: â.

rtªªt ^:srstst-
^-:t: mt.::· '-ªt:IIr-tt .r-s:: :-:t:r r:-.tr
l- ³-trt
i
j

Ascoltando chitarristi quali Joe Pass, Joe Diorio, Ves Mongomery, Kenny Burrell, Barney Kessel,
George Benson, Bireli Lagrene, 1uck Andress, Allan loldsworth, ecc. ·i sara di sicuro capitato
di soííermar·i su alcune parti dell'impro··isazione nelle quale a·rete sentito accordi muo·ersi
come linee di solo. Stiamo parlando per l'appunto in questo caso dei "chord scale" cioe impro··isare
a··alendosi dell'uso degli accordi.
Questo diííicile quanto aííascinante modo di impro··isare richiede un note·ole impegno che cta
nell'imparare correttamente i principi íondamentali dell'armonia e studiare le linee dei chord scale
in modo da a·ere una ben libera coscienza e soprattutto liberta armonica, quando si giunge
all'impro··isazione.
Molti chitarristi si autolimitano in quanto non espadono armonicamente lo studio dello strumento.
Usare gli accordi nel solo aiuta tra l'altro ad esprimersi con consape·olezza e soprattutto con
maturita sui cambi.
Credetemi i beneíici che se ne traggono non sono limitati esclusi·amente alla musica jazzma
possono anche essere applicati in qualsiasi altro genere quale il Rock ,abbiamo ad esempio Lric
Johnson che li usa molto,, al íunky ,basta ascoltare turnisti quali Paul Jackson Jr o Carlos Rios,.
Procurate·i per cominciare album nei quali potrete ascoltare chitarristi che suonano in questo
stile come per esempio "Virtuoso 1 & 2" di Joe Pass, "Narayani" di Joe Diorio, "Standards" di
Bireli Lagrene, "1he Poll Vinners" di Barney Kessell, "1he Incredible Guitar oí Ves Mongomery"
di Ves Mongomery.
La prima cosa e imparare a íar suonare gli accordi come delle scale regolari, cominceremo o··iamente
con la scala maggiore ed in seguito s·ilupperemo anche le altre. In ultimo tenete presente che il
chord scale ·a integrato con l'impro··isazione su corde singole.
1) Na]or 7 Chord ScalefIonico
Supponiamo ad esempio che qualcuno ,un pianista o un altro chitarrista,stia suonando un accordo
della íamiglia dei Major¯ per esempio CMa¯ o CMa9 o CMa13 o C6,9, in questo caso ·oi
potrete usare il chord scale senza dare ascun íastidio a chi ·i suona l'armonia.

^'/'
!
!
!
!
3
^mt''-too¹'
!
!
!
!
5
^mt'
!
!
!
!
7
^'/'
!
!
!
!
9
^'/'
!
!
!
!
10
^mt'
!
!
!
!
12
^'/'
!
!
!
!
1+
^'/'
!
!
!
!
š
™

3
3
2
2
5
5
4
3
7
5
5
5
8
8
7
7
10
10
9
9
12
12
10
10
13
13
12
12
15
15
14
14
i
j

Nel sound Lidio, come molti di ·oi ben sapranno, la caratterista determinante e la presenza della
44 ,o 411 o b5,, in questo caso staremo praticamente suonando la scala maggiore di G sull'accordo
di CMa¯ cioe il modo Lidio. Diíatti la scala maggiore di G contiene il l4 che e la 44 in C.
Anche in questo caso la scala e suonata al top dei ·oicings.
Semplicemente per il íatto che sono tutte armonizzazioni di ·oicings di Major¯ ed aííini, estratte
dalla scala maggiore di C ,Modo Ionico,. Vi chiederete do·'e la scala maggiore· La scala maggiore
di C e suonata sul top dei ·oicings cioe sulla prima corda pertendo dalla nota G ed arri·ando íino
all'otta·a superiore.
C'e da tenere in considerazione che íin quando i bassi dell'accordo arri·ano massimo alla 4a corda
della chitarra non ci sono problemi, di·ersamente di·errebbe tutto piu impegnati·o e ·incolante
soprattutto quando si suona con altri strumenti che accompagnano.
Una ·olta imparato bene un chord scale in C potrete trasporlo ed impararlo in altre tonalita.
Vi consiglio di studiarne una per ·olta e molto lentamente in quanto la memorizzazione e molto
lenta e diííicoltosa.
2) Na]or 7 Chord ScalefLidio

^'/'
!
!
!
!
+
^mt''-³'''
!
!
!
!
5
^mt'-³'''
!
!
!
!

7
^'/'
!
!
!
!
9
^'/'
!
!
!
!
10
^mt'-³'''
!
!
!
!

12
^mt'-³'''
!
!
!
!

1+
^'/'
!
!
!
!
š
™

3
3
2
2
5
5
4
4
7
7
5
5
8
8
7
7
10
10
9
9
12
12
11
10
14
13
12
12
15
15
14
14
ì
i
j

Il sound dorico appartiene agli accordi di minor¯ ed e proprio su di essi che andremo ad applicarlo.
3) Ninor 7 Chord Scalef Dorico

^-.'
!
!
!
!

3
^-.''
!
!
!
!
!

5
^-.''
!
!
!
!

8
^-.'
!
!
!
!

8
^-.'
!
!
!
!

10
^-.''
!
!
!
!

10
^-.''
!
!
!
!

3
1
3
1
5
4
3
5
3
6
6
5
5
8
8
8
8
10
8
8
8
11
11
12
10
13
11
12
10
?

DOIXQN\ EDVWDDVFROWDUHWXUQLVWLTXDOL3DXO-DFNVRQ-UR&DUORV5LRV.

HVVHOO7KH.QFUHGLEOH*XLWDURI:HV0RQJRPHU\ GL:HV0RQJRPHU\ /DSULPDFRVDqLPSDUDUHDIDUVXRQDUHJOLDFFRUGLFRPHGHOOHVFDOHUHJRODULFRPLQFHUHPRRYYLDPHQWH FRQODVFDODPDJJLRUHHGLQVHJXLWRVYLOXSSHUHPRDQFKHOHDOWUH.QXOWLPRWHQHWHSUHVHQWHFKHLO FKRUGVFDOHYDLQWHJUDWRFRQO LPSURYYLVD]LRQHVXFRUGHVLQJROH . 3URFXUDWHYLSHUFRPLQFLDUHDOEXPQHLTXDOLSRWUHWHDVFROWDUHFKLWDUULVWLFKHVXRQDQRLQTXHVWR VWLOHFRPHSHUHVHPSLR9LUWXRVR GL-RH3DVV1DUD\DQLGL-RH'LRULR6WDQGDUGVGL %LUHOL/DJUHQH7KH3ROO:LQQHUVGL%DUQH\.

0DMRU&KRUG6FDOH.RQLFR 6XSSRQLDPRDGHVHPSLRFKHTXDOFXQR XQSLDQLVWDRXQDOWURFKLWDUULVWD.

VWLDVXRQDQGRXQDFFRUGR GHOODIDPLJOLDGHL0DMRUSHUHVHPSLR&0DR&0DR&0DR&LQTXHVWRFDVRYRL SRWUHWHXVDUHLOFKRUGVFDOHVHQ]DGDUHDVFXQIDVWLGLRDFKLYLVXRQDO DUPRQLD # #-AuADD #-A    #  #  #-A  #  # i ! !  ! !      ! ! ! !     ! ! ! !     ! ! ! !     ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! š ™! ! ! !     j              .

 6HPSOLFHPHQWHSHULOIDWWRFKHVRQRWXWWHDUPRQL]]D]LRQLGLYRLFLQJVGL0DMRUHGDIILQLHVWUDWWH GDOODVFDODPDJJLRUHGL& 0RGR.RQLFR.

9LFKLHGHUHWHGRY qODVFDODPDJJLRUH"/DVFDODPDJJLRUH GL&qVXRQDWDVXOWRSGHLYRLFLQJVFLRqVXOODSULPDFRUGDSHUWHQGRGDOODQRWD*HGDUULYDQGRILQR DOO RWWDYDVXSHULRUH & qGDWHQHUHLQFRQVLGHUD]LRQHFKHILQTXDQGRLEDVVLGHOO DFFRUGRDUULYDQRPDVVLPRDOODDFRUGD GHOODFKLWDUUDQRQFLVRQRSUREOHPLGLYHUVDPHQWHGLYHUUHEEHWXWWRSLLPSHJQDWLYRHYLQFRODQWH VRSUDWWXWWRTXDQGRVLVXRQDFRQDOWULVWUXPHQWLFKHDFFRPSDJQDQR 8QDYROWDLPSDUDWREHQHXQFKRUGVFDOHLQ&SRWUHWHWUDVSRUORHGLPSDUDUORLQDOWUHWRQDOLWj 9LFRQVLJOLRGLVWXGLDUQHXQDSHUYROWDHPROWROHQWDPHQWHLQTXDQWRODPHPRUL]]D]LRQHqPROWR OHQWDHGLIILFROWRVD .

0DMRU&KRUG6FDOH/LGLR 1HOVRXQG/LGLRFRPHPROWLGLYRLEHQVDSUDQQRODFDUDWWHULVWDGHWHUPLQDQWHqODSUHVHQ]DGHOOD  RRE.

LQTXHVWRFDVRVWDUHPRSUDWLFDPHQWHVXRQDQGRODVFDODPDJJLRUHGL*VXOO DFFRUGR GL&0DFLRqLOPRGR/LGLR'LIDWWLODVFDODPDJJLRUHGL*FRQWLHQHLO)FKHqODLQ& $QFKHLQTXHVWRFDVRODVFDODqVXRQDWDDOWRSGHLYRLFLQJV # #-Au #-Au #     # #-Au #-Au    # i ! !  ! !  ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! š ™! ! ! ! j                                  .

 .

0LQRU&KRUG6FDOH'RULFR .OVRXQGGRULFRDSSDUWLHQHDJOLDFFRUGLGLPLQRUHGqSURSULRVXGLHVVLFKHDQGUHPRDGDSSOLFDUOR #MI  #MI  #MI  #MI  #MI  #MI  #MI i !  !!  !  ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !  ! !  ! ! ! ! ! ! ! ! j                               .