Banche e aiuti di Stato secondo il diritto comunitario

Roma, 20 giugno 2013

Schema
• I. Alcuni dati statistici sugli aiuti di Stato al settore finanziario nel periodo 2008-2012 • II. Le 4 fasi della disciplina comunitaria sugli aiuti di Stato alle banche: a. la fase dell’indifferenza comunitaria e gli interventi del cd. decreto Sindona sino alla fine degli anni Settanta b. la fase della banca come impresa soggetta alla disciplina della concorrenza e dunque al divieto degli aiuti di Stato salva la deroga di cui all’art. 87, par. 3, lett. b TCE (Credit Lyonnais; Banco di Napoli; etc.) (dalla sentenza CGE sul caso Zuerech del 1981 sino a Northern Rock del 2007) c. la fase dell’emergenza e della crisi sistemica (dal 2008 in poi): le sei Comunicazioni della Commissione e l’elaborazione dei criteri di ammissibilità degli aiuti per il settore bancario distinti per status dei soggetti e tipologie oggettive degli interventi d. la fase a regime degli aiuti si Stato per il settore bancario • III. Analisi dei criteri di ammissibilità

Alcuni dati sugli Aiuti di Stato al settore finanziario
• Nel periodo fra il 1° ottobre 2008 e il 1° ottobre 2011, la Commissione Europea ha approvato aiuti di Stato destinati al settore finanziario dei Paesi dell’Unione per un ammontare complessivo di € 4.5 miliardi (pari al 36.7% of EU GDP) . • Gli aiuti complessivi approvati per il settore finanziario tra il 1° ottobre 2008 e il 1° ottobre 2012 ammontano a 5.058,9 miliardi di EUR (40,3% del PIL dell'UE) (compresi gli aiuti concessi per la ricapitalizzazione di Northern Rock nel 2007). La maggior parte degli aiuti è stata autorizzata nel 2008, con l'approvazione di 3.394 miliardi di EUR (27,7% del PIL dell'UE), prevalentemente sotto forma di garanzie sulle obbligazioni bancarie e sui depositi. Gli aiuti approvati dopo il 2008 sono serviti più a finanziare la ricapitalizzazione delle banche e le misure di sostegno a fronte di attività deteriorate che a coprire le garanzie, mentre più di recente è stata approvata una nuova ondata di misure riguardanti garanzie, soprattutto nei paesi che hanno registrato un incremento degli spread del debito sovrano come la Spagna e l'Italia. La maggior parte delle misure approvate dal 2008, tuttavia, è ancora in corso a causa delle costanti tensioni sul mercato (Fonte: Relazione Commissione Aggiornamento 2012 cd. Aid State Scoreboard 2012 SWD(2012) 443 final) .

Tabella degli aiuti approvati 1.10.2008 – 1.10.2012
Approved amounts of aid to financial institutions per instrument and per Member State, 1 October 2008 - 1 October 2012 Member State Recapitalisation meas. Guarantees Asset relief interv. Liquidity meas. Total 2008 -2012 ( In € billion and As a % of 2011 GDP)
• • • • • • • • • • • • • • • • • Belgium Bulgaria Czech Republic 0.0% Denmark 256.1% Germany Estonia Ireland Greece Spain France Italy Cyprus Latvia Lithuania Luxembourg Hungary Malta 20.40 0.00 0.00 14.55 114.61 0.00 90.61 35.75 209.32 26.65 20.00 1.80 0.83 0.58 2.50 1.07 0.00 5.5% 0.0% 0.0% 6.1% 4.5% 0.0% 57.9% 16.6% 19.5% 1.3% 1.3% 10.1% 4.1% 1.9% 5.8% 1.1% 0.0% 310.00 0.00 0.00 84.2% 0.0% 0.0% 28.22 0.00 7.7% 0.0% 0.00 2.30 66.10 2.6% 0.00 0.0% 54.00 34.5% 0.00 0.0% 13.93 1.3% 4.70 0.2% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 0.54 2.7% 0.58 1.9% 0.00 0.0% 0.04 0.0% 0.00 0.0% 0.00 0.00 0.0% 1.0% 0.0% 358.62 0.0% 0.00 0.00 0.0% 7.88 97.4% 0.0% 0.00

587.90 245.7% 455.85 17.7% 0.00 0.0% 386.00 246.7% 85.00 39.5% 320.15 29.8% 339.80 17.0% 110.00 7.0% 3.00 16.9% 5.20 25.9% 0.29 0.9% 6.15 14.4% 5.35 5.3% 0.00 0.0%

3.3% 612.63 25.1% 0.0% 365.2% 59.9% 53.6% 18.6% 8.2% 27.0% 46.2% 4.7% 20.9% 10.3% 0.0%

9.50 0.4% 646.06 0.00 0.0% 0.00 40.73 26.0% 571.34 8.00 3.7% 128.75 31.85 3.0% 575.25 0.00 0.0% 371.15 0.00 0.0% 130.00 0.00 0.0% 4.80 2.70 13.5% 9.27 0.00 0.0% 1.45 0.32 0.7% 8.97 3.87 3.9% 10.33 0.00 0.0% 0.00

(segue)
• • • • • • • • • • • • M. S. Netherlands Austria Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden UK EU-27 40.3%

37.64 15.90 33.89 26.25 0.00 0.63 0.66 4.00 5.03 114.61

R. m. Guar. A. r. i. 6.3% 200.00 33.2% 22.79 3.8% 5.3% 77.84 25.9% 0.50 0.2% 9.2% 33.89 9.2% 0.00 0.0% 15.4% 40.67 23.8% 4.00 2.3% 0.0% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 1.8% 12.00 33.7% 0.00 0.0% 1.0% 2.80 4.1% 0.00 0.0% 2.1% 50.00 26.4% 0.00 0.0% 1.3% 156.00 40.3% 0.00 0.0% 6.6% 458.75 26.3%248.05 14.2%

L. m. 52.90 8.8% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 6.06 3.5% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 0.00 0.0% 0.52 0.1% 51.93 3.0% 3.5%216.27 1.7%

Total for 2008-2012 313.3 52.0% 94.24 31.3% 67.78 18.3% 76.98 45.0% 0.00 0.0% 12.63 35.4% 3.46 5.0% 54.00 28.5% 161.56 41.8% 873.34 50.0% 5085.95

777.30 6.2% 3646.64 28.9% 445.75

03 5.0% 6. Guarantees Asset relief inter.85 3.00 0.00 242.0% Germany 113. 2008-2011 Member St.57 0.00 0.40 5.61 57. • • • • • • • • • • • Rec.7% 65.00 0.15 18.0% 0.10 9.70 0.00 95.9% .08 2.00 3.00 1.00 0.00 3.00 16.96 367.68 4.0% 250.00 0.00 571.11 644.0% Cyprus 0.00 0.0% 3.7% 31.4% 18.4% 201.0% 0 .4% 0.0% Ireland 90.5% 303.0% 365.86 0.00 0.00 39.00 34.3% 16.95 82.47 7.0% 0.7% 0.22 7.43 0.00 0.5% Estonia 0.40 2.0% 8.0% Liquidity meas.2% 50.9% 386.00 600.3% 336.Tabella degli aiuti approvati 2008-2011 Approved amounts of aid to financial institutions per instrument and per Member State.7% 54.00 0.4% 455.9% 580.5% 28.00 0.1% 0.9% 0.73 26.00 5.0% 0.0% 0.00 0.00 0.00 0.3% France 26.1% 0.47 336.0% 0.50 100. Total 2008 .4% 31.00 246.0% 0.2% 85.00 0.5% Greece 15.00 0. (In € billion and As a % of 2011 GDP) Belgium 20.0% 352.5% 0.8% 4.8% 25. Meas.0% 0.0% Denmark 14.65 1.2011 0.0% 40.0% Spain 101.4% 6.50 0.85 17.5% 9.34 108.4% 0.7% 2.15 16.3% 80.00 0.2% Italy 20.7% Bulgaria 0.00 0.

58 3.3% 8.00 0.8% 51.0% 0.0% 0.00 2.80 50.33 52.00 5.0% 91.32 0. m.33 10.00 248.7% 601.00 156.0% 0.0% 0.0% 0.65 4.90 8.00 0. 0.04 0.24 2.0% 0. Latvia Lithuania Luxembourg Hungary Malta Netherlands Austria Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United K.0% 1.0% 14.0% 6.00 0.71 25. EU-27 R.20 4.00 0.35 0.9% 5.15 0.8% 3419.41 36.39 4.66 4.00 0.00 0.5% 0.7% 1.0% 0.0% 0.00 0.45 0.00 37.00 12.9% 0.45 27.4% 207.58 2.3% 0.7% 4.61 4.4% 0. S.6% 4656.0% 54.0% 0.2% 7.00 0.2% 1.83 0.0% 0.5% 0.2% 25.8% 0.54 0.0% 33.58 0.07 0.3% 0.80 5.00 0.1% 3.0% 3.9% 10.00 22. 0.87 3.03 114.8% 0.3% 5.5% 5.0% 9.4% 40.1% 0.00 28.0% 1.0% 47.40 0.7% 0.0% 0.00 0.9% 13.25 0.0% 0.00 0.30 48.46 5.52 0.00 0.62 12.2% 20.00 0.0% 3.0% 52.64 15.7% 0.00 0.9% A.1% 427. m.25 34.0% 33. i.8% 0.93 3.8% 1.0% 0.05 2.62 35.0% 0.00 0.00 0.2% L.7% 1.1% 0.29 5.56 41.3% 24.00 0.6% Guar.1% 1.00 0.50 1. Total 2008-2011 2.79 0. r.3% 6.8% 313.0% 12.78 43.1% 1.0% 850.26 11.7% 8.25 30.3% 0.45 4.0% 0.0% 2.00 75.62 20.00 0.00 0.47 27.00 435.7% 0.1% 161. 5.9% .(segue) • • • • • • • • • • • • • • • • • M.96 1.1% 26.00 200.

8315. than guar.68 9.82% 157. 1 October 2008 – 31 December 2011 Member St.83% • Italy 4.65% • Bulgaria 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% • Czech Rep.20 0.80% 62.26% 10.86 0.36 19.39 5.00 60.75 65.97 0.61% 0 0% 1.01% 7.31 1.30 26.90 0.95% • Cyprus 0 0% 2.77 4. Guar.24 2.64% 1.05 0.40 5.08 0.08% • Estonia 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% • Ireland 62.30 2.95 0.17 2.25% 56.66% 0.93% 56.75 0.80% 103.20 5. m.73 2.91% .70% 2.50% 145. Liqu.83 15.54% 44. oth.73 4.19 10.69% 0 0% 0 0% 14.12% 92.94% • Germany 63.25 181.31 1. Tot.21% 69.78 40.31% • Spain 19.06% 0 0% 116.90 3.79% 2. Recap. 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% • Denmark 10.27% 19.60 1.71 223.66% • France 22.91% 0 0% 0 0% 2.54% • Greece 6.05% 349. 2008 2011 (In € billion As a % of 2011 GDP) • Belgium 20.18% 259.46 1. Asset relief int.46% 135.23 12.03 5.49 32.10% 0 0% 72.13% 284.17% 0 0% 6.Tabella degli aiuti utilizzati 2008-2011 • Used amounts of aid to financial institutions per instrument and per Member State. Meas.19% 4.

0.(segue) • • • • • • • • • • • • • • • • • M.12 0.13% 7.22 1084.19 0.90 6.11 9.06% 299.04% 0% 0 0% 0 0% 0% 0 0% 2.01% 0% 0 0% 0 0% 1.24 2.12% 0 0% 30.51 2.70 5.43 10.23% 0 0% 95.38 0 0 0 0.35% 2.53% 0 0% 2.35% 2.39 322.83% 0.33 0 8.92 158.03% 0 0% 0 0% 0 0% 0 0% 5. Latvia Lithuania Luxembourg Hungary Malta Netherlands Austria Poland Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United K.20% 4.01% 0 0% 40.12 19.10 0 0 0 0 0 40.80% 0.83 6.07% 0.81 2. than G.73% 0% 0 0% 0 0% 0% 0 0% 0.15% 119.78 82.06% 5.31% 18.40 6.97 4.60 6.88 0.23% 15.06% 8.05% Tot.40 0 3.11% 0 0% 18.00 0.45% 0% 0% 0% 0.03% 0% 0.55 1. oth.70% 0% 0% 0.13 2.70% 1615.43% 0% 5. M.69% 0 0% 1.54 2.86 3.40 5.12% 0 0% 4.72% 2.65 3.06 0.95% 89.43 12.96 .57 17.86% 0 0% 0.45 9.16 15. 0.41 Liqu. S.84% 0.18 2.44% 2.25 0 0 0.11 0.79% 19.15 0 0. int. 0.15% 9. Total EU-27 12.06% 0% 0 0% 20. 2008-2011 2.41 2.59% Asset r. 0.81% 3.54 0 2.13% 0 0% 27.01 0.00% 0% 6.55% Guar.79% R.

pari allo 0. pari allo 0.9 miliardi di EUR.Breve analisi • Gli aiuti utilizzati tra il 2008 e il 2011 ammontano complessivamente a 1. pari al 2.8% del PIL del'UE). .9% del PIL dell'UE) e misure a sostegno della liquidità (89 miliardi di EUR. misure di sostegno a fronte di attività deteriorate (119. seguite da ricapitalizzazioni (322.7% del PIL dell'UE).9 miliardi di EUR (12.1 miliardi di EUR.6% del PIL dell'UE). costituiti per la maggior parte da garanzie (circa 1. pari all'8.5% del PIL dell'UE).084.615.8 miliardi di EUR.

esercitato dalla Commissione. richiedendo ad esempio che gli attuali azionisti e i portatori di strumenti finanziari ibridi (hybrid capital holders) contribuiscano ai costi di ristrutturazione.Il controllo comunitario degli aiuti • Il controllo di questi aiuti. Inoltre le regole sugli aiuti di Stato limitano l’ammontare del denaro dei contribuenti destinato alle istituzioni finanziarie in crisi. . ha (avrebbe) garantito che tali misure non distruggano il “campo di gioco livellato” (level playing field) fra le imprese che ricevono aiuti e i loro concorrenti: le banche che beneficiano del supporto governativo hanno l’obbligo di restituire (pagandolo) l’aiuto ricevuto. avremmo assistito ad una corsa ai sussidi e a un danno scorretto nei confronti delle imprese più efficienti. • Senza le regole sugli aiuti di Stato.

buy-backs. For that reason. avoidance of loss absorption.Sul pagamento delle obbligazioni prima della scadenza • Following questions from market operators regarding the possibility for banks which are the subject of pending European Commission investigations regarding the grant of restructuring aid to repay bonds before maturity. measures which reduce the total amount of own funds (payments on hybrid instruments. the amount of state aid must not exceed the minimum necessary to allow the bank to restructure). exercise of call options) are in principle not compatible with the objective of "burden sharing" (i.e. banks must pay a significant share of the costs of restructuring) and the "minimum necessary" requirement (i. . banks subject to a state aid investigation should consult the Commission before making announcements to the market concerning Tier 1 and Tier 2 capital transactions. In a restructuring context. the Commission would like to recall that its Communication on restructuring aid to financial institutions of July 2009 sets out that "banks should not use state aid to remunerate own funds (equity and subordinated debt) when their activities do not generate sufficient profits”.e.

(segue) • Transactions such as coupon payments. . Moreover. such measures may infringe the principle of burden sharing in so far as they protect the Tier 1 and Tier 2 capital holders from their exposure to the inherent risk of the investment. buybacks and the exercise of call-options of Tier 1 and Tier 2 capital instruments reduce the total regulatory capital of a financial institution and put into question whether granted state resources were limited to the minimum necessary.

after balancing the above mentioned principles of burden sharing and limiting aid to the minimum against the contribution of the transaction to the refinancing capability and return to viability of the institution. On the other hand. .(segue) • Such transactions by financial institutions subject to restructuring obligations may therefore have implications for the compatibility of the aid received. the Commission may accept these transactions on the basis of a case by case assessment. banks subject to a state aid investigation should consult the Commission before making announcements to the market concerning Tier 1 and Tier 2 capital transactions. For that reason.

in a restructuring context.(segue) • Buybacks of hybrid securities by banks under restructuring (Explanatory note by staff of the European Commission's Directorate-General for Competition 13 June 2012) • Any buyback of hybrid securities by State aided banks undergoing restructuring must be carried out in accordance with EU competition rules. *…+ . including in the form of dividends and coupons on outstanding subordinated debt. banks should not use State aid to remunerate own funds (equity and subordinated debt) when those activities do not generate sufficient profits. is in principle not compatible with the objective of burden sharing. Therefore. the discretionary offset of losses (for example by releasing reserves or reducing equity) by beneficiary banks in order to guarantee the payment of dividends and coupons on outstanding subordinated debt. However. According to the Restructuring Communication (point 26): • Banks should be able to remunerate capital. out of profits generated by their activities.

(segue) • • In a press release issued on 8 October 2009. after balancing the above mentioned principles of burden sharing and limiting aid to the minimum against the contribution of the transaction to the refinancing capability and return to viability of the institution. Moreover. such measures may infringe the principle of burden sharing in so far as they protect the Tier 1 and Tier 2 capital holders from their exposure to the inherent risk of the investment. Such transactions by financial institutions subject to restructuring obligations may therefore have implications for the compatibility of the aid received. the Commission may accept these transactions on the basis of a case by case assessment. On the other hand. • . the Commission further clarified its policy: Transactions such as coupon payments. banks subject to a state aid investigation should consult the Commission before making announcements to the market concerning Tier 1 and Tier 2 capital transactions. buy-backs and the exercise of call-options of Tier 1 and Tier 2 capital instruments reduce the total regulatory capital of a financial institution and put into question whether granted state resources were limited to the minimum necessary. For that reason.

The instruments should be bought back with reference to market price. The premium above the market price offered to investors to incentivise them to participate. • The consultation process with the Commission aims at establishing that the transaction is capable of significantly reinforcing the viability of the bank (through the creation of core tier one capital stemming from the buyback of hybrid instruments below par). A transaction is considered to improve the capital structure of the bank when it generates high quality capital for the bank. Member States should commit • to refrain from distributing any dividend and from making any payments on hybrid instruments or any other equity-like instruments. • to consult with the Commission before undertaking any other capital management deals (e. buy-back) on hybrid instruments or any other equity-like instruments. As part of their notification of the rescue measures. should be limited to the minimum necessary. .(segue) • The obligation to consult the Commission is effective from the granting of the rescue measure(s) that trigger the restructuring. The analysis is carried out at the level of the specific instrument subject of the transaction (issuance by issuance). while the bank and the investors contribute to the greatest possible extent to the restructuring costs. • to consult the Commission before exercising call options on the same instruments. unless those payments stem from a legal obligation.g.

Such a methodology is even more necessary where the secondary markets are illiquid and do not allow determining the "market" price for non-listed instruments. the above principles translate into the following two conditions: 1.(segue) • As a general rule. The Commission cannot authorise transactions unless they are based on a clear and solid methodology for the determination of the instrument's price. Buyback prices should not exceed 90% of principal. • It is essential that a market price of the securities being bought back is clearly established. The premium to market price reflected in the buyback price should not exceed 10 percentage points of principal. • These principles and operational requirements have been applied consistently to banks across the European Union . 2.

la Commissione adotterà un regime permanente di aiuti di Stato per il settore finanziario.Guide e regimi comunitari • La Commissione stabilisce standards and safeguards per la valutazione degli aiuti di Stato alle istituzioni finanziarie durante la crisi. Appena le condizioni di mercato lo consentiranno. Inoltre stabilisce una guida sul trattamento degli attivi anomali (dealing with the impaired assets) detenuti dalle banche e sulla valutazione dei piani di ristrutturazione delle banche (restructuring plans for banks) che hanno ricevuto assistenza. Inoltre una più profonda integrazione economica potrebbe costituire una via d’uscita dalla crisi: nel giugno 2012 la Commissione ha delineato la sua visione politica di una unione bancaria complementare all’unione monetaria. queste regole resteranno applicabili sino a quando lo richiederanno le condizioni di mercato. Questo nuovo quadro concettuale sarà discusso dai leader europei nel prossimo fine giugno 2013. In vista delle rinnovate tensioni sui mercati. Nel più lungo termine il settore bancario ha bisogno di nuovi modelli d’affare (new business models) e una nuova regolazione è stata adottata per rafforzare il settore e la sua vigilanza (supervision). • • .

come abbiamo sperimentato. La Commissione è pertanto impegnata a proseguire nell’applicazione delle attuali regole sul “merger control”. migliori prodotti e accresciuta innovazione. essa forma parte integrante della soluzione del problema dei mercati inefficienti e.Merger control rules • L’appropriata applicazione delle regole sul controllo da concentrazione (merger control rules) è necessaria come sempre. Al contrario. . La necessità di mantenere o ristabilire mercati competitivi nel medio e lungo termine non è in contrasto con il bisogno di stabilità finanziaria ed economica nel breve periodo. dei fallimenti di mercato. pur tenendo pienamente conto del contesto economico. Queste regole giocano un ruolo importante nel garantire la protezione del benessere dei consumatori in termini di prezzi più bassi.

The existing merger control rules allow for all the necessary flexibility to deal with sometimes rapidly evolving market conditions. So far there has been relatively little merger activity in the financial services sector as a result of the crisis. Going forward. the failing firm defence. can be dealt with within a swift timeframe and can where necessary exceptionally be granted a derogation from the stand-still obligation pending a review (in order to enable immediate partial or full implementation of these transactions in urgent cases). • • . however. 
On substance. such as those which are part of rescue operations. where applicable. With one exception involving the take-over of a bank in Germany (Hypo Real Estate) all cases on which the Commission has been consulted in this respect have been provisionally considered not to fall under the Commission's jurisdiction. transactions that require fast treatment. the EU merger control rules allow the Commission to fully take into account rapidly evolving market conditions and. As regards procedure.(segue) • Acquisitions by States of majority stakes in banks are scrutinised under the Merger Regulation where control is acquired and the State does not maintain the acquired entities as independent commercial entities. it can be expected that there will be a significant increase in this activity once market conditions have stabilised.

Il Temporary Framework degli aiuti all’economia reale • La crisi finanziaria ha avuto un duro impatto sull’economia dell’Unione Europea. Come nel settore dei servizi finanziari. al fine di assicurare la ristrutturazione della sostenibilità a lungo termine delle imprese (companies’ long term viability). Nell’economia reale. provocando un assottigliamento del credito alle imprese e come risultato una seria decrescita dell’economia più in generale. vi è stata una limitata attività di concentrazione nell’economia reale a causa della cisi finanziaria ed economica. estese sino al 2011. l’appropriata applicazione delle regole di “merger control” è necessaria come sempre per assicurare la protezione del “consumer welfare” in ogni sua dimensione. analogamente a quanto si sta realizzando attualmente soprattutto nei settori del trasporto aereo e farmaceutico. la Commissione ha adottato nel Dicembre 2008 un Temporary Framework for State Aid che abilita gli Stati membri ad adottare nuove misure di supporto su basi temporanee coordinate sino al 2010. Comunque. Al fine di agevolare un più veloce accesso al credito delle imprese. Le banche hanno subito una riduzione della leva finanziaria (deleveraging) e sono diventate molto più avverse al rischio che in precedenza. • • • . una significativa ristrutturazione e possibilmente consolidamento di molti settori sono da attendersi. Questo Temporary Framework è scaduto a Dicembre 2011. così come nel settore finanziario.

g. e.Crisi dei debiti sovrani e il banking package • In the second half of 2011. crucial political decisions at EU level and massive liquidity support provided by the ECB to the EU banking sector succeeded in alleviating tensions in the financial and sovereign bond markets. In particular the ECB’s decisions to provide unlimited three-year liquidity to banks and to widen the range of eligible collateral have significantly reduced the cost of bank funding and improved market sentiment. As a result.4 % and Spain 0. though there were marked differences among countries. the EU entered into recession in the fourth quarter.5 % in 2011.7 %. EU output growth was 1.7 %. Italy 0. amid an escalation of the crisis in sovereign bond markets and a slow-down in world output growth. • In the first months of 2012. . Germany +3 %. France +1.

(segue) • The worsening of the sovereign crisis in mid-2011 led the Member States and the Commission to agree on a package of measures to strengthen banks' capital and provide guarantees for their liabilities (the banking package). clarifying and updating the rules on pricing and other conditions. On 1 December 2011. leading to a significant deterioration in the GDP growth forecast. a more permanent set of State aid rules for banks is envisaged. . increased market pressure on Spanish sovereign funding led the Spanish government to call for the recapitalisation of Spanish banks. the Commission prolonged the State aid crisis measures for the financial sector. with growth expected to stagnate in the EU during 2012. Once the situations stabilises. which produced further turmoil in the sovereign bond markets. • In spring 2012.

followed by Denmark (60.6 %) and Greece (26 %).(segue) • In terms of the amounts actually used in the EU in the period 2008-2011. Ireland remains the largest user (181.8 billion (8.89 billion).7 %). a maximum of € 1. By percentage of GDP. .2 billion).62 % of GDP) was granted. The countries that made the largest use of guarantees were Ireland (€ 284 billion) and the United Kingdom (€ 158. followed by Denmark (€ 145 billion) and Germany (€ 135.084.

The deterioration in sovereign market conditions for several EU countries starting in summer 2011 was transmitted directly to the European banking system. Italy accounted for € 43. In addition.9 billion in new guarantees were issued in 2011.7 billion and Belgium for € 13 billion.7 billion. the public-sector involvement in and agreement on Greek public debt trigged higher writedowns on Greek sovereign bonds. Those banks holding Spanish and Italian government bonds in their trading portfolio experienced substantial market-to-market losses as valuations tumbled. which was still undergoing substantial restructuring. Greece for € 19.(segue) • A total of € 110. .

solo 7 piccole-medie banche sono state liquidate: quattro danesi. Gli Stati membri infatti hanno considerato che le banche fossero troppo grandi per fallire.• la scarsa quantità di fallimenti bancari è attribuibile all'aiuto fornito dalla BCE e dai governi dell'Unione Europea. Nell'UE. una irlandese e una inglese . una finlandeselussemburghese.

Utile griglia per la tipologia degli interventi come emergono dalla recente legislazione e dibattito. il credito come “ordinamento sezionale”) e secondo il metodo più pragmatico da M.2009 par. Comunicazione CE 25. oggettivo e formale). 4.2008.01. par. S. Nigro (“profili pubblicistici” del credito distinti nei moduli soggettivo. secondo il metodo sistematico da M.1) • Nuovo assetto dei rapporti fra Mercato e Stato? Entro quali limiti? • Giulio Napolitano ha richiamato gli approcci seguiti in passato. Giannini (il credito come “servizio pubblico”.10. 11 e Comunicazione CE 22.Aiuti di Stato e crisi del mercato finanziario • Crisi finanziaria e crisi dell’economia reale: crisi sistemica e crisi settoriali (ma con possibili implicazioni sistemiche) (cfr. .

2009 (Comunicazione sulla ricapitalizzazione).01.01.02.107-109 TFUE (dal Trattato di Lisbona in vigore dal 1. deroghe.10. procedure) . Comunicazione CE in GU C 72 del 26.2009 (Comunicazione sulle attività deteriorate) Comunicazione CE in GU C 195 del 19.Per le “istituzioni finanziarie”: Comunicazione CE in GU C 270 del 25.Artt.2009 (Comunicazione sulle ristrutturazioni) .8. già artt. Fonti comunitarie: .Aiuti di Stato: le fonti normative A.2009. Comunicazione CE in GU C 10 del 15. 87-89 Trattato CE) (divieto generale.2008 (Comunicazione sul settore bancario).

ossia quelle sul settore bancario. . con determinate modifiche.2010 (Comunicazione di proroga) che ha esteso fino al 31 dicembre 2011 la validità della comunicazione sulla ristrutturazione. lettera b). del trattato.Comunicazioni per il settore finanziario • Tre di queste quattro comunicazioni. ricapitalizzazioni e misure di sostegno a fronte di attività deteriorate). paragrafo 3. • V’è poi una quinta Comunicazione GU C 329 del 7. mentre la comunicazione sulla ristrutturazione indica le caratteristiche particolari che un piano di ristrutturazione (o un piano di redditività) deve presentare nello specifico contesto degli aiuti di Stato collegati alla crisi e concessi alle banche in base all’articolo 107. l’unica delle quattro per la quale sia stata specificata una data di scadenza.12. stabiliscono le condizioni essenziali per la compatibilità dei principali tipi di assistenza concessi dagli Stati membri (garanzie sulle passività. sulla ricapitalizzazione e sulle attività deteriorate.

(segue) • Ma ancora successivamente una sesta Comunicazione del 1. la comunicazione: (a) integra la comunicazione sulla ricapitalizzazione. In particolare. (b) illustra in che modo la Commissione procederà a una valutazione proporzionale della redditività a lungo termine delle banche nel contesto del pacchetto per il settore bancario e (c) introduce un metodo rivisto per garantire che le commissioni da versare in cambio di garanzie sulle passività bancarie siano sufficienti per limitare l’aiuto al minimo indispensabile.12. fornendo orientamenti più dettagliati per garantire un'adeguata remunerazione dei titoli di capitale che non hanno un rendimento fisso.2011 la Comunicazione sulla ristrutturazione e tutte le altre tre sia pure con modifiche e precisazioni. . con l'obiettivo di garantire che il metodo tenga conto della recente maggiore differenziazione dei margini differenziali sui CDS e dell'impatto dei margini differenziali sui CDS del debito sovrano.12.2011 ha ulteriormente prorogato oltre il 31.

12.01. quindi prorogate sino al 31.2009 (GU C 83 del 7.02.04.2009 e il DPCM del 23.2010) .2011 (GU C 6/05 dell’11.2011) applicabili dapprima sino al 31.1.Aiuti di Stato: le fonti normative (segue) .12.2009) nonché con Comunicazione del 31.12.2009.2009) e con Comunicazione del 15.12.2009 (GU C 303 del 15.Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica (finanziamento all’economia reale): Comunicazione CE in GU C 16 del 22.10.2010.10.4.2009) .12.2009 (GU C 261 del 31. modificata con Comunicazione del 25.2011(vedi anche direttiva PCM del 30. Comunicazione dell’11.1.

155/2008 convertito in l n.sottoscrizione di aumenti di capitale (per inadeguatezza patrimoniale della banca) con emissione di azioni senza diritto di voto e privilegiate nei dividendi . Fonti nazionali (per il settore creditizio): a.garanzia dello Stato sui depositi bancari al dettaglio . 190/2008 .Aiuti di Stato: le fonti normative (segue) B. dl n.

2/2009: .operazioni temporanee di scambio fra titoli di Stato e passività bancarie di nuova emissione Decisione positiva della Commissione Europea n.M. 520a/2008 del 13.2008 e D. (MEF) 27 novembre 2008 di attuazione .garanzia dello Stato sulle nuove passività bancarie con durata residua fra tre mesi e cinque anni .11. dl n. 157/2008 convertito in l n.Aiuti di Stato: le fonti normative (segue) b.garanzia dello Stato a favore di soggetti che offrono alle banche titoli utilizzabili per operazioni di rifinanziamento presso l’Eurosistema .

Aiuti di Stato: le fonti normative (segue) c. 2/2009: .intervento finanziario dello Stato per incremento del patrimonio di vigilanza (Tier 1) mediante sottoscrizione di strumenti finanziari speciali (obbligazioni) (cd. 648/2008 e D. Monitoraggio sulle operazioni e sugli effetti relativi nella economia reale . 185/2008 convertito nella l n. dl n. Tremonti-bond) Decisione positiva della Commissione n. (MEF) 25 febbraio 2009 di attuazione d.M.

130. e di emissione successiva alla data di entrata in vigore del decreto legge 201/2011. n.(segue) • L’articolo 8 del ’Decreto legge 6 dicembre 2011. n. e' autorizzato a concedere la garanzia dello Stato sulle passivita' delle banche italiane. a partire dal 1 gennaio 2012. con scadenza da tre mesi fino a cinque anni o. 7-bis della legge 30 aprile 1999. si procede all'eventuale proroga del predetto termine in conformità' alla normativa europea in materia”. • La concessione della garanzia è effettuata sulla base della valutazione da parte della Banca d'Italia dell'adeguatezza della patrimonializzazione della banca richiedente e della sua capacità di fare fronte alle obbligazioni assunte. . ha reintrodotto un regime di garanzia a favore delle banche italiane ai sensi della Comunicazione della Commissione europea in questione. su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze. 214/2011).finanziaria. 201 recante "Disposizioni urgenti per la crescita. • Le disposizioni predette sono state sottoposte al preventivo vaglio della Commissione europea cui è stato notificato il provvedimento emanato. fino al 30 giugno 2012. a sette anni per le obbligazioni bancarie garantite di cui all'art. vista la perdurante situazione di crisi economico. Con decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri. l'equità e il consolidamento dei conti pubblici” (convertito in l. • Come previsto al comma 1 “Il Ministro dell'economia e delle finanze.

b TFUE (già art. sono caratterizzati dalla eccezionalità della situazione e dalla temporaneità delle misure. 87. par. 107. sia nel settore finanziario sia negli “altri settori”. par. poiché il fondamento giuridico è individuato nella deroga concessa su valutazione discrezionale della Commissione in base all’art. . 3. lett. b TCE) : “aiuti destinati… a porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro”. 3.La base giuridica comunitaria • Gli attuali interventi. lett.

107.2009 relativa agli “altri settori”. 87. par. E si tratta di una decisa novità. poiché i primi interventi risalenti al 2007 e sino ai primi di ottobre del 2008 sono stati autorizzati in base all’art.01. 1. lett. par. lett. o perché relative agli aiuti già possibili in forza del “quadro ordinario” vigente. b) diventa così la base giuridica comune agli aiuti pubblici della crisi. nella Comunicazione del 22. rammenta che gli Stati hanno a disposizione anche misure “ordinarie” o perché estranee alla nozione di “aiuto” come definita dall’art.: Credit Lyonnais e Banco di Napoli. • L’art. par. seguendo un approccio singolare e restrittivo del tutto inidoneo ad affrontare le particolarità e le sfide connesse allo stato di crisi generalizzato. c) TCE e con riferimento alle «Linee guida per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà» (es. tanto nel settore finanziario quanto nel settore dell’economia reale. 3.(segue) La Commissione Europea. 3. criterio del comportamento di un investitore privato in una economia di mercato problema di moral hazard) . 87. .

.(segue) • L’applicazione della disciplina comunitaria sugli aiuti di Stato anche al settore bancario discende dalla riconosciuta natura di impresa delle banche e dalla loro soggezione alla disciplina della concorrenza.A. la quale escluse che le banche svolgessero un “servizio di interesse economico generale” affidato con atto della P. ufficialmente affermata dalla CGE con la sentenza Zuechner del 1981.

par. 3.contiene implicitamente il limite della «straordinarietà» della misura. 2) . ma nel contempo vengono coordinati in un quadro di regole e principi comuni che valga a mantenere il vincolo sovranazionale della politica comunitaria quantomeno a livello di orientamenti condivisi (pericolo distorsivo della concorrenza e rischio di politiche neo-dirigiste di protezionismo nazionale) . 108. lett.gli interventi sono ricondotti alla competenza e alla specificità dei singoli membri dell’Unione.(segue) • Triplice funzione del richiamo all’art. par. destinata a venir meno una volta che il «grave turbamento dell’economia» sia stato superato . b): .incardina nella Commissione la competenza applicativa del sistema derogatorio (piuttosto che nella unanimità degli Stati. 107. secondo la possibilità concessa dall’art.

de même que pour les banques qui reçoivent des aides publiques et pour celles qui n’en bénéficient pas. tout en facilitant la réalisation des objectifs des régimes. ainsi qu'entre les bénéficiaires d'aides et les banques qui ne reçoivent pas d'aides. (Fonte: Scorebord autunno 2009) . entre les bénéficiaires d'aides présentant des profils de risque différents.• La principale raison d'être de ces règles est de garantir que les mesures d'urgence adoptées pour des raisons de stabilité financière assurent des conditions de concurrence égales pour les banques établies dans des États membres différents. Le contrôle des aides d'État par la Commission vise à minimiser les retombées négatives des interventions publiques entre les États membres.

C280/00.La nozione di “aiuto di Stato” • Ricorre “aiuto” vietato. Sentenza Altmark di CGE 24 luglio 2003. di risorse statali. 4) che falsa o minaccia di falsare la concorrenza. b) non sono vietati. perché autorizzati de jure. applicabili a tutte le imprese del territorio (proroghe di pagamento di contributi previdenziali. 3) incidenza sugli scambi fra Stati membri. purchè non discriminatori in base all’origine del prodotto (rottamazione di prodotti vecchi o per acquisto di “prodotti verdi”) . 2) vantaggio economico a favore del beneficiario (sovvenzioni ma anche risparmio di costi) con carattere selettivo. sotto qualsiasi forma. punto 75) • Ne consegue che: a) non sono vietate misure di politica economica generale. gli aiuti che si traducono in diretto sostegno finanziario ai consumatori. quando sussistono 4 elementi: 1) utilizzo. di imposte e simili. misure a favore dei dipendenti…) poiché viene meno il carattere di selettività della misura. perché incompatibile in via generale con il mercato comune e il principio di concorrenza. (cfr.

aiuti per ricerca. . aiuti per la formazione. sviluppo e innovazione sia per le grandi imprese che per le PMI. aiuti nell’ambito del pacchetto sull’energia e sul cambiamento climatico. garanzie pubbliche su prestiti a prezzo di mercato. investimenti in capitale di rischio per le PMI. aiuti “de minimis” • Reg. aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà. generale di esenzione per categorie.Aiuti possibili nel “quadro ordinario” • Reg. aiuti a finalità regionale 2007-2013.

2011).Reg. rispetto alle misure già ammesse in via ordinaria.Garanzie statali (riduzione del premio annuale) .12.12. con particolare riferimento a: . con carattere di temporaneità legato alla crisi in atto (durata sino al 31. “de minimis” . limiti ed estensioni. poi prorogata con modifiche sino al 31.Aiuti straordinari nell’ambito del “quadro di riferimento temporaneo” • Superamenti di soglie. salvo verifica alla fine del 2009.01.Interesse agevolato .2009 successivamente modificata a più riprese) .Produzione di “prodotti verdi” .2010.Capitale di rischio per PMI (Comunicazione del 22.

01.10. Deve poi aggiungersi la Comunicazione del febbraio 2009 sugli attivi deprezzati.2009 contiene precisazioni con riferimento ad una delle misure previste nella precedente (La ricapitalizzazione delle istituzioni finanziarie nel contesto dell’attuale crisi finanziaria: limitazione degli aiuti al minimo necessario e misure di salvaguardia contro indebite distorsioni della concorrenza).Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario • Gli orientamenti comunitari in materia sono contenuti fondamentalmente nella Comunicazione del 25.2008 (L’applicazione delle regole in materia di aiuti di Stato alle misure adottate per le istituzioni finanziarie nel contesto dell’attuale crisi finanziaria mondiale). poiché la successiva Comunicazione del 15. .

rischio di propagazione all’economia reale). Necessità dell’intervento pubblico… interventi a livello nazionale. ma esigenza di principi comuni e coordinamento comunitario.Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario (segue) • Crisi finanziaria mondiale. Stabilità e corretto funzionamento del sistema bancario come necessità sistemica per le economie nazionali e l’economia mondiale. con problemi specifici (mercato dei mutui ipotecari. . perdite dovute a strategie eccessivamente rischiose) ma anche con problemi sistemici (inaridimento del prestito interbancario. crisi di liquidità.

sia sotto forma di regimi generali sia sotto forma di interventi singolari. • c) deve avere carattere non discriminatorio e oggettivo. • e) deve avere carattere temporaneo e perciò sottoposto a verifiche periodiche e accompagnato da adeguati incentivi all’uscita. a crisi ultimata. • b) deve altresì essere proporzionato allo scopo. tese a evitare eventuali abusi e indebite distorsioni della concorrenza.• La valutazione della Commissione mira a consentire ex art. • f) deve infine essere seguito. e cioè a porre rimedio al «grave turbamento» dell’economia e non perseguire altre finalità. • d) deve essere corredato di misure di salvaguardia. da misure di adeguamento dell’ intero settore e/o da piani di ristrutturazione o liquidazione dei singoli beneficiari. Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario (segue) . par. 3. ovvero limitato al minimo indispensabile senza andare al di là del fabbisogno necessario. lett. purchè siano rispettati i seguenti criteri di ammissibilità degli aiuti: • a) l’aiuto dev’essere strettamente mirato all’obiettivo. 107. b gli aiuti di Stato.

. le prime devono essere accompagnate da piani di ristrutturazione rigorosi o addirittura di liquidazione e le seconde da una ristrutturazione meno sostanziale (cd.Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario (segue) Questi principi vanno commisurati alla situazione soggettiva del beneficiario e alla tipologia oggettiva della misura di intervento. Tuttavia dal 1 gennaio 2011 ogni banca che fruisca di aiuti deve presentare un piano di ristrutturazione. piano di redditività) (si è in proposito fatto riferimento al 1° luglio 2008 per discriminare le une dalle altre). .Meno sicura la distinzione fra “banche sistemiche” e “banche non sistemiche”.Sul piano soggettivo occorre distinguere banche con problemi endogeni (modello aziendale o pratiche commerciali particolari) e banche con problemi esogeni. le prime alla stregua di imprese in difficoltà e le seconde alla stregua di imprese fondamentalmente sane. enucleata soprattutto nella Comunicazione sul sostegno agli attivi deteriorati. .

Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario (segue) . assumono rilievo le seguenti tipologie di intervento: 1) garanzie statali a copertura di passività bancarie (depositi ma anche prestiti interbancari) 2) ricapitalizzazione di istituzioni finanziarie.Sul piano oggettivo. con i chiarimenti recati dalla successiva Comunicazione del 22.2009 3) liquidazione controllata delle medesime 4) sostegno ad attivi deteriorati 5) interventi di liquidità .01.

a contenere l’espansione delle attività di bilancio . ma escluse le relative succursali) Limiti per singola banca Condizioni: impegno a non abusare del sostegno e a conseguire indebiti vantaggi.2008) Soggetti beneficiari: banche italiane (comprese filiali italiane di banche estere.11.Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario: le opzioni italiane 1) Interventi di pubblicizzazione finanziaria: garanzie sui depositi bancari al dettaglio garanzie statali ed operazioni di scambio temporanee per consentire alle banche di accedere ad una adeguata provvista di liquidità (dl 157/2008 e dm 27.

Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario: le opzioni italiane 2) Interventi di pubblicizzazione proprietaria: rafforzamento del capitale di base delle banche che hanno gravi situazioni di inadeguatezza patrimoniale mediante sottoscrizione da parte dello Stato o altri enti pubblici di azioni senza diritto di voto ma privilegiate nella distribuzione dei dividendi. piano di risanamento valutato dalla Banca d’Italia . Possibili critiche legate ad una ripubblicizzazione del sistema (dl 185/2008) imprese in difficoltà conclamata.

Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario: le opzioni italiane 3) Interventi di pubblicizzazione funzionale: rafforzamento del patrimonio di vigilanza di banche fondamentalmente sane al fine di rafforzarne la stabilità e indirizzarne l’attività verso il finanziamento dell’economia reale. legal global standard) . mediante sottoscrizione di obbligazioni adeguatamente remunerate Contropartita: a parte la remunerazione.2009) 4) Interventi di pubblicizzazione regolamentare: iniziative ancora abbozzate ed in atto (cd.02. impegni nella organizzazione interna con sottoscrizione contestuale di un codice etico soprattutto per quanto concerne la remunerazione del management e impegni nella erogazione del credito a imprese e famiglie assicurando flussi pre-crisi (dl 185/2008 e dm 25.

più dubbio quella del provvedimento positivo ad opera di terzi concorrenti .Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario: le opzioni italiane Il procedimento amministrativo di ammissione agli aiuti: Fase preliminare: istanza apposita del beneficiario al MEF e alla Banca d’Italia Fase istruttoria: affidata all’organo tecnico e cioè alla Banca d’Italia (comunicazione riservata al Dipartimento del Tesoro) Fase decisionale: affidata all’organo politico. ma decide tenendo conto anche della situazione complessiva (provvedimento concessorio?) Giustiziabilità: senz’altro del provvedimento negativo. non è atto vincolato. il MEF.

Aiuti temporanei al sistema finanziario/bancario: le opzioni italiane Il monitoraggio successivo sulla attività creditizia: protocollo d’intenti sottoscritto per l’attività di erogazione del credito (sulla base di un accordo quadro stipulato tra MEF e ABI) rapporto trimestrale informativo delle banche sulle azioni intraprese a sostegno dell’economia reale Osservatori presso le Prefetture con compiti di raccolta dati e denunce sulla operatività Il problema della indebita influenza sul merito creditizio .

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful