You are on page 1of 8

primo piano identità aziendale vision mission ambiente risorse umane strategie news

N E W S L E T T E R P E R I O D I C A D I A E R O P O R T I D I R O M A D I C O M U N I C A Z I O N E I N T E R N A

FIUMICINO
UN ANNO che, a partire dalla mezzanotte del 30

Gli auguri
marzo, sono stati registrati 32 voli gior-
nalieri in più.

IN CHIAROSCURO Infine, il terzo dato ‘in chiaro’ è la ge-


stione dell’aeroporto nel periodo
estivo: una punta di 135.317 pas-
del Presidente Guido Angiolini, seggeri registrati il 17 agosto 2008,
identità aziendale

il record di traffico registrato a Fiumi-


Amministratore Delegato cino, senza alcuna delle disfunzioni
che si erano verificate lo scorso an-
Care colleghe, cari colleghi,
anche quest’anno, affido al nostro giornale il mio saluto e i miei
di ADR, ripercorre no nella gestione dei bagagli”.

auguri per le prossime festività.


È trascorso poco più di un anno dalla mia nomina alla Presi-
i principali eventi dell’anno “Quali invece sono state le
zone scure?”
denza di Aeroporti di Roma, incarico che mi ha consentito di che sta per concludersi, “Nella seconda parte dell’anno - ri-
venire a conoscenza di un mondo complesso e, al tempo stes- sponde Angiolini - sono emersi fat-
so, affascinante per il suo carico di futuro. con le sue luci e le sue ombre. tori di preoccupazione.
Nell’ultimo anno sono state affrontate con successo numero-
se sfide che il mercato del trasporto aereo e, più in generale il Le fasi “scure” rievocano crisi La crisi dell’Alitalia, con il forte ridimen-
sionamento dei voli, si è sovrapposta
sistema economico italiano e internazionale, hanno posto e
sempre più imporranno alla nostra compagine aziendale.
già vissute e superate alla situazione economica generale
che sta determinando una significativa
In uno scenario complesso, il sistema aeroportuale romano
dovrà essere sempre più al servizio del Paese , del territorio e
nel passato, le fasi “chiare” flessione del traffico passeggeri.
Questa eredità che l’anno in corso
di quanto in termini economici, culturali, artistici e religiosi l’Ita- dimostrano le capacità che trasmette al prossimo, connota lo
lia e Roma possono offrire. stesso come un anno irto di difficol-
Dobbiamo sentirci forti della nostra professionalità e serietà l’Azienda possiede e che tà che ci auguriamo possano anda-
d’intenti ed essere certi dell’importanza del nostro lavoro e del-
l’obiettivo ultimo al quale ognuno di noi contribuisce, ovvero la saranno il miglior strumento re attenuandosi.
La Società ha già dimostrato più vol-
qualità del servizio fornito ai passeggeri e ai vettori clienti, ma
anche a tutti gli utenti che, a vario titolo, lavorano e vivono quo-
nell’affrontare il futuro te nel passato anche recente di sa-
pere affrontare e gestire momenti
tidianamente nei nostri aeroporti. difficili e riprendere la via della cresci-
Come sempre il nostro successo si fonda sulle persone, su ciascu- ta e dello sviluppo”.

“Q
no di Voi, ancor più nell’anno che ci attende, che presenterà, co- uale definizione darebbe tori americani (American Airlines, Con-
me è fin troppo facile prevedere, difficoltà socio-economiche in ge- dell’anno che sta per tinental, Delta, United e US Airways) e “Quali sono i momenti negativi nella
nerale ed incognite nel quadro del trasporto aereo in particolare. concludersi?” del vettore israeliano El Al. È in grado storia di ADR che è necessario ricor -
Nella consapevolezza delle difficoltà non ci deve mancare l’ot- “Potremmo definire l’anno che volge di accogliere 3 milioni di passeggeri dare come esempi di crisi superate
timismo e la fiducia verso il futuro che dipende molto dal no- al termine ‘un anno in chiaroscuro’”. annui, ad ulteriore conferma di quanto con successo?”
stro impegno. l’Azienda ritenga importanti gli scambi “Ricordo in primo luogo la guerra del
Convinto che tale impegno sarà pienamente compreso ed at- “Quali sono le zone chiare?” tra il nostro Paese e il Nord America. Il Golfo, che ha provocato effetti deva-
tuato, esprimo a tutti un vivo apprezzamento e ringraziamento “In chiaro - afferma Guido Angiolini - è T5 ha avuto inoltre l’importante funzio- stanti in molti settori dell’economia.
per la collaborazione prestata nell’anno trascorso. il successo organizzativo con il quale ne di alleggerire il numero dei passeg- Nel trasporto aereo, la crisi si mani-
Con questo spirito rivolgo a tutti ed a ciascuno di Voi ed ai Vo- sono stati gestiti due eventi di grande geri in un’area ad alta densità di traffi- festò con dati preoccupanti: nei pri-
stri familiari i miei più cari auguri di Buon Santo Natale e di un discontinuità, quali l’avvio del Terminal co, il Terminal C, sovraffollato in deter- mi giorni del conflitto, il traffico dei
sereno Anno Nuovo. 5 e il ritorno di Alitalia su Fiumicino. minate ore della giornata, ma anche di passeggeri negli aeroporti italiani di-
Il T5, inaugurato nel maggio del 2008, decongestionare nei mesi estivi il BHS. minuì mediamente del 20% per i voli
Fabrizio Palenzona è stata una delle soluzioni realizzate da Il ritorno di Alitalia su Fiumicino ha nazionali e del 30% per quelli inter-
ADR per soddisfare al meglio le esi- comportato poi un altro straordinario nazionali, con punte del 45%. Molti
genze operative e di sicurezza dei vet- sforzo organizzativo: basti pensare voli vennero cancellati da Fiumicino.

1
Concerto di Natale
Ente Nazionale dell’Aviazione Civile,
L’ Aeroporti di Roma e l’Arma
dei Carabinieri, insieme per il concerto
di Natale della Banda dei Carabinieri
er la prima volta nella storia, dente dell’Enac Vito Riggio, il Re-

Due anni più tardi, lo scalo registrò


20 milioni di passeggeri, superando i
“Il 2008 è stato anche un anno di im -
portanti realizzazioni…”
P l’Arma ha deciso di celebra-
re il concerto natalizio all’in-
terno di un aeroporto. L’evento si è
sponsabile della Direzione Aeropor-
tuale di Roma, Vitaliano Turrà e il
Presidente di ADR Fabrizio Palenzo-
livelli di traffico del ’91”. “Le innumerevoli realizzazioni avvia- svolto lunedì 15 dicembre alle ore na hanno consegnato targhe di be-
“Un altro esempio di crisi vissuta da te o concluse nel corso di quest’an- 17.30, all’interno del Terminal 5. nemerenza alle forze dell’ordine, al
ADR e superata con successo - con- no testimoniano della volontà e ca- Madrina del concerto è stata Ma- Direttore Generale di ADR Franco
tinua Angiolini - è stato il trasferimento pacità nostra di essere fra i protago- ria Grazia Cucinotta affiancata Giudice per l’impegno profuso nello
di gran parte dei voli internazionali di nisti di questo processo di crescita. dall’anchorman del TG1, France- sviluppo delle infrastrutture aeropor-
Alitalia da Fiumicino a Malpensa, sca- Ricordiamo: la già citata realizzazio- sco Giorgino, che ha introdotto a tuali e al Direttore Sicurezza Aero-
lo inaugurato nell’ottobre del 1998. La ne del Teminal5, l’avvio della costru- ospiti illustri e Istituzioni presenti, portuale, Roberto Novelli per la pro-
compagnia compì una scelta strategi- zione del Molo C, la centrale elettrica l’esibizione dei 90 elementi della fessionalità con la quale L’Ente svol-
ca, convenendo di poter aggredire di cogenerazione in corso di avvia- banda, cui si è aggiunto il tenore ge il proprio lavoro.
meglio il mercato da Milano, piuttosto mento e che renderà l’aeroporto au- Giuseppe Ranzani che ha intona- All’esterno del T5 è stato possibile
che da Roma. Il trasferimento sull’ae- tosufficiente nel fabbisogno di ener- to alcune delle più celebri Arie ammirare le vetture d’epoca dei
roporto lombardo avvenne anche a gia elettrica e termica, la nuova pa- operistiche. Carabinieri, testimoni di una lunga
fronte delle limitazioni comunitarie al- lazzina per uffici, pressochè intera- Al termine dell’esibizione, il Presi- storia di fedeltà.
l’aumento della flotta. mente affittata.
ADR rispose alla crisi ‘conquistando’
nuovo traffico, reagendo alle politiche “A fine anno, il Gruppo ha anche mo- Nella foto,
un’immagine del concerto di Natale .
aggressive degli aeroporti europei ed dificato la sua governance interna”
italiani diretti competitor, investendo “Prima dei tradizionali auguri ai dipen-
in infrastrutture e qualità. Si è trattato denti, ultimo, ma non meno importan-
di interventi riassumibili nel binomio te avvenimento del 2008, ricordo che
‘aumento dei volumi di attività e ridu- il Consiglio di Amministrazione, nella
zione dei costi di gestione’”. riunione del 5 dicembre scorso, ha
posto fine a un periodo di transizione,
“Nella crisi attuale, possiamo quindi nominando un Amministratore Dele-
intravedere anche segnali positivi e gato, nella mia persona, e un Direttore
nuove opportunità?” Generale, nella persona di Franco
“I segnali positivi non mancano: nuove Giudice, apportando inoltre modifiche
compagnie aeree premono per fare alla struttura organizzativa, al fine di
scalo a Fiumicino, la crescita della ca- rendere più efficace ed efficiente il fun-
pacità di spesa delle popolazioni dei zionamento della Società”.
Paesi in via di sviluppo alimenta le cor-
renti del turismo mondiale che il fasci- “È rimasto soltanto lo spazio per gli
no di Roma attrae irresistibilmente. auguri, dottor Angiolini”
L’aeroporto ha grandi capacità di “Nel concludere l’intervista - afferma
espandere le proprie infrastrutture”. Angiolini - vorrei inviare a quanti lavora-
no in ADR e alle loro famiglie l’augurio

che ci attendono nel prossimo anao”. •


di trascorrere in serenità questo perio-
Nella foto,
un’immagine dell’albero di Natale allestito do di festività, coscienti degli impegni
nella hall delle partenze Terminal B.

2
poi al programma di assegnazione
delle piazzole di sosta aeromobili
(con loading bridge e remote) e
delle uscite d’imbarco dei voli in
partenza, definito mensilmente in
base all’operativo stagionale.
L’obiettivo è assegnare in modo ef-
ficiente entrambe le infrastrutture
tenendo sotto controllo una serie
di parametri, dalle dimensioni del-
l’aeromobile, alla capacità della
piazzola, alla tipologia di impianti
presso di essa. Tra i criteri che re-
golano la programmazione dei voli,
oltre alle esigenze operative più
generali, vengono considerati inol-
tre la movimentazione dei flussi dei
passeggeri all’interno dei Moli e
delle aree commerciali, la presenza
di voli di coincidenze successivi, le
esigenze particolari dei vettori
‘high demand’.
La programmazione “stands and ga-
te" viene prodotta utilizzando il mo-
dulo di simulazione del sistema
UFIS-Sim, l’Universal Flight Informa-
tion System, implementato nel corso
dell’anno e che ha recepito tutte le
esigenze della programmazione, i
parametri, le regole e le priorità di as-
segnazione”.

Oltre alla programmazione, il day by


day viene gestito da tre diverse aree

I PROFESSIONISTI di competenza, definite anche “geo-


graficamente” all’interno della sala
che ospita la struttura.

del Controllo Voli volta verifichiamo se le compagnie


aeree indicate sono già note ed inse-
controlli per risalire all’effettivo pos-
sesso dei requisiti di esercibilità del
Entrando, ci troviamo di fronte il col-
lega che dalla sua postazione di la-
voro fornisce il “ready to move” al pi-
lota, il quale successivamente potrà
Continua il nostro viaggio
primo piano

rite nel nostro database anagrafico. volo prescritti dall’ENAC, dal codice contattare la Torre di Controllo per ri-
L’archivio anagrafico contiene la car- di servizio autorizzato (se di linea, chiedere l’ok a mettere in moto e a
all’interno del Servizio ta d’identità del vettore e ne descrive
il tipo di volo, la provenienza, l’han-
governativo, charter, ecc.) ai dati tec-
nici necessari per l’inserimento delle
muovere l’aeromobile dalla piazzola
verso la via di rullaggio e poi verso la
Pianificazione, Controllo dler di riferimento, la modalità di pa-
gamento dei diritti aeroportuali. In
matrici di volo e per la fatturazione. È
nostro compito controllare che
pista di decollo.
Per questa attività il Coordinatore di
e Standard Operativi di caso di un vettore sconosciuto, che quanto richiesto ed ottenuto come volo è in contatto diretto con il co-
opera ‘voli spot’ sull’aeroporto, è ne- slot dai vettori sia sempre in confor- mandante pilota del volo sulla radio-
Fiumicino; oggi incontriamo cessario ricostruirne il profilo, assicu- mità con quanto stabilito dall’Ente frequenza VHF dedicata (121.725

Silvia Masciadri e Marco randoci allo stesso tempo che venga


predisposto il documento per la fat-
Nazionale dell’Aviazione Civile”.
“È inoltre sempre la programmazio-
Mhz) assegnata ad ADR e con la ra-
diofrequenza della Torre di Controllo,
Panetta, rispettivamente turazione dei diritti aeroportuali. Se il
vettore non ci è noto e non dispone
ne - afferma Silvia Masciadri - che
riceve dagli Enti competenti le se-
che prenderà in carico l’aeromobile
dal momento in cui lasciare l’area di
responsabili delle funzioni di una forma di pagamento ricono-
sciuta, come avviene per i vettori
gnalazione dei voli che richiedono
un’assistenza particolare, come
sosta.

Controllo Voli e Standard “storici” operanti su Fiumicino, i Co-


ordinatori intervengono presso il pilo-
quelli di Stato e del Papa, militari
oppure dei voli legati ad eventi ec-
“In quali condizioni viene dato l’ok a
muovere?”
Operativi e Airside ta comandante richiedendogli il pa- cezionali, come il G8 con l’arrivo “In primo luogo, chiediamo al pilota
gamento dei diritti del volo presso il del presidente degli Stati Uniti e di se tutte le operazioni di imbarco so-
Operation Analysis, ai quali nostro banco informazioni dell’aero- altri Capi di Stato. Per ogni tipolo- no terminate - afferma Pierguido
abbiamo chiesto porto.
L’attività di programmazione non ri-
gia di volo ‘eccezionale’ provvedia-
mo ad elaborare una procedura
Falcucci - dopodichè effettuiamo
una serie di controlli mediante il si-
di descrivere le attività guarda soltanto l’acquisizione dell’in-
formazione da parte di Assoclearan-
d’assistenza ad hoc”.
“Dalla programmazione dei voli -
stema di telecamere che agisce sul-
le piazzole di sosta aeromobili. Con
di loro competenza ce, ma richiede tutta una serie di continua Silvia Masciadri - si passa un semplice clic sulla piazzola coi-

I
colleghi del Controllo Voli svolgono Assoclearance ed ENAC, che viene
un ruolo simile a quello di un diret- seguita dai colleghi Enrico Troiani,
tore d’orchestra: il loro compito è Daniela Saltallà e Massimo Rosu.
garantire che il volo sia gestito nei
tempi previsti in partenza e che ven- “Come avviene, nel dettaglio, l’attività?”
gano predisposte tutte le operazioni “Si tratta di una materia molto com-
di sbarco all’arrivo, fornendo le infor- plessa - risponde Silvia Masciadri -
mazioni necessarie ai soggetti aero- che contiene grandi implicazioni di
portuali coinvolti, affinchè il contribu- responsabilità da parte del Controllo
to di ciascuno sia “armonico” e inte- Voli. L’interlocutore principale è As-
grato all’azione complessiva. Lo soclearance, l’istituto senza fini di lu-
spartito che dà luogo alla sinfonia cro responsabile dell’assegnazione
viene diramato a tutti gli “orchestrali” degli slot, cioè delle bande orarie, al-
dal Controllo Voli. C’è chi si prodiga l’interno delle quali operare il volo.
affinchè le fasi del processo produt- Da Assoclearance, con cadenza sta-
tivo, che hanno come risultato finale gionale, riceviamo l’elenco degli slot
il decollo, si succedano con la stes- assegnati su Fiumicino e dei vettori
sa precisione dei suoni. C’è chi è co- che ne hanno acquisito i diritti. Ogni
sì appassionato del proprio lavoro da
osservare il decollo di un aereo ogni
volta con lo stesso piacere con cui
ascolterebbe una sinfonia. Nella foto in alto, il Coordinatore di volo
Pierguido Falcucci.
La prima attività descritta da Silvia
Masciadri è propedeutica a tutte le In basso,
altre: si tratta della programmazione da sinistra, Nicoletta Balbi, capo area
voli, che definisce l’operativo stagio- Controllo Voli, Antonella Pianosi, addetta
al giornale di scalo, Silvia Masciadri,
nale del traffico aeroportuale, sulla responsabile del Controllo Voli e
base delle informazioni ricevute da Standard Operativi.

3
Nella foto, preposti. Le procedure per affronta- Area - interviene Tiberio Coppini -
Enrico Troiani e Daniela Saltallà, al lavoro
alla programmazione voli.
re i casi di bomba a bordo o altro al- garantisce il coordinamento di tutte
larme per la sicurezza aeroportuale, le attività operative svolte dai coor-
sono contenute nel Manuale Blu. La dinatori di voli ed assicura i contatti
volta, il sistema apre una finestra responsabilità dell’allarme è della con i diversi operatori aeroportuali, i
che inquadra l’aereo; in caso di Polizia di Stato. Le procedure nei vettori, gli handler, gli Enti di Stato.
operazioni di assistenza ancora in casi di atterraggi e decolli di emer- Garantisce l’aggiornamento infor-
corso (loading o boarding) o man- genza sono contenute nel Manuale mativo alla comunità aeroportuale
canza del trattore o della barra di Rosso e sono attivate dalla Torre di in caso di variazioni significative del-
traino per il pushback, avvisiamo il Controllo. Le procedure per affron- la programmazione voli o se sono
pilota comandante che non possia- tare atti dolosi o calamitosi sono state predisposte modifiche all’assi- “Come avviene l’assegnazione delle Nella foto in alto,
mo dare l’autorizzazione a muove- contenute nel Manuale Verde e so- stenza previste. Gestisce diretta- piazzole?” lo schermo del Coordinatore di volo, con
l’immagine dell’aeromobile in fase di
re. Altrimenti diamo l’ok ed invitia- no attivate rispettivamente dalla Po- mente i rapporti con il Capo Sala “L’attività di assegnazione delle allestimento prima del decollo.
mo il Comandante a spostarsi sulla lizia e dai Vigili del Fuoco”. della Torre di Controllo per condivi- piazzole e dei gate d’imbarco vera
frequenza di Torre per le successive “Nei casi delle emergenze descritte dere eventuali azioni correttive e per e propria - risponde Coppini - è In basso,
Ario Ruggeri, Controllore volo.
autorizzazioni. In questo stesso - continua Nicoletta Balbi - il Con- ottimizzare i flussi di traffico. In caso svolta da due Coordinatori di Volo,
momento avviene l’ handover del trollo Voli è attivato da ciascuno de- di necessità interviene direttamente che in collegamento con il mondo
volo alla Torre di Controllo di Fiumi- gli Enti citati, attraverso la nuova con gli handler per far rimuovere aeroportuale, attraverso i nostri si- tivarsi ciascuno per le propria com-
cino; con un colpo del mouse i dati “Centralina di Attivazione Stati di Al- mezzi o materiale di ostacolo in stemi di scalo, assegnano le piaz- petenze. L’assegnazione deve te-
del volo, che compaiono sul termi- larme” un sistema informatico, che piazzola”. zole di sosta a tutti i voli in arrivo, ner conto della tipologia di aero-
nale video del sistema dell’Enav, diventerà a breve pienamente ope- “Il Capo Area - continua Coppini - coerentemente con la pianificazio- mobile e della rotazione dell’aero-
cambiano colore e diventano ‘blu rativo ed è ad oggi supportato dalle riceve inoltre le segnalazioni dei ne prodotta dai colleghi della pro- mobile; se per esempio arriva da
ciano’, per essere preso in carica comunicazioni telefoniche. Il siste- voli target direttamente dagli Enti di grammazione, l’evoluzione dinami- uno scalo nazionale e prosegue
dal Controllore di volo”. ma, collegato ad un terminale con Stato, nei casi in cui è necessario ca del traffico e la situazione al mo- come volo Schengen o Extra
video touch-screen, avvisa del- tutelare la sicurezza o l’ordine pub- mento presente sull’apron di Fiu- Schengen, se è un volo point to
Alla destra di questa postazione si l’emergenza con un allarme sonoro blico. Questo avviene per esempio micino”. point, se deve essere immediata-
trova Antonella Pianosi che si occu- prolungato. Ciascun manuale è rap- quando sono in viaggio personalità “Il coordinatore alla postazione mente riallestito per la partenza e
pa della redazione del “giornale di presentato da un’icona colorata, importanti o intere squadre di cal- piazzole - afferma Coppini - ha di così via. La possibile difficoltà na-
scalo”, una vera e propria fotografia che si illumina in base all’emergen- cio: in questi casi, le piazzole de- fronte un terminale collegato al si- sce quando i picchi di traffico sono
di quanto avviene in aeroporto nelle za annunciata. Questo ci darà il mo- vono essere collocate in una zona stema Torre di Enav con il quale così elevati da non rendere imme-
24 ore, una miniera di informazioni e do di comprendere tempestivamen- remota, che garantisca il più possi- vede la sequenza dei voli in arrivo diatamente disponibile la piazzola
di dati utili che sintetizzano gli eventi te il tipo di evento e trasferire a no- bile la privacy e l’assenza di curio- ed in partenza da Fiumicino. Quan- adatta all’aeromobile in arrivo, co-
avvenuti nel corso della giornata. È stra volta l’allarme al capo scalo di si. Infine, abbiamo un ‘filo diretto’ do il volo in arrivo è a circa 20’ mi- me da programmazione. Le asse-
un’attività di controllo, volo per volo, servizio e a tutti gli altri settori coin- con l’ENAV, Ente con il quale vi è nuti dall’atterraggio, il nostro colle- gnazioni devono comunque essere
che viene condotta spesso interfac- volti, dalla supervisione di terminal, un continuo flusso informativo, ga ‘annuncia’ il volo, inserendo la rapidissime, poiché nelle fasce di
ciandosi con gli handlers, qualora al Pronto Soccorso, vettori ed han- fondamentale per la nostra attività. piazzola nel nostro sistema infor- maggior traffico gli atterraggi si
non si abbiano dati essenziali a chiu- dler, cui inviamo un telex circolare Il Capo Area, a fine turno redige il matico, che la dirama, tramite una susseguono ogni tre minuti. Le po-
dere il consuntivo. I dati consuntivati che specifica quale emergenza è in Rapporto di Servizio dove si se- stampante collegata al server di re- stazioni che si occupano di questa
nel giornale di scalo contribuiscono atto, quale aeromobile è coinvolto, gnalano tutti gli eventi significativi te, agli handler e a tutti i soggetti attività sono tre. Ve ne è inoltre una
ad alimentare il data-base di ADR quale materiale si deve predisporre del turno”. interessati, che hanno modo di at- quarta, che ha il compito di tenere
che viene utilizzato sia dal Marketing per l’evacuazione dei passeggeri,
aeroportuale che dalla Fatturazione qual è il punto di raccolta sulla pista
per il pagamento dei diritti aeropor- e, soprattutto, se vi sono passeg-
tuali e per questo ha un’importante geri o merce pericolosa a bordo”.
valenza economica, oltre che stati- “Altre funzioni del COE - afferma
stica. Nicoletta Balbi - sono la gestione
della messa in moto in piazzola,
A sinistra della sala, incontriamo le evento che si deve svolgere alla
due postazioni dei capi area in turno. presenza dei colleghi Gialli/SAR,
La prima è il COE, dove il Capo l’accensione dell’APU (Auxiliary
Area assume la responsabilità del Power Unit) nelle piazzole che non
Centro Operativo per le emergenze, sono dotate degli impianti di ali-
fino a poco tempo fa di competen- mentazione 400Hz e precondizio-
za dell’Ufficio Traffico dell’Enac. namento, la segnalazione della
presenza di volatili, la richiesta
“Dalla nostra postazione - afferma d’intervento dei Vigili del Fuoco,
Nicoletta Balbi - si gestiscono diver- nel caso di rifornimento carburante
se tipologie di emergenze e le rela- con i passeggeri a bordo, la se-
tive procedure d’intervento, conte- gnalazione di eventi pericolosi, co-
nute nei Manuali Blu, Rosso e Ver- me lo sversamento di carburante in
de, rilasciati dall’ENAC, con il con- piazzola”.
tributo di ADR e degli Enti di Stato “La seconda postazione del Capo

4
i contatti telefonici per coordinare e Ciascun decollo e atterraggio sono
gestire le così dette ‘movimenta- ogni volta un obiettivo raggiunto.
zioni orizzontali’, cioè il traino degli
aeromobili dalle piazzole di sosta Air Side Operation Analysis
agli hangar per la manutenzione e Il Notam non è un termine latino
viceversa; la stessa postazione ag- per indicare uno scritto importante,
giorna l’assegnazione delle gate l’AIP non è l’acronimo di un’indu-
nel caso di scostamenti sull’orario stria petrolifera, LIRF non è il nome
schedulato di partenza”. di un medicinale: dietro gli acronimi
si celano i documenti prodotti dal-
“Quanto è importante il collegamen- la terza area di attività dell’Ente
to con i Colleghi dell’Enav?” Pianificazione Controllo e Standard
“Il Controllo Voli di ADR possiede il Operativi Fiumicino, l’Air Side Ope-
‘polso’ della situazione dello scalo, ration Analysis. Marco Panetta, re-
l’ENAV ha una visione dello scenario sponsabile dell’Unità organizzativa,
nazionale e internazionale, quindi ci illustra il significato degli acronimi
anticipa tutte le variazioni che dob- menzionati e quali documenti sot-
biamo attenderci nella presentazio- tintendono.
ne del traffico nella giornata. La ‘fo- “Il Regolamento per la Costruzione
tografia’ del quotidiano che ci forni- e l’Esercizio degli Aeroporti, ema-
sce la nostra programmazione non nato dall’ENAC nel 2003 – afferma
è sempre rispettata e questo avvie- Panetta – stabilisce che ogni aero-
ne per le ragioni più diverse, dalle porto in Italia debba avere delle fi-
condizioni meteo avverse, che ri- gure di riferimento responsabili di
chiedono l’utilizzo di una o due del- fronte alla legge dell’attività aero-
le piste presenti a Fiumicino, ad portuale, i così detti Post Holder. In
eventi eccezionali, come l’occupa- ADR, questo ruolo è svolto da Elia
zione degli aeroporti di Bangkok, Pistola, Post Holder Area Movi-
che hanno bloccato tutti i decolli da mento e Terminal, Giorgio Gregori,
lì e quindi gli atterraggi destinati a Post Holder Manutenzione, Paolo
Fiumicino. In questo scenario che Cambula, Post Holder Progettazio-
può modificarsi imprevedibilmente, ne. La responsabilità massima di
le segnalazioni dell’ENAV ci consen- fronte all’ENAC è dell’Accountable
tono di ottimizzare l’utilizzo delle Manager, che in ADR è Franco
piazzole, in base ai reali flussi di traf- Giudice”. Nella foto in alto,
fico. Il nostro Controllo Voli fornisce L’area di Movimento è la più deli- da sinistra, Fabrizio Botta, Giancarlo
Amati, Silvio Stefanelli, Tiberio Coppini,
per tempo le informazioni relative al- cata dell’intero sistema aeropor- Giampiero Farina.
l’assegnazione delle piazzole per tuale, dove convivono aerei, veico-
consentire all’ACC di Ciampino di li, attrezzature, persone. Accanto,
da sinistra, Paolo Giannobile e Marco
allineare per tempo le sequenze dei “Questa premessa - continua Pa-
Panetta, responsabile dell’Ente Air Side
voli in arrivo sulle due piste di atter- netta - è necessaria per illustrare la Operation Analysis.
raggio (16L e 16R)”. nostra attività, che è una vera e
Come abbiamo visto il Controllo Vo- propria “consulenza operativa” al
li vive e lavora all’interno di uno sce- Post Holder Area Movimento e Ter- sul mercato: una prima analisi ha co-
nario di traffico mutevole, che richie- minal quando vengono progettati me obiettivo la valutazione di even-
de spesso correzioni in corso interventi sulle infrastrutture lato air tuali impatti sulla sicurezza operativa,
d’opera in base ai ritardi dei voli in side. Per tutti i progetti che riguar- un’altra più complessa permette di
arrivo o in partenza, alle cancellazio- dano la realizzazione di nuove ope- misurare le performance operative
ni, alle variazioni aeromobili imprevi- re o la manutenzione di quelle esi- relativamente ai tempi di rullaggio ed
ste ed improvvise dell’operativo. As- stenti, il nostro compito e quello di ai ritardi degli aeromobili, e quindi ha
sicura un utilizzo efficiente della ca- valutare gli impatti operativi e gli come fine ultimo la valutazione della
pacità aeroportuale anche in un eventuali i rischi aeronautici deri- capacità aeroportuale del sistema
contesto airside che ogni giorno è vanti dal piano d’intervento e di Air Side, in ogni sua possibile confi-
fortemente condizionato e penaliz- suggerire soluzioni ottimizzanti. La gurazione.
zato dai cantieri di lavoro, dagli ae- corretta delimitazione dei cantieri Con questi software è possibile valu-
romobili in lunga sosta e da quelli viene da noi coordinata e controlla- tare in maniera scientifica l’esatto
fuori flotta. Nonostante ciò lo scorso ta, salvaguardando tutte le misure comportamento di un aeromobile a dell’Airside, simulando preliminar- ne operativa in airside che diffon-
14 luglio 2008 i nostri colleghi han- di safety. Questo aspetto è partico- terra ed in volo: si possono misurare mente ogni possibile alternativa in diamo a tutti gli operatori interni ed
no brillantemente “parcheggiato” larmente importante soprattutto gli effetti della spinta prodotta dai modo da scegliere sempre la solu- esterni; l’aggiornamento della
1.159 voli, tra arrivi e partenze, quando i lavori di cantierizzazione motori e l’impatto sull’ambiente cir- zione che garantisce l’operatività scheda piazzole di sosta aeromo-
mentre lo scorso 17 agosto 2008, interessano un’ampia area, come costante, oppure analizzare i ritardi del sistema aeroportuale e mini- bili; le cartine dell’area Apron e del-
hanno consentito il flusso di sta avvenendo, per esempio, per la operativi potenzialmente indotti dalle mizza i disagi”. le aree di Manovra; i percorsi di rul-
135.417 passeggeri all’interno delle realizzazione del Molo C. I cantieri cantierizzazioni. Ad esempio le fasi laggio e la piazzola ad hoc per cia-
nostre aerostazioni. previsti per l’opera sono sette e di lavoro del nuovo Molo C sono sta- “Una volta definita l’area da destina - scun aeromobile. Produciamo
Lasciamo la sala del Controllo voli, coinvolgeranno nel tempo specifi- te tutte simulate in fase preliminare re alla cantierizzazione, come proce - quindi una sorta di ‘breviario’ per i
con i suoi monitor sempre accesi, che ‘porzioni’ dell’area di apron. È ed i dati di output così prodotti, sono dete?” colleghi del Controllo Voli, della Si-
con la sensazione di essere entrati quindi fondamentale procedere per stati presentati ai principali attori ae- “Il nostro obiettivo - risponde Pa- curezza Operativa e dell’ENAV.
in un mondo a parte, eppure perfet- gradi”. roportuali (ENAV, ENAC, Vettori, netta - è informare le funzioni diret- Proprio in collegamento con ENAV
tamente integrato nel cuore dello “Per avere una valutazione il più Handler) con informazioni scientifi- tamente coinvolte; in primo luogo garantiamo l’aggiornamento del-
scalo. Qui abbiamo incontrato l’atti- possibile vicina alla realtà - aggiun- che e trasparenti. effettuiamo le mappe dei cantieri l’A.I.P. (Aeronautical International
tudine e il forte senso di apparte- ge Paolo Giannobile - effettuiamo Questa ‘what if analysis’ consente che forniamo ai colleghi di ISE Publication) Italia per gli aeroporti
nenza alla propria funzione, che vie- due tipi di analisi con i migliori siste- ad ADR di valutare ed ottimizzare (SAR) e alla Direzione Lavori di di Fiumicino e Ciampino. La reda-
ne svolta con orgoglio e dedizione. mi di simulazione fast-time presenti ogni nuova condizione operativa ADR, che li trasferisce alle imprese zione dell’AIP è delicata e richiede
costruttrici per la corretta delimita- la ‘fotografia’ degli aeroporti sem-
zione dei cantieri di lavoro. L’infor- pre aggiornata nel minimo detta-
mativa viene poi emessa attraverso glio. Infatti deve descrivere le rotte
i Notam, acronimo per Notice To e le caratteristiche fisiche delle pi-
Air Men, che definiscono le even- ste (dimensione, luci, segnaletica
tuali difformità rispetto alle informa- orizzontale, ecc.), delle piazzole,
zioni standard sull’aeroporto, dal- delle manovre che gli aeromobili
l’apertura e chiusura cantieri, alla possono eseguire, dei percorsi che
presenza di condizioni meteo av- devono effettuare quando sono a
verse, più in generale alle condizio- terra; deve contenere le cartine ag-
ni che possano penalizzare l’attivi- giornate delle aree penalizzate per
tà aeroportuale. I Notam sono in- cantieri o altro”.
formazioni aeronautiche emesse “Infine - conclude Panetta - con il
su approvazione dell’ENAC e ven- completamento dei lavori di Pista
gono indirizzati a tutto il mondo ae- 16/R 34/L e del rullaggio Alfa, stia-
ronautico, compreso l’ENAV che mo realizzando in collaborazione
gestisce il traffico aereo sull’aero- con l’ENAV, l’aggiornamento delle
porto”. procedure per le operazioni in Bas-
sa Visibilità, che poi saranno pub-
“Quali altri documenti produce l’Uni- blicate nell’AIP, che consentiranno

sibilità fino a 75 metri”. •


tà organizzativa?” all’aeroporto di Fiumicino di poter
“Le Istruzioni Operative per la ge- operare atterraggi e decolli con vi-
stione dei lavori e per ogni variazio-

5
il Cliente, “i momenti della verità” e
l’incremento della Qualità.
All’interno di ciascun tema figuravano
dei test di verifica dei temi stessi,
esplorati e superati dalla gran parte dei
partecipanti.
Nel secondo step, che si è sostan-
ziato in una giornata di follow-up, so-
no stati ripresi i temi alla luce dell’ap-
plicazione sul lavoro e del perfezio-
namento del rapporto con il Cliente
quale giudice in ultima istanza del-
l’effettiva qualità erogata, fedeli al
“driver” del cambiamento individuato
con la Direzione: “la qualità dei servi-
zi erogati al passeggero”.
L’obiettivo riconosciuto del lavoro effet-
tuato in aula è stato quello di incidere
sul modo di concepire il proprio ruolo:
ogni risorsa di qualsiasi livello deve rite-
nersi responsabile della qualità erogata
ai passeggeri o ad altri loro “clienti”
esterni o interni, contribuendo al mi-
glioramento continuo dei processi, in-
teragendo in modo attivo e consape-
vole con i propri colleghi anche di altre
funzioni.
Anche sulla base delle valutazioni for-
mulate dagli stessi partecipanti a fine
corso, tutti, sia coloro i quali vantano
molti anni di servizio sia quelli che inve-
ce sono “più giovani”, hanno:
• preso coscienza degli scenari at-

PROTAGONISTI tuali, delle trasformazioni vissute e


di quelle in corso e della necessità
di sviluppare ulteriormente la pro-

del cambiamento C on il mese di novembre si è


completato il primo ciclo dell’in-
tervento denominato ROR - ri-
Ebbene, dopo un periodo di circa due
mesi dal primo seminario dove i parte-
cipanti sono stati coinvolti in una rifles-
pria attitudine al cambiamento con-
tinuo e all’innovazione per migliora-
re costantemente il modo di fare il
proprio lavoro;
Con il mese di novembre si è torno sulla relazione - che ha coinvolto sione approfondita sul significato del • acquisito consapevolezza che il
risorse umane

57 colleghi delle aree operative appar- cliente in una società di servizi e la re- proprio lavoro è parte di un sistema
completato il primo ciclo tenenti a diversi ambiti organizzativi. sponsabiltà delle persone nello svilup- più complesso, che è necessario
dell’intervento formativo “Ritorno L’obiettivo dell’azione formativa era
quello di sviluppare, nel personale di
po della qualità del servizio, il percorso
è proseguito con ulteriori azioni finaliz-
conoscere per interagire in modo
responsabile e proattivo con tutti gli
sulla relazione”, che ha coinvolto front-end, una maggiore consapevo- zate da un lato a sedimentare le cono- altri ruoli dell’assetto organizzativo;
lezza sulla centralità del cliente nella scenze apprese e dall’altro a condivi- • realizzato l’importanza fondamen-
57 colleghi delle aree operative strategia aziendale, nell’ottica del mi- dere l’esperienza acquisita in un signi- tale del costante orientamento al
appartenenti a diversi ambiti glioramento della qualità del servizio. ficato collettivo. cliente e la responsabilizzazione di
Soprattutto “sensibilizzare” le persone Rispetto alla prima tappa, ai parteci- ciascuno nella qualità dei servizi
organizzativi. sull’importanza dei comportamenti panti è stato sottoposto un sistema di erogati: la relazione con il cliente è
Dopo un periodo di circa due mesi quotidiani nella crezione di relazioni di
fiducia con i nostri clienti e nella re-
valutazione dell’apprendimento dei
comportamenti appresi definito “BUS-
l’elemento chiave per l’incremento
del volume di affari di ADR;
dal primo seminario, in cui sponsablità che ciascuno di noi ha, SOLA” articolato in un test on-line con • compreso che ogni addetto deve
quindi nella costruzione del valore alternative di comportamento in base sentirsi coinvolto, in prima persona,
i partecipanti sono stati coinvolti complessivo dell’azienda. alle diverse situazioni. in qualità di attore del cambiamento.
in una riflessione approfondita Ad accompagnarci in questa prima Il primo step ha comportato la crea- Sulla base di questi incoraggianti, primi
tappa del viaggio è stata una Socie- zione di un vero e proprio manuale risultati si procederà, tra metà gennaio
sul significato del cliente in una
risorse dei medesimi settori operativi. •
tà specializzata nella formazione al on-line che rappresentava la sintesi e marzo 2009 ad un secondo ciclo di
società di servizi e la responsabiltà Cliente - la STRA-LE - che aveva ri-
conosciuto fondamentale il coinvol-
dei temi trattati nel precedente semi-
nario di due giorni, e cioè: la Qualità,
edizioni che coinvolgerà circa altre 50

delle persone nello sviluppo gimento emotivo - e di conseguenza


motivazionale - delle persone per at-
della qualità del servizio, il percorso tuare un cambiamento reale. E che
è proseguito con ulteriori azioni ha condiviso con noi l’obiettivo di fa- Le nuove aule della Security
re centro nel cuore delle persone:
finalizzate a sedimentare non bastava spiegare come si può ue nuove aule dedicate alla contare su nuovi spazi da adibire al-
le conoscenze apprese
ed a condividere l’esperienza
fare; ci si voleva mettere nei panni
del personale ADR per far sì che
questi si mettessero nei panni dei lo-
D formazione del personale e
gestite dal Centro Addestra-
mento della Direzione Sicurezza Ae-
l’attività formativa, che vede una do-
manda in forte crescita, così come
gli introiti collegati all’attività. La for-
acquisita in un significato collettivo. ro clienti. In sintesi, che ogni addetto
coinvolto fosse, da subito, attore del
roportuale sono state inaugurate il 4
dicembre scorso, nei locali prece-
mazione, com’è noto, si rivolge a
tutti gli operatori aeroportuali e a
Questi gli obiettivi raggiunti cambiamento. dentemente adibiti a spogliatoi. La personale che tutela la security di
nuova sede, situata nel percorso aziende di settori diversi da quello di
sottostante il viadotto ferroviario, riferimento. Le aule sono denomina-
ospita due aule rispettivamente da te con la numerazione progressiva 5

stramento. •
50 e 60 posti ed alcuni uffici. La lo- e 6, a prosecuzione “aritmetica” del-
ro realizzazione si deve all’esigenza l’aula 4, nella sede del Centro Adde-
del Centro Addestramento di poter

6
asciai l’Italia abbracciando per ul- per fortuna molti di loro parlavano in-

L timi, proprio alcuni dei miei colle-


ghi del pronto soccorso dell’aero-
porto di Fiumicino, che mi accompa-
glese anche se un po’ distorto; ma ca-
pii che il linguaggio internazionale nel
momento della sofferenza, è solo
gnarono fino al gate d’imbarco. Il mio l’amore che ci metti nel fare le cose.
non voleva essere un viaggio eroico o Fratel Beppe è stato per me un punto
protagonistico, ma semplicemente un di riferimento, la sua pace, la sua sere-
gesto d’amore che da tempo coltivavo nità, il suo modo di dedicarsi comple-
in un cantuccio del mio cuore; sento di tamente alla sua missione e ai pazien-
non aver potuto dare ciò che vera- ti. Nutro profonda ammirazione e stima
mente avrei voluto, ma mai, nemmeno per lui e per ciò che fa; per questo ho
un solo giorno, ho smesso di pensare realizzato il blog che contiene le sue
a quelle persone, a quei posti, a quei lettere, in cui viene espresso appunto il
sorrisi, dopo il mio ritorno a casa. suo operato e soprattutto, l’aspetto
Arrivai a Nairobi quattro anni fa, il gior- umano e quello emozionale del suo
no prima di Pasqua, all’alba, da sola quotidiano.
con una valigia extra contenente 45 kg Alla vigilia della mia partenza dall’Italia,
di antibiotici, raccolti nelle settimane lessi uno scritto di Fratel Beppe, che
precedenti e pochi effetti personali. ancora oggi mi è molto caro, perchè lo
Fratel Lorenzo mi accompagnò con feci proprio il giorno prima di andare a
una jeep al Chaaria Mission Hospital, Chaaria. Racconta la storia di Stella,
insieme ad altre tre volontarie italiane una bimba a me sconosciuta, che en-
arrivate da Torino, una giornalista, trò nel mio cuore all'inizio del mio viag-
un’odontoiatra ed un’assistente sani- gio e che cercai in ogni volto di bimba
taria: un percorso di quasi 400 km di che vidi laggiù. Stella era una ragazzi-
strada sterrata attraversando villaggi, na vivace e curiosa, come tutti i bam-
zone desertiche e foreste. bini della sua età. Venne condotta pic-
Numerosi check point scandirono il colissima a Chaaria, orfana di entram-
percorso, che si presentava con uno bi i genitori, da uno zio preoccupato
scenario mozzafiato e che solo allora
mi fece capire cos’è il “mal d’africa”: il
colore rosso della terra e quello delle
Chaaria Mission Hospital, perché la piccola non cresceva e sem-
brava come abbandonata dalla vita.
La bambina era malata di malaria ed il
albe e dei tramonti, la vegetazione ri-
gogliosa della foresta, il biondo della
savana, la sontuosità degli alberi di
acacia e di baobab, il cielo stellato che
Kenya proprio sul cortile dell’ospedale e da lì,
ogni mattina mi svegliavo con le urla
virus dell’HIV si era inoculato nel suo
sangue, trasmesso dalla mamma al-
l’epoca della gestazione. Venne curata
con trasfusioni, che restituiscono alla
la notte in assenza di luci artificiali spic- dei bambini ai quali veniva fatta la do- vita i bambini malarici in uno sorta di
adia Monari, infermiera

N
le testimonianze umanitarie
cava nel buio assoluto, i sorrisi e l’en- lorosa terapia endovenosa antimalari- miracolo che avviene ogni volta, e far-
tusiasmo dei kikuyu al nostro passag- responsabile di sala operativa ca di chinino delle 6. Quelle urla le ho maci retrovirali, che però non voleva
gio, il volo di uno stormo di fenicotteri ancora nelle orecchie, così come il prendere con regolarità, perchè non le
che alzandosi in volo tingeva di rosa le del Pronto Soccorso di ADR, suono sordo del tonfo dei corpicini dei piacevano, come avviene a tutti i bam-
acque del lago Nakuru.
L’ospedale di Chaaria è una struttura
ha prestato la sua attività bimbi che venivano sepolti nella fossa
comune, la sera quando si faceva
bini del mondo di fronte alle medicine
“cattive”. Andava pazza per gli ham-
ubicata nella zona del Meru, sopra al- professionale anche in Kenya, presso buio. burger e le patatine fritte e ogni volta
l’equatore e fornisce assistenza sanita-
ria ad un’area vastissima, anche trami-
il Chaaria Mission Hospital, gestito Il buio di Chaaria, come ho già detto,
era assoluto perché incontaminato da
che ritornava al suo villaggio, stentava
a riabituarsi al cibo che doveva divide-
te una Mobile Clinic che si sposta tra i dall’Associazione Volontari luci artificiali vicine o lontane e dopo la re con i suoi familiari. Stella è morta a
villaggi per le campagne di vaccinazio- mezzanotte quando il generatore veni- sei anni perché il suo corpo alla fine si
ni e prevenzione. I posti letto sono
Cottolengo, in particolare da fratel va staccato, per far luce erano con- è arreso alle malattie e al dolore che
160, anche se in periodi di intenso af- Beppe Gaido. L’esperienza cesse solo la torcia o la fiammella di l’aveva circondata fin dalla sua nascita.
flusso vengono ricoverati due pazienti una candela. Adorava occuparsi degli altri bambini
con la stessa patologia, nello stesso di Nadia Monari è il racconto Come infermiera “muhuguzi”, mi occu- più piccoli di lei, soprattutto dei neona-
letto. Il medico che coordina e gestisce di un confronto, anche doloroso, pai prevalentemente della sala opera- ti, che accudiva con amore. Conside-
l’ospedale è italiano ed è un frate del toria e delle medicazioni in ambulato- rava l’ospedale la sua casa e amava
cottolengo di Torino, che dedica la sua con un mondo “altro” e diverso, rio; la sala d’attesa era sempre piena, pensarsi figlia di Fratel Beppe, dal qua-
opera di missione a Chaaria già da ol-
tre dieci anni.
che pubblichiamo volentieri ma sempre, le persone attendevano
pazientemente il loro turno: in kenya il
le riceveva le cure amorevoli che le han-
no permesso di vivere brevi anni di cor-
Purtroppo le malattie che investono con il desiderio di ascoltare tempo scorre lentamente e senza le se e giochi, bambina tra bambini uguali
quelle popolazioni, già flagellate dalla
povertà, lasciano poche speranze a
ed apprendere, certi che lascerà lancette dell’orologio, a scandirlo c’è
solo l’alba “alfajiri” e il tramonto “adhu-
a lei. Pensai che se fossi andata solo
pochi giorni prima l'avrei conosciuta. E
molti di loro: AIDS, TBC, infezioni e so- una traccia nel cuore di tutti noi huli” e la filosofia dell’ ”hakuna matata”. compresi che ci sono tante Stella, Ka-
prattutto la malaria spesso fanno soc- Lavoravo con i mezzi a disposizione, wira, Kendi, Kinyua e Doreen, con lo
combere prima dell’arrivo in ospedale. centellinando con parsimonia ogni gar- stesso stupendo sorriso e che ognuna
La maggior parte dei pazienti arrivano za e deflussore, pensando alla nostra di loro merita il dono dell'amore. Per
dai villaggi accompagnati su una bici- medicheria in aeroporto, dotata di ab- questo Fratel Beppe è là, io credo.
cletta o su un carretto trainato da una di impotenza e di inutilità credo non tando di vederci per essere fotografati bondanti presidi di ogni tipo. Mi colpì
mucca, altre volte a piedi camminando abbia mai più raggiunto la soglia di e rivedersi increduli sul display della molto come sistemarono quei 45 kg di L’indirizzo del blog di Nadia Monari è

la home page dell’intranet. •


per giorni. Una mattina, ho visto arriva- quella mattina. La disperazione di macchinetta, come se fosse una ma- antibiotici che portai dall’Italia: avevano http://chaariahospital.myblog.it.
re una giovane donna sfinita che ave- quella povera gente è contenuta in una gia. Penso che noi siamo molto fortu- una “farmacia” con scaffali in legno, Il blog è attualmente visibile anche dal-
va un fagotto tra le braccia avvolto in dignità ed una umiltà a noi sconosciu- nati, perché il solo fatto di essere nati in dove disposero con la massima cura e
una coperta. Piangeva e mi implorava ta, così come il loro sorriso, è qualco- Italia, ci offre un’opportunità diversa ri- cautela in ordine di principio attivo,
pronunciando parole a me incompren- sa di introvabile al mondo: loro non spetto a quelle popolazioni. Ma ciò che ogni compressa o fiala, anche quei
Nella foto in alto,
sibili, di far visitare subito la sua bambi- possiedono nulla, spesso neanche le abbiamo, non ci basta mai e così ci la- campioni gratuiti che negli armadietti Nadia con due bambini in un villaggio
na, così presi quel fagotto, la misi sul scarpe ai piedi, eppure con un sorriso mentiamo sempre di tutto. dei nostri medici di base, sarebbero Masai.
lettino e aprendo la coperta mi accorsi pieno e pulito accolgono l’uomo bian- Non riesco a dimenticare la stanzetta andati a finire nella spazzatura.
che la bimba era già morta e purtrop- co “mzungu” a braccia aperte. Soprat- dove dormivo assieme ad un’altra vo- Cercai di imparare velocemente qual- Nelle foto in basso,
Nadia in vari momenti durante il periodo
po, a giudicare dall’aspetto, ciò era av- tutto i bambini, che si radunavano da- lontaria italiana; c’era una finestrella che parola e frase di swahili per comu- trascorso a Chaaria, compresa la jeep
venuto da parecchie ore. Il mio senso vanti all’ingresso dell’ospedale aspet- con delle grate di ferro, che affacciava nicare meglio con i pazienti, sebbene che l'ha condotta sino all'ospedale.

7
Il traffico SISTEMA AEROPORTUALE ROMANO - TRAFFICO
novembre 2008
di novembre
A Fiumicino il negativo trend di traf- TOTALE SISTEMA ROMA FIUMICINO ROMA CIAMPINO
fico, che caratterizza quasi tutti gli
scali internazionali, è particolarmen- Totale novembre 2008
TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE
te evidente a causa delle note vi-
-9,3%
Movimenti 28.861 13.065 15.796 24.684 11.610 13.074 4.177 1.455 2.722
cende legate ad Alitalia e alla nasci- D% vs AP -10,8% -8,0% -8,4% -11,5% -5,5% -14,0% -4,7% -18,3%
ta di CAI. Nel mese di novembre Ali-
talia ha cancellato mediamente oltre Pax Totali 2.660.085 980.791 1.679.294 2.329.331 925.882 1.403.449 330.754 54.909 275.845
150 voli, con punte anche superiori D% vs AP -6,8% -13,7% -2,2% -5,8% -14,8% 1,2% -13,1% 12,0% -16,8%
a 200, rispetto all’operativo previ- Merce (Kg) 11.594.908 594.696 11.000.212 10.166.440 594.696 9.571.744 1.428.468 0 1.428.468
sto. Il Sistema Aeroportuale Roma- D% vs AP -9,5% -26,8% -8,4% -6,9% -26,0% -5,4% -24,5% -100,0 -24,2%
no ha subito un calo del traffico
passeggeri del -6,8% (-13,7% seg- TOTALE SISTEMA ROMA FIUMICINO ROMA CIAMPINO
mento nazionale e -2,2% segmento
internazionale) nonostante l’avvio di Progressivo annuo
TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE TOTALE DOMESTICO INTERNAZIONALE
nuovi voli dal Leonardo da Vinci Movimenti 378.806 165.823 212.983 323.584 147.404 176.180 55.222 18.419 36.803
(EasyJet per Malpensa e Blu-ex- D% vs AP 2,6% 0,7% 4,0% 5,0% 0,6% 8,9% -9,5% 1,4% -14,2%
press verso Torino). In particolare,
sullo scalo di Fiumicino il traffico Pax Totali 37.444.144 13.232.135 24.212.009 33.010.798 12.690.201 20.320.597 4.433.346 541.934 3.891.412

traffico è stata del -13,1%. •


passeggeri è diminuito del 5,8%, D% vs AP 5,2% 1,4% 7,3% 8,0% 1,3% 12,6% -11,9% 3,4% -13,7%

mentre a Ciampino, la riduzione del Merce (Kg) 146.565.327 8.131.035 138.434.292 128.325.438 8.093.329 120.232.109 18.239.889 37.706 18.202.183
D% vs AP 3,9% -16,2% 5,3% 7,2% -14,3% 9,0% -14,6% -85,3% -13,8%

La qualità di ADR cando FCO in una posizione più bas- De Gaulle


CPH: Copenhagen
LIN: Linate
LYS: Lisbon
SECONDO GRAFICO tale livello la performance degli aero-
sa rispetto alla media europea. Tale DME: Moscow Do- LTN: London Luton
POSIZIONAMENTO DI porti asiatici (Seoul, Kuala Lumpur,
PRIMO GRAFICO valore è influenzato dall’andamento modedovo MAD: Madrid FIUMICINO RISPETTO Singapore, Hong Kong) che risultano
POSIZIONAMENTO stagionale. Tra gli aeroporti europei DUB: Dublin MLA: Malta ALLA MEDIA MONDIALE tra i più eccellenti. Il confronto sui
EDI: Edimburgh MAN: Manchester
DI FIUMICINO RISPETTO con traffico superiore a 15 milioni il no- EMA: East Midlands MUC: Munich ED EUROPEA SUI servizi ritenuti importanti dai passeg-
AGLI AEROPORTI EUROPEI stro aeroporto si posiziona, comun- FAO: Faro MXP: Milano Malpensa PRINCIPALI SERVIZI NEL geri consente di individuare i negozi,
CON OLTRE 15 MILIONI que, prima degli scali di London Lu- FNC: Funchal OPO: Oporto PRIMO TRIMESTRE 2008 il cui giudizio è allineato sia alla media
FRA: Frankfurt ORY: Paris Orly
DI PASSEGGERI NEL PRIMO ton, Lisbona e Milano Linate. GLA: Glasgow OSL: Oslo europea che a quella mondiale, co-
TRIMESTRE 2008 HAM: Hamburg PDL: Ponta Delgada Dall’analisi sul posizionamento di me punto di forza di FCO; mentre
HEL: Helsinki PMI: Palma di Mallorca
Legenda sigle aeroporti: KEF: Reykjavik SOU: Southampton
FCO rispetto alla media mondiale ed gap importanti interessano servizi
L’indagine internazionale dell’ACI evi- ABZ: Aberdeen BHX: Birmingham KRK: Krakow STN: London Stan- europea sui principali servizi, si evi- come i parcheggi, rapidità riconse-
denzia, nel terzo trimestre dell’anno in AMS: Amsterdam BOH: Bournemouth LGW: London Gat- sted denzia, nel terzo trimestre, una valu- gna bagagli, pulizia delle toilette e
ARN : Stockholm Ar- BRU: Bruxelles wick VCE: Venezia
corso, un livello di gradimento espres- landa BUD : Budapest LHR: London Hea- VIE: Vienna tazione media degli aeroporti europei comfort sale d’attesa, il cui giudizio è
so dai passeggeri pari al 3,29 collo- ATH : Athens CDG: Paris Charles throw ZRH: Zurich inferiore a quella mondiale. Incide su il più basso.

POSIZIONAMENTO AEROPORTI EUROPEI - 3° TRIMESTRE 2008 ANALISI FCO PER SERVIZIO - 3° TRIMESTRE 2008

ADR GIORNATA NAZIONALE


perNoi DELLA COLLETTA ALIMENTARE
abato 29 novembre, con la 7.500 supermercati e ipermercati)

S collaborazione del Servizio


Prevenzione e Ambiente di La-
voro, alcuni colleghi di ADR hanno
mentre, oltre 5 milioni di persone
hanno acquistato dei generi alimen-
tari non deperibili come: pasta, po-
NEWSLETTER PERIODICA DI COMUNICAZIONE
INTERNA DI AEROPORTI DI ROMA

partecipato all’iniziativa della ‘Gior- modori pelati, omogeneizzati e ali-


Aut. del Tribunale civile di Roma n. 87/08 del 6 marzo 2008

Redazione: Mario de Gennaro,


nata Nazionale della Colletta Alimen- menti per l’infanzia in generale, ton-
Fabrizio Mariotti, Stefania Purchiaroni,
tare’, organizzata dalla Fondazione no, carne e legumi in scatola, ed olio
Banco Alimentare Onlus e dalla da distribuire ad oltre 1.480.000 indi- Silvia Rosati

Collaboratori: Rinaldo Alberico,


Compagnia delle Opere Impresa So- genti attraverso più di 8.500 enti di prodotti alimentari - quasi 200 più
Gianfranco Concutelli, Arianna Di Martino

di euro. •
e Ilaria Vergine
ciale. Dai dati divulgati dal Banco Ali- convenzionati con la rete Banco Ali- dell’anno scorso - per un valore eco-
mentare, a livello nazionale, oltre mentare (mense per i poveri, comu- nomico stimato di oltre 27.000.000
100.000 mila volontari, tra cui molti nità per i minori, banchi di solidarie- Contatti: comunicare@adr.it

Direttore Responsabile: Silvia Rosati


giovani e pensionati, hanno contri- tà, centri d'accoglienza, ecc.). Du-
Foto: Virginio Favale
Nella foto,
buito attivamente donando il proprio rante la XII edizione della ‘Giornata
Progetto grafico: ATON Srl - Roma
da sinistra, i colleghi Massimo Volpe e

Stampa: ATON Srl - Roma


tempo libero nei punti vendita che Nazionale della Colletta Alimentare’ Luca Cantatore, volontari della Colletta
hanno aderito all’iniziativa (oltre sono state donate 8.973 tonnellate Alimentare.
dicembre 2008