You are on page 1of 32

Anno XIV n.10 Dicembre 2008 Editore Key Communication sas Iscrizione Tribunale di Parma n.

32 del 08/08/1995 - Poste Italiane spa - Spedizione abb. postale 45% - DL 353/2003 (conv. in legge 27/02/04 n.46) Art. 1 comma 1 -
DCB Roma 4,00 euro ISSN 1723-7033 Rivista tecnico scientifica riservata al personale specializzato. Non diffusa al pubblico. In caso di mancato recapito restituire PT Romanina per la restituzione previo add.to.

Arrivederci al 2009
ensile di emergenza sanitaria
Dicembre 2008 ANNO XIV n. 10

EMERGENCY OGGI
Mensile di Emergenza Sanitaria

Direttore responsabile
Marina Boldrini
m.boldrini@emergencyoggi.it
Editore: Key Communication sas
P.za Badalocchio Sisto Rosa, 9\b LINEE GUIDA NEL PAZIENTE
43100 Parma CON DOLORE TORACICO IN
Redazione
Via Po, 10 - 00198 Roma
PRONTO SOCCORSO UTILITÀ
tel +39 06 8535 5798 - fax +39 06 8535 5606
info@emergencyoggi.it - www.emergencyoggi.it

HANNO COLLABORATO:
DELLA CHEST PAIN UNIT
A.Coppola, M.Suppa, A. Cacciani, D. 4
Curcio, M. Colzi, M. G. Scarpellini, F.
F. Aguglia, A. Aguzzi, C. Boccardo,
A. Cacciani, F. Cavicchi, E. Clementi, Cavicchi, C. Boccardo, E. Maffongelli,
M. Colzi, A.Coppola, D. Curcio, A. Ovani, S. Giambartolomei, S. Sofia,
S. Giambartolomei, E. Maffongelli, A.Palma, F. Aguglia
A. Ovani, A. Palma, L. Pietrantoni,
G. Prati, S. Saliola, D. Scafi
F. Scoppetta, M. G. Scarpellini,
S. Sofia, M.Suppa
IL COORDINATORE INFERMIE-
Divisione pubblicità PUBBLIKEY RISTICO E GLI STRUMENTI PER
pubblikey@emergencyoggi.it
IL MIGLIORAMENTO DEL
10
Via Po, 10 - 00198 Roma
tel +39 06 8535 5798 - fax +39 06 8535 5606 PROCESSO ASSISTENZIALE
Impaginazione
A. Aguzzi, F. Scoppetta,
Key Communication sas E. Clementi, D. Scafi
Impianti e stampa
PIXART - Marghera (VE)
Autorizzazione Tribunale di Parma
n. 32 del 08/08/1995
Spedizione in abbonamento postale 45%
Roma - Dati e tariffe per l’abbonamento
Italia: 11 numeri Euro 42,00
Estero: 11 numeri Euro 84,00 SE IL LAVORO UCCIDE PER
Costo unitario Euro 4,00
Arretrati Euro 5,00 + Euro 3,00 spese postale.
L’abbonamento partirà dal primo numero
raggiungibile.
ARRESTO CARDIACO

S. Saliola
14
Norme editoriali:
Verranno presi in considerazione solo articoli mai
pubblicati in precedenza e la richiesta di pubblicazio-
ne implica la rinuncia a pubblicare lo stesso presso
altre riviste. La responsabilità di quanto scritto è da
attribuirsi agli autori dei singoli articoli. Tutti i diritti ri-
servati. Per ulteriori informazioni:
m.boldrini@emergencyoggi.it

La informiamo che i suoi dati sono trattati nel rispetto
degli obblighi di legge in materia di Privacy. L’informa-
tiva, ai sensi dell’ art. 13 D.Lgs. 196/2003, è consulta-
IL BENESSERE PSICOLOGICO
DEI SOCCORRITORI
G. Prati, L. Pietrantoni
20
bile sul nostro sito internet all’indirizzo:
www.emergencyoggi.it

Periodico associato USPI
Unione Stampa Periodica Italiana
Linee guida nel paziente con dolore
toracico in Pronto Soccorso
Utilità della
CHEST PAIN UNIT
A. Coppola - Unità Operativa Semplice Chest Pain Unit
M.Suppa, A. Cacciani, D. Curcio, M. Colzi, M. G. Scarpellini, F.Cavicchi, C. Boccardo, E. Maffongelli, A. Ovani, S. Giambar-
tolomei, S. Sofia, A.Palma, F. Aguglia - Dipartimento Emergenza Accettazione - Medicina di Urgenza ed Emergenza - Azienda
Policlinico Umberto I - Roma

S
tatistiche del nord America evidenziano che, ogni an- In questi anni si è sviluppata un’irrazionale tendenza al ricove-
no, 5 milioni di persone si rivolgono al Pronto Soccor- ro per accertamenti diagnostici dei soggetti con dolore toraci-
so per dolore toracico, ciò comporta una spesa, di soli co, con un inutile aggravio economico per la comunità, dato
costi ospedalieri, di circa 10 miliardi di dollari. che meno della metà risultano affetti da una cardiopatia ische-
In Italia una delle cause più frequenti d’accesso ai Diparti- mica.
menti di Emergenza (DEA) è il dolore toracico che rappresen- Inoltre il ricorso alla magistratura per malpractice dei medici ha
ta il 6-10% di tutte le diagnosi. Il 50% dei pazienti con dolore comportato un progressivo aumento dei ricoveri impropri do-
toracico tipico non ha un infarto miocardico acuto e il 50% dei vuti in parte ad una medicina difensiva e dall’altra dalla man-
pazienti con infarto miocardico non presenta all’arrivo in Pron- canza di linee guida condivise.
to Soccorso (PS) anomalie elettrocardiografiche. Il 2,1% dei La realtà odierna del management clinico ha come primaria
dimessi dal PS con diagnosi di dolore toracico, manifesta importanza il contenimento della spesa sanitaria e il migliora-
successivamente un infarto miocardico acuto (IMA) di cui il mento del servizio, quindi è fondamentale requisito evitare i ri-
17,4% presenta elevata mortalità a un anno. coveri impropri.
Ciò è determinato dalla variabilità delle strategie, che fanno sì Ne consegue che, se è necessario riconoscere e trattare rapi-
che tra il 2 e il 10% dei pazienti con dolore toracico acuto ven- damente i pazienti con dolore toracico con sindrome corona-
ga dimesso in maniera impropria dal Pronto Soccorso e pos- rica acuta, è altrettanto fondamentale dimettere rapidamen-
sano andare incontro a gravi complicanze cardiovascolari. I te, dopo attenta valutazione clinica per 12-24 ore, strumenta-
pazienti che accusavano dolore toracico o precordiale giunti al le e di laboratorio, i pazienti con dolore toracico a basso rischio
DEA dell’Azienda Policlinico Umberto I, dal giugno 2000 al di- di insufficienza coronarica acuta.
cembre 2007 in base alla codifica diagnostica del sistema in- Un sistema ideale dovrebbe comportare ad una rapida identi-
formatico GIPSE, avevano diagnosi di infarto miocardico me- ficazione di soggetti a basso rischio, perché con bassa proba-
diamente il 20,75 % e i dolori toracici 79,25 %. (figura 1). bilità di malattia coronarica, da dimettere, di quelli a rischio in-
Dei dolori toracici nel periodo 2000-2007, mediamente il 22,93 termedio, in cui il ricovero può essere programmato in funzio-
% sono stati dimessi dal PS, il 37,08 ricoverati, il 37,45 hanno ne della disponibilità dei posti letto, e di quelli a rischio eleva-
rifiutato il ricovero (figura 2). to che devono eseguire una procedura diagnostica e terapeu-
I pazienti con dolore toracico di origine incerta e con ECG non tica immediata come l’angioplastica primaria. In questa dire-
diagnostico venivano ricoverati (37,5 %) in osservazione, o in zione si muovono le linee guida americane, europee ed italiane
Medicina di Urgenza o nei reparti di medicina. Ciò comporta- pubblicate negli anni più recenti e continuamente aggiornate.
va degenze protratte in attesa di ulteriori accertamenti e Il punto cruciale però sta nell’individuazione dei soggetti a bas-
spesso non giustificate, con riflessi negativi sia per i costi che sa probabilità di malattia coronarica e/o comunque a bassa
per i pazienti. probabilità di eventi cardiovascolari maggiori.

Eo 4 Dicembre 2008
Proprio per questa ragione, nell’ultimo decennio in Italia è stata massa e mioglobina e se necessario esame RX del Torace in
proposta l’istituzione delle cosiddette “Chest Pain Unit”, che so- due proiezioni (tabella A).
no servizi ubicati nei Dipartimenti di Emergenza, nel senso che Dopo la stratificazione del rischio cardiovascolare i pazienti con
utilizzano locali adiacenti ai Dipartimenti di Emergenza e si av- rischio basso ed intermedio, vengono inviati in Chest Pain Unit
valgono dello stesso personale medico e infermieristico, che in letti di osservazione (da 3 a 4) in un’ area adiacente al Pron-
opera sulla base di semplici e ben definiti algoritmi decisionali to Soccorso.
con costi di gestione molto inferiori rispetto ai reparti di degenza I letti devono essere dotati di monitor in grado di identificare
e alle unità coronariche (UTIC). eventi aritmici maggiori e modificazioni della morfologia del-
Oggigiorno la riduzione dei posti letto e il taglio delle spese sa- l’ECG significative di ischemia, oltre che conservare in memoria
nitarie regionali, determinano nuove strategie per ridurre i costi il tracciato elettrocardiografico durante tutto il periodo di osser-
aziendali attraverso soluzioni alternative che comportano l’istitu- vazione; sugli eventi indicati devono emettere segnalazione con
zione di servizi di miglior qualità per efficienza ed efficacia, razio- allarme sonoro. L’unità deve essere dotata di attrezzatura ido-
nalizzando i ricoveri ed evitando quelli impropri. nea per la rianimazione cardiopolmonare. La gestione del proto-
Attualmente nel nostro PS i pazienti con dolore toracico eseguo- collo diagnostico deve avvenire sotto diretta responsabilità del
no in modo seriato (ogni 6 ore) i marker di danno miocardico medico di guardia attraverso una cartella clinica informatizzata.
(troponina I, CK MB di massa e mioglobina) con la loro valenza La sorveglianza diretta dei pazienti 24 ore su 24 viene affidata
diagnostica e prognostica, ma non esistono linee guida di com- ad un’infermiere professionale specializzato nel settore.
portamento univoche tra PS, UTIC e reparti di medicina e ogni I pazienti destinati alla Chest Pain Unit devono essere muniti di
struttura ha una propria linea di condotta. accesso venoso e trattati preventivamente, salvo controindica-
Quindi bisogna tracciare una linea di condotta comune per colo- zioni specifiche, con acido acetilsalicilico 500 mg. Prelievi per la
ro che operano nell’ambito del nostro Pronto Soccorso, nella titolazione del CK MB di massa, della troponina I e della mioglo-
CHEST PAIN UNIT (di prossima costituzione a livello Azienda- bina devono essere effettuati ogni 6 ore, a partire dal momento
le) e nelle UTIC per dare qualche suggerimento pratico per un del ricovero. Durante la permanenza in Chest Pain Unit a giudi-
corretto approccio al problema, evitando ricoveri impropri e costi zio del medico di guardia può essere effettuato ecocardiogram-
elevati all’Azienda. ma, indicato nei pazienti con sospetto di cardiopatia ischemica o
sospetto di altra patologia cardiaca. I soggetti, che durante le 12-
STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE 24 ore di osservazione non hanno ripresa dei sintomi, né presen-
In PS si esegue la stratificazione del rischio di eventi cardiova- tano alterazioni ischemiche dell’ECG e mantengono enzimi car-
scolari maggiori attraverso un’accurata anamnesi ed esame diaci costantemente normali, possono essere sottoposti a con-
obiettivo (tabella A), l’esecuzione di un ECG a 12 derivazioni e il trollo ecocardiografico. I pazienti che all’ecocardiografia non pre-
dosaggio dei markers di miocardionecrosi troponina I, CK-MB di sentano alterazioni della cinetica regionale, possono essere sot-

ANAMNESI
Caratteristiche del dolore
Sedi di irradiazione
Precedenti di cardiopatia ischemica
Condizioni in cui insorge il dolore
Fattori di rischio:
• Età
• Sesso
• Diabete,
• Ipertensione arteriosa
• Ipercolesterolemia
Fig.1 - ACCESSI ES ESITI PER DOLORE TORACICO 2000-2007 - Azienda Policlinico Umberto I
• Fumo
• Insufficienza renale cronica

ES OBIETTIVO COMPLETO e MIRATO CARDIOVA-
SCOLARE
Toni e soffi cardiaci
Turgore delle giugulari
Rumori umidi all’auscultazione toracica
Soffi vascolari al collo, all’addome, alle femorali,
ai polsi periferici
Condizioni di idratazione e perfusione

Fig.2 - ACCESSI ES ESITI PER DOLORE TORACICO 2000-2007 - Azienda Policlinico Umberto I Tabella A Fattori di rischio cardiovascolare

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 5
toposti immediatamente a test da sforzo con cicloergometro o
tapiluran o ad un test provocativo di ischemia (ecocardiogra- Croce Rossa:
fia sotto stress) o essere dimessi e affidati ai cardiologi con il
programma di eseguire le stesse valutazioni a distanza di 48- Patrizia Ravaioli nuovo Direttore Generale
72 ore dall’esordio dei sintomi (secondo le linee guida per la
diagnosi e la terapia dei soggetti con sospetto di angina pec- Si è insediato il nuovo Direttore Generale di Croce Rossa Italia-
toris instabile). Se lo stress test risulterà negativo secondo i na, la dott.ssa Patrizia Ravaioli, che andrà a sostituire il dott. An-
criteri standard definiti dalle linee guida in merito, il paziente drea Des Dorides.Patrizia Ravaioli, è nata nel 1966 a Forlì ed è
deve essere rinviato ad un controllo ambulatoriale a distanza laureata in Economia e Commercio. Già docente di Economia
di 3 mesi. Al contrario se necessario, viene ricoverato in un re- Aziendale presso le Università di Firenze e Pisa, si occupa da 17
parto di cardiologia o medicina per ulteriori accertamenti. anni dell’Innovazione nella Pubblica Amministrazione portando
I pazienti che presentano crisi ischemiche o movimento en- avanti il proprio impegno nel processo di cambiamento in atto nel
zimatico durante il periodo di osservazione, devono essere settore. L’ultima esperienza professionale prima di andare a rico-
immediatamente trasferiti in reparto di cardiologia o in UTIC prire l’attuale ruolo è stata, dall’ottobre 2006, quella di Direttore
per essere sottoposti ad ulteriori esami diagnostici e terapia Generale della LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori -
(fig.3). Ente Pubblico su base associativa con sede in Roma, articolato
in Comitati Regionali, Sezioni Provinciali e delegazioni comunali,
ALGORITMO DOLORE TORACICO che opera sotto la vigilanza del Ministero del Welfare. Membro del
Comitato Nazionale del Forum Italiano di Europa Donna (il Movi-
mento di opinione europeo per la lotta al tumore al seno fondato
da Umberto Veronesi ) con delega a Europa Donna Parlamento.
Alterazioni ECG Presidente dell’Associazione PIMBY di cui è tra i soci fondatori.
ECG non diagnostico Dolore in atto La missione dell’associazione, che opera senza scopo di lucro, è
Markers cardiaci negativi Stratificazione rischio alto quella di promuovere il dialogo tra le amministrazioni pubbliche e
Stratificazione rischio basso o intermedio Markers cardiaci positivi la cittadinanza sul tema delle infrastrutture.
Instabilità emodinamica Infine, è stata tra i conduttori della trasmissione radiofonica Radio
Tre Mondo: programma di cultura, politica e costume di Radio Rai
CHEST PAIN UNIT Tre.
OSSERVAZIONE 12-24 h

ASINTOMATICITA'
ECG immodificato
Markers cardiaci seriati negativi
Recidiva del dolore
Markers cardiaci seriati
positivi
Se sbagliare nella sanità resta segreto
Ecocardiogramma negativo ECG positivo di Paolo Cornaglia Ferraris
Errori all'emergenza
Il cosiddetto Medmarx è un programma accessibile su Internet
TEST DA SFORZO ECG o SCA che permettere di raccontare in modo anonimo, confidenziale, er-
TEST PROVOCATIVO con Positivo CONFERMATA rori di medicazione al pronto soccorso. È stato disegnato per gli
Ecocardiostress ospedali interessati a raccogliere informazioni e prevenire errori.
I risultati sono: 13.932 errori accaduti in 496 strutture. 78 errori su
RICOVERO UTIC 100.000 visite. I medici sono stati responsabili del 24% degli er-
Negativo
rori, le infermiere/i del 54%. I più comuni sono accaduti in fase
amministrativa (36%), nella definizione di quantità e dose (18%),
mancato rispetto delle procedure (17%), errori di comunicazione
FOLLOW UP AMBULATORIALE (11%). Le cause più frequenti sono state la distrazione (7,5%), si-
DOPO TRE MESI tuazioni di emergenza (4,1%), eccessivo carico di lavoro (3,4%).
Danni seri si sono registrati nel 3% degli errori. Le azioni a segui-
Figura 3 Algoritmo diagnostico del dolore toracico in CHEST PAIN UNIT
to dell'errore commesso hanno riguardato un'informazione speci-
fica dello staff che ha commesso l'errore (26%), il miglioramento
Bibliografia coronary syndromes 203-209 della comunicazione (26%), una formazione ad hoc (12%). Pa-
1. . L. Erhardt (Presi- and risk stratification in 5. M. Ciancy Chest zienti e familiari sono stati informati dell'errore nel 2,7% dei casi
dente), J. Herlitz (Se- the Florence area Am pain unit Evidence of (quasi mai). La ricerca conclude che gli errori avvengono in situa-
gretario), L. Bossaert, Heart J 2002, 144 : 639- theirusefulness is limit-
M. Halinen, M. Keltai, R. 635 ed but encouraging.
zioni di caos o accelerazione del lavoro. Ciò che invece insegna
Koster, C. Marcassa, T. 3. AA.VV. Consensus Brit. Med J 2002; 325: agli italiani è che nessuna Asl e quasi nessun ospedale ha realiz-
Quinn, H. van Weert, Li- document of The Joint 116-117 zato un sistema di report efficace, fregandosene delle disposizio-
nee guida Task Force ESC/ACC Committee 6. Mauri F, Mafrici A., ni dell'ex ministro Livia Turco. Esiste un sistematico disprezzo di
sulla gestione del dolore for the Redifinition of MI, Pirelli S., Deneda R. Ri-
toracico l Heart J Suppl 2000 duzione dei costi nella pazienti e familiari per i quali la trasparenza e la comunicazione
2004; 5 (4): 298-323. 4. R Rassan. Chest valutazione del dolore sono una chimera (anche in USA dove si raccontano bugie al
2 . A. Conti, B Paladini, pain unit a modern way toracico con la Chest 97,3% di pazienti e familiari). (www.medmarx.com).
F Toccafondi, et al. Ef- managing patients with pain unit in Pronto Soc-
fectivess of a multidisci- chest pain in Emer- corso Ital. Heart J
plinary chest pain unit gency Department Arq. (suppl) 2002; 3:518- da: Repubblica Salute, pag. 19
for the assessment of Bras. Cardiol 2002, 79 525 Camici e pigiami di Paolo Cornaglia Ferraris

Eo 6 Dicembre 2008
200820082008

Ai collaboratori che ci hanno
accompagnato nel 2008 auguriamo
Buone Feste!
F. Aguglia D. Colarusso A. Giusto B. Montemurro D. Scafi
A. Aguzzi M. Colzi D. Golia E. Moretti M. G. Scarpellini
S. Badiali A. Coppola S. Guerrieri P. Mornelli M. Scolavano
G. Baldi M. Cozzi G. Guerra A. Mosti F. Scoppetta
F. Balzani D. Curcio M. Haberkern D. Mottola C. Sinno
A. Baratta L. D’Ambrosio M. Izzi M. Mumeni S. Sofia
A. Barca T. D’Onofrio C. Lancia S. Musolesi C. Spina
E. Beani A. Dal Rio F. Landuzzi A.G. Nasti M. Suppa
V. Bello L. De Angelis M. Larocca K. Naidon L. Tambaro
A. Benedetti L. De Cave Lozzi F. Lipariti A. Ovani F. Tesei
A. Berti A. De Santis G. Luciani A. Palma S. Testa
R. Bianchi C. Del Masto E. Maffongelli V. Palo L. Tonelli
M. Bienaimè A. Destro C.Mantovan M. Passacantilli L. Trabucco
C. Boccardo M. Dutto G. Marchesani A. Piacentini L. Treglia
A. Cacciani F. Fabi G. Marconi L. Pietrantoni G. Vacca
F. Candido E. Ferraro M. Mari G. Prati R. Valente
V. Casella B. Ferreri L. Martinolli R. Previati V. Vanni
A. Cavaniglia M. Forastieri M. Mazzone F. Quarantiello C. Vanzo
F. Cavicchi P. Forte S. Mazzoni L. Ricchi G. Vetrano
G. Cerqua S. Giambartolo- P. Mensi G. Romanelli M. Viscione
L. Cimino mei N. Monari M. P. Ruggirei Y. Vivaldi
E. Clementi A. Giunta A. Monesi S. Savastano

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 7
2008200820082 N
ell’ambito della tutela della salute ed in particolar modo in quei
contesti spesso alquanto critici propri dell’emergenza/urgenza
extraospedaliera, appare incontestabile l’estrema importanza
di una adeguata utilizzazione delle risorse umane e strumentali di-
sponibili, non solo per l’ovvia inopportunità di sperperare un bene
collettivo, ma soprattutto in considerazione della peculiarità e della
collocazione di detti scenari ove sia i presidi specifici che gli opera-
tori non possono essere rapidamente integrati o vicariati, essendo il
luogo dell’intervento generalmente distante dall’hub di riferimento.

Risorse umane e trumentali
l 3-4 % degli accessi al pronto soccorso sono cau-

I
l trauma pediatrico può deteriorare rapida-
sati da traumi elettrici compresi anche gli inciden-
ti sul lavoro. Tra questi il 10% sono incidenti in se-
guito ad alta tensione ed il 90% a bassa tensione.
I mente e sviluppare serie complicanze. Ele-
mento chiave, nel trauma pediatrico, è l'iden-
tificazione di un trauma ad alto rischio ed uno
La corrente di tipo alternato risulta, in caso di inci- specifico triage pediatrico per indirizzare il bam-
denti più pericolosa, perchè può causare contrattu- bino ad un servizio appropriato. L'ordine e la
re muscolari tetaniche. Le contratture prolungano priorità nella valutazione e nel trattamento del
quindi il contatto della persona con la fonte di cor- trauma pediatrico sono identiche a quelle del-
rente. Incidenti con corrente di tipo continuo posso- l'adulto; tuttavia le caratteristiche anatomiche
no avvenire in caso di contatto con la batteria della proprie del bambino, richiedono speciali consi-
macchina o in caso di una folgorazione da fulmine. derazioni.

Traumi elettrici Politrauma pediatrico
’ospedale può essere soltanto un anello della catena dell’assistenza alle emergenze sociali, essen-

L do l’altra rappresentata dal territorio in tutte le sue istituzioni ed organizzazioni. Fatta questa dove-
rosa premessa, è comunque necessario interrogarsi su quali possono essere i cambiamenti che
l’organizzazione descritta deve subire, per adattarsi ancor meglio alle esigenze di questo campione di
popolazione. Sicuramente è necessario, indipendentemente dal periodo di vacche magre, che la sanità
sta attraversando, garantire quella completezza degli organici, che consenta le essenziali attività di riva-
lutazione dei pazienti fragili. Anche la presenza di alcune figure cardine, come le Assistenti Sociali e gli
operatori linguistici, vanno assolutamente potenziate e va incoraggiata la collaborazione con le organiz-
zazioni di volontariato, già presenti con lodevole impegno. Un presidio sicuramente molto utile è l’esisten-
za di un area dell’Osservazione Temporanea, che nella nostra realtà è già ben rappresentata, accurata-
mente disciplinata e funzionale, ma che riceverà ulteriore potenziamento dall’adeguamento in fieri alle di-
rettive regionali in merito alla O.B.I.. Caposaldo irrinunciabile è comunque la formazione del personale
nel triage, nella comunicazione, nel risk-management, tutte realtà che la nostra Azienda ha sempre cu-
rato e che si spera possa ulteriormente implementare.
Emergenze sociali
l soccorso al paziente vittima di

I
’esposizione a tali eventi si ve-
trauma deve inevitabilmente con-
centrarsi sulla limitazione del
danno secondario, determinato
L rifica su due fronti: da un lato
gli operatori affrontano l’inci-
dente critico in sé e dall’altro si tro-
dall’alterazione delle funzioni vitali vano a prestare aiuto agli individui
del paziente, alterazione legata ad coinvolti dall’evento.
episodi d’ipossia, ipovolemia, ipo-
tensione, ipercapnia oppure a ma-
novre di soccorso scorrette. Benessere
psicologico
Trauma cranico del soccorritore
Eo 8 Dicembre 2008
8200820082008 li incidenti domestici sono considerati un vero e proprio problema della Sanità Pubblica, in-

G fatti, attraverso studi condotti dalla Rete di Sorveglianza Nazionale sugli infortuni Domesti-
ci, si è visto che 1.300.000 residenti, ossia il 2%, sono dovuti ricorrere al pronto soccorso,
e di questi, 130.000 sono stati ricoverati in ospedale, con l'ammontare di euro 400.000 l'anno della
Spesa Pubblica Sanitaria.
Si è visto che i soggetti maggiormente coinvolti sono le casalinghe e i bambini e che le cause che
portano a questi infortuni sono rappresentati dalla superficialità, dalla scarsa conoscenza delle
norme di sicurezza, le quali devono essere rispettate anche, e soprattutto negli ambienti che
ognuno di noi considera più confortevoli.

Manovre salvavita
rasporto in elicottero di

potesi accusatorie inerenti ad T pazienti con patologia in-

I
fettiva. criteri di fattibilità
“omissione di soccorso” o difensi- e protocolli di disinfezione del
ve riguardanti uno “stato di ne- mezzo aereo. Ci sono proble-
cessità” vengono frequentemente matiche che spesso sono state
addotte o rigettate nell’ambito di sottovalutate o semplicemente
procedimenti giudiziari vertenti su non trattate e che la necessaria
interventi di soccorso effettuati da attenzione alla sicurezza sul la-
tipologie diverse di soggetti -da voro e la necessità di garantire
semplici cittadini a professionisti- sicurezza ai cittadini trasportati
obbligati talora ad agire dalla co- impongono come argomento di
genza degli eventi ed in condizioni estrema importanza.
di forte stress emotivo.
Elisoccorso
Medicina legale

l principio del consenso informato rivolto alla liceità dell’atto sanitario tende a riflettere il con-

I cetto dell’autonomia e della autodeterminazione decisionale della persona che necessita e
richiede una prestazione sanitaria.

Emergenza extraospedaliera:
il ruolo dell’infermiere

l trasformarsi della società attuale e le problematiche socio-sanitarie tipiche degli agglomerati ur-

I bani hanno fatto si che una patologia tipica degli incidenti in montagna o in acqua divenisse in-
vece frequente in città, dove colpisce frequentemente categorie di popolazione con insufficienti
garanzie abitative, economiche e sanitarie. L’esperienza che i professionisti del soccorso sanita-
rio extraospedaliero hanno maturato nel trattamento dell’ipotermia ha permesso che tale patolo-
gia potesse essere riconosciuta e trattata con successo ed in molti casi che venissero attivate ini-
ziative sociali e sanitarie volte a prevenirne l’instaurarsi.

Ipotermia
Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 9
Il COORDINATORE INFERMIERISTICO
e gli Strumenti per il MIGLIORAMENTO del
PROCESSO ASSISTENZIALE
Aguzzi Alessandro, Scoppetta Federica - Infermiere Coordinatore

N
egli ultimi anni, all’interno della
professione infermieristica, si è Clementi Enrica - Infermiere
delineata e diffusa la convinzio- Scafi Danilo - Infermiere Coordinatore/Area Critica
ne che lo sviluppo scientifico, culturale e
sociale dell’assistenza infermieristica sia
strettamente consequenziale alla piena LA PIANIFICAZIONE E LA STANDAR- le situazioni cliniche e, in aggiunta, di di-
valorizzazione di una competenza specifi- DIZZAZIONE DELL’ASSISTENZA minuire la variabilità di comportamenti .
ca dell’infermiere nell’ambito dell’assi- INFERMIERISTICA Ancora oggi, infatti, la probabilità che un
stenza sanitaria, in grado di produrre a Con il termine ‘ standardizzazione’ si in- malato riceva un intervento sanitario effi-
favore delle persone assistite ‘ propri’ ri- tende, nella sua più comune accezione cace dipende troppo spesso dalla singo-
sultati di salute sostenuti da prove clini- positiva, il processo finalizzato ad unifor- la realtà ospedaliera in cui viene ricove-
che di efficacia (Evidence-based Nur- mare attività e prodotti sulla base di nor- rato (o addirittura dai singoli professioni-
sing). me, tipi o modelli di riferimento. sti), piuttosto che dalle reali condizioni di
Nella cosiddetta “epoca del postmansio- Nella pratica infermieristica, tale proces- salute che manifesta.
nario”, cioè in un nuovo contesto giuridico so può applicarsi - secondo la logica pro- Il dibattito interno alla professione infer-
e professionale che regolamenta il ruolo e pria dei sistemi di qualità - ad un consi- mieristica sulle prospettive e sulle proble-
le funzioni dell’infermiere ormai sgravate stente numero di situazioni: infatti, co- matiche connesse all’attività di standar-
dai limiti impliciti in un’elencazione di atti struire ed adottare standards nel mo- dizzazione riconosce un punto di origine
esecutivi di tipo tecnico, il consolidamen- mento della pianificazione e dell’organiz- nella natura stessa dell’assistenza infe-
to della sfera di autonomia e di responsa- zazione degli interventi da realizzare in mieristica.
bilità professionale nell’assistenza impo- risposta ai bisogni della persona assisti- Essa, infatti, si occupa della salute se-
ne all’infermiere il possesso di un articola- ta, significa riferirsi ad un complesso di condo una visione olistica e non parcel-
to bagaglio metodologico, tecnico e rela- elementi che rappresentano le caratteri- lizzata dei problemi di salute del singolo
zionale da utilizzare in ambito clinico ed stiche appropriate ed ottimali di una de- e della collettività ed assume il principio
organizzativo. terminata prestazione o di un determina- della personalizzazione quale elemento
Si tratta, ad esempio, di definire, introdur- to processo. centrale di una relazione professionale
re e sperimentare nuovi approcci e nuovi L’etimologia del termine ‘standard’ richia- basata sulla comprensione e sul ricono-
strumenti per orientare la pratica profes- ma il vocabolo di lingua francese ‘ eten- scimento della dimensione soggettiva -
sionale verso l’appropriatezza, l’efficacia dard’ (stendardo - bandiera): ciò che può biofisiologica, psicologica e sociocultura-
el’efficienza delle prestazioni; di organiz- essere esposto; nel nostro caso, reso le - dei bisogni di cui il malato è portato-
zare l’assistenza infermieristica secondo pubblico e garantito all’utente. re.
modelli gestionali ‘per processi ’, profon- Standardizzare, dunque, non significa ri- Spesso si è osservata, in tale dibattito,
damente integrati e multiprofessionali, durre la prassi ad una routine indifferen- un’eccessiva e non giustificata polarizza-
poiché la ‘buona salute’ non può essere ziata che non tenga in giusta considera- zione delle opinioni verso due estremi:
considerata un esito di cui dispone una zione la soggettività della persona che si da un lato, lo scadimento della standar-
singola professionalità; di fondare la valu- assiste, ma assicurare a tutti colorare dizzazione nella formalistica traduzione
tazione, la decisione e l’azione clinica sul- che beneficiano di un servizio circa il li- di un giusto principio (la volontà di codifi-
le conoscenze prodotte dalla ricerca e su vello di qualità della prestazione resa. care modalità di intervento razionali, in-
adeguati indicatori e standard, mediante Intal senso, sono esempi di standard, per tersoggettive ed efficaci) in una prassi at-
l’opportuno ricorso a strumenti quali linee- una determinata Unità Operativa, il man- tenta alla sola sfera biologica dei proble-
guida, raccomandazioni, percorsi clinico- cato sviluppo per tutte le persone alletta- mi clinici - quella cioè più facilmente og-
assistenziali,protocolli e procedure. te - di lesioni da pressione (standards di gettivabile secondo i canoni metodologici
In base a questa tendenza, è ragionevole esito); il colloquio infermieristico a scopo propri di un tale approccio , imponendo
prevedere che il cosiddetto ‘governo clini- anamnestico nelle prime ore dall’ingres- così un’organizzazione rigida e routinaria
co’, cioè la razionalizzazione e la standar- so in reparto, per tutte le persone ricove- delle attività; dall’altro, l’assunzione di
dizzazione delle attività sulla base delle rate (s t a n d a rd di processo); la dispo- una sorta di “ideologia della personaliz-
prove di efficacia, nibilità di un’apposita saletta per garanti- zazione”, che comporta il rifiuto a stan-
assumerà in futuro una rilevanza cre- re la privacy durante l’igiene della cute e dardizzare qualsiasi intervento assisten-
scente, in modo che la prassi assistenzia- la tricotomia in preparazione all’interven- ziale (“Ogni malato è diverso dagli altri,
le possa essere sempre to chirurgico (standards di struttura). non si possono dare ricette”) e spesso è
più ancorata alla ormai vasta ed autore- I processi e gli strumenti della standar- utilizzata come vero e proprio alibi per le-
vole produzione scientifica in campo in- dizzazione si propongono, dunque, di m i gittimare l’indisponibilità a misurare l’effi-
fermieristico. g l i o r a re l’efficacia della gestione del- cacia delle proprie attività.

Eo 10 Dicembre 2008
Standardizzazione e personalizzazione mente scientifici. curativa, educativa e riabilitativa.
non necessariamente devono essere E’ proprio in questo contesto di attuazio- L’approccio dell’EBN rappresenta quindi
considerate come approcci contrapposti ne di un processo assistenziale basato un processo attraverso il quale, l’infer-
e tra loro inconciliabili: è possibile, infatti, su prove di efficacia, che si inserisce il miere o l’equipe infermieristica che si po-
concepire e praticare l’assistenza infer- concetto di EBN (Evidence Based Nur- ne precisi quesiti assistenziali, attiva un
mieristica come attività personalizzata, sing ). percorso di ricerca con cui ottiene rispo-
cioè rivolta alla persona intesa nella sua Come definito nel testo “Implementing ste validate scientificamente che può uti-
totalità ed unicità e nella sua peculiare evidence based nursing” pubblicato da lizzare nella pratica della propria attività
esperienza di malato, e - ove possibile - Censo A et All, “L’EBN è un processo per assistenziale.
standardizzata, cioè orientata alla scelta mezzo del quale le infermiere e gli infer- Per cui l’EBN rappresenta per l’infermie-
di quegli interventi che hanno già dimo- mieri assumono le decisioni cliniche uti- re un processo di autoapprendimento at-
strato, in situazioni cliniche analoghe, lizzando le migliori ricerche disponibili, la traverso il quale può:
una reale efficacia. Occorre, infatti, con- loro esperienza clinica e le preferenze • avere un valido strumento per la tutela
siderare la standardizzazione come pro- del paziente”. professionale;
cesso rivolto non solo alle attività, a ‘ciò Come concetto generale l’EBN rappre- • avere le condizioni necessarie per ri-
che si deve fare’ ma anche - e soprattut- senta l’estensione, nell’ambito dell’eser- spondere in maniera efficiente ed effi-
to - agli esiti, a ‘ciò che si deve cizio della professione infermieristica, cace ai bisogni di salute del paziente;
raggiungere’ ed ai modi per controllarli e dell’EBM (Evidence Based Medicine), • generare un continuo e sempre più
valutarli. movimento nato nel 1992 da una pubbli- crescente miglioramento della qualità
In altre parole, l’infermiere deve porsi cazione sul Journal of American Medical dei processi di cura;
non solo come esecutore, ma anche co- Association in cui si affermava che “.. tut- • rendere più semplice ed intuitivo il pro-
me decisore e valutatore, cioè come pro- te le azioni cliniche sul piano diagnostico, cesso di aggiornamento professionale;
fessionista autonomo e responsabile. è della valutazione prognostica e delle • facilitare la presa in carico totale del-
questa, in sintesi, la ‘strategia basata sul scelte terapeutiche, dovevano basarsi su l’intero processo assistenziale;
risultato, che promuove una gestione del solide evidenze qualitative derivate da • avere uno strumento validato scientifi-
risultato informa non separata dagli una ricerca epidemiologica-clinica di camente, al pari degli strumenti utiliz-
aspetti operativi che concorrono al suo buona qualità”. zati dalle altre professioni intellettuali
raggiungimento, allo scopo di impedire Appare utile, al fine di capire l’evoluzione operanti in sanità;
quella scissione fra aspetti decisionali ed generata dall’utilizzo dell’EBN, capire • bisogna anche soffermarsi però, a ri-
aspetti esecutivi che spesso disconosco- quali sono i principali fattori che hanno flettere sul fatto che questo strumento
no il valore sociale del ruolo e della fun- permesso il sempre più crescente ricorso non rappresenta la panacea di tutti i
zione infermieristica. ad un’assistenza sanitaria basata su pro- mali, e il proprio utilizzo è vincolato al
La standardizzazione assume rilevanza ve d’efficacia. raziocinio e all’applicazione ragionata
professionale nella misura in cui gli infer- Questi fattori possono essere così rias- di tutto ciò che viene suggerito dalle
mieri si impegnano a dimostrare l’effica- sunti: evidenze scientifiche;
cia delle proprie azioni ed evidenziano il • consistente incremento delle respon- • è un processo centrato sul paziente e
contributo concreto e specifico del nur- sabilità professionali; sui suoi bisogni facilitando la comuni-
sing alla promozione, al recupero ed al • incessante e continuo progresso tec- cazione con il paziente;
mantenimento della salute. nologico; • permette grazie all’acquisizione, da
Nel presente articolo, saranno analizzati • sempre più crescente consapevolezza parte degli infermieri, di nuovi strumen-
i principali strumenti della standardizza- ed informazione da parte del ti di attivare un processo continuo di
zione dell’assistenza infermieristica: li- cliente/utente; verifica dell’efficacia e miglioramento
nee guida,procedure e procedure. • sempre più crescente facilità nel repe- delle cure.
rimento di informazioni; Gli elementi appena citati sono gli aspet-
EVIDENCE BASED NURSING • consapevolezza dell’importanza del ti positivi dell’EBN ma, come in tutto, ci
In una visione globale di miglioramento rapporto costo beneficio; sono anche quelli negativi legati in parte:
qualitativo del processo assistenziale, • riconoscimento dell’importanza delle ri- • alla cultura professionale: infatti molti
l’assistenza infermieristica non si può più sorse economiche nei sistemi sanitari. professionisti hanno una scarsa dime-
limitare ad agire sulla base di principi e Con la continua e crescente attribuzione stichezza con la statistica, scarsa co-
criteri di razionalizzazione derivanti dalle di responsabilità alla figura dell’infermie- noscenza della lingua inglese, ed una
tradizioni e dalle consuetudini dell’opera- re, viene sempre di più a crearsi un auto- scarsa capacità di lettura critica degli
re, ma deve andare in direzione di scelte nomia professionale che tende ad attri- articoli;
basate su conoscenze documentate e buire al professionista la piena responsa- • a fattori “ambientali”: si possono attri-
validate dalla comunità scientifica, che il bilità dell’assistenza e di conseguenza di- buire hai costi dell’informazione scien-
professionista è in grado di ricercare, va- viene non più l’esecutore ma il responsa- tifica o delle tecnologie necessarie, li-
lutare, ed infine applicare nella quotidia- bile della qualità dell’assistenza erogata. mitata diffusione di biblioteche o limita-
na pratica assistenziale. L’assistenza infermieristica, basata sulle ta disponibilità da parte delle Aziende o
Se negli anni passati le decisioni cliniche prove d’efficacia, rappresenta un nuovo istituzioni di strumenti di aggiornamen-
ed assistenziali si basavano sulle cono- modello di pratica clinica nel quale i pro- to;
scenze personali e sulle esperienze pro- cessi decisionali sono basati sulle evi- • alla presenza di incertezze delle evi-
fessionali oggi diviene indispensabile denze scientifiche nell’ottica dell’efficacia denze che non supportano tutta la pra-
erogare prestazioni adeguate al caso e della sicurezza del paziente ed in dire- tica.
specifico e vidimate da razionali pretta- zione di trattamenti di natura preventiva, In conclusione, mi sento di affermare che

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 11
l’utilizzo dell’EBN è un modo di porsi con possono essere diverse: pazienti e sul risultato da ottenere;
spirito critico e capacità di mettersi in di- • Consenso informale: i criteri di scelta • Può costituire uno dei principali criteri
scussione, aggiungendo una buona dose non sono fissati a priori. Gli esperti si per l’accreditamento delle diverse
di fatica, nei confronti dei cambiamenti e confrontano nel corso di uno o più in- équipe assistenziali”.
della ricerca continua della qualità. Cite- contri non strutturati nel corso del qua- Tra le linee guida rientrano anche gli
rei a questo punto una frase del vecchio le giungono a un consenso sulle racco- STANDARD DI ASSISTENZA, sono li-
Piano Sanitario Nazionale che è rimasta mandazioni; nee guida più particolareggiate che ven-
sempre attuale “le risorse devono essere • Consenso formale: il confronto in que- gono utilizzate per porre in essere inter-
indirizzate verso le prestazioni la cui effi- sto caso è più strutturato. Tutte le posi- venti infermieristici di carattere generale
cacia è riconosciuta in base alle eviden- zioni espresse all’interno del gruppo di cui si prevede la necessità.
ze scientifiche” (1998) possono essere rappresentate e di- Questo strumento permette quindi all’in-
scusse; fermiere di affrontare in modo concreto
LINEE GUIDA / PROCEDURE / PROTO- Metodo Rand: ideato dalla Rand Corpo- un problema del paziente in quel momen-
COLLI ration negli anni ottanta, prevede gruppo to prioritario.
Come gia accennato,le Aziende Sanita- di 10-11 esperti che vengono chiamati a Essi devono basarsi sulle risorse dei pa-
rie, per garantire un’assistenza basata su definire i criteri di utilizzo appropriato di zienti, sulla durata della presa in carico e
consolidati principi scientifici, cognitivi e una procedura in riferimento non al pa- sulle risorse disponibili.
morali hanno sentito l’esigenza di produr- ziente medio, ma a specifiche categorie Negli Stati Uniti, ad esempio, la pianifica-
re una documentazione che permettesse di paziente come per esempio adole- zione assistenziale viene suddivisa in tre
agli operatori di avere risposte chiare e scenti, donne in gravidanza, ecc..; livelli di assistenza, e sono:
facilmente applicabili nel quotidiano. Metodo della consensus conference: • Livello I: indicano l’assistenza generale
Ciò equivale all’utilizzo di strumenti infor- prevede momenti di verifica delle infor- prevista all’interno di ogni unità opera-
mativi codificati che rientrano nell’ampio mazioni disponibili e l’elaborazioni di rac- tiva. È composta da diagnosi infermie-
contesto riguardante la qualità dell’assi- comandazioni per la pratica clinica. La ristiche e da problemi collaborativi ap-
stenza erogata. valutazione del beneficio e del rischio è il plicabili alla situazione specifica. Pro-
Non c’è, quindi solo l’assistenza perso- risultato di diverse valutazioni date da più prio perché generali possono essere
nalizzata ma c’è anche una assistenza figure professionali, compresi i rappre- scritti ed esposti come riferimento per
standardizzata, basata su evidenze sentanti dei pazienti. gli infermieri. È prevista comunque la
scientifiche e validata da esperienze con- Ogni metodo utilizza procedure che por- possibilità di apportare delle “variazio-
crete che ne dimostrano l’efficacia,avva- tano alla produzione di linee guida che ri- ni” al piano assistenziale che l’infermie-
lendosi dei sopracitati strumenti. sultano: re deve annotare, se tali variazioni non
Le linee guida sono raccomandazioni di • Orientate ai risultati dell’assistenza; sono necessarie si limiterà a spuntare
comportamento clinico con lo scopo di • Basate sulle migliori evidenze disponi- l’elenco;
aiutare i sanitari nel decidere quali siano bili; • Livello II: sono piani di assistenza stan-
le modalità di assistenza più appropriate • Sintetizzate con metodo rigoroso; dardizzati per l’assistenza da impartire
in specifiche circostanze cliniche. • Accompagnate da espliciti livelli di rac- a persone, famiglie o gruppi ed integra-
Non sono elaborate solo per la pratica comandazioni; no gli standard di assistenza generali
clinica ma anche per la gestione, l’ammi- • Elaborate da una commissione multidi- del I livello. Perciò, una persona rico-
nistrazione e l’organizzazione dei servizi; sciplinare; verata, avrà un’assistenza basata sugli
non si rivolgono alle singole categorie • Applicate in modo appropriato, con ri- standard generali di primo livello (del-
professionali ma “offrono raccomanda- ferimento alle risorse; l’unità operativa) e una su quelli del
zioni per la gestione dei problemi dei pa- • egolarmente aggiornate tenendo conto piano standardizzato predisposto per
zienti: il ruolo e le competenze delle sin- dell’evoluzione delle conoscenze di- la specifica condizione che ne ha cau-
gole professioni vengono definiti progres- sponibili. sato il ricovero.
sivamente in base al contesto in cui le li- Secondo P. Di Giulio (1997) l’uso siste- • Livello III: sono piani di assistenza inte-
nee guida si applicano” (Di Giulio, 1997). matico delle linee guida porta a una serie grativi che vanno ad affiancare i piani
Sono prodotte attraverso un processo di vantaggi: di I e di II livello. L’assistenza inizierà
metodologico in cui si tengono in consi- • “Consente di valutare le basi della pro- utilizzando piani standard dell’unità
derazione le opinioni degli esperti, la pra- pria pratica […] e di attribuire un peso operativa, l’attività di osservazione e
tica clinica e gli elementi derivanti dalle differenziato alle basi scientifiche degli raccolta dati consentirà all’infermiere di
evidenze scientifiche disponibili. interventi; acquisire informazioni più specifiche,
Dovrebbero essere applicabili alla mag- • Permette l’erogazione di interventi di aumenterà così anche la specificità dei
gioranza dei pazienti con un problema documentata efficacia che presentano piani di assistenza, tutto per il raggiun-
specifico, ma non necessariamente alla innegabili vantaggi per i paziente; gimento del risultato.
totalità dei pazienti. Infatti sono solo uno • Offre un prezioso strumento all’opera- I piani di assistenza standardizzati pre-
strumento di ausilio nella pratica clinica. tore che, in caso di problemi (anche le- sentano sia vantaggi che svantaggi.
Esse sono infatti una sintesi delle infor- gali) può dimostrare di avere agito in I vantaggi sono:
mazioni scientifiche disponibili, devono base alle raccomandazioni fatte e alle • Velocizzare le attività amministrative:
far riferimento al problema di partenza ed conoscenze più aggiornate disponibili evitare di scrivere gli interventi di routi-
essere adattate al singolo caso e alle di- e documentare le basi e le motivazioni ne consente all’infermiere di avere a di-
verse circostanze. del proprio operato; sposizione più tempo per l’assistenza;
Le linee guida sono prodotte per consen- • Non concentra l’attenzione sul singolo • Consente all’infermiere di individuare
so e le metodologie usate per ottenerlo atto ma sul percorso assistenziale dei una documentazione più selettiva;

Eo 12 Dicembre 2008
• Fornisce criteri per i programmi di mi- le contengono, gli standard di risultato e rie ad esempio quella medica o ausilia-
glioramento della qualità e della gestio- gli indicatori di verifica. ria. Perché sia validato e attuabile, solo
ne delle risorse; La stesura di un protocollo deve avveni- all’interno di quella specifica unità opera-
• Illustrare ai neoassunti gli standard as- re solo dopo la valutazione di alcuni re- tiva, deve essere, approvato da tutti i
sistenziali dell’unità operativa. quisiti tra cui: la popolazione di pazienti partecipanti alla stesura ed inoltre firma-
Gli svantaggi sono: da studiare; la situazione assistenziale to dai rappresentanti delle singole cate-
• Se usati impropriamente portano ad con inchieste sulle varie metodologie ap- gorie professionali.
un’assistenza che tralascia gli inter- plicative; le potenzialità in termini di Infatti, la responsabilità derivante dell’at-
venti personalizzati; strutture ospedaliere; inoltre, si dovrà tuazione del protocollo ricade sul singo-
• Danno una visione solo generale del- stabilire quali sono gli obiettivi di assi- lo professionista, quindi è di fondamen-
l’assistenza analizzando eventi preve- stenza e definire quali saranno le fasi tale importanza che il professionista col-
dibili e non specifici. operative. labori alla stesura e all’approvazione del
Le procedure: Sono strumenti che con- Le funzioni principali di un protocollo so- lavoro.Le proposte di variazione devono
tengono una successione logica di azioni no quelle di uniformare le prestazioni dei essere supportate da risultati di studi ba-
più o meno rigidamente definite, aventi lo professionisti che dovranno quindi dopo sati sull’evidenze scientifiche altrimenti,
scopo di far eseguire un intervento se- la sua approvazione operare allo stesso una volta approvato, il protocollo non
condo criteri di correttezza. Consentono modo; rende osservabile, compatibili e può subire variazioni.
di uniformare attività e comportamenti valutabili i comportamenti del personale L’elaborazione di un protocollo prevede:
caratterizzati da bassa decisionalità e infermieristico, che verrà valutato proprio • la raccolta del materiale bibliografico;
possono essere usate singolarmente op- in merito alla corretta osservanza delle • la definizione del compito da svolgere;
pure inserite in un protocollo o in un pia- disposizioni; diviene uno strumento di • la definizione degli scopi;
no di assistenza. formazione permanente, in quanto il suo • l’elenco del materiale necessario;
Le procedure vengono utilizzate perché continuo aggiornamento deve passare • l’introduzione a titolo sperimentale del
garantiscono un’assistenza basata su attraverso una fase di ricerca scientifica protocollo per un certo periodo;
dati scientifici e aggiornati. Esse consen- senza la quale non è possibile alcuna • la verifica a breve e medio termine dei
tono di uniformare il comportamento de- modifica a procedure assistenziali già risultati ottenuti ed eventuali correla-
gli infermieri garantendo un’assistenza codificate; in fine facilita l’inserimento di zioni e tarature;
di qualità, la riduzione del tempo di inse- studenti e neo assunti. • la valutazione del protocollo stesso (ri-
rimento del personale neoassunto o pro- Un protocollo perché sia valido deve es- sorse, processo e risultato).
veniente da altre unità ed in fine docu- sere: In conclusione quindi possiamo dire che,
mentano e rendono visibile l’attività in- • chiaro e comprensibile; il vantaggio del protocollo è quello di
fermieristica. • semplice ed esauriente; avere un’assistenza uniformata che con-
Perché sia efficace devono essere: • discusso, concordato ed elaborato con senta quindi di valutare quanto posto in
• Di semplice comprensione; il gruppo; essere dal o dai professionisti durante le
• Ben organizzate nel contenuto e nella • basato su una letteratura professiona- attività assistenziali e organizzative con-
forma; le scientificamente attendibile; sentendo il miglioramento progressivo
• Utili, operative e aderenti alla realtà; in armonia con le condizioni organizzati- della qualità. Possibile solo con la colla-
• Focalizzate su problemi rilevanti; ve del contesto (risorse strutturali, mate- borazione di tutti i professionisti alla ri-
• Corrette dal punto di vista scientifico; riali e umane presenti nella realtà speci- cerca e l’attuazione di evidenze scientifi-
• Accettate, condivise e valutabili. fica); che sempre più aggiornate modificando
I protocolli sono documenti scritti e re- portatori di motivazioni per gli atti da in base ad esse l’assistenza erogata.
datti dagli operatori che li utilizzano. De- compiere; se introduce dei cambiamenti Lo svantaggio può essere, avere un
rivano da un processo di ricerca infer- permette di capirne le ragioni; elenco rigido e difficilmente applicabile
mieristica, i risultati di tale ricerca vengo- applicabile perché definito in termini in alcune situazioni assistenziali se non
no trasformati in indicazioni per la prati- operativi; si è previsto uno spazio per le eccezioni
ca clinica e in nuovi comportamenti da soggetto a periodiche revisioni e modifi- durante la stesura. In oltre la standardiz-
adottare al fine di migliorare la qualità che sulla base dell’esperienza di nuove zazione delle procedure porta si un van-
delle prestazioni erogate. ricerche. taggio nell’efficienza dell’assistenza ma
Nei protocolli è possibile individuare: gli Le attività protocollate possono riguarda- dall’altro porta ad una diminuzione del-
obiettivi, le risorse, le procedure assi- re una singola categoria professionale l’assistenza basata sull’individualità del-
stenziali, le motivazioni scientifiche che ad esempio infermieristica o più catego- la persona.

BIBLIOGRAFIA 4. Cinotti R, Cipolla C. (A cura di). 8.Corposanto C. Indicatori di qualità 13. Donabedian A. La qualità dell’as-
La qualità condivisa fra servizi sani- dei sistemi sanitari. In Cipolla Op. sistenza sanitaria. Roma: La Nuova
1. Altieri L, Migliozzi D. Una ricerca tari e cittadini. Milano: FrancoAngeli, cit.- N. 1-2, 2006 Italia Scientifica, 1989.
di qualità. La spendibilità della ricer- 2003. 9. Corrao S. Il focus group. Milano: 14. Fiocco PM.. La ricerca progetto.
ca-valutazione nei programmi socia- 5. Cipolla C, Giarelli G, Altieri L. (A FrancoAngeli, 2000. In Cipolla Op. Cit.
li”. In Cipolla Op.cit. cura di). Valutare la qualità in sanità. 10. Dani L. La buona qualità. Milano: 15. Giarelli G. Sistemi sanitari. Mila-
2. Altieri L. A quali condizioni la valu- Milano: FrancoAngeli, 2002. FrancoAngeli, 2003. no: FrancoAngeli ed., 1998.
tazione della qualità percepita dai 6. Cipolla C. (A cura di). Manuale di 11. Degli Espositi L, Valpiani G, Baio 16. Maturo M. Governance ed opzio-
cittadini influisce positivamente sulla Sociologia della Salute II. Ricerca. G. Valutare l’efficacia degli interventi ni deliberative. In Cipolla Op. Cit.
qualità dei professionisti e delle or- Milano: FrancoAngeli,2004. in sanità. Roma: Il Pensiero Scientifi- 17. Vertecchi L. Manuale della valu-
ganizzazioni? 7. Corposanto C. Il ciclo statistico co editore, 2003. tazione – analisi degli apprendimenti
3. Burrato F. Indicatori e ricerca em- della ricerca sociale. Milano: Franco- 12. Deming WE.. L’impresa di quali- e dei contesti. Milano:FrancoAngeli
pirica. In Grazia-Resi. Op. cit. Angeli, 2002. tà. Torino: Isedi ed., 1989. ed., 2003.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 13
Grande successo del convegno di IRC Comunità, a Roma. Ecco una prima sintesi

SE IL LAVORO UCCIDE PER ARRESTO CARDIACO
Stefano Saliola

L
eggendo il titolo verrebbe quasi del problema: dalla prevenzione alla
da dire: se il lavoro uccide, eviti- defibrillazione.
amo di lavorare.A parte le facili Successivamente si è passati al Dr.
battute, il IV° Convegno Nazionale IRC Bruno Papaleo, del Dipartimento Medi-
Comunità che si è tenuto Giovedì 20 cina del Lavoro - ISPESL (Istituto Supe-
novembre a Roma, presso l’Aula riore per la Prevenzione e la Sicurezza
Magna dell’Istituto Superiore Antincendi del Lavoro) con un esaustivo ed effica-
dei Vigili del Fuoco, si è distinto per la ce intervento. Normativa attuale e rela-
qualità eccelsa con cui sono stati tratta- tive criticità: ruolo del medico compe-
ti temi sull’ addestramento ed esecuzio- tente e dell’addetto al primo soccorso.
ne delle manovre di rianimazione car- Questo il titolo del suo intervento, dove Da Sinistra: Dr. Antonio Destro (Presidente
diopolmonare in emergenza, nei luoghi è stato mostrato anche un breve video- IRC-Comunità), Dr. Ing. Michele Di Grezia
(Direttore Istituto Superiore Antincendi),
di lavoro e non solo. I diversi relatori clip sul primo soccorso, indirizzato so- Prof. Antonio Moccaldi (Presidente Ispesl)
hanno portato alla vastissima platea prattutto al mondo del lavoro. Dopo la
(gremita la sala), informazioni, notizie, pausa è stata la volta del Dr. Andrea cezionale ovvero la registrazione voca-
statistiche, criteri e metodi di valutazio- Scapigliati (IRC). Contributo dei fattori le del DAE (Defibrillatore Automatico
ne. Basti dire che in Italia ogni anno di rischio professionali nell’insorgenza Esterno), durante l’intervento di Michele
vengono colpite oltre 50.000 persone dell’arresto cardiaco. Una finestra di ve- Tallinucci, con il quale tenta di salvare
da Morte Cardiaca Improvvisa e di que- ra laicità all’interno del Convegno è sta- (e ci riesce magistralmente!!!) la vita di
sti, una buona parte potrebbe essere ta aperta dall’intervento ANIS (Associa- una donna tedesca, madre della bimba
salvata con le adeguate manovre BLS zione Nazionale Istruttori Subacqueo), che si sente distintamente piangere nel-
(Basic Life Support) e/o con l’utilizzo attraverso il nostro Segretario Stefano le concitate fasi del soccorso. Viene
del Defibrillatore. Saliola, il quale ha brevemente traccia- aperta la terza sessione del Convegno,
Per questo motivo IRC (Italian Resusci- to l’impegno associativo sul primo soc- con l’intervento della Dr.ssa Giovanna
tation Council) e IRC Comunità (l’area corso e sul BLSD in particolare. Cangiano (Dipartimento Medicina del
“laica” o non prettamente sanitaria di A seguire, con il Presidente della Fon- lavoro – ISPESL) dal titolo: Chi inseg-
IRC), si battono da anni per diffondere dazione Giorgio Castelli, sono stati pre- na, cosa, a chi? Ruolo della For-
a tutti i livelli una cultura dell’emergen- miati i casi del cuore, ovvero quelle per- mazione al primo soccorso nei luoghi di
za sanitaria. Un ottimo Convegno ben sone che si sono trovate loro malgrado, lavoro. Molti applausi per la Dr.ssa
organizzato, di livello superiore e sicu- a dover fronteggiare una emergenza Cangiano e successivo intervento del
ramente denso di contenuti. Il benvenu- come un arresto cardiaco. Il Sig. Vin- Dr. Federico Semeraro (IRC), con un
to ai presenti è stato dato dal Dr. cenzo Castelli e il Dr. Antonio Destro, interessante e coinvolgente: Autodidat-
Michele Di Grezia, Direttore dell’Istituto hanno premiato il Sig. Giuseppe Viag- tica e teleformazione. Semeraro ha pre-
Superiore Antincendi e si è poi concre- giano e Michele Tallinucci. so in esame diversi mezzi di comunica-
tizzato nel breve ma esaustivo saluto Proprio questa premiazione ha vissuto zione, tra cui va ricordato il portale FA-
del Vice Capo Dipartimento Vicario Ca- uno dei momenti più importanti di tutto il CEBOOK e SECOND LIFE, dove IRC
po del Corpo nazionale dei vigili del Convegno, in quanto Stefano Mazzei, ha un suo spazio virtuale.
Fuoco, neo Prefetto di Roma Dr. Anto- Istruttore della Società Nazionale Sal- E’ stato il momento della Dr.ssa Grazia
nio Gambardella. E’ stato dunque il mo- vamento, ha portato un documento ec- Mannini, la quale ha presentato uno
mento del Presidente IRC Comunità,
Dr. Antonio Destro, il quale ha introdot-
to i vari argomenti con l’aiuto dei diver-
si moderatori, tra cui il Presidente IRC
Dr. Manrico Gianolio, che ha portato i
saluti della casa madre IRC.
Si è passati da: gli infortuni mortali negli
ambienti di lavoro, con i Dr. Giuseppe
Campo e Armando Guglielmi (Diparti-
mento Processi Organizzativi ISPESL), Dr. Daniele Sbardella
all’intervento anche graffiante a volte Vicepresidente IRC-Comunità Dr. Luca Venturi
del Dr. Maurizio Liberti con: Arresto car- Dr. Antonio Destro Dirigente Superiore Medico Segretario generale
Presidente IRC-Comunità Vigili del Fuoco IRC-Comunità
diaco nei luoghi di lavoro. Dimensioni

Eo 14 Dicembre 2008
studio preliminare sul caso Mini-Anne: report
preliminare dello studio multicentrico. Molti
applausi anche per la Dr.ssa Mannini e suc-
cessivo intervento con l’esperienza di: Co-
UNA STORIA DI
mocuore e la scuola, attraverso la Prof.sa En-
za Rovelli e il Prof. Fabio Berti. Una esperien-
za fantastica sul primo soccorso e che ha
coinvolto 2700 studenti. A chiudere gli inter-
LEADERSHIP
venti, il Dr. Antonio Destro, Presidente IRC
Comunità. Evoluzione del ruolo degli Istruttori
di Comunità: i veri protagonisti del cambia-
TECNOLOGICA
mento. Poche ma significative immagini che
hanno raccontato la situazione BLSD in altri
paesi, spesso considerati “terzo mondo”, ma Fondata nel 1982 da David W. Mortara, PhD in Fisica Nucleare, Mortara
molto più avanti di noi in materia di primo soc- Instrument è leader nel campo della elettrocardiografia diagnostica e del
corso. monitoraggio coronarico. La mission del Gruppo Mortara si ispira ad una
A tirare le fila di tutto il Convegno, il dibattito precisa filosofia: offrire soluzioni semplici ed economicamente accessibi-
finale con i diversi rappresentati di settore: li, che soddisfino al meglio le necessità cliniche. L’azienda ha sede a Mil-
Fabio Pontrandolfi (Confindustria), Luciano waukee (Wisconsin, USA) e dal 1982 si è rapidamente sviluppata anche
Barbato (Cisl), Gabriella Galli (Uil), Bruno Pa- a livello internazionale, con uffici in Germania, Olanda e Australia e una
paleo (ISPESL) e Maria Zagari (Provincia di sede europea a Bologna, Mortara Rangoni Europe, che raccoglie l’eredi-
Roma); pungolati dalle domande del Dr. tà di due rinomate aziende nel campo elettromedicale fino dagli inizi del
Daniele Sbardella (Resp. Medico Vigili del ’900.
Fuoco), altra validissima colonna della buona La presenza sul mercato mondiale è garantita tanto dalle sedi internazio-
riuscita del Convegno stesso, senza contare il nali quanto da una capillare rete di distribuzione.
Segretario IRC Comunità Dr. Luca Venturi e A partire dal 2002 la Mortara Rangoni Europe ha creato una Divisione in-
tutta la Segreteria IRC/IRC-COM. teramente dedicata alle esigenze dell’Emergenza intra ed extra-ospeda-
Un evento di qualità davvero superiore, dove liera, sia del mondo sanitario che laico. Grazie alla Divisione Emergenza,
IRC Comunità incassa molti apprezzamenti Mortara Rangoni Europe si è imposta rapidamente anche nel campo del-
ma soprattutto nuove adesioni di prestigio fra la defibrillazione precoce.
cui l’ISPESL e la SNS (Società Nazionale di Più recentemente, è stata creata la Divisione Telemedicina, per soddisfa-
Salvamento) la più antica organizzazione in re la sempre crescente necessità di diagnosi precoce sul territorio.
materia di soccorso in mare. La giornata però Mortara Rangoni Europe - http://www.mortara.it
è proseguita con l’Assemblea dei Soci e le
elezioni di una parte del Direttivo IRC Comu- Lifeline AED
nità. Sono stati rieletti e quindi riconfermati • Innovazione – Grazie alle caratteristiche tecnologiche più avanzate, è
per l’ottimo lavoro svolto i Soci Dr. Giancarlo il defibrillatore semiautomatico esterno bifasico più apprezzato al mondo
Dolfin, Laura Francesca Valagussa, Luca per l'efficacia con cui ripristina il ritmo cardiaco.
Venturi e tra le • Qualità diagnostica – Tecnologia all'avanguardia per l'elaborazione del
“new entry” il Dr. segnale digitale, con i più affidabili algoritmi per l'analisi del segnale elet-
Carlo Oggioni, al trocardiografico. Lifeline AED supera i requisiti richiesti dall'American He-
quale vanno tutti i art Association e dall'European Resuscitation Council.
nostri migliori au- • Forma d'onda – Forma d'onda basata su principi clinicamente dimostra-
guri di un fervido ti di defibrillazione bifasica e sulla loro accertata efficacia clinica.
lavoro. • Efficacia – Adegua automaticamente la scarica da erogare alle neces-
Il giorno dopo (Ve- sità di ogni singolo
nerdì 21 novembre), sempre nella stessa se- paziente e dà la cer-
de, si è tenuto un Corso BLSDa e un Corso tezza all'utilizzatore
CIC con circa 40 persone in totale. Sotto il co- di effettuare l'inter-
ordinamento del Dr. Giancarlo Dolfin e la vento più appropria-
Dr.ssa Grazia Mannini, tra i to.
docenti anche i nostri Dr. • Utilizzatori – Grazie
Carlo Oggioni e Stefano all'estrema immedia-
Saliola. Ottimamente con- tezza e semplicità di
dotte le varie sessioni e i funzionamento, è non
complimenti di tutti per la solo ottimale per il
grande professionalità personale di pronto
di IRC Comunità. intervento, ma anche
per chiunque a chi si
Ringraziamo il Sig. Stefano Saliola per il ma- trovi in situazione di
teriale fornito emergenza.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 15
Mercoledì 22 ottobre 2008 - Capoliveri (Isola d'Elba)

IL PROGETTO SALVACUORE SALVA UNA VITA
ono da poco passate le 20, la quie- aiuto ad una vittima colpita da arresto car- scarica viene rilasciata. La giovane mam-

S te che avvolge gli ultimi turisti della
stagione ospiti del Campeggio Tal-
linucci di Lacona in cerca di relax, è spez-
diaco.
Non c'è esitazione nei suoi movimenti, lo
capisco dalla lettura del tracciato del defi-
ma non sembra però dare segni di ripre-
sa. Michele inizia il massaggio cardiaco,
contando a voce alta: 1, 2, 3…15, 16,…
zata dalle grida e il pianto di una bambina brillatore, che scorre sullo schermo del 28, 29 e 30 e l'amico inala aria nei polmo-
tedesca che corre lungo il viale cercando mio personal computer. La data card in- ni di Erika per due volte. Resto veramen-
disperatamente aiuto. Solo pochi attimi serita al suo interno ha registrato perfetta- te colpito, Michele esegue il protocollo
prima stava tranquillamente cenando nel mente tutte le fasi del soccorso,comprese delle linee guida IRC alla perfezione, da
suo appartamento insieme al papà e alla le voci dei soccorritori, il pianto della bam- manuale, forse io non avrei potuto fare
giovane mamma Erika, quando questa si bina e il suo papà che continua disperato meglio.
è improvvisamente a chiamare per nome la moglie, mi ven- Passano due minuti, sento le voci sotto-
accasciata a terra priva di sensi. gono i brividi…. Michele posiziona gli elet- fondo delle convulse telefonate al 118,
Michele Tallinuci, che in quel momento è trodi sul torace di Erika e accende il DAE nelle quali si sollecita l'arrivo dell'ambu-
in casa con il resto della famiglia, si preci- alle 20.08, ed inizia ad inviare precisi lanza e che la donna è stata già defibrilla-
pita fuori e va incontro alla bambina per messaggi vocali, con semplici e chiare ta, lo stesso operatore della Centrale
capire cosa sta acca- Operativa 118 di Li-
dendo, "Help Me, vorno stenta a cre-
Help Me" ripete con dere che ci sia un
gli occhi gonfi di lacri- defibrillatore dispo-
me, indicando l'appar- nibile, e che nel frat-
tamento nel quale è tempo autorizza ad
ospite insieme con i erogare una secon-
genitori per una breve da scarica elettrica
vacanze sull'isola. che percorre il tora-
Michele senza esitare ce di Erika e attra-
corre verso l'apparta- versa il suo cuore
mento e al suo inter- che non pompa an-
no trova la giovane cora sangue. Anco-
donna distesa sul pa- ra niente, il suo cor-
vimento e il marito in- po non si muove,
ginocchiato al suo Michele riprende la
fianco che tenta inutil- rianimazione car-
mente di farla respira- diopolmonare, sa
re scuotendola. Il cor- benissimo che non
po della giovane può fermarsi, i suoi
mamma non da alcun movimenti garanti-
segno di vita, il volto è Foto di gruppo del corso BLS-D organizzatto dalla S.N.S. (nel cerchio Michele Tallinucci) scono l'ossigena-
pallido, le labbra di un zione del cervello e
colorito viola… segni inequivocabili. Mi- istruzioni da seguire, che Michele cono- allontanano possibili danni neurologici ir-
chele capisce subito la gravità della situa- sce molto bene, le ha ripetute molte volte reversibili. Michele inizia ad essere stan-
zione, si precipita fuori e ordina al suo al corso BLSD sul manichino, ma questa co, prega affinché arrivi il 118, il tracciato
personale di allertare il 118 e corre più ve- volta davanti a lui c'è una persona vera, ad esclusione dell'onda sinusoidale deri-
loce possibile verso la reception. Il Cam- una mamma di appena 45 anni. Il defibril- vata dalle compressioni toraciche, non ri-
peggio Tallinucci, lo scorso anno ha ade- latore segnala che ha iniziato ad analiz- leva ancora alcuna attività cardiaca consi-
rito all'iniziativa del progetto Salvacuore zare il ritmo cardiaco, e avverte che è stente.
della Società Nazionale di Salvamento e pronto per erogare la prima scarica. Altri due interminabili minuti, il defibrillato-
si è dotato di un defibrillatore semiauto- Nella sua tragicità, questo rappresenta un re riprende ad analizzare l'attività elettrica
matico…… l'unico su 23 campeggi pre- segnale positivo, in quanto significa che del cuore. Michele è ormai stremato. Il re-
senti all'Isola d'Elba.Una manciata di se- c'è una speranza di poter convertire la fi- sponso della diagnosi fatta dall'apparec-
condi e Michele è di nuovo di ritorno con brillazione ventricolare in un ritmo cardia- chio è di erogare ancora una scarica, la
il defibrillatore della Mortara Rangoni, co normale e poter far ripartire il cuore, terza. Michele è già pronto con il dito sul
mentre lo sfila dallo zainetto giallo, riper- che in quel momento non permette una pulsante arancione, il sibilo segnala che il
corre velocemente tutte le fasi del corso regolare ossigenazione del cervello. Mi- defibrillatore ha iniziato a caricarsi, pochi
di primo soccorso BLSD, dove insieme al- chele si assicura che nessuno tocchi la secondi e lancia il messaggio "erogare
la sorella Ilaria e la cugina Valeria,ha ap- vittima, non tralascia davvero nulla, pre- scarica", fatto, Michele non esita di un
preso le manovre necessarie per prestare me il tasto di shock, la millesimo di secondo…. Preme deciso il

Eo 16 Dicembre 2008
tasto di shock.
Questa volta accade il miracolo, a seguito della RCP che Mi-
chele non ha mai interrotto, sul tracciato iniziano a compari-
re dei flebili segnali di attività cardiaca, ma che non sono an-
cora stabili. Michele e il suo amico Giuseppe continuano de-
cisi nelle rianimazione, nelle loro voci si percepisce una de-
terminazione e una forza di volontà straordinaria. Siamo a 8
minuti, il DAE lancia puntuale il messaggio vocale di inter-
rompere qualsiasi attività per permettere di analizzare il rit-
mo cardiaco senza interferenze, pochi secondi e viene ordi-
nata la quarta scarica.
Questa volta lo shock converte il ritmo cardiaco che Miche-
Irc-Comunità premia
le è riuscito a mantenere attivo con le manovre di rianima-
zione, il cuore della giovane mamma inizia di nuovo a batte-
re anche se lentamente, ma non può essere sufficiente per
Michele a Roma per il
far arrivare il sangue ossigenato alle cellule cerebrali e cor-
rettamente Michele continua a sostenere il battito cardiaco
con le compressioni toraciche. Il DAE continua l'analisi e se-
caso del cuore
gnala che non è più necessaria alcuna scarica. Arriva la pri-
ma autoambulanza da Capoliveri, sono passati 18 minuti da Roma 20 novembre 2008 - Lo straordinario salvataggio effettuato lo
quando il defibrillatore è stato attivato. La ragazza del 118 scorso 22 ottobre a Lacona da Michele Tallinucci, che grazie alla
congratulandosi con Michele, attacca l'ossigeno ad Erika , sua preparazione e alla presenza di un defibrillatore, è riuscito a ri-
mentre il medico a bordo della seconda ambulanza prove- portare in vita una giovane mamma di 45 anni, ospite del suo cam-
niente da Portoferraio, giunge sul posto dopo altri 7 minuti e peggio, è stato al centro dell’attenzione del 4° convegno nazionale
a differenza di quanto poteva aspettarsi trova una paziente sulla Defibrillazione dell’Italian Resucitation Council (IRC) organiz-
in vita da stabilizzare. zato a Roma.
Alle 20.41 il defibrillatore viene staccato dal medico poco pri- Alla presenza di una folta platea composta da medici e ricercatori
ma di trasferire Erika sull'ambulanza, oltre 33 minuti dopo da della rianimazione e l’emergenza, provenienti da tutta Italia, è sta-
quando ha erogato la sua prima scarica. Meno di due ore to presentato un video realizzato dal Direttore della sezione elbana
dopo, Erika sarà trasportata dall'elisoccorso in un presidio della Società Nazionale di Salvamento, Stefano Mazzei, che ha in-
ospedaliero sul continente, oggi è fuori pericolo, le ultime no- trodotto quello che ormai è divenuto un simbolo nazionale del pri-
tizie che ci sono giunte dall'ospedale parlano di una lenta ma mo soccorso laico con l’utilizzo del defibrillatore.
costante ripresa, ma soprattutto escludono danni neurologi- Le immagini proiettate sul grande schermo dell’aula magna del-
ci irreversibili. l’Istituto Superiore Antincendi, riportano il tracciato del cuore in fi-
Il progetto Salvacuore, dal 2004 ha portato sull'Isola d'Elba brillazione della giovane mamma, accompagnate dalle voci am-
19 defibrillatori e oltre 250 persone addestrate al suo utiliz- bientali registrate dal defibrillatore, mettendo in risalto tutte le
zo, per questo vorrei ringraziare la Dottoressa Laudano che drammatiche fasi del soccorso: il pianto della bambina, le urla di di-
insieme al sottoscritto è stata la promotrice di questa inizia- sperazione del padre, la determinazione dei soccorritori, i continui
tiva, oltre al Dott. Genovesi Francesco, responsabile del 118 messaggi lanciati dal defibrillatore di erogare la scarica, l’arrivo del-
di Livorno e il Dott. Rabito Roberto responsabile commercia- l’ambulanza dopo 18 interminabili minuti, coinvolgono, sconvolgo-
le della Mortara Rangoni, i quali insieme alla Confesercenti no, commuovono tutti i presenti, che si sentono trascinati dentro il
del Tirreno e alla Banca dell'Elba ci hanno sostenuto fin dal- video, come se anche loro fossero al fianco di Michele, ad esegui-
l'inizio in questa nostra battaglia per la vita. re quelle manovre di rianimazione cardiopolmonare, che hanno
Sono convinto che sia anche merito di queste persone, se permesso di riportare in vita una persona, che senza tale aiuto non
oggi una giovane mamma può riabbracciare la sua piccola avrebbe avuto nessuna possibilità di sopravvivenza.
bambina e il marito, e portare a casa comunque un positivo Al termine della proiezione durata oltre venti minuti, tempo che a
ricordo della nostra isola. Sicuramente deve soprattutto la nessun relatore è stato concesso, il Dott. Destro Antonio, Presiden-
sua vita a Michele e a tutta la Famiglia Tallinucci, che ha te dell’Irc , rimarcando l’eccezionalità del soccorso e della testimo-
avuto la cultura, la sensibilità e la professionalità di com- nianza raccolta, chiama Michele sul palco, che accolto da un lun-
prendere l'importanza del nostro progetto e dotarsi di un de- ghissimo e caloroso applauso, riceve il suo meritato riconoscimen-
fibrillatore, come altri colleghi operatori turistici, anche se to dalla più prestigiosa associazione medico-scientifica nazionale.
purtroppo ancora pochi. In contemporanea veniamo a sapere che anche al convegno Defi-
La speranza è che tale episodio, possa servire a far riflette- brillation day di Bologna, si discuteva del salvataggio effettuato al-
re tutti, specialmente coloro che alla recente assemblea del- l’Elba, e del’importanza del progetto Salvacuore, che ha permesso
l'Associazione Albergatori, parlavano della necessità di "ri- la diffusione della cultura della defibrillazione precoce sull’isola. Un
qualificare i servizi delle imprese turistiche". Chissà se si so- video che ha colpito nel segno, tanto che i relatori che si sono suc-
no mai posti la domanda di quale ritorno d'immagine rica- ceduti nel pomeriggio, lo hanno preso sempre come riferimento nei
drebbe sull'Elba, sapere che ogni struttura turistica, traghet- loro interventi. Gli stessi responsabili del Dipartimento della Medi-
to, supermercato, fosse dotato di un defibrillatore, (dal costo cina del Lavoro ISPESL, ne hanno richiesto l’acquisizione per uti-
di poche centinaia di euro) e di personale addestrato a pre- lizzarlo nella formazione dei propri ricercatori come documento
stare il primo soccorso e quindi capace di salvare una vita? utile per la promozione della prevenzione nei luoghi di lavoro.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 17
ICD Analyst IN LIGURIA
il defibrillatore che avverte se arriva infarto DEFIBRILLATORI
A
scolta il cuore ed è in grado di monitorare continuamente, dal di dentro, la
regolare funzionalità del muscolo cardiaco, rilevando le più lievi variazioni
elettriche dei battiti , con particolare attenzione al segmento ST, che se è IN SEDI LEGA
alterato è un indicatore cruciale di una problematica ischemica in atto, vale
a dire che, in quel momento, in una zona del cuore non sta arrivando sangue. Oppu-
re che la coronaria che porta il sangue in quella zona si sta chiudendo o ha un lume DILETTANTI
insufficiente a far passare la quantità di sangue richiesta.
Stiamo parlando di ICD Analyst tm (Implantable Cardioverter Defibrillator), un nuovis- Prende il via la distribuzione di 105
simo defibrillatore impiantabile che rivoluziona la capacità diagnostica e terapeutica dei defibrillatori, di cui 4 in Liguria, ai co-
dispositivi più tradizionali, presentato a Roma, in anteprima mondiale - nell'ambito del mitati regionali e alle delegazioni
XIII International Symposium on Progress in Clinical Pacing dalla St. Jude Medical, so- provinciali della Lega nazionale Di-
cietà americana del Minnesota che ha sviluppato tutto il sistema compreso il software lettanti, nell'ambito del Progetto Eli-
dedicato. Il dispositivo, che pur non avendo ancora ottenuto l'autorizzazione della FDA, sir. Grazie all'iniziativa della Lega e
ha avuto proprio in questi giorni la certificazione CE per la commercializzazione, è sta- di Technostar, in collaborazione con
to già impiantato in Europa su tre pazienti. Limonta e Poste italiane, entra nel vi-
Come ha detto Massimo Santini, Direttore del Dipartimento di Malattie Cardiovascolari vo la campagna di sensibilizzazione
dell'Ospedale San Filippo Neri di Roma, "Oggi, i cardiologi devono saper coniugare co- sul tema della mortalita' da arresto
noscenza clinica ed utilizzo di tecnologie sempre più complesse" , un bagaglio neces- cardiaco nel gioco del calcio.
sario per fare diagnosi preventive in grado di salvare sempre più vite umane, se si con- La prevenzione si articola capillar-
sidera che l'infarto e le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di mente sul territorio, rivoluzionando
morte nel mondo, ben il 30%,secondo dati 2005 dell'Organizzazione Mondiale della Sa- l'approccio alla tutela della salute
nità. "E' una malattia che dobbiamo assolutamente debellare - ha sottolineato Santini - dell'intero movimento dilettantistico
con la prevenzione contrastando i principali fattori di rischio, come la ipercolesterole- italiano, iniziando dalle sedi periferi-
mia, il diabete, la familiarità, l'ipertensione, il fumo, la sedentarietà e l'obesità". Ma no- che federali dove si organizzeranno
nostante si faccia molto su questo piano, l'infarto è imprevedibile, ha detto Santini, e corsi per il corretto utilizzo di un uti-
scarsamente predittivo con gli attuali mezzi diagnostici. "Il problema è, quindi, monito- le strumento al servizio di chi fa
rare dinamicamente quei segnali che possono essere premonitori di un attacco cardia- sport. "Con la consegna dei defibril-
co. Durante un infarto o un attacco ischemico - precisa - si verificano delle modificazio- latori", ha detto il presidente del Co-
ni del segnale ST, che può apparire alterato con un sopralivellamento o un sottolivella- mitato regionale Liguria della Lega
mento del segmento. In ambedue i casi, vuol dire che è in atto una problematica ische- Dilettanti, Antonio Sonno, "si chiude
mica e cioè che in quel momento in una zona del cuore non sta arrivando sangue o non la prima fase del progetto. L'obietti-
arriva a sufficienza". Queste conoscenze, è stato detto, sono state traslate in un pro- vo finale e' quello di dotare ogni
getto di monitoraggio continuo, un ECG intracardiaco e cioè visto da dentro il cuore, campo di uno strumento in grado di
con il quale si è in grado sia di prevedere eventi acuti e sia di avvisare il paziente che salvare la vita agli atleti".
in quel momento è a rischio infarto. La novità di questo sistema è che aggiunge alla Nel giro di due settimane i defibrilla-
normale funzione di monitoraggio e di regolazione del segnale elettrico cardiaco per in- tori saranno consegnati ai Comitati
tervenire sulle aritmie maligne, anche quella di rilevare e controllare continuamente il Regionali di competenza per poi es-
segnale elettrico del tratto ST, indicatore di possibili eventi ischemici. Questo segnale sere distribuiti in provincia con lo
o elettrogramma viene trasmesso, per via telematica , ai medici che, controllandolo, scopo di rendere piu' visibile la cam-
possono comprendere in quali condizioni si trova il paziente e migliorare le cure per chi, pagna 'pro life' lanciata dalla Lnd.
in quel momento potrebbe essere a rischio di problemi cardiaci. Il dispositivo è dotato Per gli gli incaricati all'utilizzo di
anche di un sistema di allarme che si manifesta attraverso vibrazioni che avvertono i queste apparecchiature 'salvavita' e'
pazienti che c'è qualcosa che non va. Secondo Santini,la valenza di questa tecnologia stato aperto un sito web dedicato do-
è enorme, se si pensa che molti pazienti diabetici, già portatori di defibrillatori vanno in- ve e' possibile scaricare video, leg-
contro con frequenza a fenomeni ischemici anche gravi e spesso silenti. Oltre, il 70% gere news e commenti sui lavori
dei portatori di dispositivi ICD sono affetti anche da malattie delle coronarie. "Questa scientifici, per un loro corretto impie-
tecnologia - ha detto lo scienziato - permette di unire i vantaggi del controllo elettrico a go.
quelli del controllo emodinamico. Costituisce, quindi, una forte evoluzione cui presto si Il costo del totem Elisir, che puo' es-
affiancheranno altri sviluppi significativi, ad esempio, potremo a breve dotarci di dispo- sere portato interamente in detrazio-
sitivi impiantabili senza cateteri, sottocutanei". Ma sarà anche possibile, secondo San- ne, si aggira intorno ai 2.000 euro, tra
tini, unire nella stessa tecnologia capacità di ascolto del cuore, sia per la funzione elet- l'altro finanziabili, per esempio, con
trica che emodinamica e avere apparecchi impiantabili che siano anche in grado di ero- la dilazione del pagamento della tota-
gare farmaci mirati direttamente nel cuore e l'utilizzo di cellule staminali per la ricostru- lita' dell'importo fino a un massimo
zione del sistema elettrico del cuore. di cinque anni.

Eo 18 Dicembre 2008
Promozioni natalizie
Steto Sprague Rappaport type cromato
Uno stetoscopio di precisione adatto a tutti gli usi. Funziona come 5
stetoscopi con 5 usi specifici. Le varie combinazioni permettono di
identificare le frequenze alte o basse e rendono possibile una facile auscultazione anche dei
soffi più deboli. Rappaport è dotato di tre misure differenti di campane, oltre ai due diafram-
mi originali. Colori tubo: arancio, grigio, blu.
Diametro testa grande: 45 mm - diametro testa piccola: 32 mm - Peso 264 gr
Per acquisti di almeno 3 pezzi IN OMAGGIO la targhetta portanome per ciascun stetoscopio

€ 13,00 + Iva
Marsupio professionale
Ha una fascia dorsale rivestita di tessuto traspirante, due tasche a soffietto con cer-
niera, una tasca per inserimento orizzontale penne, una tasca laterale con chiusura
strap. Cintura in nylon regolabile. Mis. 250x90xh170mm - Peso: 300 gr.
€ 14,70 + Iva
Penna Luminosa con LED
Loira marsupio essenziale Tramite un semplice interruttore sfioramento , fa illu-
Due tasche a soffietto con minare il Led sul retro della penna concentrando
cerniera, cintura in nylon re- tutta la luce in una zona centrale. La rotazione del-
golabile la parte prossimale fa uscire il refil. Utilizzabile per
Mis: 245x110xh140 mm 10.000 ore - Lunghezza 130 mm
€ 4,90 + Iva Peso: 200 gr € 11,90 + Iva

Rakaia - Marsupio per gamba
Un contenitore morbido, polivalente, leggero e capiente da portare alla coscia, caratterizzato da un
tratto professionale ed essenziale. Ne risulta un progetto utilizzabile trasversalmente per l´area critica
e la Protezione Civile. Realizzato in Cordura, risulta essere sufficientemente morbido per aumentare la
vestibilità, ma resiste a tutto: non teme l´acqua, il freddo, i lavori più duri e i carichi più gravosi.
Il sistema di regolazione delle cinture è tarato per essere indossato anche con la tuta. Le bordature so-
no rinforzate con un nastro jacquard rifrangente per migliorare la visibilità notturna.
Misure del prodotto: Lunghezza: 230 mm - Larghezza: mm - Altezza: 300 mm
€ 15,00 + Iva
Emergency Room watch si presenta in modo del tutto nuovo e originale. Le sue caratteristiche di-
stintive sono i pulsanti a pompa e la corona spostati sulla sinistra, che consentono di indossare i
guanti senza il rischio di lacerarli. La cassa è di forma tonneau, in acciaio lucido, con anse ben di-
mensionate che si integrano con il bracciale. Sopra di esse è posta una lunetta con incisa una sca-
la tachimetrica a scala 1000. Al di sotto di un vetro bombato antiurto è posto il quadrante nero
con indici e bastone. Al loro esterno è posta una scala pulsometrica su fondo rosso con base 15 e
una respirometrica su fondo blu con base 15. Tre quadranti supplementari indicano rispettivamen-
te il contatore dei minuti, delle ore del cronografo e dei secondi continui. Fra le ore 7 e 8 è posta
poi la finestrella del datario, con numeri stampati in nero su fondo bianco. Le lancette sono di ti-
Destro po dauphine, scheletrate e luminescenti per le ore, e freccione per i secondi. Sinistro

Emergency Room watch con custodia € 147,00 + Iva
in più con ogni singolo acquisto riceverete in omaggio dei biglietti natalizi con busta

www.emergencyoutlet.it
Il benessere
psicologico
dei soccorritori Gabriele Prati, Luca Pietrantoni
Dipartimento di scienze dell’educazione, Università di Bologna

ella letteratura scientifica inter- Tuttavia l’esperienza traumatica di un (Figley 1995).

N
nazionale si registra un cre- soccorritore può non derivare necessaria- Un secondo filone di ricerca sul benesse-
scente interesse nei confronti mente dall’esposizione all’evento in prima re dei soccorritori si è centrato sulla sin-
del benessere psicologico dei persona, ma dalla relazione di aiuto con drome da burnout intesa come una com-
soccorritori. Vigili del Fuoco, la persona soccorsa che sta soffrendo ed binazione di esaurimento emotivo, deper-
operatori del 118, della pubblica assi- è in stato di shock. Per esempio un soc- sonalizzazione e senso di ridotta efficien-
stenza o della Croce Rossa sono espo- corritore intervenuto nell’incidente ferro- za nello svolgimento della professione.
sti, nel corso del loro servizio, a eventi viario di Crevalcore ha provato un forte di- L’esaurimento emotivo è il sentimento di
particolarmente stressanti che posso- sagio quando ha saputo che una persona mancare dell’energia necessaria per af-
no compromettere il loro benessere. soccorsa con la quale aveva stabilito un frontare la realtà quotidiana: il soccorrito-
Gli eventi critici di servizio, nello speci- rapporto emotivo era morta nel tragitto in re sperimenta apatia e distacco emotivo
fico, riguardano tutti quegli eventi che ospedale. In tale circostanza il soccorrito- nei confronti del lavoro e si sente svuota-
possono avere un impatto emotivo sui re aveva cercato in tutti i modi di rappor- to e sfinito. La depersonalizzazione consi-
soccorritori poiché comportano il con- tarsi e di tenere in stato cosciente la per- ste nell’atteggiamento di distacco e ostili-
fronto con morte o minaccia all’integri- sona incastrata fra le lamiere nell’attesa tà nei confronti della relazione professio-
tà delle persone soccorse. Esempi di che venisse estricata. Questo esempio nale (freddezza, cinismo): il soccorritore
eventi critici maggiormente citati come mette bene in evidenza quanto un evento tenta di sottrarsi al coinvolgimento, limi-
particolarmente stressanti sono il soc- traumatico possa avere un impatto anche tando quantità e qualità dei propri inter-
corso a bambini feriti, incidenti con più solo se vissuto indirettamente e dopo che venti professionali. Infine la ridotta effi-
morti come le maxi-emergenze o l’ac- si è stabilito una relazione con la vittima. cienza nello svolgimento della professio-
cadimento di inconvenienti con conse- A partire dai primi anni Ottanta un ricerca- ne riguarda il sentimento di “fallimento
guente ritardo fatale nei soccorsi. tore di nome Figley ha introdotto il concet- professionale” per la percezione della
L’esposizione a tali eventi si verifica su to di stress traumatico secondario definito propria inadeguatezza al lavoro, con la
due fronti: da un lato gli operatori af- come la reazione comportamentale ed consapevolezza del disinteresse e dell’in-
frontano l’incidente critico in sé e dal- emotiva alla conoscenza di eventi trau- tolleranza verso la relazione. Il burnout ri-
l’altro si trovano a prestare aiuto agli matici sperimentati da altri o in seguito al- sulta associato ad un ampio ventaglio di
individui coinvolti dall’evento. La lette- l’aiuto o al tentativo di aiuto di persone caratteristiche tipiche del lavoro di soc-
ratura scientifica ha evidenziato che il traumatizzate. Se si esclude il fatto che in corso. Maslach, Schaufeli e Leiter (2001)
benessere psicologico è strettamente questa particolare condizione l’esposizio- sottolineano tra queste la percezione del
legato all’intensità e alla frequenza del- ne all’evento traumatico è indiretta, la ti- carico (o sovraccarico) di lavoro, la pres-
l’esposizione a eventi critici di servizio. pologia di sintomi che ne consegue è la sione temporale, gli stressor riferiti alla re-
In tema di benessere dei soccorritori, le stessa riscontrabile in un quadro clinico di lazione con l’utenza del soccorso (ad es.
ricerche hanno considerato diversi ele- disturbo da stress post-traumatico – pen- le problematiche di interazione con le vit-
menti. Un primo filone di ricerca si è fo- sieri intrusivi, evitamento, aumento del- time di un evento traumatico o il confron-
calizzato sul disturbo post-traumatico l’arousal e più in generale una compro- tarsi ripetutamente con la morte) e le ri-
da stress. Le persone affette da tale di- missione del funzionamento dell’indivi- chieste emotive derivanti dalla professio-
sturbo tendono a rivivere l’esperienza duo. Lo stesso Figley ha proposto suc- ne in sé, in particolare dal contrasto tra il
traumatica, per esempio sotto forma di cessivamente il costrutto di compassion raggiungimento di una performance lavo-
incubi o flashback, e a evitare luoghi, fatigue, traducibile con l’“affaticamento rativa ottimale (necessità di sopprimere le
situazioni e stimoli che si collegano al- della compartecipazione” per indicare il proprie emozioni sul lavoro) e il fatto di
l’evento negativo. Per esempio un soc- logorio psicologico derivato da sentimenti avere un ruolo da caregiver nei confronti
corritore può provare difficoltà ad at- di profonda condivisione del disagio altrui di un’utenza (necessità di mostrare em-
traversare un incrocio in cui ha visto e accompagnati da un forte desiderio di patia).
morire una famiglia con bambini. alleviarne il dolore o eliminarne la causa La sindrome di burnout si differenzia dai

Eo 20 Dicembre 2008
precedenti disturbi legati al trauma poiché ne, ossia da compilare via internet. Ai nello svolgimento di questa professione
non è caratterizzato da un’insorgenza partecipanti è stata somministrata la sca- (Figura 1). Ancora una volta i VVF riporta-
acuta e improvvisa ma si sviluppa gra- la ProQOL R-IV (Stamm, 2005) che va ad no punteggi più alti rispetto agli operatori
dualmente ed è derivato maggiormente indagare il benessere professionale dei sanitari.
da fonti di stress occupazionali come il soccorritori tenendo in considerazione tre In questa ricerca ci siamo chiesti se i
carico di lavoro, la pressione temporale, e dimensioni: compassion satisfaction, bur- soccorritori professionisti riportino un
le difficoltà nella relazione con un’utenza nout e compassion fatigue. Ogni item è diverso benessere psicologico rispetto ai
portatrice di disagio ma non necessaria- misurato su una scala da 1 = mai, 2 = ra- volontari. I risultati mostrano che i
mente traumatizzata. ramente, 3 = qualche volta, 4 = spesso, a volontari riportano da una parte minore
Il limite principale di questi due filoni di ri- 5 = molto spesso. compassio fatigue e burnout e dall’altra
cerca sul benessere dei soccorritori ri- In figura 1 è possibile osservare il punteg- parte un maggiore senso di soddisfazione
guarda il fatto che prende in considerazio- gio medio totale della compassion fatigue lavorativa (figura 2). Le spiegazioni che si
ne solo aspetti negativi. In altri termini il e la media per i Vigili del Fuoco e gli ope- possono offrire sono parecchie. Prima di
benessere dei soccorritori non può esse- ratori sanitari, i due gruppi più numerosi in tutto risulta chiaramente che la scelta di
re concepito solo come un’assenza di di- questo studio. In media i soccorritori del fare il soccorritore volontario deriva da
sturbi i sindromi ma va inteso anche co- nostro studio mostrano di riportare rara- una capacità maggiore di trarre
me soddisfazione professionale. Nella mente i sintomi della compassion fatigue. gratificazione dal lavoro rispetto al
nostra esperienza abbiamo incontrato Questo risultato dimostra quanto gli ope- professionista. In latre parole se il
tanti soccorritori che riportavano un gran- ratori possano essere, tutto sommato, re- volontario non trova una realizzaizone
de senso di soddisfazione derivato dal lo- silienti, ossia in grado di resistere all’im- personale in questa attività tenderà a
ro lavoro. Per tale motivo si sta diffonden- patto di eventi traumatici vissuti sul lavo- lasciare l’associazione o l’ente, mentre lo
do sempre più nella letteratura internazio- ro. I Vigili del Fuoco (VVF), tuttavia, appa- stesso non si può dire per un
nale un terzo filone nello studio del be- iono essere più colpiti dai sintomi di com- professionista. Per quest’ultimo, infatti,
nessere psicologico dei soccorritori. A passion fatigue rispetto agli operatori sa- lasciare il posto di lavoro può avere dei
questo proposito Stamm (2002) ha intro- nitari. È possibile che i VVF siano meno costi e degli svantaggi che non
dotto il concetto di compassion satisfac- preparati ad affrontare difficoltà dal punto consentono di considerare l’uscita con
tion per descrivere gli effetti positivi che di vista emotivo rispetto a quanto lo pos- altrettanta facilità. In altre parole, i soccor-
un individuo può derivare dal lavorare con sano essere gli operatori sanitari. Va inol- ritori volontari possono abbandonare l’at-
persone traumatizzate o sofferenti, fra cui tre considerato che i VVF possono avere tività senza troppi svantaggi in qualsiasi
sensazioni positive rispetto all’aiutare gli un maggiore contatto con le vittime di in- momento se la scelta non è più motivo di
altri, al contribuire al bene della società e cidenti poiché hanno il compito di portarle soddisfazione o è fonte di disagio. Inoltre
più in generale il piacere di “fare bene il fuori dal pericolo. bisogna considerare che i soccorritori
proprio lavoro”. Fra le componenti della professionisti sono esposti a un numero
soddisfazione nel lavoro di soccorso, gli maggiore di incidenti critici poiché hanno
operatori riportano di provare un senso di un più elevato numero di ore di servizio.
piacere e di soddisfazione collegato alle Un tempo maggiore speso sul lavoro
attività lavorative. Il senso di soddisfazio- comporta l’esposizione a fonti di stress e
ne si tramuta in un senso di orgoglio in ultima battuta a maggiore disagio.
quando ai soccorritori è stato chiesto di
pensare al proprio contributo in termini di
abilità e di risultati ottenuti. Una parte
considerevole dei soccorritori concepisce
questa attività come arricchente dal pun-
to di vista professionale e personale. Con
l’inclusione del concetto di soddisfazione
legata al lavoro di soccorso, il concetto di
benessere psicologico dei soccorritori as-
sume una sua definizione più vicina a una
prospettiva “saluto-centrica”. FIGURA 1
Se nella letteratura internazione vi è un
crescente interesse attorno a questo ar- L’analisi della scala del burnout ha messo
gomento, in Italia, tuttavia, il tema del be- in evidenza risultati simili a quelli della
nessere dei soccorritori risulta poco stu- compassion fatigue (Figura 1). L’impatto
diato e preso in considerazione. Per col- del burnout risulta essere nel complesso
mare tale lacuna il gruppo di ricerca e in- moderato. I VVF dimostrano di subire FIGURA 2
tervento in psicologia dell’emergenza del- maggiormente il peso di fonti di stress la-
l’Università di Bologna ha condotto un vorative croniche come dimostra la diffe- In conclusione questa indagine ha il meri-
progetto di ricerca specifico su questo ar- renza nei punteggi. to di essere una delle poche, fra quelle
gomento. La ricerca ha coinvolto più di I punteggi della compassion satisfaction condotte in Italia, sul tema del benessere
mille soccorritori (Vigili del fuoco, Croce risultano essere più elevati: in media i dei soccorritori. I risultati hanno messo in
rossa, 118, pubblica assistenza, Protezio- soccorritori che hanno partecipato a que- luce che la popolazione dei soccorritori
ne civile, ecc.) e si è avvalsa di un que- sta ricerca riportano di provare spesso un riesce a fronteggiare mediamente con
stionario nella versione cartacea e on li- senso di soddisfazione e gratificazione successo le sfide emotive poste da que-

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 21
sta professione. Inoltre i dati mostrano che i soccorritori prova-
no un forte senso di soddisfazione connesso al loro lavoro.
Queste considerazioni sono basate sull’analisi dei punteggi me-
IL MEDICO IN
di per cui se ne evince che una minoranza di soccorritori prova
stati di disagio a livelli importanti e/o trae poca gratificazione dal CUCINA
proprio lavoro.
Infine i dati hanno mostrato differenze interessanti tra i gruppi
Consigli dietetici per
considerati. Da una parte i VVF mostrano maggiori livelli di buongustai
compassion satisfaction ma contemporaneamente anche di
burnout e di compassion fatigue. Per quanto riguarda la com- A. GAETINI
passion satisfaction possiamo chiamare in causa aspetti relati-
vi al momento dell’incidente critico in cui si presta soccorso e al- 672 pagine.
la tipologia di soccorso in sé (si pensi ad esempio a una situa- Edizione 2008
zione di incidente stradale, in cui il compito di un Vigile del fuo-
co è quello di estricare la vittima dalle lamiere mentre quello di € 35,00
un sanitario è di stabilizzarla e successivamente cercare di sal-
varle la vita): in altri termini, la riuscita di un soccorso tecnico Questo volume, nel rispetto della migliore tradizione culinaria ita-
non è sempre dipendente dalla salvaguardia dell’incolumità del- liana, è dedicato alle persone che, affette dalle più frequenti e co-
le vittime. Allo stesso modo, chi presta soccorso tecnico può muni patologie mediche e chirurgiche, desiderano alimentarsi in
trovarsi spesso ad affrontare quadri di intervento fortemente modo salutare e congruo.
stressanti in misura maggiore rispetto a chi presta un soccorso Il testo si compone di 36 capitoli ognuno dei quali affronta le ne-
sanitario (per riprendere l’esempio precedente, il primo inter- cessità dietetico- alimentari consigliabili per le diverse patologie.
vento sulle lamiere di un veicolo incidentato è generalmente a Illustri medici specialisti descrivono, in modo semplice ma com-
carico dei VVF): questo potrebbe spiegare la differenza nei li- pleto, le diverse problematiche cliniche correlandole alle relative
velli di compassion fatigue riportata all’interno del nostro cam- esigenze alimentari, compresi i consigli sulla tipologia di alimenti
pione. da preferire e consumare. Sulla scorta di tali indicazioni i cuochi
Dall’altra parte i soccorritori volontari tendono a riportare mino- riportano una serie di ricette culinarie che rispondono a pieno tito-
ri sintomi di disagio e un maggiore senso di soddisfazione. Si è lo sia alle esigenze cliniche delle diverse patologie, sia a quelle
visto che la maggiore facilità con la quale si può abbandonare delle persone che desiderano comunque alimentarsi da veri
l’attività e la minore esposizione a fonti di stress da parte dei vo- “buongustai”.
lontari possono spiegare le differenze rispetto ai professionisti. Il volume insegna infatti, in modo dettagliato, come preparare ot-
I risultati di questa ricerca mostrano come il lavoro di soccorso timi e gustosissimi piatti che derivano prevalentemente dalla cul-
non possa essere considerato necessariamente a rischio dal tura dietetica Mediterranea. Le ricette sono descritte in modo
punto di vista del benessere psicologico. Tuttavia va rilevato chiaro e semplice allo scopo di facilitarne al massimo la realizza-
che una minoranza di soccorritori, soprattutto fra i professioni- zione. Sono articolate in antipasti, primi, secondi piatti e dessert.
sti, possono provare uno stato di disagio presumibilmente ri- Tali preparazioni alimentari offrono in ogni caso a tutti la possibi-
conducibile agli eventi critici di servizio. Pertanto si rende ne- lità di adottare, nella alimentazione quotidiana, delle ottime e pra-
cessario effettuare interventi in senso preventivo e riabilitativo tiche pietanze rispettose della buona salute fisica. Questo volu-
volti a ridurre il rischio per la salute mentale. Gli interventi di ti- me, a differenza della maggior parte di altri testi di cucina, com-
po preventivo possono essere rivolti a tutti gli operatori allo sco- pleta un argomento di fondamentale importanza perché, rivolgen-
po di prepararli a eventi critici di servizio. Gli interventi di tipo dosi alle persone che hanno bisogno di speciali attenzioni nella
riabilitativo, invece, devono essere rivolti solamente a quella mi- scelta di particolari alimenti, anche in termini di genuinità e sicu-
noranza di soccorritori che, per tutta una serie di ragioni, hanno rezza alimentare, aiutano a stimolare il desiderio del buon cibo e
subito in modo significativo l’impatto emotivo di eventi critici di a utilizzare quei particolari elementi o accorgimenti nutrizionali
servizio. La letteratura internazionale sembra suggerire l’utilità che sono necessari per una corretta e, allo stesso tempo, gusto-
di servizi di supporto tra pari. I servizi di supporto tra pari con- sa alimentazione. Per poter rendere possibile l’integrazione e la
sistono nell’addestramento di alcuni soccorritori (i pari) allo sco- realizzazione pratica di tali importanti esigenze, alla stesura del
po di renderli in grado di offrire una relazione di aiuto con il col- testo hanno partecipato:
lega o con i colleghi coinvolti in una situazione critica, di valuta- - illustri specialisti della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Uni-
re la situazione ed eventualmente di fungere da ponte con i pro- versità degli Studi di Torino e dell’Azienda Ospedaliera S. Giovan-
fessionisti della salute mentale effettuando un invio in caso di ni Battista della città di Torino, che hanno messo a disposizione
bisogno (Pietrantoni e Prati, in corso di stampa). le loro grandi competenze cliniche;
- importanti professori nutrizionisti e cuochi delle più prestigiose
Scuole Alberghiere del Piemonte che hanno tradotto in pratica le
Bibliografia Stamm BH Measuring compassion
Figley CR Compassion fatigue: Cop- satisfaction as well as fatigue: Devel-
indicazioni e i consigli dei clinici.Il volume rappresenta quindi una
ing with secondary traumatic stress opmental history of the compassion pietra miliare e un esempio per un nuovo indirizzo dell’arte culina-
disorder in those who treat the trau- satisfaction and fatigue test. In C. R. ria che, oltre che a essere di grande aiuto per le persone affette
matized. New York: Brunner-Mazel, Figley (ed.), Treating compassion fa- da patologie, si rivela di estrema utilità per tutti coloro che inten-
1995. tigue (pp. 107–119). New York: Brun-
Maslach C, Schaufeli WB, Leiter MP ner-Routledge, 2002. dono perseguire una sana e corretta alimentazione senza rinun-
Job Burnout. Annual Review of Psy- Stamm BH The professional quality of ciare a gustose preparazioni culinarie.
chology, 52:397–422, 2001. life scale: compassion satisfaction,
Pietrantoni L, Prati G. Psicologia del- burnout, and compassion fatigue/sec-
l’emergenza. Il Mulino, in corso di ondary trauma scales. Latherville, MD:
Per acquistare il volume:
stampa. Sidran Press, 2005. Tel. 06/85355798 oppure www.emergencyoggi.it

Eo 22 Dicembre 2008
libri • dal mondo • congressi tecnologie • libri • news •

CROCE ROSSA. Pronti oltre 300 Varese
mezzi e 5000 operatori
Ridisegnato il sito del servizio
Al via l’edizione 2009 del Piano di Protezione Civile
ella Provincia di Milano e di Monza - Brianza di emergenza urgenza
Un portale con tante notizie utili per i cittadini e per le associazioni
Sono 5000 gli operatori della Croce Rossa delle
province di Milano e di Monza-Brianza apparte-
nenti ai 41 “CRI points” presenti nel territorio, che Il 118 è on line: informazione, formazione e curiosità.
costituiscono parte fondamentale del Piano Pro- Ci sono le attività, le foto, i progetti, il meteo, i consigli, gli indirizzi.
vinciale di Protezione Civile CRI 2009. Quel pia- E ancora, statistiche, la storia, indicazioni tecniche e protocolli di intervento.
no che, in pochissimo tempo, è in grado di mobi- Sul nuovissimo sito del 118, www.118varese.org, si trovano tutte le notizie
litare e movimentare centinaia di operatori spe- legate al servizio dell'emergenza urgenza della provincia, informazioni utili,
cializzati e più di 300 mezzi dell'autoparco pro- ma anche "tempo libero", album fotografico ( con la possibilità per gli utenti
vinciale, potendo così fornire una pronta risposta di qualsiasi genere di inviarle e vederle pubblicate ).
agli eventi, come dimostrato in diverse occasioni, Aggiornato in tempo reale è completo per qualità e quantità di informazioni,
sia in ambito provinciale, che in ambito interna- utili soprattutto alle associazioni che si muovono in campo sanitario e che
zionale. Un impegno iniziato in occasione del ter- possono richiedere materiali on line, compilare vari moduli, inviare aggior-
remoto di Reggio Calabria e Messina del 1908 e namenti sulle loro attività, sui protocolli, sulle disposizioni.
proseguito fino ai giorni nostri: dai campi profughi Un sito di informazione, formazione ma anche interattivo per l'utenza priva-
dell'Albania, al disastro aereo di Linate del 2001, ta che ci può trovare i turni delle farmacie di tutto il bacino di utenza del 118,
dalla guerra in Irak, allo Tsunami in Sri Lanka, dal i numeri utili guardia medica con le competenze territoriali di ognuna, la
crollo del palazzo di via Lomellina del 2006, alle possibilità di contattare il servizio on line tramite modulo e la possibilità di
diverse missioni umanitarie svolte nei Paesi bal- contattare personalmente i responsabili dei vari progetti.
canici, in Darfur, Libano, Afghanistan e in Geor- Un vero e proprio portale che raccoglie tutte le attività che coinvolgono il ser-
gia. vizio 118, non solo soccorso ma anche progetti destinati ai giovani, piutto-
Nei giorni scorsi la Divisione “Emergenze e Pro- sto che direttive in occasioni speciali che riguardano la popolazione (maxie-
tezione Civile” del Comitato Provinciale della mergenze, water rescue, protocollo neve,..).
Croce Rossa di Milano e di Monza-Brianza (DI- Il sito, appena restaurato, è ora al vaglio del gradimento popolare, con un
VEM) ha messo a punto il piano Provinciale di sondaggio che campeggia ben evidente nella home. Una richiesta di aiuto
Protezione Civile del 2009 che quest'anno si ar- per migliorare, se possibile, la comunicazione con cittadini e associazioni in
ricchisce di una novità: il progetto CRI “Area Sa- un campo fondamentale che è quello dell'assistenza in situazioni di urgenza.
nitaria Protetta” una struttura di accoglienza cam-
pale per emergenze o disastri, finalizzato al rico-
vero ospedaliero o l’ospitalità di fasce particolar-
mente vulnerabili. Una importante struttura cam-
pale, complessa e poliedrica di accoglienza sani-
taria mobile di secondo livello, anche avio-tra-
Scanner ecografici sulle ambulanze
sportabile, attivabile e dispiegabile in ogni tipo di
“teatro”, sia esso di catastrofe o di guerra, in Ita-
connessi in wi-fi col reparto?
lia o all’estero in grado di assistere almeno 80 Dotare le ambulanze di scanner a ultrasuoni portatili in grado di trasmettere in
persone (di cui 18 assistite da ossigenoterapia). tempo reale le immagini ai reparti di Pronto Soccorso accelerando i tempi di dia-
Un progetto finanziato da Fondazione Cariplo e gnosi: è una sperimentazione che ha dato ottimi risultati riportata dalla rivista
da A.O. “Ospedale Maggiore di Niguarda–Mila- specializzata Telemedicine and e-Health. Nell’ambito del progetto Mobile Ho-
no” e realizzato con la collaborazione attiva del spital Emergency Medical Systems (MHEMS), i ricercatori del National Taiwan
SSUEm 118 di Milano. Il Piano Provinciale di University Hospital di Taipei hanno implementato un servizio di pre-ospedaliz-
Protezione Civile 2009 prevede, per le sole ma- zazione da effettuare sulle ambulanze grazie a personale opportunamente ad-
xi emergenze, la mobilitazione di un terzo della destrato e alla presenza di apparecchiature in grado di effettuare ecografie e
forza, tra ambulanze e mezzi speciali in grado trasmetterle wi-fi in tempo reale in reparto, dove il medico di Pronto Soccorso
di essere dispiegate entro 30 minuti, oltre a destinato a prendere in carico quello specifico paziente può già effettuare una
centinaia di operatori appartenenti sia al perso- prima valutazione diagnostica. “La conformazione geografica di Taiwan, che ha
nale dipendente che alle sei componenti volon- zone impervie e montagnose, e la distribuzione ineguale delle strutture sanita-
taristiche che integrano la Croce Rossa tra cui rie fa sì che i trasferimenti al Pronto Soccorso siano a volte molto lunghi”, spie-
31 medici, 58 infermieri, 18 unità cinofile, 190 ga Mei-Ju Su, leader del team di ricercatori asiatici. “D’altra parte però gli equi-
operatori socio assistenziali, 30 elettricisti, 44 paggi delle ambulanze, se addestrati, hanno molto tempo a disposizione per ef-
cuochi e 10 psicologi. fettuare valutazioni dei pazienti e primi interventi”.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 23
>>> Emilia Romagna

Inaugurato il nuovo Pronto Soccorso dell’ospedale di Budrio
Più che triplicato il
nuovo Pronto Soccor-
so dell’ospedale di
Budrio. 622 metri
quadri rispetto ai 185
del precedente, mi-
gliorano anche com-
fort e qualità delle
prestazioni.

Da sinistra: F. Ripa Di Meana, G. Barigazzi, G. Bissoni, C. Castelli, N. Binetti

Il nuovo Pronto Soccorso, per il quale nata con l’operatività di tutti i reparti en- te è possibile registrare continuamente
sono stati investiti 1.600.000 euro, ri- tro aprile 2009. la pressione arteriosa, saturazione di
sponde così all’aumento di richiesta di Il nuovo Pronto Soccorso è dotato di in- ossigeno e il ritmo cardiaco. I parametri
prestazioni di emergenza registrato nel gresso autonomo, camera calda con sono costantemente visualizzati oltre
territorio di Budrio: gli accessi al Pronto porte automatiche, triage per la prima che sui monitor collegati alla postazione
Soccorso nel periodo gennaio ottobre valutazione, 3 ambulatori di visita, 4 po- anche dalla postazione centrale di tria-
del 2008, infatti, sono stati 14.483, oltre stazioni di osservazione con servizi ge in modo da garantire un controllo co-
il 5% in più rispetto allo stesso periodo igienici dedicati, area di attesa, deposi- stante.
del 2007. Il nuovo Pronto Soccorso, ti e spazi di servizio per il personale.
inaugurato il 24 novembre, sarà opera- Il nuovo Pronto Soccorso permette di Il triage
tivo dal 4 dicembre prossimo. accogliere i cittadini in un contesto di Fulcro dell’accettazione è la postazione
Operano nel Pronto Soccorso del- maggior comfort ed efficienza.Inoltre, è di triage strutturata in un open space
l’Ospedale di Budrio: 12 medici, 26 in- stata creata una viabilità dedicata al- per garantire la massima sorveglianza
fermieri, 12 operatori tecnici e 4 Opera- l'emergenza. dell’ambiente e consentire la migliore
tori Socio Sanitari. L’attivazione del La struttura è stata costruita nel rispet- interazione con il cittadino ricoverato in
nuovo Pronto Soccorso è la prima tap- to degli standard più recenti per con- Pronto Soccorso. Contestualmente so-
pa della realizzazione dell’ampliamento sentire in primo luogo la risposta più no state studiate soluzioni per garantire
dell’ospedale di Budrio che sarà termi- tempestiva ed efficace alle emergenze al contempo anche la dovuta privacy.
– urgenze.
Gli ambulatori
Le aree del Pronto Soccorso Gli ambulatori sono 3, uno dei quali più
Gli spazi articolati in area di accettazio- specificamente allestito per l’emergen-
ne, ambulatori, area di osservazione e za con lettino tecnologico pensile a sof-
area di attesa, consentono percorsi fitto, di facile manovrabilità su cui sono
snelli anche per l’attività più di routine. posizionate le prese per i gas medicali,
monitor defibrillatore, pompa siringa,
L’Osservazione Breve Intensiva comodi attacchi per le flebo. Completa
Potenziata da 1 a 4 postazioni, di cui 2 l’allestimento di questo ambulatorio un
monitorizzate, l’ Osservazione Breve ventilatore meccanico e carrelli tecnolo-
Intensiva. Nelle postazioni monitorizza- gicamente avanzati e di diverso colore

Eo 24 Dicembre 2008
in rapporto al materiale contenuto e dedicato a specifici
interventi (carrello pediatrico, chirurgico, per l’urgenza
sull’adulto).
L’arredo è stato predisposto in modo da poter interveni-
re efficacemente in qualsiasi situazione, senza incontra-
re ostacoli ed avendo tutto a portata di mano.

La camera calda
Rispetto al precedente, il nuovo Pronto Soccorso dispo-
ne anche di un’ampia camera calda, uno spazio specifi-
catamente dedicato e riservato all’arrivo del paziente in
ambulanza o con mezzo proprio. Questo spazio riserva-
to consente una maggiore facilità di manovra nella ge-
stione del paziente.

La regolazione ambientale
Il nuovo Pronto Soccorso è stato realizzato con le più
moderne tecnologie impiantistiche per di garantire com-
fort e sicurezza ai pazienti ed agli operatori. Particolare
cura è stata posta alle finiture, ai colori, all'illuminazione
ed agli arredi con una elevata qualità estetica e funzio-
nale e all'impianto di regolazione ambientale, per otte-
nere sempre i migliori rendimenti. Gli impianti sono do-
tati di un sistema di supervisione centralizzato che con-
sente un controllo continuo dei parametri ambientali ed
una gestione unica di tutti gli allarmi tramite computer
(sicurezza antincendio, impianti tecnologici, ascensori).

Il nuovo ospedale
L’apertura del Pronto Soccorso è la prima tappa dell’at-
tivazione di tutto l’ampliamento dell’ospedale ormai
completato: entro aprile sarà operativo il nuovo atrio
d’ingresso, il nuovo Cup ed il bar, e verranno trasferite
le unità operative di Medicina Interna, Chirurgia Gene-
rale, Otorinolaringoiatria e Ginecologia. Nella nuova
struttura verrà garantita una migliore funzionalità, orga-
nizzazione e comfort per i degenti. Nello stesso periodo
verrà attivata la radiologia che sarà dotata di attrezzatu-
re di radiologia tradizionale e Tac completamente rinno-
vate.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it
libri dal mondo • congressi • tecnolo

La MDA aumenta il
numero dei soccorritori
nel settore arabo

In Israele il tasso d’infortuni tra i bambini del settore arabo è qua- E’ stato possibile organizzare un programma specifico di 44 ore
si il doppio rispetto a quello ebraico. Per questo motivo la Ma- di lezioni grazie alla cooperazione tra MDA, la Croce Rossa In-
gen David Adom e la Croce Rossa addestreranno gli studen- ternazionale, le autorità locali e le principali scuole superiori.
ti come operatori di primo soccorso. Il programma su vasta scala, quindi non sarà rivolto solo agli
Il settore arabo rappresenta il 20% degli abitanti d’Israele, ma studenti ma anche a tutti gli adulti, e prevede il seguente pro-
il tasso d’infortuni per i bambini sulle strade o in casa, è mol- gramma di studio:
to alto; cadute, folgorazioni, annegamenti, soffocamenti, bru- Introduzione al primo soccorso, primo controllo medico sulle
ciature, etc. rappresentano gli incidenti più comuni e il nume- persone infortunate, valutazione sullo stato d’incoscienza in-
ro d’incidenti è’ destinato a salire. cludendo gli attacchi e gli arresti cardiaci, ferite e bruciature, le-
Venerdì 21 Novembre, ha avuto luogo il primo corso presso sioni alla testa, al torace e allo stomaco, ferite causate da ani-
la Scuola superiore a Um El Fahm (in Galilea), invitata anche mali, valutazione delle malattie e delle lesioni.
la stampa. Alle lezioni di teoria seguirà la parte pratica
Le lezioni saranno date in arabo dal para- La Magen David Adom e la che prevede la respirazione artificiale e il
medico della Magen David Adom Wissam
Zoabi.
Croce Rossa addestreranno gli massaggio cardiaco, l’arresto delle emor-
ragie, l’aggiustamento delle fratture e il
I dati pubblicizzati sono allarmanti e il pro- studenti come operatori bendaggio.
blema molto serio, e per tale ragione il Oltre le nozioni di primo soccorso, la Ma-
Direttore Generale della MDA, Eli Bin, ha
di primo soccorso gen David Adom organizzerà delle” Gior-
incaricato Natan Kudinsky, Direttore del nate della salute”, che saranno pubbliciz-
Dipartimento di formazione, di aumentare i corsi nel settore zate dai locali mass media e rivolte a tutta la popolazione pro-
arabo, specialmente tra gli adolescenti e di svolgere tali atti- prio per ridurre il tasso di mortalità tra i bambini arabi, vitti-
vità su larga scala a partire da questa data e per tutto il 2009. me di soffocamento da cibo e da piccoli oggetti quali bottoni,
La formazione degli studenti nelle città arabe, consentirà loro monete, noci,caramelle, monete, anelli etc. Si spiegherà in
di fornire una prima rapida risposta ai feriti prima che gli equi- maniera chiara e semplice come il coordinamento tra il siste-
paggi professionali della MDA arrivino, in modo da aumentare ma di masticazione e il sistema respiratorio sia scarsamente
il numero delle persone salvate e diminuire il tasso di mortali- sviluppato nei bambini e come le vie respiratorie dei bambi-
tà tra i feriti. ni siano più strette rispetto agli adulti, da qui la necessità di
La spiegazione circa la diversità della frequenza e la serietà tagliare i cibi in pezzetti piccoli e tenere fuori dalla loro porta-
degli incidenti infantili tra le due popolazioni è da addebitare ai ta tutti i piccoli oggetti che loro porteranno automaticamente
diversi fattori ambientali e familiari delle due popolazioni “ Ma alla bocca.
i nostri obiettivi - spiega Eli Bin - è anche quello di sollevare Ritengo sia necessario, oltre che doveroso, far conoscere gli
la consapevolezza tra la popolazione araba riguardo alla pos- sforzi e i programmi d’integrazione e di acculturazione com-
sibilità di prestare il primo soccorso agli infortunati, indispen- piuti giornalmente da Israele - notizie che “ovviamente” - non
sabile prima dell’arrivo dei soccorsi.” vengono mai portate a conoscenza dai mass media.

Eo 26 Dicembre 2008
ogie • libri • news • dal mondo • congressi • tecnologie • libri • news

Foto: Paolo Astaldi

COLERA FA STRAGE,
EMERGENZA NAZIONALE IN ZIMBABWE
Emergenza colera in Zimbabwe: 565 morti e 12.500 persone contagiate
Il colera fa strage nello Zimbabwe, il Pae- motivato e abbiamo bisogno di aiuto per salute pubblica, e per lo meno altri 3 milio-
se africano isolato dall'Occidente perche' assicurarci che (i medici e le infermiere) ni di euro per comprare prodotti chimici
sotto il regime di Robert Mugabe, e il go- tornino ai loro posti di lavoro e riattivino il per la potabilizzazione dell'acqua. Il Dipar-
verno non riesce a far fronte al contagio. Il sistema". L'epidemia di colera, una malat- timento Sviluppo delle Nazioni Unite si e'
governo ha dunque proclamato lo stato di tia che si trasmette attraverso l'acqua con- unito all'appello del governo e ha chiesto
emergenza nazionale dopo che l'epidemia taminata, e' stato causato dal collasso del- una "risposta coordinata" per far fronte ai
di colera ha mietuto almeno 565 morti ac- la rete fognaria di Harare. Non solo: nella problemi economici e sociali del Paese.
certati e provocato il contagio di oltre maggior parte dei quartieri della capitale, "Dobbiamo unire i nostri sforzi per vedere
12.500 persone, e ha chiesto l'aiuto ur- la somministrazione dell'acqua e' stata ri- come rispondere a questo stato d'emer-
gente della comunita' internazionale. Con pristinata solo oggi dopo un taglio secco di genza", ha dichiarato il rappresentante
un'inusuale e franca ammissione del go- 48 ore; il razionamento era iniziato sabato dell'Onu, Agostinho Zacarias. L'epidemia
verno, il quotidiano 'Herald', vicino al pluri- scorso, perche' la compagnia idrica stata- di colera, cominciata all'inizio dell'anno e
decennale regime del presidente Robert le, la ZINWA, era rimasta a corto di solfa- peggiorata a settembre, si e' ormai estesa
Mugabe, ha detto che il sistema sanitario to di alluminio, la sostanza chimica impie- a 9 delle 10 province del Paese, anche se
e' al collasso e ha chiesto aiuto alla comu- gata nel processo di potabilizzazione. La le aree piu' colpite sono i sobborghi di Ha-
nita' dei donatori per fare fronte alla gra- popolazione era cosi' stata costretta a cer- rare, Budiriro e Glen View; e Beitbridge, la
vissima crisi sanitaria che attanaglia l'ex care di procurarsi da bere e da lavarsi ri- citta' al confine con la Repubblica Sudafri-
Rhodesia, gia' piegata da mesi di crescen- correndo a pozzi improvvisati, con il peri- cana, dove dalla meta' di novembre si so-
te instabilita' politica. "I nostri ospedali colo di incrementare ulteriormente il dif- no registrati piu' di 3.000 casi. Nel vicino
centrali sono letteralmente fuori uso", ha fondersi del colera. L'"urgente necessita'" Sudafrica, intanto le autorita' hanno reso
detto il ministro della salute, David Parire- di medicinali, cibo e materiale di lavoro, e noto che le acque del fiume Limpopo, sul
nyatwa, che ha chiesto medicinali, cibo la mancanza di acqua potabile, ha spinto confine con lo stesso Zimbabwe, sono ri-
per i pazienti e per i programmi di alimen- il governo dello Zimbabwe a chiedere cir- sultate positive alla presenza del vibrione
tazione infantile. "Il nostro personale e' de- ca 9 milioni di euro per il ministero della responsabile della malattia.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 27
è vera
EMERGENZA
Ogni anno in Italia
oltre 5 mila vittime
NAZIONALE
sulle strade
Un presidio forte sul modello "Protezione presieduta dall'On. Valducci un pacchetto i sistemi di controllo elettronico di velocità
Civile"; un nuovo Codice della Strada con di misure. In primo luogo, il coordinamen- (tipo tutor), che svolgono un ruolo decisi-
poche e dure norme di comportamento; to tra Istituzioni nelle azioni di prevenzio- vo nello scoraggiare gli automobilisti a
più investimenti per forze dell'Ordine, in- ne e sicurezza stradale. Un'unica cabina non rispettare i limiti di velocità. -Come
frastrutture e progetti di educazione alla di regia delle attività sulla materia attra- migliorare le infrastrutture Vanno introdot-
guida. Sono queste le principali proposte verso l'istituzione di un Dipartimento/Ser- te misure sanzionatorie, come la riduzio-
della Fondazione ANIA avanzate nel cor- vizio Nazionale della Sicurezza Stradale ne dei trasferimenti, nei confronti dei co-
so dell'audizione in Commissione Tra- che operi come diretta emanazione del muni che non adempiono al disposto del-
sporti della Camera per affrontare una ve- Governo in funzione di coordinamento di l'articolo 208 del Codice della Strada che
ra e propria emergenza nazionale, quella tutte le Forze e gli Organismi pubblici e prevede di destinare una quota pari al
degli incidenti stradali, che ogni anno re- privati che agiscono nel settore della mo- 50% dei proventi contravvenzionali al mi-
gistra oltre 5.100 morti. bilità e della sicurezza stradale. Il Diparti- glioramento della circolazione sulle stra-
La sicurezza stradale è un'emergenza mento/Servizio Nazionale della Sicurezza de. -Misure per i giovani guidatori Gli inci-
nazionale e le statistiche lo dimostrano. Stradale andrebbe dotato di poteri spe- denti stradali rappresentano la prima cau-
Dalla recente pubblicazione dell'Istat, si ciali simili a quelli riconosciuti alla Prote- sa di morte tra i giovani. Per la Fondazio-
rileva che in Italia i morti per incidente zione Civile. ne è necessario educare i neoguidatori
stradale nel 2007 sono 5.131, il valore più La seconda proposta della Fondazione con una riforma della patente di guida a li-
alto in Europa dopo quello della Polonia. I Ania è la semplificazione del Codice della vello europeo (migliore preparazione teo-
morti sulle nostre strade sono 500 in più Strada perchè "occorrono poche norme di rica e pratica, 'patente di guida in prova'
della Francia, 1.300 circa in più della Spa- guida, chiare e forti, mentre il nostro Co- per i primi tre anni, educazione stradale
gna, oltre 2000 in più del Regno Unito, dice della Strada si distingue per la sua obbligatoria). Per l'alcol, causa del 30%
180 in più della Germania che ha però 80 complessità e per i continui interventi di degli incidenti, tolleranza zero e tasso al-
milioni di abitanti a fronte dei nostri 59 mi- modifica". La Fondazione ANIA ritiene colemico zero, nei primi tre anni di paten-
lioni. L'Italia evidenzia dal 2001 un calo che sia opportuno mettervi mano con un te, sul principio anglosassone 'chi beve
della mortalità, ma è ancora lontana dal- intervento drastico di revisione teso a non guida, chi guida non beve'. -Misure
l'obiettivo sancito dal Trattato di Lisbona mantenere il solo titolo V che detta le nor- per la sicurezzadelle due ruote L'Italia re-
di dimezzare le vittime entro il 2010. me di comportamento. gistra un trend di incidenti e di morti sulle
Quindi, è necessario che il Governo e le -Come ridurre la velocità Anche sulla due ruote tra i peggiori d'Europa. Appare
Istituzioni preposte definiscano con la scorta di best practice di altri Paesi euro- necessario intervenire sulla formazione
massima urgenza i punti chiave da affron- pei come la Francia, è necessario che il teorica e pratica di guida per i conducenti
tare per migliorare la sicurezza stradale in governo intervenga con un incremento di questi veicoli e introdurre l'obbligo del-
Italia. La Fondazione ANIA, in questo dei fondi per finanziare l'estensione dei la prova pratica per il conseguimento del
senso, ha proposto alla Commissione controlli con le telecamere di sicurezza e certificato di idoneità per la guida del ci-

Eo 28 Dicembre 2008
Sicurezza stradale
clomotore. -Norme cogenti per i
cattivi guidatori Coloro che hanno
commesso gravi infrazioni, come
la guida in stato di ebbrezza,
hanno necessità di misure tera-
STRADE KILLER
per i minori
peutico-riabilitative con lo scopo
di modificare in modo adeguato e
stabile il loro comportamento alla
guida. Vanno creati e resi obbli-
gatori corsi di "driver improve-

S
ment", che all'estero hanno evi- ono oltre 2.000 i bambini che ogni gior- gnifica che 240 giovani vite potrebbero essere
denziato una riduzione del rischio no perdono la vita a seguito di infortuni risparmiate se non pigiassimo troppo il piede
di recidive di circa il 50% rispetto 'accidentali' e decine di milioni coloro sull'acceleratore. Ma sul banco degli imputati
ad un adeguato gruppo di con- che ogni anno finiscono in ospedale e anche altre dimenticanze e distrazioni di geni-
trollo non trattato. In quest'ottica spesso rimangono disabili per tutta la vita. So- tori poco consapevoli dei pericoli che i piccoli
vanno previsti interventi anche no questi i dati di un nuovo rapporto congiunto corrono sulla strada. ''Troppi bambini - sottoli-
sulla patente a punti, introducen- Oms/Unicef lanciato oggi a Hanoi, in Vietnam nea Racioppi - viaggiano in auto sul sedile an-
do un test di verifica dell'appren- e presentato anche a Roma. Il primo Rapporto teriore in braccio a un genitore, anziché sul
dimento presso gli uffici della Mo- mondiale sulla prevenzione degli infortuni nei seggiolino. Si pensa che questo sia un gesto
torizzazione per i conducenti bambini è integrato da un rapporto europeo, d'affetto, in realtà mette in pericolo la vita dei
sanzionati. - Miglioramento della anch'esso presentato oggi. Entrambi fornisco- nostri figli". In complesso sono 5 le principali
raccolta dati sull'incidentalità Per no un'ampia analisi degli infortuni nei bambini cause di morte e disabilità per infortunio che
migliorare il flusso dei dati e con- ed adolescenti e identificano soluzioni per la colpiscono bambini ed adolescenti nel mondo,
sentire alle Autorità competenti di loro prevenzione. I rapporti concludono che, in Europa e in Italia. Incidenti stradali: ogni an-
tarare la misure di intervento an- sulla base delle evidenze disponibili, almeno no uccidono 260.000 bambini nel mondo e
drebbe introdotta una norma che 1.000 giovani vite potrebbero essere salvate 16.400 in Europa. Rappresentano la prima
obblighi i vari enti proprietari di quotidianamente se misure di dimostrata effi- causa di morte e infermità (danni cerebrali e
strade a fornire, entro i 60 giorni cacia fossero adottate ovunque nel mondo. ossei) in bambini ed adolescenti. Annegamen-
dell'anno successivo, tutti i dati "Gli infortuni nei bambini costituiscono un pro- ti: ogni anno uccidono oltre 175.000 bambini
relativi all'incidentalità. La stessa blema serio di sanità pubblica. Oltre agli nel mondo e 5.000 in Europa. I bambini che
norma dovrebbe prevedere delle 830.000 che muoiono ogni anno, milioni di altri sopravvivono spesso riportano danni cerebrali
sanzioni per le amministrazioni bambini sono vittima di infortuni che spesso ri- per tutta la vita. Ustioni: ogni anno uccidono
inadempienti, in termini di minori chiedono lunghi tempi di ricovero e riabilitazio- quasi 96.000 bambini nel mondo e 1.700 in
trasferimenti. A margine dell'au- ne", afferma Margaret Chan, direttore genera- Europa. Il tasso di mortalità è di circa 11 volte
dizione la Fondazione ANIA ha le Oms. "Il costo di queste cure puo' impoveri- maggiore nei paesi più poveri e questa diffe-
invitato la Commissione a valuta- re un'intera famiglia. I bambini delle famiglie e renza arriva a 85 volte in Europa.
re la possibilità che una parte dei delle comunità più povere -spiega- rischiano di Tra le cause di morte anche le cadute: ogni an-
risparmi derivanti dai minori one- più in quanto più difficilmente beneficiano di no uccidono quasi 47.000 bambini nel mondo
ri del servizio del debito pubblico programmi di prevenzione e di servizi sanitari e 1.500 in Europa. Centinaia di migliaia di
- dovuti al calo dei tassi di inte- di qualita'". I rapporti rivelano che gli infortuni bambini subiscono le conseguenze di cadute
resse - vengano investiti in sicu- sono la prima causa di morte dei bambini oltre non mortali. Avvelenamenti: ogni anno uccido-
rezza stradale. A commento del- i 9 anni e che il 95% delle vittime si trova nei no oltre 45.000 bambini nel mondo e 3.000 in
l'audizione il Presidente della paesi a basso e medio reddito. In Europa, l'Ita- Europa. La casa è il luogo in cui gli avvelena-
Fondazione ANIA per la Sicurez- lia registra i tassi più bassi per numero di bam- menti incidentali dei bambini avvengono più
za Stradale Sandro Salvati ha bini vittime di annegamenti, avvelenamenti ed comunemente.
spiegato che "occorre concentra- ustioni. Anche se il punto dolente resta quello Misure di prevenzione di provata efficacia pos-
re le forze creando una task for- degli incidenti stradali con due giovani vite sono avere un impatto positivo nella riduzione
ce nazionale composta da Istitu- stroncate sull'asfalto ogni giorno. Incidenti in degli infortuni. Queste misure presuppongono
zioni ed operatori per un piano scooter o in macchina, investimenti sulla stra- di promuovere leggi su cinture di sicurezza e
strategico e progetti sistemici su da, spesso in prossimità di scuole e luoghi di ri- caschi per bambini; installare meccanismi di
norme, strutture, educazione e trovo: una tragedia che conta 800 vittime l'an- regolazione della temperatura dell'acqua cal-
controlli. L'obiettivo della sicurez- no con meno di 19 anni, ben l'80% delle morti da; corredare di chiusure di sicurezza i flaconi
za stradale attraverso la cultura per infortuni che il nostro Paese registra an- di medicinali, gli accendini e i contenitori di pro-
della 'prevenzione e controllo' nualmente (1.000). dotti tossici; pianificare e realizzare piste sepa-
rappresenta l'impegno su cui la A uccidere bambini e adolescenti sulle strade rate per biciclette e motocicli; svuotare l'acqua
Fondazione ANIA, in rappresen- della Penisola "è, nel 30% dei casi - spiega a da vasche da bagno e secchi; ridisegnare il
tanza delle compagnie di assicu- margine dell'incontro capitolino Francesca Ra- mobilio degli asili nido, i giocattoli e le aree di
razione, è totalmente disponibile cioppi, responsabile del Centro europeo am- gioco; e migliorare i servizi d'emergenza medi-
a cooperare". biente e salute dell'Oms - la velocità". Ciò si- ca e di riabilitazione.

Dicembre 2008 www.emergencyoggi.it Eo 29
libri
Questo volume nasce dall’esigenza di sviluppare dei protocolli pratico-operativi in tutte le condi- MEDICINA
zioni cliniche ascrivibili all’urgenza o all’emergenza medica. D’EMERGENZA
Per meglio rispondere a questi bisogni si è ritenuto indispensabile il coinvolgimento diretto di nume-
rosi Autori specialisti, nei loro settori, nella gestione delle emergenze mediche. P. MONDA
Più in particolare, nei singoli capitoli si sono approfondite tutte le variabili cliniche ed eziopatoge-
netiche necessarie a individuare più facilmente i percorsi che meglio possono guidare le procedu-
re diagnostiche e le opportune modalità di intervento terapeutico. Il volume si rivela quindi un ma- 1022 pagine
nuale di facile consultazione e di pratica utilità per tutti i medici che quotidianamente sono coin- Prezzo: € 45,00
volti nell’attività di assistenza medica in emergenza.

PIANI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA Il volume presenta 70 piani di assistenza standardizzati e 8
Linee guida per un’assistenza personalizzata percorsi clinico-assistenziali (Clinical Pathway) relativi ad
VII Edizione altrettanti problemi prioritari di salute.
Tutti i piani standardizzati proposti illustrano i collegamenti
M.E. DOENGES – M.F. MOORHOUSE – A.C. MURR fra i tre linguaggi infermieristici standard riconosciuti dalla
American Nurses Association (ANA), il cosiddetto sistema
Edizione italiana a cura di Paola FERRI NNN. Tali linguaggi sono le diagnosi infermieristiche elabo-
In collaborazione con M.G. Bernardi, P. Bernardi, rate dalla North American Nursing Diagnosis Association
F. Davolio, R. Lombardi, D. Mecugni, O. Riboli, P. Volpi Internaional, i risultati infermieristici (nursing outcomes clas-
sification NOC) e gli interventi infermieristici (nursing inter-
1006 pagine ventions classification NIC) sviluppati dall’Iowa Outcomes
Prezzo: € 84,00 Project e dall’Iowa Interventions Project.

CORSO ACLS EMERGENZA SANITARIA
Manuale per studenti
RESPONSABILITÀ PENALE
American Hearth Association E PREVENZIONE DEL RISCHIO GIURIDICO

140 pagine Santelices G.
Prezzo: € 22,00
Edizione 2008
160 pagine
La confezione comprende Libro e DVD Prezzo: € 15.00
Anno di pubblicazione: 2007

Per ordinare i volumi e i prodotti compila e spedisci la cartolina (scadenza offerte: 31.01.2009)
q.tà Prezzo Unitario Totale SPEDIRE VIA FAX AL NUMERO 06 8535.5606
ALLEGANDO IL PAGAMENTO EFFETTUATO TRAMITE:

A/B non trasferibile intestato a Key Communication sas
A mezzo versamento su c/c postale N° 98991003
Alla consegna con corriere TNT
(diritto di contrassegno di € 10,33 da aggiungere all’ordine)
Alla consegna con Poste Italiane
(diritto di contrassegno di € 1,50 da aggiungere all’ordine)
Tramite Carta di Credito anche telefonicamente allo 06/85355798
N° Carta
Scadenza n° Sicurezza Firma
Nome
Cognome
Cod. Fiscale
Via N.
Loc Cap Prov.
Spese di spedizione* € 8,00 Tel. E-mail
Professione
TOTALE ORDINE ATTENZIONE: TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI
La libreria completa sul sito
GARANZIA DI RISERVATEZZA. Il trattamento dei dati personale che La riguardano viene svolto nell’ambito della banca dati elettronica
della Key Communication s.a.s. e ai sensi e per gli effetti del D. Lgs. 196/03 concernente la tutela dei dati personali. Solo se Lei non
desiderasse ricevere comunicazioni barri la casella.

E’ POSSIBILE ORDINARE www.emergencyoggi.it
TELEFONICAMENTE AL N. 06.8535.579 8 Libri e prodotti sul sito
www.emergencyoutlet.it
Key Communication - Via Po, 10 - 00198 Roma - Tel. +39 06 85355798 e-mail: info@kcomm.it
NO
VI
ECOCARDIOGRAFIA L’ecocardiografia transesofagea assume un ruolo sempre maggio-
TRANSESOFAGEA IN AREA re in area critica, poiché consente di acquisire le informazioni anato-

TA
CRITICA miche e funzionali del cuore e dei grossi vasi, necessarie alla compren-
sione dei complessi quadri clinici, anche nelle situazioni in cui l’approccio
Guarracino F. transtoracico non è eseguibile o non è soddisfacente.


222 pagine Lo scopo di questo manuale è quindi quello di fornire tutte le informazioni
Prezzo: €85,00 necessarie ad un corretta applicazione di questa tecnica nella pratica cli-
Anno pubblicazione: 2008 nica.

Le aritmie cardiache, ipercinetiche e ipocinetiche, rappresentano talvolta una seve- ARITMIE CARDIACHE
ra emergenza cardiologica, costringendo a procedimenti diagnostici e scelte tera- IN EMERGENZA
peutiche di estrema urgenza. Questo libro nasce per caso, dopo confronti continui,
letture ripetute, rierche approfondite, nasce nel tentativo di rendere semplici argo- Enrico G. Ruggiero
menti pur complessi, libero da ogni nozionismo esasperato e vicino alla esigente cul-
tura pratica del medico di primo soccorso. I disegni sono personali, alcuni di essi sug- 105 pagine
geriti, la iconografia e' ricca e raccolta durante anni di fedele servizio, numerose so- Prezzo: € 27,00
no le informazioni fisiopatologiche fornite con semplicita' e i suggerimenti sussurrati, Anno pubblicazione: 2008
tutto frutto di lunga esperienza

ADVANCED MEDICAL AMLS è un testo sui metodi pratici di trattamento delle emergenze nell'adulto.
LIFE SUPPORT Ideato per fornire la conoscenza pratica e le competenz necessarie per opera-
Terza Edizione re in modo efficace e per gestire le emergenze. Ogni capitolo parte dalla de-
scrizione delle procedure di valutazione per arrivare all'analisi delle diagnosi.
Dalton-Limmer- Mistovich-Wer- Scritto da Autori inequivocabilmente qualificati, è un libro realizzato per prepa-
man rare gli studenti al livello avanzato dell'EMS training americano.
Il testo è dedicato a studenti in medicina, medici o paramedici che abbiano
svolto corsi di livello avanzato ( è indispensabile avere una familiarità con l'ana-
540 pagine tomia, la fisiologia e la fisiopatologia).
Prezzo: € 60,00 L'obbiettivo del manuale è di fornire conoscenze di tipo pragmatico applicabi-
Anno di pubblicazione: 2008 li alle comuni emergenze mediche.

Il manuale costituisce uno strumento didattico fondamentale per chi si accosta ad un PALS
corso di formazione in Supporto Vitale Avanzato per il bambino. Di facile consultazio- PEDIATRIC ADVANCED LIFE
ne, permette di giungere alle sessioni pratiche del corso con conoscenze aggiornate SUPPORT
sulle lesioni in età pediatrica e, soprattutto, organizzare l'approccio al bambino critico.
Contenuti Italian Resuscitation Council,
Riconoscimento del bambino compromesso o “a rischio”, Trattamento avanzato del- Società Italiana di Emergen-
le vie aeree, Shock, Arresto cardiaco, Urgenze aritmiche, Gestione avanzata del po- za e Urgenza Pediatrica
litrauma, Alterazione dello stato mentale e coma, Stato di male epilettico, ABC della
nascita in emergenza fuori dalla sala parto, Emergenze nel bambino con necessità
speciali, Situazioni particolari di emergenza, Stabilizzazione e trasporto, Farmaci del- 256 pagine
l’emergenza, Analgesia e sedazione nel paziente pediatrico, Aspetti psicologici nelle Prezzo: € 44,00
emergenze pediatriche, Aspetti etici, I piani di emergenza intraospedalieri, Procedure Anno pubblicazione: 2008

Snello ed estremamente pratico, questo volume sintetizza lo scenario tecnologico che,
IL MONITORAGGIO a colpo d’occhio, si può osservare ponendosi di fronte a un posto letto di una qualsiasi
STRUMENTALE IN AREA terapia intensiva generale. Nasce dall’esigenza di avere a disposizione un testo sempli-
CRITICA ce, eppure completo, che descriva i principali sistemi di monitoraggio in area critica e
spieghi il funzionamento degli strumenti standard, i dati ottenibili da ogni strumento, i
M. GALVAGNI vantaggi e gli svantaggi del presidio e una metodologia per una corretta interpretazio-
C. PERINI ne dei dati forniti.
L’opera rappresenta una rapida guida pratica sia per l’infermiere che per la prima vol-
ta si affaccia all’area critica, sia per chi già vi lavora.
88 pagine Risulta inoltre particolarmente utile anche all’infermiere esperto, spesso impegnato nel
Prezzo: €15,00 ruolo di tutor dei colleghi neoassunti o degli studenti del corso di laurea in Infermieristi-
ca, attività che richiede un costante aggiornamento e una rapida capacità di risposta