Sommario

Impianti di scarico: indicazioni generali
1.
1.1 1.2

Sistema ........................................................................................................................ 11
Descrizione del sistema .......................................................................................................................... 11 Le possibilità di collegamento per Geberit PE e Geberit Silent-db20 ..............................................13

2.
2.1 2.2 2.3

Progettazione ............................................................................................................ 20
Progettazione e ventilazione dell'impianto.......................................................................................... 20 Determinazione dei diametri dei tubi di scarico di acque reflue...................................................... 21 Fognature in Geberit PE ......................................................................................................................... 45

Impianti di scarico: Geberit PE
1.
1.1 1.2

Sistema ........................................................................................................................ 57
Descrizione del sistema ......................................................................................................................... 57 Campi d'impiego ..................................................................................................................................... 57

2.
2.1 2.2 2.3

Dati tecnici del sistema ......................................................................................... 59
Caratteristiche di sistema...................................................................................................................... 59 Resistenza alle sostanze chimiche ....................................................................................................... 60 Prontuario delle proprietà di resistenza agli agenti chimici ............................................................. 60

3.
3.1 3.2

Progettazione ............................................................................................................ 67
Nozioni di base ........................................................................................................................................ 67 Scelta delle componenti......................................................................................................................... 68

4.
4.1 4.2

Direttive di posa ....................................................................................................... 69
Regole per il montaggio ......................................................................................................................... 69 Scelta delle componenti..........................................................................................................................71

Impianti di scarico: Geberit Silent-db20
1.
1.1 1.2

Sistema ........................................................................................................................ 87
Descrizione del sistema ......................................................................................................................... 87 Campi d'impiego ..................................................................................................................................... 88

2.
2.1 2.2

Dati tecnici del sistema ......................................................................................... 89
Dati tecnici del sistema .......................................................................................................................... 89 Informazioni tecniche sul tubo .............................................................................................................. 90

1

3.
3.1 3.2 3.3

Progettazione ............................................................................................................ 91
Nozioni di base ........................................................................................................................................ 91 Scelta delle componenti......................................................................................................................... 92 Leggi e norme di riferimento ................................................................................................................. 94

4.
4.1 4.2 4.3

Direttive di posa ....................................................................................................... 95
Fissaggio con braccialetti scorrevoli ................................................................................................... 95 Regole di base per il montaggio ........................................................................................................... 99 Esecuzione di un collegamento con il manicotto di dilatazione Silent-db20 ................................ 101

Impianti di scarico: Geberit PP
1.
1.1 1.2

Sistema ....................................................................................................................... 105
Descrizione del sistema ........................................................................................................................ 105 Campo d'impiego ................................................................................................................................... 105

2.
2.1 2.2 2.3

Dati tecnici del sistema ........................................................................................ 106
Dati tecnici .............................................................................................................................................. 106 Resistenza alle sostanze chimiche ...................................................................................................... 106 Prontuario delle proprietà di resistenza agli agenti chimici ............................................................106

3.
3.1

Progettazione ........................................................................................................... 112
Nozioni di base ....................................................................................................................................... 112

4.
4.1 4.2

Direttive di posa ...................................................................................................... 113
Regole per il montaggio ........................................................................................................................ 113 Istruzioni di montaggio.......................................................................................................................... 113

Impianti di scarico: Geberit PP-S
1.
1.1 1.2 1.3

Sistema ....................................................................................................................... 121
Descrizione ............................................................................................................................................. 121 Campi d’impiego .................................................................................................................................... 122 CertificazionI........................................................................................................................................... 123

2.
2.1 2.2 2.3

Dati tecnici del sistema ........................................................................................ 124
Dati tecnici .............................................................................................................................................. 124 Caratteristiche fonoisolanti .................................................................................................................. 124 Resistenza chimica ................................................................................................................................ 124

2

3
3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8

Direttive di posa ...................................................................................................... 125
Trasporto e stoccaggio ......................................................................................................................... 125 Taglio dei tubi ......................................................................................................................................... 125 Collegamenti ........................................................................................................................................... 125 Fissaggio ................................................................................................................................................. 126 Posa in calcestruzzo ............................................................................................................................. 126 Pluviali...................................................................................................................................................... 126 Attraversamenti di solette .................................................................................................................... 126 Creazione di una nuova diramazione .................................................................................................. 126

4.
4.1

Appendice ................................................................................................................. 127
Resistenza chimica di tubi e parti di tubazioni e comportamento alle diverse temperature ..... 127

Impianti di scarico: per acque meteoriche
1.
1.1 1.2

Sistema ....................................................................................................................... 137
Descrizione del sistema ........................................................................................................................ 137 Campo d'impiego ................................................................................................................................... 138

2.
2.1

Dati tecnici del sistema ........................................................................................ 140
Dati tecnici .............................................................................................................................................. 140

3.
3.1 3.2 3.3

Progettazione ........................................................................................................... 141
Nozioni di base ....................................................................................................................................... 141 Dimensionamento dei sistemi di scarico per le acque meteoriche ................................................ 144 Raccomandazioni................................................................................................................................... 147

4.
4.1 4.2 4.3

Direttive di posa ...................................................................................................... 149
Regole per il montaggio ........................................................................................................................ 149 Scarico provvisorio dell'acqua di cantiere ......................................................................................... 151 Collegamento dell'imbuto Pluvia ......................................................................................................... 151

Adduzione idrica e riscaldamento con Geberit Mepla
1.
1.1 1.2

Sistema ....................................................................................................................... 160
Descrizione ............................................................................................................................................. 160 Campi d'impiego .................................................................................................................................... 161

2.
2.1

Dati tecnici del sistema ........................................................................................ 163
Caratteristiche del prodotto ................................................................................................................. 163

3

2.2 2.3

Caratteristiche fisiche e chimiche ....................................................................................................... 165 Dati tecnici del tubo Mepla ................................................................................................................... 166

3.
3.1 3.2 3.3

Progettazione ........................................................................................................... 169
Nozioni di base ....................................................................................................................................... 169 Indicazioni per la progettazione .......................................................................................................... 171 Dimensionamento .................................................................................................................................. 173

4.
4.1 4.2 4.3

Direttive di posa ...................................................................................................... 179
Regole per il montaggio ........................................................................................................................ 179 Collaudo dopo il montaggio.................................................................................................................. 191 Messa in funzione iniziale ..................................................................................................................... 192

5.
5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6 5.7 5.8 5.9 5.10 5.11

Riscaldamento ......................................................................................................... 193
Criteri generali ........................................................................................................................................ 193 Impianto con corpi riscaldanti ............................................................................................................. 194 L'isolamento termico dei circuiti caldi e freddi .................................................................................. 197 Impianto a pannelli radianti .................................................................................................................. 198 Vantaggi ................................................................................................................................................... 198 Impianti di riscaldamento per superfici all'aria aperta ..................................................................... 201 Impianti di raffrescamento con il sistema a pannelli radianti .........................................................202 Riscaldamento industriale ....................................................................................................................202 Tubo multistrato MeplaTherm ..............................................................................................................203 Procedura per la posa di un impianto a pannelli radianti ................................................................205 Dati tecnici per dimensionamento ....................................................................................................... 207

Sistemi pressfitting Geberit Mapress
1.
1.1 1.2 1.3

Sistema ....................................................................................................................... 219
Descrizione ............................................................................................................................................ 219 Campi di impiego ...................................................................................................................................220 Certificazioni ...........................................................................................................................................220

2.
2.1 2.2 2.3 2.4

Dati tecnici dei sistemi Geberit Mapress ....................................................... 221
Caratteristiche dei raccordi Geberit Mapress........................................................................................ 221 Tubi in rame per i sistemi Geberit Mapress Rame e Rame Gas ......................................................225 O-ring Geberit Mapress: diverse tipologie a dipendenza del fluido di passaggio ........................ 227 Comportamento in caso d’incendio dei sistemi Geberit Mapress ..................................................228

4

3.
3.1 3.2

Progettazione ........................................................................................................... 229
Nozioni di base .......................................................................................................................................229 Leggi e norme di riferimento ................................................................................................................ 231

4.
4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6

Direttive di posa ...................................................................................................... 232
Posa e dilatazione delle tubazioni .......................................................................................................232 Compensazione della dilatazione delle tubazioni .............................................................................233 Fissaggio delle tubazioni.......................................................................................................................235 Distanze tra i collari ...............................................................................................................................236 Emissioni di calore dalle tubazioni ...................................................................................................... 237 Montaggio ed isolamento degli impianti.............................................................................................238

Protezione dal rumore di impianti idrosanitari
1.
1.1 1.2 1.3 1.4

Nozioni di base ........................................................................................................ 243
Pressione sonora ................................................................................................................................... 243 L'acustica nelle costruzioni .................................................................................................................. 244 Protezione acustica ............................................................................................................................... 247 Protezione acustica negli impianti idrosanitari ................................................................................. 248

2.
2.1

Dimensionamento................................................................................................... 250
Acustica edilizia – Protezione acustica...............................................................................................250

3.
3.1

Leggi e norme di riferimento .............................................................................. 254
DPCM del 5.12.1997 ................................................................................................................................254

La progettazione dei locali sanitari
1.
1.1 1.2

Indicazioni generali ................................................................................................ 259
Premessa ................................................................................................................................................. 259 La progettazione del locale bagno ...................................................................................................... 259

2.
2.1 2.2

Il locale bagno ......................................................................................................... 260
Il locale da bagno nelle abitazioni ad uso residenziale ....................................................................260 Il locale da bagno negli edifici ad uso pubblico: uffici, scuole, industrie, centri sportivi, ospedali e alberghi................................................................................................................................................. 267

5

........................................................................................................................................................3 Geberit Sistema Duofix ..............................................................2 3............................. 2.......298 Locale tipo 3a in Geberit PE .............................................................................................................................. 3...... 273 1.. 1......... 279 Nozioni di base .......4 3................ 278 3.................................................................................................. 1............................................................... 287 Esempi di impianti "tipo" 1..............................1 Dati tecnici del sistema ............2 1.......... 300 Appartamento standard con impianto in Geberit PE .............................4 Progettazione ........................................3 3........................................................................ 4.......................................................... 304 Locale tipo 9b in Geberit Mepla: distribuzione a T..................................................................1 2.........................................295 Composizione locali tipo ................................................................. 306 6 ......................................................1 3......................................3 2.................................................................................295 Descrizione ................................... 297 Locale tipo 2a in Geberit PE ..................................................................................................................299 Locale tipo 9a in Geberit PE ......................................2 1.........................................................................................................2 3..................................1 3.......................................................................... 3.. 287 Direttive di posa .....Base di calcolo .........................................282 4.....................................................................................302 Locale tipo 2b in Geberit Mepla: distribuzione a T...................................................................................... 279 Protezione acustica ..........................................................................................282 Dimensionamento ....................................................................................................................................................................................................................................................................................... 2................................................. 275 Certificazioni ............................................. 278 Dati tecnici .................. 305 Locale tipo 1c in Geberit Mepla: distribuzione a collettore .........................................................1 1..............................3 3...........................................3 Introduzione ................................................................................. 275 Descrizione ..............................................................5 Adduzione idrica .........................295 2.......... 297 Locale tipo 1a in Geberit PE .............. 281 Impermeabilizzazione .........................................301 3.........................................................................................................................................1 1..................4 2......... 303 Locale tipo 3b in Geberit Mepla: distribuzione a T........ 277 2.....................................2 2....................................................... 275 Campi di impiego ............................................................................... 302 Locale tipo 1b in Geberit Mepla: distribuzione a T ............................................................................1 Direttive di posa ..............................................................................................................................................................................................Locali sanitari realizzati con strutture leggere Premessa........................................................5 Impianti di scarico ... 295 Premessa ......

............................................................................1 4......... 312 Appartamento standard con radiatori: sistema a derivazioni (a T) in Geberit Mepla .........307 Locale tipo 3c in Geberit Mepla: distribuzione a collettore ..................................................................... 314 Appartamento standard con pannelli radianti: sistema Geberit MeplaTherm ..........10 Locale tipo 2c in Geberit Mepla: distribuzione a collettore ......... 315 Servizi Genius.................... 312 Appartamento standard con radiatori: sistema a collettore in Geberit Mepla ..........9 3................................ 311 4..................... 4....................4 Impianto di riscaldamento .....................................8 3..............................................3..............2 4................................................6 3............ 310 Appartamento standard in Geberit Mapress Acciaio Inox .....................................316 7 ................. 309 Appartamento standard in Geberit Mepla .......................3 4.................................................................................... 313 Appartamento standard con radiatori: sistema Mapress Acciaio al Carbonio .............7 3.................................................. 308 Locale tipo 9c in Geberit Mepla: distribuzione a collettore ........................................

.......................................Sommario Impianti di scarico: indicazioni generali 1..................................................................................... 11 Le possibilità di collegamento per Geberit PE e Geberit Silent-db20 ....................................1 1...... 11 Descrizione del sistema ................................................................................................................................................................................................................................1 2........... 20 Progettazione e ventilazione dell'impianto...............2 Sistema .............. 21 Fognature in Geberit PE ..... 1...........................13 2............. 20 Determinazione dei diametri dei tubi di scarico di acque reflue............................................................................................................................... 2......................... 45 9 .....................2 2............3 Progettazione .........

Impianti di scarico: indicazioni generali 1. 1) 2) 3) Condotta isolata con il materassino fonoisolante Geberit Isol. Senza sollecitazione meccanica pressione interna max. raccordi. Sistema 1.5 bar ad una temperatura massima di 30°.1 Descrizione del sistema Il sistema a prima vista Campo d'impiego Applicazione: Scarico negli edifici abitativi Condotte installate a vista Condotte installate sottomuro Condotte installate nel calcestruzzo Colonne di scarico Colonne di scarico con isolamento acustico Condotte di ventilazione Collettori Collettori con isolamento acustico Condotte in pressione (pompa di sollevamento) 1) 1) Geberit Geberit Silent PE Geberit PP Geberit PP-S Geberit offre quattro sistemi di scarico: ■ Geberit Silent-db20 ■ Geberit PE ■ Geberit PP ■ Geberit PP-S I quattro sistemi contengono tubi. collegamenti e fissaggi.1.1 1. – – – – 2) 2) Condotte di acqua meteorica (convenzionale) Condotte di acqua meteorica Pluvia Collettori di fondo interrati Scarichi per ponti – – – – 3) – – – 3) – – – – Scarichi acque luride industriali 11 . 1. I valori inerenti la resistenza alle sostanze aggressive e chimiche delle acqua di rifiuto industriale possono essere consultati nelle liste di questo Manuale tecnico per progettisti.

È consigliabile l'impiego di Geberit Isol oppure di misure costruttive speciali.Impianti di scarico: indicazioni generali 1. Resistenza al gelo Le condotte di scarico riempite d'acqua sopportano limitatamente il gelo perché rispondono alle sollecitazioni dilatandosi e riprendono la forma iniziale dopo il disgelo. Tutti i collegamenti devono essere eseguiti a tenuta stagna in modo inscindibile. Ritorno termico Il metodo più sicuro per eliminare l'inevitabile accorciamento della misura dei tubi sintetici dopo un processo termico è quello di anticipare l'effetto provvedendo adeguatamente durante la fabbricazione. Come regola si considera: una differenza di temperatura di 50 °K provoca un aumento di lunghezza del tubo di 1 cm/m. vibrazioni dei viadotti. Questa pratica aumenta la sicurezza delle congiunzioni perché si esclude qualsiasi fuoriuscita del tubo dai bicchieri dei manicotti dovuto all' accorciamento. Resistente ai raggi ultravioletti Aggiungendo il 2% ca. Diffusione del suono attraverso la struttura La trasmissione delle vibrazioni alla struttura può essere eliminata separando le tubazioni dalla costruzione con gli appositi fissaggi disaccoppianti. sono ammesse temperature di punta di 100 °C Per impianti di scarico industriali con sollecitazioni continue a temperature ≥ 80 °C sono da chiarire i campi d'impiego interpellando Geberit. 12 . pesi. i tubi del sistema sono particolarmente adatti alla lavorazione a temperatura ambiente.17 mm/m/K. In ambienti con temperature fredde (fino a -40 °C) la sua ottima resistenza agli urti permette l'impiego nelle installazioni di scarico di acque luride. urti. tagli. Diffusione aerea del suono La materia Silent-db20 possiede una ottima proprietà di abbattimento fonico che viene ottenuta con i forti spessori di tubi e raccordi e con le alette frangi-rumore. La caratteristica della flessibilità è un criterio determinante ove vi sono esigenze costruttive particolari come ad es. Proprietà chimiche Geberit Silent-db20 possiede una buona proprietà di resistenza chimica "in impianti di scarico di edifici residenziali".: tubi o condotte sottoposti a sollecitazioni meccaniche. di nerofumo. Il suono propagato attraverso l'aria deve essere rinchiuso (incapsulare). carichi termici. Il PE-HD a temperatura ambiente possiede un'alta resistenza agli urti ed è quasi infrangibile. Dilatazione Il coefficiente di dilatazione dei tubi PE e Silent-db20 è pari a 0. assestamenti del terreno. Geberit PE Il PE-HD viene usato senza difficoltà negli scarichi dove non esistono sollecitazioni meccaniche fino a temperature di 80 °C. Sono tollerate brevi sollecitazioni con alte temperature provocate da apparecchi domestici nelle tubazioni non in pressione. il polietilene è stabilizzato contro l'irradiazione solare ed i raggi ultravioletti per conseguenza i tubi sono protetti contro l'invecchiamento. Sistema Caratteristica Resistenza all'acqua calda Geberit Silent-db20 Il materiale utilizzato per Silent-db20 è concepito per un impiego a temperatura costante di 60 °C. Geberit PE possiede una elevata resistenza agli agenti chimici. Elasticità / Flessibilità Con l'elevata elasticità della materia sintetica. Materiale per guarnizioni Tutte le guarnizioni dei giunti non saldati sono di caucciù sintetico EPDM. passaggi attraverso giunti di dilatazione delle costruzioni ecc. L'accorciamento dei tubi Geberit dovuto al ritorno termico è al massimo di 1 cm/m (La norma tollera 3 cm/m).

d 32–110 mm Manicotto di dilatazione. Saldatura di testa Manicotto elettrico Manicotto d'innesto Raccordo a vite Raccordo a flangia Manicotto di dilatazione Tipi di collegamento Resistente alla trazione Smontabile Non smontabile Non resistente alla trazione Smontabile Saldatura di testa allo specchio. nelle tecniche di montaggio sono classificati nel modo seguente: a. d 32–110 mm Raccordo a vite con colletto di fissaggio. Sistema 1. Non smontabili Collegamenti che non possono più essere separati dopo il montaggio c. d 32–160 mm Termomanicotto. d 32–315 mm Flangia.Impianti di scarico: indicazioni generali 1. (Saldatura di testa. d 200–315 mm Raccordo a vite senza colletto di fissaggio. raccordo a vite con colletto di fissaggio) d. Smontabili Collegamenti che possono essere separati dopo il montaggio b. Resistenti alla trazione Collegamenti che resistono alla trazione. (manicotto d’innesto.2 Le possibilità di collegamento per Geberit PE e Geberit Silent-db20 Ottime possibilità di giunzione grazie ai numerosi collegamenti offerti dai prodotti Geberit Questi collegamenti hanno proprietà differenti. flangia. di dilatazione. d 50–315 mm Manicotto d'innesto. pertanto. d 40–160 mm Termomanicotto. manicotto elettrico. d 32–315 mm 13 . raccordo a vite). Non resistenti alla trazione Collegamenti che si disgiungono se sottoposti a trazione longitudinale.

permette di sfruttare gli innumerevoli vantaggi della prefabbricazione. ø 40 50 63 75 90 Kg 6 7 9 10 15 ø 110 125 160 200 250 315 Kg 22 28 45 57 90 140 Valori orientativi della pressione da esercitare Saldatura a macchina a partire dal ø 75 Saldatura a mano fino al ø 63 14 .Impianti di scarico: indicazioni generali 1. la saldatura di testa eseguita in opera.2. È utilizzabile in tutte le installazioni che vengono prefabbricate sia in cantiere che in officina. inoltre il bordo di saldatura non crea ostruzioni. Si sconsiglia. la corretta temperatura (non esercitare nessuna pressione durante la fase di riscaldamento delle parti). inoltre il taglio dei pezzi da saldare deve essere a squadra >| 90°. non smontabile b. La saldatura di testa è un collegamento rapido. la giusta pressione di collegamento delle parti. lasciando pressoché inalterata la sezione interna del tubo. nel modo più assoluto. Tratti di distribuzione dalla geometria anche piuttosto complicati possono essere assemblati in uno spazio ridotto. Condizioni essenziali per una perfetta saldatura sono: la pulizia sia delle parti da saldare che del termoelemento. per l’impossibilità di operare in condizioni di sicurezza soddisfacenti. senza spreco di materiale.1 Saldatura di testa Si possono saldare tutti i diametri da 32 a 315 mm Caratteristiche del collegamento: a. semplice. sicuro. poiché tronchi di tubo o segmenti di curva sono facilmente riutilizzati grazie alla saldatura di testa. privo d’ingombro ed economico. Sistema 1. resistente alla trazione Utilizzazione La saldatura è il miglior tipo di collegamento.

Un innesto ideale si ottiene smussando il tubo a circa > 15° e lubrificando con lubrificante | Geberit. infatti anche in situazioni difficilmente accessibili può essere facilmente innestato o sfilato. Sistema 1. Tappo di protezione La misura "x" varia con il variare del d x ca 15° 15 .Impianti di scarico: indicazioni generali 1. l’O-Ring resta fissato nella sua sede ed è sempre a contatto con il tubo. Grazie allo spessore del tubo ed alla bassa conducibilità termica del PE. Installazione Può essere usato sia verticale che orizzontale. smontabile b. I manicotti d’innesto sono forniti di tappo di protezione.2. col tempo. Il tubo deve essere innestato fino in fondo al manicotto. poiché quest’ultimo non ha funzione di dilatatore. potrebbero danneggiare l’O-Ring. non resistente alla trazione Utilizzazione Il manicotto d’innesto è utilizzabile come collegamento tra i vari pezzi prefabbricati per una posa in opera semplificata. non usare oli o grassi che. laddove lo spazio è ridotto.2 Manicotti d'innesto Disponibile nei diametri da 32 a 160 mm Caratteristiche del collegamento: a. Quest’ultima ha una sede tonda. la guarnizione del manicotto resiste molto bene al calore e non è soggetta a contrazioni.

Colletto di fissaggio 16 . La superficie della guarnizione in contatto con l’acqua è minima.3 Raccordo a vite e raccordo a vite con colletto di fissaggio Disponibile nei diametri da 32 a 110 mm Caratteristiche del collegamento: a. Dado di chiusura 2. Guarnizione 4. La guarnizione è pressata nel filetto su 4 lati. 1. Anello di premistoppa 3. smontabile b. Sistema 1. occorre utilizzare anche il colletto di fissaggio che assicura la resistenza alla trazione del raccordo. Si consiglia l’uso del raccordo a vite con colletto di fissaggio anche nelle installazioni a pavimento o in soletta. Il dado del raccordo va stretto con la sola forza delle mani.2. non resistente alla trazione Utilizzazione Il raccordo a vite è impiegato come collegamento tra i vari pezzi prefabbricati.Impianti di scarico: indicazioni generali 1. resistente alla trazione Utilizzazione Ovunque ci siano delle trazioni longitudinali e quindi c’è la possibilità che il tubo esca dal raccordo a vite. 4. Bocchettone filettato Raccordo a vite con colletto di fissaggio Disponibile nei diametri da 32 a 110 mm Caratteristiche del collegamento: a. inoltre quando occorre uno smontaggio semplice delle condotte o di parte di esse. smontabile b. là dove i tratti di tubo compresi tra due raccordi siano superiori a 2 metri. Il montaggio è semplice e non richiede l’utilizzo di attrezzi. 1. 3. 2.

2 3 3 cm 3 cm Rilevatore di saldatura. Inoltre le estremità dei tubi innestati non sono riscaldate.2. X +1 cm X Saldatura in opera.4 Manicotto elettrico Disponibile nei diametri da 40 a 315 mm Caratteristiche del collegamento: a. Durante la saldatura l’alta temperatura espande il materiale su cui poggia l’indicatore giallo il quale. Preparazione: le estremità del tubo vanno tagliate a lunghezza perpendicolarmente all'asse del tubo. 1 Utilizzazione La superficie del tubo / pezzo di raccordo deve essere raschiata su una lunghezza di circa 3. resistente alla trazione il montaggio convenzionale ne facilita l’uso. poiché. installazioni supplementari. Per una corretta saldatura dei manicotti si raccomanda esclusivamente l’uso degli apparecchi originali Geberit e di attenersi alle istruzioni riportate all’interno dell’apparecchio. vengono interamente ricoperti dal PE. La pressione necessaria per la saldatura si ottiene dall’effetto di contrazione del manicotto quando si riscalda. Misure costanti. trasformazioni. I fili della resistenza elettrica non alterano la resistenza agli agenti chimici. facilitando i lavori di trasformazione o di riparazione dell’impianto (vedi esempio in alto a destra). sporge dalla presa del manicotto. notevole vantaggio dovuto al diametro esterno ridotto. indicando che lo stesso è stato saldato. fino al de 315 = 150 mm. rapida e sicura. fino al de 160 = 60 mm. 1 2 3 17 . Sistema 1. si ottiene così un ottimo fattore di sicurezza. riparazioni. le zone restano praticamente fredde e costituiscono un’ulteriore rinforzo. a saldatura ultimata. non smontabile b. La zona di riscaldamento e di fusione è divisa in due campi. Il manicotto elettrico può diventare scorrevole levando l’anello di battuta centrale. per l’assenza di resistenza elettrica al centro del manicotto. Tale contrazione ha anche un effetto compensante sulle tolleranze nelle misure esterne dei tubi.Impianti di scarico: indicazioni generali 1. essa è equamente ripartita su tutta la saldatura. a saldatura avvenuta.5 cm nella zona d'inserimento del manicotto elettrico. l’unione che si ottiene è semplice. grazie a questa misura la contrazione del tubo è annullata.

nei collettori di raccolta. assicurando la perfetta tenuta del raccordo anche in periodi di forte carico idraulico. non resistente alla trazione Utilizzazione Il manicotto di dilatazione è indispensabile nelle colonne di scarico di acque usate.Impianti di scarico: indicazioni generali 1. quote. PF Condizioni importanti per un perfetto e facile montaggio del manicotto sono le seguenti: a) smussare le estremità da innestare con 15° ca b) ben lubrificare le parti da innestare con lubrificante Geberit N. PF Montaggio orizzontale 18 . permettendo correzioni in senso verticale ed orizzontale (es. Installazione Può essere usato sia in verticale che in orizzontale. smontabile b. Sistema 1. La forma particolare della guarnizione a labbro permette lo scorrimento del tubo all’interno del manicotto nelle fasi di dilatazione e contrazione. generalmente sospesi e posti ai piani inferiori dei fabbricati. Montaggio verticale Tubi interrati È sconsigliata la posa del manicotto di dilatazione interrato in quanto assestamenti o scoscendimenti del terreno ne potrebbero causare lo sfilamento. nelle colonne di acque pluviali interne ed esterne ai fabbricati. Un punto fisso (PF) ben solido deve sempre essere posto dietro al manicotto. allo scopo di evitare movimenti del manicotto in caso di dilatazione e contrazione. danneggiare la guarnizione c) attenersi alle misure d’innesto e d’impiego indicate sul manicotto.2. In questi casi si consiglia l’uso del manicotto elettrico. vantaggio è dovuto alla profondità del manicotto facilita il montaggio di colonne e collettori. posizionamento esatto della direzione di braghe e curve).B. può essere costituito dalla muratura stessa o da un braccialetto. per il collegamento delle stesse da piano a piano. col tempo. non usare olii o grassi che potrebbero.5 Manicotto di dilatazione Disponibile nei diametri da 32 a 315 mm Caratteristiche del collegamento: a.

Le flange sono sinterizzate. Con l’utilizzo di una flangia cieca è possibile creare un’ispezione. cioè ricoperte di polietilene.Impianti di scarico: indicazioni generali 1.6 Flangia Disponibile nei diametri da 50 a 315 mm Caratteristiche del collegamento: a. 19 . Sistema 1. resistente alla trazione Utilizzazione La flangia è normalmente usata come collegamento smontabile in impianti industriali. installazioni di accoppiamento a pompe. Il sistema di collegamento a flangia permette un facile accoppiamento ad una installazione in ferro o acciaio.2. smontabile b. ed hanno misure normalizzate. cisterne e piscine.

Determinazione del carico totale del collettore di scarico.1. allacciati alla colonna stessa e relativa riduzione. mediante somma delle singole unità di scarico e relativa riduzione del totale.5 1 20 . il committente o addirittura l’utente finale. cioè stabilire la probabilità che due o più apparecchi.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. alla quale sono collegati gli apparecchi componenti un servizio o un’unità industriale o di laboratorio. allacciati ad un'unica condotta. con l'applicazione della contemporaneità. le istruzioni per le installazioni. industriali e di laboratorio. È composta da 5 parti.esclusione di contropressioni ai sifoni degli apparecchi .5 Acque meteoriche 3 5 ■ Condotta di raccordo senza ventilazione Condotta di raccordo ventilata Collettorei Collettore di fondo Condotte di drenaggio 1 0. sono determinanti le norme e disposizioni del luogo. Ciò è difficile da determinare con assoluta precisione.1 Progettazione e ventilazione dell'impianto Impianti di scarico Bibliografia consultata: Norme UNI EN 12056-II Nota: questo trattato ha scopo orientativo. ■ ■ ■ ■ Condotte di ventilazione 0. il costruttore. con l'applicazione della contemporaneità. Pendenze delle condotte Tipo di condotta Acque reflue Condotta di raccordo senza ventilazione Condotta di raccordo ventilata Collettore Collettore di fondo interrato ≤ DN200 Collettore di fondo interrato ≥ DN250 1 0.0 % (la pendenza ottimale consigliata è del 2%) in modo da assicurare una velocità dell'acqua tale da favorire un'autopulizia delle condotte. Determinazione del carico totale della diramazione di scarico. mediante somma dei valori totali d'allacciamento di tutti i servizi. Esistono dati di scarico normalizzati per i vari tipi di apparecchi. Scelta del sistema di ventilazione attuabile secondo l'andamento delle condotte e le esigenze tecniche del l'impianto. La base per il calcolo è l'intensità di scarico Q.5 %.5 3 3 3 3 3 5 5 5 5 5 Pendenze in % min.5 1 1 3 3 3 3 5 5 5 5 0. per cui ci si basa su dati che sono risultati di test pratici e confronti effettuati a livello internazionale. ideale max. il procedimento che permette il dimensionamento di un impianto è il seguente: ■ 1. è operativa in Italia dal giugno 2001.1 2. in litri al secondo. attuando una normativa già da decenni applicata e sperimentata in diverse nazioni europee. Per progettare e calcolare un impianto di scarico è necessario anzitutto conoscere i quantitativi massimi di acque scaricabili dai singoli apparecchi. 2.2 La norma UNI EN 12056 La norma UNI EN 12056 regolamenta in maniera uniforme tutti i sistemi fognari all’interno di qualsiasi tipologia di edificio. Rispetto dei valori contenuti nelle tabelle di portata corrispondenti al sistema di ventilazione scelto. Gli eventuali collettori di ventilazione dovranno avere una pendenza: p = 0. che riguarda l’operato sia del progettista sia dell’installatore.3 Pendenze delle condotte Le condotte con pendenze minime sono da posare con attenzione e a regola d'arte. in modo da garantire: .0 % . la progettazione ed il calcolo dei sistemi per l’evacuazione delle acque meteoriche (parte terza). 2. Determinazione del carico totale della colonna di scarico. quali l’installatore. scarichino contemporaneamente.una sufficiente portata anche per materie solide e sostanze schiumose . mediante somma delle portate di tutte le colonne in esso confluenti e relativa riduzione progressiva. la progettazione ed il calcolo delle stazioni di pompaggio (parte quarta) e.5 0. Questa nuova norma.5 1 2 1. vigenti in materia. Determinazione della pendenza dei collettori. 2. Progettazione 2.1. che trattano specificatamente i requisiti generali e le prestazioni (parte prima).silenziosità dell'impianto secondo le prescrizioni delle norme specifiche. È dunque una normativa che impone al progettista una linea guida inequivocabile nella redazione del progetto dell’impianto di scarico e che rappresenta un documento chiaro sia per il tecnico sia per le altre figure coinvolte. Altro fattore importante per il calcolo è la determinazione delle contemporaneità di scarico degli apparecchi. Con il termine "impianti di scarico" si definisce l'installazione di tubazioni che permettono il corretto deflusso delle acque di apparecchi idrosanitari. quelli da noi adottati sono riportati nella norma UNI EN 12056. gli impianti per le acque reflue con particolare riferimento alla progettazione ed al calcolo (parte seconda).5. civile ed industriale. con l'applicazione della contemporaneità.1. o unità industriali o di laboratorio. che deve essere il più uniforme possibile e compresa entro i valori di 1. le prove e la manutenzione e l’uso dei sistemi di scarico all’interno degli edifici. nella quinta ed ultima parte.

lavaggi dei filtri. valgono le indicazioni dei produttori 21 .8 50 50 Sifone a pavimento d 63 1.8 50 63 Sifone a pavimento d 50 0. lavastoviglie domestica 0.0 63 63 Sifone a pavimento d 75 WC con risciacquo da 6 litri WC con risciacquo da 9 litri 1. ecc. del cannotto di allacciamento ed infine del collegamento verticale.8 40 63 Lavello da cucina semplice o doppio 0. lavamano 0.6 40 50 Vasca da bagno 0.8 50 63 Lavatrice 6 kg.5 40 50 Piatto doccia 0.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.0 2.5 90 110 90 110 i Indicazione: Per lo scarico di valvole di sicurezza. A tale scopo è necessario conoscere le unità di scarico DU (esprime l’intensità media di scarico in l/s) di ciascun apparecchio. Sulla base di ciò è possibile dimensionare correttamente i diametri della piletta. è necessario iniziare con un corretto allacciamento degli apparecchi.5 40 Condotta d’allacciamento raccomandata d in mm 50 Bidet 0.8 40 63 Lavatoio per lavanderia 0. Orinatoio 0. Le unità di scarico DU per vari deflussi Tipi di apparecchi sanitari DU (l/s) Uscita del sifone d in mm Lavabo. UNI EN 12056-2). Progettazione 2. del sifone.5 75 75 2.2 Determinazione dei diametri dei tubi di scarico di acque reflue Per dimensionare correttamente un impianto di scarico secondo quanto prescritto dalle norme vigenti (cfr.5 40 50 La tabella 2 nella pagina seguente riporta le unità di scarico di alcuni tra i più diffusi apparecchi.

5 d mm 25 32 40 50 1 “ 1” 1/4 2 d mm 25 32 32 40 80 90 ” 3 d mm 32 40 50 63 90 100 4 d mm 40 50 63 75 90 110 5 d mm 25 25 32 32 40 40 Esempio 1: Il dimensionamento per un lavabo si ottiene nel modo seguente: dalla tabella 2 risulta DU pari a 0. Entrando con 0. 11/2” 2” * Tratto d’allacciamento alla colonna Tabella 2: Unità di scarico dei diversi apparecchi 22 . al tratto d'allacciamento orizzontale (cannotto) al tratto verticale ed alla eventuale ventilazione secondaria. sifone mm 32.5/0. scarico (tratto di allacciamento alla colonna) mm 50.8/1.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. cannotto mm 40.6 0. per gli apparecchi idrosanitari.5 l/s nella tabella 1 leggiamo: diametro piletta 11⁄4” (32 mm). Progettazione 2. Intensità di scarico Q Piletta Sifone Cannotto Scarico* Ventilazione secondaria 1 l/s 0.5 2.0 1.2 0.1 Dimensionamento dei sifoni degli apparecchi Nella seguente tabella sono riportati i diametri minimi da assegnare a piletta e sifone.0 2.2.5 l/s.

95 0.57 l/s Dalla tabella 4: Portata Q = 2.53 2.0% 2. si applicano le seguenti formule riportate nella tabella 3.64 2.42 0.2 Dimensionamento della diramazione di scarico Per dimensionare correttamente la diramazione (tratto di collegamento orizzontale alla colonna di scarico) occorre conoscere l’intensità di scarico totale Qt (l/s) ottenuta sommando le unità di scarico DU dei singoli apparecchi sanitari presenti. la pendenza di posa è definita pari a 1%.0% 1.03 1. ospedali. che è sensibilmente diversa se l’impianto è situato in un’abitazione.96 0.19 0. cioè la probabile intensità contemporanea. Tabella 4: dimensionamento dei collettori di diramazione pendenze in % d h h/d=0.43 0.75 1.5) l/s = 2. hotel. allacciati ad un’unica condotta.43 0.8+0.5% 34/40* 44/50* 57/63* 69/75* 83/90** 101/110*** 0.5% portata Q in l/s 2.88 3. Le formule che presentiamo in questo capitolo sono il risultato di test pratici e confronti effettuati a livello internazionale.24 0.21 0. Nel punto A: Qt = (0.8 l/s Qr = 1.5% 1.6 l/s Qr = 0.18 3.03 l/s => Ø = 75 mm Nel punto B: Qt = 9.5 ø mm 0.98 1. ** con allacciamento max. Definita la pendenza e calcolata l’intensità Qr. si procede dapprima al calcolo delle intensità di scarico.7 (Qt) Centri sportivi.15 0.8+0.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. bagni pubblici Industrie. per i quali si considera un riempimento (h/d=0. 2 WC da 6 l e 2 spostamenti a 45° *** con allacciamento max. In pratica la contemporaneità è una misura della probabilità che due o più apparecchi. laboratori (intensità di scarico costante per lungo tempo) Qr = 1 (Qt) Qr = 1.5) pari al 50% e si raccomanda una pendenza minima del 1%.11 0. La norma UNI EN 12056-2 definisce per ogni tipo di apparecchio una precisa intensità di scarico. Per determinare l’intensità ridotta Qr. in un hotel o in un ospedale.2.5 (Qt) Qr = 0.5+0.72 1. scarichino contemporaneamente.48 0. per la quale la portata deve essere maggiore o uguale all’intensità Qr.37 0.05 1.30 0. 29). Per dimensionsare i diametri nei punti A e B. Qt = (DU) Di fondamentale importanza per il corretto dimensionamento dell’impianto è altresì la riduzione dell’intensità totale Qt tenendo in considerazione la probabile contemporaneità di scarico degli apparecchi. avendo calcolato precedentemente Qt.44 4. 6 WC e 3 spostamenti a 45° Esempio 2: Per il collettore di diramazione dell’appartamento tipo (riportato a pag. grazie alla tabella 4 è infatti possibile definire il diametro della diramazione. Progettazione 2.22 0.87 1.61 1.81 l/s Dalla tabella 4: Portata Q = 1.79 0.43 * solo per scarichi senza WC. Essa non dipende dalla natura dell’apparecchio allacciato bensì dal probabile utilizzo da parte dell’utenza.26 1. scuole Qr = 0. che è riportata nella tabella 2 (vedi pagina precedente).79 l/s => Ø = 110 mm Tabella 3 Appartamenti e uffici (intensità di scarico variabile in tempi brevi) Ristoranti. Il terzo fattore necessario per permettere di procedere nel dimensionamento riguarda la pendenza del collettore di diramazione che trasporta le acque reflue fino alla colonna di scarico.2 (Qt) 23 .46 2.

2 Qt [l/s] 1. totali 1 2 3 . Impianti di scarico: indicazioni generali 24 Tabella riduttiva per la contemporaneità Qr [l/s] = Qr [l/s] = Qr [l/s] = Qr [l/s] = 1.7 Qt [l/s] 0. ridotti 100 90 80 70 60 50 40 4 3 2 30 20 1 10 9 8 7 6 5 4 3 min. Centri sportivi 4.C.5 Qt [l/s] 1. Laboratori e industrie (carico costante per tempo lungo) Progettazione I/sec. con W. Ristoranti.2. 2 1 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 200 300 400 500 600 700 800 9001000 I/sec. ospedali e scuole 3. Appartamenti e uffici (carichi variabili per tempo breve) 2. hotel.0 Qt [l/s] 0.

Si applicano i criteri di riduzione relativi alla contemporaneità e si procede al dimensionamento del diametro della colonna.0 27.2.0 50. Per la scelta del sistema di ventilazione attuabile a seconda del tracciato delle condotte e delle esigenze architettoniche. Si noti anche come una geometria definita “curvata” della braga a 88. Braga 88° 1/2 curvata d interno/ esterno mm portata Q l/s con braga 88o 1/2 portata Q l/s con braga 88o 1/2 curvata 57/63* 69/75* 83/90* 101/110 115/125 147/160 187/200 234/250 295/315 1. si procede in modo analogo a quanto illustrato fin qui per i collettori di diramazione.0 15. Progettazione 2.0 3. tenendo in considerazione il tipo di ventilazione scelto.3 Dimensionamento delle colonne di scarico Per dimensionare le colonne di scarico. ■ Colonne di scarico con sistema di ventilazione primaria.3 2.2 5.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.2 l/s. vi rimandiamo al capitolo dedicato ai sistemi di ventilazione.2 * solo per colonne senza WC 25 . ossia si determina il carico totale della colonna mediante la somma dei valori totali d’allacciamento di tutti i servizi allacciati alla colonna stessa.2 l/s a ben 5. Ciò è reso possibile dall’ottimizzazione dei deflussi di acqua e aria all’interno delle condotte come ben illustra l’immagine a lato.0 4. Si noti come la scelta della braga di collegamento tra la diramazione orizzontale e la colonna verticale influenzi in modo decisivo la portata totale della colonna stessa.0 5.0 10.5 gradi del diametro 110 mm permetta un aumento della portata dai normali 4.

2 7.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. d interno/ esterno mm portata Q l/s portata Q l/s ventilazione con braga con braga parallela d mm 88o 1/2 88o 1/2 curvata ■ 83/90* 101/110 115/125 147/160 4.3 50 63 75 90 Colonne di scarico con braga miscelatrice Geberit Sovent. Il sistema di scarico con braghe miscelatrici Geberit Sovent ø 110 consente un carico totale della colonna notevolmente superiore a quello della colonna con sola ventilazione primaria dotata di braghe 88°1/2. ø interno/ esterno mm portata Q l/s con braga 88° 1/2 101/110 * solo per colonne senza WC 26 8.0 6. Progettazione ■ Colonne di scarico con sistema di ventilazione parallela diretta.1 7.0 14.7 . (Segue es: Parallela diretta). Inoltre. esso riduce di circa il 50% le pressioni e le depressioni che si formano in colonna rispetto al sistema con colonna unica. indiretta e secondaria.

locali infrastrutturali in genere).0 85.0% 1.0 11.0% 5.8 5.5% 2.0 41.7 61. h/d=0.0 38. La tabella a fianco serve per dimensionare i collettori di scarico e gli altri allacciamenti installati nelle zone inferiori dei fabbricati (garage.9 26.0% 1.0 37.8 (80%).2.0 90.0 7. I quantitativi massimi di acque usate ammessi per i vari diametri e le diverse pendenze corrispondono ad un’altezza di riempimento h/d = 0.8 1.0% 2.5 3.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.5% 2.5 21.3 7.2 14.9 1.1 2.1 60.4 75.0% 2.7 (70%).7 d mm 53/63* 69/75* 83/90* 101/110 115/125 147/160 187/200 234/250 295/315 1.0 4.3 23.5% 3.3 21.7 68.0% portata Q in l/s 69/75* 83/90* 101/110 115/125 147/160 187/200 234/250 295/315 1.3 4.0 16.9 8.2 4.5 42.6 4.9 4.3 3.5 33.5 16.4 15.0 27.4 3.7 2.6 * solo per scarichi senza WC 27 .4 3.5% 3.2 2.0 3. magazzini.4 143.8 77.7 33.1 10. I quantitativi massimi di acque usate ammessi per i vari diametri e le diverse pendenze corrispondono ad un'altezza di riempimento h/d = 0.4 9.3 111.5 6.0 33.5 6.7 23.0% 4.6 2.2 9.1 69.7 3.0 29.2 79.3 11.6 2.8 d mm 1.8 98.5 13.2 53.5 4.8 1.9 12.5 8.5 8.2 113 1.0 23.6 10.2 10.4 2.4 6.0 5.8 203.0 7.4 110.0 18.9 30.8 11.0 49.0 7.2 157.0 47.8 43.0% portata Q in l/s 0.2 6.0 54.2 18.1 128.5 126 1.0 97. Progettazione 2.4 Dimensionamento dei collettori Pendenze in % h d ■ Collettori di scarico interni ai fabbricati.8 5.7 2.6 4.0 138 * solo per scarichi senza WC Pendenze in % h d ■ Collettori di scarico esterni ai fabbricati (fognature) La seguente tabella serve per dimensionare le diramazioni di scarico di acque usate installate esternamente ai fabbricati sia civili che industriali. cantine.8 2. h/d = 0.0 60.1 181.

8 0.8 l/s Qr . (scarico 6 l) 2 Bidet 1 Piatto doccia 2 Lavabi 1 Vasca da bagno 1 Lavatrice (6 kg) 1 Lavastoviglie 1 Lavello da cucina TOTALE l/s 4. Per il dimensionamento delle tre colonne presenti nel fabbricato ci avvaliamo del seguente schema.8 9.8 0.9. Progettazione 2.6 1.5 l/s ø 110 mm ø50 B ø50 ø50 28 .5 Esempio di calcolo In una palazzina di 5 piani.8 Lavello ø75 da cucina Lavastoviglie ø110 ø75 ø75 B ø110 ø90 (colonna primaria con ventilazione) A ø50 ø50 ø50 ø90 ø75 ø50 ø50 ø75 Lavatrice ø110 ø50 Qt .C.0 1.0 0. ognuno allacciato ad una propria colonna di scarico (tre colonne in totale).2.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Formula di contemporaneità: Qrid = 0.0 0.1. sono presenti 3 appartamenti per piano.5 √Qtot LEGENDA Descrizione apparecchi 2 W.8 0.

0 97.2 18.5 6.4 2.2 2.5 l/s ø 110 mm A B C Qt .0 1.5 4.2 113.5% 3.5 l/s ø 110 mm Qt .5 8.0 3.0 41.6. Tabella dimensionamento dei collettori suborizzontali 5° Piano 5° Piano pendenze in% h d 1 4° Piano 1 1 h/d=0.4 75.4 9.0 16.49 l/s Qr .3. Per il dimensionamento dei collettori presenti negli scantinati o nelle zone tecniche.7 68.6 1 1 1 3° Piano 3° Piano 101/110 115/125 147/160 187/200 234/250 295/315 1 1 1 2° Piano 1 1° Piano 1 1 2° Piano Piano terra 1 Piano terra 1 1 Piano terra Qt .7 61. Progettazione Per tutte e tre le colonne si ottiene al piano terra una Qr pari a 3.5 126.0% 1.3.0 29.5 33.0 138.3.06 l/s ø 125 mm Piano terra 29 1° Piano .7 4° Piano 1.0 23.8 43.0 7.5% 2.5 13.147 l/s Qr .3 7.95 l/s ø 125 mm Qt .Impianti di scarico: indicazioni generali 2.2 53.8 1.6 2.5 l/s che.5 l/s ø 110 mm Qt .3 23.7 2.5 6.49 l/s Qr .49 l/s Qr .2 79. necessita l’impiego del diametro 110 mm (colonne con ventilazione primaria).3.4.0% 2.7) pari al 70% e si raccomanda comunque una pendenza minima pari al 1%.3 21.5 1.0 5.9 1.0% d mm portata Qin l/s 57/63* 69/75* 83/90* 0.98 l/s Qr .5 l/s ø 110 mm Qt .9 4.4 3.1 10.0 37.49 l/s Qr .8 11.7 2.8 1. si raccomanda un riempimento (h/d=0.6 4.

A.zona di presssione d. acqua .2). quelli presi in considerazione in questo trattato sono i più diffusi e trovano riscontro nella norma UNI EN 12056. a. Un corretto dimensionamento ed un'opportuna ventilazione di un impianto di scarico esclude. spinge avanti a sé l'aria presente nella colonna e crea di conseguenza una depressione. evitando quindi il riempimento totale di colonne e collettori.6 La ventilazione Per ventilazione di un impianto di scarico si definisce l'installazione di tubazioni che permettono il passaggio del necessario quantitativo d'aria fino all'uscita dei sifoni degli apparecchi idrosanitari. si crea un vuoto.2. Sotto il punto d'innesto nella colonna (punto "b"). per l'influsso d'immissione dell'acqua defluente. generalmente. depressione a b c d e Figura 1. acqua . che viene istantaneamente colmata da un risucchio più grande d'aria proveniente dalla ventilazione. depressione 30 . di conseguenza una zona di pressione.zona di presssione d. dipendentemente dalla configurazione della condotta. la formazione di pressioni e relative depressioni nelle condotte.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. l'acqua stessa che defluendo velocemente verso il basso (circa 10 m/sec. ingorgo . per 1 sec. (fig. con interposto un tratto intermedio di lunghezza L > 2 ø (fig.depressione c. industriali e di laboratorio. neutro e. non deve superare 40 mm di C.depressione c. ingorgo . aria b. Progettazione 2. neutro e. a. a b c d e Figura 2. La causa della formazione di pressione e depressione (vuoto) soprattutto nelle colonne di scarico è. aria b. si crea istantaneamente un ingorgo. Quando l'acqua defluente incontra un cambiamento di direzione.1) I cambiamenti di direzione sono quindi da ridurre al minimo indispensabile e da eseguire possibilmente con due curve a 45°. il quale per ragioni di sicurezza. Molteplici sono i sistemi per ventilare un impianto di scarico.).

7 La colonna di scarico Pressione nella colonna di scarico < 10 m La zona di pressione che si forma ai piedi di una colonna di scarico è dipendente dall'altezza della colonna stessa. a - b + c ~3 m 10 m 1m + 1m 1m 1m 1m 1m a. Possiamo però in generale formulare i due casi seguenti: ■ Nelle colonne di scarico fino a 10 m d'altezza con ventilazione primaria. situata normalmente. nelle quali non si devono effettuare allacciamenti di apparecchi 31 .Impianti di scarico: indicazioni generali 2. È quindi da evitare in ogni caso l'allacciamento di apparecchi alla colonna in questi tratti. ma è possibile allacciarli al collettore.00 m. a minimo 1 m dall'intersezione colonnacollettore. colonna di scarico Zone di pressione/depressione. pressione c. si forma una zona di pressione che si annulla ad un'altezza di circa 3. depressione b. Progettazione 2.2. in una zona neutra.

Impianti di scarico: indicazioni generali 2. c. d. a - b + 45 ~5m c d 10 m 45 1ø 2m + 1m 45 VARIANTE - Zone di pressione/depressione. od i piani. depressione pressione colonna di scarico circumventilazione 32 . È consigliabile eseguire uno sdoppiamento della colonna stessa (circumventilazione). sia in basso nel collettore di scarico.00 m d'altezza. * Nota: l'altezza della circumventilazione dipende comunque dal numero dei piani costituenti il fabbricato e dal quantitativo Q in I/sec. b. interessati che verrà allacciata sia in alto per ventilazione. con una seconda via di scarico per il piano. nelle quali non si devono effettuare allacciamenti di apparecchi a. di acque scaricabili. sono quindi da escludere allacciamenti di apparecchi alla colonna in questo tratto. Progettazione Pressione nella colonna di scarico > 10 m Nelle colonne di scarico oltre 10 metri d'altezza a ventilazione primaria si forma una zona di pressione che può arrivare fino a circa 5. in prossimità della zona neutra.

È una soluzione ricorrente. È un ottima soluzione per qualsiasi spostamento dal verticale all'orizzontale. Colonna di scarico con due curve 45° al piede-colonna Genera una pressione al piede colonna di ~40 mmCA con una successiva inversione del momento idrostatico con una depressione di ~40 mmCA. È quindi assolutamente da evitare una tale applicazione. ma idraulicamente sconsigliabile. essa esclude. Progettazione Colonna di scarico con sifone al piede-colonna Genera una pressione al piede colonna di ~90 mmCA ed una successiva inversione del momento idrostatico con una depressione di oltre 40 mmCA. di principio. Colonna di scarico con curva 90° al piede-colonna Genera una pressione al piede colonna di ~65 mmCA ed una successiva inversione del momento idrostatico con una depressione di oltre 40 mmCA. 33 . l'aspirazione dei sifoni degli apparecchi con una chiusura idraulica di almeno 50 mm.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.

con interposto un tratto intermedio di lunghezza L = 2 ø. per ipotesi avranno un valore 100%. eseguito con una curva a 45°. anche un notevole aumento dell'intensità sonora. sia dal punto di vista idraulico che acustico: Nello spostamento con curva a 90°. la pressione e il rumore prodotto dell'urto sono al massimo dell'intensità. si produce. riduce la rumorosità di circa il 35% rispetto al primo caso. Uno spostamento con due curve a 45°. riduce la rumorosità di circa il 50% rispetto al primo caso. oltre al fenomeno di pressione. diminuendo anche la zona di pressione. un tratto intermedio e due curve a 45°. 60 34 . Progettazione L'intensità sonora a piede-colonna Le tubazioni di scarico degli apparecchi non devono quindi mai essere allacciate alla colonna o al collettore nelle zone di pressione e depressione. Vediamo come si può migliorare lo scarico. 2ø 2ø Lo spostamento dell'asse della colonna di un tratto = 2 ø per un'altezza =~ 60 cm. In queste cosiddette "zone d'urto".Impianti di scarico: indicazioni generali 2. prima della zona d'urto. riducendo molto anche la zona di pressione.

Impianti di scarico: indicazioni generali 2. secondaria.8 Allacciamento d’apparecchi La lunghezza massima ed il numero di curve ammissibili negli allacciamenti alla colonna è il seguente: ■ distanza tra curva tecnica dell'ultimo apparecchio ed immissione in colonna (tratto A-B ). Tetto piano Conversa Betoncino Guaina impermeabile Isolante del tetto Soletta del tetto A 1.9 Condotte di ventilazione ■ Condotte e cappe di ventilazione ■ I materiali che costituiscono le condotte e le cappe di ventilazione. Le colonne e i collettori di ventilazione primaria sono da dimensionare con un diametro almeno uguale a quello della colonna di scarico.00 m. Allacciamenti orizzontali degli apparecchi: è da evitare il collegamento orizzontale diretto tra l'allacciamento dell'apparecchio e la colonna di scarico. sul tratto A-B sono ammesse al massimo 3 curve a 45° esclusa la curva tecnica.00 m B 30 cm 4.00 m. La colonna di ventilazione deve sporgere dal tetto di una misura > 30 cm e non deve presentare nessuna copertura. dove invece dev'esserci un disassamento > 1 d. devono resistere alla aggressività dei gas di fognatura ed agli agenti corrosivi in generale. tratto A-B. pendenza > 1% 2.2. né dei congegni che ne diminuiscono la sezione di passaggio all'aria. o alla maggiorazione del diametro. Progettazione 2. < 4.00 m Falda del tetto A 1d B Tetto a falde 35 . dislivello tra curva tecnica e la diramazione orizzontale < 1. ■ ■ Terminale per tubo d'areazione 30 cm Qualora queste regole non possano essere osservate.2. si ricorrerà alla ventilazione parallela.

0 1. Di seguito proponiamo i 4 casi: 36 .2.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. d mm Qw l/min. l/sec.5 29.66 3.2 6.1 10.0 43.3 35.10 Allacciamenti alla colonna Le uscite delle condotte di ventilazione sui tetti degli edifici devono essere eseguite in modo da evitare cattivi odori alle finestre.1 39. Le condotte di ventilazione situate a meno di 2 m dalle finestre di locali abitati devono superare di almeno 0. alle terrazze.0 45.. Le bocchette di smaltimento della colonna di scarico per le acque meteoriche devono essere distanti almeno 2 m dalle finestre dei locali abitati. rapporto =Ql/Qw 75 60 100 50 100 1.0 23.00 610 630 1750 2340 2580 2700 10. le altezze delle finestre stesse. Braga d'allacciamento alla colonna A titolo indicativo diamo qui di seguito un confronto tra il quantitativo d'acqua Qw ed il quantitativo di aria Ql nelle colonne di scarico a ventilazione primaria di differenti diametri (test realizzato in un centro sperimentale.66 0.33 5.0 10.10 m.83 1. Ql l/min. l/sec. Progettazione ■ Sbocco di condotte di ventilazione 2.4 12. Sui tetti piani le uscite di ventilazione devono essere più alte dei livelli di scarico e delle bocchette di troppopieno.0 110 200 300 L'allacciamento alla colonna influenza in modo determinante la formazione di pressioni e depressioni nella diramazione d'allacciamento e nella colonna stessa. ecc. con colonne aperte nella parte inferiore).9 9.

Nota: l'esecuzione di normali diramazioni d'allacciamento alla colonna porta a valutazioni tecniche e pratiche di compromesso. Figura 3 Poco positivo Braga 881/2 uguale Braga 45 uguale b) Braga 88 1/2° ridotta (Figura 2) Quando la diramazione d'allacciamento è più piccola della colonna montante non si verifica una chiusura idraulica durante lo scarico. d) Braga 45° ridotta (figura 4) Anche in questo caso la formazione di depressione nella colonna risulta minima. Un'aspirazione al sifone di regola non si verifica. La circolazione dell'aria nella diramazione d'allacciamento avviene normalmente e non si verifica nessuna aspirazione al sifone se la diramazione d'allacciamento è dimensionata in modo corretto. Questo allacciamento è quindi da evitare. inoltre occupa molto più spazio nella soletta. Figura 1 Positivo c) Braga 45° di uguale dimensione (figura 3) La braga 45° di dimensione uguale alla diramazione di allacciamento provoca una chiusura idraulica nella colonna ma la formazione di depressione è minima. perché possono essere buone o cattive per la diramazione d'allacciamento e nel contempo buone o cattive per la colonna. La circolazione dell'aria nella diramazione d'allacciamento avviene normalmente e le condizioni di scarico sono buone. La circolazione dell'aria nella diramazione d'allacciamento avviene normalmente e sono pressoché escluse aspirazioni anche indirette di sifoni perché la diramazione a 45° di uguale diametro non riesce a riempirsi.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Progettazione a) Braga 88 1/2° di uguale dimensione (Figura 1) La braga 88 1/2° di uguale dimensione provoca una chiusura idraulica nella colonna e di conseguenza una diminuzione della pressione. Nota: questo tipo di allacciamento richiede comunque una curva a 45° ed una saldatura in più rispetto all'allacciamento a 88 1/2°. Figura 2 Positivo Figura 4 Negativo Braga 881/2 ridotta Braga 45 ridotta 37 . ma in prossimità della diramazione d'allacciamento si forma una chiusura idraulica che provoca aspirazioni sia al sifone dell'apparecchio che scarica sia ai sifoni degli altri apparecchi.

38 . di principio.2. lo scarico con ventilazione primaria è il più economico. per costruzioni normali di blocchi d'appartamenti dove le diramazioni d'allacciamento degli apparecchi alla colonna di scarico sono molto corti. qualsiasi altro sistema.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.11 Sistemi di ventilazione Sistema di scarico con ventilazione primaria È costituito da una colonna di scarico il cui diametro viene mantenuto costante dalla base della colonna stessa sino all'esterno del tetto. Progettazione 2. Per gli allacciamenti degli apparecchi sono da usare delle sezioni adeguate al sistema descritto. in quanto. È l'impianto più diffuso un po' ovunque ed in alcuni Paesi esso esclude.

questa esecuzione è particolarmente adatta alle case multipiani e a terrazze. le due condotte sono collegate ad ogni piano. Inoltre. I diametri delle diramazioni d'allacciamento degli apparecchi alla colonna restano gli stessi del sistema a ventilazione primaria. 39 . dove la colonna di scarico è spesso soggetta a spostamenti.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Progettazione Sistema di scarico con ventilazione parallela diretta È costituito da una vera e propria colonna di ventilazione posata accanto alla colonna di scarico. Con questo sistema si può caricare maggiormente la condotta di scarico stessa.

0 m. Questo sistema di ventilazione è particolarmente usato nel caso di servizi in "batteria" quando la distanza dell'allacciamento dell'ultimo apparecchio dalla colonna supera 4. Gli eventuali collettori di ventilazione dovranno avere una pendenza: p > 0.5 %. 40 . I diametri delle diramazioni di allacciamento degli apparecchi alla colonna restano gli stessi del sistema a ventilazione primaria.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Progettazione Sistema di scarico con ventilazione parallela indiretta (terminale) È costituito da una colonna di ventilazione posata al termine dell'ultimo apparecchio ed ivi allacciata.

Progettazione Sistema di scarico con ventilazione secondaria È costituito da una colonna di ventilazione posata accanto alla colonna di scarico. sono posizionati tutti sulla medesima parete. Richiede un notevole spazio ed un'accurata tecnica d'installazione ed in considerazione del costo molto elevato viene usato raramente e solo per casi speciali. per cui è attuabile quasi solo quando. sia la colonna che gli apparecchi. Questo sistema richiede quindi l'esecuzione di molte condotte di ventilazione. 41 .Impianti di scarico: indicazioni generali 2. alla quale si allacciano dei collettori di ventilazione con relative diramazioni di collegamento alla curva tecnica o al sifone degli apparecchi.

esso riduce le zone di pressione e depressione di circa il 50% rispetto al sistema con ventilazione primaria. in modo tale da escludere il ritorno di schiume e residui di acque nelle diramazioni d’allacciamento. 42 . garantiti dalla braga. Questo sistema è basato su una particolare configurazione e ventilazione dello scarico. a * Nota: L’altezza della circumventilazione dipende dal numero dei piani costituenti il fabbricato e dal quantitativo Q in I/s di acque scaricabili. Il sistema Geberit Sovent diventa estremamente valido economicamente per costruzioni di oltre 10 piani d’altezza. punto a) deve essere dimensionato secondo il suo carico effettivo in I/s. che racchiude alcuni requisiti importanti ricavati da studi effettuati sul flusso e la caduta della miscela acqua-aria. Progettazione Sistema di scarico Geberit Sovent È costituito da una speciale braga miscelatrice (Sovent) posata ad ogni piano. Il piede colonna (sotto la prima braga Geberit Sovent. La speciale braga miscelatrice permette di applicare il sistema a costruzioni molto elevate e di mantenere la colonna di scarico del diametro esterno di 110 mm. aumenta inoltre considerevolmente la portata dell’impianto ed è quindi una valida alternativa al sistema con ventilazione parallela e secondaria.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.

0 m oppure ≥ 2.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. la scelta del corretto sistema di ventilazione assume importanza determinante per il funzionamento di tutto l’impianto di scarico. * Nota: Le quote d’allacciamento dello scarico e della ventilazione alla condotta principale. Progettazione Ventilazione speciale per edifici scalari In questi edifici. dovranno essere rispettivamente ≥ 1. 43 .0 m (vedi pagina 5 e 6 “pressioni nella colonna di scarico”). I sistemi di ventilazione da adottarsi in tali situazioni sono: ■ ■ Ventilazione parallela diretta Ventilazione parallela indiretta Con allacciamenti realizzati secondo il principio della circumventilazione.

dall’asse dell’ultimo allacciamento in quota fino all’inserimento nella colonna di ventilazione. ≤ 100 ø P ≥ 0. P .Impianti di scarico: indicazioni generali 2. p 1. p Colonna 3. sarà necessario aumentare lo stesso adottando un diametro superiore. secondo cui la lunghezza massima dello sviluppo di un collettore di ventilazione.5 % Collettore di ventilazione 4.T. dove ø è il diametro della colonna. 44 . Progettazione Collegamenti tra ventilazioni Dove per motivi validi è indispensabile eseguire un collettore di ventilazione. Inoltre sono da considerare le seguenti deduzioni per perdite di carico: curva da 15° a 60° = 5 ø. p.C. Se la lunghezza massima necessaria per un collettore di ventilazione è ≥ 100 ø. curva da 75° a 90° = 10 ø. sarà ≤ 100 ø della colonna stessa necessitante di ventilazione. eventuali braghe = 10 ø. p Collettore di scarico P . 2. Bisogna comunque sempre rispettare la condizione relativa alla lunghezza massima dei collettori di ventilazione. lo stesso sarà dimensionato considerando i carichi totali in I/s delle rispettive colonne secondo le tabelle di dimensionamento (“collettori di scarico interni ai fabbricati”).

Flessibilità Geberit PE è un materiale particolarmente adatto per gli impianti di scarico perché è flessibile. Resistenza al gelo 5.3 Fognature in Geberit PE 2. 45 . 2. 3. È impiegabile con temperature fino a -40 °C. Resistenza alle aggressioni chimiche Geberit PE resiste alle sollecitazioni chimiche interne provocate dalle acque scaricate.1 Allacciamento alla costruzione in Geberit PE Colonna pluviale Colonne di scarico Colonna pluviale Fognatura Fognature in Geberit PE Criteri determinanti per la loro applicazione: 1. entro un largo spettro d’azione. Con Geberit PE si ha una condotta saldata e perfettamente ermetica. Protezione dell’ambiente Le fognature eseguite in Geberit PE garantiscono il rispetto delle esigenze richieste nella protezione dell’ambiente. Tenuta In base alle disposizioni riguardanti la protezione dell’ambiente le condotte di canalizzazione non ermetiche non possono essere impiegate. 1 2 1 1 1 1 3 1 2 1. Flessibilità 4.3. perché sono completamente ermetiche. 5. 4. con un’ottima garanzia di sicurezza. Tenuta 2. provocata dalle sostanze alcaline e acide contenute nel sottosuolo (vedi tabella delle resistenze chimiche di Geberit PE). anche nelle condotte interrate è determinante il materiale. Geberit PE resiste alle sollecitazioni termiche. chimiche e meccaniche 6. Acidi nel sottosuolo 2. Sollecitazioni termiche. Correnti vaganti 3. che devono comunque essere ben ancorate. meccaniche e chimiche. Resistenza alle aggressioni chimiche 3. ed esterna.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Geberit PE si è dimostrato ideale sotto ogni aspetto. I normali e frequenti cedimenti del terreno dovuti agli assestamenti non danneggiano le condotte. Materiale 6. Resistenza al gelo Anche nei paesi dove il terreno è particolarmente esposto alle temperature più rigide. Protezione dell’ambiente 1. Progettazione 2. Materiale Come per gli scarichi negli edifici.

3. È comunque buona regola realizzare un rivestimento con materiale isolante morbido secondo la regola ed il dettaglio sottostante. Nonostante queste condizioni.2 Attraversamento dei muri perimetrali della costruzione Situazione In prossimità dell’attraversamento della condotta di scarico dei muri perimetrali della costruzione bisogna tener conto di possibili assestamenti del terreno. Lunghezza BF = 10 √A•de dove A è l'assestamento prevedibile dell'edificio in mm. La condotta di scarico potrebbe essere sottoposta a notevoli sollecitazioni. Materiale isolante Tubo PE Plinto di fondazione Lastra filtrante 6 BF Braccio flettente s 7 8 BF Spessore dell'isolamento Soletta Massicciata 3 S 4 7 8 2 1 5 46 . Occorre quindi un materiale flessibile per la condotta e Geberit PE garantisce tutto ciò grazie alla flessibilità del materiale. Nota: lo spessore del materiale isolante deve essere maggiore del possibile assestamento: S>A 1 2 3 4 5 6 Drenaggio Assestamento ev. l’allacciamento deve garantire una tenuta ermetica assolutamente perfetta. Progettazione 2.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Braccio flettente La lunghezza del braccio flettente dipende dall’assestamento del terreno e dal diametro del tubo.

Profondità libera dal gelo.rullo vibratore 15000 N AS = 0. Con copertura minima inferiore o con carichi maggiori sono da adottare provvedimenti particolari per la ripartizione del carico o speciali sezioni di scavi. 30 cm AS = Altezza di sicurezza con l’impiego di mezzi meccanici di riempimento: .40 m .vibratore 1000 N AS = 0.50 m R R B B Comportamento flessibile Attorno al tubo Materiale spezzettato 0-10 mm Ghiaia rotonda 0-30 mm Comportamento flessibile Attorno al tubo Materiale spezzettato 0-10 mm Ghiaia rotonda 0-30 mm Posa per casi speciali Sezione di scavo a U Sezione di scavo a U P = Profondità di posa Copertura massima: fino a 6 m senza problemi Copertura minima: sotto sede stradale 0.3. 10 cm Comportamento rigido Attorno al tubo Calcestruzzo CP 200 Kg/m3 Comportamento rigido Attorno al tubo Calcestruzzo armato CP 250 Kg/m3 47 .3 Sezione degli scavi Posa per casi normali Sezione di scavo a V 20 cm Determinante per la posa della condotta nel terreno è l’appoggio nel fossato e l’adeguato riempimento. con calcestruzzo) Carico di traffico Traffico pesante P = 9 ton Traffico normale P = 6 ton Oltre la strada sempre P = 3 ton Materiale di ripiena Ghiaia rotonda 0-30 mm Materiale spezzettato 0-10 mm P P D D 10 cm A A 10 cm B B A = D + min.rullo vibratore 3000 N AS = 0. lontano dalle strade 0.5 m. (Vedi sezione di scavo a lato. Sezione di scavo a U 20 cm LEGENDA B = Basamento di almeno 10 cm sotto la condotta P P R = Riempimento laterale fino all’altezza del tubo da 20 a 40 cm con profondità da 1 a 4 m S AS AS S S = Strato protettivo riempimento sopra il tubo e per tutta la larghezza del fossato.30 m . min. Progettazione 2.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.8 m.

si consiglia dopo la posa dello strato protettivo. 6 AS S 48 .Impianti di scarico: indicazioni generali 2. 2 ≥ 40 ø ≥ 40 B C = Consolidare Quando il tubo è posato levare del materiale sotto i manicotti o collegamenti vari come flange ecc. massi) per evitare incisioni sul tubo. Raggiunta l’altezza di sicurezza. pressare bene lateralmente al tubo con gli appositi attrezzi. Attenzione! Per evitare il galleggiamento del tubo. Progettazione Scavo Lo scavo deve essere il più stretto possibile. Il fondo dello scavo deve essere piano e privo di materiale scabroso. Lo strato protettivo deve essere almeno di 30 cm di altezza. 1 B=Basamento o sottofondo Nei terreni in cui le condizioni sono normali. i tubi non devono toccarsi l’un l’altro. ciò per evitare eventuali deformazioni della sezione del tubo. 3 R = Riempimento Riempire con 10 cm di materiale per volta. Pressare il materiale possibilmente con un mezzo meccanico. AS = Altezza di sicurezza Per il riempimento rimanente. 10 cm di ghiaia rotonda de 30 mm oppure materiale spezzettato de 10 mm. Importante: l’altezza e la pendenza. Consolidare il materiale sotto il tubo mediante un pestello. serve il materiale di scavo esistente. si potrà procedere a pressare il materiale con gli appositi mezzi meccanici. Evitare ondulazioni del tubo e verificare la pendenza. di chiudere immediatamente lo scavo. il procedimento per la posa è il seguente: usare ca. tener conto del diametro del tubo +40 cm. affinché il tubo appoggi perfettamente su tutta la sua lunghezza. 4 C R 5 S = Strato protettivo Lo strato protettivo deve essere privo di materiali appuntiti (frantumi di roccia. Da osservare che se ci fossero più tubi da posare. escluso pietre pesanti. in modo da ottenere una buona compattezza del materiale di riempimento. (AS vedi capitolo precedente).

Tutte le condotte in pressione dovranno essere sottoposte ad un prova per almeno 1.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Campo d’impiego per tubi e pezzi speciali in Geberit PE 1 Tubo de (mm) Tubo Curva 15° Curva 90° Curva 881/2° Braga 45° Braga 881/2° Braga multipla Riduzione Allacc.18 Sovrappressione esterna corrispondente bar 4.2 6.5 1.4 0.5 ore e col doppio della pressione d’esercizio.18 49 .0 1.0 0. apparecchio Saldatura a specchio Manicotto a resistenza/flangia Manicotto di dilatazione Manicotto d’innesto Colletto di fissaggio Colletto di fissaggio doppio Pezzo d’ispezione Simbolo Scarichi di economie domestiche x x x x x x x x x x x x x x x x 2 Fognature 3 Ponti-viadotti 4 Tubazioni in pressione x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Pressione esterna ammessa (depressione) I valori esposti nella tabella si riferiscono a tubi con 20 °C di temperatura.come quelli di circolazione per le piscine .8 Depressione interna bar 1. Tutte le congiunzioni devono essere ermetiche ed eseguite con saldatura testa a testa. Per gli impianti a bassa pressione funzionanti con pompa .160 200 .82 0.3. com’è il caso per esempio di quelle per l’evacuazione di acque luride allacciate ad una pompa.64 0. Condizioni ammesse Tubo ø (mm) 32 40 50 56 63 75 .4 Applicazioni speciali .36 0. Progettazione 2. 1.Impianti a bassa pressione Pressione interna ammessa Le condotte in Geberit PE sono state concepite per eseguire impianti di scarico senza pressione. Sempre nel campo delle basse pressioni i pezzi speciali adatti risultano dalla tabella sottostante.6. In casi eccezionali ed a determinate condizioni è consentito l’impiego per condotte in pressione.8 2.82 0.0 1. Per pezzi speciali e temperature maggiori i valori dovranno essere ridotti in proporzione.gli esami di laboratorio per una resistenza all’invecchiamento di 10 anni hanno dato i seguenti valori massimi di carico: Pressione mass.9. con sollecitazioni meccaniche periodiche minime ma senza carico termico.5 bar +30 °C Temperatura Questi valori non devono mai essere superati.2 .315 Spessore parete S (mm) 3 3 3 3 3 3 . con manicotti elettrici o con flange.64 0.36 0.

35 si riferiscono esclusivamente a tubi e pezzi speciali pressofusi de 32 fino a 160. la colonna d’acqua sul tubo corrisponde alla pressione esterna. H=m H2O Esiste sovrappressione esterna quando c’è depressione nel tubo e pressione atmosferica sull’esterno del tubo. I pezzi speciali a segmenti non sono caricabili con pressione.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.5 Posa nell’acqua di drenaggio Se una condotta viene posata nell’acqua di drenaggio del sottosuolo. Progettazione 2.3. Impianti di scarico per condense È possibile realizzare con Geberit PE anche impianti: ■ ■ Per batterie di scambio termico (ventilconvettori) Per celle frigorifere 50 . I dati esposti nella colonna 4 della tabella a pag.

0384 W/m/K Spessore: 13 mm Isolamento delle condotte: d in mm 63 75 90 110 125 160 con 1 materassino si ottengono: 5 strisce 30 × 140 cm 4 strisce 35 × 150 cm 4 strisce 37.1m2 Massa frontale: 3. E' necessario che i giunti si sovrappongano di almeno 2 cm.4 m Materassino Geberit Isol Informazioni tecniche: Misure del rotolo: 1. la progettazione e il montaggio vengono spiegati nel capitolo successivo Geberit Isol 1. Inoltre i giunti devono essere coperti ed incollati mediante un nastro adesivo bicollante.3.6 × 150 cm 3 strisce 50 × 140 cm 2 strisce 70 × 150 cm Per il taglio si può usare un coltello da tappezziere o forbici industriali.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. Progettazione 2.5 × 140 cm 3 strisce 46.4m = 2.5m × 1.5 m 1.6 Protezione acustica Geberit Silent-db20 Il sistema.5 Kg/m2 Conduttività termica: 0. Sovrapposizioni di almeno 2 cm La riduzione del suono dipende molto dalla qualità d'esecuzione. Foglio di 2 mm con cellule chiuse Foglio di piombo Schiuma sintetica in Poliuretano espanso Tubo in PE 13 mm Isolamento del tubo Struttura Geberit Isol 51 . Questo procedimento è importante quando l'isolamento Isol funge anche da isolamento termico per condotte murate.

0 9.3.5 13. dalla parete o soffitto e degli interassi A d A B C (mm) (cm) (cm) (cm) 50 63 75 90 110 125 160 200 4.0 10.0 8.0 17. E' invece consentita una applicazione attorno alla saldatura a specchio. La chiusura non è indicata per essere avvolta attorno ai raccordi.5 20.0 17. necessarie dalla parete o soffitto per un montaggio della chiusura con le alette piegate (asole per viti) su condotte precedentemente installate d A B C (mm) (cm) (cm) (cm) 50 63 75 90 110 125 160 200 9. La chiusura antincendio una volta applicata alla tubazione viene fissata al muro o al soffitto. d (mm) 50 63 75 90 110 125 160 D min.0 4. Progettazione 2.5 6.0 18.5 15.0 22.0 9.0 10.0 9.5 13. Distanze min. (cm) 10.Impianti di scarico: indicazioni generali 2.5 22.5 13.5 12.0 17.5 11.0 14.5 6.0 17.0 17.0 18.0 d 200 Distanze min.0 24.0 13.0 8.0 34.0 9.0 B C C 52 5 6 7 5 6 7 180 Min 12 1 11 2 3 4 180 Min 12 1 11 2 3 4 180 Min 8 8 8 5 6 7 .0 4.0 22.0 26.0 15.0 4. questa operazione può pure essere effettuata anche in un secondo tempo.0 10.0 15.5 12.0 10.0 9.0 26.5 13.5 30.0 A B C C STOP! 9 1 0 STOP! 9 1 0 STOP! 9 1 0 12 1 11 2 3 4 Funzione Misure degli attraversamenti di pareti e soffitti per la chiusura antincendio D min.0 9.0 25.5 15.5 11.0 7.0 10. canali portanti per tubi o termomanicotti.7 Protezione antincendio La chiusura antincendio ha una resistenza al fuoco di REI 180 per tubi in PE d 50–200 mm e per tubi PP d 50–160 mm con rapporto di prova dell’Istituto Giordano.0 9.5 12.0 7.

75. Passaggio attraverso il soffitto con l'impermeabilizzazione Pezzo ermetico Foglio impermeabile Braccialetto fisso tra 2 manicotti elettrici Geberit Tubo isolante Tubo isolante Passaggio attraverso la parete Pezzo ermetico Tubo isolante Foglio impermeabile Braccialetto fisso con 2 manicotti elettrici 53 . 110 mm Si deve evitare la dilatazione delle tubazioni mediante l'applicazione di punti fissi (termomanicotti.Impianti di scarico: indicazioni generali 2. colletti di fissaggio.8 Protezione dall'umidità con manicotto ermetico Campo d'impiego Pressione dell'acqua esterna limitata a 0. curve) o con particolari costruzioni a punti fissi.1 bar Esecuzione Diametri dei tubi Manicotto ermetico con foglio resistit (nero) per bitumi caldi d 50. Progettazione 2.3.