You are on page 1of 4

; ' ;

, ' ,

Pindaro Ottava Pitica 95-97.
Esseri dun solo giorno, che cosa sia, che cosa non sia, sogno dunombra luomo: ma
quando luce discenda dal dio, fuglida splende sugli uomini la luce e dolce la vita.



,
.
Eschilo Agamennone vv 174 178
Ma chi a Zeus con gioia leva il grido epinicio
coglier pienamente la saggezza,
a Zeus, che ha insegnato ai mortali
a essere saggi, che ha posto come valida legge
saggezza attraverso la sofferenza.

'
'
', ' '
Saffo FR. 105a V.
come una dolce pomo rosseggia alto sulla cima del ramo,
alto il pomo, sul pi alto ramo: la dimenticarono i raccoglitori,
oh no, non se ne dimenticarono, ma non poterono giungervi.



,
, '
'
'
,
'
,




.
Ibico Fr 5P. (Text Athen 13 601b-c)

In primavera i meli
cindoni irrorati dai flutti
dei fiumi, l dove vi il giardino
incontaminato delle Vergini crescono
i germogli sotto gli ombrosi tralci
ricchi di pampini fioriscono, per me eros...
non dorme in nessuna stagione,
ma come il Tracio Borea
bruciando allo scoppio della folgore,
avventandosi da Cipride,
con ardenti follie, oscuro implacabile,
con potenza profonda trattiene
l'anima mia.
]
[] []
] ,
Saffo fr 16V 1-4
Certi una schiera di cavalieri, altri una schiera di fanti
altri di navi dicono, che sulla nera terra
sia la cosa pi bella, io per me dico
ci che uno ama.







.
Mimnermo fr. 2W. 2G.-Pr. vv. 11-16
E come subito lora abbia passato il suo discrimine, / essere morti meglio che la vita. / Molti
dolori nascono nellanimo ora la casa / in rovina, e le amare opere di povert; / un altro non
ha i figli e con questo rimpianto/ scende sotto la terra nellAde; / un altro ancora la malattia
lopprime. Non c uomo / a cui Zeus non dia molti mali.

<>

Mimnermo fr. 4W. 4G.-Pr.
A Titono diede Zeus un male senza fine: / la vecchiaia, anche pi agghiacciante della tetra
morte.

21.
,
,
,
,
.
Tucidide Historiae I 21
traduzione di Hobbes:
Now he that by the arguments here adduced shall frame a judgment of the things past and
not believe rather that they were such as the poets have sung or prose-writers have
composed, more delightfully to the ear than conformably to the truth, as being things not to
be disproved and by length of time turned for the most part into the nature of fables without
credit, but shall think them here searched out by the most evident signs that can be, and
sufficiently too, considering their antiquity: he, I say, shall not err.
Ora, chi basandosi sulle dette testimonianze, intenda in questo modo i fatti esposti- non
dovrebbe sbagliare- e non presti maggior fede agli abbellimenti, che i poeti hanno fatto di
quegli avvenimenti o le narrazioni dei logografi, che miravano di pi al diletto, che alla verit,
questi avvenimenti non sono comprovabili e per la maggior parte, per il lasso di tempo
oramai trascorso, sono diventati oggetto dei racconti mitici in modo da non essere degni di
credibilit. Chi crede, invece, che questi eventi siano stati investigati da indizi molto evidenti,
in modo opportuno data l'antichit.


, . [10]
: ,
,
. ,
, [15] . (Aristotele
Poetica 1148)
L'imitare connaturato agli uomini, sin dalla puerizia e in ci si differenziano dagli altri animali,
poich quello che imita di pi e tramite l'imitazione ricava le nozioni basilari, inoltre tutti si
dilettano nell'imitare. Ne segno ci che avviene nei fatti: ci procurano piacere le immagini
particolareggiate di ci che ci d fastidio vedere: come le immagini delle fiere pi spregevoli o
dei morti. La causa di ci, che non dolce solo ai pi sapienti imparare, ma anche
ugualmente agli altri, ma questi hanno partecipato alla conoscenza per breve tempo.


'


.
Alcmane Fr 89P

Dormono le cime dei monti e le convalli, le balze e i burroni, la selva e gli animali, quanti ne
nutre la nera terra, le fiere montane e la progenie delle api, e i mostri negli abissi del mare
color di porpora: dormono le stirpi degli uccelli dalle lunghe ali.