SOLUZIONI DI IMPIANTO

Gennaio 2011
www.arcacaldaie.com

2

La ditta ARCA s.r.l. declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze se dovute ad errori di stampa o di trascrizione. Si riserva altresì il diritto di apportare ai propri prodotti quelle modifiche che riterrà necessarie o utili, senza pregiudicarne le caratteristiche essenziali. La presente documentazione è disponibile anche come file in formato PDF. Per la richiesta contattare l’ufficio tecnico della ditta ARCA s.r.l.

codice: Soluzioni impianto 2011 pagine: 52 edizione: II EDIZIONE revisione: gennaio 2011 3

INDICE
1. 2.
2.1. 2.2. 2.3. 2.4.
2.4.1. 2.4.2. 2.4.3. 2.4.4.

INTRODUZIONE.........................................................................................................................................6 SISTEMA SUN............................................................................................................................................7
PIXELFAST SUN .................................................................................................................................................... 7 I VANTAGGI DEL SISTEMA SUN........................................................................................................................... 7 FLOOR KIT ............................................................................................................................................................. 8 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO SISTEMA SUN ................................................................................................ 9
SCHEMA GENERALE DI FUNZIONAMENTO SISTEMA SUN ..................................................................................................9 MODALITA’ DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA SUN IN 5 POSSIBILI CONDIZIONI .........................................................10 ESEMPIO DI APPLICAZIONE DELLO SCHEMA SUN PER ABITAZIONI PLURIFAMILIARI ..................................................12 ESEMPIO DI APPLICAZIONE DELLO SCHEMA SUN CON PUFFER COMBI........................................................................13

2.5.
2.5.1.

SOLAR CONTEINER ............................................................................................................................................ 14
SCHEMA IDRAULICO FUNZIONALE.......................................................................................................................................15

3.
3.1.

SCHEMI IDRAULICI PER IMPIANTI CON PIÙ GENERATORI E DISTRIBUZIONE A DIVERSE TEMPERATURE .......................................................................................................................................16
CALDAIA A LEGNA .............................................................................................................................................. 16
CALDAIA A LEGNA VERSIONE SA PER USO SANITARIO....................................................................................................16 CALDAIA A LEGNA VERSIONE SA PER RISCALDAMENTO CON VASO CHIUSO SU SERPENTINO SANITARIO ...........17 3.1.1. 3.1.2.

3.2.
3.2.1.

CENTRALINA DI COLLEGAMENTO TRA CALDAIA A LEGNA A CALDAIA A GAS (PAS0102MU) .................... 17
SCHEMA DI COLLEGAMENTO PAS0102MU..........................................................................................................................18

3.3. 3.4.
3.4.1. 3.4.2. 3.4.3. 3.4.4.

CENTRALINA PER GESTIONE DI PIU’ ZONE DI RISCALDAMENTO ................................................................ 19 CASSETTE IDRAULICHE..................................................................................................................................... 20
CASSETTA IDRAULICA PER IMPIANTI A BASSA TEMPERATURA (CASMIX).....................................................................20 CASSETTA IDRAULICA PER PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA (CASGID) ..........................................................20 CASSETTA IDRAULICA PER CALDAIE MURALI PER IMPIANTI A BASSA TEMPERATURA CON VALVOLA DEVIATRICE MOTORIZZATA (CASMOT) ............................................................................................................... 21 CASSETTA IDRAULICA PER CALDAIE MURALI PER IMPIANTI A BASSA TEMPERATURA CON VALVOLA DEVIATRICE MANUALE (CASMAN)........................................................................................................................................21

3.5.
3.5.1. 3.5.2. 3.5.3. 3.5.4. 3.5.5. 3.5.6. 3.5.7. 3.5.8.

SOLUZIONI DI IMPIANTO ................................................................................................................................... 22
SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA A VASO APERTO .................................................................22 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA A VASO APERTO + VALVOLA MISCELATRICE .................22 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA A VASO APERTO E IMPIANTO IDRAULICO A VASO CHIUSO SU SCAMBIATORE A PIASTRE................................................................................................................................23 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA A VASO APERTO E IMPIANTO IDRAULICO A VASO CHIUSO SU SCAMBIATORE IN RAME INTERNO ..................................................................................................................23 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO CHIUSO) + CALDAIA MURALE A GAS ...................24 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + CALDAIA MURALE A GAS ............................................25 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO CHIUSO) + VALVOLA MISCELATRICE (MANUALE O MOTORIZZATA) + CALDAIA MURALE A GAS .................................................................................................26 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + VALVOLA MISCELATRICE (MANUALE O MOTORIZZATA) + CALDAIA MURALE A GAS .......................................................................................................................27 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA + CASSETTA DI MISCELAZIONE PER IMPIANTO A BASSA TEMPERATURA (CASMIX) .........................................................................................................................................28 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO CHIUSO) + CASSETTA DI MISCELAZIONE PER IMPIANTO A BASSA TEMPERATURA (CASMOT) + CALDAIA MURALE A GAS...................................................................29 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + CASSETTA DI MISCELAZIONE PER IMPIANTO A BASSA TEMPERATURA (CASMOT) + CALDAIA MURALE A GAS ........................................................................................30 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA + CASSETTA PER PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA (CASGID) ..............................................................................................................................................................31 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + BOLLITORE SANITARIO .....................32 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + BOLLITORE SANITARIO + PANNELLO SOLARE................................................................................................................................................................33 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + BOLLITORE SANITARIO................................................34 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + BOLLITORE SANITARIO + PANNELLO SOLARE .........35

3.5.9. 3.5.10. 3.5.11.

3.5.12. 3.5.13. 3.5.14. 3.5.15. 3.5.16.

4

3.5.17. 3.5.18. 3.5.19.

SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO CHIUSO) + BOLLITORE SANITARIO + CALDAIA MURALE A GAS........................................................................................................................................................................36 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO CHIUSO) + BOLLITORE SANITARIO + PANNELLO SOLARE + CALDAIA MURALE A GAS ................................................................................................................38 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + BOLLITORE SANITARIO + CALDAIA MURALE A GAS ...........................................................................................................................................................................................40 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) CON IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A VASO CHIUSO SU SERPENTINO IN RAME (VERSIONE SA) + BOLLITORE SANITARIO + PANNELLO SOLARE + CALDAIA MURALE A GAS .......................................................................................................................................................42 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + PUFFER................................................44 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + PUFFER + CASSETTA DI MISCELAZIONE PER IMPIANTO A BASSA TEMPERATURA (CASMIX) ...............................................................................45 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + PUFFER + CASSETTA PER PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA (CASGID)...........................................................................................................46 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + PUFFER COMBI + PANNELLO SOLARE ....................................................................................................................................................................................47 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + BOLLITORE SANITARIO + PUFFER + PANNELLO SOLARE.............................................................................................................................................................48 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + MODULO PER TELERISCALDAMENTO (TELEPIX) ........................................................................................................................................49 SCHEMA IDRAULICO INDICATIVO CON CALDAIA A LEGNA (VASO APERTO) + MODULO PER TELERISCALDAMENTO (TELEPIX) + PUFFER ......................................................................................................................50

3.5.20.

3.5.21. 3.5.22. 3.5.23. 3.5.24. 3.5.25. 3.5.26. 3.5.27.

47

5

com le news e gli aggiornamenti. Gli schemi riportati di conseguenza non sostituiscono la progettazione termotecnica ma forniscono le indicazioni opportune a supporto del progettista. è di competenza del progettista.1. sono riportate le soluzioni di impianto consentite utilizzando i prodotti a catalogo ARCA dove è previsto comunque l’uso di più generatori e la distribuzione su più zone.com Nel sito www. INTRODUZIONE Tutte le indicazioni tecniche presenti nel seguente elaborato hanno la finalità di stimolare la progettazione termotecnica e di fornire le informazioni essenziali di compatibilità tra i prodotti a catalogo ARCA e gli impianti presso i quali gli stessi prodotti vengono installati. L’elaborato seguente si suddivide in una prima sezione nella quale vengono evidenziate le soluzioni più innovative brevettate da ARCA previste dal nuovo sistema SUN e dai modelli di caldaia murale in grado di gestire una fonte rinnovabile sullo stesso impianto.arcacaldaie. Nella seconda sezione. La compatibilità tra le soluzioni impiantistiche proposte e la normativa vigente nel paese di riferimento. L’ufficio tecnico di ARCA srl è a disposizione per qualunque informazione di carattere tecnico inerente pre vendita e post vendita dei prodotti a catalogo preferibilmente a mezzo mail: arca@arcacaldaie. 6 .

2. è in serie e non in parallelo come fanno tutti gli altri sistemi.2.2. Come si può notare al punto 1. è stata applicata una elettronica supplementare per la gestione della fonte rinnovabile con accumulo esterna e la gestione della valvola motorizzata 2. In sostanza abbiamo un circuito che quando viene aperto. Al punto 2. nel gruppo idraulico è stata integrata una valvola motorizzata miscelatrice a 3 vie a risposta rapida 2. 6) non sono necessarie connessioni idrauliche esterne se non i due tubi che vanno al serbatoio solare. I vantaggi del sistema SUN 1) funzionalità automatica sia su riscaldamento che su sanitario. 3) non è necessaria alcuna pompa aggiuntiva in quanto si utilizza solo quella di caldaia (si risparmia una pompa e la connessione elettrica). 5) l'efficienza del sistema è massima in quanto l'iniezione del solare è sul ritorno dell'impianto di riscaldamento cioè sulla parte più fredda del circuito. 7 .1. SISTEMA SUN Pixelfast SUN I modelli SUN sono in grado di gestire direttamente un accumulo di acqua preriscaldata da una fonte solare o da una fonte funzionante a biomassa. 4) non ci sono rischi di pendolamento della caldaia in quanto le due elettroniche (caldaia e solare) sono all'interno della caldaia e dialogano tra di loro. 2) l'accumulo è di sola acqua di riscaldamento e non di sanitario quindi non necessita di essere smaltato o di acciaio inox (significativo risparmio sul costo dell'accumulo solare). E' sufficiente che la temperatura del solare sia anche solo 2 °C superiore al ritorno circuito riscaldamento per andare a pescare energia dall'accumulo solare. La Pixelfast SUN si differenzia rispetto ad una caldaia murale tradizionale per il suo innovativo gruppo idraulico nel quale viene integrata una valvola miscelatrice motorizzata a tre vie e per la sua elettronica supplementare in grado di gestire la fonte di calore esterna.

Ottimale per abitazioni civili di superficie fino a 200 mq con riscaldamento a pavimento o misto. 10) limitazione della temperatura del circuito primario a 72°C per evitare formazioni di calcare nello scambiatore. 8) la caldaia svolge le sue funzioni con il solare sempre in precedenza. cod. In questo caso si realizza la possibilità di sfruttare la fonte solare nei periodi primaverili e autunnali anche per il riscaldamento.3. lo spegnimento della caldaia quando tutte le zone sono soddisfatte. Installato con i modelli di caldaia Pixelfast (di tutte le tipologie) forma un monoblocco in grado di svolgere tutte le funzioni di controllo caldaia – impianto. una valvola miscelatrice per il servizio di una zona a bassa temperatura (pavimento) e una valvola per la gestione della zona ad alta temperatura. un compensatore idraulico. 8 . 2. Nel periodo primavera – autunno. si avranno frequenti utilizzi della fonte solare che viene quindi sfruttata al massimo possibile limitando al minimo il consumo di gas. la possibilità di applicare sonda esterna. l’utilizzo con modelli SUN per la gestione diretta di una fonte solare.7) non ci sono connessioni elettriche esterne salvo la sonda che dalla caldaia va applicata all'accumulo solare. quando il fabbisogno di potenza dell’impianto si riduce a 2-5 kw. Il solare accumula energia e la caldaia viene utilizzata istantaneamente solo se il solare non ha riserva sufficiente. una scheda elettronica di gestione. 12) Si evitano i problemi di “legionella”. 11) Con l'applicazione del controtelaio Floor Kit. ECMIX01P è possibile servire una zona a bassa temperatura e una zona ad alta temperatura. Tra i vantaggi. la produzione di acqua calda sanitaria in precedenza. Floor kit Il Floor Kit è un controtelaio di sostegno caldaia nel quale è stato posizionato un vaso di espansione supplementare. 9) non c'è il pericolo di preparare il sanitario ad accumulo con il gas di sera e avere il giorno dopo il solare disponibile ma non utilizzabile a causa dell'accumulo già riscaldato dalla caldaia a gas.

2.non è prevista fonte solare .1. se non è prevista una caldaia a biomasse. Schema generale di funzionamento sistema SUN 9 . ** attenzione lo schema SUN con l'accumulo di primario. è consigliato l'utilizzo dello schema previsto per le caldaie modelli SUN. e in assenza di accumulo sanitario si ha una produzione di acqua calda proporzionale ai massimi 31 kw disponibili della caldaia murale: 15 lt/min con ∆T 30 °C e 13 lt/min con ∆T 35 °C. Principio di funzionamento sistema SUN In tutti i casi dove siamo in presenza di caldaia murale e accumulo (puffer) al servizio di una fonte a biomasse o di una fonte solare.4. Nel periodo invernale. 2.c'è fonte biomassa ma non è previsto l'accumulo inerziale .è strettamente necessario avere un sanitario con accumulo ** si consigliano gli schemi riportati da n° 0 a n° 20 nei paragrafi successivi. Nei casi invece in cui: .4. in assenza di irraggiamento. sviluppa una produzione di acqua calda del tutto analogo all'accumulo sanitario nel periodo di irraggiamento solare.si utilizza caldaia murale già esistente (non abbiamo modello SUN) .

In tal caso al valvola Vm miscela l’acqua proveniente dal ritorno impianto con l’acqua dell’accumulo. Modalità di funzionamento del sistema SUN in 5 possibili condizioni Schema 1 Modalità di funzionamento riscaldamento con caldaia.4. La temperatura del ritorno dell’impianto è inferiore alla temperatura dell’accumulo. La temperatura del ritorno dell’impianto è superiore alla temperatura dell’accumulo nel punto T1. In tal caso la Vm esclude il solare e la caldaia funziona normalmente. Schema 2 Modalità di funzionamento riscaldamento con solare e caldaia.2. Schema 3 Modalità di funzionamento riscaldamento con solo solare.2. In tal caso la Vm apre il prelievo dall’accumulo solare e la caldaia funziona solo se la temperatura richiesta in mandata Tm è superiore alla temperatura dell’accumulo nel punto T1. 10 . Ovviamente la caldaia rimane spenta. La temperatura dell’accumulo è molto superiore al ritorno dell’impianto e superiore anche alla temperatura richiesta in mandata Tm.

In sostanza se la potenza richiesta dalla caldaia è molto limitata. 11 .Schema 4 Modalità di funzionamento in sanitario con solare o con caldaia. Nel funzionamento sanitario invece. La Vm apre il prelievo dall’accumulo se la temperatura T1 è oltre i 56°C ma inferiore ai 72°C. Se T1 è superiore a 72°C la Vm miscela l’acqua del ritorno con l’acqua dell’accumulo. NOTA BENE: Nel funzionamento riscaldamento è possibile il prelievo di energia dall’accumulo e la contemporanea accensione della caldaia per raggiungere la temperatura richiesta. Sotto i 56°C funziona la caldaia in attesa che l’accumulo salga di temperatura Schema 5 Modalità di funzionamento in sanitario con solare in miscelazione. Per evitare il fenomeno del pendolamento il solare in funzione sanitario viene prelevato solo se la temperatura dell’accumulo è superiore a 56 °C. quando funziona la caldaia non si preleva dall’accumulo per evitare fenomeni di pendolamento delle temperature. Tutti i prodotti indicati negli schemi fanno parte del catalogo prodotti ARCA. La Vm apre il prelievo dall’accumulo soltanto se la temperatura dell’accumulo T1 è oltre i 56°C. avremmo accensioni e spegnimenti di caldaia frequenti con alternanza di acqua bollente e acqua fredda per l’utente.

4. Il ricircolo garantisce la stessa temperatura della parte alta dell’ accumulo e dell’ anello. Il circolatore del circuito di ricircolo può essere termostatato e ha la sola finalità di tenere in movimento l’ acqua per mantenere la temperatura.3. Le caldaie devono essere tassativamente ARCA con il sistema SUN.2. Nel circuito è prevista l’ ipotesi di uno scambiatore esterno (aerotermo) per la dissipazione in caso di inutilizzo prolungato di energia dalla fonte solare pur in presenza di forte irraggiamento. 12 . E’ previsto un ricircolo per consentire l’ applicazione delle sonde di caldaia sull’ anello e per consentire i prelievi multipli in contemporanea. di capienza opportunamente dimensionata. Esempio di applicazione dello schema SUN per abitazioni plurifamiliari L’ applicazione prevede un accumulo di acqua di primario. riscaldato dalla fonte solare.

sotto sarà la caldaia a produrre acqua calda.4. Sopra la temperatura impostata verrà data la priorità di uso dell’accumulo.). usi agricoli ecc.2.4. 13 . Lo schema prevede una tre vie elettrica all’ingresso dell’acqua fredda controllata da un termostato sul puffer combi. In tal caso meglio prevedere un termostato che dia priorità all’accumulo nel range di temperatura 43 ° C – 55 °C. Oltre si produrrà acqua calda con caldaia spenta. sotto i 43 °C con caldaia accesa. dove si ha una pressione dell’acquedotto molto bassa o dove è richiesta una portata elevata di acqua sanitaria per usi non residenziali (stabilimenti balneari. Esempio di applicazione dello schema SUN con puffer combi Questo schema è suggerito dove il sanitario è strettamente richiesto con accumulo per ragioni di elevata distanza tra la caldaia e il luogo di prelievo di acqua sanitaria (ricircolo per bagni. Ovviamente si perdono i vantaggi di prevenzione nella formazione di calcare (trattamento acqua se necessario) e il costo finale dell’impianto sarà leggermente superiore. cucina).

È completo di: − Caldaia murale con sistema SUN − Accumulo di primario da 147 lt − Gruppo pompa solare − Vaso di espansione per solare − Centralina elettronica per gruppo solare Il SOLAR CONTAINER è una centrale termica a gas con integrazione solare per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento. Solar conteiner Il SOLAR CONTEINER è praticamente un impianto SUN contenuto in un telaio da incasso . La funzione sanitaria e la funzione riscaldamento sono pertanto in tutto od in parte sostenute. 14 . All’accumulo è possibile collegare anche una fonte di calore ausiliaria quale un termocamino. il fluido termovettore circola dai collettori solari nel serpentino dell’accumulo riscaldandone il suo contenuto di 150 litri di acqua di circuito primario di caldaia. solo bassa temperatura.5. due zone differenziate alta temperatura + bassa temperatura. Quando la pompa solare si mette in funzione. una caldaia a biomassa ecc. in caso di favorevoli condizioni da irraggiamento solare.2. Il riscaldamento dell’acqua sanitaria è realizzato con scambiatore a piastre che è riscaldato dallo stesso fluido primario di caldaia e accumulo. una pompa di calore. Nella versione a due temperature è consentito il riscaldamento contemporaneo di due zone di riscaldamento a temperature di mandata diverse e regolate. Nella funzione riscaldamento dispone di tre opzioni di configurazione: solo alta temperatura.

Schema idraulico funzionale 15 .2.5.1.

Caldaie a legna La linea di caldaie a biomassa ARCA può avere. Legenda: 1) Scambiatore di sicurezza in ferro 2) Scambiatore ausiliario in rame 3. La caldaia a legna deve essere tassativamente ordinata nella versione SA (dotata di scambiatore ausiliario interno in rame). nella versione SA. un serpentino immerso in rame diametro 22 mm in grado di erogare tutta la potenza della caldaia sia in utilizzo sanitario che in utilizzo per circuito di riscaldamento.1. oltre al serpentino di sicurezza. Caldaia a legna versione SA per uso sanitario Legenda: PR PI IR S4 S5 Pompa ricircolo Pompa impianto Impianto riscaldamento Sonda di mandata Sonda di ritorno E’ la soluzione più economica delle soluzioni e con il minimo ingombro possibile.1.3. 3.1. 16 . SCHEMI IDRAULICI PER IMPIANTI CON PIU’ GENERATORI E DISTRIBUZIONI A DIVERSE TEMPERATURE ATTENZIONE TUTTI GLI SCHEMI RIPORTATI DI SEGUITO COSTITUISCONO INDICAZIONI PROGETTUALI E NON SOSTITUISCONO LA PROGETTAZIONE TECNICA.

2.3. non permette la somma di potenze dei due generatori (in funzione solo riscaldamento). 17 . rispetto all soluzione con scambiatore a piastre.1. in più. una caldaia a gas murale e un termostato ambiente. le dispersioni termiche dello scambiatore e lo spazio relativo. Caldaia a legna versione SA per riscaldamento con vaso chiuso su serpentino sanitario Legenda: PR PI IR S4 S5 Pompa ricircolo Pompa impianto Impianto riscaldamento Sonda di mandata Sonda di ritorno Lo scambiatore in rame del modello SA viene usato per il circuito di riscaldamento secondario in modo da divedere il contenuto della caldaia a vaso aperto da quello del riscaldamento a circuito chiuso.2. si ottiene il vantaggio di risparmiare una pompa. Centralina di collegamento tra caldaia a legna e caldaia a gas (PAS0102MU) PAS0102MU è una centralina elettrica che permette di mettere in comunicazione una caldaia a legna ARCA con quadro SY400. i relativi consumi elettrici. Tale centralina è molto utile in quanto permette di azionare una caldaia a gas quando la caldaia a legna ha finito la sua carica e. 3. In questo caso.

3.1. Schema di collegamento PAS0102MU 18 .2.

3. SCH0005C ) da collegare al quadro caldaia SY400. 19 .3.l. fornisce una centralina per il comando a 4 zone ( cod. Centralina per gestione di più zone di riscaldamento Come accessorio la ditta Arca S.r.

CASMIX) Cassetta di miscelazione motorizzata senza puffer. per la distribuzione su impianto a pavimento. Comprende: − Valvola 3 vie miscelatrice motorizzata − Centralina di termoregolazione − Sonda esterna − Termostato di sicurezza per impianto a pavimento − Circolatore (da 6 mt o da 8 mt) Idonea per essere applicata a un puffer o anche direttamente a una caldaia a biomassa o a caldaia a terra in acciaio. Dimensioni: 250 x 350 x 210 mm (profondità) Portata massima sanitario: 18 lt/min 20 .4.1.3.4. Comprende: − Valvola 3 vie idraulica − Scambiatore a 16 piastrre − Circolatore da 6 mt − Valvola di sicurezza 3 bar Idonea per produrre acqua calda sanitaria quando siamo in presenza di un puffer riscaldato da una caldaia a legna o a pellet o da un puffer solare.2.4. CASGID) Cassetta con gruppo idraulico sanitario. Idonea anche per essere appicata direttamente a una caldaia a legna o a pellet o anche ad una stufa a pellet ad acqua. Dimensioni: 490 x 260 x 140 mm (profondità) 3. 3. Cassette idrauliche Cassetta idraulica per impianti a bassa temperatura (cod. Cassetta idraulica per produzione di acqua calda sanitaria (cod.

Cassetta idraulica per caldaie murali per impianti a bassa temperatura con valvola motorizzata (cod. CASMAN) Cassetta idraulica che permette il raccordo tra una caldaia murale e un sistema di riscaldamento temperatura.3.3. a pavimento a bassa Comprende: − Valvola 3 vie miscelatrice motorizzata − Centralina di termoregolazione − Sonda esterna − Termostato di sicurezza − Circolatore (da 6 mt o da 8 mt) − Sfiato automatico − Valvola di scarico − Puffer di capacità 8 lt Dimensioni: 490 x 500 x 140 mm (profondità) 3.4. Cassetta idraulica per caldaie murali per impianti a bassa temperatura con valvola manuale (cod.4. CASMOT) Cassetta idraulica che permette il raccordo tra una caldaia murale e un sistema di riscaldamento temperatura.4. a pavimento a bassa Comprende: − Valvola 3 vie miscelatrice manuale − Termostato di sicurezza − Circolatore (da 6 mt o da 8 mt) − Sfiato automatico − Valvola di scarico − Puffer di capacità 8 lt Dimensioni: 490 x 500 x 140 mm (profondità) 21 .

Schema idraulico indicativo con caldaia a legna a vaso aperto + valvola miscelatrice Legenda: PI PR IR VM Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto di riscaldamento Valvola miscelatrice V S4 S5 Valvola di ritegno Sonda mandata caldaia Sonda ritorno caldaia 22 . Soluzioni di impianto Schema idraulico indicativo con caldaia a legna a vaso aperto Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto di riscaldamento V S4 S5 Valvola di ritegno Sonda mandata caldaia Sonda ritorno caldaia 3. 3.5.1.5.3.5.2.

3. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna a vaso aperto e impianto idraulico a vaso chiuso su scambiatore a piastre esterno Legenda: PI PR IR SP Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto di riscaldamento Scambiatore a piastre V S4 S5 Valvola di ritegno Sonda mandata caldaia Sonda ritorno caldaia 3.5.4.5.3. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna a vaso aperto e impianto idraulico a vaso chiuso su scambiatore in rame interno (consigliato con potenze fino a 50 kW) Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto di riscaldamento V S4 S5 Valvola di ritegno Sonda mandata caldaia Sonda ritorno caldaia 23 .

ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. L’ acqua calda sanitaria.3. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori.5. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. le sonde. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso chiuso) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR Pompa impianto Pompa ricircolo IR V Impianto di riscaldamento Valvola di ritegno NOTE: Questo tipo di impianto è realizzabile solo se la normativa consente l’ impianto con vaso di espansione chiuso.5. 24 . in questo tipo di impianto. il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. viene prodotta solo con la caldaia murale a gas.

viene prodotta solo con la caldaia murale a gas. le sonde.3. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA. E’ consigliato il mantenimento di una temperatura di circa 75°C su caldaia a legna per avere una temperatura in uscita dallo scambiatore in rame di circa 60°C diretta all’ impianto di riscaldamento. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre. 25 . ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. in questo tipo di impianto. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR Pompa impianto Pompa ricircolo IR V Impianto di riscaldamento Valvola di ritegno NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU.5. il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia.6. L’ acqua calda sanitaria. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.

Il by-pass di taratura è utile solo se si utilizza valvola a tre vie motorizzata e deve essere tarata come segue: con caldaia a legna a 80°C aprire totalmente la valvola miscelatrice e parzializzare la portata del by-pass fino al raggiungimento della massima temperatura prevista all’ impianto. 80°C e una temperatura corretta all’ impianto es. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.7. viene prodotta solo con la caldaia murale a gas.3. 60°C. La miscelazione del circuito caldaia a legna consente di mantenere una temperatura elevata in caldaia (in funzione anticondensa) es. 26 . in questo tipo di impianto. L’ acqua calda sanitaria. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna < 35 kW (vaso chiuso) + valvola miscelatrice (manuale o motorizzata) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR VM Pompa impianto Pompa ricircolo Valvola miscelatrice IR V B Impianto di riscaldamento Valvola di ritegno By pass di taratura NOTE: Questo tipo di impianto è realizzabile con caldaie a legna con potenza inferiore a 35 kW.5.

5. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA. 27 . Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori.8. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. viene prodotta solo con la caldaia murale a gas. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe.3. le sonde. in questo tipo di impianto. L’ acqua calda sanitaria. Il by pass di taratura è suggerito se si utilizza una valvola miscelatrice motorizzata. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + valvola miscelatrice (manuale o motorizzata) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR VM Pompa impianto Pompa ricircolo Valvola miscelatrice IR V B Impianto di riscaldamento Valvola di ritegno By pass di taratura NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre.

Schema idraulico indicativo con caldaia a legna + cassetta di miscelazione per impianto a bassa temperatura (CASMIX) Legenda: PI PR Pompa impianto Pompa ricircolo V Valvola di ritegno NOTE: Lo schema prevede l’installazione della cassetta di miscelazione CASMIX direttamente collegata all’ impianto a bassa temperatura.5. Il circolatore e il termostato ambiente devono essere collegati al quadro comandi caldaia SY400 (la PI deve essere sempre collegata al quadro di caldaia per impedire il funzionamento a caldaia fredda a prevenzione di formazione di condensa).3. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. La cassetta di miscelazione è dotata di centralina di controllo e sonda esterna. 28 . ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe.9.

Il termostato ambiente deve essere collegato al PAS0102MU e avere un relè che comanda l’ accensione della PIM (pompa impianto a bassa temperatura).10. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.5. 29 .3. le sonde. L’ acqua calda sanitaria. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso chiuso) + cassetta di miscelazione per impianto a bassa temperatura (CASMOT) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto riscaldamento alta temperatura PIM V Pompa impianto bassa temperatura Valvola di ritegno NOTE: Questo tipo di impianto è realizzabile solo se la normativa consente l’ impianto con vaso di espansione chiuso. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. viene prodotta solo con la caldaia murale a gas. in questo tipo di impianto. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. Lo schema prevede l’installazione della cassetta di miscelazione CASMOT direttamente collegata all’ impianto di bassa e alta temperatura. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori.

Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA.3. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. viene prodotta solo con la caldaia murale a gas. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + cassetta di miscelazione per impianto a bassa temperatura (CASMOT) + caldaia murale a gas Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto riscaldamento alta temperatura PIM V Pompa impianto bassa temperatura Valvola di ritegno NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre. le sonde.5. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. 30 . Lo schema prevede l’installazione della cassetta di miscelazione CASMOT direttamente collegata all’ impianto di bassa e alta temperatura.11. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas. L’ acqua calda sanitaria. Il termostato ambiente deve essere collegato al PAS0102MU e avere un relè che comanda l’ accensione della PIM (pompa impianto a bassa temperatura). Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. in questo tipo di impianto.

5. 31 .3.12. La pompa impianto PI va collegata in parallelo al termostato ambiente e al microinterruttore di fine corsa della valvola deviatrice a 3 vie e alimentata ai morsetti 4 e 5 del quadro elettronico SY400 della caldaia a legna. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna + cassetta per produzione acqua calda sanitaria (CASGID) Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto riscaldamento V F C Valvola di ritegno Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Lo schema prevede l’installazione della cassetta CASGID per la produzione di acqua calda sanitaria in precedenza all’ impianto di riscaldamento. Sullo stesso quadro i morsetti TA devono restare ponteggiati.

in 32 .5. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe.13. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. In estate è abilitata solo la PB. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + bollitore sanitario Legenda: PI PR PB Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario IR V S3 Impianto riscaldamento Valvola di ritegno Sonda bollitore sanitario (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un bollitore sanitario per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento.3.

In estate è abilitata solo la PB. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia.14. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + bollitore sanitario + pannello solare Legenda: PI PR PB PS IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento V S1 S2 S3 Valvola di ritegno Sonda pannello solare (opzionale) Sonda scambiatore basso bollitore sanitario (opzionale) Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un bollitore sanitario doppio serpentino per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento con l’ integrazione dei pannelli solari.3. in 33 .5.

5.15.3. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA Lo schema prevede inoltre l’ installazione di un bollitore sanitario per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. in 34 . In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. In estate è abilitata solo la PB. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + bollitore sanitario Legenda: PI PR PB Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario IR V S3 Impianto riscaldamento Valvola di ritegno Sonda bollitore sanitario (opzionale) NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia.

3. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA.16. Lo schema prevede inoltre l’ installazione di un bollitore sanitario doppio serpentino per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento con l’ integrazione dei pannelli solari. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo. in 35 . In estate è abilitata solo la PB.5. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + bollitore sanitario + pannello solare Legenda: PI PR PB PS IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento V S1 S2 S3 Valvola di ritegno Sonda pannello solare (opzionale) Sonda scambiatore basso bollitore sanitario (opzionale) Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre.

Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso chiuso) + bollitore sanitario + caldaia murale a gas Legenda: PI PR PB IR V Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Impianto riscaldamento Valvola di ritegno S3 VD TB F C Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) Valvola deviatrice per sanitario Termostato bollitore per gestione valvola deviatrice Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un bollitore sanitario per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento con installata in parallelo una caldaia a gas murale. Questo tipo di impianto è realizzabile solo se la caldaia a legna ha una potenza massima inferiore a 35 kW. In estate è abilitata solo la PB. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza.3.5.17. 36 in .

il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. le sonde.Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. L’ acqua calda sanitaria viene prodotta con l’ accumulo quando la caldaia a legna è in funzione e può essere prodotta con caldaia murale a gas nel periodo estivo. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas. E’ consigliata la scelta di caldaia murale con produzione di acqua calda sanitaria istantanea per evitare di riscaldare l’ accumulo nel periodo estivo. 37 .

18. 38 in . Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso chiuso) + bollitore sanitario + pannelli solari + caldaia murale a gas Legenda: PI PR PB PS IR V Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento Valvola di ritegno S3 S2 S1 VD TB F C Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) Sonda scambiatore basso bollitore sanitario (opzionale) Sonda pannello solare (opzionale) Valvola deviatrice per sanitario Termostato bollitore per gestione valvola deviatrice Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un bollitore sanitario doppio serpentino per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento con l’ integrazione dei pannelli solari. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2.5. In estate è abilitata solo la PB. Questo tipo di impianto è realizzabile solo se la normativa consente l’ impianto con vaso di espansione chiuso. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza.3.

L’ acqua calda sanitaria viene prodotta con l’ accumulo quando la caldaia a legna è in funzione e può essere prodotta con caldaia murale a gas nel periodo estivo quando non è in funzione il pannello solare. 39 . il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. E’ consigliata la scelta di caldaia murale con produzione di acqua calda sanitaria istantanea per evitare di riscaldare l’ accumulo nel periodo estivo qualora la caldaia a legna sia spenta e il pannello solare non riesca a fornire la quantità di calore richiesta per la produzione di acqua calda sanitaria. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. le sonde. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU.

in 40 . I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA Lo schema prevede inoltre l’ installazione di un bollitore sanitario per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento.3. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + bollitore sanitario + caldaia murale a gas Legenda: PI PR PB IR V Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Impianto riscaldamento Valvola di ritegno S3 VD TB F C Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) Valvola deviatrice per sanitario Termostato bollitore per gestione valvola deviatrice Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto. In estate è abilitata solo la PB.5.19. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno.

E’ consigliata la scelta di caldaia murale con produzione di acqua calda sanitaria istantanea per evitare di riscaldare l’ accumulo nel periodo estivo.Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. L’ acqua calda sanitaria viene prodotta con l’ accumulo quando la caldaia a legna è in funzione e può essere prodotta con caldaia murale a gas nel periodo estivo quando non è in funzione il pannello solare . il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. le sonde. Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU. 41 . Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.

In estate è abilitata solo la PB. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo. Questo schema richiede tassativamente i modelli di caldaie a legna versione SA.3. I circuiti sono separati grazie allo scambiatore in rame immerso nella caldaia a legna e non necessita quindi di scambiatore a piastre.5. In inverno sono abilitate al funzionamento sia la PI (pompa impianto) che la PB (pompa bollitore) precedenza. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2. Sulla centralina SY400 della caldaia a legna è possibile scegliere la funzione estate / inverno. 42 in . Lo schema prevede inoltre l’ installazione di un bollitore sanitario doppio serpentino per la produzione dell’ acqua calda sanitaria in precedenza sull’ impianto di riscaldamento con l’ integrazione dei pannelli solari. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) con impianto di riscaldamento a vaso chiuso su serpentino in rame (versione SA) + bollitore sanitario + pannelli solari + caldaia murale a gas Legenda: PI PR PB PS IR V Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa bollitore sanitario Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento Valvola di ritegno S3 S2 S1 VD TB F C Sonda scambiatore alto bollitore sanitario (opzionale) Sonda scambiatore basso bollitore sanitario (opzionale) Sonda pannello solare (opzionale) Valvola deviatrice per sanitario Termostato bollitore per gestione valvola deviatrice Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Lo schema prevede il vaso di espansione aperto sul circuito corpo caldaia a legna e il vaso di espansione chiuso sul resto dell’ impianto.20.

Ad ogni apertura della porta superiore (grazie al microinterruttore) si ripristina la precedenza sulla caldaia a legna se nel menù “MODE” è stato impostato il tipo di funzionamento “combinato automatico”. 43 . il quadro PAS0102MU al quadro comandi SY400 della caldaia. E’ consigliata la scelta di caldaia murale con produzione di acqua calda sanitaria istantanea per evitare di riscaldare l’ accumulo nel periodo estivo qualora la caldaia a legna sia spenta e il pannello solare non riesca a fornire la quantità di calore richiesta per la produzione di acqua calda sanitaria. Il menù “MODE” permette anche di scegliere il funzionamento solo a legna o solo a gas.Il quadro elettrico PAS0102MU ripristina la precedenza sulla caldaia a legna concedendo 30 minuti per raggiungere la minima temperatura fumi quando avviene la ricarica o l’ accensione della legna (attraverso lo scatto del microinterruttore porta) garantendo il funzionamento alternato e mai simultaneo dei due generatori. le sonde. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. L’ acqua calda sanitaria viene prodotta con l’ accumulo quando la caldaia a legna è in funzione e può essere prodotta con caldaia murale a gas nel periodo estivo quando non è in funzione il pannello solare . Il termostato ambiente verrà collegato al PAS0102MU.

La pompa di carico puffer PB funziona tramite le temperature lette dalle sonde S3 e S2.5. 44 . le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. La pompa impianto PI funziona tramite la temperatura letta da S3 e dal termostato ambiente collegato nella centralina SY400 della caldaia a legna. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + puffer Legenda: PI PR PB IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Impianto riscaldamento V S3 S2 Valvola di ritegno Sonda alta puffer (opzionale) Sonda bassa puffer (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un accumulo inerziale (puffer) tra la caldaia a legna e l’ impianto di riscaldamento.3.21. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe.

22. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + puffer + cassetta di miscelazione per impianto a bassa temperatura (CASMIX) Legenda: PI PR PB IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Impianto riscaldamento V S3 S2 Valvola di ritegno Sonda alta puffer (opzionale) Sonda bassa puffer (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’installazione di un accumulo inerziale (puffer ) e della cassetta CASMIX direttamente collegata all’ impianto a bassa temperatura. Il circolatore e il termostato ambiente devono essere collegati al quadro comandi caldaia SY400 (la PI deve essere sempre collegata al quadro di caldaia per impedire il funzionamento a caldaia fredda a prevenzione di formazione di condensa).3. 45 . ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. Questo tipo di impianto è realizzabile solo se la caldaia a legna ha una potenza massima inferiore a 35 kW.5. La cassetta di miscelazione è dotata di centralina di controllo e sonda esterna.

5. le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + puffer + cassetta per produzione acqua calda sanitaria (CASGID) Legenda: PI PR PB IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Impianto riscaldamento V S3 S2 Valvola di ritegno Sonda alta puffer (opzionale) Sonda bassa puffer (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’installazione di un accumulo inerziale (puffer ) e della cassetta CASGID per la produzione di acqua calda sanitaria in precedenza all’ impianto di riscaldamento. La pompa impianto PI va collegata in parallelo al termostato ambiente e al microinterruttore di fine corsa della valvola deviatrice a 3 vie e alimentata ai morsetti 4 e 5 del quadro elettronico SY400 della caldaia a legna. 46 . Sullo stesso quadro i morsetti TA devono restare ponteggiati.3.23. ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe.

ATTENZIONE: per un buon funzionamento dell’ impianto è necessario collegare elettricamente le pompe. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2.3.24.5. 47 . le sonde e il termostato ambiente al quadro comandi SY400 della caldaia. La pompa impianto PI funziona tramite la temperatura letta da S3 e dal termostato ambiente collegato nella centralina SY400 della caldaia a legna. La pompa di carico puffer PB funziona tramite le temperature lette dalle sonde S3 e S2. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + puffer combi + pannelli solari Legenda: PI PR PB PS IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento V S3 S2 S1 Valvola di ritegno Sonda alta puffer (opzionale) Sonda bassa puffer (opzionale) Sonda pannelli solari (opzionale) NOTE: Lo schema prevede l’ installazione di un accumulo inerziale combinato (puffer combi) tra la caldaia a legna e l’ impianto di riscaldamento con l’ integrazione del pannello solare.

Questa pompa dovrà essere comandata esternamente al quadro caldaia SY400 e collegata direttamente al termostato ambiente. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + bollitore sanitario + puffer + pannelli solari Legenda: PI PR PB PS IR Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Pompa pannelli solari Impianto riscaldamento V TMP S3 S2 S1 Valvola di ritegno Termostato di minima puffer (opzionale) Sonda alta puffer (opzionale) Sonda bassa puffer (opzionale) Sonda pannelli solari (opzionale) NOTE: In questa tipologia di impianto utilizziamo l’ uscita elettrica PI per caricare il puffer mentre la “Pompa impianto” indicata nello schema è il circolatore che carica l’ impianto di riscaldamento IR dell’ abitazione. Si consiglia l’ installazione del termostato di minima temperatura puffer TMP (tarato a 50°/60°C) da posizionare nel punto alto del serbatoio inerziale e collegato direttamente al termostato ambiente in modo da far azionare la “Pompa impianto” solo se il puffer ha raggiunto la temperatura impostata sul termostato. All’ uscita elettrica TA del quadro SY400 dovrà essere presente un ponte in modo da poter permettere alla pompa carico puffer PI il funzionamento secondo i parametri di temperatura caldaia.25. La pompa PS (pannelli solari) viene gestita direttamente dalla centralina SY400 della caldaia a legna tramite il differenziale tra la sonda S1 e la sonda S2.5. Nel periodo invernale è presente la funzione antigelo.3. 48 .

26. 49 . L’impianto è ottimale per il riscaldamento con caldaia a legna di residence turistici e per agriturismi o con impianti con più zone che richiedono sanitario e riscaldamento per ogni zona. I termostati ambiente di zona vanno collegati sui Telepix mentre le pompe che caricano gli scambiatori vengono comandate dalla centralina elettronica SY400 della caldaia a legna con l’ ausilio della scheda di espansione per la gestione di più zone (SCH0005C) in modo da avere la sicurezza dello smaltimento dell’ inerzia termica o della sovratemperatura di caldaia. Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + Telepix Legenda: PI PR IR Pompa impianto Pompa ricircolo Impianto riscaldamento V F C Valvola di ritegno Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria NOTE: Il TELEPIX produce acqua sanitaria in precedenza con scambiatore istantaneo alimentato dalla caldaia a legna ed è in grado di servire un impianto di riscaldamento di qualunque tipo. anche a pavimento grazie ad una elettronica intelligente dotata di gestione con curva climatica. E’ in grado di alloggiare un contatore di energia di qualunque modello.5. Richiede una temperatura nell’anello non inferiore a 75°C.3.

50 . Schema idraulico indicativo con caldaia a legna (vaso aperto) + Telepix + puffer Legenda: PI PR PB IR V Pompa impianto Pompa ricircolo Pompa carico puffer Impianto riscaldamento Valvola di ritegno F C S3 S2 Ingresso acqua fredda sanitaria Uscita acqua calda sanitaria Sonda punto alto puffer (opzionale) Sonda punto basso puffer (opzionale) NOTE: Il TELEPIX produce acqua sanitaria in precedenza con scambiatore istantaneo alimentato da un accumulo inerziale posto tra la caldaia a legna e i moduli ed è in grado di servire un impianto di riscaldamento di qualunque tipo.3. Richiede una temperatura nell’anello non inferiore a 75°C. I termostati ambiente di zona vanno collegati sui Telepix mentre le pompe che caricano gli scambiatori vengono comandate dalla centralina elettronica SY400 della caldaia a legna con l’ ausilio della scheda di espansione per la gestione di più zone (SCH0005C) in modo da avere la sicurezza dello smaltimento dell’ inerzia termica o della sovratemperatura di caldaia. anche a pavimento grazie ad una elettronica intelligente dotata di gestione con curva climatica. L’impianto è ottimale per il riscaldamento con caldaia a legna di residence turistici e per agriturismi o con impianti con più zone che richiedono sanitario e riscaldamento per ogni zona.5. E’ in grado di alloggiare un contatore di energia di qualunque modello.27.

51 .

20070 San Rocco al Porto (Lodi) Tel. 16 (zona ind.: 0376/371454 Ufficio Tecnico (caldaie a gas) Tel.Tel.: 0376/273511 Ufficio Tecnico (caldaie a biomassa) Tel. MN Nord) 46030 San Giorgio (Mantova) P.IVA IT 01588670206 Tel.: 0377/569677 .Tel.Fax: 0377/569456 . 105 . Unipersonale Sede legale e produzione caldaie biomassa e acciaio Via I° Maggio.ARCA s.r.Fax: 0376/373386 .: 0376/273511 .l.com Tlx 301081 EXPMN I Direzione Commerciale .Gestione Ordini Clienti .: 0377/569677 Produzione caldaie a gas Via Papa Giovanni XXIII.E-mail: arca@arcacaldaie.: 0376/273511 .