P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G.

Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
12 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
Fibre ottiche per Telecomunicazioni:
fibre monomodali
P. Di Vita, V. Lisi, M. Giaconi, G. Vespasiano (*)
Questo articolo presenta i parametri trasmissivi caratteristici delle fibre ottiche monomodali
e la trasmissione di solitoni su fibra.
Tra i parametri caratteristici sono stati considerati la lunghezza d’onda di taglio, il raggio
modale, la dispersione cromatica. In particolare si considera l’importanza del raggio modale
ai fini della determinazione delle perdite di accoppiamento e delle perdite per curvatura della
fibra. La dispersione cromatica, legata alle caratteristiche spettrali della sorgente ottica,
viene ricondotta alla somma di tre contributi principali; viene mostrata in particolare la
dipendenza di uno di questi, la componente di guida, dal raggio modale.
Vengono infine presentate la trasmissione di solitoni in fibra e le prospettive che così si
aprono nel mondo della comunicazione ottica.
mezzo trasmissivo risulta nel suo insieme più uniforme,
riducendo così il fenomeno della diffusione (dovuta a
disomogeneità su piccolissima scala).
Un ulteriore vantaggio, soprattutto sotto l’aspetto
della progettazione del sistema, deriva dal fatto che tutti
i parametri di trasmissione sono univocamente
determinati. Non c’è, come nel caso delle fibre
multimodo, un’incertezza derivante dalle differenti
condizioni di eccitazione dei vari modi, o dai fenomeni
di conversione di modo che possono mutare l’andamento
della distorsione dell’impulso in funzione della
lunghezza di fibra in maniera non sempre prevedibile.
Per le fibre monomodo tale andamento è sempre lineare.
A tutti questi vantaggi va aggiunto quello non
indifferente di un costo potenzialmente più basso, perché
la fabbricazione è più rapida e non richiede un controllo
accurato sul profilo di indice di rifrazione, come nel
caso delle fibre multimodo. Vi sono però anche degli
inconvenienti, dovuti per lo più alle ridotte dimensioni
del nucleo della fibra (diametro di 5÷10µm) ed alla
piccola differenza di indice di rifrazione tra nucleo e
mantello (1÷2%). Ciò comporta maggiori problemi
nella realizzazione di giunti e connettori tra fibre, nonché
nelle misure dei parametri di caratterizzazione della
fibra. Lo sviluppo di macchine automatiche ha
praticamente risolto il primo problema: sono attualmente
realizzabili giunti e connettori che assicurano
allineamenti con precisione al micron, soddisfacendo
1. Introduzione
Le caratteristiche generali delle fibre ottiche per
telecomunicazioni sono state illustrate in un articolo
precedente [1], in questo lavoro verranno approfonditi
i parametri trasmissivi caratteristici delle fibre
monomodali che rappresentano la assoluta maggioranza
della rete mondiale in fibra ottica.
Le fibre ottiche monomodali sono guide d’onda in
grado di propagare una sola configurazione di campo: il
modo fondamentale HE
11
o LP
01
; il loro vantaggio più
evidente, rispetto alle multimodali, è quindi l’assenza
della dispersione intermodale; quanto alla dispersione
intramodale, essa può essere annullata ad una specifica
lunghezza d’onda. Questo può portare a enormi capacità
di trasmissione, con bande trasmissibili di diverse
migliaia di GHz per chilometro di fibra [1]. Anche per
ciò che riguarda l’attenuazione, le fibre monomodo si
mostrano migliori di quelle multimodo; infatti, essendo
richiesta una minore apertura numerica e un nucleo più
piccolo, occorre un drogaggio minore degli strati interni,
durante la fabbricazione. Questo significa in generale
che si hanno minori perdite, non solo perché il drogante
può introdurre ulteriori attenuazioni, ma anche perché il
(*) dott. Pietro Di Vita - CSELT - Torino; dott.ssa Vincenza Lisi -
Università di Torino - Torino; ing. Mauro Giaconi, ing. Gaetano
Vespasiano - SSGRR - L’Aquila
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 13
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
d
2
E
dr
2
+
1
r
dE
dr
+ s(r)V
2
− w
2

ν
2
r
2
¸
¸

_
,

E · 0, (2)
dove ν è il numero quantico azimutale, w è legato alla
costante di propagazione longitudinale β e la definizione
della frequenza normalizzata V è stata generalizzata,
per fibre con profilo non a gradino, come segue:
V ·

λ
aA. (3)
Ciascun modo LP
νd
è individuato da una coppia di
valori di ν e w, che assicurano l’esistenza di una soluzione
non nulla della (2), soddisfacente alle condizioni al
contorno. Queste ultime sono:
a) regolarità del campo per r=0;
b) decadimento a 0 del campo per r→∞ sufficientemente
rapido, in modo da garantire un contenuto energetico finito;
c) continuità della derivata logaritmica del campo
all’interfaccia nucleo-mantello, ovvero per r=1.
L’ultima condizione deriva dall’imporre l’esistenza di
una soluzione non nulla delle equazioni risultanti dalla
continuità delle componenti tangenziali del campo
elettrico all’interfaccia nucleo-mantello; ciò è sufficiente
a garantire un’analoga continuità anche per le componenti
del campo magnetico, nel caso di debole guidanza.
2.1 Lunghezza d’onda di taglio teorica
La tabella 1 mostra la composizione dei modi
linearmente polarizzati in termini di modi semplici. Ad
esempio il primo modo di ordine superiore LP
11
è una
combinazione dei modi TE
01
, TM
01
, HE
21
, mentre il
modo fondamentale LP
01
si compone del solo modo
HE
11
. Si noti tuttavia che ciascuno dei modi ibridi (EH
oppure HE) corrisponde in effetti a N=2 modi distinti,
ciascuno caratterizzato da una delle due possibili
polarizzazioni lineari incrociate, e quindi N=2 per LP
01
mentre N=4 per LP
11
.
Come già detto un importante parametro per
caratterizzare le fibre monomodo è la lunghezza d’onda
di taglio λ
c
del primo modo di ordine superiore, e cioè
del modo LP
11
. Essa si deduce dalla corrispondente
frequenza normalizzata di taglio V
11
T
ricavata dalla (3):
così le stringenti tolleranze per questo tipo di fibra. Per
ciò che riguarda il secondo problema, si è ritenuto
conveniente caratterizzare la fibra attraverso alcuni
parametri globali, semplici da misurare e tuttavia
significativi dal punto di vista delle applicazioni. A
parte l’attenuazione, la cui tecnica di misura non è
sostanzialmente diversa da quella delle fibre multimodo,
sono tre i parametri con cui si caratterizza la fibra:
- la lunghezza d’onda di taglio del modo di ordine
superiore, che pone un limite inferiore (in termini di
lunghezze d’onda) all’intervallo spettrale di
utilizzazione della fibra;
- il raggio del campo modale, il cui valore permette di
valutare importanti quantità come le perdite per
microcurvature (perdite di cablaggio) e le perdite ai giunti;
- la dispersione cromatica, che permette di valutare
la distorsione dell’impulso in funzione delle
caratteristiche spettrali della sorgente.
I limiti trasmissivi imposti dalla natura dispersiva
della fibra possono essere superati sfruttando uno
degli effetti di non linearità che si realizzano in fibra
quando l’intensità della radiazione è sufficientemente
elevata. Infatti, quando gli impulsi hanno forma
opportuna ed una potenza di picco adeguata, è possibile
compensare l’effetto di allargamento temporale degli
impulsi dovuto a dispersione lineare del mezzo: si
parla in questo caso di solitoni. Nella parte finale
dell’articolo vengono chiarite le ipotesi che rendono
possibile la produzione di solitoni in fibra, vengono
presentate le classi di solitoni possibili con le rispettive
caratteristiche, vengono illustrate le applicazioni
proposte ed i risultati raggiunti.
2. Taglio del modo superiore
Nel seguito si indica con E la componente trasversa del
campo elettrico associato ai modi HE
ν+1,d
e EH
ν–1,d
; nel
caso di debole guidanza (ovvero di piccola differenza
percentuale tra l’indice di rifrazione del mantello ed il valore
massimo dell’indice di rifrazione nel nucleo), questi
degenerano in un unico modo, denominato LP
νd
[1]. La
coordinata radiale r si intende normalizzata al raggio a del
nucleo, e si introduce inoltre la funzione profilo s(r) così
definita:
s r ( ) ·
n
2
r ( ) − n
1
2
A
2
, r <1
0, r ≥ 1
¹
'
¹
¹
¹
(1)
dove n
1
è l’indice di rifrazione (uniforme) del
mantello, ed A · n
2
0 ( ) − n
1
2
è l’apertura numerica
massima della fibra. Per la funzione s(r) vale la
proprietà s(r)≤1 per r<1.
Con tali assunzioni l’equazione del campo (cfr. (38)
in [1]) si può così riscrivere:
Tabella 1 Composizione dei modi linearmente
polarizzati e numero di modi semplici
componenti
Modo LP Modi componenti # modi, N
LP
0p
HE
1p
2
LP
1p
TE
0p
- TM
0p
- HE
2p
4
LP
qp
EH
q-1,p
- HE
q+1,p
4
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
14 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
λ
c
·

V
11
T
aA . (4)
La condizione di taglio si ha quando w=0 (cfr. § 3.1.6
in [1]), cioè quando la costante di propagazione
longitudinale eguaglia il numero d’onda nel mantello:
β ·

λ
n
1
. Quindi V
11
T
si può ottenere come il primo
autovalore della seguente equazione differenziale
(ricavata dalla (2) per w=0 e ν=1):
d
2
E
dr
2
+
1
r
dE
dr
+ s(r)V
2

1
r
2
¸
¸
_
,
E · 0. (5)
Si indichi con E
1
la soluzione della (5) all’interno del
nucleo, ovvero per r<1, e con E
2
quella per r>1 (e quindi
s(r)=0). In Appendice A viene mostrato che la condizione
al contorno b) implica
E
2
(r) ·
h
r
, (6)
con h costante arbitraria. Si noti che tale tipo di campo
ha un contenuto energetico infinito (come si vede
integrando su tutto il piano trasverso tale E
2
(r)), quindi
non si tratta di un modo guidato. Ciò non deve
meravigliare perché il modo è al taglio. Per quanto
riguarda la soluzione della (5) nel nucleo, imponendo la
condizione al contorno c), si ha:
1
E
1
r ( )
dE
1
r ( )
dr
r·1
·
1
E
2
r ( )
dE
2
r ( )
dr
r·1
· −1. (7)
Moltiplicando la (5) per r, integrando tra 0 e 1, ed
applicando la (7), si ottiene:
V
11
T
· E
1
1 ( ) +
E
1
(r)
r
dr
0
1

s(r)E
1
(r)rdr
0
1

¸

1
]
1
1
1
1
1
1
2
. (8)
Questa non è una soluzione esplicita per V
11
T
in quanto
E
1
(r), essendo soluzione della (5), contiene anche V
11
T
. Si
possono però tentare attraverso la (8) delle soluzioni
approssimate soddisfacenti, rappresentando E
1
(r) con
funzioni semplici, ma realistiche, che soddisfino la proprietà
(7). In Appendice B si mostra come determinare una soluzione
approssimata della (5) per 0≤r<1, mediante uno sviluppo
in serie di Taylor del campo elettrico E
1
(r), sfruttando le
condizioni al contorno a) e c): il risultato è: E
1
(r)≈3r-2r
2
, che
fornisce la seguente espressione di λ
c
(eq. (4) e (8)):
λ
c
·

3
aA s(r) 3 − 2r ( )
0
1

r
2
dr
¸
¸

_
,

1
2
. (9)
Questa equazione dà errori inferiori al 2% per profili
convenzionali. Si nota in particolare che λ
c
è direttamente
proporzionale al raggio del nucleo, alla apertura numerica
massima e dipende in una certa misura dal valore
sotteso dalla funzione profilo. Questo significa che nel
progetto di fibre monomodo si può operare su tutti e tre
questi parametri per ottenere il valore opportuno di λ
c
.
2.2 Lunghezza d’onda di taglio efficace
Per λ>λ
c
il modo LP
11
non è più guidato: ciò
significa che quando viene eccitato subisce perdite per
irradiazione. Il valore della costante di perdita γ
11
è tanto
maggiore quanto più λ è maggiore di λ
c
; mentre, per λ
sufficientemente prossimo a λ
c
, la costante di perdita
può essere così bassa da far sì che il modo sia
effettivamente presente in misura apprezzabile. Stando
così le cose, e desiderando che il contributo del modo
LP
11
sia trascurabile, si preferisce definire una lunghezza
d’onda di taglio efficace λ
ce
tale che per λ maggiore di
λ
ce
il modo LP
11
sia effettivamente trascurabile rispetto
al modo fondamentale LP
01
.
Detti E
11
ed E
01
i valori di energia dei due modi, in
una qualunque sezione della fibra si ha:

E
01
z ( ) · E
01
0 ( )e
−γ
01
z
; E
11
z ( ) · E
11
0 ( )e
−γ
11
z
. (10)
La frazione di energia presente nel modo LP
01
in una
data sezione della fibra può essere espressa come:

η ·
E
01
E
01
+ E
11
. (11)
Dalla (10) si vede che in z si ha (essendo γ
01
<<γ
11
):
η · 1+ η
0
−1
−1
( )
e
−γ
11
z
[ ]
−1
, (12)
dove η
0
è il valore di η all’ingresso della fibra (z=0) e,
se i modi sono egualmente eccitati (ad esempio tramite
una sorgente che illumini in maniera uniforme tutta la
superficie del nucleo) si ha: η
0
≈1/3; infatti il modo
LP
11
, essendo composto da quattro modi semplici
(Tab. I), ha energia doppia rispetto al modo LP
01
. La
quantità η di (12) dipende da λ attraverso γ
11
; essa vale
η
0
per λ=λ
c
e gradualmente cresce con lambda tendendo
asintoticamente a 1 e solo allora la fibra è effettivamente
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 15
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
monomodo. Quindi λ
ce
si definisce come quel valore
di λ per cui la curva η(λ) vale una quantità prefissata
prossima a 1, detta η
c
(per esempio η
c
=0.98), in modo
che per λ>λ
ce
il contributo del modo LP
11
risulti
effettivamente trascurabile. Imponendo questa
condizione nella (12), si ottiene:
γ
11
λ
ce
( ) ·
1
z
ln
η
0
−1
−1
η
c
−1
−1
¸
¸

_
,

. (13)
La (13) tuttavia non definisce univocamente la
lunghezza d’onda di taglio efficace λ
ce
, a meno che non
si specifichino la lunghezza della fibra z e, soprattutto, le
condizioni di curvatura della stessa. Infatti, i modi vicini
alla propria condizione di taglio soffrono maggiormente
per perturbazioni esterne, quali sono appunto le curvature.
Per il modo LP
11
le considerazioni precedenti si possono
riassumere nella seguente legge empirica:
γ
11
λ ( ) ·
1
z
e
−C λ−λ
c
( )
2
−1

¸

1
]
1
, (14)
dove il parametro C definisce proprio la sensibilità della
fibra alle curvature (il suo valore dipende, tra l’altro, dal
profilo d’indice). Per questo motivo λ
ce
è definita in
condizioni standard (per esempio z=2m e curvatura di
raggio l4cm). In pratica si riscontrano differenze tra λ
ce
e λ
c
di 100nm o più. La lunghezza d’onda di taglio cui
bisogna fare riferimento nel progetto di fibre monomodo
è ovviamente λ
ce
piuttosto che λ
c
.
2.3 Taglio del modo fondamentale
Per le fibre con profilo d’indice a mantello continuo
(matched-cladding) [1] la frequenza normalizzata di
taglio del modo fondamentale è teoricamente nulla.
Tuttavia, all’aumentare della lunghezza d’onda la
distribuzione di campo del modo penetra sempre più
profondamente nel mantello con un aumento delle
perdite per micro e macrocurvature. Quindi, sebbene il
valore teorico della lunghezza d’onda di taglio del
modo LP
01
sia infinito, si deve concludere che anche per
il modo fondamentale esiste una lunghezza d’onda di
taglio efficace. Se poi l’indice di rifrazione in parte del
nucleo è minore rispetto al valore nel mantello, allora
anche la lunghezza d’onda di taglio teorica può essere
finita, si può dimostrare che ciò avviene quando [2,3]
s(r)rdr < 0
0
1

, (15)
che corrisponde ad un valore dell’indice di rifrazione
medio nel nucleo minore rispetto a quello nel mantello.
3. Raggio modale
E’ preferibile caratterizzare i parametri dimensionali
delle fibre monomodo attraverso proprietà legate alla
propagazione, anziché attraverso quantità ottico-
geometriche (quale il raggio del nucleo). Il vantaggio di
questa scelta è doppio: i parametri così definiti sono più
facili da valutare e inoltre permettono una applicazione
immediata nella previsione delle prestazioni trasmissive
(perdite di accoppiamento e per curvatura, dispersione
di guida, etc.). In particolare è utile disporre di un
parametro che definisca, con il suo valore, la
distribuzione di ampiezza del campo nel nucleo e nel
mantello della fibra. Per il modo fondamentale di una
fibra con profilo d’indice a gradino l’andamento del
campo risulta (cfr. (46), (48) in [1]):
E r ( ) ∝ J
0
ur ( ), r <1
E r ( ) ∝ K
0
wr ( ), r >1
¹
'
¹
(16)
dove J
0
(
.
) e K
0
(
.
) sono rispettivamente la funzione di
Bessel di prima specie e la funzione di Bessel modificata
di seconda specie e si ricorda che (cfr. (46)÷(52) [1]):
u · a k
2
n
0
2
− β
2
w · a β
2
− k
2
n
1
2
V
2
· u
2
+ w
2
¹
'
¹
¹
¹
¹
¹
(17)
e si è posto n
0
=n(0) e k=numero d’onda nel vuoto=2π/λ
(1)
.
Tuttavia la distribuzione radiale del campo dipende,
oltre che dalla lunghezza d’onda della luce (tramite u e
w), dall’effettivo andamento dell’indice di rifrazione
nella fibra. Poiché si stanno considerando le fibre
monomodali, e poiché la propagazione del modo
fondamentale è molto simile a quella di un fascio
gaussiano, si può pensare di utilizzare una funzione
gaussiana per approssimare l’effettiva distribuzione di
ampiezza:
E r ( ) ≈ E
0
exp - r w
g ( )
2

¸

1
]
1
. (18)
In questo caso quindi si definisce raggio modale
(gaussiano) il valore del parametro w
g
che meglio adatta
la distribuzione (18) a quella effettiva. Ciò corrisponde
a determinare il raggio modale della distribuzione di
campo gaussiana che, eccitando la fibra, accoppia la
massima potenza nel modo fondamentale. Assumendo
valida la (18), w
g
è la distanza dall’asse della fibra per
(1) Si noti che la medesima quantità è stata indicata con k
V
in [1].
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
16 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
cui l’ampiezza del campo è 1/e≈0.37 e la sua intensità
è 1/e
2
≈0.135 del corrispondente valore sull’asse.
La distribuzione radiale del campo è rigorosamente
gaussiana solo per il modo fondamentale di una fibra con
profilo d’indice interamente parabolico (anche nel
mantello), mentre non lo è mai per le fibre monomodali
con mantello omogeneo. Peraltro, il decadimento del
campo nel mantello è espresso da una funzione di Bessel
modificata di seconda specie (vedi le (16)), quindi una
approssimazione gaussiana tende a sottostimare il campo
evanescente nel mantello. Inoltre questa approssimazione,
che è buona in prossimità della lunghezza d’onda di
taglio del modo LP
11
, diventa meno accurata all’aumentare
della lunghezza d’onda. Si può comprendere allora come
alla definizione appena proposta per il raggio modale sia
opportuno affiancarne delle altre, che meglio descrivono
il comportamento della fibra in riferimento ad alcuni dei
fenomeni propagativi.
A prescindere dalla definizione adottata, la
determinazione operativa del raggio modale si poggia
sulla rilevazione sperimentale della distribuzione di
intensità del campo guidato dalla fibra. Se tale rilevazione
viene effettuata da un punto molto vicino alla faccia
estrema della fibra si parla di campo vicino (near-field),
si è invece in condizione di campo lontano (far-field)
quando la distanza R del punto da cui si valuta l’intensità
luminosa dall’estremità della fibra è R >> w
g
2
/ λ.
Naturalmente la distribuzione di intensità è proporzionale
alla distribuzione radiale di potenza nella fibra, ed è
quindi di immediata comprensione la definizione di
raggio modale di near-field come [4]:
w
n
·
r
2
E
2
r ( )rdr
0


E
2
r ( )rdr
0

¸

1
]
1
1
1
1
1
1/ 2
. (19)
Grazie al fattore di normalizzazione a denominatore,
che è proporzionale alla potenza in uscita dalla fibra, w
n
è lo scarto quadratico medio della distribuzione radiale
di intensità. Si noti che la (19) ricorda, per analogia, la
definizione del momento d’inerzia di una trave cilindrica
non omogenea che avesse come densità specifica
l’intensità quadratica del campo.
Quando R >> w
n
2
/ λ, cioè in condizioni di campo
lontano, si devono considerare gli effetti della
propagazione in spazio libero. Adottando un sistema di
coordinate (R,θ) come mostrato in figura 1, si può
introdurre il concetto di intensità di campo lontano
|E
f
(R,p)|
2
(dove p=ksinθ), che rappresenta la distribuzione
angolare della potenza in uscita dalla fibra monomodo.
Se si introduce la trasformata di Hankel di E(r) :
˜
E p ( ) · E r ( )
0


J
0
rp ( )rdr. (20)
L’ampiezza di campo lontano E
f
(R,p) è legata alla
distribuzione di campo vicino E(r) dalla [5]:
E
f
R, p ( ) ·
ik
R
e
−ikR
˜
E p ( ). (21)
Si noti che, poiché la distribuzione di campo vicino
per il modo fondamentale della fibra è a simmetria
cilindrica, la distribuzione di campo lontano non dipende
dall’angolo azimutale. La quantità
˜
E
2
p ( ) è misurabile
e rappresenta la distribuzione angolare di potenza in
uscita dalla fibra monomodale
(2)
.
Per quanto detto in precedenza, le distribuzioni di
campo vicino e di campo lontano costituiscono una
coppia di trasformate di Hankel, e per le proprietà della
trasformata un’ampia apertura del campo (vicino) dà
luogo ad un fascio irradiato molto stretto, e viceversa.
Pertanto, considerando che la larghezza angolare del
fascio irradiato è limitata ed è approssimabile con
l’inverso della sua larghezza radiale, è possibile definire
un raggio modale di campo lontano come [6]:
Figura 1 Distribuzione di campo lontano di una fibra ottica
distribuzione di
campo vicino
distribuzione di
campo lontano
R
θ
Fig. 1
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 17
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
3
3.5
4
4.5
5
5.5
6
1.6 1.65 1.7 1.75 1.8 1.85 1.9 1.95 2
frequenza normalizzata, V
r
a
g
g
i
o

m
o
d
a
l
e

(
u
m
)
wn
wg
wf
r
a
g
g
i
o

m
o
d
a
l
e

(
µ
m
)
frequenza normalizzata, V
Figura 2 Variazione del raggio modale w
g
(vd. (18)), w
n
(vd. (19)) e w
f
(vd. (24)) in funzione della frequenza normalizzata
(2) Le (20) e (21) stabiliscono un’analogia col campo irradiato
da un’antenna ad apertura, per la quale si ha:
E(p, φ' ) · a
2
f (r, φ' )exp iprcos(φ − φ' ) ( )
0
1

rdrdφ'
0


dove a è il raggio esterno dell’apertura; r è la distanza radiale
normalizzata ad a; p=(2πasi nθ)/λ, come già assunto in
precedenza; f(r,φ’) è la distribuzione di campo normalizzata
sull’apertura. Le forme dell’apertura più semplici da valutare
sono quelle nelle quali la distribuzione è indipendente dalla
coordinata angolare φ’, ma dipende solo da r. In questo caso
il campo diventa:
E(p) · 2πa
2
f (r)J
0
(pr)rdr
0
1

Nel caso di distribuzione costante si ottiene
E(p) · 2πa
2
J
1
(p)
p
e soprattutto
w
f
·
dE
dr
¸
¸
_
,
2
rdr
0


E
2
(r)rdr
0

¸

1
]
1
1
1
1
1

1
2
. (24)
Quest’ultima definizione viene spesso citata
come raggio modale di Petermann II [7,8] (per
distinguerla dalla definizione (19) detta pertanto
raggio modale di Petermann I [4]), e risulta
estremamente utile per stimare la dispersione di
guida di una fibra monomodale, come verrà
illustrato nel seguito.
Per i profili d’indice usualmente utilizzati e per
le normali lunghezze d’onda di esercizio, il raggio
modale è maggiore del raggio del nucleo della
fibra; si può peraltro dimostrare che è sempre:
w
n
≥ w
g
≥ w
f
, (25)
essendo valida l’eguaglianza solo per distribuzioni
gaussiane di E(r) e di
˜
E(p) . In figura 2 è riportato
l’andamento del raggio modale, a seconda della
definizione adottata, in funzione della frequenza
normalizzata V. Se il profilo di indice di rifrazione
del nucleo non è troppo irregolare, l’ipotesi
gaussiana è abbastanza plausibile e quindi w
n
≈w
f
.
Se invece, per il profilo particolare che si sta utilizzando,
i raggi modali w
n
e w
f
sono alquanto differenti, la
definizione gaussiana consente comunque di
determinare un valore intermedio w
g
.
w
f
·
p
2
˜
E
2
(p)pdp
0


˜
E
2
(p)pdp
0

¸

1
]
1
1
1
1
1
−1/ 2
. (22)
Peraltro, per la relazione esistente tra E(r) ed
˜
E(p) ,
è possibile esprimere w
n
in funzione di
˜
E(p) e w
f
in
funzione di E(r). Si può infatti dimostrare che valgono
le seguenti relazioni [6]:
w
n
·
d
˜
E
dp
¸
¸

_
,

2
pdp
0


˜
E
2
(p)pdp
0

¸

1
]
1
1
1
1
1
1/ 2
(23)
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
18 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
4. Perdite di accoppiamento
La perdita di potenza che si può avere nell’accoppiamento
tra due fibre ottiche può ricondursi a differenze strutturali
o ad errori di posizionamento geometrico quali: il
disassamento laterale, il disallineamento angolare, la
separazione assiale tra le fibre.
Si considerino due fibre monomodo affacciate in
modo che la prima ecciti del campo elettromagnetico
nella seconda (sono indicati con i pedici 1 e 2 le quantità
pertinenti alle due fibre). Indicando con W
1
e W
2
la
potenza guidata dal modo fondamentale LP
01
in ciascuna
delle due fibre, l’efficienza dell’accoppiamento
realizzato può essere definita come:
Λ · W
2
W
1
. (26)
Si consideri poi il campo elettromagnetico E
i
, H
i
( )
,
i=1,2, rappresentativo del modo fondamentale nelle due
fibre, normalizzato in maniera tale che sia:
1
2
r
0


dr dψ E
i
× H
i
*
• z
i
0


· 1, i · 1, 2 (27)
dove z
i
è il versore che individua la direzione dell’asse di
ciascuna delle due fibre, e l’integrale si estende a tutta la
regione su cui è distribuito il campo e quindi corrisponde
all’intera superficie trasversale della fibra. Il campo che
si propaga in fibra può essere ottenuto moltiplicando il
vettore normalizzato per l’effettiva ampiezza A
i
, quindi
la potenza ottica corrispondente è data da:
W
i
·
A
i
2
2
, i · 1, 2. (28)
In generale, si può assumere che le due estremità
di fibra da accoppiare non risultino in contatto tra
loro; per cui il campo E
1
p
che eccita l’ingresso della
fibra 2 e che è stato prodotto da E
1
ha subito
propagazione in aria nello spazio compreso tra le due
fibre. Per le ampiezze si può scrivere quindi la
seguente relazione:
A
2
·
A
1
2
r
0


dr dψ E
1
p
0


× H
2

• z
2
≡ A
1
C. (29)
L’integrale di sovrapposizione
C ·
1
2
r
0


dr dψ E
1
p
0


× H
2

• z
2
(30)
è una misura del grado di accoppiamento tra le fibre e
dalle relazioni precedenti si evince:
Λ · C
2
, (31)
cosicché la perdita dell’accoppiamento risulta:
L · 1− Λ · 1− C
2
. (32)
Quindi, per valutare le perdite di accoppiamento, si
deve determinare il valore della (30) nei casi di interesse.
Nell’ipotesi di debole guidanza (n
0
ed n
1
molto vicini tra
loro) inoltre la (30) si semplifica nella:
C ·
1
2
r
0


dr dψ E
1
p
0


E
2

, (33)
dove E
i
rappresenta il campo scalare, normalizzato in
maniera che
1
2
r
0


dr dψ E
i
2
0


· 1, i · 1, 2. (34)
4.1 Disassamento laterale
Si consideri ora il caso del disassamento laterale,
cioè quando le fibre sono a contatto tra loro, e con gli
assi paralleli, ma spostati lateralmente, e sia u il vettore
spostamento dell’asse della seconda fibra rispetto a
quello della prima. In tal caso non c’è propagazione in
aria, quindi E
1
p
· E
1
, e si ha:
C ·
1
2
r
0


dr dψ E
1
(r)
0


E
2
(r− u) (35)
e cioè
C · 1−
1
2
r
0


dr dψ E
1
(r) − E
2
(r− u)
[ ]
2
0


. (36)
La perdita di accoppiamento per piccoli valori del
disallineamento angolare è una funzione quadratica del
parametro u; infatti per una fibra con profilo d’indice
arbitrario, e purché si assuma che le fibre da accoppiare
siano identiche tra loro, sviluppando l’argomento della
(36) in serie (arrestata ai primi termini) ed indicando
con u il modulo del vettore u, si ottiene:
C ≅ 1− πu
2
dE
dr
¸
¸
_
,
0


2
rdr. (37)
Ricordando la definizione (24) per il raggio modale
e trascurando gli infinitesimi di ordine superiore, la
perdita di accoppiamento risulta infine:
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 19
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
L ≅ u w
f
( )
2
. (38)
Quindi l’entità della perdita aumenta al diminuire del
raggio modale, e all’aumentare della frequenza
normalizzata (vedi figura 2). Infatti, all’aumentare di V
cresce l’effetto di confinamento del campo nella fibra,
e quindi un eventuale errore di allineamento delle fibre
comporta immediatamente una considerevole riduzione
nell’integrale di sovrapposizione dei campi accoppiati.
4.2 Disallineamento angolare
Il disassamento laterale è di gran lunga la causa
maggiore di perdita nei giunti e connettori tra fibre
monomodo; è tuttavia interessante considerare anche il
caso di disallineamento angolare. In questo caso le fibre
non sono a contatto tra loro, si deve quindi considerare
un percorso in aria per la luce, ed i rispettivi assi
formano tra loro un angolo che si può assumere sia
α<<1. Assumendo, come in precedenza, che le due
fibre siano uguali tra loro, a partire dalla (33) si può
ottenere:
L ·
1
2
2πa
λ
n
i
¸
¸
_
,
2
α
2
w
n
2
, (39)
dove n
i
è l’indice di rifrazione del mezzo interposto tra
le due fibre, a è il raggio del nucleo e w
n
è il raggio
modale definito con la (19). Si noti che in questo caso la
perdita cresce all’aumentare del raggio modale.
Rispetto alle perdite per disallineamento laterale ed
angolare, le perdite per separazione tra le fibre risultano
trascurabili e quindi non verranno trattate.
5. Perdite per curvatura
Al contrario di una normale coppia coassiale o di una
guida d’onda metallica, nei quali il campo elettromagnetico
è strettamente confinato da pareti metalliche, nella guida
d’onda dielettrica costituita dalla fibra il campo non è
confinato da uno schermo e si ha perdita di potenza per
irradiazione in corrispondenza di ogni discontinuità della
guida, ad esempio nei punti di curvatura. Questo problema
è stato analizzato e definito già nei primi studi sulle fibre
per telecomunicazione [9], che hanno chiarito la natura
discreta e non continua delle perdite [10] ed hanno consentito
di separare l’effetto globale nella somma di perdite di
transizione e perdite per curvatura costante [11].
5.1 Perdite di transizione
In una fibra monomodale diritta l’asse del fascio
ottico (modo fondamentale) e quello della guida
coincidono; in una fibra curvata invece il fascio si
sposta verso l’esterno della curvatura, quindi il suo asse
non coincide più con quello della fibra. Nel piano
normale all’asse della fibra che individua la transizione
dalla fibra diritta a quella curva (figura 3), si ha quindi
un disadattamento di ampiezza tra la distribuzione del
modo fondamentale incidente dalla fibra diritta e quella
corrispondente per il modo lanciato sulla fibra curva. La
curvatura causa contemporaneamente una discontinuità
nella distribuzione di fase ed i due fatti portano
complessivamente ad una perdita per radiazione che
viene detta perdita di transizione.
Assumendo una distribuzione gaussiana a
rappresentare il campo del modo fondamentale nella
fibra, la perdita di transizione (in decibel) può essere
espressa come [12]:
Figura 3 Deformazione del campo in corrispondenza
della transizione da fibra dritta a fibra curvata
piano di transizione
distribuzione
di ampiezza
fronti d'onda
vettori di
Poynting
nucleo della fibra
Fig. 3
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
20 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
a
t
·
a
R
¸
¸
_
,
2
w
g
a
¸
¸

_
,

6
V
4
8∆
2
, (40)
dove R è il raggio della curvatura che si realizza sulla fibra,
w
g
è il raggio modale gaussiano e ∆ · n
0
2
− n
1
2
( )
2n
0
2
.
Esplicitando i termini contenuti nella (40) si ottiene:
a
t
· 8π
4
n
0
4
w
g
6
R
2
. (41)
Il caso appena esaminato è relativamente semplice,
rispetto ad esempio a quello di transizione tra due
curvature con raggio diverso e, addirittura, giacenti su
piani diversi. Anche la trattazione di questa condizione
può essere trovata in [12].
5.2 Perdite per curvatura costante
In corrispondenza di una curvatura della fibra, il
campo subisce uno spostamento verso l’esterno che gli
consente di seguire la curvatura stessa; ne segue una
diminuzione della velocità di fase nella parte interna del
fascio ed un aumento della velocità nella parte esterna.
Le perdite per curvatura costante sono quelle subite
per radiazione di energia verso l’esterno da parte del
modo fondamentale della fibra. Il fenomeno può essere
descritto ricorrendo ad un modello corpuscolare della
luce e della sua propagazione. I fotoni che formano il
fascio di luce che si propaga lungo una fibra diritta si
trovano allineati, e si muovono con la velocità ν
p
=ω/β
del modo fondamentale nelle condizioni assunte. In
linea di principio si dovrebbe distinguere tra velocità di
fase e velocità di propagazione dell’energia (velocità di
gruppo), ma si consideri, in questa rappresentazione
qualitativa del fenomeno, che le due quantità coincidano
e risultino limitate superiormente a c/n
1
, cioè alla velocità
della luce nel mantello.
In corrispondenza della curvatura i fotoni descrivono
traiettorie circolari di raggio ρ e, per mantenersi allineati,
la loro velocità di propagazione deve crescere in
proporzione alla distanza dal centro di curvatura. Sull’asse
della fibra, cioè per ρ=R, la velocità è uguale a ν
p
, e si può
determinare la distanza dall’asse R+δR per la quale essa
raggiunge il suo massimo c/n
1
. I fotoni la cui traiettoria è
collocata nella regione ρ>R+δR, non potendo aumentare
la propria velocità oltre il limite consentito, cessano di
essere guidati e vengono perduti per radiazione. Con
riferimento alla figura 4, e considerando la traiettoria
corrispondente all’asse della fibra e quella percorsa con
la velocità limite ammessa, si ha
Rdα ·
ω
β
dt
R + δR ( )dα ·
c
n
1
dt
¹
'
¹
¹
¹
¹
¹
(42)
da cui si può ricavare
δR · R
c
n
1
β
ω
−1
¸
¸

_
,

. (43)
Per la seconda delle (17) ed assumendo β+kn
1
≈2kn
1
,
si ottiene:
δR · R
w a ( )
2
2k
2
n
1
2
. (44)
In altri termini, per ρ>R+δR i fronti d’onda
(corrispondenti a ciascuno dei fotoni) non ricadono
Figura 4 Determinazione della traiettoria limite per una fibra a curvatura costante
vettore
velocità
asse della fibra
traiettoria limite
ρ
δR
R

fotone
P
Fig. 4
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 21
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
più su un piano normale alla direzione (locale) dell’asse
della fibra; e poiché il vettore di Poynting è sempre
normale al fronte d’onda, ciò comporta l’esistenza di
un flusso di potenza che si allontana dalla fibra dando
luogo ad un decadimento esponenziale della potenza
ottica guidata. In definitiva, le perdite per curvatura
costante sono determinate dalla limitazione di velocità
stabilita dal valore c/n
1
nel mantello della fibra. Per
ridurre le perdite si deve quindi limitare la parte di
campo che, in corrispondenza della curvatura, finisce
oltre il limite δR dall’asse; ciò può ottenersi aumentando
la distanza critica δR rispetto all’estensione radiale del
campo. Il progettista della fibra può realizzare questo
obiettivo migliorando il grado di confinamento della
luce in fibra alla lunghezza d’onda di riferimento,
l’utilizzatore finale invece non può far altro che
intervenire su R come suggerisce la (44).
Parametro essenziale per determinare le perdite
per curvatura è quindi la distanza critica δR riferita
all’estensione radiale del campo, la quale potrebbe
essere espressa tramite il raggio modale (con una
delle definizioni proposte) o direttamente tramite il
rapporto w/a utilizzato nella (44). Sebbene entrambe
le soluzioni siano praticabili, la seconda ha avuto
maggior successo. L’attenuazione del modo
fondamentale per curvature (in Neper per unità di
lunghezza), nel caso di fibra con profilo d’indice a
gradino, si può determinare come [13]:
α
c
·
1
4
π
aRw
3
u
wK
1
w ( )
¸
¸

_
,

2
exp −
2R
3k
2
n
1
2
w
a
¸
¸
_
,
3

¸

1
]
1
. (45)
La figura 5 mostra l’andamento dell’attenuazione
in funzione della lunghezza d’onda per alcuni valori
del raggio di curvatura. Si noti, esaminando la (45),
la dipendenza esponenziale della perdita dal raggio
di curvatura, dal raggio modale e dalla lunghezza
d’onda. Si comprende così come, al diminuire del
raggio di curvatura, le perdite siano prima trascurabili
per poi diventare rapidamente crescenti e quindi
insopportabili. E’ per questo che in alcuni casi si
caratterizza la sensibilità della fibra alle curvature tramite
un raggio di curvatura critico: quello che nelle condizioni
fissate causa un determinato valore della perdita.
5.3 Perdite per microcurvature
Quando una fibra ottica viene inserita in un cavo, può
essere soggetta a sollecitazioni che la costringono a
curvarsi. Si tratta generalmente di una serie continua di
piccole curvature che cambiano in maniera casuale lungo
la fibra e che, quindi, non possono determinarsi
esattamente. Il fenomeno, detto di microcurvatura, dipende
dal tipo di fibra, dalla distribuzione delle curvature
1/R(z)
(3)
lungo l’asse della fibra e dal grado di finitura
superficiale dell’elemento di cavo nel quale la fibra viene
depositata (scanalatura o tubetto), esso può portare a
perdite anche notevoli per conversione di modo.
(3) R(z) indica il raggio di curvatura dell’asse della fibra in
corrispondenza della sezione z.
10
-3
10
-2
10
-1
10
0
10
1
10
2
10
3
10
4
10
5
10
6
1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 2
lunghezza d’onda (um)
a
t
t
e
n
u
a
z
i
o
n
e

(
d
B
/
k
m
)
8cm
5cm
2cm
Figura 5 Variazione dell’attenuazione incrementale per curvatura in funzione della lunghezza d’onda per alcuni valori del
raggio costante di curvatura
a
t
t
e
n
u
a
z
i
o
n
e

(
d
B
/
k
m
)
lughezza d'onda (µm)
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
22 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
Per piccole curvature la fibra può essere studiata
come se fosse rettilinea, ma con la seguente legge di
variazione dell’indice di rifrazione:
n
c
2
(r) · n
2
(r) +
2n
1
2
R
r cos α, (46)
dove R è il locale raggio di curvatura della fibra e α è
l’angolo che individua il punto lungo la curvatura (cfr.
con il riferimento della figura 4). In una fibra monomodo
a curvatura costante ed in ipotesi di debole guidanza,
una qualunque componente trasversa del campo, E
c
,
deve soddisfare l’equazione:

2
E
c
∂r
2
+
1
r
∂E
c
∂r
+
1
r
2

2
E
c
∂α
2
+ k
2
n
c
2
(r) − β
c
2
[ ]
E
c
· 0 , (47)
con n
c
(r) dato dalla (46). Essendo R molto grande, si può
trattare il termine dovuto alla curvatura come una
perturbazione per l’equazione relativa alla fibra rettilinea.
Applicando la teoria delle perturbazioni si trova (indicando
col pedice
0
le grandezze relative alla fibra retta):
β
c
· β
0
e E
c
r, α ( ) · E
0
r ( ) + E
(1)
r, α ( ), (48)
con
E
(1)
r, θ ( ) ≈
k
2
n
1
2
R
w
n
2
r cos αE
0
r ( ), (49)
dove w
n
è il raggio modale definito dalla (19).
Si consideri ora una fibra la cui curvatura cambi e, in
particolare, il caso di transizione dalla fibra a curvatura
costante alla fibra retta. In tal caso avverrà una conversione
di modo ed E
c
, che rappresenta il modo fondamentale
nella fibra a curvatura costante, travasa la sua potenza nel
modo fondamentale E
0
e nei modi irradiati della fibra
retta. L’equazione (48) suggerisce la maniera naturale in
cui ciò avviene: la parte in E
0
si trasferisce sul modo
fondamentale, la parte in E
(1)
va sui modi irradiati. Per cui
il campo E=E(r,α,z) in una fibra monomodo con curvatura
variabile è espresso dall’equazione:
E · a
0
(z)E
0
(r)e
−iβ
0
z
+ a
1
(z)E
(1)
(r, α)e
−iβ
(1)
z
. (50)
Poiché E
(1)
non è un modo puro della fibra retta, ma
è una sovrapposizione di modi puri, la costante β
(1)
sarà
data da una media delle costanti β di tali modi. Per
ricavare β
(1)
si può sostituire E
(1)
nella (47) della fibra
retta (R→∞), moltiplicare ancora per E
(1)
ed integrare su
tutta la sezione trasversale, ottenendo così:
β
(1)
2
· β
0
2

2
w
n
2
. (51)
L’andamento dei coefficienti a
0
(z) ed a
1
(z) permette
di ricavare la perdita per microcurvature, e va studiato
in maniera statistica. In particolare si può ottenere la
seguente forma della costante di perdita per
microcurvature γ
m
γ
m
·
kn
1
w
n
2
¸
¸
_
,
2
Φ β
0
− β
(1)
( )
, (52)
dove Φ(Ω) rappresenta lo spettro della media d’insieme
delle curvature, cioè:
Φ Ω ( ) · lim
z →∞
1
z
1
R z' ( )
e
−iΩz'
dz'
0
z

2
. (53)
Un comportamento tipico di Φ(Ω) è
Φ Ω ( ) · AΩ
−2p
, (54)
dove il parametro p dipende dalla statistica della
perturbazione. In particolare si ha completa scorrelazione
da punto a punto nella curvatura per p=0 e negli sforzi
laterali sulla fibra per p=2 (quest’ultimo caso è il più
realistico).
Considerando che β
0
+ β
(1)
≈ 2kn
1
, dalla (51) segue
β
0
− β
(1)
≈ kn
1
w
n
2
( )
−1
, per cui risulta:
γ
m
·
A
4
kn
1
( )
2+2p
w
n
2+4p
. (55)
Questa equazione è il risultato cercato: essa mostra che
le perdite per microcurvatura dipendono dalla fibra
attraverso il raggio modale w
n
, tale legge di dipendenza è
peraltro estremamente critica, infatti per p=2 la perdita è
proporzionale a w
n
10
. Ciò pone dei vincoli di progetto
molto severi per una fibra monomodale, infatti un raggio
modale elevato comporta immediatamente perdite per
microcurvatura insopportabili.
La stima fornita dalla (55) è accettabile nel caso di fibre a
mantello continuo, per le quali si può assumere una
distribuzione gaussiana del campo. Per fibre con profilo
d’indice più articolato, ad esempio quelle a dispersione
spostata o appiattita, introducendo un’ulteriore definizione di
raggio modale come [14,15]:
w

·
2
β
0
2
− k
2
n
1
2
, (56)
si può assumere [14]:
γ
m
·
A
2
kn(0)w
n
( )
2
kn(0)w
2
p ( )
2

¸

1
]
1
2p
, (57)
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 23
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
b ≈
β − kn
1
k n
0
− n
1
( )
(65)
e quindi la costante di propagazione longitudinale può
essere così espressa:
β · bkn
0
+ kn
1
(1− b). (66)
Se si definisce la differenza relativa tra gli indici di
rifrazione
∆ ·
n
0
2
− n
1
2
2n
0
2

n
0
− n
1
n
0

n
0
− n
1
n
1
(67)
e si introduce l’indice di rifrazione di gruppo
N
i
· n
i
− λ
dn
i

, i · 0,1, (68)
si può ottenere, a partire dalle (62) e tenendo conto
della (67):
τ
g
·
N
1
c
1+
N
0
− N
1
N
1
d Vb ( )
dV

¸

1
]
1

N
1
c
1+ ∆
d Vb ( )
dV

¸

1
]
1
(69)
ove si è fatto uso dell’approssimazione
n
0
− n
1
n
1

N
0
− N
1
N
1
.
Derivando la (69) rispetto alla lunghezza d’onda si
ottiene la dispersione cromatica [17]:
D · M 1+ ∆d
1
( ) −
∆N
1
λc
Vd
2
− Pd
1
( ), (70)
dove si è posto d
1
·
d(Vb )
dV
, d
2
·
d
2
(Vb )
dV
2
e si è
introdotto il coefficiente di dispersione del materiale
M ·
1
c
dN
1

· −
λ
c
d
2
n
1

2
(71)
ed il coefficiente di dispersione di profilo
P ·
λ

d∆

. (72)
dove w(p) è caratteristico della specifica fibra considerata
e può essere approssimato con [16]:
w p ( ) ≅
w

3
2
− p
¸
¸
_
,
+ p −
1
2
¸
¸
_
,

w

w
n
¸
¸

_
,

2

¸

1
]
1
1
1 2p
. (58)
Per una fibra con profilo arbitrario valgono le seguenti
disuguaglianze:
w

2
≥ w
2
p ( ) ≥ w
n
w
f
≥ w
f
2
. (59)
Si possono quindi stabilire i limiti entro cui è compresa
la perdita per microcurvatura come:
kn
1
( )
2+2p
4
Aw
n
2+4p
< γ
m
<
kn
1
( )
2+2p
4
Aw
n
2
w

4p
. (60)
6. Dispersione cromatica
La dispersione cromatica è il parametro fondamentale
per caratterizzare le fibre monomodo: da essa si può infatti
valutare la distorsione dell’impulso ottico che attraversa la
fibra, e quindi la sua capacità di trasmissione di informazioni.
La dispersione cromatica D è definita come la
variazione relativa alla lunghezza d’onda, del ritardo di
gruppo per unità di lunghezza:
D ·

g

. (61)
Per comprendere quali fattori influenzano D e poterla
calcolare occorre dunque partire dal ritardo di gruppo
che può essere espresso come:
τ
g
·


·
1
c

dk

V
ck

dV
. (62)
E’ comodo introdurre la costante di propagazione
normalizzata
b ·
β
2
− k
2
n
1
2
k
2
n
0
2
− k
2
n
1
2
. (63)
Assumendo l’ipotesi di fibra debolmente guidante, e
cioè
n
0
≈ n
1
kn
1
< β < kn
0
, (64)
la (63) può essere riscritta come
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
24 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
Il secondo termine a secondo membro della (70), a
meno del differenziale implicitamente contenuto nel
fattore N
1
, esprime le variazioni delle condizioni di
guidanza con la lunghezza d’onda. In particolare il
termine V
d
2
(Vb )
dV
2
rappresenta le variazioni alle
condizioni di confinamento del campo nella fibra che si
registrano al variare della lunghezza d’onda (vedi fig. 2);
contemporaneamente il termine P
d(Vb )
dV
tiene conto
delle variazioni che intervengono nel profilo d’indice,
nel senso che, per il diverso drogaggio, nucleo e mantello
subiscono variazioni diverse dell’indice di rifrazione
con la lunghezza d’onda e ne deriva perciò una variabilità
dell’apertura numerica della fibra.
Nel caso di fibre ottiche con profilo d’indice a gradino
e mantello continuo (matched cladding) la dispersione
di profilo è molto piccola (fig. 6) ed il termine di guida
può essere espresso esplicitamente [18]. E’ stato
dimostrato [7] che il termine di dispersione di guida D
w
può essere espresso come:
D
w
·
λ

2
c
d

λ
n
0
w
f
2
¸
¸

_
,

, (73)
dove w
f
è il raggio modale di Petermann II definito nella
(24). La (73) ribadisce quanto già asserito sulla
dispersione di guida, evidenziando la sua dipendenza
dalle condizioni di confinamento del modo fondamentale
in fibra attraverso la variabilità del raggio modale con la
lunghezza d’onda.
Il primo termine a secondo membro della (70), che si
annullerebbe se l’indice di rifrazione del mantello (cfr.
(71)) non dipendesse dalla lunghezza d’onda, esprime
la dispersione di materiale. Tuttavia, come spesso accade,
i singoli effetti che determinano un fenomeno non
possono essere completamente separati tra loro. E quindi,
in questo caso, gli effetti pertinenti al materiale e quelli
derivanti invece dalle condizioni di guida non sono
completamente distinti. Ad esempio il primo termine
della (70) mostra che nel contributo di materiale coesiste
una dipendenza dalle condizioni di guida rappresentata
dal termine ∆
d(Vb )
dV
, in cui il fattore fa pure intervenire
il valore dell’indice di rifrazione nel nucleo della fibra.
La legge di variazione dell’indice di rifrazione del
materiale con la lunghezza d’onda può essere espressa
con le funzioni di Sellmeier, che hanno la forma:
n
2
(λ) · 1+
a
i
λ
2
λ
2
− λ
i
2
i

. (74)
I parametri a
i
e λ
i
sono disponibili in letteratura e
dipendono, ovviamente, dalla composizione del vetro
considerato. A titolo di esempio, in tabella II sono
riportati i parametri di Sellmeier per la silice pura e per
due diversi tenori di drogaggio con germanio [19].
Si parla di fibra monomodale standard quando, come
nel caso della figura 6, il punto di zero nella curva di
dispersione cromatica cade in corrispondenza della
seconda finestra (la regione intorno ai 1300nm). Il fatto
che questo punto di zero esista e che si collochi in una
regione spettrale nella quale l’attenuazione del vetro è
relativamente bassa è estremamente importante. Ne segue
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
25
30
35
1.2 1.25 1.3 1.35 1.4 1.45 1.5 1.55 1.6
lunghezza d’onda (um)
d
i
s
p
e
r
s
i
o
n
e

(
p
s
/
n
m

k
m
)
materiale
profilo
totale
guida
lughezza d'onda (µm)
d
i
s
p
e
r
s
i
o
n
e

(
p
s
/
n
m

k
m
)
Figura 6 Curva di dispersione cromatica totale e contributi di materiale, di guida e di profilo, al variare della lunghezza
d’onda, per una fibra monomodo normale
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 25
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
abbia una pendenza la più piccola possibile. Ciò
corrisponde infatti a mantenere un piccolo coefficiente di
dispersione anche quando l’emissione della sorgente non
è esattamente corrispondente alla lunghezza d’onda per
cui si annulla la dispersione.
Dalla figura 6 si osserva peraltro che in terza finestra
(intorno ai 1550nm), dove l’attenuazione della fibra ha il suo
minimo assoluto, la dispersione è relativamente elevata,
assumendo valori intorno ai 17-18ps/(nm km). Questo
significa che il vantaggio di utilizzare sorgenti in terza
finestra per poter sfruttare la minore attenuazione della fibra,
può essere vanificato da un vincolo stringente dovuto alla
aumentata dispersione cromatica a queste lunghezze d’onda.
Un rimedio a questa situazione può essere trovato
progettando la fibra in modo da modificare la sua curva di
dispersione cromatica, e per quanto detto a commento della
(70) si intuisce che, per modificare la curva, si deve intervenire
sulle tre componenti di dispersione che la determinano,
come mostrato ad esempio in figura 8. Rispetto ad una fibra
standard, si osserva come il punto di zero della curva di
dispersione risulti traslato verso la terza finestra. E’ per
questo che si parla di fibra a dispersione spostata (dispersion
shifted), volendo indicare una fibra che sia stata ottimizzata
in dispersione per l’uso in terza finestra.
In linea di principio, una fibra a dispersione spostata
potrebbe essere anche ottenuta mantenendo un profilo
d’indice a gradino con mantello continuo. Tuttavia, per
considerazioni legate essenzialmente al valore della
lunghezza d’onda di taglio e, conseguentemente, alle capacità
di confinamento del campo ed alle perdite per curvatura, si
preferisce adottare un profilo d’indice più complesso. Le
fibre a dispersione spostata che vengono oggi utilizzate in
Italia presentano un profilo d’indice triangolare nel nucleo
con un rialzo anulare esterno (figura 9) che migliora le
condizioni di confinamento del campo [20].
infatti che utilizzando sorgenti di luce che emettano in
seconda finestra si può minimizzare l’effetto dispersivo
cumulativo sul collegamento. Per comprendere questa
affermazione basta considerare la curva che esprime il
ritardo di gruppo in funzione della lunghezza d’onda
(figura 7), che è quindi l’integrale della dispersione
cromatica totale rappresentata nella figura 6. La figura
mette bene in evidenza che tutte le componenti spettrali
collocate nel minimo della curva sono caratterizzate da
un valore pressoché costante del ritardo di gruppo. Al
contrario, allontanandosi dal minimo verso lunghezze
d’onda più alte o più basse si incontra una curva con
pendenza via via crescente, corrispondendo questo ad un
maggior effetto dispersivo indipendentemente dal segno
della derivata. E’ necessario quindi che in un sistema di
trasmissione su fibra ottica la sorgente emetta ad una
lunghezza d’onda il più possibile prossima a quella per
cui la curva di dispersione cromatica attraversa lo
zero. E’ inoltre importante che in corrispondenza
dell’attraversamento dello zero la curva di dispersione
a
i
silice pura
0.6965325
0.4083099
0.8968766
0.004368309
0.01394999
97.93399
6.3% mol GeO
2
0.7083952
0.4203993
0.8663412
0.004981838
0.01375664
97.93353
11.2% mol GeO
2
0.7186243
0.4301997
0.8543265
0.0040264
0.0163247
97.93440
λ
i
2
Tabella 2 Coefficienti di Sellmeier per la silice pura e per
due diversi tenori di drogaggio con germanio
Figura 7 Andamento del ritardo di gruppo per unità di lunghezza, in unità arbitrarie, al variare della lunghezza d'onda
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6
lunghezza d’onda (um)
r
i
t
a
r
d
o

d
i

g
r
u
p
p
o

(
u
n
.
a
r
b
.
)
lughezza d'onda (µm)
r
i
t
a
r
d
o

d
i

g
r
u
p
p
o

(
u
n
.
a
r
b
.
)
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
26 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
7. Propagazione di solitoni nelle fibre monomodali
Nel paragrafo precedente sono state esaminate le
conseguenze delle variazioni dell’indice di rifrazione
di gruppo in fibra al variare della lunghezza d’onda.
Tuttavia, quando la radiazione che attraversa la fibra
è particolarmente intensa, l’indice di rifrazione
dipende pure dall’intensità del campo, nel senso che
si può assumere:
n · n(ω) + n
2
I , (75)
dove n(ω) è la parte lineare fin qui considerata, I è
l’intensità del campo ed n
2
è il coefficiente di non
linearità dell’indice di rifrazione. La dipendenza
dell’indice dall’intensità di campo è nota come effetto
Kerr ottico. La velocità di risposta per l’effetto Kerr è
estremamente elevata (nell’ordine dei femtosecondi),
quindi le variazioni non lineari dell’indice di rifrazione
seguono con grande rapidità la forma dell’impulso che
le induce, per quanto questo possa essere breve; questo
significa in definitiva una oscillazione (chirp) di fase
per l’impulso in funzione della sua intensità istantanea
(questo effetto viene detto Self Phase Modulation, SPM).
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
25
1.3 1.35 1.4 1.45 1.5 1.55 1.6
lunghezza d’onda (um)
d
i
s
p
e
r
s
i
o
n
e

(
p
s
/
n
m

k
m
)
materiale
profilo
totale
guida
Figura 9 Andamento dell’indice di rifrazione in funzione della distanza dall’asse per una fibra a dispersione spostata
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
-8 -6 -4 -2 0 2 4 6 8
distanza radiale (um)
v
a
l
o
r
e

r
e
l
a
t
i
v
o

d
e
l
l

i
n
d
i
c
e

d
i

r
i
f
r
a
z
i
o
n
e

(
x
1
0
0
0
)
lughezza d'onda (µm)
d
i
s
p
e
r
s
i
o
n
e

(
p
s
/
n
m

k
m
)
distanza radiale (µm)
v
a
l
o
r
e

r
e
l
a
t
i
v
o

d
e
l
l
'
i
n
d
i
c
e

d
i

r
i
f
r
a
z
i
o
n
e

(
x
1
0
0
0
)
Figura 8 Curva di dispersione cromatica totale e contributi di materiale, di guida e di profilo, al variare della lunghezza
d’onda, per una fibra monomodo a dispersione spostata
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 27
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
Per le fibre in silice il valore di n
2
è dell’ordine
di 3.2 10
–16
cm
2
/W, valore almeno due ordini di
grandezza inferiore rispetto alla maggior parte
dei mezzi non lineari. Ciononostante, gli effetti non
lineari in fibra possono essere osservati già a livelli di
potenza relativamente bassi per l’effetto congiunto del
valore molto piccolo del raggio modale (elevata densità
di energia in fibra) e delle perdite molto limitate (minori
di 1dB/km). In effetti la fibra ottica, rispetto ad un
materiale identico ma senza struttura guidante, presenta
un’efficienza nei processi non lineari che, alla lunghezza
d’onda di 1550nm e per un’attenuazione di 0.2dB/km,
è circa un miliardo di volte superiore [21].
A causa della dipendenza dell’indice di rifrazione
dall’intensità istantanea I(t), dopo aver percorso la
lunghezza L di fibra l’impulso subisce un ritardo di fase
addizionale pari a:
∆φ(t) ·

λ
n
2
LI(t). (76)
Derivando l’espressione precedente rispetto al tempo
si può evidenziare come l’effetto di modulazione di fase
causato dall’impulso su se stesso possa essere visto come
modulazione di frequenza indotta dall’impulso (chirp):
∆ω(t) · −
d∆φ
dt
· −

λ
n
2
L
dI(t)
dt
. (77)
Il coefficiente n
2
è positivo nella silice, quindi in
corrispondenza dei fronti di salita e di discesa
dell’impulso si avrà, rispettivamente, uno spostamento
verso l’alto e verso il basso della lunghezza d’onda.
Se, a questo punto, si utilizza sul collegamento una
lunghezza d’onda che risulti maggiore di quella per cui
la dispersione cromatica si annulla, cioè in una regione
dove le lunghezze d’onda maggiori sono più lente di
quelle minori, l’effetto congiunto di dispersione e non
linearità tendono a comprimere la durata dell’impulso
[22]. In effetti nel seguito viene dimostrato che, se
l’impulso soddisfa a determinate condizioni (forma ed
intensità dell’impulso adeguate), è possibile che
l’effetto di non linearità compensi esattamente
l’allargamento lineare dovuto a dispersione, e si parla
in questo caso di solitone.
La costante di propagazione di fase del modo
fondamentale può essere sviluppata in serie di Taylor
nell’intorno della frequenza di emissione della sorgente:
β(ω) · β
0
+ (ω − ω
0

1
+
(ω − ω
0
)
2
2
β
2
+
+
(ω − ω
0
)
3
6
β
3
+...
(78)
dove si intende
β
n
·
d
n
β

n
ω·ω
0
. (79)
Il termine cubico e quelli successivi nella (78) sono
trascurabili se la larghezza spettrale della sorgente risulta
∆ω<<ω
0
, tuttavia, in corrispondenza dell’annullarsi della
dispersione cromatica (β
2
≅0) il termine cubico deve
essere considerato.
Assumendo che la sorgente sia quasi monocromatica,
come appena detto, e che la larghezza degli impulsi
sia maggiore di 0.1ps, l’evoluzione dell’inviluppo
d’ampiezza A(z.t) degli impulsi stessi lungo una fibra
monomodale può essere descritta dalla [21]:
∂A
∂z
+ β
1
∂A
∂t
+
i
2
β
2

2
A
∂z
2
+
α
2
A · iγ A
2
A , (80)
dove il coefficiente di non linearità γ è definito come:
γ ·
n
2
ω
0
cA
eff
. (81)
Il parametro A
eff
è detto area efficace del nucleo e,
assumendo una distribuzione gaussiana per il campo del
modo fondamentale, risulta:
A
eff
· πw
g
2
. (82)
La (80) tiene conto dell’attenuazione della fibra
attraverso α, della dispersione cromatica attraverso β
1
e β
2
, e delle non linearità attraverso γ. Circa il significato
fisico dei coefficienti di dispersione cromatica è facile
verificare che
β
1
· τ
g
· 1 v
g
e β
2
· −
λ
2
2πc
D, (83)
dove τ
g
e D hanno il consueto significato, rispettivamente,
di ritardo di gruppo per unità di lunghezza e di dispersione
cromatica (in ps/(nm⋅km))
Al di sopra della lunghezza d’onda λ
z
per la quale
la dispersione cromatica si annulla si ha β
2
<0 (figure
6 e 8) e si parla di regione a dispersione anomala. Se si
adotta un sistema di riferimento che si muova lungo la
fibra con la velocità v
g
, e quindi la trasformazione
T · t − z v
g
· t − β
1
z (84)
e se si assume α=0, la (80) diventa:
i
∂A
∂z
·
1
2
β
2

2
A
∂T
2
− γ A
2
A . (85)
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
28 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
u ξ, t ( ) · 2η
1
sech 2η
1
τ ( )exp 2iη
1
2
ξ
( )
, (90)
dove il parametro η
1
determina l’ampiezza del solitone.
Scegliendo u(0,0)=1, cosicché si abbia 2η
1
=1, si ottiene
la forma canonica del solitone fondamentale, e cioè:
u ξ, t ( ) · sech τ ( )exp iξ 2 ( ). (91)
La (91) stabilisce quindi che se un impulso sagomato
secondo una secante iperbolica, di larghezza T
0
e
potenza di picco P
0
tali da realizzare la condizione
N=1 (cfr. (87)), viene lanciato in una fibra priva di
perdite, esso si propaga indistorto senza modificare la
sua forma per distanze arbitrariamente lunghe.
Si noti che dalla (87) può essere ricavato il valore
della potenza di picco necessaria a realizzare le
condizioni di esistenza del solitone. E’ bene precisare
che nel caso l’impulso sia effettivamente una secante
iperbolica risulta:
T
m
· 2ln 1+ 2
( )
T
0
≈ 1. 763T
0
, (92)
dove T
m
è la larghezza dell’impulso a metà altezza, che
è il valore che si usa in pratica.
Per N maggiore di 1 si parla di solitoni di ordine
superiore. Hanno un’importanza particolare quei solitoni
la cui forma iniziale sia espressa da:
u 0, t ( ) · Nsech τ ( ) , (93)
dove N sia un numero intero. La potenza necessaria a
produrre un solitone di ordine N è per la (87) N
2
volte
maggiore rispetto al caso del solitone fondamentale. La
forma di un solitone di ordine superiore non si mantiene
inalterata durante la propagazione, ma oscilla
spazialmente con il periodo:
z
0
·
π
2
L
D
·
π
2
T
0
2
β
2
· 0. 322
π
2
T
m
2
β
2
. (94)
Nella propagazione lungo la fibra di un solitone di
ordine superiore (ad esempio N=3), l’impulso
inizialmente si contrae fino ad una frazione della sua
larghezza iniziale, quindi si allarga fino a sdoppiarsi per
z=z
0
/2, infine l’impulso si ricompone e si ristabilisce la
forma iniziale per z=z
0
. La definizione e l’espressione di
periodo del solitone hanno senso anche nel caso di
solitone fondamentale, sebbene questo non subisca
alcuna variazione di forma nella sua propagazione.
Nel caso in cui l’impulso non sia esattamente una
secante iperbolica o il livello di potenza non sia quello
corretto o infine N non sia intero, accade che la forma
La (85), che è l’equazione di Schrodinger non
lineare, esprime bene il senso di quanto è stato proposto
in questo paragrafo; nel senso che la deformazione
dell’impulso lungo la fibra dovuta a dispersione
cromatica può essere recuperata, sotto opportune
condizioni che devono ancora essere specificate, grazie
proprio all’effetto di non linearità del materiale.
Indicando con T
0
la larghezza dell’impulso
all’ingresso della fibra e con P
0
la sua potenza, si
possono definire la lunghezza di dispersione L
d
e la
lunghezza di non linearità L
nl
come:
L
d
·
T
0
2
β
2
L
nl
·
1
γP
0
. (86)
Questi due parametri consentono di stabilire quali
sono gli effetti prevalenti nella trasmissione di impulsi
sulla lunghezza L di fibra. Si può dimostrare infatti che
per L<<L
d
, L
nl
entrambi gli effetti sono trascurabili, per
L
nl
<L<<L
d
prevale l’effetto di non linearità, per L
d
<L<<L
nl
prevale invece l’effetto dispersivo. Infine quando L è
maggiore o confrontabile con entrambi, l’effetto non
lineare e quello dispersivo coesistono e possono
determinare il desiderato effetto di compensazione
sull’allargamento degli impulsi.
A partire dalle definizioni precedenti si può ancora
introdurre il parametro:
N
2
·
L
d
L
nl
·
γP
0
T
0
2
β
2
. (87)
Se ora si adotta la trasformazione:
u · N
A
P
0
ξ ·
z
L
d
τ ·
T
T
0
, (88)
assumendo di operare nella regione spettrale a
dispersione anomala (β
2
<0), la (85) può essere riscritta
in funzione delle variabili normalizzate (88) come:
i
∂u
∂ξ
+
1
2

2
u
∂τ
2
+ u
2
u · 0, (89)
che è proprio la forma normale dell’equazione di
Schrodinger non lineare. Un’importante proprietà di
questa forma differenziale è che determinata una
soluzione u(ξ,τ) anche la εu(ε
2
ξ,ετ) è una sua soluzione,
con ε fattore di scala arbitrario.
Per quanto detto a commento della (85), le soluzioni
della (89) esprimono proprio quelle particolari forme
d’onda che possono propagarsi nella fibra senza subire
deformazione; tali forma d’onda, per le quali l’effetto
dispersivo e quello di non linearità si compensano,
vengono dette solitoni. Nel caso di N=1 si parla di
solitone fondamentale e la soluzione generale è del tipo
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 29
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
dell’impulso stesso evolve lungo la fibra tendendo,
asintoticamente, alla forma caratteristica (93) con un N
*
uguale all’intero più vicino. Quindi, purché la potenza
di picco dell’impulso sia sufficiente, anche una forma
d’onda diversa dalla secante iperbolica (una gaussiana
o un supergaussiana o similare) può evolvere lungo la
fibra tendendo asintoticamente al solitone fondamentale;
la larghezza finale assunta dall’impulso e la distanza
necessaria dipendono dalla forma iniziale, ma
l’andamento qualitativo è quello descritto.
In figura 10 sono riassunti i casi fin qui considerati.
A sinistra, sull’asse dei tempi, è rappresentata
l’evoluzione di un impulso in regime lineare: per effetto
della dispersione cromatica l’impulso si allarga man
mano che procede lungo la fibra. Al centro invece è
riportato il caso di un solitone fondamentale, che
mantiene inalterata la sua forma nello spazio e nel
tempo. A destra è mostrata l’evoluzione di un solitone
di ordine N=3 che subisce prima una contrazione, poi
uno sdoppiamento e torna infine ad assumere la sua
forma originaria.
E’ bene sottolineare che il livello di potenza necessario
a stimolare l’eccitazione di un solitone in fibra non è
affatto proibitivo. Con riferimento alla (87) si può
verificare ad esempio che per T
0
=10ps, λ=1.55µm e
per una fibra monomodale a dispersione spostata la
potenza di picco risulta P
0
≈10mW, un valore che è già
compatibile con le sorgenti a semiconduttore oggi
disponibili. Si può considerare peraltro l’utilizzo di un
amplificatore ottico in trasmissione per aumentare
ulteriormente la potenza.
La trattazione precedente è stata svolta considerando
nulla l’attenuazione della fibra, questa ipotesi è
chiaramente non realizzata; pertanto nelle prime trattazioni
si assumeva la possibilità di amplificare in maniera
distribuita lungo la linea, realizzando una cancellazione
pressoché uniforme delle perdite [23]. Tuttavia, il rapido
sviluppo degli amplificatori ottici a fibra attiva rende
plausibile la trasmissione di solitoni lungo una catena di
amplificatori ottici discreti. Ciò è effettivamente possibile
quando il passo di amplificazione è molto più piccolo del
periodo del solitone, in altri termini si deve poter assumere
che nello spazio tra due amplificazioni successive poco o
nulla possa accadere alla forma dell’impulso. Se si assume
T
m
=50ps ed una fibra a dispersione spostata usata in terza
finestra, il periodo del solitone risulta z
0
≈980km; questo
autorizza ad un passo di amplificazione di circa 100km
ed è stata dimostrata con una simulazione la possibilità di
realizzare un collegamento dell’ordine dei 9000km [24].
Per dimostrare la pratica realizzabilità della
trasmissione di solitoni l’ostacolo è costituito, tra l’altro,
dalla necessità di tratte in fibra lunghe migliaia di
chilometri. Una soluzione cui molti gruppi di ricerca
hanno fatto ricorso è quella di un anello in fibra recante
uno o più amplificatori ottici, lungo decine o qualche
centinaio di chilometri, percorso più e più volte da un
pattern predefinito. Sincronizzando opportunamente il
ricevitore è possibile controllare la qualità della
trasmissione al crescere della distanza percorsa; più
recentemente le prove sono state realizzate su tratte in
linea con passaggio singolo del segnale di test, la tabella
III riassume i risultati conseguiti con le due
configurazioni così come sono citate in [25].
8. Conclusioni
Le fibre ottiche monomodali possono essere
caratterizzate attraverso alcuni parametri fondamentali
che ne descrivono pienamente le prestazioni. Tali parametri
sono la lunghezza d’onda di taglio, il raggio modale, la
dispersione cromatica, e tutti sono stati definiti in questo
articolo e riferiti ai parametri costruttivi della fibra che
possono essere stabiliti in fase di progetto e controllati
durante la produzione o nel successivo collaudo.
Si è sottolineato, in particolare, cosa si intenda per
lunghezza d’onda di taglio teorica e per lunghezza
Figura 10 Evoluzione spaziale di impulsi nel caso di
solo effetto dispersivo, di solitone di ordine
N=1, di solitone di ordine superiore N=3
T
Z
Tabella 3 Prestazioni dei sistemi di trasmissione basati
su solitoni, come riportate in [25]
ritmo
binario
(Gbit/s)
distanza
(km)
configurazione gruppo di ricerca
10 180 10
6
anello 500km Nakazawa, NTT
2 x 10 13000 anello 77km Mollenauer, AT&T
10 20000 anello 77km Mollenauer, AT&T
20 1850 tratta reale Nakazawa, NTT
40 750 tratta reale Nakazawa, NTT
80 80 tratta reale Iwasuki, NTT
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
30 Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993
d’onda di taglio efficace; chiarendo come solo la seconda
possa corrispondere alla evidenza sperimentale, purché
si stabiliscano con chiarezza le condizioni di prova.
Per il raggio modale sono state proposte le diverse
definizioni che vengono correntemente assunte in
letteratura, chiarendo l’ambito nel quale ciascuna di
queste definizioni può rivelarsi più utile. In particolare
sono stati presentati gli effetti indotti sull’attenuazione
della fibra dalle curvature e la relazione che esiste tra tali
perdite ed il raggio modale appunto.
La dispersione cromatica è stata descritta nelle sue
componenti di materiale, di guida e di profilo. Sono stati
evidenziati i termini che influenzano ciascuno di questi
contributi e quindi la possibilità, intervenendo su ciascuno
di essi, di realizzare tipi diversi di fibra dal punto di vista
della dispersione, con particolare riferimento al punto di
attraversamento dello zero e quindi alla regione di minimo
della dispersione cromatica.
Per molto tempo è stato possibile descrivere la
trasmissione di luce sulla fibra considerando questa un
mezzo lineare; tuttavia quando il livello di potenza cresce
oltre certi limiti è necessario considerare la dipendenza
dell’indice di rifrazione della fibra dall’intensità della
radiazione. Gli effetti non lineari che ne derivano hanno
ciascuno grande interesse nel mondo delle comunicazioni
ottiche, in particolare il cosiddetto Self Phase Modulation
consente, sotto opportune condizioni che sono state
chiarite nell’articolo, di compensare gli effetti dispersivi
della fibra. Questo apre la porta alla possibilità di
trasmettere quantità di informazione enormi a distanze
estremamente elevate, superando i limiti per dispersione,
mentre l'introduzione dell'amplificazione ottica permetterà
di superare anche il limite per attenuazione.
Appendice A
Si tratta di determinare la soluzione generale
dell’equazione (5) per r>1, ovvero della
′′ y (r) +
1
r
′ y (r) −
1
r
2
y(r) · 0 , r>1, (A.1)
con la condizioni al contorno a) del § 2, ovvero y(r)→0
per r→∞. Si verifica facilmente che due possibili soluzioni
particolari sono y
1
(r)=r e y
2
(r)=1/r. Poiché il Wronskiano
W(r) · det
y
1
(r) y
2
(r)
′ y
1
(r) ′ y
2
(r)

¸

1
]
1
1
· −
2
r
è diverso da 0 qualunque sia r>1, ne segue che le due
soluzioni particolari sono indipendenti e che la soluzione
generale della (A.1) è esprimibile come:
y
1
(r) = c
1
y
1
(r)+c
2
y
2
(r) = c
1
r+c
2
/r,
ove c
1
e c
2
sono costanti arbitrarie. Imponendo ora che
questa funzione sia infinitesima per r→∞, si ricava c
1
=0
e quindi la soluzione cercata è proprio del tipo c
2
/r.
Appendice B
La componente radiale del campo elettrico del modo
LP
11
al taglio all’interno del nucleo è data dalla soluzione
della (5) per 0≤r<1, ovvero dalla funzione y(r) tale che
′′ y (r) +
1
r
′ y (r) + s(r)V
2

1
r
2
¸
¸
_
,
y(r) · 0 (B.1)
con le condizioni al contorno a) e c) del § 2,
ovvero
y(0) · lim
r→0+
y(r) condizione a)
′ y (1)
y(1)
· −1 condizione c)
¹
'
¹
¹
¹
(B.2)
La seconda delle (B.2) deriva dal fatto che la funzione
che esprime l’andamento del campo nel mantello
(proporzionale a 1/r) ha derivata logaritmica pari a –1
all’interfaccia nucleo-mantello, ovvero per r=1.
Moltiplicando ambo i membri della (B.1) per r
2
e
passando al limite per r→0+, si ottiene che lim
r→0+
y(r) · 0,
e quindi y(0)=0 in virtù della prima delle (B.2). Ne segue
che, sviluppando la soluzione di (B.1), (B.2) in serie di
Taylor ed arrestandosi ai termini di secondo ordine, si
ottiene:
y(r) ≈ ′ y (0)r +
1
2
′′ y (0)r
2
.
Imponendo la seconda delle (B.2), si ricava che
deve valere la 4y’(0)+3y’’(0)=0, ovvero y’(0)=3c e
y’’(0)=–4c, essendo c una costante arbitraria. In
definitiva, l’approssimazione cercata è:
y(r) ≈ c(3r–2r
2
) .
Ringraziamenti
Gli autori desiderano ringraziare per la loro collaborazione
a questo articolo il dott. Angelantonio Gnazzo e il dott. Diego
Roccato (entrambi dello CSELT) per aver provveduto le
figure 8 e 10, rispettivamente. Un ringraziamento particolare
all'ing. Paolo Rumboldt ed all'ing. Andrea Baiocchi, la cui
opera attenta di revisione ha consentito di migliorare la forma
ed il contenuto stesso dei due articoli di questa breve serie.
Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993 31
P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali
Bibliografia
[1] Di Vita, P.; Lisi, V.; Giaconi, M.; Vespasiano, G.: Fibre
ottiche per Telecomunicazioni: propagazione. «Notiziario
Tecnico SIP», Vol. 2, n. 2, agosto 1993, pp. 11-25.
[2] Hussey, C.D.; Pask, C.: Theory of the profile-moments
description of single-mode fibres. «IEE Proceedings»,
Vol. 129, Pt.H, n. 3, giugno 1982, pp. 123-134.
[3] Coppa, G.; Di Vita, P.: Cut-off condition of the
fundamental mode in monomode fibres. «Optical
Communications», Vol. 49, aprile 1984, p. 409.
[4] Petermann, K.: Microbending loss in monomode fibers.
«Electronics Letters», Vol. 12, 1976, pp. 107-109.
[5] Hotate, K.; Okoshi, T.: Measurement of refractive-index
profile and transmission characteristics of a single mode
fiber from its exit-radiation pattern. «Applied Optics»,
Vol. 18, n. 19, 1979, pp.3265-3271.
[6] Pask, C.: Physical interpretation of Petermann’s strange
spot size for single-mode fibres. «Electronics Letters»,
Vol. 20, n. 3, 1984, pp. 144-145.
[7] Petermann, K.: Constraints for fundamental-mode spot
size for broad band dispersion compensated single-mode
fibers. «Electronics Letters», Vol. 19, 1983, pp. 712-714.
[8] Coppa, G.; Di Vita, P.: Studio delle perdite di
accoppiamento tra fibre ottiche monomodo. LXXXIV
Riunione Annuale AEI, Cagliari, 2-5 ottobre 1983, B44.
[9] Gambling, W.A.; Payne, P.N.; Matsumura, H.: Radiation
from curved single-mode fibres. «Electronics Letters»,
Vol 12, n. 21, 1976, pp. 567-569.
[10] Someda, C.G.: Radiation of discrete beams from curved
single-mode fibres. «Electronics Letters», Vol. 13, n. 24,
1977, pp. 712-713.
[11] Gambling, W.A.; Matsumura, H.; Ragdale, C.M.:
Curvature and microbending losses in single-mode optical
fibres. «Optical and Quantum Electronics», Vol. 11,
1979, pp.43-59.
[12] Gambling, W.A.; Matsumura, H.; Ragdale, C.M.: Field
deformation in a curved single-mode fiber. «Electronics
Letters», Vol. 14, 1978, pp.130-132.
[13] Marcuse, D.: Curvature loss formula for optical fibers.
«Journal of Optical Society of America», Vol. 66, 1976,
pp. 216-220.
[14] Petermann, K.; Kuhne, R.: Upper and lower limits for the
microbending loss in arbitrary single-mode fibers. «Journal
of Lightwave Technology», LT-4, 1986, pp.2-7.
[15] Artiglia, M.; Coppa, G.; Di Vita, P.: New analysis of
microbending losses in single-mode fibres. «Electronics
Letters», Vol. 22, n.12, 1986, pp.623-625.
[16] Artiglia, M.; Coppa, G.; Di Vita, P.: Simple and accurate
microbending loss evaluation in generic single-mode
fibres. 12th European Conference on Optical Fiber
Communications ECOC’86, Barcelona, 1986, Vol. I, pp.
341-344.
[17] Monerie, M.: Propagation in doubly clad single-mode
fibers. «Journal of Quantum Electronics», Vol. QE-18, n.
4, aprile 1982, pp. 535-542.
[18] Hung-Chia, H.; Zi-Hua, W.: Analytical approach to
prediction of dispersion properties of step-index single
mode optical fibres. «Electronics Letters», Vol. 17, n. 5,
Marzo 1981, pp. 202-204.
[19] Regio, P.; Gnazzo, A.: Modelli numerici per la
progettazione di fibre con elevata dispersione negativa a
1550nm. «Rapporto Tecnico CSELT», RR93.696.
[20] Cooper, D.M.; Craig, S.P.; Ainslie, B.J.; Day, C.R.:
Dispersion shifted single mode fibres using multiple
index structures. «British Telecom Technology Journal»,
Vol. 3, n. 2, aprile 1985, pp. 52-58.
[21] Agrawal, G.P.: Nonlinear fiber optics. Academic Press,
San Diego (CA), 1989.
[22] Hasegawa, A.; Tappert, F.: Transmission of stationary
nonlinear optical pulses in dispersive dielectric fibers. I.
Anomalous dispersion. «Applied Physics Letters», Vol.
23, agosto 1973, pp. 142-144.
[23] Hasegawa, A.: Amplification and reshaping of optical
solitons in glass fiber-IV. «Optics Letters», Vol.8,
dicembre 1983, pp.650-652.
[24] Mollenauer, L.F.; Evangelides, S.G.; Haus, H.A.: Long-
distance soliton propagation using lumped amplifiers
and dispersion shifted fiber. «Journal of Lightwave
Technology», Vol.9, n. 2, febbraio 1991, pp.194-197.
[25] Christensen, B. et al.: Soliton communication on standard
non dispersion-shifted fiber. 19th European Conference
on Optical Communication ECOC’93, Montreux (CH),
12-16 settembre 1993, Vol. I, pp. 27-33.

P. Di Vita, M. Giaconi, V. Lisi, G. Vespasiano - Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali

così le stringenti tolleranze per questo tipo di fibra. Per ciò che riguarda il secondo problema, si è ritenuto conveniente caratterizzare la fibra attraverso alcuni parametri globali, semplici da misurare e tuttavia significativi dal punto di vista delle applicazioni. A parte l’attenuazione, la cui tecnica di misura non è sostanzialmente diversa da quella delle fibre multimodo, sono tre i parametri con cui si caratterizza la fibra: - la lunghezza d’onda di taglio del modo di ordine superiore, che pone un limite inferiore (in termini di lunghezze d’onda) all’intervallo spettrale di utilizzazione della fibra; - il raggio del campo modale, il cui valore permette di valutare importanti quantità come le perdite per microcurvature (perdite di cablaggio) e le perdite ai giunti; - la dispersione cromatica, che permette di valutare la distorsione dell’impulso in funzione delle caratteristiche spettrali della sorgente. I limiti trasmissivi imposti dalla natura dispersiva della fibra possono essere superati sfruttando uno degli effetti di non linearità che si realizzano in fibra quando l’intensità della radiazione è sufficientemente elevata. Infatti, quando gli impulsi hanno forma opportuna ed una potenza di picco adeguata, è possibile compensare l’effetto di allargamento temporale degli impulsi dovuto a dispersione lineare del mezzo: si parla in questo caso di solitoni. Nella parte finale dell’articolo vengono chiarite le ipotesi che rendono possibile la produzione di solitoni in fibra, vengono presentate le classi di solitoni possibili con le rispettive caratteristiche, vengono illustrate le applicazioni proposte ed i risultati raggiunti.

d 2 E 1 dE  ν2  +  s(r)V 2 − w 2 − 2  E = 0 , 2 + r dr  r  dr

(2)

dove ν è il numero quantico azimutale, w è legato alla costante di propagazione longitudinale β e la definizione della frequenza normalizzata V è stata generalizzata, per fibre con profilo non a gradino, come segue:
V= 2π aA . λ (3)

Ciascun modo LPνd è individuato da una coppia di valori di ν e w, che assicurano l’esistenza di una soluzione non nulla della (2), soddisfacente alle condizioni al contorno. Queste ultime sono: a) regolarità del campo per r=0; b) decadimento a 0 del campo per r→∞ sufficientemente rapido, in modo da garantire un contenuto energetico finito; c) continuità della derivata logaritmica del campo all’interfaccia nucleo-mantello, ovvero per r=1. L’ultima condizione deriva dall’imporre l’esistenza di una soluzione non nulla delle equazioni risultanti dalla continuità delle componenti tangenziali del campo elettrico all’interfaccia nucleo-mantello; ciò è sufficiente a garantire un’analoga continuità anche per le componenti del campo magnetico, nel caso di debole guidanza.

2.1 Lunghezza d’onda di taglio teorica La tabella 1 mostra la composizione dei modi linearmente polarizzati in termini di modi semplici. Ad esempio il primo modo di ordine superiore LP11 è una combinazione dei modi TE01, TM01, HE21, mentre il modo fondamentale LP01 si compone del solo modo HE11. Si noti tuttavia che ciascuno dei modi ibridi (EH oppure HE) corrisponde in effetti a N=2 modi distinti, ciascuno caratterizzato da una delle due possibili polarizzazioni lineari incrociate, e quindi N=2 per LP01 mentre N=4 per LP11. Come già detto un importante parametro per caratterizzare le fibre monomodo è la lunghezza d’onda di taglio λc del primo modo di ordine superiore, e cioè del modo LP11. Essa si deduce dalla corrispondente T frequenza normalizzata di taglio V11 ricavata dalla (3):

2. Taglio del modo superiore Nel seguito si indica con E la componente trasversa del campo elettrico associato ai modi HEν+1,d e EHν–1,d; nel caso di debole guidanza (ovvero di piccola differenza percentuale tra l’indice di rifrazione del mantello ed il valore massimo dell’indice di rifrazione nel nucleo), questi degenerano in un unico modo, denominato LPνd [1]. La coordinata radiale r si intende normalizzata al raggio a del nucleo, e si introduce inoltre la funzione profilo s(r) così definita:
 n 2 ( r ) − n 12  , s( r ) =  A2 0, 

r <1 r ≥1

(1)

Modo LP LP p 0 LP p 1 LP qp

Modi componenti HE1p TE0p- TM 0p - HE 2p EHq-1,p - HEq+1,p

# modi, N 2 4 4

dove n1 è l’indice di rifrazione (uniforme) del 2 mantello, ed A = n 2 ( 0 ) − n1 è l’apertura numerica massima della fibra. Per la funzione s(r) vale la proprietà s(r) ≤ 1 per r < 1. Con tali assunzioni l’equazione del campo (cfr. (38) in [1]) si può così riscrivere:

Tabella 1

Composizione dei modi linearmente polarizzati e numero di modi semplici componenti

Notiziario Tecnico SIP - Anno 2 - n. 3 - Dicembre 1993

13

contiene anche V11 . V11 (4) fornisce la seguente espressione di λc (eq. si ha: dE1 ( r) 1 dE 2 ( r) = = −1 . r (6) con h costante arbitraria. (10) (7) Moltiplicando la (5) per r. mentre.n. Vespasiano . E11 ( z ) = E11 ( 0 )e − γ 11z . imponendo la condizione al contorno c). Questo significa che nel progetto di fibre monomodo si può operare su tutti e tre questi parametri per ottenere il valore opportuno di λc. 2. integrando tra 0 e 1. 2 + r dr  dr r  Questa equazione dà errori inferiori al 2% per profili convenzionali.6 in [1]). ma realistiche. In Appendice A viene mostrato che la condizione al contorno b) implica E 2 (r) = h . Di Vita.P. In Appendice B si mostra come determinare una soluzione approssimata della (5) per 0 ≤ r < 1.Anno 2 . Si noti che tale tipo di campo ha un contenuto energetico infinito (come si vede integrando su tutto il piano trasverso tale E2(r)). Giaconi. Si possono però tentare attraverso la (8) delle soluzioni approssimate soddisfacenti. =  E1 (1) + 1 0    ∫ s(r)E1 (r)rdr    0   E01 . quindi non si tratta di un modo guidato. 3 . La quantità η di (12) dipende da λ attraverso γ11. che soddisfino la proprietà (7). alla apertura numerica massima e dipende in una certa misura dal valore sotteso dalla funzione profilo.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali λc = 2π T aA . Detti E11 ed E01 i valori di energia dei due modi. M. e desiderando che il contributo del modo LP11 sia trascurabile. cioè quando la costante di propagazione longitudinale eguaglia il numero d’onda nel mantello: 2π T β= n1 . rappresentando E1(r) con funzioni semplici. (4) e (8)): 1 2 2π λc = aA  ∫ s(r)(3 − 2r)r2 dr .Dicembre 1993 . ovvero per r<1. Ciò non deve meravigliare perché il modo è al taglio. infatti il modo LP11. I). e con E2 quella per r>1 (e quindi s(r)=0). mediante uno sviluppo in serie di Taylor del campo elettrico E1(r). per λ sufficientemente prossimo a λc. E01 + E11 (11) (8) Dalla (10) si vede che in z si ha (essendo γ01<<γ11): −1 η = 1 + η0 − 1 e − γ 11 z [ ( ) ] −1 . E1 ( r) dr r=1 E 2 ( r) dr r=1 1 Per λ > λc il modo LP11 non è più guidato: ciò significa che quando viene eccitato subisce perdite per irradiazione. si preferisce definire una lunghezza d’onda di taglio efficace λce tale che per λ maggiore di λce il modo LP11 sia effettivamente trascurabile rispetto al modo fondamentale LP01. essendo composto da quattro modi semplici (Tab. V. ha energia doppia rispetto al modo LP01. in una qualunque sezione della fibra si ha: E01 ( z ) = E01 ( 0 )e − γ 01z . essendo soluzione della (5). § 3. G. (12) T Questa non è una soluzione esplicita per V11 in quanto T E1(r). che dove η0 è il valore di η all’ingresso della fibra (z=0) e. Il valore della costante di perdita γ11 è tanto maggiore quanto più λ è maggiore di λc. Quindi V11 si può ottenere come il primo λ (9) autovalore della seguente equazione differenziale (ricavata dalla (2) per w=0 e ν=1): d 2 E 1 dE  1 + s(r)V 2 − 2  E = 0 . la costante di perdita può essere così bassa da far sì che il modo sia effettivamente presente in misura apprezzabile. Stando così le cose. essa vale η0 per λ=λc e gradualmente cresce con lambda tendendo asintoticamente a 1 e solo allora la fibra è effettivamente 14 Notiziario Tecnico SIP . Per quanto riguarda la soluzione della (5) nel nucleo. ed applicando la (7). sfruttando le condizioni al contorno a) e c): il risultato è: E1(r)≈3r-2r2. 3 0  1 La condizione di taglio si ha quando w=0 (cfr.1. Lisi. Si nota in particolare che λc è direttamente proporzionale al raggio del nucleo. se i modi sono egualmente eccitati (ad esempio tramite una sorgente che illumini in maniera uniforme tutta la superficie del nucleo) si ha: η0≈1/3.2 Lunghezza d’onda di taglio efficace (5) Si indichi con E1 la soluzione della (5) all’interno del nucleo. si ottiene: 1 2 La frazione di energia presente nel modo LP01 in una data sezione della fibra può essere espressa come: η= T V11 1  E (r)  ∫ 1r dr   .

soprattutto. in modo che per λ>λce il contributo del modo LP11 risulti effettivamente trascurabile.P. Infatti. (46). 0 1 (15) In questo caso quindi si definisce raggio modale (gaussiano) il valore del parametro wg che meglio adatta la distribuzione (18) a quella effettiva. anziché attraverso quantità otticogeometriche (quale il raggio del nucleo). tra l’altro. Ciò corrisponde a determinare il raggio modale della distribuzione di campo gaussiana che. r <1 r >1 (13) La (13) tuttavia non definisce univocamente la lunghezza d’onda di taglio efficace λce. Assumendo valida la (18). la distribuzione di ampiezza del campo nel nucleo e nel mantello della fibra. Il vantaggio di questa scelta è doppio: i parametri così definiti sono più facili da valutare e inoltre permettono una applicazione immediata nella previsione delle prestazioni trasmissive (perdite di accoppiamento e per curvatura. quali sono appunto le curvature. Lisi. si può dimostrare che ciò avviene quando [2. oltre che dalla lunghezza d’onda della luce (tramite u e w). Poiché si stanno considerando le fibre monomodali. dall’effettivo andamento dell’indice di rifrazione nella fibra.   E ( r) ∝ K 0 ( wr ).98).Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali monomodo.r w g   ( ) 2   . etc.  z   (16) (14) dove il parametro C definisce proprio la sensibilità della fibra alle curvature (il suo valore dipende. si ottiene: γ 11 ( λ ce ) = −1 1  η0 − 1  ln  −1  . Tuttavia la distribuzione radiale del campo dipende. Di Vita. Se poi l’indice di rifrazione in parte del nucleo è minore rispetto al valore nel mantello. G.n. con il suo valore.) sono rispettivamente la funzione di Bessel di prima specie e la funzione di Bessel modificata di seconda specie e si ricorda che (cfr. 2. dispersione di guida. le condizioni di curvatura della stessa. Quindi λce si definisce come quel valore di λ per cui la curva η(λ) vale una quantità prefissata prossima a 1. all’aumentare della lunghezza d’onda la distribuzione di campo del modo penetra sempre più profondamente nel mantello con un aumento delle perdite per micro e macrocurvature. si può pensare di utilizzare una funzione gaussiana per approssimare l’effettiva distribuzione di ampiezza: E ( r) ≈ E 0 exp . (48) in [1]):  E ( r) ∝ J0 ( ur). M. che corrisponde ad un valore dell’indice di rifrazione medio nel nucleo minore rispetto a quello nel mantello. z  ηc − 1  3. In particolare è utile disporre di un parametro che definisca.Dicembre 1993 15 . Per questo motivo λce è definita in condizioni standard (per esempio z=2 m e curvatura di raggio l4 cm). (18) ∫ s(r)rdr < 0 . Notiziario Tecnico SIP . eccitando la fibra.) e K0(.). Imponendo questa condizione nella (12). Raggio modale E’ preferibile caratterizzare i parametri dimensionali delle fibre monomodo attraverso proprietà legate alla propagazione.3] dove J0(. si deve concludere che anche per il modo fondamentale esiste una lunghezza d’onda di taglio efficace. dal profilo d’indice). accoppia la massima potenza nel modo fondamentale. i modi vicini alla propria condizione di taglio soffrono maggiormente per perturbazioni esterne.Anno 2 . La lunghezza d’onda di taglio cui bisogna fare riferimento nel progetto di fibre monomodo è ovviamente λce piuttosto che λc. e poiché la propagazione del modo fondamentale è molto simile a quella di un fascio gaussiano. Per il modo fondamentale di una fibra con profilo d’indice a gradino l’andamento del campo risulta (cfr. wg è la distanza dall’asse della fibra per (1) Si noti che la medesima quantità è stata indicata con kV in [1]. allora anche la lunghezza d’onda di taglio teorica può essere finita. Vespasiano .3 Taglio del modo fondamentale Per le fibre con profilo d’indice a mantello continuo (matched-cladding) [1] la frequenza normalizzata di taglio del modo fondamentale è teoricamente nulla. Tuttavia. V. Per il modo LP11 le considerazioni precedenti si possono riassumere nella seguente legge empirica: γ 11 ( λ ) = 1  −C ( λ − λ c ) 2 e − 1 . detta ηc (per esempio ηc=0. sebbene il valore teorico della lunghezza d’onda di taglio del modo LP01 sia infinito. (46)÷(52) [1]): u = a k 2 n 2 − β2 0   2 2 2 w = a β − k n 1  2 2 2 V = u + w  (17) e si è posto n0=n(0) e k=numero d’onda nel vuoto=2π/λ(1). 3 . Giaconi. In pratica si riscontrano differenze tra λce e λc di 100 nm o più. Quindi. a meno che non si specifichino la lunghezza della fibra z e.

che meglio descrivono il comportamento della fibra in riferimento ad alcuni dei fenomeni propagativi. le distribuzioni di campo vicino e di campo lontano costituiscono una coppia di trasformate di Hankel. il decadimento del campo nel mantello è espresso da una funzione di Bessel modificata di seconda specie (vedi le (16)).θ) come mostrato in figura 1.Dicembre 1993 . (19) Si noti che. G. che è proporzionale alla potenza in uscita dalla fibra. che è buona in prossimità della lunghezza d’onda di taglio del modo LP11. si devono considerare gli effetti della propagazione in spazio libero. ed è quindi di immediata comprensione la definizione di raggio modale di near-field come [4]: ∞ 2 2   ∫ r E ( r) rdr   w n =  0∞    ∫ E 2 ( r) rdr   0    1/ 2 Grazie al fattore di normalizzazione a denominatore. la distribuzione di campo lontano non dipende ˜ dall’angolo azimutale. Peraltro. Se tale rilevazione viene effettuata da un punto molto vicino alla faccia estrema della fibra si parla di campo vicino (near-field). mentre non lo è mai per le fibre monomodali con mantello omogeneo. Giaconi. cioè in condizioni di campo n lontano. e per le proprietà della trasformata un’ampia apertura del campo (vicino) dà luogo ad un fascio irradiato molto stretto.135 del corrispondente valore sull’asse. Di Vita. V. La distribuzione radiale del campo è rigorosamente gaussiana solo per il modo fondamentale di una fibra con profilo d’indice interamente parabolico (anche nel mantello).Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali cui l’ampiezza del campo è 1/e≈0.Anno 2 . per analogia.n. la definizione del momento d’inerzia di una trave cilindrica non omogenea che avesse come densità specifica l’intensità quadratica del campo. è possibile definire un raggio modale di campo lontano come [6]: Fig. Vespasiano .p)|2 (dove p=ksinθ). Quando R >> w 2 / λ . quindi una approssimazione gaussiana tende a sottostimare il campo evanescente nel mantello. Se si introduce la trasformata di Hankel di E(r) : ˜ E ( p ) = ∫ E ( r)J0 ( rp) rdr. Adottando un sistema di coordinate (R. A prescindere dalla definizione adottata. 3 . R (21) .37 e la sua intensità è 1/e2≈0. p ) = ik − ikR ˜ e E( p) . Si può comprendere allora come alla definizione appena proposta per il raggio modale sia opportuno affiancarne delle altre. considerando che la larghezza angolare del fascio irradiato è limitata ed è approssimabile con l’inverso della sua larghezza radiale. diventa meno accurata all’aumentare della lunghezza d’onda. si è invece in condizione di campo lontano (far-field) quando la distanza R del punto da cui si valuta l’intensità luminosa dall’estremità della fibra è R >> w 2 / λ . la determinazione operativa del raggio modale si poggia sulla rilevazione sperimentale della distribuzione di intensità del campo guidato dalla fibra. M. Per quanto detto in precedenza. La quantità E 2 ( p ) è misurabile e rappresenta la distribuzione angolare di potenza in uscita dalla fibra monomodale(2). Si noti che la (19) ricorda. Pertanto. wn è lo scarto quadratico medio della distribuzione radiale di intensità. si può introdurre il concetto di intensità di campo lontano |Ef(R. Lisi. poiché la distribuzione di campo vicino per il modo fondamentale della fibra è a simmetria cilindrica. Inoltre questa approssimazione. 1 distribuzione di campo vicino R distribuzione di campo lontano θ Figura 1 Distribuzione di campo lontano di una fibra ottica 16 Notiziario Tecnico SIP . 0 ∞ (20) L’ampiezza di campo lontano Ef(R. g Naturalmente la distribuzione di intensità è proporzionale alla distribuzione radiale di potenza nella fibra. e viceversa.p) è legata alla distribuzione di campo vicino E(r) dalla [5]: E f ( R. che rappresenta la distribuzione angolare della potenza in uscita dalla fibra monomodo.P.

Se il profilo di indice di rifrazione del nucleo non è troppo irregolare. Notiziario Tecnico SIP . i raggi modali wn e wf sono alquanto differenti.75 1.φ’) è la distribuzione di campo normalizzata sull’apertura. a seconda della definizione adottata. (2) Le (20) e (21) stabiliscono un’analogia col campo irradiato da un’antenna ad apertura. 3 .5 wn raggio modale (um) raggio modale (µm) 5 wg 4.95 2 frequenza normalizzata.65 1.6 1. e risulta estremamente utile per stimare la dispersione di guida di una fibra monomodale. l’ipotesi gaussiana è abbastanza plausibile e quindi w n ≈w f .Anno 2 . per la quale si ha: E(p. (22) ˜ Peraltro. (18)).85 1. Vespasiano . (19)) e wf (vd. il raggio modale è maggiore del raggio del nucleo della fibra. wn (vd. M. Giaconi. Le forme dell’apertura più semplici da valutare sono quelle nelle quali la distribuzione è indipendente dalla coordinata angolare φ’. si può peraltro dimostrare che è sempre: wn ≥ wg ≥ wf .5 wf 4 3. per il profilo particolare che si sta utilizzando. Di Vita. V.7 1. p =(2π asin θ)/λ. come verrà illustrato nel seguito. G. come già assunto in precedenza. In questo caso il campo diventa: E(p) = 2πa 2 ∫0 f (r)J0 (pr)rdr Nel caso di distribuzione costante si ottiene 1 E(p) = 2πa 2 J1 (p) p essendo valida l’eguaglianza solo per distribuzioni ˜ gaussiane di E(r) e di E(p) . r è la distanza radiale normalizzata ad a .P. V V Figura 2 Variazione del raggio modale wg (vd. per la relazione esistente tra E(r) ed E(p) .φ' ) = a 2 ∫0 2π 1 ∫0 f (r.8 1.Dicembre 1993 17 . ma dipende solo da r . frequenza normalizzata.8] (per distinguerla dalla definizione (19) detta pertanto raggio modale di Petermann I [4]).5 3 1. Se invece.n. (24)) in funzione della frequenza normalizzata −1/ 2  ∞ 2 2 ˜  ∫ p E (p)pdp   w f =  0∞   ˜  ∫ E 2 (p)pdp    0   e soprattutto . (24) (23) Quest’ultima definizione viene spesso citata come raggio modale di Petermann II [7.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 6 5. la definizione gaussiana consente comunque di determinare un valore intermedio w g .9 1. f (r . Per i profili d’indice usualmente utilizzati e per le normali lunghezze d’onda di esercizio. In figura 2 è riportato l’andamento del raggio modale. Lisi.φ' )exp ( iprcos(φ − φ' ))rdrdφ' (25) dove a è il raggio esterno dell’apertura. ˜ è possibile esprimere wn in funzione di E(p) e wf in funzione di E(r). Si può infatti dimostrare che valgono le seguenti relazioni [6]:  ∞  dE  2  ˜  ∫   pdp    dp   wn =  0  ∞  E 2 (p)pdp  ˜ ∫   0  1/ 2   ∞  dE  2  ∫   rdr  dr  w f =  0∞    ∫ E 2 (r)rdr    0   − 1 2 . in funzione della frequenza normalizzata V.

cioè quando le fibre sono a contatto tra loro. 2 ∫ 0 0 ∞ 2π e cioè C = 1− 1 2 rdr ∫ dψ [ E1 (r) − E 2 (r − u)] . (28) In generale.n. (34) i = 1. la perdita di accoppiamento risulta infine: 18 Notiziario Tecnico SIP . In tal caso non c’è propagazione in p aria. 2. (31) cosicché la perdita dell’accoppiamento risulta: L = 1− Λ = 1− C 2.Dicembre 1993 . quindi la potenza ottica corrispondente è data da: Ai 2 2 (35) Wi = . normalizzato in maniera tale che sia: 1 rdr ∫ dψ Ei × Hi* • z i = 1. e si ha: C= 1 rdr ∫ dψ E1 (r)E 2 (r − u) 2∫ 0 0 ∞ 2π dove zi è il versore che individua la direzione dell’asse di ciascuna delle due fibre.P. 2 2∫ 0 0 ∞ 2π (33) Si consideri poi il campo elettromagnetico ( E i . 3 . e purché si assuma che le fibre da accoppiare siano identiche tra loro. (26) Λ = C2. (32) Quindi. Lisi. Di Vita. V. Nell’ipotesi di debole guidanza (n0 ed n1 molto vicini tra loro) inoltre la (30) si semplifica nella: C= 1 p rdr ∫ dψ E1 E ∗ . si deve determinare il valore della (30) nei casi di interesse. Per le ampiezze si può scrivere quindi la seguente relazione: A2 = A1 p ∗ rdr ∫ dψ E1 × H2 • z 2 ≡ A 1C . G.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 4. Si considerino due fibre monomodo affacciate in modo che la prima ecciti del campo elettromagnetico nella seconda (sono indicati con i pedici 1 e 2 le quantità pertinenti alle due fibre). Perdite di accoppiamento La perdita di potenza che si può avere nell’accoppiamento tra due fibre ottiche può ricondursi a differenze strutturali o ad errori di posizionamento geometrico quali: il disassamento laterale.  dr  0 ∞ 2 L’integrale di sovrapposizione C= 1 p ∗ rdr ∫ dψ E1 × H2 • z 2 2∫ 0 0 ∞ 2π (37) (30) è una misura del grado di accoppiamento tra le fibre e dalle relazioni precedenti si evince: Ricordando la definizione (24) per il raggio modale e trascurando gli infinitesimi di ordine superiore. Hi ) . i = 1. la separazione assiale tra le fibre. il disallineamento angolare. i=1. 2∫ 0 0 ∞ 2π (36) (29) La perdita di accoppiamento per piccoli valori del disallineamento angolare è una funzione quadratica del parametro u. per valutare le perdite di accoppiamento. si può assumere che le due estremità di fibra da accoppiare non risultino in contatto tra p loro.2. Indicando con W1 e W2 la potenza guidata dal modo fondamentale LP01 in ciascuna delle due fibre. si ottiene: dE C ≅ 1 − πu 2 ∫   rdr . Giaconi.1 Disassamento laterale Si consideri ora il caso del disassamento laterale. quindi E1 = E1 . Il campo che si propaga in fibra può essere ottenuto moltiplicando il vettore normalizzato per l’effettiva ampiezza Ai. sviluppando l’argomento della (36) in serie (arrestata ai primi termini) ed indicando con u il modulo del vettore u. normalizzato in maniera che 1 rdr ∫ dψ E i 2∫ 0 0 ∞ 2π 2 = 1. 2. e sia u il vettore spostamento dell’asse della seconda fibra rispetto a quello della prima. per cui il campo E1 che eccita l’ingresso della fibra 2 e che è stato prodotto da E1 ha subito propagazione in aria nello spazio compreso tra le due fibre. M. rappresentativo del modo fondamentale nelle due fibre. e con gli assi paralleli.Anno 2 . ma spostati lateralmente. e l’integrale si estende a tutta la regione su cui è distribuito il campo e quindi corrisponde all’intera superficie trasversale della fibra. infatti per una fibra con profilo d’indice arbitrario. l’efficienza dell’accoppiamento realizzato può essere definita come: Λ = W 2 W1 . Vespasiano . 2∫ 0 0 ∞ 2π dove Ei rappresenta il campo scalare. 2 (27) 4. i = 1.

V. Nel piano normale all’asse della fibra che individua la transizione dalla fibra diritta a quella curva (figura 3). ad esempio nei punti di curvatura. a è il raggio del nucleo e wn è il raggio modale definito con la (19). e quindi un eventuale errore di allineamento delle fibre comporta immediatamente una considerevole riduzione nell’integrale di sovrapposizione dei campi accoppiati. si ha quindi un disadattamento di ampiezza tra la distribuzione del modo fondamentale incidente dalla fibra diritta e quella corrispondente per il modo lanciato sulla fibra curva. Quindi l’entità della perdita aumenta al diminuire del raggio modale. nella guida d’onda dielettrica costituita dalla fibra il campo non è confinato da uno schermo e si ha perdita di potenza per irradiazione in corrispondenza di ogni discontinuità della guida. 3 Figura 3 Deformazione del campo in corrispondenza della transizione da fibra dritta a fibra curvata Notiziario Tecnico SIP . nei quali il campo elettromagnetico è strettamente confinato da pareti metalliche. 2 (38) 5. la perdita di transizione (in decibel) può essere espressa come [12]: (39) dove ni è l’indice di rifrazione del mezzo interposto tra le due fibre. Di Vita. piano di transizione vettori di Poynting distribuzione di ampiezza fronti d'onda nucleo della fibra Fig. Perdite per curvatura Al contrario di una normale coppia coassiale o di una guida d’onda metallica. La curvatura causa contemporaneamente una discontinuità nella distribuzione di fase ed i due fatti portano complessivamente ad una perdita per radiazione che viene detta perdita di transizione. Vespasiano . In questo caso le fibre non sono a contatto tra loro. 4.  2 λ 2 5. che hanno chiarito la natura discreta e non continua delle perdite [10] ed hanno consentito di separare l’effetto globale nella somma di perdite di transizione e perdite per curvatura costante [11]. a partire dalla (33) si può ottenere: L= 1  2πa  2 2 ni α w n . 3 .2 Disallineamento angolare Il disassamento laterale è di gran lunga la causa maggiore di perdita nei giunti e connettori tra fibre monomodo. all’aumentare di V cresce l’effetto di confinamento del campo nella fibra.n. Infatti. G. le perdite per separazione tra le fibre risultano trascurabili e quindi non verranno trattate. quindi il suo asse non coincide più con quello della fibra. Rispetto alle perdite per disallineamento laterale ed angolare. Si noti che in questo caso la perdita cresce all’aumentare del raggio modale. si deve quindi considerare un percorso in aria per la luce. Assumendo una distribuzione gaussiana a rappresentare il campo del modo fondamentale nella fibra. e all’aumentare della frequenza normalizzata (vedi figura 2). Assumendo. Giaconi. ed i rispettivi assi formano tra loro un angolo che si può assumere sia α<<1. come in precedenza. Questo problema è stato analizzato e definito già nei primi studi sulle fibre per telecomunicazione [9]. che le due fibre siano uguali tra loro.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali L ≅ (u w f ) .Anno 2 . in una fibra curvata invece il fascio si sposta verso l’esterno della curvatura. è tuttavia interessante considerare anche il caso di disallineamento angolare.P. M.1 Perdite di transizione In una fibra monomodale diritta l’asse del fascio ottico (modo fondamentale) e quello della guida coincidono.Dicembre 1993 19 . Lisi.

e considerando la traiettoria corrispondente all’asse della fibra e quella percorsa con la velocità limite ammessa. ma si consideri. at =    R   a  8∆2 (40) dove R è il raggio della curvatura che si realizza sulla fibra. cessano di essere guidati e vengono perduti per radiazione. I fotoni la cui traiettoria è collocata nella regione ρ>R+δR. (44) In altri termini. Il fenomeno può essere descritto ricorrendo ad un modello corpuscolare della luce e della sua propagazione. Anche la trattazione di questa condizione può essere trovata in [12]. il campo subisce uno spostamento verso l’esterno che gli consente di seguire la curvatura stessa. ne segue una diminuzione della velocità di fase nella parte interna del fascio ed un aumento della velocità nella parte esterna. Le perdite per curvatura costante sono quelle subite per radiazione di energia verso l’esterno da parte del modo fondamentale della fibra. per ρ>R+δR i fronti d’onda (corrispondenti a ciascuno dei fotoni) non ricadono traiettoria limite asse della fibra P ρ fotone dα R δR Figura 4 Determinazione della traiettoria limite per una fibra a curvatura costante Fig. si ha  Rdα = ω dt   β  c ( R + δR )dα = dt  n1  5. 0 0 Esplicitando i termini contenuti nella (40) si ottiene: ( ) a t = 8π 4 4 n0w 6 g R2 .Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 6 2 4  a   wg  V . Lisi.2 Perdite per curvatura costante In corrispondenza di una curvatura della fibra.  n1 ω  (43) Per la seconda delle (17) ed assumendo β+kn1≈2kn1. e risultino limitate superiormente a c/n1. 4 20 Notiziario Tecnico SIP . la loro velocità di propagazione deve crescere in proporzione alla distanza dal centro di curvatura. Con riferimento alla figura 4. I fotoni che formano il fascio di luce che si propaga lungo una fibra diritta si trovano allineati. per mantenersi allineati. rispetto ad esempio a quello di transizione tra due curvature con raggio diverso e. Sull’asse della fibra. si ottiene: δR = R ( w a) 2 2 2k 2 n1 . Di Vita. in questa rappresentazione qualitativa del fenomeno. In linea di principio si dovrebbe distinguere tra velocità di fase e velocità di propagazione dell’energia (velocità di gruppo). (41) Il caso appena esaminato è relativamente semplice. la velocità è uguale a νp.P. che le due quantità coincidano vettore velocità (42) da cui si può ricavare  c β  δR = R  − 1 . giacenti su piani diversi. e si muovono con la velocità νp=ω/β del modo fondamentale nelle condizioni assunte. cioè alla velocità della luce nel mantello. Giaconi.Anno 2 . e si può determinare la distanza dall’asse R+δR per la quale essa raggiunge il suo massimo c/n1. 2 wg è il raggio modale gaussiano e ∆ = n 2 − n1 2n 2 .Dicembre 1993 . Vespasiano . cioè per ρ=R. In corrispondenza della curvatura i fotoni descrivono traiettorie circolari di raggio ρ e. M. addirittura.n. V. G. 3 . non potendo aumentare la propria velocità oltre il limite consentito.

6 1. quindi.9 2 lughezza d’onda (um) lunghezza d'onda (µm) Figura 5 Variazione dell’attenuazione incrementale per curvatura in funzione della lunghezza d’onda per alcuni valori del raggio costante di curvatura più su un piano normale alla direzione (locale) dell’asse della fibra.1 1. Sebbene entrambe le soluzioni siano praticabili. Si noti. Si comprende così come. in corrispondenza della curvatura. può essere soggetta a sollecitazioni che la costringono a curvarsi. esaminando la (45). Il fenomeno.2 1. (45)  wK 1 ( w )   3k n1 a  2 La figura 5 mostra l’andamento dell’attenuazione in funzione della lunghezza d’onda per alcuni valori del raggio di curvatura.3 Perdite per microcurvature Quando una fibra ottica viene inserita in un cavo.8 1. al diminuire del raggio di curvatura. 1 αc = 4 π aRw 3 3    u 2R  w     exp  − 2 2    . Si tratta generalmente di una serie continua di piccole curvature che cambiano in maniera casuale lungo la fibra e che. Di Vita. M. G.Dicembre 1993 21 . Giaconi.P.Anno 2 . le perdite siano prima trascurabili per poi diventare rapidamente crescenti e quindi insopportabili. 5. Parametro essenziale per determinare le perdite per curvatura è quindi la distanza critica δR riferita all’estensione radiale del campo.7 1. finisce oltre il limite δR dall’asse. Lisi. Per ridurre le perdite si deve quindi limitare la parte di campo che. si può determinare come [13]: (3) R (z ) indica il raggio di curvatura dell’asse della fibra in corrispondenza della sezione z . L’attenuazione del modo fondamentale per curvature (in Neper per unità di lunghezza). V. la seconda ha avuto maggior successo. non possono determinarsi esattamente.3 1. Notiziario Tecnico SIP . la quale potrebbe essere espressa tramite il raggio modale (con una delle definizioni proposte) o direttamente tramite il rapporto w/a utilizzato nella (44). dal raggio modale e dalla lunghezza d’onda. 3 . nel caso di fibra con profilo d’indice a gradino.5 1. In definitiva. la dipendenza esponenziale della perdita dal raggio di curvatura. esso può portare a perdite anche notevoli per conversione di modo. ciò può ottenersi aumentando la distanza critica δR rispetto all’estensione radiale del campo. Vespasiano . Il progettista della fibra può realizzare questo obiettivo migliorando il grado di confinamento della luce in fibra alla lunghezza d’onda di riferimento. e poiché il vettore di Poynting è sempre normale al fronte d’onda. detto di microcurvatura. dipende dal tipo di fibra.n.4 1.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 10 6 10 5 10 4 attenuazione (dB/km) attenuazione (dB/km) 10 3 2cm 10 2 10 1 5cm 10 0 10 -1 8cm 10 -2 10 -3 1 1. le perdite per curvatura costante sono determinate dalla limitazione di velocità stabilita dal valore c/n1 nel mantello della fibra. ciò comporta l’esistenza di un flusso di potenza che si allontana dalla fibra dando luogo ad un decadimento esponenziale della potenza ottica guidata. dalla distribuzione delle curvature 1/R(z) (3) lungo l’asse della fibra e dal grado di finitura superficiale dell’elemento di cavo nel quale la fibra viene depositata (scanalatura o tubetto). E’ per questo che in alcuni casi si caratterizza la sensibilità della fibra alle curvature tramite un raggio di curvatura critico: quello che nelle condizioni fissate causa un determinato valore della perdita. l’utilizzatore finale invece non può far altro che intervenire su R come suggerisce la (44).

ma è una sovrapposizione di modi puri. α ) . moltiplicare ancora per E(1) ed integrare su tutta la sezione trasversale.n. Per ricavare β(1) si può sostituire E(1) nella (47) della fibra retta (R→∞). e (48) con E (1) ( r. Per cui il campo E=E(r. In una fibra monomodo a curvatura costante ed in ipotesi di debole guidanza. In tal caso avverrà una conversione di modo ed Ec. introducendo un’ulteriore definizione di raggio modale come [14. 2  (46) dove R è il locale raggio di curvatura della fibra e α è l’angolo che individua il punto lungo la curvatura (cfr. Essendo R molto grande.P. Applicando la teoria delle perturbazioni si trova (indicando col pedice 0 le grandezze relative alla fibra retta): βc = β0 E c ( r. (50) Questa equazione è il risultato cercato: essa mostra che le perdite per microcurvatura dipendono dalla fibra attraverso il raggio modale wn. Si consideri ora una fibra la cui curvatura cambi e. dalla (51) segue −1 β 0 − β (1) ≈ kn 1w 2 . che rappresenta il modo fondamentale nella fibra a curvatura costante. ad esempio quelle a dispersione spostata o appiattita. M.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali Per piccole curvature la fibra può essere studiata come se fosse rettilinea.Anno 2 . la parte in E(1) va sui modi irradiati.z) in una fibra monomodo con curvatura variabile è espresso dall’equazione: E = a0 (z)E 0 (r)e − iβ0z + a1 (z)E (1) (r. 3 . 2 2   2p 2 . α)e − iβ(1)z A ( kn 1 )2 + 2 p w 2 + 4 p . V. cioè: 1 Φ( Ω ) = lim z →∞ z z 2 [ ] ∫ 0 1 e − iΩz' dz' . Lisi. Giaconi. ottenendo così: 2 β (1) = β 2 − 0 β2 0 (56) si può assumere [14]: 2 A 2  kn(0)w ( p )  = ( kn(0)w n )   . in particolare. n (49) γm = dove wn è il raggio modale definito dalla (19). si può trattare il termine dovuto alla curvatura come una perturbazione per l’equazione relativa alla fibra rettilinea. In particolare si può ottenere la seguente forma della costante di perdita per microcurvature γm γm =   kn 1w n  2 Φ β 0 − β (1) .Dicembre 1993 . Per fibre con profilo d’indice più articolato. e va studiato in maniera statistica. Considerando che β 0 + β (1) ≈ 2kn 1 . la costante β(1) sarà data da una media delle costanti β di tali modi. infatti per p=2 la perdita è proporzionale a w 10 . In particolare si ha completa scorrelazione da punto a punto nella curvatura per p=0 e negli sforzi laterali sulla fibra per p=2 (quest’ultimo caso è il più realistico). una qualunque componente trasversa del campo. Di Vita. (47) c c r ∂r r ∂α 2 ∂r2 ( ) (52) dove Φ(Ω) rappresenta lo spettro della media d’insieme delle curvature. ma con la seguente legge di variazione dell’indice di rifrazione: n 2 (r) = n 2 (r) + c 2n12 r cos α . Ec. α ) = E 0 ( r) + E (1) ( r. con il riferimento della figura 4). tale legge di dipendenza è peraltro estremamente critica. G. La stima fornita dalla (55) è accettabile nel caso di fibre a mantello continuo. R ( z' ) (53) Un comportamento tipico di Φ(Ω) è Φ( Ω ) = A Ω −2 p . w2 n (51) γm (57) 22 Notiziario Tecnico SIP .15]: w∞ = 2 2 . (54) con nc(r) dato dalla (46).α. deve soddisfare l’equazione: ∂ 2 E c 1 ∂E c 1 ∂ 2 E c + + 2 + k 2 n 2 (r) − β 2 E c = 0 . travasa la sua potenza nel modo fondamentale E0 e nei modi irradiati della fibra retta. infatti un raggio modale elevato comporta immediatamente perdite per microcurvatura insopportabili. per cui risulta: n ( ) R w 2 r cos α E 0 ( r). − k 2 n1 Poiché E(1) non è un modo puro della fibra retta. Vespasiano . θ ) ≈ 2 k 2 n1 dove il parametro p dipende dalla statistica della perturbazione. Ciò pone dei vincoli di progetto n molto severi per una fibra monomodale. n 4 (55) . per le quali si può assumere una distribuzione gaussiana del campo. L’equazione (48) suggerisce la maniera naturale in cui ciò avviene: la parte in E0 si trasferisce sul modo fondamentale. il caso di transizione dalla fibra a curvatura costante alla fibra retta. R L’andamento dei coefficienti a0(z) ed a1(z) permette di ricavare la perdita per microcurvature.

dλ i = 0. (68) ( kn 1 )2 + 2 p Aw 2 + 4 p < γ 4 n m < ( kn 1 )2 + 2 p Aw 2 w 4 p . Lisi. e quindi la sua capacità di trasmissione di informazioni. (64) P= 1 dN 1 λ d 2 n1 =− c dλ c dλ2 (71) ed il coefficiente di dispersione di profilo λ d∆ . Vespasiano . ≈ n1 N1 Per comprendere quali fattori influenzano D e poterla calcolare occorre dunque partire dal ritardo di gruppo che può essere espresso come: dβ 1 dβ V dβ τg = = ≈ . e cioè n 0 ≈ n1 kn 1 < β < kn 0 . Di Vita. 3 . a partire dalle (62) e tenendo conto della (67): 6. del ritardo di gruppo per unità di lunghezza: D= dτ g dλ . G. Giaconi. ∞ f (59) Se si definisce la differenza relativa tra gli indici di rifrazione ∆= 2 n 2 − n1 n 0 − n1 n 0 − n1 0 ≈ ≈ n0 n1 2n 2 0 (67) Si possono quindi stabilire i limiti entro cui è compresa la perdita per microcurvatura come: e si introduce l’indice di rifrazione di gruppo N i = ni − λ dn i . (66) Per una fibra con profilo arbitrario valgono le seguenti disuguaglianze: w 2 ≥ w 2 ( p) ≥ w n w f ≥ w 2 . (61) τg = N1 c  N 0 − N 1 d ( Vb )  1 +  N1 dV   d ( Vb )  N  ≈ 1 1 + ∆ c  dV   (69) ove si è fatto uso dell’approssimazione n 0 − n1 N 0 − N 1 . ∆ dλ (72) la (63) può essere riscritta come Notiziario Tecnico SIP . V. λc (70) E’ comodo introdurre la costante di propagazione normalizzata b= 2 β − k 2 n1 2 k 2 n 2 − k 2 n1 0 2 dove si è posto d1 = d(Vb ) d 2 (Vb ) .Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali dove w(p) è caratteristico della specifica fibra considerata e può essere approssimato con [16]: w ( p) ≅ w∞ 2  3 1 w    − p +  p −  ⋅  ∞     2  wn    2   1 2p b≈ β − kn 1 k ( n 0 − n1 ) (65) .Dicembre 1993 23 . (60) 4 n ∞ si può ottenere.n. (58) e quindi la costante di propagazione longitudinale può essere così espressa: β = bkn 0 + kn 1 (1 − b) . (63) M= Assumendo l’ipotesi di fibra debolmente guidante.1. dω c dk ck dV (62) Derivando la (69) rispetto alla lunghezza d’onda si ottiene la dispersione cromatica [17]: D = M (1 + ∆d1 ) − ∆N 1 ( Vd 2 − Pd1 ) . M.Anno 2 .P. d2 = e si è dV dV 2 introdotto il coefficiente di dispersione del materiale . La dispersione cromatica D è definita come la variazione relativa alla lunghezza d’onda. Dispersione cromatica La dispersione cromatica è il parametro fondamentale per caratterizzare le fibre monomodo: da essa si può infatti valutare la distorsione dell’impulso ottico che attraversa la fibra.

per il diverso drogaggio. come spesso accade. Ad esempio il primo termine della (70) mostra che nel contributo di materiale coesiste una dipendenza dalle condizioni di guida rappresentata dal termine ∆ d(Vb ) .  2π 2 c dλ  n 0 w 2  f il valore dell’indice di rifrazione nel nucleo della fibra. in questo caso. nucleo e mantello subiscono variazioni diverse dell’indice di rifrazione con la lunghezza d’onda e ne deriva perciò una variabilità dell’apertura numerica della fibra. 3 . I parametri ai e λi sono disponibili in letteratura e dipendono. che hanno la forma: n 2 (λ) = 1 + ∑ i ai λ2 . nel senso che. In particolare il termine V d 2 (Vb ) rappresenta le variazioni alle dV 2 condizioni di confinamento del campo nella fibra che si registrano al variare della lunghezza d’onda (vedi fig.5 1. Ne segue 24 Notiziario Tecnico SIP . E’ stato dimostrato [7] che il termine di dispersione di guida Dw può essere espresso come: Dw = λ d  λ  . Si parla di fibra monomodale standard quando.Anno 2 .2 1. Tuttavia.n. 2). che si annullerebbe se l’indice di rifrazione del mantello (cfr. come nel caso della figura 6. il punto di zero nella curva di dispersione cromatica cade in corrispondenza della seconda finestra (la regione intorno ai 1300 nm).P. Vespasiano . al variare della lunghezza d’onda. (71)) non dipendesse dalla lunghezza d’onda. Giaconi.35 1. G.6 lunghezza d’onda (um) lughezza d'onda (µm) Figura 6 Curva di dispersione cromatica totale e contributi di materiale.55 1. esprime le variazioni delle condizioni di guidanza con la lunghezza d’onda. evidenziando la sua dipendenza dalle condizioni di confinamento del modo fondamentale in fibra attraverso la variabilità del raggio modale con la lunghezza d’onda. in cui il fattore fa pure intervenire dV delle variazioni che intervengono nel profilo d’indice. V. λ2 − λ2 i (74) (73) dove wf è il raggio modale di Petermann II definito nella (24). 6) ed il termine di guida può essere espresso esplicitamente [18]. in tabella II sono riportati i parametri di Sellmeier per la silice pura e per due diversi tenori di drogaggio con germanio [19]. dalla composizione del vetro considerato. ovviamente.25 1.Dicembre 1993 .4 1. Nel caso di fibre ottiche con profilo d’indice a gradino e mantello continuo (matched cladding) la dispersione di profilo è molto piccola (fig.3 1. M. Di Vita. E quindi. i singoli effetti che determinano un fenomeno non possono essere completamente separati tra loro. La (73) ribadisce quanto già asserito sulla dispersione di guida. per una fibra monomodo normale Il secondo termine a secondo membro della (70). gli effetti pertinenti al materiale e quelli derivanti invece dalle condizioni di guida non sono completamente distinti. La legge di variazione dell’indice di rifrazione del materiale con la lunghezza d’onda può essere espressa con le funzioni di Sellmeier.45 1. esprime la dispersione di materiale. Il fatto che questo punto di zero esista e che si collochi in una regione spettrale nella quale l’attenuazione del vetro è relativamente bassa è estremamente importante. a meno del differenziale implicitamente contenuto nel fattore N1.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 35 30 25 dispersione (ps/nm km) dispersione (ps/nm km) 20 15 totale 10 materiale 5 profilo 0 -5 guida -10 -15 1. di guida e di profilo. Lisi. contemporaneamente il termine P d(Vb ) tiene conto dV Il primo termine a secondo membro della (70). A titolo di esempio.

Ciò corrisponde infatti a mantenere un piccolo coefficiente di dispersione anche quando l’emissione della sorgente non è esattamente corrispondente alla lunghezza d’onda per cui si annulla la dispersione. una fibra a dispersione spostata potrebbe essere anche ottenuta mantenendo un profilo d’indice a gradino con mantello continuo. per modificare la curva. G.0040264 0.n. Le fibre a dispersione spostata che vengono oggi utilizzate in Italia presentano un profilo d’indice triangolare nel nucleo con un rialzo anulare esterno (figura 9) che migliora le condizioni di confinamento del campo [20]. allontanandosi dal minimo verso lunghezze d’onda più alte o più basse si incontra una curva con pendenza via via crescente.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali ai silice pura 0.2 1.) ritardo di gruppo (un. Lisi.arb.2 0.8543265 Tabella 2 Coefficienti di Sellmeier per la silice pura e per due diversi tenori di drogaggio con germanio infatti che utilizzando sorgenti di luce che emettano in seconda finestra si può minimizzare l’effetto dispersivo cumulativo sul collegamento.6965325 0. M.1 0 1 1. può essere vanificato da un vincolo stringente dovuto alla aumentata dispersione cromatica a queste lunghezze d’onda. come mostrato ad esempio in figura 8. La figura mette bene in evidenza che tutte le componenti spettrali collocate nel minimo della curva sono caratterizzate da un valore pressoché costante del ritardo di gruppo.93399 0.Anno 2 .6 0.93353 0. in unità arbitrarie.arb. al variare della lunghezza d'onda Notiziario Tecnico SIP .7 0. che è quindi l’integrale della dispersione cromatica totale rappresentata nella figura 6. Al contrario.Dicembre 1993 25 . la dispersione è relativamente elevata.4203993 0.2% mol GeO 2 0.9 0.7186243 11.93440 6.0163247 97.01375664 97.4 0. Tuttavia. assumendo valori intorno ai 17-18 ps/(nm km). corrispondendo questo ad un maggior effetto dispersivo indipendentemente dal segno della derivata. si osserva come il punto di zero della curva di dispersione risulti traslato verso la terza finestra.5 0.3 1. Rispetto ad una fibra standard. Vespasiano . 3 .P. si preferisce adottare un profilo d’indice più complesso.3% mol GeO2 0. Un rimedio a questa situazione può essere trovato progettando la fibra in modo da modificare la sua curva di dispersione cromatica. E’ per questo che si parla di fibra a dispersione spostata (dispersion shifted).4 1. 1 0.4301997 0.) 0.7083952 0. per considerazioni legate essenzialmente al valore della lunghezza d’onda di taglio e. Per comprendere questa affermazione basta considerare la curva che esprime il ritardo di gruppo in funzione della lunghezza d’onda (figura 7).01394999 97. alle capacità di confinamento del campo ed alle perdite per curvatura.004368309 0. E’ inoltre importante che in corrispondenza dell’attraversamento dello zero la curva di dispersione abbia una pendenza la più piccola possibile. In linea di principio.6 lunghezza d’onda (um) lughezza d'onda (µm) Figura 7 Andamento del ritardo di gruppo per unità di lunghezza. Questo significa che il vantaggio di utilizzare sorgenti in terza finestra per poter sfruttare la minore attenuazione della fibra.8968766 0.3 0.4083099 0.8663412 λ2i 0. Di Vita.1 1. volendo indicare una fibra che sia stata ottimizzata in dispersione per l’uso in terza finestra. conseguentemente.004981838 0. dove l’attenuazione della fibra ha il suo minimo assoluto. si deve intervenire sulle tre componenti di dispersione che la determinano.5 1. E’ necessario quindi che in un sistema di trasmissione su fibra ottica la sorgente emetta ad una lunghezza d’onda il più possibile prossima a quella per cui la curva di dispersione cromatica attraversa lo zero. e per quanto detto a commento della (70) si intuisce che. Giaconi. Dalla figura 6 si osserva peraltro che in terza finestra (intorno ai 1550nm). V.8 ritardo gruppo (un.

l’indice di rifrazione dipende pure dall’intensità del campo.P. Di Vita. quindi le variazioni non lineari dell’indice di rifrazione seguono con grande rapidità la forma dell’impulso che le induce. di guida e di profilo.35 1. G. 3 . per una fibra monomodo a dispersione spostata 10 valore relativo dell'indice di di rifrazione (x1000) valore relativo dell’indice rifrazione (x1000) 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 -8 -6 -4 -2 0 2 4 6 8 distanza radiale (um) distanza radiale (µm) Figura 9 Andamento dell’indice di rifrazione in funzione della distanza dall’asse per una fibra a dispersione spostata 7. SPM).3 1.4 1. questo significa in definitiva una oscillazione (chirp) di fase per l’impulso in funzione della sua intensità istantanea (questo effetto viene detto Self Phase Modulation. I è l’intensità del campo ed n2 è il coefficiente di non linearità dell’indice di rifrazione.n.55 1. Tuttavia.45 1.Dicembre 1993 . quando la radiazione che attraversa la fibra è particolarmente intensa. M. per quanto questo possa essere breve. La velocità di risposta per l’effetto Kerr è estremamente elevata (nell’ordine dei femtosecondi). Lisi. al variare della lunghezza d’onda. Giaconi. (75) dove n(ω) è la parte lineare fin qui considerata.6 lunghezza d’onda (um) lughezza d'onda (µm) Figura 8 Curva di dispersione cromatica totale e contributi di materiale. 26 Notiziario Tecnico SIP .Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali 25 20 15 dispersione (ps/nm km) dispersione (ps/nm km) 10 materiale 5 profilo 0 -5 totale -10 -15 guida -20 -25 1. V. Vespasiano .Anno 2 . Propagazione di solitoni nelle fibre monomodali Nel paragrafo precedente sono state esaminate le conseguenze delle variazioni dell’indice di rifrazione di gruppo in fibra al variare della lunghezza d’onda. nel senso che si può assumere: n = n(ω) + n 2 I . La dipendenza dell’indice dall’intensità di campo è nota come effetto Kerr ottico.5 1.

.t) degli impulsi stessi lungo una fibra monomodale può essere descritta dalla [21]: ∂A ∂A i ∂2 A α + β1 + β 2 2 + A = iγ A 2 A . e che la larghezza degli impulsi sia maggiore di 0. risulta: A eff = πw 2 . Giaconi. dt λ dt (77) (81) Il parametro Aeff è detto area efficace del nucleo e.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali Per le fibre in silice il valore di n 2 è dell’ordine di 3. rispetto ad un materiale identico ma senza struttura guidante.Anno 2 . La costante di propagazione di fase del modo fondamentale può essere sviluppata in serie di Taylor nell’intorno della frequenza di emissione della sorgente: (ω − ω 0 )2 β2 + 2 La (80) tiene conto dell’attenuazione della fibra attraverso α. la (80) diventa: ∂2 A ∂A 1 2 = β2 −γ A A. Assumendo che la sorgente sia quasi monocromatica. In effetti la fibra ottica. Se. ∂z 2 ∂T 2 i (85) dove si intende Notiziario Tecnico SIP . è possibile che l’effetto di non linearità compensi esattamente l’allargamento lineare dovuto a dispersione. è circa un miliardo di volte superiore [21]. Se si adotta un sistema di riferimento che si muova lungo la fibra con la velocità vg. cA eff Derivando l’espressione precedente rispetto al tempo si può evidenziare come l’effetto di modulazione di fase causato dall’impulso su se stesso possa essere visto come modulazione di frequenza indotta dall’impulso (chirp): ∆ω(t) = − d∆φ 2π dI(t) =− n2L . gli effetti non lineari in fibra possono essere osservati già a livelli di potenza relativamente bassi per l’effetto congiunto del valore molto piccolo del raggio modale (elevata densità di energia in fibra) e delle perdite molto limitate (minori di 1 dB/km). tuttavia. assumendo una distribuzione gaussiana per il campo del modo fondamentale. rispettivamente. l’effetto congiunto di dispersione e non linearità tendono a comprimere la durata dell’impulso [22]. M..Dicembre 1993 27 . alla lunghezza d’onda di 1550 nm e per un’attenuazione di 0. rispettivamente. e delle non linearità attraverso γ. 6 (78) e se si assume α=0. g (82) Il coefficiente n2 è positivo nella silice. Vespasiano . uno spostamento verso l’alto e verso il basso della lunghezza d’onda. di ritardo di gruppo per unità di lunghezza e di dispersione cromatica (in ps/(nm⋅km)) Al di sopra della lunghezza d’onda λz per la quale la dispersione cromatica si annulla si ha β2<0 (figure 6 e 8) e si parla di regione a dispersione anomala. 2πc (83) dove τg e D hanno il consueto significato.n. G. In effetti nel seguito viene dimostrato che. e quindi la trasformazione T = t − z v g = t − β1z β(ω) = β 0 + (ω − ω 0 )β1 + (84) (ω − ω 0 )3 + β 3 +.1 ps.2 dB/km. se l’impulso soddisfa a determinate condizioni (forma ed intensità dell’impulso adeguate). quindi in corrispondenza dei fronti di salita e di discesa dell’impulso si avrà. della dispersione cromatica attraverso β1 e β2.2 10 –16 cm 2 /W. si utilizza sul collegamento una lunghezza d’onda che risulti maggiore di quella per cui la dispersione cromatica si annulla. ω =ω 0 (79) Il termine cubico e quelli successivi nella (78) sono trascurabili se la larghezza spettrale della sorgente risulta ∆ω<<ω0. ∂z ∂t 2 2 ∂z (80) dove il coefficiente di non linearità γ è definito come: γ= n 2ω 0 . Circa il significato fisico dei coefficienti di dispersione cromatica è facile verificare che β1 = τ g = 1 v g e β2 = − λ2 D. 3 .P. come appena detto. presenta un’efficienza nei processi non lineari che. e si parla in questo caso di solitone. Lisi. a questo punto. cioè in una regione dove le lunghezze d’onda maggiori sono più lente di quelle minori. dopo aver percorso la lunghezza L di fibra l’impulso subisce un ritardo di fase addizionale pari a: ∆φ(t) = 2π n 2 LI(t). Ciononostante. A causa della dipendenza dell’indice di rifrazione dall’intensità istantanea I(t). l’evoluzione dell’inviluppo d’ampiezza A(z. in corrispondenza dell’annullarsi della dispersione cromatica (β2≅0) il termine cubico deve essere considerato. λ (76) βn = d nβ dω n . valore almeno due ordini di grandezza inferiore rispetto alla maggior parte dei mezzi non lineari. Di Vita. V.

Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali La (85). L nl β2 La (91) stabilisce quindi che se un impulso sagomato secondo una secante iperbolica. sebbene questo non subisca alcuna variazione di forma nella sua propagazione. (93) Se ora si adotta la trasformazione: u=N A P0 ξ= z Ld τ= T . M.ετ) è una sua soluzione. di larghezza T0 e potenza di picco P0 tali da realizzare la condizione N=1 (cfr. cosicché si abbia 2η1=1. La definizione e l’espressione di periodo del solitone hanno senso anche nel caso di solitone fondamentale. Un’importante proprietà di questa forma differenziale è che determinata una soluzione u(ξ. si ottiene la forma canonica del solitone fondamentale. che è il valore che si usa in pratica. e cioè: u( ξ.τ) anche la εu(ε2ξ. quindi si allarga fino a sdoppiarsi per z=z0/2. T0 (88) assumendo di operare nella regione spettrale a dispersione anomala (β2<0). le soluzioni della (89) esprimono proprio quelle particolari forme d’onda che possono propagarsi nella fibra senza subire deformazione. ma oscilla spazialmente con il periodo: z0 = 2 2 π π T0 π Tm LD = = 0.322 . grazie proprio all’effetto di non linearità del materiale. E’ bene precisare che nel caso l’impulso sia effettivamente una secante iperbolica risulta: Tm = 2ln 1 + 2 T0 ≈ 1. G. 2 2 β2 2 β2 (94) i (89) che è proprio la forma normale dell’equazione di Schrodinger non lineare. accade che la forma 28 Notiziario Tecnico SIP . Nel caso di N=1 si parla di solitone fondamentale e la soluzione generale è del tipo Nella propagazione lungo la fibra di un solitone di ordine superiore (ad esempio N=3). si possono definire la lunghezza di dispersione Ld e la lunghezza di non linearità Lnl come: Ld = 2 T0 β2 2 u( ξ. che è l’equazione di Schrodinger non lineare. l’effetto non lineare e quello dispersivo coesistono e possono determinare il desiderato effetto di compensazione sull’allargamento degli impulsi. (91) L nl = 1 . 763T0 . Si noti che dalla (87) può essere ricavato il valore della potenza di picco necessaria a realizzare le condizioni di esistenza del solitone. Lisi. Giaconi. Per quanto detto a commento della (85). per le quali l’effetto dispersivo e quello di non linearità si compensano. (87)). La potenza necessaria a produrre un solitone di ordine N è per la (87) N2 volte maggiore rispetto al caso del solitone fondamentale.0)=1. viene lanciato in una fibra priva di perdite. Di Vita. vengono dette solitoni. Per N maggiore di 1 si parla di solitoni di ordine superiore. nel senso che la deformazione dell’impulso lungo la fibra dovuta a dispersione cromatica può essere recuperata. Hanno un’importanza particolare quei solitoni la cui forma iniziale sia espressa da: u( 0. la (85) può essere riscritta in funzione delle variabili normalizzate (88) come: ∂u 1 ∂ u + + u 2u = 0. Lnl entrambi gli effetti sono trascurabili. γP0 (86) Questi due parametri consentono di stabilire quali sono gli effetti prevalenti nella trasmissione di impulsi sulla lunghezza L di fibra. Vespasiano . A partire dalle definizioni precedenti si può ancora introdurre il parametro: N2 = γP T 2 Ld = 0 0 . ( ) (92) (87) dove Tm è la larghezza dell’impulso a metà altezza. per Ld<L<<Lnl prevale invece l’effetto dispersivo. t ) = Nsech ( τ ) . esprime bene il senso di quanto è stato proposto in questo paragrafo.Dicembre 1993 . V. Scegliendo u(0. ( ) (90) dove il parametro η1 determina l’ampiezza del solitone. esso si propaga indistorto senza modificare la sua forma per distanze arbitrariamente lunghe. t ) = 2η1sech ( 2η1τ )exp 2iη1 ξ . La forma di un solitone di ordine superiore non si mantiene inalterata durante la propagazione. tali forma d’onda. ∂ξ 2 ∂τ 2 2 dove N sia un numero intero.P. per Lnl<L<<Ld prevale l’effetto di non linearità. Indicando con T 0 la larghezza dell’impulso all’ingresso della fibra e con P0 la sua potenza. con ε fattore di scala arbitrario. sotto opportune condizioni che devono ancora essere specificate. 3 .n. Si può dimostrare infatti che per L<<Ld. infine l’impulso si ricompone e si ristabilisce la forma iniziale per z=z0. Nel caso in cui l’impulso non sia esattamente una secante iperbolica o il livello di potenza non sia quello corretto o infine N non sia intero.Anno 2 . l’impulso inizialmente si contrae fino ad una frazione della sua larghezza iniziale. Infine quando L è maggiore o confrontabile con entrambi. t ) = sech ( τ )exp ( iξ 2 ) .

lungo decine o qualche centinaio di chilometri.55 µm e per una fibra monomodale a dispersione spostata la potenza di picco risulta P0≈10 mW. la dispersione cromatica. purché la potenza di picco dell’impulso sia sufficiente. A destra è mostrata l’evoluzione di un solitone di ordine N=3 che subisce prima una contrazione. un valore che è già compatibile con le sorgenti a semiconduttore oggi disponibili. cosa si intenda per lunghezza d’onda di taglio teorica e per lunghezza Prestazioni dei sistemi di trasmissione basati su solitoni. Per dimostrare la pratica realizzabilità della trasmissione di solitoni l’ostacolo è costituito. sull’asse dei tempi. alla forma caratteristica (93) con un N* uguale all’intero più vicino. che mantiene inalterata la sua forma nello spazio e nel tempo. tra l’altro.Anno 2 . Si può considerare peraltro l’utilizzo di un amplificatore ottico in trasmissione per aumentare ulteriormente la potenza. Vespasiano . Una soluzione cui molti gruppi di ricerca hanno fatto ricorso è quella di un anello in fibra recante uno o più amplificatori ottici. Giaconi.n. il raggio modale. Tali parametri sono la lunghezza d’onda di taglio. Con riferimento alla (87) si può verificare ad esempio che per T0=10 ps. Ciò è effettivamente possibile quando il passo di amplificazione è molto più piccolo del periodo del solitone. dalla necessità di tratte in fibra lunghe migliaia di chilometri. NTT Mollenauer. questa ipotesi è chiaramente non realizzata. questo autorizza ad un passo di amplificazione di circa 100 km ed è stata dimostrata con una simulazione la possibilità di realizzare un collegamento dell’ordine dei 9000 km [24]. asintoticamente. anche una forma d’onda diversa dalla secante iperbolica (una gaussiana o un supergaussiana o similare) può evolvere lungo la fibra tendendo asintoticamente al solitone fondamentale. ma l’andamento qualitativo è quello descritto. in altri termini si deve poter assumere che nello spazio tra due amplificazioni successive poco o nulla possa accadere alla forma dell’impulso. NTT Iwasuki. λ=1. realizzando una cancellazione pressoché uniforme delle perdite [23]. M. In figura 10 sono riassunti i casi fin qui considerati. Lisi. Tuttavia. come riportate in [25] Notiziario Tecnico SIP . Si è sottolineato. Sincronizzando opportunamente il ricevitore è possibile controllare la qualità della trasmissione al crescere della distanza percorsa. ritmo binario (Gbit/s) 10 2 x 10 10 20 40 80 Tabella 3 distanza (km) 180 13000 20000 1850 750 80 106 configurazione anello 500km anello 77km anello 77km tratta reale tratta reale tratta reale gruppo di ricerca Nakazawa. Al centro invece è riportato il caso di un solitone fondamentale.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali Z T Figura 10 Evoluzione spaziale di impulsi nel caso di solo effetto dispersivo. il periodo del solitone risulta z0≈980 km. più recentemente le prove sono state realizzate su tratte in linea con passaggio singolo del segnale di test. percorso più e più volte da un pattern predefinito. la larghezza finale assunta dall’impulso e la distanza necessaria dipendono dalla forma iniziale. la tabella III riassume i risultati conseguiti con le due configurazioni così come sono citate in [25]. 8. il rapido sviluppo degli amplificatori ottici a fibra attiva rende plausibile la trasmissione di solitoni lungo una catena di amplificatori ottici discreti. e tutti sono stati definiti in questo articolo e riferiti ai parametri costruttivi della fibra che possono essere stabiliti in fase di progetto e controllati durante la produzione o nel successivo collaudo. poi uno sdoppiamento e torna infine ad assumere la sua forma originaria. La trattazione precedente è stata svolta considerando nulla l’attenuazione della fibra. NTT E’ bene sottolineare che il livello di potenza necessario a stimolare l’eccitazione di un solitone in fibra non è affatto proibitivo. V. pertanto nelle prime trattazioni si assumeva la possibilità di amplificare in maniera distribuita lungo la linea. di solitone di ordine superiore N =3 dell’impulso stesso evolve lungo la fibra tendendo.Dicembre 1993 29 . Di Vita. AT&T Nakazawa. è rappresentata l’evoluzione di un impulso in regime lineare: per effetto della dispersione cromatica l’impulso si allarga man mano che procede lungo la fibra. 3 . in particolare. Quindi. G. A sinistra. Se si assume Tm=50 ps ed una fibra a dispersione spostata usata in terza finestra. Conclusioni Le fibre ottiche monomodali possono essere caratterizzate attraverso alcuni parametri fondamentali che ne descrivono pienamente le prestazioni.P. AT&T Mollenauer. NTT Nakazawa. di solitone di ordine N =1.

superando i limiti per dispersione.1) Imponendo la seconda delle (B. r>1. Andrea Baiocchi. di compensare gli effetti dispersivi della fibra. V.2) deriva dal fatto che la funzione che esprime l’andamento del campo nel mantello (proporzionale a 1/r) ha derivata logaritmica pari a –1 all’interfaccia nucleo-mantello. Si verifica facilmente che due possibili soluzioni particolari sono y1(r)=r e y2(r)=1/r.1) con le condizioni al contorno a) e c) del § 2.P. rispettivamente. Per il raggio modale sono state proposte le diverse definizioni che vengono correntemente assunte in letteratura.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali d’onda di taglio efficace. ovvero per r=1. ovvero y’(0)=3c e y’’(0)=–4c.Dicembre 1993 . Diego Roccato (entrambi dello CSELT) per aver provveduto le figure 8 e 10. Di Vita. r r (A. ovvero y(r)→0 per r→∞.2). G. r→0 + e quindi y(0)=0 in virtù della prima delle (B. chiarendo l’ambito nel quale ciascuna di queste definizioni può rivelarsi più utile. con particolare riferimento al punto di attraversamento dello zero e quindi alla regione di minimo della dispersione cromatica. 2 Appendice A Si tratta di determinare la soluzione generale dell’equazione (5) per r > 1. ovvero dalla funzione y(r) tale che 1 1 y ′′ (r) + y ′ (r) +  s(r)V 2 − 2  y(r) = 0  r r  (B. Giaconi. la cui opera attenta di revisione ha consentito di migliorare la forma ed il contenuto stesso dei due articoli di questa breve serie. ne segue che le due soluzioni particolari sono indipendenti e che la soluzione generale della (A. Gli effetti non lineari che ne derivano hanno ciascuno grande interesse nel mondo delle comunicazioni ottiche.2) La seconda delle (B. In particolare sono stati presentati gli effetti indotti sull’attenuazione della fibra dalle curvature e la relazione che esiste tra tali perdite ed il raggio modale appunto. essendo c una costante arbitraria. Vespasiano . Appendice B La componente radiale del campo elettrico del modo LP11 al taglio all’interno del nucleo è data dalla soluzione della (5) per 0 ≤ r < 1. sviluppando la soluzione di (B. In definitiva.Anno 2 . è diverso da 0 qualunque sia r > 1. Per molto tempo è stato possibile descrivere la trasmissione di luce sulla fibra considerando questa un mezzo lineare.1) per r2 e passando al limite per r→0+. intervenendo su ciascuno di essi.n. si ricava che deve valere la 4y’(0)+3y’’(0)=0. 3 . ove c1 e c2 sono costanti arbitrarie. tuttavia quando il livello di potenza cresce oltre certi limiti è necessario considerare la dipendenza dell’indice di rifrazione della fibra dall’intensità della radiazione.2). mentre l'introduzione dell'amplificazione ottica permetterà di superare anche il limite per attenuazione. si ricava c1=0 e quindi la soluzione cercata è proprio del tipo c2/r.1) è esprimibile come: y1(r) = c1y1(r)+c2y2(r) = c1r+c2/r. in particolare il cosiddetto Self Phase Modulation consente. di guida e di profilo. Poiché il Wronskiano  y 1 (r) W (r) = det   y 1 (r)  ′ y 2 (r) 2 =− r y ′ (r) 2  Ringraziamenti Gliautoridesideranoringraziareperlalorocollaborazione a questo articolo il dott. di realizzare tipi diversi di fibra dal punto di vista della dispersione. ovvero della 1 1 y ′′ (r) + y ′ (r) − 2 y(r) = 0 . Ne segue che. Moltiplicando ambo i membri della (B. si ottiene: y(r) ≈ y ′ (0)r + 1 y ′′ (0)r2 . Paolo Rumboldt ed all'ing.1). La dispersione cromatica è stata descritta nelle sue componenti di materiale. Sono stati evidenziati i termini che influenzano ciascuno di questi contributi e quindi la possibilità. chiarendo come solo la seconda possa corrispondere alla evidenza sperimentale. sotto opportune condizioni che sono state chiarite nell’articolo. Lisi. M. con la condizioni al contorno a) del § 2. l’approssimazione cercata è: y(r) ≈ c(3r–2r2) . purché si stabiliscano con chiarezza le condizioni di prova. (B. Imponendo ora che questa funzione sia infinitesima per r→∞. Angelantonio Gnazzo e il dott.2) in serie di Taylor ed arrestandosi ai termini di secondo ordine. 30 Notiziario Tecnico SIP . Un ringraziamento particolare all'ing. si ottiene che lim y(r) = 0 . Questo apre la porta alla possibilità di trasmettere quantità di informazione enormi a distanze estremamente elevate. ovvero  y(0) = lim y(r) r→0 +   y ′ (1)  y(1) = −1  condizione a) condizione c) (B.

Vol. [18] [19] [2] [20] [3] [4] [5] [21] [22] [6] [23] [7] [24] [8] [25] [9] Hung-Chia. 409. pp. 216-220. 1984. Matsumura. H. G. pp. agosto 1993.623-625.P. Monerie. 2. I.650-652. 23. n.. Christensen.194-197. n... pp. Vol. Hasegawa. Vol. 12.: Soliton communication on standard non dispersion-shifted fiber.. aprile 1985.Fibre ottiche per telecomunicazioni: fibre monomodali Bibliografia [1] Di Vita. 1986. 19th European Conference on Optical Communication ECOC’93.. V. 5. pp. «Electronics Letters». Giaconi. 3 . 22. Gnazzo. n. 11-25. 1977. B. D. 3.: Constraints for fundamental-mode spot size for broad band dispersion compensated single-mode fibers. «Journal of Optical Society of America». Vol. «Electronics Letters». aprile 1982. Vol. 1976.. H..P. 21. pp.: Radiation of discrete beams from curved single-mode fibres. Vol. 712-714. Matsumura. Ainslie.G.D. Vol 12. pp. Di Vita. Vol. 2-5 ottobre 1983. C. R. 2. «Journal of Lightwave Technology».2-7. pp. 341-344.. Montreux (CH). «Electronics Letters». Giaconi. pp. 123-134. pp.. H. I. 1979.A.P. C. n.M. C. Vol. «Electronics Letters». n. pp. M. C. K. Vol.. 202-204. 13. S. pp.: Measurement of refractive-index profile and transmission characteristics of a single mode fiber from its exit-radiation pattern. RR93. Vol. «Electronics Letters». L. G.130-132.. Marzo 1981.A.: Longdistance soliton propagation using lumped amplifiers and dispersion shifted fiber. W.: Upper and lower limits for the microbending loss in arbitrary single-mode fibers. p. Gambling.. Pask.M. febbraio 1991. M. 4. Vol. 17. C. Cooper. n. P. P. Petermann. 3. 3. Day. 12-16 settembre 1993.: Cut-off condition of the fundamental mode in monomode fibres. 14. Coppa. Vol. pp. 49. Someda. Matsumura. «Optical and Quantum Electronics». Coppa.H. giugno 1982. Academic Press. D. G.: Studio delle perdite di accoppiamento tra fibre ottiche monomodo. n. Payne.8. C. Gambling.: Radiation from curved single-mode fibres. A. 12th European Conference on Optical Fiber Communications ECOC’86. pp. Regio.J. G.A.Anno 2 .: New analysis of microbending losses in single-mode fibres.: Theory of the profile-moments description of single-mode fibres. W.F. Vol.M.: Propagation in doubly clad single-mode fibers. I. Coppa. 24. Vol.. pp. «Journal of Lightwave Technology».. aprile 1984. «Rapporto Tecnico CSELT». Pt. «Notiziario Tecnico SIP». Vol. LT-4. P. Craig. Lisi. 107-109.: Physical interpretation of Petermann’s strange spot size for single-mode fibres. Ragdale. G.: Microbending loss in monomode fibers. Marcuse.9.n. 1976. 1976. Barcelona. 144-145.N. 18.: Amplification and reshaping of optical solitons in glass fiber-IV. pp. G. pp. Artiglia. pp. pp. agosto 1973. Di Vita. 1983. QE-18. M. 1979.A.. Vol. «Electronics Letters». H. 1986. 142-144.. 2. W. W. pp. Cagliari. A. pp. Vespasiano . Di Vita. 2. P. «Electronics Letters». Pask. «Applied Physics Letters». Mollenauer. [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] Notiziario Tecnico SIP .. 535-542.: Curvature and microbending losses in single-mode optical fibres. G. et al. A. 567-569. Coppa. «Electronics Letters».: Modelli numerici per la progettazione di fibre con elevata dispersione negativa a 1550nm. K.Dicembre 1993 31 . Anomalous dispersion.3265-3271... Evangelides. Agrawal. M. pp. Hasegawa. Artiglia. Vol. M. T.696. Hussey. Hotate..: Fibre ottiche per Telecomunicazioni: propagazione. 19. 1978.: Nonlinear fiber optics.. «Journal of Quantum Electronics». «Optical Communications». «British Telecom Technology Journal».12. Vol. LXXXIV Riunione Annuale AEI. 712-713. F. Petermann. 1989. «IEE Proceedings».: Dispersion shifted single mode fibres using multiple index structures. Ragdale. 66. P.: Curvature loss formula for optical fibers.G. «Applied Optics». dicembre 1983. Petermann. Zi-Hua. Gambling. San Diego (CA). V. K. 27-33. Di Vita. Kuhne. B. n.: Analytical approach to prediction of dispersion properties of step-index single mode optical fibres. Haus. 20. P. S.: Simple and accurate microbending loss evaluation in generic single-mode fibres. n. n.43-59.. 1986.: Transmission of stationary nonlinear optical pulses in dispersive dielectric fibers. K. 52-58. H.. Okoshi. P. Vol. «Optics Letters». n.: Field deformation in a curved single-mode fiber. B44. Vespasiano. Di Vita.. C. Vol. 19..R. 11. 129. Tappert. Lisi..