22/09/2011 La Costituzione della società ( Art 2463) : In prima approssimazione la costituzione della SRL replica quella della SPA

. L’Atto costitutivo può avere 2 forme diverse : Se 2 o più soci  CONTATTO Unico socio  Atto unilaterale (sono imprese individuali che godono della responsabilità limitata)

(1° Comma 2463) 1° Obbligo : l’unico Socio deve versare integralmente il capitale e non solo il 25% dei conferimenti in denaro. 2° Obbligo : Specificazione nella indicazione nell’atto costitutivo che è l’unico socio. Nel caso di violazione di questi due obblighi, il socio unico risponde illimitatamente per le obbligazioni sociali. L’atto costitutivo ha la forma di atto pubblico (Atto Notarile). Vi sono diverse forme scritte (Privata, con autenticata dal notaio (atto pubblico) , verbale, tacita ecc). Perché il legislatore prescrive la forma da utilizzare? La Forma della Scrittura Privata è imposta per due ragioni : 1) Perché esista un documento (tutela) -> per ragioni di “prova”. 2) Perché le parti “prestino attenzione” L’atto Notarile rappresenta una forma scritta particolarmente Qualificata : il notaio è un pubblico ufficiale. La sua dichiarazione è ufficiale fino a querela di falso. Esso , ha l’obbligo di rifiutarsi di rogare atti ( & clausole) illegittime. Ha infatti l’obbligo di Verificare e tradurre la volontà delle parti (verifica della legalità delle volontà). Il notaio è posto sotto controllo, e nel caso che roghi atti non validi, rischia la sospensione. Prima del 2007 la costituzione di una SRL o SPA era articolata in 3 Momenti : 1) Atto pubblico (il notaio roga l’atto costitutitivo) 2) Ulteriore Controllo effettuato dal tribunale (il tribunale attribuito alla sede della società), affinchè le formule e le clausole dell’atto costitutivo fossero conformi a legge (Controllo OMOLOGATORIO). 3) Iscrizione nel registro delle Imprese (efficacia costitutoria  la società viene di fatto all’esistenza in quel momento. Ci si è chiesti se 2 controlli non fossero troppi. Ci si deve fidare del notaio o dell’autorità giudiziaria? Ci si è accorti col tempo che il controllo del tribunale poneva un notevole freno temporale  il tribunale a volte approvava, a volte bloccava, a volte consigliava modifiche e questo implicava 6 mesi. Nel 2000 si è cancellato il controllo omologatorio da parte del tribunale. L’unico controllo è quello del notaio che ora assume maggiore responsabilità.

-

27/09/2011

A volte. Ragionevolezza : una situazione finanziaria della società nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento a fondo perduto piuttosto che un finanziamento. poco usato perché avere una garanzia attraverso una polizia integrativa ha dei costi esorbitanti (non conviene). Natura. Acquisti pericolosi : acquisti che la società fa’ da un socio. allora la legge richiede un valore di stima del bene acquisito e l’autorizzazione dell’assemblea (nelle spa obbligatorio. opere o servizi. Art 2467. il legislatore intende apporti di capitale di debito in qualsiasi forma. stranamente solo per le SPA e non per le SRL. Sarà l’economia aziendale a dirci quando c’è un eccessivo squilibrio –> non c’è un limite posto dal legislatore. nelle Srl obbligatorio . salvo diverse disposizioni sul atto costitutivo). 2467 comma b. Crediti . Quando parliamo di finanziamenti dei soci. Anche perché la somma da garantire avrebbe costi ripetuti negl’anni (finchè il socio rimane socio). e questo valore dev’essere garantito (2464 – penultimo comma). in maniera fraudolenta si vorrebbe gonfiare il valore dei conferimenti. Nelle SRL è quindi possibile avere la figura del socio d’opera. 2. o quando effettivamente lo concede? ( cagnasso non da’ risposta). Finanziamenti dei soci : strumenti per apportare capitale di debito. Un soggetto (revisore legale). Art. Quando la situazione di squilibrio dev’essere valutata? La situazione di eccessivo squilibrio va’ valutata al momento della concessione del finanziamento . La prima precisazione da fare è che per finanziamenti dei soci. Art . Con una direttiva comunitaria europea. Criterio x individuazione di finanziamenti nati sotto situazioni anomali : 1. i conferimenti in natura . è possibile in certi casi rinunciare ad una relazione di stima . esprime con una dichiarazione giurata il valore. alludiamo a dei prestiti effettuati dai soci. ma non parla di servizi. devono avere una relazione di stima.Diritto Commerciale II I conferimenti possono essere beni in Denaro. 2465  il legislatore parla solo di beni e di crediti. Nella prassi. Come per le SPA. . è scelto dalla SRL stessa e non dal tribunale come nella spa. Potrebbero immaginarsi. potrebbero immaginarsi prestiti in forme di garanzia. Socio d’opera : obbligo del socio di offrire una determinata prestazione in cambio della sua quota: il valore di questa prestazione dev’essere garantita da un’assicurazione o da una fidejussione bancaria. e quindi degl’apporti con obbligo di restituzione. E’ interessante che il perito che deve stimare. Il legislatore parla nell’articolo 2467. il dubbio è : quando? Quando s’impegna a concedere il finanziamento . di “prestiti cattivi”  nati in una situazione anomala. Tutta questa manovra dovrebbe essere bloccata dalla relazione di stima ( che attribuirà un valore congruo). Al conferimento dev’essere attribuito un valore e questo valore dev’essere imputato a capitale. per un 1/10 del capitale sociale. Eccessivo squilibrio dell’indebitamento rispetto al patrimonio netto . oltre che a prestiti nella forma di “mutui” .

Cosa succede quando viene effettuato un finanziamento in queste situazioni? Il finanziamento è di solito un prestito (che dev’essere restituito). Diverse interpretazioni : quand’è che si realizza questa regola? Quando c’è un concorso tra i creditori. La regola della postergazione va’ applicata in questo modo : prima si sommano i debiti e si calcolano.00cerca meglio su internet): è un’azione promossa dal curatore nei confronti del socio . e se i crediti riescono effettivamente a sopperire ai debiti. Quando? Quando la società è posta in liquidazione o fallisce. La portata di fondo di questa norma è : evitare i finanziamenti. solo allora si potranno restituire i crediti ai soci. la norma dice che la somma rimborsata deve essere restituita.È chiaro che se c’è una situazione di squilibrio ci sarebbe in maniera ragionevole bisogno dell’apporto di capitale di rischio (di un finanziamento). o in un momento in cui la società avrebbe bisogno di un conferimento. → vuol dire che il curatore può agire in giudizio nei confronti del socio. In questo caso i soci sono postergati. Es. . Un ipotesi è che la società dovrebbe accantonare una somma pari alla somma dei debiti contratti. La prima regola è quindi quella della POSTERGAZIONE (mettere il credito all’ultimo posto tra quelli da restituire) . potrebbero vedere restituiti i loro soldi (in caso di fallimento). verranno pagati i soci. il legislatore ha posto la regola della postergazione. purchè il curatore provi la conoscenza da parte del finanziato (i soci) della condizione di squilibrio della società. Art 2467 comma I. In tal caso. Si ritiene però una norma insufficiente . Come? Attraverso un ‘ Azione revocatoria : (min. Secondo la revocatoria fallimentare prevista in via ordinaria sono revocabili i finanziamenti. ca 60. I finanziamenti che il legislatore prende in considerazione sono questi : quelli quando c’è un eccessivo squilibrio. e solo allora potranno rimborsare i finanziamenti dei soci . Questa strada è più facile da percorrere perché il curatore non dovrà provare che è un finanziamento nato male ma che i soci che ricevono i soldi erano a conoscenza dello stato di insolvenza & squilibrio della società . Prestiti azione revocatoria : 1) esiste il finanziamento 2) esiste il rimborso 3) rimborso entro l’anno 4) dovrà provare che il finanziamento sia nato  onere della prova della situazione di squilibrio  molto difficile da provare. Una seconda interpretazione : si ritiene che questa norma valga anche quando una società sta vivendo la sua vita “normale” e non è implicata in una procedura concorsuale. Prima verranno pagati i creditori e poi . (norma DETERRENTE). dopodiché si stimano i crediti. La società rimborsa i prestiti dei soci e dopo un anno fallisce (entro l’anno dal rimborso). Se i soci effettuano dei finanziamenti alla società. A chi? Al curatore. Per questo. quando in realtà avrebbero dovuto apportare dei crediti a fondo perduto. Ma anche in situazioni di non squilibrio può esserci il bisogno di un finanziamento: ad esempio per espandere la propria società.

e quelli in esecuzione per i quali la restituzione viene posta in primo piano : prededuzione. 29/09/2011 La riforma societaria del 2003. Art 182 quater legge fallimentare. Art 2487. bisogna dichiararlo e motivare la scelta . In quest’ottica di favorire i finanziamenti. ma anche quelli dei soci. Manca ultimi 15 min di lezione. (REGOLA DI TRASPARENZA). il legislatore ha pensato di favorire non solo i finanziamenti bancari. Art 2497 e seguenti. (Direzione e Coordinamento di Società) . dando direttive agli amministratori della controllata esercitando quello che è chiamato il potere di DIREZIONE E COORDINAMENTO oppure di ETERO DIREZIONE. comporta una responsabilità (in caso di scorretto esercizio del potere. Sono favoriti però due tipi di finanziamenti : i finanziamenti Ponte . oltre che a modificare la disciplina delle soc di capitali. immaginiamo un gruppo di società con alfa che controlla alfa1 e alfa2. . Partecipa alle assemblee.OGGI sono revocabili i pagamenti effettuati entro i 6 mesi dal fallimento. Se una scelta gestionale è stata decisa dalla controllante . Possiamo avere il caso della controllante. beta2 eccc oppure finanziamenti da parte di beta 1 nei confronti di beta 2. approva il bilancio ecc. è legittimo. Finanziamenti ponte/ in escuzione : finanziamenti per concordato di “restutturazione”della società. Questo vuol dire che alfa ha una partecipazione di CONTROLLO (è la controllante) in alfa 1 e alfa2. dice che il potere della controllante nei confronti della controllata. In caso di potere di direzione e coordinamento. e nel registro delle imprese va’ specificato anche DA CHI. e che quindi è in grado di nominare gli amministratori. (non più un anno). In deroga alla legge 2467. La società etero diretta deve dichiararlo . Come e che limiti ci sono in questo potere? Intanto il legislatore . nomina i soci. 3 gruppi di norme particolarmente significative : 1) Scioglimento e liquidazione (oggi costituisce una disciplina autonoma) 2) Disciplina dei gruppi 3) Operazioni straordinarie (nell’ottica delle trasformazioni) 2)Disciplina dei gruppi : disciplina totalmente nuova. Il legislatore interviene quindi sulla responsabilità : il controllo “sbagliato” da parte della controllante nei confronti della controllata. i finanziamenti che sono RILEVANTI per il legislatore sono quelli di Alfa nei confronti di beta1. che direziona e quindi si ingerisce nella gestione della controllata. la responsabilità è della controllante e dei suoi amministratori).

quota 10%. sapete quali sono le conseguenze. Certi diritti non possono essere “pesati” : il diritto di informazioni non ha un “quanto”. Si applicano quindi le regole su viste ( postergazione ). Socio che conferisce 500 su cap soc. Il legislatore in pratica dice : sapete bene qual è la situazione della finanziata al momento del finanziamento : normale o a-normale. Partecipazione sociale e sua circolazione Che cos’è la partecipazione? E’ la posizione del socio oggettivata. E’ l’insieme dei diritti.. Nelle SRL c’è la possibilità di differenziazione (2468) tra partecipazione e conferimento. Le motivazioni sono 2 : 1) Quando si parla di partecipazione si parla di conferimenti che abbiano la possibilità di avere una valutazione economica. Es. Il diritto di voto ha invece un peso : quanto conta il mio voto? Il diritto agl’utili è pesabile.45 circa). 2) Il caso in cui si voglia giustificare una donazione (indiretta)  papà vs figlio. Un ‘altro contrappeso è un meccanismo che non permetta l’abuso. e degl’obblighi che fanno capo al socio.Beta 1 Alfa beta 2 beta 3 Questa è una norma che vale per tutte le società : di persone e di capitali. La partecipazione è proporzionale al conferimento. voglia altri diritti: è il caso di particolari diritti (che non possono circolare. Si può applicare questo principio anche alle spa? Serve qualcosa che faccia da contrappeso a questo grande potere. che ha una partecipazione di 15% invece che di 5% e viceversa. e sono estranei alla partecipazione sociale) e sono appiccicati . anche. In caso di situazione anormale. Art 182 quater (legge fallimentare) . Quale disciplina si applica a questi finanziamenti ? Art 2467. Conferisce 1000 .  questo spiega. Ma pensiamo al socio che apporta in società la sua professionalità. Il primo è sicuramente la resp degli amministratori. Ha un suo valore economico e può essere oggetto di trasferimento e circolazione. Il legislatore consente partecipazioni non proporzionali al conferimento. oltre alla propria partecipazione . (min 0. La società alfa che esercita potere di coordinamento. o un nome prestigioso. ha anch’essa potere di informazione (come i soci) senza limiti. Può esserci un caso in cui un socio. cap soc 10 000 . perché può conferire 500 ed avere una percentuale maggiore. dei poteri.

può essere trasferito insieme alla partecipazione). Clausola di consolidazione : clausola che alla morte di un socio. Qual è il contenuto dei diritti particolari ? 2468 3 comma.alla figura del socio . Quali possono essere?  I soci non amministratori. Può essere anche un diritto di Recesso . 1° ipotesi importantissima : il diritto particolare potrebbe essere quello di avere il potere d’amministrazione. In questo caso l’assemblea non nomina gli amministratori. Questo perché la disciplina delle SRL è una disciplina elastica sotto tutti gli aspetti. adottato all’unanimità). 2° ipotesi : attribuzione ai soci del potere gesto rio su particolari atti. Gli amministratori nominati con questo meccanismo. . Per le spa non è così (l’azione è senza volto) Il socio SRL può anche esistere quindi senza alcuna partecipazione (min 0:70) . il diritto di ispezione . Vestito personalizzato del socio. rimborsando ai parenti la quota del “Morto”. adottato all’unanimità. il particolare diritto attribuito ad un socio. Può essere . il diritto speciale. non hanno di solito diritti di ispezione (i soci normali non possono di solito andare in magazzino e verificare le quantità contenute lì) . e non alla partecipazione. un diritto particolare.   La circolazione dei diritti particolari Se i diritti particolari si estinguono con la cessazione della partecipazione. Questa può essere anche inserita come clausola particolare o ad personam per un particolare socio. I particolari diritti possono essere introdotti quando viene costituita la società. ma anche durante la vita della società (con la modificazione dell’atto costitutivo. Vendendo la partecipazione si perdono i diritti. Prossima lezione : clausole di prelazione e di gradimento. una volta assegnati ? si. sono revocabili? Forse si. Possono esserci altri diritti particolari? Sono configurabili diritti particolari atipici? Le opinioni non sono concordi : l’opinione prevalente è che possono esserci diritti particolari atipici. può essere inserita dentro la partecipazione sociale e quindi questo diritto circola insieme alla partecipazione sociale (la sua partecipazione vale di più. ma con la modificazione dell’atto costitutivo . i morti consolidano la propria quota. E’ possibile modificare i diritti particolari. In questo modo non c’è più un limite di tempo all’amministrazione. Il legislatore da’ la possibilità di derogare questa norma e di dare la possibilità di assegnazione o deroga A MAGGIORANZA e non all’unanimità. com’è possibile che questi circolino? In certi casi . ma solo per giusta causa.

Quindi il venditore deve garantire vhe le partecipazioni siano immuni da vizi e che abbiano le qualità necessarie per l’uso (può circolare liberamente. garantisco che la partecipazione ha tutte le caratteristiche promesse). (orientamento di minoranza) Venditore ed acquirente includono quindi delle clausole nella compravendita che riguardano il patrimonio sottostante alla partecipazione. il trasferimento è possibile con il consenso di tutti i soci.Il venditore deve garantire che la cosa oggetto della vendita è immune da vizi ed ha le qualità necessarie per l’uso. 1 . Esistono norme per la compravendita che disciplinano le garanzie che il venditore deve dare al compratore.. come parte integrante della compravendita. 2 – Se acquisto una quota di maggioranza. Se acquisto una partecipazione non di maggioranza. Cosa c’è “sotto” (il patrimonio”) non riguarda il venditore. clausole che garantiscono la veridicità di alcune situazioni. la società in vendita sarà gestita dai vecchi amministratori. Un altro punto di vista della giurisprudenza include il patrimonio al di sotto delle partecipazioni.. Clausole legate al prezzo (min 0:40) Tutte clausole per evitare che il bene venduto (la partecipazione) sia slegata dal patrimonio che ci sta dietro. acquisto il patrimonio della società “pro quota”. Clausola di garanzia specifica → Che si hanno tot beni. Nelle SRL. dal punto di vista formale è scorretto dire ciò perché dal punto di vista formale il socio non diventa mai proprietario del patrimonio. Questo comporta che gli amministratori preservino quindi il patrimonio della società non emettendo nuove azioni ecc. o tutte le partecipazione della società. Dal punto di vista formale la compravendita di partecipazioni.04/10/2011 (sugli appunti di eco copy manca questa parte) Art 2469 Le partecipazioni delle srl sono liberamente trasferibili.. che si hanno tot beni in leasing ecc. Clausola traslativa di partecipazione : clausola che garantisce il patrimonio. Nel contratto “preliminare” all’acquisto. Clausole di garanzia reddituali → che la società produrrà certi redditi. Esattamente come succede per le azioni nelle SPA. poiché le proprietà appartengono alla società. ma dal punto di vista sostanziale si diventa proprietari del patrimonio. và inserite alcune clausole: clausola di garanzia generica → il venditore garantisce che il bilancio che si ha ad un certo momento è veritiero. Acquisto solo la partecipazione contrattuale o qualcosa di più? Vado in realtà ad acquistare il patrimonio della società. il funzionamento del patrimonio sotto i tutti gli aspetti. compete solo per le partecipazioni stesse. Nel tempo che intercorre tra il contratto preliminare ed il contratto definitivo. che cosa acquisto? Acquisto quel particolare bene che sono le partecipazioni. non ci sono diritti di terzi sulla partecipazione ecc. .

Consentire ai soci di recedere ed in caso di recessione. la prelazione non si applica ! → bisogna quindi prevedere . rispetto agl’altri acquirenti. Come si applica all’srl ? se il socio vuole vendere la sua partecipazione. Clausola di prelazione impropria: clausola che permette la vendita ad un prezzo prefissato ai soci che hanno il diritto di prelazione . ma il socio che vuole vendere le proprie partecipazioni può optare solo per il recesso (seconda opzione). e 5 per le SPA.   Clausola di Gradimento : controllo da parte dei soci a chi saranno gl’altri soci. di sbarrargli la strada. bisogna garantire al socio che vuole vendere le proprie azioni di : Alienare cmq la propria quota → obbligo da parte dei soci di acquistare le azioni. Se però prevedo che la prelazione si applichi anche in caso di “donazione” o “permuta”.Clausola di gradimento 2. qual’è il valore della partecipazione a cui va’ venduta la partecipazione? Bisogna specificarlo (es 3 o 4 volte l’ultimo utile). Ci sono situazioni che possono rendere intrasferibili le partecipazioni : 1.Il socio titolare di azioni e partecipazioni. ma con un enorme limite che la vanifica → comporta il diritto di recessione in qualsiasi momento. → POST RIFORMA →: possibilità di inserire clausole di mero gradimento (nella SPA) . Nelle SRL viene garantito l’uso della clausola di mero gradimento . 2469. → PRE RIFORMA : La giurisprudenza aveva detto che le clausole di mero gradimento. è ammissibile? Si. o da quando questa clausola è prevista). Clausola che consente di valutare il nuovo socio e nel caso. nella SPA sono NULLE → perché si possono rendere intrasferibili le azioni. senza acquistare la partecipazione. Essa crea un privilegio : ha una posizione privilegiata. pagare la quota di liquidazione. Consente anche a non consentire che altre persone entrino in società. per soli due anni (per la SRL). - . concedere l’usufrutto ecc. può utilizzare le azioni come crede : può trasferirle. Una clausola di intrasferibilità senza recesso. (dalla costituzione della società. Essa è ammessa in tutte le sue possibili configurazioni. Art. deve prima preferire gl’altri soci: se trova un acquirente che compra la sua partecipazione a 100k euro la sua partecipazione. Oggettive : dicono le qualità che deve avere il nuovo acquirente (caratteristiche dell’acquirente). deve vendere ai soci allo stesso prezzo la partecipazione. darle in pegno. Soggettive : clausole che sottopongono il gradimento di un acquirente immotivato e soggettivo (a discrezione degl’altri soci). In presenza di quali ipotesi di trasferimenti può essere utilizzata? → se è prevista la clausola di partecipazione “in caso di vendita” . in quali negozi . La clausola di intrasferibilità è ammessa ? si.Clausola di prelazione: clausola per cui un soggetto è preferito ad altri nel caso in cui venga posto in essere un certo contratto. Questo per evitare comportamenti scorretti : vendita della propria partecipazione ad un prezzo spropositato (per far si che i soci non acquistino quella partecipazione). E’ necessario quindi che venga comunicato il nome dell’acquirente della partecipazione. ed il socio regala la partecipazione . si applica la prelazione.

30) (completare manca l’ultima parte) → c’è nella registrazione. il socio è escluso automaticamente. non è automatica. limitatamente ad un socio. cda. Non c’è limite di durata. il socio escluso. decisa dai soci L’effetto dell’esclusione è lo scioglimento del rapporto sociale. se ritiene infondati i presupposti deve agire in giudizio per essere riammesso nella società. Avviene o per intervento dell’autorità giudiziaria o per decisione dei soci. Un altro strumento di autotutela è l’esclusione del socio : i soci possono escludere un socio. quando l’altra parte non adempie i propri doveri (iscritti in un contratto) : ad esempio . recesso. posso legittimamente rifiutarmi di pagare il prezzo. a cura del notaio. Tra gli strumenti di autotutela . . Art. presso il registro delle imprese (min 1. sarà l’altra parte a richiedere l’adempimento e a chiedere l’adempimento . O dai soci. La causa più importante è il fallimento del socio : se fallisce il socio di una società di persone . Esistono TRE tipi di Esclusione : Di diritto Facoltativa. senza ricorrere all’autorità giudiziaria. ma attraverso un azione giudiziaria Facoltativa . Si può stipulare un patto parasociale. Se l’eccezione di inadempimento è stata utilizzata illegittimamente. o i sindaci.Chi esprime “Il gradimento” ? → organi sociali : assemblea. 2286/87/88 Riguardano le società semplici ma si applicano a tutti i tipi di società di persone. Post riforma : 1) Con un contratto (autenticato). Oppure ancora da terzi. in presenza di determinati presupposti. che vincola i soci solo in caso di prelazione e risarcimento dei danni. 11/10/2011 Strumenti di Autotutela : è possibile far valere i propri diritti. uno è l’eccezione di inadempimento che è un legittimo rifiuto di adempiere. senza ricorrere al giudice. 2) Iscrizione dell’atto. Aggiunta clausola plenale → predeterminazione del danno. se non mi viene consegnata la cosa. L’esclusione di diritto si distingue dall’esclusione facoltativa perché l’esclusione è automatica (senza intervento del giudice o dei soci). L’esclusione facoltativa. morte. Come si trasferisce la partecipazione? (disciplina di circolazione delle partecipazioni). L’esclusione del socio può avvenire in tre casi : esclusione.

Quand’è che avviene per decisione dei soci ? Quando la società è costituita da più di due soci. che può essere dato in pochissimo tempo. ha 30 giorni di tempo per : L’esclusione ha effetto dopo 30 giorni. Il socio escludendo. Il legislatore tace su tutto il resto. senza essere avvertito. Nelle società di persone. il socio può fare opposizione (attraverso un azione giudiziaria). I soci devono prevedere delle possibilità d’esclusione riconducibili a giusta causa. come può non prevederlo). L’azione giudiziaria . Nelle società di persone vale un principio di non collegialità : laddove la decisione sia a maggioranza. Nei 30 giorni . Nelle SRL il legislatore prevede la possibilità d’esclusione (l’atto costitutivo può prevedere la possibilità d’esclusione. dev’essere comunicata al socio escludendo . Qual è il grado d’autonomia dei soci? Primo problema : chi decide l’esclusione? Qual è l’organo competente? Nelle società di persone. il socio “escludendo” è ancora socio. nella comunicazione devono essere contenute le ragioni (grave inadempimento o impossibilità di adempiere). Nella società con più di due soci . un socio per escludere l’altro . non è neanche nel suo interesse.. può durare anni. in un certo luogo  collegialità piena) . Esiste quindi a questo punto un provvedimento di immediata reintegrazione nella società. L’esclusione avrà effetto solo dopo che sia stata pronunciata la sentenza. In società formate da più di due soci. che cambia residenza ecc. come abbiamo visto. La giurisprudenza in questi casi. Per 30 giorni. Laddove la permanenza del socio in società possa arrecare un danno alla società. un socio può promuovere l’esclusione presso un tribunle facendo presente questi due presupposti. i soci possono escludere un socio (esclusione facoltativa) in presenza di due presupposti : Grave inadempimento (il socio che non adempie ad esempio alle obbligazioni del contratto sociale) Impossibilità di adempiere (il socio che si è impegnato a porre in essere un attività lavorativa. Possono essere le ipotesi d’esclusione delle società di persone : gravi inadempimenti specifici. lui continuerà ad essere socio. In caso di due soci. un socio può essere escluso a maggioranza. una volta avvenuta. l’esclusione è decisa dall’organo . l’esclusione è decisa dai soci. non esiste l’assemblea dei soci. C’è la possibilità . di poter avere un provvedimento d’urgenza anticipatorio. con un odg. situazioni soggettive del socio (il socio che viene interdetto. esclude del tutto il principio di collegialità (la convocazione dei soci convocati . Art 2473. Qual è il meccanismo previsto? Se si tratta di una società di due soci . e una volta raccolta la maggioranza. in questo caso. ma solo maggioranza “di teste” [escludendo il socio escludendo]) . la decisione d’esclusione è adottata dai soci a maggioranza numerica (non per quote di capitale. deve ricorrere all’autorità giudiziaria. Nell’intervallo prima dell’esclusione. Nelle società cooperative. In caso d’esclusione quindi. che può essere decisa dall’autorità giudiziaria. i soci magari mandano “In rovina” la società negl’anni ed essere reintegrato tra anni.) . email ecc). da quando riceve la comunicazione. quindi . si infortuna e non può più adempiere a tal eattività). non è più consultare gli altri soci. è sufficiente raccogliere la maggioranza. L’esclusione . collegialità attenuata : tutti i soci vengono consultati ( a mezzo lettera.

amministrativo (CDA) . (mancano ultimi 10 minuti)→registrazione. si applica la regola propria dell’organo : es. e deve procedersi con l’iter previsto (prima offerta ai soci e poi a terzi). Diritto particolare di alcuni soci. E con quale tipo di voto? (sempre nel caso che non sia specificato nello statuto) A maggioranza? Sicuramente . Art. Il socio delle SRL se ha compiuto atti di gestione risponde dei suoi atti se “mala-gestio” 13/10/11 Gli amministratori delle SRL possono essere uno o più soci. Nomina extrassembleare per gli amministratori : . le linee cardine della governante elle srl sono diverse da quelle della spa. Anche nelle SRL è così? Dipende. Modello fortemente differenziato → perché il legislatore non dice nulla. → vai all’articolo dell’esclusione. Lo strumento dell’esclusione nelle srl può essere utilizzato per difendersi da soci “Opportunisti” o “ricattatori”. Cosa succede per quanto riguarda la quota di liquidazione? Il legislatore rimanda alla disciplina del recesso. il silenzio va’ riempito con regole differenti”. La liquidazione però. Esistono possibilità nelle quali gli amministratori non sono nominati dall’assemblea (es. qual è l’organo a cui spetta questa responsabilità. salvo diversa disposizione dell’atto costitutivo. fare opposizione in che modo?  impugnazione della deliberazione dell’organo che lo ha escluso (assemblea o altro). la disciplina delle spa vale quando le srl superano una certa soglia” . con la riduzione del capitale sociale: in tal caso? L’esclusione non è possibile? Si scoglie la società? Il legislatore tace. oppure “essendo che l’srl può essere grande come una spa. per le competenze degli amministratori e diversi per il tipo di funzionamento) → molta autonomia. Cosa può fare il socio escludendo per difendersi? Il codice tace. se viene deciso di utilizzare l’assemblea e le votazioni dell’assemblea si prendono con collegialità piena. dev’essere specificato nello statuto. Ovviamente nelle SRL . Esiste anche la possibilità che gli amministratori siano nominati da qualche socio che ha un diritto particolare. vale anche per l’srl? Molte risposte : “no. La Governance nell’SRL : gli organi obbligatori sono solo (min 1:20) . di avere la qualità di amministratore → anche tutti i soci amministratori) . non è possibile (come per il recesso). Alcune sentenze utilizzano le norme valide per le società di persone. E se non è specificato? Assemblea ? CDA? Amministratori ? Dubbio quasi irresolubile. La disciplina della governante della spa. 2475 Nelle spa gli amministratori sono nominati dall’assemblea. Il legislatore permette sistemi d’amministrazione diversi (diversi per la nomina degli amministratori. anche in tal caso la decisione dovrà essere presa con collegialità piena. Valgono le stesse regole : versata entro 180 giorni dalla comunicazione dell’esclusione . Ma in tal caso.

- Principio della Collegialità : Per le SPA : collegialità piena Per le SRL : se nulla è previsto si attua la collegialità piena. nelle SRL. Nelle SRL. in tal caso è risolto dai soci a maggioranza. In presenza di più amministratori. si espressa a sfavore di questa “usanza” perché potrebbe costituire uno “svantaggio” per il privato che partecipa all’attività (lo stato potrebbe imporre degli amministratori non capaci). 2449) . è possibile introdurre (clausola nell’atto costitutivo) la collegialità attenuata. Questo cambia la prospettiva nel caso di SRL con partecipazione STATALE: i soci “statali” potrebbero avere la possibilità di nomina di amministratori e riuscire così a mettere in “svantaggio” il socio privato. Ciascun amministratore che conosce però.- - Nomina dei primi Amministratori (nominati nell’atto costitutivo)  vale per le SPA e per le SRL. questa regola è DEROGABILE : attraverso una clausola dell’atto costitutivo può essere prevista un’assemblea con competenze Gestorie. possono essere affidate anche a singoli soci attraverso particolari privilegi. Alcune competenze gestorie. la nomina degli amministratori nella SRL può essere attribuita a qualche socio. Nelle SPA l’assemblea NON ha competenze gestorie: alcune deliberazioni può essere previsto che abbiano l’obbligo dell’autorazzione dell’assemblea. potrebbe avere la possibilità di nominare alcuni amministratori. Amministrazione congiunta: è l’opposto : per amministrare ci và il consenso di tutti o della maggioranza. ) (min 0:10). può bloccare l’amministratore esercitando il suo diritto di veto. gli atti che un altro amministratore sta per porre in essere. attraverso una clausola statutaria . mentre per le SPA rientra nella normalità. Il metodo dualistico ( manca mezz’ora di lezione  chiedi appunti a GEBE 03/11/2011 . Nomina degli Amministrazioni per cooptazioni (nomina di un componente di un organo. L’UE. Mentre nelle SPA la nomina degli amministratori deve essere Proporzionale alla partecipazione.lo stato poteva nominare alcuni amministratori: alcuni amministratori sarebbero stati nominati dall’assemblea e altri dallo stato. In caso di ente pubblico partecipato (art. fatto dallo stesso organo → esempio di sostituzione di un amministratore durante la carica [meccanismo che può essere previsto nell’atto costitutivo. i modelli di amministrazione sono due : Amministrazione disgiunta : ciascun amministratore può porre in essere degli atti senza l’autorizzazione di nessuno . con la clausola prevista nell’atto costitutivo. e quindi nominare altri amministratori in deroga del principio della proporzionalità della partecipazione. Presuppone molta fiducia. Buco legislativo (min 0:20) : il socio di minoranza. Il conflitto. e non la condivide.

L’azione può essere promossa dai soci di minoranza pregiudicati o dagli amministratori delle controllata. Quando si esercita il potere di controllo e direzione? Il legislatore presume che venga esercitato il potere di direzione ed etero coordinamento laddove ci sia una società che controlla : che abbia la maggioranza dei voti. La società o l’ente deve indicare anche DA CHI si è etero diretti. Gli amministratori delle società etero dirette . Si presume che il socio alfa eserciti il potere di direzione e coordinamento. La disciplina dei Gruppi Vale per tutti i tipi di società. Il socio Alfa ha il 60% delle partecipazioni e altri tre soci. Altre volte può capitare che non sia la società con posizione maggioritaria a dirigere la società. ma può essere la società minoritaria per via di clausole specifiche incluse nelle loro azioni o per via di un contratto. . devono essere motivate (ragione e quali interessi hanno inciso sulla decisione). Presupposto negativo : mancanza di vantaggi compensativi. Il diritto di recesso È concesso ai soci della società etero diretta in presenza di determinate condizioni : Modificazione radicale della società controllante (es cambio dell’oggetto sociale) Modificazione dello status della società (diventa controllata) I finanziamenti infragruppo Vale anche qui. E’ una disciplina costituita per la direzione ed il coordinamento della società. Le scelte gestionale che vengono messe in atto dalla controllata. Il profilo più importante è quello della responsabilità. affinchè i soci siano a conosenza se una società è etero diretta e in quale direzione vadano le scelte poste in essere da questa società. negativi : danno al valore e alla redditività della partecipazione. devono indicare nella relazione di gestione lo status di etero direzione (i rapporti che sono stati trattenuti sia con la società controllante sia con le altre controllate) e devono essere indicati gli effetti che derivano da tale attività. per una indicativa dalla capogruppo. ma società. Es. Norma importante : quando la direzione è esercitato da un socio o da un terzo in virtù di un contratto. Un secondo obbligo è quello di indicazione nel registro delle imprese (una nuova sezione del registro delle imprese) nella quale sono indicate le società o gli enti che esercitano attività di direzione e di coordinamento e quelli che vi sono soggetti. Obbligo per la società etero diretta (controllata) di indicare questa situazione negl’atti e nella corrispondenza. la postergazione e l’azione revocatoria.Presupposti positivi : corretta gestione . Altri profili di rilievo riguardano oltre la responsabilità : la trasparenza. Il legislatore introduce tutta una serie di regole di trasparenza. che non siano persone fisiche . Almeno due peculiarità riservate alle SRL: una srl con tanti soci. L’obbligo di iscrizione per le società etero dirette. con 4 soci.

ma anche la responsabilità di malagestio del socio amministratore della controllante. Nelle spa i soci possono chiedere informazioni (solo in assemblea). sempre presente indipendentemente dal fatto che vi siano altre forme di controllo. Nella malagestio non ci sono vantaggi compensativi e la responsabilità del socio è nei confronti della società. Socio di minoranza che eserciti il potere di coordinamento sulla base di una clausola Es. Se al socio di maggioranza. che devono essere pertinenti all’esercizio del diritto di voto e quindi pertinenti all’odg. probabilmente trattandosi del decisione del socio di maggioranza. Vi sono un insieme di profili abbastanza complicati. ma anche come esercizio di direzione e coordinamento (2 responsabilità). da’ una direttiva non corretta che pregiudica la redditività dei soci di minoranza (e non vi sono vantaggi compensativi) : gli soci di minoranza possono agire contro la controllante perché sono stati pregiudicati dalla decisione della controllante. alfa 90% beta 10% . dando una nuova disciplina alla revisione legale dei conti . il legislatore stabilisce che i soci non amministratori abbiano potere di informazione e potere di consultazione.La società alfa. Possibilità di organi di controllo facoltativi → autonomia statutaria. quest’ultima subisce la responsabilità prevista per i soci che mettono in essere tali atti. Il controllo da parte dei soci Penetrante controllo dei soci. Nelle srl : norme del 2003/2004. Sono due responsabilità profondamente diverse (una è diretta vs i soci di minoranza. Confronto con gli altri modelli societari : Nelle società di persone. . E passibile di malagestio? Si. potrebbero essere viste le azioni del socio non solo come atto gestorio. venisse attribuito da statuto un potere decisionale. Il controllo Nelle società di capitali è un tema particolarmente avvertito perché il legislatore è intervenuto recentemente (2010). I soci delle srl quando pongono in essere degli atti gestori sono responsabili : se la società alfa impone alle controllate degli atti gestori. vi è la responsabilità della capogruppo per un coordinamento sbagiato (danno diretto ai soci di minoranza). come può il socio beta essere titolare ed esercitare il potere di direzione e coordinamento? Con una clausola dell’atto costitutivo che attribuisca alla società beta il potere di nominare la maggioranza degli amministratori (chi nomina gli amministratori dirige di fatto la società). Organo di controllo obbligatorio : il collegio sindacale (obbligatorio solo in determinati casi) Obbligo della nomina del revisore o della società di revisione. l’altra nei confronti del patrimonio della società).

Quando il collegio sindacale è imposto . L’unico limite è quello delle modalità d’esercizio : non possono essere esercitate in modo di bloccare l’attività della società. questi diritti. o responsabilità). Il controllo non possa che essere controllo contabile . il discorso cambia. mentre il sindaco lo controlla sia la parte contabile. Qualche problema : quand’è che pur non essendoci un obbligo può essere opportuna la nomina del collegio sindacale o del revisore? La nomina può essere opportuna laddove si voglia dare una sorta di garanzia ai terzi in genere (in particolar modo ai creditori). Il diritto di consultazione può essere svolto dal socio o da un professionista che ritiene di fiducia. o revisore) Art 2477 Possibilità di nomina anche laddove non è obbligatoria. sono in qualche misura limitabili dall’atto costiutitivo? O eliminabili? No. La nomina facoltativa è limitata alla scelta : o collegio sindacale o revisore?? Null’altro? La risposta sembra essere negativa. 1° caso : se il capitale sociale non è inferiore a quello stabilito per le società per azione (110. Il socio può chiedere il libro delle adunanze e delle assemblee dei soci. sia la parte riguardante la gestione. Nelle SRL : i soci hanno potere di informazione e consultazione.000 euro) . quali competenze si possono dare? Nel caso di revisione. Oppure invece che un solo revisore. Diritto che può essere esercitato in assemblea o anche fuori dall’assemblea. Nulla esclude. Questi diritti. I soci hanno dritto di consultare i libri sociali e i documenti relativi all’amministrazione. Diritti sempre presenti ? si sono sempre presenti. Chi nomina questi organi facoltativi? La scelta del legislatore sembra essere abbastanza precisa : spettano ai soci la nomina dei sindaci (collegio sindacale) o del collegio di revisione. Al collegio sindacale. o al singolo sindaco . sia in caso di nomina facoltativa. Esistono organi di controllo facoltativi e obbligatori ma questo non impedisce a socio di esercitare tali diritti. ma un solo sindaco. una società di revisione. Questi diritti. invece di nominare un collegio sindacale. sia nel caso di nomina obbligatoria. Quando? Art 2497. incontrano limiti? Sostanzialmente no. ma NON QUELLI del consiglio di amministrazione. sono diritti attribuiti inderogabilmente ai soci in quanto strumentali ai poteri sanzionatori attribuiti ai soci stessi (malagestio. Organi di controllo facoltativi (collegio sindacale.Gli amministratori si possono rifiutare di dare certe informazioni adducendo come motivazione che riguardano “affari pregiudichevoli” della società.

(mancano ultimi 10 minuti). .2° caso : se la società :    La società è tenuta alla redazione del bilancio consolidato (quando la srl è una capogruppo) La srl è controllante di una società che è obbligata ad avere una revisione legale dei conti. Nel corso degli ultimi due esercizi ha superato i limiti contenuti nell’articolo 2453 ( SRL che è tenuta alla redazione di un bilancio ordinario).

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful