Alberto D’Ottavi aka Hexholden

Web 2.0
Le meraviglie della nuova Internet

Il presente volume viene rilasciato con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non Commerciale – Non opere derivate Italia 2.0 Tu sei libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l’opera alle seguenti condizioni: - Attribuzione: devi riconoscere il contributo dell’autore originario; - Non commerciale: non puoi usare quest fopera per scopi commerciali; - Non opere derivate: non puoi alterare, trasformare o sviluppare quest fopera. In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest fopera. Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d’autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni. Le tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitati da quanto sopra. Un riassunto in linguaggio accessibile a tutti del Codice Legale (la licenza integrale) è online all’indirizzo internet www.creativecommons.it/node/64. Per informazioni sulle licenze Creative Commons applicate a questa opera: www.rgbmedia.it/creativecommons. Copyright © ottobre 2006 – rgb srl – Milano www.rgbmedia.it ISBN: 88-6084-035-X Finito di stampare nel mese di ottobre 2006 presso Legoprint – Lavis (TN)

Indice

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ix Capitolo 1 – Prima di cominciare: (un’introduzione al Web 2.0). . 1 Il punto di svolta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Alberi e nuvole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Le neotribù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Oggi e domani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Capitolo 2 – Il motore di ricerca sono io . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Del.icio.us. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 I tag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 Iscriversi a Delicious . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Usare Delicious . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Reddit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 Furl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Capitolo 3 – Le notizie all’incontrario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Digg.com . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Newsvine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 OhMyNews. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

vi

Indice

Capitolo 4 – Fotografia 2.0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Flickr. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Snipshot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 Phixr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 Capitolo 5 – Video 2.0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81 YouTube . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 Google Video . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Video 2.0: alcuni esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 Capitolo 6 – Musica 2.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 L’etichetta impossibile: Pandora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104 Last.FM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108 Yahoo! Musica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 Capitolo 7 – Sapere 2.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 Wikipedia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130 Il tuo wiki . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136 Yahoo! Answers . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141 Capitolo 8 – Persone 2.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143 MySpace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143 Linkedin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146 Buoni motivi per incontrarsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153 Capitolo 9 – Te lo do io il Web 2.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155 Ning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157 Checklist. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

PersonalTech, collana di strumenti pratici per capire Internet, è già un

caso editoriale: per la prima volta gli autori vengono dalla rete, e sono quegli stessi lettori che per anni non hanno trovato risposte negli altri manuali. I migliori blogger italiani raccontano le nuove tecnologie in modo rapido, visuale e immediato. E finalmente con un linguaggio comprensibile!

L’Autore
Alberto D’Ottavi, giornalista professionista, si occupa di nuove
tecnologie sin dal 1989. Nella sua lunga carriera ha collaborato con la quasi totalità delle riviste hi-tech italiane. Nel tempo libero che gli resta, Alberto si tramuta in Hexholden, il coordinatore del progetto www.infoservi.it, autorevole e aggiornatissimo blogmagazine di notizie sul fenomeno del Web 2.0.

Questo libro non invecchierà mai...
...anzi, resterà sempre aggiornato proprio nel luogo che lo ha visto nascere: in rete. Hexholden continuerà a raccontare le meraviglie del Web 2.0 all findirizzo www.infoservi.it. Su www.rgbmedia.it troverai aggiornamenti, approfondimenti e tutorial di tutto quanto viene spiegato nel libro.

Prefazione

Il mondo non smette di stupirci e confonderci. Ci eravamo appena – o forse quasi – abituati ai cambiamenti imposti dalla galassia Internet, con tutte le sue favolose diavolerie tecnologiche e quella capacità spiazzante di curvare spazi e tempi, che è arrivato il Web 2.0 a rimettere tutto in discussione. Allora, rimettiamoci in cammino: Alberto D’Ottavi in questo agile volume ci porta a spasso con mano sicura per questa nuova Rete fatta di partecipazione, ovvero, in ultima analisi, di persone. Se il “primo” web è stato sostanzialmente contenuti e servizi, resi improvvisamente accessibili come mai era stato nella storia delle persone, ci renderemo presto conto che il secondo web è il cangiante campo di energia prodotto dagli stessi internauti, che sono a un tempo autori e utenti e, anzi, sfidano proprio nei loro termini fondamentali queste due definizioni. Si tratta, almeno per alcuni, e forse non a torto, di un ritorno alla Rete “autentica”, fatta di scambi tra i suoi attori, e non solo di file resi accessibili su di essa, siano essi pure un album musicale o un telegiornale. Chi scrive, che per lavoro si occupa di un quotidiano on-line, può aggiungere questo: vi sono grandi possibilità sotto il cielo di questa nuova Rete, che nella sua sostanziale reimpaginazione dei ruoli di produttore di contenuti/servizi e di recettore degli stessi mette in campo una mobilità – che saremmo tentati di qualificare “sociale” – di cui si sente un gran bisogno, in un momento della storia che vede fin troppo immobili troppe categorie. Marco Formento Il Secolo XIX

Capitolo 1

Prima di cominciare: (un’introduzione al Web 2.0)
Del Web 2.0 si fa un gran parlare, da un paio d’anni a questa parte. E, come sempre capita durante le fasi di innovazione, il fenomeno è circondato più da confusione che da chiarezza. È normale. Innanzitutto perché la tecnologia si è sempre mossa a ondate: a lunghi periodi di diffusione silenziosa di nuovi sistemi, sono seguiti momenti in cui questi sembravano diventare di massa all’improvviso. È successo negli ultimi anni con la fotografia digitale, e prima con il peerto-peer, e prima ancora con l’instant messaging. Il Web 2.0 è, per Internet, uno di questi momenti in cui l’onda si fa improvvisamente visibile. Negli Stati Uniti è già successo, in Europa sta succedendo, in Italia sta cominciando. In secondo luogo la “confusione” è dovuta al fatto che la tecnologia è il terreno primario della convergenza. Non è semplicemente un insieme di prodotti, come l’industria degli elettrodomestici, né un servizio (nel senso di “utility”) come quello telefonico, né propriamente un media, come giornali e tv. Ma è tutto questo e anche qualcosa di più, perché consente alle persone di interagire non solo con questi prodotti, servizi o informazioni, ma soprattutto tra di loro. E sono quindi le persone, sempre più spesso, a indirizzare l’industria verso sviluppi imprevisti. Questa tendenza si è resa visibile già nell’informatica: da sempre guidata dalla ricerca più avanzata, negli ultimi anni sono stati gli andamenti di acquisto e uso a influenzare la ricerca stessa verso soluzioni più compatte, economiche, efficaci. Internet, di questa tendenza, è la massima espressione. Come tutti i mezzi di comunicazione, a partire dalle strade che quando si incrociano creano i presupposti per fondare una città, ciò che mette in contatto le persone genera idee, invenzioni e fenomeni imprevedibili, con una dinamica che è stata paragonata alla propagazione dei virus.

2

Capitolo 1

A queste due brutte immagini, “confusione” e “virale”, preferisco piuttosto la ricchezza dell’idea di “diversità” genetica, che è ciò che assicura che il nostro corredo di geni continui a trasformarsi per adattarsi all’ambiente, propagando le specie. Ed è quindi mettendo insieme uno spirito d’indagine da antico naturalista con un moderno approccio pratico e orientato all’uso, che è nato questo libro. Nelle prossime pagine troverete delle tangibili guide visuali per usare subito le nuove applicazioni “2.0”, contornate dal tentativo di chiarire quali ne siano i principi ispiratori. Che si possono sintetizzare in due aspetti: tecnici e sociali. Come ben illustrato dall’inventore del termine, l’editore ed esperto di tecnologie Tim O’Reilly.

Il punto di svolta

Il documento che ha ufficialmente sancito l’inizio del Web 2.0 risale al 30 settembre del 2005, ed è quindi piuttosto recente. Il termine vuole segnare una demarcazione con la New Economy, retrospettivamente definita “1.0”, ritenuta limitata per i suoi eccessi finanziari, per una certa debolezza del modello e perché, in sostanza, si trattava di una fase del mercato che si poteva considerare conclusa. Molti erano spariti, molti erano sopravvissuti, ma soprattutto un gran numero di tecnologie continuavano a fiorire. Internet era più viva che mai, e bisogna quindi capire come si era trasformata. Ciò che, nella mia modesta opinione, è stato sottovalutato nelle discussioni che sono seguite alla pubblicazione di quell’articolo, è il suo sottotitolo: “Design patterns and business models for the next generation of software”. Dove la cosa importante, qui, è “software”. O’Reilly identifica quindi una serie di tecnologie che stavano avendo (o avevano già avuto) un enorme sviluppo: il modello peer-to-peer, la programmazione “leggera” consentita dai linguaggi di scripting e di descrizione come XML, il collegamento tra elementi consentito da RSS e, in generale, la trasformazione del software da prodotto a servizio, il cui esempio principale è la ricerca in Google. Tutti questi (e altri) elementi, che vanno quindi annoverati tra le cause del Web 2.0 e non tra gli effetti, tra gli strumenti e non tra le “feature”, portano a due concetti cruciali: il web come piattaforma (o sistema operativo), e la centralità dei dati (o del database). I database sono sempre esistiti, è vero. Ma il software come siamo abituati a conoscerlo è di solito un insieme di funzioni “vuote”, descritte dalle API di programmazione che sono segreti ben custoditi

Prima di cominciare (un’introduzione al Web 2.0)
al cuore delle software house. I dati dobbiamo metterceli noi. Qui è il contrario: le applicazioni esistono in virtù dei loro dati (esempio Google: l’indice dei siti), e vengono messe a disposizione in forma di servizio, da sito a utente o da sito a sito. E per questo motivo le API devono essere “aperte”, visibili, accessibili a chiunque. Perché più vengono utilizzate più dati si generano. Primo ribaltamento del mondo.

3

Così il web diventa una piattaforma, essenziale per collegare una funzione all’altra – per esempio un database di ristoranti con uno di mappe stradali. Ed è in questo modo che comincia un altro fenomeno del Web 2.0. Intanto le applicazioni, anziché monolitiche, diventano dei “mash-up”, cioè fatte con componenti prese da fonti diverse e che vengono “mischiate”. Forse un po’ azzardato, ma non improbabile, è pensare a un word processor specializzato, per esempio, per gli avvocati, senza il vocabolario giapponese né l’editor di equazioni matematiche, ma con l’accesso in tempo reale all’ultima versione del Codice Civile o della Gazzetta Ufficiale, e ad altre componenti che ognuno può comporre come preferisce. E il tutto porta a un altro paradigma del Web 2.0: portare on-line l’esperienza di cui oggi usufruiamo sul desktop dei nostri computer. Bum, secondo ribaltamento del mondo. Il tutto porta a creare applicazioni aperte, collegate le une alle altre in modalità “leggere”, ben diverse dai modelli tradizionali, per esempio i web services, che richiedono metodi di programmazione rigidi e chiusi. E, se sono così, le chiavi della porta principale vengono consegnate all’elemento più importante della Rete: le persone.

Alberi e nuvole

Questo titolo non deve fuorviare, non è per niente fantasioso. Uno dei grandi problemi del web 1.0 era l’organizzazione delle informazioni all’interno dei siti. Con una metafora semplicistica, si parlava di “alberi”: un tronco (l’home page) che si divide in rami (i canali), e così via fino alle foglie, ovvero le pagine da leggere. Un problema irresolubile, finché non si è deciso – e sono stati Delicious e Flickr, due “campioni” del 2.0, a farlo – di rigirare il problema agli utenti. Ciascuno poteva quindi etichettare le informazioni come preferiva (bum, di nuovo), con dei “tag”, che vengono visualizzati a nuvola. Nasce la folksonomy, perché in americano un modo amichevole per dire “le persone” è appunto “folks”. Questo è anche l’aspetto più evidente dell’altra parte essenziale del Web 2.0: l’emergenza del

4

Capitolo 1

contenuto generato dagli utenti. L’esempio principe dello user-generated content è quello dei blog, che ormai hanno circa un lustro di vita. Ma gli stessi blog, tutto sommato, si può dire siano semplicemente qualcosa che è sempre esistito e che era in cerca di una piattaforma per esprimersi. Internet, ovviamente, è stata la risposta, e in particolare il meccanismo dei link incrociati, tra un blog e un altro, tra un post di un blog e un altro. Questi “permalink”, contrazione di “permanent link”, hanno trasformato il web da una piattaforma per pubblicare a una per comunicare. La relazione così non è più “verticale”, tra la persona e il sito, ma orizzontale, tra persona e persona, mediata da quanto uno scrive sui blog. Si è creata così una forma di comunicazione innovativa: la comunicazione di gruppo. Gruppi che si incontrano, si riconoscono e interagiscono sulla base di interessi e curiosità comuni, in Internet, ne sono sempre esistiti. Newsgroup, forum e quant’altro hanno sempre rappresentato punti d’incontro di community “specializzate”, per così dire. Ma sono sempre stati visti come nicchie, un po’ maniacali e soprattutto come generatori di “pagine viste”, più che di vero e proprio contenuto. Niente di più sbagliato. Intanto la maggior facilità d’uso degli strumenti ha fatto sì che i contenuti che tutti produciamo, e vogliamo condividere, non siano più limitati ai messaggi di testo, ma siano completamente polimediali (per inaugurare un termine che sostituisca l’obsoleto “multimediali”). Facciamo foto e generiamo playlist di musica digitale, cioè le nostre compilation private, come fossimo DJ. Con i podcast possiamo addirittura produrre programmi di tipo radiofonico, e da sempre facciamo video di gatti o cani, dei figli, delle feste, eccetera. Ma soprattutto esprimiamo preferenze, indichiamo gusti, segnaliamo ciò che ci piace e cosa no. In sintesi, produciamo contenuto e vogliamo condividerlo. Partecipiamo. Sono quindi proprio i gruppi di nicchia, oggi, a segnare la direzione, a dirci come ci stiamo comportando ed evolvendo.

Le neotribù

Nel suo libro “Il marketing tribale”, Bernard Cova, professore di sociologia del consumo alla Scuola di Management di Marsiglia e visiting professor all’Università Bocconi, delinea alcuni criteri di interpretazione dei nuovi comportamenti sociali che, pur nati qualche anno fa come teoria di marketing, si rivelano oggi estremamente attuali ed efficaci per comprendere gli aspetti “social” del Web 2.0: partecipazione e condivisione.

Prima di cominciare (un’introduzione al Web 2.0)

5

In estrema sintesi, Cova parla di come attualmente sia in atto un movimento, inverso rispetto ai decenni passati, di tentato ritorno verso le radici, l’autenticità, il locale. Nell’ambito di una società che definisce postmoderna, segnala «un’inversione di polarità: “tradizionali” oggi sono la modernità e il progresso, mentre “moderni” sono invece la tradizione e il regresso», quest’ultimo inteso ovviamente non come “tornare indietro” ma come una riscoperta di concetti arcaici come l’appartenenza a una comunità, o, appunto, a una “tribù”. Una tribù che non è più organizzata solo in base a principi familiari, territoriali, di provenienza etnica o religiosa, né tanto meno secondo criteri di classificazione demografica classici come età, titolo di studio, eccetera. Ma rappresenta invece un microgruppo sociale dove gli individui interagiscono e intrattengono tra loro legami emozionali, condividono passioni ed esperienze similari. Neotribù dalle quali si può entrare e uscire facilmente, anche più di una volta al giorno o in più di una. Una delle conclusioni di Cova, quindi, è che le aziende devono aiutare i propri “consumatori” (nel nostro caso “utenti”) a «prendere il controllo». Che è esattamente ciò che le applicazioni Web 2.0 consentono di fare. Prendono così nuova luce le dinamiche di Rete, il “network effect”, la diffusione “virale” delle informazioni, i principi di auto-accrescimento e auto-aiuto propri delle community (on-line ma non solo). E giungiamo a un’altra semplice considerazione: che usando le applicazioni Web 2.0, e generando contenuto, otteniamo sempre di più di quello che diamo. Pubblicando un link, una notizia, una foto o un video con un determinato tag, per esempio, potremo facilmente vedere quello che tutti gli altri utenti hanno classificato nel nostro stesso modo. Trasformandoci da spettatori ad autori, troviamo strumenti e fonti prima impensabili per realizzare ogni nostro interesse.

Oggi e domani

“Del doman non v’è certezza”, se non che comincia oggi. Anzi, nel caso del Web 2.0, è già cominciato. Con le parole di Massimo Martini, general manager di Yahoo! Italia: «Il fenomeno del blogging, o del social networking, nelle sue dimensioni attuali era impensabile fino a 12 mesi fa. Oggi tutti gli operatori del mercato si devono adattare». E Yahoo!, principe del web 1.0, è l’azienda che più di ogni altra ha investito in questo settore, acquisendo molti dei servizi che trovate nel libro, e continua a comprare. Google, che del Web 2.0 è riconosciuto

6

Capitolo 1

iniziatore, non è ovviamente da meno, anche se attualmente sembra più impegnato a fatturare con i link pubblicitari. Come dargli torto, d’altronde. Ed è proprio con gli introiti pubblicitari che si sorreggono, per ora, molte imprese 2.0, anche se sono ormai comparsi diversi modelli remunerativi. Per riprendere la metafora genetica, ci sarà sicuramente un po’ di selezione naturale, ma è certo che il Web 2.0 è qui per restare. Il primo esempio è, di nuovo, Yahoo! che, sempre secondo Martini, «ha una roadmap completamente incentrata sul 2.0», che riguarderà senz’altro anche l’Italia, dove il servizio Answers ha già raccolto un buon successo. Italia che, in termini di Web 2.0, appare ancora frammentata, con alcune iniziative interessanti, citate nel corso del libro, ma principalmente di tipo spontaneo. Un movimento invece forte in termini di opinione, soprattutto tra i blogger, dove il tema è invece “caldissimo”. Ed è proprio su un blog, Infoservi.it, che troverete la continuazione di questo libro.

Capitolo 2

Il motore di ricerca sono io

Del.icio.us

Nato nel 2003, questo sito dal buffo indirizzo (http://del.icio. us) è la prima e più nota applicazione “Web 2.0”. Il termine “applicazione” non è scelto a caso: a tutta prima può sembrare un normale sito web, o piuttosto un motore di ricerca. In realtà offre un gran numero di funzionalità. Più che qualcosa da “leggere”, o in generale da cliccare, è infatti uno strumento da “usare”.
L’aspetto un po’ spartano non deve ingannare, fa parte di un certo stile modaiolo proprio del Web 2.0. Nomi strani, home page quasi vuote, caratteri grandi… sono tutte caratteristiche che identificano un nuovo approccio nel modo di sviluppare siti. Molto “cool”. Ma non si tratta solo di una posa. Questo stile nasce dall’intenzione di sottolineare un nuovo elemento centrale della seconda (o terza, a seconda di come la vogliamo considerare) Internet: te. Proprio te che leggi. O, più in generale, gli utenti. Sembra una battuta, ma non lo è. I siti web 2.0 sono davvero concepiti in modo rovesciato rispetto a quelli tradizionali. Proprio perché sono applicazioni: non si limitano a “dare informazioni”. Ma, al contrario, forniscono una piattaforma – un’applicazione, un software – che consente agli utenti di “far delle cose”. La prospettiva più ampia del Web 2.0 è portare on-line, dentro il browser, un’esperienza equiparabile a quella che abbiamo giornalmente sul desktop del nostro computer. E tutto ciò è più vicino di quanto possa sembrare. Lo scopo di Delicious è semplice: permette di salvare link verso qualsiasi altro sito. In altri termini, si tratta di uno strumento che facilita la gestione dei Preferiti, come si chiamano in Internet Explorer. Ecco come si presenta l’homepage, recentemente rinnovata, la prima volta che ci colleghiamo all’indirizzo http://del.icio.us:

8
sembra proprio un motore di ricerca

Capitolo 2

in effetti, qua c’è una lista di link

qui parla di tag: cosa sono?

Archiviare i link è la funzione principale di questo servizio, ma ne rappresenta solo il punto di partenza. Si sono visti, e sono facilmente reperibili in Rete, tantissimi software che offrono questa capacità. Solo sul nostro desktop, però. Delicious è diverso perché consente di condividerli con altre persone, inviandoli ai nostri conoscenti e curiosando anche tra quelli salvati da sconosciuti. È il cosiddetto aspetto “social”, altro ingrediente fondamentale del Web 2.0 Oltre a consentire la condivisione delle informazioni, però, questo rappresenta un’altra novità intrigante: è estremamente facile e rapido scoprire cose di cui non si sapeva nulla fino a un attimo prima – mentre in un motore di ricerca, tipicamente, si cerca qualcosa che si conosce già.

Il motore di ricerca sono io
In Delicious l’home page cambia ogni 30 minuti:

9

la hot list riporta ciò che sta avvenendo sul sito: è l’elenco dei link segnalati negli ultimi 1.800 secondi

con Popular si accede alla lista completa dei link più… popolari – lo dice la parola stessa :)

qui viene indicato quante persone hanno salvato un certo link

I tag

Delicious, consente di classificare gli indirizzi web in modo personale. Dimenticate le strutture classiche – e noiose – come “news”, “business”, “tempo libero”, eccetera. Ogni link che salvate può essere classificato liberamente, con una o più parole chiave quali “divertimento giochi online”, “esperienzedivita”, o qualsiasi cosa vi passi in mente. Siccome però gli utenti vengono da ogni parte del mondo, conviene usare l’inglese – meglio quindi “photography” che “fotografia”. Queste parole chiave – etichette – si chiamano “tag” e rappresentano la realizzazione pratica della famosa “folksonomy”: non è il

10

Capitolo 2

sistema a organizzare le informazioni in modo statico (denominato “taxonomy” o, in altri scenari, “onthology”), ma, anche in questo caso, sono gli utenti stessi (“Ehi, folks!”) a classificare i siti. Per avere un’idea, o meglio un colpo d’occhio, di quali siano i tag più usati su Delicious basta seguire il link “more…” che si trova nella parte destra dell’home page, nella sezione “tags to watch”. Si visualizza quella che viene chiamata “tag cloud” (la nuvola dei tag), dove la scritta più grande indica una maggiore popolarità.

i tag più utilizzati sono evidenziati per grandezza. Ogni parola è un link che porta ai siti classificati con quel determinato tag

tramite la voce “by size” si ordinano le voci per popolarità
A sottolineare l’aspetto sociale e di condivisione, dopo essersi iscritti al sito la stessa schermata si presenta con alcuni tag scritti in rosso: sono quelli che condividiamo con qualsiasi altro utente. Anche la funzione di ricerca, a differenza di quanto accade con i soliti motori, non restituisce ciò che il sistema ha trovato in Rete, o che i gestori del sito hanno deciso di registrare, ma proprio ciò che le diverse persone hanno salvato con un determinato tag.

Il motore di ricerca sono io

11

Estremamente utile è il fatto che si può usare un numero a piacere di etichette. Quindi un sito si può classificare, per esempio, per tipo (gossip, news, recensioni), per contenuto (sport, cinema, computer), per qualità (divertente, bello, approfondito), o per qualsiasi altra cosa vi venga in mente. Tecnicamente, questo rappresenta un passo avanti significativo rispetto al metodo più usato per registrare le informazioni: il file system del vostro disco fisso. Che si tratti di un pc o di un Mac, sostanzialmente entrambi i sistemi organizzano i file con una struttura cosiddetta “ad albero”. Categoria, sotto-categoria, sotto-sotto-categoria, eccetera. Qualcosa di simile a ciò che accade in una libreria: sullo scaffale “cucina” troverò i libri di cucina, divisi in “primi”, “secondi”, eccetera. Ma cosa succede se cerco un libro di cucina etnica? O meglio, se ho voglia di leggere dei racconti sulle cucine di paesi lontani? Questi libri non potrebbero forse stare nello scaffale “viaggi”? Questo è il famoso problema dell’ornitorinco. Un animale con becco d’anatra, coda da castoro e che depone uova, pur allattando i suoi piccoli. A occhio non sapresti se classificarlo tra i mammiferi, i rettili, gli uccelli, o cosa. Fuor di metafora, i sistemi di classificazione tradizionali sono mono-dimensionali: se nel disco fisso organizzi i tuoi file per data, non li puoi cercare per argomento – e viceversa. Ora, per fortuna, i computer sono più intelligenti di uno scaffale, e sarebbe l’ora che un po’ di questa intelligenza fosse messa anche a nostra disposizione. Metodi di organizzazione multi-dimensionale delle informazioni esistono da tempo, ma sono stati finora accessibili solo per la gestione dei dati delle grandi aziende. Si è visto qualcosa con le estensioni OLAP di Excel, giusto per capire di cosa stiamo parlando. Ma chi le ha usate le sa apprezzare. Il sistema dei tag ribalta il problema. Anziché interrogarsi su come realizzare la miglior classificazione possibile al mondo, un sito come Delicious dice agli utenti: “ok raga fatevelo voi, classificate un po’ come vi pare”. Così facendo si scopre che – ovviamente – la maggior parte delle persone ragiona allo stesso modo, e che la maggior parte dei tag vengono ripetuti, anche se è sempre possibile per ciascuno usare tag esclusivi (il che è bene). E infine, all’atto pratico, si realizza un sistema di organizzazione delle informazioni multi-dimensionale, che non puoi più disegnare come un albero ma, appunto, viene più efficacemente rappresentato come una nuvola.

12

Capitolo 2

In attesa di un qualche sistema di rappresentazione tridimensionale della nostra nuvola di tag (anche questo più vicino di quanto si possa pensare, vedi il capitolo su Digg), che ne metta in evidenza anche le relazioni, non stupisce che Microsoft abbia rimandato il rilascio di WinFS, il nuovo file system eliminato dalla beta di Windows Vista, al contrario di quanto aveva dichiarato. A me basterebbe che il computer mi permettesse di taggare i miei file come pare a me: non ho assolutamente bisogno che qualcuno mi dica come devo etichettare i miei file, o in quale directory devo metterli – avete presente “My Music”? Tornando a noi: siccome ogni tag è associato ad altre parole simili, la ricerca può procedere anche per affinità, fino a portarci a risultati inaspettati. Ecco come si presenta il risultato di una ricerca per “calcio”.

qui si vedono tag correlati (related tags): ognuno è cliccabile e porta ad altri risultati simili

la scritta con i caratteri più grandi è il link al sito

La lista è ordinata per numero di segnalazioni, e qui si vede quante persone hanno salvato l’indirizzo: cliccando sulla scritta evidenziata si ottiene la lista degli utenti

Il motore di ricerca sono io

13

Curiosare su ciò che stanno facendo altre persone con interessi simili ai nostri è forse l’opportunità più appassionante di queste applicazioni Web 2.0, o comunque del loro aspetto “social”. Ogni sito ha un indice di popolarità dato proprio dal numero di utenti che ne hanno salvato l’indirizzo. Anche questo è un link, e ci porta alla lista degli username, gli identificativi, dei vari utenti interessati alla stessa tipologia di siti che stiamo cercando noi. Ogni username è a sua volta un link, collegato alla pagina personale dell’utente. Ma non pensate che si tratti qualcosa di sconveniente, come “fare i guardoni”: tutti quelli che partecipano sono lì, appunto, per… partecipare, cioè per condividere cosa hanno scoperto in giro per la Rete. Le pagine personali, quindi, sono utili strumenti per trovare siti che non conosciamo e che sono stati scoperti da utenti con interessi simili ai nostri.

ecco la lista degli utenti che hanno salvato l’indirizzo della Gazzetta dello Sport. Si possono incontrare persone da ogni parte del mondo

questa è la lista dei tag che in qualche modo si riferiscono a quello che abbiamo cercato

ogni nickname è il link alla pagina personale dell’utente

14

Capitolo 2

Iscriversi a Delicious

Cominciare è facile: basta iscriversi. Una volta creato un nostro identificativo, si installeranno nel browser due ”bottoni” con i quali salvare i link dei siti durante la navigazione. Questi verranno registrati nella nostra pagina personale, che potremo consultare con comodo ogni volta che vogliamo. Allo stesso modo, potremo catturare i link che troviamo direttamente in Delicious. Per far questo è sufficiente ricominciare dall’home page. Nell’area destra, in bella evidenza (e anche questa è una caratteristica apprezzabile dei siti “2.0”) si trova l’area “sign up now”, dopodiché è sufficiente seguire queste istruzioni: v v Nell’home page inserire lo username che si preferisce, quindi una password (due volte) e un indirizzo di posta elettronica Nella pagina successiva, riportare nel campo le lettere presenti nell’immagine: serve ad accertarsi che siate essere umani (o, almeno, viventi) e non programmi spammer La schermata numero 2 ci dirà che il nostro “account” è stato creato. Procedere con il link “Install Buttons Now” Segui le istruzioni sullo schermo, o verificale con quelle nella prossima pagina. Ricordati di controllare la mail e, come al solito, cliccare sul link indicato per confermare che sei un essere umano e non… eccetera.

v v v

Bottoni & link su Delicious
I bottoni di Delicious si possono installare direttamente in Internet Explorer, Firefox, Safari, Opera. E si possono creare bottoni speciali anche per le toolbar di Google e Yahoo!. Infine, se i bottoni non ci piacciono, si possono salvare nei bookmark del browser direttamente i due link principali. Le istruzioni si trovano all’indirizzo http://
del.icio.us/help/buttons

Il link “Install Buttons Now” di Delicious attiva il download di un

Il motore di ricerca sono io
dopo aver cliccato su questo link…

15
…si apre questa finestra

piccolo “installer”. La prima schermata ci chiede “Salva” o “Esegui”. Scegliamo “Esegui”: il programma sarà scaricato tra i file temporanei di Internet Explorer e si cancellerà automaticamente quando faremo “pulizia”. Dopo il download Windows, che è un insicuro, ci chiede di nuovo se vogliamo eseguirlo. Ovviamente sì. A questo punto si attiva una normale procedura di Windows che

16
dovrebbe presentarsi così:

Capitolo 2

Una volta arrivati qua, procedete con il tasto Next, quindi accettate l’accordo di licenza e… insomma, ditegli sempre di sì. Alla fine si apre questa pagina:

il bottone principale ci porta direttamente alla nostra pagina. Cliccando su freccina accedi alle varie funzioni di Delicious

ecco i famosi bottoni

Il motore di ricerca sono io

17

Bene, potete ricominciare a navigare dove preferite. Quando incontrate un sito che vi interessa, premete sul pulsante Tag. Facciamo un esempio con Zeusnews, sito italiano di notizie tecnologiche: dopo aver premuto il bottone, si apre una semplice finestra dove inserire alcune semplici informazioni.

i campi URL e Description sono già compilati, di solito. Nel caso mancasse la descrizione è utile mettere anche il nome del sito. Nella lista della tua pagina personale, infatti, vedrai solo la descrizione, non l’indirizzo, quindi conviene scrivere una cosa veloce ma comprensibile

il campo Notes non è obbligatorio. Se nella pagina hai selezionato del testo, sarebbe stato pre-compilato anche questo

qui puoi inserire i tag di vostra fantasia, semplicemente scrivendoli, oppure iniziare con i suggerimenti sotto. Basta cliccarci sopra e verranno copiati nel posto giusto. Oppure puoi fare un mix delle due cose. In ogni caso, inizierai a compilare la tua lista personale di tag

18

Capitolo 2

E così via. Man mano che navigate, salvate link e aggiungete tag, la vostra pagina personale su Delicious si popolerà, e così accadrà anche ai vostri tag. Inizierete così a estendere anche una vostra rete personale di contatti informali: tutti quelli che hanno salvato gli stessi vostri indirizzi. Sarà poi possibile trasformarli in un vero e proprio “network” di vostri amici.

Usare Delicious

Dopo un po’, quindi, la vostra pagina iniziale su Delicious diventerà affollata come quella in fondo a questa pagina. Quasi ogni scritta che trovate è un link, assolutamente facile e autoevidente da capire. I vostri favoriti, nella parte centrale, sono organizzati al contrario: prima gli ultimi. Dovrete cliccare sulla voce “earlier” (precedenti) per visualizzare quelli salvati in passato. Nel web 2.0 è tutto al contrario, è il suo bello. Nella parte destra vedete la vostra tag cloud, che potete anche visualizzare come lista, e con diversi ordinamenti. Nel titolo, in caratteri grandi, vedete il link all’homepage e a questa stessa pagina personale: l’indirizzo http://del.icio.us/vostrouser è già attivo, e potete comunicarlo a chi vi pare. Subito sotto, un piccolo percorso, che comincia da “your favorites”, la pagina in cui ci troviamo. Tramite il link “arrange tags” potete creare dei raggruppamenti di tag, efficaci per associare argomenti simili. I vostri tag rimarranno comunque sempre accessibili anche singolarmente.

Il motore di ricerca sono io
nel titolo vi sono i link principali: rappresenta già l’indirizzo alla vostra pagina personale

19
i link sono in ordine contrario di registrazione: dall’ultimo al primo. Il colore più o meno scuro indica la popolarità di ogni indirizzo

qui le opzioni per cambiare il modo in cui sono visualizzati e per gestirli

20
qui inserire il nome del bundle che volete creare

Capitolo 2
nella finestra principale inserisci i tag che vuoi siano raggruppati sotto quel bundle: basta cliccare sui tag presenti nella vostra lista

ricordarsi di salvare :)
Rivediamo un attimo nel dettaglio la parte del titolo e del percorso della pagina. Il secondo link è “your network”, e ovviamente all’inizio sarà vuoto, perché non avete ancora “fatto amicizia” con nessuno. È facile: basterà cliccare sul nome di un utente, visualizzando così la sua pagina personale, perché nella fascia grigia diventino visibili le istruzioni per inserire quella persona nel nostro network. All’inizio converrà, magari, farsi mandare da un amico l’indirizzo della sua pagina personale, anziché collegarsi con uno sconosciuto. Ma ognuno ha i suoi gusti.

da qui si aggiunge l’utente Aramk al nostro network

qui invece si visualizzano i suoi amici

Il motore di ricerca sono io
Ecco come appare la pagina del network: sulla destra la lista dei nostri “Amici di Delicious”:

21

così si presenta la pagina dopo aver cliccato su Your Network

qui puoi aggiungere direttamente altri amici, se conosci il loro username

da questo link puoi rendere il tuo network privato, cioè impedire che altri possano curiosare tra i tuoi contatti
Nella vostra “inbox”, invece, troverete segnalazioni relative a tag ai quali vi siete “abbonati”. Per cui vi verranno proposti link che altre persone hanno “taggato” con quella parola. Ecco come si presenta la prima parte della mia.

tramite il link “edit inbox” puoi inserire i tag che ti interessano

22

Capitolo 2

Il prossimo passo è “link for you”: qui troverete gli indirizzi che i vostri amici vi segnalano, pensando che potete trovarli interessanti. Per fare questo si usa un tag speciale, “for:”, come in questo esempio:

quando salvi un indirizzo aggiungi il tag “for:” seguito dal nome utente, senza spazio
Così sto mandando l’indirizzo di questo sito, una piattaforma per creare wiki di tipo commerciale, al mio amico e socio di blog Luca Galli, il cui nick è “alter”. Un’ultima cosa: nello spazio bianco dopo il vostro nome, nella zona del titolo, potete inserire un tag per vedere immediatamente la lista dei vostri link con quell’etichetta. Niente di che, cliccare su un tag nella tag cloud ottiene lo stesso effetto, ma utile per capire che in qualsiasi momento si può scrivere, nel browser, http://del.icio. us/tag/iltagchevoglioio per vedere cosa c’è di nuovo su quell’argomento. Bene, il tour della nostra prima applicazione Web 2.0 è praticamente finito. In realtà non abbiamo detto proprio tutto: quasi. Qualcosa è sempre meglio lasciare che si scopra man mano, altrimenti che gusto c’è? Ah, e quando lo scoprite non mancate di segnalarmelo. That’s all, folks!

Il motore di ricerca sono io

23

Reddit

Delicious fa parte di un movimento che nell’ultimo anno si è fatto molto popolato. Un altro esponente di questa schiera è Reddit (www. reddit.com). Molto simile, anzi ancora più spartano, è stato fatto da un gruppo di quattro studenti.

sei su reddit.com: tramite le frecce al link viene associato un voto

in quest’area si trovano le funzioni di servizio, tra cui il link per l’iscrizione

Non ha il meccanismo dei tag. Però ha alcuni “sub-reddit”, ovvero pagine tematiche. Quella sul web 2.0 offre una lista piuttosto nutrita di applicazioni. Reddit è una via di mezzo verso ciò che vedremo nel prossimo capitolo, perché oltre a salvare i link permette di “votarli”, e così facendo genera delle classifiche. Similmente fa con gli utenti: ai più attivi viene assegnato un “karma” più forte. Insomma: si tratta di una cosa un po’ “hard core”, proprio da campus americano. Però merita una navigata, capita che offra link a notizie un po’ diverse dal solito. Il che, tutto sommato, è una qualità non così frequente, in Rete.

24

Capitolo 2

Furl

Il nome di Furl (www.furl.net) deriva da “file URL”, ovvero link a un file. Al meccanismo descritto in Delicious aggiunge un ingrediente simile a quei software che consentono di salvare i siti web in “locale”, cioè sul proprio computer. È esattamente quello che fa: oltre al bookmark, salva anche una copia della pagina segnalata, sui loro server. In più offre una funzione di ricerca interna al testo della pagina salvata. Una specie di mini-Google solo sulle pagine che interessano a me. Forte.

dopo l’iscrizione ti conviene installare la toolbar: Con “Furl It” la pagina viene salvata nel tuo spazio personale su Furl

i tab consentono l’accesso alle funzioni relative al tuo account

un elenco delle pagine che stanno salvando gli altri utenti

Il motore di ricerca sono io
i risultati di una ricerca all’interno delle mie pagine su Furl: indica subito in quale delle pagine che ho salvato è presente il nome “Masayoshi Son”, che stavo cercando

25

nella parte bassa Furl ci segnala altri risultati compatibili, recuperati all’interno del sito stesso o in giro per la Rete
Furl permette quindi di personalizzare la ricerca Internet in un modo ancora più accurato di quanto abbiamo visto finora: all’interno di pagine che abbiamo salvato noi. Diventa così un nostro piccolo “Internet Archive” personale. Ma cosa sia l’Internet Archive lo scoprirete in un prossimo capitolo.

26

Capitolo 2

Checklist
Abbiamo parlato di…
v v v v v v Come curiosare in Delicious alla ricerca di link strani, nuovi e divertenti. Alla scoperta di ciò che i motori di ricerca non dicono Vedere quel che stanno salvando sul sito gli altri utenti proprio mentre lo visitate (be’, diciamo in un intervallo di 1.800 secondi) Come funzionano i tag, cos’è una tag cloud e perché è uno strumento efficace per organizzare le informazioni Iscriversi a Del.icio.us e installare i “bottoni” Salvare i Preferiti e organizzarli con i tag Creare un proprio network di amici e scambiare i link

Glossario

“for:”: È il tag usato in Delicious per segnalare indirizzi interessanti ad altri utenti Folksonomy: L’organizzazione basata su tag definiti dagli utenti (“folks”). A differenza di “taxonomy” e “onthology”, non è rigida e permette di usare un qualsiasi metodo di categorizzazione Link: Noti anche come URL, per Uniform Resource Locator, ovvero “[indirizzo] univoco per identificare una risorsa”. Insomma, sono gli indirizzi delle pagine web. Internet Explorer li chiama “Preferiti”. Netscape, ai tempi, li chiamava invece “bookmark”, segnalibri, ed è forse questo il termine più diffuso OLAP: On-Line Analytical (transaction) Processing, ovvero analisi ed elaborazione on-line delle transazioni. Un modo complicato per definire una tecnologia di analisi e visualizzazione multidimensionale dei dati. Si applica quando si vogliono analizzare i fenomeni da diversi punti di vista. L’esempio classico è l’analisi delle vendite per regione, negozio, e periodo di tempo. Queste sono tre dimensioni, che definiscono un “cubo” di dati. Questi, però, possono facilmente avere più di tre dimensioni, che definiscono quelli che vengono chiamati “iper-cubi”. Roba un po’ matematica, da immaginare. Come hanno fatto più di vent’anni fa Gibson e Sterling, gli scrittori di fantascienza che hanno inventato il termine “ciberspazio”: è questa roba qua.

Il motore di ricerca sono io
Pop-up: Le maledette finestrelle che si aprono (“pop!”) davanti al browser. Quelle appena appena più furbe che si aprono dietro si chiamano “pop-under” Social: La caratteristica di condivisione delle informazioni proprio delle applicazioni Web 2.0

27

Tag cloud: La “nuvola” dei tag, dove la grandezza del carattere indica la popolarità del termine Tag: Serve a etichettare le informazioni nel modo che si preferisce Username: Detto anche “nickname”, è il nomignolo che ci identifica in un qualsiasi sito

Capitolo3

Le notizie all’incontrario

Con Del.icio.us abbiamo visto come funziona quel che si chiama “social bookmarking”, ovvero la condivisione degli indirizzi Internet, detti appunto anche “bookmark” (segnalibri). È uno strumento utile ed efficace, ma generico. Se Delicious è nato nel 2003, già poco tempo dopo nascevano i primi servizi 2.0 che ne applicavano i principi in diversi scenari.

Digg.com

Digg (www.digg.com) è un modo per condividere informazioni, trovate in giro per la Rete, che si ritengono interessanti. Opera con un meccanismo di segnalazione dei link vagamente simile a quello di Delicious, a cui aggiunge un’altra funzione peculiare: il fatto di attribuire un punteggio alla singola notizia segnalata.

30
questo è il numero delle segnalazioni che la notizia ha ricevuto: ogni utente può lasciare un solo “digg”

Capitolo 3
l’homepage presenta le storie più popolari al momento, ma vi sono molte altre modalità di visualizzazione

presenta anche un modo classico di organizzazione delle notizie in “canali”

cliccando su questi link si vedono le notizie più “diggate” in diversi intervalli di tempo

Upcoming Stories sono le storie appena segnalate, in attesa dei loro digg

Le notizie all’incontrario

31

Anche Digg ha una “tag cloud”, ma meno efficace di quella di Delicious:

con questi tasti link si passa dalla visualizzazione tradizionale a quella a nuvola e viceversa

facendo “pagina giù” compare anche l’ora in cui sono state “fotografate” le varie nuvole

Se trovi una notizia interessante, puoi dargli un punto – il tuo “digg”. Le notizie che hanno più punti, cioè che sono piaciute a un più alto numero di utenti, avranno maggiore visibilità. Cliccando sul link, si va alla notizia originale, oppure si può “sostare” su Digg per commentarla. Come al solito, però, la prima pagina del sito presenta ciò che sta accadendo – o meglio, ciò che gli utenti stanno facendo più o meno nel momento in cui ci si collega, o comunque in un lasso di tempo piuttosto breve. Digg, con la versione 3 rilasciata quest’estate, ha anche sviluppato degli interessanti strumenti di visualizzazione avanzata per vedere ciò che accade veramente in tempo reale, come il nuovo Digg Stack (http://labs.digg.com/stack).

32
i rettangolini bianchi che cadono sono i “diggers”, cioè gli utenti che segnalano o diggano una storia

Capitolo 3

le storie segnalate si “impilano” qua sotto. Il colore indica il numero di digg

questi orologi indicano l’intervallo di tempo verificato. Ho un amico in banca che impazzirebbe per controllare la situazione in modo simile

L’abbiamo detto nel capitolo precedente: più di vent’anni dopo l’invenzione del termine, signore e signori, ecco a voi il ciberspazio: solo che non si tratta di un ambiente creato ad hoc, come in certe fantasie cinematografiche della realtà virtuale. È generato in tempo reale dall’attività degli utenti. L’altro tool simile, Swarm, oltre alle storie mostra anche come si muovono gli utenti, quali storie stanno leggendo e in quanti, come le storie sono collegate, eccetera.

Le notizie all’incontrario
dopo Stack, ecco Swarm!

33
i cerchietti rappresentano gli utenti

un utente può leggere più storie contemporaneamente – o il contrario, ovviamente
Ma questi sono strumenti ancora un po’ futuribili, anche se rappresentano solo una delle molte applicazioni delle ricerche avanzate in corso nel mondo del web. Un giorno è probabile che ne vedremo una diffusione più ampia. Nel frattempo, meglio non farsi ipnotizzare. Insomma, come dicono loro, «Digg is all about user powered content», tutto ruota intorno al contenuto “potenziato” dagli utenti. Torneremo su questo punto, intanto vediamo come cominciare: per partecipare in prima persona, oltre a punteggi e commenti è ovviamente possibile aggiungere link alle notizie che si ritengono interessanti. Ed è proprio qui che viene fuori un’altra importante differenza tra i servizi 2.0 e i classici portali web vecchio stile. Siamo infatti noi a creare contenuto sul sito, cioè ad aggiungere informazioni destinate ad altri. In parte questo è già vero con Delicious, dove, con la descrizione e l’eventuale annotazione al link che registriamo, iniziamo a “dire la no-

34

Capitolo 3

stra”. In Digg questo è più evidente, anzi è un elemento fondamentale: ogni volta che aggiungiamo un link il sistema ci chiede infatti una descrizione anche abbastanza lunga (350 caratteri) dell’articolo che vogliamo segnalare. Sarà la nostra breve recensione, e non un testo creato da chi ha pubblicato originariamente la notizia, a essere visibile agli altri utenti del sito. Quindi: “Join Digg”. Una volta registrati ed effettuato il login, Digg cambia e ci consente di interagire:

come al solito, tutto comincia con una procedura di registrazione

è semplice: solo ricorda di controllare la mail

qui i collegamenti all’area personale e alla funzione di aggiunta di una nuova storia

cliccando sul titolo si va direttamente all’originale

“Digg it”, se la notizia ti è piaciuta

Le notizie all’incontrario
ho già diggato una notizia, non posso farlo due volte

35
però posso commentarla o “spedirla” direttamente nel mio blog o via mail

La cosa più divertente però è proporre una nuova storia. Cliccando sul link “Submit a New Story” si apre una pagina semplicissima che ci chiede la URL della pagina a cui vogliamo puntare. Ci segnala anche qualche norma di comportamento e ci ricorda – buon senso – che è opportuno cercare se qualche altro utente non avesse già sottoposto la storia prima di noi.

occhio alle indicazioni: stai proponendo una storia sensata? Stai linkando direttamente alla pagina giusta

inserisci l’indirizzo della storia che vuoi segnalare, con un semplice copia & incolla

Altra indicazione utile che ci viene data è di “essere descrittivi”, perché noi siamo gli “story editor”. Forse esagerato, però è vero che la nostra micro-recensione di tre o quattro righe è tutto ciò che leggeranno gli altri utenti, per cui bisogna essere efficaci se si vuole stimo-

36

Capitolo 3

lare l’altrui attenzione. D’altronde, se l’abbiamo sottoposta vuol dire che la storia ci piace, no? Io in effetti qui sono stato un po’ laconico, ma non c’era molto che potessi dire: ho segnalato la recensione di un sistema di alimentazione a celle solari e batterie per lampioni stradali, dotati per di più di antenne Wi-Fi (o Wi-Max). Ci pensate? Niente più strade buie a costo quasi zero, e per di più con Internet veloce. In Camerun l’hanno fatto. Perché questa digressione? Perché non è sempre facile trovare una storia per Digg: migliaia di altri utenti stanno “scavando” la Rete e segnalando cose interessanti, per cui è possibile che il link di vostro interesse sia già stato inserito. Questo stimola a trovare curiosità particolari, e così a creare news “dal basso”.

inserisci un titolo breve ma efficace: deve attrarre l’attenzione!

questo è lo spazio per la tua recensione

scegli la categoria a cui appartiene la notizia che stai segnalando

Le notizie all’incontrario
in fondo alla pagina trovate le solite istruzioni per verificare che tu non sia... un software maligno

37
anteprima del risultato e, se è tutto ok, “Submit Story”

evviva! Ha funzionato tutto

posso anche commentarmi da solo, ma direi poco senso :). Piuttosto, posso mandare via e-mail il link a un amico

38

Capitolo 3

proprio vero, eccomi online, nella pagina “Upcoming stories” di Digg: ma è bastato un secondo di ritardo nel cliccare che qualcuno ha già inserito una nuova notizia. 20 minuti dopo sarò già a pagina 4, ma avrò “conquistato” diversi digg da sconosciuti
Stare un po’ di tempo su Digg, le prime volte, può far girare la testa. C’è una quantità tale di notizie che vanno e vengono, salgono e scendono che si può rimanere sconcertati. Dopo poco, però, ci si abitua a un nuovo metodo di lettura: non più quello strutturato a percorsi cosiddetti “ad albero” di un normale newsmagazine, bensì una consultazione che definirei “orizzontale”, se non proprio tridimensionale come potrebbe essere lo spostarsi all’interno di una nuvola. In un giornale web vecchio stile, infatti, si clicca su degli argomenti, definiti solitamente “canali”, si trovano delle liste a volte organizzate in sottocanali, si seleziona una storia e spesso si è persa la cognizione di dove ci si trova, o non si è riusciti a leggere un altro argomento interessante qualche livello più su.

Le notizie all’incontrario

39

In Digg niente di tutto questo. Si sta sulle pagine principali, quelle per frequenza o per argomento, e le news si muovono praticamente da sole. Quando si clicca su un titolo, l’impostazione di default fa sì che si apra una nuova finestra del browser. Si legge e si chiude (o si fa Alt+Tab) per tornare a Digg e vedere cosa c’è di nuovo. Lasciare un digg su una storia, inoltre, serve anche come una sorta di bookmark. Le storie che abbiamo diggato, infatti, finiscono nella nostra pagina personale.

cliccando sul tasto “Profile” si accede alla nostra pagina personale

qui troviamo elencate le storie che abbiamo diggato, commentato o aggiunto noi. Come al solito, si può cambiare visualizzazione

I meccanismi di base dei siti 2.0 sono piuttosto simili. Una volta presa confidenza con la logica di base, ci si troverà subito a proprio agio anche con altri servizi, per quanto diversi possano sembrare. Possiamo usare la nostra pagina personale come archivio per le notizie: registra tutto ciò che abbiamo diggato, commentato o segnalato. Inoltre, in quest’area è possibile gestire il nostro profilo, le impostazioni del sito e i nostri “amici”, con un meccanismo simile a quanto abbiamo visto per Delicious.

40
tramite questi bottoni (Edit) si possono modificare le informazioni

Capitolo 3
qui un rapido riepilogo della nostra attività sul sito

da qua si gestiscono gli amici e si curiosa su quel che han fatto recentemente
Così come in Delicious, anche qua si può curiosare nelle pagine personali di altri utenti. Io, per non saper né leggere né scrivere, ho scelto Kevin Rose, il fondatore di Digg: mi incuriosiva vedere che storie digga lui.

cliccando sul nome di un utente si visualizza la sua pagina personale. Così lo si inserisce nella nostra lista degli amici. Hi, Kevin!

Le notizie all’incontrario

41

Timidezze e privacy

Può intimidire, o sembrare indiscreto, curiosare nelle pagine personali di altri utenti, o pensare che altri possano curiosare nella nostra. In realtà, tutti questi servizi hanno un sistema che consente di proteggere la privacy, se lo vogliamo, o di rendere inaccessibile la nostra pagina personale. La domanda è: perché? Questi nuovi siti son fatti apposta per condividere, cosa abbiamo da guadagnarci a restare nascosti? È il bello dell’economia della Rete, di cui parlo più avanti. E se invece abbiamo paura dello spam, è compito del sito averne cura. Per parte nostra basta aprire la posta elettronica per trovarne di ogni tipo. E che questi siti possano spesso sostituire efficacemente l’e-mail, limitando lo spam, è un’idea che si sta facendo avanti.

Il sistema è semplicissimo: dalla pagina di conferma poi si possono anche aggiungere amici “veri”, che non sono in Digg ma che vogliamo invitare nel nostro “network”

42

Capitolo 3

Digg & RSS

Digg non ha una funzione per inviare e ricevere storie direttamente, come fa Delicious con il tag “for:”. Però, se si vuole restare aggiornati su cosa hanno letto i nostri amici, ci si può iscrivere al loro feed RSS. Praticamente tutte le pagine di Digg, infatti, ne hanno uno. Utile per leggere con calma qualcosa che sappiamo già che può interessarci.

Se, infine, troviamo Digg troppo caotico, tramite il link “Manage Topics” presente nella nostra pagina di configurazione del “profilo” possiamo “spegnere” determinati argomenti. Siccome a me piace farmi del male, ho tolto tutte le robe divertenti (ma era giusto una prova ;).

la casella principale deseleziona tutte le altre

deselezionando queste caselle eviti la visualizzazione di argomenti che non ti interessano

A questo punto osservate la barra dei canali (topics): è cambiata. E se cliccate “View All” vedrete che l’homepage è cambiata ancora. Un sito ritagliato sulle vostre richieste. Non male no?

Le notizie all’incontrario

43

Newsvine

Newsvine (www.newsvine.com) fa ancora un passo in più. Ha un taglio più orientato all’informazione, e offre – non solo, ma anche – notizie provenienti da fonti “ufficiali” come Associated Press, una delle principali agenzie di stampa al mondo. Newsvine all’apparenza è più simile a un quotidiano on-line, l’organizzazione degli argomenti è molto “internazionale”: Simile a un quotidiano on-line, quindi, ma a differenza di questi Newsvine consente di commentare gli articoli. Come Digg, inoltre, accetta le segnalazioni di link a testi che abbiamo trovato interessanti in giro per la Rete, che chiama “seed” (semi). Ma, soprattutto, ci consente di scrivere interi articoli, in prima persona. E forse di guadagnare: se diventerete collaboratori ufficiali, infatti, Newsvine vi riconoscerà il 90% del ricavato pubblicitario.

qua però vediamo subito che i “canali” sono anche “tag”. In questo campo puoi saltare direttamente a un argomento di cui conosciamo già l’etichetta, effettuare ricerche classiche nel testo, oppure ancora cercare gli utenti per il loro nominativo

Una prospettiva forse un po’ remota, ma che schiude le porte su un altro importante scenario del Web 2.0: lo “user-generated content”,

44

Capitolo 3

nella declinazione specifica del “citizen journalism”. L’esempio classico sono i blog, fenomeno che negli ultimi anni ha raggiunto dimensioni impressionanti. Al momento in cui scrivo, Technorati.com, il principale motore di ricerca di questo tipo di siti, tiene traccia di circa 52 milioni di blog. E sicuramente sono solo una parte di quelli presenti nel mondo. L’abitudine, che un po’ tutti abbiamo preso negli ultimi anni, di dire la nostra, o semplicemente esprimere i nostri umori tramite un diario personale, si è evoluta in qualcosa di più. In sintesi, il ciclo “commento (o scrivo) – segnalo – guardo la pagina di un utente che mi interessa – lo registro nella lista degli amici” è un circolo virtuoso che ci consente di stare in contatto con il nostro gruppo, il nostro network. Non tramite comunicazioni uno-a-uno, ma tramite una dinamica, appunto, di gruppo. Si tratta di un modo di comunicare che né il telefonino né le e-mail sono in grado di supportare altrettanto efficacemente. Per far questo, si condividono le informazioni, si partecipa a discussioni pubbliche, e così via. Si plasma una Rete personalizzata sulle nostre esperienze, anziché semplicemente visitare ciò che qualcun altro ha pensato potesse interessarci. Con una visione più allargata, questo tipo di parteci-

come in altri casi, è presente un’organizzazione simile a quelle classiche, a cui siamo abituati. Ma anche qui la maggior parte del contenuto è generato dagli utenti, cioè dai blog

qui indica il numero di blog che tiene sotto controllo: al momento sono più di 51 milioni

Le notizie all’incontrario

45

pazione può ribaltare il centro dell’informazione: non più il giornale, bensì il lettore. D’altronde abbiamo già detto che il bello del 2.0 è che è tutto all’incontrario, no? Digg e Newsvine stanno scardinando un elemento cruciale di ogni giornale (anzi, di ogni media, come vedremo): il palinsesto, cioè l’ordine e la gerarchia degli argomenti e delle notizie. Torniamo su Newsvine:

Storie nel cassetto

Quante storie hai nel cassetto? Quante foto, o video? Dai, confessa: non venirmi a dire che non hai mai scritto una pagina di racconto, o una poesia, che non hai un album fotografico, o quantomeno che non ti è mai capitato di essere così orgoglioso per un lavoro che hai fatto, da non avere la voglia di farlo vedere ad altri. La scintilla dello user-generated content è tutta qui. Ma sta appiccando il fuoco all’intera Rete.

il canale – o tag – è organizzato in sottocanali, come nei giornali normali

ma qua è possibile registrare la nostra preferenza per questo argomento. Diventa pian piano un giornale personalizzato

46

Capitolo 3

Sì, ci sono i canali, e altri raggruppamenti “classici”, ma di base l’ordine di lettura è definito dagli utenti stessi, tramite i digg o i seed, i commenti, eccetera. Per cui possono essere in prima evidenza fatti che solitamente finiscono per essere scartati dai giornali “normali”, per esigenze di spazio o per scelta editoriale. Vengono “a galla” curiosità, nuovi prodotti mai recensiti prima, video storici, e mille altri fatti poco noti ma che evidentemente risultano interessanti a molti lettori. Anche per questo abbiamo intitolato questo capitolo “Le news all’incontrario”.

una volta effettuati registrazione e login, sulla sinistra compare la barra delle funzioni di interazione con il sito: il link “Watchlist” mi porta alla lista degli argomenti che ho deciso di tenere d’occhio (in altri termini, al mio palinsesto personalizzato)

il bottone “Seed Newsvine” è in realtà un link: basta salvarlo nei Preferiti del browser con un clic destro del mouse. Poi si potrà salvare una pagina web direttamente mentre la si sta visitando, come si fa con i bottoni di Delicious The Greenhouse.. cos’è?

Le notizie all’incontrario
così si presenta il pannello per “seminare” (seed) una nuova storia in Newsvine

47

le informazioni da inserire sono quelle standard. L’istruzione <blockquote> serve a evidenziare il testo come citazione, se stai facendo copia e incolla. Se invece scrivi di tua fantasia, toglilo

i tag possono corrispondere con quelli che avete già visto nel sito o altri, come preferite
Inizialmente, le news sono lo strumento per fare conoscenza. Poi il processo si ribalta: quando capiamo che un certo utente segue argomenti interessanti, è lui a diventare il mezzo per scoprire le notizie:

48
ecco la notizia appena seminata su Newsvine

Capitolo 3
qui il link d’accesso alla mia pagina Newsvine personale

E quindi visitiamo direttamente la sua pagina per vedere se ha scovato qualcosa di nuovo:

image 28 freccia su GRETA’S FRIENDS, IN BASSO A DX: la pagina di una certa Greta: oltre alle sue notizie, vediamo la lista dei suoi amici. Magari scrivono cose interessanti anche loro. Scorrendo la pagina in giù troverai anche la sua Watchlist, gli autori che tiene d’occhio

Le notizie all’incontrario

49

Normalmente, infatti, se riceviamo un favore, ci fa piacere ricambiare. Qui è lo stesso, con in più il meccanismo virtuoso che più noi si partecipa, più si riceve. Ci costa poco sforzo, perché alla nostra partecipazione corrispondono i contributi di un gran numero di utenti. Quindi tutti ci guadagnano.

The Greenhouse

Può capitare di sentir dire che un marchingegno del genere non può funzionare, perché verrà riempito da cose inutili e insulse, se non proprio “sporcato” da maleducati. Fossi in voi, non farei amicizia con chi dice cose così: chi le pensa spesso le fa. Ma a parte questo, affermazioni di questo tipo tradiscono scarsa familiarità con la Rete. Lamer, lurker e troll sono pochi in quantità sorprendente, rispetto agli utenti che invece capiscono il tipo di ingaggio che un qualsiasi sito propone, e decidono di stare al gioco lealmente. Spiego cosa siano questi strani animali nel glossario in fondo al capitolo. Comunque Newsvine è molto attento a questo aspetto, e fa fare un po’ di pratica ai nuovi utenti. All’inizio, infatti, gli aspiranti collaboratori compaiono solo nella pagina “Greenhouse”. In italiano potremmo chiamarla “cucina”, se non proprio “gavetta”. È comunque un modo per “pulire” le notizie.

Rispetto a Digg, quindi, Newsvine fa un passo avanti. Qui ogni aspirante scrittore / giornalista / commentatore può cimentarsi con l’ardua impresa di scrivere e dire la sua in prima persona, con l’aspirazione di raccogliere e interessare un suo proprio pubblico tramite quella che si chiama “Column”, termine tipico del giornalismo anglosassone per indicare la rubrica personale di un determinato giornalista. Ecco la mia “column”. Di base è una pagina personale, con aspetto più professionale e molte più funzioni, indicate nella barra nera:

50
in alto a sx sulla barra nera: in questa prima parte della barra sono presenti le funzioni per personalizzare la pagina, scrivere un articolo, aggiungere un seed e altro

Capitolo 3
nella parte destra della barra le opzioni di configurazione, la lista degli amici e... il riepilogo di quanto abbiamo guadagnato con la pubblicità. Magari!

la nostra pagina personale è più complessa del solito. Possiamo aggiungere consigli di lettura, e molto altro. È più simile a una pagina web personale, può raccogliere un gran numero di contenuti
A leggere la nostra colonna, o rubrica, all’inizio saranno amici e conoscenti, ma l’esposizione al traffico che questi siti generano, grazie all’aspetto social che abbiamo imparato a conoscere in queste pagine, potrà metterci in contatto con altri lettori, come accade nei blog. E si diventa quindi editori di se stessi, senza spendere un centesimo se non tempo e buona volontà.

Le notizie all’incontrario
dalla barra si accede a questa pagina, dove possiamo modificare l’aspetto della nostra “column”

51
si può agire sui tasti posizionati in ogni box o sui tab in alto

Clicca su “Write an article” sulla barra nera in alto: si apre una pagina piuttosto semplice da interpretare:

scrivi titolo, testo, classificazione e via. Puoi anche controllare l’ortografia, che in inglese non si sa mai.

52

Capitolo 3

L’articolo può esser salvato come “Unpublished” cioè come bozza, e quindi non reso evidente sul sito: questo mi permette di ragionarci e lavorarci ancora su:

il mio articolo è salvato, ma il sistema mi avverte che è ancora in bozza: se sono soddisfatto devo selezionare “Published” e salvarlo di nuovo. Comunque potrò sempre modificarlo in futuro – ma in tal caso è buona creanza segnalare cosa è stato aggiornato

dopo un po’ l’articolo comparirà nella Greenhouse. Ah, sempre gavetta…

Le notizie all’incontrario

53

Sì, è vero, l’assoluta maggioranza delle notizie che si trovano su Digg e Newsvine è in inglese. Di simile a Digg e in italiano, per ora, mi risulta solo OKnotizie (http://oknotizie.alice.it), che sembra però ancora piuttosto acerbo. Newsvine, inoltre, ha l’aspetto e la “durezza” di un vero giornale. Non banale. Ma c’è chi va ancora oltre, e sono i coreani. Da qualche anno accade che, nella tecnologia, importanti stimoli di innovazione vengano dall’Asia, India e Cina soprattutto. È successo anche nei media: è stato Oh Yeon Ho, dopo una lunga esperienza come giornalista e reporter, a creare ciò che è diventato l’esperimento di citizen journalism più significativo al mondo: OhMyNews.

OhMyNews

Quello che oggi è un giornale on-line, che compete a pieno titolo con le testate più “blasonate”, è nato in Corea del Sud nel 2000. La pagina in coreano è per noi difficile da apprezzare, però incuriosisce per la sua vivacità, segno di una cultura diversa dalla nostra. Il sito in inglese (http://english.ohmynews.com) ha invece l’aspetto di un canonico newspaper internazionale.

Image 33
In questo caso diventare collaboratori accreditati è ancora più difficile. OhMyNews, infatti, paga per gli articoli pubblicati, ed è quindi presente un filtro redazionale ancora più stretto di quello di Newsvine. Come quest’ultimo, inoltre, presenta anche lanci e notizie di agenzia, per cui ai citizen journalist viene richiesto uno sforzo in più della semplice segnalazione di un evento, o del commento a un’altra notizia. Gli articoli sono principalmente analisi, anche lunghe e complesse, il che se da una parte allontana un po’ dall’approccio di lettura come semplice aggiornamento sui fatti, rappresenta dall’altra un elemento di elevata qualità. La cultura, gli scenari politici e dell’informazione, le abitudini e i desideri dei giovani, in Corea del Sud, sono molto diversi che da noi. Si tratta inoltre del Paese con il maggior tasso di connessioni in banda larga al mondo. Non è quindi possibile fare un paragone diretto tra la loro esperienza e la nostra. Però OhMyNews si rivolge a un pubblico internazionale, e sta funzionando. Tanto che ha recentemente creato una versione giapponese con una redazione dedicata, grazie al finanziamento di 10 milioni di dollari.

54

Capitolo 3

Nonostante le differenze, dunque, risulta utile – e comunque divertente - impratichirsi con questi campioni internazionali. Digg è già un fenomeno, avendo conquistato anche la copertina di Business Week, oltre che la bella cifra di 60 milioni d i dollari in finanziamenti. È anche diventato un modello per molti altri servizi, come Delicious nel suo campo, tra cui proprio Netscape (www.netscape.com) – guarda un po’ chi si rifà vivo. L’azienda che ha sviluppato il primo browser commerciale ha recentemente ristrutturato il suo sito proprio inserendo un meccanismo di votazione delle notizie. Newsvine è un esperimento più di nicchia. Come giornale on-line riporta spesso notizie che non capita di trovare altrove, e risulta, a volte, efficace. Come strumento forse non è adatto a tutti, ma certo si tratta di una bella palestra per chi si vuole cimentare nel giornalismo. Come David Seymour, per esempio, un “novellino” con alle spalle 30 anni di BBC, che potete trovare su Newsvine tra gli autori della Greenhouse – a meno che non sia stato “promosso” nel frattempo.

Checklist
Abbiamo parlato di…
v v Dal “social bookmarking” alle “social news”: la condivisione delle notizie Con i tool di visualizzazione in tempo reale di Digg abbiamo fatto un piccolo passo nel futuro. Piccolo per noi, ma chissà per l’umanità Votare le notizie tramite i digg serve anche a creare una pagina personale Sottomettere nuovi link richiede la stesura di una breve descrizione, primo piccolo esperimento di “user-generated content” Newsvine ci fa fare un passo avanti: oltre a tutto ciò, permette anche la stesura di veri e propri articoli: inizia il “citizen journalism”

v v v

Glossario

Ciberspazio: Definizione coniata dagli scrittori di fantascienza William Gibson e Bruce Sterling a metà degli anni ’80, per definire la rappresentazione spaziale dei dati contenuti nel computer, i loro collegamenti e il loro movimento attraverso la Rete. Molti anni prima di

Le notizie all’incontrario

55

Matrix, che porta questo concetto all’estremo, il primo film a rappresentare questa idea è stato Johnny Mnemonic, del 1995, non a caso con Keanu Reeves Citizen journalism: Detto anche “giornalismo partecipativo”, è il giornalismo fatto dai cittadini, che diventano creatori di notizie e altri contenuti. L’esempio storico è rappresentato dalle foto scattate dai passanti in occasione degli attentati di Londra Column: noi diremmo “rubrica”, è lo spazio che un giornale dedica a un singolo giornalista, anziché a una categoria di notizie Digg – dugg: Dai un voto alla notizia – Hai già dato il tuo voto Feed RSS: Un sistema per vedere subito, tramite gli RSS aggregator, se ci sono nuovi articoli su un sito o un blog Greenhouse: La sezione di Newsvine dove i nuovi collaboratori vengono parcheggiati a fare pratica Lamer, lurker e troll: Lamer e troll sono simili, si tratta di persone che provano il curioso piacere a scatenare litigi nei gruppi di discussione in Rete. I lamer di solito cercano di far arrabbiare gli altri utenti fino alle parolacce, i troll più spesso si militano a ingarbugliare i discorsi con argomenti che non c’entrano. I lurker, invece, sono quelli che leggono sempre ma non scrivono mai: questo termine sì che ha un po’ il senso di “guardone” Network: In questo contesto, la nostra rete personale di conoscenze. Si usa anche dire “fare networking”, ma questo soprattutto a Milano o in altri posti dove qualsiasi parola nuova diventa subito un modo per farsi notare Palinsesto: L’elenco degli argomenti, e/o la struttura del giornale o della trasmissione Postare: Aggiungere un post, ovvero un articolo (tipicamente su un blog) Seed: L’aggiunta di un link a una notizia, in Newsvine Social bookmarking: La condivisione dei link, o meglio dei bookmark To dig: Letteralmente “scavare” User-generated content: Il contenuto generato dagli utenti (cioè me, te, tutti). Di più nei prossimi capitoli

Capitolo 4

Fotografia 2.0

Come abbiamo visto, in questo bizzarro Web 2.0 tutto gira attorno allo “user-generated content”. E se questo è vero per le notizie, figuriamoci per le foto. Da quando nel 1888 il signor Eastman ha presentato al pubblico la prima macchina fotografica personale, chiamata Kodak, riprendere immagini è diventato un passatempo comune per ogni famiglia. Lo slogan ai tempi era “you press the button, we do the rest”. Comprando la macchina si acquistava anche l’equivalente di allora della pellicola e del servizio di sviluppo e stampa. Una volta finito di scattare si imbustava la macchina, la si mandava ai laboratori e si ricevevano le stampe, che si potevano volentieri sfogliare assieme, in famiglia.

Flickr

Dall’acquisizione alla stampa, nell’ultimo secolo, è cambiato tutto. Internet ha cambiato anche l’ultimo passaggio: guardare le foto. Flickr (www.flickr.com) è stato il primo sito a offrire un servizio online di condivisione delle immagini, partendo dal presupposto che non è più la carta il supporto preferito, ma il computer stesso. Potete creare dei fotoalbum, o anche dei DVD da guardare in televisione. Ma la cosa più semplice da fare, per far vedere le foto ad amici e parenti vicini e lontani, è mettere tutto on-line. Il “photo sharing”, appunto. Anche in questo caso il sito offre tutti i meccanismi “social” che abbiamo già visto. E, nonostante sia nato pochi mesi dopo Delicious, è stato proprio Flickr a inaugurare l’idea della “tag cloud”. Più di altri siti, però, Flickr offre funzioni applicative, come l’organizzazione delle foto e alcune minime possibilità di fotoritocco.

58
Cosa fanno gli altri?

Capitolo 4

La prima cosa da fare, per esser seri, è registrarsi, ovviamente. Ma suggerirei anche di esplorare in giro. In questo caso la curiosità può fare solo bene.

da questo link si accede tramite un account Yahoo!, oppure ci si iscrive

prima, però, diamo un’occhiata in giro tramite le pagine “Explore”

Fotografia 2.0
Così si presenta la prima pagina “Explore”:

59

qui Flickr presenta alcuni criteri secondo i quali seleziona le foto più interessanti

qui si accede ai dettagli dell’autore della foto

Last Seven Days, le foto dell’ultima settimana

60
la parte bassa della pagina Explore mostra la tag cloud a cui siamo ormai abituati

Capitolo 4
altri due metodi che useremo spesso: i “Set”, insiemi di foto, e i “Group”, gruppi di discussione tra utenti

Nata in Canada nel febbraio del 2004, questa impresa è stata acquisita da Yahoo! già nel marzo del 2005. Oggi è una risorsa privilegiata anche per fotografi appassionati, esperti e addirittura semi-professionisti. O, meglio, per una nuova tipologia di utenti che si definiscono “amateur professional”, “professionisti amatoriali”. Basta sfogliare le pagine delle foto evidenziate come interessanti per scoprire che vi sono scatti di qualità eccellente. Curiosare tra le foto degli altri, oltre che discuterne, porta a scoprire e imparare molto, in campo fotografico. Le dinamiche “social” rivela-

Fotografia 2.0

61

no così, una volta di più, le loro qualità. Flickr è quindi diventato anche uno strumento di promozione per chi vuole occuparsi di fotografia in modo “serio”. Per questo è anche disponibile un abbonamento “Pro”, a pagamento. L’abbonamento gratuito, cioè quello che si attiva automaticamente all’iscrizione, è limitato per “banda occupata”: non si può effettuare l’upload di più di 20 megabyte al mese – un limite non molto restrittivo, in verità. Inoltre, non si possono creare più di tre set, e verrà mostrato solo un massimo di 200 foto nella nostra lista. Le immagini in più non vengono cancellate: non vengono mostrate nella nostra lista su Flickr. Se però avete pubblicato da qualche parte un link diretto, questo resterà valido.

Photos

Forse anche per fornire un’alternativa più alla portata di tutti, Yahoo! sta approntando una nuova versione del suo servizio Photos (http://it.photos.yahoo.com). Ancora non pubblico al momento in cui scrivo, presenta della pubblicità, che su Flickr è invece quasi assente, e una più evidente possibilità di stampa e creazione di diversi altri oggetti con le nostre immagini: per esempio borse, o altro.

Iniziare con Flickr
Le funzioni di base di Flickr, però, sono semplici da usare e molto comode. In pochi passi si potranno salvare le foto on-line, raggrupparle in set equivalenti a dei foto-album, e visualizzarle come presentazione, o mandarne il link agli amici perché se le guardino con comodo. Come al solito, tutto inizia con una procedura di registrazione, necessaria però solo se non si possiede un account Yahoo!. Se così è, si può accedere direttamente. Altrimenti bisognerà seguire i link “Sign up” per creare una nuova Yahoo! ID, con un procedimento simile a quanto abbiamo già visto. Al termine, ci verrà presentata una schermata come quella che segue.

62
il primo passo è, ovviamente, effettuare l’upload di alcune foto..

Capitolo 4

...ma noi clicchiamo prima sulle “Community Guidelines”
Il link “Community Guidelines” ci porterà in realtà alla composizione del nostro profilo. Come al solito, possiamo indicare ciò che ci va, pensando sempre che più informazioni diamo, più facilmente può capitare di rendersi interessanti ad altri utenti. Quella che segue è la prima versione grezza di una pagina personale.

Fotografia 2.0
potremo aggiungere una nostra foto, o icona, modificare le nostre informazioni e, come al solito, invitare conoscenti

63

Flickr è dotato di una funzione di “posta interna”: una semplice web-mail ci permette di comunicare con gli altri utenti. Quello presente è il solito messaggio automatico di benvenuto

64

Capitolo 4

Se nella schermata di conferma dell’iscrizione avessimo cliccato su “Upload your first photo”, saremmo arrivati a un’altra pagina.

ecco l’indicazione, sempre aggiornata, del nostro limite di upload mensile; ma attenzione, questo sistema non ti aiuta a capire quanto è grande l’immagine che stai spedendo on-line, e quindi quanta percentuale di upload stai per usare.

sfoglia e cerca i file sul nostro disco

qui si può definire un’immagine privata, oppure accessibile solo amici, familiari o entrambi, oppure la si può lasciare pubblica. La potranno vedere tutti

Fotografia 2.0
Dopo aver premuto “Upload” potremo descrivere le nostre foto in diversi modi:

65

la prima immagine che ho caricato è un mio autoritratto: nel titolo posso descriverlo meglio

nel campo “Descrizione” può ospitare una… descrizione :)

riecco i famosi tag.
Alla fine verremo portati alla pagina “Your photo”.

cliccando sulla freccia di fianco a “You” si apre un menu. Tra le varie voci trovi anche “Upload Photos” appoggiando il mouse sulla nostra “faccia” si evidenzia un altro menu con diverse opzioni che ci saranno utili in futuro da qua si possono modificare subito alcune caratteristiche della foto

66

Capitolo 4

Per ora la pagina si presenta scarna, ma è molto importante perché rappresenterà il punto d’ingresso ai nostri lavori. Aggiungiamo delle foto, ripetendo la procedura di upload tramite l’apposito link, un po’ nascosto. Una delle foto che ho salvato on-line deve essere ruotata. Dalla galleria fotografica basta un clic per visualizzarne lo zoom, che presenta anche alcune possibilità di intervento.

in quest’area le funzioni di intervento sulla foto. La più semplice è “Rotate”, per ruotarla, la più divertente è “Add note”. per aggiungere brevi note in aree della foto, a piacere, che compaiono solo se si appoggia il mouse sull’immagine. Prova!

le miniature (“thumbnails”) delle altre nostre foto: cliccando sulle frecce sinistra e destra si scorre il nostro “photostream”, che tradurrei liberamente come “nastro” di fotografie

Fotografia 2.0

67

Organizzare le foto
La nostra pagina si popola. È ora di iniziare a conoscere il Flickr Organizer.

cliccando su “Organize” si passa all’applicazione che consente di organizzare le foto

in quest’area sono presenti notifiche, news e informazioni, come quella relativa alla possibilità di creare un indirizzo web semplificato da comunicare ai nostri amici

68
da questo menu troverai l’opzione per modificare titolo, descrizione e tag del gruppo di foto

Capitolo 4
puoi aggiungere le foto a un set esistente oppure di crearne uno nuovo(“New set”)

dal nastro si selezionano le foto, che vanno trascinate nell’area principale. Tenendo premuto il tasto della maiuscola (“shift”) puoi selezionarne più d’una.
Possiamo considerare un set un po’ come un album. Peccato che con l’account “free” se ne possano fare solo tre. In compenso quello “pro” costa solo 25 dollari l’anno.

qua indica titolo e descrizione di questo set. Quando hai finito, ricordati di salvare, e tornare alla tua pagina Flickr

Fotografia 2.0

69

Geotagging

Da poco Flickr ha aggiunto una novità, il “geotagging”. Questa parola complicata vuol semplicemente dire etichettare le foto anche con informazioni geografiche. Farlo è ancora più semplice che dirlo: basta trascinare le foto, all’interno dell’Organizr di Flickr, sulle mappe che Yahoo! (http://maps. yahoo.com) ci mette a disposizione.

la nuova scheda “Map”: associa informazioni geografiche alle tue foto

da qui si selezionano le foto per poi trascinarle sul luogo dove sono state scattate. Tenendo premuto “shift” se ne seleziona più d’una

70
Pian piano la nostra pagina sta prendendo forma:

Capitolo 4

questo collegamento ci porta alla presentazione di tutte le nostre foto

l’icona del nostro primo set. Basta un clic..

Fotografia 2.0
…e inizia a diventare presentabile:

71

eccoci nello slideshow del mio servizio fotografico da Venezia. Si può cambiare la velocità con cui cambiano le immagini

sulla parte inferiore invece si visualizzano le thumbnail

Ecco fatto. Abbiamo spostato on-line un’altra funzione che tipicamente si svolge sul computer. Ok, qualcuno potrà dire che non è un’operazione molto intelligente: Windows ha una funzione di sistema per fare lo slideshow delle foto presenti in una cartella! Pregherei costui di riporre il libro e fare ammenda, prima di ricominciare :).

72

Capitolo 4

Amici e gruppi
A parte gli scherzi: è ovvio che poter mostrare le nostre foto da qualsiasi computer, e non solo dal nostro, ad amici o parenti che possono stare anche lontani da noi è un’indubbia comodità. Oltre a questo, però, vi sono le dinamiche di condivisione che abbiamo imparato a conoscere. Lasciando un commento a una foto che ci è piaciuta, questo farà parte della lista delle nostre attività, e probabilmente attirerà quell’utente a visitare le nostre immagini. Salvando un utente di cui apprezziamo le foto nella nostra lista di contatti, i suoi nuovi scatti appariranno nell’apposito “nastro”, nella nostra pagina personale. E così via.

avendo cliccato sul nominativo di un utente, si apre la sua pagina personale

appoggiando il mouse sulla sua “buddy icon” si evidenzia un menu, che una volta aperto presenta accesso veloce a diverse funzioni, tra cui la possibilità di salvare il suo nominativo nella nostra lista di contatti

Fotografia 2.0

73

Altrettanto può accadere se si partecipa a un gruppo di discussione. Questo è, inoltre, l’ennesimo strumento che ci permette di restare in contatto. Si possono creare gruppi apposta per nostri eventi personali, per esempio per scambiarsi le foto con amici conosciuti in vacanza.

si può visualizzare l’elenco dei gruppi (“Browse”), o se ne può creare uno

ecco i risultati per i gruppi con “Italia” nel titolo o nella descrizione

Le possibilità di utilizzo di Flickr sono numerose, così come quelle di personalizzazione. Le trovate tutte nella pagina “Your Account”, a cui si accede dal menu “You”. Qui potrete configurare il collegamento diretto tra Flickr e il vostro blog, se è nella lista di quelli supportati, o potrete recuperare l’indirizzo di posta elettronica che Flickr crea apposta per consentire l’upload delle foto direttamente via e-mail. Si potrà usare il subject al posto del titolo, il testo della mail come descrizione e il comando “tags:” per specificare le etichette da applicare alla foto che manderemo come attach. Questo funziona anche dal telefonino, se il vostro cellulare può mandare e-mail. Flickr poi ha recentemente stretto un accordo con Nokia, per collegare le funzionalità di alcuni modelli serie N direttamente con Flickr. In alternativa, potete anche provare un’applicazione Java tutta italiana: si chiama Mobup e permette l’invio subito dopo lo scatto. Questa ultima

74

Capitolo 4

tendenza si chiama “moblogging”, che sta per “mobile blogging”, ed è solo il segno che Flickr è davvero uno strumento a cui ci si abitua presto, e si fatica a smettere di usarlo. Tanto che può essere comodo installare il Flickr Uploadr, un programmino che permette di inviare le immagini dal desktop in modo veloce. Dalla nostra pagina principale bisogna seguire il link verso gli “uploading tools”. Si giungerà a una pagina che ci permette di selezionare la versione che ci serve, per Windows o Macintosh. Chiedo scusa, ma il nuovo MacBook che ho ordinato non è ancora arrivato, per cui illustrerò la versione Windows. La procedura di installazione è la solita: ci chiede se eseguire o salvare l’applicazione (“Esegui”), e dopo averla scaricata ce lo chiede di nuovo (“Esegui”). Potremo creare un’icona sul desktop (“shortcut”), e/o aggiungere una voce al menu del tasto destro. Io tipicamente preferisco questa seconda opzione. Cliccando destro su un’immagine, quindi, comparirà la voce “Send to Flickr”. Basta selezionarla per far aprire una piccola finestra. La prima volta ci chiederà una “autorizzazione”, per assicurarsi che siamo proprio noi a voler accedere al nostro account su Flickr. Cliccando il bottone si aprirà una pagina web, dire “Ok, autorizzo”, e il gioco è fatto. La comodità del Fickr Uploadr è data anche dal controllo che effettua sulla dimensione delle immagini. Se stiamo spedendo on-line una foto grande, ci propone di ridimensionarla.

scegli la risoluzione che preferisci

Fotografia 2.0

75

È una scelta: se vogliamo, possiamo effettuare l’upload anche di immagini molto grandi. Questo andrà però a “scalare” dal nostro ammontare mensile di banda ammessa con l’account free. Io uso Flickr solo per visualizzare le immagini a schermo, per cui spedisco solo foto rimpicciolite, tenendone sul mio pc una copia ad alta risoluzione per la stampa. Flickr non si considera concluso: è passato solo poco fa dalla fase “beta” alla “gamma”. Secondo loro non è quindi neanche una versione 1.0. Nonostante questo, è un bell’esempio, e di sicuro successo, di servizio 2.0. Nell’attesa degli sviluppi, vediamo qualche altro tool per gestire le foto on-line.

Snipshot

Le funzioni di fotoritocco più frequenti sono il ritaglio, il ridimensionamento, e forse un minimo aggiustamento del contrasto. È proprio quel che si propone di fare Snipshot, un piccolo servizio web. La pagina è semplicissima, e non richiede neanche iscrizione. Questo significa che se siete in vacanza e volete mandare subito una foto che avete fatto a un vostro amico, ma prima di fare l’upload su Flickr volete dargli un ritocchino, vi basta digitare www.snipshot.com per una piccola aggiustatina da un qualsiasi Internet café (e se avete salvato l’indirizzo su Delicious, non dovete neanche ricordarvelo).

prendi l’immagine direttamente dal web...

...oppure caricarla dal disco fisso

76

Capitolo 4

È talmente facile che è difficile da spiegare: ha giusto i bottoni per ridimensionare l’immagine (“Resize”), per ritagliarla (“Crop”), per ruotarla (“Rotate”) e per qualche minimo aggiustamento. Poi potete salvarla, direttamente su Flickr – vi chiederà l’autorizzazione come il Flickr Uploadr – o sul disco.

Phixr

Un altro piccolo software web: www.phixr.com. Serve a dare una sistemata alle foto, è appena più evoluto di Snipshot.

Phixr.com: bisogna iscriversi

Simpatico: non salva le foto, se non per un tempo limitato. Serve solo a sistemarle al volo. Anche in questo caso, può prendere l’immagine direttamente da Internet, dal disco, o riceverle via mail. Dopo aver caricato la foto, si presenta un pannello che ricorda vagamente i software di fotoritocco che siamo abituati a usare sul pc.

Fotografia 2.0
le funzioni sono quelle di base: ritaglio, ridimensionamento, sistemazione dei colori, ecc.

77
seleziona la foto per l’upload. In questo caso è già stato effettuato, e il sistema ci avverte che l’immagine era troppo grande ed è stata rimpicciolita

L’elaborazione delle foto on-line non è certo un mega-trend che ci si aspetta possa diventare fenomeno di massa da un momento all’altro. Anzi. Però è un altro tassello verso la creazione di una “camera oscura” completamente digitale: scatto, elaborazione e condivisione – su schermo, via Internet o in stampa. Da questo scenario è assente Google, che per la gestione e il ritocco delle foto propone un software desktop: Picasa (www.picasa.com). Picasa ha il suo punto di forza nell’efficacia della ricerca delle immagini sul disco.

78
subito dopo l’installazione Picasa ricerca le immagini sul disco e le organizza per data

Capitolo 4
la resa delle miniature è decisamente efficace, e la consultazione è veloce

in quest’area vediamo le funzioni di collaborazione online
Ha alcune funzioni di fotoritocco e correzione delle immagini piuttosto sofisticate ma semplici da usare, onore al merito, e consente di creare facilmente slideshow da salvare su CD o sul web. È in grado inoltre di salvare le foto su Blogger, il servizio di blog di Google, e anche di ordinare stampe. Insomma, ha delle estensioni on-line. Un’altra di queste è Hello.

Fotografia 2.0
hai fatto il download e l’installazione del software, come al solito, poi Hello ti chiede la password e quindi si ripresenta in questo modo

79

il primo passo sarà invitare degli amici, come in un qualsiasi software di chat. Si vedrà quando sono online, e si potranno scambiare foto in velocità
Hello (www.hello.com) è sostanzialmente un software di chat, ovvero un instant messenger. Ci si collega con amici che lo usano, si vede quando sono on-line, e si possono scambiare immagini. Grazioso, ma niente di che, vista la mancanza di integrazione: avere un ennesimo tool, in questo caso, risulta scomodo. Anche in accoppiata con Hello, Picasa non è veramente un’applicazione Web 2.0. L’abbiamo citata per “dovere d’inventario”, essendo l’alternativa proposta da una delle imprese Internet che di innovazione, in Rete, ne ha proposta davvero tanta. Però non consente di fare conoscenza, di curiosare in quello che fanno gli altri, di rendere pubblici i nostri contenuti, e così via. Mancano quindi quelle dinamiche sociali che abbiamo visto essere ingrediente fondamentale di questi nuovi strumenti.

80

Capitolo 4

Checklist
Abbiamo parlato di…
v v v v v v v Come curiosare faccia bene alle foto: l’esplorazione di Flickr ci regala la visione di un gran numero di foto di ottima qualità Caricare le nostre prime foto e aggiungere qualche informazione in più nella pagina personale Organizzare le foto in album e aggiungere informazioni, anche geografiche La nostra prima presentazione, che si può condividere on-line Fare conoscenza e partecipare a gruppi di discussione Strumenti avanzati: il Flickr Uploadr e il “moblogging” Altri tool per le immagini on-line

Glossario

Batch edit: L’elaborazione di un gruppo di immagini. Anziché effettuare singole modifiche, si impostano tutti gli interventi che si vogliono fare, poi il sistema provvederà ad applicare gli opportuni comandi tutti insieme Geotagging: Etichettare le foto con informazioni geografiche. Si dice anche che così le foto sono “georeferenziate”. Questo potrebbe diventare utile, in futuro, per il navigatore satellitare: anziché indicare l’indirizzo attraverso i menu si può selezionare direttamente la foto Moblogging: Sta per “mobile blogging”, ovvero la pubblicazione diretta da telefono cellulare Photostream: In Flickr, è l’area in cui appaiono le anteprime delle immagini Set: In Flickr, è un gruppo di foto. Si può considera equivalente a un fotoalbum Thumbnail: Miniatura, o anteprima dell’immagine

Capitolo 5

Video 2.0

Mettersi davanti a una videocamera significa sembra avere la magica capacità di tirar fuori il comico che è in ognuno di noi. O forse è vero il contrario: che chi si mette davanti a un obiettivo è naturalmente portato a dare spettacolo. Comunque sia, il fatto è che là fuori, in Rete, è in corso uno Zelig planetario. E in quanto ad argomenti avete solo l’imbarazzo della scelta. Cani e gatti sono attori d’esperienza. Esibizioni di danza o musica sono all’ordine del giorno (con i chitarristi tra i più attivi), e anche le news hanno un buon seguito. Ciò che va assolutamente per la maggiore, però, sono i video umoristici: dagli “spoof”, cioè i rifacimenti di trasmissioni famose, a candid camera fatte in casa, a veri e propri “corti”, amatoriali ma ben costruiti. Se poi apprezzate le caramelle Mentos state attenti a non mischiarle con la Diet Coke, pena il rischio di creare una fontana di bollicine difficile da controllare: la misteriosa reazione chimica tra i due è stato uno dei tormentoni estivi sul principale servizio di video sharing, YouTube (www.youtube.com). La presentazione di Youtube dice già molto: “broadcast yourself” (“trasmetti te stesso”). Siamo, una volta di più, in uno spazio definito dal contenuto generato dagli utenti, quello della condivisione di video via Internet, un fenomeno esploso nei primi mesi del 2006. Per anni una parte preponderante del mercato dell’elettronica di consumo è stata rappresentata dalle videocamere, e oggi anche i telefonini sono in grado di effettuare riprese video. I nostri computer sono in grado di riprodurre film in DVD, figuriamoci se non riescono a gestire piccoli filmati fatti in casa. Finalmente si è reso accessibile, per costi e facilità d’uso, anche il software di editing. E che la diffusione della banda larga fosse una tendenza in crescita vertiginosa, infine, era noto a tutti. Era ovvio che sarebbe finita così: con gli utenti nel ruolo di attori e registi, impegnati poi a pubblicare on-line i propri lavori. Qual è la differenza rispetto al passato, quindi?

82

Capitolo 5

Cosa ha fatto scoccare la scintilla? Rispondere a questa domanda significa anche chiarire perché YouTube e altri siti equivalenti, come Google Video (http://video.google.it) e DailyMotion (www. dailymotion.com) giusto per citare i più famosi, sono “applicazioni 2.0”. Finora si è pensato di riprodurre il modello televisivo. Le grandi case di produzione, i “big media”, hanno sempre considerato Internet un semplice cavo, non diverso dall’antenna. Per cui si trattava di trasmettere le solite cose, magari in quantità maggiore: la favola dei “500 canali”, solo da guardare sul computer anziché via satellite. Non ha mai funzionato. Personalmente, io non ho 500 ore a settimana per guardare la tv, non so voi. E soprattutto non mi interessa quel che decidono di trasmettere “loro”. Invece i siti come YouTube, similmente a ogni altra applicazione 2.0, rendono disponibile una piattaforma sulla quale gli utenti possono fare più o meno quello che vogliono. La tecnologia ci ha consegnato gli strumenti, passaggio necessario ma non sufficiente. La Rete ci fornisce invece il modo per far vedere ad altri ciò che ci interessa, e che con quegli strumenti abbiamo realizzato. Così scoppia l’incendio, covato per tanto tempo. E il primo a bruciare, ancora una volta, è il palinsesto, solo che questa volta si tratta di quello televisivo. L’elenco degli argomenti nasce da solo, sulla base di quello che gli utenti stessi ritengono interessante. E se sono in moltissimi a condividere ciò che già si trova in Rete, anche quelli che generano contenuti attivamente sono più numerosi di quel che possa sembrare. Gli universitari, per esempio. O gli adolescenti. Già sul finire del 2005 una ricerca del Pew Internet & American Life Project stimava che il 57% dei ragazzi che si collegano a Internet creano contenuto. Abbastanza ovvio che, trovandoci nell’era televisiva, la creazione di video diventasse un fenomeno globale. E questo è già ben radicato anche da noi: le siglette di “Italia… Unooo!” sono un esempio di contenuto realizzato dagli utenti. E se è ovvio l’interesse per un “passaggio” in televisione, anche sulla Rete il pubblico italiano sta iniziando a proporsi con i risultati dei nuovi strumenti. C’è anche un’altra novità che sta facendo capolino: il recupero di vecchi video di repertorio, da parte degli archivi più disparati. Materiali tipicamente difficili da vedere in tv perché ritenuti non interessanti per il “grande pubblico”, ma che risultano invece di grande valore per utenze di nicchia. E, su questa base, nascono gruppi di

Video 2.0

83

discussione e scambio, iniziative specifiche, e così via. Un movimento che è solo agli inizi ma con tutte le premesse per un’evoluzione importante. Improvvisamente, dunque, esiste nel mondo una smisurata audience che guarda i filmati via Internet. Le grandi case di produzione cinematografica o televisiva guardano ancora il fenomeno con sospetto, fino a che non fanno i primi tentativi e si trovano coinvolti nel vortice.

YouTube

“Tube” è anche il soprannome del televisore, da “tubo catodico”, a segnalare una volta di più che sono gli utenti a creare la trasmissione. Certo, c’è una grande quantità di contenuto di scarso interesse, ma qua è molto più facile e veloce “cambiare canale”. Per “canale”, in realtà, YouTube intende proprio gli utenti. Se si trova una persona di cui apprezziamo i gusti, possiamo “iscriverci” alle novità che presenta. Le selezioni che facciamo finiranno come al solito nella nostra pagina personale, che a sua volta diventa un canale per gli altri. Le rifiniture grafiche consentite da YouTube sono notevoli, tanto che ognuno può creare un “sito nel sito”. YouTube sta sviluppando questa idea per generare reddito pubblicitario. La prima azienda a creare un canale personalizzato è stato il canale televisivo NBC, attratta dal successo che ha avuto il video di un trailer pubblicato su YouTube in modo non autorizzato. L’ultima, in ordine di tempo, è stata invece Paris Hilton, la ragazza “famosa per essere famosa” (e non si sa perché). Però i due canali / utenti più “sottoscritti” di tutti i tempi, almeno al momento in cui scriviamo, sono Geriatric1927, un signore britannico di 79 anni, e Lonelygirl15, una ragazza statunitense. Entrambi usano la webcam, ma si nota anche un certo lavoro di editing. I video vengono arricchiti con immagini, titoli, effetti di transizione e, soprattutto, vengono sempre più spesso “montati”, con tagli e ricostruzioni delle sequenze. Sempre più spesso si incontrano anche vere e proprie storie narrate con le immagini.

Guardare e condividere video con Youtube
La homepage di YouTube, come al solito, si presenta piuttosto scarna. Però cambia una volta effettuata l’iscrizione al sito. Ecco come si presenta quella che vedo io:

84
in questa area YouTube mi presenta le novità dei canali a cui mi sono iscritto

Capitolo 5

in quest’area sono presenti i video proposti come interessanti dal sito

qua sono presenti le mie statistiche

Basta cliccare sull’immagine di anteprima di un video per aprire la pagina per riprodurre i filmati. Anche questo è un elemento del successo di questo sito. Il player è infatti basato su tecnologia Flash. Non è quindi necessario il download di un programma che riproduca i video: appena si apre la pagina inizia la riproduzione, senza scatti spesso e molto più veloce con i software:

Video 2.0
l’area dove si riproduce il video ha i soliti controlli di pausa o stop, di volume e quelli per cambiare dimensione dell’immagine

85

si può salvare il video tra i propri favoriti, votarlo, o condividerlo

Youtube ti suggerisce altri video in qualche modo correlati a quello che stiamo vedendo

86

Capitolo 5
in quest’area si trovano le informazioni degli utenti. cliccando sul nome si visita la pagina personale dell’utente che ha caricato il video che stiamo guardando: con il tasto Subscribe ci si iscrive al suo “canale”

il campo URL riporta l’indirizzo diretto a questa pagina, lo stesso che viene inviato via mail tramite il sistema integrato nel sito

queste sono le istruzioni HTML che si possono copiare e incollare in una qualsiasi pagina web o del blog, dove verrà presentato il player che riprodurrà il video selezionato

Cliccando su una stella si dà il proprio voto al video

in quest’area si può registrare il video nella propria pagina dei Favoriti, inviarlo a un gruppo di discussione, condividerlo via mail, o salvarlo direttamente su un blog, se si usa uno dei servizi previsti (pochi). Oppure lo si può etichettare come “inappropriato”

Video 2.0

87

Ogni video ha un indirizzo diretto, utile per comunicarlo agli amici, e può ricevere delle risposte con altri video: i “Video Response”. Può poi essere votato, commentato e condiviso in diversi modi. Il video dell’esempio vede Steve Jobs che presenta il primo Mac: risale al 1984. A ogni video ne sono correlati altri in argomento. È Il sistema di tag, che in YouTube è presente, anche se meno visibile del solito. Solo in apparenza, però. YouTube infatti ci suggerisce continuamente altri video affini a quello che stiamo vedendo. Anche in questo caso, dunque, si può avere una lettura “orizzontale”, curiosando cosa può affiorare dalla Rete. Appena si trova una “chicca”, una curiosità, è ovvio che si abbia voglia di inviarla a un amico. È il meccanismo definito “virale” di Internet, un contesto in cui questa parola prende il significato positivo di condivisione e comunicazione. Con la velocità della Rete, certo, per cui è immediato inviare qualcosa a un numero elevato di altre persone. In compenso questo sistema non intasa la mail con allegati pesanti:

al termine di ogni video il sistema ci propone di condividerlo tramite il tasto Share. Proviamo subito a cliccarlo.

88
il tasto Share ci porta a una schermata per l’invio di una mail: ovviamente sarà inviato solo il link, non il video.

Capitolo 5
si possono inserire gli indirizzi di amici non iscritti a YouTube o selezionare altri utenti del sito a cui segnalare questo video

Quando si salva un video nei Favoriti si possono creare delle playlist:

qui sono presenti le playlist che ho già creato. Selezionando New Playlist…

…e premendo il tasto Ok verremo portati nella nuova schermata

Video 2.0
i campi da compilare per creare una nuova playlist sono i soliti: nome, descrizione, ecc.

89
questa check box dice se vogliamo usare questa playlist come videolog: si tratta di una pagina che si presenta simile a un blog, e che è anche presente nel nostro canale personale

questo è l’elenco delle mie playlist di video

in quest’area posso cambiare l’ordine dei video, rimuoverli, o altro. Il numero a destra rappresenta l’ordine di presentazione: basta modificarlo a piacere, premere il tasto Rearrange e aggiornare la pagina

90

Capitolo 5

image12 freccia sul video: ecco come si presenta una playlist nella pagina di un blog. Serve come memoria personale, per farlo vedere agli amici, o come semplice curiosità. La lista poi si aggiornerà automaticamente man mano che salveremo nuovi video su YouTube

Caricare un video su YouYube
È giunta l’ora di fare l’upload del nostro primo video su Youtube: da www.youtube.com basta cliccare sul link Upload a destra e fornire le solite semplici informazioni:

Youtube ci ricorda dei limiti di spazio e durata, e poi ci chiede le solite informazioni

sei allo step uno di due: nella pagina successiva si potrà fare l’upload del file video

Video 2.0

91

Per contrastare la possibilità di upload di materiale protetto da copyright, nell’account standard YouTube limita la dimensione dei file video a 100 megabyte, e la durata a dieci minuti. Limiti che non sono invece presenti se si richiede l’account “Director” (“Regista”), all’indirizzo http://www.youtube.com/director. È sempre gratuito, ma destinato a chi produce video in maniera più frequente, o professionale. Recentemente YouTube ha attivato anche un account per musicisti, che altrettanto non presenta limiti di spazio.

Youtube per registi

Durante l’upload Youtube ci avverte di non salvare contenuti di cui non si possiede il copyright, o di cui non si è certi della possibilità di diffusione, pena la cancellazione dell’account. Ci chiederà anche se e come vogliamo rendere pubblico il nostro video: se accessibile a tutti o no, se vogliamo che i commenti si possano aggiungere automaticamente o li vogliamo rivedere, se accettiamo video response, e così via. Queste informazioni possono poi essere eventualmente modificate in seguito dalla pagina “My Videos”.

ecco la pagina My Videos: tutti i tuoi video, visibili in tutto il mondo grazie a Youtube

92

Capitolo 5

L’uso del player di YouTube “incastrato” dentro una pagina web, o più spesso di un blog, si sta diffondendo velocemente. Lo stesso consentono di fare Google Video e Daily Motion. Peccato che YouTube non consenta di personalizzare l’aspetto del video. Se lo si vuole rimpicciolire bisogna modificare le istruzioni: <embed src=”http://www.youtube.com/v/...” width=”600” height=”350”></embed> riducendo larghezza e altezza in proporzione. Per esempio portandole a 340 e 280, rispettivamente, o a 255 x 210. Il parametro “src” indica l’indirizzo preciso del mio video. L’istruzione <embed> è quella che dice alla pagina web di “annidare” al suo interno il player.

Google Video

L’approccio di Google al video è diverso. In realtà il sito americano è nato come “video store”, negozio on-line per i video simile a iTunes Music Store (www.itunes.com) per la musica digitale. Questo ha consentito a Google di sviluppare partnership commerciali con Mtv e altri, che pubblicano contenuti video tramite questo canale. Al di fuori della versione USA di Google, però, non sembra essere questo l’aspetto principale del sito. La possibilità di effettuare l’upload e poi condividere i video viene ancora presentata come una novità, ma sembra rappresentare comunque un elemento fondamentale, anche se affiancato da video proposti da Google per vari motivi di sponsorizzazione. La pagina della versione italiana di Google Video (http://video. google.it) si presenta semplice, ovviamente improntata alla ricerca:

Video 2.0
con le categorie e gli ultimi video più visti nella parte alta

93

basta cliccare sull’immagine di anteprima per aprire la pagina di riproduzione

Anche su Google Video il player è basato su tecnologia flash, quindi non richiede fastidiose installazioni. Quello che puoi installare, invece, è un lettore specifico qualora volessi salvare i filmati sul tuo disco fisso Puoi scaricare il lettore video di Google da http://video.google.it premendo sul tasto “Scarica lettore”. Il player riprodurrà ogni filmato man mano che viene scaricato, e nello stesso tempo ne salverà una copia sul disco fisso del tuo computer..

Google video player

94

Capitolo 5
il tasto E-mail–Blog apre la finestra per inserire indirizzi a cui inviare il video, o fornisce il codice HTML da copiare e incollare nelle tue pagine web

clicca su Dettagli per ottenere una sorta di indice visuale del filmato video e saltare direttamente a determinati punti
L’upload dei tuoi video su Google avviene in modo simile a quanto visto per Youtube: devi solo avere un account Google (lo stesso utile per mail e ogni altro servizio) dopodiché potrai procedere al caricamento. alla fine dell’upload il video sarà convertito automaticamente e mostrato nel player on-line:

Video 2.0
subito dopo averlo caricato Google ci propone di inviare il video via mail

95

si possono aggiungere informazioni anche molto dettagliate
Google Video ha lo stile a cui il motore di ricerca ci ha abituati. Pagine lineari, essenziali, quasi dimesse. È la filosofia del “sempre in beta”, sempre in miglioramento.

5.3 DailyMotion
Creato nel 2005 dai francesi Benjamin Bejbaum e Oliviert Poitrey come semplice sistema per videoblog, oggi DailyMotion (www.dailymotion.com) è un buon concorrente dei più blasonati YouTube e Google Video, con centinaia di migliaia di video caricati e un traffico di circa 150.000 visitatori al giorno. Prevede tutte le funzionalità tipiche di un’applicazione web 2.0 in una grafica pulita e facile da usare.

96
Crea un account è il link per l’iscrizione a Dailymotion

Capitolo 5
una particolarità: la possibilità di registrare video direttamente da webcam

link per effettuare l’upload dei video

Una volta effettuata l’iscrizione, puoi caricare i tuoi video e divertirti con Dailymotion. La tua pagina personale si presenta pulita e ben organizzata:

Video 2.0
nella tua pagina personale compaiono i video che hai caricato su Dailymotion

97
i tag, in questo caso, sono quelli che hai inserito tu, quindi facilitano la ricerca all’interno dei tuoi stessi video

i commenti ricevuti dal video che hai condiviso
Caricare nuovi video, anche in questo caso, è operazione semplice. DailyMotion offre una dimensione massima di 150 megabyte, mentre su Google Video il limite era a 100:

98

Capitolo 5

durante l’upload il sito ci informa che è possibile inviare video anche direttamente da cellulare, come MMS da spedire a un indirizzo di mail, o registrarli via webcam
Al termine del caricamento DailyMotion ci chiederà delle informazioni sul video, e ci permetterà di condividerlo tramite e-mail o blog. Molto comoda la funzione di registrazione diretta via webcam, che ci fa risparmiare diversi passaggi. La prima volta il sistema ci chiederà il permesso di accedere alla webcam, quindi si attiverà un pannello semplicissimo:

con questo tasto si inizia la registrazione dalla tua webcam

Video 2.0

99

Alla fine della registrazione si potrà rivedere il video e, se si è soddisfatti, spedirlo a DailyMotion.

Video 2.0: alcuni esempi

La condivisione on-line di video è un fenomeno in esplosione. Porta l’effetto “virale” della Rete alle sue estreme possibilità, perché ogni utente, oltre a comunicare ciò che trova interessante, si trasforma da spettatore ad autore, ed è quindi ancor più motivato a visitare il sito, controllare se ha avuto commenti, interagire e, insomma, a partecipare. Trend di crescita di questo tipo, negli Stati Uniti, vengono definiti “rocket-booming”, partenze a razzo. Ed è proprio Rocketboom (www.rocketboom.com) un videoblog che ha avuto un successo esplosivo: Si tratta di un mini-telegiornale di tre minuti che parla di Internet e tecnologia. Prodotto con estrema cura e dovizia di mezzi, la fondatrice e conduttrice Amanda Congdon l’ha reso famoso con un approccio particolarmente spigliato e divertente. In altre parole, fa morir dal ridere. Raggiunti i 70.000 utenti in dieci mesi, Amanda è stata poi intervistata da tutti i giornali più famosi e attualmente sta lavorando a Hollywood. Decisamente meno famoso e meno attraente, ma non meno innovativo, It’s Jerry Time (www.itsjerrytime. com), straordinario videoblog con un misto di animazioni, immagini ritoccate e video digitali. Due esempi forse estremi di ciò che può capitare in Rete. Certo, in questo caso si tratta di professionisti che lavorano a un’idea e investono tempo e mezzi. Ma l’abitudine e la capacità di creare contenuto, man mano che diventa di massa, non potrà far altro che incrementare la creazione di nuovi format, a un ritmo che non sarà sostenibile dalle case di produzione televisive o cinematografiche tradizionali. L’aggregazione di questa audience, quindi, non poteva tardare a diventare interessante. Ecco perché Sony Pictures Entertainment ha recentemente acquisito Grouper, un altro sito simile a YouTube. E le quotazioni di quest’ultimo si sono quindi alzate immediatamente: si parla di una cifra tra uno e due miliardi di dollari. Il Web 2.0, però, non tralascia nulla. Così, oltre ai tool di condivisione nascono anche servizi che offrono un vero e proprio video-editing on-line come Jumpcut (www.jumpcut.com) che si presenta come un normale ambiente di editing, ma semplificato. Può assemblare e risistemare foto e spezzoni di filmati, fornendo così un tool magari non troppo evoluto ma immediato, che non richiede installazione. E si può provare tutto questo senza problemi, visto che è gratuito.

100

Capitolo 5

Se sei interessato agli scenari futuri in questo campo, una lettura imperdibile è Darknet di J. D. Lasica, il fondatore di OurMedia (www.ourmedia.org), pubblicata da questa stessa casa editrice nella collana Area51. OurMedia è il primo e più dedicato aggregatore di contenuti creati dagli utenti, che sta tentando un’operazione ancora più complessa. Con un approccio no-profit, sta cercando di stimolare i suoi utenti ad alzare la qualità di quanto viene prodotto. Un progetto con una orizzonte più ampio degli altri, quindi, che si rivolge molto anche alle generazioni più giovani.

Ourmedia.org

Checklist
Abbiamo parlato di…
V V V V V V Come e perché sta esplodendo il fenomeno del video-sharing L’accessibilità degli strumenti trasforma gli spettatori in attori e registi Le piattaforme “libere” consentono all’utente di inventare il proprio palinsesto YouTube: i canali sono gli utenti Come visualizzare video esistenti, condividerli, e come aggiungere i propri Google Video e DailyMotion

Video 2.0

101

Glossario

Broadcast: Letteralmente trasmissione ad ampio raggio, è ormai diventato sinonimo del modello televisivo Codec: Il software di codifica / decodifica necessario per il passaggio da un formato video all’altro. Tipicamente un codec ha anche funzioni di compressione Playlist: La “scaletta” dei brani musicali o dei video Rating: Votazione, punteggio, classifica Spoof: Letteralmente “parodia”. Versioni umoristiche di video famosi Video on-demand: Il video su richiesta, all’orario preferito. Un sogno tecnologico inseguito da tanto, osteggiato da problematiche tecniche, commerciali e soprattutto normative. I “broadcaster” televisivi non sono per nulla contenti che gli spettatori possano sconvolgere gli orari definiti da loro Videoblogging, o “vlog”: Un blog con contenuti video anziché testuali, tipicamente creati tramite racconti davanti alla webcam

Capitolo 6

Musica 2.0

Almeno per quanto riguarda la musica digitale non è più il caso di parlare di rivoluzione. Nel senso che è una rivoluzione già successa. Il nome “MP3” è stato definito nel 1995 e il primo MP3 player portatile, il Diamond Rio, è stato presentato nel 1998, mentre Napster ha scombussolato il mercato dal 1999 in poi, facendo nascere il peer-to-peer. Il lancio dell’iPod è avvenuto a fine 2001 mentre quello di iTunes Music Store risale al 2003. Insomma, che la musica digitale sia una rivoluzione è storia... antica. La musica ormai è digitale e stop, con buona pace degli esperti di Hi-Fi e gli amanti dei dischi in vinile. Ovviamente, si tratta di un processo ancora in corso, anzi ha molta strada da fare, e una buona spinta gli viene anche dalle iniziative Web 2.0.

Il futuro della musica

In un altro titolo della collana Area 51 pubblicata da RGB, “Il futuro della musica” di David Kusek e Gerd Leonhard, trovate anche in questo caso una visione più ampia di quali possano essere le prospettive di lungo periodo di questo settore.

Grandi cambiamenti riguardano la creazione musicale, grazie alla tecnologia sempre più accessibile. Non poco è cambiato anche il nostro modo di ascoltare la musica, per una disponibilità di materiale incredibilmente più ampia di quanto accadesse in passato. Il punto di giunzione tra “fruizione” e “creazione”, però, è stata la possibilità fornita dal formato MP3 di liberarsi dal supporto fisico del CD-Audio per essere rimescolato e trasformato in varie maniere. Gli MP3 hanno consentito la creazione facile e veloce di playlist personali. Lo

104

Capitolo 6

si è sempre fatto, per esempio con i registratori a cassette, e quello delle compilation dei DJ è anche un vero e proprio business professionale. Ma il fatto di poterlo fare facilmente sul proprio computer ha permesso a tutti noi di selezionare facilmente i nostri brani preferiti e creare dischi adatti a situazioni diverse: la cena con amici, il compleanno dei figli, un party scatenato, e così via. In una parola, ha consentito una condivisione creativa e sociale della musica, molto più efficace di quanto possibile in precedenza. Il formato MP3 ha offerto anche un’altra possibilità innovativa, mai giunta nelle mani degli utenti con una accessibilità paragonabile: poter classificare ogni brano con dei tag. Non del tutto equivalenti ai tag “liberi” che abbiamo visto finora nelle applicazioni 2.0, quelli presenti nei file MP3 sono classificazioni rigide, cioè per campi definiti: autore, compositore, album, anno, genere, eccetera. Grazie a questi, comunque, i software di gestione degli MP3 possono creare librerie musicali personali sul tuo computer, con modalità di consultazione molto versatili. Se prima potevi solo scorrere i tuoi CD sullo scaffale e sceglierne uno sulla base di quel che ti ricordavi, ora potrai ascoltare la musica più adatta al momento e all’umore sulla base di una classificazione fatta da te. Prendere questa capacità e metterla on-line, infine, ha chiuso il cerchio, permettendo la ricerca di brani e autori che ancora non conosci ma che il sistema sa essere affini e vicini ai tuoi gusti musicali. Una affinità derivata, ovviamente, dall’osservazione di ciò che fanno gli altri utenti – o, meglio, dall’analisi di ciò che ascoltano. Le tecnologie sociali applicate alla musica hanno così dato adito a quelli che vengono chiamati recommendation system, sistemi di suggerimento: l’idea di base, come al solito, è semplice, ed è stata inventata da una libreria. Una un po’ speciale, cioè la prima libreria Internet: Amazon. com. Il sistema di segnalazione “Chi ha comprato questo libro di solito compra anche…” ha sempre avuto un grande successo. I siti musicali web 2.0 ne estendono il principio.

L’etichetta impossibile: Pandora

Classificare la musica è, per sua propria natura, quasi impossibile, anche usando logiche estremamente ampie. Certo, la suddivisione genere–stile è un classico da sempre utilizzato, ma difficile definire un artista, che nel corso della sua carriera può cambiare più di una volta: Penso ad artisti che nel corso della loro carriera sono passati dal rock al jazz al pop. C’è un sito che rappresenta la migliore

Musica 2.0

105

espressione della classificazione classica, e al tempo stesso tutti i limiti di questo approccio: All Music Guide (www.allmusic.com): una vera e propria enciclopedia musicale, risorsa preziosissima per gli appassionati, contiene, se non tutto, una gran parte dello scibile musicale umano.

su allmusic.com trovi una quantità impressionante di informazioni

All Music Guide è un sito fantastico. Però rigido per la sua organizzazione tassonomica, anziché basata su folksnomy. Inoltre, i riferimenti tra i vari artisti, per esempio su “chi ha suonato con chi”, sono tutti espressi nei testi, sotto forma di classici link, che quando seguiti perdono il contesto. Insomma, All Music Guide è un esempio perfetto dei limiti del Web 1.0.

106

Capitolo 6

Pandora è il primo esempio opposto. Nasce come progetto forse un po’ folle ma intrigante, quello di identificare il “genoma” della musica, classificando uno per uno ogni brano, ciascuno per più di 400 “attributi”. Pandora ha cominciato con 10.000 canzoni e sono sei anni che va avanti: il risultato è la creazione di stazioni radio (nel senso, ovviamente, di radio via Internet) personalizzate sui nostri gusti. Tu indichi un artista, Pandora controlla nei suoi archivi a cosa può essere associato, e ti propone trasmissioni selezionate.

Pandora ospita il player direttamente dentro la pagina, il che è molto comodo. Niente installazioni

anche la pubblicità ha un suo interesse: l’idea è che, una volta configurato il sistema, Pandora potrà trasmettere in tutta la casa, tramite dispositivi hardware dedicati
Proviamo con Fiona Apple, giusto per dare in pasto al sistema un esercizio un po’ difficile. Prima di iniziare l’ascolto Pandora analizza lo stile musicale - per esempio piano ritmico, voce femminile bassa, uso raro di strumenti a corda, eccetera – poi suona una canzone dell’artista richiesto per “prendere le misure”, quindi continua con le proposte. E in effetti ci azzecca:

Musica 2.0
si è immediatamente creata una nostra stazione radio personalizzata: cliccando sulla freccia potremo gestirla aggiungendo altra musica per raffinarne il “gusto”, o cancellarla, eccetera

107

gli altri brani proposti da Pandora in effetti sono molto in stile Fiona Apple esprimi il tuo gradimento: pollice alto o pollice verso, oppure puoi dire al sistema di non riprodurre la canzone per un mese tramite questo tasto si apre il pannello con la possibilità di esprimere le preferenze sul brano che sta suonando al momento

108

Capitolo 6

Lo zip code di Pandora

Pandora consente ascolto e funzionalità limitate, finché non ci si iscrive, il che è del tutto gratuito. L’unico problema è che chiede uno Zip code (cioè un CAP) statunitense. Io, che vivo in Italia, per non saper né leggere né scrivere, gli ho dato quello della zona di Times Square, sulla Broadway, a Manhattan, New York: 10036.

Le proposte di Pandora, dunque, sono nella maggioranza dei casi molto precise. Segno che tutto sommato l’intelligenza umana, anche se limitata a un panel ristretto di esperti di musica, ha ancora un suo perché. Figuriamoci se il panel di esperti, anziché composto da decine di persone, fosse su scala mondiale, con centinaia di migliaia di attenti ascoltatori che esprimono le loro preferenze e associazioni tra artisti o canzoni, che creano stazioni radio personalizzate e che le condividono con gli altri sulla base di principi di affinità. E figuriamoci cosa sarebbe se fosse possibile accedere a tutte queste informazioni per creare le nostre selezioni personali, anche con musica di cui non conoscevamo l’esistenza ma che ci appassionerà senz’altro. Fantascienza? No: Last.FM.

Last.FM

Pandora è un sistema molto efficace. Semplice e immediato. Però pur sempre basato su uno schema fisso, dentro un database da qualche parte in Rete, generato da un numero limitato di teste. Verrebbe da definirlo Web 1.9. Last.FM, invece, è una applicazione aperta, che come al solito trova la sua migliore espressione nella condivisione tra utenti. È uno dei servizi più completi e complessi dello scenario 2.0, ma alla base replica i meccanismi che abbiamo imparato a conoscere. Si curiosa su ciò che fanno gli altri utenti, magari radunati in gruppi, si dà un’occhiata ai suggerimenti del sito, si cercano canzoni che si conoscono già e poi ci si “sposta” verso autori o altri brani che incuriosiscono. Ma, soprattutto, si ascolta. E il sistema, analizzando la lista dei nostri brani, ci proporrà una personal radio sempre più accurata, in cui saranno proposti autori magari sconosciuti ma in qualche modo correlati ai nostri gusti.

Musica 2.0
tramite questi tasti si può dare un’occhiata in giro

109
il sito però ci chiede subito di registrarc

Last.FM ci dice che qui la cosa più importante è ascoltare (“Listen”)
Per fare un paragone, vediamo la pagina relativa Last.FM dedicata a Sting: è molto diversa da quella di All Music:

110
sotto la foto dell’artista viene indicato quanti ascoltatori ha su Last.FM

Capitolo 6
da qua si possono sentire pezzi di brani, giusto per avere un’idea

Featured Stations, radio di Last. FM: Similar Artist e Artist Fan. Non è detto che trasmettano brani di Sting tutto il giorno, ma sicuramente ci sarà musica affine

la lista di altri artisti definiti simili

Hai visto che Last.FM conta i brani “scrobbled”. Scrobbled? Che vuol dire? Possiamo ascoltare musica da CD, da file digitali o sentire le stazioni radio via Internet trasmesse dalla stessa Last.FM. Tramite plug-in per i player più diffusi, e un player apposito, a Last.FM viene segnalato cosa stai sentendo sul computer: è lo “scrobbling”. Tali segnalazioni contribuiscono a creare il tuo profilo di ascoltatore e qundi a facilitare la ricerca di nuova musica di tuo gusto. A questo si aggiungono le funzioni di “Love” o “Ban”. Tramite il player di Last. FM si può dire che si apprezza un brano in modo particolare, o il contrario – simile a quanto visto in Pandora.

Musica 2.0

111

Il nuovo player di Last.FM
Ma non finisce qui: il Last.FM Player è lo strumento più immediato per la ricerca e la riproduzione dei canali radio di Last.FM. Tutto comincia, come al solito, con l’iscrizione al sito, che chiede solo di definire uno username e inserire un indirizzo e-mail. Poi ci verrà proposto di scaricare il player, disponibile per diverse piattaforme (Windows, Mac, ecc.):

l’installazione del Last.FM player è semplice e del tutto standard

La procedura segue i soliti standard: prima viene scaricato un file compresso, che a sua volta installa il programma vero e proprio. Durante la configurazione verrà effettuata la ricerca dei player presenti nel tuo pc. La procedura ci presenterà una lista di quelli trovati, per i quali potremo decidere se installare o meno il plug-in chiamato Audioscrobbler.

112

Capitolo 6
il sistema riconosce automaticamente i player installati sul tuo computer, se ne trova più di uno li elenca in questa lista. I plug-in per altri player sono comunque disponibili tramite download dal sito

ecco come si presenta il player appena installato, però dopo aver cliccato su My Profile

queste voci si popoleranno con le tue selezioni. Attenzione perchè alcune opzioni sono ora disponibili solo a pagamento

la lista di tag ti aiuta a creare la prima stazione: cliccando una volta su quelli che ti interessano, i nomi selezionati verranno riportati nella parte bassa della finestra

Musica 2.0

113

Il tool di Last.FM è continuamente collegato al sito, e da lì recupera le informazioni che presenta, dall’immagine della copertina dell’album alla recensione. Viceversa, comunica le nostre selezioni. Lo scrobbling è un processo del tutto automatico: quando si ascolta la musica con il proprio player – Windows Media, iTunes o altro – il tool di LastFM ne intercetta i dati, presenta diverse informazioni interessanti e consente di “marcare” il brano in vari modi.

Dopo i primi minuti di ascolto, indicati da una barra progressiva di colore blu, il programma “scrobbla” la canzone al sito

questi tasti servono quando si sente la radio. Se la canzone che stiamo ascoltando non ci piace, premendo il tasto Skip eviteremo che venga “scrobblata”

il tasto tag può operare su canzone, album o artista

con Recommend si segnala una canzone a un utente-amico

114

Capitolo 6

Il client di Last.FM permette anche di sentire, sotto forma di stazioni radio, musica affine ai nostri interessi e definita tramite tag, nomi di artisti, eccetera. È anche il modo più comodo per inserire quelle informazioni che andranno a comporre il nostro profilo. E quest’ultimo, a sua volta, creerà una nostra stazione radio personalizzata. Un processo che però richiede qualche tempo, prima che le informazioni siano sufficienti perché il sistema le possa “elaborare”. Insomma, ci aspetta un duro lavoro: ascoltare la musica che ci piace :-).

chiudendo il player di Last.FM, questo in realtà rimane “in ascolto” nella barra in basso a destra. Cliccando destro sull’icona Last.FM si apre questo menu, che consente di intervenire subito sulla canzone che stiamo ascoltando

Last.FM, your dashboard
La prima volta che ci ri-collegheremo al sito, dopo l’installazione del client, Last.FM si aprirà direttamente alla pagina My Dashboard, il tuo cruscotto. Così si presenta la mia prima pagina dopo una certa attività. Si vede ciò che ho fatto noi e ciò che hanno fatto i miei amici:

Musica 2.0
in questa colonna è presente il riepilogo delle mie ultime interazioni: cosa ho “scrobblato”, cosa “taggato” e cosa “amato”

115
la lista di ciò che hanno sentito i miei amici

Vale sempre la pena fare un giro nel sito, cominciando con i tasti in alto:

User porta a una lista di utenti, ognuno con una foto, e altre indicazioni. Visitare la pagina di un utente esperto del sito è molto utile per capire come muoversi. In questo caso vediamo la pagina dell’amico alter (il suo nome di battaglia su Last.FM), che oltre a essere utente avanzato è anche pro. Ha cioè provveduto all’iscrizione che, a partire da tre euro al mese, offre qualche funzionalità in più, come la possibilità di creare diverse stazioni personali, l’assenza di pubblicità, e la lista di chi ha visitato il suo profilo:

116
l’elenco degli ultimi brani che ha ascoltato

Capitolo 6
la funzione Shoutbox consente di scambiare informazioni con gli altri utenti amici

le chart, le classifiche. È una radio, dopotutto!

Musica 2.0
tramite il tasto Music si può iniziare a cercare quel che ci interessa, tramite il campo di ricerca.

117
i tag funzionano sia come stazioni, sia come raggruppamenti di altri sotto-tag

118

Capitolo 6
avendo cliccato, nella pagina precedente, il tag “Jazz” qui si apre anche un elenco di sotto-tag

questo tasto attiva lo streaming della stazione di quanto definito affine a “Jazz”

anche in questo caso si vedono le chart, ovviamente specifiche dell’area in cui ci troviamo

Musica 2.0
tramite il tasto Listen si può provare subito ad ascoltare qualcosa, senza tante ricerche

119

in questo campo si possono inserire nomi conosciuti. Dopo aver premuto Go viene creata una stazione che trasmetterà musica simile (più o meno) a quanto richiesto

qui un elenco di stazioni virtuali generate tramite i tag degli utenti

Continua a guardare la barra in alto: il tasto Charts riporta ogni possibile forma di grafico, classifica, top ten e chi più ne ha più ne metta, che possono anche essere esportati su blog. Il tasto Tools abilita appunto il sistema per farlo, oltre a plug-in e altri software da scaricare. Insomma, Last.FM è davvero un sito vasto, quanto la musica che può contenere, che è davvero tanta. Se già All Music Guide, con il suo tentativo di strutturare la conoscenza musicale, poteva sembrare ampio, Last.FM può apparire sterminato. Ma ciò è dovuto soprattutto al meccanismo – tipicamente 2.0 – di cross-linking delle

120

Capitolo 6

informazioni a qualsiasi livello. Il modo migliore di visitarlo, dunque, è partire per esempio da un artista, per poi vedere cosa gli succede “intorno”, ovvero quali utenti lo ascoltano, in quali gruppi se ne parla, eccetera.

se, navigando nel sito, si trovano informazioni interessanti, si possono taggare per associarle al nostro profilo. In questo caso sto etichettando una canzone

Questo approccio, comunque, non esclude la raccolta di informazioni di tipo “strutturato”.

Musica 2.0
qui siamo nella pagina della descrizione estesa di un gruppo (i Gotan Project): questa serie di link indica subito qualcosa di particolare: si tratta infatti di un sistema tipo wikipedia: tutti possono aggiungere informazioni e modificare quelle esistenti!

121

Gli incontri con altre persone, in questi ambienti specializzati per argomento, seguono le leggi più antiche del web. Cortesia e attenzione creano un atteggiamento positivo e disponibile da parte degli altri, che non esitano a perdere un attimo del loro tempo per rispondere. Conosco un po’ la bossanova e la nu-bossa, ma non ho mai sentito Bebel Gilberto, figlia di Joao. Ho trovato un appassionato che ne ha comprato tutti e quattro i dischi, e che volentieri me ne ha fatto una recensione dettagliata. Provate a chiedere la stessa cosa all’etichetta che quei dischi ha prodotto! Altrettanto mi è accaduto con un utente esperto di nu jazz, un genere di cui capisco ancora poco. Oltre a suggerirmi nomi di artisti e gruppi, mi ha anche indicato canali e tag, all’interno di Last.FM, da ascoltare. Questa dinamica di “self-help”, auto-aiuto, nelle community Internet è sempre esistita.

122

Capitolo 6

Nelle applicazioni Web 2.0 è solo “vestito” con molte più funzionalità di prima. Un sito come Last.FM offre una gran quantità di strumenti. In una parola, è una piattaforma, una volta di più.

Yahoo! Musica

Spesso però non si ha voglia di cercare, si preferisce cliccare qua e là e sentire cosa ci propongono gli altri. Un buon mix tra personalizzazione e proposte di tipo editoriale è Yahoo! Musica (http://music.yahoo.it). Mette insieme un tipico approccio da radio “normale” con la possibilità di personalizzare la propria radio via web. È da tempo che Yahoo! lavora sul tema musica. Nel 2001 ha acquisito LAUNCHcast (http://music.yahoo.com/launchcast) un servizio di streaming musicale via Internet con la possibilità di votare canzoni, album e artisti. Ed è ancora questo il sistema di base che ci permette di creare una stazione radio personalizzata.

Musicmatch jukebox

Nel 2004 Yahoo ha poi acquisito Musicmatch, società che, oltre a sviluppare un player (il Musicmatch Jukebox), aveva anche elaborato un sistema particolarmente flessibile per creare e condividere playlist. Ora rinominato Yahoo! Music Jukebox, è ancora disponibile sulla versione americana di Yahoo! Music (http://music.yahoo. com). Offre le solite funzioni di player, compresa la masterizzazione, e in più consente di acquistare musica digitale da uno store on-line, similmente a quanto fa iTunes (www.itunes.com). Il servizio on-line si chiama Yahoo! Music Unlimited ed è basato su abbonamento: pagando un canone che parte da circa cinque dollari al mese si può scaricare tutto quello che si vuole. Solo negli Stati Uniti e in Canada, però.

La versione italiana Yahoo! Music offre numerose possibilità, e si presenta affollato di proposte, comprese quelle video. Utilizza un player web basato su Windows Media Player e Internet Explorer. Purtroppo non supporta altri browser o sistemi operativi, però non richiede installazione. Si può iniziare ad ascoltare la radio anche senza essere registrati su Yahoo.

Musica 2.0
La prima volta che selezioni una radio il player ci propone la scelta tra diversi canali predefiniti dal sito. Potrai ascoltare ma non votare, quindi non si registrano le preferenze

123

se un brano non ti piace, finché non sei registrato, potrai fare Skip...solo cinque volte ogni ora!

124

Capitolo 6

Per accedere alle funzioni complete di LAUNCHcast devi registrarti – o essere già registrato. Yahoo! infatti offre un sistema di account generale che funziona per la posta, Musica, e tutti gli altri suoi servizi. Per entrare meglio chiudi il player, effettua l’accesso tramite la pagina principale del sito (http://launch.yahoo.it) e riattiva il player, che ora si presenta leggermente diverso:

passando il mouse sulle stellette e cliccando puoi esprimere le tue preferenze per canzone, artista o album. Queste informazioni restano registrate nel tuo profilo e contribuiscono a creare la tua radio personale

La prima volta è possibile inserire direttamente delle informazioni, che verranno poi raffinate man mano tramite i voti.

Musica 2.0
il menu che ci permetterà di modificare le impostazioni

125

Personalizza la tua radio è il link per iniziare a definire il nostro canale
Cliccando sul link Personalizza la tua radio accedi alla pagina illustrata di seguito. In futuro questo link diventerà Ascolta la tua radio, ma sarà sempre possibile intervenire sulle selezioni tramite il menu Radio:

126

Capitolo 6
qui puoi sempre intervenire sui contenuti della tua radio

dopo un po’ di utilizzo la pagina personale sarà popolata dagli artisti preferiti
Anche Yahoo! Musica è da scoprire. Presenta un’attenzione maggiore alla musica del momento – grandi successi e cose così, ma effettuando ricerche puntuali si trova ogni tipo di artista. Spinge meno sull’elemento sociale che abbiamo imparato a conoscere con Last. FM, ma Yahoo! ha altre risposte – anzi, Answers – a questo riguardo: quelle che troviamo nel prossimo capitolo, insieme a Wikipedia.

Musica 2.0

127

Checklist
Abbiamo parlato di…
v v v v Le applicazioni Web 2.0 portano delle novità importanti anche nella musica digitale, che è già un fenomeno di per sé Come il formato MP3 abbia trasformato il nostro modo di “usare” la musica, e permesso di innescare le dinamiche “social” All Music Guide: bello, ma 1.0. Pandora, bello ma limitato. Last. FM: il mondo nuovo Su Yahoo! troviamo musica, video e informazioni tutto insieme

Glossario

Plug-in: Un componente accessorio di un programma principale Scrobbling: La segnalazione delle canzoni che ascoltiamo a Last.FM Streaming: La riproduzione di un flusso audio o video in tempo reale, cioè durante la trasmissione Buffering: I sistemi di streaming, prima di iniziare la riproduzione, registrano parte del file su disco, in un “buffer” Player: L’oggetto, hardware o software che riproduce audio o video. In italiano il “riproduttore”. Chi ha suggerimenti per un nome migliore si faccia avanti, per favore

Capitolo 7

Sapere 2.0

Il Wall Street Journal non è certamente un giornale divertente, e non ha nessuna intenzione di esserlo. Un serissimo articolo pubblicato lo scorso 12 settembre, però, ha concesso, forse involontariamente, qualche spunto brillante. Riportava lo scambio di opinioni tra Jimmy Wales, fondatore e presidente di Wikipedia (www.wikipedia.org), e Dale Hoiberg, vice presidente senior e direttore dell’Enciclopedia Britannica. La prima è nata come progetto “aperto” di raccolta e condivisione della conoscenza più o meno nel 2001, con qualche meritevole precedente. È gestita da una fondazione senza scopo di lucro e prende il nome da una linea di autobus hawaiani. Si rivolge al cosiddetto “popolo della Rete” per raccogliere, verificare e alimentare una enciclopedia universale ad accesso gratuito. La Britannica, invece, ha iniziato le pubblicazioni nel 1768, ha una rete controllata di circa 4.000 collaboratori, offre gratuitamente un estratto dei suoi articoli ma è a pagamento ed è sempre stata considerata l’apice della qualità, per quel che riguarda la conoscenza enciclopedica. L’aspetto curioso sta nel fatto che i due eminenti studiosi, che nella prima parte dell’articolo argomentano pacati e puntigliosi, alla fine arrivano a battibeccare in un modo molto poco “british”. Ma, a parte gli scherzi, il tema era decisamente serio, sottolineato dal titolo dell’articolo: Wikipedia segnerà la fine per le enciclopedie tradizionali? L’idea di Wikipedia è che chiunque può partecipare alla redazione degli articoli, purché rispetti certe regole di base. Esiste una funzione di revisione, ma interna e successiva alla redazione degli articoli. Alcune pagine possono essere “chiuse”, e ospitare gli interventi solo a seguito di un controllo da parte di Wikipedia. Ma la stragrande maggioranza dei contenuti sono scritti, modificati, rivisti ed eventualmente anche corretti dagli utenti. Che questo possa portare a contenuti di qualità è il dubbio sollevato un po’ da ogni parte. Un dubbio che la rivista Nature, una delle più autorevoli pubblicazioni scientifiche specializzate, ha deciso di togliersi, confrontando le sezioni relative

130

Capitolo 7

alla Scienza di Wikipedia e di Britannica. E scoprendo, con non poco scalpore e un grosso mal di testa in uno dei due fronti, che Wikipedia e la Britannica più o meno si equivalgono.

Wikipedia

La versione inglese di Wikipedia (http://en.wikipedia. org) ha oggi circa 1.400.000 articoli. Quella italiana (http:// it.wikipedia.org), di medie dimensioni, quasi 200.000 voci. Oltre alla raccolta di informazioni enciclopediche, la Wiki Foundation ha replicato il modello su una quantità di progetti: Wikimedia (www. wikimedia.org) per la raccolta di contenuti multimediali di libero accesso, Wikibook (www.wikibooks.org) per libri gratis (un migliaio disponibili anche in italiano), e molti altri. Wikipedia ha prodotto anche un altro elemento importante: un sistema di condivisione dei documenti senza un meccanismo rigido di revisione. Questo si è tradotto in una famiglia di prodotti che stanno producendo un numero di altre iniziative 2.0, rivolte all’ambito educativo, al no-profit, e anche al business. Sempre più spesso le piattaforme tipo Wiki vengono adottate all’interno delle aziende. Il meccanismo di “self-help” visto in precedenza qui trova la sua massima espressione. Anche se Wikipedia è spesso tormentata da figure che tendono a rovinarne i contenuti, è comunque la community a sorreggerla e addirittura a “fare la guardia” perché si mantenga un elevato livello di correttezza e qualità.

Sapere 2.0
dalla pagina principale di Wikipedia si vedono tutte le versioni nelle varie lingue. In evidenza quelle più popolate

131

da questo campo si può effettuare subito una ricerca
In realtà si dovrebbe parlare delle Wikipedia, perché il numero di repliche nazionali (o quasi, visto che ci sono anche quelle in napoletano, piemontese e altri dialetti italiani) è davvero molto alto: più di 100. La versione inglese e quella italiana differiscono un po’ nel modo di presentarsi. Quella internazionale presenta una grafica rigorosa e una serie di informazioni curiose direttamente nella prima pagina:

132
tramite i link presenti in quest’area si potrà partecipare alla creazione del contenuto

Capitolo 7
qua si trova aiuto per i primi passi

gli articoli “Featured” sono quelli che la comunità di Wikipedia ritiene essere i migliori
In certi casi Wikipedia ci avvisa sull’opportunità o meno di intervenire su una pagina, e ci ricorda che prima di tutto è sempre bene capire le regole del gioco:

non è proprio il caso di editare la pagina principale di Wikipedia...

Sapere 2.0

133

Meglio forse cominciare dalla versione nostrana :-). L’aspetto della Wikipedia italiana è più vivace, e presenta una gran quantità di contenuti subito nella prima pagina, da scorrere verso il basso:

Anche in questo caso ecco i link d’aiuto. Il “Bar” è un luogo dove discutere di Wikipedia con gli altri wikipediani, il link “Vuoi provare?” porta a un’area controllata dove si possono fare tutti i pasticci che si vuole, per capire come funziona

al centro: da qui link si accede alla pagina – importantissima se si vuole partecipare alla stesura dei documenti – del “Codice d’onore” del sito

nella parte destra, sotto l’indice degli argomenti, diverse informazioni, tra cui anche quelle riguardanti i meeting che il gruppo italiano di wikipediani organizza di tanto in tanto

134

Capitolo 7

Importante dunque la “Wikiquette”, che indica le buone maniere da rispettare se si vuole partecipare a questo ambiente. Per non parlare dei “Cinque pilastri”, che spiegano i principi a cui questa enciclopedia si ispira. Con le loro parole, Wikipedia «Non è una raccolta di fonti primarie ma piuttosto uno strumento di divulgazione secondaria», e intende avere «un punto di vista neutrale». L’articolo dovrebbe quindi essere improntato a un lavoro di approfondimento argomentato da fonti autorevoli. Per esempio la pagina riguardante Renzo Piano è abbastanza semplice e riporta principalmente un elenco dei progetti, facile da reperire in Rete e di dominio pubblico. La pagina di bioetica invece è piuttosto complessa e ha una gran quantità di link verso altri luoghi dove si dibatte a riguardo. Una volta effettuati iscrizione e login al sito, la parte superiore cambia con nuovi link:

Registrato? Cliccando sul nome utente (hexolden è il mio) puoi creare una pagina personale che potrà essere linkata quando firmerai eventuali interventi sugli articoli

il link Le mie discussioni raccoglie gli interventi che svilupperai nei vari articoli del sito

prima di cominciare, ripassa il codice di comportamento (e leggi bene i “Cinque pilastri”!)

Sapere 2.0

135

Come al solito, si può navigare tra le varie categorie, curiosare tramite il link “Una voce a caso”, o cercare qualcosa di particolare, che non è neanche detto sia presente. Io ho cercato “Macchina analitica”, il primo modello teorico di computer, e non semplice calcolatrice come la famosa Pascalina, creato da Charles Babbage nella prima metà dell’800. La voce riporta alcuni piccoli errori. Siccome sono maniacale, provvedo alla correzione cliccando sul link “modifica” presente accanto a ogni voce.

ecco come si presenta l’editor: la barra offre delle possibilità di formattazione, ma la maggior parte del lavoro si fa con il linguaggio di mark-up specifico di Wikipedia

occhio a queste note!

per non sbagliare, è fondamentale leggere la Guida, prima di iniziare

i simboli speciali: cliccali per incollarli nell’editor

136

Capitolo 7

Sono molto soddisfatto. Ho dato il mio piccolo contributo, cercherò di fare più e meglio la prossima volta. D’altronde Wikipedia non è luogo dove esprimere opinioni, ma dove raccogliere la conoscenza consolidata tramite le opinioni, i fatti, gli studi e le ricerche fatte altrove. E, grazie al contributo di ciascuno, renderla accessibile gratuitamente a tutti.

Il tuo wiki

Il “wiki” è però diventato anche un software (server), per la precisione un sistema open source, chiamato MediaWiki (www.mediawiki. org), che puoi utilizzare liberamente:

su www.mediawiki.org tutto per creare il tuo wiki, gratis
Oppure, se non hai voglia di configurarlo ma ritieni utile avere un wiki, puoi rivolgerti a chi ha sviluppato un’offerta anche di tipo commerciale accessibile via Internet (ad esempio, Socialtext: www. socialtext.com). Il modello disegnato dal wiki è molto azzeccato: sostituire una complicata comunicazione via e-mail con uno strumento di collaborazione server, che consente la condivisione di uno stesso documento. Tecnologie di questo tipo, in ambito aziendale, ne esistono da anni. Il modello wiki, però, si è rivelato estremamente semplice ed efficace perché non richiede procedure organizzative complicate, ha bassi costi di installazione e gestione, e può quindi essere usato anche per

Sapere 2.0

137

progetti che durano un tempo limitato o impiegano un basso numero di collaboratori. E, ovviamente, è particolarmente prezioso se si vogliono sviluppare progetti collaborativi tra persone o sedi fisicamente distanti.

Yahoo! Answers

Completamente diverso, ma simile nel tentativo di condividere la conoscenza, è Yahoo! Answers (http://it.answers.yahoo.com) un servizio lanciato poco prima dell’estate 2006 come ennesimo tassello dell’ampia strategia web 2.0 dell’azienda:

qui si può inserire la domanda. Per pubblicarla però bisognerà iscriversi (e altrettanto se si vuole rispondere a una domanda)

attenzione che questa barra in alto è quella di Yahoo!, e questo campo effettua la ricerca sul web, non tra le risposte

questo è il campo per cercare dentro Answers

la consultazione è libera. Si trova ogni possibile genere di stranezze

138

Capitolo 7

Answers è dedicato alle curiosità di ogni tipo. Oltre ad avere un approccio estremamente informale, lavora molto sull’effetto “virale” della community, cioè sul passaparola e sulle dinamiche che si innescano tra utenti. I meccanismi di auto-aiuto sono ancora di più importanti che in Wikipedia, e Yahoo! si premura di incentivarli, per esempio tramite punteggi e livelli:

eccoti nella fase di pubblicazione di una domanda: ti “costerà” cinque punti, e per guadagnare punti nuovi dovrai rispondere a quelle degli altri e usare Answers (e quindi collegarti al sito frequentemente)

Sapere 2.0
il tempo di chiusura può essere modificato e dice fino a quando si possono aggiungere risposte

139
in poche ore la mia domanda ha ricevuto un certo numero di risposte:

qualcuno ha valutato la mia domanda positivamente. Per me queste icone sono grigie perché sono ancora al livello 1, e non posso lasciare valutazioni

140

Capitolo 7

Il sistema dei punteggi ovviamente stimola a rispondere, per poter porre domande. Vi è poi la possibilità, quando si passa al secondo livello, di votare domande e risposte, e in base alle preferenze espresse queste saranno più o meno visibili. Utile, perchè essere incentivati alla risposta per acquisire punteggio può creare un effetto fastidioso di risposte sciocche o banali. La valutazione quindi aiuta a valorizzare i contenuti più interessanti e gli utenti che dimostrano una partecipazione positiva. Al contrario, mette in cattiva luce quelli che danno risposte sciocche. Il “prestigio” che si può raccogliere in Rete, o più in generale il tipo di accettazione che si può avere dalla community, è un altro stimolo fondamentale a partecipare. Insomma: pur avendo principi e logiche ben definite, appare chiaro che il Web 2.0 si può applicare davvero a qualsiasi contesto e argomento, soprattutto se si tratta di mettere in contatto le persone.

Checklist
Abbiamo parlato di…
v v v v Wikipedia, l’enciclopedia libera, nonostante lo scetticismo è ormai un riferimento accettato anche dalla comunità scientifica L’idea di rivedere e correggere i documenti in modo collaborativo dopo la stesura si rivela efficace, anche per il business Come usare la Wikipedia italiana Yahoo! Answers: a ogni curiosità qualcuno ha una risposta

Sapere 2.0

141

Glossario

Wiki wiki: Il nome della linea degli autobus all’aeroporto di Honolulu, Hawaii. Significa anche “veloce” (“quick” in Inglese), ed è per questo che è stato scelto Community: Il termine in sé è semplice: comunità, gruppo di persone. Prende però una connotazione specifica su Internet. Le community condividono interessi, valori e norme di comportamento. Per questo, di solito, si innescano dinamiche di auto-regolazione di ciò che accade all’interno della community stessa Open source: Con le parole di Wikipedia, il termine «Open source descrive pratiche di produzione e sviluppo che promuovono l’accesso alla fonte (“source”) del prodotto finito». Suona complicato, ma è molto preciso. Nato in un ambiente di programmazione, il termine serviva a descrivere software rilasciato gratuitamente ma pur sempre con scopi commerciali. È stato scelto perché il termine inglese “free”, che significa sia “gratuito” sia “libero”, dava adito ad ambiguità. Il significato si è però esteso a tutto ciò di cui vengono rese pubbliche le metodologie di sviluppo, in modo che ognuno possa partecipare, o creare altre iniziative simili purché renda a sua volta disponibili al pubblico dominio le innovazioni che introduce MediaWiki: Da non confondere con Wikimedia, che è il nome della fondazione no-profit che gestisce tutte le iniziative generate da Wikipedia. “MediaWiki” è il software con cui è fatta Wikipedia, ed è disponibile sotto licenza Open source, quindi liberamente scaricabile

Capitolo 8

Persone 2.0

Yahoo!, AOL-Time Warner, Microsoft, Google, eBay: Fin qui la classifica delle proprietà Internet più frequentate negli Stati Uniti non presenta grosse sorprese. È il sesto posto di MySpace a suscitare ancora scalpore. Soprattutto perché, ancora una volta, si tratta di contenuto generato dagli utenti.

MySpace
MySpace (www.myspace.com) mette a disposizione la possibilità di creare pagine personali straordinariamente raffinate, con contenuti multimediali. Ormai ha una tale massa critica – più di 70 milioni di utenti registrati – da rappresentare qualcosa di ben più significativo di un sito web, o un media, o qualsiasi altra cosa. L’homepage di MySpace sembra semplice, in realtà nasconde molto contenuto: MySpace si rivolge principalmente a un pubblico giovane (16-34 anni). Ha fatto la sua fortuna sviluppando le relazioni tra compagni di classe (“schoolmates”) e attirando gli interessi dei ragazzi. Principalmente la musica, che genera oggi una gran parte del traffico e spesso anche dei contenuti, con conseguenti problemi di copyright che MySpace sta cercando di risolvere facendo accordi con le major. È così diventato uno strumento di promozione fortissimo per le band giovanili, comprese alcune italiane, che spesso organizzano eventi on-line per attirare pubblico ai loro concerti.

144
ultimamente il sito sta incrementando la creazione di “canali” dedicati a particolari interessi, per fare leva sul successo ottenuto con la musica

Capitolo 8
L’elemento fondamentale, come al solito, sono gli utenti

MySpace aggiunge anche contenuti speciali, come fa qualsiasi altro media classico: Nella maggior parte dei casi però si tratta di iniziative che nascono all’interno del sito stesso

Persone 2.0
la pagina personale di Lupe Fiasco, un giovane cantante hip hop che, nonostante il nome, si è fatto strada in MySpace

145
qui si possono sentire le sue canzoni

A parte i musicisti, e altre persone che cercano di diventare famose inventando le cose più strane, gli utenti usano MySpace per i soliti motivi: pubblicare i propri pensieri, le foto e, soprattutto, per incontrare e conoscere. Rappresenta un po’ una sintesi di tutto ciò che abbiamo visto fin qui: offre la maggior parte delle funzioni degli altri siti (per esempio per la pubblicazione dei video on-line è un forte concorrente di YouTube), ma fa delle pagine personali il suo punto centrale. Queste pagine possono essere estremamente elaborate e raffinate, tanto da poter sostituire degnamente un sito professionale. In più, MySpace offre la generazione del traffico sulle proprie pagine, che è l’elemento più difficile da trovare nella Rete estesa. In questo sito invece i meccanismi di passa-parola sono estremamente veloci ed efficaci, anche perché non si svolgono solo in Rete: oggi è abituale, per i ragazzi americani e non solo, presentarsi proprio con l’indirizzo MySpace.

146

Capitolo 8

Linkedin

All’estremo opposto di una ipotetica gamma di interessi, rispetto a MySpace, troviamo LinkedIn (www.linkedin.com) uno dei primi siti a rivolgersi al “puro” networking tra persone, ma con uno spunto decisamente professionale.

a dire il vero lo strillo di Linkedin è un filo esagerato: non è poi così facile migliorare la propria carriera, però restare in contatto con colleghi, partner, eccetera è sicuramente utile

qui si può effettuare una prima ricerca nei profili pubblici. Attenzione agli apostrofi, che non funzionano!
Ci si iscrive, si compila un profilo professionale, che è sostanzialmente un curriculum dettagliato quanto si vuole, e si cerca sul sito per vedere se ci sono persone che si conoscono, oppure si invitano via e-mail. Se è il caso, ci si “collega”, segno di una reciproca stima professionale, che si può voler fare del business insieme o, ancora, che si può eventualmente “raccomandare” il nostro amico a terzi. In Italia forse suona strano, ma qui si intende una pratica con scopi puramente informativi.

Persone 2.0
i criteri che è possibile usare per cercare persone nel network sono molto raffinati. Particolarmente ben scelte le categorie organizzative e settoriali, in queste liste

147

LinkedIn è un tool efficacissimo per restare in contatto, per motivi di lavoro, con le persone con cui abbiamo una reciproca relazione di stima e fiducia, grazie anche al fatto che quando si aggiorna il profilo è possibile far inviare automaticamente dal sistema una mail di informazione ai nostri contatti. È però buona norma non esagerare. LinkedIn, come tutti i network sociali, ha delle regole sia scritte sia implicite, e la più ragionevole e ovvia tra queste è che non si devono disturbare le persone con comunicazioni inutili. Non va affatto usato, per esempio, per farsi pubblicità tramite mailing interne al sito. Però offre uno strumento molto accurato per costruire e pubblicare online il nostro curriculum vitae, con tanto di indirizzo pubblico. Questo ci potrà essere utile per comunicarlo a chi desideriamo.

148

Capitolo 8

Un’altra caratteristica peculiare di LinkedIn è che ha strutturato il meccanismo del “passar parola”. Effettuando la ricerca nella rete dei nostri contatti, e dei contatti dei nostri contatti, si può trovare, per esempio, un vecchio amico di cui non si hanno più i riferimenti. Facendo una richiesta a un nostro contatto di primo livello, questo può passare l’informazione attraverso i vari gradi della catena, fino a raggiungere la persona desiderata. Se vi è venuto in mente il famoso meccanismo dei “sei gradi di separazione”, è esattamente così. Anche la lista dei risultati, quando si effettua una ricerca sul sito, viene ordinata in “gradi” di distanza da noi. Altrettanto dicasi per la nostra “rete” personale, che viene conteggiata anche per il numero totale di persone teoricamente collegate a noi tramite i nostri contatti intermedi:

Cercando sul sito, il mio amico Marco ha trovato una persona con cui vuole rientrare in contatto. È collegato a me tramite Raffaele, a cui io passo la richiesta che ho ricevuto tramite una mail generata automaticamente da LinkedIn

Persone 2.0

149

Così facendo, quindi, si ricostruisce in LinkedIn un network di relazioni. Un po’ si invita, un po’ si viene invitati. Attenzione solo se, in quest’ultimo caso, chi ci chiede il collegamento usa un indirizzo e-mail diverso da quello con cui siamo registrati nel sito. Gli inviti arrivano via mail, ma può capitare che l’indirizzo non sia corretto, e si corre il rischio di attivare un collegamento che non porta alla nostra pagina principale. Se quindi abbiamo ricevuto un invito via mail ma all’indirizzo sbagliato, non bisogna “accettare” dal messaggio di posta ma collegarsi al sito e accettare l’invito da lì.

Buoni motivi per incontrarsi

Se le social technology ruotano tutte intorno a dei motivi di aggregazione, niente di meglio, allora, che dei veri e propri eventi, siano essi concerti, convegni, compleanni o qualsiasi altra cosa. È su questa idea che è nato Upcoming (“in arrivo”, www.upcoming.org), un sito che consente di condividere informazioni su eventi di qualsiasi tipo e in qualsiasi luogo del mondo.

un modo interessante per curiosare tra gli eventi è passare dalla pagina “Places”: le località, nel sito, saranno chiamate “Metro”

Upcoming cerca di identificare la mia provenienza e mi propone gli eventi più vicini a me

gli eventi musicali sono i più segnalati

150

Capitolo 8

Dopo averlo frequentato un po’, la pagina iniziale del sito cambia radicalmente. La nostra pagina iniziale si popolerà delle “Metro” che abbiamo deciso di “frequentare”, cioè di tenere sotto osservazione. Ogni città avrà infatti una serie di eventi collegati, segnalati da qualsiasi altro utente. Altrettanto dicasi per i gruppi, che si specializzano su temi particolari: Uno dei più frequentati, e non stupisce, è quello sui temi del Web 2.0.

le città che tengo sott’occhio

nella barra destra il sito visualizza cosa accade intorno agli eventi a cui sono iscritto

questa è la lista degli eventi che mi interessano. Nella maggior parte dei casi lo Status è Watch, che vuol dire che sto solo osservando; in altri casi è Attend, il che significa che penso di partecipare

Persone 2.0
Ecco come si presenta un evento già inserito:

151

puoi inserire commenti, magari anche per chiedere informazioni in giro – di solito però è meglio fare domande sensate ;-)

da qua possiamo scegliere se partecipare o guardare

Inserire un nuovo evento è assolutamente semplice e gratuito, anche se si fa promozione, per esempio, a un convegno di lavoro organizzato dalla nostra azienda. Utile per tutti quei casi in cui si vuole radunare un gruppo sparso in località lontane le une dalle altre. Questo è tanto più vero se si vuole creare o partecipare a un evento per motivi di divertimento. In questo caso potrebbe valer la pena di dare un’occhiata anche a una declinazione italiana dei paradigmi del Web 2.0: Duespaghi (www.duespaghi.it): come il nome lascia intendere, è una applicazione dedicata alla condivisione dei… ristoranti.

152
se oltre a leggere vuoi anche inserire le tue segnalazioni, devi registrarti

Capitolo 8
My Due Spaghi, il link per l’accesso alla tua ghiotta pagina personale

grande uso dei tag, sopra le tipologie e sotto le località
Il contenuto consiste nella grande condivisione di informazioni sui ristoranti di tutta Italia, segnalati, votati e commentati dai lettori. Duespaghi è un’iniziativa, per citare le parole di uno dei fondatori, «nata per passione e per l’interesse verso le novità che si vedevano in Rete su questi argomenti», cioè le nuove applicazioni Web 2.0. Novità che, perlomeno nella maggior parte dei casi, stentano a fare capolino in Italia, se non a seguito di iniziative spontanee, private e non strutturate. Che, in compenso, non sono poche. E gli strumenti per provare sono alla portata di tutti.

Persone 2.0

153

Checklist
Abbiamo parlato di…
v Il fenomeno del web “sociale” interpretato da MySpace, che in pochi anni è diventato tra i siti più frequentati al mondo. Son ragazzi… La versione business: LinkedIn consente una condivisione delle relazioni di lavoro Cosa succede nel mondo? Ogni giorno vi sono eventi interessanti, e Upcoming ne tiene traccia Iniziativa italiana: Duespaghi condivide i ristoranti

v v v

Glossario

Pagine personali: Le pagine web dove una persona racconta di sé e dei propri interessi. Dove, cioè, si esprime. Nate prestissimo, durante il boom del web sono diventati famosi siti che mettevano a disposizione spazio web gratuito, uno fra tutti Geocities. Bisognava però creare le pagine in HTML, e i sistemi di condivisione erano piuttosto “grezzi”. MySpace ha ripreso questo concetto fornendo strumenti facili e immediati Schoolmates: I compagni di classe. La vita on-line di adolescenti e studenti universitari è particolarmente attiva, negli Stati Uniti come ovunque. Tanto che le ultime generazioni di adolescenti (“teenager”), molto più a loro agio con il computer dei loro predecessori, sono stati soprannominati “screenager” Major: Sono così soprannominate le grandi case di produzione cinematografica e musicale Mailing: L’invio di un messaggio di posta elettronica a un numero di indirizzi alto ma controllato. Di solito riguarda argomenti per i quali il ricevente ha espresso interesse. Si può parlare di mass-mailing nel caso si faccia un invio più generalizzato, a un gran numero di indirizzi, anche di sconosciuti. Se si esagera, diventa spam. Una mailinglist, invece, è un gruppo che discute usando un software apposta che rigira a tutti gli appartenenti alla lista i messaggi inviati. Sono gruppi abbastanza chiusi, dove lo spam è ancora meno tollerato che altrove

Capitolo 9

Te lo do io il Web 2.0

Lo scenario del Web 2.0 italiano, al momento in cui scrivo, si presenta ancora – come dire – scarsamente popolato. C’è qualche eccezione: abbiamo già parlato di OKNotizie, ispirato a Digg, e dobbiamo citare anche Ségnalo (www.segnalo.com), servizio di social bookmarking. Abbiamo infine visto Answers di Yahoo! Italia, e conosciamo bene Splinder, (www.splinder.com) l’unico vero esempio di “social web” italiano – anzi, per usare le parole dei fondatori di Splinder, di “living web”.

Link

Proprio i blogger sono i più attivi nel seguire il fenomeno del Web 2.0 all’italiana. Uno fra tutti, Pandemia (www.pandemia.info), autore di altri titoli di questa collana, e il sottoscritto su www.infoservi.it, il blog su cui troverai gli aggiornamenti a questo libro.

Vediamo qualche timido esperimento sui quotidiani: i più attivi sono Nòva24 del Sole 24 Ore (http://nova.ilsole24ore.com) e Repubblica.it, ma si tratta principalmente di presenza del giornale sulla Rete, più che di presenza della Rete nel giornale, o addirittura di concepire il giornale “intorno” agli utenti. Un mestiere che non è affatto detto debbano per forza fare i media tradizionali, che hanno il loro valore, le loro tradizioni e la loro importanza così come sono. Certo è che dovranno per forza abbracciare il nuovo approccio del Web 2.0, per non parlare del citizen journalism, e sicuramente non tarderanno. Per ora, però, vediamo ottimi spunti ma ancora definibili “1.5”. In generale il panorama Web 2.0 italiano è ancora popolato in massima parte da pionieri come Duespaghi e, giusto per fare un altro

156

Capitolo 9

esempio, Italian Blogosphere (http://italianblogosphere. crispynews.com), sito nato con l’intento di raccogliere “il meglio e il peggio della blogosfera italiana” con un meccanismo di segnalazione e votazione alla Digg. Una versione più matura di servizio simile è Bloggers Live (www. bloggers.it) che raccoglie e consente di “diggare” notizie e soprattutto i post dei blog raccolti nel network interno – Bloggers, appunto. Italian Blogosphere e Duespaghi sono quindi solo due tra le numerose idee 2.0 che la Rete italiana sta generando. Interessanti, in questo contesto, proprio perché amatoriali. Mentre Duespaghi usa una piattaforma propria, Italian Blogosphere è basato su CrispyNews (www.crispynews.com), un servizio, gratuito in versione base, che consente a chiunque di creare un sito di questo tipo:

CrispyNews si presenta come “collettore” delle applicazioni create dagli utenti

Start Your Own Site: con questo tasto ti iscrivi e procedi a creare il tuo sito in stile “Digg”

Ecco quindi un’altra prospettiva interessante e abbastanza estrema del Web 2.0: la possibilità di condividere non solo dati e informazioni, ma le stesse applicazioni. Scuole (o singole classi), gruppi di qualsivoglia natura, piccole aziende e professionisti… Chiunque, oggi, è in grado di accedere a una modalità nuova ed evoluta di sviluppare una presenza in Rete. Non necessariamente per progetti

Conclusioni:diventare un lettore attivo

157

ambiziosi – anche, ma non solo. Si possono creare applicazioni, o meglio siti con funzionalità applicative, per progetti temporanei o per gruppi minuscoli, con poco sforzo e a zero costo. È una possibilità offerta dal nuovo modo di sviluppare software peculiare del Web 2.0, che sposta le complessità dal client, cioè il computer di ciascuno di noi, al server. Niente linguaggi di programmazione, solo quattro dettagli di configurazione. Se avete dubbi su una possibilità del genere, chiedete a Marc Andreessen: è stato lui a sviluppare Mosaic, il primo browser grafico, nei primi anni ’90, e poi a co-fondare Netscape (www.netscape.com), e di recente è tornato per co-fondare, insieme all’ideatrice Gina Bianchini, una piattaforma proprio per il social sharing delle applicazioni:Ning.

Ning

L’homepage di Ning (www.ning.com) è semplice, e spiega chiaramente il meccanismo: guarda le applicazioni che ci sono già, se ne trovi una che ti piace fanne un “clone”, cioè una copia, e personalizzala, e quindi condividi con i tuoi amici quel che hai fatto.

tutte le applicazioni Ning, create dagli utenti: sono migliaia

su Ning puoi creare e personalizzare il tuo video site alla Youtube, in pochi secondi

158

Capitolo 9

Ad esempio. Una delle applicazioni sviluppate direttamente da Ning è Bookmarks. Bella, la voglio anch’io:

dopo essermi registrato e aver fatto il login, mentre esaminavo Bookmarks ho cliccato su questo tasto per creare la mia copia

bisogna inventare un nome e un indirizzo

Tag, commenti, sharing… ci sono le funzioni basilari di social bookmarking
Basta seguire le indicazioni, rispondere alle domande…

Conclusioni:diventare un lettore attivo
definiamo la categoria e i tag con cui l’applicazione sarà riconosciuta in Ning

159

I prossimi passi della procedura ci chiederanno solo i colori e se vogliamo farla conoscere subito a qualche amico, inviandogli una mail. Per questo primo livello di personalizzazione è sufficiente salvare
…e poi iniziare a usarla.

160

Capitolo 9

una volta registrati su Ning si potranno aggiungere bookmarks…

… commenti (qui si chiamano notes)…

… o condividere via mail il link interessante

Checklist
Abbiamo parlato di…
v Bene, abbiamo visto molto, di ciò che è il Web 2.0. Ben lontani dall’aver visto tutto, anche se le iniziative davvero innovative non sono poi molte, e la maggior parte sono proprio quelle che abbiamo visto in queste pagine. Il gran numero è fatto da applicazioni che declinano, in ogni genere di contesto, le innovazioni inventate da pochi. I “cloni” di Delicious o Digg, oggigiorno, non si contano, così come innumerevoli sono i siti che applicano le logiche “2.0” a qualsiasi argomento, o business. Si è cercato anche di evidenziare le dinamiche di coesione e condivisione “sociale”. Chi è esperto di Internet sa bene che, in Rete, sono sempre esistite. Ma questo nuovo modo di sviluppare software e di creare siti web che chiamiamo Web 2.0 ne è la più potente espressione che si sia mai vista fino a oggi. Ed è per questo motivo che la Rete è destinata a cambiare la nostra vita. Di nuovo.

v