You are on page 1of 18

Progetto SCHEO

Il progetto si propone di introdurre un sistema di scambio locale di beni e servizi. Un sistema partecipato che attraverso la solidarietà e la trasparenza valorizzi le relazioni tra le persone. Lo Scheo è un progetto che vuole accomunare associazioni, produttori di beni e servizi, persone impegnate nel sociale, semplici cittadini. Il mezzo per permettero lo scambio è una cartanota, che prende il nome dialettale veneto dato ai soldi, cioe' SCHEO.

1 Come puoi entrare nel circuito?
Per entrare nel ciruito bisogna associarsi. i componenti del circuito non sono ttutti uguali, nel senso che vi si puo' aderire in maniera differente, a seconda delle proprie capacita' e desiderio.

1.1 Vuoi aderire come imprenditore (P. IVA) ?
Sei un commerciante, un artigiano, un libero professionista, una azienda con partita iva ? Puoi aderire al circuito nella modalita' chiamata SCONTO. gruppo scheo - 2007

1.1.1 Emettitore sconti
Aderendo come possessore di partita iva, si avra' la possibilita' di creare delle cartanote che fungeranno sia da buoni sconto (riutiolizzabili nel circuito) e contemporaneamente (essendo personalizzate) da veicolo pubblicitario.

1.1.1.1

Vantaggi

Quali vantaggi concreti si hanno aderendo al circuito come attivita' (P.Iva)?

1.1.1.1.1 Pubblicita'
Il primo vantaggio visibile concretamente è quello che aderendo al circuito verranno create delle cartanote personalizzate con logo e informazioni della ditta o impresa individuale. tutte queste cartanote gireranno di mano in mano, senza mai essere buttate via e quindi saranno una pubblicita' costante. Parallelamente alla pubblicita' cartacea, l'azienda verra' inserita in un elenco associati e in un sito internet, che sara' consultabile liberamente fornendo altra visibilita'

1.1.1.1.2 Aumento clienti
un altro vantaggio sara' l'aumento dei clienti, richiamati sia dagli sconti, ma anche dall'appartenere ad una comunita', dall' aderire ad un etica diversa da quella del massimo profitto. Altro aspetto sara' la loro fidelizzazione, cioe' il fatto che potrebbero diventare clienti abituali

1.1.1.1.3 Recupero valore dello sconto
Quello che a prima vista sembra una perdita (l'applicazione dello sconto) in realta' con la possibilita' di usare le cartanote all'interno del circuito si recupera il valore scontato. se anche i fornitori della filiera sono all'interno dell'associazione, una parte dei ricavi in cartanote possono essere usati per acquisti, e quindi recuperando sulle spese.

1.1.1.1.4 Rinnovata competitivita' con la grande distribuzione
Applicando lo sconto (variabile e recuperabile) sui prodotti o servizi si contrasta la grande distribuzione (che puo' praticare prezzi bassi ottenuti con politiche ambientali, sociali ed economiche disastrose...) Si acquistera' cosi' una fetta di consumatori prima inavvicinabili.

1.1.1.1.5 Miglioramenti ambientali
Riattivando la filera e ricucendo i rapporti con la produzione locale, ne trarra' vantaggio anche l'ambiente, dato che una conseguenza dell'economia da grande distribuzione è l'aumento del trasporto e le conseguenze che comporta: inquinamento, traffico, incidenti.

1.1.1.2

Modalita'

1.1.1.2.1 Prima iscrizione
gruppo scheo - 2007

L'iscrizione all'associazione è il primo passo per entrare nel circuito. per questa particolare categoria di associato vi sonoalcuni dati in piu' da fornire.
1.1.1.2.1.1 Informazioni

Il primo passo per definire l'iscrizione è controllare alcuni requisiti e ottenere alcune informazioni per definire la collocazione dell'associato e la relativaemissione di cartanote 1.1.1.2.1.1.1 introduzione Al nuovo potenziale associato sara' data documentazione e informazioni sul circuito 1.1.1.2.1.1.2 Requisiti Quali sono i requisiti per poter entrare inquesta categoria? 1° : avere l'attivita' nel territorio di riferimento locale. 2° : essere in regola con le istituzioni e la giustizia ? 1.1.1.2.1.1.3 Sconto L'attivita' che entra nel circuito in modalita' sconto, deve decidere quale sconto fara' agli associati per i suoi prodotti o servizi. in base a questo valore e ad altri parametri si potra' individuare la quantita' di cartanote da creare. essendo legato all'euro, lo sconto ha unmeccanismo particolare di ricalcolo in presenza di inflazione. verra' infatti applicato un tasso di cambio. si puo' pensare ad una percentuale di sconto NON INFERIORE al 10%
1.1.1.2.1.2 Documenti

documenti da presentare da firmare impegno etico? 1.1.1.2.1.2.1 modulo iscrizione il modulo di iscrizione va' compilato dal richiedente, specificando alcuni parametri utili per regolare la quantita' di cartanota da creare. oiltre al modulo, verra' consegnata anche copia del regolamento e dello statuto dell'associazione 1.1.1.2.1.2.2 statuto associazione 1.1.1.2.1.2.3 regolamento circuito gruppo scheo - 2007

1.1.1.2.1.2.4 tessera Associativa la tessera associativa, una card plastica, conterra' i dati dell'associato e dovra' essere esibita per ogni transazione.

1.1.1.2.1.2.5 cartello Verra' fornito un cartello da esibire alll'interno dell'attivita' in modo da richiamare la clientela.
1.1.1.2.1.3 creazione cartanote

1.1.1.2.1.3.1 Quantita' da creare uno dei punti centrali del circuito è stabilirequanta cartonota puo' essere creata in base a chi la richiede. per l'associato con partita iva vi sono 2 strade: l'attivita' dichiara il fatturato: 1.1.1.2.1.3.1.1 l'attivita' dichiara il fatturato? essendo il circuito impostato sulla creazione delle cartanote in base alla CAPACITA' degli associati, per una attivita' l'indice della capacita' è rappresentato dal fatturato. l'associato ha piacere di comunicarlo all'associazione?
1.1.1.2.1.3.1.1.1 SI

l'associato comunica l'importo del fatturato. in base a questo dato e allo sconto minimo che l'attivita' si impegna a praticare agli associati si puo' calcolare il valore delle cartanote da stampare. Questo valore rappresenta la quantita' massima e l'associato puo' decidere di crearne una quantita' minore. naturalmente va' applicato il tasso di cambio per riportare l'equivalenza euro-schei
1.1.1.2.1.3.1.1.2 NO

l'associato non comunica il proprio fatturato all'azienda. si potrebbero prendere allora in esame alcuni parametri che permettono indicativamentedi stabilire il valore. per semplicita' potremmo fissare una quota media per le attivita'. diciamo 5 volte del valore assegnato agli altri associati semplici. 1.1.1.2.1.3.1.2 Calcolo vedi anche: Quote gruppo scheo - 2007

A B C D E F 1 Fatturato o standard Sconto % da stampare da consegnare alla associazione 2 2500 10 250 22 228 il calcolo del valore delle cartanote da stampare è semplice. si stampa la percentuale di sconto applicata sul fatturato (nell'esempio è ipotizzato per semplicita' un tasso di cambio pari a 1). in mancanza di fatturato, si apllica lo sconto su una quantita' fissa standard: 5 volte la quantita' di un associato semplice. (nello schema sono presenti anche le quote gia' calcolate da redistribuire) 1.1.1.2.1.3.2 Logo Attivita' l'associato dovra' fornire il logo chevuole sia inserito nella personalizzazione dellle cartanote. le caratteristiche tecniche sono: * formato circolare di diametro 3 cm * formato grafico computerizzato jpg, pdf, cdr è possibile fare la scansione di loghi fatti a mano 1.1.1.2.1.3.3 Rapporto dei tagli delle cartanote vedi anche: Quote A B C Valore e pezzi da 10 pezzi da 5 1 percentuali schei schei 2 3 35 45 20 4 5000 175 450 5 30 50 20 6 5000 150 500 7 30 40 30 8 5000 150 400 9 30 60 10 10 5000 150 600 11 30 55 15 150 550 12 5000 13 40 50 10 14 5000 200 500 Le cartanota vengono stampate in diversi tagli. presumibilmente tagli da 1, 5 e 10

D pezzi da 1scheo

E pezzi totali

F costo stampa 0,3

G costo totale

1000 1000 1500 500 750 500

1625 1650 2050 1250 1450 1200

487,5 495 615 375 435 360

gruppo scheo - 2007

ecco degli esempi con diversi rapporti e costi in base al prezzo unitario della cartanota
1.1.1.2.1.4 Costi

vedi anche: Quote questa categoria ha dei costi da sostenere alla prima iscrizione: di stampa: quota in euro (da stabilire in schei, da rientrare con la prima quota di iscrizione, e poi convertire in euro col tasso di cambio) in futuro, se i fornitori lo accettano, puo' essere pagata in schei presidalla percentuale della associazione. di iscrizione: compreso nella suddivisione della prima emissione. (questa quota deve coprirei costi di stampa) es:
1.1.1.2.1.5 emissione

Una volta create le cartanote, vanno distribuite secondo un preciso schema: tenendo conto della prima quota, della percentuale di sconto. quantita' creata = Q sconto applicato = S a questa quantita' togliere la prima quota di iscrizione, diciamo 10% il rimanente va' suddiviso nella percentuale calcolata dello sconto applicato: la percentuale dello sconto va' all'emettitore, il restante all'associazione. 1.1.1.2.1.5.1 Quote A 1 Quota stampata 2 sconto (in %) 3 quota associativa (in %) 4 5 quota emettitore 6 quotaassociazione questa la formula per calcolarela quota di emissione e lka percentuale dedicata all'associazione B 250 10 10 22 228

da decidere se il rapporto dei tagli è uguale per le due destinazioni oppure privilegiarei tagli piccoli per l'associazione o l'emettitore

1.1.1.2.2 Circolazione dello SCHEO
gruppo scheo - 2007

La cartanota puo' girare nel circuito in vari modi, seguendo regole ben precise.
1.1.1.2.2.1 come li ricevo

Per entrare in possesso degli schei è necessario fare degli scambi, che non sono solamente di natura "fisica" ( beni o servizi ) ma anche di natura "sociale" (informazione e cultura) 1.1.1.2.2.1.1 alla prima iscrizione vedi anche: emissione L'attivita' riceve delle cartanote gia' alla prima iscrizione, nelle modalita' descritte nella sezione apposita. 1.1.1.2.2.1.2 in pagamento sotto forma i sconto L'attivita' puo' ricevere le cartanote come sconto concordato agli associati del circuito. questo sconto non va' segnato fiscalmente da nessuna parte, ne' su scontrino ne' su fatture. e come tale non va'dichiarato. da ricordare che la quantita' di schei che si ricevono non sono in rapporto diretto con gli euro, ma devono essere calcolati tenendo conto del tasso di cambio. questo per garantire inalterato il valore degli schei nel tempo e sganciarlo da inflazione o speculazione della moneta ufficiale. 1.1.1.2.2.1.3 partecipando ad iniziative del circuito una novita' del circuito è che l'associazione organizza degli "scambi" informativi e culturali. come entita'' fiscale non èquindi permesso accedere a questa modalita'. vi possono accedere solo persone fisiche, quindi richiedendo una nuova iscrizione personale per ogni cittadino. vi sono naturalmente dei limiti di distribuzione di queste quote. ogni emissione dovra'essere registrata
1.1.1.2.2.2 come posso spenderli

Un'attivita' puo' utilizzare le cartanote in vari modi: 1.1.1.2.2.2.1 come sconto presso altri emettitori Si possono usare sia per ottenere sconti su beni di consumo ma anche per ottenere sconti dai fornitori cioe' ad esempio un fruttivendolo puo' pagare il contadino associato con una percentuale in schei oppure lo stesso fruttivendolo puo' ottenere uno sconto dal macellaio. 1.1.1.2.2.2.2 come pagamento per servizi o beni completi i privati questa modalita' richiede che la prestazionevenga fatta non all'attivita' ma alla persona fisica. senon fosse cosi' sarebbe lavoro nero. quindi non si possono utilizzare le cartanote per pagare ad esempio addetti alle puliziedei locali dell'attivita', ma possono essere usati dalla gruppo scheo - 2007

persona fisica (es il titolare) perservizi fruiti nella sua abitazione privata, tipo baysitter o lezioni di ripetizione, pagati INTERAMENTE in SCHEI 1.1.1.2.2.2.3 dandoli di resto a chi paga completamente in euri ragioniamoci... attenzione!!
1.1.1.2.2.3 Dove valgono

Dove circolano le cartanote? dove sono accettate ? 1.1.1.2.2.3.1 solo tra associati L'uso delle cartanote è limitato agli associati. L'appartenenza all'associazione è attestata dallatessera associativa o dal cartello espositivo in caso di attivita'. 1.1.1.2.2.3.2 solo nel territorio di riferimento La cartanota ha validita' solo nel territorio di riferimento (citato anchenei requisiti di ammissione). da verificare la possibilita' di macroscambi tra territori attigui con cartanote aventi caratteristiche di funzionamento IDENTICHE.

1.1.1.2.3 quota annuale
Ogni anno bisogna rinnovare l'iscrizione. cosa comporta? comporta una quota in euro e una quota in schei. decidere la proporzione. 50% - 50% ? la quota in euro viene calcolata correggendo il 10% delle cartanote stampate per il tasso di scambio.

1.1.1.2.4 eventi esterni
vi sono delle situzioni particolari chedeterminano delle "correzioni" o modifiche del circuito. Alcune volute, altrenon prevedibili
1.1.1.2.4.1 scadenza

davalutareilfatto di far scaderelebanconoteprodote in uncerto periodo (da fare magari ogni 34anni per lotti di stampa) questo consentirebbe unaverifica dellecapacita' in gioco e una rispampa delle pubblicita'. contribuisce a limitare l'accumulo
1.1.1.2.4.2 inflazione

esiste un meccanismo per bilanciare il rapporto euro scheo. si chiama tasso si cambio e va' applicato negli scambi di sconti o nella generazione di schei. gruppo scheo - 2007

esiste un paniere che determina il tasso.
1.1.1.2.4.3 Altre situazioni

furto, danni, ecc...

1.1.1.2.5 Uscita dal circuito
Se l'attivita' decide di uscire dal circuito, quali conseguenze? dato che una delle proprieta' che si vogliono limitare è l'attribuzione di riserva di valore allo scheo, la soluzione èquella di perdita di valore nel tempo. ma ècorretto? se lacartanota rappresenta la capacita'di fornireun bene o servizio(chel'emettitoresi è impegnato a dare) è conseguente che lacartanotaavra' valorefino a quando questacapacita'non cessera'. l'uscita dal circuito dell'attivita' dovrebbe avere come conseguenza il ritiro delle cartanotepersonali, specifiche. lasoluzione prospettata èche queste cartanotepossanovenirecambiate connuove dall'associazione, attingendo daquelle nuovecreate vi devono esseredei controlli e delle restituzioni da parte dell'attivita' che chiude. peresempiodevono essererestituitele quantita' di cartanotaassegnate, al netto delle quote associative pagate. da decidereil risarcimento in caso non vengano restituitele quote.

1.1.1.3 l'attivita' ha dei dipendenti?
1.1.1.3.1 SI, ridistribuzione
Se la'attivita' ecomposta da soci e da dipendenti, un impegno che si chiede è la ridistribuzionedi parte dei guadagni anche a loro.

1.1.1.3.1.1 quote

A 1

1.1.1.3.2 NO
nessuna indicazione aggiuntiva per l'attivita' composta da un solo soggetto

gruppo scheo - 2007

1.2 Vuoi aderire come persona ?

Sei un semplice cittadino che risiede nel territorio e ti interessa aderire al circuito?

1.2.1 Hai delle tue capacita' specifiche, dei beni autoprodotti che vuoi scambiare nel circuito?
cosa significa: significa che se hai delle capacita' o predisposizioni , delle conoscenze, competenze specifiche hai la possibilita' di poterlescambiare con altre persone. delle prestazioni in cambio di prestazioni. per esempio:

insegnanti, consulenti (lezioni di ripetizione, assistenze pc)

massaggiatori (massaggi, fisioterapia)

Ma anche, dei prodotti autoprodotti, tipo manufatti artigianali, prodotti agricoli, beni in generale.

sartoria (biancheria,tovaglie, )

ortolani (frutta,verdura) gruppo scheo - 2007

falegnami (mobili,oggettistica, )

pescatori (pesce)

1.2.1.1

SI

1.2.1.1.1 emettitore privato
l'associato chiamato emettitore privato è un normale cittadino SENZA partita iva, che desidera scambiare servizi o prodotti con altri servizi o prodotti, senza intermediari. la particolarita' di questo associato è che vengono prodotte eimmesse nel circuito delle cartanote personalizzate sulla propria offerta.
1.2.1.1.1.1 vantaggi

1.2.1.1.1.1.1 aumento potere d'acquisto 1.2.1.1.1.1.2 scambio capacita'
1.2.1.1.1.2 modalita'

1.2.1.1.1.2.1 prima iscrizione 1.2.1.1.1.2.1.1 emissione 1.2.1.1.1.2.2 circolazione 1.2.1.1.1.2.2.1 come li ricevo
1.2.1.1.1.2.2.1.1 in pagamento sotto forma i sconto 1.2.1.1.1.2.2.1.2 partecipando ad iniziative del circuito

1.2.1.1.1.2.2.2 dove posso spenderli
1.2.1.1.1.2.2.2.1 come sconto presso altri emettitori 1.2.1.1.1.2.2.2.2 come pagamento per servizi o beni completi i privati 1.2.1.1.1.2.2.2.3 dandoli di resto a chi paga completamente in euri

1.2.1.1.1.2.3 quota annuale gruppo scheo - 2007

Ogni anno bisogna rinnovare l'iscrizione. cosa comporta? comporta una quota in euro e una quota in schei. 1.2.1.1.1.2.4 eventi esterni 1.2.1.1.1.2.4.1 scadenza 1.2.1.1.1.2.4.2 inflazione esiste un meccanismo per bilanciare il rapporto euro scheo. si chiama tasso si cambio e va' applicato negli scambi di sconti o nella generazione di schei. esiste un paniere che determina il tasso.

1.2.1.2

NO

1.2.1.2.1 ti interessa lavorare su progetti finanziati dal circuito?
cosasignifica: significa che puoi mettere a disposizione il tuo tempo e la buona volonta' perfare dei lavori gestiti dall'associazione, retribuiti in schei. potrai quindi guadagnarne anche in conoscenze ecapacita'.

Babysitter, badanti (assistenza , sorveglianza)

giardinieri (cura prati, giardini, strade)
1.2.1.2.1.1 SI

1.2.1.2.1.1.1 dipendente privato

1.2.1.2.1.1.1.1 vantaggi gruppo scheo - 2007

1.2.1.2.1.1.1.1.1 aumento potere d'aquisto 1.2.1.2.1.1.1.1.2 Topic

1.2.1.2.1.1.1.2 modalita'
1.2.1.2.1.1.1.2.1 prima iscrizione 1.2.1.2.1.1.1.2.2 emissione 1.2.1.2.1.1.1.2.3 circolazione 1.2.1.2.1.1.1.2.4 come li ricevo 1.2.1.2.1.1.1.2.5 in pagamento sotto forma i sconto 1.2.1.2.1.1.1.2.6 partecipando ad iniziative del circuito 1.2.1.2.1.1.1.2.7 dove posso spenderli 1.2.1.2.1.1.1.2.8 come sconto presso altri emettitori 1.2.1.2.1.1.1.2.9 come pagamento per servizi o beni completi i privati 1.2.1.2.1.1.1.2.10 dandoli di resto a chi paga completamente in euri 1.2.1.2.1.1.1.2.11 quota annuale

Ogni anno bisogna rinnovare l'iscrizione. cosa comporta? comporta una quota in euro e una quota in schei.
1.2.1.2.1.1.1.2.12 eventi esterni 1.2.1.2.1.1.1.2.13 scadenza 1.2.1.2.1.1.1.2.14 inflazione

esiste un meccanismo per bilanciare il rapporto euro scheo. si chiama tasso si cambio e va' applicato negli scambi di sconti o nella generazione di schei. esiste un paniere che determina il tasso.
1.2.1.2.1.2 NO

1.2.1.2.1.2.1 semplice associato

1.2.1.2.1.2.1.1 vantaggi
1.2.1.2.1.2.1.1.1 aumento potere d'aquisto 1.2.1.2.1.2.1.1.2 Topic

gruppo scheo - 2007

1.2.1.2.1.2.1.2 modalita'
1.2.1.2.1.2.1.2.1 prima iscrizione 1.2.1.2.1.2.1.2.2 emissione 1.2.1.2.1.2.1.2.3 circolazione 1.2.1.2.1.2.1.2.4 come li ricevo 1.2.1.2.1.2.1.2.5 in pagamento sotto forma i sconto 1.2.1.2.1.2.1.2.6 partecipando ad iniziative del circuito 1.2.1.2.1.2.1.2.7 dove posso spenderli 1.2.1.2.1.2.1.2.8 come sconto presso altri emettitori 1.2.1.2.1.2.1.2.9 come pagamento per servizi o beni completi i privati 1.2.1.2.1.2.1.2.10 dandoli di resto a chi paga completamente in euri 1.2.1.2.1.2.1.2.11 quota annuale

Ogni anno bisogna rinnovare l'iscrizione. cosa comporta? comporta una quota in euro e una quota in schei.
1.2.1.2.1.2.1.2.12 eventi esterni 1.2.1.2.1.2.1.2.13 scadenza 1.2.1.2.1.2.1.2.14 inflazione

esiste un meccanismo per bilanciare il rapporto euro scheo. si chiama tasso si cambio e va' applicato negli scambi di sconti o nella generazione di schei. esiste un paniere che determina il tasso.

2 Cose' lo scheo ?
In pratica funziona come dei BUONI di scambio che circolano tra gli associati (aziende e privati), nel territorio di riferimento, favorendo gli scambi locali.

2.1 protagonisti
Siamo un gruppo di cittadini che si è posto delle domande sui meccanismi dell'attuale sistema economico e che tenta di dare una risposta concreta a problemi sentiti dalla società. Storia del gruppo gruppo scheo - 2007

Con l'avvento dell'euro molte persone hanno iniziato a sperimentare nella vita di tutti i giorni alcuni problemi legati alla moneta e alla politica monetaria. Probabilmente questo periodo può essere considerato uno spartiacque determinante per l'attenzione che alcuni studiosi e appassionati hanno cominciato a riporre nella moneta. Quest'argomento, infatti, è stato toccato nei decenni scorsi apparentemente da pochi studiosi e l'impatto dei loro lavori, anche se di valore, è passato abbastanza inosservato: probabilmente la gente comune e la società in generale erano troppo occupati e preoccupati di produrre e di ottenere risultati nel nome del progresso per potersi permettere il lusso di riflettere su cosa stavano facendo e soprattutto come. Nasce in questo contesto, nella primavera/estate del 2007, il gruppo di lavoro per la realizzazione dello Scheo, costituito da persone con esperienze varie, ma con alcune caratteristiche fondamentali e imprescindibili in comune: il desiderio di capire il perché delle cose, la determinazione nel credere che un tipo diverso di società è possibile e la consapevolezza dell'assurdità del sistema in cui viviamo. Tutti i partecipanti a questo gruppo di lavoro portano con sé un'importante esperienza personale e una ricchezza di saperi, di passioni e di vita. Ed è da questo che siamo voluti partire...

2.1.1 associati
vedi anche: Come puoi entrare nel circuito?

2.1.2 cartanota
Lo Scheo Una moneta complementare? Una cartanota? Un sistema di scambio? Un buono sconto? Un sistema di scambio tra associati che ha alla sua base il supporto fisico delle cartanote e i supporti ideologici della fiducia e della solidarietà

2.1.2.1 paramentri
2.1.2.1.1 tasso di cambio 2.1.2.1.2 paniere

2.1.2.2 caratteristiche 2.1.2.3 stampa
2.1.3 Circuito

2.1.3.1 ente emissione
2.1.3.1.1 composizione 2.1.3.1.2 gestione
2.1.3.1.2.1 entrate 2.1.3.1.2.2 spese

2.1.3.1.2.2.1 funzionamento

gruppo scheo - 2007

2.1.3.1.2.2.2 ridistribuzione vedi anche: ente attivita'

2.1.3.2 ente attivita'
2.1.3.2.1 attivita' CT 2.1.3.2.2 attivita' interne circuito
vedi anche: ente controllo

2.1.3.3 ente controllo 2.1.3.4 ente finanziamenti e prestiti
2.1.3.4.1 a progetto

2.2 obiettivi
gli obiettivi che ci poniamo sono di tipo: * Sociale: stabilire rapporti basati sulla fiducia e sulla condivisione, crescita di tutti verso un maggior senso della comunità * Economico: valorizzare la ricchezza del territorio, aumentare gli scambi consapevoli e il benessere di tutti * Umano: valorizzare le persone, le loro abilità e le loro competenze [e far sentire tutti più felici e sereni] * Culturale: salvaguardia delle tradizioni, dei prodotti tipici e della storia del territorio * Politico: far partecipare di più tutti nelle scelte importanti, dare alle persone il giusto ruolo (che spetterebbe di diritto) * Etico: adesione comune di valori primari imprescindibili, ripudio della guerra e di logiche nate per rendere l'uomo schiavo di se stesso o di pochi potenti. * Solidale: nessuno è visto come peso, ma tutti possono contribuire reciprocamente in modo attivo per la collaborazione nei confronti di chi si trova in difficoltà.

2.2.1 I problemi
Contesto in cui viviamo * Globale: guerra ovunque, globalizzazione, pochi ricchi che vivono tenendo molti in povertà, pochi decidono e molti sono esclusi, aiuto ai poveri visto come pietà per sentirsi meglio, problemi energetici seri, violazione di diritti umani, prevale la logica del profitto, perdita di valore della persona, del tempo libero e della felicità. * Locale: molta ricchezza che produciamo non rimane nel nostro territorio, la globalizzazione sta annullando la nostra cultura e le nostre tradizioni, il Dal Molin e la resistenza alla logica di guerra, la delocalizzazione di imprese, le difficoltà per i giovani per trovare lavoro dignitoso con paghe dignitose, la difficoltà per gli anziani di arrivare alla fine del mese gruppo scheo - 2007

2.2.2 Sensibilizzazione
Perché la questione monetaria Forse sulle prime è difficile rendersi conto dell'importanza del nostro sistema monetario, forse perché siamo sempre stati abituati a vederlo in azione e a parteciparvi automaticamente senza avere possibilità di scelta e senza che ci fosse realmente spiegato. D'altra parte è evidente a tutti che nella nostra società la moneta è un fattore determinante per la vita di ogni persona, e dunque perché non occuparsene per capirne il funzionamento e le implicazioni? Probabilmente molti potrebbero rispondere dicendo che non si sono mai posti questa domanda, forse anche perché si tratta di una cosa molto complessa e che solo pochi possono capire. Cerchiamo però di capire l'importanza e le conseguenze che questo tipo di visione di massa ha portato nella nostra società: sono ormai alcuni secoli che argomenti e decisioni che interessano tutta la comunità vengono discusse fra poche persone che, nella maggior parte dei casi, non rappresentano e non si fanno carico dei problemi di tutta la popolazione perché non sono stati scelti da nessuno e perché stanno a rappresentare solamente interessi di parte. Proprio da questo nasce il dramma del sistema in cui viviamo: poche persone hanno in mano da tempo il destino di tutti e ne possono disporre a loro piacimento, senza che la gente possa rendersi conto che ciò sta effettivamente succedendo perché lo considera normale! La cosa da cui bisogna ripartire per rendersi conto della situazione attuale e per capirne l'assurdità è il concetto stesso di sistema monetario. Cos'è la moneta? Cosa rappresenta? A cosa serve? Chi e perché la crea? In nome di chi? Chi ha il diritto di decidere sulle sue modalità di funzionamento? Molte domande apparentemente banali, ma estremamente importanti proprio perché nessuno di noi è mai stato abituato a farle.

2.2.2.1 La Moneta
Cos'è la moneta, cosa dovrebbe essere e cosa rappresenta (in costruzione) La parola moneta deriva da "monito", un avviso, un'indicazione. La moneta indica un valore riconosciuto e scambiato in un contesto sociale chiamato anche "mercato", ma questo termine è pericolosamente riduttivo, perché ne esclude in partenza la connotazione umana, fornendo un lasciapassare al concetto di "leggi di mercato", "scienza economica", ecc., dove si crede che le tendenze umane possano essere descritte e governate da formule matematiche. La moneta rappresenta il valore delle energie materiali (beni) e/o spirituali (servizi) che circolano nell'organismo sociale. La circolazione si basa essenzialmente su un tacito patto di fiducia tra i componenti l'intero organismo, in base al quale la moneta è sempre convertibile in beni e/o servizi. La moneta assume quindi una funzione di pagamento (da "pacare", mettere pace) fondato sulla fiducia. Quindi: -rappresentando le energie sociali ne costituisce la funzione di unità di misura. circolando all'interno dell'organismo sociale funge da metodo di pagamento. La moneta è una convenzione e in quanto tale è utile, ma non necessaria: un organismo sociale potrebbe basare il suo scambio energetico unicamente sulla fiducia che i suoi componenti nutrono vicendevolmente. Questa estremizzazione serve per chiarire il fatto che la moneta è sempre una realtà soggetta all'interpretazione che la collettività vuole attribuirle. Attualmente, nel nostro contesto sociale, la moneta viene adottata anche come riserva di valore in quanto non deperisce come i beni naturali e può rappresentare un investimento per il gruppo scheo - 2007

futuro, chiamato anche "risparmio". In una società che sente il bisogno di garanzie nel futuro l'aspetto del risparmio è molto importante. La moneta attuale viene emessa sottoforma di debito...--->> L'organismo sociale funziona bene se tutto circola bene, se non ci sono coaguli o ristagni e se ogni componente è orientato alla giusta misura: dare e avere né più, né meno di ciò che serve. --->>

2.2.2.2 Economia
come funzione l'economia, in base alla societa' e alla solidarieta'.

gruppo scheo - 2007