You are on page 1of 41

Salute e sicurezza sul lavoro

LA SICUREZZA NEI CANTIERI

D.Lgs 14 agosto 1996 n. 494


Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili
in vigore dal 24 marzo 1997

Attuazione della direttiva 92/57 CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili, e aggiornamento circa il D.Lgs 528/99 (in vigore dal 18/4/2000)

Norme di carattere generale


DPR 27/4/1955 n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro DPR 19/3/1956 n. 303 Norme generali per ligiene del lavoro
D.Lgs 15/8/1991 n. 277 Attuazione delle Direttive CEE 80/1107, 82/605, 83/477, 86/188, 88/642 in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro

Norme di carattere generale


D. Lgs 19/9/1994 n. 626 Attuazione delle Direttive CEE 89/391, 89/654, 89/655, 89/656, 90/269, 90/270, 90/394, 90/679 riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro

D.P.R. 24/07/1996 n. 459 Regolamento per lattuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE, 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine

Norme riguardanti il lavoro in edilizia


Per il settore edile esistono le seguenti prescrizioni specifiche: DPR 7/1/1956 n. 164 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni Norme specifiche inerenti le lavorazioni particolari (es. lavori in sotterraneo, in cassoni ad aria compressa, ecc.)
segue ...

Norme riguardanti il lavoro in edilizia


D.Lgs 14/8/1996 n. 494 Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili

D.Lgs 18/11/1999 n. 528 Modifiche e integrazioni al D.Lgs 14/8/1996 n. 494 (recante attuazione della direttiva 92/57/CEE in materia di prescrizioni minime di sicurezza e di salute da osservare nei cantieri temporanei e mobili)

Analisi del D.Lgs. 494/96


Esamineremo le definizioni di: - cantiere - committente - coordinatore - lavoratore autonomo - datore di lavoro

Collegando ad ogni aspetto gli articoli specifici

Art. 2 - Definizioni.
Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per:

Cantiere temporaneo o mobile


Qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato I del D.Lgs 494/96.

Lavori edili o di ingegneria civile 1Lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento e lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche, le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro.

Cantiere - allegato I.

Lavori edili o di ingegneria civile

Cantiere - allegato I.

2 - Sono, inoltre, lavori edili o di ingegneria civile gli scavi, il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile

Lavori comportanti rischi particolari


(allegato II)
rischi di seppellimento o di sprofondamento a profondit superiore a m. 1,5 o di caduta dallalto da altezza sup. a m. 2. sostanze chimiche o biologiche che presentano rischi particolari per la salute o comportano sorveglianza sanitaria radiazioni ionizzanti che esigono la designazione di zone controllate o sorvegliate prossimit di linee elettriche aeree a conduttori nudi in tensione rischi di annegamento lavori in pozzi, sterri, sotterranei e gallerie lavori subacquei con respiratori lavori in cassone ad aria compressa lavori comportanti limpiego di esplosivi lavori di montaggio o smontaggio di elementi prefabbricati pesanti

Non si applicano le disposizioni:


ai lavori minerari al trattamento materiali lapidei ai lavori riferiti alla ricerca di idrocarburi etc ai lavori svolti in mare alle attivit di produzione: - teatrali - televisive - cinematografiche se non richiedono allestimento cantiere temporaneo - mobile

Art. 2 - Definizioni.
committente - responsabile dei lavori
b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione
c) responsabile dei lavori: soggetto incaricato dal

committente per la progettazione o per l'esecuzione o per il controllo dell'esecuzione dell'opera

Chi il Committente
E chiunque commissioni a datori di lavoro ( imprese ) o a lavoratori autonomi la realizzazione di unopera edile E sempre una persona fisica Agli effetti della normativa in esame non considerato committente il datore di lavoro dellimpresa principale, che affida parte dellesecuzione dellopera ad imprese subappaltatrici, infatti la legge considera come unico committente colui per il quale si esegue lopera Nella OO.PP, Committente soggetto titolare del potere decisionale e di spesa

Chi il Committente
Il Committente non obbligato ad assolvere direttamente agli obblighi posti a suo carico dalla normativa; pu delegare tali obblighi ad un responsabile dei lavori che ne assumer a pieno le funzioni, ivi comprese quelle importantissime di: fissare i tempi di esecuzione, di non pregiudicare la sicurezza dei lavoratori con proprie scelte architettoniche ed organizzative

nominare i Coordinatori in fase di progetto e in fase di esecuzione, che sono scelti dal Committente (o dal responsabile dei lavori) tra persone tecnicamente qualificate

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori ( art.3 )


1. Il committente o il responsabile dei
lavori, nella fase di progettazione dell'opera, ed in particolare al momento delle scelte tecniche, nell'esecuzione del progetto e nell'organizzazione delle operazioni di cantiere, si attiene ai principi e alle misure generali di tutela di cui all'art. 3 del decreto leg. n. 626/94 determina altres, al fine di permettere la pianificazione dell'esecuzione in condizioni di sicurezza, dei lavori o delle fasi di lavoro che si devono svolgere simultaneamente o successivamente tra loro, la durata di tali lavori o fasi di lavoro.

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori ( art.3 )


2. Il committente o il responsabile dei lavori, nella fase di progettazione dell'opera, valuta attentamente, ogni qualvolta ci risulti necessario, i documenti di cui all'articolo 4, comma 1, lettere a) e b). 3. Il committente o il responsabile dei lavori, contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione, che deve essere in possesso dei requisiti di cui all'articolo 10, in ognuno dei seguenti casi:

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori ( art.3 )

Designazione del coordinatore per la progettazione (comma 3) Nei cantieri in cui e' prevista la presenza di pi imprese, anche non contemporanea, , in ognuno dei seguenti casi: l'entit presunta pari o superiore a 200 uomini/giorni; cantieri i cui lavori comportano i rischi particolari elencati nellAllegato II. Designazione coordinatore per lesecuzione dei lavori (comma 4) prima dellaffidamento dei lavori; subentro di pi imprese.

Obblighi del committente o del responsabile dei lavori Notifica preliminare ( art.11 )
Viene fatto obbligo al committente o al responsabile dei lavori, prima dellinizio dei lavori, di trasmettere alla ASL e Direzione Provinciale Lavoro competente per territorio, una serie di notizie indicate in dettaglio nellallegato III cantieri di cui allarticolo 3 comma 3 cantieri inizialmente non soggetti, e poi ricadenti per varianti cantieri in cui opera una sola impresa con entit presunta di lavoro non inferiore a 200 uomini-giorno
Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dellorgano di vigilanza

Responsabilit del committente e del responsabile dei lavori (art.6)


Il committente esonerato dalle responsabilit connesse alladempimento degli obblighi limitatamente allincarico conferito al responsabile dei lavori La designazione del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per lesecuzione non esonera il committente o il responsabile dei lavori dalle responsabilit connesse alla verifica delladempimento degli obblighi di cui agli artt. 4 comma 1, e 5 comma 1 a)

Art. 2 - definizioni: Coordinatori


e) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la progettazione dell'opera, di seguito denominato coordinatore per la progettazione: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'articolo 4 f) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la realizzazione dell'opera, di seguito denominato coordinatore per l'esecuzione dei lavori: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'articolo 5

Obblighi del coordinatore per la progettazione (art.4)


Redigere, prima della richiesta di presentazione delle offerte, il piano di sicurezza e di coordinamento
Predisporre il fascicolo da prendere in considerazione da parte degli esecutori di lavori che si prevede debbano essere effettuati una volta terminata la fase costruttiva dellopera

Piano di sicurezza e di coordinamento (art.12)


Il piano contiene lindividuazione, lanalisi e la valutazione dei rischi e le conseguenti procedure esecutive, gli apprestamenti e le attrezzature atte a garantire, per tutta la durata dei lavori, il rispetto delle norme per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute dei lavoratori nonch la stima dei relativi costi Il piano contiene altres le misure di prevenzione dei rischi risultanti dalleventuale presenza simultanea o successiva delle varie imprese, ovvero dei lavoratori autonomi E redatto anche al fine di prevedere, ove necessario, lutilizzazione di impianti comuni quali infrastrutture, mezzi logistici e di protezione collettiva Il piano costituito da una relazione tecnica e prescrizioni operative correlate alla complessit dellopera da realizzare ed alle eventuali fasi critiche del processo di costruzione

Piano di sicurezza e di coordinamento (art.12)


Elenco, dalla a) recinzione alla t) sbalzi di temperatura, degli elementi costituenti il piano Il Piano di sicurezza redatto prima della fase di richiesta delle offerte, in tutti i casi parte del contratto dAppalto E necessario ricordare che: i datori di lavoro delle imprese esecutrici e i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto nei piani; copia dei piani messa a disposizione dei rappresentanti per la sicurezza, almeno dieci giorni prima dellinizio dei lavori (il D.Lgs. 528/99 specifica che un obbligo sanzionato dei datori di lavoro delle imprese esecutrici); limpresa aggiudicataria pu proporre, senza oneri per il committente, modifiche al piano di sicurezza legate alle esigenze tecnologiche dellimpresa.

Piano sostitutivo di sicurezza

Da redigere a cura dell'Impresa esecutrice nel caso di appalti pubblici non soggetti a PSC

Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori (art.5)


Provvede, tramite opportune azioni di coordinamento e controllo, a: verificare lattuazione di quanto previsto nei PSC e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro; adeguare i piani di sicurezza ed il fascicolo in relazione allevoluzione dei lavori e alle modifiche intervenute, e verificare che le imprese esecutrici adeguino (se necessario) il proprio piano operativo; verificare lidoneit del piano operativo di sicurezza, da considerare come piano di dettaglio; organizzare il coordinamento e la reciproca informazione tra i vari datori di lavoro presenti in cantiere (lavoratori autonomi, subappaltatori) verificare e realizzare il coordinamento tra RLS finalizzato al miglioramento della sicurezza in cantiere.

Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori (art.5)


A tal fine, il coordinatore per lesecuzione dei lavori ha la potest di : proporre al Committente, in caso di inosservanze alle disposizioni degli art. 7.8.9 e della mancata attuazione del piano di sicurezza, previa contestazione scritta (alle Imprese ed ai lavoratori autonomi), la sospensione dei lavori, lallontanamento o la risoluzione del contratto sospendere in caso di pericolo grave ed imminente le singole lavorazioni sino a che le imprese interessate non abbiano dato comunicazione scritta dellavvenuto adeguamento (e relativa verifica) nel caso in cui Committente Responsabile dei lavori non adotti provvedimenti senza fornire idonea motivazione, comunicare inadempienza ad ASL e Direzione Provinciale del Lavoro

Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori (art.5)


Qualora, in luogo dellunica impresa esecutrice inizialmente prevista, ne subentrino altre per svolgere i lavori o parte di essa, il Coordinatore in fase esecuzione deve: redigere Piano Sicurezza e Coordinamento e predisporre fascicolo provvedere, verificare, coordinare etc.

Requisiti professionali (art. 10 e 19, allegato V): coordinatore per la progettazione coordinatore per lesecuzione dei lavori
Prassi normale: Possesso di laurea o diploma tecnico frequenza di un corso specifico di 120 ore di durata tenuto dalle Regioni, Ordini Professionali, Associazioni Sindacali. Deroghe: Per coloro che hanno almeno quattro anni di lavoro dipendente con qualifiche che consentivano loro di sovrintendere ad altri lavoratori con svolgimento di attivit in materia di sicurezza e per coloro che hanno svolto attivit di direttore tecnico di cantiere. Per tutti occorre una attestazione dei datori di lavoro o dei committenti, di attivit nel settore costruzioni per almeno un anno (laureati), due anni (diplomati universit), tre anni (diploma scuola superiore tecnica).

Art. 2 - definizioni: Lavoratore autonomo

Persona fisica la cui attivit professionale concorre alla realizzazione dellopera senza vincolo di subordinazione

Obblighi dei lavoratori autonomi (art. 7)


Nei cantieri viene fatto carico ai lavoratori autonomi di: utilizzare attrezzature di lavoro e dispositivi di protezione individuale seguendo le stesse regole valide per i lavoratori dipendenti; attenersi alle indicazioni di sicurezza fornite dal coordinatore per lesecuzione ( cio osservare quanto contenuto nel piano di sicurezza ).

Obblighi dei datori di lavoro


Misure generali di tutela (art.8)
I datori di lavoro delle imprese esecutrici, durante lesecuzione dellopera, osservano le misure generali di tutela, e curano ciascuno per la parte di competenza in particolare: le condizioni del cantiere, lubicazione dei posti di lavoro, la movimentazione, la manutenzione, il controllo degli impianti, la delimitazione e lallestimento delle zone di stoccaggio ... ladeguamento, in funzione dellevoluzione del cantiere, della durata effettiva da attribuire ai vari tipi di lavoro o fasi la cooperazione tra datori di lavoro e lavoratori autonomi le interazioni con le attivit sul luogo, allinterno o in prossimit

Obblighi dei datori di lavoro


(art. 9 e allegato IV)
Il 494, nel suo complesso, si rivolge essenzialmente al committente e ai suoi coadiutori tecnici e pone come obblighi aggiuntivi a carico dei datori di lavoro: a) dare attuazione alle norme tecniche di cui allallegato IV b) curare le condizioni di rimozione dei materiali pericolosi, previo, se del caso, coordinamento col committente o il responsabile dei lavori c) curare che stoccaggio e levacuazione dei detriti e delle macerie avvengano correttamente c- bis) redigere piano operativo di sicurezza N.B. Anche nel caso di impresa familiare

Obblighi dei datori di lavoro


Piano operativo di sicurezza (art. 9)
Il P.O.S. il documento che il datore di lavoro dellimpresa esecutrice redige in riferimento al singolo cantiere interessato Laccettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese esecutrici del piano di sicurezza e coordinamento (art. 12) e la redazione del piano operativo di sicurezza costituiscono, limitatamente al singolo cantiere interessato, adempimento alle disposizioni dellart. 4 del D. Lgs 626/94

Obblighi di trasmissione (art. 13)


COMMITTENTE trasmette Piano Sicurezza e Coordinamento alle imprese invitate a presentare lofferta IMPRESA AGGIUDICATARIA trasmette Piano Sicurezza e Coordinamento alle imprese esecutrici e lavoratori autonomi IMPRESA ESECUTRICE trasmette proprio Piano Operativo Sicurezza al Coordinatore prima dellinizio dei lavori

Consultazione dei rappresentanti per la sicurezza (art. 14)


Stabilisce che i rappresentanti dei lavoratori siano consultati preventivamente dai singoli datori di lavoro sui piani di sicurezza e sulle modifiche significative degli stessi, e che i RSL possano formulare proposte.

Rapporti tra committente, appaltatore e altre figure legate ai cantieri


COMMITTENTE

contratto

APPALTATORE

Responsabile dei lavori Coordinatore per la progettazione

cantiere

CAPO CANTIERE PREPOSTO

Coordinatore per lesecuzione

OPERAI

REQUISITI MINIMI DEL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA


D.P.R. 3 luglio 2003 n. 222

omissis

art. 6 comma 1

a) I dati identificativi dellimpresa esecutrice che comprendono:


nominativo del datore di lavoro, gli indirizzi ed i riferimenti telefonici

della sede legale e degli uffici di cantiere; la specifica attivit e le singole lavorazioni svolte in cantiere dallimpresa esecutrice e dai lavoratori autonomi subaffidatari; nominativi degli addetti al pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori per la sicurezza, aziendale o territoriale, ove eletto o designato; nominativo del medico competente, ove previsto; nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione; nominativi del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere; numero e le relative qualifiche dei lavoratori dipendenti dellimpresa esecutrice e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere per conto della stessa impresa.

b) Le specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da ogni figura nominata allo scopo dallimpresa esecutrice c) La descrizione dellattivit di cantiere, delle modalit organizzative e dei turni di lavoro d) Lelenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere provvisionali di notevole importanza, delle macchine e degli impianti utilizzati e) Lelenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere con le relative schede di sicurezza f) Lesito del rapporto di valutazione del rumore g) Lindividuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel PSC quando previsto, adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere

h) Le procedure complementari e di dettaglio, richieste dal PSC quando previsto

i) Lelenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori occupati in cantiere l) La documentazione in merito allinformazione ed alla formazione fornite ai lavoratori occupati in cantiere

Related Interests