You are on page 1of 27

Costruzione di Macchine

Prof. Nicola Bonora AA 2008/2009 Lezione 4 Modi di rottura, fatica HCF

Fatica: il conteggio dei cicli


Nella realt operativa la forma dello spettro di sollecitazione non quasi mai periodico n assimilabile ad una sinusoide Questo pone la questione di come si debbano conteggiare i cicli che effettivamente affaticano il materiale

Fatica: il conteggio dei cicli


Diverse possibilit: Peaks count Peak-between-mean-crossing count Level crossing count Fatigue meter count Range count Range-mean count

Fatica: il conteggio dei cicli


1) Characterize load curve in terms of maxima and minima only 2) Introduce classes (stress intervals) such that maxima/minima belonging to the same class are counted similarly

Signal may now be characterized in terms of peak counting: Histogram of maxima/minima range counting: Histogram of ranges (differences between adjacent maxima/minima) level crossing counting: Histogram of level crossings rainflow counting: Conversion of irregular time series into a sequence of cycles

Fatica: il conteggio dei cicli


Peak-count

All maximums above the mean and all the minimum below the mean are counted

Fatica: il conteggio dei cicli


Peak-between-mean count

Only the largest peak between successive crossings of the mean is counted

Fatica: il conteggio dei cicli


Level crossing counting

Al positive slope level crossings above the mean and negative slope level crossing below the mean are counted

Fatica: il conteggio dei cicli


Rain flow method
The rainflow-counting algorithm (also known as the "rain-flow counting method") is used in the analysis of fatigue data in order to reduce a spectrum of varying stress into a set of simple stress reversals.

Its importance is that it allows the application of Miner's rule in order to assess the fatigue life of a structure subject to complex loading.

The algorithm was developed by Tatsuo Endo and M. Matsuiski in 1968.

Though there are a number of cycle-counting algorithms for such applications, the rainflow method is the most popular as of 2008.

Fatica: il conteggio dei cicli


Rain flow method

The algorithm
1. 2. 3. 4. 5. Reduce the time history to a sequence of (tensile) peaks and (compressive) troughs. Imagine that the time history is a template for a rigid sheet (pagoda (pagoda roof). Turn the sheet clockwise 90 (earliest time to the top). Each tensile peak is imagined as a source of water that "drips" down the pagoda. Count the number of halfhalf-cycles by looking for terminations in the flow occurring when either: 1. 2. 3. It reaches the end of the time history; It merges with a flow that started at an earlier tensile peak; or It flows opposite a tensile peak of greater magnitude.

Fatica: il conteggio dei cicli


Rain flow method

The algorithm
6. 7. 8. Repeat step 5 for compressive troughs. Assign a magnitude to each halfhalf-cycle equal to the stress difference between its start and termination. Pair up halfhalf-cycles of identical magnitude (but opposite sense) to count the number of complete cycles. Typically, there are some residual halfhalf-cycles.

Fatica: il conteggio dei cicli


Rain flow method

EXAMPLE
The stress history in Figure A is reduced to peaks and troughs in Figure B. Half-cycle (A) starts at tensile peak (1) and terminates opposite a greater tensile stress, peak (2). Its amplitude is 16 MPa. Half-cycle (B) starts at tensile peak (4) and terminates where it is interrupted by a flow from an earlier peak, (3), Its amplitude is 17 MPa. Half-cycle (C) starts at tensile peak (5) and terminates at the end of the time history.

Fatica: il conteggio dei cicli


Rain flow method

EXAMPLE
Similar half-cycles are calculated for compressive stresses (Figure 4) and the halfcycles are then matched.

Fatica multiassiale

Ci sono molte applicazioni pratiche in cui lo stato di sforzo variabile nel tempo multiassiale Fusoliera Serbatoi e tubazioni in pressione Alberi di trasmissione Etc. A causa della natura dei carichi esterni applicati e della loro fluttuazioni, gli stati di sforzo che si generano possono fluttuare in fase o fuori fase

Fatica multiassiale

PROPORTIONAL LOADING Per un campione sottoposto a fatica multiassiale si dice che in condizioni di carico proporzionale quando durante le variazioni dei carichi esternamente applicati, le corrispondenti differenti componenti di sforzo variano in proporzione costante tra loro Le costanti l possono variare da punto a punto ma rimangono costanti nel punto durante la storia dei carichi

1 1 =

2 2 = 3 1 1

Fatica multiassiale

Sforzo equivalente Ipotesi generale: possibile supporre che leffetto di uno stato di sforzo complesso in cui le componenti sono perfettamente in fase o fuori fase di 180 sia descrivibile attraverso un criterio di equivalenza. Von Mises Tresca

1 2 2 2 1/2 eq = 1 2 ) + ( 2 3 ) + ( 3 1 ) ( 2

MAX = MAX

( 1 3 )
2

Fatica multiassiale

Sforzo equivalente Per uno sforzo fluttuante possiamo definire lampiezza

a ,eq

1 2 2 2 1/2 = 1a 2 a ) + ( 2 a 3a ) + ( 3a 1a ) ( 2

E sfruttare la retta di Basquin

a ,eq = f ( 2 N f )

Fatica multiassiale

Effetto della media Si ipotizza che la tensione media nel regime multiassiale sia associata alla parte idrostatica del tensore dello sforzo

m = 1m + 2 m + 3 m
O alternativamente alla media di von Mises

m ,eq

1 2 2 2 1/2 = 1m 2 m ) + ( 2 m 3m ) + ( 3m 1m ) ( 2

Fatica multiassiale
Effetto della media Si utilizza poi il diagramma di Goodman come nel caso uniassiale

a ,eq = a ,eq

m ,eq 1 im =0 UTS

LIMITI: La definizione dello sforzo equivalente non riconosce il differente effetto della tensione media in trazione ed in compressione Lorintamento della cricca di fatica rispetto alla direzione della sollecitazione agente non pu essere determinata con questo approccio Lo sforzo normale ha un ruolo dominante rispetto al taglio sulla durata

Fatica multiassiale
Effetto della media Esempio: Nel caso di pura sollecitazione uniassiale, lo sforzo equivalente si riduce a 1 co come lampiezza e la media (a, m) Caso di torsione:

a ,eq = 3 xy ,a m ,eq = 0

La tensione equivalente media nulla anche nel caso in cui il taglio medio non sia nullo! Sperimentalmente si osserva che: la sovrapposizione di una torsione media statica non ha effetto sul limite di fatica a torsione ciclica mentre la sovrapposizione di una tensione normale statica ha un effetto drammatico sia sulla resistenza a fatica ciclica in trazione o flessione

Fatica multiassiale
Modelli alternativi

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale

Fatica multiassiale