Scopo del lavoro in bosco

• coltivazione del bosco (fare selvicoltura)

Tipi di lavoro in bosco
• costituzione o ricostituzione del soprassuolo (rimboschimenti e imboschimenti, comprese le cure colturali - diserbi, decespugliamento, sarchiature, risarcimenti, sfolli, potature) • utilizzazione di legna e legname (tagli di maturità, diradamenti, tagli fitosanitari e accidentali) (60-80% dei lavori in bosco) • costruzione di strade, piste e altre infrastrutture viarie • sistemazioni idrauliche • costruzione di infrastrutture per uso ricreativo

Fasi del lavoro di utilizzazione
• abbattimento recisione del fusto al piede e atterramento

Fasi del lavoro di utilizzazione
• sramatura taglio dei rami e del cimale, fino alla completa pulizia del tronco

Fasi del lavoro di utilizzazione
• sezionatura divisione del commerciali fusto in assortimenti

Fasi del lavoro di utilizzazione
• scortecciatura asportazione parziale o totale della corteccia

Fasi del lavoro di utilizzazione
• concentramento • esbosco trasporto del legname dal letto di caduta alle vie di esbosco trasporto del legname attraverso le vie di esbosco fino all’imposto o alla zona di carico

Fasi del lavoro di utilizzazione
• trasporto trasporto del legname attraverso strade forestali e strade pubbliche

Fasi del lavoro di utilizzazione
• trattamenti dei prodotti per energia cippatura della ramaglia e del cimale, cippatura della pianta intera affastellatura della ramaglia

Caratteristiche del lavoro di utilizzazione forestale

Il lavoro nelle utilizzazioni forestali consiste nel prelevamento di materiale legnoso dal bosco che comporta lo svolgimento di operazioni rischiose in un ambiente "difficile“ e isolato

Caratteristiche dell’organizzazione del lavoro

lavoro stagionale, condotto da piccole o singolari unità operative episodiche occasioni di formazione e di aggiornamento tecnico inesistente disponibilità di assistenza tecnica

Caratteristiche del luogo di lavoro
aperto e naturale (non chiuso e artificiale come in una fabbrica) aperto e naturale, non adattato all'attività umana (come un appezzamento agricolo)

Caratteristiche del luogo di lavoro
trasferimenti da e per il luogo di lavoro isolamento del luogo di lavoro alimentazione adeguata ai consumi calorici

Caratteristiche del luogo di lavoro
suscettibilità agli impatti prodotti dal lavoro forestale Impatto ambientale Influsso o influenza sul complesso delle condizioni esterne all’organismo in cui si svolge la vita animale e vegetale Utilizzazione forestale Applicazione di tecniche selvicolturali che comporta necessariamente influenze sull’ambiente e sull’aspetto del paesaggio

Effetti su

Possibili impatti Compattazione e/o solcatura Erosione diffusa Erosione localizzata Rimescolamento o rimozione degli orizzonti organici Aumento della torbidità delle acque superficiali Aumento della quantità di sedimento Inquinamento diffuso con oli delle acque profonde Allontanamento temporaneo Effetti negativi sulla fauna ittica per effetto dell’aumento dei sedimenti Danni agli uccelli nei periodi di riproduzione Danni a ceppaie e parti basali dei fusti in piedi Danni agli apparati superficiali Danni al soprassuolo residuo Immissione di sostanze inquinanti e dannose per la salute Effetti visivi negativi Riduzione del valore estetico dell’area

Suolo

Risorse idriche

Fauna

Vegetazione

Atmosfera Paesaggio

Suolo
Azioni • compattazione e/o solcatura • rimescolamento degli orizzonti organici Conseguenze • erosione localizzata e diffusa • aumento della torbidità delle acque superficiali

Risorse idriche
Azioni • aumento della torbidità delle acque superficiali • inquinamento diffuso con oli delle acque profonde Conseguenze • alterazione dei deflussi idrici • modifica della qualità dell’acqua (potabilità)

Fauna
Azioni • disturbo (inquinamento sonoro, movimenti di macchine, caduta e spostamenti di piante) • aumento della torbidità delle acque superficiali Conseguenze • allontanamento temporaneo o permanente della fauna terrestre • alterazione dell’habitat della fauna ittica

Vegetazione
Azioni • scorticamenti • danni alle ceppaie • danni all’apparato radicale • danni alla rinnovazione Conseguenze • insorgenza di marciumi radicali • deperimento di singoli individui • riduzione dell’accrescimento • riduzione della qualità del legno

Atmosfera
Azioni • immissione di sostanze inquinanti Conseguenze • peggioramento della qualità dell’aria

Paesaggio
Azioni • riduzione della densità del popolamento • rilascio di residui di lavorazione • interruzione della skyline Conseguenze • peggioramento della qualità estetica dell’area

Caratteristiche della praticabilità del lavoro
durata del lavoro 150-180 giorni/anno aprile-novembre (Alpi) marzo-dicembre (Appennini) ottobre -marzo (zona pedemontana, soprattutto nei boschi governati a ceduo)

Caratteristiche del materiale
prima dell’abbattimento trave vincolata a un estremo, con massa distribuita in modo non uniforme e possibile presenza di tensioni interne

dopo l’atterramento e la sezionatura corpo sostanzialmente cilindrico, di norma di massa elevata, distribuito in maniera non uniforme

Caratteristiche degli strumenti di lavoro

strumenti portatili, motorizzati, taglienti, dinamicamente instabili

strumenti mobili, sottoposti a tensioni, vincolati ad elementi naturali

Caratteristiche degli strumenti di lavoro

strumenti mobili, motorizzati, sottoposti a sollecitazioni di varia natura, dinamicamente instabili

Quantificazione economica dei costi di un infortunio (lesione oculare) con prognosi di 7 giorni
(ditta artigianale con produttività di 20 m3/giorno; ricavo della ditta artigianale 12,57 €/m3; penale prevista dal capitolato tecnico 25,14 €/giorno)

Ambito di riferimento Produttivo

Evento

Quantificazione economica (€) 1759,80 125,70 50,28 125,70 50,28 25,14 25,14 351,92 150,82 non stimabile

7 giornate lavorative perse (251,40 €/giorno) ½ giornata persa per accompagnare l’infortunato in ospedale, per raggiungere il luogo di lavoro e riorganizzare l’attività 2 giorni di ritardo nell’ultimazione dei lavori tempi accessori vari (visite fiscali, pratiche burocratiche) stimabili in ½ giornata lavorativa 1 h di medicazione da parte di un medico 1 h di assistenza da parte di personale paramedico medicinali vari 7 giornate da retribuire a 50,27 €/giorno spese burocratiche e mediche dolore, preoccupazione, paura di riprendere l’attività lavorativa preoccupazione dei familiari, impossibilità di seguire le attività della famiglia (lavori di casa, divertimenti, ecc.), i propri interessi personali (hobby, relazioni sociali, ecc.)

Imprenditoriale

Sanitario

Assicurativo Personale

Familiare/sociale

non stimabile

Totale

2664,78

Caratteristiche degli strumenti di lavoro

L’operatore di harvester: • non è soggetto ad estenuante lavoro fisico • evita tutti i rischi derivanti dall’uso della motosega • non respira agenti inquinanti e polveri di legno • è protetto dalla caduta delle piante e dei rami • non è esposto a condizioni climatiche avverse • non deve spostarsi a piedi su terreni soventemente accidentati

N° di incidenti per 1 milione di ore-lavoro

63

17

Il rischio di incidenti sul lavoro si riduce del 73% grazie alla meccanizzazione

(Sweden)

“Dopo anni di attività, molti operatori di macchine forestali non sono più in grado di sostenere un alto livello di produttività È facile che soffrano di fatica cronica o vari disturbi o che abbiano perso la motivazione, col risultato di non poter più sostenere un normale ritmo lavorativo. Questo fenomeno è parzialmente attribuibile al fatto che lavorare costantemente nella cabina di una macchina è innaturale Il corpo umano non è naturalmente disposto a stare seduto per lungo tempo in una cabina vibrante ripetendo in continuazione gli stessi movimenti con le braccia e con il capo. Pochi operatori sopportano bene tutto ciò giorno dopo giorno, anno dopo anno. Anche le migliori macchine spossano l’operator L’uomo, di per sé, è predisposto per lavori fisicamente attivi e mentalmente vari”. (Gellerstedt, 1999)

Orario settimanale di lavoro (Germania, Francia, Norvegia, Polonia, Svezia, Inghilterra)

30%

38%

Orario settimanale di lavoro ( Austria)

• 9% • 72% • 18%

40 ore 50 – 60 ore 60 – 80 ore

Isolamento Imprenditore forestale inglese: “Mi piacerebbe avere una maggiore varietà nel lavoro potendo usare anche una macchina diversa, lavorando in una squadra, potendo così sfruttare la rotazione sul lavoro. In tal caso sarei meno solo e avrei la possibilità di parlare. Sei lì sempre isolato, non parli quasi mai, muori dalla voglia di fare una chiacchierata, sia per scambiarsi opinioni che per confrontarsi sui problemi. Devi sopportare tutta la responsabilità da solo. Ti devi riparare la macchina da solo.”

L’operatore passa l’80 - 90% della propria giornata lavorativa nella cabina della macchina

(348 operatori da 6 nazioni)

Zona del corpo

% di operatori che accusano dei disturbi (da raramente a molto spesso) 55 70 57 19 21 71 45 24 41 22

Head Testa Neck Collo Shoulders Spalle Upper back Spina toracica Elbows Gomiti Lower back Zona lombare Wrists/hands Polsi/mani Hips Fianchi Knees Ginocchia Ankles/feet Caviglie/piedi

Problemi psicosomatici (stress)
“Su una scala da 1 a 5, quanto ti senti stressato al termine della giornata lavorativa?”

Cause: • elevata e prolungata concentrazione mentale (>8 ore al giorno) • continua tensione psico-mentale (poche pause)

Pianificare la strada e condurre il mezzo Scegliere gli alberi da rimuovere Posizionare la macchina Manovrare la gru Posizionare la testa abbattitrice ed afferrare l’albero Abbattere la pianta Posizionare l’albero e sramarlo Movimentare cimali e ramaglia Accatastare i toppi lungo il corridoio Sezionare il fusto

C i c l o d i

Decidere la sezionatura ottimale

l a v o r o

Sequenza degli elementi di ciascun ciclo di lavoro In rosso: elementi del ciclo in parallelo

Conduzione di harvester

Disturbi muscolo-scheletrici Stress

Minor produttività, maggior rischio di incidenti Assenze per malattia più lunghe rispetto alle assenze per incidenti sul lavoro (25 giorni contro 10) Abbandono del lavoro (in Svezia, fra il 1986 e il 1990, il 50% degli abbandoni era dovuto a motivi di salute)

La massima efficienza nell’operare un harvester viene raggiunta dopo circa 5 anni di esperienza (Gellerstedt, 2002)

(Heinimann, 1998)

“Un buon operatore vale tanto oro quanto pesa…”

(imprenditore forestale austriaco)

• Pause regolari di 5 minuti ogni 60, oppure di 10 minuti ogni 90 Pausa = uscire dalla cabina, fare del movimento, fare stretching • Interruzione di 30-40 minuti ogni 4 ore • Micro-pause di 3 secondi ogni ciclo di lavoro • Turni di lavoro di 8 (o +) ore continuative sono da evitare • In operazioni di particolare impegno (diradamenti), i turni non dovrebbero mai superare le 6 ore continuative • In Svezia si è andato diffondendo il turno 3+3+3
Operatore A Cabina Altre attività Cabina

Operatore B

Cabina

Altre attività

Cabina

3 ORE

3 ORE

3 ORE

3 ORE

• Evitare per quanto possibile il lavoro notturno, molto più affaticante • Se entrambe le macchine sono presenti sul cantiere, alternare la conduzione dell’harvester con quella del forwarder • Effetto positivo dell’harwarder: variazione del lavoro • Praticare esercizio fisico (al di fuori dell’orario lavorativo) per contrastare gli effetti dovuti all’attività sedentaria • Installare nella cabina di guida maniglie o appigli per poter distendere con regolarità la schiena • All’acquisto della macchina, considerarne le caratteristiche ergonomiche; le spese extra volte ad una migliore ergonomia (es: cabina autolivellante) vengono ripagate nel tempo

Caratteristiche degli addetti al lavoro di utilizzazione forestale
6.000-7.000 imprese boschive 24.000-28.000 addetti stabili 3,4-4,6 addetti stabili/impresa 2-3 addetti occasionali/addetto stabile 2-4000 m3/anno per impresa produttività giornaliera 3-4 m3/giorno per operaio 7-8 m3/giorno per operaio 80-100 m3/giorno per operaio Italia Centro Europa Scandinavia

Il lavoro nelle utilizzazioni forestali è • unico nel suo genere • non assimilabile ad altre attività lavorative, anche apparentemente simili per alcuni aspetti

Interventi

ne

az rm Fo

uc az io

e ion

Ed
Aggiornamento Professionale (Life Long Learning)

Educazione
Rendere idoneo qualcuno allo svolgimento di certe funzioni (Il Nuovo Zingarelli)

Lavoratore forestale
• Consapevolezza del proprio ruolo nell’ambito dei processi produttivi e di tutela ambientale • Condivisione di impegno reciproco (mutual engagement) • Valutazione dell’affidabilità umana nel contesto lavorativo

Azioni formative

Formazione

Abilitazione tecnica

Patentino di idoneità tecnica per la conduzione delle utilizzazioni forestali

Esercizio

Azioni educative

Spazio di frenata = v2/2d

Consapevolezza

Codice della Strada Art. 141

Norma

D.Lgs. 19.9.1994 n. 626 D.Lgs. 14.8.1996 n. 494

Comportamento

Educazione
Guidare e formare qualcuno, specialmente i giovani, affinandone e sviluppandone le facoltà intellettuali e le qualità morali in base a determinati principi (Il Nuovo Zingarelli)

Società
• Apprezzamento delle funzioni del lavoratore forestale • Qualificazione sociale del lavoro in bosco

Effetti del processo educativo
• Consapevolezza del ruolo posseduto nei processi di gestione e protezione delle risorse forestali e dell’ambiente in cui si sviluppano • Superamento della sensazione di marginalità e di frustrazione • Adozione di un comportamento “virtuoso” nel rispetto di norme relative al lavoro in bosco, con particolare riguardo a quelle che riguardano la sicurezza • Mutazione da “oggetto” a “soggetto” della politica forestale