neutrofili eosinofili basofili numerosi granuli secretori citoplasmatici unico nucleo multilobato detti anche (erroneamente) leucociti polimorfonucleati

e cellule mieloidi (esclusiva origine da midollo osseo) linfociti monociti nucleo relativamente non lobato detti anche (erroneamente) agranulociti plasma regolabili e direzionabili da sistema immunitario neutrofili e monociti: attività fagocitaria aspecifica linfociti: risposte immunitarie difesa contro invasori esterni caratteristiche comuni esercitano pressione colloido-osmotica 2 tipi leucociti mononucleati cellule granulociti 3 tipi

gas mutrienti

funzioni

trasporto attraverso l'organismo di

prodotti del catabolismo cellule ormoni

mezzo fluido in cellule sono sospese

componenti
soluzione acquosa di sali inorganici costante scambio con liquidi extracellulari di tutti i tessuti del corpo contiene proteine plasmatiche

leucociti

sempre verso agenti specifici aumento nel sangue: neutrofilia aumento nel sangue: linfocitosi batteriche --> neutrofili

infezioni: virali --> linfociti

contribuisce a regolazione scambio di soluzioni tra plasma e liquidi extracellulari maggioranza

sangue: via di passaggio svolgono funzione nei tessuti movimenti ameboidi per migrazione albumine prodotta ferroproteina emoglobina perdita nucleo e organelli eritrocita differenziato: membrana, emoglobina, pochi enzimi superficie maggiore per scambi gassosi (20-30%) rispetto a sfera passaggio per capillari più stretti citoscheletro (ricco in spectrina - lunga fibrillare) determinata da concentrazione ioni inorganici facilmente deformabile forma biconcava differenziazione 3 tipi

basica --> eritrociti eosinofili

Sangue

proteine plasmatiche

veicolano metaboliti insolubili (acidi grassi) funzione di trasporto anticorpi proteine che trasportano lipidi e metalli pesanti

globuline

gruppo eterogeneo

proteina solubile fibrinogeno processo coagulativo: polimerizza dà origine a proteina insolubile: fibrina

trasporto di ossigeno e anidride carbonica non per trasporto e rilascio ossigeno (emoglobina) per mantenimento gradiente elettrolitico per mantenimento forma divalente atomi ferro in emoglobina per mantenimento forma ridotta (attiva) gruppi sulfidrilici in emoglobina e enzimi no mitocondri dipendenza da glucosio non sintetizzano nuove proteine ritenzione di acqua diventano sferociti --> rimossi glicolisi anaerobica spesa energetica globuli bianchi (leucociti)

eritrociti

globuli rossi (eritrociti)

funzioni svolte all'interno del circolo sanguigno massa globuli rossi + precursori nel midollo --> eritrone attivi nei tessuti nel sangue: in transito tamponano pareti vasi

ruolo nel sistema di difesa e immunitario

cellule
piastrine (trombociti) età media 120 giorni ruolo nel meccanismo di coagulazione (emostasi)

assenza organelli

contribuiscono a attivazione processo coagulazione ematopoiesi

progressiva diminuzione in capacità di pompare ioni sodio fuori da cellula

formazione di questi tipi cellulari avviene nel midollo osseo

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful