LUDWIG VON MISES

L 'AZIONE UMANA
Trattato di economia

Traduzione e presentazione a cura di TULLIO BAGIOTTI

Indice generale
Presentazione....................................................................................................10 Prefazione..........................................................................................................13 INTRODUZIONE..................................................................................................14 1. Economia e prasseologia...........................................................................14 2. Il problema epistemologico della teoria generale dell'azione umana........17 3. Teoria economica e prassi dell'azione umana...........................................20 4. Riassunto...................................................................................................23 Parte Prima .......................................................................................................24 L'AZIONE UMANA...............................................................................................24 CAPITOLO I.........................................................................................................25 L'UOMO AGENTE................................................................................................25 1. Azione volontaria e reazione animale........................................................25 2. I prerequisiti dell'azione umana.................................................................27 Della felicità...............................................................................................28 Degli istinti e degli impulsi.........................................................................29 3. L'azione umana come dato ultimo.............................................................31 4. Razionalità e irrazionalità; soggettivismo e obiettività della ricerca prasseologica.................................................................................................33 5. La causalità come requisito dell'azione.....................................................36 6. L'"alter ego"...............................................................................................37 Dell'utilità degli istinti................................................................................40 Il fine assoluto............................................................................................42 L'uomo vegetativo.....................................................................................43 CAPITOLO II........................................................................................................44 I PROBLEMI EPISTEMOLOGICI DELLE SCIENZE DELL'AZIONE UMANA................44 1. Prasseologia e storia..................................................................................44 2. Il carattere formale e aprioristico della prasseologia.................................46 La creduta eterogeneità logica dell'uomo primitivo...................................50 3. A priori e realtà..........................................................................................52 4. Il principio dell'individualismo metodologico.............................................55 L' "Io" e il "Noi"...........................................................................................58 5. Il principio del singolarismo metodologico.................................................58 6. L'individuo e le caratteristiche mutevoli dell'azione umana......................60 7. Oggetto e metodo specifico della storia....................................................61 8. Concezione e comprensione......................................................................65 Storia naturale e storia umana...................................................................72 9. Dei tipi ideali..............................................................................................72 10. Il procedimento economico......................................................................77 11. Le limitazioni ai concetti prasseologici....................................................82 CAPITOLO III ......................................................................................................85 L'ECONOMIA E LA RIVOLTA CONTRO LA RAGIONE.............................................85 1. La rivolta contro la ragione........................................................................85 2. L'aspetto logico del polilogismo.................................................................88 3. L'aspetto prasseologico del polilogismo....................................................90 4. Il polilogismo razziale.................................................................................97 5. Polilogismo e comprensione....................................................................100 6. Il problema della ragione.........................................................................102 CAPITOLO IV....................................................................................................105 UNA PRIMA ANALISI DELLA CATEGORIA DELL'AZIONE.....................................105 1. Mezzi e fini...............................................................................................105

2. La scala dei valori....................................................................................107 3. La scala dei bisogni..................................................................................109 4. L'azione come scambio............................................................................109 CAPITOLO V.....................................................................................................111 IL TEMPO..........................................................................................................111 1. Il carattere temporale della prasseologia................................................111 2. Passato, presente e futuro.......................................................................112 3. L'economizzazione del tempo..................................................................113 4. La relazione temporale fra le azioni.........................................................114 CAPITOLO VI....................................................................................................117 L'INCERTEZZA..................................................................................................117 1. Incertezza e azione..................................................................................117 2. Il significato di probabilità.......................................................................118 3. La probabilità di classe............................................................................119 4. La probabilità casuale..............................................................................122 5. La valutazione numerica della probabilità casuale..................................125 6. Scommessa, gioco e passatempo............................................................127 7. La predizione prasseologica.....................................................................130 CAPITOLO VII...................................................................................................131 L'AZIONE TERRENA..........................................................................................131 1. La legge dell'utilità marginale..................................................................131 2. La legge dei rendimenti...........................................................................139 3. Il lavoro umano come mezzo...................................................................142 Lavoro a soddisfazione immediata e lavoro a soddisfazione mediata. . . .148 Il genio creativo.......................................................................................150 4. La produzione..........................................................................................152 Parte seconda..................................................................................................155 L'AZIONE NELL'AMBITO SOCIALE.....................................................................155 CAPITOLO VIII..................................................................................................156 LA SOCIETÀ UMANA.........................................................................................156 1. La cooperazione.......................................................................................156 2. Critica del punto di vista sociale olistico e metafìsico..............................158 Prasseologia e liberalismo........................................................................166 Liberalismo e religione.............................................................................168 3. La divisione del lavoro.............................................................................170 4. La legge ricardiana dell'associazione......................................................171 Errori correnti sulla legge di associazione................................................173 5. Gli effetti della divisione del lavoro..........................................................177 6. L'individuo nella società...........................................................................177 La favola della comunione mistica...........................................................179 7. La grande società....................................................................................182 8. L'istinto d'aggressione e di distruzione....................................................183 Interpretazioni erronee della scienza naturale moderna, e del darwinismo in particolare............................................................................................187 CAPITOLO IX....................................................................................................190 LA FUNZIONE DELLE IDEE................................................................................190 1. La ragione umana....................................................................................190 2. Visione del mondo e ideologia.................................................................191 La lotta contro l'errore.............................................................................197 3. Il potere...................................................................................................201 Il tradizionalismo come ideologia.............................................................204 4. Meliorismo e idea del progresso..............................................................205

CAPITOLO X ....................................................................................................208 LO SCAMBIO ENTRO LA SOCIETÀ.....................................................................208 1. Scambio autistico e scambio interpersonale...........................................208 2. Vincoli contrattuali e vincoli egemonici...................................................209 3. L'azione calcolatrice................................................................................212 Parte terza ......................................................................................................214 IL CALCOLO ECONOMICO.................................................................................214 CAPITOLO XI....................................................................................................215 VALUTAZIONE SENZA CALCOLO......................................................................215 1. La gradazione dei mezzi..........................................................................215 2. La finzione del baratto nella teoria elementare del valore e dei prezzi.. 216 Teoria del valore e socialismo..................................................................220 3. Il problema del calcolo economico...........................................................221 4. Calcolo economico e mercato..................................................................224 CAPITOLO XII ..................................................................................................227 LA SFERA DEL CALCOLO ECONOMICO.............................................................227 1. Il carattere dei conti monetari.................................................................227 2. I limiti del calcolo economico...................................................................229 3. La variabilità dei prezzi............................................................................232 4. La stabilizzazione.....................................................................................234 5. La radice dell'idea di stabilizzazione........................................................238 CAPITOLO XIII..................................................................................................243 IL CALCOLO MONETARIO COME STRUMENTO DELL'AZIONE............................243 1. Il calcolo monetario come metodo di pensiero........................................243 2. Il calcolo economico e la scienza dell'azione umana...............................245 Parte quarta.....................................................................................................246 CATALLATTICA O ECONOMIA DELLA SOCIETÀ DI MERCATO............................246 CAPITOLO XIV..................................................................................................247 SCOPO E METODO DELLA CATALLATTICA........................................................247 1. La delimitazione dei problemi catalettici.................................................247 La negazione dell'economia.....................................................................249 2. Il metodo delle costruzioni ideali.............................................................251 3. L'economia pura di mercato....................................................................252 La massimizzazione dei profitti................................................................254 4. L'economia autistica................................................................................258 5. Lo stato di quiete e l'economia uniformemente rotante..........................259 6. L'economia stazionaria............................................................................266 7. L'integrazione delle funzioni catallattiche................................................266 La funzione imprenditoriale nell'economia stazionaria............................270 CAPITOLO XV...................................................................................................272 IL MERCATO.....................................................................................................272 1. Le caratteristiche dell'economia di mercato............................................272 2. Il capitale.................................................................................................274 3. Il capitalismo............................................................................................278 4. La sovranità dei consumatori...................................................................283 L'uso metaforico della terminologia politica............................................286 5. La concorrenza........................................................................................287 6. La libertà..................................................................................................293 7. L'ineguaglianza della ricchezza e del reddito..........................................298 8. Profitto e perdita imprenditoriali..............................................................300 9. Profitti e perdite imprenditoriali in un'economia progressiva..................305 Alcune osservazioni sul motivo del sottoconsumo e sull'argomento del

potere d'acquisto.....................................................................................310 10. Promotori, amministratori, tecnici e burocrati.......................................312 11. Il processo selettivo...............................................................................320 12. L'individuo e il mercato..........................................................................323 13. La propaganda commerciale.................................................................327 14. La "Volkswirtschaft"...............................................................................330 CAPITOLO XVI .................................................................................................335 I PREZZI...........................................................................................................335 1. Il processo di formazione del prezzo........................................................335 2. Valutazione e stima.................................................................................339 3. I prezzi dei beni di ordine superiore.........................................................341 Una limitazione nella formazione del prezzo dei fattori di produzione. ...346 4. La contabilità del costo............................................................................347 5. Il contrasto fra catallattica logica e catallattica matematica...................357 6. I prezzi di monopolio................................................................................364 La trattazione matematica della teoria dei prezzi di monopolio..............383 7. L'avviamento...........................................................................................384 8. Il monopolio di domanda.........................................................................388 9. Come i prezzi di monopolio influenzano il consumo................................390 10. La discriminazione dei prezzi da parte del venditore.............................393 11. La discriminazione dei prezzi da parte del compratore.........................396 12. La connessione dei prezzi......................................................................396 13. Prezzi e reddito......................................................................................397 14. Prezzi e produzione................................................................................399 15. La chimera dei prezzi non di mercato....................................................400 CAPITOLO XVII.................................................................................................403 LO SCAMBIO INDIRETTO..................................................................................403 1. Mezzi di scambio e moneta......................................................................403 2. Osservazioni su taluni errori diffusi..........................................................403 3. Domanda e offerta di moneta..................................................................406 L'importanza epistemologica della teoria dell'origine della moneta di Carl Menger.....................................................................................................410 4. La determinazione del potere d'acquisto della moneta...........................412 5. Il problema di Hume e Mill e la forza propulsiva della moneta................420 6. Variazioni del potere d'acquisto della moneta indotte dal circolante e variazioni indotte dai beni...........................................................................423 Inflazione e deflazione; inflazionismo e deflazionismo.............................426 7. Calcolo monetario e variazioni del potere d'acquisto..............................428 8. La previsione delle variazioni del potere d'acquisto................................430 9. Il valore specifico della moneta...............................................................432 10. L'importanza della relazione monetaria.................................................434 11. I sostituti monetari.................................................................................436 12. Il limite all'emissione di mezzi fiduciari..................................................438 Osservazioni sulle discussioni concernenti la libera banca......................447 13. Dimensione e composizione del contante.............................................451 14. La bilancia dei pagamenti......................................................................454 15. Saggi di cambio interlocali.....................................................................456 16. Saggi d'interesse e relazione monetaria................................................461 17. Mezzi secondari di scambio...................................................................465 18. La concezione inflazionistica della storia...............................................469 19. La base aurea........................................................................................474 La cooperazione monetaria internazionale..............................................478

CAPITOLO XVIII................................................................................................482 L'AZIONE NEL PASSARE DEL TEMPO................................................................482 1. Sguardo alla valutazione dei periodi temporali........................................482 2. La preferenza temporale come requisito essenziale dell'azione..............486 Osservazioni sull'evoluzione della teoria della preferenza temporale.... .491 3. I beni capitali...........................................................................................493 4. Periodo di produzione, tempo d'attesa e periodo di disposizione............496 Prolungamento del periodo di disposizione oltre la durata attesa della vita dell'attore.................................................................................................501 Qualche applicazione della teoria della preferenza temporale................502 5. La convertibilità dei beni capitali.............................................................506 6. L'influenza del passato sull'azione...........................................................508 7. Accumulazione, mantenimento e consumo di capitale............................516 8. La mobilità dell'investitore.......................................................................519 9. Moneta e capitale; risparmio e investimento...........................................522 CAPITOLO XIX..................................................................................................526 IL SAGGIO D'INTERESSE..................................................................................526 1. Il fenomeno dell'interesse........................................................................526 2. L'interesse originario...............................................................................528 3. L'altezza dei saggi di interesse................................................................534 4. L'interesse originario in un'economia dinamica.......................................535 5. Il calcolo dell'interesse.............................................................................537 CAPITOLO XX...................................................................................................540 INTERESSE, ESPANSIONE DEL CREDITO E CICLO ECONOMICO........................540 1. I problemi.................................................................................................540 2. La componente imprenditoriale nel saggio d'interesse lordo di mercato. .....................................................................................................................541 3. Il premio di prezzo come componente del saggio d'interesse lordo di mercato.......................................................................................................543 4. Il mercato di prestito................................................................................547 5. Gli effetti delle variazioni nella relazione monetaria sull'interesse originario......................................................................................................550 6. L'influenza dell'inflazione e dell'espansione del credito sul saggio d'interesse lordo di mercato........................................................................552 La creduta assenza di depressioni sotto la direzione totalitaria..............566 7. Il saggio d'interesse lordo di mercato influenzato dalla deflazione e dalla contrazione del credito................................................................................567 La differenza tra espansione del credito e inflazione semplice................571 8. Teoria del credito monetario o di circolazione e del ciclo economico......572 9. L'economia di mercato influenzata dalla ricorrenza del ciclo economico. .....................................................................................................................576 La funzione dei fattori di produzione inutilizzati nei primi stadi dell'espansione........................................................................................579 Gli errori delle spiegazioni non monetarie del ciclo economico...............582 CAPITOLO XXI..................................................................................................589 LAVORO E SALARI............................................................................................589 1. Lavoro introverso e lavoro estroverso.....................................................589 2. Gioia e tedio del lavoro............................................................................590 3. I salari......................................................................................................594 4. La disoccupazione catallattica.................................................................600 5. Saggi salariali lordi e saggi salariali netti................................................603 6. Salari e sussistenza.................................................................................604

Confronto tra la spiegazione storica dei saggi salariali e il teorema della regressione..............................................................................................610 7. L'offerta di lavoro influenzata dalla disutilità del lavoro..........................611 Note sull'interpretazione popolare della "rivoluzione industriale"...........617 8. I saggi salariali sotto l'influenza delle vicissitudini del mercato...............624 9. Il mercato del lavoro................................................................................625 Il lavoro degli animali e degli schiavi.......................................................629 CAPITOLO XXII.................................................................................................636 I FATTORI ORIGINARI DI PRODUZIONE NON UMANI.........................................636 1. Osservazioni generali relative alla teoria della rendita............................636 2. Il fattore tempo e l'utilizzazione della terra.............................................639 3. Le terre sottomarginali............................................................................641 4. La terra come spazio occupabile.............................................................643 5. I prezzi della terra....................................................................................644 Il mito del suolo........................................................................................645 CAPITOLO XXIII................................................................................................648 I DATI DEL MERCATO.......................................................................................648 1. La teoria e i dati.......................................................................................648 2. Il ruolo della forza....................................................................................649 3. Il ruolo storico della guerra e della conquista..........................................651 4. L'uomo reale come dato..........................................................................653 5. Il periodo di aggiustamento.....................................................................654 6. I limiti dei diritti di proprietà e i problemi dei costi e delle economie esterne.........................................................................................................656 Le economie esterne della creazione intellettuale...................................662 Privilegi e quasi-privilegi..........................................................................664 CAPITOLO XXIV................................................................................................666 ARMONIA E CONFLITTO D'INTERESSI...............................................................666 1. La fonte ultima del profìtto e della perdita di mercato............................666 2. La limitazione della prole.........................................................................668 3. L'armonia degli interessi "rettamente intesi"..........................................674 4. La proprietà privata.................................................................................684 5. I conflitti del nostro tempo.......................................................................686 Parte quinta.....................................................................................................690 COOPERAZIONE SOCIALE SENZA MERCATO....................................................690 CAPITOLO XXV.................................................................................................691 LA COSTRUZIONE IDEALE DI UNA SOCIETÀ SOCIALISTA..................................691 1. Origine storica dell'idea socialista...........................................................691 2. La dottrina socialista................................................................................695 3. Il carattere prasseologico del socialismo.................................................697 CAPITOLO XXVI................................................................................................699 L'IMPOSSIBILITA DEL CALCOLO ECONOMICO SOTTO IL SOCIALISMO..............699 1. Il problema...............................................................................................699 2. Precedenti insuccessi nell'affrontare il problema....................................701 3. Recenti suggerimenti per il calcolo economico socialista........................703 4.Prova e sbaglia.........................................................................................705 5. Il quasi-mercato.......................................................................................706 6. Le equazioni differenziali dell'economia matematica..............................711 Parte sesta.......................................................................................................716 L'ECONOMIA VINCOLATA.................................................................................716 CAPITOLO XXVII...............................................................................................717 GOVERNO E MERCATO....................................................................................717

1. L'idea di un terzo sistema........................................................................717 2. L'intervento..............................................................................................718 3. La delimitazione delle funzioni governative.............................................720 4. La giustizia come criterio ultimo delle azioni individuali..........................723 5. Il significato del "laissez-faire".................................................................729 6. L'interferenza diretta del governo nel consumo......................................731 CAPITOLO XXVIII..............................................................................................734 L'INTERFERENZA FISCALE................................................................................734 1. L'imposta neutrale...................................................................................734 2. L'imposta totale.......................................................................................735 3. Obiettivi fiscali e non fiscali della tassazione...........................................737 4. Le tre specie di interventismo fiscale......................................................738 CAPITOLO XXIX................................................................................................740 LA LIMITAZIONE DELLA PRODUZIONE..............................................................740 1. Natura della limitazione...........................................................................740 2. Il prezzo della limitazione........................................................................741 3. La limitazione come privilegio.................................................................745 4. La restrizione come sistema economico..................................................752 CAPITOLO XXX.................................................................................................755 L'INTERFERENZA NELLA STRUTTURA DEI PREZZI............................................755 1. Governo e autonomia del mercato..........................................................755 2. La reazione del mercato all'interferenza governativa..............................759 Osservazioni sulle cause del declino della civiltà antica..........................764 3. I saggi salariali minimi.............................................................................766 Gli aspetti catallattici del sindacalismo operaio.......................................774 CAPITOLO XXXI................................................................................................777 MONETA E MANIPOLAZIONE DEL CREDITO......................................................777 1. Governo e moneta...................................................................................777 2. L'aspetto interventistico della legislazione relativa alla moneta legale...780 3. L'evoluzione dei metodi moderni di manipolazione monetaria................782 4. Gli obiettivi della svalutazione monetaria................................................785 5. L'espansione del credito..........................................................................790 La chimera delle politiche anticicliche.....................................................794 6. Controllo del cambio estero e accordi di scambio bilaterali....................797 Osservazioni sugli accordi di baratto nazisti............................................799 CAPITOLO XXXII...............................................................................................803 CONFISCA E REDISTRIBUZIONE.......................................................................803 1. La filosofia della confìsca.........................................................................803 2. La riforma agraria....................................................................................804 3. La tassazione confiscatrice......................................................................805 Tassazione confiscatrice e assunzione del rischio...................................808 CAPITOLO XXXIII..............................................................................................811 SINDACALISMO E CORPORATIVISMO...............................................................811 1. L'idea sindacalista...................................................................................811 2. Gli errori del sindacalismo.......................................................................812 3. Gli elementi sindacalisti nelle politiche popolari......................................814 4. Socialismo gildista e corporativismo........................................................815 CAPITOLO XXXIV..............................................................................................820 L'ECONOMIA DI GUERRA..................................................................................820 1. La guerra totale.......................................................................................820 2. Guerra ed economia di mercato..............................................................824 3. Guerra e autarchia...................................................................................827

4. La futilità della guerra..............................................................................829 CAPITOLO XXXV...............................................................................................832 IL PRINCIPIO DEL BENESSERE OPPOSTO AL PRINCIPIO DEL MERCATO............832 1. Il processo all'economia di mercato.........................................................832 2. La povertà................................................................................................834 3. L'ineguaglianza........................................................................................839 4. L'insicurezza............................................................................................850 5. La giustizia sociale...................................................................................851 CAPITOLO XXXVI..............................................................................................854 LA CRISI DELL' INTERVENTISMO......................................................................854 1. I frutti dell'interventismo.........................................................................854 2. L'esaurimento del fondo di riserva..........................................................854 3. La fine dell'interventismo........................................................................857 Parte settima...................................................................................................861 IL POSTO DELL'ECONOMIA NELLA SOCIETÀ.....................................................861 CAPITOLO XXXVII ............................................................................................862 IL CARATTERE INDEFINITO DELL'ECONOMIA...................................................862 1. La singolarità dell'economia....................................................................862 2. Economia e opinione pubblica.................................................................863 3. L'illusione dei vecchi liberali....................................................................864 CAPITOLO XXXVIII............................................................................................867 IL POSTO DELL'ECONOMIA NELLO SCIBILE......................................................867 1. Lo studio dell'economia...........................................................................867 2. L'economia come professione.................................................................869 3. La previsione come professione..............................................................870 4. L'economia e le università.......................................................................872 5. Educazione generale ed economia..........................................................876 6. Economia e cittadini................................................................................877 7. Economia e libertà...................................................................................879 CAPITOLO XXXIX..............................................................................................880 L'ECONOMIA E I PROBLEMI ESSENZIALI DELL'ESISTENZA UMANA...................880 1. Scienza e vita...........................................................................................880 2. Economia e giudizi di valore....................................................................881 3. Conoscenza economica e azione umana.................................................884

Presentazione Ludwig von Mises, caposcuola degli economisti viennesi in esilio, è nato a Leopoli il 28 settembre 1881. Laureatosi all'Università di Vienna in ambo le leggi nel 1906, si dedicò presto allo studio dell'economia e delle scienze sociali. Consigliere economico della Camera di Commercio Austriaca, condusse pervicace opposizione all'interventismo e al socialismo che premevano sull'organizzazione economica del Paese. Per quattro lustri insegnò economia all'Università di Vienna, indi, amareggiato dalla piega degli eventi austriaci, relazioni internazionali all'Istituto Superiore di Studi Internazionali di Ginevra. Nel 1940 emigrò negli Stati Uniti. Dal 1945 insegna alla Graduate School of Business Administration della Università di New York. La fatica letteraria dell'Autore (qui si trascurano le monografie e le memorie non pubblicate in volume) è cominciata con uno scritto monetario, che doveva diventare classico : Theorie des Geldes und der Umlaufsmittel, 1912, riedito nel 1924 e poi tradotto in inglese (Londra, 1934). Con un saggio su "ricostruzione monetaria", fu pubblicato una seconda volta in inglese nel 1953 (New Haven). Un'edizione spagnola (Madrid) è del 1936 e una giapponese del 1949. Subito la grande guerra e il sovvertimento sociale conseguente lo portava dall'ambito parziale alla visione d'insieme. Fa parte della meditazione sui moti sociali che si ebbero con la fine dell'impero austro-ungarico il lavoro Nation, Staat und Wirtschaft (Vienna, 1919), dove tuttavia la sequenza dovrebbe essere invertita essendo la preoccupazione della forma economica preminente, e proprio per quella supremazia della ragione economica sull'ordine politicosociale, forma mentis tipica dell'economista liberale. Ma non è che un episodio, sulla meditazione del quale l'Autore porterà a compimento la Gemeinwirtschaft. Untersuchungen uber den Sozialismus (Jena, 1922), tradotta in inglese (Londra) nel 1936 e pubblicata nuovamente, con un epilogo, nel 1951 (New Haven). Un altro lavoro è Liberalismus (Jena, 1927). Poi il tecnico si sostituisce per un momento al teorico finalista col magistrale lavoro Geldstabilisierung und Konjunktupolitik (Jena, 1928), tradotto in italiano dalla Griziotti Kretschmann per la Nuova Collana di economisti stranieri e italiani (Torino, 1935). La Kritik des Interventionismus. Untersuchungen zur Wirtschaftspolitik und Wirtschaftsideologie der Gegenwart (Jena, 1929) riconfermava la sua perenne protesta contro lo Zeitgeist, continuata poi con le Ursachen der Wirtschaftskrise (Tubingen, 1931), tradotte in olandese nel 1933 (L'Aia) ; con i Grundprobleme der Nationalokonomie (Jena, 1933), tradotti in inglese (Londra e New York) e in francese (Parigi) nel 1938 ; con Omnipotent Government (New Haven, 1944), tradotto in francese (Parigi)

nel 1947 e in spagnolo (Messico) ; con Bureaucracy (New Haven, 1944), tradotta in francese (Parigi) nel 1946 ; e con Planning for Freedom (South Holland, III., 1952). Nella piena maturità, von Mises scriveva la Nationalokonomie. Theorie des Handelns und Wirtschaftens (Ginevra, 1940), opera che doveva sperimentare un notevole successo nell'edizione inglese : Human Action. A Treatise on Economics (New Haven, 1949). È questa Summa che qui viene presentata in versione italiana. Il titolo non mancherà di sorprendere un poco. Nessun economista prima di lui l'aveva usato, anche se l'economia spesso forzava i suoi cànoni presentandosi come norma all'azione. Si dovrebbe far salva la priorità di GOSSEN, ma chi ebbe lena di accorgersene? Entwicklung der Gesetze des menschlichen Verkehrs, und der daraus fliessenden Regeln fur menschliches Handeln. E delle regole che ne derivano per l'azione umana. Il lettore tuttavia non approfondì, ritenendo pleonastica la chiosa del titolo cui arrivava col fiato monco. La tradizione ci ha piuttosto sollecitati a cercare al di là degli schemi logici dell'economia uniformità idonee a spiegare l'azione. La Sociologia di Pareto esemplifica in modo insigne. Per contro, Marx sotto un titolo tecnico, sviluppa una visione d'universo. E Mises è, in certo senso, l'antiMarx. Contraddizione che ripropone il tema dei valori : il sì della teologia e l'amen della scienza. Ma non giova approfondire. Certe questioni sembran soltanto adatte alla gente entrata in una diversa dimensione temporale o addirittura in una vita senza tempo, come gli eroi della Montagna incantata di Th. Mann. Loro soli han titolo a queste discussioni. Chi, se non loro, può sostenere che la scienza senza premesse è un mito, e che suo ufficio è di dimostrare queste premesse? Oppure cercare la conclusione opposta, su un'evidenza empirica che tuttavia manca l'ultima sutura del Quot erat demonstrandum ? Pur accettando il professato neutralismo dell'Autore rispetto ai valori, non sfugge come la certezza apodittica cui approda il suo metodo sia anche una scelta nella storia umana. Difatti, se il neutralismo economicistico ci ha abituati a vedere nella disputa sul metodo fra la scuola austriaca e la scuola storica tedesca momenti dialettici che potrebbero presentarsi in ogni epoca, nondimeno è palese come la disputa abbia avuto origine politica. Riedificato il Reich ― non più sacro nè romano ― gli studiosi tedeschi di scienze sociali credettero di allinearsi su posizioni rigidamente conformiste. Così si arrivò al Congresso di Eisenach (1872) con una dichiarazione xenofoba che in realtà mirava a colpire in casa. Bollando la Manchestertum come atteggiamento di ricerca, si condannava in concreto la critica economica. Invero, l'economia classica possedeva un potenziale critico, anche in mano dei tedeschi di allora non consumati nel maneggiarla, che decenni di ricerche, culminate negli Acta borussica, non avrebbero saputo contenere. Occorreva la botta politica.

La lezione di questo clamoroso episodio è evidente in von Mises. Anziché per la via della critica politica, egli avrebbe benissimo potuto arricchire la scuola economica viennese per le linee del marginalismo. Tanto ancora era rimasto in ombra, a cominciare dalla riconsiderazione monetaria di tutta la materia, che ai primi sistematici della nuova maniera non era riuscita. Ma il marginalismo, in quanto impegnato nelle tortuose retrovie delle scelte, è per tanta parte indeterminazione ; mentre l'esperienza insegna che solo la certezza serve alla critica e ai principii di un'economia che pretenda essere politica e conquistare le menti. Da qui l'intransigenza metodologica dell'Autore, sempre risolventesi in perfetta circolarità. Tullio Bagiotti

Prefazione Dall'autunno 1934 fino all'estate del 1940 ebbi il privilegio di occupare la cattedra di relazioni economiche internazionali all'Istituto Superiore di Studi Internazionali di Ginevra. Nella serena atmosfera di quella sede di studio, che due eminenti studiosi, Paul Mantoux e William E. Rappard, avevano organizzato e continuavano a dirigere, mi decisi a realizzare un mio vecchio piano di scrivere un trattato generale di economia. Il libro — Nationalokonomie, Theorie des Handelns und Wirtschaftens — fu pubblicato a Ginevra nei tristi giorni del maggio 1940. Il presente volume non è una traduzione del libro richiamato, in quanto, sebbene la struttura generale sia poco cambiata, tutte le parti sono state riscritte. All'amico Henry Hazlitt, che gentilmente ha letto il manoscritto e dato preziosi suggerimenti, desidero esprimere il mio grazie particolare. Devo pure render pubblico il mio obbligo verso Arthur Goddard per i suoi consigli linguistici e stilistici. Sono inoltre profondamente obbligato verso Eugene A. Davidson, direttore della Yale University Press, e verso Leonard E. Read, presidente della Foundation for Economic Education, per il loro gentile incoraggiamento e il loro aiuto. Non occorre aggiunga che nessuno di questi signori è responsabile, nè direttamente nè indirettamente, delle opinioni contenute in questo lavoro. Ludwig von Mises New York, febbraio 1949.

INTRODUZIONE

1. Economia e prasseologia. L'economia è la più giovane di tutte le scienze. Negli ultimi duecento anni, è vero, molte nuove scienze sono emerse dalle discipline familiari agli antichi greci. Tuttavia, ciò che accadde qui fu soltanto che parti della conoscenza, le quali già avevano trovato il loro posto nel complesso del vecchio sistema conoscitivo, diventarono autonome. Il campo di studio fu più accuratamente suddiviso e trattato con nuovi metodi; furono scoperti in esso nuovi settori fino allora trascurati e si cominciò a vedere le cose da aspetti differenti da quelli dei predecessori. Il campo in se stesso non fu esteso. Ma l'economia aprì alla scienza umana un dominio precedentemente inaccessibile e impensato. La scoperta di una regolarità nella sequenza e nella interdipendenza dei fenomeni di mercato andò al di là dai limiti del tradizionale sistema conoscitivo. Essa apportò una conoscenza che non poteva essere considerata nè logica, nè matematica, nè psicologia, nè fisica, nè biologia. I filosofi da molto tempo erano desiderosi di scoprire i fini che Dio o la Natura cercava di realizzare nel corso della storia umana. Essi cercavano la legge del destino e dell'evoluzione dell'umanità. Ma anche i pensatori la cui indagine era libera da qualsiasi tendenza teologica fallirono completamente in questi sforzi perchè si erano affidati a un metodo fallace. Trattavano dell'umanità come un tutto o di altri concetti olistici come nazione, razza o chiesa. Stabilivano del tutto arbitrariamente i fini cui il comportamento di queste entità doveva necessariamente condurre. Ma non potevano rispondere in modo soddisfacente alla questione riguardante i fattori che costringono i vari soggetti agenti a comportarsi in modo tale che il fine cui tende l'inesorabile evoluzione del tutto sia raggiunto. Ricorrevano a disperate trasposizioni : miracolosa interferenza della divinità sia con la rivelazione, sia mediante profeti mandati da Dio e consacrati capi, armonia prestabilita, predestinazione o mediante l'azione di una mistica e favolosa "anima cosmica" o "anima nazionale". Altri parlavano di una "astuzia della natura" che ha dotato l'uomo di impulsi che lo sospingono inconsapevolmente proprio sulla via che essa vuole egli prenda. Altri filosofi furono più realistici. Non cercavano di indovinare i disegni della Natura o di Dio. Guardavano le cose umane dal punto di vista del governo, preoccupandosi di stabilire regole di azione politica,

quasi una tecnica politica e di governo. Menti speculative tracciavano ambiziosi piani per una completa riforma e ricostruzione della società. I più modesti erano soddisfatti di raccogliere e sistemare i dati dell'esperienza storica. Ma tutti erano pienamente convinti che nel corso degli eventi sociali non vi era quella regolarità e invarianza di fenomeni già trovata nel ragionamento umano e nella sequenza dei fenomeni naturali. Non cercavano le leggi della cooperazione sociale perchè pensavano che l'uomo potesse organizzare la società a proprio piacimento. Se le condizioni sociali non soddisfacevano i desideri dei riformatori, se le loro utopie si dimostravano irrealizzabili, il difetto sì voleva nella decadenza morale dell'uomo. I problemi sociali erano considerati problemi etici. Ciò che occorreva per costruire la società ideale si pensava fossero i buoni principi e i cittadini virtuosi. Con uomini onesti qualsiasi utopia avrebbe potuto essere realizzata. La scoperta dell'ineluttabile interdipendenza dei fenomeni di mercato distrusse questa opinione. Confusa, la gente dovette affrontare una nuova concezione della società. Apprese con stupefazione che vi è un altro aspetto dal quale può essere riguardata l'azione umana oltre a quello del bene e del male, del bello e del brutto, del giusto e dell'ingiusto. Nel corso degli eventi sociali prevale una regolarità di fenomeni sui quali l'uomo deve aggiustare la sua azione se desidera riuscire. È futile accostarsi ai fatti sociali con l'attitudine del censore che approva o disapprova secondo modelli arbitrari e giudizi soggettivi di valore. Si devono studiare le leggi dell'azione umana e della cooperazione sociale come il fisico studia le leggi della natura. L'azione sociale e la cooperazione umana, considerate come oggetto di una scienza delle relazioni date e non più come disciplina normativa di cose che dovrebbero essere, determinarono una rivoluzione di enormi conseguenze sia per il sapere e la filosofia che per la stessa azione sociale. Per più di un secolo, tuttavia, gli effetti di questo radicale cambiamento nei metodi di ragionamento furono grandemente limitati perchè si credeva valessero soltanto per uno stretto segmento del campo totale dell'azione umana, e segnatamente per i fenomeni di mercato. Gli economisti classici incontrarono nelle loro investigazioni un ostacolo che non riuscirono a rimuovere : l'apparente antinomia del valore. La loro teoria del valore era difettosa e li costrinse a restringere l'ambito della loro scienza. Fino allo scorso secolo diciannovesimo l'economia politica rimase una scienza degli aspetti "economici" dell'azione umana, una teoria della ricchezza e dell'egoismo. Essa trattava dell'azione umana soltanto nella misura in cui questa era attuata da ciò che ― molto insoddisfacentemente ― era descritto come motivo del profìtto, e asseriva esservi ancora altra azione umana il cui studio era compito di altre discipline. La trasformazione del pensiero che gli economisti classici

avevano iniziata fu portata a compimento soltanto dai moderni economisti soggettivisti, i quali hanno convertito la teoria dei prezzi di mercato in una teoria generale della scelta umana. Per lungo tempo non si è compreso che la transizione dalla teoria classica del valore alla teoria soggettiva significava molto di più che sostituzione di una teoria più soddisfacente del mercato di scambio a una meno soddisfacente. La teoria generale della scelta e della preferenza va molto al di là dell'orizzonte che racchiude l'ambito dei problemi economici delimitato dagli economisti, daCantillon, Hume e Adam Smith giù fino a John Stuart Mill. Essa è molto di più che una semplice teoria del "lato economico" degli sforzi umani e della lotta dell'uomo per i beni e il miglioramento del suo benessere materiale. È la scienza di ogni specie d'azione umana. La scelta determina tutte le decisioni umane. Scegliendo, l'uomo non sceglie soltanto fra varie cose materiali e servizi. Tutti i valori umani sono offerti in opzione. Tutti i fini e tutti i mezzi, le istanze ideali e quelle materiali, il sublime e il meschino, il nobile e l'ignobile, sono ordinati in un'unica fila e soggetti a una decisione che sceglie una cosa e scarta le altre. Nulla di quanto l'uomo desidera ottenere o evitare rimane al di fuori di questo ordinamento, in un'unica scala di gradazione e preferenza. La teoria moderna del valore amplia l'orizzonte scientifico e allarga il campo degli studi economici. Dall'economia politica della scuola classica emerge la teoria generale dell'azione umana : la prasseologia [nota 1]. I problemi economici o catalettici [nota 2] sono inseriti in una scienza più generale e non possono più essere scissi da questa connessione. Nessuna trattazione appropriata dei problemi economici può evitare di muovere da atti di scelta; l'economia diventa una parte soltanto, sia pure sin qui la meglio elaborata, di una scienza più universale, la prasseologia.
1. Il termine prasseologia fu usato per primo nel 1890 da Espinas, Cfr. il suo articolo Le origini della tecnologia, in "Revue Philosophìque", anno XV, XXX, 114-115, e il suo libro pubblicato a Parigi nel 1897 con lo stesso titolo. 2. Il termine catallattica o scienza dello scambio fu dapprima usato da Whately. Cfr. il suo libro Introductory Lectures on Political Economy, London, 1831, pag. 6.

2. Il problema epistemologico della teoria generale dell'azione umana. Nella nuova scienza tutto sembrava problematico. L'economia era un'estranea nel sistema conoscitivo tradizionale; si era perplessi e non si sapeva come classificarla e assegnarle il suo proprio posto. D'altra parte si

era però convinti che la sua inclusione nel catalogo della conoscenza non richiedesse un riaggiustamento o un'estensione dello schema totale. Si considerava il catalogo sistematico completo. Se l'economia non vi entrava convenientemente, il difetto doveva ricercarsi soltanto nell'insoddisfacente trattazione dei problemi economici. È una incomprensione completa del significato dei dibattiti relativi all'essenza, all'ambito e al carattere logico dell'economia quella di bandirli come trovate scolastiche di pedanti professori. È concezione erronea molto diffusa che mentre i pedanti si profondevano in discorsi inutili sul metodo d'investigazione più appropriato l'economia faceva quietamente la sua strada, indifferente a queste dispute oziose. Nella Methodenstreit tra gli economisti austriaci e la scuola storica prussiana, che si autodefiniva "guardia del corpo intellettuale della Casa degli Hohenzollern", e nelle discussioni tra la scuola di JOHN BATES CLARK e l'istituzionalismo americano, era in gioco molto di più che la questione relativa alla specie di procedimento più feconda. Istanza vera erano i fondamenti epistemologici dell'azione umana e la loro legittimità logica. Movendo da un sistema epistemologico cui il pensiero prasseologico era estraneo e da una logica che riconosceva scientifiche ― oltre la logica e la matematica ― soltanto le scienze empiriche naturali e la storia, molti autori tentavano di negare valore e utilità alla teoria economica. Lo storicismo tendeva a sostituirvi la storia economica ; mentre il positivismo raccomandava un'illusoria scienza sociale che avrebbe dovuto adottare la struttura logica e il modello della meccanica newtoniana. Entrambe le scuole erano d'accordo per un rigetto radicale di tutte le conquiste del pensiero economico. Il radicalismo di questa condanna completa dell'economia fu presto sorpassato da un nihilismo ancora più universale. Da tempo immemorabile gli uomini, pensando, parlando e agendo, avevano assunto come fatto indiscutibile l'uniformità e la immutabilità della struttura logica della mente umana. Ogni indagine scientifica era basata su questa assunzione. Nelle discussioni sul carattere epistemologico dell'economia, gli scrittori, per la prima volta nella storia umana, negavano pure questa proposizione. Il marxismo asseriva che il pensiero dell'uomo è determinato dalla sua affiliazione di classe. Ogni classe sociale ha una logica sua propria. Il prodotto del pensiero non può essere null' altro che una "maschera ideologica" degli interessi egoistici di classe del pensatore. È compito della "sociologia della conoscenza" di smascherare le filosofie e le teorie scientifiche e di mettere a nudo la loro vacuità "ideologica". L'economia è un espediente "borghese", gli economisti sono "sicofanti" del capitale. Soltanto la società senza classi dell'utopia socialista sostituirà la verità alle bugie "ideologiche". Questo polilogismo è stato successivamente elaborato anche in varie altre forme. Lo storicismo asseriva che la struttura logica del pensiero e

dell'azione umana è soggetta a cambiare nel corso dell'evoluzione storica. Il polilogismo razziale assegnava a ogni razza una logica sua propria. Infine l'irrazionalismo combatteva la ragione come tale, se non atta ad elucidare le forze irrazionali che determinano il comportamento umano. Siffatte dottrine vanno molto al di là dei limiti dell'economia. Esse mettono in questione non soltanto l'economia e la prasseologia ma tutta la conoscenza e il ragionamento umano in generale. Si riferiscono sia alla matematica e alla fisica che all'economia. Sembra quindi che il compito di refutarle non spetti alle singole branche della conoscenza, ma all'epistemologia e alla filosofia. Ciò fornisce giustificazione sufficiente all'attitudine degli economisti che continuano quietamente i loro studi senza preoccuparsi dei problemi epistemologici e delle obiezioni suscitate dal polilogismo e dall'irrazionalismo. I fisici non se la prendono se qualcuno stigmatizza le loro teorie come borghesi, occidentali o ebraiche; allo stesso modo l'economista dovrebbe ignorare la detrazione e la calunnia. Egli dovrebbe lasciar abbaiare i cani e non ascoltarne i guaiti. Sembra adattarsi a lui il detto di Spinoza : Sane sicut lux se ipsam et tenebras manifestat, sic veritas norma sui et falsi est. Tuttavia la situazione non è esattamente la stessa rispetto all'economia che rispetto alla matematica e alle scienze naturali. Polilogismo e irrazionalismo sono diretti contro l'economia e la prasseologia. Sebbene formulino le loro asserzioni in modo generale riferendosi a tutte le branche del sapere, sono le scienze dell'azione umana che essi hanno realmente di mira. Essi dicono essere un'illusione credere che la ricerca scientifica possa raggiungere risultati validi per gli uomini di qualsiasi èra, razza, classe sociale, e si compiacciono di denigrare certe teorie fisiche o biologiche come borghesi o occidentali. Ma se la soluzione di problemi pratici richiede l'applicazione di queste dottrine stigmatizzate, essi dimenticano il loro criticismo. La tecnologia dell'Unione Sovietica utilizza senza scrupoli tutti i risultati della fisica, della chimica e della biologia borghese proprio come fossero validi per tutte le classi. Gli ingegneri e i fisici nazisti non disdegnarono di utilizzare le teorie, le scoperte e le invenzioni di gente di razza e di nazionalità "inferiori". Il comportamento della gente di ogni razza, religione, gruppo linguistico e classe sociale prova chiaramente che essa non avalla le dottrine del polilogismo e dell'irrazionalismo in materia di logica, matematica e scienze naturali. Ma le cose stanno diversamente rispetto alla prasseologia e all'economia. Il principale motivo per lo sviluppo delle dottrine del polilogismo, dello storicismo e dell'irrazionalismo era di fornire una giustificazione per trascurare l'insegnamento dell'economia nella determinazione delle politiche economiche. Socialisti, razzisti, nazionalisti e statalisti fallirono nel loro tentativo di refutare le teorie degli economisti

e di dimostrare la correttezza delle dottrine spurie loro proprie. Fu precisamente questa frustrazione che li indusse a negare i principii logici ed epistemologici sui quali tutto il ragionamento umano è fondato sia nelle attività profane che nella ricerca scientifica. Non è ammissibile giudicare queste obiezioni semplicemente sulla base dei motivi politici che le ispirano. Nessun studioso è autorizzato ad assumere a priori che la disapprovazione delle sue teorie deve essere infondata perchè i suoi critici sono imbevuti di passioni e di tendenze di parte. Egli è tenuto a replicare ad ogni censura senza riguardo ai motivi o all'ambiente ad essa soggiacenti. È nondimeno inammissibile mantenere il silenzio di fronte all'opinione spesso professata, che i teoremi dell'economia sono validi soltanto nelle assunzioni ipotetiche e non vengono mai realizzati nella vita reale e che quindi non servono ad afferrare mentalmente la realtà. È strano che talune scuole sembrino approvare opinioni di questo genere, e ciononostante continuino imperturbabili a disegnare curve e a formulare equazioni senza preoccuparsi del significato del loro ragionamento e della loro relazione col mondo reale della vita e dell'azione. Questa, evidentemente, è un'attitudine insostenibile. Primo compito di ogni indagine scientifica è la descrizione e la definizione esauriente di tutte le condizioni e assunzioni nelle quali le diverse conclusioni pretendono essere valide. È un errore prendere la fìsica come modello della ricerca economica. Ma coloro che sono incorsi in questo errore dovrebbero avere imparato almeno una cosa : che nessun fisico ha mai creduto che la chiarificazione di talune assunzioni e condizioni dei teoremi fisici stia al di fuori dell'ambito della ricerca fisica. La questione principale cui l'economia è tenuta a rispondere è in che consista la relazione di quanto essa determina con l'azione umana, la cui comprensione mentale è l'obiettivo degli studi economici. È quindi devoluto all'economia di trattare esaurientemente l'asserzione che i suoi principii fossero validi soltanto per il sistema capitalistico del breve e già tramontato periodo liberale della civiltà occidentale. Non incombe ad altre discipline ina solo all'economia di esamina re tutte le obiezioni sollevate da vari punti di vista contro l'utilità delle determinazioni della teoria economica nell'elucidare i problemi dell'azione umana. Il sistema del pensiero economico deve essere costruito in modo che resista a ogni criticismo da parte dell'irrazionalismo, dello storicismo, del panfisicalismo, del comportamentismo e di tutte le varietà di polilogismo. È uno stato di cose intollerabile che, mentre nuovi argomenti sono giornalmente avanzati per dimostrare l'assurdità e la futilità degli sforzi dell'economia, gli economisti pretendano ignorarli completamente. Non basta ormai più trattare i problemi economici nell'ambito dello

schema tradizionale. È necessario costruire la teoria della catallattica sulle fondamenta solide di una teoria generale dell'azione umana, la prasseologia. Questo procedimento non solo metterà al riparo da molte critiche fallaci, ma chiarirà molti problemi sin qui nemmeno posti adeguatamente e ancora meno soddisfacentemente risolti. Ciò vale in modo speciale per il problema fondamentale del calcolo economico

3. Teoria economica e prassi dell'azione umana. Molti sogliono biasimare l'economia come retriva. Ora è del tutto ovvio che la nostra teoria economica non è perfetta. Non v'è perfezione nella conoscenza e nelle conquiste umane. L'onniscienza è negata all'uomo. La teoria più elaborata che sembra soddisfare completamente la nostra sete di sapere può essere un giorno emendata e soppiantata da una nuova teoria. La scienza non ci dà una certezza assoluta e definitiva. Essa ci dà assicurazione soltanto nei limiti delle nostre abilità mentali e dello stato del pensiero scientifico prevalente. Un sistema scientifico non è che una stazione in una ricerca conoscitiva che progredisce indefinitamente e necessariamente influenzata dalla insufficienza inerente a tutti gli sforzi umani. Ma riconoscere questo fatto non significa ammettere che l'economia odierna sia arretrata. Significa semplicemente che l'economia è una cosa vivente, e il vivere implica imperfezione e cambiamento. Il rimprovero di una pretesa arretratezza viene sollevato contro l'economia da due differenti punti di vista. Da un lato naturalisti e fisici censurano l'economia per non essere una scienza naturale e non applicare i metodi e i procedimenti di laboratorio. Uno dei compiti di questo trattato è di mettere a nudo la fallacia di simili idee. In queste osservazioni introduttive bastino poche parole circa il loro ambiente psicologico. È comune alle menti limitate riflettere su ogni aspetto in cui gli altri differiscono. Il cammello nella favola differisce da tutti gli altri animali per la gobba, e il ruritano critica il laputano per non essere un ruritano. Il ricercatore empirico considera il laboratorio come il solo ambiente degno della ricerca e le equazioni differenziali come l'unico metodo sano per esprimere il risultato del pensiero scientifico. Egli è semplicemente incapace di vedere i problemi epistemologici dell'azione umana. Per lui l'economia non può essere null'altro che una forma di meccanica. Poi ci sono altri i quali sostengono che qualcosa dev'essere sbagliato nelle scienze sociali perchè le condizioni sociali sono insoddisfacenti. Le scienze naturali hanno raggiunto risultati stupefacenti negli ultimi due o tre secoli, e l'utilizzazione pratica di questi risultati è riuscita a migliorare

il tenore di vita in misura per l'innanzi sconosciuta. Ma, dicono questi critici, le scienze sociali hanno mancato completamente il compito di rendere le condizioni sociali più soddisfacenti. Esse non hanno eliminato miseria e inedia, crisi economiche e disoccupazione, guerra e tirannia. Sono sterili e non hanno contribuito per niente a promuovere la felicità e il benessere umano. Questi brontoloni non si rendono conto che il grandioso progresso dei metodi tecnologici di produzione e il conseguente aumento di ricchezza e benessere furono possibili solo perseguendo quelle politiche liberali ch'erano l'applicazione pratica dell'insegnamento economico. Furono le idee degli economisti classici a rimuovere i vincoli imposti da leggi antiquate, dogane e pregiudizi al miglioramento tecnologico e a liberare il genio dei riformatori dalla camicia di forza delle corporazioni, dal paternalismo governativo e dalle pressioni sociali di ogni specie. Furono essi a ridurre il prestigio dei conquistatori e degli espropriatori e a dimostrare i benefìci sociali derivanti dall'attività economica. Nessuna delle grandi invenzioni moderne sarebbe stata realizzata se la mentalità dell'era precapitalista non fosse stata completamente demolita dagli economisti. Ciò che comunemente è chiamata "rivoluzione industriale" fu il risultato della rivoluzione ideologica determinata dalle dottrine degli economisti. Gli economisti demolirono i vecchi dogmi che dicevano non essere bello nè giusto eliminare un concorrente producendo beni migliori e più a buon mercato ; essere iniquo deviare dai metodi di produzione tradizionali; essere le macchine un male perchè causa di disoccupazione ; essere compito del governo civile impedire agli uomini d'affari efficienti di diventare ricchi e proteggere i meno efficienti dalla concorrenza dei più efficienti; essere la restrizione della libertà di intrapresa per coercizione governativa o di altri poteri sociali mezzo appropriato per promuovere il benessere di una nazione. L'economia politica inglese e la fisiocrazia francese furono precorritrici del moderno capitalismo. Esse resero possibile il progresso di quelle scienze naturali che hanno portato tanti benefici alle masse. Ciò che è errato nella nostra epoca è la diffusa ignoranza della funzione che queste politiche di libertà economica hanno avuto nell'evoluzione tecnica degli ultimi due secoli. La gente incorre nell'errore di considerare il miglioramento dei metodi di produzione contemporaneo alla politica del laissez faire soltanto accidentalmente. Illusa dal mito di MARX, essa considera il moderno industrialismo risultato dell'azione di misteriose "forze produttive" assolutamente indipendenti da fattori ideologici. Crede che l'economia classica non sia stata fattore dell'affermazione del capitalismo ma piuttosto il suo prodotto, la sua "sovrastruttura ideologica", cioè una dottrina intesa a difendere le pretese inique degli sfruttatori capitalisti. Quindi l'abolizione del capitalismo e la

sostituzione del totalitarismo a una economia di mercato e di libera intrapresa non pregiudicherebbe l'ulteriore progresso della tecnologia. Al contrario, ciò promoverebbe il miglioramento tecnologico rimuovendo gli ostacoli che gli interessi egoistici dei capitalisti erigono sulla sua via. Il tratto caratteristico di questa èra di guerre distruttive e di disintegrazione sociale è la rivolta contro l'economia. THOMAS CARLYLE bollò l' economia come "scienza fosca" e KARL MARX stigmatizzò gli economisti come "sicofanti della borghesia". I ciarlatani ― lodando le loro specialità farmaceutiche e le accorciatoie al paradiso terrestre ― si divertono a sprezzare l'economia come "ortodossa" e "reazionaria". I demagoghi si vantano di ciò che essi chiamano loro vittorie sull'economia. L'uomo "pratico" si vanta del suo disprezzo per l'economia e della sua ignoranza dell'insegnamento degli economisti "cattedratici". Le politiche economiche degli ultimi decenni sono state il prodotto di una mentalità che si fa beffe di ogni sana teoria economica e glorifica le dottrine spurie dei suoi detrattori. L'economia "ortodossa" in molti paesi è bandita dalle università e virtualmente sconosciuta agli statisti, ai politici e agli scrittori preminenti. La colpa dello stato insoddisfacente delle condizioni economiche non può certamente essere data alla scienza che entrambi, reggitori e masse, disprezzano e ignorano. Si deve mettere in rilievo che il destino della civiltà moderna come si è sviluppato ad opera dei popoli bianchi nei due ultimi secoli è inseparabilmente legato al destino della scienza economica. Questa civiltà fu in grado di affermarsi perchè la gente era dominata da idee che costituivano l'applicazione dell'insegnamento della teoria economica ai problemi di politica economica. Essa perirà e dovrà perire se le nazioni continueranno sulla via intrapresa seguendo le dottrine che rigettano il pensiero economico. È vero che l'economia è una scienza teoretica e come tale si astiene da ogni giudizio di valore. Non è suo compito dire alla gente quali fini dovrebbe perseguire. Essa è scienza dei mezzi da applicare al raggiungimento di fini dati e non certamente scienza della scelta dei fini. Le decisioni ultime, le valutazioni e la scelta dei fini sono al di là dell'ambito di ogni scienza. La scienza non dice mai all'uomo come dovrebbe agire; semplicemente mostra come un uomo deve agire se desidera raggiungere scopi definiti. A molti ciò sembra invero poca cosa, e che una scienza limitata alle investigazioni di ciò che è e non in grado di esprimere un giudizio di valore sopra i fini ultimi e massimi non abbia importanza per la vita e per razione. Anche questo è un errore. Ma la confutazione di questo errore non è compito di queste osservazioni introduttive. Essa costituisce una delle finalità del trattato stesso.

4. Riassunto. Era necessario fare queste osservazioni preliminari onde spiegare perchè questo trattato mette i problemi economici nel vasto schema di una teoria generale dell'azione umana. Allo stadio attuale del pensiero economico e delle discussioni politiche relativamente alle istanze fondamentali dell'organizzazione sociale non è più possibile isolare correttamente la trattazione dei problemi catallattici. Questi problemi sono soltanto un segmento di una scienza generale dell'azione umana e devono essere trattati come tali.

Parte Prima

L'AZIONE UMANA

CAPITOLO I

L'UOMO AGENTE

1. Azione volontaria e reazione animale. L'azione umana è comportamento volontario. Ovvero anche: l'azione è volontà messa in atto e trasformata in azione, il suo tendere a scopi e fini è la risposta significativa dell'io agli stimoli e alle condizioni del proprio ambiente, è adattamento cosciente di una persona allo stato dell'universo che determina la sua vita. Siffatta parafrasi può chiarire la definizione data e prevenire possibili interpretazioni erronee. Ma la definizione è di per sè adeguata e non abbisogna di complemento o commento. Il comportamento conscio o volontario è in netto contrasto col comportamento inconscio, cioè coi riflessi e le risposte involontarie delle cellule e dei nervi del corpo agli stimoli. Talvolta la gente è disposta a credere che i limiti tra il comportamento conscio e la reazione involontaria delle forze operanti nell'ambito del corpo umano siano più o meno indefiniti. Questo è corretto solo in quanto talvolta non è agevole stabilire se il comportamento concreto è da considerarsi volontario o involontario. Ma la distinzione fra coscienza e incoscienza è nondimeno netta e può essere stabilita chiaramente. Il comportamento inconscio degli organi e delle cellule corporali è per l'io agente un dato non dissimile da ogni altro fatto del mondo esteriore. L'uomo agente deve tener conto di tutto ciò che accade entro il suo stesso corpo come di ogni altro dato, ad es., il tempo e le attitudini dei suoi vicini. C'è naturalmente un margine entro il quale il comportamento volontario ha il potere di neutralizzare il lavorìo dei fattori corporali. Entro certi limiti è possibile controllare il corpo. L'uomo può talvolta riuscire per forza di volontà a superare malattie e a compensare deficienze innate o acquisite alla sua costituzione fisica o a sopprimere riflessi. Fin dove questo è possibile si estende conseguentemente anche l'azione intenzionale. Se un uomo si astiene dal controllare la reazione involontaria delle cellule e dei centri nervosi sebbene in condizione di farlo, il suo comportamento è volontario dal nostro punto di vista. Campo della nostra scienza è l'azione umana, non gli eventi psicologici che risultano da un'azione. È precisamente questo che

distingue la teoria generale dell'azione umana o prasseologia dalla psicologia. Tema della psicologia sono gli accadimenti interni che sfociano o possono sfociare in un'azione definita. Tema della prasseologia è l'azione come tale. Questo chiarisce anche la relazione della prasseologia rispetto al concetto psicanalitico del subconscio. Pure la psicanalisi è psicologia e non studia l'azione ma solo le forze e i fattori che determinano l'uomo ad un'azione definita. Il subconscio psicanalitico è una categoria psicologica e non prasseologica. Se un'azione origini da chiara deliberazione oppure da memorie dimenticate e da desideri repressi che, per così dire, dirigono la volontà da regioni sommerse, è cosa che non influisce sulla natura dell'azione. Anche l'assassino, che un impulso subconscio (l'Id) spinge a commettere il crimine, e il neurotico, il cui comportamento aberrante sembra semplicemente senza significato all'osservatore inesperto, agiscono; come tutti gli altri, essi tendono a certi fini. È merito della psicanalisi aver dimostrato che anche il comportamento dei neurotici e degli psicopatici è significativo, che essi pure agiscono e tendono a dei fini, sebbene noi che ci consideriamo normali e sani diciamo senza senso il ragionamento che determina la loro scelta e contrari allo scopo i mezzi che essi scelgono al raggiungimento di questi fini. Il termine "inconscio" usato dalla prasseologia e il termine "subconscio" applicato dalla psicanalisi appartengono a due differenti sistemi di pensiero e di ricerca. La prasseologia, non meno delle altre branche del sapere, deve molto alla psicanalisi. Diventa quindi anche più necessario rendersi consapevoli della linea che separa la prasseologia dalla psicanalisi. Azione non significa semplicemente dare la preferenza. L'uomo mostra preferenza anche in situazioni in cui le cose e gli eventi sono inevitabili o creduti tali. Così può preferire il sole alla pioggia e sperare che il sole dissiperà le nubi. Chi soltanto desidera e spera non interferisce attivamente nel corso degli eventi per foggiare il proprio destino. Ma l'uomo agente può scegliere, determinare e tentare di raggiungere un fine. Di due cose che non può avere insieme ne sceglie una e rinuncia all'altra. L'azione perciò esige sempre sia di prendere che di rinunciare. Espressione di desideri e speranze e annuncio di un'azione determinata possono essere forme di azione in quanto aspirano in se stessi alla realizzazione di un certo scopo. Ma non devono essere confusi con le azioni alle quali si riferiscono. Essi non sono identici alle azioni che annunciano, raccomandano o rigettano. L'azione è una cosa reale. Ciò che conta è il comportamento totale dell'uomo, e non le sue chiacchiere su atti divisati ma non realizzati. D'altra parte l'azione deve essere chiaramente distinta dall'applicazione del lavoro. Azione significa impiego di mezzi per il raggiungimento di fini. Come regola, uno dei mezzi impiegati è il lavoro dell'uomo che agisce. Ma ciò non è sempre il caso. In speciali condizioni

una parola è tutto ciò che occorre. Colui che dà ordini o interdizioni può agire senza dispendio di lavoro. Il parlare o il tacere, il sorridere o il restar seri, possono essere azione. Consumare e godere sono azione non dissimile dall'astenersi dal consumo e dal godimento accessibili. Conseguentemente la prasseologia non distingue tra uomo "attivo" o energico e "passivo" o indolente. L'uomo vigoroso e industre che lotta per il miglioramento della sua condizione agisce nè più nè meno dell'uomo letargico che neghittosamente prende le cose come vengono. Poiché anche il far nulla e l'oziare sono azione, essi pure determinano il corso degli eventi. Ovunque le condizioni per l'interferenza umana sono presenti, l'uomo agisce, non importa se interferendo o trattenendosi dall'interferire. Colui che tollera ciò che potrebbe cambiare agisce non meno di colui che interferisce in vista dell'ottenimento di un altro risultato. Anche l'uomo che si astiene dall'influenzare l'azione dei fattori psicologici e istintivi che potrebbe influenzare agisce. Azione non è soltanto il fare, ma anche l'omettere di fare ciò che potrebbe essere fatto. Possiamo dire che l'azione è la manifestazione della volontà. Ma ciò non aggiungerebbe nulla alla nostra conoscenza. Perchè il termine volontà non significa altro che la facoltà dell'uomo a scegliere tra differenti stati di cose, a preferirne uno, a scartarne un altro, e a comportarsi conformemente alla decisione presa in vista dello stato scelto e ad abbandonare l'altro.

2. I prerequisiti dell'azione umana. Diciamo contentezza o soddisfazione quello stato dell'essere umano che non si concreta nè può concretarsi in nessuna azione. L'uomo attivo è desideroso di sostituire uno stato di cose più soddisfacente ad uno che lo è meno. La sua mente immagina condizioni che meglio gli si confanno; e la sua ragione tende a realizzare questo stato desiderato. L'incentivo che costringe l'uomo ad agire è sempre una certa inquietudine [nota 1]. Un uomo perfettamente soddisfatto del suo stato di cose non avrebbe incentivo a cambiarle. Egli non avrebbe nè voglie nè desideri ; sarebbe perfettamente felice. Non agirebbe; vivrebbe semplicemente libero da ogni cura.
1. Cfr. Locke, An Essay Concerning Human Understanding, ed. Fraser, Oxford, 1894, I, pagg. 331-333; Leibniz, Nouveaux essais sur l'entendement humain, ed. Flammarion, pag. 119.

Ma l'insoddisfazione e l'immagine di uno stato più soddisfacente non

sono da soli sufficienti per fare agire un uomo. Una terza condizione è richiesta : l'attesa che il comportamento intenzionale rimuova o almeno allevii la sentita insoddisfazione. In assenza di questa condizione nessuna azione è fattibile. Bisogna cedere all'inevitabile. Sottomettersi al destino. Queste le condizioni generali dell'azione umana. L'uomo non è soltanto homo sapiens ma anche homo agens. Gli esseri che per difetti di nascita o acquisiti sono irrimediabilmente inadatti all'azione (nello stretto senso del termine e non soltanto in quello legale) non sono praticamente umani. Sebbene le leggi e la biologia li considerino uomini, essi mancano del carattere essenziale d'umanità. Anche il neonato non è un essere agente, perchè ancora non ha percorso l'intera via dalla concezione al completo sviluppo delle sue qualità umane. Solo alla fine della sua evoluzione egli diventa essere agente.

Della felicità. In termini colloquiali diciamo "felice" un uomo cui è riuscito di raggiungere i suoi fini. Una descrizione più adeguata del suo stato sarebbe dire ch'egli è più felice di prima. Non ci sono tuttavia valide obiezioni all'uso che definisce l'azione umana come perseguimento della felicità. Dobbiamo però evitare i comuni malintesi. Scopo ultimo dell'azione umana è sempre la soddisfazione del desiderio dell'uomo agente. Non c'è misura di maggiore o minore soddisfazione all'infuori dei giudizi individuali di valore, differenti da persona a persona e da tempo a tempo per la stessa persona. Ciò che fa sentire insoddisfatto o meno soddisfatto un uomo è stabilito dallo stesso sulla misura della propria volontà e del proprio giudizio, dalla sua valutazione personale e soggettiva. Nessuno è in grado di stabilire ciò che farebbe più felice un uomo. Per trovarlo non occorre assolutamente riferirsi alle antitesi egoismo-altruismo, materialismo-idealismo, individualismo-collettivismo, ateismo-religione. Ci sono persone che tendono soltanto a migliorare le condizioni del loro proprio io. Ce ne sono altre cui la coscienza dei dispiaceri altrui causa altrettanta infelicità o anche un'infelicità maggiore dei loro stessi bisogni. Vi sono persone che non desiderano altro che la soddisfazione dei loro appetiti sessuali, di cibo, bevande, casa bella e altre cose materiali. Altre invece si preoccupano maggiormente delle soddisfazioni comunemente chiamate "più alte" e "ideali". Vi sono individui desiderosi di adattare le proprie azioni alle esigenze della cooperazione sociale; d'altra parte vi sono persone che sfidano le regole della vita sociale. V'è gente per la quale il fine ultimo del pellegrinaggio

terreno è la preparazione ad una vita di felicità ; altra gente invece non crede agli insegnamenti di nessuna religione e non permette che le sue azioni siano influenzate da questi. La prasseologia è indifferente agli scopi ultimi dell'azione. Le sue conclusioni sono valide per ogni specie di azione indipendentemente dai fini perseguiti. Essa è una scienza di mezzi, non di fini. Applica il termine felicità in un senso puramente formale. Nella terminologia prasseologica la proposizione : "l'uomo tende unicamente alla felicità", è tautologica. Essa non implica nessuna affermazione sullo stato delle cose dal quale l'uomo si aspetta la felicità. L'idea che incentivo alla felicità umana sia sempre una certa insoddisfazione e suo scopo sempre di rimuovere tale insoddisfazione fin dove possibile, cioè di rendere l'uomo agente più felice, è l'essenza dell'insegnamento dell'eudemonismo e dell'edonismo. L'atarassia epicurea è quello stato di perfetta felicità e contentezza al quale l'attività umana tende continuamente senza tuttavia mai raggiungerlo. Di fronte alla grandiosità di questa nozione è di poco momento che molti rappresentanti di questa filosofia abbiano mancato di riconoscere il carattere puramente formale delle nozioni di pena e piacere, dando loro un significato materiale e carnale. Le scuole teologiche, mistiche e altre scuole di etica eteronoma non hanno scosso il fulcro dell'epicureismo non potendo sollevare altra obiezione all'infuori di quella che esso trascura i piaceri "più alti" e "più nobili". È vero che gli scritti di molti campioni primitivi dell'eudemonismo, dell'edonismo e dell'utilitarismo possono essere male interpretati in alcuni punti. Ma il linguaggio dei filosofi moderni e più ancora quello degli economisti moderni è così preciso e immediato che non sono più possibili malintesi.

Degli istinti e degli impulsi. La comprensione del problema fondamentale dell'azione umana non è favorita dai metodi della sociologia dell'istinto. Questa scuola classifica i vari scopi concreti dell'azione umana e assegna a ogni classe uno speciale istinto come motivo specifico. L'uomo appare come un essere dominato da vari istinti e disposizioni innati. Si crede che questa spiegazione demolisca una volta per tutte gli odiosi insegnamenti dell'economia e dell'etica utilitarista. Tuttavia, Feuerbach ha già osservato giustamente che ogni istinto è istinto alla felicità [nota 1]. Il metodo della psicologia e della sociologia dell'istinto consiste in una classificazione arbitraria degli scopi immediati dell'azione e in una ipostasi di ognuno. Mentre la prasseologia dice che scopo di un'azione è di rimuovere una certa insoddisfazione, la

psicologia dell'istinto dice che la soddisfazione è un impulso istintivo.
1. Cfr. Feuerbach, Sammtliche Werke, ed. Bolin e Jodl, Stuttgart, 1907, X, pag. 231.

Molti campioni della scuola istintiva sono convinti di aver provato che l'azione non è determinata dalla ragione, ma promana dal profondo di forze innate, di impulsi, di istinti e disposizioni non suscettibili di nessuna elucidazione razionale. Sono certi d'essere riusciti a confutare la superficialità del razionalismo e a ridurre l'economia a "un tessuto di false conclusioni derivate da false assunzioni psicologiche" [nota 1]. Ma razionalismo, prasseologia ed economia non trattano dei moventi e dei fini ultimi dell'azione, sibbene dei mezzi applicati all'ottenimento di un fine cercato. Comunque insondabile possa essere la profondità dalla quale emergono gli impulsi e gli istinti, i mezzi che l'uomo sceglie per la loro soddisfazione sono determinati da una considerazione razionale di spesa e risultato.
1. Cfr. William McDougall, An Introduction to Social Psychology, 14a ed.,Boston, 1921, pag. 11.

Anche colui che agisce sotto un impulso emotivo agisce. Ciò che distingue un'azione emotiva dalle altre è la valutazione di quel che si impiega e di quel che si ottiene. Le emozioni confondono le valutazioni. Infiammato dalla passione, l'uomo considera lo scopo maggiormente desiderabile e il prezzo da pagare meno grave di quello che darebbe deliberando freddamente. Gli uomini non hanno mai dubitato che anche negli stati emotivi mezzi e fini sono ponderati e che è possibile influenzare il risultato di queste deliberazioni rendendo più costoso il cedimento all'impulso passionale. Punire offese criminali commesse in stato di eccitamento emotivo o di intossicazione più lievemente che le altre offese equivale incoraggiare questi eccessi. La minaccia di severa rappresaglia non manca di scoraggiare anche la gente trascinata da passioni apparentemente irresistibili. Noi interpretiamo il comportamento animale assumendo che l'animale cede all'impulso che prevale al momento. Come osserviamo che l'animale si nutre, coabita e attacca altri animali, o uomini, parliamo del suo istinto di nutrimento, di riproduzione e di aggressione. Supponiamo tali impulsi innati e di perentoria soddisfazione. Ma per l'uomo è differente. Egli non è un essere incapace di contrastare l'impulso che richiede più urgentemente di essere soddisfatto. Essendo un essere capace di dominare i suoi istinti, le sue emozioni e i suoi impulsi, egli può razionalizzare il suo comportamento. Rinuncia alla

soddisfazione di un desiderio bruciante per soddisfarne altri. Non è un burattino dei propri appetiti. Non violenta ogni donna che solletica i suoi sensi; non divora ogni pezzo di cibo che lo tenta; non abbatte ogni individuo che desidererebbe uccidere. Arrangia le sue voglie e i suoi desideri in una scala, sceglie ; in breve, agisce. Ciò che distingue l'uomo dalle bestie è precisamente il fatto che egli aggiusta il suo comportamento deliberatamente. L'uomo ha inibizioni, può dominare impulsi e desideri, è capace di sopprimere i desideri e gli impulsi istintivi. Può accadere che un impulso emerga con tanta veemenza che nessun inconveniente inerente alla sua soddisfazione appaia abbastanza grande da prevenire l'individuo dal soddisfarlo. Anche in questo caso vi è scelta. L'uomo decide di cedere in favore del desiderio in questione [nota 1].
1. In tali casi ha grande importanza la circostanza che le due soddisfazioni ― quella attesa cedendo all'impulso e quella attesa evitando le sue indesiderabili conseguenze ― non siano contemporanee. Cfr. sotto, pagg. 458-459.

3. L'azione umana come dato ultimo. Da tempo immemorabile gii uomini sono bramosi di conoscere il primo motore, la causa di tutto l'essere e di tutto il divenire, la sostanza ultima dalla quale origina ogni cosa e la quale è la causa di se stessa. La scienza è più modesta. Essa è conscia dei limiti della mente umana e dell'umana ricerca del sapere. Essa tende a riportare ogni fenomeno alla sua causa. Ma si rende conto che questo sforzo deve necessariamente cozzare contro difese insormontabili. Ci sono fenomeni che non possono essere analizzati e riportati ad altri fenomeni. Sono questi i dati ultimi. Il progresso della ricerca scientifica può riuscire a dimostrare che qualcosa dapprima considerato come un dato ultimo può essere ridotto nei suoi componenti. Ma ci saranno sempre taluni fenomeni irriducibili e non analizzabili, taluni dati ultimi.| Il monismo insegna che non c'è che una sostanza ultima, il dualismo che ve ne sono due, il pluralismo che ve ne sono tante. Non v'è senso nel discutere sopra questi problemi. Tali dispute metafisiche sono interminabili. Il presente stato della nostra conoscenza non offre i mezzi per risolverle con una risposta che ogni uomo ragionevole debba considerare soddisfacente. Il monismo materialista sostiene che i pensieri e le volizioni umane sono il prodotto dell'azione di organi corporali, le cellule del cervello e i nervi. Il pensiero umano, la volontà e un'azione comechessia sono

realizzati soltanto dal processo materiale che un giorno sarà completamente spiegato coi metodi dell'indagine fisica e chimica. Questa pure è un'ipotesi metafisica, sebbene i suoi sostenitori la considerino come una verità scientifica incrollabile e innegabile. Varie dottrine sono state avanzate per spiegare la relazione tra il corpo e la mente. Sono tuttavia mere congetture senza riferimento ai fatti osservati. Tutto quel che può essere detto con certezza è che vi sono relazioni tra il processo mentale e quello fisiologico. Riguardo alla natura e all'azione di questa connessione noi conosciamo poco o nulla. I giudizi concreti di valore e le azioni umane definite non sono suscettibili di ulteriori analisi. Possiamo onestamente assumere o credere che essi dipendano e siano condizionati in modo assoluto dalla loro causa. Ma finché non conosciamo come i fatti esteriori ― fisici o fisiologici ― producono nella mente umana pensieri e volizioni definiti che si manifestano in atti concreti, dobbiamo affrontare un insormontabile dualismo metodologico. Allo stato attuale della nostra conoscenza le affermazioni fondamentali del positivismo, del monismo e del panfisicalismo sono puri postulati metafisici privi d'ogni fondamento scientifico e insignificanti e inutili ai fini della ricerca scientifica. La ragione e l'esperienza ci mostrano due regni separati : il mondo esterno dei fenomeni fisici, chimici e fisiologici e il mondo interno del pensiero, del sentimento, della valutazione e dell'azione deliberata. Nessun ponte congiunge ― per quanto oggi ci è dato vedere ― queste due sfere. Talvolta eventi esterni identici producono reazioni umane differenti ed eventi esterni differenti, identiche reazioni. Non sappiamo perchè. Di fronte a questo stato di cose non possiamo fare a meno di condannare le affermazioni essenziali del monismo e del materialismo. Possiamo credere o meno che le scienze naturali riusciranno un giorno a spiegare la formazione di idee definite, di giudizi di valore e di azioni allo stesso modo in cui spiegano la formazione di un composto chimico come risultato necessario e inevitabile di una certa combinazione di elementi. Allo stesso tempo siamo costretti a convenire su un dualismo metodologico. L'azione umana è un'entità che produce cambiamenti, un elemento dell'attività e del divenire cosmici. Quindi oggetto legittimo d'investigazione scientifica. Poiché ― almeno nelle condizioni attuali ― non si può risalire alle sue cause, l'azione umana deve essere considerata come un dato ultimo e studiata come tale. È vero che i cambiamenti prodotti dall'azione umana sono insignificanti se confrontati con gli effetti dell'azione delle grandi forze cosmiche. Dal punto di vista dell'eternità e dell'universo infinito l'uomo non è che un punto infinitesimo. Ma per lui l'azione umana e le sue vicissitudini sono cose reali. L'azione è l'essenza della sua natura ed

esistenza, il mezzo per preservare la vita e per sollevarsi al di sopra del livello animale e vegetale. Per quanto perituri ed evanescenti siano tutti gli sforzi umani, per l'uomo e la scienza essi sono di primaria importanza.

4. Razionalità e irrazionalità; soggettivismo e obiettività della ricerca prasseologica. L'azione umana è necessariamente sempre razionale. Il termine "azione razionale" è perciò pleonastico e come tale deve essere respinto. Se applicati ai fini ultimi dell'azione, i termini razionale e irrazionale sono inappropriati e senza senso. Il fine ultimo dell'azione è sempre la soddisfazione di qualche desiderio dell'uomo agente. Poiché nessuno è in condizione di sostituire i giudizi di valore suoi propri a quelli dell'individuo agente, è vano giudicare gli scopi e le volizioni altrui. Nessuno è qualificato a dichiarare che cosa renderebbe più felice o meno scontento un altro uomo. Il critico o ci dice che cosa crede egli vorrebbe raggiungere al posto del suo simile ; o, disponendo con arroganza dittatoriale della volontà e delle aspirazioni del suo simile, dichiara quale loro condizione sarebbe più confacente a lui stesso, il critico. È normale chiamare irrazionale un'azione tendente, a spese di vantaggi "materiali" e tangibili, al raggiungimento di soddisfazioni o ideali "più alti". In questo senso si dice ad esempio ― talvolta approvando talaltra disapprovando ― che un uomo il quale sacrifica vita, salute o ricchezze al raggiungimento di beni "più alti" ― come fedeltà alle sue convinzioni religiose, filosofiche e politiche o alla libertà e prosperità della sua nazione ― è spinto da considerazioni irrazionali. Tuttavia, la lotta per questi fini più alti non è nè più nè meno razionale o irrazionale di quella per altri fini umani. È errato assumere che il desiderio di procurarsi le pure necessità della vita e della salute sia più razionale, naturale o giustificato, della lotta per altri beni o piacevolezze. È vero che il bisogno di cibo e calore è comune agli uomini e agli altri mammiferi, e che di regola un uomo che manca di cibo e rifugio concentra i suoi sforzi sulla soddisfazione di questi bisogni urgenti e non si preoccupa molto di altre cose. L'impulso a vivere, a preservare la propria vita e avvantaggiarsi di tutte le opportunità per rafforzare le proprie energie vitali è una caratteristica primaria presente in qualsiasi essere vivente. Tuttavia non è per l'uomo una necessità ineluttabile cedere a questo impulso. Mentre tutti gli altri animali sono incondizionatamente dominati dall'impulso di preservazione e da quello della prolificazione, l'uomo ha la forza di dominare anche questi impulsi. Egli può controllare tanto i suoi desideri sessuali che la sua volontà di vivere. Può metter fine alla sua vita

quando le condizioni in cui soltanto potrebbe preservarla gli sembrano intollerabili. É capace di morire per una causa o di commettere suicidio. Vivere è per l'uomo il risultato di una scelta, un giudizio di valore. Lo stesso è del desiderio di vivere agiatamente. L'esistenza di asceti e dì uomini che rinunciano ai guadagni materiali per essere aderenti alle proprie convinzioni e preservare la dignità e l'amor proprio prova che la tendenza verso piacevolezze più tangibili non è inevitabile, ma piuttosto il risultato di una scelta. Naturalmente la stragrande maggioranza preferisce la vita alla morte e la ricchezza alla povertà. È arbitrario considerare "naturali" e quindi "razionali" solo le soddisfazioni dei bisogni fisiologici corporali, e "artificiale" e quindi "irrazionale" ogni altra cosa. Caratteristica della natura umana non è soltanto di cercare cibo, riparo e coabitazione come tutti gli altri animali, ma di aspirare anche ad altre specie di soddisfazioni. L'uomo ha desideri e bisogni specificamente umani che possiamo chiamare "più alti" di quelli che ha in comune con gli altri mammiferi [nota 1].
1. Sugli errori immanenti alla legge bronzea dei salari, vedi sotto, pagg. 579-580; sull'errata interpretazione della teoria malthusiana, vedi sotto, pagg. 638-644.

Se applicati ai mezzi scelti al raggiungimento di fini, i termini razionale e irrazionale implicano un giudizio di convenienza e adeguatezza del procedimento impiegato. Il critico approva o disapprova i metodi dal punto di vista della loro idoneità o meno a conseguire il fine in questione. È un fatto che la ragione umana non è infallibile e che l'uomo spessissimo sbaglia nella scelta e nell'applicazione dei mezzi. Un'azione inadatta al fine cercato non riesce a realizzare l'aspettativa. È contraria all'intento, ma nondimeno è razionale, cioè risultato di una ragionevole ― sebbene sbagliata ― deliberazione e tentativo ― sebbene inefficace ― di raggiungere uno scopo definito. I medici che cento anni fa impiegavano certi metodi per la cura del cancro che i medici contemporanei rigettano erano ― da un punto di vista dell'odierna patologia ― pessimamente informati e quindi inefficienti. Ma non agivano irrazionalmente; facevano del loro meglio. È probabile che fra un altro centinaio d'anni i medici disporranno di metodi più efficienti per la cura di questa malattia. Questi saranno più efficienti ma non più razionali di quelli dei nostri medici. Il contrario dell'azione non è il comportamento irrazionale, ma la reazione a stimoli degli organi e degli istinti corporali controllabile dalla volizione. Allo stesso stimolo si può in certe condizioni rispondere sia reattivamente che con l'azione. Se un individuo assorbe un veleno, gli organi reagiscono mobilitando i loro antidoti ; in aggiunta, l'azione può interferire applicando controveleni. Riguardo ai problemi impliciti nell'antitesi razionale-irrazionale,

non vi è differenza tra le scienze naturali e le scienze sociali. La scienza è e deve sempre essere razionale. Essa è il tentativo di ottenere una rappresentazione mentale dei fenomeni dell'universo attraverso un sistematico adattamento dell'intero corpo di conoscenze disponibili. Tuttavia, come è stato rilevato sopra, l'analisi degli oggetti nei loro elementi costitutivi deve presto o tardi raggiungere un punto al di là del quale non può andare. La mente umana non è nemmeno capace di concepire una specie di conoscenza non limitata da un dato ultimo inaccessibile all'ulteriore riduzione e analisi. Il metodo scientifico che porta la mente sino a questo punto è completamente razionale. Il dato ultimo può essere chiamato fatto irrazionale. Oggi è di moda trovare sbagliate le scienze sociali perchè puramente razionali. La obiezione più popolare sollevata contro l'economia è che essa trascura l'irrazionalità della vita e della realtà e tenta di costringere entro schemi aridamente razionali e astrazioni sterili l'infinita varietà dei fenomeni. Nessuna censura potrebbe essere più assurda. Come ogni branca del sapere, Peconomia arriva fin dove le permettono i metodi razionali. Poi si arresta costatando che si trova di fronte a un dato ultimo, cioè a un fenomeno che non può ― almeno allo stato presente della nostra conoscenza ― essere ulteriormente analizzato [nota 1].
1. Vedremo successivamente, pagg. 47-56, come le scienze sociali empiriche trattano il dato ultimo.

I principii della prasseologia e dell'economia sono validi per tutte le azioni umane senza riguardo ai motivi, cause e scopi che ad esse sottostanno. I giudizi definitivi di valore e i fini ultimi dell'azione umana sono dati per ogni genere di ricerca scientifica ; non sono suscettibili di ulteriore analisi. La prasseologia tratta dei modi e dei mezzi scelti all'ottenimento di tali fini ultimi. Suo oggetto sono i mezzi, non i fini. In questo senso parliamo di soggettivismo della scienza generale dell'azione umana. Essa prende i fini ultimi scelti dall'uomo agente come dati, rimane assolutamente neutrale nei loro confronti e si astiene da ogni giudizio di valore. L'unico criterio da essa adottato è di riscontrare se i mezzi scelti sono o meno idonei al raggiungimento dei fini cui si tende. Se l'eudemonismo dice felicità, se l'utilitarismo e l'economia dicono utilità, dobbiamo interpretare questi termini in modo soggettivistico come quelli cui l'uomo agente tende perchè secondo lui desiderabili. È in questo formalismo che consiste il progresso del significato moderno di eudemonismo, edonismo e utilitarismo in contrapposizione al vecchio significato materiale, e il progresso della moderna teoria soggettiva del valore in contrapposizione alla teoria oggettiva del valore come spiegata dalla economia politica classica. Al tempo stesso è in questo soggettivismo

che consiste la oggettività della nostra scienza. Poiché è soggettivistica e considera i giudizi di valore dell'uomo agente come dati ultimi non suscettibili di ulteriore esame critico, essa è al di sopra di tutte le dispute di parte e indifferente ai conflitti di tutte le scuole dogmatiche e dottrine etiche, è indenne da valutazioni, idee e giudizi preconcetti, universalmente valida e assolutamente e schiettamente umana.

5. La causalità come requisito dell'azione. L'uomo è in grado di agire perchè capace di scoprire le relazioni causali che determinano il mutamento e il divenire dell'universo. L'azione richiede e presuppone la categoria causale. Solamente chi vede il mondo alla luce della causalità è idoneo all'azione. In questo senso possiamo dire che la causalità è una categoria del razione. La categoria mezzi e fini presuppone la categoria causa ed effetto. In un mondo senza causalità e regolarità di fenomeni non ci sarebbe campo per il ragionamento e l'azione. Un mondo siffatto sarebbe un caos in cui l'uomo sarebbe incapace di trovare orientamento e guida. Egli non è neppure capace di immaginare un universo così caotico. Dove l'uomo non vede nessuna relazione causale, non può agire. Questa affermazione non è reversibile. Anche se conosce la relazione causale, egli non può agire se non è in condizione di influenzare la causa. L'archetipo della ricerca causale era : dove e come interferire per deviare il corso degli eventi dalla direzione ch'essi avrebbero in assenza di interferenza in una direzione più confacente ai miei desideri? In questo senso si pone la questione : chi o che cosa sta alla base delle cose? Si cerca la regolarità e la "legge" perchè si vuole interferire. Solo più tardi questa ricerca fu interpretata in modo più estensivo dalla metafìsica come ricerca della causa ultima dell'essere e dell'esistenza. Ci vollero secoli per riportare queste idee esagerate e stravaganti al quesito più modesto : dove interferire per raggiungere questo o quel fine ? La trattazione del problema della causalità, per la confusione ingenerata da qualche fisico eminente, è stata piuttosto insoddisfacente negli ultimi decenni. Resta a sperare che questo spiacevole capitolo della storia della filosofia sia di avvertimento ai filosofi a venire. Vi sono cambiamenti le cui cause, almeno attualmente, ci sono sconosciute. Talvolta riusciamo ad acquisire una conoscenza parziale tanto da poter dire : nel 70 % di tutti i casi A dà B, mentre nei casi rimanenti dà C o D, E, F, ecc. Per sostituire a questa informazione frammentaria un'informazione più precisa sarebbe necessario scomporre A nei suoi elementi. Finché ciò non è raggiunto, dobbiamo accontentarci di

una legge statistica. Ma questo non intacca il significato prasseologico della causalità. L'ignoranza totale o pratica in certi campi non demolisce la categoria causale. I problemi filosofici, epistemologici e metafisici della causalità e dell'induzione imperfetta sono al di là dello scopo della prasseologia. Dobbiamo semplicemente stabilire il fatto che per agire l'uomo deve conoscere la relazione causale fra eventi, processi o stati di cose. E che solo nella misura in cui egli conosce questa relazione, la sua azione può raggiungere i fini cercati. Siamo pienamente consci che asserendo ciò ci muoviamo in un cerchio, poiché l'evidenza di avere correttamente percepito una relazione causale è data solo dal fatto che l'azione guidata da questa conoscenza si trasforma nei risultati attesi. Ma non possiamo evitare questa evidenza circolare viziosa perchè la causalità è una categoria dell'azione. E poiché si tratta di una categoria dell'azione, la prasseologia non può fare a meno di concedere qualche attenzione al problema fondamentale della filosofìa.

6. L'"alter ego". Se si è disposti a prendere il termine causalità nel suo significato più ampio, la teleologia può essere considerata una varietà della ricerca causale. Le cause finali sono le prime di tutte le cause. La causa di un evento è vista come un'azione o quasi-azione tendente a qualche fine. Sia l'uomo primitivo che il bambino, in un'ingenua attitudine antropomorfa, considerano plausibilissimo che ogni cambiamento ed evento sia il risultato dell'azione di un essere agente allo stesso loro modo. Credono che animali, piante, montagne, fiumi e fontane e persino pietre e corpi celesti siano, come loro stessi, esseri che sentono, vogliono e agiscono. Soltanto in un successivo stadio di sviluppo culturale l'uomo rinuncia a queste idee animistiche sostituendovi la visione meccanicistica del mondo. Il meccanicismo si dimostra principio di condotta tanto soddisfacente che la gente finisce per crederlo capace di risolvere tutti i problemi del pensiero e della ricerca scientifica. Materialismo e panfisicalismo proclamano il meccanicismo essenza di tutta la conoscenza e i metodi sperimentali e matematici delle scienze naturali il solo modo scientifico di pensare. Tutti i cambiamenti devono essere intesi come movimenti soggetti alle leggi meccaniche. I sostenitori del meccanicismo non si preoccupano dei problemi ancora irrisolti relativi alle basi logiche ed epistemologiche dei principii della causalità e dell'induzione imperfetta. Per loro questi principii sono sani perchè funzionano. Il fatto che gli esperimenti di laboratorio diano i risultati previsti dalle teorie e che le macchine delle fabbriche funzionino

nel modo predetto dalla tecnologia prova, essi dicono, la solidità dei metodi e delle scoperte della scienza naturale moderna. Concesso che la scienza non può darci la verità ― e chi sa che significa realmente verità? ― è comunque certo che essa serve al conseguimento del successo. Ma è proprio accettando questo punto di vista pragmatico che l'inconsistenza del dogma panfisicalista diventa manifesta. La scienza, come rilevato sopra, non è riuscita a risolvere problemi delle relazioni mente-corpo. I panfisicalisti non possono certamente obiettare che i procedimenti ch'essi raccomandano abbiano sempre funzionato nel campo delle relazioni interumane e delle scienze sociali. Ma è fuori dubbio che il principio secondo il quale l'io tratta con ogni altro essere umano come se questi pensasse e agisse in modo identico ha dimostrato la sua utilità sia nella vita pratica che nella ricerca scientifica. Non si può negare che esso funzioni. È indubbio che la pratica di considerare che i propri simili pensino e agiscano come il nostro ego è risultata buona ; d'altra parte la prospettiva di ottenere una simile verificazione pragmatistica per il postulato che esige di trattarli alla stessa stregua degli oggetti delle scienze naturali sembra disperata. I problemi epistemologici sollevati dalla comprensione del comportamento degli altri sembrano non meno intricati di quelli della causalità e della induzione incompleta. Si può ammettere l'impossibilità di fornire la prova esclusiva per le proposizioni che la propria logica sia la logica degli altri e senz'altro l'unica logica umana e che le categorie della propria azione siano le categorie dell'azione di tutti gli altri e nel modo più assoluto le categorie di ogni azione umana. Tuttavia il pragmatista deve ricordare che queste proposizioni operano sia in pratica che nella scienza, e il positivista non deve trascurare il fatto che rivolgendosi ai suoi simili presuppone ― tacitamente e implicitamente ― la validità intersoggettiva della logica e conseguentemente la realtà del regno del pensiero e della logica altrui, del suo eminente carattere umano [nota 1].
1. Cfr. Alfred Sghutz, Der sinnhafte Aufbau der sozialen Welt, Wien, 1932, pag. 18.

Pensare e agire sono le caratteristiche umane specifiche, peculiari a tutti gli esseri umani. Al di là dell'appartenenza alla specie zoologica dell'homo sapiens, questi sono il segno caratteristico dell'uomo come uomo. Non è compito della prasseologia investigare le relazioni del pensiero e dell'azione. Ad essa è sufficiente stabilire il fatto che vi è soltanto una logica intelligibile alla mente umana, soltanto un modo d'azione umano e comprensibile alla mente umana. Se esistano o possano esservi in qualche luogo altri esseri ― superumani o men che umani ― i quali pensino e agiscano in modo differente, è cosa cui non arriva la mente umana. Noi dobbiamo restringere i nostri sforzi allo studio dell'azione

umana. Quest'azione, inestricabilmente connessa al pensiero, è condizionata dalla necessità logica. È impossibile alla mente concepire relazioni logiche in disaccordo con la propria struttura logica, come pure è impossibile concepire un modo d'azione le cui categorie differiscano dalle categorie che determinano la nostra stessa azione. L'uomo dispone di soli due principii per afferrare mentalmente la realtà : il teleologico e il causalistico. Ciò che non può essere ricondotto all'una o all'altra di queste categorie è assolutamente misterioso e incomprensibile. Il cambiamento può essere considerato o come risultato dell'azione della causalità meccanica o del comportamento finalistico : la mente umana non dispone di una terza via [nota 1]. È vero, ed è già stato menzionato, che la teleologia può essere considerata come una varietà della causalità. Ma stabilendo questo fatto non si annullano le differenze essenziali fra le due categorie.
1. Cfr. Karel Englis, Begrundung der Teleologie als Form des empirischen Erkennens, Brunn, 1930, pag. 15 e seguenti.

La visione panmeccanicistica del mondo si regge su un monismo metodologico; essa riconosce soltanto la causalità meccanica perchè ad essa soltanto attribuisce valore conoscitivo o almeno un valore conoscitivo più alto che alla teleologia. Ma questa è una superstizione metafisica. Entrambi i principii conoscitivi ― causalità e teleologia ― sono, stante i limiti della ragione umana, imperfetti e non portano a una conoscenza definitiva. La causalità conduce a un regressus ad infinitum che la ragione non può esaurire. La teleologia diventa impotente non appena si solleva la questione di ciò che muove il primo mobile. Entrambi i metodi s'arrestano a un dato ultimo che non può essere analizzato e interpretato. Ragionamento e investigazione scientifica non possono mai acquetare completamente la mente, offrire una certezza apodittica e una perfetta cognizione di tutte le cose. Colui che cerca queste cose deve ricorrere alla fede e tentare di acquetare la propria coscienza abbracciando un credo o una dottrina metafisica. Se non trascendiamo l'ambito della ragione e dell'esperienza, non possiamo fare a meno di riconoscere che gli uomini nostri simili agiscono. Non siamo liberi di trascurare questo fatto per amore di una prevenzione di moda e di un'opinione arbitraria. L'esperienza quotidiana non prova soltanto che l'unico metodo adatto per studiare le condizioni del mondo extraumano è fornito dalla categoria della causalità; essa prova in modo non meno convincente che i nostri simili sono esseri agenti come noi stessi. Per comprendere l'azione non si dispone che di uno schema di interpretazione e di analisi, cioè di quello apprestato dalla conoscenza e

dall'analisi del nostro proprio comportamento finalistico. Il problema dello studio e dell'analisi dell'azione degli altri non è in alcun modo connesso al problema dell'esistenza di un'anima o di un'anima immortale. Finché le obiezioni dell'empirismo, del comportamentismo e del positivismo sono dirette contro tutte le varietà della teoria animistica, esse non sono d'alcuna utilità per il nostro problema. La questione che noi dobbiamo trattare è se sia possibile afferrare l'azione umana intellettualmente rifiutandosi di comprenderla come comportamento significativo e finalistico tendente al raggiungimento di fini specifici. Il comportamentismo e il positivismo vogliono applicare i metodi delle scienze naturali empiriche alla realtà dell'azione umana. Essi la interpretano come risposta a stimoli. Ma questi stessi stimoli non sono suscettibili di descrizione coi metodi delle scienze naturali. Ogni tentativo di descriverli deve riferirsi al significato che gli uomini agenti attribuiscono loro. Possiamo chiamare "stimolo" l'offerta di una merce messa in vendita. Ma ciò che è essenziale in questa offerta e la distingue da altre offerte non può essere descritto senza entrare nel significato che le parti agenti attribuiscono alla situazione. Nessun artificio dialettico può eliminare il fatto che l'uomo è dominato dalla mira del conseguimento di certi fini. Questo comportamento finalistico ― cioè l'azione ― è l'oggetto della nostra scienza. Non possiamo accostarci al nostro soggetto se trascuriamo il significato che l'uomo agente attribuisce alla situazione, ciò allo stato di cose dato, e al suo stesso comportamento relativamente alla situazione. Per il fisico non è àppropriata la ricerca delle cause finali perchè non vi è nessuna indicazione che gli eventi oggetto della fìsica debbano essere interpretati come risultato di azioni di un essere che persegue fini in maniera umana. E nemmeno è appropriato per il prasseologo trascurare il comportamento della volizione e dell'intenzione dell'essere agente, perchè queste sono indubbiamente dei fatti dati. Se egli dovesse trascurare questo comportamento, cesserebbe di studiare l'azione umana. Spessissimo ― ma non sempre ― gli eventi considerati possono essere investigati sia dal punto di vista della prasseologia che da quello delle scienze naturali. Ma colui che considera la scarica di un'arma da fuoco dal punto di vista chimico e fisico non è un prasseologo. Egli trascura proprio i problemi che la scienza del comportamento umano finalistico tende a chiarire. Dell'utilità degli istinti. La prova del fatto che sono disponibili soltanto due vie alla ricerca umana, causalità o teleologia, è data dai problemi sollevati in riferimento

alla utilità degli istinti. Ci sono due tipi di comportamento che da un lato non possono essere completamente interpretati con i metodi causali delle scienze naturali, ma d'altro lato non possono essere considerati come azione umana finalistica. Per afferrare tale comportamento noi siamo costretti a ricorrere a un espediente. Assegniamo ad esso il carattere di una quasi-azione ; parliamo di istinti utili. Osserviamo due cose : primo, la tendenza innata di un organismo vivente a rispondere a stimoli secondo un modello regolare, e, secondo, gli effetti favorevoli di questo genere di comportamento per il rafforzamento o la preservazione delle energie vitali dell'organismo. Se fossimo in condizione di interpretare tale comportamento come risultato di una tendenza deliberata a certi fini, lo chiameremmo azione e lo tratteremmo secondo i metodi teleologici della prasseologia. Ma poiché non troviamo traccia di mente cosciente dietro questo comportamento, supponiamo che un fattore sconosciuto ― chiamiamolo istinto ― l'abbia determinato. Diciamo che l'istinto dirige il comportamento animale quasi-finalistico e le risposte inconscie ma tuttavia utili dei muscoli e dei nervi umani. Ma il semplice fatto che noi ipostatizziamo come forza l'elemento non spiegato di questo comportamento chiamandolo istinto non allarga la nostra conoscenza. Non dobbiamo mai dimenticare che la parola istinto non è altro che un contrassegno per indicare un punto al di là dal quale siamo incapaci, almeno per il momento, di condurre la nostra investigazione scientifica. La biologia è riuscita a scoprire una spiegazione "naturale", cioè meccanica, per molti processi che nel passato si attribuivano alle azioni istintive. Ciononostante ne sono rimasti molti altri non interpretabili come risposte meccaniche o chimiche a stimoli meccanici o chimici. Gli animali mostrano attitudini non diversamente comprensibili che assumendo l'azione di un fattore direttivo. La tendenza del comportamentismo a studiare l'azione umana dal di fuori coi metodi della psicologia animale è illusoria. Quando il comportamento animale va al di là dei puri processi fisiologici, come la respirazione e il metabolismo, può essere studiato solo con l'aiuto di concetti-significato sviluppati dalla prasseologia. Il comportamentista affronta l'oggetto delle investigazioni con le nozioni umane di scopo e successo. Egli applica inconsciamente all'oggetto dei suoi studi i concetti umani di vantaggioso e pernicioso. Ma si inganna escludendo ogni riferimento verbale alla coscienza e alla tendenza finalistica. Infatti la sua mente cerca ovunque fini e misura ogni attitudine col metro di una nozione gabellata come utile. La scienza del comportamento umano ― non essendo fisiologia ― non può abbandonare il riferimento al significato e allo scopo. Essa non può imparare nulla dalla psicologia animale e dall'osservazione delle reazioni inconscie dei neonati. Al contrario, la

psicologia animale e quella infantile non possono rinunciare all'aiuto offerto dalla scienza dell'azione umana. Senza le categorie prasseologiche noi saremmo nell'impossibilità di concepire e di comprendere il comportamento sia degli animali che dei bambini. L'osservazione del comportamento istintivo degli animali riempie l'uomo di meraviglia e solleva questioni cui nessuno può rispondere soddisfacentemente. Ancora, il fatto che gli animali e persino le piante reagiscano in maniera quasi finalistica, non è nè più nè meno miracoloso del fatto che l'uomo pensi ed agisca, che nell'universo inorganico prevalgano quelle corrispondenze funzionali che la fisica descrive, e che nell'universo organico avvengano processi biologici. Tutto ciò è miracoloso nel senso che si tratta di un dato ultimo per la mente che investiga. Tale fine ultimo è ciò che noi chiamiamo istinto animale. Come il concetto di moto, forza, vita, consapevolezza, anche il concetto di istinto è semplicemente un termine per significare un dato ultimo. Invero esso non "spiega" nulla nè indica una causa o la causa ultima [nota 1].
1. "La vie est une cause première qui nous échappe comme toutes les causes premières et dont la science expérimentale n'a pas à se préoccuper". Claude Bernard, La Science expérimentale, Paris, 1878, pag. 137.

Il fine assoluto. Per evitare ogni possibile malinteso sulle categorie prasseologiche sembra, opportuno insistere su un truismo. La prasseologia, come le scienze storiche dell'azione umana, tratta l'azione umana finalistica. Se essa menziona fini, ciò che ha in vista sono i fini cui tende l'uomo agente. Se parla di significato, si riferisce al significato che l'uomo agente attribuisce alle proprie azioni. Prasseologia e storia sono manifestazioni della mente umana e come tali condizionate dalle capacità intellettuali dei mortali. Prasseologia e storia non pretendono di conoscere qualcosa sulle intenzioni di una mente assoluta e oggettiva, su un significato oggettivo inerente al corso degli eventi e all'evoluzione storica, e sui piani che Dio o la Natura o lo Spirito cosmico o il Destino tende a realizzare indirizzando l'universo e le cose umane. Non hanno nulla a che vedere con ciò che è chiamato filosofia della storia, nè pretendono, come le opere di Hegel, Comte, Marx e di una schiera di altri scrittori, di informare sul significato vero, oggettivo e assoluto della vita e della storia.

L'uomo vegetativo. Alcune filosofie consigliano all'uomo di ricercare come fine ultimo della condotta la completa rinuncia all'azione. Esse guardano alla vita come a un inferno assoluto pieno di pene, sofferenze, ansie e apoditticamente negano che qualsiasi sforzo umano possa renderla tollerabile. La felicità può essere raggiunta solo con la completa soppressione della coscienza, della volizione e della vita. L'unico modo di raggiungere la salvazione e la felicità suprema è di diventare perfettamente passivi, indifferenti e inerti come le piante. Il bene supremo è la rinuncia al pensiero e all'azione. Tale l'essenza dei principii di varie filosofie indiane, specialmente del buddismo, e di Schopenhauer. La prasseologia non le commenta, perchè neutrale rispetto a tutti i giudizi di valore e alla scelta dei fini ultimi. Suo compito non è di approvare o disapprovare, ma soltanto di stabilire fatti. Oggetto della prasseologia è l'azione umana. Essa non è interessata agli esseri che sono riusciti a sopprimere tutto quel che caratterizza l'uomo come tale: volontà, desiderio, pensiero e lotta per i fini. Tratta dell'uomo attivo e non dell'uomo trasformato in pianta e ridotto a un'esistenza puramente vegetativa.

CAPITOLO II

I PROBLEMI EPISTEMOLOGICI DELLE SCIENZE DELL'AZIONE UMANA

1. Prasseologia e storia. Ci sono due branche principali delle scienze dell'azione umana: la prasseologia e la storia. La storia è collezione e ordinamento sistematico di tutti i dati dell'esperienza concernente l'azione umana. Essa si occupa del contenuto concreto dell'azione umana. Studia tutti gli sforzi umani nella loro infinita varietà e molteplicità e tutte le azioni individuali con le rispettive implicazioni accidentali, speciali e particolari. Essa scruta le idee che guidano l'uomo agente e il risultato delle azioni svolte. Essa abbraccia ogni aspetto delle attività umane. Da un lato è storia generale e dall'altro storia dei vari campi più ristretti. C'è una storia dell'azione politica e militare, delle idee e della filosofia, delle attività economiche, della tecnologia, della letteratura, dell'arte, della scienza, dei costumi e di molti altri settori della vita umana. C'è l'etnologia e l'antropologia fin dove non sono parte della biologia, e c'è la psicologia fin dove essa non è nè fisiologia nè epistemologia nè fisiologia del linguaggio [nota 1].
1. La storia economica, l'economia descrittiva e la statistica economica sono, ovviamente, storia. Il termine sociologia è usato in due significati differenti. La sociologia descrittiva tratta di quei fenomeni storici dell'azione umana che non sono considerati dall'economia descrittiva; essa si sovrappone in certa misura al campo reclamato dall'etnologia e dall'antropologia. La sociologia generale, d'altra parte, tratta l'esperienza storica da un punto di vista più universale di quello delle altre branche della storia. La storia vera e propria, ad esempio, tratta di una singola città o di città in un periodo definito o di un popolo singolo o di una certa area geografica. Max Weber nel suo trattato principale, Wirtschaft und Gesellschaft, Tubingen, 1922, pagg. 513-600, tratta della città in generale, cioè di tutta l'esperienza storica concernente le città senza limitarsi a periodi storici, aree geografiche o singoli popoli, nazioni, razze e civiltà.

L'oggetto di tutte le scienze storiche è il passato. Esse non possono insegnarci nulla di valido per tutte le azioni umane e quindi anche per il futuro. Lo studio della storia rende l'uomo saggio e giudizioso. Ma per se

stesso esso non fornisce nessuna conoscenza o abilità utilizzabile per la trattazione di casi concreti. Pure le scienze naturali trattano degli eventi passati. Ogni esperienza è l'esperienza di qualcosa passato via; non v'è esperienza di accadimenti futuri. Ma l'esperienza alla quale le scienze naturali devono tutto il loro successo è l'esperienza dell'esperimento in cui gli elementi individuali del cambiamento possono essere osservati isolatamente. I fatti ammassati in questo modo possono essere usati per l'induzione, procedimento peculiare che ha dato prova pratica della sua opportunità, quantunque la sua soddisfacente caratterizzazione epistemologica sia ancora un problema insoluto. L'esperienza di cui si occupano le scienze dell'azione umana è sempre esperienza di fenomeni complessi. Riguardo all'azione umana non sono possibili esperimenti di laboratorio. Noi non siamo mai in grado di osservare il cambiamento in un elemento soltanto, tutte le altre condizioni dell'evento essendo uguali a un caso in cui l'elemento considerato non cambiava. L'esperienza storica come esperienza di fenomeni complessi non ci provvede di fatti nel senso in cui le scienze naturali adoperano questo termine per significare eventi isolati provati sperimentalmente. L'informazione dell'esperienza storica non può essere usata come materiale di costruzione delle teorie e di predizione degli eventi futuri. Ogni esperienza storica è suscettibile di varie interpretazioni, ed è anche effettivamente interpretata in modi differenti. I postulati del positivismo e delle scuole metafisiche affini sono pertanto illusori. È impossibile riformare le scienze dell'azione umana conformemente agli schemi della fisica e delle altre scienze naturali. Non vi sono mezzi per fondare una teoria a posteriori della condotta umana e degli eventi sociali. La storia non può nè provare nè riprovare una enunciazione generale nella maniera in cui le scienze naturali accettano o rigettano un'ipotesi sulla base di esperimenti di laboratorio. Nè verificazione nè riprova sperimentali di una proposizione generale sono possibili in questo campo. Nessuna teoria può provare i complessi fenomeni della produzione in cui varie catene causali sono interconnesse. Tali fenomeni, al contrario, diventano intelligibili solo attraverso una interpretazione in termini di teorie precedentemente sviluppate da altre fonti. Nel caso di fenomeni naturali l'interpretazione di un evento non deve essere in disaccordo con le teorie soddisfacentemente verificate sperimentalmente. Nel caso di eventi storici non esiste questa restrizione. I commentatori sono liberi di ricorrere a spiegazioni assolutamente arbitrarie. Dove c'è qualcosa da spiegare, la mente umana non esita mai ad inventare qualche teoria immaginaria ad hoc mancante di ogni giustificazione logica.

Una limitazione simile a quella imposta dalle teorie provate sperimentalmente ai tentativi di interpretare ed elucidare singoli eventi fisici, chimici e fisiologici, è imposta dalla prasseologia nel campo della storia umana. La prasseologia è una scienza teoretica e sistematica e non una scienza storica. Suo ambito è l'azione umana come tale, indipendentemente da ogni circostanza individuale, accidentale e d'ambiente degli atti concreti. La sua conoscenza è puramente formale e generale senza riferimento al contenuto materiale e alle configurazioni particolari del caso concreto. Essa tende a una conoscenza valida per tutti i casi in cui le condizioni corrispondono esattamente a quelle implicate nelle sue assunzioni e inferenze. I suoi enunciati e le sue proposizioni non sono derivati dall'esperienza. Sono degli a priori come quelli della logica e della matematica. Sia sul piano logico che su quello temporale essi sono antecedenti a qualsiasi comprensione dei fatti storici, e pertanto requisito necessario per afferrare concettualmente qualsiasi evento storico. Senza di essi non saremmo capaci di vedere nel corso degli eventi null'altro che cambiamento caleidoscopico e confusione caotica.

2. Il carattere formale e aprioristico della prasseologia. É di moda nella filosofia contemporanea negare l'esistenza di qualsivoglia conoscenza a priori. Tutta la conoscenza umana, si sostiene, è derivata dall'esperienza. Questa attitudine può facilmente essere compresa come reazione eccessiva alle stravaganze della teologia e come filosofia spuria della storia e della natura. I metafisici erano avidi di scoprire mediante l'intuizione i precetti morali, il significato della evoluzione storica, le proprietà della materia e dell'anima e le leggi che governano gli eventi fisici, chimici e fisiologici. Le loro speculazioni essenziali manifestavano un'allegra trascuranza per la conoscenza fattuale. Essi erano convinti che la ragione potesse spiegare tutto e rispondere a tutte le questioni senza ricorrere all'esperienza. Le scienze naturali moderne devono il loro successo al metodo dell'osservazione e dell'esperimento. Non v'è dubbio che empirismo e pragmatismo sono nel giusto quando descrivono semplicemente i processi delle scienze naturali. Ma non è men certo che questi sono completamente nel falso nei loro sforzi di rigettare ogni specie di conoscenza a priori e di caratterizzare la logica, la matematica e la prasseologia come discipline empiriche e sperimentali. Riguardo alla prasseologia, gli errori dei filosofi sono dovuti alla loro completa ignoranza dell'economia [nota 1], e spessissimo alla loro conoscenza storica di una insufficienza sconcertante. Agli occhi dei filosofi

la trattazione di istanze filosofiche è una vocazione nobile e sublime che deve essere messa al di sopra del basso livello delle altre occupazioni profittevoli. Il professore non conviene sul fatto di guadagnarsi lo stipendio dal filosofare ; egli è offeso al pensiero di guadagnare danaro come l'artigiano e il contadino. Le questioni monetarie sono cose inferiori, e il filosofo che investiga i problemi eminenti della verità e dei valori eterni non dovrebbe imbrattare la sua mente facendo loro attenzione. Nessun rigo di eminente filosofo contemporaneo rivela la minima familiarità nemmeno coi problemi più elementari dell'economia.
1. Difficilmente un filosofo ha avuto familiarità con le varie branche della conoscenza contemporanea maggiore di Bergson. Eppure un'osservazione casuale nel suo ultimo grande libro prova chiaramente che egli ignorava completamente il teorema fondamentale della moderna teoria del valore e dello scambio. Discorrendo di scambi osserva : "l'on peut le pratiquer sans s'ètre demandé si les deux objects échangés sont bien de méme valeur, c'est-à-dire échangeables contre un mème troisième" (Les Deux Sources de la morale et de la religion, Paris, 1932, pag. 68).

Il problema, se vi siano o meno elementi a priori di pensiero ― cioè condizioni necessarie e intellettualmente ineluttabili del pensare, anteriori a qualsiasi istanza fattuale della concezione e dell'esperienza ― non deve essere confuso col problema genetico del come l'uomo acquisisce la sua abilità mentale caratteristica. Egli discende da progenitori non umani cui mancava questa abilità. Questi progenitori erano dotati di una certa potenzialità che nel corso delle età evolutive li ha trasformati in esseri ragionevoli. La trasformazione si è avuta sotto l'influenza di un ambiente cosmico cangiante che ha operato sulle successive generazioni. Da ciò l'empirico conclude che i principii fondamentali del ragionamento sono un prodotto dell'esperienza e rappresentano un adattamento dell'uomo alle condizioni del suo ambiente. Questa idea conduce, se rigorosamente perseguita, alla conclusione ulteriore che tra i nostri progenitori preumani e l'homo sapiens vi sono vari stadi intermedi. Ci furono esseri che, sebbene non ancora dotati della facoltà umana della ragione, erano provvisti di qualche elemento rudimentale di raziocinio. La loro non era ancora una mente logica, ma prelogica (o piuttosto imperfettamente logica). Le loro funzioni logiche sconnesse e difettose si sono evolute passo passo dallo stadio prelogico verso lo stadio logico. Ragione, intelletto e logica sono fenomeni storici. C'è una storia della logica e ve n'è una della tecnologia. Nulla suggerisce che la logica che noi conosciamo sia l'ultimo e definitivo stadio della nostra evoluzione intellettuale. La logica umana è una fase storica tra la nonlogica preumana da un lato e la logica superumana d'altro lato. Ragione e intelletto, l'apparato più efficace degli esseri umani nella loro lotta per la

vita, sono legati al flusso continuo di eventi zoologici. Essi non sono nè eterni nè immutabili. Sono transeunti. Inoltre non v'è dubbio che ogni essere umano ripete nella sua evoluzione personale non solo le metamorfosi fisiologiche dalla semplice cellula fino al complicatissimo organismo dei mammiferi, ma anche la metamorfosi spirituale da un'esistenza puramente vegetativa e animale a una mente ragionante. Questa evoluzione non è completa nella vita prenatale dell'embrione, ma solo successivamente quando il neonato passo passo si apre a una coscienza umana. Così ogni uomo nella sua prima giovinezza, movendo dal profondo delle tenebre, passa per i vari stadi della struttura logica della mente. Poi c'è il caso degli animali. Noi siamo perfettamente consci dell'insormontabile abisso che separa la nostra ragione dal processo reattivo del loro cervello e dei loro nervi. Ma al tempo stesso noi indoviniamo che vi sono in essi forze che combattono disperatamente verso la luce della comprensione. Sono come prigionieri ansiosi di uscire dalla condanna di una tenebra eterna e di un inesorabile automatismo. Noi lo sentiamo con essi perchè noi stessi siamo in una posizione simile : prementi invano contro le limitazioni del nostro apparato intellettuale, e invano tendenti a una conoscenza perfetta inattingibile. Ma il problema dell'a priori è di carattere differente. Esso non tratta il problema di come coscienza e ragione sono emerse, ma attiene al carattere essenziale e necessario della struttura logica della mente. Le relazioni logiche fondamentali non sono soggette a prova o riprova. Ogni tentativo di provarle deve presupporre la loro validità. È impossibile spiegarle ad un essere che non le possedesse da sè. Gli sforzi di definirle conformemente alle regole di definizione devono fallire. Esse sono proposizioni primarie antecedenti ad ogni definizione nominale o reale. Sono categorie ultime e inanalizzabili. La mente umana è assolutamente incapace di immaginare categorie logiche in contraddizione con esse. Indipendentemente da come possano apparire ad esseri superumani, per l'uomo esse sono inevitabili e assolutamente necessarie. Sono prerequisiti indispensabili della percezione, dell'appercezione e dell'esperienza. Sono un prerequisito non meno indispensabile della memoria. Nelle scienze naturali v'è tendenza a descrivere la memoria come istanza di un fenomeno più generale. Ogni organismo vivente conserva l'effetto di stimoli anteriori, e lo stato presente della materia inorganica è configurato dagli effetti di tutte le influenze cui essa fu esposta in passato. Noi possiamo tuttavia dire, in un senso vagamente metaforico, che la struttura geologica del nostro globo conserva la memoria di tutti i precedenti cambiamenti cosmici, e che il corpo umano è la sedimentazione dei destini e delle vicissitudini sue e dei suoi predecessori. Ma la memoria

è qualcosa di completamente differente dal fatto dell'unità e della continuità strutturale dell'evoluzione cosmica. È un fenomeno di coscienza e come tale condizionato dall'a priori logico. I fisiologi si son trovati in imbarazzo per il fatto che l'uomo non ricordi nulla del tempo della sua esistenza come embrione e come poppante. Freud tentò di spiegare questa assenza di ricordo come prodotta dalla soppressione subconscia di reminiscenze spiacevoli. La verità è che non v'è nulla da ricordare degli stati inconsci. L'automatismo animale e le reazioni inconscie agli stimoli fisiologici non sono materia di ricordo nè per l'embrione e il poppante nè per gli adulti. Soltanto gli stati coscienti possono essere ricordati. La mente umana non è una tabula rasa su cui gli eventi esterni scrivono la propria storia. Essa è dotata di una serie di strumenti per afferrare la realtà. L'uomo acquisisce questi strumenti, cioè la struttura logica della mente, nel corso della sua evoluzione da amoiba al suo stato presente. Ma questi strumenti sono logicamente anteriori ad ogni esperienza. L'uomo non è soltanto un animale completamente soggetto a stimoli che determinano inevitabilmente le circostanze della sua vita. È anche un essere agente. E la categoria dell'azione è logicamente antecedente ad ogni atto concreto. Il fatto che l'uomo non abbia il potere creativo di immaginare categorie in contraddizione con le relazioni logiche fondamentali e coi principii di causalità e teleologia ci impone quel che può essere chiamato apriorismo metodologico. Ognuno nel suo comportamento quotidiano testimonia dell'immutabilità e universalità delle categorie del pensiero e dell'azione. Colui che si rivolge ai suoi simili, che vuole informarli o convincerli, che pone domande e risponde alle domande degli altri, può procedere in questo modo solo perchè può rivolgersi a qualcosa comune a tutti gli uomini ― cioè alla struttura logica della mente umana. ― L'idea che A potrebbe al tempo stesso essere non-A o che preferire A a B potrebbe essere al tempo stesso preferire B ad A è semplicemente inconcepibile e assurda alla mente umana. Noi non siamo in grado di comprendere nessuna specie di pensiero prelogico o metalogico. Non possiamo pensare un mondo senza causalità e teleologia. Per l'uomo è indifferente se al di là della sfera accessibile alla mente umana vi sono o non vi sono altre sfere in cui v'è qualcosa di categoricamente differente dal pensare e dall'agire umano. Nessuna conoscenza da queste sfere penetra la mente umana. È ozioso chiedersi se le cose in se stesse sono differenti da come ci appaiono, e se vi sono mondi che noi non possiamo immaginare e idee che non possiamo comprendere. Questi sono problemi al di là dall'ambito della conoscenza umana, che è condizionata dalla struttura della mente. Se sceglie l'azione umana come

oggetto delle proprie indagini, essa non può intendere altro che le categorie di azione proprie alla mente umana e la loro proiezione nel mondo esterno del cambiamento e del divenire. Tutti i teoremi della prasseologia si riferiscono solo a queste categorie d'azione e sono validi soltanto in quest'ambito. Non pretendono di fornire informazioni su mondi e relazioni mai sognati e inimmaginabili. Così la prasseologia è umana in un duplice senso. Perchè reclama ai suoi teoremi validità universale per tutte le azioni nella sfera rigorosamente definita delle assunzioni sottostanti ; e inoltre perchè tratta soltanto dell'azione umana e non aspira a conoscere l'azione nonumana, sia essa sottoumana o superumana.

La creduta eterogeneità logica dell'uomo primitivo. È errore diffuso la credenza che gli scritti di Lucien Lévy-Bruhl vengano in aiuto alla dottrina che sostiene essere la struttura logica della mente dell'uomo primitivo categoricamente differente da quella dell'uomo civile. Al contrario, ciò che Lévy-Bruhl, sulla base di uno studio accurato di tutto il materiale etnologico disponibile, riporta relativamente alle funzioni mentali dell'uomo primitivo prova chiaramente che le relazioni logiche fondamentali e le categorie di pensiero e d'azione hanno nelle attività intellettuali dei selvaggi le stesse funzioni che nella nostra stessa vita. Il contenuto dei pensieri dell'uomo primitivo differisce dal contenuto dei nostri pensieri, ma la struttura logica e formale è comune a entrambi. È vero che lo stesso Lévy-Bruhl sostiene che la mentalità della gente primitiva è essenzialmente di carattere "mistico e prelogico" ; e che le rappresentazioni collettive dell'uomo primitivo sono regolate dalla "legge di partecipazione" e sono conseguentemente indifferenti alla legge di contraddizione. Ma la distinzione di Lévy-Bruhl tra pensiero prelogico e logico si riferisce al contenuto e non alla forma e alla struttura categorica del pensiero. Infatti dichiara che anche fra gente come noi esistono idee e relazioni tra idee governate dalla "legge di partecipazione", più o meno indipendentemente, più o meno deformate, ma pur sempre inestirpabili, a lato di quelle soggette alla legge del ragionamento. "Il prelogico e il mistico sono coesistenti con il logico" [nota 1].
1. Lévy-Bruhl, How Natives Think, traduzione di L. A. Clare, New York, 1932, pag. 368.

Lévy-Bruhl relega l'insegnamento essenziale della cristianità nel regno della mente prelogica [nota 1]. Ora, molte obiezioni possono essere

sollevate e sono state sollevate contro le dottrine cristiane e la loro interpretazione teologica. Ma nessuno azzardò mai che i padri e i filosofi cristiani ― tra cui S. Agostino e S. Tomaso ― avessero menti a struttura logica categoricamente differente da quella dei nostri contemporanei. La disputa tra l'uomo che crede nel miracolo e quello che non crede non tocca il contenuto del pensiero nè la sua forma logica. Colui che cerca di dimostrare la possibilità e la realtà del miracolo può sbagliare. Ma per smascherare questo errore ― come mostrano i brillanti saggi di Hume e di Mill ― non è certamente meno intricato che la confutazione di un errore filosofico o economico dal punto di vista logico.
1. Ibidem, pag. 377.

Esploratori e missionari informano che in Asia e in Polinesia l'uomo primitivo s'arresta alla primitiva percezione delle cose e non ragiona mai se può in qualche modo evitare di ragionare [nota 1]. Talvolta gli educatori europei e americani dicono lo stesso dei loro studenti. Riguardo ai Mossi del Niger, Lévy-Bruhl cita l'osservazione di un missionario : "La conversazione con loro verte soltanto sulle donne, sul cibo e (nella stagione delle piogge) sul raccolto" [nota 2]. Quali altri soggetti preferivano molti contemporanei e vicini di Newton, Kant e Lévy-Bruhl ?
1. Lévy-Bruhl, Primitive Mentality, traduzione di L. A. Clare, New York, 1923, pag. 27-29. 2. Ibidem, pag. 27.

La conclusione da trarre dagli studi di Lévy-Bruhl è meglio espressa nelle sue stesse parole : "La mente primitiva, come la nostra, è ansiosa di trovare le ragioni di ciò che accade, ma non le cerca nelle stesse direzioni in cui noi le cerchiamo" [nota 1].
1. Ibidem, pag, 437.

Un contadino ansioso di ottenere un abbondante raccolto ― conformemente al contenuto delle sue idee ― sceglie vari metodi. Può celebrare qualche rito magico, imbarcarsi per un pellegrinaggio, offrire una candela all'immagine del suo santo patrono, o impiegare maggiori quantità di un miglior fertilizzante. Ma qualunque cosa faccia, è sempre azione, cioè impiego di mezzi per il raggiungimento di fini. La magìa in senso lato è una varietà della tecnologia. L'esorcismo è un'azione finalistica deliberata basata su una visione del mondo che la maggior parte dei nostri contemporanei condannano come superstiziosa e quindi inappropriata. Ma il concetto di azione non implica che l'azione sia

guidata da una teoria corretta e da una tecnologia che prometta successo e che essa raggiunga lo scopo cui tendeva. Implica semplicemente che l'esecutore dell'azione crede che i mezzi applicati produrranno l'effetto desiderato. Nessun fatto fornito dall'etnologia o dalla storia contraddice l'asserzione che la struttura logica della mente è uniforme in tutti gli uomini di tutte le razze, età e paesi [nota 1].
1. Cfr. la brillante enunciazione di Ernst Cassirer, Philosophie der symbolischen Formen, Berlin, 1925, II, pag. 78.

3. A priori e realtà. Il ragionamento aprioristico è puramente concettuale e deduttivo. Esso non può produrre null'altro che tautologie e giudizi analitici. Tutte le sue implicazioni sono logicamente derivate dalle premesse ed erano già contenute in esse. Da ciò l'obiezione popolare, che esso non può aggiungere nulla alla nostra conoscenza. Tutti i teoremi geometrici sono già impliciti nei loro assiomi. Il concetto di triangolo rettangolo implica già il teorema di Pitagora. Questo teorema è tautologia, la sua deduzione risulta da un giudizio analitico. Tuttavia nessuno obietterebbe che la geometria in generale e il teorema di Pitagora in particolare non amplino la nostra conoscenza. La conoscenza dal ragionamento puramente deduttivo è pure creativa e apre alla nostra mente accessi a sfere prima precluse. Il compito significativo del ragionamento aprioristico da un lato è quello di mettere in evidenza tutto quanto è implicito nelle categorie, nei concetti e nelle premesse e, d'altro lato, di mostrare quello che essi non implicano. La sua vocazione è di rendere manifesto e ovvio ciò che prima era nascosto e sconosciuto [nota 1].
1. La scienza, dice Meyerson, è "l'acte par lequel nous ramenons à l'identique ce qui nous a, tout d'àbord, paru n'étre pas tel", De l'Explication dans les sciences, Paris, 1927, pag. 154. Cfr. anche Morris H. Cohen, A Preface to Logic, New York, 1944, pagg. 11-14.

Nel concetto di moneta sono già impliciti tutti i teoremi della teoria monetaria. La teoria quantitativa non aggiunge nulla alla nostra conoscenza che non sia già virtualmente contenuto nel concetto di moneta. Essa trasforma, sviluppa e svolge ; analizza soltanto ed è quindi tautologica come il teorema di Pitagora in relazione al concetto di triangolo rettangolo. Tuttavia nessuno negherebbe il valore conoscitivo

della teoria quantitativa. Ad una mente non illuminata dal ragionamento economico essa rimane sconosciuta. Una lunga serie di tentativi falliti per risolvere i problemi ad essa concernenti mostra che non era certo facile raggiungere il presente stato conoscitivo. Non è una deficienza del sistema scientifico a priori il fatto ch'esso non ci dia la piena cognizione della realtà. I suoi concetti e i suoi teoremi sono strumenti mentali che aprono la via ad una comprensione completa della realtà ; essi non rappresentano certamente per se soli la conoscenza fattuale completa di tutte le cose. Teoria e comprensione della realtà vivente e cangiante non sono in opposizione l'una all'altra. Senza teoria non è possibile una scienza generale a priori dell'azione umana. La relazione tra ragione ed esperienza è stata per lungo tempo uno dei problemi filosofici fondamentali. Come tutti gli altri problemi della critica della conoscenza, i filosofi l'hanno indagata soltanto nel riferimento delle scienze naturali, ignorando le scienze dell'azione umana. Così i loro contributi sono stati inutili per la prasseologia. Nel trattare i problemi epistemologici dell'economia è costume adottare una delle soluzioni suggerite dalle scienze sociali. Taluni autori raccomandano il convenzionalismo di Poincaré [nota 1]. Essi riguardano le premesse del ragionamento economico come materia di convenzione linguistica o postulati va [nota 2]. Altri preferiscono aderire alle idee avanzate da Einstein. Einstein solleva la questione : "Come può la matematica, prodotto della ragione umana che non si fonda su nessuna esperienza, essere così squisitamente adatta agli oggetti della realtà? È la ragione umana capace di scoprire, senza l'ausilio dell'esperienza, attraverso il puro ragionamento, le caratteristiche delle cose reali?". E la sua risposta è: "Per quel che i teoremi della matematica hanno attinenza con la realtà, essi non sono certi, e nella misura in cui essi sono certi, essi non hanno attinenza con la realtà" [nota 3].
1. Henry Poincaré, La science et l'hypothèse, Paris, 1918, pag. 69. 2. Felix Kaufmann, Methodology of the Social Sciences, London, 1944, pagg. 46-47. 3. Albert Einstein, Geometrie und Erfahrung, Berlin, 1923, pag. 3.

Tuttavia le scienze dell'azione umana differiscono radicalmente dalle scienze naturali. Tutti gli autori vogliosi di costruire un sistema epistemologico delle scienze dell'azione umana sul modello delle scienze naturali errano penosamente. La cosa reale oggetto della prasseologia, l'azione umana, emana dalla fonte stessa del ragionamento. Azione e ragione sono congeneri e omogenee ; esse possono addirittura essere considerate come due aspetti differenti della stessa cosa. Che la ragione abbia il potere di chiarire attraverso il semplice raziocinio gli elementi essenziali dell'azione è

conseguenza del fatto che l'azione germoglia dalla ragione. I teoremi ottenuti con un corretto ragionamento prasseologico non sono soltanto perfettamente certi e incontestabili, come i teoremi matematici corretti. Si riferiscono inoltre, con la rigidità della loro apodittica certezza e incontestabilità, alla realtà dell'azione com'essa appare nella vita e nella storia. La prasseologia fornisce la conoscenza esatta e precisa delle cose reali. Il punto di partenza della prasseologia non è scelta di assiomi e decisione sui metodi di procedura, ma riflessione sull'essenza dell'azione. Non c'è azione in cui le categorie prasseologiche non appaiano pienamente e perfettamente. Non c'è modo pensabile d'azione in cui mezzi e fini o costi e ricavi non possano essere chiaramente distinti e precisamente separati. Non v'è nulla che solo approssimativamente e in modo incompleto quadri con la categoria economica dello scambio. Ci sono soltanto scambi e nonscambi ; e riguardo ad ogni scambio tutti i teoremi generali riguardanti gli scambi sono validi in tutto il loro rigore e in tutte le loro implicazioni. Non ci sono transizioni dallo scambio al non-scambio o dallo scambio diretto allo scambio indiretto. Non si potrà mai avere nessuna esperienza capace di contraddire queste enunciazioni. Tale esperienza sarebbe impossibile anzitutto per la ragione che ogni esperienza concernente l'azione umana è condizionata dalle categorie pras- seologiche e diventa possibile solo attraverso la loro applicazione. Se non avessimo in mente gli schemi forniti dal ragionamento prasseologico, non saremmo mai in grado di discernere e di afferrare qualsiasi azione. Percepiremmo movimenti, ma non il comprare e il vendere, i prezzi, i saggi salariali, i saggi d'interesse, ecc. È soltanto attraverso l'utilizzazione dello schema prasseologico che diventiamo capaci di avere un'esperienza concernente Patto del comprare e del vendere, ma ciò indipendentemente dal fatto che i nostri sensi percepiscano concomitantemente qualche movimento di uomini o di elementi non umani del mondo esterno. Senza l'aiuto della conoscenza prasseologica non impareremmo mai nulla sui mezzi di scambio. Se considerassimo le monete senza questa conoscenza preesistente, vedremmo in esse soltanto rotonde piastre di metallo e nulla più. L'esperienza monetaria richiede familiarità con la categoria prasseologica mezzo di scambio. L'esperienza relativa all'azione umana differisce da quella concernente i fenomeni naturali in quanto richiede e presuppone la conoscenza prasseologica. Questa la ragione per cui i metodi delle scienze naturali sono inappropriati per lo studio della prasseologia, dell'economia e della storia. Asserendo il carattere a priori della prasseologia non tracciamo un piano per una scienza futura differente dalle scienze tradizionali dell'azione umana, nè sosteniamo che la scienza teoretica dell'azione

umana dovrebbe essere aprioristica, ma che essa è ed è sempre stata così. Ogni tentativo di riflettere sui problemi sollevati dall'azione umana è necessariamente legato al ragionamento aprioristico. Non fa differenza al riguardo, se gli uomini che discutono un problema sono teorici con intendimenti puramente speculativi o uomini di stato, politici, o normali cittadini desiderosi di comprendere i cambiamenti in atto e di scoprire quale specie di politica pubblica o di condotta privata sarebbe più idonea ai propri interessi. La gente può cominciare a discutere sul significato di qualsivoglia esperienza concreta, ma il dibattito inevitabilmente passa dalle caratteristiche accidentali e ambientali dell'evento considerato a un'analisi dei principii fondamentali, e impercettibilmente abbandona ogni riferimento agli accadimenti effettivi che hanno suscitato l'argomento. La storia delle scienze naturali è un archivio di teorie e di ipotesi scartate perchè riprovate dall'esperienza. Si ricordino ad esempio gli errori della vecchia meccanica confutati da Galileo e il destino della teoria del flogisto. Nessun caso del genere è ricordato dalla storia dell'economia. Gli esponenti di teorie logicamente incompatibili invocano gli eventi stessi come prova che il loro punto di vista è stato provato dall'esperienza. La verità è che l'esperienza di un fenomeno complesso ― e non v'è altra esperienza nell'ambito dell'azione umana ― può sempre essere interpretata sulla base di varie teorie antitetiche. Se l'interpretazione è considerata soddisfacente o insoddisfacente, dipende dall'apprezzamento delle teorie in questione attuato preventivamente col ricorso al ragionamento aprioristico [nota 1].
1. Cfr. E. P. Cheyney, Law in History and other Essays, New York, 1927, pag. 27.

La storia non può insegnarci regole, principii o leggi generali. Non ci sono mezzi per estrarre dall'esperienza storica a posteriori teorie o teoremi concernenti la condotta e le politiche umane. I dati storici non sarebbero altro che un'incomoda accumulazione di accadimenti sconnessi, un ammasso di confusioni, se non fossero chiariti, ordinati e interpretati dalla conoscenza prasseologica sistematica.

4. Il principio dell'individualismo metodologico. La prasseologia tratta delle azioni dell'individuo. È soltanto nell'ulteriore corso delle sue investigazioni che si ha cognizione della cooperazione umana e l'azione sociale è trattata come un caso speciale della più universale categoria dell'azione. Questo individualismo metodologico è stato veementemente

attaccato da varie scuole metafisiche e denigrato come errore nominalistico. La nozione di individuo, dicono i critici, è una vuota astrazione. L'uomo reale è sempre necessariamente membro del tutto sociale. È addirittura impossibile immaginare l'esistenza di un uomo separato dal resto dell'umanità e non connesso con la società. L'uomo come tale è il prodotto della evoluzione sociale. Il suo tratto più eminente, la ragione, potè emergere soltanto nell'ambito della mutualità sociale. Non c'è pensiero che non si fondi sui concetti e sulle nozioni del linguaggio. Ma la parola è manifestamente un fenomeno sociale. L'uomo è sempre il membro di una collettività. Siccome il tutto è anteriore alle parti sia logicamente che temporalmente, lo studio dell'individuo è posteriore allo studio della società. Il solo metodo adeguato per la trattazione scientifica dei problemi umani è il metodo dell'universalismo o collettivismo. Ora la controversia se il tutto o le sue parti siano il prius logico è vana. Logicamente le nozioni del tutto e delle sue parti sono correlative. Come concetti logici sono entrambe al di fuori dal tempo. Non meno inappropriato riguardo il nostro problema è il riferimento all'antagonismo realismo-nominalismo, essendo entrambi i termini intesi nel senso che lo scolasticismo medievale attribuisce loro. È incontestato che nella sfera dell'azione umana le entità sociali hanno una esistenza reale. Nessuno osa negare che le nazioni, gli stati, le municipalità, i partiti, le comunità religiose sono fattori reali determinanti il corso degli eventi umani. L'individualismo metodologico, lungi dal contestare il significato di questi tutti collettivi, considera come uno dei compiti principali la descrizione e l'analisi del loro divenire e scomparire, delle loro mutevoli strutture e del loro funzionamento. E sceglie il solo metodo adatto a risolvere soddisfacentemente il problema. Anzitutto dobbiamo convenire che tutte le azioni sono compiute dagli individui. Una collettività funziona sempre per l'intermediazione di uno o parecchi individui le cui azioni sono relate alla collettività come a una fonte secondaria. È il significato che gli individui agenti e tutti coloro che sono toccati dalla loro azione attribuiscono a un'azione che ne determina il carattere. È il significato che caratterizza un'azione come azione individuale e un'altra azione come azione dello stato o della municipalità. Il boia, non lo stato, giustizia il criminale. È la riflessione degli interessati che discerne nell'azione del boia un'azione dello stato. Un gruppo di armati occupa una piazza. È il giudizio delle persone interessate che attribuisce questa occupazione non agli ufficiali e ai soldati sul luogo, ma alla loro nazione. Se noi indaghiamo il significato delle varie azioni compiute dagli individui dobbiamo necessariamente sapere ogni cosa sulle azioni dei tutti collettivi. Per una collettività sociale non v'è esistenza e realtà al di fuori delle azioni dei membri individuali. La vita di una

collettività è vissuta nelle azioni degli individui che ne costituiscono il corpo. Non v'è collettività sociale concepibile che non funzioni per le azioni di qualche individuo. La realtà di un tutto sociale consiste delle azioni degli individui che lo compongono. Così la via per arrivare alla conoscenza di tutti collettivi passa attraverso l'analisi delle azioni degli individui. Come essere pensante e agente l'uomo emerge dalla sua esistenza preumana già come essere sociale. L'evoluzione della ragione, del linguaggio e la cooperazione sono il portato dello stesso processo ; esse sono inseparabilmente e necessariamente connesse. Ma questo processo ha luogo negli individui. Consiste di cambiamenti nel comportamento degli individui. Non v'è altra sostanza in cui esso avvenga all'infuori degli individui. Non v'è substrato di società all'infuori delle azioni degli individui. Che esistano nazioni, stati e chiese, che vi sia cooperazione sociale nella divisione del lavoro, diventa discernibile soltanto nelle azioni di certi individui. Nessuno mai percepì una nazione senza percepirne i membri. In questo senso si può dire che una collettività sociale viene in essere attraverso le azioni degli individui. Ciò non significa che l'individuo sia il suo antecedente temporale. Significa semplicemente che definite azioni di individui costituiscono la collettività. Non v'è bisogno di discutere se una collettività è la somma risultante dall'addizione dei suoi elementi o più di tanto, se essa è un essere sui generis e se è ragionevole o no parlare della sua volontà, dei suoi piani, scopi e azioni e attribuirle un'"anima" distinta. Queste pedanterie sono oziose. Un tutto collettivo è un aspetto particolare delle azioni di vari individui e come tale una cosa reale determinante il corso degli eventi. È illusorio credere che sia possibile visualizzare dei tutti collettivi. Essi non sono mai visibili; la loro conoscenza è sempre il risultato della comprensione del significato che gli uomini agenti attribuiscono ai loro atti. Noi possiamo vedere una folla, cioè una moltitudine di popolo. Se questa folla sia mero assembramento o massa (nel senso in cui questo termine è usato nella psicologia contemporanea) ovvero un corpo organizzato o qualsivoglia altra specie di entità sociale, è questione cui non si può rispondere che attraverso la comprensione del significato che gli individui attribuiscono alla loro presenza. E questo significato è sempre il significato degli individui. Non i nostri sensi, ma l'intelligenza, il processo mentale, ci fa riconoscere le entità sociali. Coloro che desiderano iniziare lo studio dell'azione umana dalle unità collettive incontrano un ostacolo insormontabile nel fatto che un individuo può al tempo stesso appartenere e ― ad eccezione degli uomini delle tribù più primitive ― realmente appartiene a varie entità collettive. Il problema sollevato dalle unità sociali coesistenti e dai loro mutui antagonismi può essere risolto soltanto dall'individualismo metodologico

[nota 1].
1. Vedi sotto, pagg. 141-149, la critica della teoria collettivistica della società.

L' "Io" e il "Noi". L'io è l'unità dell'essere agente. Esso è dato in modo indiscutibile e non può essere dissolto o scongiurato da nessun ragionamento o cavillo. Il noi è sempre il risultato di una sommatoria che mette insieme due o più io. Se qualcuno dice io, non è più necessario chiedersi altro per stabilirne il significato. Lo stesso è valido riguardo al tu e, se la persona in questione è indicata con precisione, riguardo all'egli. Ma se si dice noi, è necessario informarsi ulteriormente per indicare quali io sono compresi nel noi. Sono sempre individui singoli che dicono noi ; anche se lo dicono in coro, è ancora un'articolazione di singoli individui. Il noi non può agire diversamente da ognuno di quelli che agiscono per suo conto. Essi possono agire insieme e all'unisono; oppure uno di essi può agire per essi tutti. Nel secondo caso la cooperazione degli altri consiste nel determinare la situazione che rende l'azione di un uomo effettiva per tutti. Soltanto in questo senso il funzionario di una entità sociale agisce per il tutto; i membri individuali del corpo collettivo o determinano o permettono che l'azione di un uomo singolo riguardi essi stessi. I tentativi della psicologia di dissolvere l'io e di smascherarlo come illusorio sono oziosi. L'io prasseologico è al di là da ogni dubbio. Non importa ciò che un uomo era e ciò che potrà diventare; nell'atto della scelta è un io. Dal pluralis logicus (e dal puramente cerimoniale pluralis majestaticus) dobbiamo distinguere il pluralis gloriosus. Se un canadese che non ha mai provato a schetinare dice : "Noi siamo i migliori giocatori di hockey su ghiaccio del mondo", o se un italiano zotico oppone orgogliosamente : "Noi siamo i più eminenti pittori del mondo", nessuno è burlato. Ma riguardo ai problemi politici ed economici il pluralis gloriosus evolve nel pluralis imperialis e come tale contribuisce in modo significativo a preparare la strada all'accettazione di dottrine determinanti politiche economiche internazionali.

5. Il principio del singolarismo metodologico.

Non meno che dall'azione di un individuo, la prasseologia avvia le sue investigazioni dall'azione individuale. Essa non tratta in termini vaghi dell'azione umana in generale, ma dell'azione concreta che un uomo definito ha compiuto ad una data e in un luogo pure definiti. Però, naturalmente, essa non si occupa delle caratteristiche accidentali e ambientali di questa azione e di ciò che la distingue dalle altre azioni, ma soltanto di ciò che è necessario e universale nella sua esecuzione. La filosofia dell'universalismo ha da tempo immemorabile bloccato l'accesso ad una comprensione soddisfacente dei problemi prasseologici, e gli universalisti contemporanei sono assolutamente incapaci di penetrarli. Universalismo, collettivismo e realismo concettuale vedono soltanto dei tutti e degli universali. Essi speculano su umanità, nazioni, stati, classi, sulla virtù e sul vizio, sull'esatto e l'errato e su intere classi di bisogni e di merci. Essi si domandano, ad esempio: Perchè il valore dell'oro è più alto di quello del ferro ? Così non trovano mai soluzioni, ma soltanto antinomie e paradossi. Ne è esempio notissimo il paradosso del valore che frustrò persino l'opera degli economisti classici. La prasseologia si chiede: che cosa accade agendo ? Che cosa significa dire che un individuo allora e ivi, oggi e qui, ad ogni momento e ad ogni luogo, agisce? Che cosa ne risulta se egli sceglie una cosa e ne scarta un' altra ? L'atto del scegliere è sempre decisione tra varie opportunità aperte alla scelta individuale. L'uomo non sceglie mai tra vizio e virtù, ma soltanto fra due modi d'azione che dal punto di vista adottato chiamiamo virtuoso o vizioso. Non si sceglie mai tra oro e ferro in generale, ma sempre soltanto tra una quantità definita di oro e una quantità definita di ferro. Ogni azione singola è strettamente limitata nelle sue conseguenze immediate. Se desideriamo raggiungere conclusioni corrette, dobbiamo anzitutto guardare a queste limitazioni. La vita umana è una sequenza incessante di azioni singole. Ma l'azione singola non è affatto isolata. È l'anello di una catena di azioni che insieme formano un'azione ad un livello più alto tendente a fini più lontani. Ogni azione ha due aspetti. Da un lato è azione parziale nell'ambito di un'azione più vasta, l'esecuzione di una frazione degli scopi posti da un'azione molto più vasta. D'altra parte è essa stessa un tutto riguardo alle azioni cui tende nell'esecuzione delle proprie parti. Dipende dall'ampiezza del progetto cui l'uomo agente è intento al momento, se l'azione più vasta o soltanto un'azione parziale diretta a un fine più immediato è messa in esecuzione. La prasseologia non ha bisogno di sollevare questioni del tipo di quelle poste dalla "Gestaltpsychologie". La via all'esecuzione di grandi cose deve sempre passare per la realizzazione di compiti parziali. Una cattedrale è qualcosa di diverso di un cumulo di pietre unite assieme. Ma l'unico procedimento per costruire

una cattedrale è di mettere una pietra sopra l'altra. Per l'architetto la cosa principale è tutto il progetto. Per il muratore è una singola parete e per il posa mattoni il singolo mattone. Ciò che conta per la prasseologia è il fatto che l'unico metodo per raggiungere finalità più ampie è di costruire dalle fondamenta, gradualmente, parte per parte.

6. L'individuo e le caratteristiche mutevoli dell'azione umana. Il contenuto dell'azione umana, cioè i fini e i mezzi scelti ed applicati al raggiungimento di questi fini, è determinato dalle qualità personali di ogni uomo agente. L'individuo è il prodotto di una lunga linea di evoluzione zoologica che ha formato la sua eredità fisiologica. Egli è nato come prole ed erede dei suoi antenati, e il precipitato e il sedimento di tutto ciò che i suoi progenitori sperimentarono sono il suo patrimonio biologico. Quando nasce, egli non entra nel mondo qual esso è in generale, ma in un ambiente definito. Le qualità biologiche innate ed ereditarie e tutto ciò che la vita ha fatto su di lui formano l'uomo qual'è a ogni istante del suo pellegrinaggio. Sono il suo fato e il suo destino. La sua volontà non è "libera" nel senso metafisico del termine. È determinata dall'ambiente e da tutte le influenze cui egli stesso e i suoi antenati furono esposti. Eredità e ambiente dirigono le azioni dell'uomo. Gli suggeriscono sia i fini che i mezzi. Egli non vive semplicemente come uomo in abstracto; vive come figlio della sua famiglia, della sua razza, del suo popolo e della sua età; come cittadino del suo paese; come membro di un gruppo sociale definito; come praticante certe vocazioni; come seguace di idee religiose, metafìsiche, filosofiche e politiche definite; come partigiano in molte contese e controversie. Egli non crea da sè le sue idee e le sue misure di valore ; le prende dall'altra gente. La sua ideologia è quanto il suo ambiente gli impone. Soltanto pochissimi uomini hanno il dono di pensare idee nuove e originali e di cambiare il corpo tradizionale dei dogmi e delle dottrine. L'uomo comune non specula sui grandi problemi. Riguardo ad essi egli si fida dell'autorità degli altri, si comporta come "ogni essere decente deve comportarsi", come una pecora nel gregge. È precisamente questa inerzia intellettuale che caratterizza un uomo come uomo comune. Ancora, l'uomo comune non sceglie. Egli sceglie di adottare modelli tradizionali o modelli adottati da altri perchè convinto che questo procedimento è il più adatto al raggiungimento del suo proprio benessere. Ed è pronto a cambiare la propria ideologia e conseguentemente il suo modo d'azione ogniqualvolta si convince che ciò potrebbe servire meglio i suoi interessi.

La maggior parte del comportamento quotidiano di un uomo è semplice routine. Egli compie certi atti senza porvi speciale attenzione. Fa molte cose perchè adusato in giovinezza a farle, perchè altri si comportano allo stesso modo, e perchè è usanza nel suo ambiente. Acquista abitudini e sviluppa reazioni automatiche. Ma indugia in queste abitudini semplicemente perchè ne approva gli effetti. Non appena scopre che seguendo la via abituale può trovarsi ostacolato nel raggiungimento dei fini ritenuti più desiderabili, cambia attitudine. L'uomo cresciuto in un'area in cui l'acqua è pulita acquista l'abitudine a bere, lavarsi e bagnarsi distrattamente. Se si trasferisce in un luogo in cui l'acqua pullula di germi patogeni, egli dedicherà tutta l'attenzione nel compiere ciò che prima soleva fare distrattamente. Si controllerà in permanenza per non rovinarsi indulgendo distrattamente alla sua routine abituale e alle sue reazioni automatiche. Il fatto che nel corso regolare delle cose un'azione sia eseguita spontaneamente non significa ch'essa non sia dovuta a volizione conscia e a scelta deliberata. È indulgenza a una routine suscettibile di essere cambiata in azione. La prasseologia non si occupa del contenuto mutevole dell'azione, ma della sua forma pura e della sua struttura categorica. Lo studio delle caratteristiche accidentali e ambientali dell'azione umana è compito della storia.

7. Oggetto e metodo specifico della storia. Oggetto della storia è lo studio di tutti i dati dell'esperienza concernente l'azione umana. Lo storico raccoglie e vaglia criticamente tutti i documenti disponibili. Sulla base di queste prove egli affronta il suo scopo genuino. È stato asserito essere compito della storia mostrare come gli eventi accadano effettivamente senza imporre ad essi presupposti e valori (wertfrei, cioè neutrale riguardo a tutti i giudizi di valore). Il rapporto dello storico dovrebbe essere un'immagine fedele del passato, una fotografia intellettuale che dia una descrizione completa e imparziale dei fatti. Dovrebbe riprodurre davanti agli occhi del nostro intelletto il passato con tutte le sue caratteristiche. Ora, una riproduzione reale del passato richiederebbe una duplicazione umanamente impossibile. La storia non è una riproduzione intellettuale, ma una rappresentazione condensata del passato in termini concettuali. Lo storico non fa semplicemente parlare gli eventi per se stessi. Li ordina secondo le idee che informano le nozioni generali ch'egli usa nella loro presentazione. Non riporta i fatti come sono accaduti, ma

soltanto i fatti rilevanti. Non affronta i documenti senza presupposti, ma equipaggiato di tutto l'apparato della conoscenza scientifica del suo tempo, con tutto l'insegnamento della logica, della matematica, della prasseologia e della scienza naturale contemporanee. È ovvio che lo storico non deve essere influenzato da pregiudizi o partito preso. Quegli scrittori che considerano gli eventi storici come un arsenale di armi per la condotta di ostilità di parte non sono storici, ma propagandisti e apologeti. Essi non sono desiderosi di acquistare conoscenza, ma di giustificare il programma dei loro partiti. Essi combattono per i dogmi di una dottrina metafisica, religiosa, nazionale, politica o sociale. Usurpano il nome della storia per i lori scritti come pretesto per confondere i creduli. Lo storico deve innanzitutto tendere alla conoscenza. Deve liberarsi da ogni parzialità. In questo senso deve essere neutrale riguardo a tutti i giudizi di valore. Il postulato della Wertfreiheit può essere soddisfatto facilmente nel campo della scienza aprioristica ― logica, matematica e prasseologia ― e nel campo delle scienze naturali sperimentali. Non è logicamente difficile tracciare una linea netta tra la trattazione scientifica, imparziale, di queste discipline e la trattazione deformata da superstizioni, idee preconcette e passioni. È molto più difficile obbedire al requisito della neutralità valutativa nella storia. Per l'oggetto della storia, contenuto concreto accidentale e ambientale dell'azione umana sono i giudizi di valore e la loro proiezione nella realtà del cambiamento. A ogni passo della sua attività lo storico si occupa di giudizi di valore. I giudizi di valore degli uomini di cui riporta le azioni sono il substrato delle sue investigazioni. È stato affermato che lo storico stesso non può evitare giudizi di valore. Nessuno storico ― nemmeno il cronista ingenuo o il giornalista ― registra tutti i fatti come accadono. Deve discriminare, scegliere alcuni eventi che reputa degni di essere registrati e passar via sopra altri eventi. Questa scelta, si dice, implica per se stessa un giudizio di valore. Essa è necessariamente condizionata dalla visione del mondo dello storico e quindi non imparziale ma risultato di idee preconcette. La storia non può mai essere null'altro che distorsione dei fatti; non può essere mai realmente scientifica, cioè neutrale rispetto ai valori e intenta soltanto alla scoperta della verità. Non v'è dubbio che la discrezione che la selezione dei fatti mette in mano allo storico può essere soggetta ad abusi. Può darsi e si dànno casi in cui la scelta dello storico è guidata da inclinazioni di parte. Tuttavia i problemi ch'essa in voi ve sono molto più intricati di quanto questa dottrina popolare vorrebbe farci credere. La loro soluzione deve essere cercata sulla base di un esame più esauriente dei metodi storici. Trattando di problemi storici la storia usa di ogni conoscenza

acquisita dalla logica, dalla matematica, dalle scienze naturali e specialmente dalla prasseologia. Tuttavia gli strumenti concettuali di queste discipline non storiche non bastano al suo compito. Sono ausiliari indispensabili allo stesso, ma per se stessi non permettono di rispondere alle questioni che lo storico deve trattare. Il corso della storia è determinato dalle azioni degli individui e dagli effetti di queste azioni. Le azioni sono determinate dai giudizi di valore degli individui agenti, cioè dai fini che essi sono desiderosi di raggiungere e dai mezzi che applicano per il raggiungimento di questi fini. La scelta dei mezzi è il risultato dell'intero corpo di conoscenze tecnologiche. In molti casi è possibile apprezzare gli effetti dei mezzi applicati dal punto di vista della prasseologia o delle scienze naturali. Ma rimane una quantità di cose per l'elucidazione delle quali non si dispone di siffatto ausilio. Compito specifico della storia per cui è usato un metodo specifico è lo studio di questi giudizi di valore e degli effetti delle azioni laddove esse non possono essere analizzate con le nozioni date dalle altre branche del sapere. Il problema genuino dello storico è sempre di interpretare le cose come sono accadute. Ma egli non può risolvere questo problema solo sulla base dei teoremi forniti da tutte le altre scienze. Al fondo di ognuno di questi problemi rimane sempre qualcosa che resiste all'analisi condotta con le nozioni delle altre scienze. Queste caratteristiche individuali e uniche di ogni evento sono studiate dalla comprensione (understanding). L'unicità o individualità che rimane al fondo di ogni fatto storico quando tutti i mezzi d'interpretazione forniti dalla logica, dalla matematica, dalla prasseologia e dalle scienze naturali sono esauriti, è un dato ultimo. Ma mentre le scienze naturali non possono dire altro sui loro dati ultimi all'infuori che essi sono tali, la storia può tentare di rendere i suoi dati ultimi intelligibili. Sebbene sia impossibile ridurli alle loro cause ― non sarebbero dati ultimi se tale riduzione fosse possibile ― lo storico può comprenderli perchè egli stesso è un essere umano. Nella filosofìa di Bergson questa comprensione è detta intuizione, cioè "la sympathie par laquelle on se transporte à l'intérieur d'un objet pour coincider avec ce qu'il a d'unique et par conséquent d'inexprimable" [nota 1].
1. Henri Bergson, La Pensée et le mouvant, 4a ed., Paris, 1934, pag. 205.

L'epistemologia tedesca chiama questo atto das spezifische Verstehen der Geisteswissenschaften o semplicemente Verstehen. È il metodo che tutti gli storici e l'altra gente applicano commentando gli eventi umani del passato e prevedendo gli eventi futuri. La scoperta e la delimitazione della comprensione fu uno dei contributi più importanti della moderna epistemologia. La comprensione non deve essere confusa con l'approvazione, sia

pure soltanto condizionale e incidentale. Lo storico, l'etnologo e lo psicologo talvolta registrano azioni che sono semplicemente repulsive e disgustose ai loro sensi; le comprendono semplicemente come azioni, cioè stabilendo le intenzioni che le informano e i metodi tecnologici e prasseologici applicati alla loro esecuzione. Comprendere un caso individuale non significa giustificarlo e approvarlo. E nemmeno la comprensione dev'essere confusa con l'atto del godimento estetico di un fenomeno. Empatia (Einfuhlung) e comprensione sono due attitudini radicalmente differenti. È cosa differente, da un lato, comprendere storicamente un'opera d'arte, determinarne il posto, il significato e l'importanza nel flusso degli eventi e, d'altro lato, apprezzarla emotivamente come opera d'arte. Si può guardare una cattedrale con gli occhi dello storico. Ma si può guardare alla stessa cattedrale sia da ammiratore entusiasta che da semplice e indifferente turista. Gli stessi individui sono capaci di entrambi i modi di reazione, dell'apprezzamento estetico e dell'intellezione scientifica. La comprensione accerta il fatto che un individuo o un gruppo di individui sono stati impegnati in un'azione definita emanante da definiti giudizi di valore e che essi per l'ottenimento di questi fini definiti hanno applicato mezzi suggeriti da dottrine tecnologiche, terapeutiche e prasseologiche definite. Essa inoltre tenta di apprezzare gli effetti e l'intensità degli effetti prodotti da un'azione ; di assegnare ad ogni azione la sua rilevanza, cioè il suo comportamento nel corso degli eventi. Oggetto della comprensione è di penetrare mentalmente fenomeni che non possono essere totalmente indagati dalla logica, matematica, prasseologia e scienze naturali nella misura in cui questi non possono essere chiariti da tutte queste scienze. Non deve però mai contraddire le nozioni di queste altre branche del conoscere [nota 1]. L'esistenza reale corporea del diavolo è attestata da innumerevoli documenti storici abbastanza attendibili per tutti gli altri aspetti. Molti tribunali, in base a prova testimoniale e alle confessioni dei convenuti, seguendo la debita procedura legale, hanno accertato il fatto che il diavolo aveva rapporti carnali con le streghe. Tuttavia nessun appello alla comprensione potrebbe giustificare il tentativo di uno storico di sostenere che il diavolo realmente esisteva e interferiva con gli eventi umani diversamente che nelle visioni di una mente umana eccitata.
1. Cfr. Ch. V. Langlois e Ch. Seignobos, Introduction to the Study of History, traduzione di G. G. Berry, London, 1925, pagg. 205-208.

Mentre questo è generalmente ammesso riguardo alle scienze naturali, vi sono alcuni storici che adottano un'altra attitudine riguardo alla teoria economica. Essi tentano di opporre ai teoremi dell'economia

l'autorità di documenti che proverebbero le cose incompatibili con questi teoremi. Non si rendono conto che i fenomeni complessi non possono provare nè riprovare nessun teorema e quindi non possono testimoniare contro nessuna enunciazione della teoria. La storia economica è possibile soltanto perchè c'è una teoria economica capace di gettar luce sulle azioni economiche. Se non ci fosse teoria economica, i rapporti concernenti i fatti economici sarebbero nulla più che una collezione di dati sconnessi suscettibili di qualsiasi arbitraria interpretazione.

8. Concezione e comprensione. Compito delle scienze dell'azione umana è di comprendere significato e rilevanza dell'azione umana. A questo scopo esse applicano due procedimenti epistemologici differenti: concezione e comprensione. La concezione è lo strumento mentale della prasseologia; la comprensione è lo strumento mentale specifico della storia. La conoscenza prasseologica è una conoscenza concettuale. Essa si riferisce a ciò che è necessario all'azione umana. È conoscenza di universali e di categorie. La conoscenza della storia si riferisce a tutto ciò che è unico e individuale in ogni evento o classe di eventi. Essa analizza anzitutto ogni oggetto dei suoi studi con l'aiuto degli strumenti mentali forniti da tutte le altre scienze. Completato questo lavoro preliminare, affronta il suo problema specifico : la elucidazione delle caratteristiche uniche e individuali del caso mediante la comprensione. Come accennato, è stato asserito che la storia non può mai essere scientifica perchè la comprensione storica dipende dai giudizi di valore soggettivi dello storico. Comprensione, si sostiene, è soltanto un termine eufemistico per arbitrarietà. Gli scritti degli storici sono sempre unilaterali e parziali ; essi non riportano i fatti, li deformano. Naturalmente è un fatto che noi abbiamo libri storici scritti da vari punti di vista. Ci sono storie della Riforma scritte dal punto di vista cattolico e altre scritte dal punto di vista protestante. Ci sono storie "proletarie" e storie "borghesi". Storici tory e storici whig; ogni nazione, partito e gruppo linguistico ha i suoi propri storici e le sue proprie idee sulla storia. Ma il problema che presentano queste differenti interpretazioni non deve essere confuso con la deformazione intenzionale dei fatti da parte di propagandisti e apologeti che si atteggiano a storici. Quei fatti che possono essere accertati in modo indiscutibile sulla base delle fonti disponibili devono essere accertati nel lavoro preliminare dello storico. Questo non è campo della comprensione. È compito da assolvere

impiegando gli strumenti forniti da tutte le scienze non storiche. I fenomeni sono raccolti attraverso la cauta osservazione critica dei documenti disponibili. Fin dove le teorie delle scienze non storiche su cui lo storico fonda il suo esame critico delle fonti sono ragionevolmente attendibili e certe, non può esservi arbitrario disaccordo nell'accertamento dei fenomeni in quanto tali. Ciò che lo storico asserisce è corretto o contrario ai fatti, provato o confutato dai documenti disponibili, o vago perchè le fonti non forniscono informazioni sufficienti. Gli esperti possono trovarsi in disaccordo, ma semplicemente sulla base di una interpretazione ragionevole dell'evidenza disponibile. La discussione non permette enunciazioni arbitrarie. Tuttavia spessissimo lo storico non è d'accordo coi principii delle scienze non storiche. Allora, evidentemente, può darsi disaccordo riguardo all'esame critico dei documenti e alle conclusioni da trarne. Sorge un conflitto insormontabile. Ma la sua causa non è l'arbitrarietà riguardo al fenomeno storico concreto. Essa promana da una istanza indecisa riferentesi alle scienze non storiche. Un vecchio storico cinese poteva riferire che il peccato dell'imperatore aveva determinato una siccità catastrofica e che piovve di nuovo quando il sovrano ebbe espiato il suo peccato. Nessun storico moderno accetterebbe un racconto simile. La dottrina metereologica su cui esso si basa è contraria ai principii incontestati della scienza naturale contemporanea. Ma altrettanta unanimità non esiste riguardo a molte istanze teologiche, biologiche ed economiche. Di conseguenza anche gli storici discordano. Un sostenitore della dottrina razziale dell'arianesimo nordico trascurerà come favolosa e incredibile qualsiasi informazione concernente le conquiste intellettuali e morali delle razze "inferiori". Egli tratterà queste informazioni alla stessa maniera in cui tutti gli storici moderni trattano il racconto cinese sovramenzionato. Nessun accordo è possibile riguardo ai fenomeni della storia della cristianità tra gente per la quale i vangeli sono la Sacra Scrittura e gente ai cui occhi essi sono documenti umani. Storici cattolici e protestanti discordano su molte questioni di fatto perchè muovono da idee teologiche differenti. Il mercantilista o il neomercantilista deve necessariamente essere in disaccordo con l'economista. L'esposizione della storia monetaria tedesca negli anni dal 1914 al 1923 è condizionata dalle dottrine monetarie dell'autore. I fatti della rivoluzione francese sono presentati in maniera differentissima da coloro che credono nei diritti sacri del re unto e da coloro che hanno altre vedute. Gli storici non discordano su queste istanze in quanto storici, ma nella applicazione delle scienze non storiche alla materia storica. Sono come i medici agnostici riguardo ai miracoli di Lourdes, che discordano dai membri del comitato medico per la collezione delle prove concernenti

questi miracoli. Solo coloro i quali credono che i fatti scrivano la propria storia sulla tabula rasa della mente umana biasimano gli storici per queste differenze di opinioni. Essi non si rendono conto che la storia non può mai essere studiata senza presupposti, cioè che l'intero contenuto delle branche non storiche della conoscenza deve determinare il fondamento dei fatti storici. Questi presupposti determinano dunque la decisione dello storico riguardo alla scelta dei fatti da menzionare e di quelli da omettere come irrilevanti. Ricercando le cause per le quali una vacca non dà latte, il veterinario moderno trascurerà completamente le informazioni riguardanti il malocchio d'una strega; il suo punto di vista sarebbe stato differente tre secoli fa. Allo stesso modo lo storico seleziona da una indefinita moltitudine di eventi che precedono il fatto di cui stanno occupandosi quelli che potrebbero aver contribuito ― o ritardato ― alla sua manifestazione, mentre trascura quelli che secondo la sua padronanza delle scienze non storiche non potrebbero averlo influenzato. I cambiamenti nei principii delle scienze non storiche devono conseguentemente implicare che la storia si riscriva. Ogni generazione deve trattare nuovamente gli stessi problemi storici perchè appaiono ad essa in una luce differente. La visione teologica del mondo dei tempi andati portava a trattare la storia diversamente che muovendo dai teoremi della scienza naturale moderna. L'economia soggettiva produce opere storiche differentissime da quelle basate sulle dottrine mercantiliste. Fin dove le divergenze nei libri degli storici promanano da questi disaccordi, esse non sono il risultato di una pretesa vaghezza e precarietà degli studi storici. Al contrario, sono il risultato della mancanza di unanimità nell'ambito delle scienze popolarmente chiamate certe ed esatte. Ad evitare ogni possibile malinteso è opportuno insistere su alcuni altri punti. Le divergenze cui s'è fatta allusione non devono essere confuse: 1° con la deliberata distorsione dei fatti; 2° coi tentativi di giustificare o di condannare un'azione da un punto di vista legale o morale ; 3° con l'inserzione meramente accidentale di note esprimenti giudizi di valore in una rappresentazione strettamente oggettiva dello stato delle cose. Un trattato di batteriologia non perde la sua obiettività se l'autore, accettando il punto di vista umano, considera la preservazione della vita umana come un fine ultimo e su questa base dice buoni i metodi efficaci a combattere i germi e cattivi i metodi inefficaci. Un germe, scrivendo un libro siffatto, rovescerebbe questi giudizi, ma il contenuto materiale del suo libro non differirebbe da quello del batteriologo umano. Allo stesso modo, uno storico europeo, trattando delle invasioni mongoliche del XIII

secolo può parlare di eventi "favorevoli" e "sfavorevoli" perchè si mette dal punto di vista dei difensori europei della civiltà occidentale. Ma questa approvazione del modo di vedere di un partito non deve necessariamente interferire col contenuto materiale del suo studio, che può essere assolutamente obiettivo dal punto di vista della conoscenza contemporanea. Uno storico mongolo potrebbe sottoscriverlo completamente eccetto che per talune osservazioni casuali; 4° con la rappresentazione dell'azione di un partito in antagonismi diplomatici o militari. L'urto di gruppi in conflitto può essere trattato dal punto di vista delle idee, dei motivi e degli scopi che determinano gli atti dell'una e dell'altra parte. Per la piena comprensione di ciò che è accaduto è necessario tener conto di ciò che è stato fatto dalle due parti. Le conseguenze sono il risultato della interazione di entrambi i partiti. Ma per comprendere le loro azioni lo storico deve tentare di vedere le cose come esse sono apparse agli uomini agenti nel tempo critico, non soltanto come noi le vediamo ora sulla base della nostra conoscenza attuale. Una storia della politica di Lincoln nelle settimane e nei mesi precedenti lo scoppio della guerra civile è naturalmente incompleta. Ma nessuno studio storico è completo. Prescindendo dal fatto che lo storico simpatizzi con gli unionisti o coi confederati o che sia assolutamente neutrale, esso può trattare in modo obiettivo la politica di Lincoln nella primavera del 1861. Questa ricerca è un preliminare indispensabile per rispondere alla questione più vasta di come la guerra civile è scoppiata. Ora, risolti questi problemi, è possibile affrontare la questione genuina : c'è qualche elemento soggettivo nella comprensione storica e, se sì, in quale maniera determina il risultato degli studi storici? Fin dove è compito della comprensione accertare il fatto che la gente era guidata da definiti giudizi di valore e perseguiva mezzi definiti, non può esserci disaccordo tra veri storici, cioè tra gente intenta alla conoscenza di eventi passati. Può esserci incertezza a motivo delle informazioni insufficienti fornite dalle fonti disponibili. Ma questo non ha nulla a che fare con la comprensione. Riguarda il lavoro preliminare che deve essere svolto dallo storico. Ma la comprensione ha da adempiere a un secondo compito. Essa deve valutare gli effetti e l'intensità degli effetti prodotti da un'azione e considerare la reazione di ogni motivo e di ogni azione. Qui siamo di fronte a una delle principali differenze tra chimica e fisica da un lato, e scienze dell'azione umana d'altro lato. Nel regno degli eventi fisici e chimici esistono (o, almeno, si assume generalmente esistano) relazioni costanti tra le grandezze, e l'uomo è capace di scoprire queste costanti con un grado ragionevole di precisione attraverso gli esperimenti di laboratorio. Queste relazioni costanti non esistono nel campo dell'azione umana al di fuori della tecnologia e terapia fisica e chimica. Per qualche tempo gli

economisti credettero di avere scoperto una relazione costante negli effetti dei cambiamenti nelle quantità di moneta sul prezzo delle merci. Si asseriva che un aumento o riduzione nella quantità di moneta in circolazione dovesse produrre cambiamenti proporzionali nei prezzi delle merci. L'economia moderna ha mostrato in modo chiaro e irrefutabile la fallacia di questa enunciazione [nota 1]. Gli economisti che desiderano sostituire l'"economia quantitativa" a ciò che essi chiamano "economia qualitativa" sono assolutamente in errore. Nel campo dell'economia non vi sono relazioni costanti e, conseguentemente, nessuna misura è possibile. Se uno statistico accerta che un aumento del 10 % nell'offerta di patate ad Atlantis in un tempo definito fu seguito da una caduta dell'8 % nel prezzo, non asserisce nulla su ciò che accadde o può accadere con un cambiamento nell'offerta di patate in un altro paese o in un altro tempo. Non ha "misurato" l'"elasticità della domanda" di patate. Ha accertato un fatto storico unico e individuale. Nessun uomo intelligente può dubitare che il comportamento degli uomini riguardo alle patate e ad ogni altra merce sia variabile. Individui differenti valutano le stesse cose in un modo differente e le valutazioni cambiano per gli stessi individui al mutare delle condizioni [nota 2].
1. Vedi sotto, pagg. 394-39 2. Cfr. sotto, pag. 336.

Fuori dal campo della storia economica nessuno ha mai azzardato a sostenere che nella storia umana prevalgono relazioni costanti. È un fatto che nei conflitti armati combattuti nel passato tra gli europei e i popoli arretrati di altre razze, un soldato europeo contava usualmente per diversi combattenti indigeni. Ma nessuno fu mai abbastanza pazzo da "misurare" la grandezza della superiorità europea. L'impossibilità della misura non è dovuta alla mancanza di metodi tecnici per ottenerla, ma all'assenza di relazioni costanti. Se fosse dovuta soltanto a deficienza tecnica, sarebbe almeno possibile una stima approssimata in alcuni casi. Ma il fatto principale è che non vi sono relazioni costanti. L'economia non è, come i positivisti ignoranti ripetono continuamente, arretrata perchè non "quantitativa". Essa non è quantitativa e non misura perchè non vi sono costanti. Le cifre statistiche che si riferiscono agli eventi economici sono dati storici. Esse ci dicono che cosa è accaduto in un caso storico non ripetibile. Gli eventi fisici possono essere interpretati sulla base della nostra conoscenza concernente relazioni costanti accertate con l'esperimento. Gli eventi storici non sono suscettibili di siffatta interpretazione. Lo storico può enumerare tutti i fattori che hanno cooperato all'ottenimento di un effetto noto e tutti i fattori che hanno agito contro lo

stesso e possono avere contribuito a procrastinare o mitigare il risultato finale. Ma non può coordinare, eccetto che mediante la comprensione, i vari fattori causativi in modo quantitativo rispetto agli effetti prodotti. Non può, eccetto che mediante comprensione, assegnare agli n fattori il proprio ruolo nel produrre l'effetto P. Nell'ambito della storia la comprensione è, per così dire, l'equivalente dell'analisi quantitativa e della misurazione. La tecnologia può dirci quanto dev'essere spessa una piastra di acciaio per non essere forata da una pallottola sparata alla distanza di 300 yarde da un fucile Winchester. Essa può così rispondere alla questione, perchè un uomo riparato dietro una piastra di acciaio di spessore noto è stato colpito o non colpito dal colpo sparato. La storia è incapace di esprimere con la stessa sicurezza perchè ci fu un aumento nel prezzo del latte del 10 % o perchè il presidente Roosevelt sconfisse il governatore Dewey nelle elezioni del 1944 o perchè la Francia fu, dal 1870 al 1940, sotto una costituzione repubblicana. Tali problemi non possono essere trattati che dalla comprensione. La comprensione cerca di dare adeguato rilievo a ogni fattore storico. Nell'esercizio della comprensione non v'è posto per l'arbitrio e il capriccio. La libertà dello storico è limitata al suo tentativo di offrire una spiegazione soddisfacente della realtà. La stella che lo guida dev'essere la ricerca della verità. Ma nella comprensione entra necessariamente un elemento di soggettività. La comprensione dello storico è sempre segnata dai tratti della sua personalità. Essa riflette la mente del suo autore. Le scienze a priori ― logica, matematica e prasseologia ― tendono a una conoscenza incondizionatamente valida per tutti gli esseri umani dotati della struttura logica della mente umana. Le scienze naturali tendono a una conoscenza valida per tutti gli esseri non dotati della facoltà della ragione, ma dei sensi. L'uniformità della logica e delle sensazioni umane dà a queste branche della conoscenza carattere di validità universale. Tale almeno è il principio che guida lo studio dei fisici. Soltanto negli anni recenti si è cominciato a vedere i limiti dei loro sforzi e, abbandonando le pretese eccessive dei vecchi fisici, a scoprire il "principio di incertezza". Essi si rendono conto oggi che vi sono cose inosservabili la cui inosserva- bilità è materia di carattere epistemologico [nota 1].
1. Cfr. A. Eddington, The Philosophy of Physical Science, New York, 1939, pagg. 28-48.

La comprensione storica non può mai produrre risultati che debbano essere, accettati da tutti gli uomini. Due storici che convengono completamente riguardo ai principii delle scienze non storiche e riguardo

agli accertamenti dei fatti fin dove ciò è possibile senza comprenderne la rilevanza, possono essere in disaccordo nella comprensione della loro rilevanza. Possono essere completamente d'accordo nello stabilire che i fattori a, b e c contribuirono a produrre l'effetto P ; ma trovarsi in notevole disaccordo relativamente al contributo rispettivo di a, b e c al risultato finale. Dove la comprensione tende ad assegnare rilevanza specifica a ogni fattore, essa è soggetta all'influenza dei giudizi soggettivi. Naturalmente questi non sono giudizi di valore, non esprimendo preferenze dello storico : sono giudizi di rilevanza [nota 1].
1. Poiché questa non è una dissertazione di epistemologia generale, ma la base indispensabile di un trattato di economia, non occorre sottolineare le analogie tra la comprensione della rilevanza storica e i compiti che deve assolvere la diagnosi del medico. L'epistemologia della biologia è fuori dall'ambito delle nostre indagini.

Gli storici possono essere in disaccordo per varie ragioni. Possono avere differenti vedute riguardo ai principii delle scienze non storiche; possono basare il loro ragionamento su una familiarità più o meno completa dei documenti; possono differire nella comprensione dei motivi e degli scopi degli uomini agenti e dei mezzi da loro applicati. Tutte queste differenze possono essere sistemate attraverso il ragionamento "obiettivo" ; è possibile raggiungere un accordo universale riguardo alle stesse. Ma dove gli storici sono in disaccordo riguardo ai giudizi di rilevanza è impossibile trovare una soluzione che tutti gli uomini sani di mente possano accettare. I metodi scientifici individuali non differiscono in specie da quelli applicati dall'uomo comune nel suo consueto modo di ragionare. Lo scienziato usa gli stessi strumenti che usa il profano, solo con maggiore abilità e cautela. La comprensione non è privilegio dello storico. È cosa di tutti. Osservando le condizioni del proprio ambiente ognuno è storico. Ognuno usa la comprensione nel trattare l'incertezza degli eventi futuri sui quali deve aggiustare le proprie azioni. L'acuto ragionamento dello speculatore è comprensione della rilevanza dei vari fattori determinanti gli eventi futuri. E ― ci si permetta rilevarlo anche in questo inizio delle nostre investigazioni ― l'azione tende necessariamente sempre al futuro e quindi a condizioni incerte. È sempre speculazione. L'uomo agente guarda, per così dire, nel futuro con occhi da storico.

Storia naturale e storia umana. La cosmogonia, la geologia e la storia dei cambiamenti biologici sono discipline storiche in quanto trattano eventi unici del passato. Tuttavia, esse operano esclusivamente coi metodi epistemologici delle scienze naturali e non hanno bisogno di comprensione. Talvolta esse devono ricorrere a stime soltanto approssimate di grandezze. Tali stime non sono però giudizi di rilevanza, ma solo un metodo meno perfetto della misurazione "esatta" per determinare relazioni quantitative. Esse non devono essere confuse con lo stato di cose nel campo dell'azione umana, caratterizzato dall'assenza di relazioni costanti. Se parliamo di storia, ciò che abbiamo in mente è soltanto la storia dell'azione umana, il cui strumento mentale specifico è la comprensione. L'affermazione che la scienza naturale moderna deve tutte le sue conquiste al metodo sperimentale è talvolta sostenuta con riferimento all'astronomia. Ora, l'astronomia moderna è essenzialmente un'applicazione delle leggi fisiche, sperimentalmente scoperte sulla terra, dei corpi celesti. Nei tempi primitivi, l'astronomia era soprattutto basata sulla assunzione che i movimenti dei corpi celesti non cambierebbero il loro corso. Copernico e Kepler hanno tentato semplicemente di fare congetture secondo quali specie di curve la terra si muove intorno al sole. Poiché il cerchio era considerato come la curva "più perfetta", Copernico scelse lo stesso per la sua teoria. Successivamente, con un simile lavoro di congettura, Kepler sostituì l'ellisse al circolo. Soltanto dopo le scoperte di Newton l'astronomia è diventata una scienza naturale in senso stretto.

9. Dei tipi ideali. La storia tratta di eventi unici e irripetibili, del flusso irreversibile delle cose umane. Un evento storico non può essere descritto senza riferimento alle persone implicate e al luogo e data del suo accadimento. Se un accadimento può essere narrato senza tali riferimenti, esso non è un evento storico ma un fatto delle scienze naturali. Il rapporto che il prof. X, il 20 febbraio 1945, ha effettuato un certo esperimento nel suo laboratorio è narrazione di un evento storico. Il fisico crede di essere nel vero astraendo dalla persona dello sperimentatore e dalla data e luogo dell'esperimento. Egli mette in relazione soltanto quelle circostanze che, nella sua opinione, sono rilevanti per la produzione del risultato raggiunto e, quando ripetute, produrranno ancora lo stesso risultato. Trasforma l'evento storico in un fatto delle scienze naturali empiriche, trascurando

l'interferenza attiva dello sperimentatore e tentando di immaginarlo come osservatore e relatore di una realtà non adulterata. Non è compito della prasseologia trattare i problemi epistemologici di questa filosofia. I fisici stessi sono finalmente sulla via di scoprire il vizio nella qualità divina che essi usavano arrogarsi. Sebbene unici e irripetibili, gli eventi storici hanno la caratteristica comune di essere azione umana. La storia li comprende come azioni umane; essa concepisce il loro significato con la strumentalità della conoscenza prasseologica e lo comprende guardando alle loro caratteristiche individuali e uniche. Ciò che conta per la storia è sempre il significato degli uomini interessati : il significato che attribuiscono allo stato di cose che desiderano alterare, alle loro azioni e agli effetti prodotti dalle loro azioni. L'aspetto secondo il quale la storia coordina e uniforma l'infinita molteplicità degli eventi è il loro significato. L'unico principio idoneo alla sistematizzazione dei suoi oggetti ― uomini, idee, istituzioni, entità sociali e artefatti ― e l'affinità di significato. Secondo l'affinità di significato essa coordina gli elementi in tipi ideali. I tipi ideali sono le nozioni specifiche impiegate nella ricerca storica e nella rappresentazione dei suoi risultati. Essi sono concetti della comprensione. Come tali, sono completamente differenti dalle categorie e dai concetti prasseologici come pure dai concetti delle scienze naturali. Un tipo ideale non è un concetto di classe, perchè la sua descrizione non indica le caratteristiche la cui presenza determina in modo definitivo e non ambiguo la partecipazione a una classe. Un tipo ideale non può essere definito ; esso deve essere caratterizzato dall'enumerazione di quei tratti la cui presenza decide generalmente se in un caso concreto ci troviamo oppure no di fronte a un esemplare appartenente al tipo ideale in questione. È peculiarità del tipo ideale che non tutte le sue caratteristiche debbano essere necessariamente presenti. Se l'assenza di talune caratteristiche impedisca o no l'inclusione di un esemplare concreto nel tipo ideale in questione, dipende da un giudizio di rilevanza mediante la comprensione. Lo stesso tipo ideale è il risultato di una comprensione dei motivi, delle idee e degli scopi degli individui agenti e dei mezzi che essi applicano. Un tipo ideale non ha assolutamente nulla a che fare con le medie statistiche. La maggior parte delle caratteristiche considerate non sono soggette a determinazioni numeriche e solo per questa ragione esse non potrebbero entrare nel calcolo delle medie. Ma la ragione principale va vista in qualcos'altro. Le medie statistiche denotano il comportamento dei membri di una classe o di un tipo, già costituite mediante una definizione o caratterizzazione che si riferisce agli altri tratti, con riguardo alle caratteristiche non indicate nella definizione o caratterizzazione. L'appartenenza a una classe o tipo dev'essere conosciuta prima che la

statistica possa incominciare a investigare le caratteristiche speciali e usare il risultato di queste investigazioni per stabilire una media. Noi possiamo stabilire l'età media dei senatori degli Stati Uniti o riconoscere le medie concernenti il comportamento di una classe di età della popolazione riguardo a uno speciale problema. Ma è logicamente impossibile far dipendere l'appartenenza a una classe o tipo da una media. Nessun problema storico può essere trattato senza l'aiuto di tipi ideali. Anche se lo storico tratta di una persona individuale o di un evento singolo non può evitare di riferirsi a tipi ideali. Se parla di Napoleone, deve riferirsi a tipi ideali come comandante, dittatore, capo rivoluzionario ; se tratta della rivoluzione francese deve riferirsi a tipi ideali come rivoluzione, disintegrazione di un regime stabilito, anarchia. Può darsi che il riferimento a un tipo ideale consista semplicemente nel rimettere la sua applicabilità al caso in questione. Ma tutti gli eventi storici sono descritti e interpretati mediante tipi ideali. Pure il profano, trattando gli eventi del passato o del futuro, deve sempre fare uso di tipi ideali e inconsciamente ne usa sempre. Se l'impiego di un tipo ideale definito sia o no espediente e conduca ad afferrare adeguatamente i fenomeni, è cosa che può essere decisa soltanto dalla comprensione. Non è il tipo ideale che determina il modo di comprensione ; è il modo di comprensione che richiede la costruzione e l'uso di tipi ideali corrispondenti. I tipi ideali sono costruiti con l'uso di idee e concetti sviluppati da tutte le branche non storiche della conoscenza. Ogni cognizione di storia è, naturalmente, condizionata dalle scoperte delle altre scienze, dipende da esse e non deve mai contraddirle. Ma la conoscenza storica ha una materia e un metodo diversi da quelli di queste altre scienze ed esse a loro volta non fanno uso della comprensione. Così i tipi ideali non devono essere confusi coi concetti delle scienze non storiche. Ciò è valido anche riguardo alle categorie e ai concetti prasseologici. Essi offrono indubbiamente strumenti mentali indispensabili per lo studio della storia. Tuttavia non si riferiscono alla comprensione degli eventi individuali e unici che sono la materia della storia. Un tipo ideale non può quindi mai essere semplice adozione di un concetto prasseologico. In molti casi accade che il termine usato dalla prasseologia a significare un concetto prasseologico serva a significare un tipo ideale per lo storico. Solo lo storico usa una parola per esprimere due cose differenti. Egli applica il termine talvolta a significare il suo connotato prasseologico, ma più frequentemente a significare un tipo ideale. Nell'ultimo caso lo storico attribuisce alla parola un significato differente dal suo significato prasseologico; la trasforma trasferendola a un differente campo di indagine. I due termini denotano cose differenti; essi sono omonimi. Il concetto economico "imprenditore" appartiene a uno strato diverso dal tipo

ideale "imprenditore" della storia economica e dell'economia descrittiva. (Su un terzo strato si trova il termine legale "imprenditore"). Il termine economico "imprenditore" è un concetto precisamente definito che nello schema di una teoria dell'economia di mercato esprime una funzione chiaramente integrata [nota 1]. Il tipo storico ideale "imprenditore" non include gli stessi membri. Nessuno, usandolo, pensa al lustrascarpe, al tassista, al proprietario della propria auto, al piccolo commerciante e al piccolo agricoltore. Ciò che l'economia stabilisce riguardo agli imprenditori è legittimo e valido per tutti i membri della classe senza riguardo alle condizioni temporali e geografiche e alle varie branche di affari. Ciò che la storia economica stabilisce per i suoi tipi ideali può differire relativamente alle circostanze particolari delle varie età, paesi, branche d'affari e di molte altre condizioni. La storia fa scarso uso di un tipo ideale generale come l'imprenditore. Essa è più interessata a tipi come: l'imprenditore americano del tempo di Jefferson, delle industrie pesanti al tempo di Guglielmo II, della manifattura tessile del New England negli ultimi decenni precedenti la prima guerra mondiale, della haute finance protestante di Parigi, di imprenditori "self-made" e così via.
1. Vedi sotto, pagg. 245-250.

Se l'uso di un tipo ideale definito sia o no da raccomandare, dipende completamente dal modo di comprensione. È comunissimo oggi impiegare due tipi ideali : partiti di sinistra (progressivi) e partiti di destra (fascisti). Il primo include le democrazie occidentali, alcune dittature latinoamericane, e il bolscevismo russo ; il secondo il fascismo italiano ed il nazismo tedesco. Questa tipizzazione è il risultato di un modo definito di comprensione. Un altro modo metterebbe in contrasto la democrazia e la dittatura. Così il bolscevismo russo, il fascismo italiano ed il nazismo tedesco appartengono al tipo ideale di un governo dittatoriale, come i sistemi occidentali al tipo ideale di governo democratico. Fu errore fondamentale della scuola storica tedesca delle wirtschaftlichen Staatswissenschaften e dell'istituzionalismo americano interpretare l'economia come caratterizzazione di un tipo ideale, l'homo oeconomicus. Secondo questa dottrina l'economia tradizionale od ortodossa non tratta dell'uomo quale realmente è e agisce, ma di una immagine fittizia o ipotetica. Descrive un essere determinato esclusivamente da motivi "economici", cioè soltanto dall'intenzione di fare il maggior profitto materiale o monetario possibile. Tale essere non ha nè ha mai avuto un corrispondente nella realtà; è il fantasma di una spuria filosofìa cattedratica. Nessun uomo è motivato esclusivamente dal desiderio di diventare il più ricco possibile; molti non sono affatto influenzati da questa sollecitazione. È vano riferirsi a un homunculus così illusorio nel

trattare della vita e della storia. Anche se questo fosse realmente il significato dell'economia classica, l'homo oeconomicus non sarebbe certamente un tipo, ideale. Il tipo ideale non è una incarnazione di un lato o di un aspetto dei vari fini e desideri dell'uomo. Esso è sempre la rappresentazione di fenomeni complessi della realtà, sia di uomini, di istituzioni, o di ideologie. Gli economisti classici tentarono di spiegare la formazione dei prezzi. Essi erano assolutamente consci del fatto che i prezzi non sono il prodotto delle attività di un gruppo speciale di persone; ma il risultato del gioco reciproco di tutti i membri della società di mercato. Questo era il significato della loro enunciazione che domanda e offerta determinano la formazione dei prezzi. Tuttavia, gli economisti classici fallirono nei loro sforzi di fornire una teoria soddisfacente del valore. Essi si trovarono nell'impossibilità di dare una soluzione soddisfacente all'apparente paradosso del valore. Erano imbarazzati dal creduto paradosso che l'"oro" fosse più pregiato del "ferro", sebbene quest'ultimo fosse più "utile" del primo. Così non poterono costruire una teoria generale del valore riconducendo i fenomeni del mercato di scambio e della produzione alla loro fonte ultima, il comportamento del consumatore. Questa lacuna li costrinse ad abbandonare il piano ambizioso di sviluppare una teoria generale dell'azione umana. Dovettero accontentarsi di una teoria che spiegava soltanto le attività dei commercianti senza risalire alle scelte di ognuno come determinanti ultimi. Essi trattarono soltanto dell'azione dei commercianti avidi di comprare il più a buon mercato possibile e di vendere il più caro possibile. Il consumatore restava fuori dal campo della loro teorizzazione. Successivamente gli epigoni dell'economia classica spiegarono e giustificarono questa insufficienza come procedimento intenzionale e metodologicamente necessario. Era, asserivano, disegno deliberato degli economisti restringere le loro investigazioni a un solo aspetto dello sforzo umano ― segnatamente, all'aspetto "economico". Era loro intenzione usare l'immagine fittizia di un uòmo spinto soltanto da motivi "economici", e trascurare tutti gli altri, sebbene pienamente consci del fatto che gli uomini reali sono determinati da molti altri motivi "non economici". Trattare di questi altri motivi, sosteneva un gruppo di questi interpreti, non è compito dell'economia ma delle altre branche della conoscenza. Un altro gruppo ammetteva che l'indagine di questi motivi "non economici" e della loro influenza sulla formazione dei prezzi era sì compito dell'economia, ma che dovesse essere lasciato alle generazioni successive. In uno stadio successivo delle nostre investigazioni, sarà mostrato come questa distinzione tra motivi "economici" e "non economici" dell'azione umana sia insostenibile [nota 1]. A questo punto è importante soltanto rendersi conto che questa dottrina del lato "economico" dell'azione umana ha del tutto frainteso i principii degli economisti

classici. Questi mai intesero fare ciò che questa dottrina ascriveva loro. Essi desideravano intendere la formazione dei prezzi reali ― non dei prezzi fittizi che si determinerebbero se gli uomini agissero sotto la spinta di condizioni ipotetiche differenti da quelle che realmente li influenzano. I prezzi che essi tentarono di spiegare e spiegano ― sebbene senza ricondurli alle scelte dei consumatori ― sono prezzi di mercato. La domanda e l'offerta di cui essi parlano sono fattori reali determinati da tutti i motivi che spingono gli uomini a comprare o vendere. Ciò che era errato nella loro teoria era di non ricondurre la domanda alle scelte dei consumatori ; essi mancavano di una teoria soddisfacente della domanda. Ma non intendevano che la domanda, nel senso in cui usavano questo concetto nelle loro dissertazioni, fosse esclusivamente determinata da motivi "economici" diversi dai motivi "non economici". Avendo ristretto la loro teorizzazione alle azioni dei commercianti, essi non trattarono dei motivi dei consumatori ultimi. Nondimeno la loro teoria dei prezzi era intesa ad una spiegazione dei prezzi reali indipendentemente dai motivi e dalle idee che stimolano i consumatori.
1. Vedi sotto, pagg. 227-229 e 235-238.

La moderna economia soggettiva comincia con la soluzione dell'apparente paradosso del valore. Essa non limita i suoi teoremi alle azioni dei commercianti, nè tratta solo di un fittizio homo oeconomieus. Tratta delle categorie inesorabili dell'azione di ciascuno. I suoi teoremi concernenti i prezzi delle merci, i saggi salariali e d'interesse si riferiscono a tutti gli altri fenomeni senza riguardo ai motivi che spingono la gente a comprare o a vendere o ad astenersi dal comprare o dal vendere. È tempo di scartare completamente qualsiasi riferimento al fallito tentativo di giustificare le lacune dei vecchi economisti richiamandosi al fantoccio dell'homo oeconomicus.

10. Il procedimento economico. Oggetto della prasseologia è la spiegazione della categoria dell'azione umana. Tutto ciò che necessita per dedurre i teoremi prasseologici è la conoscenza dell'essenza dell'azione umana. Questa conoscenza risiede in noi stessi perchè siamo uomini; nessun essere della progenie umana che non sia ridotto da condizioni patologiche a una esistenza meramente vegetativa ne manca. Non occorre nessuna speciale esperienza per comprendere questi teoremi, e nessuna esperienza, comunque ricca, potrebbe rivelarli a un essere che non sapesse a priori

che cosa sia l'azione umana. L'unica via per conoscere questi teoremi è l'analisi logica della nostra conoscenza inerente la categoria dell'azione. Dobbiamo considerare noi stessi e riflettere sulla struttura dell'azione umana. Come la logica e la matematica, la conoscenza prasseologica è in noi; non ci viene dal di fuori. Tutti i concetti e i teoremi della prasseologia sono impliciti nella categoria dell'azione umana. Primo compito è di estrarli e dedurli, di svolgere le loro implicazioni e di definire le condizioni universali dell'azione umana come tale. Avendo mostrato quali condizioni sono richieste da ogni azione, si può andare oltre e definire ― naturalmente in un senso categorico e formale ― le condizioni meno generali richieste per i modi speciali dell'azione. Sarebbe possibile trattare questo secondo compito delineando tutte le condizioni immaginabili e deducendo da esse tutte le inferenze logiche possibili. Un tale sistema comprensivo offrirebbe una teoria riferentesi non soltanto all'azione umana com'essa è nelle condizioni e circostanze date nel mondo reale in cui l'uomo vive ed opera, ma tratterebbe anche dell'azione ipotetica quale avrebbe luogo nelle condizioni irrealizzabili di mondi immaginari. Ma il fine della scienza è di conoscere la realtà. Essa non è una ginnastica mentale o un passatempo logico. Pertanto la prasseologia restringe le sue indagini allo studio dell'azione alle condizioni e ai presupposti che si dànno nella realtà. Studia l'azione in condizioni irrealizzate e irrealizzabili soltanto da due punti di vista. Tratta stati di cose che, sebbene non reali nel mondo presente e passato, potrebbero diventare reali a una certa data futura. Ed esamina condizioni irreali e irrealizzabili se tale indagine è necessaria per afferrare in maniera soddisfacente ciò che accade nelle condizioni presenti della realtà. Tuttavia, questo riferimento all'esperienza non pregiudica il carattere aprioristico della prasseologia e dell'economia. L'esperienza dirige semplicemente la nostra curiosità verso certi problemi e la distoglie da certi altri. Essa ci dice ciò che dovremmo esplorare, ma non ci dice come noi potremmo procedere nella nostra ricerca conoscitiva. Inoltre, non è l'esperienza ma soltanto il pensiero a insegnarci che. e in quali casi, è necessario investigare condizioni ipotetiche irrealizzabili per conoscere ciò che accade nel mondo reale. La disutilità del lavoro non ha carattere categorico e aprioristico. Noi possiamo senza contraddizione pensare un mondo in cui il lavoro non causa disagio, e possiamo illustrare lo stato di cose prevalente in un mondo siffatto [nota 1]. Ma il mondo reale è condizionato dalla disutilità del lavoro. Soltanto i teoremi basati sulla assunzione che il lavoro è fonte di disagio sono applicabili alla comprensione di ciò che accade in questo mondo.

1. Vedi sotto, pagg. 126-128.

L'esperienza insegna che vi è disutilità nel lavoro. Ma non lo insegna direttamente. Non c'è fenomeno che si introduca come disutilità del lavoro. Ci sono soltanto dati dell'esperienza che sono interpretati, sulla base della conoscenza aprioristica, per significare che l'uomo considera il riposo ― cioè l'assenza di lavoro ―, ceteris paribus, come condizione più desiderabile della fatica del lavoro. Vediamo che gli uomini rinunciano a vantaggi che potrebbero avere lavorando di più ― cioè che sono pronti a fare sacrifici per il riposo. Da questo fatto inferiamo che il riposo è valutato come un bene e il lavoro riguardato come un peso. Ma per il discernimento prasseologico a priori, non saremmo mai in condizione di raggiungere questa conclusione. La teoria dello scambio indiretto e tutte le altre teorie costruite sullo stesso ― come la teoria della circolazione ― sono applicabili soltanto alla interpretazione di eventi in un mondo in cui è praticato lo scambio indiretto. In un mondo in cui esista soltanto il baratto essa sarebbe mero gioco intellettuale. È improbabile che gli economisti di un mondo siffatto, se la scienza economica si fosse mai affermata in esso, avrebbero dato qualche pensiero al problema dello scambio indiretto, della moneta e di tutto il resto. Nel nostro mondo reale, tuttavia, esso è parte essenziale della teoria economica. Il fatto che la prasseologia, fissando gli occhi sulla comprensione della realtà, si concentri sulle investigazioni di quei problemi che sono utili a questo scopo, non altera il carattere aprioristico del suo ragionamento. Esso solo indica la via in cui l'economia, finora la sola parte elaborata della prasseologia, presenta i risultati dei suoi sforai. L'economia non segue il procedimento della logica e della matematica. Essa non presenta un sistema integrato di puro raziocinio aprioristico avulso da qualsiasi riferimento alia realtà. Introducendo ipotesi nel suo ragionamento, essa si assicura che la loro considerazione possa rendere utili servizi alla comprensione della realtà. L'economia non separa nettamente nei suoi trattati e nelle sue monografìe la scienza pura dalle applicazioni dei suoi teoremi alla soluzione di problemi storici e politici concreti. Per la presentazione organica dei suoi risultati adotta una forma in cui teoria aprioristica e interpretazione di fenomeni storici si intrecciano. È ovvio che questo modo di procedere è imposto all'economia dalla natura e dall'essenza stessa della sua materia. Esso ha dato prova della sua opportunità. Tuttavia non si deve trascurare il fatto che la manipolazione di questo singolare e logicamente un po' strano procedimento richiede prudenza e sottigliezza e che le menti non critiche e superficiali si sono spesso lasciate fuorviare dalla sbadata confusione dei

due differenti metodi epistemologici implicati. Non esiste metodo storico dell'economia o una disciplina dell'economia istituzionale. Vi è un'economia e vi è una storia economica, che non devono essere mai confuse. Tutti i teoremi dell'economia sono necessariamente validi in ogni caso in cui tutte le premesse necessarie sono date. Naturalmente non hanno significato pratico in situazioni in cui queste condizioni non si verificano. I teoremi che si riferiscono allo scambio indiretto non sono applicabili alle condizioni in cui non vi è scambio indiretto. Ma questo non pregiudica la loro validità [nota 1].
1. Cfr. F. H. Knight, The Ethics of Competition and Other Essays, New York, 1935, pag. 139.

Il problema è stato offuscato dagli sforzi dei governi e da potenti pressioni di gruppo intesi a denigrare l'economia e a diffamare gli economisti. I principii e le maggioranze democratiche sono ebbri di potere. Essi ammettono con riluttanza di essere soggetti alle leggi di natura. Ma rigettano ogni nozione di legge economica. Non sono essi i legislatori supremi? Non hanno essi il potere di schiacciare qualsiasi oppositore? Nessun capo militare è disposto a riconoscere altri limiti all'infuori di quelli impostigli da una forza armata superiore. Scribi servili sono sempre disposti ad assecondare tale compiacenza, esponendone appropriate dottrine. Essi chiamano "storia economica" le loro infondate presunzioni. Infatti, la storia economica è un lungo elenco di politiche governative fallite perchè tracciate con pacchiana trascuranza delle leggi economiche. È impossibile comprendere la storia del pensiero economico se non si pone mente al fatto che l'economia come tale è una sfida alle concezioni di quelli che sono al potere. L'economista non può mai essere il favorito di autocrati e demagoghi. Per essi egli è soltanto il menagramo e quanto più sono intimamente convinti della fondatezza delle loro obiezioni tanto più lo odiano. Di fronte a tutte queste agitazioni frenetiche è opportuno stabilire il fatto che il punto di partenza di ogni ragionamento prasseologico ed economico, la categoria dell'azione umana, resiste ad ogni criticismo e ad ogni obiezione. Nessun richiamo a considerazioni storiche o empiriche comechessia può scoprire difetto nella proposizione che gli uomini tendono intenzionalmente a certi fini da essi scelti. Nessun discorso sull'irrazionalità e sull'incommensurabile profondità della natura umana, sulla spontaneità dei fenomeni vitali, automatismo, riflessi, tropismo, può invalidare l'affermazione che l'uomo usa la sua ragione per la realizzazione dei suoi desideri e delle sue volontà. Sul fondamento incrollabile della categoria dell'azione umana, prasseologia ed economia hanno progredito passo passo mediante il ragionamento discorsivo.

Definendo in modo preciso ipotesi e condizioni, esse costruiscono un sistema di concetti e deducono tutte le inferenze implicite con un raziocinio logicamente inattaccabile. Riguardo ai risultati così ottenuti sono possibili soltanto due attitudini : o smascherare gli errori logici nella catena delle deduzioni che hanno prodotto questi risultati; o riconoscere la loro correttezza e validità. È vano obiettare che la vita e la realtà non sono logiche. Vita e realtà non sono nè logiche nè illogiche. Esse sono semplicemente date. Ma la logica è l'unico mezzo disponibile all'uomo per la comprensione di entrambe. È vano obiettare che la vita e la storia sono inscrutabili e ineffabili e che la ragione umana non può mai penetrare nel loro intimo. I critici contraddicono se stessi pronunciando parole su teorie ineffabili e discutibili ― naturalmente, teorie spurie ― sull'incommensurabile. Ci sono molte cose al di là del raggio della mente umana. Ma fin dove l'uomo è capace di ottenere qualche conoscenza, anche limitata, esso può usare solo una via di approccio, quella aperta dalla ragione. Non meno illusori sono gli sforzi di eliminare la comprensione rispetto ai teoremi dell'economia. Dominio della comprensione storica è esclusivamente l'elucidazione di quei problemi che non possono essere interamente spiegati dalle scienze non storiche. La comprensione non deve mai contraddire alle teorie sviluppate dalle scienze non storiche. Essa, da un lato, deve solo stabilire il fatto che la gente è motivata da certe idee, tende a certi fini e applica certi metodi per il raggiungimento di questi fini; e, d'altro lato, assegnare ai vari fattori storici la loro rilevanza dove ciò non può essere ottenuto dalle scienze non storiche. La comprensione non autorizza lo storico moderno ad asserire che l'esorcismo non è mai stato un mezzo appropriato per curare le mucche ammalate. Nemmeno deve permettergli di sostenere che la legge economica non era valida nella vecchia Roma o nell'impero degli Incas. L'uomo non è infallibile. Egli ricerca la verità, cioè la comprensione più adeguata della realtà fin dove la struttura della sua mente e della sua ragione glielo rende possibile. L'uomo non può mai diventare onnisciente, nè essere assolutamente certo che le sue indagini e quanto considera come verità certa non siano erronei. Tutto ciò che può fare è di sottomettere continuamente le sue teorie al riesame più critico. Questo significa, per l'economista, ricondurre tutti i teoremi alla loro base ultima certa e indiscutibile, la categoria dell'azione umana, e provare con l'esame più accurato tutte le ipotesi e inferenze che conducono da questa base ai teoremi in esame. Egli non può acquetarsi al pensiero che questo procedimento sia garanzia contro gli errori. Ma è indubbiamente il metodo più efficace per evitare l'errore. La prasseologia ― e, conseguentemente, pure l'economia ― è un sistema deduttivo. Essa deriva la sua forza dal punto di partenza delle

sue deduzioni, dalla categoria dell'azione. Nessun teorema economico può essere considerato sano, se non solidamente ancorato a questa base da una irrefutabile catena di ragionamento. Un'affermazione senza una connessione siffatta è arbitraria e campata in aria. È impossibile trattare' un segmento speciale dell'economia se non lo si riferisce ad un sistema completo d'azione. Le scienze empiriche muovono da eventi singoli e procedono dall'unico e individuale al più universale. La loro trattazione è soggetta a specializzazione. Esse possono studiare segmenti senza badare all'intero campo. L'economista non può mai essere uno specialista. Trattando di ogni problema egli deve sempre fissare lo sguardo sull'intero sistema. Gli storici spesso peccano a questo riguardo. Essi sono pronti a inventare teoremi ad hoc. Talvolta non riconoscono che è impossibile ottenere relazioni causali dallo studio di fenomeni complessi. La loro pretesa di investigare la realtà senza riferimento a ciò che disprezzano come idee preconcette è vana. Infatti essi applicano inconsciamente dottrine popolari da tempo smascherate come fallaci e contraddittorie.

11. Le limitazioni ai concetti prasseologici. Le categorie e i concetti prasseologici sono intesi alla comprensione dell'azione umana. Essi diventano contraddittori e senza senso se si tenta di applicarli a condizioni differenti da quelle della vita umana. L'ingenuo antropomorfismo delle relazioni primitive non garba alla mente filosofica. Tuttavia gli sforzi dei filosofi di definire chiaramente gli attributi di un essere assoluto, libero da tutte le limitazioni e debolezze dell'esistenza umana, con l'uso di concetti prasseologici, non sono meno discutibili. I filosofi e i teologi scolastici come pure i teisti e i deisti dell'età della ragione concepivano un essere assoluto e perfetto, immutabile, onnipotente ed onnisciente, che faceva piani e perseguiva fini impiegando mezzi per l'ottenimento di questi fini. Ma l'azione può essere attribuita soltanto a un essere insoddisfatto, e l'azione ripetuta solo a un essere che manchi del potere di rimuovere d'un colpo il suo disagio una volta per tutte. L'essere agente è insoddisfatto e quindi non onnipotente. Se fosse soddisfatto, non agirebbe; e se fosse onnipotente, avrebbe da tempo immemorabile rimosso la sua insoddisfazione. Per un essere onnipotente non v'è pressione a scegliere tra vari stati di disagio, perchè non è nella necessità di acquetarsi nel minore dei mali. Onnipotenza significherebbe potere di raggiungere ogni cosa e di godere di ogni soddisfazione senza essere trattenuti da limitazione alcuna. Ma questo è incompatibile col concetto stesso di azione. Per un essere onnipotente le categorie fini e

mezzi non esistono, perchè al disopra di ogni comprensione, concetto e intelletto umani. Per questi ogni "mezzo" rende servizi illimitati ; può applicare qualsiasi "mezzo" per il raggiungimento di qualsiasi fine e può raggiungere tutti i fini senza impiegare nessun mezzo. È al di là delle facoltà della mente umana pensare il concetto di onnipotenza in modo consistente con le sue estreme conseguenze logiche. I paradossi sono insolubili. Ha l'essere onnipotente il potere di raggiungere qualcosa che sia immune da ogni sua interferenza successiva? Se ha questo potere, allora vi sono limiti alla sua potenza e non è più onnipotente; se manca di questo potere, allora, in virtù di questo fatto, non è più onnipotente. Onnipotenza e onniscienza sono compatibili? L'onniscienza presuppone che tutti gli accadimenti futuri siano già ineluttabilmente determinati. Se c'è onniscienza, l'onnipotenza è inconcepibile. L'impotenza a cambiare qualsiasi cosa nel corso predeterminato degli eventi restringerebbe il potere di ogni agente. L'azione è manifestazione di potenza e di controllo limitati. Essa è una manifestazione dell'uomo limitato dai poteri circoscritti della sua mente, dalla natura fisiologica del suo corpo, dalle vicissitudini del suo ambiente e dalla scarsità dei fattori esterni dai quali dipende il suo benessere. È vano riferirsi alle imperfezioni ed alle debolezze della vita umana se si mira a qualcosa di assolutamente perfetto. L'idea stessa di perfezione assoluta è in tutti i sensi contraddittoria. Lo stato di perfezione assoluta deve essere concepito come completo, definitivo e non soggetto a nessun cambiamento. Il cambiamento potrebbe soltanto ridurne la perfezione e trasformarla in uno stato meno perfetto; la pura possibilità che un cambiamento possa avvenire è incompatibile col concetto di perfezione assoluta. Ma l'assenza di cambiamenti ― cioè perfetta immutabilità, rigidità e immobilità ― equivale all'assenza di vita. Vita e perfezione sono incompatibili, ma così sono pure la morte e la perfezione. La vita non è perfetta perchè è soggetta a cambiare; la morte non è perfetta perchè non vive. Il linguaggio degli uomini agenti e viventi può formare comparativi e superlativi in gradi comparabili. Ma l'assoluto non è un grado; è una nozione limite. L'assoluto è indeterminabile, impensabile e ineffabile. È una concezione chimerica. Non vi sono cose come felicità perfetta, uomini perfetti, beatitudine perfetta. Ogni tentativo di descrivere le condizioni di un paese della cuccagna, o la vita degli angeli, finisce in paradossi. Dove ci sono condizioni, là v'è limitazione e non perfezione; vi sono sforzi per superare ostacoli, v'è frustrazione e scontento. Dopo che i filosofi hanno abbandonato la ricerca dell'assoluto, questa è stata ripresa dagli utopisti. Essi tessono sogni sullo Stato perfetto. Non si rendono conto che lo Stato, apparato sociale di costrizione e coercizione, è una istituzione per coprire l'imperfezione umana e che la sua funzione

essenziale è di infliggere punizioni a minoranze per proteggere le maggioranze contro le svantaggiose conseguenze di certe azioni. Con uomini "perfetti" non ci sarebbe alcun bisogno di costrizione e di coercizione. Ma gli utopisti non badano alla natura umana ed alle condizioni inalterabili della vita umana. Godwin pensava che l'uomo potesse diventare immortale dopo l'abolizione della proprietà privata [nota 1]. Charles Fourier fantasticava di un oceano contenente limonata invece di acqua salata [nota 2]. Il sistema economico di Marx ignorava allegramente il fatto della scarsità dei fattori materiali di produzione. Trotsky rivelava che nel paradiso proletario "il tipo umano medio si eleverà all'altezza di un Aristotele, di un Goethe o di Marx. E da questi culmini si eleveranno nuove vette" [nota 3].
1. William Godwin, An Enquiry Concerning Political Justice and Its Influence on General Virtue and Happiness, Dublin, 1793, II, pagg. 393-403. 2. Charles Fourier, Théorie des quatre mouvements (Oeuvres complètes), 3a ed., Paris, 1846, I, pag. 43. 3. Leon Trotsky, Literature and Revolution, trad. di R.Strunsky, London, 1925, pag. 256.

Oggigiorno le chimere più popolari sono stabilità e sicurezza. Saggeremo successivamente questi termini di richiamo.

CAPITOLO III

L'ECONOMIA E LA RIVOLTA CONTRO LA RAGIONE

1. La rivolta contro la ragione. È vero che alcuni filosofi erano pronti a esagerare il potere della ragione umana. Essi credevano che l'uomo potesse scoprire col raziocinio le cause finali degli eventi cosmici, i fini immanenti perseguiti dal primo mobile nel creare l'universo e determinare il corso della sua evoluzione. Spaziavano sull'"Assoluto" come fosse stato il loro orologio da tasca. Essi non si trattennero dall'enunciare valori assoluti ed eterni e dallo stabilire codici morali vincolanti incondizionatamente tutti i popoli. Poi c'è stata la lunga fila degli autori utopisti. Essi tracciavano schemi di un paradiso terrestre, in cui avrebbe dovuto imperare la pura ragione, non rendendosi conto che ciò che essi chiamavano ragione assoluta e verità manifesta era una ubbia delle loro menti. Si arrogavano allegramente l'infallibilità e spesso l'intolleranza, l'oppressione violenta di tutti i dissenzienti ed eretici. Tendevano alla dittatura sia per sè che per gli uomini che avessero accuratamente messo in esecuzione i loro piani. Nella loro opinione, non c'era altra salvezza per l'umanità sofferente. Tale era Hegel. Egli era un profondo pensatore e i suoi scritti sono un tesoro di idee stimolanti. Ma lavorava nell'illusione che il Geist, l'assoluto, si rivelasse attraverso le sue parole. Non vi era nulla nell'universo nascosto a Hegel. Peccato che il suo linguaggio fosse così ambiguo da essere interpretato in vari modi. Gli hegeliani di destra lo interpretavano come una legalizzazione del sistema prussiano di governo autocratico e dei dogmi della chiesa prussiana. Gli hegeliani di sinistra ne cavavano fuori ateismo, radicalismo rivoluzionario intransigente e dottrine anarchiche. Tale era Comte. Egli conosceva in modo preciso ciò che il futuro riservava all'umanità. E, naturalmente, considerava se stesso il supremo legislatore. Per esempio, riteneva gli studi astronomici inutili e voleva proibirli. Progettava di sostituire una nuova religione alla cristianità, e sceglieva una dama destinata a sostituire la Vergine in questa nuova chiesa. Comte può essere scusato, poiché era pazzo nel senso puro che la

patologia attribuisce al termine. Ma che dire dei suoi seguaci? Molti altri fatti di questa specie potrebbero essere menzionati. Ma essi non sono un argomento contro la ragione, il razionalismo e la razionalità. Questi dogmi non hanno nulla a che fare con la questione, se la ragione sia il giusto ed unico strumento disponibile all'uomo nei suoi sforzi di raggiungere tutta la conoscenza accessibile. Gli onesti e coscienziosi cercatori della verità non hanno mai preteso che ragione e ricerca scientifica potessero rispondere a tutte le questioni. Essi erano pienamente consapevoli delle limitazioni imposte alla mente umana. Ad essi non si può attribuire la responsabilità per le crudezze della filosofia di Haeckel e il semplicismo delle diverse scuole materialistiche. Gli stessi filosofi razionalisti erano sempre preoccupati di mostrare i limiti sia della teoria aprioristica che della ricerca empirica [nota 1]. Il primo rappresentante dell'economia politica inglese, David Hume, gli utilitaristi e i pragmatisti americani non sono certamente colpevoli di avere esagerato il potere dell'uomo nel raggiungere la verità. Sarebbe più giustificato tacciare la filosofìa degli ultimi due secoli di troppo agnosticismo e scetticismo che di fiducia eccessiva nelle possibilità della mente umana.
1. Cfr., per esempio, Louis Rougier, Les paralogismes du rationalisme, Paris, 1920.

La rivolta contro la ragione, attitudine mentale caratteristica del nostro tempo, non è stata causata da mancanza di modestia, cautela ed esame introspettivo da parte dei filosofi. E nemmeno è dovuta agli insuccessi nella evoluzione della moderna scienza naturale. Le meravigliose conquiste della tecnologia e della terapeutica parlano un linguaggio che nessuno può ignorare. È inutile attaccare la scienza moderna sia dall'angolo visuale dell'intuizionismo e del misticismo che da ogni altro punto di vista. La rivolta contro la ragione era diretta a un altro bersaglio. Essa non mirava alle scienze naturali, ma all'economia. L'attacco contro le scienze naturali è stato soltanto il risultato logico necessario dell'attacco all'economia. Non era possibile detronizzare la ragione in un campo soltanto, senza mettere in discussione anche le altre branche della conoscenza. La grande sollevazione fu prodotta dalla situazione storica esistente alla metà del secolo XIX. Gli economisti avevano interamente demolito le fantastiche illusioni dei socialisti utopisti. Le deficienze del sistema classico impedivano loro di comprendere perchè ogni piano socialista debba essere irrealizzabile. Ma essi conoscevano abbastanza la futilità di tutti gli schemi socialisti prodotti fino allora. Le idee comuniste erano demolite. I socialisti erano assolutamente incapaci di sollevare obiezioni al criticismo devastatore dei loro schemi e di proporre argomenti in loro

favore. Sembrava che il socialismo fosse morto per sempre. Soltanto una via avrebbe potuto liberarli da questa impasse. Attaccando la logica e la ragione e sostituendo intuizioni mistiche al raziocinio. Funzione storica di Karl Marx fu di proporre questa soluzione. Basandosi sul misticismo dialettico di Hegel, egli si arrogò allegramente la capacità di predire il futuro. Hegel pretendeva di conoscere che il Geist, nel creare l'universo, intendesse realizzare la monarchia prussiana di Federico Guglielmo III. Ma Marx era meglio informato sui piani del Geist. Egli sapeva che la causa finale dell'evoluzione storica era l'affermazione dell'èra socialista. Il socialismo deve venire "con l'inesorabilità di una legge di natura". E poiché, secondo Hegel, ogni stadio successivo della storia è migliore e più evelato, non può esservi dubbio che il socialismo, allo stato ultimo e definitivo dell'umanità, sarà perfetto da ogni punto di vista. Conseguentemente, è inutile discutere i dettagli del funzionamento di una comunità socialista. La storia, a tempo debito, aggiusterà ogni cosa per il meglio. Non occorre il consiglio dei mortali. C'era ancora il maggiore ostacolo da superare: la critica devastatrice degli economisti. Marx aveva almeno una soluzione. La ragione umana, asseriva, è costituzionalmente inadatta a ricercare la verità. La struttura logica della mente umana è differente fra le varie classi sociali. Non esiste una logica universalmente valida. Ciò che la mente produce non può essere altro che ideologia, cioè, nella terminologia di Marx, un insieme di idee dissimulanti gli interessi egoistici della classe sociale cui il pensatore appartiene. Quindi, la mente "borghese" degli economisti è assolutamente incapace di produrre qualcosa di più che un'apologia del capitalismo. I principii della scienza "borghese", conseguenza della "logica borghese", non avvantaggiano assolutamente i proletari, la classe nascente destinata ad abolire tutte le classi e a convertire la terra in un giardino dell'Eden. Ma, naturalmente, la logica dei proletari non è semplicemente una logica di classe. "Le idee della logica proletaria non sono idee di partito ma emanazioni della logica pura e semplice" [nota 1]. Inoltre, in virtù di uno speciale privilegio, la logica di certi eletti borghesi non è macchiata dal peccato originale dei borghesi. Karl Marx, figlio di un agiato avvocato, sposato alla figlia di uno Junker prussiano, e il suo collaboratore, Friedrik Engels, ricco industriale tessile, non dubitarono mai di essere al di sopra della legge e, nonostante il loro fondo borghese, dotati del potere di scoprire la verità assoluta.
1. Cfr. Eugen Dietzgen, Briefe uber Logik, speziell demokratisch-proletarische Logik, 2a ed., Stuttgart, 1903, pag. 112.

È compito della storia descrivere le condizioni storiche che resero popolare una dottrina così grossolana. L'economia ha un altro compito.

Essa deve analizzare sia il polilogismo marxista, che le altre specie di polilogismo formate sul suo modello, e mostrarne gli errori e le contraddizioni.

2. L'aspetto logico del polilogismo. Il polilogismo marxista asserisce che la struttura logica della mente è differente nei membri delle varie classi sociali. Il polilogismo razziale differisce dal polilogismo di Marx solo in quanto ascrive ad ogni razza una peculiare struttura logica della mente e sostiene che tutti i membri di una certa razza, non importa quale sia la loro affiliazione di classe, sono dotati di una struttura logica particolare. Non v'è bisogno di entrare in una critica dei concetti classe sociale e razza applicati a queste dottrine. Non è necessario domandare ai marxisti se un proletario che riesce a raggiungere il rango borghese cambi la sua mente proletaria in mente borghese. È superfluo domandare ai razzisti di spiegare quale specie di logica sia peculiare alla gente che non appartiene ad un ceppo razziale puro. Vi sono molte altre serie obiezioni da sollevare. Nè i marxisti nè i razzisti nè i sostenitori di qualsiasi altra specie di polilogismo andarono oltre la dichiarazione che la struttura logica della mente è differente nelle varie classi, razze o nazioni. Essi non si provarono mai a dimostrare con precisione in che cosa la logica dei proletari differisce dalla logica dei borghesi, o in che cosa la logica degli ariani differisce dalla logica dei non-ariani, o la logica dei tedeschi dalla logica dei francesi o degli inglesi. Agli occhi dei marxisti la teoria ricardiana dei costi comparati è spuria, perchè Ricardo era un borghese. I razzisti tedeschi condannano la stessa teoria perchè egli "era un ebreo", e i nazionalisti tedeschi perchè era un inglese. Taluni professori tedeschi avanzarono tutti questi tre argomenti insieme contro la validità degli insegnamenti di Ricardo. Ma non è sufficiente rigettare completamente la teoria mostrando gli aspetti ambientali del suo autore. Ciò che soprattutto si vuole è sviluppare un sistema di logica differente da quello applicato dall'autore criticato. Allora sarebbe necessario esaminare la teoria che si oppone punto per punto e mostrare dove le inferenze logiche del suo ragionamento ― sebbene corrette dal punto di vista della logica dell'autore ― sono invalide dal punto di vista della logica proletaria, ariana o tedesca. E, infine, bisognerebbe mostrare a quale specie di conclusioni deve portare la sostituzione delle inferenze della logica propria del critico. Come ognuno sa, questo non è mai stato tentato nè può essere tentato da alcuno. Effettivamente esiste disaccordo sui problemi essenziali fra la gente appartenente alla stessa classe, razza o nazione. Sfortunatamente ci sono,

dicono i nazisti, tedeschi che non pensano in modo correttamente tedesco. E se un tedesco non pensa sempre necessariamente come dovrebbe, ma alla maniera di una persona dotata di una logica non tedesca, chi deve decidere quali idee di un tedesco sono veramente tedesche e quali non tedesche? Diceva il defunto professor Franz Oppenheimer : "L'uomo sbaglia spesso, badando ai suoi interessi" ; "una classe non può mai sbagliare nel lungo andare" [nota 1]. Questo suggerirebbe l'infallibilità di un voto maggioritario. Tuttavia, i nazisti rigettavano la decisione a maggioranza di voti come manifestamente non tedesca. I marxisti accettano il principio democratico del voto maggioritario [nota 2]. Ma quando vengono alla prova, essi favoriscono la regola minoritaria, purché sia la regola del loro proprio partito. Si può ricordare come Lenin disperdesse con la forza l'assemblea costituente, eletta sotto gli auspici del suo proprio governo, a suffragio universale per uomini e donne, perchè soltanto circa un quinto dei suoi membri erano bolscevichi.
1. Cfr. Franz Oppenheimer, System der Soziologie, Jena, 1926, 2a ed., pag. 559. 2. Si deve sottolineare che la democrazia non è basata sull'assunzione che le maggioranze hanno sempre ragione e ancor meno che esse sono infallibili. Cfr. sotto, pagg. 145-147.

Un sostenitore coerente del polilogismo dovrebbe sostenere che le idee sono corrette perchè il loro autore è membro della giusta classe, nazione o razza. Ma la coerenza non è una delle loro virtù. Così i marxisti sono disposti a qualificare "pensatore proletario" chiunque approvi le loro dottrine. Tutti gli altri sono da essi disprezzati o come nemici della loro classe o come traditori sociali. Hitler era addirittura abbastanza franco per ammettere che il solo metodo disponibile per setacciare i veri tedeschi dai meticci e dagli stranieri era di enunciare un programma genuinamente tedesco e di vedere chi fosse pronto a sostenerlo [nota 1]. Un uomo dai capelli neri, le cui caratteristiche fisiche in nessun modo corrispondevano al prototipo dai capelli biondi della superiore razza ariana, si arrogava l'attitudine di scoprire la sola dottrina adeguata alla mente tedesca e di espellere dai ranghi dei tedeschi tutti coloro che non accettavano questa dottrina, qualunque fossero le loro caratteristiche fìsiche. Nessuna prova ulteriore dell'insincerità di tutte queste dottrine è richiesta.
1. Cfr. il suo discorso al congresso del partito a Norimberga, 3 settembre 1933, in "Frankfurter Zeltung", 4 settembre 1933, pag. 2.

3. L'aspetto prasseologico del polilogismo. Ideologia nel senso marxista del termine è una dottrina la quale, sebbene errata dal punto di vista della corretta logica proletaria, è utile agli interessi egoistici della classe che l'ha sviluppata. Una ideologia è oggettivamente viziosa, ma essa asseconda gli interessi della classe del pensatore precisamente in ragione della sua viziosità. I marxisti credono di avere provato questo dogma insistendo che la gente non è assetata di conoscenza per conoscere. L'intenzione dello scienziato è di preparare la via al successo dell'azione. Le teorie sono sempre sviluppate in vista di un'applicazione pratica. Non esistono cose come la teoria pura e la ricerca disinteressata della verità. Si può ammettere che ogni sforzo di raggiungere la verità sia motivato dalle considerazioni della sua utilizzazione pratica per il raggiungimento di qualche fine. Ma questo non risponde alla questione del perchè una teoria "ideologica" ― cioè falsa ― dovrebbe rendere servigi migliori di una teoria corretta. Il fatto che l'applicazione pratica di una teoria dia il risultato previsto sulla base della teoria stessa, è universalmente considerato come conferma della sua correttezza. È paradossale asserire che una teoria viziosa è da ogni punto di vista più utile di una teoria corretta. Gli uomini usano armi da fuoco. Per migliorare queste armi essi hanno sviluppato la scienza della balistica. Ma, naturalmente, appunto perchè ansiosi di cacciare e di uccidersi l'un l'altro, una balistica corretta. Una balistica meramente "ideologica" non avrebbe servito. I marxisti ritengono che il lavoro scientifico per la conoscenza pura non sia altro che una "arrogante pretesa" degli scienziati. Così dichiarano che Maxwell fu condotto alla sua teoria delle onde elettromagnetiche dall'attraente affare della telegrafìa senza fili [nota 1]. Non ha importanza, per il problema ideologico, se ciò sia giusto o meno. La questione è se il fatto asserito che l'industrialismo del XIX secolo considerava il telegrafo senza fili "la pietra filosofale e l'elisir di giovinezza" [nota 2] indusse Maxwell a formulare una teoria o una sovrastruttura ideologica degli interessi egoistici di classe della borghesia. Non v'è dubbio che le ricerche batteriologiche fossero istigate non soltanto dal desiderio di combattere le malattie contagiose, ma anche dal desiderio dei produttori di vini e di formaggi di migliorare i loro metodi di produzione. Ma il risultato ottenuto era certamente non "ideologico" in senso marxista.
1. Cfr. Lancelot Hogben, Science for the Citizen, New York, 1938, pagg. 726-728. 2. Ibidem, pag. 726.

Ciò che indusse Marx a inventare la sua dottrina dell'ideologia era il desiderio di minare il prestigio dell'economia. Egli era pienamente consapevole della propria impotenza a refutare le obiezioni sollevate dagli economisti circa la praticabilità degli schemi socialisti. Era così affascinato dal sistema teorico dell'economia classica inglese da credere fermamente nella sua inespugnabilità. Non seppe mai dei dubbi che la teoria classica del valore aveva sollevato nelle menti di studiosi, o, se mai ne ebbe sentore, non ne comprese l'importanza. Le sue teorie economiche sono poco più che una versione riveduta del ricardianesimo. Quando Jevons inaugurò una nuova èra di pensiero economico, la sua carriera come autore di scritti economici era già giunta alla fine; il primo volume di Das Kapital era già stato pubblicato diversi anni prima. La sola reazione di Marx alla teoria marginalista del valore fu di posporre la pubblicazione degli altri volumi del suo trattato principale che furono resi accessibili al pubblico soltanto dopo la sua morte. Sviluppando la dottrina dell'ideologia, Marx mirava esclusivamente alla economia e alla filosofia sociale dell'utilitarismo. Sua unica intenzione era di distruggere la reputazione dei principii economici che era incapace di refutare coi mezzi della logica e del raziocinio. Egli diede alla sua dottrina la forma di una legge universalmente valida per tutte le età storiche delle classi sociali, perchè un'enunciazione applicabile soltanto a un evento storico individuale non potrebbe essere considerata legge. Per le stesse ragioni non limitò la sua validità al pensiero economico soltanto ma incluse ogni branca del sapere. Il servizio che l'economia borghese rese alla borghesia era duplice agli occhi di Marx : l'aiutò dapprima nella sua lotta contro il feudalesimo e il dispotismo regio e poi nella lotta contro la sorgente classe proletaria. Essa fornì una giustificazione razionale e morale per lo sfruttamento capitalistico. Era, se vogliamo usare la nozione sviluppata dopo la morte di Marx, una razionalizzazione delle pretese dei capitalisti [nota 1]. I capitalisti, nel loro inconscio vergognosi della bassa ingordigia che ne determinava la condotta e desiderosi di evitare la disapprovazione sociale, incoraggiarono i loro sicofanti, gli economisti, a proclamare dottrine che potessero riabilitarli nell'opinione del pubblico.
1. Sebbene il termine razionalizzazione sia nuovo, la cosa era nota da molto tempo. Cfr., per esempio, le parole di Benjamin Franklin: "So convenient a thing it is to be a reasonable creature, since it enables one to find or make a reason for every thing one has a mind to do" (Autobiography, New York, 1954, pag. 1).

Ora, il ricorso alla nozione di razionalizzazione fornisce una descrizione psicologica degli incentivi che inducono l'uomo o gli uomini a formulare un teorema o un'intera teoria. Ma esso non asserisce nulla circa

la validità o non validità della teoria proposta. Se non è provato che la teoria in questione è insostenibile, la nozione di razionalizzazione è un'interpretazione psicologica delle cause che indussero i loro autori in errore. Ma se non siamo in grado di trovare errori nella teoria proposta, nessun richiamo al concetto di razionalizzazione può minarne la validità. Se fosse vero che gli economisti non avevano nel loro subconscio nessun disegno all'infuori che la giustificazione delle ingiuste pretese dei capitalisti, le loro teorie sarebbero cionondimeno assolutamente corrette. Non vi è alcun mezzo di smascherare una teoria falsa all'infuori della sua refutazione attraverso il ragionamento discorsivo e la sostituzione a questa di una teoria migliore. Trattando dei teoremi di Pitagora o della teoria dei costi comparati, non siamo interessati ai fattori psicologici che indussero Pitagora e Ricardo a costruire questi teoremi, sebbene queste cose possano essere importanti per lo storico e il biografo. Per la scienza l'unica questione rilevante è se questi teoremi possano reggere o no alla prova di un esame razionale. La base sociale e razziale dei loro autori è fuori questione. È un fatto che la gente perseguendo i propri interessi egoistici tenta di usare dottrine più o meno universalmente accettate dall'opinione pubblica. Inoltre, essa è ansiosa di inventare e propagare dottrine da poter possibilmente usare per secondare i propri interessi. Ma questo non spiega come tali dottrine, favorendo gli interessi di una minoranza e contrariando gli interessi del resto della gente, siano approvate dall'opinione pubblica. Indipendentemente dal fatto che tali dottrine "ideologiche" siano il prodotto di una "falsa coscienza" che forza l'uomo a pensare inconsciamente in una maniera che serve gli interessi della sua classe, o che siano il prodotto di una distorsione intenzionale della verità, esse devono affrontare le ideologie delle altre classi e tentare di soppiantarle. Così sorge la rivalità fra ideologie antagonistiche. I marxisti spiegano la vittoria e la sconfìtta in siffatti conflitti come il risultato dell'interferenza della provvidenza storica. Il Geist, il mitico primo motore, opera secondo un piano definito. Esso conduce l'umanità attraverso vari stadi fino alla finale beatitudine del socialismo. Ogni stadio è il prodotto di un certo stato tecnologico; tutte le sue altre caratteristiche sono la necessaria sovrastruttura ideologica di questo stato tecnologico. Il Geist determina l'uomo a escogitare a tempo debito le idee tecnologiche in modo adeguato allo stadio in cui vive, e a realizzarle. Tutto il resto è un prodotto dello stato della tecnologia. Il molino a braccia ha fatto la società feudale ; quello a vapore il capitalismo [nota 1]. La volontà e la ragione umana svolgono soltanto una funzione subordinata in questi cambiamenti. La legge inesorabile dello sviluppo storico forza gli uomini ― indipendentemente dalla loro volontà ― a pensare e ad agire in conformità degli schemi corrispondenti alla base materiale della loro età. Gli uomini

si ingannano credendo di essere liberi di scegliere tra varie idee e fra ciò che essi chiamano verità ed errore. Essi non pensano ; è la provvidenza storica che si manifesta nei loro pensieri.
1. "Le moulin à bras vous donnera la société avec le souzerain. Le moulin à vapeur, la société avec le capitalisme industrlel" (Marx, Misère de la philosophie, Paris e Bruxelles, 1847, pag. 100).

Questa è una dottrina puramente mistica. La sola prova data a suo sostegno è il ricorso alla dialettica hegeliana. La proprietà capitalistica privata è la prima negazione della proprietà individuale privata. Essa suscita, con l'inesorabilità delle leggi di natura, la sua propria negazione, cioè la proprietà comune dei mezzi di produzione [nota 1]. Tuttavia, una dottrina mistica basata sull'intuizione non perde il suo misticismo riferendosi ad un'altra dottrina non meno mistica. Questo espediente non risponde alla questione, perchè un pensatore debba necessariamente sviluppare un'ideologia secondo gli interessi della sua propria classe. Possiamo ammettere che i pensieri dell'uomo debbano portare a dottrine utili ai suoi interessi. Ma sono gli interessi di un uomo necessariamente identici a quelli di tutta la sua classe? Marx stesso dovette ammettere che l'organizzazione dei proletari in una classe, e conseguentemente in un partito politico, è continuamente disturbata dalla concorrenza tra i lavoratori stessi [nota 2]. È un fatto innegabile che prevale un conflitto inconciliabile di interessi tra quei lavoratori che sono impiegati al saggio salariale del sindacato e quelli che rimangono disoccupati perchè l'obbligo dei saggi salariali impedisce alla domanda e all'offerta di lavoro di trovare il prezzo appropriato di intesa. Non meno vero è che gli interessi dei lavoratori di paesi relativamente sovrapopolati e quelli di paesi relativamente sottopopolati sono antagonistici riguardo alle barriere migratorie. L'affermazione che gli interessi di tutti i proletari richiedono uniformemente la sostituzione del socialismo al capitalismo è un postulato arbitrario di Marx e degli altri socialisti. Essa non può essere provata che con la mera affermazione che l'idea socialista è emanazione del pensiero proletario e quindi certamente vantaggiosa agli interessi del proletariato come tale.
1. Marx, Das Kapital, 7a ed., Hamburg, 1914, pagg. 728-729. 2. Manifesto dei Comunisti, I.

Una interpretazione popolare delle vicissitudini delle politiche del commercio estero britannico, basata sulle idee di Sismondi, Friedrik List, Marx e della scuola storica tedesca è data al modo seguente : nella seconda metà del secolo XVIII e in gran parte del secolo XIX gli interessi

di classe della borghesia britannica richiesero una politica di libero scambio. Quindi la politica economica britannica elaborò una dottrina del libero scambio, e ali industriali britannici organizzarono un movimento popolare che finalmente riuscì a far abolire le tariffe protettive. Successivamente le cose cambiarono. La borghesia britannica non potè più sostenere la concorrenza dell'industria straniera ed ebbe urgente bisogno di tariffe protettive. Conseguentemente gli economisti sostituirono una teoria della protezione alla antiquata ideologia del libero scambio, e la Gran Bretagna ritornò al protezionismo. Il primo errore di questa interpretazione è che essa considera la "borghesia" come una classe omogenea composta da membri i cui interessi sono identici. Un commerciante è sempre nella necessità di adattare la condotta dei suoi affari alle condizioni istituzionali del suo paese. Nel lungo andare egli, nella sua qualità di imprenditore e capitalista, non è nè favorito nè danneggiato da tariffe o assenza di tariffe. Egli si indirizzerà alla produzione di quelle merci che in un dato stato di cose può produrre nella maniera più vantaggiosa. Ciò che può danneggiare o favorire i suoi interessi di breve andare sono soltanto i cambiamenti nell'ambiente istituzionale. Ma tali cambiamenti non interessano allo stesso modo e nella stessa entità le varie branche d'affari e le varie imprese. Una misura vantaggiosa a una branca o a un'impresa può essere svantaggiosa ad altre branche o altre imprese. Ciò che conta per un commerciante è soltanto un limitato numero di voci doganali. E riguardo a queste voci gli interessi delle varie branche ed aziende sono per lo più antagonistici. Non è vero che negli anni della supremazia delle ideologie del libero scambio gli interessi di tutte le branche dell'industria britannica fossero omogenei e potessero essere uniformemente favoriti con l'abbandono del protezionismo. E nemmeno è vero il fatto che le industrie britanniche, essendo allora tecnicamente molto avanti rispetto all'industria del resto del mondo, rendevano innocua la concorrenza straniera. Oggi l'industria americana gode di una superiorità analoga. Gran parte dell'industria americana crede di avere estremo bisogno di protezione contro le industrie arretrate degli altri paesi. Gli interessi di ogni branca o azienda possono essere favoriti da ogni specie di privilegio loro concesso dal governo. Ma se i privilegi sono concessi nella stessa misura alle altre branche ed aziende, ogni commerciante perde ― non soltanto nella sua qualità di consumatore, ma anche nella sua qualità di acquirente di materie prime, di prodotti semilavorati, di macchine e di altro equipaggiamento ― da una parte quanto guadagna dall'altra. Gli interessi egoistici di gruppo possono costringere un uomo a domandare protezione per la propria branca o azienda. Essi non possono mai spingerlo a domandare una protezione universale per tutte le branche o aziende se non è sicuro di essere protetto

in grado maggiore delle altre industrie o imprese. E gli industriali britannici non erano maggiormente inclini alla abolizione delle Corn laws dal punto di vista dei loro interessi di classe di quanto lo fossero gli altri cittadini britannici. I proprietari terrieri si opponevano all'abrogazione di queste leggi, perchè una riduzione dei prezzi dei prodotti agricoli riduceva la rendita della terra. Un interesse di classe speciale degli industriali può essere spiegato soltanto sulla base della legge bronzea dei salari da lungo tempo messa in disparte e sulla non meno insostenibile dottrina che i profitti sono il risultato dello sfruttamento del lavoratore. Entro un mondo organizzato sulla base della divisione del lavoro, ogni cambiamento deve influenzare in un modo o nell'altro gli interessi di breve andare di molti gruppi. È quindi sempre facile considerare ogni dottrina che sostenga un'alterazione delle condizioni esistenti come travestimento "ideologico" degli interessi egoistici di uno speciale gruppo della popolazione. L'occupazione principale di molti autori odierni è tale smascheramento. Non fu Marx ad inventare questo procedimento. Esso era noto molto prima di lui. La sua manifestazione più curiosa fu il tentativo di alcuni scrittori del secolo XVIII di spiegare il credo religioso come un inganno fraudolento da parte dei preti avidi di potere e di ricchezza sia per se stessi che per i loro alleati, gli sfruttatori. I marxisti approvarono questa affermazione, chiamando la religione "oppio per le masse" [nota 1]. I sostenitori di questi principii non si resero mai conto che dove ci sono interessi egoistici in favore devono esserci necessariamente anche interessi egoistici contrari, e che la loro non è una spiegazione soddisfacente degli eventi che favoriscono una classe speciale. La questione cui rispondere è perchè il resto della popolazione i cui interessi sono danneggiati non riesce a frustrare gli sforzi dei favoriti.
1. Il significato che i marxisti contemporanei attribuiscono a questa frase, cioè che la droga religiosa è stata intenzionalmente somministrata al popolo, può essere stato pure il significato di Marx. Ma esso non era implicito nel passaggio in cui ― nel 1843 ― Marx coniava questa frase. Cfr. R. P. Casey, Religion in Russia, New York, 1946, pagg. 67-69.

Tutte le imprese e tutte le branche d'affari sono nel breve andare interessate a un incremento nella vendita dei loro prodotti. Nel lungo andare, tuttavia, prevale la tendenza ad uguagliare i rendimenti delle varie branche di produzione. Se la domanda per i prodotti di una branca aumenta ed accresce i profitti, maggiori capitali fluiscono ad essa e la concorrenza di nuove imprese riduce i profitti. I profitti non sono affatto più alti nella vendita di articoli socialmente utili. Se una certa branca d'affari è fuori legge e quelli in essa impegnati corrono il rischio di essere

perseguiti, penalizzati e imprigionati, il profitto lordo dev'essere abbastanza alto da compensare i rischi inerenti. Ma questo non interferisce con l'altezza del rendimento netto. I ricchi, proprietari di stabilimenti già funzionanti, non hanno nessun particolare interesse di classe a mantenerne la libera concorrenza. Essi si oppongono alla confisca ed alla espropriazione delle loro fortune, ma i loro interessi costituiti sono piuttosto in favore di misure che impediscano ai nuovi venuti di attentare alla loro posizione. Quelli che combattono per la libera impresa e la libera concorrenza non difendono gli interessi di quelli che sono ricchi oggi. Vogliono avere libera mano verso gli uomini sconosciuti che saranno gli imprenditori di domani e la cui ingegnosità renderà più piacevole la vita delle generazioni a venire. Essi vogliono mantenere la via aperta ad ulteriori miglioramenti. Sono gli assertori del progresso. Il successo delle idee liberiste del secolo XIX era influenzato dalle teorie dell'economia classica. Il prestigio di queste idee era così grande che coloro ai quali ledevano interessi egoistici di classe non poterono impedirne l'approvazione da parte dell'opinione pubblica e la realizzazione attraverso misure legislative. Sono le idee che fanno la storia, e non la storia che fa le idee. È inutile discutere coi mistici e coi veggenti. Essi basano le loro asserzioni sull'intuizione e non sono disposti a sottometterle a esame razionale. I marxisti pretendono che la loro voce interiore sia la rivelazione stessa della storia. Se gli altri non odono questa voce, ciò è soltanto una prova che essi non sono gli eletti. È un'insolenza che coloro che brancolano nel buio ardiscano contraddire gli ispirati. La decenza dovrebbe costringerli a ritirarsi in un canto e a star zitti. Tuttavia la scienza non può astenersi dal pensare, sebbene sia ovvio che essa non riuscirà mai a convincere coloro che contestano la supremazia della ragione. La scienza deve mettere in chiaro che il richiamo all'intuizione non può risolvere la questione, quale di diverse dottrine antagonistiche è la giusta e quale l'errata. È un fatto innegabile che il marxismo non è la sola dottrina sostenuta attualmente. Ci sono altre ideologie oltre al marxismo. I marxisti asseriscono che l'applicazione di queste altre dottrine lederebbe gli interessi dei più, ma i sostenitori di queste dottrine dicono precisamente lo stesso riguardo al marxismo. Naturalmente il marxismo considera viziosa una dottrina se lo sfondo dei suoi autori non è proletario. Ma chi è proletario? Il dottor Marx, l'industriale e "sfruttatore" Engels, e Lenin, il rampollo della nobiltà russa, non provenivano certamente da una base proletaria. Ma Hitler e Mussolini erano proletari genuini e passarono la loro gioventù in strettezze. Il conflitto tra bolscevichi e menscevichi o quello tra Stalin e Trotsky non può essere presentato come conflitto di classe. Erano conflitti

tra varie sètte di fanatici che si chiamavano l'un l'altro traditore. L'essenza della filosofia marxista è questa. Noi abbiamo ragione perchè siamo gli assertori della classe proletaria nascente. I ragionamenti verbali non possono invalidare i nostri principi, perchè essi sono ispirati dal supremo potere che determina il destino dell'umanità. I nostri avversari hanno torto perchè essi mancano dell'intuizione che guida le nostre menti. Naturalmente, non è colpa loro se, data la loro affiliazione di classe, non sono attrezzati di una logica genuinamente proletaria e sono accecati da ideologie. Gli imperscrutabili decreti della storia che ci hanno resi eletti hanno dannato loro. Il futuro è nostro.

4. Il polilogismo razziale. Il polilogismo marxista è uno sterile espediente per salvare le insostenibili dottrine del socialismo. Esso tenta di sostituire l'intuizione al raziocinio, richiamandosi alle superstizioni popolari. Ma è precisamente questa attitudine che pone il polilogismo marxista e il suo rampollo, la cosiddetta "sociologia della conoscenza", in inconciliabile antagonismo con la scienza e la ragione. La cosa è differente per il polilogismo dei razzisti. Questo stigma di polilogismo è in accordo con le tendenze empiricistiche attualmente di moda sebbene errate. È un fatto assodato che l'umanità è divisa in varie razze. Le razze differiscono nelle caratteristiche fisiche. I filosofi materialisti asseriscono che i pensieri sono una secrezione del cervello come la bile è secrezione della vescica del fiele. Sarebbe inconsistente per essi rigettare a priori l'ipotesi che la secrezione del pensiero delle varie razze possa differire nelle attività essenziali. Il fatto che l'anatomia non sia riuscita finora a scoprire differenze anatomiche nelle cellule del cervello delle varie razze non può invalidare la dottrina che la struttura logica della mente è differente nelle varie razze. Essa non esclude l'ipotesi che la ricerca successiva possa scoprire siffatte peculiarità anatomiche. Taluni etnologi ci dicono che è errato parlare di civiltà più avanzate e di un'asserita arretratezza delle razze straniere. Le civiltà delle varie razze sono differenti dalla civiltà occidentale dei popoli del ceppo caucasico, ma non sono inferiori. Ogni razza ha la sua mentalità peculiare. È erroneo applicare alle civiltà una misura estratta dalle conquiste delle civiltà di altre razze. Gli occidentali considerano la civiltà della Cina una civiltà che si è arrestata e quella degli abitanti della Nuova Guinea un barbarismo primitivo. Ma i cinesi e i nativi della Nuova Guinea disprezzano la nostra civiltà non meno di quanto noi disprezziamo le loro. Siffatte considerazioni sono giudizi di valore e quindi arbitrarie. Queste

altre razze hanno una differente struttura mentale. Le loro civiltà sono adeguate alla loro mente come la nostra civiltà è adeguata alla nostra mente. Noi siamo incapaci di comprendere che ciò che noi chiamiamo arretratezza non appare tale a loro. Dal punto di vista della loro logica, essa è un metodo migliore del nostro progressismo per arrivare a un aggiustamento soddisfacente a certe condizioni naturali di vita. Questi etnologi hanno ragione di rilevare che non è compito dello storico ― e l'etnologo è pure uno storico ― esprimere giudizi di valore. Ma essi sbagliano completamente sostenendo che queste altre razze sono state guidate nelle loro attività da motivi differenti da quelli che hanno determinato la razza bianca. Gli asiatici e gli africani non meno che i popoli europei sono stati assidui nel lottare con successo per l'esistenza e nell'usare la ragione come arma suprema in questi loro sforzi. Essi hanno cercato di liberarsi dalle bestie da preda e dalle malattie, di prevenire le carestie e di aumentare la produttività del lavoro. Non può esservi dubbio che nel perseguire questi scopi essi siano stati meno fortunati dei bianchi. La prova è che essi sono bramosi di profittare delle conquiste dell'Occidente. Questi etnologi avrebbero ragione se mongoli e africani, tormentati da dolorose malattie, rinunciassero all'aiuto del dottore europeo perchè la loro mentalità e la loro visione del mondo li ha portati a credere che è meglio soffrire che alleviare la pena. Il mahatma Gandhi sconfessò tutta la sua filosofìa quando entrò in un moderno ospedale per essere curato d'appendicite. Gli indiani del Nordamerica non ebbero l'ingegnosità di inventare la ruota. Gli abitatori delle Alpi non erano abbastanza acuti per costruire sci che avrebbero potuto rendere alquanto gradevole la loro vita dura. Tali differenze non sono dovute a mentalità differente da quella delle razze che avevano da tempo immemorabile usato la ruota e gli sci; erano deficienze, anche se giudicate dal punto di vista degli indiani e dei montanari alpini. Tutte queste considerazioni si riferiscono soltanto ai motivi determinanti le azioni concrete, e non al problema che solo è rilevante: se esista o no una differenza nella struttura mentale delle varie razze. È precisamente ciò che asseriscono i razzisti [nota 1].
1. Cfr. L. G. Tirala, Rasse, Geist und Seele, Munchen, 1935, pag. 190 e seguenti.

Possiamo riferirci a ciò che è stato detto nei precedenti capitoli sulle conseguenze fondamentali della struttura logica della mente e dei principi categorici del pensiero e dell'azione. Alcune osservazioni addizionali basteranno a dare il colpo di grazia definitivo al polilogismo razziale e ad ogni altra specie di polilogismo. Le categorie del pensiero e dell'azione umana non sono nè prodotti arbi trari della mente umana nè convenzioni. Esse non sono al di fuori

dell'universo e del corso degli eventi cosmici. Sono fatti biologici ed hanno una funzione definita nella vita e nella realtà. Sono strumento della lotta dell'uomo per l'esistenza e dei suoi sforzi per adattare se stesso il piò possibile allo stato reale dell'universo e rimuovere il disagio nella misura che è in suo potere. Esse sono quindi appropriate alla struttura del mondo esterno e riflettono le proprietà del mondo e della realtà. Esse funzionano e in questo senso sono vere e valide. Conseguentemente è scorretto asserire che la conoscenza interiore aprioristica e il ragionamento puro non informano assolutamente sulla realtà e sulla struttura dell'universo. Le relazioni logiche fondamentali e le categorie del pensiero e dell'azione sono la fonte ultima di tutta la conoscenza umana. Esse sono adeguate alla struttura della realtà, rivelano questa struttura alla mente umana e, in questo senso, sono per l'uomo fatti ontologici fondamentali [nota 1]. Noi non conosciamo affatto ciò che un intelletto superumano può pensare e capire. Per l'uomo ogni cognizione è condizionata dalla struttura logica della sua mente e implicita in questa struttura. Sono precisamente i risultati soddisfacenti delle scienze empiriche e della loro applicazione pratica a provare questa verità. Entro l'orbita in cui l'azione umana è capace di raggiungere i fini cui tende non rimane posto per l'agnosticismo.
1. Cfr. Morris R. Cohen, Reason and Nature, New York, 1931, pagg. 202-205; A Preface to Logic, New York,1944, pagg. 42-44, 54-56, 92, 180-187.

Se vi fossero state razze che avessero sviluppato una differente struttura logica mentale, esse avrebbero fallito l'uso della ragione come aiuto nella lotta per l'esistenza. I soli mezzi per sopravvivere che li avrebbero protetti contro lo sterminio sarebbero state le loro reazioni istintive. La selezione naturale avrebbe eliminato gli esemplari di razze che tentavano di impiegare il ragionamento per determinare il proprio comportamento. Avrebbero potuto sopravvivere soltanto gli individui che si fossero basati solo sugli istinti. Ciò significa che avrebbero avuto probabilità di sopravvivere soltanto quelli che non si fossero levati al di sopra del livello animale. Gli studiosi occidentali hanno ammassato una enorme quantità di materiale relativo alle alte civiltà della Cina e dell'India e alle città primitive degli aborigeni asiatici, americani, australiani ed africani. Si può senz'altro affermare che ciò che vale la pena di essere conosciuto su queste razze è noto. Ma nessun sostenitore del polilogismo ha mai tentato di usare questi dati per una descrizione dell'asserita differenza logica di questi popoli e civiltà.

5. Polilogismo e comprensione. Alcuni sostenitori dei dogmi del marxismo e del razzismo interpretano i principii epistemologici dei loro partiti in una maniera peculiare. Sono pronti ad ammettere che la struttura logica della mente è uniforme per tutte le razze, nazioni e classi. Il marxismo o il razzismo, asseriscono, non ha mai inteso negare questo fatto inopinabile. Ciò che essi realmente vogliono dire è che comprensione storica, empatia estetica e giudizi di valore sono condizionati dall'ambiente umano. È ovvio che questa interpretazione non può essere sostenuta sulla base degli scritti dei difensori del polilogismo. Tuttavia, essa deve essere analizzata come dottrina a sè. Non c'è bisogno di sottolineare ancora che i giudizi di valore dell'uomo e la sua scelta dei fini riflettono le sue caratteristiche fisiche innate e tutte le vicissitudini della sua vita [nota 1]. Ma ne passa dal l'ammettere questo fatto al credere che l'eredità razziale o l'affiliazione di classe determinino in definitiva i giudizi di valore e la scelta dei fini. Le discrepanze fondamentali nella visione del mondo e negli schemi di comportamento non corrispondono alle differenze di razza, nazionalità o classe di affiliazione.
1. Cfr. sopra, pagg. 44-45.

Difficilmente vi è maggiore divergenza nei giudizi di valore che tra gli asceti e coloro che sono avidi di godere allegramente la vita. Un abisso insormontabile separa i monaci e le monache devote dal resto dell'umanità. Ma c'è stata gente dedita agli ideali in tutte le razze, nazioni, classi e caste. Taluni erano figlie e figli di re o di nobili ricchi, altri erano accattoni. San Francesco, Santa Chiara e i loro ardenti seguaci erano nativi italiani, dove gli abitanti non possono essere descritti come stanchi di cose temporali. Il puritanesimo era anglosassone, così pure le lascivie dei britannici sotto i Tudor, gli Stuart e gli Hannover. Il maggior rappresentante dell'ascetismo del secolo XIX fu il conte Leone Tolstoy, un ricco membro della dissoluta aristocrazia russa. Tolstoy vide la quintessenza della filosofia che attaccava impersonata nella Sonata a Kreutzer di Beethoven, il capolavoro del figlio di genitori estremamente poveri. È lo stesso per i valori estetici. Tutte le razze e tutte le nazioni hanno avuto sia un'arte classica che un'arte romantica. Con tutta la loro ardente propaganda, i marxisti non sono riusciti a realizzare un'arte o una letteratura specificamente proletaria. Gli scrittori, i pittori e i musicisti proletari, non hanno creato nuovi stili e non hanno stabilito nuovi valori estetici. Ciò che li caratterizza è soltanto la loro tendenza a

chiamare tutto ciò che detestano "borghese" e tutto ciò che apprezzano "proletario". La comprensione storica tanto dello storico che dell'uomo agente riflette sempre la personalità del suo autore [nota 1]. Ma se lo storico ed il politico sono imbevuti del desiderio di verità, non si lasceranno mai illudere da pregiudizi di partito, ammesso che essi siano efficienti e non inetti. È irrilevante se uno storico o un politico considerano l'interferenza di certi fattori benefica o dannosa. Essi non possono derivare nessun vantaggio dalla sottovalutazione o sopra valutazione della rilevanza di uno dei fattori operanti. Soltanto i sedicenti storici credono grossolanamente di poter servire la loro causa con la distorsione. Le biografìe di Napoleone I e III, di Bismarck, Marx, Gladstone e Disraeli, le personalità più discusse del secolo, sono in ampio disaccordo riguardo ai giudizi di valore; ma esse difficilmente sono in disaccordo nella loro comprensione del ruolo esercitato da questi uomini. Ciò non è meno vero per la comprensione degli uomini di stato. Quale vantaggio potrebbe derivare a un seguace del protestantesimo dal disconoscimento dell'immenso potere e prestigio del cattolicesimo, o ad un liberale dal disconoscimento della rilevanza delle idee socialiste? Per riuscire il politico deve vedere le cose come esse sono ; chiunque asseconda i propri desideri certamente fallirà. I giudizi di rilevanza differiscono dai giudizi di valore in quanto tendono ad apprezzare uno stato di cose non dipendente dall'arbitrio dell'autore. Essi sono influenzati dalla personalità del loro autore, e quindi non possono mai essere unanimemente accettati da tutti. Ma qui dobbiamo porre ancora la domanda : quale vantaggio potrebbe derivare ad una classe da una distorsione "ideologica" della comprensione ?
1. Cfr. sopra, pagg. 55-56.

Come è già stato chiarito, le serie discrepanze che si trovano negli studi storici sono il risultato di deficienze nel campo delle scienze non storiche e non nei vari modi di comprensione. Oggi molti storici e scrittori sono imbevuti del dogma marxista che la realizzazione dei piani socialisti è ad un tempo inevitabile e bene supremo, e che al movimento operaio è commessa la missione storica di realizzare questo compito con la distruzione violenta del sistema capitalista. Muovendo da questo dogma essi considerano naturale che i partiti di "sinistra", gli eletti, nel perseguire le loro politiche debbano ricorrere ad atti di violenza e all'assassinio. Una rivoluzione non può essere condotta con metodi pacifici. Non vale la pena di indulgere su bagatelle come l'uccisione delle quattro figlie dell'ultimo zar, di Leone Trotsky, e di decine di migliaia di russi borghesi e così via. "Non si può

fare un'omelette senza rompere le uova" ; perchè menzionare esplicitamente le uova rotte? Ma, naturalmente, è differente se uno di quelli assaliti tenta di difendersi o persino di contrattaccare. Pochi soltanto menzionano gli atti di sabotaggio, distruzione e violenza commessi dallo scioperante. Ma tutti gli autori si diffondono sui tentativi delle compagnie ferroviarie di proteggere i loro beni e le vite dei loro funzionari e dei loro clienti contro tali violenze. Tali discrepanze non sono dovute nè ai giudizi di valore nè alle deficienze di comprensione. Esse sono il risultato di teorie antagonistiche della evoluzione economica e storica. Se l'affermazione del socialismo è inevitabile e può essere raggiunta soltanto attraverso metodi rivoluzionari, gli assassini commessi dai "progressisti" sono incidenti minori di nessuna importanza. Ma l'autodifesa e i contrattacchi dei "reazionari", i quali potrebbero differire la vittoria finale del socialismo, sono di estrema importanza. Essi sono eventi notevoli, mentre gli atti rivoluzionari sono semplice routine.

6. Il problema della ragione. I razionalisti giudiziosi non pretendono che la ragione umana possa mai rendere l'uomo onnisciente. Sono pienamente consapevoli del fatto che, quantunque la conoscenza possa aumentare, rimarranno sempre cose come dati ultimi, non soggetti ad ulteriore elucidazione. Ma, dicono, fin dove l'uomo è capace di conoscenza, egli deve fidarsi della ragione. Il dato ultimo è l'irrazionale. Il conoscibile è, in quanto già conosciuto, necessariamente razionale. Non c'è un modo irrazionale di conoscenza nè una scienza dell'irrazionalità. Riguardo ai problemi insoluti, varie ipotesi sono permesse, purché esse non contraddicano la logica e i dati incontestati dell'esperienza. Ma sono soltanto ipotesi. Noi non conosciamo ciò che determina le differenze innate nelle abilità umane. La scienza è incapace di spiegare perchè Newton e Mozart fossero pieni di genio creativo e perchè molta gente non lo sia. Ma è senz'altro una risposta insoddisfacente dire che il genio deve la sua grandezza ai suoi antenati od alla sua razza. La questione è precisamente perchè un uomo differisce dai suoi fratelli e dagli altri membri della sua razza. È un po' meno erroneo attribuire le grandi conquiste della razza bianca alla superiorità razziale. Ma questa non è più che una vaga ipotesi, in disaccordo col fatto che le fondamenta della moderna civiltà furono poste dai popoli di altre razze. Noi non possiamo conoscere se in una data

successiva altre razze soppianteranno o no la civiltà occidentale. Tuttavia, tale ipotesi dev'essere apprezzata nel suo merito. Non deve essere condannata a priori perchè i razzisti basano su di essa il loro postulato che vi è un conflitto inconciliabile fra i vari gruppi razziali e che le razze superiori devono soggiogare le inferiori. La legge di associazione di Ricardo ha da lungo tempo refutato questa erronea interpretazione della ineguaglianza degli uomini [nota 1]. Non ha senso combattere l'ipotesi razziale negando fatti ovvi. È vano negare che finora certe razze non hanno contribuito in nulla o pochissimo allo sviluppo della civiltà e possono, in questo senso, essere considerate inferiori.
1. Vedi sotto, pagg. 154-158.

Se qualcuno fosse desideroso di distillare ad ogni costo un grano di verità dai principii marxisti, potrebbe dire che le emozioni influenzano moltissimo il ragionamento dell'uomo. Nessuno si provò mai a negare questo fatto ovvio ed al marxismo non può essere fatto credito di questa scoperta. Ma essa è senza importanza per l'epistemologia. Ci sono molte fonti sia di successo che di errore. È compito della psicologia enumerarle e classificarle. L'invidia è una debolezza diffusa. È certo che molti intellettuali invidiano il più alto reddito dei prosperi commercianti e che i loro sentimenti li spingono verso il socialismo. Essi credono che le autorità di una comunità socialista pagherebbero loro più alti salari di quelli che guadagnano sotto il capitalismo. Ma la prova dell'esistenza di questa invidia non dispensa la scienza dal dovere di fare l'esame più accurato delle dottrine socialiste. Gli scienziati sono tenuti a trattare ogni dottrina come se i suoi sostenitori fossero ispirati da null'altro che da sete di conoscenza. Le varie specie di polilogismo sostituiscono per un esame puramente teorico delle dottrine opposte lo smascheramento delle posizioni e dei motivi dei loro autori. Tale procedura è incompatibile coi principii fondamentali del raziocinio. È povero espediente giudicare una teoria riferendosi al suo fondo storico, allo "spirito del suo tempo", alle condizioni materiali del suo paese di origine, ed alle qualità personali dei suoi autori. Una teoria è soggetta soltanto al tribunale della ragione. Il metro da applicare è sempre il metro della ragione. Una teoria è o corretta o scorretta. Può accadere che lo stato presente della nostra conoscenza non permetta di decidere riguardo alla sua correttezza o scorrettezza. Ma una teoria non può mai essere valida per un borghese o un americano e non valida per un proletario o un cinese. Se i marxisti e i razzisti avessero ragione sarebbe impossibile spiegare perchè quelli che sono al potere sono bramosi di sopprimere teorie dissenzienti e di perseguire i loro sostenitori. Il fatto stesso che vi

siano governi intolleranti e partiti politici intenti a metter fuori legge e a sterminare i dissenzienti, è prova dell'eccellenza della ragione. Non è una prova della correttezza di una dottrina che i suoi avversari usino la polizia, il boia e la folla violenta per combatterla; ma è una prova del fatto che coloro i quali ricorrono all'oppressione violenta, sono nel loro subcosciente convinti della insostenibilità delle loro proprie dottrine. È impossibile dimostrare la validità dei fondamenti a priori della logica e della prasseologia senza riferirsi agli stessi. La ragione è un dato ultimo e non può essere esaminata o messa in dubbio per se stessa. La stessa esistenza della ragione umana è un fatto non razionale. L'unica enunciazione che può essere sostenuta riguardo alla ragione è che essa è il tratto caratteristico che distingue l'uomo dagli animali e ha prodotto tutto ciò che è specificamente umano. A coloro che pretendono che l'uomo sarebbe più felice se rinunciasse all'uso della ragione e tentasse di lasciarsi guidare soltanto dall'intuizione e dagli istinti, nessun'altra risposta può essere data all'infuori di un'analisi della struttura della società umana. Descrivendo la genesi ed il funzionamento della cooperazione sociale, l'economia fornisce tutte le informazioni richieste per una decisione definitiva tra ragione e non ragione. Se l'uomo ritiene di liberarsi dalla supremazia della ragione, deve conoscere ciò che avrà da abbandonare.

CAPITOLO IV

UNA PRIMA ANALISI DELLA CATEGORIA DELL'AZIONE

1. Mezzi e fini. Il risultato cercato da un'azione è detto fine, scopo o mira. Si usano questi termini nella conversazione ordinaria anche per significare fini, scopi o mire mediate; ci sono punti che l'uomo agente vuole raggiungere soltanto perchè crede che raggiungerà il suo fine, scopo o mira ultima superandoli. Rigorosamente parlando, il fine, lo scopo o la mira di un'azione è sempre il sollievo ricercato a un disagio sentito. Mezzo è ciò che serve al raggiungimento di qualsiasi fine, scopo o mira. I mezzi non sono nell'universo dato ; in quest'ultimo esistono soltanto cose. Una cosa diventa mezzo quando la ragione umana pensa di impiegarla per il raggiungimento di taluni fini e l'azione la impiega realmente a questo scopo. L'uomo pensante vede l'utilità delle cose, cioè la loro attitudine a servire i suoi fini, e l'uomo agente le trasforma in mezzi. È di primaria importanza rendersi conto delle parti del mondo esterno che diventano mezzo soltanto attraverso l'operazione della mente umana e dell'azione umana che ne discende. Gli oggetti esterni come tali sono soltanto fenomeni dell'universo fisico e oggetto delle scienze naturali; sono l'intenzione e l'azione umana a trasformarli in mezzi. La prasseologia non tratta del mondo esterno, ma della condotta umana riguardo ad esso. La realtà prasseologica non è l'universo fisico ma la reazione cosciente dell'uomo a un dato stato di questo universo. L'economia non si occupa di cose tangibili e di oggetti materiali ; si occupa degli uomini e delle loro intenzioni e azioni. Beni, mezzi e ricchezza e tutte le altre nozioni non sono elementi della natura; sono elementi dell'intenzione e della condotta umana. Colui che desidera considerarli non deve badare al mondo esterno ; deve ricercare per essi l'intenzione degli uomini agenti. Prasseologia ed economia non trattano dell'intenzione e dell'azione umana come esse dovrebbero o potrebbero essere se tutti gli uomini fossero ispirati da una filosofia assolutamente valida e dotati di una conoscenza tecnologica perfetta. Per nozioni come validità e onniscienza assolute non c'è posto nello schema di una scienza il cui oggetto è l'uomo

fallace. Fine è tutto ciò cui l'uomo tende. Mezzo è tutto ciò che l'uomo agente considera come tale. È compito della tecnologia e della terapeutica scientifica mettere a nudo gli errori nei loro rispettivi campi. È compito dell'economia confutare le dottrine erronee nel campo dell'azione sociale. Ma se gli uomini non seguono il consiglio della scienza, attaccandosi ai loro pregiudizi fallaci, questi errori sono realtà e devono essere trattati come tali. Gli economisti considerano il controllo del commercio estero inappropriato a raggiungere i fini cui tendono coloro che vi ricorrono. Tuttavia, se l'opinione pubblica non abbandona la sua illusione e conseguentemente i governi ricorrono al controllo degli scambi con l'estero, il corso degli eventi è determinato da questa attitudine. La medicina odierna considera favolosa la dottrina degli effetti terapeutici della mandragora. Ma fintantoché la gente prendeva questa favola come verità, la mandragora era un bene economico e prezzi erano pagati per la sua acquisizione. Trattando di prezzi, l'economia non domanda che cosa essi siano agli occhi dell'altra gente, ma soltanto ciò che essi sono nell'intenzione di coloro che li contrattano, perchè tratta di prezzi reali, pagati e ricevuti in transazioni reali, non di prezzi come dovrebbero essere se gli uomini fossero differenti da quello che realmente sono. I mezzi sono necessariamente sempre limitati, cioè scarsi rispetto ai servizi per i quali l'uomo desidera usarli. Se non fosse così, non vi sarebbe nessuna azione riguardo ad essi. Dove l'uomo non è limitato dalla quantità insufficiente delle cose disponibili non v'è bisogno di nessuna azione. È usanza chiamare il fine bene ultimo ed i mezzi beni. Applicando questa terminologia gli economisti solevano pensare più come tecnologi che come prasseologi. Essi distinguevano fra beni liberi e beni economici. Chiamavano beni liberi le cose disponibili in abbondanza superflua, che l'uomo non ha bisogno di economizzare. Tali beni non sono, tuttavia, oggetto di nessuna azione. Sono condizioni generali del benessere umano; parte dell'ambiente naturale in cui l'uomo vive ed agisce. Soltanto i beni economici sono substrato dell'azione. Essi soltanto sono trattati dall'economia. I beni economici per se stessi idonei a soddisfare direttamente i bisogni umani e quelli la cui utilità non dipende dalla cooperazione di altri beni economici, sono chiamati beni di consumo o beni di prim'ordine. I beni che possono soddisfare i bisogni soltanto indirettamente se integrati dalla cooperazione di altri beni sono chiamati beni di produzione o fattori di produzione o beni di ordine remoto o superiore. I servizi resi da un bene di produzione consistono nell'ottenere, con la cooperazione di beni di produzione complementari, un prodotto; questo prodotto può essere un bene di produzione che combinato con altri beni di produzione darà un

bene di consumo. È possibile pensare i beni di produzione disposti in ordine secondo la loro prossimità al bene di consumo per la cui produzione possono essere usati. I beni di produzione che sono piò vicini alla produzione di un bene di consumo sono disposti nel secondo ordine, e analogamente quelli usati per la produzione di beni di secondo ordine, di terzo ordine e così via. Scopo di una disposizione siffatta dei beni in ordini è di fornire una base per la teoria del valore e dei prezzi dei fattori di produzione. Sarà mostrato in seguito come la valutazione e i prezzi dei beni degli ordini superiori dipendono dalla valutazione e dai prezzi dei beni di ordine inferiore prodotti con essi. La valutazione prima e definitiva di una cosa esteriore si riferisce soltanto ai beni di consumo. Tutte le altre cose sono valutate conformemente alla parte che esse prendono nella produzione dei beni di consumo. Non è quindi necessario disporre effettivamente i beni di produzione in vari ordini dal secondo fino all'ennesimo. Non è meno superfluo entrare in discussioni pedanti, se un bene concreto abbia da essere chiamato bene di ordine inferiore o debba invece essere attribuito agli ordini superiori. Non ha nessuna importanza se i chicchi di caffè crudo o tostato o il caffè macinato o il caffè pronto da bere o soltanto il caffè preparato e mischiato con la crema e lo zucchero debba essere chiamato bene di consumo pronto per essere consumato. La maniera di parlare che noi adottiamo è irrilevante. Riguardo al problema della valutazione, tutto ciò che si dice sui beni di consumo può essere applicato a tutti gli altri beni di ordine superiore (eccetto quelli dell'ordine massimo) se li consideriamo come prodotti. Un bene economico non deve essere necessariamente incorporato in una cosa tangibile. I beni economici immateriali sono detti servizi.

2. La scala dei valori. L'uomo agente sceglie fra le varie opportunità offerte. Egli preferisce un'alternativa alle altre. Si usa dire che l'uomo agente ha in mente una scala di desideri o valori quando dispone le sue azioni. Sulla base di tale scala egli soddisfa ciò che è di più alto valore, cioè i suoi bisogni più urgenti, e lascia insoddisfatto ciò che è di minore valore, cioè il bisogno meno urgente. Non vi sono obiezioni a una presentazione siffatta della cosa. Tuttavia, non si deve dimenticare che la scala di valori o desideri si manifesta soltanto nella realtà dell'azione. Queste scale non hanno un'esistenza indipendente dal comportamento effettivo degli individui. L'unica fonte da cui deriva la nostra conoscenza relativamente a queste scale è l'osservazione delle azioni umane. Ogni azione è sempre in perfetto

accordo con la scala di valori o desideri perchè queste scale non sono altro che uno strumento per l'interpretazione dell'azione di un uomo. Le dottrine etiche sono intente a stabilire scale di valori secondo le quali l'uomo dovrebbe agire ma secondo le quali non sempre necessariamente agisce. Esse reclamano a sè la vocazione di sceverare il giusto dall'erroneo e di consigliare l'uomo relativamente a ciò cui dovrebbe tendere come al suo bene supremo. Ci sono discipline normative tendenti alla conoscenza del vero essere. Esse non sono neutrali riguardo ai fatti; li giudicano dal punto di vista di un criterio liberamente adottato. Questa non è l'attitudine della prasseologia e dell'economia. Esse sono pienamente consapevoli del fatto che i fini ultimi dell'azione umana non sono suscettibili di esame attraverso nessun metro assoluto. I fini ultimi sono dati ultimi; sono puramente soggettivi e differiscono da persona a persona e nella stessa persona nei differenti momenti in cui essa vive. Prasseologia ed economia trattano dei mezzi per il raggiungimento di fini scelti dagli individui agenti. Non esprimono nessuna opinione in merito a problemi del tipo se il sibaritismo sia migliore dell'ascetismo. Applicano ai mezzi soltanto una misura, cioè se essi sono o meno adatti a raggiungere i fini cui tendono gli individui agenti. Le nozioni di anormalità e di perversità non hanno quindi posto nell'economia. Essa non dice che un uomo è perverso perchè preferisce ciò che è disgustoso, nocivo e doloroso a ciò che è gradevole, utile e piacevole. Dice soltanto che un uomo è differente da un altro; che preferisce ciò che gli altri detestano : che considera utile ciò che gli altri desiderano evitare ; che prova piacere nel sopportare pene che gli altri evitano perchè sentono male. Le nozioni popolari di anormalità e perversità possono essere usate antropologicamente per distinguere fra coloro che si comportano come fa la maggior parte della gente e coloro che si comportano in modo atipico ; applicate biologicamente per distinguere fra coloro il cui comportamento preserva le forze vitali e coloro il cui comportamento è autodistruttivo ; applicate in senso etico per distinguere tra coloro che si comportano correttamente e coloro che agiscono in modo diverso da come dovrebbero. Tuttavia nello schema di una scienza dell'azione umana non c'è posto per tali distinzioni. Un esame degli scopi ultimi finisce con l'essere puramente soggettivo e quindi arbitrario. Valore è l'importanza che l'uomo agente attribuisce ai fini ultimi. Soltanto ai fini ultimi è assegnato un valore primario e originale. I mezzi sono valutati in modo derivativo, conformemente al contributo che dànno al raggiungimento dei fini ultimi. La loro valutazione è derivata dalla valutazione dei fini rispettivi. Essi sono importanti per l'uomo soltanto in quanto gli rendono possibile il raggiungimento di qualche fine. Il valore non è intrinseco, non è nelle cose. È in noi ; è il modo con

cui l'uomo reagisce alle condizioni del suo ambiente. E nemmeno vi è valore nelle parole e nelle dottrine. Esso è riflesso nella condotta umana. Non è quello che un uomo o un gruppo di uomini dice sul valore ciò che conta, ma come essi agiscono. La gonfia oratoria dei moralisti e la tronfia ostentazione dei programmi di partito sono significativi di questo. Ma esse influenzano il corso degli eventi umani soltanto fin dove determinano realmente le azioni degli uomini.

3. La scala dei bisogni. Nonostante ogni dichiarazione contraria, l'immensa maggioranza degli uomini tende anzitutto a migliorare le proprie condizioni di benessere. Essi desiderano una maggiore e migliore quantità di cibo, abitazione e abiti migliori, e migliaia di altre comodità. Essi mirano all'abbondanza e alla ricchezza. Prendendo questi scopi come dati, la fisiologia applicata tenta di determinare quali mezzi sono più adatti a fornire la maggiore soddisfazione possibile. Essa distingue, da questo punto di vista, tra bisogni "reali" dell'uomo e appetiti spuri e immaginari. Insegna alla gente come dovrebbe agire e i mezzi a cui indirizzarsi. L'importanza di tali dottrine è ovvia. Dal suo punto di vista il fisiologo ha ragione di distinguere tra azione sensata e azione contraria allo scopo. Egli ha ragione di distinguere i metodi di nutrizione giudiziosi dai metodi insani. Può condannare certe maniere di comportamento come assurdamente contrarie ai bisogni <c reali". Tuttavia, tali giudizi sono al di là dell'oggetto di una scienza che tratta la realtà dell'azione umana. Non ciò che l'uomo dovrebbe fare, ma ciò che egli fa, conta per la prasseologia e l'economia. L'igiene può avere ragione o torto chiamando veleni l'alcool e la nicotina. Ma l'economia deve spiegare i prezzi dei liquori e del tabacco come essi sono e non come sarebbero in differenti condizioni. Non c'è posto nel campo dell'economia per una scala di bisogni differenti dalla scala dei valori riflessi nel comportamento effettivo dell'uomo. L'economia tratta dell'uomo reale, debole e soggetto ad errore così com'è, non di esseri ideali, onniscienti e perfetti come soltanto gli dèi potrebbero essere.

4. L'azione come scambio.

L'azione è un tentativo di sostituire uno stato di cose più soddisfacente a uno meno soddisfacente. Chiamiamo scambio un'alterazione così volontariamente indotta. Una condizione meno desiderabile è barattata per una più desiderabile. Ciò che soddisfa meno è abbandonato per ottenere qualcosa che piace di più. Ciò che è abbandonato è detto prezzo pagato per il raggiungimento del fine cercato. Il valore del prezzo pagato è detto costo. I costi sono uguali al valore attribuito alla soddisfazione cui si deve rinunciare per raggiungere il fine al quale si tende. La differenza tra valore del prezzo pagato (costo sostenuto) e quello dello scopo raggiunto è detta guadagno o profitto o utile netto. Il profitto in questo significato primario è puramente soggettivo, e un aumento della felicità dell'uomo agente è un fenomeno psichico che non può essere nè misurato nè pesato. Vi è un più e un meno nella rimozione del disagio sentito; ma di quanto una soddisfazione sorpassi un'altra si può semplicemente sentirlo ; non si può stabilirlo e determinarlo in maniera obiettiva. Un giudizio di valore non misura ; esso dispone in una scala di gradi, gradua. Esprime un ordine di preferenza e sequenza, ma non è espressivo di misura o di peso. Soltanto i numeri ordinali possono essere applicati ad essa, ma non i cardinali. È vano parlare di un calcolo di valori ; il calcolo è possibile soltanto coi numeri cardinali. La differenza tra la valutazione di due stati di cose è interamente psichica e personale. Essa non è suscettibile di nessuna proiezione nel mondo esterno. Può essere sentita solo dagli individui. Non può essere comunicata o impartita a nessun altro uomo. È una grandezza intensiva. La fisiologia e la psicologia hanno sviluppato vari metodi coi quali pretendono di avere raggiunto un sostituto per la misura impossibile delle grandezze intensive. Non vi è bisogno per l'economia di entrare in un esame di questi espedienti piuttosto discutibili. Gli stessi loro sostenitori si rendono conto che non sono applicabili ai giudizi di valore. Ma anche se lo fossero, sarebbero di nessuna portata per i problemi economici. Perchè l'economia tratta dell'azione come tale, e non dei fatti psichici che risultano da azioni definite. Accade spesso che un'azione non raggiunga lo scopo cercato. Talvolta il risultato, sebbene inferiore al fine deliberato, rappresenta pur sempre un miglioramento se comparato allo stato di cose precedente; allora vi è pur sempre un profitto, sebbene più piccolo di quello aspettato. Può accadere che l'azione produca uno stato di cose meno desiderabile dello stato precedente che si intendeva alterare. Allora la differenza tra la valutazione del risultato e i costi sostenuti è detta perdita.

CAPITOLO V

IL TEMPO

1. Il carattere temporale della prasseologia. La nozione di cambiamento implica la nozione di sequenza temporale. Un universo rigido eternamente immutabile sarebbe fuori dal tempo. Ma esso sarebbe morto. I concetti di cambiamento e di tempo sono inseparabilmente legati insieme. L'azione tende al cambiamento e quindi è nell'ordine temporale. L'azione umana è addirittura incapace di concepire le idee di un'esistenza e di un'azione senza tempo. Colui che agisce distingue tra il tempo prima dell'azione, il tempo assorbito dall'azione e il tempo dopo che l'azione è stata compiuta. Non può essere neutrale riguardo al decorrere del tempo. La logica e la matematica trattano di un sistema ideale di pensiero. Le relazioni e implicazioni del loro sistema sono coesistenti e interdipendenti. Possiamo dire anche che esse sono sincrone o che esse sono fuori dal tempo. Una mente perfetta potrebbe afferrarle tutte in un pensiero. L'incapacità umana di farlo rende il pensiero stesso azione, procedendo passo passo da uno stato meno soddisfacente o da una cognizione insufficiente ad uno stato di conoscenza più soddisfacente. Ma l'ordine temporale in cui la conoscenza è acquisita non deve essere confuso con la simultaneità logica di tutte le parti di questo sistema aprioristico deduttivo. Entro questo sistema le nozioni di anteriorità e conseguenza sono soltanto metaforiche. Non si riferiscono al sistema, ma alla nostra azione nell'afferrarlo. Il sistema stesso non implica nè la categoria di tempo nè quella di causalità. C'è una corrispondenza funzionale tra gli elementi, ma non vi è nè causa nè effetto. Ciò che distingue epistemologicamente il sistema prasseologico dal sistema logico è precisamente che esso implica sia le categorie di tempo che di causalità. Il sistema prasseologico puro è aprioristico e deduttivo. Come sistema esso è fuori dal tempo. Ma il cambiamento è uno dei suoi elementi. Le nozioni di prima e dopo, di causa ed effetto sono tra i suoi costituenti. Anteriorità e conseguenza sono essenziali ai concetti del ragionamento prasseologico. Così è l'irreversibilità degli eventi. Nello schema del sistema prasseologico ogni riferimento alla corrispondenza funzionale è non meno metaforico ed erroneo di qualsiasi riferimento

all'anteriorità e alla conseguenza nello schema del sistema logico [nota 1].
1. In un trattato di economia non v'è bisogno di entrare in discussioni sui tentativi di costruire una meccanica come sistema assiomatico in cui il concetto di funzione è sostituito a quello di causa ed effetto. Si mostrerà più tardi che la meccanica assiomatica non può servire come modello di trattazione del sistema economico. Cfr. sotto, pagg. 389-342.

2. Passato, presente e futuro. È l'azione che fornisce all'uomo la nozione di tempo e lo rende consapevole del suo fluire. L'idea di tempo è una categoria prasseologica. L'azione è sempre diretta al futuro ; essa è essenzialmente e necessariamente sempre programmazione e azione per un futuro migliore. Il suo scopo è sempre di rendere le condizioni future più soddisfacenti di quanto sarebbero senza l'interferenza dell'azione. Il disagio che costringe l'uomo ad agire è causato dall'insoddisfazione delle condizioni future attese, come probabilmente si svilupperebbero se non fosse fatto nulla per alterarle. In ogni caso l'azione influenza soltanto il futuro, mai il presente che ad ogni frazione infinitesimale di secondo sprofonda nel passato. L'uomo diventa conscio del tempo quando progetta di convertire uno stato presente meno soddisfacente in uno stato futuro più soddisfacente. Per la meditazione contemplativa il tempo è semplicemente durata, "la durée pure, dont l'écoulement est continu et où l'on passe, par gradations insensibles, d'un état à l'autre : continuité réellement vécue" [nota 1].
1. Henri Bergson, Matière et mémoire, 7a ed., Paris, 1911, pag. 205.

L' "adesso" del presente è continuamente spostato al passato ed è trattenuto soltanto nella memoria. Riflettendo sul passato, dicono i filosofi, l'uomo diventa consapevole del tempo [nota 1]. Tuttavia, non è la memoria che fornisce all'uomo le categorie di cambiamento e di tempo, ma la volontà di migliorare le condizioni della sua vita.
1. Edmund Husserl, Vorlesungen zur Phanomenologie des inneren Zeitbewusstseins, in "Jahrbuch fur Philosophie und Phanomenologlsche Forschung", IX, 1928, pag. 391 e segg.; A. Schutz, loc. cit., pag. 45 e seguenti.

Il tempo che noi misuriamo coi vari strumenti meccanici è sempre passato, e il tempo nel concetto usato dai filosofi è sempre o passato o futuro. Il presente è, da questo contesto, nient'altro che un confine ideale

che separa il passato dal futuro. Ma secondo l'aspetto prasseologico tra il passato e il futuro vi è un presente realmente esistente. L'azione come tale è nei presente reale perchè essa utilizza l'istante e così esprime la sua realtà [nota 1]. La riflessione retrospettiva discerne nell'istante passato anzitutto le azioni e le condizioni che essa ha offerto all'azione. Ciò che non può più essere fatto o consumato perchè l'opportunità per esso è passata distingue il passato dal presente; ciò che può ancora essere fatto e consumato, perchè le condizioni per intraprenderlo o il tempo per la sua maturazione non è ancora venuto, distingue il futuro dal passato. Il presente offre all'azione opportunità e compiti per i quali prima era ancora troppo presto e per i quali dopo sarà troppo tardi.
1. "Ce que j'appelle mon présent, c'est mon attitude vis-à-vis de l'avenir immédiat, c'est mon action imminente", Bergson, op. cit., pag. 152.

Il presente come durata è continuazione delle condizioni e delle opportunità date per l'azione. Ogni specie di azione richiede speciali condizioni alle quali si deve adattare riguardo agli scopi perseguiti. Il concetto di presente è quindi differente per i differenti campi di azione. Esso non ha riferimento alcuno coi diversi metodi di misurazione del tempo passato con movimenti spaziali. Il presente include quanto del tempo passato è ancora attuale, cioè ancora importante per l'azione. Il presente è differente, a seconda delle varie azioni in vista, dal medio evo, dal XIX secolo, dall'anno passato, dal mese o giorno passato ; ma lo è nondimeno dall'ora, dal minuto o dal secondo appena trascorsi. Quando uno dice: oggigiorno Zeus non è più adorato, ha in mente un presente diverso da quello del guidatore di motocarro che pensa: ora è ancora troppo presto per voltare. Essendo il futuro incerto, rimane sempre indeciso e vago quanto di esso possiamo considerare come ora e presente. Se un uomo avesse detto nel 1913: Al presente ― ora ― in Europa la libertà di pensiero è fuori causa, non avrebbe previsto che questo presente sarebbe ben presto passato.

3. L'economizzazione del tempo. L'uomo è soggetto al passare del tempo. Viene al mondo, cresce, invecchia e muore. Il suo tempo è scarso. Deve economizzarlo come fa con gli altri fattori scarsi. L'economizzazione dei tempo ha un carattere particolare causa l'unicità e irreversibilità dell'ordine temporale. L'importanza di questo

fatto si manifesta in ogni parte della teoria dell'azione. Soltanto un fatto dev'essere sottolineato a questo punto. L'economizzazione del tempo è indipendente dalla economizzazione dei beni e dei servizi economici. Anche nel paese della cuccagna l'uomo sarebbe costretto a economizzare il tempo, posto che non fosse immortale e dotato di una giovinezza eterna e di un vigore e una salute indistruttibili. Se anche tutti i suoi appetiti potessero essere soddisfatti immediatamente senza applicazione di lavoro, egli dovrebbe ordinare la sua scheda temporale, poiché vi sono stati di soddisfazione incompatibili che non possono essere consumati al tempo stesso. Anche per quest'uomo il tempo sarebbe scarso e soggetto all'aspetto del prima e del dopo.

4. La relazione temporale fra le azioni. Due azioni di un individuo non sono mai sincrone; la loro relazione temporale è quella di prima e di dopo. Le azioni dei vari individui possono essere considerate sincrone soltanto alla luce dei metodi fisici per la misurazione del tempo. Il sincronismo è nozione prasseologica soltanto riguardo agli sforzi concentrati di vari uomini agenti [nota 1].
1. Per evitare ogni possibile confusione può essere opportuno sottolineare che questo teorema non ha nulla a che vedere col teorema di Einstein concernente la relazione temporale di eventi spazialmente distanti.

Le azioni individuali in un uomo si succedono l'una all'altra. Esse non possono mai essere compiute nello stesso istante; possono soltanto seguire l'una all'altra in una successione più o meno rapida. Ci sono azioni che servono a molti scopi in una volta. Sarebbe erroneo riferirsi ad esse come a una coincidenza di varie azioni. Spesso la gente non conosce il significato del termine "scala di valori" e trascura gli ostacoli che impediscono il sincronismo nelle varie azioni di un individuo. Essa interpreta i vari atti dell'uomo come conseguenza di una scala di valori indipendente da questi atti e precedenti ad essi, stabilita in conformità di un piano che questi tende a realizzare. Scala di valori e piano cui è attribuita durata e immutabilità per un certo periodo di tempo sono ipostatizzati nella causa e nel motivo delle varie azioni individuali. Il sincronismo che non potrebbe essere affermato relativamente ai vari atti è stato facilmente scoperto nella scala di valori e nel piano. Ma ciò trascura il fatto che la scala di valori non è altro che uno strumento artificiale del pensiero, che si manifesta soltanto nell'azione reale e può essere derivata soltanto dall'osservazione

dell'azione reale. È quindi impossibile distinguerla dall'azione reale e usarla come misura di valutazione delle azioni reali. Non meno inammissibile è la differenziazione tra azione razionale e azione cosiddetta irrazionale sulla base di un confronto dell'azione reale con precedenti schemi e piani di azioni future. Può essere molto interessante che gli scopi ieri divisati per l'azione di oggi siano differenti da quelli cui oggi si tende realmente. Ma i piani di ieri non ci forniscono un criterio di valore più obiettivo e meno arbitrario per apprezzare l'azione reale di oggi di altre idee e norme. Il tentativo di pervenire alla nozione di azione non razionale è stato fatto con questo ragionamento : se a è preferito a b e b a c, logicamente a dovrebbe essere preferito a c. Ma se effettivamente c è preferito ad a, noi siamo di fronte ad un modo di azione al quale non possiamo ascrivere consistenza e razionalità [nota 1]. Questo ragionamento trascura il fatto che due atti di un individuo non possono mai essere sincroni. Se un'azione a è preferita a b e un'altra azione b a c, comunque breve possa essere l'intervallo fra due azioni, non è possibile costruire una scala uniforme di valori in cui a preceda b e b preceda c. Non è permesso considerare una terza azione successiva come coincidente con le due azioni precedenti. Tutto ciò che l'esempio prova è che i giudizi di valore non sono immutabili e che quindi una scala di valori derivata da varie azioni di un individuo, necessariamente non sincrone, può essere contraddittoria [nota 2].
1. Cfr. Felix Kaufmann, On the Subject-Matter of Economie Science, in "Economica", XIII, pag. 390. 2. Cfr. Ph. Wicksteed, The Commonsense of Political Economy, ed. Robbins. London, 1933, i, pag. 32 e segg. ; L. Robbins, An Essay on the Nature and Significance of Economic Science, 2a ed., London, 1935, pag. 91 e seguenti.

Non si deve confondere il concetto logico di consistenza (cioè assenza di contraddizione) con quello prasseologico (cioè costanza o aderenza agli stessi principi). La consistenza logica trova posto soltanto nel ragionamento, la costanza trova posto soltanto nell'azione. Costanza e razionalità sono nozioni interamente differenti. Se la valutazione di qualcuno è cambiata, l'indefessa fedeltà ai principii di azione sposati una volta semplicemente per una ragione di costanza non sarebbe razionale ma semplicemente caparbia. Soltanto per un aspetto l'azione può essere costante : preferendo ciò che vale di più a ciò che vale di meno. Se le valutazioni cambiano l'azione deve pure cambiare. La fedeltà, in mutate condizioni, a un vecchio piano, non avrebbe senso. Un sistema logico dev'essere costante e libero da contraddizioni perchè implica la coesistenza di tutte le sue parti e di tutti i suoi teoremi. Nell'azione, che è necessariamente nell'ordine temporale, non può esservi

dubbio su questa consistenza. L'azione dev'essere adatta allo scopo e il perseguimento dello scopo richiede di adattarsi alle mutevoli condizioni. La presenza di spirito è considerata virtù nell'uomo agente. Un uomo ha presenza di spirito se ha l'abilità di pensare e di adattare la sua azione tanto rapidamente che l'intervallo fra l'emergenza delle nuove condizioni e l'adattamento delle sue azioni ad esse diventi il più breve possibile. Se la costanza è intesa come fedeltà al piano designato una volta senza tener conto dei cambiamenti nelle condizioni, allora presenza di spirito e reazione immediata sono assolutamente l'opposto della costanza. Quando lo speculatore va in borsa, può tracciare un piano definito per le sue operazioni. Aderisca o no a questo piano, le sue azioni sono razionali anche nel senso attribuito al termine "razionale" da coloro che distinguono l'azione razionale dall'irrazionale. Questo speculatore nel corso della giornata, può impegnarsi in transazioni che un osservatore il quale non tenga conto dei cambiamenti avvenuti nelle condizioni del mercato non sarebbe capace di interpretare come il risultato di un comportamento costante. Ma lo speculatore è fermo nelle sue intenzioni di realizzare profitti ed evitare perdite. In conformità egli deve adattare la sua condotta ai cambiamenti delle condizioni di mercato e il suo giudizio allo sviluppo futuro dei prezzi [nota 1].
1. Anche i piani, naturalmente, possono essere contraddittori. Talvolta le loro contraddizioni possono essere l'effetto di giudizi sbagliati. Ma talvolta tali contraddizioni possono essere intenzionali e servire a scopi definiti. Se, per esempio, un programma propagandato di governo o di partito politico promette alti prezzi ai produttori e al tempo stesso bassi prezzi ai consumatori, lo scopo di tale assunzione di fini incompatibili può esser demagogico. Allora il programma, il piano propagandato, è contraddittorio. Ma il piano dei suoi autori che desideravano raggiungere un fine definito sottoscrivendo fini incompatibili e dando loro pubblicità è indenne da contraddizione.

Comunque si mettano le cose, non si riuscirà mai a formulare la nozione di "azione irrazionale" la cui "irrazionalità" non sia fondata su un giudizio arbitrario di valore. Supponiamo che qualcuno abbia scelto di agire incostantemente per nessun altro scopo che quello di rifiutare l'affermazione prasseologica che non vi è azione irrazionale. Ciò che accade qui è che un uomo tende ad uno scopo peculiare, cioè la refutazione di un teorema prasseologico, e che, in conformità, agisce in modo differente da ciò che diversamente avrebbe fatto. Egli ha scelto un mezzo inadatto per la refutazione della prasseologia, questo è tutto.

CAPITOLO VI

L'INCERTEZZA

1. Incertezza e azione. L'incertezza del futuro è già implicita nella nozione stessa di azione. Che un uomo agisca e che il futuro sia incerto non sono affatto due argomenti indipendenti. Sono soltanto due differenti modi di significare la stessa cosa. Possiamo assumere che il risultato di tutti gli eventi e di tutti i cambiamenti sia determinato unicamente dalle leggi eterne e immutabili che governano il divenire e lo sviluppo di tutto l'universo. Possiamo considerare la connessione e l'interdipendenza necessaria di tutti i fenomeni, cioè la loro concatenazione causale, come il fatto ultimo e fondamentale. Possiamo respingere interamente la nozione di evento fortuito. Ma comunque possa essere o apparire alla mente di una perfetta intelligenza, rimane il fatto che all'uomo agente il futuro è sconosciuto. Se l'uomo conoscesse il futuro, non avrebbe bisogno di scegliere e non agirebbe. Sarebbe simile a un automa, reagente a stimoli senza volontà propria. Taluni filosofi sono propensi a spiegare la nozione di una volontà umana fallace perchè l'uomo deve inconsapevolmente comportarsi secondo le inviolabili leggi della causalità. Essi possono avere ragione o torto dal punto di vista del primo motore o della causa stessa. Tuttavia, dal punto di vista umano, l'azione è la cosa ultima. Noi non asseriamo che l'uomo è "libero" di scegliere e di agire. Semplicemente accertiamo il fatto che egli sceglie e agisce e che non siamo in grado di usare i metodi delle scienze naturali per rispondere alla questione, perchè agisce in questo modo e non diversamente. La scienza naturale non rende il futuro predicibile. Essa rende possibile predire i risultati ottenibili da azioni definite. Ma non ha potere di predizione in due sfere : quella dei fenomeni naturali non sufficientemente noti e quella degli atti della scelta umana. La nostra ignoranza riguardo a queste due sfere colora tutte le azioni umane di incertezza. La certezza apodittica è soltanto nell'orbita del sistema deduttivo della teoria aprioristica. Il massimo che può essere raggiunto riguardo alla realtà è la probabilità.

Non è compito della prasseologia investigare se sia possibile oppure no considerare come certi taluni teoremi delle scienze naturali empiriche. Questo problema è senza importanza pratica per le considerazioni prasseologiche. Ad ogni modo i teoremi della fisica e della chimica hanno un grado di probabilità così alto che siamo autorizzati a considerarli certi per tutti gli scopi pratici. Praticamente possiamo predire il funzionamento di una macchina costruita secondo le regole della tecnologia scientifica. Ma la costruzione di una macchina è soltanto una parte di un vasto programma che tende a provvedere i consumatori dei prodotti della macchina. Se questo sia oppure no anche il piano più appropriato, dipende dallo sviluppo delle condizioni future che al tempo dell'elaborazione del piano non possono essere previste con certezza. Così il grado di certezza riguardo al risultato tecnologico della costruzione della macchina, qualunque possa essere, non rimuove l'incertezza inerente all'azione complessiva. I bisogni e le valutazioni future, la reazione dell'uomo ai cambiamenti delle condizioni, la futura conoscenza scientifica e tecnologica, le ideologie e le politiche non possono mai essere anticipate che con un grado maggiore o minore di probabilità. Ogni azione si riferisce a un futuro incognito. In questo senso è sempre una speculazione rischiosa. I problemi della verità e della certezza concernono la teoria generale della conoscenza umana. Il problema della probabilità, d'altra parte, è una delle principali cure della, prasseologia.

2. Il significato di probabilità. La trattazione della probabilità è stata confusa dai matematici. Dall'inizio ci fu ambiguità nel trattare il calcolo di probabilità. Quando il Cavaliere di Méré consultò Pascal sui problemi inerenti al gioco dei dadi, il grande matematico avrebbe dovuto dire francamente la verità al suo amico, e cioè che la matematica non può essere di nessun aiuto al giocatore in un gioco di puro azzardo. Invece egli dette la sua risposta nel linguaggio simbolico della matematica. Ciò che poteva essere facilmente esposto in poche sequenze nel linguaggio volgare, fu espresso in una terminologia non familiare all'immensa maggioranza e quindi guardato con timore reverenziale. La gente sospettò che le formule enigmatiche contenessero qualche importante rivelazione, nascosta ai non iniziati. Essa ebbe l'impressione che un metodo scientifico del gioco esistesse e che l'insegnamento esoterico della matematica fornisse la chiave per guadagnare. Il celestiale e mistico Pascal, inintenzionalmente, divenne il santo patrono del gioco. I manuali del calcolo delle probabilità fanno

propaganda gratuita alle case da gioco, perchè essi sono libri inaccessibili al profano. Non minore danno era diffuso negli equivoci del calcolo delle probabilità nel campo della ricerca scientifica. La storia di ogni branca del sapere offre esempi di cattiva applicazione del calcolo delle probabilità, che, come osservò John Stuart Mill, fece di esso "il vero obbrobrio della matematica" [nota 1].
1. John Stuart Mill, A System of Logic Ratiocinative and Inductive, ristampa. London, 1936, pag. 353.

Taluni dei peggiori errori si sono manifestati ai giorni nostri nell'interpretazione dei metodi della fisica. Il problema dell'inferenza probabile è molto più imponente dei problemi che costituiscono il campo del calcolo di probabilità. Solo che la preoccupazione della trattazione matematica potrebbe ingenerare il pregiudizio che probabilità significhi sempre frequenza. Un errore ulteriore ha confuso il problema della probabilità col problema del ragionamento induttivo applicato dalle scienze naturali. Il tentativo di sostituire una teoria universale della probabilità alla teoria della causalità caratterizza un fallito modo di filosofare, molto alla moda soltanto pochi anni fa. Una enunciazione è probabile se la nostra conoscenza relativamente al suo contenuto è deficiente. Noi non conosciamo tutto ciò che sarebbe richiesto per una decisione definita tra il vero e il non vero. Ma, d'altra parte, conosciamo qualcosa su ciò ; siamo in grado di dire qualcosa di più che non liquet o ignoramus. Ci sono due casi completamente differenti di probabilità; possiamo chiamarli probabilità di classe (o probabilità di frequenza) e probabilità casuale (o comprensione specifica delle scienze dell'azione umana). Il campo di applicazione della prima è il campo delle scienze naturali, interamente governato dalla causalità ; il campo di applicazione della seconda è il campo delle scienze dell'azione umana, interamente governato dalla teleologia.

3. La probabilità di classe. Probabilità di classe significa: noi conosciamo o supponiamo di conoscere, riguardo al problema considerato, ogni cosa sul comportamento di un'intera classe di eventi o di fenomeni; ma sugli eventi e sui fenomeni singoli effettivi non sappiano nulla all'infuori che essi sono elementi di

questa classe. Conosciamo, per esempio, che ci sono 90 biglietti in una lotteria e che 5 di essi saranno estratti. Così noi conosciamo tutto sul comportamento dell'intera classe di biglietti. Ma riguardo ai biglietti singoli non sappiamo nient'altro all'infuori che essi sono elementi di questa classe di biglietti. Abbiamo una completa tavola di mortalità per un periodo definito del passato in un'area definita. Se assumiamo che riguardo alla mortalità non si verificherà nessun cambiamento, possiamo dire di conoscere tutto sulla mortalità dell'intera popolazione in questione. Ma riguardo alla sopravvivenza degli individui, sappiamo solo che essi sono membri di questa classe. Per questa difettosa conoscenza il calcolo della probabilità fornisce una presentazione nei simboli della terminologia matematica. Esso non allarga nè approfondisce nè integra la nostra conoscenza. La traduce nel linguaggio matematico. I suoi calcoli ripetono in formule algebriche ciò che conoscevamo in precedenza. Essi non conducono a risultati che ci possano dire qualcosa sugli eventi singoli effettivi. E, naturalmente, non aggiungono nulla alla nostra conoscenza concernente il comportamento dell'intera classe, poiché questa conoscenza era già perfetta ― o considerata perfetta ― al momento di prendere in considerazione la cosa. È grave errore credere che il calcolo di probabilità fornisca al giocatore un'informazione che potrebbe rimuovere o diminuire i rischi del gioco. Esso è, al contrario, un ragionamento fallace, assolutamente inutile al giocatore, come ogni altro modo di ragionamento logico o matematico. Tratto caratteristico del gioco è che esso considera l'incognito, la probabilità pura. Le speranze di successo del giocatore non sono basate su considerazioni sostanziali. Il giocatore non superstizioso pensa : "C'è una lieve probabilità [o, in altre parole: "Non è impossibile"] che io possa vincere; sono pronto a puntare la posta richiesta. Conosco benissimo che, puntando, mi comporto come un pazzo. Ma i più grandi pazzi hanno la maggiore fortuna. Ad ogni modo !". Il ragionamento freddo mostra al giocatore che egli non aumenta le sue probabilità comprando due biglietti invece di uno di una lotteria in cui l'ammontare totale delle vincite è minore del ricavato della vendita di tutti i biglietti. Se egli acquistasse tutti i biglietti, perderebbe certamente una parte della sua spendita. Inoltre, ogni cliente di lotteria è fermamente convinto sia meglio comprare più biglietti che meno. Gli habitués dei casinos e delle macchine a gettoni non la smettono mai. Essi non pensano minimamente al fatto che, essendo generalmente la probabilità di vincita a vantaggio di chi tiene banco, il risultato sarà certamente una perdita per essi più a lungo continueranno a giocare. L'allettamento del gioco consiste precisamente nella sua imprevedibilità e nelle sue avventurose vicissitudini.

Poniamo che 10 biglietti, ognuno portante il nome di un uomo differente, siano messi in una scatola. Un biglietto venga estratto e l'uomo il cui nome appare su di esso sia tenuto a pagare 100 dollari. In tal caso un assicuratore può promettere di indennizzare completamente il perdente se è in condizione di assicurare ad ognuno dei 10 un premio di 10 dollari. Egli raccoglierà 100 dollari ed avrà da pagare lo stesso ammontare ad uno dei 10. Se però dovesse assicurarne uno soltanto al saggio fissato dal calcolo, egli non si metterebbe in un affare di assicurazione, ma di gioco. Si sostituirebbe all'assicurato. Incasserebbe i 10 dollari e avrebbe la probabilità di tenerli o di perderli insieme ad altri 90 dollari. Se un uomo promette di pagare alla sua morte ad un altro uomo una somma definita e impegna per questa promessa un ammontare adeguato alla speranza di sopravvivenza determinato dal calcolo della probabilità, egli non è un assicuratore ma un giocatore. L'assicurazione, sia condotta secondo i principii commerciali che secondo il principio della mutualità, richiede l'assicurazione di un'intera classe o di ciò che può essere ragionevolmente considerato come tale. La sua idea base è l'ammontare e la distribuzione dei rischi, non il calcolo di probabilità. Le operazioni matematiche da essa richieste sono le 4 operazioni elementari dell'aritmetica. Il calcolo di probabilità ha un ruolo semplicemente di secondo piano. Questo è provato dal fatto che l'eliminazione del rischio con la messa in comune può essere influenzata anche senza fare ricorso a metodi attuariali. Ognuno la pratica nella sua vita quotidiana. Ogni commerciante include nella sua contabilità normale la compensazione per perdite che normalmente avvengono nella condotta degli affari. "Regolarmente", in questo contesto, significa : L'ammontare di queste perdite è conosciuto per quanto riguarda l'intera classe dei vari componenti. Il commerciante di frutta può conoscere, per esempio, che una mela su 50 marcirà nel suo stock; ma non conosce a quale mela singola questo accadrà. Egli tratta queste perdite come ogni altra voce nella posta dei costi. La definizione dell'essenza della probabilità di classe come data sopra è la sola logicamente soddisfacente. Essa evita la grossolana circolarità implicita in tutte le definizioni che si riferiscono alla equiprobabilità degli eventi possibili. Affermando che non conosciamo nulla sugli eventi singoli effettivi eccetto che essi sono elementi di una classe il cui comportamento è completamente sconosciuto, questo circolo vizioso è eliminato. Inoltre, è superfluo aggiungere una condizione ulteriore detta assenza di ogni regolarità nella sequenza degli eventi singoli. Tratto caratteristico dell'assicurazione è che essa considera intere classi di eventi. Poiché pretendiamo di conoscere tutto sul comportamento di una intera classe, non sembra vi siano rischi specifici impliciti alla

condotta degli affari. E nemmeno vi è rischio specifico nell'affare del tenutario di una bisca oppure nell'impresa di una lotteria. Dal punto di vista dell'impresa di una lotteria il risultato è prevedibile, ammesso che tutti i biglietti siano stati venduti. Se qualche biglietto rimane invenduto, riguardo ad essi, l'imprenditore è nella stessa posizione di tutti i compratori di un biglietto riguardo ai biglietti che essi hanno comprato.

4. La probabilità casuale. Probabilità casuale significa : Conosciamo, riguardo a un evento particolare, alcuni dei fattori che ne determinano il risultato ; ma ci sono altri fattori determinanti dei quali non conosciamo nulla. La probabilità casuale non ha nulla in comune con la probabilità di classe, all'infuori dell'incompletezza della nostra conoscenza. In ogni altro aspetto le due sono completamente differenti. Ci sono, naturalmente, molti casi in cui gli uomini tentano di prevedere un evento futuro particolare sulla base della loro conoscenza del comportamento di classe. Un dottore può determinare le probabilità di una guarigione completa del suo paziente se conosce che il 70% di quelli afflitti dalla stessa malattia guariscono. Se esprime il suo giudizio correttamente, non dirà niente più che la probabilità di guarire è lo 0,7, cioè, che su 10 pazienti non ne muoiono in media più di 3. Tutte le predizioni sugli eventi esterni, cioè eventi nel campo delle scienze naturali, sono di questo carattere. Esse infatti non anticipano il risultato del caso in questione, ma si pronunciano sulla frequenza dei vari risultati possibili. Sono basate o sull'informazione statistica o semplicemente su una stima grossolana della frequenza derivata da un'esperienza non statistica. Relativamente a questi tipi di enunciazioni probabilistiche, non ci troviamo di fronte alla probabilità casuale. Infatti non conosciamo nulla del caso in questione eccetto che esso è il caso di una classe, il comportamento della quale conosciamo o pensiamo di conoscere. Il chirurgo dice al paziente che intende sottomettersi ad un'operazione che il 30 % delle persone che la subiscono muoiono. Se il paziente domanda se questo numero di morti è già completo, egli intende male il senso dell'affermazione del dottore. Egli è preda all'errore noto come "sofisma del giocatore". Come il giocatore di roulette che conclude da un giro di 10 rossi successivi che la probabilità che nel prossimo turno siano neri è ora maggiore di quanto era al primo giro, confonde la probabilità casuale con la probabilità di classe.

Tutte le prognosi mediche, se basate soltanto sulla conoscenza fisiologica, trattano della probabilità di classe. Un dottore il quale sente che un uomo da lui conosciuto è stato colpito da una malattia definita, sulla base della sua generale esperienza medica dirà : Le sue probabilità di guarire sono 7 su 3. Se il dottore stesso cura il paziente, può avere una differente opinione. Il paziente è un uomo giovane e vigoroso; egli era in buone condizioni prima di essere colpito dalla malattia. In tal caso, il dottore può pensare che le cifre di mortalità siano più basse; le probabilità per il suo paziente non sono 7:3 ma 9:1. Il procedimento logico rimane lo stesso, sebbene possa non essere basato su una raccolta di dati statistici, ma semplicemente su un riassunto più o meno esatto dell'esperienza del dottore in casi precedenti. Ciò che il dottore conosce è sempre soltanto il comportamento di classi. Nel nostro caso la classe è una classe di giovani vigorosi colpita dalla malattia in questione. La probabilità casuale è una caratteristica particolare del nostro modo di trattare i problemi dell'azione umana. Qui ogni riferimento alla frequenza è inappropriato, poiché le nostre affermazioni trattano sempre di eventi unici, i quali, come tali ― cioè riguardo al problema in questione ― non sono membri di nessuna classe. Noi possiamo formare una classe di "elezioni presidenziali americane". Questo concetto di classe può dimostrarsi utile o addirittura necessario per varie specie di azioni, come per esempio per trattare la materia dal punto di vista della legge costituzionale. Ma se consideriamo le elezioni del 1944 ― sia prima dell'elezione, rispetto al suo risultato futuro o, dopo l'elezione, con una analisi dei fattori che ne hanno determinato il risultato ― siamo alle prese con un caso individuale unico e irripetibile. Il caso è caratterizzato dai suoi meriti unici, è una classe per se stesso. Le caratteristiche che rendono possibile la sua assunzione in qualche classe sono irrilevanti per il problema in questione. Due squadre di football, i blu e i gialli, giocheranno domani. In passato i blu hanno sempre sconfitto i gialli. Questa conoscenza non è conoscenza su una classe di eventi. Se dovessimo considerarla come tale, dovremmo concludere che i blu sono sempre vittoriosi e i gialli sempre sconfitti. Non avremmo incertezze riguardo al risultato del gioco. Conosceremmo per certo che i blu vinceranno sempre. Il mero fatto di considerare la nostra previsione sul gioco di domani come l'unica probabile mostra che non argomentiamo in questo modo. D'altra parte, crediamo che il fatto che i blu siano stati vittoriosi nel passato non sia irrilevante rispetto al risultato del gioco di domani. Lo consideriamo come una prognosi favorevole al ripetersi del successo dei blu. Se dovessimo argomentare correttamente, secondo un ragionamento appropriato alla probabilità di classe, non dovremmo attribuire nessuna importanza a questo fatto. Se non resistessimo all'erronea conclusione del

"sofisma del giocatore", dovremmo, al contrario, argomentare che il gioco di domani registrerà un successo per i gialli. Se arrischiassimo un po' di moneta sulla probabilità della vittoria di una squadra, i giuristi qualificherebbero la nostra azione come scommessa. La chiamerebbero gioco se essa prendesse in considerazione la probabilità di classe. Ogni cosa che al di fuori del campo della probabilità di classe è comunemente implicita nel termine probabilità si riferisce al modo peculiare di ragionamento implicito nel trattamento della unicità o individualità storica, la comprensione specifica delle scienze storiche. La comprensione è sempre basata su una conoscenza incompleta. Possiamo conoscere i motivi dell'uomo agente, i fini cui tende, i mezzi che progetta di applicare per l'ottenimento di questi fini. Abbiamo un'opinione definita riguardo agli effetti attesi dall'azione di questi fattori. Ma questa conoscenza è difettosa. Non possiamo escludere a priori la possibilità di avere errato nell'apprezzare la loro influenza o di avere mancato di considerare alcuni fattori la cui interferenza non è stata affatto prevista, o non lo è stata in modo corretto. Gioco, ingegneria e speculazione sono tre modi differenti di trattare il futuro. Il giocatore non conosce nulla dell'evento dal quale dipende il risultato del suo gioco. Tutto quello che conosce è la frequenza del risultato favorevole di una serie di tali eventi, conoscenza inutile per i suoi scopi. Egli confida nella buona fortuna, cioè soltanto nel suo piano. La vita stessa è esposta a molti rischi. Ad ogni momento è minacciata da accidenti disastrosi che non possono essere controllati, o almeno non lo possono in modo sufficiente. Ogni uomo fida nella buona fortuna. Conta di non essere colpito dal fulmine o di non essere morso dalla vipera. C'è un elemento di gioco nella vita umana. L'uomo può rimuovere alcune delle conseguenze crematistiche di tali disastri e accidenti acquistando polizze di assicurazione. Facendo ciò fida nelle probabilità contrarie. Da parte dell'assicurato l'assicurazione è gioco. Il suo premio sarebbe pagato invano se il disastro non si verificasse [nota 1]. Riguardo agli eventi naturali incontrollabili l'uomo è sempre nella posizione di un giocatore.
1. Nell'assicurazione sulla vita la posta dell'assicurato spesa invano consiste soltanto nella differenza fra l'ammontare incassato e quello che avrebbe potuto accumulare col risparmio.

L'ingegnere, d'altra parte, conosce ogni cosa necessaria per una soluzione tecnologicamente soddisfacente del suo problema, la costruzione di una macchina. Dove gli è lasciato di controllare qualche margine di

incertezza, egli tenta di eliminarlo ricorrendo ai margini di sicurezza. L'ingegnere conosce soltanto problemi solubili e problemi che non possono essere risolti allo stato presente della conoscenza. Talvolta egli può scoprire dall'esperienza avversa che la sua conoscenza era meno completa di quanto aveva supposto e che non aveva riconosciuto la indeterminatezza di talune conseguenze che pensava di essere in grado di controllare. Allora tenterà di rendere la sua conoscenza più completa. Naturalmente non potrà mai eliminare completamente gli elementi di gioco presenti nella vita umana. Ma è suo principio di agire soltanto entro un'orbita di certezza e di tendere al completo controllo degli elementi della sua azione. È normale oggigiorno parlare di "ingegneria sociale". Come la pianificazione, questo termine è sinonimo di dittatura e di tirannia totalitaria. L'idea è di trattare gli esseri umani allo stesso modo in cui l'ingegnere tratta la materia con la quale costruisce ponti, strade e macchine. La volontà dell'ingegnere sociale è di essere sostituito alla volontà delle varie persone che progetta di usare per la costruzione della sua utopia. L'umanità dev'essere divisa in due classi : il dittatore onnipotente da un lato, e i sudditi ridotti allo stato di mere pedine nei suoi piani e a denti di un ingranaggio d'altro lato. Se ciò fosse fattibile, l'ingegnere sociale non avrebbe da preoccuparsi della comprensione delle azioni dell'altra gente. Sarebbe libero di trattarla con la stessa tecnologia con la quale tratta il legno e il ferro. Nel mondo reale l'uomo agente è di fronte al fatto che i suoi simili agiscono per conto proprio come egli stesso agisce. La necessità di adattare le sue azioni alle azioni dell'altra gente fa di lui uno speculatore il cui successo o insuccesso dipendono dalla sua maggiore o minore abilità di comprendere il futuro. Ogni investimento è una forma di speculazione. Nel corso degli eventi umani non vi è stabilità e conseguentemente non vi è sicurezza.

5. La valutazione numerica della probabilità casuale. La probabilità casuale non è soggetta a nessuna specie di valutazione numerica. Ciò che è comunemente considerato come tale presenta, se esaminato più da vicino, un carattere differente. Alla vigilia delle elezioni presidenziali del 1944, la gente avrebbe detto : a) sono pronta a scommettere tre dollari contro uno che Roosevelt sarà eletto ; b) scommetto che fra tutti gli elettori 45 milioni eserciteranno il loro

suffragio, 25 milioni dei quali voteranno per Roosevelt ; c) stimo le probabilità di Roosevelt 9 contro 1 ; d) sono certo che Roosevelt sarà eletto. L'affermazione d) è ovviamente inesatta. Se richiesto sotto giuramento di testimoniare se fosse altrettanto certo della futura vittoria di Roosevelt come del fatto che un blocco di ghiaccio si scioglierà se esposto alla temperatura di 150°, uno avrebbe risposto no. Egli avrebbe rettificato la sua affermazione dichiarando : Personalmente sono pienamente convinto che Roosevelt riuscirà. Questa è la mia opinione. Ma, naturalmente, non è certezza ma soltanto il modo col quale io comprendo le condizioni implicate. L'affermazione a) è simile. Quest'uomo credeva di rischiare pochissimo facendo questa scommessa. La relazione 3 : 1 non asserisce nulla sulle probabilità dei candidati. Essa è il risultato del gioco intrecciato di due fattori: l'opinione che Roosevelt sarà eletto e la propensione dell'uomo a scommettere. L'affermazione b) è una valutazione del risultato degli eventi incombenti. Le sue cifre non si riferiscono a un maggiore o minor grado di probabilità, ma al risultato atteso della votazione. Tale affermazione può essere basata sulla investigazione sistematica, come l'inchiesta Gallup, o semplicemente su delle stime. È differente invece per l'affermazione c). Questa è una proposizione sul risultato atteso enunciata in termini aritmetici. Non significa certamente nulla che su 10 casi dello stesso tipo 9 siano favorevoli a Roosevelt ed uno sfavorevole. Essa non ha nessun riferimento alla probabilità di classe. Ma che cos'altro può significare? È un'espressione metaforica. La maggior parte delle metafore usate nella conversazione quotidiana identificano in modo immaginario un oggetto astratto con un altro oggetto che può essere percepito direttamente dai sensi. Ma non è una caratteristica necessaria del linguaggio metaforico, sibbene pura conseguenza del fatto che il concreto ci è di regola più familiare dell'astratto. Poiché le metafore tendono a spiegare qualcosa non ben noto comparandolo a qualcosa di meglio conosciuto, esse consistono per la maggior parte nell'identificazione di qualcosa di astratto con qualcosa di concreto meglio conosciuto. La caratteristica specifica del nostro caso è un tentativo di elucidare il complicato stato di cose ricorrendo ad una analogia presentata da una branca dell'alta matematica, il calcolo di probabilità. E per di più questa disciplina matematica è più popolare che l'analisi della natura epistemologica della comprensione. Non ha senso applicare il metro della logica alla critica del linguaggio metaforico. Analogie e metafore sono sempre difettose e logicamente insoddisfacenti. É usuale cercare ciò che sottostà al tertium

comparationis. Ma anche questo non è ammissibile rispetto alla metafora della quale trattiamo. Perchè la comparazione è basata su una concezione che già è erronea nello stesso schema del calcolo di probabilità, il sofisma del giocatore. Asserendo che le probabilità di Roosevelt sono 9:1, l'idea è che Roosevelt è, riguardo alle elezioni da decidersi, nella posizione di un uomo che possiede il 90 % di tutti i biglietti di una lotteria rispetto al primo premio. È implicito che il rapporto 9 : 1 ci dice qualcosa di sostanziale sul risultato dell'unico caso cui siamo interessati. Ma non c'è bisogno di ripetere che questa è un'idea sbagliata. Non meno inammissibile è il ricorso al calcolo di probabilità nel trattare le ipotesi nel campo delle scienze naturali. Le ipotesi sono spiegazioni azzardate basate scientemente su argomenti logicamente insufficienti. Riguardo ad esse tutto può essere asserito : l'ipotesi contraddice o non contraddice sia i principii logici che i fatti sperimentalmente accertati e considerati come veri. Nel primo caso essa è insostenibile, nel secondo caso ― allo stato presente della nostra conoscenza sperimentale ― essa non è insostenibile. (L'intensità della convinzione personale è puramente soggettiva). Nè la probabilità nè la comprensione storica entrano in questo argomento. Il termine ipotesi, applicato per definire modi di comprensione di eventi storici, è improprio. Se uno storico asserisce che nella caduta della dinastia dei Romanoff il fatto che questa casa fosse di origine tedesca ebbe un'importanza rilevante, non avanza un'ipotesi. I fatti sui quali la sua comprensione è fondata sono al di là di ogni sospetto. C'era una diffusa animosità contro i tedeschi nella Russia della dinastia dei Romanoff; essendosi questi sposati da 200 anni esclusivamente con gli eredi di famiglie di origine germanica, erano considerati da molti russi come una famiglia germanizzata, anche da quelli che sostenevano non essere lo zar Paolo figlio di Pietro III. Ma la questione rimane circa la rilevanza di questi fatti nella catena degli eventi che determinarono la deposizione di questa dinastia. Tali problemi non sono suscettibili di elucidazione altro che attraverso la comprensione.

6. Scommessa, gioco e passatempo. Una scommessa è l'impegno di rischiare moneta o altre cose con un altro uomo circa il risultato di un evento sul verificarsi del quale conosciamo soltanto quanto può essere conosciuto sulla base della comprensione. Così la gente può scommettere sul risultato di una elezione imminente o di una partita di tennis. Oppure può scommettere quali delle opinioni concernenti il contenuto di un'affermazione fattuale è la giusta o

l'errata. Gioco è l'impegno di rischiare moneta o altre cose con un uomo circa il risultato di un evento sul quale non conosciamo nulla più di quanto è conosciuto sulla base della conoscenza relativa al comportamento dell'intera classe. Talvolta scommessa e gioco sono combinati. Il risultato delle corse di cavalli dipende sia dall'azione umana ― da parte del proprietario del cavallo, dell'allenatore e del fantino ― che da fattori non umani ―, le qualità del cavallo. La maggior parte di coloro che rischiano moneta alle corse dei cavalli sono semplicemente giocatori. Ma gli esperti credono di conoscere qualcosa mediante la comprensione della gente implicata; e per quel che questo fattore influenza la loro decisione essi sono migliori degli altri. Inoltre essi pretendono di conoscere i cavalli; fanno una prognosi sulla base della loro conoscenza circa il comportamento delle classi di cavalli alle quali assegnano i vari cavalli corrispondenti. Fin qui sono giocatori. I capitoli successivi di questo libro trattano dei metodi commerciali applicati al trattamento del problema dell'incertezza del futuro. Su questo punto del nostro ragionamento si deve fare soltanto un'ulteriore osservazione. Dedicarsi al gioco può essere sia un fine che un mezzo. È un fine per la gente che si strugge per lo stimolo e l'eccitazione che le dànno le vicissitudini del gioco, o la cui vanità è solleticata dalla mostra della loro abilità e superiorità nel giocare un gioco che richieda furberia e abilità. È un mezzo per i professionisti che vogliono guadagnare giocando. Il gioco può quindi esser detto azione. Ma non si può invertire l'affermazione e chiamare gioco ogni azione o trattare tutte le azioni come fossero giochi. Lo scopo immediato di un gioco è di sconfiggere l'avversario secondo le regole del gioco stesso. Questo è un caso speciale e peculiare dell'azione. La maggior parte delle azioni non tendono a sconfiggere o a far perdere nessuno. Esse tendono a migliorare le condizioni. Può accadere che questo miglioramento sia raggiunto a spese di altri. Ma certamente non è sempre il caso. Esso non è, per dirlo in termini piani, certamente il caso nell'ambito del funzionamento regolare di un sistema sociale basato sulla divisione del lavoro. Non c'è la minima analogia tra il gioco e la condotta degli affari entro una società di mercato. Il giocatore di carte guadagna denaro superando in abilità i suoi antagonisti. I commercianti fanno denaro fornendo ai clienti i beni che essi desiderano acquistare. Può esistere un'analogia tra la strategia del giocatore di carte e quella del bleffatore. Non c'è bisogno di approfondire questo problema. Colui che desidera interpretare la condotta degli affari come una mariuoleria è su una cattiva strada.

Tratto caratteristico dei giochi è l'antagonismo di due o più giocatori o gruppi di giocatori [nota 1]. Tratto caratteristico degli affari entro la società, cioè entro un ordine basato sulla divisione del lavoro, è la concordia negli sforzi dei suoi membri. Quando essi cominciano a mettersi in antagonismo gli uni con gli altri, si manifesta una tendenza verso la disintegrazione sociale.
1. "Pazienza" o "solitario" non è gioco a una persona, ma un passatempo, un mezzo per fuggire la noia. Esso certamente non rappresenta un modello di quanto accade in una società comunistica, come John von Neumann e Oscar Morgenstern affermano (Theory of Games and Economic Behavior, Princeton, 1944, pag. 86).

Nell'ambito di un'economia di mercato la concorrenza non implica antagonismo nel senso in cui questo termine è applicato all'urto ostile di interessi incompatibili. La concorrenza, è vero, può talvolta o anche spesso suscitare nei competitori quelle passioni di odio e malizia che usualmente accompagnano le intenzioni di fare del male all'altra gente. Gli psicologi sono quindi inclini a confondere la lotta con la concorrenza. Ma la prasseologia deve stare attenta a tali equivoci artificiosi e ingannevoli. Dal suo punto di vista c'è una differenza fondamentale fra la concorrenza catalettica e la lotta. I competitori tendono all'eccellenza e alla preminenza entro un sistema di mutua cooperazione. La funzione della concorrenza è di assegnare ad ogni membro di un sistema sociale quella posizione in cui può meglio servire l'insieme della società e tutti i suoi membri. È un metodo di selezione del più abile per ogni compito. Dove c'è cooperazione sociale, là dev'essere applicata una certa varietà di selezione. Soltanto dove l'assegnazione dei vari individui ai vari compiti è influenzata dalle decisioni del dittatore soltanto e gli individui in questione non aiutano il dittatore negli sforzi di rappresentare le loro proprie attitudini e capacità nella luce più favorevole, là non vi è concorrenza. In uno stadio successivo delle nostre indagini avremo da trattare della funzione della concorrenza [nota 1]. A questo punto basta sottolineare che è erroneo applicare la terminologia del mutuo sterminio ai problemi della mutua cooperazione nell'ambito della società. I termini militari sono inappropriati alla descrizione delle funzioni economiche. È ad es. cattiva metafora parlare di conquista di un mercato.
1. Vedi sotto, pagg. 266-270.

Non vi è conquista nel fatto che un'impresa offra migliori prodotti o a un prezzo più conveniente che i suoi concorrenti. Vi è una strategia economica soltanto in senso metaforico.

7. La predizione prasseologica. La conoscenza prasseologica rende possibile prevedere con certezza apodittica il risultato di differenti modi di azione. Ma, naturalmente, tale predizione non può mai implicare nulla di carattere quantitativo. I problemi quantitativi nel campo dell'azione umana non sono soggetti a delucidazione altro che mediante la comprensione. Possiamo predire, come sarà mostrato più tardi, che ― ceteris paribus ― una caduta nella domanda di a produrrà una caduta del prezzo di a. Ma non possiamo predire l'estensione di questa caduta. A ciò può rispondere solo la comprensione. La differenza fondamentale implicita ad ogni metodo quantitativo dei problemi economici consiste nel trascurare il fatto che non esistono relazioni costanti fra le cosiddette dimensioni economiche. Non vi è nè costanza nè continuità nelle valutazioni e nella formazione dei rapporti di scambio tra le varie merci. Ogni nuovo dato produce un rimestamento dell'intera struttura dei prezzi. La comprensione, tentando di afferrare ciò che accade nella mente degli uomini interessati può affrontare il problema della previsione delle condizioni future. Si può ritenere questo metodo insoddisfacente e i positivisti possono sprezzarlo con arroganza. Ma tali giudizi arbitrari non devono oscurare il fatto che la comprensione è il solo metodo appropriato per trattare l'incertezza delle condizioni future.

CAPITOLO VII

L'AZIONE TERRENA

1. La legge dell'utilità marginale. L'azione classifica e gradua; originalmente essa conosce soltanto i numeri ordinali, e non i cardinali. Ma il mondo esterno al quale l'uomo agente deve adattare la sua condotta è un mondo quantitativamente determinato. In questo mondo esistono relazioni quantitative tra causa ed effetto. Se fosse diversamente, se le cose definite potessero rendere servizi illimitati, tali cose non sarebbero mai scarse e non potrebbero essere considerate mezzi. L'uomo valuta le cose come mezzi per la rimozione del suo disagio. Dal punto di vista delle scienze naturali i vari eventi che portano alla soddisfazione dei bisogni umani appaiono in modo differentissimo. L'uomo agente vede in questi eventi soltanto un più o un meno della stessa specie. Nel valutare stati differentissimi di soddisfazione e i mezzi per il loro appagamento l'uomo dispone le cose in una scala e vede in esse soltanto la loro rilevanza per l'aumento della propria soddisfazione. La soddisfazione derivata dal cibo e quella derivata dal godimento di un'opera d'arte sono, nel suo giudizio, un bisogno più o meno urgente ; valutazione e azione le pongono in una scala di ciò che è più o meno intensamente desiderato. Per l'uomo essenzialmente non esistono che differenti gradi di importanza e urgenza riguardo al proprio benessere. Quantità e qualità sono categorie del mondo esterno. Soltanto indirettamente esse acquistano importanza e significato per l'azione. Poiché ogni cosa può produrre soltanto un effetto limitato, alcune cose sono considerate scarse e trattate come mezzi. Essendo gli effetti che le cose sono capaci di produrre differenti, l'uomo distingue varie classi di cose. Poiché i mezzi della stessa quantità e qualità sono sempre atti a produrre la stessa quantità di un effetto della stessa qualità, l'azione non distingue tra definite quantità concrete di mezzi omogenei. Ma questo non implica che essa attribuisca lo stesso valore alle varie porzioni di una provvista di mezzi omogenei. Ogni porzione è valutata separatamente. Ad ogni porzione è assegnato il suo proprio grado nella scala di valori. Ma questi ordini di grado possono essere interscambiati ad libitum tra le varie porzioni della stessa grandezza.

Se l'uomo agente ha da decidere tra due o più mezzi di classi differenti, gradua le singole porzioni di ognuno di essi. Egli assegna ad ogni porzione il suo grado speciale. Facendo ciò non ha bisogno di assegnare alle varie porzioni degli stessi mezzi ordini di importanza immediatamente susseguentisi. L'assegnazione degli ordini di importanza attraverso la valutazione avviene soltanto nell'azione e attraverso l'azione. La grandezza delle porzioni alle quali viene assegnato un grado dipende dalle condizioni individuali e uniche entro le quali l'uomo agisce in ogni caso. L'azione non tratta di unità fisiche o metafisiche da valutare in modo accademico astratto ; essa affronta sempre alternative tra le quali sceglie. La scelta deve sempre essere fatta tra quantità di mezzi definiti. Si può chiamare unità la più piccola quantità che può essere oggetto di una decisione siffatta. Ma ci si deve guardare dall'errore di supporre che la valutazione della somma di tali unità sia derivata dalla valutazione delle unità, o che essa rappresenti la somma delle valutazioni attribuite a queste unità. Un uomo possiede 5 unità della merce a e 3 unità della merce b. Egli attribuisce alle unità di a gli ordini di importanza 1, 2, 4, 7 e 8, alle unità di b gli ordini di importanza 3, 5 e 6. Ciò significa che, se deve scegliere tra due unità di a e due unità di b, preferirà perdere due unità di a piuttosto che due unità di b. Ma se deve scegliere tra 3 unità di a e 2 unità di b preferirà perdere 2 unità di b piuttosto che 3 unità di a. Ciò che sempre e solo conta nella valutazione di un insieme di diverse unità è l'utilità dell'insieme come un tutto ― cioè, l'incremento del benessere dipendente da esso, o, ciò che è lo stesso, la perdita di benessere che esso determina. ― Qui non è implicito nessun processo aritmetico, nè di addizione nè di moltiplicazione ; c'è una valutazione dell'utilità dipendente dal possesso della porzione, insieme o provvista in questione. In questo contesto, utilità significa semplicemente rilevanza causale nella rimozione di un disagio sentito. L'uomo crede che i servizi di una cosa siano atti ad aumentare il suo benessere, e li chiama utilità della cosa in questione. Per la prasseologia il termine utilità equivale all'importanza attribuita a una cosa in base alla credenza che essa può rimuovere il disagio. La nozione prasseologica di utilità (valore d'uso soggettivo nella terminologia della vecchia scuola austriaca) dev'essere nettamente distinta dalla nozione tecnologica di utilità (valore d'uso oggettivo nella terminologia della stessa scuola). Il valore d'uso nel senso oggettivo è la relazione tra una cosa e l'effetto che essa ha la capacità di produrre. È al valore d'uso oggettivo che la gente si riferisce impiegando termini come "valore calorico" o "potere calorico" del carbone. Il valore d'uso soggettivo non è sempre basato su un vero valore d'uso oggettivo. Ci sono cose cui si attribuisce valore d'uso soggettivo perchè si crede erroneamente che esse abbiano il potere di produrre un effetto desiderato.

D'altra parte ci sono cose capaci di produrre un effetto desiderato alle quali non si attribuisce valore d'uso perchè la gente ignora questo fatto. Guardiamo alle condizioni del pensiero economico prevalente prima dell'elaborazione della moderna teoria del valore per opera di Carl Menger, William Stanley Jevons e Leon Walras. Chiunque vuole costruire una teoria elementare del valore e dei prezzi deve anzitutto pensare all'utilità. Invero, nulla è più plausibile di assumere che le cose siano valutate secondo la loro utilità. Ma poi emerge la difficoltà, che pose ai vecchi economisti un problema che essi furono incapaci di risolvere. Essi osservarono che cose la cui "utilità" è maggiore sono valutate meno di cose di più limitata utilità. Il ferro è meno apprezzato dell'oro. Questo fatto sembra essere incompatibile con la teoria del valore e dei prezzi basata sui concetti di utilità e di valore d'uso. Gli economisti credevano di dover abbandonare tale teoria e di tentare di spiegare i fenomeni del valore e del mercato di scambio con altre teorie. Soltanto successivamente scoprirono che l'apparente paradosso era il risultato di una formulazione viziosa del problema in questione. Le valutazioni e le scelte risultanti dai rapporti di scambio del mercato non decidono tra oro e ferro. L'uomo agente non si trova in condizione di scegliere tra tutto l'oro e tutto il ferro. Egli sceglie in tempo, luogo e condizioni definite tra una quantità strettamente limitata di oro e una quantità strettamente limitata di ferro. La sua decisione tra 100 once di oro e 100 tonnellate di ferro non dipende affatto dalla decisione che egli prenderebbe nella situazione estremamente improbabile di dover scegliere fra tutto l'oro e tutto il ferro. Ciò che soltanto conta per la sua scelta effettiva è se nelle condizioni esistenti egli considera la soddisfazione diretta o indiretta che 100 once di oro potrebbero dargli, maggiore o minore della soddisfazione diretta o indiretta che potrebbe ottenere da 100 tonnellate di ferro. Egli non esprime un giudizio accademico o filosofico concernente il valore "assoluto" dell'oro e del ferro. Non determina se l'oro o il ferro è più importante per l'umanità; egli non perora come un autore di libri sulla filosofia della storia o sui principii etici. Semplicemente sceglie fra due soddisfazioni che non può avere insieme. Il preferire, lo scartare, le scelte e le decisioni che ne risultano non sono fatti di misurazione. L'azione non misura l'utilità o il valore, sceglie tra alternative. Non v'è problema astratto di utilità totale o di valore totale [nota 1]. Non v'è processo razionale che non possa condurre dalla valutazione di una quantità o di un numero differente di cose alla determinazione del valore di una quantità o di un numero maggiore o minore. Non v'è mezzo per calcolare il valore totale di una provvista se sono conosciuti soltanto i valori delle sue parti. Non vi sono mezzi per stabilire il valore di una parte di una provvista, se soltanto il valore della

provvista totale è conosciuto. Nella sfera dei valori e delle valutazioni non vi sono operazioni aritmetiche: non esistono cose come il calcolo dei valori. La valutazione della quantità totale di due cose può differire dalla valutazione di parti di queste cose. Un uomo, isolato proprietario di 7 mucche e di 7 cavalli, può valutare un cavallo più di una mucca e può, se messo di fronte all'alternativa, preferire di cedere una mucca piuttosto che un cavallo, ma al tempo stesso lo stesso uomo, messo di fronte all'alternativa di scegliere fra la sua intera provvista di cavalli e la sua intera provvista di mucche può preferire trattenere le mucche e cedere i cavalli. I concetti di utilità totale e di valore totale sono senza significato se applicati a una situazione in cui la gente debba scegliere tra provviste totali. La questione se l'oro comitale o il ferro come tale sia più utile o di maggior valore, è ragionevole soltanto riguardo a una situazione in cui l'umanità o una parte isolata di essa debba scegliere tra tutto l'oro e tutto il ferro disponibile.
1. È importante notare che questo capitolo non tratta dei prezzi o valori di mercato, ma del valore d'uso soggettivo. I prezzi sono un derivato del valore d'uso soggettivo. Cfr. sotto, cap. XVI.

Il giudizio di valore si riferisce sempre solo alla provvista della quale si occupa il concreto atto della scelta. Una provvista è sempre, ex definitione, composta di parti omogenee, ognuna delle quali è capace di rendere gli stessi servizi e di essere sostituita a ogni altra parte. É quindi irrilevante per l'atto della, scelta quale parte particolare formi il suo oggetto. Tutte le parti ― unità ― di una quantità disponibile sono considerate ugualmente utili e apprezzabili se il problema di cedere una di esse è sollevato. Se la provvista è diminuita con la perdita di una unità, l'uomo agente deve decidere nuovamente come usare le varie unità della quantità restante. È ovvio che la quantità così limitata non può rendere tutti i servizi che potrebbe rendere una quantità maggiore. L'impiego delle varie unità delle quali, in questa nuova situazione, non si può più disporre, era, agli occhi dell'uomo agente, l'impiego meno urgente tra tutti quelli che egli aveva previamente assegnato alle varie unità di una quantità maggiore. La soddisfazione che egli derivava dall'uso di una unità per questo impiego era la più piccola fra le soddisfazioni che gli arrecavano le unità della maggior provvista disponibile. È solo il valore di questa soddisfazione marginale che deve decidere se è il caso di rinunciare a una unità della provvista totale. Di fronte al problema di valutare una unità di una provvista omogenea, l'uomo decide sulla base del valore dell'uso meno importante che egli fa delle unità dell'intera provvista, sulla base dell'utilità marginale. Di fronte all'alternativa di rinunciare a una unità della provvista di

a o a una unità della provvista di b, egli confronta il valore totale della quantità totale di a col valore totale della quantità totale di b. Confronta i valori marginali sia di a che di b. Sebbene possa valutare la provvista totale di a più della provvista totale di b, il valore marginale di b può essere più alto del valore marginale di a. Lo stesso ragionamento regge per la questione dell'aumento della provvista disponibile di qualsiasi merce con l'acquisizione di un numero aggiuntivo e definito di unità. Per la descrizione di questi fatti, l'economia non ha bisogno di ricorrere alla terminologia della psicologia. Nè per provarli ha bisogno di ricorrere al ragionamento e agli argomenti psicologici. Se diciamo che gli atti della scelta non dipendono dal valore attribuito a un'intera classe di bisogni, ma da quello attribuito ai bisogni concreti in questione senza riguardo alla classe in cui essi possono essere riconosciuti, non aggiungiamo nulla alla nostra conoscenza nè la fondiamo su una base più generale e più sicura. Questa maniera di parlare in termini di classi di bisogni diventa intelligibile soltanto se ricordiamo la funzione avuta nella storia del pensiero economico dal creduto paradosso del valore. Carl Menger e Bohm-Bawerk dovettero usare il termine "classe di bisogni" per refutare le obiezioni sollevate da coloro che consideravano il pane come avente maggior valore della seta, perchè la classe "bisogno di nutrimento" è più importante della classe "bisogno di abiti di lusso" [nota 1]. Oggi il concetto "classe di bisogni" è completamente superfluo. Esso non ha significato per l'azione e quindi per la teoria del valore; inoltre è suscettibile di errore e di confusione. Costruzione di concetti e classificazione sono strumenti mentali ; essi acquistano significato e senso soltanto nel contesto delle teorie che li utilizzano [nota 2]. Non ha senso ordinare i vari bisogni in "classi di bisogni" per stabilire che tale classificazione non giova assolutamente alla teoria del valore.
1. Cfr. Carl Menger, Grundsatze der Volkswirtschaftslehre, Wien, 1871, pag. 88 e segg. ; Bohm-Bawerk, Kapital und Kapitalzins, 3a ed., Innsbruck, 1909, parte II, pag. 237 e seguenti. 2. Non esistono classi. È la nostra mente che classifica i fenomeni per organizzare la nostra conoscenza. La questione se un certo modo di classificare i fenomeni conduca o no a questo scopo è differente dalla questione se esso sia o no logicamente ammissibile.

La legge dell'utilità marginale e del valore marginale decrescente è indipendente dalla legge di Gossen della soddisfazione dei bisogni (prima legge di Gossen). Trattando dell'utilità marginale non trattiamo nè del godimento sensuale nè della saturazione e sazietà. Non trascendiamo la sfera del ragionamento prasseologico stabilendo la seconda definizione : Diciamo l'impiego di una unità di una

provvista omogenea che l'uomo fa se la sua provvista è di n unità, ma che non farebbe se, ceteris paribus, la sua provvista fosse soltanto di n―1 unità, impiego meno urgente o impiego marginale e utilità marginale l'utilità da esso derivata. Per arrivare a questa conoscenza non abbiamo bisogno di nessuna esperienza o ragionamento fisiologico o psicologico. Dalle nostre assunzioni segue necessariamente che la gente agisce (sceglie), e che nel primo caso l'uomo ha n unità di una provvista omogenea e nel secondo caso n―1 unità. In queste condizioni non è pensabile nessun altro risultato. La nostra affermazione è formale e aprioristica e non dipende da nessuna esperienza. Ci sono soltanto due alternative: o vi sono o non vi sono stadi intermedi tra il disagio sentito che costringe l'uomo ad agire e lo stato in cui non può più esservi azione (sia perchè lo stato di perfetta soddisfazione è raggiunto o perchè l'uomo è incapace di migliorare ulteriormente le sue condizioni). Nel secondo caso ci sarebbe soltanto un'azione; non appena questa è consumata, sarebbe raggiunto uno stato in cui nessun'azione ulteriore è possibile. Ciò è manifestamente incompatibile col nostro assunto che vi è azione; e il caso non implica più le condizioni generali presupposte nella categoria dell'azione. Rimane soltanto il primo caso. Ma allora vi sono vari gradi nell'accostamento asintotico allo stato in cui non può più esservi azione. Così la legge dell'utilità marginale è sempre implicita nella categoria dell'azione. Essa è null'altro che il rovescio dell'enunciato che ciò che soddisfa di più è preferito a ciò che dà una soddisfazione minore. Se la provvista disponibile aumenta da n―1 unità a n unità, l'incremento può essere impiegato soltanto per rimuovere un bisogno meno urgente o meno penoso del meno urgente o meno penoso fra tutti i bisogni che potrebbero essere rimossi per mezzo della provvista n―1. La legge dell'utilità marginale non si riferisce al valore d'uso oggettivo, ma al valore d'uso soggettivo. Essa non riferisce alla generale capacità fisica o chimica delle cose a produrre un effetto definito ma alla loro importanza per il benessere dell'uomo così com'egli lo vede nello stato di cose momentaneamente prevalente. Non tratta essenzialmente del valore delle cose, ma del valore dei servizi che un individuo può aspettarsi di ottenere da esse. Se dovessimo credere che l'utilità marginale è inerente alle cose e al loro valore d'uso oggettivo, saremmo forzati ad assumere che l'utilità marginale può tanto aumentare che decrescere con un aumento della quantità delle unità disponibili. Può accadere che l'impiego di una certa quantità minima ― n unità ― di un bene a possa dare una soddisfazione ritenuta di valore superiore ai servizi attesi da una unità del bene b. Ma se la provvista di a disponibile è minore di n, a può essere impiegato soltanto per un altro servizio valutato meno di quello di b. Allora un

aumento della quantità di a da n―1 a n unità comporta un aumento del valore attribuito ad una unità di a. Il proprietario di 100 tronchi d'albero può costruire una cabina che lo protegga contro la pioggia meglio di un impermeabile ; ma se sono disponibili meno di 30 tronchi, egli può usarli soltanto per un giaciglio che lo protegga contro l'umidità del suolo. Se possedesse 95 tronchi, sarebbe disposto a rinunciare all'impermeabile per avere 5 tronchi di più. Possedendo 10 tronchi non rinuncerebbe all'impermeabile nemmeno per 10 altri. Un individuo i cui risparmi ammontino a 100 dollari può non essere disposto ad eseguire un certo lavoro per una rimunerazione di 200 dollari. Ma se i suoi risparmi fossero 2000 dollari e desiderasse moltissimo acquistare un bene indivisibile non acquistabile per meno di 2100 dollari, sarebbe disposto a eseguire questo lavoro per soli 100 dollari. Tutto ciò concorda perfettamente con la legge dell'utilità marginale rettamente formulata secondo la quale il valore dipende dall'utilità dei servizi attesi. Ma è assurdo discettare di cose come la legge dell'utilità crescente. La legge dell' utilità marginale non deve essere confusa nè con la dottrina di Bernoulli de mensura sortis nè con la legge di Weber-Fechner. Alla base del contributo di Bernoulli vi era il fatto generalmente noto e indiscusso che la gente tende a soddisfare i bisogni più urgenti prima di soddisfare i meno urgenti e che un uomo ricco si trova in condizione di provvedere meglio ai suoi bisogni che un uomo povero. Ma le inferenze che Bernoulli ha tratto da questo truismo sono completamente errate. Egli ha sviluppato la teoria matematica che l'aumento della soddisfazione diminuisce con l'aumentare della ricchezza totale a disposizione. La sua affermazione, essere di regola estremamente probabile che per un uomo il cui reddito è di 5000 ducati un ducato significhi meno della metà di un ducato per un uomo il cui reddito è di 2500 ducati, è semplicemente chimerica. Lasciamo da parte l'obiezione che non vi sono mezzi per fare confronti all'infuori di quelli assolutamente arbitrari tra le valutazioni della varia gente. Non meno inadeguato è il metodo di Bernoulli per le valutazioni dello stesso individuo con differenti ammontari di reddito. Egli non vide affatto che tutto quello che si può dire sul caso in questione è che all'aumentare del reddito ogni nuovo incremento è usato per la soddisfazione di un bisogno meno urgentemente sentito che l'ultimo bisogno urgentemente sentito già soddisfatto prima che questo incremento avesse luogo. Egli non vide che valutando, scegliendo e agendo, non si misura nè si determinano equivalenze, ma si gradua, cioè si preferisce e si scarta [nota 1]. Così nè Bernoulli nè i matematici nè gli economisti che adottarono il suo modo di ragionare riuscirono a risolvere il paradosso del valore.
1. Cfr. Daniel Bernoulli, Versuch einer neuen Theorie zur Bestimmung von

Glucksfallen, trad. di Pringsheim, Leipzig, 1896, pagg. 27 e seguenti.

Gli errori inerenti alla confusione della legge psico-fisica WeberFechner e alla teoria soggettiva del valore sono già stati attaccati da Max Weber. Max Weber, è vero, non aveva sufficiente familiarità con l'economia ed era troppo influenzato dallo storicismo per conoscere profondamente e correttamente i principii del pensiero economico. Ma un'ingegnosa intuizione gli suggerì la via per la corretta soluzione. La teoria dell'utilità marginale, egli asserisce, non è "psicologicamente sostanziata, ma piuttosto ― se si deve applicare un termine epistemologico ― pragmaticamente, sull'impiego delle categorie: mezzi e fini" [nota 1].
1. Cfr. Max Weber, Gesammelte Aufsatze zur Wissenschaftslehre, Tubingen, 1922, pag. 372; pure pag. 149. Il termine "pragmatico" come usato da Weber è naturalmente suscettibile di confusione. È improprio impiegarlo per qualcosa di differente dalla filosofia del pragmatismo. Se Weber avesse conosciuto il termine "prasseologia", probabilmente lo avrebbe preferito.

Se un individuo desidera rimuovere una condizione patologica prendendo un rimedio in quantità definita, prendendone un multiplo non sortirebbe un effetto migliore. Il sovrappiù non avrebbe maggiore effetto della dose appropriata, ottima, o avrebbe effetti dannosi. Lo stesso è vero di tutte le specie di soddisfazioni; sebbene l'optimum sia spesso raggiunto soltanto applicando dosi abbondanti, il punto in cui ulteriori incrementi producono effetti dannosi è spesso molto lontano. È così perchè il nostro mondo è un mondo di causalità e di relazioni quantitative tra causa ed effetto. Colui che desidera rimuovere il disagio arrecato dal vivere in una stanza alla temperatura di 35° penserà a riscaldare la stanza fino alla temperatura di 65° o di 70°. Non ha niente a che vedere con la legge di Weber-Fechner il fatto che egli non tenda a portare la temperatura a 80° o a 300°. E non ha nulla a che fare nemmeno con la psicologia. Tutto quello che la psicologia può fare per spiegare questo fatto è di stabilire come fatto ultimo che l'uomo di regola preferisce la preservazione della vita e della salute alla morte ed alla malattia. Ciò che conta per la prasseologia è soltanto il fatto che l'uomo agente sceglie fra alternative. Che l'uomo sia situato ad un incrocio e debba scegliere, e scelga, è ― a parte ogni altra condizione ― dovuto al fatto che vive in un mondo quantitativo e non in un mondo senza quantità nemmeno immaginabile alla mente umana. La confusione dell'utilità marginale con la legge Weber-Fechner ha avuto origine dall'errore di guardare soltanto ai mezzi per il raggiungimento della soddisfazione e non alla soddisfazione stessa. Se si fosse pensato alla soddisfazione, non sarebbe stata adottata l'idea assurda di spiegare la configurazione del desiderio di calore riferendosi alla decrescenza dell'intensità della soddisfazione di successivi incrementi

nell'intensità degli stimoli. Che l'uomo medio non desideri aumentare la temperatura della sua camera da letto a 120° non ha nessun riferimento con l'intensità della sensazione di caldo. Che un uomo non riscaldi la sua stanza nella stessa misura della gente normale e come egli stesso farebbe, se non avesse maggiore interesse ad acquistare un nuovo abito o ad ascoltare l'esecuzione di una sinfonia di Beethoven, non può essere spiegato coi metodi delle scienze naturali. Obiettivi e suscettibili di essere trattati coi metodi delle scienze naturali sono soltanto i problemi del valore d'uso oggettivo; la valutazione del valore d'uso oggettivo è un'altra cosa.

2. La legge dei rendimenti. La determinatezza quantitativa negli effetti prodotti da un bene economico riguardo ai beni di primo ordine (beni di consumo) significa: una quantità a di causa produce ― in un definito periodo di tempo o in generale ― una quantità a di effetto. Riguardo ai beni di ordine superiore (beni di produzione) significa: una quantità b di causa produce una quantità B di effetto ammesso che la causa complementare c contribuisca la quantità Y di effetto ; soltanto gli effetti concertati B e Y producono la quantità p del bene di primo ordine D. In questo caso ci sono 3 quantità : b e c dei due beni complementari B e C, e p, del prodotto D. Rimanendo b immutato, diciamo ottimo il valore c che dà il massimo valore di p/c. Se diversi valori di c dànno questo massimo valore di p/c, allora diciamo che l'optimum è anche il massimo valore di p. Se due beni complementari sono impiegati nel rapporto ottimale, entrambi rendono il prodotto massimo; il loro potere di produrre, il loro valore d'uso oggettivo, è pienamente utilizzato ; nessuna frazione di essi è sprecata. Se deviamo da questa combinazione ottimale aumentando la quantità di C senza cambiare la quantità di B, il rendimento di regola si incrementerà ulteriormente, ma non in proporzione all'incremento della quantità di C. Se è possibile incrementare il rendimento da p a p1 incrementando la quantità di uno dei fattori complementari soltanto, cioè sostituendo cx a c, x essendo maggiore di 1, avremo in ogni caso : p1>p e p1c < pcx. Perchè se fosse possibile compensare ogni diminuzione in b con un corrispondente aumento in c in modo che p rimanga inalterato, la capacità fisica di produzione propria a B sarebbe illimitata e B non sarebbe considerato scarso e quindi bene economico. Sarebbe indifferente che la provvista di B fosse maggiore o minore. Anche una quantità infinitesima di B sarebbe sufficiente alla produzione di B, ammesso che la provvista di C fosse abbastanza grande. D'altro lato, un incremento della quantità disponibile

di B non potrebbe incrementare la produzione di B se la provvista DC non si incrementasse. Il rendimento totale del processo dovrebbe essere imputato a C; B non potrebbe essere bene economico. Una cosa che renda servizi così illimitati è, ad esempio, la conoscenza della relazione causale implicata. La formula o la ricetta, che ci insegna come preparare il caffè, ammesso che sia nota, ci rende servizi illimitati. Essa non perde nulla della sua capacità di produrre comunque usata; la sua capacità produttiva è inesauribile; non è quindi un bene economico. L'individuo non è mai di fronte ad una situazione in cui debba scegliere fra valore d'uso di una formula nota e qualsiasi altra cosa utile. La legge dei rendimenti asserisce che per la combinazione di beni economici di ordine superiore (fattori di produzione) esiste un optimum. Se si devia da questo optimum, incrementando l'investimento di uno soltanto dei fattori, il prodotto fisico o non aumenta affatto o almeno non aumenta in rapporto all'investimento accresciuto. Questa legge, com'è stato sopra dimostrato, è implicita nel fatto che la determinatezza quantitativa degli effetti prodotti da un bene economico è condizione necessaria della sua economicità. Che vi sia questo optimum di combinazione, è tutto ciò che la legge dei rendimenti, popolarmente detta legge dei rendimenti decrescenti, insegna. Ci sono molte altre questioni cui essa non dà assolutamente risposta e che possono essere risolte soltanto a posteriori con l'esperienza. Se l'effetto prodotto da un fattore complementare è indivisibile, l'optimum è la sola combinazione che ne risulta. Per tingere una stoffa di lana secondo una certa gradazione di colore è richiesta una quantità definita di colorante. Una quantità maggiore o minore frustrerebbe lo scopo cercato. Colui che possiede maggiore quantità di materia colorante deve lasciare il sovrappiù inusato. Colui che ne possiede una quantità inferiore può tingerne soltanto una parte. Il rendimento decrescente in questo caso si manifesta nella completa inutilità della quantità addizionale, che non deve addirittura essere impiegata per non guastare il disegno. In altri casi un certo minimo è richiesto per la produzione di un effetto minimo. Tra questo effetto minimo e l'effetto ottimale vi è un margine in cui le dosi accresciute portano o a un incremento proporzionale, o più che proporzionale nell'effetto. Per far funzionare una macchina è richiesto un minimo di lubrificante. Se un aumento di lubrificante oltre questo minimo incrementi anche la prestazione della macchina in proporzione, o in modo più che proporzionale, è cosa che può essere accertata soltanto dall'esperienza tecnologica. La legge dei rendimenti non risponde alle questioni : 1° se la dose ottima sia o no soltanto quella capace di produrre l'effetto cercato ; 2° se vi è o no un limite rigido, oltre il quale ogni incremento del fattore variabile

è assolutamente inutile; 3° se il decremento della produzione prodotto da una deviazione progressiva dall'optimum e l'incremento della produzione realizzato da un accostamento progressivo producono cambiamenti proporzionali o non proporzionali nel prodotto per unità del fattore variabile. Tutto questo dev'essere accertato dall'esperienza. Ma la legge dei rendimenti, cioè il fatto che ci dev'essere una combinazione ottima, è valida a priori. La legge della popolazione di Malthus e i concetti di sovrapopolazione e sottopopolazione assoluta e di popolazione ottima da essa derivati sono l'applicazione della legge dei rendimenti a un problema speciale. Essi trattano dei cambiamenti nell'offerta del lavoro umano, ferme restando le altre condizioni. Poiché la gente, per considerazioni politiche, desiderava respingere la legge di Malthus, si combattè con passione, ma con falsi argomenti, contro la legge dei rendimenti ― che incidentalmente era conosciuta soltanto come legge dei rendimenti decrescenti dell'uso di capitale e lavoro sulla terra. Oggi non abbiamo più bisogno di badare a queste oziose rimostranze. La legge dei rendimenti non è limitata all'uso dei fattori complementari di produzione sulla terra. Gli sforzi di refutare o di dimostrare la sua validità con investigazioni storiche e sperimentali sulla produzione agricola sono inutili quanto vani. Chi desidera respingere la legge dovrebbe spiegare perchè la gente è pronta a pagare dei prezzi per la terra. Se la legge non fosse valida, un agricoltore non penserebbe mai di estendere la dimensione della sua fattoria. Sarebbe in grado di moltiplicare indefinitamente il rendimento di qualsiasi appezzamento di terreno moltiplicando gli investimenti di capitale e lavoro. Talvolta la gente credette che, mentre la legge dei rendimenti decrescenti era valida nella produzione agricola, riguardo alle industrie manifatturiere prevalesse una legge dei rendimenti crescenti. Ci volle molto tempo prima che si rendesse conto che la legge dei rendimenti si riferisce ugualmente a tutte le branche della produzione. È erroneo contrapporre agricoltura e industrie manifatturiere riguardo a questa legge. Ciò ch'è detto ― in una terminologia assolutamente inadatta e persino erronea ― legge dei rendimenti crescenti, non è altro che l'inverso della legge dei rendimenti decrescenti, una formulazione insoddisfacente della legge dei rendimenti. Se ci si accosta all'optimum di combinazione incrementando la quantità di un fattore soltanto, ferma restando la quantità degli altri fattori, allora i rendimenti per unità di fattore variabile aumentano in proporzione all'incremento o anche in misura maggiore. Una macchina può, se azionata da due operai, produrre p; se fatta funzionare da tre operai, 3 p: se azionata da quattro operai, 6 p; se azionata da 5 operai, 7 p ; se azionata da 6 operai, dunque, non più che 7 p. Allora l'impiego di 4 operai dà un rendimento optimum pro capite, cioè

6/4 p, mentre nelle altre condizioni i rendimenti pro capite sono, rispettivamente, 1/2 p, 7/5 p e 7/6 p. Se, invece di due operai, se ne impiegano 3 o 4, allora i rendimenti aumentano più che in relazione all'incremento nel numero degli operai; essi non aumentano nella proporzione 2 : 3 : 4, ma nella proporzione 1 : 3 : 6. Siamo di fronte a rendimenti crescenti pro capite. Ma questo non è altro che il rovescio della legge dei rendimenti decrescenti. Se uno stabilimento o un'impresa devia dalla combinazione ottima dei fattori impiegati, l'inefficienza sarà tanto minore quanto minore è la sua deviazione dall'optimum. Sia in agricoltura che nelle industrie manifatturiere i fattori di produzione non sono perfettamente divisibili. Specialmente nelle industrie manifatturiere è in genere più facile ottenere una combinazione ottima espandendo la dimensione dello stabilimento o impresa che restringendola. Se la più piccola unità di uno o di più fattori è troppo grande per permettere il suo sfruttamento ottimo in uno stabilimento o in un'impresa di piccola o di media grandezza, l'unica via per raggiungere l'optimum è di aumentare le dimensioni dell'attrezzatura. Sono questi fatti che determinano la superiorità della produzione su larga scala. L'importanza di questo problema apparirà pienamente discutendo i problemi della determinazione dei costi.

3. Il lavoro umano come mezzo. L'impiego delle funzioni e delle manifestazioni psicologiche della vita umana come mezzo è detto lavoro. Lo sviluppo della potenzialità dell'energia umana e dei processi vitali che l'uomo non usa per il raggiungimento di scopi esterni differenti dal mero funzionamento di questi processi e dal ruolo fisiologico che essi giocano nel consumo biologico della sua economia vitale, non è lavoro. È semplicemente vita. L'uomo lavora usando le sue forze e le sue capacità come mezzo per rimuovere il disagio e sostituendo lo sfruttamento intenzionale delle sue energie vitali al rilassamento spontaneo delle sue facoltà e della tensione dei suoi nervi. Il lavoro è mezzo non fine a se stesso. L'individuo ha soltanto una quantità limitata di energia da spendere, e ogni unità di lavoro può produrre soltanto un effetto limitato. Diversamente il lavoro umano sarebbe disponibile in abbondanza; non sarebbe scarso e non sarebbe considerato come mezzo per rimuovere il disagio ed economizzato come tale. In un mondo in cui il lavoro fosse economizzato soltanto perchè disponibile in quantità insufficiente all'ottenimento di tutti i fini per i quali può essere usato come mezzo, l'offerta di lavoro disponibile sarebbe

uguale alla quantità di lavoro che tutti gli uomini insieme sono capaci di prestare. In un mondo siffatto, ognuno tenderebbe di lavorare fino al completo esaurimento della sua momentanea capacità di lavoro. Il tempo non richiesto per ricreare e recuperare la capacità di lavoro esaurita dal lavoro precedente sarebbe dedicato interamente ad altro lavoro. La mancata utilizzazione della piena capacità di lavoro sarebbe considerata come perdita. Con la prestazione di un maggiore lavoro si incrementerebbe il proprio benessere. La parte del potenziale disponibile rimasta inusata sarebbe considerata come una perdita di benessere non compensata da un incremento di benessere corrispondente. L'idea stessa di pigrizia sarebbe sconosciuta. Nessuno penserebbe : potrei fare questo o quest'altro ; ma non ne vale la pena. Non mi ripaga. Preferisco riposare. Ognuno considererebbe la sua intera capacità di lavorare come una dotazione di fattori di produzione che sarebbe ansioso di utilizzare completamente. Anche l'opportunità di un incremento minimo di benessere sarebbe considerata incentivo sufficiente a lavorare di più se all'istante non si potesse fare un uso più profittevole della quantità di lavoro in questione. Nel nostro mondo reale le cose sono differenti. La prestazione di lavoro è ritenuta penosa. Non lavorare è considerato più soddisfacente che lavorare. Il riposo è, a parità di condizioni, preferito al lavoro. La gente lavora soltanto se valuta il rendimento del lavoro più alto che il decremento nella soddisfazione prodotto dalla riduzione del riposo. Lavorare implica disutilità. La psicologia e la filosofia possono tentare di spiegare questo fatto. Per la prasseologia non v'è bisogno di investigare se esse possono o no riuscire in questi sforzi. Per la prasseologia è un dato che gli uomini sono ansiosi di godere del riposo e quindi guardano alle loro capacità di produrre effetti con sentimenti differenti da quelli coi quali essi considerano la capacità dei fattori materiali di produzione. Considerando la prestazione del suo proprio lavoro, l'uomo riflette non soltanto se vi è uno scopo più desiderabile per l'impiego della quantità di lavoro in questione, ma, nondimeno, se non sarebbe preferibile astenersi da qualsiasi altra prestazione di lavoro. Possiamo esprimere questo fatto anche definendo l'ottenimento del piacere come una attività intenzionale, o come un bene economico di primo ordine. Impiegando questa terminologia un poco sofisticata dal punto di vista dell'utilità marginale dobbiamo considerare il riposo come qualsiasi altro bene economico. Dobbiamo concludere che la prima unità di riposo soddisfa un desiderio più urgentemente sentito della seconda, la seconda un desiderio più urgentemente sentito della terza, e così via. Rovesciando questa proposizione, abbiamo che la disutilità del lavoro aumenta in proporzione maggiore dell'ammontare del lavoro prestato.

Comunque, è inutile per la prasseologia indagare se la disutilità del lavoro aumenti o meno in proporzione all'incremento della quantità del lavoro prestato o in misura maggiore. (Se questo problema sia di qualche importanza per la fisiologia e per la psicologia e se queste scienze possano spiegarlo o meno, è cosa che può essere lasciata indecisa). Ad ogni modo il lavoratore cessa il suo lavoro al punto in cui non considera più utile continuarlo non vedendovi sufficiente compenso alla disutilità della prestazione addizionale. Formando questo giudizio, egli confronta, se trascuriamo la decrescenza di rendimento prodotta dall'aumentata fatica, ogni porzione di tempo di lavoro con la stessa quantità di prodotto come per le porzioni precedenti. Ma l'utilità delle unità di prodotto decresce all'aumentare del lavoro prestato e dell'ammontare totale del prodotto. I prodotti delle prime unità del tempo di lavoro sono destinati alla soddisfazione di bisogni più urgentemente sentiti del lavoro successivamente prestato. La soddisfazione di questi bisogni meno importanti può non essere considerata rimunerazione sufficiente per l'ulteriore continuazione del lavoro, sebbene essi siano comparati con le stesse quantità di prodotto fisico. È pertanto irrilevante per la trattazione prasseologica della materia se la disutilità del lavoro è proporzionale alla prestazione totale di lavoro o se si accresce in misura maggiore del tempo speso lavorando. Ad ogni modo la propensione a impiegare porzioni ancora non sfruttate del potenziale totale di lavoro decresce, a parità di condizioni, all'aumentare delle porzioni già prestate. Se questa diminuzione nella disposizione a lavorare proceda con un'accelerazione più o meno rapida, è sempre questione di dati economici, non di principii categorici. La disutilità connessa al lavoro spiega perchè, nel corso della storia umana, in concomitanza col progressivo aumento della produttività fisica del lavoro prodotta dai miglioramenti tecnologici e da una più abbondante offerta di capitale, si sia specialmente sviluppata la tendenza verso una riduzione delle ore di lavoro. Tra i piaceri di cui l'uomo civile può godere in modo più abbondante dei suoi meno civilizzati predecessori, c'è anche il godimento di un maggior tempo di riposo. In questo senso si può rispondere alla questione, spesso sollevata dai filosofi e dai filantropi, se il progresso economico abbia o meno reso l'uomo più felice. Se la produttività del lavoro fosse più bassa di quanto è nel presente mondo capitalista l'uomo sarebbe costretto o a lavorare di più o a rinunciare a molti piaceri. Con ciò gli economisti non asseriscono che il solo mezzo per raggiungere la felicità sia di godere un maggior conforto materiale, di vivere nel lusso o di avere più riposo. Essi semplicemente constatano che gli uomini sono in condizione di provvedere a se stessi più di quel tanto che considerano strettamente indispensabile. La nozione prasseologica fondamentale, che l'uomo preferisce ciò che

soddisfa di più a ciò che soddisfa di meno, e che egli valuta le cose in base alla loro utilità, non ha bisogno di essere corretta o integrata da ragguagli ulteriori concernenti la disutilità del lavoro. Queste proposizioni implicano sempre l'ammissione che il lavoro è preferito al riposo soltanto fin dove il prodotto del lavoro è più urgentemente desiderato che il godimento del riposo. La posizione unica che il fattore lavoro occupa nel nostro mondo è dovuta al suo carattere non specifico. Tutti i fattori naturali della produzione ― cioè tutte quelle forze e cose naturali che l'uomo può usare per migliorare il suo stato di benessere ― hanno poteri e virtù specifici. Ci sono fini per i quali sono più adatti, fini per i quali lo sono meno e fini per i quali sono assolutamente inadatti. Ma il lavoro umano è insieme adatto e indispensabile alla realizzazione di tutti i processi e di tutti i modi pensabili di produzione. Non si può, naturalmente, trattare del lavoro in generale. È un errore fondamentale non vedere che gli uomini e le loro capacità di lavoro sono differenti. Il lavoro che un certo individuo può prestare è più adatto per taluni fini, meno adatto per altri, e assolutamente inadatto per fini ancora differenti. Una delle deficienze dell'economia classica fu di non aver prestato attenzione a questo fatto e di non averlo preso in considerazione nella costruzione della sua teoria del valore, dei prezzi e dei saggi salariali. Gli uomini non economizzano lavoro ma le specie particolari di lavoro disponibile. I salari non sono pagati per il lavoro prestato, ma per ottenere lavoro che differisce ampiamente in quantità e qualità. L'ottenimento di ogni prodotto particolare richiede l'impiego di lavoratori abili all'esecuzione delle particolari specie di lavoro in questione. È assurdo giustificare la mancata considerazione di questo punto riferendosi al creduto fatto che le domande e le offerte di lavoro più importanti concernono il lavoro comune non specializzato che ogni uomo sano è capace di prestare, e che il lavoro di persone con particolari facoltà innate e con una istruzione particolare è l'eccezione. Non v'è bisogno di investigare se le condizioni erano tali nel remoto passato o se persino per gli uomini delle tribù primitive l'ineguaglianza delle capacità di lavoro innate ed acquisite era il fattore principale della sua economizzazione. Nelle condizioni dei popoli civili non si possono trascurare le differenze qualitative del lavoro prestato. Il lavoro che differenti persone sono capaci di eseguire è differente perchè gli uomini sono nati diseguali e perchè le abilità e l'esperienza acquisita nel corso della loro vita differenzia ancor più le capacità. Parlando del carattere non specifico del lavoro umano non si vuol sostenere che tutto il lavoro umano sia della stessa qualità; piuttosto, che le differenze nelle specie di lavoro richiesto per la produzione delle varie merci sono maggiori delle differenze nelle capacità innate negli uomini.

(Sottolineando questo punto non ci si riferisce alle prestazioni creative del genio; il lavoro del genio è fuori dall'orbita dell'azione umana ordinaria, simile a un libero dono del destino largito inaspettatamente all'umanità [nota 1]. Si trascurano inoltre le barriere istituzionali che negano a taluni gruppi di persone l'accesso a certe occupazioni e la specializzazione necessaria). La diseguaglianza innata dei vari individui non rompe l'uniformità e la omogeneità zoologica della specie uomo in misura tale da dividere l'offerta del lavoro in sezioni sconnesse. Così l'offerta potenziale di lavoro disponibile per la prestazione di ogni particolare specie di lavoro eccede la domanda effettiva di tale lavoro. L'offerta di ogni genere di lavoro specializzato potrebbe essere accresciuta richiamando i lavoratori di altre branche e istruendoli. La quantità di soddisfazione necessaria non è in nessuna branca di produzione permanentemente limitata dalla scarsità di gente capace di eseguire compiti speciali. Soltanto nel breve andare può esservi scarsità di specializzati. Nel lungo andare questa può essere eliminata istruendo la gente che dispone delle capacità innate necessarie.
1. Vedi sotto, pagg. 134-135.

Il lavoro è il più scarso di tutti i mezzi primari di produzione perchè in questo senso ristretto non specifico e perchè ogni varietà di produzione richiede prestazione di lavoro. Così la scarsità degli altri mezzi primari di produzione ― i mezzi non umani di produzione offerti dalla natura ― diventa per l'uomo agente scarsità di quei mezzi materiali primari di produzione la cui utilizzazione richiede minor prestazione di lavoro [nota 1].
1. Naturalmente, talune risorse naturali sono così scarse da rimanere completamente inutilizzate. È l'offerta di lavoro disponibile che determina in quale misura il fattore naturale può essere sfruttato in ogni sua varietà per la soddisfazione dei bisogni.

Se l'offerta effettiva di lavoro aumenta, la produzione pure aumenta. Il lavoro non può rimanere disoccupato in base alla considerazione che esso non giova all'ulteriore miglioramento della soddisfazione richiesta. L'uomo isolato e autarchico ha l'opportunità di migliorare le sue condizioni lavorando di più. Sul mercato del lavoro di una società di mercato ci sono compratori per ogni quantità di lavoro offerto. Può esservi lavoro abbondante e superfluo soltanto per taluni segmenti del mercato del lavoro; questo determina uno spostamento del lavoro ad altri segmenti e una espansione della produzione in talune altre Provincie del sistema economico. D'altro lato, un aumento nella quantità di terra disponibile ―

ferme restando le altre condizioni ― potrebbe realizzare un aumento nella produzione soltanto se la terra addizionale fosse più fertile della terra marginale coltivata prima [nota 1]. Lo stesso è valido riguardo agli strumenti materiali accumulati per la produzione futura. L'utilità dei beni capitali dipende dunque dall'offerta di lavoro disponibile. Sarebbe dispendioso usare la capacità dei mezzi esistenti se il lavoro richiesto potesse essere impiegato per la soddisfazione di bisogni più urgenti.
1. In regime di piena mobilità del lavoro si avrebbe spreco nel migliorare il suolo arido se l'area bonificata non fosse tanto fertile da compensare i costi totali di bonifica.

I fattori complementari della produzione possono essere usati soltanto nella misura permessa dalla disponibilità del più scarso fra essi. Supponiamo che la produzione di una unità di p richieda l'impiego di 7 unità di a e 3 di b e che nè a nè b possano essere usati per nessun'altra produzione all'infuori di p. Se 49 a e 2000 b sono disponibili, non può essere prodotto più di 7 p. L'offerta disponibile di a determina la misura dell'uso di b. Soltanto a è considerato bene economico ; soltanto per a c'è gente disposta a pagare un prezzo; il prezzo pieno di p è accordato per 7 unità di a. D'altra parte, b non è un bene economico e nessun prezzo è accordato per esso. Ci sono quantità di b che rimangono inusate. Possiamo tentare di immaginare le condizioni in un mondo in cui tutti i fattori materiali di produzione siano così pienamente impiegati che non vi sia opportunità di impiegare tutti gli uomini o di impiegarli nella misura in cui essi sarebbero disposti a lavorare. In un mondo siffatto il lavoro è abbondante; un aumento dell'offerta di lavoro non può incrementare minimamente l'ammontare totale della produzione. Supponendo in tutti gli uomini la stessa capacità e applicazione lavorativa e trascurando la disutilità lavoro, quivi il lavoro non sarebbe un bene economico. Se questo mondo fosse una comunità socialista, un aumento nel numero della popolazione equivarrebbe a un aumento nel numero dei consumatori oziosi. Se fosse una società di mercato, i saggi salariali pagati non sarebbero sufficienti a impedire l'inedia. Coloro che cercano impiego sarebbero pronti a lavorare per qualsiasi salario, comunque basso, anche se insufficiente al sostentamento. Essi sarebbero lieti di differire per un poco la loro morte per affamamento. Non occorre indugiare sui paradossi di queste ipotesi e discutere i problemi di un mondo siffatto. Il lavoro è il più scarso dei fattori materiali di produzione. Noi non trattiamo a questo punto il problema della popolazione ottima. Consideriamo soltanto il fatto che vi sono fattori materiali di produzione i quali rimangono disoccupati perchè il lavoro richiesto è necessario a soddisfare bisogni più urgenti. Nel nostro mondo

non vi è abbondanza ma scarsità di manodopera e di altri fattori materiali di produzione non usati, cioè terra, giacimenti minerari, e persino di stabilimenti e attrezzature. Questo stato di cose potrebbe essere cambiato con un aumento della popolazione tale che tutti i fattori materiali richiesti per la produzione degli elementi indispensabili ― nel significato stretto della parola ― alla conservazione della vita umana fossero completamente sfruttati. Ma fintantoché questo non è il caso, esso non può essere cambiato da nessun miglioramento nei metodi tecnici della produzione. La sostituzione di metodi più efficienti di produzione a quelli meno efficienti non rende il lavoro abbondante, essendovi ancora fattori disponibili la cui utilizzazione può accrescere il benessere umano. Al contrario essa accresce la produzione e quindi la quantità di beni di consumo. Gli strumenti che "risparmiano lavoro" riducono il bisogno e non producono "disoccupazione tecnologica". Ogni prodotto è il risultato dell'impiego sia di lavoro che di fattori materiali. L'uomo economizza sia i fattori materiali che il lavoro.

Lavoro a soddisfazione immediata e lavoro a soddisfazione mediata. Di regola il lavoro soddisfa chi lo presta soltanto in maniera mediata, cioè con la rimozione del disagio prodotto dall'ottenimento del fine. Il lavoratore rinuncia al riposo e si sottomette alla disutilità del lavoro per goderne il prodotto o ciò che la gente è disposta a dargli per esso. La prestazione di lavoro è per lui mezzo a certi fini, un prezzo pagato e un costo sostenuto. Ma ci sono casi in cui la prestazione di lavoro soddisfa il lavoratore immediatamente. Egli deriva soddisfazione immediata dalla prestazione di lavoro. Il risultato è duplice. Da un lato consiste nell'ottenimento del prodotto e dall'altro lato nella soddisfazione che la prestazione stessa dà al lavoratore. La gente ha grottescamente svisato questo fatto e ha fondato sulla sua errata interpretazione piani fantastici di riforma sociale. Uno dei principali dogmi del socialismo è che il lavoro presenta disutilità soltanto nel sistema di produzione capitalistico, mentre sotto il socialismo esso sarebbe un puro divertimento. Possiamo trascurare le effusioni del povero lunatico Charles Fourier. Ma il socialismo "scientifico" di Marx non differisce su questo punto dagli utopisti. Uno dei suoi campioni più preminenti, Karl Kautsky, dichiara espressamente che compito principale del regime proletario sarà di trasformare il lavoro da penoso in piacevole [nota 1].

1. Karl Kautsky, Die soziale Revolution, 3a ed., Berlin, 1911, II, pag. 16 e seguenti.

È un fatto spesso ignorato che le attività che danno soddisfazione immediata e sono pertanto fonte diretta di piacere e di godimento sono essenzialmente differenti dal lavoro dell'operaio. Soltanto una considerazione superficiale dei fatti in questione può impedire di riconoscere queste differenze. Il remare su una canoa come usa per il divertimento domenicale sui laghi di un parco pubblico, soltanto dal punto di vista idromeccanico può essere paragonato al remeggio dei marinai e alle galee degli schiavi. Giudicato in vista dei suoi fini, esso differisce quanto il canticchiare di un vagabondo dalla recita della stessa aria da parte di un cantante d'opera. Lo spensierato rematore domenicale e il cantante vagabondo ottengono una soddisfazione immediata dalle loro attività, ma non soddisfazione mediata. Ciò che essi fanno non è lavoro perchè non impiegano le loro funzioni fisiologiche per fini diversi dal mero esercizio di queste funzioni. È semplicemente piacere. Un fine in se stesso; un fatto che non rende nessun utile servigio e non si può definire lavoro a soddisfazione immediata [nota 1].
1. Il remo seriamente praticato come sport e il canottaggio seriamente praticato da un amatore sono lavoro introversivi. Vedi sotto, pagg. 562-563.

Talvolta un osservatore superficiale può credere che il lavoro prestato dagli altri dia vita a immediata soddisfazione perchè sarebbe lieto di impegnarsi in un genere di gioco che apparentemente imita la specie di lavoro in questione. Come i bambini giocano alla scuola, ai soldati, alla ferrovia, così gli adulti sarebbero lieti di giocare a questo e a quello. Pensano che l'ingegnere ferroviario debba divertirsi a far funzionare e condurre la sua macchina quanto essi si divertirebbero se fosse loro permesso di giocare con essa. Nella sua affrettata corsa all'ufficio il contabile invidia il vigile che, egli pensa, è pagato per passeggiare piacevolmente lungo il suo tratto. Ma il vigile invidia il contabile, il quale, seduto in una sedia confortevole e in un locale ben riscaldato, guadagna con un semplice scribacchiare che non può essere seriamente chiamato lavoro. Ma le opinioni della gente che male interpreta il lavoro degli altri e lo considera come un mero passatempo non devono essere prese sul serio. Ci sono tuttavia anche casi di lavoro a soddisfazione immediata. Ma questi sono così insignificanti che non hanno assolutamente importanza nel complesso dell'azione e della produzione umana per la soddisfazione dei bisogni. Il nostro mondo è caratterizzato dal fenomeno della disutilità del lavoro. La gente scambia il lavoro che produce disutilità contro i

prodotti del lavoro. Il lavoro è per essa fonte di soddisfazione mediata. Se un tipo speciale di lavoro dà piacere e non pena, soddisfazione immediata e non disutilità, nessun salario è corrisposto per la sua prestazione. Al contrario, chi esegue il "lavoro" deve acquistare il piacere e pagare per esso. La caccia della selvaggina è per molta gente un lavoro che crea normalmente disutilità. Ma c'è gente per la quale è puro piacere. In Europa gli appassionati di caccia acquistano dai proprietari del fondo cacciabile il diritto di abbattere un certo numero di selvaggina di tipo definito. L'acquisto di questo diritto è separato dal prezzo da pagarsi per la selvaggina uccisa. Se si sommano i due acquisti il prezzo eccede largamente i prezzi che si potrebbero ottenere sul mercato della selvaggina. Un camoscio ancora errante sulle rocce a precipizio ha quindi un valore venale maggiore di quando, ucciso e portato a valle, è pronto per essere utilizzato come carne, pelle, corna, sebbene per la sua uccisione si debbano fare strenue arrampicate e usare altro materiale. Si direbbe che i servizi che un camoscio vivente è capace di rendere siano quelli di fornire al cacciatore il piacere di ucciderlo.

Il genio creativo. Ma al di sopra dei milioni di uomini che vengono al mondo e passano, emergono i pionieri, gli uomini le cui azioni e le cui idee aprono nuove vie all'umanità. Per il genio anticipatore [nota 1] creare è essenza di vita. Vivere significa creare.
1. I condottieri (Fuhrer) non sono pionieri. Essi guidano il popolo lungo le strade che i pionieri hanno aperto. I pionieri aprono la via attraverso terreni prima inaccessibili e possono non curarsi se qualcuno desidera o meno seguirli. I condottieri dirigono i popoli versi gli scopi che essi desiderano raggiungere.

Le attività di questi uomini prodigiosi non possono essere completamente incluse nel concetto prasseologico di lavoro. Esse non sono lavoro, in quanto per il genio non sono mezzo ma fine per se stesse. Egli vive creando e inventando; per lui non vi è piacere, ma soltanto intermissione di temporanea sterilità e frustrazione. Suo movente non è il desiderio di raggiungere un risultato ma l'atto di produrlo. Il suo raggiungimento non gli dà nè soddisfazione mediata nè immediata. Esso non lo soddisfa mediatamente perchè i suoi simili non lo comprendono, ma ne fanno anzi spesso oggetto di beffe, scherni e persecuzioni. Spesso il genio avrebbe potuto usare il suo dono naturale per rendersi la vita piacevole e gioiosa; ma non concepì nemmeno una tale possibilità e scelse

la via tormentosa senza esitazione. Il genio desidera compiere quello che considera sua missione anche se sa che muove verso la propria rovina. E nemmeno deriva immediata soddisfazione dalle proprie attività creatrici. Creare è per lui agonia e tormento, incessante e tormentosa lotta contro ostacoli interni ed esterni. Esso lo consuma e lo distrugge. Il poeta austriaco Grillparzer ha descritto questo in un toccante poema, Addio a Gastein [nota 1]. Possiamo immaginare che, scrivendolo, egli non pensasse soltanto alle sue proprie tribolazioni e affanni, ma anche alle più grandi sofferenze di un uomo molto più grande, di Beethoven, il cui destino assomigliava al suo e che egli comprese, con un'affezione devota ed una stima affettuosa, meglio di ogni altro suo contemporaneo. Nietzsche paragona se stesso alla fiamma che insaziabilmente si consuma e distrugge [nota 2].
1. Sembra non esservi traduzione inglese di questo poema. Il libro di Douglas Yates, Franz Grillparzer, a Critical Biography, Oxford, 1946, I, pag. 57, dà un breve riassunto inglese del suo, contenuto. 2. Per una traduzione del poema di Nietzsche, vedi M. A. Mugge, Friedrich Nietzsche, New York, 1911, pag. 275.

Tali agonie sono fenomeni che non hanno nulla in comune coi connotati generali attribuiti alle nozioni di fatica e di lavoro, di produzione e di successo, di guadagnarsi il pane e godere la vita. Le conquiste degli innovatori creativi, i loro pensieri e le loro teorie, i loro poemi, le loro differenti composizioni non possono essere prasseologicamente classificati come prodotti del lavoro. Non sono il risultato dell'impiego di lavoro che avrebbe potuto essere usato alla produzione di beni diversi dalla "produzione" di un capolavoro di filosofia, d'arte o di letteratura. Pensatori, poeti e artisti sono talvolta inadatti a qualsiasi altro lavoro. Ad ogni modo, il tempo e la fatica che essi dedicano alle attività creatrici non sono tolte all'impiego per altri scopi. Le condizioni possono talvolta condannare alla sterilità un uomo che avrebbe avuto il potere di realizzare cose inaudite, possono non lasciargli altra alternativa all'infuori di quella di morire d'inedia o di usare tutte le sue forze nella lotta per la mera sopravvivenza fisica. Ma se il genio riesce nel raggiungimento del suo scopo, nessuno, all'infuori di lui stesso, ne paga i "costi". Goethe fu forse per qualche aspetto ostacolato dalle sue funzioni alla corte di Weimar. Ma certamente egli non avrebbe fatto di più nei suoi doveri ufficiali di ministro di stato, di direttore teatrale e di amministratore delle miniere, se non avesse scritto le sue commedie, i suoi poemi e i suoi romanzi. Inoltre, è impossibile sostituire il lavoro degli altri a quello dei creatori. Se Dante e Beethoven non fossero esistiti, nessuno sarebbe stato

capace di produrre la Divina Commedia o la Nona Sinfonia. Nè la società nè i singoli possono sostanzialmente favorire il genio e la sua opera. La più alta intensità della "domanda" e l'ordine più perentorio del governo sono insufficienti. Il genio non consegna su ordinazione. Gli uomini non possono modificare le condizioni naturali e sociali che dànno vita al creatore ed alla sua produzione. E impossibile allevarli con l'eugenetica, istruirli a scuola, od organizzare le loro attività. Ma, naturalmente, si può organizzare la società in modo che non sia lasciato posto ai pionieri e alle loro nuove vie. La realizzazione creativa del genio è un fatto ultimo per la prasseologia. Essa entra nella storia come un libero dono del destino. Non è mai il risultato della produzione nel senso in cui l'economia usa questo termine.

4. La produzione. L'azione, se ha successo, raggiunge il fine cercato. Essa realizza il prodotto. La produzione non è un atto di creazione; essa non produce qualcosa che non esisteva prima, fi una trasformazione di dati elementi mediante la loro lavorazione e combinazione. Il produttore non è un creatore. L'uomo è creativo soltanto nel pensiero e nel regno dell'immaginazione. Nel mondo dei fenomeni esterni è soltanto un trasformatore. Tutto ciò che può compiere è di combinare i mezzi disponibili in modo tale che, conformemente alle leggi di natura, il risultato perseguito sia costretto a manifestarsi. Una volta usava distinguere fra produzione di beni tangibili e prestazione di servizi personali. Il falegname che faceva tavoli e sedie era detto produttivo; ma questo attributo era negato al dottore, il cui consiglio aiutava il falegname sofferente a riacquistare la capacità di fare tavoli e sedie. Si faceva differenza fra il nesso dottore-falegname e il nesso falegname-sarto. Il dottore, si asseriva, non produce. Egli trae la vita da ciò che producono gli altri, è mantenuto dai falegnami e dai sarti. In un'epoca ancora anteriore, i fisiocrati francesi sostenevano che tutto il lavoro era sterile a meno che esso non estraesse qualcosa dal suolo. Solo la coltivazione, la pesca, la caccia e lo sfruttamento delle miniere e delle cave erano produttivi nella loro opinione. Le industrie manifatturiere non aggiungevano al valore del materiale impiegato nulla più che il valore delle cose consumate dai lavoratori. Al giorno d'oggi gli economisti irridono ai loro predecessori per aver fatto tali insostenibili distinzioni. Ma essi dovrebbero piuttosto togliere la trave dai propri occhi. Il modo in cui molti scrittori contemporanei

trattano vari problemi ― per esempio, pubblicità e studio del mercato ― è manifestamente una ricaduta nei grossolani errori che dovrebbero essere spariti da molto tempo. Un'altra opinione largamente sostenuta fa differenza tra l'impiego di lavoro e quello di fattori materiali di produzione. La natura, si asserisce, dispensa gratuitamente i suoi doni; ma il lavoro dev'essere pagato in ragione della sua disutilità. Lavorando, e manifestandosi la disutilità del lavoro, l'uomo aggiunge qualcosa all'universo, che non esisteva prima. In questo senso il lavoro è creativo. Questo pure è erroneo. La capacità dell'uomo di lavorare è un dato dell'universo come lo sono le capacità originarie inerenti alla terra e alle sostanze animali. Nemmeno il fatto che una parte del potenziale di lavoro possa rimanere inutilizzata lo differenzia dai fattori di produzione non umani. Questi pure possono restare inutilizzati. La prontezza degli individui a passar sopra alla disutilità del lavoro è risultato del fatto che essi preferiscono il prodotto del lavoro alla soddisfazione derivata da un maggiore riposo. Soltanto la mente umana che dirige l'azione e la produzione è creativa. La mente pure appartiene all'universo e alla natura. Essa è parte del mondo dato ed esistente. Chiamare la mente creativa non è indulgere a nessuna speculazione metafisica. La chiamiamo creativa perchè non siamo in grado di riportare i cambiamenti prodotti dall'azione umana oltre il punto in cui si ha l'intervento della ragione nella direzione delle attività umane. La produzione non è qualcosa di fisico, naturale ed esterno. Essa è un fenomeno spirituale e intellettuale. I suoi requisiti essenziali non sono il lavoro umano, le forze naturali e le cose esterne. Ma la decisione della mente di usare questi fattori e questi mezzi per il raggiungimento di fini. Ciò che realizza il prodotto non è la fatica in se stessa, ma il fatto che la fatica è guidata dalla ragione. Soltanto la mente umana ha il potere di rimuovere stati di disagio. La metafìsica materialista dei marxisti interpreta queste cose in modo assolutamente falso. Le "forze produttive" non sono materiali. La produzione è un fenomeno spirituale, intellettuale e ideologico. È il metodo che l'uomo, diretto dalla ragione, impiega per la rimozione migliore possibile del disagio. Ciò che distingue le nostre condizioni da quelle dei nostri antenati viventi dieci o venti secoli fa, non è qualcosa di materiale, ma qualcosa di spirituale. I cambiamenti materiali sono il risultato dei cambiamenti spirituali. Produzione è alterazione di ciò che è dato secondo i disegni della ragione. Questi disegni ― ricette, formule, ideologie ― sono la cosa primaria ; essi trasformano i fattori originari ― sia umani che non umani ― in mezzi. L'uomo produce con la forza della sua ragione; egli sceglie fini e impiega mezzi per il loro ottenimento. Il detto popolare secondo il quale l'economia tratta delle condizioni materiali della vita umana è

interamente errato. L'azione umana è una manifestazione della mente. In questo senso la prasseologia può essere chiamata scienza morale (Geisteswissenschaft). Naturalmente non conosciamo che cosa è la mente, come non conosciamo che cosa sono moto, vita, elettricità. Mente è semplicemente la parola che significa il fattore sconosciuto che ha messo in grado gli uomini di realizzare tutto ciò che essi hanno realizzato : le teorie e i poemi, le cattedrali e le sinfonie, le automobili e gli aeroplani.

Parte seconda

L'AZIONE NELL'AMBITO SOCIALE

CAPITOLO VIII

LA SOCIETÀ UMANA

1. La cooperazione. La società è azione concertata, cooperazione. Essa è il risultato di un comportamento conscio e intenzionale. Ma ciò non significa che gli individui abbiano concluso contratti in virtù dei quali abbiano fondato la società umana. L'azione cui è dovuta la cooperazione sociale e che quotidianamente l'attua non tende ad altro che alla cooperazione ed alla coadiuvazione con gli altri per il raggiungimento di fini singoli definiti. Il complesso totale delle mutue relazioni create da tale azione concertata è detto società. Essa sostituisce la collaborazione alla vita isolata degli individui — se pure questa è concepibile. La società è divisione del lavoro e combinazione di lavoro. Come animale agente, l'uomo diventa animale sociale. L'individuo è nato in un ambiente socialmente organizzato. In questo senso soltanto possiamo accettare l'affermazione che la società è — logicamente o storicamente — antenata all'individuo. In ogni altro senso questo detto o è vuoto o senza senso. L'individuo vive e agisce nella società. Ma la società non è altro che la combinazione di individui per uno sforzo comune. Essa non esiste che nelle azioni degli individui. È un'illusione cercarla al di fuori delle azioni degli individui. Parlare di una società autonoma dall'esistenza indipendente, della sua vita, anima, azioni, è una metafora che può facilmente condurre a crassi errori. La questione se la società o l'individuo debba essere considerato il fine ultimo, e se gli interessi della società debbano essere subordinati a quelli degli individui o viceversa, è oziosa. L'azione è sempre azione di individui. L'elemento sociale o societario è costituito da un certo orientamento delle azioni degli individui. La categoria fine ha senso soltanto se applicata all'azione. Teologia e metafìsica della storia possono discutere i fini della società e i disegni che Dio desidera realizzare riguardo alla società nello stesso modo in cui discutono lo scopo di tutte le altre parti dell'universo creato. Per la scienza, che è inseparabile dalla ragione, strumento manifestamente inadatto per la trattazione di siffatti problemi, sarebbe assolutamente inutile impegnarsi in speculazioni

riguardanti queste materie. Nell'ambito della cooperazione sociale tra i membri della società possono allignare sentimenti di simpatia e di amicizia e il senso di appartenere gli uni agli altri. Questi sentimenti sono la fonte più deliziosa e più sublime delle esperienze umane e l'ornamento più prezioso della vita ; essi sollevano la specie animale uomo all'altezza di un'esistenza realmente umana. Tuttavia non sono essi a determinare, come taluni hanno asserito, le relazioni sociali. Sono i frutti dell'azione sociale, che prosperano soltanto entro il suo ambito; non hanno preceduto l'istituzione di relazioni sociali e non sono il seme da cui essi germogliano. I fatti fondamentali cui è dovuta la cooperazione, la società, la civiltà e la trasformazione dell'animale uomo in essere umano stanno nella maggior produttività dell'opera eseguita nella divisione del lavoro rispetto al lavoro isolato, insieme al fatto ulteriore che la ragione umana è capace di riconoscere questa verità. Ma per ciò solo gli uomini sarebbero rimasti sempre nemici mortali l'un l'altro, rivali inconciliabili nei loro sforzi di assicurarsi una porzione delle scarse provviste di mezzi di sussistenza offerte dalla natura. Ognuno sarebbe stato forzato a considerare gli altri come propri nemici. La brama di soddisfare i propri appetiti lo avrebbe messo in implacabile conflitto con tutti i vicini. Nessuna simpatia avrebbe potuto svilupparsi in un siffatto stato di cose. Taluni sociologi hanno asserito che il fatto soggettivo elementare ed originario nella società è la "coscienza di specie" [nota 1]. Altri sostengono che non ci sarebbero sistemi sociali se non ci fosse il senso della comunità o dell'appartenenza reciproca [nota 2]. Si può essere d'accordo, ammesso che questi termini un poco vaghi ed ambigui siano correttamente interpretati. Possiamo chiamare coscienza di specie, senso della comunità, o senso dell'appartenenza reciproca il riconoscimento del fatto che tutti gli altri esseri umani sono collaboratori essenziali nella lotta per l'esistenza in quanto capaci di riconoscere i mutui benefici della cooperazione, mentre gli animali mancano di questa facoltà. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che i fatti primari che producono tale coscienza o tale senso sono i due sopra menzionati. In un mondo ipotetico in cui la divisione del lavoro non incrementasse la produttività, non vi sarebbe società nè alcun sentimento di benevolenza e buona volontà.
1. F. H. Giddings, The Principles of Sociology, New York, 1926, pag. 17. 2. R. M. Maciver, Society, New York, 1937, pagg. 6-7.

Il principio della divisione del lavoro è uno dei grandi principii basilari del divenire cosmico e del mutamento evoluzionistico. I biologi erano nel giusto prestando questo concetto della divisione del lavoro dalla filosofia sociale per adattarlo al loro campo di investigazione. C'è divisione

del lavoro tra le varie parti di qualsiasi organismo vivente. Ci sono, inoltre, entità organiche composte di individui animali collaboranti ; è usanza chiamare metaforicamente tali aggregati, come formiche e api, "società animali". Ma non si deve dimenticare che il tratto caratteristico della società umana è la cooperazione deliberata; la società è il risultato dell'azione umana, cioè di una tendenza conscia al raggiungimento di fini. Questo elemento non è presente, almeno per quanto possiamo discernere, nei processi che hanno determinato l'emergenza dei sistemi strutturafunzione dei corpi animali e vegetali e il funzionamento delle società di formiche, api e vespe. L'azione umana è un fenomeno intellettuale e spirituale. Essa è il risultato dell'utilizzazione intenzionale di una legge universale che determina il divenire cosmico, cioè la più alta produttività della divisione del lavoro. Come sempre nell'azione, la conoscenza delle leggi di natura è messa al servizio degli sforzi per migliorare le condizioni umane.

2. Critica del punto di vista sociale olistico e metafìsico. Secondo le dottrine dell'universalismo, del realismo concettuale, dell'olismo, del collettivismo e di taluni rappresentanti della Gestaltpsychologie, la società è un'entità che vive la sua propria vita, indipendente e separata dalle vite dei vari individui, che agisce per conto proprio e tende a fini propri differenti dai fini perseguiti dagli individui. Allora, naturalmente, può manifestarsi antagonismo tra gli scopi della società e quelli dei suoi membri. Per salvaguardare il fiorire e lo sviluppo ulteriore della società diventa necessario dominare l'egoismo degli individui e costringerli a sacrificare i loro disegni egoistici a beneficio della società. A questo punto le dottrine olistiche sono costrette ad abbandonare i metodi secolari della scienza umana e del ragionamento logico per spostarsi verso professioni di fede teologiche e metafìsiche. Devono supporre che la Provvidenza, attraverso i suoi poeti, apostoli e capi carismatici forzi gli uomini costituzionalmente perversi, cioè proni a perseguire i propri fini, a seguire la via della giustizia che il Signore o il Weltgeist o la storia vuole seguano. Questa filosofia ha caratterizzato da tempo immemorabile le credenze delle tribù primitive ed ha permeato tutti i principii religiosi. L'uomo è tenuto a osservare le leggi stabilite da poteri sovrumani e a obbedire alle autorità cui questi poteri sono stati delegati insieme al potere di farli osservare. L'ordine creato da questa legge, la società umana, è conseguentemente opera della divinità e non dell'uomo. Se il Signore non avesse interferito e non avesse dato lumi all'umanità fallace,

la società non esisterebbe. È vero che la cooperazione sociale è una benedizione per l'uomo; è vero che l'uomo potè fare la strada dalla barbarie e dall'angustia materiale e morale del suo stato primitivo soltanto nell'ambito della società. Tuttavia, se lasciato solo non avrebbe visto la via della propria salvazione. Perchè l'adattamento alle esigenze della cooperazione e della subordinazione sociale e ai precetti della legge morale gli hanno imposto gravi limitazioni. Dal punto di vista del suo povero intelletto egli giudicherebbe come un male e una privazione l'abbandono di qualche vantaggio atteso. Non arriverebbe a riconoscere i vantaggi incomparabilmente più grandi ma più lontani che gli procurerà la rinuncia ai piaceri presenti e visibili. Se non per rivelazione sovrannaturale, egli non avrebbe mai imparato quale destino vuole persegua il proprio bene e quello della sua prole. La teoria scientifica del tipo sviluppato dalla filosofia sociale del razionalismo del XVIII secolo e dalla moderna economia non ricorre a nessuna, interferenza miracolosa di poteri sovrumani. Ogni passo verso la sostituzione dell'azione concertata all'azione isolata costituisce un miglioramento immediato e riconoscibile. I vantaggi derivati dalla cooperazione pacifica e dalla divisione del lavoro sono universali. Essi fanno beneficiare immediatamente ogni generazione, e non soltanto i lontani discendenti, perchè ciò che l'individuo deve sacrificare per gli scopi della società è ampiamente compensato dai maggiori vantaggi. Il suo sacrificio, è soltanto apparente e temporaneo. Rinuncia a un guadagno limitato per maturarne uno maggiore successivamente. Nessun essere ragionevole può disconoscere questo fatto ovvio. Se la cooperazione sociale è intensificata allargando il campo della divisione del lavoro e se la protezione legale e la salvaguardia della pace sono rafforzate, l'incentivo è il desiderio di tutti gli interessati a migliorare le proprie condizioni. Lottando per i propri interessi — se rettamente intesi — l'individuo lavora all'intensificazione della cooperazione sociale e delle relazioni pacifiche. La società è il prodotto dell'azione umana, cioè della tendenza a rimuovere il disagio quanto più possibile. Per spiegare il suo divenire e la sua evoluzione non è necessario ricorrere a una dottrina, certamente offensiva alla mente autenticamente religiosa, secondo cui la creazione originale era tanto difettosa da essere reiteratamente necessario l'intervento sovrumano per evitarne il fallimento. La funzione storica della teoria della divisione del lavoro come elaborata dall'economia politica inglese da Hume a Ricardo è consistita nella demolizione completa di tutte le dottrine metafìsiche sull'origine ed il funzionamento della cooperazione sociale. Essa realizzò l'emancipazione spirituale, morale e intellettuale dell'umanità inaugurata dalla filosofia degli epicurei. Sostituì una morale razionale e autonoma all'etica eteronomia é intuizionistica del tempo andato. Leggi e legalità, codice

morale e istituzioni sociali non sono più riveriti come decreti imperscrutabili del cielo. Sono di origine umana e l'unico metodo da applicare ad essi è quello della convenienza riguardo al benessere umano. Gli economisti utilitaristi non dicono : "Fiat justitia, pereat mundus" ; essi dicono : "Fiat justitia, ne pereat mundus". Non domandano all'uomo di rinunciare al proprio benessere a beneficio della società. Lo consigliano di riconoscere quali sono i suoi interessi rettamente intesi. Ai loro occhi la magnificenza di Dio non si manifesta in affaccendate interferenze nei disparati interessi dei principi e dei politici, ma dotando le sue creature di ragione e stimolandole a perseguire la felicità [nota 1].
1. Molti economisti, tra i quali Adam Smith e Bastiat, credevano in Dio. Perciò ammiravano nei fatti che avevano scoperto la cura provvidenziale del "grande Direttore della natura". I critici atei li rimproverano per questa loro attitudine. Ma non si rendono conto che le loro beffe alla "mano invisibile" non invalidano i principii essenziali della filosofia sociale razionalista e utilitaria. Si deve capire che l'alternativa è questa : o l'associazione è un processo umano perchè essa serve meglio gli scopi degli individui interessati, e gli individui stessi sono capaci di realizzare i vantaggi derivanti dal loro aggiustamento alla vita di cooperazione sociale. O un essere superiore impone ai recalcitranti la subordinazione alla legge e alle autorità sociali. È cosa di scarsa importanza chiamare questo essere supremo Dio, Weltgeist, Storia, Destino, Wotan, o Forze Produttive e quale titolo assegnare ai suoi apostoli, i dittatori.

Il problema essenziale di tutte le varie filosofìe sociali, universalistica, collettivistica e olistica è : per quale caratteristica riconoscere la vera legge, la parola dell'autentico apostolo di Dio, e l'autorità legittima? Perchè molti sostengono che la Provvidenza li ha inviati, e ogni profeta predica un diverso vangelo. Per il credente fedele non può esservi dubbio ; egli è pienamente fidente di aver abbracciato la sola vera dottrina. Ma è precisamente la fermezza in tale credenza che rende gli antagonismi inconciliabili. Ogni partito è pronto a far prevalere i propri dogmi. Ma siccome l'argomentazione logica non può decidere tra vari credi dissenzienti, non v'è mezzo per comporre queste dispute all'infuori del conflitto armato. Le dottrine sociali non razionaliste, non utilitarie e non liberali devono suscitare guerre e guerre civili, fino a che gli avversari siano distrutti o sottomessi. La storia delle grandi religioni del mondo è un elenco di battaglie e di guerre, come lo è la storia delle false religioni odierne, socialismo, statolatria e nazionalismo. L'intolleranza e la propaganda con la spada del boia e del soldato sono inerenti ad ogni sistema di etica eteronoma. Le leggi di Dio o del destino pretendono validità universale, e alle autorità che esse dichiarano legittime tutti gli uomini hanno il dovere dell'obbedienza. Fino a quando il prestigio dei codici eteronomi della moralità e del loro corollario filosofico,

il realismo concettuale, era intatto, non poteva esservi questione di tolleranza o di pace durevole. Quando il combattimento cessava, c'era soltanto da raccogliere nuove forze per la lotta ulteriore. L'idea, di tolleranza riguardo alle vedute dei dissenzienti potè mettere radici soltanto quando le dottrine liberali ebbero rotto l'incanto dell'universalismo. Alla luce della filosofia umanitaria, società e stato non appaiono più come istituzioni per il mantenimento di un ordine mondiale che, per considerazioni nascoste alla mente umana, piace alla divinità sebbene manifestamente contrario agli interessi secolari di molti o addirittura dell'immensa maggioranza dei viventi. Società e stato sono al contrario i mezzi primari di tutti i popoli per il raggiungimento dei fini cui essi aspirano per propria determinazione. Essi sono stati creati dalla forza umana e il loro mantenimento e la loro più adatta organizzazione non sono compito essenzialmente differente dagli altri compiti concernenti l'azione umana. I sostenitori della moralità eteronoma e della dottrina collettivistica non possono sperare di dimostrare col raziocinio la correttezza della loro varietà specifica di principii etici e la superiorità ed esclusività legittima del loro idolo sociale particolare. Essi sono costretti a domandare al popolo di accettare con credulità il loro sistema ideologico e di arrendersi all'autorità che considerano la giusta; si preoccupano di tacitare i dissenzienti o di sottometterli. Naturalmente, ci saranno sempre individui o gruppi di individui il cui intelletto è così limitato da non poter afferrare i benefici che porta loro la cooperazione sociale. Ce ne sono altri la cui capacità morale e forza di volontà è così debole da non poter resistere alla tentazione di un vantaggio effimero con azioni dannose al regolare funzionamento del sistema sociale. Perchè l'adattamento dell'individuo alle esigenze della cooperazione sociale domanda sacrifici. Si tratta, è vero, soltanto di sacrifici temporanei e apparenti, perchè più che compensati dai vantaggi incomparabilmente maggiori che si hanno vivendo entro la società. Tuttavia, al momento, nell'atto stesso di rinunciare a un godimento atteso, essi sono penosi, e non è da tutti rendersi conto dei loro benefìci ulteriori e comportarsi in conformità. L'anarchismo crede che l'educazione potrebbe far comprendere a tutta la gente ciò che il proprio interesse le domanda. Adeguatamente istruita, essa ottempererebbe sempre alle regole di condotta indispensabili per la preservazione della società. Gli anarchici sostengono che un ordine sociale in cui nessuno gode di privilegi a spese del suo prossimo potrebbe esistere senza nessuna costrizione e coercizione per prevenire le azioni socialmente dannose. Una siffatta società ideale potrebbe reggersi senza stato nè governo; cioè senza una forza di polizia e senza l'apparato sociale coercitivo. Gli anarchici trascurano il fatto innegabile che taluni sono o stretti di mente o troppo deboli per adattarsi spontaneamente alle condizioni

della vita sociale. Anche se ammettiamo che ogni adulto sano sia dotato della facoltà di apprezzare il bene della cooperazione sociale e di agire in conformità, rimane sempre il problema dei bambini, delle persone in età e dei malati. Possiamo essere d'accordo che colui il quale agisce in modo antisociale dovrebbe essere considerato mentalmente malato e bisognoso di cure. Ma fino a quando non tutti sono curati e fintantoché vi sono bambini e persone senili, devono essere prese disposizioni perchè essi non mettano a repentaglio la società. Una società anarchica sarebbe esposta alla mercè di tutti gli individui. La società non può esistere se la maggioranza non è pronta, ricorrendo o minacciando un'azione violenta, a impedire alle minoranze di distruggere l'ordine sociale. Questo potere è conferito allo stato o al governo. Lo stato o governo è l'apparato coercitivo. Esso ha il monopolio dell'azione violenta. Nessun individuo è libero di usare la violenza o di minacciare violenza se il governo non gli ha accordato questo diritto. Lo stato è essenzialmente un'istituzione per la preservazione delle relazioni pacifiche tra gli uomini. Tuttavia, per preservare la pace, esso deve essere preparato a reprimere gli eccessi di chi vi attenta. La dottrina sociale liberale, basata sui principii dell'etica e dell'economia utilitaristica, vede il problema delle relazioni tra governo e governati da un angolo differente da quello dell'universalismo e del collettivismo. Il liberalismo si rende conto che i governanti, che sono sempre una minoranza, non possono rimanere a lungo nella loro carica se non sostenuti dal consenso della maggioranza dei governati. Qualunque sia il sistema di governo, il fondamento su cui esso è costruito e riposa è sempre l'opinione dei governati che l'obbedienza e la lealtà al governo serva meglio i propri interessi dell'insurrezione e della costituzione di un altro regime. La maggioranza ha il potere di disfarsi di un governo impopolare e usa questo potere quando è convinta che il proprio benessere lo richiede. Nel lungo andare non vi sono governi impopolari. Guerra civile e rivoluzione sono i mezzi coi quali le maggioranze scontente depongono despoti e metodi di governo non adatti a loro. Ai fini della pace interna, il liberalismo tende a un governo democratico. La democrazia non è quindi un'istituzione rivoluzionaria. Al contrario, è il mezzo stesso di prevenire le rivoluzioni e le guerre civili. Essa fornisce un metodo per l'adeguamento pacifico del governo alla volontà della maggioranza. Se gli uomini in carica e le loro politiche non piacciono più alla maggioranza della nazione, essi saranno — nelle prossime elezioni — eliminati e sostituiti con uomini che seguono politiche differenti. Il principio della regola maggioritaria o del governo del popolo come raccomandato dal liberalismo non tende alla supremazia dell'uomo medio o comune. Esso certamente non intende, come asseriscono alcuni critici, sostenere la regola della mediocrità, della bassa educazione e del

barbarismo domestico. Anche i liberali credono che una nazione dovrebbe essere governata dai meglio adatti al compito. Ma essi credono che l'abilità a governare si dimostri meglio convincendo i propri concittadini che usando la forza su di essi. Non ci sono, naturalmente, garanzie che i votanti conferiranno l'ufficio al candidato più competente. Ma nessun altro sistema potrebbe offrire tali garanzie. Se la maggioranza della nazione è abbandonata a principii insani e preferisce indegni cacciatori di cariche, non v'è altro rimedio che tentare di cambiare la loro mente esponendo principii più ragionevoli e raccomandando uomini migliori. Una minoranza non otterrà mai un successo durevole con altri mezzi. Universalismo e collettivismo non possono accettare questa soluzione democratica del problema di governo. Nella loro opinione l'individuo osservando il codice etico non favorisce direttamente interessi terreni ma, al contrario, rinuncia al raggiungimento dei suoi propri fini, a beneficio dei disegni della divinità o del tutto collettivo. Inoltre, la ragione soltanto è incapace di concepire la supremazia dei valori assoluti e l'incondizionata validità della legge sacra ed interpretare correttamente i canoni e i comandamenti. Quindi ai loro occhi è compito disperato tentare di convincere la maggioranza mediante persuasione e ricondurla alla rettitudine con l'ammonimento amichevole. Coloro che sono toccati dall'ispirazione celeste, ai quali il charisma ha portato lumi, hanno il dovere di propagare il vangelo ai docili e di ricorrere alla violenza contro gli intrattabili. Il capo carismatico è il vicario della divinità, il mandatario del tutto collettivo, lo strumento della storia. Egli è infallibile e ha sempre ragione. I suoi ordini sono la norma suprema. Universalismo e collettivismo sono necessariamente sistemi di governo teocratico. La caratteristica comune di tutte le loro varietà è che postulano l'esistenza di una entità sovrumana cui gli individui sono tenuti a obbedire. Ciò che li differenzia dagli altri è soltanto il nome che essi dànno a questa entità e il contenuto delle leggi che essi proclamano in suo nome. La regola dittatoriale di una minoranza non può trovare nessuna legittimazione altro che nel riferimento a un asserito mandato ottenuto da un'autorità assolutamente sovrumana. Non importa se il despota basa le sue pretese sul diritto divino dei re o sulla missione storica del proletariato d'avanguardia o se l'essere supremo è o chiamato Geist (Hegel) o Humanité (Auguste Comte). I termini società e stato, come usati dagli avvocati contemporanei del socialismo, della pianificazione e del controllo sociale di tutte le attività degli individui, significano divinità. I sacerdoti di questo nuovo credo ascrivono al loro ideale tutti quegli attributi che i teologi ascrivono a Dio — onnipotenza, onniscienza, bontà infinita e così via. Se si assume che esiste al di sopra e al di là dall'azione dell'individuo un'entità imperitura tendente ai propri fini, differenti da quelli dei

mortali, si è già costruito il concetto di essere sovrumano. Allora non si può evadere la domanda circa i fini che hanno la preminenza in caso di antagonismo ; quelli dello stato o della società o quelli dell'individuo. La risposta a questa questione è sempre implicita nel concetto stesso di stato o società come concepito dal collettivismo e dall'universalismo. Se si postula l'esistenza di un'entità che ex definitione è più alta, più nobile e migliore degli individui, allora non può esservi dubbio che gli scopi di questo essere eminente debbano dominare su quelli dei poveri individui. (È vero che taluni amanti del paradosso — per esempio, Max Stirner [nota 1] — si compiacquero di capovolgere la questione per asserire la precedenza dell'individuo). Se la società o lo stato sia un'entità dotata di volizione e intenzione e di tutte le altre qualità attribuitele dalla dottrina collettivista, allora è semplicemente un non senso contrapporre i meschini e triviali scopi dell'individuo ai suoi alti disegni.
1. Cfr. Max Stirner (Johann Kaspar Schmidt), The Ego and His Own, traduzione di S. T. Byington, New York, 1907.

Il carattere quasi teologico di tutte le dottrine collettivistiche diventa manifesto nei loro mutui conflitti. Una dottrina collettivista non asserisce la superiorità di un tutto collettivo in astratto; essa proclama sempre la eminenza di un idolo collettivista definito o nega assolutamente l'esistenza di altri idoli simili, o li relega in una posizione subordinata al proprio idolo. Gli adoratori dello stato proclamano l'eccellenza di uno stato definito, cioè il proprio; i nazionalisti, l'eccellenza della loro propria nazione. Se coloro che dissentono impugnano il loro programma particolare sostenendo la superiorità di un altro idolo collettivista, questi non trovano altra obiezione all'infuori di dichiarare ripetutamente : Noi abbiamo ragione perchè una voce interiore ci dice che abbiamo ragione e che voi avete torto. I conflitti dei credi e delle sette collettiviste antagonistici non possono essere risolti dal raziocinio; devono essere decisi con le armi. Le alternative al principio democratico della regola della maggioranza sono i principii militaristi del conflitto armato e dell'oppressione dittatoriale. Tutte le verità dei credi collettivisti sono unite nella loro implacabile ostilità alle istituzioni politiche fondamentali del sistema liberale : regola della maggioranza, tolleranza delle vedute divergenti, libertà di pensiero, di parola, di stampa, eguaglianza di tutti gli uomini nella legge. Questa collaborazione dei credi collettivisti nei loro tentativi di distruggere la libertà ha determinato l'erronea credenza che il problema degli odierni antagonismi politici sia l'opposizione dell'individualismo al collettivismo. Infatti è una lotta tra l'individualismo da un lato e la moltitudine di sette collettiviste dall'altro, il cui mutuo odio e ostilità non è meno feroce della

loro abominazione del sistema liberale. Non è una uniforme setta marxista che attacca il capitalismo, ma moltitudini di gruppi marxisti. Questi gruppi — per esempio, stalinisti, trotskysti, menscevichi, sostenitori della seconda internazionale, e così via — si combattono l'un l'altro con estrema brutalità e disumanità. Vi sono poi molte altre sette non marxiste che applicano gli stessi metodi atroci nelle loro mutue lotte. La sostituzione del collettivismo al liberalismo porterebbe a un conflitto sanguinoso e senza fine. La terminologia usuale rende in modo assolutamente erroneo queste cose. La filosofia comunemente detta individualismo è una filosofìa della cooperazione sociale e della progressiva intensificazione dei nessi sociali. D'altro lato, l'applicazione delle idee-base del collettivismo non può portare ad altro che alla disintegrazione sociale e alla perpetuazione del conflitto: È vero che ogni varietà di collettivismo promette pace eterna, cominciando dal giorno della propria vittoria decisiva e soppressione totale di tutte le altre ideologie e relativi sostenitori. Tuttavia, la realizzazione di questi piani è condizionata a una trasformazione radicale della umanità. Gli uomini devono essere divisi in due classi : l'onnipotente dittatore, simile a Dio, da un lato, e d'altro lato le masse che devono rinunciare a volere e a ragionare per diventare mere pedine nei piani del dittatore. Le masse devono essere disumanizzate per poter fare di un uomo il loro capo divino. Il pensiero, l'azione, le caratteristiche più alte dell'uomo come uomo, diventerebbero il privilegio di un uomo soltanto. Non v'è bisogno di precisare che tali disegni sono irrealizzabili. Gli imperi chiliastici dei dittatori sono destinati a fallire; essi non hanno mai durato più che pochi anni. Abbiamo appena assistito al crollo di diversi di questi ordini "del millennio". Quelli che rimangono difficilmente andranno meglio. La reviviscenza moderna dell'idea collettivista, causa principale di tutte le agonie e disastri dei nostri giorni, è riuscita così bene da ridurre all'oblìo le idee essenziali della filosofia sociale liberale. Oggi persino molti di quelli che favoriscono le istituzioni democratiche ignorano queste idee. Gli argomenti che essi avanzano per la giustificazione della libertà e della democrazia sono inficiati da errori collettivistici. Le loro dottrine sono piuttosto una distorsione che un'accettazione del vero liberalismo. Ai loro occhi le maggioranze hanno sempre ragione semplicemente perchè esse hanno il potere di distruggere ogni opposizione; la regola maggioritaria è la regola dittatoriale del partito più numeroso e il regime della maggioranza non è tenuto a limiti nell'esercizio dei suoi poteri e nella condotta degli affari politici. Non appena una fazione riesce a guadagnarsi l'appoggio della maggioranza dei cittadini, e quindi a ottenere il controllo della macchina governativa, è libera di negare alla minoranza tutti quei diritti democratici per mezzo dei quali essa stessa ha precedentemente

combattuto la sua battaglia per la supremazia. Questo pseudo liberalismo è, naturalmente, l'antitesi stessa della dottrina liberale. I liberali non sostengono che le maggioranze sono simili a Dio e infallibili e che il mero fatto di una politica sostenuta dai più sia prova del suo merito per il comune benessere. Essi non raccomandano la dittatura della maggioranza e l'oppressione violenta delle minoranze. Il liberalismo tende a una costituzione politica che salvaguardi il regolare funzionamento della cooperazione sociale e l'intensificazione progressiva delle mutue relazioni. Suo principale obiettivo è di evitare i conflitti violenti, la guerra e le rivoluzioni che devono disintegrare la collaborazione sociale e rigettare gli uomini nelle condizioni primitive del barbarismo in cui tutte le tribù e i corpi politici si combattevano l'un l'altro senza fine. Poiché la divisione del lavoro richiede una pace indisturbata, il liberalismo tende a stabilire un sistema di governo che possa preservare la pace, cioè la democrazia.

Prasseologia e liberalismo. Il liberalismo è una dottrina politica. Esso non è una teoria, ma l'applicazione delle teorie sviluppate dalla prasseologia e specialmente dall'economia per definire i problemi dell'azione umana entro la società. Come dottrina politica, il liberalismo non è neutrale rispetto ai valori e agli scopi ultimi cercati dall'azione. Esso assume che tutti gli uomini o almeno la maggioranza della gente tenda all'ottenimento di certi fini, e li informa sui mezzi adatti alla realizzazione dei loro piani. I sostenitori delle dottrine liberali sono assolutamente consci del fatto che i loro principii sono validi soltanto per la gente che accetta questi principii valutativi. Mentre la prasseologia, e quindi anche l'economia, usa il termine "felicità" ed "eliminazione del disagio" in un senso puramente formale, il liberalismo attribuisce ad esso un significato concreto. Esso presuppone che la gente preferisca la vita alla morte, la salute alla malattia, il nutrimento all'inedia, l'abbondanza alla povertà, e insegna all'uomo come agire in base a queste valutazioni. È diventata abitudine chiamare queste esigenze materialistiche accusare il liberalismo di crudo materialismo e di trascurare gli scopi "più alti" e "più nobili" dell'umanità. L'uomo non vive di solo pane, dicono i critici, e disprezzano le meschinità e le spregevoli bassezze della filosofìa utilitaria. Tuttavia queste appassionate diatribe sono errate, perchè deformano gravemente i principii del liberalismo. Primo. I liberali non sostengono che gli uomini dovrebbero tendere

agli scopi menzionati sopra. Ciò che essi sostengono è che l'immensa maggioranza preferisce una vita di salute e di abbondanza alla miseria, all'inedia ed alla morte. La correttezza di questa enunciazione non può essere contestata. Essa è provata dal fatto che tutte le dottrine anti liberali — i dogmi teocratici delle varie religioni, i partiti statalisti, nazionalisti e socialisti — adottano la stessa attitudine riguardo a queste istanze. Tutte promettono ai loro seguaci una vita di abbondanza, e mai si sono avventurate a dire alla gente che la realizzazione dei loro programmi pregiudicherà il suo benessere materiale. Insistono, al contrario, che mentre la realizzazione dei piani dei partiti rivali porterà all'indigenza la maggioranza, esse vogliono dare ai loro sostenitori l'abbondanza. I partiti cristiani non sono meno solleciti dei nazionalisti e dei socialisti nel promettere alle masse un più alto livello di vita. Le chiese d'oggigiorno parlano più spesso d'aumento dei saggi salariali e dei redditi agricoli che dei dogmi della dottrina cristiana. Secondo. I liberali non disdegnano le aspirazioni spirituali e intellettuali dell'uomo. Al contrario. Essi sono mossi da un ardore appassionato per la perfezione morale ed intellettuale, per la saggezza e l'eccellenza estetica. Ma il loro modo di considerare queste cose alte e nobili è differentissimo dalla cruda rappresentazione dei loro avversari. Essi non condividono l'ingenua opinione che ogni sistema di organizzazione sociale possa riuscire direttamente a incoraggiare il pensiero scientifico o filosofico; a produrre capolavori d'arte e di letteratura e a illuminare le masse. Si rendono conto che tutto quanto la società può raggiungere in questo campo è di fornire un ambiente che non ponga ostacoli insormontabili sulla via del genio e che liberi abbastanza l'uomo comune dai bisogni materiali, sì da renderlo interessato a cose diverse dal puro guadagnarsi il pane. Nella loro opinione il mezzo sociale preminente per rendere l'uomo più umano è quello di combattere la povertà. La sapienza, la scienza e l'arte fioriscono meglio in un mondo di abbondanza che tra la gente indigente. È un'alterazione intenzionale dei fatti biasimare come materialista l'èra del liberalismo. Il XIX secolo non fu soltanto un secolo di miglioramenti senza precedenti nei metodi tecnici di produzione e nel benessere materiale delle masse. Esso fece molto di più che estendere la durata media della vita umana. Le sue realizzazioni scientifiche e artistiche sono imperiture. Fu un'età di musicisti, scrittori, poeti, pittori e scultori immortali ; rivoluzionò la filosofìa, l'economia, la matematica, la fìsica, la chimica e la biologia. E, per la prima volta nella storia, rese i grandi capolavori e i grandi pensieri accessibili all'uomo comune.

Liberalismo e religione. Il liberalismo è basato su una teoria puramente scientifica e razionale della cooperazione sociale. Le politiche che esso raccomanda sono l'applicazione di un sistema di conoscenza che non si riferisce in nessun modo a sentimenti e credi intuitivi che non possono essere sostenuti da una prova logica sufficiente, alle esperienze mistiche e alla personale consapevolezza dei fenomeni sovrumani. In questo senso gli attributi spesso male intesi ed erroneamente interpretati di ateo e agnostico possono essergli attribuiti. Sarebbe, peraltro, grave errore concludere che le scienze dell'azione umana e la politica derivata dai suoi principi, il liberalismo, siano atei ed ostili alla religione. Esse sono radicalmente opposte ad ogni sistema di teocrazia. Ma sono completamente neutrali riguardo alle credenze religiose che non intendono interferire nella condotta degli affari sociali, politici ed economici. La teocrazia è un sistema sociale che reclama un titolo sovrumano per la sua legittimazione. La legge fondamentale di un regime teocratico è un'intuizione non aperta all'esame della ragione ed alla dimostrazione per via logica. Il suo metro ultimo è l'intuizione che dà alla mente certezza soggettiva sulle cose che non possono essere concepite con la ragione e col raziocinio. Se questa intuizione si riferisce a uno dei sistemi tradizionali che sostengono l'esistenza di un creatore e reggitore divino dell'universo, diciamo che è una credenza religiosa. Se si riferisce ad un altro sistema, la chiamiamo credo metafisico. Così un sistema di governo teocratico non ha bisogno di essere fondato su una delle grandi religioni storiche del mondo. Esso può essere il risultato di dogmi metafìsici che rigettano tutte le chiese e le denominazioni tradizionali e si fanno un merito del proprio carattere ateo, antiteologico e antimetafisico. Nel nostro tempo, i partiti teocratici più potenti sono opposti alla cristianità e a tutte le altre religioni che si sono evolute dal monoteismo giudaico. Ciò che li caratterizza come teocratici è la loro tendenza a organizzare le cose terrene dell'umanità secondo il contenuto di un complesso di idee la cui validità non può essere dimostrata razionalmente. Essi pretendono che i loro capi siano dotati di una conoscenza inaccessibile al resto dell'umanità e sono contrari all'idea sostenuta da coloro ai quali il carisma è negato. I capi carismatici sono stati designati da un potere mistico più alto all'ufficio di dirigere gli affari di un'umanità fallace. Essi soltanto sono illuminati ; tutta l'altra gente o è cieca, o sorda o malfattrice. È un fatto che molte varietà delle grandi religioni storiche furono influenzate da tendenze teocratiche. I loro apostoli erano ispirati da sete di potere, di oppressione e di annientamento dei gruppi dissenzienti.

Tuttavia non dobbiamo confondere le due cose: religione e teocrazia. William James chiama religione i "sentimenti, gli atti e le esperienze degli esseri individuali nella loro solitudine, in quanto essi apprendono a se stessi a comunicare con tutto ciò che ritengono divino" [nota 1]. Egli enumera le seguenti credenze come caratteristiche della vita religiosa : che il mondo visibile è parte di un universo più spirituale dal quale deriva il suo principale significato; che l'unione o la relazione armoniosa con questo più alto universo e il nostro vero fine ; che la preghiera e la comunione interiore col suo spirito — sia questo spirito "Dio" o la "Legge" — è un processo realmente operante e l'energia spirituale fluisce e produce effetti, psicologici o materiali, entro il mondo fenomenico. La religione, continua James, comprende anche le seguenti caratteristiche psicologiche: un nuovo animo che si aggiunge come dono alla vita e prende forma o di un incantamento lirico o di un richiamo all'onestà e all'eroismo. E inoltre un sentimento di sicurezza e un temperamento di pace e, rispetto agli altri, una preponderanza di armoniosa affezione [nota 2].
1. William James, The Varieties of Religious Experience, 35a ristampa, New York, 1925, pag. 31. 2. Ibidem, pagg. 485-486.

Questa caratteristica dell'esperienza religiosa e dei sentimenti dell'umanità non deve essere riferita agli accordi di cooperazione sociale. La religione, come la vede James, è puramente una religione individuale e personale tra l'uomo e una santa, misteriosa e terribile divina realtà. Essa impone all'uomo un certo modo di condotta individuale. Ma non asserisce nulla riguardo ai problemi dell'organizzazione sociale. San Francesco d'Assisi, il più grande genio religioso dell'Occidente, non si occupò di politica e di economia. Egli desiderava insegnare ai suoi discepoli come vivere in modo pio non tracciò un piano di organizzazione e di produzione e non spinse i suoi seguaci a ricorrere alla violenza contro i dissenzienti. Egli non è responsabile per l'interpretazione che gli ordini da lui fondati hanno dato ai suoi principi. Il liberalismo non pone ostacoli a colui che desidera adattare la propria condotta e gli affari privati al mondo in cui egli individualmente o la sua chiesa o denominazione interpretano i principii dei Vangeli. Ma si oppone radicalmente agli sforzi di far tacere la discussione razionale sui problemi del benessere sociale richiamandosi all'intuizione e alla rivelazione religiosa. Non impone il divorzio o la pratica del controllo delle nascite a nessuno. Ma combatte coloro i quali desiderano impedire agli altri la libera discussione dei pro e dei contra in questa materia. Nell'opinione liberale scopo della legge morale è di costringere gli individui ad adattare la propria condotta alle esigenze della vita sociale,

ad astenersi dagli atti dannosi alla preservazione della cooperazione pacifica e al miglioramento delle relazioni umane. Essa apprezza l'aiuto che i principii religiosi possono dare ai precetti morali che essa stessa approva, ma si oppone a tutte le norme che comportano disintegrazione sociale, qualunque sia la fonte da cui promanano. È una distorsione dei fatti dire, come fanno molti campioni della teocrazia religiosa, che il liberalismo combatte la religione. Dove vige il principio dell'interferenza della chiesa nelle istanze secolari, le varie chiese, denominazioni, e sètte si combattono a vicenda. Separando Chiesa e Stato, il liberalismo stabilisce la pace tra le varie fazioni religiose e dà ad ognuna l'opportunità di predicare immolestata il suo vangelo. Il liberalismo è razionalistico. Asserisce essere possibile convincere l'immensa maggioranza che la cooperazione pacifica nell'ambito della società serve i suoi benintesi interessi meglio del mutuo battagliare e della disintegrazione sociale. Esso ha piena fiducia nella ragione dell'uomo. Può darsi che questo ottimismo sia infondato e che i liberali abbiano sbagliato. Ma allora non rimane speranza per il futuro dell'umanità.

3. La divisione del lavoro. Il fenomeno sociale fondamentale è la divisione del lavoro e la sua controparte è la cooperazione umana. L'esperienza insegna all'uomo che l'azione cooperativa è più efficiente e produttiva dell'azione isolata di colui che basta a se stesso. Le condizioni naturali che determinano la vita e gli sforzi dell'uomo sono tali che la divisione del lavoro aumenta il prodotto per unità di lavoro impiegata. Questi fatti naturali sono : Primo : le diseguaglianze innate degli uomini riguardo alla loro abilità di eseguire le varie specie di lavoro. Secondo: la diseguale distribuzione delle opportunità naturali, non umane, di produzione sulla superfìcie della terra. Questi due fatti possono benissimo essere considerati anche come uno stesso fatto, cioè la molteplicità della natura che fa dell'universo un complesso di varietà infinite. Se la superficie della terra fosse tale che le condizioni fisiche di produzione fossero le stesse in ogni punto e se ogni uomo fosse uguale a tutti gli altri uomini come lo è un circolo rispetto a un altro con lo stesso diametro nella geometria euclidea, la divisione del lavoro non offrirebbe nessun vantaggio. C'è anche un terzo fatto : vi sono cioè imprese la cui realizzazione eccede le forze del singolo e richiede lo sforzo congiunto di più. Talune

richiedono un impiego di lavoro che nessun uomo può fornire perchè la sua capacità di lavoro non è abbastanza grande. Altre invece potrebbero essere compiute dagli individui ; ma il tempo che essi dovrebbero dedicare al lavoro sarebbe così lungo che il risultato potrebbe essere conseguito soltanto troppo tardi e non compensare per il lavoro speso. In entrambi i casi lo sforzo congiunto rende possibile il raggiungimento del fine cercato. Se fosse presente soltanto questa terza condizione, la cooperazione temporanea tra gli uomini si sarebbe certamente affermata. Tuttavia, tali alleanze passeggere per affrontare compiti specifici che sono al di là della forza di un individuo, non avrebbero determinato una cooperazione sociale durevole. Le imprese che hanno potuto essere realizzate soltanto per questa via non furono molto numerose nei primi stadi della civiltà. Inoltre, tutti quelli che hanno interesse spesso possono non essere d'accordo che la prestazione in questione sia più utile e urgente di altri compiti che potrebbero eseguire da soli. La grande società umana che racchiude tutti gli uomini e tutte le loro attività non ha avuto origine da alleanze occasionali. Essa è molto di più che un'alleanza passeggera conclusa per uno scopo definito e cessante non appena il suo obiettivo è realizzato, anche se i suoi membri sono pronti a rinnovarla quando si dovesse ripresentare l'occasione. L'aumento di produttività realizzato dalla divisione del lavoro è ovvio ovunque l'ineguaglianza dei partecipanti è tale che ogni individuo o ogni appezzamento di terreno sia superiore almeno per un aspetto agli altri individui o appezzamenti in questione. Se A è atto a produrre in una unità di tempo 6 p o 4 q e B soltanto 2 p, ma 8 q, entrambi, lavorando isolatamente, produrranno insieme 4 p + 6 q ; se lavorano in regime di divisione del lavoro, ognuno di loro producendo soltanto quella merce nella cui produzione è più efficiente dell'altro, essi produrranno 6 p + 8 q. Ma cosa accadrà se A è più efficiente di B non soltanto nella produzione di p ma anche nella produzione di q ? Questo è il problema che Ricardo sollevò e risolse immediatamente.

4. La legge ricardiana dell'associazione. Ricardo sviluppò la legge di associazione per dimostrare quali sono le conseguenze della divisione del lavoro quando un individuo o un gruppo, più efficiente sotto tutti gli aspetti, coopera con un individuo o un gruppo meno efficiente sotto tutti gli aspetti. Egli investigò gli effetti del commercio tra due aree dotate dalla natura in modo disuguale, nell'ipotesi che i prodotti, ma non i lavoratori e i fattori accumulati di produzione futura (capital goods), possano liberamente muoversi da un'area all'altra.

La divisione del lavoro tra due aree siffatte, come mostra la legge di Ricardo, aumenta la produttività del lavoro ed è quindi vantaggiosa per tutti gli interessati, anche se le condizioni naturali di produzione per una merce non sono più favorevoli in una di queste due aree che nell'altra. È vantaggioso per l'area meglio dotata concentrare gli sforzi sulla produzione di quelle merci per cui la sua superiorità è maggiore, e lasciare all'area meno dotata la produzione di altri beni nei quali la sua superiorità è minore. Il paradosso, che sia più vantaggioso lasciare inutilizzate condizioni domestiche più favorevoli di produzione e procurarsi le merci che si potrebbero produrre da aree in cui le condizioni della loro produzione sono meno favorevoli, è il risultato della immobilità del lavoro e del capitale, cui sono inaccessibili i luoghi di produzione più favorevoli. Ricardo era pienamente consapevole del fatto che questa legge dei costi comparati, che sviluppò principalmente per trattare un problema speciale del commercio internazionale, è un caso particolare della più universale legge d'associazione. Se A è tanto più efficiente di B, che gli occorrano 3 ore per la produzione di una unità di merce p rispetto alle 5 di B, e per la produzione di una unità di q 2 ore rispetto alle 4 di B, allora entrambi guadagneranno se A si limita a produrre q e lascia a B di produrre p. Se ognuno di loro dà 60 ore alla produzione di p e 60 ore alla produzione di q, il risultato del lavoro di A è 20 p + 30 q ; quello di B 12 p + 15 q ; e, per i due insieme, 32 p + 45 q. Se, tuttavia, A si limitasse a produrre soltanto q, produrrebbe 60 q in 120 ore ; mentre B, limitandosi a produrre p, produrrebbe nello stesso tempo 24 p. Il risultato delle loro attività sarebbe allora 24 p + 60 q che, avendo p un rapporto di sostituzione di 3/2 q nei confronti di A e di 5/4 q nei confronti di B, significa una produzione maggiore di 32 p + 45 q. Quindi è manifesto che la divisione del lavoro porta vantaggi a tutti quelli che vi partecipano. La collaborazione del più dotato, più abile e più industrioso col meno dotato, meno abile e meno industrioso avvantaggia entrambi. I vantaggi derivati dalla divisione del lavoro sono sempre mutui. La legge di associazione ci fa comprendere le tendenze che determinano la progressiva intensificazione della produzione umana. Per essa ci si rende conto dell'incentivo che ha indotto la gente a non considerarsi semplicemente come rivale in una lotta per l'appropriazione delle limitate disponibilità di mezzi di sussistenza offerti dalla natura. Ci si rende conto di ciò che ha spinto gli uomini e permanentemente li spinge ad accordarsi a vicenda a scopo di cooperazione. Ogni passo in avanti nella divisione del lavoro serve gli interessi di tutti i partecipanti. Per comprendere perchè l'uomo non rimase solitario, cercando cibo e rifugio per se stesso soltanto come gli animali e al massimo per la sua compagna e i suoi deboli nati, non abbiamo bisogno di ricorrere a meravigliose

interferenze dell'azione divina, o a vuote ipostasi di una spinta innata verso l'associazione. E nemmeno siamo costretti a supporre che gli individui isolati o le orde primitive un giorno si siano accordati contrattualmente di stabilire vincoli sociali. Il fattore che produsse la società primitiva e quotidianamente lavora alla sua progressiva intensificazione è l'azione umana, animata dalla convinzione della più alta produttività in regime di divisione del lavoro. Nè la storia, nè l'etnologia, nè nessun'altra branca del sapere può fornire una descrizione dell'evoluzione che ha condotto i nostri ascendenti non umani ai gruppi sociali primitivi, già altamente differenziati, dei quali abbiamo informazione attraverso gli scavi, i documenti storici più antichi e i rapporti di esploratori e viaggiatori che hanno incontrato tribù selvagge. Il compito che la scienza deve affrontare riguardo alle origini della società può consistere soltanto nella dimostrazione di quei fattori che possono e devono portare all'associazione e alla sua progressiva intensificazione. La prasseologia risolve il problema. Se e nella misura in cui il lavoro è più produttivo in regime di divisione che come lavoro isolato, e se e nella misura in cui l'uomo è capace di rendersi conto di questo fatto, l'azione umana stessa tende alla cooperazione e all'associazione; l'uomo diventa un essere sociale non sacrificando i propri interessi alla causa di un mitico Moloch, la società, ma tendendo a migliorare il proprio benessere. L'esperienza insegna che questa condizione — più alta produttività raggiunta in regime di divisione del lavoro — è presente perchè la sua causa — la diseguaglianza innata degli uomini e quella della distribuzione geografica dei fattori naturali di produzione — è reale. Così siamo in condizione di comprendere il corso dell'evoluzione sociale.

Errori correnti sulla legge di associazione. La gente cavilla molto sulla legge di associazione di Ricardo, meglio nota come legge dei costi comparati. La ragione è ovvia. Questa legge è un'offesa a tutti coloro che vogliono giustificare il protezionismo e l'isolazionismo economico da tutti i punti di vista anziché da quello dell'interesse personale di alcuni produttori o dei casi di preparazione bellica. La prima intenzione di Ricardo nell'illustrate questa legge era di refutare un'obiezione sollevata contro la libertà del commercio internazionale. Il protezionista chiede: Quale sarà in regime di libero scambio il destino di un paese in cui per ogni specie di produzione le condizioni sono meno favorevoli che in tutti gli altri paesi ? In un mondo

ove non vi fosse solo libera mobilità dei prodotti, ma anche dei beni capitali e del lavoro, un paese così poco adatto alla produzione cesserebbe di essere usato come sede di qualsiasi industria umana. Se la gente sta meglio senza sfruttare le condizioni fisiche di produzione — comparativamente insoddisfacenti — offerte da questo paese, essa non si stabilirà qui e lo lascerà disabitato, come le regioni polari, le tundre e i deserti. Ma Ricardo considera un mondo le cui condizioni sono determinate dagli stabilimenti antichi, ove beni capitali e lavoro sono legati al suolo da istituzioni definite. In tale ambiente il libero scambio, cioè la libera mobilità delle merci soltanto, non può realizzare uno stato di cose in cui capitale e lavoro siano distribuiti sulla superficie della terra secondo le opportunità fisiche più o meno vantaggiose offerte alla produttività del lavoro. Qui la legge dei costi comparati entra in funzione. Ogni paese si volge alle produzioni per le quali le proprie condizioni offrono comparativamente, sebbene non assolutamente, le opportunità più favorevoli. Per gli abitanti di un paese è più vantaggioso astenersi dallo sfruttare talune opportunità — in assoluto e tecnologicamente — più propizie e importare merci prodotte all'estero in condizioni — assolute e tecnologiche — meno favorevoli delle risorse domestiche non utilizzate. Il caso è analogo a quello di un chirurgo, il quale trova conveniente impiegare per la pulizia della sala operatoria e degli strumenti un uomo cui egli è superiore anche in questa funzione e dedicarsi esclusivamente alla chirurgia, ove la sua superiorità è maggiore. Il teorema dei costi comparati non è in alcun modo connesso con la teoria del valore dell'economia classica. Esso non tratta di valore o di prezzi. E un giudizio analitico; la conclusione è implicita nelle due posizioni che i fattori di produzione tecnicamente mobili differiscono riguardo alla loro produttività in vari luoghi e sono istituzionalmente ristretti nella loro mobilità. Il teorema, senza pregiudizio per la correttezza delle sue conclusioni, può trascurare i problemi valutativi perchè libero di ricorrere a una serie di semplici assunzioni. Queste sono : che soltanto due prodotti siano ottenuti ; che questi prodotti siano liberamente trasferibili ; che alla produzione di ognuno di questi siano necessari due fattori ; che uno di questi fattori (lavoro o beni capitali) sia identico nella produzione di entrambi, mentre l'altro fattore (una proprietà specifica del suolo) sia differente per ognuno dei due processi ; che la maggiore scarsità del fattore comune ad entrambi i processi determini l'estensione dello sfruttamento del fattore differente. Nei limiti di queste assunzioni, che rendono possibile stabilire rapporti di sostituzione tra la spesa del fattore comune e la produzione, il teorema risponde alla questione sollevata. Il teorema dei costi comparati è indipendente sia dalla teoria classica del valore che dalla legge dei rendimenti, cui il suo ragionamento

somiglia. In entrambi i casi noi possiamo accordarci di comparare soltanto investimenti fisici e produzioni fisiche. Con la legge dei rendimenti noi compariamo la produzione dello stesso prodotto. Con la legge dei costi comparati compariamo la produzione di due differenti prodotti. Tale comparazione è fattibile perchè assumiamo che per la produzione di ognuno di essi, a parte un fattore specifico, siano richiesti soltanto fattori non specifici della stessa specie. Taluni critici biasimano la legge dei costi comparati per queste ipotesi semplificatrici. Credono che la moderna teoria del valore richiederebbe una riformulazione della legge conforme ai principii del valore soggettivo. Soltanto una tale formulazione darebbe una dimostrazione conclusiva soddisfacente. Tuttavia non vogliono calcolare in termini monetari. Preferiscono ricorrere a quei metodi di analisi utilitaria che considerano idonei ai calcoli di valore in termini di utilità. Sarà successivamente dimostrato che questi tentativi di eliminare i termini monetari dal calcolo economico sono ingannevoli. Le loro assunzioni fondamentali sono insostenibili e contraddittorie e tutte le formule da esse derivate viziose. Nessun metodo di calcolo economico è possibile all'infuori di quello basato sui prezzi monetari determinati dal mercato [nota 1].
1. Vedi sotto, pagg. 196-204.

Il significato delle semplici assunzioni su cui si fonda la legge dei costi comparati, per gli economisti moderni non è precisamente lo stesso che per gli economisti classici. Taluni aderenti della scuola classica le consideravano come punto di partenza di una teoria del valore del commercio internazionale. Ora sappiamo che sbagliavano in questa credenza. Inoltre, ci rendiamo conto che nella determinazione del valore e dei prezzi non c'è differenza tra commercio estero e commercio interno. Ciò che fa distinguere il mercato interno dal mercato estero è soltanto una differenza nei dati, cioè nelle condizioni istituzionali variabili che restringono la mobilità dei fattori di produzione e dei prodotti. Se non vogliamo trattare la legge dei costi comparati nelle ipotesi semplificatrici applicate da Ricardo, dobbiamo apertamente ricorrere al calcolo monetario. Non dobbiamo cadere vittime dell'illusione che il confronto tra la spesa dei fattori di produzione di varie specie e la produzione di fattori di varie specie possa essere raggiunta senza l'aiuto del calcolo monetario. Considerando il caso del chirurgo e del suo aiuto, dobbiamo dire : Se il chirurgo può impiegare il suo scarso tempo di lavoro in operazioni per le quali è compensato a $ 50 l'ora, è nel suo interesse impiegare un aiuto per tenere in ordine gli strumenti e pagarlo $ 2 all'ora, sebbene a questo uomo occorrano 3 ore per fare ciò che il chirurgo potrebbe fare in un'ora. Comparando le condizioni di due paesi, dobbiamo

dire : Se le condizioni sono tali che in Inghilterra la produzione di una unità di ognuna delle due merci a e b richiede la spesa di 3 giorni lavorativi della stessa specie, mentre in India, con lo stesso investimento di capitale, sono richieste per a 2 giornate e per b 3 giornate, e se i beni capitali a e b sono liberamente trasferibili dall'Inghilterra all'India e viceversa, mentre non vi è mobilità del lavoro, i saggi salariali in India nella produzione di a devono tendere ad essere il 50 %, e nella produzione di b il 33 %, un terzo dei saggi salariali inglesi. Se il saggio inglese è 6 scellini, i saggi in India sarebbero l'equivalente di 3 scellini nella produzione di a e di 2 scellini nella produzione di b. Tale discrepanza nella rimunerazione del lavoro della stessa specie non potrebbe durare se vi fosse mobilità del lavoro nel mercato domestico e in quello indiano. I lavoratori passerebbero dalla produzione di b alla produzione di a ; la loro migrazione tenderebbe ad abbassare la rimunerazione nell'industria di a e ad aumentarla nell'industria di b. In definitiva, i saggi salariali indiani si uguaglierebbero nelle due industrie. La produzione di a tenderebbe ad espandersi e a soppiantare la concorrenza inglese. D'altra parte, la produzione di b cesserebbe di essere profittevole in India e sarebbe sospesa, mentre si espanderebbe in Inghilterra. Lo stesso ragionamento è valido assumendo che la differenza nelle condizioni produttive consista anche o esclusivamente nell'ammontare dell'investimento di capitale necessario. È stato affermato essere la legge di Ricardo valida soltanto nel suo tempo e di nessuna utilità per il nostro, in cui le condizioni sono differenti. Ricardo vide la differenza tra il commercio domestico e il commercio estero nella differente mobilità del lavoro e del capitale. Se si assume che capitale, lavoro e prodotti siano mobili, esiste allora differenza tra commercio regionale e internazionale soltanto per la parte lasciata al gioco dei costi di trasporto. Sarebbe pertanto superfluo sviluppare una teoria del commercio internazionale distinta dal commercio nazionale. Capitale e lavoro sono distribuiti sulla faccia della terra secondo le migliori o peggiori condizioni che le varie regioni offrono alla produzione. Ci sono aree più densamente popolate e meglio dotate di capitali, e ce ne sono altre meno densamente popolate e povere di capitali. Nell'insieme per la stessa specie di lavoro prevale sulla terra una tendenza verso l'uguaglianza dei saggi salariali. Ricardo, tuttavia, parte dall'assunzione che vi sia mobilità di capitali e lavoro soltanto nell'ambito di ogni paese, e non tra i vari paesi. Egli si domanda quali debbano essere le conseguenze della libera mobilità dei prodotti in queste condizioni. (Se non vi è mobilità dei prodotti, allora ogni paese è economicamente isolato e autarchico, e non vi è assolutamente commercio internazionale). La teoria dei costi comparati risponde a questa domanda. Le assunzioni di Ricardo erano generalmente adatte alla

sua epoca. Successivamente, nel corso del XIX secolo, le cose sono cambiate. L'immobilità del capitale e del lavoro è cessata, i trasferimenti internazionali di capitali e di lavoro sono diventati sempre più comuni. Poi di nuovo la reazione. Oggi capitale e lavoro sono nuovamente limitati nella loro mobilità. La realtà corrisponde nuovamente alle assunzioni di Ricardo. I principii della teoria classica del commercio interregionale sono tuttavia al di sopra di ogni cambiamento nelle condizioni istituzionali. Essi ci mettono in grado di studiarne i problemi qualunque sia l'ipotesi.

5. Gli effetti della divisione del lavoro. La divisione del lavoro è il risultato della reazione conscia dell'uomo alla molteplicità delle condizioni naturali. D'altro lato, essa pure è fattore differenziante assegnando alle varie aree geografiche funzioni specifiche nel complesso dei processi di produzione; rendendo talune aree urbane, altre rurali; e distribuendo i vari rami industriali, minerari ed agricoli in differenti luoghi. Ancora più importante, tuttavia, è il fatto che essa intensifica le innate disuguaglianze degli uomini. Esercizio e pratica di compiti specifici rendono gli individui meglio adatti ai requisiti della loro prestazione; gli uomini sviluppano talune delle loro facoltà innate e arrestano lo sviluppo di altre. Emergono i tipi professionali, la gente diventa specialista. La divisione del lavoro separa i vari processi di produzione in compiti minuti, molti dei quali possono essere eseguiti da strumenti meccanici. È questo fatto che rende possibile l'uso delle macchine e produce fantastici miglioramenti nei metodi tecnici di produzione. La meccanizzazione è il frutto della divisione del lavoro, la sua conquista più benefica, non il suo motivo e la sua fonte. Le macchine specializzate azionate a motore possono essere impiegate soltanto in un ambiente sociale di divisione del lavoro. Ogni passo sulla via dell'uso di macchine più specializzate, più raffinate e più redditizie, esige un'ulteriore specializzazione dei compiti.

6. L'individuo nella società. Se la prasseologia parla dell'individuo solitario, agente per proprio conto e indipendente dai concittadini, lo fa soltanto a scopo di una migliore comprensione dei problemi della cooperazione sociale. Noi non

asseriamo che tali esseri umani isolati e autarchici abbiano mai vissuto e che lo stadio sociale della storia umana sia stato preceduto da un'età di individui indipendenti, vaganti, simili ad animali in cerca di cibo. l'umanizzazione biologica dei nostri antenati non umani e l'emergenza dei primitivi vincoli sociali sono stati influenzati dallo stesso processo. L'uomo apparì sulla scena degli eventi terreni come essere sociale. L'uomo isolato e asociale è una finzione. Considerata dal punto di vista dell'individuo, la società è il grande mezzo per il raggiungimento dei suoi fini. La preservazione della società è condizione essenziale di tutti i piani che l'individuo intende realizzare con un'azione qualunque. Anche il delinquente refrattario che non riesce ad adattare la sua condotta ai requisiti della cooperazione sociale non vuole perdere nessun vantaggio della divisione del lavoro. Egli non tende consciamente alla distruzione della società. Desidera solo mettere mano su una porzione della ricchezza congiuntamente prodotta maggiore di quanto gli assegna l'ordine sociale. Egli si sentirebbe miserabile se il comportamento antisociale divenisse universale manifestando il suo risultato inevitabile, il ritorno alla primitiva indigenza. È illusorio sostenere che gli individui rinunciando alla creduta benedizione di un favoloso stato di natura per entrare nella società abbiano rinunciato a taluni vantaggi e sia giusta la loro pretesa di essere indennizzati per ciò che hanno perso. L'idea che ad ognuno sarebbe andata meglio in uno stato asociale è assurda e smentita dall'esistenza stessa della società. Grazie alla più alta produttività della cooperazione sociale la specie umana si è moltiplicata molto al di là del margine di sussistenza offerto dalle condizioni prevalenti in età con un grado rudimentale di divisione del lavoro. Ognuno gode di un tenore di vita molto più elevato di quello dei suoi selvaggi predecessori. Condizione naturale dell'uomo è un'estrema povertà e insicurezza. È una fantasticheria romantica rimpiangere il passato felice del barbarismo primitivo. In uno stato selvaggio, coloro che si lamentano non avrebbero mai nè raggiunto l'età matura, o, se l'avessero, sarebbero loro mancate le opportunità e gli agi della civiltà. Jean Jacques Rousseau e Friedrich Engels, nello stato primitivo che essi descrivono con tenerezza nostalgica non avrebbero goduto dell'agio necessario ai loro studi e alla stesura dei loro libri. Uno dei privilegi che la società accorda agli individui è quello di vivere ad onta delle malattie e delle inabilità fisiche. Gli animali malati sono condannati a morire. La debolezza impedisce loro di trovare cibo e di difendersi dagli altri animali. I selvaggi sordi, miopi o minorati devono perire. Ma tali difetti non privano un uomo dell'opportunità di adattarsi alla vita sociale. La maggioranza dei contemporanei è afflitta da alcune deficienze fisiche che la biologia considera patologiche. La nostra civiltà è

in grande misura conquista di uomini siffatti. Le forze selettive sono grandemente ridotte nelle condizioni sociali. C'è quindi chi dice che la civiltà tende a deteriorare le qualità ereditarie. Tali giudizi sono ragionevoli se si considera l'umanità con gli occhi di un allevatore, intento a crescere una razza di uomini dotati di certe qualità. Ma la società non è un allevamento gestito per la produzione di un definito tipo d'uomo. Non c'è un criterio "naturale" per stabilire ciò che è e ciò che non è desiderabile nell'evoluzione biologica dell'uomo. Ogni criterio è arbitrario, soggettivo ; in breve, un giudizio di valore. I termini miglioramento e degenerazione razziale sono senza significato se non basati su piani definiti relativi al futuro dell'umanità. Naturalmente l'uomo civile è preparato alla vita in società e non a quella di cacciatore nelle foreste vergini.

La favola della comunione mistica. La teoria prasseologica della società è aggredita dalla favola della comunione mistica. La società, asseriscono i sostenitori di questa dottrina, non è il prodotto dell'azione intenzionale dell'uomo; non è cooperazione e divisione di compiti. Promana da profondità imperscrutabili, da uno stimolo contenuto nella natura essenziale dell'uomo. Essa è, dice un gruppo, concentrazione dello spirito che è divina realtà e partecipazione, per virtù di una unio mystica, alla potenza e all'amore di Dio. Un altro gruppo vede la società come fenomeno biologico: opera della voce del sangue, legame che unisce le progenie degli antenati comuni agli stèssi e fra di loro, mistica armonia tra colui che ara e il suolo che dissoda. Che tali fenomeni psichici siano realmente sentiti è vero. C'è gente che sente l'unione mistica e mette questa esperienza sopra ogni altra cosa, e ci sono uomini convinti di udire la voce del sangue e di sentire col cuore e con l'anima il profumo inconfondibile del suolo amato della propria patria. L'esperienza mistica e il rapimento estatico sono fatti che la psicologia deve considerare reali, come ogni altro fenomeno psichico. L'errore delle dottrine della comunione non consiste nella loro asserzione che tali fenomeni realmente accadono, ma nella credenza che essi siano fatti primari indipendenti da qualsiasi considerazione razionale. La voce del sangue che porta il padre vicino al figlio non era sentita dai selvaggi che ignoravano la relazione causale tra coabitazione e gravidanza. Oggi, essendo questa relazione nota a tutti, l'uomo che ha piena fiducia nella fedeltà della moglie può percepirla. Ma se ci sono dubbi relativamente alla fedeltà della moglie, la voce del sangue non ha senso.

Nessuno mai si è azzardato a dire che i dubbi concernenti la paternità potrebbero essere risolti dalla voce del sangue. Una madre che ha avuto cura del proprio figlio fin dalla nascita può udire la voce del sangue. Se invece perde prestissimo contatto col figliolo, può successivamente identificarlo soltanto per certe caratteristiche fisiche, per quei nei e cicatrici una volta popolari fra gli scrittori di romanzi. Ma il sangue è muto se le osservazioni e conclusioni che derivano non lo fanno parlare. La voce del sangue, sostengono i razzisti tedeschi, unisce misteriosamente tutti i membri del popolo germanico. Ma l'antropologia rivela il fatto che la nazione tedesca è un misto di discendenti da varie razze, sottorazze e schiatte e non un ceppo omogeneo risalente ad antenati comuni. Gli slavi recentemente germanizzati, che hanno da poco cambiato il loro nome di famiglia in un nome tedesco, credono che ciò li abbia sostanzialmente uniti a tutti i tedeschi. Ma lo slavo non prova nessun stimolo interiore che lo spinga a unirsi ai ranghi dei suoi fratelli o congiunti rimasti cèchi o polacchi. La voce del sangue non è un fenomeno originario e primordiale. Essa è suggerita da considerazioni razziali. Poiché l'uomo crede di essere in relazione con altra gente attraverso comuni antenati, esso sviluppa quei sentimenti poeticamente descritti come voce del sangue. Lo stesso è vero riguardo all'estasi religiosa e al misticismo del suolo. L'unio mystica del mistico devoto è condizionata dalla familiarità con i principii basilari dell'insegnamento religioso. Soltanto colui che ha saputo della grandezza e gloria di " Dio può sentirne la comunione diretta. Il misticismo del suolo è connesso con lo sviluppo di idee geopolitiche definite. Così può accadere che gli abitanti delle pianure o dei litorali includano nell'immagine del suolo a cui pretendono di essere ferventemente e congiuntamente uniti distretti montani loro non familiari e alle cui condizioni non potrebbero adattarsi, soltanto perchè questo territorio appartiene al corpo politico del quale sono o vorrebbero essere membri. D'altra parte, spesso, essi non includono nell'immagine del suolo, la cui voce sostengono di udire, le aree limitrofe a struttura geografica del tutto simile a quella del proprio paese, se appartengono ad una nazione straniera. I vari membri di una nazione o gruppo linguistico e i centri che essi formano non sono sempre uniti nell'amicizia e nella buona volontà. La storia di tutte le nazioni elenca mutui dissapori e persino odio entro le sue suddivisioni. Si pensi agli inglesi e agli scozzesi, agli yankees e ai sudisti, ai prussiani e ai bavaresi. Furono le ideologie a superare tali animosità e a ispirare a tutti i membri di una nazione o gruppo linguistico quei sentimenti di comunità e di appartenenza che attualmente i nazionalisti considerano fenomeno originario e naturale. La mutua attrazione del maschio e della femmina è inerente alla

natura animale dell'uomo e indipendente dal pensiero e dalle teorie. Si può chiamarla originale, vegetativa, istintiva, misteriosa. Non è male asserire metaforicamente che essa fa un essere da due. Possiamo chiamarla comunione mistica di due corpi, comunità. Tuttavia, non la coabitazione nè ciò che precede e segue genera la cooperazione sociale e i modi sociali di vita. Anche gli animali si congiungono, ma non hanno relazioni sociali sviluppate. La vita familiare non è mero prodotto di relazioni sessuali. E indubbiamente naturale e necessario che genitori e figlioli vivano insieme nel modo familiare; ma le relazioni sessuali non sono necessariamente il risultato di un'organizzazione familiare. La famiglia umana è il prodotto del pensiero pianificatore e dell'azione. È proprio questo fatto che la distingue radicalmente da quei gruppi animali che chiamiamo per analogiam famiglie animali. L'esperienza mistica della comunione o comunità non è la fonte delle relazioni sociali, ma il loro prodotto. Il contrario della favola della comunione mistica è quello della repulsione originaria e naturale tra razze o nazioni. Si asserisce che un istinto insegna all'uomo a distinguere i congeneri dagli stranieri e a detestare gli ultimi. I rampolli di razze nobili aborrono ogni contatto coi membri di razze inferiori. Per refutare questa affermazione basta menzionare il fatto della commistione razziale. Poiché nell'Europa d'oggi non vi sono ceppi comuni, dobbiamo concludere che, tra i membri dei vari ceppi che una volta si stabilirono sul continente, ci fu attrazione sessuale e non repulsione. Milioni di mulatti ed altri meticci sono l'evidenza contraria vivente all'asserzione che esiste una repulsione naturale tra le varie razze. Come il senso mistico della comunione, l'odio razziale non è un fenomeno naturale innato nell'uomo. Esso è il prodotto di ideologie. Ma anche se qualcosa come l'odio naturale e innato tra varie razze esiste, ciò non renderebbe la cooperazione sociale futile e non invaliderebbe la teoria dell'associazione di Ricardo. La cooperazione sociale non ha nulla a che fare con l'amore personale o con un comandamento generale di amarsi a vicenda. Gli uomini non cooperano nella divisione del lavoro perchè si amano o dovrebbero amarsi a vicenda. Cooperano perchè ciò serve meglio il loro interesse. Non l'amore, nè la carità, nè ogni altro sentimento di simpatia, ma l'egoismo rettamente inteso è ciò che originariamente ha costretto l'uomo ad adattarsi alle esigenze sociali, a rispettare i diritti e le libertà dei suoi concittadini e a sostituire la collaborazione pacifica all'inimicizia e al conflitto.

7. La grande società. Non tutte le relazioni interumane sono relazioni sociali. Quando gruppi di uomini si assalgono l'un l'altro in una guerra di supremo sterminio, quando gli uomini si combattono senza misericordia e distruggono animali e piante perniciosi c'è, tra i partiti in lotta, relazione mutua ed effetto reciproco, ma non società. La società è azione congiunta e cooperazione in cui ogni partecipante vede nel successo dell'altro un mezzo per il successo proprio. Le lotte che le orde e le tribù primitive combattevano per i luoghi dove attingere l'acqua, i fondi di pesca e di caccia, i pascoli e i bottini erano guerre spietate d'annientamento, guerre totali. Così nel XIX secolo furono i primi incontri degli europei con gli aborigeni dei territori nuovamente resi accessibili. Ma già nell'età primitiva, molto innanzi al tempo su cui informano le fonti storiche, un altro modo di procedere cominciò a svilupparsi. Persino nella condotta della guerra la gente manteneva alcuni rudimenti di relazioni sociali preventivamente stabilite. Nel combattere contro gruppi coi quali non aveva avuto prima nessun contatto, cominciò a considerare l'idea che tra esseri umani, nonostante l'immediata inimicizia, un accordo e una cooperazione successivi fossero possibili. Le guerre miravano sì a colpire il nemico, ma gli atti ostili non furono più spietati e senza misericordia nel senso pieno di questo termine. I belligeranti cominciarono a rispettare certi limiti che nella lotta tra uomini — a differenza di quella contro le bestie — non avrebbero dovuto trascendere. Sopra l'odio implacabile e la frenesia di distruzione e di annientamento cominciò a prevalere l'elemento sociale. Si fece strada l'idea che ogni avversario umano potrebbe essere considerato come un potenziale compagno nella cooperazione futura, e che questo fatto non dovrebbe essere trascurato nella condotta delle operazioni militari. La guerra non fu pili considerata lo stato normale delle relazioni tra gli uomini. Si cominciò a riconoscere che la cooperazione sociale è il mezzo migliore per condurre la lotta per la sopravvivenza biologica. Possiamo dire addirittura che, non appena la gente si rese conto che è più vantaggioso assoggettare gli sconfitti che ucciderli, i guerrieri, mentre ancora combattevano, pensavano alle conseguenze, alla pace. In generale, la riduzione in cattività fu un passo preliminare verso la cooperazione. L'affermarsi dell'idea che anche in guerra non tutti gli atti debbano essere considerati permessi, che ci sono atti leciti e illeciti nella condotta della guerra, che ci sono leggi, cioè relazioni sociali, al di sopra di tutte le nazioni e persino di quelle in momentaneo conflitto, ha in definitiva realizzato la Grande Società, che abbraccia tutti gli uomini e tutte le nazioni. Le varie società nazionali si sono fuse in una società ecumenica.

I belligeranti che non conducono la guerra selvaggiamente alla maniera delle bestie, ma secondo le regole "umane" e sociali, rinunciano ad usare taluni metodi di distruzione per ottenere le stesse concessioni da parte dei loro nemici. Fin dove queste regole sono osservate, relazioni sociali esistono fra le parti in lotta. Gli stessi atti ostili non sono soltanto asociali, ma antisociali. È erroneo definire il termine "relazioni sociali" in modo da includervi le azioni che tendono all'annientamento di altri popoli e alla frustrazione delle loro azioni [nota 1]. Dove le relazioni tra gli uomini sono dirette soltanto a mutuo detrimento, là non vi è società nè relazioni sociali. La società non è puramente interazione. C'è interazione — reciproca influenza — fra tutte le parti dell'universo : tra il lupo e la pecora, che esso divora ; tra il germe e l'uomo, che lo uccide ; tra la pietra che cade e la cosa sulla quale cade. La società, d'altro lato, in voi ve sempre gli uomini agenti in cooperazione con altri uomini, in modo da permettere a tutti i partecipanti di raggiungere i propri fini.
1. È la terminologia usata da Leopold von Wiese, Allgemeine Soziologie, Munchen, 1924, I, pagg. 10 e seguenti.

8. L'istinto d'aggressione e di distruzione. È stato asserito che l'uomo è una bestia da preda i cui istinti naturali innati lo costringono a combattere, a uccidere e a distruggere. La civiltà, creando il rilassamento umanitario innaturale che aliena l'uomo dalla sua origine animale, ha cercato di reprimere questi impulsi e appetiti. Ha fatto dell'uomo civile un debole decadente che si vergogna della sua animalità e fieramente chiama la sua depravazione vera umanità. Per prevenire un'ulteriore degenerazione della specie uomo, è imperativo liberarlo dagli effetti perniciosi della civiltà. Perchè la civiltà è semplicemente un'astuta invenzione degli uomini inferiori. Questi vili sono troppo deboli per opporsi ai vigorosi eroi, troppo codardi per affrontare la punizione ben meritata del completo annientamento, troppo pigri e troppo insolenti per servire i padroni come schiavi. Così sono ricorsi ad un ingannevole espediente. Hanno rovesciato i criteri eterni di valore, assolutamente fissati dalle leggi immutabili dell'universo; hanno provocato una moralità che chiama la loro inferiorità virtù e vizio l'eminenza dei nobili eroi. Questa ribellione morale degli schiavi dev'essere soppressa da una transvalutazione di tutti i valori. L'etica degli schiavi, questo vergognoso prodotto del risentimento dei deboli, dev'essere interamente estirpata. L'etica del forte o, propriamente parlando, l'annullamento di ogni restrizione etica dev'essere sostituito ad essa.

L'uomo deve diventare degno dei suoi antenati, la nobile bestia dei tempi passati. É usanza chiamare simili dottrine sociali darwinismo sociologico. Qui non occorre decidere se questa terminologia sia appropriata o no. È ad ogni modo erroneo attribuire l'epiteto di evolutivo e biologico a principii che allegramente disprezzano tutta la storia dell'umanità, dall'età in cui l'uomo cominciò a sollevarsi al di sopra dell'esistenza puramente animale dei suoi non umani predecessori, come una continua progressione verso la degenerazione e la decadenza. La biologia non fornisce nessun criterio per valutare i mutamenti che si verificano negli esseri viventi. Essa solo può chiarire se questi cambiamenti riescono ad adattare gli individui alle condizioni del loro ambiente e quindi a migliorare le loro possibilità nella lotta per l'esistenza. È un fatto che la civiltà, giudicata da questo punto di vista, dev'essere considerata un vantaggio e non un danno. Essa ha messo in grado l'uomo di sostenere l'attacco contro tutti gli esseri viventi, sia contro le bestie da preda più potenti che contro i microbi più perniciosi ; ha moltiplicato i mezzi umani di sussistenza ; ha reso la media degli uomini più alti, più agili e più versatili e ha allungato la durata media della vita ; ha dato all'uomo l'incontrastato dominio della terra ; ha moltiplicato le cifre della popolazione ed elevato il tenore di vita a un livello mai sognato dai selvaggi abitatori delle caverne delle età preistoriche. È vero che questa evoluzione ha fermato lo sviluppo di certe facoltà e di certe attitudini che una volta erano utili nella lotta per l'esistenza e che poi hanno perso la loro utilità nelle mutate condizioni. D'altra parte si sono sviluppati altri talenti e attitudini, indispensabili alla vita sociale. Da un punto di vista biologico ed evolutivo, non si deve tuttavia cavillare su tali cambiamenti. Per l'uomo primitivo il pugno forte e l'aggressività erano utili quanto l'essere bravo in aritmetica e la retta pronunzia per l'uomo moderno. È del tutto arbitrario e certamente contro ogni criterio biologico considerare naturali e adeguate alla natura umana solo le caratteristiche che erano utili all'uomo primitivo, e condannare il talento e le abilità necessarie all'uomo civile come tratti di degenerazione e di deteriorazione biologica. Consigliare l'uomo di tornare alle caratteristiche fìsiche e intellettuali dei suoi antenati preistorici è non meno ragionevole che domandargli di rinunciare all'andatura eretta e di farsi crescere nuovamente la coda. È interessante notare come gli uomini i quali furono i primi ad esaltare l'eminenza degli impulsi selvaggi dei nostri barbari predecessori fossero tanto frali che il loro fisico non avrebbe potuto rispondere alle esigenze di una "vita pericolosa". Nietzsche, anche prima della sua pazzia, era così cagionevole che l'unico clima che potesse sopportare era quello delle vallate dell'Engadina e di taluni distretti italiani. Egli non sarebbe stato in condizione di portare a termine il suo lavoro se una società civile

non avesse protetto i suoi nervi delicati contro la rudezza della vita. Gli apostoli della violenza scrissero i loro libri sotto la protezione della "sicurezza borghese", che deridevano e sprezzavano. Furono liberi di pubblicare i loro sermoni incendiari perchè il liberalismo che disprezzavano salvaguardava la libertà di stampa. Essi si sarebbero disperati se avessero dovuto rinunciare ai vantaggi della civiltà derisa dalla loro filosofia. E quale spettacolo quel timido scrittore di Georges Sorel, che è andato così lontano nell'elogiare la bestialità fino a biasimare il moderno sistema di educazione, perchè indebolisce le tendenze innate dell'uomo verso la violenza ! [nota 1].
1. Georges Sorel, Réflexions sur la violence, 3a ed., Paris, 1912, pag. 269.

Si può ammettere che, nell'uomo primitivo, la tendenza a uccidere e distruggere e la disposizione alla crudeltà fossero innate. Possiamo anche ammettere che, nelle condizioni dei tempi primitivi, l'inclinazione all'aggressione e all'assassinio giovassero a preservare la vita. Una volta l'uomo era una bestia brutale. (Non c'è bisogno di indagare se l'uomo preistorico fosse un carnivoro o un erbivoro). Ma non si deve dimenticare che esso era fisicamente un animale debole. Non sarebbe stato un avversario per le grandi bestie da preda se non fosse stato dotato di un'arma particolare, la ragione. Il fatto che l'uomo sia un essere ragionevole e quindi non ceda senza inibizioni agli impulsi, ma adatti la sua condotta ad una deliberazione ragionevole, non deve essere considerato innaturale da un punto di vista zoologico. Condotta razionale significa che, non potendo soddisfare tutti i suoi impulsi, desideri e appetiti, l'uomo rinuncia alla soddisfazione di quelli che considera meno urgenti. Per non pregiudicare il funzionamento della cooperazione sociale, egli è costretto ad astenersi dall'appagare quei desideri la cui soddisfazione impedirebbe l'affermarsi delle istituzioni sociali. Senza dubbio tale rinuncia è penosa. Tuttavia l'uomo ha fatto la sua scelta. Ha rinunciato a soddisfare desideri incompatibili con la vita sociale dando la priorità a quelli che possono essere appagati soltanto, o più abbondantemente, in un sistema a divisione del lavoro. S'è messo sulla via della civiltà, della cooperazione sociale e della ricchezza. Questa decisione non è irrevocabile e definitiva. La scelta dei padri non deve pregiudicare la libertà dei figli. Essi possono rovesciare le decisioni. Possono sempre procedere alla trasposizione dei valori preferendo la barbarie alla civiltà o, come dicono alcuni autori, l'animo all'intelletto, il mito alla ragione e la violenza alla pace. Ma devono scegliere. È impossibile avere cose incompatibili fra loro. La scienza, dal punto di vista della sua neutralità di valore, non biasima gli apostoli del vangelo della violenza perchè esaltano la frenesia

dell'assassinio e le folli delizie del sadismo. I giudizi di valore sono soggettivi e la società liberale concede a tutti il diritto di esprimere liberamente i propri sentimenti. La civiltà non ha estirpato la tendenza generale all'aggressione, alla sete di sangue e alla crudeltà che caratterizzavano l'uomo primitivo. In molti uomini civili esse sono sopite, ma esplodono non appena i freni della civiltà vengono a mancare. Basti ricordare gli indicibili orrori dei campi di concentramento nazisti. I giornali riportano continuamente crimini abominevoli che testimoniano di un'inclinazione latente alla bestialità. I romanzi e le pellicole più popolari sono quelli che si occupano di spargimenti di sangue e di atti violenti. Le corride e i combattimenti dei galli attraggono larghe masse. Se un autore dice : La plebaglia è assetata di sangue ed io con essa, può essere non meno nel vero che asserendo che pur l'uomo primitivo si dilettava uccidendo. Ma erra se trascura il fatto che la soddisfazione di tali sadici desideri pregiudica l'esistenza della società, o se asserisce che la "vera" civiltà e la "buona" società sono conquista di gente allegramente indulgente alle passioni violente, all'assassinio e alla crudeltà, e che la repressione degli impulsi brutali pregiudica l'evoluzione dell'umanità mentre la sostituzione della barbarie all'umanesimo salverebbe l'uomo dalla degenerazione. Divisione sociale del lavoro e cooperazione si fondano sopra un aggiustamento conciliativo delle dispute. Non la guerra, come diceva Eraclito, ma la pace è la fonte di tutte le relazioni sociali. L'uomo ha desideri innati diversi da quelli dello spargimento di sangue. Se desidera soddisfarli, deve rinunciare a uccidere. Chi vuole preservare il più a lungo possibile la vita e la salute deve rendersi conto che il rispetto della vita e della salute altrui serve meglio il suo scopo che il modo di condotta opposto. Uno può dolersi di questo stato di cose. Ma queste lamentele non possono alterare la crudezza dei fatti. È inutile censurare questa enunciazione riferendosi all'irrazionalità. Tutti gli impulsi istintivi si oppongono all'esame della ragione. Essa s'occupa soltanto dei mezzi per l'ottenimento dei fini cercati e non dei fini ultimi. Ma ciò che distingue l'uomo dagli altri animali è precisamente il fatto di non cedere abulicamente agli impulsi istintivi. Egli usa la ragione per scegliere tra soddisfazioni incompatibili e desideri in conflitto. Non si deve dire alle masse : Indulgete al vostro impulso assassino ; esso è tipicamente umano e serve meglio il vostro benessere. Si deve dire loro : Se voi soddisfate la vostra sete di sangue, dovete rinunciare a molti altri desideri. Voi volete mangiare e bere e vivere in case accoglienti; volete vestirvi e migliaia di altre cose che soltanto la società può provvedere. Ma non potete avere tutto, dovete scegliere. La vita perigliosa e la frenesia del sadismo possono piacervi, ma sono incompatibili con la sicurezza e l'abbondanza cui voi non desiderate rinunciare. La prasseologia come scienza non può usurpare il diritto individuale

di scegliere e di agire. Le decisioni finali restano agli uomini agenti, non ai teorici. Il contributo della scienza alla vita e all'azione non deve consistere nello stabilire giudizi di valore, ma nel chiarire le condizioni dell'azione e nell'illustrare gli effetti dei suoi vari modi. Essa mette a disposizione dell'uomo agente tutte le informazioni di cui abbisogna per fare le sue scelte nella piena consapevolezza delle loro conseguenze. Prepara per così dire una stima del costo e del rendimento, e mancherebbe al suo scopo se omettesse anche solo uno dei termini rilevanti per le scelte e le decisioni della gente.

Interpretazioni erronee della scienza naturale moderna, e del darwinismo in particolare. Taluni antiliberali odierni, tanto della varietà dell'ala sinistra che della varietà dell'ala destra, basano i loro principii su un'errata interpretazione delle conquiste della biologia moderna. 1. Gli uomini sono diseguali. - Il liberalismo del XVIII secolo e similmente l'egualitarismo odierno partono dal dato "evidente" che a tutti gli uomini sono creati uguali e dotati dal loro Creatore di certi diritti inalienabili". Tuttavia, dicono gli assertori di una filosofìa biologica della società, la scienza naturale ha dimostrato in modo irrefutabile che gli uomini sono differenti. Non c'è posto nello schema dell'osservazione sperimentale dei fenomeni naturali per concetti come quello dei diritti naturali. La natura è insensibile alla vita e alla felicità degli esseri. È necessità e regolarità ferrea. È un non senso metafisico combinare la nozione vaga e "sfuggente" di libertà con le leggi immutabili e assolute dell'ordine cosmico. Così l'idea fondamentale del liberalismo è smascherata come fallace. Ora è vero che il movimento liberale democratico dei secoli XVIII e XIX derivava gran parte della sua forza dalle dottrine del diritto naturale e dei diritti innati e imperscrittibili dell'individuo. Queste idee, sviluppate prima dalla filosofìa antica e dalla teoria ebraica, hanno permeato il pensiero del cristianesimo. Talune sètte anticattoliche hanno fatto di esse il punto focale dei loro programmi politici. Una lunga schiera di eminenti filosofi le ha sostanziate. Esse divennero popolari; furono la forza motrice più potente nell'evoluzione per la democrazia e tuttora sono sostenute. I loro assertori non si occupano del fatto incontestabile che Dio e la natura non hanno creato l'uomo uguale, essendo molti nati robusti e vigorosi, e altri minorati e deformi. Per essi tutte le differenze tra gli uomini sono dovute all'educazione, all'opportunità e alle istituzioni sociali. Ma i principii della filosofia utilitaria e dell'economia classica non

hanno nulla a che fare con la dottrina dei diritti naturali. Per essi la sola cosa che importa è l'utilità sociale. Raccomandano il governo popolare, la proprietà privata, la tolleranza e la libertà non perchè naturali e giuste, ma perchè sono vantaggiose. Il nucleo della filosofia di Ricardo è la dimostrazione che la cooperazione sociale nella divisione del lavoro tra uomini in ogni aspetto superiori e più efficienti e uomini in ogni aspetto inferiori e meno efficienti è vantaggiosa ai due gruppi. Bentham, il radicale, esclamava: "I diritti naturali e imperscrittibili sono soltanto retorica e non senso" [nota 1]. Per lui, "solo obiettivo del governo dovrebbe essere la massima felicità del maggior numero possibile di cittadini" [nota 2]. In conformità, investigando quale dovrebbe essere il diritto, egli non si curava delle idee preconcette concernenti i piani e le intenzioni di Dio o della Natura, per sempre nascosti ai mortali ; cercava di scoprire ciò che meglio serve a promuovere il benessere e la felicità umana. Malthus mostrava come la natura, limitando i mezzi di sussistenza, non accordi a tutti gli esseri il diritto all'esistenza, e che indulgendo distrattamente agli impulsi naturali della prolificazione l'uomo non si sarebbe mai elevato al di sopra del limite dell'inedia. Sosteneva che la civiltà e il benessere umano potrebbero essere sviluppati soltanto nella misura in cui l'uomo impara a dominare i suoi appetiti sessuali con la coercizione morale. Gli utilitaristi non combattono il governo arbitrario e i privilegi perchè contrari alla legge naturale, ma perchè sono svantaggiosi alla prosperità. Raccomandano l'eguaglianza nella legge civile non perchè gli uomini siano eguali, ma perchè tale politica favorisce il bene comune. Rigettando le nozioni illusorie dei diritti naturali e dell'eguaglianza umana, la biologia moderna ripete soltanto ciò che i campioni utilitaristi del liberalismo e della democrazia hanno insegnato molto tempo innanzi ed in modo molto più persuasivo. È ovvio che nessuna dottrina biologica può mai invalidare ciò che la filosofia utilitaria dice sopra l'utilità sociale del governo democratico, della proprietà privata e dell'eguaglianza nella legge.
1. Bentham, Anarchical Fallacies; being an Examination of the Declaration of Rights issued during the French Revolution, in Works (ed. da Bowring), II, pag. 501. 2. Bentham, Principles of the Civil Code, in Works, I, pag. 301.

La prevalenza odierna delle dottrine che approvano la disintegrazione sociale e il conflitto violento non è il risultato di un creduto adattamento della filosofia sociale ai ritrovati della biologia, ma del rigetto quasi universale della filosofia utilitarista e della teoria economica. La gente ha sostituito l'ideologia dell'inconciliabile conflitto di classe internazionale, alla ideologia "ortodossa" dell'armonia degli interessi rettamente intesi, cioè di lungo andare, di tutti gli individui,

gruppi sociali e nazioni. Gli uomini si combattono l'un l'altro perchè convinti che lo sterminio e la liquidazione degli avversari è il solo mezzo per promuovere il proprio benessere. 2. Le implicazioni sociali del darwinismo. - La teoria dell'evoluzione, come esposta da Darwin, cioè la scuola del darwinismo sociale, ha chiaramente dimostrato come in natura non vi siano cose quali la pace e il rispetto per la vita e il benessere degli altri. In natura c'è sempre lotta e annientamento spietato dei deboli che non riescono a difendersi. I piani del liberalismo per la pace perpetua — sia nelle relazioni interne che internazionali — sono il risultato di un razionalismo illusorio contrario all'ordine naturale. Tuttavia la nozione della lotta per l'esistenza, come Darwin l'ha derivata da Malthus e applicata nella sua teoria, dev'essere intesa in un senso metaforico. Il suo significato è che un essere vivente resiste attivamente alle forze che pregiudicano la sua stessa vita, e che questa resistenza, per avere successo, dev'essere appropriata alle condizioni ambientali. Non occorre sempre vi sia guerra o sterminio, come nelle relazioni tra l'uomo e i microbi morbiferi. La ragione ha dimostrato che il mezzo più adeguato per migliorare le proprie condizioni è per l'uomo la cooperazione sociale e la divisione del lavoro. Esse sono il suo primo strumento nella lotta per l'esistenza. Ma possono funzionare soltanto nella pace. Guerre, guerre civili e rivoluzioni sono dannose al successo dell'uomo nella lotta per l'esistenza perchè disintegrano l'apparato della cooperazione sociale. 3. Ragione e comportamento razionale sono innaturali. - La teologia cristiana deprecava le funzioni animali del corpo e descriveva l'"anima" come qualcosa al di fuori dei fenomeni biologici. Reagendo eccessivamente contro questa filosofia, taluni moderni sono pronti a disprezzare tutto ciò in cui l'uomo differisce dagli altri animali. Ai loro occhi la ragione umana è inferiore agli istinti ed agli impulsi animali ; è innaturale e quindi cattiva. Per loro i termini razionalismo e comportamento razionale hanno un connotato obbrobrioso. L'uomo perfetto, l'uomo reale, obbedisce ai primordiali istinti più che alla ragione. La verità è che la ragione, il tratto più caratteristico dell'uomo, è essa pure un fenomeno biologico. Non è nè più nè meno naturale di ogni altra caratteristica della specie homo sapiens, per esempio, l'andatura eretta o la pelle senza peli.

CAPITOLO IX

LA FUNZIONE DELLE IDEE

1. La ragione umana. La ragione è caratteristica e particolare dell'uomo. Per la prasseologia non c'è bisogno di investigare se essa sia o meno strumento idoneo a conoscere la verità ultima e assoluta. Essa s'occupa della ragione soltanto in quanto mette l'uomo in grado di agire. Tutti gli oggetti che formano il substrato della sensazione, della percezione e dell'osservazione umane si presentano anche ai sensi degli animali. Ma l'uomo soltanto è capace di trasformare gli stimoli sensori in osservazione ed esperienza. Lui solo può ordinare le diverse osservazioni ed esperienze in un sistema coerente. L'azione è preceduta dal pensiero. Pensare è deliberare in anticipo sopra l'azione futura e riflettere successivamente sopra l'azione passata. Pensiero e azione sono inseparabili. Ogni azione è sempre basata su un'idea definita circa le relazioni causali. Colui che riflette a una relazione causale riflette a un teorema. Azione senza pensiero e pratica senza teoria sono inimmaginabili. Il ragionamento può essere fallace e la teoria scorretta ; ma pensiero e teoria non mancano in nessuna azione. D'altro lato, il pensiero riguarda sempre un'azione potenziale. Persino colui che s'occupa di pura teoria assume che la teoria è corretta, cioè che l'azione conforme al suo contenuto produrrebbe l'effetto atteso dai suoi principi. È logicamente irrilevante che tale azione sia fattibile o meno. È sempre l'individuo che pensa. La società non pensa più di quanto mangi o beva. L'evoluzione della ragione umana, dal pensare ingenuo dell'uomo primitivo al pensare raffinato della scienza moderna, si è affermata entro la società. Tuttavia il pensiero è sempre una conquista degli individui. Vi è azione congiunta, ma non pensiero congiunto. C'è soltanto la tradizione che preserva i pensieri e li comunica agli altri come stimolo ai pensieri loro. Tuttavia, l'uomo non può appropriarsi del pensiero dei suoi precursori che ripensandoli a sua volta. Allora, naturalmente, egli è in condizione di andare oltre sulla base dei pensieri dei suoi predecessori. Primo veicolo della tradizione è la parola. Il pensiero è connesso al linguaggio e viceversa. I concetti sono incorporati nei termini. Il linguaggio è strumento del pensiero e dell'azione sociale.

La storia del pensiero e delle idee è un discorso portato avanti da generazione in generazione. Il pensiero delle età successive accresce quello delle precedenti. Senza questo stimolo il progresso intellettuale non sarebbe stato possibile. La continuità dell'evoluzione umana, il seminare per la prole e il raccogliere sul terreno preparato e dissodato dagli antenati, si manifesta anche nella storia della scienza e delle idee. Noi abbiamo ereditato dai nostri predecessori non soltanto una quantità di prodotti di vari ordini di beni che sono la fonte della nostra ricchezza materiale; abbiamo anche ereditato idee e pensieri, teorie e tecnologie alle quali il nostro pensiero deve la sua produttività. Ma il pensiero è sempre manifestazione individuale.

2. Visione del mondo e ideologia. Le teorie direttrici dell'azione sono spesso imperfette e insoddisfacenti. Esse possono essere contraddittorie e inadatte ad essere sistemate entro un sistema comprensivo e coerente. Se guardiamo ai teoremi e alle teorie che guidano la condotta di certi individui e gruppi come a un complesso coerente e tentiamo di sistemarli fin dove è fattibile entro un sistema, cioè un corpo comprensivo di conoscenze, possiamo parlare di esso come di una visione del mondo. La visione del mondo è, come la teoria, una interpretazione di tutte le cose, un precetto per l'azione, opinione concernente i mezzi migliori per rimuovere il disagio nella misura maggiore possibile. Così, da un lato, la visione del mondo è spiegazione di tutti i fenomeni e, d'altro lato, tecnologia, entrambi questi termini presi nel loro significato più vasto. Religione, metafisica e filosofìa tendono a dare una visione del mondo. Esse interpretano l'universo e consigliano l'uomo sul modo di agire. Il concetto di ideologia è più stretto di quello di visione del mondo. Parlando di ideologia noi abbiamo in vista soltanto l'azione umana e la cooperazione sociale e trascuriamo i problemi della metafisica, della dogmatica religiosa, delle scienze naturali e delle tecnologie derivate da esse. L'ideologia è la totalità delle nostre dottrine concernenti la condotta e le relazioni sociali. Entrambe, visione del mondo e ideologia, vanno al di là dei limiti imposti a uno studio puramente neutrale ed accademico delle cose per sè. Esse non sono soltanto teorie scientifiche, ma anche dottrine sul dover essere, cioè sui fini ultimi cui l'uomo dovrebbe tendere nelle sue cure terrene. L'ascetismo insegna che il solo mezzo accessibile all'uomo per rimuovere la pena e per raggiungere la quiete completa, la contentezza e la felicità, è di abbandonare la cura terrena e vivere senza preoccuparsi

delle cose del mondo. Non c'è salvazione all'infuori della rinuncia al perseguimento del benessere materiale, della sopportazione sottomessa delle avversità del pellegrinaggio terreno e della dedizione esclusiva alla preparazione della felicità eterna. Tuttavia, il numero di coloro che consistentemente e fermamente adempiono ai principii dell'ascetismo è così ristretto, che non è possibile allineare che pochi nomi. Sembra che la passività completa sostenuta dall'ascetismo sia contraria alla natura. La lusinga della vita trionfa. I principii ascetici sono stati adulterati. Anche il più santo eremita ha fatto concessioni alla vita e alle cure terrene, cose queste non conformi ai suoi rigidi principi. Ma non appena l'uomo bada a qualche cura terrena e sostituisce a un'ideologia puramente vegetativa il riconoscimento delle cose del mondo, comunque condizionate e incompatibili col resto della professata dottrina, getta un ponte sull'abisso che lo separa da coloro i quali dicono sì alla ricerca dei fini terreni. Allora ha qualcosa in comune con tutti gli altri. I pensieri umani sulle cose che nè il puro ragionamento nè l'esperienza sanno penetrare, possono differire in maniera così radicale da non potersi raggiungere alcun accordo. Nella sfera in cui il libero fantasticare della mente non è ristretto nè dal pensiero logico nè dall'esperienza sensoria, l'uomo può sovrapporvi la sua individualità e logicità. Nulla è più personale delle nozioni e dell'immagine del trascendente. I termini linguistici sono incapaci di comunicare ciò che è detto sopra il trascendente; non si può mai stabilire se quelli che ascoltano li intendono allo stesso modo di coloro che li pronunciano. Riguardo alle cose dell'ai di là non può esservi accordo. Le guerre di religione sono le guerre più terribili, perchè intraprese senza nessuna prospettiva di conciliazione. Ma dove sono implicate cose terrene, entra in gioco l'affinità naturale di tutti gli uomini e l'identità delle condizioni biologiche per la preservazione della vita. La più alta produttività della cooperazione nella divisione del lavoro fa della società lo strumento primo di ogni individuo per l'ottenimento dei propri fini, qualunque essi siano. Mantenimento e intensificazione ulteriore della cooperazione sociale diventano cura di ognuno. Le visioni del mondo e le ideologie che non siano interamente e incondizionatamente legate alla pratica dell'ascetismo ed alla vita anacoretica devono tenere conto del fatto che la società è il grande mezzo per il raggiungimento dei fini terreni. Ma allora si è raggiunto una base comune per spianare la via all'accordo sui problemi sociali minori e sui dettagli del l'organizzazione sociale. Comunque le varie ideologie possano discordare, esse s'incontrano nel riconoscimento della vita sociale. La gente talvolta non riesce a vedere questo fatto, perchè, occupandosi delle filosofìe e delle ideologie guarda molto a ciò che queste dottrine asseriscono sulle cose trascendenti e inconoscibili e poco alle

enunciazioni relative all'azione temporale. Tra le varie parti di un sistema ideologico c'è spesso un abisso insormontabile. Per l'uomo agente hanno reale importanza solo i principii che si risolvono in precetti d'azione e non le dottrine puramente accademiche e inapplicabili alla condotta nell'ambito della cooperazione sociale. Possiamo trascurare la filosofìa dell'ascetismo adamantino e coerente, perchè un simile rigido ascetismo deve in definitiva condurre all'estinzione dei suoi sostenitori. Tutte le altre ideologie, approvando le cure della vita, sono costrette a tener conto in qualche misura del fatto che la divisione del lavoro è più produttiva del lavoro isolato, così ammettendo la necessità della cooperazione sociale. Prasseologia ed economia non sono qualificate a trattare aspetti trascendenti e metafìsici di nessuna dottrina. Ma, d'altro lato, nessun appello ai dogmi ed ai credi religiosi o metafìsici può invalidare i teoremi e le teorie concernenti la cooperazione sociale sviluppate dal ragionamento prasseologico logicamente corretto. Se una filosofìa ammette la necessità dei legami sociali tra gli uomini, si pone, relativamente ai problemi dell'azione sociale, su un piano dal quale non si può sfuggire in personali convinzioni e professioni di fede non suscettibili di esauriente esame coi metodi della scienza. Questo fatto fondamentale è spesso ignorato. La gente crede che le differenti visioni del mondo creino conflitti inconciliabili. Gli antagonismi fondamentali tra partiti che seguono differenti visioni del mondo, si sostiene, non possono essere ridotti a compromesso. Essi promanano dai più profondi recessi dell'animo umano e sono espressivi della comunione innata dell'uomo con forze eterne e sovrannaturali. Non può esservi cooperazione tra gente divisa da differenti visioni del mondo. Tuttavia, se passiamo in rassegna i programmi di tutti i partiti — sia i programmi abilmente elaborati e propagandati che quelli ai quali i partiti inclinano realmente quando sono al potere — possiamo agevolmente scoprire la erroneità di questa interpretazione. Tutti i partiti odierni tendono al benessere ed alla prosperità terrena dei loro sostenitori. Promettono di rendere più soddisfacenti le condizioni economiche dei propri seguaci. Sotto questo aspetto, laddove intervengono nelle questioni politiche e sociali, non vi è differenza tra la Chiesa cattolica romana e le varie denominazioni protestanti, tra cristianità e religioni non cristiane, tra i sostenitori della libertà economica e le diverse varietà di materialismo marxista, tra nazionalisti e internazionalisti, tra razzisti e amici della pace interrazziale. È vero che molti di questi partiti credono che il loro gruppo non possa prosperare che a spese di altri gruppi, e persino vanno così lontano da considerare l'annientamento completo degli altri gruppi o la loro riduzione alla schiavitù come condizione necessaria alla propria prosperità. Però lo sterminio o la riduzione in cattività degli altri non è per essi lo scopo ultimo, ma mezzo

per raggiungere ciò cui essi tendono come a un fine ultimo : la prosperità del proprio gruppo. Se sapessero che i loro disegni sono guidati da teorie spurie e non possono produrre i risultati attesi, cambierebbero programma. Le pompose enunciazioni che la gente fa delle cose non conoscibili e al di là del potere della mente umana, le sue cosmologie, visioni del mondo, religioni, misticismi, metafisiche e fantasie concettuali, differiscono largamente. Ma l'essenza pratica delle ideologie, cioè i principii relativi ai fini terreni, e ai mezzi per conseguirli, mostra molta uniformità. Ci sono, naturalmente, differenze e antagonismi sia riguardo ai fini che riguardo ai mezzi. Ma le differenze riguardo ai fini non sono inconciliabili ; esse non impediscono la collaborazione e gli accordi amichevoli nella sfera dell'azione sociale. Relativamente ai mezzi e ai modi, presentano un carattere puramente tecnico, e pertanto sono suscettibili di esame coi metodi razionali. Se nella foga dei conflitti di parte, uno della fazione dichiara : "Qui noi non possiamo continuare a negoziare con voi perchè noi siamo di fronte ad una questione che tocca la nostra visione del mondo; su questo punto noi dobbiamo essere adamantini e dobbiamo attenerci rigidamente ai nostri principii, qualunque cosa ne possa risultare", basta esaminare la cosa in maniera più accurata per rendersi conto che tali dichiarazioni descrivono l'antagonismo più nella sua enunciazione che nella sua realtà. Infatti, per tutti i partiti inclini a perseguire il benessere terreno e quindi alla cooperazione sociale, le questioni dell'organizzazione sociale e della condotta dell'azione sociale non riguardano i principii ultimi e le visioni del mondo, ma le istanze ideologiche. Vi sono problemi tecnici riguardo ai quali qualche accordo è sempre possibile. Nessun partito preferirebbe deliberatamente la disintegrazione sociale, l'anarchia e il ritorno alla barbarie primitiva alla soluzione raggiungibile a costo di sacrificare taluni punti ideologici. Nei programmi di partito questi problemi tecnici sono, naturalmente, di primaria importanza. Un partito si vale di certi mezzi, raccomanda certi metodi di azione politica e rigetta completamente come inappropriati ogni altro metodo e politica. Un partito è un corpo comprendente tutti coloro che mirano a impiegare gli stessi mezzi per l'azione comune. Il principio che differenzia gli uomini e integra i partiti è la scelta dei mezzi. Così, per il partito come tale, i mezzi scelti sono essenziali. Un partito è condannato se la futilità dei mezzi raccomandati diventa ovvia. I capipartito il cui prestigio e la cui carriera politica è legata al programma possono avere ampie ragioni per sottrarre i principii a una illimitata discussione. Essi possono attribuire loro il carattere di fini ultimi da non mettersi in discussione, perchè basati su una visione del mondo. Ma per la gente della quale i capipartito pretendono essere

mandatari, per gli elettori dei quali essi intendono essere candidati e per i cui voti essi discutono, le cose offrono un altro aspetto. Questi non obiettano all'esame di ogni punto del programma di partito, perchè guardano al programma solo come a una raccomandazione di mezzi per fini di benessere terreno. Ciò che divide quei partiti che oggi si chiamano visioni del mondo, cioè partiti impegnati su decisioni filosofiche basilari sui fini ultimi, è soltanto il disaccordo apparente riguardo ai fini ultimi. I loro antagonismi si riferiscono o al credo religioso o ai problemi delle relazioni internazionali o al problema della proprietà dei mezzi di produzione o ai problemi dell'organizzazione politica. Si può dimostrare che tutte queste controversie concernono i mezzi e non i fini ultimi. Cominciamo coi problemi dell'organizzazione politica della nazione. Ci sono sostenitori di un sistema democratico di governo, di una monarchia ereditaria, del governo di una pretesa élite e di una dittatura cesarea. È vero che questi programmi sono spesso raccomandati riferendosi a istituzioni divine, alle leggi eterne dell'universo, all'ordine naturale, alla inevitabile direzione dell'evoluzione storica e ad altri argomenti trascendentali. Ma tali affermazioni formano l'orpello accessorio. Rivolgendosi all'elettorato, i partiti avanzano altri argomenti. Sono ansiosi di mostrare che il sistema da essi sostenuto riuscirà meglio di quello sostenuto dagli altri partiti nella realizzazione dei fini cui i cittadini tendono. Essi specificano i benefici risultati raggiunti in passato o negli altri paesi ; disprezzano i programmi degli altri partiti, riferendo i loro insuccessi. Ricorrono al ragionamento puro e all'interpretazione dell'esperienza storica per dimostrare la superiorità delle loro proposte e la futilità di quelle degli avversari. Loro argomento principale è sempre : Il sistema politico che noi sosteniamo vi renderà più prosperi e più contenti. Nel campo dell'organizzazione economica della società ci sono i liberali che sostengono la proprietà privata dei mezzi di produzione, i socialisti che sostengono la proprietà pubblica dei mezzi di produzione e gli internazionalisti che reclamano un terzo sistema il quale, sostengono, è altrettanto lontano sia dal socialismo che dal capitalismo. Nel clamore di questi partiti ci sono ancora molte chiacchiere sui problemi filosofici fondamentali. La gente parla di vera libertà, uguaglianza e giustizia sociale, diritti dell'individuo, comunità, solidarietà, umanitarismo. Ma tutti i partiti tendono a provare col raziocinio e riferendosi all'esperienza storica che soltanto il sistema da essi raccomandato farà i cittadini prosperi e contenti. Essi dicono alla gente che la realizzazione del loro programma porterà il tenore di vita a un livello più alto che la realizzazione dei programmi di qualsiasi altro partito. Insistono sulla convenienza dei loro piani e sulla loro utilità. È ovvio peraltro che non

differiscono molto gli uni dagli altri relativamente ai fini, ma soltanto relativamente ai mezzi. Essi tutti pretendono di tendere al più alto benessere materiale per la maggioranza dei cittadini. I nazionalisti insistono esservi un conflitto inconciliabile tra gli interessi delle varie nazioni, ma che, tuttavia, gli interessi rettamente intesi di tutti i cittadini entro la nazione sono armonici. Una nazione può prosperare soltanto a spese delle altre nazioni; i cittadini possono andar bene soltanto se la loro nazione fiorisce. I liberali sono di differente opinione. Essi credono che gli interessi delle varie nazioni armonizzino non meno di quelli dei vari gruppi, classi e strati di individui entro la nazione. Credono che la cooperazione internazionale pacifica sia mezzo più appropriato del conflitto per raggiungere il fine cui essi e i nazionalisti tendono : il benessere della propria nazione. Non vogliono, come pretendono i nazionalisti, pace e libero scambio per tradire gli interessi della propria nazione a vantaggio degli stranieri. Al contrario, considerano la pace e il libero scambio come il mezzo migliore per far ricca la propria nazione. Liberoscambisti e nazionalisti non sono divisi sui fini, ma sui mezzi raccomandati per il raggiungimento di fini comuni a entrambi. Il dissenso riguardo alle credenze religiose non può essere appianato con metodi razionali. I conflitti religiosi sono essenzialmente implacabili e inconciliabili. Tuttavia non appena una comunità religiosa entra nel campo politico e cerca di trattare i problemi dell'organizzazione sociale, è costretta a tenere conto degli interessi terreni, comunque ne contrastino i dogmi e gli articoli di fede. Nessuna religione nelle sue attività esoteriche si è mai azzardata a dire francamente alla gente : La realizzazione dei nostri piani di organizzazione sociale vi impoverirà pregiudicando il vostro benessere terreno. Coloro i quali sono veramente votati a una vita di povertà abbandonano la scena politica per ridursi a reclusione anacoretica. Ma le chiese e le comunità religiose interessate a fare adepti e a influenzare le attività politiche e sociali dei propri seguaci hanno sposato il principio della condotta secolare. Sulle questioni del pellegrinaggio terreno dell'uomo difficilmente differiscono da qualsiasi altro partito politico. Nelle discussioni, esse insistono sui vantaggi materiali che serbano ai propri fratelli di fede più che sulla felicità nell'al di là. Soltanto una visione del mondo i cui sostenitori rinunciassero a ogni attività terrena comecchessia potrebbe trascurare le considerazioni razionali che mostrano come la cooperazione sociale sia il grande mezzo per l'ottenimento di tutti i fini umani. Poiché l'uomo è un animale sociale che può prosperare soltanto entro la sooietà, tutte le ideologie sono tenute a riconoscere l'importanza preminente della cooperazione sociale. Esse devono tendere alla organizzazione più soddisfacente della società e

approvare la esigenza di migliorare il benessere materiale dell'uomo. Così tutte si pongono sopra un terreno comune. Esse non sono divise da visioni del mondo e da istanze trascendenti non soggette a discussioni ragionevoli, ma da problemi di mezzi e di modi. Tali antagonismi ideologici sono suscettibili di approfondito esame coi metodi scientifici della prasseologia e dell'economia.

La lotta contro l'errore. Un esame critico dei sistemi filosofici costruiti dai grandi pensatori dell'umanità ha spesso rivelato crepe e imperfezioni nell'imponente struttura di quei corpi di pensiero generale apparentemente consistenti e coerenti. Anche il genio, nel tracciare una visione del mondo, spesso non riesce ad evitare contraddizioni e sillogismi fallaci. Le ideologie accettate dall'opinione pubblica sono ancora più affette dalle limitazioni della mente umana. Per la maggior parte esse sono una giustapposizione eclettica di idee decisamente incompatibili fra loro. Esse non resistono ad un esame logico del contenuto. Le loro inconsistenze sono irreparabili e sfidano ogni tentativo di combinare le loro parti spurie in un sistema di idee mutuamente compatibili. Taluni autori tentano di giustificare le contraddizioni di ideologie generalmente accettate sottoponendole agli asseriti vantaggi di un compromesso, sebbene insoddisfacente dal punto di vista logico, per il buon andamento delle relazioni umane. Si riferiscono all'errore popolare che vita e realtà sono "non logiche" ; essi sostengono che un sistema contraddittorio può mostrare la sua utilità o addirittura la sua verità funzionando in modo soddisfacente, mentre un sistema logicamente consistente porterebbe al disastro. Non v'è bisogno di refutare nuovamente tali errori popolari. Pensiero logico e vita reale non sono due orbite separate. La logica è per l'uomo il solo mezzo di dominare i problemi della realtà. Ciò che è contraddittorio in teoria, è non meno contraddittorio in realtà. Nessuna inconsistenza ideologica può fornire una soddisfacente, cioè funzionale, soluzione dei problemi che presentano i fatti del mondo. Unico effetto delle ideologie contraddittorie è di celare i problemi reali, impedendo così di trovare in tempo una politica appropriata per risolverli. Le ideologie inconsistenti possono talvolta posporre l'emergenza di un conflitto manifesto. Ma certamente aggravano i mali che mascherano rendendone la soluzione finale più difficile. Esse moltiplicano i conflitti, intensificano gli odi, e rendono gli accordi pacifici impossibili. E grave errore considerare le contraddizioni ideologiche innocue o addirittura benefiche.

Il principale obiettivo della prasseologia e dell'economia è di sostituire ideologie corrette e consistenti ai dogmi contraddittori dell'eclettismo popolare. Non v'è modo di prevenire la disintegrazione sociale e salvaguardare lo stabile miglioramento delle condizioni umane, all'infuori di quello offerto dalla ragione. Gli uomini devono tentare di riflettere su tutti i problemi implicati fino al punto oltre il quale la mente umana non può più procedere. Non devono mai accontentarsi di soluzioni fornite dalle passate generazioni, ma rimettere sempre in discussione ogni teoria e ogni teorema, e non mai stancarsi nei loro sforzi di eliminare gli errori e di raggiungere la conoscenza migliore possibile. Devono combattere l'errore, smascherando le dottrine spurie e mettendo in evidenza la verità. I problemi implicati sono puramente intellettivi e devono essere trattati come tali. È disastroso trasporli alla sfera morale e liberarsi dei sostenitori delle opposte ideologie chiamandoli villani. È vano insistere che ciò che noi perseguiamo è bene e ciò che i nostri avversari desiderano è male. La questione da risolvere è precisamente ciò che deve essere considerato bene e male. Il rigido dogmatismo, peculiare ai gruppi religiosi e al marxismo, porta così a un conflitto inconciliabile. Esso condanna a priori come malfattori tutti i dissenzienti, ne mette in dubbio la buona fede, e domanda loro di arrendersi incondizionatamente. Nessuna cooperazione sociale è possibile dove prevale una attitudine siffatta. Nè migliore è la tendenza, oggi diffusa, di tacciare i sostenitori di altre ideologie come lunatici. Gli psichiatri sono vaghi nel tracciare una linea tra la salute e la malattia. Sarebbe assurdo che i profani interferissero in queste istanze fondamentali della psichiatria. Tuttavia è chiaro che, se il mero fatto che un uomo condivida le vedute erronee e agisca conformemente a questi errori lo qualifica come mentalmente inabile, sarebbe difficilissimo scoprire un individuo cui attribuire l'epiteto di sano o normale. Allora saremmo costretti a chiamare lunatiche le generazioni passate perchè le loro ideologie sui problemi delle scienze naturali e relative tecniche differivano dalle nostre. Le generazioni a venire ci chiamerebbero lunatici per la stessa ragione. L'uomo è soggetto ad errore. Se errare fosse il tratto caratteristico dell'incapacità mentale, allora tutti dovrebbero essere chiamati mentalmente incapaci. E nemmeno il fatto che un uomo sia in disaccordo con le opinioni sostenute dalla maggioranza dei suoi contemporanei deve permettere di qualificarlo lunatico. Erano Copernico, Galileo e Lavoisier dei pazzi ? E nel corso regolare della storia che un uomo concepisca idee nuove, contrarie a quelle dell'altra gente. Talune di queste idee vengono successivamente incorporate nel sistema di conoscenze accettate come vere dall'opinione pubblica. Si può attribuire il termine "sano" soltanto

agli zotici che mai hanno avuto idee loro proprie e negarlo a tutti gli innovatori ? Il comportamento di taluni psichiatri contemporanei è veramente oltraggioso. Essi ignorano assolutamente le teorie della prasseologia e dell'economia. La loro familiarità con le ideologie attuali è superficiale e acritica. Tuttavia chiamano apertamente paranoici i sostenitori di talune ideologie. Ci sono uomini comunemente stigmatizzati come maniaci monetari. Il maniaco monetario suggerisce un metodo per rendere tutti prosperi mediante misure monetarie. I suoi piani sono illusori. Tuttavia sono l'applicazione consistente di un'ideologia monetaria completamente approvata dall'opinione pubblica contemporanea e sposata dalle politiche di quasi tutti i governi. Le obiezioni sollevate contro questi errori ideologici dagli economisti non sono prese in considerazione dai governi, dai partiti politici e dalla stampa. Coloro che non hanno familiarità con la teoria economica credono generalmente che l'espansione del credito e l'aumento della quantità di moneta in circolazione siano mezzi efficaci per mantenere il tasso di interesse al di sotto del livello che raggiungerebbe su un mercato non regolato dei prestiti di capitale. Questa teoria è manifestamente illusoria [nota 1]. Ma essa guida la politica monetaria del credito di quasi tutti i governi contemporanei. Ora, in base a questa ideologia viziosa, non si può sollevare una valida obiezione contro i piani proposti da Pierre Joseph Proudhon, Ernest Solvay, Clifford Hugh Douglas ed una quantità di altri pretesi riformatori. Essi sono semplicemente più coerenti degli altri. Vogliono ridurre il saggio d'interesse del capitale e così abolire completamente la scarsità del "capitale". Per refutarli, bisogna attaccare le teorie che stanno alla base delle politiche monetarie e creditizie delle grandi nazioni.
1. Cfr. sotto, cap. XX

Lo psichiatra può obiettare che ciò che caratterizza un uomo come lunatico è precisamente perchè manca di moderazione e va agli estremi. Mentre l'uomo normale è abbastanza giudizioso da contenersi, il paranoico trascende tutti i limiti. Questa è una postilla del tutto insoddisfacente. Tutti gli argomenti avanzati a favore della tesi che il saggio d'interesse può essere ridotto mediante l'espansione del credito dal 5 o 4 % al 3 o 2 % sono ugualmente validi per la sua riduzione a zero. I "maniaci monetari" hanno certamente ragione dal punto di vista degli errori monetari condivisi dall'opinione popolare. Vi sono psichiatri i quali chiamano lunatici i tedeschi che hanno adottato i principii del nazismo e vogliono curarli con procedimenti

terapeutici. Qui ancora siamo di fronte allo stesso problema. Le dottrine del nazismo sono viziose, ma non sono in disaccordo essenziale con le ideologie del socialismo e del nazionalismo approvate dall'opinione pubblica di altri popoli. Ciò che caratterizzava il nazismo era soltanto l'applicazione coerente di queste ideologie alle condizioni speciali della Germania. Come tutte le altre nazioni contemporanee, i nazisti desideravano il controllo governativo degli affari e l'autosufficienza economica, cioè l'autarchia, per la propria nazione. Caratteristica della loro politica era il rifiuto di ammettere gli svantaggi che l'applicazione dello stesso sistema da parte di altre nazioni avrebbe inflitto loro. Essi non erano disposti ad essere "imprigionati" per sempre, come dicevano, entro un'area comparativamente sovrapopolata in cui le condizioni fisiche rendono la produttività del lavoro più bassa che in altri paesi. Credevano che il grande numero della loro popolazione, la posizione geografica strategicamente propizia del paese e il vigore e il valore innato delle loro forze armate offrissero una buona occasione per rimediare con l'aggressione ai mali deplorati. Ora, chiunque accetti l'ideologia del nazismo e del socialismo come vera e quale criterio politico della propria nazione, non è in grado di confutare le conclusioni tratte dai nazisti. La sola via rimasta alle nazioni straniere che hanno adottato questi due principii per refutare il nazismo è di sconfiggere il nazismo in guerra ; finche l'ideologia nazista e socialista dominano sovrane nell'opinione pubblica mondiale, tedeschi e altri popoli tenteranno ancora l'aggressione e la conquista, quando dovesse offrirsene la possibilità. Non v'è speranza di sradicare la mentalità dell'aggressione se non eliminando completamente gli errori ideologici da cui promana. Questo non è il compito degli psichiatri, ma degli economisti [nota 1].
1. Cfr. Mises, Omnipotent Government, New Haven, 1944. pagg. 221-228, 129-131, 135-140.

L'errore dei tedeschi non è certamente di non secondare gli insegnamenti dei Vangeli. Nessuna nazione l'ha mai fatto. Ad eccezione di piccoli gruppi di quaccheri senza influenza, praticamente tutte le chiese e le sètte cristiane benedicono le armi guerriere. I più spietati tra i vecchi conquistatori tedeschi erano i cavalieri teutonici, che combattevano nel nome della croce. La fonte dell'aggressività tedesca odierna è nel fatto stesso che i tedeschi abbiano sradicato la filosofìa liberale sostituendo l'ideologia del nazismo e del socialismo ai principii liberali del libero scambio e della pace. Se l'umanità non ritorna alle idee oggi spregiate come "ortodosse", "filosofia di Manchester" e "laissez-faire", il solo metodo per prevenire una nuova aggressione è di rendere i tedeschi innocui, privandoli dei mezzi necessari alla guerra.

L'uomo ha soltanto uno strumento per combattere l'errore : la ragione.

3. Il potere. La società è prodotto dell'azione umana. L'azione umana è diretta dalle ideologie. Così la società e ogni concreto ordine di cose sociali sono il risultato di ideologie ; le ideologie non sono, come asserisce Marx, il prodotto di un certo stato di cose sociali. Certamente, i pensieri e le idee umane non sono conquista di individui isolati. Il pensiero si afferma soltanto attraverso la cooperazione dei pensatori. Nessun individuo avrebbe progredito nel suo ragionamento se avesse dovuto partire dall'inizio. L'uomo può progredire nel pensiero soltanto perchè i suoi sforzi sono aiutati da quelli delle passate generazioni, che hanno formato strumenti logici, concetti e teorie e sollevato problemi. Ogni ordine sociale concreto è stato pensato e disegnato prima di poter essere realizzato. Questa precedenza logica e temporale del fattore ideologico non implica che la gente tracci un piano completo di sistema sociale, come fanno gli utopisti. Ciò che a priori si pensa e deve essere pensato non è di concentrare le azioni degli individui in un sistema integrato di organizzazione sociale, ma sono le azioni degli individui riguardo ai loro simili e dei gruppi già formati riguardo agli altri gruppi. Prima che un uomo aiuti il suo simile a tagliare un albero, tale cooperazione dev'essere pensata. Prima che un atto di baratto abbia luogo, l'idea del mutuo scambio di beni e di servizi dev'essere concepita. Non è necessario che gli individui interessati siano consci del fatto che tale reciprocità conduca a stabilire legami sociali e all'affermazione di un sistema sociale. L'individuo non fa piani nè compie azioni intesi alla costruzione della società. La sua condotta e la condotta corrispondente degli altri genera i corpi sociali. Uno stato sociale concreto è il prodotto di ideologie precedentemente pensate. Entro la società possono emergere nuove idee a soppiantare le vecchie trasformando così il sistema sociale. Tuttavia, la società è sempre creazione di ideologie temporalmente e logicamente anteriori. L'azione è sempre diretta dalle idee; essa realizza ciò che il pensiero ha precedentemente progettato. Se ipostatizziamo o antropoformizziamo la nozione di ideologia, possiamo dire che le ideologie hanno potere sopra gli uomini. Il potere è la facoltà o forza di indirizzare le azioni. Normalmente si dice solo che un uomo o un gruppo di uomini sono potenti. Allora la definizione di potenza è : Potere è la forza di dirigere le azioni degli altri. Il potente deve il suo

potere a un'ideologia. Soltanto le ideologie possono conferire a un uomo la forza di influenzare le scelte e la condotta degli altri. Uno può diventare capo soltanto se sostenuto da un'ideologia che rende l'altra gente trattabile e accomodante. Il potere non è quindi cosa fisica e tangibile, ma fenomeno morale e spirituale. Il potere di un re riposa sul riconoscimento dell'ideologia monarchica da parte dei suoi sudditi. Colui che usa il suo potere per amministrare lo Stato, cioè l'apparato sociale coercitivo, governa. Governo è esercizio del potere nel corpo sociale. Il governo è sempre basato sul potere, cioè sulla forza di dirigere le azioni degli altri. Naturalmente, è possibile stabilire un governo sull'oppressione violenta del popolo riluttante. Questo è il tratto caratteristico degli stati e dei governi che ricorrono alla coercizione violenta o al tradimento contro chi non è disposto a cedere. Ma anche l'oppressione violenta non è meno fondata sul potere ideologico. Colui che desidera applicare la violenza ha bisogno della cooperazione volontaria di altra gente. Un individuo lasciato interamente a se stesso non può mai reggere con la sola violenza fìsica [nota 1]. Ha bisogno dell'appello ideologico di un gruppo per soggiogare altri gruppi. Il tiranno deve avere un seguito di partigiani, che obbediscano ai suoi ordini di loro spontanea volontà. La loro obbedienza spontanea gli fornisce l'apparato necessario per conquistare gli altri. Se riesce o no a governare, dipende in definitiva dalla relazione numerica di due gruppi, quello che lo sostiene volontariamente e quello che egli cerca di sottomettere. Sebbene un tiranno possa temporaneamente governare mediante una minoranza se questa è armata e la maggioranza no, nel lungo andare la minoranza non può tenere in soggezione la maggioranza. Gli oppressi si sollevano e la rivoluzione scuote il giogo della tirannia.
1. Un gangster può sopraffare un uomo più debole e disarmato. Tuttavia, questo non ha niente a che fare con la vita sociale. E un avvenimento isolato e antisociale.

Un sistema stabile di governo deve fondarsi su un'ideologia accettata dalla maggioranza. Il fattore "reale", le "forze reali" che sono il fondamento del governo e conferiscono ai governanti potere di coercizione verso i gruppi minoritari renitenti, sono essenzialmente ideologici, morali e spirituali. I governanti che hanno mancato di riconoscere questo primo principio di governo, disdegnando lo spirito e le ideologie nella creduta irresistibilità delle truppe armate, sono in definitiva stati rovesciati dall'assalto dei loro avversari. È errato interpretare il potere come fattore "reale" indipendente dalle ideologie, come usa in molti libri politici e storici. Il termine Real politik ha senso soltanto se usato a significare una politica che tiene conto delle ideologie generalmente accettate in contrasto

con una politica basata su ideologie non sufficientemente riconosciute e quindi inadatte a sostenere un sistema stabile di governo. Chi interpreta il potere come manifestazione di una forza fìsica o "reale" e l'azione violenta come il vero fondamento di governo, vede le cose dallo stretto punto di vista di ufficiali subordinati preposti a una sezione dell'esercito o della forza di polizia. A questi subordinati viene assegnato un compito definito entro lo schema dell'ideologia dominante. A loro i capi conferiscono la cura di truppe non soltanto equipaggiate, armate e organizzate per il combattimento, ma nondimeno imbevute dello spirito che le fa obbedire agli ordini emessi. I comandanti di queste suddivisioni considerano questo fattore morale ovvio perchè, animati dallo stesso spirito, non possono nemmeno immaginare una ideologia differente. Il potere di un'ideologia consiste appunto nel fatto che la gente vi si sottomette senza ondeggiamenti e scrupoli. Tuttavia, le cose sono differenti per il capo di governo. Questi deve tendere a preservare il morale delle forze armate e la lealtà del resto della popolazione, perchè questi fattori morali sono i soli elementi "reali" su cui riposa la continuità del suo dominio. Il suo potere vacilla se l'ideologia che lo sostiene scompare. Anche le minoranze possono talvolta imporsi coi mezzi della superiore abilità militare, e stabilire su questa premessa un governo di minoranza. Ma tale ordine di cose non può durare. Se i conquistatori vittoriosi non riescono poi a trasformare il sistema di governo basato sulla violenza in un sistema basato sul consenso ideologico dei governati, soccombono in nuove lotte. Le minoranze vittoriose che hanno instaurato un sistema di governo lo hanno reso stabile attraverso un ritardato ascendente ideologico. Hanno legittimato la loro propria supremazia o accettando le ideologie degli sconfitti o trasformandole. Dove nessuna di queste alternative ha luogo, la maggioranza oppressa depone i pochi oppressori o con la rivoluzione aperta o attraverso l'azione silenziosa, ma continua, delle forze ideologiche [nota 1].
1. Cfr. sotto, pagg. 621-623.

Molte delle grandi conquiste storiche poterono durare perchè gli invasori si allearono alle classi della nazione sconfitta sostenute dall'ideologia dominante e pertanto considerate legittime. Questo il sistema adottato dai tartari in Russia, dai turchi nei principati del Danubio e suppergiù in Ungheria e in Transilvania, dagli inglesi e dagli olandesi nelle Indie. Un numero comparativamente insignificante di britannici potè governare molti milioni di indiani, perchè i principi e i latifondisti aristocratici indiani consideravano il governo inglese un mezzo per preservare i loro privilegi sostenendolo con l'adesione che l'ideologia

indiana corrente dava alla loro supremazia. L'impero indiano dell'Inghilterra fu solido finché l'opinione pubblica approvava l'ordine sociale tradizionale. La Pax britannica salvaguardava i privilegi dei principi e dei signori terrieri e proteggeva le masse dai pericoli di guerre tra principati e di guerre di successione interna. Ai giorni nostri, l'infiltrazione delle idee sovversive dal di fuori ha minato il governo inglese pregiudicando al tempo stesso la preservazione del vecchio ordine sociale del paese. Le minoranze vittoriose devono invece talvolta il successo alla superiorità tecnologica. Questo non altera il caso. Nel lungo andare è impossibile privare delle armi migliori i membri della maggioranza. Non l'equipaggiamento delle loro forze armate, ma fattori ideologici salvaguardavano gli inglesi in India [nota 1].
1. Trattiamo qui della preservazione dei governi minoritari europei in paesi non europei. Sulle prospettive di un'aggressione asiatica all'Occidente, vedi sotto, pagg. 640-642.

L'opinione pubblica di un paese può essere ideologicamente divisa in modo che nessun gruppo sia abbastanza forte per stabilire un governo durevole. Allora l'anarchia emerge. Le rivoluzioni e le lotte civili diventano permanenti.

Il tradizionalismo come ideologia. Il tradizionalismo è un'ideologia che considera giusta e conveniente la lealtà ai valori, ai costumi e ai metodi degli antenati. Non è una caratteristica essenziale del tradizionalismo che i predecessori siano antenati nel significato biologico del termine o almeno approssimativamente tali ; talvolta si tratta soltanto dei primi abitatori del paese o di seguaci dello stesso credo religioso o di precursori nell'esercizio di qualche compito speciale. Chi debba essere considerato antenato e quale sia il contenuto del corpo tradizionale viene stabilito o determinato dai principii concreti di ogni varietà di tradizionalismo. L'ideologia mette in preminenza alcuni degli antenati relegandone altri nell'oblìo. Talvolta chiama antenati gente che non ha nulla a che fare con la sostenuta posterità. Spesso costruisce una dottrina "tradizionale" di origine recente e diversa dalle ideologie realmente sostenute dagli antenati. Il tradizionalismo tenta di giustificare i suoi dogmi citando il successo da essi assicurato in passato. Se questa asserzione sia conforme

ai fatti, è un'altra questione. La ricerca dovette talvolta smascherare gli errori delle affermazioni storiche di una credenza tradizionale. Tuttavia questo non ha sempre comportato confutazione della dottrina tradizionale. Perchè il nucleo del tradizionalismo non sono i fatti storici reali ma l'opinione relativa, pur errata, e la volontà di credere cose alle quali è attribuita l'autorità dell'antica origine.

4. Meliorismo e idea del progresso. La nozione di progresso e di regresso ha senso soltanto entro un sistema teleologico di pensiero. In tale schema è ragionevole chiamare progresso l'approccio allo scopo cui si tende e regresso il movimento in direzione opposta. Senza riferimento a qualche azione e a qualche scopo definito, entrambe queste nozioni sono vuote di ogni significato. Fu una delle lacune della filosofia del XIX secolo l'aver male interpretato il significato del cambiamento cosmico e l'aver contrabbandato nella teoria della trasformazione biologica l'idea di progresso. Guardando indietro da un qualsiasi stato di cose agli stati del passato si possono usare in modo abbastanza ragionevole i termini sviluppo ed evoluzione in senso neutrale. Evoluzione significa processo che porta dalle condizioni passate alle presenti. Ma ci si deve guardare dal confondere il cambiamento col miglioramento e l'evoluzione con l'evoluzione verso più alte forme di vita. Nè è ammissibile sostituire un antropocentrismo pseudo scientifico all'antropocentrismo della religione e delle vecchie dottrine metafisiche. Tuttavia, non v'è necessità per la prasseologia di entrare in una critica di questa filosofia. Suo scopo è di smascherare gli errori contenuti nelle ideologie correnti. La filosofia sociale del XVIII secolo era convinta che l'umanità fosse finalmente entrata nell'età della ragione. Mentre nel passato gli errori teologici e metafisici erano dominanti, da allora in poi avrebbe imperato la ragione. La gente si sarebbe liberata vieppiù dalle catene della tradizione e della superstizione e avrebbe dedicato i suoi sforzi al continuo miglioramento delle istituzioni sociali. Ogni nuova generazione avrebbe contribuito la sua parte in questo compito glorioso. Gol progredire del tempo la società sarebbe diventata vieppiù società di uomini liberi tendente alla massima felicitazione possibile del maggior numero. Temporanei arresti non sarebbero, naturalmente, impossibili. Ma alla fine la buona causa trionferebbe, perchè è la causa della ragione. Gli uomini si considerano felici, in quanto cittadini di un'età dei lumi che, con la scoperta delle leggi della condotta razionale, preparavano la via ad uno

stabile miglioramento delle cose umane. Ciò che essi lamentavano era soltanto il fatto di essere troppo vecchi per vedere tutti i benefìci effetti della nuova filosofìa. "Vorrei", diceva Bentham a Philarète Chasles, "mi fosse concesso il privilegio di vivere gli anni che ho ancora da vivere alla fine di ogni secolo susseguente la mia morte ; così io potrei constatare gli effetti dei miei scritti" [nota 1].
1. Philarète Chasles, Études sur les hommes et les moeurs du XIX° siècle, Paris, 1849, pag. 89.

Tutte queste speranze erano fondate sulla ferma convinzione, propria di quell'età, che le masse fossero moralmente buone e ragionevoli. Gli strati superiori, gli aristocratici privilegiati viventi del grasso della terra, erano considerati depravati. La gente comune, specialmente i contadini e i lavoratori, erano glorificati in modo romantico come nobili e infallibili nei loro giudizi. Così i filosofi avevano fiducia che la democrazia, il governo del popolo, avrebbe portato la perfezione sociale. Questo pregiudizio fu l'errore fatale degli umanitari, dei filosofi e dei liberali. Gli uomini non sono infallibili; errano spessissimo. Non è vero che le masse hanno sempre ragione e conoscono i mezzi per raggiungere i fini cui tendono. "La fiducia nell'uomo comune" non è meglio fondata di quanto fosse la fiducia nei doni sovrannaturali dei re, dei preti e dei nobili. La democrazia garantisce un sistema di governo secondo i desideri e i piani della maggioranza. Ma essa non può impedire alle maggioranze di cadere vittime di idee errate e di adottare politiche inappropriate, che non soltanto non riescono agli scopi cui tendono, ma conducono al disastro. Anche le maggioranze errano e distruggono la nostra civiltà. La buona, causa non trionferà semplicemente per la sua ragionevolezza e convenienza. Soltanto se gli uomini sono tali da adottare finalmente politiche ragionevoli hanno probabilità di raggiungere i fini ultimi cui tendono, la civiltà di migliorare e la società e lo Stato di rendere gli uomini più soddisfatti, sebbene non felici nel senso metafisico. Se questa condizione sia data o meno, è cosa che soltanto il futuro incognito può rivelare. In un sistema prasseologico non c'è posto per il meliorismo e il fatalismo ottimistico. L'uomo è libero nel senso che egli deve sempre scegliere tra politiche che portano al successo e politiche che portano al disastro, alla disintegrazione sociale e alla barbarie. Il termine progresso non ha senso se applicato agli eventi cosmici o a una comprensiva visione del mondo. Noi non abbiamo informazione sui piani del primo motore. Ma la cosa è differente relativamente al suo uso nello schema di una dottrina ideologica. L'immensa maggioranza tende ad una maggiore e migliore provvista di cibi, di vestiario, di cose e conforti

materiali. Chiamando progresso e miglioramento l'elevamento del tenore di vita delle masse, gli economisti non sposano un gretto materialismo. Essi accertano soltanto il fatto che la gente è determinata dallo stimolo a migliorare le condizioni materiali della propria esistenza. Giudicano le politiche dal punto di vista degli scopi che l'uomo desidera raggiungere. Colui che disdegna la caduta della mortalità infantile e la graduale scomparsa delle carestie e delle pestilenze può gettare la prima pietra al materialismo degli economisti. Non vi è che una misura per apprezzare l'azione umana : se sia atta o meno a raggiungere i fini perseguiti dall'uomo agente.

CAPITOLO X

LO SCAMBIO ENTRO LA SOCIETÀ

1. Scambio autistico e scambio interpersonale. L'azione è sempre essenzialmente scambio di uno stato di cose per un altro stato di cose. Se l'azione è realizzata da un individuo senza la cooperazione di altri individui, possiamo chiamarla scambio autìstico. Un esempio : il cacciatore isolato uccide un animale per suo proprio consumo ; egli scambia riposo e cartucce contro cibo. Nella società la cooperazione sostituisce lo scambio interpersonale o sociale agli scambi autistici. L'uomo dà ad altri uomini per ricevere da essi. La reciprocità si afferma. Si serve per essere serviti. La relazione di scambio è la relazione sociale fondamentale. Lo scambio interpersonale di beni e servizi tesse legami che uniscono gli uomini in società. La formula sociale è : do ut des. Dove non vi è una mutualità intenzionale, dove un'azione è eseguita senza il disegno di essere beneficiata da un'azione concomitante di altre persone, là non vi è scambio interpersonale ma scambio autistico. Non importa se l'azione autistica sia benefica o dannosa agli altri o se non li riguardi affatto. Un genio può realizzare il suo compito non per la folla ma per se stesso; tuttavia è un benefattore eminente dell'umanità. Il ladro uccide la vittima a suo proprio vantaggio e l'uomo assassinato non è affatto parte in questo crimine, ma semplicemente il suo oggetto; ciò che è fatto è fatto contro di lui. L'aggressione ostile era pratica comune ai predecessori non umani dell'uomo. La cooperazione conscia e intenzionale è il risultato di un lungo processo evolutivo. Etnologia e storia ci hanno procurato interessanti informazioni relativamente all'inizio ed alle primitive forme di scambio interpersonale. Taluni considerano il costume del mutuo dare e ricevere regali come una forma precorritrice degli scambi interpersonali [nota 1]. Altri considerano il baratto tacito come modo primitivo di commercio. Tuttavia, il fare regali aspettando di essere ricompensati dalla restituzione del regalo o di acquistare il favore di un uomo la cui animosità potrebbe essere disastrosa equivale sempre a scambio interpersonale. Lo stesso vale per il baratto tacito, che si distingue dagli altri modi di barattare e commerciare soltanto per l'assenza di discussione

orale.
1. Gustav Cassel, The Theory of Social Economy, tradotto da S. L. Banon, nuova ed., London, 1932, pag. 371.

È caratteristica essenziale delle categorie dell'azione umana di essere apodittiche e assolute e di non ammettere nessuna gradazione. Vi è azione e non azione. Vi è scambio e non scambio; ogni cosa che si riferisce all'azione e allo scambio come tale è un dato o non è un dato in ogni caso individuale a seconda che vi sia o non vi sia azione e scambio. Allo stesso modo i limiti tra lo scambio autistico e lo scambio interpersonale sono nettamente distinti. Fare regali senza l'intenzione di essere ricompensati dalla condotta di chi li riceve o da terze persone è scambio autistico. Chi dona è soddisfatto per la migliore condizione che assicura a chi riceve. Chi riceve, riceve il regalo come un dono di Dio. Ma se i regali sono dati per influenzare la condotta di qualcuno, non sono più unilaterali, sibbene una varietà di scambio interpersonale tra il donatore e l'uomo la cui condotta si intende influenzare. Sebbene l'emergenza dello scambio interpersonale sia il risultato di una lunga evoluzione, nessuna transazione graduale è concepibile tra scambio autistico e scambio interpersonale. Non vi sono modi intermedi di scambio tra i due. Il passo che condusse dallo scambio autistico allo scambio interpersonale fu un salto in qualcosa di interamente nuovo e di essenzialmente differente, non minore di quello tra la reazione automatica delle cellule e dei nervi e il comportamento conscio e intenzionale, l'azione.

2. Vincoli contrattuali e vincoli egemonici. Ci sono due specie differenti di cooperazione sociale : la cooperazione in virtù di contratto e coordinazione e la cooperazione in virtù di comando e subordinazione o egemonia. Dove e nella misura in cui la cooperazione è basata sul contratto, la relazione logica tra gli individui cooperanti è simmetrica. Sono tutti parte dei contratti di scambio interpersonale. John sta nella stessa relazione con Tom come Tom con John. Dove e nella misura in cui la cooperazione è basata sul comando e sulla subordinazione, vi è colui che comanda e colui che obbedisce ai suoi ordini. La relazione logica tra queste due classi è asimmetrica. Vi è un direttore e vi è gente sotto la sua cura; il direttore soltanto sceglie e dirige; gli altri — le guardie — sono semplici pedine delle sue azioni. La forza che chiama in vita e anima il corpo sociale è sempre forza

ideologica, e il fatto che rende un individuo membro di un insieme sociale è sempre la sua propria condotta. Questo non è meno valido riguardo a un vincolo sociale egemonico. È vero che la gente di regola nasce entro i vincoli egemonici più importanti, la famiglia e lo stato ; questo era pure il caso per i vincoli egemonici dei tempi andati, la schiavitù e la servitù, che sono scomparse nell'ambito della civiltà occidentale. Ma nessuna violenza fisica o costrizione può forzare un uomo contro la sua volontà a rimanere guardiano di un ordine egemonico. Ciò che la violenza e i tentativi di violenza producono è lo stato di cose in cui la soggezione come regola è considerata più desiderabile della ribellione. Di fronte alla scelta tra le conseguenze dell'obbedienza e della disobbedienza, la guardia preferisce la prima e così si integra nel vincolo egemonico. Ogni nuovo comando le propone questa scelta. Nel cedere continuamente essa dà il suo contributo al perdurare del corpo sociale egemonico. Persino come guardia in un tale sistema, è un essere umano agente, cioè un essere che non cede semplicemente agli impulsi ciechi, ma usa la ragione nel scegliere tra alternative. Ciò che differenzia il vincolo egemonico dal vincolo contrattuale è l'ambito in cui le scelte degli individui determinano il corso degli eventi. Non appena uno si decide ad assoggettarsi a un sistema egemonico, e entro il margine di queste attività del sistema e per il tempo della sua sottomissione, diventa una pedina delle azioni del direttore. Nel corpo sociale e nella misura in cui dirige la condotta dei suoi subordinati, soltanto il direttore agisce. L'azione delle guardie è limitata alla scelta della subordinazione. Una volta scelta la subordinazione esse non agiscono più per se stesse, sono prese in cura. Nello schema della società contrattuale i membri individuali scambiano quantità definite di beni e servizi di qualità definita. Scegliendo la sottomissione in un corpo egemonico, l'uomo non dà nè riceve nulla che sia definito. Egli si integra in un sistema in cui ha da rendere servizi indefiniti per ricevere ciò che il direttore è disposto ad assegnargli. È alla mercè del direttore. Il direttore soltanto è libero di scegliere. Che il direttore sia un individuo o un gruppo di individui, un direttorio ; che sia un tiranno maniaco ed egoista o un dispotico paternalista benevolo, non ha importanza per la struttura dell'intero sistema. La distinzione tra queste due specie di cooperazione sociale è comune a tutte le teorie della società. Ferguson la descriveva come antitesi tra le nazioni guerriere e le nazioni commerciali [nota 1]; SaintSimon come antitesi tra nazioni pugnaci e nazioni pacifiche o industriali ; Herbert Spencer come antitesi tra società a libertà individuale e società a struttura militaresca [nota 2]; Sombart come antitesi tra eroi e venditori ambulanti [nota 3]. I marxisti distinguono tra l'"organizzazione gentile" di

uno stato favoloso della società primitiva e la felicità eterna del socialismo da un lato e l'indicibile degradazione del capitalismo d'altro lato [nota 4]. I filosofi nazisti distinguono il sistema contraffatto di sicurezza borghese dal sistema eroico dell'autoritaria Fuhrertum. La valutazione di entrambi i sistemi è differente per i vari sociologi. Ma essi convengono perfettamente sull'antitesi e non meno nel riconoscimento che nessun terzo principio è pensabile e fattibile.
1. Cfr. Adam Ferguson, An Essay on the History of Civil Society, nuova ed., Basel, 1789, pag. 208. 2. Cfr. Herbert Spencer, The Principles of Sociology, New York, 1914, III, pagg. 575-611. 3. Cfr. Werner Sombart, Haendler und Helden, Munchen, 1915. 4. Cfr. Friedrich Engels, The Origini of the Family, Private Property and the State, New York, 1942, pag. 144.

La civiltà occidentale come la civiltà dei popoli orientali più progrediti sono conquiste degli uomini, i quali hanno cooperato secondo gli schemi della coordinazione contrattuale. Queste civiltà, è vero, hanno adottato per certi aspetti i vincoli della struttura egemonica. Lo stato è un apparato coercitivo e un'organizzazione necessariamente egemonica. Così è lai famiglia e la comunità familiare. Tuttavia, il tratto caratteristico di queste civiltà è la struttura contrattuale propria alla cooperazione delle famiglie individuali. Una volta prevaleva l'autarchia quasi completa e l'isolamento economico delle unità economiche familiari. Quando lo scambio interfamiliare di beni e servizi si è sostituito all'autarchia familiare, in tutte le nazioni comunemente considerate civili la cooperazione si è basata sul contratto. La civiltà umana, come appare attraverso l'esperienza storica è in preponderanza il prodotto di relazioni contrattuali. Ogni specie di cooperazione umana e di mutualità sociale è essenzialmente un ordine di pace e un aggiustamento conciliativo delle dispute. Nelle relazioni interne di ogni unità sociale, sia a legame contrattuale che a legame egemonico, deve esserci pace. Dove vi sono conflitti violenti e fin quando perdurano, non vi è cooperazione nè vi sono vincoli sociali. I partiti politici, che nel loro fervore di sostituire al sistema contrattuale il sistema egemonico mettono in evidenza il marciume della pace e della sicurezza borghese, esaltando la nobiltà morale della violenza e dello spargimento di sangue e celebrando la guerra e la rivoluzione come metodi eminentemente naturali delle relazioni interumane, contraddicono se stessi. Ciò perchè le loro utopie sono intese come regni di pace. Il Reich dei nazisti e la comunità dei marxisti sono pianificati come società di pace indisturbata. Essi devono essere creati attraverso la pacificazione, cioè con la sottomissione violenta di tutti coloro che non sono pronti a cedere

senza resistere. In un inondo contrattuale possono coesistere quietamente vari stati. In un mondo egemonico può esservi soltanto un Reich o una comunità e soltanto un dittatore. Il socialismo deve scegliere tra la rinuncia ai vantaggi della divisione del lavoro comprendente tutta la terra e tutti i popoli e rinstaurazione di un ordine egemonico abbracciante tutto il mondo. È questo fatto che ha reso "dinamici", cioè aggressivi, bolscevismo, nazismo tedesco e fascismo italiano. In condizioni contrattuali gli imperi si dissolvono in una lega libera di nazioni membri autonome. Il sistema egemonico è costretto a tendere verso l'annessione di tutti gli stati indipendenti. L'ordine contrattuale della società è un ordine di diritto, fondato sulla legge. È un governo sotto l'impero della legge (Rechtsstaat) differenziato dallo stato di benessere (Wohlfahrtsstaat) o stato paternalistico. Diritto o legge è il complesso delle regole che determinano l'orbita in cui gli individui sono liberi di agire. Quest'orbita non è lasciata alle guardie di una società egemonica. Nello stato egemonico non vi è nè diritto nè legge; ci sono soltanto direttive e regolamenti che il direttore può cambiare quotidianamente e applicare a suo grado, cui le guardie devono obbedire. Le guardie hanno una libertà soltanto : l'obbedienza incondizionata.

3. L'azione calcolatrice. Tutte le categorie prasseologiche sono eterne e immutabili in quanto unicamente determinate dalla struttura logica della mente e dalle condizioni naturali dell'esistenza umana. Sia nell'agire che nel teorizzare sull'azione, l'uomo non può liberarsi da queste categorie, nè può trascenderle. Una specie di azione categoricamente differente da quella determinata da queste categorie non è nè possibile nè concepibile per l'uomo. L'uomo non può comprendere qualcosa che non sia nè azione nè non azione. Non v'è storia dell'azione ; non v'è evoluzione che avrebbe condotto dalla non azione all'azione; non vi sono stadi transitori tra azione e non azione. Vi è soltanto azione e non azione. E per ogni azione concreta tutto ciò che è rigorosamente valido è stabilito in modo categorico riguardo all'azione in generale. Ogni azione può fare uso dei numeri ordinali. Per l'applicazione dei numeri cardinali e per il computo aritmetico basato su di essi sono richieste condizioni speciali. Queste condizioni sono emerse nell'evoluzione storica della società contrattuale. Così la via era aperta al computo e al calcolo nella pianificazione dell'azione futura e nello stabilire gli effetti raggiunti dall'azione passata. I numeri cardinali e il loro uso

nelle operazioni aritmetiche sono dunque categorie eterne e immutabili della mente umana. Ma la loro applicabilità alla premeditazione e alla registrazione dell'azione dipende da certe condizioni che mancavano nello stato primitivo delle cose umane, che sono apparse soltanto più tardi, e che potrebbero anche nuovamente sparire. Fu la conoscenza di ciò che accadeva nel mondo in cui l'azione è computabile e calcolabile che condusse all'elaborazione delle scienze della prasseologia e dell'economia. L'economia è essenzialmente una teoria di quell'ambito dell'azione, in cui il calcolo è applicato o può esserlo se sono realizzate certe condizioni. Nessuna distinzione ha un'importanza maggiore, sia per la vita che per lo studio dell'azione umana, di quella tra azione calcolabile e azione non calcolabile. La civiltà moderna è caratterizzata dall'elaborazione di un metodo che rende l'uso dell'aritmetica possibile in un vasto campo di attività. Questo è ciò che la gente ha in mente attribuendo ad essa — in modo non troppo opportuno e spesso erroneo — l'epiteto di razionalità. La comprensione e l'analisi dei problemi presenti in un sistema di mercato calcolante fu il punto di partenza del pensiero economico, che portò poi alla conoscenza prasseologica generale. Non è tuttavia la considerazione di questo fatto storico che rende necessario iniziare l'esposizione di un sistema razionale dell'economia con un'analisi dell'economia di mercato a far precedere questa analisi da un esame dei problemi del calcolo economico. Nè aspetti storici nè aspetti euristici ci costringono a tale procedura, ma esigenze di rigore logico e sistematico. I problemi in questione sono apparenti e pratici soltanto nella sfera dell'economia di mercato calcolante. È soltanto una trasposizione ipotetica e figurata che li rende utilizzabili per lo studio di altri sistemi d'organizzazione economica sociale che non permettono calcolo alcuno. Il calcolo economico è fondamentale per la comprensione di tutti i problemi comunemente detti economici.

Parte terza

IL CALCOLO ECONOMICO

CAPITOLO XI

VALUTAZIONE SENZA CALCOLO

1. La gradazione dei mezzi. L'uomo agente trasferisce ai mezzi la valutazione dei fini cui tende. Ceteris paribus, assegna all'ammontare totale dei vari mezzi lo stesso valore che attribuisce al fine che essi sono idonei a realizzare. Per il momento possiamo trascurare il tempo necessario alla produzione del fine e la sua influenza sulla relazione tra il valore dei fini e quello dei mezzi. La gradazione dei mezzi è, come la gradazione dei fini, un processo di preferenza di a a b. Un preferire e uno scartare ; manifestazione del giudizio che a è più intensamente desiderato di b. Essa apre un campo di applicazione ai numeri ordinali, ma non è assoggettabile all'applicazione dei numeri cardinali e delle operazioni aritmetiche basate su di essi. Se qualcuno mi dà la scelta tra 3 biglietti che dànno diritto di assistere alle opere Aida, Falstaff e Traviata, e prendo, se posso prenderne uno solo, quello per l'Aida e, se posso prenderne 2, anche quello per il Falstaff, ho fatto una scelta. Questo significa : in date condizioni preferisco l'Aida e il Falstaff alla Traviata; se potessi sceglierne soltanto uno, preferirei l'Aida e rinuncerei al Falstaff. Indicando l'ammissione all'Aida con a, quella al Falstaff con b e quella alla Traviata con c, posso dire : preferisco a a b e b a c. Scopo immediato dell'azione è spesso l'acquisizione di provviste computabili e misurabili di cose tangibili. Allora s'ha da scegliere fra quantità computabili. Si può preferire, per esempio, 15 r a 7 p; ma se s'avesse da scegliere tra 15 r e 8 p, si potrebbe preferire 8 p. Noi possiamo esprimere questo stato di cose dichiarando che si valuta 15 r meno di 8 p, ma più di 7 p. Questo equivale ad affermare che si preferisce a a b e b a c. La sostituzione di 8 p ad a, di 15 r a b e di 7 p a c non cambia nè il significato dell'affermazione nè il fatto che essa descrive. Certamente non ne rende possibile il calcolo coi numeri cardinali. Non apre un campo al calcolo economico e alle operazioni mentali basate su di esso.

2. La finzione del baratto nella teoria elementare del valore e dei prezzi. L'elaborazione della teoria economica è euristicamente legata ai processi logici di calcolo in misura tale che gli economisti non si resero conto del problema fondamentale relativo ai metodi del calcolo economico. Essi propendevano a considerare il calcolo economico come materia ovvia; non videro che questo non è un dato ultimo, ma una derivata che richiede di essere ridotta a fenomeni più elementari. Essi fraintesero il calcolo economico, prendendolo per una categoria di tutta l'azione umana, mentre soltanto in speciali condizioni è una categoria dell'azione. Sapevano benissimo che lo scambio interpersonale e conseguentemente il mercato di scambio erano influenzati da un medio comune di scambio — la moneta. Sapevano quindi che i prezzi sono caratteristica peculiare a un certo stato dell'organizzazione economica della società assente nelle civiltà primitive e che potrebbe ancora scomparire nel corso di ulteriori cambiamenti storici [nota 1]. Ma essi non compresero che i prezzi monetari sono l'unico veicolo del calcolo economico. Così la maggior parte dei loro studi è di scarsa importanza. Anche gli scritti degli economisti più eminenti sono viziati in certa misura dagli errori impliciti alle loro idee sul calcolo economico.
1. Cfr. La scuola storica tedesca espresse ciò asserendo che la proprietà privata del mezzi di produzione, il mercato di scambio e la moneta sono "categorie storiche".

La teoria moderna del valore e dei prezzi mostra come le scelte degli individui, la loro preferenza a certe cose scartandone certe altre, conduca, nella sfera degli scambi interpersonali, alla formazione dei prezzi di mercato [nota 1]. Queste magistrali esposizioni sono insoddisfacenti in taluni punti minori e deformate da espressioni inadatte. Ma sono essenzialmente irrefutabili. Laddove abbisognano di essere emendate, si deve procedere a un'elaborazione coerente dei pensieri fondamentali dei loro autori piuttosto che a una refutazione del loro ragionamento.
1. Cfr. specialmente Eugen von Bohm-Bawerk, Kapital und Kapitalzins, Parte II, Libro III.

Per riportare i fenomeni del mercato alla categoria universale della preferenza di a a b, la teoria elementare del valore e dei prezzi è costretta ad usare talune costruzioni immaginarie. L'uso di costruzioni immaginarie alle quali nulla corrisponde nella realtà è uno strumento indispensabile del pensiero. Nessun altro metodo avrebbe contribuito qualcosa all'interpretazione della realtà. Ma uno dei problemi più

importanti della scienza è di evitare gli errori che l'impiego sconsiderato di tali costruzioni può indurre. La teoria elementare del valore e dei prezzi impiega, oltre alle altre costruzioni immaginarie di cui si tratterà successivamente [nota 1], la costruzione di un mercato in cui tutte le transazioni sono eseguite con lo scambio diretto. Non vi è moneta ; beni e servizi sono direttamente barattati contro altri beni e servizi. Questa costruzione immaginaria è necessaria. Si deve trascurare la funzione intermedia della moneta per rendersi conto che quel che in ultima analisi viene scambiato sono sempre beni economici di primo ordine contro beni dello stesso ordine. La moneta non è che un medio dello scambio interpersonale. Ma bisogna guardarsi con cura dagli errori cui può condurre facilmente questa costruzione di un mercato a scambio diretto.
1. Vedi sotto, pagg. 231-250.

Un grave errore che deve la sua origine e la sua persistenza a un' erronea interpretazione di questa costruzione immaginaria è stata la supposizione che il mezzo di scambio fosse soltanto un fattore neutrale. Secondo questa opinione, l'unica differenza tra scambio diretto e scambio indiretto era che solo nell'ultimo caso è usato un medio di scambio. Si asseriva che l'interpolazione della moneta nella transazione non influenza le caratteristiche principali degli affari. Non si ignorava il fatto che, nel corso della storia, si erano verificate imponenti alterazioni nel potere d'acquisto della moneta e che queste fluttuazioni spesso hanno messo in convulsione l'intero sistema di scambio. Ma si credeva che tali eventi fossero fatti eccezionali causati da politiche non appropriate. Soltanto la "cattiva" moneta può portare a tali sconquassi. Sono state inoltre fraintese le cause e gli effetti di questi disturbi, tacitamente supponendo che i cambiamenti nel potere d'acquisto avvengono per tutti i beni e servizi nello stesso tempo e nella stessa misura. Questo è, naturalmente, ciò che implica la favola della neutralità monetaria. L'intera teoria catalettica, si sosteneva, può essere elaborata assumendo vi sia soltanto scambio diretto. Fatto questo, la sola cosa da aggiungere è la "semplice" inserzione dei termini monetari nel complesso dei teoremi concernenti lo scambio diretto. Inoltre questo complemento finale del sistema catalettico era considerato soltanto di minore importanza. Non si credeva che esso avesse potuto alterare alcunché di essenziale nella struttura dei principii economici. Scopo principale dell'economia era lo studio dello scambio diretto; ad esso poteva tutt'al più seguire uno studio dei problemi della moneta "cattiva". Aderendo a questa opinione, gli economisti trascurarono di dare il necessario rilievo al problema dello scambio indiretto. La loro trattazione

dei problemi monetari era superficiale, e solo debolmente connessa col corpo principale della loro analisi del processo di mercato. Sul volgere dei secoli XIX e XX i problemi dello scambio indiretto erano, in generale, relegati in posizione subordinata. Vi erano trattati di catallattica che si occupavano soltanto incidentalmente e di passaggio di questioni monetarie, e vi erano libri sulla moneta e sulla banca che nemmeno tentavano di integrare il loro soggetto nella struttura di un sistema catalettico. Nelle università dei paesi anglosassoni vi erano cattedre separate per l'economia e per la moneta e la banca, e nella maggior parte delle università tedesche i problemi monetari erano quasi completamente trascurati [nota 1]. Soltanto più tardi gli economisti si resero conto che taluni dei più importanti e più intricati problemi della catallattica sono da reperirsi nel campo dello scambio indiretto e che la teoria economica che non ne tiene conto è deplorevolmente difettosa. La voga delle indagini concernenti le relazioni tra il "saggio naturale di interesse" e il "saggio di interesse monetario", l'affermazione della teoria monetaria del ciclo economico e la completa demolizione della dottrina della simultaneità e uniformità nei cambiamenti del potere d'acquisto della moneta sono caratteristiche del nuovo pensiero economico. Naturalmente, queste nuove idee rappresentano essenzialmente una continuazione dell'opera gloriosamente cominciata da David Hume, dalla scuola monetaria inglese, da John Stuart Mill e da Cairnes.
1. La trascuranza dei problemi dello scambio indiretto fu certamente influenzata da prevenzioni politiche. La gente non intendeva rinunciare alla tesi secondo la quale le depressioni economiche sono un male inerente al modo capitalistico di produzione e non sono affatto causate dai tentativi di abbassare il saggio di interesse con l'espansione del credito. Insegnanti di economia alla moda considerano "non scientifico" spiegare le depressioni come un fenomeno originante "soltanto" dagli eventi nella sfera della moneta e del credito. C'erano persino storie delle teorie dei cicli economici che omettevano ogni discussione delle tesi monetarie. Cfr., ad esempio. Ernst von Bergmann, Geschichte der nationalokonomischen Krisentheorien, Stuttgart, 1895.

Ancora più pernicioso fu un secondo errore, dovuto all'uso sconsiderato della costruzione immaginaria di un mercato a scambio diretto. Un errore inveterato asseriva che le cose e i servizi scambiati sono di eguale valore. Il valore era considerato come oggettivo, qualità intrinseca inerente alle cose e non semplicemente espressione dei vari desideri della gente di acquistarle. Si credeva che la gente stabilisse anzitutto la grandezza del valore proprio ai beni e ai servizi con un atto di misura e poi procedesse a barattarli contro quantità di beni e servizi dello stesso ammontare di valore. Questo errore frustrò l'approccio di Aristotele ai

problemi economici e, per quasi duemila anni, il ragionamento di tutti coloro che s'inchinavano all'autorità delle sue opinioni. Le meravigliose conquiste degli economisti classici ne furono seriamente viziate e gli scritti dei loro epigoni, specialmente di Marx e della scuola marxista, resi assolutamente futili. Base della moderna economia è il riconoscimento che è precisamente la disparità del valore attribuito agli oggetti scambiati a determinarne lo scambio. La gente compra e vende perchè valuta le cose che cede meno di quelle che riceve. Così la nozione di una misura del valore è vana. Un atto di scambio non è nè preceduto nè accompagnato da nessun processo che possa essere chiamato misurazione di valore. Un individuo può attribuire lo stesso valore a due cose ; ma allora non si ha scambio. Ma se vi è una diversità nella valutazione, tutto quello che si può asserire riguardo ad essa è che una a è preferita a una b. Valori e valutazioni sono quantità intensive non quantità estensive e pertanto non suscettibili di essere mentalmente afferrate col ricorso ai numeri cardinali. Tuttavia, l'idea spuria che i valori sono misurabili e che sono realmente misurati nella condotta delle transazioni economiche era così profondamente radicata che anche economisti eminenti caddero vittime del suo errore. Persino Friedrich von Wieser e Irving Fisher ritennero pacifico dover esserci qualcosa come la misura del valore e che l'economia dovesse essere capace di indicare e di illustrare il metodo inerente a tale misura [nota 1]. Molti economisti minori sostennero semplicemente che la moneta serve "come misura dei valori".
1. Per un'analisi e una confutazione critica dell'argomento di Fisher, cfr. Mises, The Theory of Money and Credit, traduzione di H. E. Batson, London, 1934, pagg. 42-44; relativamente all'argomento di Wieser, cfr. Mises, Nationalokonomie, Genf, 1940, pagg. 192-194.

Ora, dobbiamo renderci conto che valutare significa preferire a a b. Vi è — logicamente, epistemologicamente, psicologicamente e prasseologicamente — soltanto un criterio di preferenza. Non importa se un innamorato preferisce una ragazza a un'altra, un uomo un amico all'altra gente, e un amatore un quadro ad altri quadri, o un consumatore una fetta di pane a un pezzo di dolce. Preferenza significa sempre amare o desiderare a più di b. Proprio come non vi è criterio nè misura dell'amore sessuale, dell'amicizia e della simpatia, del godimento estetico, così non vi è misura del valore delle merci. Se un uomo scambia due libbre di burro contro una camicia, tutto ciò che possiamo asserire riguardo a questa transazione è che egli — all'istante della transazione e nelle condizioni che questo istante gli offre — preferisce una camicia a due libbre di burro. È certo che ogni atto di preferenza è caratterizzato da un'intensità

psichica definita dei sentimenti che esso implica. Ci sono gradi nell'intensità del desiderio di ottenere uno scopo definito e questa intensità determina il profìtto psichico che l'azione riuscita porta all'individuo agente. Ma le quantità psichiche possono essere soltanto sentite. Esse sono interamente personali, e non vi è mezzo semantico per esprimere la loro intensità e per dare informazione su di esse agli altri. Non c'è un metodo per costruire l'unità di valore. Ricordiamo che due unità di una provvista omogenea sono necessariamente valutate in modo differente. Il valore attribuito alla n-esima unità è minore di quello attribuito alla (n — 1)esima unità. Nella società di mercato vi sono prezzi monetari. Il calcolo economico è calcolo in termini di prezzi monetari. Le varie quantità di beni e servizi entrano in questo calcolo con l'ammontare di moneta per cui sono acquistati e venduti sul mercato o per cui potrebbero prospettivamente essere acquistati o venduti. È ipotesi irreale che un individuo isolato autosufficiente o il direttore generale di un sistema socialista, cioè di un sistema senza mercato dei mezzi di produzione, possa calcolare. Non v'è modo col quale si possa passare dal computo monetario di un'economia di mercato a una specie qualsiasi di computo in un sistema non di mercato.

Teoria del valore e socialismo. Socialisti, istituzionalisti e scuola storica hanno biasimato gli economisti per avere fatto ricorso all'ipotesi di un individuo pensante ed agente. Questo criterio del Robinson Crusoe, asseriscono, non serve allo studio delle condizioni di un'economia di mercato. Il rimprovero è in certo modo giustificato. Le costruzioni immaginarie di un individuo e di un'economia pianificata senza mercato di scambio diventano utilizzabili soltanto facendo l'ipotesi contraria alla logica e alla realtà, che il calcolo economico sia possibile anche in un sistema senza mercato dei mezzi di produzione. Fu certo un errore serio e grossolano che gli economisti non si rendessero conto di questa differenza tra le condizioni di un'economia di mercato e di un'economia non di mercato. Ma i socialisti non avevano validi motivi di criticarlo, consistendo esso precisamente nel fatto che gli economisti tacitamente ammettevano l'ipotesi che anche un ordine socialista della società potrebbe essere suscettibile di calcolo economico asserendo così la possibilità della realizzazione dei piani socialisti. Gli economisti classici e i loro epigoni non poterono, naturalmente, conoscere i problemi implicati. Se fosse vero che il valore delle cose è determinato dalla quantità di lavoro richiesto per la loro produzione o

riproduzione, non vi sarebbe problema di calcolo economico. I sostenitori della teoria del valore- lavoro non possono essere biasimati per non avere afferrato i problemi di un sistema socialista. Loro fatale errore fu la loro insostenibile dottrina del valore. Che taluni di loro fossero disposti a considerare la costruzione immaginaria di un'economia socialista come criterio utile e realizzabile di radicale riforma dell'organizzazione sociale, non contraddiceva al contenuto essenziale della loro analisi teorica. Ma ciò era differente per la catallattica soggettiva. È cosa imperdonabile che gli economisti moderni non abbiano riconosciuto i problemi connessi. Wieser aveva ragione dichiarando che molti economisti hanno inconsciamente trattato la teoria del valore del comunismo e per questo trascurato di elaborare quella del presente stato sociale [nota 1]. È tragico che egli stesso non abbia evitato questo errore.
1. Cfr. Friedrich von Wieser, Der naturliche Wert, Wien, 1889, pag. 60, n. 3.

L'illusione che un ordine razionale d'amministrazione economica sia possibile in una società basata sulla proprietà pubblica dei mezzi di produzione deve la sua origine alla teoria del valore degli economisti classici e la sua persistenza all'errore di molti economisti moderni di applicare coerentemente alle proprie conclusioni utilitarie il teorema fondamentale della teoria soggettivista. Sicché le utopie socialiste furono generate e preservate dalle deficienze di quella scuola di pensiero che i marxisti rigettano come "un mascheramento ideologico degli interessi egoistici di classe e della borghesia sfruttatrice". In verità, furono gli errori di questa scuola a far prosperare le idee socialiste. Questo fatto dimostra chiaramente la vuotaggine dei principii marxisti concernenti le "ideologie" e la loro moderna emanazione, la sociologia della conoscenza.

3. Il problema del calcolo economico. L'uomo agente usa la conoscenza fornita dalle scienze naturali per elaborare la tecnologia, scienza applicata dell'azione possibile nel campo degli eventi esterni. La tecnologia mostra ciò che potrebbe essere raggiunto volendolo e come si potrebbe raggiungerlo, ammesso che la gente sia disposta ad impiegare i mezzi indicati. Col progresso delle scienze naturali anche la tecnologia progredisce; molti preferirebbero dire che il desiderio di migliorare i metodi tecnologici ha determinato il progresso delle scienze naturali. La quantificazione delle scienze naturali ha reso la tecnologia quantitativa. La moderna tecnologia è essenzialmente arte applicata della predizione quantitativa del risultato

di azioni possibili. Si calcola con un ragionevole grado di precisione il risultato delle azioni programmate, e si calcola per disporre un'azione in modo che produca un risultato definito. Tuttavia, la pura informazione tecnologica sarebbe sufficiente all'esecuzione del calcolo soltanto se tutti i mezzi di produzione — sia materiali che umani — fossero perfettamente sostituibili gli uni agli altri secondo rapporti definiti, o se tutti fossero assolutamente specifici. Nel primo caso tutti i mezzi di produzione sarebbero adatti, sebbene in differenti rapporti, a conseguire qualsiasi fine; sarebbe come se esistesse soltanto una specie di mezzi — una specie di beni economici di ordine superiore. Nel secondo caso ogni mezzo potrebbe essere impiegato per l'ottenimento di un fine determinato ; si attribuirebbe ad ogni gruppo dei fattori complementari di produzione il valore attribuito al rispettivo bene di primo ordine. (Qui trascuriamo ancora provvisoriamente le modificazioni prodotte dal fattore tempo). Nessuna di queste due condizioni è presente nell'universo in cui l'uomo agisce. I mezzi possono essere sostituiti l'un l'altro soltanto entro limiti ristretti essendo mezzi più o meno specifici all'ottenimento dei vari fini. D'altro lato però la maggior parte dei mezzi non è assolutamente specifica, ma adatta a vari scopi. Il fatto che vi siano differenti classi di mezzi, che la maggior parte dei mezzi sia più adatta per la realizzazione di alcuni fini, meno adatta al conseguimento di taluni altri, e assolutamente inutile alla produzione di un terzo gruppo di fini, e che quindi vari mezzi possano essere destinati a vari usi, costringe a destinarli a quegli impieghi in cui possono rendere il migliore servizio. Qui il computo di specie applicato dalla tecnologia non serve. Essa opera con quantità contabili e misurabili di cose ed effetti esteriori ; conosce le relazioni causali tra loro ma è estranea alla loro rilevanza rispetto ai bisogni e ai desideri umani. Il suo campo è quello del valore d'uso oggettivo soltanto. Essa giudica i problemi dal punto di vista di un osservatore neutrale di accadimenti fisici, chimici e biologici. Per la nozione del valore d'uso soggettivo, per l'angolo specificamente umano e per i dilemmi dell'uomo agente non v'è posto nei principii della tecnologia. Essa ignora il problema economico : l'impiego dei mezzi disponibili in modo che nessun bisogno più urgentemente sentito debba rimanere insoddisfatto, perchè diversamente i mezzi idonei al suo appagamento sarebbero impiegati — sciupati — all'appagamento di un bisogno meno urgentemente sentito. Per la soluzione di tali problemi la tecnologia e i suoi metodi di computo e di misura sono inadatti. La tecnologia ci dice come un fine dato potrebbe essere raggiunto con l'impiego di mezzi che possono essere usati insieme in varie combinazioni, o come vari mezzi disponibili potrebbero essere impiegati per certi scopi. Ma essa non è in grado di dirci quale procedura si dovrebbe scegliere dall'infinita varietà di modi di produzione immaginabili e possibili. Ciò che l'uomo agente

desidera conoscere è il modo di impiegare i mezzi disponibili per la migliore — più economica — possibile rimozione del disagio. Ma la tecnologia non gli offre altro che enunciati sulle relazioni causali tra le cose esterne. Essa dice, per esempio, 7 a + 3 b + 5 c +...xn sono tenuti a produrre 8 P. Ma sebbene conosca il valore attribuito dall'uomo agente ai vari beni di primo ordine, non può decidere se questo precetto o altri dell'infinita moltitudine di precetti similmente costruita serva meglio all'ottenimento dei fini cercati dall'uomo agente. L'arte ingegneristica può stabilire come un ponte deve essere costruito per l'attraversamento di un torrente a un dato punto e per una portata definita. Ma non può rispondere alia questione se la costruzione di tale ponte sottrarrebbe o meno fattori materiali di produzione e lavoro da impieghi in cui potrebbero soddisfare bisogni più urgenti. Essa non può dire se il ponte debba essere costruito o non costruito affatto, dove dovrebbe essere costruito, quale portata dovrebbe avere, e quale dei molti modi possibili di costruzione dovrebbe essere scelto. Il computo tecnologico può stabilire relazioni tra varie classi di mezzi soltanto nella misura in cui questi possono essere reciprocamente sostituiti per ottenere uno scopo definito. Ma l'azione deve individuare relazioni tra tutti i mezzi, comunque dissimili indipendentemente dal fatto che siano o meno reciprocamente sostituibili nella prestazione degli stessi servizi. Tecnologia e considerazioni relative sarebbero di scarsa utilità se l'uomo agente non potesse introdurre nei loro schemi i prezzi monetari dei beni e dei servizi. Progetti e disegni degli ingegneri sarebbero puramente accademici se questi non potessero comparare investimento e produzione su una base comune. Il teorico puro nella solitudine del suo laboratorio non si cura di cose di così scarsa importanza ; egli cerca le relazioni causali tra i vari elementi dell'universo. Ma il pratico, che mira a migliorare le condizioni umane rimuovendo il disagio nella misura del possibile, deve sapere se, in certe condizioni, ciò che programma è il metodo migliore, o addirittura il metodo, per rendere la gente meno insoddisfatta. Egli deve sapere se ciò che desidera raggiungere sarà un miglioramento rispetto allo stato presente delle cose e ai vantaggi attesi dall'esecuzione di altri progetti tecnicamente realizzabili che non possono essere messi in esecuzione se il progetto in questione assorbe i mezzi disponibili. Tali comparazioni sono possibili soltanto ricorrendo ai prezzi monetari. Così la moneta diventa il veicolo del calcolo economico. Questa non è una funzione separata dalla moneta. La moneta è il medio di scambio universalmente usato, null'altro. Soltanto perchè è comune medio di scambio, perchè la maggior parte dei beni e dei servizi può essere venduta e comprata sul mercato contro di essa e soltanto dove avviene, gli uomini possono usare prezzi monetari nel computo. I rapporti di scambio tra la

moneta e i vari beni e servizi come stabiliti sul mercato del passato e come si prevede saranno stabiliti sul mercato del futuro sono strumenti mentali della programmazione economica. Dove non vi sono prezzi monetari, non vi sono quantità economiche. Vi sono soltanto varie relazioni quantitative tra varie cause ed effetti del mondo esterno. L'uomo non ha mezzo di individuare la specie di azione che servirebbe meglio i suoi sforzi per rimuovere il disagio quanto possibile. Non c'è bisogno di indulgere sulle condizioni primitive dell'economia familiare degli agricoltori autosufficienti. Questa gente eseguiva soltanto processi semplicissimi di produzione. Per essa non era necessario il calcolo, poiché poteva confrontare direttamente investimento e produzione. Se desiderava camicie, cresceva la canapa, la filava, tesseva e cuciva. Poteva rendersi conto, senza alcun calcolo, se lavoro e disturbo erano compensati dal prodotto. Ma per l'umanità civile il ritorno a una vita siffatta è fuori questione.

4. Calcolo economico e mercato. Il trattamento quantitativo dei problemi economici non dev'essere confuso coi metodi quantitativi applicati ai problemi dell'universo esterno di accadimenti fisici e chimici. Caratteristica distintiva del calcolo economico è che esso non è basato nè relato a qualcosa che possa essere caratterizzato come misura. Un processo di misura consiste nello stabilire la relazione numerica di un oggetto riguardo a un altro oggetto, cioè l'unità di misura. La fonte ultima della misura è quella delle dimensioni spaziali. Con l'aiuto dell'unità definita in riferimento all'estensione, si misura l'energia e la potenzialità, il potere di una cosa di produrre cambiamenti su altre cose e relazioni e il passare del tempo. Un indice è direttamente indicativo di una relazione spaziale e soltanto indirettamente di altre quantità. L'ipotesi di base della misurazione è l'immutabilità dell'unità. L'unità di lunghezza è la roccia su cui si fondano tutte le misure. Si suppone che l'uomo non possa fare a meno di considerarla immutabile. Gli ultimi decenni hanno assistito a una rivoluzione nella sistemazione epistemologica tradizionale della fisica, della chimica e della matematica. Siamo alla vigilia di innovazioni la cui entità non può essere precisata. Può darsi che le future generazioni di fisici abbiano da affrontare problemi in qualche modo simili a quelli di cui si occupa la prasseologia. Forse saranno costretti ad abbandonare l'idea che vi sia qualcosa non influenzato dai cambiamenti cosmici, che l'osservatore può usare come standard di misura. Ma comunque vada, la struttura logica

della misurazione di entità terrestri nel campo macroscopico o di massa della fisica non cambierà. Anche la misurazione nell'ambito della fìsica microscopica è fatta con scale metriche, micrometri, spettrografi e, infine, con gli organi sensori grossolani dell'uomo, osservatore e sperimentatore che è egli stesso massa [nota 1]. Essa non può prescindere dalla geometria euclidea e dalla nozione di una misura immutabile.
1. Cfr. A. Eddington, The Philosophy of Physical Science, pagg. 70-79, 168-169.

Vi sono unità monetarie e vi sono unità fìsiche misurabili di beni economici e di molti — ma non tutti — servizi comprati e venduti. Ma i rapporti di scambio economico coi quali abbiamo a che fare sono permanentemente fluttuanti. Non v'è nulla di costante e di invariabile in essi. Essi sfidano ogni tentativo a misurarli. Non sono fatti nel senso in cui il fisico chiama fatto la determinazione del peso di una quantità di rame. Sono eventi storici, espressivi di ciò che una volta è accaduto a un istante definito e in circostanze definite. Lo stesso rapporto di scambio numerico può presentarsi ancora, ma non è affatto certo se ciò accadrà realmente e, se accade, resta aperta la questione se questo risultato identico sia il prodotto della preservazione delle stesse circostanze o di un ritorno a esse, piuttosto che il prodotto del gioco reciproco di una costellazione del tutto differente dai fattori determinanti il prezzo. I numeri applicati al calcolo economico non si riferiscono a quantità misurate ma a rapporti di scambio che si suppone — sulla base della comprensione — saranno realizzati sui mercati in futuro, ai quali soltanto l'azione è diretta e i quali soltanto contano per l'uomo agente. A questo punto delle nostre investigazioni non stiamo trattando il problema di una "scienza quantitativa dell'economia", ma l'analisi del processo mentale svolto dall'uomo agente applicando distinzioni quantitative nel decidere la condotta. Poiché l'azione è sempre diretta ad influenzare uno stato di cose future, il calcolo economico tratta sempre del futuro. Quando considera eventi e rapporti di scambio del passato lo fa soltanto per disporre l'azione futura. Il compito che l'uomo agente desidera portare a termine col calcolo economico è di stabilire il risultato dell'azione mettendo a confronto l'investimento e la produzione. Il calcolo economico non è nè una stima del risultato atteso dall'azione futura nè la determinazione del risultato dell'azione passata. Ma questa non serve puramente scopi storici e didattici. Il suo significato pratico è di mostrare quanto uno sia libero di consumare senza pregiudicare la futura capacità di produrre. È riguardo a questo problema che sono sviluppate le nozioni fondamentali del calcolo economico — capitale e reddito, profitti e perdite, spesa e risparmio, costi e rendimenti. L'impiego pratico di queste nozioni e di tutte le nozioni da

esse derivate è inseparabilmente connesso al funzionamento di un mercato in cui beni e servizi di tutti gli ordini sono scambiati contro un medio di scambio universalmente usato, la moneta. Esse sarebbero puramente accademiche, senza nessuna importanza per l'uomo agente in un mondo a struttura d'azione differente.

CAPITOLO XII

LA SFERA DEL CALCOLO ECONOMICO

1. Il carattere dei conti monetari. Il calcolo economico può comprendere ogni cosa scambiata contro moneta. I prezzi dei beni e dei servizi non sono nè dati storici descriventi eventi passati nè anticipazioni di probabili eventi futuri. L'informazione sui prezzi passati permette di conoscere soltanto che uno o diversi atti di scambio interpersonali furono influenzati da questo rapporto. Ma non insegna nulla direttamente rispetto ai prezzi futuri. Spesso possiamo assumere che le condizioni di mercato che hanno determinato la formazione di prezzi nel passato recente non cambieranno affatto o almeno non cambieranno considerevolmente nel futuro immediato così che pure i prezzi rimarranno immutati o muteranno solo leggermente. Tali attese sarebbero ragionevoli se i prezzi in questione fossero il risultato dell'interazione di molte persone disposte a comprare o a vendere, ammesso che i rapporti di scambio sembrino loro propizi e che la situazione di mercato non sia stata influenzata da condizioni che devono essere considerate accidentali, straordinarie, e che, probabilmente, non si ripeteranno. Tuttavia, lo scopo principale del calcolo economico non è di occuparsi dei problemi di situazioni di mercato e di prezzo immutabili o soltanto leggermente mutevoli, ma del cambiamento. L'individuo agente o anticipa i cambiamenti che si verificano senza sua interferenza e vuole adattare le sue azioni a questo anticipato stato di cose ; o vuole accingersi a un progetto che muterà le condizioni anche se nessun altro fattore produrrà cambiamenti. I prezzi del passato sono per lui semplicemente punti di partenza nei tentativi di anticipare i prezzi futuri. Storici e statistici si accontentano dei prezzi del passato. L'uomo pratico guarda ai prezzi del futuro, sia pure il futuro immediato della prossima ora, giorno o mese. Per lui i prezzi del passato sono semplicemente un aiuto nell'anticipare i prezzi futuri. È interessato principalmente ai prezzi futuri non soltanto nel calcolo preliminare del risultato atteso dall'azione programmata ma nondimeno nei tentativi di determinare il risultato delle sue transazioni passate. Nelle poste di bilancio e nel conto profitti e perdite il risultato dell'azione passata

diventa visibile come differenza tra la moneta equivalente ai fondi posseduti (totale delle attività meno totale delle passività) all'inizio e alla fine del periodo repertato, e come differenza tra l'equivalente monetario dei costi sostenuti e i ricavi lordi introitati. In tali determinazioni è necessario stimare l'equivalente monetario di tutte le attività e di tutte le passività all'infuori del contante. Queste voci dovrebbero essere valutate secondo i prezzi ai quali potrebbero essere vendute nel futuro o, particolarmente per le attrezzature dei processi di produzione, in riferimento ai prezzi attesi dalla vendita delle merci lavorate col loro impiego. Tuttavia, vecchie abitudini mercantili e disposizioni di leggi commerciali e tributarie hanno prodotto una deviazione dai sani principii di determinazione che tendono semplicemente al miglior grado di correttezza ottenibile. Queste consuetudini e leggi non sono tanto interessate alla correttezza delle poste di bilancio e del conto profitti e perdite quanto al perseguimento dei loro scopi. La legislazione commerciale tende a un metodo contabile che possa proteggere indirettamente i creditori dalle perdite. Essa mira a una valutazione delle attività più o meno al di sotto del loro valore di mercato per far apparire profitto netto e patrimonio totale minori di quanto realmente sono. Così è creato un margine di sicurezza, il quale riduce il pericolo che, a pregiudizio dei creditori, venga stornato troppo come profitto, e che un'impresa già insolvente possa continuare fino a che ha esaurito i mezzi disponibili per la soddisfazione dei propri creditori. Al contrario, le leggi tributarie tendono spesso a un metodo di calcolo che fa apparire utili maggiori di quanto farebbe un metodo obiettivo. L'idea è di aumentare il saggio tributario effettivo senza rendere questo aumento visibile nelle schede del saggio tributario nominale. Dobbiamo quindi distinguere tra il calcolo economico praticato dai commercianti che programmano transazioni future dai computi di fatti commerciali che servono ad altri scopi. La determinazione delle tasse dovute ed il calcolo economico sono due cose differenti. Se una legge che impone una tassa a chi tiene un servitore prescrive che un servitore maschio debba ricevere come due servitori femmine, nessuno interpreterebbe questa disposizione altro che come metodo per la determinazione dell'ammontare della tassa dovuta. Similmente, se una legge fiscale di successione prescrive che le azioni debbono essere valutate al corso di borsa del giorno della morte del de cuius, ci mette semplicemente a disposizione un modo per determinare l'ammontare della tassa. I conti debitamente tenuti in un sistema di contabilità corretto sono accurati al dollaro e al centesimo. Essi mostrano un'impressionante precisione, e l'esattezza numerica delle loro voci sembra eliminare ogni dubbio. Infatti, le cifre più importanti che essi contengono sono anticipazioni speculative delle costellazioni future di mercato. È un errore

comparare le voci di un qualsiasi conto commerciale con le voci usate in un calcolo puramente tecnologico, ad esempio nel disegno per la costruzione di una macchina. L'ingegnere — fin dove si occupa del lato tecnologico del suo lavoro — applica soltanto relazioni numeriche stabilite dai metodi delle scienze naturali sperimentali; il commerciante non può evitare i termini numerici che sono il risultato della sua comprensione della condotta umana futura. La cosa più importante nelle poste di bilancio e nel conto profìtti e perdite è la valutazione delle attività e delle passività non rappresentate dal contante. Tutti questi bilanci e conti sono virtualmente bilanci provvisori e conti provvisori. Descrivono nel modo migliore possibile lo stato di cose ad un istante arbitrariamente scelto, mentre vita e azione continuano senza posa. È possibile liquidare un'impresa individuale, ma l'intero sistema di produzione sociale non cessa mai. Nemmeno le attività e le passività consistenti di numerario di cassa sono esenti dalla indeterminatezza ' inerente a tutte le voci della contabilità commerciale. Esse dipendono dalla costellazione futura del mercato non meno delle scorte e delle attrezzature. L'esattezza numerica dei conti e dei calcoli commerciali non deve nasconderci l'incertezza e il carattere speculativo delle loro voci e di tutti i calcoli basati su di esse. Tuttavia, questi fatti non diminuiscono l'efficienza del calcolo economico. Esso è efficiente come meglio può. Nessuna riforma potrebbe renderlo più efficiente rendendo esso all'uomo agente tutti i servizi ottenibili dal calcolo numerico. Non è, naturalmente, un mezzo per conoscere con certezza le condizioni future, nè toglie all'azione il suo carattere speculativo. Ma questa può essere considerata una deficienza soltanto da coloro i quali non comprendono che la vita non è rigida, che tutte le cose sono perpetuamente fluttuanti e che gli uomini non hanno conoscenza certa sul futuro. Non è compito del calcolo economico estendere le informazioni dell'uomo sulle condizioni future. Suo compito è di adattare il meglio possibile le azioni alla sua opinione presente relativamente alla soddisfazione dei bisogni nel futuro. A questo scopo l'uomo agente ha bisogno di un metodo di calcolo, e il calcolo richiede un comune denominatore al quale tutte le voci considerate devono essere riferibili. Il comune denominatore del calcolo economico è la moneta.

2. I limiti del calcolo economico. Il calcolo economico non può comprendere cose che non siano comprate e vendute contro moneta. Ci sono cose che non sono da vendere e per la cui acquisizione

devono essere attuati sacrifici diversi dalla moneta e dal valore monetario. Colui che desidera prepararsi per grandi realizzazioni deve impiegare molti mezzi, taluni dei quali possono richiedere spendita di moneta. Ma le cose essenziali da dedicare a tali sforzi non sono acquistabili. L'onore, la virtù, la gloria e similmente il vigore, la salute e la vita stessa hanno una funzione nell'azione sia come mezzi sia come fini; ma non entrano nel calcolo economico. Vi sono cose che non possono assolutamente essere valutate in moneta, e vi sono altre cose che possono essere apprezzate in moneta soltanto riguardo a una frazione del valore loro assegnato. La valutazione di un vecchio edifìcio deve trascurare la sua importanza artistica e storica dove queste qualità non sono fonte di entrata monetaria e beni vendibili. Ciò che tocca il cuore dell'uomo soltanto e non induce l'altra gente a fare sacrifici per ottenerlo rimane al di fuori dell'ambito del calcolo economico. Tuttavia, tutto questo non pregiudica minimamente l'utilità del calcolo economico. Le cose che non entrano nelle voci della contabilità e del calcolo, non sono nè fini ne beni di primo ordine. Nessun calcolo è richiesto per riconoscerle e valutarle debitamente. Tutto ciò che l'uomo agente ha bisogno per la sua scelta è di confrontarle con l'ammontare totale dei costi della loro acquisizione o preservazione. Ammettiamo che un consiglio municipale abbia da decidere fra due progetti d'acquedotto. Uno di essi implichi la demolizione di un monumento storico, mentre l'altro, a costo di un incremento nella spesa monetaria, risparmi questo monumento. Il fatto che il sentimento che raccomanda la conservazione del monumento non possa essere stimato in una somma di moneta non impedisce in alcun modo la decisione dei consiglieri comunali. I valori che non sono riflessi in un rapporto di scambio monetario sono, al contrario, per questo fatto stesso, situati in una posizione particolare che rende la decisione alquanto più facile. Nessuna lamentela è meno giustificata di quella secondo cui i metodi di calcolo del mercato non comprendono cose non vendibili. I valori morali ed estetici non ne soffrono per questo. Moneta, prezzi monetari, transazioni di mercato e calcolo economico basato su di essi sono i maggiori bersagli della critica. I predicatori loquaci disprezzano la civiltà occidentale come un povero sistema di trafficanti. Compiacenza, presunzione e ipocrisia esultano disprezzando la "filosofìa del dollaro" della nostra epoca. Riformatori nevrotici, letterati mentalmente sbalestrati e demagoghi ambiziosi si compiacciono di accusare la "razionalità" e di predicare il vangelo dell'"irrazionale". Agli occhi di questi ciarloni moneta e calcolo sono la fonte dei mali più seri. Tuttavia, il fatto che l'uomo abbia sviluppato un metodo per accertarsi quanto possibile della convenienza delle sue azioni e rimuovere il disagio nel modo più pratico e più economico non impedisce a nessuno di adattare la sua condotta secondo principii che reputa giusti. Il "materialismo" della

borsa valori e della contabilità commerciale non deve impedire a nessuno di vivere alla maniera di Thomas à Kempis o di morire per una nobile causa. Il fatto che le masse preferiscano storie poliziesche alle poesie e che pertanto paghino meglio per scrìvere le prime che le seconde non è dovuto all'uso della moneta e del calcolo monetario. Non è colpa della moneta se vi sono gangsters, ladri, assassini, prostitute, funzionari e giudici corruttibili. Non è vero che l'onestà non "paghi". Essa paga per coloro che preferiscono la fedeltà a ciò che considerano giusto rispetto ai vantaggi che potrebbero derivare da un'attitudine differente. Altri critici del calcolo economico non sanno rendersi conto che esso è un metodo disponibile soltanto alla gente che agisce nel sistema economico della divisione del lavoro in un ordine sociale basato sulla proprietà dei mezzi di produzione. Esso può servire soltanto alle considerazioni di individui o di gruppi di individui operanti in un ambiente istituzionale di questo ordine sociale. Conseguentemente, è un calcolo dei profìtti privati e non del "benessere sociale". Ciò significa che i prezzi del mercato sono fatti ultimi per il calcolo economico. Esso non può essere applicato per considerazioni il cui criterio non sia la domanda dei consumatori che si manifesta sul mercato, ma le valutazioni ipotetiche del corpo dittatoriale che amministra tutti gli affari nazionali o terreni. Colui che cerca di giudicare le azioni dal punto di vista del preteso "valore sociale", cioè dal punto di vista della "intera società", e di criticarle confrontandole con gli eventi di un sistema socialista immaginario in cui la sua volontà è suprema, non può servirsi del calcolo economico. Il calcolo economico in termini di prezzi monetari è quello degli imprenditori che producono per i consumatori di una società di mercato. Esso non è di nessuna utilità per altri scopi. Colui che desidera impiegare il calcolo economico non deve guardare le cose nel modo di una mente dispotica. I prezzi possono essere usati per il calcolo dagli imprenditori, dai capitalisti, dai proprietari terrieri e dai salariati di una società capitalistica. Per le cose che stanno al di là degli interessi di queste categorie esso è inadeguato. Non ha senso valutare in moneta oggetti che non sono negoziati sul mercato e impiegare nei calcoli voci arbitrarie che non si riferiscono alla realtà. La legge determina l'ammontare che dovrebbe essere pagato come indennizzo per avere causato la morte di un uomo. Ma la norma stabilita per determinare l'ammenda dovuta non significa che vi sia un prezzo per la vita umana. Dove vi è schiavitù, là vi sono prezzi di mercato per gli schiavi. Dove non vi sono schiavi, la vita umana e la salute sono res extra commercium. In una società di uomini liberi la conservazione della vita e della salute sono fini, non mezzi. Essi non rientrano in nessun processo di calcolo. È possibile determinare in termini di prezzi monetari l'ammontare del reddito o della ricchezza di un numero di persone. Ma non ha senso

calcolare il reddito nazionale o la ricchezza nazionale. Non appena ci si abbandona a considerazioni estranee al ragionamento di un uomo operante entro la società di mercato, i metodi del calcolo monetario non soccorrono più. I tentativi di determinare in moneta la ricchezza di una nazione o dell'intera umanità sono altrettanto infantili degli sforzi mistici di risolvere i misteri dell'universo scervellandosi sulle dimensioni della piramide di Cheope. Se un calcolo commerciale valuta una provvista di patate 100 dollari, l'idea è che sarà possibile venderla o rimpiazzarla per questa somma. Se un'intera unità imprenditoriale è stimata $ 1.000.000, significa che ci si aspetta di venderla per questo ammontare. Ma qual'è il significato delle voci in un conto della ricchezza totale della nazione? Qual'è il significato del risultato finale del computo? Che cosa deve entrare in esso e che cosa dev'esservi escluso? È corretto o non è corretto includere il "valore" del clima del paese, delle abilità innate della popolazione e delle capacità acquisite? Il commerciante può convertire la sua proprietà in moneta, ma la nazione non lo può. Gli equivalenti monetari usati nell'azione e nel calcolo economico sono prezzi monetari, cioè rapporti di scambio tra moneta ed altri beni e servizi. I prezzi non sono misurati in moneta; essi consistono di moneta. Non sono nè prezzi del passato nè prezzi attesi nel futuro, ma necessariamente un fatto storico o del passato o del futuro. Non v'è nulla nei prezzi che permetta di assimilarli alla misurazione dei fenomeni fisici e chimici.

3. La variabilità dei prezzi. I rapporti di scambio sono soggetti a perpetuo cambiamento, perchè le condizioni che li producono sono perpetuamente variabili. Il valore che un individuo attribuisce alla moneta e ai vari beni e servizi è il risultato di una scelta momentanea. Ogni istante successivo può generare qualcosa di nuovo e determinare altre considerazioni e valutazioni. Non la fluttuazione dei prezzi, ma il fatto che essi non mutino più rapidamente potrebbe essere considerato problema abbastanza degno di spiegazione. L'esperienza quotidiana insegna che i rapporti di scambio del mercato sono mutevoli. Parrebbe che le idee della gente sui prezzi tengano pienamente conto di questo fatto. Peraltro, tutte le nozioni popolari relative alla produzione e al consumo, alla distribuzione e ai prezzi sono più o meno contaminate dalla nozione vaga e contraddittoria di rigidità del prezzo. Il profano è incline a considerare che la preservazione della struttura dei prezzi di ieri sia normale e giusta, e a condannare i cambiamenti nei rapporti di scambio come violazione delle regole della

natura e della giustizia. Sarebbe erroneo spiegare queste credenze popolari come un precipitato di vecchie opinioni concepite in ère in cui le condizioni di produzione e di mercato erano più stabili, ffi opinabile se i prezzi fossero allora meno variabili. Al contrario, si potrebbe piuttosto asserire che la fusione dei mercati locali in più larghi mercati nazionali e la finale emergenza di un mercato mondiale insieme all'evoluzione del commercio tendente a fornire in modo continuo i consumatori abbiano reso le variazioni dei prezzi meno frequenti e meno marcate. Nei tempi precapitalistici vi era più stabilità nei metodi tecnologici di produzione, ma più irregolarità nel rifornimento dei vari mercati locali e nell'adattamento dell'offerta alle loro variabili domande. Ma se anche fosse vero che i prezzi erano un po' più stabili nel remoto passato, ciò sarebbe di scarsa importanza nella nostra epoca. Le nozioni popolari relative alla moneta e ai prezzi monetari non sono derivate dalle idee formate nel passato. Sarebbe erroneo interpretarle come residui atavici. Nelle condizioni attuali ogni individuo si trova quotidianamente di fronte a così tanti problemi d'acquisto e vendita, che si ha ragione di assumere che il suo pensiero su queste materie non sia semplicemente mera ricezione delle idee tradizionali. È facile comprendere perchè coloro i cui interessi di breve andare sono pregiudicati da una variazione dei prezzi se ne dolgono sottolineando che i prezzi precedenti non erano soltanto più giusti ma anche più normali, e che la stabilità dei prezzi è conforme alle leggi della natura e della moralità. Ma ogni variazione dei prezzi favorisce gli interessi di breve andare di altra gente. Coloro che ne sono favoriti non saranno certamente sollecitati dalla necessità di sottolineare la giustezza e la normalità della rigidità del prezzo. Nè le riminiscenze ataviche nè lo stato di interessi egoistici di gruppo possono spiegare la popolarità dell'idea della stabilità dei prezzi. Le sue radici s'affondano nel fatto che le nozioni concernenti le relazioni sociali sono state costruite secondo gli schemi delle scienze naturali. Gli economisti e i sociologi i quali tendevano a configurare le scienze sociali secondo gli schemi della fisica o della fisiologia indulgevano soltanto a un modo di pensare che gli errori popolari avevano adottato molto tempo prima. Anche gli economisti classici furono lenti a liberarsi da questo errore. Per loro il valore era qualcosa di oggettivo, cioè fenomeno del mondo esterno e qualità inerente alle cose e quindi misurabile. Essi non riuscirono nel modo più assoluto a comprendere il carattere puramente umano e volontaristico dei giudizi di valore. Per quanto possiamo vedere oggi, fu Samuel Bailey a scoprire per primo che cosa succede preferendo una cosa a un'altra [nota 1]. Ma il suo libro fu trascurato come lo furono

gli scritti di altri precursori della teoria soggettiva del valore.
1. Cfr. Samuel Bailey, A Critical Dissertation on the Nature, Measures and Causes of Values, London, 1825, n. 7, nella " Series of Reprints of Scarce Tracts in Bconomics and Politicai Science ", London School of Bconomics, London, 1931.

L'eliminazione degli errori concernenti la misurabilità nel campo dell'azione non è compito solo della scienza economica. È nondimeno compito della politica economica, perchè gli errori delle politiche economiche odierne sono in certa misura dovuti alla deplorevole confusione prodotta dell'idea che vi sia qualcosa di fìsso, e quindi di misurabile, nelle relazioni tra gli uomini.

4. La stabilizzazione. Una manifestazione di tutti questi errori è l'idea della stabilizzazione. Le deficienze dei governi nel trattare le questioni monetarie e le disastrose conseguenze delle politiche tendenti alla riduzione del saggio di interesse e all'incoraggiamento delle attività economiche attraverso l'espansione del credito, hanno dato vita all'idea che poi generò lo slogan "stabilizzazione". Si può spiegare questa emergenza e il suo richiamo popolare, si può comprenderla come frutto degli ultimi 150 anni della storia della moneta e della banca, si può, per così dire, invocare le circostanze attenuanti per gli errori impliciti. Ma un tale apprezzamento di simpatia non può rendere i suoi errori meno gravi. La stabilità cui tende il programma di stabilizzazione è una nozione vuota e contraddittoria. La spinta all'azione, cioè al miglioramento delle condizioni di vita, è innata nell'uomo. Egli cambia da un momento all'altro le sue valutazioni e le sue volizioni, e gli atti cambiano con lui. Nel regno dell'azione non vi è nulla di perpetuo all'infuori del cambiamento. Non vi è punto fisso, in questa fluttuazione incessante, all'infuori delle eterne e aprioristiche categorie dell'azione. È vano separare la valutazione e l'azione dall'instabilità deiruomo e dalla variabilità della sua condotta, e ragionare come se vi fossero nell'universo valori eterni, indipendenti dai giudizi di valore umani e suscettibili di servire di misura per l'apprezzamento dell'azione [nota 1].
1. Per l'inclinazione della mente a considerare essenziali la rigidità e l'immutabilità e accidentali il cambiamento e il moto, cfr. Bergson, La Pensée et le mouvant, pag. 85 e seguenti.

Tutti i metodi suggeriti per la misurazione dei cambiamenti nel potere di acquisto dell'unità monetaria sono più o meno involontariamente fondati sull'immagine illusoria di un essere eterno e immutabile che determina con l'applicazione di una misura immutabile la quantità di soddisfazione che un'unità di moneta gli apporta. È povera giustificazione a questa mal pensata idea dire che ciò che si desidera è solo di misurare i cambiamenti del potere d'acquisto della moneta. La croce della nozione di stabilità sta precisamente in questo concetto di potere di acquisto. Il profano, influenzato dalle idee della fisica, considerava una volta la moneta come misura dei prezzi. Credeva che le fluttuazioni dei rapporti di scambio avvenissero soltanto relativamente alle varie merci e servizi e non anche relativamente alla moneta e alla "totalità" dei beni e dei servizi. Successivamente, si rovesciò l'argomento. Non più alla moneta era attribuita costanza di valore, ma alla "totalità" delle cose vendibili e acquistabili. La gente cominciò a escogitare metodi per ottenere i complessi di unità di merci da contrapporre all'unità monetaria. Il desiderio di trovare indici per la misurazione del potere d'acquisto mise a tacere tutti gli scrupoli. Furono trascurati sia i dubbi che la non comparabilità dei dati di prezzo disponibili e il carattere arbitrario dei procedimenti usati per il computo delle medie. Irving Fisher, l'eminente economista, che fu il campione del movimento americano di stabilizzazione, confronta col dollaro un cestino contenente tutti i beni che la donna di casa acquista sul mercato per la provvista corrente della famiglia. Nella proporzione in cui l'ammontare della moneta richiesto per l'acquisto del contenuto di questo cestino cambia, il potere di acquisto del dollaro pure cambia. Lo scopo assegnato alla politica di stabilizzazione è la preservazione dell'immutabilità di questa spendita monetaria [nota 1]. Questo andrebbe bene se la donna di casa e il suo cestino immaginario fossero elementi costanti, se il cestino contenesse sempre gli stessi beni e la stessa quantità di ognuno e se la funzione di questo assortimento di beni nella vita familiare non cambiasse. Ma noi viviamo in un mondo in cui nessuna di queste condizioni è realizzata.
1. Cfr. Irving Fisher, The Money Illusion, New York, 1928, pagg. 19-20.

Anzitutto la qualità delle merci prodotte e consumate cambia continuamente. È erroneo identificare grano a grano, per non parlare delle scarpe, cappelli e altri manufatti. Le grandi differenze di prezzo nelle vendite simultanee di merci che il linguaggio volgare e la statistica mettono nella stessa classe, è chiara prova di questo truismo. Un'espressione idiomatica asserisce che due piselli sono simili; ma i compratori e i venditori distinguono varie qualità e gradi di piselli. La

comparazione dei prezzi pagati in differenti luoghi e a date differenti per merci che la tecnologia e la statistica chiamano con lo stesso nome è inutile se non è certo che le loro qualità — eccetto che per la differenza di luogo — sono perfettamente le stesse. Qualità in questa relazione significa: tutte le proprietà cui compratori e compratori potenziali fanno attenzione. Il mero fatto che la qualità di tutti i beni e servizi di primo ordine sia soggetta a cambiare distrugge una delle fondamentali assunzioni di tutti i metodi dei numeri indici. È irrilevante che un limitato ammontare di beni di ordine superiore — specialmente metalli e prodotti chimici che possono essere determinati in modo univoco con una formula — siano suscettibili di precisa descrizione dei loro tratti caratteristici. La misurazione del potere d'acquisto dovrebbe contare sui prezzi dei beni e servizi di primo ordine e su essi tutti. L'impiego dei prezzi dei beni di produzione non è di aiuto perchè non potrebbe evitare di calcolare più volte i vari stadi di produzione di uno stesso bene di consumo, falsificando il risultato. La restrizione a un gruppo di beni selezionati sarebbe assolutamente arbitraria e quindi viziosa. Ma anche indipendentemente da tutti questi ostacoli insormontabili il compito rimarrebbe insolubile, perchè non soltanto le caratteristiche tecnologiche dei beni cambiano e nuove specie di beni appaiono mentre molte vecchie scompaiono. Le valutazioni pure cambiano causando cambiamenti nella domanda e nella produzione. Le ipotesi della dottrina della misurazione richiederebbero uomini i cui bisogni e le cui valutazioni fossero rigidi. Soltanto se la gente valutasse le stesse cose sempre allo stesso modo potrebbe considerare i cambiamenti dei prezzi come espressivi dei cambiamenti del potere della moneta ad acquistare cose. Poiché è impossibile determinare l'ammontare totale della moneta spesa ad una data frazione di tempo per beni di consumo, gli statistici devono basarsi sui prezzi pagati per le merci individuali. Questo solleva due ulteriori problemi, per i quali non vi è soluzione apodittica. Diventa necessario attribuire alle varie merci coefficienti di importanza. Sarebbe manifestamente errato far entrare nel calcolo i prezzi delie varie merci senza tener conto della loro differente funzione nel sistema totale dei bilanci domestici individuali. Ma il ricorso a una ponderazione idonea è puramente arbitrario. Secondariamente, diventa necessario computare medie coi dati raccolti e adattati. Ma esistono differenti metodi di calcolo delle medie. Vi è la media aritmetica, la geometrica, l'armonica; vi è la quasi media, nota come mediana. Ognuna di esse porta a differenti risultati. Ognuna può essere riconosciuta come la via unica per ottenere una risposta logicamente inattaccabile. La decisione in favore di uno di questi metodi di calcolo è arbitraria. Se tutte le condizioni umane fossero immutabili, se tutti ripetessero sempre le stesse azioni perchè l'insoddisfazione e le idee sulla sua

rimozione sono costanti, o se fossimo in condizione di assumere che i cambiamenti di questi fattori che si verificano in taluni individui o gruppi sono sempre compensati da cambiamenti opposti in altri individui o gruppi e quindi non influenzano la domanda e l'offerta totale, noi vivremmo in un mondo di stabilità. Ma l'idea che in un mondo siffatto il potere d'acquisto della moneta possa cambiare è contraddittoria. Come sarà mostrato in seguito, i cambiamenti nel potere di acquisto della moneta devono influenzare necessariamente i prezzi delle differenti merci e servizi in tempi e misure differenti ; conseguentemente devono produrre cambiamenti nella domanda e nell'offerta, nella produzione e nel consumo [nota 1]. L'idea contenuta nel termine improprio livello dei prezzi, come se — ferme restando tutte le altre cose — tutti i prezzi potessero aumentare o diminuire uniformemente, è insostenibile. Le altre cose non possono rimanere uguali se il potere di acquisto della moneta cambia.
1. Vedi sotto, pagg. 393-395.

Nel campo della prasseologia e dell'economia la nozione di misura non ha senso. Nello stato ipotetico di condizioni rigide non vi sono cambiamenti da misurare. Nel mutevole mondo reale non vi sono punti fìssi, dimensioni o relazioni che possano servire da misura. Il potere d'acquisto dell'unità monetaria cambia uniformemente riguardo a tutte le cose vendibili e acquistabili. Le nozioni di stabilità e stabilizzazione sono vuote se non riferite a uno stato di rigidità e alla relativa preservazione. Tuttavia questo stato di rigidità non può nemmeno essere pensato in maniera consistente nelle sue estreme conseguenze logiche, e ancor meno realizzato [nota 1]. Dove c'è azione c'è cambiamento. L'azione è la leva del cambiamento.
1. Cfr. sotto, pagg. 243-245.

La solennità pretenziosa che statistici e uffici di statistica mostrano nel computare indici del potere d'acquisto e del costo della vita è fuori luogo. Questi numeri indici sono, nel caso migliore, illustrazioni piuttosto rozze e inaccurate dei cambiamenti che si sono verificati. Nei periodi di lente alterazioni delle relazioni fra la domanda e l'offerta di moneta non forniscono nessuna informazione. Nei periodi di inflazione e quindi di marcati cambiamenti di prezzi essi dànno un'immagine grossolana degli eventi che ogni individuo sperimenta nella sua vita quotidiana. Una giudiziosa donna di casa sa molto di più sui cambiamenti di prezzo che influiscono sul suo bilancio di quanto possano dire le medie statistiche. Non le servono molto i calcoli che trascurano i cambiamenti sia nella qualità che nell'ammontare dei beni che è in grado di acquistare ai prezzi

che entrano nel computo. Se "misura" i cambiamenti per suo apprezzamento personale, riferendosi ai prezzi di due merci soltanto, essa non è meno "scientifica" nè più arbitraria dei sofistici matematici nella scelta dei metodi per la manipolazione dei dati del mercato. Nella vita pratica nessuno si lascia ingannare dai numeri indici. Nessuno è d'accordo con la finzione che essi debbano essere considerati come misure. Dove le quantità sono misurate, cessa ogni ulteriore dubbio e disaccordo relativamente alle loro dimensioni. Queste questioni sono appianate. Nessuno si azzarda a contraddire il meteorologo sulle sue misure di temperatura, umidità, pressione atmosferica ed altri dati meteorologici. Ma, d'altra parte, nessuno è d'accordo coi numeri indici se non si aspetta un vantaggio personale dal loro riconoscimento da parte dell'opinione pubblica. L'ottenimento di numeri indici non appiana le dispute. Le trasporta semplicemente in un campo ove il contrasto delle opinioni e degli interessi antagonistici è inconciliabile. L'azione umana è cambiamento. Dove vi è azione non vi è stabilità, ma incessante alterazione. Il processo storico è una sequenza di cambiamenti, i al di là del potere dell'uomo arrestarlo e realizzare un'èra di stabilità in cui tutta la storia si arresti. È della natura umana la tendenza a migliorare, a generare nuove idee e adattare le proprie condizioni a queste idee. I prezzi di mercato sono fatti storici espressivi di uno stato di cose prevalente a un istante definito dei processo storico irreversibile. Nell'orbita prasseologica il concetto di misura non ha senso. Nell'immaginario — e, naturalmente, irrealizzabile — stato di rigidità e stabilità non vi sono cambiamenti da misurare. Nel mondo reale in permanente cambiamento non vi sono punti fissi, oggetti, attività o relazioni riguardo ai quali i cambiamenti possono essere misurati.

5. La radice dell'idea di stabilizzazione. Il calcolo economico non richiede stabilità monetaria nel senso in cui questo termine è usato dai sostenitori del movimento di stabilizzazione. Il fatto che la rigidità nel potere di acquisto dell'unità monetaria sia impensabile e irrealizzabile non pregiudica i metodi del calcolo economico. Ciò che richiede il calcolo economico è un sistema monetario il cui funzionamento non sia sabotato dalle interferenze del governo. Gli sforzi di espandere la quantità di moneta in circolazione sia per accrescere la capacità di spesa del governo che per realizzare una temporanea diminuzione del saggio d'interesse, disintegrano tutta la materia monetaria e scompigliano il calcolo economico. Primo scopo della politica

monetaria deve essere di impedire al governo di avviarsi verso l'inflazione e di creare condizioni che incoraggino l'espansione del credito da parte delle banche. Ma questo programma è molto differente dal programma confuso e contraddittorio della stabilizzazione del potere di acquisto. Al fine del calcolo economico occorre solo evitare grandi e improvvise fluttuazioni nell'offerta di moneta. L'oro, e, fino alla metà del XIX secolo, l'argento, servivano benissimo ai suoi scopi. I cambiamenti nella relazione tra domanda e offerta di metalli preziosi e le alterazioni conseguenti nel potere di acquisto avvenivano lentamente, cosicché il calcolo economico dell'imprenditore poteva trascurarli senza discostarsene. La precisione è irraggiungibile nel calcolo economico, indipendentemente dalle deficienze inerenti l'inadeguata considerazione dei cambiamenti monetari [nota 1]. Il commerciante che fa i suoi programmi non può fare a meno di impiegare dati concernenti il futuro incognito; egli si occupa di prezzi e costi futuri di produzione. Ragioneria e contabilità nei loro sforzi di stabilire il risultato dell'azione passata sono nelle stesse condizioni relativamente alle stime delle attrezzature fisse, delle scorte e dei crediti. Ad onta di tutte queste incertezze il calcolo economico può ottenere i suoi scopi. Perchè queste incertezze non sono dovute a deficienze del sistema di calcolo. Sono inerenti all'essenza dell'azione, che tratta sempre di un futuro incerto.
1. Nessun calcolo pratico può mai essere preciso. La formula che regge il processo di calcolo può essere esatta; il calcolo stesso dipende da una determinazione approssimata di quantità ed è quindi necessariamente inaccurato. L'economia, come è stato mostrato sopra (pagg. 47-48), è una scienza esatta delle cose reali. Ma non appena i dati di prezzo vengono introdotti nelle catene di ragionamento l'esattezza è abbandonata, e la storia economica si sostituisce alla teoria.

L'idea di stabilizzazione del potere d'acquisto non deve la sua origine agli sforzi di rendere il calcolo economico più corretto. Piuttosto al desiderio di creare una sfera avulsa dal flusso incessante delle cose umane, un regno non influenzato dal processo storico. Lasciti che erano destinati a provvedere in perpetuo per un corpo ecclesiastico, per un'istituzione di carità, o per una famiglia erano per lunga consuetudine stabiliti in terreni o in conferimenti di prodotti agricoli di specie. Successivamente furono aggiunte annualità da liquidarsi in moneta. Donatori e beneficiàri si aspettavano che l'annualità definita in termini di un ammontare certo di metalli preziosi non sarebbe stata influenzata dai cambiamenti delle condizioni economiche. Ma queste speranze erano illusorie. Le successive generazioni si resero conto che i piani dei loro antenati non si erano realizzati. Stimolati da questa esperienza, presero a investigare come gli scopi potessero essere raggiunti. Così si impegnarono in tentativi di misurare i cambiamenti nel potere di acquisto e di eliminarli.

Il problema assunse importanza molto maggiore quando i governi iniziarono le loro politiche di prestiti a lungo termine, irredimibili e perpetui. Lo Stato, questa nuova divinità all'albeggiare della statolatria, questa istituzione eterna e sovrumana al di là delle debolezze terrene, offriva al cittadino l'opportunità di mettere al sicuro la sua ricchezza e di godere un reddito stabile al riparo da tutte le vicissitudini. Esso trovò il modo di liberare l'individuo dalla necessità di rischiare e di acquisire continuamente la sua ricchezza e il suo reddito sul mercato capitalistico. Colui che investiva i suoi fondi in prestiti emessi dal governo e dalle sue suddivisioni non era più soggetto alle leggi ferree del mercato e alla sovranità dei consumatori. Non era più nella necessità di investire i suoi fondi in modo da servire meglio i bisogni e le necessità dei consumatori. Era sicuro di essere salvaguardato contro i danni della concorrenza di mercato, ove le perdite sono penalità all'inefficienza; lo Stato eterno lo aveva preso sotto la sua ala e gli aveva garantito l'indisturbato godimento dei suoi fondi. Da questo momento il suo reddito non proveniva più dal processo di sopperire ai bisogni dei consumatori nel modo migliore possibile, ma dalle tasse imposte dall'apparato statale di coercizione e costrizione. Non era più il servitore dei suoi concittadini, soggetto alla loro sovranità ; era un associato del governo il quale dominava la gente e ne esigeva tributi. Ciò che il governo pagava come interesse era meno di quanto offriva il mercato. Ma questa differenza era largamente compensata dalla indubbia solvibilità del debitore, lo Stato, il cui reddito non dipendeva dalla soddisfazione del pubblico, ma dall'esazione delle tasse. Ad onta delle spiacevoli esperienze coi debiti pubblici dei tempi andati, la gente era pronta a prestare fede spontaneamente nello Stato modernizzato del XIX secolo. In generale si supponeva che questo nuovo Stato avrebbe scrupolosamente osservato le obbligazioni volontariamente contratte. Capitalisti e imprenditori erano pienamente consci del fatto che nella società di mercato non vi sono mezzi per preservare la ricchezza acquisita, se non rimettendola in discussione ogni giorno in tenace competizione con tutti, sia con le imprese già esistenti che coi nuovi venuti, disponenti di capitali inadeguati. L'imprenditore, invecchiato e stanco, e non più preparato a rischiare la ricchezza faticosamente guadagnata con nuovi tentativi di soddisfare i bisogni dei consumatori e gli eredi dei profitti di altra gente, pigro e conscio della sua inefficienza, preferiva investire in prestiti del debito pubblico, che pretendeva indenni dalla legge del mercato. Ora, il debito pubblico perpetuo e irredimibile presuppone la stabilità del potere di acquisto. Sebbene lo Stato e la sua coercizione possano essere eterni, l'interesse pagato sul debito pubblico potrebbe essere eterno soltanto se basato su una misura di valore immutabile. In

questa forma, l'investitore che per ragioni di sicurezza evita di ricorrere al mercato, di diventare imprenditore e di investire nella libera impresa e preferisce i prestiti governativi, è messo di fronte al problema della mutabilità di tutte le cose umane. Scopre che nell'ambito di una società di mercato non vi è posto per una ricchezza indipendente dal mercato. I suoi sforzi di trovare una fonte inesauribile di reddito falliscono. In questo mondo non v'è nè stabilità nè sicurezza, e nessuno sforzo umano è capace di produrle. Nel sistema sociale della società di mercato non v'è altro mezzo di acquisire e preservare la ricchezza all'infuori del fortunato servizio ai consumatori. Lo Stato è, naturalmente, in condizione di esigere pagamenti dai sudditi e di prestare fondi. Tuttavia, anche il governo più spregiudicato nel lungo andare non è capace di sfidare le leggi che determinano l'azione e la vita umana. Se il governo investe la somma prestata nei modi che servono meglio i bisogni dei consumatori, e riesce in queste attività imprenditoriali in concorrenza libera e uguale coi privati imprenditori, è nella condizione di un qualsiasi commerciante ; può pagare interessi perchè dispone di eccedenze. Ma se investe fondi in modo svantaggioso e ne risulta un disavanzo, o se investe il denaro nelle spese correnti, i prestatori di capitale diminuiscono o scompaiono completamente, e non rimane altra fonte per rimborsare l'interesse e il capitale. La tassazione è l'unico mezzo disponibile per far fronte al contratto di credito. Esigendo tasse per tali pagamenti il governo rende i cittadini responsabili del denaro scialato nel passato. Le tasse pagate non sono compensate da nessun servizio presente reso dall'apparato governativo. Il governo paga interessi sul capitale consumato. La tesoreria è onerata dai risultati sfortunati delle politiche passate. Eccezione possono fare i debiti governativi a breve termine in condizioni speciali. Ma la giustificazione popolare dei prestiti bellici non ha senso. Tutti i materiali necessari per la condotta di una guerra devono essere approntati con la restrizione del consumo civile, usando una parte del capitale disponibile e lavorando più intensamente. L'intero onere della condotta bellica cade sulla generazione vivente. Le generazioni future sono toccate soltanto nella misura in cui, date le spese belliche, erediteranno da coloro che oggi vivono meno di quanto avrebbero avuto se non fosse stata combattuta nessuna guerra. Il finanziamento di una guerra attraverso i prestiti non sposta l'onere ai figli e ai nipoti [nota 1]. È semplicemente un metodo per distribuire gli oneri tra i cittadini. Se l'intera spesa fosse sopportata con le tasse, soltanto coloro che hanno fondi liquidi potrebbero essere colpiti. Gli altri non contribuirebbero adeguatamente. I prestiti a breve termine possono avere una funzione strumentale nel rimuovere queste ineguaglianze, poiché permettono una ragionevole distribuzione dell'onere sui proprietari di capitali fissi.

1. Prestiti, in questo senso, sono fondi prestati da coloro che hanno moneta disponibile. Non ci si riferisce qui all'espansione del credito il cui maggiore veicolo è oggi in America il ricorso al prestito presso le banche commerciali.

Il credito a lungo termine, pubblico e semipubblico, è un elemento estraneo e disturbante nella struttura della società di mercato. La sua istituzione fu un futile tentativo di andare oltre i limiti dell'azione umana e di creare un'orbita di sicurezza e di eternità, lontana dalla transitorietà e instabilità delle cose terrene. Che arrogante presunzione prendere e dare a prestito moneta per sempre, far contratti per l'eternità e impegnarsi per tutti i tempi a venire! A questo riguardo importava poco che i prestiti fossero resi irredimibili o meno in modo formale; intenzionalmente e praticamente erano di regola considerati tali. Nell'auge del liberalismo, talune nazioni occidentali estinsero realmente parte dei loro debiti a lunga scadenza attraverso un onesto rimborso, ma per lo più nuovi debiti erano semplicemente aggiunti ai vecchi. La storia finanziaria dell'ultimo secolo mostra una continua ascesa nell'ammontare dell'indebitamento pubblico. Nessuno crede che gli Stati vorranno trascinare eternamente l'onere di questi pagamenti di interessi. È ovvio che, presto o tardi, tutti questi debiti saranno liquidati in un modo o nell'altro, ma certamente non col pagamento dell'interesse e del capitale, conformemente ai termini del contratto. Una massa di scrittori sofisticati è già affaccendata ad elaborare palliativi morali per il giorno di questa sistemazione finale [nota 1].
1. La più popolare di queste dottrine è cristallizzata nella frase: Il debito pubblico non è un gravame perchè lo dobbiamo a noi stessi. Se questo fosse vero, la completa cancellazione del debito pubblico sarebbe un'operazione innocua, un puro atto contabile. Il fatto è che il debito pubblico racchiude le pretese della gente che in passato ha conferito fondi al governo contro tutti coloro che giornalmente producono nuova ricchezza. Esso grava gli strati produttivi a vantaggio di un'altra parte del popolo. È possibile liberare i produttori di nuova ricchezza da questo onere riscuotendo le tasse necessarie al pagamento esclusivamente dai portatori di prestiti. Ma questo significa aperta ripudiazione.

Non può essere considerata come una deficienza il fatto che il calcolo economico in termini monetari sia impari ai compiti ad esso assegnati in questi schemi illusori di realizzare un regno chimerico di quiete, fuori dai limiti inesorabili dell'azione umana, capace di dare la sicurezza eterna. Non esistono valori eterni, assoluti e immutabili. La ricerca di una misura per tali valori è vana. Il calcolo economico non è imperfetto perchè non corrisponde alle idee confuse della gente che aspira a un reddito stabile indipendente dal processo produttivo degli uomini.

CAPITOLO XIII

IL CALCOLO MONETARIO COME STRUMENTO DELL'AZIONE

1. Il calcolo monetario come metodo di pensiero. Il calcolo monetario è la stella che guida l'azione in un sistema sociale a divisione del lavoro. È la bussola dell'uomo che si dedica alla produzione. Questi calcola per distinguere gli aspetti remunerativi della produzione dai non remunerativi. Quelli che i consumatori sovrani probabilmente approveranno da quelli che probabilmente disapproveranno. Ogni singolo passo dell'attività imprenditoriale è soggetto all'esame del calcolo monetario. La premeditazione dell'azione programmata diventa precalcolazione commerciale dei costi e dei ricavi attesi. La determinazione retrospettiva del risultato dell'azione passata diventa contabilità di profìtti e di perdite. Il sistema di calcolo economico in termini monetari è condizionato da certe istituzioni sociali. Esso può funzionare soltanto in un ambiente istituzionale di divisione del lavoro e di proprietà privata dei mezzi di produzione, in cui i beni e i servizi di tutti gli ordini sono comprati e venduti contro un medio generale di scambio : la moneta. Il calcolo monetario è il metodo di computo impiegato dalle persone che operano nell'ambito di una società basata sul controllo privato dei mezzi di produzione. È uno strumento degli individui agenti; un modo di calcolo inteso ad accertare la ricchezza e il reddito privato e i profitti e le perdite private degli individui agenti per conto proprio entro una società di libera intrapresa [nota 1]. Tutti i suoi risultati si riferiscono soltanto all'azione degli individui. Quando gli statistici riassumono questi risultati, il dato finale mostra la somma delle azioni autonome di una pluralità di individui che si autodeterminano, ma non l'effetto dell'azione di un corpo collettivo, di un tutto, o di una totalità. Il calcolo monetario è del tutto inapplicabile e inutile quando non si considerino le cose dal punto di vista individuale. Esso comporta la calcolazione dei profitti individuali e non di immaginari valori "sociali" e benessere "sociale".
1. Nelle compartecipazioni e nelle società sono sempre gli individui che agiscono,

sebbene non un individuo soltanto.

Il calcolo monetario è il veicolo principale della programmazione e dell'azione in un ambiente sociale a libera intrapresa, diretto e controllato dal mercato e dai prezzi. Si sviluppò in questo ambito e fu gradualmente perfezionato col miglioramento del meccanismo di mercato e l'espansione del campo delle cose negoziate sui mercati contro moneta. Fu il calcolo economico ad assegnare alla misurazione, al numero e al computo la funzione che essi hanno nella nostra civiltà quantitativa e computativa. Le misurazioni della fisica e della chimica hanno senso per l'azione pratica soltanto perchè v'è un calcolo economico. È il calcolo monetario che fa dell'aritmetica uno strumento nella lotta per una vita migliore. Esso fornisce il modo di usare i risultati degli esperimenti di laboratorio per la rimozione più efficace del disagio. Il calcolo monetario attinge piena perfezione nel calcolo del capitale. Esso determina i prezzi monetari dei mezzi disponibili e confronta questo totale coi cambiamenti prodotti dall'azione e dagli altri fattori. Il confronto mostra i cambiamenti avvenuti nello stato di cose dell'uomo agente insieme alla grandezza relativa. Rende accertabile il successo e l'insuccesso, i profitti e le perdite. Il sistema di libera impresa è stato qualificato capitalistico per condannarlo e spregiarlo. Tuttavia, il termine può essere considerato assolutamente pertinente. Si riferisce infatti al tratto più caratteristico ed eminente del sistema, cioè al ruolo che la nozione di capitale gioca nella sua condotta. Ad alcuni il calcolo economico è repulsivo. Essi non desiderano essere svegliati dai loro sogni diurni dalla voce della ragione critica. La realtà li indispone; sognano un regno di opportunità illimitate. Essi sono disgustati dalla meschinità di un ordine sociale in cui ogni cosa è calcolata in dollari e centesimi. Considerano il loro borbottamento nobile e degno degli amici dello spirito, della bellezza e della virtù, in contrasto con la ignobile bassezza e villania della borghesia. Ma il culto della bellezza e della virtù, della saggezza e del vero, non è ostacolato dalla razionalità della mente che calcola e computa. Soltanto la fantasticheria romantica non può germogliare in un ambiente di sobrio criticismo. Il freddo calcolatore è castigatore severo del visionario estatico. La nostra civiltà è inseparabilmente connessa ai nostri metodi di calcolo economico. Essa perirebbe se noi abbandonassimo questo preziosissimo strumento intellettuale dell'azione. Goethe aveva ragione chiamando la contabilità a partita doppia "una delle più belle invenzioni della mente umana" [nota 1].
1. Cfr. Goethe, Wilhelm Meister's Apprenticeship, Libro I, cap. X.

2. Il calcolo economico e la scienza dell'azione umana. L'evoluzione del calcolo economico capitalistico fu condizione necessaria all'affermazione di una scienza dell'azione umana sistematica e logicamente coerente. Prasseologia ed economia hanno un posto definito nell'evoluzione della storia umana e nel processo della ricerca scientifica. Esse poterono emergere soltanto quando l'uomo agente era riuscito a creare metodi dì pensiero che gli permisero di calcolare le sue azioni. La scienza dell'azione umana era sul principio una disciplina che considerava solo le azioni che possono essere provate col calcolo monetario. S'interessava esclusivamente di quella che potremmo chiamare orbita economica in senso stretto, cioè delle azioni che entro una società di mercato sono transatte col medio monetario. I primi passi della sua elaborazione furono strane investigazioni relative alla moneta, al prestito monetario e ai prezzi dei vari beni. Le prime formulazioni della teoria quantitativa della moneta — come quelle di Bodin e Davanzati — e la legge di Gregory King segnano il primo mattino della nozione che regolarità dei fenomeni e necessità ineluttabile prevalgono nel campo dell'azione. Il primo sistema generale di teoria economica, quella brillante realizzazione degli economisti classici, fu essenzialmente una teoria dell'azione calcolata. Esso tracciò implicitamente i limiti fra ciò che deve essere considerato economico e ciò che deve essere considerato extraeconomico lungo la linea che separa l'azione calcolata in termini monetari da ogni altra azione. Partendo da questa base, gli economisti erano portati ad ampliare poco a poco il campo dei loro studi, fino a sviluppare un sistema concernente tutte le scelte umane, una teoria generale dell'azione.

Parte quarta

CATALLATTICA O ECONOMIA DELLA SOCIETÀ DI MERCATO

CAPITOLO XIV

SCOPO E METODO DELLA CATALLATTICA

1. La delimitazione dei problemi catalettici. Non vi sono mai stati dubbi e incertezze sul compito della scienza economica. Da quando la gente ha cominciato a inclinare verso uno studio sistematico dell'economia o economia politica, tutti sono d'accordo che lo scopo di questa branca del sapere è di investigare i fenomeni di mercato, cioè la determinazione dei mutui rapporti di scambio dei beni e dei servizi negoziati sui mercati, la loro origine nell'azione umana e i loro effetti sull'azione successiva. L'intricatezza di una definizione precisa dello scopo dell'economia non promana dalla incertezza riguardo all'orbita dei fenomeni da investigare. Essa è dovuta al fatto che i tentativi di elucidare i fenomeni in questione vanno al di là dell'ambito e delle transazioni di mercato. Per comprendere pienamente il mercato, da un lato si è costretti a studiare l'azione di individui ipotetici isolati e, d'altro lato, a confrontare il sistema di mercato con una comunità socialista immaginaria. Studiando lo scambio interpersonale non si può fare a meno di trattare dello scambio autistico. Ma allora non è più possibile definire nettamente i limiti fra la specie di azione propria al campo della scienza economica in senso stretto, e azione in generale. L'economia allarga il suo orizzonte e diventa scienza generale di tutta l'azione umana, prasseologia. La questione insorge relativamente al modo di distinguere in termini precisi, entro il più largo campo della prasseologia generale, un'orbita ristretta di problemi specificamente economici. I falliti tentativi di risolvere questo problema di una delimitazione precisa dei compiti della catallattica hanno scelto come criterio o i motivi determinanti l'azione o gli scopi cui l'azione tende. Ma la varietà e la molteplicità dei motivi che determinano l'azione di un uomo è senza rilevanza per uno studio generale dell'azione. Ogni azione è motivata dalla spinta a rimuovere un disagio sentito. Non importa per la scienza dell'azione come la gente qualifichi questo disagio dal punto di vista fisiologico, psicologico, etico. Compito dell'economia è di trattare tutti i prezzi dei beni così come sono realmente domandati e pagati nelle transazioni di mercato. Essa non deve limitare le sue investigazioni allo studio di questi prezzi che risultano o possono risultare da una condotta

cui la psicologia, l'etica, o qualsiasi altro modo di considerare il comportamento umano, assegnerebbero un'etichetta definita. La classificazione delle azioni secondo i loro vari motivi può avere importanza per la psicologia e può giovare all'elevazione morale; per l'economia è invece inconseguente. Lo stesso vale essenzialmente riguardo agli sforzi di limitare il compito dell'economia alle azioni il cui scopo è di fornire la gente di cose materiali tangibili dell'universo esterno. Rigorosamente parlando, la gente non si cura dei beni tangibili come tali, ma dei servizi che questi beni sono atti a renderle. Desidera ottenere un incremento nel benessere che questi servizi sono capaci di apportare. Ma se le cose stanno in questi termini, non è possibile lasciare fuori dall'orbita dell'azione "economica" le azioni ad appagamento diretto, senza interposizione di cose tangibili e visibili. Il consiglio del medico, l'istruzione di un insegnante, la recita di un artista e altri servizi personali non sono meno pertinenti allo studio economico che i piani dell'architetto per la costruzione di un edifìcio, le formule di uno scienziato per la produzione di un composto chimico e il contributo dell'autore alla pubblicazione di un libro. Oggetto della catallattica sono i fenomeni di mercato con tutte le loro radici, ramificazioni e conseguenze. È un fatto che la gente non s'interessa al mercato spinta soltanto dal desiderio di ottenere alimenti, riparo e godimento sessuale, ma anche da stimoli "ideali" complessi. L'uomo agente si preoccupa ad un tempo di cose "materiali e ideali". Egli sceglie tra varie alternative, non importa se classificabili come materiali o ideali. Nelle scale effettive di valore le cose materiali e ideali si confondono insieme. Anche se fosse possibile tracciare una linea netta tra interessi materiali e ideali, ci si dovrebbe rendere conto che ogni azione concreta o tende alla realizzazione di fini sia materiali che ideali o è il risultato di una scelta tra qualcosa di materiale e qualcosa di ideale. Se sia possibile separare nettamente le azioni che tendono alla soddisfazione di bisogni esclusivamente condizionati dalla costituzione fisiologica dai bisogni "più alti", è cosa che può essere lasciata indecisa. Ma non dobbiamo trascurare il fatto che, nella realtà, nessun cibo è valutato per il suo potere nutritivo e nessun mantello o casa soltanto per la protezione che offrono al freddo e alla pioggia. Non si può negare che la domanda di beni è largamente influenzata da considerazioni metafìsiche, religiose ed etiche, da giudizi di valore estetici, dai costumi, dalle abitudini, dai pregiudizi, dalle tradizioni, dalla moda mutevole e da molte altre cose. Ad un economista che volesse limitare l'investigazione soltanto agli aspetti "materiali", la soggetta materia svanirebbe non appena tentasse di afferrarla. Tutto quello che si può sostenere è questo : L'economia è soprattutto interessata all'analisi della determinazione dei prezzi monetari dei beni e servizi scambiati sul mercato. Per adempiere a questo compito essa deve

partire da una teorìa generale dell'azione umana. Inoltre, deve studiare non soltanto i fenomeni di mercato, ma nondimeno la condotta ipotetica di un uomo isolato e di una comunità socialista. Infine, non deve restringere l'investigazione a quei modi d'azione che, nel linguaggio volgare, sono detti "economici", ma trattare anche delle azioni che nel linguaggio corrente sono dette "non economiche". Lo scopo della prasseologia, teoria generale dell'azione umana, può essere definito e circoscritto in modo preciso. I problemi specificamente economici, dell'azione economica in senso stretto, possono essere generalmente isolati solo dal corpo comprensivo della teoria prasseologica. I fatti accidentali della storia della scienza e le convenzioni hanno una parte in tutti i tentativi di dare una definizione dello scopo dell'economia "genuina". Non il rigore logico o epistemologico, ma considerazioni di opportunità e convenzioni tradizionali ci fanno dichiarare che il campo della catalettica o economia in senso stretto è l'analisi dei fenomeni di mercato. Ciò equivale ad affermare che la catalettica è l'analisi delle azioni condotte sulla base del calcolo monetario. Scambio di mercato e calcolo monetario sono inseparabilmente connessi. Un mercato in cui vi è solo scambio diretto è una costruzione puramente immaginaria. D'altro lato, moneta e calcolo economico sono condizionati dall'esistenza del mercato. È certamente compito dell'economia analizzare il funzionamento di un immaginario sistema di produzione socialista. Ma anche a ciò si può arrivare soltanto attraverso lo studio della catalettica, spiegazione di un sistema in cui vi sono prezzi monetari e calcolo economico.

La negazione dell'economia. Vi sono dottrine che semplicemente negano possa esserci una scienza dell'economia. Ciò che oggi si insegna nella maggior parte delle università sotto l'etichetta di economia è praticamente la sua negazione. Colui che contesta l'esistenza dell'economia, nega virtualmente che il benessere dell'uomo sia disturbato dalla scarsità dei fattori esterni. Per costui ognuno potrebbe soddisfare perfettamente tutti i desideri, ammesso che una riforma riesca a superare certi ostacoli dovuti a malacconce istituzioni umane. La natura è generosa, essa profonde doni all'umanità. Le condizioni potrebbero essere paradisiache per un numero illimitato di persone. La scarsità è un prodotto artificiale di pratiche deliberate, l'abolizione delle quali produrrebbe l'abbondanza. Nella dottrina di Karl Marx e seguaci la scarsità è soltanto una

categoria storica, caratteristica della storia primitiva dell'umanità, che sarà liquidata per sempre con l'abolizione della proprietà privata. Una volta che l'umanità sarà passata dal regno della necessità a quello della libertà [nota 1], e quindi avrà raggiunto "la fase più alta della società comunista", ci sarà abbondanza. Conseguentemente sarà possibile dare "ad ognuno secondo i suoi bisogni" [nota 2]. Nella vasta marea degli scritti marxisti non vi è la minima allusione alla possibilità che una economia comunistica nella sua "fase più alta" possa avere da far fronte alla scarsità dei fattori naturali di produzione. La disutilità del lavoro è eliminata asserendo che il lavoro, sotto il comunismo, naturalmente, non sarà più penoso ma piacevole, "fondamentale esigenza di vita" [nota 3]. Le spiacevoli esperienze dell'"esperimento russo" sono interpretate come inerenti alla ostilità dei capitalisti, per il fatto che il socialismo limitato a un paese non è ancora perfetto, e quindi ancora incapace di realizzare "la fase più alta", e, più recentemente, alla guerra.
1. Cfr. Engels, Herrn Eugen Duhrings Umwalzung der Wissenschaft, 7a ed., Stuttgart, 1910, pag. 306. 2. Cfr. Karl Marx, Zur Kritik des sozialdemokratischen Parteiprogramms von Gotha, ed. Kreibich, Reichenberg, 1920, pag. 17. 3. Cfr. Ibidem.

Poi ci sono gli inflazionisti radicali, rappresentati dai Proudhon, dagli Ernest Solvay e, nell'America di oggi, dalla dottrina della "finanza funzionale". Nella loro opinione, la scarsità è creata dai controlli artificiali sulla espansione del credito e su altri metodi idonei a incrementare la quantità di moneta in circolazione, imposti al pubblico credulone dagli egoistici interessi di classe dei banchieri e degli sfruttatori. Essi raccomandano come panacea una spesa pubblica illimitata. Il campione più eminente della sostituzione di un'economia di abbondanza all'asserita economia artificiale di scarsità, è l'ex vicepresidente degli Stati Uniti, Henry A. Wallace. Il signor Wallace sarà ricordato nella storia come il promotore del più vasto schema che mai sia stato elaborato per restringere coi decreti governativi l'offerta di generi alimentari e di materie grezze essenziali. Tuttavia, questo fatto non pregiudica minimamente la popolarità dei suoi principi. Tale è il mito della potenziale abbondanza e ricchezza. L'economia può lasciare agli storici e agli psicologi di spiegare la popolarità di questa specie di pensiero desioso e di indulgenza a sognare ad occhi aperti. Tutto ciò che l'economia ha da dire su queste chiacchiere oziose è che essa si occupa dei problemi che l'uomo deve affrontare essendo la sua vita condizionata dai fattori naturali. Tratta dell'azione, cioè degli sforzi consci per la rimozione, nei limiti del possibile, di uno stato di insoddisfazione.

Non ha nulla da asserire riguardo a un irrealizzabile universo di opportunità illimitate, che non è nemmeno concepibile dalla ragione umana. Si può concedere che in un mondo siffatto non vi sarà legge di valore, nè scarsità, nè problemi economici. Queste cose saranno assenti non essendovi scelte da fare, nè azioni, nè compiti razionali da risolvere. Gli esseri allevati in un mondo siffatto non avrebbero sviluppato nè il ragionamento nè il pensiero. Se tale Eden dovesse essere concesso ai discendenti della razza umana, quei fortunati vedrebbero la loro capacità intellettiva avvizzire, e cesserebbero per ciò stesso di essere umani. Perchè compito primo della ragione è di considerare coscienziosamente le limitazioni imposte all'uomo dalla natura e combattere la scarsità. L'uomo agente e pensante è il prodotto di un universo di scarsità, in cui il benessere è ottenibile solo a prezzo di lavoro e di sacrifici, di una condotta volgarmente detta economica.

2. Il metodo delle costruzioni ideali. Il metodo specifico dell'economia è quello delle costruzioni ideali. Questo è anche il metodo della prasseologia. Che esso sia stato accuratamente elaborato e perfezionato nel campo degli studi economici in senso stretto è dovuto al fatto che l'economia, almeno finora, è stata la parte meglio sviluppata della prasseologia. Chiunque desidera esprimere un'opinione sui problemi comunemente detti economici, ricorre a questo metodo. L'impiego di costruzioni ideali non è, ovviamente, procedimento peculiare solo all'analisi scientifica di questi problemi. Il profano occupandosi di essi ricorre allo stesso metodo. Ma mentre le costruzioni del profano sono più o meno confuse e disordinate, l'economia è intenta ad elaborarle con cura, scrupolosità e precisione estreme, e a esaminarne criticamente le condizioni e le ipotesi. Una costruzione ideale è l'immagine concettuale di una sequenza di eventi logicamente sviluppati dagli elementi d'azione impiegati nella sua formazione. É il prodotto della deduzione, derivata in via definitiva dalla categoria fondamentale dell'azione, l'atto di preferire o di scartare. Divisando tale costruzione ideale, l'economista non si preoccupa di descrivere le condizioni della realtà che desidera analizzare. Nè si preoccupa se il sistema assunto dalla sua costruzione ideale possa essere concepito come realmente esistente e operante. Persino le costruzioni ideali per se stesse contraddittorie o irrealizzabili possono rendere utili e addirittura indispensabili servigi nella comprensione della realtà, ammesso che l'economista sappia come usarle propriamente. Il metodo delle costruzioni ideali è giustificato dal suo successo. La

prasseologia non può, come le scienze naturali, basare i suoi principii su esperimenti di laboratorio e sulla percezione sensoria degli oggetti esterni. Essa deve sviluppare metodi interamente differenti da quelli della fìsica e della biologia. Sarebbe errore grossolano cercare analogie alle costruzioni ideali nel campo delle scienze naturali. Le costruzioni ideali della prasseologia non possono mai essere confrontate con nessuna esperienza delle cose esterne, nè valutate dal punto di vista di tali esperienze. Loro funzione è di servire l'uomo in ogni esame che non può basarsi sui sensi. Confrontando le costruzioni ideali con la realtà, non si può porre la questione, se esse corrispondano all'esperienza e descrivano adeguatamente i dati empirici. Ci si deve domandare se le loro assunzioni sono identiche alle condizioni delle azioni che noi desideriamo concepire. La formula principale delle costruzioni ideali è di fare astrazione dall'operare di talune condizioni presenti nell'azione reale. Allora siamo in grado di afferrare le conseguenze ipotetiche in assenza di queste condizioni e di concepire gli effetti della loro esistenza. Così concepiamo la categoria dell'azione costruendo l'immagine di uno stato in cui non vi è azione; sia perchè l'individuo è assolutamente soddisfatto e non sente nessun disagio, sia perchè non conosce nessun processo da cui aspettarsi un miglioramento del suo benessere (stato di soddisfazione). E concepiamo la nozione di interesse originario da una costruzione ideale in cui non si distingue tra soddisfazioni in periodi di tempo di lunghezza eguale, ma diseguali riguardo alla loro distanza dall'istante dell'azione. Il metodo delle costruzioni ideali è indispensabile alla prasseologia ; esso è anzi l'unico metodo dell'indagine economica e prasseologica. Certamente il suo maneggio è difficile, perchè può facilmente portare a sillogismi fallaci. Esso conduce su un filo tagliente, ai cui lati si apre la profonda voragine dell'assurdità e del non senso. Soltanto una spregiudicata autocritica può impedire di cadere a capofitto entro queste profondità abissali.

3. L'economia pura di mercato. La costruzione ideale di un'economia di mercato pura e senza ostacoli assume che vi sia divisione del lavoro e proprietà privata (controllo) dei mezzi di produzione e che, conseguentemente, vi sia un mercato di scambi dei beni e servizi. Essa assume che il funzionamento del mercato non sia ostruito da fattori istituzionali. Assume che il governo, apparato coercitivo sociale, miri a preservare il funzionamento del sistema di mercato astenendosi dall'ostacolarne il funzionamento e proteggendolo dall'usurpazione altrui. Il mercato è libero; non vi è

interferenza di fattori estranei al mercato, ai prezzi, ai saggi salariali e di interesse. Muovendo da queste assunzioni Peconomia tenta di spiegare il funzionamento di un'economia di mercato pura. Soltanto in uno stadio successivo, avendo esaurito tutto ciò che può essere imparato dallo studio di questa costruzione ideale, essa si volge allo studio dei vari problemi sollevati dall'interferenza col mercato da parte del governo o di altri enti che applicano la coercizione e la costrizione. Meraviglia che questo procedimento logicamente ineccepibile, il solo adatto a risolvere i problemi inerenti, sia stato rudemente attaccato. Lo si è tacciato quale strumento di una politica economica liberale, stigmatizzata come reazionaria, regia, manehesteriana, negativa e così via. Si nega che si possa ottenere qualcosa per la conoscenza della realtà occupandosi di questa costruzione ideale. Tuttavia, questi critici turbolenti contraddicono se stessi quando fanno ricorso allo stesso metodo nel formulare le proprie asserzioni. Chiedendo minimi salariali, essi descrivono le condizioni ritenute insoddisfacenti di un mercato libero del lavoro; invocando tariffe, essi descrivono i supposti disastri prodotti dal libero scambio. Non v'è naturalmente altra via alla spiegazione di una misura che limiti il libero gioco dei fattori operanti in un libero mercato, che studiare anzitutto lo stato di cose prevalente in condizioni di libertà economica. È vero che gli economisti hanno concluso dalle loro investigazioni che gli scopi perseguiti dalla maggior parte della gente, praticamente da tutta la gente, col lavoro e con la politica economica, potrebbero essere meglio realizzati dove il sistema di libero mercato non fosse ostacolato da decreti governativi. Ma questo non è un giudizio preconcetto dovuto a un'insufficiente considerazione della funzione dell'interferenza governativa negli affari. Al contrario, è il risultato di un accurato e obiettivo esame di tutti gli aspetti dell'interventismo. È vero anche che gli economisti classici e i loro epigoni usavano chiamare "naturale" il sistema di un'economia libera di mercato, e "artificiale" e "disturbante" l'interferenza del governo nei fenomeni di mercato. Ma anche questa terminologia era il prodotto del loro accurato esame dei problemi dell'interventismo. Essi erano conformi alla pratica semantica del loro tempo chiamando "contrario alla natura" questo stato indesiderabile degli affari sociali. Il teismo e il deismo dell'età dei lumi consideravano la regolarità dei fenomeni naturali come emanazione dei decreti della Provvidenza. Quando i filosofi dell'illuminismo scoprirono il prevalere di una regolarità di fenomeni anche nell'azione umana e nell'evoluzione sociale, furono ugualmente pronti a interpretarlo come evidenza della cura paterna del Creatore dell'universo. Questo il vero significato della dottrina dell'armonia prestabilita, sostenuta da alcuni economisti [nota 1]. La

filosofìa sociale del dispotismo paternalistico insisteva sulla missione divina dei re e degli autocrati predestinati al governo dei popoli. I liberali, a loro volta, sostenevano che il funzionamento di un mercato senza ostacoli, sul quale il consumatore — cioè ogni cittadino — è sovrano, porta a risultati più soddisfacenti che i decreti dei reggitori carismatici. Osservate il funzionamento del sistema di mercato, dicevano, e scoprirete in esso la mano di Dio.
1. La dottrina dell'armonia prestabilita nel funzionamento di un sistema di mercato senza ostacoli non deve essere confusa col teorema dell'armonia degli interessi rettamente intesi entro un sistema di mercato, sebbene vi sia una certa congenialità tra di loro. Cfr. sotto, pagg. 644-653.

Insieme alla costruzione ideale di un'economia di mercato pura gli economisti classici elaborarono il suo contraltare logico, la costruzione ideale di una comunità socialista. Nel processo euristico, che portò a scoprire il funzionamento di un'economia di mercato, questa immagine di un ordine socialista ebbe addirittura la priorità logica. La questione che preoccupava gli economisti era se un sarto potesse essere provveduto di pane e di scarpe senza un decreto del governo che costringa il panettiere e il calzolaio ad occuparsi di queste necessità. Il primo pensiero era che l'interferenza autoritaria fosse richiesta per rendere lo specialista utile ai suoi concittadini. Gli economisti furono sconfessati quando scoprirono che questa costrizione non era necessaria. Confrontando produttività e redditività, interesse egoistico e benessere pubblico, egoismo e statismo, essi si riferivano implicitamente all'immagine di un sistema socialista. La loro meraviglia al funzionamento "automatico" del sistema di mercato era dovuta precisamente al fatto di essersi resi conto che uno stato di produzione "anarchico" riesce a fornire meglio la gente che gli ordini di un governo onnipotente e centralizzato. L'idea del socialismo — sistema di divisione del lavoro interamente controllato e diretto da una autorità pianificatrice — non maturò nella mente dei riformatori utopisti. Questi tendevano piuttosto alla coesistenza autarchica di piccoli corpi autosufficienti, come la falange di Fourier. Il radicalismo dei riformatori si volse al socialismo quando presero l'immagine di un'economia diretta da un governo nazionale o da una autorità mondiale, implicita alle teorie degli economisti, come modello del loro ordine nuovo.

La massimizzazione dei profitti. Si crede generalmente che gli economisti occupandosi dei problemi

di un'economia di mercato siano assolutamente al di fuori della realtà quando assumono che gli uomini sono sempre bramosi di ottenere il massimo vantaggio possibile. Essi costruiscono, si dice, l'immagine di un essere razionale ed egoista, per il quale nulla conta all'infuori del profitto. Tale homo oeconomicus può essere raffigurato simile agli speculatori in borsa ed agli speculatori in genere. Ma l'immensa maggioranza è differente. Nulla può essere imparato dallo studio della condotta di questa immagine fallace per la conoscenza della realtà. Non è necessario tornare a refutare tutte le confusioni, gli errori e le distorsioni relative a questa asserzione. Le prime due parti di questo libro ne hanno smascherato gli errori. A questo punto basta trattare il problema della massimizzazione del profitto. Riguardo al movente dell'azione umana, la prasseologia in generale e l'economia nel suo campo specifico suppongono solo che l'uomo agente desideri rimuovere il suo disagio. Nelle condizioni particolari delle transazioni di mercato, azione significa comprare e vendere. Tutto ciò che l'economia asserisce riguardo alla domanda ed all'offerta si riferisce ad ogni istante della domanda e dell'offerta e non soltanto alla domanda e all'offerta determinata da qualche speciale circostanza richiedente particolare descrizione o definizione. L'asserzione che un uomo, nell'alternativa di ricavare più o meno dalla merce che desidera vendere, ceteris paribus, sceglie il prezzo più alto, non richiede ulteriore specificazione. Un prezzo elevato significa per il venditore migliore soddisfazione dei suoi bisogni. Lo stesso vale, mutatis mutandis, per il compratore. L'ammontare risparmiato nell'acquisto della merce relativa lo mette in grado di spendere di più per la soddisfazione di altri bisogni. Comprare sul mercato più conveniente e vendere sul mercato più caro non è, a parità di condizioni, condotta che debba presupporre qualche speciale assunzione relativamente ai motivi e alla moralità dell'attore. È puramente conseguenza necessaria di ogni azione nelle condizioni dello scambio di mercato. Nella sua qualità di commerciante, l'uomo è al servizio dei consumatori ed è tenuto a soddisfarne i desideri. Non può indulgere ai suoi capricci e alle sue fantasticherie. Ma i capricci e le fantasticherie dei suoi clienti sono per lui la legge ultima, ammesso che questi clienti siano pronti a pagarseli. Si trova così nella necessità di adattare la sua condotta alla domanda dei consumatori. Se i consumatori, senza gusto del bello, preferiscono cose brutte e volgari, deve fornire loro tali cose, contrariamente alle proprie convinzioni [nota 1]. Se i consumatori non desiderano pagare un prezzo più alto per i prodotti domestici che per quelli ottenuti altrove, deve comprare il prodotto straniero, ammesso che sia più a buon mercato. Un datore di lavoro non può concedere favori a spese dei suoi clienti. Non può pagare saggi salariali più alti di quelli

determinati dal mercato, se i compratori non sono pronti a pagare prezzi proporzionalmente più alti per le merci prodotte negli stabilimenti in cui i saggi salariali sono più elevati che negli altri stabilimenti.
1. Il pittore è un commerciante, se intende fare dipinti che possano essere venduti al più alto prezzo. Il pittore che non scende a compromessi col gusto del pubblico acquirente e, sdegnando tutte le spiacevoli conseguenze, si lascia guidare soltanto dai propri ideali, è un artista, un genio creatore. Cfr. sopra, pagg. 134135.

Le cose stanno in termini differenti per colui che spende il proprio reddito. Questi è libero di fare ciò che preferisce : fare elemosina, discriminare, secondando dottrine e pregiudizi, contro i beni di una eerta origine o fonte e preferire il prodotto peggiore e più caro a quello — tecnologicamente — migliore e più conveniente. Come regola, la gente non regala nulla al venditore. Ma tuttavia accade. I limiti tra l'acquisto di beni e servizi necessari e l'elemosina sono difficili da discernere. Colui che compra a una vendita di carità, normalmente, combina l'acquisto con un dono a scopi caritatevoli. Colui che dà 10 cents a un musicista cieco per la via, certamente non paga per l'esecuzione discutibile; fa semplicemente l'elemosina. L'uomo nell'azione è un'unità. Il commerciante che possiede un'azienda propria può talvolta cancellare i limiti tra gli affari e la carità. Se desidera soccorrere un amico in strettezze, la delicatezza di sentimenti può indurlo a ricorrere ad un procedimento che risparmi a questi l'imbarazzo di vivere d'elemosina. Dà all'amico un lavoro nel suo ufficio, sebbene non abbia bisogno del suo aiuto o possa assumere un aiuto equivalente con un salario più basso. Allora il salario concesso appare formalmente come parte della spesa dell'azienda. In effetti è la spesa di una frazione del reddito del commerciante. Da un corretto punto di vista è consumo anziché spesa destinata ad aumentare i profìtti dell'azienda [nota 1]. Errori grossolani sono dovuti alla tendenza a considerare soltanto le cose tangibili, visibili e misurabili e a trascurare ogni altra cosa. Ciò che il consumatore compra non è semplicemente cibo o caloria. Questi non vuole cibarsi come un lupo, desidera mangiare come un uomo. Il cibo soddisfa l'appetito di molta gente quanto meglio e più appetitosamente e saporitamente è preparato, quanto meglio la tavola è apparecchiata, e quanto più gradevole è l'ambiente in cui il cibo è consumato. Tali cose non sono ritenute importanti quando si considerano esclusivamente gli aspetti chimici del processo di digestione [nota 2]. Ma il fatto che essi abbiano un'importante funzione nella determinazione dei prezzi degli alimenti è perfettamente compatibile con l'affermazione che la gente preferisce, ceteris paribus, comprare sul mercato meno caro. Se un

compratore, scegliendo tra due cose che il chimico e il tecnologo ritengono perfettamente uguali, preferisce la più cara, ha ragione. Se non sbaglia, paga per servizi che la chimica e la tecnologia non comprendono coi loro metodi specifici di investigazione. Se un uomo preferisce un luogo caro ad uno a buon mercato perchè ama centellinare il suo cocktails vicino a un duca o in un caffè di società, obiettiamo alla sua ridicola vanità. Ma non dobbiamo dire che la sua condotta non tende a migliorare il suo stato di soddisfazione.
1. Questo sovrapporsi dei limiti tra le spese d'affari e le spese consuntive è spesso incoraggiato dalle condizioni istituzionali. Una spesa addebitata in conto spese commerciali riduce il profitto netto e quindi l'ammontare delle tasse dovute. Se la tassa assorbe il 50% del profitto, il commerciante caritatevole spende soltanto 50% del dono fatto di propria tasca. Il resto dell'onere è sostenuto dal fisco. 2. Certamente una considerazione dal punto di vista della fisiologia della nutrizione non riterrà tali cose trascurabili.

Ciò che l'uomo fa è sempre inteso al miglioramento del proprio stato di soddisfazione. In questo senso — e non diversamente — siamo liberi di usare il termine egoismo, a sottolineare che l'azione è sempre necessariamente egoistica. Anche un'azione tendente al miglioramento diretto delle condizioni altrui è egoistica. L'attore considera per sè più soddisfacente far mangiare l'altra gente che mangiare egli stesso. Il suo disagio è causato dalla consapevolezza del fatto che l'altra gente si trova nel bisogno. È un fatto che molta gente si comporta in modo differente e preferisce riempire il suo stomaco e non quello dei propri concittadini. Ma questo non ha nulla a che fare con l'economia; è un dato dell'esperienza storica. Ad ogni modo, l'economia si riferisce ad ogni specie di azione, non importa se motivata dallo stimolo di un uomo a mangiare o a far mangiare altra gente. Se massimizzare il profìtto significa che un uomo in tutte le transazioni di mercato tende a far massimo il vantaggio conseguente, è circonlocuzione pleonastica e perifrastica. Difatti asserisce soltanto ciò che è implicito nella categoria stessa dell'azione. Se significa qualcos'altro, esprime un'idea erronea. Taluni economisti credono sia compito dell'economia stabilire come, nell'insieme della società, possa ottenersi il massimo possibile di soddisfazione per tutti o per il maggior numero. Non si rendono conto che non vi è un metodo che ci permetta di misurare lo stato di soddisfazione raggiunto dai vari individui. Fraintendono il carattere di giudizi basati sulla comparazione tra la felicità di varia gente. Mentre esprimono giudizi di valore arbitrari, questi si convincono di accertare dei fatti. Si può considerare giusto derubare il ricco per regalare al povero. Tuttavia, dire

che qualcosa è giusto o ingiusto è sempre un giudizio di valore soggettivo e, come tale, puramente personale e non soggetto a nessuna verificazione o falsificazione. L'economia non mira a pronunciare giudizi di valore, ma a conoscere le conseguenze di certi modi d'azione. E' stato asserito che i bisogni fisiologici di tutti gli uomini sono della stessa specie, e che questa eguaglianza è uno standard per la misura del grado della loro soddisfazione oggettiva. Esprimendo tale opinione e raccomandando l'uso di tali criteri di guida per una politica di governo, si propone di trattare gli uomini come l'allevatore tratta il suo bestiame. I riformatori non si rendono conto che non vi sono principii universali di alimentazione validi per tutti gli uomini. La scelta fra i vari principii dipende interamente dagli scopi che si desidera raggiungere. L'allevatore non nutre le sue vaccine per farle felici, ma per gli scopi assegnati loro nei suoi piani. Può preferire più latte, o più carne o qualcos'altro. Quale tipo desidera tirar su l'allevatore di uomini : atleti o matematici ? Guerrieri od operai ? Colui che volesse fare dell'uomo oggetto di un sistema deliberato di allevamento e di nutrizione si arrogherebbe poteri dispotici e userebbe i suoi simili come mezzo ai suoi fini particolari, che differiscono da quelli cui essi tendono. I giudizi di valore di un individuo distinguono fra ciò che lo rende più e ciò che lo rende meno soddisfatto. I giudizi di valore che un uomo pronuncia sulla soddisfazione di un altro uomo non affermano nulla sulla soddisfazione di quest'altro uomo. Affermano soltanto quale condizione di quest'uomo soddisfa meglio colui che pronuncia il giudizio. I riformatori in cerca del massimo di soddisfazione generale ci hanno detto semplicemente quale stato altrui sarebbe più adatto a loro stessi.

4. L'economia autistica. Nessuna costruzione ideale ha causato maggior reazione di quella di un attore isolato, interamente dipendente da se stesso. Tuttavia, l'economia non può farne a meno. Per studiare lo scambio interpersonale, lo deve comparare a condizioni in cui è assente. Essa costruisce due varietà dell'immagine di un'economia autistica, in cui vi è solo scambio autistico: l'economia di un individuo isolato e l'economia di una società socialista. Usando questa costruzione ideale gli economisti non si preoccupano se tale sistema possa anche esistere nella realtà [nota 1]. Sanno benissimo che la loro costruzione ideale è fittizia. Robinson Crusoe, che peraltro può essere esistito, e l'amministratore generale di una comunità socialista perfettamente isolata che mai è esistita, non sarebbero stati in grado di pianificare e di agire, perchè ciò si può soltanto

col ricorso al calcolo economico. Tuttavia, nello schema della nostra costruzione ideale, siamo liberi di pretendere che possano calcolare, allorquando la finzione possa essere utile per la discussione di un problema specifico.
1. Ci occupiamo qui di problemi di teoria, non di storia. Possiamo quindi esimerci dal refatare le obiezioni sollevate contro il concetto di un attore isolato rinviando alla funzione storica di un'economia familiare autosufficiente.

La costruzione ideale di un'economia autistica è alla base della distinzione popolare tra produttività e redditività sviluppata come misura dei giudizi di valore. Coloro che ricorrono a questa distinzione considerano l'economia autistica, specialmente di tipo socialista, il sistema più desiderabile e perfetto di amministrazione economica. Ogni fenomeno dell'economia di mercato è giudicato in base al fatto che possa o meno essere giustificato dal punto di vista di un sistema socialista. Soltanto all'azione conforme ai piani di un tale sistema di amministrazione è attribuito valore positivo e l'epiteto produttiva. Tutte le altre attività dell'economia di mercato sono dette improduttive, ad onta del fatto che possano tornare profittevoli a coloro che le compiono. Così, per esempio, la promozione delle vendite, la pubblicità e l'attività bancaria sono considerate attività profittevoli ma non produttive. L'economia, naturalmente, non ha nulla da dire su questi arbitrari giudizi di valore.

5. Lo stato di quiete e l'economia uniformemente rotante. L'unico metodo per trattare il problema dell'azione è di supporre che l'azione tenda, in definitiva, a produrre uno stato di cose in cui non v'è più azione, sia perchè tutto il disagio è stato rimosso sia perchè ogni ulteriore rimozione di un disagio provato è fuori questione. L'azione tende così a uno stato di quiete, di assenza d'azione. La teoria dei prezzi analizza in conformità lo scambio interpersonale. La gente scambia sul mercato finché nessun scambio ulteriore è possibile, perchè nessuna parte si aspetta di migliorare ulteriormente le proprie condizioni da un nuovo atto di scambio. I compratori potenziali considerano i prezzi richiesti dai venditori potenziali insoddisfacenti, e viceversa. Nessun'altra transazione ha luogo. Uno stato di quiete si impone. Questo stato di quiete, che possiamo chiamare di quiete completa, non è una costruzione puramente immaginaria. Esso si presenta e cessa continuamente. Quando la borsa

chiude, gli agenti hanno eseguito tutti gli ordini che potevano essere eseguiti al prezzo di mercato. Soltanto i venditori e compratori potenziali, che considerano il prezzo di mercato rispettivamente troppo basso e troppo alto, non hanno venduto o comprato [nota 1]. Lo stesso vale riguardo a tutte le transazioni. L'intera economia di mercato è un grande scambio o piazza di mercato, per così dire. Ad ogni istante si verificano tutte le transazioni che le parti sono pronte a concludere al prezzo realizzabile. Le nuove vendite possono essere influenzate soltanto quando le valutazioni delle parti sono mutate.
1. Per semplicità, trascuriamo le fluttuazioni di prezzo nel corso della giornata d'affari.

È stato asserito che la nozione di stato di quiete completa è insoddisfacente. Esso si riferisce, si dice, soltanto alla determinazione dei prezzi dei beni di cui è già disponibile una provvista definita, e non dice nulla sugli effetti prodotti da questi prezzi sulla produzione. L'obiezione è infondata. I teoremi inerenti alla nozione di stato di quiete completa sono validi riguardo a tutte le transazioni senza eccezione. È vero che i compratori di fattori di produzione si rimetteranno immediatamente a produrre e rientreranno subito nel mercato per vendere i loro prodotti e comprare ciò che loro abbisogna per il proprio consumo e la continuazione dei processi di produzione. Ma questo non invalida lo schema. Lo schema difatti non sostiene che lo stato di quiete durerà. L'intervallo di calma sparirà certamente non appena cambieranno le condizioni momentanee che l'hanno determinato. La nozione di stato di quiete completa non è una condizione ideale, ma descrizione adeguata di ciò che continuamente accade su tutti i mercati. A questo riguardo essa differisce radicalmente dalla nozione di stato definitivo di quiete. Trattando dello stato di quiete completa, guardiamo soltanto a ciò che accade al momento. Limitiamo l'attenzione a ciò che è accaduto al momento e trascuriamo ciò che accadrà successivamente, nel prossimo istante, o domani, o più tardi. Consideriamo soltanto i prezzi realmente pagati nelle vendite, cioè i prezzi del passato immediato. Non domandiamo se i prezzi futuri saranno o meno uguali a questi. Ma ora facciamo un passo avanti. Consideriamo i fattori che sono tenuti a produrre una tendenza al cambiamento del prezzo. Tentiamo di provare a quale scopo questa tendenza debba condurre prima che la sua forza propulsiva sia esaurita ed emerga un nuovo stato di quiete. Il prezzo corrispondente a questo futuro stato di quiete era detto prezzo naturale dai vecchi economisti; oggigiorno è spesso usato il termine di prezzo statico. Per evitare associazioni ingannevoli è più opportuno chiamarlo prezzo finale e in conformità parlare di uno stato finale di quiete. Questo

stato finale di quiete è una costruzione ideale, non una descrizione della realtà. Perchè esso non sarà mai raggiunto. Nuovi fattori disturbanti emergeranno prima che venga realizzato. Ciò che rende necessario il ricorso a questa costruzione ideale è il fatto che il mercato, in ogni istante, si muove verso uno stato finale di quiete. Ogni nuovo istante successivo può creare fatti alteranti questo stato finale di quiete. Ma il mercato è sempre reso inquieto dalla tendenza a un definito stato finale di quiete. Il prezzo di mercato è un fenomeno reale; il rapporto di scambio che rende effettivi gli affari contrattati. Il prezzo finale è ipotetico. I prezzi di mercato sono fatti storici e siamo, quindi, in grado di annotarli con esattezza numerica in dollari e centesimi. Il prezzo finale può essere definito soltanto definendo le condizioni richieste perchè esso si verifichi. Nessun valore numerico definito in termini monetari o in quantità di altri beni può esservi attribuito. Esso non si darà mai sul mercato. Il prezzo di mercato non può mai coincidere col prezzo finale, coordinato all'istante in cui questa struttura di mercato è effettiva. Ma la catallattica mancherebbe deplorevolmente al suo compito di analizzare i problemi della determinazione del prezzo se trascurasse di occuparsi del prezzo finale. Perchè nella situazione di mercato dalla quale emerge il prezzo di mercato ci sono già forze latenti operanti, che continueranno a produrre variazioni di prezzo finché, ammesso che non appaiano nuovi dati, prezzo finale e stato finale di quiete siano realizzati. Restringeremmo indebitamente lo studio della determinazione dei prezzi, se guardassimo soltanto ai prezzi di mercato momentanei e allo stato di quiete completa e trascurassimo il fatto che il mercato è sempre agitato da fattori che devono produrre ulteriori cambiamenti di prezzo e la tendenza verso un differente stato di quiete. Il fenomeno che abbiamo da considerare, è che i cambiamenti nei fattori che determinano la formazione dei prezzi non producono istantaneamente tutti i loro effetti. Un lasso di tempo deve trascorrere prima che tutti i loro effetti siano esauriti. Tra l'apparizione di un nuovo dato e il perfetto adattamento del mercato ad esso deve passare qualche tempo. (E, naturalmente, mentre questo periodo di tempo trascorre, nuovi dati appaiono). Trattando degli effetti del cambiamento nei fattori operanti sul mercato, non dobbiamo mai dimenticare che consideriamo eventi che hanno luogo in una successione, con una serie di effetti che si succedono l'uno all'altro. Non siamo in grado di conoscere in anticipo quanto tempo dovrà passare. Ma conosciamo per certo che qualche tempo deve passare, sebbene questo talvolta sia così piccolo da non influenzare praticamente la vita reale. Gli economisti spesso errarono trascurando l'elemento tempo. Si prenda, ad esempio, la controversia relativa agli effetti dei cambiamenti nella quantità di moneta. Taluni erano interessati soltanto agli effetti di

lungo andare, cioè ai prezzi finali e allo stato finale di quiete. Altri vedevano soltanto gli effetti di breve andare, cioè i prezzi nell'istante successivo al cambiamento dei dati. Gli uni e gli altri erravano, e le loro conclusioni erano conseguentemente viziate. Molti altri esempi di questo errore grossolano potrebbero essere citati. La costruzione ideale dello stato finale di quiete è realizzata nel fare piena attenzione al cambiamento nella successione temporale degli eventi. A questo riguardo, essa differisce dalla costruzione ideale dell'economia uniformemente rotante, che è caratterizzata dalla eliminazione del cambiamento nei dati e dell'elemento tempo. (È inopportuno ed erroneo chiamare questa costruzione ideale, come usa, economia statica o equilibrio statico, ed è pessimo errore confonderla con la costruzione ideale di una economia stazionaria) [nota 1]. L'economia uniformemente rotante è un sistema fittizio, in cui i prezzi di mercato di tutti i beni e servizi coincidono coi prezzi finali. Nel suo schema non vi sono cambiamenti di sorta; vi è perfetta stabilità di prezzi. Le stesse transazioni di mercato sono ripetute continuamente. I beni di ordine superiore passano nella stessa quantità attraverso gii stessi stadi di lavorazione fino a che, in definitiva, i beni di consumo arrivano nelle mani dei consumatori e sono consumati. Nessun cambiamento si verifica nei dati di mercato. L'oggi non differisce dall'ieri, ed il domani non sarà differente dall'oggi. Il sistema è in perpetuo flusso, ma rimane sempre allo stesso posto. Esso gira uniformemente attorno .a un centro fisso, ruota uniformemente. Lo stato di quiete completa è scon- volto continuamente, ma istantaneamente si ristabilisce al livello precedente. Tutti i fattori, inclusi quelli che determinano l'alterazione ricorrente dello stato di quiete completa, sono costanti. Quindi i prezzi — comunemente detti prezzi di equilibrio o statici — rimangono pure costanti.
1. Vedi sotto, pagg. 245-246.

L'essenza di questa costruzione ideale è l'eliminazione del decorso del tempo e del perpetuo cambiamento dei fenomeni di mercato. La nozione di cambiamento relativamente alla domanda e all'offerta è incompatibile con questa costruzione. Soltanto i cambiamenti che non influiscono sulla configurazione dei fattori determinanti il prezzo possono essere considerati nel suo schema. Ai mortali non è necessario il mondo immaginario di un'economia uniformemente rotante con uomini immortali, senza età e non prolificanti. Siamo liberi di assumere che i bambini nascano, crescano e infine muoiano, ammesso che le cifre totali della popolazione e di ogni gruppo di età rimangano uguali. Allora la domanda di beni il cui consumo è limitato a certe età e a certi gruppi non varia, sebbene gli individui dai quali promana non siano gli stessi.

In realtà, non vi è mai un sistema economico uniformemente rotante. Tuttavia, per analizzare i problemi del cambiamento nei dati e nel movimento irregolare e disforme dobbiamo confrontarli con lo stato fittizio in cui entrambi i cambiamenti sono ipoteticamente eliminati. È quindi assurdo sostenere che la costruzione di un'economia uniformemente rotante non spiega le condizioni entro un universo mutevole e domandare agli economisti di sostituire uno studio della "dinamica" in luogo dell'asserito esclusivo loro occuparsi della "statica". Questo cosiddetto metodo statico è precisamente lo strumento mentale piò idoneo all'esame del cambiamento. Non v'è altro mezzo per studiare i complessi fenomeni dell'azione che prescindere inizialmente da ogni cambiamento, per poi introdurre un fattore isolato che provochi il cambiamento e infine analizzare i suoi effetti, assumendo che le altre cose rimangano uguali. È inoltre assurdo credere che i servizi resi dalla costruzione di un'economia uniformemente rotante hanno tanto maggior valore quanto più l'oggetto del nostro studio, il regno dell'azione reale, corrisponde a questa costruzione relativamente all'assenza di movimento. Il metodo statico è il solo adeguato per analizzare i cambiamenti in questione, senza riguardo al fatto che essi siano grandi o piccoli, repentini o lenti. Le obiezioni sin qui sollevate contro l'uso della costruzione immaginaria di un'economia uniformemente rotante hanno sbagliato completamente il segno. I loro autori non hanno afferrato per quale riguardo questa costruzione è problematica è perchè essa possa facilmente ingenerare errore e confusione. L'azione è cambiamento, e il cambiamento è nella sequenza temporale. Ma, nell'economia uniformemente rotante, cambiamento e successione di eventi sono eliminati. L'azione è scelta e lotta con un futuro incerto. Ma nell'economia uniformemente rotante non vi è scelta e il futuro non è incerto poiché non differisce dallo stato presente conosciuto. Tale rigido sistema non è popolato da mortali che fanno scelte e sono soggetti ad errore. È un mondo di automi senz'anima e senza pensiero; non è una società umana, è un formicaio. Queste insolubili contraddizioni, tuttavia, non toccano il servigio che questa costruzione rende all'unico problema per il cui trattamento è ad un tempo appropriata e indispensabile : il problema della relazione tra i prezzi dei prodotti e quelli dei fattori richiesti per la loro produzione, e i problemi impliciti dell'impresa e del profitto e della perdita. Per afferrare la funzione dell'impresa e il significato di profitto e perdita costruiamo un sistema dal quale questi sono assenti. L'immagine è un puro strumento mentale, e non descrizione di uno stato di cose possibile e realizzabile. È anche fuori questione voler trarre dalla costruzione immaginaria di un sistema uniformemente rotante conseguenze logiche estreme. Perchè è

impossibile eliminare l'imprenditore dalla descrizione di un'economia di mercato. I vari fattori complementari di produzione non possono combinarsi spontaneamente. Essi hanno bisogno di essere combinati dallo sforzo intenzionale degli uomini tendenti a certi fini e motivati dal bisogno di migliorare il loro stato di soddisfazione. Eliminando l'imprenditore si elimina la forza motrice dell'intero sistema di mercato. Vi è poi una seconda deficienza. Nella costruzione immaginaria di un'economia uniformemente rotante, scambio indiretto e uso della moneta sono impliciti. Ma quale specie di moneta può essere questa? In un sistema senza cambiamento, in cui non vi è incertezza di sorta sul futuro, nessuno ha bisogno di contante. Ognuno conosce precisamente quale ammontare gli occorrerà ad ogni data futura. 1 quindi in condizione di prestare tutti i fondi che riceve in modo tale che i prestiti scadano alla data in cui avrà bisogno di essi. Supponiamo che vi sia soltanto moneta aurea e un'unica banca centrale. Col successivo progresso verso lo stato di un'economia uniformemente rotante tutti gli individui restringono gradatamente il contante, sicché le quantità di oro fluiscono ad impieghi non monetari industriali. Quando l'equilibrio è finalmente raggiunto, nessuno trattiene più contante ; l'oro non è più usato per scopi monetari. Individui e imprese posseggono solo titoli della banca centrale, parzialmente scadenti in corrispondenza precisa all'ammontare di cui avranno bisogno alle date rispettive per sistemare le loro obbligazioni. La banca centrale non ha bisogno di riserva, poiché la somma totale dei versamenti giornalieri dei suoi clienti uguaglia esattamente la somma totale dei prelievi. Tutte le transazioni possono infatti essere effettuate contabilmente sui libri della banca, senza ricorso al numerario. Così la "moneta" di questo sistema non è un medio di scambio. Non è affatto moneta ; è semplicemente numerario, un'eterea e indeterminata unità di conto di quel vago e indefinibile carattere che la fantasia di qualche economista e gli errori di molti profani hanno attribuito erroneamente alla moneta. L'interposizione di queste espressioni numeriche tra il venditore e il compratore non influenza l'essenza delle vendite. Essa è neutrale rispetto alle attività economiche. Ma la nozione di una moneta neutrale è irrealizzabile e per se stessa inconcepibile [nota 1]. Se usassimo la terminologia inopportuna degli scritti di economia contemporanea, dovremmo dire : la moneta è necessariamente un "fattore dinamico" ; non v'è posto per essa in un sistema "statico". Ma la nozione di un'economia di mercato senza moneta è contraddittoria per se stessa.
1. Cfr. sotto, pagg. 398-401.

La costruzione immaginaria di un sistema uniformemente rotante è una nozione limite. Nel suo schema non vi è infatti più azione. La

reazione automatica è sostituita allo sforzo conscio dell'uomo mirante a rimuovere il disagio. Possiamo impiegare questa costruzione immaginaria problematica soltanto se non dimentichiamo mai quale scopo è chiamata a servire! Vogliamo anzitutto analizzare la tendenza, prevalente in ogni azione, verso la realizzazione di un'economia uniformemente rotante; ma qui, dobbiamo sempre considerare che questa tendenza non può mai raggiungere il suo scopo in un universo non perfettamente rigido e immutabile, in un universo vivente. Secondariamente dobbiamo comprendere in quale aspetto le condizioni di un mondo vivente in cui vi è azione differiscono da quelle di un mondo rigido. Ciò è possibile solo con un argumentum a contrario fornito dall'immagine di un'economia rigida. Così siamo indotti a riflettere che la considerazione delle condizioni incerte del futuro incognito — la speculazione — è inerente ad ogni azione, e che profitto e perdita sono caratteristiche necessarie dell'azione, che non possono essere eliminate da nessun modo tendenzioso di pensare. I procedimenti adottati dagli economisti consapevoli di queste nozioni fondamentali possono essere detti metodo logico dell'economia e opposte alla tecnica del metodo matematico. Gli economisti matematici trascurano di trattare delle azioni che, nell'ipotesi irrealizzabile che nessun dato ulteriore si presenterà, dovrebbero realizzare l'economia uniformemente rotante. Essi non tengono conto dello speculatore individuale che non tende a realizzare un'economia uniformemente rotante, ma a trar profitto da un'azione che aggiusta meglio la condotta al fine perseguito, la miglior rimozione possibile del disagio. Essi insistono esclusivamente sullo stato immaginario di equilibrio che l'intero complesso di tali azioni raggiungerebbe in assenza di ulteriori cambiamenti nei dati. Descrivono questo equilibrio immaginario con gruppi di equazioni differenziali simultanee. Non riescono a comprendere che lo stato di cose di cui trattano non contiene più nessuna azione, ma soltanto una successione di eventi provocati da un mistico primo motore. Dedicano tutti i loro sforzi a descrivere, in simboli matematici, i vari "equilibri", cioè stati di quiete e assenza d'azione. Trattano dell'equilibrio come fosse un'entità reale e non una nozione limite, un puro strumento mentale. Il loro è un gioco vano di simboli matematici, passatempo non adatto ad apportare conoscenza alcuna [nota 1].
1. Per un ulteriore esame critico dell'economia matematica, vedi sotto, pagg. 835342.

6. L'economia stazionaria. La costruzione immaginaria di un'economia stazionaria è stata talvolta confusa con quella di un'economia uniformemente rotante. Ma, effettivamente, queste due costruzioni differiscono. Nell'economia stazionaria ricchezza e reddito individuale rimangono immutati. Con questa immagine i cambiamenti sono compatibili, mentre sarebbero incompatibili con la costruzione di un'economia uniformemente rotante. Le cifre della popolazione possono crescere o diminuire ammesso che siano accompagnate da un corrispondente aumento o caduta della ricchezza e del reddito. La domanda di taluni beni può cambiare, ma i cambiamenti devono verificarsi lentamente sicché i trasferimenti di capitale dalle branche di produzione che devono essere ridotte a quelle che devono essere espanse possano essere realizzati rinunciando a rimpiazzare l'equipaggiamento logoro nelle branche in contrazione e investendo invece in quelle in espansione. La costruzione immaginaria di uno stato stazionario sfocia in due ulteriori costruzioni: l'economia progressiva (in espansione) e l'economia regressiva (in contrazione). Nella prima le quote pro capite di ricchezza e di reddito e le cifre della popolazione tendono a un valore numerico più alto, nella seconda a un valore numerico più basso. Nell'economia stazionaria la somma totale di tutti i profitti e di tutte le perdite è zero. Nell'economia progressiva l'ammontare totale dei profitti eccede l'ammontare totale delle perdite. Nell'economia regressiva l'ammontare totale dei profìtti è minore dell'ammontare totale delle perdite. La precarietà di queste tre costruzioni immaginarie va riscontrata nel fatto che esse implicano la misurazione della ricchezza e del reddito. Poiché tali misurazioni sono impossibili e addirittura inconcepibili, è fuori questione adottarle per una classificazione rigorosa della realtà. Quando la storia economica tenta di classificare l'evoluzione economica entro un certo periodo secondo lo schema stazionario, progressivo o regressivo, ricorre infatti alla comprensione storica e non "misura".

7. L'integrazione delle funzioni catallattiche. Quando gli uomini, la storia economica, l'economia descrittiva e la statica economica impiegano il termine imprenditore, capitalista, proprietario terriero, lavoratore e consumatore trattando delle azioni, parlano di tipi ideali. Quando l'economia impiega gli stessi termini,

discorre di categorie catallattiche. Gli imprenditori, i capitalisti, i proprietari terrieri, i lavoratori e i consumatori della teoria economica non sono gli uomini viventi che si incontrano nella realtà della vita e della storia. Sono l'incarnazione di funzioni distinte nelle operazioni di mercato. Il fatto che tanto gli uomini agenti che le scienze applichino nel loro ragionamento i risultati dell'economia e costruiscano i loro tipi ideali ricorrendo alle categorie della teoria prasseologica, non modifica la distinzione logica radicale tra tipo ideale e categoria economica. Le categorie economiche di cui ci occupiamo si riferiscono puramente a funzioni integrate, i tipi ideali si riferiscono a eventi storici. L'uomo agente combina di necessità varie funzioni. Non è mai puramente consumatore : è imprenditore, proprietario terriero, capitalista o lavoratore o mantenuto a spese degli altri. Inoltre, le funzioni dell'imprenditore, del proprietario terriero, del capitalista e del lavoratore sono spesso combinate nella stessa persona. La storia classifica gli uomini secondo i fini cui tendono e i mezzi che impiegano per conseguirli. L'economia, spiegando la struttura dell'azione in una società di mercato senza riguardo ai fini e ai mezzi impiegati mira a discernere le categorie e le funzioni. Sono due compiti differenti, e la differenza apparirà meglio discutendo il concetto catallattico di imprenditore. Nella costruzione immaginaria di un'economia uniformemente rotante non v'è posto per l'attività imprenditoriale, perchè questa elimina tutti i cambiamenti dei dati che potrebbero influenzare i prezzi. Non appena si abbandona questa assunzione di rigidità, si trova che l'azione dev'essere influenzata da tutti i cambiamenti dei dati. Poiché l'azione è necessariamente diretta a influenzare uno stato futuro di cose, anche se talvolta soltanto il futuro immediato o ristante prossimo, essa è influenzata da ogni scorretta previsione dei cambiamenti che si verificheranno nei periodi intervallati tra l'inizio e la fine del periodo cui tendeva a provvedere (periodo di disposizione) [nota 1]. Così il risultato dell'azione è sempre incerto. L'azione è sempre speculazione. Questo vale non soltanto riguardo all'economia di mercato, ma nondimeno per Robinson Crusoe, l'attore immaginario isolato, e per le condizioni di un'economia socialista. Nella costruzione immaginaria di un sistema uniformemente rotante nessuno è imprenditore e speculatore. In ogni economia reale ogni attore è sempre imprenditore e speculatore. Gli esseri di cui gli attori si curano — i membri minori della famiglia in una società di mercato e le masse in una società socialista —, sebbene non attori essi stessi e quindi non speculatori, sono influenzati dal risultato delle speculazioni degli attori.
1. Cfr. pag. 460.

Parlando di imprenditori, l'economia non ha in vista uomini, ma una funzione definita. Questa funzione non è caratteristica particolare di un gruppo speciale o di una classe di uomini; è inerente ad ogni azione e grava su ogni attore. Incorporando questa funzione in una figura immaginaria, ricorriamo a un espediente metodologico. Il termine imprenditore usato dalla teoria catallattica significa : uomo agente, visto esclusivamente dall'aspetto dell'incertezza inerente ad ogni azione. Usando questo termine non si deve mai dimenticare che ogni azione è esplicata nel tempo, e quindi involve speculazione. I capitalisti, i proprietari terrieri e i lavoratori sono necessariamente degli speculatori. Così è il consumatore, anticipando la provvista per i bisogni futuri. Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Proviamo a pensare la costruzione immaginaria di un imprenditore puro fino alle sue estreme conseguenze logiche. Questo imprenditore non possieda capitale proprio. Il capitale richiesto per le sue attività imprenditoriali gli sia prestato dai capitalisti sotto forma di prestiti monetari. La legge, è vero, lo considera proprietario dei vari mezzi di produzione acquistati spendendo la somma prestata. Tuttavia, essendo l'ammontare delle attività bilanciato dalle passività, rimane senza proprietà. Se ha successo, il profitto netto è suo. Se fallisce, la perdita deve cadere sui capitalisti che gli hanno prestato i fondi. L'imprenditore sarebbe così un impiegato dei capitalisti, che specula per loro conto e partecipa al 100 % al profitto netto senza curarsi delle perdite. Ma anche se l'imprenditore fosse in grado di provvedere personalmente una parte del capitale richiesto e mutuasse soltanto il resto, le cose non differirebbero essenzialmente. Nella misura in cui non possono essere coperte dai fondi propri, le perdite cadono sui capitalisti prestanti, comunque possano essere i termini del contratto. Il capitalista virtualmente è dunque sempre imprenditore e speculatore. Corre sempre l'alea di perdere i suoi fondi, non essendovi investimenti perfettamente sicuri. Il proprietario terriero autosufficiente, che coltiva la sua proprietà unicamente per sopperire ai bisogni della famiglia, è influenzato da tutti i cambiamenti che interessano la fertilità della sua azienda agricola o l'oggetto dei suoi bisogni. In un'economia di mercato il risultato delle attività di un agricoltore è influenzato da tutti i cambiamenti riguardanti l'importanza del suo appezzamento per la provvista del mercato. L'agricoltore è chiaramente, anche dal punto di vista della terminologia volgare, un imprenditore. Nessun proprietario di mezzi di produzione, siano essi rappresentati da beni tangibili o da moneta, sfugge all'incertezza del futuro. L'impiego produttivo di un bene tangibile o di moneta, cioè la disposizione per i giorni a venire, è per se stesso attività imprenditoriale.

Le cose sono essenzialmente le stesse per il lavoratore. Questi è dotato di certe capacità ; le sue facoltà innate sono un mezzo di produzione meglio adatto per talune specie di lavoro e assolutamente inadatto per altre [nota 1]. Se egli ha acquisito la capacità necessaria all'esecuzione di certi tipi di lavoro, si trova, per il tempo e la spesa materiale assorbita dalla sua preparazione, nella condizione di un investitore. Ha fatto un investimento nella speranza di esserne compensato con un reddito adeguato. Il lavoratore è un imprenditore in quanto i suoi salari sono determinati dal prezzo che il mercato accorda al tipo di lavoro che egli esegue. Questo prezzo varia al variare delle condizioni, allo stesso modo in cui varia il prezzo di ogni altro fattore di produzione.
1. In qual senso il lavoro debba essere considerato come fattore non specifico di produzione, vedi sopra, pagg. 128-131.

Nel contesto della teoria economica il significato dei termini in questione è questo: imprenditore è colui che agisce in rapporto ai cambiamenti dei dati di mercato. Capitalista e proprietario terriero è colui che agisce in rapporto ai cambiamenti di valore e di prezzo prodotti — anche se tutti i dati del mercato rimangono uguali — dal mero passare del tempo come conseguenza della differente valutazione dei beni presenti e dei beni futuri. Lavoratore è l'uomo rispetto all'impiego del fattore di produzione umano la voro. Così ogni funzione è rigorosamente integrata : l'imprenditore guadagna il profitto o subisce la perdita; i proprietari di mezzi di produzione (beni, capitali o terra) guadagnano l'interesse originario ; i lavoratori guadagnano i salari. In questo senso elaboriamo il modello della distribuzione funzionale, che differisce dalla distribuzione storica effettiva [nota 1].
1. Sottolineiamo ancora che tutti, compresi i profani, nel trattare il problema della determinazione del reddito ricorrono sempre a questo modello. Non l'hanno inventato gli economisti. Essi l'hanno solo purgato delle deficienze peculiari alla nozione volgare. Per una trattazione epistemologica della distribuzione funzionale, cfr. John Bates Clark, The Distribution of Wealth, New York, 1908, pag. 5, e Kugen von Bohm-Bawerk, Gesammelte Schriften, editi da F. X. Weiss, Wien, 1924, pag. 299. Il termine "distribuzione" non deve ingannare nessuno ; il suo impiego in questo contesto dev'essere spiegato dalla funzione avuta nella storia del pensiero economico dal modello di uno stato socialista (cfr. sopra, pag. 234). Nel funzionamento di un'economia di mercato non v'è nulla che possa essere chiamato propriamente distribuzione. I beni non sono prima prodotti e poi distribuiti, come sarebbe il caso in uno stato socialista. La parola a distribuzione" come viene applicala nel termine "distribuzione funzionale" è conforme al significato attribuito alla "distribuzione" 150 anni fa. Attualmente l'uso inglese di "distribuzione" significa dispersione dei beni tra i consumatori attraverso il commercio.

L'economia tuttavia ha sempre usato e usa ancora il termine "imprenditore" in un senso diverso da quello attribuito ad esso dal modello della distribuzione funzionale. Difatti chiama imprenditori anche coloro che sono particolarmente intenti a profittare dell'adattamento della produzione ai cambiamenti sperati, che hanno maggiore iniziativa, maggiore spirito di avventura e una visione più immediata della massa, i pionieri che sollecitano e promuovono il progresso economico. Questa nozione è più stretta del concetto di imprenditore usato nella distribuzione funzionale. Non include molti casi inclusi nel secondo. È imbarazzante che lo stesso termine debba essere usato a significare due nozioni differenti. Sarebbe stato molto più opportuno impiegare un altro termine per questa seconda nozione, ad esempio "promotore". Si deve ammettere che la nozione di imprenditore-promotore non può essere definita con rigore prasseologico. (In ciò è simile alla nozione di moneta che pure rifiuta — al contrario di quella di mezzo di scambio — una rigida definizione prasseologica) [nota 1]. Tuttavia l'economia non può prescindere dal concetto di promotore, perchè si riferisce a una caratteristica generale della natura umana, presente in tutte le transazioni di mercato e profondamente determinante. Cioè al fatto che gli individui non reagiscono al cambiamento nelle condizioni con la stessa rapidità e nello stesso modo. L'ineguaglianza degli uomini, sia per qualità innate che per vicissitudini di vita, si manifesta pure in questo modo. V'è sul mercato gente che agisce con un certo anticipo, mentre altri sanno soltanto imitarla. Il fenomeno della leadership non è meno reale sul mercato che in ogni altra branca delle attività umane. La forza motrice del mercato, l'elemento che tende a innovare e a migliorare incessantemente, sta nel dinamismo del promotore e nella sua brama di ottenere più larghi profitti possibili. Non v'è tuttavia pericolo che l'uso equivoco di questo termine possa creare ambiguità nell'esposizione del sistema catallattico. Quando insorgono dubbi, questi possono essere eliminati usando il termine promotore anziché imprenditore.
1. Cfr. sotto, pag. 381.

La funzione imprenditoriale nell'economia stazionaria. Il mercato in futuri può sollevare l'imprenditore di una parte della sua funzione. Nella misura in cui questi si "assicura", con idonee transazioni a termine, contro le perdite cui potrebbe incorrere, cessa di

essere imprenditore e la funzione imprenditoriale viene devoluta col contratto all'altra parte. Il filatore di cotone, che acquista il grezzo per la sua filanda e vende la stessa quantità a termine, abbandona una parte della sua funzione di imprenditore. Non avrà nè profitti nè perdite dalle variazioni del prezzo del cotone nel periodo considerato. Naturalmente non cessa interamente di servire la funzione imprenditoriale. Tutte le variazioni nei prezzi del filato in generale o nei prezzi di capi e qualità speciali di prodotto, non determinate da una variazione del prezzo del grezzo, lo interessano comunque. Anche se fila soltanto su commissione contro una rimunerazione concordata, ha sempre una funzione imprenditoriale riguardo ai fondi investiti nelle sue attrezzature. Possiamo immaginare un'economia in cui le condizioni richieste per la determinazione dei mercati in futuri siano realizzate per tutte le specie di beni e servizi, ove la funzione dell'imprenditore sia completamente separata da tutte le altre. Emerge allora una classe di imprenditori puri. I prezzi fatti sui mercati a termine dirigono l'intero apparato produttivo. Soltanto chi contratta in futuri fa profitti e sopporta perdite. Tutti gli altri sono, per così dire, assicurati contro i possibili effetti avversi dell'incertezza del futuro. I capi delle varie unità commerciali sono come impiegati a reddito fisso. Se supponiamo inoltre che questa economia sia stazionaria e che tutte le transazioni in futuri siano concentrate in una società, è ovvio che l'ammontare totale delle perdite uguaglia esattamente l'ammontare totale dei profitti. Basta nazionalizzare questa società per realizzare uno stato socialista senza profitti e senza perdite, uno stato di indisturbata sicurezza e stabilità. Ma è così soltanto perchè la nostra definizione di economia stazionaria implica che la somma totale delle perdite sia uguale a quella dei profitti. In un'economia dinamica deve darsi invece un'eccedenza di profitto o di perdita. Sarebbe spreco di tempo indugiare oltre su queste immagini estremamente sofisticate, che non fanno progredire l'analisi dei problemi economici. La sola ragione di menzionarle è che riflettono idee alla base di alcune critiche fatte al sistema economico del capitalismo e di taluni piani illusori suggeriti per un controllo socialista degli affari. Ora, è vero che uno schema socialista è logicamente compatibile con le costruzioni immaginarie irrealizzabili di un'economia uniformemente rotante e di un'economia stazionaria. La predilezione con la quale gli economisti matematici trattano quasi esclusivamente delle condizioni di queste costruzioni immaginarie e dello stato di "equilibrio" implicito ad esse ha fatto dimenticare che esse sono solo espedienti concettuali, per se stessi contraddittori, e nulla più. Non sono certamente modelli idonei per costruire una società vivente di uomini.

CAPITOLO XV

IL MERCATO

1. Le caratteristiche dell'economia di mercato. L'economia di mercato è il sistema sociale della divisione del lavoro e della proprietà privata dei mezzi di produzione. Ognuno agisce per proprio conto ; ma le azioni di ognuno tendono tanto alla soddisfazione dei bisogni degli altri che dei propri. Agèndo, ognuno serve i suoi concittadini. D'altra parte, ognuno è servito dai suoi concittadini. Ognuno è in se stesso mezzo e fine; fine ultimo per se stesso e mezzo per gli altri nei loro tentativi di raggiungere i propri fini. Questo sistema è retto dal mercato. Il mercato instrada le attività degli individui nella direzione in cui servono meglio i bisogni dei propri simili. Il mercato funziona senza coercizione nè costrizione. Lo stato, apparato sociale coercitivo, non interferisce col mercato e con le attività civili dirette dal mercato. Esso impiega il suo potere coercitivo solo per prevenire azioni distruttive e preservare il funzionamento regolare dell'economia di mercato. Protegge la vita, la salute e la proprietà dell'individuo contro l'aggressione violenta o fraudolenta dei malviventi interni e dei nemici esterni. Così lo stato crea e preserva l'ambiente in cui l'economia di mercato può funzionare con sicurezza. Lo slogan marxista "produzione anarchica" caratterizza in modo pertinente questa struttura sociale come sistema economico non diretto da un dittatore, da uno czar della produzione che assegna a ognuno un compito e lo costringe ad obbedire ai suoi comandi. Ogni uomo è libero; nessuno è soggetto a un despota. L'individuo si integra per conto suo nel sistema cooperativo. Il mercato lo dirige e gli rivela ciò che può meglio promuovere il suo benessere e quello degli altri. Il mercato è supremo : soltanto esso mette in ordine l'intero sistema sociale dandogli senso e significato. Il mercato non è luogo, cosa, o entità collettiva. È processo attuato dalle interazioni dei vari individui cooperanti nella divisione del lavoro. Le forze che determinano lo stato, perennemente mutevole, del mercato sono i giudizi di valore degli individui e le azioni dirette dai loro giudizi di valore. Lo stato del mercato ad ogni istante è la struttura del prezzo, cioè la totalità dei rapporti di scambio stabilita dalle interazioni di quelli che desiderano comprare e vendere. Non vi è nulla di inumano o di mistico

riguardo al mercato. Il suo processo è in tutto risultante delle azioni umane. Ogni suo fenomeno può essere ricondotto alle differenti scelte dei membri che vi interferiscono. Il processo di mercato è adattamento delle azioni individuali alle esigenze della mutua cooperazione. I prezzi dicono ai produttori che cosa, come e in quale quantità produrre. Il mercato è il punto focale cui convergono le attività degli individui ; il centro dal quale esse si irradiano. L'economia di mercato deve essere rigorosamente differenziata dal secondo sistema pensabile — sebbene irrealizzabile — di cooperazione nella divisione del lavoro : sistema sociale o proprietà governativa dei mezzi di produzione. Questo secondo sistema è comunemente detto socialismo, comunismo, economia pianificata o capitalismo di stato. Economia di mercato, o capitalismo com'è ordinariamente chiamata, e economia socialista si escludono a vicenda. Non è possibile o pensabile commistione alcuna fra i due sistemi. Non vi è un'economia mista, un sistema che sarebbe in parte capitalista e in parte socialista. La produzione o è diretta solo dal mercato o solo dai decreti di uno czar o comitato di czar della produzione. Se nella società fondata sulla proprietà privata dei mezzi di produzione, taluni di questi mezzi sono posseduti e gestiti dall'ente pubblico — cioè dal governo o dai suoi organi — non si è in presenza di un sistema misto che combini socialismo e capitalismo. Il fatto che lo stato o le municipalità posseggano e gestiscano alcuni stabilimenti non altera i tratti caratteristici dell'economia di mercato, essendo le imprese possedute e gestite dall'ente pubblico soggette alla sovranità del mercato. Questi devono inserirsi, come compratori di materie grezze, equipaggiamento e lavoro e come venditori di beni e servizi, nello schema dell'economia di mercato. Sono soggette alla legge del mercato e pertanto dipendono dai consumatori, che possono o possono anche non sostenerle. Devono mirare al profitto o almeno a evitare perdite. Il governo può coprire le perdite dei suoi stabilimenti o spacci ricorrendo ai fondi pubblici. Ma ciò non elimina nè mitiga la supremazia del mercato. La sposta semplicemente ad un altro settore. Difatti i mezzi per coprire le perdite devono essere raccolti con l'imposizione di tasse, e queste influenzano il mercato e la struttura economica secondo leggi di mercato. fi il funzionamento del mercato, e non il governo che colletta le tasse, a decidere su chi cade l'incidenza delle tasse e il loro modo di influenzare la produzione e il consumo. È così il mercato, e non un ufficio governativo, a determinare il funzionamento delle imprese pubblicamente gestite. Nulla che sia in qualche modo connesso col funzionamento del mercato dev'essere chiamato socialista in senso prasseologico o economico. La nozione di socialismo come concepita e definita dai socialisti implica

l'assenza del mercato per i fattori di produzione e relativi prezzi. La "socializzazione" di stabilimenti, negozi e aziende agricole individuali — cioè il loro trasferimento dalla proprietà privata alla proprietà pubblica — è un metodo per realizzare il socialismo con misure successive. Un passo sulla via del socialismo, ma non socialismo in se stesso. (Marx e i marxisti ortodossi negano apertamente la possibilità di un tale graduale approccio al socialismo. Secondo la loro dottrina l'evoluzione del capitalismo raggiungerà un giorno il punto in cui di colpo il capitalismo sarà trasformato in socialismo). Le imprese gestite dal governo nell'economia della Russia Sovietica, per il mero fatto di comprare e vendere sui mercati, sono connesse al sistema capitalistico. Esse dànno testimonianza di questa connessione calcolando in termini monetari e utilizzando i metodi concettuali del sistema capitalista che fanaticamente condannano. Perchè il calcolo economico monetario è la base concettuale dell'economia di mercato. I compiti dell'azione entro un sistema a divisione dei lavoro non possono essere realizzati senza calcolo economico, e l'economia di mercato calcola in termini di prezzi monetari. Questo modo di calcolo ha costituito l'aspetto funzionale della sua evoluzione e del suo funzionamento attuale. L'economia di mercato è reale perchè può calcolare.

2. Il capitale. Lo strumento concettuale dell'economia di mercato è il calcolo economico, la cui nozione fondamentale è quella di capitale e correlativo reddito. Le nozioni di capitale e di reddito nella pratica computistica e nelle riflessioni correnti di cui la prima è puramente un raffinamento, mettono a raffronto mezzi e fini. Il calcolo mentale dell'attore traccia una linea di demarcazione tra i beni di consumo che progetta di impiegare per la soddisfazione immediata dei suoi bisogni e i beni di tutti gli ordini — inclusi quelli di primo ordine [nota 1] — che intende impiegare per provvedere, con l'azione futura, alla soddisfazione dei bisogni futuri. La differenziazione dei mezzi e dei fini diventa così differenziazione di acquisizione e di consumo, di commercio e di economia familiare, di fondi mercantili e di beni familiari. L'intero complesso dei beni destinati all'acquisizione è valutato in termini monetari e questa somma — il capitale — è il punto di partenza del calcolo economico. Fine immediato dell'azione acquisitiva è l'aumento o, almeno, la preservazione del capitale. L'ammontare che può essere consumato entro un periodo definito

senza diminuire il capitale è detto reddito. Se il consumo eccede il reddito disponibile, la differenza è detta consumo di capitale. Se il consumo disponibile è maggiore dell'ammontare consumato, la differenza è detta risparmio. Tra i compiti principali del calcolo economico v'è quello di stabilire le grandezze del reddito, del risparmio e del consumo di capitale.
1. Per lui, questi beni non sono di primo ordine, ma di ordine superiore, fattori della produzione ulteriore.

Le riflessioni che hanno condotto l'uomo agente alle nozioni relative al concetto di capitale e di reddito sono immanenti a ogni premeditazione e programmazione dell'azione. Anche gli agricoltori più primitivi sono profondamente convinti delle conseguenze degli atti che a un contabile moderno apparirebbero come consumo di capitale. La riluttanza del cacciatore a uccidere una cerva gravida e il disagio sentito anche dai guerrieri più spietati nel tagliare alberi da frutta erano manifestazioni di una mentalità influenzata da simili considerazioni. Queste erano pure presenti nell'antica istituzione legale dell'usufrutto e in consuetudini e pratiche analoghe. Ma solo chi è in condizione di ricorrere al calcolo monetario può enucleare in tutta chiarezza la distinzione tra la sostanza economica e i vantaggi derivati da essa e applicarla accuratamente a tutte le classi, specie e ordini di beni e servizi. Solo questi può stabilire simili distinzioni riguardo alle condizioni perpetuamente mutevoli delle industrie manifatturiere altamente sviluppate e alla complicata struttura della cooperazione sociale di centinaia di migliaia di lavori e prestazioni specializzati. Risalendo indietro dalla conoscenza fornita dalla contabilità moderna alle condizioni degli antenati selvaggi della razza umana, possiamo dire metaforicamente che essi pure usavano "capitale". Un contabile contemporaneo potrebbe applicare tutti i metodi della sua professione ai loro primitivi strumenti di caccia e di pesca, al loro allevamento di bestiame e alla loro coltivazione del suolo, se conoscesse i prezzi da assegnare alle varie voci. Alcuni economisti hanno concluso da ciò che il "capitale" è una categoria di tutta la produzione umana, presente in ogni sistema pensabile di condotta dei processi di produzione — tanto nell'involontario eremitaggio di Robinson Crusoe che in una società socialista — e che esso non dipende dalla pratica del calcolo monetario [nota 1]. Si tratta peraltro di una confusione. Il concetto di capitale non può essere separato dal contesto di calcolo monetario e dalla struttura sociale di un'economia di mercato in cui soltanto questo calcolo è possibile. Al di fuori delle condizioni di un'economia di mercato esso non ha senso. La sua funzione rimane limitata ai piani e alla contabilità degli individui agenti per proprio conto in un sistema di proprietà privata dei mezzi di

produzione, e il suo sviluppo è connesso alla diffusione del calcolo economico in termini monetari [nota 2].
1. Cfr., per es., R. v. Strigl, Kapital und Production, Wien, 1934, pag. 3. 2. Cfr. Frank A. Fetter, in "Encyclopaedia of the Social Sciences", III, pag. 190.

La contabilità moderna è il frutto di una lunga evoluzione storica. Tra uomini d'affari e contabili vi è oggi unanimità relativamente al significato di capitale. Capitale è la somma di moneta equivalente a tutte le attività meno la somma equivalente a tutte le passività, impegnate a una data definita per la condotta delle operazioni di una unità commerciale. Non importa di che queste attività possano consistere, se di appezzamenti di terra, di fabbricati, di equipaggiamenti, strumenti, beni di qualsiasi specie e ordine, diritti, crediti, cassa o altro. È un fatto storico che, nei tempi primitivi, la contabilità dei commercianti, pionieri del calcolo monetario, non includeva generalmente l'equivalente monetario degli edifici e della terra nella nozione di capitale. È vero anche che gli agricoltori furono lenti ad applicare alla terra il concetto di capitale. Pure oggi, in molti paesi progrediti, solo una parte degli agricoltori ha familiarità con la pratica di una sana contabilità. Molti si accontentano di un sistema di contabilità che trascura di considerare la terra e il suo contributo produttivo. Le loro poste contabili non includono l'equivalente monetario della terra e sono, conseguentemente, indifferenti ai cambiamenti di questo. Tali conti sono lacunosi perchè mancano di dare quell'informazione che è il solo scopo cercato dalla contabilità di capitale. Non indicano se la gestione dell'azienda agricola ha deteriorato o meno la capacità della terra a contribuire alla produzione, cioè il suo valore d'uso oggettivo. Se v'è stata erosione del suolo, i loro libri lo ignorano; e così il reddito calcolato (prodotto netto) è maggiore di quanto un metodo più completo di contabilità avrebbe specificato. È necessario richiamare questi fatti storici, perchè hanno influenzato gli sforzi degli economisti per la costruzione della nozione di capitale reale. Gli economisti si sono trovati e si trovano tuttora di fronte alla credenza superstiziosa, che la scarsità dei fattori di produzione potrebbe essere eliminata interamente o almeno in parte incrementando la moneta in circolazione con l'espansione del credito. Per trattare adeguatamente di questo problema fondamentale di politica economica, essi ritennero necessario costruire una nozione di capitale reale opponendole quella applicata dai commercianti, il cui calcolo si riferisce all'intero complesso delle loro attività acquisitive. Allora la posizione dell'equivalente monetario della terra nel concetto di capitale era ancora discussa. Così gli

economisti credettero ragionevole trascurare la terra nella loro nozione di capitale reale. Definirono il capitale reale come la totalità dei fattori di produzione prodotti disponibili. Si iniziarono discussioni bizantine, se le scorte di beni capitali dell'unità commerciale fossero o meno capitale reale. Ma vi era unanimità quasi assoluta che il contante non fosse capitale reale. Ora, il concetto di totalità dei fattori di produzione prodotti è un concetto vuoto. L'equivalente monetario dei vari fattori di produzione posseduti dall'unità commerciale può essere determinato e sommato. Ma se facciamo astrazione dalla valutazione in termini monetari, la totalità dei fattori di produzione prodotti è puramente un'enumerazione di quantità fisiche di migliaia e migliaia di vari beni. Ma tale inventario non serve all'azione. È una descrizione di parte dell'universo in termini di tecnologia e topografìa e non ha alcun riferimento coi problemi sollevati dai tentativi di migliorare il benessere umano. Noi possiamo rassegnarci all'uso terminologico di chiamare beni capitali i fattori di produzione prodotti. Ma ciò non rende più significativo il concetto di capitale reale. La peggiore conseguenza dell'uso della nozione mitica di capitale reale, fu che gli economisti cominciarono a speculare sul problema spurio della produttività del capitale (reale). Fattore di produzione è, per definizione, una cosa capace di contribuire al successo di un processo di produzione. Il prezzo di mercato riflette interamente il valore attribuito a questo contributo. I servizi attesi dall'impiego di un fattore di produzione (cioè il suo contributo produttivo) sono pagati nelle transazioni di mercato secondo il pieno valore che la gente attribuisce loro. Questi fattori sono apprezzati solo riguardo a questi servizi, unica ragione del loro prezzo. Una volta pagati questi prezzi, non rimane nulla che possa determinare ulteriori pagamenti da parte di qualcuno come compenso per i servizi produttivi addizionali di questi fattori di produzione. Fu un errore grossolano spiegare l'interesse come il reddito derivato dalla produttività del capitale [nota 1].
1. Cfr. sotto, pagg. 502-510

Non meno perniciosa fu una seconda confusione derivata dal concetto di capitale reale. La gente cominciò a meditare su un concetto di capitale sociale ritenuto differente dal capitale privato. Partendo dalla costruzione immaginaria di un'economia socialista, essa si provò a definire un concetto di capitale sociale adatto alle attività economiche dell'amministratore generale di un tale sistema. Essa aveva ragione assumendo che tale amministratore avrebbe desiderato conoscere se la sua condotta degli affari fosse proficua (dal punto di vista delle proprie valutazioni e dei fini cui tendeva relativamente a queste valutazioni), e

quanto potesse spendere per il consumo delle sue guardie senza diminuire lo stock disponibile dei fattori di produzione e così pregiudicare il gettito della produzione futura. Un governo socialista avrebbe estremo bisogno dei concetti di capitale e di reddito come guida alle sue azioni. Tuttavia, in un sistema economico in cui non vi è proprietà privata dei mezzi di produzione, nè mercato, nè prezzi per tali beni, i concetti di capitale e di reddito sono postulati meramente accademici, privi di qualsiasi applicazione pratica. In un'economia socialista vi sono beni capitali, ma non capitale. La nozione di capitale ha senso soltanto nell'economia di mercato. Serve alle deliberazioni e ai calcoli degli individui o gruppi di individui operanti per conto proprio in un'economia siffatta. È uno strumento dei capitalisti, degli imprenditori e degli agricoltori intenti a realizzare profitti e a evitare perdite. Non è una categoria di tutta l'azione. È una categoria dell'azione entro un'economia di mercato.

3. Il capitalismo. Tutte le civiltà si sono finora basate sulla proprietà privata dei mezzi di produzione. Nel passato civiltà e proprietà privata erano in intima connessione. Coloro che sostengono che l'economia è una scienza sperimentale, e ciononostante raccomandano il controllo pubblico dei mezzi di produzione, si contraddicono deplorevolmente. Se l'esperienza storica potesse insegnarci qualcosa, sarebbe che la proprietà privata è inestricabilmente connessa alla civiltà. Non vi è nessuna esperienza che il socialismo possa realizzare un tenore di vita altrettanto alto di quello assicurato dal capitalismo [nota 1].
1. Per un esame dell' "esperimento" russo, vedi Mises, Planned Chaos, Irvingtonon-Hudson, 1947, pagg. 80-87.

Il sistema dell'economia di mercato non è mai stato sperimentato in modo puro e completo. In via di massima è tuttavia prevalsa, nell'orbita della civiltà occidentale sin dal Medio Evo, una tendenza generale all'abolizione delle istituzioni che ostacolano il funzionamento dell'economia di mercato. Progredendo questa tendenza, il numero della popolazione si è moltiplicato e il tenore di vita delle masse ha raggiunto un livello sino ad ora mai sognato. Il lavoratore medio americano gode comodità di cui Creso, Crasso, i Medici e Luigi XIV lo avrebbero invidiato. I problemi sollevati dalla critica socialista e internazionalista dell'economia di mercato sono puramente economici e possono essere

trattati soltanto nel modo in cui questo libro tenta di trattarli: con un'analisi esauriente dell'azione umana e di tutti i sistemi pensabili di cooperazione socialista. Il problema psicologico del perchè la gente disprezza il capitalismo e chiama capitalista ogni cosa che non le piace e socialista tutto quanto apprezza concerne la storia e dev'essere lasciato agli storici. Ma qui molti altri punti devono essere focalizzati. Gli avvocati del totalitarismo considerano il "capitalismo" male orribile, un'orrenda malattia caduta addosso all'umanità. Agli occhi di Marx esso era lo stadio inevitabile dell'evoluzione dell'umanità, ma di tutti il male peggiore; fortunatamente, la salvazione che libererà l'uomo per sempre da questo disastro è imminente. Secondo altri sarebbe stato possibile evitare il capitalismo se gli uomini fossero stati semplicemente più morali e più saggi e più abili nella scelta delle loro politiche economiche. Tutte queste elucubrazioni hanno una caratteristica in comune. Considerano il capitalismo come fenomeno accidentale, che potrebbe essere eliminato senza alterare le condizioni essenziali all'azione e al pensiero dell'uomo civile. Poiché trascurano di occuparsi del problema del calcolo economico, essi non si rendono conto delle conseguenze che l'abolizione del calcolo monetario necessariamente comporterebbe. Non si rendono conto che i socialisti, per i quali l'aritmetica non servirà affatto a programmare l'azione, differiranno interamente nella loro mentalità e nel loro modo di pensare dai nostri contemporanei. Trattando del socialismo non dobbiamo trascurare questa trasformazione mentale anche se fossimo pronti a passare sotto silenzio le disastrose conseguenze che ne risulterebbero per il benessere materiale dell'uomo. L'economia di mercato è un modo di azione creato dall'uomo nella divisione del lavoro. Ma ciò non implica che sia qualcosa di accidentale o artificiale e che possa essere rimpiazzata da un modo differente. Difatti essa è il prodotto di un lungo processo evolutivo; il risultato degli sforzi umani di adattare nel miglior modo possibile l'azione alle condizioni inalterabili dell'ambiente; la strategia, per dir così, con l'applicazione della quale l'uomo è passato trionfalmente dalla barbarie alla civiltà. Un modo di argomentare popolarissimo fra gli autori contemporanei è che il capitalismo sarebbe il sistema economico che ha prodotto le meravigliose conquiste degli ultimi duecento anni. Ma per l'appunto sarebbe superato, perchè ciò che era vantaggioso nel passato non può esserlo per il nostro tempo e per il tempo futuro. Ragionamento in aperta contraddizione coi principii della conoscenza sperimentale. Non occorre riprendere qui la questione se la scienza dell'azione umana possa adottare o no i metodi delle scienze naturali sperimentali. Anche se fosse permesso rispondervi in senso affermativo, sarebbe assurdo argomentare come fanno questi sperimentatori à rebours. La scienza sperimentale asserisce che, poiché a era valido nel passato, sarà valido anche nel futuro. Non

deve mai inferire diversamente, asserendo che poiché a era valido nel passato non è valido nel futuro. Usa biasimare gli economisti per un'asserita trascuranza della storia. Essi, si sostiene, considerano l'economia di mercato come uno schema ideale ed eterno di cooperazione sociale e di conseguenza concentrano i loro studi nell'investigazione delle condizioni dell'economia di mercato trascurando tutto il resto. Non si preoccupano del fatto che il capitalismo si sia affermato soltanto negli ultimi duecento anni, e che ancor oggi sia ristretto ad un'area comparativamente piccola della superficie terrestre e a una minoranza di gente. Vi erano e vi sono altre civiltà, con mentalità differente e differenti modi di condurre gli affari economici. Il capitalismo, visto sub specie aeternitatis, è un fenomeno transeunte, uno stadio effimero della evoluzione storica, appunto la transizione dall'età precapitalistica al futuro postcapitalistico. Tutti questi criticismi sono spuri. L'economia non è, naturalmente, una branca della storia o di qualche altra scienza storica. È la teoria dell'azione umana, la scienza generale delle categorie immutabili dell'azione e loro funzionamento in tutte le condizioni particolari pensabili in cui l'uomo agisce. Come tale fornisce lo strumento concettuale indispensabile alla trattazione dei problemi storici ed etnografici. Lo storico o l'etnografo che trascura nel suo lavoro di fare pieno tesoro dei risultati dell'economia, fa un povero lavoro. Infatti non affronta la materia oggetto delle sue ricerche in modo neutrale relativamente a ciò che trascura come teoria. Ad ogni passo della sua raccolta di dati ritenuti "inadulterati", nel sistemarli e nel trarne le conclusioni è guidato da residui confusi e camuffati di dottrine economiche funzionali costruite dai pasticcioni nei secoli precedenti l'elaborazione di una scienza economica e da tempo riprovate. L'analisi dei problemi della società di mercato, unica configurazione dell'azione umana cui il calcolo può essere applicato nel programmare l'azione, introduce all'analisi di tutti i modi pensabili d'azione e di tutti i problemi economici coi quali hanno a che fare storici ed etnografi. I metodi non capitalistici di amministrazione economica possono essere studiati soltanto nell'assunzione ipotetica che in essi pure possono essere usati numeri cardinali per registrare l'azione passata e programmare l'azione futura. Questa la ragione per cui gli economisti mettono lo studio dell'economia pura di mercato al centro delle loro investigazioni. Non gli economisti mancano di "senso storico" e ignorano il fattore evolutivo, ma i loro critici. I primi sono sempre stati pienamente consapevoli del fatto che l'economia di mercato è il prodotto di un lungo processo storico cominciato quando la razza umana emerse dalla condizione degli altri primati. I sostenitori di ciò che erroneamente è detto "storicismo" si preoccupano di eliminare gli effetti dei cambiamenti

evolutivi. Ai loro occhi ogni cosa la cui esistenza non possa essere ricondotta a un remoto passato o scoperta nelle abitudini di talune tribù primitive della Polinesia è artificiale, e addirittura decadente. Il fatto che un'istituzione fosse sconosciuta ai selvaggi è da loro dato come prova della sua inutilità e della sua corruzione. Marx e Engels e i professori prussiani della scuola storica esultavano apprendendo che la proprietà privata è "soltanto" un fenomeno storico. Per essi questo era la prova che i loro piani socialisti erano realizzabili [nota 1].
1. Il prodotto più stupefacente di questo diffuso metodo di pensiero è il libro di un professore prussiano, Bernhard Laum, Die geschlossene Wirtschaft, Tubingen, 1933. Laum mette insieme una vasta collezione di citazioni da scritti etnografici che mostrano come molte tribù primitive considerassero l'economia autarchica naturale, necessaria e moralmente buona. Egli conclude da ciò che l'autarchia è lo stato naturale più opportuno di amministrazione economica e il ritorno all'autarchia "un processo biologicamente necessario" (pag. 491).

Il genio creatore differisce dai suoi simili. Come pioniere di cose nuove e inaudite, è in conflitto con la loro accettazione acritica dei criteri e dei valori tradizionali. Ai suoi occhi la routine del normale cittadino, dell'uomo medio o comune, è semplicemente stupidità. Per lui "borghese" è sinonimo di imbecillità [nota 1]. Gli artisti falliti, i quali si compiacciono di scimmiottare il manierismo del genio, per dimenticare e placare la loro impotenza, adottano questa terminologia. Questi bohémiens chiamano "borghese" ogni cosa che disprezzano. Dacché Marx ha reso il termine "capitalista" equivalente a "borghese", essi usano le due pai ole in modo sinonimo. Nei vocabolari di tutti i linguaggi le parole "capitalista" e "borghese" significano oggi tutto ciò che è vergognoso, degradante e infame [nota 2]. Al contrario la gente chiama "socialista" tutto ciò che ritiene buono e meritevole. Lo schema normale di ragionare è questo : si chiama arbitrariamente "capitalista" tutto ciò che non aggrada, deducendo poi da questo attributo che esso è cattivo.
1. Guy de Maupassant ha analizzato l'asserito odio della borghesia di Flaubert nell'Etude sur Gustave Flaubert (ristampato in Oeuvres complètes de Gustave Flaubert, Paris, 1885, voi. VII). Flaubert — dice Maupassant — "aimait le monde" (pag. 67); cioè amava muoversi nel circolo della società parigina composta da aristocratici, ricchi borghesi ed élites di artisti, scrittori, filosofi, scienziati, uomini di stato e imprenditori (promotori). Egli usava il termine "borghese" come sinonimo di imbecillità e lo definiva in questo modo: "Io chiamo borghese chiunque abbia pensieri meschini (pense bassement)". È quindi ovvio che, usando il termine borghese, Flaubert non aveva in mente la bourgeoisie come classe sociale, ma una specie di imbecillità che più frequentemente trovava in questa classe. Egli era pieno di disprezzo per l'uomo comune ("le bon peuple"). Tuttavia, poiché aveva più frequenti contatti con la "gens du monde" che coi lavoratori, la stupidità dei primi lo annoiava più di quella degli ultimi

(pag. 59). Queste osservazioni di Maupassant a rigore calzano non soltanto per Flaubert ma anche per i sentimenti "antiborghesi" di tutti gli artisti. Incidentalmente, si deve osservare che, dal punto di vista marxista, Flaubert è uno scrittore "borghese" e i suoi romanzi sono una "sovrastruttura ideologica" del "modo borghese o capitalista di produzione". 2. I nazisti usavano "giudeo" come sinonimo sia di "capitalista" che di "borghese".

La confusione semantica va ancora più in là. Sismondi, il romantico eulogista del Medio Evo, tutti gli scrittori socialisti, la scuola storica prussiana e 1'istituzionalismo americano hanno insegnato che il capitalismo è un sistema ingiusto di sfruttamento che sacrifica i vitali interessi della maggioranza a beneficio di un piccolo gruppo di profittatori soltanto. Nessun uomo decente può difendere questo "pazzo" sistema. Gli economisti i quali sostengono che il capitalismo è vantaggioso non solo a uno stretto gruppo ma a tutti, sono "sicofanti della borghesia". O sono troppo tardi per riconoscere la verità o sono apologeti prezzolati degli interessi egoistici di classe degli sfruttatori. Capitalismo — nella terminologia di questi nemici della libertà, della democrazia e dell'economia di mercato — significa politica economica sostenuta dai milionari e dalla grande impresa. Di fronte al fatto che taluni — ma certamente non tutti — ricchi imprenditori e capitalisti oggigiorno favoriscono misure che restringono il libero commercio e la concorrenza e sfociano nel monopolio, dicono: Il capitalismo contemporaneo è per il protezionismo, i cartelli e l'abolizione della concorrenza. È vero, aggiungono, che in un certo periodo del passato il capitalismo britannico favorì il libero scambio sia sul mercato interno che nelle relazioni internazionali. Questo perchè a quel tempo tale politica serviva meglio gli interessi di classe della borghesia britannica. Le condizioni, tuttavia, sono cambiate e oggi il capitalismo, cioè la politica sostenuta dagli sfruttatori, tende a essere differente. Si è già rilevato come questa dottrina alteri malamente tanto la teoria economica che i fatti storici [nota 1]. Ci fu e ci sarà sempre gente le cui ambizioni egoistiche domandano protezione per interessi precostituiti e che spera di ottenere vantaggi da misure restrittive della concorrenza. Gli imprenditori invecchiano e si fanno stanchi e gli eredi decadenti di gente che riuscì nel passato disprezzano gli agili nuovi arrivati che attentano alla loro ricchezza e alla loro eminente posizione sociale. Dipende dal pubblico se questo desiderio di rendere le condizioni economiche rigide e di impedire il progresso può essere realizzato. La struttura ideologica del XIX secolo come imposta dal prestigio dei principii degli economisti liberali aveva reso vano questo desiderio. Quando i miglioramenti tecnologici dell'età del liberalismo andavano rivoluzionando i metodi tradizionali di produzione, di trasporto e di distribuzione, coloro i cui interessi precostituiti erano colpiti non domandavano protezione

perchè sarebbe stato un tentativo inutile. Ma oggi si ritiene compito legittimo del governo impedire ad una persona efficiente di mettersi in concorrenza coi meno efficienti. L'opinione pubblica simpatizza con le richieste di arrestare il progresso esercitate da potenti gruppi di pressione. I produttori di burro stanno combattendo con successo considerevole contro la margarina, e i musicisti contro la musica registrata. I sindacati dei lavoratori sono nemici mortali di ogni nuova macchina. Non fa meraviglia che in un ambiente siffatto i commercianti meno efficienti tendano a proteggersi contro i concorrenti più efficienti.
1. Cfr. sopra, pagg. 78-81.

Sarebbe corretto descrivere questo stato di cose al modo seguente : oggi molti o alcuni gruppi di interessi non sono più liberali; non difendono un'economia di mercato pura e la libera impresa, ma al contrario domandano varie misure di interferenza governativa negli affari economici. Ma è assolutamente errato dire che il contenuto del concetto di capitalismo sia cambiato e che "il capitalismo maturo" — come lo chiamano gli americani — o "tardo capitalismo" — come lo chiama Marx — sia caratterizzato da politiche restrittive a protezione degli interessi precostituiti dei salariati, degli agricoltori, dei negozianti, degli artigiani, e talvolta anche dei capitalisti e degli imprenditori. Il concetto di capitalismo è un concetto economico immutabile; se significa qualche cosa, significa economia di mercato. Ci si priva degli strumenti semantici di trattare adeguatamente i problemi della storia e della politica economica contemporanea se si indulge a una differente terminologia. Questa falsa nomenclatura diventa comprensibile soltanto se ci si rende conto che gli pseudo economisti e i politici che la applicano desiderano impedire al popolo di conoscere ciò che è l'economia reale di mercato. Essi desiderano far credere alla gente che tutte le manifestazioni repulsive alle politiche restrittive del governo sono prodotte dal "capitalismo".

4. La sovranità dei consumatori. La direzione degli affari economici in una società di mercato è compito degli imprenditori. Loro è il controllo della produzione. Essi sono al timone e guidano la barca. Un osservatore superficiale crederebbe siano in posizione dominante, ma non lo sono. Sono difatti tenuti a obbedire incondizionatamente agli ordini del capitano, e questi è il consumatore. A stabilire ciò che ha da essere prodotto non sono nè gli imprenditori nè gli agricoltori nè i capitalisti, ma i consumatori. Se un commerciante non

obbedisce rigorosamente agli ordini del pubblico espressi dalla struttura dei prezzi di mercato, incorre in perdite, va in fallimento e così è rimosso dalla sua eminente posizione di guida. Lo rimpiazzano altri che hanno operato meglio nel soddisfare la domanda dei consumatori. I consumatori sostengono negozi in cui possono comprare ciò che vogliono al minor prezzo. I loro acquisti e la loro astensione dagli acquisti decidono chi deve possedere e condurre gli stabilimenti e la terra. Ai consumatori è dato di far ricco il povero e povero il ricco. Sono essi che determinano in modo preciso ciò che dovrebbe essere prodotto e relative qualità e quantità. Egoistici e spregiudicati, sono pieni di capricci e di fantasie, mutevoli e imprevedibili. Per essi nulla conta all'infuori della propria soddisfazione. Non si curano dei meriti passati e degli interessi precostituiti. Se qualcosa è offerto loro che preferiscono o sia più a buon mercato, disertano i vecchi fornitori. Nella loro qualità di compratori e di consumatori sono crudeli e testardi, senza considerazione per gli altri. Soltanto i venditori di beni e servizi di primo ordine sono in diretto contatto coi consumatori e dipendono direttamente dai loro ordini. Essi trasmettono gli ordini del pubblico a tutti coloro che producono beni e servizi di ordine superiore. Perciò produttori di beni di consumo, dettaglianti, prestatori di servizi e professionisti sono costretti ad acquistare ciò che essi hanno bisogno per la condotta dei loro affari da coloro che offrono al prezzo minore. Se essi non si preoccupassero di comprare sul mercato più conveniente e d'adattare la lavorazione dei fattori di produzione in modo da rispondere convenientemente alle domande dei consumatori, sarebbero costretti ad abbandonare il mercato. I più efficienti, che riescono meglio negli acquisti e nella lavorazione dei fattori di produzione, li soppianterebbero. Il consumatore è in grado di dare libero sfogo ai suoi capricci e alle sue fantasie. Gli imprenditori, i capitalisti e gli agricoltori hanno invece le mani legate, essendo tenuti a ottemperare nelle loro funzioni agli ordini del pubblico acquirente. Ogni deviazione dalle linee prescritte dalla domanda dei consumatori viene addebitata a loro conto. Ogni minima deviazione, tanto volontaria che per errore, cattiva valutazione o inefficienza, restringe i loro profitti o li fa sparire. Una deviazione cospicua finisce in perdite pregiudicando o assorbendo completamente la loro ricchezza. Capitalisti, imprenditori e proprietari terrieri possono preservare e incrementare la loro ricchezza soltanto ottemperando nel modo migliore agli ordini dei consumatori. Non sono liberi di spendere il denaro che i consumatori non sono disposti a rifondere loro pagando di più i loro prodotti. Nella condotta degli affari commerciali essi devono essere insensibili e dal cuore di pietra perchè i consumatori, loro capi, sono essi stessi insensibili e dal cuore di pietra. I consumatori determinano in definitiva non soltanto i prezzi dei beni di consumo ma anche quelli dei fattori di produzione e

conseguentemente il reddito di ogni membro dell'economia di mercato. Essi, e non gli imprenditori, pagano in definitiva i salari percepiti da chi lavora, dalle affascinanti stelle del cinema alle domestiche. Con ogni centesimo speso i consumatori determinano la direzione di tutti i processi di produzione e i dettagli più minuti dell'organizzazione delle attività economiche. Questo stato di cose è stato descritto chiamando il mercato democrazia in cui ogni centesimo dà diritto a un voto [nota 1]. Sarebbe più corretto dire che una costituzione democratica è uno schema per assegnare ai cittadini nella condotta del governo la stessa supremazia che l'economia di mercato dà loro nella qualità di consumatori. Tuttavia, il confronto è imperfetto. Nella democrazia politica soltanto i voti dati al candidato della maggioranza o al piano della maggioranza sono efficaci nel configurare il corso delle cose. I voti dati dalla minoranza non influenzano direttamente le politiche. Sul mercato invece nessun voto è dato invano. Ogni centesimo speso ha il potere di influenzare i processi di produzione. Gli editori non provvedono soltanto alla maggioranza dei lettori pubblicando storie poliziesche, ma anche alla minoranza con opuscoli di lirica poetica e di filosofia. Le panetterie non cuociono soltanto pane per i sani, ma anche per i malati a dieta speciale. La decisione del consumatore è messa ad effetto nel momento stesso in cui la esprime attraverso la sua disposizione a spendere un definito ammontare di moneta.
1. Cfr. Frank A. Fetter, The Principles of Economics, 3a ed., New York, 1913, pagg. 394, 410.

È vero che nell'economia di mercato i vari consumatori non hanno lo stesso diritto di voto. I cittadini ricchi inseriscono più voti dei cittadini poveri. Ma questa ineguaglianza è in se stessa risultato di un processo di votazione precedente. Essere ricco, in un'economia di mercato pura, è il risultato del successo nell'appagare meglio le domande dei consumatori. Un uomo ricco può mantenersi tale soltanto consentendo a servire i consumatori nel modo più efficiente. Così i proprietari dei fattori materiali della produzione e gli imprenditori sono virtualmente mandatari o fiduciari dei consumatori, designati in modo irrevocabile in una elezione che quotidianamente si ripete. Nel funzionamento dell'economia di mercato vi è un caso soltanto in cui la classe dei proprietari non è completamente soggetta alla supremazia dei consumatori : i prezzi di monopolio.

L'uso metaforico della terminologia politica. Gli ordini dati dai commercianti nella condotta dei loro affari possono essere uditi e visti. Tutti possono rendersene conto. Ogni garzone sa come le cose funzionano nella bottega. Ma occorre un po' più di cervello per notare la dipendenza dell'imprenditore dal mercato. Gli ordini dei consumatori non essendo tangibili, non possono essere percepiti dai sensi. Molta gente manca del discernimento necessario per prenderne cognizione ed è vittima dell'illusione che imprenditori e capitalisti siano autocrati irresponsabili cui nessuno domanda conto delle proprie azioni [nota 1].
1. Beatrice Webb, Lady Passifield, figlia ella stessa di un ricco commerciante, può essere citata come esempio eminente di questa mentalità. Cfr. My Apprenticeship, New York, 1926, pag. 42.

Conseguenza di questa mentalità è la pratica di applicare alla terminologia degli affari la terminologia politica e militare. I commercianti di successo sono chiamati re o duchi, le loro imprese imperi, regni o ducati. Se questo idioma fosse soltanto una innocua metafora non ci sarebbe bisogno di criticarlo. Ma esso è la fonte di gravi errori che hanno una parte sinistra nelle dottrine contemporanee. Il governo è un apparato coercitivo. Esso ha il potere di ottenere obbedienza con la forza. Il sovrano politico, sia esso un autocrate o il popolo rappresentato dai suoi mandatari, ha il potere di dominare le rivoluzioni fino a quando il suo potere ideologico sussiste. La posizione che gli imprenditori e i capitalisti occupano nell'economia di mercato è di carattere differente. Un "re del cioccolato" non ha potere sui consumatori, che sono suoi padroni. Egli li fornisce di cioccolato della migliore qualità possibile e al minor prezzo. Essi non sono legati a lui, ma liberi di smettere di sostenere i suoi negozi. Egli perde il suo "regno" se i consumatori preferiscono spendere i loro soldi altrove. E nemmeno "governa" i suoi lavoratori. Egli assume i loro servizi, pagando loro esattamente l'ammontare che i consumatori sono pronti a rifondergli comprando il prodotto. Ancor meno i capitalisti e gli imprenditori esercitano controllo politico. Le nazioni civili dell'Europa e dell'America furono lungamente controllate da governi che non ostacolavano considerevolmente il funzionamento dell'economia di mercato. Oggi molti di questi paesi sono dominati da partiti ostili al capitalismo, i quali credono che ogni danno inflitto ai capitalisti e agli imprenditori sia estremamente benefico al popolo. In un'economia libera di mercato capitalisti e imprenditori non possono aspettarsi vantaggi dalla corruzione dei pubblici funzionari e dei politici. D'altro lato, i pubblici funzionari e gli uomini politici non sono in

grado di ricattare i commercianti e di estorcere loro guadagni illeciti. In un paese interventista i gruppi di pressione mirano ad assicurare ai loro membri privilegi a spese dei gruppi e degli individui più deboli. Allora i commercianti possono ritenere conveniente proteggersi contro atti discriminatori da parte dei funzionari dell'esecutivo e della legislatura mediante la corruzione ; una volta adottato questo metodo, essi possono addirittura tentare di impiegarli per assicurarsi privilegi. Ad ogni modo, il fatto che i commercianti corrompano politici e pubblici ufficiali e siano ricattati da questi non denuncia una loro superiorità nel governo del paese. Sono i governati — e non i governanti — che corrompono e pagano i tributi. La maggioranza dei commercianti è prevenuta dal ricorrere alla corruzione o per convinzioni morali o per paura. Essa tenta di mantenere il sistema di libera impresa e di difendersi contro le discriminazioni coi metodi democratici legittimi. A tale scopo costituisce associazioni di commercianti e tenta di influenzare l'opinione pubblica. Ma i risultati di questi sforzi sono stati abbastanza miseri, come è dimostrato dall'avanzata trionfante delle politiche anticapitalistiche. Il meglio che questa maggioranza è riuscita a ottenere è stato di dilazionare un poco alcune misure particolarmente odiose. I demagoghi falsano questo stato di cose nella maniera più crassa. Essi ci dicono che sono queste associazioni di banchieri e di manufatturieri i veri reggitori dei loro paesi, e che l'intero apparato di ciò che essi chiamano governo "plutodemocratico" è dominato da essi. Una semplice enumerazione delle leggi approvate negli ultimi decenni dalle legislature di tutti i paesi è sufficiente a sfatare queste leggende.

5. La concorrenza. In natura prevalgono conflitti inconciliabili di interessi. I mezzi di sussistenza sono scarsi. La proliferazione tende ad esaurire le sussistenze. Soltanto le piante e gli animali più idonei sopravvivono. L'antagonismo tra l'animale che muore d'inedia e quello che gli sottrae il cibo e implacabile. La cooperazione sociale nella divisione del lavoro rimuove tali antagonismi, sostituendo all'ostilità la partecipazione e la mutualità. I membri della società sono uniti in un'avventura comune. Il termine concorrenza come applicato alle condizioni della vita animale significa rivalità che si manifesta nella ricerca di cibo. Possiamo chiamare questo fenomeno concorrenza biologica. Questa non dev'essere confusa con la concorrenza sociale, cioè con lo sforzo degli individui per

assicurarsi la posizione più favorevole nel sistema di cooperazione sociale. Poiché vi saranno sempre posizioni meglio apprezzate di altre, la gente si sforzerà di ottenerle tentando di eliminare i rivali. La concorrenza sociale è conseguentemente presente in tutti i modi pensabili di organizzazione sociale. Se vogliamo immaginare uno stato di cose in cui non vi è concorrenza sociale, dobbiamo raffigurarci un sistema socialista in cui il capo, nei suoi sforzi di assegnare ad ognuno il suo posto e il suo compito nella società, non è aiutato dall'ambizione dei suoi soggetti. Gli individui sono assolutamente indifferenti e non domandano speciali incarichi. Essi si comportano come stalloni, i quali non tentano di mettersi in luce favorevole quando il proprietario sceglie tra loro per coprire la sua migliore giumenta di razza. Ma individui siffatti non sarebbero più uomini agenti. In un sistema totalitario la concorrenza sociale si manifesta negli sforzi della gente di ottenere favori da quelli al potere. Nell'economia di mercato questa si manifesta nel fatto che i venditori devono eliminarsi l'un l'altro offrendo beni e servizi migliori e più convenienti ; e che i compratori devono pure eliminarsi a vicenda offrendo prezzi più alti. Occupandoci di questa varietà di concorrenza sociale, che può essere chiamata concorrenza catallattica, dobbiamo evitare di incorrere nei diversi errori popolari. Gli economisti classici favorirono l'abolizione delle barriere doganali ehe impedivano alla gente di competere sul mercato. Tali leggi restrittive, spiegavano, hanno l'effetto di spostare la produzione dai luoghi in cui le condizioni naturali di produzione sono più favorevoli a quelli ove sono meno favorevoli. Esse proteggono l'uomo meno efficiente contro il rivale più efficiente, tendendo a perpetuare metodi tecnologici arretrati di produzione. In breve, riducono la produzione e pertanto il tenore di vita. Per rendere la gente più prospera, argomentavano gli economisti, la concorrenza dovrebbe essere libera a tutti. In questo senso essi usavano il termine di libera concorrenza. Non c'era nulla di metafisico nel loro impiego del termine libero. Sostenevano l'eliminazione dei privilegi che impedivano alla gente l'accesso a certi commerci e a certi mercati. Tutte le elucubrazioni sofistiche che cavillano sui connotati metafisici dell'aggettivo libero applicato alla concorrenza sono spurie ; esse non hanno alcun riferimento al problema catallattico della concorrenza. Dove le condizioni naturali entrano in gioco, la competizione può essere "libera" soltanto riguardo ai fattori di produzione che non sono scarsi e quindi non soggetti all'azione umana. Nel campo catallattico la concorrenza è sempre ristretta dall'inesorabile scarsità dei beni e dei servizi economici. Anche in assenza di barriere istituzionali intese a restringere il numero dei competitori, lo stato di cose non è mai tale da mettere tutti in condizione di competere in tutti i settori del mercato. In

ogni settore soltanto gruppi comparativamente ristretti possono impegnarsi nella competizione. La concorrenza catallattica, tratto caratteristico dell'economia di mercato, è un fenomeno sociale. Non è un diritto, garantito dallo stato e dalle leggi, ciò che renderebbe possibile all'individuo di scegliersi a piacere il posto e la struttura della divisione del lavoro che preferisce. Assegnare ad ognuno il suo posto nella società è compito dei consumatori. I loro acquisti o l'astensione dagli acquisti sono lo strumento che determina la posizione sociale di ogni individuo. La loro supremazia non è ostacolata da nessun privilegio concesso agli individui in quanto produttori. L'accesso ad una branca definita d'industria è virtualmente libero ai nuovi venuti soltanto nella misura in cui i consumatori approvano l'espansione di questa branca o nella misura in cui i nuovi venuti riescono a soppiantare quelli già occupati in essa sopperendo meglio o in modo più conveniente alle domande dei consumatori. L'investimento addizionale è ragionevole soltanto nella misura in cui soddisfa il più urgente tra i bisogni dei consumatori non ancora soddisfatti. Se gli stabilimenti esistenti sono sufficienti, sarebbe uno spreco investire ulteriori capitali nella stessa industria. La struttura dei prezzi di mercato spinge i nuovi investitori verso altre branche. È necessario sottolineare questo punto perchè la mancata sua comprensione è alla radice di parecchie doglianze popolari sulla impossibilità della concorrenza. Circa cinquantanni fa la gente usava dire : Non si può competere con le compagnie ferroviarie ; è impossibile sfidare la loro posizione costruendo linee concorrenti; nel campo dei trasporti terrestri non v'è più concorrenza. La verità era che a quel tempo le linee già in funzione erano in generale sufficienti. Per l'investimento addizionale di capitale le prospettive erano più favorevoli nei miglioramenti dei servizi delle linee già in funzione e in altre branche di affari che nelle costruzioni di nuove ferrovie. Tuttavia questo non interferì con l'ulteriore progresso tecnologico dei trasporti. La grandezza e la "forza" economica delle compagnie ferroviarie non impedì l'emergenza dell'automobile e dell'aeroplano. Oggi la gente sostiene lo stesso riguardo alle varie branche dell'alta finanza e della grande industria: Non si può attentare alla loro posizione. Sono troppo grosse e troppo potenti. Ma concorrenza non significa che ognuno possa prosperare semplicemente imitando ciò che gli altri fanno. Significa opportunità di servire i consumatori nel modo migliore e più a buon mercato senza essere limitati dai privilegi concessi a coloro i cui interessi precostituiti sono pregiudicati dalle innovazioni. Il nuovo venuto che desidera sfidare gli interessi precostituiti delle imprese da tempo affermate ha soprattutto bisogno di cervello e di idee. Se il suo progetto è idoneo a sopperire ai bisogni insoddisfatti più urgenti dei consumatori o a soddisfarli a un prezzo più

basso dei vecchi fornitori, egli riuscirà ad onta della molto discussa grandezza e potenza delle vecchie imprese. La concorrenza catallattica non deve essere confusa coi combattimenti a premio e coi concorsi di bellezza. Scopo di tali combattimenti e concorsi è di scoprire chi è il migliore pugile o la ragazza più bella. Invero la funzione sociale della concorrenza catallattica non è di stabilire qual è il ragazzo più bravo e di premiare il vincitore con titolo e medaglia, ma di salvaguardare la migliore soddisfazione possibile dei consumatori coi dati economici esistenti. L'eguaglianza di opportunità nei combattimenti a premio e nei concorsi di bellezza e in altri campi competitivi non è un fatto nè biologico nè sociale. L'immensa maggioranza della gente è privata dalla struttura fisiologica del suo corpo della possibilità di raggiungere gli onori di un campione del pugilato o di una regina di bellezza. Soltanto pochissimi possono competere sul mercato del lavoro come cantanti d'opera o come stelle del cinema. L'opportunità competitiva più favorevole nel campo delle conquiste scientifiche è data ai professori di università. Tuttavia, migliaia e migliaia di professori muoiono senza lasciare traccia nella storia del progresso scientifico, mentre molti svantaggiati outsiders raggiungono la gloria attraverso meravigliosi contributi. È normale vedere un difetto nel fatto che la concorrenza catallattica non è ugualmente aperta a tutti. L'inizio è molto più difficile per un ragazzo povero che per il figlio di un ricco. Ma i consumatori non si interessano al problema se coloro che li devono servire iniziano o meno la loro carriera in condizioni uguali. Sono unicamente interessati ad assicurarsi la migliore soddisfazione possibile dei loro bisogni. Se il sistema della proprietà ereditaria è più efficiente a questo riguardo, essi lo preferiscono ad altri sistemi meno efficienti. Guardano la cosa dal punto di vista dell'opportunità e del benessere sociale, non dal punto di vista di un asserito, immaginario e irrealizzabile diritto "naturale" di ogni individuo a competere con uguali opportunità. La realizzazione di un tale diritto richiederebbe di mettere in posizione svantaggiata coloro che sono nati con migliore intelligenza e con maggiore forza di volontà dell'uomo comune. È ovvio che questo sarebbe assurdo. Il termine concorrenza è per lo più impiegato come antitesi di monopolio. In questo modo di parlare il termine monopolio è applicato con significati differenti, che devono essere chiaramente separati. Il primo connotato del monopolio, frequentissimamente implicito nell'uso popolare del termine, significa stato di cose in cui il monopolista, sia esso un individuo o gruppo di individui, controlla in modo esclusivo una delle condizioni vitali dell'esistenza umana. Tale monopolista ha il potere di far morire di inedia tutti coloro che non obbediscono ai suoi ordini. Egli ordina, e gli altri non hanno alternativa all'infuori di

arrendersi o perire. Riguardo a tale monopolio non vi è mercato o altra specie di competizione catallattica. Il monopolista è il padrone e gli altri sono schiari alla completa mercè delle sue buone grazie. Non v'è bisogno di indugiare su questa specie di monopolio non avendo essa riferimento di sorta all'economia di mercato. Basti un esempio. Uno stato socialista che abbracciasse il mondo intero eserciterebbe questo monopolio assoluto e totale; esso avrebbe il potere di annientare i suoi oppositori affamandoli fino alla morte [nota 1].
1. Cfr. Trotsky (1937), citato da Hayek, The Road to Serfdom, London, 1944, pag. 89.

Il secondo connotato del monopolio differisce dal primo in quanto descrive uno stato di cose compatibile con le condizioni dell'economia di mercato. Il monopolista in questo senso è un individuo o un gruppo di individui in perfetta combinazione per l'azione congiunta, che ha il controllo esclusivo dell'offerta di una merce definita. Se definiamo il termine monopolio in questo modo, il dominio del monopolio appare vastissimo. I prodotti delle industrie manufatturiere differiscono più o meno gli uni dagli altri. Ogni fabbrica sforna prodotti differenti da quelli degli altri stabilimenti. Ogni albergo ha il monopolio nella vendita dei suoi servizi sul luogo della sua costruzione. I servizi professionali resi da un medico o da un avvocato non sono mai perfettamente uguali a quelli resi da un altro medico o da un altro avvocato. Eccetto che per talune materie prime, come alimentari e altri prodotti di largo consumo, sul mercato si ha ovunque monopolio. Tuttavia, il puro fenomeno del monopolio è senza significato e rilevanza per il funzionamento del mercato e la determinazione dei prezzi. Esso non conferisce al monopolista vantaggio alcuno nella vendita dei suoi prodotti. Per la legge dei diritti d'autore ogni poetastro ha il monopolio nella vendita della sua poesia. Ma ciò non influenza il mercato. Può accadere che nessun prezzo come che sia possa essere realizzato per la sua merce e che i suoi libri possano essere venduti soltanto al valore di carta straccia. Il monopolio in questo secondo aspetto del termine diventa un fattore nella determinazione dei prezzi soltanto se la curva di domanda per i beni di monopolio in questione è configurata in un modo particolare. Se le condizioni sono tali che il monopolista può assicurare più alti introiti netti vendendo una quantità minore del suo prodotto ad un prezzo più alto che vendendo una maggiore quantità della sua provvista a un prezzo più basso, allora emerge un prezzo di monopolio più alto di quanto il prezzo potenziale di mercato sarebbe stato in assenza di monopolio. I prezzi di monopolio sono un importante fenomeno di mercato, mentre il monopolio

come tale è importante soltanto se porta alla formazione di prezzi di monopolio. È normale chiamare i prezzi che non sono di monopolio prezzi di concorrenza. Mentre è discutibile se questa terminologia sia o meno opportuna, essa è generalmente accettata e sarebbe difficile cambiarla. Ma ci si può guardare dalla sua errata interpretazione. Sarebbe errore grossolano dedurre dall'antitesi tra prezzo di monopolio e prezzo di concorrenza che il prezzo di monopolio è il risultato dell'assenza di concorrenza. C'è sempre concorrenza catallattica sul mercato. Essa è un fattore nella determinazione dei prezzi di concorrenza. La forma della curva di domanda che rende possibile l'emergenza dei prezzi di monopolio e dirige la condotta del monopolista è determinata dalla concorrenza di tutte le altre merci che competono per i dollari dei compratori. Più alto il monopolista fissa il prezzo al quale è disposto a vendere, più alto sarà il numero potenziale dei compratori che volgono i loro dollari ad altri beni vendibili. Sul mercato tutte le merci sono in concorrenza reciproca. V'è chi sostiene che la teoria catallattica dei prezzi non serve a nulla nello studio della realtà perchè non c'è mai stata "libera" concorrenza e perchè, almeno oggigiorno, non v'è una cosa simile. Tutte queste dottrine sono errate [nota 1]. Esse fraintendono i fenomeni e semplicemente non sanno cosa sia concorrenza. È un fatto che la storia degli ultimi decenni è un elenco di politiche tendenti a limitare la concorrenza. È intenzione manifesta di quegli schemi di concedere privilegi a certi gruppi di produttori, proteggendoli dalla concorrenza dei concorrenti più efficienti. In molti casi queste politiche hanno realizzato le condizioni richieste per l'emergenza dei prezzi di monopolio. In molti altri casi ciò non avvenne e il risultato fu soltanto uno stato di cose che impedì a molti capitalisti, imprenditori, agricoltori e lavoratori di entrare nelle branche d'industria in cui essi avrebbero reso servizi preziosi ai loro concittadini. La concorrenza catallattica è stata seriamente limitata, ma l'economia di mercato funziona ancora, sebbene sabotata dal governo e dalle interferenze dei sindacati e sebbene la produttività del lavoro sia stata seriamente ridotta. Scopo ultimo di queste politiche anticoncorrenziali è di sostituire al capitalismo un sistema socialista di pianificazione in cui non vi sia assolutamente concorrenza catallattica. Mentre spargono lacrime di coccodrillo sul declino della concorrenza, i pianificatori vogliono abolire questo "pazzo sistema competitivo". Essi hanno raggiunto il loro scopo in molti paesi. Ma nel resto del mondo essi hanno soltanto limitato la concorrenza in talune branche d'affari aumentando i competitori nelle altre branche.
1. Per una refutazione di queste dottrine della concorrenza imperfetta e della concorrenza monopolistica oggi di moda, cfr. F. A. Hayek, Individualism and

Economic Order, Chicago, 1948, pagg. 92-118.

Le forze tendenti a limitare la concorrenza giocano una grande parte oggigiorno. È compito importante della storia del nostro tempo trattarne. La teoria economica non ha bisogno di riferirvisi in particolare. Il fatto che vi siano barriere doganali, cartelli, monopoli governativi e sindacati è semplicemente un dato della storia economica e non richiede speciali teoremi per la sua interpretazione.

6. La libertà. Per i rappresentanti eminenti dell'umanità i termini libertà e indipendenza significano uno dei beni più preziosi e desiderabili. Oggi è costume irriderli. Sono, strombetta il saggio moderno, nozioni "incerte" e pregiudizi "borghesi". Indipendenza e libertà non si trovano in natura, ove non vi è fenomeno cui questi termini possano essere significativamente applicati. Qualunque cosa faccia l'uomo, non può mai liberarsi dai limiti che la natura gl'impone. Se desidera riuscire nell'azione deve sottomettersi incondizionatamente alle leggi di natura. Indipendenza e libertà si riferiscono sempre a relazioni interumane. L'uomo è libero in quanto può vivere e tirare avanti senza essere alla mercè di decisioni arbitrarie da parte degli altri. Nello schema sociale nessuno dipende dai suoi concittadini. L'uomo sociale non può diventare indipendente senza abbandonare tutti i vantaggi della cooperazione. L'individuo autosufficiente è indipendente, ma non libero. È alla mercè del più forte, che può sopprimerlo impunemente. Non ha quindi senso declamare intorno alla cosiddetta libertà "naturale" o "innata" che la gente supponeva si godesse nell'età che ha preceduto l'emergenza dei vincoli sociali. L'uomo non fu creato libero ; la libertà che egli può possedere gli è stata data dalla società. Soltanto le condizioni sociali possono presentare un uomo con un'orbita entro i cui limiti può essere libero. Libertà e indipendenza sono le condizioni dell'uomo entro la società contrattuale. Cooperazione sociale in un sistema a proprietà privata dei mezzi di produzione significa che, entro l'ambito del mercato, l'individuo non è tenuto ad obbedire e a servire nessuno. Nella misura in cui egli dà e serve l'altra gente, egli lo fa per conto proprio, onde essere ricompensato e servito da chi riceve. Scambia beni e servizi, ma non fa lavoro coatto e non paga tributi. Certamente non è indipendente. Dipende dagli altri membri della società. Ma questa dipendenza è minima e vicendevole. La maggiore preoccupazione di molti scrittori del XIX e XX secolo fu

di falsare e distoreere questo stato di cose. I lavoratori, dicevano, sono alla mercè dei datori di lavoro. È vero infatti che il datore ha diritto di licenziare l'impiegato. Ma se egli usa di questo diritto per indulgere ai suoi capricci, danneggia i suoi stessi interessi. Va a suo svantaggio se licenzia l'uomo migliore per assumerne uno meno efficiente. Il mercato non impedisce direttamente a nessuno di infliggere arbitrariamente offesa ai concittadini. Ma questi soltanto viene paralizzato per una condotta siffatta. Il negoziante è libero di essere scortese coi clienti, ammesso che sia pronto a sopportarne le conseguenze. I consumatori sono liberi di boicottare un fornitore, ammesso che siano pronti a pagarne il costo. Ciò che impone a tutti il massimo sforzo nel servire i concittadini e a dominare le tendenze innate all'arbitrarietà e alla malizia non è, nel mercato, la coercizione da parte dei gendarmi, del boia e delle corti penali; è l'interesse egoistico. Il membro di una società contrattuale è libero in quanto serve gli altri soltanto servendo se stesso. Ciò che lo limita è soltanto il fenomeno naturale inevitabile della scarsità. Per il resto egli è libero nell'ambito del mercato. Non v'è specie di indipendenza e di libertà all'infuori di quella che realizza l'economia di mercato. In una società egemonica totalitaria la sola libertà lasciata all'individuo, perchè non si può negargliela, è quella di commettere suicidio. Lo Stato, apparato sociale coercitivo, è necessariamente un vincolo egemonico. Se il governo fosse in grado di estendere il suo potere a piacere, potrebbe abolire l'economia di mercato e sostituirvi ovunque il socialismo totalitario. Per impedirlo, è necessario piegare il potere del governo. Questo il compito di tutte le costituzioni, carte dei diritti e leggi. Questo il significato di tutte le lotte che gli uomini hanno combattuto per la libertà. I detrattori della libertà hanno in questo senso ragione chiamandola istanza "borghese" e biasimando come negativi i diritti che la garantiscono. Nell'ambito dello stato o del governo, libertà significa limitazione imposta all'esercizio del potere di polizia. Libertà e indipendenza sono termini impiegati per descrivere le condizioni sociali dei membri individuali di una società di mercato in cui il potere del vincolo egemonico indispensabile, lo Stato, è costretto a non danneggiare il funzionamento del mercato. In un sistema totalitario non v'è nulla cui l'attributo "libero" possa essere assegnato, all'infuori dell'arbitrio illimitato del dittatore. Non ci sarebbe bisogno di indulgere su questo fatto ovvio se i sostenitori dell'abolizione della libertà non avessero intenzionalmente prodotto una confusione semantica, essendosi resi conto che era cosa disperata combattere apertamente e sinceramente per la costrizione e la servitù. Le nozioni di libertà e di indipendenza avevano tale prestigio che

la propaganda non avrebbe potuto scuoterne la popolarità. Da tempo immemorabile, nell'ambito della civiltà occidentale la libertà è stata considerata come il bene più prezioso. Ciò che ha dato all'Occidente la sua eminenza è stata precisamente la sua ansia di libertà, ideale sociale estraneo ai popoli orientali. La filosofia sociale dell'Occidente è essenzialmente filosofia della libertà. Il contenuto principale della storia d'Europa e delle comunità fondate dagli emigranti europei e dai loro discendenti in altre parti del mondo, fu lotta per la libertà. "Rigido" individualismo è il segno della nostra civiltà. Nessun attacco aperto alla libertà dell'individuo aveva possibilità di successo. Così i sostenitori del totalitarismo scelsero altre tecniche. Invertirono il significato delle parole, chiamando vera e genuina libertà la condizione degli individui in un sistema in cui non hanno altro diritto che ubbidire agli ordini. Essi si definiscono veri liberali perchè lottano per un ordine sociale siffatto. Dicono democratici i metodi russi di governo dittatoriale; "democrazia industriale" i metodi di violenza e di coercizione dei sindacati operai ; e libertà di stampa uno stato di cose in cui soltanto il governo è libero di pubblicare libri e giornali. Definiscono la libertà come l'opportunità di fare cose "giuste", e, naturalmente, si arrogano la determinazione di ciò che è giusto e di ciò che non lo è. Ai loro occhi l'onnipotenza del governo significa piena libertà, e liberare il potere di polizia da tutti i vincoli è il vero significato della loro lotta per la libertà. L'economia di mercato, dicono questi sedicenti liberali, concede libertà soltanto ad una classe parassita di sfruttatori, la borghesia. Questi furfanti sono liberi di assoggettare le masse. Il salariato non è libero; deve lavorare a solo beneficio dei padroni, i datori di lavoro. I capitalisti si appropriano di ciò che, secondo gli inalienabili diritti dell'uomo, dovrebbe appartenere al lavoratore. Col socialismo il lavoratore godrà libertà e dignità umane, perchè non dovrà più essere schiavo del capitalista. Socialismo significa emancipazione dell'uomo comune, libertà per tutti e ricchezza per tutti. Queste dottrine sono state in grado di trionfare perchè non hanno incontrato un criticismo effettivamente razionale. Taluni economisti fecero un brillante lavoro, smascherandone i crassi errori e le contraddizioni. Ma il pubblico ignora gli insegnamenti degli economisti. Questi sono troppo ostici ai lettori di giornali murali e di rotocalchi. Gli argomenti sostenuti dalla media dei politici e degli scrittori contro il socialismo o sono sciocchi o sono irrilevanti. È inutile insistere sul cosiddetto diritto "naturale" degli individui alla proprietà se altri asseriscono che il primo diritto "naturale" è quello dell'eguaglianza del reddito. Simili dispute non possono mai essere decise. È fuor di luogo criticare le caratteristiche non essenziali e accessorie del programma socialista. Non si refuta il socialismo attaccando la posizione dei socialisti

sulla religione, sul matrimonio, sul controllo delle nascite e sull'arte. Inoltre, trattando di tali materie, i critici del socialismo furono spesso nell'errore. Così, per esempio, essi furono tanto inetti da volgere la disapprovazione della persecuzione bolscevica della chiesa russa in approvazione di questa chiesa degradata, adamantinamente intollerante, e delle sue pratiche superstiziose. Nonostante queste serie deficienze dei difensori della libertà economica, fu impossibile l'inganno totale sulle caratteristiche essenziali del socialismo. I pianificatori più fanatici furono costretti ad ammettere che i loro progetti implicavano l'abolizione di molte libertà di cui la gente gode sotto il capitalismo e la "plutodemocrazia". Messi alle strette, ricorsero a un nuovo sotterfugio. La libertà da abolire, sostengono ora, è semplicemente la libertà economica "spuria" dei capitalisti che danneggiano l'uomo comune. Fuori dalla "sfera economica", non solo la libertà sarà pienamente preservata, ma considerevolmente estesa. "Programmazione per la libertà" è diventato ultimamente lo slogan più popolare dei campioni del governo totalitario e della russificazione di tutte le nazioni. La fallacia di questi argomenti promana dalla distinzione spuria fra due ambiti della vita e dell'azione, interamente separati l'uno dall'altro, la sfera "economica" e quella "non economica". Al riguardo non v'è bisogno di aggiungere altro a quanto è stato detto nelle parti precedenti di questo libro. Vi è, tuttavia, un altro punto da sottolineare. La libertà di cui godeva la gente nei paesi democratici della civiltà occidentale negli anni di auge del vecchio liberalismo non era un prodotto della costituzione, delle Carte dei diritti, delle leggi e degli statuti. Questi documenti tendevano soltanto a salvaguardare la libertà e l'indipendenza determinate dal funzionamento dell'economia di mercato dall'usurpazione da parte dei pubblici ufficiali. Nessun governo e nessuna legge civile può garantire e realizzare la libertà diversamente che sostenendo e difendendo le istituzioni fondamentali dell' economia di mercato. Governo significa sempre coercizione e costrizione ed è, di necessità, l'opposto della libertà. Il governo è un garante della libertà ed è compatibile con essa soltanto se la sua sfera è adeguatamente limitata alla preservazione della libertà economica. Dove non c'è economia di mercato, le disposizioni delle costituzioni e delle leggi meglio intenzionate rimangono lettera morta. La libertà dell'uomo sotto il capitalismo è un effetto della concorrenza. Il lavoratore non dipende dalla buona grazia di un datore. Se un datore lo licenzia, ne trova un altro [nota 1]. Il consumatore non è alla mercè di un bottegaio, ma è libero di patrocinare un altro negozio, se gli piace.
1. Vedi sotto, pagg. 573-574.

Nessuno deve baciare la mano dell'altra gente o temere il suo sfavore. Le relazioni interpersonali sono simili alle relazioni d'affari. Lo scambio di beni e di servizi è reciproco ; non si fa un favore vendendo o comprando, ma una transazione dettata dall'egoismo. È vero che nella sua attività di produttore ognuno dipende o direttamente — come l'imprenditore — o indirettamente — come il salariato — dalle domande dei consumatori. Tuttavia, questa dipendenza dalla supremazia dei consumatori non è illimitata. Se qualcuno ha un'importante ragione per sfidare la sovranità dei consumatori, può provarla. Vi è nell'ambito del mercato un diritto veramente sostanziale ed effettivo di opporsi all'oppressione. Nessuno è forzato ad andare nell'industria dei liquori o in una fabbrica di armi se la sua coscienza obietta. Può dover pagare un prezzo per questa convinzione, non essendoci a questo mondo fini il cui conseguimento sia gratuito. Ma è lasciato alla decisione propria dell'uomo di scegliere tra il vantaggio materiale e il richiamo di ciò che crede essere il suo dovere. Nell'economia di mercato l'individuo soltanto è arbitro supremo relativamente alla sua soddisfazione [nota 1].
1. Nella sfera politica la resistenza all'oppressione esercitata dal governo è l'ultima ratio degli oppressi. Comunque illegale e insopportabile sia l'oppressione, comunque alti e nobili siano i motivi dei ribelli e comunque benefiche siano le conseguenze della loro resistenza violenta, una rivoluzione è sempre un atto illegale, disintegratore dell'ordine stabilito dallo stato e dal governo. È caratteristica essenziale del governo civile di essere, nel proprio territorio, il solo organo in grado di ricorrere a misure di violenza o di dichiarare legittima qualsiasi violenza praticata dalle sue emanazioni. La rivoluzione è un atto di guerra tra i cittadini; essa abolisce i fondamenti stessi della legalità ed è tutt'al più contenuta dalle discutibili convenzioni internazionali concernenti la belligeranza. Se vittoriosa, può successivamente stabilire un nuovo ordine legale o un nuovo governo, ma non può mai sanzionare un legale "diritto di resistere all'oppressione". Tale impunità concessa al popolo che tenta la resistenza armata alle forze armate del governo equivale all'anarchia ed è incompatibile con ogni modo di governo. L'assemblea costituente della prima Rivoluzione francese fu cosi folle da decretare tale diritto; ma non altrettanto folle da prendere sul serio il suo stesso decreto.

La società capitalista non ha altri mezzi per costringere l'individuo a cambiare occupazione o posto di lavoro all'infuori che ricompensare chi risponde alle esigenze dei consumatori pagandolo di più. È proprio questa specie di pressione che molti considerano insopportabile e sperano veder abolita con il socialismo. La gente è troppo tarda a comprendere che la sola alternativa è di conferire alle autorità pieni poteri di determinare in quale branca e in quale luogo un individuo dovrebbe lavorare.

In qualità di consumatore l'uomo non è meno libero. È lui che decide ciò che, personalmente, è più e ciò che è meno importante, e sceglie come spendere il suo denaro. La sostituzione della pianificazione economica all'economia di mercato toglie ogni libertà e lascia all'individuo unicamente il diritto di obbedire. L'autorità che dirige tutta la materia economica controlla tutti gli aspetti della vita e delle attività dell'uomo. È l'unico datore. Tutto il lavoro diventa obbligatorio, perchè il prestatore deve accettare ciò che il capo si degna di offrirgli. Lo czar determina qualità e quantità di ciò che il consumatore può consumare. Non vi è settore della vita umana in cui la decisione sia lasciata ai giudizi di valore dell'individuo. L'autorità gli assegna un compito definito, lo istruisce per questo lavoro e lo impiega sul luogo e nella maniera clie ritiene conveniente. Non appena la libertà economica che l'economia di mercato concede ai suoi membri è rimossa, tutte le libertà politiche e le carte dei diritti diventano inganno. Habeas corpus e processi davanti al magistrato sono una vergogna, se, sotto il pretesto dell'opportunità economica, l'autorità ha potere di relegare ogni cittadino indesiderato sull'Artico o in un deserto e di assegnarlo ai "lavori forzati" a vita. La libertà di stampa è un puro inganno se l'autorità controlla tutti gli uffici-stampa e le cartiere. E così sono tutti gli altri diritti dell'uomo. L'uomo è libero in quanto configura la sua vita secondo i propri piani. L'uomo il cui destino è determinato dai piani di un'autorità superiore cui è conferito il potere esclusivo di pianificare, non è libero nel senso in cui questo termine "libero" era usato e inteso da tutti fino a che la rivoluzione semantica dei giorni nostri ha prodotto la confusione delle lingue.

7. L'ineguaglianza della ricchezza e del reddito. L'ineguaglianza degli individui riguardo alla ricchezza ed al reddito è una caratteristica essenziale dell'economia di mercato. Il fatto che la libertà sia incompatibile con l'eguaglianza della ricchezza e del reddito è stato messo in evidenza da molti autori. Non vi è bisogno di entrare in un esame degli argomenti emotivi avanzati in questi scritti. Nè è necessario sollevare la questione se la rinuncia alla libertà sia per se stessa garanzia di eguaglianza di ricchezza e di reddito e se una società possa sussistere o no sulla base di un'eguaglianza siffatta. Nostro compito è semplicemente di descrivere la parte che l'ineguaglianza gioca nello schema della società di mercato. Nella società di mercato costrizione e coercizione dirette sono

praticate soltanto a scopo di prevenire gli atti dannosi alla cooperazione sociale. Per il resto gli individui non sono molestati dal potere di polizia. I cittadini che osservano la legge sono liberi dall'interferenza dei carcerieri e dei boia. La pressione necessaria a costringere un individuo a contribuire la sua parte nello sforzo cooperativo della produzione è esercitata dalla struttura di prezzo del mercato. Questa pressione è indiretta. Essa mette su ogni contribuzione individuale un premio graduato secondo il valore che i consumatori attribuiscono a questo contributo. Compensando lo sforzo dell'individuo secondo il suo valore essa lascia ad ognuno la scelta tra una più o meno completa utilizzazione delle sue facoltà e abilità. Questo metodo non può, naturalmente, eliminare gli svantaggi inerenti all'inferiorità personale. Ma fornisce incentivo ad ognuno per sfruttare al massimo le sue facoltà e abilità. L'unica alternativa a questa pressione finanziaria esercitata dal mercato è la pressione e la costrizione diretta esercitata dal potere di polizia. Alle autorità dev'essere conferito il compito di determinare la quantità e la qualità di lavoro che ogni individuo è tenuto ad eseguire. Poiché gli individui non sono uguali rispetto alle loro abilità, ciò richiede un esame delle loro personalità da parte delle autorità. L'individuo diventa una specie di recluso, cui è assegnato un compito definito. Se non riesce a compiere ciò che le autorità gli hanno ordinato di fare, è passibile di punizione. È importante rendersi conto in che cosa consista la differenza tra la pressione diretta esercitata per la prevenzione di un crimine e quella esercitata per l'estorsione di una prestazione definita. Nel primo caso tutto ciò che è richiesto all'individuo è di evitare un certo modo di condotta, determinato in modo preciso dalla legge. Di regola, è facile stabilire se questa interdizione sia stata o no osservata. Nel secondo caso l'individuo è tenuto ad eseguire un compito definito ; la legge lo obbliga a un'azione indefinita, la determinazione delia quale è lasciata alla decisione del potere esecutivo. L'individuo è tenuto a qualunque cosa l'amministrazione gli ordini di fare. Se l'ordine dato dal potere esecutivo sia o meno adeguato alle sue forze e facoltà, e se egli abbia o meno adempiuto ad esso col meglio delle sue facoltà, è cosa estremamente difficile a stabilirsi. Ogni cittadino riguardo a tutti gli aspetti della personalità e riguardo a tutte le manifestazioni della condotta è soggetto alle decisioni delle autorità. Nell'economia di mercato, in un procedimento davanti alla Corte di Giustizia il pubblico accusatore è obbligato a produrre prove sufficienti della colpevolezza del convenuto. In materia di esecuzione di lavoro obbligatorio è lasciato invece al convenuto di provare che il compito a lui assegnato era al di là delle sue capacità e che ha fatto tutto ciò che ci si poteva aspettare da lui. Gli amministratori combinano nella loro persona gli uffici di legislatori, di esecutori della legge, di

pubblico ministero e di giudici. I convenuti sono interamente alla loro mercè. Questo è quanto la gente ha in mente parlando di mancanza di libertà. Nessun sistema della divisione sociale del lavoro può operare senza un metodo che renda gli individui responsabili dei loro contributi allo sforzo produttivo congiunto. Se questa responsabilità non è determinata dalla struttura del prezzo di mercato e dall'ineguaglianza della ricchezza e del reddito che essi producono, dev'essere imposta coi metodi polizieschi della costrizione diretta.

8. Profitto e perdita imprenditoriali. Profitto, in senso lato, è guadagno derivato dall'azione, incremento della soddisfazione (diminuzione del disagio), differenza fra il più alto valore attribuito al risultato ottenuto e il valore più basso attribuito ai sacrifici del suo ottenimento; in altre parole, è prodotto meno costi. Il profitto è invariabilmente lo scopo di ogni azione. Se un'azione non riesce al suo fine, il prodotto non eccede i costi o rimane al di sotto di essi. Nell'ultimo caso, si ha perdita o diminuzione della soddisfazione. Profitto e perdita in questo senso originale sono fenomeni psichici e come tali non soggetti a misura e a modi di espressione che possano dare agli altri informazione precisa relativamente alla loro intensità. Uno può comunicare a un altro uomo che a lo soddisfa meglio di b ; ma non può comunicare, eccetto che in termini vaghi e indistinti, di quanto la soddisfazione derivata da a ecceda quella derivata da b. Nell'economia di mercato tutte le cose comprate e vendute contro moneta sono negoziate a prezzi monetari. Nel calcolo monetario il profitto appare come un'eccedenza di moneta ricevuta rispetto alla moneta spesa e una perdita come un'eccedenza di moneta spesa rispetto alla moneta ricevuta. Profitto e perdita possono essere espressi in ammontari definiti di moneta. É possibile accertare in termini monetari quale sia stato il profitto o la perdita di un individuo. Tuttavia, questo non è un accertamento del profitto o della perdita psichica individuale. È accertamento di un fenomeno sociale, del contributo individuale allo sforzo sociale come esso è apprezzato dagli altri membri della società. Non ci dice nulla relativamente all'aumento o alla diminuzione della soddisfazione o della felicità individuale. Semplicemente riflette la valutazione dei concittadini sul contributo personale alla cooperazione sociale. Questa valutazione è in definitiva determinata dagli sforzi di ogni membro della società di realizzare il massimo profitto psichico possibile. È la risultante dell'effetto composto di tutti i giudizi di valore personali e

soggettivi oggettivati dal mercato. Ma non dev'essere confusa coi giudizi di valore come tali. Non possiamo nemmeno pensare a uno stato di cose in cui la gente agisca senza intenzione di ottenere un profitto psichico e in cui la sua azione non approdi nè a un profitto nè a una perdita psichica [nota 1]. Nella costruzione immaginaria di un'economia a moto uniforme non vi sono nè profitti nè perdite monetarie. Tuttavia ogni individuo deriva un profitto psichico dalle sue azioni ; diversamente non agirebbe affatto. L'agricoltore nutre e munge le sue vacche e vende il latte perchè valuta le cose che può acquistare col denaro così ottenuto più dei costi sostenuti.
1. Se un'azione non migliora nè peggiora lo stato di soddisfazione, implica comunque una perdita psichica, per l'inutilità dello sforzo psichico compiuto. L'individuo in questione si sarebbe trovato meglio se fosse rimasto inerte a godersi la vita.

L'assenza di profitti e perdite monetarie in un tale sistema economico a moto uniforme è dovuta al fatto che, se trascuriamo le differenze prodotte dalla più alta valutazione dei beni presenti rispetto ai beni futuri, la somma dei prezzi di tutti i fattori complementari necessari alla produzione uguaglia esattamente il prezzo del prodotto. Nel mutevole mondo della realtà si manifestano continuamente differenze tra la somma dei prezzi dei fattori complementari di produzione e i prezzi dei prodotti. Sono queste differenze che determinano i profitti e le perdite monetarie. Tratteremo più tardi dell'entità in cui questi cambiamenti interessano gli offerenti di lavoro e quelli di fattori naturali originari di produzione e i capitalisti prestatori di denaro. Qui ci occupiamo del profitto e della perdita dell'imprenditore. È questo il problema che la gente ha in mente nell'uso ordinario dei termini profitto e perdita. Come ogni uomo d'azione, l'imprenditore è sempre speculatore. Egli si occupa delle condizioni incerte del futuro. Il suo successo o insuccesso dipende dalla correttezza della sua anticipazione di eventi incerti. Se sbaglia nella sua comprensione delle cose a venire, è spacciato. L'unica fonte dei profitti dell'imprenditore è la sua abilità ad anticipare meglio degli altri la domanda dei consumatori. Se tutti anticipassero correttamente lo stato futuro del mercato di una certa merce, il suo prezzo e i prezzi dei fattori complementari della produzione interessata sarebbero già al presente adattati a questo stato futuro. Per coloro che si mettono su questa linea d'affari non vi sarebbe nè profitto nè perdita. La funzione imprenditoriale specifica consiste nel determinare l'impiego dei fattori di produzione. Imprenditore è colui che li destina a scopi speciali. Ciò facendo, è mosso solamente dall'interesse egoistico del

profitto. Ma egli non può evadere la legge del mercato. Può riuscire soltanto servendo meglio i consumatori. Il suo profitto dipende dall'approvazione della sua condotta da parte dei consumatori. Non si deve confondere il profitto e la perdita imprenditoriale con gli altri fattori che ne influenzano i suoi proventi. L'abilità tecnologica dell'imprenditore non influisce sul profitto o sulla perdita imprenditoriale specifica. Nella misura in cui le sue attività tecnologiche contribuiscono ai rendimenti ottenuti e a un incremento del reddito netto, ci troviamo di fronte a una compensazione per il lavoro prestato, il salario pagato per il lavoro dell'imprenditore. Nemmeno il fatto che tutti i processi di produzione riescano tecnologicamente a dare il prodotto sperato influenza il profitto o la perdita imprenditoriale specifica. Tali insuccessi possono essere evitabili o inevitabili. Nel primo caso sono dovuti a condotta tecnologicamente inefficiente degli affari. Allora le perdite conseguenti devono essere addebitate all'inefficienza personale dell'imprenditore, o alla sua deficienza di abilità nell'assumere personale adeguato. Nel secondo caso gli insuccessi sono dovuti al fatto che il presente stato della conoscenza tecnologica impedisce di controllare pienamente le condizioni da cui il successo dipende. Questa deficienza può essere causata sia dalla conoscenza incompleta relativa alle condizioni del successo o dall'ignoranza dei metodi per il controllo completo di talune condizioni note. Il prezzo dei fattori di produzione tiene conto di questo insoddisfacente stato della nostra conoscenza e del nostro potere tecnologico. Il prezzo di un terreno arativo, per esempio, tiene adeguato conto del fatto che ci sono cattivi raccolti, ed è determinato dalla media prevista del prodotto. Il fatto che lo scoppio di bottiglie riduca la produzione di champagne, non influenza il profitto e la perdita imprenditoriale. È semplicemente un fattore determinante del suo costo di produzione e del suo prezzo [nota 1].
1. Cfr. Mangoldt, Die Lehre vom Unternehmergewinn, Leipzig, 1855, pag. 82. Il fatto che da 100 litri di vino normale non si possano produrre 100 litri di champagne ma solo una quantità inferiore, ha lo stesso significato del fatto che 100 Kg. di barbabietole da zucchero non diano 100 Kg. di zucchero, ma una quantità inferiore.

Gli accidenti che influenzano il processo di produzione, i mezzi di produzione o i prodotti mentre essi sono ancora nelle mani degli imprenditori sono una voce della lista dei costi di produzione. L'esperienza, che conferisce al commerciante tutte le altre conoscenze tecnologiche, lo informa anche sulla riduzione media della quantità di prodotto fisico che tali accidenti probabilmente produrranno. Intaccando riserve contingenti, egli converte i loro effetti in costi regolari di

produzione. Riguardo a contingenze la cui incidenza sia troppo rara o troppo irregolare per essere trattata a questa stregua da un'azienda individuale di normali dimensioni, razione concertata da parte di un gruppo sufficientemente grande di aziende prende cura della cosa. Le aziende individuali cooperano secondo il principio della assicurazione contro i danni causati dal fuoco, dalle inondazioni e contingenze simili. Allora il premio di assicurazione si sostituisce all'accantonamento di una riserva di contingenza. Ad ogni modo, i rischi accidentali non introducono incertezza nella condotta del processo tecnologico [nota 1]. Se un imprenditore trascura di considerarli adeguatamente, dà prova della sua insufficienza tecnica. La perdita così subita dev'essere addebitata alle cattive tecniche applicate, non alla sua funzione imprenditoriale.
1. Cfr. Knight, Risk, Uncertainty and Profit, Boston, 1921, pagg. 211-213.

L'eliminazione degli imprenditori che mancano di dare alle loro imprese un grado adeguato di efficienza tecnologica o di coloro la cui ignoranza tecnologica vizia il calcolo dei costi procede allo stesso modo dell'eliminazione di coloro che sono deficienti nella estrinsecazione delle specifiche funzioni imprenditoriali. Può accadere che un imprenditore abbia tanto successo nella sua funzione specifica da compensare le perdite causate dal suo insuccesso tecnologico. Può anche accadere che un imprenditore possa controbilanciare le perdite dovute all'insuccesso della sua funzione imprenditoriale coi vantaggi derivati dalla sua superiorità tecnologica o con la rendita differenziale ottenuta con una più alta produttività dei fattori di produzione impiegati. Ma non si devono confondere le varie funzioni combinate nella condotta di una unità economica. L'imprenditore tecnologicamente più efficiente guadagna saggi salariali o saggi quasi salariali più alti del meno efficiente allo stesso modo che il lavoratore più efficiente guadagna più del meno efficiente. La macchina più efficiente e il suolo più fertile dànno rendimenti fisici più elevati per unità di costi investiti, ossia una rendita differenziale rispetto alla macchina meno efficiente e al suolo meno fertile. Saggi salariali e rendita più elevati sono, ceteris paribus, il corollario di un prodotto fisico più elevato. Ma profitti e perdite imprenditoriali specifici non sono inerenti alla quantità del prodotto fisico. Essi dipendono dall'adattamento del prodotto ai bisogni più urgenti dei consumatori e si ottengono nella misura in cui l'imprenditore riesce (o non riesce) ad anticipare il futuro stato del mercato necessariamente incerto. L'imprenditore è anche messo alla prova dai pericoli politici. Politiche governative, rivoluzioni, guerre, possono danneggiare o annientare la sua impresa. Tali eventi non interessano lui soltanto, ma l'economia di mercato come tale e tutti gli individui, sebbene non tutti

nella stessa misura. Per l'imprenditore individuale questi sono dati inalterabili. Se ne è in grado, li prevederà in tempo. Ma non gli sarà sempre possibile d'adattare le operazioni in modo da escirne indenne. Se i danni temuti interessano solo una parte del territorio accessibile alle sue attività imprenditoriali, potrà evitare di operare nelle aree minacciate e preferire paesi in cui il pericolo è meno imminente. Ma se non può emigrare, egli deve stare dove è. Anche se tutti gli imprenditori fossero pienamente convinti che la vittoria totale del bolscevismo sarebbe imminente, non abbandonerebbero tuttavia le loro attività. La prospettiva di un'imminente espropriazione indurrà i capitalisti a consumare i loro fondi. Gli imprenditori saranno costretti ad adattare i loro piani alla situazione di mercato creata da tale consumo di capitale e dalla minacciata nazionalizzazione dei loro negozi e stabilimenti. Ma non cesseranno di operare. Se taluni abbandonano la loro attività, altri ne prenderanno il posto, nuovi venuti o vecchi imprenditori che vogliano espandere la dimensione delle loro imprese. L'economia di mercato non mancherà mai di imprenditori. Le politiche ostili al capitalismo possono privare i consumatori di una maggiore parte dei benefici che essi avrebbero ottenuto dalla libera attività imprenditoriale. Ma non possono eliminare gli imprenditori come tali, se non distruggendo completamente l'economia di mercato. La fonte ultima da cui sono derivati i profitti e le perdite è l'incertezza della futura costellazione di domanda e di offerta. Se tutti gli imprenditori anticipassero correttamente lo stato futuro del mercato non ci sarebbero nè profitti nè perdite. I prezzi di tutti i fattori di produzione sarebbero già oggi completamente adattati ai prezzi futuri dei prodotti. Comprando i fattori di produzione l'imprenditore dovrebbe spendere (tenuto conto di un premio adeguato per la differenza tra i prezzi dei beni presenti e dei beni futuri) un ammontare non inferiore a quello che i compratori gli pagheranno in un secondo tempo per il prodotto. Un imprenditore può fare profitti soltanto anticipando più correttamente degli altri le condizioni future. Allora compra i fattori complementari di produzione a prezzi la cui somma è minore del prezzo cui venderà il prodotto. Se vogliamo raffigurarci le condizioni economiche mutevoli in cui non vi sono nè profitti nè perdite, dobbiamo ricorrere ad una ipotesi irrealizzabile ; ossia la previsione perfetta degli eventi futuri da parte di tutti gli individui. Se i cacciatori e i pescatori primitivi ai quali usa attribuire la prima accumulazione di fattori di produzione prodotti avessero conosciuto in anticipo tutte le vicissitudini future delle cose umane, e se essi e i discendenti fino al giorno del giudizio universale, dotati della stessa onniscienza, avessero valutato in conformità tutti i fattori di produzione, profitti e perdite imprenditoriali non si sarebbero

mai manifestati. Questi, infatti, sono dovuti alla discrepanza tra i prezzi attesi e i prezzi successivamente realmente pagati sui mercati. È possibile confiscare i profitti e trasferirli dagli individui che li hanno ottenuti ad altri. Ma nè i profitti nè le perdite potranno sparire da un mondo mutevole, per le cui persone l'onniscienza non è la regola.

9. Profitti e perdite imprenditoriali in un'economia progressiva. Nella raffigurazione di un'economia stazionaria la somma totale dei profitti di tutti gli imprenditori è uguale alla somma totale delle perdite di tutti gli imprenditori. Il profitto di un imprenditore nel sistema economico complessivo è controbilanciato dalla perdita di un altro imprenditore. L'eccedenza che tutti i consumatori insieme spendono per l'acquisizione di una certa merce è controbilanciata dalla riduzione nella loro spesa per l'acquisizione di altre merci [nota 1].
1. Se applicassimo il concetto erroneo di "reddito nazionale" usato nel linguaggio corrente, dovremmo dire che nessuna parte del reddito nazionale va ai profitti.

In un'economia progressiva le cose stanno differentemente. Diciamo economia progressiva un'economia in cui la quota pro capite di capitale investito è in aumento. Usando questo termine non implichiamo giudizi di valore. Non adottiamo nè la veduta "materialistica" per cui tale progressione è un bene, nè la veduta "idealistica" per cui è un male o almeno irrilevante da un punto di vista "superiore". Naturalmente, è un fatto ben noto che l'immensa maggioranza della gente considera le conseguenze del progresso in questo senso come lo stato di cose più desiderabile e aspira ardentemente a condizioni che possono essere realizzate soltanto in un'economia progressiva. Nell'economia stazionaria, attuando le loro funzioni specifiche gli imprenditori non possono fare altro che distogliere fattori di produzione, ammesso siano ancora convertibili [nota 1], da una linea d'affari per impiegarli in un'altra linea, o destinarli a reintegrare l'equivalente dei beni capitali consumati nel corso dei processi produttivi tendenti a espandere certe branche dell'industria a spese di altre. Nell'economia progressiva l'ambito delle attività imprenditoriali include inoltre la determinazione dell'impiego dei beni capitali addizionali accumulati coi nuovi risparmi. L'iniezione di questi beni capitali addizionali è tenuta ad aumentare la somma totale del reddito prodotto, cioè l'offerta di beni di consumo che possono essere consumati senza diminuire il capitale tecnico

usato nella produzione e quindi senza pregiudicare il risultato della produzione futura. L'aumento del reddito è influenzato sia da un'espansione della produzione senza alterarne i metodi tecnologici, sia da un miglioramento dei metodi tecnologici che non sarebbe stato fattibile nelle precedenti condizioni di disposizione meno ampia di beni capitali.
1. Il problema della convertibilità dei beni capitali è trattato avanti, pagg. 480480.

È da questa ricchezza addizionale che proviene l'eccedenza della somma totale dei profìtti imprenditoriali sulla somma totale delle perdite. Ma si può facilmente dimostrare che questa eccedenza non può mai esaurire l'aumento totale della ricchezza dovuta al progresso economico. Le leggi del mercato dividono questa ricchezza addizionale tra imprenditori, prestatori di lavoro e fornitori di certi fattori materiali di produzione in modo tale che la parte del leone vada ai gruppi non imprenditoriali. Anzitutto bisogna rendersi conto che i profitti imprenditoriali non sono un fenomeno durevole, ma soltanto temporaneo. Relativamente ai profìtti e alle perdite prevale la tendenza a scomparire. Il mercato tende continuamente verso prezzi definitivi in uno stato finale di quiete. Se nuovi cambiamenti nei dati non fossero introdotti da questo movimento sì da creare il bisogno di nuovi aggiustamenti del prodotto alle mutate condizioni, i prezzi di tutti i fattori complementari di produzione uguaglierebbero infine — fatta debita concessione alla preferenza temporale — il prezzo del prodotto, e nulla sarebbe lasciato al profitto o alla perdita. Nel lungo andare ogni incremento della produttività va esclusivamente a beneficio dei lavoratori e di alcuni gruppi di proprietari terrieri e di beni capitali. Fra i proprietari di beni capitali beneficiano: 1) coloro il cui risparmio ha aumentato la quantità di beni capitali disponibili. Essi posseggono una ricchezza addizionale, risultato della loro astinenza dal consumo; 2) i possessori di beni capitali già prima esistenti, che grazie al miglioramento dei metodi tecnologici di produzione sono ora meglio utilizzati di prima. Tali guadagni sono naturalmente solo temporanei. Essi sono tenuti a sparire poiché sollecitano a intensificare la produzione dei beni capitali interessati. D'altro lato, l'incremento della quantità di beni capitali disponibili riduce la produttività marginale del capitale ; si determina così una caduta nei prezzi dei beni capitali che danneggia gli interessi di tutti quei capitalisti che non parteciparono all'atto o in modo insufficiente al processo di risparmio e all'accumulazione della disponibilità addizionale

di beni capitali. Fra i proprietari terrieri sono beneficiati tutti coloro per i quali il nuovo stato di cose presenta una più alta produttività aziendale, forestale, ittica, mineraria e così via. D'altro lato ne sono svantaggiati tutti coloro la cui proprietà può diventare sottomarginale rispetto ai più alti rendimenti ottenuti dal terreno posseduto da quelli che se ne trovano avvantaggiati. I lavoratori derivano tutti un guadagno durevole dall'aumento della produttività marginale del lavoro. Ma nel breve andare taluni possono essere svantaggiati. C'è gente specializzata in prestazioni soggette a obsolescenza in conseguenza del miglioramento tecnologico e adatta soltanto a lavori in cui — nonostante l'aumento generale dei saggi salariali — può guadagnare meno di prima. Tutti questi cambiamenti nei prezzi dei fattori di produzione prendono avvìo insieme alle azioni imprenditoriali volte ad adattare i processi di produzione al nuovo stato di cose. Trattando di questo problema e degli altri problemi relativi ai cambiamenti nei dati del mercato, dobbiamo guardarci dall'errore corrente di tracciare una linea netta tra effetti di breve ed effetti di lungo andare. Ciò che accade nel breve andare è precisamente il primo stadio di una catena di trasformazioni successive tendenti a realizzare gli effetti di lungo andare. L'effetto di lungo andare è nel nostro caso la scomparsa dei profitti e delle perdite imprenditoriali. Gli effetti di breve andare sono gli stadi preliminari di questi processi di eliminazione che, in fine, se non interrotti da ulteriori cambiamenti nei dati, porterebbero all'emergenza di un'economia uniformemente rotante. È necessario comprendere che nell'intera sequenza di eventi non vi è mai un istante in cui i vantaggi derivati da un incremento del capitale disponibile e da miglioramenti tecnici vanno a beneficio degli imprenditori soltanto. Se la ricchezza e il reddito degli altri strati non fossero influenzati, questi potrebbero comprare i prodotti addizionali soltanto restringendo corrispondentemente gli acquisti di altri prodotti. Allora i profitti di un gruppo di imprenditori uguaglierebbero esattamente le perdite subite da altri gruppi. Ciò che accade, è questo : gli imprenditori che impiegano beni capitali di nuova accumulazione e migliorati metodi tecnologici hanno bisogno di fattori complementari di produzione. La loro domanda di questi fattori è una domanda addizionale che deve aumentarne i prezzi. Solo in quanto si verifichi questo aumento nei prezzi e nei saggi salariali, i consumatori sono in grado di comprare i nuovi prodotti senza ridurre l'acquisto di altri beni. Solo così può darsi un'eccedenza nella somma totale dei profitti sulle perdite imprenditoriali. Il veicolo del progresso economico è l'accumulazione di beni capitali addizionali attraverso il risparmio e il miglioramento dei metodi

tecnologici di produzione, quasi sempre condizionato dalla disponibilità di tale nuovo capitale. Agenti del progresso sono gli imprenditori promotori che traggono profitto dall'adattamento della condotta degli affari alle esigenze dei consumatori. Realizzando i loro progetti essi sono tenuti a dividerne i vantaggi coi lavoratori oltre che con una parte dei capitalisti e dei proprietari fondiari, e ad aumentare gradualmente la porzione loro assegnata fintanto che la quota imprenditoriale scompare interamente. Da ciò è evidente l'assurdità di parlare di un "saggio di profitto" o di un "saggio normale di profitto" o di un "saggio medio di profitto". Il profitto non è in relazione nè dipendente dall'ammontare del capitale impiegato dall'imprenditore. Il capitale "non genera" profitto. Profitto e perdita sono interamente dovuti al successo o all'insuccesso dell'imprenditore nel l'adattare la produzione alla domanda dei consumatori. Non vi è nulla di "normale" nei profitti e non può mai esservi "equilibrio" riguardo ad essi. Al contrario, i profitti e le perdite sono sempre fenomeni di deviazione dalla "normalità", dovuti a cambiamenti imprevisti dalla maggioranza e a "squilibrio". Non hanno posto in un mondo ideale di normalità e di equilibrio. In un'economia dinamica è immanente la tendenza naturale dei profitti e delle perdite a scomparire. Soltanto l'emergenza di nuovi cambiamenti li fa rivivere di nuovo. In condizioni stazionarie il "saggio medio" dei profitti e delle perdite è zero. Un'eccedenza dell'ammontare totale dei profitti sulle perdite è prova del fatto che vi è progresso economico e miglioramento nel tenore di vita di tutti gli strati della popolazione. Quanto maggiore è questa eccedenza, tanto maggiore è l'incremento della prosperità generale. Molti sono assolutamente incapaci di trattare i fenomeni del profitto imprenditoriale senza indulgere a invidiosi risentimenti. Ai loro occhi la fonte del profitto è lo sfruttamento dei salariati e dei consumatori, cioè l'ingiusta riduzione dei saggi salariali e il non meno ingiusto aumento dei prezzi dei prodotti. Legalmente non dovrebbe esservi assolutamente profitto. L'economia è indifferente riguardo a questi arbitrari giudizi di valore. Non è interessata al problema se i profitti siano o meno approvati o condannati dal punto di vista di un preteso diritto naturale e di un preteso codice eterno e immutabile di moralità sul quale l'intuizione personale o la rivelazione divina si crede fornisca precisa informazione. L'economia accerta semplicemente il fatto che i profitti e le perdite imprenditoriali sono fenomeni essenziali dell'economia di mercato. Senza di essi non può esservi economia di mercato. È certamente possibile alla polizia confiscare i profitti. Ma tale politica porterebbe necessariamente l'economia di mercato in un caos senza senso. Indubbiamente l'uomo ha il potere di distruggere molte cose, e nel corso della storia ha fatto ampio uso di questa facoltà. Potrebbe quindi distruggere anche l'economia di

mercato. Se tali sedicenti moralisti non fossero accecati da invidia, non tratterebbero del profitto senza considerare simultaneamente il suo corollario, la perdita. Non passerebbero sotto silenzio il fatto che le condizioni preliminari del miglioramento economico sono conquista di coloro il cui risparmio ha accumulato i beni capitali addizionali e degli inventori, e che la coordinazione di queste condizioni è realizzata dagli imprenditori. Gli altri non contribuiscono al progresso, ma beneficiano della cornucopia che l'attività dei primi riversa su di essi. Ciò che è stato detto sull'economia progressiva si applica, mutatis mutandis, alle condizioni di un'economia regressiva, in cui cioè il capitale pro capite investito è decrescente e la somma totale delle perdite imprenditoriali eccede quella dei profitti. La gente non può liberarsi dall'errore di pensare in concetti di insieme, e questi potrebbero sollevare la questione se, in un'economia regressiva siffatta, possa esservi attività imprenditoriale. Perchè ci si dovrebbe imbarcare in un'impresa quando si sa a priori che le sue possibilità di profitto sono matematicamente più piccole di quelle della perdita? Tuttavia, questo modo di porre il problema è errato. Come tutti in genere gli imprenditori non agiscono come membri di una classe ma individualmente. Nessuno si cura minimamente del destino della totalità degli imprenditori. È irrilevante per gli imprenditori individuali ciò che accade a coloro che le teorie, in base a certe caratteristiche, assegnano alla loro stessa classe. Nell'attiva e mutevole società di mercato è sempre possibile guadagnare profitti agli imprenditori efficienti. Che in un'economia regressiva l'ammontare delle perdite ecceda il totale dei profitti non è scoraggiante per colui che ha fiducia nella sua superiore efficienza. Un imprenditore potenziale non consulta il calcolo delle probabilità, che non serve nel campo della comprensione. Fida solo nella propria abilità di comprendere meglio dei suoi simili le condizioni future del mercato. La funzione imprenditoriale, il perseguimento del profitto, è la forza propulsiva dell'economia di mercato. Profitto e perdita sono strumenti a mezzo dei quali i consumatori esercitano la loro supremazia sul mercato. Il comportamento dei consumatori determina i profitti e le perdite e quindi trasferisce la proprietà dei mezzi di produzione dalle mani dei meno efficienti in quelle dei più efficienti. Rende un uomo tanto più influente nella direzione dell'attività economica quanto meglio sa venire incontro alle esigenze dei consumatori. In assenza di profitti e di perdite gli imprenditori non saprebbero quali sono i bisogni più urgenti dei consumatori. E se anche taluni dovessero azzeccarvi, mancherebbero comunque dei mezzi per adattare la produzione in conformità. Le imprese di lucro sono soggette alla sovranità dei consumatori, mentre le istituzioni non lucrative sono sovrane e irresponsabili verso il

pubblico. Produrre per il profitto è necessariamente produrre per l'uso, poiché il profitto può ottenersi soltanto fornendo ai consumatori le cose di cui hanno più urgente bisogno. Criticando il profitto, moralisti e tediosi predicatori non colpiscono il segno. Non è colpa degli imprenditori se i consumatori — la gente, l'uomo comune — preferiscono i liquori alle bibbie e le storie poliziesche ai libri seri, e se i governi preferiscono al burro i cannoni. L'imprenditore non fa maggior profitto vendendo cose "cattive" di quanto ne farebbe vendendo cose "buone". I suoi profitti sono tanto maggiori quanto meglio gli riesce di procurare ai consumatori le cose che richiedono con maggiore intensità. La gente non beve bevande intossicanti per accontentare il "capitale alcoolico", nè va in guerra per accrescere i profitti dei "mercanti di morte". L'industria degli armamenti è conseguenza, non causa, dello spirito bellicoso. Non è compito degli imprenditori indurre la gente a sostituire ideologie sane alle insane. Spetta ai filosofi. L'imprenditore serve i consumatori come essi sono oggi, comunque cattivi e ignoranti. Possiamo ammirare coloro che si astengono dal fare guadagni che potrebbero conseguire producendo armi mortali o liquori forti. La loro lodevole condotta è tuttavia un semplice gesto senza effetti pratici. Anche se tutti gli imprenditori e i capitalisti dovessero seguirne l'esempio, guerre e dipsomania non scomparirebbero. Come accadeva nell'età precapitalistica, i governi produrrebbero le armi nei propri arsenali e i bevitori distillerebbero i propri liquori.

Alcune osservazioni sul motivo del sottoconsumo e sull'argomento del potere d'acquisto. Parlando di sottoconsumo, la gente pensa a uno stato di cose in cui una parte dei beni prodotti non può essere consumata perchè chi potrebbe consumarli è impedito dal farne acquisto data la sua povertà. Questi beni o rimangono invenduti o possono essere esitati soltanto a prezzi inferiori al costo di produzione. Così insorgono varie distorsioni e disturbi, l'insieme dei quali è chiamato depressione economica. Ora accade spesso che gli imprenditori sbaglino nel prevedere lo stato futuro del mercato. Invece di produrre i beni per i quali è più intensa la domanda dei consumatori, producono beni o cose a domanda meno intensa, che non possono affatto essere esitati. Questi imprenditori inefficienti soffrono perdite, mentre i concorrenti più efficienti che prevedono i desideri dei consumatori realizzano profitti. Le perdite del primo gruppo di imprenditori non sono causate da una generale

astensione dagli acquisti da parte del pubblico; sono dovute al fatto che questo preferisce altri beni. Se fosse vero, come suppone il mito del sottoconsumo, che i lavoratori sono troppo poveri per comprare i prodotti in quanto gli imprenditori e i capitalisti si appropriano ingiustamente di ciò che di diritto spetterebbe loro, lo stato di cose non muterebbe. Gli "sfruttatori" non sfruttano per puro capriccio. Essi vogliono, si insinua, accrescere il proprio consumo o il proprio investimento a spese degli "sfruttati". Ma essi non trafugano il loro bottino dalla terra. Lo spendono comprando oggetti di lusso per la famiglia o beni di produzione per l'espansione delle loro imprese. Naturalmente, la loro domanda è diretta a beni diversi da quelli che i salariati avrebbero acquistato se i profitti fossero stati confiscati e distribuiti tra di loro. Gli errori sullo stato del mercato delle varie classi di merci creato da tale "sfruttamento" non differiscono punto da qualsiasi altra deficienza imprenditoriale e come tali scontati dalle perdite degli imprenditori meno efficienti, che sono controbilanciate dai profitti dei più efficienti. Rendono gli affari cattivi per taluni gruppi di industrie e buoni per altri gruppi. Non determinano una depressione generale del commercio. Il mito del sottoconsumo è un argomento infondato, di cui appare l'inconsistenza non appena si prende a esaminarlo. È insostenibile anche se per ragioni dialettiche si ammette la correttezza della dottrina dello "sfruttamento". L'argomento del potere di acquisto si atteggia in una maniera leggermente differente. Sostiene che l'aumento dei saggi salariali è il primo requisito dell'espansione della produzione. Se i saggi salariali non aumentano, è inutile che le imprese aumentino la quantità e migliorino la qualità dei prodotti. Per chè i prodotti addizionali non troverebbero compratori o li troverebbero soltanto a scapito degli acquisti di altri beni. Ciò che in primo luogo occorre per realizzare il progresso economico è l'aumento continuo dei saggi salariali. La coercizione governativa e la pressione sindacale verso saggi salariali più elevati saranno il principale veicolo del progresso. Come è stato dimostrato, l'eccedenza nella somma totale dei profitti rispetto alla somma totale delle perdite imprenditoriali è inseparabilmente connessa col fatto che una porzione degli utili derivati da un aumento nella quantità di beni capitali disponibili e dal miglioramento dei processi tecnologici va ai gruppi non imprenditoriali. L'aumento dei prezzi dei fattori complementari di produzione, primi fra tutti i saggi salariali, è solo una concessione che gli imprenditori, volenti o nolenti, devono fare agli altri e una furba trovata per fare profitti. È un fenomeno inevitabile e necessario nella catena degli eventi che la ricerca del profitto nell'adattare l'offerta dei beni di consumo al nuovo stato di

cose è tenuto a produrre. Lo stesso processo che fa prevalere i profitti sulle perdite causa anzitutto — cioè prima che tale eccedenza appaia — la tendenza al rialzo dei saggi salariali e del prezzo di molti fattori materiali di produzione. E sarebbe ancora lo stesso processo a far sparire questa eccedenza di profitti sulle perdite nell'ulteriore corso degli eventi, ammesso non si verificasse nessun cambiamento tendente ad aumentare i beni capitali disponibili. I profitti non sono conseguenza dell'aumento dei prezzi dei fattori di produzione. I due fenomeni — aumento dei prezzi dei fattori di produzione ed eccedenza dei profitti sulle perdite — fanno parte del processo di aggiustamento produttivo all'aumento dei beni capitali e ai cambiamenti tecnologici attuati dalle azioni imprenditoriali. Soltanto nella misura in cui gli altri strati della popolazione si sono arricchiti per questo adattamento, può venire temporaneamente in essere un'eccedenza di profitti sulle perdite. L'errore fondamentale dell'argomento del potere d'acquisto sta nel fraintendere questa relazione causale. Esso capovolge le cose considerando l'aumento dei saggi salariali come leva determinante il miglioramento economico. Discuteremo, in uno stadio successivo di questo libro, le conseguenze dei tentativi governativi e delle violenze del lavoro organizzato per imporre saggi salariali più elevati di quelli del mercato senza vincoli [nota 1]. Qui dobbiamo aggiungere soltanto un'altra osservazione esplicativa. Parlando di profitto e di perdita, di prezzi e di saggi salariali, abbiamo sempre in mente profitti e perdite reali, prezzi e saggi salariali reali. E l'uso arbitrario dei termini monetari e reali che conduce molta gente fuori strada. Anche questo problema sarà trattato in modo esauriente nei successivi capitoli. Incidentalmente ricordiamo soltanto il fatto che un aumento dei saggi salariali reali è compatibile con una caduta dei saggi nominali.
1. Cfr. sotto, pagg. 737-746

10. Promotori, amministratori, tecnici e burocrati. I direttori assumono i tecnici, cioè gente capace e preparata per eseguire definite specie e quantità di lavoro. La classe dei tecnici include i grandi inventori, gli esperti nel campo della scienza applicata, i costruttori e i disegnatori come pure coloro che eseguono compiti più semplici. L'imprenditore appartiene ai loro ranghi fin dove egli stesso prende parte all'esecuzione tecnica dei suoi piani. Il tecnico dà il proprio lavoro e la propria fatica. Ma è l'imprenditore in quanto tale a dirigere il

suo lavoro verso scopi definiti. E lo stesso imprenditore agisce, per dir così, come mandatario dei consumatori. Gli imprenditori non sono onnipresenti ; non possono attendere personalmente ai molteplici scopi incombenti su di loro. Adattare la produzione al miglior appagamento possibile dei consumatori coi beni più richiesti non vuol dire semplicemente determinare il piano generale per l'utilizzazione delle risorse. Senza dubbio questa è la funzione principale del promotore e dello speculatore. Ma accanto ai grandi aggiustamenti sono necessari molti piccoli aggiustamenti. Presi uno ad uno possono sembrare insignificanti e di scarsa portata sul risultato totale. Ma l'effetto cumulativo delle piccole deficienze può essere tale da frustrare il successo di una soluzione corretta dei grandi problemi. Ad ogni modo, è certo che ogni errore nei piccoli problemi produce uno sciupìo di fattori di produzione scarsi e conseguentemente pregiudica la migliore soddisfazione possibile dei consumatori. È importante rendersi conto per quali aspetti il problema che abbiamo in mente differisce dai compiti tecnologici dei tecnici. L'esecuzione di ogni progetto su cui si è impegnato l'imprenditore prendendo la sua decisione riguardo al piano generale di azione, richiede una molteplicità di decisioni minute. Ognuna di queste decisioni deve essere effettuata in modo tale da far preferire la soluzione che — senza interferire coi disegni del piano generale — è la più economica. Deve evitare i costi superflui, allo stesso modo del piano generale. Il tecnico dal suo punto di vista puramente tecnologico, o non vede nessuna differenza nelle alternative offerte dai vari metodi per la soluzione di dettaglio, o sceglie il metodo più efficiente in termini di produzione fisica. Ma l'imprenditore è mosso all'azione dal motivo del profitto. Questo lo spinge a preferire la soluzione più economica, quella che fa a meno di fattori di produzione il cui impiego pregiudicherebbe la soddisfazione dei bisogni più urgenti dei consumatori. Tra i vari metodi, riguardo ai quali i tecnici sono neutrali, preferirà quello la cui applicazione richiede il minore costo. Egli può respingere il suggerimento del tecnico di scegliere un metodo più costoso che assicuri una maggiore produzione fisica, se il suo calcolo mostra che l'aumento nella produzione non compenserebbe l'aumento del costo richiesto. E ciò non soltanto nelle grandi decisioni e nei grandi piani. Il calcolo economico come praticato nell'economia di mercato, e specialmente il sistema di contabilità a partita doppia, rende possibile sollevare l'imprenditore dai troppi dettagli. Così può dedicarsi ai suoi maggiori compiti senza lasciarsi aggrovigliare da una moltitudine di inezie che sfuggono all'attenzione di ogni mortale. Può chiamare assistenti a cui affidare la cura di compiti imprenditoriali subordinati. Questi assistenti, a loro volta, possono essere aiutati secondo lo stesso principio da assistenti assegnati a una sfera di compiti più ristretti. In questo modo

può essere costruita un'intera gerarchia amministrativa. L'amministratore è in certo senso l'associato dell'imprenditore, indipendentemente dai termini contrattuali e finanziari di questo impiego. L'unica cosa rilevante è che i propri interessi finanziari lo spingono ad occuparsi col meglio delle sue capacità delle funzioni imprenditoriali che gli sono assegnate nei limiti di una sfera d'azione precisamente determinata. È il sistema della contabilità a partita doppia che rende possibile il funzionamento del sistema amministrativo. Grazie ad esso, l'imprenditore è in grado di separare il calcolo di ogni parte della sua impresa totale in modo da poterne determinare l'importanza entro la sua intera impresa. Così egli può considerare ogni sezione come un'entità separata e valutarla nella misura in cui contribuisce al successo dell'impresa totale. Entro questo sistema di calcolo economico ogni sezione di un'impresa rappresenta un'entità integrale, un'impresa ipoteticamente indipendente. Si assume che questa sezione "possegga" una parte definita dell'intero capitale impiegato nell'impresa, che essa acquisti dalle altre sezioni e venda loro, che abbia proprie spese e proprie entrate, che la sua azione porti a un profitto o a una perdita imputabile alia sua stessa condotta d'affari, distinto dal risultato delle altre sezioni. Così l'imprenditore può conferire all'amministrazione sezionale una larga indipendenza. L'unica direttiva che egli dà ad un uomo cui affida l'amministrazione di un lavoro circoscritto è di ottenere il massimo profitto possibile. L'esame dei conti mostra il successo o l'insuccesso degli amministratori nell'esecuzione di questa direttiva. Tutti gli amministratori o sottoamministratori sono responsabili del funzionamento della rispettiva sezione o sottosezione. Va a loro merito se i conti mostrano un profitto, e a loro demento se mostrano una perdita. L'interesse personale li spinge a mettere in atto la massima cura e il massimo sforzo nella condotta degli affari della propria sezione. Se incorrono in perdite, saranno rimpiazzati da altri, da cui l'imprenditore si aspetta un successo maggiore, o queste sezioni saranno soppresse. In ogni caso, l'amministratore perderà il suo lavoro. Se riesce a conseguire profitti, il suo reddito aumenterà o almeno non correrà il rischio di perderlo. Se l'amministratore abbia o meno diritto ad una parte del profitto attribuito alla sua sezione, non ha importanza riguardo all'interesse personale che questi pone nei risultati delle operazioni riguardanti la medesima. Il suo benessere è in ogni caso inscindibile da quello della sua sezione. Il suo compito non è simile a quello del tecnico, che esegue un lavoro definito secondo un progetto definito. Suo compito è di adattare — entro l'ambito limitato lasciato alla sua discrezione — il funzionamento della sua sezione allo stato del mercato. Naturalmente, siccome un imprenditore può combinare nella sua persona la funzione

imprenditoriale con quella del tecnico, tale unione di varie funzioni può verificarsi anche nell'amministratore. La funzione amministrativa è sempre subordinata a quella imprenditoriale. Può alleggerire l'impresa di una parte dei suoi compiti minori; mai trasformarsi in un sostituto dell'attività imprenditoriale. L'errore contrario è dovuto alla confusione della categoria imprenditoriale definita dal modello della distribuzione funzionale con le condizioni di un'economia di mercato viva ed operante. La funzione dell'imprenditore non può essere separata dalla direzione dell'impiego dei fattori di produzione per la realizzazione di compiti definiti. L'imprenditore controlla i fattori di produzione, e da questo controllo dipende tanto il suo profitto che la sua perdita. È possibile rimunerare l'amministratore pagandolo in proporzione al contributo della sua sezione ai profitti d'impresa. Ma questo non serve a nulla. Come è stato chiarito, egli è in ogni caso interessato al successo del settore affidato alla sua cura. Tuttavia l'amministratore non può essere reso responsabile delle perdite subite. Queste sono sopportate dai possessori del capitale investito, e non possono essere addossate all'amministratore. La società può liberamente lasciare ai rispettivi possessori la cura del migliore impiego possibile dei beni capitali. Impegnandosi in un progetto definito questi possessori espongono proprietà, ricchezza e posizione sociale. Così diventano ancora più interessati al successo delle loro attività imprenditoriali della società come un tutto. Per questa lo spreco del capitale investito in un progetto definito significa semplicemente perdita di una piccola parte dei fondi totali; per il possessore significa molto di più e spesso la perdita della sua intera fortuna. Ma se a un amministratore è data mano libera, le cose sono differenti. Egli specula, rischiando il denaro degli altri. Egli vede le prospettive di un'impresa incerta da un angolo differente di colui ch'è tenuto a rispondere delle perdite. Ed è proprio quando è rimunerato con una partecipazione ai profitti che diventa scioccamente temerario, appunto perchè non partecipa anche alle perdite. L'illusione che l'amministrazione riassuma in sè la totalità delle attività imprenditoriali diventandone il perfetto sostituto, dipende da un'errata rappresentazione delle condizioni delle società, forma tipica delle imprese odierne. Si asserisce che le società sarebbero governate da amministratori salariati, mentre gli azionisti sarebbero semplicemente spettatori passivi ; che tutti i poteri sarebbero concentrati nelle mani degli impiegati ; che gli azionisti sarebbero oziosi e inutili, limitandosi a raccogliere ciò che gli amministratori hanno seminato. Questa dottrina trascura completamente la funzione del mercato monetario e dei capitali, il mercato azionario e obbligazionario, che un

idioma pertinente chiama semplicemente "mercato", nella direzione degli affari sociali. Le operazioni di questo mercato sono bollate dalle tendenze anticapitalistiche come gioco rischioso, mero gioco d'azzardo. Infatti, i cambiamenti nei prezzi delle azioni comuni e preferenziali e delle obbligazioni sociali sarebbero i mezzi applicati dai capitalisti per il supremo controllo del flusso di capitale. La struttura di prezzo determinata dalle speculazioni sui mercati monetari e dei capitali e sugli scambi di grandi quantità di merce non solo decide la quantità di capitale sociale disponibile per la condotta degli affari sociali, ma crea uno stato di cose cui gli amministratori devono adattare le loro operazioni di dettaglio. La direzione generale della condotta sociale degli affari è esercitata dagli azionisti e dai loro mandatari eletti, i direttori. I direttori impiegano e licenziano gli amministratori. Nelle piccole imprese, e talvolta anche nelle maggiori, l'ufficio di direttore e di amministratore è spesso combinato nella stessa persona. Una società efficiente non è in definitiva mai controllata da amministratori salariati. L'emergenza di una classe amministrativa onnipotente non è fenomeno della libera economia di mercato. Al contrario, è il risultato di politiche interventiste tendenti consciamente a eliminare l'influenza degli azionisti e alla loro virtuale espropriazione. In Germania, in Italia e in Austria questo fu il passo preliminare sulla via della sostituzione del controllo governativo degli affari alla libera impresa. Ciò è stato pure il caso in Gran Bretagna riguardo alla Banca d'Inghilterra e alle ferrovie. Simili tendenze prevalgono in America nel campo dei servizi pubblici. Le meravigliose conquiste delle società anonime non furono dovute alle attività di un'oligarchia amministrativa salariata, ma a gente legata alla società con una partecipazione considerevole o maggioritaria, che il pubblico schernisce come promotori e profittatori. L'imprenditore determina da solo, senza nessuna interferenza amministrativa, su quali linee d'affari impiegare il capitale e quanto impiegarne. Egli determina l'espansione e la contrazione della dimensione dell'impresa totale e delle sue principali sezioni. Determina la struttura finanziaria dell'impresa. Queste sono le decisioni essenziali in cui si estrinseca la condotta degli affari. Esse cadono sempre sull'imprenditore, sia nelle società per azioni che negli altri tipi di struttura legale di impresa. L'assistenza data all'imprenditore a questo riguardo è soltanto di carattere subordinato. Egli si fa informare sul passato stato di cose da esperti nel campo del diritto, della statistica e della tecnologia ; ma la decisione finale implicante un giudizio sullo stato futuro del mercato sta soltanto a lui. L'esecuzione di dettaglio dei suoi progetti può poi essere lasciata agli amministratori. Le funzioni sociali della élite amministrativa non sono meno indispensabili al funzionamento dell'economia di mercato di quelle della

élite inventiva, dei tecnici, ingegneri, disegnatori, scienziati, e sperimentatori. Nei ranghi degli amministratori i piò eminenti servono la causa del progresso economico. Gli amministratori capaci sono rimunerati con alti salari e spesso con una partecipazione ai profitti lordi dell'impresa. Molti nel corso della loro carriera diventano a loro volta capitalisti e imprenditori. Tuttavia, la funzione amministrativa è differente dalla funzione imprenditoriale. E' grave errore identificare la funzione imprenditoriale con l'amministrativa, come nell'antitesi popolare "amministrazione-lavoro". La confusione è naturalmente intenzionale. Mira a oscurare il fatto che le funzioni dell'imprenditore sono completamente differenti da quelle degli amministratori che si occupano dei minori dettagli della condotta degli affari. La struttura degli affari, l'assegnazione del capitale alle varie branche di produzione e imprese, la dimensione e la linea di gestione di ogni stabilimento e negozio sono considerate come fatti dati ed è implicito che nessun ulteriore cambiamento sarà adottato riguardo ad essi. L'unico compito è di andare avanti alla vecchia maniera. In tale modo stazionario naturalmente non v'è bisogno di innovatori e promotori; il totale dei profitti è controbilanciato dal totale delle perdite. Per confutare gli errori di questa dottrina è sufficiente confrontare la struttura economica americana del 1945 con quella del 1915. Ma nemmeno in un mondo stazionario avrebbe senso dare al "lavoro", come vuole uno slogan corrente, una parte d'amministrazione. La realizza zione di questo postulato porterebbe al sindacalismo. V'è inoltre una certa disposizione a confondere l'amministratore col burocrate. L'amministrazione burocratica, in contrasto all'amministrazione d'impresa, è il metodo applicato nella condotta degli affari amministrativi il cui risultato non è misurato dai valori monetari del mercato. L'attuazione efficace dei compiti assegnati alla cura di un dipartimento di polizia è della più grande importanza per la preservazione della cooperazione sociale e va a beneficio di ogni membro della società. Ma non ha prezzo sul mercato, non può essere comprata o venduta ; non può quindi essere confrontata con le spese sostenute nell'impegno di assicurarla. Ha i suoi vantaggi, ma questi non si esprimono in profitti suscettibili di espressione monetaria. I metodi del calcolo economico, e specialmente quelli della contabilità a partita doppia, non sono applicabili. Il successo o l'insuccesso delle attività di un dipartimento di polizia non si può accertare coi procedimenti aritmetici dell'impresa di lucro. Nessun contabile può stabilire se un dipartimento di polizia o una delle sue suddivisioni ha avuto successo o meno. L'ammontare di danaro da investire in un'impresa di lucro è determinato dal comportamento dei consumatori. Se un'industria

automobilistica triplicasse il capitale impiegato, essa migliorerebbe certamente i servizi resi al pubblico. Ci sarebbero più automobili disponibili, ma questa espansione sottrarrebbe capitale da altre branche produttive in cui potrebbe soddisfare bisogni più urgenti. Questo fatto renderebbe l'espansione dell'industria automobilistica non profittevole e aumenterebbe i profitti nelle altre branche d'affari. Nello sforzo di realizzare il massimo profitto, gli imprenditori sono indotti ad assegnare a ogni branca d'affari soltanto il capitale che può esservi impiegato senza pregiudicare la soddisfazione dei bisogni più urgenti dei consumatori. Cosi le attività imprenditoriali sono come automaticamente dirette dai desideri dei consumatori, che si riflettono nella struttura del prezzo dei beni di consumo. Questa limitazione non esiste invece all'assegnazione di fondi per l'esecuzione dei compiti incombenti alle autorità governative. Non v'è dubbio che i servizi resi dal dipartimento di polizia della città di New York potrebbero essere considerevolmente migliorati triplicando l'assegnazione di bilancio. Ma la questione è se questo miglioramento sarebbe o meno tale da giustificare o la restrizione dei servizi di altri dipartimenti — ad esempio di quello d'igiene — o la restrizione del consumo privato dei contribuenti. La questione non può trovare risposta dall'esame dei conti del dipartimento di polizia. Questi informano sul modo in cui sono state sostenute le spese. Non possono invece dare alcuna informazione sui risultati ottenuti, poiché questi non trovano espressione in equivalenti monetari. I cittadini devono stabilire direttamente l'ammontare dei servizi che desiderano e per i quali sono pronti a pagare. Si liberano da questo compito eleggendo consiglieri e incaricati disposti ad uniformarsi alle loro intenzioni. Così il sindaco e i capi dei vari dipartimenti cittadini sono limitati dal bilancio. Essi non sono liberi di agire secondo la soluzione che considerano più favorevole dei vari problemi che la cittadinanza deve affrontare. Sono tenuti a erogare i fondi assegnati per gli scopi di bilancio. Non devono usarli diversamente. Il controllo nel campo della pubblica amministrazione è completamente differente da quello delle imprese di lucro. Suo scopo è di stabilire se i fondi assegnati sono stati spesi o no in stretta ottemperanza alle disposizioni di bilancio. Nelle imprese di lucro la discrezione degli amministratori e dei sottoamministratori è limitata da considerazioni di profitto e perdita. Il motivo del profìtto è direttiva sufficiente per renderli ossequienti ai desideri dei consumatori; non v'è bisogno di limitare la loro discrezione con minute istruzioni e regole. Se questi sono efficienti, tali inframmettenze di dettaglio sarebbero nel caso migliore superflue, se non perniciose nel legare loro le mani; se inefficienti, non solo non contribuirebbero ad una migliore riuscita della loro attività, ma

fornirebbero loro la scusa discutibile di attribuire l'insuccesso a regole inappropriate. La sola direttiva necessaria è ovvia: Ricercare il profitto. Le cose stanno diversamente nella pubblica amministrazione e nella condotta degli affari di governo. Qui la discrezione degli incaricati e dei loro subalterni non è limitata da considerazioni di profìtto e perdita. Se il capo supremo — non importa se il popolo sovrano o il despota — lasciasse loro mano libera, rinuncerebbe alla sua propria supremazia in loro favore. I funzionari diventerebbero irresponsabili e il loro potere sovrasterebbe quello del popolo o del despota. Farebbero ciò che piace loro, non ciò che i capi desiderano essi facciano. Per prevenire questo risultato e renderli ossequienti alla volontà dei capi, è necessario dare loro istruzioni dettagliate regolanti la condotta degli affari in ogni aspetto. Allora sono tenuti a trattare tutte le questioni in stretta ottemperanza a queste regole e regolamenti. La loro libertà si limita ad adattare gli atti a ciò che sembra loro la soluzione più appropriata di un problema concreto. Essi sono burocrati, uomini che in ogni evenienza devono osservare un insieme di regolamenti inflessibili. La condotta burocratica degli affari è tenuta ad osservare regole e regolamenti fìssati dall'autorità di un corpo superiore. Essa è la sola alternativa all'amministrazione di impresa. L'amministrazione di impresa è inapplicabile alla gestione di cose che non hanno valori monetari sul mercato e alla condotta non lucrativa degli affari che potrebbero essere gestiti anche su una base di lucro. La prima è il caso dell'amministrazione dell'apparato sociale coercitivo; la seconda è il caso della condotta di una istituzione su base non lucrativa, ad esempio, una scuola, un ospedale o un sistema postale. Quando la gestione di un sistema non è diretta dal motivo del profìtto, dev'essere diretta da regole burocratiche. La condotta burocratica degli affari non è, per sè, un male, è anzi l'unico metodo appropriato per gli affari governativi. Poiché il governo è necessario, la burocrazia è — in questo campo — non meno necessaria. Dove il calcolo economico non è fattibile, i metodi burocratici sono indispensabili. Un governo socialista deve applicarli a tutti gli affari. L'impresa, qualunque ne sia la dimensione o il compito specifico, non può mai diventare burocràtica fintanto che è gestita esclusivamente su una base di profitto. Ma non appena essa abbandona la ricerca del profitto sostituendovi ciò che è chiamato il principio del servizio — cioè la prestazione di servizi prescindendo dalla considerazione se i prezzi realizzati coprano o meno le spese — deve adottare metodi burocratici anziché i metodi dell'amministrazione aziendale [nota 1].
1. Per una trattazione esauriente Bureaucracy, New Haven, 1944. di questi problemi, cfr. Mises,

11. Il processo selettivo. Il processo selettivo del mercato è realizzato dallo sforzo composito di tutti i membri dell'economia di mercato. Agendo sotto lo stimolo egoistico, ognuno partecipa, per converso, a migliorare la soddisfazione altrui e, ancora, ai vantaggi dei servizi offerti dagli altri. Ciò significa che ognuno tenta di vendere più caro e di comprare più a buon mercato. La risultante di questi sforzi non è soltanto la struttura di prezzo, ma anche la struttura sociale, l'attribuzione di compiti definiti ai vari individui. Il mercato rende la gente ricca o povera, stabilisce chi deve dirigere i grandi stabilimenti e chi pulirne i pavimenti, fissa quanti devono lavorare nelle miniere di rame e quanti nelle orchestre sinfoniche. Nessuna di queste decisioni è presa una volta per tutte ; al contrario sono revocabili ad ogni giorno. Il processo selettivo non si arresta mai. Adatta incessantemente l'apparato produttivo sociale ai cambiamenti della domanda e dell'offerta. Rivede continuamente le decisioni precedenti imponendo a tutti un nuovo esame in questo senso. Non v'è sicurezza nè diritto a preservare una posizione acquisita in passato. Tutti sono soggetti alla legge del mercato : la sovranità dei consumatori. La proprietà dei mezzi di produzione non è un privilegio, ma un obbligo sociale. Capitalisti e proprietari terrieri sono costretti ad impiegare la loro proprietà per la migliore soddisfazione possibile dei consumatori. Se lenti e inetti nell'esecuzione dei loro compiti, vengono penalizzati dalle perdite. Se non imparano la lezione e non riformano la condotta degli affari, perdono la ricchezza. Nessun investimento è sicuro per sempre. Chi non usa la sua proprietà servendo i consumatori nel modo più efficiente è destinato a fallire. Non v'è posto per la gente che preferirebbe godere le proprie fortune nell'ozio e nella spensieratezza. Il proprietario deve tendere ad investire i suoi fondi in modo che il capitale e i suoi frutti non siano pregiudicati . Al tempo dei privilegi di casta e delle barriere commerciali vi erano redditi indipendenti dal mercato. I principi e i signori vivevano a spese degli umili schiavi e servi che dovevano loro decime, corvées e tributi. La proprietà della terra poteva essere acquisita soltanto con la conquista o per liberalità del conquistatore; e parimenti perduta soltanto se rivendicata dal donatore o conquistata da altri. Anche successivamente, quando signori e vassalli cominciarono a vendere le eccedenze sul mercato, non poterono essere estromessi dalla concorrenza di gente più capace. La concorrenza era libera soltanto entro limiti strettissimi. L'acquisizione della proprietà delle castella era riservata alla nobiltà, quella dei fondi urbani ai cittadini della comunità, quella dei terreni

agricoli ai contadini. La concorrenza nelle arti e mestieri era ristretta dalle gilde. I consumatori non erano in condizione di soddisfare i loro desideri nel modo più conveniente perchè il controllo dei prezzi rendeva impossibile la concorrenza al ribasso. I compratori erano alla mercè dei fornitori. Se i produttori privilegiati si rifiutavano di impiegare la materia grezza più adeguata e metodi di lavorazione più efficienti, i consumatori erano tenuti a subire le conseguenze della loro caparbietà e del loro conservatorismo. Il proprietario terriero, che viveva in perfetta autosufficienza coi frutti della propria attività agricola, era indipendente dal mercato. Ma l'agricoltore moderno che acquista attrezzi, fertilizzanti, sementi, lavoro e altri fattori di produzione e vende i prodotti agricoli è soggetto alla legge del mercato. Il suo reddito dipende dai consumatori, e pertanto deve conformarsi ai loro desideri. La funzione selettiva del mercato agisce anche nel lavoro. Il lavoratore è attratto dal lavoro da cui si aspetta di guadagnare di più. Come per i fattori materiali di produzione, anche il fattore lavoro viene assegnato agli impieghi in cui serve meglio i consumatori. Prevale la tendenza a non sprecare lavoro per soddisfare la domanda meno urgente, se una più urgente è ancora insoddisfatta. Come tutti gli altri strati della società, il lavoratore è soggetto alla supremazia del consumatore. Se si sottrae è penalizzato con la decurtazione del reddito. La selezione del mercato non stabilisce ordini sociali, caste o classi nel senso marxista. Nè imprenditori e promotori formano una classe sociale integrata. Ogni individuo è libero di diventare promotore se fida sulla propria abilità di anticipare le condizioni future di mercato meglio dei suoi concittadini e se i suoi tentativi di agire a proprio rischio e pericolo sono approvati dai consumatori. Entrando nel rango dei promotori con una spinta aggressiva e sottomettendosi alla prova del mercato, chiunque ha possibilità di consolidarvisi. È stato spesso obiettato che nelle condizioni del "tardo" o "maturo" capitalismo non è più possibile alla gente squinternata salire la scala della ricchezza e della posizione imprenditoriale. Nessun tentativo è però mai stato fatto per provare questa tesi. Dacché è stata avanzata per la prima volta, la composizione dei gruppi capitalisti e imprenditoriali ha cambiato considerevolmente. Gran parte degli imprenditori d'allora e dei loro eredi è stata eliminata, ed altri hanno preso il loro posto. Il punto di vista dal quale i consumatori scelgono i capitani d'industria e gli uomini d'affari è esclusivamente la loro qualificazione ad adattare la produzione ai bisogni dei consumatori. Essi non si preoccupano di altre caratteristiche e meriti. Desiderano che un fabbricante di scarpe fabbrichi scarpe buone e a buon mercato; non intendono attribuire il commercio delle scarpe a giovani efebi, a gente

salottiera, artisticamente dotata, erudita, o in possesso di ogni altra virtù o talento. L'esperto commerciante può spesso mancare in molti altri aspetti decisivi per il successo in altre sfere della vita. È assai comune oggigiorno deprecare i capitalisti e gli imprenditori. Si inclina a irridere i più abbienti asserendo che sono più ricchi soltanto perchè meno scrupolosi. Non trattenuti dal debito rispetto della legge, della moralità e della decenza — asseriscono i critici —, anche gli altri non avrebbero minor successo. Così ci si gloria nell'aureola dell'autocompiacimento della rettitudine farisaica. È vero difatti che nelle condizioni prodotte dall'interventismo molta gente può acquistare ricchezza mediante sotterfugi e corruzione. In molti paesi l'interventismo ha minato tanto la supremazia del mercato, che i commercianti trovano più vantaggioso ricorrere all'aiuto di chi occupa un ufficio politico piuttosto che badare alle esigenze dei consumatori. Ma non a questo si riferisce la critica popolare della ricchezza altrui. La tesi è che i mezzi d'acquisizione della ricchezza in una società di mercato puro sono obiettabili dal punto di vista etico. A simili affermazioni è necessario opporre che se il funzionamento del mercato non è sabotato dall'interferenza governativa e di altri fattori coercitivi, il successo economico conferma i servigi resi ai consumatori. Il povero non ha bisogno di essere secondo al ricco commerciante negli altri aspetti ; può talvolta essergli superiore nelle conquiste scientifiche, letterarie e artistiche o nella direzione civica. Tuttavia non nel sistema sociale di produzione. Il genio creatore può avere ragione di sprezzare il successo commerciale. Può essere vero che avrebbe potuto riuscire negli affari se non avesse preferito altre cose. Ma gli impiegati e i lavoratori che si vantano della loro superiorità morale si ingannano da soli e si consolano in questa autoillusione. Essi non ammettono di essersi cimentati e di essere stati giudicati inefficienti dai consumatori. Spesso si asserisce che l'insuccesso del povero nella concorrenza è dovuto a mancanza di educazione. L'eguaglianza delle opportunità — si dice — potrebbe realizzarsi soltanto rendendo ogni grado dell'educazione accessibile a tutti. Oggi prevale la tendenza a ridurre all'educazione ogni differenza e a negare l'esistenza di diseguaglianze innate di intelletto, forza di volontà e carattere. Non ci si rende generalmente conto che l'educazione non può mai essere altro che addottrinamento a teorie e idee già sviluppate. L'educazione, qualunque ne sia il vantaggio, è trasmissione di dottrine e valutazioni tradizionali, di necessità conservatrici. Produce imitazione e routine, non miglioramento e progresso. Innovatori e genii creatori non possono essere educati a scuola, perchè sfidano ciò che la scuola insegna. Per riuscire negli affari all'uomo non occorre il diploma di una scuola commerciale. Queste scuole preparano subalterni per lavori di routine,

non imprenditori. L'imprenditore non può essere preparato. Si diventa imprenditori cogliendo l'opportunità di colmare una lacuna. Nessuna speciale educazione è richiesta per manifestare acuto giudizio, previsione ed energia. I commercianti di maggior successo furono spesso ignoranti se paragonati al livello scolastico di un insegnante; ma pari alla funzione sociale di adattare la produzione alla domanda piò urgente. Per questo i consumatori li preferirono.

12. L'individuo e il mercato. Usa parlare metaforicamente di forze anonime ed automatiche azionanti il "meccanismo" del mercato. Con tali metafore si è pronti a trascurare il fatto che gli unici fattori che informano il mercato e la determinazione dei prezzi sono gli atti intenzionali degli uomini. Difatti non v'è automatismo, ma solo uomini che perseguono coscienziosamente e deliberatamente i fini scelti. Non vi sono forze meccaniche misteriose ; vi è soltanto la volontà umana di rimuovere il disagio. Non vi è anonimità; ci siamo io e voi e Bill e Joe e tutto il resto. E ognuno di noi è ad un tempo produttore e consumatore. Il mercato è un corpo sociale, il primo corpo sociale. E sociali sono i suoi fenomeni, in quanto risultante dell'attiva partecipazione di tutti. Ma in essi il connotato individuale scompare. Appaiono all'individuo come un dato che egli stesso non può alterare ; nè può sempre vedere che egli stesso è parte, sebbene piccola, del complesso degli elementi determinanti ogni stato istantaneo del mercato. Non riuscendo a rendersene conto, si sente libero, criticando i fenomeni di mercato, di condannare nei suoi simili un modo di condotta che considera perfettamente giusto nei propri confronti. Biasima il mercato per la sua insensibilità e trascuranza delle persone e invoca il controllo sociale per "umanizzarlo". Da una parte chiede misure per proteggere il consumatore dai produttori. Ma d'altra parte insiste ancora più appassionatamente sulla necessità di proteggersi in quanto produttore. Risultato di queste istanze contraddittorie sono i metodi di interferenza governativa, che trovano gli esempi più rilevanti nella Sozialpolitik della Germania imperiale e nel New Deal americano. È un vecchio errore che sia compito legittimo del governo proteggere il produttore meno efficiente dal concorrente più efficiente. Si domanda una "politica dei produttori" distinta dalla "politica dei consumatori". Mentre si ripete in modo infuocato il truismo essere unico scopo della produzione quello di sopperire nel modo più largo al consumo, si insiste con non minore eloquenza che il produttore "industrioso" dovrebbe essere protetto contro l' "ozioso" consumatore.

Tuttavia, produttori e consumatori sono identici. Produzione e consumo sono stadi differenti dell'azione. La catallattica personifica queste differenze parlando di produttori e di consumatori. Ma, in realtà, si tratta della stessa gente. Naturalmente, è possibile proteggere un produttore meno efficiente dalla concorrenza dei più efficienti. Tale protezione conferisce al privilegiato il beneficio che il libero mercato attribuisce solo a chi riesce meglio a soddisfare i bisogni dei consumatori. Ma essa necessariamente pregiudica la soddisfazione dei consumatori. Se soltanto un produttore o un piccolo gruppo è privilegiato, i beneficiari si avvantaggiano a spese della restante popolazione. Ma se tutti i produttori sono privilegiati nella stessa misura, ognuno perde come consumatore quanto guadagna come produttore. Inoltre tutti sono danneggiati, perchè l'offerta dei prodotti crolla se i più efficienti non possono impiegare la loro abilità nel campo in cui potrebbero rendere i migliori servigi ai consumatori. Se un consumatore crede opportuno o giusto pagare per i cereali domestici un prezzo più elevato che per i cereali importati dall'estero, o similmente per i manufatti lavorati in stabilimenti gestiti da piccole industrie o impieganti lavoratori sindacati rispetto a quelli di diversa provenienza, è libero di farlo. Basti s'accontenti che la merce offerta in vendita risponda alle condizioni da cui fa dipendere il prezzo più alto. Le leggi che vietano la contraffazione dei certificati di origine e delle marche commerciali, riuscirebbero all'intento con tariffe, legislazione del lavoro e privilegi alle piccole industrie. Ma è fuori dubbio che i consumatori non sono disposti ad agire in questo modo. Il fatto che una merce sia contrassegnata come importata non ne pregiudica la vendibilità, se è migliore o più conveniente o entrambe le cose insieme. Generalmente i compratori desiderano acquistare al prezzo più basso possibile, senza riguardo all'origine dell'articolo o a talune particolari caratteristiche dei produttori. La radice psicologica della politica produttiva praticata oggi in tutte le parti del mondo va vista in dottrine economiche spurie. Queste dottrine negano assolutamente che i privilegi concessi ai produttori meno efficienti gravino il consumatore. I loro avvocati sostengono che tali misure sono pregiudizievoli soltanto per coloro contro i quali discriminano. Se, messi alle strette, devono confessare che anche i consumatori sono danneggiati, sostengono essere le perdite dei consumatori più che compensate dall'aumento del loro reddito monetario conseguente dalle misure in questione. Così, nei paesi europei prevalentemente industriali, i protezionisti furono dapprima zelanti nel sostenere che le tariffe sui prodotti agricoli colpiscono esclusivamente gli interessi degli agricoltori dei paesi prevalentemente agricoli e dei commercianti di grano. È certo che anche

questi interessi d'esportazione sono danneggiati. Ma non è meno certo che i consumatori del paese che adotta la politica tariffaria perdono insieme ad essi dovendo pagare prezzi più alti per il loro cibo. Naturalmente i protezionisti replicano che ciò non è un peso, perchè l'ammontare addizionale che i consumatori domestici pagano aumenterebbe il reddito degli agricoltori e il relativo potere di acquisto. Essi spenderanno l'intera eccedenza comprando prodotti manifatturati dagli strati non agricoli della popolazione. Il paralogismo può essere agevolmente confutato riferendo il notissimo aneddoto dell'uomo che domanda all'oste un regalo di 10 dollari; questo non gli costerà nulla, perchè il pitocco promette di spendere l'intero ammontare nella sua osteria. Ma ciononostante l'errore protezionistico ha conquistato l'opinione pubblica, e questo soltanto spiega la popolarità delle misure da esso ispirate. Molti semplicemente non si rendono conto che il solo effetto della protezione è di distogliere la produzione dai luoghi in cui potrebbe rendere di più per unità di capitale e di lavoro investito verso luoghi meno produttivi. Il fondamento ultimo del protezionismo moderno e della tendenza autarchica di ogni paese dev'essere trovato in questa erronea credenza che essi siano i mezzi migliori per rendere più ricchi tutti i cittadini, o, almeno, la loro immensa maggioranza. Il termine ricchi a questo riguardo significa aumento del reddito reale dell'individuo e miglioramento del suo tenore di vita. È vero che la politica dell'isolamento economico nazionale è corollario necessario degli sforzi di interferire negli affari domestici, e risultato di tendenze bellicose di cui questa politica è uno dei fattori determinanti. Ma rimane il fatto che non sarebbe mai stato possibile vendere l'idea della protezione agli elettori se qualcuno non fosse stato capace di convincerli che la protezione non soltanto non ne pregiudica il tenore di vita ma lo eleva considerevolmente. È importante insistere su questo fatto, perchè esso confuta in modo totale il mito propagato da molti libri popolari. Secondo questo mito, l'uomo contemporaneo non sarebbe più mosso dal desiderio di migliorare il suo benessere materiale ed elevare il tenore di vita. Le asserzioni in contrario degli economisti sarebbero errate. Questi darebbe la priorità alle cose "non economiche" o "irrazionali" e sarebbe pronto a rinunciare al miglioramento materiale quando il suo conseguimento pregiudicasse questi interessi "ideali". Sarebbe errore grossolano, comune soprattutto agli economisti ed agli uomini d'affari, interpretare gli eventi del nostro tempo da un punto di vista "economico" e criticare le correnti ideologiche riguardo agli asseriti errori economici loro impliciti. La gente tenderebbe di più a cose differenti da un buon tenore di vita. È difficile fraintendere la storia del nostro tempo in modo più crasso. I nostri contemporanei sono spinti da uno zelo fanatico di maggiori comodità e da una brama incontenuta di godere la vita. Fenomeno sociale

caratteristico ai giorni nostri è il gruppo di pressione, un'alleanza di gente bramosa di promuovere il proprio benessere materiale, ricorrendo a tutti i mezzi, legali o illegali, pacifici o violenti. Per il gruppo di pressione nulla conta eccetto l'aumento del reddito reale dei suoi membri. Esso non è interessato ad altri aspetti della vita. Non si cura se la realizzazione dei suoi programmi danneggi o meno gli interessi vitali degli altri, della nazione o paese e dell'intera umanità. Ma naturalmente ogni gruppo di pressione tiene a presentare le sue richieste come vantaggiose al benessere pubblico generale e a stigmatizzare i suoi critici come furfanti, idioti e traditori abietti. Nel perseguimento dei suoi piani esso ostenta un ardore quasi religioso. Tutti i partiti politici senza eccezione promettono ai loro sostenitori un reddito reale più alto. Non vi è differenza a questo riguardo tra nazionalisti e internazionalisti ; tra i sostenitori dell'economia di mercato e gli avvocati del socialismo e dell'interventismo. Se un partito domanda ai sostenitori sacrifìci per la sua causa, li giustifica sempre come mezzi temporanei necessari al conseguimento dello scopo ultimo : un maggior benessere materiale per i suoi membri. Tutti i partiti considerano congiura insidiosa contro il loro prestigio e la loro sopravvivenza, se qualcuno si attenta a mettere in dubbio la capacità dei suoi progetti di rendere i membri del gruppo più prosperi. Tutti guardano con odio mortale agli economisti che si lasciano andare a critiche siffatte. Tutte le politiche di produzione sono sostenute sulla base della loro asserita capacità di elevare il tenore di vita dei membri del partito. Protezionismo e autarchia, pressione e costrizione sindacale, legislazione del lavoro, saggi salariali minimi, spesa pubblica, espansione del credito, sussidi ed altri espedienti sono sempre raccomandati dai loro avvocati come i mezzi più adatti e unici per incrementare il reddito reale di coloro cui domandano i voti. Gli statisti e i politici contemporanei invariabilmente dicono ai loro elettori : Il nostro programma vi arricchirà nella misura che le condizioni lo permetteranno, mentre il programma dei nostri avversari vi porterà guai e miseria. È vero che taluni intellettuali, isolati nei loro circoli esoterici, parlano differentemente, proclamando la priorità di ciò che chiamano valori eterni ed assoluti e mostrando nelle loro declamazioni — non nella loro condotta personale — disdegno delle cose secolari e transitorie. Ma il pubblico ignora tali sfoghi. Scopo principale dell'azione politica attuale è di assicurare ai membri dei rispettivi gruppi di pressione il massimo benessere materiale. L'unica via perchè un capo politico riesca è di istillare nella gente la convinzione che il suo programma serve a conseguire questo scopo. Ciò che è errato nelle politiche dei produttori è la loro economia. Se si fosse disposti a indulgere alla tendenza di molti a spiegare le

cose umane ricorrendo alla terminologia della psicopatologia, si potrebbe essere tentati di dire che l'uomo moderno opponendo la politica dei produttori a quella dei consumatori è stato vittima di una specie di schizofrenia. Non si è reso conto di essere una persona indivisa e indivisibile, un individuo, e come tale non meno consumatore che produttore. L'unità della sua coscienza è divisa in due parti; la sua mente è intimamente divisa contro se stesso. Ma importa poco che si adotti o meno questo modo per descrivere il fatto che la dottrina economica risultante da queste politiche è falsa. Noi non ci occupiamo della fonte psicologica da cui un errore può provenire, ma dell'errore come tale e delle sue radici logiche. Smascherare l'errore coi mezzi del raziocinio è la cosa principale. Se un'affermazione non fosse confutata come logicamente erronea, la psicopatologia non sarebbe in condizione di qualificare come patologico lo stato della mente da cui promana. Se uno si crede re del Siam, la prima cosa che la psichiatria deve accertare è se sia realmente ciò che crede di essere. Soltanto se si risponde a questa domanda in modo negativo, l'uomo può essere considerato pazzo. È vero che la maggior parte dei nostri contemporanei incorre nell'erronea interpretazione della nozione produttore-consumatore. Comprando, essi si comportano come se avessero relazioni col mercato solo quali compratori e, viceversa, vendendo. Come compratori invocano misure severe di protezione contro i venditori; e come venditori misure non meno severe contro i compratori. Ma questa condotta antisociale, che scuote le fondamenta stesse della cooperazione, non è il prodotto di uno stato patologico della mente. È il risultato di una limitazione mentale che non riesce a concepire il funzionamento dell'economia di mercato e ad anticipare gli effetti ultimi delle proprie azioni. Si può sostenere che l'immensa maggioranza dei contemporanei non si è mentalmente e intellettualmente adattata a vivere in una società di mercato, sebbene essi stessi e i loro padri l'abbiano inconsciamente creata con le proprie azioni. Ma questo sfasamento non sta in altro che nell'incapacità di riconoscere tali le dottrine erronee.

13. La propaganda commerciale. Il consumatore non è onnisciente. Egli non sa dove ottenere al prezzo più basso ciò che cerca. Spessissimo non sa nemmeno quale specie di merce o di servizio sia adatto a rimuovere più efficacemente il suo particolare disagio. Tutt'al più gli sono familiari le condizioni dell'immediato passato e adatta i suoi piani sulla base di queste informazioni. È compito della propaganda commerciale informarlo sullo

stato effettivo del mercato. La propaganda dev'essere invadente e clamorosa. Suo scopo è di attirare l'attenzione della gente tarda, di eccitarne i desideri latenti, di spingerla a innovare distogliendola dalla routine tradizionale. Per riuscire, la pubblicità deve adattarsi alla mentalità della gente cui sollecita il favore. Deve essere adatta ai suoi gusti e parlare il suo idioma. La pubblicità è squillante, rumorosa, volgare, esagerata, perchè il pubblico non reagisce alle allusioni composte. È il cattivo gusto del pubblico che costringe a ricorrere al cattivo gusto nelle campagne pubblicitarie. L'arte della pubblicità si è evoluta in una branca della psicologia applicata, disciplina affine alla pedagogia. Come tutte le cose intese a rispondere al gusto delle masse, la pubblicità è repellente alla gente di sentimenti delicati. Questa ripulsa influisce sul giudizio della propaganda commerciale. Pubblicità e metodi della propaganda commerciale sono condannati come una delle manifestazioni più oltraggiose della concorrenza illimitata, che pertanto dovrebbe essere proibita. I consumatori dovrebbero essere istruiti da esperti imparziali attraverso le scuole pubbliche, la stampa "indipendente" e le cooperative. La limitazione del diritto dei commercianti a propagandare i loro prodotti restringerebbe la libertà dei consumatori a spendere il reddito secondo loro aggrada. Impedirebbe loro di conoscere quanto possono e vogliono sullo stato del mercato e le condizioni rilevanti nella scelta di quel che vogliono comprare e non comprare. Non sarebbero più in grado di decidere in base all'opinione che si sono formati sulla valutazione del venditore; sarebbero costretti ad agire secondando il consiglio degli altri. Non è improbabile che questi mentori possano risparmiare loro alcuni errori. Ma i consumatori individuali sarebbero sotto tutela. Se la pubblicità è libera, i consumatori sono in generale nella posizione di un giudice che approfondisce il caso sentendo le testimonianze ed esaminando direttamente tutti gli altri mezzi di prova. Se la pubblicità è limitata, sono invece nella posizione di un giudice a cui un ufficiale riferisce il risultato del suo esame delle prove. È errore diffuso che una pubblicità idonea possa indurre il consumatore a comprare tutto ciò che il propagandista desidera compri. Il consumatore, secondo questa leggenda, è assolutamente indifeso contro l'"alta pressione" della pubblicità. Se ciò fosse vero, il successo o l'insuccesso degli affari dipenderebbe dal modo di pubblicitarli. Tuttavia, nessuno crede che qualche genere di pubblicità sarebbe riuscito a far tenere il campo al fabbricante di candele contro la lampadina elettrica, al carrettiere contro il motocarro, alla penna d'oca contro il pennino d'acciaio e successivamente contro la penna stilografica. Ma chiunque lo ammette, inferisce che la qualità della merce pubblicitata è strumentale al successo

della campagna. Quindi non vi è ragione di sostenere che la pubblicità è un metodo per ingannare il pubblico credulone. È certamente possibile ai propagandisti indurre un uomo a provare un articolo che non avrebbe comprato se ne avesse conosciute prima le qualità. Ma fino a quando la pubblicità è libera per tutte le imprese concorrenti l'articolo migliore dal punto di vista degli appetiti del consumatore finirà con l'eliminare l'articolo meno appropriato qualunque metodo di pubblicità possa essere applicato. I trucchi e gli artifici della pubblicità sono disponibili al venditore del miglior prodotto non meno che al venditore del prodotto più povero. Ma soltanto il primo gode del vantaggio derivato dalla migliore qualità del suo prodotto. Gli effetti della pubblicità di mercato sono determinati dal fatto che di regola il compratore è in grado di formarsi una corretta opinione sull'utilità dell'articolo che compra. La donna di casa che ha provato una particolare qualità di sapone o di cibi in scatola impara dall'esperienza se è bene compri e consumi quei prodotti anche nel futuro. Quindi la pubblicità è redditizia soltanto se l'esame del primo campione acquistato non finisce in un rifiuto del consumatore a comperare di più. I commercianti sono d'accordo che non rende propagandare prodotti che non siano buoni. Interamente differenti sono le condizioni nei campi in cui l'esperienza non può insegnarci nulla. Gli enunciati della propaganda religiosa, metafisica e politica non possono essere nè verificati nè falsificati dall'esperienza. Riguardo alla vita ultraterrena e all'assoluto, qualsiasi esperienza è negata a chi vive in questo mondo. In materia politica, l'esperienza è sempre esperienza di fenomeni complessi suscettibili di differenti interpretazioni. Il solo metro applicabile alle dottrine è il ragionamento aprioristico. Così la propaganda politica e la propaganda commerciale sono essenzialmente differenti, sebbene ricorrano spesso agli stessi metodi tecnici. Vi sono molti mali per cui la tecnologia e la terapeutica contemporanee non hanno rimedio. Ci sono malattie incurabili e ci sono difetti personali irreparabili. È un fatto triste che taluni tentino di sfruttare la sofferenza dei propri simili offrendo loro medicine brevettate. Tali ciarlatanerie non ringiovaniscono i vecchi nè fan belle le brutte. Destano soltanto speranze. Il funzionamento del mercato non sarebbe pregiudicato se le autorità proibissero la propaganda la cui fondatezza non può essere provata coi metodi delle scienze naturali sperimentali. Ma chi è disposto a concedere al governo questo potere sarebbe inconseguente, se obiettasse alla richiesta di sottomettere allo stesso esame le affermazioni delle chiese e delle sette. La libertà è indivisibile. Non appena si comincia a restringerla ci si mette su un declivio sul quale è difficile fermarsi. Se si attribuisce al governo il compito di far prevalere la

verità nella pubblicità del profumo o della pasta dentifricia, non si può contestargli il diritto di cercare la verità nelle materie più importanti della religione, della filosofia e dell'ideologia sociale. L'idea che la propaganda commerciale possa indurre i consumatori a sottomettersi alla volontà dei propagandisti è spuria. La pubblicità non può mai riuscire a soppiantare i prodotti più a buon mercato disponibili e posti in vendita. I costi pubblicitari sono, dal punto di vista di chi li sostiene, una parte dei costi totali di produzione. Il commerciante spende danaro per la pubblicità se e in quanto si aspetta che l'aumento delle vendite produrrà un aumento degli introiti totali. A questo riguardo non v'è differenza tra i costi della pubblicità e gli altri costi di produzione. È stato fatto un tentativo di distinguere tra costi di produzione e costi di vendita. Un aumento nei costi di produzione, si è detto, aumenta l'offerta, mentre un aumento dei costi di vendita (costi di pubblicità inclusi) aumenta la domanda [nota 1]. Questo è un errore. Tutti i costi di produzione sono sostenuti con l'intenzione di aumentare la domanda. Se il produttore di canditi impiega una materia grezza migliore, egli tende ad aumentare la domanda allo stesso modo che rendendo l'incarto più attraente e i suoi negozi più invitanti e spendendo di più in pubblicità. Aumentando i costi di produzione per unità di prodotto, l'idèa è sempre di aumentare la domanda. Se un commerciante desidera aumentare l'offerta, deve aumentare il costo totale di produzione, che spesso induce una riduzione nei costi unitari di produzione.
1. Cfr. Chamberlin, The Theory of Monopolistic Competition, Cambridge, Mass., 1935, pag. 123 e seguenti.

14. La "Volkswirtschaft". L'economia di mercato come tale non rispetta le frontiere politiche. Suo campo è il mondo. Il termine Volkswirtschaft è stato di buon'ora applicato dai campioni tedeschi dell'onnipotenza governativa. Soltanto molto più tardi inglesi e francesi cominciarono a parlare di British economy e di Economie francaise in contrapposto alle economie delle altre nazioni. Ma nè inglesi nè francesi produssero un equivalente del termine Volkswirtschaft. Con la tendenza moderna alla pianificazione e all'autarchia nazionale, le dottrine implicite in questo termine tedesco sono diventate popolari ovunque. Tuttavia, soltanto la lingua tedesca è capace di esprimere in una parola tutte le idee implicate.

La Volkswirtschaft è il complesso totale delle attività economiche di una nazione sovrana, dirette e controllate dal governo. Essa è il socialismo realizzato nell'ambito delle frontiere politiche di una nazione. Impiegando questo termine, la gente sa benissimo che le condizioni reali differiscono dallo stato di cose che essa ritiene come il solo adeguato e desiderabile. Ma essa giudica tutto ciò che accade nell'economia di mercato dal punto di vista del suo ideale. Assume esservi conflitto inconciliabile tra gli interessi della Volkswirtschaft e quelli degli individui egoistici avidi di profitti. Non esita a dare la priorità agli interessi della Volkswirtschaft rispetto a quelli individuali. Il cittadino onesto dovrebbe sempre mettere gli interessi volkswirtschaftliche al di sopra dei suoi interessi egoistici. Egli dovrebbe agire spontaneamente come se fosse un ufficiale del governo che esegue i suoi ordini. Gemeinnutz geht vor Eigennutz (il benessere della nazione ha la precedenza sull'interesse egoistico degli individui), era il dogma fondamentale dell'amministrazione economica nazista. Ma la gente è troppo stupida e troppo viziosa per conformarsi a questa regola; è compito del governo imporla. I principi tedeschi dei secoli XVII e XVIII, e primi fra loro gli Hohenzollern elettori del Brandeburgo e re di Prussia, erano assolutamente pari a questo compito. Nel XIX secolo persino in Germania le ideologie liberali importate dall'Occidente si erano sostituite alle provate e naturali politiche del nazionalismo e del socialismo. Tuttavia la Sozialpolitik di Bismarck e dei suoi successori ed infine il nazismo le hanno restaurate. Gli interessi di una Volkswirtschaft sono visti come implacabilmente contrari non soltanto a quelli degli individui ma anche a quelli della Volkswirtschaft di qualsiasi nazione straniera. Lo stato più desiderabile di una Volkswirtschaft è la completa autarchia economica. Una nazione che dipende dalle importazioni estere manca di indipendenza economica; la sua sovranità è solo una parvenza. Se non può produrre all'interno tutto ciò di cui abbisogna, la nazione è costretta a conquistare tutti i territori necessari. Per essere realmente sovrana e indipendente deve avere il suo Lebensraum, cioè un territorio tanto ampio e ricco di risorse naturali da poter vivere autarchicamente con un tenore non inferiore a quello di ogni altra nazione. Così l'idea della Volkswirtschaft è la negazione più radicale dei principii dell'economia di mercato. Fu quest'idea che guidò, più o meno, le politiche di tutte le nazioni negli ultimi decenni. Fu il perseguimento di questa idea a determinare le terribili guerre del nostro secolo, e che probabilmente ne susciterà ancora di più perniciose nell'avvenire. Dagli albori della storia umana i due opposti principii dell'economia di mercato e della Volkswirtschaft si combattono l'un l'altro. Il governo, cioè l'apparato sociale coercitivo, è un requisito necessario della cooperazione pacifica. L'economia di mercato non può fare a meno del

potere di polizia che ne salvaguardi il regolare funzionamento dalla minaccia e dall'uso della violenza da parte dei perturbatori della pace. Ma gli amministratori indispensabili e i loro satelliti armati sono sempre tentati di usare le armi per imporre la regola totalitaria. Per i re ambiziosi ed i generalissimi l'esistenza stessa di una sfera di vita individuale non soggetta ad irreggimentazione è una sfida. Principi, governatori e generali non sono mai spontaneamente liberali ; lo diventano soltanto se costretti dai cittadini. I problemi sollevati dai piani dei socialisti e degli interventisti saranno trattati in successive parti di questo libro. Qui dobbiamo rispondere soltanto alla questione, se alcune caratteristiche essenziali della Volkswirtschaft siano o meno compatibili con l'economia di mercato. Perchè i sostenitori dell'idea della Volkswirtschaft non considerano il loro schema semplicemente come un criterio per stabilire un ordine reale futuro. Dichiarano infatti enfaticamente che anche in un sistema di economia di mercato, che ai loro occhi è naturalmente il prodotto degradato e vizioso di politiche avverse alla natura umana, le Volkswirtschaften delle varie nazioni sono unità integrate, con interessi inconciliabilmente opposti a quelli delle Volkswirtschaften elle altre nazioni. Ciò che separa una Volkswirtschaft dalle altre non sono, come gli economisti vorrebbero farci credere, semplicemente le istituzioni politiche. Non sono le barriere commerciali e migratorie stabilite dall'interferenza governativa negli affari e le differenze legislative e protettive accordate agli individui dalle corti e dai tribunali, che distinguono il commercio domestico dal commercio straniero. Questa diversità è, al contrario, il risultato necessario della stessa natura delle cose, di un fattore inestricabile; non può essere rimossa da nessuna ideologia e produce i suoi effetti indipendentemente dal fatto che leggi, amministratori e giudici siano pronti a riconoscerlo. La Volkswirtschaft è una realtà naturale, mentre la società ecumenica degli uomini di tutto il mondo, l'economia mondiale (Weltwirtschaft), è soltanto il fantasma immaginario di una dottrina spuria, un piano inteso alla distruzione della civiltà. La verità è che gli individui nelle loro azioni, nella loro qualità di produttori e consumatori, di venditori e di compratori, non fanno nessuna distinzione tra mercato domestico e mercato straniero. Essi distinguono tra commercio locale e commercio con luoghi remoti soltanto per l'incidenza dei costi di trasporto. Se l'interferenza governativa, come nel caso delle tariffe, rende le transazioni internazionali più onerose, ne tengono conto allo stesso modo in cui considerano i costi di trasporto. Una tariffa sul caviale non ha un effetto diverso da quello che avrebbe un aumento nei costi di trasporto. Una rigida proibizione dell'importazione del caviale produce uno stato di cose non differente da quello che

prevarrebbe se il caviale non potesse sopportare il trasporto senza un deterioramento essenziale nelle sue qualità. Nella storia dell'Occidente non è mai esistita autarchia regionale o nazionale. Ci fu, dobbiamo ammetterlo, un periodo in cui la divisione del lavoro non andava al di là dai membri di un'economia familiare. Ci fu autarchia di famiglie e di tribù che non praticavano lo scambio interpersonale. Ma, non appena si manifestò lo scambio interpersonale, esso passò le frontiere delle comunità politiche. Il baratto tra gli abitanti di regioni remote, tra membri di varie tribù, villaggi e comunità politiche precedette la pratica del baratto tra vicini. La gente desiderava acquistare col baratto e col commercio soprattutto cose che non poteva ottenere dalle proprie risorse. Sale e altri minerali e metalli, i cui giacimenti non sono ugualmente distribuiti sulla faccia della terra, cereali non coltivabili sul suolo domestico, e manufatti che soltanto gli abitanti di alcune regioni erano capaci di apprestare, furono i primi oggetti del commercio. Il commercio cominciò come commercio estero. Solo posteriormente gli scambi domestici si sono sviluppati tra vicini. Le prime brecce nella chiusa economia familiare furono aperte allo scambio interpersonale dai produttori di regioni lontane. Nessun consumatore si curava del fatto che il sale o i metalli che comprava fossero "domestici" o "stranieri". Se fosse stato diversamente, i governi non avrebbero avuto alcuna ragione di interferire a mezzo di tariffe e altre barriere nel commercio estero. Ma anche se un governo riesce a erigere barriere insormontabili tra il suo mercato domestico e i mercati stranieri, stabilendo così una perfetta autarchia nazionale, non crea una Volkswirtschaft. Un'economia di mercato perfettamente autarchica rimane per l'appunto economia di mercato ; forma un sistema catallattico chiuso ed isolato. Il fatto che i suoi cittadini perdano i vantaggi che avrebbero potuto conseguire dalla divisione internazionale del lavoro è semplicemente un dato delle loro condizioni economiche. Soltanto se un paese così isolato diventa completamente socialista converte la sua economia di mercato in una Volkswirtschaft. Fascinata dalla propaganda neo-mercantilista, la gente usa un idioma che contrasta coi principii che essa prende a norma della sua azione e con le caratteristiche dell'ordine sociale in cui viviamo. Molto tempo fa gli inglesi cominciarono a chiamare "nostri" gli stabilimenti e le aziende agricole situati in Gran Bretagna e persino quelli situati nei Domini, nelle Indie Orientali e nelle colonie. Ma se uno non voleva proprio fare i mostra del suo zelo patriottico per impressionare gli altri, non era disposto a pagare le merci indigene ad un prezzo più alto di quello delle merci "straniere". Anche se si fosse comportato in questo modo, la designazione "nostre" delle merci ottenute entro i confini politici della sua nazione non sarebbe stata adeguata. In quale senso poteva un londinese,

prima della nazionalizzazione, chiamare "nostre" le miniere situate in Inghilterra, che egli non possedeva, e "straniere" le miniere della Ruhr ? Comprando carbone "britannico" o "tedesco" egli aveva sempre da pagare il prezzo pieno di mercato. Non è l'"America" che compra lo champagne dalla "Francia", ma sempre un individuo americano che compra da un individuo francese. Fintantoché rimane qualche spazio alle azioni degli individui, fintantoché vi è proprietà privata e scambio di beni e servizi tra gli individui, non vi è Volkswirtschaft. Solo se il completo controllo governativo si sostituisce alle scelte degli individui la Volkswirtschaft si impone come entità reale.

CAPITOLO XVI

I PREZZI

1. Il processo di formazione del prezzo. In un atto occasionale di baratto in cui ordinariamente gli uomini non ricorrono allo scambio reciproco, il rapporto di scambio è determinato soltanto entro larghi margini. La catallattica, teoria dei rapporti di scambio e dei prezzi, non può stabilire a qual punto entro questi margini si fisserà il rapporto concreto. Tutto ciò che essa può asserire riguardo a tali scambi è che si possono effettuare soltanto se ogni partito valuta quel che riceve più di quel che cede. Con l'evoluzione della divisione del lavoro entro una società basata sulla proprietà privata la ricorrenza di atti individuali di scambio genera poco a poco il mercato. Poiché diventa normale produrre per il consumo degli altri, i membri della società devono vendere e comprare. La moltiplicazione degli atti di scambio e l'aumento del numero di chi offre e domanda le stesse merci restringono i margini tra le valutazioni delle parti. Scambio indiretto e suo perfezionamento attraverso l'uso della moneta scindono le transazioni in due parti differenti : vendita e acquisto. Ciò che agli occhi di un partito è vendita, è acquisto pei* l'altro partito. La divisibilità della moneta, illimitata per tutti gli scopi pratici, rende possibile determinare i rapporti di scambio con estrema esattezza. Normalmente questi sono ora prezzi monetari, determinati entro margini estremamente ristretti : le valutazioni del compratore marginale e quelle dell'offerente marginale che si astiene dal vendere, da un lato ; e le valutazioni del venditore marginale e quelle del compratore marginale potenziale che si astiene dal comprare, d'altro lato. La concatenazione del mercato è il prodotto delle attività di imprenditori, promotori, speculatori ed agenti in futuri e arbitraggi. È stato asserito che la catallattica è basata sull'assunzione — contraria alla realtà — che tutti i partiti posseggano una conoscenza perfetta relativamente ai dati del mercato e quindi siano in posizione di valersi delle opportunità più favorevoli per comprare e vendere. È vero che taluni economisti credettero realmente che una tale ipotesi fosse implicita nella teoria dei prezzi. Questi autori non soltanto non si resero conto in quali aspetti un mondo popolato di uomini perfettamente uguali nella

conoscenza e nella previsione differirebbe dal mondo reale che tutti gli economisti desiderano interpretare sviluppando le loro teorie; ma sbagliarono anche non rendendosi conto del fatto che essi stessi non ricorrevano a tale ipotesi nella loro trattazione dei prezzi. In un sistema economico in cui ogni attore fosse in grado di conoscere correttamente la situazione di mercato con lo stesso grado di intuito, l'adattamento dei prezzi ad ogni cambiamento dei dati sarebbe raggiunto d'un colpo. È impossibile immaginare tale uniformità nella conoscenza e corretta valutazione dei cambiamenti dei dati eccetto che per intercessione di entità sovrumane. Dovremmo supporre ognuno avvicinato da un angelo che lo informa sul cambiamento dei dati e gli consiglia come adattare la propria condotta nel modo più adeguato a questi cambiamenti. Certamente il mercato considerato della catallattica è pieno di gente che conosce in grado differente i cambiamenti dei dati e che, anche se avesse le stesse informazioni, li valuterebbe diversamente. Il funzionamento del mercato riflette il fatto che i cambiamenti dei dati sono dapprima percepiti soltanto da pochi e che i differenti soggetti traggono differenti conclusioni nel valutarne gli effetti. I più intraprendenti e intelligenti prendono l'iniziativa, gli altri seguono dopo. Gli individui più accorti valutano le condizioni in modo più corretto dei meno intelligenti e quindi riescono meglio nelle loro azioni. Gli economisti non devono mai trascurare nel loro ragionamento il fatto che l'ineguaglianza degli uomini, innata e acquisita, differenzia il loro adattamento alle condizioni dell'ambiente. La spinta al processo di mercato non è data nè dai consumatori nè dai possessori dei mezzi di produzione — terra, beni capitali e lavoro — ma dagli imprenditori che promuovono e che speculano. Questa è gente intenta a profittare, avvantaggiandosi delle differenze di prezzo. Di percezione più immediata e più lungimirante degli altri, essi si guardano attorno cercando fonti di profitto. Comprano dove e quando ritengono i prezzi troppo bassi e vendono dove e quando li ritengono troppo alti. Avvicinano i possessori dei fattori di produzione, e la loro concorrenza innalza i prezzi di questi fattori al limite corrispondente alla loro anticipazione dei prezzi futuri dei prodotti. Avvicinano i consumatori, e la loro concorrenza abbassa i prezzi dei beni di consumo al punto in cui l'intera offerta può essere venduta. La speculazione per il profitto è la forza motrice del mercato e della produzione. L'agitazione non cessa mai sul mercato. La costruzione ideale di una economia uniformemente rotante non ha riscontro nella realtà. Non può emergere uno stato di cose in cui la somma dei prezzi dei fattori complementari di produzione, fatta debita concessione alla preferenza temporale, uguagli i prezzi dei prodotti e nessun cambiamento ulteriore debba essere atteso. Per qualcuno vi è sempre qualche profìtto da

guadagnare. Gli speculatori sono sempre allettati dalla prospettiva del profitto. La costruzione ideale di un'economia uniformemente rotante è uno strumento mentale per la comprensione del profitto e della perdita dell'imprenditore. Ma non serve alla spiegazione del processo di formazione del prezzo. I prezzi finali corrispondenti a questa concezione immaginaria non sono affatto identici ai prezzi di mercato. Le attività degli imprenditori e degli altri attori sulla scena economica non sono guidate da considerazioni come quella dei prezzi di equilibrio e dell'economia uniformemente rotante. Gli imprenditori prendono in considerazione i prezzi futuri attesi, e non i prezzi finali di equilibrio. Scoprono discrepanze tra l'altezza dei prezzi dei fattori complementari di produzione e i prezzi futuri sperati dei prodotti e cercano di avvantaggiarsene. Questi sforzi degli imprenditori porterebbero all'emergenza finale di un'economia uniformemente rotante se non apparissero ulteriori cambiamenti nei dati. L'azione degli imprenditori produce una tendenza all'uguaglianza dei prezzi per gli stessi beni in tutte le suddivisioni del mercato, fatta debita concessione ai costi di trasporto ed al tempo assorbito da esso. Le differenze di prezzo, non meramente transitorie e destinate ad essere eliminate dall'azione imprenditoriale, sono sempre il risultato di particolari ostacoli che ostruiscono l'innata tendenza all'eguaglianza. Alcuni ostacoli impediscono alla speculazione di intervenire. L'osservatore che non conosce abbastanza le condizioni effettive è spesso incapace di individuare le barriere istituzionali che impediscono tale eguaglianza. Ma gli interessati conoscono sempre le possibilità di avvantaggiarsi di tali differenze. Gli statistici trattano questo problema con troppa leggerezza. Se scoprono differenze nei prezzi all'ingrosso di una merce fra due città e paesi, non completamente compensate dai costi di trasporto, tariffe e dazi, concludono agevolmente che potere di acquisto della moneta e "livello" dei prezzi sono differenti [nota 1].
1. Talvolta la differenza di prezzo determinata dalle statistiche è soltanto apparente. Le quotazioni dei prezzi possono riferirsi a varie qualità dell'articolo considerato, o possono, ottemperando agli usi locali del commercio, significare cose differenti. Possono, ad esempio, includere o meno gli oneri dell'imballaggio; riferirsi al pagamento in contanti o al pagamento differito, e cosi via.

Sulla base di tali affermazioni la gente traccia programmi per eliminare le differenze mediante misure monetarie. Tuttavia, la causa prima di queste differenze non può trovarsi nelle condizioni monetarie. Se i prezzi nei due paesi sono quotati in termini della stessa specie di

moneta, è necessario individuare ciò che impedisce ai commercianti di impegnarsi in azioni che sono tenute a far scomparire le differenze di prezzo. Le cose sono essenzialmente le stesse se i prezzi sono espressi in termini di differenti specie monetarie. Perchè il reciproco rapporto di scambio tra varie specie di moneta tende a un punto in cui non c'è più alcun margine per avvantaggiarsi delle differenze di prezzo. Allorquando persistono differenze nei prezzi di una merce in differenti luoghi, è compito della storia economica e dell'economia descrittiva accertare quali barriere istituzionali impediscono le transazioni da cui dovrebbe risultare un eguagliamento dei prezzi. Tutti i prezzi che noi conosciamo sono prezzi del passato, fatti della storia economica. Parlando di prezzi presenti assumiamo che i prezzi del futuro immediato non differiranno da quelli del passato immediato. Tuttavia, tutto ciò che è asserito riguardo ai prezzi futuri è semplicemente il risultato dell'intellezione degli eventi futuri. L'esperienza della storia economica non ci dice mai più che a una data e in un luogo definiti due partiti, A e B, hanno commerciato una quantità definita della merce a contro un numero definito di unità della moneta p. Dicendo tali atti di acquisto e vendita prezzo di mercato di a, noi siamo guidati da un'intuizione teorica, dedotta da un punto di partenza aprioristico. Questa è l'intuizione che, in assenza di fattori particolari che determinano le differenze di prezzo, i prezzi pagati nello stesso tempo e nello stesso luogo per quantità uguali della stessa merce tendono ad eguagliarsi, cioè ad un prezzo finale. Ma i prezzi effettivi di mercato non raggiungono mai questo stato finale. I vari prezzi di mercato sui quali possiamo avere informazioni sono stati determinati in condizioni differenti. È impossibile confondere le medie calcolate da essi coi prezzi finali. Soltanto riguardo alle merci fungibili negoziate su un mercato organizzato di titoli o di merci è ammissibile, comparando i prezzi, assumere che si riferiscano alla stessa qualità. All'infuori di tali prezzi negoziati negli scambi e dei prezzi delle merci la cui omogeneità può essere stabilita in modo preciso dall'analisi tecnologica, è grave errore trascurare le differenze nella qualità della merce in questione. Persino nel commercio all'ingrosso di tessuti greggi la diversità degli articoli ha una parte preponderante. La comparazione dei prezzi dei beni di consumo induce per lo più in errore per la differenza di qualità. La quantità scambiata in una transazione è pure rilevante nella determinazione del prezzo unitario pagato. Le azioni di una società vendute in un grande lotto dànno un prezzo differente che se vendute in molti piccoli lotti. È necessario tenere sempre in evidenza questi fatti, perchè oggigiorno usa invocare l'elaborazione statistica dei dati di prezzo contro

la teoria dei prezzi. Tuttavia, la statistica dei prezzi è nell'insieme discutibile. I suoi fondamenti sono precari perchè le circostanze in genere non permettono la comparazione dei dati, la loro riunione in serie e il computo delle medie. Pieni di zelo per le operazioni matematiche, gli statistici cedono alla tentazione di passar sopra all'incomparabilità dei dati disponibili. L'informazione che un'impresa vende a un tempo definito un definito tipo di scarpe per 6 dollari il paio, riferisce un fatto della storia economica. Uno studio del comportamento dei prezzi delle scarpe dal 1923 al 1939 è congetturale, comunque sofisticati possano essere i metodi applicati ? La catallattica mostra che le attività imprenditoriali tendono ad abolire le differenze di prezzo non dovute ai costi di trasporto e alle barriere commerciali. Nessuna esperienza ha mai contraddetto questo teorema. I risultati ottenuti dall'identificazione arbitraria di cose disuguali sono irrilevanti.

2. Valutazione e stima. Fonte ultima della determinazione dei prezzi sono i giudizi di valore dei consumatori. I prezzi sono il risultato della valutazione che preferisce a a b. Sono fenomeni sociali, perchè prodotti dal gioco reciproco delle valutazioni di tutti gli individui che partecipano al funzionamento del mercato. Ogni individuo, comprando o non comprando, vendendo o non vendendo, contribuisce la sua parte alla formazione dei prezzi di mercato. Ma quanto più largo è il mercato tanto minore è il peso del contributo individuale. Così la struttura dei prezzi di mercato appare all'individuo come un dato al quale deve adattare la sua condotta. Le valutazioni che portano alla determinazione di prezzi definiti sono differenti. Ogni partito attribuisce ai beni che riceve un valore più alto che a quelli che cede. Il rapporto di scambio, il prezzo, non è il prodotto di una eguaglianza di valutazione, ma, al contrario, di una discrepanza. La stima dev'essere chiaramente distinta dalla valutazione. Essa non dipende in alcun modo dalla valutazione soggettiva dell'uomo che stima. Questi non è intento a stabilire il valore d'uso soggettivo del bene considerato, ma ad anticipare i prezzi che il mercato determinerà. La valutazione è un giudizio di valore espressivo di una differenza di valore. La stima è l'anticipazione di un fatto atteso. Essa tende a stabilire quali prezzi saranno pagati sul mercato per una certa merce, quale ammontare di moneta sarà richiesto per acquistare una merce definita. Valutazione e stima sono tuttavia strettamente connesse. Le

valutazioni di un agricoltore autarchico comparano direttamente il peso che egli attribuisce ai differenti mezzi per la rimozione del disagio. Le valutazioni di un uomo che compra o vende sul mercato non devono trascurare la struttura dei prezzi di mercato ; essi dipendono da stime. Per conoscere il significato di un prezzo si deve conoscere il potere d'acquisto dell'ammontare di moneta occorrente. È necessario in generale avere familiarità coi prezzi dei beni che si vorrebbero acquistare sulla base di tale conoscenza e formarsi un'opinione sui loro prezzi futuri. Se uno parla dei costi sostenuti per l'acquisto di alcuni beni già acquisiti o da sostenere per l'acquisto di beni che progetta di acquistare, esprime questi costi in termini di moneta. Ma questo ammontare di moneta rappresenta ai suoi occhi il grado di soddisfazione ottenibile impiegandolo per l'acquisizione di altri beni. La valutazione procede per via indiretta, passando per la stima della struttura dei prezzi di mercato; ma, in definitiva, tende sempre a comparare modi alternativi per la rimozione del disagio. In definitiva sono sempre i giudizi di valore soggettivi degli individui a determinare la formazione dei prezzi. La catallattica, nel concepire il processo della formazione dei prezzi, si rifà necessariamente alla categoria fondamentale dell'azione, alla preferenza data ad a rispetto a b. In vista degli errori correnti, è opportuno sottolineare che la catallattica considera prezzi reali pagati in transazioni definite e non prezzi immaginari. Il concetto di prezzo finale è solo uno strumento mentale per afferrare un problema particolare, l'emergenza del profitto e della perdita imprenditoriale. Il concetto di prezzo "giusto" od "onesto" è privo di qualsiasi significato scientifico; esso maschera desideri tendenti ad uno stato di cose differente dalla realtà. I prezzi di mercato sono interamente determinati dai giudizi di valore degli uomini reali. Dicendo che i prezzi tendono a un punto in cui la domanda totale è uguale all'offerta totale, si ricorre solo ad un altro modo di esprimere la stessa concatenazione di fenomeni. Domanda ed offerta sono il risultato della condotta di coloro che comprano e vendono. Se, a parità di condizioni, l'offerta aumenta, i prezzi devono cadere. Al prezzo precedente, tutti coloro che sono disposti a pagare a questo prezzo potrebbero comprare la quantità che desiderano. Se l'offerta aumenta, essi devono comprare quantità maggiori, o altra gente, che prima non comprava, deve diventare interessata a comprare. Questo può essere ottenuto soltanto ad un prezzo più basso. È possibile visualizzare questa interazione tracciando due curve, la curva di domanda e quella di offerta, la cui intersezione indica il prezzo. È nondimeno possibile esprimerla in simboli matematici. Ma è necessario rendersi conto che tali modi di rappresentazione grafici o matematici non intaccano l'essenza della nostra interpretazione e che non aggiungono

nulla al momento intuitivo. Inoltre è importante rendersi conto che non abbiamo alcuna conoscenza o esperienza relativamente alla forma di tali curve. Conosciamo sempre e soltanto prezzi di mercato — non curve, dunque, ma un punto che interpretiamo come l'intersezione di due curve ipotetiche. Disegnare tali curve può essere opportuno per visualizzare i problemi agli studenti. Per i compiti reali della catallattica esse sono del tutto secondarie.

3. I prezzi dei beni di ordine superiore. Il processo di mercato è coerente e indivisibile; un intreccio indissolubile di azioni e di reazioni, di movimenti e contromovimenti. Ma l'insufficienza delle nostre capacità mentali ci impone la necessità di dividerlo in parti e di analizzare ognuna di queste parti separatamente. Ricorrendo a tali artificiali sfaldamenti, non dobbiamo mai dimenticare che l'esistenza apparentemente autonoma di queste parti è un espediente immaginario delle nostre menti. Esse sono parti soltanto, che non possono mai essere pensate esistenti al di fuori della struttura di cui, appunto, sono parte. I prezzi dei beni di ordine superiore sono in definitiva determinati dai prezzi dei beni del primo od ultimo ordine, cioè i beni di consumo. Come conseguenza di questa dipendenza essi sono in definitiva determinati dalle valutazioni soggettive di tutti i membri della società di mercato. È tuttavia importante rendersi conto che ci troviamo di fronte ad una connessione di prezzi, non ad una connessione di valutazioni. I prezzi dei fattori complementari di produzione sono condizionati dai prezzi dei beni di consumo. I fattori di produzione sono stimati con riguardo ai prezzi dei prodotti, e da questa stima discende il loro prezzo. Le stime, non le valutazioni, vengono trasferite dai beni di primo ordine a quelli di ordine superiore. I prezzi dei beni di consumo suscitano le azioni che portano alla determinazione dei prezzi dei fattori di produzione. Questi prezzi sono essenzialmente connessi soltanto coi prezzi dei beni di consumo. Con le valutazioni individuali essi sono connessi solo indirettamente, attraverso l'intermediazione dei prezzi dei beni di consumo, prodotti del loro impiego congiunto. I compiti incombenti alla teoria dei prezzi dei fattori di produzione devono essere risolti con gli stessi metodi impiegati per la trattazione dei prezzi dei beni di consumo. Noi concepiamo il funzionamento del mercato dei beni di consumo in un duplice modo. Da un lato pensiamo ad uno stato di cose che porta ad atti di scambio ; la situazione è tale che il disagio dei vari individui può essere rimosso in certa misura perchè diverse persone

valutano gli stessi beni in un modo differente. D'altro lato pensiamo a una situazione in cui nessun ulteriore atto di scambio può avvenire perchè nessun attore si aspetta ulteriori miglioramenti della sua soddisfazione da nuovi atti di scambio. Procediamo allo stesso modo per comprendere la formazione dei prezzi dei fattori di produzione. Il funzionamento del mercato è attuato e mantenuto dallo sforzo degli imprenditori promotori, che tendono a profittare delle differenze nei prezzi di mercato dei fattori di produzione e nei prezzi attesi di tali prodotti. Il funzionamento di questo mercato s'arresterebbe se si presentasse una situazione in cui la somma dei prezzi dei fattori complementari di produzione — eccetto gli interessi — uguagliasse i prezzi dei prodotti e nessuno credesse di potersi aspettare ulteriori cambiamenti. Abbiamo così descritto il processo in modo adeguato e completo, precisando, positivamente, ciò che lo attua, e, negativamente, ciò che ne sospenderebbe il moto. L'importanza maggiore dev'essere attribuita alla descrizione positiva. La descrizione negativa che porta alla costruzione immaginaria del prezzo finale e dell'economia uniformemente rotante è semplicemente ausiliaria. Perchè il compito non è di trattare concetti immaginari, che mai si presentano nella vita e nell'azione, ma prezzi di mercato ai quali i beni di ordine superiore sono realmente comprati e venduti. Questo metodo lo dobbiamo a Gossen, Carl Menger e Bòhm-Bawerk. Suo merito principale è di implicare la nozione che il fenomeno della determinazione del prezzo è inestricabilmente connesso al processo di mercato. Esso distingue tra due cose : a) la valutazione diretta dei fattori di produzione che attribuisce il valore del prodotto al complesso dei fattori complementari di produzione ; b) i prezzi dei singoli fattori di produzione formatisi sul mercato come risultante delle corrispondenti azioni dei competitori. La valutazione praticabile da un attore isolato (Robinson Crusoe o un comitato socialista di direzione della produzione) non può mai portare alla determinazione di quote di valore. Essa può soltanto ordinare i beni in scale di preferenza. Non può mai attribuire ad un bene qualcosa che possa essere chiamato quantità o grandezza di valore. Sarebbe assurdo parlare di somma di valutazioni o di valori. Si può dichiarare che, fatta debita concessione alla preferenza temporale, il valore attribuito a un prodotto è uguale al valore del complesso totale dei fattori complementari di produzione. Ma non avrebbe senso asserire che il valore attribuito a un prodotto è uguale alla "somma" dei valori attribuiti ai vari beni complementari di produzione. Non si possono addizionare valori o valutazioni. Si possono addizionare prezzi espressi in termini di moneta, ma non scale di preferenza. Non si possono dividere i valori o individuare quote di essi. Il giudizio di valore sta solo nel preferire a a b. Il processo d'imputazione del valore non porta a scindere il valore

dei singoli agenti di produzione da quello del loro prodotto congiunto; nè offre risultati che possano servire come elementi del calcolo economico. È soltanto il mercato, che, stabilendo i prezzi per ogni fattore di produzione, crea le condizioni richieste per il calcolo economico. Il calcolo economico tratta sempre di prezzi, mai di valori. Il mercato determina i prezzi dei fattori di produzione allo stesso modo in cui determina i prezzi dei beni di consumo. Il processo di mercato è un'interazione di uomini tendenti deliberatamente a rimuovere l'insoddisfazione nel modo migliore possibile. È impossibile escludere o eliminare dal processo di mercato gli uomini che ne attuano il funzionamento. Non si può trattare del mercato dei beni di consumo trascurando le azioni dei consumatori; nè trattare del mercato dei beni di ordine superiore trascurando le azioni degli imprenditori e il fatto che l'uso della moneta è essenziale alle loro transazioni. Non vi è nulla di automatico o di meccanico nel funzionamento del mercato. Gli imprenditori, avidi di profitti, appaiono, per così dire, come offerenti ad un'asta, dove i possessori dei fattori di produzione mettono in vendita terra, beni capitali e lavoro. Tendono a eliminarsi offrendo prezzi più alti dei rivali. Le loro offerte sono limitate da un lato dalla rispettiva anticipazione dei prezzi futuri dei prodotti e d'altro lato dalla necessità di strappare i fattori di produzione dalle mani degli altri imprenditori concorrenti. Imprenditore è colui che impedisce la persistenza di uno stato di produzione inadatto alla soddisfazione meno onerosa dei bisogni più urgenti dei consumatori. Tutti aspirano alla migliore soddisfazione possibile dei propri desideri e, in questo senso, tendono al più alto profìtto ottenibile. La mentalità dei produttori, speculatori ed imprenditori non è differente da quella dei loro simili. Questi sono semplicemente superiori alle masse per capacità mentale ed energia. Sono i primi sulla via del progresso materiale; i primi a comprendere che vi è discrepanza tra ciò che si è fatto e ciò che si potrebbe fare. Indovinano ciò che i consumatori amerebbero avere e si impegnano a provvederli di queste cose. Perseguendo tali piani offrono prezzi più alti per alcuni fattori di produzione e più bassi per altri fattori, restringendone così la domanda. Provvedendo il mercato di beni di consumo dalla cui vendita si può ottenere il maggiore profitto, creano la tendenza alla caduta dei prezzi rispettivi. Restringendo la produzione dei beni di consumo la cui produzione non offre possibilità di profitto, provocano la tendenza all'aumento dei prezzi rispettivi. Tutte queste trasformazioni non hanno peso e potrebbero arrestarsi soltanto se si raggiungessero le condizioni irrealizzabili di un'economia uniformemente rotante e di un equilibrio statico. Tracciando i loro piani gli imprenditori guardano anzitutto ai prezzi

dell'immediato passato, erroneamente chiamati presenti. Naturalmente, non fanno mai rientrare questi prezzi nei loro calcoli senza badare ai cambiamenti previsti. I prezzi del passato immediato sono per essi soltanto il punto di partenza di deliberazioni che portano alle previsioni dei prezzi futuri e non influenzano la determinazione dei prezzi futuri. Al contrario, è l'anticipazione dei prezzi futuri e prossimi che determina lo stato dei prezzi dei fattori complementari di produzione. La determinazione dei prezzi non ha, per quanto riguarda i mutui rapporti di scambio tra le varie merci [nota 1], nessuna relazione causale diretta coi prezzi del passato. L'assegnazione di fattori di produzione inconvertibili alle varie branche della produzione [nota 2] e l'ammontare di beni capitali disponibili per la produzione futura sono grandezze storiche; a questo riguardo il passato è uno strumento per configurare il corso della produzione futura e influenzare i prezzi futuri. Ma, direttamente, i prezzi dei fattori di produzione sono determinati esclusivamente dall'anticipazione dei prezzi futuri dei prodotti. Il fatto che ieri la gente valutasse e stimasse le merci in modo differente è irrilevante. I consumatori non si curano degli investimenti fatti riguardo alle condizioni del mercato nè si preoccupano degli interessi precostituiti di imprenditori, capitalisti, proprietari terrieri e lavoratori, che possono essere danneggiati da cambiamenti nella struttura dei prezzi.
1. È differente riguardo ai reciproci rapporti di scambio tra moneta, merci e servizi vendibili. Cfr. sotto, pagg. 392-393. 2. Il problema dei beni capitali non convertibili è trattato più oltre, pagg. 480-486.

Questi sentimenti non hanno nessuna funzione nella formazione dei prezzi (è precisamente il fatto che il mercato non rispetti gli interessi precostituiti che spinge gli interessati a domandare l'interferenza governativa). I prezzi del passato, per l'imprenditore che plasma la produzione futura, sono semplicemente uno strumento mentale. Gli imprenditori non costruiscono ogni giorno ex novo nuove strutture di prezzo, nè assegnano ex novo i fattori di produzione alle varie branche dell'industria. Trasformano semplicemente ciò che il passato ha trasmesso, adattandolo meglio alle mutate condizioni. Quanto delle condizioni precedenti preservano e quanto di esse mutano, dipende dalla misura in cui i dati sono mutati. Il processo economico è un continuo intreccio di produzione e consumo. Le attività di oggi sono connesse a quelle del passato attraverso la conoscenza tecnologica, l'ammontare e la qualità dei beni capitali disponibili e la distribuzione della proprietà di questi beni tra i vari individui. Sono connesse al futuro attraverso l'essenza stessa dell'azione umana; l'azione è sempre diretta a migliorare le condizioni future. Per

individuare la sua via nel futuro sconosciuto e incerto, l'uomo ha solo due risorse: l'esperienza degli eventi passati e la facoltà di comprensione. La conoscenza dei prezzi passati è parte di questa esperienza e al tempo stesso punto di partenza della comprensione del futuro. Se la memoria di tutti i prezzi del passato fosse cancellata, il processo di formazione del prezzo diventerebbe più fastidioso, ma non impossibile, per quanto concerne i reciproci rapporti di scambio tra le varie merci. Sarebbe più difficile agli imprenditori adattare la produzione alla domanda del pubblico, ma questo adattamento sarebbe comunque realizzato. Sarebbe loro necessario raccogliere nuovamente tutti i dati di cui abbisognano come base delle loro operazioni; nè eviterebbero gli errori che ora evitano in virtù dell'esperienza disponibile. Le fluttuazioni di prezzo sarebbero più violente e inizialmente certi fattori di produzione sarebbero sciupati e pregiudicata la soddisfazione dei bisogni. Ma in definitiva, pur a caro prezzo, la gente acquisterebbe nuovamente l'esperienza necessaria al regolare svolgimento del processo di mercato. Il fatto essenziale è che la concorrenza degli imprenditori che perseguono il profitto non tollera la preservazione di prezzi falsi dei fattori di produzione. Le loro attività produrrebbero lo stato irrealizzabile di un'economia uniformemente rotante, se non dovesse verificarsi nessun ulteriore cambiamento. Nella vasta gara pubblica mondiale detta mercato, essi sono offerenti per i fattori di produzione. In ciò sono come mandatari dei consumatori. Ogni imprenditore rappresenta un differente aspetto dei desideri dei consumatori, o una differente merce o un modo differente di produrre la stessa merce. La concorrenza tra imprenditori è, in definitiva, una concorrenza tra le varie possibilità aperte agli uomini per rimuovere il pròprio disagio attraverso l'acquisizione di beni di consumo. Le decisioni dei consumatori di acquistare una merce e di posporne l'acquisto per un'altra determinano i prezzi dei fattori di produzione ad esse necessari. La concorrenza tra imprenditori riflette i prezzi dei beni di consumo nella formazione dei prezzi dei fattori di produzione; riflette nel mondo esterno il conflitto che la scarsità dei fattori di produzione determina nell'animo di ogni individuo; rende effettive le decisioni dei consumatori riguardo allo scopo cui i fattori non specifici di produzione dovrebbero essere usati e all'estensione in cui dovrebbero essere usati i fattori specifici. Il processo di formazione del prezzo è un processo sociale. Esso è realizzato dall'interazione di tutti i membri della società. Tutti collaborano e cooperano, ognuno nella funzione particolare che si è scelto nell'ambito della divisione del lavoro. Gareggiando in cooperazione e cooperando in concorrenza tutti contribuiscono al risultato, cioè alla struttura del prezzo di mercato, alla distribuzione dei fattori di produzione nelle varie linee di soddisfazione dei bisogni e alla determinazione della porzione di ogni individuo. Questi tre eventi non

sono tre cose differenti. Sono soltanto aspetti differenti di un fenomeno indivisibile cbe il nostro esame analitico scinde in tre parti. Nel processo di mercato essi realizzano uno actu. Soltanto coloro che hanno tendenze socialiste parlano di tre processi differenti trattando dei fenomeni di mercato : determinazione dei prezzi, direzione degli sforzi produttivi e distribuzione.

Una limitazione nella formazione del prezzo dei fattori di produzione. Il processo che deriva i prezzi dei fattori di produzione da quelli dei prodotti può ottenere i suoi risultati soltanto se, dei fattori complementari non rimpiazzabili da sostituti, non più di uno è di carattere assolutamente specifico, cioè non adatto a nessun altro impiego. Se l'ottenimento di un prodotto richiede due o più fattori assolutamente specifici, ad essi può essere assegnato soltanto un prezzo cumulativo. Se tutti i fattori di produzione fossero assolutamente specifici, il processo di formazione del prezzo non andrebbe oltre questi prezzi cumulativi. Esso non sarebbe altro che una enunciazione come questa : poiché combinando 3 a e 5 b si produce una unità di p, 3 a e 5 b insieme sono uguali a 1 p e il prezzo finale di 3 a + 5 b è, fatta debita concessione alla preferenza temporale, uguale al prezzo finale di 1 p. Poiché gli imprenditori che desiderano usare a e b per scopi diversi dalla produzione di p non gareggiano per essi, la determinazione di un prezzo più dettagliato è impossibile. Soltanto se si ha domanda di a (o di b) da parte di imprenditori che desiderano impiegare a (o b) per altri scopi, si ha concorrenza tra questi e gli imprenditori che programmano la produzione di p, e si presenta un prezzo di a (o di b) la cui altezza determina anche il prezzo di b (o di a). Un mondo in cui tutti i fattori di produzione fossero assolutamente specifici potrebbe sistemare le sue cose con tali prezzi cumulativi. Ivi non esisterebbe il problema: come distribuire i mezzi di produzione alle varie branche di soddisfazione dei bisogni. Nel nostro mondo reale le cose sono differenti. Molti mezzi scarsi di produzione possono essere impiegati per vari compiti. Così il problema economico è di impiegare questi fattori in modo tale che nessuna unità di essi debba essere usata per la soddisfazione di un bisogno meno urgente, se questa impedisce la soddisfazione di un bisogno più urgente. È ciò che il mercato risolve determinando i prezzi dei fattori di produzione. Il servizio sociale reso da questa soluzione non è minimamente pregiudicato dal fatto che per i fattori impiegabili soltanto cumulativamente sono determinati soltanto prezzi cumulativi.

I fattori di produzione che possono essere usati nello stesso rapporto di combinazione per produrre varie merci, ma che non sono suscettibili di altri usi, devono essere considerati come fattori assolutamente specifici. Essi sono assolutamente specifici riguardo alla produzione di un prodotto intermedio, che può essere usato per vari scopi. Il prezzo di questo prodotto può essere assegnato loro cumulativamente. Non fa differenza se questo prodotto intermedio può essere direttamente percepito dai sensi o se è semplicemente il risultato invisibile e intangibile del loro impiego congiunto.

4. La contabilità del costo.
Nel calcolo dell'imprenditore i costi sono l'ammontare di moneta necessario a procurare i fattori di produzione. L'imprenditore si dedica ai progetti d'affari dai quali si aspetta la più alta eccedenza di ricavi sui costi e scarta i progetti dai quali si aspetta un ammontare più basso di profitti o addirittura una perdita. Così facendo, adatta i suoi sforzi alla soddisfazione migliore possibile dei bisogni dei consumatori. Il fatto che un progetto non sia profittevole perchè i costi sono più alti degli introiti va ricercato nell'esistenza di un impiego disponibile più utile per i fattori di produzione richiesti. Ci sono altri prodotti nell'acquisto dei quali i consumatori sono disposti a compensare i prezzi dei fattori di produzione richiesti. Ma essi non sono disposti a indennizzare questi prezzi comprando merce la cui produzione non sia profittevole. La contabilità dei costi è influenzata dal fatto che le due condizioni seguenti non sono sempre presenti :

1° ogni aumento della quantità dei fattori impiegati per la produzione dei beni di consumo aumenta la sua capacità di rimuovere il disagio ; 2° ogni aumento della quantità di un bene di consumo richiede un aumento proporzionale nella spesa dei fattori di produzione o addirittura un aumento più che proporzionale. Se entrambe queste condizioni fossero sempre realizzate senza eccezione, ogni incremento z impiegato per incrementare la quantità m di una merce g andrebbe alla soddisfazione di un bisogno considerato meno urgente del bisogno meno urgente già soddisfatto dalla quantità m precedentemente disponibile. Al tempo stesso l'incremento z richiederebbe l'impiego di fattori di produzione da sottrarsi alla soddisfazione di altri bisogni considerati più pressanti dei bisogni alla cui soddisfazione si è rinunciato per produrre l'unità marginale di m. Da un lato cadrebbe il valore marginale della soddisfazione derivata dall'aumento nella quantità disponibile di g. D'altro lato i costi richiesti per la produzione delle quantità addizionali di g aumenterebbero in disutilità marginale ; fattori di produzione sarebbero stornati da impieghi in cui potrebbero soddisfare

bisogni più urgenti. La produzione deve arrestarsi al punto in cui l'utilità marginale dell'incremento non compensa più l'incremento marginale della disutilità dei costi. Ora, queste due condizioni sono spessissimo presenti, ma, in generale, non senza eccezioni. Esistono molte merci di tutti gli ordini di beni la cui struttura fisica non è omogenea e, quindi, non perfettamente divisibili. Naturalmente, sarebbe possibile eliminare la deviazione dalla prima condizione menzionata sopra con un sofisticato gioco di parole. Uno potrebbe dire : metà di un motocarro non è un motocarro. Se si aggiunge a metà di un motocarro un quarto di un motocarro, non si aumenta la "quantità" disponibile ; soltanto la perfezione del progetto di produzione che produce un autocarro completo produce un'unità e un aumento nella "quantità" disponibile. Tuttavia, tale interpretazione non coglie nel segno. Il problema che noi dobbiamo affrontare è che non ogni aumento nella spesa aumenta proporzionalmente il valore d'uso oggettivo, il potere fisico di una cosa a rendere un servizio definito. I vari incrementi di spesa determinano risultati differenti. Ci sono incrementi la cui spesa è inutile se non si aggiungono ulteriori incrementi di una quantità definita. D'altro lato — e questa è la deviazione dalla seconda condizione — un aumento della produzione fisica non richiede sempre un incremento proporzionale della spesa o addirittura una spesa addizionale. Può accadere che i costi non aumentino affatto o che il loro aumento accresca la produzione più che proporzionalmente. Perchè molti mezzi di produzione non sono nè omogenei nè perfettamente divisibili. Questo fenomeno è noto in economia come superiorità della produzione su vasta scala. Gli economisti parlano di legge dei rendimenti crescenti o dei costi decrescenti. Consideriamo — caso A — uno stato di cose in cui i fattori di produzione non siano perfettamente divisibili in modo che la piena utilizzazione dei servizi produttivi resi da ogni ulteriore elemento indivisibile di ogni fattore richieda la piena utilizzazione di altri elementi indivisibili di ogni altro fattore complementare. Allora, in ogni aggregato di fattori di produzione, ognuno degli elementi messi insieme — ogni macchina, ogni lavoratore, ogni pezzo di materia grezza — può essere pienamente utilizzato soltanto se tutti i servizi produttivi degli altri elementi sono pure completamente impiegati. Entro questi limiti la produzione di una parte del massimo prodotto ottenibile non richiede spesa maggiore della produzione dell'intero prodotto ottenibile. Possiamo allora dire che l'aggregato di dimensioni minime produce sempre la stessa quantità di prodotti ; è impossibile produrne una quantità più limitata, anche se non vi è uso per una parte di essa. Consideriamo — caso B — uno stato di cose in cui un gruppo di

fattori di produzione (p) sia perfettamente divisibile per tutti gli scopi pratici. D'altro lato, i fattori non perfettamente divisibili possano essere divisi in modo tale che la piena utilizzazione dei servizi resi da ogni loro ulteriore parte indivisibile richieda la piena utilizzazione di altre parti indivisibili di altri fattori complementari non perfettamente divisibili. Allora l'aumento di produzione di un aggregato di fattori ulteriormente indivisibili da una utilizzazione parziale ad una utilizzazione più completa della loro capacità produttiva richiede semplicemente un aumento della quantità p, fattore perfettamente divisibile. Tuttavia, bisogna guardarsi dall'errore che questo comporti necessariamente una diminuzione della media dei costi di produzione. È vero che entro l'aggregato dei fattori non perfettamente divisibili ognuno è ora meglio utilizzato, che quindi i costi di produzione nella misura in cui sono dovuti alla cooperazione di questi fattori rimangono immutati, e che le quote gravanti su ogni unità di prodotto sono decrescenti. Ma, d'altro lato, un aumento nell'impiego dei fattori di produzione perfettamente divisibili può essere ottenuto soltanto sottraendoli da altri impieghi. Il valore di questi altri impieghi aumenta, ferme restando le altre condizioni, con la loro riduzione ; il prezzo di questi fattori perfettamente divisibili tende ad aumentare quanto maggiore è il loro numero usato per la migliore utilizzazione della capacità produttiva dell'aggregato dei fattori in questione non ulteriormente divisibili. Non si deve limitare la considerazione del problema al caso in cui la quantità addizionale p viene sottratta alle altre imprese producenti lo stesso prodotto in modo meno efficiente costringendo queste imprese a ridurre la produzione. È ovvio che, in questo caso — concorrenza tra un'impresa più efficiente e una meno efficiente produttrici dello stesso articolo dalla stessa materia prima — il costo medio di produzione è decrescente nell'impresa in espansione. Un esame più generale del problema conduce a un differente risultato. Se le unità di p sono sottratte a impieghi in cui sarebbero state utilizzate per la produzione di "altri articoli, allora si manifesta la tendenza ad un aumento nel prezzo di queste unità. Questa tendenza può essere compensata da tendenze accidentali, agenti in direzione opposta ; e può talvolta essere così debole che i suoi effetti siano trascurabili. Ma essa è sempre presente e potenzialmente influisce sulla configurazione dei costi. Infine consideriamo — caso C — uno stato di cose in cui i vari fattori perfettamente divisibili di produzione possano essere divisi soltanto in modo tale che, in date condizioni di mercato, qualsiasi dimensione che possa essere scelta per riunirli in un aggregato produttivo non permetta una combinazione in cui la piena utilizzazione della capacità produttiva di un fattore si concili con la piena utilizzazione della capacità produttiva degli altri fattori non perfettamente divisibili. Soltanto questo caso C ha significato pratico, mentre i casi A e B difficilmente hanno importanza

nell'economia reale. Caratteristica del caso C è che la configurazione dei costi di produzione varia in modo non proporzionale. Se tutti i fattori non perfettamente divisibili sono utilizzati al di sotto della loro piena capacità, l'espansione della produzione determina una riduzione dei costi medi di produzione a meno che un aumento nei prezzi dei fattori perfettamente divisibili controbilanci questo risultato. Ma non appena si è raggiunta la piena utilizzazione della capacità di uno dei fattori non perfettamente divisibili, l'ulteriore espansione della produzione causa un improvviso e netto aumento dei costi. Allora riappare la tendenza alla riduzione dei costi di produzione medi che si mantiene fino a che è nuovamente raggiunta la piena utilizzazione di uno dei fattori imperfettamente divisibili. A parità di condizioni, più la produzione di un certo articolo aumenta, più fattori di produzione devono essere distolti da altri impieghi in cui avrebbero potuto essere usati all'ottenimento di altri articoli. Quindi — ceteris paribus — i costi medi di produzione aumentano all'aumentare della quantità prodotta. Ma questa legge generale è a tratti alterata dalla non perfetta divisibilità di tutti i fattori di produzione e dal fatto che, nella misura in cui sono divisibili, non lo sono tanto che la piena utilizzazione di uno di essi porti alla piena utilizzazione di tutti gli altri fattori non perfettamente divisibili. L'imprenditore che programma è sempre di fronte alla questione: in quale misura i prezzi attesi dei prodotti eccederanno i costi ? Se l'imprenditore è ancora libero riguardo al progetto in questione, non avendo ancora fatto nessun investimento inconvertibile per realizzarlo, è il costo medio che conta per lui. Ma se ha già un interesse costituito nella linea d'affari in questione, vede le cose sotto l'angolo dei costi addizionali che devono essere sostenuti. Chi possiede già un aggregato di produzione non completamente utilizzato non considera il costo medio di produzione ma il costo marginale. Indipendentemente dall'ammontare già speso per investimenti inconvertibili, egli è interessato solo alla questione se i ricavi della vendita di una quantità addizionale di prodotti eccederanno o meno il costo addizionale sostenuto per produrli. Anche se l'intero ammontare investito nei mezzi di produzione inconvertibili dev'essere stornato come perdita, egli continua la produzione, dato che si aspetta una eccedenza positiva ragionevole [nota 1] di ricavi rispetto ai costi correnti.
1. Ragionevole qui significa che i rendimenti attesi dal capitale convertibile usato per continuare la produzione sono almeno non inferiori ai rendimenti attesi se usato in altri progetti.

Quanto agli errori correnti, è necessario insistere che se le condizioni richieste per l'emergenza dei prezzi di monopolio non sono presenti,

l'imprenditore non è in grado di aumentare i suoi rendimenti netti riducendo la produzione al di sotto dell'ammontare conforme alla domanda dei consumatori. Ma questo problema sarà trattato successivamente alla Sezione 6. Che un fattore di produzione non sia perfettamente divisibile, non significa sempre che possa essere costruito e impiegato soltanto in una dimensione. Questo, naturalmente, può pure verificarsi. Ma di regola è possibile variare la dimensione di questi fattori. Se dalle diverse dimensioni possibili per ogni fattore — ad esempio una macchina— una dimensione si distingue per il fatto che i costi di produzione e di funzionamento sono ridotti per unità di servizi produttivi rispetto a quelli delle altre dimensioni, le cose sono essenzialmente identiche. Allora la superiorità dello stabilimento più grande non consiste nell'utilizzare una macchina a piena capacità, mentre lo stabilimento più ristretto utilizza soltanto parzialmente la capacità di una macchina della stessa dimensione. Consiste piuttosto nel fatto che lo stabilimento più grande impiega una macchina che funziona con una migliore utilizzazione dei fattori di produzione richiesti per la sua costruzione e il suo funzionamento della macchina più piccola impiegata dallo stabilimento più piccolo. La circostanza che molti fattori di produzione non siano perfettamente divisibili è importantissima nel corso degli affari industriali. Ma ci si deve guardare dall'interpretarla erroneamente. Uno dei tanti errori è stata la dottrina secondo la quale nelle industrie manifatturiere prevarrebbe la legge dei rendimenti crescenti, mentre in agricoltura e nelle miniere prevarrebbe la legge dei rendimenti decrescenti. Gli errori relativi sono stati confutati più sopra [nota 1]. Laddove a questo riguardo le condizioni dell'agricoltura differiscono da quelle dell'industria manifatturiera, lo si deve a differenze nei dati che le producono. L'immobilità del suolo e il fatto che l'esecuzione delle varie operazioni agricole dipenda dalle stagioni non permette agli agricoltori di avvantaggiarsi della capacità di molti fattori mobili di produzione nel grado in cui generalmente s'avvantaggia la maggior parte delle industrie manifatturiere. La dimensione ottima di una attrezzatura produttiva agricola è di regola più piccola che nelle industrie manifatturiere. Si ovvio che non occorrono ulteriori spiegazioni relativamente al fatto che la concentrazione dell'industria agricola non possa essere spinta a un grado prossimo a quella delle industrie manifatturiere.
1. Cfr. sopra, pagg. 125-126

Tuttavia, l'ineguale distribuzione delle risorse naturali sulla faccia della terra, uno dei fattori determinanti la più alta produttività della

divisione del lavoro, pone un limite al progresso di concentrazione anche nelle industrie manifatturiere. La tendenza alla specializzazione progressiva e alla concentrazione di processi industriali integrati in pochi stabilimenti è ostacolata dalla dispersione geografica delle risorse naturali. Il fatto che la produzione di materie grezze e di beni di consumo non possa essere centralizzata e costringa la gente a disperdersi sulla superficie terrestre impone un certo grado di decentralizzazione anche alle industrie manifatturiere e fa considerare i problemi del trasporto come costi di un particolare fattore di produzione. I costi di trasporto devono essere confrontati alle economie che ci si possono aspettare da una specializzazione più completa. Mentre in alcune branche delle industrie manifatturiere la concentrazione è il metodo più adeguato per ridurre i costi, in altre un certo grado di decentralizzazione è vantaggioso. Nell'economia dei servizi gli svantaggi della concentrazione diventano così grandi da superare addirittura i vantaggi ad essa inerenti. Poi entra in gioco un fattore storico. In passato i beni capitali erano immobilizzati in siti in cui i nostri contemporanei non li avrebbero messi. È irrilevante che questa immobilizzazione fosse o meno il procedimento più economico cui potessero ricorrere le generazioni che la attuarono. In ogni caso la generazione presente è di fronte a un fait accompli. Essa deve adattare le sue operazioni ai fatti e deve tenerne conto trattando i problemi della localizzazione delle industrie manifatturiere [nota 1].
1. Per una trattazione esauriente del conservatorismo imposto agli uomini dalla limitata convertibilità di molti beni capitali, vedi sotto, pagg. 480-491.

Infine vengono i fattori istituzionali. Vi sono barriere commerciali e barriere migratorie; differenze nell'organizzazione politica e nei metodi di governo tra i vari paesi. Vaste aree .sono amministrate in modo che è praticamente impossibile sceglierle come sede per qualsiasi investimento di capitale, quantunque le loro condizioni fisiche possano essere favorevoli. La contabilità dei costi imprenditoriali deve tener conto di tutti i fattori geografici, storici e istituzionali. Ma anche prescindendo da essi, vi sono fattori puramente tecnici che limitano la dimensione ottima degli stabilimenti e delle imprese. Uno stabilimento o un'impresa più grande può richiedere misure e procedimenti di cui l'impresa o lo stabilimento più piccolo può fare a meno. In molti casi le spese causate da tali misure e procedimenti possono essere più che compensate dalla riduzione dei costi dovuta alla migliore utilizzazione della capacità di alcuni fattori non perfettamente divisibili. In altre circostanze questo può anche non essere il caso. Nelle condizioni capitalistiche le operazioni aritmetiche richieste per

la contabilità dei costi e il confronto dei costi e dei ricavi possono essere effettuate agevolmente essendo disponibili metodi di calcolo economico. Tuttavia, la contabilità dei costi e il calcolo del significato economico dei progetti commerciali che si considerano non è semplicemente problema matematico che possa essere soddisfacentemente risolto da tutti coloro che hanno familiarità con le regole elementari dell' aritmetica. La questione principale è la determinazione degli equivalenti monetari delle voci che devono entrare nel calcolo. È errato assumere, come fanno molti economisti, che questi equivalenti siano grandezze date, determinate unicamente dallo stato delle condizioni economiche. Esse sono anticipazioni speculative delle condizioni future incerte e come tali dipendono dalla comprensione dello stato futuro del mercato da parte dell'imprenditore. Il termine costi fissi è dunque a questo riguardo alquanto ingannevole. Ogni azione tende a provvedere nel miglior modo ai bisogni futuri. Per raggiungere questi fini si deve fare il migliore uso possibile dei fattori di produzione disponibili. Tuttavia il processo storico che ha determinato il presente stato dei fattori disponibili è fuori questione. Ciò che conta e influisce sulle decisioni concernenti l'azione futura è soltanto il risultato di questo processo storico, la quantità e la qualità dei fattori disponibili oggi. Questi fattori sono apprezzati soltanto per la loro capacità di rendere servizi produttivi per la rimozione del disagio futuro. L'ammontare di moneta spesa in passato per la loro produzione e acquisizione non conta. È già stato precisato che l'imprenditore il quale, al momento in cui ha da prendere una nuova decisione, abbia già investito danaro in un progetto definito, si trova in una posizione differente da chi comincia da capo. Il primo possiede un complesso di fattori di produzione inconvertibili impiegabili a certi scopi. Le sue decisioni concernenti l'azione futura saranno influenzate da questo fatto. Questi non valuta il complesso secondo quanto ha speso in passato per acquisirlo, ma esclusivamente dal punto di vista della sua utilità per l'azione futura. Il fatto che abbia speso più o meno per la sua acquisizione influisce soltanto sulla determinazione dell'ammontare delle perdite o dei profitti passati e sullo stato presente della sua fortuna. È un elemento del processo storico che ha prodotto lo stato presente dell'offerta di fattori di produzione e, come tale, ha importanza per l'azione futura. Ma esso non è vincolante per la pianificazione e la valutazione dell'azione futura. É difatti irrilevante che le registrazioni nei libri dell'impresa differiscano dal prezzo attuale di tali fattori di produzione inconvertibili. Naturalmente, i profitti o le perdite passate possono indurre l'impresa ad agire in modo differente da come avrebbe agito se non ne fosse stata influenzata. Le perdite possono rendere precaria la posizione finanziaria dell'impresa, specialmente se comportano indebitamento e la

onerano di interessi e rimborsi di capitale. Tuttavia, non è corretto riferirsi a tali pagamenti come a una parte dei costi fissi. Essi non hanno nessuna relazione con le operazioni correnti; non sono causati dal processo di produzione, ma dai metodi impiegati in passato per procurarsi il capitale e i beni capitali necessari. Sono accidentali riguardo all'interesse del momento. Ma possono imporre all'impresa in questione una condotta di affari che non adotterebbe se fosse finanziariamente più forte. L'urgente bisogno di liquido per far fronte ai pagamenti non influisce sulla contabilità di costo, ma sulla valutazione del contante rispetto ai denaro ottenibile soltanto in un tempo successivo. Ciò può imporre all'impresa di vendere attività in un momento inappropriato e di usare l'attrezzatura produttiva in un modo che indebitamente ne trascura la conservazione per l'uso futuro. È irrilevante per i problemi della contabilità di costo che un'impresa sia proprietaria del capitale investito nelle sue attività o che abbia preso a prestito una parte maggiore o minore di esso e sia tenuta ad adempiere ai termini del contratto di prestito che fissano rigidamente il saggio di interesse e le date di maturità degli interessi e del capitale. I costi di produzione includono soltanto l'interesse del capitale ancora esistente investito nell'impresa. Non includono l'interesse sul capitale scialato in passato con cattivi investimenti o con una condotta inefficiente delle operazioni commerciali correnti. Il compito che incombe al commerciante è sempre di usare la provvista dei beni capitali disponibili ora nel miglior modo possibile in vista della soddisfazione dei bisogni futuri. Pertanto non deve lasciarsi ingannare dagli errori e dalla cattiva riuscita del passato, le cui conseguenze non possono essere eliminate. In passato può essere stato costruito uno stabilimento che non si sarebbe costruito se fosse stata meglio prevista la situazione presente. Ma è inutile lamentarsi di questo fatto storico. La cosa principale è di vedere se lo stabilimento possa o meno rendere ancora qualche servizio ; e, se la questione è risolta in modo affermativo, come esso possa essere meglio utilizzato. È certamente triste per l'imprenditore individuale non avere evitato gli errori. Le perdite subite ne danneggiano la situazione finanziaria; ma tuttavia non influenzano i costi da considerare nel programma d'azione futura. È importante sottolineare questo punto perchè nelle interpretazioni e nelle giustificazioni correnti esso è stato travisato in varie maniere. Non si "riducono i costi" alleviando taluni oneri dei debiti di qualche ditta o impresa. Una politica di riduzione totale o parziale dei debiti o degli interessi dovuti sugli stessi non riduce i costi. Essa trasferisce la ricchezza dai creditori ai debitori ; sposta l'incidenza delle perdite subite in passato da un gruppo ad un altro; per esempio, dai possessori di azioni comuni ai possessori di azioni preferenziali e di obbligazioni societarie. Questo argomento della riduzione dei costi è spesso sostenuto a favore della

svalutazione monetaria. Ma qui non è meno fallace di tutti gli altri argomenti avanzati a questo scopo. Quelli comunemente detti costi fissi sono dunque costi sostenuti per lo sfruttamento di fattori di produzione già disponibili, i quali o sono rigidamente inconvertibili o possono essere adattati per altri scopi produttivi soltanto con perdite considerevoli. Questi fattori sono di carattere più durevole degli altri fattori di produzione necessari; ma non sono permanenti. Si consumano nel processo di produzione. Ad ogni unità di prodotto realizzata, una parte della capacità produttiva della macchina è esaurita. La misura di questo logoramento può essere accertata in modo preciso dalla tecnologia e valutata conformemente in termini monetari. Tuttavia, non è soltanto l'equivalente monetario del logorio della macchina che il calcolo imprenditoriale deve considerare. L'uomo d'affari non è interessato semplicemente alla durata della vita tecnologica della macchina. Deve tener conto dello stato futuro del mercato. Sebbene una macchina possa essere ancora tecnologicamente perfettamente utilizzabile, le condizioni del mercato possono renderla superata e priva di valore. Se la domanda dei suoi prodotti scende considerevolmente o scompare del tutto o se appaiono metodi più efficienti per soddisfare i consumatori di questi prodotti, la macchina conta semplicemente come rottame. Nel pianificare la sua condotta l'imprenditore deve badare assolutamente allo stato futuro atteso del mercato. L'ammontare di "costi fìssi" che entrano nel suo calcolo dipende dalla sua comprensione degli eventi futuri, e non deve quindi essere fissato semplicemente attraverso il ragionamento tecnologico. Il tecnologo può determinare l'optimum d'utilizzazione di un aggregato produttivo. Ma questo optimum tecnologico può differire dall'optimum ricercato in base allo studio delle condizioni future del mercato. Supponiamo che una fabbrica sia equipaggiata con macchine utilizzabili lungo un periodo di 10 anni. Ogni anno il 10% del loro primo costo venga messo da parte per l'ammortamento. Nel terzo anno le condizioni del mercato pongano un dilemma all'imprenditore: raddoppiare la sua produzione annua e venderla a un prezzo che (oltre a coprire l'aumento dei costi variabili) ecceda la quota di ammortamento per l'anno corrente e il valore presente dell'ammortamento dell'ultima quota. Ma questo raddoppio di produzione triplichi il logorio delle attrezzature e l'eccedenza dei ricavi di vendita derivante da una doppia quantità di prodotto non sia sufficiente a compensare anche il valore presente della quota di ammortamento del nono anno. Se l'imprenditore considerasse la quota d'ammortamento annuale come elemento rigido del suo calcolo, dovrebbe ritenere che il raddoppiamento della produzione non sia profittevole essendo i ricavi addizionali al di sotto del costo addizionale. Si asterrebbe dunque dall'espandere la produzione oltre l'optimum

tecnologico. Ma egli calcola in un modo differente, sebbene nella sua contabilità possa accantonare la stessa quota annuale di ammortamento. Se preferisca o meno una frazione del valore presente della quota di ammortamento del nono anno ai servizi tecnologici che la macchina potrebbe rendergli nel nono anno, è cosa che dipende dalla sua opinione relativamente allo stato futuro del mercato. Opinione pubblica, governi, legislatori e leggi fiscali guardano all'attrezzatura commerciale come a una fonte di reddito permanente. Credono che l'imprenditore il quale faccia debita concessione al mantenimento del capitale con quote d'ammortamento annuali sarà sempre in grado di ottenere un rendimento ragionevole dal capitale investito nei beni di produzione durevoli. Le condizioni reali sono differenti. Un aggregato di produzione com'è lo stabilimento con la relativa attrezzatura è un fattore di produzione la cui utilità dipende dalle mutevoli condizioni di mercato e dall'abilità dell'imprenditore a servirsene tenendo conto del cambiamento delle condizioni. Nell'ambito del calcolo economico non vi è nulla di certo nel senso in cui questo termine è usato riguardo ai fatti tecnologici. Suoi elementi essenziali sono le anticipazioni speculative delle condizioni future. Gli usi e i costumi commerciali e le leggi commerciali hanno stabilito regole definite di contabilità e di controllo. Vi è accuratezza nella tenuta dei libri. Ma essi sono accurati soltanto riguardo a queste regole. I valori contabili non riflettono in modo preciso lo stato reale delle cose. Il valore di mercato di un aggregato di beni di produzione durevoli può differire dalle cifre nominali contenute nei libri. Ne è prova il fatto che la borsa li valuta senza badare a queste cifre. La contabilità di costo non è quindi un processo aritmetico che possa essere stabilito e determinato da un giudice imparziale. Essa non opera con grandezze determinate in modo univoco che possano essere trovate in modo obiettivo. Le sue voci essenziali risultano della comprensione delle condizioni future, necessariamente sempre colorate dall'opinione dell'imprenditore sullo stato futuro del mercato. I tentativi di fondare la contabilità di costo su una base "imparziale" sono destinati a fallire. Il calcolo dei costi è uno strumento mentale dell'azione, il disegno intenzionale di ottenere il meglio dai mezzi disponibili per il miglioramento delle condizioni future. Esso è necessariamente di natura volitiva e non fattuale. Nelle mani di un giudice imparziale esso cambia interamente carattere. Il giudice non guarda al futuro. Egli guarda indietro al passato defunto e alle rigide regole ormai inutili per la vita e Fazione reali. Egli non anticipa cambiamenti. È inconsapevolmente guidato dalla supposizione che un'economia uniformemente rotante sia lo stato normale e più desiderabile delle cose umane. I profitti non entrano nel suo schema. Egli

ha un'idea confusa circa il "giusto" saggio di profìtto e il "giusto" rendimento del capitale investito. Peraltro non esistono cose simili. Nell'economia uniformemente rotante non vi sono profìtti; mentre in un'economia mutevole questi non sono determinati riferendosi ad un insieme di regole per le quali si possano classificare come giusti o non giusti. I profitti non sono mai normali. Dove vi è normalità, cioè assenza di cambiamento, non può esserci profitto.

5. Il contrasto fra catallattica logica e catallattica matematica. I problemi di prezzo e di costo sono trattati anche coi metodi matematici. Ci sono stati persino economisti i quali sostenevano che l'unico metodo appropriato per trattare i problemi economici fosse il metodo matematico, e irridevano agli economisti logici, chiamandoli "letterari". Se questo antagonismo tra gli economisti logici e gli economisti matematici fosse semplicemente disaccordo relativamente al procedimento più adeguato da applicare allo studio dell'economia, sarebbe superfluo trattarne. Il metodo migliore proverebbe la sua preminenza producendo risultati migliori. Può anche darsi che differenti varietà di procedimenti siano necessari per la soluzione di differenti problemi e che per alcuni di essi un metodo sia più utile di un altro. Tuttavia questa non è una disputa su questioni euristiche, ma una controversia concernente i fondamenti dell'economia. Il metodo matematico deve essere rigettato non soltanto riguardo alla sua sterilità. Esso è un metodo completamente vizioso, che parte da false assunzioni e conduce a erronee inferenze. I suoi sillogismi non sono soltanto sterili, ma distolgono la mente dallo studio dei problemi reali e falsano le relazioni tra i vari fenomeni. Le idee e i procedimenti degli economisti matematici non sono uniformi. Vi sono tre correnti principali di pensiero che devono essere considerate separatamente. La prima varietà è rappresentata dagli statistici, i quali aspirano a scoprire leggi economiche dallo studio dell'esperienza economica. Essi tendono a trasformare l'economia in una scienza "quantitativa". Il loro programma è condensato nel motto della Econometric Society: Scienza è misura [nota 1].
1. Ora "Scienza e misura" (N. d. T.).

L'errore fondamentale implicito in questo ragionamento è stato

mostrato sopra [nota 1]. L'esperienza della storia economica è sempre esperienza di fenomeni complessi. Essa non può mai darci una conoscenza della natura di quella che lo sperimentatore ottiene dagli esperimenti di laboratorio. La statistica è un metodo per la presentazione di fatti storici concernenti prezzi e altri dati rilevanti dell'azione umana. Essa non è l'economia e non può produrre teoremi e teorie economiche. La statistica dei prezzi è storia economica. L'intuizione che, ceteris paribus, un aumento della domanda deve produrre un aumento dei prezzi non è derivata dall'esperienza. Nessuno fu mai nè sarà mai in grado di osservare, ceteris paribus, un cambiamento nei dati del mercato. Non v'è nulla che si possa dire economia quantitativa. Tutte le quantità economiche che conosciamo sono dati della storia economica. Nessuna persona ragionevole può sostenere che la relazione tra il prezzo e l'offerta è, in generale o rispetto a certa merce, costante. Al contrario, sappiamo che i fenomeni esterni influenzano le differenti persone in modo differente, che le reazioni delle stesse persone agli stessi eventi esteriori variano e che non è possibile assegnare gli individui a classi reagenti nello stesso modo. Questa intuizione è il prodotto della nostra teoria aprioristica. È vero che gli empirici rigettano questa teoria e pretendono di imparare soltanto dall'esperienza storica. Ma contraddicono i loro stessi principii non appena vanno oltre la pura raccolta di prezzi singoli individuali e cominciano a costruire serie e a computare medie. Dato dell'esperienza e fatto storico è soltanto il prezzo pagato a un tempo definito in un luogo definito per una quantità definita di una certa merce. L'ordinamento di vari dati di prezzo in gruppi e il computo di medie sono guidati da deliberazioni teoriche logicamente e temporalmente antecedenti. Che certe caratteristiche accessorie e contingenze accidentali dei dati di prezzo siano prese o meno in considerazione, dipende da un ragionamento teoretico della stessa specie. Nessuno è tanto presuntuoso da sostenere che un aumento dell'a per cento nell'offerta di una merce qualsiasi deve sempre — in ogni paese e in ogni tempo — produrre una caduta del b per cento nel suo prezzo. Ma poiché nessun economista quantitativo si è mai avventurato a definire in modo preciso sul fondamento dell'esperienza statistica le condizioni speciali che producono una deviazione definitiva dal rapporto a:b, la futilità di questi sforzi è manifesta. Inoltre, la moneta non è uno standard per la misura dei prezzi; essa è un medio il cui rapporto di scambio varia allo stesso modo, sebbene di regola non con la stessa velocità e nella stessa misura, in cui variano i mutui rapporti di scambio delle merci e dei servizi vendibili.
1. Cfr. sopra, pagg. 30. 53-54.

Non v'è bisogno di insistere oltre sull'infondatezza dell'economia

quantitativa. Nonostante le enfatiche affermazioni dei suoi assertori, nulla si è fatto per realizzarne il programma. Il compianto Henry Schultz dedicò i suoi studi alla misurazione dell'elasticità della domanda per varie merci. Il professor Paul H. Douglas ne ha lodato i risultati come "opera necessaria per contribuire a fare dell'economia una scienza più o meno esatta come lo fu la determinazione dei pesi atomici per lo sviluppo della chimica" [nota 1]. La verità è che Schultz non si dedicò mai alla determinazione dell'elasticità della domanda per ogni merce come tale; i dati sui quali egli si basò erano limitati a certe aree geografiche e a certi periodi storici. I suoi risultati per una merce definita, ad esempio le patate, non si riferiscono alle patate in generale ma alle patate degli Stati Uniti negli anni dal 1875 al 1929 [nota 2]. Sono, tutt'al più, contributi piuttosto discutibili e insoddisfacenti a vari capitoli della storia economica. Non sono certamente passi verso la realizzazione del programma confuso e contraddittorio dell'economia quantitativa. Si deve notare che le altre due varietà d'economia matematica conoscono benissimo la futilità dell'economia quantitativa, perchè non si sono mai avventurate a introdurre nelle loro formule ed equazioni le grandezze trovate dagli economisti per adattarle alla soluzione di particolari problemi. Nel campo dell'azione umana non vi sono mezzi per trattare gli eventi futuri all'infuori di quelli offerti dalla comprensione.
1. Cfr. Paul H. Douglas, in "Econometrica", VII, pag. 105. 2. Cfr. Henry Sohultz, The Theory and Measurement of Demand, University of Chicago Press, 1938, pagg. 405-427.

Il secondo campo trattato dagli economisti matematici è quello della relazione fra prezzi e costi. Trattando di questi problemi essi trascurano il funzionamento del processo di mercato e inoltre pretendono di prescindere dall'uso della moneta relativamente a tutti i calcoli economici. Tuttavia, parlando di prezzi e costi in generale, e confrontando prezzi e costi, tacitamente ne ammettono l'esistenza e l'uso. I prezzi sono sempre prezzi monetari, e i costi non possono essere presi in considerazione nel calcolo economico se non espressi in termini di moneta. Se non si ricorre ai termini monetari, i prezzi vengono espressi in quantità complesse di diversi beni e servizi da cedersi per l'ottenimento di un prodotto. D'altro lato i prezzi — se il termine è applicabile a tutti i rapporti di scambio determinati dal baratto — sono l'enumerazione di quantità di vari beni contro i quali il "venditore" può scambiare una provvista definita. I beni cui ci si riferisce in tali prezzi non sono gli stessi ai quali si riferiscono i "costi". Una comparazione di specie di tali prezzi e costi non è dunque fattibile. Che il venditore valuti i beni che cede meno di quelli che riceve in cambio per essi, che venditore e compratore non concordino riguardo

alla valutazione soggettiva dei due beni scambiati, e che un imprenditore si dedichi a un progetto soltanto se si aspetta di produrre beni che valuta più di quelli spesi nella loro produzione, tutto questo ci è già noto sulla base dell'intellezione prasseologica. È questa conoscenza aprioristica che ci mette in grado di anticipare la condotta di un imprenditore che può valersi del calcolo economico. Ma l'economista matematico si inganna quando pretende di trattare questi problemi in un modo più generale omettendo ogni riferimento ai termini monetari. È vano investigare casi di non perfetta divisibilità dei fattori di produzione senza riferirsi al calcolo economico in termini monetari. Tale esame non può mai andare al di là della conoscenza già disponibile; cioè che ogni imprenditore è intento a produrre quegli articoli la cui vendita gli procurerà ricavi che ritiene eccedenti il complesso totale dei beni spasi nella loro produzione. Ma se non vi è scambio indiretto e se nessun medio di scambio è comunemente usato, egli può riuscire soltanto, ammesso che abbia correttamente anticipato lo stato futuro del mercato, se dotato di intelletto sovrumano. Egli dovrebbe considerare e valutare a colpo d'occhio tutti i rapporti di scambio determinati dal mercato in modo da assegnare esattamente a ogni bene il posto spettantegli secondo questi rapporti. Non si può negare che tutte le investigazioni concernenti la relazione fra prezzi e costi presuppongono sia l'uso della moneta che il processo di mercato. Ma gli economisti matematici chiudono gli occhi a questo fatto ovvio. Essi formulano equazioni e disegnano curve che si suppone debbano descrivere la realtà. In effetti descrivono soltanto uno stato di cose ipotetico e irrealizzabile, per nulla simile ai problemi catalettici in questione. Sostituendo simboli algebrici ai termini monetari specifici che si usano nel calcolo economico credono di rendere più scientifico il loro ragionamento. Essi impressionano fortemente il credulo profano ; ma in effetti confondono e pasticciano soltanto cose trattate in modo soddisfacente nei manuali dell'aritmetica e della contabilità commerciale. Taluni di questi matematici sono arrivati a dichiarare che il calcolo economico potrebbe essere fondato sulla base di unità utilitarie e a chiamare i loro metodi analisi utilitaria. Errore condiviso da una terza varietà di economisti matematici. Caratteristica tipica di questo terzo gruppo è di mirare dichiaratamente e consciamente alla soluzione dei problemi catalettici senza fare riferimento alcuno al processo di mercato. Loro ideale è la costruzione di una teoria economica secondo il modello della meccanica classica, che nella loro opinione è paradigma unico e assoluto dell'indagine scientifica. Non v'è bisogno di spiegare ancora come questa analogia sia superficiale e ingannevole e in quali aspetti l'azione umana intenzionale differisca radicalmente dal moto, oggetto della meccanica. Al riguardo

basti sottolineare il significato pratico delle equazioni differenziali nei due campi. Le deliberazioni che portano alla formulazione di una equazione sono necessariamente di carattere non matematico. La formulazione dell'equazione esaurisce la nostra conoscenza; essa non amplia direttamente la nostra conoscenza. Peraltro, nella meccanica l'equazione può rendere servizi pratici importantissimi. Esistendo relazioni costanti tra i vari elementi matematici e queste relazioni potendo essere accertate con l'esperimento, diventa possibile usare l'equazione per la soluzione di problemi tecnologici definiti. La nostra moderna civiltà industriale è principalmente merito di questa utilizzazione delle equazioni differenziali della fìsica. Nessuna di queste relazioni costanti esiste tuttavia tra gli elementi economici. Le equazioni formulate dall'economia matematica sono inutile ginnastica mentale e rimarrebbero tali anche se esprimessero molto di più di quanto realmente esprimono. Una sana deliberazione economica non deve mai dimenticare due principii fondamentali della teoria del valore : primo, la valutazione che determina l'azione significa sempre preferire e scartare e mai equivalenza. Secondo, non v'è mezzo per comparare le valutazioni di differenti individui o le valutazioni degli stessi individui in differenti istanti di tempo, diversamente che stabilendo se essi ordinano le alternative in questione nello stesso ordine di preferenza. Nella costruzione immaginaria di un'economia uniformemente rotante tutti i fattori di produzione sono impiegati in modo che ognuno di essi renda il massimo servizio in termini di valore. Nessun cambiamento pensabile e possibile potrebbe migliorare lo stato di soddisfazione ; nessun fattore è impiegato per la soddisfazione di un bisogno a se questo impiego impedisce la soddisfazione di un bisogno b che si considera valere più della soddisfazione di a. È naturalmente possibile descrivere questo stato immaginario della distribuzione delle risorse in equazioni differenziali e visualizzarlo graficamente in curve. Ma tali strumenti non asseriscono nulla circa il processo di mercato e semplicemente segnano una situazione immaginaria in cui il processo di mercato cesserebbe di funzionare. Gli economisti matematici trascurano tutta la spiegazione teoretica del processo di mercato e si trastullano in modo evasivo con una nozione ausiliaria impiegata nel suo contesto e priva di ogni senso se utilizzata al di fuori di esso. In fisica ci troviamo di fronte a cambiamenti che si verificano in vari sensi nei fenomeni. Scopriamo una regolarità nella sequenza di questi cambiamenti e queste osservazioni ci portano alla costruzione della scienza fìsica. Non conosciamo nulla sulle forze ultime che determinano questi cambiamenti. Per la mente del ricercatore esse sono dati ultimi che impediscono ogni ulteriore analisi. Ciò che noi conosciamo dalla

osservazione è la concatenazione regolare di varie entità e attributi osservabili. È questa mutua interdipendenza di dati che il fisico descrive in equazioni differenziali. Nella prasseologia il primo fatto che noi conosciamo è che l'uomo tende intenzionalmente a produrre cambiamenti. È questa conoscenza che integra l'oggetto della prasseologia e lo differenzia da quello delle scienze naturali. Noi conosciamo le forze che stanno dietro i cambiamenti, e questa conoscenza aprioristica ci porta a conoscere i processi prasseologici. Il fisico non conosce che cosa "è" l'elettricità, ma soltanto i fenomeni attribuiti a qualcosa detto elettricità. L'economista invece sa ciò che determina il processo di mercato. Soltanto grazie a questa conoscenza è in grado di distinguere i fenomeni di mercato dagli altri fenomeni e di descriverne il processo. Ora, gli economisti matematici non contribuiscono in nessun modo alla spiegazione del processo di mercato. Essi si limitano a descrivere un espediente ausiliario impiegato dagli economisti logici come nozione limite, la definizione di uno stato di cose in cui non vi è più azione e dove il processo di mercato si arresta. Questo è tutto quanto possono dire. Ciò che gli economisti matematici esprimono in parole quando definiscono le costruzioni ideali dello stato finale di quiete e dell'economia a moto uniforme viene tradotto in simboli algebrici. Ma si tratta solo di un'analogia superficiale diluita oltre misura. Sia gli economisti logici che i matematici sostengono che l'azione umana tende in definitiva al raggiungimento di un siffatto stato di equilibrio e che lo raggiungerebbe se non si verificassero ulteriori cambiamenti nei dati. Ma l'economista logico conosce più di questo. Egli mostra come le attività degli uomini intraprendenti, i promotori e gli speculatori, avidi di profittare delle discrepanze nella struttura di prezzo, tendano a eliminare tali discrepanze e quindi ad esaurire le fonti di profitto e di perdita imprenditoriale e come questo processo tenderebbe in definitiva a realizzare un'economia a moto uniforme. Questo è il compito della teoria economica. La descrizione matematica dei vari stati di equilibrio è puro gioco. Il problema è l'analisi del processo di mercato. Un confronto dei due metodi di analisi economica ci fa comprendere il significato della richiesta spesso avanzata di allargare l'ambito della scienza economica con la costruzione di una teoria dinamica invece di occuparsi semplicemente di problemi statici. Riguardo agli economisti logici questo postillato è privo di senso. L'economia logica è essenzialmente teoria dei processi e dei cambiamenti. Essa ricorre a costruzioni immaginarie in assenza di cambiamento solo per spiegare fenomeni del cambiamento. Ma la cosa è differente per l'economia matematica. Le sue equazioni e le sue formule sono limitate alla descrizione di stati di equilibrio e di inazione; non può asserire nulla

riguardo alla formazione di tali stati e alla loro trasformazione in altri stati rimanendo nel regno dei procedimenti matematici. Rispetto all'economia matematica, l'esigenza di una teoria dinamica è ben sostanziata. Ma l'economia matematica non ha modo di sopperirvi. I problemi dell'analisi del processo, cioè i soli problemi economici che importino, sfidano ogni tentativo matematico. L'introduzione di parametri temporali nelle equazioni non è una soluzione. Essa non indica nemmeno le deficienze essenziali del metodo matematico. Le affermazioni che ogni cambiamento esige tempo e che il cambiamento è sempre in sequenza temporale, sono puramente un modo di esprimere il fatto che fintantoché vi è rigidità e immutabilità non vi è tempo. Principale deficienza dell'economia matematica non è quella di ignorare la sequenza temporale, ma di ignorare il funzionamento del processo di mercato. Il metodo matematico è incapace di mostrare come da uno stato di non equilibrio emergano le azioni che tendono a stabilire l'equilibrio. Naturalmente, è possibile indicare le operazioni matematiche richieste per la trasformazione della descrizione matematica di un certo stato di non equilibrio nella descrizione matematica di uno stato di equilibrio. Ma queste operazioni non descrivono punto il processo di mercato attuato dalle discrepanze nella struttura del prezzo. Si suppone che le equazioni differenziali della meccanica descrivano in modo preciso i moti relativi ad ogni istante del tempo trascorso. Le equazioni economiche non hanno nessun riferimento alle condizioni in ogni istante dell'intervallo di tempo tra lo stato di non equilibrio e quello di equilibrio. Solo chi è del tutto accecato dalla prevenzione che l'economia debba essere una replica scialba della meccanica vorrà sottovalutare il peso di questa obiezione. Una metafora estremamente imperfetta non sostituisce i servizi dell'economia logica. Le conseguenze distruttive della trattazione matematica dell'economia, possono essere provate in ogni capitolo della catallattica. Basti riferirsi a due casi soltanto. Uno è dato dalla cosiddetta equazione dello scambio, tentativo futile ed erroneo degli economisti matematici di trattare i cambiamenti del potere d'acquisto della moneta [nota 1]. Il secondo può essere espresso nel modo migliore riferendosi al detto di Schumpeter secondo il quale i consumatori valutando i beni di consumo "ipso facto valutano anche i mezzi di produzione che entrano nella produzione di questi beni" [nota 2]. Sarebbe tuttavia alquanto difficile costruire il processo di mercato in modo più erroneo.
1. Cfr. sotto, pag 382. 2. Cfr. Joseph A. Schumpeter, Capitalism, Socialism and Democracy, New York, 1942, pag. 175. Per una critica di questa affermazione, cfr. Hayek, The Use of Knowledge in Society, in "American Economic Review", XXXV, pagg. 529-530.

L'economia non considera i beni e i servizi, ma le azioni degli uomini viventi. Suo scopo non è di indugiare su costruzioni immaginarie come l'equilibrio, meri strumenti del ragionamento. Solo compito dell'economia è l'analisi delle azioni umane, cioè l'analisi di processi.

6. I prezzi di monopolio. I prezzi di concorrenza sono il risultato di un completo adattamento dei venditori alla domanda dei consumatori. Coi prezzi di concorrenza l'intera offerta disponibile è venduta e i fattori specifici di produzione sono impiegati nella misura permessa dai prezzi dei fattori complementari non specifici. Nessuna parte dell'offerta disponibile è permanentemente distolta dal mercato, e l'unità marginale dei fattori specifici di produzione impiegati non dà nessun ricavo netto. L'intero processo economico è condotto a vantaggio dei consumatori. Non vi è conflitto tra gli interessi dei compratori e quelli dei venditori, tra gli interessi dei produttori e quelli dei consumatori. I possessori delle varie merci non sono in grado di deviare il consumo e la produzione dalle linee imposte dallo stato dell'offerta dei beni e dei servizi di tutti gli ordini e dalla conoscenza tecnologica. Ogni singolo venditore vedrebbe aumentati i suoi ricavi se una caduta nell'offerta a disposizione dei concorrenti aumentasse il prezzo cui potrebbe vendere la sua provvista. Ma su un mercato competitivo egli non è in grado di ottenere questo risultato. Eccetto che per privilegi dovuti a interferenze governative, deve sottomettersi allo stato del mercato com'esso è. L'imprenditore in tale qualità è sempre soggetto alla piena supremazia dei consumatori. La cosa è differente per i possessori di beni e fattori di produzione vendibili e, naturalmente, per gli imprenditori nella loro qualità di possessori di tali beni e fattori. In certe condizioni essi trovano cosa migliore restringere l'offerta e vendere a un prezzo unitario più alto. I prezzi così determinati (di monopolio) violano la supremazia dei consumatori e la democrazia del mercato. Le condizioni e le circostanze speciali richieste per l'emergenza dei prezzi di monopolio e relative caratteristiche catalettiche sono : 1° Prevalenza di un monopolio di offerta. L'intera offerta della merce monopolizzata è controllata da un singolo venditore o da un gruppo di venditori agenti concordemente. Il monopolista — individuo o gruppo — è in condizione di restringere la quantità messa in vendita o impiegata nella produzione al fine di aumentare il prezzo per unità venduta e non

occorre tema che il suo piano possa essere frustrato dalle interferenze di altri venditori della stessa merce. 2° Il monopolista non è in grado di discriminare tra i compratori o volontariamente si astiene dal farlo [nota 1].
1. La discriminazione del prezzo è trattata sotto, pagg. 371-374.