposta: Probabilmente tre-quattromila copie al giorno in più spalmate su tutto il territorio nazionale, potrebbero far cambiare il panorama e il destino del giornale. La proposta è che tutte /i compriate il manifesto ogni giorno, diciamo per un paio di mesi almeno, e che gli facciate un po' di pubblicità. Se lo farete, sono sicuro che vi affezionerete e continuerete a farlo. E sono sicuro anche che se Il Manifesto chiuderà tutte/i ne sentiremo terribilmente la mancanza, anche quelli che non lo compravano. Un saluto caro Ugo Mattei

GIOVEDÌ 16 FEBBRAIO 2012

Ho solo una tacca

Guarda il suo gingillo tecnologico, lo muove tra le dita agili, lo sguardo è perplesso. Non riesce a spiegarsi come quel gioiello del progresso possa essere inutile per un po' di tempo. Quando l'ha comprato ha creduto che quell'oggetto fosse un'assicurazione per mettersi in contatto con il mondo in ogni circostanza, invece qui sul treno in corsa tra una galleria e l'altra lungo questa tratta quell'oggetto è solo un pezzo di plastica e silicio inutile e non consente di parlare proprio con nessuno. Questo tempo potrebbe essere impiegato a guardare il paesaggio e pensare. Inconcepibile. Il cellulare di ultima generazione si muove da una mano all'altra. Ogni tanto riprova a fare il numero ma la linea resta il tempo sufficiente per dire "era caduta la linea", informazione peraltro inutile da dire perché ovvia. I preziosi servizi della telefonia mobile non ti lasciano mai solo, appena la linea torna un messaggio avverte immediatamente te e l'utente chiamato che potete di nuovo chiamarvi. Che meraviglia! Le dita partono veloci nello sprint ma un'altra galleria è in agguato pronta ad inghiottire il treno, "Pronto, pronto, pronto", la linea è caduta di nuovo. "Che tortura avere solo una tacca!" Sbuffa, l'idiota. Abbia pazienza, lungo questo percorso non c'è linea, per via delle gallerie non è possibile usare il cellulare. Non è possibile farlo? Che bestemmia è mai questa?! Ci sono gallerie dove si può tranquillamente parlare.... ***

253

Già in un'altra occasione ho annotato sul mio taccuino l'edificate dialogo al cellulare cui, mio malgrado, ho dovuto assistere in treno, lungo la stessa tratta. Quello che riporto oggi è più didascalico ma la sostanza non cambia. Che dire? Sto diventando sempre più insofferente di fronte a questi episodi. Sono convinto che dopo l'automobile i cellulari siano l'altro oggetto che fa degli umani la propria protesi. In altre parole le automobili si servono degli umani per spostarsi, mentre i cellulari se ne servono per rimanere in contatto. Questo sembra accadere un po' con tutti gli oggetti che invece di emanciparci da un bisogno creano delle vere e proprie dipendenze ma nel caso di automobili e cellulari siamo ormai a livelli che urge un programma di disintossicazione.

COMMENTS:
Ernest il problema è sempre l'uso che facciamo della tecnologia... Dovremmo andare tutti più lentamente. intherainbow Anch'io in questo periodo ho solo una tacca....ho provato a mettermi sotto carica, ma ce ne vuole!!!! Per quanto riguarda lo sbandieramento dei fatti propri in luogo pubblico è tipico delle mezze tacche!!! Ciaooooooooo:)) Blindsight per me l'informatica è un ausilio, così come lo è un navigatore: sono cieca. eppure anche se per me molti di quegli oggetti, che diventano droga per tantissimi, sono ausili fondamentali per leggere, muovermi ecc. so farne a meno, idem per il cellulare. vedi antonio io sono cieca perché un demente, guidato dalla sua mercedes, nel 2002 fece una retromarci su di me, e come lui ce ne sono tanti che sono guidati da un'auto, da una moto, comandati da una tv, incapaci di tornare a casa senza navigatore, incapaci di comunicare senza un cellulare, ma ce ne sono tanti anche come me, cioè di vittime di tutto questo gran casino di menti risucchiate. condivido l'intolleranza, ed è bello ogni tanto leggere qualcuno che guida, comunica ed esprime liberamente i suoi pensieri, senza nessun comando, ciao laura p.s.: ti ho messo anch'io nel mio blogroll Antonio Blindsight, credo che Ernest, due commenti prima del tuo abbia risposto alle tue osservazioni meglio di quanto possa fare io. Lui dice che il problema è l'uso che facciamo della tecnologia e conclude laconico con "Dovremmo andare tutti più lentamente". Il discorso sull'uso della tecnica è molto complesso ma alcune cose sono chiare o almeno alcune domande sono chiare. La tecnica è mezzo o fine? Quando tu parli dell'informatica come ausilio per la tua quotidianità per me la risposta è chiara, altrettanto chiara è la risposta quando dici che un demente guidato dal suo bolide ti è venuto addosso trasformando in un attimo la tua vita. Il demente si fa usare dagli strumenti, tu usi gli strumenti. Il demente è il mezzo degli strumenti e questo lo chiamiamo progresso! Ne vedo tanti di cretini in auto quando vado al lavoro con lo scooter tutte le mattine, faccio lo stesso percorso da anni e mi capita di vedere le stesse auto che adesso hanno il navigatore sul cruscotto mentre prima non ce l'avevano. Il navigatore per andare al lavoro! Magari per sapere se più avanti troveranno traffico! Si muovono a Roma da anni, cosa pensano di trovare, strade lunghe e solitarie come nei deserti dell'Arizona? Laura, non voglio sembrarti banale, perdonami se lo sembrerò, ma questi pensano di servirsi di uno strumento per vedere quello che dovrebbero sapere benissimo. Delegano a questi oggetti la propria sensorialità, rinunciano alla propria sensorialità. Sono loro quelli veramente ciechi...oltre che idioti. Quel che è peggio è che questo discorso è solo una minuscola parte di quello che sta accadendo, appena una metafora. A presto, Antonio

SABATO 18 FEBBRAIO 2012

Risparmi
254

Tre giorni fa il ministro della difesa Di Paola ha annunciato che verranno acquistati 90 cacciabombardieri F35 anziché 131. Ci sarà un notevole risparmio economico, la spesa è sostenibile. Dovremo esultare? Se un oggetto è costruito per dare la morte, 90 oggetti di morte daranno meno morte di 131 oggetti di morte? Abbiamo risparmiato sulla morte, i conti tornano. E l'Italia canta dal palco di Sanremo.

DOMENICA 26 FEBBRAIO 2012

Dialoghi

Leggi questo articolo e anche questo.

La regola di ultima istanza (o di prima istanza) di una mia libertà è non limitare quella stessa libertà per gli altri. Se per difendere una libertà ricorro ad una “battuta estrema” che usa quella libertà per negare quella stessa libertà significa che ho bisogno di rivedere il mio concetto di libertà, questo potrebbe fare utilmente Lucia Annunziata.

MARTEDÌ 28 FEBBRAIO 2012

Erano su Saturno oppure...
Che i salari italiani siano tra i più bassi d'Europa è sicuramente una notizia ma certamente non una novità! Ieri, passando da un telegiornale all'altro, osservavo come la notizia venisse riferita quasi con stupore ed anche sulla carta stampata non sono mancati titoli che sembravano annunciare la scoperta di un segreto. Ho sentito dichiarazioni di politici, giornalisti, (pseudo)sindacalisti, e non dimentichiamoci i tecnici, che cadevano dal pero: "Il problema dei salari in Italia va affrontato!", ripetevano sussiegosamente. Poiché era forte in me la sensazione del déjà vu allora mi sono messo a cercare qualche titolo passato. Ci ho messo mezz'ora, mi è bastata mezz'ora di una ricerca veloce e disordinata per trovare la stessa notizia ripetuta grosso modo ogni anno dalle più diverse testate giornalistiche. Questa era la novità! La ricerca è stata condotta nel database della rassegna stampa della Camera dei Deputati con queste parole chiave: salari, ocse, eurostat. Ho preso i titoli che mi sembravano più attinenti, quindi è evidente che gli articoli pubblicati su questo argomento sono molti di più. I titoli partono dal 2001 ma solo perché non avevo voglia di andare più indietro. Nel database più si va indietro e meno articoli si trovano perché non sono stati digitalizzati. Ad esempio non ho trovato l'articolo di Luciano Gallino, "Se per combattere la crisi si aumentassero i salari", pubblicato da la Repubblica il 15 agosto 2003 e presente in Italia in frantumi, edito da Laterza nel 2006. In quell'articolo Gallino snocciolava un po' di dati sui redditi italiani. Ecco, è per colpa di Gallino che io avevo quel fastidioso déjà vu ieri sera.

255

Conclusione: se la notizia è di quelle ricorrenti che non può essere ignorata da chi fa politica, informazione o si occupa del mondo del lavoro allora quanti sono caduti dal pero (o hanno fatto finta?) e fanno politica, informazione o si occupano del mondo del lavoro (e questo vale anche per i tecnici!) o erano su Saturno quando la notizia veniva pubblicata o sono dei cretini. Roberto Giovannini, Ocse, in Italia gli stipendi più bassi, La Stampa, 12/05/2010 Antonio Frenda, L'impatto su povertà e salari, il Manifesto, 08/08/2009 Rina Gagliardi, Salari più bassi d'Europa, paese più incivile d'Europa, L'Altro, 19/05/2009 Tito Boeri, Una misura per i nuovi poveri, la Repubblica, 26/10/2008 Francesco Piccioni, Un paradiso riservato ai soli ricchi, il Manifesto, 22/10/2008 Luca Iezzi, Il costo del lavoro accelera in Italia, la Repubblica, 24/08/2008 Nicola Cacace, Si lavora di più si guadagna di meno, L'Unità, 06/07/2008 Roberto Mania, L'Ocse fotografa il crollo dei salari "Buste paga italiane più basse del 22%", la Repubblica, 03/07/2008 Vittorio Da Rold, Ocse: salari italiani 22% sotto la media, il Sole 24 Ore, 03/07/2008 Stefano Lepri, Allarme redditi. In Italia più bassi del 13% sull'UE, La Stampa, 29/05/2008 Anna Maria Angelone, I peggio pagati d'Europa, Panorama, 03/01/2008 Luca Iezzi, La caduta dei salari, la Repubblica, 07/12/2007 Federico Fubini, "I salari italiani sono i più bassi d'Europa. Ora rilanciare produttività e consumi", Corriere della Sera, 27/10/2007 Il Messaggero, Draghi: "Consumi fermi, stipendi troppo bassi", 27/10/2007 Enr. Ma., "I salari italiani? Ultimi d'Europa". Ma la UE: serve moderazione, Corriere della Sera, 30/03/2007 Luciano Gallino, Un Dpef per arginare le disuguaglianze, la Repubblica, 19/07/2006 Alessandro Barbera, Ocse: in Italia crollano i salari, La Stampa, 03/04/2006 Anna Maria Angelone, Siamo i peggio pagati d'Europa, Panorama, 23/06/2005 r.e.s., L'Ocse avverte: tornano a crescere le tasse sui salari, La Stampa, 10/03/2005 Riccardo De Gennaro, Potere d'acquisto, Italia ultima, la Repubblica, 18/04/2004 R.Fa., Ocse: "Sui salari pesano troppe tasse", il Sole 24 Ore, 09/06/2001

MARTEDÌ 28 FEBBRAIO 2012

A man had a dream
Una volta un uomo disse I have a dream, parlava di uguaglianza tra gli uomini, di giustizia e libertà, valori immortali, valori irrinunciabili. Oggi vedo quel I have a dream campeggiare sui manifesti di una marca di gioielli made in Italy. Non voglio neanche nominarla questa marca, mi ha stomacato vedere usare quel messaggio sui manifesti in giro per Roma per pubblicizzare un diamante. Se volete conoscerla vi basterà fare una ricerca in rete. Miserabili, è questo il vostro sogno? Una pietruzza scintillante? Non sapete desiderare niente di più grande, pezzenti.

GIOVEDÌ 1 MARZO 2012

Un popolo di biscazzieri
Che l'Italia sia una Repubblica fondata sul lavoro lo ricorda solo il primo articolo della Costituzione di questo paese, che la Repubblica riconosca il diritto al lavoro e debba promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto lo ricorda solo il quarto articolo della Costituzione. Per fortuna, aggiungo io, perché se uno si fa un giro nel paese scopre che il lavoro più che un diritto è una concessione, della res publica trova ormai molto poco e trova una res privata fondata sul gioco. Sono mesi che vedo pubblicità dementi che invitano a giocare alle varie lotterie per vincere premi milionari, con imbecilli sorridenti che promettono vite da nababbo per poi concludere con un autoassolutorio "Gioca il giusto"...gioca il giusto un cazzo! Sono anni che si esalta la vita facile del colpo di fortuna, sono anni che si svilisce la costruzione di una vita attraverso l'impegno e il lavoro, sono anni che oltre alle lotterie vediamo dei cretini che "svoltano" la vita andando in televisione e poi ti dicono gioca il giusto! Adesso si sono accorti del problema. Meglio tardi che mai.

256

COMMENTS:
Ernest basta fare un giro nei tabacchini e ci si rende conto a che livello siamo arrivati, milioni di tipi di gratta e vinci e milioni di gente che gioca tanto e vince niente... Simone Ma perche' popolo?? io sono italiano e non ho mai giocato a nessun gioco d'azrado?? Se noi poi siamo un popolo di biscazzieri i sudditi di sua Maesta' britannica hanno da essere tutti ricoverati per la loro mania di scommesse e avendo un capo inglese ne posso dare testimonianza! Antonio Vero, il titolo del post è poco appropriato, avrei preferito "gratta che ti passa" ma l'ho buttato giù di fretta. Una cosa è certa Simone, che piaccia o meno un popolo viene identificato dai costumi dominanti. Neanch'io ho mai giocato ma se il gioco è diffuso tra gli italiani non sarà la mia caratteristica ad essere considerata! Fermo restando che non è corretto etichettare un intero popolo con una categoria, qualsiasi essa sia. Simone @ Antonio: certo che l´uomo nel linguaggio tende a generalizzare solo che sarebbe interessante capire perche alcune generlaizzazioni suonano molto bene mentre altre no. Per esperienza diretta gli inglesi hanno il culto del gioco ma difficilmente verrebbe di collegare il gioco, con il lavoro che non c'e', la crisi economica e il governo inetto! Adriano Maini Come se già nei tempi andati non si conoscessero le pazzie fatte da tante persone per il Lotto! cristiana2011 Questo è come il gioco d'azzardo, come se ci fosse un Casinò ad ogni angolo di strada, se ci aggiungiamo i giochi attraverso internet. Posso capire che la gente, magari disperata, si affidi alla fortuna, ma che lo Stato promuova tutto questo è veramente pazzesco. Cristiana Antonio Simone, in molti casi è più importante quello che non dico di quello che dico. L'analisi sociologica del gioco d'azzardo è materia complessa e se gli inglesi non fanno correlazioni tra le variabili sociali fanno molto male. Trovo fondato e convincente quanto afferma Andrea Ricciardi nell'articolo citato, "in un momento di difficoltà economica il miraggio di una ricchezza facile e immediata ha mandato in rovina molte persone. Particolarmente esposti sono i giovani, i disoccupati e le famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, gli anziani soli". Da parte mia facevo una correlazione tra la cultura del gioco d'azzardo e la cultura del lavoro. Un vincitore della lotteria è un eroe, uno extra-ordinario, tutti lo cercano, tutti lo invidiano, ci fanno i servizi al tg. Un lavoratore è uno normale, uno ordinario, nessuno lo cerca, non ha nulla di cui essere invidiato, i tg lo ignorano! Per quanto riguarda i dati che correlano gioco d'azzardo ed economia fornisco qualche utile documento (il primo parla della situazione inglese): Research on the Social Impacts of Gambling, 2006" Interessanti le citazioni del sociologo Maurizio Fiasco in questa tesi di laurea. Il gioco d'azzardo. Le ludopatie. Uno studio coordinato da Codacons ma che vede la partecipazione di Sisal.

257

Simone Io non ho detto che il gioco d'azzardo non provochi danni o che faccia bene! Quello che tu lamento sulla "valorizzazione" del gioco e´il risultato della "svalutazione" del lavoro onesto. Ecco quello trovo molto piu' problematico e pericoloso. Antonio Caro Simone, per quello invito a rifletterci sopra, proprio perché si tratta di una relazione problematica e pericolosa. Quando si osserva una correlazione tra due entità non è detto che ci sia un nesso causale tra le due entità, per cui la valorizzazione del gioco non è detto che sia il risultato della svalutazione del lavoro onesto. Io osservo solo che nella dinamica sociale italiana da qualche tempo a questa parte c'è una relazione inversa tra le due entità. gifh Ciao Antonio, mi piacerebbe proprio scoprire quanti giocherebbero ancora se le lotterie (monopoli di stato) si chiamassero con il loro vero nome: tasse regressive, sebbene su base volontaria. Oppure meglio, come dicono gli inglesi, tasse sulla stupidità o sull'inettitudine matematica: "Venghino, siore e siori, scommettete per finanziare la prossima TAV o il prossimo ponte sullo stretto, tante c'è sempre qualcuno che vince!" (indovina chi è?) E pensare che i primi a pensarci furono i cinesi, quando si posero il dilemma di come trovare i soldi per la loro grande muraglia ... Un caro saluto, e perdonami se non commento molto, in ogni caso ti leggo sempre con piacere. Antonio Ciao gifh, sappiamo entrambi che la probabilità è concetto difficile da afferrare. Aggiungi l'asimmetria psicologica che fa pensare al solo vincente di una lotteria e ignorare i numerosi perdenti, asimmetria basata sul fatto che il vincente vince tanto e il perdente perderebbe poco, insomma mal comune mezzo gaudio! Sicuramente chiamare questi giochi tasse occulte (!) potrebbe servire a ridurre le giocate ma questo ridurrebbe il gettito fiscale che viene considerato nelle finanziarie come entrata sicura e in crescita. Ha ragione Cristiana quando dice che è pazzesco che sia lo Stato a promuovere le lotterie, ma è proprio così. Se avessimo associazioni consumatori vere, già in precedenza ho espresso qualche riserva su queste associazioni, pretenderebbero che le lotterie venissero chiamate con il loro nome invece di "accontentarsi" di avere un tetto alle vincite! Un saluto anche a te, e per quanto riguarda i commenti non si può certo dire che io sia prolifico di commenti al tuo blog ma questo non toglie il piacere di leggerti. A presto.

DOMENICA 4 MARZO 2012

Sulla TAV sarò breve
Chi segue questo blog sa che mi piace l'argomentazione. Se uno mi dice che deve fare qualcosa mi piacerebbe sapere perché lo deve fare, quali sono le premesse e le conseguenze della decisione. Niente di complicato, si tratta di rispondere ad un po' di "perché?". Ecco, sulla TAV a parte dichiarazioni di principio, come "la dobbiamo fare", "lo vuole l'Europa", "serve per non rimanere isolati", "serve per lo sviluppo della mobilità", non mi è sembrato di vedere molte argomentazioni nella "letteratura" ad ampia diffusione. Mi piacerebbe venissero diffusi dati circa le previsioni di impatto (positivo e negativo) dell'opera, e mi piacerebbe si discutesse apertamente di questi dati, insomma preferirei un approccio tecnico alla questione, approccio richiesto all'attuale Presidente del Consiglio danumerosi ricercatori. Le dichiarazioni di principio invece hanno un sapore politico, sapore piuttosto sgradevole soprattutto

258

considerando un'insana contrapposizione che si è andata creando tra politica e tecnica. Contrapposizione che se vede i tecnici come competenti, preparati e presentabili mi evita di riportare i corrispettivi aggettivi per qualificare i politici. A mio avviso un cittadino dovrebbe trovare i dati tecnici nei giornali ad ampia diffusione, altrimenti potrebbe cercarli nei documenti tecnici, come studi di impatto ambientale o valutazioni strategiche, con il rischio poi di trovare documenti inutilmente voluminosi, scritti malissimo, carenti di dati e laddove è riportata qualche valutazione strategica potrebbe scoprire che la riduzione del trasporto merci su gomma grazie alla TAV potrebbe essere addirittura di quasi il 2%! Gianni Vattimo non perde occasione per presentare interrogazioni al Parlamento Europeo sulla TAV, chissà con quali argomentazioni gli risponderanno? Qualche giorno fa ho lasciato un commento sul suo blog, non ho cambiato opinione: la cosa allucinante è che nessuno osa parlare seriamente di quest'opera, come la chiamano. Intendo snocciolare dati, mettere a confronto scenari, valutare le ricadute positive e negative, stabilire quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell'opera. Tutte cose che la tecnica ci consente di valutare. Chissà, magari potrebbero essere valutate se avessimo un governo tecnico! Invece si preferisce dipingere il movimento come un gruppo di scalmanati, si abbassa la testa e si tira dritto.

COMMENTS:
Ernest un governo serio dovrebbe sempre dare spiegazioni, dovrebbe ricordarsi che è li perchè lo ha voluto il popolo... Oops questo governo non lo abbiamo votato... va beh allora diciamo i parlamentari... Oops neanche quelli abbiamo votato grazie a questo sistema elettorale. Alberto "A mio avviso un cittadino dovrebbe trovare i dati tecnici" Ecco il punto. Ognuno dà i suoi dati. Ma possibile che non ci siano numeri oggettivi? Nou Mescolano carte e non vogliono che si possa capire qualcosa. Per questo capisco che è un colossale e penoso imbroglio ai danni di chi dovrà pagarne i costi. Antonio Non è una questione di mescolamento delle carte, è ancora più grave. Che i numeri siano soggetti ad interpretazioni non è una novità ma quando si discute di faccende tecniche, e per farla breve facciamo finta che le faccende tecniche siano riducibili a grandezze quantificabili, più importante della presentazione dei dati, dei risultati, è la presentazione e la condivisione dei metodi utilizzati. Di quanti si riempiono la bocca di tecnica e, peggio ancora, di scienza vedo pochissimi che hanno chiara questa distinzione, tutti dicono di attenersi ai dati, io dico che bisogna attenersi ai metodi. Io non voglio che mi si parli dei risultati che ha ottenuto questo o quel comitato, questo o quell’organo di governo, io voglio che mi si parli dei metodi che sono stati utilizzati per ottenere quei risultati. Voglio che mi si diano tutti gli elementi che renderebbero indispensabile l’opera e la valutazione sociale, ambientale ed economica delle possibili alternative. Qui siamo di fronte ad un’opera che è stata decisa dall’alto e non è mai stata veramente condivisa, i risultati sono venuti dopo la decisione, sono stati cercati e, ovviamente, ottenuti come di solito accade in queste faccende. Qualche giorno fa Mantovano ha detto che l’opera è stata discussa in tutti i consessi democraticamente eletti tra cui anche le Regioni dove i rappresentanti sono eletti direttamente e quindi non si può invocare la legge elettorale come argomento di mancanza di democrazia! Questa è la fine analisi dell’onorevole quando si parla di deficit di rappresentanza. Allora cambiamo la legge elettorale, facciamo scrivere i nomi dei parlamentari così i cittadini la smettono di rompere i coglioni! Che pena.

MARTEDÌ 6 MARZO 2012

Don't go there
259

On February 7th, 2012 I sent this e-mail to the Italian Ministry of Foreign Affairs: Tomorrow, the city of Saint Petersburg could pass a law that would make it illegal to speak publicly about being gay, lesbian, bisexual, or transgender. It would make millions of people invisible with the stroke of a pen. What is your position on this issue? Will you use the diplomatic means in your power to help stop this law? Best regards Antonio Caputo They answered after six days in this way: Dear Mr. Caputo, Thank you for contacting the Office for the Relations with the Public of the Italian Ministry of Foreign Affairs. Please be informed that your request has been forwarded to the relevant office within the Ministry of Foreign Affairs. Best regards Ines Rotondo Office for Relations with the Public One month has nearly passed and I am still waiting the answer by "the relevant office within the Ministry of Foreign Affairs"!

MARTEDÌ 6 MARZO 2012

A scuola?!

da la Repubblica

"Mameli a scuola? Non per i miei figli." Questo è vero, viene difficile pensare che i suoi figli abbiano messo piede in una scuola! *** A proposito, ma quando arriva questa benedetta rottura definitiva della Lega con il PdL? Sono tre mesi che ci sta tritando i coglioni con la rottura definitiva! Prima c'è la rottura definitiva, poi la rottura finale poi quella finale finale, poi arriva la rottura totale. Quante rotture definitive conoscete voi?

LUNEDÌ 12 MARZO 2012

Quando mancano gli argomenti

Quando una forza politica è in campagna elettorale o parla bene del proprio operato se è stata al governo o parla male dell'operato dell'avversario se è stata all'opposizione. Quelli del PdL che hanno una gran voglia di campagna elettorale sono a corto di argomenti e non potendo parlare bene del proprio operato, avendo mandato quasi in bancarotta il paese, né male dell'operato di chi è stato all'opposizione o addirittura fuori dal Parlamento allora parlano male dell'avversario che ha governato altri paesi!

260

E' il caso di Angelino Alfano, quello che ha vinto la nomination alla segreteria del PdL. Quello che secondo il suo padrino si mangerebbe gli altri in un sol boccone. Quelli di sinistra in Spagna invece di rilanciare l'economia hanno fatto passare il matrimonio gay. Attenzione attenzione se fate vincere quelli di sinistra i gay si sposeranno, la famiglia tradizionale si sfascerà e approveranno il testamento biologico. Così dice l'audace Alfano. Chissà perché ha omesso di dire che i cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di Piazza San Pietro?! Dal centro(sinistra) arriva composta la risposta di Rosi Bindi che tranquillizza gli elettori di (centro)destra dichiarando che mai e poi mai si userà la parola matrimonio per i gay. Questi sono gli argomenti di questi straccioni. Incapaci di guardarsi le unghie dei piedi, uno mette in antitesi le politiche dei diritti civili con le politiche economiche, l'altra che invece di trascinarlo su questo terreno gli risponde che il centro(sinistra) non vuole il matrimonio gay. Mercanti di voti, questo siete, a destra e manca. Non avete uno straccio di visione di giustizia sociale né di sviluppo economico di lungo termine, vi manca la visione dei diritti. Siete miopi e piccoli, troppo piccoli persino per meritare disprezzo. Sul tema del riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali è intervenuto qualche giorno fa Stefano Rodotà. Se solo Alfano e Bindi avessero avuto un minimo di umiltà avrebbero dovuto tacere almeno su questo tema.

COMMENTS:
ilGrandeColibrì ha detto... Fosse solo la cattolica Rosi Bindi a fare certi commenti già mi preoccuperei. Il fatto che, sebbene quasi nessuno l'abbia notato, commenti addirittura peggiori (incredibile, ma vero: Nozze gay? Il PD smentisce!) arrivino dai laici e giovani del PD (Finocchiaro, Serrachiani, ecc...) mi sgomenta. Cavaliere oscuro del web ha detto... Purtroppo l'Italia è un paese pieno di discriminazioni e ingiustizie.Condivido con le tue parole. Ernest ha detto... umilità...umilità...umilità...uhmm vediamo un po'. No! non ce n'è più. Simone ha detto... "l'altra che invece di trascinarlo su questo terreno gli risponde che il centro(sinistra) non vuole il matrimonio gay."

Mi scusi ma Rosy Bindi ha esposto chiaramente la linea del partito! Il PD non e' mai stato favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso! Antonio ha detto... Sì Simone, so bene quali sono le posizioni del PD, infatti per questo e per altri motivi (direi anche più gravi) non lo voterei neanche con il coltello alla gola. Quello che sottolineo è l'atteggiamento infantile della Bindi che risponde ad un argomentare puerile con un argomentare altrettanto puerile. Posizione del PD o meno a me queste persone incapaci di guardare oltre il proprio naso fanno pena. Tutto qui.

MERCOLEDÌ 14 MARZO 2012

La pubblicità dice tutto!
Questa gente sta male, è gente che sta molto male. Poveri, si sentono minacciati, hanno due o tre certezze e se le tengono strette. Vedono nemici ovunque. Gli psichiatri la chiamano paranoia, io tempo fa, giocando appena un po', dissi che si trattava di majority stress.

261

Per fortuna che la pubblicità che affianca il nome della testata dice subito di cosa si tratta! E' un caso di onestà intellettuale in extremis? La notizia la potete leggere a questo link, se invece volete leggervi l'articolo del composto intellettuale Vittorio Sgarbi cercatevelo, io non spaccio pornografia per machi frustrati e casalinghe depresse.

COMMENTS:
ilGrandeColibrì ha detto... Sta male? Per i miei gusti, sta fin troppo bene... cristiana2011 ha detto... Non me ne ero accorta. Più adatta non poteva essere. Ciao Cristiana Zio Scriba ha detto... NON andrò a cercarmelo, grazie. I presunti intellettuali omofobi dovrebbero pagarmi per farsi leggere, e la risposta sarebbe comunque NO, grazie, non mi va di sporcarmi gli occhi.. Sandra M. ha detto... Manco io ci penso davvero a cercarlo... Per il resto mi sa che siamo tutti noi malati. E anestetizzati da una ventina d'anni o giù di lì.... intherainbow ha detto... Il giorno in cui verrà rispettata la libertà umana diremo che finalmente c'è la consapevolezza interiore!!:)) Simone ha detto... Invece l´articolo di Sgarbi per una volta e' stata una lettura interessante. Dimostra che non hanno piu' argomenti: "Morto un uomo il suo giovane compagno potrà, come una moglie, ottenere i benefici della pensione. Quello che valeva soltanto per marito e moglie, varrà per marito e marito e moglie e moglie, in un vertiginoso incremento della spesa pubblica" credo veramente di poter convincere qualcuno su una questione che, fino a ieri, le stesse persone trattavano come argomenti morali di supremo interesse con qualche discquisizione di economia (oltre tutto falsa....). Sgarbi veramente crede che si possa fare un Family day al grido: no la revesibililta' per i gay? (per inciso qualcuno spieghi a Sgarbi che la pederasteria e´ fuori moda gia' da un po': le coppie gay e lesbiche italiane sono sempre piu' composte da persone con eta' simile...)

262

Antonio ha detto... Che la sbandierata non negoziabilità dei "valori morali" si traducesse in moneta l'avevo capito già da tempo, il dio mammona ha adoratori sospettabilissimi! Simone ha detto... @ Antonio: non confondiamo, il papa dice "forme di unione che snaturano l'essenza e il fine della famiglia", se questa premessa fosse vera avrebbe ragione. Se lo stato riconoscesse lo stesso stato giuridico alle coppie coniugate e ad esempio alle unioni tra sconosciuti non convienti o tra gruppi di persone piu' varie ovviamente avrebbe trattato in maniera uguale situazioni diverse e questo e´una violazione del principio di uguaglianza. Antonio ha detto... Simone non confondere tu le cose, sappiamo benissimo di cosa parlava il papa, sappiamo benissimo cosa avesse in mente mentre pronunciava quelle parole, non pensava certamente ai matrimoni tra sconosciuti per dare la nazionalità agli immigrati clandestini! Per rispondere invece al Grande Colibrì, oh sì che stanno male, tu come definiresti delle persone che per affermare la propria "normalità" desiderano imporla agli altri? Per me sono persone che hanno dei problemi con la propria "normalità"! Intherainbow fa notare giustamente che c'è un nesso tra rispetto della libertà altrui (che non lede altrui libertà) e la consapevolezza interiore. E' facile trarre le conseguenze. Simone ha detto... @ Antonio: Il fatto economico non sta alla base del ragionamento del Papa ma e´un "aggravante". Non credo sia una sciocchezza dire che argomenti dle genere non smuovono nessuno se non sono accompagnate da una valutazione morale di fondo nemmeno in periodi di crisi come questa. Antonio ha detto... Simone giochiamo a capirci e chiudiamola qui, io conosco benissimo il peso e la valenza del discorso morale e lo inquadro nel principio del honeste vivere, alterum non laedere, per cui se qualcuno vuole convincermi che il riconoscimento dei diritti civili in questione va contro questo principio lo deve fare sul piano etico non su quello economico. Di intellettuali da strapazzo, vestiti o meno di bianco, che confondono i due ambiti non so che farmene. Adriano Maini ha detto... Fascismo strisciante, no? Zio Scriba ha detto... Non ho poi neanche capito quel richiamo alla normalozzità da ufficio anagrafe della "età simile": se una persona dell'età di Dalla ne ama, riamata, un'altra di poco più di vent'anni, sono stracazzi loro, che sia una coppia omo o una coppia etero. Che cazzo è 'sto tabù peloso della differenza di età? Lara ha detto... Fortuna davvero che la pubblicità dice tutto. Ma chi riesce a leggerlo Il Giornale? O l'altro, Libero? Sono nauseanti. Ciao Antonio, Lara

263

stefanover ha detto... grandioso !! da un giornale che si chiama "libero", ci si aspetterebbero articoli di giubilo, e non... come dire... mmmmm... st...(upidate)?? stefanover ha detto... a proposito di spesa pubblica... ma sapete che hanno bloccato i risarcimenti alle vittime di ustica? http://palermo.repubblica.it/cronaca/2012/03/16/news/stop_ai_risarcimenti_alle_vittime_della_st rage_di_ustica-31644939/ non solo hanno anche chiuso un sito dedicato al disastro del vajont : http://www.grr.rai.it/dl/grr/notizie/ContentItem-04ec2fe4-6e6d-4aa0-9725-e02534dbd397.html

roba da farci venire il vomito, altro che andare a votarli ! Antonio ha detto... Stefanover una precisazione, il quotidiano in questione è "il giornale", anche se con "libero" condivide argomenti che non valgono la carta su cui vengono stampati. Per quanto riguarda lo stop ai risarcimenti della strage di Ustica è un'altra "bizzarria" (chiamiamola così!) dello stato di diritto quando si trova di fronte alla crisi economica, forse dovremmo smetterla di parlare di stato di diritto e cominciare a parlare di stato finanziario! In compenso continuiamo a pagare una quota di 0,1 cent nelle accise della benzina per la guerra di Abissinia del 1935 e 0,7 cent per la crisi di Suez del 1956...insieme ad altre voci, naturalmente. Alberto ha detto... L'abbinamento fra titolo e pubblicità non poteva essere migliore, visto le notizie che cagano tutti i giorni questi signori del Giornale.

264

Incursioni non autorizzate in materie delicate

265

LUNEDÌ 9 FEBBRAIO 2009

Relazioni pericolose!
I cambiamenti climatici ed in particolare il riscaldamento globale purtroppo non sono soltanto oggetto di dibattimento tra le ragioni scientifiche ma anche terreno di scontro tra opposti modi di vedere il ruolo dell’uomo sulla terra e di conseguenza il suo futuro. Se da una parte vi sono quanti sostengono che le nostre economie possono avere effetti devastanti sull’ambiente e in fin dei conti sull’uomo stesso, dall’altra vi sono i sostenitori del primato umano fiduciosi nell’inarrestabile progresso che ha portato la scimmia sulla luna. Sebbene io preferisca di gran lunga frequentare i primi, devo riconoscere che i secondi sono davvero divertenti quando si lanciano in argomentazioni che negano la fattualità dei cambiamenti climatici e le basi scientifiche che ne dimostrano la fondatezza, confondendo spesso i modesti fatti con i superbi desideri. Su queste tematiche Stefano Caserini ha scritto poco tempo fa un bel libro[1] in cui opera, con linguaggio piacevole e misurata ironia, una decostruzione minuziosa delle più importanti “tesi negazioniste” del riscaldamento globale e anche degli interventi che meno si presterebbero ad avere dignità di tesi ma che meritano attenzione, vista l’autorevolezza delle fonti e la naturale rapidità di diffusione che caratterizza da sempre le sciocchezze (“La calunnia è un venticello… Incomincia a sussurrar… Alla fin trabocca e scoppia, canta Basilio). Tra le varie perle che Caserini ci dona, una mi ha stuzzicato particolarmente, per l’intreccio di riflessioni che suscita. Riguarda una delle numerose prese di posizione del professor Antonino Zichichi sull’argomento in cui l’illustre fisico della materia (non del clima), accenna ad una interessante relazione tra scienza e democrazia che a suo avviso sarebbe infondata: «Per attaccare Bush è stato detto che la “stragrande maggioranza” del mondo scientifico concorda sulle conclusioni relative al cambiamento climatico più drastico e repentino che il pianeta abbia conosciuto negli ultimi millenni. Siccome non è possibile mettere ai voti una certezza scientifica il termine “stragrande maggioranza” è privo di senso.» A. Zichichi, Effetto serra, i dilemmi della Casa Bianca. Il Messaggero, 8 giugno 2001.[2] Il consenso scientifico quindi è “privo di senso” secondo il professor Zichichi! Che “non si può mettere ai voti una verità scientifica”, come Galileo ci ha insegnato, è lampante, tuttavia non è altrettanto chiaro il parallelo tra processo scientifico e processo di formazione del consenso democratico, così come delineato dal professor Zichichi. Se è vero che il risultato di una indagine scientifica non può essere messo ai voti è perché la comunità scientifica è d’accordo a priori sul metodo adottato per raggiungere quel risultato, ha quindi raggiunto un consenso che precede il risultato! Del resto nelle democrazie non si può mettere ai voti la forma democratica, che è il contesto di discussione. Gli esperti del diritto ci hanno insegnato che le regole costitutive della democrazia, e tra queste vi è il potere dal basso e la partecipazione quali fondamenti di questa forma di governo discutidora, non possono essere discussi senza compromettere la natura stessa della democrazia. Sarà un aspetto del banale principio di autoconservazione di ogni forma di potere ma, se di democrazia si vuole continuare a parlare, il principio di maggioranza non può valere per alcune regole costitutive esattamente come vale per le regole regolative[3]. Questo per quanto riguarda il consenso che precede un risultato, mentre per quanto attiene al consenso che succede ad un risultato ed alla relazione tra scienza e democrazia, rinnegata da Zichichi, potrebbe essere di qualche aiuto ricordare quanto affermava Popper del progresso scientifico: “La scienza, e in particolar modo il progresso scientifico, non sono il risultato di sforzi isolati, ma della libera concorrenza del pensiero. […] In ultima analisi il progresso dipende in larghissima misura da fattori politici; da istituzioni politiche che garantiscono la libertà di pensiero: dipende dalla democrazia.”[4] A quanto pare il contesto democratico, il solo che consenta il costante confronto tra assenso e dissenso, lega a filo doppio la scienza al consenso, sia nelle fasi che precedono un risultato scientifico (metodologia adottata) sia dopo che un risultato scientifico è stato conseguito (replicabilità del risultato, verifica dei risultati, resistenza alla falsificazione con ipotesi alternative). Naturalmente il consenso non può che essere informato e nel caso specifico si parla di consenso tra esperti di una ben determinata disciplina caratterizzata da criteri procedurali ben definiti. Ma ancora una volta dobbiamo ricordare che anche nel versante politico il voto è un momento successivo alla formazione dell'opinione pubblica, che è tale solo se correttamente informata secondo criteri di trasparenza ed equilibrio tra le diverse voci, criteri stabiliti a priori rispetto all'esercizio del voto[5]. Pertanto le affermazioni del professor Zichichi, riguardo l’assenza di legame tra consenso e scienza, possono essere intese solo alla luce di due gravissimi fraintendimenti, il primo è che le attuali videocrazie siano la democrazia, il secondo che l’IPCC (International Panel on Climate Change), anziché un consesso di 2500 scienziati di tutto il mondo (tra cui climatologi e fisici dell’atmosfera che solitamente non discettano di particelle subnucleari), sia in realtà una sorta di Internazionale dei PartitiComunisti Combattenti che vogliono sovvertire l’ordine costituito!

266

Quello del clima non è il solo campo in cui il professor Zichichi ha voluto mettere alla prova le sue doti di divulgatore, c'è anche quello dell'evoluzione. Come è noto l'illustre fisico mette in discussione il valore scientifico dell'evoluzionismo propendendo per un più sobrio creazionismo, soprattutto per la specie umana (non l'avremmo mai detto!!!). Naturalmente anche per Zichichi il creazionismo è diventato il Disegno Intelligente, per ironia della sorte anche il creazionismo evolve! [6]. Il "punto di forza" dell'obiezione di Zichichi è l'impossibilità di trovare un'equazione dell'evoluzione che ne legittimi la natura scientifica. Anche qui c'è da rilevare una simpatica e sostanziale differenza tra le posizioni del fisico e quelle di Popper sull'argomento. Anche Popper sosteneva l'impossibilità di definire una legge dell'evoluzione, ma non per disconoscerne il valore scientifico bensì per sottolineare la natura storica e irripetibile dei processi evolutivi, e su questo punto non aveva dubbi neanche il grande Stephen Jay Gould. Ad ogni modo bisognerebbe informare Zichichi che alle lezioni di genetica delle popolazioni di diverse facoltà scientifiche, anzichè parlare di scienza ci si trova spesso a parlare dell'equazione di Hardy-Weinberg, che scandalo!
[1] S. Caserini, A qualcuno piace caldo. Errori e leggende sul clima che cambia . Edizioni Ambiente, Milano, 2008. [2] Cit. da S. Caserini, op. cit., p. 201. [3] B. Celano, Fatti istituzionali e fatti convenzionali, 2/2000, Filosofia e Questioni Pubbliche. "In The Construction of Social Reality, Searle fa oggetto di trattazione sistematica la distinzione [...] fra fatti «bruti» e fatti istituzionali. Con la locuzione «fatti istituzionali» Searle intende, specificamente, fatti la cui esistenza è dipendente da istituzioni umane (fatti che esistono soltanto «entro» istituzioni). Queste ultime sono, a loro volta, sistemi di regole costitutive: regole della forma ‘X ha valore di (counts as) Y nel contesto C’, che, dice Searle, creano, e anche regolano, nuove forme di comportamento, che non sarebbero possibili in assenza di tali regole medesime (forme di comportamento, cioè, il cui concetto è logicamente dipendente dalle regole in questione). Le regole costitutive vengono da Searle contrapposte alle regole che egli chiama «regolative», nella classe delle quali ricadono le norme in termini di obblighi, divieti, permessi. Le regole regolative, a differenza delle regole costitutive, regolano forme di comportamento che sono possibili anche in assenza di tali regole medesime e, in questo senso, preesistono rispetto ad esse (le regole regolative, cioè, regolano forme di comportamento il cui concetto è logicamente indipendente da tali regole medesime)." L. Tussi, Il processo di crescita e di socializzazione . 2009,http://www.politicamentecorretto.com/. "Il nostro tessuto sociale è forte riguardo le regole costitutive, invece è flessibile sulle regolative." [4] K.R. Popper, Miseria dello storicismo. Feltrinelli, 2002, p. 154. [5] N. Bobbio, Il futuro della democrazia. Einaudi, 1995. G. Sartori, Homo videns. Televisione e post-pensiero. Laterza, 2006. G. Zagrebelsky, Imparare Democrazia. Einaudi, 2007. [6] A. Zichichi, Perché io credo in Colui che ha fatto il mondo , Il Saggiatore, 1999.

Nel caso la curiosità spingesse a leggere il libro di Zichichi che ho citato, mi corre l'obbligo di seguire l'esempio di Piergiorgio Odifreddi, quando ha passato in rassegna alcune delle "zichicche" del fisico, e consigliare almeno tre irrinunciabili antidoti in tema di letteratura divulgativa evoluzionistica. E' il minimo ma è sufficiente per una disintossicazione pressoché completa. S. J. Gould, La vita meravigliosa. Feltrinelli, 1990. S. J. Gould, Otto piccoli porcellini. Riflessioni di storia naturale. Il Saggiatore, 2003 E. Mayr, L’unicità della biologia - Sull’autonomia di una disciplina scientifica. Raffaello Cortina, 2005.

GIOVEDÌ 19 FEBBRAIO 2009

Effetto senza causa
La condanna di Mills (in primo grado, diciamolo subito per non sembrare giustizialisti) fa sorgere una riflessione. Per allontanare ulteriormente ogni sospetto di giustizialismo anticipo subito che non si tratta di pensiero di natura giudiziaria o politica ma squisitamente filosofica che potrebbe avere interessanti sviluppi in ambito scientifico. Il ragionamento sorge ancora più imperioso considerando i resoconti della stampa estera sulla vicenda. Il nocciolo della riflessione, breve per carità, ruota intorno al principio di causalità. Una semplificazione della faccenda vuole che ad un effetto sia associata una causa, che solitamente lo precede temporalmente. L'antico concetto di causalità raggiunge la sua forma più alta con Aristotele che neLa fisica di cause ne aveva formalizzate addirittura quattro: efficiens,materialis, formalis e finalis. La connessione tra causa ed effetto è stata messa in dubbio da Hume che nel 1739-40 aveva capito che la causalità, intesa come necessaria connessione tra due eventi, potrebbe non essere affatto presente in natura e potrebbe non essere altro che un "bisogno della mente". Secondo il filosofo scozzese l'unica relazione dimostrabile tra causa ed effetto è la contiguità o la successione degli eventi e la relazione non può prescindere dalla nostra esperienza [1]. In altre parole, visto che siamo abituati ad osservare una certa relazione tra una certa causa ed un certo effetto, stabiliamo una connessione necessaria tra i due eventi che in realtà è una necessità psicologica e non oggettiva. Il pensiero di Hume influenzò enormemente lo stesso Kant il quale riconobbe che l'intelletto non attinge le sue leggi dalla natura, ma le prescrive ad essa [2].

267

Nella seconda metà del '900 questo pensiero ha trovato espressione, ad opera di diversi pensatori, nel cosiddetto costruttivismo, ossia "una teoria della conoscenza in cui la conoscenza non riguarda più una realtà "oggettiva" ontologica, ma esclusivamente l'ordine e l'organizzazione di esperienze nel mondo del nostro esperire"[3]. Insomma, la nostra realtà non avrebbe uno status indipendente dalla nostra percezione ma sarebbe letteralmente inventata attraverso la nostra percezione e "a condizione che la materia prima del mondo dell'esperienza sia abbastanza ricca, una coscienza assimilante può costruire regolarità e ordine anche in un mondo del tutto disordinato e caotico" [4]. Il costruttivismo ha dato un duro colpo al principio di causalità, soprattutto nella sua forma di linearità e di successione temporale. Si riconosce, grazie alla cibernetica, l'esistenza di una causalità circolare e si considerano i fenomeni di autoregolazione presenti in natura, in cui l'effetto agisce sulla causa e non solo viceversa (se si pensa alla tragedia di Edipo si scoprono le radici antiche di questo pensiero). Tuttavia la percezione, "l'invenzione" ed il bisogno di ordine, cui il principio di causalità risponde, restano vincolati ai meccanismi fisiologici che attraverso i processi evolutivi si sono selezionati. Si tratta sicuramente di quello zoccolo duro dell'essere di cui parla Eco, che pone dei limiti al discorso e ne condiziona l'attività ermeneutica[5]. Ad ogni modo, per non complicarsi di più la vita, sembrerebbe che, necessaria o meno, oggettiva o meno, una qualche relazione tra due eventi solitamente la stabiliamo. Il caso Mills è invece paradigmatico di un fatto straordinario sotto due aspetti, da un lato è ormai assodato che esiste un effetto senza una causa (nel caso specifico, stando in un tribunale, si potrebbe parlare di una causa senza causa, ma questo l'aveva capito già Aristotele e non coglierebbe la novità della faccenda), dall'altro lato emerge che all'estero non è stata fatta ancora una profonda riflessione sul principio di causalità e sulla sua revisione. Se siamo pronti a cogliere il momento questo episodio ci avvantaggia enormemente per tentare di recuperare il ritardo nella ricerca scientifica rispetto agli altri paesi. Una nuova strada si apre per la lettura dei fenomeni naturali, una strada che ci porta oltre i paradigmi di Kuhn, ben oltre l'epistemologia anarchica di Feyerabend, verso nuovi lidi dove si possono osservare effetti senza dover perdere energie e tempo prezioso a comprenderne le cause. E' un gran vantaggio, basta saperlo sfruttare. Per cui, o siamo di fronte ad un banale caso di autocorruzione, ma solitamente non sono pessimista, oppure stiamo aprendo un nuovo campo di straordinaria vastità nella riflessione filosofica e scientifica. Sempre che non intervengano i giudici dei gradi successivi o della Corte Costituzionale a rovinare tutto, come al solito.
[1] D. Hume, Ricerche sull’intelletto umano e sui principii della morale . Laterza, Bari, 1980. [2] I. Kant, Prolegomeni ad ogni futura metafisica che si presenterà come scienza . Laterza, Bari, 1985. [3] E. von Glasersfeld, Introduzione al costruttivismo radicale. In: La realtà inventata. Contributi al costruttivismo. A cura di P. Watzlawick. Feltrinelli, Milano, 2006. p. 23 [4] Ibidem, p. 33. Una divertente digressione. Odifreddi riporta una osservazione simpaticamente simile da parte di Leibniz, sebbene per ragioni del tutto diverse. Leibniz nel Discorso di metafisica scrive: "Supponiamo che qualcuno segni su una carta una quantità di punti a caso: è possibile trovare una curva geometrica definibile in maniera uniforme mediante una regola, e che passi per tutti questi punti, proprio nell'ordine in cui la mano li ha tracciati. E se qualcuno traccia una curva continua, è possibile trovare un'equazione di questa curva che rende conto del suo comportamento. Ciò vuol dire che, in qualunque modo Dio avesse creato il mondo, esso sarebbe stato sempre regolare e fornito di un ordine generale." Con tutto il rispetto per l'inventore del calcolo infinitesimale, il ragionamento non sembra molto forte se il proposito è dimostrare l'esistenza dell'ordine-Dio. Odifreddi fa giustamente notare: "se però ogni universo, per quanto caotico, sarebbe pur sempre ordinato in senso astratto, allora il particolare ordine di questo universo non può dimostrare niente." In: P. Odifreddi, Il vangelo secondo la scienza. Einaudi, Torino, 1999, p. 209 [5] U. Eco, Kant e l'ornitorinco. Bompiani, Milano, 1997.

MARTEDÌ 24 FEBBRAIO 2009

Origine degli angeli
“Solo un’immagine può piacere interamente, mai una persona. Origine degli angeli”. [1] In questa mesta osservazione di Elias Canetti, riportata nei quaderni del 1942, c’è la premessa dell’annientamento dell’uomo e del conflitto con la sua natura terrena, irrimediabilmente caduca, sfuggente e in fin dei conti refrattaria alla volontà. L’uomo rifiuta quella parte di sé che, come la natura, sfugge al controllo. Solo l’infanzia, nella sua condizione indifesa, soddisfa ad un tempo il desiderio di sopraffazione e di amore dell’uomo celando l’uno e l’altro sotto la maschera della custodia. Se l’amore per l’infante è l’ultima soglia prima del rifiuto dell’altro, allora occorre cautela nell’amare Dio senza considerare l’uomo poiché quest’atto è come amare i bambini, troppo facile e nasconde innumerevoli insidie. Più difficile è confrontarsi con la spietata varietà umana nel suo stato adulto, misurarsi con la sete di libertà che affligge quell’essere capace di pensarsi nel tempo, capace di allevare la speranza di un senso e capace di stabilire per sè quando la ricerca del senso può dirsi compiuta. Amare l’uomo è difficile perché, come il cucciolo quando cresce, può diventare feroce, intrattabile, comunque

268

altro e non può essere in alcun modo inteso come proiezione di un desiderio di amore ma deve essere rispettato in quanto soggetto autonomo, capace e libero. Amare l’uomo è difficile, eppure inevitabile, al di là della sua ferocia, al di là di Dio. Lèvinas che ha posto al centro della sua riflessione l'alterità, che si è immerso nel mare infinito dell'altro, "scrive che l’etica è più importante della religione e i credenti, se sono onesti, devono rispondere alle legittime, pressanti e chiare sollecitazioni degli atei"[2]. Intorno al testamento biologico si incontrano due grandi temi, il libero arbitrio del pensiero teologico e l'autodeterminazione della cultura laica. I due discorsi non si escludono e, se si spogliano dal mediocre e atavico bisogno del controllo dell'altro, le loro strade possono congiungersi. La libertà dell'uomo sta a fondamento del discorso di fede e del discorso laico, se il fondamento viene meno, cade per entrambi, allora si potrà parlare solo di dominio. Ascolta Stefano Rodotà, Paolo Flores d'Arcais, Andrea Camilleri, Giovanni Franzoni, Daniele Garrone.
[1] E. Canetti, La provincia dell’uomo. Opere 1932-1973, Bompiani, Milano, 1990, p. 1600 [2] Cit. in L'ateismo della ragione e le ragioni della fede , Dialogo tra O. Franceschelli, P. Flores d'Arcais, E. Bianchi, M. Ovadia, U. Galimberti. Micromega 3/2007, 207-235

SABATO 28 FEBBRAIO 2009

Un (in)certo individuo

"Non siamo per il principio di autodeterminazione, ma per una legislazione che eviti sia l'accanimento terapeutico sia l'abbandono terapeutico", "la decisione non deve spettare alla persona." Queste parole furono pronunciate da Monsignor Betori in una conferenza stampa della CEI e pubblicate il 1° ottobre del 2008. Parole di una gravità inaudita che non passarono inosservate ai più attenti osservatori, soprattutto a quelli vicini alla cultura cattolica. Roberta de Monticelli le considerò così gravi da arrivare addirittura ad una abiura dalla Chiesa cattolica. De Monticelli ha letto in quelle parole la rottura di una nozione tipicamente cristiana che è quella di individuo e di responsabilità. Questo concetto nasce in occidente con la tradizione cristiana. Solo con il riconoscimento dell'individualità dell'anima e della irrevocabilità di una storia lineare è possibile concepire la responsabilità e indissolubilmente la libertà di azione, da cui discendono colpa e perdono. Impianto concettuale che troviamo trasposto nel diritto quando il riconoscimento della responsabilità penale dell'individuo non può prescindere dalla volontà del soggetto e dalla libertà di esercitare tale volontà. Solitamente l'anima di Platone viene posta a fondamento del concetto cristiano di individuo ma per il filosofo greco l’anima è modello di riferimento per la conoscenza che nulla può modificare dell’ordine cosmico, per il cristiano l'anima può intercedere presso Dio. In Platone l’ordine immanente e quello trascendente non comunicano e non interagiscono, il primo deve imitare il secondo, poiché questo ha abbandonato il mondo terreno. E' per questo motivo che l'uomo deve organizzare politicamente il proprio agire, in una dimensione politica dove la collettività ha il primato sul singolo. Nonostante il principium individuationis apollineo avesse ormai definitivamente vinto la sua battaglia contro l'universale dionisiaco ed il tempo della tragedia greca fosse già finito [1], il tempo di Platone scorreva ancora ciclicamente secondo necessità che gli Dei non potevano turbare e alle quali essi stessi erano assoggettati. Il tempo cristiano è governato da una divinità che può tutto e che può intervenire nelle cose terrene secondo disegni imperscrutabili. Il cristiano, eredita dalla cultura giudaica la storia nata dalla creazione del mondo che scioglie il circolo del tempo greco rendendolo lineare e progressivo verso una meta di salvezza. La giustizia dei greci è scalzata dalla colpa dei cristiani e se l’una riguarda l’ordine universale, l’altra investe i singoli individui. In buona sostanza per Platone il concetto di anima (che nelle sue trasmigrazioni ha conosciuto le idee) era un concetto metodologico, squisitamente epistemologico, ossia modello di conoscenza al quale conformarsi per non cadere vittime degli inganni della sensibilità. In altre parole è un concetto più vicino alla razionalità di quanto non si sia inteso successivamente. E' con Agostino che l'anima diventa sede dell'identità personale e della rivelazione della verità della fede. Il registro platonico, da modello di conoscenza diventa strumento di salvezza. Con Agostino l'io diventa oggetto di interrogazione e assume valenza concreta di realtà. Il modello di realtà che prima era esterno all'interrogante adesso è portato al suo interno. E' in questo rivolgimento della filosofia platonica che prende forma l'individuo cristiano [2]. Da qui all'individuo della modernità, con la sua fiducia nella ragione, c'è un altro rivolgimento. Le similitudini tra il cogito cartesiano e l'intima interrogazione delle Confessioni di Agostino sono innegabili ma "se davvero, con Descartes, la prima modernità è caratterizzata «dall'interesse esclusivo per l'io» e dalla

269

«perdita del mondo» (ma il dubbio è lecito), la fase successiva mira piuttosto, in alcune delle sue più rilevanti espressioni, all'acclimatazione del soggetto alla «fertile pianura dell'esperienza» condivisa e al terreno accidentato della storia collettiva. Questa impresa s'intreccia con lo sviluppo del giusaturalismo, che lega il singolo uomo a tutti gli altri in un patto politico artificiale, sottraendolo così al suo isolamento e spingendolo verso l'universalità."[3] L'individuo moderno, titolare di diritti che la collettività non può negargli e che varrebbero etsi Deus non daretur, non ha alcun senso se estratto dal contesto sociale in cui questi diritti hanno riconoscimento. Molto tempo dopo le guerre di religione tra cattolici e protestanti (tutti cristiani) che insanguinarono l'Europa per decenni e da cui l'Europa rinacque ormai secolarizzata, l'individuo fu riconosciuto nel suo contesto sociale e l'atto politico in cui tale individuo venne definitivamente alla luce è la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del 26 agosto 1789. In quel testo si imponevano "l'intreccio di due temi contrapposti, quello dei diritti individuali e quello della volontà generale, che si è soliti associare al nome di Locke il primo, di Rousseau il secondo, e con tanta forza che il problema centrale diventa quello di sapere cosa li unisca, cosa conferisca unità e coerenza a questa dichiarazione." [4] La storia poi prese un'altra strada e quell'individuo, che doveva essere la sintesi delle due tendenze, rimase in bilico, ora spostato tutto da una parte, ora tutto dall'altra. Ciononostante quell'individuo era stato concepito e l'Europa non sarebbe più stata quella di prima. Quando si parla di individuo ci confrontiamo con un concetto dalle molteplici forme e significati, francamente devo ammettere che il concetto di individuo di matrice cristiana su cui si baserebbero le radici dell'Europa moderna mi lascia un po' perplesso. In un libro recente Dario Antiseri si chiede se relativismo, nichilismo ed individualismo siano manifestazioni fisiologiche o patologiche dell’Europa[5]. In quelle che solitamente vengono presentate come le piaghe dell’occidente Antiseri vede giustamente ciò che ha costruito un’Europa aperta al pluralismo dei valori, consapevole dell’assenza di senso assoluto che è sorgente di tolleranza, e dove l’individuo libero, cosciente e responsabile ha il primato rispetto allo Stato. Antiseri riconosce nel concetto di individuo le radici cristiane dell’Europa. Indubbiamente questo concetto sorge con il cristianesimo ed è innegabile che l’individuo, manifestazione di una libera coscienza, si oppone allo Stato totalitario e totalizzante. Il filosofo ci guida per le vie di un pensiero debole che apre alla fede, riconoscendone tuttavia l’infondabilità. Le motivazioni del suo pensiero sono convincenti, a differenza di quanti, dietro il paravento del pensiero forte e dei paramenti papali, nascondono solo un’adolescenziale arroganza. Pertanto se il concetto di individuo, di matrice cristiana, fonda un’Europa dalle radici cristiane è cosa che va considerata seriamente. Tuttavia manca a mio avviso una precisazione di non poco conto per avere un quadro completo della faccenda, ovvero se insieme all’individuo doveva nascere anche il cittadino perché l’Europa, così come la conosciamo, prendesse forma. Se avevano ragione Rousseau ad affermare che il cristiano è un cattivo cittadino, perché incurante dei problemi terreni [6], e Agostino che invocava la subordinazione della città terrena a quella divina[7], mi pare difficile riconoscere al cristianesimo un diritto esclusivo di paternità dell’Europa solo sulla base del concetto di individuo. Il cristianesimo ha creato l’individuo ma non lo ha certamente concepito per le cose terrene. Ma allora l’Europa non sarà mica il regno dei cieli? Comunque sia, se non si possono disconoscere del tutto le radici cristiane dell'Europa, né vedo ragioni per farlo, è anche vero che è forte l'impressione che, come Agostino ha tirato un brutto scherzo a Platone, a volte si confonda l'individuo di Agostino, soggetto recipiente della verità e titolare del rapporto con Dio, con l'individuo sociale della polis. Se l'individuo è l'atomo del discorso (i due termini, individuo/atomo, hanno simili radici, l'uno latina, l'altro greca) è necessario considerare che esistono molti tipi atomi, alcuni non stabiliscono legami con altri atomi, sono i cosiddetti gas nobili, altri non possono esistere se non in stretto legame con altri atomi. La struttura atomica dei gas nobili è stabile, gli orbitali più esterni hanno una configurazione elettronica completa e non presentano valenze di legame disponibili. Per comprendere le interazioni tra gli atomi comuni si deve spostare l'attenzione non tanto sulla loro individualità ma sulla loro valenza, ovvero sulla loro disponibilità a creare legami equilibrando il rispettivo eccesso o difetto di elettroni. Io ho l'impressione che all'individuo, che nasce dal cristianesimo di matrice agostiniana, sia connaturata una sorta di autosufficienza che manca all'individuo che prende forma nella modernità, sebbene non si può non riconoscerne dell'uno la filiazione dall'altro, né si può disconoscere l'evoluzione del concetto di individuo nella cultura cristiana e le implicazioni che questo ha avuto in termini di partecipazione sociale. L'individuo cristiano "adulto" che viene fuori da questa evoluzione più che il padre dell'Europa moderna ne è il figlio. Un'Europa che annovera tra le sue radici Atene, Gerusalemme e Roma, e inevitabilmente l'elaborazione illuministica dell'individuo [8]. Elaborazione che in nessun modo può essere messa da parte, sia pure con tutte le sue degenerazioni successive. Per ritornare alla questione di partenza, De Monticelli scrive della dichiarazione di Betori "questa dichiarazione è la più tremenda, la più diabolica negazione di esistenza della possibilità stessa di ogni morale: la coscienza, e la sua libertà. La sua libertà: di credere e di non credere (e che valore mai potrebbe avere una

270

fede se uno non fosse libero di accoglierla o no?), di dare la propria vita, o non darla, di accettare lo strazio, l'umiliazione di non essere più che cosa in mano altrui, o di volerne essere risparmiato." Monsignor Betori nella sua replica a De Monticelli opera una netta distinzione, a mio avviso assurda, tra libertà di coscienza e auto-determinazione. Il problema è se Betori e De Monticelli si riferiscono allo stesso individuo. A quale individuo fa riferimento Betori? A quello di Agostino o a quello del cristianesimo sociale e del personalismo? All'individuo dell'infanzia cristiana o a quello della sua maturità che ha trovato espressione nel magistero del Concilio Vaticano II? A seconda delle risposte a queste domande la replica di Betori potrebbe apparire persino sensata, anche se devo ammettere che per farla apparire tale lo sforzo deve essere proprio enorme e giustamente Vito Mancusonon ha fatto questo sforzo. Il teologo, non riuscendo a cogliere la pertinenza della distinzione di Betori, chiede "che cosa se ne fa un uomo di una coscienza libera a livello teorico, se poi, a livello pratico, non può autodeterminarsi deliberando su se stesso?". Mancuso, quando pone questa fondamentale domanda e De Monticelli, quando vede la terribile lacerazione nel concetto di individuo aperta dalle affermazioni di Betori, forse hanno in mente un individuo che sostiene Sapere aude! Un individuo che osa guardare alla bellezza e all'orrore dell'esistente, che guarda quell'abisso, ne è meravigliato e atterrito, eppure sa di non potersi sottrarre da quello sguardo. E' un individuo che sa di correre il rischio di rimanere pietrificato da quello sguardo ma lo affronta pur di "consegnare alla morte una goccia di splendore / di umanità / di verità."[9]Monsignor Betori aveva in mente un altro tipo di individuo. Un mio carissimo amico, che non vedo da tanto tempo e che ricordo molto sensibile al discorso della fede, diceva "ci sono tre grandi temi che nostro Signore, nella sua infinita onniscienza, non potrà mai sapere, il primo è quanti soldi hanno i salesiani, il secondo è quanti ordini monastici femminili esistono al mondo e il terzo, di tutti il più arduo, è cosa pensano i gesuiti." Se è impresa ardua per Dio, figuriamoci per filosofi e teologi, e per me che non sono né l'uno né l'altro!
[1] F. W. Nietzsche, La nascita della tragedia. Newton Compton, 1991. [2] U. Galimberti, Il corpo , 2008. [3] R. Bodei, Destini personali. L'età della colonizzazione delle coscienze. Feltrinelli, 2009, p.11 [4] A. Touraine, Critica della modernità. L'epoca moderna tra soggetto e ragione . Il Saggiatore, 2005, p.71 [5] D. Antiseri, Relativismo, nichilismo, individualismo. Fisiologia o patologia dell’Europa? Rubbettino, 2005. [6] J. J. Rousseau, Il contratto sociale. Einaudi, 1966. "Ciò che i pagani avevano temuto è accaduto. Allora tutto ha cambiato aspetto; gli umili cristiani hanno cambiato linguaggio; e ben presto si è visto questo preteso regno dell'altro mondo divenire, sotto un capo visibile, il più violento dispotismo di questo mondo.", p. 206. "Rimane dunque la religione dell'uomo o il cristianesimo, non quello d'oggigiorno ( era il 1761, nota mia) , ma quello del Vangelo, che è del tutto differente. Con questa religione santa, sublime, vera, gli uomini, figli dello stesso Dio, si riconoscono tutti fratelli e la società che li unisce non si dissolve neanche con la morte. Ma questa religione, non avendo alcun legame particolare con il corpo politico, lascia alle leggi la sola forza che esse traggono da se stesse senza conferirne loro alcun'altra; e con ciò uno dei grandi vincoli della società particolare resta senza effetto. Inoltre, invece di far sì che i cuori dei cittadini si affezionino allo Stato, li distacca da esso come da tutte le cose di questo mondo. Non conosco niente di più contrario allo spirito sociale." p. 210. [7] Agostino di Tagaste, La città di Dio. Rusconi, 1984. [8] T. Todorov, Lo spirito dell'illuminismo. Garzanti, 2007. [9] F. De André, I. Fossati, Smisurata preghiera. In: Anime salve, 1996.

LUNEDÌ 30 MARZO 2009

La bellezza salverà il mondo?

“La bellezza salverà il mondo”, scriveva Dostojieski. Josif Brodskij è altrettanto chiaro sulla matrice estetica del comportamento umano quando scrive: “Ogni nuova realtà estetica ridefinisce la realtà etica dell’uomo. Giacché l’estetica è madre dell’etica…”.[1] Luigi Zoja ci riporta all’unica radice greca di due concetti di ‘bello e buono’ che in quel mondo antico non conoscevano distinzione ed avevano una sola parola per essere designati, “kalokagathìa (da kalòs kài agathós, «bello e buono/valido»)”.[2] La salvaguardia dell’ambiente che ci ospita e tutto ciò che può essere messo in atto per realizzare questo obiettivo è spesso oggetto di discussione perché ostacolerebbe la crescita economica e non ci sarebbe accordo sulle reali responsabilità dell’uomo riguardo il degrado ambientale. Ma questo non è solo un problema di economia o di scienza, è soprattutto un problema di estetica e di etica. Fino a che discuteremo se il clima cambia a causa delle emissioni atmosferiche di origine umana e se ridurle possa danneggiare le nostre economie non ci accorgeremo che, fatti salvi i centri storici (non è un caso), le nostre città sono orribili, che le

271

nostre relazioni affettive non sono più beni in sé che accrescono il nostro essere ma sono subordinate ad una pletora di altre attività che sottraggono tutte le nostre energie. Tutto ciò è avvenuto per un’idea di sviluppo che ha portato a quelle emissioni in atmosfera e all'inquinamento in generale di cui tanto si discute. Che siano o no responsabili dei cambiamenti climatici la sostanza dei fatti non cambia, hanno comunque avvelenato la nostra vita.
[1] J. Brodskij, Dall’esilio, Adelphi, Milano, 1987. Cit. In: Luigi Minozzi, Lavisione est-etica nella decisione politica partecipata. éupolis, 45/46, Lug-Dic 2007, p. 83. [2] L. Zoja, Giustizia e Bellezza, Bollati Boringhieri, 2007, p. 20.
LinkWithin

GIOVEDÌ 2 APRILE 2009

Governo degli uomini o governo delle leggi?
Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sulla legge 40 (fecondazione assistita), che sancisce l'incostituzionalità di alcuni commi della legge, tra quelli che furono sottoposti al referendum del 2005 cui venne fatto mancare il quorum, il ministro Bondi, nonchè novello portavoce del PdL, ieri sera al Tg2 ha dichiarato: "E' una sentenza che pone un problema grave per la nostra democrazia. In quanto la sovranità del Parlamento viene intaccata parallelamente alla percezione della sparizione di autorità di garanzia". Nella filosofia politica una delle domande centrali è se sia migliore un governo delle leggi o un governo degli uomini. Norberto Bobbio, nel suo lungimirante 'Il futuro della democrazia' scrive "Lungo tutta la storia del pensiero politico ricorre con insistenza la domanda: «Qual è il governo migliore, quello delle leggi o quello degli uomini?» Le alterne risposte a questa domanda costituiscono uno dei capitoli più significativi e anche più affascinanti della filosofia politica." [1] Come dice il filosofo la domanda non riguarda la forma di governo ma il modo di governare. Il primato della legge è fondato sul presupposto che i governanti tendono ad usare il potere per propri fini e la "superiorità del governo delle leggi percorre senza soluzione di continuità tutta la storia del pensiero occidentale [...] I valori fondamentali, infatti, cui si sono variamente richiamati i fautori del governo della legge, l'eguaglianza, la sicurezza e la libertà, sono tutti e tre garantiti dai caratteri intrinseci della legge intesa come norma generale ed astratta più che dall'esercizio legale del potere" [2] Qui si inserisce un altro argomento rilevante, sottolineato dal costituzionalista Zagrebelsky, ossia che la Carta Costituzionale non è uno strumento di potere, ma uno strumento di garanzia dell'esercizio del potere. Sono distinzioni sottili, che impegnano pensatori da secoli su concetti complessi, disquisizioni enormemente affascinanti ma che a volte diventa difficile seguire per non addetti ai lavori, come me. Distinzioni tuttavia così nette che è davvero imbarazzante sentire un ministro della Repubblica che confonde con tanta leggerezza forma e modo di governo (la democrazia è una forma di governo, la natura costituzionale della nostra democrazia ne è la modalità). Non si è persa neanche l'occasione per fare ricorso, con la sistematicità che ricorda il cane di Pavlov, alla sovranità del Parlamento (leggi sovranità della maggioranza secondo le più recenti traduzioni del Vocabolario delle Libertà!). La maggioranza, qualunque essa sia, deve governare sub lege e quella legge è la Carta Costituzionale, questo almeno sembrerebbe un concetto facile anche alle lumache che escono di sera sul mio terrazzo! Al suo padrone che è tanto affezionato alle citazioni latine (salvo concedersi licenze poetiche dove "simul stabunt, simul cadent" diventa, sicuramente per amor di rima baciata, "simul stabunt, simul cadunt"!) Bondi potrebbe poeticamente ricordare il detto di Cicerone "Omnes legum servi sumus ut liberi esse possumus" (per poter esser liberi siamo tutti servi delle leggi).
[1] N. Bobbio, Il futuro della democrazia. Einaudi, 1995, p. 169. [2] N. Bobbio, op. cit., p. 173-174.

A proposito di poesie mi devo togliere un altro sassolino dalla scarpa. Se non siete di cuore debole vi consiglio di leggere questo blog sull'ars poetica del ministro culturale (perdonatemi, non ce l'ho fatta a riportarle nel mio blog!). Quando mi è capitato di leggere qualcuna delle sue "poesie" ho avuto una stretta al cuore e mi è tornato alla mente un romanzo di Thomas Bernhard che ho letto diversi anni fa, si chiamava 'Il soccombente' e narrava la vicenda di tre pianisti, uno dei quali era l'immenso Glenn Gould. Uno dei tre pianisti, il narratore, sentendo suonare Glenn Gould capì subito che non avrebbe più potuto suonare il piano perchè non avrebbe mai raggiunto la vetta di quel genio. Il terzo, il soccombente, non abbandonò il pianoforte ma il continuo e interiore confronto con Gould lo portò al suicidio. Io suggerirei al poeta Bondi di leggere tanta poesia, di leggere tanti poeti, poi se è dotato di senso estetico (ma tutto sembrerebbe deporre per il contrario), potrebbe imboccare una delle strade suggerite dal romanzo di Bernhard, non necessariamente quella di smettere di scrivere poesie!

272

SABATO 18 APRILE 2009

Individuo a venire e società possibile
“Una carta geografica del mondo che non comprenda Utopia non merita neanche uno sguardo, giacché lascia fuori l’unico paese al quale l’umanità approda di continuo. E quando l’umanità vi arriva guarda altrove, e scorgendo un paese migliore, alza le vele e riparte. Il progresso è la realizzazione delle Utopie.” Oscar Wilde. Una lettura, forse superficiale, del comportamento egoistico dell’individuo nella società contemporanea potrebbe partire dalla premessa se l’individuo sia buono o cattivo per natura. Ma, evitando di ricorrere a simili “robinsonate”, è utile considerare che l’individuo è l’indivisibile che instaura relazioni con i propri simili e si relaziona con l’ambiente che lo circonda. L’individuo è entità aperta agli scambi e non può essere concepito se non nel quadro di questi scambi. L’individuo riconosce sé stesso e l’altro da sé in relazione all’educazione ricevuta, alle esperienze vissute e sicuramente ad aspetti concernenti la sua natura biologica. Se sugli aspetti che potremmo definire naturali dell’individuo non si può e non si intende agire, sugli aspetti culturali appare doveroso aprire una riflessione ai fini di un possibile intervento. Pertanto il dualismo da sciogliere riguardo all’individuo non è buono-cattivo ma se questo è atomo nebulizzato o composto complesso che sorge nella relazione con l’altro. In queste relazioni, che hanno l’impronta della contingenza storica, l’individuo prende forma. Si potrebbe dire che l’individuo è nelle sue relazioni. La dimensione soggettiva è un ibrido di risonanza, per continuare ad usare la metafora presa in prestito dalla chimica, tra quella individuale e quella sociale. La storia del secolo scorso ha mostrato gli esiti tragici dell’estremizzazione di ciascuna delle due polarità ma ha mostrato anche quanto il soggetto sia il risultato di un contesto formativo, in termini squisitamente pedagogici. Contrariamente ai vaniloqui della baronessa Thatcher, che affermava che la società non esiste e che esistono solo gli individui, l’individuo si costituisce nel contesto sociale che a sua volta contribuisce a creare, in un intreccio di relazioni che comportano scambi di valori affettivi, materiali, simbolici. Valori che coinvolgono aspetti privati e pubblici, se vogliamo connotare con questi termini due sfere che interessano membri più o meno legati da vincoli di parentela. Senza voler assegnare alcun primato all’economia, che da alcuni decenni potrebbe paradossalmente esser tacciato d’eresia marxiana più da sinistra che da destra, mi pare abbastanza evidente che il modello economico all’interno del quale si esplicano le relazioni tra soggetti ricopra un ruolo determinante nella formazione dell’entità individuale. Il modello economico, come qualunque modello che abbia valenza sociale, definisce metafore, significati e valori di cui si intridono le nostre esistenze. Per una critica sociale trovo più interessanti questi aspetti che non le prestazioni dei diversi modelli economici. Per quanto sia consapevole della difficoltà di operare una separazione delle due istanze, sono tuttavia convinto che la difficoltà si fa insanabile solo se le prestazioni di un modello economico diventano l’unico metro di valutazione indipendentemente dalle sue premesse costitutive Attualmente i paesi cosiddetti sviluppati condividono un comune modello economico di matrice capitalistica. La liberazione dai bisogni materiali, con cui il capitalismo è identificato in occidente (ho qualche sospetto che dobbiamo aspettare solo pochi anni per tralasciare la connotazione geografica), ha permesso di trasformare un modello economico storicamente contingente in un paradigma sociale con tratti di ineluttabilità. L’esplosione economica successiva alla II guerra mondiale ha liberato grandi masse dalla povertà, ma non ha considerato alcun progetto politico di grande respiro per la realizzazione di un sostrato di adesione sociale che affiancasse la sfera dei bisogni materiali. Se ciò che era rimasto della tradizione liberale ha lasciato questo spazio alla ‘libera’ iniziativa dell’individuo-atomo, ciò che era rimasto della tradizione socialista, confluita nella socialdemocrazia, ha fondato la sua azione “sul presupposto della crescente armonia interna di una società che era ormai soddisfatta nei suoi bisogni fondamentali, benché fosse migliorabile; essi [i testi del riformismo socialdemocratico, nota mia] si fondavano cioè sulla fiducia in una economia di consenso sociale organizzato. Quel consenso non sopravvisse alla fine degli anni ’60.”[1] La dimensione sociale e squisitamente umana è stata data per scontata dalla tradizione liberale come da quella socialdemocratica, perché entrambe hanno creduto che questa sarebbe conseguita alla soddisfazione dei bisogni materiali, ma è stato qui l’errore. Già nel 1921 Robert Musil ci metteva in guardia: “l’organizzazione spirituale non tiene il passo con la crescita numerica […] Ci vuole una politica di organizzazione spirituale: è questione di vita o di morte”[2]. La ‘progressiva’ semplificazione del soggetto umano nella moderna società capitalistica fu esaminata a partire dagli anni ’40 dai pensatori della Scuola di Francoforte che riconobbero nella deriva fascista e nazista gli esiti finali di una logica del dominio. Horkheimer e Adorno ritennero “che è lo stesso illuminismo, nato per liberare gli uomini dai miti, per avviarli a un ordine razionale e renderli padroni della natura e di sé stessi, a produrre nuovi miti: la scienza, la tecnologia, il progresso, l’efficienza”.[3] In piena età di espansione economica Günther Anders poneva la sua attenzione sull’inadeguatezza del nostro apparato emotivo, ovvero sulla “vergogna prometeica” di fronte

273

alla potenza tecnica per cui “ciò che si può fare si deve fare”[4]. Il rapporto con la tecnica non è una novità dei nostri tempi, è stato oggetto di riflessione fin dal mito di Prometeo[5]. Si è sempre trattato di un rapporto conflittuale che ha oscillato tra la necessità dell’“animale incompiuto” di ricorrere alla tecnica e il terrore di esserne dominato. Se un tempo tale rapporto si configurava lungo un asse i cui poli potevano ancora distinguersi (per quanto artificiosa potesse essere la distinzione), oggi tale distinzione appare assurda, poiché la tecnica si pone come “orizzonte totale” al cui interno l’uomo si muove. In questo orizzonte appaiono inconcepibili soluzioni ai problemi umani che esulino dal confine tecnico, le uniche soluzioni plausibili sono esse stesse tecniche [6]. In controtendenza a tale assunto Paolo degli Espinosa[7] ha recentemente messo in luce come l'espansione razionale, tecnologica e produttiva abbia prevalso sulla realizzazione di un modello sociale che ponesse al centro i “beni relazionali” e le “esigenze di significati” dell’uomo e traccia gli elementi di un intervento finalizzato ad accrescere il capitale sociale facendo leva sui “bisogni culturalizzati” della specie umana. La condivisibile critica ad una ragione puramente strumentale, non deve far cadere il sospetto che i problemi del nostro tempo (crisi sociale ed ambientale) siano dovuti ad un difetto di razionalità più che ad un eccesso, a patto di restituire al concetto di razionalità quel respiro ampio che richiede. Un respiro che le esigenze della produzione e del consumo senza limiti hanno reso corto muovendosi in un contesto di mera riproducibilità tecnica ormai estranea alla natura fisica ed agli stessi bisogni umani. Habermas, riferendosi al testo di Horkheimer e Adorno ed alla riduzione della razionalità alla sua forma tecnica e strumentale, fa notare che “La Dialettica dell’Illuminismo non rende giustizia a quel contenuto razionale della modernità culturale che è stato custodito negli ideali borghesi (e con essi anche strumentalizzato): intendo la dinamica teoretica propria che sempre torna a spingere le scienze, e perfino l’autoriflessione delle scienze, oltre la produzione di sapere tecnicamente utilizzabile; intendo ancora le basi universalistiche del diritto e della morale, che hanno trovato anche un’incarnazione (sia pure incompleta e distorta) nelle istituzioni degli Stati costituzionali, in forme di educazione democratica della volontà, in modelli individualistici di formazione dell’identità; intendo infine la produttività e la forza dirompente di profonde esperienze estetiche, che strappano dal suo proprio decentramento una soggettività liberata da imperativi dell’attività utilitaria e da convenzioni della percezione quotidiana.”[8] Dopo l’implosione del comunismo, i cui sviluppi stalinisti erano tra gli elementi alla base della teoria critica di Horkheimer e Adorno[9], il modello capitalistico è rimasto senza altri modelli economici con cui confrontarsi. La perdita di questa dialettica, che anziché accrescere la dimensione sociale dell’umanità ne ha accresciuto l’apparato tecnologico e gli armamenti, ha sancito di fatto un modello di successo che dalla scala planetaria si è diffuso a quella individuale. Il modello capitalistico, passato attraverso questi processi storici, pur continuando a richiamarsi alla tradizione liberale, ne ha dimenticato la complessità morale non mostrando più alcuna dimestichezza ad argomentare tra le libertà che hanno assillato i pensatori del liberalismo ("libertà da", "libertà di", libertà etica, libertà naturale,…). Come ci ha insegnato Norberto Bobbio, da questo filone di pensiero, insieme alla concezione individualistica della società, hanno avuto origine i diritti dell’uomo, ma dalla ‘selezione storica’ delle libertà è sopravvissuto solo il concetto di libertà naturale, o edonistica o utilitaristica. In tale deserto culturale si muove l’attuale modello capitalistico, nell’esaltazione dell’individuo dotato di quella libertà ‘sopravvissuta’ che lo rende consumatore di beni materiali, consumatore tanto più ideale quanto più standardizzato. I beni materiali non si sono aggiunti ai beni affettivi ma hanno scalzato questi ultimi che richiedono un solenne impegno di partecipazione che i primi non chiedono, un impegno che sarebbe di ostacolo alla produzione in serie di beni materiali facili da fruire e soprattutto deperibili. Quello che ne risulta non è l’individuo che la tradizione liberale ha concepito. E’ sempre più facile notare nelle persone imbarazzo nella manifestazione della propria sfera emotiva, imbarazzo che non si prova affatto nell’esibizione di beni materiali. Naturalmente non parlo dell’apprezzabile pudore in ciò che concerne i sentimenti, sempre più avvilito dalla pornografia televisiva del dolore, ma piuttosto di un vero e proprio stravolgimento nell’ordine degli interessi umani. Il punto è proprio qui, per essere veramente individui occorre saper riconoscere cosa realmente ci caratterizza, se un’auto nuova o le relazioni sociali che instauriamo senza il ricorso a strumenti accessori. Nei Lineamenti di filosofia del diritto Hegel ci ha mostrato il significato profondo della “presa di possesso” delle cose ai fini del riconoscimento: “Per la proprietà, in quantoesistenza della personalità, non è sufficiente la mia internarappresentazione e volontà, che una certa cosa debba esser mia; ma si richiede, a tal fine, la presa di possesso. L’esistenza, che quella volontà per tal mezzo consegue, racchiude in sé la riconoscibilità per gli altri.”[10], ma se Hegel delineava chiaramente quale fosse il mezzo e quale il fine, nella prassi attuale si opera un rovesciamento dei termini e non si manifesta alcuna preoccupazione per quanto il filosofo scriveva poche pagine dopo: “Della mia proprietà posso spogliarmi, poiché essa è mia, soltanto in quanto pongo in essa la mia volontà; – sì che io lascio andare da me (derelinquo) la mia cosa, in genere come adèspota, o la abbandono in possesso, alla volontà altrui; – ma soltanto in quanto la cosa è, per sua natura,

274

un che di esteriore. Quindi sono inalienabili quei beni, o più tosto quelle determinazioni sostanziali, così come è imprescrittibile il diritto ad esse, le quali costituiscono la mia persona più propria e l'essenza universale della mia autocoscienza, come la mia personalità in generale, la mia universale libertà di volere, eticità, religione.”[11] Marx, dalla prospettiva dei processi produttivi e delle dinamiche sociali da questi innescate, aveva visto chiaramente i pericoli del capovolgimento dei mezzi in fini, preconizzando quel processo di reificazione dell’uomo che lo avrebbe trasformato in cosa tra le cose. Marx si muoveva in un contesto umanistico e riconosceva all’uomo la capacità di soffrire l’alienazione e di opporvisi, capacità che viene meno in un contesto di “identificazionedell’uomo con la tecnica che, assurta a Soggetto, traduce i presunti soggetti umani in suoi predicati.”[12] Tecnica della produzione materiale e dell’accumulo che, nel suo processo di autonomizzazione, non ha trovato alcun interlocutore valido nella tecnica dell’organizzazione sociale, ovvero nella Politica, la “tecnica regia” che ha il supremo compito di costruire le condizioni perché gli individui agiscano decidendo delle finalità dell’agire stesso, riconoscendosi in sé stessi e nella collettività che condividono. L’individuo quindi non è ancora nato dall’emancipazione dai bisogni materiali, anzi la sua nascita ne è stata fortemente ostacolata. L’uomo è quell’animale capace di creare in sé simboli per rappresentarsi la realtà che vive. Il simbolo è ciò che lo lega agli enti, il ponte che gli consente di tornare a sé per costruirsi una coscienza di quanto lo circonda e lo stimola. L’attività simbolica è un’arma a doppio taglio perché se da un lato gli consente di rappresentarsi il mondo per costruirlo e in-formarlo in sé e di sé, dall’altro lato, per la sua natura astraente, può essere un potente elemento di dissociazione e se l'uomo rimane sul ponte o, peggio, all’interno degli enti che si è rappresentato non resta altro che l’alienazione e tutto il suo essere resta nelle cose. Questa è a mio avviso una peculiarità tipicamente umana, tanto che si potrebbe parlare della scimmia schizofrenica più che della scimmia nuda. Il pericolo della alienazione nelle cose è ripagato dalla stessa sostituibilità degli oggetti che compensa insidiosamente l’innato terrore nei confronti della irreversibilità della vita. Si tratta di una pia illusione, non vivere quel terrore significa semplicemente non vivere. Del resto, sempre da un punto di vista simbolico, il consumo non è legato alla vita bensì alla morte, alla continua uccisione dell’oggetto, che muore al nostro posto. A proposito della produzione industriale Günther Anders sosteneva: “la mortalità dei suoi figli è la garanzia della sua immortalità e della nostra.” [13] Se l’individuo è colui che sa individuarsi nella massa, che si dota della capacità di riconoscere la propria irriducibilità, unicità e irreversibilità nel contesto sociale che vive, allora questo processo di individuazione, o “riconoscimento”, è attualmente ostacolato dai processi di produzione prima e consumo poi, poiché per entrambi i processi la standardizzazione è efficienza, nell’epoca della globalizzazione più che mai. L’emancipazione dai bisogni materiali ha allentato i legami di solidarietà dei gruppi sociali ma questo non ha creato l’individuo emancipato ma solo lo “sciame di consumatori”. Zygmunt Bauman afferma: “è questa fragilità, che si cela sotto l’apparente facilità di liberarsi delle identità individuali e dei legami sociali, ciò che viene rappresentato – nella cultura contemporanea – come l’essenza della libertà. L’unica scelta che questa “libertà” non potrebbe in alcun modo riconoscere, né facilitare o consentire, è la decisione (o forse l’abilità) di perseverare nell’identità che ci siamo già costruiti: il tipo d’attività, cioè, che presume – e necessariamente comporta – la protezione e la sicurezza della rete sociale su cui quell’identità si appoggia, nel momento stesso in cui la riproduce attivamente.”[14] Buona parte della riflessione filosofica e religiosa intorno all’etica non può dirsi priva di responsabilità riguardo alle alterazioni del concetto di individuo che viviamo. L’insostenibile rifiuto di una matrice eudemonistica ed individualistica, rifiuto peraltro smentito se non dalla biologia dalla diffusa massima “ama il prossimo tuo come te stesso”[15], ha fatto sì che troppo spesso l’amor proprio, che Fernando Savater pone come fondamento etico sulla scia di Spinoza, venisse presentato come egoismo. Tale impostazione, forse a causa di una “moralite” kantiana preferita al conatus spinoziano (va bene la letizia ma quella di Spinoza è troppo incerta!), non permette di risolvere quel “disastroso antagonismo posto dalle morali eteronome tra amore per sé stessi e amore per gli altri.”[16] Il filosofo spagnolo entra nel merito di tale “disastroso antagonismo” rilevando come “la modernità, che ha reso l’individualismo non solo socialmente possibile ma obbligatorio, lo carica di un senso di colpa ideologico, lo accusa di asocialità (come se non fosse nato dall’evoluzione stessa della società), egoismo, eccetera, e prevede profeticamente che sarà causa dei peggiori mali tanto per il gruppo che per il singolo membro atomizzato” [17] lasciando spazio al dispiegamento di sistemi, una volta ideologici ed oggi economici, che “confondono il desiderio individuale, del tutto ragionevole, di partecipare con altri alla lotta per ottenere qualcosa con l’ansia atavica e assolutoria di appartenerea qualcosa (di preferenza a qualcosa di incarnato in qualcuno).”[18] Nell’odierna società sviluppata i disagi dell’auto-realizzazione dell’individuo, frutto dell’abbandono del discorso sulle libertà e della confusione intorno al concetto di individuo, sono celati nelle pieghe delle democrazie, dove la prassi ne tradisce i fondamenti, e nelle discrasie intellettuali, dove per fare un esempio la banale conquista di nuovi mercati viene scambiata con l’altisonante globalizzazione. Se da un punto di vista

275

pratico la correzione dell’attuale modello capitalistico è un compito arduo, altrettanto impegnativo è il compito teorico di muoversi nel magma culturale che lo caratterizza, un magma in cui Politica ed Economia si mescolano, non solo da un punto di vista affaristico ma su un piano squisitamente concettuale, in cui una strategia di mercato viene presentata come un grande movimento culturale e via dicendo. Il compito della critica è reso ancor più difficile se l’occidente continuerà a sospirare davanti ai suoi romantici tramonti che periodicamente la dialettica tedesca ci propone e che, attualmente nell’ansiosa ricerca di ancelle per la fede, non si preoccupa di operare alcuna distinzione tra ragione, scienza e tecnica [19]. Nella lettura dell’attuale condizione di spaesamento dell’individuo mettere nello stesso calderone ragione, scienza, “lo sviluppo tecnologico e l’industrializzazione con esso collegata”, a mio modesto parere rivela una certa superficialità interpretativa. Se “la spietata lezione dell’identità di dominio e ragione” aveva un senso e un fondamento nella critica sociale di Horkheimer e Adorno, meno sensato appare oggi, soprattutto da parte di detentori del potere (sia pure morale), non tenere conto che le due sfere della ragione e del potere “sono talmente intessute l’una nell’altra che devono essere separate proceduralmente, e cioè sempre di nuovo, dal pensiero mediatore. […] i partecipanti al discorso devono presupporre che sotto le inevitabili premesse comunicative del discorso argomentativo si riveli solo la libera costrizione dell’argomento migliore.” [20] A complicare ancora di più le cose concorre la natura polisemica del termine potere. Il razionalista inglese Bertrand Russell faceva notare che “la scienza come forza intellettuale è scettica e in qualche modo distrugge la coesione sociale, mentre come forza tecnica ha proprio le qualità opposte” [21]. Il riduzionismo ed il determinismo di cui si accusa la scienza, con esemplare anacronismo, non è della stessa natura del riduzionismo e determinismo tecnico, l’uno si inscrive nel quadro analitico e procedurale del potere come apertura al possibile, l’altro affonda le sue radici nell’antropologia del potere come realizzazione del dominio sulle coscienze e sui corpi. Indubbiamente il “possibile” senza confini che siano collettivamente considerati invalicabili può portare a conseguenze devastanti, ma è dalla vituperata tradizione illuminista che sorge la consapevolezza del limite che caratterizza proprio la ragione di cui la scienza dovrebbe alimentarsi. “Kant ritiene che l’Illuminismo debba segnare un limite della pretesa di un sapere universale, di cui invece si alimentano le religioni, le teosofie e le metafisiche”[22], sarebbe pertanto davvero sorprendente scoprire che se la radice del disagio contemporaneo è attribuibile, secondo alcuni pensatori odierni, alla tradizione illuminista, gli esiti sono invece dovuti alla commistione di questa cultura con “altre forme di conoscenza” di matrice fideistica, ma questo è un altro discorso. Per farla breve, volendo tracciare un bislacco continuum che va dalla ragione alla produzione industriale passando per la scienza e la tecnica, potremmo disegnare una linea parallela a quella che va dalla fame di conoscenza e significati alla morte per indigestione dopo un’abbuffata di cibo guasto. Per tornare al tema di questo intervento, come afferma Urlich