You are on page 1of 21

Corso di Economia Politica dei Paesi del Mediterraneo

Scritto, diretto e interpretato da:

Prof.ssa Luisa Mengoni

Francesco Orlandi Nicolò Venieri Federico Carbini

METODO: Approccio multidisciplinare per un’integrazione multilaterale

 Individuazione del modello

 Giudizio critico di efficacia

 Discussione di percorsi alternativi

Istituzioni. e come queste agiscono sulle strutture sociali dei singoli paesi e a livello di integrazione regionale. Attori Individuali. .…) danno forma ai sistemi entro cui si esprimono le interazioni politico-economiche.International Political Economy  Campo di Studi Interdisciplinare: Analizza da piú punti di vista il modo in cui le forze politiche (Stati.

Studio dei processi di Integrazione Regionale  ANALISI POLITICO-ECONOMICHE  ANALISI STORICO-ANTROPOLOGICHE .

Mediterraneo come Sistema Socio-Economico a Base geo-politica  . Intendiamo il Mediterraneo come un’unità di analisi a cui approcciarsi da più punti di vista. Dialettica Globale/Locale . Compatibilià dell’oggetto di studio e del metodo d’analisi.

. Il Sistema Mediterraneo funziona come una rete di relazioni spazialmente definite. che produce uno sviluppo multipolare basato su esigenze specifiche e complementarietà regionali.

Spazio Diviso e Non Condiviso  La storiografia del Mediterraneo per pensare l’Integrazione EuroMediterranea. Mediterraneo come entitá storico-antropologica globale Questione Mediterranea .

Economia e Integrazione UE-MENA  .

Israele.Area MENA  In base alla struttura economica può essere suddivisa in: DME— Diversified and Mixed Economies (Algeria. Siria. Tunisia. Egitto) ORC—Oil-Rich Countries (GCC con Libia. Marocco. Giordania Libano. 2004 . Iraq e Iran) PEE—Primary Exports Economies (Yemen) Elbadawi. Turchia.

2007 .Integrazione Regionale  Crescita commercio Med12-to-UE e Ue-to-Med12. Escribano e Jordán. stagnazione intra-Med12.

  Romagnoli e Mengoni. Rapporti Commerciali Intraregionali. 2008 .Integrazione Intraregionale   Fattori che ostacolano l’integrazione. Prospettive.

.Integrazione EuroMediterranea  Rapporti che accentuano la dipendenza tra riva Sud e riva Nord.

1957 Quadro storico che ricalca e risente del processo di decolonizzazione del secondo dopoguerra.Radici Storiche dell’Integrazione EuroMediterranea  Trattato di Roma. .

1972  POLITICA MEDITERRANEA GLOBALE NEGOZIATI BILATERALI ACCRESCIUTA COMPETITIVITÀ INTRAREGIONALE PER LO STANZIAMENTO DEI FINANZIAMENTI CEE AI PTM Gli interessi dei singoli paesi CEE continuano a prevalere sulle logiche di sviluppo multilaterale .Vertice di Parigi.

attraverso il rafforzamento del dialogo politico e sulla sicurezza.1995 ’’Lo scopo del partenariato è di rendere il Mediterraneo uno spazio comune di pace. la cooperazione economica e finanziaria.Dichiarazione di Barcellona.’’  . stabilità e prosperità. sociale e culturale.

Culturale. Umano .Processo di Barcellona Pilastri Dichiarazione di Barcellona  Partenariato Politico e di Sicurezza Partenariato EconomicoFinanziario Partenariato Sociale.

Partenariato Politico e di Sicurezza  • Controllo Atlantico del bacino Mediterraneo • Incoerenza delle politiche di sicurezza riguardo la questione arabo-israeliana .

Partenariato Economico e Finanziario  Fuori da logiche di sviluppo multilaterale. Si ricercano Ulteriori mercati per prodotti finiti UE Stabilità nell' approvvigionamento di risorse energetiche per paesi UE .

. Culturale.Partenariato Sociale. Umano  Mascherata imposizione ideologica ben lontana dalla pretesa di dialogo interculturale sostenuta nella Dichiarazione.

Alternativa Mediterranea  MONOTEISMO ATLANTICO Vs. PLURIVERSO MEDITERRANEO Diversità e antagonismi del Pluriverso Mediterraneo potranno ricomporsi e divenire una forza di resistenza al Monoteismo Atlantico solo a condizione che l’Europa intera riconsideri le sue origini mediterranee. .

 .