You are on page 1of 69

Avvertenza

(.)trcsto libro contiene un articolo e ùfia Nota clìc porta la data del giagno 1912' L'atticolo, Rispostd a John Leuis, è comin due nul)iìrso, tradotto da Grahame Lock, r,,cri de1la rivista teotica e politica del Par<< Marxism I ito comunista di Gtan Bretagna: toclay >> nell'ottobte e novembre 1972' prima << Risposta >: perché, qualche mese (nci nLrmeri di gennaio e febbraio '72), la stcssa rivista aveva pubblicato un lungo articolo ctitico di John Lewis (filosofo comunirjta inglese noto per i suoi intetventi su questioni politico-ideologiche), col titolo: The
Case Althasser.

ptesente testo de11a Risposta a lohn Letois r:iprende la versione inglese dell'articolo: vi l.o uppottuto alcune cortezioni, aggiunto qualche paragtafo di chiarimento e delle Osseraa11

zioni.

x Ho aggiunto a questo testo una Nota ine' dita, che doveva all'inizio essere parre inte-*

Nella presente edizione italiana

stato collocato

di

il testo della Not4 è quello della Risposta lN d'T') seguito a

gf{ntc (frlln nia Risposta, e che avevo invece rol)prcsxo pcr non eccedere i limiti di un arti trrlo gir\ lungo.
llrrigi, 1" naggio
1-973.

I.

Risposta

a John Lewis

11i di filosofia marxista, Pour Marx e Lire le Cdpital * (1965). Al cospetto di tutti i membri della fami11lia immobili, dei suoi colleghi silenziosi, il

Sono grato a << Marxism today > della pubbli t;rzione dell'articolo di John Lewís sui miei sag-

clottor John Lewis si è chinato sul << caso Althusser >> '. Lungamente. E ha emesso la sua cliagnosi: íl malato è afietto da << dogmatismo )> acuto una varietà < medievale >. La prognosi è infausta: i1 malato non andrà lontî1.O.

È un onore per me: ma è anche l'occasione cli spiegarmi, a dodici anni di distanza. I1 mio primo articolo, che parlava del << giovane Marx >> è infatti del 1960. Siamo ne| î972. Dal 'l960 ne è passata di acqua sotto i ponti della storia. Il movimento operaío ha vissuto avvenimenti importanti: la prosecuzione del[Le
traduzioni italiane, da

cui si citerà d'ora in
e

I Il titolo dell'articolo di J. Lewis è Tbe Case Althxsset. Nessuna meraviglia: nella sua conclusione, John Lewis mette i puntini sulle <r i >, paragonando il marxismo.,, alla medicina. 9

sono, rispettivamente, del '67 (Editori Riuniti, Roma) '68 (Feltrinelli, Milano). (N.1.7.).1

poi, del

del popolo viet_ rlallita contro l'imperialismo piú potente; la
livoluzione culturale proletaria in Cjna (1,96669); 11 piú imponente sciopero operaio della storia (dieci milioni di scioperanti in un mese) nel maggio '68 in Francia, sciopeto che era stato 'preceduro ' e al quale si è ,aggiunta , una ptofonda rivolta ideologica negli ambienti studenteschi e intellettuali piccolo_borghesi in Francia; l'occupazione della Cecoslovacchia da parte degli eserciti di altri paesi del patto di Varsavia; la guera d,Irlanda, ecc. La rivoluzioi-re culturale, il maggio '6g e I'occupazione della . Cecoslovacchia hanno avuto ripercus_ sioni politiche e ideologiche nell'intero mondo
capitalistico. A distanza di tempo si può giudicare me_ glio. Lenin diceva: il criterio deila pratí.a non è vefamente valido se non quando è verifica.to su un <( processo > di lunga durata. euando una << verifica pratica >> si è protratta per dodici, dieci, o anche serte anni, si puj gíudi_ crre meglio, e vedere se si aveva ragione o torto, e in che cosa: anche al mio modesto livello. F, vcrcmente un'orrirna occasione. Segnalo soltanto un dettaglio: nell'articolo

l'cr'oicar e vittoriosa resistenza

,

In Pour Marx (\965) irvcvo paflato di Stalin, del XX Congresso, e ,l.lla scissione del movimento comunista inlr'fl)xzionale. Per Lewis' a quanto sembra' Sttlin non è mai esistito, il XX congresso nemrrcno, e cosí la scissione del movimento conlunista internazionale, il maggio 1968; l'occupazione della Cecoslovacchia non è mai avvcnuta e cosí la guerra d'Irlanda' Lewis è uno spirito puro, non si abbassa a patlare di po)t)craio non trova posto'

litica.

fllosofia' Quando parla di filosofia, parla di Puntó e basta. Bisosna dire che è cosí che fanno la mag-

di
10

Lervis

la

storia politica del movimento

gioranà dei 'professoti di filosofia' nel1a. nosra società borghese. Sopr:attutto non Parlano mai di politica! No, patlano di fi1oso6a' Punto e basta. Per questo Lenin li chiamava, citando Dietzgen, << servi diplomati > dello Stato borconti, shese. Che misetia! Petché, in fin dei àopo Platone, tutti i grandi filosofi hanno parlato di politica, e anche tutti i grandi fi1osofi borghesi, non solo i materialisti, ma anche gli idealisti: per esempio Hegel. Non 1o dicevano: ma tutti sottintendevano, chi piú chi meno, che fate 61osofia è fare politica nella teoria; e avevano anche il coraggio di {are politica a
11

1.972: àlnq,te non ha piú bisogno, lui, di parlare di politica. Comprenda chi può.
Sono grato a < Marxisrn today > anche perché assegna grande spazio alla filosofia. È giusto. Engels, Lenin cenamente, ma anche Stalinl, e, beninteso, Gramsci e Mao l,hanno detto: la

carte scoperte, pdrlando di politica. Grazie a Dio Lewis ha cambiato questa situazione. Levis è un marxista e siamo nel

(il materialismo storico), ma anche della filosofa marxista (ii l-raterialismo dialettico). Perché? Mi sia consentito di rispondere con una for_ mula di cui mi assumo i1 rischio (personale): petché Ia flosofie è, in ultiwa istanza2, lotta di classe nella teoria3.
de1la storia
2 Mi spicgo meglio: llz Lltima ist,lnza, petché nojr mi si Iacciano clire poi cose che non voglio dite. Dico: la filosofia è, in ultima istanza, lotta di classe nella teoria * c non:

lotta di classe proletaria h,t bisogno di filosafia. Ha bisogno non soltanto della scienza marxisra

Tlrtto questo è, come ditebbe Lewis, petlcuamente <( ortodosso >. Engels, citato da l,t:rrin nel Che fare?, sctiveva nel 1884, neila contadini" ci sano l,rcfazione aIIa Guera dei rlc forme di lotta di classe. La forma econor,,icr, 1a fotma politíca e la fotma teorica O, ,r, si pre{erisce: la stessa lotta di classe esi:rrc, clunque deve essere condotta dal ptoleta,i,,io, ,oito la direzione del suo partito, nell',:conomia, nella poiitica e ?telld teorid' Nellà r,oria. i1 concenttato de11a lotta di classe si
,

lr!ama ú1osofia.

un rappotto .,. /\ clil{efenzx delle sclenze, la fr1oso6a inttattiene 'L|ctto con la tendenza di classe delle itlealogìe che' it ultina
L.ìlrrìza.

sono ptulìche

e non appartengono alla teoria

(Ie

i(leoÌoriche tcotiche > sarebbeto in ultima istanza cìei distaccaIn tútte que" r,,,,nti ciellc ideologie pratiche ne1la teoria) ultima istanza > desigfla fo nulàzionj, l'csprcssione

' (in \ir in ultima isranza >, l'aspetto principale' . ì" ,1.r".-it"rjon" '< anello clccìsivo > àeIIa detemtifilziofiet essa implica dun.'' I t,.,.,-nr" rl. r-no o J' n 'rri aqpcLli se.orJa'i srrbordi, i. .l ,d t"."i. ',' e *'dcte min rnr' ocrch'l a/rrl Co'í la c ìe ideologie 1., rrEr r'o'ì è cl c lotta J cla"e ne'la tco_:a

la 6losofia figura a pieno diritto , nella , teoria, neile vicinanze delle scienze, con le quali essa inÚa! tiene rapporti specifici: ma la úIosoÉa non è (una) scienza.
1.2

la úlosolia è lolta di clAsse nelÌa teoria rou, c..)aft. 3 Per orientare il lcttore che potebbe essere sconcettato da quc<ra lormrrJa. conLlensara cl m,rsrimo. ccro trc I,untj di riferimento. 1. Per la sua astrazione, la sua razionalità e Ia
sua sisrernaticità,

istanza '' rx;n sono che pratiche: ma esse 1o sono'in ultima comptesa \a portata teoríca della tesi Non è stata sempre ,,ìiri.^ ai L"trir-t su < l'arello decisivo > Non si tratta soli,,nto di .."gti"te, tra gli anelli esistenti, e già identilcati .,l'anello clecisivo r: la catena è fatta in modo taie che si

e identifr,1""'. .upotolg.r" la for_mula Pet poter ticonoscere pasto, bisognà prina care g1i altri anelli della catcna, al loro uovare < l'anello decisivo >.

1.3

Queste, si dirà, sono ancora e sempre pa_ role. Ebbcne, no. Quesre parole sono p", l,rp_ punto armi per la lotta di clàsse nella teoria, e poiché Ia lotta di classe nella teoria è una ' parte ' della lotta di classe nel suo complesso, e poiché la forma piú aha della lotta delle classí è la lotta di classe politica, le parole della filosofia sono armi per la I:attàg\ia pàhti.u. Lenin ha scritto che < la politica è il concentrato dell'economia >. Si pottebbe scrive_ re: la filoso6a è, in ultima istanzaa, il concen_ tt^to tealico della politica_ È una formula 'schematica'. E sia! In tre parole dice abba_ stanza bene ciò che vuol dire. Tutto ciò che succede ne11a filosofia ha, ín ultima istanza, non solo conseguenze politiche nella teoria, ma anche conseguenze politiche nella politica: nella lotta di classe politica. Lo dimosreremo subito. Cetto, appena cito Engels e Lenin, Lewis dirà, una volta di piú, che io parlo come < l,ul_ timo campione di un,ortodossí a minacciata da gravi pericoli > 5. O.K.l Mi proverò ora a difendere quella 'ortodossia', che si chiama
4 Cft., a questo prcposito, la nota plecedente. < Ciro le espressioni dello sresso Lewis.

rrrrtia di Marx e di Lenin Questa ortodossia < gravi penascita, '' Ininacciata, fin dallaquelli delfda ideologia borr icoli >>? Certamente:
1ltrcsc. Lewis t,r >? No!

dirà che io

<

grido nel

deser-

I comunisti, quando sono marxisti, e i marxisti, quando sono comunisti' non gtidano mai ncl deserto. Petò possono essere relativamente
soli. Perché? Lo vedtemo.

È dunque su questa base teorica marxista, < ortodossia >, perché conforme a1la teoria di lr{arx e di Lenin, che voglio fare i conti con stessi ettori Sulla base .1. Levris e con i miei ,lclla necessità della lotta di classe nella teoria e sulla base l)roclamata da Engels e Lenin

.

,lc1la definizione di filosofia che io propongo rrugi (giugno 1972): la filosofia è, in ultima istanza., lottd di classe nella teortl" Lascerò dunque da pa'rte tutti i rilievi 'psicologici' che Lewis ha creduto bene, in con.l,rrion. del suo artícolo, di consacrate allo < stile di t,ita e di scrittata di L' Althusser, trcl suo ir'tsietne >. Per esempio, Lewis è molto tutbato, dispiaciuto, preoccupato, da buon 'umanista' qual è, del fatto che < Althusset Mgonxefiti in maniera rninuziosa con lt estfel/to
r5

T4

> e questo lo fa pensate non agli scolastici, che erano grandi filosofi del Medioevo, ma agli < scoliasti >>, ai commentatori dei commentatori, agli eruditi, a coloto che spaccavano in quatto i capelli filosofici, ab_ brutiti su11e citazioni... Grazie tante! Questa sottile 'psicologia' non mova posto in un dibattito tra comunisti. Non intendo sesuire Lewis su questo terfeno. Tratterò Lewis da compagno, militante di un partito fratello: il Partito comunista di Gtan Bretagna. Provetò a parlare un linguaggio semplice, chiaro, accessibile a tutti i nostr.i compagni. Per non rendere troppo lunga la mia risposta, afironterò soio le questioni teoriche piú importanti politicamente per noi, oggi, nel
d.ogtztatistzzo

It
l)cr comprendere la mia risposta, occorte evill"nt"-".rtt che il lettote conosca nell'essenziale Ia critica ' radicale ' tivolta da Lewis ai miei ' saggi filosofici ', Per riassrrmerla in breve si può dire cosí' I-cwis mi rimprovera: 1. di non conoscere la la storía flosofia di Marx; 2. di non conoscere clella lormazione del pensiero di Matx' I., tr"u", mi rimoroveta di non conoscete la tcoùa nd.rxxst6. È nel suo dititto. Riprenderò dunque questi due puoti' uno clopo l'altro.

1972.

III
Primo punto: << Althusser non conosce la fi_ Iosofia di Marx >>. Per dimostratlo Lewis adotta un metodo senrplíce. Espone /a filosofia di Matx cone la intende lui. Poi vi mette accanto Ia filosofia di Marx cosí come la intende << Althusser >>. Basta confrontare perché la difrerenza balzi agli
occhi.

i'

evidente, è

di dominio pubblico.

Eseruplifi-

cdzione di Lewis: la rivoluzione. È l'uomo che fa 1a rivoluzione.

L'uomo fa 1a storia rifacendo la storia già Íattà, " trascendendo " pet mezzo de11a " negazione della negazione "' la storia già fatta >.

2. Tesi n.

2

<<

.Seguiamo dunque il nostro Virgilio nel1a selva della fi1oso6a marxista, e vediamo come Lewis riassume, secondo il suo pensiero, 1a filosofia di Marx. Secondo lui essa è racchiusa in tre formule, che chiamerò tesl u.

7. Tesi n.

I

<<

È l,uorno che fa

1a storia >.

Giustificazione di Levris: nessun bisogno di giustificazioni, perché la cosa salta agli occhi,
ó

lio

de a

scietuza

proposto questa < definizione > ìn un Corso di lîlosrtfa

Giustificazione di J. Lewis: poiché è l'uomo che fa la storia, per fate la storia, l'uomo deve trasformare la stotia che egli stesso hà già fatta (dal momento che è l'uomo che fa la stofia); trasfotmare ciò che si è fatto, significa < ffascenderlo >, cioè negare ciò che esiste, e poiché ciò che esiste è la stoda che I'uomo ha fatto, equivale a negare la storia già negata. Fare la stotia è, dunque, << negare Ia negazio' r.re >> della negazione de1la negazione, e cosl all'infinito. Esemplificazione di J. Lewis: Ia ri' voluzione. Per fare la rivoluzione l'uomo << trasccnde t' (" nega ") ia storia esistente. essa stessa <( negazione >> de1la stotia precedente, ecc.

del 1967 (in corso di pubblicazion";,

cnuncia delle proposizioni che sono delle tesi> (a difretenza delle scienze: < Una scienza enuncia clelle proposizioni che sono delle dìmostrazioni >).

n

l" 6lorofi"

18

T9

3. Tesi n. J
1o che fa >.

<<

I-'uorno non conosce che quel-

Giustificazione di J. Lewis: nessuna giustificazione. Mancanza di spazio nell'articolo? Difendiamo la causa di J. Lewis. Lewis po, trebbe invccare Ia pratica scientifica e dire che ii riceicatore << non conosce che que11o che fa >, perché è 1ui che << fa >> sia le dimostrazioni (matematiche), sia le próve (spetimentali.). Esetnplificazione di f . Lenis: nessuna esempli.ficazione. Proviaqo a illustrare la sua tesi. J. Lewis potrebbe giustamente prendere la storia come esempio: 1'uomo conosce la storia poiché è lui che Ia [a lrcsi di G. B. Vico t. << verum factum >>) Ecco le tre tesi che riassumono 1a fi1osofia di Matx, nel pensiero di J. Lewis: Tcsi n. 1 E I'uomo chc fa la sroria. Tesi n. 2 L'uomo fa la storia tascendendo la stotia. Tesi n. 3 I-'uomo non conosce che quello che {a.
7 < È vcro ciò che è stato fatto. > Marx cita Vico in un tlgo del CaÌitale, Editoti Riuniti, Roma 1964, vol. I, p. 414, notd 89) a proposito della storia della tecnologia.

'l'utto questo è molto semplice. Tutti 'capis(ullo' Ie parole: uomo, fare' storia. conoscelc. C'è soltanto una parola un po' complicata, rrna parola da 'úlosofi': la << trascendenza >>, r) <( negazíone della negazione >>. Ma, se lo vocosa J. Lewis non potrebbe forse dire la rrn po' piú semplicemente? Invece di dire: l'uomo fa 1a stotia trascendendola per mezzo ,lclla << negazione de1la negazione >>, porebbe rlire: l'uomo fa la storia trasfotmandola, ecc' Non satebbe {orse Piú semplice? Ciononostante una piccola dificoltà rimane' Quando J. Lervis dice che è l'uomo che << fa la stotia, tutti 10 capiscono: o piuttosto tutti ued.ono ài capirlo. Ma quando si tratta di andrre un po' piú a fondo neìla negazione' qttanrlo J. Lewis onesiamente si pone (dentto di sé) 1a domalrda'. << coilxe fa l'uomo a lare la storia? >>, allora ci si accorge che c'era un ptoblen-.a delicato 1à dove tutto sembrava semplice, una cetta oscuîità 1à dove tutto semlcsse,
>>

oscuto? La piccola parola: >)' lare (rella tesi < È l'uomo che fa la storia Cosa può voler dite infatti questa piccola parcla'. fare? quando si tratta della storia, be' ninteso! Perché quando si dice < ho fatto una

brava chiaro. Cosa c'eta

di

20

{ìì\'21,n,,

,f.

v,..,..

-..1,

oppure << 1.ro faito i1 giro del mondo >> o quando un falegnarne dice << ho fatto un tavolo >, ecc. tutti crrpiscono subito cosa vuol dire: farc. I1 senso della parola cambia secondo le espressioni, ma in ogni esprcssione si può spiegare che cosa v:uol dfte fare. Ad esempio, quando un falegnarne ., fa >> un tavolo, r'uol dire che lo fabbrica. Mc, lare \a storia? Cosa può voler dire? Quanto a1 falegname, 1o conosciamo, ma I'uonto che fa la stofia, chi è? Lo conoscete voi questa << specie d'individuo >>, come diceva Hegel? Allora J. Lewis si mette a1 lavoro. Non cerca di evitare la diftcoltà: l'aflronta. E ci spiega la cosa. Ci dice: << fare >>, nel caso della storia, vuol dire << tîascendere >> (negazione della negazione), cioè trasformare la matetia prima delIa storia esistente superandola. Bene. Ma anche il falegname che << fa >> un tavolo ha dinanzi a sé una .< materia prima esistente >: il legno. E trasforma il legno in tavolo. Ma J. Ler.vis non direbbe maí che i1 falegname << trascende > il legno per << farne >> un tavolo. E avrebbe ragione. Perché se 1o dicesse, il primo falegname che capita, e tutti i falegnami e tutti i lavoratori del mondo lo manderebbeto a quel paese, lui e la sua << ffascendensciocchezza
)>

:

J. Lewis impiega la << ttascendenza >> solo per la storia. Perché? Nel1'articolo, J. Lewis non 1o spiega. A mio awiso Lewis ci tiene alla sua << tîascendenza >> per la ragione seguente: perché la << matería prima > della storia, è già storia. Per í1 falegname, la materia prima è il legno. Ma il falegname che << fa > il tavolo, non dirà mai di essere stato lui che ha < fatto > i1 legno, lrerché sa fin toppo bene che il legno < 1o produce la natura >: perchó un albeto si possa tagliare in assi, bisogna prima che sia cresciuto nelle foreste, da qualche parte nel paese, o a migliain di chilometri sotto I'equetore. Ora, per Lewis, è I'uomo che ha già latto la storia con la quale fa \a stotial Nella storia, l'uomo produce dlrnque tutto: non solo il risultato, il prodotto del suo n lavoro >> (1a stotia), ma, in precedenza la maferia prima che trasforrna (la storia) in storia. Aristotele diceva che l'uomo è un animale a due zampe, ragionevole, parlante e politico. Franklin, citato da Matx (nel Capitale), diceva che I'uomo è un << toolmaLing animal >. J. Lewis è filosofo di altra levatuta. J. Lewis pensa che I'uomo non è soltanto un << animale che fabbtica utensili >, ma un animale cteatore di storia, nel senso forte,
za >.

'))

2)

dal momento che Ía tutto: << fa > la materia prima (1a storia), gli stumenti di ptoduzione (J. Lewis tace su questo punto! e non è un
altrimenti sarebbe obbligato a patlate del1a lotta delle classi, eà il suo << uomo >> non statebbe piú in piedi), e naturalmente iI prodotto finale: la stotia. Avete mai visto al mondo un essete dotato di un simile potete? Sí: esiste nella tradizione del1a cultura umana. È Dlo. Solo Dio < fa > la materia con la quale < fa o il mondo. Ma vi è una dif{erenza molto impottante: il Dio di Lewis non sta fuoti del mondo, I'uomo-dio creatore del1a storia non è afiatto fuoti della stoîi|:. è dentro. Questo complica infinitamente Ie cosel Ed è appunto petché il piccolo dio umano onnipotente di J. Lewis, e cioè 1'< uomo >>, è dentro la storia (<< in situazione >>, come diceva Sartte), che J. Lewis gli atttibuisce non un potere di cteazione assoluto (quando si crea tutto, è relativamente facile: non vi è alcun problema!), bensí qualcosa di ancora piú stupefacente: il potere di <( trascendenza >, la possibilità di aegare-superare all'infinito verso I'alto la storia colrtingente den*o la quale egli vive, iI potere
caso,

di trascendete la storia pet mezzo delTa libertà
untana
t .

L'ometto J. Lewis è un piccolo dio laico, che è, come tutti, cioè come tutti gli esseri viventi, << dentro il bagno >>, ma è dotato del prodigioso potere di libertà di tirar fuori la testa dall'acqua ogni momento e dí mutare il < livello >> dell'acqua. Un piccolo dio satttiano sempre << in situazione >> nella storia, dotato del potete inaudíto di << supetate >> ogni situazione e di dominare tutte le << situazioni >, tutti i problemi, di risolvere tutte le dificoltà della ,toriu, di andare vetso i giorni futuri che " cantano la tivoluzione umana e socialista: l'uomo è per sua essenza tn animale riaolu' zionario in quanto è tn animale libero. Scusateci, lettori non-fi1osofi' Noialtri, filosofi, conosciamo bene questa vecchia musica ldealista. Noialtti, filosofi comunisti, sappiamo che questa musica filosofica ha sempte al'uto degli efietti politici.
8 Iceoro la storia filosofica personale di J kvis Ma non rischio molto A scommettere chc egìi ha dovuto avere un de-

bole per J. P. Satre La < filosofia marxista > di J L tassomiglia, tanto da venir tratti in inganno, ad una copia del_
I'esistenzialismo sartriano, leggermente hegelianizzata, senza dubbio al 6ne dr farla accettare da lettori comunisti'

24

ptimi che hanno parlato di << rascendenin frlosofia sono stati i filosofi idealistiteligiosi della scuola di Platone: platonici e neoplatonici. Essi avevano un bisogno vitale
za
>>

I

della << trascendenza >> per costruire la loro teologia frlosofica o religiosa, e quesrî teologia era allora 1a filosofia ufficiale dello Stato schiavista. Piú tardi, nel Medioevo, i teologi agostiniani e tomisti ripresero la categoria della << trascendenza >> in quei sistemi filosofici che setvivano gli intetessi della Chiesa e dello Stato feudale (1a Chiesa: appararo dello Stato, e ideologico di Stato n. 1 dello Stato ^pp^rato feudale). È necessario commentare? Molto piú tardi, con l'awento al potere della borghesia, la << trascendenza > ha ricevuto, nella fi1osofia hegeliana, una nuova funzione:. eta sempre la stessa categoria, ma << imballata > ne1la tela di líno del1a << nesazione della negazione >>, serviva questa volta Io Stato botghese. Era, molto semplicemente iI notze filosofico della libertà borghese. Era rivoluzionatia, allon, rispetto ai sistemi filosofici della <( trascendenza >> feudale: ma era borghese al cento per cento, e tale resta. In seguito, per non citare che lui (poiché, dopo di lui. la o trascendenza,, aurorit:rria o zt)

cscatologica fiorisce, al giotno d'oggi, ptesso una gran quantità di teologi, alcuni reazionari, ma altri assai ptogressisti, in Germania, Olanda, America latina, passando per la Spagna), Jean-Paul Sartre ha ripreso la cosa, nella sua teorìa dell'< uomo in situazionc '>: versione piccolo-borghese de11a libertà botghese. 11 botghese non ha piú 1o stesso bisogno di credere né può piú {ar credere, negli anni 1940-1970, che la libertà è onnipotente. lvla f intellettuale piccolo-borghese sí! Tanto piú esalta il potere dellt saa .libertà (< rrascendenza )>, <( negazione de1la negazione >>) quar-rto piú essa viene schiacciata e cancellata dallo sviluppo dell'imperialisnro. Un piccolo borghese isolato p.uò anche protestate: non succede nulla. Quando masse di piccolo-borghesi si ribellano, può succedere molto di piír: ma gli efietti de1la loro ribcllione si misurano, si congiungono o cozzano contto le condizioni oggettive della lotta del1e classi. La libertà piccolo-borghese a que-

sto punto incontra Ia necessità. Lewis, a sua vo1ta, riprende 1a vecchia canzone nel 1972, nella tivista dei Partito comunista britannico. Vortei, se mi è consentito, rassicr-rratlo: non grida << nel deserîo >l Egli non ò il solo, è in una compagnia comunista abba27

stanza numerosa. Lo sanno tutti. Ma perché dei comunisti intonano apertamente, dopo gli anni '60, questa filosofia della [bertà piccoloborshese dichiarandola marxista? Lo vedremo.

IV
Ma innanzitutto voglio, a mia volta, ptocedere anch'io come J. Levris. Metterò Ie tesi
della filosofia matxista-leninista a fianco delle tesi della ..< frlosofia matxista > di Lewis. E tutti potranno confrontate e giudicare, Riprenderò nell'otdine le tesi di J. Lewis' Cosl le cose saranno piú chiare, Faccio un grande favore a Lewis riptendendo I'otdine delle sue tesi: petché quest'ordine è idealista. Ma mi posso permettere di fargli questo
omaggio.

Per comptendere ciò che segue, stabiliamo una convenzione: per ogni tesi (1, 2, 3), io copoi mincerò col ricordare la tesi di J. Lewis -Usetò passerò alla tesi del marxismo-leninísmo. per il marxismo-leninismo la sigla: M.L.

l.

Tesi n.7

J.L.: <, È, I'uorno che fa la storia >. M.L.: < Sono le taasse che fanno la stotia

>>.

Che cos'è Mistero '.
Cosa sono

<<

I'uomo

>>

che

<<

fa > la stor:ia?

le masse che < fanno la storia >? In una società divisa in classi: sono le masse slru//ate, cioè lc clcssi, strrti e crtegorie socíali sfruttati, raggruppati attorno alla classe sociale sfruttata capace di. unificarli e metterli in movimento contto le classi dominanti, che detengono il potere dello Stato. La classe sfruttata (( cîpace di... >> non è sempre la classe più sfflitt^fa, o Io <( strato >> sociale piú miser:abile. Cosí, ncll'Antichità non sono stati gli schiavi, salvo in qualche pcriodo (Spartaco), che hanno <, fatto >> la storia nel senso fotte, sociale e politico, del termine, ma piuttosto le classi piú s{ruttate tra quelle cli uomini < 1i bcri (a Roma << 1a plebc >> urbana o agrarta,,
')

"

Cosí, sotto il capitalismo, ciò che Marx ha chiamato << sottoproletariato > comprende gli uomini piú miserabili, i << Lazzati del1a classe dei salariati >> ". Ma è attorno a1 proletariato (la classe sfruttata nella produzione capitalista) che si unificano le masse che << fanno la storia )) e che << faranno la storia >>, nella {attispecie la rivoluzione che esploderà ne11'< anello piú debole > della catena imperialista mondiale. Alla tesi di J. Leuis (è I'uorno che la la storia), i1 M.L. ha sempre opposto 1a tesi: sono le masse che fanno la storia. E nella società capitalística /e masse non sono al{atto << la rnassa > dell'< aristocrazia intellettuale > o degli ideologi del fascist.ro, ma l'insieme delle classi, stt^ti, categorie sociali sfruttati uniti intorno alla classe sfruttata nella grande produzione,la sola capacc cli unirle e di guidare
fanno questo lavoro che la classe dcgli schiavi non abbia, malgrado tutto, silcnziosamente, piú profondamente << fatto la storia r>. Il passaggio dalla schiavitú della piccoìa borghesia

Pcl noi, chc lottiamo soito h dittrtura rlclla horsj,esir, > chc frr la storjn è un mistcro. Ma questo nristercr iì\(\/a un scnso quanclo lt botghcsia ri',,oluzion;u ia lottav:r
< ì'rronro

contro la fcudalità che la clominar,r. -41lora plochnrarc comc fcccro Ì grancìi umanìsti borghcsi chL: è l'ttoaa chc fa ll stoiiir, erir lott:re tltl ptnto li r,it,t ltlld totq.h5id, rLlo ^\lo$ lurionària, coìltro la tcsi rcÌiliosa rlell:r idcologia {rurlalc: ò i)ro chc fr Ìa stori:r. Nfe noi siamo piLi.rrroti: . il nunlo <1i vistl borrlhesc sulln storia è semple stato i,:lealista. l0 Non è sicuro mi rimetto qui agli storici marxisti chc

alla schiavitú della grande proprictà terricfa a Roma
potrebbe tcstimoniarlo.

forse

-

I, p. 705. Espulsi drlh produzione, o senza lavoro, (spesso) sul lastrico, i sotte prolctari lanno parte dcll'eser.cito di riserva e di disoccupazione di cui si serve il Capitrle cottto i hvoratori.
Capitale, cit., vol.
senza lavoro fisso

tt II

30

3l

la loro azione all'assalto dello Stato borgl.rese:

il

proletariato. Confrontate pure.

2. Tesi n.

2

/.1.:

<

L'uomo fa la stotia " trascendendo
de1le classi è

"

la storia >, M.L.: < La lotta

motore del1a storia >>. (Tesi contenuta nel Manilesto del Partito comtmista, 1847 .) QLri le cose divengono estremamente inleressanti. Perché il M.L. frantuma il sistema filosofico di Lervis. Come? J. Lewis diceva: < È l'uomo che fa la storia >. 11 l"{.L. risponde: < Sono /e mdsse >>. Mn fin quando si resta fermi a queste proposizioni, si ha f impressione che il M.L. dia cefto Llna risposta difierente, ma ad' uno stesso proble ma. Il medesimo problema può essere posto in questi termini: c/:l è che la la stotia? 11 ptoblema presuppone dunque che la stotia sia il risultato dell'azione (fate) di un soggetto (chi?). Per J. Lewis, questo soggetto è < I'uomo >>. Pet il M.L., questo soggetto sono le
masse.

il

Sí e no. Quando abbiamo dato un bteve sag32

gio della deúnizione di masse, quando abbiamo girato attorno a questo concetto, ci siamo accorti che la questione era abbastanza complicat iî efietti, le masse sono suaúate classi, strati e categorie sociali raggruppati in un insieme nel contenuto complesso e in nooimento (le posizioni dei diversi classi e strati, e delle frazioni di classi alf intetno delle classi, catzzbiano nel corso di uno stesso processo storico o rivoluzionario). Si tratta nei nostri paesi di decine di milioni di uomini, in Cina di centi naia di milioni di uomini! Per limitarci a questo semplice argomento: si può ancota considerate di aver a che fate con un <( soggetto )> identificabile per mezzo dell'unità della sua < personalità >>? A confronto del << soggetto >> di J. Lewis 1a I'usnì6 >>, semplice e nudo - canna da pesca o come un figucome una bella rino che si Dossono tenere nella mano o indicare col dito il ( soggetto ,>/nzasse pone - d'identità e d'identificaziodei grossi problemi ne. Un soggetto è anche un essere di cui si può dire < è lui! >. Del <( soggetto >>f nasse, come fare per dire < è lui > ? Per l'appunto la tesi del Manilesto (la lotta delle classi è il motote della storia) sposta la dornanda'. ci mette di fronte al oroblema

-

e al principio della sua corretta impostazione, e petciò della sua soLuzione. Sono le masse che o fanno >> la storia, ma << è la lotta delle classi che è il notare de11a storia n A11a domanda di J. Lewis: come fa l'uomo a fare Ia storia? 11 M.L. risponde facendo sparire le categotie filosofiche idealistiche di J. Lewís, per imporne de1le altre. Non si parla piú de11'< uomo >>. Questo è chiato. Ma nella proposizione: <t la lotta delle classi è il motote de11a stotia >> non esiste più il problema del o fare >> la storia. Non esiste piú il problema de1 < fate >>, cioè non esiste piú ìl p.oLl"." del soggetto della storia: chi fa la storia? 11 M.L. ci tisponde in tutt'alro modo: è la lotta tielle classi (movo concetto) che è l/ che rnotare (nuovo concetto) della storia sposta, fa avanzate, <( muove >> la stotia: e compie le rivoluzioni. Questa tesi ha una gtandissima importanza: perché pone al prirno posto Ia lotta delle
classi.

zione rivoluzionaria dei rappotti sociali. Erano dunque le masse che venivano messe al primo posto. Ne1la tesi del Manifesto, ciò che viene messo al primo posto, non sono piú solamente le classi sfruttate ecc., ma

la lotta delle

classi.

Nella tesi precedente: ,. sono le masse che fanno la stoiia >, veniva messo l'accento 1. sulle classi sfruttate unificate attorno a1la classe, ecc. e 2' sulla loro capacità di trasforma-

Questa tesi si rivela subito decisiva per il marxísmo-leninismo. Essa traccia infatti una linea di demarcazione radicale ffa rivoluzionati e rifotmisti. Cercherò di semplificare 1a cosa al massimo senza tradire l'essenziale Pet i rilonnisti (anche se si dichiatano marxisti), non è la lotta de11e classi che occupa il primo posto: sono le classi. Prendiamo un esempio semplice, e supponiamo che non esistano che due classi. Per i1 rifotmista, le classi csisrono prina della lotta di classc, un po' come due squadre di rugby esistono, cirscuna dal1a sua parte, prima del1a pattita. Ogni classe esiste nel suo proprio campo, vive nelle sue peculiari condizioni di esistenza: una classe può anche sfruttare l'altra, ma questo non costituisce ancota la lotta del1e classí. Un giorno, le due classi si inconttano, si afirontano, e solo allora comincia 1a lotta di classe. Esse si scontrano, la battaglla diventa aspra e finalmente 1a classe sfruttata ha il sopravvento sul-

)4

)5

.{l

oppure soccombe l'altra: è la rivoluzione nella lotta: è la controtivoluzione. Si rivolti la cosa come si vuole, vi si ttoverà sempre presente 1o stesso concetto: le classi esi
stevano prima della lotta delle classi, indipendenternente dalla lotta delle classi e la lotta delle classi sopraggiunge soltanto in un secondo t'. momento Per í riuoluzionari, al contrario, non si pos12 Per chiarire, bisogna ricondurrc questa ( posizione > ri' formista alle sue origini borghesi. Nella lettera a Veydemeyer, del 5 n,atzo 1852, Marx scriveva: <<...io non ho il merito di aver scoperto I'asistexza de[le classi nella moderna societa, né la lotta lclle classi cui esse danno lùogo. Gli storici borghesi avevano esposto bene prima di me l'evoluzione stolica di qucsta lotta delle classi [cfr. K. Marx'F. Engels, Szl nateùalhmo storico, Editoti Riuniti, Roma 1949, p. 121, e gli economisti borghesi ne avevano desctitto l'anatomia economica >. La tesi del riconoscimento dell'etistenza delle classi sociali, e della loua delle classi cbe xe coxsegue non è pro' pria del mauismo-leninismo: perché essa mette le classi al primo posto, e la lotta delle classi al secondo. Sotto questa totna, è rna tesi borghese, che alimenta naturalmente il ri' formismo. La tesi marxistaleninista al conttario mette la lotta delle clasti al primo posto. Filosoficamente tutto questo vuol dire: essa afferma il Trimato della coxtrud.dizioxe sai cofllrari che si affrontano e si oppongono. La lotta delle classi non è l'eff€tto derivato dell'csistenza delle classi, che sussisterebbero afite o/mente (di ditltto e di fatto) alla lotta che le oppone: la lotta delle classi è la forma storica della caflttud.dizioxe (in' terna ad r.rn modo di produzione) che diuid.e le dassi in

sono separare le classi dalla lotta delle classi. La lotta delle classi e I'esistenza delle classi costituiscono un'unica realtà, Perché vi siano delle classi in una << società >>, bisogna che Ia società si4 diaisa in classi: questa divisione non si opera a cose Íatte, è lo sfruttamento di una classe da parte dell'ahta, cioè la lotta delle classi, che costituisce 1a dioisione in classi. Lo sfrrìttamento è già lotta di classe. Bisogna dunque partire dalla lotta delle classi per capire la divisione in classi, per comprendere l'esistenza e la naí:ra delle classi. Bisogna dunque nzettere la. lotta delle classi al primo posto. Ma allora, è necessatio subordinare la tesi 1 (sono le masse che fanno la stoîi4) alla tesi 2 (la lotta de11e classi è il motore della storia). Ciò vuol dire che la capacità tivoluzionaria delle masse si misura in funzione della lotta delle classi. Ma allora non è piú suficiente analizzare c1ò che accade nel campo delle classi sf ruttate : bisogna anche, contemporaneamente, considerare ciò che accade nel campo avveîsa-

rio, dalla parte degli sfruttatori. Meglio, si deve superare la visione de1 campo di rugby,
cioè delle due classi che si sconrano, per analizzare c1ò che awiene e delle classi sfruttate e delle loto antasoniste: e cioè la lotta delle
37

classi.

36

classi. Ptirnaro assoluto della lotta delle classi (Marx, Lenin). Mai dimenticare la lotta delle classi (Mao). Ma attenzione alf idealismo! La lotta delle classi non si svolge mai sospesa ne11'atia, né su un campo da rugby convenzionale: essa è ancoîat^ a1 modo di produzione, e cioè di sfruttamento, peculiare di una società di classi. Bisogna analizzare la rnaterialità del1a lotta delle classi: la súa esislenzd materiale. Questa materialità è, in ultima istanza, 1'unità dei rap-

porti di ptoduzione e delle forze ptoduttive sotto i ràpporti di produzione cli un modo di
produzione dato, in una fornazione sociale storica concteta. Questa matetialità è la < base > (Basls: À1[arx) della lotta de11e classi, e nello stesso tempo 1a sua esistenza materiale, perché è ne1la produzione che ha luogo 1o sfluttamento, è nelle condizioni matetiali dello sfrurtamento che si fonda l'antagonismo di classe, la lotta delle classi. Questa ptofonda verità è stata espressa da1 N{.L. nelia {amosa tesi de11a lotta di classe al livello delle infrastrutture, de11a << economia >, de11o sfruttarnento di e ne11a tesi del radicamento di tutte classe - della lotta delle classi nella lotta di le forme classe economica. Solo a questa condizione, la
38

tesi ri'roluzionaria del prirnato della lotta de11e classi diviene materialista. Chiatito questo, i1 probiema del << soggetto della storia sparisce. La stotia è un immenso sistema << naturale-utnano > in movimento, il cui motore è la lotta de11e ciassi. La storia è un ptocesso, e ùÍ processo scnza soggettott. 11 problema di come << I'u.omo Ít la storia > scompare completamente; la teoria mauista 1o rigeLLa definitivanrcrrre al lr'.-'go in cui nascc: dentro f ideologia borghese. Con esso sparisce anche 1a < necessità >> de1 concetto di << trascendenza o, di cui l'uomo sarebbe ii soggetto. Questo non vuol díre che il M.L. perde di aistd per un solo ístante gii uomini reali. A1 conrrarío! Dal momento che è proprio per aederli cosí come sono e per liberarli dal1o sfruttamento, che il M.L. compie questa rivoluzione: sbatazzarsi delf ideologia borghese del1'<< norro >> come soggetto della stotia, sbarazzarsi del letìcismo << dell'uomo >>.
>>

13 Ho proposto questa categoria in uno studio: ,4,[r/r el Lénine deudnt tlegel (fr:bbraio 1963), pubbììcato in appenrlice a Léxine et Ia philosopbie, Maspero, Paris 1912 (tr. it di l\{. À{adonia, Jacabook, MiÌano 1973). Per uìteriori detagli,

vedere

- lroct,ta se za Sog\e!!a

piú avanti (pp. 123 ss.) Osseruazioni su und t7è l-inc/ì\ '

categaùe:

39

Alcuni si indignetanno del fatto che io osi
parlate del feticismo dell'<< uomo >>1 senza dubbio coloto che traggono dal capitolo di Marx sul << feticismo della merce >> due conclusioni idealistiche necessariamente complementari: Ia condanna de1la << reificazione >> 'n e I'esaltazione óella persona (ma la coppia concettuale persona/cosa è a1la base dí tutta f ideologia borghese! I rapporti sociali non sono mai, salvo che per il dititto e l'ideologia giuridica bor' ghese, dei ( rapporti tta persone >!). Tuttavia è 1o stesso meccanismo della illusione sociale che entta in gioco, quando si titiene che un rapporto sociale è la qualità naturale, attributo naturale di una sostanza o di tn soggetto. Lo stesso accade per il valofe: questo rapporto sociale << appare >>) nelf ideologia borghese, come la qualità naturale, l'attributo naturale della merce o del denato. Lo stesso accade pet la lotta del1e classi: questo rapporto sociale << appare >, nell'ideologia borghese, come 1a clualità naturale, l'attributo naturale dell'< uomo > (libertà, trascendenza). In ambedue i casi il rapporto sociale << viene fatto sparire >>: la
14

merce o 1'oro hanno vaIorc per natura,I'<< uomo >> è libeto e fa la storia per noturt. Se l'< uomo > di J. Lewis scomPate, ciò non l'uo1 dire che scompaiono gli uomini reali' Piú sempiicemente essi sono, per il M.L., tutt'alma cosa che delle copie, moitiplicate all'infinito, dell'immagine borghese originaria dell'<<

uomo )>, soggetto libero per natura. Fac-

agli awertimenti di ciamo bene ^tÍenzioneanalitico non parte dal' Matx: << 11 mio metodo
I'uomo, ma da un dato periodo economico della società >> (Glosse a \X/agnet, in Scritti ài econo' mia politica,ILoma 196J, p 178)' << La società non è composta di indioidui >> (Grundtisse)' Una cosa è sicura: non si può partire dal' l'uomo, perché significherebbe partire da un'idea borghese de11'< uomo )>, e perché 1o sresso partire dall'uomo, alttimenti detto punto di pattenza assoluto (cioè da una <( essenza >>) appattiene a1la filosofia botghese. Questo concetto de11'<< uomo > da cui bisogna << parti(e >> come da un punto di pattenza assoluto è il fondamento di tutta f ideologia borghese, nonché l'anima della stessa grande economia It politica classica. << L'uomo >> è un mito tipico
1s

cirÌ
40

Trasfotmazione in rora (res) di tutto ciò che nttr-cosn (l'uomo - non-cosa = Persona)

è

,,14t1o,

La parola

< uomo

> è soltanto una parola È

il

posto che

4L

LJ

delf ideologia borghese: il M.L. non può par tire da11'<< uomo )). Esso << parte da1 petiodo sociale economicamente dato >: e al termine de1la sua analisi, può << arriuare >> agli uomini reali. Questi uomini sono allora il punto d'arriuo ài un'anaTisi che parte dai rapporti sociali del modo di produzione esistente, dai rapporti di classe, e dalla lotta delie classi. Questi uomini sono tutt'altra cosa da11'<< uomo >> delf ideologia borghese. < La società non è composta d.i ind.iaidui >>, dice Marx. Efiettivamente: la società non è una << composizione >>, un'<< addizione > di individui; essa è costituita dal sistema dei rapporti sociali entîo cui vivono, lavotano e lottano i str.oi individui. Effettivamente: 1a società non è composta di individui in generale, qualunque, che sarebbero altrettante copie de11'<< uomo >; perché ogni società ha i suoi individui, storicamente e socialmente determi^ nati. L'individuo-schiavo non è f individuoscrvo nó I'individuo-proletario. e cosí à per I'individuo che appartiene alla classe dominante corrispondente. Nello stesso senso, anche
or'crrpn

c la funzione che esercita nelf ideologia e nella 6loso6a

lr'rlrl:cs' chc gli confetiscono un lenlo determinato.

una classe non è << composta > d'individui qualunque; ogoi classe ha I laol individui, modellati, put nel1e loto individualità diverse, dalle loto condizioni di vita, di lavoro, di sfmtdai rapporti de1la lotta tamento e di lotta - massa, gli uomini reali de11e classi. Nella loro sono ciò che 1e condizioni di classe ne fanno. Queste condizioni non dipendono dal1a < natura >> borghese dell'uomo: la libertà. A1 conmario le loro libertà, le fotme e i limiti di queste libettà, la loro volontà di lotta, dipendono da queste condizioni. Se il ptoblema de11'<< uomo soggetto della storia >> scompare, ciò non vuol dite che scompare il ptoblema dell'azione politica. AI con' trario! La critica del feticismo borghese dell'<< uomo >> 1e conferisce tutta la sua centralità, subordinandola aIle condizioni de1la lotta di classe, che non è una lotta individuale, ma diviene una lotta di massa orgdnizzdta pet la conquista e la trasformazione rivoluzionaria del potere di Stato e dei rapporti sociali. Questo non r,rro1 dire che la questione del patito rltvoluzionario sparisca: petché senza di questo la conquista del potere di Stato da parte delle masse sfruttate, guidate da1 proletariato, è impossibile. Ma questo vuol dire che il << ruolo del43

1?-

l'inclividuo nella storia >, l'esistenza, la natrta, la pratica e g1i obiettivi del partito rivoluzionario non sono determinati dalla onnipotenza clella << trascendenza >>, cioè della libettà del1'<< uomo >>, ma da altre condizioni: dal1o stato della lotta di classe, dallo stato del movimento operaio, dall'ideologia del movimento operaio (piccolo-borghese o proletaria), e dal suo rapporto con la teoria marxista, dal1a sua linea di massa e dalla sua pratica politica di massa.

che esiste; che il principio di ogni esistenza è 1à n2ateli(tlità: e che ogni esistenza è oggettiua, cioè << anteríore >> alla << soggettività > che Ia conosce, e indipendente da essa.

).

t est n.
<

t

L'uomo conosce soltanto ciò che fa >. M.L.: << Si conosce soltanto ciò che à >. A bella posta oppongo i termini in tutta la loro btutalità: petché si possa ríIevare Ia difie-

/.1.:

Non si conosce che ciò che è. Questa tesi, dificile a comprendetsi, e facile a venire di storta ne1 suo senso rcale, sostiene tutte le tesi marxiste sulla conoscenza. Mai Marx e Lenin hanno negato < l'attività > del pensieto, iI lavoro della sperimentazione scientifica, dalle scienze de11a natura fino alla scienza della storia. il cui laboratorio è la lotta de1le classi. Al clrilalelic! lvlarr e Lenin hanno insistito sul valore di questa attività. Essi hanno anche, in varie occasioni, detto e ripetuto che certi filosofi
idealisr i ( ad esempio Hegel ) avevano capito me-

tenza,

Pet J. Lewis 1'<< uomo >> non conosce che ciò che < fa >>. Per il matetialismo dialettico, filosofia del M.L., non si può conoscete che ciò che è. È Ia tesi materialistica fondamentale: ., il primato de]l'essere sul pensiero,,. Questa tesi è, di volta in volta, tesi di esistenza, tesi di materialità e tesi di obiettività. Essa afierma che non si può conoscere che ciò
44

g1io, benché sotto {orme << mistificate >>, questa ( attività >, che non alcuni fiIosofi m îerialisti non dialettici. Da ciò si perviene alla Íor' mulazione dialettica delle tesi della úlosofia marxista. Ma, ed è in questo che esse sono lontane da J. Lewis, il M.L. ha setnple subofdinato le tesi dialettiche aI pùmato delle tesi materialistiche. Cosl la celebre tesi del primato della pratica sulla teoria: essa non ha senso se non subordinata a1la tesi del primato dell'essete sul pensiero. Senza di ciò essa cade nel 45

soggettivismo, nel pragmatismo, ne1lo storicismo. Grazie alla pratica (di cui la pratica scientifica è 1a forma piú elaborata) si può conoscere ciò che è: primato della pratica slrlla teoria. Ma dentro Ia ptatica non si conosce mai che ciò pensiero. che è: primato dell'esserc "ul << Non si conosce che ciò che è >. Per 1a natura non vi dovrebbe essere alcun problema: chi può pretendere che 1'<< uomo > abbia < fatto > la natura che egli stesso conosce! Soltanto g1i ídealisti, e in piú una tazza di idealisti deliranti, che attríbuissero all'uomo l'onnipotenza di Dío. Ma anche g1i idealisti non sono tanto sciocchi. Ma ìa storia? Sappianro che le tesi " È I'uomo che fa la storia >> non ha alcun senso, e ciònonostante una traccia dell'illusione cui dà luogo permane nelf idea che la storia sarcbbe piú lacile da conoscere della natura perché tutto di essa sarebbe << umano >. È f idea di G. B. Vico. Su questo punto la posizione del M.L. è categorica: la storia è dificile da conoscete quanto la nat:uta, anzi, forse più difficile ancora. Perché? Petché 1e <( masse )> non hanno con la storia 10 sfesso îapporto Platicodiretto che hanno con la natura (nel lavoro per
46

1a produzione), perché esse sono sempre -teparate àalla storia a causa della illusione di conoscerle prodotta da1 fatto che ogni classe dominante ofire loro << la sua >> spiegazione del1a storia: sotto la forma de1la sua ideologia, che è dominante, che serve i suoi interessi di classe, certenta la sua unità, e mantiene 1e masse sotto il suo sfruttamento. Guatdate il Medioevo: 1a Chiesa atttavetso

suoi ideologi, oflriva a tutti i fedeli, cioò a tuttí g1i sfruttati, ma anche aj feudatari e a se stessa, una spiegazione molto semplice e chiara della storia: la storia è fatta da Dio ed obbedisce a1le leggi, cioè ai fini, clella Prowi dcnra. Unr., spjegeziorre.' di Inassa. Guatdate il secolo XVIII in Francia: la situazione è difierente, la borghesia non è ancora a1 potere, essa è ctitica e rivoluzionaria. Ebbene essa ofire a tutti gli uomini (senza distinzione di classe! ai borghesi e ai loto alleati, ma anche alle masse che sfrutta) una spiegazione << luminosa > della storia: 1a storia è mossa dalla Ragione, ed essa obbedisce a1le leggi, cioè ai fini, della Verità, della Ragione e de11a Libertà. Una < spiegazione >> di massa. Se la storia è dificile da conoscere scientificamente, è perché tra la storia teale e le masse

i

47

:ur'a sepat^zione: tma ideologia di classe della stoùa, una filosofia di classe della storia a71a quale le masse di uomini credono << spontaneamente >> perché questa ideologia è inculcata loro dal1a classe dominante o in ascesa e perché serve a1l'unificazione di questa classe e 1e garantisce le condizioni dello sfruttamenro. Cosí la borghesia stessa è già ne1 XVIII secolo una classe sfrut-

vi è sempre una baníera,

ciò che à, anche se ciò che è cambia, sotto l'efietto de1la dialettica materiale della lotta delle classil ancl're se ciò che è non è conosciuto che a condizione di essere traslorsce che

mato.

tatrrce.

Ma bisogna andare oltre. Abbiamo notato che la tesi del M.L. îon è << I'uomo non conosce che ciò che è >>, ma bensí: << non sl conotu. Anche qui << l'uomo >> è sce che ciò che è > infatti che la storia della sparito. Bisogna dire
produzione >> del1e conoscenze è, proprio come la storia, anch'essà un processo senzl. soggetto, e che le conoscenze scientifiche nascono (ne11a scopetta di un individuo, di uno studioso ecc.) come í1 risultato storico di un processo dialettico, senza Soggetto né Fine, Cosl la scienza marxista: essa è nata nella << scoperta >> di Marx, ma come il risultato di un processo dialettico in cui si sono combinate, sullo sfondo del1e lotte di classe borghese e pto<<

Fer giungere a squarciare quesra <. corfina >, di fumo ideologico idealistico de1le classi dominantir sono state necessarie le circostanze eccezionali clella prinre merà del XIX secolo: I'esperíenza delle lotte di classe ne11e rivoluzioní in Francia (1789, 1830), e le prime lotte di classe proletarie, piú L'economia politica inglese, piú il socialismo francese. I1 risultato del concorso di queste circostanze, fu la scopetta di Marx che, per primo, aprí alla conoscenza scientiflca i1 < Continente-Storia >. Ma nella storía come nella natura, I'uomo non conosce che ciò che à, e non ciò che << fa >. Il fatto che sia necessario un enorme lavoro scientifico e una gigantesca mole di lotta pratica per giungere a conoscere ciò che è, non cambia niente al fondo alle cose. Non si cono48

ló Ho scritto: << non si conosce che ciò che è>, per noÌt complicare le cose. Ma si potebbe obbiettare che l'uso dell'impersonale porta ancora la traccia dclla primitiva esistenza di un soggetto < personale >: l'uomo. [Si tenga presente che la particella impersonale francese < on > è di chiata derivazione da un antico < hommer>, poi cliso. (N.l.T.)l Pet la prese cisione, bisognerebbe scrivere: << non uiene canoscíuta ^ltîo non ciò cl, e è>.

49

1

Ieratia, la filosofia tedesca, l'economia politica inglese e i1 socialismo {r'ancese. I comunisti 1o
sanno.

lv
Tutte queste tesi fi1osofiche, queste posizioni filosofiche (tesi: posizioni) provocano degli efletti nelle prariche sociali: e tta esse. nella pratica politica e ne1la pratica scientifica.
Ma è necessatio genenlizzate'. non sono soltanto le tesi filosofiche che abbiamo appena ricordate a provocare. quesd efietti, ma ttttte le tesi filosofiche. Perche, se esiste un concetto abbastanza comune, anche presso i marxisti, è quello de1la filosofia come pura contemplazione, pura speculazion e d i s ì n t e r e s s a t a. Ot a, queslo concetto corrente è la rappresentazione intetessata che I'idealismo dà di se medesimo. È una mistificazione dell'idealismo, necessatia alf idealismo, quella di rappresentare 1a filosofia come pufamente speculativa, come puro svelamento dell'Essere, dell'Origine e del Senso. Anche i fllosofi speculativi, anche 1e Élosofie che si accontentano di << interpretare il tnondo >> sono attive e pratiche: hanno come fine (díssimulato) di intervenire su11a tealtà, sulf insieme delle pratiche sociali, sui loto campi e sulla loro < geratchia >, non foss'altro che per mitizzatle, consactarle o piegarle, allo sco-

G1i scienziati, in genere, non 1o sanno. Ma se i comunisti 1o vogliono, e ne sanno abbastenza dj storia dellc scicnzc, possono aiutare gli scienziatí (compresi quelli che si occupano delle scienze della natura, compresi i matematici) a capitlo. Perché tutte 1e conoscenze scientifiche, in tutti i campi, sono il tisultato di un processo senza Soggetto né Fine. Tesi rude, dificile da capire, senza dubbio, ma che può fornire delle <( prospettive >> di una certa importanza, non solo pet il lavoro scientifico, ma anche per la lotta politíca.

preseruare o riformare << 1o stato di cose esistente )> contro le rivoluzioni sociali, politiche, ideologiche o i contraccolpí ideologíci de11e grandi scopette scientifiche. Le filosofie < speculative >> hanno politicamente interesse a fat credere di essete disinteressate o semplícemente << morali >>, e non realmente prariche e politiche: pel raggiungere i propri fini pratici all'ombra del potere costituito che esse sostengono con i loro argomenti. Che qllesta stfategia sia << cosciente > e deliberata, o << incosciente >, questo importa poco: sappiamo che non è la coscienza í1 motore della storia, neppure in filosofia. Ricordate la definizione che ho proposto per 1a 61osofia. Essa si può dunque estendere ad ogni fi1osofia: la filosofia è, in ultima istanza, lotta di classe nella teoría. Se 1a filosofia è lotta di classe nella teoria, se essa dipende in ultima istanza dalla politica, essa ha, come filosofia, degli efietti politici: nella ptatica politica, nel modo di condurre . I'analisi concreta della situazione concreta \), di definite la linea di massa, e le ptatiche di massa. Ma essa è lotta di classe nella teoùa, ha degli efietti teorici: ne1le scienze e anche nelle ideologie. Se essa è lotta di classe nella teoria,
52

po di

ha degli efietti sulla unità di teoria e pratica: sul modo di concepirla e ài rcalizzarla' Beninteso, essa ha, proprio per questo, degli efietti, non soltanto nella ptatica politica e scientifica, ma anche in tutte le pratiche socialitt, si tratti della << lotta per 1a producssa zione > (Mao), dell'atte, ecc. 'u. Non voglio andare oltte. Mi limiterò a dire semplicemente: come lotta di classe nella teoria, la filosofia ha due efietti principali: nella
l? J. Lewis ha ragione di criticarmi su questo punto: la filosofÌa non <r co$celne > soltanto la politica e le scienze, ma tutte 1e pratiche sociali.

13 Come si esetcitano questi efietti? La questione è molto impottante. Diciamo solamente questor 1. La 61osofia

il Sapere assoluto, essa non è né la Scienza delle Scieflzc, né la Scienza delle pratiche- Questo signifrca: essa non detiene la verità assoluta, né su alcuna scienza né su alcuna pratica. In particolare essa non detiene né la Verità assoluta né il potete sulla pratica politica ll marxismo afnon è
{erma

2. Ma la úlosofia non è cionondimeno, < la setva della po litica ), come in altri tempi la filosofia era <la sewa della teologia >: a causa della sua collocazione nella teoria, e della
sua
<<

al

conttario

il

ptimato della politica sulla

úlosofia

autonomia relativa >. J. La Élosofia ha come portd
essa

i

plo_

blemi reali delle ptatiche sociali. Poiché
scienza,

non è

(una)

il

rapporto della Élosofa con qresti problemi non è

un fappotto lectlico d'apflicLzione. La Élosofia non fornisce delle formule da (( applicare > a dei problemi: 1a filosofia non si applica. La filosofia agisce in modo tutto diverso. Diciamo: modificando l^ posiziofte dei problemi, modi6cando il rapparto tr^ le pratiche e il loro oggetto. Non enuncio che

il

principio, che richiederebbe lunghe dimosaazioni.

53

politica e

ne11e scienze,

nella pratica politica

e nel1a pratica scientifica. Questo 1o sanno tutti i comunistí, perché il M.L. non ha mai smesso

di ripeterlo e di dimostrarlo.
Ebbene, diamone schematicamente la << prova > opponendo le tesi di J. Lewis alle tesí de1 M.L. Questo ci permettetà di rappresentarci un po' meglio cone << funziona > la fi1osofia. Tesi di T. Lewis: .. È I'r'omo che [a la .ro-

stesso non ne ricava nu11a che possa illumirìîfci sui meccanismi della lotta di classe. iVi si dirà che egli non ne l-la avuto il tempo in Lrlr atticolo. Sia pute. El:bene, tivolgiamoci allota a1 suo maestro inconfessato, Jean-Paul Sartre, verso il filosofo della < libertà umana >, de11'uomo-che-siptcietta-verso-1'avvenire (la uascendenza di J. Lervis), deil'uomo-insituazione che < supera >> la sua condizione per rr.ezzo della Iibertà di ( plogeirîrsi ,'. Questo filosofo (che metita l'eiogio che Marx indirizzava a trlousseau: di non aver mai voluto entrare i1ì compromesso col potere costituito) ha scritto due opere consiclerevoli, L'Essere e il, Nulia (1,939) e \a Critica della ragione dia

tia . Tesi del M.L.: < Sono le masse che fanno la storia, la lotta di classe è il motore de11a storia >>. Vediamone dunque gli eflet r i.
>>

L

Ef etti scientifici

Quando si sostiene, nel L972,1a tesi idealisti ca: << È l'uomo che fa la storia >>; quali efietti si producono, si inducono nellra scienza del1a storia? Piú precisamente: sí può spetate che ne scaturisca qualche elemento utile per ottenere in questo campo deììe scoperte scientifiche
?

lettica (1960), consacrato, quest'ultimo libro, a proporte al matxismo una filosofia. Piú di duemila pagine. Cosa ha ricavato Sartre dalla tesi << È l'uomo che fa la storia >> " pet la scienza del1a storia? G1i ingegnosi sviluppi delle posizioni sartriane hanno in fin dei conti permesso di produrre quaìche conoscenza scientifica sull'economia, sulla lotta delle classi, sul1o Stato, su1 proletatiato, sulle ideologie, ecc.
di Sattre sono evidentemente piú ra{fnate. Ma la versione che ne dà J. Lewis, per schematica e povera che sia, resta loro fedele.
l9 Le tesi

È

senza dubbio spiacevole, rna è chiaro che

non ne può derivare nulla di positivo. J. Lewis
54

55

per comprendere la storia e agite nella stosfortunatamente, a dubitafne. Ma allora, mi si dirà: ecco per l'appunto un esempio che ptova il contrario del1a vostta tesi suglí efietti de11a filosofia, dal momento che riconoscete voi stesso che questa fi1osofia << umanista >>, non ha avuto alcun efietto sulla conoscenza scientifica. Scusatemi. io sosrerrgo che tesi come quelle di J. Lewis e di Sartte hanno degli efietti, ma negativi: petché esse < intralciano >. come diceva Lenin a proposiro dei filosofi idealisti del suo tempo, 1o sviluppo del1a conoscenza scientifica esistente. Queste tesi ostacolano 1o sviluppo della conoscenza. Invece di fatla progredire, esse la {anno artetfare: piú precisamente, ]a fanno aJ di ^îîetîaîe qua delle scoperte e delle acquisizioni scienrificl-re di Marx e di Lenin. Esse ci riportano ad una << filosofia della storia >> prescientifica. Non è la ptima volta che si ptoduce questa situazione nel1a storia dell'umanità. Per esempio, cinquant'anni dopo Ga1i1eo, cinquant'anni dopo 1a fondazione della scienza fisica, vi etano dei filosofi che difendevano ancora 1a < fisica > aristotelica! Essi lottavano co1].tro 1e scopcrte di Galileo e volevano far ritornare la

- Siamo costretti, ria?

conoscenza del1a natuta al suo stato aristotelico prescientifico. Ora non vi sono piú < fisici >> aristotelici, ma quella lotta continua ancora: peî esempio, vi sono degli < psicologi > antifreudiani; cosí vi sono dei fi-losofi della storia antimarxisti, che fanno come se Marx non fosse mai esistito, o non avesse mai fondato una scienza. Possono essere petsonalmente degli spititi onesti, possono anche, come Sartre, voler <, tendete dei setvizi >> al marxismo e alla psicanalisi. Non si tratta delle loto intenzioni, si tratta degli efetti rca1i del1a loro filosofia su queste scienze. 11 tisultato è lo stesso: benché < pensi >> dopo Marx e Freud, Sartre è, paradossalmente, a ben vedere, fllosoficamente parlando un ideologo prem rxisl^ e prefueudia'

sviluppare 1e scoperte scientifiche di Matx e Freud, s'incammina brillantemente per strade che sviano la ricerca marxista, piú di quanto non la servano. In tal modo la filosofia << agisce > su11e scienze: al limite, o Ie aiuta a produrre de11e conoscenze scientifiche nuove, o tenta di distoglierle da11a realtà per ripottare l'umanità a uno stadio in cui l'una o l'altta scienza non esisteva afiatto. La filosofia dunque interviene sulle scienze sia in senso progressista sia in

na. Invece

di

aiutare

a

56

I
traddittoria '0. La posta in gioco è cvidente. Non basta dire che da1la tesi di J. I-eu.is non si ricava nul1a per 1a conoscenza scientifica del1a storia. Non basta neppure afiermare che qr,resta tesi
costituisce
senso retfogfado. A1 limite: cioè teittlenz:alnze te pelché ogni filosofia è semprc con:rionari. Essa 1i disatma perché li priva di un'arrna insostituibilc: 1a conoscenza oggettiva delle condízioni, dei meccanismi e delle forme della

lotta di classe.
Se si considerano ora 1e tesi del M.L.: < Sono le masse che fanno la storia o, o 1a lotta delle classi è il motore de1la storia >, il contrasto è

un

<<

ostacolo cpístemologico

>>

(Bachelatd). Si deve dire che essa produce, o può produrre, elletti nefasti per la conoscenza scientifica, efietti drretrati, poiché in luogo di consentírci di comprendere a pieno, trcl lc)72, che sirrno in posscsso di un prndi gíoso deposito di conoscenze scientifiche, quelle che Marx ci ha forníte, e di svilupparle'?l, essa riparre filosoficamenre da zero, e ci riporra ai bei tempi di Descartes o dí Kant e di Fíchte, di Hegel e di Feuerbach, prima della scoperta di Marx, prima cioè de1la << rottura epistemologica >. Questa tesi idealistica imbroglia le carte, svia i filosofi, i ricercatori, i militanti rivclu20

? rc, nor\ foss'altro perché ogni 1ìlosoto deve, per

Nessun filosofo idealista, né metcrialista ò assolutemente
occu

pare Ie sue proprie posizioni di classc teoriche, inuestile qúclle dcl sur awersario principale. In ogni fìlosofia bisognÀ ricon<tscerc Ia tendenza d.ominante che risulta dalle sue contrad-

cvidente. Queste tesi filosofiche non sviano la ricerca: sorro tesi per la conoscenza scitntifica della storia, non cancellano 1a scienza della storia fondata da Marx: poiché queste due tesi filosoficlrc sono, ncllo stesso lernpo. proposizioni dimostrate dalla scienza ciella storia, dal 2. inaterialismo storico Esse rinviano, dunque, aII'esisterza della scienza della storia, ma nello stesso tempo sono tesi per Ia pîod,Jzione di concetti nuoví, di nuove scoperte scientifiche. Ad esempio, spingono verso la definizione delle masse che fanno la storia: in termini di classe. Conducono a definire la forma di unificazione de11e classi che cosîitlriscono 1e masse ; esse individuano il ptoletariato come ptotagonista de11a
22

(iizioni e le

maschera.
<

2l Lcnjn: Marx ci ha dato <1e pietre angolari > di una tcolirr che noi dobbiamo << sviluppare in rutti i sensi >.

Mctita riflessione

il

fatto chc delle proposizioni

scienti_

fiche possano anche, nel contesto
funzionare lllosoficamcnte >.

di un

dibattito filosollco,

5B

59

lotta di

nella società capitalistica, della conquista del potere di Stato, e della lunga <( transizione >> (vetso il comunísmo)' Esse ci spingono a pensate l'unità della lotta di classe e della divisione in classi, e tutte le sue conseguenze, nelle lorne mateùali dello sfruttamento, de1la divisione e della organizzazione del lavoto e dunque a ticetcare e conoscere
classe

queste forme. Esse conducono a definire il ptoIetariato come la classe che le condizioni stesse de11o sfruttamento rendono capace di dirigere la lotta dí tutte le classi sfruttate, e a comprendere la lotta di classe ptoletaria come una forma di lotta di classe senza precedenti nella storia, poiché inaugura una <( nuova pratica del1a politica >> " che è il nodo di molte questioni
ancora irrisolte. Le conseguenze teoriche di queste proposizioni sono evidenti. Esse obbligano anzifutto a rompere con la concezione borghese, cioè eco'

scoperte, alcune de1le quali potrebbero essere sorprendenti. Da una parte, dunque, le tesi filosofiche idealistiche, che hanno efietti teorici arrettati su1la scienza de1la stotía. Dal1'altra, le tesi filosofiche materialiste che hanno effeiti teoricamente nei campi esistenti della scienza marx^varnati ista della storia, e che possono avere degli effetti tivoluzionari nei campi non ancota investiti della scíenza della storia (ad esempio la storia del1e scienze, dell'atte, de11a filoso-

fia,

ecc. ).

Questa è 1a posta in gioco nella lotta di classe al livel1o della teoria.

2. Efetti politici
Credo che, in questo campo, le cose siano abbastanza chiate. Quale vantaggio si può tatre nel1a ptatica della lotta di classe ptoletatia da11a tesi filofica. < È l'uomo che Ía Ia stotia >? Si può dire che questa tesi combatte f ideologia religiosa di una Stotia sottomessa ai decreti di Dio o ai Fini della Provvidenza: ma non siamo certo ancora a questo puntol Mi si dirà che questa tesi serve a tutli, in-

nomicista, dell'Economia politica (< criticata come tale da Marx neI Capitale), con la concezione borghese de11o Stato, de1la politica, della ideologia, della cultura, ecc. Sgombtano e ptepatano i1 terreno per nuove ricetche e nuove
>>

nìstc >,

?: Cfr- E. Balibar, La lecÍifcatiott << La Pensée >, agosto 1972.

dtl < Manifeste cottîrtttt-

ó0

6l

difierentemente, ai capitalisti, ai piccolo-borghesi, e ai ptoletari, dal momento che sono tutti <( uomini >. Non è vero. Essa serve a doloro che hanno interesse a che si parli del1'<< uonro >> e flon delle masse, de11'<< uomo e non delle classi e della lotta de1le classi. Essa serve innanzitutto ai botghesi e secondatiamente ai piccolo-botghesi. Nella Critica del pro' gramm(l di Gotha, Matx scriveva: < I borghesi hanno delle eccellenti ragioni per attribuire al lavoro lnmano] qrresta. soùldnnaturdle potenzd crcatiu(t r>'n. Perché? Perché facendo credere agli < uomini > che essi << fanno >> la << stotia >>, che, << il lavoro è la fonte di ogni ricchezza e di ogni cultuta >, i borghesi tacciono sul potere della << natura >>r o per meglio dire snil'importanza decisiva delle condizioni naturali, tnateriali de1 lavoto umano. E perché i borghesi tacciono su queste condizioni naturali materiali de1 lavoto? Semplicemente perché sono proprio essi che ne detenl1ono ìl possessr.t. I borghesi non sono degli sciocchi.
>>

Quando si dice ai ptoletari < sono gli uomini che fanno la storia >>, non c'è bisogno di essere un grande studioso per capire che a piú o meno lunga scadenza il fine è di disorientarli o disatmarli. Si fa loro credere che essi sono onnipotenti come << uomini >>, mentte li si disarma come proletari di fronte alla vera onnipotenza, quella della borghesia che detiene le condizioni materiali (i mezzi cli produzíone) e politiche (1o Stato) che dominano la storia. Quando si canta loro la canzone umanista, 1i si svía dalla lotta di classe, si impedisce loro di esercitare i1 solo potete di cui dispongono: quello della organizzazionc in clarsc. e della organizzazione di classe, i sindacati e il Partito, per condune la loro lotta di classe nutonomdtnenle.

di Marx. Marx cntìcava già aliora la fotdei J. Lewis socialisti dell'epoca, che s( trova nel Progrrmma di unità tra il Partito socialdemocrrtico tedesco ed il partito di l-assalle: <<II laooro è ld lante di ogní titchezza e citittà > (cft. K. Marx, Critíca al Ptogramma tlí Gatha, Samonì & SavelÌi, lloma 1968, p. l1).
2{ Corsivo
mLrla

Da una parte dunque una tesi filosofica che, direttamente o indirelramente, serve gli interessi politici della borghesia, le tendenze borghesj. in seno al movimento operaio (il riformismo), e le tendenze borghesi in seno alla concezione della teoria marxista (il revisionismo), con tutti g1i efietti politici che ne conseguono. Dall'altra patte delle tesi cl-re aiutano direttamente i ptoletari a prendere coscienza de1la propria funzione, de1le proprie condizioni di
63

62

di sfruttamento e di lotta; che favoriscono la creazione del7e organizzazioni pet la lotta di classe, che si pongono all'avang.uatdia della lorta di tutti gli sfruLrati per strappare alla borghesia il potete di Stato. È necessario qualche commento? Poco importa che queste tesí borghesi o piccolo-borghesi siano difese, nel 1.972, da rn militante di un partito comunista. Leggete i1 Capitolo III del lvtanifesto del Partito comunista. Vedrete che frn dal 1.847 , Marx distingueva tre specie di socialismo: il socialismo reazionario (feudale, piccolo-borghese, umanistax), il socialismo conservatore o borghese, il sociaIismo e il comunismo critico-utopista. Non c'è che da scegliere! Leggete 1e gtandi polemiche di Engels e di Lenin sulf influenza delf ideologia botghese nei partiti operai (riformismo, revisionismo). Non c'è che da scegìierel Resta da capire come mai, dopo tanti avvertimenti solenni e tante esperienze probanti, nel L972, un comunista, J. Lewis, può presentare le sue << tesi > come marxiste. Lo vedremo.
esistenza,
2s

VI
Per non annoiare i1 lettore, sarò bteve sul secondo punto della critica di J. Lewis: << L. Althusser >> non capisce niente della storia d.ella lormazione del pensiero di Marx. A quesro punro devo lare una autocririca, e dare ragione a J. Lewis su un punto preciso e importante. Nei miei primi saggi, ho efiettivamente lasciato jnlendere che dopo la .. rotrura epistemologica > del 1845 (dopo la scopeÍta per mezzo de1la quale Marx fonda la scienza della storia), alcune categorie filosofiche come quella Ai alienazione e di negazione della negazione scompaiono. J. Lewis mi risponde che questo non è vero. E ha ragione. Questi concetti si ritrovano ( direttamente o indirettamente) nella Ideologia tedesca, nei Grundrisse (due testi non pubblicati da Matx) e anche, ma piú raramente (1'alienazíone) e molto piú raramente (Ia negazione della negazione: una volta esplicítamente) ne1 C apit al e. J. Lewis avrebbe non poche difficoltà a trovare questi concetti ne1 Manilesto, nella Miseúa della filosofia, ín Laaoro salariato e
65

In

quel tempo chiamato

il

<<

socialismo vero >, owero

< socialismo tcdesco >.

64

Capitale, in Per la uitica dell'ecortonia politica, in Ia Critica d.el progrtwma di Gotha, -Wagner per non cítare che nelle Glosse a - neí testi politicí i soli testi di Marx, perché e beninteso ín Lesl puo sempfe cercare - si puÒ sempre cerGramscí e Mao,
cate
!

ogni modo, fotmalmente, J. Lewrs ha tagione. Bisogna dunque tispondergli, anche se egli ha tagione solo a condizione di lascíare da parte quei testi che g1i darebbero tofro. Ecco la mia risposta.
.Nta,
1n

non esisteva prima dí 1ui: 1a scienza della storia. Per questo eglri avanza un certo numero di concetti nuovi, che si precisano e si ordinano a poco a poco ín un sistema teotico, dei concetti che non si ttovano prima nelle sue opere giovanili umaniste: modo di produzione, forze produttive, rapporti cli produzione, infrastruttura-sovrasttuttura, ideologie, ecc. Nessuno può
negarlo.

Se J. Lervis dubita ancora della realtà di qllesta <( rottura >> o piuttosto, giacché la << rottura >> non ne è che l'efTetto, ài qtesta irruziottc di urr scienze nuova in un universo ancora < ideologico > o ptescientifico, confronti pure i due giudizi di Marx su Feuelbach e su
Proudhon. Feuetbach

in considetazione f insieme del1'opeta di Marx, non vi è alcun dubbio che esista una << rottura >> o un <( taglio > a partire dal 1845. Matx stesso 1o dice. Ma non si deve credere a nessuno sulla parola, neppute a Marx, Bisogna verificate nelle cose. Ora tutta l'opera di Marx 1o dimostra. Nel 1845, Marx cornincid a gettúe le fondamenta di una scienza che
Se sl prende
2ó Si può citare, certamente, la dÌfesa dell'uso della negazione dclla negazione condorta d^ Ergels nel|Antidùh/ing clrc si ttova in Che cosa satto gli Anici del popolo di Ler\it. Mr ò una di{esa assai < particolare >: antihegeliana.

1.

è portato alle stelle nei Manoscritti del '44 cclme il filosofo che l-ra compiuto
sffaordinatie scoperte, e che ha fornito il fondanrento e i1 ptincipio àella Critica dell'ecanomia political Ota, un anno piú tardi, ne11e Tesl e nell'Icleologia teclesca, Feuetbach è criticato senza alcu! riguardo. Viene messo fuori causa. Proudhon viene portato a1le stelle nella .lacra Fawiglia (fine de1 1844) come colui che << non solo scrive nell'intefesse dei proletari, ma egli stesso è un proletario, un operaio. La
o./

()b

è un nanitesto scien rtco del Proletariato lrancese ,, ". N"1 L847 , nella Miseria
srra operd

tlella fi.losofi.a, riceve una tale quantità di < legnate >> che non si tialzerà píú. E viene messo

J. Lewis, non succede niente a partire àal 1845. Vetamente tutto ciò che io < racconto >> sulla << rottura epistemologica >> è una << favola pufa e semplice >? (a whole story). Sono disposto a scommettere la testa che uon è cosí.

anche lui fuori causa. Veramente, come dice

irreversibile comincia ne1 18,15: la << rottura epistemologica >> è un punto di non-ritorno. Comincia qualcosa che non avrà piú fine ". Una .. ro ura continuata ., come ho già scritto, f inizio di un lungo lavoro, e, come in ogni scienza, un lavoro aperto ma duro. a momen li drammatico, interiormente segnato da avvenimenti teorici (sviluppi, retti6qualcosa
27 La Sacta Faniglía, ed. Costes, r- II, p. 71 Zanardo, Editori RiÙniti, Roma 1967, p.50). 23

2. Dunque

di

(tr. ir.

cezioni, úfacímenti) che concernono la conoscenza scientifica di un oggetto dcfinito: Ie condizioni, i meccanismi e le forme della lotta delle classi in tetmini piú semplici, la scienza della storia. Allora si può dire: questa scienza non esce evidentemente <( tutta armata > da11a testa di N{arx. Essa comincia soltanto nel L845, e quando comincia non si è ancora sbatazzata di di tutta la preistoria tutto i1 suo passato - da cui nasce. Non c'è ideologica e filosofica da meravigliarsi, dunque, del fatto che essa porti con sé durante un certo periodo delle nozioni ideologíche o categorie filosofiche di cui si sbarazzerà piú tardi. Si può dire a11ora: osservîte i testi di Marx, vedrete nîsccte, reltificarsi e sviluppatsi i suoi concetti scientifici, e. Jal nromerrto che J. Lcwis ci tiene a parlarne, vedrete parallelamente poco a poco sparire queste due categorie fi1osofiche eteditate dal passato: l'alienazione e la negazione della negazione. Infatti, piír si avanza nel tempo,

A.

Lenin, parlando dello studio dell'imperialismo scrive: <Qucsto studio è appena cominciato, essct è senTa fne, pet sÌra natufa, conre la scienza in generale > (cft. Il lallinento rltlh II Internazianale, i\ Operc, vol. 21, Editori Riuniti,
l{<,nrr 1966,

p.

189).

piú queste categorie si cancellano. 11 Capitale parla una sola volta esplicitamente della negazione della negazione: è vero che utllizza a piú riprese 11 termine alienazione. Ma tutto questo scompare completamente negli ultimi
69

(r lJ

testi di Mafx e in Lenin: completamente 2e. Ci si potrebbe allora accontentare di dire: ciò clre è importante è la tendenza. Tendenzialmente, il lavoro scientifico di Marx si sbarazza clelle categorie filosofiche in quesuone,

È un enote. È un esempio della deviazione
teoreticista (razionalista-speculativa) chc ho dcnunciato nella breve autocritica contenuta nella Prefazione alla edízione iraliana di Lire Ie Capital (1967 ) riprodotta ueila edizione inglese '0. lvlolto sche maticamente, questo errote consiste nel credere che 1a filosofia sitt una scienza, e che, come tutte le scienze essa abbia 1. un oggetto; 2. un coninciamento (la << rottlua epistemologica > ne1 momento in cui nasce nell'universo culturale prescientifico, ideologico); e .1. una storid (patagonabile alla storia di una scienza). Questo errore teoricistico ha trovato la sua espressionc piú netta e piú pura ne1la mia {ormula: la filosofia è << rcoria dclla pratica teorica >> tt. Poi, ho incominciato a << rettificare >> le cose. In un corso di filosofia della scienza de| 79G7, poi in Lénine et la philosophie (febbraio 1968)
30 E anche nell'edizione di Lirc le Capnle, Petire collection Vaspcro. 1068. t. | {,fr. rraJ. ir. cir. . ll Tutte le correzioni che io ho apportato a questa formula (per esempio: < Teoria della ptatica teorica nella sua dillerenza con Ie altte pratlche >, << Tcoria dei proccssi di produ2ione delJe conoscenze >, << .-.delle condizioni materiali e sociali dei processi di produzione delle conoscenze >, ecc.) in Pour Mdrx e Lirc le Capital, non tocccvano il nocciolo

3. Ma questo non basta. Ed ecco la mia autocritica. Se non sono stato aitento aI latto che segnala J. Lervis, e cioè alla presenza di queste cate3oric filosofiche tl,tpo la ( rorrrrra epistemologica >>, è per una ragionc teorica di fondo: perché ho identificato Ia << rotrura epistemologica > (: scicnti/ica) e la rivoluzione f/osofict di Marx. Piú precisamenie, ho pensaro la rír,oluzione filosofica cli Nlarx come ider.rtica
r'ottura epister.nologica >. Ho, dunque , pensato la filosofia cone la scienza, e ho, di consegllenzar scfitto che nel 18,1) Mar-x operrr\.a una doppitt < fortura r> scienrifica e filo<
sofica.
2, Bisogna ptoprío csscrc a corto cli ar.gorìcntì pct r.isu_ sciirrc, conìc prova rlclJa < fil<rsolìa umanjstìcr,> rli Lenin, qLrrrl clrLr riro dcll:r Sttrt Fattipltu l13l-l) che Lcnin hx icalit!to sui sLuri Quadenri di lcnrrrl J. I.crvis non incìictlcgrlia
< scoliasti >.

alla

(lir\,rrìli iì qùcsra rJdicolaggine da

dell'crrore.

70

7l

ho avanzato alre proposizioni: 1. la filosofia
non è (una) scienza; 2. essa non ha oggetto, nel scnso in cui una scienza ha un oggetto; 3, la fifosofia non ha storia (nel senso in cui una scienza ha una storia); 4. la filosofia è la politíca nella teoria. Ora dico, con piú precisione: la filosofia è, in ultima ista;nza, Iottà di classe nella teoria. Conseguenze per il nostro discorso.

Ne1 caso di alre scienze, manchiamo i1 piú de1le volte di studi e di dimosttazioni, ma nel caso di l"{arx, si può dire che tutto awiene <( contemporaneamente >>: rivoluzione filosofica e /.< tottura epistemologica >. Ma è la rivoluziorre filosoGca chc richiede la < rottura ' epistemologica.

. È impossibile ridune Ia filosofia a scienza, la rivoluzione filosofica di Marx alla
1

<(

tottura epistemologica

>.

ha richiesto necessariamente Ia (< rotlura episiemologica > di Marx come una delle condizioní della sua possibilità. Certo, si può sostenete con degli argomenti seri che per tutta una parte, la filosofia è, come lra detto Hegel, e, come io ho úpreso in Lénine ct la philosophle, sempre << in ritardo > sulla scienza, o sulle scienze. Ma, da un altro punto di vista, che è qui essenziale, bisogna dire il contrario, e sostenere la tesi che nella stotia del pensiero di Marx la rivoluzione filosofica ha necessariamente richíesto la scoperta scientifica c Ic ha dato la sua forma: quella di rna scienza riuolnzionaria.

2. La rivoluzione filosofica di Marx

Conctetamente questo vuole dite: i1 giovane Marx, nato in Renania da una famiglia della huo;'e borghesia, cntra nella vita attÍva come redattore capo di un giornale della botghesia renana liberale. Siamo ne1 1841. Questo giovane intellettuale conoscetà, r-rel giro di tre o

quattro anni, un'evoluzione Í^pidissima,
senso

i71

politico. Passerà da1 liberalismo borghese radicale ( 1841-42) al comur-rismo piccolo-borghese (18,13-44), fino al comlÌnisrno proÌetario (1844-45). Questi fatti sono incontestabili' Ora, noi possiamo osservale che questa evoluzione politica si compie quasi esattamente in parallelo con una evoluzione filosofica. Dunque,

in filosofia, e contemporaneamente,

i1 gio-

vane À4arx passa da un neo-hegelismo soggettivo

(di tipo

kantìano-fichtiano ) ad un umanesimo teorico (Feuetbach), prima di riÉutarlo per passare a una fi1osofia non piú esclusivamente rivolta alla <( intetpretazione del mondo >>:

'/2

una filoscfia inedita, materialista-rivoluzionaria.

confrontano I'evoluzione política e I'evoluzíone filosofica del giovane Marx, si rileva 1. che la sua evoluzione filosofica è richiesta con necessità dalla sua evoluzione politica, e 2. cl're la slÌa scoperta scientifica (la << rottura >) è richiesta con necessità da1la sua evoluzione filosofica.

Se

si

Praticamente questo vuol dire: proprio perché il giovane Marx ha < regolato i conti con la sua coscienza fiL:so6ca anteriore > (184j), cioè ha abbandonato Ie sue posizioni teoriche di classe borghesi liberali e piccolo-borghesi ri voluzionarie, per adottare (questo awenne soltanto in linea di principio ne1 momento in cui rnolìrva i vecchi ormeggi ) nuove posizioni teo riche di classe, rivoluzionarie-proletarie, egli può gettare le basi della teoria scientifica de1la stotia come storia della lotta delle classi. In linca di principio: perché ci vol1e del tempo per riconoscere e accertare quesre nuove posizioní tcoriche di classe. Ci volle del tempo, e una Iotta incessante per contenere la pressíone della filosoGa borghese.

sibile rendere conto della soprawivenza saltuaria di categorie come que11a c1i alienazione e di negazione della negazione. Dico bene: sopravvivenza saltuaria. Perché oltte che del1a loro scomparsa tendenziale nell'opeta di Marx considetata nel suo insieme, bisogna anche rendete conto di un fenomeno strano: la loto eliminazione in certe opere e la loro ricomparsa rrl teriorc. Pcr escmpio. le duc categorie in questione sono assenti ne1 Manilesto e nella Miseria della fitosofia (p,l,1$Iicate da Marx nel 1847); esse sono come dissimulate in Per la critica dell' econoraia politica (pú:|,Iicato da Matx nel 1859); ma net Gntndrisse' quaderno di note di Marx degli anni 1857-58 (non pubblicate da Marx), si parla spesso dell'alienazione. Si apprende da una lettera ad Engels che Marx aveva <( per caso >>, riletto la Grande Logica di Hegel nel i858 e ne era rimasto afiascinato. Ne1 Capìtale, nel 1867, si pa a anco(a di alienazione, ma molto meno; del1a negazione della negazione una sola vol32 ta, ecc,
32 Bisogna essete prudenti con le categorie frloso6che P/eJe sepatutamentei perché ciò che decide della ioro < natura > non è jl loro nome, ma piuttosto la loro funzione nel dispo_ sitivo teorico in cui esse entlaflo in gloco Una categoria è idea-

-1. A partire da questo punto, deve essere pos-

/4

15

Come che sia, e senza anticipare nulla sugli studi che bisognerà condurre per comprendete

a pieno la díalettica contraddittorìa della formazione di Marx e della elaborazione della sua opera, r'esfa questo fatto: la scienza marxjsta della storia non ha mai, secondo 1o schema razionalista classico, progredito in maniera lineare, senza problemi né conflitti interni, e senza interventi dall'esterno, a partire dal < punto di non-ritorno > de11a < rottura epistemologica >>. Vj è stato certo un << punto di non-ritorno >>, mrl pet non tornare indietro, bisogna àvanzate, In molti casi bisogna rispondere con la frase di tr4arx: < Dipende >. Vi sono pertanto dei casi limite: cosí non vedo per niente cosa ci si possa attendete di positivo dalla categoria di negazione della negaziana, che polta con sé un carico idealistico ineliminabile. Al conttario, la categotia di aìienazione, può rendcre, mi sembra, del set tizi ptoouisori,
lista o materialista?

ma ad una doppia condizione soltanto: 1. ( staccarla > da ogni filosofia della < reificazione > (o del feticismo, o dell,au" toggcttivaz ione) che è soltanto una variante anttopoligca del-

lrra clre gtan parre dei testi dei Grandrítse e de]. Capítale vînoo in questa direzione. So anche, però, che alffi testi vanno anche in un altro senso, molto piú ambiguo.

I'idealismo e 2. pensare l'alienazione ro#o il concetto di sfruttanrcnto. A questa doppia condizione, la categoria di alienazione può, in un ptimo tenlto (poiché essa scompate nel ris'llrero cho,i orriencr d,srogl:e-e da rrna con.ozione purarnenre < quantjtativa ) cioè economicista, del plus ualote: pct lnttochrr'rc all'idea che, nello sfruttamente, jl plus-Ddlo/e è ixsepata bila tlallc lorne coficrete e matelidli del szto prelieuo. Mi sen_

e per avanzare, quante dificoltà e quante lotte! Perché se è vero che Marx è dovllto passare su posizioni teoriche di classe proletarie per fondare la scienza della storia. queslo passaggio non è avvenuto d'un sol colpo, né una volta pet tutte, né per sempre. Bisognava eldbor(lre queste posizioni conquistandole sopta e contro il nemico di classe. La battaglia filosofica intrapresa è dunque continuata ín Marx stesso, nella sua opera: essa si è svolra cttorno ai princípi e con i mezzi forniti dai concetti del1a scienza ri'{olúzionaria nuova, che era una delle poste in gioco. La scienza marxista non ha conquistato il suo terreno che poco a1la vo1ta, nella lotta teotica (lotta di classe nel1a teorià), in rapporto ditetto e costante con la lottà di classe vera e propfia. Questa lotta è durata tutta la vita di Marx; è continuata dopo di lui, nel movimento operaio, ove essa permane fino ai nostri giorni: una lotta senza fine' Si può allora capire, almeno in linea di principio, la ragione del1a scomparsa e de1le riapparizioni ulteriori, anche se patziall, di certe categoríe nell'opeta di Marx, come altrettante soprawivenze e tentativi, avaLzate e afretfamenti, nella lunga lotta di tutto il proletariato per occupare delle posizioni teoriche di classe
77

76

e costituire Ia scienza della storia.

Dicendo: << la rottura epistemologica >, è la prima, ed essa è nello stesso tempo << rottura )> filosofica, commettevo dunque Jue errori. Perché, ne1 caso di Marx, la prima è Ia rivoluzione filosofica e questa rivoluzione non è - Anche la terminologia teorica una <{ tottura >>. ha qui la sua importanza: se si può legittimamente consefvare il tetmine <( îottura >> per desìgnare iÌ comincíamento della scienza de11a storia, 1'efietto constatabile de1la sua irruzione nella cultura. quesro pur'ìro di non-ritotno, non è possibile usare 1o stesso termine per la filosofia. Nella stotia de11a filosofia, come del resto per alcune lunghe fasi della lotta di classe, non si può parlare veramenre di punto di nonritorno. Si parlerà di << rivoluzione > filosoÉca (in senso forte nel caso di Marx). Questa esprcssione è piú giusta: perché, per evocare qui ancota esperienze e risonanze della lotta di classe, sappiamo che una rivoluzione è semprc esposta ad attacchi, ad arren.amenri e a ritorni, fino al rischio della controrivoluzione. In filosofia n'ulla è radìcalmente nuovo, da| momento che, delle tesi antiche, riprese e dislocate, soprawivono e rivivono in una filosolìir nrÌova. Ma nulla è mai stabilito definitiua'/

mente: vi sono selnpre degli andirivieni e delle tendenze antagonistichc, dei << r'itorni di fiamma >>) e anche le più vecchie fi1osofie sono sempre pronte a titotnare ail'assa1to, travestite sottÒ nuove {orme, anche le piú tivoluzionarie'
Perché awiene questo?

Perché 1a filosofia è, in ultima istanza, lotta di classe nella teoria; perché, conto 1e classi tivoluzionarie, vi sono sempre altre classi al g 2n6l'ìg potere, consefvatrici e reazionatig - potere di non detengono piú i1 q.rondo "rr. Sr"ro, ,'ton depongono 1a propria ambizione di rivincita. Secondo 1a congiuntura esse difendono il loro potere o muovono all'assalto del nuovo potere sotto la copertura dí una filosofia o di un'a1tra: quella che le serve meglio

politicamente e ideologicamente, anche se è basta << masepolta ne1 fondo de1la stotia - vernice di monovratla >> un po', per darle una dernità. A1 limite, le tesí filosofiche sono <( senz eià>>.In questo senso mi è stato possibile riprendere, piegandolo a1 mio discotso, il concetto espresso da Marx nella Ideologia tedesca: < la filosofia non ha storia >. Ptaticamente, infatti, basta che, a seconda de11o stato del1a lotta di classe, f ideologia botghese si faccia piú pressante, ed ecco che l'ideo79

li

Iogia borghese penetîa nel marxismo stesso. La lottn di classe nella teoria non è sohanto pa-

sua esistenza, Marx avrebbe pensato sempre la nzed,esima cosa, senza alcuna rivoluzione, né

role: è una realtà, una temibile realtà. Senza di essa non si può comprqhdere né la drammatica stotia della formaziòne del pensiero di Marx, né le < gravi minacce >> che pesano anche oggi, nel 1972, su1la << ortodossia > difesa da un certo numero ó comunisti. La dramrnatica storia di Marx e del suo pensiero si ridurrebbe, quasi, se si dovesse cre_ dere a J. Lewis, a una tranquilla carriera universitaria! Un tale a nome Marx sarebbe com_ parso sulla scena lerteraria e filosofica; de1 tutto na[rralmente, avrebbe incorninciato a parlare di politica ne1 lv[anifesto, poi a parlare di economia nel Capitale, a fondare e a dirigere la Prima Internazionale, a mettere in guardia contro I'insutrezione parigina, poi, nello spazio di due mesi, a prendere risolutamente parte pef Ia Comune di Parigi, a battersi contro g1i anarchici e i proudhoniani, ecc. Tutto questo senza I'ornbra di un problema, di un dramma, al di fLrori dí tutti gli assalti della lotta, di tutte le rninacce e gli interrogativi, di tutti i tormenti tlclla ricerca della < verità > nella battaglia stcssa. Da buon intellettuale borghese, chiuso ncl suo pensiero come nella comodità della
ti{)

tottura >>: che .. I'uomo fa 1a storia >>, attta' verso la <( negazione della negazione >>, ecc' Io credo di poterlo dire: è necessario non avete alcuna esperienza o rifiutare ogni esperienza de1la lotta cle11e classi in genetale, e, piú particolarmente, della lotta de11e classi nella teoria, e anche della semplice ricerca scientifica per dire una simile sciocchezza e pet ofiendete cosí la vita e le sofierenze di Marx, e di tutti i comunisti (ed anche di tr,rtti g1i studiosi che trouano qualcosa). Ora, non solamente Marx ha << ffovato >> qualcosa (e a quali costi, e di quale importanzal), ma Marx è stato un dirigentc del movimento opelaio per trentacinque anni, ha sempre << pensato )> nella lotta, non ha pensato e non ha <( ffovato >> che nella lotta del movimento operaio e sltrazerso di essl. Tutta la storia del movimento operaio è segnata àa crisi, da drammi e da lotte interminabili. Non ho bisogno di ticordare qui le sue lotte e i suoi drammi politici. Ma per quanto concerne solamente la filosofia, bisogna tuttavia ricordare le grandi lotte di Engels e Lenin contro la penetrazione della filosofia borghese nel marxismo e nei partiti operai: lotta contro la
<<

81

l)cnctlazione dell'idealismo di Dùhring e di lìcr nsrcirr, enrrambi neo kanriani e umanisti dichiarati, il cui revisionismo teorico copriva il riformismo politico e il revisionismo politico. Rilegga J. Lewis le prime pagine del Che lare? Un piccolo intellettuale di nome Lenin ví difendeva <( con estren.ìo dogmatismo... 1'ortodossia >> di Marx ( minacciata da graví peri coli > (cito J. Lewis). Sí, Lenin si dichiarava fiero di essere attaccato come << dogmatico dalla coalizione internazionale dei revisionisti < critici >>, < fabiani inglesí > e << ministerialisti francesi >> alla testal (cito Lenin). Sí, Lenin si dichiarava fiero di difendere la vecchia << ortodossia >> minacciata, quella di Marx. Sí, egli pensava che essa corresse << gravi pericoli >>: il tiformismo e i1 revísíonismo. Alcuni comunisti, oggí pensano e agiscono nello stesso modo. Non sono certo molto nu>>

VII
Dobbiamo rispondere ancora a due domande 1. Perché dei comunisti come J. Lewis (e sono abbastanza numerosi) possono, nel 1972 sviluppare apertamente, in riviste comunlste, una filosofia che essi dichiatano marxista, e che è semplicemente una vàîiante della fllosofia idealista botghese? 2. Perché i filosofi comunisti che tentano di difendere la 61osofia di A4arx sono pochi? ?er rispondere a queste due domande che sono una sola, bisogna, non dispiaccia a J' Lewis, fare un po' di storia politica. Ne avevo indicato in Pour Marx alcuni princípi. Ma J. Lewis non ha tenuto conto delle pagine politiche di Pour Marx. J. Lewis è uno spirito Puro. Ho tuttavia c î^ffeî:\zz fo con chiarezza gli articoli raccolti in Pour Matx come interventi filosofici in una congiuntura politica e ideologica dominata dal XX Congresso e dalla << scissione > del Movimento comuttistr internazionale ". Se ho potuto intervenire in quel modo,
rr C{r. la Ptefazione a Pou Matx.

rnetosi,

l]

cosl. Vedramo petche.

8J

I
ò pr:oprio in seguito al XX Congresso. Lrfatti, prima del XX Congressoj non era assolutamente possibile per un filosofo comunista, txnto meno in Ftancia, pubblicare dei re-

sti filosofici (un po') vicilri alla politica,
f.'<s( To una cUsr divcrsc

dl

che cornn'entari pragma-

XX Congresso ha criticato e denunziato << ll culto della petsonalità > (il culto in generale, la personalità in generale".), e ha riassunti g1i << erroli >> di Stalin sotto i1 concetto di << violazione della tegalità socialista >' Il XX Congresso si è dunque accontentato di de11

tisti delle formule

consacrate Dian'ro al XX Congresso quel che

nunciare dei

gli spetta:

onnai è possibile, e, per non parlare che del Partito francese, esso ha riconosciuto ncl corso della sessione de1 Comitato centrale di Argenteuil (1966) i1 diritto pcr j suoi aderenti alla ricerca e a1la espressiole fi1osofica. Ma < la critica degli errori > di Stalin è stata fonnulata, ne1 XX Congresso, in termini tali da poltarc inevitabilmenre fin dentro i partiri comr,rnisti stessi, que1lo che si può chiamare uno scatenamento di temi ideologici e frlosofrci bor.qlr:l: presso pìi intelletluaii comunisti prima di tutti, ma anche, al di fuori degli ambienti intellettuali, presso certí dirigenti, e anche alli'rrcrno di alcuni gruppi dirigenri.
Perché?

souvstrutturd giuridica, ma senza mettedi in relazione, come .leve fare l'analisi marxista per cal..atteúzzarlt, con: 1 i1 resto della sovrastruttufa sovietica, cioè ptima di tutto lo Stato e í1 partito, e con: 2. l'infrastruttura) cioè i tapporti di ptoduzione, i rapporti fta 1e classl e le *. forme de11a lotta clelle classi in Unss s
Lenin:
<

latti dipendenti da pratiche della

Teoricamente è

fuoti dubbio chc ma

il

capita_

lismo e il comrrnismo vi è un determintto perirrclo d-L transi_ zìonc. Esso non può che racchìudcre in sé i tlalti o lc particolar_ità ptoprie di ambedue qtrcsLe forme cconomiche dclla società. Qucsto pcriodo di transjzione non può non essere una fase di lotta tîa i1 capitalismo rgonizzlnte e il comÙnlsmo nascente, o) in altte parolc, ua il capitalismo vinto, ma non distrutto e il conunismo già nato, na ancora debolissimo [ ]

Pcrché la < oitica degli errori > di Stalin (rrlcuni dei quali e quanti! si sono dirrostLati crimini veri e propri) è-stata condotta :rr.r1.le 6211on; esterni al marxismo. EI

Le classi sozo /inaste e îi1Ídrrtt na dutante l'epoca della dittatuta dcÌ ptoletatiato Sono rimaste lc classi, ma nell'epoca della dirtatura del proletariato il carattere di ogzl classe è mrtato e sono mutati anche i rapporti reciproci fra 1e classi' Durante I'epoca della dittatura del proletariato la lotta di classc non scompare, ma assume semplicemente altre forme >
ptuletdríato' \Econamia e politica nell'epoca della díttatuta del
95-6).

ín Opere, rol. 30, Editoîi Riuniti, Roma 1970' pp 88 e

85

di mettete le << vioiazioni de1la legaIitrì sociarlista > in {apporto con 1. 1o Stato, pìú iI partito, e 2. i rapporti di classe e la lotta di classe, il XX Congresso le ha posto in relazione con... <( il culto de11a personalítà >, cioè con un concetto di cui ho àetto, in Pour
Ir-rvcce

A[arx, che era << irreperibile >> nella teoria marxista, e di cui si può ben clire ota che è petfettamente <( teperibile >> altrove: ne1la úlosofia e nelf ideologia psico-sociologistica bor ghesi. Quando si pongono cosí uficialnente i fi< intellcttuali comunisti nell'< orbita > delf ideologia e della filosofia borghesi, per < criticare > gli < errori >> di un regime di cui essi (anche loto) avevano profondamente solTerto, non bisogna n.rcravigliarsi che g1i stessi fiiosofi e intellettuali comunisti pefcofrano in maniera aiTatto natutale 1a srada de1la filosofia borghese, poiché se la ritrovano spalancata davanti! Non bisogna metavigliatsi che essi cosruiscano la Ioro piccola filosofia mauista borghese dei Diritti dell'Uorrro, che esalta l'Uomo e i suoi Dilitti, tra i qnali iI ptimo è la liltertà e il cui (ì()n trario è I'alienazione. Naturalmente, ci si sctvc de11e opere giovanili di Marx, che sono lì pcr questo, e avanti verso l'umanesimo in
>>

losofi comunisti

e gli alri

1'umanesimo < integratutte le sue formel le > a1la Garaudy, l'umanesimo tout court alla J. Lewis, l'umanesimo <( autentíco >>, l'umanesimo << reale >> di certuni, e perché no, ultimo in ordine di tempo, l'umanesimo << scientifico stesso? Tra le varianti della Libertà umana, ogr-ri filosofo ha evidentenente i1 diritto di scegliere liberaruente Ia sta valietà di umanesímo. Tuitaria. bisog,rtr stare attcttri I non colìfondere ciò che, politicamenlc, non può essere confuso, quando i fatti non possono essere cómmisnrati su di un metro comune. Le rcazioni teoriche umanistiche degli intellettuali comui'risti in Occiclente, e anche nei pacsi dell'Est, sono una cosa. Ma sarebbe politicamente grave pretendete di giudicare e condannare, a causa di un aggettivo (<< umano >), qualcosa come << il socialismo dal uolto ltmano >>, in cui le masse ceche hanno espresso, anche se in forma talvolta confusa, le loro proteste e le loro aspirazioni di classe e nazionali. Sarebbe politicaIne'Ìe grtvr contondere questo movìmcnto nazíonale di massa con 1e elucubrazioni umanistiche deí nostti filosofi occidentali, anche comunisti (o di un qualche fiiosofo dell'Est). Vi erano numerosi intellettuali nel movimento nazionale di massa ceco, ma ne11a sostanza non
>>

fìr

ì

87

si trattava di un << movimento di intellettuali > : era un movimento popolate. Ciò che il lropolo ceco voleva, eta il socialísmo nella indipendenza nazionale, e non l'umanesimo: voleva

r:n socialismo i\ c:ui uolto (e non í1 colpo: norl è in questione i1 corpo nella {ormula) non fosse sfigurato da pratiche indegne di sé (il po-

volta, e per ragioni direttamente politiche: sono grato a << Matxism today >>, rivista del Partito comunista di Gran Btetagna, che accetta dí pubblicare la mia risposta.
Parigi, 4 luglio 1972.

polo ceco: popolo di alta cultuta politíca) e del socialismo. 11 movimento nazionale di massa de1 popolo ceco, anche se è stato ridotto al
silenzio (la resistenza continua nel silenzio) merita il rispetto e il sostegno di tutto i comunisti. Esattamente come le filosofie << umanistiche,' o le filosoÉe dell'., umanesimo marxista >, tanto quello < autentico >> quanto quello < scientifico >, degli intellettuali occidentali (a

loro agio

ne11e loro cattedte o altrove) metitano Ia critica di rutti icomunisti. tcco petché si rjtrovano nei partiti comunisti occidentali (e non solo occidentali) dei J. Lewis. Ed ecco perché essi sono molto numelosi. Ecco perché in quegli stessi partiti si trovano dei fi1osofi comunisti che vanno conffo unr cetta corrente. Ed ecco perché questi sono lxrco mrmerosi. Ìid ccco, infine, perché io dico ancora una

88

I[, Nota

su

<la critica del cultc della personalità>>

...Neppure per un istante si è afiacciata in J. Lewis l'ídea che << la filosofia è unita alla politica come 1e labbra ai denti >>1 che in < ulîima isf^îza >> la posta in gioco, lontana, ma assai vicina delJre tesi filosof.che, è costituita da problemi o dibattiti politici che concetnono la storia reale, e che ogni testo filosofico (compreso i1 suo), è, < in ultima ist^nz >>, tnche un intervenro politico nella congiuntura teorica e, a motivo di uno dei suoi efietti, oggi íI principale, ancbe tn intetvento teotico nella congiuntura politica. Nemmeno per un istante gli balena I'idea di porsi delle domande sulla congiuntura politica nella quale sono stati

miei testi (e il suo), e in vista di quali < efietti > teorico-politici sono stati porscritti

i

tati a termine e pubblicati; nel quadro di quale dibattito teorico e di quali conflitti politici queg1i interventi sono stati condotti, e quali risonanze nanno avuto.

J. Lewis non è tenuto a conoscere dettagliatamente la storia politica e fi1osofica francese, la battaglia delle idee, anche irrilevanti, anche errate, all'interno del Partito comunista fran-

,r ''i,*1.. -gf

' 'ri'',

::,"-EJ,

i
/

I
:.1

turti, comunisti, abbiamo una storia in comune; una lunga, dura, esaltante e dolorosa storia comune, que11a che dipese per una latga parte dalla III Intetnazionale, dominata, dopo g1i anni 30, dalla < linea > e dalla direzione politica di Stalin. Tutti noi comunisti abbiamo in comune i Fronti popolari. la guera di Spagna, 1a guerra e 1a resistenza antifascista, 1a Rivoluzione 6ing5g ma anche Ia << scienza > di Lyssenko, che - soltanto era un'ídeologia, e alcune formule e parole d'ordine dichiarate < scientifiche >>, che altro non erano che < ideologiche >>, ma servívano di copertura a pratiche tutt'afiatro particolaril. Noi comunisti abbiamo tutti in comune la < critica del culto della personalità >> intrapresa da Kruscèv nel XX Congresso e i1 travaglio de11a scissione del movimento comunista inrernazion,rle. Noi comunisti abbiamo turri in comune
L Solo qualche es€mpio tanto per restaÌe sll praío teolico. L'cvolnzionìsmo economicistico di Matctiallstno dialettica e trttl.litlliyilo stotico di Sfalin. L'occultamento de1 ruolo storico rli 'l'rocìrij e di altti nella rivoluzione bolscevica (Stoùa del I'(:.lhl). L^ tesi dell'aggravarsi della lotta delÌe classi nella soriirìr socialista. La formula: < Tutto dipende dai qua-

ccse dopo 7a gaena, Ma fa Io stesso! Noi

e tra

11 L96O

e

11

196j.

la Rivoluzione cuiturale cinese, quale che

sia

<Lio, ccc. Da noi: la tcsi < scienza borghese/scienza proletarlrr>, Iu tcsi dclla < pauperizzazione assoluta r>, ecc. ().f

nosno giudizio in proposito, e cosí il Maggio francese 1968. Drammatiche vicende, insomma, da cui si potrebbe fare anche totalmente astrazione, 1ael 7972, per < pailare di filosofia > tra comunisti... Ma non satebbe setio. Perché, infine, bisognerà pure che un giorno si tenti e accetti di chiamare le cose con il Iorc norue, e per far questo, di ricercare diligentemente, da marxisti, anche se si deve precisarlo nel corso del lavoro, 11 nonze, cloè iI concetto che quelle cose si metitano, afinché la nostra storia medesima ci divenga comprensibile. Non diversamente della storia di Marx. infatti. non diversamente della storia tragica e gloriosa dei primi vent'anni del secolo, la nostra storia non è un fiume placido, che scorre tra due sponde sicure e tracciate in precedenza. Per non risalire alle origini, per parlare soltanto di un passato prossimo di cui non solo il ricotdo, ma I'ombra copre ancora il nostfo pîesente, non si può negare che abbiamo vissuto, durante questi trent'anni, di cui ancora ci ossessionano 1e prove, l'eroismo e i drammi, sorto il dominio di una politica ispirata e seglart^ da una linea e da pratiche che, in mancanz^ di altri concetti, dobbiamo designare

il

g5

colì Lln nome proprio: <( staliniane >. E dovLcnlrîo essetne usciti, in modo de1 tutto naturale, con la morte di Stalin, e peî la virtú
taun.ìaturgica (e per le conseguenze) d'una semplice patola: < i1 culto della personalità >, pronunciata ne1 XX Congresso del Pc dell'Unss conre .. I'ultima paro.la ,, (in turri sensi pos-

i

sibili) su11a faccenda? Ho scritto negli anni '60, in un testo filosofico che J. Lewis ha sotto gli occhi, che il concetto di < culto della personalità >> era un << concetto írreperibile nella teoria ItLrxistrl >>, che esso non aveva alcun valore conoscitivo, che non spiegava nulla, e ci lasciava al buio. Era abbastanza chiaro: e resta chiaro. <( Un concetto irrepetibile nella teoria matxista >: bisogna quanto meno riconoscerlo. Così come è stato avanzato e ttllizzato, teoticamente e politicamente, il concetto di < culto dclla personalità )> non eÍa un semplice nome di cosa: non si contentava di designare dei {atti (gli < abusi >, 1e << violazioni della legalità sovictica >>). Esso avanzava ne1lo stesso tempo -- da1 momento che g1i venivano apertamente rrttribrrite delle pretese teolicbe (esplicati- concetto veniva afidato il comvc): a questo lrito cli rcnder conto della << essenza > dei fatti
')

È cosí, dunque, che è stato utilìzzato politicamente. Ora. questo pseudo-concetto. pronunciato con 1a solennità drammatica che sappiamo, denunciava certamente de11e pratiche: << abusi >>, <r etroti >>, e in certi casi << crimini >>. Non spiegava nulla de11e loro condizioni, delle loro cause, in breve di ciò che 1í detetminava dalI'interno, e dunque delle loro forme'. Ma per di piír, poíché pretendeua di spiegare ciò che in efietti non spiegava af{atto, questo pseudoconcetto non poteva che sviare quelli che avrebbe dovuto illuminare. Si deve essere ancora piú espliciti? La riduzione dei gravi avvcnimenri di trenr'anni di storia sovictica e comunista a questa pseudo-spiegazione de1 < culto )>, non era, né poteva essere l'errote o il
che designava.
2 Per il marxismo, la spìcgazione di tùtti i fenomeni, è, in ultima istanza, interna: è Ia ( conttaddizjone > ífitel a che è < motrice>, Le citcostanze esterne agiscono: ma per il tramite del << relais > del1a contraddizione interna, che esse surdeterminano. Perché questa precisazione? Perché certi comunisti, trovando la < spiegazione > per mezzo del <r orlto > di respiro troppo corto, immaginarono di aggiungervi tn sapple-

mento, che non potcva che risultare esterno: parlatono ad esempio dell'accerchiamento capitalistico, la realtà del quale nessuno può negare- 11 marxismo non ama I'aggiunta di supplementi: qr-rando ce n'è troppo bisogno si rischia di non aver cflcrraro corrcrtamerle la ca,xc ìnterna,

(r

97

I
lrp.sus di un intellettuale antireligioso: eta, 1o sappiamo tutti, un atto político di dirigenti tesponsabili, una maniera unilaterale di porre i
I

problemi non di quello che si chiama volgarmente <( lo stalinismo >, ma di quello, che mi pate necessafío chiamare, a meno che non ci si rifiuti di pensarc. con ún conce!lo, sia pure prowisorio: la deaiazione << staliniana >> .
3

E, per questo, un modo ài non porli afatto. Piú precisamente, era (ed è sempre) un modo di cercare le cause di awenimenti gravi e de1le forme in cui si manifestano, in certi dífetti de11e
pratiche de1la sovtastruttlit^ gitl.ridicd. (< le violazioni della legalità socialista >), ma senza mai mettere in questione, e per fatti di tale gravità e di tale dutata (fosse pute a titolo d'ipo-

stalinismo >, che è stato evitato dai dirigenti sovietici, ma che era largamente diffuso presso gli ideologi borghese e i trockisti, prÌma di penermte negli ambienti comunisti, prcseqta, grosso modo, gli stessi <( incÒnvenie[ti D del termine << culto della personalità >. Esso designa una rcaha,
<

3

ll

termine

lo

della quale un gran nùmero di comunisti hanno fatto espetienza diretta e taagica, oppure indirctta e piú o meno grave. Ora, questo appellativo avanza però delle pretese teoriche: presso gli ideologi borghesi e ptesso un celto numero di trockisti. Ma esso noD Jpi?gd nuila. Per inttaprendere la via

di una

<( staliniana >: in una prima fase, perché parlare di deviazione obbliga inevitabilmente, in un secondo fiomento, qualí|, ^ caia, a dire in cbe cosa essa è consistita, e sempre in termini

dei cancetti tfiarxisti, e vedere se il loto uso è coflveniente. Per questo io propongo I coocetto di, < deuiazione>, peúettameîte <t rcleribile >, questo, nella teoria malxista,leninista. Si potrebbe cosl parlare, in una prima lase, di deoiazioxe

spiegazione marxista, per poter porre il problema della spiegazione di qùesti fatti, il meno che si può fare è avanzare

marxisti. Una cosa, sulla base di queste indicazioni, deve essere chiara: parlare di una deviazione << staliniana > non vuol dire spiegarla per mczzo dell'individuo che nc satebbe stata la < causa >, L'aggettivo designa cetto un uomo storicamente esistito, ma prima di tutto un ceîto peùoda dclla storia del mo,

vimento operaio interoazionale.

di Stato che (l'appafato recostituiscono la sovrastruttura pressivo, gli appatati ideologici, dunque i1 pattito) e soprattutto senza toccarne mai la radice: le contraddizionl nel processo per 1a costtuzione del socialismo, e nella sua linea; senza toccare cioè 1e forme esistenti dei tapporti di ptoduzione, i rapporti di classe, e 1a lotta delle classi, che et^ st^ta allora dichiarata, con una fornrula che non è mai slafa smentita. <. superat^ >> in Unss. Pettanto è là che bisogna cercare, per tfovafe 1e cà:use interne del1e vicende a costo di scoptire dell'altro. del << culto >> - tutto non è in tutto e sempre Certamente, questa tesi non è marxista è non è - la sttutnecessario chiamare a gfudizio tutta tuta e tutta la sovrastruttura per regolare un semplice dettaglio giuridico, se si tratta di un dettaglio semplicemente giuridico. Ma 1a detesil), l'insieme degli appatati
99

98

slitlilìiiIliì > non è un dettaglio! e rrr r,(.rìrl)ficc clcttaglio giuridico per di piú! Cetto, rron si può sempre e in un solo momento ficostruire ciò che è stato distrutto negli anni questa tesi non è ma*ista; cefto) vi sono edifici politici talmente solidi e puntellati dai
Vril:1rr!r(. <

contrafiorti delle case vicine, che li circondano e li sostengono, che non si può semplicemente e brutalmente << tagliarc al vivo >> per restituitli all'aria libera: è necessario a volte procedere << con precauzione >>. Ma le precauzioni del XX Congresso! Cosí come ci fu rivelata, nei termini delle dichiaruzioni uficiali, che segnalavano cení fatti, ma senza giungere, in mancanza di spiegazioni marxiste, a stabilire wa linea di demarcazione che la difierenzíasse da denunce ben anterioti, quelle dell'ídeologia borghese piú anticomunista, e quelle della teoria trockista << antistaliniana >>; cosl come ci venne rivelata, circoscritta alle sole << violazioni della legalità socialista >>, menÍe i comunisti dell,Unss e deì mondo intero ne avevano una esperienza ben piú < approfondita >> 7^ deviazíone << staliniana )> non poteva, allimite, provocare, oltre alle utllizzaziont << classiche > da parte degli anticomunisti e degli antisovierici, che due
100

efietti possibili. O una critica di sinistra, che accetta di parlare di deviazione, anche se molto contraddittoria, e che si affida, al frne di definirla, alla ricerca corretta de1le sue cause storiche fondamenrali. cioè, che J. Lewis mi perdoni, non 1'Uomo (o la Personalità), ma la sovrastruttura, i rappotti di produzione, clunque lo stato dei rapporti di classe e della una critica che lotta delle classi in Unss - parlare con copuò allora, ma soltanto allora, gnizione di causa non solo del Diritto violato ma anche dei motivi della violazione. Oppure una critica di destra, che si aggancia e si limita a certi aspetti della sovrastruttrtta giuridica, e beninteso, può allora invocar'e l'Uomo ed i suoi diritti, e opporre 1'Uomo alla violazione dei suoi Diritti (o píú sempìíccmcnre ancora i
consigli operai >> alla << butoctazia >). Le cose stanno cosí: non si è sentita mai in ptatica, che una sola critíca, la seconda. E la formula ullìciale della ctitica del << culto >, delle < violazioni della legalità socialista >>, lungi da1 tenere a bada l'anticomunismo borghese piú violento, lungi dal tenere a distanza l'anti.<

stalinismo trockista, fotnisce loro un atgomento storico iusperalo: da csso traggono rutti e due una giustificazione, un secondo sofio vi101

t,rl, ll,lr,.rf

ir,1lrr,

rrr,r,r ,lr l.'rrorrrt.rri l,tllo r lrt. Ix.f csempio, cinquant'anni dopo la l{ivolrrziorc d'Ottobre, e vent'anni dopo 1a Rivrrlrrzior.rc cinese, si tafrotzino otganizzazioni cfre sussistono da quatant'anni senza aaer tnai ,'iportato alcuna uittoria storica (perché a diÍferenza dei << gauchismes > attuali, queste sono otgantzzazioni, e hanno una teoria): le organizzazioni trockíste. Per non parlare de11,< efficacia >> dell'antisovietismo borghese, trent'anni dopo Stalingrado ! Comunque sia, non avemmo bisogno di attendere molto per vedere che la critica uficiale del1a deviazione << staliniana >> per mezzo del < culto de1la personalírà >, produceva, in questa congiuntura, i suoi inevitabili efietti ideologici. Dopo i1 XX Congresso, un'ondata apertamente di destra si difiuse, per non parlare che di questi, tra g1i < intellettuali >> marxisti e cornunisti, e non soltanto nei paesi capitalisti: anche in quelli socialisti. Non è i1 caso, beninteso, di fare un'assimilazione sommaria tra gli intellettuali dei paesi socialisti e i marxisti occidentali a maggior ragione tra 1a protesta politica di massa del << socialismo da1 volto umano >> dei nosri compagni di praga, e
1.02

fla parentesi, un cefto nuin apparenza paradossali: il

< i'umanesimo integrale > di Gataudy, o di qualcun altto. Laggiú non vi era la stessa possibilità di scelta delle patole (le patole non avevano 1o stesso senso), né delle vie da intraprendere. Ma qui! Si sttappò nuovamente ai socialdemocratici e ai preti (che ne avevano avuto fino a quel momento i1 monopolio, praticamente garantito) 1o slruttamento delle opere giovanili di Matx, per ricavarne una ldeologia de11'Uomo, de11a Libertà, dell'Alienazione, de11a Trascendenza, ecc. senza domandarsi se il sistemd di queste nozíoni era idealista o materialista, se questa ideologia era piccolo-borghese o ptoletatia. << L'ortodossia >>, come dice J. Lewis, ne [u quasi sonlmersa: non il << pensiero > di Stalin, che continuò, e continua da parecchio tempo, ad andare avanti indisturbato, nelle sue basi, nella sua << linea e in alcune delle sue prat iche - nra proprio 1a teotia di Matx e di Lenin. È in queste condizioni che mi sono trovato ad intervenire, diciamo << in occasione >> di una recensione ad alcuni atticoli sovieticí e tedeschi orientali, < Sul giovane Marx, tradotti in francese nella rivista < La Pensée >, nel 19ó0: per tentate di combattere, a mio modo, e con mezzi di fortuna, attraverso 1a critica di qual>>

10)

(

lì(

i(l( iì (r)r'r'cnte, e ponendo qualche problema,
>>.

il trrrrtagio che << minacciava

È veto, alf ini-

zio non eravamo assai numerosi, e J. Lewis ha tagione: << noi >> padavamo << nel deserto >, o in quello che alcuni potevano credere << i1 deserto >. À{a bisogna diflidare di questo genere dí < deserti >: o piurtosto sapere ripore in essi un po' di fiducia. In realtà, mai << noi
>>

egli dovette rompere per diventare comunlsta e fondare Ia scienza de1la storia, quella con la quale, anche oggi, noi dobbiamo ancota e sempîe rokvpere, pet divenire, testare, o ridiventare marxisti. Le forme hanno potuto cambiate: ma í1 fondo permane, da 150 anni e piú, sostanzialmente 1o stesso. Questa ideologia borghese, che è f ideologia dominante, e che pesa con tutte 1e sue forze su1 Movimento operaio e minaccia le sue conquiste, se esso non Ia combatte risolutamente a partire dalle sue proprie posizioni, estetne ed autonome rispetto a quella, questa ideologia borghese perché proletarie - parte, nella sua essenza piú è costituita in gtan

siamo statí soli. I comunisti non sono mai so1i. Allora, contro Ie interpretazioni idealistichedidestra della teoria marxísra come << filosofia deIl'uomo >, del marxisnro come umaneslmo teorico; contfo 1a confusione tendenziosa, sia positivista, sia soggettivísta, della scienza e della < filosofia >> marxísta; contro 10 storicismo relativista, opportunista di desta o di sinistra; contro la riduzione evoluzionista della dialettíca materialista a dialettica << hegeliana >>; e in generale contro 1e posizioni borghesi e piccolo-borghesi, mi sono provato a difendete, noi abbiamo provaro a difendere, quale che ne sia stato il valore, aI prezzo di imprudenze e dí er-

rori, alcuni concetri fondamentali che si possono riassumere in uno solo: 1a specificità radicale di Marx, 1a sua novità rír'oluzionaria, sia teorica che política, di fronte alf ideologia borghese e piccolo-borghese, quella con la quale

intima, dalla coppia economicismo/umanesimo. Dietro le categorie astatte della.Glosofia che 1e servono da Íacciata, è questa coppia che volevo colpire, attaccando congiuntamente, e l'umanesimo teorico (dico benc: teorico' non una parola o qualche {rase, oppute delle prospettive genetose, ma un discorso /ilosofico in cui << l'uomo >> è una categotia con funzione teoica), e I'economicismo, attraverso 1e fotme volgari delI'hegelismo o evoluzionismo, che {anno corpo unico con esso. Perché nessuno (o almeno nessun marxisla
105

t04

(lurìrr(lo

tivolrrziorrrrio) può sbagliarsi dopo Marx: itì piclta lotta cli classe le litanie rrrrrirrristc occupano La úba7ta della scena teo_ ricrr r: irlcologica, alle sue spalle è sempre

diritto borghese. fn una società di classe bor_ ghese, f ideologia umanista, quando non è un lapsus di scrittura, o un fiore di retorica poli

I'r.urnornicismo che vince. Anche aí tempi della fcurlalità, quando era rívoluzionaria, l,ideolo_ gia trn.ranista è stata comunque sempre pfofon_ clamcnte borghese. In una società di classe borghese, essa ha sempre coperto, e contlnua a coprire pratiche economiche ed economicisti_ che di classe, dererminate dai rapporti di pro_ duzione, di sfruttamento e di scambio, e dal

parte della storia de11a II Internazíonale, di cui Lenin ha denunciato la tenc{enza dominante, ne fa fede: dietro f idealismo neo-kantiano di Bernsteín, è la corrente economicista che rionfa. Chi può aflermate setiamente che tutta questa lunga stotia, tutti questi conflitti, queste
minacce ce

siamo lasciati a1le spalle, e che ne siamo usciti per sempre - che per sempre siamo al sicuro dal rischio che essi rappresentano?

li

Patlo de11a coppia ecorrcrnicismo/umanesimo. È realmente una coppla, in cui i due termini sono complementati, e non è una coppia
occasionale, ma organica e consustanziale. Nasce spontaneamente, cioè necessaÎiamente, sul1a base del1e pratiche borghesi di produzione e sfruttamento, e nello stesso tempo sulla base delle pratiche giuridiche del diritto borghese e del1a sua ideologia, che sanzionano i rapportí di produzione e di sfruttamento capitalistici e la loro riptoduzione. È certamente vero che f ideologia botghese è {ondamentalm ente ecol}omìcist(l, che 1l c^pitalista consideta ogni cosa dal punto di vista dei rapporti di mercato, e dal punto di vísta del1e condizioni materiali (1e merci che sono i

tica, quando è dutatura e organica, ríschia

sempre di coprire, nelle organizzazioni openie, che non sfuggono al contagío dell,ideologia dominante, una tendenza c(onomicisld, con|]a_ ria, nel principio suo stesso, alle posízioni di
classe proletarie.

Tutta la storia dei Dirítti dell,Uomo, denun_ ciata nel Capitale, ne fa fede: alle spalle del, l'Uomo è Bentham che tionfa a. Tutta una
a

cialeq

tori Riuniti, Rolna 1964, pp.208,9.

Karl Matx, Le Capital, 1, I, Seconde Section, Ed. so_ t. 1, p. 178, îrad. it. Il Capitale, vol. l, sez. II, Edi-

mezzi

di

produzione) che

gli

permettono di
1.07

106

sfruttare questd << merce >> tutt'afiatto particolare clre è la Íorza-lavorc operaia, dunque da1 punto di vista del1e tecniche della estorsione del plusvaiote (che sono rutt'uno con I'organizzazione e la divisione capitalistica del lavoto), da1 punto di vista de1la tecnologia dello sftuttamento, del suo << rendimento > e della sua estensione economici: dal punto di vista dell'accumulazione capitalistica. Che fa l'economista borghese? Marx ha mostfato che, anche quando si innalzava al livello de1 capitali smo, non faceva che teotizzate i1 punto dí vista economicista del capitalismo, nel progetro stesso de1la << Economia politica >, che Marx ha << criticdto >> come tale, perché economicista. Ma è anche assolutamente vero, nello stesso tempo, che il reciproco organico, la << copertura >, l'alibi e insieme il < punto d'onore > obbligato di questo economicismo è 1'umanesimo o liberismo borghese, perché essi ttovano le loro basi nelle categorie del dìritto borghese e delf ideologia giutidica materialmente indispensabtli al funzionamento del diritto borghese; la libertà de1la persona, cioè, nel principio, la li bera disponibilità di se stessi, la proprietà di se stessi, della ptopria volontà e del proprio cotpo (il proletatio; persona << libera > di ven108

detsi!), e dei propri beni (1a proptietà privata: dei l'unica che abolisce tutte le altre -.quella mezzi di produzione). Ecco il tereno su cui nasce 1a coppia economicismo/umanesimo: i1 modo di produzione e di sfruttamento capitalistico. Ed ecco anche il legame e il luogo preciso in cui queste due ideologie si annodano in coppia: il dititto borghese, che di volta in volta sanziona realmente i rapporti di ptoduzione capitalistici, e ofite le proptie categorie in dotazione alf ideologia liberale e umanistica, ívi compresa la fi1osofia borghese.
Si

dirà: ma quando questa coppia ideologica

borghese penetra ne1 marxismo <( quando essa conduce la sua lotta, non piú sul tetreno che le è peculiare, ma sul tetreno generale del matxismo, cioè in veste di revisionismo > (Lenin), che cosa accade? Resta ne1la sostanza ciò che era prima: un punto di vista borgbese, ma questa volta << funzionante >> in seno al mafxismo. Pet quanto sorprendente possa sembtare, tutta 1a storia del movimento operaio e le tesi t: di Lenin stesso ne fanno fede il marxismo
s Cfr. Matxisno e lilotîttisno lOpete, cit, vol' 19); IL ial' II Internaziorrale (Opere, cit, vol 2l): La Ri'

linento della

109

( nrrtxisti clclia cattedra > che 1o riducono

r l)uir, itr cc|tc citcostanze, essere consirf('lrfti), tfrt ilto, c persino praticato da un punIrt ,lr titt,t lnrghese. Non solo da parte dei
rl(.rir,
a

rrn tliscorso universitario di sociologia borghesc, c che alfto non sono che < funzionari delI'ideología > dominante ma anche da parte - operaio e di loro di settori del movimento dirigenti. È una questione di rapporti di forza nella Iotta delle classi, ma anche, e contemporaneamente, di collocazione di classe nella lotta delIe classi, nella < linea >>, nell'organizzazione e nelle << pratiche > della lotta delle classi del movimento operaio. Come dire che è una fotma storica in cui la lusione tra il movimento operaio e Ia teoria marxista, che sola può rendere << il movimento >> oggettiudfiente << rivoluzionario > (Lenin), a segnare il passo o ad aftett^îe davanti a quella che forse, per farsi capire, bisogna anche chiamare << fusione >>: ma << fusíone > di tutt'altro tipo, quella del movimento operaio con l'ideologia borghese. Introdotta nel marxismo, la coppia econouohtzioíe prcletuia vol. 28).

micismo/umanesimo cambia appena di forme' (solo anche se le diventa indispensabile in patte in oarte) cambiare terminologia' L'umanesimo resia umanesimo: con le accentuazioni socialdemocratiche non della lotta delle classi e della stra abolizione, per rnezzo dell'afirancamento della classe operaia, ma della difesa dei Diritti dell'uomo, della libertà, della giustizia, o, che dir si voglia, della liberazione o della estinse' << in' carione delta < personalità >> Iout cour! , o tesrale,,. L'economicismo resta economicismo: oer esempio, sotlo I'esaltazjone dello sviluppo à"11" fori" produttive, della loro u socializzazione o (quale? ), della < tivoluzione scientifica e tecnica >>, della << produttività >>, ecc' Ma allora, si possono fare dei paragoni? Sl' E si scoprirà ciò che, sia prima che dopo, petmette d'identificare come borghese la coppia ideologica e.onomicismof ttmanesimo e le sue parla otadcÀe: h scompatsa di ciò di cui non si .ré n"11'e.o.romicismo, né nell'umanesimo, la sconparsa dei rupporti di produzione e della

lotta delle

classi.

e il

inzegato Kattsk, (Opeft,

cit.,

Che I'ideologia borghese passi sotto silettzio i rappotti di ptoduzione e la lotta delle classi' pet lsaltare 1'<< espansione >> e la << produtti-.rità

o. inrie-e con l'Uomo e la libertà,

è

110

111

tare congiuntamente sia le Fotze produttive sla I'Uomo, è tutt'altra cosal perché, se non si tratta soltanto di parole o di qualche discorso, ma tli una linea e di praLiche coerenti con essa, si può scommettefe, come fece Lenin a pro_ posito della II Intetnazionale prima della guer_ ta del 7974, che il punto di vista borghese contamini, può minacciare o anche soprafiare il punto di uista proletario nel nzarxtsmo stesso. E dal momento che abbiamo chiamato in causa la II Internazionale, aggiungiamo soltan_ to qualche cosa sulla Terza: sugli u1tími dieci anni della sua esistenza, Dopo tutto, perché ta_ cere ciò che brucia sulle labbra? perché sigillare

rare per dissimulare, assicurare e riprodurre i rapporti di sftuttamento. Ma che dei partiti operai, prima della rivoluzione, o anche dopo, passino anch'essi sotto silenzio (o mezzo_silenzio) i rapporti di produzione e la lotta delle classi nonché Ie loto forme concrete u per esal_

t/iut,: poiché questo silenzio le sene, e per_ lìrette alla coppia economicismo/umanesimo, che esprime 11 punto di uista borghesa, di ope_

rlllrrf suo, ed è nell'ordine delle cose, íI suo

or_

, re

6lenin:
_crassl

nella

.

rransizione. dal capiralirmo aJ comunismo,

con un nuovo silenzio il silenzio ufficiale che regna, coperto di < spiegazioni > su ordinazione oppure di imbarazzo, su un periodo de1 quale noi abbiamo vissuto o conosciuto I'eroismo, la gtaltdezz e i drammi? Perché non tentare di capire, qú Ii che siano i rischi del1e patole che vengono pronunciate, non soltanto i meriti della otganizzazione comunista internazionale, ma anche le inevitabili contraclclizioni del1e sue posizioni e della sua linea (e come avrebbe essa potuto sfuggirvi, per di piú in tempi tanto tragici)? Temo infatti che un giorno saremo costrettl a riconoscere l'esistenza al suo interno di una certa tendenzd che, controllata dapprima grazie alle battaglie politiche cli Lenin, non poté piú, a un determinato momento) essef dominata, e finí per giocarvi, in sílenzio, un ruolo dominante. Temo che si timandi ancora a 1ungo, per ragioni in apparenza pragmatiche, ma senza dubbio più profonde. di scrivere' trero su bianco, per metterld alla prooa di un'autentica analisi mauista, < f ipotesi > che io mi assumo i1 rischio personale di formulare, sotto 1a forma di proposizioni necessariamente schematiche:

sussrstono,

politica, cit,, pp. 9j-6).

úa sollo lormc hroue lclr.

Economia

e

11.2

1r3

|,

rnovímento comunista intetnazionale

lr,r srrbíto a parrire dagli anni, 30, in gradi \/(:rsi c sotto forme diverse, secondo i paesi e le orgzrnizzazioni, gli efietti di tna nzedesima de_ viazione, che si può prowisoriamente chiamare << deuiazione staliniana >>.

di

2. Tenuto conto delle debite distinzioni,
cioè rispettando alcune difierenze essenziali, ma, al di là dei fenomeni piú appariscenti, chc sono,

malgrado Ia loto estrema gravità, storicamente secondari, e raggruppabili in genetale, nei par_

comunisti, sotro 1e clefinizioni di < culto de1la personalità >> e << dogmatisms > la dg_ viazione staliniana può essere considetata sotto lornze m tate (attinenti allc stato della lotta di classe mondiale, all'esistenza di un unico Stato socialista, e all'esercizio del potere di Stato da parte del Partito bolscevico) come una lorma tJi rioincita postuma de a II In_ ternazionale: come una recrudescenza della sua
tendenza f ondamentale.

titi

dei terribili ptoblemi, alcuni dei quali si possono enunciafe in questo modo come ha poruto una tendenza a dominrnte economicista combinarsi con gli efietti sovrastrutturali di cui abbiamo conoscenza, efletti che essa stessa ha prodotto come forme mutate di se medesima? Quali sono state dunque le forme di esistenza materiali di questa tendenza. Tali da produrre simili efietti ne1la congiuntura esistente? Come ha potuto questa tendenza, di cui l'Unss è stato il centro a partite da un certo momento, difiondersi nel corpo del movimento comunista internazionale, e sotto quali fotme specifiche e, all'occorrenza, difierenti? -.{1 lettore che fosse rimasto sconcertato dal-

3. Ota, questa tendenza fondamentale cra, in sostanza, lo sappiamo, l,economicistao.
Non è che un'ipotesí, di cui io segnalo sem_ pliccmente i capisaldi. Essa pone natutalmente
714

l'accostamento che suggerisco tra I'economicismo de1la II Internazionale, e 1'economicismo de11a deviazione << staliniana >, rispondo subi to: osserviamo I prinzo criterio di analisi che Lenin raccomanda e impiega, all'inizio del capitolo VII del Fallinento della lI Internaziofiale, pet analizzate una deoiazione nella storia del movimento operaio. La prima cosa da fare è vedere se essa non sia << í1 collegamento con qualche oecchia corrente del socialisrno >>' Non per fare uso di uno << storicismo >> volgare, ma perché esiste una continuità' nella stoL1.5

rnovintento operaio, delle sue díficoltì, rfci suoi problemi, delle sue contraddizioni, rlr:llc suc soluzioni corrette, e drnqre anche It,lfu sue deuiazioni, in relazione alla continLrità di una stessa lotta di classe contro la borghesia, e di una sressa lotta di classe (ecor.ron.rica, política e ideol o gico-teorìca,) della borghesia conrro il movimento operaio. È in questa conrinuità che si fondano le < rivincite postume >> o le << tectudescetrze i>, Ma dirò anche: ceno, nelle ipotesi sommaric e schematiche che io propongo, la posta polirica in gioco è lnoìro aìra - ma vi sono, innanzituto, gravi equivoci possibili da cui bi_ sogna guardarsi ad ogni costo. Osserviamo come Lenin, che ha denunciato con la massima inuansigenza possibile la tendenza idealistico-economicista della II Interna zionale, ha esaminato questa organizzazíone: mai egli ha ridotto la II Internazíonale a1la sua deviazione. Ha ticonosciuto la presenza di periodi diversi nella sua storia, ha distinto il príncipale dal secondario e le ha attibuito, ad esempio, di fronte - movimento operaio il merito di avere al sviluppato le organizzazioni della lotta di classe proletaria, i sindacati e i partíti operai; egli non ha mai rifiutato di citare Kautsky, e di

tirr

rltl

difendere l'opera filosofica di Plekhanov. Pet 1o stesso motivo Stalin non può, pet ragioni infinitamente piú evidenti e piú forti, esserc ridotto alla deviazione che noi leghiamo al suo nome, e a maggior ragione non vi può esserc ridotta la III Intetnazionale che egli finí, dopo g1i anni ttenta, per dominare. Egli ha avuto alti meriti davanti alla storia. Ha capito che era necessario rinunciare al mitacolo imminente della << rivoluzione mondiale > e quindi intraprendere la << costruzione del socialismo >> in un solo paese, e da ciò ha natto

delle conseguenze: difenderlo ad ogní costo come la base e il pilastro di ogni socialismo nel mondo, farne, sotto l'assedio delf imperiali smo, una fortezza inespugnabile, ed a questo fine dotarla innanzitutto di una índustria pesante, da cui sono usciti i carri armati di Stalingrado, cl-re hanno sostenuto l'eroismo del popolo sovietico in una lotta all'ultimo sangue per liberate i1 mondo dal nazismo. La nostîa storia passa ancbe di 1à. E atmavetso le deformazioni,le caricature, e 1e ragedie stesse di questa storia, milioni di comunisti hanno imparalo, anche se Staljn Ii ' insegnava " come dei dogmi, clre esistevano dei Princípi del le' ninismo.
11,7

lt6

( ,r'.r, ..r. 1,rrir s(.1ìll)rztrc oppoftuno di parlate, !,'rtt,, ,,,t//,),lcllc dcbite propofzioni, di una ri Irr( rlir J)()strIlìtlÌ della II Internazionale, bisolÌ ir osscl.vafe che si ffatta di una rivincita in rul'altri tempi, in tutt,altre circostanze, e, benirltcso, sotto tutt'a1tre for;ne, cl:ìe evidente_ mente non possono essere confrontate alla lettera. Ma attraverso queste difierenze conside_ tevoli, e in {orme patadossali, si può parlare di rivincita, o di ripresa, o di recrudescenza di una tendenza, nella sua sostanza, identica: Ia tendenza dt rna concezione e di una << linea economiciste, in essa presenti sotto la copeftura obbligata, di certe dichiarazioni a modo loro ctudelmente << umanisdche > (<< i'uomo, il ca_ pitale piú prezioso >, e le disposizioni e le nor_ me, restate lettera morta, della Costituzione so_ vietica del 193 6 ). Se è cosí, se la deviazione << staliniana > non si tiduce alle sole << violazioni del1a legalità so_ cialista >>; se essa attiene a cause piú profonde nella storia e nella concezione della lotta de1le classi, e della collocazione di classe; e ammes_ so pure che i sovierici siano ormai preser_ vati da ogni violazione de7 diritto non ,ia_ -, mo per questo, né essi né noi, usciti dalla de_ viazione << staliniana > (dal momento che né Ie
>>

cause, né

meccanismi, né gli efiettí di questa sono stati fatti oggetto di una << analisi concfeta >> nel senso leninista, cioè di una analisi marxista e scientifica), pet iI miracolo della tlenuncia del << culto della personalità >> o pet la ptatica di una rettifica minuziosa che non è stata illuminata da alcuna analisi' In queste condizioni, con gli elementi passati e presenti c1i cui disponiamo, compteso il silenzio ufficiale che li sanziona, si può scommettere che la < linea >> staliniana, sbatazzara dalle < violazioni > poide1 < dititto o, dunque << liberalizzata > - pari ché economicismo e umanesimo vanno di

i

soptawiverà comunquc a Stalin, e, benilteso, a1 XX Congresso. Si può anche presumete che, sotto 1o sproloquío de1le difierenti vaiietà di << utnanesimo >> piú o meno controllator questa << linea >> continui 1a sua onotevole carriera, in un silenzío a volte ciarlone, a volte sordo, rotto di tanto in tanto da11o stupore di un'esplosione, o di una sclsslone. E per non trasculare nu11a, avanzerei un'altta ipotesi rischiosa , che << patlerà >> certamente a quello specialista di politíca cinese che è J. Lewis. Se consideriamo tutta Ia nostra stoúa da 40 anni e piú, mi sembra, tirate le somme (e sono facili a tirarsi), che la sola << cripasso

118

stotica (di sinistra) dell'essenziale della -,.l.virrzione srlliniana , clre si posso reperirc, e per di piú, anche contempoldnea a71a deviazione, dunque in gran parte precedente al XX Congresso, è una critica concreta, condotta nei fatti, ne1la lotta, nella linea politica, nella pratica, nei loro princípi e nelle loro forme: la critíca silenziosa, ma amiva, compiuta dalla Ri voluzione cinese ne1le battaglie politiche e ideologiche della sua storia, dalla Lunga Marcia alla Rivoluzíone culturale e ai suoi rísultati. Cri_ tica da lontano. Crítica << indjretta >>. Da guar_ dare da vicino, da decifrare. Cùtjca contraddittoria anche non foss'altro che per la sproporzÌone tra gli atti e i testi. D'accordo: ma critica dalla quale si può imparare, per pro_ vate le nosre ipotesi, cioè per tentare di ve_ dere chiaro nel1a nosta storia. Ma anche in questo caso si deve padare evidentemente in tetmini dí tendenza, e di fotme specifiche senza pefmettere alle forme - di nasconderci la tendenza che la realiz_ zano e 1e sue contraddizioni. Se ho potuto, con i miei mezzi, da tanto lontano e anche molto debolmente, fare eco a queste lotte storiche, e indicare, dietro i loro efletti ideologici, I'esistenza di alcuni problemi
tic,r
>>

rea1i, è perché questo

è

il

compito di un

fi1o-

sofo comunista. Ecco, per non andare oltre, alcuni dei < proin cui 1a politica blemi > molto concreti - a un discorso filoconnessi salta agli occhi - quale che sia il suo valote, solìco, intrapreso

ormai da Piír di dieci anni. J. Lervis non 1o ha sospettato neppute! Me ne dispiace per noi. Ma me 1o auguro per lui' Perché sarebbe ancora piú grave se' avendone coscienza, lavesse taciuto: pcr non scoltrrsi

le dita.
Parigi, giugno 1972.

120

III.

Osservazioni su una categoria: (( processo senza Soggetto né Fine(i)>>

Questa fotmula (<< processo seoza Soggetto >, <( processo senza Soggetto né Fine(i) >) ha tutto ciò che occone per urtare le << evidenze del senso comune, cioè (Gramsci) dellfideologia dominante, dunque per fatsi degli awetsad convinti a poco prezzo. Per esempio, mi si obbiettelà subito: ma << le masse >>, e << le classi >> sono puf sempre composte dt uoninil Ma se non è l'Uomo (definito semplicemenre... ., astrazione >, o per dargli impotanz , << astrazione speculativa >>) che fa la stotia, sono pur sempre gli uomini, concreti, viventi, sono i soggetti umani che fanno la storia! E per sostenerlo, si citerà la << testimonianza > di Marx stesso.I'inizio ài :una piccola frase del 18 Brumaio: < Gli uomini fanno la propria stoda... >. E, forti dell'Evidenia e di una Citazione, concluderanno immediatamente: la storia ha dunque dei < soggetti )r; questi soggetti sono evidentemente < gli uomini >; < gli uomini > sono dunque, se non il Soggetto della storia, almeno I soggetti della storia... Sfortunatamente, questo tipo di < ragiona>>

125

1
J-rìcnto >> non sta in piedi che a costo di confusioni, di slittamenti di senso, e di giochi di parole ideologici: sui termini Uomo-uomini,

Soggetto-soggetti, ecc. Stiamo attenti a non giocare su1le parole, e guatdiamo la cosa un po' piú da vicino.

Per conto mio, dirò: g1i uomini (plurale)
concfeti sono necessariamente soggetti (plufale) nella storía, petché essi agiscono nella stotia come soggetti (plurale). Ma non vi è un Soggetto (singolare) della storia. Ancora: << gli uomini >> non sono < i soggetti >> dell.a stotia,

come agenti delle difierenti nella storia - processo storico di produpratiche sociali del è un fatto. Ma, zione e di riproduzione -, individui umani considerati come dgenti, gli non sono dei soggetti < liberi > e << costitutivi >> ne1 senso filosofico del1a parola. Essi agiscono entro e sotto le determinazioni delle lorme di esistenzd storiche dei rapporti sociali di produzione e di riproduzione (processo lavo-

tiui

Mi

rativo, divisione e organizzazione del lavoro, processo di produzione e tiproduzione, lotta di classe, ecc.). Ma si deve andate oltre. Questi
agenti non possono essere agenri se non come soggetti. Io credo di avetlo óimostrato (Ideologia e apparati ideologici di Stato, < Critica matxista >, VII, 5, PP 23-65). Ogni individuo umano, cioè sociale, non può esseîe agente di una ptatica se non in quanto
assume

spiego.

Per capire queste distinzioni, bisogna preci srre la natura dei problema in questione. Il problema della costituzione degli individui in soggetti stotici, atrivi nella sroria, non ha niente a che vedere, ne1la sua sostanza, con il problema del << Soggetto della storia >>, o anche dei << soggetti della storia >. Il primo problema ò di natura scientifica: esso riguarda il materiaIismo storico. I1 secondo problema è di natura filosofica: riguarda il materialismo dialettico.

Primo probletna: scientilico
(ìhc gli individui umani, cioè sociali, siano at| ?,6

la lorna di soggetto. La << forma-soggetto > è in{atti la forma di esistenza storica di ogni individuo, agente delle ptatiche sociali: perché i rappotti sociali di produzione e di riprodrrzione comprendono necessaricmenle' come parte integî'a. te, quelii che l-enin chia-

m i rapporti sociali (gfutidico-) ideologici
<<

>>,

che per < funzionare >, richiedono necessaria-

r27

rlrcrìtc a ogni individuo-agente 1a fotma di sogt,clIo.

Ia úgetta puîamente e

semplicemente) come

Cli individuiagenti operano dunque sempre rrclla forma dí soggetto, e come soggetti. Ma che sirno necessariamente soggetti, quesro non Ía afratto degli agenti del1e pratiche sociali storiche né il, né i soggetti della storia (nel senso flosofico del termine: soggetto d.i). GIi agentisoggetti non sono attivi nelld storia se non sotto la determinazione dei rapporti di produzione e di riproduzione, e nelle loro forme.

Secondo problema:

lilo solico

È per fini ideologici ptecisi che la filosofia borghese si è impadronita della nozione giuridicoídeologica di soggetto, per farne una caregorla fi1oso6ca, 1a categoria filosofica n. 1, e per pone

il problema del Soggetto della conoscenza (l'ego cogito, i1 soggetto trascendentale kantiano o husserliano, ecc.), della morale, ecc., e r/a/ Soggetto della storia. Questo problema fitlizio non è, beninteso, senza conseguenze ma nclla sua posizione e nel1a {orma esso non ha tLr n scnso pet i1 materialismo dialettico. Esso
t28

rifiuta (ad esempio) la questione dell'esistenza di Dio. Avanzando la Tesi di un .. processo senza Soggetto né Fine(i) > voglio dite semplicemente questo con chiatezza, Per essete materialista-dialettica, la filosofia marxista deve rompere con la categoria idealista di < Soggetto >) come Origine, Essenza e Catsa, respon' sabile nella sra interiorità di tutte le detetminazioni dell'< Oggetto >> esterno', di cui esso viene definito < Soggetto >> interno Non può esistete, pet la filosofia matxista, nessun Soggetto come Centfo assoluto, come Origine ra' dicale, come Causa unica. E non si può, per tarsi d'impiccio, accontentarsi di una categoria come quella di << le-Centramento dell'Essenza >> (L. Sève), petché è un compromesso illusotio, che, sotto la superficie << audace >> di una pada perfettamente confotmista nella sua oîigirrc (de-centr am en t o),salvaguatdia il legame ombelicale tra l'Essenza e ii Centro, e resta dunque prigioniero del1a filosofia idealista: poiché non vi è alcun Centro, qualsiasí decentta1

La categoria di

< prccesso senza Soggetto

può anche prendere né Oggetto t>.

la Îotma dJ.

<<

né Fine(i) > ptocesso sefiza Soggetlo

.,..

..

,1.29 ..",'',
,

' :.;:' '

.,

rìrcrìto è superfluo o frttizio. In realtà 1a filosofìiì nliìrxísta pensa secondo tutt'altte categoric: determinazione in ultima istanza che ò tutt'altra cosa che l'Origine, I'Essenza, o la Causa unicbe determinazior:e per mezzo -, di Rapporti (idem), contraddizione, processi, < punti nodali > (Lenin), ecc. In breve, secondo tutt'ahra con6gumzione e sorro categorie del tutto diverse da quelle de11a filosoúa idea-

lista

classica.

Beninteso, queste categorie filosofiche non concernono sola men te Ia storia. Ma se si considera solanzente 1a storia (che riguarda í1 nostro discorso), 1a questione filosofica si pone nei termini seguenti. Non si ttatta di contestare le acquisizioni del materialismo storico: che g1i índividui siano agenti soggetfi nellú stotia, e dunque attívi nella stotia sotto la determinazione delle forme di esi stenza dei rapporti di produzione e di riproduzione. Si tratta di tutt'altra cosa: di sapete se la storia può essere pensata filosoficamente, nei suoi modi di dererminazione. per mezzo della categoria idealistica di Soggetto. La posizione de1 materialismo díalettico mi sembra chiara. Non si può cogliere (begreit'en: concepire), cioè pensare la storia reale (processi di

riproduzione e di rivoluzione delle formazíoni sociali) come tiducibile a una Otigine, una Essenza, o and Cavsa (l'Uomo, ad esempio), il Soggetto, queche ne satebbe il Soggetto - posto come idensto <( essefe >> o <( essenza >>, tificabile, cioè esistente sotto 1a forma de11a unità di una itttcriorità, e (teoricxmenre e praticamente) responsabile (f identità, f interiorità e la responsabilità sono costitutivi, tra l'altro, di ogni soggetto), dunque responsebile, dwq'se capace di rendere conto dell'insieme dei < fenomeni i> della storia. La cosa è al:bastanza cl-riara, quando si affronta l'idealismo classico, dove, sotto 1e specíe francamente ammesse dalla Libertà, è l'Uomo (: il Genere Umano : Umanità) a essere il Soggetto e i1 Fine della storia. Cft. Aut'klàrung, e Kant, il filosofo piú <( pluo >> dell'ídeologia borghese. La cosa è chiata anche quando si afÍtonta 1' ant ro p ol o gi a comtnitatia piccolo-botghese filosofi.ca di Feuerbach (ancora rispeltato da Matx nei Manoscritti del '14), in cui I'Essenza dell'Uomo è l'Origine, la Causa, e il Fine della stoiia. Ma la stessa posizione acqriista evidentemente aspetti ancora piú erronei nelle intetptetazir:ni fenomenologiche post-hussetliane e pre-

t30

t)Í

kantiane (cartesiane) come que11e dí Sartre, dove le tesi kantiane de1 Soggetto ttascendentale unico perché uno, e della libertà dell'U manità sono confuse, << schiacciate >> e ftammentate in una teoria della Llbettà, originaria di una infinità di soggetti trascend,entali << concreti > (Tran-Duc-Thao diceva poco fa, per far capire Husserl: .< noi siamo tutti. voi ed io,

>, noi tracciamo dunque una << linea di demarcazione > (Lenin) ra le posizioni materialistiche dialettiche e le posizioni idealistiche borghesi e piccolo-borghesi,
Soggetto né Fine(i)

ognuno degli " ego trascendentali

",

degli

"

eguali trascendentali

"

>, che sbocca efiettiva-

mente nella tesi che < gli uomini > (gli individui concreti) sono I soggetti (tascendentali, costitutivi) della storia. Di qui il vivo interesse di Sartre per la <( piccola ftase >> del l-8 Brutnaio, e per una frase di Engels de11o stesso tono, che gli calza come un guanto. Ora questa posizione, che abbassa 1e categorie kantiane a un livello non superiore a quello di una filosofia antropologica (Feuerbach), ma d'una volgare psico-saciolo gia filosofica, non soltanto non ha niente a che vedere col marxismo, ma costituisce una vefa assurdità teorica, praticamente impossibile da pensare e da sostenere. Basta leggere la Critica della ragione dialettica, che annuncia l'awento di un'etica mai comparsa, per convincersene del tutto. Ptoponendo la categoria di << processo senza

Naturalmente non si può attendersi tutto d^ !î primo intervento. Bisognerà << lavotate t su1 tracciato di questa < linea di demarcazione >>. Ma, come diceva Lenin, cosí com'è, una linea di demarcazione, se è giusta, basta già nel suo principio a guardarci dall'idealismo, e delimita uno spazio entro cuí avanz re. Beninteso, queste posizioni filosofiche non sono senza conseguenze. Non solo, in{atti, in base ad esse si può dire che il marxismo non ha nulla a che vedere con la .. questione anttopologica >
(<<

Che cos'è l'uomo? >), o con
tealizzazlone-oggettivazione-

una teoria della

alienazione-disalienazione dell' E s s e nza U m ana (come awiene per Feuerbach e per i suoi ere' di: teodci del1a reificazione e de1 {eticismo l/osoficì), o anche con la teoria del << decenra-

mento della Essenza umana >>, che non critica l'idealismo del Soggetto se non nei limiti dello stesso idealismo del Soggetto, rivestito degli atmibuti dell'< insieme dei rapporti sociali > di ma esse permetcui si parla della VI tesi,

-

t)z

t3)

torlo (tra le altre cose!) di comprendete i1 senso clclla famosa << piccola frase > di Marx nel 18 Brutnaio. Perché la ftase completa dice < Gli uomini fanno la propria storia, ma essi non la fanno a partire da elementi scelti liberamenre (azzs lreien Stùcken) entro circostanze scelte da essi stessi .'._ ma entîo circostanze (Unzstànde) che essi si trovano dinanzi (aorgefundene), giìt date ed ereditate da1 passato >. E come se egli avesse previsto che sarebbero state sfruttate un giorno le sue cinque prime parole, e soprattutto la parola << citcostanze > da cui Sarffe trae delle brillanti conseguenze come i1 < pratico-inerte >, cioè la libertà, Marx, nella prefazione de1lo stesso l8 Brumaio, scritra di ciassette anni dopo (nel 1869, due anni dopo Il Capitale), scrisse queste righe: << Io mostro invece, > lcioè contro f ideoiogia di Hugo e di Ptoudhon, che consideranc, 1'uno e l'a1tro, l'individuo Napoleone III come la causu << respon, sabile >> (lt4arx), detestabile o gloriosa, del Coipo di Stetol .< come la lotta di classe [corsivo di Marxl in Francia ha creato delle circostanze. IUmstànde) e una situazione che rendono possil'.ile lermóglichtl a un personaggio fun sog1J4

getto

I

mediocre e gtottesco di fat la patte del-

l'eroe >>. Bisogna dunque leggete i propri autoîi da vicino. La storia è proprio un <1 processo senza Soggetto né Fine(i) >>, le cui circostanze date, ne11e quali < gli uomini >> agiscono da soggetti sotto la determinazione di /6Pporti sociali, sono il prodotto della lotta di classe La storia non ha dunque, nel senso fi1osofico della patola, un Soggetto, ma úî rltotolei la lotta delle classi'

7" maggio

197 3.

Indice

Awertenza

5

I.

Risposta a John kwis 7 Cap. I, p. 9. - Cap. II, p. 17. - Ca'p.

;.-tg.'-'Cq-. V, p'. 51.'-^Cap. vI,

i.

Ill, p. 18. - Cap. IV, -D. 8r. 65. --c6e. VII,
persona-

II. IlL

Nota su < la critica del culto della
lita

D 9l

Osservazioni su una categoria: < pfocesso senza Soggetto né Fine(i) > 123

3i'ifm:
íjfffi: ,:
Il
, ouool:.la ruosofla

U Nella primavera. del '72 Glosofo comunista inglese. , John Lewts, decltca,. su a rivisra del partito comunisia ingrese. <.lvtarxrsm today )ù, due articoli al < caso Althusser >. dosmatrsmo acuro D. prognosi: <( malato

(I) ".""*
il --.--r lt

E

punro.,d'attacco è.1'umanesimo. John Lewis non ba ma.rxtsta è umanista. . È l,uomo che fa ra stol,Ia r. L uomo ta la Storia ( trascendendo )ù la Stoflft. i{ L uofno. co.nosce soltanto ciò che fa

raguo Oetto con.ftdeologia -[61ghs5g e asSumere posiz del.idÉologia b",gh"se É 7o l::,"-,-'^.j.t,'9-:i:._1r 9u:r: o pia ecohomicist to-urndte.timo. Llr111';;";l11i; : ;;j; discorso generoso ma sist, ::-::y,j.:T-.::,^"nf.óa t".pr""u, iiiiprir",-li"ràî, coelente e durevole. ; clsmo. ltnche net movtmeDto operaio, La ptova: la : conoa Intetnaztonate.

con,il <culto della. personalità ,,. fu conseguenze. "o.i"lirt" ! lvla rorta condo.tta dal di là del XX Cóngresso: ,occolfe nsaltre_ at tunga motimento operaio i,er dare c

,6J a| ,65, é,e_ l1- Tl1 :.ulu?'on..teorcricista mi ha, dal clsamente sprnto. In una concezione etronea della 6lq. sona. l\e. rraggo le pnme conseguenze: a proposito della sroria deì pensiero dí Ma*. Ma soprattutro pongo la questione: perché questa discussione sull'umanesimo? peìché questtndata ài ideologra ootghese net marxtsmo? Là.dove John Lewis.tac-e,, io parlo di politica. É ln prlmo luogo: ll XÀ Congresso, la sua sDiesazione ( o l::uîo*1,ì1.," ,of,,e vrotsLzioni della legalità

sula ntosoía_ È, ne -traggo alcune conclusioni teofiche. . Jr proposrto della <.lottuta epistemoloAica >, tengo rerma ra. mta _test, ma flprendo l,< autocritièa > del ,67:

N"C17,9ne della.Negazione { = rrascendenza). ".1Î..,::1iq , lr|l loealsmo dr John Lewis oppongo le tesi materialjste oer. marEsmo,lentntsmo Sulla storiar sulla lotta di clasSi e

". {i La Iesr ot rtttnusser..sulla rottura epistemologica I è pura rnvenzlone.D. Dau inizio alla 6ne, Man è stato umanrsm,, e. hegetlano,. devoto dell,Uomo, del.l,Alienau

,

in

i

La lotta è in

corso.

L,A
lbe ùilledqeceltÒ

lfr

c

ll|t.l