You are on page 1of 2

Infatti non ha senso che tra i beneficiari ci sia lo stesso Stato, proprio per questo il modo pi giusto per

ripartirlo proporzionalmente. Infatti non ha senso che sia lo Stato, per posso capire che se non ci fosse potrebbe venir frainteso, e una persona non credente si ritroverebbe a non sapere cosa scegliere. Di solito il meccanismo dell8 per mille (anche nel 5 per mille le scelte generiche vanno ripartite in base a quelle espresse) viene criticato dagli altri proprio perch vogliono che favorisca le confessioni pi piccole, non certo lo Stato perch ci andrebbe contro la finalit per cui stato istituito. Il fatto di riprendersi i soldi delle scelte da parte dello stato inespresse saebbe una farsa di questo meccanismo e lo condannerebbe chiunque. Io penso che ti sia risposto da solo.Proprio perch questa donazione fatta per finanziare le confessioni religiose, chi vuole finanziarle volontariamente (e presumibilmente ne vuole finanziare una poich religioso) sceglie.Di conseguenza non ha senso che chi non sceglie doni paradossalmente un po' a ciascuna confessione perch in primis poteva scegliere, e in secundis dubito che sia quella la sua volont. Lo Stato da la possibilit di darli a chi si vuole, ma se non si ha nessuna preferenza per me logico che se la riprenda lui. E questo lo direi anche se un'altra qualsiasi confessione religiosa o lo stato fossero i beneficiari maggiori. Io capisco la tua mentalit statalista e non la condivido perch questa entit diventa cos sempre pi lontana dalla gente, ma cerco solo di farti vedere le tue incongruenze. Tra laltro uno statalismo coerente dovrebbe portarti ad accettare questo sistema semplicemente perch legge positiva dello stato e poi altra ipocrisia tu te la prendi per questo con la Chiesa, quando un meccanismo di cui potrebbero usufruire tutti, anche lo stato e che ha fatto lo stesso coerentemente con il suo sistema rappresentativo. Non ho mai affermato di essere uno statalista, io sto semplicemente esprimento un mio parere qui, non mi mettere in testa idee che non ho. Io sto facendo un discorso di massima non legato a chi ha la percentuale maggiore, ma legato ad un sistema che quello elettivo, democratico a cui io comunque muovo molte riserve. Ma chi si pascia di termini come libert e poi vuole dare tutto allo stato per me un ipocrita. Io non voglio dare tutto allo stato, altrimenti direi leva l'8x1000 , al contrario io penso che sia giusto che ognuno sostenga la propria confessione religiosa (anche se ritengo pi giusto il sistema tedesco, con il quale, chi vuole sostenere la confessione religiosa paga di pi degli altri, perch vuole usufruire di un servizio che non ha una controparte laica) , semplicemente io ritengo che le tasse dello stato di chi non sceglie (e sfido a credere che chi non sceglie in realt desidera darlo ad una confessione) se le tiene lo stato. Puoi criticare questo sistema ma lo devi fare a tutto tondo, magari dicendo che il maggior partito in Italia da sempre quello degli astenuti. Al di l di tutto per valorizzare le scelte dei cittadini in materia fiscale per me sarebbe pi giusto che il cittadino possa decidere anche la percentuale da destinare alle confessioni, in questo caso avrebbe senso che le scelte inespresse vadano allo stato, ma predisporre un fondo (8 pre mille) da ripartire (con la truffa che vi partecipa anche lo stato) alle confessioni e poi prendersi una parte dell8 per mille unipocrisia bella e buona. Per me anche troppo, e forse non ti rendi conto di ci che dici. L'8x1000 un processo davanti al quale si trovano tutti, e se come tu vorresti lo stato non partecipasse, una persona non credente (15% della popolazione) a chi dovrebbe dare quella parte di tasse? Tra l'altro non un fondo che lo stato raccoglie , una possibilit che da al cittadino, e non ha senso che ognuno scegla la percentuale , proprio perch quelle sono tasse dello stato, le quali in una piccola parte a scelta possono essere DEVIATE verso altre destinazioni. Infatti lo stato delega semplicemente ai cittadini quello che faceva prima con chi aveva un concordato (aggiungendoci poi quelli con cui ha avuto unintesa), questa la storia. Come vedi non ho mai citato la Chiesa cattolica, se volessi fare un discorso di giustizia riguardo questa direi che lo Stato dovrebbe finanzarla direttamente ogni anno (come era prima), sia per le attivit che svolge, sia per a rilevanza della chiesa nel tessuto sociale e culturale italiano (e

magari per evitare che si debbano pagare le Chiese per visitarli come fossero musei e come accade nel resto dEuropa) e poi perch cos la Chiesa stessa potrebbe organizzare meglio le sue attivit. Ammetto che mi preso un infarto. 1)Lo Stato finanzia anche troppo in maniera diretta la chiesa cattolica, per un totale tra esenzioni e contributi diretti di 5 miliardi di euro (esclusi i proventi dell'8x1000 appunto). 2)Lo Stato deve finanziare i servizi PUBBLICI a cui TUTTI possono usufruire. Cosa se ne fa un non credente delle tue chiese? Lo vedi che hai la mentalit da scroccone nel sangue? Tu ritieni giusto che un non credente ti paghi la tua chiesa, i tuoi preti e i servizi di cui tu usufruisci e lui non se ne fa niente. Questo il contrario di un servizio pubblico. 3)Le attivit che svolge sono gi retribuite, gli edifici sono pagati da noi, e ricevono dei contributi diretti, vedo che ancora non hai letto quel sito, dovresti farlo, forse parleresti con maggiore cognizione di causa. 4)La Chiesa trabocca di denaro, non sta certo piena di debiti, e non le manca nulla, un paese ricco il vaticano, cos come tutta la CCAR. Quindi perfavore, non venirmi a dire che se le iniziative sono male organizzate , o se le chiese sono a pagamento colpa del fatto che la chiesa non ha i soldi. Perch ci sveniamo ogni anno per farVI avere un servizio, ed' gi uno scandalo, e ti lamenti anche che sono pochi. Mamma mia. Vedi, per quanto mi riguarda la chiesa cattolica non deve essere sostenuta dallo stato, ma dai suoi fedeli. Per questo dovrebbe essere come in Germania: vuoi la tua chiesa? A fine mese hai una trattenuta sullo stipendio che va direttamente alla tua chiesa. Cos, proprio come un servizio privato, chi usa, paga. Perch che tu mi vieni a dire che il mio stato deve pagare un servizio di cui una parte usufruisce una minchiata colossale. Gi tanto che vengono dati contributi pubblici ad universit cattoliche che richiedono il certificato di battesimo per iscriversi, che un vero scandalo, ora vuoi anche i contributi diretti dello stato alla chiesa, come se gi lo stato non ne desse abbastanza. Secondo me il tuo anticlericalismo molto fumo, poggia poco su fatti reali. Spero di aver contribuito a diradare la nebbiaper me pu bastare cos. Si basa poco su fatti reali una conclusione azzardata, e solo perch ancora non ti sei informato, altrimenti non parleresti cos. Leggi cazzo www.icostidellachiesa.it