You are on page 1of 57

Circolo Didattico di Vinci (FI

)

Scuola dell’Infanzia
“La barca a vela”

a.s. 2007/08

DIARIO

Percorso
“Fiori per dire e raccontare”

Sezione C – Pesciolini arcobaleno (5 anni)
Ins. Lorella Mazzanti e Orsola Cuoci
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Piantiamo i nostri semi!!!!
Presenti: 27 bambini 13/11/2007
Ogni bambino illustra agli altri i semini che ha portato da casa, poi
tutti insieme ne parliamo in modo più approfondito (conversazione).
Abbiamo poi sistemato delle vaschette con l’ovatta e i semini
dividendoli per genere.
Abbiamo piantato tutti i semi (anche dei frutti) portati dai bambini,
pensando di verificare in seguito da quali semi nascono piantine e da
quali no.
Verificheremo una o due volte la settimana (insieme ai bambini) se e
come si trasformano i semi

Il gruppo segue abbastanza bene l’attività, solo alcuni bambini
esauriscono in breve tempo la propria attenzione.

Osservazione dei semi 13/11/2007
COSA SONO?
SONO?
Greta: semini
Martina: sono anche tondi
Rachele: il semino c’ ha i puntini marroni e poi c’è un semino strano un po’ giallo e un
po’verde
Asia: sono tanti quelli di fagioli che sono bianchi, ci sono quelli marroncini che c’hanno
dei puntini. Quello verde c’ha un gambino marrone poi un semino è rosso e ci
sono anche quelli marroni
Aurora C.: un semino è bianco e ovale; un altro semino è verde e sembra una castagna;
un altro semino è marroncino e c’ha i puntini fucsia
Carlotta: un semino quello verde c’ha il gambo lungo; un semino è rosso, quei fagioli
bianchi sono bianchi, perché li hanno presi così
Luca: quello verde puzza e c’è anche un semino rosso; il semino verde di dietro è un po’
marrone
Matteo R.:questo “fagiolino” è un pochino rosso , quello tondo più grosso c’ha un
2
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

gambino
Benedetta: questo semino è marroncino e profuma, invece quello rosso puzza; un semino
bianchino è “bianchino”
Chiara: il semino c’ha il verde e un pochino di marrone
Dafne: questo semino puzza
Giulia I.:quel semino verde c’ha il gambo marrone, quello bianco c’ha dei puntini rossi
poi c’è una altro che è tutto rosso
Martina: questi fagioli (semi di zucca) puzzano
Giulia M.: i semi quelli con i puntini profumano

“IL FRUTTO DI UN CIPRESSO”
Dafne: è tondo e sembra che c’ha dei pallini
Come si chiama?
“Coccole”
Benedetta: la mia mamma le chiama “montagnole”
Carlotta: si chiama “gallora”
Filippo: (annusa e fa annusare anche perché profuma, non vuol ripetere ma fa
“mmmmmmmm” in senso di buono)

DUE GHIANDE DIVERSE
Martina: una è piccola e nera e una grande e marrone
Lucrezia: una è tonda e una è ovale
Federico: piccola a punta
Rachele: sono le ghiande
Laura: una piccola e nera e una più grande e marrone
Luca: una c’ha il “cappuccio” e uno no
Mirco: quella più grande è un po’ tonda e quella più piccola è a punta

NOCCIOLI DI PESCA E DI ALBICOCCA
Giulia M.: sono buoni da seminare ed è fatto dall’albero. Stanno dentro la pesca e
l’albicocca
Lucrezia: c’hanno un po’ di righe corte
Greta: i noccioli sono un po’ lunghi e un po’ corti
Luca: sono gialli e lisci e altri sono marroni con le righe
Benedetta: a me mi sembrano un po’ righe e un po’ buchi
Asia: sono ovali e con la punta massiccia

3
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

SEMI DI MELA, PERA, UVA E LIMONE
Dafne: quelli di limone sono gialli e a punta e anche ovali
Fabio: quelli di mela sono marroni e a punta
Giulia M.:a me mi sembrano che assomigliano a delle goccioline d’acqua e c’hanno delle ”
guanciotte” piane
Sophia:(uva) sono piccoli e un pochino a punta. C’hanno una pancia bella piccina

I SEMI DI ZUCCA
Benedetta: è liscio e profuma come una fragolina
Giulia T.: sembra una forma a bottiglia. Sono belli e un pochino più grandi di quelli di
prima
Vittoria: è schiacciato
Federico: è ….arancio e marrone

UNA SUSINA
Questo è un seme?
Tutti: NOOOOO!!!
Giulia T.: è un frutto
Asia: io l’ho portato. Ma dentro c’è….

LO APRO E……
Asia: è rosso
Luca: c’è un profumo di …..pesca
Martina: è anche un po’ nero
Giulia T.:un po’ ovale

CASTAGNE: SONO UN FRUTTO O UN SEME?
Giulia T.: un seme
Martina: un frutto
Flavio: sopra c’ha una punta
Matteo B.: è tonda
Martina: non è tonda, c’ha anche una punta
Chiara: è ovale
Luca:è a triangolo
Asia: è a gocciolina
Giulia T.: è marrone e liscia

4
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Osserviamo i semi che abbiamo piantato….. 20/11/2007

Matteo B.: l’acqua è arancione e il cotone è arancione
Laura: il cotone è diventato un po’arancione
Aurora C.: l’acqua nel cotone è diventata arancione, i semini non sono diventate piante
Rachele: il cotone è un po’ giallo e c’ha due puntini arancioni; il cotone è tutto bianco
Aurora A.: dentro è rosso e tondo
Matteo R.: quelle palline sono un pochine rosse e quei semini sono un pochino marroni
Greta: il cotone è diventato un pochino giallo e arancione mescolato
Chiara: il semino di zucca intorno c’ha un pochino di giallo e arancione
Luca: questo semino (susina) prima era tutto marrone e ora è un po’ marrone e un po’
nero. Il pinolo ha la forma del pinolo
Giulia T.: il cotone è arancione
Laura: la castagna quando si è piantata non ce l’aveva il buco, ora ce l’ha
Martina: il corbezzolo è diventato un po’ nero
Asia: il fagiolo prima era un po’ grigio, ora è bianco.

5
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 24 bambini 21/11/2007

Iniziamo
Iniziamo a parlare del “dono”…
Ins: Cos’è un dono? A chi si fa? Perché?
Aurora A.: perché …”c’ho” un regalo che disegno …così (fa il gesto con la mano). E
Babbo (Natale)m’ha fatto una coperta coi cavalli
Giulia I.: un regalo è.. quello che trasporta i giochi e li porta ai bambini
Asia: un regalo è un pacchetto, dentro il pacchetto ci si trova tutti i giocattoli
Martina: mamma e babbo ci fanno i regali apposta perché ci vogliono bene
Rachele: un regalo è un dono e il dono lo porta Babbo Natale a tutti i bambini
Giulia T.: il regalo è un dono e il dono è un giocattolo
Dafne: mamma va a scuola e i bambini gli fanno i regali e lei li porta a me
Laura: il regalo è una sorpresa che ci fanno perché ci vogliono bene
Carlotta: i regali di Babbo Natale e quelli che ci fanno i bambini non sono uguali perché
Babbo Natale viene quando è buio e i bambini vengono quando c’è il sole
Chiara: Babbo Natale ci porta regali perché ci vuole tanto bene
Giulia T.: Babbo Natale c’ha un sacchetto, li ci sono tutti i regali e lui li dà ai bambini
Greta: Babbo Natale fa i regali perché ci vuole bene a tutti
Luca: un dono è una “cosa, quadrata, però dentro il dono ci sono i giocattoli
Sophia: mamma e babbo m’hanno regalato una coperta perché la volevo; loro mi
volevano fare un …regalo!
Asia: la Befana ci regala le caramelle e i cioccolatini
Rachele: i folletti fanno i regali e li danno a Babbo Natale e lui li porta ai bambini e a
tutti gli amici
Matteo R.: i regali ce li fanno i folletti
Laura: mamma e babbo i regali ce li fanno anche quando siamo malati
Fabio: è un trenino col macchinista. È mio, me l’ha regalato mamma perché devo giocarci

6
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 23 bambini 20/11/2007
Osserviamo i semi che abbiamo piantato
piantato
Matteo B.: l’acqua è arancione e il cotone è arancione
Laura: il cotone è diventato un po’ arancione
Aurora C.: l’acqua nel cotone è diventata arancione, i semini non sono diventate piante
Rachele: il cotone è un po’ giallo e c’ha due puntini arancione, il cotone è tutto bianco
Aurora A.: dentro è rosso e tondo
Matteo R.:quelle palline sono un pochine rosse e quei semini sono un pochino marroni
Greta: il cotone è diventato un pochino giallo e arancione mescolato
Chiara: il semino di zucca intorno c’ha un pochino di giallo e arancione
Luca: questo semino (susina) prima era tutto marrone e ora è un po’ marrone e un po’
nero; il cotone ha la forma del pinolo
Giulia T.: il cotone è arancione e prima non era così
Laura: la castagna quando si è piantata non ce l’aveva il buco e ora ce l’ha
Martina: il corbezzolo è diventato un po’ nero
Asia: il fagiolo prima era un po’ grigio ora è diventato bianco

7
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 24 bambini 21/11/2007
Iniziamo a parlare del “dono”…li invito a pensare per un po’ da soli a cosa può essere.
Siamo nel “cerchio”, li invito al silenzio e al pensiero… mettendo un sottofondo
musicale.

INS: COS’È UN DONO?A CHI SI FA? PERCHÉ?
Dopo iniziamo a parlare….
Aurora A.: perché…”c’ho un regalo che disegno.. così (fa il gesto con la mano). E Babbo
(Natale) m’ ha fatto una coperta coi cavalli
Giulia I.: un regalo è…quello che trasporta i giochi e li porta ai bambini
Asia: un regalo è un pacchetto, dentro il pacchetto ci si trova tutti i giocattoli
Martina: mamma e babbo ci fanno i regali apposta perché ci vogliono bene
Rachele: un regalo è un dono e il dono lo porta Babbo Natale a tutti i bambini
Giulia T.: il regalo è un dono e il dono è un giocattolo
Dafne: mamma va a scuola e i bambini gli fanno i regali e lei li porta a me
Laura: il regalo è una sorpresa che ci fanno perché ci vogliono bene
Carlotta: i regali di Babbo Natale e quelli che ci fanno i bambini non sono uguali perché
Babbo Natale viene quando è buio e i bambini quando c’è il sole
Chiara: Babbo Natale ci porta i regali perché ci vuole tanto bene
Giulia T.: Babbo Natale c’ha un sacchetto che ci sono tutti i regali e lui li dà ai bambini
Greta:Babbo Natale fa i regali perché ci vuole bene a tutti
Luca: un dono è una “cosa” quadrata ma però dentro il dono ci sono i giocattoli
Sophia: mamma e babbo m’hanno regalato una coperta perché la volevo e loro mi
volevano fare un …regalo!
Asia:la Befana ci regala le caramelle e i cioccolatini
Rachele: i folletti fanno i regali e li danno a Babbo Natale e lui li porta ai bambini e a
tutti gli amici
Matteo R.: i regali li fanno i folletti
Laura: mamma e babbo i regali ce li fanno anche quando siamo malati
Fabio: è un trenino col macchinista. È mio me l’ha regalato mamma perché devo giocarci

8
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 26 bambini 22/11/2007
Si riprende l’argomento di ieri …”il dono”
Giulia M.: il dono è un regalo, quando ci danno un regalo vuol dire che ci vogliono tanto
tanto bene
Aurora C.: il dono si regala perché si vuole bene agli amici; si regala anche ai genitori
perché li vogliamo bene
Flavio: il dono è un regalo
Greta: un regalo è bello, un dono lo faccio a tutti quando me lo dicono loro
Chiara: un dono è un regalo che ci fanno anche gli amici , me lo fanno quando è il mio
compleanno
Benedetta: io a mamma le faccio un regalo quando è il suo compleanno
Rachele:a un amico gli do un regalo e mi dice grazie e poi si va a casa
Laura: il regalo si fa chi ci vuole bene
Asia: il regalo è una sorpresa, la sorpresa è un dono, il dono è un giocattolo
Carlotta: il dono è una cosa che si regala a un bambino e poi ci dice perché ha regalato il
regalo
Giulia I.: il dono è un regalo che ci portano i giochi per regalarli ai bambini. I bambini
poi ce li regalano a noi
Martina: il dono è dentro al pacco perché è un regalo
Naila: il dono si regala a babbo e a mamma quando è festa
Matteo B.: a babbo e a mamma ho regalato due disegni perché babbo mi ha dato un
bacino

Questa prima fase della conversazione ci sembra esaurita, quindi inseriamo una
nuova domanda alla quale rispondere:
“Cosa vorresti regalare al tuo/a amico/a del cuore? Quello/a a cui vuoi tanto
tanto bene?”
Greta: una scatola delle winx
Benedetta: un gattino di pelouche

9
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Rachele: io regalo a un amico Winni the Pooh che parla
Giulia I.: un orsetto di peluche
Fabio: un fucile per sparare ai pelouche
Chiara:un braccialetto con un fiore
Aurora C.: ad un’amica gli regalerei una Winx (una bambola)
Giulia M.: io alla mia amica le regalerei la bacchetta delle Winx
Matteo R.: io regalerei una pistola per sparare per finta
Asia: io un castello a tenda con la corona e un fiorellino
Laura: io voglio regalare un gattino che ti pigia un tasto e miagola
Sophia: io ad un’amica regalo un gattino che si chiama Chicca
Martina: io gli regalo Winni the Pooh
Giulia M.: io ad una mia amica voglio regalare un portafotografie
Chiara: ad una mia amica vorrei regalare una collana portafortuna
Naila: un disegno
Laura: ad una mia compagna voglio regalare una collana di perle
Greta: un porta occhiali
Rachele:ad un’amica regalo una gonna e le scarpe di Lelli Kelly
Matteo B.: un braccialetto
Flavio: un fucile
Marco: un pelouche
Mirco: una macchina piccina
Lucrezia: io regalo ad una mia amica una Winx
Dafne:io regalo le Winx e un bracciale
Matteo R.: io ad un mio amico regalo i Gormiti
Fabio: un trenino
Aurora A.: le matite
Sophia: io ad un’amica regalo un canino con il collare

10
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Osservazione dei semi 27/11/2007
Cos' è successo ai semini?
Giulia M.: si sono aperti i semini e sono nate le piantine
Federico: dal semino spunta il fiore
Luca: dai semini sono nate le piantine che sono verdi e c'hanno delle foglioline verdi
Lucrezia: le pientine sono un po' verdi
Carlotta: le piantine possono anche rimanere piccoline poi il semino diventa grande e
nasce un frutto
Giulia M.: quando è primavera nasceranno dei fiorellini
Martina: i semi sono marroni
Asia: i semi si sono aperti e poi sono nate tante piantine, ci sono le piante quelle di zucca
che stanno per diventare margherite
Benedetta: i semini sono chiusi, credo che a primavera nascono dei fiorellini
Aurora C.: i semini sono un po' aperti, poi quando è primavera nasce un frutto e poi si
apre il fiore
Giulia I.: i semini bucano, quando nascono viene il fiore
Greta: alcune piantine sono piccoline e alcune sono grandine
Aurora A.: lì (nella vaschetta) dentro ci sono i semini perchè non escono le piantine. Le
piantine sono verdi e piccine
Rachele: quei semini sono nati e le piantine sono tutte verdi e dentro c'è il semino
Laura: li davanti alla pianta c'è un po' bianco perchè sta nascendo il semino
Chiara: i semini ci sono nate le piantine e ci sono anche le piantine dei fagioli
Sophia: la piantina dentro c'è un pochino di terra
Anna: la piantina nasce dal semino e poi dopo tanti giorni che sono passati, diventa un
albero
Dafne: i semini (le piantine) sono nati e sono verdi
Matteo R.: i semini sono nascosti sotto il cotone, quelle piantine c'hanno un fagiolino, le
piantine c'hanno una sola foglia
Fabio: le piantine sono verdi, i semini sono un po' nascosti dentro al cotone

11
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Matteo B.: i semini sono cresciuti nelle piante e poi le piante sono verdi
Giulia M.: quelle quelle piante sono nate dal pisello secco
Martina: anche dai fagioli e dai semi di zucca
Asia: c'è anche quello del popone
Cosa si può fare ora con queste piantine?
Benedetta: si mettono sulla terra così nasce una pianta grossa
Asia: si scava nella terra e si mette la piantina e poi ci si mette un po' di acqua e così
cresce ancora di più, fino al cielo
Martina: il semino si mette dentro un vaso con la terra bagnata

12
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 22 bambini 28/11/2007
Invitiamo i bambini, seduti in cerchio, a pensare a qualcosa di “particolare” da
regalare ai vostri amici…
Lucrezia: io ad una mia amica gli regalo i fiocchini
Martina: ad un mio amico gli voglio regalare un braccialetto da maschio ed un anello
da maschio
Carlotta: io voglio regalare un circo grande ed uno zoo
Rachele: ad un amico gli do un treno e ad un’amica gli do una gonna, le scarpe e una
corona
Matteo R.: io ad un mio amico gli regalo un braccialetto e poi gli regalo delle scarpe
Asia: io alla mia amica le voglio regalare una cerbiattina perché gli voglio bene
Luca: io ad un mio amico voglio regalare un disegnino
Matteo B.: io ad un’amica voglio regalare un anello
Aurora C.: io ad un amico voglio regalare un mobile, ad un’amica invece un tavolino
Sophia: ad una mia amica regalo un braccialetto e un quadernone
Giulia M.:io ad una mia amica voglio regalare un quaderno per quando va alle
elementari e alle medie e lo zaino
Chiara: io voglio regalare una maglia
Naila: alla mia amica voglio regalare gli orecchini e un braccialetto
Laura: voglio regalare un braccialettino con tutti gli animali attaccati
Aurora A.:io regalo un canino
Giulia I.:voglio regalare un orologio dei supereroi
Benedetta: io ad un amico regalerò un braccialetto con tanti cuoricini
Dafne: io ad un amico gli regalo un braccialettino con le stelline
Ins: “Cerchiamo di pensare ad un qualcosa da regalare uguale sia per i maschi che per
le femmine”
Martina: una tenda
Asia: a forma di castello

13
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Marco: un giocattolo
Giulia M.: si potrebbe regalare un libro con tante favole o un quadernone
Matteo B.: dei pennarelli
Chiara: un astuccio
Sophia: io ad un’amica regalo un “fiorellino” e la rosa

Presenti: 27 bambini 03/12/2007

Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio per poter scegliere liberamente un
amico/a a cui regalare un fiore! Attenzione, non dobbiamo dire il nome
dell’amico/a che scegliamo, è un segreto!

Chiara: vorrei regalare una margherita tutta gialla, perché le margherite di solito sono
gialle
Giulia I.: ad un amico voglio regalare una rosa rossa perché le rose di solito sono rosse
Greta: voglio regalare una pansé rosa perché delle volte le vedo rosa
Asia: io voglio regalare una viola perché non le ho mai viste le violette
Lucrezia: ad una mia amica regalo una margherita bianca con i petali perché è il colore
della margherita
Matteo R.: ad un’amica voglio regalare un fiore tutto colorato
Martina: voglio regalare una rosa

14
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Sono arrivati i fiori !!! 05/12/2007

Stamani i bambini hanno portato a scuola i fiori da regalare agli amici: ognuno di loro
viene preso da parte dall’insegnante al suo arrivo e gli viene chiesto chi è il destinatario
del regalo. Abbiamo deciso di adottare questo tipo di procedura perché vogliamo sapere in
anticipo se e quanti bambini rimarranno senza fiore per invitare gli altri bambini ad
“offrire” un secondo dono ( per evitare così che coloro che sarebbero rimasti senza,
rimanessero delusi).
Questo tipo di scelta è stata fatta anche insieme ai genitori durante un’assemblea in cui
abbiamo illustrato le possibili impostazioni che potevano essere date (soprattutto al
momento del “dono” ).
È stato deciso di non correre il rischio che i bambini che eventualmente rimarrebbero
senza fiore lo vivessero come rifiuto (alcune mamme si sono offerte di mandare a scuola
più di un fiore).
Così è successo: su 27 bambini presenti, 12 sono rimasti senza “regalo spontaneo” (molti
di loro non ce lo saremmo aspettati, mentre alcuni che temevano rimanessero senza, lo
hanno ricevuto!).
I biglietti preparati a casa sono stati molti curati come elaborazione, alcuni sono stati
anche scritti con l’aiuto dei genitori.
I bambini, quindi, si sono scambiati i “i doni” seguendo la procedura indicata dal
progetto:
*Hanno presentato il loro biglietto facendo indovinare agli altri bambini destinatari del
proprio fiore, fornendo indizi” su caratteristiche fisiche, d’abbigliamento (quando le
prime non erano sufficienti) ecc… con l’uso del microfono.
Quando i bambini hanno indovinato chi fossero i vari destinatari, sono stati donati i
fiori. Alcuni hanno scelto fiori (come indicato nel percorso) con caratteristiche che
ricordassero il bambino prescelto(una bambina dopo aver girato 2-3 fiorai per trovare un
fiore azzurro come gli occhi dell’amica a cui lo doveva donare, si è fatta colorare una
margherita). Altri non hanno saputo spiegare il perché della scelta di un fiore piuttosto
che un altro.

15
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Lo scambio del dono
I bambini vengono a turno, al microfono, con il fiore e il biglietto per fare "l' indovinello".
Martina: è una bambina con il "casco", c'ha il grembiule con la cerniera ed è bella
Ins: com'è il colore dei capelli?
Martina: biondi e un po' castani
Ins: occhi? E i capelli sono corti o lunghi?
Martina: occhi marroni e i capelli sono un po' corti e un po' lunghi
Ins: chi è?
Bambini: Asiaaaaaa!!!!!
Ins: ora ci dici perché il tuo fiore lo hai regalato ad Asia?
Martina: perché è bella
Ins: adesso viene Giulia T.
Giulia T.: è una bambina con i capelli lunghi e gli occhi ce l'ha
marroni
Ins: Com'è alta o bassa?
Giulia T.: è ....mezzo!
Ins:ma i capelli come ce li ha: sciolti o legati?
Giulia T.: legati
Ins: chi è?
Bambini: Rachele!!!!!
Ins: è lei? Ora dicci perché hai scelto Rachele per il tuo fiore
Giulia T.: si perché è la mia migliore amica del cuore...!!!!!
Ins: perché hai scelto una rosa gialla per Rachele?
Giulia T.: perché a me mi piace la rosa gialla
Ins: è la volta di Anna, che adesso ci fa indovinare a chi ha
portato il suo fiore.
Anna: è una bambina con i riccioli, con la passata verde e il grembiule rosa
Ins: gli occhi come ce l'ha?
Anna: celesti
Ins: poi com'è? Alta ... bassa
Anna: "arta"
Ins: i capelli sono lunghi o corti?
Anna: abbiamo capito chi è?
Bambini: è Lauraaaa!!!
Ins: ci dici perché il fiore a Laura?

16
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Anna: perché è la mia amica più migliore del cuore e quando si va in pulmino si gioca
sempre insieme
Ins: ora viene Giulia Monti...facci indovinare a chi vuoi regalare il fiore
Giulia M.: è una bambina che c'ha la passata con i fiorellini e i capelli neri
Ins: e gli occhi come ce l'ha?
Giulia M.: ce l'ha marroni
Ins: e com'è? alta ...bassa... grande... piccola...com'è?
Giulia M.: è grande
Ins: e i capelli corti o lunghi?
Giulia M.: un po' corti e un po' lunghi
Ins: avete capito chi è?
Bambini: è Chiara
Ins: è Chiara? E come mai il tuo fiore lo regali a Chiara?
Giulia M.: si! Perché è la mia amica del cuore
Ins: Ma che vuol dire "amica del cuore"
Giulia M.: vuol dire che mi piace tanto
Ins: perché hai scelto una rosa color fucsia?
Giulia M.: perché mi ricorda lei, perché a me mi sembra che sia adatta a questa bambina
Ins: ora tocca a Rachele, ci descrivi un po' la bambina o il bambino a cui darai il fiore
Rachele: c'ha i capelli biondi e gli occhi un po' verdi, le mani rosa e la maglia un po' verde
e c'ha due codini
Ins:i capelli come ce l'ha? Corti o lunghi
Rachele: un po' corti e un po' lunghi
Ins: bambini avete capito chi è?
Bambini:....Giulia T.
Ins: è lei? Ce lo dici perché l'hai scelta?
Rachele: perché si va sempre insieme in piscina e si gioca
Ins: ora è la volta di Carlotta
Carlotta: è un po' alta, i capelli ce l'ha un po'...
Ins: ma è una bambina? I capelli ce l'ha lunghi o corti?
Carlotta: si è una bambina, i capelli ce l'ha un po' corti e un po' lunghi
Ins: ma il colore com'è?
Carlotta: è.... un po'...... neri
Ins: e gli occhi?
Carlotta: marroni
Ins: qualcuno ha capito chi è?
Bambini: è Naila
17
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Carlotta: no!!
Ins: oggi com'è vestita?
Carlotta: c'ha il grembiule e la passata a fiorellini
Bambini: Chiaraaa!!!
Ins: è Chiara? Perché hai deciso di regalarlo a lei
Carlotta: si perché profuma come una rosa....
Dafne: io lo regalo ad un bambino che c'ha i capelli neri e gli occhi neri
Ins: e poi com'è? è piccolo, è grande?
Dafne: e poi è ....grande
Ins: come gioca?
Dafne: gioca con me!
Ins: qualcuno ha idea di chi può essere?
Bambini: Flavioooo!!!
Ins: è lui? Ci dici perché hai scelto proprio lui?
Dafne: siii perché gli voglio bene
Ins: ora Luca ci dice com'è fatto/a il bambino/a che hai scelto?
Luca: c'ha i capelli lunghi, è una bambina
Ins: di che colore ha i capelli? E gli occhi?
Luca: marroni - marroni
Ins: e poi?
Luca: c'ha un codino
Bambini: è Lucrezia
Ins: è Lucrezia? Come mai, a lei, il fiore?
Luca: perché è bella
Laura: è una bambina che c'ha i capelli lunghi
Ins: di che colore? E gli occhi?
Laura: marroncino chiaro, marroni
Ins: poi com'è questa bambina?
Laura: grande
Ins: i capelli come li tiene: sciolti o legati?
Laura: legati
Bambini: è Vittoria o Carlotta
Ins. chi è ?Come mai hai scelto lei?
Laura: Carlotta, perché è la mia amica migliore
Ins: perché hai scelto il tulipano per Carlotta?
Laura: perché gli assomiglia...un po'.. di faccia
Aurora C.: è una bambina con i capelli neri e poi con gli occhi neri
18
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: ma i capelli ce l'ha lunghi o corti?
Aurora C.: un po' lunghi e un po' corti
Ins: poi com'è?
Aurora C.: poi c'ha la passata con i fiorellini
Bambini: è Chiara
Ins: è lei? Perché hai scelto lei per il dono?
Aurora C.: si perché quando vo' con lei un po' di giorni mi fa giocare con lei, un po' di
giorni no e un po' di giorni si
Giulia M.: quanti fiori hanno dato a Chiara?
Ins: non lo so dopo guardiamo
Dafne: io gli ho dato la rosa a Flavio e lui non mi ha nemmeno ringraziato
Ins: Flavio, gli dici grazie? Bambini vi state ringraziando?
Aurora C.: perché hai scelto una rosa blu?
Aurora C.: perché mi ricorda tanto Chiara, quando era piccola
Ins: perché te la conoscevi quando era piccola? Com'era?
Aurora C.: si... era bella, però poi me l’aveva detto anche mamma perché andata a vedere
se trovava l’ospedale del dottore…
Ins: come se trovava l’ospedale del dottore?
Aurora C.: perché lei voleva sapere se mi piaceva che me lo dicesse...
Ins: che cosa ti doveva dire mamma?
Aurora C.: mi doveva dire che poi…ci dovevo venire anch’io con lei per vedere se Chiara
stava bene
Ins: perché Chiara è stata in ospedale?
Aurora C.: ma solo che ...me lo aveva detto la mia mamma
Ins: va bene Aurora...ora viene Giulia Monti per la seconda volta. Indoviniamo un po’
chi è questo secondo bambino/a
Giulia M.: è una bambina, c’ha i capelli che sono belli e lisci
Ins: sono lunghi o corti? È alta? È piccola?
Giulia M.: un po’ e un po’. È alta , gli occhi ce l’ ha neri e un po’ marroni
Bambini: È Anna?
Giulia M.: no! È più alta di Anna
Carlotta: Sophia
Giulia M.: quando va via da scuola… và a casa
Ins: ma i capelli questa bambina li ha sempre avuti corti? Oppure gli è successo
qualcosa?
Giulia M.: una volta glieli hanno tagliati i capelli
Bambini: Martina
19
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: È lei? Perché il fiore anche a lei?
Giulia M.: si, perché è simpatica
Greta: è una bambina che ha i capelli corti
Ins: di che colore? E gli occhi?
Greta: un po’ neri, un po’ marroni. Gli occhi ce l’ha marrone scuro
Ins:e com’è? È piccola, grande … un po’e un po’
Greta: È un po’ e un po’
Naila: è Aurora Cicciomessere?
Greta: no!
Bambini: è Anna?
Greta: No!
Carlotta: è Chiara?
Greta: si, perché è la migliore amica
Ins: la migliore amica di chi? È perché?
Greta: la mia amica; perché mi “garba”
Ins: quale fiore hai scelto per Chiara? E perché?
Greta: la rosa fucsia… perché lei è bella
Ins: adesso viene Rachele per il secondo fiore.Facci indovinare a chi lo regali.
Rachele: C’ ha i capelli biondi e anche marroni e le mani rosa
Ins: bambino/a?
Rachele: è una bambina e c’ ha anche le ciglia e...
Ins: si, lo vedo, gli hai disegnato anche le ciglia. Com’è? Piccola o grande? I capelli come
ce l’ ha, corti o lunghi?
Rachele: un po’ lunghi e un po’ corti. È una bambina grande e …e… c’ha le “bollette”
nei capelli
Bambini: È Giulia Monti?
Rachele: è Giulia Monti, perché gli voglio tanto bene, perché una volta è andata accanto
a me e s’è giocato
Ins: ce lo dici perché la margherita rosa a Giulia M.?
Rachele: perché è bellissima
Ins: La margherita?
Rachele: Nooo… Giulia Monti!!!
Ins: È il momento del secondo fiore di Carlotta; ce lo dici per chi è? Bambino/a?
Carlotta: È una bambina. Questa bambina c’ha le treccine e poi … e poi…
Ins: di che colore ce l’ha i capelli? E gli occhi?
Carlotta: neri e … neri
Ins: ma siamo sicuri che ha le treccine? O i codini?
20
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Carlotta: ha i codini. È grande
Bambini: È Nailaaaa
Ins: È Naila? Come mai questo fiore per lei?
Carlotta: perché mi ricordo quando Naila è tornata a scuola
Ins: si perché Naila è arrivata tardi a scuola perché è andata a trovare i suoi nonni, vi
ricordate? È un pensiero bellissimo questo, brava Carlotta.
Chiara: È una bambina con i capelli corti e un po’ bionda e un po’ castana; c’ ha gli
occhiali
Bambini: è Greta
Ins: Come mai a Greta? E perché una rosa fucsia?
Chiara: Perché lei era la mia migliore amica.(La rosa) Perché mi assomigliava quando
delle volte si metteva le calze fucsia per il mio compleanno
Anna: è una bambina, c’ha i capelli lunghi , un po’ marroni e un po biondi
Ins: e poi com’è? Alta, piccola, grande?
Anna: “Arta”
Bambini: è Benedetta!
Ins: è lei? Perché un fiore anche a lei?
Anna: si perché mi piace e lei vuole sempre giocare con me
Ins: ma quale fiore hai scelto per lei?
Anna: è una margherita arancione perché un po’ mi ricorda il viso, perché c’è anche un
po’ di giallino dentro
Ins: adesso viene Filippo, chi hai scelto tu, Filippo?
Filippo: ………………………(non parla)
Ins: vuoi dire almeno il nome del bambino? A chi dai il tuo fiore?(L’insegnante legge il
biglietto che accompagna il fiore, con la descrizione del bambino)
Bambini: è Fabio
Ins: è Fabio?
Filippo: siii
Ins: Naila, adesso ci descrive un po’ l’amico/a che ha scelto
Naila: è un po’ con i capelli un po’ gialli e un po’ neri …
Ins: ma li ha lunghi o corti? Poi com’è grande o piccolo?
Naila: lunghi. È grande e poi gli occhi ce l’ha celesti
Bambini: è Aurora
Ins: è Aurora? Come mai doni il tuo fiore a lei?
Naila: si perché lei è la mia amica. Gioco sempre e lei mi fa giocare con lei
Ins: il fiore che hai scelto, lo sai come si chiama?
Naila: è un fiore, perché mi piace
21
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: è fatto di tanti fiorellini bianchi, ma anch’io non so come si chiama… c’è qualcosa
di questo fiore che ti ricorda Aurora?
Naila: non lo so
Ins: adesso viene Laura (ora finiamo i bambini del pulmino perché poi
vanno via)
Laura: è un bambino che c’ha i capelli corti e marrone chiaro
Ins: di che colore gli occhi: chiari o scuri?
Laura: marroni scuri
Ins: com’è? Alto o un po’ piccolo?
Laura: è alto
Bambini: Mirco
Laura: si è Mirco
Ins: come mai questo regalo a lui? Che fiore gli dai?
Laura: perché giochiamo insieme sempre nel pulmino. Gli do un fiore rosso perché a lui
gli piace il rosso
Ins: Matteo R. ora ci dice per chi ha portato il suo fiore
Matteo R.: un mio amico, c’ha i capelli ”malloni”
Ins:corti o lunghi? E gli occhi?
Matteo R.: tagliati , “Malloni”
Ins: poi com’è? Alto, magro, un po’ “cicciotto”…..
Matteo R.:alto
Ins: avete capito chi è?
Carlotta: è Fabio
Matteo R.: no
Aurora A.: è Mirco
Matteo R.: no
Luca: com’è vestito?
Matteo R.: c’ha il grembiule celeste
Bambini: è Matteo B.
Ins: è lui? E perché proprio a Matteo B.
Matteo R.: si perché lui è un mio amico, perché mi dà sempre i bacini
Ins: come mai hai scelto una margherita gialla?
Matteo R.: perché mi piaceva
Mirco: è una bambina. I capelli ce l’ha gialli, lunghi
Ins: poi com’è? Alta, bassa; i capelli come li tiene: sciolti o legati?
Mirco: è bassa e i capelli sono legati
Bambini: è Dafne
22
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: questo fiore a Dafne, perché? Come mai giallo?
Mirco: giallo come i capelli di Dafne
Ins: questo è il secondo fiore che regala Greta. Chi hai scelto stavolta?
Greta: ho scelto un bambino che c’ha i capelli corti, un po’ neri e un po’ marroni
Ins: e gli occhi? E poi com’è?
Greta: neri, è alto
Bambini: è Filippo!
Greta: no
Bambini: è Luca!
Greta: no
Ins: oggi com’è vestito?
Greta: col grembiule celeste
Laura: è Matteo R.
Greta: no
Luca: è Flavio
Greta: no
Matteo R.: è Mirco
Greta: no
Luca: è Federico
Greta: siii
Ins: perché questo fiore a Federico?
Greta: perché mi piace ed è simpatico
Ins: Fabio ora ci fa indovinare a chi ha deciso di regalare il fiore (senza dire il nome)
Fabio:una bambina con i capelli marroni e un po’ lunghi…
Ins: e gli occhi, come ce l’ha?
Fabio: marroni!
Ins: i capelli li porta sciolti o legati?
Fabio: legati!
Ins: è piccola o alta?
Fabio: boh!!!!
Ins: ma secondo te?
Fabio: alta!
Ins: chi può essere?
Carlotta: Lucrezia…
Ins: è Lucrezia? Perché a lei?
Fabio: si è Lucrezia… perché mi vuole bene
Ins: perché hai scelto la rosa?
23
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Fabio: perché…è la regina dei fiori
Ins: la regina dei fiori te l’ha detto mamma? E come mai ti ricorda Lucrezia?
Fabio: si, me l’ ha detto mamma! Perché è bella.
Ins: viene Aurora A. tu chi hai scelto? Un bambino/a?
Aurora A.: una bambina
Ins: com’è fatta questa bambina?
Aurora A.: è perchè....
Ins: com’è? Come ce l’ha i capelli?
Aurora A.: ce l’ha .... biondi
Ins: corti o lunghi?
Aurora A.: ce l’ha …biondi
Ins: e gli occhi di che colore ce l’ha?
Aurora A.: occhi... marroni
Ins: è alta?
Aurora A.: alta
Ins: qualcuno ha capito chi è?
Giulia M..Giulia T.
Ins: Chi è Giulia T.?
Aurora A.: perché … te lo regalo il fiore.. a Benedetta, perché lei voleva, voleva “cosa”
Ins: e tu gli hai comprato una rosa?
Aurora A.: è ...perché voleva… rosso… ce n’ha due…
Ins: tu hai scelto una piantina che ha due fiori rossi; perché l’hai scelta? A chi la vuoi
regalare?
Aurora A.: a Lu..
Ins: a Luca?
Aurora A.: no!!!
Ins: perché hai comprato la piantina?
Aurora A.: perché c’è tante “fogli” e i fiori
Ins: le foglie e i fiori sono il motivo per cui l’hai scelta?. Ma per chi?
Aurora A.: è ….per Benedetta
Ins: ora tocca a Sophia (andiamo in fila). Hai scelto un bambino/a?
Sophia: un bambino
Ins: com’è fatto?
Sophia: è con gli occhi neri e un po’ marroni e i capelli un po’ marroni e un po’ biondi
Ins: i capelli corti o lunghi?
Sophia: corti
Ins: bambini avete capito chi può essere?
24
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Bambini: Matteo!!!!
Sophia: è Matteo B.
Ins: perché hai scelto lui per regalare il fiore?
Sophia: perché quando “vole” giocare lo fo’ sempre giocare con me!
Ins: tu hai scelto un tulipano giallo, perché?
Sophia: perché l’aveva detto la mia mamma perché… e io ho detto che lo voglio!
Ins: Flavio, tu chi hai scelto, un bambino o una bambina?
Flavio: una bambina
Ins: com’è questa bambina? Ce la descrivi un po’? I capelli come ce l’ha?
Flavio: corti
Ins: di che colore?
Flavio: il colore è un po’ marrone e un po’ biondo e un po’ viola
Ins: gli occhi come ce l’ha?
Flavio: un po’ marroni
Ins: qualcuno ha capito chi è?
Bambini: Aurora C.
Ins: come mai hai scelto lei?
Flavio:………
Ins: …perché è carina, è simpatica, perché gioca con te! Tu perché hai scelto lei?
Flavio: perché è simpatica
Ins: che fiore hai portato ad Aurora!
Flavio: quello giallo e quello rosse
Ins: sono due roselline… Come mai di queste colore?
Flavio: perché….perchè…è simpatica
Ins: Matteo R.(ha il secondo fiore) a chi vuoi regalare il fiore? A un bambino bambina?
Matteo R.: una bambina, è bionda
Ins: come sono i capelli. Corti o lunghi?
Matteo R.:corti
Ins: e gli occhi come ce l’ha?
Matteo R.:”malloni”…no …celesti
Ins: bambini avete capito chi è?
Bambini: Laura….Aurora…
Ins: come ce l’ha i pantaloni?
Matteo R.: ce l’ha “lossi”
Ins: chi è che ha i pantaloni rossi?
Bambini: Asia!!!
Matteo R.: si!!!
25
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: Federico ora ci dice se ha scelto un bambino o una bambina
Federico: uuuuuu…
Ins: maschio o femmina?
Federico: maschio!
Ins: come ce l’ha i capelli?
Federico: uuuuu
Ins: corti o lunghi?
Federico: corti
Ins: di che colore sono i capelli? E gli occhi?
Federico: marroni…occhi neri…
Ins: è maschio, i capelli marroni e gli occhi neri, chi potrebbe essere?
Bambini: è Matteo
Ins: è Matteo? È Luca
Federico: È Luca
Ins: perché hai scelto Luca? Perché è buono, simpatico, gioca con te?
Federico: si… è mio amico
Ins: che fiore regali a Luca?
Federico: è bianco e verde, mi piace
Ins: il secondo fiore di Giulia T. a chi lo regala: bambino o bambina?
Giulia T.: una bambina
Ins: com’è questa bambina?
Giulia T.:c’ha i capelli marroni e corti
Ins: e gli occhi?
Giulia T.: gli occhi celesti
Ins: e oggi com’è vestita? I capelli come li ha: corti o legati?
Giulia T.:legati con una coda
Ins: e i pantaloni?
Giulia T.:mmmm….(non dice niente)
Ins: ma c’è a scuola o no?
Giulia T.: no!
Ins: è Anna?
Giulia T.: si!
Ins: perché a Anna?
Giulia T.: perché si gioca sempre!
Ins: ora tocca a Benedetta, è un bambino o una bambina?
Benedetta: bambina
Ins: com’è?
26
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Benedetta: ha i capelli un po’ marroni e un po’ rossi
Ins: e gli occhi come ce l’ha?
Benedetta: neri
Ins:neri o … marrone chiaro, un po’ verdi?
Benedetta: marroni
Ins: qualcuno ha capito chi è?
Bambini: Aurora C.!
Ins: è la sola ad avere un ciuffo di colore rosso/viola, quindi è facile da indovinare. Ma
perché hai scelto Aurora?
Benedetta: perché gli voglio bene
Ins: e che fiore gli hai portato?
Benedetta: una rosa
Ins: una rosa rossa, come mai?
Benedetta: perché è mia amica e perché gli piace
Ins: Chiara, per chi è il tuo secondo fiore?
Chiara: per un bambino
Ins: come ha i capelli? Biondi o un po’ marroni?
Chiara: era un bambino che non era biondo
Ins: e gli occhi come ce l’ha?
Chiara: marroni
Ins: è alto o basso?
Chiara: cosi cosi
Ins: è un po’ alto e un po’ basso
Chiara: si
Bambini: è Matteo R.
Chiara: si
Ins: come mai hai deciso di regalare il tuo fiore anche a lui?
Chiara: perché non aveva ricevuto nessun fiore
Ins: Lucrezia, vieni con il fiore e biglietto. A chi hai deciso di regalare questa rosa rossa,
grande grande?
Lucrezia: a una bambina
Ins: com’è questa bambina?
Lucrezia: è coi capelli marroni
Ins: corti o lunghi?
Lucrezia: corti
Ins: e gli occhi come ce l’ha?
Lucrezia: marroni
27
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Ins: mai capelli li porta sempre sciolti?
Lucrezia: si
Bambini: è Asia
Lucrezia: si
Ins: come mai hai scelto Asia?
Lucrezia: perché gioca sempre con me
Ins: perché la rosa rossa ad Asia?
Lucrezia: perché è mia amica…
Ins: e alle amiche si regalano le rosse?
Lucrezia: … a volte si
Ins: ma la rosa ti ricorda Asia in qualche modo? Come?
Lucrezia: lei (la rosa)mi ricorda i capelli di Asia
Ins: ora viene Asia e ci dice se ha scelto un bambino o una bambina
Asia: una bambina
Ins: com’è questa bambina?
Asia: c’ha i capelli marroni
Ins:...e lunghi?
Asia: corti
Ins: ma ora non c’è?
Asia: si
Ins: e gli occhi?
Asia: celesti
Giulia: Sophia
Asia: no
Sophia: Rachele
Asia: no
Bambini: Aurora
Asia: si, è Aurora C.
Ins: perché hai scelto Aurora C.?
Asia: perché è la mia amica del cuore
Ins: e come mai questo fiore con tutti i brillantini?
Asia: perché, perché…non lo so perché
Ins: ma i brillantini perché ti piacciono o ti ricordano qualcosa di Aurora?
Asia: perché mi ricordano qualcosa di Aurora, mi ricorda…le scarpe
Ins: Aurora C. regala il suo secondo fiore: a chi?
Aurora C.: ho scelto un bambino
Ins: com’è questo bambino?
28
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Aurora C.: questo bambino ha i pantaloni rossi
Bambini: Filippo
Ins: perché a Filippo?
Aurora C.:perché a “vorte” mi fa sempre un po’ di barche
Ins: come mai la gerbera gialla per Filippo
Aurora C.: perché mi sta simpatico e perché mi ricorda un po’ la sua faccia…
Ins: Matteo B. Regala il suo secondo fiore. Questa volta chi hai scelto,un maschio o una
femmina?
Matteo B.: un maschio
Ins: è un bambino tranquillo o si muove sempre?
Matteo B.: è calmo
Ins: dicci di che colore ha i pantaloni
Matteo B.: viola (Ins: o blu) blu
Ins: e la maglia?
Matteo B.: gialla
Ins: c’ha la maglia gialla e i pantaloni blu. Chi è?
Bambini: Marco!
Ins: come mai il tuo fiore a Marco?
Matteo B.: perché gli voglio bene
Ins: perché hai scelto un tulipano rosso e giallo per Marco?
Matteo B.: perché gli voglio bene
Ins: il tuo secondo fiore di Luca… a chi lo regali?
Luca: una bambina che c’ha i capelli un po’ marroni e un po’ gialli
Ins: lunghi o corti?
Luca: lunghi
Ins: e come li tiene, sciolti o legati?
Luca: legati
Ins: com’è più o meno alta?
Luca: alta
Ins: chi può essere?
Benedetta: è Giulia T.
Luca: no. È Giulia Innocenti
Ins: perché a Giulia I.
Luca: perché ci gioco insieme
Ins: perché un tulipano giallo?
Luca: perché mi piaceva a me
Ins: Marco a chi hai portato la rosa? Questa è una rosa bella
29
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Marco: …..l’ho portata
Ins: per chi? Per quale bambino o bambina?
Marco: ….quale bambino
Ins: a chi la dai? Amico o amica?
Marco: amica
Ins: capelli corti o lunghi?
Marco: lunghi
Ins: capelli neri o gialli
Marco: “chiali”
Ins:occhi? Verdi, azzurri, neri?
Marco: “zulli”
Ins: chi è? Giulia M., Laura o Anna?
Marco: no, è Matteo!
Ins: allora è un amico, è un maschio, dici <<amico>>
Marco: “mico”

Documentiamo adesso la conversazione avvenuta durante lo scambio dei
doni…

La durata dello scambio ha occupato l’intera giornata ma i bambini hanno
“retto” bene la lunghezza dell’evento: sono arrivati stanchi ( come
l’insegnante) ma abbastanza presenti fino all’ultimo dono. I fiori che i bambini
si sono scambiati sono stati molti considerando anche quelli “aggiunti” in corsa
da noi per i bambini che sarebbero rimasti senza, ma erano state sufficienti
attese e pathos tali da non esaurirsi in modo veloce.
E siamo contente di aver fatto questa scelta perché (per esempio) un bambino
che per un disguido non ha avuto il suo regalo, è arrivato a casa piangendo
disperato;un’altra
(a cui è successa la stessa cosa) è arrivata a casa tranquilla…conoscendo i
bambini ci si poteva aspettare reazioni contrarie a quelle avute. Molti bambini
hanno avuto grandi aspettative (confidate alla mamma) riguardo al dono, e c’è
stata una grande preparazione prima dell’evento, sia a scuola che a casa.
Importantissima in questa fase la collaborazione avuta con le famiglie

30
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: bambini 06/12/2007
OSSERVIAMO I NOSTRI FIORI
Seduti in cerchio chiediamo ai bambini: “Vi è piaciuto il dono ricevuto?”
Tutti: siiiiiiiiiii!!!!!
Giulia M.:è tanto bella questa cosa, perché ci siamo regalati i fiori
Giulia M.: il gambo della gerbera puzza di cocomero però nel mezzo il mio fiore ha tanti
colori
Qualcuno sa come si chiama questa specie di “bottoncino” che sta nel mezzo del fiore?
Laura: è dove c’è il polline
Quelli intorno come si chiamano?
Giulia M.: petali
Lucrezia: è una rosa, è un po’ profumata, le foglie sono verdi, il gambo è marrone e liscio,
ha le spine intorno alle foglie
Carlotta: il gambo è liscio, qua dentro c’è un po’ di viola, qua intorno ci sono delle
piantine, le foglie sono lisce, la foglia è fatta a punta, il fiore profuma sotto il
petalo è un po’ verde e giallo; questo fiore è un tulipano
Laura: la foglia del fiore è grande, il gambo puzza e il fiore profuma; il gambo è verde
chiaro. Questo fiore è una gerbera, è celeste con i brillanti blu
Asia: il mio fiore c’ha i petali rossi intorno ai petali c’è un po’ di sporco; il gambo
profuma e anche il fiore profuma. È una gerbera
Federico: fiore c’ha il gambo, pinza le spine, foglie c’hanno le spine, il fiore giallo, rosa
Chiara:la foglia è ruvida, la rosa profuma, è fucsia, il gambo è tutto liscio e marrone
chiaro, il gambo delle foglie è liscio
Rachele: il fiore c’ha le foglie verdi e un po’marroni. Questa è una rosa gialla e profuma
di pesca e c’ha le spine. C’ha il gambo verde e un po’ di puntini neri. Le foglie
sono un po’ piccole e un po’ grandi.
Greta: il mio gambo è un po’ liscio e un po’ ruvido. La mia rosa c’ha anche la coccinella.
Un petalo mio è un po’ verde chiaro. La mia rosa è fucsia.
Flavio: il gambo è liscio e poi il fiore profuma, c’ha il fiocco fucsia, le foglie sono verde
scuro. Il mio fiore è una rosa fucsia.
Mirco: il gambo ce l’ha un pochino corto, profuma, c’ha i fiocchi rossi. Il fiore è liscio;il
mio fiore è una peonia. I petali sono rossi e bianchi, c’ha tutte le foglie verdi
Anna: le foglie sono verdi, in fondo al gambo non ci sono,le foglie hanno un gambetto
31
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

che le regge le spine. Le foglie che stanno in cima sono sotto ai petali c’hanno le
spine ma non bucano. È una rosa gialla
Naila: il mio fiore è liscio anche il gambo è liscio;ci sono delle foglie verdi. Il fiore è
giallo, è una rosa; il gambo è lungo e c’ha le spine.
Sophia: dentro il mio fiore c’è un po’ di polline poi c’è un po’ di petali bianchi. Il gambo
è un po’ marroncino e un po’ verdolino, la foglia è un pochino a righe. Il mio
fiore è una gerbera.
Fabio: il mio fiore c’ha i brillantini e i petali arancioni; c’ha un po’ di righine e un po’ di
verdino. Il gambo è verde e cicciotello. Il mio fiore è “zenzero”(gerbera).
Benedetta: il fiore è a forma di cuore, il gambo è un po’ giallo e un po’ marrone, su è un
po’ giallino e un po’ verdolino, il gambo è verde e corto
Giulia T.: la rosa profuma, le foglie sono ruvide , il gambo è liscio, anche il petalo è
ruvido. Sotto ai petali ci sono le foglie. La mia rosa è rosa. Le foglie sono
grandi quelle sotto ai petali sono piccine.
Aurora A.: la foglia è grande, i fiori sono bianchi, questo fiore è grande, ci sono tante
foglie. Le foglie sono verdi, il fiore c’ha il gambo verde ed è lungo.
Luca: il fiore c’ha le spine rosse, c’ha i petali un po’ rosa e un po’ gialli. Il gambo è nero.
Dentro i petali un tondo giallo, intorno ai petali ci sono tante spine piccine.
Matteo B.:dentro c’è un po’ di verde e i petali sono un po’ gialli, nel giallo ci sono dei
puntini neri, il gambo è verde, lungo e liscio.
Giulia I.: il fiore c’ha le foglie verdi, i petali sono gialli, poi c’ hanno il gambo un po’
nero. Intorno alla rosa c’è la rete gialla.
Dafne: i petali del fiore sono lisci e gialli; il gambo è verde, le foglie sono verdi, cicciotelle
e profuma. vicino alla rosa ci sono dei pallini bianchi.
Matteo R.:la foglia è tanto verde, il mio fiore è arancione e un pochino giallo, poi c’ha
delle palline bianche. C’ha la carta arancione e la coccinella sul fiocco, il
gambo è verde e liscio.
Aurora C.: dentro la rosa c’è un po’ di giallo, la rosa è rossa, sulle foglie c’è un po’ di
rosso, il gambo è verde. Sulla rosa c’è anche un po’ di nero.
Marco: rosso e giallo, foglie piccolo piccolo, verde e una linea verde.
Filippo: Fiore arancione, foglia verde.

32
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 25 bambini 17/01/08
Osservazione dei semi 3° fase
Carlotta: le piante vanno messe sotto terra altrimenti muoiono. Noi le abbiamo messe nel
cotone e sono morte
Benedetta: perché le piante se non gli diamo l’acqua seccano
INS: QUANDO NON LE ABBIAMO DATO L’ACQUA?
Dafne: per tanti giorni per le feste di Natale
Giulia T.: ora che si sono seccate le piantine sono verde scuro
Martina: e sono cadute un po’ in terra
Matteo R.: le piantine se non si mettono sotto terra sono un po’ poverette e un po’ rotte
Greta: le piantine se non si da l’acqua si “storgono” se si dà l’acqua si raddrizzano
Chiara: il cotone è diventato arancione
Martina: è un po’ marrone
Luca: alcune piantine non sono ancora nate
Giulia I.: i semi sono un po’ vecchi
INS: COME MAI SONO VECCHI? E COSA C’È SOPRA?
Giulia I.: sembrano le ragnatele
Giulia M.:mi sembra il pelino del cotone
INS: È LA MUFFA, VIENE QUANDO LE COSE DIVENTANO vecchie
Rachele: le piantine hanno le foglie piegate
Luca: se alle piantine non si da l’acqua non crescono, se si da crescono e non stanno così
(piegate)
Ins: vogliamo provare a dare l’acqua alle piantine o vogliamo buttare questi semini e
piantarli di nuovo?
Sophia: quando è primavera perché nascono tutti i fiori

33
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Osservazione dei semi 25/01/2008
INS.: CI SONO DEI CAMBIAMENTI? QUALCHE GERMOGLIO È RIPRESO A CRESCERE?
Rachele: le piantine le vedo giù, sono morte perché è tanto che non ci diamo l’acqua
Aurora C.:le piantine sono morte
Carlotta: le piantine alcune sono morte, ma alcune non sono cresciute ancora (semi che
non hanno germogliato)
Giulia I.: le piantine sono nuove e alcune sono … vecchie(osserva le bacinelle e poi dice
che nuove non ce ne sono)
Martina: tutti i “cotoni” delle vaschette sono diventati marroni
Luca: i gambi delle piantine sono un po’ verde scuro e un po’ verde chiaro…sono leggeri
…sono secchi. Poi alcune piantine non sono ancora nate e delle piantine sono
morte
Matteo R.: le piantine sono un pochino secche
INS.: QUESTE PIANTINE PROFUMANO O PUZZANO?
Tutti: puzzano!!!!!!!!!!!!!
Martina:le foglie sono diventate secche perché sono da tanto tempo che stanno nel cotone
Rachele: sono secche e puzzano
Laura: le piantine puzzano e il gambo è liscio
Anna: tutte le piantine sono morte
Giulia M.: le piantine sono un po’ “appiccicate” perché sono morte
Aurora A.:le piantine però sono scure perché sono morte
INS: ALLORA CHE FACCIAMO?
Tutti: si buttano via perché sono vecchie e morte
Sophia: in primavera si seminano di nuovo i semini

34
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 20 bambini 06/02/2008
Osserviamo, odoriamo, tocchiamo… e associamo…. ( abbiamo lilium, rose,
gerbere, giglio, orchidee )
Benedetta: questo (lilium) sa do “loliva”, il profumo
Flavio: la rosa profuma… di rosa
Matteo B.: la rosa è liscia
Sophia: i petali delle rose sono lisci
Rachele: i petali di questo (lilium) “profuma” di rosa. Il fiore è liscio e a me mi piace
Dafne: i fiori di questo (giglio) sono lisci e sono bianchi
Greta: tutti e tre sono profumati: la rosa, questo (giglio) e questo(lilium). E queste
(gerbere e margherite) secondo me non profumano
Giulia M.: ho toccato il pistillo di questo (lilium) e mi sono colorata i diti di giallo scuro.
Il fiore è rosa, bianco e c'ha un po' di puntolini marroni. I pistilli sono marroni
scuro scuro.
Mirco: questo fiore (lilium) profuma di pesca
Asia: la gerbera ha il gambo ruvido e lungo. è verde e il fiore è bianco. Il pistillo è un po'
bianchino e un po' giallino
Martina: il lilium c'ha quattro fiori grandi. L'orchidea ha cinque fiori e otto piantine
chiuse
Luca: sono "boccioli" delle piantine che devono ancora nascere; ono chiusi e i petalisi
devono ancora aprire
Giulia M.: pian pianino deve sbocciare i fiori
Giulia I.: questa margherita c'ha i petali arancioni, è un po' gialla dentro. Puzza un
po' di erba e c'ha dei petali più piccini e più grandi:
Laura: la gerbera c'ha i petali un po' liscie un po' ruvidi. Il gambo è ruvido
Naila: la rosa profuma di fragola
Federico: le foglie... liscia (lilium).. lunghe e verde.Il fiore è rosa
Luca: la margherita c'ha il gambo verde chiaro e poi c'ha anche "rubido". Poi c'ha
anche delle "pine"(spine)piccine piccine che non bucano
Chiara:a me mi sembra che il giglio profumi un pochino di fragole e un pochino
semino. Il fiore è grande e la punta del petalo è un pochino grigia. Il petalo è bianco e
c'ha dei puntini bianchi che si vedono e si sentono. La foglia è a punta e stretta, c'ha
una riga nel mezzo.
Aurora C.: il giglio c'ha i petali lisci e c'ha l'odore di fragola. La cima della punta dei
petali ce l'ha un po' girata. Alle foglie c'ha delle strisce che non si vedono.

35
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Giulia T.:questi(pistilli del giglio) profumano.Il petalo è liscio e bianco. I fiori sono
quattro e non sono tutti aperti ma sono anche chiusi.(La mando allo specchio
perchè ha il naso giallo e quando torna le chiedo che cosa c'ha... )Quando ho
annusato questo fiore o quest'altro qui (giglio o gerbera) che mi sono
macchiata(col pstillo)
INSEGNANTE: i fiori nel vaso sono "tutti interi"?O secondo voi manca qualcosa?
Greta: gli mancano le foglioline alle margherite e all'orchidea
Dafne: a un fiore gli manca le foglie di lato
Martina: gli mancano le piantine (alle gerbere) che c'hanno quest'altre(lilium), le piantine
del fiore
Rachele:a queste gli manca le foglie
Giulia : al lilium gli mancano i "bocci" perché i fiori sono bocciati
Martina: solo l'orchidea c'ha i "bocci"
Benedetta: No! anche il giglio ce l'ha un "boccio"
INSEGNANTE:(Faccio vedere i gambi recisi...) Secondo voi i fiori nascono così? Da
cosa nascono i fiori?
Luca: nasce dal seme
Martina: nasce dalla terra, si mette il seme nella terra, si richiude la terra, si annaffia e
nasce il fiore pian pianino
INSEGNANTE: ma se i fiori nascono così, cos'è che devono avere per "bere" l'acqua?
Giulia M.: deve avere le radici. Non c'è perché il fiore si è staccato dalla pianta!
Benedetta: poi piange la pianta, vero?
INSEGNANTE: Poi il gambo si stacca da solo?
Giulia M.: No, non si stacca da solo, lo staccano gli uomini
Martina: I bambini per fare un regalino alla mamma "pigliano" i fiori e li regalano alla
mamma
Luca: senza terra non possono nascere
INSEGNANTE: Ma così nell'acqua ci possono stare?
Giulia M.: si, bevono l'acqua col gambo e non con le radici
Martina: i fiori vivono nella terra e nell'acqua.

36
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 22 bambini 7/02/ 2008 FASE II
Osserviamo... tocchiamo... odoriamo...e associamo...
Matteo R.: li (sui pistilli) ci vanno le zanzare, c'è anche un fiore a testa i giù e dentro è
tutto arancione e sotto è giallo
Martina: è la gerbera
Matteo R.: un fiore è tutto bianco(giglio) e c'ha tanti gamberini e dei petali un pochino
bianchi; questi (pistilli) invece briciolano
Aurora A.: però li è arancione (rosa), il gambo è verde e hanno una foglia
GUARDIAMO I FIORI E.... PENSIAMO A....
Aurora C.: l'orchidea c'ha dei noccioli dentro e c'hanno da nascere dei fiori
QUESTI FIORI ASSOMIGLIANO A...
Giulia T.:la margherita assomiglia al sole
Laura: la gerbera bianca assomiglia alla lana
Aurora C.: il giglio assomiglia a un fiore che sta in mezzo al fiume dove stanno le rane
Giulia I: il giglio è liscio come un "bavaglio"
Giulia M.: l'orchidea a me mi ricorda una sposa
Mirco: la rosa sembra la posta
GUARDIAMO LA GERBERA...LA ROSA...C'E' IL GAMBO, I PETALI, LE
FOGLIE...
Aurora C.: la gerbera c'ha anche il polline
Giulia M.: quando la rosa si apre si vedono tanti pallini gialli piccini piccini
Giulia M.: le radici non si vedono perché sono sotto terra
Aurora C.: le radici sembrano dei fili
Giulia M.: le radici succhiano l'acqua dalla terra
Martina: le radici servono per far vivere le piantine
Giulia M.: le radici servono anche per stare su, sembrano degli omini che stanno su
PER STARE SU, NOI COSA "USIAMO"?
Martina: le gambe
Giulia M.: i piedi
Luca: i fiori anche se non c'hanno le radici stanno in piedi con il vaso
Giulia M.: i fiori anche se non hanno i piedi hanno il gambo che fanno come i piedi; i
piedi del fiore sono le radici
Martina: il gambo assomiglia al corpo che c'hanno i bambini, questi di sopra (i petali)
assomigliano alla faccia dei bambini, i petali assomigliano ai capelli

37
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Asia: le foglie assomigliano alle braccia
Luca: la punta delle foglie sembrano le mani

38
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 22 bambini 13/02/2008
SEDIAMO IN CERCHIO, DOPO AVER OSSERVATO, TOCCATO ED ODORATO
I FIORI, CHIUDIAMO GLI OCCHI... COSA PENSIAMO? CHE COSA CI VIENE
IN MENTE?
PER RIPRENDERE IL DISCORSO RILEGGIAMO ALCUNE ASSOCIAZIONI
FATTE IL GIORNO 07/02/08.
Giulia I.: siccome il giglio ha dei bastoncini piccini mi vengono in mente dei rami
Carlotta: toccando il giglio mi vengono in mente le perle per il colore
Mirco: la rosa profuma un pochino di pesca e un pochino di mela
Giulia M.: il profumo del giglio mi fa venire in mente il viso di un bambino
Sophia: il gambo della gerbera è ruvido come il tronco di un albero peso
Laura: il colore del giglio mi fa venire in mente un foglio da disegnare
Flavio: le foglie del giglio sono lisce come i petali
Asia: l'orchidea mi fa venire in mente un cartellone con tanti fiori
Federico:…….
Dafne:la gerbera... profuma...
Rachele: la rosa mi fa pensare a una spugna, per il colore
Laura: il "livium" è liscio come la lavagna
Aurora C.: la foglia del lilium è morbida come una coperta
Chiara: il giglio assomiglia alla perla dell'orecchino di Lorella per il colore
Naila: il gambo della rosa è duro come il sasso
Laura:le foglie sono verdi come l'erba
Lucrezia: le foglie e il gambo sono verdi come il prato
Aurora C.: verde c'è anche il cavolo
Aurora A.: il giallo è come il sole che brucia ..perché ai fiori piace il sole
Martina: la rosa è rossa come la bocca e il pomodoro
Luca: tanti fiori di tanti colori mi fanno pensare all'arcobaleno
Carlotta: i fiori splendono alla luce del sole come il ferro
Luca: splende anche il ghiaccio sotto al sole
Mirco: il giallo della margherita mi fa pensare alla trombettina
Giulia M.: a me l'orchidea mi fa ricordare un braccialetto perché c'ha i pistilli che sono
pallini gialli
Matteo R.: a me la margherita mi ricorda l'orologio perché sono tondi
(Non sono riusciti ad intervenire 4 bambini nel modo richiesto)

39
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 24 Bambini 26/02/08
DOPO AVER LETTO LA STORIA "IL GIGANTE EGOISTA" CERCHIAMO DI
RACCONTARLA TUTTI INSIEME.
Laura: un gigante era ricco ed egoista
Giulia M.: il gigante va via dal castello, va a fare un viaggio
Aurora C.: quando tornava dall'"altro mondo" diceva ai bambini: "Andate via da questo
posto, è mio"
Luca: dopo aver mandato via i bambini ha messo dei cartelli davanti al castello, dove
c'era scritto "vietare entrare" (vietato l'ingresso)
Martina: dopo aver messo i cartelli, ha messo il muro per non far entrare i bambini e
farli giocare
Asia: il gigante si era messo quattro coperte perché era freddo perché aveva scacciato
via i bambini dal giardino, era iniziato l'inverno e continuava perché il
gigante non ci voleva i bambini nel giardino
Anna: d' inverno in giardino c'è la neve
Giulia M.: la nebbia
Luca: la grandine
Giulia M.: e tanto tanto freddo che è il gelo. Il gigante guardando dalla finestra
aveva visto l'uccellino
Laura: perché era crollato il muro da qualche parte nascosta
Greta: da quel buco erano entrati tutti i bambini nel giardino. Il gigante ha fatto
rientrare i bambini nel giardino
Giulia T.: ha scoperto che quando c'erano i bambini c'era la primavera
Rachele: c'era un bambino che piangeva perché voleva andare sull'albero così veniva il
gigante e lo faceva sedere sull'albero. Il bambino dava il bacino sulla fronte
al gigante
Aurora C.: quando il bambino da il bacino sulla fronte al gigante, il gigante chiamava i
bambini e diceva:"Venite qua a giocare"
Asia: succedeva che il giardino ritornava come prima, con le foglie , con i fiori, con il
prato e gli uccellini sopra gli alberi a canticchiare
Chiara: quando il bambino ha dato il bacino il gigante era felice perché era il suo
primo bacino
Martina:il gigante era diventato buono e gentile
Laura: distruggeva tutto il muro e lavava i cartelli
Asia: così aveva tanti amici e vivono felici e contenti

40
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

COSA CI FA CAPIRE QUESTA STORIA?
Laura: tutti devono avere degli amici e stare in compagnia
Presenti: 24 bambini 03/03/2008
Asia e Aurora C. hanno portato una gerbera rossa e un ramo di mimosa... osserviamoli e
descriviamoli...
Benedetta: la mimosa c'ha tanti pallini tutti gialli
Giulia T.: la mimosa, i pallini gialli ce l'ha un po' ruvidi
Giulia M.: sono fatti con tanti filini
Greta: le palline un po' lisce e un po' ruvide
Laura: la mimosa anche profuma... tanto! E mi piace
Luca: la foglia è fatta a righine
Aurora A.: però... profuma!(tutte e due)
Dafne: la gerbera è rossa
Flavio: i petali della gerbera sono lisci
Lucrezia: il gambo è verde e corto
Asia: è corto perché quando io mi sono svegliata la gerbera era già piegata e la mia
mamma l'ha rotta e l'ho presa. Il polline è tutto marrone e un po' nero. Dentro
ai petali quelli piccini c'è il giallo
Martina:la gerbera c'ha tanti petali
Anna: intorno al polline ha i petali corti
Federico: il fiore è rosso
Aurora C.: i petali c'hanno una punta, ma alcuni due. Quelli che c'hanno due punte (la
punta è divisa) sono un po' marroni
Giulia M.: sotto la gerbera c'ha come il "cappello di una fragola è”cicciotello" è verde con
le righine
Fabio: la gerbera è morbida c'ha tanti petali
Chiara: i petali grandi, pochino pochino, intorno c'hanno del nero
Luca: i petali della gerbera sono lunghi
Infine si chiede ai bambini come vogliono rielaborare il vasino con la gerbera e la mimosa,
proponendo alcune tecniche. il gruppo sceglie la pittura con le dita.

41
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 28 bambini 12/03/2008
Andiamo tutti nella stanza del movimento: indossiamo la coroncina dei fiori costruita
per la festa di carnevale, così ci aiuta ad immedesimarci….
immedesimarci….
Trasformiamoci in semini!!! Rannicchiati a terra.
Inizia la musica …
Dai semini spuntano dei germogli…i piedi sono le radici
del fiore, poi muoviamo le foglie(le braccia), il gambo(il corpo). Le insegnanti aiutano
ciascun bambino ad avere un movimento
movimento oscillatorio tenendo ben saldi i piedi, un piccolo
gruppo però non riesce a lasciarsi andare.
Ins: tanti fiori insieme cosa formano?
Aurora C.:un mazzo
Ins: nel mazzo ci sono fiori recisi, ma se non si tagliano?
Luca: stanno nella terra
Martina: e nell’erba
Come si chiama quel posto dove c’è la terra e l’erba?
Giulia M.: il mondo
Martina: il giardino
Adesso si fa una magia:(inizia il sottofondo musicale) i pesciolini diventano dei fiori e
oggi abitano in un giardino; si spengono le luci e immaginiamo…un giardino, di notte, al
buio, cosa può succedere in questo giardino?
È notte, chiudiamo gli occhi, non c’è vento (la musica aumenta di volume!!!) cosa può
succedere in giardino?
Giulia M.: una tempesta
Carlotta: può succedere che nevica
Giulia I.: può succedere che c’è un incendio
Giulia T.: può succedere che c’è vento
Martina: può succedere che si possono sciupare i fiori
Giulia T.: i fiori possono bruciare
Luca: possono scendere i fiocchi di neve
Mirco: il vento può muovere i fiori
Benedetta:può succedere che i fiori si rompono e il gambo rimane senza fiore
Laura: i fiori non rimangono sempre così ma crescono
Luca: i fiori sono secchi perché c’è il vento
Dafne:i fiori possono essere anche con il gambo in giù
Asia: i fiori si possono muovere forte con la tempesta e la neve
Si accendono le luci….
Laura: arriva il sole
42
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Tutti: il giorno
Proviamo a pensare cosa può succedere in un giardino, di giorno!!!
Fabio: piove
Carlotta: viene l’arcobaleno perché smette di piovere e con il sole viene l’arcobaleno
Giulia M.: può succedere che un galletto si mangia un fiore
Luca: può succedere che un uccellino prende la foglia di un fiore
Martina: di giorno escono i frutti sugli alberi
Asia: quando è giorno il cielo è sempre sereno
Flavio: le api vanno sul polline e lo prendono
Laura: lo succhiano
Federico: se c’è la neve fa freddo
Aurora A.: però quando era giorno il fiore era bagnato
Mirco: gli uccellini beccano la foglia del fiore
Non pensiamo più al tempo, chi può arrivare in questo giardino?
Rachele: può arrivare un signore a prendere i fiore
Giulia M.: un bambino che schiaccia i fiori
Giulia I.: un uccellino che prende il fiore per fare il suo nido
Naila: dei bambini a prendere il fiore
Carlotta: il cavallo mangia il fiore
Asia: i fiori mangiano la terra per crescere
Giulia T.: può arrivare un orco cattivo nel giardino
Fabio: che cos’è un orco?
Giulia T.: è una persona cattiva
Matteo R.: arriva un gatto
Benedetta: può arrivare una pecora che vede i fiori
Martina: una persona che ci può schiacciare e il taglia erba che taglia i fiori
Aurora C.: possono arrivare le farfalle che “montano” sui fiori
Luca: può arrivare un orso
Anna: un cagnolino che può mangiare i fiori
Laura: arriva un coniglio che mangia un fiore
Vittoria: arriva un cane che litiga con un fiore
Flavio: in giardino può arrivare un babbo
Chiara: arriva una capretta
Greta: arriva una scimmia che gioca con il gioco di un bambino
Filippo: io!!!
Federico: un bambino corre, schiaccia un fiore
Matteo B.: un bambino che può tagliare un fiore
43
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Rachele: un bambino che prende tutti i fiori e li dà alla mamma
Marco: i fiori taglia!!!
Lucrezia: arriva una bambina che raccoglie un fiore
Sophia: una tigre prende un fiore per coprire il suo cucciolo
Matteo R.: arriva un bambino che gioca con il giocattolo dei fiori
Mirco: gli uccellini vanno a casa dei fiori e gli dicono “ciao”
Flavio: arriva un re cattivo perché vuole tagliare i fiori

44
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

27/03/2008
Dopo aver osservato con i bambini i vari fiori che hanno portato a scuola, abbiamo
pensato di proporre un’attività e di rielaborarne due o tre con diverse tecniche.

45
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: bambini 01/04/2008
Che cos’è un sogno?
Giulia I.: alcune volte si fa un sogno brutto e alcune volte si fa un sogno bello
Carlotta: alcune volte si può fare anche un sogno ad occhi aperti
Rachele: un sogno brutto ci sono i mostri e c’hanno paura
Luca: un sogno bello è che ci fa stare bene
Laura: i sogni sono delle cose belle e delle cose brutte
Giulia T.: stanotte ho sognato dei mostri e dei ladri
Martina: io un giorno ho sognato che volavo
Aurora A.: ho fatto un sogno bello, ho fatto che ero al mare
Asia: io una volta avevo sognato un prato tutto pieno di fiori e in mezzo una fontana e
l’arcobaleno
Il sogno è una cosa vera?
Giulia M.: un mio sogno si è avverato, ho sognato una macchina con gli sportelli
davanti e dietro, due davanti e due dietro, e c’aveva un’antenna e mamma ce l’ha
avuta la macchina con due sportelli avanti e due dietro
Greta: un sogno è quello che si fa la notte
Anna: io ho sognato una cosa bella, che sono andata su un prato a raccogliere i fiori
Dafne: io ho sognato che sono diventata grande
Benedetta: io ho sognato i cavalli per montarci sopra
Sophia: io ho sognato che c’erano dei coniglietti in giardino
Tutti sognate?
Tutti: siiiiii
Luca: i sogni si sognano però delle volte non ci si ricorda e delle volte si
Che cos’è una poesia?
Laura: delle poesie sono dei tipi di sogni
Giulia M.: le poesie sono delle cose da leggere
Dafne: le poesie sono anche quelle che si dicono
Anna: è una cosa che si deve cantare
Rachele: le poesie le invento, le storie le leggo
Greta: le poesie si inventano, si leggono e poi si ridanno a chi le ha inventate
Asia: prima le studiano poi le mettono sopra un foglio e poi le vendono
Luca: sono delle cose che si leggono
Martina: le poesie sono le storie

46
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 27 Bambini 16/04/2008
“Dentro al giardino di cristallo, i fiori ci hanno raccontato...”
Nella stanza del movimento, i bambini si sono disposti in cerchio, nel centro abbiamo
sistemato fiori, foglie, “laghetto”,ecc… e con il sottofondo musicale “Il Lago dei Cigni”
si inizia a leggere la fiaba “I tre castelli”.
Alla fine si propone ai bambini un gioco “difficile” si fa una magia: l’insegnante diventa
una fata, e passando tra i bambini nel cerchio “butta” una polvere magica, sul lago, sui
fiori, e sui bambini… così inizia la magia…..: “facciamo finta” che i fiori ci parlino e ci
raccontino qualcosa.
Ogni bambino si alza e prende un fiore, lo guarda e vediamo se il fiore ci dice qualcosa, ci
racconta..
Con il sottofondo musicale , una volta ascoltato ciò che il fiore ci ha raccontato, ci
alziamo, ci muoviamo, possiamo ballare con il fiore ....poi dopo ci risediamo e ognuno
racconta a tutti ciò che il fiore ci ha detto.
Dafne: il fiore mi ha raccontato che è una rosa gialla e gli piacerebbe bere
Carlotta: è una rosa rossa, mi ha detto la rosa che ha fatto molta strada per arrivare
qui(a scuola)ma è contenta
Giulia I.: è una margherita di colore giallo, che ha fatto tanti fiori e mi ha detto che ci è
piaciuto ballare con me
Giulia M.: è un lillà e mi ha detto che gli è piaciuto quando si è ballato tutti insieme
dopo mi ha detto anche che quando l’ho preso è stato felice perché gli piace la
mia pettinatura
Giulia T.: è una margherita giallo scuro e giallo chiaro, mi ha ricordato quando sono
andata al compleanno di una mia amica che c’era davanti casa sua un
giardino pieno di margherite
Martina: è una margherita rossa, mi diceva che era contenta di stare nel prato
Sophia: il mio fiore è un giglio bianco, mi ha detto che voleva ritornare a casa mia perché
io gli mancavo
Benedetta: il mio fiore è blu, mi ha detto che sono bella e sono bionda e i capelli marroni,
poi mi ha detto che il mio cuore è bello
Aurora C.: il mio fiore è una margherita rosa, mi ha detto che vuole venire alla mia festa
di carnevale
Laura: è una violetta, mi ha detto lui sa leggere le favole ai suoi bambini
Luca: è una margherita gialla, mi ha detto che vuole venire a casa mia a giocare
Rachele: è una margherita rosa, mi ha detto che sono carina e molto brava

47
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Naila: è una gerbera rossa, mi ha detto di invitarlo a casa mia e io ho detto di si
Vittoria: è una violetta, mi ha detto che vuole venire con me al mare
Greta: è una margherita fucsia, mi ha detto che vuole bene a tutti
Anna: è una violetta fucsia, mi ha detto che quando dormo mi protegge
Asia: è un tulipano verde, mi ha detto che è bello stare insieme a me
Mirco: è una rosa rosa, mi ha detto che stanno crescendo altri fiori
Federico: è una rosa rossa, mi ha detto che vuole giocare con me
Matteo R.: è una “fucsia” mi ha detto che sono bello
Matteo B.: è una gerbera bianca, mi ha detto che sta crescendo una margherita arancione
Marco: è una rosa arancione, mi ha detto che vuole essere mia amica
Lucrezia: è un girasole giallo, mi ha detto che vuole stare con me a correre sull’erba
Fabio: è una margherita bianca, mi ha detto che sono bello e vuole stare a casa mia
Aurora A.: è una margherita gialla, mi ha detto che ci piacciono tutti i bambini
Flavio: è una rosa gialla, mi ha detto che vuole giocare con me a scuola
Chiara: è una calla rossa, mi ha detto che quando io guardo in cielo, guardo le stelle e la
luna, io sono bella

Presenti: 27 Bambini 18/04/2008
Ora si può provare ad inventare una storia, anche con le cose che ci hanno detto i fiori.
Per inventare una storia bisogna scegliere i personaggi, il posto dove si svolge la storia
Carlotta: i posti incantati
Luca: nel bosco o prato
Benedetta: nel pozzo magico ci possono stare le principesse o due fate, ci può cadere
anche un principe
Giulia I: in campagna o in campeggio
Martina: il mare, il castello
Rachele: i boschi con i lupi
Laura: l’acquario o il museo
Carlotta: in un giardino incantato ci possono stare anche i brillantini
Aurora C.: anche una piscina
Greta: in Egitto
Asia: in Egitto ci sono i cammelli
Martina: in Messico dov’è andata mia zia
Giulia T.:in un museo di dinosauri
I personaggi potrebbero essere:
48
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Rachele: ci possono essere i principi e le principesse, che poi si sposano e poi le fate
Giulia M.: i “fati” e i maghi
Giulia I.: una farfalla di tutti i colori o se no può essere anche un uomo che ci piacciono
tanto le farfalle
Dafne: ci possono essere delle winy o delle sirene
Benedetta: o delle coccinelle o delle api
Giulia M.: o l’arcobaleno
Giulia I.: in un grande mare ci possono essere dei granchi che parlano
Flavio: può essere anche un uomo che sa leggere

In una storia ci possono essere personaggi buoni o cattivi…
Anna: in una stalla ci può essere un cavallo che mangia l’erba del prato in un giardino
incantato
Giulia T.: degli uomini normali
Laura: dei ladri
Giulia M.: una strega cattiva
Mirco: le lucciole e gli “omi” giganti
Carlotta: i vulcani
Luca: un folletto
Fabio: un albero secco, senza foglie, che sta fermo
Benedetta: un albero bruciato
Chiara: un uomo che brucia le case
Sophia: un albero che parla ma incantato
Anna: un fiore incantato perché la fata c’ha messo la polvere magica
Lucrezia: dei nonni che studiano per andare a lavorare
Giulia I.:ci può essere anche una befana
Asia: un ladro che ruba tanti soldini
Naila: accanto a un castello ci possono essere anche delle streghe cattive
Benedetta:un gatto su un albero
Matteo R.: un topo incantato che mangia l’erba
Filippo: cane
Matteo B.: un gatto che può mangiare anche l’erba
Luca: un uomo di roccia
Marco: un uomo magico
Giulia e Carlotta: un uomo senza braccia (come quello che incontra babbo quando va a
lavoro)
Federico: un pappagallo rosso
49
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Presenti: 22 bambini 22/04/2008 I° PARTE
Seduti in cerchio vediamo tutti i disegni che hanno fatto i bambini, i diversi personaggi
(buoni, cattivi) i luoghi, ecc… e cosi decidiamo quali scegliere per la nostra storia. Si
inizia ad inventare…
C’erra
C’erra una volta…
Carlotta: un gigante buono che andava dalla fatina, perché la fatina lo aveva chiamato
perché doveva andare via e voleva che il gigante prendeva il suo posto a fare il
gigante
Giulia M.: il gigante era amico della fata
Carlotta: e guardiano delle cose del giardino
Luca: il pozzo magico sta in un giardino incantato
Giulia I.: il pozzo è magico perché splende, perché dentro ci può essere qualcosa di
cristallo
Benedetta: dentro al pozzo, oltre ai cristalli, ci può essere anche una pietra, grossa come
una mela, di colore verde
Asia: dentro ci possono essere anche tanti diamanti
Martina: intorno al pozzo c’è un giardino incantato
Laura: perché una fatina c’ha buttato la magia
Aurora A.: nel giardino c’era tutto, sui fiori delle collane delle principesse
Vittoria: nel giardino incantato c’erano tanti fiori
Asia: sui fiori ci possono essere delle farfalle, delle api
Giulia : i cerbiatti
Giulia M.: gli unicorni
Lucrezia: degli scoiattoli
Dafne: degli uccellini colorati
Rachele: i fiori sono tanti e di tanti colori
Matteo R.: ci sono anche le rane
Giulia M.: se no il pozzo senza rane si sente solo
Laura: nel giardino c’è anche un laghetto
Mirco: dentro al lago ci sono le papere
Giulia I.: e anche i cigni
Benedetta: nel lago ci possono essere dei fiori e delle foglie dove saltano le rane
Carlotta: quando il sole tramonta, i fiori si chiudono e le collane rimangono dentro,
quando il sole riviene i fiori si riaprono e sono fiori sempre vivi
Vittoria: nel giardino c’era anche un albero pieno di frutti diversi (banane, pesche,

50
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

albicocche, fragole e ciliegie).
Flavio: la fata aveva fatto un incantesimo
Martina: l’incantesimo era che aveva fatto crescere fiori e frutti
Giulia M.: che non li faceva mai morire
Martina: anche i cespugli erano fioriti
Giulia I.:quando la fata agitava la bacchetta ha detto:” patabu-pataci-
Tutti: tutti i fiori del mondo nascono qui
Naila: nel bosco un giorno arrivava un signore cattivo ( un mostro) che vedeva la fata
nel giardino incantato e le collane sui fiori. Il mostro pensava che quando
andava via la fatina voleva cogliere i fiori e prendere le collane. Il mostro si
nasconde dietro l’albero

Presenti: 28 bambini 23/04/2008 II° PARTE
Si rilegge la prima parte della storia che i bambini hanno inventato ieri, per poi
continuare….
Giulia M.: la fatina se ne va perché deve andare via
Giulia T.: perché la fatina è in ritardo e non può aspettare il gigante
Martina: è in ritardo perché si deve preparare
Giulia T.: si deve preparare per andare dalle altre fate
Giulia M.: perché devono andare ad una festa
Giulia T.: alla festa degli incantesimi
Ins: il giardino è rimasto vuoto e allora…
Dafne: il mostro entra nel giardino e vuole prendere le collane
Asia: l’ombra del mostro, fa chiudere i fiori e cosi non può prendere le collane
Naila: e trova anche una bacchetta magica
Martina:il mostro prova a fare delle magie con la bacchetta ma gli venivano sbagliate
Giulia I.: il mostro agitava la bacchetta ma non sapeva cosa dire
Asia: quando il mostro agitava la bacchetta il fiore cresce in alto in alto e non riesce più
a farlo ritornare piccolo
Chiara: così tutti i fiori diventano alti
Marco: il mostro si dispera
Luca: così essendo alti i fiori si riaprono
Giulia I.: il mostro fa un’ altra magia ma il fiore gli spruzza l’acqua nel viso e lo brucia
Giulia M.: muovendo tante volte la bacchetta ad un certo punto fa comparire una
pentola con il pollo
Greta: al mostro non gli importa nulla
51
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Matteo R.: dalla bacchetta nasce un fiore
Federico: un fiore dispettoso che gli fa le linguacce
Carlotta: i fiori diventano alti e si fanno vedere dal gigante
Laura: così il gigante pensa che è arrivato qualcuno in giardino
Lucrezia: il gigante vede che i fiori alti alti si aprono
Asia: così il gigante deve correre in giardino…
Vittoria: quando il gigante arriva in giardino trova il mostro che stava usando la
bacchetta
Flavio: il gigante vuole uccidere il mostro
Fabio: il gigante dice al mostro di smettere
Asia: il gigante spinge il mostro
Benedetta: fanno la lotta perché il mostro si difende
Anna: il gigante salta addosso al mostro
Aurora A.:…fanno i pugni
Rachele: il gigante vuole strozzare il mostro
Sophia: poi gli dà un calcio e lo butta lontano
Flavio: il gigante dà una ginocchiata alle gambe del mostro a cui cade per terra svenuto
Mirco: il gigante ha saltato addosso al mostro
Federico: poi il mostro… “allabbiato”
Sophia: perché gli ha dato tutte quelle botte
Carlotta: poi torna la fata e trova il gigante a sedere sul mostro
Laura: il giardino tutto disordinato
Rachele: e tutto brutto
Aurora C.: dice la fata “Chi è stato?”…
Laura: …”Che cosa è successo?”
Anna: il gigante dice: “ È stato il mostro. È entrato nel giardino quando non c’era
nessuno e ha combinato tanti guai”
Benedetta: la fata: “ Oh mamma mia quanti guai ha combinato!”
Rachele: e la fatina era arrabbiata nera
Naila: allora rifà la magia, rifà diventare i fiori piccoli
Dafne: PATACì
Rachele:PATAPRIMA
Tutti: TUTTO TORNI COME PRIMA
Carlotta: i fiori tornano come prima, tutti piccoli
Aurora C.: e il mostro ritorna uomo
Giulia M.: e racconta che una volta era un principe e una strega cattiva l’aveva
trasformato in un mostro pasticcione
52
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Asia: perché non voleva che lui fosse più un principe, così diventava lei una
principessa (perché lui era ricco). E la strega gli aveva dato un ordine: rubare tutte le
collane dei fiori…
Giulia M.: per farlo ritornare principe
Giulia I.: poi il principe dice alla fatina: “ Siccome mi hai liberato ti porto al mio castello
e ti fo’ vedere i miei cavalli…”
Aurora C.: …e i miei genitori…
Asia: ….e tutte le mie ricchezze…
Giulia: mentre spiavo il giardino incantato mi sono innamorato di te. Vuoi diventare la
mia sposa?
Tutti: la fatina dice che è bellissimo poi gli dà un bacio e poi dice di sì
Aurora C.: poi si sposano
Giulia I.: poi vanno in viaggio di nozze
Asia: e vissero felici e contenti

PRESENTI: 27 BAMBINI 08/04/2008
Che cos’è una serra? Domani si andrà alla serra! Cosa vedremo?
Che cosa ci sarà?
Carlotta: dove ci sono tanti fiori
Anna: tante piante
Rachele: tante rose
Greta: ci sono anche i motori e le macchine che tagliano l’erba
Luca: ci sono anche le piante “calnivore” e i semini
Martina: alla serra c’è il bosco
Dafne: vicino alla serra abita mia zia
Giulia I: alla serra ci sono i girasoli finti e i tulipani finti
Laura: la serra per me sarà un posto bello però dobbiamo fare anche silenzio
perché c’è qualcuno che gli dà noia
Carlotta: ci sono dei fiori che devono prendere il sole se no muoiono i fiori
Asia: alla serra ci sono stata tante volte, c’erano i fiori, gli animali, gli scoiattoli, i
conigli, i cerbiatti, le rose e le viole
Benedetta: alla serra forse c’è l’arcobaleno
Sophia: ci sono anche tante margherite e girasoli

53
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Giulia M.: alla serra troveremo tanti negozi di fiori e ci sono anche delle piante grasse, i
cactus, che bucano
Lucrezia: alla serra ci sono anche le margherite
Greta: ci sono anche delle piante con i rami intrecciati un pochino si e un pochino no
Vittoria: alla serra ci sono tanti fiori colorati
Giulia T.: ci sono anche tanti alberi
Matteo B.: alla serra ci sono le margherite, le rose, le farfalle che volano sui fiori
Luca: alla serra c’è anche la terra

Presenti: 28 bambini 09/04/2008
La gita alla serra di Gavena…
Chiara: alla serra c’era anche l’albero che faceva le coccole
Giulia T.: …l’albero dei limoni,l’albero delle melograne e l’abete
Sophia: c’era anche l’albero delle “pecche”
Rachele: c’era anche …fiore ”ella” mela e i fiori “ella” acqua
Laura: c’era anche l’ulivo e il ciliegio
Vittoria: c’era anche l’albero delle albicocche
Lucrezia: c’erano anche le violette colorate
Flavio: c’erano anche le margherite e poi c’era anche l’albero delle mele
Dafne: c’erano anche i fiori dei frutti della pera
Giulia M.: c’era anche l’albero delle mele piccole e poi io quando ero entrata ho visto dei
fiori viola (tipo le margherite)
Giulia I.: alla serra c’era l’olivo, l’albero delle albicocche, poi c’erano le piante che
nascono sull’acqua
Matteo B.: c’erano anche delle piante che si chiamavano pere e anche le api, poi c’erano
anche dei fiori gialli e viola
Aurora A.: poi c’era un fiore viola poi ho visto i fiori bellissimi perché sono nuovi, poi
c’erano anche altri fiori, tanti
Luca: c’erano dei fiori celesti e un albero d’ulivo. Poi ho visto un albero lungo, del
cipresso; poi ho visto delle piante viola che avevano il gambo molto lungo e poi
ho visto anche le piante grasse, le rose rosse e rosa
Mirco: il viaggio erra lungo e corto, poi ho visto che c’erano tante rose e tanti fiori;

54
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

c’erano le rose e quelle che bucano, delle piante che bucavano. Poi c’erano
anche dei fiori gialli, rossi, un po’ verdolini e marroni
Matteo R.: c’erano anche delle rose, gli alberi delle mele piccoline. C’erano tanti alberi ma
uno è caduto e c’era anche l’albero delle pesche
Fabio: io ho visto dei fiori bianchi che erano pesche, poi erano belli; melo, il ciliegio,
l’arancia e il melograno
Naila: c’erano degli alberi delle pere e pesche. Poi c’erano gli alberi del limone e dei fiori
che erano viola e tanti fiori colorati e tante rose rosse e bianche. C’erano
anche degli alberi di tutti i frutti e due alberi che erano cascati con il vento
Benedetta: c’erano gli alberi dei ciliegi e di pesche, poi ho visto dei Fiori bianchi e gialli,
poi ho visto delle rose rosa
Anna: ho visto delle piante che mangiava il panda, poi ho visto dei Fiori arancioni e
gialli, dei tulipani rossi; c’erano delle pesche
Federico: fiore rosa che profuma, fiore viola ci stava le api
Marco: mela, rosa giallo
Martina: a me mi erano piaciute le rose, le margherite; mi è piaciuto anche il rosmarino e
quello della fontana che annaffiava gli alberi
Carlotta: poi erano belle le piante e i fiori. C’era anche l’albero di Natale
Asia: io ho visto il prezzemolo che profumava e i fiori bianchi che facevano i frutti blu,
poi ho visto anche l’ulivo, delle margherite gialle e il pero. C’erano anche i
girasoli
Greta: ho visto degli ulivi molto alti che mi piacevano , poi dei fiorirossi che mi
piacevano. A me piacevano anche il fiore che hanno fatto portare a casa
Aurora C.: c’erano i tulipani poi, degli alberi caduti e degli alberi che facevano la
albicocche, e gli alberi che facevano le “coccole”

55
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

29/04/2008
Questa mattina
mattina i due gruppi di 5 anni (cavallucci e pesciolini) si sono ritrovati per
“raccontarsi” le proprie storie.
Alla fine queste due storie saranno
IL GIARDINO INCANTATO

C’erano una volta due giganti buoni, guardiani del giardino incantato e amici delle fatine, che
camminavano nel bosco.
In mezzo al bosco c’era un giardino incantato. Nel giardino c’era un pozzo magico, magico perché era
splendente e dentro c’erano cristalli, diamanti e una pietra grossa come una mela di colore verde.
Questo giardino era incantato perché le fatine avevano fatto una magia: i fiori, sempre vivi e tutti
colorati, avevano delle collane preziose. Nel giardino c’erano le farfalle, le api, i cerbiatti, gli unicorni,
gli scoiattoli, gli uccellini colorati, le rane che facevano compagnia al pozzo (altrimenti si sentiva
solo); inoltre nel giardino c’era anche un laghetto con papere, cigni e fiori (ninfee).
Questi fiori, quando il sole tramontava, chiudevano le corolle e le collane rimanevano dentro, quando
il sole ritornava i fiori si riaprivano e rimanevano sempre vivi, erano fiori che non morivano MAI.
Le fatine un giorno avevano agitato le bacchette e avevano detto una formula magica: PATABU
PATACI TUTTI I FIORI DEL MONDO NASCONO QUI.
Le fatine, dovevano andare alla festa degli incantesimi ed avevano chiamato i giganti per far
controllare il giardino incantato, ma loro erano in ritardo. Ad un certo punto parlano tra loro e
decidono di andare via, perché fra poco sarebbero arrivati i giganti a controllare il giardino.
Un giorno, nel bosco, erano arrivati due mostri che si erano nascosti dietro agli alberi. Spiavano il
giardino e vedendo le collane sui fiori i mostri avevano pensato che quando le fatine sarebbero
andate via, avrebbero potuto rubare le collane preziose.

Il giardino adesso è rimasto vuoto: le fate sono andate via, i giganti non sono ancora arrivati, e
allora…
i mostri entrano nel giardino e cercano di prendere le collane ma l’ombra dei mostri fa chiudere i fiori,
cosi non possono prenderle.
I mostri disperati trovano a terra due bacchette magiche così provano a fare delle magie, ma non ci
riescono: quando i mostri agitano le bacchette non sanno cosa dire e i fiori crescono sempre di più,
alcuni fiori invece fanno delle linguacce e delle boccacce. I giganti che stavano ancora camminando
nel bosco, vedono che i fiori sono diventati alti ed iniziano a correre perché capiscono che qualcuno è
entrato nel giardino.
Quando i giganti arrivano al giardino trovano i mostri che stanno provando ad usare le
bacchette….I giganti iniziano a lottare con i mostri, si spingono,si danno calci… Ed alla fine i
giganti saltano addosso ai mostri !
56
Scuola dell’Infanzia “La Barca a Vela” – a.s. 2007/08 C.D. Vinci

Poi tornano le fatine, chiacchierando contente della festa, e trovano i giganti seduti sul mostro e il
giardino tutto in disordine. Allora le fatine dicono “Chi è stato?”…”Che cosa è successo?”Il gigante
risponde: “Sono stati i mostri. Sono entrati nel giardino quando non c’era nessuno e hanno combinato
tanti guai”
Le fate girano per il giardino e vedendo tutto la confusione, dicono:
“ Oh mamma mia quanti guai hanno combinato!”
Così le fatine rifanno la magia :
PATACì PATAPRIMA TUTTO TORNI COME PRIMA
Allora succede che i mostri ritornano uomini e raccontano che una volta erano due principi e una
strega cattiva li aveva trasformati in mostri pasticcioni .
La strega gli aveva dato l’ordine rubare tutte le collane dei fiori…
Se volevano ritornare principi. E i fiori, magia delle magie, si trasformano in dame e cavalieri! Gli
“abitanti” del giardino incantato altri non erano che
i castellani del re e della regina, trasformati tutti
dalla strega malefica insieme ai due principi!
I due mostri ritornati principi dicono alle fatine:
“Siccome ci avete liberati vi portiamo al nostro
castello e vi facciamo vedere i cavalli, i nostri
genitori…e tutte le ricchezze…Poi dicono anche
alle fatine che si sono innamorati di loro e chiedono:
Volete diventare nostre spose?
Le fatine dicono che è bellissimo, poi si abbracciano,
si danno un bacio e dicono di sì !
Poi si sposano, fanno una grande festa con tutte le
dame e tutti i cavalieri e vanno in viaggio di nozze.
Alla fine vissero tutti felici e contenti!

57

Related Interests