You are on page 1of 1

OFFERTA SPECIALE

(Special Offer)
1959

SEGRETARIA (alla scrivania di un ufficio) Sì, ero nel guardaroba di un grande
magazzino per riposare un po’ le gambe stanche. Me ne stavo seduta là, senza dar
fastidio, quando all’improvviso una vecchia megera mi si accosta e mi si siede accanto.
“Lei lavora alla B.B.C., vero?” dice. “Ho qui giusto quell che fa per lei” dice, e mi mette
in mano un cartoncino. Vuole sapere cosa c’è scritto su? “Uomini in vendita”! “Che
diavolo mai intende dire?” dico. “Uomini”, dice, “di ogni tipo e misura, in vendita”. “Che
cosa vuol dire mai” dico. “È un congresso internazionale” dice, “per il divertimento e
conforto delle donne funzionarie dello Stato. Alcuni dei ragazzi, li può sentire al
microfono, esclusivamente per il suo diletto, cantare motivi popolari mai sentiti. Il tè è
offerto dalla casa, e tutti I giorni pasticceria, della migliore. All’ora del tè, cabaret. I
nostril ragazzi eseguono danze rare, importate persino da Buenos Aires, con niente
addosso, salvo un paio di ginocchiere da cricket. Sono tutti provati e collaudati, della
migliore qualità e prezzi ragionevoli. Se gliene piace uno per le sue caratteristiche
personali, lo può comprare, e per lei, a buon prezzo. Alla B.B.C., sarà piacere nostro fare
uno sconto speciale. Se non resta completamente soddisfatta può rimandarcelo indietro
entro sette giorni e le sarà rimborsato il denaro”. “Molto gentile da parte sua” dico, “ma
non ho bisogno d’altro”. E ho lasciato la cosa lì. UOMINI IN VENDITA! Ma che idea
curiosa! Un’offerta insolente, non trova? Ecco il cartoncino, lo guardi.
Pausa
Pensa che sia uno scherzo o una cosa seria?